Sei sulla pagina 1di 3

Notte segreta e splendida

Canto di introito o di comunione per la Domenica di Pasqua


testo di D. Sabaino musica di G. Verardo

Si possono eseguire tutte le strofe o solamente le più adatte all’ora della celebrazione, seguite dall’ultima.
Le strofe indicate con A e B possono essere alternate tra due solisti (o due voci diverse, uomini-donne)
oppure tra un solista (o voce) e il coro in polifonia. Il ritornello va eseguito sempre all'unisono.

1A Notte segreta e splendida 2A Alba serena e fulgida 3B Chiesa che corri al giardino,
che cambi la tenebra in luce, che cambi il terrore in speranza, ascolta la Voce che chiama:
racconta a noi tutti di Cristo, racconta a noi tutti di Cristo, in lei l’alleanza è perenne
di come ha compiuto il passaggio. di come ha sconfitto la morte. e l’Esodo è ancora attuale. Rit.

1B Chiesa che nasci alla croce, 2B Chiesa che sosti al sepolcro, 4A Sera immortale ed unica
contempla Colui che è innalzato: rammenta l’amore del Padre: che cambi la storia ed il mondo,
è il Re che si svela nel Servo, lì mai viene meno il pensiero racconta a noi tutti di Cristo,
e attira ciascuno alla Pasqua. di Adamo creato al principio. Rit. di come la gloria è per sempre.

Rit. Pasqua che segni la nostra esistenza, 3A Giorno radioso e vivido 4B Chiesa che annunci il Vivente,
sorgi e continua a inondarci di grazia: che cambi l’antico in futuro, incarna ogni giorno il Vangelo:
senza di te non ha senso la morte, racconta a noi tutti di Cristo, è questa l’autentica via
senza di te non è vita la vita. di come ha riaperto quel varco. che porta a trascendere il tempo. Rit.

5A Pasqua gioiosa e fervida Rit. Pasqua che segni la nostra esistenza,


che assumi l’umano al divino, sorgi e continua a inondarci di grazia:
racconta a noi tutti di Cristo, senza di te non ha senso la morte,
di come il suo amore trasformi. senza di te non è vita la vita.
5B Chiesa che attendi lo Sposo, Spirito Santo del Padre e del Figlio,
percorri le strade dell’uomo: Fuoco mandato a infiammare la terra,
servire ogni figlio di Dio rendici brace del Cristo risorto,
è gesto che anticipa il Regno. popolo santo in cui arde la Pasqua.

 Moderato  
 86  £       £     
  
 £  £    £
•
  £
mp 
     
 6                 
£ £
8  £ £ £ £ £ £

   
              £  
  
1A Not te se gre ta e ç splen di da che cam bi la te ne bra in ç lu ce, rac
2A Al ba se re na e ç ful gi da che cam ç
bi il ter ro ç
re in spe ran za, rac
3A Gior no ra dio so e ç vi vi do che cam bi l’an ti co inç fu tu ro, rac
4A Se ra im ç mor ta ç
le ed u ni ca che cam bi la sto ria ed il ç mon do, rac
5A Pa squa gio io sa e ç fer vi da che as ç su mi l’u ma no al di ç vi no, rac
  
       £    ££  £ 
£ £     £  
     
     £
     £    £     £   ££ £   
£ £ 

    £

       £       £
con ta a ç noi tut ti di Cri sto, di co ç
me ha com piu to il pas ç sag gio.
con ta a ç noi tut ti di Cri sto, di co ç
me ha scon fit to la mor te.
con ta a ç noi tut ti di Cri sto, di co ç
me ha ria per to quel var co.
con ta a ç noi tut ti di Cri sto, di co me la glo ria è per ç sem pre.
ç ç ç

con ta a noi tut ti di Cri sto, di co me il suo a mo re tra sfor mi.
   £
  £     £    £

 £      £    £   £ £   
 
   ££   £    £

   £    ££
  £    £
1
  
      £      £  
   
S

1B Chie sa che na sci al la ç cro ce, con tem pla Co lui che è in ç ç nal za to: ç
è il
2B Chie sa che so sti al se ç pol cro, ram men ta l’a mo re del Pa dre: lì
3B Chie sa che cor ri al giar ç di no, a scol ta la Vo ce che chia ma: in
4B Chie sa che an ç nun ci il Vi ç ven te, in car na o ç gni gior no il ç Van ge lo: è
Chie sa che at ç ten di lo Spo so, per cor ri le stra de del l’uo mo: ser
 
5B

   
C
£          £   
  
1B Chie sa che na sci al la ç cro ce, con tem pla Co lui che è in ç ç nal
2B Chie sa che so sti al se ç pol cro, ram men ta l’a mo re del
3B Chie sa che cor ç
ri al giar di no, a scol ta la Vo ce che
4B Chie sa che an nun ç ç
ci il Vi ven te, in car na o ç gni gior no il ç Van
ç
 
Chie sa che at ten di lo Spo so, per cor ri le stra de del
  
5B

              £
T
    
8
1B Chie sa che na sci al la ç cro ce, con tem
2B Chie sa che so sti al se ç pol cro, ram men
3B Chie sa che cor ç
ri al giar di no, a scol
4B Chie sa ç
che an nun ç
ci il Vi ven te, in car


ç

5B Chie sa che at ten di lo Spo so, per cor
 £   £   
B

£     £
1B Chie sa che na sci, con tem pla Co lui che è in ç ç nal
2B Chie sa che so sti, ram men ta l’a mo re del
3B Chie sa che cor ri, a scol ta la Vo ce che
4B Chie sa che an nun ç ci, in car na o ç gni gior no il ç Van
Chie sa che at ten ç di, per cor ri le stra de del
 
5B
 
          ££  £ 

£ £        £    
mf  
      ££    £
  £    £   

 £   
£ £

   
       £    £ £
S
   
Re che si sve la nel Ser vo e at ç ti ra cia scu no al la ç Pa squa.
mai vie ne me no il ç pen sie ro di A ç da mo cre a to al prinç ci pio.
lei l’al le an za è ç pe ren ne e l’E so do è an ç ç co ra at tua le.
que sta l’au ten ti ca vi a che por ta a tra ç scen de re il ç tem po.
ç ç ç
    
vi re o gni fi glio di Di o è ge sto che an ti ci pa il Re gno.

 £      £      £ £
C

za to: è il ç Re che si sve la e at çti ra al la ç Pa squa.


Pa dre: pen sie ro di A ç da mo cre a to al prin ç ci pio.
chia ma: in lei l'al le an za ç
è an co ra at tua le.
ge lo: è que sta la vi a tra scen de re il ç tem po.
ç ç
 
l’uo mo: ser vi re o gni fi glio an ti ci pa il Re gno.

  £     
T              £
8
pla: ç
è il Re che si sve la e at çti ra al la ç Pa squa.
ta: pen sie ro di A ç da mo cre a to al prin ç ci pio.
ta: in lei l'al le an za ç
è an co ra at tua le.
na: è que sta la vi a tra scen de re il ç tem po.
ç ç
  
ri: ser vi re o gni fi glio an ti ci pa il Re gno.
  £ £ £
B

  £      £
za to ç
e at ti ra cia scu no al ç la Pa squa.
Pa dre: di A ç da mo cre a ç
to al prin ci pio.
chia ma: e l’E so do è an co ç ç ra at tua le.
ge lo: che por ç
ta a tra scen de ç
re il tem po.
ç ç

l’uo mo: è ge sto che an ti ci pa il Re gno.
  
  £     £   £ £

  £     £    £   £ £   
 
   ££   £    £

   £    £
  £    £   
2
         
     
               
ç ç
 
Rit. Pa squa che se gni la no stra e si sten za, sor gi e con ti nua a i non dar ci di gra zia: sen za di te non ha
        
  £    
        £        

£    £  
  
f   £  
   £         £      
  £   ££
£ £    £ £ £

  * 
    £
             £
 
sen so la mor te, sen za di te non è vi ta la vi ta.
      
    £        £    £    £
alla strofa

              £   £ 

    £ £       £
 p   
   £      ££             £                  
£ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £

 
     £   
* per concludere
       £   

sen za di te non è vi ta la vi ta. Spi ri to San to del
     

       £
  £  £  £  £  £    

£ £   £  £ £ 
  
    £          £    ££  £    £
£
  
£
  


£ £ £

          
                    

ç
 
Pa dre e del Fi glio, Fuo co man da to a in fiam ma re la ter ra, ren di ci bra ce del Cri sto ri sor to,
       
         
     
     £    £  
      
  
  
    £   £    £
   £   £       £  £ £
   £ £ £ £

 
        £ £
   
 
po po lo san to in ç cui ar de la Pa squa.
   
        £      £    ££ £   £ £

£ £   £     ££ ££
 
    £        £   £   
rall.

£ £ £    £
£ £ £ £ £