Sei sulla pagina 1di 3
Tipi di verbi pronominali In italiano esistono molkisimi verbi che, uniti a Ho presi libro che mi avevi chiest. particele pronominalio riflessive, subiscono un _(infinito: prendere) cambiamento di significato, a volte lieve Si preso un po’ con il fratello. (infinivo: (vestrsi, vars) in altsi casi molto marcato: @ —_prenders, simile a “Ytigare") oto a tutti cosa significa prendre. Ma in Me la sono presa per il tuo italiano abbiamo la forma prenders con comportamento, (infinito: prendersela, qualeuno che significa “litigate” ¢ prenderela simile ad “offenders”. che significa turtalera cosa (“offendersi”, “rimaner male”) ¢ ancora possiamo dire prenderla bene, prenderne tante, prenderci gusto. E.cosi per molti altri verbi. Quasi tutti i verbi di movimento possono essere Vateene, non ti voglio pili vedere! abbinati ai pronomi riflessivi alla particella me: Ce me tormiamo a casa? Questa festa andarsene, starvene, ustirsene, tornarsene ec. 2 troppo noiosa. A volte il vetbo pronominale esiste solo in eri me la somo spassata a Gardaland! quella forma, non esiste ciot senza pronome. (non existe il verbo “spassare” ma solo *spasarsela”) Ogni volta che inconsro Beppe mi arvabbio. (non esiste il verbo “arrebbiare” ma solo “arrabbiars?”) Lverbi pronominali possono avere un Tene vai 0 no? significato in sé (per esempio andarene ha un Silvio se la canta ¢ se la suona. suo senso auronomo) oppure essere utilizati (© nessuno lo segue nel suo ragionamento, solo in determinate formule e frasi (non esiste fa uutto da solo) suonarela, ma esiste eamtarsela e suonarsela, Ormai Luisa ti ha lasciato, devi fartene uma non existe farsene, ma esiste farsene una ragione __ragione o continucrai a soffire. = © cosi via). (= accettare la realta) Le partielle pronominali hanno in italiano un forte valore “affetiva. Questo significa che ove a dire “mangio una bistecca" posso dire che “mi mangio una bistecca’. La differenza & profonda dal punto di vista del “messaggio" che voglio trasmettere: “mangio une bstecca" é la comunicazione di usvinformazione ti comuinico quello che sto facendo); “mi mangio una bistecca” @ a comunicarione di un modo di essere (non fi comunico tanto ose faccio, quanto chi sono: sono uno che mangia la bstecca). ‘Alma Ediioni 155; Count soe dis Yaga nin Allo stesso modo una frase come “vado a casa, sto sul divano, furio une sigaretta, quardo una parita in televisione resto a casa tutto i pomenia. a comunicazione di una serie di informazioni sostanzialmente di scarso interesse. ‘Ma se dico “me ne vedo a casa, me ne sto sul dvano, mi furno une sigaretta, mi guardo una partta in elevisione e mene resto a casa tuto i porerigio” volo sopattutotresmettee una imeragine ime, un mia fotografia che rrae iI mio mado di essere pits che i mio agie. LYopinione che quest verbisiano prop del para ha quind! un qualche fondamento: non tanto perché di registro basso 0 popolare, quanto perch scivendo ho pi spessofesigenza di “dare informazion abetive". Nel paiato® invece ssa pil fequente che io wogla in qualche modo date anche untinwmagine di me I verbi pronominali pitt frequenti ~ Andatci (di mezzo) (piano con qc) Andarsene Aspettarsela /Avereela (con qn) ‘Averne (abbastanza) + Arrabbiarsi Bartersela 1 Bersela Buggerarsene Buttarla (sul) Cantarsela (¢ suonarsela) Capirla v Cavarsela Darci (dentro) Darla (a bere) Darle/Darne/Darsene Darsela (a gambe, a gambe levate) Dirla (tutta) Dire (di turd i colori, quattro) wDormirsela Entrarci “Farcela Farla (da padrone, lunga) Fame (umValtra delle tue, un dramma) Farsela (sotto, addosso) Farsene (una ragione) Farsi (da parte, forte) Filarsela Finida Fottersene Fregarsene Giurarla Godersela Infischiarsene Loro litigavano e io ci sono andato di mezzo. Ebi. wacci piano con Ualeool! Vattene! Questa non me V'aspestavo. Si, ce Uh con te Ne ho abbastanza di questa storia! Ti sei arrabbiato con me? Ma che ti ho fatto? Me la sono battuta a garmbe levate. Non sono un ingen, non me la bevo. Me ne buggero. Meglio buttarla sul ridere. Fa tuto ds solo: se la cana se la suona. Questo governo pensa solo ai suvi interessi! Non Vavere ‘ancora capita? Ho fatto Vesame e me la sono cavata. Con questo lavoro woglio darei densro Vorresti darla a bere a me? Gliene ho daze tante! Me la sono data (a gambe levate). Per dirla tutta, anchio ho shagliat. Quando tho incontrato gliene ho dette quattro. ~ Me la sono dovinita tutta la matting, Fa quello che vuoi, io che centro? Quel regazeina ne ha fra unialira delle sue. Dalla pavers me la facevo sotto. Era difficile accettare questa sitwazione ‘ma me ne sono fata una ragione. Si? fatto da parte al momento gust ‘Me la sono filata di nascasto. Finiscla! Fostitene! Chi se ne frega! Me Ua giurata e si vendicher’. In vacanza me la sono proprio goduca. Me ne infischio dei tuoi problemi. 156 ‘Alma Bic NN Incendersela (eon qn) Lavarsene (le mani) Legarsela (al dico) Mandarla (git) ‘Merrerla (git dura, su questo tono) ‘Mereercela (curca) Metwerci Meteercisi Metterla “Morirsene Panttsene Passarci (sopra) Passarsela (bene/male) Pensarla Pianearla ‘Non potemne (pit) Prenderci (gusto) Prenderla (alla loncana; bene/male) Prenderle/ne Prendersela (con qc, comods, a cuore) Provarei Raccontarla (giusta) Ridersela Rifarsela “Rimanersene Rimesterci Ritornarsene Saperci (fare) Saperla (lunga) Saperne (una pitt del diavolo) Sbologaarsela Shrigarsela Sentizci Sentirne (di cotte di crude) vSentirsela Smetcerla Spassarsela Squagliarsela Svignarsela Stare Starsene Tiracla (per le lunghe) Tornarsene Uscirsene Vederci Vederla Vedersela (brutta, con) Volercene Volerci Volerne (a qualeuno) Quei due seta intendono. Preferisco lavarmene le mani. Non lo dimenticherd: me lat lego at dito! E difficile mandarla git ‘Se la metti su questo tomo chiudiamo Fargomento. Ce le mesterd ruta per far bene. Ci metto un minuto. Mi ci sono messo con impegno. Come la metsiame? MMe ne morivo per quella attricel “Me ne sono partvo con due soldi Non sono permaloso: ci passerd sopra. Come te la passi? Se la pensi cost 2 inutile continuare a parle. ‘Sei stato offensvo con tui. Dovresti piantarla di provocario! Sono stanco, non ne posso piit. Allinizio non volevo, ma poi ci bo preso gusto. Gli ho dato la brusta novia ma lui Uha prese bene. Da piccolo quante ne bo prese! Lui se la prende sempre con me. Gi ho provato e ci sono rinscito. Non me la racconti giusta! ‘Ho visto che tela ridi soso i baffi. ‘Non puoi rfartela con me. Alri sera me ne sono rimasto a casa. Ci bo rimesso un sacco di soldi. Me ne sono ritornato a casa. Gi sai fare con la chitarral Quel ragaczina la se bunga. Nesai una pitt del dieooo. Se? sbolognata alle chetichella. Me la sbrigo da solo, grazie. Da questorecchio non ci sente. Su di lui ne ho sentite di corte e di crude! Te la sensi di darmi una mano? ‘Smessila! ‘Al mare cela siamo spassata In questa situazione & meglio squagliarsela. Che noia questa riunione! lo me la seigno Non accetto questo ricatto: non ci sto! Avevo la febbre e me ne sono stato a lett. - Vai al soda, nom tirarla per le langhe! Verso le dieci me ne sono tornato a casa. Alimprowvso se n¢uscito con uridea geniale. ‘Senea occhiali ci wedo poco. ‘Tie come la vedi? Che pensi della situazione? Quando bo pero il lavoro me ta sono vista brutta Ce ne vuole per imbragliare uno come me! Quanto ci vuole per arrivare a Venezia? Ha shagliato con me, ma non gliene veglio.