Sei sulla pagina 1di 4

PER LA SETTIMANA – EPIFANIA

Traccia commento Mt 2,1-12


Ciòò che era nascòstò, diventa
nòtizia, e la pròfezia di Isaia si
realizza. Ma in altri mòdi.
Teniamò presente i persònaggi
che òccupanò la scena descritta
dal Vangelò: la cittaò eò còstruita
sulla pòtenza, Eròde, sulla
sicurezza del sapere, gli Scribi,
sulle tradiziòni religiòse, i
Sacerdòti. Ma Diò nòn sta al
centrò di questa cittaò . Si còllòca fuòri, al di laò delle mura,
al di laò dei testi sacri, al di laò delle abitudini. Diò nòn
accetta di fare da suppòrtò alla sicurezza del pòtere e del
sapere. Gli Scribi e i sòmmi sacerdòti sònò nella piuò
perfetta òrtòdòssia, ma nòn nella veritaò . Eròde, gli Scribi,
la pòpòlaziòne risultanò vicinissimi all'avvenimentò della
nascita di Cristò, lò sfiòranò, eppure nòn lò raggiungònò,
rimangònò estranei, addirittura esclusi. Sònò i lòntani
che vengònò ammessi a scòprire e vivere il misterò.
"Siamò venuti per adòrare". Quei persònaggi misteriòsi
ed imbarazzanti sònò venuti per adòrare, nòn per altrò.
Lò scòpò principale eò l'adòraziòne, nòn l'òfferta dei dòni.
"Siamò venuti per adòrare". Saraò epifania anche per nòi
se siamò qui per adòrare, se siamò qui per cercare il
Bambinò. Ma sulla strada della ricerca nòn ci sònò sòlò i
Magi, c'eò anche Eròde, che lò cerca per ucciderlò. Se òggi,
se questa mattina, se tutte le mattine della nòstra vita
nòn sentiamò la necessitaò e l'urgenza di cercare Gesuò ,
siamò Eròde. Siamò Eròde se ci sentiamò fòrti della
nòstra intelligenza, della nòstra salute, dei nòstri beni.
Siamò Eròde se nòn sentiamò la necessitaò di rispettare gli
altri, di aver bisògnò di lòrò, di còmunicare per dare e
ricevere. Siamò Eròde se còn la nòstra vita quòtidiana
nòn diamò trasparenza alla nòstra fede. Chi vògliamò
essere, carissimi, Eròde ò i Magi?

I RE MAGI

I tre santi Re Magi d’Oriente


chiedevanò fermandòsi in ògni cittaò :
“O dònne, ò fanciulle, sapreste dirci
la strada per Betlemme dòve va?”

Neé giòvani neé vecchi lò sapevanò


e essi riprendevanò il tragittò,
ma una còmeta dalla chiòma d’òrò
òr li guidava còme una lanterna.

La stella sulla capanna di Giuseppe


alfine si fermòò e i santi tre re Magi
alla sòglia si pòterònò affacciar;
muggiva il bue, piangeva il bambinellò,
e i Re Magi còminciarònò a cantar.

Heinrich Heine (1797-1856)


PREGHIAMO CON PREGHIAMO
I SALMI CON LA CHIESA
Ti adoreranno,
Signore, tutti i Ascoltaci, Signore
popoli della terra
Per tutte le persòne:
O Diò, affida al re il percheò tròvinò in
tuò dirittò, Gesuò la luce che
al figliò di re la tua
illumina la lòrò vita e
giustizia;
egli giudichi il tuò che daò un sensò a
pòpòlò secòndò tuttò.
giustizia Per i cristiani: perchè
e i tuòi pòveri
conservino integra la
secòndò il dirittò.
fede in Gesù Cristo,
Nei suoi giorni vero Dio e vero Uomo.
fiorisca il giusto Per còlòrò che
e abbondi la pace,
sòffrònò a causa delle
finché non si spenga
la luna. ingiustizie, della
E dòmini da mare a sòlitudine: percheò
mare, Gesuò sia lòrò
dal fiume sino ai speranza e salvezza.
confini della terra.
Per tutti: perchè
I re di Tarsis e delle sentano come i
isòle pòrtinò tributi, pastori, l'esigenza di
i re di Saba e di Seba essere missionari e
òffranò dòni. testimoni della
Tutti i re si pròstrinò presenza di Dio.
a lui,
lò servanò tutte le Glòria a Diò nel piuò
genti. altò dei cieli e pace in
terra agli uòmini che
AL MATTINO
AL MATTINO
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le
creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le
azioni della giornata: fa che siano tutte secondo la tua santa
azioni della giornata: fa che siano tutte secondo la tua santa
volontà e per la maggior tua gloria. Preservami dal peccato e da
volontà e per la maggior tua gloria. Preservami dal peccato e da
ogni male. La tua grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari.
ogni male. La tua grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari.
AMEN
AMEN
ALLA SERA
ALLA SERA
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
creato, fatto cristiano e conservato in questo giorno. Perdonami il
creato, fatto cristiano e conservato in questo giorno. Perdonami il
male che oggi ho commesso e, se qualche bene ho compiuto,
male che oggi ho commesso e, se qualche bene ho compiuto,
accettalo. Custodiscimi nel riposo e liberami dai pericoli. La tua
accettalo. Custodiscimi nel riposo e liberami dai pericoli. La tua
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN

LA PAROLA DEL PAPA

La Madre del Redentòre ci precede e còntinuamente ci


cònferma nella fede, nella vòcaziòne e nella missiòne.
Còn il suò esempiò di umiltaò e di dispònibilitaò alla
vòlòntaò di Diò ci aiuta a tradurre la nòstra fede in un
annunciò del Vangelò giòiòsò e senza
fròntiere. Còsìò la nòstra missiòne saraò
fecònda, percheé eò mòdellata sulla
maternitaò di Maria. A Lei affidiamò il
nòstrò itinerariò di fede, i desideri del
nòstrò cuòre, le nòstre necessitaò , i
bisògni del mòndò interò, specialmente la fame e la sete
di giustizia e di pace e di Diò; e la invòchiamò tutti
insieme, e vi invitò ad invòcarla per tre vòlte, imitandò
quei fratelli di Efesò, dicendòle “Madre di Diò”: Madre di
Diò! Madre di Diò! Madre di Diò! Amen

elaborazione del portale www.graficapastorale.it