Sei sulla pagina 1di 208

Pietro Varaldo

IL COLORE
DELL’ANIMA
Una via universale alla spiritualità
Ai colori
e ai cercatori
della luce

2
Pietro Varaldo

Il colore dell’anima
Una via universale alla spiritualità

3
Ebook
Il colore dell’anima
disponibile su:

www.scribd.com
www.energethics.org

Copyright © Pietro Varaldo 2012

Prima edizione: maggio 2012


Seconda edizione: dicembre 2012
Terza edizione, ebook: gennaio 2014
Quarta edizione: dicembre 2014
Quinta edizione, ebook: maggio 2015
Sesta edizione: gennaio 2017
Settima edizione: maggio 2018

4
A Luisa

5
INDICE

– Prefazione 7

PRIMA PARTE

– Energetica 11

– I colori 19

– L’armonia nell’unità 27

– I colori dell’anima 33

– L’energy disc 63

– La memoria dell’acqua 65

– Consapevolezza 67

– Il punto di mezzo 79

– Tra Terra e Cielo 87

– La forma del cerchio 141

– Acqua e fuoco 149

– La chiusura del cerchio 153

SECONDA PARTE

– Il colore 165

– L’energy disc 201

– Bibliografia 205

6
Prefazione
Questo libro tratta di un particolare linguaggio dell’anima.
È un libro il cui intento, e filo conduttore, è quello di tracciare una
sintesi analogica tra i principi della spiritualità e la scienza del colore,
ossia di porre in evidenza le correlazioni tra i fondamenti spirituali e i
principali fenomeni fisici e percettivi relativi al mondo cromatico; così
da scoprire come il colore, quale linguaggio universale, sia forse il
migliore mediatore, per l’immediata intuitività, tra il mondo
soprasensibile e il mondo materiale. Mondi in apparenza diversi e
lontani ma, in realtà, l’uno il riflesso dell’altro, come evidenzia anche
la celebre frase di Ermete Trismegisto contenuta nella Tavola di
Smeraldo: “Come in alto, così in basso, e come in basso, così in alto”.

La spiritualità può essere definita come la conoscenza della realtà


soprasensibile, ovvero la conoscenza di quei principi e di quelle forze
sottili che originano, ma permettono anche di trascendere, la realtà
materiale: un ponte tra l’anima e il corpo. Principi e forze che non
appartengono a un altro mondo ma si compenetrano e costituiscono
un’unità con la realtà fisica; unità il cui riconoscimento conduce
all’essenziale consapevolezza sulla profonda natura dell’uomo.

Il libro si propone, quindi, di fornire una risposta unitaria, una


concezione razionale-intuitiva attraverso la realtà riflessa, visibile e
oggettiva del colore, allo scopo di chiarire e far comprendere l’essenza
di quella che può essere definita come “meccanica spirituale” e, in
rapporto a questa, gli schemi basilari relativi alla psiche, ai modi
d’essere e ai comportamenti dell’uomo. Meccanica spirituale che, nella
parte centrale del libro, trova il suo naturale sviluppo attraverso il
suono, principio e complemento del colore, e la geometria sacra, il
linguaggio rappresentativo della struttura simbolica dell’universo.
Ciò a partire dalla famosa opera di Leonardo: l’Uomo di Vitruvio.
Opera da cui emerge un celato e dimenticato sapere universale senza
tempo, un sapere perduto, una illuminante rappresentazione dei livelli

7
di coscienza dell’uomo in chiave musicale – un monocordo di luce teso
tra cielo e terra – da cui uno strumento interpretativo attraverso il
quale è possibile comprendere l’enigmatico simbolismo cosmologico
divino e umano appartenente a quella tradizione pitagorico-platonica
che tanto ha influenzato nell’intimità il pensiero occidentale, in
particolare quello esoterico; lo stesso simbolismo che riscopriamo in
una delle più importanti espressioni storiche di questo stesso pensiero:
la Divina Commedia di Dante.
Questo testo vuole essere dunque una chiave per una crescita interiore;
un filo di Arianna che ci aiuti a superare, andare oltre i limiti conven-
zionali della nostra mente, di noi stessi. Una mappa per orientarci
nell’infinito. Uno strumento utile a “capire per credere e credere per
capire”. Per un risveglio della ragione, premessa di un risveglio più
profondo e autentico: quello spirituale.

Il libro, ricco di contenuti inediti, strutturato secondo differenti livelli


di lettura, e dotato di numerose immagini, nuovi e antichi simboli che
ne sintetizzano i concetti, presenta, tra gli altri, i seguenti contenuti:
La corrispondenza tra la legge dell’ottava musicale, i colori e i centri
energetici spirituali dell’uomo. Un singolare numero quantico, “1,71”,
che simbolizza il salto di consapevolezza umana. Il significato della
quadratura del cerchio e la sua soluzione. La proprietà segreta del
triangolo pitagorico. Il diagramma della coscienza e della creazione.
La determinazione del tempo assoluto, e l’allineamento frequenziale
del colore e del suono.
Una visione articolata e organica a riprova dell’esistenza di uno
schema creazionale dal quale scaturiscono anche soluzioni come la
determinazione del cubito, il metro a misura d’uomo, e del pi greco.
Una sorprendente esperienza attraverso l’Energy disc: uno strumento
ancora poco conosciuto, qui proposto in una semplice versione utile a
constatare l’esistenza di una componente basilare della spiritualità,
l’energia vitale.
Infine, gli elementi fondamentali sulla scienza del colore trattati
specificamente nella seconda parte del libro, quale fondamento teorico
e base di approfondimento sulla corrispondenza analogica tra
spiritualità e colore.

Sant’Antioco, dicembre 2010


(e variazioni 6a e 7a edizione)

8
PRIMA PARTE

9
La luce è la spiritualità del colore
e il colore è l’elemento corporale della luce.
Mohammad Karim-Khan Kermani

10
Energetica
Energia e spiritualità
Il caso è lo pseudonimo scelto da Dio
quando non vuole firmarsi di persona.
Anatole France

Tutto è energia. Questa oramai classica, semplice ma profonda


espressione racchiude una delle più importanti conquiste della scienza:
l’aver compreso l’equivalenza tra energia e materia. Questa equivalenza
ha però implicito in sé un limite: quello di riferirsi solo all’energia
materiale.
C’è in realtà un altro tipo di energia che permea l’intero universo ed è
all’origine di tutto ciò che conosciamo. Si tratta dell’energia spirituale
o vitale. È questa forza sottile, preesistente, a rendere realmente
possibile la vita in tutte le infinite espressioni del Creato.
È un tipo di forza che sfugge normalmente a qualunque tipo di indagine
fisica, proprio perché non è di natura fisica. Se ne può invece avere
esperienza diretta attraverso una certa attenzione e un certo modo di
coltivarla. È questo, infatti, uno degli scopi delle discipline spirituali o
delle pratiche interiori sull’energia.

Il termine energetica, normalmente riferito alla scienza delle energie


fisiche, in queste pagine è posto in relazione con l’altro volto
dell’energia, quella sottile. (Energia, dal greco: energeia, “capacità di
agire”, “vigore vitale”). Dato che in fondo tutto è interconnesso, il
fisico e il sottile, anche il termine che esprime questa realtà universale
non può che essere idealmente lo stesso. Inoltre, il medesimo termine,
si può immaginare come formato da due parole: energia ed etica; il che
ben si appropria, considerando che la profonda conoscenza dell’energia
spirituale non può prescindere dalla conoscenza di certi principi
esprimibili come etici.
Per etica, qui non s’intende la classica morale rappresentata da norme o
convenzioni sociali diversamente stabilite a seconda dei popoli e dei
tempi, ma una concezione universale basata sull’unità, la bellezza e
l’armonia del tutto. Concezione riconoscibile come fondamento da
sempre di tutte le più importanti dottrine spirituali, nonché come
espressione profonda dell’energia universale, eterna fonte di vita.
Accordandoci alla quale possiamo sviluppare l’armonia e il benessere.
11
L’essenza sta nella completezza, perché non c’è vera forza se non c’è
completezza. Quindi per etica, in questo senso, si intende il principio di
totalità e armonia e con il termine energetica si esprime, dunque, il
significato di energia armonica (o di armonizzazione dell’energia).

Tutto è in relazione. Bisogna solo scoprire come. Ad esempio, i


contadini sanno bene che esiste un collegamento tra i cicli lunare e
solare e i lavori in campagna, poiché se non si rispettano certe regole
del cielo, la terra non dà i frutti sperati.
Un mucchio di argilla, sabbia e sassi, nell’essere mescolati insieme, per
quanti infiniti tentativi si possano fare, non potranno mai disporsi
casualmente a formare dei muri e tanto meno una casa. Serve
innanzitutto l’idea della casa, poi la forza per realizzarla e, solo a
questo punto, la materia. La meravigliosa, grandiosa e perfetta
complessità dell’universo e della natura intorno a noi, a maggior
ragione, non può non essere che la testimonianza inequivocabile di
un’idea e di una volontà creatrice superiore. Vedere in tutto questo, al
contrario, l’opera della casualità non può non essere dovuto, invece, che
ai limiti della nostra coscienza.
Coscienza, Energia e Materia sono i tre grandi principi universali. Ogni
cosa li esprime in diversa misura e l’uomo ne rappresenta la più evoluta
e complessa espressione. Il corpo umano è il risultato di un modello
ideale che risiede in ogni singola anima; anima che, come un’immagine
olografica1, è parte e riflesso dell’Anima Universale. In ognuno di noi
risiede uno schema, una luce, una speciale luce intelligente, a immagine
dell’infinito: un microcosmo riflesso del macrocosmo.

L’universo è a un tempo
coscienza, energia e materia.
Uno e Trino.

1. Secondo la teoria della Realtà Olografica “tutto si ritrova nella parte, come la parte
nel tutto”. Un tipico esempio, in questo senso, ci è dato dalla cellula, nella quale sono
contenute tutte le informazioni genetiche dell’organismo a cui appartiene. Tale teoria
deriva da un interessante fenomeno, quello della fotografia olografica (dal greco holos,
tutto), nella quale si ricorre a una particolare tecnica di impressione della pellicola
attraverso una luce laser; per cui, se si ritagliano una o più piccole parti da tale
pellicola, da ciascuna di esse, esponendole alla stessa luce, è ancora possibile osservare
sorprendentemente l’intera immagine originale, seppure con una minore nitidezza.
12
L’anima è l’universalità dello spirito e
lo spirito è la specificità dell’anima2.

UNITÀ
DIADE
Energia Materia
TRIADE
Anima Spirito Corpo
Mente Universale Manifestazione della realtà
Energia spirituale o vitale
Pura energia cosciente sul piano fisico
Idee
Fonte delle Idee Materia+energia materiale

Ogni cosa è una parte del tutto, senza la quale il tutto non sarebbe il tutto.
Lo schema indica quale posto occupa l’energia materiale oggetto di indagine della
scienza (convenzionale). L’equivalenza tra energia e materia resta valida ma si amplia
comprendendo anche la dimensione spirituale.

Le idee, attraverso l’energia spirituale, si condensano qua e là


nell’Oceano dell’Essere: nascono le stelle, i mondi e
gli innumerevoli esseri e le cose che vi abitano.

In virtù di quanto detto, possiamo ora esprimere una nuova


equivalenza, questa volta assoluta: Tutto è energia spirituale.

Ogni forma, ogni corpo racchiude in sé delle istruzioni che originano da


altri piani: da quello sottile verso quello materiale; così come il
programma genetico del DNA nei confronti degli organismi biologici.
Istruzioni o informazioni indispensabili perché qualsiasi cosa possa
strutturarsi e manifestarsi come tale.
Un fisico tedesco del XVIII secolo, di nome Ernst Chladni (i cui studi
sono stati ripresi nel XX secolo dallo scienziato svizzero Hans Jenny),
scoprì che facendo vibrare con un archetto di violino una lamina
metallica o di vetro con sopra cosparsa una manciata di sabbia (in base
all’altezza dei suoni prodotti e alla forma tonda o quadrata della lamina)
2. Spesso oggi usati come sinonimi, l’anima (dal greco ànemos o da psychē, quindi dal
latino anima) e lo spirito (dal latino spiritus) hanno tutti e tre, anima, psiche e spirito, in
comune il significato etimo metaforico di “soffio”: il soffio divino. Così, ad esempio,
Anima Mundi deriva dal greco μεγάλη ψυχὴ (megalē psychē), “grande anima”.

13
poteva ottenere, nel modo di disporsi della suddetta sabbia, differenti
figure come cerchi, raggiere o griglie3; giungendo così a un’importante
prova, quella dell’influenza del suono sulla materia.
Questo dimostra, attraverso solo uno tra i possibili esempi, una
semplice verità universale: che l’origine di ogni forma fisica è
racchiusa essenzialmente nell’energia informativa sottostante.

È ciò che si cela in ogni goccia d’acqua che fa di questa,


con il gelo, un bellissimo e sempre diverso cristallo di neve.

L’uomo normalmente non è consapevole di questo se non a livello


puramente intellettuale, perciò si identifica unicamente con il proprio
corpo fisico, con la propria individualità. L’essere umano è una
complessa struttura energetica e fisica, la cui formazione, natura e
personalità sono legati, oltre che all’aspetto animico spirituale, a diversi
determinanti fattori come quello biologico e genetico, alle influenze
dell’ambiente familiare e sociale, alle varie esperienze di vita e, nel
quotidiano, ai pensieri, alle credenze e ai valori.

Figure di Ernst Chladni

3. La sabbia tende a disporsi nei punti dove la vibrazione è nulla, lungo cioè le linee
nodali di onde stazionarie date in base ai suoni usati, al tipo di lastre e il loro fissaggio.
14
Attraverso un’impronta o influenza data da questi fattori, l’uomo,
seppure globale in potenza grazie alla sua essenza animica spirituale, si
parzializza dando forma alla propria individualità. Ovvero, la sua
struttura psicofisica assume una certa “piega” che è quella che
caratterizza le diversità di ciascuna persona.
Attraverso un raffronto con l’arte dell’origami, potremmo paragonare
ciascun uomo a un foglio di carta, il quale all’inizio mostra tutta la sua
piena potenzialità, che però va a perdere una volta che questo viene
opportunamente piegato secondo una forma determinata.
Tale struttura psichica individuale col tempo si consolida e si
irrigidisce. Da qui le resistenze percepite quando si vorrebbe cambiare
qualcosa in noi stessi, le quali ci danno la sensazione di essere come un
treno il cui percorso è stabilito dai propri binari. Binari rappresentati, in
questo caso, dai limiti dati dalle nostre conoscenze, dalla nostra
struttura mentale, dai programmi inconsci. Sono i limiti cristallizzati nel
nostro modo d’essere, per cui ogni tentativo di cambiare, spesso, si
traduce in un ripercorrere inesorabilmente la stessa strada ferrata.
In ogni modo, anche uno scambio di binari non sarebbe altro che un
cambiamento in termini di prospettiva e non una soluzione reale.
Questo perché il problema non è il binario in sé, dato che ogni binario
ha la sua ragione d’essere, ma il modo in cui ci si rapporta a esso.
Ora, se a questa incapacità di cambiare si aggiunge anche la mancanza
di un senso, di reali valori e ideali, sostituiti da una vita superficiale e
circondata da beni superflui o importanti solo in apparenza, prima o poi
si arriva a sentire un vuoto e una sorda insoddisfazione esistenziale che
può svilupparsi in una profonda infelicità. Ciò per la mancanza di un
senso autentico o, il che equivale, per la mancanza di un collegamento
con la propria essenza. Per cui la soluzione non può che venire dalla
conoscenza dei principi spirituali e dalla loro interiorizzazione, così da
poter entrare in relazione con una profonda, sconosciuta armonia.
L’uomo, per poter esprimere le sue reali potenzialità in ogni aspetto
della propria vita, compresa la salute o il benessere in generale,
dovrebbe riconoscere in sé la presenza e l’equilibrio di diverse parti:
dovrebbe riconoscere innanzitutto di essere un’anima, di essere quindi
energia spirituale e, infine, un corpo fisico. Purtroppo, invece, è solo
quest’ultimo elemento, normalmente, a essere preso in considerazione.
L’uomo, nel reputarsi distinto da tutto e da tutti, vive identificandosi
esclusivamente nella propria persona, nei propri pensieri, nelle proprie

15
idee e nel proprio ruolo sociale, così da essersi tagliato fuori da una
fondamentale componente della realtà: la propria anima; la quale
costituisce la vera fonte di ogni benessere, benessere di cui potrebbe
beneficiare se realizzasse con essa un contatto consapevole.
Costruire un ponte per accedere a questa profonda realtà è da sempre
l’essenza di ogni dottrina spirituale: un ponte che collega la coscienza
individuale a quella universale; un simbolo, in particolare, rappre-
sentato dall’arcobaleno: il riflesso terreno della dimensione celeste4.
Ora, attraverso il colore e il ricorso a immagini simboliche, è possibile
esprimere un’analogia con ciò che può essere considerata l’essenza dei
principi spirituali, di ogni credo e tempo, e la psiche dell’uomo. E
scoprire che attraverso i colori – linguaggio dell’anima – non semplice
metafora ma espressione visibile dei profondi meccanismi della realtà
non solo fisica, è possibile comprendere meglio se stessi. Il colore è
energia, così come lo sono i pensieri e le emozioni, e osservando i
colori si può osservare ciò che è dentro di noi, ovvero, ciò che non si
può vedere normalmente.

In principio era il Verbo.


V. di Giovanni 1,1

Questa celebre espressione biblica indica il Verbo, il Logos, quale forza


creatrice universale: il Suono, l’informazione che tutto sottende.
Poiché l’uomo è a immagine del Creatore, è partecipe esso stesso di
questa forza creatrice, ovvero è un riflesso, su un piano differente, dei
principi unitari della triade cosmica: anima, spirito e corpo ed è dunque
esso stesso un creatore.

Anima Spirito Corpo


Coscienza cosmica Coscienze differenziate Creazione – Uomo
Forme ed energie sottili
creatrice che originano i corpi fisici
Forme fisiche

Coscienza umana Idee – Informazione Concretizzazione


L’uomo come microcosmo Energia delle idee

4. Nel culto greco, l’arcobaleno era associato a Ermes, il messaggero degli dei, corri-
spondente al dio latino Mercurio. Il pianeta da cui deriva il simbolo dell’esagramma, da
esso disegnato in 22 cicli sinodici, 7 volte in 7 anni, a chiusura del tracciato. (22/7≈π!)

16
Questi stessi tre principi unitari si possono cogliere in ogni cosa.

La luce è una particella e un’onda al tempo stesso,


un quanto specificato da una lunghezza d’onda.
La genesi di ogni forma manifesta.

L’informazione (l’idea) si manifesta nella forma d’onda e dalla forma d’onda si risale
all’informazione. Ad esempio, il colore blu, proveniente da una fonte di luce, è dato da
tre onde consecutive (nell’unità di tempo) e dalle tre onde si risale al colore blu.
Essenzialmente, dunque, l’informazione è energia espressa in una forma d’onda.

“Trino con una sola luce.”


Incisione del 1702.

– Pitagora affermava che tutto è numero e che esso permea delle sue virtù tutte le cose.
In questo senso, ai numeri possono corrispondere i seguenti significati simbolici:

17
L’uno è la Monade, il punto, il cerchio; è l’unità, la misura e l’origine di tutti i numeri;
è Dio, il creatore delle innumerevoli cose, a cui corrisponde, su piani differenti,
l’anima, il sole e il cuore. Dall’uno discende il due, la Diade, l’uguaglianza e la
giustizia, l’equilibrio, la linea, l’uomo rispetto a Dio; il principio della dualità, la
materia, l’esperienza terrena, la divisione e dunque la discordia; la polarità: sole-luna,
donna-uomo, cuore-cervello, yin-yang. A questi segue il tre, la Triade, il triangolo, il
ternario come sintesi di ogni composto, il risolutore del due. Secondo un’antica e
universale concezione religiosa, il mondo è il risultato della tripartizione data da: cielo
(sole), terra e ciò che media tra questi due principi. Il cielo rappresenta il principio
creatore, la terra il grembo, la materia, mentre in posizione intermedia si colloca la luce,
il soffio, il principio vitale e fecondatore che permea e anima la materia. Proseguendo,
con il quattro, la Tetrade, abbiamo il quadrato, il solido, l’universo fisico e dunque la
terra, la strutturazione della realtà (i quattro elementi, le direzioni cardinali, le
stagioni…), il sapere esperienziale. Il cinque è il pentagono o la stella a cinque punte, in
cui è insita la proporzione aurea; i solidi platonici; è il principio vivente e dinamico
della natura, la bellezza, la crescita. Il sei è l’esagono o la stella a sei punte, è lo schema
base della creazione (i sei giorni della Genesi), il rapporto tra cielo e terra, l’armonia,
l’amore, il numero perfetto (6 è pari alla somma e al prodotto dei suoi divisori: 1,2 e 3).
Il sette è la Genesi (6+1), la creazione più Dio, i cicli periodici di crescita e di sviluppo
nella natura e dell’uomo (la settimana e le quattro fasi lunari di pari durata, il settennio,
la scala musicale…); la perfezione che partecipa della duplice natura spirituale e
materiale (triangolo più quadrato), l’ascesa spirituale attraverso le sette sfere planetarie
o sette gradi, i rami dell’albero mistico, le sette virtù, il ciclo compiuto. L’otto è
l’ottagono (la figura intermedia tra il cerchio e il quadrato), l’equilibrio cosmico, la
concretezza, la struttura, la manifestazione, l’ottava che conclude (e da cui riparte) il
ciclo del sette; l’ottavo cielo, quello delle stelle fisse, o gli otto cieli visibili. Il nove (32)
è il completamento, la fine di una fase, come i mesi di gestazione o la realizzazione del
cammino spirituale dell’uomo (4+2+3: animale, duale, trinitario); è il quadrato magico;
le nove sfere celesti mobili che emanano o conducono all’uno/dieci (10=1+0=1).
– Nella concezione trinitaria cristiana, Dio è uno, assoluto, ma in tre differenti aspetti o
Persone: il Padre (il Principio creatore) il Figlio (l’espressione terrena e, su un piano
differente, il Logos) e lo Spirito Santo (l’intelligenza e l’amore universale).
– Quando un frammento di un’immagine olografica è posto nelle giuste condizioni di
illuminazione rivela in sé l’intera immagine da cui origina, come qui esemplificato
graficamente; da cui, la parte contiene in se olograficamente l’intero. Vd. nota a p. 12.

Particolare ingrandito del ritaglio dell’ologramma


e ottenimento, da questo, dell’immagine originale.

18
I colori
Ciò che noi percepiamo come luce bianca è dato dalla presenza, nella
luce stessa, di tante diverse componenti luminose, le quali, quando sono
colte separatamente, ci danno, ciascuna, la sensazione di un colore
differente. I colori principali che possiamo osservare nell’iride o
arcobaleno sono cinque: il rosso, il giallo, il verde, l’azzurro e il blu.
Attraverso la miscelazione di questi possiamo ottenere altri colori
presenti nell’iride, come l’arancione e il violetto, e altri non presenti,
come il viola, il quale è dato da una mescolanza di rosso e di blu1.

Se aggiungiamo il viola ai cinque colori sopra elencati, questo funge da


anello di congiunzione in una raffigurazione circolare degli stessi, così
da ottenere la classica ruota dei colori.

1. Il viola non va confuso con il violetto in quanto solo quest’ultimo è compreso


nell’iride come colore puro. Il viola, come colore puro, non è presente nell’estremità
violetta dell’iride perché i nostri occhi non riescono a cogliere le componenti della luce
oltre una certa soglia (frequenza), anche se si può presumere che ne sia la naturale
continuazione (natura non facit saltus). L’iride, infatti, non è completa: ogni colore in
essa ha il suo complementare, tranne il verde. Il complementare del verde è appunto il
viola. Un colore, in ogni modo, per noi percepibile come composto di rosso e di blu, i
colori dell’iride per noi visibili. Questo, probabilmente, è il motivo per cui il viola viene
considerato un colore spirituale, d’unione tra terra e cielo: perché per poterlo percepire
direttamente come colore puro dovremmo poter andare oltre la soglia della fisicità.
19
Un fenomeno fondamentale nella percezione del colore, denominato
sintesi additiva, consiste nella proprietà del nostro sistema visivo di
cogliere più luci colorate, miscelate tra loro, attraverso un’unica
sensazione che può essere, a seconda dei colori utilizzati, un colore
intermedio tra questi oppure il bianco. Mentre, se a essere combinati tra
loro sono dei colori materiali (coloranti oppure filtri ottici), questi,
assorbendo varie componenti cromatiche da una fonte di illuminazione
bianca, anziché sommare luce alla luce, come nel caso precedente,
sottraggono luce alla luce e il risultato è un colore intermedio oppure il
nero; fenomeno quest’ultimo denominato sintesi sottrattiva.
La percezione del colore risponde quindi a due fenomeni correlati tra
loro: la sintesi additiva e la sintesi sottrattiva. La prima è data dalla
fusione in un’unica soluzione di tutte le diverse componenti luminose
che vengono colte dai nostri occhi; l’altra è data dall’interazione della
luce con i fenomeni di assorbimento della materia, prima che la luce
arrivi ai nostri occhi.

L’immagine illustra due fasci di luce bianca (L) che si “colorano” (C) attraversando due
filtri colorati (F) tramite il fenomeno dell’assorbimento (sintesi sottrattiva); infine,
queste luci colorate (C) convergono su una stessa superficie miscelandosi tra loro e
ricostituendo, in questo caso, la luce bianca (sintesi additiva).

Il colore, in questo senso, può essere inteso, a un tempo, come una


“semiombra” o una “semiluce”; oppure come un’ombra o una luce
parziale o, secondo la definizione di Goethe, come un “valore
d’ombra”: ovvero, luce rispetto all’ombra e ombra rispetto alla luce.
Semiluce che può dar luogo a un’ombra completa se ulteriormente
filtrata, oppure a una luce piena se sommata a un’altra semiluce.

20
Queste altre due immagini illustrano invece di lato e di fronte (in controluce) un caso di
oscuramento totale (nero) della luce bianca attraverso due filtri complementari
sovrapposti (sintesi sottrattiva), oltre alla colorazione della stessa, come già visto.

Si potrebbe anche dire che “il colore nasce dal bianco e dal nero”,
ovvero, dall’interazione tra luce e oscurità (materia)2. Il rapporto
luce/oscurità costituisce idealmente un asse verticale tra l’alto e il
basso; mentre i colori che emergono da questo rapporto si possono
disporre lungo un piano orizzontale.

2. Anticamente, con Aristotele, il colore era considerato una combinazione dei colori
base bianco e nero, di luce e oscurità. A tal proposito, vale la pena di menzionare
l’effetto Fechner-Benham, che consiste in un particolare disco bianco e nero attraverso
cui si può osservare, curiosamente, la comparsa, se posto in rotazione, di vari colori.
– In casi particolari le ombre possono apparire, in modo inspiegabile, come suggestive
ombre colorate. Tale fenomeno, conosciuto comunemente come ombre colorate di
Otto von Guericke, si può ottenere facilmente proiettando sovrapposti due fasci di luce,
uno bianco e l’altro, ad esempio, rosso su una parete bianca e interponendo un oggetto
davanti al fascio rosso. Ora, anziché ottenere un’ombra bianca proiettata dall’oggetto
su uno sfondo rosa (luci rossa + bianca), se ne ottiene, inaspettatamente, una azzurra
cioè il colore complementare del rosso (rosa).
21
Le immagini sotto raffigurano delle ruote cromatiche divise in due, in
tre, in sei e in dodici parti. In questo caso le divisioni sono state fatte in
base ai colori principali, di cui abbiamo già parlato, ma potremmo
scegliere quelli che vogliamo, con un numero di divisioni qualunque.

Nella divisione in due parti (a), ciascuna gamma cromatica


(semicircolare), nel momento in cui i rispettivi colori vengono fusi
additivamente insieme, ci dà la sensazione di un unico colore
intermedio: nel primo esempio abbiamo il rosso (viola + rosso + giallo)
e l’azzurro (blu + azzurro + verde); nel secondo esempio il giallo (rosso
+ giallo + verde) e il blu (viola + blu + azzurro). I colori in coppia così
ottenuti, a loro volta, possono essere miscelati tra loro additivamente
come luci ottenendo il bianco (1/2 + 1/2 = 1); oppure sovrapposti
sottrattivamente come filtri ottenendo il nero (1/2 – 1/2 = 0).
I colori che, combinati insieme, come il giallo e il blu, ci danno questi
risultati sono chiamati colori complementari.

b c

22
Il rapporto complementare o polare è il primo e fondamentale rapporto
tra i colori, il quale non genera nuovi colori ma sfumature degli stessi
che si risolvono per gradi nella pienezza della luce o nella vacuità del
buio; un po’ come avviene nel rapporto tra il bianco e il nero attraverso
i vari livelli di grigio, come illustrato nell’immagine che segue.

Per poter creare nuovi colori, i colori di partenza devono assumere nella
ruota posizioni relative differenti tra loro: il numero minimo di questi e
la loro disposizione, per ottenere il maggior numero di altri colori
attraverso la loro combinazione, sono indicati dalla terza immagine (b),
quella con la ruota divisa per tre. Dove, in questo caso, abbiamo tre
gamme cromatiche che ci danno il rosso, il verde e il blu. Tre, dunque,
è il numero minimo di colori, combinati a due o a tre, necessari per
produrre tutti gli altri (ad esempio, il rosso più il verde, in additiva, dà il
giallo); e questo può essere considerato il secondo importante rapporto
tra i colori, disposti idealmente ai vertici di un triangolo equilatero,
secondo il rapporto triadico o cromatico. Anche questi tre, se combinati
insieme, possono dare il bianco o il nero.

Nelle ultime immagini (c), ossia quelle con le ruote divise in sei e in
dodici parti, si arriva a una sempre maggiore specificazione del colore,
alla quale corrisponde una minore ampiezza dell’arco della gamma
cromatica sottostante. Anche tra questi colori sussistono rapporti
complementari e triadici ma dalle differenti ampiezze e composizioni
cromatiche. Questo significa che nelle somme di luci colorate

23
complementari non si ottiene un bianco pieno ma un bianco costituito
da un ridotto spettro cromatico, ovvero un bianco relativamente meno
intenso, più “grigiastro”; parimenti nelle azioni sottrattive dei colori
materiali si hanno vari livelli di grigio anziché il nero.
Nelle immagini che seguono abbiamo alcuni esempi di somme o
sottrazioni di colori attraverso i rapporti complementari (o polari) e
quelli triadici (o cromatici); in quest’ultimi le combinazioni base.
Rapporti tra i colori, lo ricordiamo, altrimenti espressi come additivo
(verso la luce) o sottrattivo (verso l’ombra).

Colori-luce Colori-filtri

Si noti, infine, che quando si parla di “purezza” del colore, in senso


tecnico quanto più il colore tende verso la specificazione, ovvero
quanto meno è mescolato con altri colori, più è puro (come i colori
della ruota, vista in precedenza, divisa in dodici parti piuttosto che in
tre o due); in senso spirituale, invece, con purezza si intende il colore
bianco che rappresenta, al contrario, il colore meno specifico, cioè la
somma equilibrata di tutti i colori o, essenzialmente, l’equilibrio degli
opposti complementari.

24
I difetti della luce
sono i pregi dei colori.

Si rimanda alla seconda parte del libro per un approfondimento sul


tema del colore, qui introdotto solo nei lineamenti base utili alla
chiarezza del testo.

Ruota cromatica con esagramma indicante i sei


principali colori secondo i rapporti polari e triadici.

L’esagramma sopra, raffigurante la disposizione triadica dei colori additivi e sottrattivi,


rimanda alla nota Stella a sei punte: simbolo universale di equilibrio tra l’alto e il basso,
lo spirito e la materia, e della congiunzione tra l’uomo e Dio. Una stella che richiama a
sua volta il simbolo, diffuso in tutto il mondo, del Fiore a sei petali e il simbolismo
della Genesi e della scala musicale. Scala rappresentata dall’ottava, ovvero da una serie
di sei note comprese tra una prima e un’ottava nota, riconducibile a un’unica nota. Una
nota base che racchiude in sé (come suoni armonici concomitanti) tutte le note della
scala, così come la luce racchiude in sé tutti i colori. Una nota (implicita) alla quale
corrisponde uno stato iniziale, un ante creationem mundi, seguito dai sei giorni, note o
colori, della creazione (ovvero, lo schiudersi della potenza in atto) e uno stato finale, un
post creationem, il giorno del compimento e del riposo (che richiama ancora la nota
fondamentale, di conclusione e riposo, della scala).

– Nelle pagine che seguono, i termini sintesi sottrattiva e sintesi additiva, qui illustrati e
specifici della scienza del colore, saranno utilizzati, estendendone così l’ambito di
utilizzo, in nuove espressioni come: modalità sottrattiva, in additiva, sottrattività, ecc.

25
26
L’armonia nell’unità
Il colore, al di là delle apparenze, non esiste materialmente in natura,
non è una caratteristica fisica oggettiva, una sostanza, ma è una
costruzione mentale generata in noi dalla percezione di differenti
stimoli luminosi. Spingendoci oltre, ogni espressione del nostro mondo
fisico, in fondo, non è che una rappresentazione generata dai nostri
sensi e dai nostri schemi mentali, i quali pertanto non colgono la vastità
di tutto ciò che si cela dietro1. Sappiamo, infatti, che le infinite forme
materiali nell’universo sono costituite da poche decine di diversi
elementi chimici, e questi, a loro volta, sono formati da pochi
costituenti comuni considerabili come le prime forme di energia
condensata2. Tutto è, appunto, energia. Ma l’energia non si esprime alla
cieca, segue invece uno schema, un pensiero che origina da ciò che
possiamo chiamare Anima Universale. Tutto ciò che è fisico è
transitorio mentre l’energia, in perenne trasformazione, è eterna.

Nel Sutra del Cuore buddista si legge “la forma è vuoto, il vuoto è
forma”; mentre nella Tavola di Smeraldo di Ermete Trismegisto c’è
scritto “come in alto, così in basso e come in basso, così in alto”.

Così il colore, in fondo, tutt’altro che inesistente, si esprime nella nostra


realtà fisica, tramite le sue caratteristiche proprietà, come un qualcosa
che proviene da modelli invisibili: perché, tutto ciò che sta in basso, nel
mondo fisico, riflette ciò che sta in alto, nel mondo dell’anima, e dove
basso e alto, forma e vuoto, in realtà, sono un’unica cosa.

1. Un tema fondamentale della filosofia indiana verte intorno all’illusione della maya e
alla creazione del mondo mediante il sacrificio che Dio fa di se stesso. Questa
creazione è chiamata Lila “il gioco di Dio” e l’universo ne rappresenta lo scenario. In
questo contesto, la parola maya, il cui significato originario è potere creatore, sta a
indicare lo stato mentale illusorio dato da sette veli, “i colori dell’iride”, attraverso cui
l’uomo si rapporta con il mondo fisico. Mondo sì reale ma non limitato come ci appare.
2. Secondo la Teoria delle Stringhe (Corde), la moderna “teoria del tutto”, i costituenti
fondamentali della materia non sarebbero composti da particelle puntiformi ma da
strutture estremamente piccole (miliardi di volte più piccole dei nuclei atomici)
paragonabili a delle corde di energia vibranti, aperte o chiuse ad anello. Corde uguali
che, come note musicali, a seconda della loro frequenza di vibrazione, darebbero
origine ai differenti tipi di particelle elementari come i quark, gli elettroni e i fotoni.
A ordini di grandezza diametralmente opposti ci sarebbero invece le stringhe cosmiche.
27
Nell’universo, l’energia sottile è una forza onnipresente che tutto
permea, da cui tutto origina e a cui tutto ritorna. Essa è una forza
dinamica che può essere rappresentata attraverso l’immagine di
un’onda, con il suo ciclico flusso e riflusso, oppure con una spirale.

L’energia sottile può essere simboleggiata da una spirale. Tra i diversi tipi di spirale,
quella logaritmica e, in particolar modo, quella aurea sono considerate tra le più belle.
Questa si può realizzare attraverso una serie di rettangoli aurei (uno all’interno
dell’altro) i cui lati, maggiore e minore, stanno tra loro secondo il rapporto o sezione
aurea; la quale corrisponde, per definizione, a quella parte di un segmento che è media
proporzionale tra l’intero segmento e la parte restante; o, all’intero che sta alla parte
maggiore come la parte maggiore sta a quella minore: 1,618:1=1:0,618; e dove 1,618
(ϕ) = (√5+1)/2. La spirale aurea è riconducibile alle figure frattali (frazione di un tutto),
ovvero a quelle figure geometriche (presenti in molte forme in natura: cristalli, felci,
ecc.) in cui un motivo identico si ripete su scale diverse. (Si cfr. con l’ologramma.)

Nel disegno che segue, che chiamiamo “Aur”, due spirali logaritmiche
accoppiate simbolizzano “l’uovo micro-macrocosmico”. In esso si
scorgono, in uno stato embrionale, le due forze primordiali all’origine
di ogni cosa nell’universo3.
3. La genesi dell’universo da un uovo primordiale compare in molti miti di diverse
civiltà. L’uovo, infatti, simbolizza la totalità contenuta in germe, la nascita di una nuova
vita, ma anche la rinascita del ciclo vitale della natura o la fonte della vita.
28
Aur è realizzato attraverso il rapporto aureo (da cui il nome). Tale
rapporto, così denominato durante il Rinascimento per via della sua
bellezza, quella che origina dall’armonia proporzionale delle forme, è
conosciuto fin dai tempi più antichi. I Greci, ad esempio, lo utilizzarono
nella loro arte scultorea e in architettura. Noto anche come numero
aureo “Phi” (ϕ = 1,618), esso è presente in molti aspetti della natura,
come nelle proporzioni di molti organismi viventi, uomo compreso, e
nella particolare forma a spirale della conchiglia del nautilo e delle
immense galassie; forma a cui si ispira il disegno di Aur.
Nell’immagine, i colori bianco e nero esprimono il rapporto polare
fondamentale tra luce e oscurità, energia e materia, fuoco e acqua…
Come si può notare, le due parti si compenetrano in modo complemen-
tare: l’una è il riflesso dell’altra, questo a significare che il contenuto,
l’informazione, l’idea, si esprime nel contenente, nella forma,
nell’esteriore.

29
Dal rapporto polare primordiale luce-oscurità, la creazione si dispiega
in un’infinita varietà di colori, l’insieme dei quali trova la sua migliore
rappresentazione nell’immagine della ruota cromatica.

La fondamentale rappresentazione dell’insieme dei colori è data dalla ruota.

La presente ruota dei colori ha una particolare bellezza che esprime


qualcosa che va al di là del suo normale impiego: quello nel campo
della grafica. Estrapolata dal suo contesto, eccola qui a rappresentarci
l’unione dei colori (disposti secondo l’ordine complementare, gli uni di
fronte agli altri) in una sintesi armonica degli opposti, data in
particolare dalla fusione sfumata degli stessi nella luce bianca centrale.
Quest’immagine può rappresentare simbolicamente l’anima universale
o, il suo riflesso, l’anima individuale.

La sintesi è unità nel molteplice.

***
30
Tutte le cose sono diverse e opposte,
e nel divenire ogni cosa diventa il suo contrario;
queste si raccolgono in una superiore unità,
cosicché tutto è identico, tutto è uno.

Inizio e fine coincidono nel cerchio.


Salita e discesa coincidono nella stessa strada.
Eraclito di Efeso – Liberamente tratto

In natura tutto è polare e ciclico, ogni polo è compensato dal suo polo
opposto, così come nelle stagioni, quella estiva lo è nei confronti di
quella invernale, e tutto si armonizza dinamicamente nel ritmo.
Lo stesso principio è riconoscibile nei colori attraverso la loro
complementarietà, atta a compensare e armonizzare ogni eccesso.
Questa proprietà si può facilmente constatare attraverso un particolare
fenomeno visivo conosciuto come post-immagine negativa4, attraverso
il quale, se si fissa un colore per alcune decine di secondi e quindi si
sposta lo sguardo su una superficie bianca, si può visualizzare per
qualche attimo il suo colore opposto complementare5. Tale fenomeno
rimanda alla natura additiva della vista, in quanto, attraverso la sintesi
dei colori, si esprime un principio fondamentale, quello dell’unione e
dell’armonia, di cui la luce bianca è il simbolo per eccellenza. Un
principio in cui si riflette l’essenza degli occhi, specchio dell’anima.

Se l’occhio non fosse solare,


come potremmo vedere la luce?
Se non vivesse in noi la forza propria di Dio,
come potrebbe estasiarci il divino?
J.W. Goethe

4. Il fenomeno della post-immagine positiva, invece, si può sperimentare se si fissa una


forte luce bianca o la luce del sole per qualche secondo e poi si chiudono gli occhi:
persisterà per alcuni minuti nei nostri occhi la stessa immagine o una macchia di luce.
5. Si veda anche la seconda parte del libro, a p. 183.
– Per inciso, il colore della pelle umana si può far derivare essenzialmente da due soli
colori, il rosso e il giallo, o da una miscela di questi, i colori del sole. Colore della pelle,
le cui tonalità, chiare o scure, non sono date altro che da una minore saturazione o
minore luminosità degli stessi due colori (vd. a p. 192-94). Il rosato chiaro, il rossastro
e il marrone sono accomunati dal rosso, mentre il giallastro e l’olivastro dal giallo.
I colori degli occhi, il celeste e il marrone, invece, sono complementari tra loro e
rispecchiano i colori dei principi polari cielo e terra.

31
Taiji e Bagua
Intaglio, Wellcome Museum, Londra.

– Una tra le rappresentazioni simboliche più esplicite e razionali sulla natura


complementare della realtà appartiene all’antica filosofia taoista e corrisponde al
simbolo del Taiji (Tai ch’i), ovvero alle energie basilari o principi opposti yin e yang
raffigurati all’interno di un cerchio diviso da un’onda evidenziata dal contrasto dei
colori associati ai due principi: il nero e il bianco, oppure il blu e il rosso (ombra e luce,
acqua e fuoco, femminile e maschile…). Essi sono circondati dal Bagua (Pa kua), gli
otto trigrammi, vale a dire dalle otto specificazioni o stati di trasformazione delle stesse
energie, disposti in cerchio per coppie opposte e complementari, dati dalla
combinazione dei principi yin e yang, rappresentati, secondo una differente modalità,
rispettivamente dalle linee spezzate e da quelle intere, in gruppi di tre. Nella presente
raffigurazione, denominata del cielo anteriore, o dimensione celeste, a cui si
contrappone quella del cielo posteriore, o dimensione fenomenica terrena (con una
differente disposizione circolare dei trigrammi), dall’alto in senso orario, abbiamo:
cielo, vento, acqua, monte, terra, tuono, fuoco e lago. Tra il Taiji e il Bagua si inserisce,
inoltre, la teoria dei cinque elementi: legno, fuoco, terra, metallo e acqua. Ai quali, per
la legge delle rispondenze, corrispondono nell’ordine i seguenti organi/emozioni:
fegato/ira, cuore/gioia, milza/pensiero, polmoni/tristezza e reni/paura.
Cfr. il Timeo di Platone (34-36); opera che tratta dell’Anima del mondo, la quale
assume la forma di due cerchi: la natura dell’Identico e la natura del Diverso, dei quali
il secondo (il piano dell’eclittica con i moti dei pianeti del sistema solare), interno e
inclinato rispetto al primo (l’equatore celeste con la sua sfera delle “stelle fisse” imper-
niata nell’asse del mondo), così da formare una “X”, rappresenta il mondo manifesto.

32
I colori dell’anima
L’arazzo della vita
L’angel di Dio… trasse due chiavi.
L’una era d’oro e l’altra era d’argento…
Più cara è l’una, ma l’altra vuol troppa
D’arte e d’ingegno avanti che diserri,
Perch’ella è quella che ‘l nodo disgroppa.
Dante, Purgatorio, IX, 104-26*

L’uomo è un essere dotato di coscienza. Questa coscienza però,


generalmente, non si esprime al massimo delle sue potenzialità, anzi si
può considerare mediamente alquanto limitata. Tale limite, di cui
solitamente l’uomo non è consapevole, comporta, proprio per questa
ragione, ciò che potrebbe essere definita come “l’inconsapevolezza
della propria inconsapevolezza”: ovvero, più esso è inconsapevole e
meno si rende conto di esserlo.
Secondo quanto constatato dalla scienza, l’uomo non impiegherebbe
normalmente più del 10% delle proprie facoltà mentali. Il motivo di
questo è da ricondurre essenzialmente alla sua piena identificazione con
la propria realtà psico-fisica, con il proprio particolare “colore”; mentre,
diametralmente, ciò che amplierebbe le sue facoltà mentali sarebbe da
ricondurre a una parte complementare e misteriosa di sé: la luce
interiore.

La mente umana per sua natura tende a essere sottrattiva. In particolare,


nella nostra realtà materiale, il pensiero cosciente è dato attraverso la
mediazione di un’attività cerebrale che è di natura fisica; questa fisicità
espressa dal corpo induce e rafforza in noi l’illusorio senso di separa-
zione da ciò che ci circonda, il mondo esterno. Questa separazione crea
dunque la nostra ignoranza nei confronti della realtà e di conseguenza il
caratteristico processo conoscitivo di analisi della nostra mente
razionale (dal latino ratio: “calcolo”, “ragione”) che tutto indaga,
analizza, separa, classifica e giudica.
L’ego non coincide con il corpo fisico, o perlomeno non nell’essenza,
ma è un corpo di energia mentale ed emozionale, cioè psichica, che si
identifica, per via delle apparenze, con il corpo fisico, ovvero con la
realtà materiale.

* Le chiavi d’oro e d’argento si riferiscono all’azione sul cuore e sulla mente dell’uomo
o alle “chiavi della conoscenza” che aprono la “porta celeste” (cfr. V. di Luca 11,52).

33
L’anima è rappresentata al centro attraverso la ruota cromatica
mentre le energie che la racchiudono ne definiscono l’individualità:
1° Vitale/Fisico, 2° Emozionale e 3° Mentale.

Ogni anima, simbolizzata da una ruota cromatica, si specifica e


corporizza selezionando ciascuna un proprio determinato colore, un
proprio raggio di luce. In questo modo le singole anime, a un tempo
un’unica anima, si individualizzano rivestendosi di una propria capacità
di pensare, provare emozioni, sensazioni e di agire con una distinta
volontà. Ciascuna con il proprio scopo. È questo che permette
all’universo e alla vita di esistere, in quanto infinita varietà di
espressioni del creato. Riprenderemo più avanti questo discorso.

Ogni personalità può essere rappresentata essenzialmente attraverso un diverso colore


che la caratterizza. Anima ed ego rappresentano i due poli fondamentali dell’uomo.

34
Le persone possono interagire tra loro in maniera
analoga a quanto avviene con i colori.

Ognuno di noi vive i propri limiti attraverso la propria storia personale.


La realtà duale o relativa fa di noi persone che credono, pensano,
agiscono e vivono in un modo piuttosto che in un altro. Ci
differenziamo in base al sesso, alla personalità, alle idee, ai gusti
personali e alle esperienze vissute. E così possiamo essere persone
tendenzialmente dinamiche o statiche, cerebrali o emozionali, loquaci o
taciturne, allegre o malinconiche. Questo elenco, chiaramente, potrebbe
estendersi all’infinito, anche se tutto è fondamentalmente riconducibile
a poche tipologie caratteriali di base. Noi possiamo quindi essere questo
o quello ma mai tutto insieme. Questa condizione parziale ha la sua
ragione di essere, naturalmente, in quanto è quella che rende la vita
diversificata e colorata e che assegna a ciascuno di noi il proprio posto
e scopo nel mondo. Così come una parte di un tutto o come una cellula
di un unico grande organismo vivente.
Il problema, però, è che in questa parzialità ci siamo talmente
identificati da aver perso la visione d’insieme della realtà e il senso di
unione e di armonia con il tutto.
Quanto detto, si può illustrare partendo da una semplice analogia, la
quale riflette una diffusa metafora, frammento di un sapere dimenticato.
Ogni nostro modo d’essere equivale a una certa colorazione, la quale
può essere rappresentata nella ruota dei colori da un raggio di questa.
Tutti i colori sono presenti in noi ma alcuni sono più intensi e forti di
altri, e sono questi quelli che ci caratterizzano, donandoci la nostra
colorazione dominante.
Nell’immagine che segue abbiamo un cerchio dei colori diviso in
dodici parti, a ciascuna delle quali, o a una combinazione di queste, si
può far corrispondere un particolare modo d’essere.
35
Ognuno di noi ha un carattere e una natura che può essere rappresentata
attraverso uno o più colori. Ricordiamo che tutto è energia, così come i
nostri modi d’essere, riconducibili ora alle differenti energie dei diversi
colori1. Per cui, come questi possono essere miscelati tra loro
producendo nuove tonalità, così i nostri pensieri, consci o meno, le loro
energie possono interagire con altre parti di noi stessi, con altri esseri e
con tutto ciò che ci circonda producendo nuovi effetti. Ovviamente in
questa dimensione non sono più i nostri occhi a percepire le reazioni di
dette energie ma il nostro essere attraverso le sensazioni, le emozioni, i
pensieri o, indirettamente, attraverso lo svolgersi delle situazioni.
Il pensiero o l’atteggiamento mentale non è un fenomeno circoscritto e
delimitato nella testa di ciascun uomo, ma come un’onda radio viaggia
nello spazio, come una luce colorata tinge tutto intorno a sé.
Questa realtà può essere raffigurata attraverso un’immagine classica
della filosofia orientale: quella di un arazzo, i cui ordito e trama, disegni
e colori sono realizzati attraverso i fili delle energie individuali e quelle
dell’universo che si intrecciano e si combinano in un unico immenso e
complesso gioco di cause ed effetti.
Nella suddetta analogia si rispecchia anche un’importante acquisizione
della fisica quantistica, ovvero quella di aver riconosciuto la fondamen-
tale unità tra l’osservatore e la cosa osservata. Il che significa, in
sintesi, che nella nostra realtà, in cui ogni cosa appare separata l’una
dall’altra, esiste invece un sottile collegamento, un’interazione che

1. Lo sviluppo di ogni individuo, l’armonica espressione delle sue qualità basilari:


mentali, emotive e fisiche – un bilanciato spettro cromatico – e lo scopo di una vita, è
determinato dai dettami e i disegni dell’anima; dall’eredità spirituale delle vite passate;
dagli influssi astrali al momento della nascita (essenzialmente del sole, della luna e
dell’ascendente); dall’eredità genetica; dall’impronta ricevuta durante il periodo
prenatale, sereno o sofferto, dalla nascita, con parto dolce o “normale”, seguita o meno
dall’allattamento; dall’influenza dei genitori, la loro energia: di amore e armonia o
legata alle problematiche dell’ego; il tipo di nutrizione, le cure, l’educazione, eccetera.

36
avviene nell’intimità della materia, al livello dell’atomo e che, per
questa ragione, qualunque evento può presentarsi in maniera differente
a seconda del modo o dell’atteggiamento con cui ci si relaziona a esso.

I nostri modi d’essere, e i rapporti interpersonali, possono essere


dunque interpretati attraverso l’analogia con i colori, in particolare
attraverso le modalità additiva e sottrattiva; modalità le quali
rispecchiano la nostra capacità di indirizzarci verso la luce o verso
l’ombra e, conseguentemente, di interpretare e dare un relativo
significato alla realtà che ci circonda.

– In additiva si va verso la luce, la crescita, la comprensione, l’armonia,


la creatività…
– In sottrattiva verso l’ombra, la limitazione, l’incomprensione, la
chiusura mentale…

I rapporti tonale o per affinità (tra colori simili), polare (tra colori
complementari) e cromatico (variabile tra le due modalità precedenti),
in additiva (luci) e in sottrattiva (filtri) possono rappresentare le
situazioni di base nelle relazioni interpersonali o nei processi psichici.

Vediamo alcuni semplici esempi in ambito interpersonale.

37
In un rapporto tipicamente di amicizia o sentimentale, due persone
affini come carattere, idee e interessi possono essere rappresentate da
uno stesso colore. Esse tendono a capirsi e a relazionarsi piuttosto bene,
trovando in questo forza e sostegno reciproco, in particolare in additiva.

Si tenga conto, in generale, che in additiva le energie si sommano


(maggiore luce), quindi i contributi di ognuno tendono ad arricchire
l’altro, mentre in sottrattiva le energie vengono sottratte dai filtri
mentali dati dalle differenti opinioni e credenze (minore luce).
Quando due persone sono molto simili tra loro (colori tonali) queste
vanno d’accordo, c’è una buona intesa ma mancano di originali contri-
buti, per cui la tendenza è verso un’omogeneità delle esperienze e degli
interessi condivisi e, al tempo stesso, se in sottrattiva, verso una chiu-
sura o un’indifferenza nei confronti di tutto ciò che è diverso da loro.

Infatti, in sottrattiva, una “persona gialla” filtra, attraverso l’interazione,


una “persona blu” (colori polari) trovando il rapporto noioso o poco
interessante. Stessa cosa, se la persona blu si pone ugualmente come
filtro nei confronti di quella gialla, per ignoranza, pregiudizi o rigidità
mentale; così come nel caso di due persone che non si ascoltano e
ognuna vuole imporre il proprio punto di vista all’altra. La sensazione è
quella di non capirsi reciprocamente, perché si crea come un
38
“buio comunicativo”; buio che può presentarsi sostanzialmente sotto
differenti forme, come l’indifferenza, l’antipatia, l’odio o la paura.

Se invece abbiamo un rapporto cromatico (di cui il più rappresentativo,


tra quello tonale e quello polare, è quello triadico), dall’interazione di
questi colori se ne ottengono di nuovi. In sottrattiva, attraverso
l’interazione, ad esempio, di giallo e azzurro si ottiene il verde; questo,
essendo il risultato di una differenza di energie data dai filtri caratteriali
di ciascuno, può significare in pratica che nel rapporto tra due persone
ci possono essere solo limitati punti in comune, il verde, anche se non
necessariamente condivisi, come nella rivalità; e invece una possibile
incompatibilità in generale (meno luce).

Se il rapporto è in additiva, ad esempio tra rosso e verde, abbiamo


invece una somma delle due energie che crea qualcosa di nuovo, il
giallo, che le comprende entrambe elevandole (più luce). In pratica, può
rappresentare un fertile rapporto creativo e di crescita tra due persone
dal punto di vista sentimentale, di amicizia o professionale: ognuno
impara, fa proprio qualcosa dell’altro, vede attraverso gli occhi
dell’altro. Questo a condizione che tra le due persone ci sia una buona
armonia. È questa la differenza tra le menti chiuse e le menti aperte: nel
primo caso il giallo non vede veramente l’azzurro, cioè non può
comprenderlo pienamente e viceversa; ma trovano tra loro solo un
ristretto punto di contatto; nel secondo caso, il rosso e il verde, pur nella

39
diversità, si comprendono per quello che sono, potendo proprio per
questo produrre qualcosa di nuovo e di più ampio per entrambi.

Oppure, due persone, sempre gialla e blu, in un primo momento


possono interagire in additiva e, apportando ciascuna quello che manca
all’altra – un modo d’essere e di vedere opposti – completarsi
creativamente in maniera anche molto intensa: condizione rappresentata
dalla luce bianca. Questo può succedere, in particolare, durante l’in-
namoramento, quando due persone arrivano a comprendersi a fondo.
Col tempo però, per differenti motivi, queste finiscono generalmente
per scivolare nella modalità sottrattiva e, non riuscendo più a mantenere
o ricreare lo stato luminoso iniziale, non comprendendosi più, arrivano
a scontrarsi e, infine, a lasciarsi. A meno che lo stato nascente
dell’amore non riesca a evolvere e a consolidarsi; oppure, al contrario,
non si sviluppino dei meccanismi di dipendenza. È difficile, infatti,
coltivare un rapporto tra elementi opposti quando entrambi inter-
agiscono in sottrattiva e non hanno nessun punto in comune.

Essere sottrattivi significa avere una visione limitata della realtà: è il


rigido punto di vista che ci rende indifferenti, intolleranti o incapaci di
comprendere veramente ciò che ci circonda. Essere additivi, invece,
vuole dire essere sensibili e ricettivi nei confronti di ciò che è diverso
da noi: è una disposizione a sentire, a comprendere e a sommare in sé
nuove espressioni illuminanti che accrescano la nostra consapevolezza.

Essenzialmente, il filtro costituito dalla nostra personale visione della


realtà ci rende impossibile una reale comprensione del mondo, qui
simbolizzato dalla luce bianca; infatti, di quest’ultima, possiamo
cogliere solamente quegli aspetti in qualche modo affini alla nostra
visione personale, mentre siamo insensibili agli altri.

40
Ogni coscienza (sopra raffigurata al centro attraverso i filtri blu e rosso, rispettivamente
nella prima e seconda immagine) può generalmente cogliere dalla realtà solo quegli
aspetti a essa affini (le relative luci blu o rossa) o gli stessi singoli aspetti mediante
un’azione di filtraggio da aspetti più complessi, o dalla realtà (le luci bianche), mentre è
opaca o impermeabile verso gli aspetti a essa opposti o contrari (le luci rossa o blu).

Interazioni base, in additiva e in sottrattiva, tra differenti “colori-personalità”.

Le persone spesso non si trovano d’accordo circa le percezioni o le


opinioni sulla realtà per via dei propri filtri mentali. Ad esempio, nella
figura sopra, relativa alle interazioni in sottrattiva tra colori-personalità,
una persona azzurra percepisce una gialla come verde che, invece, è
percepita da una viola come rossa. Nemmeno il bianco (lo sfondo), la
realtà è riconosciuta come tale.
41
Sempre la verità degli esseri è nella nostra anima.
Platone, Menone.

Parafrasando il mito della caverna di Platone2, se per ipotesi in un


gruppo isolato di persone alcune indossassero incessantemente e per
lungo tempo degli occhiali con lenti blu, queste finirebbero per trovare
normale vedere tutto blu (anzi, probabilmente ne perderebbero la
consapevolezza); stessa cosa per chi osservasse invece attraverso lenti
rosse, verdi o gialle. Così, nell’esprimere le proprie opinioni sulla
visione del mondo, ciascuna di queste persone, con lenti differenti,
avrebbe ragione dal proprio punto di vista ma, nel confronto, non
capirebbe o non si troverebbe d’accordo con le altre. A meno che
queste non si ricordassero di togliersi gli occhiali.

***
Come un arazzo vivente, l’universo è composto
da infiniti fili colorati intrecciati tra loro
che creano insieme sempre nuovi disegni e colori…

…una matrice3 psico-energetica che si colora, illumina o scurisce a


seconda delle idee, dei modi d’essere e degli stati d’animo individuali e
collettivi; una matrice (mente cosmica/umana) dalla quale origina la
realtà manifesta, e in cui ognuno tesse la storia della propria vita.

Si propone la presente immagine simbolica, in una grafica stilizzata,


tramite la Matrice dei Colori, la tavolozza attraverso cui si esprime la
policromaticità del mondo.
Nella seguente matrice – la Color Matrix – si distinguono le modalità
additiva e sottrattiva (rispettivamente nella metà triangolare superiore
destra e inferiore sinistra) attraverso le combinazioni dei sei principali
colori (rosso, giallo, verde, azzurro, blu e viola) disposti secondo una
doppia serie di bande incrociate verticali e orizzontali che danno luogo
a trentasei miscele o sfumature cromatiche o, simbolicamente, a
trentasei possibili modi d’essere o situazioni base della realtà.

2. Il mito della caverna (Repubblica, VII) illustra l’importanza di liberarsi dalle catene
del mondo illusorio della realtà sensibile, delle “ombre” (mentali), per giungere a quello
della realtà intelligibile, vale a dire il mondo della luce (spirituale) e della verità.
3. Matrice, dal latino matrix: genitrice, utero, matrice, fonte, origine.

42
43
Noi siamo luci e filtri allo stesso tempo: influenziamo, “colorandolo”,
l’ambiente con la nostra presenza e l’ambiente “colora” noi; quindi lo
interpretiamo secondo il nostro punto di vista e, viceversa, veniamo
interpretati secondo altri punti di vista. Tutto questo, normalmente,
avviene soprattutto in maniera inconscia. Ogni pensiero, quindi, ogni
atteggiamento e, fondamentalmente, ogni credenza determinano la
nostra esistenza, la nostra realtà.
Sono pertanto due le modalità funzionali basilari della nostra mente:
quella secondo il principio di separazione (ombra/sottrattivo) e secondo
il principio di unione (luce/additivo). A questi due principi e alle loro
varie combinazioni, nello specifico, corrispondono tutta una serie di
modi di essere e atteggiamenti che caratterizzano la nostra natura.
Al principio di separazione corrisponde l’identificazione nel nostro ego,
dunque nel nostro mondo separato dal resto del mondo: dall’ambiente,
dalle persone e dalle cose. L’essere separati è fonte d’insicurezza e
d’ignoranza, non si conosce ciò da cui si prende le distanze e se ne ha
quindi paura (perlopiù inconscia). Dalla paura e dall’ignoranza seguono
tutta una serie di atteggiamenti e sentimenti che rinforzano in noi e
negli altri, influenzandoci a vicenda, il senso di separazione. Questi
atteggiamenti si possono tradurre in pregiudizi, disprezzo, antipatia,
senso di superiorità o d’inferiorità, indifferenza e orgoglio. A questo si
deve aggiungere, inoltre, un possibile senso di non accettazione rivolto
nei confronti di noi stessi, il quale ci divide anche interiormente.
Al principio di unione corrisponde, invece, un sentimento di armonia e
accettazione di qualunque aspetto di noi stessi e degli altri; un andare
oltre l’individualità intesa come limite. Un senso di fiducia, gratitudine
e amore per la vita – eros autentico, totale – Una gioiosa consape-
volezza per il miracolo dell’esistenza di un meraviglioso universo
intorno a noi – il sole, la luna e le stelle, i colori della terra – un atto
creativo divino di cui ci sentiamo profondamente parte.

Ma cosa significa in pratica tutto questo?


Ritorniamo nuovamente ai raggi colorati della nostra ruota cromatica di
cui abbiamo già parlato. Abbiamo visto che a ogni particolare modo
d’essere o colore corrisponde un differente tipo di energia. Esistono
innumerevoli modi d’essere, i quali costituiscono ciascuno un differente
limite della coscienza individuale, relativa e soggettiva. Quando la
nostra coscienza si fonda sull’egocentrismo, l’io separato dal tutto,

44
questa assume una forma limitante che taglia via una vasta parte di noi
corrispondente a tutti quei potenziali modi d’essere non riconosciuti.
Essenzialmente, “l’uomo si autolimita ponendo la propria attenzione sui
propri limiti”, sulla propria persona che, in quanto espressione anche di
una natura fisica, è per forza di cose circoscritta, limitata e soggetta a
errore. Diversamente potrebbe orientare la propria attenzione,
riconoscendo l’illusorietà dell’io, su ciò che va oltre la materialità, oltre
ciò che ha confini: la forza spirituale e la coscienza della propria anima,
riflesso dell’universo. Il fare proprio questo proposito, interioriz-
zandolo, determina il senso della vera etica o filosofia di vita che
riconosce che tutto è collegato, Tutto è Uno.

Energia e materia sono due aspetti differenti di una stessa unica realtà:
la Coscienza divina. Dato che tutto è energia, più ci si riconosce parte
del tutto, più si è partecipi dell’energia e della coscienza del tutto; al
contrario, più ci si lega alla propria individualità, più si limita la propria
energia e la propria coscienza. Questo, tuttavia, non significa affatto
che si deve rinunciare alla propria individualità ma semplicemente che
ci si deve collegare a una realtà, una consapevolezza superiore che può
produrre un arricchimento, un’espansione, una forza armonica, e
dunque anche una profonda accettazione, della propria persona. Una
nuova consapevolezza che, fondamentalmente, si esprime nella capacità
di interagire in maniera additiva con il mondo e non più,
principalmente, in maniera sottrattiva. Naturalmente il processo è
graduale. All’inizio è importante conoscere e fare nostre queste verità,
almeno a un livello concettuale, quindi è necessario perseguirle con
intima convinzione, a prescindere dai risultati. Il perseguire questa
verità, questa etica, è ciò che si può definire virtù, ovvero la spinta o la
forza che aiuta l’uomo a raggiungere il proprio Sé.

ETICA
Etica ed energia
armonica si
producono
reciprocamente.

ENERGIA
ARMONICA

45
Ma dove trova l’uomo il sostegno, quell’energia in più per liberarsi
dalla prigionia, i limiti e il malessere dovuti al vivere esclusivamente in
maniera egoica? Proprio nel perseguire questi principi etici, perché
come in un cerchio, etica ed energia armonica si producono a vicenda,
in un crescendo dato dalla continuità.

Riconoscere la verità significa cessare di identificarsi esclusivamente


nel proprio colore-personalità, attraverso cui viene filtrata la realtà che
ci circonda, perché il nostro è solo uno dei tanti raggi della ruota
cromatica. Ruota la cui forza sta nel possedere tutti i colori, i quali,
fondendosi armoniosamente nel centro, originano la luce pura,
principio di vita e simbolo della totalità e quindi dell’armonia più
profonda e vera. Ora, l’ego corrisponde a uno o a pochi raggi, mentre
l’anima corrisponde alla ruota completa, espressione dell’infinita,
fulgida, divina totalità.

Ouroboros in Synosius di Palecanos (1478), e in testo alchemico egizio con iscrizione


greca: ’ὲν τὸ πα̃ν (hèn tò pân) “l’uno è tutto” (Biblioteca di San Marco, Venezia).

– Tra i numerosi simboli spirituali, il cerchio è certamente tra i più importanti, antichi e
diffusi. Esso riflette il sacro principio creatore dell’universo e l’universo stesso. Ma
anche l’armonia cosmica, l’unione degli opposti, la coincidenza di inizio e fine e
l’eterna ciclicità e continuità della vita, con la sua costante mutazione, rinnovazione ed
evoluzione. Tale simbolo è stato rappresentato dall’uomo in differenti modi: graffiti,
anelli, dischi forati, ruote; o attraverso metafore e con altri significati. Uno di questi è
l’Ouroboros, il serpente che si morde la coda, simbolo unitivo e della rigenerazione.

46
Qualunque modo d’essere, qualsiasi colore che non riconosciamo o non
accettiamo in noi stessi e negli altri equivale a un precluderci una certa
relativa quota di energia: energia che ci viene a mancare e che, di fatto,
ci rende incompleti. L’essere separati dal tutto è fondamentalmente un
essere separati dall’energia; ed è la ricerca inconscia di quest’energia
all’origine dei problemi tra gli uomini. Questo, in particolar modo,
perché la si ricerca normalmente nel modo sbagliato: ovvero si ricerca
inconsapevolmente proprio quel tipo di energia che perpetua lo stato
d’essere anziché una consapevole espansione verso la completezza.
L’energia si dirige dove si posa la nostra attenzione: i nostri pensieri, le
nostre emozioni, il nostro corpo, le persone, le cose. Per cui,
generalmente, si ricerca e si riceve istintivamente energia proprio
attirando l’attenzione degli altri; quel tipo di energia che alimenta l’ego
e per la quale, di solito, si producono conflitti, rivalità e gelosie.

L’attenzione altrui alimenta l’ego.

Tanto maggiori e con più forza, quindi, sono le cose che non ricono-
sciamo negli altri e quanto più forti sono i contrasti; di conseguenza,
più forti sono le emozioni suscitate, spesso cariche di sofferenza, e
maggiori sono gli scontri energetici e i problemi che ne possono
derivare. Scontri attraverso i quali si disperde la propria energia e ci si
preclude la possibilità di acquisirne una più armonica. In questo modo,
al tempo stesso, si rinforzano quegli stati negativi di cui l’ego spesso si
nutre, perché confermano la sua realtà, l’unica che esso conosca.
Finché restiamo aggrappati ai limiti del nostro ego e all’inconsa-
pevolezza, questo stato di cose, causa dei nostri malesseri più profondi,
non può che perdurare. La vera fonte di energia non sono gli altri ma
noi stessi, la nostra anima, ovvero l’universo; e dunque anche gli altri,
ma attraverso un rapporto fluido/armonico con essi e con il tutto.

47
Un altro aspetto da considerare sulla possibile origine dell’inde-
bolimento dell’energia vitale è quello riguardante le nostre
problematiche interiori. Tra queste possiamo enumerare il pessimismo,
i sensi di colpa, la mancanza di autostima, la tristezza, il rancore.
Queste agiscono come ombre, come filtri mentali che oscurano,
soffocano o consumano la luce vitale interiore con un senso di vuoto, di
debolezza o svogliatezza che può ripercuotersi anche pesantemente
sulla salute fisica e che, nei casi peggiori, conduce alla depressione,
all’inattività e al non credere o trovare più interesse in niente. Stati
d’animo negativi, questi, che, al tempo stesso, sono favoriti non di rado
da squilibri o carenze energetiche preesistenti, per cui una cosa si
ripercuote sull’altra in un circolo vizioso4.

Ombre interiori e idee parassite corrispondono a pensieri e a stati sottrattivi che ci


privano di energia; da cui derivano pessimismo, paure, senso di inutilità, depressione,
apatia, svogliatezza, stanchezza cronica e altri disturbi.

La nostra realtà personale è il risultato di un insieme di strutture di


pensiero che coesistono in noi, quali l’educazione, le credenze, gli
interessi; e tali strutture o energie possono essere in accordo tra loro
oppure in contrasto. Queste energie devono essere coerenti tra loro
perché la nostra vita sia vissuta con forza, volontà ed efficacia.
Altrimenti, se incoerenti, la nostra energia è soffocata e dispersa.

4. Esiste una base costituzionale, più o meno equilibrata energicamente, diversa per
ogni persona, sulla quale si aggiungono poi le sovrastrutture educative, esperienziali e
culturali con cui il tutto interagisce in maniera additiva o sottrattiva e da cui, infine,
risulta ciò che siamo: persone più o meno in buone condizioni di salute, più o meno
soddisfatte di se stesse, ma pur sempre con i propri limiti. Essenzialmente si può dire
che più il nostro modo di vivere opera in modalità ombra, con minore luce o energia e
meno le parti nel nostro corpo lavorano in concerto e armoniosamente. La mente può
risultare meno lucida ed essere in preda di ansie o paure, provare un disagio o
un’insoddisfazione di fondo senza motivi apparenti, fino ad arrivare a condizioni di
profondo malessere esistenziale.

48
Ad esempio, se non ci si riconosce in un certo modello “ideale”
conforme con la famiglia, il gruppo o la società, questo può costituire
motivo di rifiuto di se stessi e quindi di sofferenza. Mentre, se in ciò
che siamo si riconosce la propria speciale unicità, questo può generare
al contrario un senso di forza e sicurezza. Naturalmente, in questo,
occorre fare attenzione a non cadere nell’errore opposto: cioè
l’esaltazione del proprio ego.
Nell’accettare se stessi e il mondo si liberano e si rendono disponibili
quote di energia interiore nascoste, in quanto, ognuno di noi è un
riflesso del macrocosmo, così tutto quello che non accettiamo nel
mondo equivale a non essere accettato in noi stessi, a livello
“olografico”, e viceversa5.

Se ciò che crediamo e desideriamo è coerente con le nostre azioni e le nostre scelte
questi stati si rinforzano (maggiore intensità) se no si indeboliscono (oscuramento).

Credere, quindi, in una cosa e farne invece un’altra in cui non si crede
non ha chiaramente grande efficacia, in quanto abbiamo un
indebolimento di forze che si sottraggono a vicenda. Ben diverso,
invece, quando le forze sono in accordo o affini e, anche se di natura
opposta, si sommano e si arricchiscono reciprocamente.

5. Poiché generalmente non si è consapevoli del nostro stato interiore, un sistema per
capire in che modo siamo strutturati a livello inconscio consiste nel coglierlo nelle cose
in cui questo si riflette: la nostra salute e il modo in cui viviamo.

49
In generale, dunque, ciò che abbassa il livello vibrazionale sono le
emozioni negative come i timori, i dubbi incessanti o le insicurezze, i
conflitti, le inibizioni, le frustrazioni e l’umore nero6; ma anche la
mancanza di veri ideali o solidi valori che ci guidino e sostengano; la
mancanza di un senso o di uno scopo nella vita, di una speranza.

Il dolore è dovuto a una carenza di luce o a un suo squilibrio.

Un’idea sottrattiva che si insinua nella mente “eclissa” una parte di essa,
mentre l’infelicità o il dolore, come una nube scura, l’avvolge nell’ombra.

È bene perciò ascoltare i propri pensieri per sentire quali ci


indeboliscono; quindi, se necessario, è opportuno controllare o
modificare le nostre credenze, idee e attività mentali o, ancora, ricorrere
al silenzio mentale per impedire che certi stati negativi si alimentino a
nostre spese. Potrebbe essere utile, in questo senso, ricorrere
naturalmente alla possibilità di relativizzare i propri punti di vista: cioè
vedere il classico bicchiere “mezzo pieno” anziché “mezzo vuoto”o , se
si preferisce, vedere la penombra come una semiluce anziché come una
semioscurità, o, semplicemente, vedere le cose in maniera positiva
anziché sottolinearne sempre gli aspetti negativi, forse solo per un
senso di realismo. Ma il vero punto di arrivo, in realtà, consiste
nell’andare oltre anche allo stesso pensiero positivo, in quanto positivo
spesso solo in senso unilaterale o egoistico, per rivolgerci invece,
secondo quanto già considerato, a ciò che si può definire come pensiero
additivo, cioè una visione luminosa, etica e armoniosa della vita.

6. L’espressione “vedere tutto nero”, riferita al mal di vivere, non è soltanto un modo di
dire ma un fatto reale, come si è potuto constatare in uno studio condotto
dall’Università di Friburgo in Germania e pubblicato dalla rivista Biological Psychiatry
(7-2010). Secondo tale ricerca, infatti, in una persona depressa la capacità di percepire
la luce e il contrasto tra i colori viene ad alterarsi, per cui l’ambiente osservato appare
sensibilmente più offuscato e incolore.

50
Un altro aspetto da considerare, è quello in relazione al fatto che a ogni
colore caratteriale corrisponde, in genere, un difetto della personalità
all’origine di un specifico problema. Per cui, secondo quanto abbiamo
potuto constatare attraverso i fenomeni di interazione tra i colori, si può
dedurre che la soluzione migliore a un problema di natura caratteriale
non consista nel contrastare detto problema ma nello sviluppare
additivamente il colore caratteriale opposto: così come, ad esempio, un
carattere irascibile viene equilibrato sviluppando la calma. Oppure,
l’avarizia e la prodigalità, il fanatismo e l’indifferenza, e altri opposti
squilibri, vengono compensati – come i piatti di una bilancia – l’uno
attraverso l’altro. Per cui ogni eccesso serve a bilanciare l’eccesso
opposto. Al contrario, se invece viene contrastato il difetto, questo
tende normalmente a riaffermarsi. Questo perché tale azione di
contrasto equivale a voler soffocare una parte di noi stessi, la quale
naturalmente tende a opporsi, così come tenderebbe a opporsi una
persona nel momento in cui si soffocasse la sua libera espressione di sé.
Ogni temperamento, pertanto, costituisce un aspetto positivo, mentre
quello negativo è dato dalla carenza delle qualità o energie degli altri
temperamenti, i quali insieme conferiscono equilibrio alla personalità.

Ogni colore è, a un tempo, forte e debole in rapporto agli altri colori.

Nella 1a immagine il colore verde viene soffocato (depressione, sensi di colpa); nella 2a
lo stesso colore viene accentuato (attenzione su di esso); nella 3a gli si oppone una forza
contraria sottrattiva (rifiuto, giudizio), anche se sotto resta comunque sempre presente;
nella 4a viene raggiunta l’armonia additiva con la qualità/energia opposta (cfr. l’antica
regola dell’agere contra, per diametrum; e il contrappasso del Purgatorio dantesco).

51
La base dell’interazione tra le persone è data dalla comunicazione e in
questa, generalmente, si riflettono i modi d’essere di ciascuno di noi7.
Nei modi d’essere, a loro volta, è possibile riconoscere la predominanza
della natura emotiva o razionale di ogni donna e di ogni uomo.
Tali nature sono in relazione coi due emisferi del cervello umano, ai
quali corrispondono differenti funzioni e proprietà. L’emisfero sinistro
è in relazione con la “mente che pensa”: razionale, logica, analitica,
caratterizzata dal pensiero lineare e temporale. L’emisfero destro è
associato, invece, alla “mente che sente”: emozionale, intuitiva, analo-
gica, creativa, capace dell’immaginazione e di una visione globale. Di
queste nature, entrambe presenti in tutti noi, spesso una prevale rispetto
all’altra. Per cui succede che, quando due persone comunicano
principalmente attraverso le proprie differenti modalità, si esprima una
bassa intesa tra le due. Il che equivale a un basso scambio di energia.

Quando invece queste comunicano secondo le reciproche modalità, si


esprime una maggiore intesa; anche se non sempre in modo... autentico.

Un gesto, una parola o l’attenzione altrui possono essere


fonte di energia quando toccano le nostre corde.

7. Nella comunicazione tra le persone si possono individuare due principali livelli di


comprensione: la comprensione verbale e quella empatica o esperienziale. La prima è
perlopiù superficiale, mentre solo la seconda, in aggiunta alla prima, permette una reale
e piena comprensione. Normalmente, si crede di capire solo perché si sono capite le
parole e i concetti, ma spesso non si va oltre a questi. Ciò perché non c’è una reale
trasmissione sulla stessa lunghezza d’onda; ovvero perché non si è accomunati dalle
stesse idee, interessi, valori, esperienze e sentimenti.
52
La natura emotiva o razionale non dominante è di supporto a quella
dominante: ovvero, una persona razionale si appassiona a ciò che
stimola il proprio intelletto; mentre una persona emozionale si
interessa, volge il pensiero a ciò che alimenta le proprie emozioni.
Così come per la vista, esiste un occhio non dominante che supporta la
prospettiva dettata da quello dominante nel conferire il senso di
profondità a tutto ciò che viene osservato8.

***
Molte concezioni sbagliate o preconcetti rappresentano normalmente
dei limiti, poiché dall’incomprensione o dalla non accettazione di un
qualcosa nasce il precludersi di quella che, invece, potrebbe essere una
soluzione o un’opportunità. Ad esempio, c’è chi ritiene che la
spiritualità sia qualcosa di separato dalla realtà di tutti i giorni, qualcosa
di astratto, lontano, di scarsa utilità pratica; e c’è anche chi ritiene che
non esista affatto.
La spiritualità, al contrario, è un tutt’uno con la nostra realtà, perché lo
spirito è energia e tutto dipende da essa. Lo spirito, a sua volta,
proviene dalla mente cosmica o anima universale e ne è quindi
intimamente connesso.
Con questo, il fatto di orientarci alla spiritualità non significa che la
materialità non abbia importanza. Al contrario! Il fatto che ognuno di
noi incarni il proprio colore, il proprio raggio di luce originale, ci rende
unici, ognuno con il proprio scopo o ragione di esistere, quale specifica
espressione manifesta dell’Essere; anche se tale scopo non ci appare
chiaro o semplice da riconoscere.
Ognuno ha le proprie particolari caratteristiche che lo contraddistin-
guono, le proprie capacità, il proprio talento o le attitudini innate per
svolgere il proprio ruolo nella vita; quel modo particolare di vedere,
capire, fare le cose che altri non hanno o hanno in minor misura;
capacità che, se utilizzate, contribuirebbero ad arricchire il mondo9.
Questo è ciò che dovrebbe motivare tutti noi, e non i falsi modelli, le
aspettative degli altri, o i puri fattori legati al denaro e al successo, se
intesi solo come mezzi per accrescere l’importanza del proprio ego.
8. L’occhio dominante è quello con cui è possibile, chiudendo l’uno o l’altro occhio,
osservare ancora un punto lontano individuato con entrambi gli occhi aperti attraverso
un anello formato col pollice e l’indice. A tal proposito si può aggiungere che l’occhio
sinistro è correlato con l’emisfero emotivo mentre l’occhio destro con quello razionale.
9. Cfr. Dante, sulle differenti predisposizioni degli uomini, Paradiso VIII, 122-48.
53
Allo stesso tempo, ogni colore perde di senso se non in rapporto con gli
altri colori e se non in relazione, in ultima analisi, con l’essere parte
integrante di un unico sistema organico costituito dagli stessi. La
questione non sta quindi nel fatto che un dato colore (modo d’essere,
ruolo, lavoro, eccetera) sia migliore o peggiore di un altro; ciò che
conta sono, invece, il rispetto e il giusto riconoscimento per ogni tipo di
contributo, perché ai fini del benessere generale sono tutti importanti e,
quindi, tutti rapportabili sullo stesso piano. Tutto, dunque, sta nel
capire, scegliere o accettare, con atteggiamento nuovo e ispirato, qual è
il proprio scopo, al di là delle mode e dei falsi valori.
In questo senso, si può cogliere un’analogia con le differenti parti
costituenti del corpo umano, ciascuna con la sua specifica e
insostituibile funzione finalizzata al benessere dell’intero organismo.
Il nostro corpo origina, nel concepimento, da un’unica cellula uovo e
per quanto complesso e differenziato nelle sue parti, una volta
completato il suo sviluppo, conserva la stessa olistica unità attraverso
un’intelligenza che si manifesta in ogni sua parte: dagli apparati agli
organi, fino alle singole cellule. Cellule che svolgono ciascuna la
propria funzione e che, allo stesso tempo, beneficiano delle funzioni di
tutte le altre, in un insieme ottimizzato di interazioni che si riflette nel
perfetto funzionamento, altrimenti impossibile, di un organismo
estremamente complesso10.

Il benessere della parte equivale,


olograficamente, al benessere dell’insieme.

Quando, al contrario, le diverse parti del corpo non lavorano in armonia


tra loro, come sappiamo, subentrano invece il malessere o la malattia e
parallelamente, a livello sociale, la divisione tra gli uomini,
l’incomprensione, la prevaricazione e le varie forme di ingiustizia. Si
può inoltre osservare che il contributo di ogni singola cellula non si
limita esclusivamente a quello nei confronti delle cellule vicine, del
proprio tessuto o del proprio organo, ma a tutto l’organismo.

10. Questa semplice verità si può riconoscere, al di là del parallelismo cellulare, nel
concetto filosofico orientale conosciuto come azione essenziale o agire senza agire
(Wu wei), dato dall’operare con il minimo impegno e il massimo risultato entrando in
collegamento con ogni cosa; e nell’insegnamento evangelico relativo alla divina
provvidenza con la parabola degli uccelli del cielo e dei gigli del campo; e quindi nella
necessità di trovare, in primo luogo, l’essenza in noi stessi (V. di Matteo 6, 25-34).
54
Nell’organismo della società umana, invece, le singole cellule, ovvero
gli uomini, assumono normalmente un comportamento ben differente.
Qui, gli egoismi individuali producono una società altrettanto egoista,
in cui si deve lottare per avere semplicemente ciò che a tutti spetterebbe
di diritto: il necessario di che vivere decorosamente, e dove le varie
forme di associazione nascono e si sviluppano, contrariamente da un
organismo sano, per assumere maggiore forza e privilegi a discapito di
tutto e di tutti.
Così, il principio olografico fa sì che la disarmonia nelle persone
produca, in generale, la disarmonia tra i popoli della terra e, in
particolare, la disarmonia a livello cellulare nei corpi delle stesse
persone, con il conseguente svilupparsi delle diverse malattie11.

Il contatto con la luce invisibile ci offre la forza, il benessere e la


centratura che sola ci può donare quella comprensione unitaria
universalmente condivisibile, al di là dei divergenti punti di vista;
mentre il colore, l’individualità, ci offre i mezzi specifici per esprimere
al meglio la nostra missione, i nostri sogni e desideri; la nostra vita.

Il fondamento della libertà è l’unità.

Chi, ponendosi da un lato o dall’altro della visione duale della realtà,


combatte la relativa controparte, rafforza questa visione illusoria e
ciò che combatte; e così facendo, a un tempo, indebolisce se stesso.

11. Secondo il principio della corrispondenza olografica, il vero benessere individuale è


attuabile solo attraverso l’equazione: benessere personale = benessere collettivo.
In altri termini, il nostro pensiero è all’origine del nostro stato relativo o dualistico di
consapevolezza (dove la realtà viene percepita ordinariamente in termini di opposti), da
cui ogni nostra considerazione, giudizio, punto di vista o azione in merito a qualunque
cosa. Ad esempio, chi definisce e delimita il concetto di bene o verità, genera di
conseguenza ciò che è male o falsità. Chi ricerca il bene per sé, determina automatica-
mente il male per qualcun altro e, di conseguenza, anche per sé. Per questo, per
superare il bene e il male quali nostre creazioni, bisogna cessare di dividere il mondo,
mentre invece è importante orientarsi verso l’armonia globale dello stato di consap-
evolezza unitario, dove il benessere personale e collettivo equivalgono e coincidono e
non sono contrapposti ad altro perché non c’è altro a cui essere contrapposti.
– C’è un amore duale dell’ego, contrapposto all’odio e che in questo può trasformarsi
se sono deluse le sue aspettative, un amore condizionato («ti amo, ti voglio bene se…»),
possessivo, basato sulla paura o troppo protettivo; e c’è l’eros, l’impulso alla vita, la
forza che, per consonanza, più si avvicina all’amore vero, quello del cuore, che non è
sentimentalismo, e con il quale può essere sperimentato, con la sua sublimazione.
55
La vera consapevolezza ci è data dal congiungimento con l’Essere. C’è
una conoscenza dell’assoluto, dei principi spirituali universali ed eterni
che ci indicano la strada per la luce, il nostro vero essere, e una
conoscenza del relativo che ci è pervenuta fin dal momento della nostra
nascita attraverso i modelli familiari, educativi, culturali e sociali di
riferimento; modelli che ci hanno da sempre circondato e attraverso i
quali ci è stato cucito addosso un abito mentale conforme al sistema in
cui viviamo. La nostra attenzione può dunque essere rivolta verso l’una
o l’altra dimensione e, normalmente, a livello collettivo, viene riposta
nella seconda: quella relativa alla nostra condizione ordinaria e al credo
individualista. Per cui, nella scelta, tra i diametrali orientamenti del
pensiero, noi siamo ciò che pensiamo.

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre,


ma nell’avere nuovi occhi, nel vedere l’universo con occhi di un altro,
di cento altri, nel vedere i cento universi che ciascuno di essi vede,
che ciascuno di essi è.
Marcel Proust

Vivere l’ego significa innanzitutto vivere i propri limiti, l’ignoranza e la


paura di ciò che non si conosce, e con essa il suo rifiuto. Da questo
deriva un’infinità di problematiche, tra cui quella di non essere consa-
pevoli di tutto questo; pertanto si vive nell’illusione di essere liberi e
padroni del proprio destino. Ma la libertà, così come la nostra stessa
realtà, è solo un’illusione quando si vive attraverso l’ego. Un esempio
della nostra incapacità di essere padroni di noi stessi ce lo rivela la
difficoltà di tenere semplicemente a bada la nostra mente. È sufficiente
provare ad annullare completamente ogni tipo di pensiero, solo per
pochi minuti, per potercene rendere conto12. Il succedersi involontario
di pensieri sempre diversi e, nel contempo, sempre uguali produce un
dialogo interiore continuo che se fosse esternato verremmo presi
probabilmente per matti. Un processo, questo, suscitato da meccanismi
inconsci e abitudini che ci fanno procedere sempre sugli stessi binari.
Pensieri consci e inconsci automatici dati dal nostro vissuto, dai
problemi della vita, i desideri, i malesseri, le fantasie, i ricordi, i
progetti, le emozioni e le speranze. Pensieri ed emozioni che dipingono

12. Se il “penso dunque sono”, per usare la celebre espressione cartesiana, riflette per
noi una realtà, la nostra coscienza, che effetto potrà farci allora l’idea di non pensare?

56
incessantemente la nostra realtà, piacevole o meno, attraverso i nostri
colori personali, le nostre vibrazioni specifiche, quelle che
caratterizzano il nostro modo d’essere.

Tu sei il tuo profondo desiderio.


Il tuo desiderio è il tuo volere.
Il tuo volere è la tua azione.
La tua azione è il tuo destino.
Brihadaranyaka Upanishad

Giungiamo, ora, a un concetto fondamentale di ciò che potremmo


definire come dinamica spirituale: il principio di causa ed effetto.

Cos’è, in fondo, la magia se non la manifestazione del pensiero.


Il nostro mondo allora non è che una grande opera collettiva di magia.
Realizzare l’inferno o il paradiso in terra dipende, quindi, solo da noi.

Nella nostra realtà vige una legge naturale conosciuta comunemente


come principio di causa ed effetto, o attrazione, per cui a ogni causa
corrisponde sempre un effetto, a ogni azione (e non azione) una
reazione. Non un effetto qualunque, ma sempre in relazione con la
propria causa, in quanto, come già considerato, ogni cosa è legata
insieme da una rete di reciproche interazioni. Ciò significa che tutto ciò
che crediamo, i nostri pensieri, le nostre parole e quindi le nostre azioni,
a livello individuale e collettivo, sono come un’onda sonora che si
propaga in tutte le direzioni e, nel contempo, come un’eco che si
riverbera su se stessa. In altri termini, il mondo è lo specchio della
nostra mente, una creazione a nostra immagine. Tale concetto si
collega a ciò che è altrimenti conosciuto come principio del karma13.
Questo implica che i fenomeni osservati appaiono diversamente a
seconda del nostro schema di pensiero; o, altrimenti, che ogni nostra

13. Il karma (dal sanscrito, “azione”) è una forza dinamica, un fuoco, all’origine della
continua trasformazione dell’universo e dunque della vita. Nel pensiero indiano ha
assunto anche il significato, legato al mondo illusorio della maya, di conseguenza
ineluttabile delle azioni; per cui, finché l’uomo crede di essere distinto dal resto del
mondo è legato ai suoi limiti e ai suoi stessi inganni. Così il bene e il male, l’amore e
l’odio, non sono che concetti relativi, espressioni dell’ego, cioè espressioni che si
collocano sul piano orizzontale dell’esperienza umana ordinaria (e che a questa legano).
– Su come il credere (la fede) possa rendere tutto possibile cfr. il V. di Marco 11, 24.

57
credenza e atteggiamento determinano la visione della nostra realtà,
della nostra esistenza, ciò perché ogni visione relativa è resa assoluta
dal credere in essa. E parafrasando Epitteto:

Non si crede ciò che si vede ma si vede ciò che si crede.


Ovvero, nessun evento è di per sé negativo o positivo:
ciò che lo rende tale è il modo in cui lo si interpreta.

Le cose affini, dunque, si attirano. Noi attiriamo tutto ciò che è in


sintonia con la nostra attitudine mentale, soprattutto inconscia, perché è
all’origine di onde pensiero che risonano con tutto ciò che è loro affine.
Così, ricollegandoci alle interazioni tra le luci e i colori, ogni nostro
pensiero colora noi stessi e lo spazio che ci circonda e, allo stesso
tempo, costituisce un filtro attraverso il quale noi diveniamo ricettivi
unicamente allo stesso colore presente nel mondo esterno.
Da ciò deriva un principio, apparentemente paradossale, secondo cui
occorre già essere ciò che vogliamo essere; il che si può esemplificare
con: per essere felici, bisogna essere felici. Ovvero, la vera felicità non
è il risultato del realizzarsi di determinate condizioni esterne, come i
soldi, i sogni e l’amore, ma è il risultato di uno stato d’animo armonico
che deve essere già presente in noi stessi. Una lunghezza d’onda, una
“misura”, uno stato mentale che per affinità richiama, o ci permette di
cogliere, la felicità in ogni cosa. Mentre l’infelicità richiama l’infelicità.

L’uomo è misura di tutte le cose.


Protagora

Intorno a noi esiste già ogni possibilità “positiva” o “negativa”, invisibile come le onde
radio. Dipende dal nostro filtro o struttura di pensiero poter “vedere”, sintonizzarci,
ossia rendere manifesta nella nostra esistenza l’una o l’altra.
58
Ogni uomo, essere o cosa è come una corda sonora, una tra le
innumerevoli del complesso strumento musicale chiamato mondo,
ciascuna con la sua nota, che consuona con tutto ciò che le è affine.

Pertanto, secondo questo principio, si crea e si attira nella propria realtà


tutto ciò che è in rapporto con la nostra forma mentis, la struttura
mentale in relazione al nostro modo di pensare, di intendere e concepire
il mondo che ci circonda. Cosicché, dalla formazione di una struttura
mentale armoniosa, fondata sulla realtà dei principi eterni, e da affini
pensieri, si crea e si attira armonia; e l’inverso, in caso contrario.

Cambia il modo di vedere le cose e vedrai le cose cambiare.


Sun Tzu

È bene inoltre considerare che espressioni differenti della nostra


coscienza, come il pensiero, l’immaginazione e le emozioni, possono
spesso coesistere in maniera incoerente e interferire tra di loro. Quando
non vogliamo qualcosa, a livello verbale, ciò lo indichiamo conven-
zionalmente con l’uso degli avverbi “no” e/o “non” all’interno del
discorso; mentre, a livello non verbale o emozionale reagiamo
spontaneamente e inconsapevolmente con un “no” rappresentato da una
“tensione” o una “resistenza interiore”, vale a dire preoccupandoci,
provando rabbia, paura, impazienza e immaginando possibili scenari
negativi della situazione indesiderata o temuta. Ad esempio, a parole
esprimiamo di non volerci ammalare, ma poi la paura ci porta invece a
immaginarci affetti da questa o quella malattia. Ora, il punto è che la
mente razionale è come divisa dal corpo e dal mondo esterno, a
differenza della mente analogica, più profonda; per questo il solo
pensiero non ha la stessa influenza sulla realtà manifesta di quanto ce
l’abbia, invece, un’immagine mentale, un’emozione o una sensazione.
Quindi, con questo tipo di comportamento, si favorisce proprio il
realizzarsi di quell’eventualità che razionalmente non si vorrebbe.
La resistenza non risolve o allontana le situazioni ma le trattiene o
attira, attraverso una sorta di sintonia. Per questo, per essere efficace e
coerente, la resistenza, cioè il non volere qualcosa, deve sempre essere
sostituita dall’immagine di ciò che si desidera e mai associata a quello
che non si desidera. Quindi, per ottenere ciò che si vuole non bisogna
pensare a ciò che non si vuole (problemi, malattie, conflitti); ovvero,
le parole devono riflettere l’immagine mentale e l’immagine le parole.
59
Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla
frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere
quella realtà. Non c’è altra via. Questa non è filosofia, questa è fisica.
A. Einstein

Azione consapevole e responsabile significa, quindi, essere consapevoli


dei propri pensieri e atteggiamenti sapendo che da questi tutto origina, e
sapendo che questi possono governarci e assorbire la nostra energia
identificandoci e riponendo in essi tutta la nostra attenzione.
Ma, come si procede nella cura di una malattia, riconoscendo e
risolvendo le cause per eliminare gli effetti, allo stesso modo si deve
procedere per andare oltre i limiti della propria mente: ovvero,
riconoscendo che non siamo solo il nostro pensiero, ma che questo è
uno strumento e non la nostra unica realtà. Capire, ad esempio, che
come le nostre mani, in quanto strumento, una volta finito il loro
compito restano ferme e non si agitano inutilmente, così dovrebbe
avvenire con la nostra mente, anziché essere immersi incessantemente
in essa, con i nostri pensieri, quali foglie al vento. L’attenzione,
pertanto, andrebbe riposta su ciò che è fonte di forza e armonia, vale a
dire la nostra realtà spirituale e animica.
Quando ci identifichiamo con le espressioni della nostra individualità,
noi ci ancoriamo ai singoli raggi della nostra esistenza egoica e relativa.
Quando, con il silenzio interiore, ci colleghiamo alla nostra energia
sottile e alla nostra anima, ci ancoriamo nel centro stabile della ruota
cromatica infinita che comprende tutti i colori, tutti gli esseri, tutte le
cose, tutto l’universo.
Essere centrati equivale a essere connessi con la fonte della vita.
Possiamo immaginarci come una ruota: questa per girare liberamente
con equilibrio su se stessa è importante che sia centrata, che non sia
bloccata, frenata o sbilanciata in alcun modo; al contrario, tutto ciò che
la frena sono le nostre identificazioni, le nostre credenze, gli attriti e le
resistenze in noi stessi, le diverse forme in cui soggiacciamo alla forza
gravitazionale dell’ignoranza e dell’illusione; all’ancoraggio nelle
nostre idee, opinioni e concezioni soggettive e relative che originano
dall’essere separati dall’unità; le quali ci conducono ad assumere
posizioni personali attraverso cui osserviamo e interpretiamo il mondo.
Circuiti della mente, costruiti tramite l’educazione e i condizionamenti,
in cui prendono forma i pensieri e le emozioni con i quali esprimiamo il
nostro esistere e senza i quali ci sentiremmo persi.
60
Di natura opposta, e nel contempo simile alle identificazioni, ci sono le
non accettazioni quali, ad esempio, il non accettare se stessi per come
ci si vede e per i propri difetti, il non accettare certe situazioni, certi
aspetti della vita, perché si vorrebbe che fossero in parte o del tutto
diversi e per i quali, spesso con rabbia, si dà al cielo, al mondo, agli
altri o a se stessi la colpa di tutto. Altre forme, infine, di ancoraggio
possono invece consistere nel restare aggrappati al passato: ai rimpianti,
al rancore, ai sensi di colpa14; oppure al futuro: le preoccupazioni o le
illusorie speranze, nella passiva attesa che qualcosa di bello possa
accadere e cambiare la nostra vita.

Nessuno è più schiavo di chi si ritiene libero senza esserlo.


J.W. Goethe

Naturalmente, disidentificarsi non significa rinunciare a se stessi o al


mondo ma solo all’ignoranza, ai limiti e al falso; in particolare grazie a
un nuovo atteggiamento: l’essere distaccati. Un essere distaccati che,
ovviamente, non vuole dire insensibile o apatica indifferenza.
In definitiva, il problema consiste nel fatto che finché ci si identifica
riduttivamente non è possibile inquadrare nella giusta prospettiva il
modo in cui ci si rapporta con se stessi e con il mondo; inoltre ci si
preclude la possibilità di rendersi percettivi e aperti a nuove opportunità
o idee che possano arricchire la nostra esistenza. Infine, è anche
importante ricordarsi che focalizzarsi sui propri problemi, i difetti
personali o quelli altrui non fa altro che farli perdurare o accrescere.

Per l’uomo, l’animo (ego) è demone


È difficile combattere contro l’animo:
ciò che vuole, infatti, lo compra a prezzo dell’anima.15
Eraclito di Efeso

Grande Spirito, aiutami a non giudicare un altro, se prima


non ho camminato nei suoi mocassini per due settimane.
Antico detto Sioux

14. C’è un’importante consapevolezza che ci può aiutare a superare radicalmente tutti
questi problemi, e consiste nello scoprire l’importanza del perdono; non solo nei
confronti degli altri ma anche di noi stessi. Il perdono con il cuore. Un punto importante
questo per poterci liberare dalle nostre catene e problematiche interiori e poter crescere.
15. Si cfr. la storia del dottor Faust, popolare racconto tedesco del XVI secolo.

61
Sono, infine, due gli stati su cui si può fondare, essenzialmente, la
nostra vita: la paura (sotto qualsiasi forma) e il suo antidoto, l’amore.
Dalla paura derivano gli ancoraggi, le resistenze, le finzioni, le
incomprensioni, i limiti. Dall’amore la verità, la libertà, la forza,
l’armonia, il benessere e la vera comprensione.
La paura è una condizione innata e comune pressoché alla totalità degli
uomini: l’abbiamo respirata fin dalla nascita, persino nel grembo, e per
molti non è nemmeno riconosciuta come tale. Questa, infatti, ha tante
maschere, tra cui le identificazioni: le ancore della sicurezza emotiva.
L’amore è invece la via di accesso all’anima, alla totalità: la fonte dello
stesso amore. E chi desidera entrare in comunione con essa occorre che
cessi di essere parziale con la mente per ricercare, al contrario,
l’integrità, ovvero il distacco da tutto quello che si crede di possedere,
per trovare tutto quello che non si sa di avere.
Questo rappresenta la morte simbolica dell’ego, dell’illusione e,
dunque, la rinascita a una nuova vita.

La pace del cuore, ogni risoluzione, risiede nell’abbandono: nel non


essere più una parte contrapposta alle altre ma un tutt’uno con queste.

***
Tutto è energia: ogni nostro pensiero, emozione e modo d’essere è
come una condensazione, una specificazione energetica o un parti-
colare colore. In quanto tale, ogni concentrazione di energia, se
sufficientemente sviluppata, attraverso l’attenzione che si ripone in
essa, costituisce un nucleo di attrazione gravitazionale che attira a sé
altra energia – così come un magnete attira a sé e la concentra la
limatura di ferro – tale da permettergli di esistere e perpetuarsi.
È questa forza che determina ogni azione come un condizionamento o
una predisposizione e che si impone come nucleo portante. Altri nuclei
possono essere attivati, ma quello che prevale, per una sorta di potere
d’inerzia, è quello più profondo e forte. “La causa dei nostri effetti”.
Se ogni coscienza, dunque, può essere immaginata come formata da
nuclei costituiti da pensieri, desideri e sentimenti, i quali determinano
le posizioni soggettive e relative tipiche dell’individualità, per
svincolarsi da queste posizioni è necessario scoprire una forza in se
stessi che ci illumini e che costituisca un nuovo centro di gravità
intorno al quale possano orbitare armoniosamente i nuclei suddetti,
così come i pianeti attorno al Sole.
62
L’energy disc
Abbiamo visto, ricollegandoci a un’analogia del capitolo precedente,
che come una ruota bilanciata e senza attriti può ruotare liberamente,
così l’uomo può raggiungere la libertà attraverso la centratura, ovvero
liberandosi dagli ancoraggi dell’ego.

A questo punto si propone un semplice esperimento attraverso un


particolare strumento utile a dimostrare l’esistenza dell’energia sottile,
e il cui funzionamento, in questo contesto, può essere posto in relazione
con quanto sopra accennato.

Questo strumento, semplicissimo da realizzare e di cui più avanti


daremo i dettagli, è un disco sensibile all’energia vitale e in grado di
ruotare – così come un chakra nell’uomo o un pianeta nello spazio –
quando questa viene concentrata su di esso.

L’energy disc, sopra illustrato, è costituito da un disco di carta, delle


dimensioni di un compact disc, sospeso e posto in equilibrio sopra uno
spillo attraverso un bilanciere a cupola1.

1. Il bilanciere abbassa il disco, o il baricentro, rispetto al sostegno o al perno di


rotazione, conferendo così maggiore stabilità al disco stesso.

63
L’esperimento va svolto in un ambiente privo di correnti d’aria e, a
titolo di controprova, è possibile sottoporre il suddetto disco a una fonte
di luce, di calore oppure all’azione di una calamita. Facendo,
ovviamente, attenzione a non toccare lo strumento, si potrà constatare
che lo stesso non è influenzabile da nessuna di queste forme di energia
convenzionale. Fanno eccezione le cariche elettrostatiche, ottenute ad
esempio attraverso una penna strofinata con un panno, con le quali, se è
possibile esercitare un’attrazione sul disco, cioè avvicinando a esso la
penna elettrizzata, non è altrettanto possibile farlo ruotare.
Ora, invece, si avvicinino lentamente le mani ai bordi del disco, alla
distanza di circa tre o quattro centimetri, e si immagini di mandare la
propria energia vitale su di esso dalle proprie palme, immobili. Stando
rilassati e con un po’ di pazienza, cercando la disposizione ideale delle
mani, si potrà assistere sorprendentemente, dopo qualche attimo, alla
rotazione del disco. Un fenomeno, questo, prodotto dalla
concentrazione di energia sottile nel disco di carta che, pertanto,
incomincia spontaneamente a girare, in maniera più o meno costante,
con un senso di rotazione o l’altro2.

2. Il disco può compiere indicativamente cinque o sei giri al minuto.

64
La memoria dell’acqua
Essere grati per l’amore

Un’interessante dimostrazione di come il pensiero abbia un’influenza


sulla realtà ci è dato dalla scoperta di Masaru Emoto, uno scienziato
giapponese che ha condotto delle ricerche sulle proprietà dell’acqua e
che negli anni ’90, in particolare, ha messo a punto un metodo originale
di studio che consiste nel congelare gocce d’acqua e poi fotografarne i
cristalli, sempre diversi, che da queste si formano. Attraverso fotografie
sorprendenti ha potuto mostrare che, a seconda della provenienza, del
grado di inquinamento o della purezza dell’acqua utilizzata, questa
poteva produrre o meno cristalli armoniosi e simmetrici. L’acqua pura
delle fonti era in grado di produrre bellissimi cristalli di struttura
esagonale, come quelli della neve, non confrontabili con quelli
ottenibili dall’acqua di rubinetto oppure inquinata della maggior parte
delle città campionate in diverse parti del mondo. Gli esperimenti
successivamente si sono estesi ai trattamenti dell’acqua con la musica,
con le parole e le emozioni. Come si avrà già intuito, l’acqua sottoposta
alla musica classica, a parole ed emozioni cordiali era in grado di
produrre stupendi cristalli dalle forme armoniose; ben diversi, invece,
da quelli informi ottenuti attraverso un genere di musica hard, oppure
attraverso parole offensive e aggressive.

Cristalli che rispecchiano sentimenti di amore e odio.


Foto di Masaru Emoto.

65
Per Emoto, le espressioni più importanti, attraverso cui ha potuto
constatare gli effetti più belli con i cristalli di ghiaccio, sono state
amore e gratitudine; e gratitudine forse più che amore, perché questa
esprime l’accettazione, l’essere grati per tutto ciò che si è ricevuto.

L’acqua, fonte e matrice di vita, è il medium universale che ha la


capacità di assorbire e ritrasmettere qualunque impressione.
Se si pensa che il nostro corpo è costituito prevalentemente di acqua, si
può immaginare cosa possano produrre i pensieri e le emozioni
negative su noi stessi e gli altri.

A tal proposito, vale la pena di menzionare un’analoga scoperta per


opera del biochimico statunitense Lee Lorenzen, secondo il quale le
molecole d’acqua del nostro organismo e delle nostre cellule avrebbero
la capacità di trasportare i nutrienti ed eliminare le tossine in maniera
più efficiente quando presentano un’armoniosa struttura a forma di
anello, simile a un cristallo di neve (Clustered water).

Il cristallo di neve, la cui forma tipica è riconducibile alla figura


geometrica dell’esagono, riflette l’equilibrio tra la componente
materiale (l’acqua) e quella sottile (l’energia vitale); componente,
quest’ultima – la virtute informativa – più forte nella natura
incontaminata, senza la quale avremmo solo materia informe,
disarmonica e senza vita1.

1. Virtute informativa: la facoltà di dar forma, d’improntare: così come il cielo si adorna
dell’arcobaleno per i raggi (la virtù) del sole; vd. Dante, Purgatorio, XXV, 41 e 89-93.

66
Consapevolezza
Ma voi torcete a la religione
Tal che fia nato a cignersi la spada,
E fate re di tal ch'è da sermone;
Onde la traccia vostra è fuor di strada.
Dante, Paradiso, VIII, 145-48

La libertà dell’uomo è in diretto rapporto con la sua capacità di


affrancarsi dai meccanismi di causa ed effetto, di scegliere consapevol-
mente senza subire l’effetto dei suoi condizionamenti, ovvero di
riconoscere in se stesso una volontà più profonda e autentica.
Il nostro modo d’essere, con cui conviviamo, origina dal nostro passato:
l’educazione ricevuta, le esperienze, l’influenza del nostro ambiente.
Tutto ciò in un concatenarsi di cause di cui si è perso forse ogni ricordo,
ma i cui effetti probabilmente ancora perdurano. Così come il dolore e
la paura, provati nell’infanzia, sono rifuggiti inconsciamente per il resto
della vita attraverso la ricerca del consenso, con l’uniformarci e
limitando la nostra espressività o, al contrario, esercitando il controllo
con qualsiasi mezzo, e non ultimo il potere, sulle persone. L’origine
comune, dalla paura, delle nostre maschere e della nostra schiavitù.
Ciò rimanda a una questione importante, ovvero quella relativa al fatto
che il nostro modo d’essere si riflette, oltre che sul nostro stato
psicofisico, anche nell’ambiente che ci circonda, nei rapporti con gli
altri e, quindi, estendersi a livello globale. “Come dentro, così fuori”.
La mancanza di consapevolezza e responsabilità circa le conseguenze
dei nostri atteggiamenti è incompatibile con la libertà e con il desiderio,
seppur legittimo, di una migliore qualità di vita. Senza interrompere
questo circolo vizioso non è possibile emanciparci, e con noi il mondo,
il nostro specchio. Pensare che la colpa sia sempre degli altri, e che la
ricerca della soluzione non debba mai riguardarci direttamente, è una
visione erronea che si accompagna a una passività mentale largamente
diffusa, attraverso la quale abbiamo ceduto il nostro diritto, e dovere,
all’autodeterminazione e alla verità su tutto ciò che ci riguarda.
Se il mondo è un riflesso dei nostri pensieri non ha senso indignarsi per
i mali che ci affliggono, perché finché non saremo noi, ognuno di noi in
prima persona, ad armonizzarci interiormente, ogni altra azione o
programma esteriore saranno vani o insufficienti. Ed è solo questa la
consapevolezza, ossia “la verità che ci renderà liberi”. È possibile
allora, volgendo lo sguardo esternamente, liberarsi dai preconcetti, dai

67
pregiudizi e dai condizionamenti provenienti dal mondo che ci circonda
per poter conoscere e capire senza l’azione filtrante e interpretativa che
questi comportano1. Ponendosi al di là dei meccanismi di azione e
reazione, per cui ogni nostro pensiero, desiderio o stato d’animo è
spesso il riflesso automatico e inconscio a un impulso originario esterno
come una suggestione pubblicitaria, una notizia, una moda, un altro
pensiero, un fatto, in un'ininterrotta concatenazione di cause ed effetti.

La cosa che più affligge e divide gli uomini, fin dalla genesi dei tempi,
è il ritenersi arbitri del bene e del male, e l’incapacità di riconoscere
nell’altro la propria diversità e il personale contributo alla creazione.

Ad esempio, se le tradizioni, i costumi e le credenze religiose di un


popolo, a cui ognuno di noi è legato, soddisfano, da un lato, la nostra
necessità interiore di credere in qualcosa, di possedere un’identità e un
rassicurante senso di appartenenza, sacrificano però, dall’altro, quella
universalità che solo l’apertura del nostro orizzonte mentale ci può
dare. Se le nostre credenze, da una parte, ci offrono sì un giusto senso
di appartenenza e di sicurezza, dall’altra, possono però comportare una
divisione tra noi e il resto del mondo, da chi crediamo essere diverso da
noi. Il timore di perdere le nostre false sicurezze si traduce perciò nella
paura di cambiare – persino la paura di un mondo migliore, un mondo
che non conosciamo – e che si concretizza in azioni sabotatrici che noi
stessi mettiamo in atto, inconsciamente o meno, allo scopo di impedirci

1. Si pensi, ad esempio, ai personaggi dei romanzi o dei film, per le cui idee o azioni
nella vita reale si proverebbe irritazione o sdegno e che invece sono compresi, accettati
o perfino amati. Perché questa differenza? Perché nei racconti di questi personaggi si
arriva a conoscere tutto della loro vita, del loro punto di vista; ovvero tutti i principali
fatti e le ragioni che hanno concorso a fare di essi ciò che sono. Fino a sentirci partecipi
delle loro storie. Nella realtà, naturalmente, questo non è sempre possibile, ma questo
non giustifica il giudizio e la condanna; tanto meno sulla base, spesso, di cieche ed
erronee supposizioni. Oppure, a quanti non è mai capitato, magari al volante della
propria auto, con la radio accesa, di accorgersi come la percezione del mondo esterno
possa cambiare in base al tipo di musica che si ascolta in quel dato momento. Se è una
musica dolce, soprattutto se è legata a sentimenti che toccano il cuore, lo stato d’animo
può mutare fino a provare una inconsueta magica e fuggente sensazione di bellezza in
tutto ciò che si osserva lungo la strada. Ogni cosa, ogni persona, ogni volto che si
incontrano appaiono “belli” – le stesse cose e gli stessi volti rispetto ai quali in un
qualsiasi altro momento saremmo stati perfettamente indifferenti o verso i quali
avremmo avuto forse qualcosa da dire – e ci si sente come avvolti in un senso di pace e
serenità, dove ogni problema sembra svanire e tutto, là fuori, sembra essere perfetto.
68
o renderci difficile ogni possibilità di cambiamento e di crescita.
Al tempo stesso, quindi, volgendo lo sguardo interiormente, si può fare
chiarezza in noi stessi, andare più in profondità. Ad esempio, compren-
dendo se un certo nostro atteggiamento è dovuto all’influenza esercitata
su di noi dalla famiglia, dalla società o dalla morale; o se lo stesso,
apparentemente identico, atteggiamento è dovuto a una nostra libera
scelta. Nel primo caso è possibile che si possa mentire a noi stessi, che
non ci si accetti, che ci si senta interiormente divisi; così da produrre in
noi un contrasto sottrattivo tra le nostre energie psichiche, una
resistenza interiore, una zona ombra. Nel secondo caso, invece,
saremmo di fronte a una scelta consapevole, senza pregiudizi o
autocondanne e a una serena accettazione e affermazione additiva di
qualunque cosa ritenuta positiva o negativa in noi, con un senso di
spontanea, luminosa interezza e libertà. Da ciò si può comprendere
come il vero colore di ogni uomo, che origina dalla propria anima, è
spesso mascherato da un colore differente, non autentico, acquisito o
imposto attraverso gli influssi, a esso contrari, della famiglia e della
società, e quindi in definitiva da noi stessi, non più noi stessi.

Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’universo e gli dèi.


Oracolo di Delfi

Qual è, dunque, il profondo scopo dell’esistenza?


È vivere in maniera autentica e in armonia con tutto ciò che ci
circonda. È vivere secondo il proprio moto di spirito originale,
contribuendo al benessere e alla felicità comune dell’umanità.
Ma ciò non è possibile veramente se non si vive in comunione con la
propria anima e in accordo con il mondo esterno, i due volti di
un’unica realtà.
La mancata soddisfazione di questa condizione comporta infatti:

– l’esistenza di problemi interiori come le emozioni e gli stati d’animo


negativi: le paure, le insicurezze, gli ancoraggi, le insoddisfazioni, le
resistenze, all’origine profonda di ogni forma di difficoltà esistenziali;

– una vita basata sull’egoismo e sull’inconsapevolezza, un’inconsape-


volezza di cui siamo prigionieri e che in gran parte tutti contribuiamo
ad alimentare e a perpetuare imprigionandoci gli un gli altri.

69
La soluzione consiste pertanto nel ricercare essenzialmente una guida e
la chiarezza nel proprio cuore, in modo da poter realizzare una vita
autentica attraverso la consapevolezza, la libertà e la responsabilità:
ovvero la chiara comprensione della realtà senza la quale non si può
essere veramente liberi; liberi dal proprio e dall’altrui egoismo; e la
responsabilità nei confronti delle proprie scelte e azioni. Qualità
fondamentali per far sì che il mondo possa evolvere attraverso
l’emergere di una nuova umanità illuminata e felice, libera e unita.
In tutto questo, un ruolo centrale è ricoperto dallo scopo dell’esistenza.
Perché qualunque sia la motivazione che spinge l’uomo ad agire
(affermazione, attenzioni, riconoscimenti), in fondo ciò che esso ricerca
è quel qualcosa che dia un senso alla vita e il gusto di viverla. È
quell’energia che nutre l’uomo e gli dà forza. È quel moto che origina
celatamente dall’anima. Una tensione che deriva dall’avere un sogno;
un sogno la cui più alta espressione, l’autentico sale, risiede nella con-
sonanza tra il sogno individuale e quello collettivo. Il sogno del cuore.

Il sogno più grande è co-creare il sogno divino.

Solo il presente è reale, il passato e il futuro sono costituiti solo dai


nostri ricordi e dalla nostra immaginazione. Il passato è passato, mentre
il futuro deve ancora venire. Il futuro nasce dal presente, ma se ci si
proietta nel futuro senza agire consapevolmente nel presente, il futuro
non sarà frutto delle nostre scelte ma degli stessi meccanismi che hanno
condotto la nostra vita dal passato fino a oggi. Quindi il futuro non
dipende solo dalle nostre aspettative ma soprattutto dalla capacità di
poterle attuare, e questo dipende in gran parte dalla nostra realtà
inconscia. Chi ha dentro di sé dei programmi sabotatori, difficilmente
potrà aggirarli ignorandoli, o risolverli con delle semplici buone
intenzioni, ma sarà necessario disattivarli concretamente, e questo è
possibile in maniera reale e profonda solo collegandosi a una forza
superiore, la fonte di luce. Se solo il presente è reale, questo significa
che per collegarsi realmente alla fonte bisogna ancorarsi nel presente,
mantenendo l’attenzione in esso. Per far questo, sono due le cose che in
primo luogo possono essere messe in pratica: rendere silente la mente
(dato che questa tende spesso a vagare) e coltivare l'energia vitale. Ma
per esercitare il controllo della mente bisogna prima averne coscienza,
coscienza di tutti i processi di pensiero e quindi il distacco dagli stessi,

70
quali osservatori imparziali. Questo produce anche l’effetto di
scollegarci da quei nuclei gravitazionali disarmonici e devianti che,
come parassiti, si nutrono della nostra forza, identificandoci in essi.
Così come Cronos, il tempo che tutto divora, chi nel tempo è immerso.
Il presente è il centro tra il passato e il futuro, mentre l’energia spiri-
tuale è il centro tra la nostra individualità e la nostra anima, ed entrambi
costituiscono un ponte verso l’Essere. Ancorandoci, dunque, al nostro
centro si realizza il collegamento, l’unione permanente con il tutto.

La presenza della luce si può cogliere solo nel presente.

La mente non è un problema in sé, ma è un problema identificarsi


unicamente in essa, ovvero nei suoi contenuti, in particolare in tutte le
false concezioni ed espressioni negative, in luogo di quelle vere e
costruttive, sulle quali si fonda la nostra esistenza. Essa può essere
infatti la nostra carceriera, oppure può divenire l’indispensabile
strumento attraverso il quale poterci liberare in maniera consapevole.
Per questo è importante eliminare dapprima le false concezioni
coltivando una nuova coscienza attraverso le verità spirituali2. Questa
coscienza costituisce già un importante traguardo, in quanto ci permette
di riconoscere la natura delle nostre erronee e relative concezioni e un
faro con cui poterci orientare e vivere meglio. Ma non è tutto. Infatti,
può non bastare a stabilizzarci e ad affrancarci dai nostri mali. Esiste, in
questo senso, un percorso fatto di differenti livelli di crescita personali
– fisico ed emozionale, oltre che mentale – che può condurci fino al
nostro Sé. Fondamentalmente, l’incremento dell’energia vitale
attraverso una pratica interiore (basata generalmente sul rilassamento
psicofisico, la respirazione profonda e la concentrazione su particolari
punti del corpo) produce un miglioramento generale della salute; ma,
per giungere alla vera fonte di luce e libertà, bisogna percorrere la via
che conduce alla propria anima. Chi arriva ad attingere a questa forza
diviene a sua volta una fonte di luce perché è collegato alla sorgente
originale, da cui deriva spontaneamente armonia, conoscenza e amore.

***
2. Come uno strumento musicale non accordato, dalle note cioè non intonate, non può
consonare in un complesso orchestrale, così una psiche disarmonica, non accordata con
il Diapason divino, non può consonare con il cosmo ed essere partecipe della sua forza
armonica. In questo senso, si vedano i Dialoghi di Platone, ad esempio Repubblica III
401b-2a; e, nell’Liji, il Memoriale dei Riti, il Classico della musica dell’antica Cina.
71
Dall’intersezione di due cerchi, in modo che il centro di ciascuno di
questi si trovi sulla circonferenza dell’altro, si ottiene una figura simbo-
lica dalla forma lenticolare chiamata mandorla mistica o vesica piscis.
Conosciuta in diverse tradizioni spirituali, anche di fede cristiana, si
riscontra in molte antiche opere pittoriche e architettoniche in tutto il
mondo, spesso in maniera celata. Tale figura simboleggia essenzial-
mente, nell’uomo, l’unione consapevole dei principi polari: ego e anima
oppure mente e cuore, rappresentati dai due cerchi3; e nel contempo può
rappresentare la triade anima, spirito e corpo, in cui a ogni principio si
contrappone la somma degli altri due. Ne proponiamo qui l’immagine
integrata con l’utilizzo additivo del colore.

Tesi, Antitesi e Sintesi


L’unione degli opposti nella luce: la forza unificante della mente e del cuore.
Schema triadico che scaturisce da un rapporto duale o polare unitario.

Da sole, tesi o antitesi rappresentano uno squilibrio senza una sintesi4:


è nel superamento della polarità che si rinasce alla consapevolezza.

3. Un importante simbolo di equilibrio dei principi polari (cfr. lo yin e lo yang) è quello
relativo al Caduceo (dal greco karykaion, “araldo”), costituito da due serpenti
attorcigliati simmetricamente lungo un bastone alato, o terzo elemento di congiunzione,
simbolo di pace e salute, attribuito tradizionalmente a Hermes.
4. Rispetto alla sintesi, l’analisi rappresenta la componente contrapposta e parimenti
importante della conoscenza, la quale consiste in un metodo di ricerca in cui l’oggetto
dell’indagine viene scomposto ed esaminato nei suoi differenti elementi costitutivi.

72
Sintesi triadica
Sintesi di tre elementi cromatici unitari.

Dall’intersezione di tre cerchi abbiamo invece una figura simbolica


che, con forme analoghe e differenti nomi5, è diffusa in diverse culture.
Essa rappresenta un insieme di tre elementi unitari riconducibili a una
triade, qui rappresentata graficamente attraverso la sintesi di tre colori-
luce: il rosso, il verde e il blu, congiunti nel bianco.

Figure floreali
di Leonardo
da Vinci.
Codice Atlantico

5. Alcuni di questi nomi sono la triquetra (dal latino, “triangolare”), la triscele (“tre
gambe”) e il trilobo. L’intersezione di due cerchi (mandorla) e quella di tre sono parte
del disegno, cioè una struttura di fiori a sei petali, noto come Fiore della vita.

73
Con la diminuzione dell’intensità degli stessi colori, a partire dal verde,
poi il rosso e infine il blu, si ottengono invece i seguenti risultati:

Come si può osservare, la diminuzione dell’intensità di ciascun colore


determina nuove espressioni cromatiche ma anche uno squilibrio tra
questi. Nell’ultimo caso, invece, se pur in equilibrio, i colori non danno
più additivamente l’intensità di luce del bianco ma un’intensità minore
espressa dal grigio.
Quanto qui illustrato si riferisce simbolicamente alla sintesi delle tre
fondamentali facoltà psichiche dell’uomo.
Ogni persona risulta essere una particolare combinazione di tre colori o
attributi caratteriali fondamentali, rappresentati dal rosso, il giallo (o il
verde) e il blu, le cui relative intensità, o la predominanza di un colore
sugli altri, determinano la tipologia caratteriale di riferimento.
Questi tre attributi corrispondono alla sfera vitale, emozionale e
mentale. Attributi che si arricchiscono di altre sfumature che possono
essere simbolizzate dai colori dell’intero spettro cromatico, e che vanno
dal dinamismo del rosso, alla calma del complementare azzurro fino
alla tensiva spiritualità del violetto; dall’energia più estroversa dei
colori caldi a quella più introversa dei colori freddi.
– Il rosso corrisponde alle energie basali. È il colore dell’energia vitale,
della forza e della salute fisica6. È l’energia interfaccia con il mondo
esterno e, in questo senso, definibile come “esteriore”, ciò in quanto
conferisce il carattere rivolto all’azione, deciso e dinamico; che infonde
sicurezza e un senso di potere personale. È l’istinto di sopravvivenza.

6. Il rosso bruno simbolizza il colore della terra, la terra rossa adamica (in ebraico
Adam, “uomo”, “terra rossa”), il cui “fuoco interiore” (che ricorda quello del magma
all’interno della terra) discende dal sole, ed è affine a quello del cuore e all’energia
vitale dell’uomo (vd. anche la radice comune etimologica di humus, “terreno” e homo,
“uomo”). Una luce solidificata che rimanda a il sale della terra; vd. V. di Matteo 5, 13.

74
È la forza che supporta la volontà e che le permette di esprimersi sul
piano fisico, di agire, mettere in atto e concretizzare. È ciò che si prova
con il corpo, che si manifesta alla coscienza tramite la percezione
sensoriale, il senso di controllo della fisicità, dell’equilibrio, il radica-
mento con la terra; l’appetito, la stanchezza. Le sensazioni basilari
all’origine primaria di ogni reazione, emozione o volontà, cioè il dolore
e il piacere fisico. È la “forza alata” dell’eros, il magnetismo, il
desiderio sessuale, ma anche ciò che l’ego può canalizzare nel desiderio
di realizzare o ottenere qualcosa, come una nuova esperienza, l’amore.
– Il giallo è il colore appartenente alla sfera delle emozioni. È il primo
livello di interiorizzazione dell’energia e l’interfaccia tra il fisico e il
mentale; infatti le emozioni come la rabbia, la contentezza, la tristezza e
la paura, si accompagnano a immediate reazioni fisiche come il pallore,
la tensione, a cambiamenti di espressione del volto, della gestualità e
della voce; e a reazioni mentali come il turbamento e il calo della
lucidità. Con uno spostamento cromatico verso le tonalità del pensiero,
le emozioni si fanno più complesse (vergogna, gelosia, ansia…) e
assumono il colore dei sentimenti: il verde. In genere equiparati alle
emozioni, più appropriatamente i sentimenti possono essere intesi come
il risultato di ciò che si prova quando le emozioni sono intessute o
combinate in vario modo con le espressioni della mente: le idee, i
pensieri e i ricordi (o, quest’ultime, con i moti del cuore); in questo
senso, ai sentimenti appartengono, ad esempio, l’affetto, la simpatia, la
malinconia, la frustrazione, la felicità. Le emozioni non sono autonome
energeticamente, vanno cioè alimentate per essere provate, sono la
risposta a una stimolazione che va ricercata perché ci “smuova”:
all’esterno di noi stessi attraverso il fare, i rapporti sociali, le nuove ed
eccitanti esperienze e le relazioni affettive; all’interno di noi stessi
attraverso gli interessi intellettuali, il comprendere nuove cose, l’ideare
e il creare. Le emozioni (dal latino emovere, trasportar fuori, smuovere,
eccitare), rappresentano, a un tempo, una spinta motivazionale, un
bisogno interiore, che stimola l’azione e il pensiero, o costituiscono una
forma di piacere e autogratificazione (o meno) per quello che si fa7.
7. A proposito dell’autogratificazione, secondo un interessante studio scientifico
condotto da B. Fredrickson, docente dell’UNC a Chapel Hill e pubblicato su Pnas, nel
luglio 2013, nella autogratificazione, in particolare nel piacere edonico (egoistico) e in
quello eudaimonico (altruistico o nobile), nonostante il senso di felicità o il piacere
appaiano uguali, gli effetti sono opposti, ovvero solo nel secondo si ha un effetto
positivo sulla salute delle cellule, una risposta cioè antinfiammatoria e immunitaria.

75
Corrispondono, in particolare, a quel tipo di sensazione, o energia,
percepita come eccitazione, tensione o senso di carica emotiva
associata a ogni diversa attività o esperienza; carica che, se bassa, viene
avvertita come noia o disinteresse; se relativamente equilibrata, come
una condizione di benessere interiore, come nella cenestesi; e se un po’
più alta, come eccitazione o stress (se positivo, utile per dare il meglio
di se stessi nelle performance); mentre, se eccessiva, viene avvertita
come ansia, nervosismo, turbamento o panico. O, ancora, possono
costituire quelle energie inibitorie, passeggere o persistenti, che
tendono a soffocare qualsiasi forma di energia, fisica e mentale, anche
inconsciamente, come nella malinconia, nell’apatia e nella depressione.
– Il blu è l’energia più interiore delle tre e corrisponde alla coscienza,
all’intelletto, ovvero al complesso delle facoltà mentali che consentono
di conoscere, riflettere, comprendere, giudicare, dedurre per logica;
contrapposto all’intelletto inteso come facoltà di conoscere direttamente
attraverso la visione o l’intuito, cioè attraverso le facoltà superiori. È la
capacità di focalizzare l’attenzione su qualunque oggetto. È la volontà,
ovvero la facoltà di fare le proprie scelte e di perseguirle, scelte che
presuppongono idealmente consapevolezza, discernimento e libertà, e a
cui la volontà dovrebbe essere legata indissolubilmente; volontà non di
rado, invece, condizionata o deviata dagli stati e dai ciechi impulsi
emotivi e fisici, o da fattori esterni. È, ancora, la gamma degli attributi
mentali, che vanno da una ragione strumentale e pratica, quella di aiuto
nella quotidianità, a un intelletto più sofisticato, profondo e astratto,
capace del più grande ingegno, e che “basta a se stesso”.

Ora, le facoltà psichiche non vanno considerate come energie singole


ma come energie che, insieme, si compenetrano, si fondono e si
influenzano reciprocamente secondo la loro relativa intensità (ad
esempio, il rosso può arricchire il blu rendendolo più dinamico e sicuro
di sé; mentre, viceversa, il blu può conferire al rosso la capacità di una
visione più profonda della realtà), così da creare un’unica energia
composta, un colore dominante risultato di una mescolanza unica che
caratterizza ogni diversa personalità. Energie vitali o facoltà che costi-
tuiscono quel moto dello spirito o quella triplice volontà dell’essere a
fondamento della natura umana, e il cui equilibrio è simbolizzato da un
triangolo equilatero. Facoltà che possono esprimersi, in generale,
mediante la luminosa pienezza oppure l’ombrosa parzialità.

76
Vitalità Sentimento Intelletto
Azione Emozione Coscienza
Impulso Passione Volontà

In generale, pur nelle vicissitudini esistenziali, una personalità solare è


tendenzialmente reattiva e ottimista, ama la vita; mentre una personalità
ombrosa, al contrario, tende a deprimersi e a essere negativa. Per
quest’ultima, altre situazioni possono essere definite da un senso di
vuoto esistenziale, da un’angosciosa mancanza di un senso e di
speranza, da una prostrante infelicità: le profonde ombre dell’anima.

Ombra e Luce
L’equilibrio delle tre facoltà può essere espresso essenzialmente attraverso la forma di
un triangolo equilatero, sopra raffigurato attraverso gli stessi colori della sintesi triadica
nelle modalità sottrattiva e additiva, discendente e ascendente.

Quando la vita non ha modo di esprimersi


emerge allora la tendenza contraria.

Ogni qualità caratteriale normalmente consuona, è attratta, si sente a


proprio agio, si nutre e dà il meglio di sé con le energie affini alla
propria; mentre al contrario non è attratta o rifugge le energie opposte;
energie rappresentate, in entrambi i casi, da persone, attività e contesti.
Ciò risulta evidente nel carattere e nel comportamento degli estroversi e
degli introversi o dei cosiddetti uomini d’azione e uomini di pensiero.

77
Riusciamo a vivere solo ciò che abbaiamo vissuto,
reso essenza vibrante del nostro essere.

Essenzialmente, il rosso ha fuori di sé il suo fine, in quanto si realizza


nell’atto di agire e di fare materialmente; mentre il blu ha in sé stesso
il suo fine, in quanto si realizza nell’atto di conoscere, capire e ideare.
Da queste differenze cromatiche ha origine l’eterna incomprensione tra
gli opposti poli caratteriali, l’avversione o l’invidia per il colore
mancante, cioè l’energia di cui si è carenti, presente invece in altri, e lo
spiacevole senso di incompletezza che, a mo’ di rivalsa e di lenitivo,
porta a usare talvolta i propri punti di forza, il colore predominante, per
ferire, procurare ad altri quel disagio, quello stesso sordo dolore,
talvolta in modo inconsapevole, provato segretamente. Una realtà,
questa, che mette in luce il non comprendere che proprio in questa
diversità risiede, o dovrebbe risiedere, la ricchezza cromatica, cioè la
grande forza, dell’umanità; ovvero nell’interazione additiva e sinergica
di queste singole forze individuali complementari.
– Ciascuna delle tre fondamentali facoltà umane rappresenta, parallelamente, anche un
modo diverso ed essenziale di rivolgersi alla spiritualità e di conseguire il relativo
benessere da parte dell’uomo: vale a dire attraverso la conoscenza (fondamentale per
acquisire la reale visione delle cose), la purezza dei sentimenti (aspetto importante per
non rimanere avvinghiati alle emozioni negative dell’ego) e l’energia vitale (in
relazione alla salute e alla forza fisica). Mentre lo sviluppo integrale dell’uomo passa
attraverso lo sviluppo armonico d’insieme di ciascuna di esse.
L’anima è totalità, per cui per entrare in contatto con essa è necessario protendersi
verso un’espansione o un’apertura alla totalità di noi stessi. Ci si deve disporre cioè
verso un “vuoto” percettivo dei nostri tre fondamentali livelli di coscienza: la mente, le
emozioni e le sensazioni. Ciò attraverso il vuoto mentale o la purezza dei pensieri, la
calma emozionale o il sorriso interiore – il sorriso del Buddha – e attraverso il profondo
rilassamento del corpo; poiché uno stato emotivo negativo e una tensione fisica
costituiscono anch’essi un impedimento al prodursi delle condizioni ideali di apertura
percettiva, al pari del lasciarsi distrarre dai propri pensieri. La mente non va contrastata,
semplicemente non ci si deve ancorare a nessun pensiero che da essa emerge; in pratica
disponendosi come osservatori distaccati. I pensieri svaniscono attraverso la presenza,
la quale non offre spazio alla linearità temporale necessaria al loro svolgersi o
dispiegarsi, mentre il sorriso interiore costituisce il mezzo più semplice e piacevole per
sciogliere tutte le tensioni, elevare la propria energia interiore e allo stesso tempo
renderci ricettivi a quella dell’universo.
– L’intersezione di due o tre cerchi colorati in additiva (oppure la ruota cromatica come
simbolo dell’anima o il triangolo della sintesi triadica) possono essere visualizzati
inizialmente in meditazione, come esercizio propedeutico, in maniera relativamente
semplice, per indurre a livello profondo dei cambiamenti positivi relativi a
un’armonizzazione delle proprie facoltà.
78
Il punto di mezzo
Qualsiasi manifestazione nella nostra realtà si può ridurre
essenzialmente all’interazione tra elementi contrapposti che stanno tra
loro in rapporto polare o complementare. In ogni rapporto tra elementi
opposti, la condizione di equilibrio, la verità, si trova al centro e mai in
una delle parti o estremi, come normalmente si è portati a credere1. Ma
anche tale centro, in realtà, può assumere una posizione relativa: ad
esempio, un modo d’essere incentrato sulle impulsive emozioni – il
pathos – è altrettanto squilibrato quanto quello basato sulla sola fredda
ragione – il logos – così se le emozioni unite alla ragione si possono
esprimere nei sentimenti o nelle passioni, i sentimenti stessi, a loro
volta, possono essere egoici oppure puri. Il centro che comprende e
integra entrambi i poli, ma in maniera differente dalla semplice
combinazione di questi, è la sintesi risolutiva al di sopra delle parti; non
come espressione parziale ma, se integrazione genuina, come pienezza,
elevazione e luce – l’ethos2.
Nell’immagine che segue possiamo vedere, ad esempio, come il blu e il
rosso siano opposti tra loro e come, dalla loro interazione, essi si
possano elevare additivamente verso la luce e arrivare progres-
sivamente al bianco; oppure, calare sottrattivamente verso l’oscurità,

Interazione tra il blu e il rosso,


e il grigio medio centrale.

1. Nell’etica di Aristotele ciò corrisponde al concetto, relativo alla virtù, del mesotes:
secondo cui il male è opposto al male ed entrambi si oppongono a un unico bene, come
la virtù del coraggio è medietà tra eccesso e difetto, quali la temerarietà e la viltà.
2. Ethos (da cui ethikós, “etica”) è il costume, il carattere ma anche la dimora del-
l’uomo, dimora da intendersi come universo animico: l’oggetto del “conosci te stesso”.
79
attraverso la loro reciproca dissoluzione nei differenti livelli di grigio o
mediante la loro minore luminosità e giungere, infine, al nero.
A questo punto, si potrebbe rilevare che è stata considerata la sola
interazione tra il blu e il rosso ma non (esplicitamente) tra il bianco e il
nero, la luce e l’oscurità. Rivediamo il tutto allora nell’insieme.
Se ci riferiamo unicamente all’uso del colore esprimibile attraverso la
stampa in queste pagine, tale aspetto può essere illustrato nel seguente
modo: nell’immagine precedente, ossia il nostro quadrangolo con ai
vertici una doppia coppia di colori opposti complementari, il blu e il
rosso orizzontalmente e il bianco e il nero verticalmente, il centro è
rappresentato da un certo valore medio di grigio, in questo caso a metà
tra il colore bianco della carta e il nero dell’inchiostro.
In realtà, bisogna però tener conto che se l’oscurità è facilmente
ottenibile, e questa può anche essere tranquillamente rappresentata dal
nero a stampa, con la luce, al contrario, si può arrivare a livelli di
splendore o intensità così elevati da andare ben oltre la luminosità
(riflessa) della presente carta e dei suoi inchiostri colorati. Per cui, il
valore medio, visto sopra, è relativo e varia in funzione dell’intensità
della luce considerata. Inoltre, si dovrebbe tener conto della dimensione
spirituale, invisibile ai nostri occhi, dove luce e colori possono essere
inimmaginabilmente più brillanti e puri, tali da poterli chiamare
“metaluce” e “metacolori” (in rapporto al termine metafisica).
In questa nuova rappresentazione, come illustrato nell’immagine che
segue, la metà superiore del quadrangolo (triangolo rivolto in su),
quella dell’intensa lucentezza e dei metacolori, non è raffigurabile,
anche se è in rapporto con l’altra metà inferiore (triangolo rivolto in
giù), quella dei colori visibili. Il centro, il punto di mezzo, in questo
caso, è simbolizzato dal bianco, il bianco solare, il sole. Questo perché
il sole rappresenta per noi il centro, la fonte di energia vitale e di luce3.
La nostra complessa realtà si compone di aspetti complementari, come
la dimensione spirituale in rapporto a quella fisica, l’energia in rapporto
alla materia, aspetti che a un tempo costituiscono un’unità inscindibile;
come risulta dall’equivalenza tra energia e materia secondo la moderna
concezione della fisica, o, come affermava Albert Einstein:

3. Cfr. il mito della caverna platonico rielaborato da Nicola Cusano (XV sec.) e ripreso,
quest’ultimo, da Robert Fludd (XVII sec.); una concezione raffigurata attraverso due
coni, uno di luce e l’altro di tenebre, uno proveniente da Dio e l’altro dalla Terra, che si
incrociano e compenetrano creando al centro il Sole, la manifestazione visibile di Dio.

80
“Ciò che abbiamo chiamato materia è energia, la cui vibrazione è
stata così abbassata da essere percepibile ai sensi.”

La luce solare, al centro, quale forza armonica.

Come il colore, così il pensiero. Trova corpo in questa espressione il


principio ermetico: come fuori, così dentro. Ovvero, il pensiero è un
valore d’ombra. Valore d’ombra, o colore, che nasce dall’incontro della
luce, l’energia mentale di origine divina, con l’opacità della materia, la
realtà dei sensi; cioè i filtri mentali, più o meno opachi, le credenze che
definiscono il carattere (dal greco charaktēr, “impronta”) di ogni uomo,
le concezioni più o meno erronee e limitanti acquisite nel corso della
vita. Dunque, l’intelletto che tende alla luce, divenendo come un sole,
quando si nutre del vero4, le idee universali, o il pensiero che tende
all’oscurità quando si nutre del falso, quando si radica nell’egoismo e
nelle basse vibrazioni come la rabbia e l’odio. O, ancora, il pensiero che
si alimenta attraverso il “contrasto cromatico” dato dalla visione duale
della realtà; il superamento della quale fa sì che esso si acquieti da sé.

La conoscenza è del simile con il simile…


con l’amore vediamo l’amore e la contesa con la contesa.
Empedocle

4. Intelletto, dal latino intellectus, da intus e legere, “leggere dentro” l’apparente realtà.
È la capacità (attributo, grazia divina) di cogliere cioè l’essenza delle cose, di
illuminarle, di discernere; di capire attraverso Dio.
– Per inciso, in una corda acustica, il punto di mezzo è il punto attraverso cui si possono
ottenere due suoni (da ogni metà corda) in perfetta consonanza e all’unisono tra loro.
81
C’è una luce fisica visibile e una luce sottile invisibile del sole:
l’energia spirituale. Non è un caso che il Sole sia al centro del nostro
sistema solare, il punto di riferimento intorno al quale la natura ha
sviluppato la vita. Vita che pulsa in noi grazie al nostro cuore, centro di
noi stessi. Il nostro sole interiore. Il centro che rappresenta la stretta
porta e la via (di mezzo) che conduce alla vita.
Una posizione centrale che corrisponde alla coscienza illuminata
incarnata, a metà tra il sé finito e il sé infinito. Il punto di mezzo,
l’equilibrio tra la separazione e l’unione totali. Lo stato dell’uomo
nuovo, erede, nel tempo compiuto, di questa terra nell’Era d’Oro.

La mente dell’uomo è un complesso sistema che coinvolge in diversa


misura la sfera egoica e quella animica in un rapporto che possiamo
definire tra il sé inferiore e il sé superiore. Nell’uomo comune è
dominante la componente individualista, pressoché totale nelle persone
fortemente materialistiche. Questo tipo di personalità, rappresentabile
alla base di uno schema piramidale, illustrato qui di seguito, si
individua attraverso un modo d’essere tipicamente parziale o relativo:
ad esempio, o solo rosso o solo blu, la cui interazione con la controparte
manifesta la mancanza o scarsità di luce o di consapevolezza (colori
scuri centrali). Si tratta di personalità rigide nei propri punti di vista e
indifferenti, se non ostili, verso tutto ciò che non si confà alla loro realtà
e ai loro interessi. A mano a mano che la persona evolve, essa si
dispone spiritualmente in una posizione più alta nello schema e la sua
coscienza acquisisce un maggiore equilibrio; sono meno marcate le
parzialità e gli estremismi e in essa è maggiormente percettibile la voce
del proprio sé superiore. Persone di questo tipo hanno spontaneamente
in sé più chiarezza e discernimento e sono variamente più sensibili e
predisposte alle tematiche concernenti l’etica, il benessere della società,
l’ecologia e la spiritualità.
Una persona, infine, in comunione con la propria anima occupa la
posizione centrata al vertice della piramide, posizione attraverso la
quale essa può cogliere nell’insieme ogni altra posizione. Le posizioni
intermedie sono invece caratterizzate da conflittuali e alternati impulsi
egoistici e altruistici che possono rendere contraddittori i
comportamenti e spesso difficili le piccole e grandi scelte della vita, in
uno stato di precaria sospensione tra le forze gravitazionali dell’ego e le
correnti ascensionali dell’anima.

82
La piramide della consapevolezza dell’uomo.

Il senso dello schema piramidale5 può anche essere trasferito a quello


circolare, spostandoci dal particolare al generale, per cui come i
rapporti tra i differenti colori di una ruota cromatica, secondo le
modalità sottrattiva o additiva, conducono a risultati opposti tra loro,
così avviene tra gli individui all’interno della società, in relazione alla
qualità della vita. Il che equivale a un generale abbassamento
vibrazionale a livello collettivo (malessere, da divisione e disaccordo)
oppure a un suo innalzamento (benessere, da unione e armonia).

Interazioni sociali basate sulla separazione o sull’unione tra gli individui.

5. La figura rappresenta la sezione di un cono cromatico, il quale, se osservato nella sua


interezza, dal basso o dall’alto, mostra le due ruote dei colori in sottrattiva o in additiva.
Facendo del vertice di luce, o anima, il punto di “mediazione triangolare” dei rapporti
umani, anziché in linea diretta orizzontale, si rende possibile un vero contatto tra questi.
83
L’uomo può fluttuare attraverso diversi livelli di consapevolezza.
Quando questa è bassa, cambiare è più difficile. Quando l’incon-
sapevolezza è grande, siamo vittime delle circostanze dettate dalla
nostra forma mentis.
La coscienza, in fondo, è una questione di energia, di luce. Quando
questa luce è debole è inevitabile sentirsi limitati. Limitati nel senso in
cui si esprime il nostro livello di libertà personale, livello in relazione
con il nostro particolare colore che stabilisce i confini all’interno dei
quali possiamo condurre la nostra esistenza. Libertà che, a un tempo,
trova però la sua concreta espressione proprio nella specificità del
colore: il punto d’incontro tra la luce e l’oscurità6. Poli estremi nei quali
la libertà individuale perde invece di significato, in quanto da un lato il
colore viene trasceso nella pienezza della luce e dall’altro si spegne
nella vacuità dell’oscurità7. Pertanto è solo nei livelli intermedi che si
può spiegare il concetto di libero arbitrio, quale potenziale libertà di
esprimere, o non esprimere, in varia misura la propria libertà; o di fare
dell’esistenza l’Arte di vivere in armonia tra cielo e terra.
Pur con tutti i suoi limiti e difetti, l’ego, cioè ogni specifico colore, non
può dunque essere inteso come un qualcosa da rinnegare, al contrario,
esso rappresenta il centro della nostra realtà terrena, il corpo fisico e
spirituale grazie al quale si rendono possibili ogni nostra esperienza e la
vita stessa. L’unicità e il senso di ogni esistenza.

In fondo, dove sta la differenza tra il sé inferiore e


il sé superiore se non nella differenza di luce tra i due.
Gli aspetti polari di una stessa unica mente.

6. Cfr. la metafora della “colomba di Kant” in cui una colomba, che nel suo volo sente
la resistenza dell’aria, ritiene di poter volare più agevolmente nello spazio vuoto.
7. L’uno è il tutto. Non esiste altro. Non esiste un qui e un lì o un questo e un quello al
di fuori dell’uno a cui esso possa rapportarsi. Tali possibilità diventano invece infinite
quando l’uno suddivide se stesso in innumerevoli distinte espressioni di sé. Per cui esso
diviene come un corpo immenso (universo o luce) nei confronti del quale ogni sua
singola cellula (essere o colore), assumendo, questa, coscienza individuale, lo stesso
corpo diviene lo spazio infinito da esplorare, con un qui e un lì o un questo e un quello
al di fuori di sé a cui potersi rapportare. Il concetto di libertà non ha quindi significato
per l’uno impersonale; acquisisce invece un valore assoluto e unitario nel momento in
cui l’uno assume infinite forme; mentre la libertà acquista un valore ordinario o relativo
per le singole forme o gli esseri individuali, i quali invece possono rapportarsi con vari
gradi di libertà, in accordo o in contrasto con l’armonia cosmica, o con la sua assenza.

84
Via di mezzo è vivere, esteriormente, la propria individualità e,
interiormente, pensare e agire all’unisono con l’universo. È vivere
l’equilibrio tensivo degli opposti complementari – l’ordine e il caos –
dell’alternarsi del giorno e della notte: delle forme e dei colori diurni e
dell’immensità notturna dal cui fiat emerse il cielo stellato.
È collegarsi alla fonte cosmica di forza, armonia e consapevolezza; la
sola in grado di preservarci dalla limitatezza, dall’ignoranza, dalla
paura e dalla sofferenza.
La modalità sottrattiva ha quindi la sua ragione d’essere: il disgiungersi
dall’Unità di tutte quelle energie che, individualizzandosi, vanno a
costituire tutte quelle variegate forme espressive – sculture di luce –
che insieme compongono la grande rappresentazione dell’universo8.
Come il colore è generato dalla luce e dall’ombra: la luce dalla quale
trae vita e l’ombra che delimitandolo lo specifica e lo risalta, così
l’uomo è insieme anima e corpo: ombra rispetto all’anima, da cui
origina, e luce rispetto al corpo, che lo definisce e caratterizza.

L’uomo è la sintesi tra il cielo e la terra,


la luce e l’oscurità, l’infinito e il finito,
l’unione e la separazione dall’universo.

È così che ogni individualità entra in rapporto di analogia con i diversi


colori. L’uomo nuovo può però arrivare a esprimere e riconoscere in sé
tutti i colori, al di là del colore con cui può manifestarsi nel mondo,
gestendo la propria totalità, perché giochi consciamente il proprio ruolo
nella grande rappresentazione del sogno cosmico.

Colore fuori e luce dentro.

8. Il senso di separazione provato dall’individuo è, lo ricordiamo, un’illusione perché in


fondo tutto è sempre comunque interconnesso.
– La libertà è spirito di verità. Entrambe inconciliabili con la paura e con l’odio. La
libertà (volontà) è in relazione diretta con la verità e la consapevolezza, cioè con il
sincero desiderio della conoscenza della realtà. Della Bellezza. Senza questo desiderio,
se ancora succubi della natura duale delle cose e delle proprie soggettive opinioni,
perlopiù prodotte da un’accettazione passiva e senza discernimento delle suggestioni e
delle influenze esterne, la realtà personale assume la forma di una gabbia illusoriamente
chiamata libertà. Anche questa in fondo libertà, è pur vero, libertà di sbagliare e di fare
esperienza, e dunque con la sua fondamentale importanza. La vera libertà non coincide,

85
comprensibilmente, con l’ideale puerile di libertà, comune nelle personalità immature,
ancora lontane dal riconoscersi come un qualcosa di più grande in armonia con il tutto.
Dio ha creato l’uomo a propria immagine e somiglianza, somiglianza alla quale
corrisponde il sacro dono del libero arbitrio. Un dono mal compreso e spesso barattato
con una sua parvenza, come dimostrano le misere condizioni di vita dell’umanità; in
larga parte il prodotto di meccanismi di fuga inconsci da un “vuoto” interiore, un senso
di solitudine e di paura esistenziale da cui originano gli affanni, i conflitti e la ricerca di
continue distrazioni; senza comprendere che proprio in quel vuoto, in quel buio, in quel
silenzio tanto accuratamente evitato, soffocato dall’ego, dai rumori, dall’esteriorità, e
dagli inganni, si cela invece la vera forza, la luce, la dimensione divina.
L’espressione libero arbitrio è formata da due parole traducibili come “libera facoltà di
scelta”, espressione questa che si riferisce all’autentica libertà, e a cui si contrappone di
conseguenza, il semplice arbitrio o la sola facoltà di scelta (quindi non libera) e che
pertanto sottintende una falsa libertà, una libertà limitata, illusoria, ampiamente diffusa
e difficile da riconoscere. Quella per cui si crede di essere liberi solo perché si può
“scegliere” tra questo o quello, ma senza sapere niente del maestoso universo intorno a
noi. Cfr. “la verità vi farà liberi” V. di Giovanni 8, 32; “dove c’è lo spirito del Signore
c’è libertà” II L. ai Corinzi 3, 17; e “liberi soggiacete” Dante, Pg. XVI, 80.
– Esistono due tipi di purezza: una è la purezza spirituale, l’altra è quella materiale. Una
è rappresentata dalla purezza della luce bianca, l’altra dalla purezza dei singoli colori. E
l’ego, per naturale affinità con il mondo materiale, spesso confonde l’una con l’altra. Si
è puri nella misura in cui ci si identifica con la pura multicromaticità della luce, ovvero
con la totalità della realtà e non con la pura monocromaticità di un colore o con un
singolo aspetto della stessa realtà. La vera purezza è dunque solo dell’anima e non può
mai essere della persona come erroneamente si è portati a credere: perché ricercare la
purezza/perfezione in una persona vuole dire rinnegare il suo aspetto individuale/egoico
a favore esclusivamente di quello animico-impersonale. Il punto d’incontro, la
posizione ideale, si trova pertanto tra le due considerate.
– La modalità sottrattiva è paragonabile al processo di condensazione dell’energia in
materia che porta all’appesantimento, all’oscuramento e alla costrizione di questa (il
che richiama il concetto di materialismo); a differenza della modalità additiva che si
può considerare, inversamente, di natura luminosa, leggera e fluido/dinamica.
– La diffusione di idee o concezioni opposte e conflittuali, in particolare se false, che si
contraddicono l’una con l’altra, producono insicurezza, sfiducia, destabilizzazione e un
abbassamento del livello vibrazionale; e causano alla lunga indifferenza e incapacità di
discernimento, nonché l’appiattimento della coscienze, oltre a dividere le persone che
sostengono, dagli opposti lati, queste stesse idee. Tutti aspetti, questi, della sottrattività.
– Una curiosità: dal riemergere di un ricordo, suscitato dalla constatazione di aver
sperimentato fino a quel momento una pratica spirituale squilibrata e infruttuosa,
ovvero, che se una corda di uno strumento musicale viene tesa eccessivamente questa si
spezza mentre se la si lascia troppo lenta non suona, cioè che solo la sua corretta
tensione può produrre il giusto suono, Siddharta comprese una grande verità, quella che
gli avrebbe permesso di divenire il Buddha, “il risvegliato”, e che un giorno avrebbe
trasmesso al mondo. La verità della “via di mezzo”, della retta condotta, tra gli eccessi,
come l’auto-indulgenza e l’auto-mortificazione, l’estremo ascetismo e una vita legata ai
piaceri dei sensi. Comprese, dunque, la necessità di accordare, cioè di armonizzare, il
proprio strumento psico-corporeo con la virtù della medietà.

86
Tra Terra e Cielo
Il sapere perduto
In principio Dio creò il cielo e la terra.
Genesi 1,1

Il cielo e la terra rappresentano i due principi polari fondamentali che


costituiscono l’intero universo: il principio ultraterreno, animico o
spirituale e quello materiale o corporeo. A essi sono associati tradizio-
nalmente due importanti simboli geometrici: il cerchio e il quadrato.
Il cerchio rappresenta l’infinito e la perfezione, non ha né inizio né fine,
né orientamento, e viene dunque identificato con l’anima universale,
l’assoluto, l’unità; oppure con il sole, con un punto segnato al centro.
Il simbolo opposto, il quadrato, con quattro lati che permettono
l’orientamento spaziale, rappresenta l’ordine, la stabilità, l’universo
fisico e in particolare la terra: il mondo a misura d’uomo.
Queste due figure geometriche accoppiate, con il cerchio circoscritto al
quadrato, costituiscono il mondo quale unione di anima (o spirito) e
materia; mentre un secondo cerchio, inscritto nel quadrato, indica che
l’anima non è solo al di fuori delle cose ma anche al loro interno,
ovvero ne costituisce l’essenza. In tali figure, così disposte, il quadrato
risulta in posizione centrale, quale espressione dello spirito, immerso
nello spirito, dell’immanente nel trascendente. Il senso di unione dei
due principi è in particolar modo evidenziato dal fatto che tutte le figure
sono centrate, ovvero hanno il loro centro in un unico centro.

Il cerchio rappresenta l’energia, l’infinito, il dinamico, l’unità;


il quadrato la materia, il limitato, lo statico e la differenziazione.

87
In questo mondo così costituito si colloca l’uomo, quale microcosmo
a immagine del macrocosmo e tutt’uno con esso. L’uomo assume qui
una posizione centrale rappresentata, in particolare, da un terzo cerchio
(rosso) in posizione intermedia tra i primi due1.
Un’altra importante immagine simbolica, in relazione alle figure del
cerchio e del quadrato, è data dalla famosa quadratura del cerchio, la
quale, al di là delle questioni relative alla sua costruzione, cioè la
trasformazione di un cerchio in un quadrato di uguale superficie2,
rappresenta in realtà la genesi dell’universo fisico quale manifestazione
o materializzazione dell’Idea, del Progetto divino originario. Ma anche
l’armonizzazione nell’uomo delle forze del cielo e della terra.

Cerchio medio tra quelli inscritto e circoscritto al quadrato.


Quadratura del cerchio: figure di uguale superficie sovrapposte.

1. Il diametro del cerchio medio (rosso) tra i cerchi inscritto e circoscritto (blu), con
diametri pari a 1 e √2, è uguale a “1,207”. Un valore vicino al raggio del cerchio medio
“0,6035” (1,207/2) è dato dal numero aureo “0,618” (ϕ); di cui si è accennato a p. 28.
Il valore medio “1,207” è anche il cerchio che circoscrive quattro cerchi uguali inscritti
nel quadrato, con diametro 1/2 del lato; e non solo (cfr. “1,2008” sotto), come vedremo.
2. Ricordiamo, per la realizzazione di un quadrato della stessa superficie di un cerchio
dato, le formule relative alle due suddette figure geometriche; dove A indica l’area, r il
raggio, C la circonferenza, d la diagonale e l il lato. Area cerchio = r2·π; r = C/2π op.
√A/π; area quadrato = l2; d = l·√2. Costanti: d/l = √2 = 1,4142…; C/2r = π = 3,1415…
Con il lato e la superficie del quadrato uguale a “1”, che qui prendiamo come figura
geometrica di base, il diametro del cerchio di pari area è uguale a (√1/π) ·2 = “1,128”.
La quadratura del cerchio può essere espressa anche uguagliando l’estensione, cioè la
misura della circonferenza e quella del perimetro; in questo caso il diametro del cerchio
risulta 4/π = “1,273”; una misura equivalente al quadrato del valore precedente, cioè
1,1282 = 1,273 (per cui 1,128 è anche uguale a √4/π). Mentre, (4/π +√4/π)/2 = “1,2008”.

88
Immagine che raggruppa tutti i cerchi e il quadrato centrati.

L’originale unità spirituale, costituita dai cerchi e dal quadrato centrati,


con la “caduta dell’uomo”, o la sua individualizzazione, si scinde in
entità distinte attraverso il disgiungersi illusorio del mondo materiale da
quello spirituale per mezzo della traslazione di dette figure3 e dei loro
relativi centri, le cui basi, ora, vanno ad appoggiarsi su uno stesso piano
come per l’effetto di una forza gravitazionale.

Traslazione delle figure geometriche e dei rispettivi centri.

3. Cfr. la rifrazione della luce che devia la propria traiettoria (e rallenta) nel passaggio
dal vuoto alla materia, così come un cucchiaino appare piegarsi in un bicchiere d’acqua.

89
Ne deriva un nuovo simbolo che rappresenta la falce lunare, cioè la
dimensione umana caratterizzata dal suo ego, ovvero dalla sua mente
analitica (la falce che divide) in grado di riflettere solo una minima
parte della realtà (la tenue luce solare riflessa dalla luna). Una mente
caratterizzata da mutevoli, relativi e contrastanti punti di vista.

Colui che volse il sesto


a lo stremo del mondo, e dentro ad esso
distinse tanto occulto e manifesto.
Dante, Paradiso, XIX, 40-2

Quanto sopra illustrato, in termini simbolici, lo si può cogliere


essenzialmente in diverse antiche concezioni spirituali, le quali
rimandano invariabilmente ai significati nascosti della nostra realtà.
Cerchiamo ora di scoprire alcuni di tali significati ricorrendo alla
magistrale opera di Leonardo da Vinci, l’Uomo vitruviano – “l’uomo
misura di tutte le cose” – cioè attraverso il suo significato collegato alla
simbologia del cerchio e del quadrato. Una simbologia che risiede nei
principi architettonici all’origine della Creazione. Una creazione in cui
ogni cosa è stata ordinata secondo “misura, numero e peso”: geometrie
e numeri che si compenetrano con la musica. Musica o suono a cui
affianchiamo, in queste pagine, la luce e il colore.

Nell’Uomo vitruviano sono rappresentati in maniera celata i concetti


sopra illustrati: ovvero, la quadratura del cerchio e la misura media tra i
cerchi sottintesi, inscritto e circoscritto nel quadrato, come vedremo.
Misura, o cerchio medio, che rappresenta, come già illustrato, l’uomo al
centro dell’universo, tra la dimensione celeste e quella terrena;
dimensioni congiunte e disgiunte in un’unica immagine, una sintesi,
mediante la figura celeste (spirituale) o dinamica dell’uomo (come
sollevato) disposto con braccia e gambe divaricate a “X”, inscritta nel
cerchio (homo ad circulum), e l’altra figura, terrena o statica,
dell’uomo inscritto nel quadrato (homo ad quadratum).

– Secondo il famoso paradosso di Zenone, attraverso una serie infinita di successivi


dimezzamenti di un dato percorso non è possibile giungere alla relativa meta, perché
“infinitamente lontana”. Questo concetto, che si adatta analogicamente alla divisione in
ottave di una corda sonora, come vedremo, può essere interpretato come l’impossi-
bilità da parte della mente dell’uomo di raggiungere la verità ultima (Dio), per quanto
possa essere approfondita la sua ricerca, se tale ricerca è solo di natura razionale.

90
L’Uomo vitruviano, 1490 ca. (344 x 245 mm).

L’opera di Leonardo rappresenta, essenzialmente, l’uomo al centro


dell’universo4. Infatti, che cosa sarebbe la magnificenza del creato
senza una coscienza in cui manifestarsi? E, allo stesso tempo, che cosa
sarebbe l’uomo senza un mondo in cui esistere ed esprimere se stesso?

4. Per poter osservare l’universo, ogni punto di vista non può che essere relativo, poiché
se fosse assoluto non sarebbe un punto di vista, non distinguendosi cioè dall’universo
stesso; il quale, pertanto, non potrebbe osservare se stesso come un qualcos’altro da sé.
Ne consegue, quindi, che ogni punto di vista, quale entità distinta all’interno del tutto, è
necessario e assume, soggettivamente, centralità e assolutezza (egocentrismo). Allo
stesso tempo, tutti gli innumerevoli centri (individui) non sono che un unico centro,
un’unica cosa; per cui, inconsciamente, ciascuno di essi, anche per questa ragione, sente
se stesso come il centro dell’universo. Infine, a livello generale (umanità), tutto si
relaziona e incentra nell’uomo, quale misura di tutte le cose (antropocentrismo).

91
L’Uomo vitruviano è inscritto, a un tempo, nel cerchio medio, nel cerchio di quadratura
e nel quadrato. Il centro del cerchio dell’uomo di Leonardo, o del cerchio medio,
coincide con l’ombelico, il centro di gravità ego-fisico dell’uomo.

Si osservi, ora, nella presente immagine come, sovrapponendo all’opera


di Leonardo la figura precedente con i cerchi traslati, in modo che il
cerchio (blu) inscritto nel quadrato lo sia anche nella stessa opera, il
cerchio medio (rosso) va a ricalcare perfettamente quello originale, che
tocca le estremità delle dita delle mani dell’uomo dinamico5, mentre il
cerchio di quadratura (nero) va a toccare con precisione le dita delle

5. Il cerchio medio in posizione centrata toccherebbe invece le dita dell’uomo inscritto


nel quadrato: questo a indicare l’originale coincidenza degli opposti, dinamico e statico.
– Con il quadrato pari a “1”, i diametri dei cerchi misurano: 1; 1,128; 1,207 e 1,414.

92
mani dell’uomo statico. Attraverso i centri dei cerchi blu si individua
invece l’ampiezza della traslazione di questi stessi cerchi.

A questo punto è possibile cogliere un interessante sviluppo di quanto


sopra esposto.
Nell’uomo di Leonardo, com’è noto, il centro del quadrato è situato alla
base dei genitali, mentre il centro del cerchio è posto nell’ombelico.
Si noti, invece, che il centro del cerchio nero di quadratura si colloca un
palmo sotto l’ombelico, mentre il centro del cerchio blu circoscritto va
a indicare un punto del corpo situato sotto lo sterno; un punto
simbolizzabile come il limite (superiore) dello spazio psichico
dell’uomo; infine, il centro del cerchio blu inscritto coincide, ovvero
resta centrato, con quello del quadrato. Vediamo perché.
A questo scopo è necessario ricorrere a un principio base della teoria
della musica, quello relativo al concetto di ottava.

In una scala musicale i suoni sono ordinati, dai più gravi ai più acuti,
secondo una particolare serie di intervalli, il principale dei quali è
l’intervallo di ottava. Essa corrisponde a quell’intervallo tra due note le
cui altezze (o frequenze) sono una il doppio, o la metà, dell’altra (cioè
sono in rapporto di 2:1); note che, data la grande consonanza e affinità
tra loro, vengono chiamate con lo stesso nome, ad esempio Do. Tra
queste sono comprese le sei note intermedie: Re, Mi, Fa, Sol, La e Si;
per cui con ottava si intende l’ottava nota (Do2), ripetizione della prima
(Do1) ma su un’altezza differente, o l’intera successione di otto note.

La figura illustra una corda tesa (o un monocordo): questa, se libera di


oscillare totalmente tra i due estremi, emette, pizzicandola, una nota
base che possiamo chiamare Do1. Se la stessa corda viene divisa in due
parti, vincolandola al centro e permettendo di oscillare solo a una delle
due metà, abbiamo una nota un’ottava più alta della prima, in questo
caso un Do2. Nello stesso modo, per suddivisioni successive, si
ottengono ottave ancora più alte, fino al Do5, dove ci fermiamo.
93
I “confini psichici” dell’uomo sono definiti dal quadrato:
lo spazio compreso tra i relativi cerchi circoscritto e inscritto.

– In Occidente, per ragioni storiche e cosmico-metafisiche legate al simbolismo del


numero sette, sette come i giorni della Creazione o i pianeti classici, anche i suoni sono
stati ordinati in una scala musicale base di sette note.
Ogni sistema musicale possiede una propria scala e il più antico, appartenente alla
cultura occidentale, è quello greco-pitagorico con la scala diatonica, seguito dalla scala
naturale o zarliniana e infine dal sistema, ora pressoché universale, della scala
temperata equabile di Werckmeister, diffusa con Bach. Nelle diverse scale di tutto il
mondo, l’intervallo di ottava (denominato nell’antica Grecia diapason) rappresenta una
costante, a differenza invece delle loro relative note, i cui intervalli, calcolati secondo
determinati rapporti matematici, generalmente variano all’interno di ciascuna di esse.
All’intervallo di ottava corrisponde un’importante legge universale: la legge periodica,
la quale consiste nella ripetizione di proprietà simili, di una determinata proprietà fisica,
a intervalli regolari e ricorrenti. La tavola periodica degli elementi ne è un esempio.
Cfr. la legge Titius-Bode. Con i suoni questa legge si evidenzia nella corrispondenza,
consonanza o somiglianza dei suoni che si intervallano tra loro di un’ottava o più
ottave, ascendenti o discendenti. Si cfr. con l’ermetica: “come in alto, così in basso…”
94
Ora, se si rapporta simbolicamente la lunghezza di una corda sonora, e
la suddivisione di questa attraverso le sue principali ottave, con le
proporzioni anatomiche dell’uomo, si può constatare l’esistenza di
importanti corrispondenze.
All’intera lunghezza della corda, in relazione con tutta l’altezza del
corpo umano, corrisponde la nota base che indichiamo con il Do; dal
Do, attraverso la prima ottava, arriviamo al Do2, a cui corrisponde la
base dei genitali (1/2 della corda); con la seconda ottava abbiamo il
Do3, nel centro del petto; mentre con la terza ottava, il Do4, ci troviamo
al livello della sommità della gola; infine, con la quarta ottava, il Do5,
arriviamo all’altezza degli occhi (1/16 della corda). Ora, nel disegno di
Leonardo, le altezze al livello di ottava corrispondono alle linee
trasversali tracciate lungo il corpo dell’uomo (simili ai tasti di un
cordofono), le quali sono da porre indubbiamente in relazione, in base a
quanto afferma il testo presente nella stessa opera, alle antiche unità di
misura (quali il dito, il palmo, il piede e il cubito) e alle proporzioni
umane secondo quanto indicato da Vitruvio nel De Architectura, ma
non solo. Queste stesse altezze o punti corrispondono, secondo una
differente ottica, a cinque dei sette principali centri energetici sottili
(chakra) dell’uomo: il centro basale, il centro cuore, il centro gola, il
centro frontale (come vedremo) e quello sommità (che individuiamo in
cima alla testa e che corrisponde all’estremità della corda o a questa in
tutta la sua lunghezza). Ne mancano due: quello sacrale che troviamo
quattro dita sotto l’ombelico, cioè il centro del cerchio di quadratura
(sopra il Re), e il centro plesso solare, cinque dita sopra l’ombelico
(il Sol); entrambi tra il Do2 e il Do3. La particolarità dei centri sacrale e
plesso solare è di essere in relazione con la coscienza dell’uomo, cioè
con i piani energetici sottili emozionale e mentale dell’ego. Essi, infatti,
sono gli unici a non appartenere alla serie dei Do e risultano pertanto
come separati dalla realtà consonante unitaria spirituale6.
Se adesso, nello spazio compreso tra il Do2 e il Do3 della corda sonora,
inseriamo la gamma spettrale dei colori, che immaginiamo anch’essa
completa attraverso un’ottava che va dal rosso visibile al “rosso2”

6. Una corda sonora suddivisa in ottave, sovrapponibili con i centri energetici


dell’uomo e in relazione con i diversi livelli di coscienza ordinari e superiori, è alla base
del reale significato della “metafora della linea” di Platone (una linea divisa in due parti
disuguali, e a loro volta suddivise con la stessa proporzione), Repubblica, 509d - 511e.
Un’immagine analoga la ritroviamo con il filosofo inglese Robert Fludd nel suo libro
Utriusque cosmi… istoria, 1617.
95
invisibile, si può constatare che il punto limite, il centro del cerchio
circoscritto (posizionato sotto lo sterno, poco sopra il La) va a trovarsi
all’altezza del violetto, proprio in corrispondenza del colore al confine
dello spettro oltre il quale i nostri occhi fisici non riescono più a
percepire la luce. Al confine opposto abbiamo, invece, il rosso in
corrispondenza del centro del cerchio inscritto, alla base del pube, sotto
il quale si va nell’altrettanto invisibile infrarosso. Tra questi abbiamo la
gamma cromatica visibile, lo spazio “S” definito dal quadrato racchiuso
dai due cerchi, inscritto e circoscritto, nella forma traslata.
Quanto qui illustrato rimanda, per analogia, allo spazio in cui è
confinata la nostra coscienza: lo spazio “psico-cromatico” attraverso il
quale è possibile avere esperienza di sé e del mondo, e una soglia. La
soglia oltre la quale si può trascendere l’ego e accedere alla dimensione
superiore dello spirito, una dimensione invisibile ai nostri occhi.

Ottava

Le lunghezze d’onda della luce visibile sono comprese circa tra i 700 e
i 400 nanometri. Questi sono proprio i confini “S” stabiliti dal quadrato,
ovvero dalla dimensione psichica dell’uomo. Tali confini corrispon-
dono, nell’ambito della nostra ottava, all’intervallo compreso tra le note
Do2 e La2 o, più precisamente, sono espressi dal numero “1,71”7.

L’energia spirituale è ciò che rende possibile la vita in tutte le sue


forme, dal regno minerale a quello animale; e tale energia, nell’uomo,
si polarizza in sette centri principali distribuiti lungo una linea che va
dall’estremità inferiore della colonna vertebrale alla sommità della
testa; centri che originano dal rapporto tra cielo e terra, tra l’anima e la
materia, e costituiscono i differenti piani dimensionali della creazione.

7. Con il quadrato pari a 1, “S” (√2) si traduce musicalmente tramite i raggi dei cerchi
circoscritto e inscritto: r2 – r1 = s1 (√2/2 – 1/2 = 0,207); r1 – s1 = s2 (0,5 – 0,207 = 0,292);
r1/s2 = S (0,5/0,292 = 1,707). Oppure attraverso la formula: S = 1/√2 + 1; op. S ≈ 12/7.

96
Piani dell’universo, o livelli di coscienza, legati tra loro e ordinati in
ottave cromatiche che si riflettono le une nelle altre. Centri di colle-
gamento tra le energie sottili all’interno dell’uomo e al suo esterno, che
lo alimentano e svolgono altre importanti funzioni.

Do3
Si
La
Sol
Fa
Mi

Re

Do2

I sette centri energetici fondamentali e lo spettro cromatico


della coscienza dell’uomo. A lato, la scala musicale pitagorica.

A essi corrispondono i differenti livelli della coscienza umana, ciascuno


dei quali è in relazione con un particolare stadio di sviluppo psicologico
nonché spirituale.
Quella dei centri energetici sottili è una conoscenza alla base delle
principali antiche dottrine spirituali sia orientali che occidentali.
Vediamo, in sintesi, quali sono e a cosa corrispondono:

I sette principali centri energetici dell’uomo


7 Sommità DO/∞ Anima universale. Unione cosciente con il Tutto.
6 Frontale DO5 Coscienza superiore e visione diretta della Realtà.
5 Gola DO4 Manifestazione della Realtà attraverso il logos/parola.
4 Cuore DO3 Amore. Anima e mediazione tra l’ego e l’Anima universale.
3 P. solare Sol2 Piano mentale, della coscienza, il “cervello addominale”.
2 Sacrale Re2 ~ Piano emozionale e delle “tensioni motivazionali”.
1 Basale DO2 Piano vitale fisico, dinamico, delle sensazioni e sessuale.

97
Lo spazio all’interno della seconda ottava, compreso tra il centro basale
e il centro plesso solare, è in relazione, come abbiamo visto, con lo
spazio energetico in cui hanno sede le espressioni psichiche dell’uomo.
In questo spazio, il centro sacrale, sovrapponibile al centro del cerchio
di quadratura, corrisponde alla sfera emozionale; importante, in
particolar modo, per il fatto di essere un punto fondamentale di
concentrazione dell’energia vitale, con la funzione di vivificare l’intero
corpo fisico. Un punto in cui, in molte discipline spirituali o
energetiche, viene portata l’attenzione, la concentrazione mentale, al
fine di sviluppare e armonizzare detta energia: una “medicina sottile”
fonte di forza e salute8.
L’altro punto considerato, il centro del cerchio medio, il “livello medio
psichico” (all’altezza del Mi2), corrisponde all’ombelico, la radice della
vita, in quanto il bambino durante la gestazione trae il proprio
nutrimento dalla madre tramite il cordone ombelicale e la placenta9.
Infine, per quanto riguarda il centro plesso solare, questo è
tradizionalmente posto in relazione essenzialmente con il sistema
digestivo e la sfera mentale e caratteriale.
Al di sopra dello spazio egoico, compreso all’interno della seconda
ottava, si entra invece nella dimensione spirituale superiore, di cui il
primo centro è rappresentato dal cuore, seguito a sua volta da altri tre
centri, come indicato nella tabella precedente. Quando i centri superiori
sono sufficientemente attivati, la persona acquisisce, in relazione cioè
alla propria elevazione spirituale, maggiori e più sottili capacità e una
nuova, più profonda e vera percezione della realtà; attraverso il
risveglio alla coscienza animica del proprio corpo.

8. In Occidente, il centro sacrale è conosciuto nella Cabala (una combinazione di


diversi elementi quali l’alchimia, il misticismo cristiano e l’ermetismo) con il nome di
Yesod, una sefira dell’Albero della vita; nelle discipline spirituali orientali, quali lo
Yoga indiano, col nome di Svadhisthana chakra; e nel Qigong (pratica sull’energia)
cinese, col nome di Dantian o Campo del cinabro (inferiore). In particolare, questo
punto è conosciuto nella Medicina Tradizionale Cinese e in agopuntura (che individua
quattro dita sotto l’ombelico) con il nome di Guanyuan, ovvero il punto dov’è
“racchiusa l’energia originaria”: punto mediante il quale è possibile esercitare
un’importante azione di tonificazione sull’energia di tutto il corpo.
Il termine cinabro, sopra accennato, è da porre in relazione con l’omonimo minerale
composto di zolfo e mercurio; elementi che in alchimia simbolizzano i principi
filosofici anima e spirito, sole e luna; i quali, insieme al sale o corpo, dopo un processo
di separazione (o purificazione) e riunione, originano la Pietra filosofale.
9. L’ombelico di un neonato, a differenza di un adulto, si trova nel centro del corpo.

98
A centri più elevati corrispondono cerchi o sfere dimensionali più ampie.

L’immagine sopra corrisponde, attraverso i centri e i cerchi traslati, alla


visione d’insieme simbolica di tutti i livelli di coscienza, o livelli
dimensionali dell’universo, secondo lo stato del divenire o lo stato
ordinario di esistenza; tra i quali, quelli già illustrati relativi alla
dimensione psichica umana (indicati in nero) che si colloca all’interno
della dimensione spirituale superiore rappresenta dai centri energetici in
ottava e dai loro relativi cerchi (indicati in rosso). Così che le due
dimensioni costituiscono un unico mondo multidimensionale
indissolubile. In questo mondo, il cerchio più grande rappresenta
l’onnicomprensiva anima universale, il cui centro corrisponde al centro
– Con il quadrato pari a “1”, i cerchi in ottava misurano: 1; 1,5; 1,75; 1,875 e 2.
99
energetico sommità (Do), che, secondo la rispondenza analogica con il
monocordo – l’Axis Mundi – le cui estremità simbolizzano l’Alpha e
Omega, attraverso una prima divisione (ottava) genera ciò che a sua
volta può generare: il centro relativo al cerchio più piccolo inscritto nel
quadrato, dove si colloca la dimensione fisica dell’uomo e al centro la
sua ingenita energia sessuale, il suo seme matrice (Do2); mentre, per
mezzo di un’ulteriore divisione della corda, abbiamo, in posizione
intermedia, lo spirito dell’intelligenza e dell’amore universale (Do3).

Dentro di te è la Luce
e dentro la Luce è il Suono.
Ed essi ti condurranno a Dio.
Sri Nanak Dew

Rappresentazione dell’universo. Collezione di astronomia…, Lione, 1400-1450.

Ogni espressione psichica dell’uomo, sensitiva, emozionale e mentale


(si veda a pagina 74), nello spazio cromatico della seconda ottava,
riflette la specificità di ogni singola ottava. Ovvero, nella sensitività si
riflette la fisicità corporea in relazione con la prima ottava;
nell’emotività la visceralità della medesima ottava, la seconda10; nella
razionalità l’espressività discorsiva relativa al logos della quarta; nella
10. L’esistenza di un “cervello enterico” è oggi confermato dalla scienza con la
neurogastroenterologia. Ai tre centri energetici dell’ego (basale, sacrale e plesso
solare) si possono far corrispondere gli elementi costitutivi di base del cervello umano,
nell’ordine: il tronco encefalico, il sistema limbico e la corteccia cerebrale.

100
intuitività intellettiva la facoltà conoscitiva visiva del reale della quinta;
mentre il cuore, al centro, svolge una funzione mediatrice. Questo
significa che quando le espressioni psichiche trascendono se stesse, ciò
è dovuto a una maggior influenza dei centri superiori, in primo luogo
quello del cuore. Da ciò l’emergere di una coscienza superiore o etica
che nasce da superiori consonanze, e dunque l’emergere di tre qualità
spirituali basilari: la consapevolezza, la responsabilità e la libertà.

Coscienza

Pensiero

Sentimenti

Emozioni

Vitale
Sensoriale
Le funzioni psico-cromatiche dell’ego, tra il Do2 e il Do3.
La coscienza è elevata dai centri superiori, in primo luogo dal cuore.

Con il cuore si fa un salto vibrazionale a cui corrisponde il centro


energetico, il Do3, da cui origina la terza ottava, lo spazio pettorale.
Centro attraverso il quale si possono provare in varia misura, a seconda
del suo grado di apertura, non più sentimenti motivati dall’ego, come
l’invidia, l’odio, l’alterigia, ma sentimenti più puri che nascono da un
senso di unione o di consonanza con gli altri.

L’insieme delle espressioni psichiche dell’uomo, quali quelle sensitive e


vitali, le emozionali e le mentali, possono essere immaginate come le
tinte primarie della tavolozza dei pittori – il rosso, il giallo e il blu – le
quali, miscelate variamente tra loro, producono le infinite tonalità dei
nostri modi d’essere, di sentire, di vivere e di creare.
Nella corrispondenza analogica tra le emozioni e il giallo e tra il
pensiero e il blu, si può riconoscere il rapporto di complementarietà,
attraverso cui queste espressioni possono arricchirsi vicendevolmente
101
oppure soffocarsi, come nella passione e nel turbamento, similmente a
quanto avviene con i colori nelle modalità additiva e sottrattiva.
Mentre, nella triade vitalità, sentimenti e pensiero, si può riconoscere
la triade cromatica rosso, verde e blu.

In relazione a quanto sopra illustrato, è ora possibile osservare come la


gamma psichica dei colori si rapporti, con particolare evidenza, con la
quarta ottava del monocordo, tra il Do4 e il Do5, ovvero con le facoltà o
le espressioni psichiche dell’uomo che si riflettono nelle espressioni del
suo volto e ne determinano, almeno in parte, le peculiari fattezze.
Scopriamo così che termini quali “mento volitivo” e “labbra passionali”
trovano fondamento e corrispondenza in qualcosa di profondo e
olisticamente coerente; una corrispondenza leggibile intuitivamente o in
base agli insegnamenti pervenutici da un’antica tradizione11.
Tradizionalmente, infatti, nell’essere umano il mento è posto in
relazione con l’energia fisica e, di riflesso, con la volontà (intesa cioè
come disposizione ad agire); le labbra con l’emotività; il naso con la
sfera dell’intelletto12; mentre gli occhi (in corrispondenza con il centro
energetico della quinta ottava) costituiscono il principale punto di
incontro sensoriale tra il mondo al di fuori dell’uomo e quello al suo
interno, tra l’universo animico e l’unicità di ogni coscienza. Occhi nei
quali le due realtà si riflettono, come in uno specchio, l’una nell’altra.

Corrispondenza tra lo
spettro cromatico e le
facoltà psichiche
dell’uomo espresse
nella forma del viso.

11. Leonardo ha dedicato molta attenzione ai rapporti tra il carattere e i lineamenti del
volto umano, come rivelano i suoi disegni, dai ritratti alle caricature, tanto da essere
considerato il fondatore della fisiognomica moderna. Proseguendo con le corrispon-
denze uomo/ottave, le linee della fronte, nello spazio della 5a ottava, richiamano la
metoposcopia di Girolamo Cardano, matematico e filosofo del ‘500.
12. Il naso, in senso figurato e non a caso, indica la sagacia, il giudizio acuto, l’intuito,
il senno, e dunque l’intelletto (cfr. il termine greco sophòs, “che ha buon naso, senno”).

102
Il potere meditativo può essere decuplicato sotto una luce violetta
proveniente dai vetri colorati di una tranquilla chiesa.
Leonardo

La centratura dei cerchi e del quadrato, di cui abbiamo parlato all’inizio


di questo capitolo, è da ricondurre dunque all’unità e alla coincidenza
tra il mondo spirituale e il mondo materiale; mentre, la decentratura o
la traslazione delle stesse figure corrisponde all’apparente separazione
dei due mondi, ovvero alla rappresentazione della realtà, nelle sue
infinite espressioni, quale cosmica opera di rifrazione; al pari del
dispiegarsi della luce nei suoi costituenti cromatici, visibili e invisibili,
attraverso un prisma. Per cui ogni parte del nostro mondo manifesto
appare come una cosa a sé, distinta dal tutto, così come appaiono realtà
separate i singoli colori, mentre, allo stesso tempo, sono parte
integrante di un tutto unico rappresentato dalla luce13.

Rifrazione di un raggio di luce attraverso un prisma:


centratura e decentratura.

Tutto è Uno e Uno è Tutto.


Senza luce non c’è colore e senza colore non c’è luce.

L’immagine successiva corrisponde alla visione d’insieme dei livelli


dimensionali dell’universo secondo lo stato di centratura dell’essere,
del centro originario – l’Umbilicus Mundi – e di identificazione con il
tutto. In essa i relativi cerchi in ottava e quelli della dimensione terrena
sono rappresentabili come sfere o cieli, i quali sono centrati, concentrici
e compenetranti, anche se su piani differenti, da cui l’espressione di
una globale unitaria armonia e consonanza dell’universo.
13. In una visione quantistica, nella centratura e nella decentratura si riflettono la realtà
non duale (l’unità originaria), atemporale e aspaziale, e quella duale onda-particella.
103
Questo è il profondo significato dell’Uomo di Vitruvio e, con esso, del
concetto di Armonia delle sfere espresso da Pitagora e ripreso, tra gli
altri, da Dante14. Significato che si cela, ad esempio, nel simbolismo
geometrico dei rosoni di alcune chiese dell’arte romanico-gotica.

Cerchi concentrici della dimensione celeste con all’interno quella terrena definita dal
quadrato. Una simbologia celata nella geometria dei rosoni di alcune chiese romanico-
gotiche come quelle delle basiliche di Santa Chiara e di San Francesco ad Assisi.

14. Cfr. Corpus Hermeticum, I 26 e XIII 15, sulla “natura ottava”. Dante, Paradiso:
I, 76-8 sull’armonia delle sfere; I, 125-6 sull’amore che, come una corda di un arco,
scocca la freccia dell’intelletto nel “centro” divino (cfr. la Mundaka Upanisad, parte 2a
canto 2°); XXIII, 97-102 sull’Empireo paragonato a una lira dal suono sublime, vd.
anche XIV, 118-20 e XV, 4-6; XXVIII, 10-2 e XXXIII, 85-93 sull’amore (che tutto
muove) simbolizzato da una corda che tutto lega e unisce.
Il cosmo dantesco ha due punti fermi e opposti: Dio e la Terra, i vincoli del monocordo.
– Simbologie cosmico-geometriche, costituite essenzialmente da cerchi e quadrati, sono
da considerarsi di matrice archetipica. Esempi di questo tipo si possono osservare negli
schemi dei Mandala e degli Yantra indiani, utilizzati come sussidi per la meditazione.

104
Rosoni delle basiliche di Santa Chiara e San Francesco ad Assisi, XIII secolo.

105
Il fatto che i centri in ottava siano consonanti tra loro appare evidente
nell’esperienza dell’innamoramento e dell’attrazione erotica, ovvero
nell’affinità tra queste due forze, associate e spesso confuse. Forze,
queste, tra le più potenti nell’attrarre le persone le une alle altre. Ma
non solo: con l’innamoramento o l’amore, in particolare, si prova anche
una maggiore vitalità (centro basale), un maggiore entusiasmo15 e
disposizione a entrare in sintonia (centro cuore), una propensione a
parlare con dolcezza (centro gola), e una maggiore intelligenza e
apertura verso tutto ciò che è nuovo (centri frontale e sommità).
Ciò avviene in quanto l’innamoramento comporta una spontanea,
inconscia e relativa forma di centratura, con la quale si accede
all’energia e all’intelligenza cosmica. Per questo l’innamoramento può
essere un’esperienza così intensa, inebriante, travolgente e creativa.
Un’esperienza grazie alla quale la vita si riempie di significato, in cui
tutto appare naturalmente bello e perfetto, ricco di speranze e promesse,
dove qualsiasi cosa sembra possibile. E dove tutto si tinge di rosa.
Questo perché la naturale sottrattività della mente razionale si allenta,
con un senso di leggerezza e libertà, fino ad annullarsi completamente
durante un profondo ed estatico amplesso, nel magico guardarsi negli
occhi degli amanti e nell’identificarsi di due anime in una.
Spesso l’ego, invece, soffoca questo collegamento con il cuore e i centri
superiori e ciò che si prova è pertanto un amore egoico: caratterizzato
da un sesso finalizzato al solo soddisfacimento dei sensi, da passioni
logoranti, dalla gelosia, dalla sopraffazione.

L’Uomo vitruviano rappresenta, dunque, la sintesi simbolica dei


principi della natura umana: l’anima e lo spirito, ovvero la coscienza
universale e quella individuale – la condizione dell’essere e quella del
divenire – armonizzati in un unico corpo.
Ricordiamo che il centro sacrale o di quadratura costituisce la base per
rinforzare e armonizzare l’energia corporea. Ora, il corpo rappresenta il
tempio dello spirito, pertanto la sua armonizzazione, attraverso
l’attenzione nel centro di quadratura o di “cerchiatura del quadrato”,
aiuta a ricondurci all’originale centratura. Con i centri superiori in
ottava, invece, occorre soprattutto entrare in consonanza con ciò
15. Entusiasmo, dal greco enthousiasmós, “essere posseduto dalla divinità”, deriva da
éntheos “divinamente ispirato” e composto di en “in” e theós “dio”.
– La consonanza tra i centri in ottava: il piano erotico e quelli superiori, è uno dei tratti
dell’estasi spirituale nella mistica dell’amore, occidentale e orientale.
106
con cui essi stessi risonano e di cui sono parte: l’armonia universale.
Non si può cioè veramente entrare in rapporto con i centri superiori se il
proprio modo d’essere interiore non si rende affine a questa stessa
energia armonica: al livello del pensiero nel ricercare una visione
sempre più ampia delle cose, senza preconcetti; al livello della parola,
coerentemente col pensiero, nella semplice constatazione dei fatti senza
pronunciarsi in giudizi venefici; al livello del cuore nell’aprirsi
all’amore e all’umanità; e, in generale, nel non essere troppo legati a
tutto ciò che ci riguarda. Così da spiritualizzare il corpo e consonare
con detti centri superiori e, dunque, realizzare la centratura estatica in
noi stessi, attraverso il fondersi di tutti i centri in un unico centro.

L’universo è un unico centro, o una sfera infinita


il cui centro è ovunque e la circonferenza in nessun luogo.
Antica formula

La Creazione dell’Universo.
(La geometria del disegno sottintende il quadrato.)
Mosaico della Cappella Palatina di Palermo, XII secolo.

– I centri in ottava risultano essere in corrispondenza, più precisamente, con il colore


rosso violaceo o porpora della gamma spettrale, invisibile o non riconoscibile nella sua
espressione monocromatica – l’elemento congiuntivo della ruota dei colori. Un colore
particolare, considerato da sempre simbolo di regalità e sacralità (cfr. l’antica e
preziosissima porpora di Tiro). Un colore che possiamo ricondurre essenzialmente
all’ultima delle tre fasi della Grande Opera: la Nigredo, l’Albedo e la Rubedo.
107
Ottava fondamentale: Anima e Corpo.
Notre Dame, Parigi.

– Ogni giorno l’uomo è soggetto a forme di stress mentale, emozionale e fisico che
inducono tensioni psico-fisiche con una conseguente dispersione e cattiva circolazione
dell’energia vitale, possibile causa di ogni tipo di disturbi. Da qui l’importanza di
imparare a rilassare il corpo e la mente al fine di contrastare l’abituale, e spesso
inconscia, eccessiva tensione e permettere il ripristino del corretto scorrere dei fluidi
vitali. I pensieri e le emozioni negative influenzano inoltre i movimenti del processo
respiratorio procurando respiro veloce e superficiale e momenti di apnea. Ma se si
presta attenzione alla respirazione, rendendosi consapevoli della stessa, si possono, al
contrario, influenzare positivamente gli stessi stati d’animo. In particolare, si tratta di
coltivare con una certa costanza (ad esempio, durante il rilassamento o la meditazione)
la respirazione in modo che questa divenga sempre più profonda, lenta e fluida e, allo
stesso tempo, conservi la sua naturalezza, ovvero sia eseguita senza forzature né
tensioni. È quindi fondamentale portare la concentrazione, senza lasciarsi distrarre dai
pensieri, nel centro energetico che si trova quattro dita sotto l’ombelico, tenendo la
lingua appoggiata al palato. Ciò, inoltre, regolarizzando la posizione del proprio corpo
(postura), ad esempio stando anche semplicemente seduti sul bordo di una sedia con la
schiena dritta. In questo modo è possibile sviluppare la propria energia vitale.
108
“Ouroboros”
Sole e luna, centratura e decentratura, essere e divenire.
Rappresentazione inversa: il quadrato è sottinteso mentre i relativi cerchi
inscritto e circoscritto centrati, e quello medio traslato, sono posti in evidenza.

“Il punto in cui cielo e terra si incontrano”


Camille Flammarion, L’atmosphère, 1888.
109
Ancora due parole sul numero “1,71”. Come abbiamo accennato
precedentemente, esso simbolizza la soglia al di sotto della quale è
racchiusa la coscienza umana; ora, questo numero moltiplicato per un
secondo numero, che curiosamente risulta essere speculare del primo
nella parte decimale, cioè “1,17”, dà come risultato “2”. Tale risultato
rappresenta il superamento della suddetta soglia attraverso il raggiun-
gimento dell’ottava superiore, il Do3 – Do come Dominus16 – cioè il
raggiungimento della dimensione spirituale relativa alla sfera centrale
del cuore – l’ottavo cielo. Dimensione che rappresenta un innalzamento
del livello energetico-vibrazionale o, come oggi si usa comunemente
esprimere, rappresenta un salto quantico di consapevolezza17.

16. Signore in latino è Dominus, parola dalla cui prima sillaba deriva probabilmente il
nome della nota “iniziale e finale” della scala musicale: il Do; il cui utilizzo è attestato
dal XVI secolo, in sostituzione dell’originale “Ut” di Guido d’Arezzo dell’XI secolo.
Il libro dei Salmi, raccolta di composizioni poetiche cantate contenute nella Bibbia, in
forma di inno, preghiera o ringraziamento a Dio, si accompagna tradizionalmente a uno
strumento musicale a corda da cui prende il nome lo stesso libro: il salterio, un’arpa a
dieci corde. Quest’arpa (citata, ad esempio, nei salmi 32, 2 e 56, 9) simbolizzerebbe
l’Albero della vita con le sue dieci Sefirot, dunque l’uomo spirituale celato sotto la
veste duale terrena simbolizzata dall’Albero della conoscenza; rimandandoci così a una
visione dello stesso uomo immaginato come uno “strumento musicale”, uno strumento
attraverso il cui suono, o energia, se adeguatamente accordato, sarebbe possibile entra-
re in consonanza con la divina armonia dell’universo; cfr. Corpus Hermeticum XVIII 6.
17. Salto quantico è un’espressione originaria della fisica quantistica (relativa al
concetto di quanto: una quantità minima di una grandezza fisica, variabile solo per
multipli interi del suo valore; come il passaggio da un livello di energia a un altro di un
elettrone negli orbitali di un atomo) ma con un significato oggi riferito in particolare a
un innalzamento della coscienza umana, in questo caso un salto dalla 2a alla 3a ottava.

– Una curiosità: negli Arcani maggiori il 17 corrisponde alla stupenda carta delle stelle.

110
Abbiamo visto quale funzione ricopra l’intervallo di ottava in una scala
musicale, ossia quello di spostare su altezze diverse note uguali, e come
la stessa sia costituita da una serie di note o intervalli intermedi18.
Proseguendo con la teoria musicale – affinché attraverso il suono,
principio e complemento del colore, sia possibile una migliore
comprensione della realtà spirituale, di cui entrambi sono il riflesso – è
ora necessario introdurre un particolare aspetto dell’acustica.
In natura tutti i suoni, e dunque anche le note musicali, sono prodotti da
vibrazioni più o meno complesse, dalle quali dipende una caratteristica
distintiva degli stessi suoni, quali noi li udiamo: il timbro o colore del
suono. Un importante attributo che permette di distinguere, ad esempio,
due note identiche (per altezza e intensità) di due differenti strumenti
musicali come il violino e il flauto, o di riconoscere una voce a noi
familiare da una qualsiasi altra. In particolare, la complessità di detta
vibrazione sonora è da porre in relazione con il numero e l’intensità
delle sue componenti “elementari” chiamate armoniche, le quali sono
per il suono ciò che per la luce sono i colori, cioè la loro essenza
18. La più antica scala musicale, appartenente alla cultura occidentale, come già
accennato, è quella greco-pitagorica, seguita nel tempo dalla scala naturale e infine
dalla, ora pressoché universale, scala temperata. La scala pitagorica, un procedimento
per dividere l’ottava in un dato numero di parti già noto nell’antica civiltà cinese,
consiste in una progressione di note per intervalli di quinta (3/2), con un abbassamento
di una o più ottave di quei suoni che, superando l’ottava, devono essere ridotti di
altezza per poter seguire l’ordine progressivo della scala: per cui la 5a di Do1 (1/1) è 1/1
x 3/2, cioè 3/2, il Sol; la 5a di Sol è 3/2 x 3/2, ossia 9/4, nota troppo lontana (alta) dal
valore di partenza, per cui per essere riportata entro l’ottava si divide per 2, ottenendo
9/8, il Re; la 5a di questa seconda nota è 9/8 x 3/2 cioè 27/16, il La; e così via. La scala
naturale si basa sui rapporti semplici 1/2, 1/3, 1/4, 1/5… da cui i complementari
1/2, 2/3, 3/4, 4/5… corrispondenti, in parte, con il fenomeno acustico degli armonici,
scoperti scientificamente da Marin Mersenne nel XVII secolo, ma verosimilmente parte
di un corpus di conoscenze esoteriche presente già ai tempi della Scuola di Crotone
(con probabilità scoperti con il fenomeno delle onde stazionarie e del Canto Armonico).
La scala temperata in uso oggi, invece, è basata sulla divisione della scala in dodici
intervalli uguali (semitoni), dal valore decimale pari a “1,059” ottenuto dalla 12√2.

Scale occidentali antiche, Pitagorica e Naturale, e moderna Temperata


Tabella comparativa degli intervalli frazionari e decimali
Do Do# Re Re# Mi Fa Fa# Sol Sol# La La# Si Do
P 1 9/8 81/64 4/3 3/2 27/16 243/128 2
1 1,125 1,265 1,333 1,5 1,687 1,898 2
N 1 9/8 5/4 4/3 3/2 5/3 15/8 2
1 1,125 1,25 1,333 1,5 1,666 1,875 2
T 1 1,059 1,122 1,189 1,260 1,335 1,414 1,498 1,587 1,682 1,782 1,888 2

111
costitutiva; la cui variabile presenza determina la formazione dello
spettro armonico, una grandezza che possiamo immaginare come
multidimensionale19.

1/2

1/3

1/4
1/5

1/6 ...
Serie delle prime sei armoniche naturali.

Formazione di onde stazionarie con un monocordo, ed evidenziazione della posizione,


in questo caso, di 3 ventri e di 2 nodi con alcuni cavalierini; posizione determinata con
una piuma (il nodo) e un archetto (il ventre). Da John Tyndall, Sound, 1867.

19. Le armoniche (o armonici) consistono in una serie innumerevole di suoni multipli


interi, via via meno intensi, prodotti da un suono detto fondamentale emesso, ad
esempio, da una corda di uno strumento musicale. Detto suono, infatti, non è costituito
da un unico suono semplice, cioè da un’onda sinusoidale, ma da un insieme di più
suoni semplici, le armoniche appunto, le quali vibrando insieme generano un suono
dalla forma d’onda complessa, le cui caratteristiche definiscono le qualità timbriche o
distintive del suono stesso. In altri termini, le armoniche equivalgono a onde stazionarie
(o “dinamico-statiche”) prodotte da una corda sonora in cui il suono fondamentale, o
1a armonica, è determinato dalla vibrazione della corda in tutta la sua interezza, che
oscillando genera come la forma di un fuso: un ventre confinato tra due nodi, cioè i capi
in cui essa è fissata (vincoli) o i punti in cui l’oscillazione è nulla; mentre le armoniche
di ordine superiore costituiscono frazioni della medesima corda pari a 1/2, 1/3, 1/4,
eccetera, a cui corrispondono oscillazioni concomitanti rispettivamente doppia, tripla e
quadrupla… (o multiple) della fondamentale; pertanto se alla 1a armonica corrisponde,
ad esempio, una frequenza base di 100 Hz, alla 2a armonica corrisponderà una
frequenza di 200 Hz, alla 3a di 300 Hz, alla 4a di 400 Hz, e così via.

112
Ora, se si rapportano le proporzioni anatomiche dell’Uomo vitruviano
con la serie delle armoniche del suono, è possibile approfondire e
sviluppare le osservazioni precedenti incentrate sulle sole ottave.
L’aspetto rilevante di questa nuova prospettiva è dato dal fatto che nello
spazio psichico, compreso nella seconda ottava, abbiamo la presenza di
una sola armonica, la terza, cioè un suo nodo, alla quale corrisponde
musicalmente la nota Sol, quella che abbiamo visto essere in relazione

Le prime otto armoniche (serie completa) seguite dalla 12a, 16a e 24a.
La 2a, la 4a, l’8a e la 16a corrispondono alle ottave della 1a armonica, il Do1;
mentre la 6a, la 12a e la 24a sono le ottave della 3a, il Sol2.

Do1 Do2 Sol Do3 Mi Sol La# Do4 Re Mi Fa# Sol Lab La# Si Do5

Altezze delle prime sedici armoniche tradotte sul pentagramma, dal Do1 al Do5.

113
con il centro plesso solare, ovvero con l’intelletto e la volontà, dunque
con la facoltà del libero arbitrio, gli unici attributi, tra quelli basilari, a
fare dell’uomo a immagine del Creatore20. Questo fatto racchiude un
importante significato, e cioè che l’uomo può accedere alla fonte, il Do,
l’aspetto unitario riflesso nelle diverse ottave o piani dimensionionali
della creazione, solo attraverso la propria mente, la sola in grado di
orientare volontariamente la propria energia, l’attenzione, se stessa, su
un dato oggetto, ovvero di darsi una precisa direzione.
E, resosi consapevole di essere un’armonica divina, trascendere se
stessa volgendosi all’ascolto del Suono cosmico primordiale da cui
origina. Protendersi verso la propria fonte con un inversione
dell’attenzione – come la luna che si volge al sole – e abbracciare
la Bellezza, la Gioia.
Ciò, attraverso il superamento del “due”, inteso come materialismo e
discordia, e l’accesso all’Uno attraverso l’elemento di congiunzione
dato dal “tre”21; sciogliendo i nodi della dualità, ed eliminando le
impurità, tramite un lavoro con la mente e con il cuore22.

Dirigendo lo sguardo interiore verso il Centro,


si conosce l’invisibile, l’inaccessibile.
Yoga Sutra III, 26

20. Questo spiegherebbe la grande importanza attribuita all’intervallo di 5a (3/2), il Sol,


attraverso il quale, in Grecia con la pitagorica e in Cina con quella pentafonica, veniva
costruita l’intera scala musicale; una nota, il Sol, corrispondente alla 3a armonica.
21. Una visione questa che origina da un’antica e universale concezione, secondo la
quale il mondo è costituito dalla tripartizione simbolica data da: cielo, terra e dalla forza
mediatrice tra questi due principi polari; dove cioè la creazione dell’universo è data in
ragione dei principi numerici due e tre, quali emanazione dell’uno, la monade, che
scindendosi origina il due (1/2), la diade, e il tre (1/3), la triade; traducibili in termini
musicali come ottava (Do, 1/2) e quinta (Sol, 2/3 che deriva da 1/3). Il due cioè che
sposta su altezze differenti, ottave o dimensioni, ciò che il tre crea in termini di
specificità, collegando l’alto e il basso. Espresso in altri termini, l’uno è il principio
indifferenziato, l’Idea, da cui discende il due, il polo opposto rappresentato dalla
materia informe, caotica ed entropica, e il tre, l’intelligenza mediatrice, il principio
differenziato armonico informatore, sintropico, vitale e fecondatore che permea e anima
la materia rendendo possibile il manifestarsi della vita in tutta la sua complessa varietà.
Cfr. la creazione del cosmo nel Timeo di Platone, e la concezione indù della Trimurti,
“tre aspetti”, in cui il mondo è retto da una triade divina composta da Brahma (il
creatore), Vishnu (il costruttore) e Shiva (il distruttore).
22. Cfr. il solve et coagula (“sciogli e riunisci”), il fondamento, le chiavi del lavoro
spirituale alchemico. Cfr. anche solvere: “liberare, risolvere”.

114
È questo il potere chiave della mente di farsi “nodo” o “ventre”: farsi
centro immobile del silenzio, il vuoto da cui tutto ha principio, per
ristabilire l’ordine armonico originale e rigenerante; o farsi oscillazione,
superficie increspata, scorrere perpetuo del pensiero temporale.
Potere di una mente che prima però necessita di conoscere, di credere
(cfr. credendo vides, “credendo puoi vedere”), di emanciparsi, perché
possa risonare in lei la verità, perché possa cioè trascendere i propri
limiti con il discernimento intuitivo (dal latino discernere, da cernere,
“vedere”), e dunque di sapere (dal latino sapere, “aver sapore”, il
sapore del sale), ovvero avere la luce interiore.
I riferimenti anatomici nell’uomo, relativi alla nota Sol o all’intelletto,
sono individuabili, su un piano differente da quello psichico23,
all’altezza delle clavicole (“piccole chiavi”), cioè nel nodo della 6a
armonica, nella terza ottava, quella del cuore, dalla quale, attraverso il
simbolismo dei sette gradini (vertebre cervicali) della scala mistica, si
può accedere al paradiso (testa)24. Proseguendo, all’altezza del naso con
la 12a armonica; e, infine, al centro della fronte con la 24a armonica,
all’altezza della ghiandola pineale, al vertice di un ideale triangolo i cui
angoli alla base coincidono con gli occhi. Triangolo, nella quinta
ottava, al centro del quale si colloca il terzo occhio, il ponte tra la terra
e il cielo, l’io e l’anima. Nell’induismo rappresentato dal segno Bindi
(dal sanscrito bindu: “goccia, particella, punto”) o dal Tilaka (“segno”).
Quello sacrale, diversamente, è l’unico centro a non corrispondere con
un nodo di un’armonica, tra quelle egoiche comprese tra la 2a e la 4a,
mentre è assimilabile a un ventre o a un punto di eccitazione del
monocordo, analogamente all’azione di un archetto su un violoncello, e
nell’uomo all’azione vivificante data dalla respirazione addominale.

L’universo è come un immenso monocordo teso tra cielo e terra.


Pitagora

Tutte le cose che si conoscono hanno numero;


senza questo, nulla sarebbe possibile pensare né conoscere.
Filolao di Crotone

23. Tutti i livelli dimensionali si compenetrano tra loro, per cui gli attributi degli uni si
riflettono negli altri, seppure con valenze differenti.
24. La colonna vertebrale, vista di lato, tra la T1 e la L5 (17 vertebre, 1+7 = “8”),
ricorda la forma di un’onda sinusoidale, ovvero quella del suono, o l’alternarsi degli
opposti principi polari: la dualità da superare. Cfr. il Bastone di Asclepio e il Caduceo.

115
Sotto il velo dei versi della Divina Commedia di Dante, in particolare
del Paradiso, cantica basata sulla concezione geocentrica tolemaica, il
modello astronomico dominante nel medioevo, che pone la Terra, e
dunque l’uomo, al centro dell’universo, è nascosta una dottrina
concernente il vero significato della suddetta centralità dell’uomo.

O - DIMORA DIVI
M PIRE NA
E IX CIELO
Ro
a
andid Serafini PRIMO MOBILE sa
C 1° Coro

ori VIII CIELO An


C STELLATO geli
CIELO c I

i
Cherubini
2° Coro

Troni Saturno
Dominazioni Giove
Virtù
SETTE CIELI Marte III
Potestà Sole
Principati Venere
Arcangeli dal 3°al 9°Coro Mercurio
Cerchi dimensionali relativi alla
Angeli Luna
I, II e III Persona della Trinità.
Alpha e Omega
Do5 II
Livelli dimensionali Do4
Eden

dei Cieli superiori


Do3
Soglia “occulto/manifesto”
Purgatorio

Monocordo suddiviso in ottave:


Inferno

Dimensione dell’ego
l’altezza delle note (Cieli) è
(Sette vizi/virtù)
inversamente proporzionale
Do2 alla lunghezza della corda
oscillante (Cori Angelici).

Cerchi: Cieli, Cori, quadratura


o livelli, energie spirituali.
Quadrato: universo fisico, Terra, uomo.

Do 1
Nell’immagine sono sovrapposte la visione dell’universo e le gerarchie celesti della
Commedia di Dante e quella celata, nella stessa opera, relativa al Monocordo cosmico.

Approfondendo la nostra analisi, l’Uomo vitruviano di Leonardo


costituisce una chiave di lettura del simbolismo cosmico e spirituale
celato nella Commedia dantesca. Un simbolismo decifrabile, in chiave
musicale, solo nella rappresentazione traslata dei cieli rispetto alla
Terra, ovvero dei cerchi rispetto al quadrato; una rappresentazione che
116
origina da quella centrata racchiusa nella terzina di Dante relativa
all’utilizzo del “compasso” (Pd XIX, 40-2, vedi a pagina 90). Un
simbolismo, quindi, che rimanda alla dottrina iniziatica sull’origine
musicale del mondo riconducibile fondamentalmente all’ermetismo e
alla filosofia pitagorico-platonica dell’Harmonia Mundi, cioè al
principio ordinatore di natura musicale che permea l’intera creazione e
che, attraverso l’Anima Mundi, dall’Essere discende nello spazio, la
materia, e la plasma e vivifica. Una concezione, simbolizzata da una
corda sonora, cioè il monocordo, non liquidabile come una semplice e
vana speculazione ma, al contrario, che racchiude una sorprendente
quantità di corrispondenze, con importanti dottrine spirituali di ogni
tempo e luogo e innegabili collegamenti con il mondo fisico e il corpo
umano, di notevole interesse. Una concezione che rappresenta, a un
tempo, il criterio più razionale attraverso cui interpretare e ricomporre i
frammenti di una verità universale rifratta, un antico sapere disperso,
nel complesso dei pensieri filosofici e spirituali giunti fino a noi.

Lo scopo della Commedia di Dante, oggi più che mai attuale, è quello
di mostrare agli uomini che l’unico modo per elevarsi dal loro stato di
“abbrutimento” e di conquistare la libertà è quello di avvalersi del retto
uso della ragione (la ricerca del significato universale della vita) e di
confidare nella Grazia divina (la propria anima), l’elemento cardine.
Ciò che costituisce il vero viaggio dell’uomo, quello interiore, e per il
quale è necessario un doppio aiuto: la conoscenza (personificata nella
Commedia da Virgilio) e la guida e la protezione celeste (Beatrice).
L’ordinaria vita dell’uomo, caratterizzata dai limiti dell’ego, può infatti
divenire molto dura e dolorosa; una condizione questa che rappresenta
l’Inferno (simbolizzato dalla voragine terrestre, cioè un triangolo
rivolto in giù), una condizione “eterna” fino a quando l’uomo non
arriva a rendersi consapevole dei propri errori e incomincia a sentire un
sincero desiderio di un profondo cambiamento interiore. Questo
processo di cambiamento, “capovolgimento” della visione del mondo e
di fioritura spirituale, rappresenta il Purgatorio, il percorso di crescita
personale e di armonizzazione della dualità (basato sulle sette virtù e
simbolizzato dal monte, cioè un triangolo rivolto in su), attraverso cui si
giunge nell’Eden (rappresentato dal candelabro a sette bracci/colori, e
quindi dalla stella a sei punte centrata, cioè con un punto al centro), una
condizione di armonia e felicità sulla terra; a cui segue l’esperienza
intelligibile, trascendente ed estatica culminante nel Paradiso.
117
– Si riportano di seguito alcuni riferimenti chiave ed enigmatici, al di là del significato
letterale, contenuti nella Divina Commedia: “la dottrina che s'asconde sotto 'l velame
de li versi strani” (If IX, 61-3). Vd. anche la nota a p. 104.
I dieci cieli, tra cui i tradizionali sette pianeti (con velocità naturale inversa rispetto a
quella spirituale degli stessi cieli), e le gerarchie angeliche della tradizione cristiana (di
Dionigi l’Areopagita), formano una struttura cosmica sotto la quale si cela la struttura
vibratoria del Monocordo cosmico… “che la destra del cielo allenta e tira”:

Le pagine comprese tra la n° 118 e la n° 136 della VII edizione de


“Il colore dell’anima” non sono incluse in questa versione ebook.

118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
I solidi Platonici: il tetraedro, l’ottaedro, l’icosaedro, l’esaedro (cubo) e il dodecaedro,
cioè i quattro elementi, nell’ordine: il fuoco, l’aria, l’acqua e la terra, più un quinto,
“l’ornamento” (φ), sono tutti contenuti nello schema (3D) del Cubo di Metatron. Cubo
la cui base (2D) è il Fiore della vita (i 19 cerchi interni) con fiore/i a sei petali al centro.

137
– La scala musicale dei colori

Corrispondenze relative tra le note musicali e i colori. Odierna scala temperata in


chiave di Fa, intonata con il La campione di 440 Hz, e frequenze elevate di 42 ottave,
all’altezza delle frequenze della luce1.

Note Sol# La# Do2 Do# Re# Fa Sol Sol#


Hz 104 117 131 139 156 175 196 208
THz 456 513 575 609 684 768 862 913
nm 658 585 522 493 439 391 348 329
Colori Rosso Giallo Verde Azzur. Blu Viola R/V Rosso2
Trasp.* Do Re Mi Fa Sol La Si Do
* In corsivo i relativi intervalli della scala trasposti nell’ordine base, a iniziare dal Do.

Gli ultimi due colori-note, nel quarto spazio del pentagramma musicale, il rosso/viola e
il rosso2, il Si e il Do (Sol e Sol#), non sono visibili perché nell’ultravioletto (cioè al di
fuori dello spazio “S”) e completano l’ottava; mentre il viola sul confine dello spettro
visibile, a 391 nm, sulla quarta linea del pentagramma, corrisponde al La (Fa). Per
avere il rosso/viola nell’estremità opposta dello spettro si va, invece, sul confine
dell’infrarosso a 696 nm e per il viola nell’infrarosso a 782 nm. Si tratta di possibili
tonalità monocromatiche del viola che i nostri occhi fisici non possono cogliere (dati i
limiti percettivi dei fotorecettori visivi) e quindi sono percepite come un rosso cupo o
sono del tutto invisibili2. Si veda sullo spettro cromatico la seconda parte del libro.

1. Le frequenze sonore in Hz (hertz) sono innalzate in THz (terahertz = Hz x 1012) e poi


trasformate in lunghezze d’onda della luce (nel vuoto), in nm (nanometri): λ = v/f.
2. Così come alla distanza di un semitono (in questo caso temperato: 12√2 = 1,059) il rosso
(circa 658 nm) muta nel rosso/arancione (621 nm), parimenti nella direzione opposta non
può che mutare coerentemente nel rosso/viola (696 nm).

138
Si noti che gli intervalli musicali di quarta: Do-Fa, Re-Sol e Mi-La ricalcano (almeno
in parte) i rapporti cromatici complementari del rosso-ciano, giallo-blu e verde-viola;
mentre negli accordi armonici: Do-Mi-Sol e Re-Fa-La si possono riconoscere le triadi
dei rosso-verde-blu (RGB) e dei giallo-ciano-viola (CMY).
Tra le dieci ottave di estensione dell’udito dell’uomo (mediamente tra i 16 e i 16.000
Hz) e le quattro della sua voce (tra i 60 e i 1000 Hz circa)3, si inserisce la tessitura del
parlato colloquiale: intorno ai 125 Hz per gli uomini e ai 210 Hz per le donne (circa 300
Hz per i bambini), cioè nell’ambito dell’ottava del Do2, intorno alla quale si sviluppa la
scala dei colori sopra illustrata4, o lo spazio “S”. Proseguendo, in relazione alle quattro
ottave del monocordo dell’Uomo di Vitruvio, e della voce umana, ai pentagrammi5
relativi alle chiavi di Fa e di Sol (note reciproche) si collegano simbolicamente le due
fondamentali dimensioni della Creazione, la dimensione terrena e quella celeste, tra le
quali abbiamo il Do3, il Do centrale, la chiave di mezzo, il cuore che congiunge e
armonizza ciò che sta in alto con ciò che sta in basso. La dimensione edenica tra terra e
cielo (tra il Fa2 e il Sol3) dell’uomo nuovo divenuto puro come un bambino6.

Do 3 Do 4 Do 5
Do 1 Do 2

Scala musicale che parte dal Do1 (65 Hz), passa per il Do3 centrale (262 Hz) e arriva al Do5 (1046 Hz).

La frequenza di un fenomeno periodico corrisponde al numero di oscillazioni nell’unità


di tempo: il secondo. Ma se si utilizza come unità di misura temporale al posto del
secondo (definito, in termini di rotazione terrestre, come 1/86.400 del giorno solare
medio) una unità di misura ottenuta dal frazionamento del giorno attraverso il principio

3. La voce umana, tra la più bassa degli uomini e la più alta delle donne, è suddivisa, in
particolare nel canto classico, secondo i registri vocali di basso, baritono, tenore, contralto,
mezzosoprano e soprano. Termine, quest’ultimo, riferito anche alle voci bianche, ovvero alle voci
dei bambini fino alla preadolescenza, indipendentemente dal sesso. Infatti, la pubertà,
insieme all’adolescenza, segna la fase di individualizzazione dell’età adulta caratterizzata
dalla maturazione sessuale e quindi dalla muta della voce, per cui quella maschile scende di
circa un’ottava mentre quella femminile di due o tre toni.
4. L’ordine di altezza frequenziale del parlato e dello spettro della luce visibile corri-
spondono alle frequenze date rispettivamente dalle potenze di 27 (128 Hz) e di 249 (563
THz) e dove l’esponente della seconda potenza (49) equivale al quadrato della prima (7).
Il tutto traducibile in termini di innalzamento per ottave.
5. Una curiosità: l’attuale rigo musicale deriva dal tetragramma adottato da Guido d’Arezzo
nell’XI secolo, utilizzato con la notazione quadrata e la cui lettera greca “Γ” gamma, a forma
di squadra, indicava la nota più grave (Sol1). Un tetragramma composto da quattro linee,
come i lati del quadrato, e un’estensione sonora di sei note, quella dell’esacordo, dal Do al La,
corrispondente a quella dei colori dal rosso al viola, la stessa dello spazio S = 1,71.
6. Si cfr. la multidimensionalità dell’uomo con l’antica pratica del Canto degli Armonici.

139
Questa pagina, della VII edizione de “Il colore dell’anima”,
non è compresa in questa versione ebook.

140
La forma del cerchio
Io ero là, quando tracciava un cerchio sull’abisso.
Proverbi 8,27

La coscienza universale e l’universo fisico costituiscono le due facce di


un’unica realtà, della quale l’universo fisico rappresenta la
condensazione e la manifestazione della coscienza o matrice universale.

Come un raggio di sole, attraverso una goccia di rugiada,


si schiude nell’iridescenza, così l’amore si rifrange nella vita.

Poiché tutto è uno, l’essenza di ciascuno di noi, la propria anima, è


parte integrante di questa coscienza e volontà, di cui ogni cosa è
espressione. Essenza mediante la quale ci siamo manifestati per darci la
possibilità, attraverso l’illusione della separazione delle parti, di poterci
conoscere, sperimentare e confrontare nell’infinita varietà e relatività
delle espressioni del creato.

Quando l’Uno riflette su se stesso genera


l'oggetto riflesso come altro da sé e
il pensiero come elemento di riflessione.

Il pensiero può dunque riflettersi nel mondo in quanto


il pensiero, l’oggetto del pensiero e l’autore del pensiero
sono, in fondo, un’unica cosa.

Così che la compenetrazione e l’interazione tra le parti


è possibile proprio in virtù del fatto che tutto è uno.

Ogni forma racchiude in sé segretamente e, forse, inconsapevolmente


questa perfetta intelligenza ed energia spirituale universale. Ma se noi
siamo espressione di questa perfezione, perché ci percepiamo invece
come imperfetti o limitati? Perché abbiamo dimenticato. E questo, in
una certa misura, fa parte del “gioco”. Tutti partecipiamo a un’immensa
rappresentazione dove siamo, a un tempo, autori, attori e spettatori.
Una rappresentazione universale che ogni singola esistenza e tutte le
infinite esperienze insieme, nell’eternità, concorrono a realizzare.
141
I mattoni fondamentali dell’universo fisico, le particelle atomiche, sono
i costituenti elementari interfaccia tra questa e la realtà sottile;
costituenti che, in virtù dell’essere più vicini all’essenza energetica
spirituale, sono verosimilmente più intimamente legati alla coscienza
universale di quanto lo siano le cose e gli esseri a cui danno forma.
Queste poche particelle, quali gli elettroni, i protoni e i neutroni1, sono i
costituenti comuni di tutte le infinite espressioni della realtà fisica: dalla
roccia dei continenti al fuoco del sole, dalle distese d’acqua oceaniche
ai venti del cielo; dalle innumerevoli forme viventi dei regni minerale,
vegetale e animale, del meraviglioso scenario naturale, fino all’uomo.
Così, una parte della coscienza cosmica si è manifestata nella terra, il
nostro corpo collettivo; un’altra si è manifestata nel sole, nell’acqua e
nell’aria che ci nutrono, e nelle piante e negli animali, i nostri vitali
compagni, e così via. Un mondo, questo, di cui siamo parte e che è
parte di noi. Ma l’oblio ha steso il suo velo. Così viviamo
nell’incosciente ignoranza, nella mancanza di riguardi per la natura,
nella sopraffazione dell’uomo sull’uomo, nel folle egoismo depredatore
e distruttore; nella violenza, nella guerra, nella disarmonia esteriore e
interiore, nella malattia e nella morte.
Abbiamo così dimenticato ciò che è fondamentale: riconoscere la verità
e la sacralità di ciò che siamo profondamente; e provare rispetto per il
creato. Perché tutto possiede un’anima, un cuore. Un tutto di cui siamo
parte, parte che manifesta il proprio amore limitando se stessa per
esprimere, ciascuna, il proprio colore della vita.
E in questo, nella ricerca dell’armonia con il tutto, una parte importante
la ricopre la nostra Madre Terra.

Una terra quadratura del cielo.


Poli opposti da cui principia la vita.
Un pianeta azzurro con un cuore2.

HEARTH
1. Nell’atomo, i protoni e i neutroni sono formati dai quark, e quest’ultimi, a loro volta,
insieme agli elettroni, secondo un’attuale teoria quantistica, da corde di energia
oscillanti, estremamente piccole, chiamate stringhe.
2. In inglese, cuore è heart e terra è earth, per cui le due parole si prestano a essere
combinate per dare un nuovo significato alla parola hearth (focolare, suola, crogiolo).
142
Le pagine comprese tra la n° 143 e la n° 146 della VII edizione de
“Il colore dell’anima” non sono incluse in questa versione ebook.

143
144
145
146
Ora, rispetto al divino che è in noi, sono movimenti affini i pensieri
(delle armonie) dell’universo e i movimenti di rotazione circolare5.
Perciò ciascuno in accordo con questi… bisogna che renda simile,
secondo la natura originaria, il pensante e il pensato, e, dopo averli
fatti simili, raggiunga il fine della vita più bella che gli dèi hanno
proposto agli uomini per il tempo presente e per l’avvenire.
Platone, Timeo, 90d

***
L’uomo sta all’infinito
come una cellula alla Via Lattea,
un elettrone all’orbita terrestre
e l’infinitesimo all’uomo.

LA SCALA ASSOLUTA6
Nella chiusura del cerchio ogni cosa cessa di avere un principio e una fine, come i capi
di una corda, perché tutto è principio e fine al tempo stesso: ogni essere, ogni sua
condizione, può apparire superiore o inferiore relativamente a un’altra, come i gradini
di una scala, ma poiché tutto proviene ed è parte della coscienza universale, tutto è uno.

Il caos sorge quando si prende il relativo


per assoluto e l’assoluto per relativo.

5. Cfr. N. Cusano: sul poligono (uomo) che deve farsi cerchio (Dio); e Pd XXXIII, 144.
6. Cfr. Salita e Discesa di Escher - Penrose, e la musicale Scala di Shepard.

147
148
Acqua e fuoco
La gloria di colui che tutto move
Per l’universo penetra, e risplende
In una parte più, e meno altrove.
Dante, Paradiso I, 1-3

L’acqua e il fuoco sono due principi, due forze contrapposte, dalla cui
interazione si genera e dipende la vita.

Un fiore ha bisogno solo di un poco


d’acqua e di sole per sbocciare.

Questi due elementi racchiudono diversi significati, sia sul piano fisico
che su quello sottile.
L’acqua e il fuoco comuni si combattono reciprocamente e per poter
agire tra loro, senza dissolversi a vicenda, devono essere tenuti separati,
come l’acqua nella caldaia sul fuoco. A livello chimico invece possono
originarsi a vicenda, riflettendo il principio di equivalenza tra energia e
materia. Acqua e fuoco sono opposti ma, al tempo stesso, intimamente
affini: dall’acqua, scindendola, abbiamo idrogeno e ossigeno e da
questi, riuniti attraverso il fuoco, otteniamo una nuova acqua1.
Così, a livello sottile:
L’acqua genera il fuoco da cui si genera l’acqua che genera il fuoco…2

Ogni cosa è acqua e fuoco allo stesso tempo. L’anima universale,


oceano di luce, è un’acqua e un fuoco sottilissimi in perfetta armonia.
Da questi, per gradi discendenti e differenti specificazioni, si arriva alla
materia e agli uomini, gocce d’acqua più grossolane con in sé fuochi di
varia intensità e differente natura. La vita è dunque espressione di
infinite forme e colori di cui l’acqua, come un mare cosmico, è matrice,
ma anche coscienza esploratrice; mentre grazie al fuoco la vita si attiva
e muta costantemente.

1. Tale fenomeno lo si può facilmente sperimentare tramite una comune candela: basta
tenere per qualche minuto un bicchiere freddo capovolto sopra una candela accesa per
poter osservare la formazione di una condensa d’acqua al suo interno. Questo avviene
perché nella cera della candela è presente idrogeno che, bruciando con l’ossigeno
contenuto nell’aria, produce acqua.
2. Secondo le antiche teorie dei quattro e dei cinque elementi, nelle culture occidentali e
orientali l’acqua e il fuoco sono energie contrapposte in grado di trasmutarsi
reciprocamente l’una nell’altra, in maniera analoga al succedersi ciclico delle stagioni.
149
Per orientarti nell’Infinito, distinguer devi e dopo unire.
J.W. Goethe

È importante non confondere la luce visibile con la vera luce sottile del
fuoco cosmico perché, paradossalmente, è proprio la luce visibile,
quella che illumina la terra, a creare l’illusoria rappresentazione della
realtà: dove tutto si manifesta attraverso il contrasto di colori e di forme
che appaiono le une separate dalle altre. Solo invece attraverso
l’invisibile luce del fuoco spirituale, anche nell’oscurità, è possibile
riconoscere l’unità delle stesse cose3. La luce del giorno, simbolo
dell’esteriorità, rende invisibile la grandiosità dell’oceano stellato,
simbolo della vastità dell’anima4.

L’essenza della pratica spirituale consiste nel purificare e ravvivare


l’acqua e il fuoco interiori, accordandoci e risonando con il
fuoco e l’acqua cosmici: spazio e stelle, dai quali originiamo.

Nell’asse sacro coronale, monocordo di luce, nella radice del quale è


celato un mistero, lì attende di ridestarsi, a uno scotimento della
coscienza, l’essenza divina dormiente, la Sposa promessa al suo Sposo.
Allora, ascendendo come un dolce suono verso l’alba dai mille petali,
“ardendo in sé, dispiega le bellezze eterne”, lo schiudersi dei fiori
eterei, l’intonarsi del canto degli armonici5.

3. I principi dell’acqua e del fuoco trovano espressione in molte forme differenti. Ad


esempio, nella favola di Apuleio, Eros e Psiche, si può cogliere lo stesso significato
nella passione che coinvolge gli amanti protagonisti del racconto: Eros, il fuoco, è il
simbolo dell’amore misterioso, invisibile ma percepibile (avvolto nel “buio”); Psiche,
l’acqua, è la coscienza corporea, basata sulla ragione e quindi sul dubbio (la realtà
visibile che necessita della “lampada”). La separazione dei due amanti, il periodo di
lontananza e le prove che Psiche deve affrontare, prima che si possano di nuovo
ritrovare, rappresenta il percorso di crescita dell’uomo e l’integrazione in se stesso dei
due principi apparentemente inconciliabili. Un significato che consuona, nell’essenza,
con il motto latino: Per aspera ad astra, “attraverso le asperità sino alle stelle”.
Si consideri, in questo senso, anche l’espressione “a occhi chiusi”, che richiama, in un
certo qual modo, un senso di “unione” come, ad esempio, il riporre la fiducia in altri, la
padronanza dei propri mezzi, o il raccogliersi in se stessi.
4. In principio, da un oceano cosmico su cui “lo spirito di Dio aleggiava” originarono i
mari della terra. Un oceano oggi interpretato come costituito da infinite molecole
d’acqua disperse nello spazio interstellare. Cfr. H2O di Philip Ball.
5. Cfr. il Luz della Cabala, il Muladhara e la Kundalini dormiente, il Cubo di Metatron
e la cellula originaria, la simbologia della cerchiatura del quadrato.

150
L’equilibrio tra mente e cuore in
un’acqua ignea o in un fuoco acqueo.

È il superamento della “forza gravitazionale” data dalle nostre zavorre


esistenziali che ci permette di elevarci ed essere liberi. E in questo
“una sola ala non basta”6, ovvero è fondamentale riunire e armonizzare
in se stessi gli opposti, oltre a desiderare ardentemente il cielo.

6. Si cfr. l’antico motto latino o emblema: Non sufficit una. Le ali simbolizzano la
facoltà celeste di elevare la condizione terrena e conferire leggerezza alla corporeità;
senso sottolineato, nell’immagine che segue, dalla parola inglese free (libero).

151
Non sufficit una

152
La chiusura del cerchio
Il fine ultimo di ogni percorso spirituale è il riconoscimento
consapevole, da parte dell’uomo, della propria natura divina. Natura
che non può essere conseguita ma solo essere riconosciuta già in se
stessi, spostando l’attenzione dallo stato di coscienza del divenire a
quello dell’essere.
Infatti, come sosteneva Platone: “una cosa può essere riconosciuta solo
da ciò che le è simile”. Ciò significa che se nell’uomo non fosse insita
la natura divina gli sarebbe impossibile riconoscerla in Dio e tanto
meno riconoscerla in se stesso.
Tuttavia, come già considerato precedentemente, dato che ogni visione
soggettiva è resa, in ogni modo, vera e assoluta dal crederci, se si crede
di non possedere una natura divina, tale credenza si concretizza nella
nostra realtà personale che, pertanto, si conforma a tale visione renden-
doci pressoché impossibile, di conseguenza, riconoscerla davvero in noi
stessi; in altre parole, ci rende difficile e lungo il riconoscimento del Sé.

In questo senso, diviene significativa l’espressione che racchiude in sé


il pieno potenziale del logos: “Io Sono”. Ciò in riferimento alla nostra
anima. Espressione che si può sviluppare in differenti affermazioni
come: Io sono un essere di luce divina. Io sono in Dio e Dio è in me.1

I AΩ I AM… Alpha and Omega.2

1. “Io Sono” è un’espressione chiave che, in ambito spirituale, indica l’unione/identità


con la dimensione divina. L’opera forse più rappresentativa, in relazione a tale
significato, è quella omonima del conte di Saint Germain (o attribuita a esso).
2. In inglese “I AM” (io sono) suona come un mantra – in particolare nella forma
contratta “I’m” – e si presta alla funzione grafico-simbolica sopra illustrata.
Il mantra è una parola sanscrita che indica un particolare tipo di suono, una formula, ma
anche un’affermazione, attraverso la cui ripetizione è possibile ottenere un certo effetto
sulla mente e sul corpo: generalmente per liberarsi dai pensieri, acquietare la mente e
acquisire nuove facoltà. Il mantra più importante e conosciuto è Om, Aum o Amen.
153
Pensa che anche a te niente è impossibile; ritieniti anche tu immortale
e pensa che puoi col pensiero afferrare tutte le cose, conoscere ogni
arte e scienza; cerca la tua casa nella dimora di ogni creatura vivente;
sii più elevato di ogni sommità e più basso di ogni abisso, unisci in te
stesso tutte le qualità contrarie, il caldo e il freddo, il secco e il liquido;
pensa che sei nello stesso tempo in ogni luogo, in terra, in mare e nei
cieli; pensa di non essere ancora stato generato, di essere nel grembo,
di essere giovane, di essere vecchio, di essere morto e di essere nel
mondo dell’oltretomba; comprendi tutto questo nel tuo pensiero a un
tempo: tutti i luoghi e tutti i tempi, tutte le sostanze, le proprietà e le
grandezze; allora comprenderai Dio. Ma se rinchiudi la tua anima nel
corpo e svilisci te stesso e dici: “Non so niente, non so fare niente; ho
paura della terra e del mare, non posso arrivare al cielo; non so cosa
sono stato né cosa sarò”, allora cosa hai a che fare con Dio?
Corpus Hermeticum, XI

Ancora qualche parola, infine, sulla consapevolezza.

La nostra mente è un universo di cui, normalmente, si è consapevoli


solo in piccola parte. Questo, generalmente, è dovuto al fatto che si vive
consciamente solo la sfera razionale, emotiva e sensoriale. L’inconscio,
i sogni, le intuizioni e le facoltà spirituali sono tutti aspetti che non
sembrano nemmeno appartenerci, per quanto appaiono fuggenti,
incontrollabili o del tutto sconosciuti3.

3. Quando il sistema nervoso del cervello è soggetto a uno stimolo si hanno due
fondamentali reazioni: l’eccitazione dei centri nervosi interessati e l’inibizione di tutti
quelli non direttamente coinvolti; con torpore e inattività delle relative funzioni
connesse con questi ultimi. Il processo del pensiero, in questo senso, può essere inteso
come una variabile distribuzione di aree o circuiti di eccitazione nervosa che si
configurano in base al procedere e il mutare del pensiero stesso. L’area di eccitazione si
restringe in maniera proporzionale al livello di attenzione o concentrazione esercitata e,
più forte è la concentrazione, maggiore è lo sforzo necessario per sostenerla. Inoltre, a
un aumento della concentrazione corrisponde, come già visto, un aumento dell’area
nervosa inibita. È noto a tutti, infatti, che quando si è molto concentrati, ad esempio
nello studio, si assopisce la percezione del mondo esterno, per cui non ci si accorge di
quanto accade intorno a noi. Questo è ciò che avviene normalmente anche quando si è
immersi in continuazione nei dialoghi interiori o, in particolare, quando si alimentano
costantemente le proprie idee fisse e gli stati d’animo negativi. Ne consegue che ci si
trova a vivere in un costante stato di coscienza ridotta. Ciò che ostacola quindi la
percezione del “non ordinario” è l’attenzione nell’ordinario, perché questo ne
costituisce e fissa i limiti della realtà percepita.

154
Così ci si identifica con una mente intesa principalmente come
pensiero, ovvero con quel processo temporale alla base del nostro modo
di intendere e di essere. Ma esistono limiti del nostro pensiero di cui
non ci si rende conto, e per questo si incorre nell’errore, non di rado, di
voler cogliere con esso più di quanto sia possibile fare, ovvero
comprendere ciò che trascende il pensiero stesso e dunque la nostra
realtà. Non si possono, ad esempio, esprimere a parole o mentalmente
due concetti contemporaneamente come il rosso e il blu, poiché uno
esclude l’altro, o si esprime il rosso oppure il blu, oppure prima l’uno e
poi l’altro. Per poterli concepire ed esprimere nello stesso istante è
necessario ricorrere a un’altra facoltà, in questo caso quella della vista,
la sola in grado di darci la soluzione. Solo attraverso la vista, infatti,
possiamo conoscere il bianco, la somma dei suddetti colori; il quale
soltanto in un secondo tempo può essere oggetto di analisi da parte del
pensiero. Questo è, analogamente, lo scopo della meditazione.

Ogni visione o realtà personale è vera, così come è vero ogni specifico
colore; ma, come una luce sempre più chiara racchiude in sé un
numero sempre maggiore di colori, così una verità sempre più grande
racchiude in sé un numero sempre maggiore di più piccole verità.

La meditazione (dal latino meditatio)4 riveste normalmente il


significato di una profonda riflessione volta a ricercare il contenuto, le
ragioni e le verità di un qualcosa; cioè di rivolgere l’attenzione verso un
determinato tema, esperienza, fatto, problema o altro, per analizzarlo,
comprenderlo o risolverlo (meditazione riflessiva). Ha anche il
significato della ricerca, più o meno consapevole, del rilassamento
attraverso l’essere assorti in una qualche particolare attività; oppure, più
specificamente, si tratta di una pratica in cui si porta l’attenzione in
modo stabile su un punto al fine di calmare la mente e annullare il
pensiero per poter accedere a uno stato di coscienza superiore
(meditazione intuitiva; dal lat. intueri, “guardare dentro”). Forme
meditative, queste, che possono anche integrarsi inconsapevolmente;
per cui, quando la mente si concentra su uno specifico tema questa può
arrivare ad avere una coscienza sempre più profonda dell’oggetto in
esame, attraverso il concorso di riflessione e spontanea intuizione.
4. La consonanza etimologica di meditatio con mediatio (mediazione) e medicatio (ant.
curare), ma anche con medicatus (rimedio magico), ne rivela le profonde proprietà.

155
Meditazione è quella dell’artigiano intento a realizzare il proprio
lavoro, del pescatore in attesa che il pesce abbocchi o quella dello
scienziato assorto nelle proprie ricerche o, ancora, la toccante
contemplazione di uno stupendo tramonto. È un senso di appagamento
e di pace che si prova quando la mente è piacevolmente concentrata su
una sola cosa, ed è assorta e silenziosa, dimentica di tutto il resto.
È meditazione anche quando siamo collegati con la natura, quando
viviamo consciamente la sincronicità degli eventi5 o percepiamo i flussi
di energia sottile lungo i meridiani durante l’esecuzione della forma di
una disciplina interiore come il Taiji. È uno stato contemplativo che
coinvolge tutto l’essere o, semplicemente, un modo di vivere più aperto
e ricettivo. O, ancora, è una forma di contatto, attraverso delle
visualizzazioni simboliche, con il nostro inconscio per meglio disporci
all’esperienza della meditazione stessa. Essa assume, dunque, un ampio
significato con differenti possibilità di utilizzo e sviluppo secondo le
attitudini e le finalità di ognuno6.
La meditazione ricettiva, propria delle discipline spirituali, è uno stato
naturale in quanto affine alla natura animica dell’uomo, ma è divenuto
uno stato pressoché sconosciuto per la nostra coscienza ordinaria
avvezza, oggi più che mai, alla sola vita materialistica.
Lo scopo della meditazione consiste, dunque, essenzialmente in una
nuova disposizione, quella di placare il proprio pensiero e sviluppare

5. Sincronicità: concetto espresso da C.G. Jung, secondo cui la coincidenza degli


eventi, qualcosa di più di un semplice caso, rappresenta in realtà l’interdipendenza tra
gli eventi oggettivi e lo stato soggettivo o psichico dell’osservatore. Si tratta cioè di una
correlazione multidimensionale a-temporale tra gli eventi (ciò che altrimenti viene
definita come caso, fortuna, destino), a differenza del principio di causa ed effetto in cui
la correlazione è consequenziale (azione e reazione) e principalmente circoscritta nella
dimensione spazio-temporale.
6. Non incorrere in pensieri o giudizi negativi non è sempre facile, mentre, al contrario,
non è difficile dimenticarsi di perseguire tale intento. Si può allora utilizzare un metodo
semplice che ci può essere d’aiuto in caso di difficoltà. Secondo il principio del “chiodo
scaccia chiodo” è più facile sostituire pensieri indesiderati con altri pensieri, in questo
caso positivi: si tratta, cioè, di occupare la mente ripetendo spesso e sentitamente, in
qualunque occasione, una formula mentale (mantra) rivolta all’interno e all’esterno di
noi stessi. Poiché tutto è uno, il mondo quale ci appare, bello o brutto, è un riflesso dei
nostri pensieri; con questa formula possiamo pertanto cambiare tale visione, se
negativa, elevando e purificando noi stessi e, allo stesso tempo, il mondo esterno.
L’amore è la più importante medicina e forza risolutiva universale, insieme all’energia
vitale; mentre la luce rappresenta ciò che illumina l’intelletto e dissolve l’ignoranza; per
cui la formula più semplice e universale è forse proprio: Luce, Vita e Amore.

156
la calma della mente attraverso la concentrazione in un unico punto al
fine di poter accedere al Sé; ovvero, acquisire la capacità di ampliare la
facoltà ricettiva o contemplativa, cioè sviluppare una facoltà affine a
quella della vista fisica: la visione o percezione interiore.
Per ottenere tale distacco è bene porsi in ascolto o in osservazione,
immergendoci nel silenzio – placando il caos armonico – o in ciò che
per il Buddha consisteva nell’essere testimoni. Senza fare nient’altro.
Rendersi totalmente percettivi (additivi) senza essere ora il rosso, ora il
blu o qualsiasi altro colore, attraverso il pensiero/filtro; annullando
credenze, dogmi, regole, dialogo interiore, analisi, tensioni, aspettative
e impazienza verso i risultati della meditazione stessa, per permettere
che la chiarezza possa manifestarsi liberamente senza impedimenti.

L’anima è la totalità degli infiniti percorsi


che l’uomo esplora un passo dopo l’altro.

Nell’uomo, la mente vive mediante il pensiero, la sfera emotiva


attraverso le emozioni e il corpo per mezzo dell’attività fisica. Sono
energie differenti che insieme concorrono a produrre una vita
equilibrata e sana. Naturalmente, ciò che è determinante è soprattutto il
tipo di pensieri ed emozioni che, in particolare, si vivono e alimentano.
Se si coltivano interessi, idee e stati d’animo positivi, la nostra vita non
può che beneficiarne, e questa si può considerare la condizione base per
il benessere. Ma la ricerca di una più profonda crescita spirituale
necessita normalmente di qualcosa in più, un qualcosa che si può
definire come la ricerca della consapevolezza interiore.
All’inizio, la pratica si può orientare in primo luogo verso la
conoscenza e l’incremento dell’energia vitale: energia che conduce a
una maggiore forza e a una migliore salute fisica, un sostegno
importante per poter crescere, ma non necessariamente per riuscire a
superare i limiti del proprio ego, se c’è un legame ancora troppo forte
con esso. Quindi è necessario coltivare la purezza del cuore e della
mente, la sensibilità e la conoscenza, l’intuito e l’intelletto, in una
sintesi unitaria degli stessi, per poter espandere i propri limiti e arrivare
a collegarci alla fonte. Il fine è quello di entrare in contatto con il
divino, la parte infinita di noi stessi, in modo da realizzare l’unità
triadica consapevole di anima (coscienza universale), spirito (coscienza
individuale) e corpo (unione di entrambe).

157
La mente è come un bacile colmo d’acqua. Acqua dalla superficie
increspata a causa dell’incessante turbinio del pensiero; il quale si
rivela nella facoltà di riflettere su qualunque oggetto, ripiegandosi su
se stesso e osservando i propri contenuti. O, avendo come oggetto il
pensiero stesso, la sua origine, così che, invece, si riflette in se stesso.
Con il silenzio mentale la superficie d’acqua si calma e diviene
trasparente e, al tempo stesso, riflettente, tale da poterne scrutare il
fondo o vedere in essa riflesso inalterato il mondo al di fuori e l’oceano
stellato. Così che l’universo si rispecchia in noi e noi nell’universo.

La concentrazione nella pratica meditativa assume un ruolo e un


significato fondamentale ma diverso da quello usuale: ovvero quello di
far convergere l’attenzione verso un centro stabilizzante che,
rinforzandosi col tempo, ha l’effetto di far espandere la coscienza.
I principali supporti, in questo senso, sono il respiro e il centro sacrale,
propedeutici per la concentrazione (o raccoglimento) e il rilassamento,
oltre che per un rinvigorimento generale; mentre il centro fondamentale
per la meditazione vera e propria è il centro frontale.
A questo ci si arriva anche esercitando la presenza in ogni istante.
Quando arriviamo a osservarci con distacco e quindi cessiamo di
identificarci con tutto ciò che crediamo di essere, pensieri ed emozioni,
un piccolo punto antitetico nella Sfera Omnicomprensiva dell’Essere,
comincia a espandersi, e a centrarsi naturalmente, la nostra coscienza
che, riconoscendo se stessa come qualcos’altro da sé, arriva allora a
chiedersi chi essa sia veramente.
Ciò che costituisce, quindi, l’essenza della consapevolezza è lo spostare
la nostra attenzione nell’hic et nunc, nel qui e adesso.
Se però non ci si disidentifica prima dalla nostra sfera psichica, si fa
l’errore di voler cogliere con essa – per i suoi limiti intrinseci e l’azione
filtrante delle sue strutture cognitive e gli ampi substrati esperienziali
sedimentati e cristallizzati divenuti inconsci in cui s’intesse la nostra
stessa attività cosciente – ciò che non è possibile cogliere.
Il dialogo interiore, per la necessità di svolgersi temporalmente, è una
forma di ancoraggio alla nostra sfera psichica, così come l’attrattiva
esercitata dalle nostre emozioni. Nel momento in cui allora ci si vuole
elevare, il parlare a se stessi non ha più senso, e l’essere semplicemente
testimoni in ogni momento di qualsiasi accadimento, all’interno e
all’esterno di noi stessi, ci permette di “sincronizzarci” nel presente.

158
Lo scopo della meditazione è, dunque, quello di liberare la vera
percezione di una realtà sempre più profonda attraverso il naturale
essere testimoni del proprio mondo interiore nel silenzio. Volgendo lo
sguardo al centro di noi stessi. Nel centro, il vuoto da cui tutto origina.
Nella meditazione – uno stato da scoprire, il cui fine è divenire un
continuum con la vita – è importante assumere una nuova disposizione
mentale: quella di essere collegati con l’universo e quindi essere in
armonia con ogni sua espressione; ovvero nel pensiero illimitato di
essere già il tutto, di essere il cosmo, la sua energia, la sua sapienza.
Universo-anima sulla quale, a un tempo, non si può non far affidamento
per ricevere guida e aiuto, e per ricordare la nostra origine. L’io sono.

La luce è l’assoluto, la totalità, l’essere.


I colori sono il relativo, la singolarità, il divenire.
Luce e colori sono uno.

In conclusione, la realtà non può essere cambiata dalla stessa struttura


mentale che l’ha originata. È necessario un nuovo modo di pensare
attraverso il quale proiettare all’esterno una differente visione, crearne
una nuova. Occorre pertanto sapere cosa fare e, soprattutto, come
accordarci per non disperderci in mille egoiche divergenti direzioni.
L’anima universale è ciò che ci accomuna e collega tutti gli uni agli
altri in un’unica grande entità, ed è questo che ci permette di sapere
cosa fare intuitivamente. In ciascuno di noi c’è già la risposta che non

– Nella cultura greca esistono tre differenti termini per definire l’amore:
Eros (dio dell’unione/amore) è l’amore inteso come passione sensuale, è la tensione,
l’attrazione istintiva data da un senso di separazione, di diversità e di mancanza della
propria controparte. Nella mitologia greca, secondo alcune fonti, Eros sarebbe sorto
come luce dal suo complemento, la notte, dall’uovo cosmico primordiale; secondo altre
fonti, Eros sarebbe figlio di Iris – la dea dell’arcobaleno, messaggera degli dei – e del
vento dell’Ovest, quale soffio originario.
Philia è l’amore in forma di amicizia o la passione, il vivo interesse per qualcosa.
Àgape è invece l’amore che si prova per un senso di identificazione, di unione con
l’Altro da sé. Il culmine di questo tipo di amore è rappresentato dall’estasi.
Esiste una diffusa concezione che vede eros e agape come contrapposti, in un
inconciliabile rapporto tra passionalità e spiritualità. Ma tale inconciliabilità, in realtà, è
solo apparente poiché, al contrario, entrambe le forze possono essere orientate sia al
divino sia all’amore sensuale, come desiderio della controparte e abban-dono di sé. Ed
è questo che può condurre all’amore puro e a un profondo senso di unione. Il rapporto
eros/agape esprime, dunque, il congiungimento tra la forza attrattiva e quella di
identificazione o delle due parti in una. L’una nell’altra ed entrambe nel tutto.
159
aspetta che di essere trovata. Essa è celata nella nostra essenza,
consuona con i nostri valori più profondi: è il nostro vero colore, il
nostro talento, la nostra autenticità; la quale, come un tassello di un
mosaico, come un frammento olografico, contiene già in sé il disegno,
il progetto globale e quello personale in divenire7.

Una corda tesa tra due estremità racchiude tutte le note di una musica
scritta su un endecagramma. D’essenza regale e consci del nostro
retaggio, possiamo condividere il potere del cielo – il cerchio a cui il
quadrato si inchina – di parlare agli animali, placare i terremoti e
trasformare le armi in fiori. Siamo un frammento olografico in grado di
trasmutare l’ologramma. Siamo la verità che risponde al credere, alla
fiducia e all’amore, e a una riacquistata libertà. Ad un nuovo pensare
che fa di noi esseri che possono creare una nuova personalità, una
nuova società, una nuova terra.

E ciò che serve, fondamentalmente, è un lavoro con cui sia possibile


giungere a differenti livelli di benessere psico-fisico; e che, se sostenuto
dal fermo intento di conoscere profondamente se stessi, possa condurre
al congiungimento consapevole con la propria anima: l’obiettivo
cardine di ogni pratica spirituale; e ciò attraverso:

– un innalzamento del proprio livello energetico-vibrazionale, anche


grazie all’esercizio fisico e a una dieta naturale, sana e vitale;
– una consapevole armonizzazione del proprio modo di pensare e di
porsi in relazione con il tutto; una retta forma mentis;
– una meditazione rigeneratrice – un attivo abbandono – ovvero
l’identificazione con l’infinito, il rivolgimento verso le coscienze più
elevate, le più ampie realtà, verso l’eterna fonte, la radice del mondo;
affinché l’informazione della perfetta idea, il modello matrice, si
trasfonda nelle cellule del corpo e nello spirito, attivi sconosciute
funzionalità del DNA, produca alchimie e trasmutazioni interiori,
nobiliti la chimica e la biologia umana e ripristini l’originale schema
divino, autentica essenza vibrante del nostro essere.
Polarizzando la propria attenzione, accordando la propria mente, nella
Mente Cosmica Omnicreatrice con la fede, la speranza e l’amore:
il desiderio e la volontà, mossi dall’intelligenza del cuore.

7. Cfr. l’espressione buddista: “Tanti corpi, una sola mente.”


160
L’uomo ha perso una parte fondamentale di sé. Ha escluso il divino
dalla propria vita: la parte più autentica di se stesso.
Ma solo riscoprendo la propria autenticità, l’uomo può riacquistare
quella totalità che costituisce lo scopo centrale della sua esistenza, e la
soluzione ai sempre più pressanti mali del nostro tempo.
Perché una vera trasformazione del mondo non potrà mai avvenire
cercando di cambiare il mondo ma solo cambiando noi stessi.
Attraverso l’autentica visione a colori della realtà. Attraverso occhi
nuovi, gli occhi dell’amore.

L’amore è luce.
È libertà e unità.
È la sintesi della vita.

161
162
SECONDA PARTE

163
Se vuoi scoprire i segreti dell’universo,
pensa in termini di energia, frequenza e vibrazione.
Nikola Tesla

164
Il colore
Il fenomeno della luce e del colore può essere considerato da tre punti
di vista: fisico, fisiologico e psichico.

Dal punto di vista fisico, la luce è una forma di energia


elettromagnetica, l’unica visibile per l’uomo, le cui radiazioni sono
individuabili in una ristretta gamma di lunghezze d’onda comprese
indicativamente tra i 400 e i 700 nanometri e situate a metà strada tra le
onde radio e i raggi gamma. Queste radiazioni si propagano con
andamento ondulatorio sotto forma di particelle di energia o fotoni, e
originano da qualunque sostanza materiale in cui sia presente o sia
indotta una certa agitazione a livello molecolare, come ad esempio
nell’incandescenza. Fonti di luce sono il sole, le lampadine elettriche o
una semplice fiamma; le quali ci permettono di osservare tutto ciò che
ci circonda, e questo grazie alla proprietà della luce che ha di interagire
con la materia in un’infinità di combinazioni diverse date dalla qualità e
dall’intensità della luce stessa, nonché dalle diverse proprietà che i
materiali hanno di assorbirla, rifletterla, lasciarsi più o meno
attraversare da questa e poterla quindi trasformare.

Le luci e i colori sono, a un tempo, un fenomeno fisiologico e psichico;


non appartengono, in realtà, alle radiazioni o alle cose in sé: queste
suscitano in noi la sensazione del colore ma non lo possiedono
“materialmente”. Quando le radiazioni luminose entrano in contatto con
i nostri occhi sono tradotte da particolari recettori, situati nella retina, in
segnali nervosi che, una volta raggiunto il cervello, la mente interpreta
come sensazione visiva, una sensazione che per noi costituisce la
rappresentazione del mondo così come lo conosciamo, attraverso le sue
forme, luci e colori.

Come abbiamo visto, i fenomeni della luce e della visione possono


essere analizzati sotto diversi punti di vista, ma non è lo scopo di questo
lavoro svilupparli e prenderli tutti in esame; può risultare invece utile
esporre, almeno brevemente, gli elementi fondamentali di tali
affascinanti fenomeni.

165
La luce bianca è composta da vari colori: i colori dell’iride. Essa si può
scomporre, come nel classico esperimento di Isaac Newton (1642-
1727), tramite un prisma di vetro. In esso la luce bianca che lo
attraversa si rifrange (deviando con angoli differenti) in una
successione di brillanti colori che sfumano l’uno nell’altro, conosciuta
comunemente come spettro cromatico (dal latino spectrum, “visione” e
da specere, “guardare”), nome attribuitogli dallo stesso Newton.

Per motivi simbolici e in relazione al numero delle note musicali,


sempre Newton indicò nello spettro cromatico sette colori: il rosso,
l’arancione, il giallo, il verde, l’azzurro, l’indaco e il violetto.

I colori sono sensazioni suscitate in noi dalle radiazioni luminose;


queste rientrano nell’ampia gamma delle onde elettromagnetiche a cui
appartengono, in ordine crescente di frequenza, le onde radio, le
microonde, gli infrarossi, la luce, gli ultravioletti, i raggi X e i raggi
gamma. Le onde elettromagnetiche (costituite da campi elettrici e
magnetici accoppiati tra loro, generati comunemente da rapide
oscillazioni di cariche elettriche) si possono immaginare come flussi
oscillanti di energia che si propagano nello spazio. La loro natura oltre
che ondulatoria è, allo stesso tempo, particellare, in particolar modo per
le alte frequenze quali quelle della luce, per cui fluendo si presentano
sotto forma di particelle di energia o quanti di luce, ai quali è stato
assegnato il nome di fotoni.
166
Le radiazioni si possono raffigurare essenzialmente con un’onda
sinusoidale, le cui caratteristiche basilari sono la frequenza e
l’ampiezza.

La frequenza (f) è il numero di onde complete nell’unità di tempo e si


misura in hertz (Hz), il quale corrisponde a un’oscillazione al secondo.
L’ampiezza (A) è la differenza tra un massimo e un minimo dell’onda
ed è ciò che esprime l’intensità della radiazione.
La frequenza, inoltre, è in relazione con la lunghezza d’onda
(λ: lambda), ovvero con la distanza tra due punti equivalenti della
stessa onda – la cui unità di misura è il nanomètro “nm” = un
miliardesimo di metro – nonché con la sua velocità (v), variabile
secondo il mezzo di propagazione e massima nel vuoto, circa 300.000
km al secondo1. Lunghezza d’onda e frequenza sono inversamente
proporzionali e attraverso la velocità sono unite dalla seguente semplice
relazione: λ = v/f .

L’energia delle radiazioni si esprime attraverso l’intensità e la


frequenza: l’aumento dell’intensità corrisponde a un aumento del
numero dei fotoni, mentre l’aumento della frequenza è in relazione a un
aumento delle singole energie fotoniche2.

1. La luce subisce un rallentamento, oltre a una deviazione della sua direzione, quando
dal vuoto si propaga nella materia, ciò secondo un relativo indice di rifrazione:
nell’acqua, ad esempio (con indice uguale a 1,33), la velocità si riduce a 225.000 km/s.
2. L’intensità delle radiazioni è proporzionale al quadrato dell’ampiezza: se l’ampiezza
raddoppia, l’intensità quadruplica; mentre l’energia del fotone è proporzionale alla
frequenza: se raddoppia una, raddoppia anche l’altra. Un’unità di misura per l’energia
fotonica è l’elettronvolt (eV) che, nell’ambito del visibile, corrisponde per ogni singolo
fotone a 1,77 eV per i 700 nm e 3,1 eV per i 400 nm, nell’ordine, il rosso e il violetto.

167
Per rendere il tutto più chiaro può essere utile ricorrere a un’analogia.
La frequenza può essere paragonata al dislivello di una cascata
d’acqua, l’ampiezza alla sua portata, mentre i fotoni alle singole gocce
d’acqua. Per cui, l’energia di ogni singola goccia d’acqua cresce in
base all’altezza della cascata mentre la sua portata cresce in base al
numero di gocce, cioè alla massa d’acqua che cade nello stesso istante.

Ora, in pratica, l’ampiezza definisce l’intensità della luce, vale a dire la


sua luminosità; mentre la frequenza o la lunghezza d’onda ne
definiscono le sue qualità cromatiche, la tonalità o la tinta, in altre
parole i diversi colori che possiamo percepire.

Generalmente, come misura della luce visibile si impiega la lunghezza


d’onda nel vuoto che, come abbiamo già indicato, è compresa tra i 400
e i 700 nm, estremi che vanno considerati come un valore medio delle
normali capacità visive dell’uomo. Questo significa che i nostri occhi
non riescono a percepire, e la mente di conseguenza a visualizzare,
radiazioni esterne a questi valori; per questo motivo le radiazioni o i
raggi al di fuori del campo del visibile sono chiamati infrarossi e
ultravioletti, ovvero, al di sotto del rosso e oltre il violetto.

La luce e i colori sono generati, assorbiti o trasformati nell’intimità


della materia, attraverso le vibrazioni degli elettroni o l’interazione
con essi; e il colore, in questo senso, può essere considerato come
l’espressione visibile dei meccanismi profondi della realtà fisica.

L’immagine illustra l’intera gamma dello spettro visibile con i


caratteristici colori che sfumano l’uno nell’altro attraverso tutte le
gradazioni intermedie, alle quali sono associate anche le corrispondenti
lunghezze d’onda. Ogni singola tonalità o gradazione di colore (dettagli
che si possono cogliere e apprezzare a fondo solo attraverso la visione
diretta della dispersione della luce e non con le riproduzioni a video e,
168
tanto meno, a stampa) rappresenta il cosiddetto colore spettrale3, la cui
caratteristica è di essere un colore puro, cioè non composto da altri
colori; proprietà, questa, definita saturazione. Dalla combinazione di
due o più colori puri si ha come risultato, invece, un colore impuro o
insaturo e dall’aspetto apparentemente uguale a una tonalità
(generalmente) intermedia ai colori miscelati ma meno intensa e vivace,
un po’ più “scolorita”. Nell’insieme, la tonalità, la luminosità e la
saturazione costituiscono i tre principali attributi del colore4.

L’immagine raffigura l’unione di due diversi colori saturi o


monocromatici, il rosso e il blu, rappresentati attraverso le loro relative
lunghezze d’onda, e delle quali il blu ha un’intensità minore. Il risultato
è la percezione di un unico colore insaturo, in questo caso un rosso
violaceo, che è anche un colore non spettrale dato che non appartiene
alla serie dell’iride5. Non spettrali sono, infatti, tutti quei colori che, pur
potendosi osservare nella realtà, non sono presenti nello spettro della
luce; come, ad esempio, le diverse gradazioni di viola, rosa, beige e
molte altre.
Rivediamo il tutto con alcuni semplici esempi.
Nell’immagine che segue sono illustrate una sotto l’altra, rispetto a uno
spettro cromatico di riferimento, le tre possibili variabili (combinabili
tra loro) riferite agli attributi fondamentali del colore. Con la prima
variabile, la tonalità (se ne possono distinguere nello spettro, senza
confonderle l’una con l’altra, circa duecento), ci possiamo spostare
3. Un modo semplicissimo per produrre uno spettro cromatico consiste nell’utilizzare
un compact disc: in pratica, osservando direttamente una luce che si rispecchia sulla sua
superficie; oppure riflettendo un raggio solare, proveniente da uno spiraglio di una
finestra oscurata, su una superficie bianca. (Si veda il reticolo di diffrazione).
4. Per tonalità si intende comunemente una sfumatura di colore che sottintende anche la
luminosità e la saturazione: ad esempio, le tonalità blu oltremare e acquamarina.
5. La gamma dei colori non spettrali, dati dalla somma di rosso e blu, può essere
genericamente rappresentata dai “viola” i quali comprendono, tra gli altri, le tinte
crèmisi, carminio, fucsia, bordeaux, porpora e magenta.
169
orizzontalmente lungo l’intera gamma cromatica per sceglierne una
qualunque, ad esempio il verde. Con la seconda, la luminosità, abbiamo
abbassato l’intensità dell’arancione rispetto a un valore base, e
quest’arancione ci appare ora marrone.
Infine, con la terza variabile, la saturazione, anziché avere un colore
puro, come esemplificato nei primi due casi, abbiamo un colore impuro,
o insaturo, che ci appare come un normale azzurro; ma in realtà (e ciò si
può constatare con la dispersione di questo attraverso un prisma) è
formato da altri colori, in questo caso gli adiacenti verde e blu.
Quest’azzurro, se confrontato con quello saturo corrispondente, appare
più chiaro per la presenza di un superiore apporto di luce dato dalla
maggiore ampiezza della banda spettrale che gli corrisponde; infatti,
come sappiamo, tutti i colori fusi insieme ci restituiscono il bianco, al
quale corrisponde il livello massimo di insaturazione.

Le tre variabili del colore: tonalità, luminosità e saturazione.

Ora, i colori che possiamo osservare comunemente intorno a noi,


naturali o meno, non sono colori puri o monocromatici ma sono una
somma di questi ultimi; infatti, i colori comuni si differenziano per una
più ampia e variegata banda spettrale.

170
Quanto finora illustrato costituisce solo un aspetto generale; in realtà
bisogna tener conto anche di altri importanti fattori, come la distinzione
tra luci colorate (colori-luce) e i colori dati dalle sostanze materiali
(colori-sostanza); quindi tra le miscele additive e le miscele sottrattive,
come vedremo.
***

La teoria principale sulla visione dei colori, semplice ed elegante allo


stesso tempo, risale nella sua prima formulazione a Thomas Young
(1773-1829) e a Hermann von Helmholtz (1821-1894).
Secondo questa teoria, il processo della visione è reso possibile tramite
la retina, una sottile membrana nervosa all’interno dell’occhio, la cui
sensibilità agli stimoli visivi è dovuta alla presenza in essa di un gran
numero di cellule fotorecettori che, per via della loro forma, sono
chiamate bastoncelli e coni. Sono questi che trasformano gli stimoli
visivi in segnali nervosi che sono quindi trasmessi al cervello per essere
interpretati in immagini. I bastoncelli sono specializzati per la visione
notturna (scotopica: da skotos, oscurità), in quanto molto più sensibili
in condizioni di bassa luminosità, mentre reagiscono allo stesso modo
per le diverse lunghezze d’onda, rendendo così impossibile cogliere le
differenze cromatiche, e riducendo la visione, in pratica, a quella in
bianco e nero o acromatica.
I coni, al contrario, sono specializzati per la visione diurna (fotopica: da
photos, luce), e per essere attivati necessitano di luce più intensa.
Questi sono di tre tipi e ogni tipo è sensibile a una gamma differente
dello spettro: in particolare per quella del rosso, per quella del verde e
per quella del blu (mentre nel complesso la massima sensibilità si ha
nella zona giallo-verde, intorno alla lunghezza d’onda di 555 nm). Così
che le diverse radiazioni cromatiche vengono distinte non attraverso
una specifica sensibilità per ogni singola lunghezza d’onda, ma per
mezzo della risposta di tre soli tipi di coni per qualunque forma di
stimolo luminoso ricevuto, vale a dire attraverso la divisione delle
radiazioni in tre segnali differenti in base alla composizione spettrale
della radiazione percepita. Il campo di visibilità spettrale è così
completamente ricoperto e, allo stesso tempo, definito nei suoi limiti.
Come si può dedurre dal grafico seguente, le sensibilità dei coni per il
rosso, il verde e il blu non sono esclusive per i colori suddetti ma sono
in realtà più ampie e tendono, in parte, a sovrapporsi tra loro.

171
Lunghezze d’onda in nanometri.
Le relative curve di risposta dei tre tipi di coni della retina
e i loro picchi di massima sensibilità.

Questi tre distinti segnali, diversi per ogni radiazione percepita, sono
quindi elaborati dal cervello per offrirci quella rappresentazione di luci,
colori e forme della realtà così come la conosciamo.
Ma questa realtà non si riduce solo a una tripletta di segnali visivi. Il
colore non possiede fisicità, per questo può essere colto con un certo
grado di soggettività. Il colore è energia e, in quanto tale, interagisce
con altre forme di energia che incontra, trasformandosi.
Sono tre le condizioni necessarie perché si possa avere l’esperienza del
colore: una fonte di luce, l’oggetto dell’osservazione e, naturalmente,
l’osservatore. Senza un’illuminazione adeguata non è possibile vedere
le cose che ci circondano; nel vuoto, viceversa, la luce non si manifesta,
se non per osservazione diretta, in mancanza di cose su cui risplendere
e tutto appare comunque buio; mentre, senza il ruolo centrale ricoperto
dall’osservatore, nella cui coscienza si raccoglie la sensazione visiva,
tutto questo discorso non avrebbe nemmeno luogo.
Il risultato finale sta dunque nell’interazione e nella combinazione di
queste tre variabili: l’osservatore con la sua unicità data dal suo modo
d’essere (fisico, psichico, culturale), le condizioni di illuminazione
attraverso le relative qualità (intensità, luce solare, luce artificiale) e le
caratteristiche dell’oggetto dell’osservazione (opacità, trasparenza,
colore).

172
Naturalmente tutto ciò nella quotidianità non è evidente e noi cogliamo
questa realtà soltanto per quello che appare: il rosso è rosso, il blu è blu
e la luce è luce.

Come dicevamo, l’immagine oggetto della nostra osservazione è


“vagliata” cromaticamente dai tre recettori ottici in tre distinti segnali
indicanti le “quantità” di rosso, di verde e di blu presenti nell’immagine
stessa, e i suddetti segnali sono inviati al cervello per essere interpretati
nell’immagine finale così come si manifesta nella nostra coscienza.
Nell’interpretazione dei segnali, in questo processo visivo, assume
particolare importanza il fenomeno percettivo conosciuto tecnicamente
come sintesi additiva.
È questa fondamentale proprietà che ci permette di percepire la luce
bianca come quella del sole, formata da un insieme innumerevole di
diverse lunghezze d’onda, attraverso un’unica sensazione, quella
appunto del bianco.

La sintesi o mescolanza additiva è, in particolare, un fenomeno in cui


due o più luci diversamente colorate, miscelate tra loro producono in
noi la sensazione di un unico colore. Ciò in quanto la nostra mente non
è in grado di distinguere separatamente i singoli colori miscelati ma ne
ha un’unica sensazione cromatica, in genere intermedia tra questi
(lunghezza d’onda dominante), tanto da costituire appunto una sintesi.
Così, ad esempio, proiettando sovrapposti su una superficie bianca due
fasci di luce colorata, uno azzurro e l’altro giallo, si ottiene la visione di
un unico colore intermedio tra i due: il verde.
La sintesi additiva costituisce pertanto anche un sistema per creare dei
colori a partire da altri colori.
– Curiosamente, i comuni colori degli occhi umani, il marrone (cioè il rosso con minore
luminosità), il verde e il blu, sembrano rimandare ai tre tipi di coni della retina ottica.
173
Sintesi di colori-luce.

Sperimentalmente si è stabilito che per riprodurre pressoché tutti i


colori esistenti in natura sono necessari almeno tre colori base, scelti
opportunamente tra tutti quelli possibili. In questa scelta è importante
che ognuno dei tre colori selezionati non si possa ottenere da una
miscela degli altri due e, in questo senso, la terna che ha dato i migliori
risultati è quella rappresentata dal rosso, dal verde e dal blu, chiamati
per convenzione colori primari additivi, spesso indicati con le loro
iniziali inglesi: RGB (red, green, blue).
Non è un caso, naturalmente, che sia i colori che il loro numero corri-
spondano con quelli del meccanismo della vista sopra illustrato.
Una rappresentazione classica della sintesi additiva è data attraverso la
sovrapposizione parziale di tre luci colorate, rossa, verde e blu
(prodotte, ad esempio, da tre filtri colorati applicati su altrettanti fonti di
luce bianca) dalle cui miscele bilanciate di rosso e verde si ottiene il
giallo, dal verde e il blu, l’azzurro e dal rosso e il blu, il viola; mentre
dalla sovrapposizione di tutti e tre abbiamo il bianco6. Queste sono le
combinazioni principali e, come è noto, grazie a opportuni dosaggi è
possibile ottenerne infinite altre.
I tre colori ricavati dalle suddette miscele, ovvero il giallo, l’azzurro e il
viola – questi ultimi, in particolare, conosciuti anche come ciano e
magenta – costituiscono un’altra importante terna di colori, come
diremo oltre, parte di un sistema la cui rappresentazione tipica è
complementare a quella additiva.

6. Con i suoni, diversamente che con i colori, non abbiamo il fenomeno della sintesi
additiva (a parte l’aspetto timbrico, a questa assimilabile): due suoni ascoltati insieme
restano distinti, non ci danno la sensazione di un unico suono intermedio. L’udito, in
questo senso, può essere considerato analitico mentre la vista sintetica.

174
Sintesi additiva di colori-luce. Sintesi sottrattiva di colori-sostanza.

Una proprietà comune del mondo fisico, per la materia che non emette
luce propria, è quella di assorbire, riflettere o lasciarsi attraversare, in
parte o totalmente, dalle componenti spettrali di una fonte di
illuminazione o, in altre parole, di esprimere un colore come il risultato
di quelle componenti spettrali restituite rispetto a quelle sottratte alla
luce stessa. Questo fenomeno è conosciuto come sintesi sottrattiva.
Ad esempio, se osserviamo una fonte di luce bianca attraverso un filtro
ottico blu, questa assume il medesimo colore del filtro e ciò avviene
perché il filtro sottrae le componenti rosse e gialle dallo spettro
cromatico completo della luce, mentre lascia passare le restanti, con
l’effetto che conosciamo.

Se nella modalità additiva si fa uso di luci colorate, in quella sottrattiva


si può ricorrere a filtri ottici, come nell’esempio precedente, oppure
semplicemente a tinte o a inchiostri colorati.
175
Nella modalità sottrattiva si è constatato che la migliore terna di colori
materiali utile per la produzione, attraverso la loro miscelazione, del
maggior numero di altri colori è quella che già conosciamo: il ciano, il
magenta e il giallo, colori intermedi dei primari additivi. Il giallo,
inoltre, come vedremo, costituisce in questa seconda terna una scelta
obbligata. Questi tre colori sono chiamati convenzionalmente colori
primari sottrattivi, spesso indicati anch’essi con le loro iniziali inglesi:
CMY (cyan, magent, yellow).

Ora, possiamo vedere a cosa corrispondono i due gruppi di colori,


additivi e sottrattivi, raffigurati attraverso le loro relative bande di
emissione e di assorbimento rispetto allo spettro completo della luce.

Ordine dei colori nei due gruppi rispetto allo spettro completo, dall’alto:
rosso, verde, blu (colori-luce) e ciano, magenta, giallo (colori-sostanza).

In entrambi i casi si ha una divisione ideale dello spettro in tre parti,


dove, per quanto riguarda le luci colorate rossa, verde e blu, ciascuna è
costituita dall’emissione di un terzo della gamma visibile; parti che,
176
come sappiamo, addizionate tra loro ricompongono di nuovo l’intero
spettro nella relativa luce bianca. Nel caso dei filtri, invece, bisogna
notare che le gamme dei colori emessi sono il risultato di ciò che invece
è assorbito o sottratto dalla luce, anche in questo caso un terzo: il ciano
è il risultato dell’assorbimento del rosso, il magenta del verde, e il
giallo del blu; di conseguenza la sovrapposizione degli stessi filtri
ciano, magenta e giallo comporta il totale assorbimento di tutta la luce
osservata attraverso questi, come se costituissero un unico corpo opaco,
con il risultato quindi del suo completo oscuramento, o il colore nero.

Come specificheremo meglio in seguito, ogni colore di un gruppo


risulta anche essere un complementare dell’altro, per cui due soli colori
sono sufficienti, in questo caso, a completare in via additiva (come luci)
o sottrattiva (come filtri o tinte) l’intera gamma cromatica. Sono quindi
complementari tra loro: il rosso e il ciano, il verde e il magenta, il blu e
il giallo.
Ciò come principio generale. In realtà le distribuzioni spettrali non sono
così perfettamente delimitate come illustrato. In particolare, con i
coloranti non è possibile determinare con totale libertà le soglie di
assorbimento e di emissione degli stessi; da qui la difficoltà, spesso, di
non riuscire a riprodurre perfettamente i colori desiderati attraverso
miscele di inchiostri CMY, nonostante questi siano appositamente
prodotti per tale scopo, e soprattutto con altri coloranti generici.
In sintesi, se nella prima modalità si somma luce alla luce, nella
seconda c’è una sottrazione di luce alla luce; se in una si giunge al
bianco, nell’altra al nero, ovvero a un totale assorbimento di luce
mediante l’interazione luce-materia.

La visione della realtà avviene attraverso una complessa combina-


zione di somme e differenze di luci, la cui soluzione converge nella
nostra mente, realizzando così la sintesi rappresentativa del mondo.

Nella creazione o produzione del colore, la modalità additiva è quella


che si presenta in minor misura nella comune esperienza visiva in
rapporto a tutto ciò che ci circonda. Su questo fenomeno si basano, ad
esempio, il funzionamento degli schermi a colori dei televisori o dei
computer e, con un principio simile, una tecnica di stampa tipografica a
mezzatinta, che consiste nell’ottenere immagini variamente colorate

177
attraverso l’uso di tre soli colori, applicati in un insieme di punti
ravvicinati e molto piccoli che si fondono in un tutt’uno omogeneo se si
osservano a una sufficiente distanza. Una riprova di questo fenomeno si
può avere osservando da vicino, con una lente d’ingrandimento, un
dettaglio di un’immagine sullo schermo del computer.
Molto più comune è invece la modalità sottrattiva: in questo ambito, un
ruolo importante lo svolgono i diversi tipi di coloranti, di vernici e di
inchiostri prodotti per ogni tipo di esigenza, come quelli per la stampa o
le arti grafiche. In tale campo, in particolare, è importante la tecnica di
stampa in tricromia, dove si fa uso di soli tre colori, i primari sottrattivi
di cui abbiamo già parlato: il giallo, il ciano e il magenta. L’uso del
giallo, per la sua luminosità, è fondamentale come colore base, perché
nelle miscele sottrattive c’è anche una sottrazione di luce; per questo
motivo sarebbe impossibile farlo derivare da una qualsiasi altra
mescolanza come, ad esempio, quella di rosso e verde, la quale in
additiva ci darebbe il giallo mentre in sottrattiva produrrebbe, secondo i
rapporti della miscela, un rosso o un verde più scuri o spenti.
Poiché gli inchiostri non sono perfetti, l’ottenimento del nero
(attraverso la sintesi sottrattiva) nelle immagini delle stampe in
tricromia non è soddisfacente: al posto del nero si ottiene il bistro, un
colore bruno scuro. Per ovviare a questo inconveniente, in stampa si usa
allora anche un quarto inchiostro: il nero. La tricromia (CMY) con
l’aggiunta del nero si trasforma quindi in quadricromia, a cui
corrisponde la sigla CMYK, dove la K sta per chiave (key) di questo
sistema, nonché per la lettera finale di black (nero).

Due ingrandimenti di stampa a mezzatinta in bianco e nero e a colori.


Un caso particolare, il secondo, di sintesi additiva, da luce riflessa,
ottenuta attraverso i colori-sostanza.

– Per inciso, i colori del negativo fotografico sono complementari rispetto a quelli
ottenuti dallo sviluppo del positivo (inversione del colore), cioè le foto o le diapositive.

178
R G B

R+G G+B R+B

C M Y

C+M M+Y C+Y

Un esempio di come un’immagine a


colori possa essere scomposta nei RGB / CMYK
singoli canali RGB o CMYK, quindi
ricostituita parzialmente e infine
ricomposta nell’immagine originale.

179
Come abbiamo visto, lo spettro dei colori è dato dalla dispersione della
luce in un insieme pressoché infinito di radiazioni monocromatiche
fittamente ravvicinate.

Ora, l’immagine dell’intera banda cromatica può essere invertita nel


suo negativo, così da ottenere una seconda immagine che, se
confrontata con la prima, ci permette di osservare i relativi colori
complementari monocromatici. Essi sono opposti, esattamente l’uno di
fronte all’altro, come evidenziato in particolare nella figura sottostante
attraverso il rosso e l’azzurro. Si noti che sia il rosso sia l’azzurro sono
presenti in ogni banda, così come tutti gli altri colori, a parte invece il
viola e il suo complementare, il verde, presenti ciascuno in una sola
delle due bande.

Infatti, nella parte centrale dell’immagine negativa compaiono dei


colori che non sono presenti nell’immagine dello spettro originale.
Questi corrispondono ai diversi viola che, non essendo visibili nello
spettro, sono pertanto definiti colori non spettrali, colori i quali però
possiamo ottenere e osservare grazie a miscele di rosso e blu. Per
meglio evidenziarli sono stati scorporati nell’immagine sottostante.

Ora si osservi come nelle due bande precedenti poste a confronto la


successione di colori a un certo punto si ripete da una banda all’altra,
per cui possiamo togliere la parte superflua in modo da ottenere
un’immagine essenziale come la seguente.
180
Queste bande essenziali possono anche essere disposte in quest’altro
modo, a rappresentarci le “ali” dell’intera gamma dei colori. Colori che
possiamo ora considerare come colori-luce o colori-sostanza.

Quindi, cosa succede se sovrapponiamo parte delle due bande croma-


tiche in modo che i rispettivi complementari si miscelino tra loro?
La fusione additiva di due luci colorate complementari qualsiasi
produce, a livello percettivo, un bianco relativamente meno intenso o
meno luminoso rispetto a quello ottenibile dalla fusione dell’intero
spettro (infatti se questa prima luce viene nuovamente dispersa
attraverso un prisma non produce tutti i colori spettrali ma solo i due
originari). Come si può osservare nell’immagine successiva, la somma
dei colori complementari esterni al rettangolo che comprende i colori
giallo e blu produce una luce più intensa (a) rispetto a quella ottenibile
dalla somma di quelli interni (b).

a b

181
Con i coloranti, in modo inverso, l’azione sottrattiva di due porzioni
cromatiche complementari equivale a una riduzione spettralmente
equilibrata della luce riflessa e quindi a una diminuzione della
luminosità del colorante stesso. Ad esempio, se un colorante sottrae due
porzioni cromatiche complementari, come quelle interne al rettangolo
già considerato con i colori giallo e blu, la loro assenza determina lo
scurirsi del colorante in rapporto alla porzione di luce sottratta, così da
apparire, in questo caso, un grigio chiaro (a). Se invece, invertendo i
rapporti, a essere assorbite sono le porzioni cromatiche esterne al
rettangolo, la porzione di luce sottratta è maggiore di quella riflessa e in
quest’altro caso abbiamo un colorante grigio più scuro (b).
Sottrattività e additività coesistono e si integrano a vicenda: al
diminuire di una aumenta l’altra e viceversa.
Tale fenomeno è dimostrabile in modo sperimentale mediante un
sistema di doppi prismi, con il quale un fascio di luce bianca, dopo
essere stato scomposto da un primo prisma nel suo spettro cromatico, è
ricomposto dal secondo nella luce di partenza; mentre per selezionare le
componenti spettrali in uscita possono essere interposte tra i due prismi
delle piccole schermature e/o fenditure.

Esperimenti di Newton con i prismi:


scomposizione/ricomposizione della
luce e selezione dei colori.

La situazione limite, infine, è data dai complementari veri e propri. In


questo senso per complementare si intende ciò che completa o fa da
complemento (dal latino complere, riempire), ovvero qualunque colore
la cui composizione spettrale completa, in modo additivo o sottrattivo,
quella di un altro colore, al fine di ottenere uno spettro completo o la
sua totale assenza. Il che si traduce nel “bianco pieno” oppure nel nero.
182
I colori complementari, oltre a essere osservati nel mondo esterno, possono anche
essere sperimentati come un qualcosa che è in grado di prodursi in noi, nella nostra
mente. Esiste un fenomeno visivo, conosciuto come post-immagine negativa (o inversa)
attraverso il quale, se si fissa un colore ben illuminato e si distoglie quindi lo sguardo, si
visualizza dal nulla il suo colore opposto. Per sperimentarlo basta fissare lo sguardo per
una trentina di secondi nel punto al centro della seguente figura colorata, dopo di che si
sposta lo sguardo di lato nel secondo punto e si vedrà comparire una figura simile alla
prima ma con i colori sostituiti dai rispettivi complementari.

Come già visto, il viola non è un colore spettrale ma può derivare da


una miscela dei colori alle estremità dello spettro; spettro nel quale, da
lineare se piegato circolarmente, detto colore diviene l’elemento di
congiunzione delle suddette estremità, così da poter chiudere il cerchio
e realizzare la caratteristica ruota dei colori, o la seguente variante.

183
In questa seconda ruota, i vari colori relativamente più saturi sono
disposti lungo il contorno e a mano a mano che ci si sposta verso il
centro tendono a diminuire d’intensità, fino a raggiungere il bianco;
mentre in posizione diametrale, opposti tra loro, ci sono i colori
complementari.

Un’importante rappresentazione della ruota dei colori, che esprime in


maniera formalmente più corretta certe sue caratteristiche, è il
diagramma di cromaticità CIE 19317.

Questo diagramma si basa sulla sintesi additiva di luci. In esso sono


indicati lungo il contorno curvo tutti i colori spettrali con la massima
saturazione che l’occhio umano possa percepire (considerato, per
questo, spazio assoluto cromatico) mentre sul lato inferiore lineare
sono rappresentati i colori non spettrali.
In questo diagramma, il risultato di una mescolanza additiva tra due
colori qualunque, situati sulla sua superficie, si trova sulla linea retta
che li unisce, denominata linea di miscelazione. Se questa passa per il
bianco centrale, i suoi estremi rappresentano coppie complementari.
Come possiamo osservare nella successiva immagine, da miscele di
rosso e verde si possono ottenere le gradazioni intermedie
dell’arancione, del giallo o del verde giallastro; mentre dai comple-
mentari giallo e blu si ottengono il bianco, oppure i vari giallo e blu
meno saturi, via via più tenui.

7. CIE: Commission Internationale de l’Eclairage. Ente che si occupa della


standardizzazione nel campo dell’illuminazione.

184
La linea di miscelazione può essere paragonata all’asta di una
bilancia, nei cui estremi stanno i piatti su cui dosare le quantità di
colore da miscelare in rapporto alla posizione del fulcro o colore scelto
(Regola del baricentro).

Nell’esempio, per ottenere il bianco è necessaria una maggiore quantità


(intensità) di giallo rispetto al blu, se entrambi sono pienamente saturi.
Il braccio della bilancia con il fulcro nel bianco è più corto dal lato del
giallo, quindi, per avere l’equilibrio dei piatti, l’apporto del giallo deve
essere maggiore. È per via di questa proprietà che il diagramma CIE ha
la forma caratteristica a “campana” anziché quella del cerchio. I
complementari diametrali, lungo il contorno, non distano ugualmente
dal bianco centrale: quelli più lontani, infatti, entrano in minor misura
nella sua formazione.
I colori puri monocromatici, come sappiamo, si possono ottenere solo
dalla dispersione della luce; per questo tutti i colori che possiamo
osservare nella comune realtà hanno sempre un minor grado di purezza.
Per cui, quando si parla di colori del diagramma CIE, generalmente ci
si riferisce a spazi interni o relativi a questo. Così, tre colori all’interno
del diagramma corrispondono a tre colori di minore saturazione, le cui
combinazioni cromatiche sono esclusivamente quelle che stanno dentro
il triangolo formato dagli stessi tre colori. Questo triangolo rappresenta
quindi la gamma (ing. gamut) dei colori che un certo sistema è in grado
di riprodurre o il loro livello di saturazione, diverso per ogni sistema.
Esistono differenti spazi colore: i più importanti sono l’RGB per gli
schermi video, il CMY o CMYK per la stampa, e lo spazio relativo agli
attributi base del colore, di impiego più universale e pratico.
185
Le proprietà del diagramma CIE, circa l’impiego delle linee di
miscelazione, valgono solo per un altro spazio cromatico conosciuto
come triangolo di Maxwell. In questo triangolo, gli angoli
rappresentano i colori primari rosso, verde e blu, e ciascun punto in
questo spazio individua un colore che si può ottenere da una miscela
degli stessi tre primari. Questo spazio, data la sua semplicità, rende più
intuitiva la regola del baricentro: si noti infatti la posizione centrale che
i primari CMY occupano sui tre lati, tra gli angoli.

Purtroppo non esiste un corrispondente dello spazio CIE o del triangolo


di Maxwell per le miscele sottrattive dei coloranti. Questo perché,
quando si passa dalla luce alla materia le cose si oscurano e
complicano, cioè si evidenzia un certo grado indeterminatezza.
186
Da ciò deriva un altro interessante aspetto: due colori che hanno diverse
composizioni spettrali ma appaiono uguali si chiamano metameri. Nelle
mescolanze additive, combinazioni di differenti colori metamerici
danno un risultato identico; questo significa che in una combinazione di
due luci colorate ciò che importa è l’aspetto dei colori che si vanno a
miscelare e non la loro composizione spettrale.
Con i materiali, diversamente, il risultato di una mescolanza sottrattiva
di due coloranti non è prevedibile solo attraverso il loro colore
apparente ma può variare in funzione sia della composizione spettrale
degli stessi coloranti, sia della fonte di illuminazione. Infatti, la fusione
di due luci colorate complementari qualsiasi, di adeguata intensità, può
produrre a livello percettivo un bianco apparentemente perfetto; mentre
con i coloranti l’azione sottrattiva di due complementari qualsiasi
produce il nero solo nel caso in cui l’assorbimento della gamma
spettrale della luce, da parte di questi, sia totale; oppure, può essere
totale con un certo tipo di luce con distribuzione spettrale carente di
alcune componenti cromatiche, ma non esserlo con un’altra luce a
spettro pieno.
Sono quindi importanti, nel definire la percezione di un colore
materiale, anche le condizioni di illuminazione.
Sappiamo tutti infatti che il colore di un oggetto o di un vestito può
cambiare sensibilmente a seconda che questo si osservi all’aperto, nelle
diverse ore del giorno, o al chiuso secondo il tipo di illuminazione
utilizzata.
Nel valutare una fonte di illuminazione viene di solito utilizzato un
parametro di riferimento chiamato temperatura di colore.
La temperatura di colore indica il colore che un corpo incandescente
mostra a seconda della temperatura raggiunta, misurata in kelvin (K)8.
L’immagine successiva illustra come cambiano i colori al variare della
temperatura: a temperature relativamente basse corrispondono i colori
rosso e giallo, il bianco solare si ha intorno ai 5500 K, mentre a
temperature superiori il colore si sposta verso il blu. Si noti che, per
consuetudine, i colori si distinguono invece in “caldi” quelli con tinte
rosso-gialle e in “freddi” quelli con tinte azzurro-violette. Quindi, luci
calde hanno una dominante rosso-gialla (temperature più basse), mentre
luci fredde una dominante azzurra (temperature più alte).

8. Nella scala kelvin lo zero assoluto (“0” kelvin) corrisponde a – 273,15°C. Per
riportarla in gradi centigradi basta sottrarre 273 ai gradi kelvin.

187
Ora, se osserviamo, ad esempio, un pullover blu con una luce calda,
questa, carente delle componenti spettrali blu, non può illuminare
adeguatamente l’indumento che, non essendo in grado di riflettere le
stesse componenti, perché assenti nell’illuminazione o insufficienti,
finisce per apparire nero o di un blu più scuro.
Per questo motivo, in ambienti dove è importante poter percepire in
modo preciso i colori, si ricorre a sistemi di illuminazione equilibrata o
standardizzata.

Riprendendo il discorso prima interrotto, in teoria, la sintesi sottrattiva


per mezzo dei tre inchiostri primari CMY dovrebbe produrre il nero,
ma questo in pratica non avviene perché gli inchiostri non sono “puri”:
ovvero, sono inquinati da altri colori, cioè le loro distribuzioni spettrali,
come già visto, non sono perfettamente determinabili; per questa
ragione non si possono stabilire con precisione i risultati cromatici delle
differenti mescolanze. Naturalmente, con dei buoni coloranti CMY
coordinati tra loro e con il ricorso a vari accorgimenti tecnici, si
possono comunque ottenere degli ottimi risultati, come si può in genere
constatare nella stampa a colori oggi largamente diffusa.
Con i coloranti o i pigmenti generici le miscele sono dunque più
difficili da prevedere e il ricorso alle linee di miscelazione non sarebbe
di aiuto, poiché in questi casi non avrebbero più un andamento
rettilineo ma perlopiù curvo; quindi la via più semplice, in questo
senso, resta la sperimentazione pratica.
Un esempio è dato dalla miscela dei complementari giallo e blu, la
quale, in teoria, dovrebbe dare il nero, ma in realtà produce varie
tonalità di verde grigiastro, attraverso una linea di miscelazione curva
che aggira la zona nera centrale (vedi l’immagine successiva).
I colori materiali, per loro stessa natura, si trovano a un livello di
saturazione inferiore rispetto a quello della luce monocromatica, non
possono essere cioè altrettanto puri e allo stesso tempo altrettanto
luminosi: un colore materiale che riflette solo una ristretta banda di

188
Il triangolo di Maxwell reso “sottrattivo”, con i colori agli angoli rappresentati dai
primari sottrattivi, può dare un’idea sulla determinazione teorica delle varie miscele di
colore CMY. Il secondo triangolo riporta un esempio di linea di miscelazione curva.

lunghezze d’onda appare scuro; per questo, per apparire luminoso, deve
riflettere maggiore luce, il che significa una banda spettrale più ampia,
e ciò equivale a una minore saturazione. (Si veda, a tal proposito, la
figura a pagina 176 relativa alle bande di assorbimento ed emissione.)
In definitiva, una qualunque sostanza illuminata, per apparire
vivacemente colorata, deve riflettere una significativa parte dello
spettro luminoso, ma non tutto. Inoltre in sottrattiva, come sappiamo, si
toglie luce alla luce, di conseguenza i colori ottenuti da miscele di
questo tipo tendono a scurirsi, fino ad arrivare al nero, o quasi. Tutti i
colori permettono, dunque, di ottenere altre tonalità dalle loro miscele,
ma quelli che danno i migliori risultati, in termini di maggiori colori
riproducibili, maggiore luminosità e regolarità o prevedibilità nei
risultati ottenibili, sono i colori primari sottrattivi.

***
Ogni colore può essere scomposto in tre “ingredienti” o attributi
fondamentali: la tonalità, la saturazione e la luminosità, ciascuno dei
quali non può essere ricondotto agli altri due. Questi tre attributi
possono essere raffigurati attraverso uno “spazio tridimensionale”. Nel
caso del diagramma o spazio assoluto bidimensionale CIE visto prima,
in cui sono rappresentate solo la tonalità e la saturazione, con l’aggiunta
di una terza dimensione, vale a dire la profondità, può essere
rappresentata anche la luminosità, come di seguito raffigurato.

189
Tra gli spazi relativi di colore, l’additivo RGB e il sottrattivo CMY
rappresentano un sistema duale: nel modello RGB si parte dal nero
(buio) e mediante il variabile apporto dei primari additivi si ottengono
tutti i possibili colori fino a giungere al bianco (luce); nel modello
CMY si parte al contrario dal bianco e attraverso i primari sottrattivi si
ottengono tutti i colori fino ad arrivare al nero. Questi spazi sono rap-
presentati da un cubo nei cui vertici – secondo un sistema di coordinate
cartesiane – ogni colore della terna RGB e CMY arriva a esprimere la
sua massima intensità dopo essersi sviluppato lungo il proprio relativo
spigolo da uno dei vertici opposti tra loro, quelli bianco e nero, punti di
partenza e di arrivo delle due terne, attraverso tutte le possibili
sfumature di colore sia sulla superficie del cubo che al suo interno.

Queste immagini traducono visivamente dei modelli matematici di gestione del colore
che trovano oggi largo impiego in diversi campi, come quello della grafica digitale.

190
Ritorniamo, infine, sui tre principali attributi del colore che sono, come
abbiamo già visto: la tonalità (o colore), la luminosità (o intensità) e la
saturazione (o purezza).
Questi attributi possono anche essere espressi attraverso uno spazio dei
colori di forma cilindrica (una ruota cromatica a tre dimensioni), dove
la tonalità viene individuata lungo la circonferenza, la saturazione
lungo il raggio e la luminosità lungo l’altezza. Nell’immagine seguente
abbiamo la visione di questo cilindro secondo sei piani o sezioni di
luminosità con, lungo la circonferenza, la disposizione delle sei tonalità
principali, relative ai colori RGB e CMY, che si individuano
rispettivamente attraverso gli angoli a 0, 120, 240 e 180, 300, 60 gradi.

I tre primari additivi e i tre


sottrattivi, disposti in cerchio,
si possono rappresentare
attraverso la classica ruota dei
colori di J. W. Goethe, come
illustrato nell’immagine a lato.

Gli attributi cromatici sono quelli con cui le persone di solito definisco-
no un colore, e questo perché sono semplicemente più intuitivi e pratici.
Il prossimo diagramma, immaginabile come una “fetta” di colore o una
sezione cromatica del cilindro precedente, mostra schematicamente in
che modo i diversi livelli di saturazione e luminosità entrano in gioco

191
nel trasformare l’aspetto di ogni singolo colore. Nell’esempio abbiamo
il rosso, la cui posizione base con massima saturazione e luminosità,
pari a un relativo 100%, corrisponde alla prima casella in alto a destra.
Ogni spostamento di una casella, da questa posizione, indica una
diminuzione del 20%: in senso verticale per la luminosità e in senso
orizzontale per la saturazione. Si noti come al rosa corrisponda un rosso
poco saturo ma luminoso, mentre al marrone, al contrario, corrisponda
un rosso poco luminoso ma saturo.

Questo genere di tabella aiuta, per mezzo del confronto, a specificare


meglio un certo tipo di tonalità e a poterla riprodurre, all’occorrenza,
attraverso la relativa ricetta che ne indichi le quantità di colore e quelle
di bianco e/o di nero necessarie9.
Si propongono, di seguito, le tabelle con le combinazioni di tonalità,
saturazione e luminosità (TSL) dei sei principali colori. Inoltre, si
riportano due ruote dei colori con trentasei tinte e le relative variazioni
di saturazione (nella prima) e di luminosità (nella seconda); in cui ogni
singolo colore, in ciascuna di esse, ha il suo complementare, diametral-
mente opposto, nell’altra; come, ad esempio, il marrone con il celeste.

9. La definizione di un colore tramite le caratteristiche di tonalità, saturazione e


luminosità ha origine da un sistema ideato dal pittore americano Albert Henry Munsell
(1858-1918) e diffuso con il suo omonimo catalogo nel 1915.
192
193
194
Finora abbiamo trattato separatamente le tre modalità di
rappresentazione del colore, ossia l’additiva, la sottrattiva e quella
relativa ai tre attributi base cromatici, e ciò potrebbe fare apparire tali
modalità come distinte tra loro; in realtà tutte e tre possono essere
considerate come interconnesse e ognuna può essere tradotta nell’altra.
Infatti, ogni sfumatura di colore è rapportabile in una qualsiasi
modalità, naturalmente nei limiti della gamma esprimibile da ogni
sistema considerato: schermi video o stampa.

Con le luci colorate, in additiva RGB, si parte dall’assenza di luce dei


tre relativi canali cromatici, condizione che rappresenta una base scura
o nera di partenza, e da qui, variando opportunamente le intensità degli
stessi tre canali, si possono ottenere tutti i colori voluti fino ad arrivare
alla luce bianca.
Con gli inchiostri, in sottrattiva CMY, si parte da una base bianca data
dalla carta (in pittura anche con il colore bianco) e con un gioco di
opportune mescolanze si ricreano tutti i colori voluti fino ad arrivare al
nero (ma in pratica aiutandosi direttamente anche con il colore nero
vero e proprio, per le ragioni che conosciamo).

Nelle sottostanti tabelle, numerica e grafica, riportiamo, a solo titolo


esemplificativo, alcune variazioni dei livelli di saturazione (S) e
luminosità (L) del colore rosso, con i corrispondenti valori di luce
rossa, verde e blu (RGB) per la modalità additiva, e i valori di
inchiostro ciano, magenta e giallo (CMY) per quella sottrattiva.
Ad esempio, RGB 40/25/25 indica le relative intensità della tripletta
RGB: rosso 40, verde 25 e blu 25, a cui corrisponde un “marrone
grigiastro”.

Bianco Rosa Rosso Grigio Mar. gr. Mar. ros. Nero


RGB 100/100/100 100/60/60 100/0/0 40/40/40 40/25/25 40/0/0 0/0/0
CMY 0/0/0 0/40/40 0/100/100 60/60/60 60/75/75 60/100/100 100/100/100
TSL 0/100 40/100 100/100 0/40 40/40 100/40 0-100/0

I livelli di grigio, dal nero al bianco, vanno da 0 a 100 in additiva e da 100 a 0 in


sottrattiva.

– I valori RGB e CMY sono espressi in informatica come variazioni da 0 a 255 per ogni
canale, i quali corrispondono alle possibili combinazioni esistenti in 8 bit = 28 = 256;
per cui da 24 bit (8 x 3) = 2563, derivano quasi diciassette milioni di colori.

195
Un altro esempio: il “verde oliva” della figura centrale in basso, dato da
un giallo con saturazione 100 e luminosità 40 (oppure dal giallo reso
più scuro con un valore 60 di grigio), può essere ottenuto da una
miscela di luci RGB con valori 40/40/0 (a sinistra) oppure da una
miscela di colori CMY con valori 60/60/100 (a destra).

196
Infine, per ottenere dei colori scuri si possono anche sovrapporre ai
colori di partenza dei filtri grigi di diversa gradazione; il che equivale a
una diminuzione della luminosità di questi stessi colori.

***

La ruota dei colori è uno schema circolare in cui i colori primari e


quelli derivati sono disposti secondo i rapporti che intercorrono tra loro:
di transizione e opposizione.
A differenza delle ruote illustrate in queste pagine, basate sui colori
primari additivi RGB e sottrattivi CMY e con le tinte opposte
complementari tra loro, altre ruote comunemente diffuse, in genere di
uso artistico, sono basate su una scelta differente dei colori primari:
normalmente il rosso, il giallo e il blu e in altri casi anche il verde.
Questi sono disposti in cerchio, insieme alle interposte miscele derivate,
in posizioni relative sensibilmente differenti; in particolare, alcuni
colori opposti non si riconoscono come complementari. La ragione di
questo è che tali ruote non sono realizzate, in genere, su un reale
principio di complementarietà ma principalmente su una pratica ed
elegante disposizione circolare dei colori, utile a indicare i risultati delle
miscele tra i colori scelti come base. Ciò nonostante, i colori opposti
possono apparire effettivamente complementari (cioè se miscelati dare
un nero/grigio) – come il giallo e il violetto nella ruota dei colori di
Johannes Itten o nella sfera di Philip Otto Runge – ma in quanto si
riferiscono all’uso di colori o pigmenti di comune impiego, cioè colori
con una non ideale distribuzione spettrale, di cui abbiamo parlato in
precedenza a proposito dei metameri.
A questo riguardo, si deve inoltre considerare che quando si parla di
colori, normalmente, si è generici nell’indicarne il nome: così, ad
esempio, un “rosso puro”, un rosso magenta o un rosso arancio sono
tutti semplicemente indicati come “rosso”. Nel linguaggio pratico
quotidiano ciò è del tutto normale, ma quando si entra più nello
197
specifico e si indica come complementare del rosso il verde, questo è
fonte di equivoci, perché se si parla del rosso puro, il suo
complementare è l’azzurro o il ciano, mentre se si parla del rosso
magenta allora è il verde. Il rosso e il verde appartengono infatti alla
terna dei colori primari additivi RGB, pertanto non possono essere
anche complementari tra loro.

Ruota dei colori di J. Itten (1888-1967)


basata sui primari giallo, rosso e blu.

198
Due esempi storici di ruote dei colori: I. Newton (1642-1727) e
J.W. Goethe (1749-1832) e la sfera di P.O. Runge (1777-1810).

199
200
L’energy disc

201
Descrizione delle immagini:

1) Spillo di 2-3 cm fissato su un supporto alto circa 5 cm; ad esempio, un contenitore


per rullino fotografico o un tappo di sughero.
2) Disco e bilanciere di carta. Nel bilanciere le estremità vanno piegate a “elle” per
fungere da sostegno del disco.
3) Bilanciere, con i bracci arcuati, disposto nella propria sede (vista dalla parte inferiore
del disco).
4) Il disco va delicatamente appoggiato sullo spillo nel punto di equilibrio del bilanciere
(su cui si consiglia di incollare prima un piccolo e leggero rivestimento plastico o
metallico che possa diminuire l’attrito per rotazione). L’energy disc è così completo e
pronto all’uso.

Il test ha solo lo scopo di dimostrare l’esistenza di qualcosa di inesplicabile che ha la


capacità di produrre un fenomeno oggettivo. Non serve a potenziare l’energia, ma solo
a prenderne coscienza. Non si può, inoltre, considerare un fenomeno di psicocinesi,
poiché il movimento si produce spontaneamente in presenza di una maggiore
concentrazione di energia vitale nel disco.
Uno strumento analogo è descritto in: Lobsang Rampa, La caverna degli antichi,
Astrolabio – Ubaldini Editore, pp. 130-131; e in Carlo Splendore, Il Bioradiometro,
Editrice Andromeda.

202
Energy disc da
ritagliare.
Stampare su carta
sufficientemente
rigida: grammatura
120-140 g/m2.

203
204
Bibliografia
AA.VV., Dizionario enciclopedico universale della musica e dei musicisti, diretto da Alberto Basso, UTET,
Torino, 1982.
Agrippa E. Cornelio, La filosofia occulta o la magia, Edizioni Mediterranee, Roma, 1972.
Aivanhov Omraam M., Armonia e salute, Prosveta, Tavernelle, PG, 1991.
Aivanhov Omraam M., Il linguaggio delle figure geometriche, Prosveta, Tavernelle, PG, 1991.
Aivanhov Omraam M., Le rivelazioni del fuoco e dell’acqua, Prosveta, Tavernelle, PG, 1997.
Aivanhov Omraam M., Lo yoga del sole, Prosveta, Tavernelle, PG, 2005.
Bach Edward, Tutte le opere, Macro, Diegaro di Cesena, FC, 2001.
Ball Philip, Colore, BUR, Milano, 2006.
Bellinger Gerhard, Enciclopedia delle religioni, Garzanti, Milano, 1989.
Biedermann Hans, Simboli, Garzanti, Milano, 1991.
Bohm David, Universo Mente Materia, Red Studio Redazionale, Como, 1996.
Bramly Serge, Leonardo da Vinci, Fabbri, Milano, 2000.
Brusatin Manlio, Storia dei colori, Einaudi, Torino, 1999.
Cain Susan, Quiet, Bompiani, Milano, 2012.
Capparelli Vincenzo, La sapienza pitagorica, Edizioni Mediterranee, Roma, 1988.
Capra Fritjof, Il tao della fisica, Adelphi, Milano, 1989.
Cerchio Bruno, Il suono filosofale, Libreria musicale italiana, Lucca, 1993.
Combarieu Jules, La musica e la magia, Mondadori, Milano, 1982.
Cooper Jean Campbell, Yin e Yang, Astrolabio - Ubaldini, Roma, 1982.
Corradetti Daniele – Chiocchetti Gioni, Le forme e il divino, Argonautiche, Chianciano Terme, SI,
2009.
Dalai Lama, L’abbraccio del mondo, Sperling & Kupfer, Milano, 2005.
Dalai Lama, La strada che porta al vero, a cura di Jeffrey Hopkins, Mondadori, Milano, 2005.
Dethlefsen Thorwald, Dahlke Ruediger, Malattia e destino, Edizioni Mediterranee, Roma, 1986.
Dethlefsen Thorward, Il destino come scelta, Edizioni Mediterranee, Roma, 1984.
Di Concetto Giorgio, Sotte Lucio, Pippa Lucio e Muccioli Massimo, Trattato di agopuntura e di
medicina cinese, UTET, Torino, 1992.
Diels Hermann e Kranz Walther, I Presocratici, a cura di Giovanni Reale, Bompiani, Milano, 2006.
Emerson Ralph Waldo, Diventa chi sei, a cura di S. Paolucci, Donzelli Editore, Roma, 2005.
Emoto Masaru, La risposta dell’acqua, Edizioni Mediterranee, Roma, 2004.
Endres Franz Carl, Schimmel Annemarie, Dizionario dei numeri, Red, Milano, 2006.
Ellwood Robert, Calma la mente, Bis Edizioni, Cesena, FC, 2009.
Fromm Erich, Fuga dalla libertà, Mondatori, Milano, 1987.
Frova Andrea (a cura di), Il colore, in Quaderni “Le Scienze”, n. 78, Milano, giugno 1994.
Frova Andrea, Luce Colore Visione, BUR, Milano, 2000.
Frova Andrea, Armonia celeste e dodecafonia, BUR, Milano, 2007.
Gaffurio Franchino, Theorica Musice, a cura di Ilde Illuminati, Edizioni del Galluzzo, Firenze,
2005.
Gerber Richard, Medicina vibrazionale, Lampis, Zogno, BG, 1998.
Giamblico, Il numero e il divino, a cura di Francesco Romano, Rusconi, Milano, 1995.
Gilchrist Cherry, L’alchimia, Convivio, Firenze, 1990.
Godwin Joscelyn, Robert Fludd, Thames & Hudson, London, 1979.
Goethe Johann Wolfgang, La teoria dei colori, a cura di Renato Troncon, Il Saggiatore, Milano,
1981.
Goleman Daniel, Intelligenza emotiva, BUR, Milano, 1999.

205
Grün Anselm, Spiritualità, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo, MI, 2009.
Inayat Khan Hazrat, Il misticismo del suono, Edizioni Mediterranee, Roma, 1994.
Ippocrate, Opere, a cura di Mario Vegetti, UTET, Torino, 1976.
I tre iniziati, Kybalion, Venexia, Roma, 2000.
Judith Anodea, Il libro dei chakra, Neri Pozza, Vicenza, 1998.
Krishnamurti Jiddu, La ricerca della felicità, BUR, Milano, 1993.
Laneri Roberto, La voce dell’arcobaleno, Il Punto d’incontro, Vicenza, 2002.
Lawlor Robert, Sacred geometry, Crossroad Publishing Company, New York, 1982.
Lederman Leon M., Hill Christopher T., Fisica quantistica per poeti, Bollati Boringhieri, Torino,
2013.
Mancuso Vito, La vita autentica, Raffaello Cortina, Milano, 2009.
Marchesi Fabio, La luce che cura, Tecniche Nuove, Milano, 2005.
McClellan Randall, Musica per guarire, Muzzio, Padova, 1993.
Melchizedek Drunvalo, L’antico segreto del fiore della vita, Macro, Cesena, FC, 2001.
Nhat Hanh Thich, Il miracolo della presenza mentale, Ubaldini Editore, Roma, 1992.
Newton Isaac, Scritti sulla luce e i colori, a cura di Franco Giudice, BUR, Milano, 2006.
Ouspensky Piotr Demianovich, Frammenti di un insegnamento sconosciuto, Astrolabio, Roma, 1976.
Palamidessi Tommaso, Tecniche di risveglio iniziatico, Edizioni Mediterranee, Roma, 1983.
Palazzi Sergio, Colorimetria, Nardini, Fiesole, FI, 1995.
Pancaldi Augusto, Alchimia pratica, Brancato, Catania, 1991.
Patel Madhu, La spiritualità, Elvetica, Morbio, CH, 2004.
Pierrakos Eva, Il sentiero del risveglio interiore, Crisalide, Spigno Saturnia, LT, 1991.
Platone, Tutti gli scritti, a cura di Giovanni Reale, Rusconi, Milano, 1996.
Quaknin Marc-Alain, I misteri dell’alfabeto, Atlante, Monteveglio, BO, 2003.
Reale Giovanni, Per una nuova interpretazione di Platone, Vita e Pensiero, Milano, 1990.
Righini Pietro, Acustica musicale, Giorgio, Torino, 1942.
Righini Pietro, L’acustica per il musicista, Zanibon, Milano, 1994.
Righini Pietro, Righini Giuseppe Ugo, Il suono, Tamburini, Milano, 1974.
Saint Germain, Conte di, Io Sono, L’Età dell’Acquario, Torino, 2001.
Saint Germain, Discorsi del Io Sono, Editrice Italica, Milano, 2013.
Scaligero Massimo, Guarire con il pensiero, Edizioni Mediterranee, Roma, 1975.
Schiavone Valeria (a cura di), Corpus Hermeticum, BUR, Milano, 2006.
Schwaller de Lubicz Isha, L’apertura del cammino, Riza, Milano, 1999.
Sementovski-Kurilo Nicola, Astrologia, Hoepli, Milano, 1986.
Snijders C.J., La sezione aurea, Muzzio, Padova, 1993.
Souzenelle Annick, de, Il simbolismo del corpo umano, Servitium, Milano, 2010.
Stepski-Doliwa Stephan von, Sai Baba parla della psicoterapia, Il Punto d’incontro, Vicenza, 2002.
Tung-pin Lu, Il segreto del fiore d’oro, Astrolabio - Ubaldini, Roma, 1993.
Vitruvio Pollione Marco, De Architectura, Studio Tesi, Pordenone, PD, 1993.
Wilhelm Richard (dalla versione di), I King, Astrolabio, Roma, 1950.
Wood Ernest, Yoga, Sansoni, Firenze, 1978.
Xiao Ming Li, Qi Gong, a cura di Vincenzo La Bella, Calosci, Cortona, AR, 1990.

Webgrafia essenziale
www.boscarol.com
www.fisicaondemusica.unimore.it
www.handprint.com (Color vision e Watercolors)
www.kuepperscolor.de

206
Pietro Varaldo (1962), di origine ligure-pugliese e sardo di adozione, si
interessa da trent’anni di discipline energetiche e tematiche spirituali.

In copertina: Genesi

207
www.energethics.org

208