Sei sulla pagina 1di 23

Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib.

Napoli 20/2008 del 28/02/2008

ALLINTERNO: Fatto di Tutti gli Sport

In questo numero:

utti promossi! La redazione di Fatto di Sport, composta da 49 cronisti ora in piena attivit! Finito lesame, il pass che avete ricevuto Vi da lopportunit di incamminarvi verso una professione che quella (per chi vorr) del Giornalista, meglio ancora Comunicatore. Infatti oggi tutti pensano di esserlo o diventarlo con estrema facilit, grazie alle nuove tecnologie e alla forte crisi editoriale. Ma poi solo quelli nutriti da una grande passione,unita ad uno studio continua,ad un attenzione al Mondo delle comunicazioni riescono a trovare il giusto ambito.In Italia il discorso difficile ma volere potere! Mai arrendervi ai primi ostacoli,e soprattutto mantenetevi umili, e rispettate le regole fondamentali del nostro ordinela libert di stampa non sempre viene garantita,la privacy si utilizza solo quando fa comodoma poi ci siete Voi, che avete il compito privilegiato di raccontare, spiegare,far capire,ai vostri lettori cosa accade, questo il motivo per cui la Stampa definita il Quarto Potere! Il e il Vs Direttore, Cristiana Barone, vi seguiremo sempre,perch il Gruppo la vince su tutti!

3 Fatto di Napoli 5 Fatto di Calciomercato, le ultime news, 6 Italia Giappone, gli azzurri approdano
in Semifinale 7 Ripartono Champions League e Europa League; 8 Fatto di Confederations Cup, cade la Spagna degli Alieni, 9 Italia, una lezione per il Mondiale, 10 Il prof da i voti, 11 Scommettiamoci su.. 12 Etimologia nel calcio, come nascono i nomi di Athletic Bilbao e Aston Villa; 13 Libri, cosa leggere sotto lombrellone; 14 Moto Gp, Rossi Show, tornato il dottore; 15 Fatto di tutti gli Sport, 17 Basket, tra NBA ed Europei

Antonella Castaldo

20 Come perdere Chili in una settimana? 21 Stress da lavoro? Dovrebbero


pensarci le aziende; 22 laddio a Stefano Borgonovo, 27 Vigor Bovolenta, non doveva scendere in campo 2

Non la frase che viene detta e ridetta nei film polizieschi, ma semplicemente la storia di Edison Cavani a Napoli. Con la Confederations Cup conclusa ora tempo di pensare solo al mercato. A Napoli tra pochi giorni ci sar il tanto agognato faccia a faccia tra De Laurentiis e gli agenti di Cavani per discutere sul futuro dellasso uruguagio, infatti lincontro previsto per la giornata di mercoled o al pi tardi gioved. DallInghilterra, intanto, rimbalzano voci su un accordo gi trovato tra il Matador e i Blues di Abramovich con un contratto di 5 anni a 7,5 milioni lanno. Dal fronte acquisti una settimana calda quella che sta per iniziare, poich sembrerebbe che di qui a pochi giorni il Napoli concluder alcune trattative, dopo larrivo di Mertens ci potrebbero essere anche quelli di Gonalons (Lione), accordo gi con il giocatore e accordo vicino con la societ francese che ormai rassegnata a perdere il proprio capitano, Rafael, il quale ormai ha gi sposato la causa partenopea, e Callejon, giovane fuoriclasse del Real Madrid, che gi ha accettato il Napoli. Lobiettivo del patron partenopeo quello di portare a Dimaro una rosa con gi 5 nuovi innesti, quindi quasi sicuramente con la rosa al completo. Laltra trattativa, che ancora non decolla, quella per NKoulou forte difensore francese del Marsiglia, il quale dichiarato incedibile dalla societ, anche se c da ricordare che altres Gonalons era ritenuto incedibile e, nonostante ci, il suo approdo sotto il Vesuvio sembra imminente. Si dovr solo aspettare e vedere se De Laurentiis avr i giusti metodi (una offerta irrinunciabile) per convincere la societ francese. Dal sito ufficiale della societ intanto sono state eliminate le schede tecniche di Grava, Rinaudo, Campagnaro e Rolando. Nel caso di Grava, il giocatore si ritirato dal calcio giocato e attende notizie sul suo prossimo futuro; Rinaudo rimasto senza squadra, mentre Campagnaro, come gi si sapeva da tempo, andato con Mazzarri allInter e Rolando tornato al Porto. Ora c solo daspettare questo incontro tra Cavani e De Laurentiis, sar pace? O la storia di Cavani sotto il Vesuvio terminer? Mentre ci si aspetta di conoscere questa risposta il Napoli 2013/2014 si sta iniziando a creare e plasmare per il nuovo tecnico. Stefano Limongelli

Inizia a sbocciare la Rosa di Mister Benitez. Tanti acquisti, tante conferme e molte titubanze. Una Napoli giovane, straniera, internazionale e determinata. Si comincia a lavorare l dove si pi deboli, la difesa. Infatti allombra del Vesuvio gi approdato il belga classe 87 Dries Mertens ala sinistra. Un po difficile invece per il difensore NKoulou che il Marsiglia non vuole lasciare. A breve potrebbe concludersi loperazione anche per Rafael, il portiere brasiliano classe 90 nato e cresciuto nel Santos. Il portiere specialista nel parare i rigori, sembra che per allenarsi utilizzi Neymar come cavia. Questa pi che una garanzia. Rafel avrebbe preferito il Napoli alla Roma dopo le parole di stima diBenitez che gli avrebbe garantito la possibilit di giocarsi la titolarit con De Sanctis. Per quanto riguarda la fascia dattacco il Napoli attende leterno giallo del caso Cavani. E vero che una volta era il Re di Napoli per anche vero che la dirigenza ha fretta di conoscere le sue decisioni per poterlo eventualmente sostituire in tempo utile. Cos Bigon lavora per portare alla corte di Benitez, lo spagnolo cresciuto nel vivaio del Real Madrid, Jos Maria Callejon classe 87. A rinnovarsi Napoletano Lorenzo Insigne che per non ci sta a fare unaltra stagione come questa passata. Di scaldare la panchina e di entrare alloccorrenza per qualche minuto. Lui Napoletano 100% nella sua citt vuole 90 sudati. Lui leader indiscusso di un campionato e di un Europeo U21 ma che vuole farsi spazio tra i grandi. Mentre nel centrocampo presenza fissa riservata a colui che davvero ha dimostrato di amare questa maglia. Il Capitan futuro Marek Hamsik di cui organico e tifosi hanno un immenso bisogno. Mentre Dzemaili, Inler e Behrami dovrebbero restare. In questa zona del campo forte il desiderio di Benitez di portare Maxime Gonalson centrocampista del Lione. Altro enigma rimane il Tempio in cui giocare. Verr messo completamente a nuovo il San Paolo o i napoletani per seguire la loro squadra dovranno andare a Caserta in uno stadio completamente nuovo?

KARINA ORNELLA PALOMBA

Juventus, colpo in arrivo per la fascia sinistra: Kolarov! Antonio Conte avrebbe individuato il giocatore ideale per la fascia sinistra: si tratta dellex lazialeAleksander Kolarov (foto). Il nazionale serbo questa stagione ha collezionato 38 presenze condite da 5 gol e 4 assist. Il Manchester City lo valuta intorno ai 12 milioni di euro, anche se potrebbe partire anche per 10. Lo stesso Kolarov ha dichiarato di voler cambiare aria, soprattutto dopo laddio di Roberto Mancini. I rapporti tra la dirigenza juventina e quella del Manchester City sono ottimi, soprattutto dopo il passaggio di Tevez alla Vecchia Signora. La Juventus ha proposto un prestito oneroso a 1,5 milioni con riscatto per altri 5,5 milioni. Si attende a giorni la conclusione della trattativa. Milan, nome nuovo in casa rossonera: Richards. Nelle ultime ore sembra essere sempre pi quotato il nome del difensore del Manchester City: Micah Richards (foto). Galliani avrebbe chiesto informazioni alla dirigenza dei citiziens per il roccioso difensore inglese, molto sponsorizzato anche da Balotelli. Il City lo valuta 14 milioni, anche se i dirigenti inglesi non sembrano essere interessati ai soldi! Il perch? Il neo allenatore del Manchester City, Pellegrini, avrebbe messo gli occhi su Mattia De Sciglio e avrebbe proposto uno scambio alla pari con il difensore inglese. Ma per ora la risposta del Milan stata un no, grazie!.

Inter, spunta Wellington! Sfumato ormai definitivamente Paulinho, destinazione Tottenham, lInter avrebbe gi trovato il suo sostituto: si tratta del centrocampista classe 91 del San Paolo, Wellington (foto). Secondo La Gazzetta dello Sport, Marco Branca, direttore dellarea tecnica, avrebbe offerto al San Paolo 5 milioni di euro, il club brasiliano per ne chiede 12. In realt larrivo di Wellington potrebbe essere lalternativa a Nainggolan del Cagliari, qualora lInter non riesca a mettere le mani sul gioiello di origine indonesiana, si virerebbe tutto sul volante brasiliano. Roma, trovato laccordo con Viviano. Secondo Il Messaggero, la Roma avrebbe raggiunto un accordo di massima con il Palermo per il cartellino di Emiliano Viviano(foto). Laffare potrebbe chiudersi con la formula del prestito con riscatto della met. A confermare che la Roma su Viviano, il consigliere damministrazione rosanero Giorgio Perinetti: Sappiamo dellinteresse della Roma, noi abbiamo deciso di puntare su Sorrentino per la prossima stagione. Se uno pi uno fa due

5
Giuseppe Memoli

Tottenham, Gareth Bale ammette: Amo il calcio spagnolo, perch molto tecnico e punta molto al possesso palla. Una dichiarazione damore verso il calcio spagnolo dunque, che ci sia dietro il Real Madrid?

Secondo quanto riporta il giornale inglese The Indipendentil Chelsea sarebbe pronto ad offrire al Manchester United 20 milioni di sterline per Wayne Rooney.

Secondo il portavoce della giunta direttiva del Barcellona, Toni Freixa, il club Blaugrana starebbe prendendo realmente in considerazione lacquisto del capitano sia del Brasile che del PSG, Thiago Silva. GIUSEPPE MEMOLI

l N10 sulle maglie ha da tempo perso limportanza che aveva. Accanto alla felicit dei tanti tifosi juventini per il nuovo gioiello argentino, c anche tanto stupore misto a delusione per aver donato il N10 al primo arrivato. Quella 10 che a Torino sarebbe dovuta rimanere in-indossata. Quella 10 bianconera che gi sta facendo girare leconomia. E se da tempo un 10 non pi IL 10, anche vero che Carlos Alberto Tevez, non sente di portare poi sulle spalle una responsabilit cos grande, dal momento che ha saputo reggere limpegno che comportava portare il numero 10 con la maglia del Boca Junior. Quel 10 che era del pi GRANDE. Ma da tempo che la Juventus non faceva questi acquisti e da tempo in Italia non sbarcavano questi campioni. Un vero campione affermato che si fatto in ogni parte del mondo, Boca,Corinthains, West Ham, Manchester United e Manchester City. Ovunque andato ha collezionato almeno un trofeo. Deciso e voglioso di portare anche in Italia esperienza e qualit. Al di l della squadra la Nazione a godere di questi arrivi, calciatori di calibro MUNDIAL. Ma che non si illudessero i tifosi bianconeri il suo futuro gi firmato. Finir la sua carriera l dove ha iniziato. L dove amato smisuratamente da sempre. L dove lo attendono alla Bombonera di Boca. Allora s che rimpiangerete quel N10.

KARINA ORNELLA PALOMBA

Marted 2 luglio parte il primo turno preliminare della massima competizione per club che si concluder il 24 maggio 2014 in Portogallo. La Champions League 2013-2014 sar l'edizione numero 59 della massima competizione continentale, la numero 22 da quando la Coppa dei Campioni diventata UEFA Champions League. Dunque, a poco pi di un mese dalla finale di Wembley, gi tempo di ricominciare a sognare. Inizia ufficialmente la Champions League 2013/2014 con le gare di andata del primo turno preliminare. In campo le quattro squadre Campioni dei paesi con il ranking Uefa tra il 50 e il 53 posto: allo stadio Gyumri City di fronte Shirak (Armenia) contro Tre Penne (San Marino), mentre i Lusitanos (Andorra) ospitano lEB/Streymur (Far Oer). Il ritorno previsto il 9 luglio. Le due squadre qualificate dopo il primo turno preliminare, avranno una settimana di tempo per preparare il 2 turno preliminare (andata 16-17 luglio, ritorno 23-24 luglio) dove troveremo tra le altre la Steaua Bucarest, il Viktoria Plzen, il Bate Borisov e il Celtic. Il 19 Luglio si terr invece il sorteggio del 3 turno preliminare, quello che inizier a determinare il possibile avversario del Milan nei Playoff: andata il 30-31 luglio, ritorno 6-7 agosto. Qui cominceremo a vedere anche squadre di livello come Lione, Psv o lo Zenit San Pietroburgo di Spalletti. Il Milan sar la prima formazione italiana a scendere in campo per intraprendere la strada verso Lisbona, dove il 24 maggio si disputer la finale. I rossoneri, come altre squadre di blasone (Arsenal e Schalke 04 su tutte), scender in campo per landata dei playoff il 20-21 agosto(sorteggio 9 agosto, ritorno 27-28 agosto). Juventus e Napoli, invece, sono gi qualificate alla fase a gironi. Riparte anche lEuropa League 2013/2014, la quinta da quando la competizione ha questo nome, la 43esima considerando la precedente Coppa Uefa. Quattro le partite che daranno il via al torneo che si concluder con la finale di Torino il 14 maggio: Narva Trans (Estonia)-Gefle IF (Svezia), Metalurg Skopje (Macedonia)Qarabag (Azerbaigian), Sliema Wanderers (Malta)- FK Khazar Lenkoran (Azerbaigian) e Bala Town (Galles)-Levadia Tallinn (Estonia). In totale le sfide di questo primo turno preliminare saranno 38, con 76 squadre cos qualificate: 19 club detentori della Coppa Nazionale (ranking 35-53), 25 club secondi (ranking 28-53 escluso Liechtenstein), 29 club terzi (ranking 22-51 escluso Liechtenstein), 3 club qualificati tramite il Fair Play Ranking. La prima italiana in campo sar lUdinese, in campo l1 agosto nel terzo turno preliminare. La Fiorentina giocher il turno di playoff (22 agosto landata), mentre la Lazio gi qualificata alla fase a gironi.

Dario Mainieri

Un Brasile straordinario, domina e surclassa la Spagna pluricampione, si aggiudica l'edizione 2013 della confederations Cup, preludio di quello che vedremo tra circa 12 mesi sempre in Brasile. La squadra di Scolari si riconferma campione, dopo l'edizione vinta nel 2009 in Sud Africa. La partita si mette subito in discesa per i verde oro, al 2 Fred va subito in gol, bravo l'attaccante brasiliano ad approfittare di un pasticcio tra Arbeloa e Pique. Al 44 Neymar a siglare il secondo gol, poco pu fare Casillas sul gran tiro del nuovo attaccante del Barcellona. Al 2 della ripresa ancora Fred a segnare, chiudendo difatti la partita sul 3-0. La Spagna al 54 ha avuto la possibilit di poter riaprire la partita con un rigore, fallo di Marcelo su Jesus Navas. Ma non serata per i ragazzi di Del Bosque, dal dischetto si presenta Sergio Ramos, il difensore de Real Madrid si lascia ipnotizzare da Julio Cesar e spedisce fuori. Spagna che resta in dieci per espulsione di Piqu per fallo su Neymar. Non c' mai stata partita. Troppo forte il Brasile, ma soprattutto era troppo forte la voglia della Selecao di vincere, anzi stravincere questo torneo, davanti al proprio pubblico. Anche in conseguenza di tutto quello che successo in questi giorni, dopo le numerose manifestazioni che hanno messo in pericolo lo svolgersi della manifestazione stessa. Il c.t. Scolari stato molto bravo a ricostruire in meno di due anni un gruppo che ora davvero pronto a giocarsi il mondiale in casa il prossimo anno. La Spagna probabilmente alla fine di un ciclo magnifico, dove riuscita a vincere tutto. La confederations cup l'unico trofeo che manca alle furie rosse. Forse l'eccessivo caldo, la forte umidit ha contribuito alla disfatta spagnola. Il c.t. Del Bosque a fine gara ha dichiarato: "ogni tanto perdere fa bene". Forse sar vero, gli spagnoli durante questa manifestazione sono apparsi svogliati senza grinta, quella grinta, quella furia agonistica che ha contraddistinto gli iberici in questi anni.

Brasile Spagna 3-0 Arbitro: Kuipers (Ola) Marcatori: 2' Fred, 44' Neymar, 2' ST Fred Ammoniti: Arbeloa, Sergio Ramos Espulsi: 23' st Piqu Note: 54' Sergio Ramos calcia a lato un rigore
8 Iorio Lino

Dopo la vittoria del Brasile ai danni della Spagna per 3 a 0 e la premiazione che ha visto alzare la coppa della Confederations Cup da Neymar e compagni, restano solo le immagini di festa del pubblico carioca al Maracan che si contrappongono al clima teso e triste delle manifestazioni al di fuori degli stadi. Queste evidenziano la perfetta sintesi di quel che sta vivendo questo paese: una forte crescita, anche forzata, attraverso eventi mondiali, senza rispettare il cittadino. Nel frattempo che il problema viene risolto nellarco di questi 12 mesi che ci separano da questo Mondiale in Brasile tanto atteso, nel torrido pomeriggio domenicale, che anticipava la finale sotto i riflettori tra i verdeoro e le furie rosse, lItalia di Cesare Prandelli si giocata il bronzo contro lUruguay di Edinson Cavani. Una partita che stata il riassunto del cammino che hanno fatto fin qui gli azzurri: tanto cuore e zero muscoli, unItalia completamente ridotta allosso dal caldo, umidit e stress dei 20 mila Km trascorsi in aereo. Il terzo posto labbiamo meritato perch abbiamo giocato delle buone partite e abbiamo trovato continuit. I miei ragazzi hanno dimostrato grande carattere dopo una stagione durissima cosi ha dichiarato Cesare Prandelli dopo i calci di rigore e ha voluto continuare difendendo anche i suoi ragazzi che nel giro di pochi giorni hanno giocato 240 minuti, per la prima volta non sapevo cosa fare in campo. Tanti giocatori mi chiedevano il cambio ma non potevo. Abbiamo sofferto e siamo stati premiati. Anche Buffon a fine match ha voluto sottolineare questo dato: Grande orgoglio da parte di tutti, ci siamo fatti valere e mi sono riscattato regalando una gioia ai miei compagni. Il fatto che siamo scesi in campo un miracolo, il fatto che abbiamo vinto una gran cosa. Il Mondiale? Ce la giochiamo contro tutti e non partiamo battuti da nessuno, ma dobbiamo migliorare molto. Parole da professore quelle del nostro capitano che, dopo aver regalato il bronzo ai suoi compagni parando 3 rigori nella lotteria finale, commenta, con molta amarezza, le critiche che lo coinvolgono per i rigori mancati: La storia parla per me, non devo stare qui a dire quanti rigori ho parato. Non so nella storia della Nazionale quanti portieri hanno parato tanti rigori come me. C amarezza per non aver parato quelli contro la Spagna. Con la delusione dagli 11 metri contro la Spagna, ormai alle spalle, gli azzurri scendono in campo contro lUruguay completamente rivoluzionati nel modulo e nei suoi interpreti. Un 4-2-3-1 con Buffon, Maggio, Astori, Chiellini e De Sciglio in difesa, Montolivo e De Rossi in mediana e con Candreva, Diamanti ed El Shaarawy alle spalle di Gilardino chiamato a sostituire linfortunato Balotelli. La squadra di Tabarez risponde con il 4-3-3 con: Muslera tra i pali, M. Pereira, Lugano, Godin e Caceres in difesa, il trio di centrocampo composto da Gargano, Rodriguez ed Arevalo Rios con Forlan, Suarez e Cavani a comporre il tridente offensivo. Gli azzurri iniziano subito bene, proponendo un bel gioco che mette in difficolt, spesso e volentieri, quello celeste ed al 24esimo arriva il vantaggio! Diamanti, da calcio piazzato, pennella una traiettoria che sbatte prima sul palo poi sulla schiena di Muslera per poi incontrare il piedone di Astori che ribadisce la palla pazza in rete. Vantaggio che non cambia linerzia della partita e Tabarez corre ai ripari cambiando il modulo, proponendo un 3-4-3 pi offensivo ma che non basta a far pareggiare i conti prima del finale del primo tempo. Ripresa che si riapre con lUruguay molto pi grintoso e con Suarez spostato dietro le punte e si vedono subito i frutti costringendo lItalia a schiacciarsi nella propria met campo ed al 13esimo del secondo tempo Astori, sbagliando il disimpegno, regala il pallone a Gargano che serve subito Cavani e davanti a Buffon non sbaglia. La partita per gli uomini di Prandelli si mette male perch lUruguay sfiora il raddoppio con Forlan a cui fa seguito un grande Buffon e la stanchezza incomincia a prendere il sopravvento. Esce De Rossi per Aquilani, ma la svolta arriva ancora una volta da Diamanti, che prende le misure da pali e traversa e crocifigge con una fantastica punizione Muslera. Vantaggio che dura, solo, 4 minuti perch al 32esimo Cavani risponde al bolognese con una bella, ma non impeccabile, punizione. 2 a 2 e si va ai supplementari. Nella mezzora addizionale non succede granch e lunica nota lespulsione di Montolivo per somma di ammonizioni che non scagiona la lotteria dei rigori. Dal dischetto, il nostro numero 1 si esalta parando i rigori agli italiani Gargano e Caceres ed al numero 10 Forlan, regalando il bronzo agli azzurri. Il bilancio finale di questa spedizione tutto sommato positivo, dal punto di vista tecnico tattico servito per incamerare esperienza, in vista del prossimo mondiale in terra carioca. I preparatori avranno il difficile compito di preparare al meglio la compagine che andr in Brasile, contro caldo e umidit, mente lo staff della federazione studier attentamente la logistica di dove sistemare la casa degli azzurri dato che si giocher in 12 citt con una distanza potenziale di circa 4 ore di volo luna dallaltra.

9
Ferruccio Montesarchio

Zero: A tutta la nazionale spagnola, non brillante nella fase a gironi, ha faticato, e non
poco, con lItalia riuscendo ad arrivare in finale solo ai rigori. Secondo posto finale, ma con una lezione di calcio dal Brasiele. Che sia finita unegemonia?MOLLI!

Uno: Alla Pirelli, cinque esplosioni nella gara Silverstone sono troppi, tanto da far
pensare ad un boicottaggio. PESSIME!

Due: Alla FIFA, che per non ha permesso alla nazionale italiana di effettuare il minuto di
silenzio allinizio della gara con la Spagna in memoria di Sefano Borgonovo. A distanza di un anno ricade nello stesso errore. Nel giugno del 2012 la Spagna non ottenne il minuto di silenzio alla semifinale di Euro 2012 contro ilPortogallo per la scomparsa di Miki Roqu, calciatore del BetisSiviglia.E passato un anno ma le cose non sono cambiate. RECIDIVI!

Tre: Sono i rigori sbagliati dallUruguay da parte di tre calciatori o ex calciatori che
militano o hanno militato nel calcio italiano. Che sia una casualit o no, di certo il numero uno azzurro stato decisivo. IMPECCABILE!

Quattro: Ducati in caduta libera, Dovizioso decimo, Hayden undicesimo, ora per la casa
italiana la situazione si fa dura. CAMBIAMENTO!

Cinque: Escono dal torneo di Wimbledon le due azzurre Flavia Pennetta e Roberta Vinci.
Tutte e due ferme agli ottavi, infrangono il loro sogno. PECCATO!

Sei: A Fernando Alonso partito dalla nona posizione e arrivato fino al podio pi piccolo.
Secondo nella classifica generale a ventuno punti da Vettel, vittima illustre di un cambio ballerino. CREDICI!

Sette: Rossi c! Sembra passata una vita, ma a risentirlo ritorna a scorrere il sangue
nelle vene. Torna il sole dopo un periodo nuvoloso e lo fa ad Assen do Valentino Rossi centra una vittoria che manca da due anni. BENTORNATO!

Otto: A Diamanti e Cavani. Il folletto bolognese ha un piedino niente male, Pirlo non c
ma di certo con lui in campo la sua mancanza non si avverte, almeno su punizione. Per il matador quando sente profumo di Italia si scatana, una manifestazione sottotono la sua fino alla finale con lItalia dove segna una doppietta, senza contare il gol dagli undici metri. SUPERBI!

Nove: A Gianluigi Buffon, una Confederations Cup non esaltante, ma un epilogo


formidabile. LItalia terza per merito suo. LUruguay sbaglia tre rigori, anzi il numero uno azzurro ne para tre e regala alla nazionale di Cesare Prandelli il meritato terzo posto! CRESCIUTI!

Dieci: Brasile batte la Spagna e diventa Campione dellaConfederations Cup 2013. Prove
tecniche di trasmissione per il Mondiale? Se queste sono le prove figuriamoci loriginale.Neymar, Freud, senza tralasciare Hulk e company, una nazionale rinata...TO BE CONTINUED!

10 Adriano Scala

Continuiamo il nostro sguardo su i maggiori campionati europei, oggi ci concentriamo sulla Ligue1 francese. I campioni in carica del neo tecnico Blanc solo la squadra da battere e la quota sembra confermarlo. Occhio per alla repentina crescita del Monaco che a suon di milioni si fa sempre pi largo per arrivare all'elite. E' vero sono una neopromossa ma se acquisti gente come Falcao e aggiungi l'esperienza in panchina del buon Ranieri il giusto mix servito. Il Marsiglia visto nell'ultima stagione comunque potrebbe essere una fastidiosa spina nel fianco alle due pretendenti. In netto calo il Lione con la sua lenta involuzione e il Lille privo di Rudy Garcia. Passiamo all'attualit, sta entrando nel vivo la fase finale del Mondiale U20. La prima parte non ha dispensato da sorprese, l'Inghilterra si sta dimostrando sempre pi un movimento in calo e, dopo il deludente europeo U21 (chiuso a zero punti), si ripetuta con una cocente eliminazione nel torneo in Turchia. La partita inaugurale con la rimonta subita ai danni del modesto Iraq (da 2-0 a 2-2) era un cupo presagio che si tramutato in realt. Una nota positiva l'hanno data i giovani dell'Uzbekistan che hanno espresso un ottimo calcio. Concentrandosi sulla vittoria finale sempre pi in calo le quotazioni della Spagna che si confermata l'avversario da battere. La Francia di Pogba insieme alla Colombia di Quintero sono le pi dirette concorrenti. Outsider il Portogallo mentre semplicemente per il fattore casa qualche chance la diamo ai giovani Turchi.

Quote vincente Ligue1: ParisSanGerman (1,45) Monaco (2,40) Marsiglia (15,00) Lione (25,00) Lille (35,00)

Vincente Mondiale U20: Spagna (2,30) Francia (7,50) Colombia (8,00) Portogallo (8,00) Turchia (15,00) Antonio Greco

-Si tratta di un centrocampista e di un attaccante; -Uno Uruguayano, laltro Giapponese; - Uno ha giocato in Italia con ben 5 squadre diverse, realizzando la bellezza di 78 reti. Soprannominato El Coniglio o El Castoro, per via della dentatura, -Anche laltro ha giocato con 5 squadre diverse, siglando 24 reti, e vincendo un campionato e una coppa italia. Fu Nikolaos Anastopoulos, lattaccante sopranominato a Roma il Samurai di marmo che in Irpina non -- Uno dei due oggi un procuratore sportivo, con discreti inquadr mai la porta. In italia gioc risultati, nella massima serie con lAvellino -- Laltro, fu uno dei talenti asiatici pi importanti di nella stagione 87 88 collezionando sempre, fu inserito nel FIFA TOP 100 16 presenze e zero reti. Eppure nella - Di loro si detto ..questo fa goal pure coi denti, sua patria, in Grecia, con abbiamo fatto un gran colpo..(il presidente dopo le prime lOlympiakos Pireus, timbr il brillanti prestazioni del bomber) e ..e m come glli 11 cartellino per ben 119 volte in 198 spiego er 4-42 (suo allenatore al primo anno in serie A) presenze. La soluzione verr svelata solamente nel prossimo numero, intanto prova a giocare sulla nostra pagina Facebook FATTO DI SPORT

La soluzione dello scorso numero. Gaizka Mendieta, pi che delle sue giocate alla Lazio ricordano i 90 miliardi per vederlo giocare. Con i biancazzurri, unica squadra italiana, collezion 20 presenze, senza mai segnare. Arrivato come grande promessa, lasci il bel paese come grandissima delusione.

Indovina chi una rubrica che mette alla prova la conoscenza calcistica dei nostri lettori. Come si gioca? Verranno scelte delle figurine di calciatori che hanno militato nel nostro campionato, alle quali verr cancellato il nome. Saranno cos bravi i nostri cari lettori ad indovinarli lo stesso? Naturalmente saranno dati dei piccoli suggerimenti, non siamo poi cos cattivi.

Indizi:

La prima squadra di cui parleremo oggi ha una piccola curiosit quando acquista calciatori. Infatti questo club spagnolo probabilmente lunico nel panorama calcistico che durante le sessioni di mercato opera con una regola ben precisa: acquistare solamente calciatori di origini basche o che hanno iniziato la loro carriera nei settori giovanili di squadre basche. Non vi sovviene chi esso sia? Semplicemente lAthletic Club, o Athletic Bilbao com conosciuto in Italia. La sede la splendida citt di Bilbao e durante i suoi 115 anni di storia hanno conquistato 8 campionati, 23 Coppe del Re ed una Supercoppa di Spagna, facendola entrare nella classifica delle squadre pi vincenti del calcio iberico. La genesi del club intrecciata con un periodo storico presente in Biscaglia (provincia dei Paesi Baschi) alla fine del 19 secolo.Sono gli anni in cui a Bilbao attraccano le navi che provengono dallInghilterra cariche di materie prime, ma anche di tecnici e lavoratori, per favorire lo sviluppo dellindustria basca. I giovani della borghesia di Bilbao, invece, emigrano in Gran Bretagna per apprendere la loro cultura. Tra le tante curiosit i giovani spagnoli vennero a conoscenza di uno sport, il football. Questo fu velocemente importato a Bilbao, ed una timida curiosit iniziale tramut brevemente in passione; tanto che port alla fondazione di una squadra cittadina: il Bilbao Foot-ball Club. La stessa passione di poche persone che poi divamp tanto da formare nel 1898 il primo club Basco: lAthletic Club. Una data importante nella storia del club il 9 Gennaio 1910, quando la squadra decise diabbandonare i colori bianco-blu e adottare le divise biancorosse (dette rojiblanco), utilizzate tuttora. Vi sono varie storie dietro lutilizzo di questi colori. Secondo una prima teoria, si sono ispirati alle divise del Southampton, in quanto molti immigrati inglesi provenivano da questa citt. La seconda invece vuole che alcuni membri del club siano andati in Inghilterra per comprare le casacche biancoblu, ma non avendole trovato hanno optato per questi altri colori. Infine il terzo filone sostiene che la combinazione biancorossa era la pi economica, perch era la stessa per foderare i materassi. Da questultima teoria deriva anche il soprannome colchoneros, cio fabbricanti di materassi. Come citato allinizio, molto particolare la linea tenuta da questo club nellaffrontare la campagna acquisti ed singolare quello che accaduto nel Gennaio del 2010: la dirigenza lanci un sondaggio tra i propri tifosi sulla possibilit di ingaggiare calciatori stranieri. Risposta al sondaggio? Un bel 94 % di no, a dimostrazione dellattaccamento alla tradizione del club. Ci nonostante per dare un tocco di internazionalit al club, lAtheltic ha mantenuto la h nel proprio nome per sottolineare lorigine inglese E uno dei club pi antichi e vincenti della Premier League e pu annoverare nella sua bacheca una Champions League nel 1982. Stiamo parlando dellAston Villa, squadra della citt di Birmingham, e ci troviamo nellInghilterra centrale. E il quinto club inglese pi vincente, dopo i colossi Manchester United, Liverpool e Arsenal, e i tre al quarto posto Everton, Chelsea e Tottenham. La storia dei Villans (cos sono soprannominati) ha inizio nel lontano marzo del 1874 quando quattro persone di un villaggio, che ora fa parte di Birmingham, fondarono lAston Villa Football Club. Molto singolare lesordio della squadra: unamichevole disputata contro una squadra di rugby con il primo tempo giocato con le regole di questultimo mentre il secondo tempo con regole calcistiche. Nel 1880 arriva il primo trofeo della storia del club, e da questa momento fino alla Seconda Guerra Mondiale la squadra conquista la maggior parte dei 22 trofei vinti. Lultima coppa sollevata dallAston Villa lIntertoto risalente al 2001. I colori sociali sono stati vari: grigio, bianco e perfino blu nei primi anni di vita della societ. Per il biennio invece 1877-79 ne furono adottati di diversi, e si andava dalle tute completamente bianche oppure verdi al binomio nero-blu o rosso-blu. Finch nel 1880 si decise che i colori sociali dovessero essere blu cielo e cioccolato, questultimo divenuto poi bordeaux. Lo stemma prevede un leone rampante color oro su uno sfondo oro. Nella parte superiore dello stemma vi il nome Aston Villa accorciato ad AVFC, mentre nella parte inferiore troviamo il motto del club: Prepared. La squadra disputa le partite casalinghe allo stadio Villa Park, che secondo una classifica stilata dalla UEFA allottavo posto degli stadi pi belli dInghilterra
Vincenzo Vitale

l calcio giocato chiude il battenti dopo la finale di Confederation Cup e non sapete pi come vivere? Nessun problema. In spiaggia, tra un tuffo e laltro, la cultura calcistica riprende vita con due letture di ottimo livello che faranno compagnia a tanti calciofili in attesa della prossima stagione. Il filosofo Hegel paragonato a Jos Mourinho, lallenatore che pi di tutti si ispira alla filosofia del 900 con uno dei suoi must: chi sa solo di calcio non sa niente di calcio. Pensare il calcio il nuovo libro di Elio Matassi, direttore del Dipartimento di Filosofia dellUniversit di Roma 3, nel quale vengono citati pensatori del calibro di Arrigo Sacchi, di Mou e del suo storico triplete allInter. Per il professor Matassi, lo Special One portoghese un esempio di come si pu applicare, al calcio, il principio di totalit e la realizzazione dellassoluto. Una squadra vincente pu essere guidata soltanto da un uomo di grande intelligenza e con un intuito fuori dagli schemi, dove lorganizzazione paragonata allo Stato hegeliano ed ogni giocatore parte finalizzata al tutto. Matassi analizza lo stato non esaltante del nostro calcio al tempo della crisi ma definisce la Juve come squadra che ha rapporto di natura particolare con la vittoria. Il filosofo della morale esalta, inoltre, le virt del boemo Zeman, lallenatore definito lultimo universalista con le sue concezioni da esteta del calcio ed etica di gioco. Pensare il calcio, un libro per gli amanti della cultura, del bel gioco e per gli appassionati di una filosofia da serie A. Dallo Special One allo Special Two. Per una vacanza di totale relax e divertimento mettete in valigia una delle migliori rivelazioni editoriali del momento: lAtletico Minaccia Football Club di Marco Marsullo. Un racconto di calcio e ironia paragonabile alle leggendarie storie di Osvaldo Soriano o al best seller Febbre a 90. Questa la storia del Mou del sud, lallenatore quarantenne Vanni Cascione chiamato alla guida dellAtletico Minaccia, squadra dellEccellenza campana, nata dopo il fallimento di una vecchia societ in mano alla mafia. Cascione ama definirsi lo special two e imita in tutto e per tutto il tecnico portoghese, peccato che alle sue conferenze stampa non ci sia il pienone e che la campagna acquisti venga fatta da un certo Lucio Magia e dal presidente Eros Baffoni. E un susseguirsi di gag e imprevisti vari. Il libro racconta la tragicomica cavalcata verso la conquista della promozione di una squadra composta da un ex concorrente di Sarabanda, un cuoco, un meccanico, un mediano clandestino schierabile solo in trasferta perch in casa inseguito dalla polizia e un portiere cocainomane. Il giovane scrittore Marsullo geniale, nella sua opera prima, a creare personaggi comici, in Campania, cresciuti in un contestosociale in cui difficile emergere, dove per tanti giovani lunica cosa importante correre dietro ad un pallone. VALERIO CASTORELLI

Ormai ci siamo, tutto pronto, manca solo il fischio d'inizio e si parte. L'incantevole scenario di Praia A Mare (cs) la cartolina perfetta per questo evento che ormai l'avvenimento estivo di punta del sud Italia. Stiamo parlando del Mundialito di Beach Soccer che ormai da anni fa tappa fissa nella cittadina tirrenica portando spettacolo, divertimento e soprattutto grandi campioni. Al via nel consueto quadrangolare dal 5 al 7 Luglio si contenderanno il trofeo: Italia, Brasile, Germania e Senegal. La formazione italiana per l'occasione schiera l'artiglieria pesante non volendo lasciarsi sfuggire il trofeo di cui detentrice. Tra i convocati del tecnico Maurizio Iorio (ex centrocampista di Torino e Roma) figurano nomi di spicco che , abbandonato il rettangolo verde, continuano a dare emozioni sulla sabbia. In porta ci sar Gianluca Berti difeso dal roccioso Bertotto e il duttile Diana, il dinamismo di "soldatino" Di Livio nonostante l'et quello di un tempo mentre i bomber Ganz e Del Vecchio promettono scintille. Il capitano azzurro Chiarelli l'unico atleta che nasce con questo sport e sicuramente sapr consigliare i compagni. Madrina della competizione la soubrette partenopea Marika Fruscio mentre tra gli ospiti faranno la loro apparizione Hugo Maradona, Idris e soprattutto il sempre chiaccherato Luciano Moggi. Non resta che godersi lo spettacolo, per i pi pigri l'evento potr essere seguito su i canali di Sky Sport ma per una volta consigliamo di alzarsi dal divano e godersi gratuitamente lo show dal vivo perch Praia A Mare e il Beach soccer vi conquisteranno. Antonio Greco

Una realt che molti avevano dimenticato? No perch lo show delle due ruote porta sempre il suo nome: Valentino Rossi, classe 1979, padrone del campionato con i suoi errori e le sue imprese. Rossi che regala emozioni agli italiani e non, Rossi che fa tutto e il contrario di tutto. L ha dimostrato sabato, quando andato a prendersi il Gp di Assen, una delle sue piste preferite, tornando a vincere in MotoGp dopo tre anni (l ultima in Malesia nel 2010). Cos chi era pronto ormai a dargli la pensione deve ufficialmente ricredersi, Vale torna a volare. In un soffio si chiude la visiera, si sdraia sulla sua Yamaha e salta come birilli i tre piloti che aveva davanti, anche se ci mette qualche giro a passare Stefan Bradl, cosa che forse resta la pi difficile della giornata, poi infila le due Honda ufficiali di Marc Marquez, il baby fenomeno che gli rende la vita dura, e Dani Pedrosa. Quindi si beve i 20 giri pi dolci della sua carriera, a suon di giri veloci. Il nuovo setting trovato nelle prove di Barcellona funziona e finalmente Valentino riesce a tenere il passo dei giovani funamboli, anche in prova. A 34 anni Rossi coglie il suo successo numero 106, il sesto in Olanda in MotoGp. Sono contento, ma non ancora abbastanza- si lascia andare Valentino ai microfoni appena tolto il casco-. Quasi non ci credo. E una grande soddisfazione tornare a vincere dopo cos tanto tempo. Ho lavorato tanto con il mio team, ringrazio tanto la Yamaha per avermi dato un altra possibilit. Sono andato forte dall inizio, sapevo che poteva essere la mia gara. Adesso riesco a essere forte in frenata e pi costante sul ritmo. Il Dottore, scattando cos dalla quarta posizione, in pochi giri va al comando e poi dritto al traguardo. Alla domanda se adesso il motomondiale tornato a divertirsi?- Vale risponde- Si, dai, ci divertiremo. Si, dai puntavo a vincere e senza problemi nei primi giri.E forse iniziata una nuova rimonta per Vale sul filo dei 340 allora? Anche se laltra impresa straordinaria firmata dal pilota della casa del Diapson. Jorge Lorenzo, caduto gioved nel secondo turno delle prove libere a causa della pioggia, ha riportato la frattura della clavicola. Come se andasse a farsi massaggiare, subito tornato in Spagna, si fatto operare ed inserire una placca metallica per tenere fermo losso e si ripresentato sulla griglia di partenza anche solo per finire la gara, non male visto che si accaparrato il quinto posto finale. Favoloso anche il giovane Marquez arrivato secondo nonostante le dita fratturate.Forse il Dottore avrebbe dovuto davvero portare le flebo in pista.

Elvira Avola

E Assen, il teatro nel quale Valentino Rossi torna da protagonista assoluto vincendo la sua gara n106 in carriera, su 283 GP disputati, dopo lultimo successo risalente addirittura al GP di Malesia del 2010.Sul podio, abbracci per il 34enne di Tavullia da parte di Marquez e Crutchlow, rispettivamente 2 e 3 su Honda e Yamaha, con lo spagnolo quasi felice di vedere sul gradino pi alto il suo idolo da bambino. E stata praticamente una fuga solitaria per il n46 Yamaha, che riuscito per la prima volta in stagione a guidare forte e veloce sin dal momento in cui si son spenti i semafori in griglia, fino alla bandiera a scacchi, che lo ha decretato vincitore e lo ha fatto impazzire di gioia, cos come non gli capitava da anni ormai.Partito dalla seconda fila, dopo il quarto posto in qualifica, Vale andato subito allinseguimento dei primi, superando, con la sua M1, nel giro di poche tornate Bradl, Marquez e Pedrosa arrivato alla fine quarto e mantenendo 9 punti di vantaggio in classifica generale su un eroico Lorenzo, in sella allaltra Yamaha, arrivato quinto, al termine di una vera impresa sportiva.Infatti, il campione del mondo in carica, dopo la caduta durante le prove del gioved,dove ha riportato la frattura della clavicola sinistra, stato operato nella notte di venerd a Barcellona, salvo poi tornare in pista per la gara di sabato.Ottimo quinto posto quindi per liridato, che non molla per la corsa al titolo e fa vivere ai tifosi Yamaha una giornata speciale, con le sue gesta e quelle del suo compagno di box, Rossi appunto, che prover a fare qualche ragionamento anche in chiave classifica generale, ora che tornato davvero, pu succedere di tutto.

Fabio La Nave

Il mondo del ciclismo una polveriera, lo spettacolo a cui abbiamo assistito nel passato recente sembra essere tutto frutto di finzione e i risultati truccati da quella brutta piaga che il doping. A quanto pare sembra che senza "aiuti" era impossibile alzare le braccia al cielo in segno di vittoria. Un altro colpo al cuore per gli appassionati di questo sport che ancora una volta si sentono traditi dai loro beniamini. Si partiti dalle lacrime di Lance Armstrong per anni icona di questa disciplina che, scoperto l'arcano, aveva confessato tutto. I suoi sette Tour de France vinti, giustamente revocati, sono ora senza padrone . Tanti altri campioni ( o pseudo tali vista la situazione) hanno sputato fuori il rospo ammettendo l'uso di sostanze illecite, soprattutto EPO. Ora l'Uci si sta concentrando sulle competizioni del 1998 in cui secondo indiscrezioni avrebbe partecipato al Tour ben quarantaquattro atleti dopati. Soprattutto gli appassionati italiani quell'anno non lo dimenticheranno mai, era la stagione della doppietta del mai dimenticato Marco Pantani che domin tra le strade d'Italia e quelle di Francia. Il campione della gente prematuramente scomparso 9 anni fa sembra non poter riposare in pace. La federazione infatti ha comunicato che i nomi coinvolti verranno comunicati durante la tappa dell' Alpe Duez (cima dedicata tra l'altro al pirata di Cesenatico) nel bel pieno della corsa di quest'anno. Se tra i furbetti dovesse figurare il nome di Marco probabile che anche la sua vittoria venga revocata. I genitori di Pantani non ci stanno e con una lettera aperta all' Uci chiedono di non infangare la memoria del figlio. "Vi diffidiamo dall'intraprendere qualunque azione verso una persona che non pu difendersi. Se fosse positivo come potrebbe chiedere le controanalisi? difenderemo sempre il suo nome" queste le parole di mamma Tonina. A destare pi rabbia la decisione della federazione nei confronti di Bjarne Riise. Il danese vincitore del Tour del 97 e reo confesso manterr la sua vittoria dopo la prescrizione del reato. Ora quindi una sentenza di colpevolezza potrebbe uccidere Marco per la seconda volta, cosa che sarebbe troppo dura da digerire. Perdere un figlio sempre qualcosa di devastante, figurarsi se avvenisse per due volte.

Antonio Greco

Invito di Papa Francesco per la nazionale Argentina a colloquio nella settimana precedente al match. La federazione sudamericana esprime la sua gioia e onore nellinvito del santo padre che si dimostra ancora una volta ricco di sorprese e colpi di scena. Dichiara lassociazione argentina LUAR esprime grande gioia e onore per la visita del nostro amato Papa argentino. La pluralit e linteresse del pontefice, piacciono e sorprendono, rendendo la figura della massima carica ecclesiastica, che viene sempre vista come lontana e distaccata , sempre pi vicina alla GENTE e alla PIAZZA. Persona veramente di cuore ed eccezionale, sa coinvolgere le masse, non solo i credenti pi devoti e inquadrati ma anche i giovani ed i disillusi, che vedono nel santo padre, nuovamente, luomo e non solo una carica, lontana ed impalpabile. Prima il palese interesse al calcio ed ora ecco la nazionale di rugby. Chi sa se potr chiamare a colloquio anche il capitano della nazionale italiana, Sergio Parisse, e coach Brunel che da quello che si visto finora nei test match, una benedizione non potrebbe che far bene agli azzurri.

Marcello Catani

Questanno a Wimbledon non finiscono le sorprese,dopo le clamorose eliminazioni di Nadal,Federer,Sharapova,Azarenka,in questi giorni c stata leliminazione della numero 1 WTA Serena Williams,battuta da una strepitosa Lisiki 2-1 con il punteggio di 6-2 1-6 6-4! La tennista tedesca poi si aggiudica le semifinali battendo anche kanepi ai quarti con un facile 2-0 6-3 6-3.Le altre semifinaliste sono A Radwanska che batte N.LI 2-1 7-6 (7-5 tie break) 4-6 6-2,Bartoli che batte 2-0 Stephens 6-4 7-5,e Flipkens che batte kvitova 2-1 4-6 6-3 6-4.Mentre per quanto riguarda il tabellone maschile vediamo ai quarti gli accoppiamenti Djokovic-Berdych, Ferrer-Del Potro, Kubot-Janowicz, Verdasco-Murray. Mentre per quanto riguarda il doppio ci lasciano anche gli ultimi italiani rimasti al Master Londinese ovvero la coppia formata da Errani/Vinci che vengono battute 2-1 da Georges/Strycova con il punteggio di 6-3 3-6 2-6.Se non ci saranno sorprese nei prossimi giorni la Finale dovrebbe essere Djocvic-Murray,con il giocatore Serbo favorito al titolo! Luigi Bruno

Nella notte italiana tra il 27 ed il 28 giugno si tenuta, nella fantastica cornice del Barclays Center di Brooklin, il Draft 2013. David Stern, al suo ultimo ballo come Commisioner dellNba, apparso particolarmente carico e si lasciato andare pi volte a gesti e battute volte a tenere alto il coinvolgimento degli spettatori. Strano il comportamento del Commisioner e strano landamento del Draft. I nomi caldi questanno erano Nerlens Noel, proveniente daKentuky; e Alex Len, in uscita da Maryland, ma di origine ucraina. A sorpresa with the first pick i Cleveland Cavaliers hanno deciso di puntare tutto su Anthony Bennet proveniente da UNLV che, complici le precarie condizioni fisiche dei sopracitati Noel eLen, nelle ultime ore prima del Draft, ha guadagnato consensi fino a conquistare la prima chiamata. Al numero due altra sorpresa. I Magic decidono di chiamare Victor Oladipo di scuola Indiana, la cui allenabilit e le cui qualit difensive sono una garanzia. Con la 3 i Washington Wizards si assicurano Otto Porter, alona cresciuta a Georgetown, che andr a completare un roster che preannuncia fuochi dartificio per la prossima stagione. Len E Noel scivolano rispettivamente alla 5 ed alla 6. Len ai Sunse Noel ai neoarrivati Pelicans i quali, nel giro di poche ore, lo spediscono ai 76ers in cambio del promettente play Jrue Holiday. Trey Burke, leader di Michigan, ha dovuto attendere la nona chiamata prima di sentirsi chiamare da Minnesota per essere poi scambiato ai Jazz in cambio della 14 di Shabazz Muhammad diUcla. Lultima chiamata stata Nemanja Nedovic che entrer nella storia in quanto ultimo giocatore annunciato da David Stern nella sua ormai trentennale esperienza da Commisioner Nba. Il finale ad effetto, in puro stile americano, rappresentato dallarrivo sul palco del primo giocatore chiamato nellepoca doro di Stern, Hakeem Olaujwon. Sar compito di Adam Silver,adesso, mantenere gli straordinari standard assicurati dalcommisioner uscente all Nba. Fabio Falvo

Come ormai noto, sar la Slovenia ad ospitare i prossimi campionati europei di Basket 2013. La manifestazione si svolger dal 4 al 22 settembre e vedr gli azzurri debuttare contro la fortissima Russia per poi affrontare, nell'ordine, Turchia, Finlandia, Grecia e Svezia. Le prime tre classificate nel girone passeranno al secondo turno che prevede altri due raggruppamenti da sei squadre ciascuno; le prime quattro di ogni girone accederanno alla fase successiva, dove ci saranno scontri diretti dai quarti fino alla finalissima che si disputer a Lubiana il 22 settembre. Mister Pianigiani ha diramato le convocazioni che riguardano 16 giocatori: Marco Belinelli, quest'anno brillante protagonista nei Chicago Bulls, il "Mago" Andrea Bargnani dei Toronto Raptors, Aradori, Cavaliero, Cinciarini ,Cusin, Gigi Datome, Alessandro Gentile, Gigli, Daniel Hachett, Mancinelli, Melli, Poeta, Polonara, Rosselli e Vitali. Non ci sar, causa infortunio, Danilo Gallinari. La sorpresa potrebbe essere costituita dalla convocazione all'ultimo momento di Travis Diener, il fortissimo play di Sassari, che ha da poco ottenuto il passaporto italiano. Nella squadra di casa, la Slovenia, rivedremo Laka Lakovic che lo scorso anno ha militato nel nostro campionato di massima serie nelle fila della Scandone Avellino.

Claudia Ferrara

Escontro finale tra Canottieri Napoli che, direttamente dopo la seconda gara, vola in finale contro Civitavecchia che ha invece dovuto lottare con i denti per guadagnarsi la possibilit di approdare all A1. E cos mentre i giallorossi del Molosiglio erano a riposo, crogiolandosi nella gioia di essere ad un passo dalla grande opportunit, gli uomini del Civitavecchia sgomitano fino alla fine vincendo con un solo punto di scarto contro il Trieste. Tutto avr inizio sabato 6 luglio nelle acque clorate della area flegrea della piscina Scandone, e questa da il vantaggio giocatori del Molosiglio di avere il supporto della propria citt nel caso in cui non dovessero chiudere da subito i conti ed affrontare l'ultimo ostacolo di unabella fatta in casa. Nonostante ci gli uomini di mister Zizza si troveranno ad affrontare uno di pi temuti avversari che nella regular season ha dato filo da torcere alla squadra partenopea. Infatti non sono riusciti a portare a casa pi di un pareggio nel girone di ritorno oltre alla sconfitta subita l'andata. Ma la squadra di mister Zizza si affida alla passione e al calore del suo pubblico, e non solo di quello che sar l presente ma anche di quelli che seguiranno la diretta in onda su TeleLuna. Its final countdown, ma chi canter We are the champions? Nunzia Casolaro

Questanno tocca alla citt di San Marino ospitare la Coppa Comen, la coppa del Mediterraneo. 14 nazioni partecipanti e ragazzi trepidanti di vivere le prime esperienze internazionali. La squadra azzurra arrivata con 24 atleti, 12 maschi e 12 femmine e, torna con ben 35 medaglie: 13 ori, 8 argenti e 14 bronzi. Gli azzurrini, seguiti dal responsabile Walter Bolognani, conquista quindi il primo posto nella classifica generale, seguiti dalla Francia e dallIsraele. Manifestazione di altissimo livello, basti pensare infatti i ben 49 miglior crono personali. Tra i migliori atleti in vasca, spiccano Sara Franceschini nei 200 misti CristianoHantjoglu. Soddisfatto il tecnico, che si prepara ora agli Eyof, il festival olimpico della giovent europea, in programma dal 15 al 19 luglio.

Marcella Iaccarino

Se ci sparano alla testa, possibile non accorgersene? A quanto pare s, ed possibile anche giocare una partita di calcio intera con il proiettile conficcato nel cranio. Questa la storia di Duko Krtalica, portiere di 51 anni bosniaco di una squadra amatoriale di Sarajevo. Krtalica stava giocando con la sua squadra, quando a un certo punto ha cominciato ad avere mal di testa. Non si per preoccupato pi di tanto, imputando il dolore a una testata che aveva dato al palo poco prima, in un salvataggio, ed andato avanti a giocare. A incontro terminato, Duko ha per cominciato a lamentarsi di non riuscire a muovere un braccio e ad avere difficolt nel parlare. Cos stato immediatamente trasportato in ospedale, dove i medici si sono trovati a dover fronteggiare una vera emergenza. E' stato enorme lo stupore, infatti, quando dalle immagini diagnostiche stato evidenziato un proiettile di 9 mm conficcato nel cranio dell'uomo. Immediatamente trasportato in neurochirurgia, Krtalica stato operato, il proiettile stato rimosso e ora l'uomo in condizioni stabili. Ma come possibile che non si sia accorto del fatto che un proiettile gli abbia trapassato la testa? E com' possibile che nessuno l intorno si sia accorto dello sparo?

In ogni caso, per dovere di cronaca, bisogna dare onore al merito del portiere che, nonostante le gravissime condizioni, ha concesso un solo gol agli avversari. Inoltre la seconda domanda ha una risposta: in realt lo sparo - anzi gli spari - non stato affatto un'azione nascosta e il portiere non era il bersaglio: poco distante dal campo si celebrava un matrimonio e qualcuno degli invitati ha avuto la brillante idea di festeggiare facendo esplodere dei colpi dalla propria pistola. Un 42enne stato arrestato per questo con un'accusa che poteva essere ben pi grave: vicino al campo sono stati trovati altri 12 proiettili, con il rischio di un bilancio peggiore.

Dario Mainieri

La Pikes Peak International Hill Climb una gara a tempo, il cui tracciato si snoda lungo le pendici del Pikes Peak, montagna situata nello Stato del Colorado (USA). Il punto di partenza posto a 2.862 m di altitudine, il percorso di gara si sviluppa per un distanza totale di 19,99 Km, articolati da 156 tra curve e tornanti,il traguardo situato a quota 4.300 m. In questa competizione sono molteplici le categorie di veicoli che vi partecipano, ansiosidi vincere i piloti hanno bisogno di potenza, molti cavalli sono sempre una buona garanzia e quindi i motori a combustione sonostati la scelta migliore. La casa produttrice Lightning Motorcyclesfamosa per innovazione e ricerca ha deciso di partecipare con una moto, niente di nuovo ma se si considera fosse elettrica un qualcosina di nuovo forse c. I match tra moto sono di categoria open, quindi cilindrata, coppia e velocit sono liberi da restringimenti e se sappiamo che i motori elettrici non sono alla pari con quelli a combustione la sfida pare persa allinizio. Sbagliato, i motori elettrici giorno dopo giorno stanno avendo grande successo guadagnando autonomia e potenza alla pari di quelli a combustione. Lightning Motorcycles lo sa bene il suogioiellino ha una potenza di quasi 180CV, un autonomia di 160 Km e una velocit massima di 348km\h. Nella gara riuscita a vincere con un tempo di ben 20 sec in meno rispetto al ducatista Bruno Langlois in sella alla sua multistrada 1200 S che si dovuto accontentare del secondo posto. Ci chiediamo se le gare di veicoli,ormai sono pronti ad adottare motori elettrici, forse per ci presto ma non tanto come molti pensano. I vantaggi sonoovviamente lusare una fonte di energia inesauribile, ridurre a zero linquinamento. Gli svantaggi? Beh per gli appassionati il rumoredel motore e tutto e i motori elettrici, linquinamento acustico pari a 0. Adriano Gianni

Ogni due anni si svolge una delle gare di sopravvivenza considerata tra le pi impegnative del mondo. E un vero e proprio evento sportivo, strano come nessun altro al mondo, a cui partecipano uomini e donne disposti veramente a tutto. Le prove sono durissime e solo chi ha fegato da vendere pu pensare di far parte di questa banda di scalmanati! E senza dubbio uno degli sport estremi pi duri del mondo. Il Tough Guy Event , che si svolge a Perton, in Inghilterra, richiede, oltre a unadeguata preparazione fisica, una buona dose di coraggio. Per partecipare insomma necessario non avere paura di nulla. E non solo del fuoco, a Perton nemmeno la claustrofobia ammessa. Durante il percorso lungo 13 chilometri, sono previsti tunnel sottacqua e gallerie sotterranee, cunicoli con filo spinato e faticose corse nel fango. Attraversare paludi, nuotare nel fango, arrampicarsi su corde ruvide e nodose, percorsi su funi di ferro strettissime e questo nulla se si pensa che c un prova che prevede il passaggio dei concorrenti nel fuoco. Eleonora Brangi

Scoppia il caldo, iniziano le ferie e viene voglia di rilassarsi. Allora perch non sfoggiare una bella pancia piena e tonda? Rimodellare i fianchi, un impegno che richiede costanza. A volte basta pochissimo tempo per sentirsi meglio e apparire , come dicevano le nonne, in "buona salute". Da qui l'idea di seguire programmi alimentari ipercalorici ovviamente da associare a comportamenti qualificabili come non atletici. Iniziare la giornata rilassandosi al bar con una colazione all'italiana: cappuccino preparato con latte intero, caff zuccherato e cornetti (per non dover decidere il gusto) farciti da creme e marmellate. Spalmarsi al sole sorseggiando birra ghiacciata e tenersi lontano da qualsiasi attivit proposta da i simpatici animatori che preveda un grosso dispendio di preziose energie. Al limite si pu ingannare il tempo con una partita di burraco, rigorosamente giocata in un ambiente dov' prevista l'aria condizionata. Lo spuntino necessario, idoneo un pezzo di torta ad esempio cubana. Per rifocillarsi, un gustoso panino farcito da parmigiana napoletana e cotoletta fritta due volte. Per la cotoletta scegliere rigorosamente carne di suino. Bandita qualsiasi cosa che sia di colore verde. Dopo ci, bisogna far riposare l'organismo, con un sonnellino di circa due ore. Al risveglio, gustarsi un gelato tipo magnum. A questo punto prendere una comoda sediolina e stare letteralmente a mollo in acqua, avendo cura di non muovere un muscolo. Il tempo scorre e allora bisogna spostarsi in auto per incontrare i fedeli amici per lo "sprizzettino". Per cena deliziarsi con il popolare ma mai intramontabile men "pizza, cozze, birra e limoncello". Per quanto concerne l'attivit motoria concesso esclusivamente l'allenamento del pollice. Sport perfetto per esercitare la funzione della prensione, utilissima per afferrare bicchieroni di birra fredda, accompagnato da sfiziosissime patatine. Armatevi di pazienza e con giornate trascorse cos, i risultati arrivano presto!

Sonia Arena
.

Stanchezza, mal di testa, difficolt di digestione, insonnia, palpitazioni, malumore, nervosismo, ansia: sono alcuni tra i sintomi pi comuni dello stress da lavoro, un disturbo sempre pi diffuso che colpisce oggi circa un italiano su quattro. Le cause possono essere molteplici, ma tutte in buona sostanza si riducono ad una:siamo stressati quando le nostre risorse vengono sopraffatte dalle tensioni. Non sempre l'eccessivo carico di lavoro ha effetti nocivi. Tutto dipende dall'individuo: certe persone riescono a contrastare efficacemente le pressioni lavorative e ne ottengono benessere e soddisfazione. Altri si lasciano travolgere, con effetti spesso dannosi addirittura patologici.

Quel che certo, che il non lavoro, ovvero la disoccupazione una delle pi micidiali fonti di stress. Si rischia di diventare stressati, inoltre, quando il nostro ruolo professionale al di sopra o al di sotto delle nostre possibilit, quando le relazioni con i colleghi non sono buone, quando il lavoro male organizzato e quando il collegamento casa-ufficio non viene gestito in modo attento. L'onere di prevenire lo stress spetterebbe alle aziende, ma in Italia, purtroppo, abbiamo ancora molta strada da fare. Come si suol dire, prevenire meglio che curare: bisogna evitare di lavorare a ritmi sovraumani, puntare a svolgere le mansioni che piacciono, ma soprattutto, per quanto possibile, rilassarsi. Una partita di pallone e un bel bagno caldo possono fare miracoli, cosi come una sana risata.

Annamaria Cristiano

Nasce a Giussano il 17 marzo 1964. Sempre a Giussano si celebrano i funerali il 1 luglio 2013. Lintero mondo del calcio presente, se non fisicamente almeno il pensiero l per ricordare un grande campione nel calcio e soprattutto nella vita. Stefano esordisce giovanissimo nel Como passa al Sanbenedettese, indossa la maglia del Milan e della Fiorentina, qui con Roberto Baggio formano una vera potenza denominata B2. Proprio Baggio che gli sar accanto nella malattia conservando per la sua scomparsa le parole pi toccanti e commuoventi che solo un grande Amico e uomo possono esprimere. Per poi dedicarsi alla panchina del Como come allenatore fin quando non si ritira per problemi di salute. La malattia che si impossessa, nel vero senso della parola Sclerosi LateraleAmiotrofica che rende impossibile i movimenti, la fonazione e la respirazione. Vedersi intrappolati in un corpo che non ti permette di fare quello per cui sei nato, il tuo lavoro. Stefano non si mai ritirato dal calcio al contrario sempre stato presente nel promuovere quello che stata la sua fondazionela FONDAZIONE STEFANO BORGONOVO ONLUS come scrive Baggio impegnato a trasformare il veleno della malattia in medicina per gli altri gli altri che come lui, calciatori e non, colpiti da questa Stanza come lui stesso definiva. Uomo dalla forza innata ed indomabile che accanto ha sempre avuto una donna come Chantal e i suoi quattro figli, tutti gli amici del pallone che gli davano la forza se non di vincerla almeno di conviverci senza mai arrendersi ad essa. Si sempre fatto sentire attraverso un sintetizzatore vocale e alloccorrenza sceso in campo con qualcuno che gli spingesse la carrozzella, ma mai rimasto allombra. Fiero di far vedere un fisico impossibilito che una malattia lentamente annientava dove la personalit e la voglia di vivere emergeva pi forte. Lattaccante temibile e dotato rester per sempre nella storia del calcio italiano e nel cuore degli amanti del calcio soprattutto per la vita post-calciasticaperch ci ha insegnato a soffrire e a lottare insieme a lui. Da brividi addosso i cori che la gente ha fatto sentire alluscita del feretro dalla chiesa Borgonovo, Borgonovo uno di noi cori e striscioni dimostrazione che la gente dallo stadio alla malattia e infine la morte non lo hanno mai abbandonato. E questo sicuramente il saluto pi gradito e commosso che avrebbe voluto Stefano. Io, se potessi, scenderei in campo adesso, su un prato o all'oratorio. Perch io amo il calcio nel periodo della sofferenza questa rimane una frase di Stefano molto toccante. Stefano adesso puoi scendere in campo e recuperare il tempo perduto su quel letto. KARINA ORNELLA PALOMBA

A cercar di far luce su questa triste vicenda che ha colpito Vigor Bovolenta, ex pallavolista del Volley Macerata la moglie, Federica. Devo capire se per mio marito stato fatto tutto il possibile queste le sue parole. In effetti dai risultati dellautopsia il pallavolista sarebbe dovuto stare lontano dai campi gi da qualche anno. Clamorosa fu, dodici anni fa, la sua lontananza dal volley per quattro mesi a causa di unextrasistole. Come se fosse stato un avvertimento. Tuttavia Vigor ottiene il certificato di attivit sportiva e agonistica, suo lasciapassare verso i campi, e continua a deliziarci con le sue vittorie. Fino a che, un malore in campo, nel marzo 2012, non lo porta via. A questo punto si indaga incessantemente sul perch non fu evitata questa tragedia. Pu essere stato un errore di leggerezza da parte dei medici? Realmente morto per non esser stato sottoposto ad un banale elettrocardiogramma? Nel frattempo, per i due dottori indagati rinvio a giudizio. Lunica certezza che ha Federica che suo marito e padre dei loro cinque figli non torner mai pi. E una donna combattiva, miss Bovolenta, che per Amore di suo marito e dei suoi cinque piccoli continuer a lottare per far luce finalmente sulla morte di suo marito, scomparso a soli 37 anni.

Emanuela Palo

Direttore: Cristiana Barone Editore: Antonella Castaldo Capo Redattore: Luigi Liguori Editing Grafica: Giuseppe Vecchione Redazione: Corso di Giornalismo Sportivo 2013 - Universit Parthenope di Napoli - Facolt di Scienze Motorie Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008 del 28/02/2008 Seguici anche su Facebook sulla nostra pagina FATTO DI SPORT per rimanere sempre aggiornato.