Sei sulla pagina 1di 4

REGIONE.LAZIO.REGISTRO UFFICIALE.I.0583295.

26-09-2018

WWF Italia Tel: 06844971


Sede Nazionale Fax: 0684497365
Via Po, 25/c segresegreteriagenerale@wwf.it
00198 Roma sito: www.wwf.it

Osservazioni del WWF nell’ambito della procedura di VIA dell’Impianto di


compostaggio e digestione anaerobica di rifiuti organici di natura agro-
industriale e da raccolta differenziata con produzione di metano e CO2 da
realizzarsi nel territorio del Comune di Ponzano Romano (Regione Lazio).
Proponente Sogliano Ambiente spa

Il WWF Italia guarda con molta preoccupazione al progetto in oggetto , ritenendo che avrà
consistenti impatti sul paesaggio e sull’ambiente.

Si rileva in tal senso che le informazioni fornite dal soggetto proponente nello Studio di
Impatto Ambientale (SIP) non sono sufficienti per operare una attenta valutazione su
aspetti dirimenti come la tutela di habitat e specie, particolarmente importanti data la
vicinanza con siti tutelati a livello comunitario e con importanti aree protette regionali. La
prossimità del fiume Tevere imporrebbe inoltre il massimo delle cautele per evitare ricadute
negative sulle acque superficiali e sotterranee.

Attraverso le presenti osservazioni il WWF Italia evidenzia come la localizzazione dell’opera


sia frutto di scelte errate e decisamente contraddittorie con la disciplina contenuta negli atti
e negli strumenti di governo del territorio regionale e comunale, indicandole puntualmente
e richiedendo indispensabili approfondimenti e integrazioni dello SIP.

Osservazione 1: Indebita attribuzione della natura di “opera di interesse


pubblico” alla trasformazione oggetto di VIA.

Nella Premessa del SIP viene affermato che la tipologia di impianto oggetto di valutazione
risulterebbe opera di interesse pubblico ai sensi dell’art. 208 c. 6 del D.Lgs. 152/06

Ente morale riconosciuto con


Registrato come: D.P.R. n.493 del 4.4.74.
WWF Italia
Via Po, 25/c Schedario Anagrafe Naz.le
00198 Roma Ricerche N. H 1890ADZ.
Lo scopo finale del WWF è fermare e far regredire il degrado
dell’ambiente naturale del nostro pianeta e contribuire a costruire Cod.Fisc. 80078430586 ONLUS in base al D.Lgs
P.IVA IT 02121111005 4 dicembre1997, n. 460
un futuro in cui l’umanità possa vivere in armonia con la natura.
Il riferimento normativo citato recita:

Entro 30 giorni dal ricevimento delle conclusioni della Conferenza dei servizi, valutando le
risultanze della stessa, la regione, in caso di valutazione positiva del progetto, autorizza la
realizzazione e la gestione dell’impianto. L'approvazione sostituisce ad ogni effetto visti,
pareri, autorizzazioni e concessioni di organi regionali, provinciali e comunali, costituisce,
ove occorra, variante allo strumento urbanistico e comporta la dichiarazione di pubblica
utilità, urgenza ed indifferibilità dei lavori.

Ne consegue che la richiamata natura di interesse pubblico è susseguente, e non


antecedente, la pronuncia di compatibilità ambientale, e pertanto si osserva che il testo
della SIP vada modificato di conseguenza.

Osservazione 2: Incoerenza del sito prescelto con i “fattori escludenti” e con i


“fattori di attenzione progettuale” stabiliti dal Piano Regionale di Gestione dei
Rifiuti della Regione Lazio (di seguito PRGRL)

Il testo del PRGRL stabilisce (Cap 16, pag 305) i criteri di localizzazione degli impianti,
specificando che la procedura di localizzazione debba seguire come iter logico la
progressiva considerazione dei fattori escludenti, poi dei fattori di attenzione progettuale ed
infine dei fattori preferenziali.

Il SIP presentato dai proponenti (par.1.6, pag 7) non considera né i fattori escludenti né i
fattori di attenzione progettuale, peraltro interpretando in maniera molto soggettiva i fattori
preferenziali.

Si osserva di converso che come fattore escludente per gli aspetti ambientali per la
localizzazione di nuovi impianti di compostaggio il PRGRL indichi con chiarezza la presenza
di un vincolo paesaggistico di cui agli artt. 134 e 136 del D. Lgs. 42/2004 e s.m.i., nella
fattispecie costituito dai “beni d’insieme” di cui al D.M. 05.12.1989 denominato “Valle del
Tevere” (cd 058_147a), regolato dall’art. 8 delle NTA del PTPR e di cui alla D.G.R.
12.05.1989 pubblicata nel BURL n. 14 del 19.05.1990, con rimando alla tutela del
“Paesaggio naturale agrario (art. 22 delle NTA del PTPR).

Ulteriori fattori escludenti per gli aspetti territoriali riguardano le “aree con interferenze
visuali con grandi vie di comunicazione e percorsi di importanza storica e naturalistica” – e
come noto il sito è limitrofo ad una delle autostrade più frequentate d’Italia - nonché la
collocazione in aree agricole di particolare pregio; si richiama per questo secondo aspetto
che l’area oggetto di intervento ricade nel “Paesaggio Naturale Agrario” di cui all’art. 22
delle NTA del PTPR.

Si richiama inoltre che tra i fattori di attenzione progettuale per gli aspetti ambientali il
PRGRL indica la prossimità ad aree protette o ad aree specificamente tutelate da strumenti
di pianificazione del territorio (e l’area in oggetto ricade in queste fattispecie). Tale fattore
non viene minimamente considerato nello SIP.

Si osserva infine la insussistenza di almeno due dei fattori preferenziali di localizzazione


richiamati nello SIP, ovvero la baricentricità del sito rispetto al bacino di produzione e di
smaltimento dei rifiuti (l’area romana è periferica, e non baricentrica, rispetto al sito
prescelto) e la collocazione in aree degradate da bonificare ai sensi del del D.M. 16.05.1989
e D. Lgs. N. 22/97, in quanto non risulta da alcun atto ufficiale la appartenenza a queste
fattispecie dell’area prescelta per l’impianto oggetto di VIA.

Si osserva pertanto che lo SIP deve essere integrato con una valutazione completa dei
criteri di localizzazione indicati dal PRGRL.

Osservazione 3: contrasto della trasformazione oggetto di VIA con la disciplina


del PTPR della Regione Lazio

L’area oggetto della trasformazione di cui alla presente VIA ricade nel Paesaggio Naturale
Agrario disciplinato dall’art. 22 delle NTA del PTPR.

Tale normativa esclude la nuova realizzazione sia di Servizi Pubblici Generali (tab B, pto
4.3.2.) sia di Nuove Strutture Produttive Industriali (tab. B, pto.4.4.2.) sia di Nuovi impianti
per attività produttive all’aperto che comportino trasformazione permanente del suolo
inedificato.

Si richiama inoltre che la deroga prevista dall’art. 18 ter della L.R. 24/98 non può essere
applicata all’intervento oggetto delle presenti osservazioni, in quanto le autorizzazioni in
deroga alle classificazioni di zona PTP o PTPR non possono essere applicate alle tutele
integrali dei PTP e ai sistemi naturali del PTPR. Ricadendo il Paesaggio Naturale Agrario in
questa ultima fattispecie, l’opera in oggetto risulta di conseguenza in contrasto con il PTPR,
laddove lo SIP ne dichiara la coerenza.
Si osserva pertanto che lo SIP deve essere integrato con gli aspetti richiamati, esponendo
con chiarezza la non coerenza dell’intervento in oggetto con il PTPR.

Osservazione 4: contrasto della trasformazione oggetto di VIA con la


pianificazione comunale.

L’opera ricade in area classificata come zona E2 – Verde agricolo vincolato – dal PRG del
Comune di Ponzano Romano, destinazione che esclude trasformazioni edilizie ed
urbanistiche quali quelle proposte per la realizzazione dell’impianto di compostaggio in
oggetto. Tale impianto, di conseguenza, presenta anche profili di incoerenza anche con la
pianificazione comunale, e si osserva che di tale incoerenza non è dato compiutamente
atto nello SIP.

Andrea Filpa
Delegato per il Lazio del WWF Italia