Sei sulla pagina 1di 32

EMIGRAZIONE

SPORT

Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati

Sardegna in Vetrina nel mercato francese


pag. 24

ANNO XXXVIII / LUGLIO 2006 N. 7


Spedizione in abbonamento postale - 45% - Art. 2 comma 20/b legge 662/96 Filiale di Cagliari (tassa riscossa - taxe perue) Poste italiane tariffa pagata DCO/D.E./3139/02 del 25.03.2002

Il Cagliari riparte da Suazo in attacco


pag. 30

SPECIALE EMIGRAZIONE - 4 Congresso Nazionale della FASI

Da Milano una svolta l'emigrazione sarda

Confermato l'impegno a sostenere lo sviluppo dell'Isola e lottare a fianco delle Istituzion per la difesa delle prerogative e dei poteri della Sardegna - Ritrovata l'unit delle varie componenti
pagine 11-19

Le rivendicazioni delle associazioni dei Sardi nel mondo


Chiedono che siano riconosciuti i loro diritti e pari dignit con i residenti
IRAK

AMBIENTE

EMIGRAZIONE

Approvato dalla Giunta il Piano Paesaggistico

Tempi stretti per approvare la nuova legge

Ancora sangue sardo in una missione di pace

Il provvedimento riguarda le zone costiere pi esposte a rischio cementificazione


pagina 5

La Consulta sollecita l'avvio dell'iter per modificare la normativa vigente

Alessandro Pibiri della Brigata Sassari ucciso a 100 chilometri da Nassiriya


pagina 7

2L

UGLIO

2006

Circoli
Questi gli indirizzi ai quali i lettori potranno rivolgersi per avere ulteriori chiarimenti
LIGURIA Circolo Sarda Tellus - via N. Daste 5r/f 16149 GENOVA - tel.-fax 010.6429254 Circ. culturale sardo Grazia Deledda - stradone DOria, 102 19125 LA SPEZIA tel. 0187.525384 - e-mail: sardosono@libero.it Circolo Il Nuraghe - via Nino Oxilia, 16 17100 SAVONA - tel. 019.814877 - fax 019.8428074 Circ. culturale Grazia Deledda - via Hanbury, 6/f 18039 VENTIMIGLIA - tel.-fax 0184.231386 EMILIA ROMAGNA Circolo Sardegna - via Stalingrado, 81 - parco Nord 40128 BOLOGNA - tel. 051.327800 - fax 051.7090898 e-mail: info@circolosardegna.bo.it Circolo Nuraghe - via Gramsci, 32 41042 FIORANO (MO) - tel. e fax 0536/830965 Circolo Grazia Deledda - via Baganzola, 7 43100 PARMA - tel. 0521.941053 - fax 0521.941059 Gremio Sardo Efisio Tola - via Guastrafredda, 59 29100 PIACENZA tel. 0523/315000 - e-mail: efisiotola@tin.it VENETO Circ. Sardi nel Bellunese - via San Francesco, 37 32100 BELLUNO - tel. e fax 0437.932514 e.mail: circolosardibelluno@libero.it Circolo cult. Sardo G. Becciu - calle Ponte S. Andrea, 780 30015 CHIOGGIA (VE) - tel.-fax 041.492539 Circolo cult. Sardo Ichnusa - via Bellini, 8/10 30171 MESTRE (VE) - tel.-fax 041.970112 Circ. Eleonora DArborea - via Cernaia, 1bis 35141 PADOVA - tel.-fax 049.8724425 e-mail: circolosardo.padova@dayweb.net Circolo Sardegna Nostra - via Marchi, 32 36060 ROMANO DEZZELINO (VI) - tel. 0424.512782 Ass. Amicizia sarda nella marca trevigiana 31100 TREVISO - via Bernardi, 14 tel.-fax 0422.210131 Ass. Sebastiano Satta - vicolo Campo Fiore, 2/A 37129 VERONA - tel. 045.596014 - fax 045.597583 Ass. Culturale Sarda Grazia Deledda - Via Roi, 34 36010 CAVAZZALE (VI) - tel.-fax 0444.946368 e-mail: gdeleddavicenza@tiscali.it TRENTINO-ALTO ADIGE Circolo Giuseppe Dess - via De Gasperi, 27 38100 TRENTO - tel. 0461.921662 - fax 0461.934707 Circolo Eleonora dArborea - via Palermo, 87 39100 BOLZANO - tel. e fax 0471.501399 Circolo culturale Maria Carta - via Perosi, 2b 38068 ROVERETO FRIULI VENEZIA GIULIA Ass. reg. dei sardi in Friuli Ven. Giulia 33170 PORDENONE - Riviera del Pordenone, 14 tel.-fax 0434.522776 - e-mail: sattasalvatore@tiscali.it sezionepordenone@tiscali.it Ass. sardi in Friuli Ven. Giulia - corso Verdi, 13 34170 GORIZIA - tel.-fax 0481.33725 Ass. sardi Friuli Ven. Giulia - via Ermacora, 10 33028 TOLMEZZO (UD) - tel.-fax 0433.44938 Ass. region. sardi Friuli Ven. Giulia - via di Torrebianca, 41 34122 TRIESTE - tel.-fax 040.662012 Ass. sardi Friuli Ven. Giulia 33100 UDINE - via delle Scuole, 13 - tel.-fax 0434.402909 TOSCANA Circ. Ass. Sardi in Toscana - p.za S. Croce, 19 50122 FIRENZE - tel. 055.240549 - fax 055.242006 e-mail: acsit.firenze@tiscalinet.it Circ. cult. Sandalia - Bastione Cavallerizza 58100 GROSSETO - tel.-fax 0564.28851 Ass. cult. sarda Quattro Mori 57126 LIVORNO - via Borgo Cappuccini, 275 tel.-fax 0586.812588 Ass. cult. sarda G. Deledda - piazza San Francesco, 3 56127 PISA tel. 050.543522 - e-mail: gdeleddapi@tiscalinet.it Circolo Peppino Mereu - via Stalloreggio, 63 53100 SIENA tel.-fax 0577.226853 - e-mail: sardinsiena@iol.it LAZIO Ass. Sarda Domus - via N. Bixio, 13 00053 CIVITAVECCHIA - tel.-fax 0766.22859 Circ. Quattro Mori - via Delle Baleari, 85-87 00121 LIDO DI OSTIA (RM) - tel.-fax 06.5691369 e-mail: quattromoriostia@tiscali.it A.C.R.A.S.E. - via Rivisondoli, 11 00156 ROMA - tel.-fax 06.4071450 Circ. Il Gremio - via S. Claudio, 69 00187 ROMA - tel. 06.69941718 - fax 06.3214981 UMBRIA Circolo Sardegna - via Bologna, 34 06078 PONTE VALLECEPPI (PG) ABRUZZO Circolo sardi d'Abruzzo Shardana - via San Marco, 31 65129 PESCARA - tel. 085.4326929 - fax 085.4309341 e-mail: info@shardanabruzzo@.it BELGIO (0032) Gremiu sardu Martinu Mastinu El-Tano 1040 BRUXELLES - 68, Avenue de Auderghem bt.24-3 p. tel./fax 02.7343996 - 010.841215 e-mail: martinomastinu@ifrance.com Associazione Sardi del Borinage 7301 BOUSSU HORNU - Rue Andr Demot, 101 tel. -fax 065.777158 Circolo Quattro Mori - Rue des Charbonnages, 251 6200 CHATELINEAU- CHARLEROI tel. 071.402209 fax 071.402210 e-mail: quattromori.belgio@swing.be Ass. Sardi di Mons - Su Nuraghe - Av. du Champ de Bataille, 428 7012 FLNU-MONS - tel. 065.885830 - fax 065.884055 e-mail: sunuraghe@skynet.be Circolo Grazia Deledda - Vennestraat, 183 3600 GENK - tel. 089.355886 - fax 089.304053 Circolo Eleonora dArborea - Rue Bellevue, 159 7100 LA LOUVIRE - tel. 064.213565 - fax 064.281228 Associazione La Sardegna allestero Quai Godefroid Kurth, 90 4000 LIEGI - tel. 042.275278 - fax 042.274304 e-mail: sardegnaestero.liege@skynet.be GERMANIA (0049) C. S. Quattro Mori - Mauerberg Str., 29 86152 AUGSBURG - tel. 0821.519435 -fax 0821.514028 C.S. di Berlino - Zillestr. 111 10585 BERLINO tel. - fax 030.34356635 - www.sardanet.de C.S. Maria Carta Rhein-Main e V. 65933 FRANKFURT/M - Hartmannweiler, Str. 67 tel. 069.38030327/2 - fax 069.38030329 e-mail: mariacarta@t.online.de C. S. Su Nuraghe - Streseman Str., 374 22761 HAMBURG tel. 040.895329-895343 - fax 040.8997703 e-mail: centrosardohamburg@t-online.de C. S. Su Gennargentu - Austr. 14 74076 HEILBRONN - tel.-fax 07131.171964 C. S. Sa Domu Sarda - Garten Str., 72 76135 KARLSRUHE - tel. 0721.8302680 fax 0721.8302681 - e-mail: sa.domo.sarda@t-online.de C. S. Speranza sarda - Mainau Str., 14 51063 KLN - tel. 0221.613421 - fax 0221.616837 e-mail: speranza-sarda@netcologne.de C. S. Nuova Rinascita - Philipp Str., 59 50823 KLN - tel. e fax 0221.5716716 e-mail: nc-sardisde@netcologne.de C. S. I Nuraghi - Halberg Str., 54 67061 LUDWIGSHAFEN tel. 0621.582889 - fax 0621.5296156 C. S. Eleonora DArborea - Lrriperstr. 176 41065 MNCHENGLANDBACH tel. 02161.4075333 - fax 02161.4076073 Centro culturale ricreativo SardEuropa 47443 MOERS - Bismarck Str., 18 tel. 02841.507352 - fax 02841.518169 C. S. Su Gennargentu - Frstenrieder Str., 147 80686 MNCHEN - tel. 089.35799767 - fax 089.35799768 e-mail: su.gennargentu_munich@t-online.de C. S. Sunidade Sarda - Klingenhofstr. 50A 90411 NRNBERG - tel. 0911.397354 - fax 0911.3780353 C. S. Rinascita - Mlheimer Str., 38 46049 OBERHAUSEN - tel. 0208.874045 - fax 0208.889773 e-mail: rinascita.oberhausen@t-online.de C. S. Su Nuraghe - Wiesbadener Str., 12 70372 STUTTGART - tel. 0711.563783 fax 0711.551694 e-mail: sunuraghe.st@t-online.de C. S. Grazia Deledda - Diesel Str., 23 38402 WOLFSBURG - tel. 5361.54407 - fax 5361.52018 e-mail: circolosardo.wolfsburg@t-online.de C. S. I Quattro Mori - Ritter Str., 181 47805 KREFELD INGHILTERRA (0044) Associazione Sardegna 2000 Southbank House - Black Prince Road LONDON SE1 7SJ - tel. 0207-7358171/74632168 e-mail: sardegna2000@tiscali.co.uk SVIZZERA (0041) Circolo Sardo Amsicora Oberdorfstrasse 11 5242 BIRR AG - tel.-fax 0041.56.444.86.38 e-mail: circolosardo.Amsicora@hispeed.ch Circolo Sardo Forza Paris - Kagiswilerstrasse 47 6060 SARNEN (LUCERNA) tel. 041.6611187 - fax 041.6611187 e-mail: circolo.sardo.lucerna@bluewin.ch Circolo Eleonora dArborea - Clarastrasse, 48 4058 BASILEA tel. 061.6810096-6810097 - fax 061.6810095 e-mail: e.arborea@datacom.ch Circolo culturale sardo Coghinas - via San Gottardo 6743 BODIO (TI) - tel.-fax 091.8642288 www.circolo-sardo-coghinas.ch Ass. Reg. Sarda - Circolo Ginevra - Rue Pictet De Bock, 7 1205 GINEVRA - tel. 022.8001644 fax 022.8001648 - e-mail: Associazione@ars-ginevra.ch Circolo Sebastiano Satta - Sulzstrasse, 25 9403 GOLDACH - tel. 071.8417398 - fax 071.8419038 e-mail: Sattasardegna@dtc.ch Circolo Su Nuraghe - Avenue De Morges, 44 1004 LAUSANNE - tel. 021.6240436 fax 021.6263230 e-mail: nuraghe@urbanet.ch Circ. sardo Sa Berrita - p.zza Molino Nuovo, 3 6904 LUGANO - tel. 091.9233743 - fax 091.9233752 e-mail: saberritta@hotmail.com Circolo Efisio Racis - Badenerstrasse, 262 8004 ZURIGO - tel. 01.2416216 - fax 01.2416215 e-mail: sardizurigo@bluewin.ch FRANCIA (0033) Circolo Su Nuraghe - 7, Rue Comte Bacciochi 20000 AJACCIO - tel. 04.95221531 - fax 04.95213989 e-mail: su-nuraghe.corsica@wanadoo.fr Circolo Su Nuraghe - Ecole Chateaubriand, B.P. 22 57460 BEHREN-LES-FORBACH - tel.-fax 03.87873067 Circolo Sardo Su Tirsu - 94, Rue de Belfort 25000 BESANON - tel. 0381.883130 - fax 0381.471518 Ass. Cult. Famiglie Sarde di Douai - Av. des Potiers 59500 DOUAI - tel. 0327.930212 fax 0327.886503 e-mail: caria@aras.inra.fr Circolo Sardo Grazia Deledda - 1, Rue de Touraine 57290 FAMECK - tel. 0382.572437 - fax 0382.525871 Circolo Sardo Su Nuraghe - 15, Rue Molire 57450 FARBERSVILLER tel. 0387.891132 - fax 0387.908512 Circolo Gennargentu - 15/17, Rue Lamartine 57730 FOLSCHVILLER BP 18 - tel. 0387.923809 Ass. regionale sarda Sardinia - 4, Avenue de Beauvert 38100 GRENOBLE - tel. 0476.849202 fax 0476.849203 e-mail: sardinia.grenoble@wanadoo.fr Circolo Ortobene - 94, Rue Marechel Foch 71200 LE CREUSOT - tel. fax 03.85808213 (03.85555022) e-mail: ass-cercle-sardo-ortobene@wanadoo.fr Circolo Sardo Grazia Deledda - 46, Rue de la Madelaine 69007 LIONE - tel. 0472.718004 - fax 0472.718320 Circolo Citt di Cagliari - 5, Rue des Ponts 57300 MONDELANGE - tel. 0387.711529 - fax 0387.719532 Circolo Domosarda - 168, Rue Raymond Losserand 75014 PARIS - tel. 01.45436212 - fax 01.45431860 Circolo Culturale Citt di Nora - 12, Rue du Rivage 08200 SEDAN - tel. 0324.290176 - fax 0324.220893 e-mail: cittadinora@tiscali.fr Circolo Sardi in Europa - Maison des Associations 1 a, Place des Orphelins - Tel e fax 0388.370335 67000 STRASBOURG Circ. Emigr. Sardi Gennargentu - 3bis/A, Rue Du Jura 74100 VILLE-LA-GRAND tel. 04.50955719 - fax 04.50958764 OLANDA (0031) Circ. Sardo Amici Mediterranei - Wichard van Pontlaan, 14 6824 GM ARNHEM - tel. 026.4431921 fax 026.3703526 - e-mail: fcso@universal.nl Circolo Sardo SArgiola - Zoutmansstraat, 23 R 2518 GL DEN HAAG - tel. 070.3642343 fax 070.3569838 - e-mail: argiola@wxs.nl Circolo Eleonora dArborea - Dennenweg, 154 7545 WL ENSCHEDE - tel. 053.4333714 - fax 053.4307996 Circolo Sardo Gennargentu - Rabenhaupstraat 24 9725 CD GRONINGEN - tel.-fax 050/5258849 Circolo Sardegna - Prof. Mullerstraat, 56 6224 BE MAASTRICHT tel. 043/3634050 - fax 043/3623081 Circolo Su Gennargentu - Beersdalweg, 110/a 6401 SC HEERLEN - tel. 045/5721651 Circolo Sardo Su Nuraghe - Bachstraat, 49 6137 RX SITTARD - tel. 046.4521930 - fax 046.4518170 SPAGNA (0034) Associaz. dei Sardi in Spagna S. Salvador dHorta Calle Muntanya 50 - tel. 093/4358981 - fax 093/3479602 08025 BARCELONA - e-mail: asociacionsardos@tiscali.es Circolo Sardo Ichnusa - Ap.do De Correos 7275 28080 MADRID - tel. 060.6676485 e-mail: circolosardo.ichnusa@tiscali.es AUSTRIA (0043) Associazione Sardi Saint Remy Joseph Platz 6 - Palais Palffy 1010 WIEN BULGARIA (00359) Circolo Sardo Sardica 113 Evlogi Georgiev Blvd. 1504 SOFIA - tel. 888637703 - fax 29431397 e-mail: dummys@hotmail.com AUSTRALIA (0061) Circ. Sardinian Cultural Association c/o Assisi Centre 2nd Floor 230 Rosanna Road VIC 3084 ROSANNA (MELBOURNE) tel. 03/94396376 - fax 03.94313235 e-mail: marpiu@optusnet.com.au Ass. Cult. Soc. Sarda di Sydney - Suite 1-2/4 Melton Street AUBURN - NSW 2144 - tel.-fax 02.97294277 e-mail: sardisydney@bigqond.com.au Queensland Sardinian Culture Club U. Usai 23 Foster St. Newmarket - P.O. Box 131 QLD 4032 Chermside - BRISBANE - tel. e fax 073.2639956 e-mail: nuragic.park.ulisse.usai@hotmail.com Associazione Sarda del Queensland Inc. 48 b Ainsdale Str. P.O. Box 2252 QLD 4032 CHERMSIDE WEST - BRISBANE tel. e fax 073.3595131 -e-mail: asdqi@powerup.com.au ARGENTINA (0054) Associaz. Italiana Sardi Uniti - Mendez de Andes, 884 1405 BUENOS AIRES - tel. 011.44318376 fax 011.44331412 - e-mail: sardiuniti@infovia.com.ar Circ. Sardi Uniti Grazia Deledda - Calle Espaa, 3776 7600 MAR DEL PLATA - tel.-fax 0223.4746931 e mail: sardimpq@copetel.com.ar Asociacion Circulo Sardo del Nord Ovest Argentina 4000 S. M. DE TUCUMAN - Crisostomo Alvarez, 1236 tel. 0381.4247727 - fax 0381.4249021 e-mail: sardos@tucbbs.com.ar Asociacion Italiana Sardegna via Francisco Piovano, 3077 1744 Ciudad de MORENO - tel. e fax 0237.4629009 e-mail: sardegnamoreno@yahoo.it Circ. A. Segni - Calle 33, 1535 1900 LA PLATA (BUENOS AIRES) - tel. e fax 0221.47923444 e-mail: sardoslp@amc.com.ar Centro Unione Regionale Sarda - Avenida 26, n. 345 7607 CITA DI MIRAMAR (BUENOS AIRES) tel. 02291.430601 - fax 02291.433619 e-mail: sardimiramar@hotmail.com Associazione Famiglia Sarda -via Rodriguez, 89 2000 ROSARIO (SANTA FE) tel.-fax 0341.4395335 - e-mail csardoros@citynet.com.ar Ass. Sarda di Cordoba - Suipacha 1229 5000 CORDOBA - Barrio Pueyrredn tel. 0351.4232298 fax 0351/4515601-4736078 e-mail: sardicor@uolsinectis.com.ar Circolo Radici Sarde - Haedo 1145 1642 SAN ISIDRO (BUENOS AIRES) tel. 011.4743.9267 - fax 011.4742.3480 e-mail: raicesardas@hotmail.com BRASILE (0055) Circ. Em. Sardi Su Nuraghe - Rua Marechal Deodoro, 150 09541-300 SO CAETANO DO SUL (SAO PAULO) tel. e fax 011.42243322 Circolo Gennargentu - Avenida Herval 668, 1 andar 87100-010 MARING PARAN - tel.-fax 044.2267787 Circ. Deledda - Av. Princesa Isabel, 323/409 22011-010 COPACABANA-RIO DE JANEIRO tel. e fax 021.22759605 e-mail: sardorio@mls.com.br Circ. Giuseppe Dess SP - Av. So Luiz, 50 Edificio Italia 2 piano - Cep. 01046.926 SAN PAOLO - S.P. tel. 011.3288.96.94 - fax 011.3288.48.45 e-mail: sardosp@terra.com.br Circolo sardo Gramsci SP Rua de Faria, 192 ed. Sao Lourenco 192 Apt. 403 41910-300 RIO VERMELHO - SALVADOR BAHIA CANADA (001) Associaz. Sardi Quebec - 7114 Boulevard St Lauren. QUE- H2S 3E2 MONTREAL QUEBEC tel.-fax 0514/4950052 - e-mail: sardi.quebec@sympatico.ca Club Sardegna del Niagara - 17, Gale Crescent L2R 3K8 St. Catharines, ONTARIO tel. 0905.9848922 - fax 9846221 e-mail: sardegna@vaxxine.com Sardegna Unita - 207 Edgeley Blvd. - unit. 19 L4K4B5 TORONTO, ONTARIO - tel. e fax 0905.6603444-5 e-mail: csutoronto@tiscali.it Circolo Sardegna Vancouver - 2988 E. 5 Avenue tel. 0604.2517461 V5M 1N7 VANCOUVER B.C. - e-mail: antoni@direct.ca Circolo Sardo di Sarnia - 2-565 Murphy Road SARNIA ONTARIO N7T 7H2 - tel. 519.332.5400 - fax 519.332.6092 e.mail: franco_filia@cooperators.ca PER (00511) Asociacin Sarda del Per Ulisse Usai, Jr. Chiclayo 452 Of. H - MIRAFLORES (LIMA) tel. - fax 444-6014 - e-mail: sardegna@terra.com.pe MESSICO (0052) Circolo sardo di Citt del Messico - Pino 32 Col. Florida, Del. Alvaro Obregon - 01030 Mexico, D.F., MEXICO tel. 55 5661 1050 - fax 55 5661 1217 e-mail: sardidelmessico@hotmail.com USA (001) Circolo Shardana - 13, 68th Street n. 1 07093 GUTTENBERG, NJ e-mail: circoloshardana@yahoo.com Great Lakes Sardinian Club - 38770, Elmite 48045 HARRISON TOWNSHIP (MICHIGAN) tel. 810.4631261 FEDERAZIONI ITALIA - Via Daverio, 7 20122 MILANO - tel.-fax 02/54121891 BELGIO - 68, Avenue de Auderghem bt.24-3 p. 1040 BRUXELLES - tel./fax 0032.2343996 Segreteria fax 0032.65884055 e-mail: fcsardibelgio@online.be FRANCIA - 7, Rue Comte Bacciochi 20000 AJACCIO - tel. 0033.495-213989 fax 0033/495/221531 - e-mail: FCSARDI@wanadoo.fr GERMANIA - Mlheimer Str. 38 46049 OBERHAUSEN - tel. 0049.208.874045 - fax 0049.208.889773 e-mail: rinascita.oberhausen@t-online.de OLANDA - Wichard van Pontlaan, 14 6824 GM ARNHEM - tel. 0031.26-4431921 fax 0031/26/3703526 - e-mail: fcso@universal.nl SVIZZERA - Badenerstrasse 262 8032 ZURIGO - tel. 0041.1/2416216 - fax ++01/ 2416215 e-mail: sardizurigo@bluewin.ch ARGENTINA - Mendez de Andes, 884 1405 BUENOS AIRES - tel.-fax 0054.11-4331412 e-mail: sardiuniti@infovia.com.ar ASSOCIAZIONI TUTELA Federazione Associazioni Emigrati Sardegna F.A.E.S. 09131 CAGLIARI - via Ariosto, 24 tel. 070.4522197 - fax 070.44061 e-mail:faesar@tin.it A.C.L.I. - Viale Marconi, 4 tel. 070.401144-494351 - fax 401113 09131 CAGLIARI - e-mail: aclisar@enaip.sardegna.it C.R.A.I.E.S. - U.N.A.I.E. - Via S. Giovanni, 410 09127 CAGLIARI - tel.-fax 070.491203 - e-mail: craies@tin.it A.I.T.E.F. - Via XX Settembre, 25 09125 CAGLIARI - tel. 070.652230 - fax 070.651432 A.T.M. Emilio Lussu - Via Cavaro, 5 - tel. 070.494243 09131 CAGLIARI - fax 070.4521765 e-mail: atmlussu@tiscalinet.it Associazione di tutela A.N.F.E. - Via Roma, 93 09124 CAGLIARI - tel. 070.666353 - fax 070.666355 Associazione di tutela F.I.L.E.F. - Via dei Colombi, 1 09126 CAGLIARI - tel. 070.301381 - fax 070.302548 e-mail: filef@filef.it Istituto Autonomo Sardo Fernando Santi - Via Ariosto 24 09129 CAGLIARI - tel. 070.44061 - fax 070.4522197 e-mail: fsanti@tiscalinet.it

ITALIA (0039) PIEMONTE-VALLE DAOSTA Circolo Su Nuraghe - via Sardegna, 2 15100 ALESSANDRIA tel. 0131/252462 - fax 0131/510503 Circolo Su Nuraghe - via Galilei, 11 13900 BIELLA - tel. e fax 015.34638 e-mail: sunuraghe@bielnet.it Circolo Sa Rundine - Cascina Pezzata 3 10012 BOLLENGO (TO) - tel. 0125.675974 Ass. Cult. sarda Ichnusa - viale Madonna dei Fiori 108 12042 BRA (CN) - tel. 0172.426257 Circolo Sa Rundine - corso Casale 31 13100 VERCELLI Circ. cult. sardo E. DArborea - via Pessina, 3 28053 CASTELLETTO SOPRA TICINO (NO) tel. e fax 0331/962246 Circolo sardo Cuncordu - corso Valsesia, 48 13045 GATTINARA (VC) - tel. 0163/834693 Ass. sardi res. Novara e prov. 28100 GIONZANA (NO) - via della Chiesa, 20 tel. e fax 0321/456953 Circolo Gennargentu - via 1 Maggio, 70 10042 NICHELINO (TO) - tel.011.6274704 fax 011.6281842 - e-mail: gennargentu@ntt.it Circ. cult. Quattro Mori - frazione Beaume, 26 10056 OULX (TO) - tel. e fax 0122.831842 e-mail: circolosardo4mori@tiscali.it Circ. Grazia Deledda - via S. Giuseppe, 52 10064 PINEROLO (TO) - tel. e fax 0121.393067 Circ. Su Nuraghe - piazza S. Giacomo, 6 10045 PIOSSASCO (TO) - tel./fax 011/9068593 e-mail: sunuraghe@net-media.it Circ. cult. ricr. Quattro Mori - via Macario, 54 10098 RIVOLI (TO) - tel. 011.9593845 - fax 011.9598772 Circ. Ass. Sardi Kinthales - via Musin 5/7 10143 TORINO - tel. 011.740227 - fax 011.7776668 e-mail: pabianco@tin.it Circ. SantEfisio - via degli Abeti, 15 10156 TORINO - tel. e fax 011/2624655 LOMBARDIA Ass. Amici della Sardegna - via Veneto, 1 21013 CARDANO AL CAMPO (VA) e-mail: amicidellasardegna@libero.it Ass. cult. Amedeo Nazzari - via Madonna Pellegrina, 64/c2 20010 BAREGGIO (MI) tel. e fax 02.9013131 - cell. 339.6579584 e-mail: associazione@amicidellasardegna.com Circolo Maria Carta - via Moroni, 105 24100 BERGAMO - tel. 035.240376 Circ. cult. Sardo - via Berardo Maggi, 47/C 25124 BRESCIA - tel.-fax 030.2426581 Circ. cult. Raimondo Piras - via Marconi, 6 20040 CARNATE (MI) - tel. e fax 039.674537 e-mail: circoloculturalesardorai@tin.it Circ. dei sardi Domo Nostra - via Kuliscioff 20090 CESANO BOSCONE (MI) - tel.-fax 02.48602677 e-mail: domonostracesboscone@tiscali.it A.M.I.S.-Emilio Lussu - via Cornaggia, 37 20092 CINISELLO BALSAMO (MI) tel. 02.66048257 - fax 02.66048379 e-mail: circoloamis@tiscalinet.it Circolo Sardegna - via Isonzo, 30 22100 COMO - tel. e fax 031/506269 CircoloSardegna - via Massironi, 11 20049 CONCOREZZO (MI) - tel.-fax 339.6790454 Circolo Sa Domu Sarda - via Nazario Sauro, 16A 26100 CREMONA - tel. e fax 0372.431794 Ass. Sebastiano Satta - via Pascoli, 3 21013 GALLARATE (VA) tel. 0331.779176 - fax 0331.779006 Ass. cult. Amsicora - via B. Buozzi, 7 23900 LECCO - tel. 0341.361314 - fax 0341.350248 e-mail: AMSICO00@sardegna.191.it Circ. cult. Grazia Deledda - via Oberdan, 7/A 20013 MAGENTA (MI) - tel.-fax 02.9790958 Circ. Giommaria Angioy - piazza Borasio, 10 21030 MARCHIROLO (VA) - tel.-fax 0332.722548 Centro soc. cult. dei Sardi - via Foscolo, 3 20121 MILANO - tel. 02.8690220 - fax 02.72023563 e-mail: cscs.mi@tiscalinet.it Circolo Sardegna - via Arosio 6 20052 MONZA - tel. 346.2131304 Circolo Su Nuraghe - via Augusto Righi, 4 20015 PARABIAGO (MI) - tel. e fax 0331.551946 e-mail: circnuraghe@libero.it Circolo Logudoro - via Santo Spirito, 4a 27100 PAVIA - tel. 0382/470209 - fax 0382.460759 e-mail: logudoro@tin.it Circolo Nuova Sardegna - via don Sturzo 20068 PESCHIERA BORROMEO (MI) tel. 02.5471053 - fax 02.5472495 Circolo Su Foghile - Strada Anulare S. Felice 20090 S. FELICE DI SEGRATE (MI) tel. 02.7530975 - fax 02.70300947 Circolo Grazia Deledda - via Roma, 91 21047 SARONNO (VA) - tel. 02.9607598 - fax 02.9626437 Circ. cult. SEmigradu - via dei Mille, 64 27029 VIGEVANO (PV) - tel.-fax 0381.329387 Circolo Sardegna - via Murri, 16 20059 VIMERCATE (MI) - tel. 3389504767 fax 1782257389 - e-mail: circolosardegna@brianzaest.it Centro soc. culturale sardo La Quercia - via Fiume, 22 20090 VIMODRONE (MI) - tel. 02.2650408 - fax 02.2650412 e-mail: laquerciavimo@tiscali.it

Lettere al Giornale
Un documentario sui sardi emigrati negli anni 60 Caro Messaggero Sardo, figlia di emigrati sardi che hanno lasciato lisola nel 1957, ho sempre conservato i legami affettivi con le mie origini. Mio padre deceduto, qui in Francia, alla vigilia del suo settantacinquesimo compleanno. Sono passati anni e anni e le storie dei nostri padri finiscono al confine della memoria, che anche memoria di tutto un popolo. Sono regista ed ho realizzato diversi film-documentari che sviluppano soggetti sociali ed umani. Ho un progetto: riguarda la storia della generazione di emigrati sardi e delle loro famiglie, che hanno lasciato la Sardegna alla fine degli anni 50, per spiegare i rapporti con le loro radici, i problemi nel paese che li ha ospitati e li ospita, i problemi di chi dopo tanti anni rientrato nellisola, i loro sogni, le loro speranze, le loro realt. Chiedo, quindi, a chi ritiene di darmi testimonianza della sua storia, della storia dei suoi genitori, della loro vita di emigrati, di scrivermi, di raccontarci, di aiutarmi a rappresentare un mondo cos variegato e complesso. Gli scritti possono essere inviati in italiano, in francese, inglese, spagnolo o anche in sardo (anche se ho qualche difficolt a capire la lingua del Capo di Sopra). Grazie per il prezioso aiuto. Elisabetta Pierm Boi
11 bis rue Benjamin Franklin 78000 Versailles - Francia

LUGLIO 2006

A proposito di incentivi ai prodotti sardi


Caro Messaggero, anchio sono venuto via dalla amata isola a 14 anni, oggi ne ho 59. Non ho grandi rimpianti di essere venuto via; in Sardegna non avrei avuto lopportunit di fare la vita che ho fatto. La tua idea di far intervenire la Regione sui prezzi di trasporto della produzione sarda non mi trova daccordo. La regione dovrebbe intervenire a creare strutture di produzione organizzate e sufficientemente dimensionate per affrontare i mercati internazionali. La frantumazione delle entit produttive rende non competitiva la produzione sarda. I capitali la Regione li ha sempre dati in prevalenza ad avventurieri industriali del Nord che hanno speculato fino a che hanno potuto e poi hanno lasciato rottami; dai rottami la regione ha creato pensionati baby che si sono adagiati sfruttando il pubblico denaro senza costruire niente. Dove sono in Sardegna le grandi cooperative di produzione? Dove sono i grandi consorzi commerciali? Dove sono le scuole per creare manager? Alcune volte ho scritto a produttori sardi per chiedere se erano intenzionati a partecipare ad una iniziativa per creare una rete commerciale che servisse da traino e che potesse collocare la loro produzione, non ho mai ottenuto una risposta. Oggi non compro pi i prodotti sardi se non sono competitivi con gli altri, non vado pi in Sardegna se non trovo gli stessi prezzi e gli stessi servizi che mi offrono altri. Vorrei scrivere ancora, ma non voglio annoiarti troppo. Buona fortuna Gonario Manca
telegoma@tiscali.it

non vuole avere alcun intento punitivo. Chi ricorda una vecchia canzone ? Caro Messaggero, sono Gianfranco, ho vissuto in Sardegna fino allet di 18 anni. Sono emigrato in Francia nel 1966. Ricevo il Messaggero Sardo da una ventina danni e ne sono contento. Negli anni 60 mi trovavo a Fordongianus, dove frequentavo le medie. Vivevo presso una famiglia e ricordo la loro figlia che canterellava sempre una canzone di cui ricordo qualche parola. Iniziava cos: Dal Limbara al Gennargentu tutta lisola este un incantu /da lentischi e fichi dindia ogni cor damor canterSe possibile, vi sar riconoscente, vorrei conoscere il seguito. Gianfranco Mura
Touillon - Francia

Caro Manca, il problema della incidenza dei costi di trasporto reale e deve essere affrontato con decisione per mettere i produttori sardi sullo stesso piano di quelli che stanno sulla penisola. Detto questo condividiamo molte delle sue osservazioni che, se lei un attento lettore del Messaggero Sardo, ci avr sentito ripetere fino allo sfinimento. Occorre sviluppare una rete che faccia superare la frantumazione delle produzioni dellIsola per avere qualche speranza di sfruttare le opportunit che offre il mercato. Ma siamo convinti che limpulso a costituire consorzi deve nascere dal basso, dalle imprese che poi possono avere titolo per chiedere un sostegno alla Regione. Altrimenti si rischia di favorire la creazione di scatole vuote che nascono solo per succhiare qualche contributo alle casse regionali. in Sardegna, entro 3 km. dalla battigia marina, destinati ad uso abitativo, e al possesso del bene. Ma ne sono esenti (non sono soggetti passivi dellimposta) i nati in Sardegna e i rispettivi coniugi e figli. Nel numero di Giugno del Messaggero Sardo trover la legge approvata dal Consiglio regionale, che dovrebbe tranquillizzare lei e tutti i sardi che si trovano nelle sue condizioni. Atti significativi per riprenderci la nostra identit Caro Messaggero, con scrupolosa attenzione sto seguendo la volont della Giunta sarda, presieduta da Renato Soru, di riprendersi la propria identit con atti significativi e azioni civili degni di un popolo orgoglioso delle proprie radici. Mi riferisco alla questione dei rimborsi tributari da parte del Governo centrale, allo smantellamento delle basi di Santo Stefano, alle varie tassazioni finora eluse da una miriade di gente ricca e arrogante che volentieri frequenta la Sardegna a condizioni vantaggiose, molto e riusciremo ad accreditarci una autostima maggiore, credo vantaggiose con le loro barche e le loro seconde, terze case. Se sapremo liberarci di un certo autolesionismo penso fermamente che linnata intelligenza del popolo sardo, possa in futuro essere il fulcro di un grande risveglio e presa di coscienza delle proprie potenzialit. Giuseppe Collu
Roma

Caro Gianfranco, pubblicando la sua lettera confidiamo che qualcuno delle migliaia di nostri lettori abbia sentito e ricordi i versi di quella canzone. Felice per i successi del Cagliari Caro Messaggero sardo, sono figlio di sardi provenienti da Dorgali (Nu) e emigrati a Clouange in Francia. Sono laureato in Economia e commercio e docente di Economia alluniversit di Metz. I miei genitori ricevono il Messaggero sardo che leggo sempre con gioia e che mi fa sentire ancora pi sardo dentro. Sono orgoglioso delle prodezze del grande Cagliari ma mi rende felice anche il fatto di potere conoscere i successi dei Sardi nel Mondo. Grazie della continuit dellinformazione che ci arriva con il Messaggero sardo. possibile ricevere il giornale al mio domicilio. Franois Dettori
15 rue du stade de la cit 57300 Hagondange - France

Cara Elisabetta, abbiamo sintetizzato la sua garbata lettera, ma come vede linvito stato diramato. Certamente saranno tanti i sardi che hanno storie da raccontare, per aiutarla a girare il suo film- documentario. Ci faccia sapere e in bocca al lupo. Limposta sulle seconde case nella fascia costiera Caro Messaggero, sono un settantenne e, dopo aver lasciato in giovent la Sardegna per sfuggire alla miseria, dopo una vita di lavoro, vivo a Trieste con mia moglie avendo come reddito la mia pensione. Tanti anni fa, dopo la morte di mio padre, ad Escolca, ereditai parte della modesta casa paterna che vendetti per acquistare, con il ricavato, un piccolo alloggio di 40 mq. a Cannigione di Arzachena. Con grande stupore ho appreso che lamministrazione regionale, con una legge, vuole tassare chi, non essendo residente nellisola come me, possiede un alloggio, grande o piccolo che sia. Con la mia pensione oltre lIci non sono in grado di pagare altre tasse. Vendere potrebbe essere la soluzione ovvia, ma un aggravio fiscale deprimerebbe talmente quel tipo di mercato e ne ricaverei solo pochi spiccioli. Benito Cadoni
Trieste

Caro Collu, abbiamo dovuto, in parte, sintetizzare la sua lettera, con una sola annotazione: non pu definire gente ricca ed arrogante chi da anni, scegliendo la Sardegna per le vacanze, ha dimostrato non solo amore per le bellezze paesaggistiche ma anche amicizia per i sardi. I provvedimenti adottati dalla Regione puntano a fare in modo che lindustria del turismo, cos come in altre regioni vi sono lindustria del tessile o della ceramica, paghi unimposta per il reddito che produce in Sardegna.Non ha e

Le origini dei cognomi


Per poter rispondere alle domande degli emigrati sullorigine dei loro cognomi, tra le altre fonti, attingiamo anche dal prezioso volume del prof. Massimo Pittau I Cognomi della Sardegna - significato e origine di 5.000 cognomi (Carlo Delfino Editore, Sassari 1990). Per chi fosse interessato questo lindirizzo della casa editrice: Carlo Delfino editore, Via Caniga 29/b, 07100 Sassari - Tel. 079262621. Attingiamo anche dai tre volumi del professor Massimo Pittau, Dizionario dei Cognomi di Sardegna, Cagliari 2006, editrice L'Unione Sarda (www.pittau.it)

Caro Dettori, grazie per i complimenti. Abbiamo attivato il suo abbonamento. Notizie di mons. Floris Caro Messaggero, leggendo larticolo su Juanne Noli, riguardante la presentazione del libro Paraulas de fide imparadas dae mama pro freddare chin deus, ho trovato il nome di monsignor Salvatore Floris. La mia famiglia, emigrata a Savona, proviene da SantAndrea Frius in provincia di Cagliari. Negli anni Cinquanta esercitava con grande valentia un sacerdote che noi chiamavamo dottor Floris, perch ordinato sacerdote non uscendo dal Seminario, ma dopo essere stato docente e laico. Nel caso la persona fosse la medesima sarei felice se al monsignore porgeste i miei pi calorosi saluti e auguri di ancor lungo proseguimento nel suo esercizio. Poich di lui conservo ancora un forte ricordo di ammirazione per la capacit di svolgere quel compito di rappresentante religioso; oggi da laico conservo il rispetto che una persona come lui merita. Orsolina Mereu
Quiliano (SV)

ZOA Caro Messaggero, cortesemente vi chiedo notizie sullorigine del mio cognome. Zoa Angelo
Via Sergio Allegri, 32 10093 Collegno (TO)

la (Villanova Monteleone SS) e stazzo (Olbia OT), probabilmente di origine paleosarda o nuragica, affine alletrusco-latino casa capanna, casa. Lo ritroviamo documentato nel Condaghe di Silki 19, 412, 431 ed in quello di Trullas 248. COLLU, MELONI Caro Messaggero, vorrei avere notizie sui cognomi dei miei nonni, Collu e Meloni e capire chi ha origini dal Nord e chi dal Sud della Sardegna. Bolle Giovanni
Via Thures, 32 - 10142 Torino

Caro Zoa, lorigine del suo cognome prettamente campidanese in particolare da tzoa vetrice (salix viminalis L. una pianta) probabilmente un relitto paleosardo o nuragico (DES II 551) CASULA Caro Messaggero, sono perugino ma di origini sarde ed avrei piacere di far conoscere alla mia famiglia lorigine del nostro cognome. Casula Rino
Via Kennedy, 4 Bastia Umbra (PG)

1387 e nel CDS II 43, 44 per lanno 1410 come Collo e Collu. Collu frequente nel Sassarese, Talana, Isili e Paulilatino. Meloni invece rappresentato in tutta lisola. Lasciamo a lei lardua sentenza di chi originario del nord e chi del sud. PUGGIONI Ci richiede il Dott. Nicolino Puggioni, Via F. Patetta, 16, Roma, circa lorigine del cognome Puggioni, pubblicato nel numero di Marzo scorso, notizie sulla fonte da cui risulta che sarebbe un casato di tale cognome appartenuto alla nobilt sarda. Dalle pubblicazioni che utilizziamo per avere notizie sui cognomi sardi, leggiamo che Puggioni ebbe un casato che appartenne alla nobilt isolana, e ci risulta dal VPT (I privilegi di Stamento Militare nelle famiglie sarde) 316, opera preziosissima per la storia di tutti i casati nobiliari sardi.

Caro signor Cadoni, rispondiamo a Lei ma anche alla signora Angela Peralta (alla quale formuliamo tanti auguri) che ci ha scritto da Carmagnola, in provincia di Torino, per un piccolo alloggio acquistato anni fa ad Alghero, e tanti altri lettori che ci hanno scritto o telefonato per porre lo stesso problema. Limposta di cui lei parla si applica alle plusvalenze derivanti dalla cessione a titolo oneroso (dalla vendita) di fabbricati, siti

Caro Casula, lorigine del suo cognome riconducibile al sostantivo cas-

Caro Bolle, per lorigine del cognome Meloni la rimandiamo a precedente risposta pubblicata in questo numero. Collu ladattamento sardo del cognome propriamente italiano Collo, che corrisponde allappellativo collo, documentato in una iscrizione della chiesa di S. Gavino Monreale (CA) del

Cara, Mereu, abbiamo pubblicato la sua lettera perch certi che qualche lettore possa aiutarla.

4L

UGLIO

2006

Editoriale

Dal Congresso della FASI nuovo slancio unitario per l'emigrazione organizzata
Il movimento dellemigrazione organizzata ha ritrovato a Milano impulso unitario, per rilanciare con forza la vertenza per il riconoscimento di un ruolo paritario con i residenti nellIsola,~pacit di rinnovamento per dare nuovo impulso alla rete dei circoli sardi che costituiscono un patrimonio di conoscenze, esperienze, professionalit indispensabile per la promozione dello sviluppo sociale, economico e culturale della Sardegna. La tre giorni di Milano segna una svolta importante, non solo per le organizzazioni dei sardi fuori dallIsola. Con grande senso di responsabilit le varie componenti il mondo dellemigrazione hanno saputo mettere da parte le tensioni che erano emerse negli ultimi tempi e che avevano caratterizzato la seduta di insediamento della Consulta dellEmigrazione, con la esclusione di un esponente della FASI, la pi vasta, articolata e rappresentativa tra le federazioni di circoli, dallUfficio di presidenza. La forza di guardare avanti anche se non sono mancate recriminazioni ha permesso di superare ostacoli e rimarginare ferite che avrebbero potuto indebolire lintero movimento orgamzzato. Il primo segnale della ritrovata armonia si avuto nella seduta della Consulta dellEmigrazione, eccezionalmente convocata a Milano per esaminare il Piano Triennale e il Programma Annuale del 2007. La necessit di procedere alla scelta dei rappresentanti del mondo dellemigrazione da proporre al Consiglio regionale, per la elezione dei due componenti che faranno parte a pieno titolo della Consulta per lo Statuto, e la esigenza di approfondire le questioni relative alla ripartizione dei fondi, ha indotto lassessore del Lavoro, Maddalena Salerno a proporre e la Consulta ad accogliere con voto unanime, il cambio di ordine del giorno con il rinvio dellesame del Piano Triennale al mese di settembre. La scelta dei quattro esponenti (due per le associazioni di tutela e due per i circoli) ha portato dopo un confronto articolato a proporre i nomi di Tonino Mulas, presidente della Fasi, e di tre donne (Alexa Leinardi, consultore della Germania, Bonaria Spignesi, dell Associazione ATM Emilio Lussu, e Fernanda Lobina, della Filef). In questo modo certo che un posto sar assegnato a una donna e laltro a Mulas, da sempre impegnato a sostegno delle rivendicazioni del mondo dellemigrazione per il riconoscimento di una pari dignit di trattamento e rappresentanza nelle istituzioni per i sardi fuori dallIsola, in quando parti integranti di un unico Popolo sardo. Altri importanti segnali sono venuti dai lavori del 40 Congresso nazionale della Fasi che aveva per tema I Sardi nel mondo: una rete per la conoscenza e linnovazione, che ha visto la partecipazione attenta e il confronto costruttivo tra le posizioni dei rappresentanti delle varie comunit sarde (va dato atto all assessore Salerno della sensibilit con cui, convocando la Consulta a Milano, ha favorito la presenza di tutte le componenti del mondo dellemigrazione organizzata), e i rappresentanti delle istituzioni regionali, dal presidente del Consiglio, Giacomo Spissu, al presidente della Seconda Commissione, Paolo Pisu, allex presidente della Regione Mauro Pili, ai consiglieri Raimondo Ibba e Antonio Calledda, al presidente della Provincia di Oristano, Pasquale Onida. La capacit di rinnovarsi, aprendosi ai giovami e alle donne, fa del movimento dellemigrazione una realt viva e in trasformazione, attenta a captare le istanze nuove che vengono dalle comunit sarde nel mondo e pronta a farsene interprete nelle sedi istituzionali. In tempi come quelli che stiamo vivendo in cui nessuno fa mai un passo indietro, non puo lasciare insensibili lannuncio dato da Domenico Scala, il pi longevo dei presidenti di federazione, nonostante la ancor giovane et, di farsi da parte per lasciare spazio a Francesca Fais, giovane e combattiva presidente del circolo di Losanna. Il cambio delle consegne previsto per 1autunno, ma la decisione presa. Scala continuer a seguire lattivit della Federazione dei circoli sardi in Svizzera, ma da una posizione defilata, lasciando che una nuova classe dirigente si assuma le responsabilit della gestione. E la Fasi non stata da meno nellavviare un profondo rinnovamento. Hanno fatto un passo indietro dirigenti come Vanni Lai, di Alessandria, ex vicepresidente vicario, Paolo Siddi, di Brescia, che da lustri stato segretario dellEsecutivo. Hanno passato la mano tutti i coordinatori delle Circoscrizioni, favorendo lingresso di pi donne e pi giovani. La cosa pi sorprendente, per chi non conosce a fondo questo mondo di volontariato e splidariet, il fatto che questo profondo rinnovamento sia avvenuto senza tensioni, senza accordi sotto banco, ma a conclusione di un percorso discusso, approfondito e condiviso. Tonino Mulas, al quale il patriarca Tullio Locci, in un messaggio, ha riconosciuto il merito di aver dato una svolta culturale alle attivit della Fasi, stato riconfermato con una larghissima maggioranza. Il compito che lo attende non facile: deve rinsaldare i rapporti con le altre federazioni e proporsi, come seppe fare in tempi ancor pi difficili, Tullio Locci, come mediatore e difensore delle posizioni dei pi deboli, perch tutti si tentano partecipi, su un piano paritario, che prescinda dalla forza numerica, di un unico progetto. Le priorit da affrontare sono state indicate in vari interventi durante il dibattito congressuale: una partecipazione attiva alla scrittura del Nuovo Statuto dell Autonomia per rivendicare con forza il riconoscimento, non solo formale, a quella parte del popoio sardo che sta fuori dallIsola, di uguali diritti e dignit istituzionali; e una modifica della legge sullemigrazione per renderla pi agile e in grado di dare risposte alle istanze nuove che vengono dal complesso e articolato mondo degli emigrati. La disponibilit manifestata dal presidente Giacomo Spissu, dal presidente della Seconda Commissione e lattenzione con cui gli altri esponenti del Consiglio regionale hanno seguito i lavori del Congresso, fanno ben sperare ma, come ha avvertito Paolo Pisu, non bisogna farsi illusioni perch in Sardegna e nellAssemblea di via Roma, non sempre c la consapevolezza dellimportanza strategica dei sardi che vivono sparsi nel mondo e delle organizzazioni che li rappresentano. Dal Congresso sono venuti riconoscimenti per Il Messaggero Sardo e per il suo ruolo di canale di comunicazione e confronto tra le comunit sarde nel mondo. Apprezzamenti sono stati fatti (come gi in passato) da delegati e dirigenti di circoli, ma anche (e questa una piacevole novit) dallassessore del Lavoro, che ha sottolineato il ruolo di canale di informazione preciso e puntuale rappresentato dal mensile, sia dal presidente della Seconda Commissione consiliare che ha fatto un pubblico attestato alla cooperativa e ai suoi giornalisti per limpegno profuso al servizio dellemigrazione sarda.

SOMMARIO
EDITORIALE Dal congresso della FASI nuovo slancio unitario per lemigrazione organizzata PAESI DI SARDEGNA

"

Unisola unica ricca di bellezze naturali e misteri millenari


di Franco Fresi

PRIMO PIANO Approvato dalla Giunta il Piano paesistico per tutelare le coste
di Michele Mascia

PARLIAMO DELLA SARDEGNA

# $ % & '

Storia e leggende della Marmilla regione sconosciuta


di Giovanni Mameli

Le elezioni amministrative in Sardegna non assumono una valenza politica


di Luigi Coppola

Il pane civraxiu di Sanluri inventato in epoca romana


di Marcello Atzeni

Ancora sangue sardo versato in Irak in missione di pace


di Andrea Frailis

PARLANDO IN POESIA La mia vita


a cura di Salvatore Tola

La Regione diventa federale attribuite pi funzioni a Comuni e Province


di Giuseppe Mereu

PERSONAGGI Murena la guida turistica che conosce i segreti e gli incanti del Corrasi

La Regione al fianco dello sport di base


di Matteo Vercelli

SPECIALE EMIGRAZIONE

SPORT Il Cagliari riparte da Suazo in attacco e da Giampaolo in panchina


di Andrea Frigo

  ! " $ % &

Tempi stretti per la nuova legge sullemigrazione


di Antonello De Candia

!

Da Milano una svolta per il movimento dellemigrazione sarda


di Gianni De Candia, Gino Zasso e Antonello De Candia

Torres dal sogno della B allincubo del fallimento


di Giampiero Marras

IL MESSAGGERO SARDO viene inviato gratuitamente dalla Regione Sardegna a tutti gli emigrati, in Italia e all'Estero e alle loro famiglie in Sardegna. Richiedetelo a questo indirizzo: MESSAGGERO SARDO Via Barcellona, 2 - 09124 CAGLIARI - tel. 070.664214 - fax 070.664742

Conoscere lemigrazione per centrare gli interventi Il futuro nellunit tra Circoli e Federazioni Si fanno avanti le nuove generazioni Il coinvolgimento delle donne per il futuro dei Circoli Limpegno delle Istituzioni per la legge sullemigrazione

!

Finale beffa per le squadre sarde allAmsicora sfugge il 21 scudetto e il Suelli eliminato in semifinale
di Andrea Porcu

e-mail: redazione@ilmessaggerosardo.com - ilmessaggerosardo@tiscali.it sito web: www.ilmessaggerosardo.com


IL MESSAGGERO SARDO. Mensile della Regione Sardegna per gli emigrati e le loro famiglie Edito dalla Cooperativa Messaggero Sardo s.r.l. Presidente Gianni De Candia Comitato di Direzione Gianni Massa (responsabile), Marco Aresu, Gianni De Candia, Ezio Pirastu, Luigi Coppola Redazione e Amministrazione Via Barcellona, 2 - 09124 Cagliari Tel. 070/664214 - Fax 070/664742 Registrazione del Tribunale di Cagliari n. 4212 dell'11-4-1969 - Iscritto al Registro Stampa n. 217 Fotocomposizione, impaginazione, fotolito PRESTAMPA - Via Nenni 133, tel. 070/883223 - 09045 Quartu S. Elena (CA) Stampa Officine Grafiche SOCIET POLIGRAFICA SARDA di Ettore Gasperini Editore - Cagliari - Via della Pineta, 24/36 - Tel. 070/303777-78

Andrea Loddo un sardo protagonista al Giro dItalia


di Matteo Piga

RUBRICHE

! "

SARDEGNA NOTIZIE EMIGRAZIONE

Primo Piano

LUGLIO 2006

na politica del territorio per tutelare lambiente, migliorare la qualit della vita dei cittadini pensando alle future generazioni; Le mani della Regione sulla Sardegna per cancellare la certezza del diritto e per avallare trattamenti di favore per i potenziali amici. Sono le due visioni, la prima della maggioranza di centrosinistra e la seconda dellopposizione di centrodestra, che accompagnano lultima fase del processo di regolamentazione urbanistica dellisola, ossia linsieme di norme che stabiliscono come e dove si pu costruire. Il 24 maggio la Giunta guidata da Renato Soru ha adottato il Piano Paesaggistico Regionale (PPR) relativo, per adesso, alla sola area costiera, peraltro quella pi pregiata, mentre per le zone interne occorrer attendere ancora qualche mese. La procedura, per quanto riguarda i litorali, si concluder entro il 24 agosto, quando il governo isolano, ricevuto il parere della Commissione Urbanistica del Consiglio regionale, avr in mano tutti gli elementi per dare il via libera definitivo. A quel punto sar sanato il vuoto legislativo risalente alla fine degli anni Novanta dopo lannullamento, disposto dai giudici (parte dal Tribunale Amministrativo Regionale, parte dal Consiglio di Stato), di 13 dei 14 Piani Territoriali Paesistici (PTP) istituiti nel 1993. Erano stati considerati inadatti a garantire unefficace controllo di un territorio caratterizzato da un continuo sviluppo edilizio parallelo e conseguente alla crescita del turismo. Nel novembre del 2004 la Regione aveva varato la legge cosiddetta salva-coste con le prime misure temporanee di difesa del territorio. In particolare, veniva imposto, per una durata massima di 18 mesi, termine rispettato in extremis, il divieto di costruire nuovi fabbricati nella fascia dei due chilometri dal mare (limite ridotto a 500 metri per le isole minori). Era ammessa una deroga per i comuni gi dotati di Piano Urbanistico (PUC) e per quelli dellOristanese rientranti nel PTP del Sinis, lunico rimasto in vigore in tutti questi anni e che, parallelamente alladozione del PPR, stato revocato dalla Giunta. Una decisione ritenuta necessaria per garantire che lungo lintera fascia costiera, suddivisa in 27 ambiti omogenei, vengano applicate regole uguali per tutti. Cosa stabilisce il Piano Paesaggistico? Un vincolo fluttuante e non pi rigidamente bloccato alla fascia dei due chilometri dal mare. In alcune zone inferiore ai 2.000 metri, in altre si estende fino ai 10 Km.. Ci significa che si potr costruire in base al valore, non solo ambientale, ma anche storico-culturale (per esempio, a Cagliari diventa intoccabile il colle di Tuvixeddu con la sua necropoli punica), che viene attribuito allarea considerata, al di l della sua effettiva vicinanza o lontananza dalle spiagge. Si prevede che il territorio venga delimitato in quattro zone di importanza decrescente (la cosiddetta Carta dei livelli): quella integra che necessita, per la sua unicita, della massima tutela; quelle di forte e modesta identit ambientale da sottoporre, rispettivamente, a difesa elevata e attenuata; quel-

AMBIENTE

Approvato dalla Giunta il Piano Paesaggistico per tutelare le coste


L'Esecutivo guidato da Renato Soru ha adottato il Piano Paesaggistico Regionale: una politica del territorio per tutelare l'ambiente, migliorare la qualit della vita dei cittadini pensando alle future generazioni - Dure critiche dell'opposizione di Centrodestra per il processo di regolamentazione urbanistica dell'isola
di Michele Mascia

la ormai compromessa e sulla quale qualunque intervento, anche radicale, di salvaguardia a ben poco potrebbe servire. Solo per questultimo tipo di zona si pu ipotizzare la costruzione di impianti per la produzione di energia dal vento, unica apertura rispetto al blocco totale che era stato stabilito della legge salva-coste. In attesa che tutti i 73 comuni litoranei si allineino alle nuove regole, con ladeguamento o con lapprovazione dei Piani Urbanistici, il PPR impone una ulteriore disciplina transitoria: sono autorizzati gli interventi di riqualificazione urbana, nei centri abitati e nelle aree immediatamente confinanti; si consente, nelle zone pi marginali dei comuni privi di PUC, la prosecuzione dei lavori nelle lottizzazioni gi convenzionate prima del 10 agosto 2004 e dove si sia gi registrata una modifica del territorio con le opere di urbanizzazione primaria (esempi classici le strade e le fognature); si permette, infine, nei comuni in regola con il PUC, in quelli del Sinis e, generalmente, oltre i 2.000 metri dal mare, di andare avanti con le opere edilizie autorizzate prima del 24 maggio scorso. Per il resto, si consente, poco al di fuori dei centri abitati, in aree comunque caratterizzate da presenza rilevante delluomo, e sotto rigido e preventivo controllo della Giunta regionale, solo la riqualificazione di ci che gi esiste e la costruzione di strutture effettivamente necessarie in campo turistico-ricettivo (alberghi di livello medioalto nelle localit prive di numero sufficiente di posti letto, ma assolutamente non seconde case) o per attivit produttive. I vincoli, altrove, restano rigi-

di applicando il principio della massima tutela delle zone inedificate e di quelle ad altissimo valore naturalistico. Previa autorizzazione della Regione, si possono concedere deroghe finalizzate al risanamento delle zone degradate, alla riqualificazione architettonica (per evitare quello che si dice un pugno nellocchio), alla trasformazione delle seconde case in vere e proprie strutture ricettive (con annesso incentivo caratterizzato dalla concessione di un premio in volumetria aggiuntiva occupabile). Inoltre, con il Piano si punta al trasferimento degli insediamenti a elevato impatto ambientale verso i centri urbani (anche in questo caso premiando i proprietari con alti bonus di metri cubi da utilizzare nelle nuove destinazioni). Nella fascia costiera sarda, quindi, viene di fatto sancito uno stop alle linee dazione, seguite in passato, che favorivano la costruzione di nuovi insediamenti turistico-residenziali. No ulteriore alla realizzazione di strade con pi di due corsie e alla concessione di autorizzazioni per altri campeggi. A proposito di questi ultimi, assolutamente vietato che, nei periodi di chiusura invernale, si trasformino in deposito-parcheggio di roulotte. I titolari, infatti, sono obbligati a garantire una situazione paesaggistica il pi possibile prossima a quella originaria in quanto i camping nascono come strutture provvisorie. Per i proprietari c unalternativa: i Comuni direttamente interessati potranno favorire un trasferimento, dalle aree vicine alle spiagge a terreni pi interni, offrendo in cambio agevolazioni finalizzate ad una trasformazione della struttura da extra-alber-

ghiera ad alberghiera in senso stretto. Nei siti minerari dismessi, presenti soprattutto nel Sulcis-Iglesiente, il PPR consente recuperi e ristrutturazioni con possibile cambio di destinazione duso ed eventuali demolizioni delle strutture in cattive condizioni e, quindi, irrecuperabili. Nelle aree agricole non costiere si fa una chiara distinzione tra chi imprenditore del settore e chi non lo . E uno spartiacque deciso per non penalizzare coloro che dai campi coltivati o dai pascoli producono almeno il 50% del reddito su unarea minima di tre ettari non frazionati. Per i terreni pi vicini al mare obbligatoria una deroga che la Giunta potr concedere solo con la giusitificazione della sussistenza di esigenze aziendali indiscutibili. Il Piano Paesaggistico, per la sua capacit di incidere moltissimo nella gestione del territorio, stimola le critiche e continua a far divampare polemiche politiche. Uno degli aspetti pi contestati quello del rapporto tra la Regione, le Province e i Comuni, con il dubbio che la prima prevalga a danno degli enti locali. La Regione non va da sola a decidere nulla ha replicato il presidente della Giunta, Renato Soru Non pu approvare progetti. Occorre sempre unintesa. Una volta che gli strumenti urbanistici saranno adeguati, i Comuni potranno esercitare le loro competenze. Ladeguamento dovr avvenire entro un anno dallentrata in vigore del Piano. E importante che sia il pi possibile condiviso ha osservato Soru ricordando che il PPR era inserito nel programma elettorale accettato

dalla maggioranza dei sardi Credo che negli ultimi sei mesi sia cambiata la percezione dellopinione pubblica. Non comunque mancato un esplicito invito affinch il governo isolano eviti di procedere da solo. Lha rivolto la Commissione Urbanistica del Consiglio regionale con una risoluzione approvata praticamente allunanimit. Si tratta di un auspicio per un maggiore coinvolgimento attraverso lutilizzo di un modello di democrazia partecipativa effettiva e non meramente formale, e per assicurare un corretto equilibrio di poteri e prerogative, cos come garantito dalla Costituzione italiana realtivamente ai rapporti di pari dignit tra Regione ed enti territoriali. Lobiettivo del coinvolgimento, per alcuni aspetti potr essere garantito attraverso il sito internet istituzionale www.sardegnaterritorio.it. Entro lestate, aveva annunciato Soru, sar disponibile lintera cartografia della Sardegna, costantemente aggiornata con foto aeree e rilevamenti satellitari particolareggiati. Legata alla critica precedente, c quella sullo scarso confronto avuto con gli amministratori locali. Lassessore regionale allUrbanistica, Gianvalerio Sanna, ha replicato ricordando che si sono svolte a Cagliari le conferenze di co-pianificazione, che i tecnici della Regione si sono confrontati con 174 uffici comunali, che nelle fase preparatoria del PPR sono state ricevute e analizzate oltre 2.000 tra osservazioni e suggerimenti. La maggioranza di centrosinistra, aveva dovuto superare alcuni dissidi interni arrivando alla fine a quella che il capogruppo dei Ds in Consiglio, Siro Marrocu, aveva definito una giusta sintesi. Un confronto, in alcuni momenti, molto serrato, tanto da approdare in Aula, durante la discussione del maxicollegato alla Finanziaria, con la bocciatura di un emendamento che aveva come primo firmatario il socialista Peppino Balia. Era un tentativo di allungare sino alla fine del 2006 lefficacia delle misure di salvaguardia previste dalla legge salva-coste. Era un tentativo finalizzato soprattutto a garantire un maggiore peso decisionale del Consiglio. Ben pi dure sono state le contestazioni dellopposizione di centrodestra guidata, sui temi urbanistici dallex presidente della Regione Mauro Pili di Forza Italia. In sintesi: la Giunta ha voluto scippare ai Comuni il potere di autorizzare lo sviluppo edilizio (neo-centralismo regionale discrezionale e che sconfina nellarbitrio pi totale e incontrollato); c unincomprensibile estensione dei territori sottoposti a vincolo (come le intere Gallura e Ogliastra); c il rischio che la norma si applica solo ai nemici lasciando spiragli di interpretazione per gli amici; la pianificazione non precisa provocando grandi incertezze, soprattutto tra gli operatori turistici; le aree minerarie dismesse potranno subire rilevanti trasformazioni. Nel complesso, il centrodestra ritiene che la Regione si sia voluta dotare di poteri enormi su tutti gli aspetti, anche quelli particolari, come la scelta del tipo di asfalto o di cemento per le strade di penetrazione agraria.

6L

UGLIO

2006

Primo Piano

Le elezioni amministrative in Sardegna non assumono una valenza politica


Alta affluenza alle urne nei 104 paesi in cui si votato - Il centrodestra prevale a Cagliari dove Floris si conferma sindaco - Il Centrosinistra ha avuto maggior successo nei centri maggiori, da Carbonia, a Capoterra, a Sinnai a Monserrato - Maggiore equilibrio nei comuni pi piccoli e sostanziale pareggio nei centri costieri - Non hanno influito le polemiche sulla legge salvacoste
di Luigi Coppola

l centro destra, per le elezioni amministrative di fine maggio (a Cagliari e Carbonia si votato l11 e il 12 giugno), sperava nella rivincita delle politiche, in una spallata da dare al governo di centro sinistra. Lo schieramento che fa capo a Prodi, presidente del consiglio, ha insistito molto sul fatto che le consultazioni non avevano un significato di giudizio politico su un governo che, per gli incroci istituzionali (elezione del nuovo Presidente della Repubblica) si era insediato solo da qualche settimana. Di fatto, le elezioni amministrative hanno dimostrato, in Sardegna, che nella scelta del sindaco, del consiglio comunale, latteggiamento dellelettore , forse, meno politico e pi portato ad esprimere valutazioni sulle azioni di governo delle diverse amministrazioni locali. Per questa ragioni le elezioni in Sardegna, pur con, sullo sfondo, le polemiche sulla legge salvacoste, hanno registrato un alto numero di votanti, rispetto alla media nazionale, in ben 45 dei 104 centri nei quali si votato, toccando medie daffluenza superiori allottanta per cento. Questo anche perch, in molti comuni, sono state presentate diverse liste, a riprova del frazionamento dellelettorato, che, comunque, stato maggiormente coinvolto nel voto. Poi, seconda constata-

zione, le elezioni di fatto hanno determinato pochi spostamenti, dovuti pi a ragioni locali che politiche, con alcune precise connotazioni. Il caso pi evidente Cagliari. Alle elezioni politiche di aprile in centro sinistra aveva ottenuto pi voti del centro destra; alle elezioni dell 11 e 12 giugno, il centro destra ha confermato il suo predominio, riconfermando al primo turno il sindaco uscente Emilio Floris. Il centro sinistra, a parte Cagliari, ha avuto maggior successo nei centri maggiori, da Carbonia (plebiscito per il sindaco Tore Cerchi) a Capoterra, a Sinnai a Monserrato, mentre maggiore equilibrio si registrato nei comuni pi piccoli e un sostanziale pareggio per quanto riguarda i

comuni costieri, alla luce, appunto, delle polemiche intorno al piano paesaggistico. Il centrodestra ha vinto, infatti, a Golfo Aranci e, in Ogliastra, a Baunei (roccaforte della sinistra) e Lotzorai, qui per soli 14 voti. Il centrosinistra ha vinto a Siniscola, Dorgali e Orosei. Ma vediamo i test pi significativi e alcune curiosit, in relazione anche alla litigiosit che si maggiormente manifestata nello schieramento di centro sinistra, in alcuni centri. A Bonorva la vittoria andata al sindaco uscente, mentre, a Sennori stato rieletto il candidato della Margherita, che, per, si alleato con la casa delle libert. A Olmedo confermato il sindaco di Forza Italia. A Bosa, la accentuata contrapposizione dei partiti del centro sinistra ha lasciato spazio alla vittoria della CdL. Tra gli esponenti politici di rilievo, scesi in competizione, alcuni importanti ritorni e alcune bocciature. Non eletti, alle precedenti politiche di Aprile, Giampaolo Nu-

voli e Pier Sandro Scano, sono tornati a fare il sindaco nei rispettivi paesi: Nuvoli, ora Udeur dopo due esperienze parlamentari con Forza Italia, ad Ardara, dove gi stato sindaco per 22 anni; Scano, ex consigliere regionale, segretario regionale del Pci e assessore, a Villamar di cui, giovanissimo, era gi stato sindaco. Un altro ex parlamentare, lex senatore Gianfranco Tunis, non ricandidato dallUdc , tornato a fare il sindaco di Narcao. Per quanto riguarda i consiglieri regionali, a Castiadas stato riconfermato sindaco Eugenio Murgioni, di Forza Paris e a Selegas stato rieletto Franco Sergio Pisano, dei Riformatori sardi. Meno fortunati, invece, due consiglieri del centro sinistra. Franco Sabatini, della Margherita, si presentato a Lotzorai ed ha mancato lelezione a sindaco per 14 voti. Giuseppe Cuccu, anchegli della Margherita, si presentato a Sardara, ma, come detto, per le divisioni allinterno del centro sinistra (centristi da una parte e sinistra dallaltra), finito terzo lasciando campo libero al candidato del centrodestra, Giorgio Zucca. Se in Sardegna la partecipazione al voto stata del 75,2 per cento(inferiore di cinque punti alla media delle elezioni politiche, ma superiore alla media nazionale di tre punti) anche accaduto che in un piccolo comune

non sia stato raggiunto il quorum dei votanti. A Bidon, in provincia di Oristano, infatti, andato a votare solo il 36, 5 per cento degli aventi diritto, per cui lunico candidato, Evaldo Flore, non stato eletto e il Comune sar ora affidato ad un commissario. A Borutta, in provincia di Sassari, Pierpaolo Arru stato eletto sindaco con il 92,6 per cento dei voti. La lista avversaria, con lemblema del fascio littorio, ha ottenuto solo 13 voti. Unaltra curiosit riguarda Matteo Sanna, di Alleanza Nazionale, sindaco di Telti. A soli 30 anni stato gi consigliere comunale, della comunit montana, consigliere regionale, assessore provinciale ed ora anche sindaco. Ancora: Pietro Occhipinti, ad Esterzili, e Antioco Giuseppe Manca, a Scano Montiferro, hanno vinto la corsa alla carica di sindaco per soli due voti. Infine su 104 sindaci eletti soltanto nove sono donne: Rita Desole a Muros , in provincia di Sassari; Maria Laura Carboni, a Boroneddu, Antonangela Secchi a Solarussa e Lorena Bissiri a Tadasuni, in provincia di Oristano; Annarita Cotza a Setzu e Rita Cau a Turri, nel Medio Campidano; Marisa Careddu a Luras e Anna Muretti a Trinit Vignola, in Gallura; infine, Maria Cristina Sedda a Ovodda, in provincia di Nuoro.

ECONOMIA

ECONOMIA

Stanziati 115 milioni di euro per realizzare le reti comunali del gas
LAssessorato regionale dellIndustria ha approvato la graduatoria che riguarda i primi dodici bacini di utenza
Lassessorato regionale dellIndustria ha approvato la graduatoria che destina oltre 115 milioni di euro alla realizzazione delle reti del gas nei bacini dutenza dei Comuni dellisola. Le risorse, che derivano dallIntesa Istituzionale di Programma Stato-Regione del 1999, sono destinate al finanziamento immediato dei primi 12 bacini in graduatoria sui 31 ritenuti idonei. Per i restanti e prevista invece, in tempi brevi, lassegnazione di altri 86 milioni di euro, trasferiti dal Cipe alla Regione, e che la Giunta regionale ha deciso di far confluire sulla riorganizzazione delle rete del gas locale da completare entro tre anni. Riguardo poi alla distribuzione allingrosso e alla vendita del gas nellisola, unica regione finora esclusa dalla metanizzazione, lipotesi pi accreditata dallesecutivo regionale, e quella di costituire una societ mista. Diverse aziende, nazionali ed estere, hanno manifestato interesse per la proposta ma la soluzione ottimale ha precisato il presidente Renato Soru che ha incontrato i giornalisti con lassessore dellIndustria Concetta Rau - sarebbe la partecipazione di societ che fanno parte della Galsi spa di cui socia di maggioranza la Regione, costituita per lo studio di progettazione e fattibilit del gasdotto fra lAlgeria e lItalia attraverso la Sardegna. E questa la prima tappa stato precisato - dellambizioso disegno della Giunta per consentire in tempi rapidi, a cittadini e imprese, di accedere a unimportante risorsa energetica a costi ridotti. Nella graduatoria dei bacini risultati idonei al bando regionale per lo sviluppo delle reti di distribuzione del metano, rimangono escluse dai primi 12 bacini immediatamente finanziabili, le province di Oristano, Nuoro, Medio Campidano e Ogliastra. Il contributo per la realizzazione della rete locale sar subito assegnato allintera zona del Sulcis-Iglesiente, ad alcuni centri della provincia di Cagliari, alle zona di Olbia, Porto Torres e in Gallura. Non rientrano in graduatoria i quattro capoluoghi delle province storiche poich finanziati in passato per la costruzione della rete del gas cittadina.

Partecipazione sarda nella societ per il metanodotto Algeria-Italia


La Regione sarda intende mantenere inalterata la partecipazione in vista di un possibile aumento di capitale nella Galsi spa, la societ, di cui socia di maggioranza, costituita per la progettazione del gasdotto fra lAlgeria e lItalia attraverso la Sardegna. Lo studio di fattibilit - come ha spiegato il presidente Renato Soru - sta per essere completato ed stato chiesto un aumento del capitale sociale di 30 milioni di euro. La Regione partecipa alla Galsi spa con la Sfirs Societ finanziaria industriale rinascita Sardegna e con la Progemisa (Progettazione mineraria Sardegna, che detengono ognuna una quota del 5%, con un impegno finanziario complessivo di 10 milioni di euro. La Giunta ha deciso di proporre, ad iniziare dal prossimo Documento di programmazione economica e finanziaria (Dpef) che sar sottoposto allesame del Consiglio regionale, la copertura finanziaria necessaria al sostegno del ruolo di Sfirs e Progemisa in Galsi. Appare conveniente permanere nella compagine sociale ha sottolineato Soru - solo nellipotesi in cui si intenda partecipare alla realizzazione dellopera, per la quale sono stati stimati necessari circa due miliardi di euro, che dovranno essere ripartiti fra i soci, in base alle quote. Un eventuale disimpegno della Regione proprio nellimminente fase attuattiva, potrebbe vanificare o comunque ridimensionare gli sforzi sin qui direttamente e/o indirettamente compiuti.

Primo Piano

LUGLIO 2006

Ancora sangue sardo versato in Irak in missione di pace


Alessandro Pibiri, primo caporalmaggiore di Selargius saltato in aria a 100 chilometri da Nassiriya a bordo del blindato sul quale compiva una missione con altri soldati della Brigata Sassari - Il cordoglio del Presidente della Repubblica - Commozione ai funerali - La dignit del padre della vittima - Feriti altri militari sardi
di Andrea Frailis inno della Brigata Sassari, Dimonios, oramai lo conoscono tutti, dentro e fuori la Sardegna. Lo hanno sentito intornare dai diavoli rossi che il 2 Giugno hanno marciato in testa a tutti alla parata per la Festa della Repubblica, ma soprattutto lo hanno sentito cantare troppe volte con il groppo in gola dai sassarini che hanno accompagnato uno di loro nellultimo viaggio. Il 6 Giugno toccato ad Alessandro Pibiri, primo caporalmaggiore di Selargius del 151mo reggimento, saltato per aria a 100 chilometri da Nassiriya in Iraq, a bordo del blindato sul quale compiva, insieme ad altri soldati della Brigata Sassari, una missione di scorta a un convoglio logistico britannico. Al suo fianco una colonia sarda di commilitoni, tutti feriti in modo pi o meno grave : il tenente cagliaritano Manuel Pilia, il caporalmaggiore Luca Daga di Narcao che, nellesplosione ha perso un occhio, i fanti Yari Contu di Selargius e Fulvio Concas di Gonnosfanadiga. Con la morte di Alessandro Pibiri sono 38 gli italiani che hanno perso la vita partecipando alla missione di pace in Iraq; la Brigata Sassari, da sola, ha perso 3 dei suoi uomini, pagando un pesantissimo tributo di sangue a una missione che, con landare degli anni, ha perso per strada molti dei suoi sostenitori. Il precedente quello del 12 Novembre del 2003, quando un attacco kamikaze alla caserma maestrale dei Carabinieri, caus la morte, tra gli altri, del tenente della Brigata Sassari Massimo Ficuciello e del maresciallo Silvio Olla di SantAntioco. Anche allora il copione gi visto, fin dai tempi del primo intervento contro lIraq invasore del Kuwait, o dei bombardamenti alleati delle citt serbe; e cio le pressioni pacifiste per un ritiro pi o meno definitivo, fondate sulla considerazione di una guerra nata in realt sulla menzogna americana della ricerca di armi di sterminio di massa, e le ragioni di chi ritiene che non ci si possa sottrarre a un obbligo sancito da una decisione dellONU e consolidato dallamicizia che ci lega allalleato americano. E mentre lItalia piangeva ancora un suo figlio, con il solenne funerale celebrato nella basilica romana di San Paolo fuori le mura,

e quello privato che ha stretto tutta Selargius attorno alla famiglia del ragazzo, il Governo Prodi da pochi giorni in carica ha avuto modo di ribadire limpegno preso gi in campagna elettorale; e cio ritiro graduale del nostro contingente dallIraq, ma impegno massimo per favorire nel paese arabo il ritorno della democrazia dopo gli anni tragici targati Saddam Hussein. Accogliendo insieme al Presidente della Repubblica Napolitano, il feretro di Alessandro Pibiri allaero-

porto militare di Ciampino, il ministro sardo della Difesa, Arturo Parisi ha detto senza mezzi termini il mio intento era di riportare tutti questi ragazzi a casa; non ci sono riuscito, ma spero che questo sia lultimo lutto del quale ci dobbiamo occupare. E cos stato; il 14 Giugno un primo contingente di 150 sassarini ha lasciato Nassiriya in un clima misto di sollievo, ma anche di commozione per il lutto ancora recente per la morte di Alessandro Pibiri. Entro lautunno, come ha confermato lo stesso ministro Parisi, tutti gli italiani lasceranno il paese arabo dove gli attentati sono il pane quotidiano, e dove il governo insediato dagli americani dimostra, ogni giorno di pi, di avere pochissimo potere e soprattutto di non avere il controllo di vastissime porzioni di territorio, dove le diverse fazioni effettivamente comandano. Nel lasciare il territorio iracheno, il comandante della Brigata Sassari generale Natalino Madeddu ha voluto illustrare le cifre della missione Antica Babilonia; 5.873 le attivit operative di vario genere realizzate, per le quali sono stati impiegati quotidianamente tra i 700 e i 1.000 uomini, sono stati addestrati 463 soldati dellesercito iracheno e 316 agenti delle forze di sicurezza che sono stati anche convenientemente equipaggiati. Sono state anche

effettuate 1.317 missioni aeree, per un totale di 962 ore di volo, e sono stati percorsi complessivamente 1 milione e 700mila chilometri dagli 803 veicoli del nostro contingente. E ancora 8 milioni di dollari sono stati spesi nel campo della cooperazione civile-militare, innumerevoli interventi presso la popolazione civile per il ripristino di reti elettriche, di sistemi idrici, per il riavvio di scuole, ospedali e tribunali. E poi 19 civili iracheni (tra i quali 12 bimbi) trasportati in Italia e curati nei nostri ospedali, 35 container di aiuti umanitari distribuiti nelle provincie ritenute pi bisognose. Il tutto non bastato, per, a spegnere le polemiche di casa nostra; in verit, per, stavolta dopo lennesimo lutto coloro che chiedono a gran voce il ritorno dei nostri soldati sembra essere aumentato, al di l delle convinzioni politiche che, in questi casi, pesano sul giudizio di chi viene interrogato. Nel lotto dei convertiti dellultima ora addirittura il leader leghista Umberto Bossi, e addirittura lArcivescovo di Cagliari, ed ex Ordinario Militare, Monsignor Giuseppe Mani; lalto prelato non pi tardi di un anno e mezzo fa intratteneva i giornalisti sulla evangelica differenza fra forza e fortezza e sulla necessit di esercitare la prima per favorire la seconda. Oggi sulle colonne di un quotidiano sardo afferma di essere stato imbrogliato lui come tutti gli italiani (e forse anche come milioni di americani) dalle parole di Bush, che aveva giurato e spergiurato che si andava in Iraq per scovare e distruggere quelle armi di distruzione che, oggi lo sappiamo, Saddam non ha mai nascosto perch non ha mai posseduto. E ancora la sgradevole polemica tra il fratello di Pibiri e il leader dei Comunisti Italiani, il sardo Oliviero Diliberto, sulla necessit di un ritiro immediato dei nostri soldati, per evitare nuovi lutti. Ora speriamo che questo sia solo un ricordo (per quanto sgradevole) del passato; e soprattutto che non ci sia pi nessuno che battibecco su missione di Pace o coinvolgimento in una sporca guerra. Il presidente Giorgio Napolitano stato molto chiaro, nel definire una volta per tutte la nostra missione : siamo l per riportare la Pace, in un contesto per che indiscutibilmente di guerra.

www.ilmessaggerosardo.com

... finalmente in rete

8L

UGLIO

2006

Primo Piano

a Regione cambia veste e diventa federale. Con lapprovazione della legge per il Conferimento di funzioni e compiti agli enti locali, la macchina amministrativa regionale si spoglia di numerose funzioni, trasferendole a Province e Comuni insieme alle risorse e al personale necessari per garantire la continuit di funzionamento del sistema. La legge, che punta a rivoluzionare il rapporto tra i cittadini e la pubblica amministrazione snellendo questultima e avvicinandola, non solo fisicamente, alle necessit dei territori, costituisce il recepimento dei diversi provvedimenti di riforma che si sono succeduti in campo nazionale a partire dalla legge Bassanini del 1997 fino alla riforma del Titolo V della Costituzione, entrata in vigore nel 2001. Il provvedimento, piuttosto corposo ( costituito da 80 articoli) ha avuto un iter lungo e complesso in Commissione Autonomia e Riforme, nonostante il clima di sostanziale accordo che si instaurato sin da subito tra maggioranza e opposizione. Lesame del testo unificato (in cui sono stati riuniti un disegno di legge della Giunta e un progetto di legge del gruppo consiliare di An) stato formalmente avviato l8 marzo del 2005 ed terminato il 28 marzo scorso. Oltre un anno di lavoro, 31 sedute dellorganismo istruttorio, audizioni di esponenti e associazioni delle autonomie locali, assessori regionali, sindacati, acquisizione dei pareri di altre quattro Commissioni e del Consiglio delle autonomie locali: c voluto tutto questo per arrivare a portare in Aula la riforma della burocrazia regionale. Anzich ridisegnare in blocco lintera macchina amministrativa regionale, si optato per un procedimento progressivo individuando i singoli settori in cui applicare il trasferimento di poteri e funzioni, senza escludere ulteriori conferimenti nel prossimo futuro. Laddove necessario, sono state modificate le norme esistenti al fine di uniformarle alla nuova legislazione nazionale. I primi dodici articoli del testo indicano i principi che sottendono al rapporto tra la Regione e le autonomie locali. Alla base c il principio di equiordinazione, in base al quale tutti gli enti istituzionali sono posti sul medesimo livello e non esistono enti subordinati ad altri. Altro importante riferimento il principio di sussidiariet, in base al quale lente pi vicino ai cittadini a farsi carico dei servizi a meno che non sia impossibilitato a farlo o che il servizio non riguardi un bacino pi ampio della giurisdizione dellente. In tal caso, la gestione andr allente immediatamente pi ampio. Ad esempio, la manutenzione degli alvei dei fiumi che ricadono interamente nel territorio di un solo Comune sar effettuata dallamministrazione cittadina, altrimenti se ne dovr fare carico la Provincia. Il Consiglio delle autonomie locali e la Conferenza permanente Regione-autonomie locali saranno luoghi di concertazione per le eventuali controversie che dovessero presentarsi nellapplicazione della riforma. Un altro principio alla base del federalismo interno la ricomposizione in capo allo stesso organo istituzionale di quelle funzioni omogenee che oggi risultano frammentate tra i diversi organi, in modo tale da evitare che i cittadini si trovino costretti a fare il giro

La Regione diventa federale attribuite pi funzioni a Comuni e Province


Approvata la legge sul federalismo interno La macchina amministrativa regionale si spoglia di competenze e poteri che passano agli Enti locali
di Giuseppe Mereu di tutti gli enti fino a trovare quello deputato a occuparsi di una specifica pratica. Pi in generale, vengono attribuite ai Comuni tutte le funzioni che non sono espressamente riservate alla Regione o conferite ad altri enti come le Province. Alla Regione spettano le funzioni che incidono sullinteresse dellintera comunit regionale, oltre a quelle di programmazione, indirizzo e coordinamento nelle materie conferite agli enti locali. Ai Comuni spetta la generalit delle funzioni e dei compiti amministrativi, fatti salvi quelli assegnati espressamente ad altri enti. Alle Province spettano le funzioni che riguardano lintero territorio provinciale o vaste aree sovracomunali in unampia gamma di materie: difesa del suolo, tutela e valorizzazione dellambiente, prevenzione delle calamit, tutela e valorizzazione delle risorse idriche ed energetiche, valorizzazione dei beni culturali, viabilit e trasporti, protezione della flora e della fauna, parchi e riserve naturali, caccia e pesca nelle acque interne, organizzazione dello smaltimento dei rifiuti a livello provinciale, rilevamento, disciplina e controllo degli scarichi delle acque e delle emissioni atmosferiche e sonore, servizi sanitari, digiene e profilassi pubblica, compiti connessi allistruzione secondaria e professionale compresa ledilizia scolastica. La legge si pone lobiettivo di favorire lesercizio associato da parte dei Comuni delle funzioni a essi assegnate, attraverso le Unioni di Comuni e le Comunit montane. Nei casi in cui gli enti locali dovessero risultare inadempienti nellassunzione di atti obbligatori per legge, il presidente della Regione potr nominare dei commissari ad acta. Le leggi di incentivazione e contributi alle imprese restano di competenza della Regione. Non sono oggetto di conferimenti neppure la sanit e i servizi sociali: nel primo caso, il trasferimento di funzioni agli enti locali gi stato compiuto con la legge sui servizi alla persona approvata di recente, mentre nel secondo si attende lapprovazione della legge per il riordino del sistema sanitario regionale. Ingente il trasferimento di risorse: la legge stanzia oltre 60 milioni di euro per coprire la spesa corrente e altri 34 per gli inve-

Corsi di formazione in lingua sarda per insegnanti e dipendenti regionali


a Regione ha avviato un progetto per lattivazione di corsi di formazione sulla lingua e cultura sarda, rivolti agli insegnanti delle scuole isolane e ai dipendenti della Regione. Nella strategia regionale per la diffusione e valorizzazione della lingua sarda, si tratta ha precisato lassessore della Pubblica Istruzione, Elsabetta Pilia - della prima fase di un progetto organico di formazione. La volont della Regione di avviare unattivit continuativa in questa direzione, ottimizzando gli interventi finanziari rispetto a quelli passati e orientandoli su progetti, che rientrino in un quadro organico e abbiano obiettivi concordati. Per la realizzazione del programma regionale, lassessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport, utilizzer uno stanziamento di oltre 700 mila euro, assegnato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli Affari regionali attraverso la legge 482/99 per la tutela delle minoranze linguistiche. Ma altri fondi potrebbero arrivare anche dalla legge regionale 26/97. I corsi saranno realizzati in accordo con le due Universit di Cagliari e Sassari, cui sar affidata lorganizzazione e la gestione dei percorsi didattici. Lassessore Elisabetta Pilia, per illustrare e discutere le linee guida

delliniaiztiva, ha incontrato il preside della facolt di Lettere e Filosofia di Cagliari, Giulio Paulis e il docente referente per il progetto, Maurizio Virdis, il referente dellUniversit di Sassari, Angelo Castellaccio, il direttore scolastico regionale, Armando Pietrella e il presidente dellIrre, Gabriele Uras e tre rappresentanti del Consiglio di amministrazione dellistituto, coinvolti per la riconosciuta esperienza nel settore della progettazione didattica e della lingua sarda. Lassessore ha segnalato due aspetti centrali del programma. Primo, il forte coinvolgimento dei destinatari in particolare degli insegnanti e dei dirigenti scolastici attraverso la partecipazione attiva e consapevole, fondamentale per la riuscita dellintervento. E stata poi rimarcata limportanza di tutelare allinterno dei corsi tutte le diverse variet linguistiche della Sardegna. Alle due Universit stato chiesto di omogeneizzare il pi possibile i progetti formativi, programmando unofferta didattica che sia innovativa e rappresenti unalternativa ai corsi tradizionali: non solo lezioni frontali, ma anche attivit di laboratorio e seminari. Alle Universit stato soprattutto chiesto di predisporre unadeguata attivit di monitoraggio. Deve essere prevista la valutazione dellapprendimento alla fine dei corsi, non pu bastare la

sola frequenza, ha detto lassessore Elisabetta Pilia. La formazione dovr essere differenziata per le due tipologie di destinatari, insegnanti e dipendenti regionali. Nel progetto regionale saranno coinvolti docenti delle materne, elementari e medie inferiori. Due tipologie di interventi sono state individuate per gli insegnanti. La prima sar rivolta ai docenti che hanno gi competenze linguistiche e hanno utilizzato il sardo per insegnare nelle diverse materie. Laltro modulo sar rivolto a quanti, pur conoscendo la lingua sarda, non lhanno mai utilizzata in classe. E stato deciso che nei moduli per gli insegnati la maggiore percentuale di ore sia dedicata alla lingua. Tra le materie di studio individuate per gli insegnanti ci sono lingua e letteratura sarde, didattica del sardo, storia della Sardegna e dellarte sarda, tradizioni popolari, geografia. I percorsi formativi per i dipendenti regionali dovranno fornire strumenti per la codificazione del linguaggio amministrativo, lelaborazione e la traduzione di modelli e facsimili di atti e documenti amministrativi, oltre alla conoscenza del diritto regionale, nazionale e comunitario per la tutela delle minoranze linguistiche, della storia delle istituzioni della Sardegna.

stimenti, al netto degli oneri relativi al trasferimento del personale, che potr avvenire solo su base volontaria previa concertazione con i sindacati e con gli enti locali. Agli oltre 94 milioni di euro impegnati per lannualit in corso, la legge ne aggiunge 82 milioni 600 mila per il 2007 e 82 milioni 700 mila per il 2008. Lesame del disegno di legge da parte del Consiglio regionale iniziato nella mattinata di venerd 19 maggio, con lillustrazione del testo da parte del relatore nominato dalla Prima Commissione, Francesco Sanna (Margherita). Secondo Sanna, con questa legge i sindaci e i Consigli comunali avranno pi poteri, il cittadino potr pretendere da loro pi cose mentre alla Regione saranno richieste pi competenze in termini non di esecuzione ma di organizzazione e di visione strategica. La discussione generale si conclusa nella mattinata del mercoled seguente con lintervento dellAssessore alle riforme, Massimo Dadea (Ds). Nel corso del dibattito non ci sono stati interventi polemici neanche da parte dellopposizione, a dimostrazione del clima costruttivo che ha accompagnato liter della legge in tutte le sue fasi. LAssessore ha parlato di un provvedimento difficile, complesso, frutto di una lunga elaborazione durata diversi anni e ha lodato il lavoro svolto dalla Commissione con la partecipazione di maggioranza e minoranza, che ha permesso di licenziare un testo nettamente migliore rispetto a quello impostato dalla Giunta. Al termine della discussione generale sorto lunico intoppo che ha caratterizzato il cammino del povvedimento in Aula. A causa di una sopravvenuta modifica alla legislazione nazionale in materia di ambiente, si reso necessario riscrivere parte dellarticolato. Lentrata in vigore del Codice Matteoli, che risale al 1 maggio, ha costretto la Giunta a presentare un pacchetto di tredici emendamenti finalizzati ad aggiornare i riferimenti normativi nella parte relativa allambiente. Approvato il passaggio agli articoli, maggioranza e opposizione hanno concordato per proseguire i lavori fino allapprovazione dellintero articolato, con lesclusione degli articoli oggetto degli emendamenti pi recenti, che sarebbero stati esaminati in un secondo momento. Dopo una lunga sosta per consentire alla Commissione lesame preliminare degli emendamenti, sono cos potute iniziare le votazioni sugli articoli, che si sono succedute con ritmo spedito. Pochissimi gli interventi. Le uniche critiche sono venute da Mauro Pili (Fi), che ha contestato linsufficiente e poco puntuale dotazione finanziaria della legge a fronte di tante funzioni assegnate agli enti locali. La Giunta ha annunciato unimportante novit che potrebbe concretizzarsi nel prossimo futuro: dal momento che i dipendenti regionali trasferiti agli enti locali manterranno lattuale trattamento giuridico-economico, sar possibile in futuro unequiparazione che risulter migliorativa per i dipendenti degli enti locali, dal momento che quelli regionali godono di un trattamento migliore. Dopo unintensa giornata di lavoro, la seduta stata aggiornata al 31 maggio, per lesame degli ultimi articoli e il voto finale. La legge stata approvata con 43 s, 3 no e 16 astenuti.

Primo Piano

LUGLIO 2006

La Regione al fianco dello sport di base


Questa la linea emersa dalla terza Conferenza regionale promossa dall'assessorato dello Sport - Con questa filosofia l'Amministrazione regionale si prepara a ridisegnare i percorsi che portano alle sponsorizzazioni e ai finanziamenti alle societ sportive

INTERNET la Sardegna nel Web


a cura di Andrea Mameli

Una nuova rubrica dedicata alle informazioni sull'Isola reperibili in Internet

a Regione al fianco dello sport di base. Con questa filosofia lamministrazione regionale si prepara a ridisegnare i percorsi che portano alle sponsorizzazioni e ai finanziamenti alle societ sportive, riservando una strada privilegiata alla promozione dello sport. stata questa la conclusione della due giorni degli stati generali dello sport isolano, che si sono ritrovati a Nuoro in occasione della terza Conferenza regionale, istituita dalla legge 17/99, e che serve a regolamentare lattivit sportiva in Sardegna. Un incontro promosso dallassessorato regionale alla Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo, Sport, che ha chiamato a raccolta enti locali, Coni, federazioni sportive, enti di promozione, universit, scuola, associazioni e societ. In pratica tutti i soggetti interessati al mondo sportivo. Gi dal titolo deciso dallassessore Elisabetta Pilia era chiaro il tenore della Conferenza: Lo sport a misura del cittadino. Dal dibattito e dalle indicazioni, soprattutto dalle tre commissioni (Utenti, Gestione, Formazione) che hanno lavorato in modo incessante, sono emerse le linee guida che lassessorato seguir per scrivere il nuovo Piano triennale per lo Sport. Vogliamo avere lapporto di tutti ha detto lassessore Pilia per stabilire i nuovi criteri per lassegnazione delle risorse. Che fino a oggi sono state inglobate, per la quasi totalit, da sponsorizzazioni e dallattivit agonistica. Solo il 10 per cento destinato allo sport di base e alla promozione, ha ricordato lassessore. Il primo passo deciso dalla Giunta stato quello di cancellare le sponsorizzazioni: il Consiglio regionale ha votato il maxi-collegato alla Finanziaria che ha spostato i contributi alle squadre professioniste (si tratta di Cagliari Calcio, Torres, Olbia, Nuorese, Dinamo Basket, Geovillage e Tennis Club Cagliari) nel fondo sulla comunicazione, in mano alla presidenza. Una cifra che si aggira sui 25 milioni di euro. I criteri devono ancora essere decisi. Per le altre societ che ruotavano intorno alle sponsorizzazioni si apre invece il nuovo capitolo dei contributi: Le 48 societ dilettantistiche, che partecipano ai campionati federali nazionali degli sport di squadra, saranno tutelate maggiormente. In primo luogo non dovranno pagare pi lIva. A questo si aggiunge la fetta che veniva mangiata dalle squadre del professionismo. Insomma la quota che spetter alle singole societ dovrebbe aumentare. Resta da decidere i criteri che verranno adottati per la suddivisione dei contributi. Servono alcuni punti chiari e trasparenti, e vorremmo deciderli insieme a voi, ha detto lassessore rivolgendosi agli esponenti del mondo dello sport presenti a Nuoro.

La nuova filosofia che intende seguire la Regione nasce da alcune considerazioni ricordate dalla Pilia nel suo discorso introduttivo: Il 90 per cento dei finanziamenti regionali destinati allo sport sono finora andati alle sponsorizzazioni sportive e allattivit agonistica, lasciando le briciole allo sport di base. Solo il 10 per cento. Sono tanti i Sardi che pur non facendo parte di federazioni, societ e non disputando campionati praticano comunque attivit sportiva, e hanno il diritto di avere strutture e spazi adeguati. lo stesso articolo 1 della legge regionale 17/99, apprezzata a livello nazionale, ma che va comunque migliorata, che ribadisce la funzione sociale dello sport, con la Regione che deve promuovere la pratica e la diffusione nel territorio la disciplina sportiva, come momento di crescita culturale e civile della societ. Questo articolo stato per troppo tempo ignorato: noi vogliamo rispettarlo e applicarlo. Anche per questo uno degli obiettivi della Regione la costituzione dellOsservatorio regionale dello sport, per conoscere quante persone praticano unattivit sportiva, e per monitorare il movimento in Sardegna, per attuare poi una programmazione coerente. Unaltra finalit espressa dallassessore quella di costruire o rimodernare gli impianti sportivi sardi: Ci sar una grande attenzione per le aree con un numero di spazi sportivi insufficienti, soprattutto allinterno dellIsola. Si potrebbero ottenere nuove risorse attraverso un mutuo agevolato con il Credito sportivo. Si potrebbe pensare a 4-5 milioni di euro. Altre mete da raggiungere

lo studio sui centri sportivi di quartiere (come sta avvenendo ad Alghero e Carbonia), e labbattimento di ogni barriera architettonica e non che impedisce alle persone con disabilit di praticare attivit sportiva. La Conferenza stata animata da molti interventi da parte degli enti locali (le Province hanno presentato un loro documento unitario, chiedendo maggiori competenze e risorse in materia di sport), dal Coni, dalle federazioni e dagli enti di promozione (anche loro in gran parte convergenti in un unico documento, con la richiesta di mantenere un ruolo centrale nella guida dello sport, grazie alle competenze e alle conoscenze maturate da sempre nel mondo sportivo), dallUniversit (che ha ribadito limportanza della formazione allinterno delle discipline sportive). Insieme ai documenti predisposti dalle tre commissioni di lavoro, saranno le basi per la definizione del nuovo Piano triennale dello sport. Tutti i documenti sono a disposizione sul sito Internet della Regione, nello spazio dedicato ai canali tematici, in questo caso allo sport (www.regione.sardegna.it). Durante i lavori sono intervenuti anche Steven Ongenaet, coordinatore del progetto Interreg Sport Urban, che ha parlato de Il progetto Sport Urban: una proposta di sviluppo attraverso lutilizzo innovativo degli impianti sportivi, e Claudio Bocci, direttore generale Federculture, che ha illustrato Il Progetto Innovasport, partito anche in Sardegna, con le prime realt di Alghero e Carbonia. Matteo Vercelli

L'Altalena di Chernobyl e la Sardegna


LAltalena di Chernobyl e la Sardegna Prosegue incessante, a trentanni dal pi grave incidente nucleare della storia, limpegno dei volontari sardi per alleviare le sofferenze dei bambini delle zone ancora contaminate. Lassociazione Cittadini del Mondo, nata pochi mesi dopo quel 26 aprile 1986, coordina lospitalit delle famiglie sarde rivolta ai minori provenienti dalla Repubblica di Bielorussia e dallUcraina. Per bambini e ragazzi non si tratta solo di vivere unesperienza spensierata: per evitare rischi alla salute sufficiente garantire un cambio daria per alcune settimane allanno. Dopo alcuni anni di attivit e migliaia di piccoli bielorussi ospitati in Sardegna nata lassociazione di Amicizia, Cultura e Cooperazione con la Bielorussia che ha per obiettivo lo sviluppo e dei rapporti culturali, economici, sociali, solidaristici fra Italia e Bielorussia. Favorisce la conoscenza e gli scambi attraverso lorganizzazione di conferenze, seminari, corsi di lingua e altre attivit di sostegno; svolgendo traduzioni di pubblicazioni, testi, leggi, articoli, corrispondenze; stimolando laggregazione della comunit bielorussa immigrata; garantendo il proprio appoggio e assistenza logistica in Sardegna agli Enti, Istituzioni e Organizzazioni Bielorusse. Ogni anno vengono organizzati due periodi di ospitalit presso le famiglie sarde: durante le vacanze estive e tra Natale e Capodanno. Per informazioni: cittadinidelmondo@tin.it Per aderire alliniziativa, ospitando un bambino, indispensabile prepararsi con il dovuto anticipo. A questo scopo stato recentemente pubblicato un volume, LAltalena di Chernobyl. Dialogo sullaccoglienza internazionale dei bambini bielorussi (Armando Editore, 13 euro). Lautore, Antonello Soriga (consigliere dellOrdine degli Psicologi della Sardegna, presidente del Centro di Psicologia Sistemica di Cagliari, responsabile scientifico dellAssociazione Sardegna Belarus), risponde alla domanda fondamentale: cosa comporta laccoglienza internazionale dei bambini bielorussi che vivono le conseguenze del disastro di Chernobyl? www.sardegnabelarus.it/ Ingegneri senza frontiere

Il Turriga conquista la Capitale

l Turriga, il vino superpremiato della Cantina Argiolas di Serdiana, emoziona la capitale. Nella splendida cornice dellHotel Parco dei Principi di Roma, sede dellassociazione italiana sommelier (AIS), si tenuta la degustazione verticale di dieci prestigiose annate del Turriga. La manifestazione si svolta nellambito della sezione Grandi Eventi, dedicata alle etichette pi autorevoli del panorama italiano ed internazionale. Il Turriga ormai un vino simbolo della rinascita della viticoltura e dellenologia italiana che ha scelto di puntare tutto sulla qualit e sulla rivalutazione del patrimonio viticolo tradizionale. Un vino che stato reso celebre dai numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali e dai continui apprezzamenti ricevuti dalle migliori guide specializzate. Le degustazioni (seguite da un folto pubblico e condotte dalla sommelier Daniela Scrobogna, che faceva gli onori di casa sotto la regia di Franco Ricci), hanno evidenziato le specificit di questo vino: armonia, soavit e piacevolezza per lolfatto e per il gusto. La serata stata definita una gioia dei sensi. A Roma, oltre a Franco e Pepetto Argiolas, titolari dellazienda omonima, hanno partecipato lenologo della cantina di Serdiana, Mariano Murru insieme al padre del Turriga: Giacomo Tachis gi autore di grandissimi vini italiani quale il Sassicaia e Tignanello. Per la platea stata una lezione davvero magistrale di enologia. La manifestazione stata organizzata dallassociazione italiana sommelier (AIS) e da Bibenda. Raffaele Serreli

Progettare, realizzare e diffondere pratiche e tecniche ingegneristiche in grado di favorire la piena realizzazione di tutti gli individui e comunit umane, senza barriere tra nord e sud del mondo. lambizioso progetto dellassociazione Ingegneria senza frontiere , attiva in 12 citt italiane fra le quali Cagliari. www.isf-italia.org/ Comunit virtuale del folklore

Dal primo maggio 2006 online il portale Sardiniafolk.com , dedicato alle tradizioni popolari della Sardegna, nato con lintento di generare una comunit virtuale fra i gruppi folcloristici sardi e gli organizzatori di feste e sagre a carattere folcloristico. Nel portale sono disponibili forum, sezioni informative, calendario eventi e galleria fotografica. www.sardiniafolk.com

10 L

UGLIO

2006

Speciale Emigrazione

Tempi stretti per la nuova legge sull'emigrazione


I lavori della Consulta riunita a Milano - Dopo l'elezione dei rappresentanti degli emigrati nella Consulta per lo Statuto affrontati altri temi ugenti - Sollecitata la modifica della legislazione
di Antonello De Candia a riunione della Consulta dellEmigrazione a Milano, in concomitanza con il 4 Congresso Nazionale della F.A.S.I non ha avuto soltanto un valore simbolico (avvicinarci al Mondo dellEmigrazione), come ha sottolineato anche lAssessore Maddalena Salerno, che della Consulta il Presidente e che ha presenziato ai lavori dapertura (di cui abbiamo gi dato ampio resoconto nel precedente numero del Messaggero sardo), ma ha segnato nel concreto forse la tappa pi significativa del lungo cammino per il riconoscimento del ruolo politico degli emigrati sardi nel mondo, dal momento che la Consulta, in ottemperanza alla legge del 18 maggio 2006, ha indicato la quaterna di nomi tra i quali il Consiglio Regionale sceglier i due rappresentanti che parteciperanno alla scrittura del nuovo Statuto della Sardegna. Chiunque sia, uomo o donna, rappresentante delle Associazioni degli emigrati o delle cosiddette Associazioni di tutela, resta il fatto che tra i 50 saggi che comporranno la Consulta per lo Statuto, due di essi siano stati espressi dal Mondo dellEmigrazione, di cui sapranno sicuramente rappresentare le istanze pi significative per contare realmente nella vita politica della Sardegna. Espletate le votazioni, la Consulta, sotto la Presidenza del vice Presidente Domenico Scala, assistito dal Direttore generale dellAssessorato Roberto Neroni, dal direttore dei Servizio Emigrazione, Marco Ghiani, e dal segretario della Consulta Francesco Pitzanti, si riunita anche nel pomeriggio per dibattere gli altri argomenti allordine del giorno. Pietro Schirru (Australia) ha sollevato il problema dei soci non sardi da iscrivere nei Circoli (Se vogliamo ricuperare i giovani ha detto dobbiamo percorrere questa strada. Non chiudiamo le porte a nessuno, apriamoci, solo cos possiamo sopravvivere). Giancarlo Farris (Per) gli ha fatto eco (In Per abbiamo gli stessi problemi. Molti giovani di seconda e terza generazione ha poi denunciato - non hanno diritto al passaporto italiano. Io ho litigato con tre ambasciatori e mi volevano licenziare dallinsegnamento. Basterebbe una garanzia dellIstituzione regionale a certificare lorigine sarda e italiana.) A questo punto, pur non facendo parte della Consulta, intervenuta la rappresentante della ATM Emilio Lussu, Bonaria Spignesi per specificare che per i progetti regionali organizzati dalla FAES non stato mai chiesto il passaporto, ma soltanto di

lesame del Consiglio Regionale per diventare Legge. Trattandosi di una legge che dovr essere inquadrata in una normativa europea ha detto Neroni deve essere una legge pi moderna possibile. In quanto ai tempi si prevede possa essere licenziata entro lanno. Non vorrei che il professore ha detto Carlo Lai stravolgesse quel che hanno prodotto dei modesti manovali dellEmigrazione che ci hanno messo il cuore. Dobbiamo inventare qualcosa per i giovani dirigenti dei Circoli per motivarli e non rischiare di perderli, una sorta di paghetta, un rimborso spese. Giulio Cesare Pittalis (Italia) dimostrare la discendenza diretta sarda. Attualmente ha comunicato - abbiamo in Sardegna sedici ragazzi provenienti da vari paesi, in prevalenza di Oltreoceano, che partecipano ad uno stage e sono tutti discendenti di sardi. Carlo Lai (Filef) ha detto che bisogna tenere conto della normativa europea. Certi progetti finanziati dallUnione Europea ha detto - hanno un limite, non devono discriminare un non sardo, altrimenti non vengono finanziati. Domenico Scala ha detto che va individuata una soluzione, al momento della modifica della Legge sullEmigrazione, che ci si appresta a varare, ed ha invitato a formulare delle proposte con un ordine del giorno. Alberto DeLogu (Canada) tornato sullapertura ai soci non sardi nei Circoli: abbiamo amici e simpatizzanti dei sardi che collaborano attivamente nel nostro Circolo, ma in Canada non possiamo chiedere dati personali, pensate, illegale chiedere persino la data di nascita ad un individuo! Concordo con la proposta di Domenico Scala su un o.d.g. per la modifica della Legge 7/91 Paola Atzeni (esperta) si detta daccordo sullo.d.g. consapevole che ci muoviamo in un contesto europeo, ma anche interculturale e globale. Dobbiamo rivedere il quadro giuridico. Fausto Soru (Francia) ha ri-

cordato di far parte della Commissione per modificare la legge 7/91. In sei abbiamo lavorato e abbiamo presentato le nostre proposte, dopodich ci hanno fatto incontrare con il prof. Paolo Fois, ma non abbiamo capito quale fosse il suo ruolo e dove volesse arrivare. Ci ha riconvocato per il 21 giugno. Vediamo cosa ne salta fuori. Neroni ha quindi spiegato che il prof. Fois , che un giurista esperto di Diritto Comunitario e quindi conosce queste problematiche, sta esaminando le proposte di modifica formulate dalla Commissione per valutare se siano compatibili con la normativa europea e internazionale. Dopodich questo documento andr al vaglio dellAssessore che lo presenter alla Consulta, poi alla Giunta, quindi seguir liter in Commissione e poi passer al-

ha sostenuto che questa nuova legge dovr contenere disposizioni chiare, clausole pertinenti alle normative della U.E: per poter accedere ai finanziamenti, che altrimenti non arriveranno. Neroni intervenuto per ribadire che c lurgenza di fare questa legge, e che non si pu certo aspettare il Nuovo Statuto, per il quale passeranno anni. Il Mondo dellEmigrazione cambiato; e anche i Circoli stanno passando da un sistema di mutuo soccorso a qualcosa di nuovo, dobbiamo fare un salto di qualit ha detto Neroni e far s che si possano svolgere attivit che consentano ai Circoli di autofinanziarsi. Devono diventare sportelli che devono interagire con il mondo in cui operano . Gabriele Cappai (esperto) si detto daccordo che i Circoli

vanno rimodernati e vanno cambiati secondo le realt in cui operano. Ad esempio in Italia molti circoli sono trasformati in biglietterie di viaggio; ma ci sono anche altre esigenze e bisogna adattarsi. Bisogna affrontare e risolvere il problema degli anziani che non tornano pi in Sardegna perch la loro famiglia risiede allEstero, oppure perch non li soddisfa lassistenza sanitaria, o per tanti altri motivi. Dobbiamo tenere conto di queste esigenze concrete. Cosa dobbiamo fare per conservare la nostra identit senza essere globalizzati? si poi chiesto il prof. Cappai Bisogna battersi perch la U.E ci riconosca come minoranza linguistica e ci tuteli come tale. Domenico Scala nuovamente intervenuto per ribadire che i Circoli non possono venire meno allassistenza e alla mutualit. Siamo in progresso, in continua evoluzione ha detto - ma non possiamo non guardare anche indietro e abbandonare i nostri vecchi. Domenico Canu (Berlino), dopo essersi lamentato per il fatto che la bozza della nuova legge sullEmigrazione sia nelle mani di un esperto (e noi non labbiamo ancora vista) ha detto che occorre dare maggiori stimoli al mondo dellemigrazione, perch a forte rischio che crolli tutto. La nostra una struttura sperimentale, e non chiaro il criterio che si deve seguire per gli sportelli informativi. Canu ha sollecitato un finanziamento di 15.000 Euro per un progetto per la promozione della lingua sarda. Lucia Cumpostu (Spagna) ha detto che Barcellona assorbe persone da tutto il mondo e soprattutto laureati dalla Sardegna, moltissimi ragazzi impegnati a fare i corsi Erasmus che ci danno una mano per mandare avanti le iniziative culturali che proponiamo con il nostro Circolo. Abbiamo fatto da battistrada ad altre associazioni. Mi risulta che ci siano molti sardi anche in Portogallo ha detto la Cumpostu - e vorremo poterci estendere anche l. Purtroppo stata la risposta di Marco Ghiani - noi possiamo operare solo in base alla legge attuale, non possiamo pensare a un Circolo come ad un ufficio regionale. Dobbiamo assicurare un minimo di servizi, questo s, ma non possiamo andare oltre la legge. Ci sono circoli con una emigrazione transumante, come negli Stati Uniti, a Londra, nella stessa Spagna e la Regione ha riconosciuto queste realt in movimento: certo si deve puntare ad una concezione diversa dei Circoli, come antenne regionali che hanno come scopo principale quello di promuovere la Sardegna, la sua storia, la sua cultura, i suoi prodotti, le sue bellezze naturali.

Speciale Emigrazione
Ritrovata l'unit tra le organizzazioni dei sardi nel mondo
Quarto Congresso Nazionale FASI

LUGLIO 2006

11

l Quarto Congresso Nazionale della Fasi, per la modernit e la ampiezza delle proposte scaturite da un dibattito ricco di analisi, di idee, di aperture, ha segnato un momento di svolta per lintero movimento dellemigrazione sarda organizzata. Le tre giornate di Milano in cui si sviluppato il confronto tra le varie realt in cui si articola il mondo dellemigrazione, hanno confermato che i sardi che stanno fuori dall Isola si considerano e vogliono essere considerati parte integrante del Popolo Sardo. Rivendicano riconoscimenti e diritti e mettono sul piatto il ruolo strategico che la rete in cui sono organizzati pu svolgere per lo sviluppo della Sardegna. Ovunque si trovino questi sardi hanno saputo conquistarsi il rispetto e la fiducia delle popolazioni e delle autorit locali e sono diventati interlocutori privilegiati che con il loro bagaglio di esperienze e competenze possono favorire proficue relazioni tra la Sardegna e il resto del mondo. Il dato pi significativo emerso dal Congresso di Milano, oltre alla ritrovata unit di intenti delle varie componenti del mondo dellemigrazione organizzata, stato il passaggio di testimone generazionale. La folta e attiva partecipazione di donne e giovani ai lavori congressuali ha messo in luce la forza vitale del movimento che non destinato a esaurirsi con la vecchia generazione ma ha le energie per rinnovarsi con le seconde e terze generazioni. Il Congresso, presieduto con garbo e autorevolezza da Serafina Mascia, dopo i saluti di rito, si aperto con lintervento dell assessore del Lavoro, Maddalena Salerno (di cui pubblichiamo unampia sintesi a parte) che ha illustrato le linee politiche della Giunta regionale in materia di emigrazione. E seguita la relazione del presidente uscente Tonino Mulas (che pubblichiamo in altra parte del giornale) e la lettura dei messaggi. Il pi applaudito stato quello, molto caloroso, inviato dal Presidente della Repubblica. Grande stato il contributo che i cittadini sardi ha scritto Giorgio Napolitano - hanno saputo offrire alla crescita e al progresso del Paese concorrendo allarricchimento del patrimonio di storia e di valori che proprio della nostra identit. Questo impegno, sorretto da una radicata tradizione di solidariet e coesione sociale, ha varcato i confini della patria e ha contribuito alla diffusione di una civilt conosciuta ed ammirata nel mondo. Con questi sentimenti conclude il messaggio del Capo dello Stato - esprimo apprezzamento agli organizzatori della manifestazione e invio agli illustri relatori e a tutti i presenti un augurio di buon lavoro e un saluto cordiale. Molto apprezzato anche quello di Tullio Locci, il patriarca cen-

Da Milano una svolta per il movimento dell'emigrazione sarda


Il Congresso caratterizzato da un dibattito ricco di contenuti - Analisi idee e progetti per rinsaldare i legami con la Sardegna coinvolgendo le nuove generazioni - Il ruolo delle donne - Ampia partecipazione di rappresentanti delle Istituzioni regionali dell'Isola
servizi e foto di Gianni De Candia - Gino Zasso - Antonello De Candia

tenario dellemigrazione sarda, che stato letto dal figlio Luciano. Le mie condizioni di deambulazione ha scritto in un messaggio indirizzato a Tonino Mulas - non mi consentono di essere presente al quarto congresso nazionale, per cui ti prego di portare un affettuoso saluto alle Autorit presenti ed a tutti i presidenti dei Circoli ed ai delegati. Un saluto caro a Filippo Soggiu, ma soprattutto un abbraccio a te, caro Tonino, che hai contribuito, in modo determinante, ad elevare il livello culturale della nostra organizzazione in modo tale da renderlo un vanto per tutti noi sardi emigrati. Complimenti per la stesura delle tesi congressuali che sono una te-

stimonianza della maturazione politica della Emigrazione organizzata che, modestamente, ho avuto il privilegio di guidare per tanti anni. Mi auguro prosegue il messaggio - che ci venga restituito il ruolo cui ci compete allinterno della Consulta in quanto la Lega prima e la F.A.S.I. poi hanno svolto, in modo serio e responsabile, il compito di guidare lorganizzazione degli Emigrati. Ieri i Sardi emigrati si sono battuti per la corsia preferenziale e per lo sconto sulle tariffe, oggi, con grande soddisfazione, prendo atto - ha scritto Locci - che la battaglia sulla continuit territoriale ha visto i nostri Circoli protagonisti nellorganizzare le manifestazio-

ni di protesta negli scali nazionali. Concludo con la certezza che anche da questo congresso verr ribadita la nostra determinazione nel rivendicare lautonomia rispetto al mondo politico sardo: la politica partitica sempre rimasta fuori e non mai riuscita a condizionare la nostra organizzazione. Cos stato e cos dovr essere nel presente e nel futuro. Un messaggio ha inviato anche il deputato Giovanni Farina, di origini sarde, eletto nella circoscrizione Europa. Cari rappresentanti del popolo sardo ha scritto - vorrei essere con voi, come lo sono stato in tanti anni di attivit politica e sociale, in Svizzera, in Francia e in tutta Europa. Voi, rappresentanti di un particolare patrimonio dentro la straordinaria risorsa democratica umana, e professionale costituita dalla nostra comunit nazionale, potete ben essere fra i protagonisti di una nuova primavera repubblicana. Amo particolarmente la vostra terra. Per le lontane origini e per i miei maestri del pensiero e di vita indelebilmente fissati nelle straordinarie figure di Antonio Gramsci e di Enrico Berlinguer. Sono, come ogni nuovo Deputato della repubblica eletto allestero, la novit storica pi straordinaria del cambiamento in atto, a vostra completa disposizione per ogni iniziativa che si riprometta la valorizzazione del popolo sardo al-

lestero. Messaggi hanno inviato il presidente della Regione Renato Soru, lassessore del Turismo Luisanna Depau, l ex assessore del Lavoro Matteo Luridiana, i consultori Eligio Simula del Craies e Piero Puddu dellIstituto F. Santi, il presidente della Federazione dei circoli sardi in Germania, Gianni Manca, che stato rappresentato dalla vice presidente Maddalena Fadda Vitolo, Manlio Brigaglia, Franco Fresi e Salvatore Tola, Paolo Pillonca. Padre Luciano Segafreddo, direttore del Messaggero di SantAntonio, il periodico italiano pi diffuso al mondo, ha portato un saluto non formale. La FASI, cos come altri sodalizi regionali, ha detto hanno assunto fin dallinizio il ruolo di interpreti delle attese umane, sociali e culturali dei corregionali residenti fuori del loro territorio. Cos hanno dato un grande contributo alla promozione del loro legame con la terra natia. Insomma, sono lanima dellaltra Sardegna e dellaltra Italia. La comunicazione ha ricordato padre Segafreddo ha un ruolo specifico per lincremento di conoscenze. Le nuove generazioni che sentono un senso dappartenenza con la terra dei padri, hanno atteggiamenti e attese diverse. Per loro importante che tra le due Sardegne ci sia una informazione di ritorno. necessario imparare a stare e a fare rete. Il ruolo della Regione e della FASI ha concluso deve mirare alla salvaguardia dei fini prioritari della comunicazione, cio al rapporto con le persone, alla loro formazione e crescita culturale, alla promozione di progetti. Gli interventi dei delegati si sono alternati, in un calibrato mix che ha tenuto sempre alta la tensione dellassemblea, con quelli dei rappresentanti delle comunit sarde nel mondo e degli esponenti politici. Il primo a prendere la parola stato Vittorio Vargiu, consultore dellArgentina che dopo aver auspicato che si rinsaldino sempre pi tra le varie comunit sarde nel mondo si chiesto come fare per mantenere e approfondire le relazioni culturali economiche e politiche con la Sardegna?. Ha ricordato che la politica per lemigrazione gestita dallassessorato del Lavoro mentre va ampliato lintervento della Regione ad altri assessorati, dallAgricoltura, al Turismo, alla Pubblica Istruzione, ma anche alle universit, agli enti di formazione. Anche i comuni ha aggiunto potrebbero aprire un dialogo fruttuoso con gli emigrati, favorendo scambi di studenti. il momento ha concluso Vargiu che la risorsa rappresentata dalle organizzazioni degli emigrati sardi e la rete dei circoli sia utilizzata con una programmazione intelligente che veda coinvolti i sardi nellIsola e i sardi sparsi nel mondo. SEGUE A

12 L

UGLIO

2006

Speciale Emigrazione

Vanni Lai, di Alessandria, vicepresidente vicario della Fasi, ha annunciato la sua intenzione di non ricandidarsi per favorire un ricambio al vertice della federazione. Ha soffermato la sua attenzione sui problemi economici e ha rilanciato la proposta di un partenariato tra la FASI e la Regione Sardegna. Le Associazioni dei Sardi in Italia ha detto costituiscono un grande elemento di ricchezza non solo per i luoghi in cui sono presenti, su tutto il territorio nazionale, ma rappresentano un elemento di grande valore per la Regione Sarda. Tenacia, sobriet, impegno, intelligenza, straordinaria caparbiet di lavoro sono le doti del nostro popolo ed per queste qualit che siamo conosciuti ed apprezzati. Ma queste stesse caratteristiche sono quelle che fanno di noi ambasciatori fedeli della nostra terra nella quale siamo orgogliosi di avere le nostre radici. Oggi vorremmo che questo valore venisse non solo riconosciuto, ma soprattutto speso dalla Regione Sardegna in quanto ne valorizza le caratteristiche, lidentit, leconomia. Domenico Scala, storico presidente della Federazione dei circoli sardi in Svizzera, non si limitato a un saluto formale ma ha fatto alcune riflessioni sullo stato attuale del mondo dellemigrazione e sulle prospettive future. E lo ha fatto con un annuncio che ha colto tutti di sorpresa: il prossimo passaggio di consegne alla guida della Federazione Svizzera. Un cambiamento nel segno della continuit, ha precisato: dal prossimo autunno, secondo una chiara indicazione nei confronti dei sardi delle nuove generazioni e delle donne ha detto verr sostituito da Francesca Fais, presidente del circolo di Losanna. Scala ha condiviso lanalisi (corretta e aggiornata) della situazione dellemigrazione fatta nel documento congressuale. Oggi lemigrazione sarda ha detto vive un momento particolarmente difficile sia per i fermenti interni che per i rapporti con la Sardegna, con le sue istituzioni e con lopinione pubblica. Scala ha chiesto un riconoscimento formale e sostanziale del lavoro e dellimpegno profusi da generazioni di sardi sparsi nel mondo nel promuovere la conoscenza e limmagine della Sardegna, dei suoi valori, delle sue bellezze, dei suoi prodotti, delle sue tradizioni ne della sua cultura. Ha chiesto che venga riconosciuto agli emigrati un ruolo politico e una presenza nella vita pubblica della Sardegna e, pi specificatamente, che sia riconosciuta una rappresentanza in Consiglio regionale e la partecipazione al voto per lelezione dellAssemblea regionale. Domenico Scala ha concluso rivolgendo un pensiero a Tullio Locci, il grande saggio e il grande maestro dellintera emigrazione sarda. La nostra forza ha detto la nostra identit. Vorrei aprire un discorso ha detto Maria Panzalis, di Saronno che non frequente nei nostri circoli con la domanda: fino a dove ci possiamo spingere, noi emigrati, nella difesa del territorio? Ci si dir che questo un problema che non ci riguarda, un problema di chi quel territorio lo abita e lo usa. Potrebbero dirci di limitare il nostro interesse, come facciamo benissimo, alla cultura, alla identit. Ma quale identit, quale cultura ha sottolineato ci sar il giorno in cui non esistesse pi, o fosse comunque deturpata, una delle ra-

Quarto Congresso Nazionale

Le tesi congressuali un contributo a una economia della innovazione


lancia il valore statutario del principio europeo della continuit territoriale. Ripropone la protezione delle fasce deboli della emigrazione di ieri e rivendica un ruolo per lemigrazione di oggi che rappresenta una risorsa per leconomia della conoscenza e dellinnovazione. Il documento congressuale ritiene superato il riferimento allAssessorato del Lavoro e propone la creazione di Agenzia o Ufficio interassessoriale. Affronta poi la valenza sociale dei circoli e il nuovo progetto di partenariato. Ribadisce la necessit di una nuova legge per lemigrazione che modifichi la legge 7 del 1991 che ha aspetti di principio ancora validi oggi. Si sofferma sulla Consulta e il problema della rappresentanza. Altro tema toccato il Piano Triennale del quale mette in risalto contraddizione tra teoria e pratica. Sollecita il ripristino del piano di utilizzo come strumento di autogoverno e di crescita dei circoli. Evidenzia gli errori nella ripartizione delle risorse. La terza parte del documento dedicata alla Sfida culturale e organizzativa per il futuro della FASI. Pone subito la questione: c un futuro per i circoli dei Sardi in Italia? Indica lurgenza della questione del ricambio generazionale; esorta i giovani a combattere per le loro idee, riafferma che i vecchi soci sono la spina dorsale dei circoli, ma devono dimostrare che hanno costruito strutture sociali e non castelli di sabbia, creando le condizioni per lapertura ai giovani. Lobiettivo di delegare, responsabilizzare,valorizzare i gruppi dirigenti. Democrazia e rispetto delle minoranze sono condizioni per il ricambio, che passa per la valorizzazione del ruolo delle donne nei gruppi dirigenti. I circoli come strumenti culturali dei Sardi del territorio, rappresentano un modello di diffusione culturale e di integrazione paritaria. Il documento si chiede perch non creare un ufficio culturale dei sardi nel mondo? Altro tema centrale quello de sa limba: che arricchimento, non ostacolo alla modernit. Il patrimonio linguistico degli emigrati un bene inestimabile. Un capitolo a parte dedicato al tema della comunicazione, con riferimento alla TV, al Messaggero sardo e agli altri media. confortante il fatto scritto nelle tesi congressuali - che le televisioni sarde in questi ultimi anni abbiano cominciato a riservare spazi specifici alle associazioni degli emigrati nella Penisola e nel Mondo, potenziando leco assicurato fin dal 1974, nel circuito dei Sardi emigrati, ma anche in Sardegna, dalle pagine dello storico e glorioso mensile Il Messaggero Sardo. Questo canale nostro e collaudato stato e resta uno strumento indispensabile per la comunicazione fra la Sardegna e i Sardi nel Mondo e viceversa; dobbiamo difendere e garantire la sua centralit. Altro tema trattato quello del museo dellemigrazione o Centro di documentazione di Asuni. Un capitolo dedicato alla legislazione nazionale, uno alla economia del terzo settore; uno alla scarsit delle risorse finanziarie e alla esigenza di ottimizzarne limpiego. Ricorda le fonti di finanziamento dei circoli, assicurato in parte dai contributi della Regione, in parte da altri contributi dalla Sardegna, in parte da contributi e servizi degli enti locali del territorio in parte da tesseramento e sottoscrizioni, ma anche dal ricavato di feste, di spaccio di prodotti, di servizio bar e di bigliettazione. Il cinque per mille - misura inserita nellultima finanziaria costituir una possibilit di finanziamento per le organizzazioni no profit. Attraverso liscrizione, con apposita domanda, presso lAgenzia delle Entrate ogni cittadino potr destinare il 5/1000 del proprio versamento IRPEF al circolo, alla FASI, purch questi siano iscritti nellalbo nazionale o provinciale delle associazioni di utilit sociale.

l documento per il 4 Congresso della Fasi, alla cui elaborazione hanno collaborato i componenti dellEsecutivo uscente, ha posto al centro del confronto il: Contributo a uneconomia della conoscenza e dellinnovazione che pu dare la Rete dei Sardi nel Mondo. Le Tesi congressuali affrontano oltre 50 argomenti dedicando a ciascuno unanalisi approfondita. La prima parte del documento affronta la questione: Ricambio generazionale e innovazione. Appartenenza ed integrazione di fronte alle sfide della globalizzazione. Dedica appositi capitoli ai Circoli, Al movimento organizzato che ha saputo creare coesione sociale; al ruolo di autogoverno delle Federazioni. Analizza il passaggio dalla tradizione individualista agropastorale alla cooperazione; la difficolt che incontra in Sardegna il valore sociale della risorsa emigrazione; la sfida del futuro che passa per il rinnovamento generazionale, culturale, legislativo e organizzativo. Approfondisce il tema della vecchia e nuova emigrazione, e quello dellemigrazione sarda allEstero (non basta la sardit ci vuole pi italianit). Il documento ricorda che i circoli sono nati come bisogno primario di autodifesa sociale degli emigrati e che si si sono trasformati da dopolavoro a centri culturali. Sottolinea il passaggio dal pluralismo sociale conflittuale allunit programmatica. Indica lesigenza di ridefinire lidentit, evidenziando come paura e insicurezza esaltano una concezione chiusa delle identit. Lorgoglio dellidentit afferma il documento affermazione di se stessi e rispetto degli altri. La seconda parte affronta i problemi del rapporto tra Regione Sardegna e movimento degli emigrati. Ricordando il nuovo Statuto regionale deve prevedere pi autonomia e pi sovranit. Propone di mantenere e sviluppare i legami con i Sardi fuori Sardegna e garantire la partecipazione politica e ri-

dici profonde in cui la forma della vita si incontra con la forma delle rocce scolpite da dio nellazzurro del nostro cielo e del nostro mare. Le forme della identit non sono indifferenti alle forme del paesaggio, anche alla sua asperit. Noi non vogliamo impedire lo sviluppo, al quale siamo interessati ha detto Panzalis e non nemmeno il caso di dirlo; pensiamo semplicemente che esso debba obbedire a delle regole, che vanno trovate insieme, nella ricerca delle quali i circoli possono dare una mano. un discorso n di destra, n di sinistra; o meglio ha concluso un discorso sia di destra che di sinistra. un discorso damore e di rispetto. Ed un ar-

gomento da donne nel momento in cui un argomento da uomini. Pietro Congiu, presidente del circolo di Bolzano, si soffermato sui temi di attualit che riguardano lisola e, per quanto riguarda la salvacoste, si detto favorevole ai vincoli ma non alla legge, cos com congegnata, che li impongono. Per reperire risorse ha proposto i redditi degli emigrati devono essere tassati in Sardegna e non nel luogo di residenza. Maurizio Solinas, di Verona, ha detto che c bisogno di organizzazione e non solo di cultura, per far crescere i circoli e renderci pi utili alla Sardigna, ed ai soci che hanno bisogno di servizi. Non basta pi la dotta conferenza, lo spettacolo folk o lo spaccio dei prodotti agro alimentari sardi ha detto oggi necessario, ad esempio produrre contatti tra operatori commerciali sardi e continentali, fare bigliettazione navale ed aerea, organizzare pacchetti turistici. Senza trascurare la parte culturale, anzi potenziandola, questo tipo di esperienza ha portato lAssociazione di Verona a far rientrare i soci che da anni non si iscrivevano, ad aumentare di un terzo il numero degli iscritti (oggi siamo a 410 unit) e sono arrivati i giovani. Solinas ha rivolto un invito al Presidente della Regione (venga a trovarci, oppure obblighi gli assessori a visitare i circoli, cosi si rendono conto di persona che siamo ma linfa vitale per la Sardigna) e agli assessori del Lavoro, del Turismo e dellAgricoltura a prestare pi attenzione alle potenzialit dei circoli. Carlo Lai, consultore della Filef, ha portato il saluto della Faes, la Federazione delle Associazioni di Tutela. Ha giudicato ingenerosa la definizione di vecchie espressa nella relazione di Mulas a proposito delle associazioni. Il risultato del loro lavoro in oltre 40 anni di impegno ha detto qui in questa sala. Ma le associazioni non hanno esaurito il loro ruolo. sono ancora utili nei paesi lontani extraeuropei, in quelli di nuova emigrazione. Lai ha precisato che il problema del numero e della rappresentativit discende dalla legge 7/91 e ha sottolineato che la Faes opera sempre pi in nome e per conto delle singole associazioni. Franco Saddi, portavoce del circolo Amedeo Nazzari di Bareggio, dopo aver ricordato che il Popolo Sardo, fatto di gente molto orgogliosa e determinata, ha trovato la forza di andare via dalla propria amata terra per poter trovare unoccupazione degna per poter vivere serenamente, ma non per questo ha dimenticato la cultura e le tradizioni. Anzi, i sardi restano molto legati alla loro isola e ci ha favorito il nascere dei circoli dove ritrovano un angolo della loro terra anche lontano dalla Sardegna. Questi circoli ha aggiunto sono ora punto di riferimento anche per gli emigrati di nuova generazione, quelli che non partono pi con la valigia di cartone, ma sono lo stesso costretti a emigrare perch la nostra terra non offre lavoro nemmeno ai laureati. Lasciando cos lIsola sempre pi povera di cervelli. Saddi ha lamentato lesclusione dei giovani di seconda generazione dalle agevolazioni tariffarie per navi e aerei.
SEGUE A PAGINA 14

Speciale Emigrazione

LUGLIO 2006

13

la prima volta che si presenta davanti ad una platea cos affollata nel grande salone dei congressi dellHotel Executive di Milano, dove sono confluiti oltre 300 delegati dei Circoli della FASI, che celebra il suo 4 Congresso Nazionale. Tantissimi anche gli ospiti, giunti dallItalia e dallEstero e folta e qualificata la rappresentanza polita. Seguono i lavori anche i giornalisti delle principali testate ed emittenti sarde. Per rompere il ghiaccio, Maria Maddalena Salerno, Assessore Regionale del Lavoro, saluta in limba (saludos a tottus) e si scusa mi devo far perdonare delle mie assenze, non volute, alle vostre importanti iniziative. State facendo molto per la nostra Regione, ma anche per le regioni che vi ospitano dice e il vostro lavoro importante non solo per lintegrazione ma soprattutto per la divulgazione della nostra cultura. Spiega poi i motivi che sono alla base di tanti incontri mancati con il mondo dellemigrazione, primo fra tutti, la grave crisi che ha colpito alcune industrie sarde e quindi limpegno della Giunta e suo personale per salvare tanti posti di lavoro e tante buste paga. Quindi entra nel vivo, senza leggere appunti scritti, o relazioni preconfezionate, parlando a braccio. Ho letto il vostro documento congressuale e ne ho apprezzato i contenuti, che testimoniano dei progressi fatti dal mondo dellemigrazione, che cambiata, e degli emigrati sardi, che non sono pi visti solo come il bracciante partito per cercare un lavoro. E sono particolarmente contenta di vedere tra voi tanti giovani e tante donne. Arrivano i primi applausi e lintervento dellAssessore diventa dialogo, per fare una puntuale analisi della situazione e per valutare progetti e programmi da attuare. Il punto di partenza lappartenenza identitaria, come opportunit in un mondo sempre pi difficile dove il globale tenta di omologare tutto e tende a cancellare le diversit. Una globalizzazione dice lAssessore che causa di conflitti e di emarginazione. Noi, invece dobbiamo lavorare per costruire un Europa e un mondo di pace. Quello dellidentit, per gli emigrati un concetto fondamentale e gli applausi diventano intensi e insistiti quando Maddalena Salerno sottolinea questo concetto: Voi non siete quelli che stanno dallaltra parte. Noi siamo insieme il Popolo Sardo! I problemi dello sviluppo, delloccupazione, della continuit territoriale, della cultura e della lingua, della nostra storia, elencati nel documento congressuale, forniscono allAssessore lopportunit di illustrare la politica della Giunta regionale guidata da Renato Soru. Stiamo affrontando tutti questi problemi dice la Salerno per far fare un salto di qualit alla Sardegna. Abbiamo trovato una situazione economica difficile, oserei dire disastrosa denuncia lAssessore situazione che stata ulteriormente svilita dal Governo Centrale che non ci ha attribuito le risorse finanziarie che ci competevano. La disoccupazione in Sardegna intorno al 14%, e rischiamo di perdere ulteriore competitivit. La situazione mondiale complessa, le economie si

Quarto Congresso Nazionale FASI

Conoscere lemigrazione per centrare gli interventi


tori (ma Soru li chiama pi realisticamente prenditori) che hanno dilapidato le nostre risorse. Ma noi non vogliamo diventare n cinesi, n indiani, n marocchini, n rumeni, ma vogliamo che anche questi lavoratori abbiano dignit e trattamento economico come i nostri lavoratori in contratti collettivi di lavoro. In Sardegna continua a fornire dati lAssessore il 20% degli assunti sono precari (in base alla Legge Biagi). La Sardegna al primo posto per dispersione scolastica e allultimo per numero di diplomati e laureati. Una delle prime cose da fare la legge sulla riforma dellistruzione e della formazione professionale, riforma che in discussione al Consiglio Regionale: noi dobbiamo investire sulla risorsa umana. Unaltra riforma da fare subito quella sul mercato del lavoro, per dare certezze del futuro ai giovani e alle famiglie. Abbiamo stanziato 50 milioni di Euro per consentire ai nostri giovani laureati di fare master di specializzazione allestero, ma questi giovani devono tornare in Sardegna e mettere a frutto le loro professionalit acquisite: questo sottolinea lAssessore un investimento per la Sardegna. Nellelencazione dei problemi allattenzione della Giunta non pu certo essere trascurata la battaglia per la continuit territoriale, perch i sardi ha detto lAssessore hanno diritto alla mobilit, e voi siete quelli che incontrano maggiori difficolt, ma anche noi che abbiamo necessit di muoverci per motivi di lavoro siamo penalizzati; e in questa battaglia in cui siamo impegnati il vostro contributo determinante. Altro tema scottante quello delle servit militari. Finalmente gli americani vanno via da La Maddalena, anche se ancora non sappiamo di preciso quando. La Sardegna ricorda la Salerno la regione pi occupata da servit militari, ma noi vogliamo invece che questa centralit della nostra Isola nel Mediterraneo venga sfruttata come occasione di pace. Ma non solo le coste, tutto il nostro territorio, il nostro ambiente, deve essere salvaguardato, perch dobbiamo conservarlo per i nostri figli e per i nostri nipoti. Basta alle speculazioni e al cemento sulle coste. Lo sviluppo della Sardegna non pu essere quello delle seconde case: ci sono comuni costieri che destate passano da 1.500 abitanti a 70 mila. Noi ha detto lAssessore non vogliamo bloccare lo svi-

Lintervento dellassessore Maddalena Salerno - Indispensabile lindagine conoscitiva avviata dalla Regione - Voi non siete quelli che stanno dallaltra parte, siete il popolo sardo La politica della Giunta Soru per il rilancio economico della Sardegna

sfidano sul taglio dei diritti al lavoro, le imprese vanno via perch vanno ad investire in Cina, in India, in Marocco, in Romania, dove i lavoratori sono sfruttati. Noi vogliamo una Sardegna diversa, dove sia riconosciuto il diritto al lavoro, che sia competitiva, rispettosa dellambiente, dove lo sviluppo vada di pari passo con la salvaguardia dei valori della solidariet. Una vera ovazione saluta le parole dellAssessore quando annuncia lapprovazione della Legge (del 18 maggio 2006) da parte del Consiglio regionale che istituisce la Consulta per il nuovo Statuto e ne illustra i contenuti fondamentali: Nessun Nuovo Statuto dice pu essere scritto senza la vostra partecipazione. Due rappresentanti del Mondo dellEmigrazione infatti parteciperanno alla sua stesura, che dovr definire

tra laltro il ruolo degli emigrati nel nuovo sistema politico e la loro partecipazione vera alla gestione delle cose regionali. Addolcita la bocca pi facile far ingoiare la pillola, si dice, e cos pi facile affrontare il problema scottante dei tagli ai Circoli e alle Federazioni. Abbiamo trovato un forte indebitamento e abbiamo chiesto sacrifici a tutti, anche a voi con un taglio del 20% si giustifica lAssessore ma abbiamo prestato grande attenzione a non tagliare rispetto al sociale e al lavoro. Speriamo di avere risposte dallo Stato per le risorse che ci deve e che rispetti i nostri diritti. Senza certezza delle risorse finanziarie non si pu costruire il futuro ribadisce e ora il nuovo governo ci ha assicurato che i nostri diritti saranno rispettati. Il problema principale della Sardegna il lavoro. La disoccupazione si attestata intorno al 13% con un +1 (occupazione ) e un 1 (disoccupazione) , ma un dato superiore a quello nazionale ed europeo. E chi non ha un lavoro sottolinea la Salerno non ha libert, non ha socialit e spesso non ha neanche dignit. Ecco perch bisogna puntare ad uno sviluppo economico che crei nuova e stabile occupazione. In Sardegna sono venuti molti imprendi-

luppo turistico, ma vogliamo che sia nel rispetto dellambiente e del territorio. Lambiente per noi una ricchezza inestimabile e non possiamo permettere che ce la rubino, che ce la distruggano. Infine un accenno alla riforma burocratica della Regione, per dare trasparenza alloperato della giunta (basta con enti inutili e consigli di amministrazione che succhiano soldi e non producono nulla) e per sfatare limmagine di una regione accentratrice. Stiamo lavorando per una Regione che cresca anche con la comunicazione e con linformatizzazione per dare risposte ai cittadini (dopo unora che la Giunta ha approvato un provvedimento, lo si pu trovare subito su Internet) e in questa direzione va vista anche la legge sul decentramento, approvata dal Consiglio Regionale, che attribuisce pi risorse e pi autonomia agli enti locali. Dai grandi temi generali a quelli particolari e pi inerenti il mondo dellemigrazione, sul ruolo dei Circoli e delle Associazioni, sui giovani e sulle donne, sul censimento della comunit sarda nel Mondo. Credo che sarebbe gravissimo se venissero cancellate queste strutture dice lAssessore Salerno i circoli devono rimanere e la Regione deve lavorare assieme a voi per consentire di costruire il futuro. I Circoli vanno potenziati, e occorre che ci sia una interrelazione con altre istituzioni, con altre finalit per il reperimento di risorse. Esiste un problema di ricambio generazionale che va affrontato promuovendo attivit appetibili per i giovani ha detto ancora lAssessore ma va riconosciuta lesperienza degli anziani. Alla base delle attivit rimane limpegno culturale e sociale e di volontariato, ma non va trascurato il profilo economico. Giovani e donne, ne vedo qui numerosissime e presenti: le donne sono quelle che portano una ventata di novit, perch portano i valori, e quelle sarde in particolare perch portano i valori della sardit, perch portano lesperienza di vita. Le donne possono davvero cambiare il mondo e devono contare di pi anche nel Mondo dellEmigrazione, devono entrare nei direttivi dei Circoli. Avviandosi alla conclusione lAssessore Salerno ha detto che ormai inderogabile la necessit di fare una nuova legge per lemigrazione: quella che c, era una buona legge, ma ora va cambiata perch cambiata lemigrazione. Oggi non abbiamo dati quantitativi e qualitativi su quali siano i bisogni dei sardi nel mondo e noi abbiamo invece necessit di conoscere il nostro mondo, perch ci sono emigrati eccellenti, ma anche emigrati emarginati, e il censimento che abbiamo avviato non tanto perch ci interessa il numero dei sardi sparsi per il mondo, quanto perch ci interessa conoscere i loro bisogni per fare politiche mirate e risolvere i vostri problemi. Pi assessorati comunque, devono guardare allEmigrazione, non solo quello del Lavoro. Vi voglio incoraggiare dicendo che la Regione vicino a voi ha concluso ed la Regione che ha pi bisogno di voi di quanto voi ne abbiate della Regione. E cos come aveva iniziato Maddalena Salerno si accomiata con un ringraziamento e un augurio in limba A attros annos mezzus, cun salude e fortuna.

14 L

UGLIO

2006

Speciale Emigrazione
La relazione di Tonino Mulas

Io spero che, insieme, a partire da questo Congresso FASI, nel dialogo che abbiamo ripreso tra Federazioni e Circoli ha detto nella sua relazione Tonino Mulas mettiamo insieme unanalisi comune per recuperare unit e perci affrontare meglio i problemi, ottenere i risultati e nello stesso tempo aumentare la possibilit di far vivere oggi e domani il nostro movimento. Mulas ha posto laccento sul fatto che per la prima volta i Sardi e gli Italiani nel Mondo hanno votato, esercitando un diritto democratico. Per un fatto non prevedibile, quasi un segno del destino ha aggiunto il loro voto ha assunto una valenza determinante. Ne derivata grande visibilit: grande peso politico. Siamo felici e ci sentiamo parte di questo movimento. Mulas si poi soffermato su vecchia e nuova emigrazione. Conosciamo pi la vecchia ha detto mentre dobbiamo avere dati, valutazioni, strumenti dinchiesta per conoscere la nuova: la realt dei figli, che necessariamente diversa da quella dei padri, la realt dei nuovi lavoratori. Della vecchia emigrazione ha detto abbiamo visto i drammi, ma anche il loro superamento. Quegli emigrati, credendo nei principi della solidariet, del comunitarismo, con limpegno del loro volontariato, hanno creato storicamente i circoli. Ma anche pensando al futuro, dobbiamo vedere i circoli come strumenti di promozione e di rappresentanza degli interessi della Sardegna. Non sono organismi parassitari: restituiamo gi con gli interessi quello che ci viene dato. Siamo strumenti di promozione culturale della Sardegna, promozione economica attraverso il turismo, strumenti di servizio per i soci, ma siamo anche, collettivamente, soggetto politico. Non siamo soggetti di partito, n di schieramento. Non dobbiamo esserlo anche se ognuno di noi, se vuole,

Quarto Congresso Nazionale FASI

Il futuro nell'unit di Circoli e Federazioni


della questione delle regole e della rappresentanza, soffermandosi sullesclusione della FASI dallUfficio di Presidenza della Consulta. giusto si chiesto che 70 circoli siano esclusi da un Ufficio di Presidenza che ha lenorme compito e responsabilit di impostare politiche dellemigrazione e i provvedimenti annuali concreti che riguardano anche la ripartizione delle risorse? Io credo di no. Perch successo? Forse anche a causa di errori nostri, forse perch si era interrotto un dialogo, soprattutto fra noi delle Federazioni, tra i circoli italiani e quelli esteri. La questione delle risorse una delle incomprensioni che ci ha diviso. Nel 2005 i nuovi criteri di attribuzione dei fondi avevano portato alla diminuzione delle risorse per alcune federazioni, mentre lItalia non aveva avuto decurtazioni, ma anzi un incremento. Questo ha creato preoccupazioni e forse sospetti. I nuovi criteri del Piano Triennale, applicati nel piano del 2006, sono drammatici per la FASI. C il rischio di un tracollo storico per tutti i circoli italiani. Urge trovare una soluzione diversa, tutti insieme. Bisogna restituire alle Federazioni la funzione e anche la responsabilit di valutare i circoli con criteri precisi. Mulas ha ricordato che sempre stato applicato il criterio della rotazione, per lassegnazione dei progetti regionali pi complessi, fino allevoluzione attuale dove per l80 del Nobel a Grazia Deledda, pur mantenendo un coordinamento centrale, prevista unarticolazione fra i circoli di almeno 20 progetti tra grandi e piccoli, di cui 10 gi realizzati o in corso di realizzazione. Ecco perch dico allAssessore Maddalena Salerno, pur non contestando il suo obiettivo di fondo di rendere tutto pi trasparente e di mettere ordine ha sottolineato Mulas che il rischio maggiore, se non si valorizza il ruolo delle Federazioni e dei circoli, che si torni indietro. Ha poi posto il problema della richiesta allapertura di nuovi circoli. Ha quindi affrontato la questione del rinnovamento e del-

pu impegnarsi politicamente. Avere esponenti nelle istituzioni vuol dire anche pi forza nel sostenere gli interessi del nostro movimento. Mulas ha ricordato le mobilitazioni per la continuit territoriale, per la difesa dellautonomia e a sostegno degli interessi della Sardegna, la partecipazione alla manifestazione di Roma nella vertenza contro lo Stato per le entrate fiscali. Ha poi rimarcato il grandissimo evento dellaccettazione del principio di partecipazione degli emigrati allelaborazione del nuovo Statuto. Ha parlato anche

lapertura ai giovani. Senza una rivoluzione culturale e generazionale, i circoli sono destinati a finire entro pochi anni: questione di vita o di morte. Non facile invertire la tendenza perch i giovani non condividono, per idee costumi e interessi, che sono naturalmente diversi, gli ambiti di impegno sociale o del tempo libero dei padri. Ma oltre a questo dato oggettivo, esiste anche una resistenza, nei casi peggiori unintolleranza, verso i giovani. La soluzione una sola: la condivisione di responsabilit e la coesistenza fra vecchie e nuove generazioni magari nella distinzione di aree di lavoro e di spazi fisici e temporali. Credo che sia chiaro che lobiettivo del rinnovamento non pu essere quello di emarginare gli anziani. Non c dubbio che gli anziani, i pensionati, siano la spina dorsale dei circoli, dal punto di vista dellimpegno e del lavoro. I vecchi soci possono e devono creare le condizioni per laccoglienza dei giovani, linserimento e infine la successione. I pionieri, se sono saggi, hanno linteresse a dimostrare che non hanno costruito castelli di sabbia, ma strutture sociali, che possiedono al loro interno la vitalit e la forza per rinnovarsi. Lapertura ai giovani e la valorizzazione delle donne, non come angeli del focolare, ma come dirigenti capaci, sono decisive per il futuro. Noi come FASI siamo colpevolmente indietro anche rispetto alle Federazioni dei Sardi allEstero. Basti pensare al numero di presidenti donne in Germania e in Argentina. Concludendo, voglio ricordare le parole di Emilio Lussu, nel luglio 1944 nel suo primo discorso rivolto ai sardi, a Cagliari: sentiamo che avremo delle grandi ore da vivere insieme. Noi le vivremo da sardi, da italiani, da europei. E oggi possiamo aggiungere, nellera della globalizzazione, da sardi nel mondo. Fortza paris!

SEGUE DA PAGINA 12

Il presidente onorario Filippo Soggiu, nel suo lungo intervento - lui che ha alle spalle oltre 50 anni di emigrazione, a Pavia, dove tuttora vive ha ricordato la fase gloriosa di accoglienza ai nuovi emigrati che negli anni 60 e 70 andavamo a ricevere nelle stazioni ferroviarie sia in Italia che allestero, per offrire loro il sostegno per superare le difficolt del primo inserimento. Ha poi ricordato gli anni travagliati del grande esodo degli oltre 500mila corregionali, e i pi significativi convegni organizzati a Pavia a cominciare da quello su I problemi storici della Sardegna, al quale parteciparono quasi tutti i presidenti dei circoli sardi in Italia e il presidente della Regione Mario Melis. Quello, secondo me, stato lanno della svolta in senso culturale dellemigrazione sarda organizzata in Italia. Soggiu ha poi parlato del settore trasporti per gli emigrati sardi, di cui responsabile, ricordando le proteste guidate da Tullio Locci nel porto di Genova e le battaglie con la Tirrenia, la conquista della Corsia Preferenziale, fino ai recenti accordi di agevolazione tariffaria stipulati con Grimaldi, Moby Lines, Sardinia Ferries e Lloyd Sardegna i cui sconti vanno dal 30 al 40%. Per quanto concerne la conti-

nuit territoriale del trasporto aereo, ha ricordato la battaglia per attivare nuove rotte su Bologna, Firenze, Torino, Verona, Napoli e Palermo. Soggiu ha ricordato che la FASI titolare al 50% dellagenzia Eurotarget Centro Servizi FASI. Abbiamo comunque realizzato il sogno di sempre, di avere autonomia operativa e ritorno Ha concludo con una riflessione sulla Consulta dellemigrazione, lamentando lesclusione del rappresentante della FASI dallUfficio di Presidenza, un organismo importante perch la sede ove si discute e a volte si decide la politica dellemigrazione. Luciano Locci, di Savona, Coordinatore dei circoli del NordOvest, dopo aver letto il messaggio di Tullio Locci ha fatto alcune considerazioni, ricordando che il padre ha sempre predicato che lunica politica nei nostri circoli e nei nostri congressi la politica dellEmigrazione. Per questo - ha proseguito - non mi sono piaciuti la parte introduttiva dellintervento del presidente della Seconda Commissione e tanto meno quello dell assessore Salerno. Locci ha invece espresso apprezzamento per lintervento dellon. Pisu che ha toccato direttamente i problemi dellemigrazione. Abbiamo tutti apprezzato il suo contributo e la sua passione. La ringrazio e la ringraziiamo tutti sapendo che in lei

troveremo un amico. Ha poi rivolto allassessore Salerno linvito a rileggere con attenzione le tesi congressuali e di seguire di persona le manifestazioni organizzate dai circoli sardi. Solo cos potr conoscerci e ridarci fiducia. Il nostro movimento ha concluso - senza la rete con la Regione non ha futuro. Pi del contributo finanziario il nostro movimento ha bisogno della vostra collaborazione. Paolo Pulina, di Pavia, responsabile di Informazione e Cultura della Fasi, ha preso lo spunto da un passo del documento congressuale in cui si afferma: Una fase storica dellemigrazione si esaurita, quella de su disterru, nel suo significato di sradicamento. Oggi

si parla sempre pi e giustamente, di sardi fuori Sardegna e lemigrazione diventa mobilit lavorativa, trasferimento, in contesti culturali sempre pi simili, per affrontare la questione sollevata da alcuni sardi residenti all estero che non riconoscono ai sardi in Italia lo status di emigrato. Le tribolazioni a livello di adattamento socio-culturale non sono state esclusiva dannazione dei sardi che hanno valicato i confini dellItalia nei decenni passati ma hanno riguardato anche coloro che si sono, come si dice, sistemati in continente. Se i sardi da decenni iscritti ai nostri circoli sentono lorgoglio di riuscire a far comunicare la cultura del luogo di residenza con quella

della regione di origine perch capiscono che queste iniziative di interscambio sono la dimostrazione che essi hanno raggiunto un grado di confidenza, di familiarit non solo con le autorit civili, religiose e militari ma anche con i valori identitari di quellambito geograficamente e storicamente determinato in cui si sono trovati a operare fuori della Sardegna. Lorgoglio quindi connesso al fatto di aver completato un faticoso cammino e di essersi gettati alle spalle le difficolt delliniziale ambientamento, sicuramente poco gratificato dalle attenzioni, anzi reso spesso angoscioso dal sospetto e dalla diffidenza della gente del luogo. In definitiva, solo quelli che non solo rappresentano ma addirittura incorporano due culture sentono limpegno morale a diventare protagonisti di unazione interculturale. Simone Pisano di Pisa, il giovane vicepresidente uscente della Fasi, si detto convinto della necessit di aiutare i giovani a crescere, soprattutto culturalmente. Perch la cultura ha detto il volano principale per la nostra trasformazione. Rendiamoci conto che noi giovani stiamo rendendo un servizio alla nostra Sardegna: basti pensare al progetto su Grazia Deledda, un disegno di avanguardia, che nellisola, finora, stato ignorato
SEGUE

Speciale Emigrazione
Il presidente della Federazione dei circoli sardi in Olanda, Mario Agus, dopo aver espresso apprezzamento per lintervento di Tonino Mulas, ha sottolineato i profondi cambiamenti intervenuti nel mondo dellemigrazione e ha auspicato interventi per superare le difficolt e garantire la continuit dei circoli e delle federazioni. Ho sentito lintervento dellassessore Salerno ha proseguito Agus e devo dire con molta sincerit che le parole non servono sempre a garantire allemigrato il rispetto dei diritti che cancellano le differenze sociali, culturali e anche politiche. Agus ha rilanciato lesigenza dellunit del mondo dellemigrazione per costruire le condizioni che consentano a Federazioni, circoli e associazioni di poter svolgere il loro compito. Il presidente della Federazione olandese ha riproposto la questione della modifica alla legge 7, il riconoscimento di un ruolo diverso per gli emigrati, una rivisitazione della legge istitutiva della Consulta. Il volontariato ha ribadito e resta lanima del nostro mondo, siamo e dobbiamo continuare a essere associazioni senza scopo di lucro. Il presidente della Federazione dei circoli sardi in Belgio, Efisio Etzi, ha focalizzato il suo intervento su alcuni punti. Primo fra tutti il grande risultato rappresentato dal riconoscimento di una presenza del mondo dellemigrazione nella Consulta per lo Statuto. A nessuno sfugge limportanza di tale riconoscimento ha detto Etzi per quello che riguarda il mantenimento e lo sviluppo dei legami sociali e d economici con lIsola, promuovendo la partecipazione alla vita della comunit regionale. Altro punto su cui Etzi ha soffermato la riflessione il voto degli italiani allestero e ha lamentato la mancanza di iniziativa dellemigrazione sarda organizzata per far eleggere un rappresentante sardo in Parlamento. Da questa esperienza ha detto dobbiamo trarre insegnamento perch non si ripeta in futuro. Gavino Maieli, di Bergamo ha posto laccento sulla questione dellidentit e della lingua sarda, sostenendo che lidentit i sardi se la devono prima riconoscere tra di loro se vogliono che sia poi riconosciuta dagli altri. Per quanto riguarda la difesa della lingua ha ricordato i meriti del Premio Ozieri e della rivista SIschiglia nel difendere e preservare sa limba quando ancora non cera una legge che la tutelava. Le Donne Sarde nel mondo, sempre pi integrate nelle strutture sociali, economiche e persino politiche dei paesi di accoglienza ha detto nel suo intervento Pierangela Abis, coordinatrice del movimento donne della Fasi - contribuiscono con la loro presenza ad accelerare il processo di internazionalizzazione della Sardegna caratterizzandosi come strumento prezioso di penetrazione culturale e politica, con enormi riflessi positivi a beneficio della nostra Isola. Abbiamo potuto ammirare questo variegato e composito universo femminile ha ricordato al Convegno di Padova lo scorso ottobre sulle Donne Sarde nel Mondo sui temi: Identit, Cultura e Solidariet LAutorit femminile nellemigrazione. Il ruolo della donna infatti fondamentale ha concluso Abis per favorire linserimento dei

LUGLIO 2006

15

Quarto Congresso Nazionale FASI

giovani e garantire cos continuit alle nostre organizzazioni, portando avanti anche una battaglia culturale, perch ci sia il passaggio di questa eredit. E quindi il momento per le donne di impegnarsi ad assumere ruoli istituzionali nei consigli direttivi e nelle presidenze dei circoli e delle federazioni. Carla Cividini Rocca, presidente del circolo di Cinisello Balsamo, ha posto laccento sul problema dei giovani ricordando che la realt delle citt sedi di universit completamente diversa da quella di altre citt. Io ha soggiunto non ho una ricetta sul come favorire linserimento dei giovani. E ha chiesto: dove finita la sardit che avete inculcato ai vostri figli? se venisse almeno uno per famiglia i circoli sarebbero pieni. Per sardit ha chiarito non intendo andare in ferie in Sardegna o ascoltare musica sarda ma rimboccarsi le maniche e lavorare gomito a gomito con i consiglieri anziani. Cividini Rocca ha poi definito un falso problema quello della percentuale di non sardi che possono diventare soci. Limportante ha concluso che il circolo continui ad essere sardo e coinvolga pi persone ad apprezzare la nostra Sardegna, il suo territorio, i suoi prodotti, le sue tradizioni e la sua cultura. Antonello Argiolas, Magenta, ha letto il documento della Circoscrizione Lombardia, elaborato da Giovanni Loi, Gavino Maieli, Paolo Pulina - soffermandosi su alcune questioni di cruciale importanza per il movimento dellemigrazione sarda. Abbiamo considerato e continuiamo a considerare grave lespulsione di una rappresentanza della FASI dallUfficio di Presidenza della Consulta Regionale per lemigrazione. Non crediamo che la migliore salvaguardia degli interessi dei sardi emigrati nella Penisola possa essere affidata ai rappresentanti delle Associazioni di Tutela con sede in Sardegna o solo ai rappresentanti di Federazioni attive in Paesi non aderenti allUnione Europea o in Paesi extraeuropei. Bisogna perci mettere mano urgentemente alla

revisione e alladeguamento dellattuale legge sulla Consulta regionale per lemigrazione in modo che vengano rispettati criteri di equilibrio nellassegnazione delle cariche elettive che, per esempio, rendano impossibile lestromissione dallUfficio di Presidenza della FASI, che coordina 68 circoli nella Penisola e che di fatto organizza met degli emigrati sardi nel mondo. Nel documento illustrato da Argiolas, si riafferma il concetto che superato il riferimento al solo Assessorato del Lavoro. I referenti della multiforme attivit degli emigrati non possono pi essere solo gli uffici dellAssessorato del Lavoro. Propongono listituzione di unAgenzia o Dipartimento o Ufficio venga coadiuvato da una Consulta presieduta da un emigrato. Anche la Consulta deve diventare uno strumento pi agile ed efficiente, che sia pienamente rappresentativo dei circoli e delle Federazioni. Il mondo dellemigrazione conclude il documento - il mondo del volontariato e non pu essere considerato la rete degli uffici commerciali della Regione. Il presidente della Federazione dei circoli sardi in Francia, Francesco Laconi, ha ricordato le numerose e innovative iniziative fatte dai circoli sardi in spirito di volontariato e ha ribadito che non vogliamo essere visti come quelli che chiedono assistenza, ma come quelli che fanno proposte. Anche Laconi ha espresso apprezzamento per il modo con cui stato superato il periodo di turbolenza e si ritrovata lunit del movimento dellemigrazione per individuare una direzione, un sogno, un progetto. Giovanna Corda, esperta della Consulta residente in Belgio, ha raccolto numerosime fografie messe a disposizione da 25 famiglie. Partono dal 1946 e molte ritraggono famiglie e consuetudini sarde. una storia dellemigrazione di grande interesse, che sar oggetto di una mostra specifica. Ha poi letto, in francese, una dolce poesia da lei composta (Grazie babbo, grazie mamma) che Tonino Mulas ha tradotto verso dopo verso. Il pubblico ha ap-

prezzato e ha seguito commosso. Sebastian Orr, giovane e dinamico amministratore dellAssociazione Culturale dei Sardi in Toscana ha illustrato lattivit svolta dal centro servizi dellAcsit Promosardeg, nato e fondato su sua iniziativa per dare una risposta alle deboli e instabili finanze del circolo e per dare al socio la possibilit di poter accedere ad un servizio curato e innovativo. Ha ringraziato Gianni Casu, presidente del Circolo Raimondo Piras di Carnate che stato il promotore del servizio. Paola Atzeni docente universitaria e anche lei esperta della Consulta (la nomina di competenza del Consiglio regionale) si rivolta soprattutto alle donne, che lhanno seguita con grande attenzione. Il nuovo Statuto sardo ha detto, tra laltro, nella sua approfondita relazione dovrebbe comprendere la valorizzazione delle autonomie a vari livelli. Ci in un rinnovato sistema che valorizzi le speciali peculiarit, originalit, creativit in cui si esprimono le persone e le societ locali, con le loro personalit culturali, individuali e collettive nelle varie dislocazioni. Caloroso il saluto dei sardi dAmerica portato da Gianni Deriu, originario di Pozzomaggiore e consultore per gli Stati Uniti. Deriu ha ricordato che vive negli USA da 55 anni e che da cinque anni, grazie alla determinazione di Bruno Orr, stato costituito il circolo Shardana nel New Jersey in parte per appagare questo struggente desiderio che affanna noi sardi di sentirci vicini, ma anche per far conoscere la Sardegna e le sue bellezze ai nostri amici americani. Tra tutti noi che viviamo fuori dalla Sardegna ha detto Pietro Schirru, consultore dellAustralia - sono colui che viene da pi lontano. Eppure, tanto per sgombrare subito il dubbio che questa enorme distanza che separa noi sardi in Australia dalla Sardegna possa aver provocato un affievolirsi del legame con lIsola, posso tranquillamente dire che quella distanza ha funzionato in modo inversamente proporzionale per rafforzare il legame, laffetto, la nostalgia, il desiderio e lorgoglio di sentirsi sardi. Schirru ha poi espresso apprezzamento per il passaggio della relazione di Tonino Mulas in cui ha accennato al processo in atto per il quale i Circoli Sardi cominciano anche ad essere Circoli del territorio, coinvolgendo quindi anche cittadini di diversa estrazione regionale e magari anche di altra nazionalit. Ebbene questo processo che considero evolutivo riguarda anche i Circoli Sardi in Australia che proprio per alcune specificit dei loro progetti culturali attraggono linteresse di persone che apprezzano e amano la Sardegna ma che sarde non sono.

Concludo qui con una certezza in pi rispetto a due giorni fa ha detto Schirru - laver trovato noi Consultori una coesione nella scelta delle due persone che ci dovranno rappresentare nella Consulta per la Riforma dello Statuto Regionale la prima testimonianza del successo di questo vostro Congresso. Carlo Sanna, presidente regionale dei cinque circoli sardi in Friuli, difende lassessore Salerno di cui alcuni interventi ha detto hanno messo in discussione, in maniera acritica, alcune posizioni. Ha ricordato il Congresso di Olbia di otto anni fa e denunciato una perdita eccessiva di tempo. Adesso bisogna recuperare, nellauspicio che i governi, sia quello nazionale che quello regionale, mantengano gli impegni assunti con il popolo sardo. Il presidente dellAssociazione Sarda Tellus di Genova, Virglio Mazzei, ha espresso apprezzamento per la relazione di Tonino Mulas e si detto certo che sia ormai superata lepoca dei piagnistei che per troppo tempo hanno caratterizzato i nostri interventi nelle varie assemblee. Dobbiamo sollecitare gli Organi Istituzionali a tenere conto delle nostre istanze ha detto Mazzei - ma anche ora che ognuno di noi cerchi nuove soluzioni per far fronte alle esigenze del proprio Circolo. Si poi soffermato sul problema dei giovani. Tutti noi sappiamo le difficolt che si incontrano per coinvolgere le nuove generazioni nellattivit dei Circoli, nonostante limpegno che i presidenti e i Direttivi pongono sulla questione. Una buona soluzione stata trovata dalla FASI che ha ottenuto da alcune Societ di navigazione la riduzione sui costi dei biglietti da e per la Sardegna anche per i figli dei sardi non nati in Sardegna. solo la Tirrenia che a partecipazione statale, non riconosce tale beneficio ai figli dei sardi se non compresi nello stato di famiglia del genitore sardo. Comunque circa il 10% dei giovani nuovi tesserati di seconda generazione frequenta, anche se saltuariamente, il Circolo. Mario Ledda del circolo di Fiorano (sar eletto nel direttivo in qualit di revisore dei conti) si soffermato, oltrech sul concetto di solidariaret, il motore che muove i circoli, anche su quello, pi pratico, della commercializzazione: La produzione dellisola ha detto non devessere indirizzata ai sardi, ma ai continentali, cui dobbiamo spiegare cosa il prodotto genuino, e, soprattutto, cosa la Sardegna. Franco Goddi da Orune, del circolo Peppino Mereu di Siena, sezione Torrenieri, ha portato al Congresso della Fasi la voce del mondo agropastorale, mettendo in risalto la solidariet come valore fondante. Prima di me hanno parlato laureati, diplomati, politici e presidenti, e hanno detto tante belle parole, che io magari non saprei mettere insieme, ma nessuno ha detto Goddi si ricordato della solidariet, valore attorno al quale si sviluppata la societ sarda. Avete dimenticato quali sono le vostre origini: i vostri genitori, i vostri nonni erano dei pastori e agropastorale la civilt dalla quale veniamo. Non possiamo pensare di far crescere i nostri circoli e di promuovere la cultura dellIsola ha
SEGUE A PAGINA 19

16 L

UGLIO

2006

Speciale Emigrazione

giovani ci sono e ci saranno, e non solo per questi tre giorni di Congresso. Con queste parole, pronunciate dopo i saluti e i ringraziamenti di rito, Giuseppe Tidore, intervenuto ufficialmente al Congresso della FASI , dopo la sua elezione a presidente del Coordinamento Nazionale Giovani, ha dato la risposta che il mondo dellEmigrazione pi si attendeva. la risposta, appunto, che le nuove generazioni sono pronte a dare il loro contributo fattivo, insieme al loro impegno, perch i Circoli e le Associazioni abbiano un futuro, e non si disperda quel grande patrimonio di esperienze, n quanto stato finora costruito dai padri e dai nonni in quasi mezzo secolo di attivit. E prima che a parole, la risposta c stata nei fatti, con una massiccia partecipazione. Erano addirittura una cinquantina tra delegati e soci dei vari Circoli, uomini e donne, che si sono riuniti per fare proposte, esporre situazioni ed esperienze personali, per confrontarsi e dibattere sul loro ruolo e nel contempo per impegnarsi, per mettersi in gioco. Siamo consapevoli dellimportanza del ruolo che siamo chiamati a rivestire allinterno della Federazione ha detto Tidore un ruolo che peraltro ci ampiamente riconosciuto dal Piano Triennale approvato dalla Regione Sardegna, il quale prevede che il 50% dei fondi erogati alle Federazioni debba essere dedicato ad attivit promosse e realizzate dai giovani e dalle donne. Giuseppe Tidore ha quindi illustrato le linee del programma. I primi atti del nostro operato saranno la creazione di una rete di collegamento tra tutti i gruppi dei giovani dei Circoli, che consenta uno scambio di informazioni ha detto il neo Coordinatore conseguenza di questa rete sar la condivisione dei nostri progetti tra le diverse Associazioni. Per realizzare questi obiettivi ha sottolineato abbiamo bisogno anche della collaborazione dei Presidenti e dei Consigli Direttivi, ai quali chiediamo che si impegnino a nominare almeno un referente giovane in ogni realt. Chiediamo inoltre, ufficialmente, che il nuovo Esecutivo della FASI si faccia promotore dei una innovazione: riteniamo importante che ad ogni riunione di Circoscrizione venga invitato il responsabile giovani della relativa Circoscrizione o un suo delegato. Giuseppe Tidore, che stato tra i protagonisti dellincontro tenutosi lo scorso mese di dicembre ad Arnhem, in Olanda, tra i giovani delle Federazioni Estere, ha evidenziato la ineluttabilit di un processo di internazionalizzazione. Sappiamo che gli obiettivi che ci siamo prefissi sono ambiziosi ha concluso Tidore ma riteniamo di poter contare sullimpegno di tutti i componenti del Coordinamento ed inoltre siamo sicuri di poter contare sulla esperienza e sul sostegno di coloro che ci hanno preceduti e che non negheranno di mettere a nostra disposizione. Dopo aver rivolto un saluto al Congresso, Tidore ha voluto ringraziare per il lavoro svolto in questi anni Simone Pisano, coordinatore uscente, e il presidente della FASI, Tonino Mulas, che ha fortemente voluto una cos folta partecipazione delle nuove generazioni a questo Congresso. toccato a Simone Pisano, Co-

Quarto Congresso Nazionale FASI

Si fanno avanti le nuove generazioni


nea i miei genitori sono emigrati in Svizzera e l ho vissuto esperienze simili a quelle che oggi vivono gli immigrati. Perci credo sia molto importante un dialogo inter culturale, con i popoli che spiegano chi sono. Credo molto nei gemellaggi: c bisogno di centri culturali laddove si fa cultura. Un esempio: ad Urzulei venuto un australiano che stato l un anno, ha fatto un film sulla realt locale che ha vinto un premio negli Stati Uniti ed ora materia di tesi al DAMS di Bologna. Mi piacerebbe un gruppo che faccia un documentario sullalcolismo: non voglio pi vedere giovani che in Sardegna dalla mattina alla sera stanno a bere nei bar. In Sardegna occorre fare pi ricerca, bisogna attivare dei master per poter far rientrare noi giovani nellIsola a lavorare. Mio fratello si laureato in ingegneria al Politecnico di Torino, ma in Sardegna non trova occupazione. Giancarlo Palermo, il Presidente del Circolo di Bologna : lemblema del ricambio generazionale. Mi ritengo fortunato dice perch ho ricevuto lappoggio totale da parte degli anziani, anche se il percorso stato lungo e impegnativo prima di guadagnarmi la fiducia dei soci. Attualmente siamo 5 giovani su 9 componenti del direttivo. Gli anziani lo ripeto stanno dando sempre pi spazio ai giovani: sta a noi fare un piano comune per cercare di sostenere i Circoli e per subentrare nella loro gestione. Rospi anche io ne ho ingoiato, ma sono andato avanti. Molti giovani sardi che ho invitato a partecipare mi hanno dato risposte sconfortanti, tipo me ne sono andato dalla Sardegna per tornare in uno zinneri. Certo ha detto Palermo non dobbiamo occuparci solo di folklore, launeddas e canti a tenores, dobbiamo valorizzare anche quei giovani sardi che fanno teatro, che suonano in complessi moderni Infine un invito a tutti: aiutiamo anche i vecchi, dialoghiamo con gli anziani e cerchiamo di carpire da loro la storia che hanno dietro. Giuseppe Tidore, vice presidente del Centro Culturale di Milano , non ha avuto remore a dire che i giovani si impegnano solo quando entrano nella stanza dei bottoni e di conseguenza devono prendersi maggiori respon-

Folta partecipazione di giovani al Congresso della FASI Entra nellEsecutivo anche il loro Coordinatore nazionale

ordinatore uscente, il compito di presiedere lAssemblea dei giovani e di introdurre un dibattito interno prima di eleggere il nuovo Coordinamento Nazionale, il suo Coordinatore, e quindi stilare il documento finale da portare al Congresso. Dopo aver ricordato i primi difficili passi del movimento giovani, dal primo incontro di Bologna e poi di Milano, Pisano ha evidenziato come ci sia stata comunque una crescita ed ha sottolineato come nel tempo i giovani siano entrati nei direttivi dei circoli ad operare e che un giovane sia delegato in seno al Direttivo della Federazione. Nei circoli ha detto Pisano la maggior parte dei dirigenti sono pensionati ed hanno pi tempo di noi giovani da dedicare, noi abbiamo meno occasioni di partecipare, c quindi discontinuit, dobbiamo impegnarci di pi. Per me ha poi aggiunto Pisano lesperienza in seno alla Fasi (ne era il vice Presidente, oltre che coordinatore dei giovani ) stata molto positiva , stata una scuola reale ed ho avuto lopportunit di confrontarmi con molte persone e di conoscere e capire tante cose.

La prima ad intervenire stata Sabrina Schiesaro, di Vigevano, una delle giovani storiche (cero a Bologna, nel 1999). Esiste un problema generazionale ha detto ma dobbiamo renderci conto che siamo noi il gruppo dirigente di domani. Approfittiamo quindi dei Circoli che ci mettono le loro strutture a disposizione. Spetta a noi prenderci carico dei problemi . Anche se il mio cognome non vi suona sardo vi saluto in sardo chi puru si so naschida in Lombardia, so sarda in su koro. La categoria giovani ha detto variegata , va dai 20 ai 31 anni, di seconda e terza generazione. Il coordinamento esiste se esistono le realt locali. Bisogna superare gli ostacoli, non arrendersi alle prime difficolt , io di rospi ne ho ingoiati parecchi, ma se me ne fossi andato, ora non sarei qui. Donatella Fancello, originaria di Dorgali, socia del Circolo Kinthales di Torino, ha parlato del suo impegno nel sociale presso il Centro Culturale Italo Arabo : Io vivo a Porta Palazzo, uno dei quartieri sensibili diciamo cos - della capitale piemontese. Vivo l per mia scelta sottoli-

sabilit. Noi a Milano abbiamo collaborato con la Fasi per fare convegni, proiettare film, abbiamo ospitato il concerto di Paolo Fresu ha ricordato . Si fatto tanto, a mio parere, ma si deve fare ancora di pi e il coordinamento in tempi di magre risorse un fatto imprenscindibile. Credo che il 50% dei fondi delle Federazioni deve essere dato alle iniziative dei giovani e delle donne. Sebastian Orr, un sardo di terza generazione ed entrato dal gennaio di questanno a far parte del direttivo del Circolo di Firenze con mansioni di amministratore. piuttosto dinamico ed il direttore del Promo Sardegna che offre servizi alle aziende e servizi turistici. Ci stiamo autofinanziando ha detto con gli introiti dei servizi che forniamo e siamo passati da un fatturato di 18 mila Euro a 4,5 milioni. Abbiamo cercato di dare stabilit economica al Circolo e abbiamo aumentatogli iscritti, ne abbiamo cento iscritti in pi. Credo che bisogna sviluppare la Sardegna come azienda, non solo mare e agosto. Non penso che il problema della disoccupazione si possa risolvere cancellando la Legge Biagi ha detto ancora Orr Il vero problema quello di creare aziende in Sardegna e di farle restare in Sardegna. Non solo commercio, comunque, ma anche attivit culturali: ci sono una quarantina di studenti universitari che fanno parte del gruppo ISOLAS, che svolge attivit culturali; tra laltro abbiamo partecipato alla rassegna del cinema Sardegna per immagini. Lucio Baule ha rappresentato una situazione diversa. Quella del Circolo di La Spezia una realt problematica ha detto perch i soci sono saltuari, nel senso che l80% degli iscritti sono della Marina Militare, gente che periodicamente viene trasferita e che viene alternata da altri militari. evidente che questo discorso vale anche per i giovani, che si spostano con le rispettive famiglie. Non abbiamo soci universitari ha detto Baule il tasso culturale dei nostri soci medio basso e le nostre iniziative sono prevalentemente di carattere sportivo, calcetto, regate . Ecco, magari potremmo organizzare una regata di vela latina che ha tanto successo in Sardegna ha ipotizzato sarebbe una promozione di grande effetto. Maurizio Cheri, del circolo di Parma, una mosca bianca: sono lunico giovane del Circolo esordisce ma spero comunque di integrare altri giovani sardi nella nostra associazione; il fatto che ogni circolo ha una sua realt che la citt in cui si trova ad operare. Credo che sia importante stabilire un contatto con altri Circoli e tenersi in contatto. Antonello Tatti, del circolo 4 Mori di Rivoli, ribadisce che la difficolt maggiore dei giovani quella di entrare nei Circoli. Ma chi si dato da fare sostiene riuscito ad inserirsi e a trovare interesse e disponibilit anche da parte dei vecchi soci. Bisogna stimolare i giovani ad essere pi presenti, pi propositivi. Venti dei nostri giovani frequentano lUniversit a Torino. Il conflitto generazionale esiste conclude Tatti ma oggi il confronto pi possibile, occorre solo un po pi di pazienza: da parte degli anziani che dovranno sopportare un concerto chiassoso e da parte nostra che dobbiamo sopportare qualche loro lamentela!

Speciale Emigrazione

LUGLIO 2006

17

n dibattito articolato, costruttivo, proiettato nel futuro e due sezioni particolari, una dedicata ai giovani e una alle donne. I seminari si sono svolti in stanze separate e sono stati entrambi seguiti con grande interesse. Quello riservato alle donne si svolto nello stesso salone del convegno e ha visto la partecipazione attiva di almeno cento tra delegate e ospiti. Ha diretto, con i consueti garbo e maestria, la presidente del circolo di Padova Serafina Mascia, una delle anime principali del movimento, di cui ha sottolineato le tappe principali, da Maastricht 1997 a Heilbronn 1999 a Padova 2005. Il finanziamento ha detto sempre stato quasi zero, ma noi abbiamo saputo sopperire con il volontariato. Pierangela Abis, coordinatrice nazionale del movimento, ha battuto su quanto, da sempre, le sta pi a cuore: Coinvolgere le donne che, a loro volta, coinvolgano i giovani. Successivamente stata data lettura del documento congressuale precedentemente consegnato: eccone unampia sintesi: Le donne sarde nel mondo, sempre pi integrate nelle strutture sociali, economiche e persino politiche dei paesi di accoglienza, contribuiscono con la loro presenza ad accelerare il processo di internazionalizzazione della Sardegna, caratterizzandosi come strumento prezioso di penetrazione culturale e politica, con enormi riflessi positivi a beneficio della nostra isola. La donna sarda ha svolto un ruolo importante e spesso determinante nella difficile quotidianit dellemigrazione, anche per la mediazione che ha dovuto svolgere quotidianamente in famiglia e nelle associazioni fra caratteri e generazioni, fra figli e ambiente esterno, fra differenti mentalit ricreando con lunit familiare una struttura di sostegno tale da ridurre per luomo le difficolt ambientali ed il peso del lavoro. Le donne sarde in emigrazione di seconda e terza generazione possiedono la ricchezza di una doppia, a volte, triplice cultura che rende pi fertile e creativa la loro origine sarda, che esalta il valore dellidentit, della solidariet, soprattutto verso la partecipazione al percorso di integrazione delle donne di altri continenti, che affronta la complessa questione del rapporto tra le culture dorigine e quelle dei paesi daccoglienza e mette a confronto e dibatte le esperienze di lavoro, di associazionismo, con proposte e progetti, sia allinterno dei circoli e federazioni, sia in altri contesti istituzionali. Varie et anagrafiche e di diversa provenienza geografica, ma con una radice in comune: quella di sentirsi anche sarde con una comunanza di pensiero e filosofia di vita fra tutte quelle che vivono in Sardegna, in Italia e quelle che vivono il mondo, condividendo un cambiamento positivo dellidentit e della cultura delle donne, nel mondo migratorio e nellisola, combattendo stereotipi e pregiudizi e difendendo il nostro modello di emigrazione e i nostri valori, creando strumenti di confronto anche attraverso le Istituzioni regionali, le Associazioni eccetera. Persone molto diverse tra loro, ma tutte tenaci, volitive e capaci di incidere costruttivamente sui processi decisionali dei circoli, delle federazioni e nei settori lavorativi, professionali, sociali e

Quarto Congresso Nazionale FASI

Il coinvolgimento delle donne per il futuro dei Circoli


L'apporto delle donne per il rilancio delle Associazioni dibattuto in un seminario al quale hanno partecipato oltre cento delegate Sempre pi integrate nelle strutture sociali economiche e politiche rivendicano ruoli di responsabilit

culturali dove tutte sono inserite con grande successo e impegno. Impegno che anche quello di diffondere e produrre cultura e tradizione al femminile, quindi di ripercorrere e riscoprire il ruolo della donna nel corso degli anni e della storia, il fenomeno dellemigrazione attraverso la storia delle donne che lo hanno vissuto. Il ruolo della donna continua il documento fondamentale per favorire linserimento dei giovani e garantire cos continuit alle nostre organizzazioni, portando avanti anche una battaglia culturale, perch ci sia

il passaggio di questa eredit. E quindi il momento per le donne di impegnarsi ad assumere ruoli istituzionali nei consigli direttivi e nelle presidenze dei circoli e delle federazioni. Dalle attuali dirigenze devono essere favorite le candidature femminili, destinate risorse ad attivit e progetti delle donne e dei giovani ,ad esempio riprendendo i corsi di formazione per la gestione dei circoli. La partecipazione e collaborazione ai grandi temi della Sardegna, da quelli dellambiente a quelli della cultura di pace a

quelli per la salvaguardia del nostro patrimonio culturale, ai temi di sviluppo economico in particolare sulloccupazione un altro grande obiettivo. Sono le nostre esperienze e competenze che ci rendono autorevoli nel chiedere di essere partecipi quale risorsa capace di dare un significativo contributo. Da qui la necessit di alimentare questo patrimonio perch non sia stereotipato o imbalsamato e la Regione Sardegna deve capire e sfruttare meglio la forza che deriva da questi terminali sardi, dagli avamposti di Sardegna nel mondo in gra-

Le rappresentanti delle donne nelle Circoscrizioni


Le quattro circoscrizioni, adesso, hanno le loro nuove rappresentanti femminili, che porteranno, allesterno e in tutte le sedi competenti, i problemi e i progetti delle donne in emigrazione. Le responsabili sono state nominate nel corso del seminario che si svolto a latere del congresso dalla Fasi, e le loro designazioni sono scaturite da consultazioni talvolta animate, ma sempre costruttive. Per il Nord-Est stata nominata Cristina Biggio di Trento: per il Nord-Ovest Lina Aresu di Genova; per il Centro-Sud Dora Murgia di Civitavecchia; per la Lombardia Carla Cividini di Cinisello Balsamo. Coordinatrice nazionale rimane Pierangela Abis di Milano.

do di diffondere cultura-progettualit-creativit-tradizione ed economia. Essere presenti in altre commissioni di lavoro istituzionali, nella commissione regionale delle Pari opportunit e stringere rapporti pi collaborativi con tutte le commissioni omologhe. Avere rappresentanza nella consulta dellemigrazione. Attuare con gli enti regionali competenti Politiche di riconoscimento: entrare a far parte di un Centro di documentazione regionale non soltanto in termini anagrafici, ma in termini di esperienze socio professionali in modo che vengano valorizzate le competenze, il capitale culturale, le capacit di scelta e di strategia. Attivare uno scambio di capacit e conoscenze attraverso siti o reti network per un possibile recupero di un patrimonio cognitivo e professionale e la sua trasformazione in patrimonio economico da diffondere e utilizzare. Approvato allunanimit il documento, le delegate di sono riunite a gruppi, secondo la Circoscrizione di appartenenza. In qualcuno dei raggruppamenti ci sono state discussioni vivaci, ma alla fine sono state identificate le quattro delegate che faranno valere la loro voce in tutti gli organismi pi rappresentativi. Sono sempre pi frequenti i convegni di donne o dedicati alle donne, ed in ognuno di essi si riscontra una maturit, una volont, un apporto di idee superiori a quelli dellincontro precedente. Non c dubbio: la donna sarda in emigrazione ha acquisito certezze sul proprio ruolo e sulla propria funzione, e sapr in ogni circostanza far valere il peso di questa consapevolezza. Lo hanno detto, con estrema chiarezza, tutte le donne intervenute al dibattito congressuale, che hanno fornito un contributo di notevole spessore. E Paola Atzeni, la componente della Consulta come esperta dei problemi connessi al mondo dellemigrazione, ha tacciato un profilo delluniverso rosa di rara efficacia e completezza: Voi affermate ha detto che luso del patrimonio culturale della sardit e della lingua sarda non basta. Questuso dellidentit come rifugio diventa spesso, infatti, autoreferenzialit limitante, specie nelle relazioni con i giovani e con le altre culture regionali. Vorrei, al proposito, incoraggiare alcuni avvii di percorsi importanti, semi preziosi di democrazia interculturale. Questo avvenuto a Heilbronn e a Karlsruhe, dove le emigrate sarde, dialogando per esempio con quelle turche, hanno trovato obiettivi comuni per correggere gli usi impropri, da parte delle autorit scolastiche tedesche, delle classi differenziali quando i loro bambini avevano difficolt linguistiche. Queste emigrate, attive nelle pratiche di solidariet interculturale ed interetnica, hanno chiesto nuovi ausili alle istituzioni tedesche, italiane, sarde. Le loro richieste hanno trovato risposte, certo iniziali e parziali, ma indubbiamente innovative e lodevoli, soprattutto dallassessore Salerno. E intanto la combattivit delle donne raggiunge traguardi soltanto qualche anno fa insperati: una di esse seder senzaltro allimportante tavolo per la riforma dello Statuto e tre faranno parte (una, Serafina Mascia, addirittura in qualit di vicepresidente vicario) del rinnovato direttivo della Fasi.

18 L

UGLIO

2006

Speciale Emigrazione

na parata di politici come non si vedeva da tempo. Assente (non del tutto giustificato dai delegati che lo hanno atteso per tre giorni) il presidente della Regione Soru, si sono succeduti al microfono, oltre allassessore del Lavoro Maddalena Salerno (del cui intervento riferiamo a parte) il presidente del Consiglio regionale Giacomo Spissu, il presidente della Seconda Commissione consiliare Paolo Pisu, Mauro Pili, ex presidente della Regione e neo-deputato, il consigliere regionale Mondino Ibba, presidente regionale dellOrdine dei medici, Filippo Penati, presidente della Provincia di Milano, Pasquale Onida, presidente della Provincia di Oristano, Antonio Calledda, consigliere regionale dei Ds, Sveva Dalmasso, cagliaritana e consigliere regionale della Lombardia, che ha porto i saluti del presidente Roberto Formigoni. Allappuntamento con la comunit sarda nella Penisola non voluto mancare il presidente del Consiglio regionale della Sardegna Giacomo Spissu, che pur non potendo seguire i lavori congressuali, ha partecipato alla cena di gala, intrattenendosi con le varie delegazioni. Spissu, ha parlato nel corso dello spettacolo della cantante Eliana Sanna, una giovane discendente di emigrati sardi in Argentina, che ha potuto studiare canto a Milano con una borsa di studio della Fasi, per portare il saluto dellAssemblea regionale. Ci tenevo a venire tra voi ha detto e a partecipare, seppure in forma limitata, al vostro congresso. Penso che da questa assemblea verr un ulteriore contributo alle attivit della Regione. Come penso che la Regione debba ripensare alle sue strutturazioni legislative a favore degli emigrati in Italia e nel Mondo. Ritengo che a distanza di tanti anni, una legislazione ancora valida abbia necessit di essere rivista e aggiornata. Siamo in una fase diversa ha proseguito e occorre guardare in modo nuovo al mondo dellemigrazione. E gli emigrati devono guardare alla Sardegna non come a una terra mitica. La Sardegna ha soggiunto il presidente del Consiglio regionale in una fase cruciale in cui deve giocarsi la scommessa sul ruolo che pu avere nellItalia, nellEuropa, nel Mediterraneo. Per vincere questa sfida ha sottolineato Spissu abbiamo bisogno di tanta energia. Prima di tutto quella di chi sardo e pur se vive fuori si sente legato alla Sardegna pi di chi nellisola ci sta tutto lanno. Ha poi ribadito che in corso una fase costituente con la riscrittura dello Statuto (che invecchiato). Va riscritto il rapporto con lo Stato. Un piccolo segnale stato dato al mondo dellemigrazione dandovi voce nella Consulta per lo Statuto. Ha concluso ribadendo la necessit che il Consiglio regionale metta mano alla legislazione in materia di emigrazione. Dal Congresso della Fasi arriveranno idee e proposte che troveranno orecchie attente per riscrivere insieme la legge di cui abbiamo bisogno. Il presidente Paolo Pisu, dopo aver portato il saluto della Seconda Commissione del Consiglio regionale, ha rivolto linvito a informare la Commissione sulle questioni che riguardano il mondo dell emigrazione, perch attraverso noi ne informato

Quarto Congresso Nazionale FASI

L'impegno delle Istituzioni per la legge sull'emigrazione


per modificare la legge numero 7 per lemigrazione. Prima di concludere il presidente della commissione Informazione ha esaltato il ruolo svolto in tutti questi anni dal Messaggero sardo per dare voce al mondo dellemigrazione sarda nel mondo. Sveva Dalmasso ha letto un messaggio di Roberto Formigoni: Come voi tutti ben sapete, la nostra regione ha scritto il presidente della regione Lombardia - particolarmente ricca di circoli sardi, i quali desidero ricordarlo sono molto attivi nellorganizzazione di eventi e manifestazioni culturali che richiamano sempre una partecipazione di pubblico altissima. Una tangibile e straordinaria dimostrazione labbiamo avuta recentemente proprio a Varese nel ricordo di Grazia Deledda. La vitalit della vostra comunit in Lombardia una vera e propria presenza visibile ed operante costituisce una grande ricchezza ma non solo. Sono tanti, infatti, gli ambiti nei quali garantite un apporto significativo: dalla cultura al turismo, dalleconomia allo spettacolo. Il mio messaggio ha concluso vuole essere un segno di sincera amicizia verso il popolo sardo e una testimonianza dellattenzione per la cultura e le tradizioni di tutte le componenti della societ lombarda, che con la loro presenza rappresentano un patrimonio per tutta la nostra regione. Per quanto mi riguarda ha detto Sveva Dalmasso - aggiungo solo poche parole perch ritengo che la rete dei sardi nel mondo possa veramente essere considerata unimportante risorsa, sia per le realt in cui si creata, sia per la Sardegna stessa. Penso che possa e debba essere incentivato e migliorato lo scambio di sinergie e di idee con la nostra isola: quella rete per la conoscenza su cui incentrato questo Congresso.

La disponibilit del Presidente del Consiglio regionale Giacomo Spissu Gli interventi del Presidente della Seconda Commissione Paolo Pisu dei consiglieri Ibba e Calledda e dell'ex presidente Mauro Pili

il Consiglio regionale che rappresenta lintero popolo sardo. Colgo anche loccasione ha proseguito per invitare la Consulta dellEmigrazione, quando verr riconvocata dallassessore Maddalena Salerno, ad un incontro con la Commissione. Il presidente della Seconda Commissione quindi entrato nel merito di alcune questioni toccate dal documento congressuale. E vero che emigrazione sarda ha detto complessivamente cresciuta e con levoluzione dei tempi, anche profondamente cambiata. I sardi nativi si sono portati i ricordi della vita trascorsa nella loro terra, mentre i loro figli e nipoti hanno vissuto comunque una vita diversa nei paesi ospitanti. Di questo si deve tener conto per capire come, in termini moderni e originali, coinvolgere questi giovani nellattivit dei circoli e indirizzarli ad avere un rapporto positivo con la Sardegna. Il presidente Pisu ha quindi esaminato il tema della globalizzazione, sostenendo che non c solo il modello degli Stati forti e delle multinazionali, dove vengono calpestati o disattesi i diritti e i bisogni dei pi deboli. Ritornando al ruolo dei circoli Pisu ha sostenuto che se si riuscir a comunicare ai giovani alcuni concetti base, torneranno nei circoli e si sentiranno orgogliosi di essere sardi o di aver genitori sardi. Conservare la propria identit di appartenenza ha soggiunto aiuta a rispettare, dialogare, capire le identit degli altri. Io penso ha detto Pisu, riferendosi alle priorit che devono affrontare il Consiglio e la Giunta regionale che la questione centrale sia rappresentata dal nuovo Statuto che deve rafforzare lidentit nazionale del nostro popolo, darci nuovi poteri di sovranit, assegnarci pi risorse per farci superare il divario di sviluppo con le regioni pi pro-

gredite dellItalia e dellEuropa. Questa una battaglia che dobbiamo fare assieme tutti i sardi. Pisu ha proposto di votare un ordine del giorno per chiedere al Parlamento di istituire il sesto collegio per le elezioni europee, superando lingiustizia di non aver neppure un parlamentare sardo a Strasburgo. Ritengo inoltre ha proseguito che la nuova legge elettorale in Sardegna debba prevedere una rappresentanza dellemigrazione sarda, eletta democraticamente, nel Consiglio regionale. Solo cos lunit del popolo sardo, fatto di residenti e di emigrati, non sar pi una parola vuota da usare nella retorica congressuale e diventer un atto politico concreto. Il presidente Pisu ha quindi ricordato la posizione assunta dalla Seconda Commissione sulla ripartizione dei fondi prevista dal Piano Triennale. Non abbiamo gradito il tentativo di contrapporci alla Consulta e abbiamo fatto le nostre rimostranze anche per la scarsa considerazione in cui si tenuto lautorevole parere espresso dalla Commissione. Infine ha sottolineato che da due anni si attendono proposte

Mauro Pili ha fatto un intervento denso di contenuti, evitando accuratamente di polemizzare con lattuale gestione della politica regionale. Lha fatto unicamente quando si intrattenuto sulla continuit territoriale, a proposito della quale, per, ha un tantino barato sulle cifre, perch nessuno mai ha pagato un biglietto aereo Cagliari-Roma-Cagliari 40 euro! Il deputato ha ripetutamente citato Emilio Lussu e ricordato un suo sardi, italiani e europei, che deve essere il motto di chi vive nellisola e di chi vive lontano da essa. Lemigrazione ha detto e deve essere una risorsa della Sardegna: per valorizzarla necessaria unosmosi costante, uno scambio continuo di esperienze e di idee. Mondino Ibba, consigliere regionale dello Sdi, ha detto di voler fare un ragionamento pacato a voce alta, ha fatto un accenno ai molti sardi che non fanno parte di circoli per indolenza o perch non si sentono coinvolti. Si poi soffermato sul concetto di sardit: Lidentit ha detto non un modo espressivo n uno stile di vita: una dimensione dello spirito, del cuore, dellappartenenza. Pasquale Onida ha esordito in limba e di limba ha parlato: La lingua ha detto unu valori mannu, sia essa campidanese, logudorese, gallurese e ognuno deve esprimersi come sa e come preferisce. Ci non vuol dire, per, che non si possa creare un modello comune per la scrittura e, soprattutto, per i documenti ufficiali della Regione. Antonio Calledda ha partecipato per la prima volta a un convegno di emigrati: Il comune denominatore di tutti gli interventi ha detto mi sembra un monito a chi svolge funzioni istituzionali e politiche in quel di Cagliari: necessario un processo di riforma della Sardegna, che la passata amministrazione non stata in grado di fare. Per raggiungere questo obiettivo, dal quale nessuno pu sfuggire e restare indifferente, necessario essere popolo, prescindendo dalle piccole miserie derivanti dalla propria appartenenza partitica. Filippo Penati ha sottolineato lo straordinario impulso alla ricchezza del territorio milanese fornito dai sardi, che molto spesso, con la loro fiera collaborazione, hanno costituito uno dei principali motori di sviluppo dellarea. Questa collaborazione ha detto il presidente della Provincia milanese si deve basare sulla regola delle tre T: talento, tecnologia, tolleranza, principio sui quali si basa il futuro di Milano. Hanno inviato messaggi augurali, tra gli altri, lassessore regionale del Turismo Luisanna Depau, il presidente della Provincia di Varese Attilio Fontana, il deputato Giovanni Farina, eletto nella Circoscrizione Estero, lex assessore regionale del Lavoro Matteo Luridiana, i consigliere regionali Tore Amadu e Maria Grazia Caligaris, gli intellettuali Manlio Brigaglia, Salvatore Tola e Franco Fresu, il riconfermato rettore dellUniversit di Sassari Alessandro Maida, il rettore dellUniversit del gusto Antonio Manganelli, lamministratore delegato dellUnione sarda Carlo Ignazio Fantola, il direttore generale del Banco di Sardegna Natalino Oggiano, i responsabili delle Associazioni di tutela.

Speciale Emigrazione
SEGUE DA PAGINA 15

LUGLIO 2006

19

proseguito - tralasciando i sentimenti sulla quale si sviluppata: in Sardegna si crea un gregge intero quando ogni pastore dona una propria pecora per aiutare un collega in difficolt. Ognuno d qualcosa per gli altri. E noi ha concluso Goddi - facciamo la voce grossa per avere pi contributi, dimenticando cosa significhi andare incontro alle esigenze degli altri. Proviamo a dare di pi e chiedere meno. Solo cos potremo crescere. Donatella Fancello una ragazza (ha partecipato allincontro dei giovani) con le idee chiare: Apriamo i nostri circoli allesterno ha detto tra laltro e solo cos avremo la possibilit di conoscere e di farci conoscere. Lintervento di Marinella Panceri di Cesano Boscone stato spesso interrotto da scroscianti applausi. In questa sede ha detto, prima, evidentemente, dellelezione del nuovo direttivo il problema delle quote rosa ancora aperto. Bisogna affrettarsi per affrontarlo e risolverlo: sar unoccasione unica per crescere ancora. Tra i convegnisti cera anche un ragazzo di 26 anni, laurea in legge, fisico e portamento da attore, sogno nel cassetto fare il giornalista. Si chiama David Mancini ed figlio di Maria Carta. Con la morte di mia madre, nel 94, io e la Sardegna abbiamo litigato, non ci siamo parlati per un bel po. Per ritrovarla ci ho messo tempo e la riconciliazione avvenuta grazie alla Fasi, Adesso so che la Sardegna una passione, una medicina, anche se talvolta sembra che non ci senta. Facciamoci forza, rimbocchiamoci le maniche e lasciamo che lamore per la nostra isola parli per noi. Giovanni Loi ha fatto un bilancio dellattivit svolta dalla Circoscrizione Centro-Nord Lombardia alla luce di una esperienza acquisita in otto anni da Coordinatore. Lo spirito che ci ha animato ha detto stata una sana competizione a fare meglio degli a1tri, non per vantarci quanto per essere emulati e accrescere limportanza, il valore e il peso di tutta la FASI. Con la grande intelligenza dimostrata dai Presidenti dei Circoli abbiamo capito che le risorse dei singoli Circoli non bastano per realizzare progetti di ampio respiro e prestigio. Le nostre grandi manifestazioni ha sottolineando Loi sono finanziate principalmente con i nostri soldi da sponsor del territorio, da Istituzioni locali: Comuni Province, Regioni. La nostra ultima manifestazione Sa die de sa Sardigna 2006 di Varese ci costata 30.000 euro di cui 15.000 sono arrivati da contributi di sponsor privati del Consiglio Regionale della Lombardia e della Provincia di Varese, mentre dalle Istituzioni sarde non abbiamo ancora ricevuto nessun segnale, bench siamo in deficit di almeno 5.000 euro. Noi non piangiamo miseria, ma chiediamo contributi per progetti di grande prestigio. Giovanni Loi, concludendo il suo intervento - si soffermato sui rapporti con la Giunta regionale. Per spirito di polemica ha detto - spesso siamo accusati di essere i difensori dufficio della politica di questa Giunta regionale. Niente di pi falso. Con tutte le Giunte che si sono susseguite nel tempo noi abbiamo avuto un rapporto istituzionale corretto

Quarto Congresso Nazionale FASI

Il nuovo Esecutivo della Fasi


Quasi unapoteosi per Tonino Mulas, riconfermato alla grande presidente della Fasi: il rappresentante milanese ha ottenuto, infatti, ben 217 preferenze su 237 votanti. E il nuovo Esecutivo, scaturito dalle votazioni a scrutinio segreto, si tinge parzialmente di rosa, con due donne su sette nel governo e una tra i probiviri. Cerano, nel quarto congresso dei sardi di oltre Tirreno, due interessanti sezioni dedicate ai problemi delle donne e a quelli dei giovani: ebbene, entrambe le categorie sono state premiate con i massimi riconoscimenti. Vice presidente vicaria, con 106 voti, stata eletta la dinamica e appassionata Serafina Mascia, presidente del circolo di Padova, che ha dato limpulso ad alcune fra le pi riuscite iniziative della Federazione, mentre laltro vicepresidente il giovane Simone Pisano del circolo di Pisa. Completano il gruppo dirigente, del quale fa parte Filippo Soggiu come presidente onorario, Pasqualina Pira di Parma (103 voti), Paolo Pulina di Pavia (100 voti), Virgilio Mazzei di Genova (91 voti) e Luciano Locci di Savona (87 voti). Primo dei non eletti il bergamasco Gavino Maieli (63 voti). Probiviri sono stati eletti Maria Olianas di Bologna (110 voti), Onorio Boi di Como (99) e Vincenzo Piras di Torino (64) come effettivi e Pietro Congiu di Bolzano (58 voti) e Paolo Siddi di Brescia (57) come supplenti. I revisori dei conti sono Pietro Puggioni, di Verona (123 voti), Mario Ledda, di Fiorano (109) e Luciano Aru di Saronno (80) effettivi e Efisio Corda e Clauda Pacci supplenti. criticando o appoggiando a seconda dei casi. Se questa Giunta porta avanti la politica del controllo delle coste, della ridiscussione delle servit militari, della contrariet allo stoccaggio delle scorie radioattive in territorio sardo, la pretesa delle risorse finanziarie dovuto dallo Stato alla Regione, il contenzioso per il non rispetto da parte di Organismi dello Stato verso Istituzioni sarde ha concluso - non pu che vederci in prima linea ed essere solidali con questa o qualsiasi altra Giunta. Negli ultimi dieci anni che abito fuori dalla Sardegna ha detto Antonella Deroma, di La Spezia - ho avuto la possibilit di conoscere un mondo dove la solidariet e il senso di appartenenza ad una stessa terra sono sensazioni che ti segnano profondamente, che ti entrano direttamente nella pelle. Sono stati anni di intenso lavoro passati con i circoli e dentro i circoli per far conoscere ai sardi e soprattutto ai non sardi quanto sia ricca la nostra produzione culturale (teatro, cinema, letteratura, ecc). Antonella Deroma ha poi avanzato qualche suggerimento. Superata la fase di crescita spontanea ha detto credo sia il momento di darsi una struttura pi al passo con i tempi e sempre pi professionalizzata. Credo che sia maturo il tempo per pensare a qualche cambiamento. Solo a titolo di esempio suggerirei la necessit di avere al nostro interno una figura specifica, altamente professionale, che abbia il compito di reperire risorse economiche, dalla Comunit Europea, dagli Enti Locali, dalle Fondazioni, al fine di far fronte alla costante diminuzione delle risorse regionali. Questa figura ci permetterebbe di dare gambe ai no-

stri progetti ed aiuterebbe i circoli ad essere laboratori di idee e di promozione della cultura sarda. Ovviamente non possiamo pensare che una figura cos professionalizzata sia un volontario per cui dovremo retribuirlo. Giorgio Canu, Coordinatore della Circoscrizione Centro Sud, ha riconosciuto a Tonino Mulas di aver dimostrato, con la sua presenza e limpegno, maggiore attenzione per la pi piccola delle quattro Circoscrizioni in cui suddivisa la FASI. Canu ha richiesto una sempre maggiore attenzione della FASI e della Regione Sardegna verso le zone del Centro Sud. Ha ricordato che a Roma c la pi grande Comunit sarda fuori dellIsola; che nella Capitale ci sono tutti i Parlamentari sardi, con i quali bisognerebbe avere rapporti pi stretti per lavorare in simbiosi in favore di tutti i sardi; che nel territorio della Circoscrizione c la pi grande concentrazione di pastori sardi emigrati, che a contatto con altre culture, si sono evoluti e si sono arricchiti e potrebbero essere un modello per la pastorizia che opera in Sardegna; che tre grandi porti che collegano la nostra Isola con il Continente: Livorno, Piombino e Civitavecchia, da cui transitano la stragrande maggioranza dei passeggeri e delle merci. Chiediamo maggiore attenzione da parte della Regione e della FASI ha detto soprattutto nella lotta per lestensione della continuit territoriale aerea allAeroporto internazionale di Pisa, che si trova al centro di un bacino di utenza notevolissimo, (decine di migliaia di sardi ) che va dalla Citt di La Spezia fino a Grosseto, compresa lIsola dElba ove sono presenti 3.600 sardi. Nella sola Universit di Pisa studiano circa 2.000 studenti universitari sardi. Giulio Cesare Pittalis, consultore della Fasi, ha condensato il suo intervento limitandosi a qualche considerazione sul congresso che da sempre rappresenta un momento fondamentale per verificare a fondo se gli obbiettivi che erano stati programmati, sono stati raggiunti. I momenti pi significativi sono state le Settimane sarde, e i progetti regionali, promossi dalla Fasi in accordo con i circoli allinterno delle quattro circoscrizioni nazionali. Ha poi parlato della Consulta della emigrazione, e ha ricordato che lufficio di presidenza composto da quattro membri pi lassessore che lo presiede. Due di questi membri sono eletti tra gli emigrati, gli altri due sono rappresentanti delle associazioni di tutela e sono residenti a Cagliari. Inoltre uno di questi vice presidente vicario che vuol dire che in assenza dellassessore presiede la Consulta. capitato pi di una volta che alla

convocazione dellUfficio di presidenza mancasse un componente eletto fra gli emigrati e nonostante ci siano stati affrontati argomenti importanti quali il Piano Triennale e il Programma annuale, in cui sono stati cambiati i parametri concernenti la distribuzione delle risorse regionali, che risultano sfavorevoli agli emigrati in Italia. Pittalis ha concluso auspicando che si possa intervenire per dirimere la questione e che al pi presto si metta mano alla riforma della legge sullemigrazione. Visto il protrarsi del dibattito e lurgenza di procedere alle modifiche dello Statuto per poter dar corso alle votazioni molti iscritti a parlare hanno rinunciato. Alcuni, come Luciano Aru, presidente del circolo di Saronno, hanno lasciato un intervento scritto. Aru ha ricordato che molti soci del suo circolo in quel momento erano impegnati a organizzare la Settimana sarda manifestazione con cui molti circoli si autofinanziano per realizzare attivit culturali e solidaristiche. Ha lamentato lesiguit dei contribuiti regionali e ha invitato lassessore a visitare i circoli per conoscere meglio la realt delle comunit sarde. Aru ha parlato del problema giovanile e del difficile coinvolgimento nella vita del circolo. Pi che voler forzatamente far entrare i giovani nei nostri circoli ha concluso si potrebbe pensare a far uscire il circolo per incontrarli nelle palestre, nei teatri, coinvolgendoli in momenti di pubblica discussione. Pensiamo che i giovani abbiano bisogno di contenuti, della realt che li riguarda per parlare un linguaggio solidaristico intorno al quale scoprire anche le radici pi profonde della loro identit. Salvatore Passer, di Pinerolo, ha ricordato che il circolo oggi festeggia i 23 anni dalla fondazione, e ha sottolineato limpegno profuso anche durante le olimpiadi invernali. Anche in occasione di Torino 2006 ha detto abbiamo promosso limmagine della Sardegna. la Regione ci deve riconoscere un ruolo: Passer ha criticato la introduzione della imposta sul lusso, suscitando disapprovazione in sala. Lintervento conclusivo stato lasciato a Ettore Serra, di Civitavecchia, uno dei fondatori della Lega Italiana e della Fasi. Serra ha sottolineato dallalto della sua esperienza che la prima volta che il congresso di tinge di rosa con la presidenza di Serafina Mascia alla quale ha fatto i complimenti per la dignit e la correttezza con cui ha presieduto l assemblea. Serra ha fatto un lungo racconto dei primi passi dei circoli e della fondazione della Lega, dei rapporti con 23 assessori diversi, della spinta data alla approvazione della legge n. 10 del 1965 che ha messo la Sardegna allavanguardia nella politica per l emigrazione. Si poi soffermato su due temi che gli sono particolarmente casi: i trasporti e il mondo agropastorale. Ha ricordato che molti sardi che lasciarono lisola con poche pecore sono riusciti a fare un salto di qualit e ora sono imprenditori agricoli di grande livello professionale e economico. Serra ha affrontato anche gli altri argomenti emersi nel dibattito, dalla questione delle risorse, alla modifiche da apportare alla legge sullemigrazione. Il congresso si concluso con la modifica di alcuni articoli dello Statuto.

20 L

UGLIO

2006

Paesi di Sardegna

SANTANTIOCO

Unisola unica ricca di bellezze naturali e misteri millenari


La sua posizione privilegiata sulle antiche rotte del Mediterraneo I Fenici vi fondarono Sulci, sulle cui rovine sorge ora il capoluogo di quella che un tempo veniva chiamata Insula Plumabaria
diFranco Fresi

a pi grande delle isole vicine alla costa sud-occidentale della Sardegna, SantAntioco, dovrebbe essere indicata nelle guide turistiche come una tappa da non dimenticare: per le sue bellezze naturali e i misteri che la rendono unica. La sua posizione privilegiata, sullantica rotta che portava i popoli spinti dallavventura e dal desiderio di conquista, dai mari e dalle coste del Mediterraneo orientale verso quelli iberici, non sfugg ai Fenici che ci fondarono intorno allVIII secolo prima di Cristo, una citt importante, Sulci, sulle cui rovine sorge ora SantAntioco, il capoluogo dellisola omonima, che a quel tempo veniva chiamata Insula Plumabaria per le sue naturali riserve di metallo. Passata sotto il dominio cartaginese, Sulc continu ad esercitare la vocazione commerciale, per la quale, del resto, i Fenici avevano fondato anche Karalis, lattuale Cagliari, Nora, Bithis, Tharros, delle quali esistono imponenti rovine, e Bosa. Nel 238 prima di Cristo SantAntioco pass sotto il dominio romano. Ci rest per un lungo periodo, durante il quale il centr si ampli, e il porto vene adeguato al traffico sempre pi attivo dei prodotti metallurgici estratti dalle miniere dellIglesiente e destinati ad altri approdi del Mediterraneo. Ma furono soprattutto i Fenici a segnare del proprio carattere bizzarro il centro di cui avevano gettato le basi. Furono loro a lasciare a Sulci, molto prima di essere SantAntioco, quella connotazione mitica e allo stesso tempo un po fosca che lavrebbe indicata a dito fino ai giorni nostri.

Connotazione che si coglie soprattutto sulla collinetta alla periferia occidentale della cittadina, con in cima il tophet ( secondo una voce semitica, ma riportata nella lingua della Bibbia, significherebbe luogo di arsione), dove pare che i Fenici prima e i Punici dopo, offrissero dei bambini agli dei, bruciandoli e conservando la loro cenere in anforette di terracotta, molte delle quali sono ancora l, disseminate tra le rocce del rilievo. Lhanno anche analizzata quella cenere millenaria con i mezzi tecnologici del nostro tempo. E pare che siano veramente resti di bambini arsi, quei grumi di cenere rappresa. La morte di casa in quella collina rocciosa, anche perch verso di essa sembrano arrampicarsi le ultime case dei vivi e dei morti della solare cittadina di SantAntioco. Per arrivare in cima allaltura del tophet , infatti, si attraversa un pendio intagliato di tombe, dello stesso periodo in cui Sulci era fiorente, scavate nel sottosuolo calcareo, con lingresso a cielo aperto. Gi per ripidi gradini si arriva a dei piccoli ambienti sotterranei collegati lun laltro, come nelle Domus de Janas. Ora questi ambienti funerari sono quasi tutti sfitti, ma fino a pochi anni fa molte di queste tombe erano abitate da famiglie che molto spesso se le scambiavano, come per eredit, di padre in figlio. Entrarci a visitarle mitiga nel visitatore, con una certa sensazione di soffocamento data dal buio e dalla profondit, lampio respiro che laspetta appena arrivato al culmine del rilievo aperto a tutti i venti: ti prende una specie di capogiro da troppo spazio

e da troppa luce che rende quasi cruenta la rossastra compagine delle anforette ricolme di cenere. Molte di esse contengono cenere di legna messa l per il turista: una specie di vendita del sacro. Ma la maggior parte conservano vera cenere di bambini bruciati in offerta agli dei. Quando quegli ospiti navigatori e commercianti erano solo Fenici, i loro bambini, soprattutto figli di capi e di gente importante, venivano offerti a El, dio supremo, e ad Adone e Astarte, suoi sottoposti. Quando divennero Fenicio-Punici, li sacrificavano, perch i loro affari divenissero sempre pi pingui e le stagioni pi clementi, in nome di Baal Hammon e di Tanit. Per la precisione, c chi afferma che bambini, giovinetti e fanciulle vergini venivano sacrificati solo per ottenere dagli dei la fine di grandi calamit naturali. Per altre richieste di comune soccorso bastava immolare animali e offrire i frutti vegetali della terra. Tertulliano, apologeta e scrittore convertitosi al cristianesimo, nato e vissuto a Cartagine tra il 155 e il 222, tramanda che il sacrificio del bambini veniva praticato fino ai tempi del proconsolato di Tiberio, intorno al 30 dopo Cristo, aggiungendo che << ancora oggi, di nascosto, si continua a compiere quel delittuoso sacrifico >>. In periodo fenicio-punico, i bambini, secondo Tertulliano, venivano immolati pubblicamente nei santuari di tutta lisola, decapitandoli prima di essere arsi: e mai prima, comunque, che i genitori avessero tagliato delle ciocche di capelli da conservare devotamente. Erano loro stessi a offrirli agli dei addolcendoli con carezze

e parole affettuose perch non piangessero al momento del sacrificio. C chi parla di usi diversi del sacrificio. Spesso i piccoli, dei due sessi, venivano precipitati nei burroni, molto probabilmente dopo essere stati uccisi e lasciati l a decomporsi. Ne sarebbero testimonianza i resti di bambini trovati in fondo alla grotta di Ispinigoli, vicino a Dorgali. Il tophet un luogo inquietante. Soprattutto chi lo visita per la prima volta sente come un diverso clima su quellaltura incongrua come se il tempo attuale e quello in cui sono avvenuti i sacrifici facciano parte di uninvenzione, magari cinematografica: e che, comunque fra di loro non ci sia n rapporto n continuit. Le anforette sono parzialmente interrate con la bocca rivolta in alto coperta da un piatto della stessa materia del vaso tenuto da una pietra perch il vento che soffia sul tophet quasi di continuo non lo porti via. Altre sono incastrate tra le spaccature della roccia, tra cespi di elicriso e tignamica odorosa. Con tutto quello scialo di mare intorno, di punte amaranto di trachite che bucano il verde-oro degli assetati coltivi; con tutta quella vita naturale e artificiale che anima lorizzonte lontano, viene da pensare davvero che la collina del tophet sia un set cinematografico o televisivo approntato per girarci un film. E che quegli orcioli riempiti di cenere di improvvisati fal, di l a poco sarebbero scomparsi, portati via per restituire alla collina il suo volto naturale. Vicino al luogo di arsione c lAntiquarium, suddiviso in sale

ricche di reperti provenienti dalle tombe cartaginesi e romane: gioielli in oro, pietre dure, scarabei di diaspro, anfore, armi, brandelli di metalli e spezzoni di lastre con iscrizioni tombali. C anche materiale che proviene dal thophet, ancore, lucerne. C un Kntaros, vaso greco per bere, a due anse del II secolo; ci sono alcune iscrizioni che pare appartenessero a un cimitero giudaico; ci sono tracce evidenti dellira di Cesare, che fece distruggere la citt di Sulci perch sosteneva Pompeo. E c il graffio mercenario dei molti pirati in et posteriore e quello di rapina dei non pochi conquistatori dellisola. Non solo luoghi di morte offre al visitatore, ma anche luohi dove la vita della cristianit sorta con la forza del seme di carrubo che, per vedere il sole, spezza anche la pietra e il cemento. Monumento da non dimenticare , pi importante di tanti altri, la chiesa di SantAntioco, consacrata al santo patrono della citt che da lui ha preso il nome: luomo dal bisturi e la croce, medico e uno fra i primi evangelizzatori della Sardegna. Antioco, venuto in barca dallAfrica e martirizzato sotto limperatore Adriano intorno al 125 dopo aver predicato e difuso il Vangelo, riposa nella grotta che fu il suo primo rifugio, ora incorporato nella chiesa. Con i suoi circa 1000 abitanti, SantAntioco vive attualmente di turismo, di pesca e di agricoltura. Ortograficamente irregolare, il breve territorio si sviluppa in una successione di rocce e pianori coltivati a vigneti. Ottimi i vini locali e la ristorazione che ha nel pesce la sua base pi consistente.

uando, dopo un lungo per corso stradale attraverso territori solitari (dallOgliastra, o dal Gerrei), si arriva a Perdasdefogu si immagina di entrare in un villaggio arcaico e quasi fuori del tempo; ci si trova invece in un abitato moderno, disposto intorno alla piazza Europa, grande ed alberata. Sulle strade principali, ben tenute e in qualche caso lastricate, si affacciano abitazioni daspetto quasi cittadino e si aprono i vari servizi, compresi ristoranti e un albergo. Il paese, che conta oltre 2300 abitanti, attrezzato per ospitare forestieri perch ospita nel proprio territorio il pi esteso e importante poligono di sperimentazione militare e missilistica dellEuropa occidentale. Anche la chiesa parrocchiale, che si affaccia sul centrale corso Vittorio Emanuele, ha linee moderne: costruita a partire dalla fine dellOttocento, in sostituzione di una precedente risalente al

PERDASDEFOGU

Deve la sua fama alla presenza del poligono missilistico


Il suo nome farebbe pensare a un villaggio arcaico, invece un paese moderno
diSalvatore Tola
Seicento, stata ultimata soltanto nel 1950. Per respirare sapore di antico, e avere una qualche testimonianza delle prime origini del paese, bisogna visitare unaltra chiesa, quella dedicata a San Sebastiano, che si trova tra le case della periferia, nella parte alta dellabitato. Fino a qualche tempo fa si trattava di poche mura sbrecciate, ma un restauro intelligente le ha salvate da ulteriori rovine: non stata aggiunta nessuna parte nuova, ma lesistente stato consolidato, e soprattutto salvaguardato con una copertura che si adatta alle vecchie tipologie. Linterno diviso in tre navate da due rustici muri ad archi, e tre sono le nicchie che sulla parete di fondo ospitavano altrettante statue. Il restauro ha comportato anche una pavimentazione rustica, ma gli anziani ricordano che un tempo cera soltanto la terra battuta tanto che, quando si celebravano feste o matrimoni, la si ricopriva con uno strato di mirto e felci. La chiesa era rimasta infatti in uso sino agli anni Venti del Novecento; il restauro avvenuto nel 1996, e linaugurazione nellagosto di quellanno, con un concerto cui prendeva parte il violinista Alessio Murgia, nativo del luogo, che fa parte dellorchestra del Regio di Torino. La chiesa di San Sebastiano

legata alle origini dellabitato, ma i documenti sono talmente scarsi che si deve far ricorso ai racconti popolari: si dice che la fondazione fu opera di un nucleo di pastori e contadini che avevano dovuto abbandonare il loro villaggio costiero (Turu, presso la foce del Flumendosa) a causa delle incursioni dei pirati saraceni. Particolare curioso: nel viaggio di trasferimento erano guidati da una donna, perch gli uomini erano rimasti nel tentativo di salvare le loro case. Tutto questo potrebbe essere accaduto intorno al Mille: di fatto alcuni studiosi dicono che San Sebastiano, prima parrocchiale del nuovo insediamento, risale al 950-1000, altri allXI-XII secolo. Il segno della sua antichit sta, oltre che nelle strutture, dal sapore cos nettamente medioevale, nelle pitture color ocra che sono comparse sotto strati di intonaco e, anche per la presenza della croce di Costantino, rivelano linflusso greco-bizantino.

Parliamo della Sardegna


a cura diManlio Brigaglia

LUGLIO 2006

21

na decina danni fa avevano scritto assieme un ampio volume su Villamar, che comprendeva tutti gli aspetti di questa comunit (dalla vita quotidiana alle tradizioni popolari, dalla religione alle manifestazioni artistiche). Ora propongono a un largo pubblico di lettori un nuovo volume ricco di immagini fotografiche in bianco e nero. I due autori si chiamano Albertina Piras e Antonio Sanna, mentre il libro si intitola La Marmilla attraverso le sue storie e le sue leggende (Aipsa Edizioni, pagine 300, Euro 22). Chi vuol conoscere le caratteristiche salienti di questa regione un po defilata della Sardegna qua trova uninfinit di notizie. Ma soprattutto viene informato sui singoli centri abitati presenti in un territorio ricco di colline. Apre il volume una bella prefazione dello scrittore Giulio Angioni (originario di Guasila) dal titolo La mia Marmlla. Tra le altre cose osserva: Come nel resto della Sardegna, anche qui netta la divaricazione tra luoghi dellabitare e luoghi del lavorare, il dualismo sardo paesecampagna, con soluzioni nette di continuit. E questi paesaggi della mia infanzia sono i pi ovvi del mediterraneo agropastorale. Non sono nemmeno luoghi di villeggiatura, di spiagge da turisti. Per in autunno lo scalpo dei colli si ricopre di una mite peluria verdolina. Le strade sembrano portare al cuore dellenigma. Questultima notazione paesaggistica collegata a una nuova attivit economica molto diffusa nella Marmilla. cio lagrituri-

CULTURA

Storia e leggende della Marmilla regione sconosciuta


Una ricerca sui principali centri della zona realizzata da Albertina Piras e Antonio Sanna
di Giovanni Mameli italiano ed europeo. Il denso volume scritto da Albertina Piras e Antonio Sanna recupera principalmente la memoria storica dei diversi centri della Marmilla. Lo fa attraverso leggende, tradizioni popolari, usi comunitari ancora vivi tra la popolazione. Certo le persone che parlano le lingue locali non sono pi la maggioranza come un tempo. La civilt dei consumi ha introdotto modelli di comportamento moderni. Tuttavia il richiamo delle radici resta forte. Come dimostra anche la volont dei comuni di questa zona di salvaguardare il passato, con iniziative che mirano a collegare lattualit con una tradizione che perdura. Questo libro dovrebbe essere letto in tutte le scuole della Marmilla come compendio di diverse discipline inerenti alla storia locale.

smo. Paesi privi di spiagge e altre attrattive turistiche negli ultimi due decenni hanno scoperto questa forma di accoglienza e ristorazione, che fa leva su prodotti dellagricoltura e della pastorizia locale. Un tempo la Marmilla aveva

uneconomia legata alla terra. Si produceva pi che altro per un consumo interno, con pochi esempi di esportazione. Invece oggi gli orizzonti si sono allargati e sono nate parecchie piccole aziende, che guardano al mercato

Ci sono notizie sul territorio, sullarcheologia, sulla letteratura orale, sulla economia e sulla societ, sul ruolo della donna, sulla vita quotidiana, sulle pratiche religiose e le feste. Tutte cose che i due autori del libro hanno studiato basandosi su documenti scritti e su testimonianze raccolte dalla viva voce di uomini e donne in l con gli anni. I racconti tramandati oralmente di generazione in generazione a volte sono stati utilizzati da scrittori per inserirli in narrazioni di pi ampio respiro (come hanno fatto Antonio Puddu e Giulio Angioni, entrambi nati in Marmilla, rispettivamente a Siddi e e Guasila). La parte del volume che pi colpisce il lettore rappresentata dalle centinaia di immagini fotografiche, quasi tutte risalenti a un passato lontano e recente. Parlano quanto i testi scritti. Raffigurano persone comuni, singole o gruppi, con una forza espressiva notevole. Non sono state scattate da professionisti, ma come se lo fossero. Documentano momenti di vita sociale, modi di vestire e pettinarsi, espressioni ricche di sfumature. In anni nei quali il benessere economico era molto lontano. Eppure nei volti della maggior parte delle persone c un senso di fierezza e di dignit che non sfuggono allosservatore attento. Anche i paesi, pur nel loro aspetto dimesso, danno unimpressione di compiutezza. La loro architettura (dovuta a maestranze locali) parla un linguaggio lineare. Senza le stonature portate da tante costruzioni recenti.

econdo una leggenda (scritta da Liliana Silesu su Sanluri terra e lori), lorigine del buon pane di Sanluri si deve a due soldati, il legionario romano di nome Ciro, laltro Vargiu, dunque sardo. Il primo rimase ferito in uno scontro guerresco contro i nuragici. Le sue ferite guarirono e lui rimase in Sardegna: una terra dove era giunto da conquistatore e dove invece fin per abitare. A Ciro piaceva quasi tutto della sua nuova terra, ma non lo strano pane nero fatto di orzo, oscuro e sottile come la pelle di un cinghiale che veniva cotto fra due sassi roventi. Egli, essendo stato garzone da un fornaio, sapeva come confezionare il buon pane di grano, che profumava la mensa delle famiglie patrizie romane. Si mise al lavoro con grande lena, costru un forno con fango e pietre, e decise che da quel giorno lui avrebbe prodotto il pane per i pastori che dalla montagna scendevano con le loro greggi per la transumanza, nella grande pianura del Campidano. Il grano che ovunque maturava confuso con lorzo e lavena, venne raccolto da Ciro e da Vargiu. Nuria nelle giornate di sole lo sfarinava con una macina a mano, mentre Sotgia, la bella e giovane ragazza figlia di un vecchio pastore, lo passava e ripassava attraverso alcuni crivelli fatti con i giunchi del vicino fiume, fino a ricavarne una farina giallognola mondata dalla pula: era la semola del grano duro maturato nella meravigliosa terra di Sanluri. Ciro impast e lavor quella semola sino a ricavarne tanti blocchi rotondi come dei cocomeri, disponendoli poi sopra una stuoia, dove ricoperti da un panno bianco, pian piano presero a fermentare. Dopo oltre due ore di fermentazione, facendo attenzione

CULTURA

Il pane civraxiu di Sanluri inventato in epoca romana


Secondo una leggenda riportata da Liliana Silesu, il nome deriverebbe dal legionario romano Ciro e dal milite sardo Vargiu
di Marcello Atzeni
affinch non si sgonfiassero, con una pala di legno li mise dentro il forno, precedentemente riscaldato con le fascine. Quando dopo unora di cottura vennero tolti dal forno, erano dorati e grandi come il sole quando sorge, ed un buon profumo inond tutta laria attorno alla capanna. Fu una grande festa, Vargiu e Sotgia per primi ne spezzarono uno ancora fumante, sbocconcellandone un pezzo ognuno e porgendone altri a Nuria ed ai vicini che attirati dal buon odore, erano accorsi per curiosare. Ciro prese per compagna la brava e bella Sotgia, si costru una capanna e visse con quella brava gente. Con laiuto di Sotgia e del piccolo Vargiu, continu e ingrand il suo lavoro. Ben presto quel pane cos profumato e saporito veniva ricercato da tutti, anche dagli abitanti dei vicini Nuraghi, che pagavano con uova, formaggi, lana e utensili in bronzo e terracotta. Ma bisognava dare un nome a quel pane, per distinguerlo dagli altri che venivano confezionati nella zona. Lo chiamarono ora Ciro ora Vargiu, e a volte col binomio dei due amici Ciro-Vargiu, poi con landar del tempo venne chiamato CIVARGIU. Dopo tanti secoli, quel grosso e profumato pane, confezionato con la semola del meraviglioso grano di Sanluri, viene chiamato CIVRAXIU, a testimonianza dei vincoli di fraterna e profonda amicizia che legarono anche nella nobilt del lavoro, il bravo legionario romano Ciro a quel ragazzo sardo di nome Vargiu, figlio di Nuria sua salvatrice, che abitava in quella collina al di l del fiume, dove oggi vive e prospera la laboriosa cittadina di Sanluri. Il racconto leggendario della Silesu, sta a testimoniare lantichit di questo pane. Nel 1904, Francesco Corona, nella sua monografia dedicata al paese, parla di un pane di grosse dimensioni, chiamato civraxiu, il cui nome deriverebbe da cibario, il panis cribarius degli antichi romani. Insomma, magari sono stati proprio i latini a diffondere in quello che era il granaio di Roma (Marmilla-Trexenta) questalimento che poi ha colonizzato tutto il meridione della Sardegna. Il Civraxiu di Sanluri famoso almeno quanto la spianata di Ozieri o il pane Carasau (carta da musica) del Nuorese. Sino ad una ventina di anni fa veniva prodotto nelle case delle massaie, oggi il buon numero dei panifici presenti in paese( una decina circa) e la buona qualit del prodotto sfornato, fanno s che di fatto non esista pi un pane casalingo o artigianale. Durante la Festa del Borgo (quando amministrazione comunale, Pro Loco ed altre associazioni sanluresi si riuniscono per la riscoperta del grazioso centro storico), alcune donne del posto fanno delle dimostrazioni sul come si panificava in casa negli anni che furono. Se oggi solo un bel ricordo, allora confezionare il civraxiu (o sa costedda o su coccoi) era un vero e proprio rito.Un lavoro immane, che coinvolgeva tutta la famiglia, ed iniziava con la molitura del grano duro; molitura che veniva eseguita con sa moba sadra tirada de su burriccheddu, chiamato anche mobenti, cio colui che mobidi, macina. Tornando al nocciolo, come si produce oggi un buon civraxiu? Lo spiega Mario Piras, adesso in pensione, ma proprietario sino a qualche anno fa di uno dei pi rinomati forni sanluresi. Il civraxiu di Sanluri (che qualcuno chiama moddizzosu o moddixia), pesa dai due chili e mezzo ai tre chili e duecento grammi. Ma aggiunge lesperto panificatore possibile farlo anche di seiset-

te chili. Naturalmente questa uneccezione. Il civraxiu di Sanluri quasi un panettone, solo che non si consuma esclusivamente nei giorni di festa, ma tutti i giorni della settimana. Se vero che il consumo di pane diminuisce nella fascia det scolare e pre-scolare (i bambini e i ragazzi sono attirati dalle ipercaloriche merendine) altrettanto vero che il paese sta cercando in tutti i modi di valorizzare al meglio questo suo figlio illustre. Cos per la Festa del Borgo o nei giorni di carnevale, viene riproposta la classica bruschetta: una fetta di buon pane, olio doliva e sale, quindi viene abbrustolito e va che una meraviglia. Anni fa, quasi venti, quando a dirigere la Pro Loco cera Ottavio Mocci, si cerc di creare un marchio doc per il pane di Sanluri. Lo scomparso Benito Cappai (che nella sua vita fu anche sindaco del paese), allora uno dei panificatori pi quotati della Marmilla, disse che si doveva creare un marchio da apporre su qualsiasi civraxiu prodotto in paese. Nacquero divergenze per motivi diversi, ad esempio, anche secondo Mario Piras impossibile parlare di prodotto doc, perch se esistono dieci panificatori, ognuno sforner un prodotto diverso dagli altri. Ma anche altrettanto certo che in paese arrivano ancora i cagliaritani per comprare questo nobile alimento. In alcuni casi, in certe panetterie del capoluogo, si esponevano cartelli con una scritta Qui vende pane tipo Sanluri. Praticamente dei fornai provenienti da paesi del circondario, hanno provato ad imitare il panettone di tutti i giorni. A qualcuno pare sia andata anche bene, ma nella maggior parte dei casi si trattato solo di esperimenti culinari estemporanei.

22 L

UGLIO

2006

Parlando in Poesia
a cura di Salvatore Tola
IL RITORNO Dietro sagome scure il giorno al tramonto savvia, mentre un fremito dansia mi pervade e rotola tra i gomitoli di una giovinezza ormai lontana. Ricordo scogli marini, il fischiare del maestrale che spazza larida terra. e tra lentischi e oleandri in fiore una tortorella vola. E mentre il sonno mi pervade ti vedo elargire ai tuoi figli lontani la speranza del ritorno.

i altre volte abbiamo avuto occasione di parlare di Costantino Arangino, poeta di Aritzo appassionato lettore del Messaggero, e dei libri che ha pubblicato: Memorias de Aritzo nel 1998 e Allegas de una idda de Barbagia nel 2003. Con quelle opere, scrivevamo, gli capitava come capita a tanti poeti di Sardegna di farsi interprete della storia e dei problemi, dei dolori e delle speranze del suo paese, al quale attaccatissimo; e ne dava un quadro molto ampio, ricco di dettagli e notazioni. Di recente ha raggiunto felicemente gli ottantanni, circondato dalla sua numerosa famiglia, e ha voluto occuparsi finalmente di se stesso: ha deciso cos di raccontare la sua vita che, si pu ben dire, una pagina di storia della nostra gente, segnata, specie nella prima parte, da tante sofferenze e da ripetuti sacrifici. Per sopravvivere e mantenersi, e mantenere i suoi figli mano mano che arrivavano, ha dovuto dedicarsi ai mestieri pi diversi: da pastore a legnaiolo, da autotrasportarore a sarto, per finire la lunga carriera lavorativa come bidello. Purtroppo il primo figlio, Tullio, era morto ancora piccolo, ma poi erano venuti Serenella e Beatrice, Fabio e Giordana, Tiberio e Tobia, e ancora Ivano: sette figli che sono cresciuti sani e forti, gli hanno dato tante soddisfazioni e numerosi nipoti. Con loro ancora prima dellottantesimo compleanno aveva potuto festeggiare le nozze doro: Cussa die puru est arrivada, / si bidet chi mi lappo meritada. Ma certo, come dice ancora, non avrebbe mai creduto di raggiungere questi traguardi, dopo gli anni difficili trascorsi nellinfanzia e la giovinezza: E non creia cantappo suffridu / deo de costruire unu tesoro / comente i mi lappo costruidu. Chi interessato a questo poemetto in terzine, illustrato con foto degli anni passati e della famiglia, del costo di 9 euro, pu rivolgersi allautore: corso Umberto 35, 08031 Aritzo; tel. 0784.629081; qui di seguito riportiamo il passo pi drammatico della lunga biografia, quello sulla morte prematura della madre. Seguono una parte della Cantone de sas ervas, scritta dal poeta martese Nicola Pintus nellOttocento e ritrovata dal nipote Mario Puliga; un compianto funebre di Mundinu Zedda, di Genoni; e quindi una serie di composizioni che hanno in comune col libro di Arangino il tema autobiografico; compresa la poesia di Loredana Iole Scalpellini, residente in provincia di Brescia, che ha iniziato scrivendo nel suo dialetto, ma dopo aver sposato un sedilese ha adottato il sardo; e chiede di ricevere i bandi dei concorsi letterari che si tengono nellisola.

La mia vita
SA CANTONE DE SAS ELVAS In su laolzu remediu non bada chi fit sispantu e ogni massaju. Tottu sas elvas bi sunu nadas, e tottu nadas in su mese e maju. A fagher contu inari no bada, a lisalgare bi cheret aju. Si appere su inari e su duca de lisalgare non di esso mai. Tottu est fenalzu e cucca cucca, sorighina, iscioccoro e papai, trovolzu, mole mole e almuranta, barditzu cun coa e matzone, basaloru, lolzu e usciareu, elva puddina, cunnu rassu e baldureu, prammutza, nughe nughe e cagarantu, lattaredda, pabanzolu e pane santu... Nicola Pintus (inviata da Mario Puliga) ACCOLTU IN CHELU In memoria de tziu Ignatziu Caria Unaddiu cun grandu riverentza bi lu fatto cun tanta stima e amore: finida est sa sufferentza e su dolore e non best prus sa tua esistentza. Oe de custa terra ses mortu pero de su Segnore in chelu ses accoltu. Tue oe intras in sa celeste dimora, in chelu sos anghelos cantan a donniora. Prega pro nois, de sos caros tene memoria e a ti connoscher in sa santa gloria, taccunpagnen Giuseppe e Maria cun sanghelu Gabriele. Cos sia. Mundinu Zedda SAMBIENTI SANU Curriant is annus de prusu stimaus, candu in campagna opera fadia, mancai inespertu de meteorologia tempus conoscia, bingias e cungiaus. Is campus parrianta quadrus pitturaus, portaus a bantu in sa bidda mia e candu, passendi, fadia stringhillu de tana ndessiat lepiri o conillu.
SA PASCHIGHEDDA DUNU TEMPUS Setzidos accanta de sa forredda cun sa famiglia e calchi ighinu, in ogni domo sa notte de Paschighedda si onorda su Gesus Bambinu. Tottu accanta de sa mesighedda, cun sas ampuddas pienas de binu, unu paneri prenu de nughedda e sos pabassinos in dunu cestinu. In sa forredda unu bellu fogu, unu bellu fogu de cutzighina, e su fumu nde preniat su logu. Fumu in sapposentu e in cughina, ma tottu si leaiat a giogu e, cando finiat su binu de sa carrafina, sischerzda cun custu e cun cuddu, e poi tottus a sa Missa e Puddu. Giovanni Palmas TRES ANNOS IN SAS TRINCERAS In guerra fit partidu babbu meu, de lu narrer non dapo sos disizos: preoccupatziones e fastizos ndaiat, e unu mannu neu. Affidados a su destinu de Deu orfaneddos lassadu iat tres fizos, faghet versare lagrimas in chizos finas a su dimoniu pius feu. Issu est andadu a vivere in sas trinceras abandonande sos fizos pitios a suspiros in coro e a murrunzos. Suffertu igue at tres primaveras, tres ierros cumpletos tres istios, e pro no ismentigare tres atunzos.

Costantino Mele

SU PRIMU INCONTRU Comente colomba viazzadore in suniversu in Belgiu so arrivadu unu die autunnale, cuntentu, allegru, cantende tottu gioviale,. incontenreden columba fidele bella e giocunda. Appo mente sana, fiera, sempre decisa, soltantu mia ti cherzo bellu tesoro proite mas colpidu anima e coro. Tando giamo a tie prediletta cara Elisa. Como attendo fiduciosu sentza lamentu pro samore una galante lieta risposta, chi custa via siat sentza e turmentu in su camminu geniale dae sa vida nostra. Ammentadinde cussannu, in su mese novembrinu, duas columbas bolende in chelu giocundu sincontrana in saera e, fortuna o destinu, fideles alligras initziende samore in coro profundu. Giovannino Setzu CUSSU FOGU MALAITTU Da chi morzo calchi cosa faghet sebreu nazzarenu gloriosu, da chi mat postu sa pedde a riposu forsi li naro: Deus ti lu paghet! Tantu cussu cipressu meda umbrosu latzetto, puru si no mi piaghet, chi siet in logu asciuttu e appoggiosu e chi cando pioet non sallaghet. Poi, si mi giughes a sinferru non de fatto nisciuna protesta e ti firmo finas uniscrittu; e gai a sos meses de sierru ti giuro chi mi at a parrer una festa acchicchende cussu fogu malaittu. Giuseppino Virdis UN SOGNO SArchittu ritrovato, disteso tra le luci, una magia nella serata calma ed invitante con larco illuminato sul mare cullato da sirene Limmagine desiata dopo tantanni, grazie agli amici riappare sul mare. Ancora trasognata esprimo poche note, per non sciupar lincanto! Tu solo puoi gustar dal Paradiso e capire il desio: nel quadro cos bello vedere ancora il tuo viso di fronte al mio! Pinuccia Puggioni Casazza FRAGU DE CAULE E CHIPUDDA Po mi faede unu pagu de cumpanzia abbadiande seo una foto etza de famiglia: mamma itte ischiat imbentare cando fudi sora de faede a bustare! Baiat pagu, ma pagu baliat prus de nudda, a bortas bastiat su fragu de caule e chipudda. Una lambriga calat in suba sas lavras imboligadas cando sa limba intendet sos sabores de cudda vida andada. Torrat a conca totta cussa zente, a entre boida si chest andada, ma cantos an leau su coro meu! Como chi tenzo su prattu prenu abbarrau seo ieo ebbia in custa omo manna. A boisattros cherzo precontare poitte una olta su pagu fut meda e como su meda e nudda! Solu su entu intrat, ma issu no ischit chistionare, colat in presse e a sa muda mi lassat torra solu: z lisco, po cussu non bat risposta, nemmanco in duna foto etza de famiglia! Loredana Iole Scarpellini

IN SARGIOLA Sattacada minzanu a simpuddile e sismontada sole tramontadu comente su colonicu in Brasile. Cantistesit su trigu accumuladu a si fagher cincannos de confini istesit babbu meu deportadu pite sa dittatura de Mussolini segregatu at sa zente a prepotentza fintza cantu benida est a sa fini. Benomale cha babbu sinnocentza lan riconnotu e sa pena istabilia li at fatta a brevissima iscadentza. Est tando chi sest morta mamma mia affligida de su dolore forte cando tenia settannos ebbia. De tando mest toccada cussa sorte de suffrire sa tragica orfania, indecisu de mi cedere a sa morte. Fattu appo sa mia pitzinnia sentza tennere benessere una trama, sentza tennere a mamma in cumpagnia. Costantino Arangino

Savvertiat senida de bella stagioni, sa frutta, gustosa, madur sentza serra. Sambienti fu sanu de podi gosai; priva e disingannu rendiat sa terra, de malannada rara fatta eccezioni; a sEden chi appo biviu sperendu de torrai. Tiberio Vacca PROMEMORIA Su battor de frealzu su compreannu meu, fatto sos mios bellos ottantannos. Su tempus poi dennalzu est unu mese feu chi lu timen minores e mannos. Fudi in tempus de nie chan batizadu a mie: dae custa data cantos dannos! Custu diciu ammitto: non balet a si pesare chitto.

Pasquale Corrias

CANDO SO NASCHIDU In sattu chi mama mi at partoridu su cordone umbilicale mana ligadu, subitamente mi ana fasciadu e pianghio ca fio famidu. Mama mia in bratzos mat leadu, cun su latte de sa titta mi at nutridu, poi attattu mi che so dormidu e intro de unu baltzolu mana corcadu.

Pietrino Canu

E mama mia at pregadu a Deus de laer dadu cussu bellu fizu, su fruttu disizadu de samore, nendemi: Gi ses bellu fizu meu, gi ndas de babbu tou sassimizu, pro chentannos ti lasset su Segnore. Salvatore Aramini

Sardegna Notizie
CULTURA ECONOMIA

LUGLIO 2006

23

Approvato il Piano Soddisfacenti i risultati di interventi per il 2006 del programma per le biblioteche sarde Master and back
La Giunta regionale, su proposta dellassessore della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo, Sport, Elisabetta Pilia, ha approvato il piano degli interventi 2006 per sostenere, con uno stanziamento di 921 mila euro, i sistemi bibliotecari territoriali, le istituzioni bibliotecarie private e i progetti di promozione alla lettura. Per sistemi bibliotecari e biblioteche private il finanziamento complessivo di 506 mila euro. Come lanno scorso, per lassegnazione stato utilizzato un sistema di misurazione e valutazione, in grado di stabilire le somme da corrispondere in base a dati statistici e indici di prestazione delle biblioteche, che tengono conto di standard nazionali e internazionali. Viene presa in considerazione anche la partecipazione finanziaria degli enti proprietari delle biblioteche per garantire il loro funzionamento. Ai progetti di promozione della lettura sono stati destinati 415 mila euro. Lo stanziamento pi consistente, 140 mila euro, per il progetto Biblioteche carcerarie in Sardegna per la riorganizzazione e il potenziamento dei servizi bibliotecari nelle carceri, avviato nel 2003 con un protocollo dintesa tra il Dipartimento dellamministrazione penitenziaria-Provveditorato regionale di Cagliari e lassessorato regionale della Pubblica Istruzione. Il progetto partito coinvolgendo cinque istituti - le case circondariali di Cagliari, Iglesias, Sassari, Mamone e listituto minorile di Quartucciu - cui nel 2005 se ne sono aggiunti altri sei, oltre ad alcune comunit di recupero e agli ospedali Microcitemico e Oncologico. La prosecuzione del progetto continuer ad essere affidata alla cooperativa di servizi bibliotecari LAleph. La Regione ha finanziato con 20 mila euro anche il progetto Lettura per tutti, rivolto a non vedenti, retinopatici e ipovedenti o con disabilit motorie, che sar realizzato in tre biblioteche pubbliche di Cagliari (Studi sardi, biblioteche provinciale e regionale) e si prefigge di mettere a disposizione degli utenti ausili informatici e assistenza. Un contributo stato riconfermato anche per liniziativa Nati per leggere. Finanziati con 20 mila euro ciascuno il Premio nazionale di letteratura per linfanzia Sardegna del comune di Olzai e il Festival internazionale della letteratura per ragazzi, che si terr dal 13 al 15 ottobre, nel centro culturale Exm di Cagliari. Ammonta complessivamente a 135 mila euro lo stanziamento destinato ai festival di Gavoi, Marina Caf Noir, LIsola raccontata, Settembre dei poeti. Un contributo di 20 mila euro stato destinato ai Presdi del libro, mentre un contributo di 15 mila euro stato assegnato rispettivamente al Centro regionale di documentazione Biblioteche per ragazzi, alla sezione sarda dellAssociazione italiana Biblioteche e ai Centri di servizi culturali ex Unla ed Umanitaria.

CULTURA

Presentato a Bruxelles dal presidente Soru il sito Sardegnacultura


Con il sito internet Sardegnacultura, che mette a disposizione decine di migliaia di file sul patrimonio culturale dellisola, la Regione ha anticipato un progetto dellUnione Europea per una biblioteca digitale da realizzarsi entro la fine del 2008. Il presidente Renato Soru ha presentato il sito istituzionale il 14 giugno, a Bruxelles durante una conferenza sulla societ dellinformazione e delle biblioteche digitali, in occasione della riunione plenaria del Comitato delle Regione. LUnione Europea ha annunciato la nomina di una commissione di 20 esperti per una biblioteca digitale europea che conterr schede di descrizione di monumenti, approfondimenti, fotografie, file musicali, e filmati per un totale di due milioni di file. Noi ha detto il Presidente della Regione Sardegna - stiamo facendo esattamente questo. Abbiamo iniziato prima e oggi abbiamo un numero che, in proporzione agli abitanti della Sardegna, e circa sette volte tanto quello che lUnione europea si propone come risultato per la fine del 2008. Credo che arriveremo molto lontano, forse a 100.000 oggetti in non troppo tempo, questa e lambizione che abbiamo. Al sito lavorano dipendenti regionali con il contributo di tecnici e intellettuali esterni, con lobiettivo di digitalizzare lintero patrimonio culturale della Sardegna e sistematizzare tutti i siti e i luoghi della cultura dellisola, accessibili a chiunque abbia una connessione internet. La Regione sarda punta anche ad acquistare i diritti di libri, fotografie, filmati e materiali sonori in modo da renderli disponibili sul sito. I diritti a precisato Soru - costano sufficientemente poco. Linvestimento e simile al costo di un metro quadro di pavimento. Credo che la Regione abbia la possibilit e il dovere di comprare i diritti, affinch questo patrimonio sia accessibile a tutti. Noi finanziamo leditoria libraria, semplicemente non ci siamo ricordati finora di chiedere anche i diritti per pubblicare i testi online. Oppure, anzich finanziare un nuovo libro, nel prossimo futuro siamo interessati a spendere gli stessi soldi per comprare i diritti delle pubblicazioni che esistono. Faremo una verifica dei materiali da acquisire, e in pi apriremo i cassetti di tutto quello che abbiamo finanziato: le cineteche Rai, gli archivi Rai, gli archivi radiofonici che sono nella nostra disponibilit. Finora la Regione ha acquistato e messo a disposizione la collana della biblioteca sarda della casa editrice Ilisso, circa 130 titoli.

Sono stati pubblicati i primi risultati del Programma Master and back che mette a disposizione 53 milioni di euro per la formazione post lauream di circa 3000 giovani laureati sardi. Si tratta, in particolare, dei nominativi di 150 laureati ammessi al finanziamento dei percorsi di alta formazione. Listruttoria delle domande riguardanti la partecipazione a dottorati, master, corsi di specializzazione, i diplomi accademici in campo artistico e musicale e formazione durante il 2 anno del corso di laurea specialistica , infatti, cominciata con lesame delle prime richieste pervenute, alcune delle quali sono passate attraverso la valutazione della Commissione tecnico scientifica. Si tratta, quindi, di una prima parziale lista di beneficiari che sar continuamente aggiornata. Le domande pervenute finora sono circa 600, la maggior parte sono riferibili a dottorati e master di alta professionalizzazione. Per i Dottorati, i Master e i Corsi di specializzazione universitari la valutazione automatica se il percorso formativo si svolge presso universit presenti nellAcademic Ranking of World Universities, la classifica delle 500 migliori universit del mondo. Il prestigio dei dipartimenti universitari della Gran Bretagna viene valutato, invece, attraverso la classifica RAE Research Assessment Exercise.

Quando la qualit del percorso formativo non desumibile attraverso questi elementi necessaria la valutazione della Commissione tecnico scientifica. I master di alta professionalizzazione, per esempio, richiedono una valutazione pi attenta (a meno che non siano accreditati dallASFOR o da altri organismi riconosciuti). Si tratta di master erogati da soggetti molto diversi tra loro (aziende, fondazioni, enti di formazione, etc.), la cui qualit deve essere verificata caso per caso per assicurare la validit del percorso formativo. Insieme ai risultati dei percorsi di alta formazione sono disponibili anche i primi programmi di tirocinio e stage. Sono una quarantina di accordi di collaborazione tra universit, centri di ricerca, imprese, enti pubblici operanti in Sardegna e analoghe organizzazioni operanti fuori dalla Sardegna che saranno in grado di offrire unesperienza formativa on the job. Coloro che volessero partecipare possono esaminare lelenco dei tirocini disponibili e presentare una o pi candidature. Anche in questo caso lelenco sar continuamente aggiornato con linserimento dei programmi che saranno via via valutati. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito internet della Regione allindirizzo www.regione.sardegna.it/masterandback.

ECONOMIA

Cresce il credito per imprese e famiglie


Migliora la qualit del credito in Sardegna. Nel 2005, come emerge dallanalisi dellandamento delleconomia in Sardegna elaborata dalla sede cagliaritana della Banca dItalia, i flussi delle nuove sofferenze si sono ridotti sia per le imprese che per le famiglie. In fase di accelerazione rispetto agli anni precedenti, lammontare dei finanziamenti erogati dalle banche ai residenti nellisola cresciuto del 10,7% nei dodici mesi del 2005. Il credito concesso alle imprese passato dal 5,7% all8,9%, mentre i prestiti alle famiglie sono aumentati del 14,3% ma concentrati, in particolare, nellincremento dei mutui (+ 15,2%) per lacquisto e la ristrutturazione delle abitazioni. La durata media del finanziamento continuata nella sua tendenza allallungamento: sia le imprese che le famiglie privilegiano sempre pi il credito a medio e lungo termine (+ 13%) rispetto a quello a breve scadenza (+ 3,8%). Sul fronte della raccolta bancaria (+ 4,5%), il 2005 ha confermato la tendenza allespansione delle forme pi liquide: conti correnti e pronti conto termine sono cresciuti rispettivamente dell8,6% e del 29,1%, ma si sono ridotte le obbligazioni bancarie. Rispetto ai nuclei familiari, le imprese si sono mostrate invece pi attive nel settore dei depositi che, in generale, sono aumentati del 4,6% con una crescita pi intensa nelle nuove province di Olbia-Tempio e dellOgliastra. Riguardo al sistema creditizio, il numero delle dipendenze bancarie salito fino a 683 unit con un incremento dello 0,9% e il numero delle banche insediate nellisola passato da 29 a 30.

CULTURA

Il premio Alghero Donna a Grazia Livi e Fiorella Ferruzzi


Grazia Livi per la sezione Prosa con Lo Sposo impaziente (Garzanti) e Fiorella Ferruzzi per la poesia con Prima che passi la poesia (Cuec) sono le vincitrici della XII edizione del premio nazionale di letteratura Alghero Donna, patrocinato dal comune della citt catalana. Livi, saggista che ha fatto conoscere in Italia lopera di Virginia Woolf, ha vinto il premio Viareggio nel 1991 con Lettere del mio nome. Ferruzzi una giornalista sarda che vive a Bologna. Questanno il premio Alghero Donna dedicato alla scrittrice premio Nobel Grazia Deledda, nel settantesimo anniversario dalla morte. La targa speciale della giuria, presieduta da Neria De Giovanni (presidente dellassociazione internazionale dei critici letterari), stata assegnata alla studiosa deleddiana nuorese Angela Guiso, autrice di Grazia Deledda, temi, luoghi, personaggi (Edizioni Iris).La sezione giornalismo stata vinta dallex presidente della Camera passata alla conduzione tv, Irene Pivetti.

24 L

UGLIO

2006

Emigrazione

Il mercato francese, le sue caratteristiche e le opportunit di sviluppo che offre alleconomia sarda, sono stati al centro del quinto dei seminari organizzati dallAssessorato regionale del lavoro, e pi specificatamente dallOsservatorio dei sardi nel mondo nellambito del progetto Una vetrina per la Sardegna. Liniziativa regionale, che nelle precedenti occasioni ha rivolto la sua attenzione ai mercati della Gran Bretagna, della Spagna, della Germania e del Belgio, si muove nellambito di un programma del Ministero degli Affari esteri finalizzato a promuovere legami stabili con gli italiani allestero per lo sviluppo del Mezzogiorno. Attraverso due progetti attuati dal Centro di formazione dellOrganizzazione internazionale del lavoro (OIL) di Torino. Il progetto PPTIE, orientato a dotare le Regioni dellObiettivo 1 e le istituzioni locali delle competenze e della strumentazioni necessarie per promuovere accordi di collaborazione con gli italiani allestero, ai fini della internazionalizzazione e dello sviluppo locale dei territori. Il secondo progetto ITENETs punta alla creazione di una rete internazionale per la formazione e il lavoro, e vede, appunto, nellOsservatorio dei sardi nel mondo, il suo braccio operativo a livello regionale sardo. Il seminario si aperto con lintervento di Marco Ghiani, direttore del Servizio emigrazione dellAssessorato e referente regionale per i progetti PPTIE e ITENETs, che ha sottolineato limportanza per leconomia sarda, che attraversa un momento certamente difficile, di far conoscere allestero i suoi prodotti, e i suoi tesori culturali e della tradizione. La Regione sarda, ha aggiunto, si gi mossa in questa direzione creando lAgenzia Promozione Sardegna, che deve raccordare le iniziative dei diversi Assessorati finalizzate alla promozione e allassistenza alle imprese. LAssessorato del Lavoro da parte sua interviene in questo processo di internazionalizzazione coinvolgendo gli emigrati e sollecitando il loro impegno, in modo che possano mettere al servizio dellisola le competenze e le conoscenze acquisite negli anni. Ma i loro Circoli, ha aggiunto, devono adeguardi ai nuovi impegni che si chiedono loro, lasciando spazio ai giovani, scardinando le molte resistenze e superando le vecchie mentalit. Si tratta comunque di un processo che va avanti da almeno tre o quattro anni, e che ha trovato un ostegno nelliniziativa del Ministero degli esteri finalizzata alla creazione di legami stabili tra emigrati e residenti per lo sviluppo degli scambi e linternazionalizzazione delleconomia delle regioni meridionali. Ha quindi preso la parola Luca Azzoni, del Centro di formazione dellOIL di Torino, che ha riferito sui risultati ottenuti nei primi mesi di utilizzazione dei nuovi strumenti. Il modo di operare della Sardegna, ha sottolineato tra laltro Azzoni, stato diverso da quello delle altre Regioni interessate: stata scelta una strategia vincente, quella di utilizzare le associazioni degli emigrati sardi nei paesi definiti di priorit, facendo leva sul loro patrimonio di conoscenze e di esperienze. Dopo un breve intervento di Corrado Monteverde, dellOsservatorio del lavoro e dellimpresa dei sardi nel mondo, che ha illu-

Una vetrina per la Sardegna per conquistare spazio nel mercato francese
Incontro tra operatori economici sardi e dOltralpe per valutare le opportunit offerte ai prodotti sardi - Il progetto PPTIE promosso dallassessorato del Lavoro e dal Ministero degli Esteri
diRoberto Puddu

strato la composizione e il modo di operare dellorganismo di cui fa parte, intervenuto Francesco Laconi, presidente della Federazione dei Circoli sardi in Francia. Laconi, dopo aver ricostruito brevemente la storia dellemigrazione sarda in quel paese, ha osservato come oggi i grandi flussi di immigrazione sarda si siano interrotti, anche per la crisi economica che ha attraversato quel paese nellultimo decennio, tuttavia i sardi e i francesi di origine sarda sono

oggi ben tre milioni e 200 mila. La comunit sarda, ha aggiunto, oggi complessivamente ben inserita, e ha dato vita a varie associazioni, 15 delle quali riconosciute dalla Regione. Negli ultimi anni i Circoli di sardi in Francia hanno saputo innovarsi, proponendo iniziative di rilievo: realizzando gemellaggi, partecipando a fiere importanti, organizzando work-shop per i prodotti dellisola. Il mondo dellemigrazione organizzata in Francia, ha concluso

Laconi, rinnova oggi il suo impegno e la disponibilit ad attivare qualunque iniziativa che possa portare vantaggio allo sviluppo dellisola. quindi intervenuto Salvatore Tabone, direttore della Camera di Commercio italiana per la Francia, che ha affrontato il tema della promozione dei prodotti tipici italiani in Francia. Questi prodotti, ha detto, rappresentano un fattore importante nel panorama del settore agroalimentare. Ma la

GERMANIA

Lesperienza sarda illustrata a Colonia al progetto Versus

Sabato 13 maggio si svolta a Colonia, nella sede dellIstituto Italiano di Cultura, lassemblea conclusiva del progetto Versus, mirante al coordinamento per la promozione della formazione professionale degli italiani del NordReno-Vestfalia. Tra i partecipanti diversi esponenti della politica, del sindacato e delleconomia. Uno degli argomenti trattati riguardava il ruolo delle regioni italiane nel campo della formazione professionale; vi sono stati gli interventi del dott. Luca Azzoni, coordinatore interregionale dei progetti ITENET e PPTTIE, il quale ha presentato il progetto attualmente in corso e dellarch. Domenico Canu, consultore per lemigrazione della Regione Sardegna, il quale ha illustrato la politica che lassessorato del Lavoro opera nei confronti dellemigrazione. Al termine, il circolo sardo di Colonia Speranza sarda ha presentato agli intervenuti una degustazione di prodotti sardi. Era presente anche il presidente della Federazione dei circoli sardi in Germania Gianni Manca.

molteplicit dei modelli di sviluppo di questi prodotti nel mercato pone oggi il problema della individuazione di nuove strategie per accrescere la portata e valorizzarne il potenziale di tipicit ancora inespresso. Occorre perci, ha aggiunto, armonizzare la politica di indirizzo e promozione svolto dagli organi istituzionali con le strategie e i bisogni di promozione e commercializzazione degli operatori, in particolare sui mercati esteri. quindi intervenuto Philippe Netter, direttore generale della SEM-METZ, che ha riferito sulla Metz Technopole-Lorena, da lui definita Una perfetta piattaforma continentale. Giuseppe Cadeddu, del Dipartimento per le lingue straniere dellUniversit di Nancy 2, ha illustrato i contenuti dei master biennali che si tengono nella sua Universit, svolti da docenti di doppia cultura, e che hanno come discipline: amministrazione commerciale, gestione delle imprese commerciali, inglese commerciale, simulazione di gestione, nonch management delle aziende italiane e italiano commerciale. I master si concludono con uno stage obbligatorio di 4 mesi presso aziende private o organismi internazionali. Esiste un progetto di partenariato tra la Lorena e la Sardegna: possibile che uno stagista di Nancy venga a collaborare con una azienda sarda interessata al mercato francese o che uno studente sardo venga iscritto a un master. Ha quindi preso la parola Ignazio Cerina, imprenditore del settore agro-alimentare che dal 1999 opera in Francia. Cerina ha ricostruito la sua vicenda imprenditoriale ricordando gli ostacoli e le difficolt che ha dovuto affrontare per trovare spazio in quel mercato. Dalla sua esperienza, ha aggiunto, possibile trarre alcuni insegnamenti: innanzitutto per vendere in Francia occorre francesizzare il proprio prodotto, in particolare studiando accuratamente le ettichettature. Poi occorre iniziare percorrendo la strada della ristorazione per giungere poi alla grande distribuzione. Tenendo poi conto che i francesi non acquistano direttamente ma solo attraverso i grossisti, occorre curare particolarmente i rapporti con questi ultimi. E poi, ha concluso Cerina, occorre una pubblicit adeguata, in modo da rendere i proprio prodotto indispensabile per i consumatori. infine intervenuta Anne Back, direttrice degli affari economici della Camera dei mestieri e dellartigianato della Mosella, che ha illustrato le caratteristiche normative e della produzione di questo importante settore economico, caratterizzato, fra laltro, da un grande dinamismo imprendotoriale. Un settore fatto da 12 mila imprese con 72 mila addetti e con una riconosciuta adattabilit agli strumenti e alle tecniche pi moderni, una forte attivit di formazione delle nuove generazioni (3000 apprendisti) e una forte attenzione per la qualit del prodotto e la protezione ambientale. Un settore, ha concluso, che presenta, ancor pi che in altre zone della Francia, grandi possibilit per gli artigiani che intendessero trasfervisi. Conclusi gli interventi dei relatori il seminario poi proseguito con un lungo dibattito e con una serie di quesiti posti agli esperti dai numerosi partecipanti.

Emigrazione
Il biglietto per questa grande avventura lavevo staccato lautunno dello scorso anno insieme al Prof. Alberto Devoto (Universit di Cagliari), che ricopre da qualche anno limportantissimo incarico di Addetto Scientifico presso lAmbasciata dItalia a Washington. Il buon feeling instauratosi immediatamente tra di noi mi fu di grande incoraggiamento per proseguire nella definizione di un progetto ambizioso che aveva come scopo primario quello di portare la nostra isola nel palcoscenico pi visibile, Manhattan, proprio in occasione della nostra festa nazionale. Per alcuni anni ho partecipato, in rappresentanza dei Sardi, a numerosi eventi organizzati da altre associazioni italiane, o da Regioni in prima persona, e ogni volta mi sono chiesto se mai anche i Sardi avessero, un giorno, potuto essere protagonisti. Tra laltro, mi piace sottolineare che i Sardi riscuotono tanta simpatia, lo sento dire sempre ovunque. Gli scambi di idee con il Prof. Devoto mi convinsero che era arrivata lora, per questo evento, bastava osare di pi, la collaborazione di tutti era assicurata. Daltronde non si poteva tradire la fiducia che lAssessorato al Lavoro aveva riposto nel Circolo Shardana. Cera da individuare una bella sala al centro di New York, un posto altrettanto in vista nel New Jersey e, cosa molto importante, un teatro che facesse al caso nostro, perch parte del progetto era, appunto, portare dalla Sardegna un gruppo teatrale che recitasse in Sardo. Il tutto per da realizzare con il budget previsto approvato dallAssessorato al Lavoro. Era finalmente arrivato il momento di accontentare i numerosi Sardi che da tempo reclamavano qualcosa di molto visibile, per non essere sempre secondi agli altri gruppi regionali. Con laiuto di Daniela Puglielli, titolare virtuosa dellagenzia Accent-PR con sede nel New Jersey e a Milano, il lavoro si protratto per mesi, fino a che non uscito il primo comunicato stampa, che ci ha proiettati ben oltre i confini del nostro Circolo: a New York, in Italia, in Sardegna e naturalmente su Internet (Yahoo! News). A quel punto non ci potevamo permettere la minima pausa o tentennamento. Furono spediti inviti a tante persone, dai singoli soci del Circolo, a imprenditori del mondo italiano e americano, a gente del mondo dellarte e spettacolo, della TV, della stampa specializzata. Nel frattempo cercavo anche di districarmi nel mondo dellexport sardo, in quanto, per far quadrare i conti, occorreva anche laiuto di sponsor. Con mia grande sorpresa ne avevo trovato subito alcuni ben lieti di darmi una mano; in fondo, per loro, i nostri eventi rappresentavano una forma di promozione gratuita. E cosi si arrivati al fatidico giorno, venerd 30 Aprile. Gli splendidi locali della New York Academy of Science si prestavano benissimo al nostro progetto. Con una dose extra di nervosismo, in tre-quattro ore siamo riusciti ad adornare i locali con dei bellissimi poster della Sardegna, con eleganti composizioni floreali, il sottofondo musicale appena percettibile; allentrata abbiamo sistemato, un bel tavolo con abbondante materiale pubblicitario inviatoci dalla Regione, tra cui una bellissima rivista, Sardegna che ognuno ha pensato bene di portarsi via. Nel gran tavolo principale, invece, le tante

LUGLIO 2006

25

USA

Sa Die de sa Sardigna a Manhattan e Jersey City


Successo del progetto Sardegna da scoprire realizzato dal circolo Shardana - Il contributo del prof. Alberto Devoto, addetto scientifico dellAmbasciata dItalia - Manifestazioni per far conoscere lIsola Commedia in limba di Antonio Garau a Broadway

belle cose offerte: vini pregiati, mirto formaggi gustosi, la bottarga (che sparita in un baleno), il delizioso torrone Pruneddu di Tonara, andato anchesso a ruba (sotto lo sguardo assai compiaciuto di Antonello Pruneddu, venuto appositamente per festeggiare assieme ad un gruppo di Sardi); i deliziosi dolci offerti da una ditta sarda, e quelli freschi portati la sera prima direttamente dallisola dai vacanzieri al seguito dei teatranti. Non poteva ovviamente mancare un assaggio di malloreddus al sugo di salsiccia, preparato dal bravo chef Antonello Ghessa. Lincontro era stato organizzato con la formula di Open House: la gente viene, si ferma, assaggia, chiacchiera e poi, solitamente, dopo una mezzora va via. Ma dopo quattro ore abbiamo dovuto soccombere allinvito dei responsabili del locale: il tempo a nostra disposizione era abbondantemente scaduto e agli invitati si dovuto educatamente comunicare che la festa era finita. I partecipanti erano veramente tanti e, di qualit: Sardi, Italiani, Americani, alcuni venuti da Washington, Boston, e anche da localit molto pi distanti. Dalla

lontana citt Winnipeg, nel Canada, ci ha onorato con la sua presenza il geometra Antonio Spanu, emozionatissimo, a dir poco (ho scelto davvero loccasione migliore per visitare New York, e partecipare a questa grande festa, incontrare tantissimi conterranei, sono commosso come non mai). Oltre a Sardi di vecchia immigrazione, ne sono venuti tanti anche di recente immigrazione, quella tecnologica, cervelli sardi sbarcati a New York per studio e ricerca. Prodotti delle scuole sarde, che prestano la loro opera in alcune delle pi note istituzioni di New York; chi in ospedali rinomati (Columbia Presbyterian, Mount Sinai, St. Vincents, Sloan-Kettering, Flushing), chi in scuole famose (New York University, Columbia). Per chi non lo sapesse, infatti, a rappresentare la Sardegna a New York ci sono al momento medici specializzati in Cardiochirurgia, Pediatria, Neuropsichiatria Infantile, Psicologia, Neurochirurgia, Cardiologia, direttori di Ospedali, Biologi impegnati in alta ricerca, manager di informatica, di finanza, di gastronomia. Uno dei ViceConsoli quasi non credeva che la lontana isola (che spesso non appare nemmeno

nelle cartine dellItalia che talvolta sono raffigurate nelle insegne di alcuni negozi e ristoranti italo-americani; fatto molto strano, ma vero) avesse un cos alto numero di studiosi negli Stati Uniti. Davanti ad un pubblico attentissimo, spettato al Professor Devoto illustrare i punti storici salienti de Sa Die de sa Sardigna. Era una cosa piacevole vedere tante persone interessate anche alle vicende storiche della nostra isola, e che, contemporaneamente, mostravano di gradire assai i prodotti gastronomici offerti, a riprova dellalta qualit di ci che di meglio la Sardegna produce. A Jersey City, grossa citt dirimpetto a Manhattan, da un paio danni esiste il Museo Italiano dellEmigrazione, ospitato in una semplice e dignitosa palazzina a tre piani: il posto ideale per la seconda tappa del nostro viaggio. stata una Open House sulla falsariga del giorno precedente. Ma stavolta il pubblico era diverso: oltre ai numerosi Sardi del New Jersey, gran parte dei partecipanti era formata da italo-americani e americani amanti di tutto ci che Italia. Erano presenti anche alcuni importatori del ramo eno-alimentare operanti nello stato del New Jersey. I locali erano molto accoglienti, elegantemente addobbati con immagini bellissime di panorami sardi. Il pubblico ha naturalmente gustato tutte le delizie offerte, come si era verificato la sera prima a Manhattan. Dopo il mio breve saluto di benvenuto ai presenti in rappresentanza della comunit sarda, ha parlato il Prof. Alberto Devoto, riepilogando il significato della festa e mettendo in risalto alcuni aspetti della Sardegna moderna, la ricerca in primo luogo. Il Dr. Paolo Toschi, Console del New Jersey, ha tenuto a sottolineare l ottima organizzazione e la proficua attivit pro-Sardegna e pro-Italia del Circolo Shardana,, ai cui eventi vado sempre con tanto piacere, anche perch,

oltre alla simpatica compagnia, offrono sempre le delizie gastronomiche che abbiamo qui oggi. Ma la ciliegina sulla torta era levento di domenica 30. Molti Sardi si sono ritrovati, a Broadway, per un appuntamento a dir poco indimenticabile: la performance in Sardo di una divertente commedia di Antonio Garau, Cicciu Fruschedda. Il teatro era gremitissimo, oltre il lecito, in quanto oltre ai Sardi hanno partecipato alcuni professori universitari di lingue romanze, studenti e simpatizzanti della Sardegna, attratti da questa occasione pi unica che rara. Ognuno aveva a disposizione il libretto con il testo in Sardo, Italiano e Inglese; ma per coloro che non capivano il Sardo non cera problema alcuno, era sufficiente seguire attentamente la gestualit, spettacolare, dei componenti il cast del Teatro Tragodia (di Mogoro): Virginia Garau, Giuseppe Onnis, Nicola Melis, Agostina Maccioni, Paolo Garau, Caterina Peddis. Gli applausi scroscianti, in diversi momenti dello spettacolo, hanno apposto il sigillo del successo a questa grande performance. Era presente, attratta dalla pubblicit delle ultime settimane, anche Rai International, che ha effettuato un servizio molto interessante. Mentre gli spettatori si trattenevano per il rinfresco, il gruppo dei teatranti si riversato su Times Square, con ancora indosso i costumi di scena, tra la curiosit della moltitudine dei passanti. Allentrata del teatro restava affissa, bene in vista, la locandina di Ciicciu Fruschedda, con accanto la Bandiera dei Quattro Mori. Numerosi passanti, incuriositi, si fermavano a guardare quella insolita bandiera; alcuni Sardi, a guardia, con un bel sorriso, come per bilanciare la comprensibile difficolt di comunicazione, spiegavano che si trattava del vessillo della Sardegna, la perla del Mediterraneo. Forse qualcuno si ricordato di quel vessillo sardo, che alcuni mesi fa era stato elegantemente sfoggiato dagli atleti sardi durante la corsa maratona di New York. La comunit sarda rimasta molto soddisfatta delle manifestazioni sarde, anzi raggiante; in particolar modo quelle persone di et pi avanzata e quelli alter che in Sardegna non hanno la fortuna di andare molto spesso. Tornando indietro col pensiero, ho ripercorso questi mesi di incessante lavoro; mi sono soffermato anche su alcuni momenti di mezzo sconforto, quando cominciavo a rendermi conto che il tanto atteso progetto New York, Sardegna da scoprire forse era una cosa pi grande di me. Grazie tante al mio caro amico compaesano Efisio Floris, che non mi ha fatto mai mancare il supporto materiale e morale, sin dallinizio. Grazie naturalmente anche allAssessorato al Lavoro che ha creduto nelle nostre capacit, nella nostra voglia impellente di fare qualcosa per la Sardegna. Il bilancio delle manifestazione andato ben oltre le aspettative, ci ha ripagato ampiamente e pu costituire il giusto stimolo per il prossimo futuro. Tutto al fine di permettere al nord-America di scoprire finalmente la Sardegna e che essa possa essere visitata da un numero sempre maggiore di viaggiatori. Con Alberto Devoto ci siamo detti arrivederci a Luglio, in Sardegna, in occasione di un altro piccolo-grande evento, il seminario Sardegna-USA Scambi Globali. Il viaggio continua... Bruno Orr

26 L

UGLIO

2006

Emigrazione
CINISELLO BALSAMO

MONZA

Si rinnova il successo Successo della manifestazione della rassegna sui castelli sardi e brianzoli organizzata dal circolo Sardegna Sapori e colori di Sardegna
Ha riscosso un grande successo liniziativa culturale realizzata dal circolo Sardegna di Monza Concorezzo Vimercate, che si svolta domenica 28 maggio nei locali e nella nuova piazza della Circoscrizione 3, in via Gabriele DAnnunzio 35 a Monza. La manifestazione iniziata di buon mattino con lallestimento della Mostra degli Antichi Mestieri della Brianza e della Sardegna, con lesposizione di oltre 30 modelli di mestieri riprodotti in miniatura e azionati da motorini. Le originali riproduzioni sono state realizzate da Carlo Crevenna, socio del circolo di Monza. Particolare emozione nei pi anziani e tanta curiosit tra i pi giovani ha suscitato il trebbiatore, addetto alla trebbiatrice del grano, posta sullaia. Interesse hanno suscitato altri antichi mestieri come il Muleta Arrotino, il Cardalana, la Giorgia, la bachicoltrice e la filandera, le lavanderine del villaggio, il mugnaio, il boscaiolo, il fabbro, il campanaro. A questa esposizione si affiancata, la mostra di artigianato sardo, che ha proposto lavori in legno ed in ceramica, i coltelli ed altri lavori in osso fatti arrivare dalla Sardegna. Alle ore 10 c stata la conferenza inaugurale della Mostra Castelli di Lombardia e Castelli di Sardegna. Dopo la presentazione del presidente della Circoscrizione 3, Pietro Zonca, il presidente del circolo Sardegna, Salvatore Carta, ha spiegato le motivazioni della iniziativa e la proposta di un gemellaggio culturale tra le citt di Monza e di Sassari, partendo dal Castello Visconteo di Monza e dai resti della Torre sul Lambro, allormai scomparso Castello di Sassari, sorto sui resti del Giudicato di Torres e demolito nel 1880. Alla storia dei castelli ha spiegato si legano le vicende umane vissute da Adelasia Regina Giudicessa del Giudicato di Torres e Gallura e dal suo sposo Enzo Re di Sardegna dal 1238 al 1245. LAssessore al Turismo e Comunicazione del Comune di Monza, Vincenzo Ascrizzi , ha elogiando liniziativa culturale e ha illustrato limpegno del comune per la tutela delle tradizioni e delle musiche popolari, con le manifestazioni etno musicali monzesi, denominate, Le vie della musica che questanno vedr coinvolte cinque regioni: la Sardegna, il Salento, la Calabria, la Liguria e lEmilia Romagna. Lassessore ha assicurato la intenzione di portare avanti la proposta del circolo Sardegna di un gemellaggio culturale tra le citt di Monza e Sassari. Il vice presidente del Consiglio Comunale di Sassari, Dario Satta, ospite del Comune di Monza, si detto entusiasta sia della bont della proposta sia dellaccoglienza ricevuta. Giovanni Loi, coordinatore dei 21 circoli sardi della Lombardia

organizzata dal circolo A.M.I.S.

LAssessore al Turismo Comunicazione di Monza, dott. Vincenzo Ascrizzi, (in giacca chiara), il vicepresidente del Consiglio Comunale di Sassari Dario Satta (Giacca scura e con la barba) e il Presidente della Circoscrizione 3 del Comune di Monza - Pietro Zonca (in giacca scura e con i baffi)

aderenti alla FASI, si compiaciuto per liniziativa ed ha ringraziato il Comune di Monza e il circolo Sardegna. Il critico darte Prof. Pierfranco Bertazzini, ex sindaco di Monza, ha elogiato i dirigenti del circolo Sardegna, per la conoscenza storica dei castelli di Monza e di Concorezzo, nonch di Enzo Re di Sardegna. Lassessore alla Cultura, Annalisa Bemporad, elogiando le iniziative del circolo Sardegna, ha anticipato che per il 2007,il comune vuole fare un iniziativa ancora pi importante di amicizia tra la Brianza e la Sardegna, nel centro di Monza e allo scopo, dopo il successo delle sculture sonore di Pinuccio Sciola del settembre del 2005 esposte nei giardini della Villa Reale, per celebrare i 200 anni del Grande Parco di Monza, ha ordinato a Sciola una scultura dedicata alla pace, da collocare in una piazza centrale della citt. seguita la visita guidata della Mostra dei Castelli della Lombardia e Castelli di Sardegna, allestita con 50 gigantografie a colori

70x100 e 50x70, che illustravano la storia dei castelli sardi e il loro paragone con i nuraghi sardi come architettura di difesa. Nel pomeriggio dalle ore 15,30 si sono svolte le manifestazioni folcloristiche programmate dallAssessorato al Turismo del Comune di Monza dedicate a Le Vie della Musica. Tre gruppi folk, due sardi e uno lombardo, hanno attraversato le vie del popoloso quartiere di S.Rocco, S. Alessandro e Casignolo,con oltre 14 mila abitanti, esibendosi nelle piazzette. Molti applausi per il gruppo Firlinfeu la Primavera di Sovico (Lombardia), per il gruppo folk di ballo sardo Emilio Lussu, di Vimodrone, composto da emigrati sardi, con i costumi delle 8 province dell Isola e del gruppo folk del circolo di Monza Sardegna in Maschera che si rif a tutte le maschere sarde. Le esibizioni sono proseguite nella nuova piazza della Circoscrizione 3. Un rinfresco a base di salsiccia, pane carasau, pecorino sardo accompagnato da un vinello di Sassari, ha concluso la giornata.

Si rinnova il successo della rassegna Sapori e colori di Sardegna organizzata dal circolo A.M.I.S Si conclusa nel migliore dei modi la settima edizione della rassegna gastronomica Sapori e Colori di Sardegna organizzata dal circolo A.M.I.S. di Cinisello Balsamo. La tre giorni svoltasi nellarea del Parco di via De Ponti, ha richiamato la nutrita adesione di persone giunte sia dalla cittadina che da tutto lhinterland milanese. Un connubio dintenti che anno dopo anno ha avuto un crescendo di consensi e di partecipazione, che oltre a mostrare il lato culinario dellisola, ha dato modo di presentare anche sfoggi di prodotti artigianali e promozione turistica. La gente si soffermava incuriosita di fronte agli stand artigianali oltre al chiedere lumi sulle opportunit di trascorrere in Sardegna il periodo estivo. Soddisfazione da parte dei dirigenti dellassociazione sarda che opera nel territorio di Cinisello sin dal 1970 e che conta circa 600 iscritti. Il compiacimento basilare, rimarcano allA.M.I.S. levidenziare come sia davvero industriosa la presenza di simpatizzanti della Sardegna oltre che alla so-

stenuta schiera di emigrati insulari. LA.M.I.S. ha prioritariamente una funzione culturale e di mantenimento dei valori intellettuali, etnici, linguistici, di aggregazione e socializzazione dellisola. Le attivit culturale innumerevoli, sono voltate tramite lorganizzazione di conferenze, convegni, mostre e presentazioni di libri di fatti e personaggi legati allisola ma non solo. Un occhio di riguardo viene reso alle politiche ambientali, di salvaguardia del territorio, in difesa del patrimonio naturalistico della Sardegna; le politiche sociali; la questione sanitaria; le iniziative sulla disoccupazione; la letteratura, il teatro, le arti figurative, la musica, con valorizzazione di grandi scrittori, registi e artisti sardi e sardi fuori Sardegna. A riprova di ci, in conclusione della tre giorni gastronomica, si tenuto latteso concerto di Maria Giovanna Cherchi, giovanissima artista isolana dindubbio valore canoro, che ha trasportato a Cinisello Balsamo una dose di sana tradizione isolana trasmessa attraverso la sua voce calda, forte, potente, capace dipnotizzare lattenta platea. Massimiliano Perlato

CREMONA

Milia confermato presidente del circolo Sa Domu Sarda


Il cav. Antonio Milia stato confermato presidente del circolo Sa Domu Sarda di Cremona. E stato eletto nel corso della riunione del Consiglio direttivo scaturito dalle elezioni del 30 aprile scorso. Nel corso della riunione sono state deliberate le cariche sociali. Milia sar affiancato da Gianfranco Delogu (vicepresidente vicario), Ottavio Secci (vicepresidente), Atonia Floris (tesoriere), Ignazio Giacomina (segretario) e dai consiglieri Giuseppino Deledda, G. Pietro Onidi, Giovanni Salvai, Maria Pia Digiuni, Giovanni Canu, Pietro Santoro e Demetrio Contini. Il Collegio dei revisori dei conti costituito da Francesco Deriu (presidente), Bartolomeo Cadoni e Quintino Palmas. Il Collegio dei Probiviri composto da Antonio Mancosu (presidente), Sebastiano Sanna e Giovanni Sanna.

Emigrazione
I Nuraghi - Filo diretto tra la Sardegna e la Toscana stato il tema di un incontro-convegno, organizzato dallAssociazione Culturale Sarda Quattro Mori di Livorno, che si svolto nellAuditorium del Museo naturale del Mediterraneo e che si concluso il giorno successivo nel Castello di Piombino, dove vive una numerosa comunit di circa 900 sardi. Liniziativa come ci scrive il presidente del circolo, Giorgio Canu ha suscitato molto interesse e partecipazione, nonostante il tempo inclemente. Sullavvenimento pubblichiamo un articolo di Marinella Cao Volpi, architetto e socia del circolo Quattro Mori. Lorigine dei popoli abitatori delle terre che si affacciano sul Mediterraneo ed i reciproci contatti, un tema che ha sempre suscitato grande interesse negli storici, fin dallantichit. Oggi, tra gli addetti ai lavori: gli archeologi, ancora aperta discussione. Recentemente largomento stato oggetto di scoop giornalistici che hanno raggiunto e interessato un grande pubblico di appassionati, perci necessario riprendere il filo storico delle ultime scoperte archeologiche per comprendere meglio la preistoria e prototostoria delle genti e del Mare Nostrum. Il convegno ha avuto luogo a Livorno, sabato 26 novembre, nellAuditorium del Museo di Storia Naturale del Mediterraneo ed il giorno dopo, nella sala convegni del Castello di Piombino. Il direttore del Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, Carlo Tronchetti, pisano di nascita e di studi, ha parlato su Bronzetti e statuaria nella civilt nuragica, i pi importanti reperti nuragici rinvenuti in Sardegna ed in Toscana negli scavi di Popoulonia e Vetulonia, oggi paesi medievali ieri, pi di 2800 anni fa, fucine a cielo aperto e siti ad economia essenzialmente mineraria. Lucia Manca e Sebastiano Demurtas, entrambi collaboratori esterni delle universit di Cagliari e Sassari, hanno parlato rispettivamente dei Sistemi costruttivi in pietra a secco e Strutture a confronto: Nuraghi e Talaiots. Pablo Gorini, redattore della rivista Rassegna Archeologica, ha riferito su I rapporti tra lEtruria settentrionale e la Sardegna, nellEt del Ferro. A Piombino, Fabio Fedeli, presidente dellAssociazione Archeologica Piombinese, ha descritto Larchitettura funeraria a Populonia nellEt del Ferro. In ambedue le giornate di studio si esibita la Corale dellAssociazione Quattro Mori di Livorno, diretta dal maestro G. Giannetti e durante gli intervalli, con la felicit di tutti gli intervenuti alquanto numerosi, stata offerta una degustazione di ottimi prodotti sardi doc. Genti e culture a confronto La Sardegna, appartenente al mondo insulare mediterraneo, per la sua posizione geografica relativamente vicina alla terraferma continentale e pi precisamente allantica Etruria, si presta ad essere indagata ed osservata nei suoi contatti e traffici commerciali avvenuti durante lultima fase del periodo nuragico, dal Bronzo finale, 900 a.C. allet del Ferro, 900-238 a. C. Dal piccolo porto di Populonia, navigando costa a costa, le im-

LUGLIO 2006

27

LIVORNO

Dai nuraghi un filo diretto tra Sardegna e Toscana


Studiosi a confronto in un convegno organizzato dal circolo Quattro Mori
seto incontriamo Vetulonia, un minuscolo borgo medievale posto su un poggio in posizione dominante. Fu una delle metropoli di prima grandezza nel panorama internazionale del mondo Etrusco. Gi dal IX sec. a.C., deteneva il monopolio su tutti i bacini minerari del territorio ed era al centro di scambi commerciali tra lEtruria, lItalia continentale, la Sardegna, la Grecia, il vicino Oriente ed in seguito anche con Roma e la penisola Iberica. Dal 1 sec. a. C., la decadenza e poi la scomparsa, Vetulonia fu inghiottita dalla storia, forse rasa al suolo dai corsari. Oggi rivive grazie agli scavi archeologici ottocenteschi. Tra i reperti oltre una navicella nuragica, rinvenuta nella tomba del duce di Vetulonia, sono stati trovati 40 vasi di tipo askos, che letteralmente significa ventre. Laskos uno strano vasetto che ricorda proprio quegli otri fatti, in Sardegna, con lo stomaco degli animali, usati per il vino o lolio. Ha un collo con beccuccio laterale, allungato e decentrato, che lo rende inconfondibile. Si tratta di un vaso tipicamente sardo che compare negli scavi dellIsola a cominciare dallXI sec. a.C. Un prodotto locale esportato in Etruria, dove viene riprodotto e interpretato con variazioni di forma. Viceversa cosa troviamo in Sardegna, che suffraghi gli scambi tra le due culture? La fibula, spillo usato da tutti i popoli Mediterranei per fermare vesti e manti, stata trovata nei siti nuragici, ma fu probabilmente solo oggetto esotico di scambio. Lo confermano i pi importanti bronzetti, offerta votiva di una classe dirigente: oranti e guerrieri che indossano indumenti con generi diversi di chiusura: lacci e bottoni senza asole (lasola fu ufficialmente introdotta nel vestiario europeo solo nel recente 800). Questi dati incontrovertibili che larcheologia ci propone sono stati chiaramente descritti dagli esperti intervenuti al convegno. Una tesi interessante sui rapporti intercorsi tra Fenici, Punici, Sardi ed Etruschi, sostenuta dallarcheologo Carlo Tronchetti, nel suo libro dedicato a I Sar-

barcazioni etrusche e/o sarde raggiungevano lElba poi Capraia quindi scivolando lungo la Corsica superavano le Bocche di Bonifacio ed erano in Sardegna. Un percorso breve (tempo permettendo), un intenso traffico di merci e uomini. Lintensa attivit metallurgica che dalla preistoria fino ai tempi recenti ha interessato, con alterne vicende, il Sud-Ovest della Sardegna (lIglesiente), cos come la costa Toscana dal periodo Etrusco-Romano (Vetulonia Populonia, la val di Cornia e le colline metallifere) fino ad oggi (Fonderia di Piombino), stata il denominatore comune di queste due culture, vicine ma molto diverse. In qualsiasi momento dellanno merita fare una escursione nel Parco Archeologico Naturalistico di Baratti e Populonia. Chi percorre, in passeggiata rilassante, larenile del golfo di Baratti pu osservare il luccichio brillante dei residui di fusione che costellano la sabbia ed immaginare laria fumosa e la frenetica attivit umana attorno ai forni piramidali a cielo aperto. Vedere arrivare nel piccolo porto sotto roccia barconi colmi di materiale ferroso, provenienti dalla vicina Elba, isola ancora oggi ricca di minerali di ogni specie. Oggi allatmosfera romantica, conferita a questo luogo antropizzato, reso suggestivo dai gruppi di pini marittimi introdotti dalluomo nellOttocento, si contrappone la visione fantastica di

una centrale energetica di eccezionale importanza per la vastit delle testimonianze archeologiche che documentano le diverse faciesculturali succedutesi nella zona.. Ma chi lavorava intorno a questi forni? La risposta pu darcela solo larchelogia perch dalla scrittura Etrusca, decifrata recentemente e molto lacunosa, niente sappiamo. I Nuragici nonostante i contatti avuti con i Fenici, secondo la tradizione inventori dellalfabeto, non ci hanno lasciato scritti; daltronde la scrittura una necessit di documentazione e catalogazione e in Sardegna luso consolidato del baratto e la tradizione orale, hanno prevalso sullesigenza di mettere bianco su nero. Congetture che un ritrovamento archeologico pu confermare o negare. Spostandoci a Sud verso Gros-

di, traffici, relazioni, ideologie nella Sardegna arcaica. Tronchetti fondando la sua analisi su una sintesi accurata delle testimonianze archeologiche disponibili, delinea la storia della Sardegna dalle prime tracce di presenza umana fino ai grandi monumenti di pietra in unisola di pietre (Lilliu): settemila e pi nuraghi, centinaia di villaggi, tombe megalitiche e pozzi sacri, dedicati al culto delle acque, che nellinsieme compongono una struttura megalitica non solo costruttiva ma soprattutto paesaggistica (n.d.r.). Dal modulo iniziale a forma di NUR, radice di origine indoeuropea che significa mucchio vuoto o secchio capovolto, nucleo originario attraversato da un semplice corridoio, i nuraghi ebbero una evoluzione continua che port al complesso finale di torri trilobate, antemurali, rifasci e recinti, mentre linterno del secchio gradualmente si svuotava dando origine a scale, camere e ripostigli distribuiti su tre piani per una altezza massima di 20 metri circa, difficile a definirsi perch il terrazzo finale veniva sempre distrutto dal nemico che cercava di decapitare la potenza difensiva di questi inespugnabili castelli preistorici. Siamo al Bronzo finale (1200 900 a.C.), che nellIsola coincide con la fase finale della civilt nuragica. Mille anni di civilt autoctona che viene spazzata via nella successiva Et del Ferro tra lXI e la fine del VII sec. a. C. In questepoca non sono pi costruiti nuovi Nuraghi e il Bronzo, lega di Stagno e Ferro, perde dimportanza. Inizia la frequentazione fenicia delle coste meridionali dellIsola; la convivenza pacifica con le genti nuragiche e gli scambi commerciali, testimoniati dai rinvenimenti in tombe fenicie di reperti in bronzo: navicelle, brocchette e torcere. I Fenici sfruttano le possibilit commerciali degli scali marittimi impiantati nel SudOvest della Sardegna ma non entrano in conflitto con gli indigeni. Fino al VII sec. a. C. il rapporto tra coloni fenici e la popolazione sarda competitivo. Ci si pu desumere dalla scoperta importantissima della statuaria del Monte Prama. Duemila pezzi di 25 grandi statue in calcare, le cui sembianze spesso ricalcano le fattezze dei bronzetti. Sono il frutto di una affermazione nuragica di un luogo posto tra la potente Tharros e il sito nuragico di S. Vero Milis In questo periodo i rapporti dei sardi con lEtruria industriale del Nord (Populonia e Vetulonia), sono intensi. Tronchetti ritiene che i Fenici si siano inseriti progressivamente come mediatori nei rapporti tra la Sardegna e i centri commerciali dellEtruria meridionale (Cerveteri, Tarquinia e Vulci). Nella seconda met del VI sec. a. C. iniziano nellIsola le campagne militari dei Punici (i Fenici fondatori di Cartagine) volte non contro i sardi ma contro i centri fenici indipendenti impiantati nellIsola, sui quali Cartagine intende affermare la propria supremazia. La politica espansionista di Cartagine, volta al possesso del territori sardo e di tutte le sue risorse minerarie ed agropastorali, chiude il periodo arcaico (470 a. C.). La Sardegna diventa una provincia dellimpero punico che poi sar romano, perdendo cos ogni autonomia politica e culturale. Marinella Cao Volpi

28 L

UGLIO

2006

Emigrazione
LIVORNO

AUSTRIA

Gemellaggio tra i circoli Comunit sarda in festa per la Madonna di Bonaria di Vienna e Udine
Il patto firmato nel corso di una gita nella capitale austriaca di un folto gruppo di soci del circolo friulano
Le associazioni dei sardi di Udine e di Vienna hanno siglato un patto di gemellaggio. Loccasione stata la gita in Austria fatta, dal 22 al 25 aprile, da 80 soci del Circolo Sardi di Udine, accompagnati dal presidente Giorgio Mannu. La firma dellatto di gemellaggio avvenuta il pomeriggio del 23 aprile, nel Palais Palffy, nel centro di Vienna, nella sede il Circolo Sardo Saint Remy. Ad accogliere la comitiva arrivata dal Friuli cera il presidente Paolo Corrias insieme ad un gran numero di sardi soci che risiedono in Austria. Lincontro, molto caloroso, stato caratterizzato dallo scambio di targhe e gagliardetti. Fra i due sodalizi stato firmato un patto di gemellaggio, firmato dai due presidenti Paolo Corrias per il Circolo di Vienna e Giorgio Mannu per quello di Udine. Allavvenimento erano anche presenti il Console italiano a Vienna e autorit locali. La serata si conclusa nella splendida Sala Mozart nello stesso Palais Palffy per assistere ad uno spettacolo di balletti e musica classica viennese, offerto dal Circolo di Udine. La comitiva dei sardi durante la breve vacanza in Austria ha visitato anche le citt di Salisburgo e Graz. Si mossa da Udine, con due autocorriere, alle prime ore della mattinata del 22 aprile e dopo aver varcato il confine a Tarvisio ha visitato la prestigiosa ed elegante Salisburgo, sostando nella Chiesa di St.Peter, e in quella dei Francescani. La giornata del 24 stata dedicata alla visita di Vien-

al Santuario di Montenero

na e dintorni, il 25, sulla strada del ritorno a Udine, il gruppo si fermato a Graz. La gita stata promossa dal Consiglio di Amministrazione del Circolo di Udine, impegnato nella ricerca di nuove ed interessanti motivazioni da offrire agli associati per la migliore socializzazione fra gli stessi. Giovanni Marche

ROMA

Giornate sarde a Ostia del circolo Quattro Mori


Noi abbiamo una profonda convinzione che il cambiamento e levoluzione della vita, non possono cambiare i valori delle nostre radici, ma ci spingono a sviluppare ancora di pi il nostro senso di appartenenza ai nostri luoghi, alle nostre tradizioni, alla nostra terra madre. Ecco quindi Le giornate sarde ad Ostia 2005 uno spaccato della Sardegna con le sue parti pi significative: la cultura, la storia, le tradizioni, la musica e larcheologia. Durante la manifestazione ci sono stati due momenti toccanti: il primo, quando il tenore Alessandro Scanu dellOpera di Roma ha intonatoNon potho riposare per omaggiare i presenti alle conferenze, laltro, quando domenica mattina, nella cattedrale Regina Pacis di Ostia, Mons.Candido Cubeddu ha concelebrato la santa messa accompagnato dal coro Barbagia di Nuoro, in una chiesa gremita. Il coro Barbagia con i suoi canti armoniosi ha toccato lintimo spirituale dei presenti, facendoli sentire orgogliosi e rafforzando ancora di pi il legame con le proprie origini, labbraccio ideale ad unisola che stata culla ed espressione di cultura, storia e tradizioni millenarie. Mons.Cubeddu, nella sua omelia, ha messo in evidenza le difficolt incontrate dai primi sardi giunti ad Ostia, nellinserimento sul territorio, nel reperimento di lavoro, nelle relazioni sociali. Oggi si pu parlare di una integrazione totale con la citt che ha dato loro ospitalit. LAssociazione Culturale Quattro Mori di Ostia, ancora una volta, ha voluto dimo-

Lassociazione culturale sarda 4 Mori di Livorno ha festeggiato, nel tardo pomeriggio di sabato 20 maggio, la Madonna di Bonaria, al Santuario di Montenero, dove si venera Santa Maria Santissima delle Grazie, patrona della Toscana. Lappuntamento il rinnovarsi e ritrovarsi, come ormai tradizione, ogni anno tra amici delle due citt. Questanno erano presenti anche delegazioni delle associazioni sarde di Pisa, Lucca, Firenze e Prato e il comandante della Brigata paracadutisti Folgore, Antonio Satta. La ricorrenza iniziata con la messa nel Santuario, officiata da monsignor Paolo Razzauti, vicario della Diocesi di Livorno, assistito da don Domenico della Parrocchia di Prato. La messa anche questanno stata accompagnata dai canti della corale dellAsssociazione, diretta dal maestro Giorgio Giannetti, che suscita ogni anno sempre maggiore entusiasmo per le eccellenti interpretazioni. Particolarmente apprezzata linvocazione alla Madonna di

Pietro Mascagni, con la solista Barbara Terreni. Monsignor Razzauti, che rappresentava il vescovo Diego Coletti, ha impartito la benedizione e ha sottolineato nellomelia come il coro crei momenti di grande commozione e partecipazione ricordando il profondo significato della ricorrenza con lunione tra la Madonna di Montenero e quella della terra sarda, che rinsaldano i legami tra le due comunit. Alloffertorio alcuni membri delle associazioni in costume sardo hanno offerto prodotti della terra e dallartigianato sardo. Il presidente dellAssociazione 4 Mori, Giorgio Canu nel portare il saluto ai presenti ha ricordato come ogni anno la collaborazione sociale e culturale tra la comunit sarda, le istituzioni cittadine e i livornesi sia sempre maggiore nel solco dellamicizia e della collaborazione. La serata stata concluso con laltrettanto tradizionale rinfresco allaperto offerto dallassociazione nei giardini davanti le grotte del Santuario.

CARNATE

strare con limpegno profuso la sua missione che passa attraverso laccoglienza dei conterranei e lobiettivo di Valorizzare le risorse della Sardegna. La riuscita delliniziativa, la notevole presenza dei compaesani e dei tanti romani, induce a pensare ancora di pi positivo per le attivit che saranno organizzate per lanno futuro, e sono uno stimolo e un riconoscimento per il direttivo e i soci. La nomina della Vice-Presidente del Circolo, Gemma Azuni di Olzai, a consigliere comunale di Roma motivo di orgoglio per tutta la comunit sarda di Ostia. Ci ha in qualche modo raccontato quanta fatica e talvolta umiliazioni lhanno rafforzata e protesa allo studio, alla sua professione (assistente sociale) alla missione sociale che la vede accanto alle persone bisognose. Particolarmente apprezzate le relazioni del Prof. Luciano Garofalo, della Dott.ssa Ornella Bergamini, e del Prof. Francesco Facciolo, i quali con il loro intervento su 60anni dalla liberazione e Radio Brada

hanno fatto rivivere momenti storici non lontani, dove il popolo sardo ha dato dimostrazione di attaccamento alla Nazione e al principio costituzionale della libert. Il Prof. Mario Sanges e la Dott.ssa Fulvia Lo Schiavo hanno affascinato, con la loro dotta esposizione sulla archeologica, i numerosi intervenuti: con laiuto di diapositive hanno mostrato e illustrato i tesori che la Sardegna possiede. Successo hanno avuto gli espositori: il dolcifico Giares di Settimo San Pietro, il torroneficio di Adriano Demurtas di Tonara, lartigianato di Nives Usai, Tonino Fortunato e Gesuino Poddie che, con i loro prodotti hanno presentato la migliore produzione della Sardegna, conquistando lattenzione di tutti coloro che hanno visitato gli stand. La riuscita della manifestazione stata possibile per limpegno che il Direttivo e i soci della Associazione Quattro Mori hanno profuso nella organizzazione delle tre giornate sarde. Piero Nera

Gita culturale a Roma del circolo R. Piras

Il Circolo Sardo Raimondo Piras ha organizzato una gita di tre giorni, il 19-20 e 21 maggio, a Roma. La gita culturale, curata dalla vice presidente Luigia Sala, stata apprezzata dai circa trenta partecipanti. La visita ai pi importanti monumenti stata organizzata nei minimi dettagli e comprendeva un servizio di guida turistica molto professionale. Piacevolissimo stato scoprire Roma nei suoi molteplici volti: Roma cattolica, Roma Antica, Roma Barocca e Roma by night. Osservare la storia attraverso i monumenti, non significa ridurre a banali considerazioni gioie e dolori del passato, ma, riteniamo, significhi scoprire il carattere, le motivazioni e le velleit di coloro che hanno abitato o vissuto attraverso di loro. Compiacimento per la riuscita della iniziativa stata espressa dal presidente del Circolo Gianni Casu.

Emigrazione
BRASILE BRASILE

LUGLIO 2006

29

Giuseppe Sanna presidente Lutto per la scomparsa del circolo Su Nuraghe di Giuseppe Casu di So Caetano do Sul fondatore de Su Nuraghe
Il circolo Su Nuraghe di So Caetano do Sul, ha rinnovato gli organi dirigenti. Il 20 maggio si sono svolte le elezione per il Consiglio Deliberativo, che a sua volta ha eletto presidente Giuseppe Sanna. La Direzione che guider il circolo nel biennio 2006/2007 composta da Adriana Casu (vice presidente), Carolina Maria Casu (direttrice sociale), Giovanni Bulla (direttore del patrimonio), Pedro Damiano Locchi (tesoriere), Sergio Bulla (direttore sportivo). Il Collegio dei Revisore dei conti composto da Paula Cocco e Massimiliano Casu. In occasione dell assemblea dei soci stata allestita la mostra Suoni e Balli della Sardegna che racconta lorigine e levoluzione della musica e della danza sarda. La mostra - ha sottolineato Adriana Casu, vicepresidente del circolo - ha cercato di far conoscere ai giovani la musica sarda, i cantanti tradizionali, e anche quelli pi moderni come i Tazenda, raccontando lorigine dei ballo, cos come del canto, e limportanza del ballo popolare nella tradizione e nella religiosit della gente sarda. stato presentato il lavoro di Maria Carta, del Coro Ortobene, di Marisa Sannia, di Piero Marras, dei Tazenda, dei Cordas et Cannas, di Elena Ledda, Francesco ed Inoria Bande, parenti di un socio del Circolo (Giuseppe Bande), del suonatore di launeddas Luigi Lai e del Corale Luigi Canepa. Abbiamo anche fatto una riUn grave lutto ha colpito la comunit sarda in Brasile. Stroncato da una grave forma di leucemia, come ci informa la figlia Adriana, morto a soli 58 anni Giuseppe Casu, uno dei fondatori del primo Circolo Sardo in Brasile. Per varie volte eletto presidente del circolo Su Nuraghe di So Caetano, Giuseppe Casu, era stato rappresentante del Brasile nella Consulta regionale dellEmigrazione. Giuseppe Casu come ricorda con orgoglio la figlia Adriana, che ha raccolto il testimone lasciatole dal padre ed vicepresidente del circolo Su Nuraghe stato una figura di grande importanza per la Comunit Sarda di San Paolo e del Paran, dove ha incentivato la fondazione del Circolo Gennargentu a Maring, e del Gruppo Folclorico Giuseppe Garibaldi a Curitiba, lunico gruppo brasiliano che si presenta ballando il Ballu Sardu. Ha favorito e promosso i legami tra i Sindaci della Citt di So Caetano e la Regione Sardegna, organizzando concorsi che hanno permesso a giovani brasiliani e sardi di conoscere unaltro paese, e ha promosso il gemellaggio tra So Caetano e Iglesias. Durante la sua amministrazione diversi Gruppi Folkloristici sardi e la Corale Luigi Canepa si sono presentati nella citt di So Caetano. Ha sempre favorito la partecipazione dei soci alle attivit culturali. Giuseppe Casu era nato a Sassari nel 1948. A soli 23 anni, nel 1971, emigr in Brasile. Si era sposato due volte e ha avuto cinque figli. Io ed i miei fratelli Massimiliano e Carolina ha scritto Adriana siamo stati eletti per il Direttivo del Circolo, per cercare di portare avanti con le nuove generazioni il lavoro iniziato da lui, e dagli altri, che purtroppo se ne stano andando. Il Messaggero Sardo che ben conosce limpegno profuso da Giuseppe Casu si associa al dolore della famiglia e della comunit sarda del Brasile.

cerca sui balli sardi ha scritto Adriana Casu - spiegando come si ballano, in particolare ci siamo soffermati su ballu tundu, passu torrau, ballu anticu, su dillu, su ballu e sa stella, sa sciamptta e sarci. Particolare attenzione stata dedicata alle Launeddas.

VARESE

Il premio Carant compie dieci anni

VERCELLI-GATTINARA

Premiato dai sardi Angelo Colombo ex portiere del Cagliari

Da destra: lartista sardo Tolu con il sindaco ed i vincitori del Carant 2006

In occasione della festa di fine anno scolastico, nella scuola media statale don Milani di largo Lazzari a Vergiate (Va), sono stati premiati i ragazzi che si sono distinti per il premio Carant 2006. Presenti, oltre al sindaco Alessandro Maffioli ed al preside Nicola Caporusso, numerose autorit cittadine ed un copioso pubblico di giovani. Giunto alla decima edizione, il concorso artistico voluto dal poeta e pittore sardo Paolo Tolu ha saputo coinvolgere anche questanno numerosi ragazzi che hanno potuto dare libero sfogo alla loro creativit. In particolare, la commissione giudicante del Carant ha assegnato il primo premio per la migliore composizione artistica a Gloria Rinaldin della 3 B per una composizione cubi-

sta. Oltre a lei, a cui stata consegnata unopera darte di Luca Lischetti donata dallo stesso Tolu, sono state segnalate le realizzazioni di Francesca Baratelli della 3 C e di Angela Marchese della 3 B. Per quanto attiene la parte letteraria, invece, Beatrice Cerina della 3 C stata ritenuta meritevole del primo premio grazie alla sua composizione come vedo il mondo degli adulti ed ha perci ricevuto una borsa di studio di 250,00 euro depositati su un libretto di risparmio. Segnalazioni particolari per il valore compositivo dei lavori sono andate anche a Francesco Piotti della 3 C e Gaia Tondini della 3 D. Soddisfatto Paolo Tolu che ha spiegato la nascita del Premio. Ho voluto riproporre ai ragazzi

delle scuole unopportunit di vedere concretizzarsi il loro estro creativo. Occasione che io stesso ebbi nella mia adolescenza, quando allora vinsi un premio analogo di 500 lire a Carbonia. Fu una gratificazione ha evidenziato Tolu - che mi stimol a proseguire nella continua ricerca dellIo attraverso le mille sfaccettature dellarte. Il Premio Carant ha detto il sindaco Alessandro Maffioli - da dieci anni una lodevole iniziativa educativa che merita di essere supportata anche a livello amministrativo. Ecco perch lanno prossimo torneranno ad essere istituite pi borse di studio per gli studenti maggiormente meritevoli che finanzieremo attingendo agli stipendi della Giunta. Corrado Sartore

I Sardi di Gattinara e Vercelli hanno detto grazie ad Angelo Colombo, storico portiere del Cagliari-Calcio. stato un incontro tra vecchie glorie, ma soprattutto una festa, quando allo stadio comunale di piazza Mulino si sono sfidati in una partita di calcio gli ex atleti dellFc Gattinara, contro le vecchie glorie della Pro Vercelli, che hanno avuto la meglio, vincendo 2 a 1. Tra i pali, ovviamente del Gattinara, anche il neo sindaco Carlo Riva Vercellotti, che ancor prima di iniziare la carriera politica, inizi quella da calciatore. Lappuntamento, uno degli eventi clou della rassegna Cuncordu e sport, stato organizzato dai circoli sardi Cuncordu di Gattinara e Giuseppe Dess di Vercelli, citt a cui Co-

lombo legato: nato, infatti, nella citt del vino, ma risiede nel capoluogo. Negli anni Sessanta il suo nome era tra quelli dei grandi del calcio italiano: Juventus, Cagliari e molte altre squadre di serie A. Al termine della partita i presidenti dei due circoli sardi, Maurizio Sechi e Dino Musa, hanno consegnato una targa ad Angelo Colombo, in segno di ringraziamento scritto sul premio alla carriera per il suo ruolo di protagonista del calcio sardo, avendo contribuito alla promozione in serie A della squadra del Cagliari, con la maglia numero 1, e per aver mantenuto il ruolo di portiere nel successivo primo campionato della squadra del capoluogo nella massima divisione. Giuseppe Orr

30 L

UGLIO

2006

Sport

CALCIO

Il Cagliari riparte da Suazo in attacco con Giampaolo in panchina


La squadra affidata al giovane allenatore-ombra della sorpresa Ascoli - Cellino promette che i gioielli di famiglia non si vendono - In attesa dei verdetti per lo scandalo Calciopoli
di Andrea Frigo

l Cagliari riparte da Marco Giampaolo. lex allenatoreombra dellAscoli il nome nuovo scelto dal presidente Massimo Cellino per rilanciare le sorti del Cagliari, in un campionato di serie A quello che dovrebbe cominciare regolarmente il 28 agosto con tutte le sentenze definitive di Calciopoli che potrebbe non vedere al via per la prima volta molte delle sue tradizionali big, prima fra tutte quella Juventus mai scesa in serie B nella sua lunga storia. Nato a Bellinzona (Svizzera) 39 anni fa, lerede di Nedo Sonetti sulla panchina del Cagliari allener per la prima volta nella sua ancora breve carriera alla luce del sole. E finalmente non nellombra, come lui stesso ha detto in occasione della presentazione ufficiale. Gi perch Giampaolo (il fratello Federico stato una bandiera del Pescara), dopo aver mosso i primi passi come osservatore del Pescara, ha svolto il ruolo di vice allenatore prima nello stesso club abruzzese, poi a Treviso e ad Ascoli. Ma pi che vice, era lui il vero allenatore, pur costretto a lavorare dietro le quinte. Nel senso che, essendo privo del patentino di allenatore, Giampaolo ha lavorato per sei anni allombra dei prestanome di turno, ma stato lui nelle ultime stagioni il vero tecnico di Pescara, Treviso e Ascoli. Ma non si poteva dire, perch non aveva il patentino (e questanno ha anche pagato con una lunga squalifica il suo abusivi-

smo). Cos come non si poteva ufficializzare il suo arrivo a Cagliari sino allavvenuta iscrizione al supercorso di Coverciano, conditio sine qua non per poter ottenere la deroga, in attesa della fine del corso (al termine della prossima stagione, nel 2007). Ma lavorare nellombra non gli ha precluso la possibilit di mettersi in evidenza, evidentemente, visto che dopo lottima stagione di Ascoli, stato nelle settimane scorse uno degli allenatori pi richiesti. Alla fine lha spuntata il Cagliari, che ha deciso di investire su questo giovane tecnico con un ricco contratto biennale (e in Sardegna Giampaolo si presentato addirittura con due preparatori atletici, segno di grande professionalit, anche se ci rappresenta un esborso economico notevole, come ha puntualmente rimarcato Cellino). Per Cellino si tratta dellallenatore numero 24 (compreso sei ritorni, quelli di Giorni, Mazzone, Tabarez, Ventura, Arrigoni e Sonetti) della sua lunga presidenza, che dura dal giugno del 1992. stato proprio il presidente rossoblu, nel giorno della presentazione ufficiale di Giampaolo, a svelare un curioso retroscena su come i due si siano conosciuti. Cellino ha raccontato di averlo scoperto per caso, tre anni fa, dopo un Cagliari-Treviso di serie B giocata in quel di Tempio Pausania (in quel periodo lo stadio SantElia era chiuso per il rifacimento del manto erboso). Non feci una bella figura. Prima della

partita pensai, oggi vinciamo 40. Poi in campo il Treviso ci fece impazzire, disputando unottima gara. Alla fine andai negli spogliatoi perch volevo complimentarmi con lallenatore e tutti si misero a ridere. Non sapevo che il vero allenatore era un altro. Da allora ho cominciato a seguire Giampaolo, volevo prenderlo gi lanno scorso e finalmente ora nostro. Contratto biennale, come quello del neo direttore generale Oreste Cinquini. Stavolta Cellino ha intenzione di fare le cose per bene e programmare un futuro radioso per la sua squadra. Non ha intenzione di vendere i pezzi migliori (Suazo in testa) e scommette sulle qualit di Giampaolo. Credo in questo progetto e sono felice di farne parte ha detto il nuovo allenatore rossoblu - il Cagliari ha giocatori importanti, come Suazo, reduce da una grande stagione con 22 gol Il mio modo di vedere il calcio lespressione del collettivo, ma senza i bravi giocatori non si va da nessuna parte. Il mio compito durante la preparazione stiva sar quello di dare subito unorganizzazione di gioco. Ho visto che il Cagliari ha sempre puntato tutto sulla forza del suo attacco, lo ricordo in B, quando cera Zola nel tridente, ma anche il primo anno di A con Arrigoni. Esposito, Suazo e Langella sono ottimi attaccanti, ripartiamo da loro. Gi, il famoso tridente. Ma

Giampaolo non sempre stato un fervido seguace del 4-4-2? E presto per dire come giocheremo, con quale modulo. Prima voglio vedere da vicino i giocatori e studiare le loro caratteristiche sul campo. Spero di andare in ritiro con una squadra che sia quasi pronta. Poi ci sar tempo per aggiustare le cose. Stando alle parole di Cellino, nessuno dei gioielli di famiglia sar messo in vendita. E dal 1999 che non vendo un giocatore per necessit. Il Cagliari fortunatamente non ha il bisogno di vendere nessuno. Prima il calcio era diverso, magari a fine anno avevo la necessit di cedere un giocatore per ragioni di bilancio. Poi sono arrivati i soldi dei diritti televisivi e molti presidenti, che ora sono ricercati, si sono messi a fare contratti che non potevano onorare. Io invece sono sempre stato attento ai bilanci, con una visione oculata delle spese e adesso la realt, ed un mio grande orgoglio, che non abbiamo alcuna necessit di vendere Suazo. Lui gioca nel Cagliari da otto anni, gli voglio bene, e lui lo sa, cos come sono molto legato a Esposito, Langella, Conti e Chimenti, il vero artefice della salvezza. Tutti giocatori che non ho mai ceduto, nonostante le richieste, e non ceder adesso. Come sar allora il Cagliari 2006/2007? Il neo direttore generale Oreste Cinquini riuscito a strappare allAtalanta laltra met del difensore Michele Canini, inseguito fortemente dal Pa-

lermo, ma frenato da un brutto infortunio al ginocchio che non gli permetter di tornare in campo prima di novembre. Cos come stata rinnovata la compropriet, con il Palermo, per lesterno destro Michele Ferri. Per Massimo Gobbi, invece, a met fra Cagliari e Treviso, bisogner attendere lesito delle buste: il forte centrocampista rossoblu vanta molte richieste in A e la Fiorentina avrebbe gi raggiunto un accordo con il Treviso per acquistarlo. Niente da fare, invece, per Rocco Sabato, il cui 50% del cartellino stato riscattato dal Catania (dove questanno il giovane terzino sinistro ha giocato da titolare per tutto il campionato, conquistando la promozione in serie A). Dopo otto anni lascia il Cagliari anche Nelson Abeijon, al quale non stato rinnovato il contratto. Tra gli altri rossoblu in scadenza, sono partiti anche Campagnolo e Bega, mentre in bilico la posizione di Lopez (dovrebbe restare per unaltra stagione). Infine, in attesa di conoscere se e per quanto tempo Antonio Chimenti sar squalificato per il caso delle scommesse, che vede coinvolti quattro giocatori juventini per fatti accaduti due anni fa (compreso il portiere della nazionale Gigi Buffon), il Cagliari ha ingaggiato lex portiere del Siena, Marco Fortin, svincolato, classe 1974, 12 presenze in A nello scorso campionato. Sar lui il nuovo dodicesimo rossoblu.

arrivata vicinissima alla finale per la serie B e adesso si trova vicinissima al fallimento. Nel giro di un mese la Torres passata dallesaltazione alla rassegnazione che sfiora la disperazione, perch con un passivo di tre milioni e mezzo di euro e un debito di due milioni appare impossibile o quasi evitare la liquidazione. Perch se in cinque mesi stato raccolto appena mezzo milione di euro con lazionariato popolare non si possono certo trovare tre milioni nei pochi giorni rimasti prima dellassemblea dei soci, fissata per il 3 luglio. La vicenda ha il sapore amaro della beffa, perch quella serie B mai raggiunta in 103 anni di storia sembrava davvero a portata di mano. La squadra allenata da Cuccureddu riuscita infatti a chiudere il campionato al terzo posto, miglior risultato di sempre nella terza serie. I rossobl sono apparsi poi i pi in forma tra le formazioni arrivate ai play off. Nella doppia sfida contro il Grosseto per la Torres non riuscita ad esprimersi

CALCIO

Torres dal sogno della B all'incubo del fallimento


al meglio con alcuni giocatori. Le difficolt degli attaccanti Evacuo e Tozzi Borsoi e dellesterno Guberti (fino ad allora fra i trascinatori) hanno tenuto a secco la squadra sassarese, che invece era stata la pi costante del girone nellandare a segno. Perduta per 1-0 la partita in Toscana, la Torres ha cercato di rifarsi al Vanni Sanna davanti a novemila spettatori, ma non stata n fortunata (traversa di Frau) n precisa (Tozzi Borsoi si fatto parare il rigore dallex Rossi) e ha capitolato nella ripresa a causa della rete segnata da un altro ex, il centrocampista Lo Nero. La serie B era lunica via per risolvere i problemi finanziari hanno poi spiegato i dirigenti rossobl. Vani gli appelli lanciati anche da sindaco e presidente della Provincia. Senza esito la ricerca di altri soci per ripianare un passivo pesante. Anche perch si creato un clima di diffidenza dopo la denuncia dellex presidente Tusacciu nei confronti della dirigenza per aver presentato un bilancio non veritiero (lestate scorsa quando il presidente era Carta) e il coinvolgimento della societ sassarese nello scandalo legato a Moggi, a causa di alcune intercettazioni telefoniche tra il digg della Juventus, lallora presidente Carta e il ministro degli Interni Pisanu. Le visite della Guardia di Finanza hanno aumentato il clima di incertezza. E ha issato bandiera bianca persino il vice presidente Piero Mele, che da gennaio in poi facendo grossi sacrifici personali- ha permesso alla squadra di chiudere il campionato e sino allultimo si dannato per trovare una soluzione. Non si sono arresi i tifosi, che hanno aperto un conto corrente per salvare la societ sassarese, ma il disavanzo nel bilancio davvero enorme. Comunque Mele ha garantito la fideiussione di 207 mila euro e il versamento di 22 mila euro in contanti necessari ad iscrivere la Torres in C1. E un passo obbligato anche nel caso di fallimento e domanda per il Lodo Petrucci. Si lavora gi per formare una nuova societ che non potr accogliere

alcun dirigente o socio degli ultimi anni. Il sindaco di Sassari Gianfranco Ganau dovr fare da garante per due anni. Qualora la domanda venga accettata dalla federazione, si ripartir dalla C2 anzich dallEccellenza come previsto in caso di fallimento. Il parco giocatori verr azzerato dal momento che saranno tutti svincolati, ma molti giocatori sardi hanno dato la disponibilit a restare anche in C2 purch il progetto sia ambizioso. Laltro lato della medaglia che tutti i debiti verranno azzerati e chi entra metter i soldi per allestire la squadra e non per rimediare alla poco oculata gestione degli altri. Inoltre molti dei tifosi che avevano opzionato le quote per la ricapitalizzazione sono disposti a girare quei soldi nella nuova societ. Gi qualche imprenditore si detto disposto a sponsorizzare la nuova societ. Insomma, mancano solo i nuovi dirigenti per ripartire. Senza la zavorra dei debiti e senza quelle ambiguit che hanno creato un clima di sfiducia negli ultimi due anni. Giampiero Marras

Sport

LUGLIO 2006

31

iente da fare per lAmsicora. Lo scudetto di hockey su prato maschile ha preso la strada di Roma al termine di un doppio confronto che si giocato nel glorioso stadio dove il Cagliari calcio ha conquistato il suo primo e per il momento unico tricolore. Davvero un peccato per la formazione cagliaritana che aveva vinto il primo confronto per 2 a 1 giocando una buona gara con sufficiente determinazione. Nella rivincita, la squadra isolana stata in partita fino al 3 a 3. Poi gli errori difensivi e un inspiegabile crollo hanno consentito ai romani, pi cinici, di sfruttare con Ardito su azione e con il bomber, ex amsicorino, Gianluca Cirilli su rigore, le opportunit per chiudere il match. Lassenza, per infortunio, tra le fila cagliaritane dellallenatoregiocatore Fernando Ferrara, indiscusso uomo-guida e goleador di razza, hanno inciso parecchio sullesito della finale scudetto. Ma non tutto pu essere imputato a questa situazione. Quello che si sono chiesti gli addetti ai lavori e i tifosi che hanno visto i due incontri, come mai c stata questa evidente trasformazione nel rendimento della squadra pluriscudettata. Formazione cotta? Approccio sbagliato nel secondo confronto? Dopo il tre a tre, lillusione di avercela gi fatta ? Tutte ipotesi possibili con laggiunta dellassenza di Ferrara. Il bomber amsicorino ha contribuito in modo determinante allo splendido campionato disputato dai cagliaritani, che hanno per larga parte della stagione dominato la scena. I suoi gol hanno proiettato i cagliaritani ai vertici

HOCKEY SU PRATO

Finale beffa per le squadre sarde all'Amsicora sfugge il 21 scudetto e il Suelli eliminato in semifinale
La Ferrini femminile promossa nella massima serie
di Andrea Porcu za. Ci pu stare, ma resta un grande rammarico e una fortissima delusione perch eravamo abituati a vedere lAmsicora forte, reattiva e vincente. Ovviamente non possiamo togliere nulla ai meriti dei capitolini, che hanno saputo mantenere i nervi saldi, la tensione giusta e colto il momento no degli avversari, per colpirli e affossarli. Un mix di determinazione ed esperienza dove le vecchie volpitra le fila dei romani, hanno fatto la differenza. Roma che nei play off ha eliminato il Suelli, che deve ritenersi comunque soddisfatto della stagione. Certo facendo una analisi complessiva, la squadra trexentina che ha disputato il suo primo campionato nel nuovo impianto costruito in casa, avrebbe tranquillamente potuto centrare la finale. Sospinti sempre dai suoi mille tifosi, tanti sono gli abitanti del piccolo centro della Trexenta, Cerina e compagni hanno incamerato una serie di risultati positivi che gli hanno proiettati al comando della classifica. Qualche cedimento c stato, ma alla fine lobiettivo play off stato conquistato. nel bel mezzo della contesa, contro un grande avversario, il Suelli ha giocato le sue carte, recriminando, soprattutto, per la gara di andata, qualche decisione non convincente da parte degli arbitri. Temperamento ed entusiasmo, oltre al fattore tecnico, sono stati gli aspetti sicuramente vincenti dellundici suellese. Abbiamo sognato una finale scudetto tutta sarda come tre anni fa. Un fatto storico per lhockey sardo e nazionale. Una speranza che caduta quando Pisano e soci hanno ceduto con lonore delle armi, alla

della A-1, ma insieme a lui tutta la squadra ha cominciato a girare e proporsi autorevolmente. Da Chicco Zilio a Fabio Mureddu, passando per Asim e Rentrop, la macchina ha funzionato lodevolmente. Fino al secondo tempo della finale 2 tricolore con lHockey club Roma, quando accaduta la strana inversione di tenden-

corazzata Roma. Tra qualche mese si ricomincer e Amsicora e Suelli siamo sicuri tenteranno di riprendersi quello che hanno lasciato per strada. Intanto una bella notizia arriva dal mondo femminile. La Ferrini ha centrato la promozione alla massima serie. Nel torneo finale la squadra cagliaritana ha dapprima battuto il Cus Pisa per 2 a 0 ( reti di Van Kessel e Scandroli) e poi si imposta altrettanto autorevolmente sul Martesana: 3 a 0, con gol di Sanna, Uriarte e Scandroli. Un successo che ripaga dei tanti sacrifici fatti da giocatrici, allenatore e dirigenti, per riportare la Ferrini ai vertici dellhockey nazionale. Cosi nella prossima stagione saranno due le formazioni isolane che giocheranno in serie A-1, le neo promosse e naturalmente lAmsicora. La squadra allenata da Roberto Carta, ha chiuso al quarto posto la stagione 2005-06. Nellultima giornata lundici amsicorino ha rimediato una pesante sconfitta casalinga contro il Lorenzoni di Br, 4 a 2, vendendosi cosi scavalcata in graduatoria dalla Libertas San Saba. A nulla sono valse le due reti realizzate dalla fuoriclasse Martyna Vynohradova, autrice di una stagione strepitosa. Lo scudetto andato alla squadra del Mori Villafranca, che ha preceduto di due punti, proprio il Lorenzoni. Per quanto concerne la serie A-2 maschile, Cus Cagliari e Ferrini hanno chiuso il torneo, rispettivamente al terzultimo con tredici punti e penultimo posto, con 12.

aggio, un mese noto agli sportivi e soprattutto agli amanti del ciclismo. il momento dedicato alle tre settimane del Giro dItalia, corsa affascinante e carica di storia. Per molti solo un nome, simbolo di una gara di ciclismo; per tanti un sogno, sicuramente per tutti gli amanti delle due ruote. Con questo pensiero in testa sin da bambino cresciuto Andrea Loddo, 27 anni compiuti il 5 Gennaio, di Capoterra. Lui al giro dItalia, pu dire di esserci arrivato dopo tanti anni passati, prima, a coltivare in testa un sogno, poi a viverlo giorno per giorno. A 10 anni, il primo pensiero verso una bicicletta, solo qualche pedalata, allinizio. Qualche giro di ruota, poi, bastato per capire che quello era un modo per coltivare una passione di una giovinezza, divertendosi. La sfortuna di vivere in unisola, lo ha costretto a allontanarsi da casa, poco pi che bambino a 16 anni. La fortuna di avere una zia a Varese, non lontano da Milano, citt giusta per entrare in un mondo come il ciclismo, ha fatto il resto. Una zia che Alberto ancora ringrazia per avergli dato lappoggio giusto, perch Per un sardo, emergere, vuol dire faticare il doppio, in una terra avara di grandi tradizioni in questo sport. La solita gavetta come per tanti atleti quello che attende Alberto di li a poco, tanto lavoro nei dilettanti, poi, il salto di qualit, un momento arrivato con attesa di anni di lavoro. A leggere il proprio nome sui giornali forse non cera abituato, il ragazzino che da piccolo si allenava sulle strade di Capoterra,

CICLISMO

Andrea Loddo un sardo protagonista al Giro d'Italia


Il ciclista di Capoterra ha sfiorato anche un successo di tappa finendo al terzo posto in una combattuta volata
di Matteo Piga paese a cui resta legato. il 2002 lanno della consacrazione con il passaggio ai professionisti, condividendo il gran momento con altri giovani di talento come Damiano Cunego, nome eccellente del ciclismo di casa nostra. E il primo sogno che diventa realt per il 27enne sardo, mentre per il secondo, diventare un buon ciclista affermato, il lavoro comincia presto con la sua nuova squadra: la Lampre, quella che da subito ha creduto nelle sue capacit. Alberto Loddo inizia cos a farsi le ossa da buon gregario. Le sue qualit da velocista, iniziano a venire fuori nel suo primo anno da professionista, anche se i risultati personali, non arrivano con tanta facilit, ma solo linizio. Tante le corse in programma al suo primo anno con i grandi; tante le corse di livello che vedono impegnato il giovane ciclista, allora 23enne: la Parigi-Rubaix, quella pi bella, una fuga con i migliori prima della foratura che costata la corsa e i sogni di vittoria, ma laccoglienza del pubblico certamente resta un emozione grandissima. Per il ragazzo che da piccolo tifava Gianni Bugno, si aprono buoni momenti e arrivano i primi sorrisi portati dalle prime vittorie da pro. Quella del giro del Qatar, con la sua Lampre solo la prima gioia per lunico ciclista sardo del circuito internazionale, ma nel 2004 che Alberto raggiunge il primo grande traguardo, con la partecipazione al sogno rosa: il Giro dItalia. Con la maglia delliberica Saunier Duval, Loddo inizia le sue pedalate nella corsa pi affascinante per un amante del ciclismo in Italia. Per il giovane corridore che fa della velocit il suo pezzo forte, le tre settimane rosa sono pi di una montagna da scalare. Resiste 18 tappe, il giovane sardo, uninfinit per un esordiente che trova nello sprint la sua arma migliore, ma la prima grande avventura al Giro dItalia finisce comunque qui, con un arrivederci alla prossima grande corsa a tappe. Il calo dellultima parte del 2004 condiziona anche il nuovo anno di Alberto, e dopo un periodo senza contratto nel Gennaio del 2005 arriva la notizia sulle pagine dei giornali: ufficiale: Alberto Loddo ritorna tra i dilettanti. Il velocista sardo stato ingaggiato dalla sua vecchia squadra, la Zoccorinese. Dopo tre anni di professionismo, Loddo fa un passo indietro. Cos Alberto costretto a riprendere da capo, quasi come una beffa, ma i sorrisi non sono lontani e con lingaggio nella Selle-Italia e soprattutto col nuovo anno tornano di colpo le grandi corse. Il 2006 lanno forse che regala di pi al giovane cagliaritano, la Vuelta del Cile la grande occasione per Alberto di mettersi definitivamente in mostra con la maglia della squadra diretta da Gianni Savio e Marco Bellini. Dopo due secondi posti e una volata persa per una foratura allultimo chilometro, Alberto riesce a

conquistare il suo secondo successo di tappa personale dopo la vittoria nella quarta tappa della Vuelta al Tachira in Venezuela. Ma in Cile non finita qui, perch nella settima, nellottava e nella decima tappa, la grande forma del velocista sardo si impone su tutti gli altri, portando Alberto a chiudere il giro del Cile con quattro successi personali e la maglia bianca, segno del leader della classifica a punti. Tornare in Italia dopo un periodo carico di successi, per Loddo vuol dire avvicinarsi al ritorno al Giro dItalia. Quello di questanno senzaltro un giro ricco di soddisfazioni. La Selle Italia, crede ancora in lui, e Alberto riesce a ripagare la fiducia con unottima partecipazione. Il successo non arriva, ma solo per un soffio. E ancora la quarta tappa a portare bene al giovane corridore, ma questa volta un pizzico di sfortuna non permette a Loddo di fare il gran salto. Siamo in Belgio, 182 chilometri da Wanze a Hotton; come da pronostico tutti in gruppo agli ultimi metri. La volata scontata e entusiasmante, Alberto deve per inchinarsi a Robbie McEwen e a Paolo Bettini, ma il terzo posto comunque tutto suo. Per Loddo il giro prosegue sino alla sedicesima tappa. Sono le 15 e 40, da Rovato si va a Trento al Monte Bordone, Loddo si deve arrendere a uninfiammazione. In classifica lontano, 1610, come tanti velocisti; ma nella particolare categoria a punti 170 davanti ai grandi Cunego e Simoni. Il suo giro finisce, poi il riposo, a fine Luglio di nuovo sopra la bici per tornare a infiammare tutti i sardi, orgogliosi del loro campione.

32 L

UGLIO

2006

Personaggi

Murena la guida turistica che conosce i segreti e gli incanti del Corrasi
Tutti lo chiamano con il nomignolo che gli fu dato fin da bambino Dal 1979 accompagna turisti a scoprire un ambiente unico e incontaminato - Profondo conoscitore della montagna e delle sue ricchezze insegna alla gente a conoscere e rispettare la flora e la fauna di questo angolo di paradiso
di Natalino Piras

i vuole passione per fare un lavoro come quello che fa Murena alias Vincenzo Tupponi, 55 anni, dal 1979 guida turistica. Un lavoro dove non si va mai in vacanza anche perch, solare, a fare quel che fa Murena in vacanza lo si sempre. A contatto quotidiano con la gente che sceglie Oliena, il clima temperato della sua montagna, come meta, come feria. Non poi che questo lavoro non stanchi, n manchi di ripetitivit. Solo che la passione tutto fa superare, unita alla competenza, al fatto di conoscerla la montagna, il suo ambiente, la macchia mediterranea fatta di leccio, lentisco, fillirea, corbezzolo, olivastro, vari cisti, elicriso. Ci sono poi come fauna aquile reali, almeno due coppie, falchi, mugrones, sirvones, gattagrestes e martore-gassibiles. Tutto questo Murena sa come dirlo alla gente, clienti lui li chiama. Murena il suo vero nome. Da sempre. Murena gli scrivono nelle lettere. Perch Murena era fin da bambino, per i genitori, per il paese, per le zie che lo appellavano Vincenzo Murelli, nome dinvenzione a stigmatizzarne la vivacit e la monelleria. Murena una corruzione di Murelli. Vincenzo arriv alla quinta elementare. Non gli piaceva studiare n tantomeno continuare nel mestiere del padre, pastore di capre. La montagna rifuggita gli comunque restata nel sangue e poi ritornata come luogo di un mestiere che comunque lo lascia libero. Libero professionista Murena. Lui come Totoi Manca, amico e socio cos come Gianni Maricosu che per regolarmente stipendiato dallhotel Su Gologone. Dove pure sta Murena e da dove parte per molte escursioni e trekking, termine di moda a indicare viaggio lungo e faticoso. A piedi, ma anche in jeep, in moto. Tutti cercano Murena. Prima di fare la guida nella montagna fu elettricista e tante altre cose. Fece lo speleologo con il Gruppo Grotte nuorese e con quello di Oliena. Fu pioniere nei sentieri della montagna, quando prospettarne un utilizzo turistico sembrava una pazzia. Murena per, che fu scout da ragazzo, sapeva quel che faceva. Fu consulente ambientale di Gianfranco Cabiddu per le riprese di Disamistade e,

Su Gologone santuario di vacanze


Lhotel Su Gologone una parte importante della Sardegna esportabile. Realizza in accezione turistica quanto non riesce in politica ai politici: dire di s al mondo con la consapevolezza di rappresentare, bene, un paese intero. Oliena, e non solo per come la vivono gli olianesi, ne tesse molte di storie e saperi, nel suo olio, nel suo vino, nella sue contadinit e pastoralit. Su Gologone n la summa. Molta gente stata e molti altri continuano a confluire nelle parti che compongono il complesso alberghiero. Il dream, il sogno del fondatore Pepeddu Palimodde continua, fatto oggi di 60 camere doppie, 8 junior suites, bar, piscina, campi da tennis, calcetto e minigolf, parco giochi per bambini e basi per le escursioni. Ancora un centro congressi e un health center. Poi c il rito della mensa. Dice Murena, ma cosa sostenuta da molti altri media, che Pasqua Salis vedova di Pepeddu compie ogni giorno un miracolo. lei a coordinare la gente di cucina che esegue come in spartito un menu insieme tradizionale e sperimentale. Qui il gusto contemporaneo si coniuga a quanto la tradizione pastorale e contadina ha costruito nella necessit e nellarte del mangiare. Basta scorrere in successione le varianti del menu. Gli elementi base sono quelli classici del tempo della fame e del tempo dellabbondanza: la farina, lacqua, il latte, le carni di pecora, di capra, di vitella e di maiale, il miele e lasfodelo, lorto, il campo, la montagna selvatica. La fantasia e larte del sapere stare in cucina combinano il resto.

stipendiato dalla produzione, si dette da fare per procurare 1000 comparse al film King David con Richard Gere, realizzato in esterni anche da queste parti. Ha lavorato e lavora adesso per societ e gruppi come Avventure nel mondo, Cooperativa la Montagna di Roma e Globe trotter di Trento. Ma anche per lo Sporting Club di Fonni, e per le olianesi Levamus Viaggi, Cooperativa Enis Monte Maccione e Barbagia insolita. Ci sono nel programma itinerari giornalieri di circa 30 euro a persona e altri settimanali, met montagna/met mare, a circa 250 euro. Pi quote individuali per colazioni al sacco, pranzi con i pastori e altro. I luoghi del viaggio sono Tiscali, Gorroppu, i Supramontes. Si parte, spesso da Su

Gologone, in fuoristrada, e poi si continua a piedi. Corrasi, Lanaitto, Tiscali, Donnanigoro, Su Sercone, la dolina pi grande dEuropa, ancora Gorroppu, Urzulei. Da qui trasferimento in pullman sino a Baunei. Poi il ritorno. Ripassare per Cala Goloritz, Cala Sisine e Cala Gonone. E come fare il giro del mondo. Una media dalle 6 alle 20 persone a viaggio, tutte unite dallo spirito dellavventura. Murena il referente di questa zenta meda seria, come lui dice. Medici, impiegati perlopi che sentono la passione per la montagna. Italiani, tedeschi, olandesi, francesi. Murena mastica un po di francese. Si fa comunque capire. Sa osservare. Li incantano i nostri posti incontaminati, li sorprendono i nostri boschi di lecci secolari. Gente dubbiosa al-

linizio. Poi vanno via con il mal di Sardegna. Il 90% ritorna. Murena ancora l, confidente, confessore, medico. Se entra una spina vengono da noi per farsela togliere. Gi. Perch il nostro lavoro saper mettere insieme diversi caratteri durante i viaggi. Murena, aria mite e guascona, ha le physique du role per sostenere la passione di questo lavoro continuato nella sua montagna, lui che quando va in vacanza gli piace camminare a Trieste, perch ha la malattia del calcare, presa a Oliena e continuata in altre avventure in Francia, Nepal, Tunisia. Da Su Gologone si parte per il Corrasi, otto km. di salita dopo aver raggiunto e attraversato Oliena. Murena guida il fuoristrada e parla dellimportanza di un turismo povero, di gente come noi, che non bisogna spellare. Ricorda limpresa di Pepeddu Palimodde che fu venditore di mobili e industriale della gazzosa prima di fondare Su Gologone, lo stesso santuario della vacanza che oggi dirige il genero Luigi Crisponi e che quando era commissario dellEsit disse, riferendosi alla programmazione turistica: Non solo mare. Il viaggio continua e Murena fa delle distinzioni tra i versanti della montagna. A Maccione, dice,

nel sottobosco c prevalenza di erica, corbezzolo e ginestra. Sul versante opposto invece, a Lanaitto, troviamo chessa, rosmarino, lentisco e corbezzolo. E qui, questo, vedi, il terebinto, sa chessa e monte, dalla cui corteccia i Romani ricavano essenza di tinture e il cui tronco si fa grande come quello del ginepro, molto pi duro da lavorare. Dopo una sosta a Sa Pala nuda, 800 metri da cui si vedono nitidi i monti della catena del Gennargentu, Orgosolo, il suo Supramonte e Gonare, si arriva a Tuones, in cima. Qui i pastori Giovanni Gabbas, Bastiano Solinas e Francesco Corbeddu preparano larrosto, il pranzo per una comitiva di turisti che lo stesso Murena porter qui. Oggi ci sono porcheddu e sardizza da tagliare a pezzi e mettere in recipienti di legno. Niente posateria. Solo bicchieri di plastica per il vino e lacqua. Completano il menu pane, formaggio e ricotta. Pane, casu, oggiu e binu e petza: tutte risorse locali. Amus provau, dice Gabbas, dal 1986. C risposta. Questo turismo porta a Oliena 6000 persone lanno. Molte di queste ritornano. Vuol dire che hanno trovato piacevole il viaggio, gente come Murena capace di dargli senso, a questo modo di andare.

VIDEOLINA SUL SATELLITE satellite HOT BIRD 6 13 gradi est frequenza 11137 Mhz polarizzazione Orizzontale symbol rate 27500 - fec 3/4

Via Barcellona 2 - 09124 Cagliari e-mail: redazione@ilmessaggerosardo.com

http:\\www.ilmessaggerosardo.regione.sardegna.it

Interessi correlati