Sei sulla pagina 1di 36

Settembre 2014

Z
o
n
a

5
0
8

T
r
i
m
e
s
t
r
a
l
e

D
a
g
l
i

I
s
t
i
t
u
t
i

d
i

p
e
n
a

B
r
e
s
c
i
a
n
i

A
u
t
o
r
i
z
z
a
z
i
o
n
e

d
e
l

T
r
i
b
u
n
a
l
e

d
i

B
r
e
s
c
i
a


n
.
2
5
/
2
0
0
7

d
e
l

2
1

g
i
u
g
n
o

2
0
0
7

Zona 508
il trimestrale DAgli
Istituti di pena Bresciani
2

Autorizzazione del Tribunale di
Brescia n.25/2007 del
21 Giugno 2007.

Direttore responsabile:
Marco Toresini

Editore:
Act
(Associazione Carcere e Territorio)
Vicolo Borgondio, 29 Brescia

Redazione amministrativa:
c/o Act
Vicolo Borgondio, 29Brescia

Tipografia:
Grafiche Cola Sr.
Via Rosmini, 12/b
23900 Lecco

Redazione:
Seguici sul nostro Blog:
http://vocidibrescia.corriere.it/author/
vocidalcarcere/
Francesco, Marco, Vincenzo,
Angelo, Flavio, Jawab,Stefano,
Carlo, Beqir, Vito, Mario,Fabrizio,
Eddy, Driton ,Redouane,
Annamaria, Omar,Bianca,
Mariapaola, Alessandro,Piova,
Laura, Giuseppe, Cesare,Daniela,
Lucia, Sofia, Alessio, Daniela,
Laura, Camilla,Roberta,
Alessandra, Francesca,Marta,
Andrea, Virginia, Enrica, Chiara,
Gianluca.
Editoriale 3
Speciale: Volontari
in Redazione
10
Poesie 25
Rubrica: Scrittura
Creativa
27
Rubrica: Musicale 30
Ricette 33
Oroscopo 34
Sommario
3

La legge del dare

Le leggi, si sa, regolano la convivenza di un Paese e di chi ci vive. C per una legge tutta
speciale che giova non solo a chi la pratica, ma anche a chi ne beneficiario. E la legge del
dare, della gratuit; la legge del volontario, di chi lavora prima con il cuore e poi con le
mani.
Cosa vuol dire fare il volontario, cosa fa un volontario e una realt no profit. In questo nume-
ro la redazione di Zona 508 ha cercato approfondire un tema che sembra agli antipodi dello
spirito che si vive allinterno di una realt carceraria, alle ragioni che hanno portato molti dei
suoi ospiti in una cella. Se il volontario cerca la gratuit come stile di vita, il dono come co-
ronamento di unesistenza. Chi finito dietro le sbarre lo ha fatto spesso proprio perch per-
seguiva una voglia malata di possesso, unavidit perversa. Ma per molti quelli sono stati
episodi oscuri di unesistenza che oggi si vorrebbe seppellire in uno slancio e in una voglia
di cambiamento che non sempre le strutture che li ospitano sanno cogliere a pieno, propi-
ziando la rinascita.
Parlare di volontariato per i redattori di Zona 508 ha significato quindi riflettere sul senso di
una vita diversa, talvolta opposta a quella piena di curve pericolose che ha portato loro in
una cella sovraffollata. Una riflessione dalla quale ripartire, dalla quale ottenere quel carbu-
rante motivazionale con cui operare le scelte che contano per la vita. Per una nuova vita.
Parlare di volontariato da dentro un carcere, poi, parlare di qualcosa che oltre quelle porte
blindate e quei muri di cinta ha rappresentato negli anni unossatura sempre pi importante
di tanti percorsi di recupero. Volontari sono i redattori esterni di Zona 508, volontari sono i
tanti istruttori, insegnanti, allenatori che mettono a disposizione competenze e passioni per
cercare di educare al riscatto. Cos, per molti cresciuti alla legge del prendere e del
prevaricare, arrivata lora di affidarsi alla legge del dare e del condividere in una
buona pratica che pu diventare punto di forza per essere uomini diversi. Le piccole crona-
che dal mondo del volontariato che troverete nelle pagine che seguono dovrebbero essere
lette come prese di coscienza che un mondo diverso possibile. Un mondo dove i valori
contano pi dei desideri, dove si pu ricostruire ci che si distrutto.
Qualcuno, in questi mesi, ci sta tentando con percorsi di giustizia riparativa che rappresenta-
no modi nuovi per pagare il proprio conto con la giustizia e la comunit. Si tratta talvolta di
prove tecniche di volontariato che in futuro per alcuni potrebbero garantire non solo un ap-
pagamento per lo spirito, ma anche un modo per ricostruirsi una speranza. Quella di una vita
che ha saputo voltare pagina. E c tanto di questo desiderio dietro i resoconti giornalistici
dei redattori di Zona 508.

Marco Toresini
4

Il Creato

Quando sei recluso vivi emozioni introvabili nella societ esterna.
Il Creato il titolo di un dibattito affrontato nel convegno svoltosi fra noi detenuti uo-
mini e donne, un sacerdote hippie, una volontaria della C.R di Verziano.
Creato parola che implica tutto: inizio, fine, Dio, terra, uomo, donna, bene comune,
bene all'uso di tutti, bene in disuso per l'uso sfrenato di tutti. Boschi decimati, mare
riscaldato, montagne sgretolate, ghiacciai sciolti, colline, pianure allagate: creato!
Mi domando: "Anche io sono stato creato, anche io sono alla deriva?"
scritto che Dio quando cre la terra disse:"Ben fatto, una bella cosa". Cre l'uomo e
si compiacque al punto di creare la donna in modo da non lasciare incompiuta la vita.
Di tempo ne passato, siamo sulla luna, viaggiamo alla ricerca di vita su altri pianeti,
abbiamo scoperto come metterci in comunicazione con ogni parte del mondo Evolu-
zione!
Fermiamoci un momento a riflettere: bench io sia recluso, non mi sento alla deriva,
dentro di me c' la voglia di creare; di fare dei figli, di dar loro un'educazione confor-
me al creato. No, non mi riferisco al paradiso, ma a quel creato che si chiama Terra,
pianeta Terra, con i suoi mari e le sue montagne, colline, valli, citt, paesi
Ecco, questo creato pu sopravvivere solo se l'uomo attraverso l'arte dell'arrangiarsi,
oltre che creare, inventare, costruire, viaggiare nello spazio, iniziasse a gustare il pro-
fumo della terra, l'odore della montagna e il salmastro del mare.
Ecco le emozioni che il convegno di oggi mi ha suscitato Mi ha fatto sentire impor-
tante, in quanto anche io faccio parte di questa Terra; anche io come recluso posso ini-
ziare a pensare ad un'educazione rispettosa di questo creato.
Posso iniziare con un'educazione che rispetti l'acqua, le persone che mi circondano, il
luogo in cui sono recluso anche questo fa parte del nostro Creato.
Antonio Lasalandra
CI CHE VEDO

Ci che accade davanti ai miei occhi questo sar,
ci che vorrai. Un gioco di parole semplice, na-
scoste nel tormento.
Parole affaticate dal pianto, mascherate di cemen-
to nelle notti calpestate dalle stelle,
quando lemozione si distende sulla pelle.
Incominci a pensare e tutto si ferma dentro un
se:
se avessi saputo, se avessi potuto, se io fossi sta-
to.
Ma solo un se ti rimane dal passato, poi guardi
al presente ed al futuro,
mi guardo intorno e sono coperto di ferro e muro.
Dio mio se potessi un po odiare questa immagi-
ne di ferro.
Se potessi allontanarmi da questo posto chiamato
inferno.
C un uomo che ci dice: non superate quel can-
cello.
E c un principe infelice nascosto dentro noi e si
prega troppo spesso.
E c chi pensa che questo posto sia un invidiabi-
le successo, ed un trapasso damore.
E se sapessi avvicinarmi e non andarmene pi
via,
dalla stretta di un gran cuore, cambierei la vita
mia.
In questa sfera di ferro tagliente, diventi
guardato come una bestia per laltra gente.
Travolgono i tuoi sentimenti, senza sapere ci
che si sente nel profondo dellanima,
e quanto nei giorni freddi hai bisogno di scaldare
il tuo cuore.
E ti basta un foglio scritto per trovare tutto il sole.
Una lettera che leggi e rileggi perch scritta dalla
donna che tu ami.
E in una poesia damore affoghi il tuo dolore.
Il carcerato ha una maschera perfetta, vista da
lontano,
ma se lo guardi da vicino pi di un essere uma-
no!!!

Giuseppe Grimaldi
5

GIORNO DI GIOIOSA FESTA

Innanzi tutto
un ringraziamento alla direttrice, a tutto il personale di Verziano che ci ha permesso questo
giorno di festa, festa vera!
Oggi 15 giugno, la luce del giorno tutta sulla facciata del carcere, entra prepotentemente
attraverso le sbarre con tutto il suo chiarore.
Dal silenzio recintato emergono le querce e i tigli, uccelli conversano tra loro mentre si rior-
dinano il loro piumaggio.
Come dicevo: oggi giorno di festa; hanno permesso ai famigliari, bimbi e bimbe di tutte le
et, di riunirci al campo sportivo per guardare la finale del torneo di calcio.
Chi vuole pu portare vivande da consumare insieme ai suoi cari.
La mattinata non di quelle belle soleggiate, ariosa, con vento lieve che, forse, senza forse
meglio.
Siamo scesi con borse piene di ogni tipo di vivande e bevande.
Sembravamo tanti scolari felici, come quando la maestra ci portava in gita.
Qualcuno si preparava a qualcosa di estraneo da affrontare: quello di rivedere i propri figli
da tanto tempo, figli cresciuti.
Affetto, amore, commozione, affetti intrecciati
Il canto degli uccelli che pi a lungo potevamo udire era una cosa allegra che colorava que-
sta mattinata in tutte le sue sfaccettature, e ci pro-
mettevano gioie.
Arrivano i primi bambini con passi che avevano il
pianto in gola, si facevano pi vicini, chi con la
voce bassa e calda, chi con la voce alta, parlavano
come se ogni parola fosse una nuvoletta damore.
Mentre il loro babbo, occhi che piano piano si inu-
midiscono, cammina loro incontro.
I suoi calcagni colpiscono dapprima pesanti lerba,
poi senza sforzo, duna specie di dolce panico, di-
vengono pi leggeri e pi rapidi, sente il vento sul-
le orecchie ancor prima di mettersi a correre. Chi
corre. Corre!
Arrivano mamme e mogli, troppo presto ingrigite per colpa nostra.
Con occhi bassi, per riprendermi dalla delusione che mia moglie non sia venuta, li osservavo
di nascosto: percepivo i loro cuori agitati e felici.
stata una bella mattinata lo stesso, fantasticavo intorno a loro.
lora, si lasciano; tra le voci degli arrivederci che pi mi ha colpito: Ciao cari, sognate-
mi!
Speriamo che questo giorno felice sia il proseguo di tanti altri!
Vincenzo
NON E PERSONALE SOLO PERSONALE

La cosa che pi mi infastidisce, dopo le ferie, sono le immagini di alcuni politici in vacanza. Niente di male in
tempi che le vacche grasse, ma ora che le vacche sono diventate magrissime, il problema si pone. Si
chiede: perch un politico spende tanti soldi per le sue vacanze? La risposta non pu essere sibillina o peggio
rimandare a qualche mecenate. A noi, poveri in tutti i sensi, chiedono di risparmiare, di tagliare le spese. Rispe-
dire a casa i migranti con qualche panino nella borsa di plastica e pantaloni e scarpe e mutande recuperate.
Agli onorevoli, ai Presidenti o quelli che contano, no. Loro meritano protezione, agevolazioni, ambienti. Que-
sta la politica italiana.
Giuseppe Grimaldi
6

Galera galera

Cercher di spiegare questa diversit di culture, cos lontane ma vicine nel modo di soffrire,
visto che la galera sempre galera.
In tutte le carceri esistono dei codici ma a Cuba sono estremi e molto severi...
Laspetto pi critico dato dal vitto, data la situazione causata dellembargo. E una cosa
molto triste vedere che mensilmente i familiari devono provvedere a portare tutto al parente
carcerato per permettergli di sopravvivere in maniera umana. Dentro il cibo spesso non
commestibile per come fatto.
Il carcere provvede con un sapone ed un dentifricio al mese. A Cuba il carcere riservato
solo ai cattivi mentre per i delitti lievi vi sono dei correzionali. Dal correzionale puoi pas-
sare al carcere se non si rispettano le regole. Le pene si scontano lavorando.
Dentro le carceri ci sono le bande alle quali quasi tutti si affidano perch il modo migliore
per tentare di uscirne illeso. Spesso le bande si accoltellano o si ammazzano tra di loro per il
minimo motivo, anche se spesso il gioco dazzardo che infiamma gli animi.
Non aggiungo altro se non che non un gioco da ragazzi: io ho avuto la mia esperienza e
credo di esserne uscito traumatizzato.
Non vi ho raccontato molte cose che ho visto e forse un giorno ve le racconter, perch non
la stessa cosa chiamare il diavolo che vederlo arrivare
Carlos
UNOASI NON TROPPO
LONTANA

Era il 5 ottobre 2013 quando
per me si aprivano le porte
del carcere La Farera di
Lugano.
Potete immaginare quali sia-
no state le sensazioni da me
provate. Era la mia prima e-
sperienza di galera e quindi
non sapevo cosa mi potesse
aspettare. Il carcere La Fare-
ra una struttura predisposta
alla detenzione in attesa di
giudizio, annessa al Carcere
Penale La Stampa. Essendo
un carcere giudiziario il regi-
me imposto ai detenuti di
massima sorveglianza, con
isolamento quasi totale e la
concessione di una sola ora
daria al giorno. Sembra una
condizione estrema, ma va
detto che il sistema giudizia-
rio Svizzero molto efficien-
te e di conseguenza prevede
tempi relativamente brevi, al
massimo di 1-2 mesi per la
chiusura delle indagini ed il
conseguente giudizio con un
immediato trasferimento nel
carcere penale.
In Svizzera le misure detenti-
ve alternative sono utilizzate
a pieno regime, la libert vi-
gilata da un sistema di loca-
lizzazione personale
(braccialetto elettronico) vie-
ne concessa molto spesso,
come anche la libert su cau-
zione in attesa di giudizio,
soprattutto se la persona al
primo reato. Questo porta ad
un abbassamento dei costi di
gestione delle carceri, a tutto
vantaggio delle condizioni di
detenzione: minori costi,
maggiori le risorse a disposi-
zione.
Nel caso in cui le indagini
richiedessero tempi pi lun-
ghi e le circostanze non per-
mettano un sistema alternati-
vo si pu richiedere
lespiazione anticipata nel
carcere penale. Inoltre le con-
dizioni di detenzione sono nel
pieno rispetto dellart. 3 CE-
DU*. Le celle sono di 12/154
mq. A persona, con servizi e
un arredamento efficiente
allinterno, fornite insomma
di tutto ci che pu servire
per una vita dignitosa (TV,
bollitore per acqua, armadio
con appendi abiti, riscalda-
mento a pavimento, materassi
ortopedici in lattice sempre
7

ben disinfettati, servizio di
lavanderia settimanale sia per
la biancheria in dotazione che
per gli indumenti personali).
Pensate che fino a quando il
detenuto non dispone del de-
naro necessario per il sopra-
vitto, il carcere fornisce tutto
ci che serve, per esempio un
pacchetto di sigarette ogni
due giorni. Su ogni piano del
carcere c una biblioteca,
anche se piccola ben fornita:
circa 500 volumi in varie lin-
gue, a disposizione dei dete-
nuti che possono accedervi
quotidianamente.
Cosa molto importante: i con-
tatti con il mondo esterno
vengono garantiti, logicamen-
te secondo i gradi di pericolo-
sit del detenuto ed eventuali
inquinamento delle prove, ma
mai negati completamente.
Sono consentite 3 telefonate
alla settimana ed 1 ora di col-
loquio, dal marted alla dome-
nica durante tutta la giornata,
evitando cos lunghe attese
per i parenti in visita, per non
parlare dei contatti con
lavvocato che sono garantiti
da una telefonata al giorno.
Il regolamento interno mol-
to rigido (per esempio le puli-
zie sono obbligatorie ed even-
tuali trasgressioni sono punite
con multe anche salate) ma
riesce cos a mantenere in
piena efficienza la struttura,
sia per il detenuto che per
gli assistenti, cos da non
rompere un sottile equili-
brio che serve a rendere la
convivenza pi accettabile
e nel rispetto reciproco.
Nellessere trasferiti nel
Carcere Penale le cose
cambiano totalmente, sem-
pre carcere rimane, ma con
tutti i canoni necessari per
un cammino verso la riabi-
litazione ed il reinserimento
delle persone nella societ.
In primo luogo le condizio-
ni umane sono rispettate e
il problema del sovraffolla-
mento non esiste, le strutture
sono fornite di tutto ci che
serve per un normale stile di
vita, esistono cucine comuni
elettriche (addirittura con una
lavastoviglie industriale a di-
sposizione dei detenuti) dove
ognuno pu cucinare il cibo
portato dellesterno o acqui-
stato nel fornito spaccio inter-
no. Esiste una sala ricreativa
fornita di giochi vari con an-
nessa una biblioteca di qualit
gestita direttamente dai dete-
nuti con lausilio degli assi-
stenti formati allo scopo.
Il carcere caratterizzato da
aree verdi comuni, con campo
di calcio, palestra, zone per il
ricevimento delle visite acco-
glienti ed a basso impatto, per
evitare traumi a bambini e
rendere pi piacevole il poco
tempo a disposizione. C
perfino la famosa Casa Fa-
miglia dove chi ha figli pu
passare unintera giornata:
un mini appartamento dove
trascorrere una giornata nor-
male da tutti i punti di vista,
con tanto di giardino e giochi
per i bimbi.
La cosa che per maggior-
mente utile il continuo ten-
tativo di coinvolgere il dete-
nuto. C lattivit di manu-
tenzione della struttura, ab-
bassando cos i costi di ge-
stione, e allo stesso tempo un
programma di lavoro interno
al carcere, per altro ben retri-
buito (c.a. 600 euro mensili).
Vari laboratori sono presenti
nel carcere: falegnameria, call
-center, lavanderia etc.
Allavvicinarsi del fine pena
8

il detenuto viene inserito in
un programma di affidamento
esterno (lequivalente del no-
stro Art. 21).
Praticamente c la volont di
recuperare a pieno chi ha sba-
gliato perch sempre di per-
sone si tratta e questo non
viene mai dimenticato, con
una propria identit e dignit,
che non deve essere annienta-
ta da strutture e sistemi sba-
gliati o mal funzionanti, atte
solamente alla repressione del
colpevole.
Certo non possibile fare un
paragone con la realt italia-
na: la Svizzera un paese ric-
co con risorse molto pi im-
ponenti dellItalia, ma soprat-
tutto con una cultura del
penitenziario completamente
differente. In Svizzera si ria-
bilita e si reinserisce la perso-
na che ha sbagliato, in Italia
si reprime e si nasconde.
Stigmatizzare le responsabili-
t di un malfunzionamento
della giustizia difficile o
forse inutile mentre cercarne
lerrore sarebbe per mirag-
gio di unoasi non troppo lon-
tana!
In definitiva penso che non
manchino i buoni propositi e
la voglia di fare, ma i fondi
necessari e le risorse che po-
trebbero trasformare una
struttura ora in passivo in
qualcosa di produttivo, so-
prattutto da un lato umano,
una fabbrica di persone nuo-
ve!!

FRANKYS WAY

*CEDU: Commissione Europea
Diritti Umani
UNA MIA AMMIRAZIONE

Partecipo al giornalino di Verziano.
E un giornalino di cui si sente il nostro scrivere.
Volevo precisare che trovo in questo posto una persona di cui vedo una grande disponibilit
di questuomo che ha scelto lesistenza del nostro Dio
Trovo il Doncos lo chiamiamo tutti, la collaborazione nei riguardi dei detenuti, una di-
sponibilit che cammina nei nostri corridoi.
E guarda il silenzio che ci affligge in questa vita la sua bont il suo Karma.
Il suo modo di ascoltare il nostro parlare rivela tante emozioni. Riesce a sorridere, capace
di tirarti quel sorriso che fai fatica a metterlo fuori.
Come dire? E come una guida al buon senso per farci sentire vivi.
Volevo dirti grazie Don di esistere. Se il mondo prende colore e vita, lo dobbiamo a te. Gra-
zie di cuore.
Questo guardare di un uomo evangelico
che si convertito in carcere
Grimaldi Giuseppe
9

Mai mischiare donna e affare

Ti ho vista camminare, tra le mie grezze sbarre di metallo,
ti osservavo e circondata, eri come incantata fra i disillusi,
ma che: Con un solo tuo sguardo,
scartavi gli infami e guadagnavi sorrisi,
tutto e tutti intorno a te, illuminavi
Che dire di argento e oro bianco, quasi come per incanto,
ed a mio parere, nemmeno il dio del sole
sarebbe stato in grado, dilluminare come in un bel dipinto,
quellapprensione impositiva di prigione.
Primavere, estati e autunni ed infine linverno
Scorrevano lenti lenti, ed in questa clessidra, quante ne abbiam passate
Scorrevano come un soffione, e come bolle di sapone, nellaria imprigionati,
profumo damore come una bomba innescata di ti voglio bene
anche se gi sapevo che prima o poi tutto sarebbe potuto finire:
che dire ci pu stare perch laspirazione pi grande per entrambi, era di uscire!
Ora tu ce lhai fatta, e so che per te era vitale,
il tempo nel frattempo passa, e tu non ti sei fatta pi sentire,
tempo al tempo disse il diavolo al bene, mi manchi da morire.
In fissa in passato i tuoi pensieri, volavano in cielo
insieme ai tuoi desideri, annullavi intorno a te tutto quanto,
e prevaleva nel tuo cuore solo il peggio!
Un cielo nero e oscuro, e in orizzonte tante belle rondinelle
che volavano basse basse sotto le stelle,
planavano in volo nella tua impulsivit, e non esisteva un caso
di verit! Sei segno scorpione, ti ho vista piangere e lottare come un leone,
quando la nostalgia di casa si faceva sentire,
ed il ricordo dei tuoi amati nonni, non ti faceva dormire,
lacrimavi ad occhi chiusi ed aperti, piccole e limpide gocce di rugiada
mancanza damore, e pregavi in chiesa tutto il bene al signore
s gocce di rugiada, come sulle foglie, scaldate dal sole
e che te lo dico a fare eri tu il bel fiore,
Eri bella bella da morire, e quando tammiravo, non facevo che sognare
ora ti sento lontana e non ho pi parole, sento vane le poesie e le mie rime
ti voglio tanto tanto bene e ti sento nel cuore, e includo pure il mio DNA CRIMINALE
combatter fino alla fine lultima guerra
e sar linizio di una nuova era!
BOIA CHI MOLLA E IL MIO GRIDO
di battaglia!
Amore mio sempre e ovunque cos si
spera,
sei nel mio cuore sorellina mia
sei incisa sulla mia pelle, ed ora non mi
resta che cercarti fra le stelle,
amica nera e nulla da dire N 1:
MA
mai mischiare donna e affare.

Tiziano
10

Il progetto Volontari in redazione nasce dalla richiesta di un gruppo di persone detenute interessate
alla realt del volontariato. emersa la curiosit verso tale tematica e la necessit di fornire una co-
noscenza pi approfondita del volontariato, dei diversi settori in cui opera e delle varie attivit.
Lo scopo del progetto consiste nel sensibilizzare la popolazione detenuta alla realt del volonta-
riato, fornendo informazioni e descrizioni relative ai diversi ambiti e alle varie associazioni presenti
sul territorio di Brescia e provincia.
Il progetto intende offrire ai destinatari unopportunit per impiegare il proprio tempo in attivit for-
mative utili a se stessi e alla collettivit, contrastando in tal modo il rischio di recidiva delle persone
con problemi di giustizia e dipendenza da sostanze stupefacenti.
In particolare, lapprofondimento della tematica del volontariato da parte dei detenuti partecipanti
alla redazione di Zona508 permette un coinvolgimento diretto su temi sociali di forte attualit,
favorendo il percorso di reinserimento sociale.
Volontari in redazione ha inoltre lo scopo di far conoscere alle realt coinvolte il contesto detenti-
vo, al fine di sensibilizzarle ed eliminare i pregiudizi esistenti.
Il progetto ha previsto un ciclo di incontri informativi e formativi in cui sono state coinvolte associa-
zioni ed enti territoriali rappresentati dai propri responsabili e/o volontari, i quali hanno affrontato il
tema del volontariato, i diversi ambiti e le numerose attivit ed opportunit attive sul territorio di Bre-
scia e provincia. Sono state previste testimonianze dirette di persone che hanno svolto attivit di vo-
lontariato e persone che hanno beneficiato di tali attivit.
Parallelamente verr creata una rubrica mensile sul giornalino Zona 508 relativa al tema del volonta-
riato con descrizioni delle associazioni che parteciperanno agli incontri, interviste e testimonianze di
volontari che hanno seguito un percorso di volontariato mediante il progetto: Ripuliamo le cattive
strade.
I volontari avranno la possibilit di conoscere, approfondire e discutere su tali tematiche ed esprimere
le proprie idee mediante il giornalino.
Centro Servizi per il Volontariato di
Brescia
LAssociazione Centro Servizi per il Volontariato di Brescia (A.C.S.V.), operativa dal 1997, sostiene
le Organizzazioni di Volontariato della provincia di Brescia ed una risorsa a disposizione di tutti i
volontari. punto di riferimento per tutte le esigenze emergenti nel mondo del volontariato, sin
dalla fase preliminare di costituzione e per tutte le varie fasi di vita delle associazioni. Tra le sue atti-
vit, fornisce gratuitamente servizi di consulenza legale, fiscale e progettuale, organizza corsi di for-
mazione per rendere le associazioni pi autonome nella gestione della propria organizzazione, e pro-
muove la cultura della solidariet, creando legami tra il mondo del volontariato e i giovani e favo-
rendo la costruzione di reti tra le diverse organizzazioni.
11

CONTATTI
A. C. S. V.
Via Salgari 43/B
25125 Brescia
Tel. 030/2284900
Fax 030/43883
info@csvbs.it

Un pesante cancello ci si chiude alle spalle in attesa che un altro si apra di fronte a noi. Non facile
entrare in un carcere, ci vogliono giustamente permessi, controlli e una burocrazia che percorre la
propria strada. Ci sono associazioni di volontariato Vol.ca e Associazione Carcere e Territorio tan-
to per fare i nomi - che a Brescia, questi cancelli li varcano abitualmente, con lobiettivo, fra gli altri,
di portare un po di mondo esterno allinterno delle mura. Sabato mattina anche noi del CSV siamo
entrati a Canton Mombello per parlare e scambiare qualche impressione con i redattori di Zona 508,
il giornale delle carceri di Brescia (Canton Mombello e Verziano), scritto dai detenuti dei due istituti
di pena ed edito dall'associazione Carcere e territorio. Accompagnati da Michela abbiamo attraversa-
to qualche corridoio per arrivare nella biblioteca dellIstituto dove ad aspettarci cerano una quindici-
na di ragazzi, alcuni italiani altri caraibici, accomunati dalla curiosit di sapere chi eravamo, cosa
rappresentavamo, perch eravamo l con loro. Dopo alcune battute introduttive hanno iniziato ad af-
fiorare alcune esperienze di volontariato vissute da loro prima di finire qui: trasporto di dializzati,
assistenza ai disabili, ascolto di anziani, servizi allinterno di comunit. Alcuni ci chiedono se una
volta fuori dalle celle potranno contattarci, se ci saranno associazioni che proveranno a non guardare
il passato e a concentrarsi pi sul futuro; altri si dimostrano scettici e chiedono dove sta il guadagno
del fare volontariato. Insieme a noi sono entrate due ragazze dellassociazione Tutte in rete; hanno
portato lentusiasmo di un gruppo di amiche conosciutesi rincorrendo un pallone sui campi della pro-
vincia: ora organizzano manifestazioni sportive e devolvono il ricavato al sostegno di progetti merite-
voli di altre associazioni. I detenuti si interessano, chiacchierano, fanno domande; se non fosse per le
sbarre alle finestre ci si potrebbe per un attimo dimenticare di essere a Canton Mombello. Racconta-
no di aver anche loro raccolto dei fondi per acquistare una carrozzina per una bambina che ne aveva
bisogno. Cinquanta centesimi, massimo un euro ciascuno, sembrano giustificarsi davanti al nostro
stupore che ci fa sorgere la domanda Perch non raccontiamo queste cose? Perch la notizia deve
essere per forza brutta? Ringraziano ACT per tutti i volontari che si occupano di loro: lobiettivo
del progetto che sviluppano cercare di portare aria nuova nel carcere, per far s che non si parli ap-
punto solo di carcere. Lobiettivo centrato ma basta un attimo per tornare sulle celle troppo piccole,
sulle condizioni di vita, sul voler essere considerati persone, persone che hanno sbagliato, ma comun-
que persone che meritano condizioni dignitose. Sul tavolo rotola un porta-sigarette fatto con gli stuz-
zicadenti da un ragazzo cubano. Mi dice che lo chiamano Maicon e la mole a confermare il paragone
con il terzino brasiliano c tutta. Per ammazzare il tempo fa cose con gli stuzzicadenti, cos pensia-
mo a come potrebbe essere pi efficace la pena - per il detenuto e per la societ - con una mag-
gior possibilit di iniziative lavorative allinterno e allesterno delle mura. In tempo di riforme,
compresa quella del Terzo Settore, la condizione carceri Italiane per cui lEuropa ci mette dietro alla
lavagna non pu essere dimenticata. Le associazioni bresciane e il CSV da tempo promuovono il
concetto di giustizia riparativa e ladozione di pene alternative, con la consapevolezza che il dettato
costituzionale di una pena rieducativa non pu trovare compimento affidandosi solamente al carcere.
E passato un trentennio da quando il dottor Zappa scrisse del tutto illusorio pensare ad una ri-
socializzazione attuata senza o contro lintervento diretto e concreto dei consociati, o almeno
della grande maggioranza di essi e degli enti locali. Da questo pensiero continua lopera dei vo-
lontari che entrano in carcere e che organizzano convegni per sfidare unopinione pubblica che va in
altra direzione. Poi stringiamo mani, salutiamo e ripassiamo dagli stessi corridoi, incrociando gli
sguardi di detenuti e polizia penitenziaria. I cancelli si riaprono e si richiudono riconsegnandoci una
libert di movimento mai cos considerata prima.
Nicola
12

Associazione Tutte in Rete

Lassociazione Tutte In Rete nasce ufficialmente a fine marzo 2008 come Associazione di Promo-
zione Sociale, desiderosa di sensibilizzare e coinvolgere pi persone possibili in iniziative e progetti
inerenti lambito sociale. La denominazione scelta ricorda la prima iniziativa, cio lorganizzazione
di 12 ore di beneficenza non stop di calcio femminile, dove i valori sportivi si intrecciano con i valori
solidali della generosit, altruismo, correttezza, disponibilit e rispetto reciproco. La finalit principa-
le dellAssociazione di costruire una rete umana propositiva e attiva verso diverse problematiche
sociali valorizzando le risorse umane a disposizione, quindi creare rete, condivisione, comunione,
scambio fra tutti coloro che vengono coinvolti e travolti dalle iniziative per conoscere e per racco-
gliere fondi a sostegno di progetti di diverse associazioni di volontariato del territorio.

Aiutare gli altri divertendosi!

CONTATTI
Ass. Tutte in Rete
Via Cipro, 37
25124 Brescia
Cell. 333 6847566
331 4827051
info@tutteinrete.net

Questa associazione ci ha colpito molto, unopera di volontariato sana e genuina, capace di coinvol-
gere nel suo cerchio ogni fascia di et e capace di regalare sempre ed indubbiamente un sorriso. A
mio parere, chiunque abbia avuto modo di entrare in contatto con la loro realt (cio: sport, rinfre-
schi, svaghi in giochi di gruppo, ect), ovunque si sono presentate le fondatrici di questa
ASSOCIAZIONE TUTTE IN RETE hanno dimostrato di saperci fare sul serio. Due ragazze sem-
plici e umili che nel loro piccolo hanno saputo offrire grandi emozioni e serene competizioni a chiun-
que abbia assistito e partecipato in ogni loro progetto e continuano a farlo nella maniera pi sana e
genuina che possa esistere, cio attraverso lo sport o con svaghi e giochi di gruppo, partendo dagli
oratori sin ad arrivare alle grandi manifestazioni di beneficienza in centri sportivi come il San Filip-
po, capace di tenere una capienza di persone non indifferente e senza distinzione di sesso o fasce di
et. Sono riuscite a coinvolgere numerosissime persone, interi paesi, e il ricavato dei loro sacrifici e
delle offerte che continuavano le manifestazioni in consumi gastronomici, andava sempre e solo ed
esclusivamente in gran parte in beneficienza a persone svantaggiate.
Che dire di questa associazione di volontariato? Ritengo che abbia un potenziale che in molte altre
associazioni, che ho avuto il piacere di conoscere in questo contesto, non hanno, cio la certezza di
regalare, in sane e festose competizioni, sempre un bagaglio umile e semplice di emozioni capace di
strappare a chiunque ne sia partecipe attivo o passivo sempre un sorriso.
Organizzazione di eventi, sacrifici e beneficienza, nobili azioni altruistiche alle quali noi detenuti,
ascoltando le loro esperienze, non siamo rimasti indifferenti, anzi, avremmo voluto far parte attiva-
mente di una loro iniziativa qui allinterno di Canton Mombello. Per noi la speranza lultima a mo-
rire e non detto che ci in futuro non accada. Per ora ci limitiamo e ci accontentiamo almeno di sa-
pere che, grazie a questa associazione, qualcuno sorrider anche per noi. Con grande stima e rispetto
i ragazzi del giornalino di Canton Mombello.
CRISSO
Dalla muta distesa delle cose deve partire un segno, un richiamo, un ammicco: una
cosa si stacca dalle altre con l'intenzione di significare qualcosa... che cosa? Se stessa,
una cosa contenta d'essere guardata dalle altre cose solo quando convinta di signi-
ficare se stessa e nient'altro, in mezzo alle cose che significano se stesse e nient'al-
tro (Palomar, Italo Calvino)
13

Significare se stesso e nient'altro agli occhi del mondo: sensazione rara, difficile da percepire, quasi
una ideale speranza e quando accade un attimo magico, prezioso, una rivelazione quasi fanciullesca...
Ecco il desiderio condiviso emerso nelle segrete del nostro incontro: semplicemente svelarsi umani e
scoprire insieme che basta poco per illuminare la nostra vita e quella delle altre persone, vicine o lon-
tane, come una raccolta tappi, una donazione di tempo, risorse ed energie in una raccolta fondi o par-
tita di calcio benefica! Grazie a voi ragazzi!
Grazie a chi ha permesso la nostra conoscenza!
Elisa
BRESCIASOCCORSO Onlus


Bresciasoccorso nasce dall'iniziativa di pochi, ma "volenterosi volontari", il 25 ottobre 1992. Prima
sede dell'Associazione lo storico stabile in via Fontane, dove con due ambulanze e un'automobile i
primi 71 volontari offrono servizio alla cittadinanza 24 ore al giorno, tutti i giorni dell'anno sia nel
campo delle emergenze sia in quello dei servizi secondari. In breve tempo l'associazione si allarga ei
volontari si rendono disponibili a corsi, completamente gratuiti, per dare a tutti i cittadini le nozioni
fondamentali del primo soccorso. Nel 1996 diviene operativo il distaccamento di Viale Piave e sigla
laccorso con il Brescia Calcio, che affida all'associazione l'incarico di garantire il servizio di assi-
stenza sanitaria durante le partite. Nella primavera del 2006, tra la malinconia dei veterani, viene di-
smessa la sede di via Fontane sostituita da quella di Via Trento. In vent'anni di attivit Bresciasoccor-
so pu ormai essere considerata una delle realt maggiormente presenti sul territorio nellambito del
soccorso sanitario, trasporto pazienti dializzati, trasferimenti in strutture ospedaliere, trasporto di san-
gue ed emoderivati, consegna farmaci, assistenza ad eventi culturali e sportivi e formazione della
cittadinanza al primo soccorso.

CONTATTI
BRESCIASOCCORSO Onlus
Via Trento 155, Brescia
Tel. 030/391775
info@bresciasoccorso.it

A volte soccorrono anche noi
L'associazione che mi ha coinvolto umanamente di pi stata l'associazione Bresciasoccorso, a mio
parere la pi efficace, a riguardo sia del soccorso fisico di una persona malata o ferita, sia a livello
morale, perch tendono a star vicini alla persona in difficolt anche moralmente e umanamente. Dico
che secondo me la pi efficace anche perch il loro operato mirato al 100% nel salvataggio di una
persona: mi ha lasciato stupito quando parlando dei loro interventi, si son trovati in situazioni drasti-
che, che umanamente li han segnati e che ricorderanno per tutta la loro vita; ho apprezzato anche il
loro interesse operativo fuori dalle discoteche, anche perch al giorno d'oggi e come da sempre, in
quei posti di svago e divertimento, spesso e volentieri, o a causa d'alcool e droghe, parecchi giovani
si sentono male o si schiantano con autovetture perch imprudenti e alticci. Credo che quest'associa-
zione di volontariato, nonostante le difficolt di sostegno economico, per i loro strumenti operativi,
rimandi una forza e una voglia di vivere che indescrivibile. Credo che a livello umano e morale ab-
bia molto da insegnarmi, e mi piacerebbe, perch no, farne parte, essere autore di interventi di soc-
corso, sia a livello fisico che a livello morale di persone bisognose. Credo che rimandi emozioni uni-
che girare sul territorio per aiutare le persone in situazioni di emergenza e talvolta anche alcuni di noi
detenuti. L'altruismo, secondo me, come un'arma a doppio taglio, lavoro e opera di volontariato,
salvare i pazienti o perderli, dove un intervento di persone preparate pu cambiare, come il lancio di
una moneta, il destino di vita o di morte di una persona in pericolo. Tiziano
14

Essere catapultati in una realt che non si conosce pu, sotto certi punti di vista, spaventare o mettere
in soggezione. Noi volontari di Bresciasoccorso ogni giorno abbiamo a che fare con persone bisogno-
se che necessitano del nostro aiuto. Noi siamo sempre pronti, preparati a qualsiasi tipo di situazione,
ventiquattro ore al giorno, ogni giorno dellanno. Ma quando ci stato proposta lesperienza con i
ragazzi del carcere, siamo stati pervasi da un senso di smarrimento e dalla paura di non essere prepa-
rati per questa nuova esperienza.
Senza ombra di dubbio ci chiedevamo che tipo di interesse potessimo suscitare in quei ragazzi, i qua-
li, pensavamo, nulla potessero avere a che fare con il mondo del volontariato e che la loro situazione
personale tendesse a focalizzare lattenzione non tanto sullaiuto agli altri, quanto piuttosto su loro
stessi.
Piacevolmente, ci siamo presto accorti che nulla di quanto pensato era pi sbagliato. Abbiamo, ina-
spettatamente, trovato unaccoglienza calorosa e soprattutto orecchie tese ad ascoltare quello per cui
noi, quotidianamente, ci adoperiamo. Non solo: tante sono state le domande che ci sono state poste
per meglio capire come funziona il mondo del volontario in ambito sanitario e diversi ragazzi si sono
detti pure interessati a valutare un loro inserimento in questo campo, una volta scontata la loro pena.
Bresciasoccorso unassociazione che opera da pi di ventanni nel campo dellemergenza e urgenza
sanitaria, proponendo annualmente corsi che vedono coinvolti ogni anno circa un centinaio di
persone. Aggiornamenti continui in ambito sanitario mirano ad avere volontari soccorritori preparati
sia sul piano di vista prettamente tecnico sia su quello psicologico-comportamentale. Per nostra stes-
sa natura ci troviamo ad aiutare pazienti con qualsiasi tipo di disagio. Ma dopo unesperienza come
quella vissuta allinterno della Biblioteca del carcere di Canton Mombello, ti rendi conto che il disa-
gio non solo quello incontriamo quotidianamente nel nostro lavoro; usanza comune etichettare
un detenuto come un poco di buono, dimenticandoci, per, di soffermarci su che cosa lo attende
una volta fuori di l: molti desidererebbero soltanto ricominciare da capo, senza venire marchiati con
inevitabili pregiudizi. Il mondo del volontariato pu essere, in qualche modo, un nuovo capitolo
della loro vita, una spinta che li aiuti a migliorare loro stessi facendo qualcosa di utile per gli
altri.

Paola e Stefano
ENPA - nte Nazionale Protezione Animali


LENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), fondata nel 1871 da Giuseppe Garibaldi,
unassociazione protezionistica dedicata alla difesa degli animali. La sede provinciale di Brescia
attiva da pi di 50 anni e conta sul territorio centinaia di operatori che prestano servizio in modo del
tutto gratuito e volontario. Tra le principali azioni dellassociazione si contano il soccorso ad animali
abbandonati, il censimento e la tutela di colonie feline, laffido di animali recuperati, la lotta ai mal-
trattamenti e la partecipazione a campagne di sensibilizzazione a livello nazionale. Lingresso dei
volontari ENPA in carcere ha suscitato molto interesse tra i partecipanti allincontro: quasi tutti i re-
dattori interni avevano o hanno uno o pi animali. Si sa che il rapporto delluomo con il proprio ani-
male spesso sa diventare una sorta di amicizia, uno scambio gratuito di affetto e fedelt. Abbiamo
avuto diverse occasioni di pubblicare sul nostro giornale articoli o poesie dedicati al ricordo
dellamore senza pregiudizi di sorta che un animale domestico sa donare al proprio padrone. I volon-
tari ENPA hanno saputo dare consigli e sensibilizzare la redazione riguardo tematiche forse poco
conosciute ai pi, ad esempio la questione delle colonie feline o labbandono di animali esotici, e,
daltra parte, condividere e ascoltare molti racconti e storie, come larticolo di Adriano che testimo-
nia quanto possa essere forte il legame tra uomo e animale: come gi scritto in un vecchio numero di
Zona508, un legame che va oltre le sbarre.

15

CONTATTI
E.N.P.A Sez. prov. di BS
Via Quinta 29, 25125 Villaggio Sereno, Brescia
Tel. e Fax 030.349399
brescia@enpa.org

Ho trovato molto interessanti tutte le associazioni che sono venute per molti motivi importanti, in
particolare perch posso avere lopportunit di conoscere ed inserirmi con persone diverse (dopo 9
anni mi ritrovo qua perch ho solo certe conoscenze) e dare la mia disponibilit dato che ho sempre
solo trovato gratificazione nel lavoro e nel pensare allaltro. Ho scelto di parlare dellEnpa perch ho
avuto unavventura particolare: anche se ho sempre avuto cani vivendo in campagna, una volta an-
dando a funghi mi ritrovo una busta di plastica che si muove e un lieve lamentio... erano tre fantastici
piccoli cuccioli! Portati a casa, io, mia figlia e mia madre abbiamo dato loro da mangiare con una
piccola spugna imbevuta di latte perch troppo piccoli. Una volta cresciuti ne abbiamo dati via due e
lei, Nina, ora fa parte integrante della mia famiglia!
Mi ha colpito il fatto degli animali perche molte volte danno pi delle persone e non hanno pregiudi-
zi, ho fatto un corso di cinofilia addestrando un cane preso dal canile e per me stato il massimo del-
la soddisfazione; vorrei riuscire a far parte di unassociazione come lEnpa, dare la mia libera dispo-
nibilit un domani, spero presto. Spesso la gente giudica troppo in fretta, prima di conoscere persone
e situazioni, mentre un cane far sempre e solo dei complimenti
Ringrazio tutte le persone che vengono in carcere, credono in noi e si danno da fare.
Grazie del vostro impegno per tutti noi.
Adriano

Tutte le volte che parlo di animali si insinua in me il
dubbio che sia un argomento che susciti poco interes-
se, che sia giudicato poco importante. Invece, come
altre volte, mi son dovuto ricredere: nellincontro a
Canton Mombello, dove peraltro non ci sono animali
di nessun genere, c stato interesse, non solo, un inte-
resse che si esprimeva con interventi appropriati e
competenti. Le domande erano collegate al contesto
del discorso che si stava facendo e mirate ad un ap-
profondimento. Con il valido aiuto della mia collega
Lucia, abbiamo spiegato quali siano le nostre attivit. Inoltre abbiamo dato consigli e spiegazioni su
quelli che sono i bisogni primari dei nostri amici animali e le regole base per tenerli al meglio. Il tem-
po trascorso piacevolmente senza accorgersene e alla fine penso che sia stato un arricchimento in
ogni senso per tutti, anche e soprattutto per noi.
Un ringraziamento all ACT che ha promosso lincontro.

Giorgio
SCAIP - Servizio Collaborazione Assistenza
Internazionale Piamartino Onlus

Scaip lacronimo di Servizio Collaborazione Assistenza Internazionale Piamartino. Nata nel 1983 a
Brescia rifacendosi al pensiero di San Giovanni Piamarta, cresciuta nel tempo e divenuta Ong e
Onlus. In 30 anni di storia ha portato avanti numerosi progetti a favore dei pi deboli in Africa e Sud
America, spaziando dalla istruzione ai progetti sanitari, dai centri d'accoglienza alla diffusione di
buone pratiche.
16

Timoteo e la sua famiglia, benefi-
ciari di microcredito in Mozambi-
co





Un'associazione fondata solo ed esclusivamente per aiutare gente
disastrata o dalla guerra o dalla povert pi estrema, che a testimo-
nianza dei volontari di questa associazione, vorrebbe riscattarsi, per-
ch non ha pi nemmeno le lacrime per piangere. SCAIP agisce in
terre lontane coperte e avvolte di sola miseria, fuori dalle capitali e
dalle grandi citt, chiamiamoli paesi, anche se potremmo definirli
villaggi, sperduti, da come si pu capire dalle fotografie che ci han-
no portato. Queste immagini aiutano a farci conoscere la loro quoti-
dianit, dove in ogni alba che cresce, la fame con le sue esigenze
a caratterizzare il giorno. In Africa ad esempio l'associazione SCAIP ha fatto s che con piccoli, umili
minicrediti, questa gente potesse investire possibilit e speranze, in piccoli e semplici lavori produtti-
vi, sfruttando ci che la natura gli offriva. Ad esempio nel cocco, facendo girare la loro piccola eco-
nomia attraverso ci che la terra offre. Un'attivit produttiva, anche se in piccole quantit, ha permes-
so di saziare, oltre che la loro fame, anche le loro misere tasche buche, dando a molta gente disagiata
l'opportunit di creare nuove attrezzature, strutture e mezzi per ottimizzare i loro sforzi e migliorare
la loro vita quotidiana! Costruire e portare a casa anche qualche dollaro per far mangiare le famiglie,
composte da mogli e tantissimi figli, in luoghi in cui l'idea di produttivit non si sa cosa sia, ritengo
sia essenziale. Purtroppo sentiamo spesso parlare di beneficenze a favore di molti popoli dove la fa-
me li fa soccombere; dico purtroppo perch in statistica altissima le somme in beneficenza o svani-
scono nel nulla o arrivano in percentuale bassissima. Normalmente arrivan solo briciole invece che
tutto il pacchetto: bene, questa associazione ha avuto l'accortezza d'accertarsi che il microcredito va-
da o sia andato in porto, presenziando personalmente. Un atto di seriet e di responsabilit non indif-
ferente: meglio prevenire che curare ed in questo caso l'altruismo da parte della SCAIP nobile e
molto impegnativo, perch avere a che fare con altre culture, leggi e religioni non mai facile, perch
si incontrano sempre imprevisti e impedimenti. Per loro dedicarsi alle popolazioni svantaggiate non
semplice e non lo stato mai, perch in questo 21esimo secolo prevale il detto occhio non vede, cuo-
re non duole, per chi in questo mondo considerato... INVISIBILE!
Con stima e rispetto salutiamo e ringraziamo l'Associazione SCAIP per il loro nobile altruismo.
Tiziano
Entro nel carcere di Canton Mombello per la prima volta. Ho gi visitato carceri
in Paesi lontani migliaia di chilometri ma mai quello della mia citt. L'ingresso
riporta subito alla realt, non si pu entrare con nulla se non la carta d'identit e
qualche foglio di carta. Con le volontarie di Associazione Carcere e Territo-
rio, passati ripetuti cancelli, raggiungo la biblioteca che luogo familiare gi al
primo sguardo. Oggi parliamo di cooperazione internazionale in carcere ed gi
un bel paradosso. C' pi cooperazione internazionale al tavolo in cui sono se-
duto che in molti dei progetti internazionali che ho avuto modo di visitare. Al tavolo ci sono italiani,
cubani, colombiani, kosovari, serbi e un uomo di Lumezzane (Paese straniero che sfugge alle classifi-
che degli stati censiti dalle Nazioni Unite). Ho pensato di stampare alcune immagini dei progetti di
Scaip nel mondo; le ho sparse sul tavolo del nostro incontro con lidea che fossero i ragazzi a raccon-
tare quello che ci vedono. Ne escono storie stupende, felici, a volte tragicomiche e tenere allo stesso
tempo. C' chi sceglie la foto di una scuola sotto l'albero perch ricorda i figli che lo aspettano fuori
da queste sbarre, c' chi come "lo zio" siciliano, sceglie la foto del progetto del corso alberghiero in
Cile perch gli ha fatto ricordare che potrebbe aprire una pizzeria a Santiago del Cile una volta fuori
di qui. Molti scelgono foto di bambini a scuola dicendomi che sono loro il futuro della nostra societ,
quello sui cui noi dobbiamo puntare. Dal racconto sul progetto del micro-credito nasce una gag esila-
rante quando un detenuto mi racconta che l'idea non nuova arriva dall'India mi dice, e che co-
munque ci aveva provato anche lui ad avere micro-credito con un "esproprio popolarein banca".
CONTATTI
SCAIP Onlus e Ong
Via Enrico Ferri, 75
25123 Brescia
Tel. 030 230 68 73
Fax 030 230 94 27
info@scaip.it
17

Ammetto che non mi aspettavo di incontrare persone cos preparate; ci sono domande sullinvasione
economica cinese in Africa e sul tema delle risorse minerarie rubate. Prima di finire, Spira, giovane
bibliotecario serbo, mi racconta dei suoi Balcani che anche io ho nel cuore e di come la guerra abbia
distrutto generazioni di convivenze naturali tra serbi, croati, musulmani. Mi spiega che avrei dovuto
visitare quelle terre prima della guerra per scoprirne davvero la bellezza ora perduta. Salutandoci o-
gnuno prende una delle foto che insieme abbiamo raccontato e se la porta con se in cella. Se chiudo
gli occhi ne vedo alcune chiuse in una rivista, altre appese ad un muro, altre ancora solo raccontate.
Paolo

VO.I.CA - Il Volontariato Internazionale
Canossiano

L'Associazione Volontariato Internazionale Canossiano si occupa da diversi anni di sostenere le po-
polazioni dell'Africa. Giovani, e non solo, del nostro paese si formano e partono per il continente a-
fricano per dare il loro sostegno ai pi poveri: costruire scuole, assistere i malati ed i detenuti, giocare
con i bambini molte sono le attivit in cui serve una mano.
Anche se penso che sia un'utopia, non per questo si giustifica il non far niente, ed i volontari di que-
sta associazione lo testimoniano. Speriamo che anche i nostri governanti se ne rendano conto, sia per
quanto riguarda gli investimenti sul nostro territorio che nel mondo. Ho fatto riferimento al nostro
territorio perch perfetto l'esempio di quella zona del cos detto mezzogiorno e rapportato ad un
discorso globale rende perfettamente percepibile la difficolt in cui questi volontari operano, al posto
delle mafie l ci sono governi corrotti e signori della guerra.
Ora, vorrei concludere con un'ultima considerazione che proviene dalla storia: l'impero Romano do-
vrebbe insegnarci che riuscito a resistere per alcuni secoli alle invasioni delle popolazioni barbari-
che, le quali mosse dalla speranza di un futuro migliore premevano ai confini. Ora anche noi abbia-
mo questa situazione, migliaia di persone alla ricerca di un futuro migliore e questa associazione con
la sua opera contribuisce a rendere possibile questo sogno nella loro terra, li aiutano a realizzare i
loro sogni senza che essi si imbarchino in viaggi della speranza inseguendo una pura chimera visto
che ora anche per noi tempo di restrizioni.
Perci con profonda stima e con un pizzico di nostalgia che vi auguro di continuare nella vostra
opera in quanto le persone che incontrerete vi ripagheranno dal lato delle relazioni umane, quelle
stesse che facevano parte di un recente passato della nostra societ vedi una nota canzone del miti-
co Celentano Il ragazzo della via Gluck.
Jo 62


Quando il 5 luglio sono entrato in carcere e gli agenti han-
no chiuso le porte dietro di noi mi ha assalito un senti-
mento di disagio come se ti mancasse laria. Subito i
miei pensieri sono andati a chi purtroppo, al contrario di
me che dopo due ore sarei uscito, probabilmente questa
sensazione la vive ogni giorno. Dopo questo primo impat-
to siamo arrivati in biblioteca dove ci attendevano i dete-
nuti che si occupano di redigere il giornale Zona508. Ci
siamo presentati ed io ho parlato a loro del VO.I.CA
(Volontariato Internazionale Canossiano), lassociazione
con cui faccio volontariato in terra di missione d Africa.
Sono stato colpito piacevolmente per l'interesse della maggior parte dei presenti e anche quando uno
di loro ha ripreso gli altri che parlavano perch non gli davano il modo di ascoltare. Questo piccolo
gesto, almeno secondo me, fa capire che sono persone che hanno sbagliato nella vita, chi non lha
mai fatto? E se gli si d una seconda possibilit sono in grado di migliorare dimostrando rispetto per
18

gli altri. L'incontro con i ragazzi della redazione stata una bellissima esperienza che, se ce ne fosse
loccasione, vorrei rifare e che forse dovrebbero fare altri per avere una visione diversa di chi ri-
stretto e far cadere alcuni pregiudizi che da fuori si hanno verso chi recluso. Gigi
Associazione Amici Casa della Giovent ONLUS

LAssociazione Amici Casa della Giovent sostiene leducazione integrale dei
bambini, dei giovani e delle famiglie, dotate di poche risorse, dei diversi Paesi
dellAmerica Latina, dove presente la Casa della Giovent, per migliorare le loro condizio-
ni di vita. La Casa della Giovent stata avviata nel 1986 a Santiago del Estero da suor Sa-
veria Menni, una suora bresciana appartenente allordine delle Dorotee di Cemmo, con un
gruppo di giovani universitari, come luogo di discernimento dei doni personali in una proie-
zione di servizio alle piccole e grandi necessit locali. La Casa della giovent formata da
comunit di laici che inseriti nella realt, animati dai valori evangelici, assumono un progetto
educativo con, e per i giovani, in una formazione integrale e con spirito missionario. Opera-
no in Argentina, Bolivia, Per e Uruguay con scuole di formazione professionale, cooperati-
ve di lavoro, centri di formazione culturale e attivit pastorali.

Grazie all'Associazione "Amici Casa della Giovent"!
Grazie all'impegno che nutrono per noi i volontari dell'Associazione
Carcere e Territorio, abbiamo avuto la possibilit di confrontarci con
diverse tipologie di associazioni di volontariato. Ognuna ha il suo
impegno e interesse per il benessere del prossimo. Tra queste associazioni c' "Amici Casa della Gio-
vent" che ci ha colpito molto. Senza togliere nulla alle altre, possiamo dire che chi lavora per il futu-
ro dei bambini ha catturato in maggior modo la nostra attenzione. Direi anche che questo interesse
personale dovuto al lavoro che per anni mia madre ha svolto con le famiglie pi bisognose e, in
particolar modo, con i bambini. Pensiamo che i bambini siano il futuro e che se vogliamo che le cose
cambino in bene, nostro dovere dare ai nostri bambini l'educazione giusta, basata sul rispetto verso
gli altri. Personalmente, mi piacerebbe far parte di un'associazione come "Amici Casa della Gioven-
t", perch vorrei aiutare mia madre nel suo progetto e un domani, chiss, crearne una mia. Essere
colti l'unico modo per essere veramente liberi in tutti i sensi, liberi da pregiudizi, barriere,
frontiere che limitano i nostri cuori. Questi ragazzi mi ricordano tanto il mio paese, le montagne, il
coraggio e l'amore. La cosa pi bella che si pu fare per una persona, dopo averle dato la vita, darle
l'istruzione. Immaginiamoci un cuore che da vita a un corpo fatto di carne, ossa e un sentimento che a
poco a poco cresce come un big bang che, senza lasciare spazio, coinvolge tutto e tutti. Dio benedica
questi ragazzi che con grande sacrificio sostengono uomini e donne e danno forza alle famiglie che
hanno pochissime risorse, lasciando a bocca aperta chi non crede ai miracoli e ricordando che le stra-
de si fanno camminando.
Carlos e Diego
Carcere e Condivisione

Entrare in carcere per la prima volta unesperienza forte, anche se la permanenza stata solo di due
ore per un incontro con la redazione del giornale Zona 508. Non conosci lambiente, chi ti troverai
davanti e che reazione potresti avere in un luogo molto particolare e (fin troppo) stereotipato da tele-
visione, film e giornali. Son queste le componenti che ti portano ad essere un poco rigido e diffiden-
te, anche contro la tua volont. Invece, in poco tempo, lincontro, che poteva avere un tono formale
(se non leggermente teso o nervoso), si trasformato in una piacevole mattinata di condivisione con
persone interessate alla nostra esperienza in sud America e desiderose di raccontarci la loro vita a
CONTATTI
Ass. Amici Casa della Giovent
ONLUS
Via F.lli Colturi 32, 25025 Ma-
nerbio (BS)
amicicasadellagioventu@yahoo.it
19

volte con toni seri a volte con ironia e un umorismo che ha solo
chi ha passato momenti difficili e sta provando a lasciarseli alle
spalle ripartendo. Allinterno della biblioteca lambiente acco-
gliente, a differenza dei corridoi, della rotonda e delle porte
metalliche che si aprono e si chiudono in automatico, e questo ha
sicuramente favorito la discussione anche se, dopo pochi minuti,
il luogo era diventato irrilevante; importante erano le cose dette,
ascoltate e, soprattutto, chi era presente. Per noi lincontro stato
senzaltro arricchente (speriamo anche per la redazione), abbiamo
conosciuto una realt mai visitata in prima persona e abbiamo
incontrato persone che cercano di farsi sentire al di l del crimine
che hanno commesso e del luogo dove si trovano a passare una parte della loro vita anche se non
facile scindere luomo dal reato. Rispetto alla breve permanenza a Canton Mombello crediamo che il
lavoro per la riabilitazione completa di una persona, valutandola per quella che e per quello che pu
dare alla societ indipendentemente dalla colpa imputatagli, sia lungo e faticoso, ma non impossibile,
e richieda molto impegno da parte di tutte le componenti in gioco. Imparare, ed educare, ad avere una
mentalit aperta volta alla conoscenza di queste persone, della realt in cui vivono e degli enti che
ruotano intorno al loro mondo sicuramente un buon punto di partenza per iniziare a prendere co-
scienza, abbattere gli stereotipi e migliorare questa realt. Per due ore abbiamo potuto toccare con
mano, seppur per poco, la superficie ruvida del carcere e quella molto umana dei detenuti. Grazie per
loccasione, non la dimenticheremo. Ivana e Marco
Bottega Terremondo
Cooperativa Karibu Onlus
Bottega Terremondo nato circa 12 anni fa grazie alla decisione di alcuni volontari che credevano
nella possibilit del commercio equo e solidale. Per la sua costituzione, Terremondo si appoggiato
al negozio preesistente di Gardone Valtrompia, Bottega del Mondo ed al sostegno della Cooperativa
Karib. L'attivit della Bottega consente da un lato di pagare il giusto prezzo, o meglio un prezzo
equo, al produttore che pu cos vivere del suo lavoro e dall'altro di sensibilizzare la comunit territo-
riale sulle tematiche della sobriet, del consumo critico e del commercio equo e solidale in un'ottica
di promozione del benessere del territorio e dei lavoratori.

Fra tutte le associazioni umanitarie intervenute negli incontri del Progetto Volontari in Redazione,
tutte da elogiare per il servizio che rendono, io e Stefano abbiamo deciso di scrivere due righe su
Bottega Terremondo di Bovezzo.
Innanzi tutto: grazie Rita (ribattezzata simpaticamente Rita Guaran) per averci portato una bibita
energetica a base del frutto sudamericano e barrette con frutta secca e cioccolato, molto buoni ma
soprattutto prova tangibile dei prodotti venduti dalla bottega del commercio equo e solidale cos co-
me la maglietta indossata da Rita prodotta in Bangladesh, stampata nel carcere di Genova e venduta
nelle Botteghe del Commercio Equo e Solidale italiane.
Troviamo che sia quanto meno interessante proporre una gamma di prodotti, che spaziano dall'ali-
mentare all'oggettistica all'abbigliamento, lasciando una percentuale pi alta (equa per l'appunto) del
guadagno al produttore in modo da consentirgli di vivere dignitosamente con il suo lavoro, senza es-
sere sfruttato, e magari reinvestire bella propria attivit.
Pertini disse: un uomo non libero se non ha lavoro.
In questo tempo, nel periodo che stiamo attraversando, l'attualit di queste parole non mai stata cos
reale!
Il commercio equo e solidale fornisce prodotti di buona qualit provenienti da ogni parte del mondo,
d l'opportunit al produttore di realizzare qualche sogno nel cassetto con il frutto del proprio lavoro.
La nostra speranza che questa attivit si divulghi a macchia d'olio in modo da dare la possibilit
concreta di un'attivit nuova ed accessibile a tutti. Carlo e Stefano
20

Ho accettato linvito a parlare della mie esperienza di volontariato in
carcere con molto entusiasmo e altrettanta apprensione: non avevo idea
di chi fossero i miei interlocutori e largomento da presentare, il com-
mercio equo e solidale, non cos facilmente comprensibile come pu
essere un esperienza di volontariato fra le favelas brasiliane. E cos in
mezzo a loro ho fatto due scoperte.
Prima scoperta: anche per me largomento non poi cos chiaro. E le
mie incertezze sono state messe allo scoperto proprio in mezzo a questo
gruppo di persone, che mi hanno accolta a loro modo e che hanno cos
spontaneamente messo a nudo la mia fragilit. Grazie. Seconda scoper-
ta: sono nata e ho vissuto nel volontariato come espressione di vita per
me ordinaria, dando per scontato che possa essere cos per tutti. Niente
di pi sbagliato il pensare a unico canale! Le espressioni di vita perce-
pite in quella mattina hanno spalancato il mio stretto obiettivo in una
visuale panoramica fatta di persone diverse, con storie molto diverse e
che si esprimono in modo molto diverso fra loro (nel loro mi ci metto
anche io ovviamente!). E il rischio stato che ognuno si esprimesse in modo un po autistico
Tuttavia siamo riusciti a trovare punti di connessione e capacit di intreccio di una fantasiosa rete
sulla quale allacciare dei nodi di condivisione di alcune parti delle nostre vite!
Mi piacerebbe tanto che questo incontro cos breve, ma cos intenso, possa favorire delle concrete
collaborazioni fra le nostre realt attraverso la realizzazione di progetti condivisi.
Chiss!
Rita
CONTATTI
KARIBU SOCIET COOPE-
RATIVA SOCIALE ONLUS
Via Zanardelli 410 25063
Gardone Val Trompia
c/o Bottega del Mondo - tel./
fax 030.8913204
karibuonlus@gmail.com

AMICI DI KARIBU
ASS. DI PROMOZIONE SO-
CIALE E CULTURALE
P.zza Gigi Rota 3/D 25073
Bovezzo
c/o Spazio Bottega TERRE-
MONDO - tel./fax 030.2711337
bottegaterremondo@libero.it
Associazione Intarsio Onlus
Intarsio nasce dalla volont e dallesperienza di un gruppo di perso-
ne che da anni, in modo spontaneo, organizzano attivit di tempo libe-
ro a favore di Persone Diversamente Abili frequentanti i Centri Diurni
per Disabili gestiti dalla Cooperativa Sociale La Sorgente di Montichiari. Le motivazioni
che hanno portato alla costituzione dellAssociazione sono: lesigenza di dare basi giuridiche
alle attivit di volontariato svolte, la volont di ampliare la sfera dei propri interventi a favo-
re della Disabilit, e la possibilit di poter godere, in quanto organizzazione riconosciuta, di
maggior attenzione nel rapporto con Enti locali e Altre Associazioni, al fine di offrire un
sevizio sempre migliore. Intarsio non ha scopo di lucro e si pone come sua principale
finalit lintegrazione sociale di persone diversamente abili.

Sono rimasto particolarmente colpito dagli incontri con i vari rappresentanti delle associazio-
ni di volontariato che ci hanno fatto visita e ci hanno resi partecipi sia del loro impegno che
delle loro esperienze () nello specifico mi ha colpito particolarmente l'associazione Intar-
sio sia per il nome (in quanto studente al V anno di arredo ho avuto modo di studiare l'origi-
ne e la storia di questo termine) sia per la tipologia di lavoro che si basa su tanta pazienza e
professionalit. Il racconto di questa associazione mi ha colpito anche perch ho avuto modo
spesso di frequentare persone con disabilit le quali mi hanno regalato una forte carica inte-
riore che mi accompagner per il resto della mia vita. Vedere come loro affrontano la vita
un'esperienza che consiglio a tutti in quanto, anche se non ti metter al riparo dagli errori,
almeno ti aiuter a superarli pi facilmente. In particolar modo, l'associazione Intarsio si
occupa di organizzare delle iniziative mensili che vedono coinvolti ragazzi disabili, in pre-
valenza utenti dei Centri Diurni per Disabili di Montichiari e Ponte S.Marco gestiti dalla Co-
operativa La Sorgente.
21

Le uscite hanno come mete: cinema, pizzerie, bar, gelaterie, karaoke ed ogni luogo adatto ad
essere occasione di svago per i ragazzi. L'associazione organizza, inoltre, brevi soggiorni
estivi ed invernali con lo scopo di favorire la crescita personale e l'indipendenza al di fuori
del contesto familiare ed offrire alle famiglie un'occasione di sollievo. Nel sentire parlare
Camilla, la volontaria che ci ha presentato l'associazione, ho rivissuto esperienze passate,
momenti che ricordo ancora con piacere come quella volta che accompagnai Salvatore,un
ragazzo disabile dotato di una forte personalit, che ha rifiutato di vivere in un centro per
disabili e vive da solo. Il comune gli garantisce un minimo aiuto ma poi sono diversi volon-
tari che a turno lo aiutano. Io lo conosco da diversi anni e un giorno lo accompagnai a trova-
re i suoi in campeggio a Toscolano Maderno. Passammo una bella giornata: l'unica pecca fu
che lui non poteva fare il bagno o meglio, non voleva. Io e suo padre abbiamo quindi risolto
con un gavettone e lui ce l'ha fatta pagare cos: si messo d'accordo con un vicino che ha
portato il labrador di Salvatore a fare un giro mentre lui venuto a dire a noi che il cane era
scappato. Io e suo padre lo abbiamo cercato per pi di 2 ore rivoltando il campeggio mentre
lui se la rideva. Ho voluto condividere con voi questo ricordo in quanto per me rappresenta
la voglia di non arrendersi... al gavettone egli ha reagito come abituato a fare fronte alle
difficolt della vita e cos dobbiamo fare noi!
Giovanni
CONTATTI
Ass. Intarsio Onlus
Via Matteotti, 19
25018 Montichiari (BS)
info@associazioneintarsio.it
Cell.: 3400711162
Sabato 26 luglio 2014 sono stata invitata dallAssociazione Carcere e Territorio presso il pe-
nitenziario bresciano di Canton Mombello per partecipare al progetto Volontari in redazione.
Ho avuto quindi loccasione di presentare a un gruppo di detenuti coinvolti in tale progetto
Intarsio, associazione di cui faccio parte e che, dal 2005, si propone di creare occasioni di
svago per ragazzi e adulti diversamente abili e, allo stesso tempo, di donare sollievo alle loro
famiglie; la realizzazione di tali iniziative gestita esclusivamente da volontari. Non mi era
mai capitato di dover presentare Intarsio e, nonostante ne faccia parte da diversi anni, non mi
ritenevo in grado di dare la giusta importanza agli obiettivi della associazione, non sapevo
come trasmettere le difficolt che possono incontrare dei volontari a cui non richiesta una
preparazione specifica, ma soprattutto le emozioni e le esperienze che si vivono stando a
stretto contatto con persone diversamente abili, n quanto fosse per me e per tutti gli altri
volontari istruttiva e edificante unesperienza simile. Ogni mia insicurezza stata spazzata
via sin da subito quando davanti a me ho trovato un gruppo di persone molto interessate
allargomento, coinvolte e motivate a condividere quelle che erano state le esperienze perso-
nali di alcuni con la disabilit. Gli interventi e le domande dei partecipanti mi hanno quindi
spinta a riflettere anche su questioni che magari non mi ponevo da tempo o che non mi ero
mai posta, a ragionare ulteriormente sul tipo di volontariato che ho scelto e sulle esigenze
delle persone con cui mi relaziono. Questa esperienza mi ha anche permesso di rimettermi in
discussione come volontaria e di riconfermare quindi le motivazioni che mi avevano spinta
ad iniziare questo percorso.
In conclusione posso solo ringraziare di cuore i volontari di ACT per avermi invitata a parte-
cipare a uniniziativa cos coinvolgente e edificante e i partecipanti per il loro interesse e per
gli stimoli e gli spunti di riflessione a cui hanno dato vita. Non mancher di riportare tutto
questo anche agli altri volontari di Intarsio. Grazie.
Camilla
22

"Ripuliamo le cattive strade"
Il progetto Ripuliamo le cattive strade volto a coinvolgere detenuti, persone in misura alter-
nativa e persone in carico allo sportello di segretariato sociale in attivit di volontariato pres-
so associazioni ed enti di volontariato. Lo scopo del progetto fornire alle persone sopra in-
dicate unopportunit per impiegare il proprio tempo in attivit formative utili per s stessi e
per la collettivit, anche al fine di contrastare il rischio di recidiva delle persone con proble-
mi di giustizia e dipendenza da sostanze stupefacenti. Il progetto offre inoltre alle persone
coinvolte la possibilit di riparare il danno causato mediante attivit a favore della societ
offesa, secondo la logica della giustizia ripartiva.

Che dire? Mi viene in mente la canzone di Morandi che dice uno su mille ce la fa...
Perch? Certo non per volere dell'associazione Carcere e Territorio che, con il suo impegno
d la possibilit a detenuti ed anche ex detenuti di usufruire di una misura alternativa, di po-
tersi confrontare con la realt quotidiana, promuovendo la socializzazione ed il reinserimen-
to nella societ, consentendo di fare un'esperienza dedita al prossimo per relazionarsi prima
cosa con se stessi ed aprirsi con persone bisognose, di intaccare quel muro di diffidenza, a
prescindere dal ceto sociale a cui appartiene. E perch no? Non guasta un po' di umilt e al-
truismo. Il progetto prevede proprio, attraverso la collaborazione con altre associazioni
dal territorio ed amministrazioni comunali, l'inserimento di persone detenute o ex dete-
nute in attivit di volontariato a favore della comunit. In questo mondo tutti abbiamo
bisogno di un aiuto, sia moralmente che fisicamente, ed con rammarico che mi ripeto con
lo scritto iniziale (uno su mille ce la fa). Dopo aver ascoltato i volontari di A.C.T. del proget-
to Ripuliamo le cattive strade ed in particolare Valeria, che sottolineava il risultato della
statistica: due persone hanno continuato con l'attivit di volontariato, gli altri purtroppo finita
l'alternativa al carcere, sono tornati ai loro problemi di sempre, questo perch, credo io, non
avendo possibilit economiche e non potendo mantenersi da s, non si trovano psicologica-
mente pronti ad affrontare la gratuit del volontariato e, per dirla tutte, le strade resteranno
sempre un po' sporche ma una sensibilizzazione da parte delle autorit competenti a far s
che questo non avvenga, nei limiti del possibile, per far continuare l'attivit di volontariato a
detenuti ed ex detenuti sarebbe utile, per far continuare agli stessi un'esperienza positiva ren-
dendo cos le suddette strade un po' pi scorrevoli aiutando i fruitori di queste misure alte-
rative ad andare oltre la misura, impegnandoli anche solo part-time con un impiego.
Franco

Il giorno 26 Luglio 2014 si svolto un incontro allinterno della Casa Circondariale di Can-
ton Mombello per presentare il progetto Ripuliamo le cattive strade con lobiettivo che
una volta scontata la pena le persone presenti allinterno del carcere possano usufruire di
questa esperienza. Lincontro avvenuto la mattina, presso la Biblioteca del carcere con i
ragazzi, circa 20, che si occupano di scrivere per il Giornalino Zona 508. Durante
lincontro era presente anche lassociazione di volontariato Intarsio, in quanto stato attivato
presso il carcere il progetto Volontari in redazione che persegue lobiettivo di sensibilizza-
re le persone detenute alle diverse realt di volontariato presenti sul territorio bresciano.
I ragazzi presenti hanno ascoltato il progetto, hanno partecipato in maniera attiva e hanno
prestato molta attenzione alle testimonianze riportate di due ragazzi che hanno partecipato
precedentemente a questa esperienza. Durante lincontro sono emerse diverse perplessit su
come le persone allinterno di una struttura avrebbero potuto considerarli vista la loro si-
tuazione giuridica, temendo di essere etichettati come delinquenti. Pertanto erano interes-
sati a conoscere quante realt di volontariato presenti sul territorio avessero dato disponibili-
t ad accogliere persone che hanno o che hanno avuto problemi con la giustizia.

23

Pi volte stato espresso il desiderio, da parte dei ragazzi presenti, che questa possibilit
venga estesa anche a chi si trova a scontare una pena strettamente detentiva allinterno del
carcere, ma stato spiegato loro che sono presenti delle questioni burocratiche che attual-
mente ne impediscono la piena realizzazione.
Soprattutto stato sottolineato che questo progetto e questa possibilit dovrebbe essere di-
scussa con coloro che si occupano dellarea educativa allinterno del carcere. Personalmente
mi ha colpito molto il fatto che una volta concluso lincontro i ragazzi ci abbiano fatto i com-
plimenti e ringraziato perch faticavano a comprendere che qualcuno, a loro sconosciuto,
potesse interessarsi e fare qualcosa per loro volontariamente e gratuitamente.
Roberta
Progetto "Ripuliamo le cattive strade": la testimonianza di Max

Era una bella mattinata daprile, quando mia moglie mi chiam e mi disse: "Amore, ho una
novit, ho appena chiamato quellassociazione che ci ha consigliato la suora, se non sbaglio
si chiama Carcere e Territorio. Ho parlato con una volontaria e mi ha spiegato che attivo
un progetto molto interessante, si tratta di volontariato. Ti aspetta marted".
Volontariato? dovrebbe essere una parola rassicurante, ma in me suscita agitazione, si tratta
di una realt totalmente sconosciuta, di un mondo lontano. Ero incerto, ma decisi di pre-
sentarmi allappuntamento insieme a mia moglie.
La ragazza mi spieg il progetto Ripuliamo le cattive strade, e mi disse che aveva un elen-
co di associazioni di volontariato disponibili ad accogliere persone come me, con una storia
di carcere alle spalle. Lelenco delle associazioni era vario, e tra queste vi era anche una
struttura dedicata ai cani. Quando ho sentito la parola animali non sono riuscito a mascherare
il mio interesse, ho sempre avuto un legame particolare con i miei cani, e senza incertezze ho
scelto questa associazione.
Dopo alcune settimane inizi la mia nuova esperienza al canile. Lambiente era tranquillo ed
informale, cerano una trentina di cani nelle loro gabbiette e mi colp subito la loro condizio-
ne: erano rinchiusi. Rinchiusi come ero io qualche mese fa, soli e senza libert, e dal loro
sguardo cap immediatamente che potevo e dovevo aiutarli.
Le attivit erano varie: pulitura dei box, accudimento giornaliero e attivit di
sgambamento dei cani, custodia e manutenzione della struttura.
Iniziai senza timori, sapevo che i cani non mi avrebbero giudicato per il mio passato, ma mi
preoccupava il rapporto che avrei instaurato con gli altri volontari, non volevo essere etichet-
tato come lex detenuto dal quale stare lontano e per questo motivo non parlai a nessuno
della mia situazione. Sentivo il bisogno di allargare le mie conoscenze, di cambiare le vec-
chie compagnie e avevo il desiderio di stringere nuovi rapporti di amicizia, e forse questo
poteva essere il contesto pi adatto.
Giorno dopo giorno mi sono reso conto dellimportanza di questa attivit, vedere la felicit
degli animali e la dedizione degli altri volontari mi ha dato lenergia per impegnarmi sempre
di pi. Sono trascorsi 5 mesi ormai e il mio impegno costante ogni settimana.
Ho coinvolto anche mia moglie e la mia bambina in questa esperienza e devo dire che ora
quel mondo sconosciuto parte di me, e capisco perch si cerca di sensibilizzare costante-
mente la cittadinanza al volontariato.
Vorrei concludere con una frase di Isabel Allende: "Le crisi e le avversit spesso diventano
occasione di crescita interiore."
Il volontariato pu essere quelloccasione di crescita sia per la persona accolta che per
lassociazione stessa.
Max
24

...GRAZIE RAGAZZI!!!

Ecco i sentiti ringraziamenti di Franco dopo aver partecipato al progetto "Volontari in reda-
zione" ed in particolar modo le sue riflessioni su "Intarsio", associazione di volontariato che
si occupa di organizzare iniziative aggregative mensili che vedono coinvolti ragazzi disabili.

Grazie ragazzi per il tempo che dedicate a noi detenuti che partecipiamo al giornalino Zona
508 qui a Canton Mombello. Vi siamo grati per la sensibilit che mostrate nei nostri con-
fronti , per la disponibilit che offrite nel venire il sabato mattina che per voi potrebbe essere
diversamente occupato. Vi siamo grati per queste ultime iniziative che riguardano il volonta-
riato, dialogare con le persone che rappresentano le varie categorie e capirne il meccanismo
a noi quasi sconosciuto. Ascoltando il modo di fare di ogni singola associazione ci rendiamo
conto di quanto sia importante loperato che svolgono i volontari. Con ammirazione abbiamo
ascoltato limpegno che mettono, con apparente semplicit, a sostegno delle associazioni e
che invoglia a saperne di pi, in modo che se un domani si volesse partecipare a una di que-
ste attivit almeno il minimo indispensabile lo si conoscerebbe.
Per quanto riguarda me, vorrei intraprendere un'attivit di volontariato presso lassociazione
Intarsio per dedicarmi alla disabilit dei ragazzi down, certo di esservi portato vista la mia
precedente, anche se minima, esperienza.
Franco
SOGNANDO

Stavo facendo un bel sogno; eravamo insieme, facevamo una passeggiata vicino a Sal, ci
siamo distesi sul prato, nella luce della luna, molto pi luminosa di quanto sia mai stata nella
realt, luna che spruzzava tutta la sua luce su di noi, mi stringevi fra le tue braccia e mi dice-
vi che mi amavi intensamente.
Nonostante ci la nostra tenerezza era malinconica.
Mi sono svegliato di soprassalto, fuori dalla finestra notte fonda, mi sono specchiato, ho
visto occhi segnati dal dolore, sembrava riuscissero a vedere oltre le fattezze del viso, senti-
vano il mio animo che diceva: non c nulla nella vita che possa eguagliare la serenit, la
felicit, la libert!
Meglio fosse stato uno di quei sogni che si dimentica del tutto, dei quali quando ti svegli non
resta pi traccia.
Ho soltanto sognato. Soltanto! Vincenzo
25

Un dia
Un dia ser perfecto
Cuando mi respiro sese
Como la mirada
Mirada que desaparece
Igual al polvo que pisamos
Tanto que buscamos lo irreal
El cual desconocemos, si si si,
Desconocemos
Estando en el camino
Que pertenecemos
Solo all encontraremos
Lo llamado, perfeccin
Es la posicin
En brazos del Padre Eterno
Solo es el dueo
De todo lo que vivi
Todo aquello que dio la tierra
A la tierra volvi
Carlos
(Grazie Mauricio)

Verr il giorno perfetto,
Quando il mio respiro
E lo sguardo saranno una cosa sola.
Lo sguardo che scompare,
Come la polvere che calpestiamo sotto i
nostri piedi.
Viviamo nella ricerca dell'irreale, che ci
sonosciuto; s, s, s,
Ci sconosciuto.
Rimenendo nel cammino a cui apparte-
niamo,
Allora solo l troveremo
Ci che chiamiamo la perfezione.
Quando ci troveremo
Nelle braccia del Padre Eterno,
Solo Lui proprietario
Di tutto ci che vissuto
Tutto quello che la Terra ci ha donato
Alla Terra torna.

Cos il carcere? E un luogo
ove le notti non finiscono mai
e quando arriva lalba senza
sorriso! I giorni vivono e
muoiono tristemente..un
po anche io!
Vincenzo
AMICO MIO

Vedi amico mio, la vita non sempre
bella e spensierata, anche un gabbiano
pu essere infelice. Vola sul
mare, si posa su un vecchio faro abban-
donato, triste e solitario.
Sullo stesso promontorio ha visto gior-
ni felici, cera un faro bianco, bello e
maestoso che guardava il mare in lon-
tananza e che ora il tempo ha fatto il
suo.
E dice al gabbiano Non essere triste,
non fare come me, va, vola via felice,
vivi e ama la vita

Giuseppe Grimaldi
Sensazioni

Anche se cambia il mondoper la gente intorno a me,
e un cest la vie cherie! e ci tenevo a dirti che
oltre ad essere bella, hai due occhi di perla,
e di un verde speranza, un poco grigi sai
come un mare in tempesta, e nel suo sfondo
son come dipinti e avvolti, da un cielo azzurro profon-
do.
Il tuo bel viso, come un fiore appena sbocciato
E con un sorriso, la tua intelligenza e purezza,
lo rende incantevole, lo rende fatato, che sia per magia,
o che sia quel che sia,
la tua bellezza mi attrae e non colpa mia.
Fantasie, fantasie sottili che viaggiano e in un battere di
ciglio,
tra le sbarre di una cella, come nuvole bianche, si dis-
solvono,
e che te lo dico a farecon i nostri sogni VOLANO!
Sei colpo di fulmineed ora, come una scintilla, tu
accenditi,
e non preoccuparti piccola non ti chieder di conceder-
ti ,
per sempre se ti vaPENSAMI.
Sensazioni, son come impressioni che ti parlano,
sembrano poesie che nascono, e che con il calar del
sole, tramontano
ma che in ogni nostra notte, come una stella cadente,
ritornano,
e per magia, assorte tra una branda ed un cuscino,
saddormentano.
Hai due occhi che parlano, e quando mi guardi cos
Sai che mi dicono? Mi sussurrano
Chico e che te lo dico a fare
Io son realt; svegliati, perch ora di sognare.
Tiziano
26

PIOGGIA DI EMOZIONI

I miei occhi impietriti ad ammirare lo spettacolo che solo la natura ti pu
offrire, tu sei sedotto dal dal vento che ti accarezza mentre gli alberi sem-
brano chiederti un aiuto per l'avanzare di nuvole scure che si fondono a
lampi a tuoni ed ecco finalmente il profumo della pioggia che avanza
e, come un preludio, innesca la sinfonia delle prime gocce che toccano
terra e rinfresca ogni corpo e anima con piaceri indescrivibili e vorresti
che non finisse mai perch e tutto cos magico, intenso attimi come
pochi ho passato mai e tutto troppo bello adesso, ed io come se fosse
un capriccio chiedo che non finisca mai.

Il mio appello viene ascoltato da chi sta lass ed eccomi accontentato da un ultimo tuono, abbracciato ad un
lampo che mi fa vibrare il cuore coccolato dal fragore uggioso che tiene ancora in fissa il mio sguardo che
malinconicamente vede il vento trasformarsi nel sipario di questi attimi vitali che la natura egoisticamente ci
offre troppe poche volte, perch io non smetterei mai di danzare nell'incantesimo della pioggia che mi proiet-
ta in un altro mondo privo di gravit, privo di malessere che mette le ali al mio cuore.
Vorrei continuare a scrivere ma prepotente la realt e la magica atmosfera si consumata ormai solo
tracce son rimaste di questo show della vita ed il rumore di zampillo d'acqua in ogni dove fan da colonna
sonora a emozioni che si tuffano nel mondo di un nuovo sogno dove niente impossibile
Mario
UN AMICO FEDELE

Io essere umano, no, meglio dire:
essere animale, faccio, dico e disfo
tutto quello che voglio in questo mon-
do, senza rendermi conto che il nostro
modo di essere diventa omicida
soprattutto per i nostri simili.
Dicasi simili anche gli animali intesi
come cani e gatti, e lasciando perdere
gli umani, loro possono difendersi.
Sono recluso nella C. R. di Verziano
(BS); leggendo un inserto di un noto
quotidiano nazionale sul programma di
pet therapy allinterno di un altro car-
cere, capisco quanto sia grande il biso-
gno, la mancanza, la necessit di vede-
re, toccare ed accarezzare il proprio
cane.
Ognuno di noi usa vezzeggiativi per
apostrofarli, per sentirli pi personali,
pi propri, per renderli partecipi della
propria vita.
Noi detenuti facciamo parte di quella
schiera di esseri cattivi, rifiuti della
societ, ai margini del vivere quotidia-
no di un mondo preclusoci per i nostri
errori, ma, dico ma, siamo in espiazio-
ne di pena avendo subito una condan-
na.
Allora perch privarci anche di quei
piccoli affetti dimostratici dai nostri
unici amici fedeli?
Credo che, nel posto in cui siamo,
avere conforto vedendo il proprio cane,
animale, amico fidato, cucciolo, chia-
matelo come volete, ci aiuterebbe mol-
to a realizzare la nostra situazione,
oltre ad avere e a dare conforto.
Quale padrone non sa cogliere le emo-
zioni del proprio cane, le sue espres-
sioni di paura, gioia, rabbia, tristezza?
Le emozioni che hanno basi neuro-
fisiologiche lasciano infatti tracce
palesi nei comportamenti, per loro, ma
anche e soprattutto per noi.
Ho letto, nellarticolo di quei ragazzi e
ragazze che hanno accarezzato un
cane, che, dopo anni che non riceveva-
no una carezza, sentirsi baciare da un
animale vero, li ha fatti piangere.
Questi ragazzi hanno espresso volont
di scelte mai fatte prima. Certo, tra il
dire ed il fare c di mezzo il mare, ma
noi detenuti dovremmo avere lo status
del favoris rei, cio quello che ci
favorisce di pi per il nostro benessere.
Questa formula prescritta dal nostro
codice penale in funzione di applica-
zioni di pene, quindi, perch non pu
essere applicata anche in funzione di
vita quotidiana pur essendo in un car-
cere?
Il cane oggi viene usato in mille
modi: per scovare droga, soldi, persone
perse sotto le macerie, neve, per salva-
taggi in mare ecc
Perch non adoperarli per dare e rice-
vere amore?
In altre carceri c la possibilit di
vedere il proprio cane e spero e mi
auguro che, con questo scritto, si possa
arrivare anche qui, ad incontrare il
proprio cane.
In carcere si ha bisogno di tante cose:
dalla famiglia allavvocato. Aver biso-
gno del proprio cane , amico fidato,
un fattore di quarta o quinta priorit;
ma riflettete un momento e pensate
veramente quanto sia importante per
un cane rivedere il proprio padrone, e
per un essere umano vedere o rivedere
il proprio amico fedele.
Il cane, per quanto lo si lasci in mani
sicure, non pu leggerti, non pu sen-
tirti, sa solo che non ci sei pi e si
sente abbandonato.
Come dice il mio amico di pena: i
miei figli prendono i miei vestiti che
mando fuori al colloquio e li fanno
annusare al mio cane, per fargli sentire
che ci sono, che sono vivo.
Charles Darwin, nel saggio
Lespressione delle emozioni
nelluomo e negli animali, descrive le
tante e, quasi sempre, leggibili manife-
stazioni emotive della nostra e delle
altre specie.
Loro non parlano, sentono la tua man-
canza, vedono che non ci sei, soffrono
senza dimostrazione, non imprecano,
hanno tutto dentro. La loro unica fonte
di speranza lattesa del ritorno del
loro amico; la fiducia che hanno nel
loro padrone smisurata, aspettano e
aspettano.
Quello che ci da un cane un piacere
indefinibile. La calma, la sicurezza, le
carezze, il silenzio, la vicinanza, lui
l, mentre le persone umane sparisco-
no, sia nel breve, che nel lungo tempo.
Sarebbe bello, una domenica, vedere la
mia Kia: amica fidata e fedele.
BAU-BAU

ANTONIO

27

Nellambito del corso di
scrittura stato letto un brano tratto dallEneide del poeta latino Virgilio, poema che rac-
conta in versi la fuga delleroe Enea dalla sua citt distrutta dai Greci e il suo successivo
naufragio a Cartagine, citt africana governata dalla regina Didone. I due hanno una breve
storia damore, ma Enea costretto a lasciare lamata e a ripartire per fondare una nuova
citt in Italia: Didone allora si suicida, dopo averlo lungamente maledetto. Durante un viag-
gio negli Inferi, Enea, vivo, incontra la regina, ormai morta: a questo punto stato chiesto
ai partecipanti del corso di scrivere il dialogo fra i due personaggi. Massimilano lha ripro-
posto in chiave ironica.

ENEA VA A TROVARE DIDONE NEGLI INFERI

Enea dopo una lunga e stressante discesa negli Inferi arriva al cospetto della sua amata.
ENEA: - Ciao, mia amata: neanche sono arrivato che gi nel guardarti la mia passione bolle
per te!
DIDONE: - A Enea, ma che stai a dd? Cretino eri, e cretino sei rimasto! Non la passione
che bolle, che qua fa caldo perch semoalInferno!
ENEA: - Gi, amore mio, non ci avevo pensato! Tu s Didone che hai sempre una risposta a
tutto! Ma dimmi, Didone mia, perch ti sei infilata quella spada nel corpo? Ma davvero mi
amavi cos tanto? Si sapeva che sotto le coperte avevo il mio grande fascino, ma potevi par-
larmene
DIDONE: - Enea, prima cosa lo stai dicendo tu che avevi sto grande fascino nel letto! Io non
me lo ricordo, o meglio, piccolo il ricordo. Comunque la verit, Enea, questa: io come al
solito facevo le pulizie in casa e siccome tu sei un grande disordinato mentre lavavo a terra
sono scivolata e me sono conficcata la tua spada nel corpo e so morta, tutto qui!
ENEA: - Amore, scusa tanto, non ho fatto apposta! Te pensa che so partito de frettaper an-
dare in guera e quando so arrivato per fondare limpero romano me so guardato attorno: la
conquista era mia. Fatto sta che vado a prendere la spada nel fodero e non la trovo e dico:
Mo so cazzi mia! Come faccio la guera senza la spada mia? Immagina tu, Didone mia,
dai Latini le mazzate che ho preso E allora, sconfitto, me so detto: Torno dalamore mi-
o, arivo a casa e nun te trovo, vado in camera da letto e maccorgo che qualcosa non va
Me so detto: Ma tutte sto sangue a terra che ce fa? Di solito il capretto lo ammazziamo in
cucina prima de mangiarlo! Poi a na certa ora arriva la badante piangendo e me racconta
laccaduto e de core me so despiaciuto! Ecco perch durante il mio viaggio mi fischiavano
le orecchie: non erano i colpi de vento, ma i vaffa che da qui mi mandavi. Quindi, com
giusto che sia, sono venuto a dirti: Amore mio, mi perdoni?
DIDONE: - Senti, Enea, io ti perdono, per me fai na bella cosa? Tanto la guera lhai persa,
la moglie pure, torna da dove sei venuto a poi va a mmor ammazzato!
RUBRICA Scrittura Creativa
DIALOGO TRA ENEA E DIDONE INTERPRETATO IN ROMANESCO
Voglio precisare perch ho scritto in dialetto romano. Con sincerit, ho scritto questa trama simpatica
perch in quel momento la testa mi diceva quello. Essendo consapevole di non saper scrivere con
gergalit e parole italiane sofisticate e riportate a quei tempi, ho usato lunico strumento che mi con-
sentiva di arrivare ai lettori. Credo che il dialetto sia pi compreso ed apprezzato dalla maggior parte
delle persone, non perch magari poco acculturate ma bens perch qualunque dialetto fa sempre un
effetto umile e famigliare verso chi ascolta o legge. Rende le persone pi vicine e fa cadere quelle
barriere intellettuali presenti fra le persone e che a volte dividono.
La mia fortuna stata scrivere questo racconto spiritoso usando il dialetto romano che piace molto
agli italiani e non solo. Mi sono ispirato al grande Alberto Sordi e a Carlo Verdone i quali, tutto ci
che di un racconto pu essere tragico, loro, col romanesco, lo trasformano in una commedia.
Massimiliano
28

D urante il corso di scrittura stato chiesto ai
presenti di scrivere un dialogo fra amici relativo alla
programmazione di un viaggio insieme in un luogo a
scelta. Ecco alcuni dei testi realizzati.

1 Sogno di mezza estate
In una pizzeria quattro amici parlano di un loro ipote-
tico viaggio futuro in qualche parte del mondo.

Marcello: Alexandra, sei mai stata in Australia?
Alexandra: No, ma mi piacerebbe andare.
Tony: Dai amore, il prossimo viaggio sar l.
Liliana: Finiscila di fare l'innamorato!
Marcello: Non sto scherzando raga, mi piacerebbe
andare in Australia, dicono che un luogo incantevole.
Liliana: Anch'io ho avuto notizie: una mia amica, che
ha fatto quindici giorni a Sidney, dice che il mare, la
gente, il luogo, sono completamente differenti da quel-
li europei.
Alexandra: Io ho visto qualche reportage in Tv, ora
far una ricerca poi vedr se andarci con il mio
Tony
Tony: Amore, ti prometto che, se andiamo in Austra-
lia, sar il nostro viaggio di nozze.
Marcello: Ah raga... Finitela, io voglio solo fare una
vacanza.
Liliana: Se noi andiamo con loro in Australia, giuro
che non ti faccio nessuna dichiarazione d'amore.
Marcello: Siamo seri raga, andare dall'altra parte del
mondo un'esperienza fuori dal comune: io ho visto
quel posto solo quando vedo i G.P. di Formula uno ad
Adelaide.
Tony: Proprio perch un'esperienza bellissima che
voglio portare la mia futura moglie.
Liliana: Il mare che c' paragonabile alle isole Ha-
waiane, Fijy, poi il clima ti aiuta molto per fare sport
di vela, surf, essendo molto ventilato.
Alexandra: Dicono che i ragazzi sono bellissimi, alti,
biondi, occhi azzurri e...
Marcello: Ho capito, io sono serio e voi scherzate.
Liliana: Dai, non fare cos, facciamoci un pensiero per
l'anno prossimo.
Tony: No, almeno due anni, perch non ho ancora
divorziato.
Alexandra: Io vado da sola!
Marcello: Io ci voglio andare.
Liliana: Andiamo noi tre.

Antonio ?

2 Quattro amici ricercatori, come ogni anno, all'inizio
delle ferie stive, si ritrovano a cena in un ristorante,
per programmare una vacanza insieme. Marcello,
figura leader del gruppo, propone a sorpresa un itine-
rario.

Marcello: Ho una proposta interessante da farvi per le
nostre vacanze: niente caos, orari d'hotel, spiagge af-
follate, ecc...ecc...
Liliana: Sono curiosissima di sapere dove decideremo
d'andare.
Tony: Ma, soprattutto, conoscendoti, le motivazioni
del posto.
Alexandra: L'importante : sole, sole e ancora sole!
Marcello: Ho pensato Punta Arena, vicino a Capo
Horn

Gli amici un po' sorpresi cercano di focalizzare il po-
sto.

Tony: Maaa... Capo Horn Argentina, estremo sud
della Patagonia?!
Liliana: Argentina-Patagonia...Ma cosa t' preso?
Alexandra: E poi... L, sar estate? O inverno?
Tony: Voglio che tu mi dia due motivi importanti per
la scelta di questo itinerario un po' strano.
Marcello: Semplice: natura, silenzio, niente caos... E
da bravi ricercatori biologici, un ripasso sulle tracce di
Darwin...
Liliana: Insomma, sar tipo... Una vacanza lavoro?!
Alexandra: Non ci penso proprio! Voglio staccare la
spina!

Il silenzio scende di colpo nel gruppo, sono solo gli
sguardi che tra loro cercano risposte che non arriva-
no.

Tony: Altre opzioni... Magari pensate...?
Marcello: Solito caos, caos e caos. facile trovarlo.
Liliana: Visto che l'hai trovato, andiamoci nel caos
quotidiano.
Alexandra: Io ti seguo all'infinito.
Tony: Certamente non quello di Capo Horn, da come
viene descritto solitamente.
Piova54

3 Quattro amici al bar si incontrano per programmare
un viaggio. Marcello e Giuseppe si avviano al bar di
Piovanelli per riunirsi e parlare di un viaggio che
volevano fare da anni, ma per un motivo o per l'altro
non erano mai riusciti a farlo, ma dovettero aspettare
Roberta.

Marcello/Giuseppe: Ciao, Piovanelli.
Piovanelli: Ciao ragazzi, come state?
Marcello: Io bene.
Giuseppe: Anch'io.
Giuseppe: Roberta non ancora arrivata?
Piovanelli: Non ancora, ma fra un paio di minuti arri-
va. Vi porto da bere?
Roberta: Ciao, ragazzi, scusate il mio ritardo, c'era
traffico.
Ragazzi: Niente
Si siedono tutti.
Giuseppe: Allora partiamo quest'anno o cosa?
Roberta: Certo, era da anni che volevamo fare questo
viaggio e ora che siamo in pensione possiamo partire.
Piovanelli: Parla per te. Io devo gestire il bar.
Marcello: Il solito guastafeste! Non dirmi che non
29

riesci a trovare qualcuno che ti gestisca il bar per due
mesi.
Piovanelli: S, mia figlia.
Giuseppe: E allora?
Roberta: Allora si parte, Piova.
Piova: Che aspettiamo allora?
Marcello: Siamo tutti d'accordo di partire e girare il
mondo in due mesi.
Giuseppe: Cosa pi bella di questa non c'.
Roberta: vero, da una nazione all'altra, ma come
facciamo per i biglietti?
Marcello: Che problemi. Si occuper Giuseppe trami-
te la sua agenzia viaggi, ok?
Giuseppe: Va bene, ma datemi un paio di giorni e
sistemo tutto. Ok?
Marcello: Io ci sto.
Roberta: Anch'io
Piovanelli: Vale la stessa cosa per me.
Roberta: Allora ci vediamo qui fra una settimana e a
fine mese partiamo.
Ragazzi: Ok!
Una volta programmato tutto i ragazzi se ne tornano
alla propria vita fino al giorno in cui non si incontra-
no per sistemare le ultime cose per il viaggio.

4 Marcello: Ragazzi, ho un'idea.
Tony: Sentiamo l'illuminato.
Liliana (si rivolge a Tony): Sei sempre il solito, lascia-
lo parlare.
Marcello: Un viaggio, ragazzi, alle Seychelles.
Alex: Bella idea! Ma poi tu non ci sei gi stato con tua
moglie 10 anni fa?
Tony: S, vero! E poi un posto per sole coppie e
non per quattro amici come noi.
Marcello: E chi ha detto che siamo amici, si potreb-
be...
Alex: Si potrebbe cosa? Io, ad esempio, dormirei con
te nello stesso letto solo da morta.
Liliana: Il luogo bello, meraviglioso, ma l'ultima
volta che ci sei andato con tua moglie, sei tornato da
solo e dopo 5 mesi.
Tony: Cosa? Cosa? vero Marcello? Non hai mai
raccontato questa storia al tuo migliore amico!
Marcello: solo un dettaglio che ho tralasciato.
Alex: Perch ti sei fermato cos tanto e non solo in un
luogo come quello?
Marcello: difficile da spiegare.
Liliana: Siamo tutti orecchie.
Tony: Ma s, avrai trovato una donna, te ne sei inna-
morato e poi hai capito che quella non vita.
Marcello: Tony, sei sempre il solito, le donne non
c'entrano nulla. L'isola di Mean un paradiso.
Alex: Non dirmi che sei stato 5 mesi in quell'isola solo
perch un paradiso.
Liliana: Personalmente, sono d'accordo sul viaggio,
ma non alle Seychelles.
Marcello: Questa non vita, soliti orari, solite como-
dit, solita routine, solito tutto. L, tutto diverso. Il
luogo incantevole, incontaminato. Non esiste l'esa-
sperazione del fare tutto, e per forza, e poi, di l ho un
lavoro, o almeno ce l'avevo.
Tony: Un lavoro! Ma chi sei? Dottor Jackill e Mister
Hide? Alla mattina lavori con noi, alla notte voli alle
Seychelles.
Marcello: Ma cosa hai capito! Sei il solito moralista
ignorante.
Alex: Sono proprio curiosa, sentiamo l'illuminato.
Marcello: 10 anni fa ho acquistato delle quote di una
piccola gelateria con un italiano di Verona, lui vive l,
da tanto tempo.
Liliana: E adesso! In tutti questi anni non ci hai detto
nulla!
Marcello: Veramente non lo sa nemmeno mia moglie.
Cosa fate, venite con me, partiamo?
Tony: Io ci sto, puoi contare su di me.
Alex: Se un viaggio dev'essere, desidero che sia anche
divertente: propongo Ibiza.
Liliana: Lasciamo stare. Si fatto tardi e domani mat-
tina in ufficio saremo sommersi di scartoffie.
Alex: E bello sognare, ma ha ragione Liliana: vengo
con te. Ci sentiamo domani, ragazzi. Ci si vede per la
pausa pranzo.
Tony: Ragazze, vengo con voi. Ah, Marcello, paghi
tu, vero?
Marcello: S! S! Andate pure, ci vediamo...

L'indomani, durante la pausa pranzo

Alex: Ciao ragazzi!
Liliana (si rivolge a Tony): E Marcello?
Tony: Marcello partito questa mattina alle 5.30. Mi
ha lasciato questo SMS: Chi lotta pu perdere, ma chi
non lotta ha gi perso. Sono stanco della solita vita. Vi
abbraccio! Ci vediamo... Forse!

OMAR

5 Tra di noi ci telefoniamo e ideiamo di cenare io,
Marcello, Tony, Francesca e Liliana. Una volta a tavo-
la Marcello dice a Tony: Sono stanco di lavorare sen-
za trovare mai una settimana per stare insieme a tutti
voi. Sarebbe una grande idea ritrovarci come prima.
Il tempo presenta il sole in tutto il mondo. Marcello,
con il suo essere fortunato di cognome e di fatto, vince
un Superenalotto da 10 milioni di euro, non dice nien-
te, ma prende dalla vincita 200 mila euro per dare... 50
mila euro a testa. Ma come li d?
Facendo 4 biglietti per Barcellona (10 giorni). Ognuno
ha molto ammirato il suo gesto del viaggio, ma lui, per
dimostrarsi generoso nei loro riguardi, ha noleggiato
un cabinato con i suoi amici e sotto i cuscini
(compreso il suo) ha posto 50mila euro, composti tutti
da pezzi da 500 euro, e in quel caso Marcello ha chia-
mato tutti e tre: Tony, Francesca, Liliana, e in quel
momento Marcello ha rivelato a tutti e tre cosa ha tro-
vato. Tra di loro non ci sono mai stati segreti, sola-
mente la purezza della vera amicizia, vivendo tutti loro
i dolori della vita. Queste cose sarebbero belle, ma
solo un sogno, ma pu capitare.
Grimaldi Giuseppe
30

RUBRICA musicale
SLOW HAND, MANO LENTA

Definito cos da Chuck Berry, Eric Patrick Clapton nasce a Ri-
pley (Inghilterra) il 30 marzo 1945. Chitarrista, cantautore e
compositore britannico, Clapton uno dei pi famosi e influenti
chitarristi blues. lunico musicista che vanta tre inserimenti
nella Rocknroll Hall of fame. La rivista Rolling stones lo ha
inserito al secondo posto, dopo Jimi Hendrix, nella lista che an-
novera i migliori chitarristi di tutti i tempi, The Rolling Stones
100 greatest hit guitarists of all time, eleggendolo quindi miglio-
re chitarrista vivente. Era un bambino calmo, timido, solitario e
per sua stessa definizione cattivo, molto determinato nel perseguire i suoi obiettivi
nellapprendimento musicale e anche dotato di grande senso dellumorismo. Per il suo tredi-
cesimo compleanno ricevette in regalo una chitarra spagnola Hoya. Imparare a suonarla si
rivel difficile per Eric tanto che fu sul punto di abbandonarla. Continu comunque ad alle-
narsi molte ore per imparare gli accordi e riprodurre la musica di artisti blues ascoltandoli al
registratore. Clapton comincia la sua carriera come solista esibendosi nelle strade. Entra gio-
vanissimo nel gruppo degli Yardbirds per poi passare con i Blues breakers di John Mayall
con i quali esordisce dal vivo il 6 aprile del 1965 a Londra. Nel 1966 incide il celebre disco
Blues breakers with Eric Clapton, a seguito del quale comparir nella metropolitana di Lon-
dra la famosa scritta Clapton is God (Clapton un dio). In questo periodo conosce il batteri-
sta Ginger Baker e il pianista Jack Bruce con i quali fonda il gruppo dei Cream; inoltre suo-
na nei primi album di Frank Zappa incidendo parti vocali e di chitarra. Alla fine degli anni
60, allapice del loro successo, i Cream si sciolgono. La carriera di Clapton assume un ca-
rattere nomade e irregolare. Insieme a Baker e allamico Steve Winwood fonda i Blindfaith
che per hanno vita breve: dopo il loro disco desordio infatti la loro esperienza si chiude.
Nel 1970 esce il primo album da solista di Eric Clapton e subito dopo forma il gruppo Derek
and the Dominos. Entra a far parte di questo gruppo anche Duane Allman, un altro grande
chitarrista. Incide due delle sue canzoni pi celebri: Layla and other assorted love songs e
Cocaine (1977, scritta da J.J. Cale). Il dialogo lirico tra la chitarra di Clapton e quella di
Duane dominante, purtroppo per questultimo muore in un incidente stradale e per Eric si
aprono le porte dellinferno della droga. Ci vorranno mesi e laiuto di amici come Pete To-
wnshend per risollevarlo dallabisso. Clapton si rimette in pista e con 461 Ocean Boulevard
(1974) torna a ruggire nelle radio e sui giradischi dei fans. La canzone pilota I shot the she-
riff, gi di Bob Marley (allepoca ancora poco conosciuto). Gli anni 80 vedono un Clapton
pi alle prese con il gossip e il jet-set che con il blues. Nel 1988 partecipa con i Dire straits
ad un concerto in onore di Nelson Mandela. Il 20 marzo 1991, a causa di una finestra lascia-
ta aperta da una domestica, il figlioletto Conor, di soli 4 anni, nato dalla relazione con
lattrice Lory Del Santo, muore candendo dal 53 piano di un grattacielo di New York. Clap-
ton spezzato dalla tragedia ma il dolore gli d una scossa totale e riapre le porte alla sua
musica e al blues. Incide Tears in heaven e Circus has left town, tutte facenti parte della co-
lonna Sonora del film Rush (1992), canzoni dove Clapton esprime il suo dolore per la perdita
del figlio ma anche per non aver mai conosciuto il suo vero padre. Il 16 gennaio del 1992 il
chitarrista e la sua band effettuano unesibizione nel programma Unplugged per Mtv. Le im-
magini di questo concerto acustico verranno trasmesse in prima visione nel Regno Unito i
successivi 27 e 29 marzo. Dai nastri incisi verranno poi ricavati un album e un video omoni-
mi pubblicati il 25 agosto dello stesso anno. Come previsto dal format televisivo, non con-
sentito lutilizzo di nessuno strumento elettrico; ne esce un recital maestoso contenente bra-
ni a prima vista improponibili in versione acustica, uno su tutti Layla! Il disco tratto diventa
un best e un long seller che ottiene il disco doro in USA.
31

Ne viene certificata la vendita di 10 milioni di copie che determinano la vittoria di 6
Grammy. Questi trionfi contribuiscono a ristabilire il successo planetario di Eric. Nellagosto
dello stesso anno, 1992, compi un tour dove si alterna con Elton John con il quale incide un
singolo, Run away train. Collabora anche con Sting con il quale d vita al brano Its pro-
bably me. Il 16 ottobre prende parte al concerto per il trentennale dellesordio discografico di
Bob Dylan assieme ad artisti del calibro di Neil Young, Tom Petty, Lou Reed. Il 13 settem-
bre 1994 esce From the cradle, un album di cover blues in omaggio ai maestri afroamericani
del secondo dopoguerra, le principali fonti dispirazione del suo percorso di musicista. Nel
1999 organizza un concerto al Madison Square Garden di cui stato pubblicato un dvd. Nel
2004 e nel 2007 d vita ad un grande festival della chitarra blues, il Crossroads guitar Festi-
val, di cui sono stati pubblicati due dvd doppi. Con il conseguimento di ben diciassette
Grammy Awards e il Brit Award per il suo eccezionale contributo al mondo musicale, nel
2004 stato anche insignito del titolo CBE (Commander of the most excellent order of the
British empire). Nel 2006 esce The road to Escondido, album in cui finalmente realizza il
sogno di collaborare con J.J. Cale (autore di Cocaine). John Weldon Cale, in arte J.J. Cale,
stato un cantautore e musicista statunitense: nato ad Oklahoma City il 5 settembre 1938,
lautore seminale e padrino del Tusla sound. noto al grande pubblico per aver composto
due tra i pi grandi successi di Eric Clapton: After midnidght e Cocaine. Cale, nei suoi 40
anni di carriera, ha scritto ed eseguito una serie di soffici ballate datmosfera accompagnate
in modo languido dalla chitarra e dalla sua tenue voce. Il suo stile, per lappunto il Tusla
sound, pu essere definito laidblack (rilassato) con sonorit a met strada tra country, blues e
rocknroll con occasionali contaminazioni di funk e jazz; ha influenzato, oltre ad Eric, molti
artisti degli anni 70 tra cui i Dire Straits. Di carattere riservato e non interessato alle luci
della ribalta, aveva tantissimi fans ed estimatori. Mor improvvisamente di infarto allet di
74 anni il 26 luglio 2013. Dal 2006 Eric Clapton si esibisce anche in Italia: a Lucca Summer
Festival, Umbria Jazz e allArena di Verona. Il tour ha visto superbi concerti insieme
allamico Steve Winwood e al monumento Jeff Beck. Nel 2010 uscito il suo nuovo disco
intitolato semplicemente Clapton. Il 24 giugno 2011 si esibito in un concerto di beneficen-
za assieme a Pino Daniele a Cava dei Tirreni di fronte a circa 17000 spettatori. Nel marzo
del 2013 uscito Oldsock comprendente due canzoni inedite e una collezione di alcuni tra i
suoi brani preferiti; da Lead Belly a J.J. Cale, da Peter Tosh a George Gershwin, da Hank
Snow a Gari More e TajMahal, questo lavoro una celebrazione dei tanti che hanno ispirato
la ricca vita musicale di Slow hand.
Curiosit:
Appare nei dischi di Bob Dylan, George Harrison, Billy Preston, Roger Waters (Pink
Floyd), Aretha Franklin, Sting, Joe Cocker, Beatles, Rolling Stones, Santana e Zuc-
chero.
La canzone Cocaine stata utilizzata nei film Starsky & Hutch e Lord of war.
un grande ferrarista, amico di Felipe Massa, possiede una rara 250GT, una 612 Sca-
Scaglietti e una 599GTB Fiorano. Nel 2012 ha commissionato alla Ferrari un esem-
plare unico ed esclusivo SP12EC.
un noto ambasciatore Rolex: il suo un Milgauss 116400GV e lo indossa spesso du-
rante i suoi concerti.
Il 27 agosto 1990, dopo unesibizione nel Wisconsin, non sal sullelicottero che avrebbe
dovuto portarlo assieme alla sua troupe a Chicago. Lapparecchio si schiant su una
collina, causa la nebbia, causando la morte di Stevie Ray Vaughan, Bobby Brooks,
Nigel Browne, Colin Smtythe e del pilota.
32

PREGHIERA DI PAOLO VI PER I DETENUTI

Signore! Mi dicono che io devo pregare.
Ma come posso io pregare che sono tanto infelice? Come posso io parlare con Te nelle condizioni in
cui mi trovo?
Sono triste, sono sdegnato, alcune volte sono disperato. Avrei voglia di imprecare, piuttosto che di
pregare. Soffro profondamente: perch tutti sono contro di me e mi giudicano male; perch sono qui,
lontano dai miei, tolto dalle mie occupazioni, senza libert e senza onore. E senza pace: come posso
io pregare, o Signore?
Ora guardo a Te, che fosti in croce. Anche tu, Signore, fosti nel dolore: s, e quale dolore!
Lo so: Tu eri buono, Tu eri saggio, Tu eri innocente e Ti hanno calunniato, Ti hanno disonorato, Ti
hanno processato, Ti hanno flagellato, Ti hanno crocefisso, Ti hanno ucciso.
Ma perch? Dove la giustizia?
E Tu sei stato capace di perdonare a chi Ti ha trattato cos ingiustamente e cos crudelmente? Sei sta-
to capace di pregare per loro? Anzi, mi dicono che Tu ti sei lasciato ammazzare a quel modo per sal-
vare i Tuoi carnefici, per salvare noi uomini peccatori: anche per salvare me?
Se cos, Signore, segno che si pu essere buoni nel cuore anche quando pesa sulle spalle una con-
danna dei tribunali degli uomini.
Anchio, Signore, in fondo al mio animo mi sento migliore di quanto gli altri non credano: so anchio
cosa la giustizia, che cosa lonest, che cosa onore, che cosa la bont. Davanti a Te mi sorgo-
no dentro questi pensieri: Tu li vedi? Vedi che sono disgustato dalle mie miserie? Vedi che avrei vo-
glia di gridare e di piangere? Tu mi comprendi o Signore? E questa la mia preghiera?
S, questa la mia preghiera: dal fondo della mia amarezza io innalzo a Te la mia voce, non la respin-
gere. Almeno Tu, che hai patito come me, pi di me, per me, almeno Tu, o Signore, ascoltami. Ho
tante cose da chiederti!
Dammi, o Signore, la pace del cuore, dammi la coscienza tranquilla; una coscienza nuova, capace di
buoni pensieri.
Ebbene, o Signore, a Te lo dico: se ho mancato, perdonami! Tutti abbiamo bisogno di perdono e di
misericordia: io Ti prego per me! E poi, Signore, Ti prego per i miei cari, che mi sono ancora tanto
cari! Signore, assistili; Signore, consolali; Signore, di loro che mi ricordino, che ancora mi vogliano
bene! Ho tanto bisogno di sapere che qualcuno ancora pensa a me e mi vuol bene.
Ed anche per questi compagni di sventura e di afflizione, associati in questa casa di pena, Signore,
abbi misericordia.
Misericordia di tutti, s, anche di quelli che ci fanno soffrire; di tutti; siamo tutti uomini di questo
mondo infelice. Ma siamo, o Signore, Tue creature, Tuoi simili, Tuoi fratelli, o Cristo: abbi piet di
noi.
Alla nostra povera voce aggiungeremo quella dolce ed innocente della Madonna; quella di Maria
Santissima, che Tua Madre e che anche per noi una madre di intercessione e consolazione.
O Signore, d a noi la Tua pace; d a noi la speranza.
E cos sia.
(dal volume insegnamenti di Paolo VI)
IL LIBRO

Il libro come le 4 stagioni,
la terra e il cielo,
l'universo che tu
non puoi conoscere senza leggere.
Il libro la luce
nel buio del tuo spirito,
l'abbondanza nella povert della tua mente.

Gjini
33

RISO PILAF AL TONNO

Ingredienti per 4 persone:
Pomodori 400 g
Tonno al naturale
Riso 250 g
Piselli sgranati 100 g
Alloro, erba cipollina, aglio, basilico, zafferano
Olio extra vergine d'oliva
Cipolla
Limone
Brodo vegetale
Sale, pepe in grani
Tempo: 50 minuti circa pi la marinatura.
Difficolt: facile.
Procedimento:
Lessate il tonno a vapore per 25' o aprite la scatola del tonno al naturale, lasciatelo marinare con pomodori
pelati, tritati, olio sale e pepe.
Soffriggete il riso o regolate il riso del carrello con un filo d'olio, mezza cipolla e alloro; salatelo, quindi,
unite piselli, mezzo litro di brodo vegetale, zafferano e senza mescolare cuocetelo coperto per 15'.
A freddo incorporate la marinata di tonno e pomodori.
Condite il tutto con succo di limone, trito di basilico ed erba cipollina. Le operazioni avranno una tempistica
e una modalit differente se si usano gli ingredienti del carrello cos come il risultato, ma conterrete il costo
e potrete cos aumentarne la quantit.
Come tutti sapete in carcere si modifica e recupera qualsiasi cosa. La ricetta, pensata tenendo conto del men
offerto presso Canton Mombello, particolarmente consigliata per il periodo estivo e di facile preparazione.
Si consiglia inoltre di accompagnare il piatto con un vino bianco giovane, secco, armonico, fragrante, servito
ben fresco alla spina: Ferrarelle, S.Anna, Rubinet
KROHT MIT SPEK / CRAUTI ALLO
SPEK

Ingredienti:
Kg 1 di crauti al vino in scatola
250 gr di speck a cubetti
olio extravergine doliva
10 chiodi di garofano
3 foglie dalloro
2 spicchi daglio
noce moscata
1 dado da brodo
sale
pepe

Preparazione: mettere i crauti in uno scolapasta, sciacquare con
acqua fredda e scolare bene. Nel frattempo prendere una pentola
mettere olio quanto baste aggiungendo lo speck e rosolare bene, do-
po di che aggiungere i crauti e a seguire il resto, cio chiodi di garo-
fano, le foglio dalloro, laglio (meglio se sminuzzato), dado, salare e pepare. Aggiungere circa litro di
acqua, mescolare il tutto e fare cuocere per circa 45 minuti a fuoco lento fino allo stringimento. Poi servire.
La ricetta basta per quattro persone. I crauti allo speck sono buonissimi tiepidi o anche freddi.

LICHTENBERGER MIGHUEL
34

Ariete (ex Leone)
Cambiamenti in atto e nuove aspettative. Si rinascer in una citt nuova e tutti i giorni posso-
no essere favorevoli.

Toro (Andrea)
Affrontandoli uno alla volta, i problemi li risolverai. Calmo, molto calmo e passo spedito;
non veloce, speditoGiorno favorevole: mercoled.

Gemelli (Max)
Siete molto corteggiati in questo periodo ma ci che avete nel cuore non vi far distrarre.
Credete di pi in voi stessi e curate lalimentazione.

Cancro (Emi)
Ponderate bene le prospettive riguardanti il vostro lavoro. Cercate tranquillit e relax. Incon-
tri importanti.

Leone (Giuseppe)
La vita ti sorride se la vuoi far sorridere. Non essere pigro. Inizia a travolgere la persona a-
mata. Mantieni la salute. Giorno propizio: luned.

Vergine (Vincenzo)
Novit e lavoro che arriva se lo sai cercare, pi vicino di quanto tu creda. Ma non detto
che il lavoro trovato sia semplice.

Bilancia (random)
Si ricomincia a fare sul serio dopo una spensierata estate: poco male, le energie non manca-
no. Buon lavoro!!!

Scorpione (Mamma di Max)
Molte gioie famigliari in arrivo. Ottima salute ma portafogli un po vuoto in questo periodo!

Sagittario (Violeta)
Tieni stretto ci che ami e raggiungi i tuoi obiettivi. Mooolti mal di testa in questo periodo
ma passeranno, con laiuto del vicino/della vicina.

Acquario (Marta)
Cambiamenti in vista. Tieni saldo il timone e direziona la barca dove vuoi tu . Portati salva-
gente e bagnino/a piacente.

Pesci (Terry)
Non abbattetevi per ogni vostra situazione, il tempo sar il vostro miglior giudice. Incontri
favorevoli. Attenti alla dieta.
35


Se vuoi contattare la
redazione invia una mail a:
info@act-bs.it ;
ti risponderanno le redazioni di
Zona508.
Caro
amico ti scri-
vo
Caro amico
ti scrivo
SI RINGRAZIANO:
Per la collaborazione
La Direttrice del Carcere
La polizia penitenziaria
Gli educatori ed educatrici
E tutti quelli che hanno
collaborato alla stesura del giornale
Sportello di
Segretariato
Sociale:
ACT
Vicolo Borgondio 29,
Brescia
030/291582
Orari:
Dal Marted al
Venerd,
dalle 9.30 alle 12
(su appuntamento)
VOL.CA
Via Pulusella 14
Orari
Luned dalle 9 alle 12
dalle 17 alle 19;
Martedi 9.00-17.00;
Mercoledi, giovedi,
venerdi 9.00-12.00

Hai mai sentito parlare di Act?
Www.act-bs.com
LAssociazione Carcere e Territorio di Bre-
scia orientata alla promozione, sostegno e
gestione di attivit che sensibilizzino
lopinione pubblica riguardo alle tematiche
della giustizia penale, della vita interna al
carcere e del suo rapporto con il territorio.
Promuove e coordina intese interistituzionali
e collaborazioni, sui problemi carcerari, tra
lamministrazione penitenziaria, la magistra-
tura, le amministrazioni, le forze politiche, le
organizzazioni del privato sociale e del vo-
lontariato.
Promuove e realizza le iniziative che favori-
scono, allinterno del carcere: lassistenza
socio-sanitaria, lorganizzazione di attivit
sportive, ricreative, formative, scolastiche,
culturali e lavorative, lorganizzazione di
percorsi di formazione professionale e di
progetti sperimentali per linserimento lavo-
rativo dei detenuti, il reinserimento sociale
del detenuto al termine della pena.
Vuoi una copia del nostro giornalino? Passa dalla nostra associazione o chiedi nella tua
biblioteca.
36