Sei sulla pagina 1di 14

Strutture intelaiate: l’elemento trave

e
y

s2 s5
s 1 s4
xe
s3 s6
u2 u 5

i u1 j e
u4 x
u3 u6

L’elemento trave (BEAM) è soggetto ad azioni


flettenti e sforzo normale nel riferimento locale
(xe, y e), dove viene assunto positiva una rotazione
oraria.
La sezione trasversale dell’asta e’ assunta costante.
Con si e i = 1, . . . , 6 si indicano gli sforzi nodali
agenti e con ui, i = 1, . . . , 6, gli spostamenti nodali
nel riferimento locale.

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 1


K elementare
 

 u1 u2 u3 u4 u5 u6 
u1 1/ρ2 0 0 −1/ρ 2
0 0 
 2 2

EJ u2 0 12/l −6/l 0 −12/l −6/l
e

k = l  
u 3 0 −6/l 4 0 6/l 2 
u4 −1/ρ2 0 0 1/ρ 2
0 0 
 2 2

u 5 0 −12/l 6/l 0 12/l 6/l 
u6 0 −6/l 2 0 6/l 4
e
y

s2 s5
s 1 s4
xe
p
ρ = J/A (raggio s3 s6
u2 u
di inerzia della sezione 5

i
trasversale) u3
u1 j u4 x
e
u6

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 2


Riferimento globale
Y
e
x
y
e

α
X

Figure 1: Sforzi e spostamenti nell’elemento trave soggetto


a momento flettente e sforzo normale nel riferimento globale;
l’asta e’ supposta di sezione costante

matrice di rotazione Re:

u1 u2 u3 u4 u5 u6
 
 u1 cos α sin α 0 0 0 0
 
 u2 − sin α cos α 0 0 0 0
Re = 
 
 u3 0 0 1 0 0 0 
 u4 0 0 0 cos α sin α 0
 
 u5 0 0 0 − sin α cos α 0
u6 0 0 0 0 0 1

K e = Re T k e Re (1)

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 3


trave puramente inflessa

12 sin2 α/l2 e e e e e
 
K21 K31 K41 K51 K61
−12 sin α cos α/l2 12 cos2 α/l2 e
K32 e
K42 K52 e 
K62
 
EJ e e e 
6 sin α/l −6 sin α/l 4 K43 K53 K63 

e
K =

−12 sin2 α/l2 12 sin α cos α/l2 −6 sin α/l 12 sin2 α/l2 e
K54 e 
K64

l  
 12 sin α cos α/l2 −12 cos2 α/l2 −12 sin α cos α/l2 12 cos2 α/l2 e 

6 cos α/l K65 
6 sin α/l −6 cos α/l 2 −6 sin α/l 6 cos α/l 4

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 4


Forze nodali equivalenti
q

M1 M2 M1
Figure 2: T = ql/2, M1 = ql2/12, M2 = ql2/24

Le forze nodali equivalenti rappresentano le


reazioni di incastro perfetto cambiate di segno

• S0e: vettore reazioni di incastro perfetto¢


S0eT = ql/2 −ql2/12 ql/2 ql2/12
¡

• il vettore dei carichi equivalenti


e
Seq = −S0e ⇒
e T 2 2
¡ ¢
Seq = −ql/2 ql /12 −ql/2 −ql /12

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 5


Principio di sovrapposizione degli effetti
Sovrapponiamo gli effetti indotti dalle:

• azioni elastiche indotte dai movimenti U dei nodi


(KU )
• reazioni dei vincoli perfetti indotte dal solo carico
(S0 = −Seq )

Dopo l’assemblaggio:

S − S0 = KU ⇔ S = KU + S0
ovvero
S + Seq = KU ⇔ S = KU − Seq

q ql/2 ql/2
u2 u5
u4
u1 2
u3 u6 ql 2
ql
12
12

u7

Figure 3: dove i movimenti U t = [u1 u2 u3 . . .] si ottengono


risolvendo lo schema di destra.

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 6


Carichi nodali da distorsioni termiche
∆ T=Ts−Ti
φ
+Ts
h
−Ti

X X

Equazione di congruenza

2α∆t X 2α∆T EJ
ϕ= = ⇒X= (2)
h EJ h

Le reazioni di incastro perfetto S0 e le forze nodali


equivalenti Seq :
   
0 0
 2α∆T EJ   −2α∆T EJ 
S0 =  h , Seq = −S0 =  h 
 0   0 
− 2α∆T
h
EJ 2α∆T EJ
h

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 7


Calcolo degli sforzi nodali S

La risoluzione del sistema di equazioni di equilibrio


della struttura vincolata

KLLUL = FL ⇒ UL = KLL
−1
FL (3)

fornisce le componenti di movimento dei nodi liberi


nel sistema di riferimento globale.

Per determinare il valore delle caratteristiche delle


sollecitazione alle estremita’ delle aste, si procede
come segue:

• mediante la matrice di identificazione (topologica),


si estraggono dal vettore soluzione UL le
componenti di movimento relative all’asta e: U e

• si riportano le componenti di movimento nel


sistema di riferimento locale:

ue = R e U e
se = ReS e = Re(K eU e + S0e) = ReK eReT ue + ReS0e
= k eue + ReS0e = k eReU e + ReS0e

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 8


Per calcolare le componenti di sforzo in campata si applica il principio di
sovrapposizione degli effetti

q
M1 M2 M1 M2
==> +

T1 T2 ql/2 ql/2
(M2−M1)/l (M2−M1)/l
M2

M1

NB: Valutazione sollecitazioni massime, calcolo armature, ...

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 9


Esempio u8

L4 4P
3 u7

u9
2
2P L3 u5

u4
u6 2

1
L2
u2
1
L1/2 u1
u3

L1

Figure 4: L1=12ft=39.36m; L2 = L1; L3 = 9f t = 29.52m;


cos α = 0.8;sin α = 0.6; q=P/72

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 10


Proprieta’ geometriche e del materiale
elemento L[cm] A[cm2] I [cm4] cos α sin α E[Kg/cm2]
1 365 64.51 416.23 0 1 14.2 106
2 457 64.51 416.23 0.8 0.6 14.2 106

matrice topologica
aste uix uiy φi ujx ujy φj
1 1 2 3 4 5 6
2 4 5 6 7 8 9

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 11


• condizioni al contorno:

U1 = U 2 = U 3 = U 7 = U 8 = U 9 = 0 (4)

• carichi nodali
 
−qL2/2
 0 
2
 

 −qL2/12 

 −qL2/2 
S eq
 
= −
 2P + 2P  (5)
qL12/12 − 4P cos αL4/8

 

 0 

 2P 
4P cos αL4/8

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 12


sistema risolvente KLLUL = Seq

 1 2 1 2 1 2    
K44 + K11 K45 + K12 K46 + K13 U4 P
1 2 1 1 1 2 
K45 + K12 K55 + K22 K56 + K23 U5 = −4P 
1 2 1 2 1 2
K46 + K13 K56 + K23 K66 + K33 U6 48P

2 2 e e e e e
 
12 sin α/l K21 K31 K41 K51 K61
−12 sin α cos α/l2 12 cos α/l2
2 e
K32 e
K42 K52 e 
K62
 
EJ  e e e 
e 6 sin α/l −6 sin α/l 4 K43 K53 K63 
K =

−12 sin2 α/l2 12 sin α cos α/l2 −6 sin α/l 12 sin α/l2
2 e
K54 e 
K64

l  
 12 sin α cos α/l2 −12 cos2 α/l2 −12 sin α cos α/l2 12 cos α/l2
2 e 

6 cos α/l K65 
6 sin α/l −6 cos α/l 2 −6 sin α/l 6 cos α/l 4

dove l = Le essendo e l’elemento beam in esame.

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 13


• calcolo dei gradi di liberta’ globali (Processing)

U4 = 2.13 × 10−4P cm
U5 = −1.7297 × 10−4P cm ,
U6 = 0.961 × 10−4P rad

• Calcolo degli sforzi nodali e delle reazioni vincolari


in ogni elemento (Post-processing)

S e = K eU e − Seq
e
⇒ se = R e S e

Corso di progettazione strutturale assistita- AA 2005/2006 Dip. Ingegneria di Ferrara 14