Sei sulla pagina 1di 24

ISSN n.

1974-7144

PREVENZIONE SISMICA AMBIENTE E TERRITORIO

SISMA BONUS: UNO STRUMENTO LA SERIA MINACCIA


MIGLIORABILE PER I LITORALI ITALIANI
Analisi critica e spunti di discussione per poterlo Congresso di aggiornamento sulla “Gestione
riformulare. Il punto di vista del CNI dell’erosione costiera”

PAG. 10 PAG. 12

IN CONVENZIONE CON

PERIODICO D’INFORMAZIONE PER GLI ORDINI TERRITORIALI

Fondato nel 1952

N.11/2018 dicembre

EDITORIALE | MISE | INTERVISTA AL SOTTOSEGRETARIO TERRITORIO


Make or buy Crippa: “Non dimentico la mia battaglia CUNEO | INTERVISTA
“L’ingegneria per uscire
di Gianni Massa sulle società di ingegneria” dall’emergenza”. L’opinione di
Sergio Sordo, presidente dell’Or-
Ho scritto questo editoriale prima
Per dare nuova dignità ai liberi dine provinciale
della assurda tragedia di Corinaldo. professionisti, è ora di cambiare il sistema
Il pensiero di tutti gli ingegneri di Antonio Felici TORINO | DOCUMENTI STORICI
italiani va alle vittime, 5 ragazzi Davide Crippa conosce molto bene il mondo Il contributo dell’Ordine degli
giovanissimi e una mamma che ac- dell’ ingegneria, le sue esigenze e le relative pro- Ingegneri della Provincia di Torino
compagnava al concerto la figlia di blematiche. È infatti ingegnere civile e ambien- alla mostra sulla Shoah “Ricordi
11 anni, ai genitori di quei ragazzi, ai tale e, in passato, ha avuto anche un’esperienza Futuri 4.0”
quattro bambini e al marito rimasti all’ interno del sistema ordinistico, in qualità
senza la loro Eleonora. di Consigliere dell’Ordine Ingegneri di Novara.
Ogni prodotto, ogni opera dell’uomo, Assieme a lui abbiamo provato a fare il punto su
materiale o immateriale, è la compo- alcune questioni di forte interesse per gli inge-
sizione del mosaico di competenze, gneri italiani.
linguaggi, componenti, anch’essi C ONTINUA A PAG. 2
materiali o immateriali, che lo costi-
tuiscono. EVENTI | LUOGHI LAVORO
Comporre il mosaico, quasi sempre, INFRASTRUTTURE | PER IL SUD
attiene all’organizzazione del lavoro.
Dall’organizzazione scientifica (Taylor) La sesta Giornata Al di là delle risorse, manca
all’industria automatizzata contem- Nazionale della la capacità di spenderle
poranea passando dalla catena di
montaggio fordiana, ogni singolo
Sicurezza I ritardi di un Mezzogiorno che
componente riveste un ruolo fonda- stenta a decollare,
mentale nell’“assemblaggio” del tutto
di Leonardo Paloscia nonostante i fondi comunitari
rappresentato dal “prodotto finito”. PAG. 6 PAG. 4
Componenti, parti di un tutto che
è molto più della semplice somma
degli stessi. IN ALLEGATO
Make or buy? Fare, produrre in casa,
oppure comprare? a questo numero
Management e ingegneria gestio-
nale (in tutti i settori dell’industria),
da Taylor in poi, si confrontano
Gli Speciali de
l’ inserto sul
con questo interrogativo che sta
FORMAZIONE | LAUREE E SISTEMA DUALE 14 agosto 2018

crollo del L’AQUILA | TERREMOTO


alla base del successo o, viceversa,
dell’insuccesso di un prodotto finito. Riorganizzare il sistema Ponte Morandi Il vero sisma è quella
ricostruzione rimasta a metà
Make, in estrema sintesi, significa guardando all’Europa
Ponte
Morandi
Sentimenti scientifici
) a Genova
che l’azienda dispone al proprio PALERMO | P.A.
di un crollo

interno competenze e strumenti Intervista a Umberto Ruggiero, Professore emerito e A cura dell’Ordine Un’esperienza formativa per i
dedicati esclusivamente alla produ- tra i fondatori del Politecnico di Bari, sul nodo delle degli Ingegneri di Como giovani
zione di uno specifico componente lauree professionalizzanti. A seguire, il GdL del CNI sulla
Scaricalo su
che la stessa azienda impiega nella formazione universitaria e la “formula” del sistema duale MODENA | PREVENZIONE
realizzazione del prodotto finale. adottata dal Gruppo fischer. www.tuttoingegnere.it I costi manutentivi nella program-

o su goo.gl/dXPJt9
CONTINUA A PAG. 6 PAG. 8 mazione economica degli enti locali

PARTECIPA GRATIS AI CORSI ON LINE


Verifiche strutturali, geotecnica, classificazione sismica, NTC 2018

APE, diagnosi, NZEB, CAM, contabilizzazione, simulazione dinamica

Calcolo previsionale dei requisiti acustici passivi

Il progetto della sicurezza con i piani di sicurezza e coordinamento


Iscriviti su www.logical.it o chiamaci al numero 0362.30.17.21
© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
PROFESSIONE MISE | INTERVISTA AL SOTTOSEGRETARIO nel prossimo decennio. Il mondo
della ricerca, della formazione e
dell’associazionismo professionale
dovranno dare il proprio contributo

Crippa: “non dimentico la mia


progettuale assumendosi dei com-
piti nel percorso di cambiamento.
Siete i benvenuti!!”.

battaglia sulle società di ingegneria” Sul tema della mobilità e dell’e-mo-


bility, bastano gli incentivi a pioggia
oppure occorre piuttosto una stra-
Abbiamo incontrato Davide Crippa, l’attuale Sottosegretario allo Sviluppo tegia nazionale?
“Anche nel settore della mobilità,
Economico, che in virtù di competenze ingegneristiche ed esperienze ordinistiche come per l’edilizia, andrebbe fatta
ha idee molto chiare su tanti temi cari al CNI e ai suoi iscritti una seria riflessione sull’efficacia
e sulla la modalità di concessione
di Antonio Felici sionista 4.0, un livello di rappre- Chi è Davide Crippa A proposito di energia, le chiediamo delle stesse. Lo stiamo facendo rive-
sentanza elevato ed un sistema di Nato l’11 aprile 1979 a Novara, Davide una riflessione sull’energy mana- dendo il Piano. Gli incentivi non pos-
Davide Crippa conosce molto bene competenze capace di rispondere Crippa vive oggi a Oleggio. Laureato ger. A suo avviso, può cambiare sono essere a pioggia ma devono
il mondo dell’ingegneria, le sue esi- alle domande in continuo cam- in ingegneria civile e ambientale, è la filosofia energetica aziendale? seguire una logica per avere una rica-
genze e le relative problematiche. È biamento. E vorrei precisare che libero professionista. Alle elezioni Quali benefici porta al sistema? duta. Per la diffusione della mobilità
infatti ingegnere civile e ambientale quando parlo di rappresentanza la politiche del 2013 viene eletto depu- “In Italia abbiamo introdotto la elettrica, ribadisco un principio fon-
e, in passato, ha avuto anche un’e- intendo molto lontana dalle logiche tato della XVII Legislatura della Re- figura dell‘ EM solo qualche anno damentale: MOBILITÀ uguale ser-
sperienza all’interno del sistema corporative del passato ma capace pubblica italiana nella circoscrizione dopo le due crisi petrolifere degli vizio. Non possiamo pensare a
ordinistico, in qualità di Consigliere di assicurare la presenza sul mer- Piemonte 2 per il MOvimento 5 Stelle. anni ‘70, in netto anticipo rispetto una trasformazione 1 a 1 del parco
dell’Ordine Ingegneri di Novara. cato di un professionista dotato di Vicecapogruppo del Movimento 5 agli altri Paesi europei. Quindi circolante, sostituendo semplice-
Assieme a lui abbiamo provato a fare un elevato livello di competenze. Stelle alla Camera dei Deputati, nel potremmo dire di essere stati degli mente i veicoli privati, alimentati da
il punto su alcune questioni di forte Per fare tutto questo, un ruolo fon- 2018 è rieletto nella XVIII Legislatura, antesignani in materia. Purtroppo, fonti fossili, con altri veicoli privati,
interesse per gli ingegneri italiani. damentale dovrà essere svolto da per poi essere nominato il 12 giugno abbiamo il brutto vizio di gestire anche se elettrici, solo perché li ali-
associazioni di rappresentanza, 2018 sottosegretario allo Sviluppo molto male le nostre innovazioni e mentiamo con le fonti rinnovabili.
In un Ministero a tradizionale voca- soggetti deputati a veicolare le Economico nel Governo Conte. ancora oggi, dopo più di 30 anni, ci Non funzionerebbe!!! C’è bisogno
zione industriale, che esperienza istanze del Professionista 4.0, un troviamo in netto ritardo. Gli ultimi di un incremento sostanziale della
concreta e quale contributo può professionista consapevole del dati, anche se in crescita, non sono quota di trasporto pubblico elet-
portare un politico come lei che è proprio valore, che accetta la con- certo confortanti. Eppure il Mana- trico, soprattutto in aree fortemente
ingegnere e proviene dal mondo correnza e agisce nel mercato”. ger dell’Energia o, come lo defini- congestionate, come ad esempio la
ordinistico? sce la nuova normativa, l’Esperto di Pianura Padana. In quest’ottica va
“Non amo le citazioni ma in questo Ricordiamo la sua battaglia parla- Gestione dell’energia è una figura fatto uno sforzo per favorire lo shift
caso è d’obbligo. Qualche tempo fa mentare contro la norma voluta dal essenziale delle politiche energeti- di alimentazione dei mezzi esistenti,
Papa Francesco ha dichiarato che la precedente Governo che ha aperto che di un’organizzazione. evitando di acquistarne di nuovi che
politica è una vocazione altissima alle società di ingegneria il mercato Purtroppo, i vertici aziendali spesso utilizzino combustibili tradizionali.
perché cerca il bene comune. Mi privato. Crede che si potrà lavo- fanno fatica ad accettare un tale Parallelamente va potenziata la rete
riconosco a pieno in questa defini- rare per riparare le storture di quel professionista che li affianchi al di ricarica sia dei mezzi pubblici che
zione estremamente laica. Sono un provvedimento? — “Il tema dell’e- momento di prendere decisioni di quelli privati che diviene condi-
politico per vocazione e ciò che mi “Resto sempre del parere che o programmare investimenti. Per zione necessaria per la copertura
ha spinto ad intraprendere questo quel provvedimento abbia creato nergia è centrale questo, penso che andrebbe mag- capillare dell’intero territorio. Inol-
percorso è proprio la ricerca del seri danni a centinaia di migliaia (…) e un primo giormente incentivata l’adozione di tre, è fondamentale sostenere gli
bene comune. Le mie competenze di liberi professionisti, favorendo banco di prova tale figura sia nelle organizzazioni sforzi economici di veicoli commer-
da ingegnere, invece, mi sono d’au- nello specifico solo poche realtà pubbliche che private oltre a for- ciali elettrici di piccola taglia per la
silio soprattutto quando devo inter- societarie che hanno facilmente per il confronto mare professionisti che affianchino distribuzione in ambiente urbano e
facciarmi con i tecnici per porre loro assunto una posizione dominante potrebbe essere Il alle competenze tecniche anche di servizio”.
quelle domande le cui risposte mi di mercato vedendosi condonati Piano Nazionale capacità organizzative e compe-
consentiranno di operare le mie contratti totalmente illegittimi sot- tenze comunicative che consentano Il CNI si sta impegnando molto nella
scelte politiche al meglio. È chiaro toscritti nell’ultimo ventennio. Integrato Energia loro di intervenire su valori, atteg- valorizzazione dell’ingegneria, nello
che per ottenere risposte di qualità Esistono differenze sostanziali fra Clima che con- giamenti e pratiche degli individui sviluppo della professionalità e
è necessario porre domande altret- mercato dei lavori pubblici e quello segneremo alla nell’organizzazione che hanno un delle competenze. A questo pro-
tanto elevate e devo dire che tale degli altri lavori privati, non dimen- impatto sull’uso dell’energia. posito ha dato il via a WorkING, un
pratica è molto apprezzata da chi ha tichiamolo, ma questo non è stato Commissione Eu- portale di servizi in rete, che ha già
il compito di attuare obiettivi poli- considerato e i committenti sono ropea entro la fine La sfida della transizione energe- raccolto l’adesione di migliaia di
tici progettando e realizzando stru- stati lasciati senza una tutela ade- dell’anno” — tica impone alti livelli di qualità ingegneri. Lei è ingegnere iscritto
menti capaci di raggiungere risultati guata, alla mercé di società senza degli operatori e del mercato. In all’Ordine: conosce questo pro-
efficaci. Dell’esperienza da Consi- obbligo di rispettare quella deon- Così non si risolve il problema e, questo senso Ordini, università, getto? Cosa ne pensa?
gliere dell’Ordine mi porto dietro i tologia professionale che è una dei soprattutto, si lasciano senza valu- ricerca e formazione devono fare “È sempre difficile far incontrare
momenti di confronto e la ricerca di punti saldi dell’attività dei liberi tazione gli effetti indiretti della sistema. In che modo secondo lei? domanda e offerta di qualità, anche
strategie comuni che hanno alimen- professionisti i quali, oramai, sono ripresa o della stasi dell’edilizia. È Il suo Ministero potrà assumere un oggi che la diponibilità di strumenti
tato il mio bagaglio di competenze diventati dei semplici dipendenti il caso, ad esempio, degli strumenti ruolo guida? dedicati è sempre in aumento. La
relazionali fondamentali per l’atti- in molti casi sfruttati e sottopagati. di incentivazione rispetto ai quali “La transizione energetica, oltre riforma del mercato del lavoro e
vità politica”. Non dimentico certo la mia batta- andrebbe fatta una seria riflessione che un processo di tipo tecnico dei centri per l’impiego è uno dei
glia parlamentare che, adesso che sull’efficacia e la modalità di con- è un percorso soprattutto cultu- punti del programma di questo
Rimanendo sul tema della profes- rivesto questo ruolo voglio trasfor- cessione degli stessi. In altri settori, rale oltre che morale. Insomma, Governo che sta per concretizzarsi
sione, in un futuro che sarà sempre mare in un’azione organica che studi avanzati di economia compor- la scienza e la tecnologia da sole con la prossima Legge di Bilancio.
più improntato all’Industria 4.0, intervenga sull’intero sistema. tamentale hanno mostrato che gli non basteranno e ci sarà bisogno Ben vengano però iniziative come
quali saranno le modalità dello svol- incentivi diretti possono avere un di rivedere anche i modelli forma- la vostra che si inseriscono in un
gimento della libera professione? La filiera dell’edilizia vive una crisi effetto importante nel breve ter- tivi oltre che quelli professionali. sistema associativo già consolidato
“Oggi il tema del lavoro autonomo profonda. Tra le possibili soluzioni mine ma che, alla lunga, perdono la In tutto questo, solo una logica a dotato di autorevolezza, di un’e-
è veramente cruciale anche perché possono esserci il Sisma Bonus loro carica propulsiva. Molto più effi- rete potrà essere premiante e i vari sperienza maturata in tutti questi
stiamo assistendo alla crisi definitiva e l’Eco Bonus. Ritiene che questi caci sarebbero le azioni incentivanti attori di questo sistema dovranno anni e della capacità che ha avuto
del modello produttivo di stampo provvedimenti possano rappresen- di tipo indiretto come, ad esempio, abbandonare i propri ‘orticelli’ che di adattarsi ai cambiamenti norma-
fordista-tayloristico incentrato sulla tare concretamente un volano per il modulare il reddito imponibile di un si sono moltiplicati in questi anni tivi, regolamentari e del mercato del
contrapposizione tra lavoro dipen- rilancio del settore? immobile in base alla classe ener- e mettersi in discussione. Il tema lavoro. Ho avuto modo di parlare del
dente e lavoro autonomo profes- “Anche se ritengo l’industria ita- getica raggiunta. Ciò consentirebbe dell’energia è centrale in questo vostro portale WorkING con diversi
sionale. A fronte di tale passaggio, liana dell’edilizia uno dei settori di godere di una serie di riduzioni dibattito e un primo banco di prova professionisti che ne apprezzano la
è necessario comprendere quali fondamentali per la nostra econo- soprattutto dal punto di vista della per il confronto potrebbe essere capacità di mettere a sistema com-
siano le strade per intervenire con mia, non amo il refrain ottocente- tassazione. Anche in questo caso Il Piano Nazionale Integrato Ener- petenze, skill, multidisciplinarietà,
estrema lungimiranza, evitando sco del ‘quando l’edilizia va, tutto è importante definire un sistema gia Clima che consegneremo alla domanda e offerta attraverso il
soluzioni episodiche e frammenta- va..’, soprattutto se, per farla andare, di incentivi scalabili, con diverse Commissione Europea entro la fine network della rete degli ordini pro-
rie, come in passato. In particolare la politica continua a mettere in opzioni e target, programmandone dell’anno. Si tratta di uno strumento fessionali diffusa in tutto il Paese.
mi sembra che i temi prioritari siano campo azioni prive di un orizzonte l’azione nel tempo e un sistema di quadro che delineerà le traietto- Sono sicuro che saprà dialogare con
un quadro legislativo coerente e programmatico definito che cam- monitoraggio che controlli la loro rie di cambiamento del modello il sistema che verrà messo a punto a
adeguato alle istanze del Profes- biano ad ogni ricambio di Governo. efficacia. di produzione e uso dell’energia livello nazionale”.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
CON ARIAPUR DI VALSIR
NON SENTIRAI PIÙ CATTIVI ODORI
abbinato alla cassetta tRoPea s:
silenZiosa, aFFiDabile e Di GRanDe QUalitÀ

aRiaPUR
Aspirazione combinata dal vaso WC
e dall’ambiente

Estremamente silenzioso

Dotato di motore brushless di ultima generazione*


per garantire consumi ridotti

m 3/h 80-100* m3/h di ricambio aria garantiti

Disponibile anche con lampada


led integrata*

tRoPea s
Cassetta silenziosa grazie al contenitore
realizzato in materiale fonoassorbente
Componenti interni realizzati con materiali
che ostacolano la formazione del calcare
Self
cleaning

Risparmio idrico grazie alla regolazione


dello scarico a 6/3 - 4,5/3 - 4/2 litri
Componenti interni certificati secondo la
UNI EN 3822 in classe silenziosità I a 3 e 5 bar

Oltre 270 modelli di placche disponibili

* Versione AriApur100Led

ARIAPUR80
Ariapur è la soluzione di areazione per il bagno,
l’innovativo sistema combinato con la cassetta WC
silenziosa Tropea S. Cattura i cattivi odori direttamente
dal WC aspirandoli ed eliminandoli prima che si
diffondano nell’ambiente e, grazie al sistema di
ventilazione della placca aspirante, elimina anche il
vapore della doccia.

www.valsir.it

PAG-PUBB_ARIAPUR_290x420_IT.indd 1 29/10/18 14:57


DIREZIONE
CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI
Via XX Settembre, 5 PROPOSTE PER IL SUD Linea Sud
Si è svolto a Lecce il 23 e il 24 novembre l’evento organizzato del CNI
00187 Roma
“Linea Sud: infrastrutture e ingegneria per la crescita”, patrocinato
DIRETTORE RESPONSABILE dalla Regione Puglia, Provincia di Lecce, Comune di Lecce, InarCASSA,
Armando Zambrano Fondazione inarCASSA e Fondazione CNI. Il Consiglio Nazionale degli
Presidente Consiglio Nazionale
degli Ingegneri
Ingegneri, in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri di Lecce
e degli Ordini meridionali, hanno voluto dare il proprio contributo
DIRETTORE EDITORIALE per aprire un dialogo con tutti i soggetti interessati nello sviluppo e
Gianni Massa nella progettazione delle infrastrutture nel sud. I lavori, coordinati
VIce Presidente Vicario Consiglio Nazionale
degli Ingegneri
dal giornalista RAI, Gianluca Semprini, hanno visto l’intervento del
Presidente CNI, Armando Zambrano; il confronto della Tavola Rotonda
DIREZIONE SCIENTIFICA “Politiche infrastrutturali per la crescita”, a cui è seguito l’intervento
Eugenio Radice Fossati, Davide Luraschi,
del Ministro per il Sud, Barbara Lezzi. Nel pomeriggio della prima
Massimiliano Pittau
giornata una seconda Tavola Rotonda “Per un Sud connesso e inno-
PUBLISHER vativo”. La giornata del 24 novembre si è conclusa con la discussione
Marco Zani de “L’impatto dell’evoluzione normativa sulle Opere Pubbliche – La
gestione delle emergenze”.
COORDINAMENTO EDITORIALE
Antonio Felici

DIREZIONE
CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

Al di là delle risorse
Stefano Calzolari, Giovanni Cardinale, Gaetano
Fede, Michele Lapenna, Ania Lopez, Massimo 79 presenze turistiche per 10 abitanti
Mariani, Gianni Massa, Antonio Felice Monaco, nel Centro”. Forse, quel che manca
Roberto Orvieto, Angelo Domenico Perrini, Luca non sono le idee o i progetti, ma pro-

manca la capacità di
Scappini, Raffaele Solustri, Angelo Valsecchi,
Remo Giulio Vaudano, Armando Zambrano
prio la “capacità di spesa” (vedasi
box Piano Infrastrutture, ndr.). Sono
COMITATO DI REDAZIONE in cantiere opere in fase di realizza-

spenderle
Augusto Allegrini, Mario Ascari, Sandro Catta, zione per 48 miliardi di euro (opere
Donatella Cristiano, Gerlando Cuffaro, Valenti-
na Cursio, Achille Dall’Aglio, Sebastiano Floridia, Spesa pubblica ridotta, ma non i fondi invarianti): tuttavia i singoli Piani
Luca Gioppo, Salvatore La Grotta, Simone Mo- Operativi Regionali (POR) 2014-2020
notti, Elena Moro, Alberto Romagnoli
comunitari: i ritardi di un Mezzogiorno che indicano delle percentuali di inve-
REDAZIONE, SEGRETERIA
ancora stenta a decollare stimento dei fondi molto contenute
Silvia Martellosio, Vanessa Martina, Federi- (GRAFICO 1). E così per la Puglia le
ca Orsini, Eleonora Panzeri spese certificate sono pari al 9,4%, in
Palazzo Montedoria Calabria l’8,5%, in Abruzzo addirittu-
Via G.B. Pergolesi, 25 - 20124 Milano
ra il 2,8%, per non parlare della Si-
tel. +39 02.76011294 / 02.76003509
fax +39 02.76022755 cilia con lo 0,7%. “Chiamiamola, non
redazione@giornaleingegnere.it carenza di risorse, ma mancanza di
http://www.giornaleingegnere.it visione e di capacità di programma-
Filomena Petroni
zione”, incalza Zambrano, con giusta
Consiglio Nazionale degli Ingegneri
Via XX Settembre, 5 - 00187 Roma causa. Allora, è arrivato il momento
tel. 06 69767040 di ricominciare dalle infrastrutture
rivista@cni-online.it già programmate e progettate con
Testata registrata - Tribunale di Milano
n. 229 - 18/05/2012
48,7 miliardi di euro stanziati per
le infrastrutture strategiche entro
HANNO COLLABORATO IN QUESTO NUMERO il 2030: per le strutture prioritarie i
Ferdinando Auricchio, Giorgio Campolongo, fondi già stanziati sono ben 29,6 mi-
Fabio Chiavieri, Teresa Crespellani, Roberto Di
Sanzo, Antonio Felici, Antonella Giraudi, Giu-
liardi, mentre per le non prioritarie
seppe Maria Margiotta, Daniele MIlano, Leonar- siamo intorno ai 19,1 miliardi di euro.
do Paloscia, Antonello Pellegrino, Patrizia Ricci
CENTRALE UNICA
COMITATO D’INDIRIZZO
Il Comitato d’Indirizzo, in fase di costituzione, DI COMMITTENZA,
sarà composto dai Presidenti degli Ordini de- UNA QUESTIONE APERTA
gli Ingegneri d’Italia. a cura della redazione Il Mezzogiorno deve essere valoriz- Mediterraneo gioverebbe anche a li- Si è discusso con il Ministro Lezzi

D
zato, prima di tutto con il recupero vello turistico e per traffico portuale. anche della cosiddetta “Centrale
EDITORE:
QUINE Srl ati allarmanti che non la- delle opere pubbliche, sfruttando Infatti il Sud Italia gestisce un traf- unica di committenza” adesso
Via Spadolini 7 - 20141 Milano sciano alcun dubbio consi- appieno le risorse comunitarie ge- fico merci portuale pari al 45% del rivista e denominata Centrale di
Tel. 02 864105 - Fax 02 72016740 derando che tra il 2008 e il stite dalla Pubblica Amministrazio- totale delle merci che transitano nel programmazione (o supporto).
Iscrizione R.O.C n. 12191
2016 la spesa pubblica per ne. “Non possiamo lamentarci di nostro Paese, distribuita in 16 porti. Secondo il Ministro, il grave divario
Pubblicità: QUINE Srl
Via Spadolini 7 - 20141 Milano l’edilizia abitativa e urbanistica del una carenza di risorse se non cono- A evidenziarlo anche i vari report che persiste tra nord e sud si ac-
Realizzazione grafica Mezzogiorno si è ridotta del 27%. sciamo quelle disponibili, soprat- pre-convegno compilati dagli Or- centra proprio nella questione delle
Fabio Castiglioni Così anche per le reti dei servizi tutto se le risorse pubbliche dispo- dini meridionali, in cui sono stati Commissioni a cui vengono affidati
Progetto grafico
Stefano Asili e Francesco Dondina
idrici, le infrastrutture di trasporto e nibili non sono utilizzate” afferma avanzati alcuni interventi di miglio- i progetti, non sempre in grado di
Stampa: Grafica Veneta S.p.a. (PD) viabilità, non contando poi le teleco- Armando Zambrano, Presidente CNI. ramento e messa in sicurezza delle definire in tempi brevi e adeguati i
Proprietà Editoriale: municazioni. Da 7.6 miliardi di euro Proprio agli ingegneri viene chiesto infrastrutture per regione. Barbara lavori per l’edilizia e le infrastruttu-
Società di Servizi del Collegio per gli investimenti nel 2008 a 5.5 di scendere in campo e mettersi in Lezzi, Ministro per il Sud, conferma re. “Ci vuole qualcuno che si metta
degli Ingegneri e Architetti di Milano S.r.l.
Via G.B. Pergolesi, 25 - 20124 Milano
miliardi nel 2016. Si è discusso per gioco, grazie anche alle proposte di che l’attuale e persistente divario al di sopra delle parti e chiami tutti
© Collegio degli Ingegneri anni e ancora si continua a discu- formazione finalizzata alla sempli- fra nord e sud “risiede soprattutto gli enti e le istituzioni coinvolti così
e Architetti di Milano tere del ritardo del sud rispetto al ficazione delle procedure ammini- nelle connessioni scarse, sia viarie da metterli in un unico tavolo per
Gli articoli e le note firmate esprimono l’opi-
centro-nord. Ma è giunto il momento strative nonché sull’adeguamento che ferroviarie”. Non è chiaro per il capire quali sono i nodi da scioglie-
nione dell’autore, non necessariamente quel-
la della Direzione del giornale, impegnata a di riflettere con coscienza sulle ef- delle P.A. in continuità con la Ministro, infatti, perché per per- re.” A tal proposito il Presidente del
garantire la pluralità dell’informazione, se fettive opportunità che il Paese può Legge 81/2017. “Entro due correre la stessa tratta (es. CNI Armando Zambrano specifica
rilevante. Essi non impegnano altresì la Reda- dare, attraverso soluzioni concrete mesi – continua Zam- Milano-Roma e Lecce-Ro- che “una centrale di progettazione –
zione e l’Editore. L’invio, da parte dell’autore,
da raggiungere il prima possibile. brano – organizzere- ma), ci si debba impie- ben diversa da quanto proposto in
di immagini e testi implica la sua responsabi-
lità di originalità, veridicità, proprietà intellet- mo una conferenza gare il doppio partendo precedenza dal governo – riguarda
tuale e disponibilità verso terzi. Esso implica
anche la sua autorizzazione alla loro pubbli-
Ordini aderenti delle professioni per da una stazione del Sud delle attività e dei servizi che devo-
individuare e affron- Italia. Quindi, anche il no essere affidati ai professionisti”.
cazione a titolo gratuito e non dà luogo alla
Agrigento, Avellino, Bari, BAT, tare le necessità per lo trasporto su strada o fer- Adesso la proposta della Centrale
loro restituzione, anche in caso di mancata
pubblicazione. La Redazione si riserva il diritto Benevento, Brindisi, Cagliari, sviluppo per il Paese”. roviario restano fermi unica di programmazione – come
di ridimensionare gli articoli pervenuti, senza Caltanissetta, Campobasso, Ca- Francesco Dell’Anna, e marginali rispetto ai sottolinea Zambrano anche dopo il
alterarne il contenuto e il significato. serta, Catania, Catanzaro, Chieti, “RI-PARTIRE” DALLE Presidente Ordine degli flussi generali: solo il parere espresso dal Primo Ministro
Ingegneri di Lecce
Assicurati di ricevere con continuità tutti i
Cosenza, Crotone, Enna, Foggia, INFRASTRUTTURE: 17,5% (2016) per il com- Conte – sarà una Cabina di regia che
fascicoli Isernia, L’Aquila, Matera, Messina, INGEGNERI COM- mercio. Un po’ meglio il individua un soggetto moderatore
PUBBLICITÀ: Napoli, Nuoro, Oristano, Palermo, PETENTI, MA NORME TROPPO turismo, anche se secondo gli studi tra gli attori coinvolti, e qualora
dircom@quine.it Pescara, Potenza, Ragusa, Reggio COMPLESSE del CNI “il Mezzogiorno ha registrato necessario anche in sostituzione
PER ABBONAMENTI:
Tel. 02.76003509 - Fax 02.76022755
Calabria, Salerno, Sassari, Siracu- Lo sviluppo del Mezzogiorno deve nel 2017, 39 presenze turistiche ogni dell’amministrazione. Continua la
redazione@giornaleingegnere.it sa, Taranto, Teramo, Trapani, Vibo ripartire, dalle infrastrutture: di- 10 abitanti, a fronte di 87 presenze Lezzi: “sarà una centrale di supporto
www.giornaleingegnere.it Valentia. ventare un hub di eccellenza per il turistiche ogni 10 abitanti del Nord e per tutti gli enti locali, con 300 nuovi

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
5

Figura 1. Principali interventi proposti dagli Ordini degli Ingegneri


Ambiti Piano Infrastrutture
d’intervento strategiche

– Ampliamento e completa-
e prioritarie
mento dei grandi assi viari Circa 957 milioni di euro per le opere invarianti
di collegamento (e accesso) sono destinati alla manutenzione, digitalizza-
Sud-Nord; zione, realizzazione dell’ultimo miglio ferrovia-
– Realizzazione e/o potenzia- rio e stradale. Da quanto riportato dal Centro
mento degli assi trasversali di Studi, è possibile suddividere gli interventi
collegamento regionale; come segue :
– Potenziamento della rete
viaria di collegamento tra gli RETE FERROVIARIA (con progetto esecutivo).
assi autostradali o tra strade 14,8 miliardi di euro:
a percorrenza veloce con i nuova linea AVR Napoli-Foggia-Bari;
poli produttivi (aree indu- raddoppio Messina-Siracusa e la velocizzazione
striali, aree per insediamento Catania-Siracusa;
strutture artigiani, aree di l’AVR Palermo-Catania e Messina-Catania;
sviluppo industriale, aree la velocizzazione della linea AVR Bologna-Fog-
consortili per insediamenti gia-Bari;
produttivi); l’adeguamento tecnologico e infrastrutturale
– Realizzazione o comple- Salerno-Reggio Calabria e delle tratte Caglia-
tamento di svincoli che ri-Sassari/Olbia.
█ Potenziamento e realizzazione di infrastrutture viarie
consentano l’accesso ad
agglomerati urbani o ad aree RETE STRADALE 7,3 miliardi e RETE AUTOSTRA- █ Interventi di messa in sicurezza delle infrastrutture viarie
produttive superando punti DALE, 22,4 miliardi di euro (16,7 miliardi già di-
█ Opere di adeguamento, potenziamento e velocizzazione delle infrastrutture ferroviarie
destinati a forte congestiona- sponibili):
mento di traffico; - riqualificazione della SS372 Telesina e della
– Messa in sicurezza di grandi SS407 Basentana; ● Interventi di messa in sicurezza di alcune aree, di bonifica e prevenzione dal rischio
assi viari; - messa in sicurezza e riqualificazione della ● Interventi legati al miglioramento dei waterfront, dei porti e delle strutture aeroportuali
– Realizzazione di nuove SS658 Melfi-Potenza e riqualificazione della SP
opere sulla rete ferroviaria Melfi-Innesto SS655;
(es. raddoppio gallerie, rad- - adeguamento dei collegamenti SS96 Mate-
doppio linea ferroviaria); ra-Bari; - potenziamento Tangenziale di Bari;
– Velocizzazione dei collega- - completamento del 3° megalotto della SS106 Jonica; - potenziamento Tangenziale di Catania.
menti ferroviari trasversali; - SS131 Carlo Felice e Diramazione Centrale Nuorese;
– Riqualificazione dei colle- - adeguamento e completamento strada Sassari – Olbia Tempio Pau- SISTEMI PORTUALI E AEROPORTUALI: realizzazione della nuova pista
gamenti ferroviari tra poli sania; dell’aeroporto di Catania, della nuova fermata Aeroporto Fontanaros-
urbani principali; - riqualificazione A19 Palermo-Catania e potenziamento SS640 Agri- sa-Aeroporto su rete RFI, estensione della Linea Metropolitana 1 con la
– Realizzazione di lavori per il gento-Caltanissetta; stazione Napoli Capodichino-Aeroporto.
potenziamento, l’ammo-
dernamento e la messa in
sicurezza dei porti; devono tener conto dell’evoluzione
– Messa in sicurezza delle — “Abbiamo previsto una centrale di sup- degli strumenti di progetto: “i prin-
strutture scolastiche e imple- cipi della Legge 50 sono importanti
mentazione di sistemi di mo-
porto per tutti gli enti locali, con 300 nuovi – puntualizza Gianni Massa, Vicepre-
nitoraggio delle infrastrutture progettisti e tecnici che potranno colmare sidente Vicario del CNI – ma quando
strategiche dei territori del bisogna dare tempi e costi certi per
Mezzogiorno; quelle carenze tecniche che nel corso degli la realizzazione di opere pubbliche,
– Messa in sicurezza del ter- la politica si esprime con la neces-
ritorio e opere di bonifica da anni si sono accumulate e hanno reso im- sità di deroghe al Codice. È la prova
sostanze inquinanti; che a livello di procedure qualcosa
– Interventi capillari finalizza-
possibile molti investimenti” non vada”. Prendere coscienza dei
ti alla prevenzione dal rischio Barbara Lezzi, Ministro per il Sud — problemi del Mezzogiorno significa
sismico; progettisti e tecnici che potranno prendere coscienza dei problemi di
– Realizzazione o valoriz- colmare quelle carenze tecniche un intero Paese: cercare soluzioni
zazione (attraverso una che nel corso degli anni si sono ac- PRIORITÀ occorre capire quali azioni siano ottimali per il suo rilancio significa
progettazione organica) di cumulate e hanno reso impossibile D’INTERVENTO fattibili “realisticamente”: sono sia guardare verso tutti gli aspetti
waterfront di “poli” a forte molti investimenti”. D’altro canto, Gli ingegneri insieme con le Fe- necessari tempi certi, basta dire pratici inerenti alle infrastrutture,
vocazione turistica; il Presidente dell’Ordine di Lecce, derazioni degli Ordini degli Inge- “cosa avremmo potuto fare”; impa- sia avviare una programmazio-
– Realizzazione, integrazione Francesco Dell’Anna, ha ricordato gneri del Sud hanno individuato rare dal passato per prevenire nel ne sistematica e trasparente degli
o rifacimento di sistemi a rete l’esperienza di alcuni comuni della 91 interventi infrastrutturali per futuro. Per lo sviluppo del Sud non interventi, in tempi decorosi. Un
come condotte di adduzione provincia per cui erano state isti- ricucire, collegare e valorizzare le è sufficiente il solo lavoro dei pro- Mezzogiorno che stenta a decollare
acque, reti energetiche, tuite delle centrali uniche, almeno risorse territoriali (FIGURA 1): met- fessionisti. È necessario che la Pub- ma che, tuttavia, si sta riprendendo
impianti di produzione di per la piccola amministrazione, tere in sicurezza le infrastrutture; blica Amministrazione migliori le leggermente. Inutile guardare con
energia; con risultati poco soddisfacenti. ampliamento assi viari nord-sud proprie competenze tecnologiche, retorica al passato. La volontà deve
– Messa in sicurezza del terri- e trasversali est-ovest; velocizza- sociali e materiali. Da qui anche il essere quella di fare investimenti di
torio da rischio idrogeologico I FONDI CI SONO, re le tratte ferroviarie; potenzia- bisogno di rivisitare il nuovo Codi- qualità per “modernizzare” il Sud e
e sismico; PERCHÉ NON SI FA NULLA? re i collegamenti e gli accessi alle ce degli Appalti, mantenendo fede renderlo più competitivo.
– Adeguamento e messa in “È mancata la capacità di visio- aree produttive; bonifiche e mes- comunque ai suoi principi ispirato-
esercizio di strutture aeropor- ne di ciò che il Mezzogiorno deve se in sicurezza degli edifici nelle ri di trasparenza, semplificazione e
tuali in posizione strategica ambire a essere in un contesto zone sismiche. Queste le priorità qualificazione delle stazioni appal- ERRATA CORRIGE
all’interno di aree a forte e allargato, articolato e complesso”, d’intervento. Prima di intervenire tanti. Anche gli interventi normativi Segnaliamo ai lettori che l’artico-
comprovata vocazione tu- spiega Francesco Estrafallaces lo di approfondimento dal titolo
ristica (aree per le quali il del Centro Studi del CNI, nel suo “Come migliorare la sicurezza”, a
flusso di presenze turistiche report “Linea Sud”. “Non è suffi- corollario del servizio su “Ponti
è risultato in crescita negli ciente proporre, con poca retorica e degrado” pubblicato sullo
ultimi anni); e nessuna soluzione pratica, che scorso numero de Il Giornale
– Infrastrutturazione di corri- il Mezzogiorno deve essere l’hub dell’Ingegnere (nelle pagine 2
doi per l’implementazione di del Mediterraneo, la piattaforma e 3) è apparso senza il nome
sistemi di trasporto collettivo degli interscambi di un’area va- dell’autore. Si trattava di un
a guida autonoma per la sta, l’attrattore turistico del Sud estratto di un più ampio lavoro
mobilità sostenibile. Europa, a seconda dei momenti sul sistemi di monitoraggio SHM
e delle mode. Il Sud può anche curato dall’ing. Giovanni Manco
essere questo, ma in una visione che verrà pubblicato sul fascico-
organica dello sviluppo che tenga lo di gennaio 2019 de Il Giornale
Fonte: Centro Studi CNI, realisticamente conto anche dei dell’Ingegnere. Ci scusiamo con
Francesco Estrafallaces. limiti strutturali”, conclude Estra- l’autore e con i lettori.
fallaces.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
EDITORIALE | EVENTI PROGETTAZIONE | LUOGHI DI LAVORO Come insegnare
comportamenti
sicuri
Make or buy La sesta Giornata Lo psicologo Antonio Zuliani ha
portato un nuovo punto di vista

Nazionale della Sicurezza


SEGUE DA PAG. 1 per quanto riguarda l’efficacia dei
di Gianni Massa comportamenti in materia di perce-
zione del rischio. “Poiché nel nostro
Buy, con altrettanta sintesi, significa cervello la ripetizione di un’infor-
acquistare il bene o il servizio che Dagli “addetti ai lavori” piena concordanza sulla necessità che la mazione si sedimenta fino a farla
l’azienda desidera immettere nel apparire reale, le persone sono
processo di produzione.
tematica venga affrontata trasversalmente, a tutti i livelli: dalle indotte a pensare che un pericolo
Ovviamente è una semplificazio- imprese ai professionisti, dagli enti di vigilanza agli stessi lavoratori sia più grave e frequente di quanto
ne. Nel senso che il successo di un non sia in realtà perché se ne parla
prodotto, e quindi dell’azienda, di Leonardo Paloscia molto e, viceversa, potrebbe indurle
ha a che fare con altri miliardi di a trascurare i rischi solo perché
fattori che spesso si discostano da La progettazione efficace della non viene in mente nessun evento
ragionieristiche valutazioni di conve- sicurezza nei luoghi di lavoro. È negativo connesso al pericolo”.
nienza economica di produzione, di stato questo il tema della 6a Gior-
assemblaggio, di automazione. Ha nata Nazionale dell’Ingegneria della rezza in particolare nei cantieri con i
a che fare con processi scientifici, Sicurezza, evento promosso dal concorsi di idee per sollecitare anche
ideativi, creativi, estetici, psicolo- Consiglio Nazionale degli Ingegneri, dall’esterno proposte innovative.
gici, comunicativi etc. i cui lavori – che si sono svolti il 23
Così come è una semplificazione, novembre scorso a Roma in una LE SINERGIE CON IL CNVF
forse un azzardo, utilizzare o par- sala gremitissima dall’inizio alla Michele Mazzaro ha sottolineato
tire dalla metafora della catena di fine, con 250 partecipanti – sono L‘affinità e sempre maggiore siner-
montaggio disquisendo di opere stati organizzati da Gaetano Fede, gia tra il CNI e il Corpo Nazionale dei
dell’intelletto. consigliere del CNI con delega alla Vigili del Fuoco, la più grande società
Beni e servizi si compongono di sicurezza, unitamente a tutto il GdL di ingegneria pubblica italiana, di cui
“pezzi” immateriali (i processi Sicurezza composto da Damiano I componenti del GdL Sicurezza (da sinistra a destra) lui è un esponente. “La vicinanza del
scientifici, ideativi, creativi…) e di Baldessin (Treviso), Stefano Ber- Sassone, Galli, Di Felice, Vienni, Fede, Baldessin, Leonardi CNVF al CNI – ha aggiunto Mazzaro
pezzi materiali (atomi o bit, fisici gagnin (Ferrara), Marco Di Felice – non riguarda solo gli aspetti della
o digitali. Anche un software o un (Vicenza), Andrea Galli (Perugia),
— Nel suo intervento di saluto Giovanni Car- prevenzione incendi ma si esplicita
file diviene componente materia- Antonio Leonardi (Catania), Rocco dinale, vice presidente CNI, ha sottolineato anche nell’ambito del soccorso”.
le). Sassone (Matera), Luca Vienni quanto il termine “efficace” contenuto nel tito- Gaetano Fede dopo l’intervento di
Oggi però i nuovi linguaggi di- (Pistoia). I lavori della sessione Mazzaro e prima di dare inizio alle
gitali e dell’informazione hanno mattutina hanno permesso di fare il
lo del convegno sia importante al fine di defini- relazioni, ha ringraziato l’Ing. Giomi,
modificato radicalmente i processi punto sullo stato di attuazione degli re una strategia comune tra il Consiglio Nazio- Capo uscente (30 novembre 2018) del
produttivi. E non mi riferisco adempimenti relativi alla materia nale e i vari attori della sicurezza. L’obiettivo Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco
esclusivamente alla produzione di della sicurezza nei luoghi di lavoro per l’attività svolta e la fattiva col-
oggetti ma anche alla produzione attraverso l’analisi trasversale di
è coinvolgere maggiormente la società civile laborazione con il CNI, ed ha comu-
di pensiero progettuale, in tutti i aspetti legati alla progettazione sulla “sicurezza sul lavoro” allargando così il nicato nel contempo di aver sentito
campi dello scibile umano. efficace dei principali adempimenti consueto bacino di operatori tecnici. — il nuovo Capo del Corpo Ing. Fabio
Tornando alla metafora della prevenzionistici: quindi la progetta- Dattilo (1° dicembre 2018), che ha già
fabbrica e dell’organizzazione zione in senso lato come momento quanto sia intensa e proficua la col- zione di soluzioni per un’ingegneria manifestato la disponibilità del Corpo
scientifica del lavoro, la fabbrica centrale ed essenziale per la cul- laborazione tra l’Istituto e il CNI sulle della sicurezza più efficace sfruttando ad organizzare in collaborazione con
della Amministrazione deve curare tura e la qualità della sicurezza sui tematiche che riguardano la profes- l’esperienza e sostenendo progetti di il CNI la 7ª Giornata Nazionale dell’In-
gli interessi della collettività, luoghi di lavoro. sione. De Felice ha ricordato anche ricerca; i piani di formazione e aggior- gegneria della Sicurezza.
mosaico complessissimo che “Vorrei sottolineare – ha detto in che a gennaio di quest’anno è stato namento attraverso il potenziamento
presupporrebbe una rivoluzione apertura Fede – come la parola sottoscritto un protocollo di intesa dei seminari sperimentati nel 2017 e INDUSTRIA 4.0 E SICUREZZA
culturale in materia di organiz- chiave di questo incontro sia ‘pro- tra le due parti in continuità con realizzati con la collaborazione delle Altrettanto efficace è stato il con-
zazione scientifica del lavoro. La gettazione’ perché un tema così l’accordo quadro, sottoscritto nel direzioni regionali dell’INAIL e degli tributo di Fabrizio Mario Vinardi
nostra Pubblica Amministrazione importante come la sicurezza non 2015, che conferma e approfondisce ordini provinciali degli ingegneri; la dell’Ordine di Torino che ha illustrato
è fatta di competenze importanti può che essere portato avanti da tre linee di impegno: la documenta- promozione della cultura della sicu- come l’aspetto della sicurezza nella
che devono essere messe nelle tutti i soggetti che progettano. nuova era dell’industria 4.0 possa
condizioni di poter esprimere i loro Noi come ingegneri ci facciamo Progettare la comunicazione rappresentare una nuova fonte di
talenti all’interno di un’organizza- volentieri carico di fare da guida rischio in considerazione dell’ele-
zione pubblica professionale. in questo percorso, ma ci deve Quali sono gli ingredienti di una progettazione efficace della comunicazio- vata componente tecnologica delle
In quest’ottica la soluzione, tra essere una collaborazione molto ne? Lo abbiamo chiesto al Prof. Michele Marangi dell’Università Cattolica di macchine di oggi. Vinardi ha fatto
l’altro abusata, dell’aumentare più ampia di tutte le categorie, non Milano. “In considerazione dell’era in cui viviamo, sempre più condizionata notare che manca una branca di
il “make”, il fare in casa pezzi di solo quelle relative alle professioni dalla connettività, è necessario assumere una nuova forma mentis basata su studio dell’ingegneria forense, ossia
processo di servizio pubblico è di area tecnica, ma allargando l’ap- conoscenza, competenza e consapevolezza. La comunicazione efficace – ha lo specialista che si occupa del caso
uno specchietto per le allodole. Mi proccio a un’ampia e diffusa inter- detto Marangi – non può mai essere univoca e deve avere effetto sulla nostra già accaduto (ad esempio un infor-
riferisco alle cosiddette società di disciplinarietà”. maniera di apprendimento perché apprendere non significa solo essere tunio) e che deve ricostruire minu-
progettazione in house. Tutti gli istruiti. Non dobbiamo più soffermarci sul rischio oggettivo ma su come ziosamente le condotte che hanno
studi degli ultimi anni mettono in IL PROTOCOLLO CON INAIL vengono percepite in maniera soggettiva le cose. La comunicazione serve ad portato all’incidente e alla ricerca
evidenza che nel processo di ide- Massimo De Felice, Presidente aiutare le persone a percepire meglio. È fondamentale arrivare, grazie alla delle cause e delle concause, siano
azione e realizzazione di un’opera INAIL, ormai graditissima presenza progettazione della comunicazione, a prevenire i rischi sul lavoro, ma anche queste l’errore umano o della mac-
pubblica il problema non sta nel fissa del convegno ha sottolineato in strada e a casa”. china. “L’industria 4.0 – ha spiegato
tempo di produzione del progetto
ma, viceversa, nei tempi di attra-
APPROFONDIMENTO | INTERVISTA A GAETANO FEDE
versamento. Peraltro il progetto
è un componente multidiscipli-
nare e complesso del “prodotto “Serve multidisciplinarietà e una formazione mirata al saper fare”
finito” opera pubblica. Fare il Il Consigliere CNI ha commentato gli esiti dell’evento questione di merito relativa al testo, che peraltro ha bisogno di alcune
progetto all’interno dell’azienda “La problematica della sicurezza sui luoghi di lavoro è una questione che rivisitazioni, risieda nell’approccio al tema della sicurezza e quindi al
presupporrebbe quindi creare investe tutti gli attori della filiera: dalle imprese ai professionisti, chiamati metodo. Per ottenere adeguati livelli di sicurezza e ridurre i rischi a quelli
competenze multidisciplinari (pen- a governare il processo, dagli enti di vigilanza agli stessi lavoratori. Per accettabili, è necessaria un’attenzione complessiva, non solo durante
sate a quanti sono i professionisti questo motivo è necessario un dialogo sociale complessivo”. Con queste l’attività lavorativa ma anche prima e dopo. In una sola parola, la
che, a vario titolo, intervengono parole Gaetano Fede, Consigliere CNI e responsabile dell’area sicu- sicurezza deve diventare un patrimonio culturale di tutti i cittadini.
nella produzione progettuale) e rezza, ha commentato, in una intervista a Radio Rai 1, gli esiti Bisogna cominciare dai banchi di scuola in quanto i ragazzi sono
dotarle di strumenti adeguati. della 6° Giornata Nazionale dell’Ingegneria della Sicurezza. sia il terreno fertile su cui costruire i valori della sicurezza, ma
Ma nella catena di montaggio Fede si è anche soffermato sul confronto che si è aperto nel anche ‘menti aperte’ pronte ad acquisire nozioni nuove e dura-
dove e quando interveniamo sul corso della tavola rotonda che puntava a chiarire come mai, a ture nel tempo”. Infine un commento su un altro tema centrale,
management dell’intero processo? dieci anni dalla pubblicazione del testo unico sulla sicurezza, ovverosia quello della formazione. “Questa deve essere meno
Dove e quando iniziamo a costruire i numeri degli infortuni e delle morti sul lavoro siano ancora cartacea e più diretta ed efficace. Il fine ultimo cui deve mirare è il
una centrale di management del così alti. “È emerso – ha spiegato – come il problema, più che una saper fare e non certo la produzione di attestati”.
processo dell’opera pubblica?

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
7

sempre Vinardi – spingendo l’inno- — “La problematica della sicurezza sui luoghi quella progettuale. Il progettista ha diversi fattori: dai controlli esterni,
vazione porta sicuri vantaggi quali di lavoro è una questione che investe tutti gli una responsabilità diretta, penale, dalla competenza, ma soprattutto
una minore diretta interazione tra perché deve osservare le norme in da alcuni obblighi che impongono
uomo e macchina e un incremento attori della filiera: dalle imprese ai professioni- materia di sicurezza del lavoro: le al datore di lavoro, al progettista e
di tecnologia che gestisce numerosi sti, chiamati a governare il processo, dagli enti disgrazie si verificano quasi sempre altri vari soggetti di occuparsi non
parametri di macchina. Ma esistono di vigilanza agli stessi lavoratori” — per errori progettuali, per questo solo del luogo di lavoro ma anche
anche degli svantaggi come l’intrin- la Cassazione dice espressamente dell’ambiente esterno e della tutela
seca insicurezza dei sistemi basati impegnare il sistema della pubblica all’ultimo decreto Dignità. È come se che, di fronte a un disastro colposo, della collettività. Quasi sempre i
sull’interscambio dei dati, perché istruzione e della formazione pro- in continuazione questo testo unico la responsabilità è del progettista fatti più gravi si verificano quando
storicamente oggetto di attacco da fessionale; semplificare e unifor- fosse stato rimaneggiato dal legi- e non del committente dell’ap- si trascura l’aspetto esterno e, per-
parte di hacker, o la difficoltà nel mare i requisiti generali dei percorsi slatore. Tuttavia, il testo ha tenuto palto”. Secondo Giordano il tema tanto, la sicurezza riguarda anche il
prevedere le possibili modalità di formativi; uniformare il sistema dei alcune sue costanti, ad esempio la della sicurezza visto a livello micro pubblico e di conseguenza il Pre-
funzionamento della macchina”. soggetti formatori; porre la verifica progettazione, di cui la sicurezza organizzativo non solo è insuffi- fetto che è l’autorità provinciale
degli apprendimenti quale elemento è una necessità fin da prima che ciente, ma anche fuorviante. “Non della pubblica sicurezza, da qui la
IL GDL SICUREZZA qualificante della formazione. cominci un’attività lavorativa per la possiamo pensare che la sicurezza nuova introduzione prevista dal
Nel suo intervento, Antonio Leo- realizzazione di un’opera. Pertanto sia del luogo di lavoro o sul lavoro “decreto dignità”.
nardi del Gruppo di Lavoro Sicu- LA TUTELA DELLA COLLETTIVITÀ il momento vero della sicurezza – ha sottolineato – ma è il portato di È a disposizione degli Ordini la regi-
rezza del CNI ha ricordato come, a Molto puntuale anche la relazione nasce non in fase esecutiva ma in un discorso più ampio che nasce da strazione dell’intero evento.
oltre 10 anni dall’emanazione del di Bruno Giordano, magistrato di
primo accordo in Conferenza Sta- Cassazione, che ha spiegato come
to-Regioni per la realizzazione dei
corsi di formazione, ci si confronti
la sicurezza oggi sia diventata un
problema della società e non solo
La sicurezza nelle Grandi Stazioni
ancora con un impianto norma- dei singoli lavoratori e per questo Di particolare rilevanza l’intervento di Salvatore Pellone, tenzione grazie anche alla capacità di un call center di
tivo assai farraginoso perché si motivo, oltre alle istituzioni depu- Responsabile Funzione Operation di Grandi Stazioni Rail, ricevere il feedback di tutti gli “abitanti” della stazione
presta a un adempimento troppo tate, la notifica del cantiere va pre- che ha portato, anche a nome di Silvio Gizzi, AD della quali società, negozianti, viaggiatori. Inoltre ogni ogget-
formale, non è orientato all’effica- sentata anche al Prefetto e non solo società, il contributo sullo stato della progettazione to di manutenzione viene costantemente “taggato” per
cia degli interventi, rende difficile alla Asl e alla Direzione Provinciale della sicurezza nelle grandi organizzazioni. Pellone ha avere la certezza dell’esecuzione della manutenzione e,
la sua applicazione da parte delle dei Lavori come dispone l’articolo sottolineato quanto sia difficoltoso gestire la sicurezza attraverso la metodologia BIM, virtualizzato il patrimo-
imprese e oltremodo onerosa la del decreto Dignità. nelle grandi stazioni italiane nel rispetto di quello che nio e sensorizzate le consistenze tecniche mettendole
sua verifica da parte degli organi di Negli ultimi dieci anni regolati dal sono i fabbricati, alcuni dei quali sono vere e proprie in relazione funzionale in base al processo di gestione
vigilanza. Pertanto si creano ampie Testo Unico, il numero delle vit- opere d’arte sotto il vincolo della Soprintendenza: 14 richiesto. In tal modo si ha la scheda di manutenzione di
zone di elusione degli obblighi nor- time e degli infortuni sul lavoro si complessi immobiliari in 11 città diverse. “La complessità ogni oggetto presente all’interno della stazione: dal più
mativi relativi alla formazione; si sono attestati su livelli civilmente di gestire la sicurezza nella grandi stazioni – ha detto piccolo, come la cassetta del pronto soccorso, ai grandi
rilasciano attestati di comodo; si intollerabili con 10.000 vittime e Pellone – è determinata, oltre che dalle loro dimensioni impianti. “Al fine di rendere maggiormente efficienti i
effettuano corsi privi dei requisiti 7-8 milioni di infortuni, a cui vanno e dal flusso di persone, anche dalla pluralità delle atti- piani di intervento – ha aggiunto Pellone – abbiamo in-
di legge e spesso affidati a docenti aggiunti il numero delle malattie vità e dei datori di lavoro che in esse operano (250 mila dividuato dei protocolli di intesa e di coordinamento sia
non qualificati. “Bisogna cambiare professionali (oltre 1000 l’anno) e aree commerciali, 180 mila aree direzionali, 1.670 mila con tutti i soggetti e le realtà che si trovano all’interno
passo – ha aggiunto Leonardi – quello degli incidenti mortali dissi- aree tecniche), dalle connessioni con infrastrutture com- della stazione sia con quelle esterne che interagiscono
bisogna superare le criticità attra- mulati nel percorso casa lavoro. plementari, dalla variabilità dei livelli di affollamento, con i nostri servizi, quali mezzi pubblici e metropolita-
verso una buona progettazione “Ma gli aspetti più sorprendenti dallo sviluppo e continuità di esercizio”. ne, che a loro volta hanno propri piani di intervento,
della sicurezza”. Leonardi ha poi riguardano la parte normativa – ha “Nel 2017 – ha proseguito Pellone – abbiamo effettuato ma anche con chi deve effettuare azioni di pronto
proseguito con la presentazione detto Giordano – visto che abbiamo oltre 41 mila interventi finalizzati alla correzione di intervento come vigili del fuoco, personale medico, forze
delle quattro direttrici da seguire auspicato un testo unico per anni e ordinari processi di gestione delle anomalie di servizio dell’ordine. Abbiamo fatto ricorso a modelli di calcolo
per la revisione e la semplifica- quando l’abbiamo ottenuto, costi- riguardanti manutenzione e pulizie”. Oggi Grandi sofisticati che oltre a monitorare tutto il personale che
zione in un unico disposto dell’in- tuito da 308 articoli, siamo riusciti Stazioni ha attivi processi di tracciatura di ogni singolo quotidianamente ‘vive’ la stazione controllano anche i
tero impianto normativo vigente: a modificarlo con 302 articoli, fino intervento ed eroga circa 300 mila interventi di manu- flussi di affollamento che variano costantemente”.

TAVOLA ROTONDA | CONFRONTO

PERCHÉ ANCORA COSÌ TANTI INCIDENTI?


È la domanda al centro della sessione pomeridiana intitolata “Bilanci, criticità e prospettive a dieci anni dall’emanazione
del D.Lgs. 81/2008”, brillantemente moderata dalla giornalista del TG2 Maria Concetta Mattei
Ricco di spunti di riflessione, l’in- Sassone invece ha voluto porre tisca una più attenta distribuzione credo che oggi gli stessi lavora- invertire la tendenza – ha sug-
contro ha visto la partecipazione l’accento sulle competenze: “Biso- di competenze e responsabilità”. tori debbano essere suggeritori di gerito – sarebbe necessario riu-
di illustri rappresentanti di tutti gna che il legislatore coinvolga chi Riferendosi alle violazione degli modifiche”. nire attorno a un unico organo di
gli “attori” interessati. Maurizio le norme le legge e soprattutto le obblighi, Piegari ha precisato Quanto al ruolo dei VV.FF. per la vigilanza tutte le competenze”. Di
Di Giorgio (Coordinamento Tec- sa leggere. La categoria degli inge- che riguardano tutto il territorio sicurezza, Mazzaro ha precisato: Giorgio ha invece messo in evi-
nico delle Regioni), Bruno Gior- gneri, sotto questo aspetto, ha la nazionale, “tuttavia” – ha puntua- “La nostra azione è complemen- denza come la normativa richieda
dano (Magistrato di Cassazione), possibilità e la capacità di svilup- lizzato – “per i nostri ispettori è tare agli altri organi di vigilanza una modernizzazione per rispon-
Marco Masi (Itaca), Michele Maz- pare delle efficienze. In ambito più difficile operare in certe zone e dal 1° gennaio 2018 siamo dere maggiormente al bisogno di
zaro (Corpo Nazionale Vigili del CNI ci stiamo muovendo affinché il piuttosto che in altre, nonostante anche agenti di polizia giudiziaria. salute facendo presente quanto
Fuoco), Giuseppe Piegari (Ispetto- legislatore possa recepire le reali l’Italia sia uno dei Paesi più avan- Quando siamo chiamati sui luoghi in questi dieci anni il mondo del
rato Nazionale del Lavoro), Fabio esigenze normative; inoltre tra zati in Europa in termini di orga- di lavoro notiamo molte inosser- lavoro sia cambiato a livello con-
Pontrandolfi (Confindustria), Ester le varie attività che stiamo pro- nizzazioni ispettive. Nelle piccole vanze di norme tecniche soprat- trattuale, tecnologico e di rischio.
Rotoli (INAIL), Rocco Sassone (CNI) muovendo c’è anche quella della realtà, in considerazione della loro tutto a causa dell’assenza di una E in virtù di questi cambiamenti,
e Michele Tritto (CNCPT) si sono predisposizione di un capitolato minore strutturazione, è molto più cultura sulla sicurezza anche da ha spiegato, “si sta investendo
scambiati opinioni sull’efficacia prestazionale per gli RSPP per facile che il rispetto delle regole parte dei lavoratori”. Quella stessa nella professionalizzazione dei
della normativa vigente e hanno associare criteri di omogeneità venga disatteso”. E riallaccian- cultura che il Corpo promuove nostri operatori per renderli
illustrato gli ambiti su cui interve- nell’affidamento degli incarichi”. dosi ha quanto espresso da altri anche utilizzando i proventi delle capaci di intendere se il sistema
nire per migliorarla. Tra le leve per migliorare l’applica- convenuti alla tavola rotonda ha sanzioni riscosse. L’obiettivo è di di prevenzione funziona”.
Secondo il parere di Rotoli non zione della sicurezza nei cantieri e aggiunto: “Credo che chi si occupa fornire supporto e sussidiarietà Tritto ha infine illustrato il ruolo
abbiamo bisogno di altre norme. nei luoghi di lavoro, l’organizza- di sicurezza nel mondo impren- al fine di offrire informazione e bilaterale degli organismi parite-
Piuttosto è necessaria una sem- zione di seminari e workshop e lo ditoriale debba promuovere la aumentare la consapevolezza. tici (avendo rappresentanze non
plificazione che agisca sugli sviluppo di linee guida operative. sensibilizzazione sociale, oltreché Premettendo che non ci può solo sul territorio, ma anche in
adempimenti normativi e non Pontrandolfi ha sottolineato come tecnica”. essere sicurezza senza una pre- istituzioni come Ance, Cna, Con-
sugli obblighi. Inoltre auspica un spesso negli obblighi della sicu- Ricordando di aver fatto parte del ventiva progettazione, nel suo fartigianato), nonché i numeri
modello partecipato e condiviso rezza le imprese vedano una serie gruppo di lavoro che ha generato intervento Giordano è tornato a all’attivo di CNCPT: “Forniamo
tra tutte le istituzioni perché, come di controindicazioni al business, il D.Lgs. 81, Masi ha spiegato che parlare del D.Lgs. 81 specificando assistenza e consulenza attra-
ha sottolineato, “è mancato quel mentre in materia di sicurezza la ricomposizione normativa è che il testo unico è stato rimaneg- verso 107 realtà territoriali grazie
collante operativo tra istituzioni è necessario che l’imprenditore stata frutto del lavoro di uomini giato troppe volte in questi dieci a cui abbiamo effettuato oltre
e imprese che non ha messo in si ponga come soggetto attivo. e donne di tutte le istituzioni; un anni con il risultato che l’assenza 37.000 visite in cantiere e assistito
grado queste ultime di adempiere In merito al tema della tavola lavoro straordinario per il Paese, di decreti ministeriali conse- 23.000 imprese con l’obiettivo di
agli obblighi, e manca ancor oggi rotonda Pontrandolfi ha sottoli- senza il quale non ci sarebbe quenziali l’hanno reso inapplica- verificare le potenzialità di miglio-
una strategia nazionale che metta neato la bontà del decreto ’81, pur potuto essere il monitoraggio sui bile. Inoltre per Giordano oggi ci ramento nell’ottica di trasmettere
insieme tutte le parti in causa ritenendo opportuna una chiave profili di rischio. “Ma – ha ricono- sono troppi attori che operano agli imprenditori i vantaggi eco-
comprese le parti sociali”. di lettura più moderna che garan- sciuto – sono passati dieci anni; nel campo della vigilanza. “Per nomici”.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
il Prof. Ruggiero denuncia la sua
Formazione | Culturale o professionale? ridotta qualificazione, con parti-
colare riferimento al sud, causata
dalle improvvise riforme, vedi le

Laurea professionalizzante?
lauree “3+2”, che ne hanno modi-
ficato completamente l’organiz-
zazione didattica, hanno causato

Non è compito dell’Università


decentramento e moltiplicazione
di sedi, squalificando i docenti.
“Un Paese arretrato cultural-
mente è un Paese povero! – scrive
“Definire e riorganizzare due canali distinti guardando all’Europa che ci precede.” ancora – chiedo al Miur e al CUN
(Consiglio Universitario Nazio-
È questo il pensiero di Umberto Ruggiero, Professore emerito, e tra i fondatori del nale) competente una serena
Politecnico di Bari riflessione per l’Italia sui grandi
vantaggi che sarebbero possibili

S
a cura di Antonio Felici votati alla ricerca scientifica e dal ritorno all’idea di una Uni-
ulla questione delle lauree tecnologica, ovvero più disposti versità moderna e innovativa,
professionalizzanti, un a diventare i dirigenti di domani. con funzioni proprie, scimmiot-
contributo interessante Si ricordi che la formazione nelle tando (questa volta sì) il meglio
e appassionato arriva da Università dura parecchi anni e delle Università straniere”. Quindi
Umberto Ruggiero, Professore non dà risposte immediate, per- denuncia il caso del Politecnico di
emerito del Politecnico di Bari, un tanto anche le Università devono Bari che “nonostante risulti qua-
decano della formazione ingegne- trasformarsi, innovandosi”. lificatissimo nella ricerca scienti-
ristica nel nostro Paese. Fatta questa premessa, il Prof. fica, anche all’estero, e che forse
Il Prof. Ruggiero, infatti, ha indiriz- Ruggiero individua una precisa più di altre realtà in Italia abbia
zato una lettera al Presidente del necessità. “Bisognerebbe – scrive quasi il 90% dei laureati occupati
Consiglio Giuseppe Conte e, per – eliminare le lauree junior a 3 entro due anni, nessuno al Miur e
conoscenza, a diversi agli organi stria, nei servizi di ogni tipo, nella e capaci di alto indice di occupa- anni, e così pure le Università pro- al CUN si chiede il perché quasi il
istituzionali, tra cui il CNI, nella pubblica amministrazione. Esso zione”. fessionalizzanti a esse preposte 40% dei giovani pugliesi, che stu-
quale, tra le altre cose, chiede a è spesso curato, mediante corsi “Il secondo canale – prosegue che non fanno attività universi- diano fuori regione, almeno per la
gran voce una laurea quinquen- e stage semestrali o di qualche Ruggiero – è quello delle Univer- taria, trasformandole. È evidente laurea magistrale, va a fare inge-
nale unica in ingegneria. anno, dalle stesse imprese o da sità, istituzionalmente finalizzate come la formazione terziaria pro- gneria per il 15% a Torino e per il
“Ormai dopo la scuola secondaria enti vari e in parte dagli IFTS e ITS, alla formazione culturale speciali- fessionalizzante (o da 1° livello) 5% a Milano?”.
e la maturità – scrive Ruggiero – finalmente istituiti da qualche stica di giovani che vogliono qua- non possa essere di competenza “È evidente – scrive Ruggiero in
con il lavoro e l’occupazione che anno, ma da moltiplicare almeno lificarsi, essere motivati, capaci di dell’Università che ha finalità conclusione rivolgendosi al Pre-
cambiano continuamente, è un decine di volte, vista la loro uti- innovazione, di continuo aggior- diverse. Non è coerente nemmeno mier Conte – l’indifferenza della
obbligo del Miur definire e riorga- lità, la flessibilità e la modernità namento, nonché di quelli più il titolo di laurea perché, come in classe politica verso l’esigenza
nizzare due canali distinti, guar- tutta Europa, basta un diploma della formazione specifica dei
dando all’Europa che ci precede. con l’aggettivo che lo distingue quadri di dirigenti. Sono sicuro
Il primo è quello professionale, — “Perché quasi il 40% dei giovani puglie- (superiore, specialistico, elettro- che non lo è l’attuale Presidente
finalizzato a preparare i ragazzi e si, che studiano fuori regione, almeno per la tecnico, tecnologico, informatico, del Consiglio”. E chiude lanciando
i giovani dei licei, istituti tecnici meccanico etc.)”. un appello: “No alla laurea profes-
e professionali, all’occupazione
laurea magistrale, va a fare ingegneria per il Stabilite quelle che dovrebbero sionalizzante all’Università, aboli-
più o meno immediata nell’indu- 15% a Torino e per il 5% a Milano?” — essere le funzioni dell’Università, tela: comunque non serve!”.

GDL | PROPOSTE DAL CNI

Al via il Gruppo di lavoro sulla con corso unico, rappresenti


la maniera più immediata per
l’ identificazione della laurea

formazione universitaria
in ingegneria; in alternativa
dovrebbero essere apportati cor-
rettivi molto significativi all’at-
tuale percorso del 3+2;
Auspicabile un ritorno alla laurea quinquennale per i corsi d’ ingegneria? – formazione unitaria: una mag-
giore uniformità dei corsi e delle
Il Decreto del Miur 987/2016 isti- più ristretti. Ciò ha portato, come nell’ambito dello stesso livello del Consiglio Nazionale è quello discipline di insegnamento tra i
tuisce le cosiddette “lauree pro- sottolineato dai proff. Di Dio, di laurea, soprattutto nel settore di delineare all’ interno delle diversi Atenei.
fessionalizzanti” che gli Atenei Amoruso e Brigante – anche loro industriale e dell’ informazione. strutture universitarie percorsi
possono attivare a partire componenti del GdL – a un “deca- Si è discusso dell’ introduzione formativi per le lauree profes- Gruppo di Lavoro*
dall’A.A. 2018/2019. Partendo da dimento” dello studente negli delle lauree professionalizzanti sionalizzanti in tutto distinti
questa circostanza, il CNI ha rite- ambiti professionali, proprio come occasione di riflessione e non in grado di consentire Coordinatore: ing. Angelo Dome-
nuto opportuno formare un GdL*, per la scarsezza dell’ “ identifica- sul percorso di formazione dei il passaggio ai corsi di laurea nico Perrini – Consigliere CNI
coordinato dal Consigliere Angelo zione del professionista” e delle professionisti che operano nel in ingegneria, auspicando per Componenti esperti: France-
Domenico Perrini, così da poter “competenze professionali”, non campo della ingegneria. A tal questi ultimi un ritorno al ciclo sco Napolitano – Università La
fornire contributi e suggerimenti solo tra i triennalisti e i laure- proposito, il Consigliere Perrini unico quinquennale, indispen- Sapienza Roma; Federico Perotti
utili alle istituzioni coinvolte ati con specialistica, ma anche ha sottolineato che l’ indirizzo sabile e urgente, soprattutto per – Politecnico Milano; Marco Carlo
anche per una migliore identifica- il settore dell’ ingegneria civile e Masoero – Politecnico di Torino;
zione, riconoscimento e fruizione ambientale all’ interno del quale Giuseppe R. Tomasicchio – Uni-
dei numerosi percorsi universi- vengono svolte in prevalenza versità del Salento; Antonio D’An-
tari. Durante la prima riunione prestazioni professionali riser- gola – Università della Basilicata;
svoltasi il 30 ottobre scorso, in vate. Vitantonio Amoruso – Politecnico
particolare, sono emerse le cri- ALLA LUCE DI CIÒ, QUALI SONO di Bari; Maurizio Tira – Università
ticità riscontrate in questi anni LE PROPOSTE DEL GDL FORMA- di Brescia;
del sistema “3+2”, che è possi- ZIONE DEL CNI? Componenti esperti, anche nel
bile riassumere nella non precisa – Le lauree professionalizzanti ruolo di Presidenti di Ordini
identificazione di un laureato devono essere attentamente Provinciali: Massimo Vitelli –
triennale, e conseguentemente definite con percorsi e finalità Università della Campania “Luigi
nella sua collocazione nel mer- chiaramente individuati; Vanvitelli” e Presidente Ordine
cato del lavoro. – il punto 1 presuppone un altret- Caserta; Edoardo Cosenza –
Per il prof. Tommasicchio, ordi- tanto distinto, chiaro e definito Università di Napoli Federico II
nario dell’Università del Salento, percorso della laurea triennale; e Presidente Ordine di Napoli;
la triennale ha creato un “vero – l’auspicio di una revisione dei Vincenzo Di Dio – Università di
disagio per gli studenti”, deter- corsi di laurea (riducendone il Palermo e Presidente Ordine
minando un ritardo sul percorso numero); di Palermo; Michele Brigante –
formativo dovuto alle modalità – il parere prevalente è che Università di Napoli Federico II e
di svolgimento dei corsi in tempi un ritorno alla laurea a 5 anni, Presidente Ordine di Salerno.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
9

SISTEMA DUALE | INTERVISTA


Il sistema
STUDIARE IN AZIENDA? IN GERMANIA SI FA COSÌ universitario
L’esempio del Gruppo fischer può essere declinato anche in Italia? tedesco

L
L’offerta formativa per i giovani
auree professionalizzanti l’Università di Padova istituendo dal primo giorno in cui i laure- in Germania è molto più ampia.
e formazione duale, due l’annuale Premio per l’Eccellenza andi entrano in azienda devono Nello specifico, sono presenti:
concetti oggi molto impor- Accademica Klaus Fischer. Il seguire dei corsi specifici di – Università (Universitäten);
tanti che stanno iniziando Premio rappresenta il momento business in inglese. La pressione – Istituti superiori di formazione
a prendere piede in Italia. In par- più significativo di una serie può essere molta per il giovane, professionale o Università di
ticolare, la formazione o sistema di attività che vedono fischer ma è performante perché può scienze applicate (Fachhoch-
duale, che si compone di una Italia e l’Università di Padova, dimostrare all’azienda quanto schulen). A questi si affiancano
formula particolare di “alter- partecipare congiuntamente a egli valga, le sue capacità e le le Duale Hochschulen che com-
nanza studio-lavoro”, è prima programmi di ricerca e sviluppo aree di interesse. Allo stesso prendono un percorso univer-
di tutto un modo per ricongiun- tecnologico su scala interna- tempo l’azienda impara a cono- sitario accanto a esperienze di
gere e fortificare il legame tra zionale con Università euro- scerlo e ne trae benefici. Alcuni lavoro in azienda.
Aziende, Università e Istituzioni: pee. Siglando il primo contratto degli studenti ospiti che la casa
lo slogan dell’Anpal – Agen- di ricerca applicata, fischer madre ci affida dalla Germa-
zia Nazionale Politiche Attive Italia è stata la prima azienda Ing. Massimo Fioraso – Direttore Mar- nia, nonostante la giovane età, mata. Noi ci mettiamo la volontà,
Lavoro – è letteralmente “ impa- che ha aderito a UniSMART, la keting e Product Management di mostrano una expertise che ma dall’altra parte abbiamo
rare lavorando”, un modello che Community dell’ innovazione fischer Italia è difficile da rintracciare qui, bisogno di un movimento a ten-
prende spunto da quelli tedeschi dell’Università di Padova – che questo perché ogni giorno met- dere delle istituzioni ”.
e di altri Stati del Nord Europa, promuove e valorizza la pro- in grado di viaggiare in tutto il tono in pratica ciò che studiano.
nell’ottica della Legge 107/2015 e prietà intellettuale dell’Ateneo mondo”. Da noi, in Italia, normalmente Qual è la differenza tra i giovani
del D.Lgs. 81/2015 della “forma- verso le aziende su scala nazio- uno stage curriculare è previsto laureandi italiani e i giovani che
zione-lavoro”. nale e internazionale. Un modo E come funziona in pratica? alla fine del terzo anno di uni- arrivano dalla Germania per lo
diverso ma attivo di avvicinare “Il giovane non frequenta uno versità, oppure è visto in fun- stage?
Ma come viene applicato in Ger- la scuola all’ impresa. stage curriculare al termine del zione di una preparazione tesi ”. “Mediamente i giovani tede-
mania? E come viene declinato corso di studi ma viene, invece, schi sono più sul pezzo, quando
in quelle aziende che vogliono Com’è organizzato il percorso di inserito in azienda all’atto dell’ i- Come si sta sviluppando il pro- arrivano qui hanno già passato
preparare i futuri manager e alta formazione in Germania? scrizione al corso di laurea getto con l’Università di Padova? più di qualche mese in azienda:
specialisti da inserire nelle con- “Il fattore principale dell’ap- triennale e viene remunerato “A Padova stiamo cercando di sono già inseriti all’ interno di
sociate europee? “Il fine unico è proccio duale è la combinazione dall’azienda durante il periodo avvicinare sempre di più i gio- determinati meccanismi azien-
quello di garantire allo studente della teoria con la pratica. Le di lavoro alternato. Il percorso vani degli ambiti gestionali, dali della casa madre, fungono
un costante interscambio tra aree di studio in cui viene affian- dura sostanzialmente tre anni e della meccatronica, dell’econo- da trait d’union su determinati
periodi di internship nei diversi cata la pratica in azienda sono permette poi ai ragazzi di deci- mia. Da sei anni, ormai, in con- progetti già iniziati con le altre
dipartimenti dell’Azienda in rela- quelli del Consulting e Control- dere di rimanere in azienda. Il certo con l’Università premiamo aziende del gruppo, si approfitta
zione alle caratteristiche del suo ling, dell’Industry, del Busi- vantaggio per il giovane è chiaro: dei ragazzi che hanno sviluppato della loro presenza proprio per
percorso di studi – in Germania e ness Information Technology, a 24 anni si troverà ad avere tre dei progetti di tesi interessanti lavorare su questi progetti. Sono
all’estero – e l’Università. Un’al- dell’Engineering, dell’Industrial anni di anzianità aziendale, una su argomenti indicati da fischer professionalmente più preparati
ternanza, ripetuta nel corso del Engineering e dell’International situazione economica robusta e che spaziano dal campo infra- – mi riferisco nel gestire la pra-
piano di studi, da tre a sei mesi, Business. Quest’ultimo prevede valide prospettive per il futuro, strutturale – quello che più ci tica aziendale di tutti i giorni – e
che gli permetterà di conoscere l’ insegnamento delle basi clas- favorite da una realtà multina- interessa dell’ ingegneria civile parliamo di giovani che hanno 21
varie aree d’ interesse.” Così siche della gestione aziendale zionale”. – all’Internet of Things. Stiamo anni. Viceversa, gli ingegneri ita-
spiega l’ ing. Massimo Fioraso, come la logistica dei materiali, lavorando con il Prorettore al liani che arrivano da noi per uno
Direttore Marketing e Product la gestione organizzativa, la Succede che i giovani, poi, Trasferimento Tecnologico e ai stage hanno tra i 26 e i 27 anni.
Management di fischer Italia, gestione delle risorse umane, decidano di non rimanere in Rapporti con le Imprese e con il La cosa migliore, che auspico,
azienda leader nei Sistemi di Fis- il marketing, la gestione finan- azienda? Rettore dell’Università di Padova sarebbe riuscire a portare anche
saggio, che da anni sperimenta ziaria e il controlling. Caratte- “Può succedere ma è molto raro. per cercare altre aziende nel ter- nel nostro Paese questo approc-
con successo l’alternanza per ristica speciale di quest’area di Ragazzi che vogliono proseguire ritorio disposte a creare questi cio duale: sarebbe un bel passo
l’alta formazione in Germania. studio sono i corsi di Interna- gli studi con un master, quindi, percorsi di alta formazione. In avanti, un bel ponte tra il mondo
Anche fischer Italia ha avviato tional Business Management e con altri due anni di studi e spo- realtà ci si scontra ancora con la del lavoro e il mondo della
nel 2013 la collaborazione, peral- Intercultural Management, utili stamento di sede. In realtà non natura dei corsi di studi, che in scuola, frutto di un’esperienza
tro già da tempo in essere, con per preparare i giovani a essere si investono risorse invano; fin qualche misura andrebbe rifor- simultanea”.

Sismicad 12. Fluido, adattabile,


piu’ versatile di quanto pensi.
Confrontati con le sue caratteristiche, guarda i filmati esplicativi, leggi il manuale,
provalo e testalo nei casi che ritieni più interessanti. Potrai verificare come
Sismicad, con il suo solutore FEM integrato, il facile input 3D (anche in Autocad),
le funzionalità BIM, le verifiche per edifici esistenti, i rinforzi, la geotecnica, le
murature, l’acciaio, le pareti in legno con giunzioni e molto altro, sia da tempo
un software di riferimento seguito da molti professionisti per la sua adattabilità a
tutte le esigenze di calcolo strutturale. Provalo, è più versatile di quanto pensi!

www.concrete.it

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
URBANISTICA RIFLESSIONI | PREVENZIONE SISMICA

Sisma Bonus: uno strumento migliorabile


Analisi critica e spunti di discussione per poter riformulare la misura fiscale del Sisma Bonus, come tassello
di un progetto strategico di prevenzione di lungo termine e sistemica
non possono essere pianificati diffusa di immobili fatiscenti e
se non a livello urbano e terri- spesso non finiti nelle aree sot-
toriale, e che sono i soli a poter tosviluppate, di vetusti fabbricati
assicurare un’efficace protezione industriali ancora in attività e
sismica agli abitanti e alle costru- così via. Il Sisma Bonus sembra
zioni. In Italia al rischio sismico il provvedimento giusto per dare
si associano tanti altri rischi vita eterna a queste costruzioni.
naturali e antropici, che devono Con qualche tirante in più, purché
essere tenuti presenti in un’opera certificato da un tecnico, anche il
di riduzione della vulnerabilità peggior fabbricato diventerà ina-
dell’edificato. movibile e se distrutto dal terre-
Come bene evidenziano la Pro- moto sarà ricostruito come era e
posta della Rete delle Professioni dove era a spese dello Stato.
Tecniche, 2016, e il successivo
primo Rapporto sulla “Promo- QUALE OBIETTIVO?
zione della sicurezza dai Rischi Infine, un ultimo punto, che ha a
naturali del Patrimonio abitativo che fare con la trasparenza dell’a-
della Struttura di Missione Casa zione politica. Sorprende la dif-
di Teresa Crespellani* E anche, si potrebbe aggiungere, sismica”. In un Paese avanzato il Italia”, 2017 - la prevenzione è formità tra le dichiarazioni sulle
“senza controllo”. Non si preve- soggetto responsabile della pre- cosa assai più complessa della finalità dell’operazione (preven-
In un Paese dove i terremoti ogni dono né accertamenti preliminari venzione non solo deve essere protezione del singolo edificio. zione sismica) e sulla realtà sot-
quattro-cinque anni arrecano sui progetti né controlli in corso ben individuato, ma soprattutto Anche secondo la nostra giuri- tesa (il rilancio dell’edilizia). Se,
lutti e drammatiche perdite, l’ ini- d’opera, e neppure una qualche deve essere dotato di specifiche sprudenza la protezione sismica come appare evidente l’obiettivo
ziativa “Sisma Bonus” (D.M. n. 65 verifica dell’efficacia dei risultati competenze e disporre di tecnici è un traguardo globale, che è il rilancio dell’edilizia, perché
del 07/03/2017), che si definisce ottenuti. Chi ci garantirà che le altamente esperti e funzionari in richiede l’ impegno di istituzioni, non dirlo chiaramente? Non ci
mirata alla “prevenzione sismica”, ristrutturazioni saranno commi- grado di garantire, indipenden- imprese e cittadini e non può che sarebbe niente di male. Ma allora
non può che suscitare interesse. surate ai terremoti che verranno? temente dai governi in carica, la passare attraverso la pianifica- perché escludere le zone 4?
Il fatto poi che lo Stato sia dispo- Perché, ad esempio, non aggan- continuità nel tempo delle strate- zione territoriale e urbanistica, È prevedibile che, anche appor-
nibile a impegnare risorse econo- ciare il Sisma Bonus all’obbliga- gie programmate, e di verificarne chiamando in causa Regioni, Pro- tando alcune indispensabili modi-
miche è una encomiabile novità. A torietà di una qualche formula l’efficacia. Chi in Italia è oggi il vince, Comuni e il Dipartimento fiche per rendere il Sisma Bonus
un esame più approfondito sono assicurativa, per avere almeno soggetto “responsabile” della della Protezione Civile, per legge più controllato ed efficiente, in
però molte le ragioni di perples- un riscontro indiretto sui requisiti prevenzione sismica del Paese? designati alla pianificazione delle assenza di un serio piano strate-
sità. minimi di sicurezza raggiunti? Il Ministero delle Infrastrutture strategie di protezione civile dei gico, non si andrà molto lontano
e Trasporti? Il Ministero dell’Eco- cittadini, e invece completamente in tema di riduzione della vulne-
GLI ASPETTI SU UN’IPOTESI SU COME nomia e Finanze? Il Dipartimento ignorati dal Sisma Bonus. rabilità dell’edificato. Soltanto se
CUI RIFLETTERE INTERVENIRE della Protezione Civile? il Sisma Bonus, opportunamente
Il segno più rilevante è che il La vera prevenzione non si Volendo spingere il discorso SALVAGUARDIA DEI normato e migliorato, diventasse
Sisma Bonus non ha un orizzonte risolve in un “gioco” estempora- alle sue estreme conseguenze ci BENI CULTURALI un tassello di un progetto stra-
di riferimento. È un atto isolato, neo di iniziative separate e senza sarebbero diversi argomenti per Non si può poi dimenticare che tegico di prevenzione più ampio,
che non fa parte di un piano stra- riscontri. Si basa su statistiche e sostenere che, con il Sisma Bonus, nel nostro Paese la prevenzione persuasivo e intelligente, questo
tegico di prevenzione sismica con sofferenze. È scelta, organizza- lo Stato trasferisce al cittadino sismica ha una imprescindibile problematico strumento potrebbe
una visione di futuro. È una detra- zione e applicazione graduale di la soluzione di un problema che dimensione culturale che com- riscattarsi di alcune sue manche-
zione fiscale, che può raggiungere interventi che fanno parte di un non riesce ad affrontare, e che lo porta la salvaguardia nel tempo volezze.
fino all’85% dei costi sostenuti progetto più ampio, basato su stesso sia quindi un espediente, di tutti gli elementi storici e geo-
(con un tetto di 96.000 euro), con- sapere scientifico e conoscenza una specie di via di fuga, per sot- grafici che definiscono l’unicità e SERVE UN PIANO RIGOROSO
cessa a singoli cittadini o società, tecnica, che si affina e perfe- trarsi al dovere di analizzare il l’ identità dei luoghi e della loro Quel che è certo è che l’Italia ha
che vogliano ristrutturare degli ziona nel tempo. Presuppone che problema della prevenzione con cultura. Chi ci assicura che col una improcrastinabile necessità
edifici per renderli sismicamente i risultati siano da attendersi nel serietà. Sisma Bonus non verranno alte- di un piano rigoroso di provve-
più resistenti ai terremoti (prime e lungo periodo, ma che le azioni Un’altra ragione di perplessità rati edifici di pregio (anche se non dimenti di prevenzione che si
seconde case, fabbricati per atti- siano pianificate tenendo conto è che la prevenzione sismica è catalogati tra le opere da proteg- ponga il problema delle priorità
vità commerciali e produttive) e di priorità e urgenze. Implica che un’operazione ben più complessa gere)? e che funzioni davvero sul fronte
ubicati nelle zone 1, 2, 3. Un’agevo- vi sia una ben identificata istitu- e multidimensionale di quanto il organizzativo. Il vero rischio è che,
lazione che il cittadino può otte- zione riconosciuta come “unica Sisma Bonus lasci intravvedere. I POSSIBILI EFFETTI COLLATE- propagandando il Sisma Bonus
nere – così viene precisato nella responsabile della prevenzione Alla luce di un concetto di pre- RALI DEL SISMA BONUS come lo strumento di “preven-
pubblicità promozionale – “anche venzione sismica più moderno, Per contro appaiono assai pro- zione per il nuovo secolo”, si crei
se non vive in zone ad alto rischio affidare il problema della ridu- babili alcuni effetti indesiderati. nell’opinione pubblica e nei futuri
sismico”. — “Secondo la no- zione del rischio sismico alle ini- Pensando alla “qualità media” governi la falsa convinzione che
È quindi un provvedimento accor- stra giurisprudenza ziative (casuali) di singoli cittadini delle costruzioni in Italia è facile con il Sisma Bonus sia già stato
dato solo in ragione del diritto di è un’ idea estranea a una società prevedere che la fiducia prag- messo in atto un’efficace strategia
proprietà dell’unità immobiliare e la protezione sismi- avanzata, perché non soltanto matica sull’efficacia salvifica di riduzione del rischio sismico
che non tiene conto che nel Paese ca è un traguardo tende a rafforzare comporta- del Sisma Bonus si scontrerà nel Paese.
esistono zone sismicamente più globale, che richie- menti individualistici, separando con qualcuno dei problemi che Non rimane che sperare in una
esposte e meno esposte, più svi- gli interessi dei singoli da quelli mortificano il nostro Paese: il svolta. E cioè che, a partire da
luppate e meno sviluppate, centri de l’impegno di della comunità, ma perché impe- fenomeno dell’abusivismo, i pro- questo problematico strumento
storici di grande valore e periferie istituzioni, imprese disce, di fatto, la realizzazione di blemi delle squallide periferie dei che è il Sisma Bonus, vi sia una
degradate, costruzioni regolari e e cittadini e non alcuni interventi sull’abitato che grandi centri urbani, la presenza presa di coscienza e una assun-
costruzioni abusive condonate. zione di responsabilità che
Un provvedimento che, contravve- può che passare smuova dall’ inerzia politici, ricer-
nendo al principio costituzionale attraverso la pia- catori, professionisti, impresari,
dell’eguaglianza dei cittadini, non nificazione territo- cittadini, e metta in moto delle
stabilisce limiti di censo, priorità, nuove energie sociali, che solle-
tempi e urgenze, che prescinde riale e urbanistica, citino e sostengano l’avvio di un
da una diagnosi delle sofferenze chiamando in causa serio processo di tutela e valo-
e che difficilmente potrà rendere Regioni, Province, rizzazione del patrimonio sto-
più resistenti le abitazioni e le bot- rico, architettonico, produttivo e
teghe dei cittadini più poveri delle Comuni e il Dipar- ambientale del nostro Paese.
zone a maggior rischio sismico timento della Prote-
del Paese. Un provvedimento, in zione Civile” — * ING. - GIà PROF. UNIVERSITà
sostanza, socialmente “non equo”. DI FIRENZE

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
11

IN RISPOSTA |

PERCHÉ IL MEGLIO È NEMICO DEL BENE


In questa “missiva”, il Vicepresidente del CNI offre il suo punto di vista sul Sisma Bonus, sul ruolo del CNI
al tavolo ministeriale e sull’auspicato traguardo di ampio respiro
di Giovanni Cardinale* criteri operativi della norma stessa. Modelli simili erano già stati sperimentati, per esempio, in
California, dove il ruolo delle assicurazioni è ben più ampio e proattivo e dove, una cultura molto
L’articolo della Professoressa Crespellani apre molte riflessioni e proietta il decreto sulla Classi- diversa dalla nostra, mette in campo anche valutazioni finalizzate a definire l’utilità di un inve-
ficazione del rischio sismico, più noto come Sisma Bonus, in un orizzonte, più ampio, stimento in relazione alla esposizione, al numero di vite potenzialmente
di natura socio-politica e anche etica. — “Per il CNI, il salvate, dando così un valore alla singola vita umana.
Personalmente, nel merito, ritengo tutte le osservazioni appropriate e d’altra parte Sisma Bonus è un Questo Paese deve crescere molto nel campo della prevenzione dai
non potrebbe essere diversamente atteso che, come l’articolo correttamente ricorda, rischi; deve farlo nella direzione di una diffusione della cultura della
il CNI, attraverso la Rete delle Professioni Tecniche, aveva già, ben prima del decreto, punto di partenza sicurezza, nella crescita culturale dei tecnici, nella sinergia tra politi-
messo a fuoco un piano generale di prevenzione dai rischi (sismico, idrogeologico per una strategia ca-ricerca-industria-professione e deve farlo, soprattutto, nel saper
etc.) che tendeva a inquadrare il problema nella sua complessità, nella necessità di ben più ampia già parlare correttamente di rischio e di sicurezza, riuscendo a coinvolgere
operare attraverso un ampio ventaglio di provvedimenti, attivando anche, in modo la società tutta nella declinazione sostenibile di questi termini. Può farlo
opportuno, la leva assicurativa. Il tema che ci siamo posti, quando siamo stati chia- da noi disegnata; aspettando di aver predisposto, prima, tutti i pezzi del puzzle per poi,
mati al tavolo ministeriale a scrivere, insieme ad altri, il decreto, tanto nei suoi alle- una strategia in cui finalmente, costruire il puzzle stesso; oppure, può farlo, iniziando ad
gati tecnici che nelle parti più squisitamente provvedimentali, era valutare se questo procedere, per dirla attivare processi virtuosi che conoscono i pericoli connessi ad abitudini
strumento fosse coerente con quell’impostazione generale, se potesse agevolare la a forzare/aggirare la legge, alla scarsità (qualità, quantità, tempestività,
crescita di una cultura della prevenzione sismica, se potesse costituire un punto di con Popper, per efficienza, competenza) del sistema di controllo, ma che possono essere
partenza valido e sostenibile. E ancora valutare se, l’idea che una legge finanziaria congetture e confu- attivati celermente ed essere comunque utili allo scopo. Far crescere la
aveva messo un campo, offrendo di agire sulla leva fiscale, fosse una opportunità tazioni” — cultura della prevenzione richiede anche, a mio avviso, di abbandonare
da cogliere e se fosse utile, oltre che possibile, coniugare l’attuazione di processi di la sfiducia, certo motivata, sul sistema e sui comportamenti dei singoli,
prevenzione con una ripresa dell’attività edilizia. in una sfida di fiducia che certo apre a una battaglia dall’esito incerto
La nostra risposta è stata positiva e, quindi, ci siamo assunti la responsabilità di ritenere questo che, però, secondo me, vale la pena di combattere.
passaggio come uno step molto importante di un processo certo più ampio e bisognoso di altre Voltaire diceva che “il meglio è nemico del bene”. Il concetto mi appare appropriato al tema
implementazioni. Lo abbiamo fatto per vari motivi tra i quali: discusso. Per il CNI, il Sisma Bonus è un punto di partenza per una strategia ben più ampia già
– l’utilità anche culturale di procedere a istituire un processo di classificazione del rischio da noi disegnata; una strategia in cui procedere, per dirla con Popper, per “congetture e con-
sismico; futazioni”, tenendo di buon conto tutti i contributi critici e, soprattutto, augurandosi di avere
– ricondurre questa azione, nel suo obbligo di motivare il raggiungimento di una riduzione del a fianco tutti gli studiosi che, come l’autorevole autrice dell’articolo, sanno mantenere vivo il
rischio sismico, al progetto delle strutture e agli attori tradizionali del processo (progettista, dubbio e la necessità di costruire, anche su questo, la strada migliore verso il traguardo.
direttore dei lavori, collaudatore);
– legare la classificazione alle norme tecniche in modo da esserne organica alla filosofia e ai * Vicepresidente CNI

GIURISPRUDENZA | SENTENZA DEL TRIBUNALE DI LUCCA 6.12.2017 spese di lite sarebbero state a carico

La rifusione delle spese legali


dell’appaltatrice soccombente nel
giudizio principale, in ragione dell’in-
fondatezza della domanda principale

nel contenzioso giudiziale


che aveva causato la chiamata.
In conclusione, prima di chiamare in
causa un soggetto dal quale essere
pagnia assicuratrice sono rimaste a manlevati, è opportuno valutare
LA CHIAMATA IN GARANZIA DELL’ASSICURAZIONE: carico della chiamata D.L. poiché la in concreto ed ex ante la probabi-
domanda di garanzia è stata ritenuta lità di accoglimento della domanda
QUANDO PUÒ COSTARE CARA (ANCHE SE SI HA RAGIONE)
infondata in ragione della non ope- in garanzia e soppesarne il rap-
di Antonella Giraudi* causa, a garanzia per il caso di soc- terza chiamata D.L. (per 7.722 euro), ratività della polizza. In altri termini, porto costi/benefici, in raffronto alle
combenza, la D.L. e quest’ultima, a ma pone a carico di quest’ultima è stata considerata non fondata la domande principali. Ma, ancor prima,
È stata segnalata alla Redazione una propria volta, la compagnia di assi- le spese per la chiamata in causa domanda in garanzia perché, anche in sede di sottoscrizione del contratto
sentenza di merito (Tribunale di Lucca curazione, la quale eccepisce l’ino- dell’assicurazione (per 15.000 euro). se fosse stata accolta la domanda di assicurazione, è opportuno verificare
6.12.2017) che fornisce l’occasione, nel peratività della polizza. In linea generale, le spese di lite principale, quella in garanzia non che le condizioni di copertura della
commentarla brevemente, di riepi- All’esito del giudizio, Il Giudice vanno regolate in base al principio poteva esserlo dal momento che polizza professionale siano complete e
logare alcuni principi di interesse revoca il decreto ingiuntivo opposto della soccombenza (art. 91 c.p.c.) e l’assicurazione non offriva coper- idonee rispetto all’attività svolta.
generale nell’ambito del contenzioso e condanna l’impresa appaltatrice quelle per la chiamata in garanzia tura nel caso specifico. Per contro,
giudiziale che il professionista (pro- alla restituzione delle somme per- non si sottraggono a tale regola. se la polizza fosse stata operante, le * AVVOCATO IN MILANO
gettista o direttore dei lavori) si trova cepite in eccesso a favore dei com- Nell’ipotesi di chiamate in
ad affrontare, in questo caso con par- mittenti, ma non in conseguenza garanzia “a catena” (tipiche nei
ticolare riguardo al tema della rifu- dell’esistenza di vizi e difetti, perché contenziosi committenti-appaltato- INDUSTRIA 4.0 |
sione delle spese legali per le parti per questi ultimi, quantificati dal ri-progettisti-D.L. e relative assicura-
chiamate in garanzia. CTU nel modesto importo di euro zioni) l’applicazione di tale principio
Precisazioni sui tempi dell’interconnessione
Accade con frequenza che il D.L. e/o 2.400, il Giudice ritiene comunque può determinare delle conseguenze In merito all’articolo su attività peritali Industria 4.0, l’Ing. Paolo Giano-
il progettista vengano chiamati in tardiva la denuncia. Per conse- pesanti per la parte soccombente, glio di ICIM ha scritto alla Redazione sottolineando che non esiste un
causa dal committente o dall’appal- guenza, viene accertata l’infonda- che si ritrova a corrispondere le limite temporale entro il quale devono essere effettuate l’interconnes-
tatore e che, a loro volta, chiamino tezza della domanda di garanzia spese di tante parti chiamate in sione e la perizia, e non vi sono rischi di perdita del beneficio fiscale se
in causa la compagnia di assicura- proposta dall’appaltatrice nei con- causa, anche non da lei diretta- l’interconnessione interviene in periodi fiscali successivi al periodo di
zione per essere garantiti e manlevati fronti della D.L. (in quanto per l’ap- mente (vi sono ricorrentemente dei acquisizione del bene. La circolare 4/E del 30/3/2017, alle pagine 66 e 67,
nell’eventualità in cui sia accertata punto la restituzione non dipendeva casi emblematici di eco mediatico). specifica in modo chiaro e inequivocabile che il beneficio dell’iperam-
una loro responsabilità. da vizi o difetti in ipotesi da ricon- Le spese dei chiamati in garanzia mortamento spetta – per gli investimenti conformi effettuati entro il
La fattispecie oggetto della decisione dursi a responsabilità o correspon- vanno infatti poste a carico della 31/12/2018 (o sotto determinate condizioni entro il 31/12/2019) – solo
in commento, emessa dal Tribunale sabilità della D.L.). Ma al contempo il parte soccombente del giudizio dopo l’avvenuta interconnessione. Tale interconnessione non deve
di Lucca, concerne il classico con- Giudice dichiara infondata anche la principale in quanto responsabile, avvenire entro tempi prestabiliti. La relazione illustrativa al disegno
tenzioso tra committente e appal- domanda di garanzia proposta dalla anche se non direttamente ma indi- di legge di bilancio 2017 precisa che il “ritardo” nell’interconnessione
tatore per il saldo del corrispettivo D.L. nei confronti della compagnia rettamente, delle varie chiamate in (conseguente, ad esempio, alla complessità dell’investimento) non è di
delle opere realizzate, da un lato, e assicuratrice, accogliendo l’ecce- garanzia. ostacolo alla completa fruizione dell’iperammortamento, ma produce
l’esistenza di vizi e difetti e la con- zione di inoperatività della polizza Ma tale principio non si applica se un semplice slittamento del momento dal quale si può iniziare a godere
seguente richiesta di riduzione del (per quanto è dato comprendere l’iniziativa della chiamata in causa del beneficio.
prezzo, dall’altro. dalla scarna motivazione sul punto, sia ritenuta palesemente arbitraria
L’impresa appaltatrice ottiene un ai termini di polizza sarebbero stati (Cass. 28510/2018; Cass. 7431/2012; A domanda risposta
decreto ingiuntivo che viene opposto esclusi dalla copertura i danni alle Corte Appello Milano 2818/2015). In Questa la risposta dell’ing. Mario Ascari, Presidente del C3I
dai committenti sul presupposto di opere in costruzione e quelli deri- questo caso le spese rimangono a “Il problema non è l’interconnessione ma la l’investimento che, stante
aver già corrisposto un importo ecce- vanti da vizi di costruzione). Rego- carico della parte che ha effettuato alle disposizioni attuali, deve essere effettuato entro il 31/12/2018 (o
dente il dovuto (per l’applicazione lando le spese in base al principio la chiamata, anche se vincitrice entro il 31/12/2019 se pagata il 20%). La mancata interconnessione
errata dell’IVA al 10% anziché al 4%) di soccombenza, il magistrato pone nell’ambito del giudizio principale. non è di ostacolo alla fruizione (futura…) dell’iper-ammortamento che
e per l’esistenza di vizi e difetti nelle a carico dell’impresa appaltatrice È quanto avvenuto nel caso della tuttavia, slittando in avanti, non consente alle aziende di portare in
opere realizzate. le spese di lite sia dei committenti sentenza in commento del Tribunale iper-ammortamento l’investimento nel 2018”.
L’appaltatrice opposta chiama in (per oltre 21.000 euro) che della di Lucca: le spese di lite della com-

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
EVENTI AMBIENTE E TERRITORIO | CAMBIAMENTI MORFOLOGICI Un documento
d’intesa per la difesa
delle coste italiane
Le Linee guida nazionali per la dif-
esa e il riequilibrio della costa è un
protocollo d’intesa sottoscritto dal
MATTM (Ministero dell’Ambiente e
della Tutela del Territorio e del Mare)
con tutte le 15 Regioni rivierasche
italiane con il coordinamento di
ISPRA.
Con questo documento è stato is-
tituito il “Tavolo Nazionale sull’Ero-
sione Costiera che ha contribuito a
inquadrare e affrontare la problem-
atica del fenomeno dell’erosione in
forma coordinata e integrata indi-
viduando procedure comuni per una
corretta e sostenibile gestione della
fascia costiera a livello nazionale”.
«Lo sforzo tra Ministero e tutte le
Regioni costiere è stato fatto per
trovare una soluzione condivisa al
problema dell’erosione costiera,
mettendo a fattor comune i dati che
le varie Regioni hanno raccolto in
questi anni di monitoraggi di verifica

La seria minaccia
dello stato della costa», spiega il
geologo Luigi Cipriani Funzionario
del Genio Civile Valdarno Inferiore e
Costa - Regione Toscana.

per i litorali italiani Formalizzato nell’aprile 2016, il Tavo-


lo Nazionale prevede che il Ministero
dell’Ambiente indirizzi le attività
verso proposte di azioni omoge-
Congresso di aggiornamento sulla “Gestione dell’Erosione costiera”, un tema molto nee di tutela e di intervento che si
delicato che tocca particolarmente il nostro Paese, caratterizzato da uno sviluppo concretizzeranno nella definizione
di indirizzi generali e criteri che
complessivo di 7.456 chilometri di coste diventeranno il riferimento norma-
tivo e operativo nella pianificazione
della difesa della costa e nella
di Fabio Chiavieri degli Ordini degli Ingegneri della EROSIONE COSTIERA: strada si vuole intraprendere
programmazione degli interventi da
Toscana, Ordine degli Ingegneri COME AFFRONTARLA contro questo problema, come ha
realizzare.
La linea di costa è fortemente della Provincia di Livorno con il La difesa dall’erosione richiede spiegato il professore Enzo Pran-
La prima versione delle Linee Guida
interessata da fenomeni erosivi patrocinio del CNI è stato quello interventi mirati che non impat- zini dell’Università degli Studi di
è stata pubblicata nell’aprile 2017 a
che ne causano l’arretramento di condividere le conoscenze tino negativamente, nel lungo Firenze – Scienze delle Terra.
cui è seguita una fase di collaborazi-
o l’avanzamento. Il mutamento acquisite in questo ramo dell’ i- termine, sull’ambiente. Per «Il 42% delle spiagge italiane
one, verifica, investigazione del doc-
meteoclimatico è certamente draulica, nonché aumentare la questo oggi esiste una vasta casi- è in erosione e in questa cifra
umento che ha portato alla seconda
la prima causa di questi feno- diffusione delle informazioni e stica di operazioni già effettuate non sono calcolati tutti i tratti di
versione di recente uscita.
meni ma, localmente, l’ inter- la sensibilizzazione su queste che costituisce una base pratica costa che sarebbero in erosione
Il metodo di lavoro del Tavolo Nazi-
vento dell’uomo ha influenzato tematiche. All’evento sono inter- per affrontare situazioni simili se non fossero difesi, perché cia-
onale si è sviluppato secondo una
in maniera significativa il cambia- venuti autorevoli esponenti del senza incorrere magari negli scuna regione fa analisi in modo
sequenza logico-operativa caratter-
mento morfologico delle coste. mondo accademico, degli Isti- stessi errori. Ma ciò chiaramente diverso. Ora ci sono le Linee Guida
izzata da quattro aree tematiche:
Basti pensare al mancato apporto tuti di Ricerca, rappresentanti non basta. Occorre approcciare prodotte dal tavolo delle regioni
- Stato dell’arte, Dinamica dei Litora-
di sedimenti verso costa causato del Genio Civile Valdarno Infe- il problema sempre in modo oli- con il Ministero dell’Ambiente
li e Fabbisogni
dagli interventi nei bacini idro- riore e Costa - Regione Toscana stico tenendo conto degli aspetti proprio per uniformare i metodi
- Opere e Interventi di Difesa
grafici (quali sbarramenti fluviali, e del Genio Civile Toscana Nord geologici e di modelli matema- di analisi dell’erosione costiera
- Risorsa Sedimenti
regimazioni idrauliche, estrazioni e Genio Civile Toscana Sud – tici. Tuttavia, deve essere molto e dare indizi sugli interventi da
- Normative di riferimento
di materiali alluvionali); all’ur- Regione Toscana. chiara a livello nazionale quale svolgere. Tutti i processi che
I lavori sulle quattro aree tematiche
banistica costiera; ai sedimenti
tecniche sono state coordinate
intercettati dalle opere portuali
rispettivamente dalle Regioni
e di difesa. Queste ultime rappre-
Toscana, Calabria, Lazio e Marche,
sentano un ostacolo al naturale
mentre la Regione Emilia Romagna
scorrere delle correnti e delle
ha coordinato i lavori per la redazi-
onde, causando esiti di vario tipo
one delle Linee Guida nazionali. Le
che si ripercuotono su tratti di
Regioni coordinatrici hanno comun-
coste non interessate dall’opera
que operato in collaborazione con
di protezione, peggiorando o
le altre Regioni costiere, il mondo
innescando nuove erosioni.
accademico e i centri di ricerca, at-
Negli ultimi anni sono stati stan-
traverso la condivisione di contributi
ziati notevoli capitali, soprat-
specifici.
tutto a livello Regionale, per gli
interventi di difesa della costa
Per ulteriori dettagli:
dall’azione erosiva delle correnti
http://www.isprambiente.gov.it
marine. Provvedimenti regola-
mentati da “Linee guida nazio-
nali per la difesa e il riequilibrio
della costa” che hanno richiesto
parallelamente un forte sviluppo
dell’ ingegneria costiera che tenga
conto di elementi conoscitivi e
previsionali tipici della model-
listica idrodinamica. Questo per
progettare sistemi di difesa più
accurati lungo l’ intero tratto di — La difesa dall’erosione richiede interventi mirati che non impatti-
litorale in esame. no negativamente, nel lungo termine, sull’ambiente —
Lo scopo del seminario “Gestione
dell’Erosione costiera” organiz-
zato dalla Federazione Regionale

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
13

causano erosione, dai fenomeni mente. Con i rifacimenti arti-


naturali come l’ innalzamento — Occorre considerare il valore della costa per evitare di erigere ficiali le cose non sono andate
del livello del mare a interventi difese che col tempo possono costare più del valore stesso del litorale come si sperava; alcuni non sono
antropici, non sono legati da stati accettati dalle popolazioni,
feed-back, il che significa che se
protetto — ma soprattutto anche i progetti-
la spiaggia è in erosione non può sti hanno perso fiducia in queste
mandare un messaggio all’ indie- con questi sistemi il problema proteggere la costa, tanto da sappiamo che l’erosione costiera soluzioni.
tro alla montagna o al fiume o non viene risolto totalmente dover ricorrere anche recente- è determinata da fattori locali,
ai boschi. Ciò vuol dire che una perché spostano il problema mente alla riduzione delle opere quindi l’eliminazione delle cause MONITORARE PER
spiaggia non può essere in equili- dell’erosione su un altro tratto emerse. Il risultato ha dimo- deve essere parte integrante INTERVENIRE EFFICACEMENTE
brio, può avere una tendenza evo- di costa non protetto. Queste strato che, pur abbassando le della strategia. In particolare, si Per capire come agire in futuro
lutiva lenta od oscillare attorno a opere di difesa, in particolare opere di difesa, la situazione potrebbe fare molto sulla subsi- si devono fare delle previsioni
certe posizioni, ma non sarà mai quelle parallele, non solo hanno sulla costa è migliorata. A fronte denza: per esempio alcune dighe basate sui monitoraggi; inol-
stabile. Nelle attività che ven- tolto valore alle zone costiere di questa situazione viene da sono piene di sedimenti che tre c’è l’ incertezza sull’ innalza-
gono fatte abbiamo dei fattori ma hanno anche reso più peri- porsi la domanda: ci difendiamo, potrebbero essere lentamente mento del livello del mare: in
positivi che contribuiscono alla colosa la balneazione. Inoltre, abbassiamo le strutture oppure portate al mare» spiega Enzo questo ambito ci sono diversi
produzione di sedimenti come la protezione di una zona la si arretriamo? In realtà la scelta Pranzini. scenari possibili. Il problema
l’agricoltura, gli argini fluviali fa spesso a scapito di spiagge strategica più corretta non è Dal 1970 al 2015 la lunghezza delle Amministrazioni quindi è
ecc. Ma ci sono anche fattori adiacenti. Ricordo che il turismo detto sia univoca, ma si potreb- delle difese costiere è aumen- quello di dover prendere delle
negativi come urbanizzazioni, balneare non è solo spiaggia, ma bero considerare delle soluzioni tata (circa 1200 km) e conseguen- decisioni in condizioni di forti
dighe, escavazioni e, sulla costa, coinvolge tutto l’ indotto quale il intermedie. temente sono aumentati anche i incertezze e scegliere uno sce-
tutto ciò che aumenta la subsi- commercio, la ristorazione ecc.». «Oltre a queste strategie biso- costi, ma i tratti di erosione sono nario possibile perché da esso
denza come estrazione di acqua Negli anni sono state costru- gnerebbe inserire un quarto cresciuti anch’essi. dipende l’effetto che si avrà nel
o gas ecc.». ite varie difese con conoscenze elemento fondamentale rappre- Questo dato ha due significati tempo; occorre anche consi-
In Italia il problema dell’erosione spesso limitate a causa dello sentato dall’eliminazione delle entrambi corretti: più ci difen- derare il valore della costa per
costiera si diffonde da nord a scarso monitoraggio, proce- cause. A parte l’ innalzamento diamo e più creiamo erosione; evitare di erigere difese che
sud seguendo quello che è stato dendo spesso per tentativi e del livello del mare dove si può nonostante gli sforzi economici, col tempo possono costare più
l’andamento dello sviluppo arrivando, in certi casi, a sovra fare ben poco a livello statale, l’erosione corre troppo veloce- del valore stesso del litorale
socio-economico. Basti pensare protetto. La più lunga difesa
all’espansione della rete ferro- — Più aumenta l’erosione, più si amplificano la consapevolezza al mondo si trova sul delta del
viaria, che proprio nel Sud Italia del problema e l’accettazione delle soluzioni che, altrimenti, la Fiume Giallo, ma la sua realizza-
interessa lunghi tratti di costa, zione è giustificata perché lì si
o alla progressiva costruzione popolazione non avrebbe accettato — trova la seconda risorsa petro-
delle dighe iniziata sempre al lifera della Cina. In questo caso,
nord e proseguita verso il meri- quindi, il valore non è rappre-
dione. Non a caso, infatti, molte sentato dalla spiaggia.
zone costiere del sud hanno ini- Oggi si sa qual è il valore delle
ziato a sviluppare erosione pro- nostre spiagge ma non si può
prio a causa della realizzazione sapere con certezza il valore
delle dighe che intrappolano il nel futuro. Sulle scelte biso-
materiale utile alla sedimenta- gna considerare la reazione
zione. della popolazione. È chiaro che
In altri termini, la storia dell’e- più aumenta l’erosione, più
rosione costiera è in realtà la aumenta la consapevolezza del
storia dell’evoluzione di un ter- problema, più aumenta l’accet-
ritorio. tazione delle soluzioni che altri-
Dice Enzo Pranzini: «A un certo menti non avrebbe accettato.
punto abbiamo iniziato a colo- Questo aspetto è molto impor-
nizzare le coste e a costruire tante perché l’accettazione delle
centri abitati e zone industriali soluzioni incide sui costi: rea-
proprio in quei tratti dove stava lizzazioni che oggi non sareb-
cominciando a manifestarsi l’e- bero accettate, sebbene più
rosione. Inizialmente l’ interesse economiche, nel lungo periodo
era quello di difendere le città, potrebbero essere più facil-
poi con lo sviluppo del turismo mente imposte. E la gestione
balneare l’attenzione si è spo- delle coste richiede proprio una
stata sulla difesa delle spiagge visione a lungo termine.
per evitare di perderle. I “pen-
nelli”, per esempio, tratten- Per il programma completo del
gono la sabbia e dinamizzano le seminario e la richiesta degli
spiagge sotto flutto, ma anche atti: http://www.ording.li.it/

SPEAKing

Max L’amica sgranò gli occhi. Due ingegneri vittime di un crollo inatteso, imprevedibile, ennesi-
di Antonello Pellegrino mo.
• Vuoi un passaggio a casa? Gli si avvicinarono silenziosamente. Non sedettero anche se c’era posto sulla panca, so-
• Dopo, prima accompagnami a Castelletto. stando di fianco all’uomo magro dal profilo aquilino.
• Che ci vai a fare? È quasi buio! E c’è pioggia in arrivo. • Ciao Max.
• Ci metto un attimo. Ma prima ferma qui, al volo. Due minuti. La giovane gli posò di fianco la rosa dal colore chiaro, di un rosa da rosa eterea. L’uomo
La giovane donna abbassò il finestrino e accese una sigaretta. Non ce la faceva a smettere, non diede cenno di averla vista, o di capire che c’era qualcuno a condividere la sua soli-
come non riusciva a scontentare l’amica che vide uscire di corsa dal negozio di fiori, imper- tudine. Comunque non trovavano nulla da dire, niente che potesse farsi strada nelle gole
meabile svolazzante e un involto di cellofan, stagnola, intenso profumo stretto in mano. serrate. Tornarono all’auto, ognuna persa nei suoi pensieri.
Arrivarono alla Spianata con gli ultimi raggi di sole. Un uomo sedeva solitario e guardava • Ma come è stato possibile? In piena allerta meteo, come gli è saltato in testa di salire sul
il mare grigio e lontano, indifferente a tetti e gabbiani oltre la ringhiera. ponteggio a controllare un muraglione?
• È lui. Max. • Max era fatto così. Pensato, deciso, fatto. Nessuno sa cosa sia successo, a parte lui, che
• Il collega di cui parlavi? Ma è del nostro corso? dall’istante in cui uscì dal coma è rimasto muto, perso in un mondo tutto suo come se
• Più o meno. avesse capito, prima che glielo dicessero, che sua moglie non ce l’aveva fatta. Ha deciso
• Di cognome come fa? di tenere chiuso nel profondo il suo segreto, chi avesse convinto l’altro a rischiare, e ha
• Max non è il suo vero nome. Lo chiamavamo così in facoltà, come il brano di Paolo Conte, smesso di comunicare.
hai presente? Era sempre tranquillo, lucido, per lui tutto era facile e semplice. Uno così. • Oggi è l’anniversario, vero? Per quello la rosa.
• Avevate una storia? • Ogni anno spero serva a scuoterlo, ma non lo so più. Non so più nulla. Forse lo faccio per
Un triste, fugace sorriso. me, per noi, prima ancora che per lui.
• No, stava con una collega. Una cara amica, appena trovato un lavoro decente si sposaro- L’uomo continuava a fissare l’orizzonte lontano, indifferente al tramonto. Un tuono da
no. ponente lo scosse e istintivamente afferrò la panca. Sentì qualcosa sotto la mano e strinse,
• E ora? strinse il gambo fasciato nei ricordi fino a quando una spina lo raggiunse e una goccia
• Ricordi il disastro di Staglieno, anni fa? Il ponteggio che venne giù quel maledetto inverno? rubino scese, silenziosa, a colorare il buio.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
a cura della Redazione e Roberto Di Sanzo

TERRITORIO CUNEO | INTERVISTA

“L’ingegneria per uscire


dall’emergenza”
Sergio Sordo, Presidente dell’Ordine di Cuneo: “d’accordo con Zambrano, c’è bisogno di competenze
specifiche per mettere in atto conoscenze necessarie per aiutare il Paese”

“N
on esistono colle- che non esistono più le ‘riserve sinergie sempre più positive Paese ha tanti professionisti
ghi donne o uomi- indiane’: tutti gli ingegneri devono con la Federazione e il Consiglio preparati e competenti che pos-
ni, professionisti avere pari dignità, essere valu- Nazionale degli Ingegneri, oltre sono dare tanto all’Italia. Spero
giovani e anziani. tati solo in base alle loro com- che con le associazioni locali e che chi ci governa se ne renda
Non si può pensare di dividere petenze, alla professionalità e ai le forze economiche e sociali conto: un’occasione da sfruttare
e giudicare il nostro settore per risultati ottenuti in ambito lavo- del cuneese. Insomma, stiamo al volo”.
compartimenti stagni. Esiste l’In- rativo. Se all’Ordine si presenta acquisendo maggior autorevo-
gegneria, quella con la I maiusco- una collega donna devo guar- lezza, questo me lo conceda”. Quindi lei è d’accordo con il pre-
la; da qui si deve partire per po- darla con occhi diversi rispetto a sidente Zambrano quando, a
ter avere una visione propositiva un uomo? E un ingegnere giovane Le ultime pubblicazioni rac- proposito del maltempo e del
e futuristica della nostra attività.” va valutato diversamente da un contano di un quadro davvero dissesto idrogeologico, ha detto
Parole e musica di Sergio Sordo, anziano? Per me sono tutti uguali positivo per l’ ingegneria, con che non servono solo le risorse
presidente dell’Ordine degli In- e dovrebbe essere così per tutti. un tasso di occupazione molto economiche ma anche e soprat-
gegneri della provincia di Cuneo, Tra l’altro, è un modo di agire che elevato. Insomma, l’ ingegneria è tutto le competenze?
Sergio Sordo, Presidente dell’Ordine
in sella dall’agosto del 2017 e con si ispira al rispetto verso gli altri. davvero l’Eden? “E come dargli torto? I finanzia-
una lunga carriera nell’establish- Non abbiamo più le Commissioni mi piacerebbe definire l’Ordine “Guardi, io ho tre figli: una figlia menti servono sempre ma vanno
ment, visto che precedentemente Giovani e Pari Opportunità? Ana- la Casa degli ingegneri del terri- già ingegnere, un figlio che si sta spesi bene e con oculatezza,
ha ricoperto il ruolo di Consiglie- cronistiche, tutti i colleghi sono torio: io credo molto nei rapporti laureando in ingegneria e l’altro senza sprecare neanche un euro.
re dell’Ordine piemontese. impiegati, a prescindere dal interpersonali e sto basando il in architettura. La mia famiglia Le dico solo una cosa: qui a Cuneo
sesso e dall’età, nelle varie com- mio mandato proprio su questo ha quindi investito notevol- nel ’94 ci fu una violenta allu-
Una precisazione dovuta dopo ponenti ordinistiche”. presupposto. Il Consiglio è molto mente in questo settore e sono vione con frane ed esondazioni.
le polemiche che nei mesi scorsi unito, consideriamo l’Ordine convinto che l’ ingegneria rap- Una devastazione. Ebbene, molto
avevano coinvolto l’Ordine, in Una linea di indirizzo che guida la un’opportunità per tutti i colleghi presenti un’opportunità ecce- è stato fatto, tanto c’è ancora da
seguito allo scioglimento delle sua presidenza, dunque: è possi- e non solo una sorta di cassa per zionale per realizzarsi e avere fare per mettere in sicurezza un
Commissioni Giovani e Pari bile tracciare un bilancio, seppur riscuotere la tassa d’ iscrizione un futuro importante nella vita. territorio di per sé fragile. Ecco
Opportunità… parziale, dei primi quindici mesi annuale. In più, stiamo cercando E non si tratta di una questione perché c’è bisogno di competenze
“Intanto è giusto fare una pre- da “numero uno” dell’Ordine di di aprirci all’esterno, coltivando personale, badi bene: il nostro specifiche e già pronte, che pos-
cisazione: ogni decisione che Cuneo? sano mettere in atto quelle cono-
assume il Presidente è condivisa “Un periodo lungo, difficile ma scenze necessarie per aiutare il
dall’ intero Consiglio e quindi entusiasmante. Mi sono buttato
— “Tutti i colleghi sono impiegati, a prescin- Paese a uscire dall’emergenza. In
non deriva mai dalla scelta del anima e corpo in questa avven- dere dal sesso e dall’età, nelle varie compo- questo senso, gli ingegneri hanno
singolo. Se si comprende questo tura e sto dando tutto me stesso. nenti ordinistiche” — tutte le carte in regole per recitare
passaggio, si può anche capire Se dovessi coniare uno slogan, un ruolo da protagonisti”.

TORINO | PER NON DIMENTICARE

Il contributo dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Torino


alla mostra sulla Shoah “Ricordi Futuri 4.0”
Esposti, a Milano, importanti documenti dell’indagine sulle leggi razziali promossa dall’Ordine
di Daniele Milano documentazione di notevole valore zione razziale (legge 24 giugno 1939,

F
storico per far conoscere e per non n. 1054); 10 i “discriminati” e inseri-
urono 6 gli ingegneri iscritti dimenticare l’infamia commessa a ti in un “elenco speciale” sino alla
all’Ordine torinese deportati danno degli ingegneri torinesi. A se- definitiva epurazione dall’Albo; 14
e assassinati nei lager nazisti guito dell’applicazione della legisla- gli altri casi collegati (quanti riusci-
perché considerati “di razza zione antiebraica introdotta in Italia rono a scampare alle leggi razziali,
ebraica”: questo è il dato più dram- dal regime fascista a partire dal 1938, chi fuggì o ebbe familiari deportati
matico emerso dalla ricerca, relativa in tutto il Paese gli ingegneri di ori- nei campi di sterminio). L’esposizio-
alle leggi razziali fasciste del 1938, gine ebraica subirono, infatti, l’espul- ne Ricordi Futuri 4.0, curata da Er-
condotta dall’Istituto piemontese per sione “per via amministrativa” dagli manno Tedeschi, comprende opere
la storia della Resistenza e della so- Ordini (a loro volta già colpiti nella d’arte figurativa, installazioni multi-
cietà contemporanea “Giorgio Agosti” propria autonomia e inglobati d’au- mediali, fotografie, documenti (tra i
all’interno dell’Archivio dell’Ordine torità all’interno del sindacalismo di quali la corrispondenza estrapolata
degli Ingegneri della Provincia di To- regime). Dopo l’8 settembre 1943 e dai materiali presenti presso l’Ar-
rino. Parte di questa importante do- l’occupazione della Nazione da parte chivio dell’Ordine degli Ingegneri
cumentazione è esposta nell’ambito delle truppe tedesche, molti di essi torinese) e videointerviste. Allestita
della mostra Ricordi Futuri 4.0. Cosa e dei loro familiari furono costretti a per la prima volta a Milano in oc-
c’è in fondo al binario, allestita pres- nascondersi o a fuggire per sottrarsi casione dell’80° anniversario della
so il Memoriale della Shoah di Mila- a una nuova fase di persecuzioni che, promulgazione delle Leggi Razziali,
no (Piazza Edmond J. Safra, 1) sino al con la piena e attiva partecipazione la mostra intende raccontare, in un
3 febbraio 2019. Nel 2016 il Consiglio delle autorità fasciste della neonata momento storico così delicato in
dell’Ordine ha affidato a un team di Repubblica Sociale, andava ormai a tema di discriminazioni, l’impor-
ricercatori dell’ “Istoreto” il riordino minacciarne la vita stessa: una par- tanza del ricordo e della sua at-
scientifico di un’importante serie do- te di essi fu poi deportata e trovò tualizzazione, al fine di rielaborare
cumentale presente all’interno del la morte nei campi di sterminio del criticamente ciò che è stato, per una
proprio Archivio, quella dei cosiddetti Terzo Reich. Dai fascicoli dell’Ordine lettura consapevole di ciò che è e di
“Fascicoli personali chiusi”, costitu- sabaudo schedati si evincono altri ciò che sarà.
ita da alcune migliaia di documenti tristissimi dati: 30 gli ingegneri sot- Per ulteriori informazioni è possibile
intestati a ingegneri iscritti all’Ordi- toposti a immediata cancellazione consultare il sito www.memoriale-
ne a partire dal 1926. Si tratta di una Un documento appartenente all’Archivio dell’Ordine torinese, esposto alla mostra dall’Albo nel 1940 in base alla legisla- shoah.it .

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
15

TERRITORIO L’AQUILA | TERREMOTO Numeri di una


tragedia
Un sisma devastante. 309 vittime,

Il vero sisma è quella ricostruzione


oltre 1.600 feriti e più di 10 miliardi
di euro di danni stimati. Una serie di
scosse telluriche iniziate nel dicem-
bre 2008 e terminate nel 2012, con

rimasta a metà
epicentri nell’intera città aquilana,
dalla bassa Valle dell’Aterno, ai Monti
della Laga fino ai Monti dell’Alto
Aterno. Il 6 aprile 2009 la violenta
“Lentezze burocratiche e ritardi imperdonabili. Una situazione drammatica.” scossa: ore 3.32, 6,3 di magnitudo
Il grido d’allarme di Pierluigi De Amicis, presidente dell’Ordine abruzzese (5,8 o 5,9 sulla scala locale); l’epi-

U
centro il Colle Miruci, compreso tra
no stallo angosciante e — “La provoca- le frazioni di Roio Colle, Genzano e
dal quale, almeno per ora, Collefracido.
non si vede via d’uscita. È zione dall’Ordine:
questa la situazione che unica soluzione per
si sta vivendo in questo periodo a accelerare i tempi definire lo “stato dell’arte” del
L’Aquila. Il capoluogo abruzzese e post sisma nella sua città e nei
i Comuni del territorio e colpiti dal sarebbe commissa- Comuni limitrofi: “il commissa-
terremoto non certo troppo tem- riare L’Aquila e la riamento è la cosa peggiore che
po fa ma che pare, all’improvviso, sua provincia, così ci possa essere, lo so. Ma almeno
che siano “scomparsi” dai radar dei così facendo potrei far ritornare
media, dell’opinione pubblica e – a avremmo qualcu- l’attenzione dell’opinione pub-
detta dei professionisti e delle as- no che si prende blica e della politica sulle diffi-
sociazioni di categoria locali – delle la responsabilità coltà che stiamo vivendo. Lo sa
agende della politica italiana. La ri- che abbiamo soldi in cassa per far
costruzione non va avanti, tutto si è di apporre le firme lavorare i cantieri e gli aquilani ma
arenato e sul banco degli imputati, sui documenti e far non ce li fanno spendere proprio
ancora una volta male incurabile ripartire la ricostru- perché non vi è un dirigente in
del Bel Paese, sale la burocrazia e grado di prendere una decisione?
le lentezze croniche nell’evadere Foto dell’aprile 2017, provincia de L’Aquila
zione” — Situazione che definire kafkiana è
le pratiche. A sentenziarlo è il pre- poco”.
sidente dell’Ordine degli Ingegneri mergenza, visto che a L’Aquila ci
ministro per la Coesione territo- nonostante i nostri solleciti, non Siamo di fronte a un lavoro fatto
dell’Aquila, Pierluigi De Amicis, in sono i M.A.P. (Moduli Abitativi Prov-
riale, Fabrizio Barca, ha prodotto è stata presa nessuna decisione. a metà, con oltre 600 cantieri
carica da febbraio 2018 e che ne- visori), mentre ad Amatrice ecco i
uno “sdoppiamento” degli uffici Nulla si sa dell’esito del bando; che stanno operando tra mille
gli ultimi tempi ha preso più volte S.E.A. (Strutture Abitative d’Emer-
preposti al raccoglimento delle secondo le indiscrezioni se tutto difficoltà, con migliaia di operai
posizioni piuttosto nette e dure per genza). istanze per la ricostruzione. “Uno andrà bene, visto che le procedure e famiglie che non sanno quale
stigmatizzare una situazione “dav- “Con l’evidente conseguenza che i
per L’Aquila e uno per i Comuni sono lunghe, potremo avere i nuovi sarà il loro futuro: “a L’Aquila la
vero incredibile”, come lui stesso la contributi per la ricostruzione arri-
del cratere”, specifica il pre- titolari degli uffici solo fra sei ricostruzione è al 50% in centro,
definisce. vano in tempi biblici, senza unifor-
sidente abruzzese; “il 31 mesi. Una vera follia. Qui fra appena iniziata nelle zone peri-
Sembra davvero passato un secolo, mità nella compilazione dei moduli
dicembre dell’anno in poco tutto si bloccherà e si feriche e molto indietro nei paesi
ma non di certo per gli abruzzesi, e senza una procedura univoca in
corso scadrà il mandato fermeranno i cantieri, con del cratere. E parlo del privato. Per
che ancora vivono sulla loro pelle tutta Italia”, continua De Amicis.
dei titolari dei due uffici, tutto ciò che ne conse- quanto concerne il pubblico, non
le ferite profonde di una tragedia E il superamento del “Decretoa nomina governativa. Lo guirà per il lavoro, l’econo- ci sono notizie certe, anche se la
deflagrante. E oltre al dolore di aver Barca”, il maxiemendamento per
scorso maggio è stato mia locale e l’indotto”. E maggior parte degli enti pubblici,
perso tutto, molti dei parenti, altri pubblicato il bando per Pierluigi De Amicis, allora, ecco arrivare la
la ricostruzione datato 2012 con- compreso il Comune dell’Aquila,
le loro attività, ecco la beffa di una l’assunzione dei nuovi Presidente dell’Ordine provocazione dell’Or-
tenente il pacchetto di misure per è in affitto in immobili privati. Se
ricostruzione che più lenta non si L’Aquila e il “cratere” proposte dal
responsabili ma ad oggi, dine degli Ingegneri: tutto ciò vi sembra normale…”.
può. “Eppure, inizialmente le cose “l’unica soluzione per accelerare Un grido di dolore, quello dell’in-
stavano andando bene, poi verso — “Inizialmente le cose stavano andando i tempi sarebbe commissariare gegner De Amicis, che non vuole
la fine del 2012 la burocrazia si è bene, poi verso la fine del 2012 la burocra- L’Aquila e la sua provincia, così rimanere inascoltato.
impossessata di nuovo delle nostre avremmo qualcuno che si prende “Non vogliamo assistenzialismo,
vite e oggi ci troviamo di fronte a
zia si è impossessata di nuovo delle nostre la responsabilità di apporre le soldi o compassione. Siamo abi-
una vera e propria aberrazione”, vite e oggi ci troviamo di fronte a una vera e firme sui documenti e far ripar- tuati a rimboccarci le maniche e
spiega il presidente De Amicis. In propria aberrazione” — tire la ricostruzione”. Pierluigi De lavorare: ce lo devono permettere
Italia manca una legge unica sull’e- Amicis non usa mezzi termini per di fare, però.”

PALERMO | PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

UN’ESPERIENZA FORMATIVA PER I GIOVANI


Al via i tirocini negli uffici tecnici per la cura del territorio nei Comuni promossi dall’Ordine

F
inalmente la provincia di anche i comuni di Cefalù, Piana della nostra professione non pre-
Palermo apre le porte ai gio- degli Albanesi, Santa Flavia , Vicari vede un praticantato obbligatorio
vani ingegneri che potranno e Ficarazzi. prima dell’abilitazione e dell’iscri-
iniziare dei tirocini all’inter- Un’occasione unica per i gio- zione all’albo”.
no degli uffici tecnici della Pubbli- vani laureati in ingegneria che Un’esperienza che potrà mettere
ca Amministrazione. L’obiettivo è potranno mettere in campo le pro- a contatto i giovani con le neces-
quello di iniziare dei progetti per prie competenze per la gestione sità anche amministrative della
combattere i dissesti urbani: pre- del territorio in tutti i suoi aspetti. loro terra.
visto l’aggiornamento delle mappe Soddisfatto il Presidente dell’Or- Così anche Aldo Bertuglia, vice-
per il rischio idrogeologico, piani dine di Palermo, Vincenzo Di Dio, presidente dell’Ordine: “le atti-
urbanistici per la costa, combatte- anche da un punto di vista della vità svolte dai servizi tecnici
re le irregolarità edilizie. L’ inizia- formazione dei giovani: “per la delle amministrazioni chiamano
tiva è stata promossa dall’Ordine prima volta il nostro Ordine avvia in causa un po’ tutte le possibili
degli Ingegneri di Palermo insieme questo tipo di collaborazione con specializzazioni della professione
con le amministrazioni cittadine. le amministrazioni cittadine e ci ingegneristica e noi, con appositi
Tanti i comuni coinvolti, da Carini poniamo l’obiettivo di moltipli- corsi, siamo anche in grado di
e Partinico, passando per Belmon- care il più possibile queste intese dare ai nostri ingegneri la forma-
te Mezzagno, Bolognetta, Cerda; e proiettarle nel lungo periodo. Si zione specifica per i profili di cui
e ancora Lercara Friddi, Marineo, tratta di chance importanti per i ciascun comune può avere biso-
Misilmeri, Montelepre, Montemag- nostri giovani colleghi, soprattutto gno in base alle attività da svol-
giore Belsito, e Pollina. Interessati considerando che l’ordinamento gere”. Il Presidente dell’Ordine, Vincenzo Di Dio, con i sindaci di Partinico e Carini

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
TERRITORIO MODENA | PREVENZIONE

“Inserire i costi della manutenzione nella


programmazione economica degli enti locali”
La convinzione di Gabriele Giacobazzi, Presidente dell’Ordine di Modena e della Federazione emiliana
romagnola: “solo così potremo evitare gli interventi all’ultimo minuto e nuove tragedie annunciate”

R
isorse, cultura del- individuando le priorità di E che impressione si è fatto, lei, manutenzione nella programma- *Nello specifico, l’ingegner Giaco-
la prevenzione e intervento e agendo di uomo concreto per antonomasia, zione economica degli enti locali. bazzi quando era assessore aveva
della sicurezza, conseguenza. Altrimenti in un po’ come dovrebbero essere Altrimenti gli interventi dovranno reso pubblico l’elenco delle strutture
conoscenze tecni- futuro dovremo scontare tutti gli ingegneri, alle prese con essere sempre quelli dell’ultimo modenesi soggette al programma di
che e professionalità. Un altri disastri annunciati, un mondo che spesso è più votato minuto, i cosiddetti rattoppi, che monitoraggio e successivo inter-
Paese come il nostro, è inutile nasconderci all’apparire che all’essere? poi creano problemi seri”. vento nel Piano investimenti per il
Gabriele Giacobazzi,
esposto purtroppo in Presidente dell’Ordine dietro a un dito”. “Ho potuto constatare con mano le periodo 2017-2019, per cui è previsto
maniera drammatica a difficoltà della Pubblica Ammini- Ora però è tornato al suo primo ogni anno un investimento di un
eventi calamitosi come i terremoti Sta dicendo, dunque, che una strazione, con un apparato tecnico amore, se così possiamo defi- milione di euro. Si tratta di: sotto-
e i dissesti idrogeologici, ha biso- grossa mano per cercare di cam- numeroso e spesso mal utilizzato. nirlo, vale a dire l’ ingegneria. via Emilia est e ponte pedonale,
gno di un vero e proprio cambio di biare lo stato delle cose può essere Un’incapacità di passare con ela- E anzi ha raddoppiato, visto che è sottopasso via Respighi, sottopasso
passo per cercare, dove possibile, data dagli ingegneri? sticità da un progetto all’altro che anche il coordinatore della Fede- via Divisione Acqui, cavalcaferrovia
di arginare con programmazioni “Guardi, la cultura tecnica in Italia si sposa con una certa farraginosità razione degli Ingegneri emiliano strada Fossa Monda, cavalcavia
serie e concrete fenomeni che cau- c’è. Eccome. Noi professionisti in fatto e rigidità nell’impostazione dell’at- romagnoli. Un ruolo a cui tiene Nonantolana, sottopasso pedonale
sano spesso decine di morti e feriti. di innovazione non siamo secondi a tività quotidiana”. molto… Nonantolana, cavalcavia via Albe-
Ne abbiamo parlato con Gabriele nessuno: spesso però non ce ne ren- “Assolutamente sì, perché credo reto, cavalcavia via Finzi, cavalcavia
Giacobazzi, Presidente dell’Ordine diamo conto e non ne siamo consa- Eppure lei aveva dato vita a un fermamente nell’importanza fede- La Marmora, cavalcavia via Capitani,
degli Ingegneri di Modena e attuale pevoli. Ed è così per il resto del Paese, gruppo di lavoro all’interno del rativa e associativa degli Ordini. cavalcavia Ponte Alto, cavalcavia via
coordinatore della Federazione di chi ci governa in testa. Basti pensare settore Lavori pubblici, composto Insomma, l’unione fa la forza e le Barchetta, cavalcavia tangenziale
categoria dell’Emilia Romagna. che i programmi di innovazione tec- da un ingegnere e quattro geome- potenzialità di un’azione sinergica Pirandello-Modena nord, cavalca-
nologica sono legati esclusivamente tri, per il monitoraggio periodico, a livello regionale sono enormi. via San Geminiano, cavalcavia via
Dalla prevenzione sismica alla al mondo delle università: la verità attraverso rilievi fotografici e prove Anche perché finalmente pos- D’Avia sud, sottovia strada per Co-
tematica, attualissima, delle infra- è che ci si dimentica troppo spesso tecniche, delle condizioni di ponti, siamo dire che la Federazione gnento, sottovia strada Pirandello,
strutture, dopo il disastro del ponte dei progetti e quindi degli ingegneri cavalcavia, cavalcaferrovia, ponti dell’Emilia Romagna, dopo diversi sottovia strada Galassi, via Jacopo
Morandi a Genova: quale può e deve e di tutti i professionisti coinvolti. E pedonali e ciclabili di competenza anni di difficoltà e problematiche da Porto sud, cavalcavia strada
essere l’apporto dell’ingegneria a per dar vita a un piano di intervento comunale a Modena*. varie, ora si presenta compatta e Cavezzo, pedonale Direzionale 70
un progetto autorevole di messa in adeguato bisogna per forza di cose “Avevamo constatato numerosi completa. In tal senso, spero dav- tangenziale Neruda, pedonale Di-
sicurezza del territorio? partire dal progetto”. segnali di degrado su diverse vero che le Federazioni possano rezionale 70 via Giardini, cavalcavia
“Voglio essere brutale e rispondere Partire dal progetto e dall’attività infrastrutture del territorio, anche assumere sempre di più un ruolo strada Cognento, cavalcavia viale
seccamente: servono i soldi. Attual- manutentiva, insomma, un po’ come perché la manutenzione program- da protagoniste in tanti argomenti, Virgilio, cavalcavia via Formigina,
mente avremmo bisogno di met- ha già fatto il presidente Giacobazzi mata non era mai stata fatta. Si penso alla prevenzione sismica e cavalcavia Armenone, cavalcavia
tere in campo una programmazione quando era assessore ai Lavori Pub- tratta di un problema comune a all’urbanistica, solo per citare due strada Paganine, cavalcavia San
di decenni, con risorse tali da fare blici del Comune di Modena, carica molte realtà italiane: io credo che esempi. Ne abbiamo le compe- Lorenzo, cavalcavia Madonnina,
un’altra Finanziaria. Pensiamo sol- che ha mantenuto sino ad aprile la soluzione sia inserire i costi di tenze, ne abbiamo la possibilità”. cavalcaferrovia Cialdini, cavalca-
tanto agli immobili presenti lungo la dell’anno in corso: “Sono stato pre- ferrovia Mazzoni, cavalcaferrovia
penisola che presentano problemi stato alla politica per sei anni, prima — “La ricostruzione e la messa in sicurezza neces- Menotti, sottovia Divisione Acqui,
statici o sono realizzati in aree idro- come assessore all’Urbanistica e poi sitano di tanti soldi. E vanno fatte delle scelte, anche sottovia stradello Romano, sottovia
geologicamente pericolose: la rico- con la delega ai Lavori Pubblici. Un’e- impopolari, individuando le priorità di intervento e Portali, ponte pedonale Morane, sot-
struzione e la messa in sicurezza sperienza positiva sicuramente, che topasso pedonale via Bembo, Ponte
necessitano di tanti soldi. E vanno mi ha permesso di vedere dall’in- agendo di conseguenza. Altrimenti in futuro dovre- Alto, Ponte dell’Uccellino, ponte via
fatte delle scelte, anche impopolari, terno come funziona la politica”. mo scontare altri disastri annunciati”— Bertola.

EFFEMERIDI | LA BIBLIOTECA DEL CONSIGLIO NAZIONALE le altre regioni che ho citato non
sono meno “isola-te” da questo

Linea Sud - La Freccia Nera punto di vista.


I treni ultraveloci, le c.d. “Frecce”
non vanno oltre la nuova “linea
di Giuseppe Maria Margiotta utile, fa lavorare l’immaginazione. quando e di tempo in tempo rende Parlare di bellezza, invece, signi- maginot” tracciata idealmente

A
Tutto il resto è delusione e fatica. Il il “problema” una seccatura; come fica parlare di turismo, significa a sud e a est di Salerno; la loro
vrei voluto iniziare con una viaggio che ci è dato è interamente avviene adesso con il razzismo e lo interpretare le risorse accondi- antesignana, la “Freccia del Sud”,
citazione diretta da Viag- immaginario”. spread. scendendo a esse, senza forzature. che trasportava con qualche agia-
gio al termine della notte Lungi da me il voler chiosare con le Vorrei perciò usare la Sicilia come Le nostre bellezze sono quelle tezza (per chi poteva permetter-
di Louis-Ferdinand Céline, mie farneticazioni il recente conve- esempio dell’intero meridione, multicolori e multietniche della selo) e una certa velocità (per
che meglio esprimeva le mie con- gno di Lecce “Linea Sud: infrastrut- attraverso sensazioni e sugge- Sicilia o delle Puglia, di Calabria quei tempi), da Milano a Siracusa
vinzioni sulla stagione che stiamo ture e ingegneria per la crescita stioni, ché i dati, i numeri, le rifles- o di Lucania, senza per questo e ad Agrigento, attraversando e
attraversando, come Paese e come – proposte per un rilancio del Mez- sioni le abbiamo fatte al Convegno volere ignorare quelle fantasma- unendo la nazione fin dagli anni
Meridione, ma mi è sembrata trop- zogiorno”, vorrei usare le parole e le ha sintetizzate benissimo il goriche di Campania, che a un sessanta, è stata abolita dal 2010,
po brusca e diretta, soprattutto per “bellezza”, “viaggio”, “immagina- Centro Studi attraverso il prezioso dipresso è già Lazio, è già Roma, sancendo ufficialmente che esi-
qualche termine “forte” (anche se zione”, che sottintendono spesso pamphlet del dott. Estrafallaces. è già punto d’approdo della Saler- stono due Italie, con percorrenze
in francese è appena una sillaba) le parole “delusione” e “fatica”, per Fuor di metafora già il viaggiare no-Reggio Calabria, è porto sicuro rispettivamente di 4 ore e (da
che pur si addice a noi e soprattut- raccontare i ritardi di sviluppo del nelle sicule terre, per diletto (per delle frecce rosse e delle frecce Milano a Roma) e da millanta ore
to a molti connazionali d’alto rango Sud e le cause del gap economico diporto come si diceva una volta) d’argento di Trenitalia, è il confine (da 13 a 15 ore in media) da Roma
politico. e infrastrutturale rispetto al Cen- o, peggio, per lavoro, è un viaggio della civiltà, pur con i suoi enormi ad Agrigento.
Ho optato allora per una citazione tro-Nord. nell’immaginario. Un’isola è un’i- problemi. Da tante parti d’Italia è possibile
di secondo livello, una citazione “Raccontare”, affabulare, senza sola ma quella del giorno dopo di Per viaggiare servono le strade, raggiungere la capitale (come
dentro un’altra: la citazione che fare ricorso all’economia con la Umberto Eco, l’isola collocata agli asfaltate e meglio se autostrade, simbolo geografico e politico) in
Sorrentino pone all’inizio de “La E maiuscola, ai grandi sistemi, antipodi, dove l’oriente smette servono quelle ferrate, meglio se poche ore ed il prezzo non cambia
grande bellezza”, che si apre pro- alle polemiche più o meno sterili di essere tale per diventare occi- ultraveloci, servono le strade d’aria se non di poco se a prenotare
prio con una frase del romanzo che si susseguono, rinnovandosi, dente, è l’isola irraggiungibile, è e quelle di mare, servono i ponti lo fai una settimana o un giorno
francese. La citazione di Céline da centocinquant’anni. Perché la l’isola nel senso traslato più puro (che Dio mi perdoni!). Comunque prima. Ma per il siculo transu-
funge da chiave di lettura per il film mia sensazione è che il parlare del termine: “Luogo, ambiente scegliamo di voler viaggiare noi mante il percorso è a ostacoli,
e in qualche modo anche per noi con tono serio di problemi seri isolato, situazione di isolamento, isolani siamo più lontani di qual- da casa all’aeroporto, la ricerca
meridionali: “Viaggiare, è proprio non aiuti; e il farlo di quando in anche spirituale”. siasi altro e da qualsiasi luogo, e di parcheggio, l’attesa, il volo,

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
17

TERRITORIO STATI GENERALI DELL’INGEGNERIA |

A Milano l’ingegneria si apre alla città


Sicurezza, vivibilità e resilienza, mobilità e logistica, salute. Questi i temi cruciali
per una città in continua evoluzione
INTERVISTA A BRUNO FINZI |
Dagli immobili alle acque, come la città ha
bisogno degli ingegneri
Il Presidente Finzi, sentito al margine degli Stati Generali, individua
gli ambiti in cui il professionista può cooperare per il cambiamento
in atto

Nel quadro della rigenerazione urbana avviato dal Comune di Milano, quali
saranno i miglioramenti futuri e quale ruolo per l’Ordine?
“L’ingegnere è chiamato a fornire valutazioni strategiche di primaria impor-
tanza sia all’investitore, sia alla società interessata. Si pensi ad esempio al
valutare se demolire e/o ricostruire un immobile o, al contrario, al ristruttur-
are e migliorare ciò che già esiste. Riguardo a queste responsabilità l’Ordine
deve non solo essere al servizio dell’Amministrazione – per semplificare e
aggiornare le normative – ma è chiamato anche a vigilare rispetto all’etica e
alla deontologia delle prestazioni professionali fornite dagli iscritti. Quest’ul-
tima azione è oggi possibile mediante monitoraggi sui depositi ufficiali

U
effettuati dai nostri iscritti; controlli autorizzati dall’Amministra-
n momento per riflette- non ha dubbi e dice: “gli ingegneri dotto di MM sottolinea che zione sia comunale, sia regionale, con la finalità di verificare
re sul futuro della città: sono uno degli autentici motori il futuro del servizio idrico la completezza della documentazione e la congruenza con la
quali sono le sfide da af- intellettuali della maggior parte deve tener conto anche normativa”.
frontare per una Milano dei processi produttivi (compreso dei cambiamenti climatici
che non si ferma? Se n’è discusso il terziario); senza gli ingegneri oltreché l’analisi dei bacini Come vi state muovendo con i progetti di contenimento e
nella due giorni (30/11-1/12) de- non si organizza, non si gestisce, idrogeologici presenti. “Oggi riuso delle acque nel reticolo sotterraneo e superficiale?
dicati agli “Stati Generali dell’In- non si progetta e non si realizza”. obbligo di tutte le grandi indu- “Il fatto che a Milano le acque siano gestite da una società di
gegneria”, presso la Centrale Tanti i temi della due giorni: inter- strie, compreso il servizio idrico, ingegneria come MM è aspetto apprezzato e invidiato dal resto di Italia.
dell’Acqua, organizzati dall’Ordi- connessione delle aree, i servizi e è quello di essere sostenibili e Pensiamo solo agli scolmatori del Seveso, al ricollegamento della Martesana
ne degli Ingegneri di Milano e da l’edilizia sociale. Gli incontri tec- guardare in maniera ampia alla con la Darsena e alla manutenzione della enorme rete di canali, soprattutto
MM Spa. nici sono iniziati con la lecture propria attività.” ai fini agricoli: sono opere già avviate senza per questo dimenticare il moni-
Il Sindaco, Beppe Sala, in aper- “La città che non si ferma” di Per finire, nella giornata di toraggio della falda acquifera e dell’acqua potabile che è posta sul mercato
tura dei lavori, ha invitato la Piero Colaprico, giornalista de La sabato si è discusso di mobilità a uno dei costi più bassi d’Italia, la cui qualità è ottima”.
categoria degli ingegneri a colla- Repubblica. Quattro le aree tema- e salute, con gli sviluppi della M4
borare sempre di più per garan- tiche di confronto: la sicurezza, e la possibilità di un’eventuale Mobilità: la costruzione della M5 e il suo prolungamento fino a Monza,
tire l’innovazione. Così anche vivibilità e resilienza con gli inter- ulteriore linea M6. Soprattutto, è costituisce un’opportunità per tutti i professionisti o rimane appannaggio
Bruno Finzi, Presidente dell’Or- venti di Mauro Eugenio Giuliani stato presentato l’ “ospedale del del general contractor?
dine meneghino, ha sottolineato per le costruzioni, Franco Luraschi futuro”, il nuovo polo ospedaliero “La costruzione di una grande infrastruttura coinvolge tutta l’area che grav-
il ruolo cruciale che ogni giorno per la sicurezza antincendio, Fabio “Galeazzi” del San Donato che ita intorno all’opera stessa sia nelle fasi di decisione progettuale, sia nelle
apportano gli ingegneri, un con- Marelli e Andrea Aliscioni per le farà parte di MIND, Milano Inno- fasi di cantierizzazione; le occasioni e le opportunità non mancano certo. Si
tributo spesso sottovalutato. Alla infrastrutture idriche. Il rischio vation District, il prossimo quar- pensi solo ai condomini che sono situati lungo il percorso della nuova linea
domanda de Il Giornale dell’Inge- idrogeologico è un focus impor- tiere di Milano che sorgerà nell’ex e a come sia molto spesso necessario un confronto tra tecnici, con il cantiere
gnere quanto è importante il con- tante per Milano che di fatto è una area Expo, di cui diamo più ampio della grande infrastruttura da una parte e i confinanti dall’altra, affinché
tributo degli ingegneri per una “città sull’acqua”: in particolare conto nel dorso dedicato alla il cantiere stesso consenta lungo il suo evolversi la sicurezza, la viabilità e
città più “vivibile e smart”, Finzi Marelli, Direttore Divisione Acque- Lombardia. l’agibilità dei cittadini che vivono in questi condomini”.

la nuova trasferta da aeroporto presunti scandali e blasfemie.


al centro e poi il contrario, senza Attila è, nel nostro immaginario,
tempi certi, senza costi certi. la brutalità dell’ invasore, la ottu-
“Ma già il treno mi portava lontano, sità del barbaro, ma pare voglia
attraverso le campagne matemati- dire “piccolo padre”.
che di Romagna”, dice Carlo Levi Il Meridione, si chiami Sicilia o
nel suo Cristo si è fermato ad Eboli Puglia, è il nuovo confine d’Italia
e ho detto tutto. e d’Europa, dove i nuovi barbari,
Qui non esistono le Frecce rosse, i popoli che non conosciamo e
d’argento, del Sud, esistono gli che per questo ci appaiono ostili
intercity e i regionali veloci. Ver- e culturalmente inferiori come
rebbe da dire che esiste solo la Unni, ci minacciano e ci invadono
Freccia nera, The Black Arrow, anche se con donne e bambini
quella del romanzo di Robert Louis al seguito. Che lo vogliamo o no
Stevenson, che tanto somiglia alla questa nuova frontiera va resa
leggenda di Robin Hood. E siccome più forte e sicura rendendola più
le parole generano parole, mi ricca e più attrezzata.
giunge sussiego di un’altra opera Siamo la nuova frontiera che si
dello scrittore scozzese: L’Isola del chiama Mediterraneo, reso nuo-
tesoro. vamente centrale dai problemi
Trasferite tutto questo dalle per- sfida del progetto nuovo. E qui zati perché gli Enti locali, le Pub- Paese?”. La risposta è solo appa- di Suez con le grandi navi cargo.
sone alle merci, alla produzione, mancano i progetti, ce lo ha detto bliche Amministrazioni non sono rentemente disarmante: “No, per Abbiamo la possibilità di tornare
alle risorse in entrata ed in uscita, il Convegno di Lecce, ma ce lo in grado di stabilire i tempi di lo meno nel breve periodo”. Ma ad essere centrali nel commercio
e capirete che il problema dei dice l’Europa, con una frase fatta ritorno dei finanziamenti. E allora è possibile, andatevi a rileggere economico e culturale con il Sud
trasporti, delle infrastrutture ma per una volta concreta, visto non abbiamo bisogno di centrali le nostre proposte, i nostri pro- e con l’Est del Mondo attraverso
materiali e immateriali, o meglio che non riusciamo ad utilizzare le di progettazione, abbiamo biso- getti. le nostre coste e per esse rimet-
pesanti e leggere, è la chiave di risorse a noi destinate. gno di una programmazione seria e In questi giorni Milano celebra tere in moto la linfa che dai piedi
volta dell’economia del meridione. Sappiamo che i fondi di rota- aggiornata. alla Scala un’opera minore di dello stivale risalga tutto il corpo
Fin qui il sogno. Ma l’immagina- zione per la progettazione, messi Il nostro documento si è posto una Verdi, “Attila”, cercando di tra- nazionale.
zione è altro, l’immaginazione a disposizione da Regioni e domanda: “È possibile recuperare scinare l’ interesse per il melo- Non volevo fare il sermone ma l’ho
è ingegno, l’immaginazione è la Cassa D&P, non vengono utiliz- le distanze rispetto al resto del dramma attraverso piccoli e fatto. Perdono.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
NORMATIVA PROFESSIONI | GESTIONI

Fatturazione elettronica
obbligatoria: cos’è e come funziona I vantaggi
A partire dal 1° gennaio 2019 sarà obbligatoria la fatturazione elettronica fra
privati, ossia la produzione, trasmissione e conservazione delle fatture attraverso della fatturazione
un sistema digitale elettronica
• Eliminazione consumo di carta,
mente al cliente tramite il Sistema costi di stampa, spedizione e
di Interscambio (SdI). Il SdI è una conservazione
sorta di “postino” che svolge i • Riduzione dei tempi di lavoro
seguenti compiti: • Miglioramento organizzativo
- verifica se la fattura contiene • Ottimizzazione dei processi inter-
almeno i dati obbligatori ai fini ni all’azienda
fiscali (art. 21 ovvero 21-bis del • Integrazione dei processi di fattu-
decreto del Presidente della razione attiva e passiva
Repubblica 26 ottobre 1972, n. • Gestione e tracciabilità dell’intero
633) nonché l’indirizzo telema- flusso, gestione pratica di acqui-
tico (“codice destinatario” ovvero sto e vendita
indirizzo PEC) al quale il cliente • Semplificazione e monitoraggio
desidera che venga recapitata la controlli fiscali
fattura; • Conservazione fiscale a norma
- controlla che la partita Iva del
fornitore (cedente/prestatore) e la nove mesi di avvio dell’obbligo.
partita Iva ovvero il Codice Fiscale Con la proroga si allunga di tre
del cliente (cessionario/commit- mesi l’avvio delle sanzioni. Dal 1°
tente) siano esistenti. luglio 2019, la fattura potrà essere
In caso di esito positivo dei controlli emessa entro 10 giorni dall’ef-
precedenti, il Sistema di Interscam- fettuazione dell’operazione. Nel
bio consegna in modo sicuro la fat- caso in cui la data di emissione sia
tura al destinatario comunicando, diversa da quella di effettuazione,
con una “ricevuta di recapito”, a chi tale data andrà indicata in fattura.
ha trasmesso la fattura, la data e
l’ora di consegna del documento. Il PREDISPOSIZIONE
ciclo attivo di fatturazione elettro- DELLA E-FATTURA
nica si completa con l’archiviazione Per la predisposizione della fattura
elettronica e la conservazione digi- elettronica occorre:
di Patrizia Ricci mato XML (eXtensible Markup rio” (di cui all’art. 1, commi da 54 tale a norma di Legge. • verificare i dati del fornitore
Language), un linguaggio infor- a 89, della legge 23 dicembre 2014, (cedente/prestatore) che la pro-
Introdotto dalla Legge di Bilan- matico che consente di definire e n. 190). A tali categorie di operatori TEMPISTICHE PER L’EMISSIONE cedura riporta in automatico
cio del 2018, dal 1° gennaio 2019 controllare il significato degli ele- si aggiungono i “piccoli produttori La fattura elettronica non cambia recuperandoli dall’Anagrafe Tri-
scatta l’obbligo di emissione di menti contenuti in un documento, agricoli” (di cui all’art. 34, comma le regole generali di emissione butaria;
fatture elettroniche a seguito di verificando così le informazioni ai 6, del Dpr n. 633/1972), i quali della fattura (previste dall’art. 21, • inserire i dati del cliente (cessio-
cessioni di beni e prestazioni di fini dei controlli previsti per legge. erano esonerati per legge dall’e- comma 4, del dpr 633/72), secondo nario/committente), compilando
servizi effettuate tra soggetti resi- missione di fatture anche prima cui questa deve essere emessa al sempre il campo “Codice Desti-
denti o stabiliti in Italia. L’obbligo CHI È ESONERATO dell’introduzione dell’obbligo di momento dell’effettuazione dell’o- natario” con il codice di 7 cifre
di fattura elettronica vale sia nel In Italia, la fatturazione elettro- fatturazione elettronica e tutte le perazione, che per le cessioni di alfanumerico che avrà comuni-
caso in cui la cessione del bene nica, già obbligatoria dal 2014 per imprese per le operazioni di ces- beni, si considera nel momento cato il cliente (Fattura B2B). Per
o la prestazione di servizio sia i titolari di partita Iva che intrat- sione di beni, prestazioni e servizi della stipulazione, se riguardano la Fattura PA, l’identificativo è un
effettuata tra due operatori Iva tengono rapporti con la Pubblica resi nei confronti dei non residenti beni immobili, oppure della con- codice alfanumerico di 6 caratteri.
(operazioni B2B, cioè Business to Amministrazione, diverrà obbli- (comunitari ed extra-comunitari). segna o spedizione, se riguardano Se il cliente dovesse comunicare
Business), sia nel caso in cui la gatoria per tutti i soggetti “resi- beni mobili; per le prestazioni un indirizzo PEC (quale indirizzo
cessione/prestazione venga effet- denti o stabiliti nel territorio dello CICLO ATTIVO di servizi si considera effettuata telematico dove intende ricevere
tuata da un operatore Iva verso Stato”, con esclusione di operatori DI FATTURAZIONE all’atto del pagamento del corri- la fattura), il campo “Codice Desti-
un consumatore finale (operazioni (imprese e lavoratori autonomi) Le sole due differenze tra fattura spettivo. Mentre la fattura cartacea natario” dovrà essere compilato
B2C, cioè Business to Consumer). che rientrano nel cosiddetto elettronica e cartacea stanno nel viene considerata emessa quando con il valore “0000000” e, nel
La fatturazione elettronica è un “regime di vantaggio” (di cui all’art. fatto che la prima va necessaria- spedita o consegnata al cliente, campo “PEC destinatario”, andrà
sistema digitale di emissione, tra- 27, commi 1 e 2, del decreto-legge mente redatta utilizzando un pc, quella elettronica è emessa riportato l’indirizzo PEC comuni-
smissione e conservazione delle 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con un tablet o uno smartphone e quando viene trasmessa o messa a cato dal cliente. Se il cliente non
fatture che permette di abbando- modificazioni, dalla legge 15 luglio deve essere trasmessa elettronica- disposizione del cliente attraverso comunica alcun indirizzo telema-
nare per sempre il supporto car- 2011, n. 111) e quelli che rientrano il Sistema d’Interscambio (SdI) tico (ovvero è un consumatore
taceo e i relativi costi di stampa, nel cosiddetto “regime forfetta- dell’Agenzia delle Entrate. finale oppure un operatore in
spedizione e conservazione. Un regime di vantaggio o forfettario),
processo di standardizzazione SANZIONI sarà sufficiente compilare solo il
che l’Agenda Digitale Europea ha
E-Fattura: i rilievi del Garante Privacy Con il dl 119/2018 si interviene nel campo “Codice Destinatario” con
posto come traguardo per il 2020. Il Garante della Privacy chiede chiarimenti all’Agenzia delle Entrate su caso di ritardata emissione. Infatti, il valore “0000000”;
Le regole per predisporre, tra- diverse criticità in ambito di fatturazione obbligatoria fra privati dal nel corso del primo semestre del • inserire i dati relativi alla natura,
smettere, ricevere e conservare 2019. periodo di imposta 2019, le san- quantità e qualità del bene ceduto
le fatture elettroniche sono defi- Quando manca poco meno di un mese all’entrata in vigore dell’obbli- zioni non si applicano se la fattura o del servizio prestato, nonché
nite nel provvedimento n. 89757 go di fatturazione elettronica, il Garante della Privacy ha emesso un viene emessa in modalità elettro- i valori dell’imponibile, dell’ali-
del 30 aprile 2018 pubblicato sul provvedimento nei confronti dell’Agenzia delle Entrate rilevando che nica entro il termine di effettua- quota Iva e dell’imposta (ovvero,
sito internet dell’Agenzia delle “l’estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica, in particolare, an- zione della liquidazione periodica nel caso di operazioni esenti, non
Entrate. Per le fatture elettroni- che alle operazioni B2C, così come delineato dalla normativa primaria dell’Iva. Se la fattura viene emessa imponibili ecc., l’apposito codice
che emesse verso le Pubbliche e secondaria di riferimento, presenta rilevanti criticità in ordine alla dopo tale termine, ma entro quello che identifica la “natura” dell’o-
Amministrazioni restano valide compatibilità con la normativa in materia di protezione dei dati perso- della liquidazione Iva del periodo perazione ai fini Iva);
le regole riportate nel Decreto nali”. I rilievi riguardano infatti “la trasmissione e memorizzazione di successivo, le sanzioni si applicano • conclusa la predisposizione
Ministeriale n. 55/2013 e nel sito una ingente mole di dati non direttamente rilevanti ai fini fiscali, con con una riduzione dell’80%. Al della fattura, ricontrollare tutte
www.fatturapa.gov.it. Il nuovo conseguenze per la tutela della riservatezza, in particolare in merito momento si sta vagliando l’ipotesi le informazioni inserite e salvare
formato in cui le fatture elettro- alle strategie aziendali”. Andrà verificato quali effetti avrà l’iniziativa di una proroga nell’applicazione il file della fattura nel formato
niche devono essere prodotte, del Garante, premesso che i rilievi resi noti non sono vincolanti. L’A- delle sanzioni fino a settembre obbligatorio XML;
trasmesse, archiviate e conser- genzia delle Entrate, da parte sua, ha fatto sapere che risponderà nel 2019, riguardo ai ritardi relativi
vate è un formato digitale chia- più breve tempo possibile. all’invio dei dati, quindi per i primi CONTINUA A PAG. 21

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
potesse portare in evidenza, mi verreb-
be da dire potesse... urlare una frase di
Un concio per sempre sta provocazione, di aver almeno
gettato negli addetti ai lavori i semi
questo tipo: “Al Vostro Genio, cari Nervi Il laboratorio mobile Galleriedi eterne,
garantire mega-mescolatori,
la presenza dei con- controlli continui: la durabilità in mostra al GIC da cui potrebbero germogliare le
e Musmeci, abbiamo associato i frutti Con il laboratorio mobile abbiamo trolli, senza i quali è inutile auspica- prime, cruciali domande.
della nostra ricerca affinché altri Geni, voluto quindi rimarcare pesantemen- re che una costruzione possa sperare Ma temiamo nell’ignavia, che, come capaci in fase di produzione del cal-
cestruzzo, di intera ed esclusiva
19
se mai fosse possibile, possano contare te l’assoluta necessità, in ogni di godere dell’adeguata “durabilità”. è noto, ha spesso gioco facile ed è
INFORMAZIONE DALLE AZIENDE | competenza della società fornitrice,
su tecnologie, macchinari e materiali operazione di betonaggio in cantiere, I controlli infatti, effettuati da tecnici sempre in agguato. nonché i controlli dalla bocca della
che li aiutino a rendere veramente betoniera fino al cassero, di esclusi-
eterni i loro capolavori”. va competenza dell’impresa esecu-

120
RICETTA PROVATA SU CONCIO ISOCELL* CARATTERISTICHE DEL CALCESTRUZZO trice, senza dimenticare poi la sta-

120
Il concio
EVENTI PIACENZA | ISTITUTO ITALIANO
Strumenti, dunque, concepiti dalla
PER IL CALCESTRUZZO
Aggregati totali 1800 kg
Tekna Group
Resistenza compressione MPa
produzione alla posa sono
gionatura, in opera,
calcestruzzo.
accuratamente, minuziosamente con-
ovveroper il
vita eterna

ricerca per garantire l’eternità e con Sabbione Via Sirtori, Snc, Z.I.
42,61% 767 24 ore 57,15 trollato. Noi non facciamo nulla di
Il mescolatore

Unconcio
Un concio per per sempre
persempre
20838 Renate MB
essa la qualità delle grandi opere frut- Tel. 0362 918311 - Fax 0362 919396 particolarmente Infine, astratto, facciamo solo
il mescolatore... gigante.

Un concio sempre
to dell’ingegno dell’uomo, quali per 4/8 10,80% 194
info@teknachemgroup.com 48 ore 66 Qui ci troviamo davanti a una grande
quello che siprovocazione,
dovrebbe fareuna ogni volta che volu-
provocazione
esempio le infrastrutture sotterranee. 7 giorni 71,61 Approfondisci
Un esempio è proprio il concio pre-
6/12 25,00%
Silvio Cocco 450 si prepara unta.calcestruzzo
Ideata e realizzata da vendere, e
per lanciare,
Gallerie eterne, mega-mescolatori, controlli continui: la durabilità in mostra al GIC

© leStrade
attraverso l’esposizione di un macchi-
Presidente 28Concio
giornieterno e laboratorio mobile 88,39 ogni volta che si riceve un calcestruzzo
Gallerie eterne, mega-mescolatori, controlli continui: la durabilità in mostra al GIC
sentato al GIC, un prototipo funziona- 8/20 21,59% 389 IIC all’interno della mostra
TEKNA CHEM Group nario di tali fattezze, un messaggio
adiacente allo spazio del convegno Concretezza patrocinato dal CNI
le a una sperimentazione eseguito da posare in opera.e Ora
preciso la domanda
fondamentale. Del tipo:
Gallerie eterne, mega-mescolatori, controlli continui:
con la collaborazione di ISOCELL, a 100,00% la durabilità inResistenza mostra
capaci in al GIC
fase
ai cloruri di produzione del cal-
OTTIMA che non può “Se qualcunosi sipresenta
mancare sposta dall’altro
come capo

A
lla recente edizione del GIC di cestruzzo, di intera ed esclusiva del mondo per farsi costruire proprio
cui va il nostro ringraziamento. CEM 42,5 N SR0- 400 un
Piacenza (Giornate Italiane del Resistenza competenza ai solfatidella società capaci in fase di produzione del cal-
fornitrice,
OTTIMA qui,vero e proprio
in Italia, classico:di tale
una macchina
Si tratta della massima espressione nonché i controlli dalla bocca della di intera ed esclusiva
Rapporto A/C totale
Calcestruzzo), nel cuore della cestruzzo, “Quanto
mole, spendendo costa?”. Costa anche
sicuramente
di calcestruzzo durabile, anzi eterno, mostra0,3 allestita dall’Istituto Italiano per Resistenza
betoniera aglifino acidial cassero, di esclusi-
competenza OTTIMAdella società fornitrice, cifre enormi, questa specifica tecnolo-
dato il nome del compound impiega- il Calcestruzzo, contornati dalle imma- va competenza dell’impresa esecu- molto,
gia avràma pure molto di meno
una qualche utilità?
to per il suo confezionamento: Aeter- Acqua totale max per impasto gini delle opere d’eccellenza 119 di Resistenza
Pierluigi ciclisenza
trice, disgelononché
gelo edimenticare poi la ista-
OTTIMAcontrolli dalla bocca della diE sequanto
l’acquirente costerebbe pen-porta-
- il quale sono
Nervi e Sergio Musumeci, hanno fatto gionatura, sono vita betoniera eterna per fino il al cassero, di esclusi- to a pensare che faccia il mio stesso
num (rimando al grafico qui sopra e Compound: Aeternum 4,00% 16 sare di avvicinarsi, almeno
alle tabelle bella mostra di sé un concio per gal- Permeabilità calcestruzzo. va competenza 0 mm dell’impresa esecu- mestiere, ragion per cui impiegherà
Tekna sottostanti
Group per la ricetta un po’,mescolatore
questo alle caratteristiche
per produrre cal-
Via Sirtori, Snc, Z.I. leria, un laboratorio mobile dell’Isti- trice, senza dimenticare poi la sta-
per la realizzazione del concio). *Ricetta per 1 mc tuto Italiano Calcestruzzo e un mesco- Il mescolatore cestruzzo - non è del tuttoper pazzo e
20838 Renate MB
Infine, il mescolatore... gigante. gionatura, sono vita eterna per il dell’AeternumCal
Tel. 0362 918311 - Fax 0362 919396 latore da 14 metri cubi. Non si è magari troverà in questa operazione

LS
info@teknachemgroup.com trattato, nella maniera più assoluta, di Qui ci troviamo davanticalcestruzzo. a una grande impieghi
anche qualche sulle strade correnti. forse
convenienza,
121
PUBLIREDAZIONALE
Tekna Group allestimenti casuali. Al genio immenso provocazione, una provocazione volu- Senza
forse...”. contare
Ma forse... Aeter-
che tutto nasce sol-
Via Sirtori, Snc, Z.I. ta. Ideata e realizzata per lanciare,
Silvio Cocco di figure quali Nervi e Musmeci, abbia-
Il mescolatore tanto dal fatto che sono Americani e

© leStrade
20838 Renate Presidente MB mo infatti voluto abbinare quanto di attraverso l’esposizione di un macchi- Mix design per la
numCal
amano le coseègrandi...!!! coperto da
Concio eterno e laboratorio mobile IIC all’interno della mostra
Tel. 0362 TEKNA 918311 CHEM- FaxGroup0362 919396 meglio patrocinato
la ricerca dal del CNI nostro tempo nario di tali fattezze, un Infine,
messaggio il mescolatore...realizzazione gigante.del concio un’apposita
Da parte nostra polizza
speriamo,assicu-
con que-
adiacente allo spazio del convegno Concretezza
preciso e fondamentale. Qui ci Deltroviamo
tipo: davanti
12/2018 a unaleStrade grande sta provocazione, di aver almeno
info@teknachemgroup.com potesse portare in evidenza, mi verreb-
“Se qualcuno si sposta dall’altro capo rativa. Molti operatori, come
be da dire potesse... urlare una frase di provocazione, una provocazione volu- gettato negli addetti ai lavori i semi

A
lla recente edizione del GIC di IL LABORATORIO MOBILE questo tipo:per cui impiegherà
“Al Vostro Genio, cari Nervi questodel Ilmescolatore
mondo per mobile
laboratorio farsiintendiamo
costruire proprio
ta. Ideata
quella tanto
di decantata
garantire la oggi
presenza abbiamo
dei con- ricordato,
da cui da anni si affidano
potrebbero germogliarea le
Silvio Cocco Piacenza (Giornate Italiane del qui, inil laboratorio
Italia, una macchina di talee realizzata per lanciare,

© leStrade
Con il laboratorio mobile abbiamo e Musmeci,per abbiamo
produrreassociato i frutti
calcestruzzo Con
- non è del sicuramente sulmobile
mercato, abbiamo né trolli, senza
tantomeno i qualiche
quella è inutileuna auspica-
soluzione prime, cruciali
di questo domande.
genere, frutto di
Presidente Calcestruzzo), nel cuore della mole, spendendo
voluto quindi rimarcare pesantemen-
attraverso anche l’esposizione di un macchi-
re che una costruzione possa sperare Ma temiamo nell’ignavia, che, come
Concio
voluto eterno
quindi e laboratorio
rimarcare mobile
pesantemente IIC all’interno
della nostra
tutto pazzo della
ricerca affinché mostra
altri
e magari
Geni,
troverà
TEKNA mostra allestita dall’Istituto Italiano per
CHEM Group se mai fosse possibile, possano contare te in
cifre questa
enormi,
l’assoluta questa richiede
specifica
necessità,nario tecnolo- la
in norma.
di tali
ognifattezze, Parliamo,
di godere essenzial-
undell’adeguata
messaggio una ricerca che
“durabilità”. è noto, ha da sempregioco
ha spesso tra i facile
suoi ed è
il Calcestruzzo, contornati dalle imma- adiacente allo spazio del convegno Concretezza patrocinato dal CNI
gia avrà pure una qualche utilità?
l’assoluta necessità, in suogni tecnologie,operazione
macchinarianche e materiali qualche operazione con- di betonaggio
E se l’acquirente - il quale sono porta-
preciso
mente, in di una
cantiere, permeabilità
e fondamentale.
I controlli infatti, Del - la
tipo: obiettivi
effettuati da tecniciprioritari sempre la durabilità
in agguato.e la qualità
gini delle opere d’eccellenza di Pierluigi che li aiutino a rendere veramente
operazione di betonaggio in cantiere, venienza, forse forse...”.to Ma a pensare forse...che faccia “Se
nostra il mio qualcuno che èsipari
-stesso sposta dall’altro
a zero mm. capo di strutture e infrastrutture. E molti erano

A
Nervi e Sergio Musumeci, hanno fatto eterni i loro capolavori”.
lla
bellarecente
mostra diedizione del per GICgal-di del mondo per farsi costruire proprio

A
sé un concio mestiere,
RICETTA ragion per
PROVATA SU cui
CONCIO impiegherà
ISOCELL* CARATTERISTICHE DEL CALCESTRUZZO
di garantire la presenza dei tutto nasce soltanto dal fatto che sono La norma, certo, non la prevede, perché insieme a noi proprio al GIC dove, cir-
leria, un laboratorio
Piacenza (Giornatemobile Italianedell’Isti-
del questo mescolatore perqui, produrre cal-
in Italia, una macchina di tale
tuto Italianolla recente edizione
Calcestruzzo e un del
mesco-GIC controlli, senza i quali è inutile auspi- Il concio Americani e amano le cose cestruzzo grandi...!!! - Da
non è totali
Aggregati nontutto
del possiamo pazzo 1800 epretendere kg di trovareResistenza
nella condati
compressione dagli sguardi geniali MPa e luminosi di
Calcestruzzo), nel cuore della Strumenti, dunque, concepiti dalla mole, spendendo sicuramente anche
latore di da Piacenza
14 metri cubi. (Giornate Non siIta- è care che una costruzione possa sperare parte nostra speriamo, con magari
questa troverà
pro- in questa
norma operazione
quelle innovazioni che il sapere, Nervi e Musmeci e dalle loro opere senza
mostra trattato,
allestitanella dall’Istituto
maniera piùItaliano
assoluta,per di ricerca per garantire l’eternità e con anche qualche Sabbione cifre
convenienza, forse enormi, 42,61% 767questa specifica tecnolo- 24 ore 57,15
il Calcestruzzo, lianecontornati
del Calcestruzzo),
dalleimmenso
imma- nel di godere dell’adeguata “durabilità”. essa la vocazione,
I qualità delle grandi opere di aver frut- almeno gettato
Ma forse...l’impegno, gia nasceavràlasol- passione,
pure unalaqualche
ricerca ci utilità?met- tempo, hanno potuto toccare con mano

© leStrade

© leStrade
allestimenti casuali. Al genio forse...”. tutto
to dell’ingegno dell’uomo, quali per fatto 4/8 10,80% 194 48 ore 66
gini delle di figure
opere cuore
quali della emostra
Nervi
d’eccellenza Musmeci, allestita
abbia-
di Pierluigi controlli infatti, effettuati da tecnici capaci negli addetti ai lavori i semi da cuidal
tanto potreb- che tonosono E se in mano
Americani
l’acquirentegiorno
e per
- il giorno...
quale sono Il nostro
porta- alcuni esempi concreti di un altro futuro
mo infatti voluto abbinare quanto di esempio le infrastrutture Mix design sotterranee.
per la amano le cose 6/12 grandi...!!! 7 giorni 71,61 Approfondisci
Nervi emeglio
Sergio Musumeci, hanno fatto cruciali to a pensare
AeternumCal 25,00% 450
che faccia il mio stesso possibile. Un futuro che oggi può legitti-
dall’Istituto Italiano
la ricerca per del
il Calcestruzzo,
nostro tempo in fase di produzione del calcestruzzo, Un esempio bero germogliare
è proprio
realizzazione il del
concio
concio lepre-prime, Da parte nostra speriamo, con que- è un calcestruzzo
dimestiere, ragion per cui impiegherà
Laboratorio mobile dell’Istituto Italiano per il Calcestruzzo Mescolatore da 14 metri cubi OMG (Officine Meccaniche Galletti) SICOMA
bella mostra
contornati potesse di
dalle séimmagini
portare un concio
in evidenza, delleper
mi gal-
opere
verreb- di intera ed esclusiva competenza sentato della al GIC, un prototipoMa
domande. funziona-
temiamostanell’ignavia, provocazione, 8/20 progettato, aver almeno 21,59% seguìto 389
dall’impianto di 28 mamente
giorni 88,39
aspirare all’eternità.
leria, unbe da laboratorio
dire potesse...mobileurlare unadell’Isti-
frase di le a una sperimentazione eseguito gettato negli addetti aiquesto lavori i mescolatore
semi per produrre cal-
d’eccellenza
tuto Italiano
di Pierluigi Nervi ecariSergio
questo Calcestruzzo
tipo: “Al Vostro Genio, e un mesco- Nervi Ilsocietà
laboratorio mobilenonché i controlli
fornitrice, con
di garantire
che,lacome
la collaborazione presenza
è noto,
Calcestruzzo
di ISOCELL, ha durabile
dei con-a
impermeabile,
spesso gioco facile del calcestruzzo, non100,00%
da cui potrebbero germogliare
resistente quella tanto cestruzzo
decantata oggi
intendiamo
-le non è del
sul mer-
ra un calcestruzzo
voltatutto pazzo
che si riceve
da vendere,
Resistenza
e ai cloruri
un calcestruzzo
e ogni
da
molti erano OTTIMAinsieme a noi proprio al
GIC dove, circondati dagli sguardi
Musumeci, e Musmeci,hannoabbiamo fatto bella mostrai di
associato sé Con
frutti dallail laboratorio
bocca dellamobile betoniera fino alcui
abbiamo cas-
va ilsenza
trolli, edi èquali
nostro sempre
ringraziamento.
è inutile in agguato.
auspica- prime,durantecruciali
CEM 42,5 domande.
N
cato, SR0-
né magari
tantomeno quella troverà in
che richie- 400
questa
posare inoperazione
opera.Resistenza ai solfati geniali e luminosi di Nervi e Musmeci
latore della da nostra14 metri cubi. Non si è voluto quindi rimarcare pesantemen- Si Intanto, i risultati resi pubblici OTTIMA
un concio
trattato, nella per ricerca affinché altri Geni,
maniera galleria,
più
se mai fosse possibile, possano contare
un labo-
assoluta, di sero, di esclusiva competenza dell’im-
te l’assoluta necessità, in ogni di
tratta
re che unadella
calcestruzzo
massima
costruzione
durabile,
di godere dell’adeguata“concio
lepossaespressione
giornate
anzi
della mostra,Ma
sperare
eterno,
“durabilità”.
temiamo
ottenuti
è noto, ha
eterno” in esposizione,
con il nell’ignavia,
Rapporto
de la norma.
A/C
Quando
anche
totale
rap- spesso gioco facile ed è
te, di una
che, come
Parliamo,
permeabilità
essenzialmen-
qualche 0,3
- la
la
nostra
tecnica
Ora la domanda che
convenienza,
care si presenta
sa
forse
nonfarsi
può man- scuola
Resistenza agli acidi
come un vero e
e dalle loro opere senza
potuto toccareOTTIMA
con
(di tempo, hanno
mano alcuni esem-
ratorio
allestimenti mobile dell’Istituto
casuali. macchinari
su tecnologie, Al genio eimmenso Italiano operazione
materiali presa esecutrice,
di betonaggiosenza dimenticare
in cantiere, datopoiil nome
I controlli CALCESTRUZZO
del compound
infatti, presentano
effettuati da impiega- DURABILE
già
tecnici il giusto premio
sempre in agguato.alla - che è
vita).
la prevede, Il
forse...”.
pari a zero Ma forse...
mm. La
“grazie”
norma, tutto nasce
proprio
degli
classico: sol- studenti del Mosè
“Quanto costa?”. pi concreti di un altro futuro possibile.
Acqua totale max certo,per non impasto perché non119Costa molto, ma molto di gelo
meno edidisgelo Un futuro che oggi può legittimamente
IMPERMEABILE, RESISTENTE Resistenza cicli OTTIMA
to per il suo confezionamento: nostra ricerca. Il calcestruzzo
Aeter- impiega-
diCalcestruzzo
figure chequali li aiutino
Nervi ae rendere
e un mescolatore
Musmeci, veramente
abbia- la stagionatura, sono vita eterna tanto dal fatto che sono Americani e
moda infatti
eterni i loro capolavori”.
14 metri voluto cubi.abbinare
Non siquanto è trattato, di RICETTA
per ilPROVATA
calcestruzzo.
num (rimando al grafico
Intanto,
to per la produzione
resto, qui sopra
è ormai
i i risultati
daMix
resi
del concio, del
enoi impiegatoCompound:
designdurante
possiamo
tutti lanorma
in per Aeternum Bianchi
pretendere
amano
quelle innovazioni
di trovare
4,00%
le cose
nella
che ilgrandi...!!!
quanto costerebbe
sape- 16 narsi, almeno un po’,
pensare di
Permeabilità
avvici-
alle caratteri-
aspirare all’eternità.
0 mm
nn

SU CONCIO ISOCELL* alle tabelle CARATTERISTICHE


sottostanti per la
nostri DELricetta
cantieri, in pubblici
CALCESTRUZZO
molteplici tipologie re, l’impegno, la passione, la ricerca ci stiche dell’AeternumCal per impie-
meglio la ricerca del nostro tempo realizzazione del concio Da parte nostra speriamo, con que-
Il concio
nella maniera più assoluta, di allestimenti Aggregati totali 1800
per la
kg
realizzazione
le giornate del diconcio).
Resistenza
realizzazioni;
dellacompressione tunnel,
mostra, ottenuti con bacini
*Ricetta per di 1 mc
il
MPa Il nostro sta
La qualità premiata. contare
mettono in mano giorno per giorno...
AeternumCal è un calce-
Dagliche esperti di oggi,
ghi sulle strade correnti. Senza
il
potesseStrumenti,
portare indunque, evidenza, mi verreb- raccolta delle acque, vasca bianca, provocazione, di aver AeternumCal
almeno è coperto
casuali.ricercaAl genio immenso concepiti
di figure dalla
quali IL MESCOLATORE “concio eterno”
canali di irrigazione, in esposizione,
opere d’arte che
struzzo progettato, naturalmente
seguìto dall’im-non da può
un’appositache fare
polizza piacere,
assicurativa.
be da dire potesse... urlare una frase di 57,15pianto gettato negli addetti ai lavori
operatori,i come
semiabbiamo ricor-

PUBLIREDAZIONALE
per garantire l’eternità e con Sabbione 42,61% 767 24 ore
stradali, vasche di contenimento di produzione alla posa in Molti
Nervi eessa
questo Musmeci,
tipo: la“Alqualità abbiamo
VostrodelleGenio,
grandiinfatti
carivoluto
opere frut-
Nervi Infine, il mescolatore...
Il laboratorio mobile gigante. rappresentano
di garantire acque già
la ilpresenza
aggressive,giusto e viapremio
dicendo.alla opera, ovvero
dei con- ma anche
da accuratamente,
cui potrebbero da quelliminu- di domani,
dato, da anni siovvero
germogliare affidano agli una solu-
le frutto
4/8 10,80% 194 Ovvero 48 ore
ovunque vi sia richiesta di 66
cal- ziosamente controllato. Noi non fac- zione di questo genere, di una
eabbinare
Musmeci,
to dell’ingegno
quanto abbiamo
dell’uomo,
di meglioassociato
quali
la ricerca per
del
i frutti Qui
Conci iltroviamo
laboratorio davanti a una abbiamo
mobile grande nostra
trolli,ricerca.
senza
cestruzzo Ili calcestruzzo
quali
durabile, è inutile impiegato
impermeabile, auspica- ciamo nulla studenti.
prime, Un attestato,
cruciali
di particolarmente domande.
astrat- in quest’ultimo
ricerca che ha da sempre caso, tra i suoi
esempio le infrastrutture sotterranee. 7costruzione
giorniall’aggressione 71,61to, facciamo Approfondisci
dovrebbeche riempievolta cheindubbiamente d’orgoglio. De- E
6/12 una 25,00% 450 per solo quello che si obiettivi prioritari la durabilità e la
nostronostra
della Untempo potesse
ricerca
esempio portare
affinché
è proprio altriinGeni,
il concio evi-
pre- provocazione,
voluto quindi provocazione
rimarcare voluta.
pesantemen- re la
che unaresistente
produzione del concio,
Quando parliamo di impermeabilità
ambientale.
possa del sperare
resto, Ma temiamo
fare ogni
nell’ignavia,
si prepa-
che,
qualità di strutture
comee infrastrutture. 12/2018 leStrade
se mai fosse
sentato possibile,
al GIC,
denza, mi verrebbe da dire potesse... un possano
prototipo contare
funziona- te l’assoluta8/20 necessità,
Ideata e realizzata per lanciare, attra-21,59%in ogni
389 di godere 28 giorni
dell’adeguata
è ormai da noi impiegato in tutti i nostri “durabilità”. 88,39 è
stinatario del “doppio” premio èed
noto, ha spesso gioco facile stato è pro-
le a una macchinari sperimentazione eseguito operazione di betonaggio in cantiere, cantieri, I controlli infatti, tipologie
effettuati sempre in agguato.
su tecnologie,
urlare una
con frase di questo tipo:
la collaborazione
e “Al
materiali
di ISOCELL,Vostro a verso l’esposizione di un macchinario
100,00% di in molteplici
Resistenza ai cloruri di darealizza-tecnici
OTTIMA prio il geometra Silvio Cocco, presidente di
che li cui aiutino a
Genio, cari Nervi e Musmeci, abbiamo
va il nostro
rendere
ringraziamento.
veramente
CEM 42,5un
tali fattezze, messaggio pre-
N SR0- 400 zioni; tunnel, Quandobacini
Resistenza ai solfati
ladi tecnica
raccolta OTTIMA
sa farsi scuola
Tekna Chem (di vita)
Group e dell’Istituto Italiano per
eterni i Si loro capolavori”.
Il “grazie” vascadegli studenti del Mosè Bianchi
LS
tratta della massima espressione
associato i frutti delladurabile,
nostra ricerca affin- ciso
RICETTA e PROVATA
fondamentale. Del 0,3
SU CONCIO tipo: “Se
ISOCELL* delle acque, CARATTERISTICHE bianca, DEL CALCESTRUZZO il Calcestruzzo. A lui è andato, innanzitutto,

121
di calcestruzzo anzi eterno, Rapporto A/C totale Resistenza agli acidi OTTIMA
Ilché
concioaltri
dato Geni,il nome se delmaicompound
fosse possibile,
impiega- qualcuno si sposta dall’altro capo del canali di Lairrigazione, opere un premio speciale alla carriera nell’ambito
Acqua totale max per impasto 119 Resistenza qualità premiata. Dagli esperti di oggi, il che na-
cicli gelo e disgelo OTTIMA za, che hanno frequentato il “Corso per il control-
possano to per il suo confezionamento: Aeter-
contare su tecnologie, mac- mondo Aggregati
per farsi totaliproprio qui, in1800d’arte
costruire kg stradali, turalmente Resistenza
vasche
non può che di compressione
farecon- piacere, ma anche degli daItalian lo MPa Concrete
di qualità Technology
del calcestruzzo” a cura Awards
IIC. “Grazie a
Strumenti, dunque, concepiti
num (rimando al grafico qui sopra e dalla Compound: Aeternum 4,00% 16 Permeabilità
quelli di domani, ovvero gli 0 mm Un attestato, chi sa educare infiammando l’intelletto scuotendo
studenti.
chinari alle
ricerca eper
materiali
garantire
tabelle che li l’eternità
aiutino
sottostanti peralarendere
e con
ricetta Italia, una macchinaSabbione di tale mole, spen- 42,61% tenimento767 in acque quest’ultimoaggressive, caso,24 cheore riempie indubbiamente del GIC 2018. il 57,15
cuore”, Proprio nel contesto
questo l’incipit. “Grazie a della fiera
chi è d’esempio
essa la per
veramente la realizzazione
qualitàeternidelle i lorograndidel concio).
opere frut- *Ricetta
capolavori”. dendopersicuramente
1 mc anche cifre enormi, e via dicendo. Ovvero
d’orgoglio. ovunquedelvi“doppio”
Destinatario sia premio piacentina,
è sta- di virtù.inoltre,
Grazie ea della mostra
chi è talmente su Nervi
grande da saper-

to dell’ingegno dell’uomo, quali per questa specifica4/8 tecnologia avrà pure 10,80% 194 di to proprio il geometra 48SilviooreCocco, presidente e Musmeci
di si fare66 ‘piccolo’. Grazie a chi emoziona, con lezioni
organizzata dall’IIC, è statacosì resa
richiesta Chem Group durabile,
calcestruzzo
Tekna e dell’Istituto Italiano per il Cal- di vita e con elevatissime competenze”, conti-

PUBLIREDAZIONALE
© leStrade

IL CONCIO
esempio le infrastrutture sotterranee. una qualche 6/12utilità? E se l’acqui- 25,00% impermeabile,
450 resistente 7 giorni
cestruzzo. A lui è andato, innanzitutto, un premio
all’ag- pubblica nua. Infine, la chiusaApprofondisci
una
71,61 lettera indirizzata al geometra
(“Non vi dimenticheremo mai”)
Un esempio è proprio il concio pre- speciale alla carriera nell’ambito degli Italian Con- e le firme di ragazze e ragazzi. Una speranza deci-
Strumenti, dunque, concepiti dalla rente - il quale sono portato a pensare gressione ambientale. crete Technology Quando Awards parliamo
del GIC 2018. Proprio Cocco nel e allasamente dottoressa
ben coltivata.Valeria Campioni
sentato al GIC, un prototipo funziona- 8/20 21,59% 389 contesto della fiera 28 giorni
piacentina, inoltre, e della mo-
88,39
Una chiosa aggiunta direttamente dal Preside Gui-
e redatta dodagliGarlatistudenti dell’Istituto Mosè Anche la lettera deglidel
lericerca
a una per sperimentazione
garantire l’eternitàeseguito e con che faccia il mio stesso mestiere, ragion di impermeabilità stra sudel Nervicalcestruzzo,
e Musmeci organizzata non dall’IIC, 12/2018 è sta- leStrade durante il convegno dell’Istituto Italiano Anche la lettera degli studenti
100,00% studenti del “Corso per
essalala collaborazione
con qualità delle grandi opere fruttoa
di ISOCELL, ta resa pubblica
Resistenza ai cloruri Bianchi di
una lettera
Cocco e alla dottoressa Valeria Campioni e redat-
indirizzata al geometra per
OTTIMAMonza, che hanno frequentato il
il Calcestruzzo al GIC: “Grazie a
ri dei macchinari, vuole sentire gli studenti, parlare
chi, tra i rumo- “Corso per
il controllo
del
il controllo
calcestruzzo”di
di qualità
tra qualità
le “opere” del
dell’ingegno
cui va il nostro dell’uomo, quali per esem-
ringraziamento. CEM 42,5 N SR0- 400 ta dagli studenti dell’Istituto Mosè Bianchi“Corso di Mon- per conilloro controllo
con autentico di valore”.
qualità del calce- calcestruzzo”
esposte tra le “ope-
alla mostra piacentina
Si Resistenza ai solfati OTTIMA re” esposte alla mostra
piotratta della massima
le infrastrutture espressione
sotterranee. Un struzzo” a cura IIC. “Grazie a chi sa educare
di calcestruzzo
esempio è proprio durabile,
il concioanzi eterno,
presentato Rapporto A/C totale 0,3 Resistenza agli acidi infiammando OTTIMA l’intelletto scuotendo il cuore”, piacentina
dato il nome del compound impiega-
al GIC, un prototipo funzionale a una questo l’incipit. OTTIMA“Grazie a chi è d’esempio di

LS
Acqua totale max per impasto 119 Resistenza cicli gelo e disgelo
virtù. Grazie a chi è talmente grande dawww.teknachemgroup.com
to per il suo confezionamento: Aeter-
sperimentazione
(rimando aleseguito grafico con qui la colla-e sapersi fare ‘piccolo’. Grazie a

121
num sopra Compound: Aeternum 4,00% 16
borazione Permeabilità chi emoziona, 0 mmcon lezioni di vita e con elevatissime competenze”, così
alle tabelledi sottostanti
ISOCELL, a cui pervalail ricetta
nostro
ringraziamento.
per la realizzazione Si tratta della massima
del concio). *Ricetta per 1 mc continua. Infine, la chiusa (“Non vi dimenticheremo mai”) e le firme
espressione di calcestruzzo durabile, di ragazze e ragazzi. Una speranza decisamente ben coltivata. Una
chiosa aggiunta direttamente dal Preside Guido Garlati durante il

PUBLIREDAZIONALE
anzi eterno, dato il nome del compound
impiegato per il suo confezionamento: convegno dell’Istituto Italiano per il Calcestruzzo al GIC: “Grazie a
© leStrade

© leStrade

Aeternum (rimando al grafico in alto a chi, tra i rumori dei macchinari, vuole sentire gli studenti, parlare
destra e alle tabelle sottostanti per la con loro con autentico valore”.
12/2018 leStrade
ricetta per la realizzazione del concio).
Laboratorio mobile dell’Istituto Italiano per il Calcestruzzo
Laboratorio mobile dell’Istituto Italiano per il Calcestruzzo Mescolatore da 14 metri cubi OMG (Officine Meccaniche Galletti) SICOMA

RICETTA PROVATA SU CONCIO ISOCELL* CARATTERISTICHE DEL CALCESTRUZZO


Calcestruzzo durabile ra un calcestruzzo da vendere, e ogni
del calcestruzzo, non intendiamo molti erano insieme a noi proprio al
Aggregati totali 1800 impermeabile,
kg resistente
Resistenza compressionequella tanto volta che si riceve un calcestruzzo da
MPa decantata oggi sul mer- GIC dove, circondati dagli sguardi
Intanto, i risultati resi pubblici durante cato, né tantomeno quella che richie- posare in opera. geniali e luminosi di Nervi e Musmeci
Sabbione 42,61% le giornate
767 della mostra,
24 ore ottenuti con il 57,15 Parliamo, essenzialmen-
de la norma. Ora la domanda che non può man- e dalle loro opere senza tempo, hanno
4/8 10,80% “concio194 eterno” 48 ore
in esposizione, rap- te, di una
66 permeabilità - la nostra care si presenta come un vero e potuto toccare con mano alcuni esem-
presentano già il giusto premio alla - che è pari a zero mm. La norma, proprio classico: “Quanto costa?”. pi concreti di un altro futuro possibile.
6/12 25,00% 450 7 giorni 71,61
nostra ricerca. Il calcestruzzo impiega- certo, non la prevede, perché non Costa molto, ma molto di meno di Un futuro che oggi può legittimamente
8/20 21,59% to per 389la produzione28 giorni
del concio, del possiamo88,39
pretendere di trovare nella quanto costerebbe pensare di avvici- aspirare all’eternità. nn
100,00% resto, è ormai da noi impiegato
Resistenza in tutti
ai cloruri norma quelle
OTTIMAinnovazioni che il sape- narsi, almeno un po’, alle caratteri-
i nostri cantieri, in molteplici tipologie re, l’impegno, la passione, la ricerca ci stiche dell’AeternumCal per impie-
CEM 42,5 N SR0- 400 Resistenza ai solfati OTTIMA
di realizzazioni; tunnel, bacini di mettono in mano giorno per giorno... ghi sulle strade correnti. Senza
Rapporto A/C totale 0,3 raccolta delle Resistenza
acque, vasca agli acidi
bianca, Il OTTIMA
nostro AeternumCal è un calce- contare che AeternumCal è coperto
canali di irrigazione, opere
Resistenza d’arte
cicli struzzoOTTIMA
gelo e disgelo progettato, seguìto dall’im- da un’apposita polizza assicurativa.
Acqua totale max per impasto 119 pianto di produzione alla posa in Molti operatori, come abbiamo ricor-
stradali, vasche di contenimento
Permeabilità opera, 0ovvero
mm accuratamente, minu-
© leStrade

© leStrade

Compound: Aeternum 4,00% acque 16 aggressive, e via dicendo. dato, da anni si affidano a una solu-
Ovvero ovunque vi sia richiesta di cal- ziosamente controllato. Noi non fac- zione di questo genere, frutto di una
*Ricetta per 1 mc Mescolatore da 14 metri cubi OMG (Officine Meccaniche Galletti) SICOMA
cestruzzo durabile, impermeabile, ciamo nulla di particolarmente astrat- ricerca che ha da sempre tra i suoi
resistente all’aggressione ambientale. to, facciamo solo quello che si obiettivi prioritari la durabilità e la
Quando parliamo di impermeabilità dovrebbe fare ogni volta che si prepa- qualità di strutture e infrastrutture. E
© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
Laboratorio mobile dell’Istituto Italiano per il Calcestruzzo Mescolatore da 14 metri cubi OMG (Officine Meccaniche Galletti) SICOMA
DA IMPAGINARE SU UNA PAGINA E MEZZA

EDILIZIA | NORMATIVA E PRESTAZIONI

L’isolamento
TECH acustico
EDILIZIA di eccellenza
| NORMATIVA delle abitazioni
E PRESTAZIONI

Le opportunità da cogliere a livello normativo per rispondere efficacemente alla richiesta di isolamento

L’ isolamento acustico
acustico più performante rispetto ai requisiti minimi di legge

DI GIORGIO CAMPOLONGO*

di eccellenza delle abitazioni


Nel mercato italiano delle costruzioni stanno emergendo due fenomeni: da una parte una domanda
disposta a spendere di più per avere abitazioni che offrano prestazioni più elevate sotto il profilo
acustico e dall’altra
Le opportunità un’offerta a
da cogliere (sebbene
livello ancora alquanto
normativo percontenuta)
risponderesensibile al problema. alla
efficacemente Questirichiesta di isolamento
aspetti potrebbero offrire spunti di riflessione nella revisione della norma UNI 11367 "​Classificazione
acustico più performante rispetto ai requisiti minimi di legge
acustica delle unità immobiliari​" – occasione per allinearci con le altre Nazioni, specialmente per
dell’isolamento acustico “di eccel- si volesse un valore di calpestio
l'isolamento acustico "di eccellenza" del parco edilizio.
di Giorgio Campolongo* lenza” e vi è anche offerta da parte L’n,w ancora minore o anche molto
di alcuni (ancora pochi) Costruttori minore di 45 dB sarebbe impor-
OLTREitaliano
Nel mercato IL LIMITE DELLA “​​NORMALE TOLLERABILITÀ​”
delle costru- più sensibili al problema. tante fosse contemplato a livello
zioniL'Italia ha il triste
stanno emergendo due primato
feno- mondiale per il numero di controversie giudiziarie perInimmissioni Italia con i di rumore
requisiti d’isola- normativo, anche per favorire
meni: da una parte una domanda mento acustico più bassi d’Europa tutti quei costruttori italiani che
nelle abitazioni che superano il limite della “​normale tollerabilità​”abbiamo
disposta a spendere di più per
di giurisprudenza
il record del numero di si impegnano a realizzare immo-
averedell’art.
abitazioni844che codice civile. Buona parte di queste sono dovute al nostro modo di costruire
offrano pre- controversie le abitazioni,
giudiziarie per immis- bili con il richiesto isolamento di
conpiù
stazioni isolamento
elevate sottoacustico
il pro- insufficiente. sione di rumore nelle abitazioni eccellenza, ma che non vedono
filo acustico e dall’altra un’offerta
I requisiti d’isolamento acustico sono stabiliti dal D.P.C.M. 5/12/97 “​Requisiti (art. 844 codice civile), dovute
acustici passivi degli riconosciuti – già istituzionalmente
(sebbene ancora alquanto conte- anche alla scarsa qualità acustica – i loro sforzi nel cercare di elevare
nuta)edifici ​” per
sensibile i diversi
al problema. elementi edilizi: facciate, muri, solette e impianti condominiali.delle
Questi Il requisito
costruzioni. più critico la qualità abitativa.
e impegnativo è il
aspetti potrebbero offrire spunti rumore di calpestio L’​ nw delle solette, che si misura con un’apposita
L’auspicio macchina
è che, nella con revisione
martellinella
di riflessione cherevisione
cadono in sequenza sul pavimento del piano di sopra e che registra
della dellailnorma,
rumore UNI –in
purdB
nonnelessendo I descrittori acustici
norma UNI 11367 “Classificazione i limiti di legge di sua competenza Nella normativa della classifica-
locale sottostante. Il limite
acustica delle unità immobiliari”
massimo del D.P.C.M. è 63 dB, tra i peggiori in Europa,
Figura 1 – La macchina del calpestio normalizzata UNI con martelli che cadono
superato solo dalla
– fissi nuovi limiti delle classi d’i- zione acustica degli edifici esiste
Spagna,
– occasione percome si con
allinearci vede le nel
suldiagramma di Figura 1.
pavimento per verificare il requisito del D.P.C.M. 5/12/97 (foto di SP Technical
solamento acustico, dalla peg- anche un altro problema: la defi-
Research Institute of Sweden)
altre Nazioni, specialmente per l’i- giore alla migliore, in maniera da nizione degli stessi descrittori
solamento acustico “di eccellenza” diminuire le differenze con le altre acustici. I descrittori sono 5, uno
del parco edilizio. nazioni europee. per ciascuno dei 5 elementi edilizi:
D2m,nT,w isolamento acustico delle
OLTRE IL LIMITE DELLA Classe L’n,w prestazioni
Isolamenti d’eccellenza facciate, R’w potere fonoisolante di
“NORMALE TOLLERABILITÀ” Già oggi alcuni costruttori rea- muri e solette, L’n,w calpestio nor-
I ≤ 53 dB molto buone
L’Italia ha il triste primato mon- lizzano isolamenti acustici di malizzato, Lic rumore degli impianti
diale per il numero di controver- II ≤ 58 dB buone eccellenza sfatando il mito che a funzionamento continuo e Lid a
sie giudiziarie per immissioni di III di base
le tipologie edilizie e i modi di funzionamento discontinuo.
≤ 63 dB
rumore nelle abitazioni che supe- costruire in Italia non consentano La UNI, il D.P.C.M. e la raccoman-
IV ≤ 68 dB modeste
rano il limite della “normale tolle- isolamenti acustici con valori di dazione DEGA Emp. 103 hanno
rabilità” di giurisprudenza dell’art. NC > 68 dB
non calpestio L’n,w ≤ 45 dB. adottato descrittori acustici che
classificabili
844 codice civile. Buona parte Per ottenere L’n,w ≤ 45 dB occorre non esprimono la qualità acustica
di queste sono dovute al nostro Tabella 1 – Le Classi dell’isolamento al calpestio L’n,w un buon
di UNI pavimento galleggiante e
11367 dell’edificio riferendosi all’isola-
modo di costruire le abitazioni, con un buon controsoffitto nel locale mento acustico percepito dalle
Figurainsufficiente.
isolamento acustico 1 – I requisiti legali
Figura di calpestio
2 – I requisiti di calpestio ininabitazioni
abitazioni in 24in 24 nazioni
nazioni [Rasmussen, [Birgit
2009] Rasmussen, 2009]
sottostante, con costi aggiuntivi persone, dal grado più basso al più
I requisiti d’isolamento acustico rispetto al limite di legge elevato, ma sono rivolti al calcolo
sonoQuesto decreto
stabiliti dal D.P.C.M. è5/12/97
al centro dalladiClasse
numerose discussioni
I con prestazioni acu- eClasse
controversie,
Requisito di
ma per sostituirlo
Udibilità non è sufficiente
L’n,w ≤ 63 dB che si possono acustico riferito per R’w alle carat-
L’n,w
“Requisiti acustici passivi degli edi- stiche “molto buone” alla Classe stimare in prima appros- teristiche del materiale di muri e
un decreto governativo perché
fici” per i diversi elementi edilizi:
occorre una specifica legge-delega
IV “modeste” (quest’ultima non A+ ≤ 30 dB
con successivo
non udibile
decreto legislativo
simazione contenuti entro solette e per L’n,w all’assorbimento
che muri,
facciate, certamente non vedrà
solette e impianti la lucealaD.P.C.M.
rispondente breve. Ad oggi, ​aAl di là ≤dei
5/12/97). 35 dB
limitiin della qualità acustica
generale non udibile € 100/m².minima di acustico delle superfici del locale
legge, rimane
condominiali. Il requisitola più
necessità
cri- Per di regolamentare
il calpestio la qualità Bacustica
L’n,w i limiti di Classe
≤ 40 dB
degli edifici con limiti meno
ancora udibile
Quandopermissivi,
è previsto il riscal- ricevente (espresso in m² sabine),
tico più
e impegnativo è il rumore di della UNI sono
in linea con le altre nazioni, e con l’urgenza richiesta nella Tabella 1. dal perdurare delle damento
innumerevoli controversie a pavimento i che è più ingegneristico del calcolo
calpestio L’nw delle solette, che La DEGA (Deutsche Gesellschaft für C ≤ 45 dB udibile costi, a parità di risultato riferito alla percezione del tempo
giudiziarie
si misura per immissioni
con un’apposita mac- di rumore
Akustik DEGA e.V.),nelle che abitazioni.
è l’equiva- L’n,w ≤ 45 dB, sono minori di riverberazione nel locale rice-
D ≤ 50 dB udibile chiaramente
china con martelli che cadono in lente tedesco di AIA (Associazione perché sono sufficienti un vente (espresso in secondi).
E ≤ 60 dB udibile molto
sequenza sul pavimento di sopra Italiana di Acustica), nell’ultima pavimento galleggiante Il problema è che nella norma-
chiaramente
con registrazione del rumore nel edizione della sua autorevole rac- F > 60 dB e un controsoffitto con tiva della classificazione acustica
locale di sotto (Figura 1). Il limite comandazione (Empfehlung 103 Tabella 2 – Udibilità del camminare e Classe caratteristiche costruttive delle abitazioni esistono differenti
Tabella 2 – Udibilità del camminare e Classe d’isolamento acustico (DEGA-
massimo del D.P.C.M. è 63 dB, tra i del gennaio 2018, pdf download d’ isolamento acustico (DEGA-Empfehlung
Empfehlung 103) 103) normali e il costo aggiun- descrittori acustici per lo stesso
peggiori in Europa, superato solo gratis) definisce i requisiti delle tivo di circa € 60/m² (aggiun- elemento edilizio: ad esempio il
dalla Spagna, come si vede nel dia- Classi d’isolamento acustico domestici e dei rumori dell’attività tivo da ≤ 63 dB a ≤ 45 dB). descrittore L’n,w per il calpestio è
gramma di Figura 2. dalla migliore A* alla peggiore F domestica, come riportato nella Pagina Possiamo 1​​ di assumere
6 un gene- normalizzato rispetto all’assorbi-
Questo decreto è al centro di nume- e lo fa adottando lo stesso tipo Tabella 2. rico costo medio di vendita di mento acustico e il descrittore L’nT,w
rose discussioni e controversie, ma di descrittori acustici della UNI, La Classe I di UNI, che è la € 2.500/m² e un costo doppio, è normalizzato rispetto al tempo
per sostituirlo non è sufficiente come il calpestio L’nw delle solette. migliore con isolamento al calpe- pari a € 5.000/m², per il set- di riverberazione. Anche per l’iso-
un decreto governativo perché Perciò i limiti di Classe tedeschi stio L’n,w ≤ 53 dB, è peggiore della tore “di eccellenza” del mercato lamento acustico della facciata,
occorre una specifica legge-delega sono direttamente confrontabili Classe D di DEGA con 50 dB, per immobiliare, al quale è rivolto il del muro perimetrale tra apparta-
con successivo decreto legislativo con quelli di UNI. la quale il camminare normale calpestio L’n,w ≤ 45 dB. menti e del rumore degli impianti
che certamente non vedrà la luce La raccomandazione DEGA traduce al piano di sopra è udibile chia- Perciò nel mercato immobiliare “di esistono diversi descrittori acu-
a breve. Ad oggi, al di là dei limiti i valori delle Classi, espressi in dB, ramente ed è appena sufficiente eccellenza”, al quale ci si riferisce, il stici.
della qualità acustica minima di in termini di udibilità descritta con per essere rispondente al limite costo aggiuntivo di € 100/m² rappre- Il difetto pratico dei descrittori
legge, rimane la necessità di rego- linguaggio comune del camminare di legge tedesco 53 dB della DIN senta il 2% (=100/5.000). La percen- della UNI, del D.P.C.M. e della DEGA
lamentare la qualità acustica degli normale (non con i tacchi), del 4109. Il limite di legge del nostro tuale potrebbe sembrare elevata, è che i limiti delle Classi acustiche
edifici con limiti meno permissivi, giocare di bambini, degli elettro- D.P.C.M. 63 dB è di qualità acustica ma, se confrontata con il bene- è come se fossero affetti da una
più in linea con le altre nazioni, e peggiore di ben 10 dB rispetto al ficio soggettivo del molto mag- incertezza grande malgrado che
con l’urgenza richiesta dal perdu- Classe L’n,w prestazioni limite tedesco e addirittura fuori gior comfort acustico ottenuto le misurazioni fonometriche siano
rare delle innumerevoli controver- I ≤ 53 dB molto buone dalla scala tedesca. (da L’n,w ≤ 63 dB a ≤ 45 dB), risulta state accurate (effettuate secondo
sie giudiziarie per immissioni di II ≤ 58 dB buone Occorre tener presente che oggi trascurabile. Infatti, come visto le prescritte UNI 16283 e 717).
rumore nelle abitazioni. anche in Italia si costruisce con in Tabella 3, l’udibilità del cam- Sempre nell’esempio del calpestio
III ≤ 63 dB di base
L’n,w ≤ 45 dB e quindi occorre ade- minare, del trascinare le sedie, L’n,w l’incertezza può anche essere
LA NORMATIVA ITALIANA IV ≤ 68 dB modeste guare i limiti per non penalizzare del giocare dei bambini sul pavi- di 5 dB ed è rilevante perché è
IN MATERIA non il costruttore virtuoso che non mento ecc., passa dallo stato uguale al “salto” della classe d’iso-
NC > 68 dB
La norma UNI 11367 “Classificazione classificabili si riconosce nella Classe ≤ 53 dB. ancora peggiore di udibile molto lamento acustico, come già visto in
acustica delle unità immobiliari” Per la fascia alta delle abitazioni chiaramente dei 63 dB all’udibile Tabella 3. Il valore L’nw di UNI (quello
Tabella 1 – Le Classi dell’isolamento al calpestio L’n,w di UNI 11367
stabilisce i limiti dell’isolamento Tabella 1 – Le Classi dell’isolamento vi è richiesta da parte di persone dei 45 dB, cioè si riduce in modo riferito all’assorbimento acustico
acustico degli edifici in 4 classi, al calpestio L’n,w di UNI 11367 disposte a pagare il maggior costo eclatante. E certamente qualora delle superfici) è minore o mag-

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
Requisito di
Classe Udibilità
L’n,w
l confronto tra le Classi d’isolamento al calpestio della UNI con quelle della DEGA pone in evidenza il
atto che le seconde siano molto più stringenti, come si vede in Tabella 3. 21

disturbo ☺☺☺☺☺ • • ☹ ☹ ☹ ☹ tion of dwellings” (classificazione


acustica delle abitazioni) adottava
livello internazionale il dibat-
tito sulla classificazione acustica
descrittori acustici più coerenti
con la dinamica del disturbo da
L’​n,w in
​ dB ≤ 30 ≤ 35 ≤ 40 ≤ 45 ≤ 50 ≤ 53 ≤ 58 ≤ 60 ≤ 63 ≤ 68 > 68 i descrittori percepiti dalla per- delle abitazioni è ancora aperto. rumore percepito nelle abitazioni,
DPCM 5/12/97 DPCM sona, ma di recente, nell’ottobre Una cosa è certa: i descrittori sia adottando limiti più strin-
2018, dopo ben 5 anni di gesta- percepiti dalla persona, per genti delle Classi acustiche per le
UNI 11367 ? ? ? I II III IV NC
zione è stata bocciata e rinviata la loro stessa definizione fisi- abitazioni di qualità più elevata
DEGA Empf.103 A* A B C D E F al Segretariato di ISO. Ora si è in co-matematica, non sono quelli rispetto a quelli attuali. Sarebbe
DIN 4109 DIN V I E T A T O attesa delle decisioni di ISO forse della UNI ma quelli della VDI e sicuramente un passo significa-
per farne una ISO/TS (specifica della ISO. tivo per il rifacimento del D.P.C.M.
Tabella 3 – Le Classi dell’isolamento al calpestio L’n,w di UNI 11367 e di tecnica). UNI potrebbe contribuire a miglio- 5/12/97.
DEGA-Empfehlung 103
Tabella 3 – Le Classi dell’isolamento al calpestio L’​n,w di ​ UNI 11367 e di DEGA-Empfehlung 103 rare l’isolamento acustico delle
giore rispetto a L’nT,w (quello perce- la curva in frequenza “A” dellaLa classificazione UN DIBATTITO APERTO acustica delle abitazioninuove costruzioni e anche delle * Ingegnere in Milano - esperto
pito dalla persona) e la differenza percezione soggettiva e tenendosecondo il D.P.C.M.è 5/12/97,
La conclusione che anche la norma
a UNI 11367 e sia
ristrutturazioni, la raccomandazione
adottando DEGA Empfehlung 103
di acustica
dipende dal volume del locale che conto dello spettro del traffico
La Classe I di UNI, che è la migliore con isolamento al calpestio L’​n,w​ ≤ 53 dB, è peggiore della Classe
D di DEGAricevecon 50il dB, rumore
per ladel calpestio
quale dal normale
il ​camminare stradale “tr” che
al piano è spostato
di sopra è ​udibileversochiaramente ed è DEGA
piano diper
appena sufficiente sopra,
esseredi cui la norma al
rispondente UNI
limite le bassetedesco
di legge frequenze), come
53 dB della DINnella
4109. Il limite di UNI 11367
Emp.103
non tiene
egge del nostro conto.
D.P.C.M. 63AdB parità di valore
è di qualità acusticabozza di norma
peggiore ISOdBFDIS
di ben 10 rispetto19488,
al limite tedesco D.P.C.M. Classe
Classe di
e addirittura fuori dallaL’ scala
percepito il tedesca.
valore UNI di L’nw richiamata più avanti.Quindi il
Isolamento Descrittore 5/12/97 d’isolamento
Occorre tener presente
nT,w
che oggi del anche in Italia descrittore con L’​n,w ≤
si costruisce corretto ​ 45 dBisola-
e quindi occorre
Tipo di rumore isolamento
aumenta all’aumentare volume dell’
acustico acustico acustico
adeguare i limiti per non penalizzare il costruttore virtuoso che non si riconosce nella Classe ≤ 53 dB.
del locale ricevente: quando il locale mento acustico della facciata è la acustico
Per la fascia alta delle abitazioni vi è richiesta da parte di persone disposte a pagare il maggior costo
è 10 m³
dell'isolamento L’nw è minore
acustico di 5 dB rispetto
"di eccellenza" differenza
e vi è anche offerta(Lden
da− parte
DnT,A,tr).diLa grande
alcuni (ancora pochi)
Costruttoriapiù L’nT,w , quando
sensibili il locale è 30 m³ i
al problema. differenza di definizione dei due limite I ↔ IV A* ↔ E
n Italia condue valori sono uguali e quando il
i requisiti d’isolamento acustico più descrittori dell’ isolamento di fac-
bassi d’Europa abbiamo il record del numero di
controversie giudiziarie
locale è 100 m³ per L’immissione
è maggiore di rumore
di nelle quello
ciata, abitazioni (art. e844
di UNI codice
quello civile), dovute
per-
anche alla 5scarsa qualità
nw
acustica delle
dB rispetto a L’nT,w. Perciò l’indice costruzioni. cepito dalla persona, comporta
Traffico di auto, D​2m,nT,w​ [dB] ≥ 40 ≥43 ↔ ≥32
L’auspicio è che, nella revisione della norma, UNI – pur non essendo i limiti di legge treni di suae aerei,
isolamento
della qualità acustica deve rife- che le due classificazioni acusti-
competenza – fissi nuovi limiti delle classi d’isolamento acustico, dalla peggiore alla migliore, in acustico di
maniera darirsi al valore del calpestio per- che non siano confrontabili: a una vociare, movida, limiti di zona
diminuire le differenze con le altre nazioni europee. facciata ≤55 ↔ ≤75
cepito L’nT,w e non deve riferirsi al classe elevata percepita può cor- dall’esterno [dBA]
solamentivalore L’nw che è diverso dal valore
d’eccellenza rispondere una classe modesta di
Già oggi alcuni costruttori
percepito, perchérealizzano
non tiene isolamenti
conto acustici
UNI edi viceversa
eccellenza a sfatando
seconda il mito che le tipologie
della
edilizie e i modi di costruire in Italia non consentano isolamenti acustici con valori di calpestio
del volume del locale dal quale, rumorosità della zona, che non è Voci, TV, musica, potere
L’​n,w ≤
​ 45 dB. abbaiare, dal fonoisolante
Per ottenere comeL’​n,wnoto,
≤ dipende la sensazione contemplata nella UNI. R’​w​ [dB] ≥ 50 ≥56 ↔ ≥45 ≥72 ↔ ≥50
​ 45 dB occorre un buon pavimento galleggiante e un buon controsoffitto nel locale
sottostante, dicon
riverberazione
costi aggiuntivi delrispetto
suono.al limite di legge L’​ ≤ 63 dB che si possono stimare in prima vicino attiguo o di di muro o
n,w ​
Il descrittore
approssimazione contenuti D2m,nT,w
entrodi UNI per l’i-
€ 100/mq. GLI STANDARD TEDESCHI sopra o di sotto soletta
solamento della facciata non tiene E INTERNAZIONALI
conto del rumore esistente fuori Anche in Germania non vi è
Camminare,
dalla finestra e la conseguenza accordo tra la DIN 4109 e la DEGA calpestio
trascinare sedie,
pratica è che vengono installati Empfehlung 103 – da una parte – normalizzat
serramenti anche molto perfor- che adottano i descrittori orientati
colpi sul L’​nw [dB] ≤ 63 ≤53 ↔ ≤68 ≤30 ↔ ≤60
o della
manti e costosi in zone silenziose al calcolo acustico e la VDI 4100 pavimento di
soletta
in aperta campagna, invece di (Verein Deutscher Ingenieure, asso- sopra
installarli soltanto nelle aree a ele- ciazione degli ingegneri tedeschi) Pagina 3​​ di–6
livello
vato inquinamento acustico, vicino dall’altra parte – che nell’edizione Riscaldamento,
a strade, autostrade e ferrovie. del 2007 ha adottato i descrittori
sonoro degli L​Aeq/L​ic [dBA] ≤ 25 ≤25 ↔ ≤37
condizionamento
Il descrittore corretto è dato dal del calcolo acustico e successi- impianti a
e autoclave
rumore intrusivo attraverso la fine- vamente nel 2012 ha optato per i funzioname L​
condominiali AF,max,n​ [dBA] ≤20 ↔ ≤35
stra chiusa, perché è questo che descrittori percepiti dalla persona. nto continuo
viene percepito dalla persona, ed Questo recente capovolgimento di livello
è il rumore ambientale all’esterno opinione è particolarmente signi- L​ASmax​/L​id
sonoro degli [dBA] ≤ 35 ≤30 ↔ ≤42
della finestra Lden (livello sonoro ficativo per l’autorevolezza della
Ascensori e impianti a
sulle 24 ore, day-evening-night) VDI, considerata una delle associa-
attenuato dall’isolamento della zioni con orientamento tecnico più
scarichi idraulici funzioname
finestra DnT,A,tr (pedici: normalizzato grandi al mondo. nto L​AF,max,n [dBA] ≤20 ↔ ≤35
“n” rispetto al tempo di riverbe- La bozza di norma internazionale discontinuo
razione “T”, attenuato secondo ISO/FDIS 19488 “Acoustic classifica- La classificazione acustica delle abitazioni secondo il D.P.C.M. 5/12/97, la norma UNI 11367 e la raccomandazione DEGA Empfehlung 103

SEGUE DA PAG. 18 far transitare la fattura scartata dirizzo telematico che legge nel il SdI invia al soggetto che ha
attraverso il Sistema di Inter- file della fattura (campi “Codice trasmesso il file una ricevuta di
Fatturazione elettronica scambio, SdI) oppure emettere Destinatario” e “PEC Destinata- impossibilità di consegna all’ in-
obbligatoria: cos’è e come funziona una fattura con un numero che, rio”) e invia al soggetto che ha terno della quale è indicata la
nel rispetto della progressività, trasmesso il file una ricevuta data di messa a disposizione del
• inviare le fatture elettroniche ai controlli e, se tali controlli sono faccia emergere che si tratta di di consegna. Nel caso in cui la file al cliente. In questo caso la
propri clienti sempre attraverso superati, trasmette il file all’ in- un documento rettificativo. Come casella PEC ovvero il canale tele- fattura si considera emessa per
il SdI (Sistema di Interscambio), dirizzo telematico presente nella già detto, se i controlli invece matico FTP o Web Service, dove il fornitore ma non ancora defini-
altrimenti sono considerate non fattura. Se uno o più dei controlli vanno a buon fine, il SdI reca- il SdI prova a recapitare il file tivamente ricevuta (ai fini fiscali)
emesse. Per trasmettere al SdI non va a buon fine, il SdI “scarta” pita la fattura elettronica all’ in- della fattura, non fossero attivi, dal cliente.
il file XML della fattura elettro- la fattura elettronica e invia al
nica si può utilizzare un servizio soggetto che ha trasmesso il file LE CONVENZIONI DEL CNI
online presente nel portale “Fat- una ricevuta di scarto all’ interno Pagina 6​​ di 6
Partendo dalla premessa che il CNI ha già in essere alcune convenzioni in merito alla fatturazione elet-
ture e Corrispettivi”, utilizzare della quale sarà anche indicato tronica, che già da diversi anni è obbligatoria per le aziende e i professionisti che cedono beni o prestano
la procedura web ovvero l’App il codice e una sintetica descri- servizi alla Pubblica Amministrazione (DM n. 55 del 3 aprile 2013, in attuazione di quanto previsto dalla Legge
FatturAE messe a disposizione zione del motivo dello scarto. 244/2007 art. 1, commi da 209 a 2014), nel mese di ottobre lo stesso Consiglio Nazionale degli Ingegneri ha
gratuitamente dall’Agenzia delle La fattura “scartata” dal SdI si pubblicato un avviso per la manifestazione di interesse ai fini di un’indagine di mercato per l’acquisizione di
Entrate, utilizzare una PEC (Posta considera come non emessa, proposte di convenzione per il servizio di fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva per gli iscritti
Elettronica Certificata), inviando come chiarito nella circolare agli Ordini degli ingegneri d’Italia, chiusosi lo scorso 30 novembre, termine ultimo di presentazione delle
il file della fattura come allegato 13/E/2018. In questo caso, il con- proposte economiche.
del messaggio di PEC all’indirizzo tribuente, entro 5 giorni effettivi Il Consiglio Nazionale, nella prossima seduta utile, effettuerà delle valutazioni tese a individuare gli operato-
sdi01@pec.fatturapa.it oppure dallo scarto (festività incluse), ri economici con i quali sottoscrivere le Convenzioni, essendosi riservato, il CNI, la più ampia facoltà quanto
utilizzare un canale telematico potrà inviare nuovamente la alla contestuale e contemporanea sottoscrizione di più proposte, tra le quali l’iscritto potrà liberamente
(FTP o Web Service) preventiva- fattura con la data e il numero scegliere.
mente attivato con il SdI. del documento originario. Supe- Il CNI intende così facilitare agli iscritti l’accesso ai servizi di fatturazione elettronica, in previsione dell’ob-
rati i 5 giorni dallo scarto, si bligo ormai imminente (1° gennaio 2019) della stessa anche tra privati per le cessioni di beni e le prestazioni
LA RICEVUTA DI SCARTO, DI dovrà emettere una fattura di servizi, ampliando fortemente la platea dei soggetti e delle operazioni che saranno assoggettate a questo
CONSEGNA O DI IMPOSSIBILITÀ con numero e data nuovi dalla regime.
DI CONSEGNA quale risulti un collegamento Occorre precisare che l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione, a titolo gratuito, un applicativo per
Una volta che il file della fattura con quella scartata e stornata la redazione e conservazione delle fatture elettroniche: la ricerca del CNI vuole rappresentare un’alternativa
elettronica è stato trasmesso al con variazione contabile valida in più per quelle categorie di iscritti che intendano avvalersi di provider privati in grado di fornire servizi di
SdI, quest’ultimo esegue alcuni ai soli fini interni (senza quindi assistenza a valore aggiunto.

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
MATERIALI
STAMPA 3D

Fig. 3. Modello scomponibile per la resezione di un tumore della colonna vertebrale: migliora-
mento della visibilità del tumore, posizionato in un punto difficilmente accessibile

Oltre le frontiere: form Constructions, nonché il Binder


Jetting e lo Slip-Forming).
additiva è l’estrema trasversalità di
applicazione. Ne è un esempio l’uti-
lizzo di questa tecnologia nell’am-

applicazioni fino a pochi


Meccanica bito delle microonde. La stampa 3D
Applicazioni della stampa 3D sono è stata utilizzata per realizzare gui-
sempre più frequenti anche per de dielettriche con geometrie non

anni fa impensabili
la produzione di elementi struttu- standard, da impiegare nella realiz-
rali da impiegare nel settore della zazione di circuiti integrati a basso
componentistica meccanica. Per costo e con perdite ridotte, in grado
questo tipo di utilizzo è fondamen- di lavorare con onde di lunghezza
tale la scelta del materiale più ido- micrometrica e millimetrica. Utiliz-
neo, per garantire adeguati livelli di zando polvere di gesso è possibile
Negli ultimi anni le grandi potenzialità e i vantaggi legati alla stampa resistenza e durata, come richiesto conferire al prodotto finale una
dalle specifiche di progetto. I com- grande stabilità termica, aprendo la
3D o manifattura additiva sono stati declinati in svariati campi applicativi: ponenti in leghe metalliche, come possibilità ad applicazioni estreme,
dall’ambito strutturale/civile a quello biomedicale, da quello meccanico fino acciaio, inconel, alluminio o tita- ad esempio in ambiente criogeni-
nio, sono attualmente i più richiesti co, mentre con plastiche per FDM
al sociale garantendo prestazioni uguali se (Ninjaflex®) si possono ottenere
non superiori a quelle dei mede- guide dielettriche. Agendo sul pa-
simi componenti ottenuti tramite i rametro che regola la densità di ri-
più tradizionali processi produttivi. empimento (infill), è possibile con-
L’ampia scelta di materiali dispo- trollare le proprietà dielettriche del
nibili e utilizzabili nell’ambito della materiale stesso. Una volta ottenu-
stampa 3D consente, inoltre, la pro- ta una correlazione tra la percen-
duzione di componenti meccanici tuale di riempimento e le proprietà
anche in materie plastiche ad alte dielettriche, è possibile progettare
prestazioni. Questi materiali, og- guide per applicazioni nel campo
getto di costante ricerca da parte delle microonde, in grado di au-
dell’industria e di istituzioni univer- mentare la banda di frequenza uti-
sitarie, possiedono elevati valori di lizzabile, grazie a una combinazione
resistenza ad usura e possono es- di zone con densità di materiale
sere impiegati anche a temperature differente. Sempre con l’utilizzo di
fino a 300°C di esercizio; possono stampanti 3D FDM è possibile rea-
inoltre essere rinforzati tramite lizzare componenti in ABS, uno dei
l’impiego di fibre di carbonio, Ke- più comuni filamenti termoplastici,
vlar o vetro, depositate tramite ap- che possono essere successiva-
positi estrusori insieme alla matrice mente metallizzati con inchiostro a
plastica. Questo tipo di applicazioni base di argento.
è sempre più richiesto, soprattutto
Fig 1. (a) Processo di stampa in atto e (b) un sottoprodotto cementizio in quei casi in cui sia difficile repe- Medicale e socio-sanitario
rire pezzi di ricambio o quando i co- Le potenzialità della stampa 3D
di Ferdinando Auricchio* applicazioni in calcestruzzo (Fig. sparmio di materiale con un diretto sti per la produzione di un singolo possono essere sfruttate anche

D
1), con l’obiettivo di sfruttare la impatto sulla sostenibilità. componente non siano convenienti per applicazioni in ambito medi-
opo aver introdotto l’argo- tecnologia per garantire nuove li- Recentemente, la combinazione di o sostenibili: un esempio applicati- cale utilizzando le immagini me-
mento sullo scorso numero bertà, in termini stilistici nonché fabbricazione digitale e di materiali vo è mostrato in Fig 2. diche – quali risonanza magnetica
del Giornale dell’Ingegne- progettuali, permettendo quindi cementizi innovativi ha garantito lo (RM) o tomografia computerizzata
re (pagg. 4 e 5), in questo allo stesso tempo nuove proprietà sviluppo di nuovi processi produtti- Guide dielettriche (TAC) – a supporto del chirurgo
articolo presentiamo alcune tra le estetiche e funzionali (concetto di vi (ad esempio il Layered Extrusion, e componenti ABS nella pianificazione ed esecuzione
più significative applicazioni del- Freeform strutturale). Infatti, nelle a sua volta suddiviso in Contour Una delle caratteristiche princi- dell’intervento e per facilitare la
la stampa 3D in numerosi ambiti, applicazioni costruttive tradizionali, Crafting, Concrete Printing e Free- pali delle tecniche di manifattura comunicazione con il paziente.
nonché alcune considerazioni sul- i singoli elementi possiedono nella
la caratterizzazione meccanica del maggior parte dei casi dimensioni
componente stampato in 3D sia per ben definite e difficilmente variabili:
la predizione del comportamento i processi produttivi, che risiedono
strutturale sia per l’ottimizzazione in paradigmi di produzione standar-
del processo. Un ulteriore appro- dizzati, richiedono stampi appro-
fondimento riguarda la simula- priati o tecnologie di sottrazione per
zione numerica atta a progettare essere creati. I processi di manifat-
componenti, dimensionare strut- tura additiva rappresentano invece
ture, predire il comportamento la via per rivoluzionare questo pa-
meccanico e/o fluidodinamico di radigma, permettendo ai progettisti
dispositivi per diverse applicazioni. di sperimentare e creare elementi
unici senza costi proibitivi. Altri van-
ESEMPI APPLICATIVI taggi generati dall’automatizzazione
Fig 2. Realizzazione di ruota dentata come pezzo sostitutivo del componente originale. L’intero processo, dal disegno alla
Interessanti applicazioni si stanno di questo processo sono: riduzione produzione del componente, ha richiesto pochi giorni. (a) Ruota dentata dopo il post-processing necessario per la rimozi-
sviluppando nell’industria delle dei costi, maggiore sicurezza per i one del supporto. Non sono state necessarie successive lavorazioni alle macchine utensili. (b-c) Ruota dentata durante le
costruzioni, in special modo nelle lavoratori, qualità e affidabilità, ri- fasi di montaggio e collaudo

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
23

A partire da immagini mediche è peso, notevolmente ridotto rispet- METODI COMPUTAZIONALI PER
possibile realizzare modelli tridi- to ad analoghe strutture realizzate LA STAMPA 3D (E NON SOLO…)
mensionali dell’anatomia di uno con metodi standard. Dall’altro lato, Il Gruppo di Meccanica Compu-
specifico paziente che vanno ad le singole unità costitutive (celle) tazionale e Materiali Avanzati
evidenziare tutte le strutture chi- che compongono la struttura reti- dell’Università di Pavia possiede
rurgicamente rilevanti. La casisti- colare possono essere progettate competenze di alto profilo e stru-
ca si rivolge a qualsiasi specialità in modo specifico per fare in modo menti avanzati per la simulazio-
medica e ad oggi, grazie alla colla- che la struttura nel suo insieme ne numerica atta a progettare
borazione con numerose strutture esibisca comportamenti meccanici componenti, dimensionare strut-
ospedaliere, il nostro laboratorio particolari. Per esempio, possono ture, predire il comportamento
ha maturato una pluriennale espe- essere realizzate componenti che meccanico e/o fluidodinamico di
rienza negli ambiti della chirurgia mostrano un cosiddetto comporta- dispositivi per diverse applica-
addominale, otorinolaringoiatria e mento auxetico, ovvero che, contra- zioni. Tali competenze sono at-
chirurgia maxillo-facciale, ortope- riamente ai materiali tradizionali, tualmente utilizzate non solo per
dia e chirurgia vascolare. Fig 4. Mappa tattile del Museo della Tecnica Elettrica (MTE) di Pavia realizzata non mostrano fenomeni di strizione la progettazione e validazione di
I modelli deformabili possono es- tramite tecnologia di stampa 3D FDM quando sottoposti a trazione ma, al dispositivi dalla forma complessa
sere utilizzati per simulazioni rea- contrario, si allargano. ottenuti con la stampa 3D o la cui
listiche della procedura chirurgica operatori e anestesiologici, garan- di Ingegneria Civile e Architettura geometria è ottimizzata grazie ai
in esame, quelli trasparenti sono tendo quindi un migliore risulta- dell’Università degli Studi di Pavia, CARATTERIZZAZIONE nuovi paradigmi di manifattura
invece utili nella scelta della ti- to per il paziente sia in termini di in collaborazione con il Museo del- MECCANICA additiva, ma sono anche utilizza-
pologia e della geometria di en- precisione nell’esecuzione dell’in- la Tecnica Elettrica (MTE) di Pavia, Durante il processo di manifattura te per la simulazione a livello mi-
doprotesi e nella pianificazione tervento sia di degenza post-ope- ha svolto un accurato processo di additiva un materiale di partenza cro o macro del processo additivo
del suo posizionamento. I modelli ratoria. A tal proposito, grazie alla ricerca che ha portato alla realizza- (filamento termoplastico, resine (Fig. 5).
scomponibili sono ampiamente proficua collaborazione tra Univer- zione di una mappa tattile del Mu- fotopolimeriche, polveri metalli- Nel contesto della stampa 3D, si-
utilizzati per valutare strutture o sità di Pavia e Policlinico San Mat- seo, stampata 3D (Fig. 4), per fornire che…) viene utilizzato per realizzare mulazioni numeriche che mirano
tumori altrimenti inaccessibili, e teo, è stato recentemente inaugu- a persone ipovedenti tutte le infor- strato dopo strato il componente a prevedere gli stati tensionali
modelli ad elevata risoluzione cro- rato un laboratorio di stampa 3D mazioni e gli strumenti necessari desiderato. Questo apre una pro- residui e la deformazione delle
matica, per una più semplice iden- unicamente dedicato al supporto ad una visita esaustiva e autonoma. blematica di rilievo associata alle parti stampate stanno attirando
tificazione delle strutture anatomi- dell’attività clinica e fisicamente al- Tempi e costi di progettazione, pro- prestazioni meccaniche del com- sempre più interessi da parte
che di interesse (Fig. 3). locato all’interno della realtà ospe- cesso e produzione risultano sensi- ponente stampato: le sue proprietà di università e industrie. Nuovi
In generale, i modelli stampati 3D daliera (http://3d4med.eu). bilmente inferiori rispetto a quelli saranno infatti differenti dalle pro- metodi numerici e tecnologie di
permettono di apprezzare al me- Le potenzialità e l’elevata flessibi- di sistemi di produzione standard prietà del puro materiale di parten- simulazione stanno, infatti, per
glio le distanze anatomiche e valu- lità della stampa 3D possono es- di mappe tattili, come embossing, za e risentiranno in modo signifi- essere messi a punto col fine di
tare i punti di accesso più idonei. sere sfruttate anche in altri settori thermoforming o serigrafia. cativo del processo stesso. Risulta riprodurre virtualmente (ma rea-
Sono, inoltre, particolarmente utili socio-sanitari, con la produzione quindi necessaria una caratterizza- listicamente) al computer il pro-
per la valutazione di casi clinici ati- di supporti e protesi per persone Nuovi materiali zione meccanica del componente cesso tecnologico di manifattura
pici e grazie ad essi il chirurgo è in affette da disabilità o la creazione Come già sopra menzionato, la stampato in 3D sia per la predizione additiva. Inoltre, la possibilità di
grado di pianificare al meglio l’in- di dispositivi e mappe tattili per stampa 3D permette la realizza- del comportamento strutturale sia ottenere manufatti di forma an-
tervento, di testare e scegliere gli migliorare l’accessibilità degli edi- zione di forme anche molto com- per l’ottimizzazione del processo ai che molto complessa ha porta-
strumenti chirurgici e i dispositivi fici e degli spazi urbani a persone plesse, tra cui meritano particolare fini di migliorare il più possibile le to allo studio e allo sviluppo di
più idonei, riducendo così i tempi con disabilità visive. Il Dipartimento menzione i meta-materiali e i ma- sue proprietà meccaniche. tecniche di ottimizzazione, topo-
logica e di forma, dedicate alla
stampa 3D. Tali tecniche infatti,
permettono l’ identificazione ra-
zionale di soluzioni progettuali
ottimali, la cui definizione è resa
complessa dall’elevato numero di
nuove variabili e dalle numerose
differenti possibilità offerte al
progettista dal processo tecno-
logico additivo (Fig. 6). Da queste
considerazioni emerge anche la
complementarietà tra stampa 3D
e tecniche di ottimizzazione, che
insieme possiedono un elevato
potenziale, tuttora non comple-
tamente espresso. Ulteriori in-
formazioni sono reperibili sul sito
del Gruppo di Meccanica Com-
Fig. 5. Simulazione di un processo di stampa 3D (a) Powder Bed Fusion, basata su fusione selettiva di polveri. Analisi dell’interazione del laser con uno strato di putazionale e Materiali Avanzati
materiale; (b) Direct Energy Deposition, basata sulla deposizione diretta di un materiale. Analisi del flusso di polvere solida e creazione di un cono di polvere prima dell’Università di Pavia (http://
dell’interazione con il laser e dell’attivazione del processo di fusione e solidificazione
www.unipv.it/compmech/) o sul
Sim-AM 2019 teriali reticolari (noti anche come Presso l’Università di Pavia (www. sito del progetto strategico 3D@
lattice materials). Le peculiarità di unipv.it/compmech/mate-lab.html) UniPV (http://www.unipv.it/3d/).
II International Conference on Simulation questi materiali, per cui essi susci- sono infatti disponibili attrezza-
for Additive Manufacturing tano grande interesse di carattere ture di laboratorio adatte alla ca- * Professore di scienza delle costru-
applicativo, possono essere di du- ratterizzazione meccanica di una zioni - Gruppo di Meccanica Computa-
Pavia, 11-13 settembre 2019 plice natura. Da un lato, le strutture varietà di materiali (come materiali zionale e Materiali Avanzati dell’Uni-
reticolari possono offrire adeguate biologici e bio-artificiali, materiali versità di Pavia
Dall’11 al 13 settembre 2019, presso l’Università di Pavia si svolgerà, il conve- prestazioni meccaniche con uso simil-gomma, materiali metallici e Hanno collaborato: Gianluca Alaimo,
gno internazionale Sim-AM 2019, il quale affronterà, in tre giornate, la tema- di materiale, e conseguentemente leghe a memoria di forma). Stefania Marconi e Simone Morganti
tica con un focus dedicato alla modellazione, alla simulazione e alla valida-
zione dei processi, coinvolgendo, non solo ricercatori da tutto il mondo, ma
anche software house, aziende produttrici e utilizzatrici della tecnologia AM.
I lavori congressuali saranno inaugurati ogni giorno da lezioni plenarie tenu-
te da esperti riconosciuti a livello mondiale, e proseguiranno con sessioni in-
centrate sui temi principali del convegno, organizzate da ricercatori distintisi
nei vari campi specifici riguardanti l’AM.
Per l’intera durata dell’evento, nella splendida cornice medievale delle Aule
Storiche della Sede Centrale dell’Università degli Studi di Pavia, sarà allestita
anche un’ampia area espositiva, che favorirà il contatto tra i partecipanti e le
più attive industrie del settore.
Durante workshop aziendali dedicati, la comunità scientifica avrà modo di
incontrare esperti appartenenti a importanti aziende coinvolte, a vario titolo,
nell’uso dell’AM, confrontarsi sulle rispettive attività in corso, le possibilità di
sviluppi futuri, nonché le eventuali criticità riscontrate.
Informazioni aggiornate sull’evento sono disponibili alla pagina web http:// Fig 6. Stampa 3D di componente strutturale ottimizzato, realizzato in polimero termoplastico. La progettazione ha avuto
come obiettivo la massimizzazione del carico di snervamento, agendo sull’orientamento del filamento estruso: (a) Mappa
congress.cimne.com/sim-am2019/ oppure contattando la segreteria organiz- degli orientamenti ottimali del filamento, ottenuta tramite ottimizzazione topologica; (b) Prototipo del componente strut-
zativa all’indirizzo sim-am2019@unipv.it turale prodotto tramite tecnologia FDM

© È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione
ADV_iidroDRAIN_265x388-5.pdf 1 27/11/18 08:46

CM

MY

CY

CMY

Italcementi