Sei sulla pagina 1di 4

Le preposizioni italiane Le preposizioni sono parti del discorso che servono a introdurre i diversi complementi all'interno della frase.

Gioco con Anna: con Anna complemento di compagnia Vado a casa: a casa complemento di moto a luogo (in direzione di un luogo) Le preposizioni italiane non sempre corrispondono con la loro traduzione letterale in spagnolo. Il loro uso si impara insieme alla lingua stessa, dato che molto difficile stabilire regole rigide e, come sempre in italiano, le eccezioni sono numerose. Distinguiamo le preposizioni tra semplici e articolate. Le preposizioni semplici pi comuni sono: di, a, da, in, con, su, per, tra / fra. Le preposizioni articolate sono formate da alcune delle preposizioni semplici (non tutte) unite ad un articolo determinativo. il di a da in su del al dal nel sul lo dello allo dallo nello sullo la della alla dalla nella sulla i dei ai dai nei sui gli degli agli dagli negli sugli le delle alle dalle nelle sulle l' dell' all' dall' nell' sull'

Le preposizioni semplici CON, PER e TRA / FRA non si uniscono all'articolo e restano separate: Mangio un panino con il formaggio. Andiamo al cinema con i nostri amici. Ha comprato il regalo per la sua fidanzata. Ci vediamo tra le cinque e le sei. L'uso delle preposizioni molto variato. Tuttavia, possiamo indicarne alcuni usi principali. DI --> possesso. Quel libro di Andrea. --> materia. una giacca di vera pelle. Sono bicchieri di cristallo. --> provenienza (nel senso di luogo d'origine di una persona o di una cosa). Il nostro coinquilino di Torino. A --> movimento verso (in direzione di) un luogo (con l'eccezione di Stati, regioni, continenti). Torno a casa. Andiamo a scuola.

Vado a Roma. --> stato in luogo con citt. Viviamo a Valencia. In questo momento sono a Berlino. --> ore. Mangiamo a mezzogiorno. Ci vediamo domani alle due. DA --> provenienza (nel senso di allontanamento temporaneo da un luogo). Il mio aereo parte domani da Milano. Arrivo direttamente dall'uffcio. --> inizio di una durata di tempo specifica. Aspetto il treno da dieci minuti. Studiavo ad Amburgo gi da sei mesi quando ho conosciuto Francesca. Viviamo in Germania da tre anni. --> complemento di agente (chi ha compiuto una determinata azione). L'Italia del nord stata invasa dai Longobardi. Ieri sera abbiamo visto La dolce vita, un film diretto da Fellini. Mastro Pulce un libro scritto da E.T.A. Hoffman. --> con alcune professioni usiamo da+articolo per il movimento verso un luogo. Ho consigliato a Maria di andare dal medico. Devo andare dal dentista. --> lo stesso, ma senza articolo nel caso di nomi propri e pronomi, succede quando vogliamo indicare la casa di qualcuno. Luca non c', da Elena. (da Elena = a casa di Elena). Ci vediamo da te? (da te = a casa tua). Domenica devo cenare dai miei. (dai miei = a casa dei miei genitori). IN --> stato in luogo ben definito. In casa faceva freddo. Il gatto dorme in giardino. Non accendere l'aria condizionata in auto! Giovanni pranza sempre in ufficio. --> mezzo. Di solito torno a casa in autobus. Cristina ha viaggiato per tutta Europa in treno. Abbiamo raggiunto Ischia in traghetto. Oggi vado al lavoro in metropolitana. --> movimento verso un luogo + stato in luogo con Stati, regioni, continenti. Andremo in vacanza in Sicilia. Paolo ha vissuto in Belgio. Non sono mai stato in America. CON --> indica una compresenza di qualcosa o qualcuno. Erica appena andata al cinema con Davide. Maria tornata a casa con una bottiglia di vino per la cena. Oggi in mensa ho preso il pollo con le patate al forno. --> altri casi: Con molto piacere!

Ho letto il tuo manoscritto con attenzione. Con tutto quello che ho da fare, sicuramente domenica rester in casa. SU --> contatto immediato, posizione, vicinanza. Il libro sul tavolo di Eleonora. I genitori di Miriam hanno una casa sul mare. --> approssimazione. Quell'auto coster sui trentamila euro. Sembrava una signora sui quarant'anni. --> argomento. Sto leggendo un libro sull'espansione dell'universo. Domani c' una conferenza su Darwin. PER --> passaggio attraverso un luogo. Quando torno dal lavoro passo sempre per Piazza Dante. --> mezzo. Ho sentito mia madre per telefono. Bisogna inviare questo documento per posta. --> durata (di un tempo finito). Abbiamo parlato per due ore. L'isola di Pasqua rimasta sconosciuta per millenni. --> destinatario. arrivata una lettera importante per te. Devo ancora comprare il regalo per Luca! --> fine o causa. Non combattevano per il denaro, bens per l'onore. Per colpa di Sara ho perso l'ultimo treno. Per guadagnare tempo abbiamo viaggiato in aereo. Ha vinto la gara per essersi allenato tanto durato l'anno. Si allenato tanto per vincere la gara. TRA / FRA --> inizio di un'azione o evento. Sbrigati perch il film inizia tra dieci minuti. Tra pochi mesi iniziano i campionati mondiali di calcio. --> comparazione. Tra tutti i film che ho visto, questo sicuramente il peggiore. Fra il rosso e il rosa, preferisce il rosso. Ecco ora alcune frasi nelle quali l'uso delle preposizioni potrebbe confondere nella traduzione da italiano a spagnolo, e viceversa. A In italiano il complemento diretto di persona non MAI introdotto dalla preposizione a: Ho visto Daniele. He visto a Daniele. Devo conoscere i tuoi. Tengo que conocer a tus padres. Possiamo invitare la vicina di casa? Podemos invitar a la vecina? A domani, a presto, a gioved. Hasta maana, hasta pronto, hasta el jueves.

Ho studiato a memoria. He estudiado de memoria. Studiamo all'universit. Estudiamos en la universidad. A capodanno, a Pasqua, a Natale... En Ao Nuevo, en Pascua, en Navidad... Mia sorella tarda ad arrivare. Mi hermana tarda en llegar. Penso molto a te. Pienso mucho en ti. Parlare a voce bassa. Hablar en voz baja. Una camicia a maniche lunghe, a righe, a collo alto. Una camisa de mangas largas, de rayas, de cuello alto. Ad occhi chiusi. Con los ojos cerrados. Attenzione a... Cuidado con... Davanti, dietro, vicino, sopra, sotto + a... Delante, detras, cerca, encima, debajo+ de... IN Vado in farmacia, in pizzeria, in banca, in universit.. Voy a la farmacia, a la pizzeria, al banco, a la universidad.. In piedi. De pi. Arrivare in ritardo. Llegar tarde. Si paga in contanti. Se paga al contado. In quanti siete? Siamo in quattro. Cuantos sois? Somos cuatro. In seguito. A continuacion. Hanno fatto il lavoro in tre. Han hecho el trabajo entre los tres. DA / DI Se dopo un pronome indefinto (qualcosa, niente, molto ecc.) abbiamo un verbo all'infinito, usiamo la preposizione DA. Niente da fare. Nada que hacer. Qualcosa da mangiare, da bere. Algo para comer, para beber. Se invece segue un aggettivo usiamo DI: Non c' niente di nuovo. No hay nada nuevo. Mettiti qualcosa di carino per uscire stasera. Ponte algo bonito para salir esta noche. DI si usa anche per comparare sostantivi. Anna pi alta di me. Anna es mas alta que yo. Tu sei meno bello di tuo fratello. Eres menos guapo que tu hermano. DA si usa insieme a A per indicare un inizio e una fine di un tempo o di uno spazio. Da luglio (fino) a settembre siamo in vacanza. De julio hasta septiembre estamos de vacaciones. Da Madrid a Valencia ci vogliono 3 ore d'auto. De Madrid a Valencia se tardan 3 horas en coche. Dalle 4 alle 6 del pomeriggio studio italiano. De 4 a 6 de la tarde estudio italiano.

Interessi correlati