Sei sulla pagina 1di 3

II Sport La Provincia

Lunedì 22 febbraio 2010

Prima, giornata 24 1’

7’
LA PARTITA AI RAGGI X
Emerson ci prova da lontano, para Paoloni
Lumezzane in vantaggio. Daud a cucchiaio infila palla a
Bradaschia, che controlla e supera Paoloni in uscita, con la
CREMONESE 1 difesa grigiorossa troppo ferma
LUMEZZANE 1 11’
Punizione di Zanchetta, colpo di testa di Varricchio con parata facile di
Gazzoli
Cremonese: Paoloni, A. Bian-
chi, Rossi (dal 36’ pt Gori), Fiet- 19’ Zanchetta lancia Varricchio, che si allarga e va al tiro. Para Gazzoli
ta, Cremonesi, Galuppo, Niz-
20’ Ci prova Daud, Paoloni blocca
zetto, Zanchetta (dal 37’ pt Tac-
chinardi), Varricchio (dal 30’ pt Doppia parata di Paoloni prima su tiro di Pintori e poi su colpo di testa
23’
Musetti), Pradolin, Guidetti. A di Cinelli
disposizione: G. Bianchi, Sa- 38’ Punizione di Daud, palla alta
les, Villar, Coda. All. Ventura-
to. 40’
Punizione di Nizzetto. La palla colpisce il portiere Gazzoli, che poi se la
Lumezzane: Gazzoli, Zanardi- ritrova in mano
ni, Pini, Cinelli, Romeo, Emere- 41’ Botta potente di Cremonesi da lontano, para Gazzoli senza difficoltà
sonm Pintori (dal 43’ st Faroni),
Calliari, Galabinov, Daud, Bra- Angolo battuto da Nizzetto, la palla resta sulla linea ma nessuno riesce
46’
daschia. A disposizione: Trini, a spingerla in rete
Checcucci, Formiconi, Nicola, 9’st Cross di Nizzetto da sinistra, colpo di testa di Guidetti a lato
Djalo, Diouf. All. Menichini.
Arbitro: Colasanti di Siena (as- 15’ Tiro di Guidetti centrale, blocca Gazzoli
sistenti Paiusco di Vicenza e 16’ Tiro di Zanardini, palla alta
Lunardon di Busto Arsizio).
19’ Ci prova anche Pintori, mira sbagliata
Reti; nel pt Bradaschia al 7’;
nel st Guidetti al 48’. Cremonese in dieci. Cremonesi va in attacco e si scontra con il portiere
Note: spettatori 4 mila circa 30’ Gazzoli. Resta a terra con un taglio sulla fronte. Barella e corsa in
(paganti 1.387, abbonati ospedale per un intervento di suturao
2.381) per un incasso di 21.68e 41’ Paoloni va a deviare un tiro potente di Daud
euro. Espulso Zanardini al 50’
st per doppia ammonizione. Pareggio della Cremonese. Pradolin allunga palla a Guidetti
Ammoniti Paoloni, Tacchinar- 48’ sulla sinistra. L’attaccante controlla e poi di sinistro infila
Gazzoli sul palo più lontano
di, Guidetti; Gazzoli, Emerson,
Bradaschia. Calci d’angolo 50’
Lumezzane in dieci per l’espulsione (doppia ammonizione) di
3-3. Zanardini
Varricchio dolorante a terra soccorso dal medico Bozzetti e dal fisio Rivetti

Grigiorossi sfortunati, in sette minuti perdono Varricchio, Rossi e Zanchetta per infortunio. E nella ripresa anche Cremonesi

Cremo bruttina, Guidetti la salva


L’attaccante segna al 48’ della ripresa l’1-1 con il Lumezzane
di Giorgio Barbieri
L’allenatore avversario
Brutta, sfortunata e non cattiva a
sufficienza. Abbiamo voluto stor-
piare il titolo del film del 1976 di Menichini: «C’è
Ettore Scola (‘Brutti, sporchi e
cattivi’) per fotografare meglio la
prestazione della Cremonese nel-
rammarico per
la sfida interna con il Lumezzane,
terminata 1-1 (vantaggio brescia-
non aver vinto»
no al 7’ con Bradaschia, pareggio
al 48’ della ripresa di Guidetti).
Brutta, perchè la squadra di
Venturato (squalificato, sostitui-
to in panchina da Bozzetti) ha gio-
cato male e con poca intensità, ha
subito un incredibile gol dopo 7
minuti e non è riuscita a sviluppa-
re la solita manovra. Sfortunata,
perchè nel giro di sette minuti
(dal 30’ al 37’ del primo tempo)
ha perso tre giocatori per infortu-
nio (Varricchio, Rossi e Zanchet-
ta) costringendo il tecnico a cam-
bi forzati. E addirittura alla mez-
z’ora della ripresa si è trovata in
dieci per un altro infortunio capi-
tato a Cremonesi (botta alla te-
sta, taglio della fronte e ricovero Lo scontro fra il portiere Gazzoli e Cremonesi Il gol segnato da Bradaschia al 7’ del primo tempo Menichini, mister Lumezzane
in ospedale).
Non cattiva a sufficienza, per- CREMONA — Prevale il
chè in quasi tutti i contrasti sono rammarico piuttosto che
arrivati prima e con più forza i gio- la soddisfazione di aver
catori bresciani del Lumezzane. I fatto un buon risultato sul
grigiorossi troppo spesso, anche campo della seconda for-
in casa (e ieri c’erano quattromi- za del campionato. Il pen-
la spettatori a sostenerli), ne siero di Leonardo Meni-
prendono tante e ne danno po- chini dopo l’1-1 maturato
che... prendendo gol nel recupe-
Per fortuna la squadra, anche ro si può riassumere in
quando non è in giornata, infila questo modo. «Peccato
in campo l’orgoglio delle forti non essere riusciti a chiu-
(che non è cattiveria, è un’altra dere la partita pur aven-
cosa) e riesce a metterci una pez- done l’opportunità — rac-
za. Così, quando Guidetti al 48’ conta il mister — anche se
della ripresa, dieci contro undici, sotto il profilo del gioco e
ha superato di mancino il portie- dell’intensità abbiamo
re Gazzoni proteso in tuffo per in- fatto una buona gara. Sia-
filarlo sul palo più lontano abbia- mo sempre riusciti a met-
mo di nuovo avvertito quel senso tere in difficoltà il nostro
di forza che questa squadra può avversario, una cosa non
esprimere in ogni momento. da poco se si pensa che la
Certo, ancora una volta la Cre- squadra che avevamo di
monese non è riuscita a rosicchia- fronte è davvero impor-
tante. Certo, l’aver subito
re nemmeno un punticino al No- Michele Cremonesi abbandona in barella con la testa fasciata Turotti, Venturato e Bianchessi nascosti in tribuna gol proprio quando sem-
vara (che ha pareggiato in casa, brava che ce l’avessimo
in recupero, con la Pro Patria) ed dallo scatto di Bradaschia a sini- Bianchi da destra al centro, Cre- fatta lascia un po’ di ama-
ha aperto speranze alle inseguitri- stra, della libertà lasciata al gio- monesi dal centro a sinistra, den- Bozzetti: ‘Martedì potrò essere più preciso sullo stato di salute’ ro in bocca».
ci Arezzo e Benevento. Ma ci sono vanissimo somalo di scuola Juve tro Gori sulla fascia destra. E poi, Forse con un pizzico di
ancora dieci giornate da giocare
e anche le altre hanno davanti
scontro diretti da affrontare.
Daud, che ha tornato palla al com-
pagno per il tiro gol. I tre infortu-
ni hanno preso in contropiede la
dopo il forfait di Zanchetta, den-
tro Tacchinardi, che non è pro-
prio un regista. In panchina forse
Le condizioni degli infortunati esperienza in più si pote-
va evitare il gol. «Doveva-
mo senza dubbio essere
La partita di ieri è stata brutti- panchina grigiorossa, costretta a non sarebbe male avere un cen- CREMONA — E’ una sorta di Zanchetta ha accusato una fit- più attenti. La nostra pe-
na, e non solo per colpa della Cre- cambiare sulla spinta delle sensa- trocampista come Carotti. La bollettino di guerra quello pre- ta ai flessori della coscia de- rò è una squadra giovane,
monese. Il Lumezzane non ha fat- zioni. Forse la seconda sostituzio- squadra ha cercato di arrivare in sentato da Giovanni Bozzetti stra, si sospetta una distrazio- piena di entusiasmo e a
to molto di più, manifestando in ne poteva essere più coraggiosa, area avversaria ma non ha quasi per illustrare gli infortuni oc- ne muscolare, ma speriamo si volte questo ci porta a
qualche momento una situazione magari inserendo l’argentino Vil- mai impensierito Gazzoli, colpa corsi ai giocatori durante la tratti di una contrattura. Cre- commettere degli errori.
difensiva imbarazzante. Ma è sta- lar e modificando l’assetto difen- anche di una giornata storta di partita. «Varricchio ha rime- monesi, invece, ha una ferita Sono le nostre caratteristi-
to più ordinato dei grigiorossi, ha sivo in un altro modo. Ma d’altra troppi giocatori importanti. Il po- diato una distorsione tibio-tar- lacero-contusa alla fronte ed è che e devo di dire che so-
avuto quasi sempre predominan- parte non era facile decidere sui polo grigiorosso non ha gradito, sica alla gamba sinistra; Rossi il caso che preoccupa meno. no davvero molto orgo-
za a centrocampo. Il gol del van- due piedi. Comunque Ventura- anche se alla fine il respiro di sol- una distorsione al ginocchio Martedì sarò più preciso sulle glioso di essere l’allenato-
taggio (al 7’) è arrivato proprio da to-Bozzetti sono stati costretti a lievo per il gol di Guidetti si è tra- destro (quello già operato); condizioni di tutti». re di questi ragazzi».
un anticipo sbagliato di Fietta, cambiare gli uomini della difesa: sformato in un autentico boato.
La Provincia
Lunedì 22 febbraio 2010 Sport III

LE PAGELLE
di Giorgio Barbieri

Paoloni - Nulla da fare sul


gol, poi una domenica quasi
tranquilla. Una ingiustificata
uscita gli regala un cartellino
6
giallo che peserà non poco

A. Bianchi - Non certo


una delle prestazioni da ricor-
dare. A destra nel primo tempo
soffre parecchio, meglio in mez-
5,5
zo nella ripresa

Rossi - Purtroppo si fa male


ed è costretto ad uscire. Sino a
quel momento però aveva tro-
vato troppe difficoltà in chiusu-
5,5
ra

Fietta - Non è giornata. E lo


si nota dai primi passaggi, dagli
errori negli anticipi, dalle trop- 5,5
pe palle perse

Cremonesi - Sul gol del


Lumezzane sembra in ritardo
sull’avversario. Nel complesso 6
però fa il suo dovere
Guidetti dopo aver segnato il pareggio si toglie la maglia e viene
ammonito. A sinistra il tiro decisivo dell’attaccante (fotoservizio Ib frame)
Galuppo - Qualche errore
Parla il direttore generale: «Basta confronti col Novara perché perdiamo tranquillità» in una partita giocata comun-
que su un livello sufficiente
6

Turotti: «Solito gol evitabile» Nizzetto - Prestazione ne-


gativa, cerca di farsi vedere ma
non gli riesce praticamente nul-
la. Solo un cross per Guidetti
merita la citazione. per Nizzet-
to è davvero poco...
5

«Cambi forzati e un uomo in meno Zanchetta - Sino a che


Ma questa squadra ha carattere» non si procura il problema mu-
scolare è la luce (anche se a in-
termittenza) che accende il gio-
6
Dunque complimenti ai ragazzi perché
co grigiorosso
di Ivan Ghigi
lo spirito è giusto e perché hanno un ca-
CREMONA — A forza di pareggi che val- rattere che può fare la differenza ma
gono come una vittoria la classifica della prendiamo ancora gol evitabilissimi e Varricchio - Pare non es-
Cremonese non migliora se si guarda in non sfruttiamo magari cinque o sei palle sere in buone condizioni sin dal-
su e peggiora se si guarda in giù. Ma il di-
rettore Sandro Turotti (Venturato è
gol che creiamo. Purtroppo abbiamo
messo il Lumezzane nelle condizioni mi-
l’inizio. Cerca di dare una ma-
no, anche se la sua manovra è
6
squalificato e il vice Angelo Bozzetti ha gliori di giocare come voleva». un po’ troppo prevedibile
ceduto la parola al dirigente) non vuole Proprio nel gol di Bradaschia, Turotti
sentire parlare di Cremonese come eter- individua la svolta. «Primi minuti di
na seconda. buon calcio da ambo le parti, poi il gol
«Alla fine di ogni gara continuiamo a del Lumezzane ha cambiato volto alla ga- Pradolin - Un netto passo
vedere cosa ha fatto il Novara e questo ra. La sfortuna ci ha messo del suo per- indietro rispetto alla gara di
secondo me ci toglie tranquillità. Io guar-
derò dove sta il Novara il giorno prima
ché voglio vedere come va a finire con
tre cambi da gestire nella ripresa e maga-
Arezzo. Ha di fronte il giocatore
più vulnerabile del Lumezza-
5
dello scontro diretto. Adesso io parlo del ri in undici contro undici. Se ad Arezzo la
Lumezzane e dico che è sbagliato pensa- Cremonese ha potuto cambiare in corsa, ne, non lo supera quasi mai
re che sarebbe stata una gara facile. Ho qua ha dovuto fare con quanto è stato de-
visto cose belle e meno belle». ciso nel primo tempo per forza di cose».
Il direttore vede due lati della partita. Ma lei ci credeva al pareggio? «Ero fi- Guidetti - Lo salva il gol
«La cosa meno bella è stato il gol: una re- ducioso, in settimana abbiamo lavorato che regala il pareggio alla squa-
te del genere possiamo evitarla (ha ricor-
dato il secondo gol incassato ad Arezzo,
bene, ma col passare dei minuti ho finito
per sperarci più che crederci».
dra nel finale. Prima si era visto
poco, se non per qualche erro-
6,5
NdR), questi errori sono pesanti e non Cremonese imbattuta ma sempre al
possiamo commetterli se vogliamo cen- suo posto. «Ripeto che i confronti col No- re
trare certi traguardi e pensare in gran- vara turbano solo la serenità, invece noi
de. Ma dall’altra parte, e arrivo alle cose dovremmo avere la calma dei forti. Gli
belle, penso che con tutto quello che è ac- scontri diretti adesso sono altri, quando Musetti - Va a ricreare con
caduto abbiamo pareggiato in dieci uo- toccherà al Novara allora guarderò la Guidetti la coppia d’attacco
Angelo Bozzetti promosso ad allenatore mini, segno che la squadra ha carattere. classifica». d’inizio stagione. Ma adesso
sembra non arrivare più sul pal-
5,5
I giocatori: «Il gol a freddo ha cambiato la gara, gli infortuni hanno fatto il resto» lone

Gara strana, raddrizzata con orgoglio


di Francesco Pavesi è seconda in classifica».
Gori - Terzino destro e poi
anche uomo di spinta. Non rie-
sce ad incidere, in queste parti-
te il compitino non basta
5,5
Se anche Giovanni Fietta gioca Tacchinardi - Va a fare
CREMONA — Secondo Marco Go- su livelli normali allora non è pro-
ri «la partita con il Lumezzane è prio giornata: tra coloro che esco- muro a centrocampo con la so-
stata molto strana. Dovevamo vin-
cere e il pari conquistato in que-
no per infortunio e coloro che tra-
discono le aspettative nelle gare
lita caparbietà. E’ chiaro che lui
non può fare il gioco di Zanchet-
6
sto modo si può dire equivalga ad che contano, la Cremonese fatica ta
una vittoria, per fortuna ha pareg- non poco a portare a casa il risul-
giato anche il Novara. Il Lumezza- tato. «Il gol a freddo ha condizio-
ne è una buona squadra, compat- nato la gara — dice Fietta — ma Bozzetti - Le scelte non so-
ta in difesa e con giocatori rapidi nella ripresa abbiamo giocato in no sue (Venturato decide dalla
in avanti che ci hanno dato molto dieci e siamo riusciti a pareggia-
fastidio. Prendere il gol dopo 7 mi- re. Però è vero, alcuni conti non tribuna) ma sui cambi forzati
nuti ci ha condizionato, ma ci po-
teva stare. La serie di infortuni
tornano: se nel primo tempo qual-
che palla l’abbiamo giocata, nella
non siamo del tutto d’accordo.
Noi avremmo rischiato qualco-
5,5
ha fatto sì che la gara si mettesse ripresa abbiamo solo sfruttato il sa in più. La squadra ieri è par-
ancora più in salita, ma siamo riu- lancio lungo e solo l’orgoglio ci ha sa troppe volte in difficoltà
sciti anche in 10 a mettere sem- salvato. Concordo anche io nel di-
pre in difficoltà i nostri avversari. re che il Novara adesso non ci de-
Come mi trovo da terzino? Un ruo- ve interessare».
lo che non ho mai fatto, ma spero Il Lumezzane ha spinto in con- Arbitro - Colasanti di Sie-
di farlo mio qualora dovesse capi- tropiede. «Fanno bene questo gio-
tare di essere schierato nuova-
mente in quella posizione».
co e se noi non pressiamo il porta-
tore di palla i bresciani diventano
na non commette errori clamo-
rosi, anche se dirige la gara
6
Massimiliano Guidetti ci rac- pericolosi». con un metro del tutto suo
conta il gol del pareggio e le sen- A livello individuale tanti han-
sazioni che ha provato. «Per co- no tradito, anzi non sembrano pro-
me si era messa la partita, per tut- Il colpo di testa di Guidetti finisce d’un nulla a lato prio in forma. «E’ vero, più di uno Lumezzane - Gazzoli 6, Zanardini
ti i giocatori che abbiamo dovuto poteva dare e fare qualcosa in più 5, Pini 5,5, Cinelli 6, Romeo 6, Emerson
sostituire e per il momento in cui scito a sfruttarle per pochissimo. assegnati e ogni tanto no, ma è al- ma abbiamo portato via ugual- 6, Pintori 5,5, Calliari 6, Galabinov 5,5,
ho segnato si tratta di certo di Se mi aspettavo rigori dopo l’in- trettanto vero che quest’anno si mente un punto. Metà del secon-
uno dei gol che ricorderò più vo- tervista di Arvedi di venerdì? Ba- sono visti davvero degli episodi do tempo però l’abbiamo giocato Daud 6,5, Bradaschia 6, Faroni sv. All.
lentieri. Ho avuto altre occasioni stasse questo — sorride il bomber abbastanza incredibili. Di solito in dieci. Adesso pensiamo a Peru- Menichini 6.
durante la gara, ma non sono riu- — è vero che ogni tanto vengono non accade quando una squadra gia e Benevento».
IV Sport La Provincia
Lunedì 22 febbraio 2010

POLPACCI La Cremo va a lungo in picchiata, poi all’ultimo istante il capitano Max la riporta in quota
&
NUVOLE
Scusate il disGuido
Si sarebbe spaventata perfino una hostess della Singapore Airlines esercitazioni della protezione ci- do tempo due cross bassi di Niz-
di Giovanni Ratti
vile. Menichini aveva faticato zetto (il salvabile di una presta-

H ai ragione, anche stavol- un po’ a mettere insieme la fur- zione involuta) non trovava
ta sono tornato dalle va- masiù, ma si è visto subito che a clienti in un’area affollata, Cre-
canze senza portarti il re- Venturato in tribuna non funzio- monesi finiva al pronto soccorso
galo che mi chiedi da una vita. nava il telecomando. Per la Cre- lasciando dieci piccoli indiani a
Però scusa, non crederai che sia mo sarebbe stato consigliabile provare gli ultimi assalti, insom-
facile portarsi via un’hostess del- un avvio accorto sul piano tatti- ma il Lume aveva l’aria di poter
le Singapore Airlines come se co, per negare al Lume spazi in uscire dallo Zini al suono delle
niente fosse. No, non è per l’in- cui prendere momento; in attesa fanfare (la marcia di Bradetzky).
gombro, quelle sono sottili come che la ditta Max & Max cogliesse E invece quando la speranza era
pieghevoli pubblicitari, si siste- l’attimo in cui presentare il con- già legata all’ultimo granello di
mano in una valigia come la con- to alla non agilissima (mettiamo- sabbia della clessidra Pradolin
torsionista spagnola di Tognazzi la così) difesa in maglia celeste, fin lì invisibile serviva Guidetti
in Amici miei. Però sono prezio- che concede duelli uno contro fin lì in giornata strabica, il dia-
se, solo loro sono capaci di por- uno con una spensieratezza che gonale era un veleno ad azione
tarti un bicchiere d’acqua sorri- in altre giornate sarebbe stata lenta, abbiamo avuto il piacere
dendo anche mentre l’aereo pre- punita. Invece si è scelto di osa- sadico di seguire il pallone che
cipita in fiamme, così alla fine di re, nonostante Fietta fosse a suo facendo il surf sull’erba ha supe-
ogni volo il capitano dell’aereo agio come un gatto chiuso in una rato il guantone del portiere e ha
le conta come una padrona di ca- lavatrice in centrifuga; e dopo fatto il nido accanto al palo che
sa conta le posate d’argento do- sette minuti si era in debito di un per le geometrie antieuclidee vi-
po un pranzo di Natale. La prossi- gol, da sanare a tassi usurai in genti nel pallone si chiama palo
ma volta ci proverò, ma non pro- termini di dispendio fisico e psi- lungo.
cologico. Mettiamola così, di solito par-
metto niente, con tutta la buona Il Lume poteva mettere i carri tite così si finisce per perderle
volontà mica sempre va dritta. in cerchio e poi partire sui beati anche di brutto. Ma stavolta no,
Guarda la Cremo, ieri ha avu- sentieri di caccia del contropie- un po’ perchè così era scritto un
to un’altra occasione per accor- de cercando la giugulare grigio- po’ perchè il Lume si è fatto la
ciare la corda dal Novara, e inve- rossa, il raddoppio non veniva vittoria addosso un po’ perchè la
ce alla fine ci è toccato fare le fe- mai davvero sfiorato ma questo Cremo anche nelle giornate più
ste a un pareggio acciuffato sembrava un dettaglio, salvo ri- bigie ha risorse che le altre se le
quando non ci si sperava più. Co- velarsi decisivo al conto finale. sognano. Stavamo precipitando
me ormai tradizione si è presa Hostess della Singapore Airlines; a destra Guidetti esulta dopo aver segnato il gol dell’1-1 (Ib frame) La Cremo trovava il tempo per in un modo che avrebbe tolto il
gol all’inizio, per andare sul sicu- stabilire un record: dalla mez- sorriso perfino a un’hostess del-
ro in mezzoretta si è sgonfiata il tutti i colori, quasi come d’ora in Il Lumezzane è squadra pecu- re finchè l’ispettore Max l’ha in- z’ora in otto minuti le cadevano le Singapore Airlines, ma a un
salvagente dei cambi che tante poi succederà nei congressi del liare, incline a inebriarsi della chiodata all’ultimo fotogramma tre uomini come al tirassegno pelo da terra il capitano Max ha
volte l’aveva tenuta a galla, e si partito nazista inglese che ha de- propria facilità di gioco sulle ali come in ogni film poliziesco che del lunapark quando arriva uno impugnato la cloche e ci ha ripor-
sospetta che un paio di sostituzio- ciso di non accettare più solo dei suoi aeroplanini di carta, e si rispetti, un centrocampo ordi- con la mira dritta, la curiosità di tato in quota. E’ andata dritta,
ni a Bozzetti le abbia dettate il l’iscrizione dei farabutti bian- quindi a sporgersi un po’ troppo nario ma organico, un attacco vedere Villar restava inevasa però che spavento. D’accordo,
Mossad (che come è noto tifa per chi: adesso si possono iscrivere dal davanzale della sua trequar- suggestivo con i suoi cavallegge- perchè Venturato sceglieva i sol- appena riprendo un po’ di colori-
il Novara) clonando il cellulare anche farabutti neri, farabutti ti; ha una difesa non proprio al di ri intorno al pivottone bulgaro datini (che non è un insulto). Gaz- to glielo chiedo alla hostess, se le
di Venturato. gialli, farabutti creoli, farabutti sopra di ogni sospetto sulla qua- che infila i piedi in due zattere zoli pinzava un paio di palloni andrebbe di conoscere uno di
In campo se ne sono viste di maori, questa è democrazia. le la Cremo ha omesso di indaga- gialle come se ne vedono nelle dalle parti della linea, nel secon- Cremona.

I TABELLINI DI PRIMA DIVISIONE

La capolista pareggia allo scadere con la Pro Patria, stasera il posticipo tra Viareggio e Perugia (ore 20,45)
Arezzo e Benevento si avvicinano, Novara pari
NOVARA 1 BENEVENTO 3 LECCO 0
PRO PATRIA 1 SORRENTO 0 AREZZO 1
Novara: Fontana; Gheller (33’st Ledesma), Lisuzzo, Ludi, Gemiti Benevento: Gori; Pedrelli, Ferraro, Landaida, Palermo; La Camera Lecco: Pansera; Mateo, Bartolucci, Arrigoni, Villagatti; Calzi, (29’ st
(10’st Tombesi); Shala, Juliano (10’st Gonzalez), Rigoni; Motta; Ber- (31’ st D’Anna), Cejas, De Liguori; Ciarcià (34’ st Castaldo), Clemen- Galli), Pedotti, Ciano, Marconi; Corrent, (11’ st Sau), Buda (24’ st Bi-
tani, Rubino. A disp. Strukely, Coubronne, Centurioni, Drascek. All. te; Evacuo (30’ st Bueno). A disp. Corradino, Ignoffo, Germinale, scheri). A disp: Orlandi, Mandorlini, Cortese, Soderlund. All: Tarroni.
Tesser. Scrulli. All.: Camplone. Arezzo: Mazzoni; Laverone (41’ st Poli), Sereni, Miglietta, Cannarsa;
Pro Patria: Giambruno; Del Grosso, Pivotto, Chiecchi, Barbagli; Baù Figliomeni, Erpen Horacio, Venitucci, Chianese; (22’ st Ferriera),
Sorrento: Marconato; Vanin (24’ st Arcidiacono), Di Nunzio, Lo Mo-
(27’st Urbano), Serafini, Bruccini, Pacilli; Sarno (24’st Rinaldi); Ripa Croce, Maniero (26’ st Fofana). A disp.: Giusti, Rizza, Conti, Essabr.
(33’st Paponetti). A disp. Vavassori, Morello, Rudi, Nocciola. All. Co- naco, De Giosa; Nicodemo (10’ st Raggio), Niang; Carlini (10’ st Core- All: Galderisi.
sco. si), Paulinho, Fialdini, Mirtaj. A disp.: Criscuolo, Fernandez,Masiero, Arbitro: Giacomelli di Trieste.
Arbitro: Viti di Campobasso. Angeli. All.: Simonelli. Rete: 44’ pt Erpen Horacio.
Reti: pt 40' Sarno; st 43' Rubino. Arbitro: Santonocito di Abbiategrasso. Note: spettatori 1693. Espulsi Venitucci (14’ st) per doppia ammoni-
Note: spettatori 4443. Ammoniti Lisuzzo, Tombesi, Giambruno, Bruc- Reti: pt 25' e st 14’ Evacuo, 47’ st Clemente. zione e Arrigoni (48’ st) per fallo da ultimo uomo. Ammoniti Corrent,
cini e Serafini. Note: Spettatori 3.847. Ammoniti: Vanin e Raggio. Calzi, Bartolucci, Mateo, Galli.

COMO 1 FOLIGNO 1 PAGANESE 0


ALESSANDRIA 0 MONZA 1 VARESE 0
Como: Zappino; Maggioni; Franco; Gonnella; E. Brevi (28' st Ardito); Foligno: Tomassini; Pencelli, Gregori, Lispi, Rossi; Sciaudone (16'st Paganese: Pantanelli; Gambi (23' st Cucciniello), Esposito, Castal-
Goretti; Salvi; Riva; Fragiello (18' st Maah); Cozzolino (44' st Kalam- Da Dalt), Borgese (29' st Furiani), Castellazzi; Gallozzi (27' st Calderi- do, Panini; Sciannamè, Maisto, Memushaj, Izzo; Giglio (10' st Torto-
bay); Filippini. A disp.: Malatesta, Bruno, Rudi, Agodirin. All. Stra- ni), Turchi, Cavagna. A disp.: Rossini, Patacchiola, Nori, Virdis. All.: ri), Ibekwe (30' st Lasagna). A disp. Sarao, Grimaldi, Ingrosso, Macrì.
no-O. Brevi. Fusi. All.: Palumbo.
Alessandria: Servili; Pucino; Ghosheh (1' st Damonte); Sottil; Cam- Monza: Westerveld; Tuia, Fiuzzi, Cudini, Barjie; Prato 6 (36' st Ikan- Varese: Moreau; Grillo, Gentili, Camisa, Armenise; Carrozza (7' st
maroto; Longhi; Fantini; Mateosaparicio (38' st Moracci); Rosso (24' de), Zebi, (1' st Seedorf S.), Oualembo 6; Iacopino; Viola, Samb (21' Tripoli), Dos Santos, Buzzegoli (17' st Osuji), Zecchin; Ebagua, Perei-
ra (20' st Del Sante). A disp.: Grandelement, Gambadori, Corti,
st Volpara); Rodriguez; Ciancio. A disp.: Cicuti; Signorini; Porrone; st Kyeremateng). A disp.: Marcandalli, Esposito, Anghileri, Seedorf Eliakwu. All.: Sannino.
Cassaneti. All.Buglio. C. All.: Cevoli. Arbitro: Paparazzo di Catanzaro.
Arbitro: Fabbri di Ravenna. Arbitro: Tretalange di Nichelino. Note: spettatori mille circa. Ammoniti: Camisa, Ebagua, Panini.
Rete: 26' pt Riva. Reti: 27' pt Turchi, 29' pt Iacopino. ● POSTICIPO — Stasera il programma della 24ª giornata si com-
Note: spettatori 1400 circa. Espulso il tecnico del Como al 24’st per Note: spettatori 1.399. Ammoniti: Tuia, Castellazzi, Samb, Barjie, pleterà con la sfida tra Viareggio e Perugia (ore 20,45). La gara
proteste. Ammoniti: Brevi, Goretti e Fragiello; Sottil. Gregori, Turchi. non sarà trasmessa in televisione.

LA CLASSIFICA DEI BOMBER

Evacuo (Benevento) doppietta da terzo posto


Guidetti sale in quarta posizione con 10 reti
14 reti: Le Noci (Pergocre- melli (Foligno), Bondi (Peru- mezzane), Rubino (Novara), 10 reti: Guidetti
ma). gia). Martini (Perugia), Buzzegoli 8 reti: Coda
13 reti: Motta (Novara). 7 reti: Cozzolino (Como), Iaco- (Varese). 5 reti: Musetti, Nizzetto
11 reti: Chianese (Arezzo), pino (Monza), Ripa (Pro Pa- 4 reti: Zanchetta (Cremone- 4 reti: Zanchetta
Evacuo (Benevento). tria), Paulinho (Sorrento), Eba- se), Fanucchi, Redomi (Figli- 3 reti: Bianchi
gua (Varese). ne), Corrent, Marconi, Sau 2 reti: Gori, Viali
10 reti: Guidetti (Cremone- (Lecco), Lauria (Lumezzane), 1 rete: Varricchio, Malacarne,
se). 6 reti: Castaldo (Benevento), Tortori, Ibekwe (Paganese), Fietta
9 reti: Clemente (Benevento), Fioretti (Figline), Turchi (Foli- Myrtaj, Fernandez (Sorrento),
Frediani (Figline), Pintori (Lu- gno), Samb (Monza), Serafini Momentè (Varese).
mezzane), Bertani (Novara). (Pro Patria). I MARCATORI GIALLOBLU
8 reti: Artico (Alessandria), 5 reti: Musetti, Nizzetto (Cre- 14 reti: Le Noci
Maniero (Arezzo), Coda (Cre- monese), Calderini (Foligno), I MARCATORI GRIGIOROS- 2 reti: Uliano, Florean
monese), Cavagna, Giaco- Ciano (Lecco), Emerson (Lu- SI 1 reti: Ferrari, Tarallo, Pianu Il bomber Max Guidetti in azione