Sei sulla pagina 1di 31

Nascita della chimica organica

1780: distinzione tra composti organici e composti inorganici i


primi derivano da organismi viventi i secondi da fonti prive di vita.
Teoria della forza vitale
1828 1850: sintesi di alcuni composti organici da composti
inorganici. Sintesi dellurea da parte di Volher (1828) a partire
dal cianato dammonio per riscaldamento
NH
4
NCO
calore
C
H
2
N NH
2
O
1861: Kekul definisce la chimica organica come la
chimica dei composti del carbonio
1856-63:Marcellin Berholet sintesi dellacetilene a partire dal
metano
1845:Hemann Kolbe sintesi acido acetico
PROGRAMMA
1. Idrocarburi: saturi, insaturi, aromatici
2. Struttura della molecole organiche: stereoisomerie
3. Classificazione delle reazioni e dei reagenti specie reattive
4. Meccanismi di reazione: omolitici ed eterolitici
5. Reattivit dei principali derivati funzionali: alcheni,
alchini, alcoli, eteri, alogenuri alchilici, aldeidi,
chetoni, acidi carbossilici e loro derivati, composti
aromatici, ammine, fenoli
1) Chimica Organica T.W. Graham Solomons Craig B. Fryhle. Ed. Zanichelli
2) Chimica Organica - Brown - Foote Iverson IV edizione 2010 Edises
3) Fondamenti di Chimica Organica -Janice Gorzynski Smith - MaGraw Hill
C
H
H H
H
C C
H
H
H
H
H
OH
metano etanolo
C
C
C
C
C
C
H
H
H
H H
H
benzene
OH
OCH
3
CHO
OH
OCH
3
OH
OCH
3
CH
2
CH CH
2
vanillina
guaiacolo
euogenolo
HO
CH
3
O
CH
2
NH
C
CH
2
O
CH
2
CH
2
CH
2
CH
CH
CH
CH
3
CH
3
capsaicina
CH
CCl
3
Cl Cl
CH
3
S
CH
2
SCH
3
DDT DicloroDifenilTricloroetano
Bis(metiltio)metano
CH
3
CH
3
CH
3
O CH
3
CH
3
CH
3
O
CH
2
CH
3
CH
3
O
-ionone
Profumo di violetta
-ionone
Profumo di rose
-ionone
Profumo di violetta
-carotene
Vitamina A
OH
CHO
fotone
CHO
retinale
OH
Struttura atomica Orbitali atomici - Riempimento degli
orbitali atomici - Tavola periodica
Formazione di legami regola dellottetto
Legami covalenti - legami covalenti polari - legami ionici -
momento dipolare - legame idrogeno
Strutture di Lewis
Orbitali molecolari (LCAO-MO) - ibridazione
Legami multipli
Struttura atomica- Orbitali atomici - Riempimento degli
orbitali atomici
orbitale s
X
Y
Z
orbitali p
Riempimento degli orbitali
Ogni orbitale contiene al massimo due elettroni principio di Pauli - :
s 2 elettroni (con spin opposto) p 6 elettroni (3x2)
Gli orbitali s e p rappresentano il guscio pi esterno, possiedono gli
elettroni di valenza
Gli elettroni si posizionano prima nellorbitale s e poi nellorbitale p.
elettronegativit
s
p
d
Formazione di legami regola dellottetto
Il legame si forma perch ogni atomo tende a riempire lo strato pi esterno,
ovvero tende ad assumere la configurazione di un gas nobile.
- REGOLA DELLOTTETTO -
H
.
+ :Cl:
..
.
H:Cl:
..
..
Ar
He
Strutture di Lewis
H Cl
..
..
:
H
.
N
..
. .
.
. .
..
..
O Cl
..
..
:
.
Strutture di Lewis dellacqua
H O
H
H
.
.
.
..
..
O
Ogni atomo, tranne H, ha lottetto completo.
.
.
..
..
O H
.
H
.
Legami covalenti
Il legame covalente il pi comune nei composti organici. Si forma per
sovrapposizione di due orbitali atomici di atomi con uguale
elettronegativit, con conseguente condivisione di elettroni.
Orbitali sigma
H
H
asse internucleare
H H
H C
Orbitali sigma
Legami covalenti polari: si formano quando gli atomi legati hanno diversa
elettronegativit (0,5 > differenza < 1,7)
H Cl
C-F 1,53 H-F 1,82
C-Cl 1,59 H-Cl 1,08
C-Br 1,48 H-Br 0,82
C-I 1,29 H-I 0,44
C-N 0,22 H-N 1,32
C-O 0,85 H-O 1,53
C-H 0,35
Momento dipolare
parte
positiva
parte
negativa
+
Differenza di elettronegativit
C N
C O
C S
C Cl
(Alg)
C H
+
+
+ +
+
Legami ionici: per convenzione un legame si definisce ionico quando la
differenze di elettronegativit > 1,7 - si formano quando gli atomi legati
hanno una elevata differenza di elettronegativit, tanto da produrre una
separazione di carica.
Na en 0,9
Cl en 3,0
Na
Na
Cl
Cl
Molecole polari
La presenza di legami polari non sufficiente a rendere la molecola polare.
necessario che i legami siano disposti, nello spazio, in modo asimmetrico.
CCl
4
I quattro legami C-Cl sono polari, ma
sono disposti in modo simmetrico
quindi non polare
C
Cl
Cl
Cl
Cl
_
Il legame C-Cl molto pi polare (ed
ha segno contrario) dei tre legami C-
H, pertanto la molecola presenta un
momento dipolare nel senso indicato
dalla freccia
CH
3
Cl
C
H
H
H
Cl
_
N
H
H
H
:
B
F
F
F
N
H
H
H
B
F
F
F
Legame dativo
Carica formale
Carica formale
Elettroni di valenza
negli atomi neutri
(elettroni di valenza non
condivisi + met degli
elettroni condivisi)
= -
N neutro 5 elettroni
4 legami = 4 elettroni
B neutro 3 elettroni
4 legame = 4 elettrone
5 4 = +1
3 4 = -1
+ -
N
H
H
H
B
F
F
F
N
H
H
H
B
F
F
F
Eccezioni alla regola dellottetto
Non sempre la regola dellottetto viene rispettata:
1. H (per ovvi motivi)
2. Gli elementi del terzo gruppo come Al, B; questi hanno tre elettroni nel
guscio di valenza e quindi formano tre legami (6 elettroni) dando origine a
composti neutri che per presentano una lacuna elettronica.
Tali composti sono molto reattivi perch cercano di colmare la lacuna
accettando una coppia elettronica da una specie in grado di donarla.
AlCl
3 Al
Cl
Cl
Cl
BH
3
B
H
H
H
Cl
Al Cl
Cl
B
H
H
H
3. Elementi del terzo periodo come S e P; per alcuni composti la struttura che
scriviamo contiene un numero di legami che coinvolge pi di sei elettroni:
:S:
P:
SO
2
H
3
PO
4
S:
O
O
S:
O
O
P
OH
OH
HO O
P
OH
OH
HO O
Sia lo S che il P usano una coppia elettronica per formare un legame dativo; lO
cede a sua volta una coppia elettronica che va ad occupare un orbitale d dello S o
del P, questo orbitale non si trova nel guscio pi esterno e quindi non concorre
allottetto.
distanza internucleare
e
n
e
r
g
i
a
lunghezza di legame
Energia di legame
legame Kcal/mol legame Kcal/mol
H-H 104 H-F 136
F-F 37 H-Cl 102
Cl-Cl 57 H-Br 87.5
Br-Br 46 H-I 71.3
I-I 36 CH
3
-H 103
C-F 108 CH
3
CH
2
-H 98
C-Cl 81 (CH
3
)
2
CH-H 94.5
C-Br 68 (CH
3
)
3
C-H 91
C-I 55.5 C=C-H 102
C-O 90 C=C-H 125
C=O 257 C-C 88
O-H 105 C=C 163
C=C 200
Energia di dissocizione
Ibridazione
Spesso la struttura di molte molecole tale per cui con gli orbitali atomici
s e p non siamo in grado di spiegare come si formano i legami.
O
H
H
90

Ad esempio lacqua dovrebbe avere un struttura con un


angolo di 90 e lorbitale p (con il doppietto elettronico)
perpendicolare al piano H-O-H.
O
H
H
..
..
104,5

La struttura reale ha un angolo di 104 e due


orbitali non perpendicolari al piano H-O-H.
Questa struttura pu essere spiegata pensando ad
un riarrangiamento degli orbitali s e p.
IBRIDAZIONE.
sp
3
Orbitali idridi
s px py pz
sp
3
sp
3
sp
3
sp
3
orbitali atomici
orbitali ibridi
orbitali ibridi sul piano
orbitale sopra
il piano
orbitale sotto
il piano
C
109,5

C
H
H
H
H
109,5

N
H
H
H
..
107,3

O
H
H
..
..
104,5

Molecole ibridate sp
3
sp
2
C
120

Orbitale
p
s px py pz sp
2
sp
2
sp
2
pz
orbitali atomici
orbitali ibridi
C C
C C
Orbitale molecolare
C
C C
90

90

sp
C
180

s px py pz sp sp py pz
orbitali atomici
orbitali ibridi