Sei sulla pagina 1di 2

Guadagni del trading e dichiarazione

dei redditi Guida


http://dovefaretrading.it/guadagni-del-trading-dichiarazione-dei-redditi-guida/

Una domanda che ci viene spesso posta da amici, conoscenti e da chi si vuole avvicinare al mondo del Trading
se i guadagni derivanti dal Trading Online vadano o meno inseriti allinterno della dichiarazione dei redditi e
a quale tassazione siano soggetti.

Spesso i nuovi arrivati non si pongono questa domanda, pensando che gli utili derivanti dal Trading Online non
siano soggetti a nessun tipo di tassazione e che non debbano essere dichiarati, ma purtroppo si sbagliano, le tasse
sugli utili vanno sempre pagate.

Ci sono per 2 diverse modalit di pagamento:

1. Tassazione a regime sostitutivo


2. Tassazione a regime dichiarativo

Tassazione in regime sostitutivo


Con questa tipologia di tassazione sar il broker online che state utilizzando a versare le tasse al posto
vostro, agendo come sostituto dimposta e pagando il 26% di tasse sugli utili che avete ottenuto durante lanno
fiscale.
Questa modalit pu essere utilizzata solo se state utilizzando un broker con sede fisica in Italia.

I broker che permettono il regime sostitutivo vi accrediteranno il guadagno al netto delle tasse che verseranno loro
al vostro posto.

Tassazione in regime dichiarativo


Con questa tipologia di tassazione dovrete provvedere voi a dichiarare gli utili nella dichiarazione dei
redditi e a pagarne le tasse, che anche in questo caso saranno pari al 26% degli utili ottenuti durante lanno fiscale.

Se avete scelto di essere voi a dichiarare gli utili derivanti dalle operazioni di Trading online, li dovrete inserire
allinterno della dichiarazioni dei redditi, nel quadro RT alla voce altri redditi diversi di natura finanziaria.

Il Quadro RT si compone di svariate sezioni, ma non preoccupatevi di doverle conoscere tutte, sar il vostro
commercialista ad occuparsene, compilando la parte con tassazione pari al 26%.
(altri redditi di natura finanziaria, con tassazione al 26%)

A quanto ammontano le tasse da pagare?


Le tasse che dovrete pagare sono sempre pari al 26% dellutile ottenuto, percentuale stabilita dalla legge
89/2014.
Il calcolo degli utili per non immediato, in quanto bisogner calcolare plusvalenze e minusvalenze.

In generale laliquota del 26% viene applicata alla plusvalenza totale registrata, che va ottenuta:

sommando il profitto delle varie compravendite (plusvalenze e minusvalenze)


sommando i dividendi ottenuti
calcolando la differenza tra interessi attivi e passivi

Conclusioni
In generale limportante che sappiate che i redditi di natura finanziaria vengono tassati al 26%, che la
tassazione viene effettuata sul calcolo degli utili (dopo un conteggio che include plus e minusvalenze) e che
vanno sempre dichiarati, inserendoli nella vostra dichiarazione dei redditi, nel caso utilizziate una tassazione in
regime dichiarativo.

Sia che siate voi a pagare le tasse sugli utili nel caso del regime dichiarativo, sia che sia il broker nel caso
del regime sostitutivo, i vostri guadagni saranno identici.
Nel primo caso dovrete semplicemente richiedere al vostro broker o alla vostra banca la propria posizione e poi
fornirla al vostro commercialista, mentre nel secondo caso non dovrete fare nessuna operazione.

Se operate in pi broker o con pi conti titoli potrebbe servire un ulteriore operazione di compensazione delle
diverse minusvalenze ottenute nei diversi broker o banche, ma anche questa sar un operazione che potrete
richiedere al vostro commercialista o al vostro consulente finanziario.