Sei sulla pagina 1di 4

MERCOLED 7 LUGLIO 2004

LA REPUBBLICA 35

DIARIO
DI

UNA PAROLA LATINA CHE SPIEGA LA PSICOLOGIA DI UN PAESE


Le recenti cronache ne hanno rilanciato la storia
(segue dalla prima pagina) nsomma, molto pi della vocazione autoritaria e ducesca che unetichetta appiccicatagli dalla cattiva e fuorviante polemica, negli interim a cui ricorre Berlusconi si nasconde e si svela la sostanza del parvenu, che una sostanza interinale perch il parvenu marginale rispetto al vecchio ma certamente non ancora il nuovo. Pi chiaramente: Berlusconi non Crispi n Mussolini, non Togliatti n Fanfani, non predilige linterim per esercitare, direttamente e meglio, un dominio assoluto. Sceglie linterim perch nel fare le veci che si riconosce e si realizza: al posto della politica, al posto dellallenatore del Milan, al posto dei cantanti, al posto di Tremonti, al posto di Bossi malato, Ruggiero, al posto di Agnelli, al posto di De Gasperi, al posto del marito di Veronica, al posto di Dio. Berlusconi luomo-interim. Sbaglia chi si accanisce contro lossimoro dellinterim lungo, della pausa che non finisce mai, del vuoto pieno, perch lossimoro lusuale abito italiano e non pi uno scandalo, ma soprattutto perch la sostanza non ha misura e linterim res extensa. Linterim deve essere lungo per essere avvilente, per essere interim. Un interim breve solo lappoggio di un piede in corsa, il passaggio da una stanza allaltra. In questo senso, la battuta del generoso Ciampi secondo il quale un interim non pu oltrepassare le due ore scopre unindecenza, nel senso filosofico del termine: linterim breve non decet, non va bene, non confacente, linterim sempre e comunque un fuoco lento. Un uomo-interim non si misura con lorologio. Gi nel 1994 Berlusconi scese in campo ad interim: Craxi era in esilio, lItalia moderata era stata sbaragliata da Tangentopoli, i suoi interessi industriali non avevano pi rappresentanti politici. E Berlusconi ha governato ad interim, che il tempo e lo spazio degli annunci, i quali a loro volta sono linterim dei fatti: le grandi opere, il taglio delle tasse, la rivoluzione liberale, tutta la realt del governo stata virtuale e, dunque, ad interim, perch linterim il posto occupato da qualcosa che si sostituisce alla cosa. La pubblicit un interim, le foto truccate sono linterim del viso. E cos il sorriso ghignante, i sopratacchi, la tintura sulla calvizie, il lifting. Allo stesso modo la riforma Moratti, anche per chi la sostiene con accanimento, persino per la stessa signora Moratti, un work in progress, un interim, perch nellinterim non

Una pratica multiforme che riguarda solo in parte il diritto


li sono stati spesso nobili, al punto che, come ha ricordato ieri il Foglio, stato lo stesso Berlusconi a sollecitare uno studio sui successi degli interim nella politica italiana, beandosi soprattutto del paragone con Cavour il quale, grazie allinterim, avrebbe avviato le prime grandi riforme economiche. Ma Cavour non somiglia a Berlusconi per il ricorso allinterim che, come abbiamo detto, in Berlusconi sostanziale e in Cavour fu rapsodico, discreto. Forse Berlusconi dovrebbe commissionare un altro studio comparato, e di nuovo il Foglio potrebbe riprenderlo, per segnalare la straordinaria somiglianzadissimiglianza nel conflitto di interessi. Ha scritto Luciano Cafagna nellastuta biografia che ha dedicato a Cavour, (ma era stato gi estesamente raccontato dal grande Rosario Romeo): Cavour fu in pratica il primo uomo daffari della storia politica italiana. Quando decise di entrare attivamente in politica non era pi un ragazzo: era un uomo daffari con ampie esperienze imprenditoriali, finanziarie, speculative, coltivate da molti anni, fra le pi ardite e di avanguardia nel Piemonte di quei tempi. Cavour era banchiere, proprietario terriero, agricoltore, fabbricante di prodotti chimici, padrone di giornali, tra i quali Il Risorgimento, proprietario di mulini, mediatore di grandi affari al tre per cento, azionista delle ferrovie e addirittura industriale ferroviario in proprio con il fratello Gustavo e il marchese Stanislao Cordero di Pamparato. Al limite, poi, tra gli affari e la politica sta la partecipazione di Cavour alla creazione dei primi moderni istituti di credito a Genova e a Torino destinati da l a qualche anno a confluire nella Banca Nazionale degli Stati Sardi che pi tardi divenne, come noto, la Banca dItalia. Scrive ancora Romeo che per tutti questi successi in molti gli dicevano: Ah! che uomo abile. Voi meritereste di essere primo ministro del re dItalia. Attenzione dunque a giocare con i precedenti: quellenorme conflitto di interessi che spinse Cavour a scendere in campo non produsse un interim della politica. Nel Piemonte preunitario a suffragio censitario Cavour fece leva sugli interessi privati, suoi e della sua regione, per sollevare e per fare lItalia, mentre Berlusconi, nellItalia democratica e repubblicana del suffragio universale, vuole esattamente il contrario: disfare lItalia. Ad interim, voglia Dio.

INTERIM
FRANCESCO MERLO
c responsabilit, il tempo dellestemporaneit, il tempo frammentato, dove ogni frammento non si ricollega a quello precedente e non annuncia quello seguente: via la Storia Classica e dentro il Medioevo; insalsicciamento in un solo anno di tutta la Storia Moderna, dalla scoperta delle Americhe allUnit dItalia... Laccanimento sulla storiografia linterim, la sospensione della storia, e cos la perorazione a favore dellinglese un interim della lingua italiana. Linterim un filosofia magrittiana, luomo sospeso, la pipa che non una pipa, la scuola che non una scuola, il ponte sullo Stretto che non un ponte sullo Stretto, il falso in bilancio che non un falso in bilancio, il ministro dellEconomia che non un ministro dellEconomia, Previti che diventa un interim di Previti. Linterim uno smarrimento, non il gioco dei due forni, non la pretesa di avere vantaggi sia dalla moglie ubriaca sia dalla botte piena, ma lincapacit di giocare, Tantalo assetato ma immerso nellacqua. Nel momento pi pesante per leconomia Tremonti fuori, dentro nessuno. Berlusconi proviene dalletere che disciplinata da un diritto ad interim. Come ha scritto il giurista e Accademico dei Lincei, Natalino Irti (Norma e luoghi, Laterza), il diritto non pensabile fuori dal vincolo terrestre e dunque i nuovi spazi si presentano vuoti di normativit, un buio nulla giuridico. Ebbene, Mediaset cresciuta nellinterim del Diritto, il pirata autopromosso corsaro e poi ammiraglio. E oggi la Rai un interim di Mediaset, sospesa tra la gestione privatista e quella pubblica, una specie di ircocervo. Appunto, un interim. Ovviamente la nostra storia politica ricca di interim. Forse lintera storia dItalia storia di interim, perch la storia di un paese provvisorio, potenza industriale interinale, sospeso tra sviluppo e sottosviluppo, tra il Nord e il Sud del mondo, sempre presente ad interim tra i vincitori, sempre assente ad interim tra gli sconfitti. Anche in Iraq siamo intervenuti ad interim, non siamo stati protagonisti della guerra e non saremo protagonisti della pace, ma ci siamo, ad interim in guerra e ad interim in pace. E vero che i precedenti interim istituziona-

Selapoliticasiilludediriempireunvuoto

STEFANO BARTEZZAGHI

FRATTANTO! E questo il semplice e suggestivo significato dell interim che tanti nodi scioglie o almeno sospende nella politica e tutto sommato nella vita italiana. La tematica postmoderna degli interstizi, dei frattali e dei frattempi col frattanto dellinterim trova la sua declinazione politica. I veri ponti sono questi: non quelli temporali che collegano giorni di festa a weekend, non quelli spaziali che ardiscono collegamenti fra Scilla e Cariddi, ma quelli logici, le soluzioni provvisorie che tendono a prolungarsi indefinitamente. Lultima volta, con gli Esteri, il frammento frattale del frattanto e del frattempo fu risolto dal Frattini. Adesso, con lEconomia, ci vorr un frate, un fratello, o magari spunter un nuovo ministro dalle Frattocchie. Orate, fratres. A proposito di latinorum, mentre lEuropa minaccia learly warning noi rispondiamo con linterim. Dietro la formula latina, un avverbio: gli avverbi placano i diverbi, le congiunzioni si addicono alle congiunture. E allora il miglior commento politico lo dar ancora quellannosa filastrocca di Yorick: Quando talor frattanto / forse sebben cos, / giammai piuttosto alquanto / come perch bens....

INTERIM

36 LA REPUBBLICA

DIARIO

MERCOLED 7 LUGLIO 2004

LE TAPPE PRINCIPALI

CAVOUR (1848) Allindomani delle elezioni del 1848 vinte dalla destra, Cavour assume lincarico prima di ministro dellAgricoltura e poi, dopo aver provocato le dimissioni del titolare, linterim delle Finanze

RATTAZZI (1867) Ministro ad interim delle Finanze, Urbano Rattazzi, presidente del consiglio, assume ad interim anche gli Esteri per dimettersi quando si diffonde la voce di un ritorno di Garibaldi sulla scena italiana

MINGHETTI (1875) Marco Minghetti, presidente del consiglio, ministro ad interim delle Finanze quando pronuncia alla Camera un duro discorso contro lingerenza dello Stato nella pubblica amministrazione

ECCO COME IL PAESE DALLUNIT IN POI HA UTILIZZATO LINTERIM

LITALIA DELLE CRISI REGINA DELLINTERVALLO


EDMONDO BERSELLI

I LIBRI
COSTANTINO MORTATI Lordinamento del governo nel nuovo diritto pubblico italiano Giuffr, 2000 CARLO GHISALBERTI Storia costituzionale dItalia, Laterza 2002 (ult.ed.) GIULIANO AMATO AUGUSTO BARBERA Manuale di diritto pubblico, Il Mulino 1997 STEFANO CECCANTI SALVATORE VASSALLO (A CURA DI) Come chiudere la transizione, il Mulino 2004 MICHELE AINIS TEMISTOCLE MARTINES Codice costituzionale Laterza 2001 VALERIO ONIDA La costituzione, il Mulino 2004 PAOLO BARILE Il governo in Parlamento, Presidenza del Consiglio Dipartimento per lEditoria 1995 MAX WEBER Parlamento e governo. Per la critica politica della burocrazia e del sistema dei partiti, Laterza 2002 CARLO GALLI Spazi politici, il Mulino 2001

a regola che le parola crisi e interim sono unite in un abbraccio inestricabile. Non appena scoppia luna, risuona laltra. Crisi pu significare lo stato deccezione, un mutamento traumatico di regime; talvolta la nascita di una nazione, come accadde per i molteplici incarichi del conte di Cavour, a partire dallinterim delle Finanze al posto di Massimo DAzeglio, a cui si aggiunse lAgricoltura, dopo le elezioni del 1848; anche un conflitto, come in occasione della seconda guerra dindipendenza, nel 1859, allorch Cavour cumul la presidenza del Consiglio, il ministero degli Interni, gli Esteri e linterim della Guerra, per continuare a esercitare la sua regia diplomatica. Lavvio della storia unitaria segnata dagli interim. Nel 1867 linterim alle Finanze del capo del governo Urbano Rattazzi serve per tentare di sostituire la tassa sul macinato di Quintino Sella con la vendita del patrimonio ecclesiastico. Minghetti, Depretis, Sella, Crispi ricorsero alle cariche interinali. Sullo sfondo drammatico del primo scandalo dellItalia unita, quello della Banca Romana, nel 1892 il capo del governo Giovanni Giolitti tenne per s gli Interni e il Tesoro. Si ricorre a questo strumento perch lo Stato liberale pi propriamente, come disse Filippo Turati, lo Stato dei liberali. Un ceto politico fortemente caratterizzato in chiave notabilare, plasmato dal trasformismo, si trova di fronte levolversi un paese squilibrato territorialmente e socialmente. La soluzione provvisoria lantidoto considerato efficace quando la terapia definitiva appare rischiosa: lestablishment risolve le fratture con procedure interne a un potere che si autoriconosce e i cui membri si legittimano a vicenda. Interim significa laffermazione di un potere personale; e la personalizzazione non uninvenzione della post-politica. Prima ancora di diventare a tutti gli effetti un dittatore, il Mussolini capo del governo dopo la marcia su Roma del 1922 assume contemporaneamente le cariche di ministro degli Esteri, degli Interni e i pieni poteri sul Bilancio. Nellaprile del 1925 si accolla linterim della Guerra e della Marina (poco dopo, creando il ministero dellAeronautica e prendendone la guida, diventa di fatto il capo delle forze armate). Il Duce avrebbe assunto di nuovo la guida del ministero degli esteri nel 1932, liquidando Dino Grandi, troppo ginevrino, troppo societario, potenzialmente un sospetto cripto-democratico, imprigionato nella Lega delle Nazioni, fino alla nomina di Galeazzo Ciano nel 1936, a conclusione della guerra dEtiopia. Nel dopoguerra, allepoca della Repubblica nascente, fu-

Prima ancora di diventare a tutti gli effetti un dittatore, il Mussolini capo del governo, dopo la marcia su Roma, assunse le cariche di ministro degli esteri e interni

,,

rono numerosi gli incarichi accessori di Alcide De Gasperi (Interni e interim degli Esteri). Ma la crisi vera, una delle crisi archetipiche della Prima Repubblica, avvenne dopo il fallimento della legge truffa nel 1953, allorch per una manciata di voti non scatt il premio di maggioranza per la Dc e i suoi alleati. De Gasperi torn alla segreteria democristiana, e alla presidenza del consiglio and un suo avversario, Giuseppe Pella, che da ministro del Bilancio e del Tesoro si era scontrato animatamente con De Gasperi (il quale nel 1951 lo aveva relegato al Bilancio, scorporando il Tesoro, che fu affidato con linterim delle Finanze a Ezio Vanoni). Pella tenne linterim del

Bilancio e degli Esteri, in un governo daffari che avrebbe dovuto soltanto approvare i bilanci dello Stato, salvo che lo stesso De Gasperi lo denomin governo amico, come a dire con chiarezza che la Dc non era impegnata per la vita e per la morte in quel tentativo. Nel corso della vicenda successiva, gli interim furono il frutto del variare degli equilibri nelle alleanze di governo, oppure, come nel caso di Amintore Fanfani nel 1958 e nel 1962, che si attribu Interni ed Esteri, una sorta di soluzione personalistica, determinata anche dalla particolarit del carattere, ossia dalla convinzione nella propria capacit, e dallinclinazione a risolvere le crisi per le

vie brevi, senza affrontare le incognite dei rimpasti o dei cambi di governo. In ogni caso il sistema politico proporzionale, che pure conobbe interim legati a figure importanti (come Aldo Moro, Craxi, Andreotti), consentiva una flessibilit continua, scomposizioni e ricomposizioni senza choc, con gli ammortizzatori dei governi balneari. Con il maggioritario, invece, gli interim diventano la camera di compensazione per evitare il grippaggio nei momenti di crisi pi acuta che il nuovo sistema ha dovuto affrontare. Nel formare il suo governo dopo la caduta di Silvio Berlusconi, nel 1995, Lamberto Dini tiene per s la poltrona del Tesoro, che aveva occupato anche durante i sette mesi del primo governo Berlusconi. Pochi mesi dopo, durante la travagliata navigazione del governo del ribaltone, Dini deve assumere linterim della Giustizia, dopo la mozione di sfiducia individuale a sua eccellenza il ministro Filippo Mancuso. Nel 1999 DAlema si prende linterim delle riforme istituzionali, che poi lascer ad Antonio Maccanico. Ma il momento di frattura pi grave avviene il 5 gennaio del 2002, allorch si dimette da ministro degli esteri Renato Ruggiero: lo scontro brutale fra due logiche, quella dellestablishment, rappresentato simbolicamente da Casa Agnelli, che aveva concesso a Berlusconi un proprio affiliato, un tecnocrate, ex direttore del Wto, e la legge di una politica che non poteva tollerare alla Farnesina la presenza ingombrante di un europeista classi-

GIOVANNI SENZA TERRA


Il re inglese (a sinistra) regn in assenza del fratello Riccardo Cuor di Leone

co, radicalmente in opposizione con i marcati euroscetticismi di Umberto Bossi e di altri esponenti governativi. Il lunghissimo interim agli Esteri di Berlusconi ha rappresentato la vittoria, almeno temporanea, della politica sulle lite extrapolitiche. Un paese dei fichi dIndia, comment lAvvocato, pentendosi del via libera a Berlusconi (Non siamo un paese delle banane). Sono passati trenta mesi, ed possibile che il nuovo interim del capo del governo, nel dopo-Tremonti, sia un nuovo sbarramento al timore di essere neutralizzato dai poteri, pi o meno forti, delusi dalla sua politica e dalla sua antipolitica.

WALTER BENJAMIN

DA ANDREOTTI A NATTA, LERRORE DI CRAXI

Nessun sacrificio troppo grande per la nostra democrazia meno che mai il temporaneo sacrificio della stessa democrazia
Tesi sulla filosofia della storia 1938

QUANDO I POLITICI SI RIFUGIANO NEL LATINO


MAURIZIO BETTINI
na volta Beniamino Placido ha scritto che in Italia il latino un rimorso. Proprio cos, un rimorso, nel senso antico (latino) del termine: qualcosa che ti rimorde le viscere e, prima o poi, finisce per venir fuori. Questa regola vale anche per la politica. Vi sono momenti, infatti, in cui non solo si vive in fase di interim, che gi triste, ma addirittura di vacatio. Salvo che, dato il carattere diciamo bonario del nostro sistema politico, a questa condizione si tende ad ovviare tramite una prorogatio. Sia come sia, indubbio che specie da un po di tempo a questa parte, le nostre istituzioni democratiche ricevano ogni giorno il loro vulnus. Fenomeno deprecabile, perch un vulnus ovviamente molto pi doloroso di una semplice ferita. Inutile parlare poi del clamore che continua a suscitare la cosiddetta par condicio. Per quanto essa abbia

JEAN BAUDRILLARD

Il politico finitoC una confusione di ruoli e quindi un cattivo funzionamento dello spazio della rappresentanza politica che si perduta
Lo showman politico nello spazio pubblicitario 1986

subito pi di un vulnus, come tutti sanno non ultimo quello di essere pronunziata per condicio da uno sciagurato anglofilo la sua ombra rinasce ad ogni campagna elettorale. Il fatto che le parole latine hanno questa singolare virt: a dispetto di qualsiasi vulnus, rinascono. Ben lo sapeva Alessandro Natta, buon latinista, che sconcert unintera platea congressuale del suo partito (si andava verso la Bolognina) mormorando un sibillino multa renascentur!. Non vogliamo pensare che i dirigenti in sala non avessero capito il senso di questa frase. I comunisti sono sempre stati bravi latinisti. Prova ne sia non solo lindimenticato Concetto Marchesi, ma anche Fabio Mussi che, nel 1999, recit in Parlamento unintera ode di Orazio (quella del carpe diem), per dimostrare alle destre lamore che i Ds portavano alla cultura classica. E in questa nobile impresa fu sostenuto da un

MERCOLED 7 LUGLIO 2004

DIARIO

LA REPUBBLICA 37

VANONI (1951) Alcide De Gasperi, in polemica con il democristiano Giuseppe Pella, forma un nuovo governo, scorpora il ministero del Tesoro e lo affida ad interim con quello delle Finanze a Ezio Vanoni

ANDREOTTI (1978) Dopo luccisione di Moro, Francesco Cossiga si dimette da ministro degli Interni. Il premier Andreotti assume lincarico per oltre un mese prima di affidare il ministero a Virginio Rognoni

BERLUSCONI (2004) Il 3 luglio Ciampi firma il decreto con il quale si accettano le dimissioni di Giulio Tremonti da ministro dellEconomia e si affida linterim del dicastero allo stesso presidente del consiglio Silvio Berlusconi

PARLA LUCIANO CANFORA/ LA PRATICA DELLINTERIM NEL MONDO ANTICO

I GRECI E I ROMANI NEL BUCO DEL POTERE


ANTONIO GNOLI
er Luciano Canfora linterim, cos come lantichit lha conosciuto, una pratica per fermare burocraticamente il tempo. Dire pratica gi in qualche modo un esercizio blandamente teorico, non contemplabile se non in particolari situazioni tra le figure del diritto. Intendiamoci, non solo la burocrazia a occuparsi dellinterim. Ad esempio, per ragioni astronomiche il calendario ateniese inseriva un mese intercalare, ossia un mese in pi, per far quadrare lanno lunare. Questo nella pratica astronomica, in quella politica? Bisogna distinguere tra cariche elettive e sorteggiate. Linterim, o ci che equivale a questa idea di intervallo, riguarda esclusivamente le cariche elettive, che sono pochissime e tutte di estrazione militare. eletto lo stratego - che nel mondo greco la carica che ha il capo delle truppe e non ha affatto il significato che noi moderni abbiamo dato allo stratega come abile tattico. Unaltra carica militare elettiva quella dellipparco, comandante della cavalleria. Altre cariche come quelle degli arconti vengono invece sorteggiate. Perch le cariche elettive prevedono linterim e quelle sorteggiate lo escludono? Larconte, per restare al nostro esempio, una volta sorteggiato assumeva la carica un certo giorno di giugno: uno entrava, laltro usciva. Non si dava possibilit di sovrapposizione fra i due, n di prolungamenti del potere. Nel caso delle magistrature militari invece poteva accadere che lo stratego eletto lanno prima fosse in zona di operazioni militari e quindi egli continuava a rivestire la cari-

Dal punto di vista del meccanismo delle regole parlamentari linterim non illegale. Pu diventarlo come concentrazione di pi poteri. Sotto linterim c una volont autocratica
ca di stratego a interim fino a quando loperazione non fosse stata portata a termine. Non poteva succedere che si aprisse un conflitto con il nuovo eletto, che questultimo cio non fosse daccordo con linterim dellaltro?

,,

PERICLE
Fu rieletto alla carica di stratego una trentina di volte dagli ateniesi

GLI AUTORI
Maurizio Bettini , antichista e scrittore, insegna Filologia classica alluniversit di Siena. Il suo ultimo romanzo Le coccinelle di Redn (Einaudi) Luciano Canfora, antichista e storico, insegna Filologia greca e latina alluniversit di Bari. Il suo ultimo libro Democrazia. Storia di unidelogia (Laterza)

LE IMMAGINI
Lauto incoronazione di Napoleone alla carica di imperatore (qui nel celebre quadro di Jean Louis David) rappresenta in modo fisico e simbolico allo stesso tempo la volont di Bonaparte di possedere entrambe le attribuzioni: quella del potere sovrano e quella della legittimit da cui questo proviene

GIORGIO AGAMBEN
Una seduta del Senato italiano in una incisione depoca

Il principio secondo cui la sovranit appartiene alla leggenon elimina in alcun modo il paradosso della sovranit, ma lo spinge, anzi, al suo estremo
Homo Sacer 1995

compagno di partito, il quale, a raffica, si mise a scandire in aula versi asclepiadei. Se i comunisti furono e a quanto pare, restano bravi latinisti; se lo furono ovviamente i democristiani, Andreotti in primis (non sono informato sulla competenza latina degli attuali Follini e Giovanardi); se infine i leghisti hanno dato e danno limpressione di preferire le lingue celtiche alla lingua di Roma, i socialisti del Psi erano per certo un po sbuccioni. Si era ai tempi della cosiddetta Prima Repubblica, allorch Claudio Martelli comunic a Ciriaco

De Mita, allora presidente del Consiglio, che il suo governo pentapartito sarebbe durato solo a patto che avesse rispettato il programma: Simul stabunt, simul cadunt recit solennemente. Dai banchi dellopposizione il solito Alessandro Natta replic pronto Cadent, Martelli, cadent!, avvisando cos loratore del fatto che aveva sbagliato desinenza. Ma si sa comerano i socialisti tiravano sempre diritto. Qualche giorno dopo infatti Bettino Craxi in persona ripet al Tg2 lo sciagurato Simul stabunt, simul cadunt. A questo punto tre deputati dellopposizione invitarono lallora ministro della Pubblica istruzione a rassicurare ufficialmente gli studenti con apposita circolare: Malgrado le opinioni di alcuni dirigenti del Psi recitava il testo il latino non cambiato. La terza persona plurale del futuro di cado e resta cadent. Ineluttabilmente.

ZYGMUNT BAUMAN

La politica e la democrazia esistenti sono tanto distanti dai loro tipi ideali quanto le societ contemporanee sono lontane dal modello di societ autonoma
La solitudine del cittadino globale 1999

Non si conoscono casi del genere. Tanto pi che gli strateghi erano spessissimo rieletti. Pericle sar rieletto stratego una trentina di volte. C per il caso interessante di Alcibiade, che non venne rieletto alla scadenza del suo mandato dopo una sconfitta navale, della quale per altro non era responsabile diretto. Gli fu chiesto di restare sul posto delle operazioni come stratego a interim, ma egli rifiut preferendo lautoesilio. Questo per la Grecia, il mondo romano come affronta linterim? un concetto che il diritto in qualche modo comincia a prendere in considerazione, anche se prevale come pratica che si applica situazione per situazione. A Cicerone ad esempio viene dato lincarico di promagistrato, mestiere che non ha mai svolto e che dovrebbe esercitare nella provincia romana. Non ha voglia di farlo, vuole restare a Roma dove c in atto un conflitto fra Pompeo e Cesare. E quando si decide a partire talmente tardi che il suo predecessore lo deve aspettare ad interim. Linterim un vuoto di potere, un suo indebolimento? Dipende anche qui dalle situazioni, a volte, anzi spesso un rafforzamento del potere. Lo vediamo ad esempio con Mussolini. Come Presidente del Consiglio, carica che deterr per ventanni, pi volte assumer altri incarichi ministeriali: ministro della Guerra, degli Esteri, della Cultura popolare. De Felice ha studiato bene questo aspetto. Quindi linterim una minaccia secondo lei della democrazia? Dal punto di vista del meccanismo delle regole parlamentari linterim non illegale. Pu diventarlo nel momento in cui si presenti come una concentrazione di pi poteri. Sotto ogni interim si cela una volont autocratica. Dov labuso? Principalmente nella sua durata. Nella Prima Repubblica linterim era un ripiego, qualcosa di abbastanza rapido e indolore. Ma se un Presidente del Consiglio assomma ad interim poteri per sei mesi, un anno, due anni, l si intravede una minaccia. Linterim come inclinazione autocratica fa pensare allistituto della dittatura che si praticava nella Roma antica. C una somiglianza. La dittatura romana era una carica regolare che durava pochissimo, diciamo il tempo per risolvere il problema che in quel momento Roma poteva avere: una guerra in corso, un tumulto interno. La distorsione di questo istituto la si avr prima con Silla e poi con Cesare che si fa nominare dittatore a vita, dopo che per parecchi anni aveva reiterato la carica. Insomma da legittima difesa diviene abuso permanente. Quello che eccezione diventa norma inquietante.

I LIBRI
ROBERT A. DAHL Intervista sul pluralismo Laterza 2002 RAYMOND ARON La politica, la guerra, la storia, il Mulino 1992 JOHN DUNN La teoria politica di fronte al futuro, Feltrinelli 1983 AREND LIJPHART Le democrazie contemporanee il Mulino 1988 ALESSANDRO PIZZORNO Le radici della politica assoluta e altri saggi, Feltrinelli 1993 CARL SCHMITT Le categorie del politico, il Mulino 1972 PAOLO POMBENI (A CURA DI) Crisi, legittimazione consenso, il Mulino 2003 ROBERTO ESPOSITO Nove pensieri sulla politica, il Mulino 1993 CORRADO MALANDRINO Da Machiavelli allUnione europea. Profilo antologico del pensiero politico moderno e contemporaneo Carocci 2003 MICHELE PROSPERO Politica e societ globale, Laterza 2004

Fondatore Eugenio Scalfari

Direttore Ezio Mauro


(con PAPA GORIOT - 8,80)
PREZZI DI VENDITA ALLESTERO: Portogallo, Spagna 1,20 (Azzorre, Madeira, Canarie 1,40); Grecia 1,60; Austria, Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo, Monaco P., Olanda 1,85; Finlandia, Irlanda 2,00; Albania Lek 280; Canada $1; Costa Rica Col 1.000; Croazia Kn 13; Danimarca Kr.15; Egitto EP 15,50;

9 770390 107009

ALVOHXEBbahaajA CIDODVDEDL
40707

Anno 29 - Numero 159

0,90 in Italia

mercoled 7 luglio 2004


Israele NIS 11; Libano LL 4000; Malta Cents 53; Marocco MDH 24; Norvegia Kr. 16; Polonia Pln 8,40; Regno Unito Lst. 1,30; Repubblica Ceca Kc 56; Slovacchia Skk 71; Slovenia Sit. 280; Svezia Kr. 15; Svizzera Fr. 2,80; Svizzera Tic. Fr. 2,5 (con il Venerd Fr. 2,80); Tunisia TD 2; Ungheria Ft. 350; U.S.A $ 1.

SEDE: 00185 ROMA, Piazza Indipendenza 11/b, tel. 06/49821, fax 06/49822923. Sped. abb. post., art. 1, legge 46/04 del 27 febbraio 2004 - Roma. Concessionaria di pubblicit: A. MANZONI & C. Milano - via Nervesa 21, tel. 02/574941.

INTERNET www.repubblica.it

AB

LUdc chiede una svolta entro 10 giorni. Maroni: sono come Che Guevara. Il 14 dibattito in Parlamento. Monti: resto in Europa

DOSSIER

UltimatumaBerlusconi
Follini: pronti a uscire dal governo. Fini: rinunci al Tesoro
DIARIO

Braccio di ferro tra Usa e Grecia sulla sicurezza ai Giochi


CARLO BONINI e GIUSEPPE DAVANZO

SUL PIANO INCLINATO


MASSIMO GIANNINI
RISI, rimpasto, appoggio esterno, elezioni anticipate. Il quadro politico si va sfarinando, avrebbe detto Rino Formica, ai tempi dellesecrata Prima Repubblica. Le convulsioni del centrodestra ricordano sul serio quelle dei vecchi pentapartiti di una volta, quando bastavano un no di Altissimo o un veto di Cariglia a innescare unescalation, a far perdere il controllo e a portare dritti dritti alla caduta di un governo. Dopo luscita di scena di Tremonti, i nervosismi di An, le tensioni della Lega e da ieri anche lultimatum dellUdc, per la prima volta si ha la netta sensazione che il governo Berlusconi possa davvero scivolare sul piano inclinato di una crisi. Formale. E non pi solo sostanziale, come si pu considerare quella in corso. SEGUE A PAGINA 15

Linterim non riempie il vuoto della politica


FRANCESCO MERLO
INTERIM della vita il coma, nella scuola supplenza, negli uffici c la sostituzione ferie, nel calcio la melina e pi recentemente lo sputo, nel ciclismo su pista linterim si chiama surplace. E interim il pitiner, vale a dire il muovere i piedi senza spostarsi, interim aspettare Godot ed interim il mal di vivere, il mettersi tra parentesi. E interim lo struscio nel corso del paese, interim la virt dei deboli e dei mafiosi: calati juncu ca passa la china. E interim lattendismo, interim lassenza di vento, che la bonaccia contro cui impreca il marinaio. E interim il caldo paralizzante dellora meridiana, hora diaboli, sospensione della vita. E interim la parola strozzata, la pavidit cautelosa, interim il coitus interruptus, persino il cornuto un marito ad interim. Sicuramente linterim si addice a Silvio Berlusconi perch la veste delluomo di transizione, delluomo interimistico. Persino la legge di Berlusconi un interim del codice vigente: i suoi processi penali sono sospesi e, dunque, anche le sue responsabilit penali sono sospese. SEGUE A PAGINA 35 BARTEZZAGHI, BERSELLI, BETTINI e GNOLI ALLE PAGINE 35, 36 e 37

Atene dice no a Washington: Vigiliamo noi sulle Olimpiadi


ALLE PAGINE 12 e 13

Marco Follini, leader dellUdc, e il vicepremier Gianfranco Fini

DA PAGINA 2 A PAGINA 9

Rischio di nuovi blackout. Le assicurazioni contro la manovra: no a nuove tasse

Usa, i candidati democratici

IL RITORNO DEGLI EX DC
CURZIO MALTESE
ULTIMATUM a Berlusconi da parte degli sguscianti centristi dellUdc pu suonare innaturale come il ruggito del coniglio. Gli stessi leghisti, che dellultimatum in politica hanno fatto unarte, sono allibiti: Follini sembra Che Guevara. Derisi e intimoriti per anni dal celodurismo e dal marinettismo della nuova destra, gli ex democristiani in un giorno rovesciano le parti, danno gli otto giorni a Berlusconi e svelano leterno bluff della Lega. Perch questi, i soliti democristiani, se ne vanno sul serio. Se Berlusconi non cambia rotta, lasciano la nave al suo capitano. E la nave affonda. Il ruggito di Follini ha di colpo fatto tacere i festeggiamenti di corte intorno al principe. Laltro giorno Berlusconi sembrava tornato in sella con guizzo machiavellico e piglio padronale. SEGUE A PAGINA 14

Le bollette pi care dEuropa


Un boato e poi lincendio, torna la paura a Cornigliano

Edwards il vice L Authority: prezzi di gas e luce superiori anche del 50% di Kerry
Esplosione in acciaieria 8 operai feriti a Genova
ROMA Ancora un allarme sul fronte dei prezzi. LAuthority dellEnergia, nella sua relazione annuale, ha evidenziato che le bollette dellelettricit e del gas italiane sono tra le pi care dEuropa. Secondo lAuthority, si tratta di una diretta conseguenza della scarsa concorrenza del mercato dellenergia italiano: Eni e Enel sono troppo forti. Una situazione che tra laltro lascia sempre in piedi i rischi di black out anche per questestate: LItalia resta vulnerabile su questo fronte, dice la relazione. Intanto le compagnie di assicurazione criticano la manovra finanziaria del governo: Gli inasprimenti fiscali a carico delle compagnie potrebbero innescare nuovi aumenti delle polizze. EDOARDO BORRIELLO e LUCIO CILLIS A PAGINA 28

LA STORIA

La strana giornata di Beirut con lo sciopero dei telefonini


GABRIELE ROMAGNOLI
URIOSAMENTE, lappello sta viaggiando per sms: Boicotta il tuo cellulare, spegnilo per un giorno. La data il 15 luglio, primo sciopero annunciato della comunicazione portatile in una intera nazione: il Libano, tre milioni e mezzo di abitanti (stima Onu) e 850mila telefonini (stima del governo che li gestisce). Motivazione: costi troppo alti. Promotori: quindici associazioni professionali, dagli industriali ai medici (chiamate demergenza solo allambulatorio), dagli avvocati ai giornalisti (evidentemente non in nota spese). Danno previsto: circa tre milioni di dollari. SEGUE A PAGINA 16

GIUSEPPE FILETTO A PAGINA 20

Kerry e, a destra, Edwards

IL CASO

FLORES DARCAIS ALLE PAGINE 10 e 11

Due Italie nella lotta al tumore


CON REPUBBLICA
UMBERTO VERONESI
INCONTRO di ieri organizzato da Europa Donna Parlamento sullazione di lobby per la lotta al tumore del seno, ci fa riflettere sullo strano destino dellinnovazione in Italia. Noi italiani siamo stati i primi a pensare e a realizzare, alla fine degli Anni 60, la chirurgia conservativa del seno, che ha rivoluzionato il trattamento di questo tumore nel mondo. Siamo quelli che hanno continuato a svilupparla, mettendo a punto tecniche e tecnologie in grado, ove possibile, di conservare non solo il seno, ma anche tutti i linfonodi dellascella e decretando cos il tramonto degli interventi mutilanti. SEGUE A PAGINA 14 ELENA DUSI A PAGINA 21

TRASFUSIONE DI CARISMA
VITTORIO ZUCCONI WASHINGTON ON erano passati dieci minuti dalla notizia che Edwards era stato scelto da Kerry per la rincorsa alla Casa Bianca, che gli studi delle network e le redazioni dei giornali venivano bombardati dai fax e dai messaggi elettronici spediti dal quartier generale di Bush per stroncare subito il 51enne avvocato e senatore della North Carolina. SEGUE A PAGINA 15

Le strade del giallo domani in edicola Misery di Stephen King


Il capolavoro del thriller a richiesta con il giornale a soli 5,90 euro in pi. Per I classici dell800 in edicola Pap Goriot