Sei sulla pagina 1di 15

UNGHERIA, BALUARDO DELLA CRISTIANITA

di
Dag Tessore
(Medioevo, Anno VI, n. 4 (63), aprile 2002)
I. De sagittis Hungarorum libera nos, Domine! Gli Ungari pagani nella prima met del
X e!"l"#
Correva lanno del Signore !3. I "anoni"i di San #a$geri"o, asserraglia%i nella loro &asili"a,
"o'in"iavano a ria"($is%are speran)e* gli +ngari, non essendo ri$s"i%i ad esp$gnare la "i%%, di
Ca'&rai, si erano a""on%en%a%i di in"endiare i so&&org-i e di $""idere gli $o'ini "-e %rovavano, 'a
gi$n%i di .ron%e alla ri""a e splendida &asili"a di San #a$geri"o, "-e "er%o .a"eva gola alla loro
&ra'a di &o%%ino, non erano ri$s"i%i a s.ondarla. Al'eno per ($es%a vol%a se'&rava "-e il peri"olo
.osse passa%o. Alli'provviso per/, proprio 'en%re i ne'i"i s%avano deli&erando di ri%irarsi, $n
"-ieri"o .olle a""ova""ia%o s$l "a'panile della "-iesa e&&e lidea di lan"iare s$ di loro $na .re""ia.
0a ra&&ia degli +ngari si ria""ese allis%an%e, a&&a%%erono il por%ale, irr$ppero nella&&a)ia, .e"ero
s%rage di religiosi. In%an%o il .$o"o "o'in"iava a diva'pare da ogni par%e, .in"-1 lin%era "olossale
s%r$%%$ra delledi.i"io "roll/ s$ se s%essa "on i''enso &oa%o e il pio'&o delle %egole si rivers/ .$so
in 'e))o alle 'a"erie e ai "adaveri. 2Dopo di "i/ 3 "on"l$de la Cronaca dei vescovi di Cambrai 4,
rad$na%i i prigionieri, "on in.ini%o &o%%ino se ne andarono5.
6r'ai da pi7 di "in($an%anni le orde $ngari"-e %errori))avano l8$ropa in%era. #i, nell9
erano s"ese in I%alia, "-ia'a%e dalli'pera%ore Arnol.o in ai$%o "on%ro il re :erengario I. ;res%arono
il so""orso ri"-ies%o, 'a poi ne appro.i%%arono per ra))iare e sa""-eggiare* Ver"elli, <eggio 8'ilia,
Modena .$rono %ra le loro vi%%i'e. Ten%arono persino, 'a invano, di prendere Vene)ia,
.a&&ri"andosi apposi%a'en%e delle &ar"-e "on pelli di ani'ali. 2Alla loro violen)a 3 s"rive la&a%e
<eginone di ;r=' 3 e al loro &es%iale .$rore gli a&i%an%i della %erra, $ni%isi in $n $ni"o .ron%e,
"er"avano di resis%ere, 'a $na 'ol%i%$dine inn$'erevole per> so%%o le loro .re""e e in.ini%i ves"ovi e
governan%i .$rono 'assa"ra%i5. 0a 0i%$rgia "o'in"i/ a pregare* 2Dalle sae%%e degli +ngari li&era"i,
o Signore?5. Ma "i/ non valse ad arres%arne le in"$rsioni. Tra l9 e il !9 "ir"a, le loro %r$ppe di
"avalieri raggi$nsero la Spagna, la :re%agna, la Dani'ar"a, la #er'ania, la ;$glia, la #re"ia.
C-i erano ($es%i $o'ini "-e ri$s"irono a 'e%%ere in gino""-io l8$ropa e "-e si p$/ dire
rappresen%assero, nella pri'a 'e%, del @ se"olo, la po%en)a pi7 %e'i&ile d8$ropaA Bon sappia'o
'ol%o s$lla loro provenien)a. C$el "-e D "er%o D "-e essi erano originari dellAsia "en%rale, erano
$no dei "osidde%%i popoli della s%eppa. Di "eppo $gro.inni"o (lo s%esso da "$i si dira'eranno poi
al"$ni popoli del :al%i"o), essi d$e'ila anni .a risiedevano pro&a&il'en%e a s$d dei Mon%i +rali.
;i7 %ardi, verso il VII o VIII se"olo, si spinsero ad 6""iden%e, nella regione del &asso Volga, dove
era s%an)ia%o li'pero dei E-,)ari, $n popolo se'ino'ade e 'er"an%ile. Il re (o cagan) dei E-,)ari
era di religione e&rai"a, "o'e p$re i 'e'&ri dellaris%o"ra)ia, 'en%re i 'ili%ari erano '$s$l'ani e il
popolo in par%e ani'is%a, in par%e "ris%iano. #li +ngari d$n($e "onvissero "on loro per pi7 di $n
se"olo, "o'e allea%i o "o'e s$ddi%i* si 'isero an"-essi a pra%i"are il "o''er"io (sopra%%$%%o di pelli
e di s"-iavi) e lagri"ol%$ra, p$r 'an%enendo la loro iden%i%, di pas%ori no'adi.
8 "$rioso "-e il no'e di +ngari derivi, 'ol%o pro&a&il'en%e, dal %er'ine %$r"o onogur, "on
"$i venivano designa%e le %ri&7 &$lgare. Ci/ di'os%ra "-e gli +ngari (o Magiari, dal no'e di $na
delle loro %ri&7) vissero in s%re%%o "on%a%%o "on i :$lgari, an"-essi per ($al"-e %e'po 'e'&ri della
F.edera)ioneG delli'pero H-,)aro. I #re"i per/ $savano la parola FT$r"-iG per indi"are gli +ngari,
i ($ali invero si erano no%evol'en%e %$r"-i))a%i proprio s%ando a "on%a%%o "on i :$lgari e i E-,)ari,
en%ra'&i di "eppo %$r"o.
Bella 'e%, del I@ se"olo i Magiari si avvi"inarono $l%erior'en%e all8$ropa, s%an)iandosi in
Moldavia (al "on.ine orien%ale della%%$ale <o'ania). #li i'pera%ori d6""iden%e, se'pre in lo%%a
"on i re ri&elli, %rovarono in%eressan%e ($es%a presen)a di $n popolo &elli"oso ai "on.ini dell8$ropa*
po%eva servir loro da pre)ioso allea%o. I$ "os> "-e, nell962, 0$dovi"o II il #er'ani"o li invi%/ a
pres%argli ai$%o "on%ro s$o .iglio ri&elle Carlo'anno. 8 lo s%esso .e"e, %ren%anni dopo, li'pera%ore
Arnol.o, "-e "-iese 'an .or%e agli +ngari per "o'&a%%ere ($el .as%idioso regno "-e si era ven$%o
.or'ando nella%%$ale Slova""-ia, "on il no'e di #rande Moravia. In %al 'odo essi "o'in"iavano a
.re($en%are e a "onos"ere ($el %erri%orio "-e diven%er, la loro .$%$ra pa%ria* l+ng-eria 3lan%i"a
;annonia ro'ana4. Del res%o gli s%ori"i $ng-eresi 'oderni parlano proprio di $na 2"on($is%a della
pa%ria5.
In%orno all92 in.a%%i le'iro sa'anide Is'ail i&n A-'ed s.err/ $n a%%a""o "on%ro il popolo
degli 6g$)i, i ($ali si ri.e"ero delle perdi%e s$&i%e assalendo $n al%ro popolo della s%eppa, i
;e"eneg-i. C$es%i $l%i'i a loro vol%a, per s.$ggire agli 6g$)i, s"a""iarono gli +ngari dalla loro sede
in Moldavia, spingendoli verso la <o'ania e l+ng-eria. Il "apo4%ri&7 $ngaro Jl'os, responsa&ile
di aver disonora%o il s$o popolo non essendo ri$s"i%o a respingere la%%a""o pe"enego, .$ des%i%$i%o e
ri'pia))a%o "on il .iglio JrpKd ("apos%ipi%e della dinas%ia, de%%a app$n%o KrpKdiana, dei re
d+ng-eria .ino al L30L). 0o s%esso Jl'os, 'en%re i Magiari, dire%%i in ;annonia, si %rovavano a
passare a%%raverso i densi e os"$ri &os"-i della Transilvania, ogni no%%e preda di spaven%osi agg$a%i
da par%e dei ;e"eneg-i e dei loro allea%i :$lgari, .$ solenne'en%e i''ola%o alla presen)a dellin%ero
popolo e di s$o .iglio JrpKd, in $na sor%a di 'a"a&ra "eri'onia sa"rale. Ci/ avvenne nell9!.
A dire il vero al"$ne %ri&7 $ng-eresi si erano gi, s%an)ia%e in +ng-eria lanno pri'a, ($ando
erano s%a%e "-ia'a%e dal prin"ipe della #rande Moravia, Sva%opl$H, in ai$%o "on%ro i Iran"-i e i
:avaresi ("-e "on%in$avano a rappresen%are, in %eoria, la$%ori%, del Sa"ro <o'ano I'pero in ($elle
regioni). 0arrivo degli +ngari in ($ella o""asione "i D des"ri%%o dagli Annali di Fulda* 2#li +ngari
sono ven$%i al di ($a del Dan$&io e -anno "o'pi$%o 'ol%e a)ioni orrende. Manno $""iso $o'ini e
donne an)iane, prendendo "on s1 sola'en%e le raga))e, "o'e .ossero va""-e, per soddis.are la loro
li&idine. Manno devas%a%o e 'assa"ra%o %$%%a la ;annonia5.
;$r non rin$n"iando alle loro a&i%$dini no'adi"-e, i Magiari erano or'ai s%a&ili%i in
+ng-eria. Di l> "o'in"eranno &en pres%o a s"ora))are per %$%%a l8$ropa, in par%e "-ia'a%i da
diversi re e signori per "o'&a%%ere al%ri re e signori, in par%e sol%an%o per .are &o%%ino e por%arsi a
"asa gli ori e i %esori delle ri""-e a&&a)ie e "-iese d8$ropa ("o'e .a"evano, negli s%essi anni, an"-e
i Sara"eni e i Bor'anni).
Bel !! avvenne $na grande svol%a* Corrado il <osso di 0orena, "ogna%o delli'pera%ore
6%%one I, aveva invi%a%o gli +ngari ad allearsi "on l$i e "on 'ol%i al%ri prin"ipi "on%ro li'pera%ore,
'a ($es%i li s&aragli/ %$%%i nella .a'osa &a%%aglia del 0e"-.eld presso A$g$s%a, il L0 agos%o. #li
+ngari, s"on.i%%i non solo 'ili%ar'en%e 'a an"-e e sopra%%$%%o nel loro orgoglio g$erriero, non
osarono pi7 a%%eggiarsi a padroni e non si sen%irono pi7 i'&a%%i&ili. De"isero di ins%a$rare $n n$ovo
rappor%o "on le po%en)e o""iden%ali. S"elsero la via dellallean)a e della'i"i)ia. Ma a ($ei %e'pi
lallean)a poli%i"a i'pli"ava ne"essaria'en%e lallean)a religiosa* se volevano essere a'i"i
dell6""iden%e, gli +ngari dovevano diven%are "ris%iani. #i, ($al"-e anno pri'a al"$ni "api4%ri&7
$ng-eresi, allea%i "on i :i)an%ini, si erano .a%%i &a%%e))are, 'a la svol%a de"isiva si e&&e "on #1)a,
"apo dei Magiari dal N0 al N e "on s$o .iglio VaiH, passa%o alla s%oria "ol no'e di San%o S%e.ano.
Con l$i l+ng-eria diven%er, $n paese "ris%iano, an)i* "ris%ianissi'o.
II. LUng$eria e il Critianeim"
Bella Legenda del ves"ovo Ar%vi"o di #OPr si legge "-e $na no%%e dellanno L000 a ;apa
Silves%ro II apparve $n angelo* 2Sappi "-e do'ani, allora pri'a del giorno, verranno a %e
'essaggeri da $n popolo s"onos"i$%o, "-e %i "-iederanno per il loro prin"ipe la "orona regia insie'e
alla &enedi)ione apos%oli"a. Con"edi al loro prin"ipe, sen)a oppor%i, la "orona "-e -ai .a%%o
preparare5. C$al"-e 'ese pri'a in.a%%i :oleslao di ;olonia aveva 'anda%o a "-iedere al ;apa $na
"orona. Il ;apa la .e"e predisporre, 'a alli'provviso langelo gli "o'and/ di non darla pi7 al
sovrano di ;olonia, &ens> al sovrano $ng-erese S%e.ano, il ($ale, "o'e il s$o "ollega pola""o, aveva
invia%o 'essaggeri a Silves%ro II per o%%enere $n diade'a "-e lo elevasse alla digni%, regale.
0a'&as"ia%ore $ng-erese As%ri"o po%1 %ornarsene in pa%ria "on la sa"ra "orona dona%agli dal
pon%e.i"e. 8 "on ($ella 'edesi'a, la no%%e di Ba%ale del L000, "onsa"r/, in ($ali%, di lega%o
apos%oli"o, S%e.ano re d+ng-eria. Iino a ($el 'o'en%o ($es%i era se'pli"e'en%e dux
Hungarorum, "o'e p$re s$o padre #1)a e i s$oi an%ena%i. Ass$rgere al rango reale signi.i"ava
'ol%o, signi.i"ava en%rare nella "o'pagine delle grandi na)ioni F"iviliG dell6""iden%e. Ma
signi.i"ava sopra%%$%%o diven%are 'e'&ro ri"onos"i$%o di ($ella Christianitas "-e "os%i%$iva la vera
iden%i%, dell8$ropa 'edievale. S%e.ano non avre&&e po%$%o diven%are re, e %an%o 'eno essere
"onsa"ra%o %ale dalla s$pre'a a$%ori%, spiri%$ale "-e era il ;apa, sen)a essere innan)i%$%%o "ris%iano.
Sappia'o "-e an"ora s$o padre #1)a, p$r essendosi .a%%o &a%%e))are ("on lo s%esso no'e del .iglio,
S%e.ano), "on%in$ava a sa"ri.i"are agli idoli pagani e a 'an%enere "ons$e%$dini Fa'&ig$eG.
Sappia'o "-e i nonni di S%e.ano erano ($elli di "$i 0i$%prando di Cre'ona s"riveva "-e
2dis%r$ggono le .or%e))e, devas%ano le "-iese, sgo))ano la gen%e e, per .arsi %e'ere an"ora di pi7, si
a&&everano "on il sang$e degli $""isi5. S%e.ano ini)iava i s$oi pron$n"ia'en%i 2nel no'e della
San%a Trini%,5, 2nel no'e del Signore nos%ro #es7 Cris%o5Q 'eno di "en%o anni pri'a s$o &isnonno
ina$g$rava i gi$ra'en%i e i pa%%i solenni &evendo il sang$e di $n "ane s($ar%a%o per lo""asione,
se"ondo il ri%o &$lgaro. Bon "D d$n($e da s%$pirsi "-e la svol%a di S%e.ano sia s%a%a per il s$o
popolo $na vera e propria rivol$)ione.
#i, #1)a aveva "o'in"ia%o ad invi%are 'issionari, 'a .$ S%e.ano il vero "rea%ore
dell+ng-eria "ris%iana. Iond/ "-iese, 'onas%eri e "on"esse al "lero %$%%i i privilegi possi&ili. ;er
($es%o il ;apa lo no'in/ non sol%an%o re, 'a 2re apos%oli"o5. 0e s$e an%i"-e &iogra.ie si dil$ngano
nel ra""on%ar"i il s$o a'ore per i ves"ovi e per i 'ona"i, le l$ng-e ore "-e %ras"orreva nei "onven%i
ingino""-ia%o in preg-iera o a "ollo($io "on i "la$s%rali. 2C$an%o pi7 $no era religioso, %an%o pi7 gli
era gradi%o5. S$a 'oglie #isella, &avarese, non era da 'eno in .a%%o di devo)ione. Il loro .igliole%%o,
poi, 8'eri"o, passava le no%%i a pregare "on i sal'i* 2s$o padre lo sorvegliava spesso "on 'ol%e
"a$%ele, an)i in segre%o, a%%raverso $na .ess$ra .a%%a nel '$ro, 'a non voleva .arlo sapere a ness$no
della .a'iglia5. 0a pro.onda sin"eri%, del sen%i'en%o religioso di S%e.ano "i D %es%i'onia%o dalle s$e
Esortazioni al figlio, "-e 'os%rano $n ani'o in"endia%o dalla'ore per la Iede "a%%oli"a e per la
C-iesa.
Dopo la s$a 'or%e, avven$%a nel L039, non 'an"arono rig$rgi%i, an"-e 'ol%o violen%i, di
paganesi'o. Andrea I (L0464L060) .$ "os%re%%o a pro"la'are $na legge %erri&ile* 2C$al$n($e
+ngaro, o s%raniero in +ng-eria, "-e non deponga il "$l%o pagano e non ri%orni s$&i%o alla vera .ede
di #es7 Cris%o, e non a&&ra""i la sa"ra legge %ras'essa"i dal san%o re S%e.ano, sia p$ni%o "on la
perdi%a della vi%a e dei s$oi &eni5. Dopo di l$i il regno $ng-erese "on%in$/ se'pre a presen%arsi
"o'e "a'pione della "ris%iani%,. Be''eno "in($an%anni dopo la 'or%e di San%o S%e.ano, sal> al
%rono 0adislao I, %an%o devo%o alla Iede da essere an"-egli "anoni))a%o da <o'a. Il s$o s$""essore,
Colo'anno de%%o il :i&lio.ilo, era addiri%%$ra $n ves"ovo? Ma non &isogna las"iarsi ingannare
dallapparen)a* "D an"-e $nal%ra .a""ia dei re $ng-eresi. San 0adislao, in o""asione del sinodo di
S)a&ol"s, a""onsen%> ad a""e%%are, sepp$r %e'poranea'en%e, il 'a%ri'onio dei pre%i, in "on%ras%o
"on le disposi)ioni papali del L0N4. C$an%o a Colo'anno, p$r essendo s%a%o ves"ovo ("on
lin"orona)ione regale ri"eve%%e la dispensa dalle s$e .$n)ioni epis"opali), e&&e $n a%%eggia'en%o
pi$%%os%o arrogan%e nei "on.ron%i del papa%o d$ran%e la lo%%a per le inves%i%$re. Inso''a, gli
apos%oli"i re d+ng-eria non "orrispondevano se'pre alle aspe%%a%ive di <o'a.
Spesso si veri.i"ava an"-e $n "on%ras%o %ra il re e lar"ives"ovo di 8s)%ergo', "-e era il
;ri'a%e d+ng-eria e ($indi il rappresen%an%e di <o'a. In par%i"olare lar"ives"ovo 0$"K"s :Kn..O,
$o'o severissi'o, "-e aveva s%$dia%o a ;arigi insie'e a T-o'as :e"He% e "-e era i'pregna%o delle
idee della ri.or'a gregoriana, gi$nse addiri%%$ra a ri.i$%arsi di in"oronare :1la III (LLN24LL6),
poi"-1 ($es%i era s%a%o ed$"a%o nella Fere%i"aG :isan)io. I$ allora il pi7 'ans$e%o ar"ives"ovo di
Ealo"sa ad in"oronarlo. 0$"K"s, per %$%%a rispos%a, s"o'$ni"/ il re. 8 ($ando gli .$ por%a%o il pallio
ar"ives"ovile, lo ri.i$%/, poi"-1 s$o .ra%ello aveva da%o "o'e ri"o'pensa al 'esso $n "avallo, e per
0$"K"s ($es%o signi.i"ava si'onia?
Tra al%i e &assi il "ris%ianesi'o $ng-erese dava "o'$n($e soddis.a)ione ai papi, "-e
vedevano nei re 'agiari p$r se'pre dei validi allea%i. #1)a II a..ian"-er, il papa nella s$a rivali%,
"on Iederi"o :ar&arossa. Andrea II diven%er, per.ino il "apo della C$in%a Cro"ia%a (.alli'en%are).
Ma sar, sopra%%$%%o nella l$nga e ard$a lo%%a "on%ro i T$r"-i "-e l+ng-eria ass$rger, a vero e
proprio &al$ardo della "ris%iani%,, an"-e in "onsidera)ione della s$a posi)ione geogra.i"a. C$ando
divenne re d+ng-eria il .$%$ro i'pera%ore Sigis'ondo di 0$sse'&$rgo, gli 6%%o'ani avevano gi,
"o'in"ia%o ad in%a""are no%evol'en%e la solidi%, dell8$ropa. 0o s%esso Sigis'ondo, "-e nel L3!
aveva pro"la'a%o, "on il sos%egno di ;apa :oni.a"io I@, $na "ro"ia%a "on%ro gli in.edeli, .$ da
($es%i &a%%$%o d$ra'en%e a Bi"opoli. Il re "er"/ di ria..er'are il s$o orgoglio di defensor
christianitatis nella l$nga e in$%ile g$erra "-e 'osse "on%ro gli ere%i"i $ssi%i, "$l'ina%a "on la
"ondanna al rogo di Ran M$s e #irola'o da ;raga, per de"re%o del Con"ilio di Cos%an)a, presied$%o
da Sigis'ondo s%esso. Dopo la 'or%e di ($es%$l%i'o (L43N), l8$ropa se'pre di pi7 g$ardava
all+ng-eria "o'e all$ni"a na)ione "-e avre&&e po%$%o di.enderla dai '$s$l'ani. Bel L442 le
%r$ppe del s$l%ano Me)Sd avevano .a%%o irr$)ione in Transilvania. Il re d+ng-eria Vladislao I
indisse "on%ro il T$r"o $na "ro"ia%a e nel 44 var"/ il Dan$&io "on leser"i%o "o'anda%o dal "ele&re
generale #iovanni M$nOadi. 8&&e il sos%egno 'ili%are an"-e del voivoda di Vala""-ia Vlad III
(padre del &en pi7 .a'oso Vlad IV DraH$la, de%%o lI'pala%ore). Ma la vi%%oria dei T$r"-i .$
s"-ia""ian%e.
Il passo de"isivo avvenne nel L4!3* Mao'e%%o II "on($is%ava %rion.al'en%e Cos%an%inopoli,
la sa"ra, le%erna, la Fse"onda <o'aGQ e l$l%i'o i'pera%ore ro'ano d6rien%e, Cos%an%ino @I,
'oriva d$ran%e lassal%o. An"ora $na vol%a l+ng-eria .$ lo s"$do per l8$ropa in%era, %errori))a%a
dal "res"en%e s$""esso degli 6%%o'ani. Bel L4!6 essi s%avano gi, per esp$gnare :elgrado, "-e
avre&&e aper%o loro la s%rada per l+ng-eria e per il res%o dell6""iden%e, 'a #iovanni M$nOadi,
"on $n eser"i%o di po"-i solda%i, ai))a%i per/ dagli in.$o"a%i ser'oni del .ra%e a&r$))ese San
#iovanni da Capes%rano (invia%o dal ;apa proprio al .ine di propagandare la "ro"ia%a), ri$s"> a
respingerli. 0o M$nOadi, "onsidera%o in +ng-eria $n vero e proprio eroe na)ionale (non"-1
"a'pione della Iede), s%orn/ in %al 'odo il peri"olo isla'i"o per al%ri se%%an%a anni. 8gli per/ non
po%1 godere i .r$%%i del s$o s$""esso* lLL agos%o dello s%esso anno, s$lle rive del Dan$&io, 'or> di
pes%e.
III. Le p%ni&i"ni nellUng$eria medie'ale
An"ora $na vol%a la .ig$ra "en%rale D San%o S%e.ano. I$ egli in.a%%i il pri'o a .ar redigere per
is"ri%%o $n "odi"e legisla%ivo, servendosi di s"ri&i "-e operavano in $na apposi%a "an"elleria. ;ri'a
di l$i gli +ngari non $savano nepp$re la s"ri%%$ra, se non sporadi"a'en%e. 0e loro leggi erano &asa%e
s$lla "ons$e%$dine, s$lle %radi)ioni delle singole %ri&7 e s$llar&i%rio dei "api. S%e.ano inve"e volle
"-e il s$o popolo avesse $n "odi"e s"ri%%o, al pari delle al%re na)ioni F"iviliG dell6""iden%e. Si
ispir/ per%an%o alle ra""ol%e legisla%ive dei Carolingi* 'ol%i ar%i"oli del s$o "odi"e rie"-eggiano
"-iara'en%e la Lex Alamannorum Karolina o il Capitulare de partibus axoniae. S%e.ano prende
($indi le leggi dellI'pero ger'ani"o e le %ras'e%%e, $n po ada%%a%e e 'odi.i"a%e, al s$o popolo.
Allo s%esso %e'po per/ la s$a pro.onda religiosi%, "ris%iana lo spinge ad assor&ire an"-e 'ol%i
ele'en%i di legisla)ione e""lesias%i"a, %an%o "-e il %es%o delle s$e Leggi "o'in"ia proprio "on d$e
l$ng-i &rani presi alla le%%era dagli A%%i del Con"ilio di Magon)a.
An"-e le Leggi dei s$oi s$""essori, Andrea, 0adislao e Colo'anno, sono i'pregna%e di
ele'en%i religiosi ed e""lesias%i"i. Andrea e 0adislao, ad ese'pio, prevedono p$ni)ioni per "-i
"o'pie sa"ri.i"i pagani. Colo'anno (eT4ves"ovo) addiri%%$ra si preo""$pa di ($es%ioni pre%%a'en%e
li%$rgi"-e* 20egge 0@@II* 0a Solenni%, della San%a Trini%, sia "ele&ra%a dopo l6%%ava di
;en%e"os%e5. 0o s%esso S%e.ano p$nis"e "-i non ade'pie il pre"e%%o della 'essa do'eni"ale e "-i
non digi$na il venerd>.
In al"$ni "asi per/ la pena D ri'essa nelle 'ani della$%ori%, e""lesias%i"a* 20e pros%i%$%e e le
s%reg-e 3 s"rive 0adislao 3 siano "ondanna%e ad ar&i%rio del ves"ovo5. Mol%i "asi per"i/ erano
las"ia%i aper%i* 2Be gi$di"-i il ves"ovo in "on.or'i%, al diri%%o "anoni"o5. 6 addiri%%$ra erano
las"ia%i al Fgi$di)io di DioG* ad ese'pio, se $n $o'o sorprendeva s$a 'oglie in ad$l%erio e la
$""ideva, non veniva p$ni%o in al"$n 'odoQ era %en$%o sola'en%e a 2rendere "on%o a Dio5 nella s$a
"os"ien)a.
A proposi%o del gi$di)io di Dio, poi, vale la pena so..er'arsi &reve'en%e s$ $n al%ro p$n%o*
la legisla)ione dell+ng-eria 'edievale prevedeva e san"iva $..i"ial'en%e la pra%i"a dellordalia,
"-ia'a%a se'pli"e'en%e iudicium legale. C$ando era in"er%a la "olpevole))a di ($al"$no, "os%$i
veniva so%%opos%o a Fgi$di)ioG legandogli le 'ani da die%ro e ge%%andolo in a"($a* se ri'aneva a
galla voleva dire "-e era "olpevole. 6pp$re gli si appli"ava $n .erro roven%e s$lla 'ano* se dopo
($al"-e giorno di "$ra il segno dell$s%ione ri'aneva, era da "onsiderarsi "olpevole. 0a C-iesa, gi,
nell99N, aveva "ondanna%o le ordalie in ($an%o "ons$e%$dine s$pers%i)iosa. Bel L063 n$ova'en%e il
;apa Alessandro II le "ondann/* nonos%an%e "i/, po"-i anni dopo, il "ris%ianissi'o re San 0adislao
a""olse piena'en%e nel s$o "odi"e di leggi la pra%i"a dellordalia, gi$di"ando "-e il %e'po non era
an"ora 'a%$ro per sradi"are dal s$o popolo ($es%a pl$rise"olare a&i%$dine.
+n al%ro aspe%%o %ipi"o della legisla)ione dell+ng-eria 'edievale "onsis%e nel prin"ipio
della dis"ri'ina)ione %ra "lassi di sogge%%i gi$ridi"i* e innan)i%$%%o .ra "-ieri"i e lai"i. Se $n lai"o
r$&a per $n valore s$periore a die"i denari, deve essere 3 se"ondo le Leggi di 0adislao 3 i'pi""a%o.
Se D inve"e $n "-ieri"o a "o''e%%ere si'ile .$r%o, D s$..i"ien%e "-e il ves"ovo lo degradi dal s$o
rango. 8 $g$al'en%e vi D dispari%, di %ra%%a'en%o %ra no&ili e ple&ei* se $n no&ile dis%$r&a d$ran%e la
'essa deve essere ri'provera%o e "a""ia%o .$ori dalla "-iesaQ se inve"e D $n ple&eo, 2deve essere
lega%o di .ron%e a %$%%i, .r$s%a%o e rasa%o5.
Vedia'o ora &reve'en%e in "osa "onsis%evano le p$ni)ioni appli"a%e. Si %enga per/ "on%o "-e
vigeva il prin"ipio del Fris"a%%oG* la pena "ioD, sopra%%$%%o nella legisla)ione di S%e.ano, "-e era pi7
'i%e, po%eva spesso essere "o''$%a%a. Ad ese'pio, la p$ni)ione per lo spergi$ro era il %aglio della
'ano, 'a il reo po%eva Fris"a%%areG la s$a 'ano pagando il pre))o di "in($an%a gioven"-e. Cos>
p$re* 2se $no s"-iavo "o''e%%e $na vol%a $n .$r%o, res%i%$is"a "i/ "-e -a r$&a%o e dia in ris"a%%o del
proprio naso "in($e gioven"-e, se p$/Q se non p$/, gli sia %aglia%o il naso5. C$es%a D $na legge di
S%e.ano. 0adislao inve"e D pi7 severo* 2Se $no s"-iavo viene %rova%o ad aver r$&a%o, non possa
"o''$%are il s$o naso "on ness$n pre))o5.
C$ali erano d$n($e le p$ni)ioni in.li%%e ai "olpevoliA Innan)i%$%%o vi sono le pene "orporali.
Si va dal se'pli"e o&&ligo a digi$nare, .ino alla'p$%a)ione della li'g$a (per gli ad$la%ori), del
naso o delle ore""-ie (per gli s"-iavi ladri). 0a .$s%iga)ione poi D riserva%a agli s%regoni e a "oloro
"-e vanno a le%%o "on le s"-iave al%r$i. Alle s%reg-e inve"e si appli"a la 'ar"-ia%$ra "on .erro
roven%e 2in segno di "ro"e* s$l pe%%o, s$lla .ron%e e s$lle spalle5.
Bon "D da s%$pirsi "-e .osse in vigore la legge del %aglione (2Se ($al"$no sg$aina la spada e
"olpis"e $n al%ro a $n o""-io o ad $na 'ano, s$&is"a lo s%esso danno nel s$o "orpo5) e la pena di
'or%e (per "-i %ra'a "on%ro il re, "al$nnia $n governa%ore e 3 se"ondo le Leggi di Andrea I 3 an"-e
per "-i .a sa"ri.i"i pagani).
+nal%ra "a%egoria di p$ni)ioni D rappresen%a%a dalle F$'ilia)ioniG* $n no&ile "-e, d$ran%e la
'essa, 2si 'e%%e a 'or'orare o a dis%$r&are gli al%ri ra""on%ando .rivole))e5, deve essere
2redarg$i%o ed esp$lso dalla "-iesa "on on%a5. Tipi"a pena di $'ilia)ione era poi la rasa%$ra
(dipilacio)* $n $o'o a "$i venissero p$&&li"a'en%e rasa%i i "apelli e la &ar&a, se ne sen%iva
pro.onda'en%e disonora%o. Si %ra%%a di $na pra%i"a $sa%a an"-e .$ori dell+ng-eria* lo s%esso "ogna%o
di S%e.ano, il doge di Vene)ia 6%%one 6rseolo, pri'a di essere esilia%o, .$ p$ni%o "on la p$&&li"a
rasa%$ra.
+n "as%igo %erri&ile era la perdi%a della li&er%,. Se $n $o'o "o''e%%eva .orni"a)ione per la
%er)a vol%a "on $na s"-iava al%r$i, doveva diven%are an"-egli s"-iavo (a 'eno "-e avesse la
possi&ili%, di ris"a%%arsi "on denaro). ;ari'en%i, se $na donna sposa%a r$&ava per la %er)a vol%a,
doveva essere vend$%a "o'e s"-iava. 8sis%evano in.ine le pene in denaroQ 'a si %enga presen%e "-e
per gli an%i"-i $ng-eresi il denaro per e""ellen)a erano le '$""-e e solo rara'en%e si parla di '$l%e
in soldi ('one%e doro).
S"orrendo le leggi di S%e.ano, sal%a s$&i%o allo""-io la dispari%, %ra il nos%ro "ri%erio di
gravi%, dei rea%i e il s$o. ;er S%e.ano il .$r%o, ad ese'pio, era $n deli%%o gravissi'o* a $no s"-iavo
"-e r$&ava per la se"onda vol%a venivano %aglia%e le ore""-ieQ se r$&ava per la %er)a vol%a veniva
'esso a 'or%e. 0$""isione della propria 'oglie inve"e non era "onsidera%o "-e $n rea%o da po"o*
$n ple&eo "-e lo "o''e%%esse era %en$%o solo a pagare "in($e gioven"-e e a .are digi$no.
0a "osa pi7 sorprenden%e per/ D les%re'o inaspri'en%o delle pene so%%o il regno di San
0adislao (L0NN4L0!). 2Se $n gi$di"e 3 de"re%ava 3 non %aglia il naso allo s"-iavo o non i'pi""a il
li&ero U"-e a&&ia "o''esso .$r%oV, il gi$di"e s%esso venga per p$ni)ione vend$%o e %$%%e le s$e
proprie%, siano disperse5. 0adislao in%rod$sse n$ove pene* li'pi""agione, la""e"a'en%o (a $n
o""-io o ad en%ra'&i, a se"onda dei "asi), e"". e ri.or'$l/ al"$ne leggi di S%e.ano, gi$ngendo a
livelli di severi%, ina$di%a* 2Se $na donna sposa%a r$&a, le si %agli il naso e sia vend$%a "o'e s"-iava
(W). Se $na raga))a n$&ile r$&a, sia vend$%a e non rio%%enga 'ai pi7 la li&er%,5. Se $n li&ero
r$&ava, veniva i'pi""a%o, 'a se si ri.$giava in "-iesa, veniva sola'en%e a""e"a%o* in "a'&io per/ i
s$oi .igli, se avevano pi7 di die"i anni, venivano rido%%i %$%%i in s"-iavi%7?
+naria &en diversa si respira nel "odi"e legisla%ivo del re Colo'anno (L0!4LLL6), ispira%o
a $na 'ans$e%$dine evangeli"a e ad $n senso di 'odera)ione "-e "olpis"ono per il "on%ras%o "on la
.errea gi$s%i)ia di 0adislao. 0a &on%, di Colo'anno non gli i'ped> %$%%avia di pro'$lgare leggi
"r$deli "on%ro gli e&rei. 0a Legge !LI! li "os%ringeva addiri%%$ra, in presen)a di ospi%i, a 'angiare
"arne di 'aiale?


I(# )attia C"r'in" e l"!!identali&&a&i"ne dellUng$eria
C-i$n($e avesse passa%o ($al"-e giorno alla "or%e del re Ma%%ia Corvino, avre&&e "red$%o di
essere in I%alia, nel pieno dell+'anesi'o e ai .loridi al&ori del <inas"i'en%o. Bella reggia di
Ma%%ia a :$da si sen%iva parlare ov$n($e i%aliano o la%ino. I no'i dei "or%igianiA An%onio :on.ini da
As"oli ;i"eno, s%oriogra.o $..i"ialeQ Mar)io #aleo%%o da Barni, a$%ore del li&ro "etti e fatti egregi#
sapienti e giocosi di $e %attiaQ :enede%%o da Maiano, ar"-i%e%%oQ Aris%o%ele Iioravan%i da :ologna,
an"-egli ar"-i%e%%o ('or%o poi a Mos"a d$ran%e i lavori di "os%r$)ione del Cre'lino). 8 la reginaA
8ra :ea%ri"e di Bapoli, .iglia del re Ierdinando dAragona. 0$ni"a no%a Fs%riden%eG in ($es%o
a'&ien%e %$%%o i%aliano D la passione di Ma%%ia per la '$si"a )igana.
Sia'o nella se"onda 'e%, del X400. Bel !N era 'or%o, non an"ora di"io%%enne, il re
d+ng-eria 0adislao V, $n $o'o "-e pi7 "-e a governare si era dedi"a%o a godersi la vi%a* appena
sveglio &eveva vino gre"o aro'a%i))a%o e 'angiava .r$%%a "andi%aQ a pran)o an"ora ro&$s%i vini
a$s%ria"i, "an%an%i, &allerine e sal%i'&an"-i. ;er .or%$na a di.endere il regno dai T$r"-i ("-e in
($egli anni, "on la presa di Cos%an%inopoli, avevano 'esso .ine allI'pero <o'ano d6rien%e) "i
pensava il generale #iovanni M$nOadi. 8 .$ proprio la .a'a di ($es%$l%i'o "-e, alla 'or%e di
0adislao V, por%/ al %rono il giovanissi'o Ma%%ia, .iglio del generale. Ma%%ia per/ si %rovava in
prigione, per"-1 s$o .ra%ello 0Ks)lY si era 'a""-ia%o dello'i"idio del "api%ano Cillei. Sol%an%o
dopo l$ng-e %ra%%a%ive il .$%$ro re ri$s"> a ria"($is%are la li&er%, e poi a s&ara))arsi della .as%idiosa
%$%ela di s$o )io Mi"-ele (lo .e"e rin"-i$dere in $n re'o%o "as%ello).
Ma%%ia, de%%o Corvino dallani'ale araldi"o del s$o s%e''a, regn/ s$ll+ng-eria per 32
anni, .ino al L40. ;er al"$ni aspe%%i p$/ essere "onsidera%o $n sovrano F'ili%areG e ($asi $n
"ro"ia%o 'edievale* era pi$%%os%o dispo%i"o e si .a"eva rispe%%are servendosi della s$a %e'i&ile
FAr'a%a BeraG (a "$i si ispirer,, po"-i de"enni dopo, lo )ar Ivan il Terri&ile). In%raprese n$'erose
g$erre e, per 'os%rarsi i'pavido di .ron%e agli As&$rgo, gi$nse per.ino a "on($is%are Vienna (L49!)
e a %ras.erire l> la s$a residen)a per al"$ni anni. I$ inol%re $no dei po"-i "orona%i d8$ropa "-e dava
re%%a ai grandiosi proge%%i di "ro"ia%a "on%ro i T$r"-i "-e %an%o s%avano a "$ore a ;io II e agli al%ri
;api.
T$%%avia in Ma%%ia la "on"e)ione 'edievale della Christianitas e$ropea e della C-iesa
Fin%o""a&ileG era or'ai %ra'on%a%a. 8gli non e&&e %i'ore di allearsi "on le %r$ppe di Bapoli "on%ro il
;apa e di prendere so%%o la s$a pro%e)ione la "i%%, di An"ona "-e, ri&ella%asi al do'inio pon%i.i"io,
aveva persino "-ies%o al re 'agiaro di po%er inal&erare s$lla %orre "ivi"a la &andiera $ng-erese. Del
res%o il s$o s%esso 'e"ena%is'o, di "$i %$%%a l8$ropa sen%iva parlare e "-e a%%irava le%%era%i ed ar%is%i
da n$'erosi paesi, si '$oveva in $na dire)ione "-e, dal p$n%o di vis%a "ris%iano %radi)ionale, era
pi$%%os%o a'&ig$a* D vero "-e ($asi %$%%i gli $'anis%i $ng-eresi del periodo .$rono e""lesias%i"i, per
lo pi7 ves"oviQ 'a D an"-e vero "-e i s$oi predile%%i, "o'e il .a'osissi'o poe%a Ran$s ;annoni$s e
il gi, 'en)iona%o Mar)io #aleo%%o, si dile%%avano ind$lgendo in do%%rine neopla%oni"-e e g$s%i
paganeggian%i "-e non po%evano "-e s$s"i%are lo sdegno di ($ei "ris%iani allan%i"a, ($ali il .ra%e
.ran"es"ano ;el&ar%o Te'esvari ("-e .$ an"-e proli.i"o s"ri%%ore e predi"a%ore) e il pole'is%a
%edes"o do'eni"ano ;e%r$s Bigri* Ma%%ia, vis%osi nel 'irino degli For%odossiG, .e"e a%%o di
diplo'a)ia no'inando ($es%$l%i'o re%%ore dellappena .onda%a +niversi%, di :ra%islava. Ma il
Bigri, da spiri%o 'edievale e an%i$'anis%i"o ($al era, si 'os%r/ os%ile ad ogni 'ani.es%a)ione
ar%is%i"a, le%%eraria e .iloso.i"a. Si oppose an"-e all$so della s%a'pa, "-e "o'in"iava a di..ondersi
gra)ie alla pri'a %ipogra.ia "os%r$i%a in +ng-eria (L4N3) per volere di re Ma%%ia.
Il .er'en%o "$l%$rale della "or%e reale por%/ "o'$n($e al %rion.o dell+'anesi'o. 8rano
se'pre di pi7 i le%%era%i "-e si re"avano a s%$diare in I%alia, sopra%%$%%o dopo lin%ensi.i"arsi dei
rappor%i "on ($es%a, dov$%o al se"ondo 'a%ri'onio del Corvino "on la .iglia del re di Bapoli,
:ea%ri"e dAragona. Il grande Ran$s ;annoni$s aveva s%$dia%o a Ierrara, ;adova, <o'a e Iiren)e, e
nelle s$e "o'posi)ioni si ispira palese'en%e ai poe%i i%aliani "on%e'poranei e al ;e%rar"aQ .$ inol%re
a'i"o personale di Marsilio Ii"ino. 0al%ro grande $'anis%a, il ves"ovo #iovanni Vi%1), non
po%endosi re"are personal'en%e nella F'i%i"aG I%alia, vi 'and/ $n gran n$'ero di s$oi dis"epoli e
nella s$a "or%e di VKrad ri"re/ $na sor%a di Iiren)e $ng-ereseQ an"-e a :$da, "o'e ri"orda il s$o
a'i"o li&raio .ioren%ino Vespasiano da :is%i""i, egli 2ordin/ $no &ellissi'o Is%$dio, e .e"evi
"ond$rre pi7 do%%i $o'ini "-e po%1 %rovare in I%alia, non g$ardando a salario ign$no5.
C-i ovvia'en%e era pi7 di %$%%i in "on%a%%o "on lI%alia era il re, o%%i'o "onos"i%ore per al%ro
della ling$a i%aliana (gi, a die"i anni sapeva di la%ino e di gre"o, poi apprese an"-e il %edes"o e $n
po di %$r"o). Ma%%ia aveva %ra i s$oi a'i"i il poe%a Angelo ;oli)iano e il pi%%ore Iilippino 0ippi,
allievo del :o%%i"elli, il ($ale nel L499 .e"e $n ri%ra%%o a dis%an)a del sovrano servendosi di $na
'one%a re"an%e la s$a e..igie.
In real%, l+ng-eria era en%ra%a nel "onsor)io della "ivil%, e$ropea e della "$l%$ra
o""iden%ale gi, pri'a del Corvino. +n r$olo i'por%an%e aveva av$%o sopra%%$%%o la "or%e di
Sigis'ondo di 0$sse'&$rgo "-e, essendo allo s%esso %e'po re d+ng-eria e i'pera%ore, aveva .a%%o
della "or%e 'agiara $na "or%e in%erna)ionale, Fpane$ropeaG, .re($en%a%a da n$'erosi $'anis%i,
par%i"olar'en%e i%aliani* A'&rogio Traversari, ;oggio :ra""iolini, ;ier ;aolo Vergerio e 'ol%i al%ri.
Cer%a'en%e $n .a%%ore de%er'inan%e, ai .ini dello""iden%ali))a)ione se'pre pi7 'ar"a%a
dell+ng-eria, .$ il progressivo lega'e di ($es%$l%i'a "on le grandi .a'iglie dinas%i"-e e$ropee.
Dopo la 'or%e, nel L30L, di Andrea III, $l%i'o re della dinas%ia na)ionale KrpKdiana, o%%enne il %rono
d+ng-eria Carlo <o&er%o dAngi/, nipo%e del re di Bapoli. #li Angioini regnarono s$ll+ng-eria
per ($asi %$%%o il @IV se"olo. ;oi .$ la vol%a di al%re grandi .a'iglie (se'pre s%raniere)* Sigis'ondo
di 0$sse'&$rgo, Al&er%o dAs&$rgo, Vladislao Ragellone. #li Ragelloni di ;olonia diedero %re re
all+ng-eria, %$%%i a&&as%an)a ine%%i. 0$l%i'o sovrano di s%irpe $ng-erese .$ proprio Ma%%ia Corvino
M$nOadi il ($ale, p$r avendo av$%o d$e 'ogli, non ne e&&e al"$n .iglioQ gliene na"($e $no
sola'en%e da $na rela)ione ille"i%a "on $na &org-ese di :reslavia. Ma ($es%o .iglio illegi%%i'o non
po%eva essere s$o s$""essore al %ronoQ per"i/, ($ando la do'eni"a delle ;al'e del L40 Ma%%ia 'or>
(in seg$i%o ad $na indiges%ione di .i"-i), prese il po%ere Vladislao II Ragellone e poi il .iglio di ($es%i
0$igi II, in"orona%o re d+ng-eria alle%, di d$e anni e sali%o e..e%%iva'en%e al %rono alle%, di die"i.
#i$nse in.ine lanno L!26. Il s$l%ano Soli'ano il Magni.i"o si 'ise personal'en%e alla %es%a
di $n grande eser"i%o di L00.000 solda%i e 'osse da Cos%an%inopoli, or'ai Is%an&$l, il 23 aprile.
0$igi II, allar'a%o dalla no%i)ia, "er"/ di rad$nare, %ra lindi..eren)a e il disi'pegno delle al%re
po%en)e e$ropee, %$%%e le s$e %r$ppe, a "apo delle ($ali pose lar"ives"ovo ;Kl To'ori. 0o s"on%ro .$
inevi%a&ile e la s"on.i%%a i''ane. 8ra la 'a%%ina del 2 agos%o. 0eser"i%o $ng-erese, di sole 2!.000
$ni%,, "os%i%$i%o in gran par%e da e""lesias%i"i e no&ili, .$ s"onvol%o e annien%a%o dalla po%en)a
o%%o'ana. 0o s%esso ar"ives"ovo To'ori "adde in &a%%aglia "o'&a%%endo e "on l$i L!.000 'or%i.
Al %ra'on%o di ($el 2 agos%o, 'en%re gia"evano s$l "a'po di Mo-K"s gli in.ini%i "adaveri
dell+ng-eria e 'en%re il giovine%%o re 0$igi, .$ggi%o per %errore della 'or%e dal %$'$l%o dei "avalli
e delle spade, periva annegando nelle a"($e di $n pi""olo a..l$en%e del Dan$&io, %ra'on%ava
l+ng-eria 'edievale, l+ng-eria "-e in San%o S%e.ano aveva av$%o il s$o padre e .onda%ore e in
Ma%%ia Corvino il s$o $l%i'o splendore.

:6@
*E 'ietat" al m"nd" dei m"rtali di +iaimare i 'e!"'i,-
Dalle Esortazioni al figlio di S. S%e.ano d+ng-eria ("ap. III)*
206B6<8 DA T<I:+TA<8 AI V8SC6VI. 06rdine epis"opale D lorna'en%o del soglio reale e
per"i/ i ves"ovi o""$pano il %er)o pos%o nella digni%, reale. Considerali, .iglio "arissi'o, "o'e %$oi
padri* a&&ine "$ra "o'e delle p$pille dei %$oi o""-i. Se godrai della loro &enevolen)a, non dovrai
%e'ere ness$n avversarioQ se avrai il loro rispe%%o, sarai si"$ro in %$%%e le "ose e la loro preg-iera
in%er"eder, per %e presso Dio onnipo%en%e. Dio in.a%%i li -a s%a&ili%i "o'e "$s%odi del popolo divino e
sen%inelle delle ani'e, non"-1 a''inis%ra%ori ed elargi%ori di ogni e""lesias%i"a digni%, e del
sa"ra'en%o divino. Sen)a di essi ness$n re p$/ essere "os%i%$i%o %ale n1 p$/ regnare. 8d D per la loro
in%er'edia)ione "-e i "ri'ini degli $o'ini vengono "an"ella%i. Se li a'erai per.e%%a'en%e, .arai
sen)a d$&&io $n &ene a %e s%esso e governerai il %$o regno "on onore. Belle loro 'ani in.a%%i D
ripos%o il po%ere di legar"i nei pe""a%i e di s"ioglier"i dai pe""a%i, poi"-1 Dio -a s%a&ili%o "on essi
$nallean)a e%erna, li -a separa%i dagli $o'ini e li -a resi par%e"ipi del S$o no'e e della S$a san%i%,Q
per &o""a del sa"rosan%o <e Davide -a vie%a%o al 'ondo dei 'or%ali di &iasi'arli* *GBon %o""a%e i
Miei "onsa"ra%i?G (almo &'(). To""a i "onsa"ra%i di Dio "ol$i "-e, "on%ro la legge sia divina "-e
e""lesias%i"a, spor"a "on .alse a""$se o %ras"ina in p$&&li"o i 'e'&ri dell6rdine sa"ro. A %e, .iglio
'io, assol$%a'en%e proi&is"o di .are "i/ 3 se v$oi vivere .eli"e e .are onore al %$o regno 4, poi"-1 D
sopra%%$%%o in ($es%e "ose "-e Dio viene o..eso5.
:6@
Bi+li"gra.ia ragi"nata
:en po"-e sono le opere p$&&li"a%e in I%alia "on"ernen%i l+ng-eria 'edievale. Meri%a di essere ($i
ri"orda%a innan)i%$%%o la toria e cultura dell)*ngheria di A. ;apo e #. Be'e%- (8d. <$&&e%%ino,
2000), "-e dedi"a pi7 di d$e"en%o pagine allan%i"-i%, e al 'edioevo, diversa'en%e da $nal%ra
toria dell)*ngheria, a "$ra di ;. ManKH (8d. Angeli, L6), "-e allepo"a pre'oderna riserva solo
po"-i paragra.i. Va ri"orda%a inol%re la toria religiosa dell)*ngheria, a "$ra di A. Caprioli e 0.
Va""aro (8d. 0a Casa di Ma%riona, L2), opera di diversi a$%ori, ($asi %$%%i $ng-eresi* non si %ra%%a
di $na s%oria sis%e'a%i"a, &ens> di $na ra""ol%a di "on.eren)e s$ %e'i ($ali F0a Cris%iani%, e$ropea e
linseri'en%o degli +ngariG, F#li 6rdini religiosi nel MedioevoG, e"".
Sen)al%ro degna di 'en)ione D poi la re"en%e %rad$)ione delle opere del pri'o re d+ng-eria*
S%e.ano d+ng-eria, Esortazioni al figlio + Leggi e decreti, a "$ra di D. Tessore (8d. Ci%%, B$ova,
200L). Vi sono "on%en$%i, "on il %es%o la%ino a .ron%e, gli in%eressan%issi'i s"ri%%i (spiri%$ali, 'orali e
legisla%ivi) del .onda%ore dell+ng-eria "ris%iana, s"ri%%i "-e .inora non erano 'ai s%a%i %rado%%i se
non in $ng-erese. Da 'en)ionare D an"-e il &reve saggio di 0. Tri"ari"o, tefano I d)*ngheria. *n
faro millenario sul "anubio (8d. 8<#A, #enova, L3). 6pera pi7 spe"ialis%i"a e riserva%a a $n
p$&&li"o a""ade'i"o, 'a "ionondi'eno di grande in%eresse, D L)arrivo degli ungheresi in Europa e
la con,uista della patria. Fonti e lettura critica, a "$ra di C. Di Cave (8d. Cen%ro S%$di Al%o
Medioevo, L!). 6r'ai di..i"il'en%e reperi&ile D inve"e Le incursioni ungare in Europa nel !
secolo di #. Iasoli (Iiren)e, L4!).

:6@
Cr"n"l"gia
V se". d.C. Iine del do'inio ro'ano s$lla ;annonia (a%%$ale +ng-eria o""iden%ale)
424 Insedia'en%o degli +nni in ;annonia
!2N Arrivo dei 0ongo&ardi nel Transdan$&io
!66 Arrivo degli Avari in ;annonia
N6 "a. S"on.i%%a degli Avari ad opera di Carlo Magno. Iine del loro do'inio s$lla
;annonia
I@ se". 0a :$lgaria e la #rande Moravia es%endono il loro po%ere s$lla ;annonia
96! Conversione della :$lgaria al "ris%ianesi'o, so%%o :oris I
9! S%an)ia'en%o degli +ngari in ;annonia, so%%o la g$ida di JrpKd
9 Ini)io delle in"$rsioni $ngari"-e in 6""iden%e
24 #li +ngari danno alle .ia''e ;avia
!! S"on.i%%a degli +ngari a 0e"-.elde (presso A$g$s%a) ad opera dellI'pera%ore
6%%one I
66 Conversione della ;olonia al "ris%ianesi'o, so%%o Mies)Ho
N0 "a. #1)a diven%a sovrano degli +ngari e avvia il pro"esso di "ris%iani))a)ione
99 Conversione della <$ssia al "ris%ianesi'o, so%%o Vladi'ir
N M$ore #1)a e gli s$""ede il .iglio VaiH, &a%%e))a%o "on il no'e di S%e.ano
L000 (2! di".) S%e.ano in"orona%o re d+ng-eria "on $na "orona invia%agli dal ;apa Silves%ro II
L039 Mor%e di S%e.ano e as"esa al %rono del vene)iano ;ie%ro 6rseolo
L0NN4L0! <egno di 0adislao I
L0!4LLL6 <egno di Colo'anno
L24L I Mongoli invadono e sa""-eggiano an"-e l+ng-eria
L30L Con Andrea III il Vene)iano .inis"e la dinas%ia KrpKdiana, ini)ia%a negli $l%i'i
anni del I@ se"olo
L309.L392 <egno degli Angioini di Bapoli (Carlo <o&er%o e 0$igi I) s$ll+ng-eria
L39N Sigis'ondo di 0$sse'&$rgo (dal L4LL i'pera%ore) diven%a re d+ng-eria
L36 I T$r"-i s"on.iggono Sigis'ondo a Bi"opoli
L43N.L444 <egni di Al&er%o dAs&$rgo e di Vladislao I Ragellone
L4!6 #iovanni M$nOadi, diven$%o reggen%e dell+ng-eria, di.ende eroi"a'en%e
:elgrado dai T$r"-i
L4!9.L40 <egno di Ma%%ia Corvino, .iglio di #iovanni M$nOadi
L4N9 Ma%%ia Corvino "on($is%a Vienna
L!2L :elgrado "ade in 'ano ai T$r"-i
L!26 :a%%aglia di Mo-K"s* s"-ia""ian%e vi%%oria dei T$r"-i. Ini)io del do'inio
o%%o'ano s$ll+ng-eria, d$ra%o .ino alla .ine del @VII se"olo
:6@
Larri'" degli Ungari a /a'ia e!"nd" la Cronaca di Li%tprand" da Crem"na 0III,123
2Il sole l$"en%e, a&&andona%o le'is.ero no%%$rno, "o'in"iava, "o'e se'pre, a salire nel "ielo e a
dis"iogliere le gelide &rine e il ven%o "o'in"iava a so..iare le s$e ($a%%ro "orren%i, ($ando la
.$ri&onda 'ano degli +ngari si s"agli/ "on &ra'a "on%ro la "i%%,, 'en%re i ven%i li ai$%avano a
propagare le .ia''eW Ma gli +ngari non si a""on%en%arono di &r$"iare "on le sole .ia''e*
a""orrevano da ogni par%e e 'ina""iavano di por%are la Mor%e, %ra.iggevano "on le .re""e ($elli "-e
gi, laspro .$o"o aveva a%%erri%o. Cos> .$ da%a alle .ia''e, in.eli"e, la &ella ;avia? Co'e $n v$l"ano
il .$o"o innal)ava i s$oi ar%i ai ven%i e si ergeva s$i %e'pli di Dio e insie'e s$ll$r&e %$%%a. 0e
'adri, i &a'&ini, le vergini .an"i$lle %en%avano di es%ing$ere lin"endio, 'en%re la san%a ple&e dei
"a%e"$'eni periva a %or'eW 0oro "-e da se"oli era s%a%o "$s%odi%o in s"rigni, per"-1 'ano
s%raniera non lo %o""asse, ora gia"eva al s$olo e si spandeva .$so nelle i''ense "loa"-eW Avres%i
ved$%o .i$'i dargen%o e galleggiarvi den%ro s"in%illan%i "ali"i e ($a e l, i "orpi arsi di $o'ini
no&iliW
I$ da%a alle .ia''e, in.eli"e, la &ella ;avia nellanno dellIn"arna)ione del Signore 24, il 4 delle
Idi di Mar)o, @II di Indi)ione, Venerd>, allora %er)a del giorno5.

:6@
Un italian" %l tr"n" dUng$eria3 /ietr" Ore"l"
8 davvero "$rioso "-e gi, il se"ondo re d+ng-eria sia $no s%raniero* il .iglio del doge di Vene)ia.
Il re S%e.ano era 'or%o sen)a las"iare erediQ sperava "-e s$l s$o %rono sare&&e sali%o la'a%issi'o
.iglio 8'eri"o, 'a il giovine%%o per> d$ran%e $n in"iden%e di "a""ia. Il ve""-io re s"else allora "o'e
s$""essore ;ie%ro, .iglio di s$a sorella 8lena (o #ri'elda) e del doge 6%%one 6rseolo. Alla do'anda
del per"-1 $n doge a&&ia de"iso di sposare la sorella del re della neona%a +ng-eria, D .a"ile %rovare
la rispos%a* egli voleva legarsi ad $na "asa%a di rango reale e l+ng-eria or'ai lo era, an"-e se solo
da po"-i anniQ inol%re %ale na)ione avre&&e po%$%o essere l$ni"a seria rivale di Vene)ia nella lo%%a
per la s$pre'a)ia s$lla "os%a dal'a%a. Inso''a, 6%%one aveva &$oni 'o%ivi per prendersi in 'oglie
$na prin"ipessa $ng-erese. Ma la si%$a)ione poli%i"a allin%erno della Serenissi'a volse a s$o
s.avore. 0os%ili%, della .a'iglia Ila&iani"o e del pa%riar"a ;oppone di A($ileia gli .$ .a%ale*
nella$%$nno del L026 il doge .$, in segno di $'ilia)ione, rasa%o p$&&li"a'en%e, depos%o e spedi%o a
Cos%an%inopoli. Col, visse in pa"e "on la 'oglie e il pi""olo ;ie%ro, .in"-1 S%e.ano de"ise di .ar
venire alla s$a "or%e il nipo%ino e gli si a..e)ion/ %an%o da s"eglierlo a s$o s$""essore. Alla 'or%e del
re d$n($e, nel L039, li%aliano ;ie%ro 6rseolo divenne re d+ng-eria, os%eggia%o na%$ral'en%e dalla
no&il%, 'agiara. I 'agna%i o%%ennero persino di de%roni))arlo nel L04L, 'e%%endo al s$o pos%o il
"apo4%ri&7 e&reo Sa'$el A&a. Ma dopo %re anni ;ie%ro rig$adagn/ il %rono, .in"-1 nel L046 Andrea,
.iglio di $n "$gino di S%e.ano, ri$s"> a .arsi eleggere re d+ng-eria e s$&i%o provvide ad a""e"are
;ie%ro e a rin"-i$derlo in "ar"ere, dove ($es%i 'or> 'isera'en%e.
:6@
4%and" .% %ata per l%ltima '"lta la Sa!ra C"r"na dUng$eria5
Il 30 di"e'&re LL6 en%r/ pro"essional'en%e nella "a%%edrale di :$dapes% li'pera%ore Carlo I,
nipo%e di Iran"es"o #i$seppe e s$o s$""essore, per .arsi in"oronare re d+ng-eria. I$ l$l%i'a vol%a
nella s%oria "-e e&&e l$ogo la solenne "eri'onia "-e si ripe%eva da ($asi 'ille anni, da ($ando "ioD
il .onda%ore del regno $ng-erese, S%e.ano, .$ in"orona%o re la no%%e di Ba%ale dellanno L000. 6ra
($ella s%essa "orona (se pres%ia'o .ede a $na %radi)ione non del %$%%o ina..ida&ile), %an%o venera%a da
essere s%a%a se'pre "-ia'a%a Sa"ra Corona d+ng-eria, veniva pos%a s$l "apo di Carlo. C$el
.a%idi"o 30 di"e'&re lin"orona)ione si svolse se"ondo lan%i"o ri%$ale, se si e""e%%$a $n episodio
orrendo e inaspe%%a%o* il "on%e :Kn..O, "-e aveva organi))a%o la "eri'onia, .e"e en%rare sen)a
preavviso nella "a%%edrale $na .olla di red$"i dal .ron%e, $o'ini insang$ina%i, piaga%i, )oppi"an%i,
"-e, ($asi spe%%ri di 'or%e, i'pressionarono e %errori))arono %an%o il novello re, "-e ($es%i, al dire
dei %es%i'oni o"$lari, .$ ($asi s$l p$n%o di perdere i sensi. Bonos%an%e "i/ la solenni%, si "on"l$se
"on la s$a "onsa"ra)ione a re d+ng-eria. Dopo la pro"la'a)ione della <ep$&&li"a, nel LL9, Carlo
%en%er, an"ora &en d$e vol%e di riprendersi il %rono legi%%i'o, 'a invano* 'orir, in esilio nellisola
di Madera, il LZ aprile L22. S$o .iglio 6%%one dAs&$rgo, %$%%ora viven%e 'algrado il peso degli
anni, dopo essere s%a%o e$rodep$%a%o a S%ras&$rgo, si presen%/ nel L0 "o'e "andida%o alla "ari"a
di presiden%e della <ep$&&li"a d+ng-eria. C$an%o alla Sa"ra Corona, essa non -a pi7 re s$l "$i
"apo &rillare e gia"e ora nel ;ala))o del ;arla'en%o a :$dapes%.
:6@
La !"ndi&i"ne degli !$ia'i nellUng$eria di S# Ste.an"
S%e.ano a""olse nella s$a legisla)ione "ris%iana le regole e le "ons$e%$dini del s$o popolo
"on"ernen%i la s"-iavi%7. Belle Leggi san"> $..i"ial'en%e la dis%in)ione gi$ridi"a %ra $o'ini li&eri e
$o'ini s"-iavi (in la%ino servi). 0o s"-iavo po%eva essere "o'pra%o e vend$%o. 6gn$no aveva $n
pre))o, a se"onda delle s$e ($ali%, e a&ili%,. T$%%avia S%e.ano "er"/ di li'i%are il dilagare della
s"-iavi%7Q nella Legge I#-- in.a%%i pro"la'a* 28 san"i%o per de"re%o regale "-e dora in poi ness$n
governa%ore o 'ili%are osi rid$rre in s"-iavi%7 $na persona li&era5. 8 "-i era s"-iavo po%eva
diven%are li&ero (libertus), se il padrone voleva. Allo s%esso %e'po per/ il re ordinava di rid$rre in
s"-iavi%7 i li&eri "-e avessero "o''esso "er%i rea%i, "o'e il .$r%o o la .orni"a)ione (per la %er)a
vol%a) "on $na s"-iava. 8 se $n li&ero de"ideva di sposarsi "on $na s"-iava, doveva diven%are an"-e
l$i s"-iavo. 0a "onversione dell+ng-eria al "ris%ianesi'o non "o'por%/ a..a%%o la&oli)ione della
s"-iavi%7, an)i essa .$ "on.er'a%a e F$..i"iali))a%aG 3 in $n "er%o senso sa"rali))a%a 3 dalla n$ova
religione.
:6@
La Bi+li"te!a di )attia C"r'in"
+na delle "rea)ioni pi7 ill$s%ri del 'e"ena%is'o di Ma%%ia .$ la .a'osa :i&lio%e"a Corvina, da l$i
.onda%a a :$da e arri""-i%a di pregia%issi'i "odi"i 'inia%i. Della"($is%o dei li&ri dallI%alia
(sopra%%$%%o da Iiren)e) era in"ari"a%o Taddeo +gole%o da ;ar'aQ al%ri %es%i inve"e venivano "opia%i
dire%%a'en%e a :$da da $n gr$ppo di esper%i a'an$ensi. I "odi"i della Corvina, rilega%i in vell$%o,
orna%i di .er'agli doro e dargen%o, splendida'en%e ill$s%ra%i, sono %ra i prodo%%i pi7 e""elsi
dellar%e 'inia%$ris%i"a 'edievale e rinas"i'en%ale. Il loro n$'ero si aggirava in%orno ai 'ille
vol$'i (se"ondo in 8$ropa sol%an%o alla Va%i"ana). 6ggi ne res%ano appena L64, di "$i 29 in
+ng-eria* gli al%ri sono dispersi in varie &i&lio%e"-e, sopra%%$%%o i%aliane e a$s%ria"-e.
0a :i&lio%e"a di Ma%%ia era l$ogo di s%$dio, 'a an"-e e sopra%%$%%o ospi%ava le do%%e
"onversa)ioni %ra gli $'anis%i, i "or%igiani e il re s%esso. Vi si svolgevano inol%re i .as%osi "on"er%i
per s%r$'en%i e "ori, vol$%i dalla regina :ea%ri"e, appassiona%a di '$si"a.
Ma%%ia aveva la&i%$dine di por%arsi ($al"-e &el 'anos"ri%%o 'inia%o s$l "o'odino e di
leggerlo a le%%o pri'a di addor'en%arsi. Bonos%an%e gli i'pegni poli%i"i e 'ili%ari, %rovava %e'po
an"-e per ($es%o. In $na s$a le%%era s"rive* 26v$n($e si sen%e ripe%ere "-e %ra le ar'i le M$se
%a""iono. Ma Boi, p$r "on%in$a'en%e i'pegna%i in g$erre, "on"edia'o alle le%%ere, "on grande
pia"ere e "onsola)ione, il %e'po "-e "i res%a5.
(# G"'ern" e gi%ti&ia nellUng$eria medie'ale
An"ora $na vol%a la .ig$ra "en%rale D San%o S%e.ano. I$ egli il pri'o a dare all+ng-eria $n
asse%%o a''inis%ra%ivo &en organi))a%o e $na "odi.i"a)ione legisla%iva. ;ri'a del s$o avven%o il
po%ere era %en$%o da vari "api4%ri&7, dei ($ali $no ri$s"iva general'en%e ad i'porsi "o'e signore di
%$%%i gli +ngariQ 'a era $n primus inter pares, non $n sovrano is%i%$)ional'en%e ri"onos"i$%o. ;er il
res%o, il po%ere era ges%i%o in 'odo FpersonaleG, sen)a "-e vi .osse &isogno di par%i"olari s%r$%%$re
a''inis%ra%ive. S%e.ano inve"e, "-e "on la .ede "ris%iana aveva a&&ra""ia%o an"-e il 'odello
poli%i"o dell6""iden%e la%ino, volle riprendere da ($es%$l%i'o %$%%o "i/ "-e ri%eneva idoneo a
.or%i.i"are il s$o ;aese e ad inserirlo a pieno %i%olo nel sol"o pres%igioso della "ris%iani%, e$ropea.
S$ddivise per%an%o il %erri%orio in "on%ee (meg.e) s$l 'odello "arolingio e prepose a "ias"$na $n
governa%ore o F"on%eG (isp/n). So%%o il governa%ore di ogni "on%ea vi era poi $n Fvis"on%eG (alisp/n)
e, per la''inis%ra)ione dei villaggi e dei &org-i, diversi villici, in"ari"a%i an"-e delle ($es%ioni
gi$di)iarie 'inori. C$an%o al governo "en%rale, esso era nelle 'ani del re, .ig$ra s"onos"i$%a agli
+ngari pri'a dellanno L000. Il re aveva $n po%ere in %eoria ($asi assol$%o, essendo il s$o FSena%oG
o FConsiglioG $n organo p$ra'en%e "ons$l%ivo. Se si e""e%%$a la$%ori%, .or%issi'a eser"i%a%a s$lla
sede reale dallal%o "lero, il se"ondo nel regno dopo il sovrano era il "on%e pala%ino (n/dorisp/n),
an"-esso is%i%$i%o proprio al .ine di ra..or)are la "en%rali))a)ione poli%i"a.
Il re S%e.ano, per/, non si a""on%en%/ di "reare solide is%i%$)ioni a''inis%ra%ive nel s$o
;aese* ge%%/ an"-e le &asi del sis%e'a legisla%ivo. I$ in.a%%i il pri'o in +ng-eria a .ar redigere per
is"ri%%o $n "odi"e, servendosi di s"ri&i "-e operavano in $na apposi%a "an"elleria. Si %ra%%/ di $na
grande innova)ione, dal 'o'en%o "-e gli +ngari .ino ad allora non $savano nepp$re la s"ri%%$ra, se
non sporadi"a'en%e. 0e loro leggi erano &asa%e s$lla "ons$e%$dine, s$lle %radi)ioni delle singole
%ri&7 e s$llar&i%rio dei "api. S%e.ano inve"e volle "-e il s$o popolo avesse $n "odi"e s"ri%%o, al pari
delle al%re na)ioni F"iviliG dell6""iden%e. Si rivolse per%an%o alle ra""ol%e legisla%ive dei Carolingi*
'a ne riada%%/ e 'odi.i"/ le leggi s> da renderle "onsone alle esigen)e del s$o popolo. Mol%i s$oi
ar%i"oli rie"-eggiano "-iara'en%e la Lex Alamannorum Karolina, ad ese'pio, o il Capitulare de
partibus axoniae. Allo s%esso %e'po per/ la s$a pro.onda religiosi%, "ris%iana lo spinse ad assor&ire
an"-e 'ol%i ele'en%i di legisla)ione e""lesias%i"a, %an%o "-e il %es%o delle s$e Leggi "o'in"ia
proprio "on d$e l$ng-i &rani presi alla le%%era dagli A%%i del Con"ilio di Magon)a.
C$es%a .$sione %ra legge "ivile e legge religiosa, "-e era del %$%%o "ons$e%a an"-e .$ori
dell+ng-eria, por%/ S%e.ano e i s$oi s$""essori 0adislao e Colo'anno a prevedere pene per "-i
%rasgrediva il pre"e%%o della 'essa do'eni"ale o il digi$no del venerd>. In al"$ni "asi addiri%%$ra la
sen%en)a D ri'essa nelle 'ani della$%ori%, e""lesias%i"a* 20e pros%i%$%e e le s%reg-e 3 s"rive
0adislao 3 siano "ondanna%e ad ar&i%rio del ves"ovo5.
+n %ra%%o pe"$liare della 'en%ali%, 'edievale, "-e %rov/ il s$o pos%o nelle leggi di diversi
;aesi, nonos%an%e lopposi)ione della C-iesa, era rappresen%a%o dalla pra%i"a delle ordalie. #i,
nell99N ;apa S%e.ano V e poi nel L063 Alessandro II "ondannarono ($es%a Fs$pers%i)ioneG, 'a essa
.$ d$ra a 'orire. In +ng-eria era "-ia'a%a se'pli"e'en%e iudicium legale. C$ando la "olpevole))a
di ($al"$no era in"er%a, "os%$i veniva so%%opos%o a Fgi$di)ioG legandogli le 'ani da die%ro e
ge%%andolo in a"($a* se ri'aneva a galla voleva dire "-e era "olpevole. 0o s%esso "ris%ianissi'o re
San 0adislao, po"-i anni dopo la "ondanna di Alessandro II, a""olse piena'en%e nel s$o "odi"e la
pra%i"a dellordalia, gi$di"ando "-e il %e'po non era an"ora 'a%$ro per sradi"are dal popolo ($es%a
pl$rise"olare a&i%$dine.
+n al%ro aspe%%o della legisla)ione 'edievale, e ($indi an"-e $ng-erese, "onsis%eva nel
prin"ipio della dis"ri'ina)ione %ra "lassi di sogge%%i gi$ridi"i* e innan)i%$%%o .ra "-ieri"i e lai"i. Se
$n lai"o r$&ava per $n valore s$periore a die"i denari, doveva essere 3 se"ondo le Leggi di 0adislao
3 i'pi""a%o. Se era inve"e $n "-ieri"o a "o''e%%ere si'ile .$r%o, era s$..i"ien%e "-e il ves"ovo lo
degradasse dal s$o rango. 8 $g$al'en%e vi era dispari%, di %ra%%a'en%o %ra no&ili e ple&ei* se $n
no&ile dis%$r&ava d$ran%e la 'essa doveva essere 2redarg$i%o ed esp$lso dalla "-iesa "on on%a5Q se
inve"e era $n ple&eo, 2doveva essere lega%o di .ron%e a %$%%i, .r$s%a%o e rasa%o5.
Vi D 'ol%a so'iglian)a %ra le leggi $ng-eresi e ($elle del res%o d8$ropa. T$%%avia "i/ "-e
"ara%%eri))a in par%i"olare le Leggi di San%o S%e.ano D la loro F'i%e))aG* se la Lex 0urgundionum
($na delle "osidde%%e Leges $omanae 0arbarorum) prevede "-e il ladro, appena r$&a, sia 'esso a
'or%e, il "odi"e di S%e.ano pres"rive la s%essa pena solo se il reo viene sorpreso per la %er)a vol%a a
"o''e%%ere $n .$r%o. 8 $g$al'en%e si p$/ no%are "-e S%e.ano "er"a di alleviare la severi%, della
gi$s%i)ia ri"orrendo spesso ('ol%o pi7 spesso "-e al%ri sovrani e$ropei e i s$oi s%essi s$""essori) al
prin"ipio del Fris"a%%oG, ovvero della "o''$%a)ione della pena. Ad ese'pio, la p$ni)ione per lo
spergi$ro era il %aglio della 'ano, 'a il reo po%eva ris"a%%are la s$a 'ano pagando il pre))o di
"in($an%a gioven"-e.
C$ali erano d$n($e i prin"ipali "as%ig-i in.li%%i ai "olpevoliA Innan)i%$%%o vi sono le pene
"orporali. Si va dal se'pli"e o&&ligo a digi$nare, .ino alla'p$%a)ione della ling$a (per gli
ad$la%ori), del naso o delle ore""-ie (per gli s"-iavi ladri). 0a .$s%iga)ione poi D riserva%a agli
s%regoni e a "oloro "-e vanno a le%%o "on le s"-iave al%r$i. Alle s%reg-e inve"e si appli"a la
'ar"-ia%$ra "on .erro roven%e 2in segno di "ro"e* s$l pe%%o, s$lla .ron%e e s$lle spalle5.
+nal%ra "a%egoria di p$ni)ioni D rappresen%a%a dalle F$'ilia)ioniG. Tipi"o ese'pio D la
rasa%$ra (dipilacio)* $n $o'o a "$i venissero p$&&li"a'en%e rasa%i i "apelli e la &ar&a, se ne sen%iva
pro.onda'en%e disonora%o. Si %ra%%a di $na pra%i"a $sa%a an"-e .$ori dell+ng-eria* la s$&> lo s%esso
"ogna%o di S%e.ano, il doge di Vene)ia 6%%one 6rseolo.
+n "as%igo %erri&ile era poi la perdi%a della li&er%,. Se $n $o'o "o''e%%eva .orni"a)ione per
la %er)a vol%a "on $na s"-iava al%r$i, doveva diven%are an"-egli s"-iavo (a 'eno "-e avesse la
possi&ili%, di ris"a%%arsi "on denaro). ;ari'en%i, se $na donna sposa%a r$&ava per la %er)a vol%a,
doveva essere vend$%a "o'e s"-iava. 8sis%evano in.ine le pene in denaroQ 'a si %enga presen%e "-e
per gli an%i"-i $ng-eresi il denaro per e""ellen)a erano le '$""-e e solo rara'en%e si parla di '$l%e
in soldi ('one%e doro).
S"orrendo le leggi di S%e.ano, sal%a s$&i%o allo""-io la dispari%, %ra il nos%ro "ri%erio di
gravi%, dei rea%i e il s$o. ;er S%e.ano il .$r%o, ad ese'pio, era $n deli%%o gravissi'o* a $no s"-iavo
"-e r$&ava per la se"onda vol%a venivano %aglia%e le ore""-ieQ se r$&ava per la %er)a vol%a veniva
'esso a 'or%e. 0$""isione della propria 'oglie inve"e non era "onsidera%o "-e $n rea%o da po"o*
$n ple&eo "-e lo "o''e%%esse era %en$%o solo a pagare "in($e gioven"-e e a .are digi$no.
0a "osa pi7 sorprenden%e per/ D les%re'o inaspri'en%o delle pene so%%o il regno di San
0adislao (L0NN4L0!). 2Se $n gi$di"e 3 de"re%ava 3 non %aglia il naso allo s"-iavo o non i'pi""a il
li&ero U"-e a&&ia "o''esso .$r%oV, il gi$di"e s%esso venga per p$ni)ione vend$%o e %$%%e le s$e
proprie%, siano disperse5. 0adislao in%rod$sse n$ove pene* li'pi""agione, la""e"a'en%o (a $n
o""-io o ad en%ra'&i, a se"onda dei "asi), e"". e ri.or'$l/ al"$ne leggi di S%e.ano, gi$ngendo a
livelli di severi%, ina$di%a* 2Se $na donna sposa%a r$&a, le si %agli il naso e sia vend$%a "o'e s"-iava
(W). Se $na raga))a n$&ile r$&a, sia vend$%a e non rio%%enga 'ai pi7 la li&er%,5. Se $n li&ero
r$&ava, veniva i'pi""a%o, 'a se si ri.$giava in "-iesa, veniva sola'en%e a""e"a%o* in "a'&io per/ i
s$oi .igli, se avevano pi7 di die"i anni, erano rido%%i %$%%i in s"-iavi%7?

Interessi correlati