Sei sulla pagina 1di 7

Il neutrino trasformista

Ing. Silvano DOnofrio

Sommario
.................................................................................................................................................................................................................1
Il neutrino trasformista............................................................................................................................................................................1

Introduzione .................................................................................................................................................. 2
I neutrini nella teoria del Big Bang ................................................................................................................ 2
Cosa sono i neutrini? ..................................................................................................................................... 3
Chi produce i neutrini? .................................................................................................................................. 4
SCOPERTA DEI NEUTRINI ............................................................................................................................... 4
Mistero della massa del neutrino .................................................................................................................. 6
Il mistero del numero dei neutrini e delle loro velocit ................................................................................ 6
Vita dei neutrini ............................................................................................................................................. 6
Presente e futuro della fisica dei neutrini ..................................................................................................... 7

Introduzione
Secondo il Modello Standard, che rappresenta oggi la mappa della fisica delle particelle, il
neutrino non dovrebbe essere dotato di massa. A livello sperimentale tuttavia, ben presto sono
cominciati a emergere risultati che facevano sospettare che la massa del neutrino non fosse in realt
nulla, anche se comunque molto molto piccola.
Non solo. Una serie di osservazioni hanno rilevato che cambiava identit, cio mutava di
caratteristiche.
Il Premio Nobel per la Fisica 2015 stato assegnato al giapponese Takaaki Kajita e al canadese
Arthur B. McDonald, per il loro contributo chiave agli esperimenti che hanno dimostrato
loscillazione (cambiamento) del neutrino.
Questa metamorfosi richiede che i neutrini abbiano massa: questa scoperta ha cambiato la nostra
comprensione dei meccanismi pi intimi della materia e pu rivelarsi cruciale per la nostra visione
delluniverso.
I giornali hanno parlato molto dei neutrini ultimamente, ma qualcuno di voi ha capito realmente
cosa sono i neutrini, a cosa servono e cosa significa che i neutrini oscillano?
Ai miei amici al bar non interessa un fico secco, nulla di tutto questo. Daltra parte largomento
complicatuccio, li capisco. E cos me ne ritorno a casa e scrivo, a qualcuno potrebbe interessare,
non si sa mai.
Bene, allora comincio. Dallinizio come sempre.

I neutrini nella teoria del Big Bang


La Teoria del Big Bang ancora oggi considerata la pi attendibile tra tutte quelle proposte come
base per capire da dove veniamo, ma non spiega da cosa nata la materia iniziale.
In poche parole spiegherebbe lespansione dellUniverso, ma non perch si formata e quindi
accumulata materia. Infatti una solida teoria della fisica afferma che si deve sempre ottenere una
particella presente in natura dallinversione della carica o delle coordinate spaziali di unaltra
particella esistente. Quindi per ogni particella di materia dovremmo avere una particella di
antimateria, cosa che avrebbe dovuto portare allannullamento del tutto.
Invece la materia si accumulata: perch?
I neutrini possono interconvertirsi spontaneamente da una delle loro tre forme ad unaltra (neutrini
muoni, elettroni e tau), e questo potrebbe spiegare perch il Big Bang avrebbe creato in misura
diversa materia e antimateria.
Per capire come stanno le cose partiamo da una recente notizia (16/7/2015).
Dopo un viaggio di 730 km sotto terra i neutrini muonici prodotti al CERN di Ginevra hanno
viaggiato verso il laboratorio sotterraneo del Gran Sasso in Italia trasformandosi in neutrini tau.
Lette queste poche righe e immaginando cosa le aspetta, forse anche le poche casalinghe e i pochi
maschietti collegati sono scappati via.
Pazienza.
Ma vado avanti lo stesso.
Era il 1957 quando il fisico italiano Bruno Pontecorvo elabor una teoria secondo la quale queste
2

particelle neutre, piccolissime, dette neutrini ed esistenti in natura in tre diversi sapori
(elettronico, muonico e tauonico) potevano trasformarsi una nellaltra durante la loro propagazione.
questa trasformazione a essere chiamata oscillazione.
Negli ultimi trentanni, i risultati di diversi esperimenti hanno confermato lesistenza di questo
fenomeno, osservando la scomparsa di una frazione significativa di neutrini di un certo sapore
rispetto a quanto atteso. I neutrini scomparsi dovevano essere trasformati in neutrini di altro tipo.
Tuttavia, per dimostrare senza ambiguit che effettivamente si trattasse di oscillazione e non di
qualche altro fenomeno, era necessario un esperimento in cui la trasformazione di un neutrino di
dato sapore in un neutrino con sapore diverso potesse essere osservata direttamente. Da qui nasce
lidea dellesperimento OPERA (Oscillation Project with Emulsion-tRacking Apparatus).
Lesperimento internazionale OPERA ai Laboratori del Gran Sasso dellIstituto Nazionale di Fisica
Nucleare (INFN) ha rivelato cinque neutrini di tipo tau nel fascio di neutrini mu proveniente dal
centro di ricerche di Ginevra.
Losservazione diretta della transizione o trasformazione da neutrini muonici a neutrini tau ha ora
raggiunto per la prima volta la precisione statistica di 5 sigma, il livello richiesto per una scoperta
nella fisica delle particelle elementare.
E la conferma del fenomeno del cambiamento di sapore (o famiglie) dei neutrini quando
oscillano viaggiando attraverso la materia su lunghe distanze.
Ok, detta cos, avrebbe ragione la massaia di Verona a dire di non aver capito nulla. Allora forse il
caso di spiegarla un pomeglio. Altrimenti qui ci restiamo realmente solo io e il mio cane.
Cosa sono i neutrini, perch si trasformano, cos questa quinta interazione? E soprattutto cos
questo neutrino tau? Perch cos importante questo risultato?
Bene, ogni cosa a suo tempo.

Cosa sono i neutrini?


I neutrini sono ormai le star della fisica delle particelle. Sono cos elusive da affascinare e
impegnare i fisici fin da quando vennero teorizzate allinizio degli anni trenta.
Diciamo subito che i neutrini sono particelle piccolissime con carica nulla. Una trottola fatta di
niente! Ma molto comune nel nostro Universo!
Sono considerate particelle elementari. Le particelle elementari sono i pi semplici componenti
della materia, per non fanno parte degli atomi che compongono la materia.
Per farmi capire meglio, gli atomi del nostro corpo non sono fatti di neutrini.
Allora qualcuno si star domandando perch sono importanti.
La migliore risposta sta nel continuare a leggere.
I neutrini interagiscono debolmente con la materia tanto da attraversare la Terra come se non
esistesse. Ci vorrebbe un muro di piombo spesso un anno luce per bloccare la met dei neutrini che
lo attraversano.
Gli scienziati non sono ancora riusciti a misurare con precisione la massa di un neutrino ma, si
stima, potrebbe essere da 100 mila a 1 milione di volte pi piccola di quella di un elettrone. Che, a
sua volta, ha una massa circa 2 mila volte pi piccola di quella dei protoni e dei neutroni. Insomma,
stiamo parlando di grandezze e numeri cos assurdi che sono quasi impossibili da comprendere!
La massa, bene ricordarlo, la grandezza fisica che determina il comportamento dei corpi
materiali quando sono sottoposti a forze esterne.
3

Chi produce i neutrini?


Un secondo dopo il Big Bang lenorme numero di neutrini prodotti nellimmane esplosione
cominci liberamente a propagarsi nello spazio. Oggi, di quei neutrini vecchi quasi 14 miliardi di
anni, ve ne sono ancora circa 300 in ogni centimetro cubo di spazio! Gli scienziati li chiamano per
questo neutrini fossili. Lenergia di questi neutrini fossili per estremamente bassa e per questo
motivo sono attualmente impossibili da rivelare.
Ad esclusione del Sole, i neutrini prodotti da tutte le Stelle giungono sulla Terra con una intensit
molto debole a causa dellenorme distanza che le separa. Uneccezione costituita dallesplosione
delle Supernovae, stelle massive che, dopo aver esaurito il loro combustibile nucleare, collassano ed
esplodono. Esse emettono unenorme quantit di energia sotto forma di luce, di materia e di
neutrini. Una supernova che esplode emette in un minuto lenergia emessa dal Sole in duecento
anni. Per giorni, rimane loggetto pi splendente della notte! Solo lo 0.1% dellenergia
dellesplosione va in luce, il 99.9% va in neutrini! La supernova, poi, si trasforma in una stella di
neutroni o pulsar.
Ora, siccome i neutrini vengono prodotti in una grande variet di decadimenti e interazioni dalle
stelle ed hanno una vita lunghissima, forse per sempre, si capisce la importanza di questo elemento
che abbonda nello spazio e se ha massa, pur piccola, pu costituire una quota importante della
materia nelluniverso.
Ed abbiamo cos risposto anche allultima domanda: a che servono i neutrini.

SCOPERTA DEI NEUTRINI


A questo punto abbiamo capito cosa sono i neutrini, chi li produce, e perch sono importanti.
Sappiamo anche in quali famiglie si trasformano.
Non ci rimane (per i pi interessati) che capire come sono stati scoperti e come stato scoperto il
loro trasformismo.

Scoperta del neutrino e


Lesistenza del neutrino venne ipotizzata analizzando (1930 dal fisico austriaco Wolfgang Pauli) il
decadimento (riduzione in frammenti pi piccoli) nei reattori del neutrone in un elettrone ed un
protone. Il neutrone (per chi ha poca familiarit) compone il nucleo degli atomi.
Per la sua scoperta sperimentale bisogna aspettare fino al 1956. Il nome di neutrino gli fu attribuito
dal fisico italiano Fermi.
Fin qui ci siete?

Bene, stato osservato che la somma della quantit di moto (massa in movimento) dellelettrone e
del protone non uguale alla quantit di moto del neutrone di partenza, per cui necessario che ci
sia qualche altra particella coinvolta in questo decadimento, che renda ragione della quantit
mancante.
4

Successivi esperimenti hanno rilevato la esistenza di una particella invisibile poi chiamata neutrino.
Dal momento che esso associato alla emissione dellelettrone stato chiamato neutrino
elettronico.
n p+ + e + e

Scoperta del neutrino mu


Premessa importante: i muoni sono, dopo gli elettroni, le particelle cariche pi leggere e perci
ciascuno di essi pu decadere soltanto in un elettrone e in altre particelle di carica complessiva
nulla.
Dallo scontro delle radiazioni cosmiche quando entrano in contatto con lalta atmosfera terrestre
vengono prodotte delle particelle con vita brevissima (muoni, che vanno ad una velocit prossima a
quella della luce) perch decadono (cio muoiono) trasformandosi in un elettrone, un antineutrino
elettronico e in unaltra misteriosa particella: il neutrino muonico.
e + e +

La scoperta del neutrino tau


Da questa evidenza Pontecorvo fece lipotesi delle oscillazioni del neutrino. Siamo nel 1962.
Nella architettura cos com descritta dalla teoria standard della teoria delle particelle il neutrino
tau era lultimo tassello mancante, lunico dei blocchi fondamentali della teoria per cui mancava
la conferma sperimentale definitiva. (Pi in l capirete il significato dei blocchi).
Diversi esperimenti effettuati da numerose collaborazioni internazionali confermarono levidenza
del fenomeno noto come oscillazione di sapore dei neutrini, un fenomeno che fa mutare la
particella da una famiglia ad unaltra.
In altre parole il neutrino oscilla cambiando pelle. Una trasformazione spontanea di un neutrino di
una famiglia in un neutrino di unaltra.
Tutto chiaro fin qui?
Prima di proseguire c da fare unaltra premessa importante (il motivo lo scoprirete a breve).
Il tauone o particella tau una particella della materia di terza generazione praticamente identico
allelettrone e decade rapidamente in particelle pi leggere. Ad essa associata unantiparticella ed
un neutrino.
Il neutrino tau o neutrino tauonico viene creato quando un tauone decade in una particella pi
leggera.
Per scovarlo c voluto il rivelatore OPERA, un gigante di circa 4000 tonnellate, di 2000 m3 di
volume e nove milioni di film fotografici. Qui una piccola frazione dei neutrini che sopraggiungono
hanno interagito con il rivelatore, producendo delle particelle che poi vengono osservate.
Dopo aver rivelato i primi neutrini muonici prodotti al CERN nel 2006, lesperimento ha preso dati
per cinque anni, dal 2008 alla fine del 2012. Il primo neutrino tau stato pubblicato nel 2010. Il
secondo e il terzo sono stati riportati rispettivamente nel 2012 e nel 2013. Il quarto stato
pubblicato nel 2014. In perfetto accordo con le previsioni teoriche.
Ora lesperimento OPERA ha rilevato la quinta interazione di neutrino tau.

Mistero della massa del neutrino


Abbiamo gi detto che il neutrino ha una massa fatta quasi di niente. Ma qual il valore di questo
niente? Perch cos difficile quantificarla?

Esistono diversi metodi per scoprire sperimentalmente se il neutrino possiede o no una massa, ma si
tratta sempre di metodi di difficile applicazione pratica e tali da richiedere lutilizzo di
apparecchiature molto sensibili.
Non la faccio lunga. Di sicuro sappiamo che a seconda dei numeri quantici (ovvero del loro sapore)
possiamo avere tre tipi diversi di neutrini. Ma della loro massa gli scienziati sanno dare
fondamentalmente solo delle stime approssimative e porre dei limiti inferiori e superiori riguardanti
la somma delle masse dei tre possibili stati in cui un neutrino si pu manifestare.
Questi numeri si ricavano dalla teoria e dai risultati di alcuni esperimenti sui quali bene sorvolare.
C da dire, per la precisione, che ad un neutrino possa essere associata la propria antiparticella
(antineutrino) non tuttavia contemplato dal Modello Standard.

Il mistero del numero dei neutrini e delle loro velocit


Finora si supponeva esistessero tre tipi (o sapori o famiglie) di neutrini, detti neutrino
elettronico, neutrino muonico e neutrino tau e indicati coi simboli e, , vt.
In pi, dato che ogni particella possiede una corrispondente antiparticella, dovremmo avere sei tipi
di neutrini. Le conoscenze attuali sono per tuttaltro che definitive. Allora quanti tipi di neutrini
esistono, tre, sei oppure uno?
E unaltra importante questione riguarda la sua energia cinetica: a quale velocit viaggia? Le
informazioni a questo riguardo sono contrastanti e sembrano riservare importanti e rivoluzionarie
sorprese.
Una cosa certa, non viaggiano a velocit superluminale, ovvero a velocit maggiore della luce,
come erroneamente un esperimento aveva rilevato. Ma questo, tanto basta per dire che la loro
velocit prossima a quella della luce. Ed allora sorge un vecchio dilemma, perch la sua massa
non tende allinfinito come previsto dal fattore di Lorenz? Qual la sua reale massa a riposo?

Vita dei neutrini


Largomento estremamente complicato.
Sappiamo che per decadimento si intende la trasformazione di una particella in altre particelle. E
quello che succede anche ai neutrini.

Il decadimento un tipo di decadimento radioattivo, ovvero una delle reazioni nucleari spontanee
attraverso le quali elementi chimici radioattivi si trasformano in altri con diverso numero atomico.
Lunico decadimento che pu dare risposte sulla natura del neutrino e un decadimento raro
chiamato Doppio Decadimento Beta senza neutrini.
Il doppio decadimento beta (DBD) un decadimento radioattivo raro in cui un nucleo decade in un
altro con stesso numero di massa.
Non sto a spiegare, perch materia che sfugge alle mie conoscenze. Ma mi sono informato. Posso
dire, semplificando le cose, che in un decadimento doppio beta normale, met di un campione
decade nel giro di 1021 anni, un tempo miliardi di volte superiore alla vita delluniverso.
Lassenza di un segnale di doppio decadimento beta senza neutrini in sette mesi di osservazione da
parte degli scienziati ovviamente non esclude la possibilit del processo, tuttavia permette di
escludere possibili valori per il tempo di dimezzamento del processo, che a questo punto non pu
essere inferiore a 1,6 1025 anni.
Non so se avete idea di quanti anni sono 1,6 1025 anni e tutto sommato non necessario che lo
abbiate capito. Quello che c da capire che stiamo parlando di una vita del neutrino superiore
allet delluniverso.

Presente e futuro della fisica dei neutrini


Lattuale scenario della fisica del neutrino evidenzia il grande progresso ottenuto in 70 anni di
ricerche, dal momento della sua nascita ad oggi.
Tuttavia, molti sono ancora i misteri e gli affascinanti interrogativi legati a questa elusiva particella:
Si riuscir ad evidenziare una massa per il neutrino mediante misure cinematiche dirette?
Sono le oscillazioni di neutrino la causa del deficit dei neutrini solari e atmosferici?
Contribuiscono i neutrini al puzzle della Materia Oscura dellUniverso?
Esistono sorgenti cosmiche di neutrini di altissima energia, ovvero si realizzer il sogno
dellastronomia con neutrini?
Riuscir infine il neutrino a svelare tutti i suoi misteri e ad aiutarci a rispondere alle domande
sullorigine dellUniverso e sulla sua evoluzione?
Questi formidabili interrogativi saranno affrontati nei prossimi anni con ambiziosi progetti di
ricerca teorica e sperimentale da parte di gruppi di ricercatori in Italia e in tutto il mondo.