Sei sulla pagina 1di 1

22 URBINO E MONTEFELTRO

SCHEDA / 1 Listituto di ricerca


ACCOLTO in un moderno e funzionale complesso alle porte di Urbino in un ambiente naturale di grande suggestione, lIstituto di Ricerca sullAttivit Motoria costituisce un vero e proprio fiore allocchiello del nostro Ateneo: una struttura interdisciplinare che consente di coniugare le esigenze scientifiche dei docenti con le richieste che provengono dagli studenti, i quali vogliono orientare il proprio curriculum verso un concetto di sperimentazione. FORNITO di strumentazioni scientifiche e tecnologiche davanguardia, vi trovano spazio i laboratori di Biochimica, Biomeccanica, Fisiologia applicata, Analisi del movimento e Valutazione funzionale, oltre ad un qualificato Centro di Medicina dello Sport (uno dei settori di maggiore interesse nel mondo del lavoro) che copre sia le esigenze degli studenti che quelle che provengono dal territorio. OLTRE a questa struttura la scuola dispone di una attrezzata piscina visibile nella foto pubblicata qui accanto per lo studio del movimento e il recupero funzionale delle persone disabili.

MARTED 8 OTTOBRE 2013

Sotto, la piscina di Scienze Motorie ad Urbino. A destra, Vilberto Stocchi

LA SCHEDA / 2 Le opportunit di lavoro


IL PERCORSO formativo dello studente in Scienze Motorie passa attraverso la conoscenza degli aspetti anatomici, fisiologici e biochimici che permettono di apprendere le basi biologiche del movimento e gli adattamenti allesercizio fisico, attraverso una metodologia che mira a un corretto svolgimento dellattivit motoria. LEZIONI frontali, workshops, attivit tecnico-pratiche e attivit mirate di tirocinio caratterizzano la preparazione di uno studente che sar in grado di gestire attivit finalizzate al mantenimento e al potenziamento del benessere psico-fisico della persona. NUMEROSE sono le possibilit di lavoro che si presentano al laureato in Scienze Motorie, oltre allinsegnamento in ogni ordine di scuole: operatore tecnico in societ e club, responsabile di strutture sportive e di attivit motorie relative allet evolutiva, agli anziani e ai disabili, operatore negli ospedali, nelle case di riposo, nei complessi termali, nei centri sociali, nelle comunit di recupero, nei centri di aggregazione aperti ad ogni tipo di pubblico.

URBINO

ALLATTO della costituzione della facolt di Scienze Motorie, alcuni anni or sono, il professor Vilberto Stocchi sintetizzava cos la mission della nuova istituzione: I nostri iscritti si troveranno i fronte a sbocchi occupazionali sicuri, considerando lattenzione crescente che la societ moderna rivolge alla qualit della vita. A distanza di un decennio queste parole alla luce dei risultati attuali davvero in controtendenza rispetto ad altre realt assumono una valenza particolare, soprattutto a fronte di un pronunciamento della Commissione Sport e Salute del competente Ministero, che mette in primo piano la pratica dellesercizio fisico come strumento di prevenzione e terapia allinterno del Sistema Sanitario Nazionale.

Scienze Motorie
Abbiamo una sola possibilt di migliorare la qualit della vita
Vilberto Stocchi: Tutela della salute e attivit fisica
Non spetta a me giudicare. Dico soltanto che lindagine del Censis e le classifiche de il Sole - 24 Ore collocano il Corso di Laurea in Scienze Motorie, Sportive e della Salute ai vertici della graduatoria nazionale, ben prima rispetto a realt metropolitane che da anni hanno goduto di maggiori risorse statali.
Lei stato presidente della Conferenza nazionale Presidi di Scienze Motorie. Pensa che il suo messaggio sia stato recepito?

Esattamente. E mi preme osservare che i benefici di questa nostra azione si riverserebbero soprattutto sui giovani, che restano naturalmente il nostro obiettivo principale: uneffettiva riduzione della spesa sanitaria pu contribuire, in maniera significativa, a liberare risorse che possono essere utilizzate proprio per lavvenire delle nuove generazioni. Recenti evidenze scientifiche hanno mostrato che anche da noi si registra un preoccupante trend delle malattie legate allobesit (il diabete, in primis, da cui nel 2030 saranno affette nel mondo circa mezzo miliardo di persone!), dei disturbi cardiovascolari e degli aspetti negativi che caratterizzano linvecchiamento della persona. Ecco allora il significato di una collaborazione con gli organi regionali e con lAsur locale per giungere a un miglioramento della qualit della vita degli anziani del territorio attraverso lutilizzo di metodologie personalizzate ed attrezzature innovative con particolare riferimento allattivit fisica per contrastare queste patologie.
I vostri studi portano benefici anche al territorio?

SULLE ceneri del glorioso Isef afferma il professor Stocchi abbiamo gettato le basi per costruire un nuovo modello di studi, in ambito scientifico, che si adeguasse alle esigenze di mercato senza tradire la ricerca, che dovrebbe costituire la principale vocazione e il fondamento di un serio ordinamento di studi alle soglie del terzo millennio.
Una sfida ambiziosa. Pensa che gli obiettivi originari siano stati in qualche modo raggiunti?

Io ho cercato, per quanto possibile, di far passare lassioma secondo cui luomo ha una sola possibilit per migliorare la qualit della sua vita: una maggiore prevenzione

che si articola in corretta attivit motoria e corretta alimentazione. E questa la convinzione maturata in qualita di biochimico e in tanti anni di esperienze scientifiche maturate sin dai tempi del MIT di Boston.
I comportamenti corretti hanno benefici influssi anche sulle casse dello Stato?

STANNO forse qui, in quel giusto mix tra ricerca scientifica ed esigenze che sorgono dalla realt sociale che ci circonda, le ragioni del fascino esercitato da un percorso di studi che continua ad attrarre, ogni anno, centinaia di studenti da ogni parte dItalia.