Sei sulla pagina 1di 11

http://www.2012annod||uce.

com
segreter|a@2012annod||uce.com
Associazione Culturale Tempo di Luce
Via Cavallermaggiore 5, 10139 Torino
MER
KA
BA
di Davide Russo Diesi
"S|g|||o, || m|o corpo |otegro oe| s|mbo|o sa-
cro de||a Nerka8a, aIhoch oess0oo de| m|e| tre
corp| s| perda, a| passagg|o de||a o0ova v|ta."
2 3
Meditazione per attivazione delle MERKABE
di Davide Russo Diesi
Ci sono 12 livelli dimensionali nel nostro Universo. Ci sono 12 livelli
di coscienza da attivare per creare le Merkabe. La stella tetraedrica
e l'ottaedro rappresentano soltanto 2 dei 12 livelli di coscienza che
possono essere attivati per diventare Mer-ka-ba.
Da dove nasce la MERKABA? La MERKABA nasce dal Fiore della
Vita la geometria DlvlNA dell'ESSERE DIO AMORE INCONDIZIO-
NATO. Prima di iniziare a meditare sulla MERKABA occorre rifettere
su questa lMPORTANTlSSlMA geometria sacra detta FlORE DELLA
vlTA.
Nella sua forma pi semplice il Fiore della Vita, chiamato anche
Sesto giorno della Genesi" poich ottenuto dalla 'rotazione' di sei
cerchi o sfere (fg. 2j, corrispondenti ognuna a un giorno della Cre-
azione, rappresenta la struttura interna del Creato, e il suo com-
pletamento. E un simbolo antichissimo, che stato trovato in tutto
il mondo e in ogni cultura. Era conosciuto, ad esempio, dai primi
cristiani copti, che lo incisero sulle pareti del tempio di Ibis, a El
Kharga o nelle mura dell'Osireion di Abydo; dagli Etruschi, raff-
gurato sullo scudo di un guerriero in un bassorilievo nelle rovine di
Vetulonia; dai Cinesi, nell'ex dimora dell'lmperatore, inciso sotto le
zampe di un leone solare; dagli Ebrei, che lo raffgurarono all'interno
del Tempio di Gerusalemme.
g. 1
g. 2
4 5
I| cubo d| Metatron e | so||d| p|aton|c|
ll Fiore della Vita" nasconde tra i suoi petali il Frutto della Vita"
(fg. 5j, fgura di grande importanza perch rappresenta la base di
ci che conosciuto come cubo di Metatron.
Questo solido a sua volta contiene 4 dei 5 solidi platonici: cubo,
ottaedro, dodecaedro ed icosaedro (fg. 6j. l solidi platonici sono
caratterizzati dalle stesse misure di lati, superfci ed angoli.
Sono solidi inscrivibili in una sfera, e tutti quanti contengono al loro
intero una stella tetraedrica, che pu essere visto come un sigillo
di Salomone" che si estrinseca in forma tridimensionale (fg. 7j.
Tutto ci era parte integrante delle conoscenze iniziatiche della
classe sacerdotale, particolarmente quella sumera ed egizia, e suc-
cessivamente Templare, che vedevano in questi solidi la forma degli
elementi:
Tetraedro = FUOCO
Cubo = TERRA
Ottaedro = ARlA
Icosaedro = ACQUA
Dodecaedro = ETERE (la Quintessenza, 12 lv. di coscienzaj
Presso gli antichi Celti era interpretato come simbolo in movimen-
to e quindi rappresentava |a potenza vivicatrice e generatrice de|
Sole.
La Sapienza Ebraica l'ha associato all'Albero Sephirotico o Albero
della Vita (o della Conoscenzaj, la cui struttura pu essere costruita
a partire da questo simbolo (fg. 4j.
g. 4 - Costruz|one de||'A|bero de||a Caba|a attraverso || F|ore de||a V|ta
g. 5
6 7
Per spostarci avremmo quindi bisogno di un veicolo e di una tec-
nologia interiore per montarlo. ll tetraedro Stellato la forma geo-
metrica adatta ad andare al limite della terza dimensione; tramite la
meditazione *Mer Ka Ba* possibile poter formare il veicolo per ge-
nerare un'altra fgura geometrica (Forma di vita nel MULTI-VERSO
MONDIj che possa entrare nella quarta dimensione. Tutto questo
avviene per rotazione, e proprio la rotazione genera la fgura risul-
tante (fg. 7j.
F|g. 6 - I| cubo d| Metatron contenente | so||d| p|aton|c|
Le Tre D|mens|on|
viviamo in un mondo a tre dimensioni, infatti, i nostri corpi e gli
oggetti che ci circondano sono dotati di una forma che prevede le
seguenti tre misure:
1 - Altezza
2 - Larghezza
3 - Profondit
Se il nostro mondo fosse a due dimensioni, ad es. composto solo
da una larghezza e una altezza, tutte le forme dei corpi sarebbero
schiacciate, come un foglio di carta. Da questo concetto ne con-
segue che, se immaginiamo una dimensione diversa dalla nostra,
dobbiamo anche concepire forme nuove, e quindi anche una geo-
metria nuova.
La Mu|t|d|mens|ona||t
Data per la nostra multidimensionalit, possibile pensare che,
secondo la dimensione di riferimento, possiamo avere contempora-
neamente delle forme diverse. Se andassimo in un ipotetico luo-
go" al limite tra la terza e la quarta dimensione, dovremmo immagi-
nare di avere una forma per uscire dalla terza dimensione e un'altra
adatta a entrare nella quarta.
8 9
La Mer Ka Ba
La Mer Ka Ba una tecnica semplice ma articolata, consiste in di-
ciassette movimenti, tra mudra, respirazioni e visualizzazioni. Per
metterla in pratica necessaria la fgura di un WALK-lN" (il walk-in
e' un viaggiatore esperto delle dimensioni e' lui stesso un Angelo
di 4 DlMENSlONE dentro ad un corpo UMANO di 3aj, si tratta di
un istruttore che, durante il seminario di base, possa fare da guida,
interagire con il gruppo, spiegare il perch di certi movimenti e re-
spirazioni, e rendere tutto meno meccanico e pi consapevole.
Questa tecnica non stata divulgata da nessuno fno ad ora mi
dicono le guide, la stiamo diffondendo noi Walk-in dell'era del pas-
saggio. La tecnica precedente canalizzata da Drunvalo era andata
molto vicino alla vera tecnica MERKABA ma era mancante della pri-
ma parte della meditazione e dell'ultima parte che serve per entrare
nell'UNITA DELLAMORE incondizionato di DlO e per riaccendere il
nostro tetraedro di LUCE.
Con la tecnica avanzata dei 144.000 Walk-in sulla MerKaBa si di-
venta autonomi a eseguire la tecnica per proprio conto comodo-
mante a casa.
PRIMA DI INIZIARE
Den|z|one d| MER-KA-BA
E' unione cosciente dei 3 corpi di cui siamo composti:
MER = corpo elettromagnetico
KA = corpo biologico
BA = corpo spirituale/eterico
La Mer-Ka-Ba un circuito elettromagnetico che gira sul numero 6.
Come creare || propr|o A|tare
Basta scegliere un punto della propria stanza, potrebbe essere il
punto dove pregate normalmente, creando un altare con acqua pura
di sorgente, una candela accesa bianca di nessun altro colore, un
poco di terra in una ciottola meglio se presente un forellino piccolo,
e poi posizionate una ciottola vuota a signifcato dell'elemento aria/
etere (pertanto in realt piena di PRANA"j.
Pos|z|one corretta
Sedersi comodi, meglio se in posizione di meditazione stile Buddha
con gambe incrociate come nello yoga e il sedere un po' sollevato
da un cuscino morbido. La schiena bene diritta e le mani appoggia-
te sulle ginocchia con i palmi rivolti verso l'alto.
Cos' |a success|one d| F|bonacc|
si tratta di una sequenza numerica dove, partendo da 0, 1, ogni
nuovo numero non rappresenta che la somma dei due che lo pre-
cedono:
1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144, 233, 377, 610, 987, 1597,
2584, 4181, 6765, 10946, 17711, 28657, 46368, 75025, 121393, ...
N.B.: Tutti i pianeti interni distano dal Sole nelle proporzioni del-
la successione di Fibonacci (Sole 1, Mercurio 1, venere 2, Terra 3,
Marte 5j e quelli esterni distano ugualmente da Giove (Giove 1, Sa-
turno 1, Urano 2, Nettuno 3, Plutone 5j; la distanza fra Marte e Giove
pari ad un decimo di quella fra il Sole e l'ultimo corpo astrale del
Sistema Solare, cio Plutone.
lnoltre, in molte specie vegetali, prime fra tutte le Astaracee (gira-
soli, margherite, ecc.j, il numero dei petali di ogni fore di solito un
numero di Fibonacci, come 5, 13, 55 o perfno 377, come nel caso
della diaccola.
l numeri di Fibonacci si trovano anche nella fllotassi, l'ordinamento
delle foglie su un gambo. Fu Keplero a rilevare che su molti tipi di
alberi le foglie sono allineate secondo uno schema che comprende
due numeri di Fibonacci. Partendo da una foglia qualunque, dopo
uno, due, tre o cinque giri dalla spirale si trova sempre una foglia
allineata con la prima e a seconda delle specie, questa sar la se-
conda, la terza, la quinta, l'ottava o la tredicesima foglia.
10 11
F|g. 9 -Tetraedro de||a Merkaba de||a DONNA
LA RESPIRAZIONE: per compiere la corretta respirazione iniziare
dallo stomaco, diaframma, polmoni, questa la respirazione cor-
retta.
IL MOVIMENTO DEGLI OCCHI: durante la meditazione richiesto
un movimento particolare degli occhi che causa una connessione
con il vostro sistema magnetico elettrico (a 8 circuitij. Muovete gli
occhi tenendoli chiusi verso l'alto immaginando il primo triangolo che
va verso l'alto. Mentre la respirazione arrivata all'apice dell'entrata
del PRANA" gli occhi rimangano un istante verso l'alto. Trattenete
per un momento il respiro con occhi fssi verso la punta del triangolo
che va verso l'alto.
Mentre iniziate la espirazione (deve durare altri 7 secondij abbassate
gli occhi verso il basso molto lentamente immaginando di creare il
triangolo femminile che va verso il basso. Raggiunto il basso con
gli occhi cambiare il Mudra e iniziare da capo con gli occhi fermi
all'orizzonte nuovamente durante tutti i primi 6 respiri.
3| Nell'iniziare l'espirazione, pronunciamo a mente la frase tetrae-
dro della terra" e visualizziamo la parte inferiore della fgura riempirsi
di luce bianca (triangolo verso il bassoj .
1^ PARTE: SERIE DI 6 RESPIRI
1| Pronunciare a occhi aperti i numeri di Fibonacci prendendo co-
scienza che in tutta la creazione, l'energia si muove su questi nu-
meri.
Pronunciare quindi per 13 volte:
IO SONO ,1,1,2,3,5,8,13,21,34,55,89,144
di seguito:
2| Senza fare eccessiva pressione con indice e pollice (mudra del
primo respiroj,che devono solo un poco sforarsi o toccarsi, chiu-
diamo gli occhi e pronunciando a mente le parole tetraedro del
sole" visualizziamo la parte superiore della fgura (primo triangolo
che va dal basso verso l'altoj che si riempie di luce bianca mentre
inspiriamo (inspirare per 7 secondij lentamente e chiudiamo gli oc-
chi tenendoli al centro davanti a noi.
Fare attenzione in questa fase: la MER-KA-BA dell'UOMO ha il te-
traedro del sole con punta angolata davanti quindi tutti gli uomini
devono visualizzare una MER-KA-BA come in fg. 8, le donne hanno
invece il tetraedro della terra angolata in avanti come in fg. 9.
F|g. 8 -Tetraedro de||a Merkaba de||'UOMO
12 13
Quando siamo al termine dell'espirazione, trattenendo il respiro, im-
maginiamo di riempire la parte inferiore della fgura di colore bianco
e quando questa piena, muovendo gli occhi rapidamente dall'alto
al basso, lasciate uscire le impurit verso l'apice della punta del
tetraedro della Terra.
Ripetiamo questa parte di respirazione per sei volte consecutive,
ogni volta cambiando la posizione delle dita delle mani (mudra, vedi
fgura sottoj che si toccano (vale a dire, pollice-indice [1RESPlRO|,
pollice-medio [2|, pollice-anulare [3|, pollice-mignolo [4|, poi di
nuovo pollice-indice [5 RESPlRO come nel primo respiro|, e pol-
lice-medio [6 RESPlRO come durante il secondo respiro|.
1 RESPIRO: Gyan Mudra
il Mudra della Gioia e della
Conoscenza dell'lO SONO"
(prima respirazione delle 6 in-
dicate per lacreazione dei tet-
raedrij.
2 RESPIRO: Shunya Mudra
il Mudra del nulla o dell'aria,
delle forze del cielo (seconda
respirazione delle 6 indicatej
PER GLl ULTlMl 2 RESPlRl USATE GLl STESSl MUDRA lNDlCATl
PER lL 1e 2RESPlRO
A||a ne dei 6 respiri, dobbiamo trovarci con i| po||ice ed i| medio
che sono a contatto.
Con questa fase, abbiamo completato i primi 6 respiri della
Mer-ka-ba!
3 RESPIRO: Pr|thv| Mudra
il Mudra della Terra, questo
Mudra aiuta a bilanciare
l'elemento terra dentro al nos-
tro corpo.
4 RESPIRO: Varuna Mudra
varuna Mudra" signifca ac-
qua". Questo mudra bilancia
l'elemento acqua dentro al
nostro corpo.
14 15
2^ PARTE: SERIE DI 7 RESPIRI
Si tratta di 7 respiri, che andranno eseguiti in successione ai primi
sei che abbiamo appena visto nella parte precedente di questo pic-
colo manuale della Mer-ka-ba dei 144.000 Walk-in sulla terra.
RESPlRO 7 = visualizzare AMORE
RESPlRO 8 = visualizzare VERITA
RESPlRO 9 = visualizzare BELLEZZA
RESPlRO 10 = visualizzare FIDUCIA
RESPlRO 11 = visualizzare ARMONIA
RESPlRO 12 = visualizzare PACE
RESPlRO 13 = visualizzare DEVOZIONE A DIO PADRE
Questo e' lo schema da seguire per i prossimi 7 respiri, solamente
visualizzando e sentendo le parole scritte per ogni respiro si aprir in
noi uno 2 ossia una porta dimensionale per uscire fuori dalla nostra
DlMENSlONE ed entrare nella QUARTA DlMENSlONE.
Per effettuare questi respiri, dobbiamo prima di tutto cambiare la
posizione delle dita delle mani con i mudra. Prima, avevamo unito
il pollice di ogni mano con le altre dita, seguendo la respirazione,
passando dalla combinazione pollice-indice a pollice-medio fno a
terminare con pollice-medio, fno a completare la serie dei sei respiri
purifcatori.

Ora uniremo il pollice, l'indice ed il medio delle mani e rimarremo in
questa posizione per tutti i seguenti sette respiri.
lmmaginiamo di visualizzare un canale luminoso
(vedi fg. 10j lungo la spina dorsale, di diametro equivalente al cer-
chio che viene a formarsi toccandoci i polpastrelli di pollice e indice,
nello stesso tempo visualizziamo una sfera all'altezza dello stoma-
co, all'incirca 1 cm sopra l'ombelico (vedi fg. 11j.
Facciamo quattro respiri consecutivi (per
7 secondi inspiro e per 7 secondi espiro x
4 voltej, facendo entrare l'aria dal naso e
uscire dalla bocca; a ogni respiro, la sfera
che abbiamo nella pancia singrandisce e
diventa sempre pi luminosa e ampia. Nel
terminare il quarto respiro, espiriamo con
forza, come se dovessimo sputare" qual-
cosa dalla bocca.
In questa parte della meditazione MER-
KA-BA stiamo facendo scontrare le due
energie allinterno del tubo luminoso che
e il centro della nostra MER-KA-BA.
Le due energie (maschili e femminilij si
scontrano creando una sfera luminosa
all'altezza del nostro ombelico e questa
sfera pu essere grande come quella di
un'arancia se volessimo visualizzarla.
g. 10 - Tubo d| |uce, |n
contatto con c|e|o e terra
g. 11 - Sfera d| |uce che s| forma ne| p|esso so|are e s| espande ne||o spaz|o
16 17
Rimanendo con le dita sempre nella posizione sopra descritta (polli-
ce-indice- medio che si toccanoj, eseguiamo tre respiri consecutivi
di rilassamento", seguiti da un respiro con il quale immaginiamo
di portare la sfera tuttora presente sulla nostra pancia, all'altezza del
cuore ( e va a terminare la serie dei 7 respiri sul plesso solare!j
3^ PARTE: SERIE DI 4 RESPIRI
Per quest'ultima serie importante sentire sempre l'amore puro in-
condizionato! Ora dobbiamo cambiare la posizione delle mani:
UOMO = l'uomo deve mettere il dorso della mano sinistra sopra il
palmo della mano destra, le dita si fermano alla base della mano
destra. Uniamo poi le punte dei pollici, senza esercitare troppa pres-
sione.
DONNA= Per la donna, l'opposto, la mano destra sopra la sinistra.
Uniamo poi le punte dei pollici, senza esercitare troppa pressione.
Immaginiamo-
ci allinterno del
tetraedro di base,
il triangolo con il
vertice superiore
deve iniziare dalle
nostre ginocchia e
terminare un pal-
mo di mano sopra
la nostra testa; il
triangolo inferiore
inizia dalla linea dei
capezzoli e termina
un palmo di mano
sotto i piedi.
g. 12
Con il 14 RESPIRO dobbiamo prendere consapevolezza di aver
spostato la sfera sul plesso CRlSTlCO dove vive l'energia Cristica
ossia sul nostro sterno sopra la bocca dello stomaco per intenderci.
Prendiamo consapevolezza che la sfera si ingrandisce e ne lascia
una pi piccola originaria all'interno del plesso CRlSTlCO all'interno
del tubo luminoso di cui abbiamo parlato prima.
lnspiriamo ed espiriamo lentamente rilassandoci.
Con il 15 RESPIRO, ripetiamo a mente il codice stessa velocit":
questo fa si che le due fgure geometriche ruotino, uno [Tetraedro
del Sole in senso antiorario| e l'altro [Tetraedro della Terra in senso
orario| alla stessa velocit, prendete coscienza che i tetraedri ruo-
tano a gruppi di tre perch nel frattempo la nostra Mer-ka-ba si
rinforzata nella sua originaria geometria.
Con il 16 RESPIRO ripetiamo a mente 34-21": in questo modo le
due parti della fgura aumentano velocit ruotando uno pi veloce
dell'altro in senso opposto e con velocit differenti una a 34 giri e
l'altra a 21 giri.
Completiamo il respiro, e quando iniziamo 17 RESPIRO, ripetiamo
nove decimi la velocit della luce".
ln questa fase potremmo avvertire la sensazione di essere rotanti
all'interno di una nuova dimensione (la 4 per l'esattezzaj; niente
paura abbiamo attivato la nostra MER-KA-BA!
Attenz|one ora:
- dovete ripetere la meditazione per 34 volte;
- tra una meditazione e l'altra non far passare pi di 48 ore in quanto
essa deve essere rinforzata di giorno in giorno;
- non ripetete la meditazione pi di una volta al giorno;
- imparare la Mer-ka-ba in questo modo non signifca attivarla, l'at-
tivazione avviene quando si eseguono le 17 respirazioni in maniera
continuata, dall'inizio alla fne senza fare mai interruzioni. E' impor-
tante quindi prima memorizzare i passaggi, poi metterli in pratica.
18 19
Una volta attivata, la MER-KA-BA pu essere richiamata semplice-
mente dicendo:
MER-KA-BA IO SONO
ripetete subito la sequenza Fibonacci per una volta sola:
1,1,2,3,5,8,13,21,34,55,89,144
a seguito del numero 144 dire i seguenti numeri:
34-21
infne aggiungere:
Nove decimi la velocit della luce"
ln questo modo la vostra MERKABA inizier a ruotare e si amplier
per 17 km dal centro del vostro plesso solare.
FINE MEDITAZIONE MER-KA-BA
Namast Davide Walk-in nelle DIMENSIONI.
SIAMO UNO NELLAMORE DIVENIRE
Davide Russo Diesi
Presidente dell'Ass.one Cult.Tempo di Luce
www.2012annod||0ce.com
GRAZlE PER AvER PARTEClPATO AL NOSTRO WORKSHOP
SULLA MER-KA-BA
NOTE:
20 21
NOTE: NOTE: