Sei sulla pagina 1di 24

ORDINAMENTO

DEGLI STUDI

2.1.

Fondamenti e tappe del sistema di crediti

ECTS

Con la fine degli anni Novanta emersa, nellambito di alcuni Stati europei,
lesigenza di promuovere un ampio accordo sui modi di realizzare un sistema
comune di formazione, finalizzato a garantire la condivisione dei saperi, la loro
libera circolazione e il raggiungimento di un livello comune di qualit degli istituti di
istruzione.
Per ottenere un pi facile passaggio da unistituzione accademica allaltra e
per favorire la crescita culturale delle nuove generazioni in modo da creare, oltre
ad una Europa economica, politica e tecnologica, anche una Europa della
conoscenza, un passo significativo stato mosso in occasione di un primo
incontro svoltosi a Lisbona nel 1997.
Il vero avvio di un progetto attuativo si avuto a Bologna il 19 giugno del
1999, quando 29 Paesi europei [] hanno espresso la volont di armonizzare
tra loro i propri sistemi di istruzione superiore, creando cos lo spazio comune
europeo dellistruzione superiore. Nella Dichiarazione di Bologna gli Stati europei
hanno concordato una serie di obiettivi, compresi lintroduzione di cicli di studio a
due livelli con titoli comparabili, limplementazione dei sistemi di crediti didattici sul
modello dellECTS, la promozione della mobilit e il rafforzamento della
collaborazione europea attraverso la garanzia della qualit. In questa
dichiarazione congiunta i Ministri dei Paesi firmatari si sono impegnati a realizzare
tali obiettivi di riforma nel rispetto dellattribuzione delle competenze nel sistema
nazionale dellistruzione e dellautonomia delle universit. Dalla Dichiarazione di
Bologna ha preso avvio il cosiddetto Bologna Process (BP), un cammino graduale
che dovr condurre entro il 2010 i sistemi di istruzione universitari dei Paesi
firmatari ad una completa omogeneizzazione.
2.2.

Il sistema di crediti ECTS

Un sistema di crediti costituisce una procedura che mira a precisare un percorso


formativo descrittivo delle attivit svolte dallo studente: frequenza alle lezioni,
studio individuale, esercitazioni e laboratori, preparazione di elaborati scritti e
prove finali.
Il credito che lo studente acquisisce grazie allentrata in vigore dellECTS
corrisponde ad un lavoro complessivo che va da un minimo di 24 a un massimo di
30 ore. Sulla base di questi criteri, lo studente deve acquisire nellarco di un anno
accademico (computato in 36/40 settimane) 60 crediti, ossia esaurire un carico di
lavoro che va da un minimo di 1440 ore (60 x 24) a un massimo di 1800 ore (60 x
30).

GUIDA ACCADEMICA 2011-2012

CAPITOLO

Il risultato dellapprendimento, per essere esportabile con crediti ECTS, sar


contrassegnato con un sistema che valuter la prestazione complessiva dello
studente. La Commissione Europea propone di basare statisticamente i criteri di
valutazione, e di assegnare allo studente un giudizio articolato in sette fasce,
secondo la seguente tabella:
Voto in
trentesimi
29-30
27-28,99
24-26,99
21-23,99
18,01-20,99
< 18
< 15

2.3.

Qualifica
Summa cum laude probatus
Magna cum laude probatus
Cum laude probatus
Bene probatus
Probatus
Non sufficit (respinto: occorre un impegno limitato
per essere promosso)
Non sufficit (respinto: occorre un impegno
considerevole supplementare per essere promosso)

Fascia
A
B
C
D
E
Fx
F

La classificazione delle attivit formative

Le materie o discipline dei curricula assumono il nome di attivit formative.


Ciascun ciclo di studi triennale, di primo livello, biennale, di secondo livello
comprende un certo numero di attivit formative, ripartite in base alla loro valenza
allinterno del percorso didattico e al conseguente numero di crediti ECTS. Esse
sono suddivise in:
a) attivit formative di base, comuni a pi indirizzi;
b) attivit formative caratterizzanti, che orientano lo studente in modo pi
specifico nellindirizzo disciplinare prescelto;
c) attivit formative integrative, che completano, ampliandola in modo
consequenziale, la preparazione dellindirizzo scelto.
2.4.

Lofferta didattica

Il Pontificio Istituto di Musica Sacra rilascia i titoli di Baccalaureato, Licenza e


Dottorato in Musica Sacra, articolati in cinque indirizzi:
Canto gregoriano;
Composizione;
Direzione di coro;
Musicologia;
Organo.
Da questo anno accademico stato istituzionalizzato, accanto al Biennio
(Licenza) in Pianoforte, il Triennio (Baccalaureato) in Pianoforte
dettagliatamente illustrato in 2.7.

18

SECONDO

ORDINAMENTO DEGLI STUDI

La natura particolare del PIMS si distingue per laccentuato impegno, in termini


di ore di studio individuale, che lo studente deve riservare alle attivit formative
che richiedono:
a) lesecuzione (strumentale, vocale e direttoriale);
b) la composizione;
c) alcuni aspetti della ricerca musicologica nellambito dellesecuzione, dello
studio e della valorizzazione delle fonti musicali.
Larticolazione dellanno accademico comporta:
a) la suddivisione in due semestri accademici: il primo, met settembre-met
febbraio (didattico, da met ottobre a met febbraio) e il secondo, met
febbraio-met settembre (didattico, da met febbraio a fine maggio);
b) un ciclo di attivit didattica articolato in 24 settimane di lezioni (12 per
semestre, da met ottobre a fine maggio);
c) due sessioni per gli esami di profitto: estiva (maggio-giugno) e autunnale
(settembre-ottobre);
d) due sessioni per gli esami di fine ciclo (invernale, primaverile);
e) un periodo di sospensione didattica e alcune festivit, secondo le direttive
e il calendario della Santa Sede.
Le lezioni possono essere di tipo collettivo o individuale.
Con il sistema di crediti ECTS sono stati istituiti organismi e figure istituzionali
con funzione coordinativa e tutoriale: i Dipartimenti e gli Indirizzi.
I Dipartimenti, cui fanno capo i Docenti, coordinati ciascuno da un proprio
Direttore, sono i seguenti:
Di.Gre.Mu, Dipartimento di Canto gregoriano e di Musicologia;
Di.Com.Dir, Dipartimento di Composizione e Direzione di coro;
Di.Key, Dipartimento di Tastiere (Keyboards).
I Coordinatori di indirizzo hanno il compito di rappresentare alle Autorit
accademiche e agli Organi collegiali le esigenze dei singoli Docenti in merito
allattuazione e allorganizzazione dei vari curricula; esercitano anche la funzione
di guida dei singoli studenti, facendo proprie le comunicazioni dei loro organi di
rappresentanza.

2.5.

Il Corso in Musica Sacra

2.5.1.

Attivit formative

Per i cicli triennali, il PIMS offre una formazione di base comune a tutti gli studenti,
mentre la differenziazione fra i vari indirizzi si esprime per mezzo delle attivit
formative caratterizzanti e integrative.
Durante il secondo ciclo, le attivit formative di base si diversificano a seconda
dellindirizzo scelto, trattando campi disciplinari finalizzati ad una maggiore specializzazione.
Gli studenti del biennio di Canto gregoriano, Composizione, Musicologia e
Organo sono tenuti annualmente a frequentare dieci lezioni di Musica dinsieme
vocale e a partecipare alle attivit liturgico-musicali che linsegnante indicher.

19

GUIDA ACCADEMICA 2011-2012

CAPITOLO

Al centro della formazione graduale dello studente sono poste le attivit


formative caratterizzanti, che si riallacciano agli ambiti professionali di cui il PIMS
intende seguire il processo dinamico. Tutti gli indirizzi sono fondati sulla
multidisciplinariet e sulla pluralit didattica, per attuare un programma ampio e
diversificato.
Lofferta mira a completare con le attivit formative affini e integrative la
preparazione dello studente, in modo che egli possa spaziare negli ambiti confinanti con lindirizzo prescelto.
2.5.2.

Prove finali

Lofferta formativa destina alla difesa delle tesi, alle esecuzioni pubbliche, nonch
agli elaborati musicali un numero di crediti che nei trienni indipendente, mentre
per i bienni deve essere sommato a quello acquisito con le attivit formative che
concorrono alla loro preparazione e che nelle tabelle sinottiche sono
contrassegnate dalla sigla PPF (per prova finale).
Le tabelle che seguono presentano i seguenti dati:
denominazione dellattivit formativa;
tipo di attivit formativa (di base, caratterizzante, integrativa);
numero di crediti ECTS corrispondenti;
durata (annuale o semestrale).
Le informazioni relative ai corsi si completano nel terzo capitolo con le schede
dettagliate delle singole attivit formative.

20

SECONDO

ORDINAMENTO DEGLI STUDI

2.6.

Sinossi degli indirizzi del Corso in Musica Sacra

2.6.1.

Indirizzo Canto gregoriano

Baccalaureato

1
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Liturgia corso base
Lingua latina
Informatica (scoring, editing)
Pianoforte indirizzo CG 1
Armonia complementare 1
Canto gregoriano corso
avanzato 1
Interpretazione gregoriana 1

Tipo
base
base
base
base
integrativa
integrativa
caratterizzante

Cr
6
6
6
3
9
6
12

Durata
annuale
annuale
annuale
semestrale
annuale
annuale
annuale

caratterizzante

12

annuale

Tipo
base
base
integrativa
integrativa

Cr
6
6
6
12

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale

integrativa
caratterizzante

6
12

annuale
annuale

caratterizzante

12

annuale

Tipo
base
base
integrativa

Cr
6
6
3

Durata
annuale
annuale
semestrale

integrativa

semestrale

integrativa
integrativa
caratterizzante

6
6
12

annuale
annuale
annuale

caratterizzante

12
6

annuale

2
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Storia della musica 1
Letteratura latina
Pianoforte indirizzo CG 2
oppure
Organo complementare1
Armonia complementare 2
Canto gregoriano corso
avanzato 2
Interpretazione gregoriana 2

3
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Storia della musica 2
Legislazione liturgica e codici
sonori
Archivistica e codicologia corso
base
Organo complementare 1 o 2
Direzione gregoriana 1
Canto gregoriano corso
avanzato 3
Interpretazione gregoriana 3
TESI DI BACCALAUREATO IN CANTO
GREGORIANO

21

GUIDA ACCADEMICA 2011-2012

CAPITOLO

Licenza

1
Attivit formativa
Storia della musica sacra 1
Liturgia corso avanzato 1
Istituzioni ecclesiastiche
Armonizzazione della monodia
liturgica
Canto gregoriano corso
specialistico 1
Repertorio romano antico
Forme del canto gregoriano
tardivo
Teorici medievali
Una materia opzionale
(scelta dallo studente)

Tipo
base
base
base
integrativa

Cr
6
6
6
6

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale

caratterizzante

12

annuale

caratterizzante
caratterizzante

6
6

semestrale
semestrale

caratterizzante
caratterizzante

6
6

semestrale
semestrale

Tipo
base
base
base
base

Cr
6
3
3
6

Durata
annuale
semestrale
semestrale
annuale

integrativa

annuale

caratterizzante

12

annuale

caratterizzante
caratterizzante
caratterizzante

6
6
6

semestrale
semestrale
semestrale

2
Attivit formativa
Storia della musica sacra 2
Liturgia corso avanzato 2
I salmi e la liturgia
Bibliologia liturgica oppure
Istituzioni di musicologia
Archivistica e codicologia corso
avanzato
Canto gregoriano corso
specialistico 2
Forme della polifonia arcaica
Un repertorio antico opzionale *
Una materia opzionale (scelta
dallo studente)*
TESI DI LICENZA

*oppure una materia opzionale annuale

22

SECONDO

2.6.2.

ORDINAMENTO DEGLI STUDI

Indirizzo Composizione

Baccalaureato

1
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Liturgia corso base
Lingua latina
Canto gregoriano corso base 1
Informatica (scoring, editing)
Pianoforte indirizzo COMP/DC 1
Lettura della partitura 1
Composizione 1

Tipo
base
base
base
base
base
integrativa
integrativa
caratterizzante

Cr
6
6
6
6
3
9
12
12

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale
semestrale
annuale
annuale
annuale

Tipo
base
base
integrativa
integrativa
integrativa
integrativa
caratterizzante

Cr
6
6
6
6
12
12
12

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale

Tipo
base
base
integrativa
integrativa
integrativa
integrativa

Cr
6
6
6
6
6
12

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale

caratterizzante

12
6

annuale

2
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Storia della musica 1
Analisi musicale 1
Letteratura latina
Pianoforte indirizzo COMP/DC 2
Lettura della partitura 2
Composizione 2

3
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Storia della musica 2
Analisi musicale 2
Semiografia polifonica 1
Basso continuo 1
Tecnica della direzione 1 e
Didattica corale
Composizione 3
ESECUZIONE PUBBLICA

23

GUIDA ACCADEMICA 2011-2012

CAPITOLO

Licenza

1
Attivit formativa
Storia della musica sacra 1
Estetica della musica
Analisi musicale 3
Semiografia polifonica 2 oppure
Lettura della partitura 3
Organo complementare 1
oppure Tecnica della direzione
2 e Didattica corale
Tecniche di strumentazione e
orchestrazione 1
Composizione corso
specialistico 1

Tipo
base
base
integrativa
integrativa

Cr
6
6
6
6

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale

integrativa

12

annuale

caratterizzante

12

annuale

caratterizzante

12

annuale

Tipo
base
base
integrativa
integrativa

Cr
6
6
6
6

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale

caratterizzante

12

annuale

caratterizzante

annuale

caratterizzante

12

annuale

2
Attivit formativa
Storia della musica sacra 2
Letteratura poetica
Analisi musicale 4
Organo complementare 2
oppure Tecnica della direzione
3 e Didattica corale
Tecniche di strumentazione e
orchestrazione 2
Composizione corso
specialistico 2a
Composizione corso
specialistico 2b
ESECUZIONE PUBBLICA

24

SECONDO

2.6.3.

ORDINAMENTO DEGLI STUDI

Indirizzo Direzione di coro

Baccalaureato

1
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Liturgia corso base
Lingua latina
Canto gregoriano corso base 1
Informatica (scoring, editing)
Pianoforte indirizzo COMP/DC 1
Armonia e contrappunto 1
Tecnica della direzione 1 e
Didattica corale*

Tipo
base
base
base
base
base
integrativa
integrativa
caratterizzante

Cr
6
6
6
6
3
9
12
12

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale
semestrale
annuale
annuale
annuale

Tipo
base
base
integrativa
integrativa
integrativa
integrativa
caratterizzante

Cr
6
6
6
6
12
12
12

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale

Tipo
base
base
integrativa
integrativa
integrativa
integrativa
caratterizzante

Cr
6
6
6
6
6
12
12

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale

2
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Storia della musica 1
Canto gregoriano corso base 2
Letteratura latina
Pianoforte indirizzo COMP/DC 2
Armonia e contrappunto 2
Tecnica della direzione 2 e
Didattica corale

3
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Storia della musica 2
Analisi musicale 1
Basso continuo 1
Direzione gregoriana 1
Armonia e contrappunto 3
Tecnica della direzione 3 e
Didattica corale

6
* Didattica corale, nel ciclo di Baccalaureato, comprende anche Vocalit e
Pedagogia della voce
CONCERTO CON IL CORO

25

GUIDA ACCADEMICA 2011-2012

CAPITOLO

Licenza

1
Attivit formativa
Lettura della partitura 1
Semiografia polifonica 1
Analisi musicale 2
Legislazione liturgica e codici
sonori
Lineamenti di acustica musicale
Organo complementare 1
Composizione indirizzo DC 1
Direzione corale 1 e Didattica
corale*

Tipo
base
integrativa
integrativa
integrativa

Cr
6
6
6
3

Durata
annuale
annuale
annuale
semestrale

integrativa
integrativa
caratterizzante
caratterizzante

3
12
12
12

semestrale
annuale
annuale
annuale

Tipo
base
integrativa
integrativa
integrativa

Cr
6
6
6
3

Durata
annuale
annuale
annuale
semestrale

integrativa

semestrale

integrativa
integrativa
caratterizzante

6
12
12

annuale
annuale
annuale

2
Attivit formativa
Lettura della partitura 2
Semiografia polifonica 2
Analisi musicale 3
Archivistica e codicologia corso
base
Semiografia della musica
contemporanea
Organo complementare 2
Composizione indirizzo DC 2
Direzione corale 2 e Didattica
corale*

6
* Didattica corale, nel ciclo di Licenza, comprende anche Musica dinsieme vocale
CONCERTO CON IL CORO

26

SECONDO

2.6.4.

ORDINAMENTO DEGLI STUDI

Indirizzo Musicologia

Baccalaureato

1
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Liturgia corso base
Lingua latina
Informatica (scoring, editing)
Metodologia
Armonia per musicologi 1
Strumenti e metodi della ricerca
musicologica
Canto gregoriano corso
avanzato 1

Tipo
base
base
base
base
integrativa
integrativa
caratterizzante

Cr
6
6
6
3
6
9
12

Durata
annuale
annuale
annuale
semestrale
annuale
annuale
annuale

caratterizzante

12

annuale

Tipo
base
base
integrativa
integrativa
integrativa
caratterizzante

Cr
6
6
6
6
12
12

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale

caratterizzante

12

annuale

Tipo
base
base
integrativa
integrativa
integrativa

Cr
6
6
6
6
6

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale

caratterizzante

12

annuale

caratterizzante

12

annuale

2
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Storia della musica 1
Analisi musicale 1
Semiografia polifonica 1
Armonia per musicologi 2
Fonti per la ricerca della musica
sacra
Canto gregoriano corso
avanzato 2

3
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Storia della musica 2
Analisi musicale 2
Semiografia polifonica 2
Tradizioni musicali cattoliche
non latine
Temi di ricerca sulla musica
sacra
Canto gregoriano corso
avanzato 3
TESI DI BACCALAUREATO

27

GUIDA ACCADEMICA 2011-2012

CAPITOLO

Licenza

1
Attivit formativa
Storia della musica sacra 1
Estetica della musica
Analisi musicale 3
Etnomusicologia
Storia delle teorie musicali
Canto gregoriano corso
specialistico 1
Una materia a scelta dello
studente

Tipo
base
base
integrativa
caratterizzante
caratterizzante
caratterizzante

Cr
6
6
6
12
12
12

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale

caratterizzante

annuale

Tipo
base
base
integrativa
integrativa

Cr
6
6
6
3

Durata
annuale
annuale
annuale
semestrale

integrativa

semestrale

caratterizzante
caratterizzante

12
12

annuale
annuale

caratterizzante

annuale

2
Attivit formativa
Storia della musica sacra 2
Letteratura poetica
Analisi musicale 4
Semiografia strumentale oppure
Semiografia della musica
contemporanea
Forme della letteratura
organistica oppure Organologia
Informatica per la musicologia
Filologia musicale: ledizione
critica
Una materia a scelta dello
studente
TESI DI LICENZA

28

SECONDO

2.6.5.

ORDINAMENTO DEGLI STUDI

Indirizzo Organo

Baccalaureato

1
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Liturgia corso base
Lingua latina
Canto gregoriano corso base 1
Informatica (scoring, editing)
Pianoforte indirizzo OR 1
Armonia contrappunto 1
Organo 1

Tipo
di base
di base
di base
base
base
integrativa
integrativa
caratterizzante

Cr
6
6
6
6
3
9
12
12

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale
semestrale
annuale
annuale
annuale

Tipo
base
base
base
integrativa

Cr
6
6
6
6

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale

integrativa
integrativa
caratterizzante

12
12
12

annuale
annuale
annuale

Tipo
base
base
integrativa
integrativa
integrativa
caratterizzante
caratterizzante

Cr
6
6
3
6
12
9
12
6

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale

2
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Storia della musica 1
Canto gregoriano corso base 2
Armonizzazione monodia
liturgica 1
Pianoforte indirizzo OR 2
Armonia contrappunto 2
Organo 2

3
Attivit formativa
Musica dinsieme vocale
Storia della musica 2
Organografia
Pianoforte indirizzo OR 3
Armonia contrappunto 3
Improvvisazione organistica 1
Organo 3
CONCERTO DORGANO
BACCALAUREATO

29

GUIDA ACCADEMICA 2011-2012

CAPITOLO

Licenza

1
Attivit formativa
Lettura della partitura
Semiografia polifonica 1
Armonizzazione monodia
liturgica 2
Basso continuo 1
Composizione indirizzo OR 1
Improvvisazione organistica 2
Organo corso avanzato 1

Tipo
base
integrativa
integrativa

Cr
6
6
6

Durata
annuale
annuale
annuale

integrativa
integrativa
caratterizzante
caratterizzante

6
12
12
12

annuale
annuale
annuale
annuale

Tipo
integrativa
integrativa
integrativa
integrativa

Cr
3
3
6
3

Durata
semestrale
semestrale
annuale
semestrale

integrativa
integrativa
caratterizzante
caratterizzante

3
12
12
12
6

semestrale
annuale
annuale
annuale

2
Attivit formativa
Analisi musicale indirizzo OR1
Analisi musicale indirizzo OR2
Basso continuo 2
Forme della letteratura
organistica
Prassi esecutiva
Composizione indirizzo OR 2
Improvvisazione organistica 3
Organo corso avanzato 2
CONCERTO DORGANO LICENZA

30

SECONDO

2.7.

ORDINAMENTO DEGLI STUDI

Il Corso di Pianoforte

Il Corso di Pianoforte, il cui accesso riservato a studenti gi in possesso di


un adeguato livello pianistico, intende fornire una preparazione professionale
finalizzata al concertismo e alla didattica, tramite elementi culturali e tecnicomusicali.
Triennio (Baccalaureato)

1
Attivit formativa
Pianoforte prassi
repertorio solistico 1
Prassi repertorio per
pianoforte e orchestra 1
Musica da Camera e
Acc.to Pianistico 1
Esercitazioni corali
Armonia complementare 1
Storia della Musica 1
Storia del Pianoforte e
repertorio pianistico
Materia a scelta dello
studente

Tipo
Caratterizzante

Cr
18

Durata
Annuale

Caratterizzante

12

Annuale

Caratterizzante

Semestrale

Base
Base
Base
Integrativa o affine

6
6
6
3

Annuale
Annuale
Annuale
Semestrale

Semestrale

Tipo
Caratterizzante

Cr
18

Durata
Annuale

Caratterizzante

Semestrale

Base
Base
Base
Integrativa o affine
Integrativa o affine

6
6
6
6
3

Annuale
Annuale
Annuale
Annuale
Semestrale

Annuale

2
Attivit formativa
Pianoforte prassi
repertorio solistico 2
Musica da Camera e
Acc.to pianistico 2
Esercitazioni corali
Armonia complementare 2
Storia della Musica 2
Strumento a tastiera
Informatica musicale
(scoring , editing)
Materia a scelta dello
studente

31

GUIDA ACCADEMICA 2011-2012

CAPITOLO

3
Attivit formativa
Pianoforte prassi repertorio solistico 3
Repertorio per pianoforte e orchestra
2
Analisi 1
Lingua straniera comunitaria
Materia a scelta dello studente
Esame finale

32

Tipo
Caratterizzante
Caratterizzante

Cr
18
12

Durata
Annuale
Annuale

Base
Discipline
linguistiche

6
3

Annuale
Semestrale

3
18

Semestrale

SECONDO

ORDINAMENTO DEGLI STUDI

Biennio (Licenza)

1
Attivit formativa
Pianoforte prassi repertorio solistico 4
Prassi repertorio per pianoforte e orchestra 3
Analisi musicale 2
Improvvisazione 1
Tecniche di lettura estemporanea
Trattatistica per strumenti a tastiera
Musica da camera e accompagnamento
pianistico 3
Informatica musicale
Materia a scelta dello studente

Tipo
caratterizzante
caratterizzante
base
base
base
base
integrativa

Cr
12
12
6
6
6
3
6

Durata
annuale
annuale
annuale
annuale
annuale
semestrale
semestrale

integrativa
integrativa o
affine

3
6

semestrale
annuale o
semestrale

2
Attivit formativa
Pianoforte prassi repertorio solistico 5
Prassi repertorio con pianoforte e
orchestra 4
Analisi musicale 3
Improvvisazione 2
Organologia
Musica da camera e
accompagnamento pianistico 4
Letteratura e filosofia
tra 800 e 900
Lingua straniera
Materia elettiva o affine
(Organo, Clavicembalo, Canto gregoriano,
Estetica della musica, Semiografia strumentale o
polifonica)

RECITAL DI PIANOFORTE E
CONCERTO CON ORCHESTRA
LICENZA

Tipo
caratterizzante
caratterizzante

Cr
12
12

Durata
annuale
annuale

base
base
base
integrativa

6
6
3
6

annuale
annuale
semestrale
semestrale

integrativa

semestrale

integrativa
integrativa o
affine

3
6

semestrale
annuale o
semestrale

33

GUIDA ACCADEMICA 2011-2012

2.8

CAPITOLO

Corso post-gradum in organo (ad experimentum)


2.8.1 Finalit

Il corso si rivolge agli organisti diplomati e idonei per un approfondito studio


dello strumento e della sua estetica. Il diploma di conservatorio o equipollente,
sar considerato titolo valido per liscrizione. Il candidato, per la frequenza
dellindirizzo C, dovr inoltre superare una prova dammissione e di idoneit. Per
lindirizzo A e B il corso pu essere articolato su un intero anno accademico
(lezioni quindicinali) o essere di durata biennale (lezioni mensili). Lindirizzo C di
durata biennale (lezione ogni quindici giorni). La frequenza di una materia
complementare (scelta tra le materie principali degli altri due indirizzi)
auspicabile, ma non obbligatoria. Il curriculum viene personalizzato secondo le
necessit di ogni candidato. Lesame finale terr conto delle finalit attorno alle
quali si articolatoil curriculum.
2.8.2. Articolazione
Il Corso tenuto da tre docenti, che si dedicano a particolari aspetti della
prassi, dellimprovvisazione e dellinterpretazione della letteratura per organo.
Lallievo, al momento delliscrizione, sceglie uno dei tre indirizzi.
Indirizzo A (M. Roberto Marini): Interpretazione della musica dellOttocento
italiano
Indirizzo B (M. Federico Del Sordo): Basso continuo e musica antica
Indirizzo C (M. Theo Flury): Organo liturgico e improvvisazione organistica
Indirizzo A: Interpretazione
Questo indirizzo risponde ad unesigenza concreta. Alcuni organisti, gi
formati, esprimono il desiderio di approfondire la loro formazione sullanalisi
stilistica e compositiva della letteratura organistica. Tale studio porta inoltre ad
unesecuzione consapevole e informata sullevoluzione della musica per organo
nei vari momenti storici.
1. Il corso tende ad approfondire la formazione dellorganista come
musicista completo, bilanciando le componenti dellinterpretazione,
della conoscenza teorica e di quella pratica della tradizione
organistica (analizzare le forme e gli stili del repertorio), del rigore
tecnico e della facilit di saper rispondere coerentemente alle
esigenze della corretta registrazione dellorgano nei suoi diversi
aspetti.
2. Il corso vuole riscoprire un campo di vari contenuti che distinguono il
profilo dellorganista. Il corso inteso come prima tappa iniziale
(accompagnata dallinsegnanate) di una ricerca che deve continuare
anche dopo lesame finale, secondo la responsabilit personale del
candidato.

34

SECONDO

ORDINAMENTO DEGLI STUDI

3.
4.

Il programma iniziale di studio si basa sui contenuti del biennio


dellindirizzo Organo adottato dal Pontificio Istituto di Musica Sacra.
Gli incontri avverranno in diverse localit (Roma, Gallarate, Cremona,
Brescia, Bergamo, Trento, Aquileia) e su organi idonei alla corretta
interpretazione dei brani scelti per la lezione programmata.

Indirizzo B: Basso continuo e musica antica


1. Finalit
Questo corso di specializzazione destinato ai clavicembalisti e agli organisti si
prefigge, innanzi tutto, un approfondimento stilistico della prassi del basso
continuo mirato a differenziare le varie scuole e le differenti epoche. In secondo
luogo, il percorso formativo mette in relazione tali acquisizioni con
laccompagnamento di complessi strumentali e/o vocali in modo che esso
aderisca al gusto e alle tecniche esecutive dei period instruments.
2. Articolazione
Il corso dura quattro semestri che iniziano contemporaneamente a quelli dei corsi
ordinari del PIMS (met ottobre, primo semestre; met febbraio, secondo
semestre). Perseguendo la ricerca dellautenticit, le lezioni pratiche sono perci
affiancate da alcuni seminari che focalizzano:
1. la storia del basso continuo attraverso lampia trattatistica e la
letteratura musicale;
2. le regole armoniche generali e quelle proprie di ciascuna area
culturale;
3. i rapporti fra i parametri della realizzazione e le caratteristiche dei
complessi accompagnati.
Il repertorio proposto nel corso si snoda principalmente attraverso il repertorio
strumentale (a due e in trio):
- opere di compositori italiani della seconda met del 600 fino alla
seconda met del 700;
- opere di compositori tedeschi del 700;
- opere di compositori francesi dalle due ultime decadi del 600 alla
seconda met del 700.
Per quanto riguarda il repertorio vocale, le lezioni si concentreranno sulle opere di
musica sacra che prevedono il basso continuo, limitatamente a quelle del xviii
sec., in particolare:
- cantate a una voce;
- mottetti della scuola francese voix seule.
3. Esami
Sono previste, come strumenti di verifica:
a) due prove esecutive, una basata prevalentemente sulla musica
strumentale, laltra concentrata su quella vocale;
b) un esame teorico;
c) unesercitazione bibliografica.
Alla fine del corso viene rilasciato un attestato di conseguimento del Post-gradum
in basso continuo e musica antica.

35

GUIDA ACCADEMICA 2011-2012

CAPITOLO

4. Strumenti
Per realizzare questo programma di studi, gli studenti avranno a disposizione:
- un piccolo ensemble vocale e strumentale;
- alcuni clavicembali, un virginale italiano, un clavicordo, un organo
positivo del 700, alcuni organi a trasmissione meccanica.
Gli studenti possono consultare la Biblioteca del PIMS negli orari dapertura,
osservandone il regolamento per la consultazione e il prestito dei testi.
5. Accesso
Per essere ammessi al corso, oltre a essere in possesso dei requisiti daccesso ai
corsi del PIMS (licenza di scuola media superiore e dei documenti richiesti per
limmatricolazione), necessario aver conseguito un diploma di magistero (o titolo
equipollente: diploma di conservatorio italiano vecchio ordinamento o biennio
superiore di secondo livello) in organo o clavicembalo. Liscrizione comporta il
versamento delle tasse previste entro i termini stabiliti.
Indirizzo C: Organo liturgico / improvvisazione organistica
Questo indirizzo risponde a una esigenza concreta: alcuni organisti gi
diplomati esprimono il desiderio di approfondire la loro formazione
implementandola con laspetto compositivo e improvvisativo, contestualizzato sia
nella prassi liturgica che in quella concertistica o didattica. Tale studio porta inoltre
ad unesecuzione della letteratura organistica basata maggiormente sullanalisi
compositiva della musica.
Il corso biennale formato da due componenti costitutive.
La prima parte comprende i contenuti prevalentemente tecnici come:
1.
Esercizi armonici e contrappuntistici, elaborazioni di semplici forme
musicali basate su temi dati o inventati. Armonizzazione di corali delle
varie epoche nello stile appropriato nei diversi modi della tradizione
organistica; introduzione ed esercitazioni nel campo dellarmonia
modale tradizionale e del canto gregoriano. Forme: intonazione e
coda finale, preludio / interludio / postludio, variazione, versetti.
Sviluppo di una sensibilit compositiva estemporanea, in relazione
alle esigenze poste dalla prassi liturgica corrente.
2.
Analisi e esercitazioni della forma tripartita, della forma sonata e del
fugato, analisi ed esercitazione dei vari stili e forme della musica
organistica (incluso il repertorio contemporaneo), improvvisazioni
abbinate con altri strumenti, testi, immagini, danza e filmati muti, ecc.
La seconda parte si concentra:
1.
Sulla maturazione dellidentit estetica personale del musicista.
2.
Sulle sfide concrete del contesto lavorativo del candidato (liturgia,
concerti, insegnamento).
3.
Sulle esigenze individuali di ogni singolo candidato.
Ragioni del programma
Il corso tende di approfondire la formazione dellorganista come musicista
completo, bilanciando le componenti sia dellinvenzione che dellinterpretazione,
della conoscenza teorica e di quella pratica della tradizione organistica (analizzare
e ricreare le forme e gli stili del repertorio), del rigore tecnico e della facilit di
saper rispondere coerentemente alle esigenze del momento. Particolare
attenzione spetta alla ricerca di un linguaggio, ossia di unestetica personale.

36

SECONDO

ORDINAMENTO DEGLI STUDI

Il corso vuole riscoprire un campo di vari contenuti che distinguono il profilo


dellorganista, non limitandosi ad essere un interprete con un sostrato teorico o
musicologico.
Il corso inteso come prima tappa iniziale (accompagnata dallinsegnante)
di una ricerca che deve continuare anche dopo lesame finale, secondo la
responsabilit personale del candidato.
Lo scopo primario del lavoro non sar di suonare senza alcuna preparazione
o senza appunti, ma di trovare una formula individualmente valida, tenendo conto
delle capacit di memorizzare e delluso saggio di mezzi scritti, in funzione di un
risultato musicale ottimale.
Nonostante le affermazioni precedenti, si devono sviluppare anche le
capacit di suonare in modo estemporaneo e a memoria (senza appunti) nella
massima misura possibile per ciascun candidato non come scopo principale del
corso , ma come una delle abilit da sviluppare.
Alcune parti del percorso sono identiche ai contenuti dellattivit formativa
improvvisazione del triennio e del biennio dellindirizzo di Organo al Pontificio
Istituto di Musica Sacra.
Tasse
Immatricolazione: . 60,00
Iscrizione e frequenza annuale: . 500,00

37

GUIDA ACCADEMICA 2011-2012

2.9

CAPITOLO

Corso di Operatore Liturgico Musicale (OLM)

Il Corso di Operatore Liturgico Musicale offre un articolato programma biennale, che


prevede le materie che maggiormente possono interessare coloro che siano essi religiosi
o laici hanno la responsabilit di organizzare e promuovere la musica liturgica presso le
rispettive parrocchie o comunit.
Le lezioni sono concentrate negli ultimi giorni della settimana venerd e sabato per
facilitare laccesso al Corso a chi, per impegni diversi, troverebbe difficile frequentarlo nel
corso della settimana.
Insegnamenti e Docenti
Solfeggio/Teoria
Vocalit/Canto
Liturgia
Legislazione liturgico-musicale
Latino
Canto gregoriano
Organo

M Renzo Cilia
M Walter Marzilli
Prof. d. Salvatore Barbagallo
Prof. Nicola Tangari
Prof. Mauro Pisini
M Franz Karl Prassl
M Federico Del Sordo

Articolazione del Corso (per anno accademico)


Solfeggio/Teoria
Vocalit/Canto
Liturgia
Legislazione liturgico-musicale
Analisi dei testi latini-liturgici
Canto gregoriano

22 lezioni
12 lezioni
6 lezioni
2 lezioni
6 lezioni
5 lezioni

Organo

(secondo il numero degli iscritti)


Tasse

Immatricolazione: . 60,00
Iscrizione e frequenza annuale: . 350,00

38

per ore 33
per ore 18
per ore 9
per ore 3
per ore 9
per ore 12

SECONDO

2.10

ORDINAMENTO DEGLI STUDI

Corso di Lingua e Letteratura italiana

Il Pontificio Istituto di Musica Sacra mette a disposizione degli alunni stranieri un Corso di
Lingua e Letteratura italiana della durata di due anni. Ogni annualit prevede un esame
finale.
LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I
MAURO PISINI
Inizio semestre 1

Durata annuale

Esame scritto e orale

Obiettivi formativi
Il corso propone agli studenti la conoscenza sistematica delle strutture
morfologiche, grammaticali e sintattiche della lingua italiana, utili per
acquisire una corretta conoscenza delle funzioni scritte e orali, da
impiegare nella comprensione delle discipline musicali.
Parte teorica
Analisi morfologica e grammaticale della lingua italiana.
Parte pratica
Esercizi di comprensione e analisi testuale.
Revisione del testo dettato nella lezione precedente.
Dettato.
Lettura in prosa (articoli giornalistici).
Conversazione.
Articolazione
Lezioni frontali collettive con esercitazioni scritte e orali.
Bibliografia
Dispense del Docente.
Programma desame
SCRITTO: Dettato di argomento letterario.
ORALE: Revisione della prova scritta.
Lettura, sintesi orale, commento morfologico-grammaticale di un articolo
giornalistico, scelto tra quelli indicati dal docente.
Conversazione.
LINGUA E LETTERATURA ITALIANA II
MAURO PISINI
Inizio semestre 1

Durata annuale

Esame scritto e orale

Obiettivi formativi
Il corso propone agli studenti la conoscenza sistematica dellanalisi
logica della lingua italiana, con particolare riferimento a testi in prosa e
poesia della tradizione letteraria.

39

GUIDA ACCADEMICA 2011-2012

CAPITOLO

Parte teorica
Analisi logica della lingua italiana.
Parte pratica
Correzione degli elaborati assegnati (esercizi di verifica, composizioni a
tema libero, o su argomenti sia letterari, sia tecnico-musicali).
Lettura in prosa, con riassunto orale di comprensione.
Lettura in poesia, con riassunto orale di comprensione.
Conversazione.
Articolazione
Lezioni frontali collettive, con esercitazioni scritte e orali.
Bibliografia
Dispense del Docente.
Programma desame
SCRITTO: Composizione su tema o libero, o letterario, o tecnico musicale.
(Tempo assegnato: 4 ore)
ORALE: Revisione della prova scritta.
Lettura, sintesi orale, analisi logica di una prosa e di una poesia tra
quelle studiate durante lanno.
Conversazione.

40