Sei sulla pagina 1di 1

Stiamo vivendo un momento storico senza precedenti nella nostra democrazia:

lʼindignazione si è trasformata, grazie all'appoggio massivo della cittadinanza, in Speranza di


cambiare ciò che tanto ci indigna. Avremo bisogno di Energia, Coraggio e Voglia di Lavorare ad un
progetto comune.

Per evitare che la forza di questo movimento nato dalla società civile sia fagocitata o manipolata da elementi
estranei a essa, proponiamo un decalogo di misure concrete che, al loro raggiungimento ci condurranno alla
democrazia pluralizzata e giusta di cui necessitiamo.

1_Rispetto Reale dei valori di Giustizia, Libertà, Uguaglianza e Pluralismo.

2_Limitazione degli stipendi e dei privilegi legati alle cariche pubbliche. Impossibilità permanente di
ripresentarsi come candidati alle elezioni in caso di condanne per corruzione.

3_Modificazione della legge elettorale in modo che si garantisca la rappresentanza e la proporzionalità


stando attenti che non si discrimini nessuna forza politica o volontà sociale, permettendo lʼentrata dei partiti
minoritari e chiudendo con il "bipartitismo".

4_Approfondimento dei meccanismi che permettano lʼesercizio della democrazia diretta da parte dei
cittadini. Referendum nei casi di decisioni socio-economiche importanti. Semplificazione dei meccanismi per
la presentazione di iniziative legislative popolari.

5_Imposizione della consulta popolare obbligatoria e vincolante per lʼelaborazione e approvazione dei
presupposti municipali, autonomi e statali

6_Modificazione e creazione di meccanismi di controllo che assicurino la separazione dei poteri pubblici.
Assicurare lʼassoluta indipendenza del potere giudiziario.

7_Considerare come bene di utilità pubblica i servizi di prima necessità come Energia, Reti di
Comunicazione, Alimentazione, Trasporti, Banca. Proibire pertanto il monopolio e oligopolio privato nella
gestione di tali beni

8_Diritto al lavoro degno, stabile e di qualità. Proibizione degli "ERE" in imprese con benefici. Diritto di tutta
la cittadinanza a prestazioni sociali pubbliche che assicurino una vita degna.
ERE= Expediente de Regulacion de Empleo

9_Stabilire meccanismi cittadini di controllo della gestione pubblica che evitino la corruzione politica.
Controllo cittadino delle attività economiche di tipo pubblico e adozione di un sistema di incompatibilità che
renda impossibile l'esercizio e il lucro in attività pubbliche e private.

10_Adozione di un sistema fiscale progressivo. Stabilire a livello globale un imposta per le grandi fortune e
le transazioni finanziare speculative. Chiusura immediata dei paradisi fiscali.

11_Controllo da parte della cittadinanza delle pratiche e delle entità bancarie; proibizione delle clausole
abusive in particolar modo sull'ipoteca.

12_Convocazione di un'Assemblea Costitutiva.

Queste tuttavia non sono proposte definitive, sono state elaborate perché ci chiedono proposte,
coloro che mai hanno tenuto proposte.
-Ci chiedono un programma politico coloro che saltano sistematicamente i loro programmi politici
-Ci chiedono trasparenza coloro che mai ci hanno dato valore a essa, coloro che mai ci hanno
domandato nulla
-Ci chiedono proposte coloro che tengono milioni e milioni, a noi che teniamo stracci e cartoni,
precarietà e mancanza di lavoro, debiti e più debiti.
-Ci chiedono proposte perché il potere ora non sono loro, il potere siamo noi.
-Ci chiedono proposte perché hanno fretta, perché il tempo ora non è più loro. il tempo è nostro.
-Abbiamo pazienza perché sappiamo che tutto ciò va in crescere.
-Abbiamo pazienza perché non abbiamo più paura.
ACAMPADA VALENCIA, MAYO 2011