Sei sulla pagina 1di 12

BIOTRASFORMAZIONI VEGETALI

E POSSIBILE IMPIEGARE CELLULE E TESSUTI VEGETALI PER COMPIERE BIOTRASFORMAZIONI ?

Tagetes patula
1

Calli di

Le biotrasformazioni con cellule microbiche hanno avuto grande sviluppo negli ultimi decenni, in quanto queste cellule sono utilizzate come un reagente. Limpiego di cellule di piante, gi ampiamente utilizzate nella produzione di metaboliti secondari, pu essere unalternativa alle cellule microbiche.

Tessuti vegetali finemente tritati e sospesi in acqua.

Cellule indifferenziate Hairy Roots


2

Approccio
Accesso al patrimonio enzimatico vegetale Metabolismo complesso, substrati complessi Alternative a biotrasformazioni microbiche Approccio interdisciplinare chimico-botanicomicrobiologico Ottimizzare a fini chimico-sintetici competenze biotecnologiche non microbiologiche
3

TESSUTI VEGETALI MACINATI Utilizzo di ortaggi finemente tritati e sospesi in acqua


Alternativa al lievito di birra Rapido, immediato, a portata di mano Riduce la necessit di know-how fisiologico e botanico Possibilit di operare anche con Solventi Organici Pu dare indicazioni preventive sullattivit delle cellule indifferenziate Possono presentarsi differenze genetiche in seno ad una stessa specie Non detto che il pool enzimatico attivo sia il medesimo delle colture

TESSUTI VEGETALI - Processo


Scelta Specie vegetale Valutazioni sul metabolismo

Sterilizzazione

Macinatura

In Acqua o in Solvente Organico

Inoculo

Condizioni sterili

Biotrasformazione

Prelievi giornalieri Analisi GC


5

Riduzione con ortaggi


cellule vegetali
O OH

cipolla bianca cipolla rossa melanzana cetriolo ravanello aglio carota finocchio zucchino

ortaggio
carota finocchio zucchino

giorni
3 3 3

chetone
-63 90

S-alcol
100 37 10

OAc

OH

Idrolisi
Vegetale

cis / trans Riduzione

Giorni

Chetone
resa % e.e.%

Sapote - Pouteria sapota Maqueno - Passiflora tarminiana Chayote Sechium edule Banana Musa sapientum Pera Pirus communis Mela Pirus malus Radicchio Cichorium intybus Peperone Capsicum annuum Aglio Allium sativum Cetriolo Cucumis sativus Finocchio Foeniculum vulgare Cipolla Allium cepa Melanzana S. melongena Zucchino Cucurbita pepo Rapanello Raphanus sativus

1 1 1 1 1 3 3 8h 1 1 1 3 3 1 1

100 100 100 94 99 97 97 98 91 100 94 94 94 100 100

42 S 33 S 9S 11 S 22 S 0 6R 14 S 46 S 47 S 12 S 43 S 40 S 3S 42 S

OAc

OH

Idrolisi

Riduzione cis / trans


O

OH

OH

Vegetale

Giorni
resa % cis e.e.% resa % e.e % resa % trans e.e %

8h Cavolfiore Brassica oleracea 1 3 6 Zucca Cucurbita maxima Peperone Capsicum annuum Sedano Apium graveolens Carciofo Cynara scolymus Chirimoya Annona cherimola Badea Passiflora quadrangularis Oca Oxalis tuberosa 6 6 6 6 3 6 3

89 69 11 1 28 88 9 4 24 7 44

6.4 S 10 S 68 R 58 R 42 R 19 S 68 S 31 R 85 S 100 S 99 S

6 18 40 47 35 8 25 61 32 53 56 75 SR 73 SR 89 SR 80 SR 90 SR 90 SR 92 SR 95 SS

5 13 49 52 37 4 66 35 25 40 93 SS 78 SS 98 SS 21 SS 43 SS 95 SS 97 SS -

CELLULE VEGETALI INDIFFERENZIATE

PRO Colture stabilizzate Uniformit genetica Possibilit di immobilizzazione

CONTRO Know-how Procedura complessa Biomassa/substrato

CELLULE INDIFFERENZIATE - Processo


Crescita Piante Cotiledoni Fusto Foglie Fiore Gamborg MS in agar

Selezione

Impianto e crescita callo

Colture indifferenziate

Stabilizzazione colture

Biotrasformazione

Inoculo Estrazione Analisi GC


10

VANTAGGI
Possibilit di recupero di materiali di scarto Complementariet alle biotrasformazioni microbiche Assenza di materiale patogeno Minore richiesta di competenze microbiologiche

PROSPETTIVE
Ampliare lo screening su substrati modello Impiegare solventi organici Utilizzo di semi Utilizzo di radici
11

COMPOSTO OTTICAMENTE ATTIVO

Prof. P.Pedrini, Prof. O.Bortolini, Dott. G.Fantin, Dott. M.Fogagnolo, Dott. G.Sacchetti, D.ssa S.Fontana, D.ssa A.Guerrini, D.ssa S.Maietti, Dott. P.Ambroso, D.ssa L.Bettarello, D.ssa E.Casanova, Dott. P.Giovannini, D.ssa M.Dean, D.ssa E.Zacchi, Dott. R.Forlani, Dott. R.Bruni.

12