Sei sulla pagina 1di 2

Gli ho chiesto la forza e Dio mi ha dato difficolt per rendermi forte Gli ho chiesto la saggezza e Dio mia ha dato

problemi da risolvere Gli ho chiesto la prosperit e Dio mi ha dato muscoli e cervelli per lavorare Gli ho chiesto coraggio e Dio mi ha dato pericoli da superare Gli ho chiesto l'Amore e Dio mi ha affidato persone bisognose da aiutare Gli ho chiesto favori e Dio mi ha dato opportunit Non ho ricevuto nulla di ci che volevo ma tutto quello di cui avevo bisogno. La mia preghiera stata ascoltata

Un giorno Ges si trovava in un luogo a pregare e quando ebbe finito uno dei discepoli gli disse: Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli. 2 Ed egli disse loro: Quando pregate, dite: Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno; 3 dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano, 4 e perdonaci i nostri peccati, perch anche noi perdoniamo ad ogni nostro debitore, e non ci indurre in tentazione. 5 Poi aggiunse: Se uno di voi ha un amico e va da lui a mezzanotte a dirgli: Amico, prestami tre pani, 6 perch giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da mettergli davanti; 7 e se quegli dall'interno gli risponde: Non m'importunare, la porta gi chiusa e i miei bambini sono a letto con me, non posso alzarmi per darteli; 8 vi dico che, se anche non si alzer a darglieli per amicizia, si alzer a dargliene quanti gliene occorrono almeno per la sua insistenza. 9 Ebbene io vi dico: Chiedete e vi sar dato, cercate e troverete, bussate e vi sar aperto. 10 Perch chi chiede ottiene, chi cerca trova, e a chi bussa sar aperto. 11 Quale

padre tra voi, se il figlio gli chiede un pane, gli dar una pietra? O se gli chiede un pesce, gli dar al posto del pesce una serpe? 12 O se gli chiede un uovo, gli dar uno scorpione? 13 Se dunque voi, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto pi il Padre vostro celeste dar lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono!. 14 Ges stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominci a parlare e le folle rimasero meravigliate. 15 Ma alcuni dissero: in nome di Beelzebl, capo dei demni, che egli scaccia i demni. 16 Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. 17 Egli, conoscendo i loro pensieri, disse: Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull'altra. 18 Ora, se anche satana diviso in se stesso, come potr stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demni in nome di Beelzebl. 19 Ma se io scaccio i demni in nome di Beelzebl, i vostri discepoli in nome di chi li scacciano? Perci essi stessi saranno i vostri giudici. 20 Se invece io scaccio i demni con il dito di Dio, dunque giunto a voi il regno di Dio. 21 Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, tutti i suoi beni stanno al sicuro. 22 Ma se arriva uno pi forte di lui e lo vince, gli strappa via l'armatura nella quale confidava e ne distribuisce il bottino.

Nessuno accende una lucerna e la mette in luogo nascosto o sotto il moggio, ma sopra il lucerniere, perch quanti entrano vedano la luce. 34 La lucerna del tuo corpo l'occhio. Se il tuo occhio sano, anche il tuo corpo tutto nella luce; ma se malato, anche il tuo corpo nelle tenebre. 35 Bada dunque che la luce che in te non sia tenebra. 36 Se il tuo corpo tutto luminoso senza avere alcuna parte nelle tenebre, tutto sar luminoso, come quando la lucerna ti illumina con il suo bagliore.