Sei sulla pagina 1di 55

CARLOS CASTANEDA

IL SILENZIO INTERIORE

Prima Edizione

Cleargreen, Incorporated Los Angeles, CA.

Titolo originale: La Conoscenza Silenziosa. Copyright © 1996 di Carlos Castaneda. Tutti i diritti riservati. Stampato in Messico. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere utilizzata o riprodotta senza il permesso scritto dell'editore, ad eccezione di brevi citazioni in articoli di critica e recensioni. Per informazioni si prega di contattare Cleargreen, Incorporated, 11901 Santa Monica Boulevard, Suite 599, Los Angeles California 90025.

Traduzione: Tycho Thal e P. Pourcell (Versione in spagnolo)

ISBN 1-888-294-12-4

Le didascalie sono tratte dal libro Tensegrità di Carlos Castaneda ISBN 88-17-25817-2

INDICE

Introduzione

5

I Passi Magici

11

Il Centro per le Decisioni

17

La Ricapitolazione

20

Il Sognare

24

Il Silenzio Interiore

28

La Serie di Westwood

30

INTRODUZIONE

La Conoscenza Silenziosa era un aspetto intero della vita e delle attività degli sciamani o stregoni che vissero in Messico in tempi antichi. Secondo Don

Juan Matus, il maestro sciamano che mi ha fatto conoscere il mondo cognitivo degli sciamani, la conoscenza silenziosa è stato il risultato più ambito da loro, e

la ricercavano tramite ciascuna delle loro azioni e pensieri.

Don Juan definì la conoscenza silenziosa come uno stato della coscienza

umana, in cui tutto ciò che è rilevante per l'uomo viene immediatamente rivelato, non alla mente o all'intelletto, ma all'essere totale. Ha spiegato che c'è una fascia di energia nell'universo che gli sciamani chiamano la fascia dell'uomo, e che questa fascia è presente negli esseri umani. Mi ha assicurato che per gli sciamani veggenti, che vedono direttamente come l'energia fluisce nell'universo, e che vedono l'essere umano come un conglomerato di campi di energia, sotto forma di una sfera luminosa, la fascia dell'uomo è un bordo di luminosità compatta che taglia trasversalmente la sfera luminosa con un angolo

di sinistra a destra. La dimensione dell'intera sfera luminosa è data

dall'estensione delle braccia estese lateralmente e verso l'alto, e in quella sfera luminosa, la fascia dell'uomo la banda dell'uomo misura circa trenta centimetri

di larghezza. La conoscenza silenziosa, ha spiegato Don Juan, è l'interazione di

energia all'interno della fascia, un'interazione che è immediatamente evidente per lo sciamano che ha raggiunto il silenzio interiore. Don Juan disse che l'uomo comune ha una vaga idea di questa interazione energia. L'uomo percepisce, cerca di dedurre il suo funzionamento, e cerca di scoprire le sue permutazioni. D'altra parte, un sciamano riceve un input della totalità di questa interazione in qualunque momento in cui l'esecuzione di questa interazione venga sollecitata.

Don Juan mi assicurò che il preludio alla conoscenza silenziosa è uno stato di percezione umana che gli sciamani chiamano silenzio interiore, uno stato privo di pensieri e verbalizzazione silente, che gli sciamani chiamano

dialogo interno.

Nonostante Don Juan cercasse di farmi capire le loro definizioni e spiegazioni di conoscenza silenziosa, essa mi è sempre rimasta oscura, misteriosa, imperscrutabile. Nel suo sforzo di chiarire ulteriormente questo punto, Don Juan mi fornì una serie di esempi concreti di conoscenza silenziosa. Quello che mi è piaciuto per la sua portata e rilevanza, è qualcosa che ha

chiamato i lettori dell'infinito.

Lettori dell'infinito è qualcosa che suona come una metafora, ma è, piuttosto, una descrizione fenomenologica che don Juan usato per descrivere una condizione percettiva sciamanica. Disse che questa condizione sciamanica è coerente con gli obiettivi e le aspettative dell'uomo di oggi, e che l'uomo del ventesimo secolo, è un lettore che legge i testi con una speciale predilezione. Tali testi possono essere sotto forma di un libro, uno scritto su un computer, un

manuale, letteratura, descrizioni tecniche, e così via.

Nella loro continua ricerca per trovare soluzioni e risposte alle loro richieste, gli sciamani dell'antico Messico hanno scoperto che quando si raggiunge il silenzio interiore, la coscienza dell'uomo può facilmente passare alla percezione diretta dell'energia riflessa in un dato periodo. Hanno usato il cielo e le montagne come orizzonte, o in un piccolo spazio, le pareti delle loro abitazioni. Sono stati in grado di vedere l'energia riflessa in questi orizzonti, come se stessero guardando un film. Descrissero concisamente questo fenomeno come l'aspetto dell'energia nel mostrare una tonalità - per essere precisi, un puntino rosso all'orizzonte, rosso granata. Lo chiamarono la

macchia color granata.

Questi sciamani affermarono che, in un dato momento, la macchia color granata esplodeva e si trasformava in immagini che vedevano come se stessero, in realtà, guardando un film. Questo risultato percettivo li convertì in quello

che chiamarono gli spettatori dell'infinito.

Don Juan credeva che, nel mio caso, fosse più appropriato prendere in considerazione leggere l'infinito piuttosto di vedere, dal momento che leggevo con la stessa passione, se non di più, di quanto gli sciamani dell'antico Messico si impegnassero a vedere. Don Juan rese perfettamente chiaro che essere un lettore dell'infinito non significa leggere l'energia come se si legge un giornale, ma le parole sono formulate in modo chiaro come se si leggesse, come se una parola tirasse l'altra, formando concetti totali che appaiono e poi svaniscono. L'arte degli sciamani è quella di avere la capacità di raccogliere e conservarne i concetti prima di dimenticarsene ed essere sostituite con nuove parole, nuovi concetti in un flusso infinito.

Don Juan inoltre mi spiegò che gli sciamani che vissero in Messico in tempi antichi, e che istituirono il suo lignaggio, sono stati in grado di raggiungere la conoscenza silenziosa dopo essere pervenuti alla sua matrice: il

silenzio interiore. Affermò che il silenzio interiore è una conquista di tale

enorme importanza, tanto da considerarlo la condizione essenziale dello sciamanesimo.

Don Juan mise tanta enfasi su questo silenzio, che la mia ambizione fu quella di raggiungerlo. Avrei voluto raggiungere immediatamente il silenzio interiore. Sentii che non avevo un minuto da perdere. Quando chiesi a Don Juan di darmi una spiegazione concisa delle procedure da seguire, rise di me.

«Avventurarsi nel mondo degli sciamani» disse, «non è come imparare a guidare una macchina. Manuali e istruzioni sono necessari per guidare una macchina. Per ottenere il silenzio interiore lo si deve intendere.» «Allora, come posso intenderlo?» Insistetti. «L'unico modo per poterlo intendere è intenderlo.» Dichiarò.

Una delle cose più difficili da accettare, per l'uomo di oggi, è l'assenza di procedure. Allo stato attuale, l'essere umano sembra essere sotto il potere di manuali, pratiche, metodi, passi. L'uomo di oggi prende incessantemente

appunti, fa diagrammi, si è profondamente coinvolto nel "sapere come". Ma nel mondo degli sciamani, disse Don Juan, procedure e rituali sono semplicemente strumenti per attirare e concentrare l'attenzione. Sono trucchetti che vengono utilizzati per focalizzare il nostro interesse e la nostra determinazione. Non hanno altro valore.

Don Juan credeva che l'uomo moderno adorasse le parole, come per mantenere un sentimento che è sopravvissuto fino ad oggi, il significato che è stato per lui nel parlare per primo. Questo sembra spiegare l'intensa predilezione verso la parola. Gli incantesimi verbali sembrano essere un ritorno a quello stato di infatuazione con le parole. Gli sciamani credono che una lunga serie di parole, scandite ad alta voce, eserciti un potere ipnotico.

A causa della forza delle loro pratiche e dei loro obiettivi, gli sciamani confutarono il potere della parola. Si definiscono come naviganti nel mare dello sconosciuto. Per loro, la navigazione è un fatto pratico, e navigare significa spostarsi da un mondo ad un altro, senza perdere la sobrietà, senza perdere la forza; e, al fine di compiere questa operazione di navigazione, non ci possono essere procedure o passi, ma un unico atto astratto che definisce tutto volto a rafforzare il nostro legame con la forza che si estende in tutto l'universo, una forza che gli sciamani chiamano intento. Dal momento che siamo vivi e siamo consapevoli di noi stessi, e, siamo strettamente legato all'intento. Ciò di cui abbiamo bisogno, secondo gli sciamani, è di rendere quel legame parte dei nostri atti coscienti, e che prendere coscienza del nostro legame con l'intento è un altro modo per definire la conoscenza silenziosa.

Durante il tempo che ho trascorso con Don Juan Matus ho imparato, però, una cosa per quanto riguarda le procedure e i metodi. Se c'è qualcosa che gli esseri umani hanno bisogno per raggiungere la conoscenza silenziosa, è incrementare il loro benessere, la loro lucidità e la loro determinazione. Per intendere, si deve possedere destrezza fisica e mentale e uno spirito lucido.

In accordo con Don Juan, gli sciamani del Messico antico posero un'enorme enfasi nella destrezza fisica ed nel benessere mentale e questa stessa enfasi prevale negli sciamani del giorno d'oggi. Fui capace di corroborare la verità delle sue affermazioni osservando Don Juan ed i suoi quindici compagni sciamani. Il loro superbo stato di forma fisica e mentale era uno dei loro tratti più evidenti

La risposta che don Juan mi diede quando gli chiesi direttamente perché gli stregoni posero così tanta enfasi sul lato fisico dell'uomo, mi sorprese molto. In quegli anni credevo nel lato spirituale dell'uomo, da una parte non potevo essere del tutto convinto della sua esistenza, tuttavia, ero incline a considerarlo come una possibilità. Per me, Don Juan, era un essere spirituale. «Gli sciamani non sono assolutamente spirituali» disse. «Sono esseri molto pratici. È risaputo che, in genere, vengono considerati eccentrici, o addirittura pazzi. Forse è per questo che a te sembrano spirituali. Appaiono pazzi perché cercano sempre di spiegare cose che non possono essere spiegate. Nel corso di tali futili tentativi di fornire spiegazioni complete che non possono essere completate in alcuna circostanza, essi perdono la coerenza e dicono vere

e proprie follie.»

Don Juan mi disse che quegli sciamani dell'antico Messico scoprirono e svilupparono una serie di procedure per raggiungere il benessere fisico e mentale, procedimenti che chiamarono passi magici. Disse anche che l'effetto dei passi magici era così soverchiante per loro, che col passare del tempo, diventarono uno dei componenti più importanti della loro vita. Don Juan spiegò che vennero tramandati come comportamenti rituali, questi sciamani nascosero velocemente i passi magici nel mezzo di riti, e velarono l'atto di insegnarli o praticarli sotto un gran segreto. Mi assicurò che questi rituali erano totalmente assurdi, ma per quanto fossero più idioti, più grande risultò la capacità di nascondere qualcosa di così enorme valore.

Quando entrai nel mondo di Don Juan, l'insegnamento e la pratica dei passi magici erano segrete, come erano sempre state, ma non erano racchiusi in rituali eccessivi. Ciò che Don Juan disse, a questo proposito, è che il rituale

aveva perso il suo slancio dal momento che le nuove generazioni di praticanti divennero più interessati in termini di efficienza e funzionalità. Si raccomandò, tuttavia, che non avrei dovuto parlare dei passi magici, in nessuna circostanza, con uno qualsiasi dei suoi discepoli, o con le persone in generale. Il motivo che

mi fornì fu che i passi erano esclusivamente personali e che il loro effetto era

così travolgente, che solo coloro che avevano preso il percorso del guerriero con estrema serietà avrebbero potuto praticarli sul serio.

Don Juan insegnò a me e alle sue tre discepole, Taisha Abelar, Florinda Donner-Grau e Carol Tiggs, un gran numero di passi magici, ma insieme a

questo patrimonio di conoscenze, ci fornì anche la certezza che saremmo stati

gli ultimi membri del suo lignaggio. L'accettazione di questa eredità significava

automaticamente la ricerca di nuovi modi per diffondere la conoscenza del suo lignaggio, dal momento che la sua prosecuzione non era più da prendersi in considerazione.

A questo proposito devo chiarire un punto molto importante: a Don Juan Matus non è mai interessato insegnare la sua conoscenza, ma solo ed esclusivamente perpetuare il suo lignaggio. Noi, i suoi quattro discepoli, siamo stati gli elementi, i mezzi «scelti» disse, «dallo spirito stesso dal momento che

lui non aveva partecipato attivamente in merito», per garantirne la loro

perpetuazione. Di conseguenza, si impegnò nel compito titanico di insegnarci tutto ciò che sapeva sullo sciamanesimo, o stregoneria e sullo sviluppo del suo lignaggio.

Durante il mio addestramento si rese conto che la mia configurazione energetica era molto diversa dalla sua, e ciò poteva voler dire solo la fine del suo lignaggio. Gli dissi che non mi andava per nulla a genio la sua interpretazione dell'eventuale differenza invisibile che esisteva tra noi. Il fatto di essere l'ultimo del suo lignaggio era, per me, un fardello insostenibile non capivo nemmeno i ragionamenti che l'avevano portato a tale conclusione.

«Anche se danno l'impressione di non fare altro che prendere decisioni, in realtà gli sciamani non ne prendono mai,» spiegò. «Tutto quello che hanno sono

i loro risultati. Non ho deciso di sceglierti e nemmeno che saresti stato così come sei. Dal momento che non ho avuto la possibilità di stabilire a chi avrei impartito la mia conoscenza, ho dovuto accettare chiunque lo spirito mi offrisse; e quella persona fosti tu, anche se dal punto di vista energetico eri capace solo di concludere, non di continuare.»

Disse che la conclusione del suo lignaggio non aveva nulla a che fare con lui o i suoi sforzi, o con il suo successo o fallimento in qualità di sciamano alla ricerca della libertà totale. Lo compresi come qualcosa che aveva a che fare con una scelta esercitata al di là del livello umano, una scelta che non venne presa da esseri o entità, ma dalle forze impersonali dell'universo.

In un accordo unanime, le tre discepole di Don Juan e io accettammo quello che ebbe definito il nostro destino. L'accettazione ci mise faccia a faccia con un'altra questione che lui definì come chiudere la porta quando te ne vai; vale a dire, assumerci la responsabilità di decidere esattamente cosa fare con tutto ciò che Don Juan ci insegnò e farlo impeccabilmente.

Prima di tutto ci ponemmo la domanda cruciale di cosa fare con i passi magici: l'aspetto più pragmatico e funzionale della conoscenza di Don Juan. Decidemmo di utilizzare i passi magici e mostrarli a chiunque volesse impararli. La nostra decisione di porre fine alla segretezza che li circondava da un periodo di tempo indeterminato era, ovviamente, il corollario della nostra totale convinzione che, in realtà, rappresentavamo la fine del lignaggio di Don Juan. Sembrava inconcepibile, per noi, conservare segreti che non ci appartenevano. Non è stata una nostra decisione ricoprire i passi magici di segreto. Tuttavia, è una nostra decisione porre fine a tale condizione.

Noi quattro ci dedicammo, quindi, ad amalgamare le quattro linee diverse

di passi; passi che ci vennero insegnati a ciascuno di noi separatamente e

individualmente, secondo la nostra particolare costituzione fisica e mentale.

Cercammo di creare una forma generica di ogni movimento, rendendola adatta a chiunque.

Questa combinazione ha comportato una configurazione leggermente modificata di ciascuno dei passi che ci furono insegnati. Abbiamo chiamato questa nuova configurazione Tensegrità, un termine che appartiene all'architettura e significa: "la proprietà della struttura muraria che combina componenti di tensione continua insieme a componenti di compressione discontinua in maniera che ciascuno di essi agisca con la massima efficacia ed economia."

Per spiegare che cosa sono i passi magici scoperti dagli sciamani dell'antichità, come li chiamava Don Juan, vorrei chiarire una cosa: i tempi antichi. Per Don Juan questo significava un periodo di 7.000 a 10.000 anni fa; un numero che sembra incongruo se esaminato dal punto di vista degli schemi

di classificazione degli studiosi moderni. Quando feci notare a Don Juan la

discrepanza tra la sua valutazione e un'altra che io consideravo una stima più

realistica, egli rimase fermo nella sua convinzione. Riteneva che fosse un dato

di fatto che le persone che vivevano nel Nuovo Mondo da 7.000 a 10.000 anni

fa, fossero profondamente interessati per le questioni legate all'universo e alla percezione che l'uomo moderno non immagina nemmeno.

Nonostante la diversità delle nostre interpretazioni, la segretezza che circondava i passi magici durante le ere e l'effetto diretto che avevano su di me, hanno avuto una profonda influenza sul modo in cui li sto trattando. Quello che vi presento in questo lavoro è una riflessione intima di questa influenza. Mi sento obbligato ad illustrarli seguendo rigorosamente il modo in cui mi sono stati presentati; per fare questo, ho bisogno di tornare all'inizio del mio apprendistato con don Juan Matus.

Ha iniziato commentando la capacità fisica degli sciamani dell'antichità. Sottolineava in tutti i modi la necessità di avere un corpo agile e flessibile; promuoveva la sua elasticità e forza, come il modo più sicuro per raggiungere il più grande successo nella vita di uno sciamano ovvero: la conoscenza silenziosa.

«Il senso e la capacità fisica sono stati i due più importanti nella vita di questi uomini e donne» ribadì in una occasione. «Sobrietà e concretezza sono gli unici due requisiti per ottenere la conoscenza silenziosa per poter entrare negli altri regni della percezione. Per navigare nell'ignoto occorre assumere un atteggiamento coraggioso, ma non imprudente. Per stabilire un equilibrio tra audacia e avvedutezza, uno sciamano deve essere estremamente sobrio, prudente, capace e in ottime condizioni fisiche.»

Don Juan disse che c'erano cinque questioni nella vita di quegli sciamani attorno alle quali ruotavano la ricerca della conoscenza silenziosa.

Queste cinque questioni erano: 1. I passi magici; 2. Il centro energetico

del corpo umano chiamato il centro delle decisioni; 3. La ricapitolazione: il

mezzo per aumentare la portata della coscienza umana; 4. Il sognare: la vera arte di rompere i parametri della normale percezione; 5. Il silenzio interiore: lo stato di percezione umana tramite il quale gli sciamani realizzavano ogni loro raggiungimento percettivo.

I PASSI MAGICI

La prima volta che don Juan mi parlò a lungo dei passi magici fu quando fece un commento poco favorevole sul mio peso. «Sei decisamente troppo in carne», esclamò, squadrandomi da capo a piedi

c scuotendo il capo con disapprovazione. «Ti manca poco per poter essere

definito grasso. Cominci a mostrare i primi segni di tensione e stanchezza come tutti gli altri membri della tua razza, hai un inizio di deposito di grasso sul

collo, al pari dei tori. È arrivato per te il momento di prendere sul serio una delle più grandi scoperte degli stregoni: i passi magici.» Dal momento che, in precedenza, aveva menzionato i passi magici molto superficialmente, in quel momento non mi ricordavo neanche cosa avesse detto

al riguardo.

«Ma di quali passi magici stai parlando?» gli chiesi in modo impertinente. «Come posso prenderli sul serio se non ho sentito mai parlare?" «Adesso stai facendo lo stupido, non è vero?» disse con un sorriso malizioso. «Non solo ne ho parlato molto riguardo i passi, ma ne conosci già un gran numero. Te li sto insegnando da tutto questo tempo.» Don Juan aveva ragione, mi stava comportando in modo detestabile. Mi aveva sorpreso con un argomento che non mi aspettavo; ma non ero sicuro che mi stesse insegnando i passi magici da tutto quel tempo. Protestai

veementemente come se la mia vita e la mia morte dipendessero dalle sue asserzioni. «Non difendere con tanta passione il tuo splendido sé», mi prese in giro. «Non volevo offenderti». Fece un gesto ridicolo con le sopracciglia in segno di scusa. «Quello che volevo semplicemente dire che tu imiti tutto ciò che faccio, e

di conseguenza io ho approfittato di questa tua capacità di imitare. Fin

dall'inizio ti ho mostrato alcuni passi magici, e tu hai sempre pensato che io mi stessi divertendo a far schioccare le giunture del mio corpo. Mi piace proprio il modo in cui li hai interpretati: far schioccare le giunture. D'ora in poi ci riferiremo ad essi con questa definizione».

«Ti ho mostrato dieci modi diversi di far schioccare le giunture», riprese. «In realtà, ognuno di essi è un passo magico che si adatta perfettamente al mio corpo e anche al tuo». Come lui stesso aveva dichiarato, i passi magici a cui si riferiva erano i

modi in cui io pensavo facesse schioccare le giunture: era infatti solito muovere

le braccia, le gambe, il torace e le anche in vari modi specifici che, almeno

secondo me, dovevano creare la massima tensione di muscoli, ossa e legamenti. Dal mio punto di vista, il risultato di questi movimenti di stretching era una successione di schiocchi che io avevo sempre pensato producesse per divertirmi

o stupirmi; e sì, mi aveva chiesto più volte di imitare i suoi gesti. Con un tono di sfida, mi aveva persino chiesto di memorizzarli e ripeterli

a casa finché non fossi riuscito a produrre con le giunture gli stessi rumori che

faceva lui. Pur non avendo mai ottenuto tali risultati avevo involontariamente imparato tutti i movimenti. «Perché si chiamano passi magici?» gli domandai. «Non si tratta semplicemente di un nome: lo sono davvero! Producono un

effetto che non può essere spiegato in base ai normali criteri della vita di tutti i giorni. Questi movimenti non sono esercizi fisici o semplici posture del corpo, ma veri e propri tentativi dì raggiungere una condizione ottimale. L'intento di migliaia di sciamani permea questi movimenti. Eseguirli anche in modo casuale ferma la mente». «Cosa vuol dire che fermano la mente?» chiesi. «Noi riconosciamo e identifichiamo tutto ciò che facciamo al mondo», disse, «convertendolo in linee di similarità». Don Juan sembrava stare lottando per trovare un modo per definire quello che stava dicendo. Fece una lunga pausa come per cercare la parola giusta o la corretta disposizione dei pensieri. Rimasi in silenzio. Ne sapevo così poco che non ebbi nemmeno il coraggio di pensarci. Tutto quello che provavo era una grande curiosità di sapere cos'erano questi misteriosi passi magici. Don Juan si alzò. Sembrava essere saturo. Eravamo seduti nella sala da pranzo della sua casa a bere una tisana che aveva preparato con foglie aromatiche di un cespuglio che cresceva nel suo giardino. Si scusò e disse che era giunto il momento per il suo pisolino. Don Juan faceva brevi sonnellini durante tutto il giorno e tutta la notte. Il suo schema per dormire era quello di farlo al massimo due ore alla volta. Quando ero molto stanco dormiva sei ore in due fasi, con una breve veglia tra questi periodi. Non parlammo sul tema dei passi magici per un lungo periodo di tempo. Un giorno proseguì la sua spiegazione e, per me, fu una cosa improvvisa, ma non per lui, perché sembrava essere a conoscenza della nostra soluzione di continuità, che avevo completamente dimenticato. «Come ti ho già detto esistono linee di similitudine per gli esseri umani» disse, «linee di cose simili o che vengono allineati insieme per uno scopo preciso. Per esempio, se io ti dico 'forchetta', questa parola ti fa subito venire in mente il concetto di cucchiaio, coltello, tovaglia, tovagliolo, piatto, tazzina e piattino, bicchiere di vino, chili con carne, banchetto, compleanno, festa. Potresti senz'altro andare avanti, magari all'infinito, nominando cose raggruppate insieme per un motivo ben definito. Tutto ciò che facciamo è collegato in questo modo. Gli stregoni vedono che tutte queste linee di affinità, intese come linee di cose unite per una data motivazione, sono associate alla convinzione tipica dell'uomo che queste stesse cose siano immutabili ed eterne, come la parola di Dio.» «Non capisco per quale motivo tu debba tirare in ballo la parola di Dio in questo frangente che cosa centra con quello che mi stai spiegando?" «Tutto!» esclamò Don Juan. "Sembra che nella nostra mente l'intero universo sia come la parola di Dio, assoluto e immutabile. È questo il modo in cui ci comportiamo. Nel profondo della nostra mente c'è un congegno di controllo che non ci permette di fermarci a considerare che la parola di Dio, così come la accettiamo e crediamo, appartiene a un mondo ormai morto. Un mondo vivo è invece un flusso continuo, si muove, cambia e si rovescia.» «I passi magici degli sciamani sono magici perché mettendoli in pratica il corpo dei praticanti si rende conto che, invece di essere una catena ininterrotta di affinità, è invece una corrente, un flusso. Tutto nell'universo è un flusso, una corrente, e questa corrente può essere fermata. Si può erigere magari una diga che ne devii o ne interrompa il flusso.» Le parole di Don Juan produssero in me una reazione singolare. Mi sentivo stranamente minacciato, ma la minaccia non era di per sé una minaccia

alla mia persona, era piuttosto, una minaccia per qualcosa che si sovrapponeva a me. Per la prima volta, ebbi la netta sensazione che Don Juan stesse esacerbando deliberatamente una parte di me che sembrava essere me, ma in realtà non lo era. Dopo essere stato, per un momento, sopraffatto da tale contraddizione, mi sentii totalmente confuso e parlai senza volontà. Mi sentii dire:

«Don Juan, mi stai dicendo che ogni volta che fai schioccare le tue articolazioni, o ogni volta che ti imito, cambia davvero qualcosa in me?» «Ah, qualcosa in te che non è davvero te, è arrabbiato ora», rispose Don Juan, ridendo. Avevo già sperimentato un altro momento di intensa contraddizione interna. Qualcosa dentro di me era molto arrabbiato, tuttavia, non potevo essere io. Don Juan mi scosse le spalle con forza. Sentii il mio collo scuotersi, si muoveva avanti e indietro, per la forza della sua presa. Questa manovra mi calmò immediatamente. Poi mi fece sedere su un piccolo muro di contenimento fatto di mattoni. Invariabilmente, c'erano file di formiche che si arrampicavano su questa parete e, di fatto, non avevo mai voluto sedermi lì. I miei vestiti ne venivano invasi all'istante. Ero sempre be all'erta nel sentire quando salivano le formiche, ma, questa volta, le formiche si fermarono proprio nel momento in cui mi sedetti. Le vidi roteare in entrambi i lati del mio corpo, come se fossero offuscate, insicure. Fui colto dalla curiosità di sapere se si raggruppavano davanti o dietro a me. Volevo vedere quale strada avrebbe preso, ma le parole di Don Juan attrassero la mia attenzione e me ne dimenticai completamente. «Non preoccuparti per le formiche», disse Don Juan, leggendo i miei pensieri. «In questo momento sei carico di un'insolita energia prodotta dai tuoi dilemmi interni. Alle formiche sembra impenetrabile e pericolosa e si raggruppano, su entrambi i lati del tuo corpo fino a quando la tua energia ritorna di nuovo normale, o fino a quando ti alzi e te ne vai. E ora, rispondendo alla domanda che avevi in mente, sotto forma di una risposta maliziosa, sì, stiamo veramente alterando la struttura di base del nostro essere. Stiamo ponendo una diga al flusso che ci è stato insegnato a considerarlo come un mucchio di cose immutabili. Con un tono di voce lusinghiero, che non sembrava essere il mio, chiesi a Don Juan di fornirmi un esempio di ciò che significasse arginare questo flusso di cui parlava. Gli dissi che avrei voluto visualizzarlo nella mia mente. «Nella tua mente? Faresti meglio a chiamare le cose con il loro vero nome. Ciò che tu chiami mente non è la tua mente. Gli sciamani sono convinti che la nostra mente è qualcosa di estraneo che è stato inserito in ognuno di noi. Accettalo, per il momento, senza ulteriori spiegazioni su chi ce l'ha imposto, o come è stato imposto». Sentii un'altra ondata della stessa sensazione minacciosa che avevo provato in precedenza. Questa volta la sentii più chiaramente. Questa ondata non proveniva da me e tuttavia, era attaccata a me. Don Juan mi stava facendo qualcosa di misteriosamente positivo e, al tempo stesso terribilmente negativo. Mi sentivo come stessi cercando di tagliare una tela sottile che sembrava avvilupparmi. Lo fissai senza battere ciglio, i suoi occhi erano fissi sui miei. Distolse lo sguardo e cominciò a parlare senza più guardarmi. «Ti faccio un esempio», disse. «Nel mio caso, alla mia età, io dovrei essere afflitto da problemi di pressione alta. Se dovessi consultare un medico, questi giungerebbe subito alla conclusione che sono un vecchio indiano, afflitto da

incertezze e frustrazioni, vittima di una cattiva alimentazione; tutto questo si traduce naturalmente in condizioni prevedibili e di conseguenza alta pressione sanguigna: un corollario accettabile per la gente della mia età. «Non ho alcun problema di alta pressione, non perché sia più forte della media, o a causa della mia struttura genetica, ma perché i passi magici hanno fatto si che il mio corpo spezzasse qualunque modello comportamentale che avrebbe potuto provocare la pressione alta. Posso dire in tutta sincerità che ogni volta che faccio schioccare le giunture, seguendo i dettami dei passi magici, blocco il flusso delle aspettative e il comportamento che porta ad avere problemi di pressione alta alla mia età . «Un altro esempio che posso fornirti riguarda l'agilità delle mie ginocchia. Non ti sei accorto che sono molto più agile di te? Quando si tratta di muovere le ginocchia sono un bambino! Grazie ai miei passi magici creo una diga sulla corrente di comportamento e fisicità che col passare degli anni fa irrigidire le ginocchia di uomini e donne». Una delle cose che più mi infastidivano, era il fatto che Don Juan, avrebbe potuto essere mio nonno, ma in realtà appariva infinitamente più giovane di me. In confronto, apparivo rigido, ostinato, ripetitivo. Ero senile. Lui, invece, era forte, intraprendente, agile, abile; in breve, aveva qualcosa di cui io, sebbene fossi più giovane, non avevo: la gioventù. Si divertiva a ripetermi che la giovane età non è sinonimo di giovinezza e non è affatto un deterrente alla senilità. Dopo una sferzata di energia, che sembrava esplodere dentro di me, ammisi apertamente il mio disgusto. «Come è possibile?, Don Juan» chiesi, «che tu sia più giovane di me?» «Ho sconfitto la mia mente», rispose spalancando gli occhi come se volesse mostrare il suo sbalordimento. «Non ho una mente che mi dice che è ora di diventare vecchio, e non rispetto accordi a cui non ho preso parte. Ricordati sempre che dichiarare di non rispettare gli accordi a cui non si è preso parte non è un semplice motto degli sciamani: essere afflitti dalla vecchiaia, per esempio, è uno di questi accordi.» Rimanemmo a lungo in silenzio. Pensai che Don Juan stava aspettando di vedere la reazione che le sue parole avevano suscitato in me. Quella che pensai fosse la mia unità psicologica venne ulteriormente fatta a pezzi da una risposta chiaramente duplice da parte mia. Se da una parte rifiutavo con tutta la mia forza le sciocchezze che mi stava dicendo, dall'altra non potevo fare a meno di notare quanto fossero accurate le sue annotazioni. Don Juan era vecchio e al tempo stesso non lo era affatto. Era addirittura più giovane di me. Era libero da pensieri ingombranti e modelli comportamentali. Vagabondava per mondi incredibili. Era libero, mentre io ero imprigionato da pesanti modelli e abitudini di pensiero, oltre che da futili e meschine considerazioni su me stesso che, per la prima volta, capii che non mi appartenevano affatto. Infine, ruppi il silenzio dopo aver recuperato un minimo di controllo sulle mie considerazioni contrastanti. «Come vennero inventati questi passi magici, don Juan?» Chiesi. «Nessuno li ha inventati», mi rispose in tono severo. «Pensare che sono stati inventati implica l'intervento della mente, e questo è un concetto del tutto sbagliato. Tramite la pratica del sognare, gli sciamani dei tempi antichi hanno scoperto che muovendosi in un certo modo, il flusso dei pensieri e delle azioni si ferma.

«I passi magici sono il risultato di uno stato in cui la mente non interviene. O meglio, sono il risultato dello spegnere la mente. I praticanti devono esercitare una tremenda disciplina su sé stessi per sognare e il risultato,

è la fuga della mente

«A

che ti riferisci con la fuga della mente, Don Juan?»

«Il

gran trucco degli sciamani dell'antichità fu affaticare le loro menti con

la disciplina. Scoprirono che se si sovraccaricava la mente con l'attenzione, specialmente il tipo di attenzione che gli sciamani chiamano l'attenzione di

sogno, la mente fugge, e questo provoca, in tutti gli apprendisti coinvolti in questa manovra, l'assoluta certezza dell'origine estranea della mente.»

Mi sentivo veramente agitato. Volevo saperne di più al riguardo e,

tuttavia, un strano sentimento dentro me mi urlava di trattenermi. Alludeva a risultati strani e punizioni; qualcosa come l'ira di Dio che scendeva su di me per essermi intromesso in qualcosa velato da Dio stesso. Dovetti fare un sforzo supremo per permettere alla mia curiosità di vincere la lotta. «Che cosa vuoi dire? Che cosa, che cosa?» dissi «Che cosa vuoi dire con sovraccaricare la mente?» «La disciplina sovraccarica la mente» disse, «ma la disciplina alla quale mi riferisco non ha niente a che vedere con uno stile di vita spartano. Gli sciamani interpretano la disciplina come la capacità di affrontare in modo sereno eventualità che esulano dalle nostre aspettative. Per loro, la disciplina è un atto volitivo che permette di affrontare tutto ciò che gli si presenti senza rimorsi né aspettative. Per gli sciamani la disciplina è un'arte: l'arte di affrontare l'infinito senza vacillare, e non perché siano forti e duri, ma perché sono animati da timore reverenziale. In poche parole, si può dire che la disciplina è l'arte di provare una riverente ammirazione. In questo modo, tramite la loro disciplina, gli sciamani vincono la mente: l'installazione estranea. Don Juan disse che, tramite la pratica del sognare, gli sciamani del Messico antico scoprirono che certi movimenti promuovevano ancor più il silenzio e, anche, producevano una straordinaria sensazione di pienezza e benessere. Questa sensazione li attirò a tale grado che si sforzarono per riviverla nello stato di veglia. Don Juan spiegò che in un primo tempo credevano che si trattasse di uno stato di benessere creato dal sognare ma, tentando di ripetere questo stato spirituale, scoprirono che era impossibile farlo. Allora si resero conto che ogni volta che avevano questa sensazione di benessere, erano sempre stati impegnati in alcuni specifici movimenti fisici. Tramite ingenti sforzi, cominciarono a ricostruire i movimenti che ricordavano. I loro sforzi furono ricompensati. Furono capaci di ricreare quei movimenti che avevano giudicato reazioni spontanee del corpo nella condizione di sogno. Don Juan disse che i passi magici ne furono il risultato. Incoraggiati dai successi ottenuti, riuscirono a ricreare centinaia di movimenti che si limitarono ad eseguire senza mai cercare di classificarli in uno schema comprensibile. Essi credevano che nella condizione di sogno i movimenti avvenissero in maniera spontanea e che ci fosse una forza che ne guidava l'effetto, senza l'intervento della loro volontà. Spiegarono che questa forza fosse un fattore agglutinante che unisce i nostri campi di energia per convertirci, in un'unità coerente. Per quanto riguarda l'aspetto pratico, per gli sciamani del Messico antico,

i passi erano dei veri percorsi che li preparavano per navigare nello sconosciuto. Stabilirono un criterio di base per praticarli, lo stesso criterio che oggigiorno usiamo per praticare la Tensegrità. Questo criterio si chiama saturazione, e significa bombardare il corpo con una profusione di passi magici tali da permettere che la forza che ci unisce ci guidi, creando il massimo effetto totale.

IL CENTRO PER LE DECISIONI

Il secondo tema di grande interesse per gli sciamani che vivevano nell'antico Messico era il centro per le decisioni. Basandosi sui risultati pratici dei loro sforzi, gli sciamani sono infatti convinti che nel corpo umano esista un punto dove vengono prese le decisioni: il punto a 'V' ubicato sulla punta dello sterno, alla base del collo. È un centro tremendamente sottile che immagazzina un tipo specifico di energia che gli sciamani non sono capaci di definire. Tuttavia, erano comunque certi di poterne percepire la presenza oltre che i suoi effetti. Gli stregoni sono convinti che questa energia speciale venga sempre spinta fuori da quel centro specifico molto presto nell'arco dell'esistenza di ogni essere umano e non vi faccia mai ritorno, privando cosi gli uomini di qualcosa forse più importante di tutta l'energia degli altri centri combinati. Gli sciamani hanno osservato, attraverso i secoli, che gli esseri umani sono incapaci di prendere decisioni. Hanno osservato che, per questo motivo, hanno creato gigantesche istituzioni che si assumono la responsabilità di prendere le decisioni. Pertanto, gli esseri umani non decidono per sé stessi, ma lasciano che l'ordine sociale decida per loro e accondiscendono, meramente, alle le decisioni che sono state prese in loro vece. Per loro il punto a 'V' alla base del collo era un luogo di tale importanza che raramente lo toccavano con le mani e, in tal caso, si trattava comunque di un tocco rituale, eseguito sempre da qualcun altro che faceva ricorso a un oggetto. Don Juan mi disse che utilizzavano pezzi di legno e ossa lucidate di animali o anche di esseri umani, usando la testa rotonda dell'osso per avere un oggetto dal contorno perfetto, grande quanto lo spazio incavo sul collo. Premevano con le ossa o i pezzi di legno per creare una pressione sui bordi dello spazio incavo. Don Juan mi disse che tali oggetti erano usati anche, seppure più raramente, per massaggi e per quella che adesso noi chiamiamo acupressione. «Come hanno fatto a scoprire che quello spazio incavo è il centro per le decisioni?» chiesi. «Ogni centro di energia nel corpo», mi rispose, «mostra una concentrazione o vortice di energia, simile a un imbuto che ruota in senso antiorario rispetto alla prospettiva di colui che guarda in esso. La forza di un centro particolare dipende dalla forza di tale movimento; se si muove a malapena, il centro è esausto, svuotato di ogni energia.» Don Juan mi spiegò che esistono sei enormi vortici di energia nel corpo umano che potevano essere utilizzati, o che erano accessibili alla manipolazione. Il primo si trova nella zona del fegato e della cistifellea, il secondo su pancreas e milza, il terzo su reni e ghiandole surrenali, il quarto sul punto incavo alla base del collo nella parte anteriore del corpo. Descrisse questo centro come fornito di un tipo speciale di energia che agli occhi dei veggenti appare dotata di una trasparenza unica, qualcosa che si potrebbe dire assomigli all'acqua, energia così fluida da sembrare liquida. L'aspetto liquido di questa particolare energia è il segno distintivo di una qualità filtrante del centro stesso, che esamina qualunque energia vi arrivi e ne attira solo l'aspetto simile al liquido. Una tale liquidità è un aspetto uniforme e consistente di questo

centro. Il quinto centro, limitato esclusivamente alle donne, è l'area dell'utero. Disse che in alcune donne l'utero possiede una energia liquida molto simile, un filtro naturale per separare le energie superflue, ma non tutti gli uteri sono provvisti di questa caratteristica. Esiste un altro centro, situato sulla sommità del capo ma che gli antichi sciamani non volevano aver niente a che fare. Ognuno dei suoi passi magici era in relazione con questi cinque centri, ma nessuno era in relazione col sesto sulla sommità del capo. «Perché viene fatta questa discriminazione, Don Juan?» gli chiesi. «Il sesto centro di energia» rispose, «non appartiene del tutto all'uomo. Noi esseri umani siamo presi d'assedio, per così dire. È come se quel centro fosse stato conquistato da un nemico invisibile. E l'unico modo per sconfiggerlo

è fortificare tutti gli altri centri." «Non ti sembra che sentirsi presi d'assedio sia un atteggiamento paranoico don Juan?» «Per te, forse, ma non per me", ribattè. "Io vedo l'energia, e vedo che l'energia che sovrasta il centro della sommità del capo non fluttua come l'energia degli altri centri. Si muove andando avanti e indietro, un movimento disgustoso e insolito. Vedo anche che in uno sciamano che è stato capace di

sconfiggere la mente, che gli sciamani chiamano installazione estranea, la fluttuazione di tale centro diventa uguale a quella degli altri centri. La rotazione dell'energia al centro per le decisioni è la più debole di tutti. Ecco perché l'uomo è raramente in grado di decidere. Gli sciamani vedono che dopo aver eseguito determinati passi magici quel centro diventa attivo ed essi possono prendere decisioni che li soddisfano, mentre prima non erano in grado

di compiere alcun passo.» Don Juan sottolineò con enfasi il fatto che gli sciamani dell'antico

Messico provassero un'avversione che rasentava la fobia quando si trattava di toccare il loro punto incavo alla base del collo, sulla punta dello sterno. L'unico modo in cui accettavano interferenze di qualunque genere con quel punto era legato all'uso dei loro passi magici, che rinforzano il centro facendovi affluire l'energia dispersa; in questo modo eliminavano qualunque esitazione per ciò che riguarda la capacità di prendere decisioni, condizione provocata dalla naturale dispersione di energia derivata dall'usura e dalla fatica della vita quotidiana. L'idea generale che avevano era che il corpo umano, visto da un veggente,

è una unità concreta e sigillata di campi energetici. Nessuna energia si può introdurre in questa unità sigillata e non può nemmeno uscirne. Secondo gli sciamani del lignaggio di Don Juan l'impressione di perdere energia, che prima o poi ognuno di noi prova, deriva dalla dispersione o dalla espulsione dell'energia stessa dai cinque centri energetici descritti prima. Questi sciamani credevano che l'energia espulsa da questi centri si disperdeva ai limiti esterni del nostro essere. Quando gli sciamani del Messico antico si riferivano ai limiti esterni del nostro essere, parlavano di come percepiscono gli esseri umani, vale a dire, un conglomerato di campi energetici con l'apparenza di una sfera luminosa. Consideravano che questa sfera di energia è il nostro vero sé; vero, nel senso che per essi è qualcosa di irriducibile in termini di energia. In altre parole, erano capaci di estendere i limiti della loro percezione fino

al punto di potere percepire l'energia così come fluisce nell'universo. Secondo

tali condizioni, gli esseri umani sono sfere luminose, e questa "visione" è

irriducibile, poiché sembra che quegli sciamani usassero la totalità del potenziale umano per percepire, ed il percepire una sfera luminosa di energia pura ne è il risultato finale. Quegli sciamani intendevano qualunque sensazione di guadagnare energia, come la concentrazione dell'energia che era stata precedentemente dispersa dai centri di vitalità già menzionati. Chiamavano a questa manovra "ridistribuire l'energia precedentemente dispersa." Usavano i passi magici per potere realizzare questa distribuzione, poiché la sua efficacia era stata comprovata attraverso i millenni. La Tensegrità, la versione moderna di quei passi magici, riesce a raggiungere la stessa meta: ridistribuisce l'energia dispersa, ma lo fa senza il peso dei rituali degli sciamani.

LA RICAPITOLAZIONE

Il terzo tema di grande interesse per gli sciamani del Messico antico era

la Ricapitolazione. Quegli sciamani credevano che, come i passi magici, la

Ricapitolazione preparasse il terreno per raggiungere la conoscenza silenziosa. Secondo loro, la Ricapitolazione era l'atto di rivivere esperienze passate, necessario per potere raggiungere due mete trascendentali. La prima era un sforzo che concordava con la loro visione generale dell'universo, della vita e della coscienza; l'altra era una meta estremamente pragmatica: acquisire fluidità percettiva. La loro visione generale dell'universo, della vita e della coscienza era che esiste una forza indescrivibile, che chiamavano, metaforicamente, l'Aquila; forza che presta la consapevolezza a tutti gli esseri viventi, dai virus agli uomini. Credevano che donasse la consapevolezza ogni neonato, che poi la amplia tramite le sue esperienze di vita fino al momento in cui questa stessa forza non ne pretende il ritorno. Secondo questi sciamani, tutti gli esseri viventi muoiono

perché sono costretti a restituire la consapevolezza che è stata prestata loro. Questa consapevolezza incrementata ritorna al suo donatore. Don Juan disse che non c'era modo di spiegare tale cosa col nostro modo lineare di pensare, dal momento che non esiste una spiegazione del perché la coscienza si presta, o perché si riprende; è un fatto dell'universo, e non tutti i fatti dell'universo possono essere spiegati in termini di causa ed effetto, o con un proposito che possa determinarsi a priori. Gli stregoni dell'antico Messico credevano che ricapitolare significasse dare a questa forza, l'Aquila, ciò che essa cercava, consegnandole però con un certo grado di controllo grazie al quale potevano separare la consapevolezza dalla loro forza vitale. Ritenevano che la consapevolezza e la forza vitale non fossero congiunte in maniera inestricabile ma fossero unite solo in modo secondario. Affermavano che l'Aquila non voleva prendersi la nostra vita, ma solo le nostre esperienze di vita. Benché, apparentemente, gli esseri umani dovessero perdere unicamente la forza delle proprie esperienze, la mancanza di disciplina impedisce loro di separare le due forze. La Ricapitolazione è la procedura grazie alla quale gli sciamani potevano dare all'Aquila qualcosa in cambio della loro stessa vita. Consegnavano all'Aquila le esperienze della loro esistenza raccontandole, ma conservavano la loro forza vitale. Quando venivano esaminate secondo i termini dei concetti lineari del nostro mondo, le rivendicazioni percettive degli sciamani non avevano alcun senso. L'uomo occidentale abbandonò qualsiasi tentativo di intavolare un discorso filosofico serio basato sulle affermazioni fatte dagli sciamani del Nuovo Mondo Per esempio, l'idea della Ricapitolazione può apparire in qualche modo legata alla psicanalisi. Qualunque studioso che si imbatte con essa potrebbe pensare che la Ricapitolazione è un procedimento psicologico, un tipo

di tecnica di auto analisi. In accordo con Don Juan Matus, l'uomo perde sempre

per omissione. Credeva che esistano forme alternative di relazionarsi con l'universo, la vita, la coscienza e la percezione, e che la forma che oggigiorno stiamo usando è solo una delle molteplici opzioni. Per i praticanti sciamani, ricapitolare significava fornire a una forza

incomprensibile, l'Aquila, ciò che essa desiderava, e cioè le loro esperienze di vita, in pratica la consapevolezza che avevano ampliato grazie a tali esperienze. Don Juan non era in grado di spiegarmi questi fenomeni nei termini della logica standard, o in termini della necessità di trovare cause spiegabili. Disse che tutto ciò era pertinente al regno della pratica, e tutto ciò che potevano augurarsi di fare era realizzare l'impresa senza potere spiegarla. Disse inoltre che centinaia di stregoni erano riusciti a farlo, conservando la loro forza vitale dopo aver ceduto all'Aquila la forza delle loro esperienze di vita. Per don Juan questo significava che quegli sciamani non morivano nel solito modo in cui noi intendiamo la morte, ma trascendevano trattenendo la loro forza vitale e svanendo dalla faccia della terra, imbarcandosi in un viaggio definitivo di percezione. Gli sciamani credevano che quando la morte avviene secondo queste modalità, tutto il nostro essere si trasforma in un tipo speciale di energia che conserva il marchio della nostra individualità. Don Juan cercò di spiegare tale concetto in senso metaforico, dicendo che siamo composti da un gran numero di “singole nazioni o regni”: la nazione dei polmoni, la nazione del cuore, la nazione dello stomaco, quella dei reni e via di seguito e che ognuna di queste nazioni a volte lavora in maniera indipendente dalle altre, ma al momento della morte tutte loro vengono unite in una singola unità. Questo stato lo chiamava libertà totale, e diceva che un essere umano libero della socializzazione e del dominio della sintassi e, trasformato così, in una porzione di energia pura ed unificata, sparisce, si volatilizza, svanisce, o come lo si vuol chiamare, nello sconosciuto, nell'infinito, trasformato in un essere inorganico, un essere che possiede consapevolezza ma non organismo. Gli chiesi se questo era l'immortalità. Rispose che non era per niente l'immortalità era semplicemente l'entrata in un processo evolutivo, ricorrendo all'unico strumento per l'evoluzione che l'uomo ha a disposizione, cioè la consapevolezza. Gli sciamani erano convinti che l'uomo non potesse più evolversi dal punto di vista biologico; di conseguenza, ritenevano che la sua consapevolezza fosse l'unico mezzo per evolversi. Per gli sciamani la trasformazione in esseri inorganici era una forma di evoluzione e come diceva Don Juan, ciò significava aver ottenuto un nuovo e indescrivibile tipo di consapevolezza che sarebbe durata per milioni di anni, ma che un giorno o l'altro avrebbero comunque dovuto restituire al donatore, l'Aquila. Chiesi a Don Juan se gli esseri inorganici, che secondo gli sciamani abitano il nostro mondo gemello, erano forse degli uomini che si erano evoluti. Rispose che erano intrinsecamente inorganici, nello stesso modo in cui noi siamo stati intrinsecamente organici; sono esseri la cui consapevolezza può evolversi al pari della nostra e lo fa senz'altro, ma non ne possedeva una conoscenza diretta del modo in cui ciò avviene. Sapeva, comunque, che un essere umano la cui consapevolezza si è evoluta è un essere inorganico di tipo speciale. Don Juan mi fornì una serie di descrizioni di questo processo evolutivo, che io considerai come poetiche metafore. Ne scelsi una che mi soddisfaceva in modo particolare: la libertà totale. Pensai che un essere umano che aspirasse a raggiungere questo stato fosse l'essere più coraggioso e immaginativo possibile. Don Juan disse che io non stavo immaginando nulla e che per entrare in questo stato un essere umano deve coinvolgere il suo lato sublime, che tutti possiedono ma non usano mai.

Don Juan mi descrisse il secondo obiettivo della Ricapitolazione come l'acquisizione della fluidità. Mi disse che la spiegazione logica degli stregoni era legata a uno degli argomenti più elusivi dello sciamanesimo: il punto di unione, un punto di intensa luminosità grande quanto una palla da tennis, che gli sciamani percepiscono quando vedono direttamente il fluire dell'energia nell'universo. Come mi spiegò precedentemente, un essere umano, visto dagli occhi di un veggente appare come una sfera luminosa, e può quindi vedere un punto di grande brillantezza nella parte posteriore di questa sfera luminosa. Lo chiamarono punto di unione vedendo che un numero astronomico di campi di energia, sotto forma di filamenti di luce, convergono su questo punto e lo attraversano. Questa confluenza di filamenti fornisce al punto di unione la sua luminosità. Il punto di unione permette a un essere umano di percepire l'energia trasformandola in dati sensoriali, che poi interpreta come il mondo della vita quotidiana, in termini cioè di socializzazione e potenziale umano. Don Juan disse che ricapitolare significa rivivere tutte o quasi le esperienze che abbiamo vissuto; cosi facendo spostiamo il punto di unione, leggermente o in maniera notevole, costringendolo con la forza della memoria ad adottare la posizione che aveva quando è avvenuto l'evento che stiamo rivivendo. Questo gesto di spostarsi avanti e indietro dalle posizioni precedenti a quella attuale fornisce al praticante la fluidità necessaria a sopportare straordinari imprevisti durante il loro viaggio verso l'infinito, imprevisti che non fanno in alcun modo parte della loro abituale cognizione. Nei tempi antichi la ricapitolazione come procedura formale veniva eseguita richiamando alla mente tutte le persone che il praticante aveva conosciuto e tutte le esperienze in cui erano state coinvolte. Don Juan mi suggerì di scrivere un elenco di tutte le persone che avevo incontrato nell'arco della mia esistenza, eseguendo così una sorta di esercizio mnemonico. Dopo che ebbi compilato la mia lista, mi spiegò come usarla. Avrei dovuto prendere la prima persona indicata nella lista stessa, che partiva dal presente e arrivava all'epoca della mia prima esperienza di vita, e rivivere mentalmente l'ultima interazione vissuta con lei. Questo atto viene definito sistemazione dell'evento che deve essere rivissuto. Don Juan esigeva un ricordo minuzioso in quanto è lo strumento necessario a migliorare la propria capacità di ricordare. Disse che per realizzare questo ricordo è necessario avere tutti i dettagli fisici relativi, per esempio l'ambiente in cui si è svolto il fatto. Dopo che l'evento è stato sistemato, il soggetto dovrebbe entrare personalmente nella scena, prestando particolare attenzione a qualunque configurazione fisica relativa. Se, per esempio, l'interazione è avvenuta in un ufficio, bisogna ricordare il pavimento, le porte, le pareti, i quadri, le finestre, le scrivanie e gli oggetti che vi stanno sopra, tutto ciò che avrebbe potuto essere visto con un'occhiata e poi dimenticato. Don Juan affermò che, in qualità di procedura formale, la Ricapitolazione deve iniziare con l'enumerazione degli eventi che sono appena avvenuti. In questo modo, l'esperienza più recente ha la precedenza: qualcosa che è appena successo si ricorda con grande accuratezza. Affermava che si possono immagazzinare informazioni dettagliate di cui non siamo consapevoli: proprio tali dettagli sono ciò che vuole l'Aquila. Per ricapitolare di fatto l'evento il soggetto deve respirare a fondo, girando lentamente e dolcemente la testa da una parte all'altra, da destra a

sinistra e da sinistra a destra il numero di volte ritenute necessarie, mentre si ricordano tutti i dettagli accessibili. Don Juan disse che gli sciamani definivano questo gesto come l'inspirazione di tutte le emozioni vissute grazie all'evento ricordato e all'espirazione di tutti i sentimenti non desiderati e le emozioni indesiderate che il fatto stesso ha lasciato in noi. Gli sciamani credono che il mistero della Ricapitolazione stia nel gesto di inspirare ed espirare; poiché la respirazione è una funzione indispensabile per mantenersi in vita, gli sciamani sono certi che grazie a essa sia possibile consegnare alla forza che ci presta la consapevolezza i facsimile delle esperienze della propria vita. Quando sollecitai Don Juan cercando di ottenere da lui una spiegazione razionale, lui ribadì che cose come la Ricapitolazione possono essere solo sperimentate e non spiegate. Gli sciamani si liberano compiendo tale gesto. Spiegarlo significa dissipare la nostra energia in sforzi inutili. Il suo invito era consono a tutta la sua conoscenza, la necessità di agire. La lista con i nomi delle persone viene usata come un esercizio mnemonico che stimola la memoria a compiere un viaggio inimmaginabile. A tale proposito, gli sciamani ritengono che ricordare gli avvenimenti che si sono appena verificati spiana la strada a ricordare con la stessa chiarezza e immediatezza avvenimenti più lontani nel tempo. Gli sciamani considerano che richiamare in questo modo le esperienze significa riviverle, ricavando da tale ricordo una forza straordinaria, un impeto eccezionale in grado di stimolare l'energia dispersa dai nostri centri di vitalità, che si è accumulata ai bordi della sfera luminosa, e di restituirla ai centri stessi. Affermano che questa ridistribuzione dell'energia fornita dalla Ricapitolazione, ci permette di ottenere la fluidità dopo aver dato all'Aquila quello che sta cercando. A livello più pratico, la Ricapitolazione ci permette di esaminare la ripetitività della nostra vita. La Ricapitolazione può convincerci al di là di ogni ragionevole dubbio che tutti noi siamo alla mercé di forze che, sebbene a prima vista possano apparire del tutto ragionevoli, sono totalmente assurde. Gli sciamani affermano che qualunque cambiamento di carattere veritiero si ottenga con la Ricapitolazione, l'unico strumento in grado di ampliare la consapevolezza liberandola dalle richieste non espresse della socializzazione, che sono così automatiche da non essere mai notate ma possono essere solamente osservate. Questa è la ragione per la quale gli sciamani si riferiscono alla Ricapitolazione come "la vista dal ponte." Ci vuole molto tempo per compilare la lista delle persone, dal momento che è intimamente correlata con gli episodi. Alcune volte, semplicemente per osmosi, vi sono persone che interagiscono con avvenimenti impersonali nei quali non era coinvolta alcuna persona, ma che devono essere comunque esaminati perché sono in qualche modo legati alla persona che sta ricapitolando. In tal caso si deve esaminare l'evento di per sé. Ciò che gli sciamani ricercavano avidamente eseguendo la Ricapitolazione, era il ricordo dell'interazione, perché nell'interazione stessa risiedono gli effetti profondi della socializzazione che essi si sforzavano di dominare con tutti i mezzi disponibili.

IL SOGNARE

Il quarto tema nella lista di priorità degli sciamani del Messico antico è il sognare, l'arte di rompere i parametri della percezione normale. Per quegli sciamani, come per i membri attuali del suo lignaggio, viaggiare nell'ignoto è, veramente, la forza che dà impulso allo sciamanesimo. Don Juan mi dimostrò innumerevoli volte che tutto ciò che egli ed i suoi compagni facevano si basava

su quell'impulso. Le due arti sulle quali basavano i loro viaggi erano due linee

di attività tremendamente sofisticate: l'arte del sognare e l'arte dell'agguato. Per Don Juan l'arte dell'agguato era l'altra faccia della moneta in

relazione con l'arte del sognare. Per spiegarmi queste due arti, primo mi

presentò, quello che secondo lui era, la pietra angolare dello sciamanesimo: la possibilità di percepire l'energia direttamente nel modo in cui fluisce nell'universo. Spiegò che ciò che gli esseri umani normalmente considerano come l'atto

di percezione è, piuttosto, un atto di interpretazione dei dati sensoriali.

Sostenne che, sin dal momento in cui siamo nati, il nostro ambiente ci fornisce una possibilità di interpretazione. Nel corso del tempo, questa possibilità diventa un sistema completo con il quale effettuiamo tutte le nostre transazioni

percettive nel mondo. Era convinto che abbiamo avuto l'opportunità di prendere

in considerazione, anche per un istante, la capacità di percepire direttamente il

flusso di energia. Per Don Juan e altri sciamani come lui, ciò che trasforma un uomo ordinario in uno sciamano è l'atto di annullare l'effetto del nostro sistema interpretativo e di percepire direttamente l'energia.

Don Juan spiegò anche che gli esseri umani hanno l'aspetto di sfere luminose quando vengono visti direttamente come energia. Vedere l'energia è il punto cardine dello sciamanesimo. Mi ha assicurato che tutto ciò uno sciamano fa, ruota intorno a questo, o ne è originato, e che l'arte del sognare e l'arte dell'agguato sono i due principali campi di attività che derivano dal vedere direttamente energia. Un altro argomento che ha trattato ampiamente è il punto di unione. Disse che quando gli sciamani sono in grado di vedere gli esseri umani come sfere luminose, vedono anche il punto focale dello sciamanesimo: un punto delle dimensioni di una palla da tennis avente una più intensa luminosità rispetto al

resto della sfera luminosa. Don Juan lo chiamò il punto di unione, e affermò che

la percezione avviene proprio lì, in quel punto.

«L'arte di sognare» disse in una occasione, «consiste nello spostare di proposito il punto di unione dalla sua posizione abituale. L'arte dell'agguato permette invece di mantenerlo volutamente fissato nella nuova posizione in cui e stato spostato». Secondo la spiegazione di Don Juan, queste due arti giacciono sotto una cornice filosofica chiamata la via del guerriero, o la via degli sciamani: una serie premesse attraverso la quale gli sciamani vivono e agiscono nel mondo. Per Don Juan e i suoi compagni, seguire le premesse del guerriero era il principale risultato dello sciamanesimo. Don Juan credeva che gli sciamani possono trovare l'energia e la determinazione necessaria per viaggiare

nell'ignoto, solo attraverso la stretta aderenza alla via del guerriero. Don Juan sottolineò, in tutti i modi possibili, il valore di un atteggiamento pragmatico da parte dei praticanti del sognare e dell'agguato. Definito un atteggiamento pragmatico, come la capacità di assorbire qualsiasi eventualità che possono sorgere lungo la strada del guerriero. Per me, era l'esempio vivente di questo atteggiamento. Non c'era alcuna incertezza o eventualità che la sua sola presenza non dissipasse. Osservò che per ottenere questo atteggiamento pragmatico desiderato, il praticante deve avere un corpo altamente flessibile, agile e forte. Disse che per gli sciamani, il corpo fisico è l'unica entità che abbia un senso, e non esiste quella cosa chiamata la dualità tra corpo e mente. Gli sciamani credono che il corpo fisico comprenda sia il corpo che la mente, proprio come li conosciamo. Disse che per controbilanciare il corpo fisico, come unità olistica, gli sciamani prendono in considerazione un'altra configurazione di energia: il corpo

energetico, noto anche come l'altro, il doppio, il corpo di sogno.

Don Juan descrisse l'arte di sognare come la possibilità della consapevolezza umana di usare i sogni normali per entrare in altri regni della percezione. Affermava che i sogni ordinari possono venire usati come una porta che conduceva la percezione in altre regioni di energia, diversa da quella del mondo della vite quotidiana e al tempo stesso simile per ciò che riguarda la sua essenza di base. Disse che il risultato di un simile passaggio era la percezione

dei mondi veritieri in cui potevamo vivere o morire, proprio come in quello in cui viviamo, mondi diversi dai nostri e al tempo stesso, incredibilmente simili. Pressato per una spiegazione lineare, Don Juan Matus ribadiva la sua posizione tipica: le risposte a tutte quelle domande stavano nella pratica, e non nella ricerca intellettuale. Per poter parlare di tali possibilità avremmo dovuto usare

la sintassi del linguaggio, qualunque sia il linguaggio che parliamo, e che la

sintassi, con la forza dell'uso, limita [e possibilità di espressione. La sintassi di qualunque linguaggio si riferisce solo alla possibilità percettive che fanno parte del mondo in cui viviamo. Don Juan evidenziò una significativa distinzione tra due verbi spagnoli:

uno era soñar "sognare", e l'altro ensoñar, che significa “sognare nel modo in

cui sognano gli sciamani”. Don Juan ha anche descritto il sogno come uno stato

di profonda meditazione in cui un cambiamento nella percezione gioca un ruolo

chiave. Don Juan, spiegò anche che l'arte di sognare ebbe origine dall'osservazione del tutto casuale che gli sciamani dell'antico Messico fecero quando videro le persone addormentate. Notarono che durante il sogno il punto di unione si spostava in maniera molto naturale e facile dalla sua posizione abituale, e si muoveva ovunque lungo la periferia della sfera luminosa, o in qualunque posto al suo interno. Mettendo in relazione il loro vedere con i racconti delle persone che erano state osservate mentre dormivano, si resero conto che maggiore era lo spostamento riscontrato del punto di unione, più sbalorditivi erano i resoconti degli avvenimenti e delle scene vissute in sogno. Gli sciamani cominciarono a cercare avidamente di spostare i loro punti di

unione, e per riuscirci usarono piante psicotrope. Ben presto si resero conto che

lo spostamento ottenuto con l'uso di tali piante era irregolare, forzato e privo di

controllo. Don Juan disse che in cotanta confusione, scoprirono un elemento di grande valore che chiamarono l'attenzione del sogno o la capacità che permetteva ai praticanti di mantenere la propria consapevolezza sugli elementi

del sogno. Il risultato finale dei loro sforzi fu l'arte di sognare come la conosciamo oggi. Attraverso la loro disciplina sono stati in grado di sviluppare la loro attenzione di sogno a un punto di straordinario. Erano in grado di concentrare la loro attenzione su qualunque elemento dei loro sogni, e scoprirono cosi che esistono due tipi di sogno. Al primo appartengono quelli che noi tutti conosciamo, nei quali entrano in gioco elementi fantasmagorici qualcosa che potremmo definire come il prodotto della nostra mentalità e della nostra psiche, e che è forse legato alla nostra connotazione neurologica. Dell'altra categoria fanno invece parte i sogni che generano energia. Don Juan dichiarò che gli sciamani dei tempi antichi si ritrovarono in sogni che in realtà non erano sogni, ma vere e proprie visite compiute in una sorta di stato onirico in luoghi che non appartengono a questo mondo, posti reali, proprio come quelli in cui viviamo, dove gli oggetti producono energia, nello stesso modo in cui gli alberi, gli animali o i sassi generano energia nel nostro mondo. Le loro visioni di quei luoghi erano troppo fugaci e momentanee per poter essere utili. Essi attribuivano questo difetto al fatto che il loro punto di unione non restava fissato per un tempo sufficientemente lungo nella posizione in cui essi l'avevano spostato. I loro tentativi di rimediare a tale situazione risultarono nell'altra grande arte dello sciamanesimo: l'arte dell'agguato, o la capacità di mantenere il punto di unione volutamente fissato nella nuova posizione in cui era stato spostato. Questa fissità forniva loro l'opportunità di vedere altri mondi in pieno sviluppo. Don Juan affermava che alcuni di questi sciamani non hanno mai fatto ritorno dai loro viaggi. In altre parole decisero di restare laggiù, in qualunque luogo si sia trattato. Don Juan disse che nell'esaminare gli esseri umani intesi come sfere luminose, gli sciamani dei tempi antichi avevano scoperto nientemeno che seicento punti nella sfera luminosa globale che corrispondevano all'entrata in un mondo completamente nuovo, quando il punto di unione veniva fissato su uno di essi. La sua risposta alla mia inevitabile domanda: «Ma dove sono questi mondi?» fu: «Nella posizione del punto di unione. Nulla può essere più vero di questa affermazione e tuttavia, non ha alcun senso per noi». Per gli sciamani, tuttavia, questo è qualcosa di ragionevole se esaminato dal punto di vista della loro capacità di vedere l'energia che fluisce nell'universo. La sua ipotesi è che nella sua posizione normale, il punto di unione riceve un flusso di campi di energia dall'intero universo sotto forma di filamenti di energia luminosa. Coerentemente, questi stessi filamenti, che sono migliaia di miliardi passano attraverso il punto di unione e risultano nel mondo che conosciamo. Se il punto di unione venisse spostato in un'altra posizione verrà attraversato da un altro insieme di filamenti energetici. Gli sciamani credono che non sia possibile che questa nuova serie di filamenti energetici possa comportare la stessa visione del mondo; per definizione, questo mondo deve essere diverso dal mondo della vita quotidiana. Poiché il punto di unione è non solo il centro dove avviene la percezione, ma anche il centro dove viene effettuata l'interpretazione dei dati sensoriali, gli sciamani ritengono che il punto di unione interpreti il nuovo flusso di campi di energia negli stessi termini in cui interpreta il mondo della vita di tutti i giorni. Il risultato di questa nuova interpretazione è la visione di un mondo che è stranamente simile al nostro, eppure intrinsecamente diverso. Don Juan disse che questa somiglianza è solo l'interpretazione del punto di unione e che energeticamente,

gli altri mondi sono così diversi dal nostro da non poterlo nemmeno immaginare. Per poter esprimere questa incredibile qualità del punto d'unione e le possibilità di percezione portate dalla capacità di sognare è necessaria una

nuova sintassi; o forse, nel caso in cui questa esperienza diventasse disponibile a ciascuno di noi, e non solo agli iniziati sciamani, la stessa sintassi del nostro linguaggio avrebbe potuto esprimerla. L'affermazione di don Juan secondo cui non esiste una procedura vera e propria della quale poter parlare per insegnare a sognare mi ha profondamente interessato, pur lasciandomi sbalordito; e che più di ogni altra cosa sognare rappresentava uno sforzo immane da parte dei praticanti per mettersi in contatto con la forza perenne e indescrivibile che gli sciamani chiamavano intento. Dopo che questo legame è stato instaurato, anche sognare diventa misteriosamente possibile. DonJuan dichiarava che tale legame avrebbe potuto essere ottenuto assumendo un qualunque atteggiamento che comportasse una forma di disciplina. Ciò che don Juan considerava di estrema importanza per poter sognare era seguire la via del guerriero, o il costrutto filosofico che gli sciamani utilizzavano per sostenere le loro azioni, qualunque fossero, in questo mondo o

in qualsiasi altro mondo oltre a questo. Seguendo la via del guerriero si crea

una uniformità di risultati, in assenza di qualsiasi schema preciso. I passi magici, erano lo strumento che gli sciamani dei tempi antichi avevano a disposizione per favorire lo spostamento del punto d'unione, dal momento che

erano designati per fornire la stabilità necessaria per evocare la loro attenzione

di sogno, senza la quale non avrebbero potuto sognare nel modo in cui lo

facevano gli sciamani del Messico antico. Se non emergeva l'attenzione di sogno, i praticanti potevano sperare al massimo di avere sogni lucidi su mondi fantasmagorici o forse avrebbero potuto avere visioni di mondi che generano energia, ma per essi tutto ciò non avrebbe alcun senso in mancanza di una spiegazione completamente razionale, in grado di classificarli in maniera adeguata.

IL SILENZIO INTERIORE

Il quinto tema, è il culmine degli altri quattro, ciò che gli sciamani dell'antico Messico ricercavano con grande fervore: il silenzio interiore. Don Juan definì il silenzio interiore come uno stato naturale della percezione umana in cui i pensieri sono bloccati, e in cui tutte le facoltà dell'uomo operano da un livello di coscienza che non richiede il funzionamento del nostro sistema cognitivo quotidiano. Don Juan associava il silenzio interiore con l'oscurità, forse perché, quando d privata del suo compagno abituale, il dialogo interiore, la percezione umana cade in qualcosa che assomiglia a un pozzo oscuro, ovvero una versione silente del processo cognitivo. Il corpo funziona come al solito, ma la consapevolezza diventa più acuta. Le decisioni sono immediate, e sembrano nascere da una speciale forma di conoscenza che è privata dalla verbalizzazione del pensiero. Gli sciamani dell'antico Messico, che scoprirono e usarono i passi magici che sono il nucleo della Tensegrità, credevano che la percezione umana fosse capace di raggiungere livelli indescrivibili quando sottostà alle condizioni del silenzio interiore. Alcuni di questi livelli di percezione appartengono ad altri mondi, che, credevano, coesistessero con il nostro; mondi che sono inclusivi come quello in cui viviamo; mondi nei quali possiamo vivere o morire, ma completamente inspiegabili in base ai paradigmi lineari a cui ricorre lo stato abituale della percezione umana per spiegare l'universo. In base alle dichiarazioni degli sciamani del lignaggio di Don Juan, il silenzio interiore è la matrice per un gigantesco passo dell'evoluzione: gli sciamani del Messico antico lo chiamavano la conoscenza silenziosa. Ovvero il livello della consapevolezza umana dove la conoscenza avviene in modo automatico e immediato. A questo livello la conoscenza non è il prodotto della cognizione cerebrale o della induzione e deduzione logica,e nemmeno delle generalizzazioni basate su similitudini o differenze. Al livello della conoscenza silenziosa non c'è nulla a priori, niente che possa costituire un corpo di conoscenza perché ogni cosa è adesso. Complesse informazioni potrebbero essere comprese senza il bisogno di preliminari cognitivi. Don Juan credeva che la conoscenza silenziosa fosse insita negli uomini primitivi, che non erano però i possessori di tale conoscenza interiore. Un tale processo era infinitamente più forte di ciò che l'uomo moderno può sperimentare ora che il fulcro della conoscenza è il prodotto dell'apprendimento. Credeva che sebbene avessimo perso la nostra capacità di captare queste indicazioni la via che conduce alla conoscenza silenziosa sarà sempre aperta per l'uomo, e questa via proviene dalla matrice del silenzio

interiore.

Raggiungere il silenzio interiore è il requisito per compiere tutte le azioni che abbiamo trattato fin'ora. Don Juan insegnò che il silenzio interiore deve essere acquisito con una consistente pressione della disciplina. Disse che deve essere accumulato o trattenuto pezzo per pezzo, un secondo dopo l'altro. In altre parole,un individuo deve costringersi a essere silenzioso, anche se solo per pochi secondi. Secondo lui, se una persona persiste in tale attività, la persistenza diventa un'abitudine, e di conseguenza è possibile raggiungere una

soglia di vari minuti o secondi, che varia da un soggetto all'altro. Per esempio

se per un individuo, la soglia di silenzio interiore fosse di dieci minuti, una

volta superato questo limite il silenzio interiore avviene da sé, spontaneamente.

Non c'è modo di sapere quale sia la propria soglia. L'unico modo per scoprirlo sarebbe stata l'esperienza diretta. Ed è proprio quello che mi è successo. Seguendo il suggerimento di Don Juan avevo insistito costringendomi a restare in silenzio e un giorno, mentre camminavo all'Università della California nel Dipartimento di Antropologia presso la caffetteria, raggiunsi la mia misteriosa soglia. Mi resi conto di averla aggiunta perché in un solo istante vissi un'esperienza di cui Don Juan mi aveva parlato a lungo, definendola fermare il mondo. In un battito di ciglia il mondo

cessò di essere ciò che era, e per la prima volta in vita mia diventai consapevole del fatto che stavo vedendo l'energia che fluisce nell'universo. Dovetti sedermi

su alcuni gradini di pietra: sapevo di essere seduto, ma solo a livello

intellettuale, grazie all'intervento della memoria. A livello empirico mi stavo basando sull'energia. Io stesso ero energia, al pari di tutto ciò che mi circondava. Mi resi conto allora, di qualcosa che mi terrorizzò, qualcosa che nessuno riusciva a spiegare, tranne Don Juan; mi resi conto che, sebbene stessi vedendo per la prima volta in vita mia l'energia che fluisce nell'universo, in realtà avevo sempre visto tale energia senza però esserne consapevole. La

novità non era dunque rappresentata dalla capacità di vedere l'energia che fluisce nell'universo, ma piuttosto dall'interrogativo che nasceva in me con tale impeto da farmi ripiombare nel mondo della vita di tutti i giorni. Chiesi a me stesso: che cosa mi aveva impedito fino ad allora di capire che in realtà stavo vedendo da sempre l'energia che fluisce nell'universo? Don Juan me lo spiegò facendo una distinzione tra la nostra consapevolezza generale e essere deliberatamente consapevole di altro. Disse che la nostra condizione umana possiede questa profonda consapevolezza ma tutti gli esempi di questa profonda consapevolezza non raggiungono il livello di poterne essere deliberatamente a conoscenza. Disse che, svolgendo il proprio ruolo, il silenzio interiore aveva coperto questo intervallo e mi aveva permesso

di capire cose di cui ero, solamente, a conoscenza in senso generale.

LA SERIE DI WESTWOOD

Lo scopo di questa spiegazione è presentare ciò che don Juan chiamava i

cinque punti di interesse degli sciamani dell'antico Messico. Ha presentato i

seguenti punti di interesse ai suoi discepoli: i passi magici, il centro delle

decisioni, la ricapitolazione, il sognare e il silenzio interiore, nello stesso ordine

in cui li ha spiegati. Disse che questa sequenza era una sistemazione alla quale erano pervenuti quegli sciamani dell'antichità, secondo e in conformità con la loro comprensione del mondo che li circondava. Don Juan spiegò che una delle più sorprendenti scoperte di questi sciamani era l'esistenza di una forza agglutinante che lega i campi di energia per creare unità concrete e funzionali. Disse che quegli sciamani descrivevano questa forza come una vibrazione, o una condizione vibratoria che si estende attraverso i vari gruppi di energia e, al saturarli, li unisce. Disse che i passi magici compiono la funzione di questa condizione vibratoria, e che il loro scopo era quello di saturare i suoi discepoli, seguendo lo stesso schema usato dagli sciamani dei tempi antichi. Don Juan spiegò che quando quegli stregoni raggrupparono questi cinque punti di interesse sciamanici, stavano copiando il modello energetico che avevano scoperto vedendo l'energia che fluisce nell'universo. La forza agglutinante si rivelò essere i passi magici, e questi permearono le quattro unità rimanenti raggruppandoli in una unità funzionale: cinque campi energetici uniti da uno da uno di essi. I passi magici, saturano le altre quattro unità, e quelli che venivano insegnati al tempo degli sciamani dell'antico Messico solo agli iniziati nello sciamanesimo, sono gli stessi passi della Tensegrità. Oggi, chiunque può utilizzare i passi magici senza che perdano la loro capacità di agglutinare questi quattro campi di energia in un'unità concreta e funzionale. Il gruppo di passi magici che svolge la funzione di agglutinare le altre quattro unità si chiama La Serie di Westwood. La Serie di Westwood è divisa in quattro sezioni. La prima e più importante sezione è costituita dai passi magici che facilitano il processo decisionale. La seconda, in ordine di importanza, è quella collegata alla ricapitolazione. La terza si riferisce al sognare, e la quarta è composta da passi magici direttamente connessi con la preparazione per raggiungere il silenzio interiore. La Serie di Westwood verrà presentata in tutti i seminari che si svolgono quest'anno, sia negli Stati Uniti che all'estero.

I passi magici per fortificare il centro per le decisioni

Lo scopo di questo gruppo di passi magici è di attivare l'area dell'incavo a forma di 'V' situato alla base del collo, sulla sommità dello sterno, con un particolare tipo di energia che gli sciamani dell'antico Messico credevano fosse responsabile del processo decisionale.

l. PORTARE L'ENERGIA AL PUNTO 'V' MUOVENDO AVANTI E INDIETRO LE

BRACCIA In questo passo magico si tendono le braccia in avanti con un'inclinazione

di quarantacinque gradi mentre si espira (fig. 125). Dopodiché si ritraggono

inspirando con le spalle alzate per mantenere lo stesso livello di inclinazione (fig. 126). Nella seconda fase di questo movimento le braccia vengono tese verso il basso con una inspirazione e riportate poi nella posizione originaria con una espirazione.

poi nella posizione originaria con una espirazione. 2. PORTARE L'ENERGIA AL PUNTO 'V' CON UN

2. PORTARE L'ENERGIA AL PUNTO 'V' CON UN MOVIMENTO CIRCOLARE DELLE BRACCIA L'energia viene inviata al centro per le decisioni tracciando due cerchi usando le mani e le braccia, le quali mantengono la stessa inclinazione di quarantacinque gradi. I cerchi vengono tracciati con le le mani che raggiungono la posizione di massima estensione (fig. 128); questi movimenti si dividono in due fasi. Nella prima, si espira mentre si tracciano i cerchi e si

inspira mentre si riportano a posto le braccia. Nella seconda si inspira mentre

si tracciano i cerchi con le mani e le braccia e si espira quando le braccia

tornano nella posizione originaria.

3. PORTARE L'ENERGIA AL CENTRO PER LE DECISIONI CON UN MOVIMENTO IN AVANTI E INDIETRO DELLE BRACCIA CON LE PALME RIVOLTE VERSO L'ALTO Questo movimento è come il primo ed eseguito esattamente nello stesso modo, tranne che viene fatto con le palme rivolte verso l'alto (fig. 127). Inalazioni ed esalazioni sono identiche a quelle del primo movimento: nel primo stadio l'aria viene espirata mentre le mani e le braccia si muovono in avanti con un angolo di 45 gradi, e inalata quando le braccia si muovono indietro. Nella seconda fase, l'aria viene inalata quando si abbassano le mani e le braccia ed espirata quando le mani e le braccia tornano nella posizione originaria.

4.

PORTARE L'ENERGIA AL CENTRO PER LE DECISIONI CON UN

MOVIMENTO CIRCOLARE DELLE BRACCIA CON LE PALME RIVOLTE VERSO L'ALTO Anche questo passo magico è esattamente come il secondo, con le stesse due fasi di inspirazione ed espirazione, salvo che i due cerchi sono descritti con le braccia e le palme rivolte verso l'alto (fig 129). Nella prima fase, l'aria viene espirata mentre le braccia e le mani si muovono in cerchio, e inalata quando le braccia tornano nella posizione originaria. Nella seconda fase, l'aria viene inalata mentre le mani e le braccia si muovono in cerchio, ed espirata mentre le braccia ritornano verso le spalle.

ed espirata mentre le braccia ritornano verso le spalle. 5. PORTARE L'ENERGIA AL PUNTO 'V' DALLA

5. PORTARE L'ENERGIA AL PUNTO 'V' DALLA PARTE CENTRALE DEL

CORPO. In questo passo magico si piegano le braccia all'altezza del gomito e si tengono ben in alto, al livello delle spalle. Le mani, chiuse a pugno, vengono mantenute in questa posizione senza che si tocchino (fig. 130). I pugni sono rivolti leggermente verso l'alto per facilitare una migliore effetto leva e si muovono ondeggiando da destra a sinistra e da sinistra a destra. Tale movimento non si compie coinvolgendo le spalle, ma contraendo i muscoli dello stomaco che muovono la parte centrale del corpo a destra, a sinistra e poi ancora a destra, e via di seguito, per agitare l'energia proveniente dal centro delle decisioni per venti volte.

6. PORTARE L'ENERGIA AL PUNTO 'V' DALLA ZONA DELLE SCAPOLE

Le braccia si piegano come nel passo precedente, tranne che in questo movimento vengono considerevolmente mosse in avanti. Il pugno destro si incrocia al di sopra del sinistro (fig. 131). I gomiti piegati sono spinti in avanti estendendo al massimo le scapole, uno alla volta. L'energia si agita a quello livello e si trasferisce alla base del collo, nella parte anteriore del corpo.

7. AGITARE L'ENERGIA ATTORNO AL PUNTO 'V' COL POLSO PIEGATO Dapprima si agita l'energia attorno

7. AGITARE L'ENERGIA ATTORNO AL PUNTO 'V' COL POLSO PIEGATO

Dapprima si agita l'energia attorno al punto a 'V' con un movimento dolce delle mani. Poi si lanciano in fuori le mani con una serie di colpi vigorosi distendendo le braccia (fig. 132), una alla volta, formando un gancio, girate

piegando il polso verso l'interno (fig. 133).

8. TRASFERIRE L'ENERGIA DAL PLESSO SOLARE AL PUNTO 'V'.

Si mettono le palme delle mani una sopra l'altra al livello del plesso solare (fig. 134). Con un movimento circolare della mano che ha la palma voltata verso l'alto si agita l'energia due volte all'altezza dell'area del plesso solare e poi l'altro braccio si allunga in avanti colpendo col bordo esterno della mano (fig. 135).

del plesso solare e poi l'altro braccio si allunga in avanti colpendo col bordo esterno della

9. PORTARE L'ENERGIA DALLE GINOCCHIA AL PUNTO 'V'. Questo passo è costituito da una serie di movimenti unici; il primo dei quali agita l'energia intorno al centro per le decisioni colpendolo con ciascuna mano, come se a colpirlo fosse una frusta. La mano a frusta (fig. 137) si muove due volte intorno alla testa prima di colpire: dopo aver colpito con entrambe le mani, si inspira profondamente, mentre si alzano entrambe le braccia tenendo i

gomiti piegati e le palme una di fronte all'altra, poi si espira per portare le mani

e le braccia verso il basso fino ad arrivare all'altezza delle ginocchia. In questa posizione, si inspira profondamente, poi si alzano entrambe le braccia

incrociate – tenendo la sinistra più vicina al corpo - e passando sopra la testa vengono portate nella parte posteriore del collo (fig. 138). Si trattiene il respiro mentre la parte superiore del tronco viene spostata tre volte da destra a sinistra

e da sinistra a destra. L'aria viene poi esalata mentre le braccia e le mani si

muovono verso il basso, tornando all'altezza delle ginocchia. Si continua inspirando a fondo ed poi espirando mentre si piegano le braccia al livello dei polsi e si alzano fino al punto 'V' (fig. 139). Il braccio sinistro è quello più vicino al corpo. Con una successiva espirazione si abbassano di nuovo le braccia e le mani vengono portate di nuovo all'altezza delle ginocchia. Si ripete questa ultima parte del movimento, con lo stesso schema di inspirazione ed espirazione, altre due volte. Gli sciamani che scoprirono questo passo usavano le espirazioni per assicurare il trasferimento dell'energia.

per assicurare il trasferimento dell'energia. Il seguente gruppo di tre passi magici è designato per

Il seguente gruppo di tre passi magici è designato per trasferire l'energia che appartiene unicamente al centro per le decisioni, dal bordo anteriore della sfera luminosa, dove si è accumulato attraverso gli anni, alla parte posteriore, e poi dalla parte posteriore della sfera luminosa sul davanti. Si crede che l'energia trasferita attraversi il punto a 'V', il quale agisce da filtro utilizzando unicamente l'energia che gli è propria e scartandone il resto. È interessante puntualizzare che, a causa di questo processo selettivo del punto 'V', è essenziale eseguire queste serie di passi il più possibile.

10.

L'ENERGIA ATTRAVERSA IL PUNTO A 'V' DALLA PARTE ANTERIORE A

QUELLA POSTERIORE E DA QUELLA POSTERIORE A QUELLA ANTERIORE CON DUE COLPI Questo passo magico inizia con una profonda inspirazione e si espira poi lentamente mentre il braccio sinistro sferra un colpo in avanti, al livello del plesso solare, con la palma della mano rivolta verso l'alto. L'energia si afferra con una rapida stretta della mano. La mano si muove all'indietro come se andasse a colpire con la parte posteriore del pugno (fig. 140). L'espirazione termina contemporaneamente all'aprirsi della mano, liberando l'energia che aveva afferrato. Si inspira di nuovo a fondo. Si colpisce dieci volte l'energia con il palmo della mano aperta e contemporaneamente si incomincia una lenta espirazione. L'energia si afferra nuovamente con la mano prima di muovere in avanti il braccio di fronte al punto a 'V' con un movimento che sembra un cazzotto (fig. 141). La mano si apre liberando l'energia. Il braccio si muove all'indietro e, passando al di sopra della testa, colpisce l'energia con il palmo della mano, come se l'energia fosse una bolla che scoppia per la forza del colpo, proprio di fronte al centro per le decisioni; e a questo punto termina l'espirazione (fig.

142).

La stessa sequenza di movimenti viene ripetuta con il braccio destro.

sequenza di movimenti viene ripetuta con il braccio destro. 11. TRASFERIRE L'ENERGIA DALLA PARTE ANTERIORE A

11. TRASFERIRE L'ENERGIA DALLA PARTE ANTERIORE A QUELLA

POSTERIORE E DA QUELLA POSTERIORE A QUELLA ANTERIORE CON IL GANCIO DEL BRACCIO. Anche questo passo magico inizia con una profonda inspirazione. Si espira poi lentamente muovendo il braccio sinistro in avanti con il palmo della mano rivolto verso l'alto. A questo punto si afferra l'energia rapidamente. La mano rapidamente serrata a pugno, viene ruota con un movimento circolare passando al di sopra della spalla, ed assesta un colpo all'indietro con la parte posteriore del pugno guardando verso l'alto. A questo punto la mano si apre per liberare l'energia afferrata e l'espirazione finisce.

Si inspira profondamente. Poi si espira lentamente mentre la mano, che assume la posizione di

Si inspira profondamente. Poi si espira lentamente mentre la mano, che assume la posizione di un gancio rivolto verso il basso, col polso piegato fruga l'energia tre volte, come se l'arrotolasse in una palla (fig. 143). A questo punti si lancia la palla verso l'alto (fig. 144) e si afferra rapidamente con la mano piegata come un gancio al livello del polso (fig. 145). Il braccio si muove in avanti verso la spalla destra e colpisce in avanti, come se mantenesse la palla di energia nel polso piegato, tra la mano e l'avambraccio. A questo punto la mano si apre per liberare la palla di energia afferrata, il braccio si muove all'indietro e, passando al di sopra della testa, batte fortemente davanti con il palmo della mano (fig. 146), rompendo la palla di energia giusto di fronte al centro per le decisioni. L'espirazione finisce mentre il corpo intero trema per l'intensità del colpo stesso. I medesimi movimenti vengono ripetuti con l'altro braccio.

corpo intero trema per l'intensità del colpo stesso. I medesimi movimenti vengono ripetuti con l'altro braccio.

12. TRASFERIRE L'ENERGIA DALLA PARTE ANTERIORE A QUELLA POSTERIORE E DA QUELLA POSTERIORE A QUELLA ANTERIORE CON TRE COLPI Anche questo passo magico inizia con una profonda inspirazione. Si espira poi lentamente mentre il braccio sinistro colpisce in avanti con la mano aperta, il palmo piatto rivolto verso l'alto. Si afferra rapidamente l'energia formando un pugno e il braccio ritorna nella posizione originaria come se volesse sferrare una gomitata all'indietro. Si muove poi di lato verso destra e sferra un pugno di lato (fig. 147). Il braccio viene mosso di lato verso sinistra e all'indietro, per sferrare il terzo colpo con il dorso della mano chiusa a pugno. L'espirazione finisce quando la mano si apre e libera l'energia afferrata (fig.

148).

Si inspira profondamente. Si espira poi lentamente mentre la mano, piegata verso il basso a forma di gancio, raccoglie tre volte l'energia (fig. 149). Questa energia la si afferra con una presa. Il braccio si muove in avanti al livello del centro per le decisioni con una stoccata del pugno (fig. 150). Descrive un mezzo circolo davanti al corpo, muovendosi all'indietro in un movimento circolare e, passando al di sopra della spalla, assesta un colpo con la parte posteriore del pugno giusto al livello del centro per le decisioni. L'espirazione finisce quando la mano sinistra si muove all'indietro con un movimento circolare e, passando al di sopra delle spalle e della testa, assesta un colpo sul davanti, liberando l'energia aprendo il palmo della mano (fig. 151). Si ripete lo stesso movimento con l'altro braccio.

liberando l'energia aprendo il palmo della mano (fig. 151). Si ripete lo stesso movimento con l'altro

I passi magici che aiutano a ricapitolare

La ricapitolazione è strettamente legata alla respirazione. Gli sciamani dicono che la respirazione, essendo una magica funzione che sostiene la vita, facilita anche la ricapitolazione. La parte centrale dei passi magici che aiutano a ricapitolare è la respirazione. La ricapitolazione ha efficacia anche sul corpo energetico richiamandone tutte le forze disponibili. Il corpo energetico è essenziale per la ricapitolazione.

1. FORMARE IL TRONCO DEL CORPO ENERGETICO

Il tronco del corpo energetico si forma con tre colpi sferrati con il palmo delle mani. Il primo colpo definisce le spalle del corpo energetico. Le mani vanno tenute all'altezza delle orecchie con le palme rivolte in avanti; partendo da questa posizione si colpisce in avanti, all'altezza delle spalle, come se si volesse colpire le spalle di un corpo ben sviluppato. Le mani tornano poi nella loro posizione d'origine intorno alle orecchie, con i palmi rivolti in avanti, e colpiscono un punto al centro del tronco, all'altezza del petto. Il secondo colpo non è ampio come il primo, e il terzo è molto più stretto perché colpisce la cintola di un tronco di forma triangolare (fig. 152).

2. SCHIAFFEGGIARE IL CORPO ENERGETICO

Questo passo magico traccia le braccia, gli avambracci e soprattutto le mani dei corpo energetico. La mano destra e la sinistra con le palme distese si muovono indietro in un movimento circolare e passando sopra la testa, scendono bruscamente verso la parte anteriore a livello del plesso solare. Il

palmo di ogni mano scende creando una corrente di energia che definisce le braccia, gli avambracci e le mani del corpo energetico. Il braccio sinistro si muove diagonalmente per colpire il braccio sinistro del corpo energetico (fig. 153) e quindi il braccio destro fa la stessa cosa muovendosi diagonalmente per colpire il braccio destro del corpo energetico.

3. ESPANDERE DI LATO IL CORPO ENERGETICO

Questo passo magico delinea la larghezza del corpo energetico come un conglomerato di campi di energia. Gli sciamani che vissero in Messico in tempi antichi affermarono che, nella sua forma naturale, il corpo energetico è leggermente più flessibile rispetto al corpo fisico "visto" come una sfera luminosa, o come un conglomerato di campi di energia. Mentre il corpo fisico come una sfera luminosa, ha dei confini perfettamente delineati, il corpo energetico non ha tale coerenza. "Espandere di lato il corpo energetico" è un movimento designato a creare in esso dei limiti definiti. Il movimento inizia con le mani incrociate (fig. 154), senza che si tocchino, a livello del plesso solare. Le palme delle mani sono rivolte verso il basso. Si inspira e poi si espira mentre entrambe le braccia si muovono lateralmente con un movimento vigoroso (fig. 155). Il bordo esterno delle mani colpisce senza oltrepassare la larghezza del tronco. Poi si inspira e il movimento viene ripetuto più volte a mani alternate.

4. DEFINIRE IL FULCRO DEL CORPO ENERGETICO Gli sciamani del lignaggio di Don Juan affermavano

4. DEFINIRE IL FULCRO DEL CORPO ENERGETICO Gli sciamani del lignaggio di Don Juan affermavano che il corpo umano, “visto” come conglomerato di campi energetici, oltre a possedere limiti perfettamente delineati, ha un fulcro di luminosità compatta, che gli sciamani chiamano “la fascia dell'uomo”, che sono i campi energetici con cui l'uomo è più familiare. L'idea è che all'interno della sfera luminosa, che è anche la totalità dell'uomo, ci sono zone di energia di cui non ne siamo affatto consapevoli al nostro livello normale di coscienza. Si tratta dei campi energetici situati alla distanza massima dalla “fascia dell'uomo”. Per eseguire questo passo magico si tengono gli avambracci in posizione verticale all'altezza del petto, con gomiti vicino al corpo, separati da una distanza pari alla larghezza del tronco. I polsi vengono spinti dolcemente prima all'indietro e poi in avanti con grande forza, senza muovere gli avambracci (fig.

156).

spinti dolcemente prima all'indietro e poi in avanti con grande forza, senza muovere gli avambracci (fig.

5.

FORMARE I CALCAGNI E I POLPACCI DEL CORPO ENERGETICO

In questo movimento si solleva il piede sinistro davanti al corpo con il calcagno sollevato all'altezza della caviglia. Lo si posiziona perpendicolarmente rispetto all'altra gamba. Il calcagno sinistro sferra poi un colpo a destra, come se tirasse un calcio (fig. 157 e 158). Lo stesso movimento viene poi eseguito con il calcagno destro.

6. FORMARE LE GINOCCHIA DEL CORPO ENERGETICO

In questo passo magico il peso totale del corpo viene sostenuto da una gamba. Si inizia con il ginocchio piegato e sollevato all'altezza dei fianchi, o se possibile ancora più in alto. Si eseguono poi tre cerchi come se il ginocchio girasse verso l'interno (fig. 159). Lo stesso movimento viene ripetuto con la gamba destra e poi ripetuto con ogni gamba, ma questa volta il ginocchio traccia un cerchio esterno (fig. 160). La gamba che sostiene il peso del corpo viene tenuta con il ginocchio leggermente piegato.

del corpo viene tenuta con il ginocchio leggermente piegato. 7. FORMARE LE COSCE DEL CORPO ENERGETICO

7. FORMARE LE COSCE DEL CORPO ENERGETICO

Si piega leggermente il corpo in avanti mentre le mani scivolano giù lungo le cosce. Le mani si fermano sulle rotule e, inspirando, vengono poi riportate indietro facendo pressione sulle cosce, come se stessero trascinando l'energia. Le mani sono tenute piegate quasi come due artigli (fig. 161). Il movimento viene poi ripetuto, inspirando mentre si piegano le ginocchia e si fanno scivolare le mani fino alle rotule, e si espira quando le si trascinano alla posizione di partenza.

8. STIMOLARE LA STORIA PERSONALE RENDENDOLA FLESSIBILE

Questo passo magico allunga e rilassa i tendini del ginocchio alzando le gambe, una alla volta, e piegandole all'altezza del ginocchio, a colpire le natiche con un colpetto gentile del calcagno (fig. 162). Il calcagno sinistro colpisce la natica sinistra, e il destro colpisce la destra.

9. RIMUOVERE LA STORIA PERSONALE COLPENDO VENTI VOLTE IL PAVIMENTO CON IL TALLONE. La gamba

9. RIMUOVERE LA STORIA PERSONALE COLPENDO VENTI VOLTE IL PAVIMENTO CON IL TALLONE. La gamba sinistra viene estesa in avanti con il piede allineato alle spalle. Si pone il piede sinistro il più lontano possibile davanti al corpo, mentre appoggia quasi completamente il proprio peso sulla gamba destra. La gamba destra viene tesa e contratta al massimo. La gamba sinistra colpisce venti volte il pavimento con il tallone (fig. 163). Gli stessi movimenti vengono poi eseguiti con l'altra gamba.

10. RIMUOVERE LA STORIA PERSONALE MANTENENDO IL TALLONE SUL

PAVIMENTO, MENTRE SI CONTA FINO A VENTI. In questo passo si eseguono gli stessi movimenti descritti in precedenza, ma, invece, di colpire con il tallone, contando fino a venti il corpo mantiene una tensione regolare tenendo allungata la gamba (fig. 164) Gli stessi movimenti vengono poi eseguiti con l'altra gamba.

I seguenti quattro passi sono intimamente connessi con la respirazione e devono essere praticati con moderazione – una volta al giorno.

11. LE ALI DELLA RICAPITOLAZIONE

Questo passo magico inizi con una profonda inspirazione mentre solleva gli avambracci al livello delle spalle, con le mani all'altezza delle orecchie. Gli avambracci sono in posizione verticale ed equidistanti l'uno dall'altro. Si espira mentre gli avambracci vengono portati il più possibile all'indietro senza però oscillare (fig. 165). A questo punto si inspira di nuovo a fondo mentre il braccio sinistro disegna un semicerchio che inizia a livello della spalla, continua in avanti, al massimo della sua estensione, e poi lateralmente, disegnando un semicerchio che si spinge il più possibile all'indietro. Il braccio esegue una curva al termine di questa estensione e ritorna davanti (fig. 166), e poi indietro nella sua posizione iniziale di riposo di fianco al corpo (fig. 167). Lo stesso movimento si ripete con l'altro braccio. Entrambe le braccia

tracciano questo semicerchio a forma di ala, facendo una lunga espirazione. Dopo aver effettuato questi movimenti, il soggetto respira profondamente con l'addome.

il soggetto respira profondamente con l'addome. 12. LA FINESTRA DELLA RICAPITOLAZIONE La prima parte di

12. LA FINESTRA DELLA RICAPITOLAZIONE

La prima parte di questo passo magico è esattamente uguale a quella del precedente: si inspira a fondo con le mani sollevate all'altezza delle orecchie. Gli avambracci sono in posizione perfettamente verticale. Si espira a fondo mentre le braccia vengono spinte all'indietro. Si inspira poi altrettanto a fondo mentre i gomiti sono spinti di lato all'altezza degli occhi, piegando leggermente gli avambracci che si toccano, con i polsi piegati e le dita che indicano l'alto. Le mani creano in questo modo un'apertura davanti agli occhi che sembra una piccola finestra attraverso la quale, dicono gli sciamani, il praticante può sbirciare nell'infinito (fig. 168). Poi espirando profondamente mentre si estendono lateralmente le braccia, anche le mani si estendono e si tengono allo stesso livello dei gomiti (fig. 169).

e si tengono allo stesso livello dei gomiti (fig. 169). In questo passo magico, la finestra

In questo passo magico, la finestra della ricapitolazione, il braccio sinistro è quello più vicino al corpo e quello destro gli si sovrappone.

13.

I CINQUE RESPIRI PROFONDI

L'inizio di questo passo magico è identico a quello dei due precedenti. Alla seconda inspirazione le braccia si incrociano all'altezza delle rotule mentre il praticante è quasi accovacciato. Le mani sono poste dietro le rotule. L'indice e il medio vengono posti sul tendine posizionato nel poplite e il pollice avvolge la parte interna della rotula. L'espirazione finisce in quel momento e viene fatta seguire da una profonda ispirazione mentre si tiene premuto il tendine (fig.

170).

Gli sciamani dicono che questa è l'unica posizione in cui i praticanti possono respirare profondamente per riempire completamente i polmoni, dal basso verso l'alto, spingendo il diaframma verso il basso. Si fanno cinque respiri in questo modo.

14. ESTRARRE L'ENERGIA DELLA NOSTRA FASCIA DI CONSAPEVOLEZZA

Gli sciamani credono che l'unico chiarore di consapevolezza rimasto negli esseri umani si trovi sul fondo della loro sfera luminosa, un chiarore che si estende in circolo e raggiunge il livello dei talloni. La prima parte di questo passo magico, come avviene in questa serie di quattro, è uguale a quella degli altri tre. Alla seconda inspirazione si abbassano le braccia e le si avvolgono intorno alle caviglie, andando dall'interno all'esterno, assumendo al tempo stesso una posizione accovacciata. Il dorso delle mani è appoggiato sulla punta delle dita dei piedi; a questo punto il soggetto inspira ed espira profondamente tre volte (fig. 171).Dopo l'ultima espirazione il corpo si raddrizza e si inspira profondamente per terminare il passo magico.

(fig. 171).Dopo l'ultima espirazione il corpo si raddrizza e si inspira profondamente per terminare il passo

I passi magici che aiutano il sognare

Il sognare ha a che fare esclusivamente con lo spostamento del punto di unione. I passi magici che gli sciamani dell'antico Messico utilizzavano come aiuto per il sognare sono designati per spostare il punto di unione portandolo in avanti.

1. ALLENTARE IL PUNTO DI UNIONE CON UN MOVIMENTO CHE PONE IL PALMO DELLA MANO DI FRONTE AGLI OCCHI Il braccio sinistro sale di fronte al viso colpendo come una lancia verso l'alto. Le dita sono tenute unite e tese. Il palmo della mano gira fino a che il taglio o il dito mignolo stia di fronte agli occhi (fig. 172 e 173). Questo passo magico viene eseguito da ciascun braccio in successione tante volte a piacere. Le ginocchia sono leggermente piegate per assicurare maggiore stabilità e forza di spinta.

2. COSTRINGERE IL PUNTO DI UNIONE AD ABBASSARSI Il corpo va mantenuto in posizione completamente verticale. Le ginocchia sono bloccate, e i tendini del poplite il più tesi possibile. il braccio sinistro è completamente allungato all'indietro, a pochi centimetri dal corpo con il palmo della mano rivolto verso il basso, piegando il polso in modo pronunciato e le dita tese sono rivolte all'indietro. Il braccio destro, viene posto davanti al corpo nella medesima posizione, il palmo rivolto verso il basso, con il polso piegato in modo pronunciato e le dita rivolte in avanti. La testa gira nella direzione del braccio che viene tenuto all'indietro (fig. 174). Si ripete poi lo stesso movimento con l'altro braccio.

del braccio che viene tenuto all'indietro (fig. 174). Si ripete poi lo stesso movimento con l'altro

3.

CONVINCERE IL PUNTO DI UNIONE A SCENDERE ATTIRANDO ENERGIA

DALLE GHIANDOLE SURRENALI E TRASFERENDOLA NELLA PARTE

ANTERIORE

Questo passo magico inizia posizionando il braccio sinistro dietro il corpo con la mano all'altezza dei reni. Le dita si tengono unite nel mentre che la mano scivola con forza attraverso l'area dei reni da destra a sinistra.

Il braccio destro esegue poi lo stesso movimento del braccio sinistro, con le dita unite, spalma l'energia dell'area dei reni nell'area dello stomaco da destra

a sinistra (fig. 175 e 176). Questo passo magico si ripete in successione con

ogni braccio tante volte quanto il praticante desideri. Le ginocchia si mantengono leggermente piegate per fornire maggiore stabilità e forza.

leggermente piegate per fornire maggiore stabilità e forza. 4. MUOVERE I TIPI DI ENERGIA 'A' E

4. MUOVERE I TIPI DI ENERGIA 'A' E 'B' Gli sciamani credono che tutto nell'universo sia composto da forze duali, e

che anche noi sottostiamo a questa dualità in tutti gli aspetti della nostra vita.

A livello energetico, essi credono che ci siano due forze che entrino in gioco. Gli

sciamani del giorno d'oggi le chiamano la forza 'A' e la forza 'B', o la forza 1 e la forza 2, o la forza sinistra e la forza destra. Don Juan Matus le chiamava le

forze 'A' e 'B' quando le insegnava ai suoi discepoli. Diceva che la forza 'A' è la forza che usiamo comunemente per trattare con le questioni della vita quotidiana, e la rappresentava con una linea verticale. Diceva anche che la forza 'B' è comunemente una forza oscura che non si impiega quasi mai; si mantiene tesa orizzontalmente. La rappresentava come una linea orizzontale disegnata alla base del lato sinistro della linea verticale, formando in questo modo una lettera 'L' maiuscola alla rovescia. Diceva che gli sciamani sono esseri che sono riusciti a convertire l'energia 'B', generalmente tesa in orizzontale e mai usata, in una linea verticale attiva. In conseguenza, riuscirono a dare una pausa all'energia 'A.' Don Juan rappresentava questo processo disegnando una linea orizzontale nella parte destra della base della linea verticale, dando come risultato la lettera 'L' maiuscola. In questo passo magico il processo si rappresenta con gli avambracci. Si incomincia con l'avambraccio destro alzato verticalmente davanti del corpo, col

gomito al livello delle spalle, ed il braccio sinistro flesso orizzontalmente con la palma della mano rivolta verso il basso e la parte posteriore di questa giusto sotto al gomito destro. Entrambe le braccia esercitano una pressione verso il basso, e questa pressione viene bilanciata con una spinta verso l'alto, come se ci fossero due forze che agiscono simultaneamente in entrambe le braccia. Le braccia mantengono questa tensione mentre si conta fino a venti (fig 177). Lo sguardo si mette a fuoco in un punto in mezzo alle due braccia, mantenendole alla periferia del campo visivo. Si esegue lo stesso movimento invertendo la posizione delle braccia.

5. AVVOLGERE L'ENERGIA DEL PUNTO DI UNIONE E PROIETTARLA VERSO

L'ESTERNO CON UN PUGNO Si tengono le braccia al livello delle spalle con i gomiti piegati. Le mani sono una sull'altra, girate con le palme rivolte verso il basso. Si tracciano tre cerchi con le mani che ruotano una intorno all'altra (fig. 178); poi il pugno del braccio sinistro viene sferrato in avanti come per colpire un oggetto invisibile (fig. 179). Si tracciano poi altri tre cerchi con ogni mano e infine il braccio destro sferra un pugno, così come ha fatto il sinistro.

6. LANCIARE IL PUNTO DI UNIONE COME UN COLTELLO OLTRE LA SPALLA

Lo scopo di questo passo magico è quello di lanciare il punto di unione per staccarlo dalla sua posizione abituale. Il praticante prende il punto di unione come se fosse un coltello. La mano sinistra si muove all'indietro, afferra il punto di unione e lo lancia in avanti come se fosse un coltello. Poi la mano

destra esegue lo stesso movimento (fig 180 e 181). Gli sciamani dicono che il tentativo di lanciare il punto di unione provoca un profondo effetto sul suo spostamento reale. Le ginocchia sono leggermente piegate per assicurare stabilità al lancio. Questo passo viene eseguito un numero di volte a piacere del praticante.

viene eseguito un numero di volte a piacere del praticante. 7. LANCIARE IL PUNTO DI UNINE

SCHIENA ALL'ALTEZZA DELLA CINTOLA Le ginocchia sono piegate e il corpo inclinato in avanti. La mano sinistra afferra il punto di unione e lo lancia in avanti con un vigoroso colpo veloce e tagliente del polso, mentre il palmo della mano destra dà un colpo al retro del corpo e si tende, con le dita rivolte verso la parte centrale corpo (fig. 182 e 183). Gli stessi movimenti vengono ripetuti con la mano destra. Questo passo viene eseguito un numero di volte a piacere del praticante.

viene eseguito un numero di volte a piacere del praticante. 8. LANCIARE IL PUNTO DI UNIONE

8. LANCIARE IL PUNTO DI UNIONE COME UN DISCO DALLA SPALLA Questo passo inizia con una lenta rotazione del corpo. Il braccio destro si sposa verso il lato sinistro della gamba sinistra quindi il braccio sinistro si sposta verso il lato destro della gamba destra e quindi il braccio destro gira muovendosi verso il lato sinistro della gamba sinistra. A questo punto si arretra di scatto la mano sinistra e si afferra il punto di unione prendendolo dalla zona dietro le scapole (fig. 184) e lo lancia in avanti come se fosse un disco (fig.

185).

Le ginocchia sono leggermente piegate esercitando una notevole pressione sulla parte posteriore delle cosce. Il braccio destro sferra un colpo al retro del corpo, con la palma della mano estesa e le dita rivolte verso la parte centrale del corpo, per stabilizzare così il lancio del disco. Questa posizione viene tenuta per un conteggio di venti. Gli stessi movimenti vengono poi ripetuti con l'altro braccio.

9. LANCIARE IL PUNTO DI UNIONE SOPRA LA TESTA COME SE FOSSE UNA PALLA La

9. LANCIARE IL PUNTO DI UNIONE SOPRA LA TESTA COME SE FOSSE UNA PALLA La mano sinistra si muove velocemente e afferra il punto di unione (fig.186) poi esegue un ampio cerchio sopra la testa come (fig. 187), e con il palmo della mano quasi completamente esteso e le dita leggermente piegate, compie ii gesto di lanciare il punto di unione in avanti e sopra alla testa (fig.

188).

Questo movimento viene ripetuti con la mano destra. Durante l'esecuzione di questo passo le ginocchia si tengono piegate.

movimento viene ripetuti con la mano destra. Durante l'esecuzione di questo passo le ginocchia si tengono

I passi magici che aiutano raggiungere il silenzio interiore

Don Juan descrisse il silenzio interno come una condizione della percezione umana nella quale la cognizione funziona senza il suo, apparentemente, perenne compagno: il dialogo interiore. Don Juan e tutti gli sciamani del suo lignaggio consideravano il silenzio interiore come la qualità essenziale della percezione evoluta.

1. TRACCIARE DUE SEMICERCHI CON CIASCUN PIEDE

Si appoggia il peso totale del corpo sulla gamba destra, mentre il piede sinistro traccia due semicerchi, cominciando da un punto situato a mezzo passo di fronte del corpo. Il piede sinistro si muove lateralmente descrivendo un semicerchio che termina all'altezza del tallone del piede destro, quindi traccia poi un altro semicerchio che termina in un punto situato a mezzo passo dietro al corpo (fig. 189). Si eseguono poi gli stessi movimenti con il piede destro dopo che l'intero peso del corpo viene trasferito sulla gamba sinistra. Il ginocchio della gamba che sostiene il peso viene piegato per assicurare maggiore forza e stabilità. Il praticante respira normalmente.

2. TRACCIARE UNA MEZZALUNA CON CIASCUN PIEDE

Questo passo magico incomincia con la gamba sinistra che traccia un semicerchio attorno al corpo dal davanti all'indietro (fig. 190) mentre la gamba

destra sostiene tutto il peso del corpo col ginocchio leggermente piegato. Lo stesso movimento si esegue con la gamba destra. Il praticante respira normalmente.

col ginocchio leggermente piegato. Lo stesso movimento si esegue con la gamba destra. Il praticante respira

3.

LO SPAVENTAPASSERI NEL VENTO CON LE BRACCIA ABBASSATE

Si tendono le braccia di lato all'altezza delle spalle, tenendo i gomiti piegati e gli avambracci a penzoloni verso il basso. Gli avambracci dondolano liberamente da un lato all'altro, come se fossero mossi dal vento, mentre si conta fino a venti. Gli avambracci ed i polsi sono tesi e in posizione verticale, ed i gomiti si mantengono al livello delle spalle. Le ginocchia sono completamente bloccate (fig. 191).

4. LO SPAVENTAPASSERI NEL VENTO CON LE BRACCIA ALZATE Come nel precedente passo magico, le braccia vengono estese di lato all'altezza delle spalle con i gomiti piegati, con l'unica differenza che gli avambracci sono rivolti verso l'alto. Gli avambracci e i polsi sono tesi e in posizione verticale (fig. 192), e oscillano poi liberamente in avanti e verso il basso (fig. 193) mantenendo i gomiti al livello delle spalle, mentre si conta fino a venti. Le ginocchia sono completamente bloccate.

fino a venti. Le ginocchia sono completamente bloccate. 5. SPINGERE L'ENERGIA ALL'INDIETRO CON TUTTO IL

5. SPINGERE L'ENERGIA ALL'INDIETRO CON TUTTO IL BRACCIO

In questo movimento si piegano tutte e due le braccia, con i pugni ben chiusi e i polsi leggermente piegati, avvicinandole ai lati del corpo, a livello delle ascelle (fig. 194); dopo si estendono entrambe le braccia all'indietro il più in alto possibile, con le mani chiuse a pugno. Le ginocchia sono completamente bloccate e il tronco leggermente chino in avanti mentre si espira (fig. 195). Quando si inspira, le braccia vengono riportate in avanti nella posizione di partenza piegando i gomiti, mantenendo gli avambracci vicini al corpo il più in alto possibile. Questo movimento viene eseguito venti volte e poi la sequenza della respirazione viene invertita: Invece di espirare muovendo all'indietro le braccia, si inspira. Si espira piegando i gomiti mentre l'avambraccio si mantiene incollato al corpo contro l'ascella.

Le braccia sono tese davanti al corpo con i gomiti piegati e gli avambracci in posizione verticale. Le mani sono piegate all'altezza del polso e portate a livello degli occhi per sembrare a una testa di un uccello (fig. 196). I polsi girano e le mani colpiscono leggermente avanti e indietro, usando gli avambracci come perni tenuti verticali e diritti (fig. 197). Le ginocchia sono piegate per assicurare maggiore forza e stabilità.

sono piegate per assicurare maggiore forza e stabilità. 7. MUOVERE L'ENERGIA CON UN MOVIMENTO ONDULATORIO Si

7. MUOVERE L'ENERGIA CON UN MOVIMENTO ONDULATORIO Si tengono le ginocchia tese e il tronco piegato in avanti. Le braccia dondolano ai lati del corpo. Il braccio sinistro si muove in avanti creando tre piccole onde, quindi fa un taglio in forma di falce attraversando il corpo da sinistra a destra e da destra a sinistra (fig. 198 e 199); il braccio si muove ritornando di fianco al corpo creando altre tre onde piccole. Gli stessi movimenti vengono ripetuti venti volte per ogni braccio.

8. L' ENERGIA A 'T' DELLE MANI Si tengono gli avambracci ad angolo retto form ando così la lettera T, proprio di fronte al plesso solare. Il braccio sinistro forma la barra orizzontale della T con il palmo rivolto verso l'alto. Il braccio destro è, invece, la barra verticale della T con il palmo rivolto verso il basso (fig. 200). Le palme delle mani si rovesciano venti volte sopra sotto con forza considerevole (fig. 201). Questo movimento si esegue venti volte poi si inverte la posizione delle braccia per altre venti.

9. PRESSARE IL POLLICE CONTRO IL DITO INDICE PIEGATO. Si piegano le braccia tenendo gli

9. PRESSARE IL POLLICE CONTRO IL DITO INDICE PIEGATO. Si piegano le braccia tenendo gli avambracci davanti al corpo in una posizione perfettamente orizzontale, separati da una distanza uguale alla larghezza del corpo. Le dita si piegano in un pugno rilassato e l'indice, notevolmente piegato si appoggia al pollice che si mantiene retto (fig. 202 e 203). Si esercita una pressione intermittente tra il pollice e l'indice, e tra le dita piegate e il palmo della mano. Le quali si contraggono e si rilassano diffondendo l'impulso alle braccia. Le ginocchia sono piegate per assicurare una maggiore stabilità.

e si rilassano diffondendo l'impulso alle braccia. Le ginocchia sono piegate per assicurare una maggiore stabilità.

10. TRACCIARE UN ANGOLO ACUTO CON LE BRACCIA TRA LE GAMBE In questo passo magico le ginocchia sono completamente bloccate, con i tendini del poplite tesi il più possibile. Il tronco è piegato in avanti con la testa quasi al livello delle ginocchia. Le braccia penzolano in avanti, e muovendosi ripetutamente avanti e indietro tracciano un angolo acuto che ha il vertice in punto tra le gambe (figure 204 e 205). Questo movimento lo si ripete venti volte.

11. TRACCIARE UN ANGOLO ACUTO CON LE BRACCIA DAVANTI ALLA FACCIA In questo passo magico le ginocchia sono completamente bloccate, con i tendini del poplite tesi il più possibile. Il tronco è piegato in avanti con la testa quasi al livello delle ginocchia. Le braccia penzolano in avanti, e muovendosi ripetutamente avanti e indietro tracciano un angolo acuto che ha il vertice in un punto davanti alla faccia (figure 206 e 207). Questo movimento lo si ripete venti volte.

acuto che ha il vertice in un punto davanti alla faccia (figure 206 e 207). Questo
acuto che ha il vertice in un punto davanti alla faccia (figure 206 e 207). Questo

12.

TRACCIARE UN CERCHIO DI ENERGIA TRA LE GAMBE E DAVANTI AL

CORPO In questo passo magico le ginocchia sono completamente bloccate, con i tendini del poplite tesi il più possibile. Il tronco è piegato in avanti con la testa quasi al livello delle ginocchia. Le braccia penzolano in avanti di fronte al corpo. La mano sinistra si colloca sopra la mano destra mentre le braccia oscillano all'indietro in mezzo alle gambe (fig. 208). Partendo da questa posizione, ciascun braccio traccia un cerchio esterno davanti alla faccia. Alla fine del cerchio le braccia sono tese in avanti, al livello delle ginocchia, la mano sinistra incrociata sulla destra. (fig. 209), Questo movimento lo si ripete dieci volte. Il polso destro viene poi messo sopra al sinistro, e si ripete il movimento nello stesso modo; questa volta, prestando attenzione alla mano destra per mantenerla incrociata sulla sinistra. Anche questo movimento si ripete dieci volte.

13. TRE DITA SUL PAVIMENTO

Si inspira a fondo e si portano le braccia sopra la testa; si espira e si abbassano le braccia fino a toccare il pavimento, mantenendo le ginocchia bloccate e i tendini del poplite più tesi possibile. L'indice e il medio di ogni mano toccano il pavimento, a una distanza di trenta centimetri davanti al corpo, poi anche il pollice viene appoggiato (fig. 210). Si inspira a fondo mentre si raddrizza lentamente il corpo.

14. LE NOCCHE SULLE DITA DEI PIEDI

Si alzano le braccia sopra la testa con una profonda inspirazione; mentre si espira le braccia scendono fino al pavimento; mantenendo le ginocchia bloccate e i tendini del poplite rimangono tesi il più possibile. Al termine dell'espirazione le nocchie si appoggiano sulle dita dei piedi (fig. 211). Si inspira a fondo mente si raddrizza il corpo.

15. ATTIRARE L'ENERGIA DA TERRA CON IL RESPIRO

Si inspira profondamente mentre si portano le braccia sopra la testa; Le ginocchia son piegate; si volge il tronco verso sinistra e lo si piega verso il basso il più possibile. Le mani, con le palme rivolte verso il basso, si mettono attorno al piede sinistro con quella destra davanti e la sinistra dietro; si muovono davanti dietro cinque volte mentre si espira (fig. 212). Poi si inspira profondamente raddrizzando il corpo portando le braccia sopra alla testa. Si volge il tronco verso destra e lo si piega verso il basso il più possibile mentre si inizia a espirare lentamente. L'espirazione termina quando le mani si muovono cinque volte davanti dietro. Si inspira ancora una volta profondamente e si raddrizza il corpo portando le braccia sopra la testa. Si abbassano le braccia mentre si espira.