Sei sulla pagina 1di 6

Giuseppe Verardo

Antifone di Comunione
per le Domeniche di Avvento
per assemblea ed organo

con moduli salmodici a tre voci miste ad libitum

agosto 2018
Presentazione
Poco meno di un anno fa completavo la scrittura della mia versione musicale degli introiti per le
Domeniche di Avvento. Un lavoro che era iniziato per gioco, con l’introito della prima Domenica, e che un
pezzo dopo l’altro sono riuscito a completare, cercando di mantenere una certa uniformità di stile tra i quattro
introiti.
Ora metto un altro tassello: le antifone di Comunione, con i relativi moduli salmodici.
I testi delle antifone sono tratti dalla seconda edizione italiana del Messale Romano, e corrispondono a
quelli in latino delle antifone in gregoriano che si trovano nel Graduale Romano.
Alle antifone ho associato i versetti dei salmi indicati nel Graduale, prendendoli dalla traduzione CEI
del 2008, con pochissimi adattamenti. Inoltre, per poter utilizzare anche i testi delle ulteriori antifone presenti
nel Messale per i tre anni A-B-C, li ho proposti come ulteriori strofe, adattandoli ai moduli salmodici, così
come è stato fatto anche da altri compositori liturgici di chiara fama.
Nell’adattare i testi ai moduli salmodici, ho cercato di far coincidere la prima nota dopo la corda di
recita con una sillaba accentata; nel caso in cui questo non fosse stato possibile, come per esempio nel caso di
un’unica sillaba accentata posta sulla corda di recita, questa sillaba deve essere prolungata, come ho evidenziato
sottolineandola.
Per quanto riguarda la musica, mentre per gli introiti avevo fatto la scelta di scrivere le antifone in
polifonia, in questo caso ho accolto il suggerimento costruttivo di alcuni amici di scrivere le antifone ad
un’unica voce, di estensione media, tale da poter essere cantata dall’assemblea, sostenuta dal coro all’unisono.
Ho invece affidato i moduli salmodici per le strofe al coro a tre voci miste (due femminili ed una maschile,
sempre per la diffusa scarsità delle voci maschili nei cori parrocchiali, spesso riunite in un unico gruppo
vocale). Ciò non toglie che anche le strofe possano essere eseguite ad un’unica voce, da un solista o da un
gruppetto.
L’accompagnamento organistico è volutamente leggero, a tre parti, ed ha il solo scopo di sostenere la
melodia.
Come ho già detto più volte, a qualcuno potrà sembrare strano o irrealizzabile riuscire a preparare e a
proporre per ogni celebrazione domenicale o festiva un diverso canto di comunione (così come anche le altre
parti del proprio), soprattutto se non si dispone di musicisti debitamente formati; è però auspicabile valorizzare
queste parti della celebrazione perlomeno nei cosiddetti “tempi forti” e nelle varie feste e solennità dell’anno
liturgico.
Non sono certamente il primo a musicare questi testi, né sarò l'ultimo; ho semplicemente cercato di
proporre la mia idea per rivestirli musicalmente.
Spero, nella semplicità di questo lavoro, di essere riuscito comunque a creare dei brani degni della
liturgia e al contempo alla portata di un gran numero di cori parrocchiali, proponendo (come già tanti altri
hanno fatto) dei canti che non costringano, almeno in determinate occasioni, a scegliere “un altro canto adatto”.

Giuseppe Verardo
Il Signore elargirà il suo bene
Antifona di Comunione per la prima Domenica di Avvento
testo dalla liturgia
musica di G. Verardo

# Andante
2 %
& 4 Œ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ Œ œ œ
Il Si -

#
& 42 œ œ œœ œœ œœ œ œœ œ œ œœ œœ œœ œ œœ œœ œ œœ œ œ œ œ œœ œœ œœ
œ œ œ
œ œ #œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
? # 42 œ œ
œ œ œ œ ˙ œ

# ,
& œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
Fine
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
gno-reIe - lar - gi - rà il suo be - ne e la no - stra ter - ra pro - dur - rà il suo frut - to.

# œ œ œ œ
& œ œ œ œ œ œ œœ œ œœ œ œœ œ œ # œœ # œœ œ œ œ n œœ œ n œ œ œ
œ œ œœ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ

?# j
œ œ œ œ œ œ œ œ œœ œ œ œ. œ œ œ œ ˙ œ

#
& WW œœ œœ œœ œœ œœ W
W œœ œœ # œœ œœ
1. Signore, sei stato buono con la tua ter - ra, hai ricondotto i deportati di Gia - cob - be.
2. Hai deposto tut - toIil tuo sde - gno e messo fine alla tua gran - de i - ra.
3. Forse per sempre sarai adi - ra - to con no - i, di età in età estende - - - raiIil tuo sde - gno?
4. Mostraci, Signore, la tua mi - se - ri - cor - dia e donaci la tua sal - vez - za.
5. Misericordia e verità s'in - con - tre - ran - no, giustizia e pace si ba - ce - ran - no.
A. «Ve - - - - glia - te, perché non sa - pe - te
B. «State attenti, ve - - - glia - te, perché non sa - pe - te

?# W œ œ œ œ œ œ
C. «Vegliate e pre - - - ga - te in o - - - - - gni mo - men - to,

œ W #œ œ

#
œ œœ œœ œœ œœ œœ
D.S. al Fine

& W W œ œ œ œ
W #œ W n œ œœ œ œ œ
1. Hai perdonato l'iniqui - - tà del tuo po - po - lo, hai cancellato tutti i suoi pec - ca - ti.
2. Rialzaci, Dio no - stra sal - vez - za, e placa il tuo sdegno ver - so no - i.
3. Non tornerai tu forse a dar - ci la vi - ta, perché in te gioisca il tuo po - po - lo.
4. La sua salvezza è vicina a chi - un - que lo te - me e la sua gloria abiterà la no - stra ter - ra.
5. La verità germoglie - - - rà dal - la ter - ra e la giustizia si affacce - rà dal cie - lo.
A. in qua - le gior - no verrà il Si - gno - re».
B. il mo - - - - men - to e l'o - ra», dice il Si - gno - re.

?# W œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
C. per essere degni di com - pa - ri - re davanti al Fi - - - glio del - l'uo - mo».

W
Gerusalemme, sorgi e sta' in alto
Antifona di Comunione per la seconda Domenica di Avvento
testo dalla liturgia
musica di G. Verardo

% ,
3
Solenne
&b 4 ∑ ∑ ∑ ∑ œ œ. j
œ œ ˙
Ge - ru - sa - lem - me,

& b 43 œ œ . œ œ œ œœ . œj . œ œœ . j
œ œ œ̇ œ ˙ œ
J ˙ œ œ œ œ œ œœ . ˙ Jœ œ œ
? b 43 ∑ œ œ. œ œ œ œ œ œ œ
J œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

, ,
j œ œ œ
&b œ œ œ œ œ.
Fine
œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙
sor - gi e sta' in al - to: e con - tem - pla la gio - ia cheIa te vie - ne dal tuo Di - o.

j
& b œ œ œœ œ œœ œ œ œ œœ œ œœ œ b œœ . œ . œ œ œ œœ n œœ œœ œ œœ œ œœ . œ œ œ œ œ œ ˙
œ œ J J œ œ œ ˙

? œ œ œ œ œ j
b ˙ œ œ œ bœ œ œ œ nœ œ. œ œ ˙.

&b W
W œœ œœ œœ œœ œœ W
W œ œ œ
œ œ œ œ

1. Celebra il Signore, Ge - ru - sa - lem - me, loda il tuo Di - o, Si - on,
2. Egli mette pace nei tuoi con - fi - ni e ti sazia con fiore di fru - men - to.
3. Getta come bricio - - - le la gran - di - ne: di fronte al suo gelo chi re - si - ste?
4. Annuncia a Giacobbe la sua pa - ro - la, i suoi decreti e i suoi giudizi a Is - ra - e - le.

œ œ œ
ABC. Vo - - - - - ce che gri - da nel de - ser - to:
?b W œ œ œ œ œ W œ

D.S. al Fine

&b œ W œœ œœ œ œ œœ œ œ
W
W œœ n œœ œ œœ œœ W œ œ œ
1. perché ha rinforzato le sbarre del - le tue por - te, in mezzo a te ha bene - det - toIi tuoi fi - gli.
2. Manda sulla terra il su - o mes - sag - gio: la sua parola cor - re ve - lo - ce.
3. Manda la sua parola ed ec - co la scio - glie, fa soffiare il vento e scor - ro - no le ac - que.
4. Così non ha fatto con nessu - n'al - tra na - zio - ne, non ha fatto conoscere lo - roIi suoi giu - di - zi.

œ œ œ œ
ABC. Preparate la via del Si - gno - re, raddriz - - - - za - teIi suoi sen - tie - ri!
? W œ
b W œ œ œ œ œ œ
Dite agli sfiduciati
Antifona di Comunione per la terza Domenica di Avvento
testo dalla liturgia
musica di G. Verardo

# Andante % ,
3 ∑ ∑ ∑ ∑ œ œ œ œ œ œ œ. j
& 4 œ
Di - teIa -gli sfi - du - cia - ti: «Co-

#
& 43 œ œ œ œ œ œ œ . œ
j œ
œ œœ œœ œœ œœ œœ ˙œ œ œ œ œ œ œ œœ œ . j
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œœ . œ œ œœ
J
? # 43 ∑ ∑ œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ ˙
œ œ #œ

# œ. œ , ,
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ œœœ
3 Fine
& ˙ œœ œ ˙
rag - gio, non ab - bia - te ti - mo - re: ec - co, il no-stro Di - o vie - ne a sal - var - ci».

# œ. œ œ œ œ œœ œ œœ ˙œ œ œœœ
œ œ œœ œ œ œœ
3

& ˙ œ ˙
œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œœ œ œ œ ˙

?# œ œ nœ œ œ #œ
œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œœœ œœœ œ ˙.

# œ œœ œ
& WW œœ œ œœ œœ œœ
œ
W
W œ œ œ œœ œ œœ œ
œ
1. Si rallegrino il deserto e la ter - ra a - ri - da, esulti e fio - - - - ri - sca la step - pa.
2. Essi vedranno la gloria del Si - gno - re, la magnifi - - - cen - za del no - stro Di - o.
3. Allora si apriranno gli oc - chi dei cie - chi e si schiuderanno gli o - rec - chi dei sor - di.
4. Perché scaturiranno acque nel de - ser - to, scorreranno tor - - - ren - ti nel - la step - pa.
A. «Andate e ri - fe - ri - te ciò che avete u - - - di - toIe ve - du - to:
B. «In mezzo a voi sta u - no che non co - no - sce - te,

œ œœœ œ œ
C. «Egli ha in mano il ven - ti - la - bro per ripu - - - - li - re la sua a - ia

?# W œ œ œ œ œ W œ

D.S. al Fine
# œ œ œ œ œ œ œ œ W œ œ œœ œœ œœ œ
& WW œ œ œ œ œ W œ œ œ
œ œ œ
1. Le è data la glo - ria del Li - ba - no, lo splendore del Car - me - loIe di Sa - ròn.
2. Irrobu - - - sti - te le ma - ni fiac - che, rendete salde le gi - noc-chia va - cil - lan - ti.
3. Allora lo zoppo salte - rà co - meIun cer - vo, griderà di gioia la lin - gua del mu - to.
4. La terra bruciata divente - ràIu - na pa - lu - de, il suolo riarso si mute - ràIin sor - gen - ti d'ac - qua.
A. ai po - ve - ri èIan - nun - zia - ta la buo - na no - vel - la».
B. al quale i - o non so - no de - gno di scio-glie-reIi cal - za - ri».

œ œ œ
C. e per rac - - - co - glie - reIil buon fru - men - to nel su - o gra - na - io».
?# W œ œ œ œ œ œ œ
œ W œ œ œ
Ecco, la Vergine concepirà
Antifona di Comunione per la quarta Domenica di Avvento
e l'Annunciazione del Signore
testo dalla liturgia
musica di G. Verardo

# Calmo % , ,
3 ∑ ∑ ∑ ∑ j œ
& 4 œ œ. œ œ. œ œ œ œ ˙
Ec - co, la Ver - gi-ne con - ce - pi - rà

# j
& 43 œ ˙ œ œ . œ œ . œ œ œœ # œœ œœ œ œ œ ˙ j œ œ
œ˙ œ . œ œ œœ . œ œ œœ œ œ œ ˙œ œ œ
Œ œ œ Œ œ œ œ œ œœœœœ

? # 43 Œ œ œ œ œ j
Œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ. œ
œ œ

# , ,
& œœ œ œ œ œ œ œ œ œj œ œ œ œ œ œ œ œ ˙
j œœœ
Fine
œ ˙.
e da - rà al - la lu-ceIun Fi - glio: sa - rà chia - ma - to Em-ma -nu - e - le, Di - o con noi.

#
& œœ œ œœ œ œ œ œ œ œj œjn œœ œ œœ # œœ œ œœ œ œœ ˙œ œ œ œœ œ œ œ œœ .
œ œ œ œ ˙ .
J œ œ̇ œ ˙

?# œ #œ ˙ nœ œœœœ
œ œ œ œ œ œ ˙ ˙.
œ

# œœ œ œœ œ œœ œ œ œ œ œ
& WW œ œ œœ W
W œ #œ œ œ œ
œ
œ
1. I cieli narrano la glo - ria di Di - o, e l'opera delle sue mani an - nun-ziaIil fir - ma - men - to.
2. Non è linguaggio e non so - no pa - ro - le, di cui non si o - da il suo - no.
3. Là pose una ten - da per il so - le che esce come sposo dalla stan - za nu - zia - le,
4. Egli sorge da un e - stre - mo del cie - lo e la sua corsa rag - - - giun - ge l'al - troIe - stre - mo:
A. «Giu - - - sep - pe, non te - me - re: Maria par - - - - to - ri - rà un fi - glio
B. «Ec - - - - - co - mi, sono la ser - va del Si - gno - re,

œ œ œ œ œ W œ œ œ œ œ œ
C. Be - - - - a - ta sei tu, Ver - - - - - gi - ne Ma - ri - a,

?# W œ

D.S. al Fine
# W œ œ œ œ œ œ œ
& WW n œœ œœ œœ œ
œ W œ #œ œ œ œ œ œ
1. Il giorno al giorno ne affida il mes - sag - gio e la notte alla notte ne tra - smet - te no - ti - zia.
2. Per tutta la terra si diffonde la lo - ro vo - ce e ai confini del mondo la lo - ro pa - ro - la.
3. esulta co - me pro - de che per - - - - cor - re la vi - a.
4. nulla si sot - tra - e al su - o ca - lo - re.
A. e tu lo chiame - - - rai Ge - sù. Egli salve - - - rà il su - o po - po - lo.»
B. avven - - - - ga di me secondo la tu - a pa - ro - la».
C. perché hai creduto al com - pi - men - to delle pa - - - - ro - le del Si - gno - re.

?# W œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
W