Sei sulla pagina 1di 214

2

Il Genio Nascosto
Il Tuo Subconscio
Come Funziona e Come Usarlo
Copyright © 2009 Harry W. Carpenter

Illustrazioni di Dale Sutton

Il disegno della copertina è di Timothy H. Carpenter


Graphic Design di Manuela Tedesco

Copyright © 2014 Edizione Italiana


Traduzione di Maria Canoro e Carmen Isabettini
Supervisione di Fabio Isabettini

Nessuna parte di quest’opera può essere riprodotta in


nessuna forma senza il consenso scritto dell’autore.

Harry Carpenter Publishing


1844 Fuerte Street
Fallbrook, CA 92028
www.thegeniewithin.net

3
AVVERTENZE
Queste lezioni sono destinate a persone normali che desiderano essere
sane e in buona salute. Persone che vogliono diventare migliori, accrescere
le proprie abilità e ottenere serenità. Queste lezioni non vogliono
assolutamente sostituirsi all’aiuto degli specialisti. Le possibilità di utilizzo
di queste informazioni sono illimitate e come le userete, dipenderà da voi.
Io non posso assumermi la responsabilità di come le userete. Non ho alcuna
formazione né come terapeuta, né come medico. Questo libro non vuole
sostituirsi ai professionisti competenti. Se avete un problema fisico o
emotivo è necessario che consultiate un medico oppure un terapeuta. I
sintomi non sono le cause dei problemi. Eliminare i sintomi senza eliminare
le cause può essere pericoloso.
Al termine di ogni lezione ci sono delle routine di rilassamento/alfa. Non
praticatele mentre state guidando, manovrando macchinari, oppure
svolgendo qualsiasi altra attività che richieda una vostra attenzione
cosciente e critica. Dopo aver terminato la routine, accertatevi di essere
svegli e vigili prima di riprendere qualsiasi attività.
Lo scopo di questo libro è di educare. L’autore e l’editore non hanno
nessuna responsabilità nei confronti di qualsiasi persona o ente per
qualsiasi tipo di perdita o danno causato o che si presume sia stato,
direttamente o indirettamente, causato dalle informazioni contenute in
questo libro.

4
Dedica
Questo libro è dedicato a mia moglie, Jane, per la sua pazienza, il suo
altruismo e per avermi insegnato ad apprezzare la bellezza della natura.

5
RINGRAZIAMENTI
Desidero ringraziare i miei amici che hanno letto la bozza del libro e mi
hanno dato suggerimenti. Quattro persone meritano particolare attenzione.
Brett Michela, che ha letto una bozza prima di chiunque altro e mi ha
incoraggiato ad andare avanti. Splane Lily, che ha trovato un milione di quei
piccoli errori che un autore non riesce a vedere e ha fatto validi commenti
su recenti studi scientifici. Mia moglie Jane, che è stata il mio recensore in
sede, per la sua pazienza e mia figlia, Christine Carpenter, che pur essendo
stata coinvolta in seguito, ha comunque dato un contributo prezioso. I miei
ringraziamenti vanno anche a quegli amici che hanno letto attentamente tutto
o parte del manoscritto e hanno fatto delle osservazioni: Elizabeth Roberts,
Niki Hale, Roland Behny, Sam Huston e Pat Sica.
Molti ringraziamenti vanno a Splane Lily per lo sforzo fatto nel disegnare
la copertina, a Helen Weinman per la fotografia che ha come sfondo il cielo
e le nuvole.
Un ringraziamento speciale va a
Dale Sutton, che ha disegnato gli
accattivanti cartoons che valorizzano e
animano Il Genio Nascosto.
Ringrazio i tanti studenti delle mie
lezioni che mi hanno chiesto dove
avrebbero potuto trovare un libro che
contenesse tutte le informazioni oggetto
del corso. Il loro interesse mi ha
convinto a scrivere Il Genio Nascosto.

6
RINGRAZIAMENTI
per
L’EDIZIONE ITALIANA
Quando nell’estate 2011 decisi, prima, di aiutare Harry a trovare
un’editore che pubblicasse questo libro in Italia, e poi, avendo fallito
nell’impresa, di rendere comunque possibile la pubblicazione “con mezzi
propri”, avevo l’ingenua speranza di un lavoro relativamente facile. Non è
stato così, ed è stato meglio. Ho imparato di più.
Desidero ringraziare le persone che con “sprezzo” della fatica, e
gratuitamente, mi hanno garantito l’insostituibile supporto che ha reso
possibile questo progetto. Prima fra tutti mia sorella Carmen Isabettini, che
ha revisionato la scorrevolezza della traduzione e dell’esposizione, parola
per parola, più volte. Poi, la mia amica Manuela Tedesco, che si è occupata
della composizione grafica delle copertine e dei disegni. Il mio amico
Angelo Antognoni, che ha revisionato l’intero libro per ridurre gli errori di
punteggiatura. Di quelli residui e di ogni altro errore, mi prendo ogni
responsabilità. Un ringraziamento anche a Giulia Angelini e a tutti i
professionisti che hanno contribuito a questo risultato.
Spero che questo libro, ormai tradotto in nove lingue, incontri anche in
Italia un seguito appassionato, fatto di persone che vorranno mettere in
pratica gli insegnamenti esposti. Essi sono il frutto di un processo di
caparbia ricerca e ripetuta verifica, durante tutta una vita, da parte di Harry.
L’ultimo ringraziamento va proprio ad Harry W. Carpenter, che si è fidato
di uno sconosciuto, senza esperienza editoriale, per l’edizione italiana di
questo prezioso libro. Grazie a Tutti.

Fabio Isabettini
Pavarolo (Torino)
Febbraio, 2014

7
INDICE
Avvertenze
Ringraziamenti
Prefazione
Prologo Una Parabola
Introduzione
Struttura del Corso
Lezione Uno Il Vostro Genio
Lezione Due Differenze fra la Mente Subcosciente e la Mente
Cosciente
Routine Alfa - “Rilassamento Progressivo”
Lezione Tre Il Vostro Super Biocomputer
Routine Teta - “Il Giardino Ispiratore”
Lezione Quattro Le Leggi della Mente Subcosciente
Routine - “Contrazione/Rilassamento”
Lezione Cinque Comunicare con la Mente Subcosciente
Routine di “Allerta”
Lezione Sei Metodi di Utilizzo della Mente Subcosciente,
Parte 1
Routine di“Pulizia”
Lezione Sette Metodi di Utilizzo della Mente Subcosciente,
Parte 2
Routine della “Gioia”
Routine “Agire come se
Lezione Otto Metodi di Utilizzo della Mente Subcosciente,
Parte 3
Routine della Salute
Epilogo Il Vostro Supermarket
Lezione Aggiuntiva Preghiera
Appendice A Bibliografia e Testi Consigliati
Lezioni dalla Uno alla Otto
Appendice B Bibliografia e Testi Consigliati
Lezione sulla Preghiera

8
PREFAZIONE
Analizzare attentamente il potere della mente subcosciente è la mia
passione da molto tempo. Quello che ho imparato proviene dalla lettura di
tutti i libri che sono riuscito a trovare sull’argomento e da alcuni seminari.
Su sollecitazione di alcuni amici, ho creato un corso formato da sei
lezioni di due ore ognuna. Le sei lezioni, per comodità, sono diventate otto
in questo libro. Il corso è un concentrato del meglio di ciò che ho imparato
e utilizzato. Al termine di ogni lezione, gli studenti mi chiedevano dove
poter acquistare un libro che contenesse queste informazioni. Rispondevo
che erano state ricavate da numerose fonti e che nessun libro le conteneva
tutte. Questo libro, Il Genio Nascosto, le contiene tutte.
L’unica cosa originale che ho fatto, è stata quella di mettere insieme le
informazioni. Devo molto agli autori dei libri che ho letto e a due importanti
seminari: Psico-Netics, tenuto da James Takus, a Tarzana, in California, e
un Corso Silva Avanzato tenuto da Burt Goldman. Ritengo che nella
maggior parte dei casi, se non in tutti, queste informazioni non fossero
originali neppure per gli autori. Le informazioni originarie sono state
tramandate attraverso i secoli.
Ho letto più libri su questo argomento di quanto io possa ricordare. Ho
preso qualche appunto, ma purtroppo, non ho preso nota delle fonti. Spesso
lo stesso concetto o racconto l’ho ritrovato in libri diversi. Ho inserito una
bibliografia dei libri che maggiormente hanno dato un contributo ai miei
studi, o che ritengo, valga la pena leggere.
Queste lezioni non hanno nulla di esoterico o metafisico; sono di facile
comprensione e le tecniche indicate sono facili da usare. Queste nozioni
sono elementari e comprensibili da tutti coloro che sono interessati a
raggiungere il successo e a migliorare in qualunque modo la loro vita. Il
Genio Nascosto è un manuale pratico che fornisce indicazioni concrete su
come raggiungere obiettivi, cambiare abitudini spiacevoli e altro ancora.
Per qualche ragione, questo corso ha suscitato l’interesse di un pubblico
esclusivamente adulto. Il mio obiettivo è di trasmettere queste nozioni agli
adolescenti e ai giovani. Queste informazioni potrebbero essere loro
preziose per distinguersi a scuola, facilitare il loro processo di crescita,
aumentare l’autostima e arricchire le loro vite. Mi auguro che questo libro
possa raggiungere anche quel tipo di pubblico.
Recentemente ho aggiunto una lezione dedicata alla preghiera, perché la
preghiera è potente. A differenza delle lezioni precedenti, alcuni dei

9
concetti espressi in questa lezione sono miei. Si tratta di estensioni logiche
delle prime otto lezioni. Non li troverete in nessun libro tra quelli che io
conosco. Ho avuto delle remore morali sul modo in cui alcuni lettori
avrebbero potuto reagire davanti ad un argomento così emotivo come la
preghiera. Ma poiché questa è, a mio parere, la lezione più importante ed è
una naturale continuazione delle prime otto lezioni, l’ho inserita come parte
del Genio Nascosto.

Harry Carpenter
Fallbrook, California
Primavera, 2007

10
PROLOGO
UNA PARABOLA

Q
uando era ragazzo, il vecchio aveva sentito la storia di una
donna che trovò sulla spiaggia una bottiglia chiusa con un
tappo. Quando tolse il tappo dalla bottiglia, lei presagì che ne
sarebbe uscito un genio. Il genio esaudì tutti i desideri della
donna. Il vecchio trascorse tutta la sua vita alla ricerca della bottiglia
con dentro un genio tutto per lui e per questo rastrellò le spiagge di tutti i
continenti. A causa della sua ossessione, non strinse mai rapporti
duraturi né fece lo stesso lavoro per lunghi periodi. Fu un uomo infelice.
Un giorno su una spiaggia vicino a casa sua, trovò la bottiglia che aveva
sempre cercato. Per una ragione sconosciuta, presagì che dentro c’era un
genio. I tappi delle altre bottiglie venivano fuori con difficoltà, ma questo
scivolò fuori facilmente e dal nulla apparve un genio. Il genio disse al
vecchio, “Sono qui per concederti tutto quello che vuoi”.
“Proprio qualunque cosa?” replicò il vecchio.
“Beh!”, disse il genio, “quasi tutto. Poiché sei vecchio e non sei mai
stato in politica, è improbabile che tu possa diventare presidente degli
Stati Uniti, né mi pare saggio desiderare un posto nella squadra olimpica
di basket. E poi, non penso che tu desideri qualcosa a spese di qualcun
altro. Perciò, no, non proprio tutto, ma sicuramente più di quello che hai
sognato e certamente basterà per renderti felice e sereno”.
Il vecchio era estasiato, ma poi si adirò e disse: “Perché ho impiegato
così tanto tempo per trovarti? Avrei potuto fare un sacco di cose se ti
avessi incontrato quando ero giovane”.
“Ma, signore, ” rispose il genio, “io sono sempre stato con te. Non ero
in quella bottiglia. Sono stato con te e ho esaudito i tuoi desideri durante
tutta la tua vita. Ti ricordi quando avevi sei anni e volevi che tuo padre ti
prestasse maggiore attenzione e per questo ti tagliasti un dito? Non fu
un caso. Tuo padre ti lavò la ferita e ti tenne in braccio. Ti ricordi
quando hai sostenuto l’esame per diventare dottore commercialista? Tu
continuavi a dirmi che non eri sveglio abbastanza per fare il dottore
commercialista e che come commercialista non saresti stato capace di
arricchirti. Ti ricordi come ti bloccasti durante l’esame? Ho esaudito il
tuo desiderio”.
”Siccome ignoravi, che io stessi esaudendo i tuoi desideri, ” continuò

11
il genio, “spesso i tuoi
stessi desideri ti hanno
ferito. A volte non erano
nemmeno tuoi desideri.
Prove-nivano dai tuoi
genitori, insegnanti,
amici, e sì, spesso dalla
pubblicità televisiva”.
“Sono contento che tu
mi abbia trovato. Ora
realizzeremo tutti quei
desideri che sono seri e
buoni.
Ora noi possiamo
lavorare insieme. Insieme
potremo stare in buona
salute, trovare la serenità
e apprezzare la ric-chezza
della vita. Ma prima, ti
devo dare questo libro,
leggilo con attenzione. Se
seguirai queste istruzioni,
ti garantirò pace,
prosperità e felicità”.

12
INTRODUZIONE

13
INTRODUZIONE
ostro figlio probabilmente morirà e, se per miracolo vivesse,

“V non sarebbe abbastanza forte da alzarsi dal letto”. Non riesco


a immaginare una notizia più devastante per dei genitori
avanti negli anni e con un unico figlio. Che cosa doveva
essere passato nella mente di mia madre e mio padre? Avevo nove anni,
frequentavo la quarta elementare, ed ero sempre stato attivo e atletico. Tutto
era cominciato un normale pomeriggio d’autunno. Non mi sentivo bene, ma
non vi detti molto peso. Il giorno dopo mi sentii peggio così i miei genitori
mi portarono dal nostro medico di famiglia. Non riuscì a capire cosa fosse
che non andava, però si trattava del cuore. Peggiorai così velocemente che
fui mandato allo Swedish Covenant Hospital di Chicago dove fui visitato
dai migliori cardiologi. La diagnosi fu una rara malattia cardiaca per la
quale non vi era alcuna cura. Questa fu la terribile notizia che dettero ai
miei genitori. Mio padre e mia madre mi riportarono a casa. Durante l’anno
successivo, languii nel letto a casa in uno stato di semi-incoscienza. Ero
debole ed emaciato.
I miei genitori non erano religiosi. Non erano mai andati in chiesa. Ma,
fortunatamente per me, mia nonna materna, che era morta molto tempo
prima, era una praticante di Scienza Cristiana. Quindi, mia madre e mio
padre avevano già sentito parlare di guarigione con la mente e non
essendoci nulla da perdere si rivolsero a uno specialista.
Non ricordo esattamente ciò che mi disse, ma sicuramente inculcò nella
mia giovane mente che tutto è possibile e che io sarei guarito. E guarii!
Completamente. Non accadde da un giorno all’altro ma dopo alcuni mesi
quando ripresi il peso, le forze e il mio cuore tornò alla normalità. I medici
rimasero stupefatti. Un medico scrisse un resoconto sul caso e fece una
presentazione presso l’ospedale sul “miracolo” della mia guarigione.
Ricordo tutto perché il medico mi portò in ospedale con lui e mentre teneva
la sua conferenza, io stavo seduto sul palco come prova dell’avvenuta
guarigione.
La sensazione che restò impressa nella mia giovane mente fu che quel
potere di guarigione fosse nel mio subconscio.
Da quell’episodio mi scaturì la voglia di voler scoprire tutto quello che
potevo sulla mente subcosciente — su come funziona e su come usarla.
Trovai il mio genio e imparai a usarlo. Ora voglio aiutare voi a trovare il
vostro genio e ad usarlo. La buona notizia è che non avete bisogno di

14
cercarlo. Lo avete già, è la mente
subcosciente. Essa, come ogni genio
benevolo, esaudirà i vostri desideri.
Vi aiuterà a raggiungere gli obiettivi,
sostituire le abitudini spiacevoli e
altro ancora. Tutto quello che dovete
fare è imparare a essere il suo
signore, non il suo burattino.
Imparare a usare di più il vostro
subconscio è facile e con questo
libro, imparerete a:

Cambiare le abitudini
spiacevoli
Aumentare l’autostima
Apprendere più
velocemente,
memorizzando di più
Avere successo
Migliorare la memoria, (in realtà il richiamo)
Essere più creativi
Migliorare la salute fisica e mentale
Comunicare con la mente subcosciente per verificare
intuizioni, interpretare i sogni, ecc.
Insegnare alla mente cosciente a lavorare insieme alla mente
subcosciente anziché in opposizione
Automotivarvi e migliorare le abitudini lavorative
Monitorare gli input che inviate alla mente subcosciente
Rilassarvi in modo più completo e dormire meglio
Come trasformare istantaneamente uno stato d’animo triste in
uno allegro

STRUTTURA del CORSO


In questo corso è mostrato un paradigma di come opera la mente
subcosciente e, su questa base, del modo in cui essa funziona. Sono indicati
dieci metodi su come usare la mente subcosciente per raggiungere gli
obiettivi che vi siete prefissati. Il paradigma e i metodi sono logici e
semplici. Ma non pensiate che, poiché i metodi sono facili, essi non siano

15
potenti. Il rasoio di
Occam, un principio
insegnato in filosofia,
afferma che quando ci
sono molte teorie per
spiegare un fenomeno, la
più semplice è
probabilmente quella
corretta. La natura cerca
la via più semplice.
Potrei indicarvi metodi
complessi costruiti su
principi semplici e
basilari. Otterreste gli
stessi risultati, ma ci
vorrebbe più tempo.
Ma probabilmente se
fossero più complessi
perdereste interesse e
non vi prendereste il
disturbo di metterli in
pratica. Quindi siate
semplicemente grati
della facilità di questi
metodi.
Questo paradigma è
assolutamente corretto
sotto ogni aspetto? Probabilmente no. È una semplificazione eccessiva?
Probabilmente sì. Il cervello è troppo complesso perché qualcuno possa
affermare di essere in grado di capire come funzioni esattamente. James
Watson, della National Academy of Science ha affermato che, “Il cervello
umano è la cosa più complessa che abbiamo scoperto nell’universo”. Fino a
poco tempo fa, il cervello vivente era difficile da studiare. Ora, la ricerca
sul cervello è migliorata perché disponiamo di nuovi test non invasivi e di
computer potenti. Dopo aver letto la prima parte di Il Genio Nascosto, vi
renderete conto che il paradigma è logico e funziona come una mappa che
indica come usare la mente subcosciente e come fare di essa il vostro genio
personale.
La Lezione Uno riporta esempi che dimostrano quanto potenti siano le
nostre menti subcoscienti. Sono inoltre discussi i quattro stati della mente e

16
il loro ruolo.
La Lezione Due analizza, in termini profani, le differenze di base tra la
mente cosciente e la mente subcosciente.
Nella Lezione Tre la mente subcosciente viene analizzata come fosse un
biocomputer cerca-obiettivi. Capire come funziona un computer è
essenziale per poterlo utilizzare in maniera efficace.
La Lezione Quattro analizza alcune sottili ma importantissime leggi della
mente subcosciente.
La Lezione Cinque analizza l’importanza della comunicazione tra mente
cosciente e mente subcosciente, inoltre descrive cinque metodi per
comunicare con la mente subcosciente. La comunicazione è necessaria
affinché la mente cosciente e la mente subcosciente lavorino insieme in
armonia. È importante anche per decifrare sogni, verificare intuizioni,
determinare le cause di una malattia, ecc.
Nelle Lezioni Sei, Sette e Otto sono presentati dieci metodi semplici per
usare la mente subcosciente in maniera produttiva ed efficiente. È illustrata
anche una tecnica per entrare in uno stato di completa gioia.
L’ultima lezione, denominata Lezione Aggiuntiva, mostra come utilizzare
ciò che avete imparato dalla Lezione Uno alla Otto in modo da rendere le
vostre preghiere mille volte più efficaci.
Voi possedete un genio che esaudirà i vostri desideri. Ma il genio non
esaudirà i vostri desideri semplicemente strofinando una lampada o
stappando una bottiglia magica. Il genio è la mente subcosciente ed è
necessario sapere come funziona e come usarla prima che diventi il vostro
potente servitore. Questo libro è il manuale d’istruzioni.
Il Genio Nascosto non è un insieme di storie del tipo “sentitevi alla
grande” e insulsi “abbiate-fede”. Piuttosto spiega in termini non
specialistici, cosa è necessario sapere per utilizzare la vostra magnifica,
potente mente subcosciente.
Le persone tendono a sottovalutare il potere della loro mente
subcosciente a causa del loro ego. L’Ego, o mente cosciente, pensa di
sapere tutto e di poter fare qualsiasi cosa meglio di quanto possa fare la
mente subcosciente. Sì, è vero, la mente cosciente è più intelligente, ma non
è neanche lontanamente potente o capace quanto lo è il vostro genio.
Permettetevi di leggere Il Genio Nascosto con una mente (cosciente) aperta.
Non lasciate che il vostro ego v’impedisca di apprendere come mettere
all’opera il vostro genio.

17
18
Lezione Uno

IL VOSTRO GENIO

19
Lezione Uno

IL VOSTRO GENIO
a capacità della vostra mente subcosciente supera di molto quello

L che voi pensate che sia. Numerosi esperti sostengono che


utilizziamo soltanto il 10% della mente subcosciente. Dopo questa
lezione, capirete perché altri esperti credono che ne utilizziamo
meno del 3%. Prima di parlare di alcune funzioni, che la mente
subcosciente è in grado di svolgere, vorrei chiarire bene un paio di
definizioni.
In primo luogo, è necessario che sappiate cosa intendo per mente
cosciente e subcosciente. La parte del vostro cervello di cui siete
consapevoli è la mente cosciente. L’altra parte, la parte della mente di cui
non siete consapevoli è la mente subcosciente. È molto semplice; tutto in
queste lezioni è semplice.
Un altro aspetto della mente da chiarire è la differenza tra “cervello” e
“mente”. Il cervello è quell’organo di 1,3 Kg. che si trova nella testa. La
“mente” è qualcosa di più grande e sfuggente. C’è una grande differenza tra
il cervello e la mente e ci sono libri che si addentrano in intricati dettagli su
queste differenze. Secondo la concezione occidentale, il cervello è
anatomia fisica e la mente è ciò che il cervello genera attraverso la sua
attività. Nella concezione orientale, secondo alcuni, la mente è la fonte dei
pensieri forniti al cervello. Ai fini di questo corso però la differenza non è
importante, quindi le parole, “cervello” e “mente”, sono intercambiabili.
Recenti scoperte nel nuovo campo della psiconeuro-immunologia
mostrano che il cervello non è confinato all’interno del cranio, si estende in
realtà in tutto il corpo.
Mente e corpo non sono più da considerarsi due entità distinte. La mente
è in grado di controllare, direttamente o indirettamente il corpo e viceversa.
Questo nuovo campo di ricerca è emozionante ma, ancora una volta, per i
nostri scopi, potete pensare al cervello semplicemente come a quell’organo
rugoso nella vostra testa.
Solo alcuni decenni fa le nostre istituzioni mediche sostenevano che fosse
impossibile controllare le funzioni involontarie, come la frequenza
cardiaca, la temperatura corporea e la pressione sanguigna. Avevano in
parte ragione. È impossibile controllare direttamente le funzioni
involontarie. Ma le funzioni involontarie possono essere controllate

20
indirettamente usando la mente cosciente per comunicare le vostre
intenzioni alla mente subcosciente.
Il biofeedback è ormai un metodo accreditato in campo medico per
controllare le funzioni involontarie. Alcune delle sue proprietà consistono
nel ridurre la pressione arteriosa, lo stress, l’ansia e a eliminare
l’emicrania. Ma è necessario avere una prescrizione medica, un
apparecchio costoso e complicato, e un bravo tecnico.
Il biofeedback non è l’unico modo per influenzare la mente subcosciente.
Ci sono altri metodi facili e che non costano nulla. Lo scopo di questo libro
è di spiegarli attraverso una sequenza di passi facili da seguire.

DIVERSA, MOLTO DIVERSA


Per utilizzare la mente subcosciente è cruciale tenere in considerazione
quanto sia diversa dalla mente cosciente. Sebbene la mente cosciente e la
mente subcosciente coabitino nello stesso corpo, hanno caratteristiche
diversissime. Se per esempio, un uomo o una donna comunicassero con voi,
come la mente subcosciente comunica attraverso i sogni, sicuramente
pensereste che quell’uomo o quella donna siano dei pazzi. Ma la mente
subcosciente non è pazza, solo perché i vostri sogni sono incomprensibili
alla mente cosciente; è soltanto diversa.
Proseguendo con questa analogia prendiamo in considerazione l’enorme
differenza tra uomini e donne.
Oltre alle differenze fisiche, ci sono anche differenze emotive e, di
conseguenza, uomini e donne interagiscono in modo diverso. Un popolare
libro spiega queste differenze. La maggior parte degli uomini è orientata al
raggiungimento di uno scopo e vogliono risolvere i loro problemi da soli.
La maggior parte delle donne si lascia coinvolgere di più dalle relazioni e
dai sentimenti. Hanno bisogno di parlare con qualcuno che semplicemente
sappia ascoltarle. Queste differenze sono importanti, ma, anche se non ne
sapete molto su questo argomento, gli uomini e le donne possono comunque
parlare e andare d’accordo. Nel peggiore dei casi, quando le differenze
sono troppo grandi, ognuno può andare per la propria strada.
Ma la mente cosciente e la mente subcosciente non possono separarsi.
Inoltre, se non lavorano in armonia, le conseguenze possono essere
dannose. Possono essere per esempio, cattiva salute, ricerca di relazioni
distruttive, e comportamenti inappropriati, come cattive abitudini alimentari
e scatti d’ira. La mente subcosciente contiene il software per le vostre
funzioni involontarie, le emozioni e le abitudini. La maggior parte delle

21
vostre abitudini e condizionamenti
emotivi è stata programmata nella
prima infanzia, prima che foste
maturi e in grado di prendere
decisioni corrette. Molte di esse
sono state programmate in modo
arbitrario, di solito da genitori,
insegnanti, coetanei, TV e
recentemente, forse dai giochi per
computer. Freud diceva:
“Abbiamo appreso come reagire
emotivamente da bambini e questo
ce lo portiamo dietro in età
adulta. Quando siamo bambini,
non abbiamo le facoltà di giudizio
che abbiamo da adulti. Non
sappiamo cosa dovremo affrontare quando saremo adulti. Pertanto, da adulti
(spesso) reagiamo come bambini”. Questi vecchi programmi influenzano, se
non addirittura condizionano il vostro comportamento, anche se molti di
essi sono contro-producenti. Alcuni possono essere persino distruttivi. Una
volta capìta la mente subcosciente e alcune delle leggi cui obbedisce,
potrete cambiare questi programmi dell’infanzia. Potrete diventare padroni
del vostro genio.

IL POTERE DELLA MENTE


SUBCOSCIENTE
La mente subcosciente ha un potenziale in gran parte inutilizzato. Più
avanti saranno elencate alcune delle imprese che la mente subcosciente può
compiere. In questa sezione sono citati alcuni esempi di atti straordinari
compiuti da esseri umani con menti e corpi normali (eccetto gli atleti). Se
queste persone comuni, con menti subcoscienti normali, possono compiere
questi atti, allora sia io che voi li possiamo compiere. Ma per compierli,
dobbiamo fare affidamento sulla mente subcosciente, non su quella
cosciente. La mente cosciente non può far compiere queste prodezze al
vostro corpo. La mente cosciente deve sapere indurre la mente subcosciente
a compierle.
Gli atti descritti sono stati eseguiti senza l’aiuto di droghe o preghiere.
Oltre agli esempi che seguono, ci sono anche guarigioni miracolose del

22
corpo, come ad esempio regressioni spontanee di tumori o altre malattie,
attribuite alla preghiera o a una visita a un luogo sacro, come Lourdes. Tali
casi sono stati documentati. Ma la potenza della preghiera è un altro
argomento. La preghiera sarà affrontata nella Lezione Aggiuntiva.
Inizierò parlando degli ipnotisti da palcoscenico. La maggior parte di noi
ha avuto occasione di vederne uno all’opera. In sostanza, quello che fanno è
impiantare una suggestione nel subconscio di un soggetto. Ma i risultati, alle
nostre menti coscienti, sembrano straordinari.

Sentii un ipnotista dire a un uomo che lui era appena ritornato


da un altro pianeta, e chiedergli di descrivere la sua visita su
quel pianeta. Il soggetto dimostrò una fervida immaginazione e
descrisse il pianeta nei dettagli. Costui in uno stato mentale
normale probabilmente è convinto di avere poca fantasia.
Forse la sua mente cosciente ha poca fantasia, ma la mente
subcosciente ne ha una vivida. Inoltre, probabilmente, in uno
stato mentale normale, potrebbe non riuscire a descrivere
qualcosa in maniera così dettagliata, vivida e spontanea, di
fronte a un grande pubblico.
I soggetti sotto ipnosi possono mostrare una forza straordinaria.
Ho una foto tratta da un quotidiano nazionale che apparve molti
anni fa di Johnny Carson sospeso tra due sedie. Kreskin, il
famoso mentalista (non vuole essere chiamato ipnotista),
impiantò nella mente subcosciente di Carson una suggestione
che lo convinse che lui era super forte ed era in grado di
mantenere il corpo rigido. Egli fece appoggiare a Carson la
testa su una sedia e le piante dei piedi su un’altra. Carson
rimase rigido anche quando una persona si sedette sul suo
addome. Se non fosse stato per il fatto che la sua mente
subcosciente era ipnotizzata, Carson non avrebbe potuto
compiere questa impresa. (Non fatelo, potreste procurarvi uno
strappo muscolare).
Una suggestione impiantata nella mente subcosciente di un
soggetto può cambiare la sua personalità e fargli fare cose che
mai farebbe in condizioni normali. Ho visto ipnotisti far
camminare sul palcoscenico una donna comune come se avesse
appena vinto il concorso di Miss America, un uomo
abbracciare un manico di scopa come se si trattasse di una
splendida star del cinema, e un terzo uomo aggredirne (dovette
essere trattenuto) un altro più grosso, che egli sapeva essere

23
stato un muscoloso lottatore al college, perché il lottatore stava
prendendo a calci un cane immaginario.
Ai soggetti ipnotizzati, può essere indotta un’amnesia. In un
programma PBS TV, una donna volontaria fu ipnotizzata e le fu
detto di dimenticare il numero sette. Successivamente, ormai
fuori dallo stato ipnotico, fu portata su un palcoscenico
allestito come un gioco a premi. Il conduttore le disse che
avrebbe vinto un milione di dollari se avesse risposto a questa
semplice domanda: Quanto fa quattro più tre? Non riuscì a dare
la risposta corretta. Le dettero altre due possibilità con due
domande più semplici, la cui risposta era sette. Ogni volta non
riuscì a ricordare il sette. Poi le chiesero di contarsi le dita
delle mani. Lei contò 1,2,3,4,5,6, 8,9,10,11. Non riuscì a dire il
sette. Era inoltre perplessa per il fatto di avere undici dita.
Dottori, dentisti e terapisti usano l’ipnosi medica. Ho letto di
recente, ad esempio, che l’ipnosi è utilizzata su pazienti con
ustioni gravi. Altri esempi includono il controllo del dolore
cronico, anestesia, parto e rimozione delle fobie. Durante lo
stesso programma PBS TV menzionato prima, un ipnoterapista
guarì in pochi minuti una donna da una fobia dei serpenti che
aveva da tutta la vita. Senza paura lei prese in mano un boa
constrictor e lasciò che le si avvolgesse intorno alle spalle.
L’ipnoterapista guarì anche un uomo che da sempre aveva
paura dei ragni. L’uomo permise a una tarantola di camminargli
sulle spalle.
Prima che l’anestesia fosse disponibile il Dott. James Esdaile,
un chirurgo scozzese che esercitava nel 1800, usava l’ipnosi
durante le operazioni. Il suo tasso di successo era dieci volte
superiore a quella dei suoi colleghi. I pazienti ipnotizzati
sentivano meno dolore e ansia, e ciò consentiva al loro sistema
immunitario di evitare le infezioni. Il Dott. Esdaile impiantò
suggestioni ipnotiche nelle loro menti anche per accelerare la
guarigione. Il tasso di mortalità a causa delle operazioni verso
la metà del 1800 era del 50%. In 161 operazioni effettuate
sotto ipnosi dal Dott. Esdaile, il tasso di mortalità fu solo del
5%.
Un giovane che sapevo essere imbarazzato perché portava
degli occhiali spessi, lesse due libri di Margaret Darst Corbett
sulla teoria dell’oculista Dott. William H. Bates. Il Dott. Bates
pensava che i difetti della vista fossero un’epidemia nella

24
nostra società a causa dello stress della nostra cultura
frenetica. Questo stress tende i muscoli oculari e distorce il
bulbo. Il bulbo oculare distorto, sposta il punto focale e offusca
la vista. Il Dott. Bates citava esempi di culture aborigene, in
cui non esiste lo stress cui sono sottoposte le società moderne,
e pertanto la gente raramente aveva disturbi della vista, anche
in età avanzata. La cura del Dott. Bates consisteva in esercizi
oculari che miravano a rilassare i muscoli delle orbite in modo
che i bulbi oculari potessero ritornare alle loro forme originali,
rendendo inutile l’uso degli occhiali. L’eliminazione degli
occhiali da vista non era molto gradita agli ottici, oculisti e
oftalmologi. Inoltre non era gradita da nessun altro, perché gli
esercizi erano noiosi, avevano bisogno di molto impegno e i
risultati erano incerti. Il giovane usò la mente subcosciente (il
metodo analizzato nella Lezione Otto) per rilassare i muscoli
dei suoi occhi. In poche settimane riuscì a leggere senza
occhiali.
In alcune donne avvengono gravidanze isteriche per motivi
psicologici; la loro mente subcosciente provoca:
L’interruzione del ciclo mestruale
Aumento del seno
Desiderio di cibi particolari
Progressivo aumento dell’addome
Doglie
Esempi impressionanti del potere della mente subcosciente
sono stati segnalati in riviste mediche in casi di pazienti con
disturbo di personalità multipla. Il disturbo di personalità
multipla avviene quando, a causa di gravi traumi psicologici,
una persona sviluppa più personalità per riuscire a resistere.
Sono stati segnalati casi in cui:
Una personalità ha l’asma, mentre un’altra personalità
nello stesso corpo, non ha l’asma. Per inciso, ci sono stati
casi di pazienti in cui il medico (un caso fu segnalato da
Carl G. Jung) ha scoperto che l’asma era dovuta a
un’esperienza traumatica collegata alla respirazione.
Quindi, la mente subcosciente è in grado di creare l’asma.
Si potrebbe supporre, che sia anche in grado di
eliminarla.
Una ha un QI alto, mentre l’altra ha un QI basso. Questo
non è così straordinario poiché è facile per la mente

25
subcosciente far agire chiunque da stupido.
Una persona è ubriaca, ma quando cambia personalità è
sobria. Questo è straordinario perché la mente
subcosciente, sembrerebbe modificare la chimica del
cervello.
L’uno usa la mano destra, l’altro è mancino.
Ha gli occhi di colore diverso da quelli dell’altra
personalità. Conobbi un uomo che cambiava il colore
degli occhi da marrone a blu. Impiegava settimane per
farlo. Ma la persona con un disturbo di personalità
multipla lo fa in pochi minuti.
Una ha cicatrici, cisti o tumori, mentre l’altra no. Questo è
plausibile, perché ci sono relazioni di ipnotisti che hanno
indotto vesciche nei soggetti per poi farle sparire
altrettanto velocemente. L’ipnotista tocca il soggetto con
un oggetto comune, come ad esempio una matita,
facendogli credere che si tratti di un ferro rovente e si
formano le vesciche. Poi l’ipnotista dice che la pelle del
soggetto è normale e le bolle spariscono.
Ha una guarigione immediata. Un paziente col disturbo di
personalità multipla che era allergico alle punture di
vespa, era stato punto vicino all’occhio. La zona
dell’occhio si gonfiò così tanto che fu deciso di portarlo
d’urgenza in ospedale. Prima di arrivare in ospedale,
cambiò personalità e il gonfiore scomparve.
L’esperimento che segue mostra l’influenza che i nostri
atteggiamenti e convinzioni possono avere sul nostro corpo e
sulla nostra salute. Nel 1985, una professoressa di Harvard,
Ellen Langer, fece un esperimento con il quale dimostrò come
la gente poteva diventare più giovane1. La professoressa
reclutò 100 persone ultrasettantenni nella zona di Boston, le
mandò in vacanza per dieci giorni in un luogo arredato in modo
tale da sembrare quello degli anni 50, un periodo in cui i
soggetti in esame avevano decine di anni in meno. Fece
suonare musica degli anni 50, espose riviste e quotidiani degli
anni 50 e fece vestire i soggetti in esame con i vestiti degli anni
‘50. La professoressa inoltre ordinò alle 100 persone di
comportarsi “come se” fossero di nuovo negli anni 50. Sui 100
soggetti furono eseguiti test fisici e psicologici prima e dopo i
dieci giorni. Sotto ogni aspetto, i soggetti analizzati risultarono

26
più giovani. Che cosa era cambiato? Che cosa aveva tolto anni
alla loro età? L’unico motivo era stato un cambiamento nel loro
modo di pensare. Le loro menti subcoscienti avevano accettato
il concetto di essere più giovani.
La
mente

cosciente vi impone dei limiti. Nel momento in cui ve ne


sbarazzerete e lascerete che la mente subcosciente prenda il
sopravvento, potrete fare cose che pensavate impossibili.
Cinquant’anni fa, gli esperti scrissero articoli in cui
spiegavano perché il corpo umano non potesse correre un
miglio (1,609 Km.) in meno di quattro minuti. Tutti, a
eccezione di Roger Banister, pensavano che fosse impossibile
farlo in meno di quattro minuti. Quando Banister infranse la
barriera dei quattro minuti nel 1954, pochi mesi dopo altri
corridori replicarono l’impresa. Cos’era cambiato in quei
corridori? Non erano magicamente diventati migliori, né
avevano modificato il loro stile di corsa. Avevano modificato
soltanto il loro modo di pensare! Ora sapevano che fare un
miglio in quattro minuti era possibile, e se Roger poteva farlo,
anche loro avrebbero potuto.
Vasily Alekseev, un sollevatore di pesi russo di fama mondiale,
non riusciva a sollevare 500 libbre (1 lb = 0,45 Kg.) sebbene
regolarmente ne sollevasse 495. Nel 1974, il suo allenatore per
dimostrare la propria tesi usò uno stratagemma. Mise 500
libbre sulla barra e disse a Vasily che sulla barra c’erano 495
libbre. Credendo che fossero soltanto 495 libbre, Vasily

27
sollevò la barra come al solito. Quando gli dissero che aveva
sollevato 500 libbre, Vasily cambiò idea e riuscì a farlo anche
in gara.
Vedere un atleta allenato che solleva 500 libbre, non è così
impressionante come vedere una madre in preda al panico che
solleva un’automobile per liberare suo figlio. Come può
riuscire a farlo? Perché nel panico, la sua mente cosciente è
messa da parte e non le dice che è impossibile. Ha una scarica
di adrenalina e riesce a compiere questo gesto. Ho sentito
parlare di queste storie solo di seconda mano, ma una storia
simile apparve sulla Gazzetta di Phoenix. Fu riportato
l’incidente di un meccanico che aveva sollevato una macchina
scivolata sopra due suoi amici da un carrello rimorchio. Inoltre
li aiutò a venir fuori da sotto la macchina mentre la reggeva
sulle ginocchia.

Questi sono solo alcuni esempi che dimostrano il potere della mente
subcosciente, e questo potere è a vostra disposizione.

AVVERTIMENTI
Se seguirete le regole e i metodi descritti in queste lezioni, otterrete
sicuramente dei risultati. Raggiungerete gli obiettivi in modo efficiente e
più velocemente di quanto pensavate fosse possibile. È più che probabile
che non attribuirete i vostri successi a queste lezioni. Una delle ragioni è
che durante o dopo la programmazione della mente subcosciente non accade
niente di eclatante. Né un coro di angeli, né un suono di trombe vi annuncerà
che le vostre affermazioni stanno lavorando, o che avete raggiunto i vostri
obiettivi. Accade e basta; accade naturalmente e senza sforzo cosciente.
Se cercate dei segnali o mettete in discussione il vostro progresso, o
interferite in qualche modo utilizzando la mente cosciente, probabilmente
ostacolerete o annullerete il vostro progresso. I cambiamenti sono
impercettibili e naturali. Dovete liberarvi della vostra etica puritana del
duro lavoro. Perché se lavorerete sodo, cioè, con la mente cosciente, il
vostro sforzo cosciente lavorerà contro di voi. La mente subcosciente, il
vostro genio, opera in maniera inconsapevole e senza sforzo. Meno vi
affaticherete, più vi rilasserete e lascerete che accada, più avrete successo.
Capirete meglio tutto ciò dopo aver letto le prime tre lezioni. Perciò
continuate a leggere, rilassatevi e godetevi il successo!

28
STATI DELLA MENTE
L’uso efficiente della mente subcosciente richiede uno stato mentale
alterato. Questo stato mentale alterato è naturale, ma è diverso dal normale
stato di veglia. Per quanto ne so io, la prima dimostrazione della necessità
di ottenere uno stato alterato per accedere alla mente subcosciente, si è
avuta grazie al lavoro fatto da Elmer e Alyce Green alla Fondazione
Menninger dal 1964 al 1973. I Green fecero degli studi su individui che
compivano azioni che, ai tempi, sembravano sovrumane. Studiarono, tra
l’altro, i fachiri indiani mentre restavano sepolti vivi per sei giorni, o
giacevano su un letto di chiodi, o modificavano il loro battito cardiaco e la
loro temperatura corporea. Tennero sotto osservazione Jack Schwarz,
dell’Oregon, che da solo si trafisse il braccio con bacchette di metallo, non
sterilizzate. Schwarz tenne sotto controllo la sua emorragia, non ebbe
nessuna infezione e le sue ferite guarirono rapidamente senza lasciare alcun
segno. I Green misuravano la temperatura corporea, la resistenza cutanea, la
pressione sanguigna, il polso e le onde cerebrali.
Questi soggetti avevano una cosa in comune: mentre eseguivano queste
straordinarie prodezze, erano in stati mentali alterati. Ci sono quattro stati
della mente: beta, alfa, teta e delta, che s’individuano grazie a una
variazione delle onde cerebrali misurate con un elettroencefalografo.
Lo stato beta è il nostro normale stato di veglia, è caratterizzato da una
frequenza delle onde cerebrali che va da 14 cps (cicli al secondo) a 100
cps. La frequenza
non solo è
superiore a quella
degli altri stati ma
è anche più
irregolare. Questo
accade perché la
nostra mente
cosciente è molto
indaffarata. Siamo
consapevoli di
molte cose che
accadono intorno a
noi.
Questa
consapevolezza è

29
fondamentale per lo svolgimento della nostra normale attività quotidiana e
per la nostra sopravvivenza. La nostra attenzione si sposta continuamente.
Noi siamo in stato beta per la maggior parte delle ore di veglia.
Lo stato alfa è
caratterizzato da una
frequenza delle onde
cerebrali che va da 8 a 13
cps. Entriamo in stato alfa in
modo spontaneo molte volte
al giorno, ma di solito solo
fugacemente. Solo
occasionalmente si può
indugiare in questo stato. Si
potrebbe dire che si tratta di
sogno a occhi aperti. Qualche
volta mentre eravate in una
fila lenta, vi sarà capitato di
fissare qualcosa senza essere
concentrati su ciò che stavate
fissando perché la vostra
mente era altrove. Eravate in
alfa. Lo stato alfa viene
definito come lo stato “meditativo” uno stato di concentrazione, rilassata e
focalizzata. Quando siete in questo stato, perdete la cognizione del tempo.
Vi potrebbe essere capitato di fissare una parete per cinque minuti, ma
avete, erroneamente, pensato di averla fissata solo per pochi secondi.
Lo stato teta (da 4 a 7 cps) è simile allo stato alfa, ma è più intenso ed è
caratterizzato da improvvise intuizioni. Queste intuizioni sono globali. Un
classico esempio d’intuizione globale consiste nel confrontare il modo in
cui Beethoven e Mozart componevano la loro musica. Beethoven
componeva in maniera lineare, battuta per battuta, andando spesso avanti e
indietro, cambiando le note. Mozart diceva che una composizione gli veniva
in una sola volta e nella sua interezza. Tutto quello che doveva fare, era
metterla sulla carta. Questo è l’esempio perfetto di pensiero globale.
L’ultimo è lo stato delta (da 3 cps a valori inferiori). Questo è lo stato
del sonno in cui non vi è nessuna coscienza. Il sogno avviene negli stati alfa
e teta.

30
I QUATTRO
STATI DELLA
MENTE

31
Tornando ai soggetti studiati dai Green che eseguivano azioni
straordinarie, l’unica cosa che questi soggetti avevano in comune quando
controllavano le funzioni involontarie del corpo, era che essi si trovavano
in stato mentale alfa o teta. Quindi le onde cerebrali degli stati alfa o teta
rappresentano l’accesso alla mente subcosciente. Quando siete negli stati
mentali alfa e teta il vostro subconscio accetta facilmente i suggerimenti e i
comandi. Quando la vostra mente è nello stato beta in cui domina la mente
cosciente, i suggerimenti e i comandi dati alla mente subcosciente sono
relativamente inefficaci.

32
CONDIZIONAMENTO ALFA
Per utilizzare la mente subcosciente in modo efficace è necessario
imparare a entrare in stato alfa ogni volta che volete, e che riusciate anche a
restarci. Entrare in alfa è facile. Ci si entra naturalmente molte volte al
giorno, anche se, solo per pochi secondi. Ci vuole un po’ di pratica per
entrare nello stato alfa o teta ogni volta che si vuole e per riuscire a
restarci.
Dopo ogni lezione sono indicati esercizi che v’insegnano a entrare in
questi stati. Lo stato teta è probabilmente ancora più efficace, invece di fare
riferimento sia ad alfa che a teta, d’ora in poi farò riferimento solo allo
stato alfa.
Vi mostro ora un modo molto semplice per impiantare una suggestione
nella mente subcosciente mentre siete nello stato alfa. Avviene attraverso
due parole lunghe.

PERIODI IPNOPOMPICI
E IPNOGOGICI

Questi sono semplicemente due termini specialistici che descrivono due


brevi periodi, quando vi svegliate la mattina e vi addormentate la sera.
Durante questi periodi, passate rispettivamente dallo stato delta a quello
beta e dallo stato beta a quello delta. Per fare ciò dovete passare attraverso
gli stati alfa e teta. Perciò due volte al giorno avete l’opportunità di
programmare la mente subcosciente, mentre siete nello stato alfa. Anche per
questo motivo non dovreste mai coricarvi in uno stato di preoccupazione.
La preoccupazione è una potente affermazione negativa e voi la
impiantereste direttamente nella mente subcosciente.

ESERCIZIO
LA SVEGLIA MENTALE
La sveglia mentale è un esercizio che potete fare stasera. Dopo che
sarete andati a letto e appena sentirete che vi prende la sonnolenza, ma
prima di perdere il controllo dei vostri pensieri, dite a voi stessi ‘‘sarò
completamente sveglio, diciamo, alle 05:55 di sabato 25 settembre’’ o
qualunque sia la data di domani. Impostate un orario di cinque minuti in
anticipo rispetto alla vostra sveglia meccanica. In questo modo non
avrete l’ansia di dormire troppo. Inoltre, usate la visualizzazione.

33
Immaginate che la sveglia suoni all’ora prescelta. Esagerate. Immaginate
che la sveglia vi scuota per svegliarvi. Alcune persone non fanno uso di
un orologio meccanico perché la loro sveglia mentale è infallibile.

ESERCIZIO
METTERSI NELLA CORRETTA
ATTITUDINE

Prima di proseguire, è necessario che entriate nel giusto ordine d’idee.


C’è una barriera psicologica che dovete superare. La barriera è “non si fa
niente per niente”. Il prezzo di questo libro è in pratica “niente” rispetto a
quello che vale. Se questo libro fosse stato presentato come corso di un
guru di grande fama costerebbe più di 500 dollari. Ho speso migliaia di
dollari per libri e corsi, e ho trascorso moltissime ore a leggere per
ricavare le informazioni descritte in maniera dettagliata in questo corso.
Quindi è necessario convincere la mente subcosciente che non è vero che
questo libro, poiché non costa molto, non vale molto. Quindi, per entrare
nel giusto ordine d’idee, potete pagarmi 500 dollari (speditemi un assegno,
mi fido di voi), oppure potete fare il seguente esercizio. A voi la scelta.
Non avete ancora imparato alcuni atteggiamenti mentali chiave. Dopo che
avremo avuto la possibilità di esaminarli, capirete l’importanza di questo
esercizio. Questi atteggiamenti sono essenziali per trarre il massimo da
queste lezioni. Quindi, per ora, semplicemente fidatevi di me e fate il

34
seguente esercizio. Gli atteggiamenti chiave sono DESIDERIO,
ASPETTATIVA e FIDUCIA. Quando pagate 500 dollari per un seminario
tenuto da un noto motivatore, entrate in aula con un forte desiderio di
“ottenere qualcosa”, di qualunque cosa si tratti. Avete delle aspettative o
non avreste pagato 500 dollari. Infine avete la massima fiducia
nell’insegnante o non avreste pagato 500 dollari per seguire il suo
seminario.
Ora dovrete fare un po’ di recitazione. Per prima cosa voglio assicurarvi
che siete dei bravi attori. Alcuni psicologi direbbero che recitate sempre,
recitate il ruolo che pensate gli altri si aspettano che voi recitiate. Ebbene, è
tempo di recitare. Afferrate il vostro avambraccio sinistro con la mano
destra e trattenetela. Comportatevi come se la mano destra fosse attaccata al
braccio sinistro. Anche se usate molta forza per cercare di staccarla, non
riuscite a staccare la mano destra dall’avambraccio sinistro. Più cercate di
staccarla con forza, più rimane attaccata. Cercate ancora di tirare via la
mano destra dal braccio sinistro, ma non ci riuscite! Va bene, questo può
bastare. Ora, comportatevi come se la vostra mano destra fosse normale e
toglietela dal braccio sinistro. Come vedete, siete in grado di recitare. Ora
siete pronti per recitare un ruolo più importante. Come prima cosa mettetevi
comodi e rilassatevi. Sedetevi su una sedia morbida e appoggiate i piedi sul
pavimento. Immaginate una scena piacevole. Per esempio, diciamo che
avete fatto una vacanza da sogno alle Hawaii. Ricordate com’è stato.
Immaginatevi sulla spiaggia. Immaginate di essere là adesso. Sentite gli
Alisei che stanno dolcemente sfiorando il vostro corpo. Sentite il calore del
sole sul vostro corpo. Sentite il vento che soffia tra le palme. Rilassatevi
come se non aveste una preoccupazione al mondo. Lasciate che la mente
vaghi. Godetevi la gioia di essere nel vostro posto preferito.
Fatevi leggere da qualcuno quanto segue con una voce bassa e calma.
Meglio ancora se la registrate e la riascoltate. Se nessuna delle due opzioni
è possibile, o se, semplicemente non volete perdere il tempo per registrare
va bene lo stesso. Fate del vostro meglio per rimanere in questo stato
d’animo rilassato e leggere quanto segue da soli. Mentre la leggete,
immaginate la scena che segue nella maniera più vivida possibile. Vedetela,
percepitela e sentitela.
Prima di iniziare, fate finta che un esperto, di vostra fiducia, vi abbia
ipnotizzato. Voi sapete che aspetto hanno e come agiscono le persone
ipnotizzate. Sembrano completamente rilassate e se hanno gli occhi aperti,
sembrano guardare fisso senza vedere. Se qualcuno sta per leggervi quanto
segue, chiudete gli occhi e mostratevi completamente rilassati.
Probabilmente avete la testa piegata da un lato appoggiata sulla spalla e le

35
braccia che cadono mollemente lungo i fianchi. Se avete intenzione di
leggere quanto segue da soli, comportatevi come se foste ipnotizzati e come
se l’ipnotista vi avesse chiesto di aprire gli occhi e leggere quanto segue, in
un profondo stato ipnotico. Ok, andate avanti.
Immagina di essere su un palcoscenico. Sei un attore e stai facendo le
prove per un’importante rappresentazione. Nella sala non c’è nessun
altro, tranne me, l’autore e regista della rappresentazione. Io ti sto
preparando. Ora, nella prima scena devi esprimere l’emozione di un forte
DESIDERIO. Devi pensare a un momento in cui hai sentito un forte
DESIDERIO ... un momento in cui hai sentito una forte motivazione a
compiere qualcosa. Forse volevi vincere una partita o prendere “10” in
un compito in classe. Vedi te stesso con gli occhi della tua mente. Vedi te
stesso corrugare il viso e serrare la mandibola in modo da esprimere
determinazione. Vedi come hai agito. Rivivi come ti sei sentito. Ascolta
ciò che stava accadendo in quel momento.
Fatti assorbire dall’atmosfera di questo tuo forte DESIDERIO.
Ora, immagina questo libro. Immagina te stesso che stai leggendo
queste lezioni e che stai imparando queste lezioni. Sovrapponi
l’immagine di te stesso che studi queste lezioni all’immagine del
momento in cui avevi un forte DESIDERIO. Lascia che queste sensazioni
si assestino per un minuto ...
Ora è il momento di provare la scena successiva della
rappresentazione. In questa scena, devi esprimere con forza l’emozione,
la sensazione di una grande ASPETTATIVA. Questa scena è semplice.
Basta ricordare, ad esempio, una vigilia di Natale o Hanukkah, quando
eri bambino. Se si tratta di un Natale, pensa a tutti i regali sotto l’albero
di Natale. Immagina le confezioni luccicanti e i fiocchi colorati.
Ricordati come eri ansioso di aprire quei regali ... per scoprire che cosa
contenevano i pacchetti. Ricorda che non vedevi l’ora di aprirli. Pensavi
di esplodere per l’ansia. Ricordati di come non riuscivi a dormire quella
notte perché l’ATTESA era così intensa. Immagina di vedere, sentire e
udire l’atmosfera di quella vigilia. Ora permetti a queste sensazioni di
fondersi per un minuto ...
Ora sovrapponi l’’immagine mentale di quel momento di forte
ASPETTATIVA con l’immagine di te che leggi e apprendi queste lezioni.
Sovrapponi questa immagine di te che leggi questo libro con l’immagine
della Vigilia di Natale, e vivi le stesse sensazioni ed emozioni.
Ora è il momento di provare l’ultima scena. In questa scena, devi
esprimere una completa FIDUCIA, perciò comincia a mostrare assoluta
FIDUCIA nel regista e autore della rappresentazione. Guarda verso di me

36
che sono tra il pubblico e dimostra una grande fiducia nella mia capacità
di dirigerti ...
Ora di nuovo, sovrapponi questa immagine di te stesso che leggi e
studi queste lezioni.
Permetti a questa sensazione di FIDUCIA di sprofondare in te.
Ora è tempo di svegliarsi dallo stato ipnotico. Immagina che io sia il
regista della tua rappresentazione che ti dice: “ Sarai completamente
sveglio dopo che avrò contato fino a “3”. Sto per contare da 1 a 3 e
mentre lo faccio tu ritorni completamente sveglio. “1”, ti stai svegliando
... “2”, ti senti rinvigorito e rilassato ... “3” sei completamente sveglio!
Pensate che sia stato troppo facile perché valga qualcosa? Ve lo ripeto
ancora una volta: “Se non è facile, se non è senza sforzo, allora non lo state
facendo bene!” Perciò rilassatevi! I metodi che apprenderete grazie a
questo libro sono facili, se doveste fare uno sforzo, fallireste.
Pensate di essere stati sotto ipnosi? Probabilmente no. Ma non siatene
troppo sicuri. Se non foste stati sotto ipnosi, non avreste potuto recitare.
Alcuni esperti ritengono che l’ipnosi non sia nient’altro se non recitazione.
Per dimostrare che l’ipnosi è recitazione, in uno show televisivo
trasmesso sulla PBS, un professore chiese a un volontario di recitare di
essere ipnotizzato. Il professore non fece nient’altro. Nessuna induzione né
occhi che fissavano la fiamma di una candela o un pendolo che oscillava. Il
volontario assunse l’aspetto tipico di un ipnotizzato. Sembrava
completamente rilassato. La sua testa era appoggiata sulla spalla e aveva gli
occhi chiusi. Le braccia e le mani cadevano mollemente lungo i suoi
fianchi. Il professore poi aggiunse: “Ecco una deliziosa mela. Può
mangiarla mentre parlo con gli ospiti”. L’oggetto che il professore porse al
volontario non era una mela, ma una cipolla spagnola. Tuttavia, il
volontario mangiò la cipolla pensando che fosse una deliziosa mela. Questo
volontario non era mai stato ipnotizzato con nessuna routine standard. Stava
solo recitando come se fosse ipnotizzato!
Quindi, se davvero avete immaginato le scene che recitavate, eravate
ipnotizzati, oppure cosa più importante, eravate in stato alfa.
Un accreditato ipnotista sulla sua pagina web dice che se chiudete gli
occhi e immaginate che state camminando nella vostra casa, o
appartamento, aprendo ogni porta per oltrepassarla, nel momento in cui
state immaginando ciò, siete sicuramente ipnotizzati. L’ipnosi può essere
talmente semplice.

1 Langer, Ellen. La Mente Consapevole, Corbaccio, 2008

37
38
Lezione Due

DIFFERENZE
fra la
Mente Subcosciente
e la
Mente Cosciente

39
Lezione Due

INTRODUZIONE
omprendere la mente subcosciente è essenziale per poterla

C utilizzare in modo efficace. Tanto per cominciare dovete essere


consapevoli delle differenze tra la mente cosciente, con la quale
avete familiarità, e la mente subcosciente, con la quale non ne
avete alcuna. Più avanti sono elencate le differenze intrinseche in termini
per profani.

IL CERVELLO
La maggior parte di voi ha familiarità con la Teoria di “Emisfero-Destro,
Emisfero-Sinistro”. In breve, la parte sinistra del cervello (per la maggior
parte delle persone) elabora la facoltà di linguaggio, pensa in maniera
lineare ed è logica, mentre la parte destra del cervello è intuitiva e
percepisce l’insieme, anziché le parti.
Alcuni esperti credono che questa teoria sia troppo semplicistica. Gran
parte della ricerca che ha portato a questa teoria, almeno inizialmente, è
stata ricavata da pazienti epilettici che avevano il lato sinistro e destro del
cervello separati chirurgicamente per esigenze mediche. Nelle persone
normali, c’è un importante feedback tra i due lati e, in casi particolari, uno
può acquisire le caratteristiche dell’altro. In questo corso non useremo
questo modello.
Prenderemo in considerazione il “Modello Trino” del cervello elaborato
dal Dott. Paul MacLean, capo del Laboratorio per la Ricerca sul Cervello e
sul Comportamento dell’Istituto Nazionale della Salute Mentale. Il modello
Trino si basa su tre fasi evolutive: “Rettiliano”, “Mammaliano” e
“Corteccia”.
Ogni stadio rappresenta un diverso tipo di mentalità adattata alle
esigenze prevalenti a quel tempo. Ognuna di loro è un computer separato
che ha la sua particolare intelligenza, soggettività, senso del tempo, dello
spazio e memoria. Per quanto riguarda i fini che ci siamo proposti, è
comodo unire le prime due parti, che sono di gran lunga le parti più antiche
(rettiliana e mammaliana) e chiamarle mente subcosciente.

40
RETTILIANO
Il primo stadio del cervello si sviluppò 250 milioni di anni fa ed è
chiamato il “cervello rettiliano” o “tronco encefalico”. Ha smesso di
modificarsi 250 milioni di anni fa. Quindi, il cervello rettiliano dell’uomo è
essenzialmente come quello di tutti i rettili. È involontario, impulsivo e
compulsivo; contiene rigide risposte programmate. Questa parte del
cervello è paranoide per autoconservazione. La paranoia era utile per
accorgersi dei nemici oppure, ai giorni nostri, delle macchine quando si
attraversa la strada. Questa parte del cervello non impara dalle esperienze.
Tende soltanto a ripetere in continuazione il suo comportamento
programmato.
Il cervello
rettiliano si è
sviluppato per la
sopravvivenza. Esso
controlla le funzioni
basilari necessarie
per vivere, compreso
il battito cardiaco, la
respirazione, la lotta,
la fuga, l’alimen-
tazione e la ripro-
duzione. Non ha
sentimenti.

MAMMALIANO
Il cervello mammaliano si sviluppò circa cinquanta milioni di anni fa. Il
cervello mammaliano dell’uomo è essenzialmente come quello di tutti i
mammiferi. Questa parte del cervello contiene sentimenti ed emozioni. È
allegro ed è la fonte delle cure materne. I mammiferi hanno cura dei loro
piccoli; i rettili solitamente no.
La parte mammaliana del cervello ci fornisce le sensazioni di ciò che è
reale, vero e importante per noi, ma non è articolato nel comunicare queste
sensazioni alla mente cosciente. Caratteristiche importanti sono che la
mente subcosciente (1) è la fonte dei sentimenti e trae le informazioni in
termini sentimentali, e (2) trae il suo sistema di valori dall’esperienza, vale

41
a dire, da esperienza con impatto
emotivo.

CORTECCIA
La terza fase dello sviluppo è
la “corteccia”. È la parte
cosciente della mente. Secondo il
famoso psichiatra Carl G. Jung,
ha circa 40.000 anni ed è tuttora
in evoluzione. Alcuni ricercatori
contemporanei ritengono che sia
ancora più vecchia. Una
caratteristica importante della
mente cosciente è che inizia a
svilupparsi intorno ai tre anni e il
suo sviluppo non è completo
fino ai vent’anni circa.
Queste età possono variare
da persona a persona.
Questo sviluppo tardivo è
una delle ragioni per cui
nelle nostre menti
subcoscienti abbiamo così
tanti programmi negativi e
controproducenti. Quando la
parte emotiva del nostro
cervello stava
sviluppandosi, nei primi
anni di vita, non avevamo
una mente razionale, matura
e cosciente per filtrare i
programmi negativi e
selezionare quelli positivi
di cui avremmo avuto
bisogno da adulti. A
peggiorare le cose, c’è che noi ora non siamo a conoscenza della maggior
parte di questi programmi, perché si sono sviluppati in un’età così precoce
che non ne abbiamo memoria cosciente.

42
A differenza della mente subcosciente, che sviluppa il suo sistema di
valori attraverso le emozioni, la mente cosciente sviluppa il suo sistema di
valori con l’interpretazione razionale dell’esperienza.
A causa di queste enormi differenze, “... i tre cervelli sono spesso
dissociati e in conflitto”1.
Ken Keys, autore e conferenziere, lo spiegò in modo chiaro: “Anche se la
nostra corteccia cerebrale ha una capacità di elaborazione superiore a ogni
computer mai costruito, il cervello nuovo purtroppo non è collegato con
quello vecchio con un feedback di monitoraggio e circuiti di controllo di
cui avremmo bisogno per un funzionamento ottimale. Perciò il cervello
nuovo, o mente cosciente, analizzerà i problemi e troverà soluzioni
razionali, spesso senza la più vaga idea di cosa stia avvenendo nel cervello
vecchio o mente subcosciente, guidata dal sentimento irrazionale... questo è
il punto cruciale del problema. La scarsa comunicazione tra i due cervelli
crea problemi nella vita quotidiana. Ad esempio, il cervello vecchio può
by-passare il sistema di controllo del cervello pensante e manifestare
intense emozioni che sono rimaste imbottigliate nell’inconscio per decenni
... spesso creando montagne da inezie. Il cervello nuovo, che opera nel
presente, si rende conto che la persona ha forza, competenza e autostima,
ma l’inconscio continua a essere la causa di risposte inefficaci,
inappropriate alle sfide della vita, a causa della programmazione negativa
dell’infanzia”.2

DIMENSIONI
La mente subcosciente costituisce circa il 92% del cervello totale. La
mente cosciente è costituita dal rimanente 8%. Quindi la mente cosciente è
debole rispetto alla mente subcosciente.

VISTA
La mente cosciente vede attraverso gli occhi. Percepisce le esperienze
esterne che sono introdotte nelle nostre menti. È la mente cosciente che
vede questa pagina. La mente subcosciente, al contrario, non ha alcun
contatto con il mondo esterno. È cieca. La mente subcosciente non vede più
di quanto non riesca a vedere un computer. Di conseguenza, non conosce la
differenza tra realtà e immaginazione. Quest’ultima affermazione è
importante e sarà ripetuta molto spesso. Non è una supposizione; gli

43
psicologi l’hanno verificata sperimentalmente in laboratorio.
La mente subcosciente si basa su input sensoriali. Quindi, risponde alla
realtà e all’immaginazione nello stesso modo. Per esempio, quando sognate
un mostro, il vostro corpo reagisce esattamente come farebbe se il mostro
fosse reale. Il meccanismo “lotta-o-scappa” entra in azione e pompa
adrenalina nel circolo sanguigno. Il vostro corpo reagisce sudando,
aumentando la frequenza cardiaca, ecc. In realtà, non c’è nessun mostro e
nessuna minaccia reale.

COMUNICAZIONE
La maggior parte dei pensieri nella mente cosciente è comunicata da una
voce interna o esterna. La maggior parte dei pensieri, anche se non tutti,
usano la voce, e la voce usa le parole. La mente cosciente comunica
prevalentemente con le parole. Questa è la ragione per cui un lessico ricco
è importante. Le parole sono gli strumenti del pensiero.
La mente subcosciente ha un lessico limitato e non articola bene le
parole. La maggioranza delle persone non
sogna con le parole. La mente subcosciente comunica prevalentemente
con immagini e sensazioni. Ad esempio, voi (la vostra mente cosciente)
potreste dire: “Ho paura, ma non so perché”, nel momento in cui la mente
subcosciente sta sognando che un mostro vi sta inseguendo.

FUNZIONI
La mente cosciente controlla le funzioni volontarie. Per esempio, posso
consciamente muovere il braccio in alto o in basso. Posso passeggiare qua
e là. Queste sono azioni coscienti.
Un aspetto critico è che la mente cosciente può fare soltanto una cosa alla
volta. Non può fare due cose contemporaneamente. C’è chi sostiene di
saper leggere e guardare la TV contemporaneamente. Se davvero siete
coscienti di ciò che state facendo nell’istante, vedrete che o state leggendo
oppure guardando la TV. Per fare entrambe le cose dovete passare
rapidamente dall’una all’altra.
Ricordate la prima volta che avete tentato di picchiettarvi la testa e al
tempo stesso vi sfregavate lo stomaco con un movimento in senso orario. In
un primo momento non riuscivate a farlo, almeno finché non foste in grado
di spostare rapidamente una funzione nella mente subcosciente. Poi diventò
facile. Quando vi fu detto di invertire le funzioni, cioè di massaggiare la

44
parte superiore della testa e picchiettare lo stomaco, diventò di nuovo
difficile. Può darsi che abbiate impiegato soltanto pochi secondi per
imparare una funzione e relegarla nella mente subcosciente, in quel caso,
svolgere entrambe le azioni contemporaneamente diventò di nuovo facile.
Un recente articolo del New York Times parla di uno studio scientifico
che dimostra che le persone non possono guidare in maniera attenta e
parlare al cellulare contempo-raneamente. In altre parole, consapevolmente
si fa o l’una o l’altra cosa, ma non entrambe insieme. Da immagini ottenute
con la risonanza magnetica dell’attività del cervello, gli scienziati hanno
scoperto che il cervello ha un’area
limitata per i compiti che richiedono attenzione. Uno scienziato disse che
quando si vuole veramente ascoltare qualcuno al telefono, si chiudono gli
occhi.
Un altro articolo su un quotidiano parlava di una madre così presa da una
conversazione al cellulare che scese dall’autobus dimenticandosi il suo
bambino di quattro mesi.
Un semplice esperimento dimostrerà che la mente cosciente può fare
soltanto una cosa alla volta. Afferrate un oggetto leggero ad esempio una
penna e poi fatela cadere. Facile! Per far cadere la penna avete dovuto
decidere consapevolmente quando farla cadere. Ora, tenete la penna e
continuate a dirvi all’infinito: “Posso farla cadere, posso farla cadere... “.
Se davvero vi concentrate su un unico pensiero, il pensiero che potete far
cadere la penna, allora non riuscirete a decidere quando farla cadere. Se
non riuscite a decidere quando far cadere la penna, allora non potete farla
cadere. Non potete continuamente pensare, “Posso far cadere la penna” e al
tempo stesso consapevolmente pensare “Ora, la faccio cadere”.
Pensate a quando avete imparato a guidare la macchina. Molti di noi
hanno imparato in un’auto con un cambio manuale. La prima lezione andò in
questo modo. Giraste la chiave. L’auto sbandò e il motore si spense perché
avevate dimenticato di mettere il cambio in folle. Accendeste di nuovo la
macchina, ma si spense perché non avevate dato un po’ più di gas al motore,
questo perché eravate concentrati a girare la chiave. Accendeste di nuovo il
motore e deste più gas. Dopo aver innestato la marcia sentiste “grattare”.
Avevate dimenticato di pigiare la frizione. Poi pigiaste il pedale della
frizione e finalmente avete ingranato la prima. Lasciaste la frizione e il
motore si spense perché non avevate dato gas. Infine, la macchina cominciò
a muoversi e vostro padre gridò: “Attento!” Ops, non stavate sterzando;
stavate pensando a cambiare le marce.
Imparare a guidare è l’esempio giusto per mostrare quanto sia difficile
per la mente cosciente fare più cose contemporaneamente. Tuttavia, dopo

45
aver relegato una funzione dopo l’altra nella mente subcosciente, la guida
diventa facile, non è più necessario uno sforzo cosciente.
Un altro esempio è colpire una pallina da golf. Mentre s’impara, ci sono
troppe cose cui pensare durante lo swing. Lo swing di un principiante è
goffo e molto spesso brusco. Dopo aver trasferito ogni passaggio alla mente
subcosciente, non si deve pensare affatto allo swing. In effetti, pensare allo
swing (un’attività della mente cosciente) interferisce con esso.
La mente subcosciente, al contrario, può eseguire trilioni di funzioni
contemporaneamente. Non c’è bisogno di pensare coscientemente per
respirare, sudare quando fa caldo, digerire il cibo, lottare contro corpi
estranei, produrre insulina e così via. Questo argomento sarà nuovamente
trattato nella lezione successiva in cui esamineremo la mente subcosciente
come se fosse un computer.
La mente subcosciente comunica costantemente con tutte le cellule del
vostro corpo e le cellule, a loro volta, comunicano con la mente
subcosciente. Per saperne di più su questo affascinante argomento dovete
leggere Molecole di Emozioni di Candice Pert, una pioniera nel nuovo
campo medico della psico-neuroimmunologia.

PROCESSO COGNITIVO
La mente cosciente è logica. Ha la capacità di pensare, di pensare in
modo astratto, ragionare, criticare, analizzare, giudicare, scegliere,
selezionare, discriminare, pianificare, inventare, comporre, fare previsioni
e giudicare a posteriori. Usa sia il ragionamento deduttivo sia induttivo.
La mente cosciente, nella maggior parte dei casi, filtra l’impatto degli
input passati alla mente subcosciente. Tutto entra nella mente subcosciente,
ma la mente cosciente può influenzare l’efficacia, o il potere, che questo ha
sulla mente subcosciente. Com’è già stato detto, la mente cosciente non
inizia a svilupparsi fino all’età di tre anni e non è pienamente sviluppata
fino ai venti. Non avevate questo filtro durante i vostri primi e critici anni
di formazione. Perciò, avete nella mente subcosciente un sacco di ciarpame
controproducente alla salute, serenità e produttività.
La mente subcosciente, al contrario, non è logica; è la mente sensibile. È
la fonte di amore, odio, angoscia, paura, gelosia, tristezza, rabbia, gioia,
desiderio, ecc. Quando dite, “Mi sento... ” la fonte di quel sentimento è la
mente subcosciente. Pensate a un esempio estremo, come la rabbia. Una
persona che esprime rabbia profonda mostra un’intensa emozione, una forza
superiore. È altamente illogica e, in seguito, ha uno scarso ricordo

46
(cosciente) del proprio comportamento.
La mente subcosciente ragiona induttivamente, cioè dallo specifico al
generale. Se le dite che siete maldestri, troverà un modo per farvi fare
qualcosa di maldestro. Generalmente la razionalità induttiva non è logica.
La mente cosciente pensa alle parole oggettivamente. Oggettivamente la
parola “madre” significa un genitore di sesso femminile. La mente
subcosciente, però, che è soggettiva aggiunge connotazioni alle parole.
Quando sentite la parola “madre”, essa suscita ogni genere di sentimenti.
Questi sentimenti provengono dalla mente subcosciente.

VOLERE, POTERE
E FORZA DI VOLONTÀ
La mente cosciente ha il senso della consapevolezza. Riconosce le
persone, i luoghi, le condizioni e le cose. La mente cosciente sa di
conoscere. Essa ha la consapevolezza che siamo noi stessi e che siamo qui.
È importante evidenziare che la mente cosciente possiede la volontà. La
volontà è la capacità della mente cosciente di dare inizio e dirigere un
pensiero o un’azione. La volontà fornisce la direzione del vostro pensiero.
Gli esseri umani sono dotati di libero arbitrio.
Ah! Ma la mente subcosciente ha il potere! Un articolo su Psychology
Today, agosto 1974, diceva che, “... abbiamo scoperto che il cervello è una
fonte di energia elettrica, può fare un lavoro elettrico”. Il vostro cervello
produce circa 25 Watt di potenza. La mente subcosciente trasmette questa
energia come stimoli, emozioni, impulsi, spasmi nervosi, ecc.
Questa energia nella mente subcosciente è inesauribile; il vostro cervello
funziona 24 ore al giorno, per tutta la vita. La cosa meravigliosa nell’uso
della mente subcosciente è che è senza sforzo. Per usare la mente
subcosciente non è necessario nessuno sforzo cosciente. Lo sforzo
cosciente, anche inteso in maniera positiva, ostacola soltanto la mente
subcosciente.
Fare qualcosa con la mente cosciente richiede uno sforzo. Ricordate
com’è stato difficile imparare a fare qualcosa per la prima volta? Per
esempio, ci avete impiegato un po’ per imparare ad allacciarvi le scarpe. È
stato complicato per una volta o due. Immaginate se doveste scrivere tutti i
passaggi in modo chiaro affinché qualcuno che non abbia mai visto un nodo
ne possa fare uno.
Una volta che fare un nodo divenne un’abitudine, in altre parole, che
l’azione fu spostata nella mente subcosciente, divenne tutto facile. Così

47
facile, che adesso non è più necessario pensarci mentre lo fate. Infatti,
probabilmente nemmeno vi ricordate di quando vi legate i lacci delle
scarpe, perché lo fate inconsciamente.
Un’atleta di salto in alto intervistato in TV, dopo aver fatto un record
disse: “Non ricordo il salto del mio record, ma sapevo quando ho iniziato il
salto che sarei riuscito”. Non lo ricordava perché aveva saltato
inconsciamente. Aveva lasciato che la sua mente subcosciente prendesse il
controllo. La mente subcosciente può fare tutte le operazioni senza sforzo
mentale. Se avesse saltato usando la mente cosciente, sarebbe stato uno
sforzo e non avrebbe potuto farlo altrettanto bene.
Il miglior libro su questo argomento è Il gioco interiore del tennis di
Timothy Gallwey. Se non siete un giocatore di tennis non fatevi fuorviare
dal titolo, basta togliere mentalmente, mentre leggete, la parola “tennis” e
inserire qualunque altra parola voi desideriate. Gallwey descrive in
maniera articolata come la mente cosciente non sia in grado di svolgere un
compito così difficile come colpire bene una palla da tennis (o guidare una
macchina o colpire una pallina da golf). Al contrario la mente subcosciente
può svolgere un compito difficile e può farlo senza sforzo e perfettamente,
se non c’è interferenza della mente cosciente. Questo è il trucco, tenere la
mente cosciente fuori dal gioco.
Quindi, la mente cosciente ha la volontà e la mente subcosciente ha il
potere. Quando la mente cosciente e la mente subcosciente sono in armonia,
si ottiene forza di volontà. Siete “risoluti”. Ma quando la mente cosciente e
la mente subcosciente sono in conflitto, non c’è forza di volontà e siete
“doppi”. La mente cosciente non può sopraffare direttamente la mente
subcosciente ma “vuole” che essa faccia qualcosa.
Emile Coué3 (1857-1926) ebbe un grande successo in Europa nel curare
molte malattie. Credeva che fosse meglio farfugliare (parlare velocemente e
indistintamente così che la mente cosciente si annoi e non presti attenzione)
un’affermazione fino a quando essa non precipiti nella mente subcosciente
per essere accettata completamente. Forse avete sentito una delle sue
affermazioni più famose, “Ogni giorno, in ogni modo, io miglioro di bene in
meglio”.
Coué disse: “Quando volontà e immaginazione sono in conflitto, vince
sempre l’immaginazione”. Vale a dire, quando la mente cosciente e la mente
subcosciente sono in conflitto, la mente subcosciente vince sempre. La
mente subcosciente vince perché ha il potere (un potere elettrico e
chimico), ed è più grande.
Quando un uomo in sovrappeso, che decide di mettersi a dieta, non
cambia il suo bisogno inconscio di cibo in eccesso, alla fine, la sua mente

48
subcosciente vincerà. Riprenderà tutto il peso perso. Forse non vorrebbe
mangiare il delizioso dessert, ma l’impulso della mente subcosciente
riuscirà ad avere il sopravvento. Egli mangerà il dessert e lo mangerà senza
sforzo.
Il vostro compito è di imparare come funziona la mente subcosciente e di
usarla a vostro vantaggio. La mente subcosciente ha il potere di dominare,
ma non è intelligente quanto la mente cosciente.
Voi state imparando come fare di essa il vostro genio personale, non il
vostro padrone.

MEMORIA
La mente cosciente ha una memoria limitata e la maggior parte di essa è a
breve termine. La mente subcosciente, al contrario, ha virtualmente una
memoria infinita. Probabilmente state pensando che non è così, invece è
vero. Avete abbastanza memoria per tutto quello che avete vissuto nella
vostra vita, ma è il vostro richiamo che è fallibile.

CONTROLLO
Quando la mente cosciente e la mente subcosciente sono in conflitto,
vince la mente subcosciente, ma solo se non sapete come controllarla.
Dovrete imparare come influenzare e controllare la mente subcosciente in
modo tale che non sia lei a controllare voi. Imparerete a trasformarla nel
vostro genio! La mente cosciente deve essere il padrone e la mente
subcosciente deve essere il genio.
La mente cosciente può stimolare la mente subcosciente ad agire,
cambiare abitudini, invertire schemi di pensiero negativi, migliorare la
vostra salute fisica ed emotiva e, inoltre, la mente cosciente può influenzare
anche le funzioni involontarie.
Qualche decennio fa, il Mondo Occidentale era convinto che fosse
impossibile controllare le funzioni involontarie. Il Mondo Occidentale ora
sa che il controllo involontario di funzioni quali la pressione arteriosa, la
frequenza cardiaca e la circolazione in una determinata zona del nostro
corpo, è possibile. La tabella seguente riassume le differenze tra mente
cosciente e mente subcosciente:

CONFRONTO fra la MENTE COSCIENTE


49
e la MENTE SUBCOSCIENTE

CONDIZIONAMENTO ALFA
La vostra mente può essere condotta nello stato alfa mentre state
comodamente seduti in poltrona e ascoltate una routine di rilassamento letta

50
da qualcun altro, o che è stata registrata e riascoltata. La routine dura di
solito una decina di minuti circa.
Vorrete entrare in stato alfa molte volte al giorno per dare le istruzioni al
genio. Non sarebbe molto pratico dipendere da qualcun altro per la lettura
della routine, o ascoltare un CD ogni volta che volete andare in alfa. Avete
bisogno di condizionarvi a fare semplicemente un respiro profondo, a
contare alla rovescia da tre a uno e dire a voi stessi la parola “ALFA”, ed
entrare in alfa. È così semplice e veloce — dopo che vi siete condizionati.
Alla fine di ogni lezione trovate gli esercizi di condizionamento. Il
condizionamento alfa è facile. Ci vuole solo un po’ di pratica. Alcune
persone riescono a condizionarsi in poche sedute, altre ci impiegano un po’
di più. Chiudere gli occhi e rilassarsi tende a indurre in alfa. Il rilassamento
è spesso associato a un senso di pesantezza e calore. Una volta in alfa, vi
potete autocondizionare per tornare in questo stato rapidamente e ogni volta
che volete.

AUTORILASSAMENTO PROFONDO
Gli esercizi di condizionamento presentati in queste lezioni sono simili a
procedure denominate con diversi nomi. La più comune è autoipnosi. Vorrei
chiamare tutto questo in un altro modo perché la parola “ipnosi” ha una
connotazione negativa. L’ipnosi è spesso associata al controllo della mente
o al fatto di fare lo scemo di fronte a un pubblico. È un peccato. Innanzi
tutto, nessuno sa davvero cosa sia l’ipnotismo. Kreskin, noto come
“mentalista” (rifiutò di farsi chiamare ipnotista), offrì 100.000 dollari a
chiunque potesse dimostrare definitivamente l’esistenza di una “trance
ipnotica”. Nessuno rivendicò il denaro. Kreskin non riuscì a far entrare
nessuno in trance, ma ebbe un grande successo nell’impiantare suggestioni
nelle menti subcoscienti.
Ernest Rossi afferma in La Psicobiologia della Guarigione Psicofisica,
1987: “Dall’inizio dell’ipnosi più di 200 anni fa è stato impossibile trovare
un accordo generale tra i professionisti su che cosa esattamente sia l’ipnosi.
Nessuna definizione o test empirico è mai stato concepito per valutare
accuratamente se uno stato ipnotico esista veramente!” Alcuni esperti
sostengono che non esista una trance ipnotica, o uno stato ipnotico.
Quindi cerchiamo di non preoccuparci troppo su com’è chiamato questo
metodo. “Auto-alfamazione” (ho appena inventato questo termine) sarebbe
una parola molto appropriata, ma nessuno saprebbe di cosa parlo. Questi
esercizi sono semplicemente modi per entrare in stato alfa così che

51
possiate impiantare suggestioni nella mente subcosciente.
Un vantaggio aggiuntivo, quando si pratica un profondo rilassamento, è
che si dorme meglio. È stato dimostrato che dormire meglio, migliora la
salute, la memoria e il carattere. Molte persone che praticano il
rilassamento profondo scoprono di aver bisogno di meno sonno.

PROCEDURA
Non c’è nulla di magico per quanto riguarda la routine. La routine può
essere fatta in infiniti modi. È possibile cominciare, per esempio,
rilassando i muscoli dai piedi alla testa o viceversa. Qualsiasi procedura
che vi faccia rilassare è buona. L’obiettivo è di essere rilassati in modo che
la mente cosciente perda interesse, smetta di controllare e passi in secondo
piano, e allo stesso tempo, persuadere la mente subcosciente a salire in
superficie. Una volta che siete in alfa, potete utilizzare la mente
subcosciente per rilassare ulteriormente il corpo, più di quanto non siate
riusciti a fare con la mente cosciente mentre eravate in beta.
Potete farvi leggere la routine da qualcuno oppure potete registrarla e
riascoltarla. È disponibile anche un CD contenente questa routine4. Alcuni
libri “fai-da-te” riportano dei test per stabilire se siete veramente in uno
stato alterato. Non fate però i test da soli. Non dubitate di essere in alfa.
Nel caso che, per qualsiasi motivo, non doveste superare i test anche una
sola volta, questo fallimento potrebbe distruggere la vostra confidenza.
Comportatevi proprio come se foste sicuri di riuscirci e ci riuscirete.
Dovete assumere l’atteggiamento corretto. Aspettatevi di essere rilassati e
di entrare in stato alfa. Siate fiduciosi. Semplicemente lasciatevi andare.
Non svolgete nessuna attività della mente cosciente, ad esempio, dare un
parere critico alle parole, giudicare se state entrando in alfa, ecc. Svolgete
attività della mente subcosciente, cioè visualizzare, sognare a occhi aperti e
vivere il presente.
Non pensate a qualcosa che è accaduto ieri oppure anche solo dieci
minuti fa. Non pensate a qualcosa che può accadere tra dieci minuti. Dovete
tenere la mente nel presente.
Ci sono degli ausili audio per aiutare la mente subcosciente in alfa. Il
migliore, a mio parere, è il semplice suono di un metronomo a 10 cps
(media alfa) o 5 cps (media teta). Questo metodo è utilizzato dalla Silva
International, El Paso, Texas, durante i corsi che sono tenuti in tutto il
mondo. Sono utili alcuni tipi di musica e suoni. Alcuni esempi
comprendono brani scelti di Mozart5, e suoni primordiali prodotti da

52
Jeffrey Thompson.6 Qui di seguito sono elencati importanti comandi che vi
saranno dati verso la fine della routine. Dovreste sempre sapere a che cosa
siete sottoposti.

Le distrazioni tendono soltanto a farvi andare più


profondamente in alfa.
Man mano che vi esercitate ad andare in alfa andate sempre più
in profondità.
Man mano che vi esercitate, andate in alfa sempre più
velocemente.
Man mano che vi esercitate, è sempre più facile.
La mente subcosciente accetta soltanto suggerimenti positivi e
sani.
Ogni volta che unite il pollice e l’indice vi ricordate di
rilassarvi e rimanere rilassati.

C’è anche una suggestione che ogni volta che direte o penserete la frase
“3 ... 2 ... 1 ... ALFA”, ritornerete nello stato alfa. Dopo aver fatto
sufficienti prove, non sarà più necessario passare attraverso i dieci minuti
della routine di rilassamento per andare in alfa. Dovrete semplicemente
dire a voi stessi, “3 ... 2 ... 1 … ALFA” e sarete lì.
L’intento di questo esercizio è di andare in alfa restando coscienti.
Questo è utile, per esempio, se a volte volete essere creativi, competere
nello sport, studiare per un esame, dare un esame, ecc. Registrate la
seguente routine e riascoltatela mentre state seduti in una comoda poltrona7.

ROUTINE ALFA
“RILASSAMENTO PROGRESSIVO”
Guarda in alto con un angolo di circa 20 gradi e fissa un punto. Alzare
gli occhi aiuta a raggiungere lo stato alfa. Ora chiudi gli occhi e ascolta
la mia voce.
Proprio ora, desideri provare una sensazione di profondo rilassamento
... desideri essere più rilassato di quanto tu sia mai stato prima. Il
rilassamento profondo è salutare ... permette al corpo di nutrirsi e
guarirsi ... il rilassamento profondo permette alla tua mente di
rinvigorirsi.
Stai respirando profondamente e lentamente ... molto lentamente.

53
Il rilassamento è facile ... tutto quello che devi fare, è lasciarti andare
... semplicemente lasciarti andare ... lascia che il tuo corpo diventi molle
... lascia che i tuoi muscoli si rilassino.
Con il rilassamento profondo arriva la sensazione di pesantezza e
calore ... un piacevole calore... e la calma e il piacere. Ora ti senti più
pesante. Ti stai lasciando andare ... lasciando andare.
Immagina una sfera di luce bianca e calda. Soltanto il vederla ti dà
una sensazione calda e piacevole. Immagina che questa palla di luce
bianca entri nel tuo corpo dai tuoi piedi. Non appena questa luce entra
nel tuo corpo, gli alluci dei tuoi piedi diventano più pesanti ... senti
ognuno degli alluci che si rilassa ... una sensazione di calore penetra nei
tuoi piedi. Ora lascia rilassare i tuoi piedi. Sentili premere sul pavimento.
Ora, questa palla di luce e questa sensazione di pesantezza e calore sale
su attraverso le caviglie ... i polpacci e le cosce. Ora le gambe sono
rilassate.
Questa pacifica palla di luce e questa ondata di rilassamento si sposta
ora nelle anche. La sensazione di pesantezza è piacevole ... e ti senti
beeene. Un profondo, profondo e salutare rilassamento. Semplicemente
lasciati andare ... lasciati andare ... lascia che il tuo corpo si rilassi.
Lascia che corpo e mente raggiungano uno stato salutare e naturale.
Ora, questa palla di luce calda e amichevole penetra nel tuo busto, e
senti un profondo e penetrante rilassamento pervaderti la schiena. Ora i
muscoli della tua schiena sono rilassati ... mooolto rilassati. Senti che si
rilassano e diventano pesanti. Senti le tue spalle curvarsi mentre
diventano sempre più pesanti. Ora, rilassa i muscoli dello stomaco e del
petto. Mentre lo fai, senti la zona del petto diventare più pesante ... e
trascinarti verso il basso sotto la spinta di gravità. Ora il tuo corpo è
completamente rilassato. È meraviglioso ... semplicemente lasciati
andare ... lasciati andare completamente. Tutti i tuoi muscoli interni sono
rilassati.
Ora immagina questa palla di luce calda e intensa scorrere nella tua
testa e nelle tue braccia. Rilassa i muscoli del collo. Senti il tuo collo
diventare più pesante e più rilassato. Conserva il tono muscolare
sufficiente a tenere il collo in una posizione confortevole. Senti questo
rilassamento spostarsi verso il basso attraverso le braccia e le dita ... giù
fino la punta delle dita. Le tue braccia sono completamente rilassate ... le
tue dita sono ora completamente rilassate. Sono molli ... le tue dita sono
molli e pesanti.
Ora permetti a questa sensazione di rilassamento di diffondersi nella
mascella. Senti i muscoli della mascella che si rilassano. Senti la gola e

54
la lingua che si rilassano e tutto il dialogo interiore che si acquieta. E,
infine, senti che anche il tuo cuoio capelluto si rilassa.
Ora sei completamente rilassato ... ogni muscolo ... ogni cellula del tuo
corpo è rilassato. Ti senti a tuo agio ... ti senti soddisfatto. Questo è uno
stato talmente piacevole ... cooosì piacevole ... cooosì rilassante ... cooosì
soddisfacente. Tutto il corpo assapora questa sensazione ... tu assapori
questo stato di profondo rilassamento in stato alfa.
A ogni respiro, ti senti sempre più rilassato. A ogni respiro, ti senti
meglio, più a tuo agio e più felice. Ora immagina una scena piacevole ...
ti vedi sulla spiaggia di una bella isola tropicale. Senti il calore del sole
sul tuo corpo. Senti il calore della sabbia sui piedi nudi. Senti la sabbia
calda che s’infila tra le dita dei piedi quando affondi il piede nella
sabbia morbida e indulgente.
Immagina di essere seduto su una poltrona morbida e lussuosa ... ti
senti completamente a tuo agio ... completamente riposato. Fissi
l’oceano.
L’acqua è calma e tranquilla. Le dolci increspature dell’oceano hanno
lo stesso ritmo del tuo respiro ... un ritmo lento e rilassante. Quando
espiri, fa’ uscire quella piccola parte di tensione che ancora indugiava
nel tuo corpo. Ogni volta che espiri, un altro po’ di tensione si scioglie ed
esce dal tuo corpo. Ogni volta che espiri ... sei sempre più rilassato.
Annusa l’odore dell’aria fresca e salata ... senti il tocco delicato della
brezza tropicale. In lontananza senti i gabbiani ... riesci a vedere i
gabbiani andare su e giù lungo la riva. Senti il sussurro del vento che
passa attraverso le foglie delle palme che costeggiano il mare. Vedi le
sottili palme che ondeggiano dolcemente per la brezza tropicale.
Raccogli un pugno di sabbia e lascialo ricadere sulla spiaggia. Guarda
come cade facilmente e forma un piccolo cumulo. Il cumulo di sabbia non
fa nessuna resistenza ... c’è una totale mancanza di tensione.
I tuoi occhi si deliziano del vivido blu e verde dell’acqua, calda e
limpida nelle secche della barriera corallina. Sei coooosì rilassato ...
ogni muscolo nel tuo corpo è molle ... ogni parte del corpo si sente
pesante e rilassata ... senti un piacevole calore in tutto il corpo che è il
risultato di una circolazione perfetta, senza ostacoli ... dovuta a un
perfetto rilassamento. Crogiolati in questa sensazione ... assapora questo
stato mentale. Renditi conto che è uno stato salutare ... e che il tuo corpo
sta ringiovanendo ... si sta energizzando e … si sta risanando ...
facilmente e senza sforzo.
Ogni volta che ti rilassi ... ogni volta che vai in questo stato che è il tuo
tempio ... il rilassamento diventa sempre più facile. Ogni volta che

55
pratichi il rilassamento profondo, ti rilassi più velocemente e vai in uno
stato mentale più profondo e salutare ... ogni volta le sensazioni sono più
profonde e più piacevoli. Ogni volta che pratichi il rilassamento
profondo, raggiungi un luogo dove sei più equilibrato, più felice e ti senti
più sano.
Rumori e altre distrazioni agiscono solo come segnali per rilassarti
ancora di più. Ogni volta che senti un rumore, vai sempre più nel
profondo del tuo tempio e ti senti sempre più rilassato. Ogni tensione si
scioglie. Sei completamente rilassato ... sereno ... felice ... contento.
In ogni emergenza, sei vigile e attivo. La tua mente subcosciente
riconosce immediatamente una situazione di emergenza e ti riporta
immediatamente a uno stato di allerta.
Sei in un naturale, salutare, stato mentale alfa … aperto a suggestioni
sane e positive. La tua mente accetta solo suggestioni che sono positive,
per il bene supremo tuo e di tutti gli altri.
Puoi tornare a questa sensazione rilassata ... al tuo tempio ogni volta
che pensi alla parola “ALFA”, con l’intenzione di tornare a questo stato
di serenità del corpo e della mente. La parola “ALFA” detta in una
normale conversazione non ha alcun effetto su di te. La parola “ALFA” ha
effetto su di te soltanto quando hai l’intenzione di rilassare
completamente il tuo corpo e la tua mente come hai fatto ora ed entrare
in questo naturale stato della mente.
Ogni volta che vuoi sciogliere le tensioni del tuo corpo ... in qualunque
momento e dovunque desideri diventare più sereno e tranquillo, devi
semplicemente fare in modo che il pollice e l’indice si tocchino. Ogni
volta che vuoi rilassarti, tocca insieme il pollice e l’indice. Associa tutto
questo alla sensazione di calma ... serenità ... rilassamento ... felicità ...
equilibrio ... e al semplice sentirsi bene. Toccare il pollice e l’indice
insieme, ti rilassa. In qualsiasi momento e ovunque tu sia durante il
giorno e vuoi rilassarti ... ogni volta che desideri sbarazzarti della
tensione del tuo corpo, basta che ti tocchi il pollice e l’indice insieme.
Toccarti le dita è un gesto che ti riporta a uno stato di completo
equilibrio.
Ora ti senti magnificamente… ti senti rilassato ... ti senti bene e in
forma ... ti senti ringiovanito ... ti senti riposato e felice, inizia a
ritornare a un completo stato di veglia. Quando senti contare “3” sei in
stato di veglia e i tuoi occhi sono bene aperti. “1 “... ” 2” ... ti senti
riposato e allegro, “3” ... sveglio e vigile!

56
1 The Brain, Time-Life Books; 2 Science of Mind Magazine, p.38, Maggio ‘96
3 Le informazioni su Emile Coué si possono trovare su Web e nel libro di Brooks, elencato nell’Appendice A
4 Questa routine, come le successive, può essere acquistata su www.TheGenieWithin.net. (versione Inglese)
5 Selezione dal CD The Mozart Effect di Don Campbell, autore di The Mozart Effect. 6I CD The Egg of Time e
Child of Dream, Istituto per le Scienze Umane, California
6 I CD The Egg of Time e Child of Dream, Istituto per le Scienze Umane, California
7 Questa routine, in Inglese, può essere acquistata su http://www.thegeniewithin.net/affirmation-cds. Per

informazioni, scrivete a thegeniewithin@roadrunner.com oppure a The Genie Within, 1844 Fuerte Street,
Fallbrook, CA 92028.

57
Lezione Tre

IL VOSTRO SUPER
BIOCOMPUTER

58
Lezione Tre

IL VOSTRO SUPER BIOCOMPUTER


INTRODUZIONE
entre l’attuale generazione dà per scontato il personal computer,

M le sue capacità, al contrario, stupiscono quelli di noi che ne


sono cresciuti senza.
Siamo stupiti per il suo funzionamento alla velocità della
luce, per la sua enorme memoria e la sua capacità di utilizzare molti
programmi complessi contemporaneamente. Altrettanto impressionante
quanto un personal computer, la vostra mente subcosciente, è di gran lunga
meglio di qualsiasi computer possiate acquistare.
Stephen Hawking, in
L’Universo in un guscio
di noce, dice, “gli attuali
computer sono superati
in potenza di calcolo dal
cervello di un misero
lombrico”. Il vostro
cervello è milioni di
volte meglio del cervello
di un lombrico.
Ha più memoria di
quanto ne riuscirete mai
a usare e funziona senza
problemi, tranne qualche
volta quando la mente
cosciente interferisce
con esso. È facilmente
programmabile, sia volontariamente sia involontariamente. A differenza di
ogni computer costruito, è alimentato sia elettricamente, sia chimicamente.
Le informazioni viaggiano lungo i nervi per mezzo d’impulsi elettrici e
saltano attraverso le sinapsi per mezzo di meccanismi chimici. La mente
subcosciente è un biocomputer. Il vostro biocomputer è stato dotato di un
enorme numero di programmi complessi. La maggior parte di essi sono

59
necessari per la sopravvivenza e per sapersi gestire bene nel mondo. Noi
diamo per scontati migliaia di questi programmi, come camminare, correre,
stare fermi e bere un bicchiere d’acqua. Però, molti dei nostri programmi
sono obsoleti e controproducenti, come ad esempio l’impazienza, il
mangiare troppo e l’irritabilità. Esploreremo ora gli aspetti del vostro
personal biocomputer subcosciente.

ARCHIVIO DATI
La memoria della mente cosciente è a breve termine e limitata. I test
dimostrano che la maggior parte della gente non si ricorda più di sette cifre
alla volta.
Al contrario, la memoria della mente subcosciente è virtualmente
illimitata. Un comico ha detto scherzando, “La memoria è la cosa con cui
dimentichi”. Questa cosa è arguta, ma non vera. Ogni sguardo, suono,
contatto, odore ed emozione che avete sperimentato dalla nascita
(probabilmente anche prima) a oggi è nella vostra memoria. Se non riuscite
a ricordare alcuni fatti, non incolpate la memoria, perché questi fatti sono
ancora lì. La colpa è da attribuire al richiamo. Il vostro cervello ha una
capacità di memorizzazione maggiore di quanto riuscirete mai a usare. Ogni
ricordo crea un percorso nel vostro cervello. Il narratore di un
documentario sul cervello in onda sulla PBS disse che nel vostro cervello
ci sono più percorsi per la memoria di quanti sono gli atomi nell’universo!
Se contaste e scriveste il numero di ogni percorso nel cervello su un singolo
atomo, non ci sarebbero abbastanza atomi nell’universo!
Se ricevete dieci fatti nuovi ogni secondo per settanta anni di vita,
ricevete circa 22 x 109 bit di informazioni. Eppure la capacità di memoria è
di circa 22 x 1030 bit di informazioni. È stato stimato che l’intera rete
telefonica mondiale potrebbe essere memorizzata in un’area del cervello
dalle dimensioni di un pisello. Nel 1950, il Dott. Wilder Penfield riferì di
pazienti sottoposti a chirurgia cerebrale senza anestesia. Quando alcune
parti dei loro cervelli erano toccate con una sonda elettrica, i pazienti
ricordavano tutto ciò che avevano sperimentato con la vista, l’olfatto, il
tatto e il gusto durante un particolare evento della loro vita.
Alcuni esempi della capacità della nostra memoria sono indicati qui di
seguito:

William James, quando aveva novanta anni, in un mese imparò


a memoria dodici volumi del Paradiso Perduto di John Milton

60
perché pensava che la sua memoria si stesse indebolendo.
Napoleone era in grado di salutare 1.000 dei suoi soldati con i
loro nomi di battesimo.
James Farley, un politico all’epoca di Roosevelt, era in grado
di salutare per nome 50.000 persone.
Arturo Toscanini era in grado di ricordare ogni nota di ogni
strumento in 100 opere e 250 sinfonie.
Un uomo indiano contemporaneo (ho visto che lo
intervistavano in TV, ma non ho prestato attenzione al suo
nome) è in grado di ricordarsi tutti i numeri che ha visto o
sentito.

OPERA COSTANTEMENTE
La mente subcosciente è sveglia 24 ore al giorno, non dorme mai. È
sveglia anche sotto anestesia. Il Dott. Cheek, un chirurgo di San Francisco,
ha riportato diversi casi su Life Magazine più o meno nel 1970, in cui ha
dimostrato che i pazienti sentivano le conversazioni dei medici durante gli
interventi chirurgici.
Il figlio del Dott. Cheek fu vittima di una di queste conversazioni. Aveva
una malformazione congenita al cuore che gli fu operata. L’operazione
riuscì, ma lui diventò ipocondriaco e asmatico. Utilizzando l’ipnosi sul
figlio, il Dott. Cheek scoprì che durante l’operazione un chirurgo aveva
detto: “... non possiamo sistemarlo”. Mentre stava facendo dei controlli,
uno dei chirurghi disse di aver trovato un altro difetto congenito. Tuttavia
non era grave, non valeva la pena di rischiare per ripararlo e, poiché
sarebbe guarito normalmente, decisero di non intervenire. Ma la mente
subcosciente del figlio, dalla conversazione dei chirurghi, aveva capito che
“... non possiamo sistemarlo” ed era erroneamente giunta alla conclusione
che il suo cuore aveva un grave difetto che non poteva essere riparato.
L’inconscio del ragazzo aveva reagito in conformità a questa sua
convinzione.
Questa accettazione letterale della mente subcosciente ci porta a un’altra
caratteristica del vostro computer subcosciente. La mente subcosciente
capisce le cose in senso letterale e fuori dal contesto.

ALLA LETTERA
La mente subcosciente non ragiona né giudica. Prende tutto alla lettera,

61
fuori dal contesto e senza senso dell’umorismo. Se a qualcuno sotto ipnosi
viene chiesto: “Mi puoi dire la tua età?” La mente logica saprebbe che
l’ipnotista in realtà stava chiedendo l’età, ma la mente subcosciente che
prende tutto alla lettera semplicemente risponde; “Sì, posso”.
Analizzate i seguenti reiterati commenti fatti da genitori e insegnanti.
Anche se possono essere fatti in un modo affettuoso, la mente subcosciente
li prende alla lettera. Considerate inoltre che in età precoce la mente
cosciente non è del tutto efficiente per filtrare questi commenti.

“Tu bambino stupido”, oppure “Sei così stupido!”


“Sei proprio un cattivo bambino”.
“Tu sciocco”.
“Ma non impari mai?”
“Non ne fai una giusta”.
“Devi mangiare tanto per stare bene”.

Un fenomeno chiamato “linguaggio dell’organo” è l’esempio che la mente


subcosciente prende le parole alla lettera. Il linguaggio dell’organo si
riferisce a una malattia derivante da una forte emozione che è bloccata in
una zona del corpo. Alice Steadman tratta questo fenomeno nel suo libro,
Who’s the Matter with Me, il cui supporto scientifico può essere trovato
negli studi pubblicati nel nuovo campo della psico-neuroimmunologia.
Esempi del linguaggio dell’organo sono:

“Questo mi dà in testa”.
“Oh, la mia schiena dolorante”.
“Questo mi fa solo star male”.
“Mi spezza la schiena”.
“Non posso reggerlo”.

Normalmente queste affermazioni non hanno alcun effetto su una persona;


ma possono avere un effetto importante quando sono ripetuti continuamente
o dichiarati con forte emozione. Lecron cita1 un caso in cui un paziente
aveva un cattivo sapore in bocca e stava perdendo così tanto peso che la
sua salute ne stava risentendo. I medici non riuscirono a trovare un motivo
per il cattivo sapore. Durante l’analisi, Lecron scoprì che l’uomo era stato
chiamato come testimone in un processo. Se avesse testimoniato al
processo, l’imputato, che era il suo miglior cliente, sarebbe stato giudicato
colpevole. Non dovette testimoniare, ma l’episodio gli lasciò un “cattivo
sapore in bocca”.

62
Carl G. Jung riportò un caso in cui un paziente asmatico, “Non riusciva a
respirare l’aria che c’era in casa”, e un paziente con indigestione cronica,
“Non riusciva a digerire una certa situazione”. Il Dott. Bernie Siegel ha
riportato un caso2 di una paziente che aveva subito una mastectomia e che
doveva “levarsi un peso dal petto” dopo una lunga e amara controversia
con la sorella.
Sylvia Browne, in uno dei suoi best-seller3, descrive un uomo che stava
morendo per le ulcere sanguinanti e che ripeteva, “Non riesco più a digerire
la vita”.
Sylvia Browne racconta anche una storia sua personale. Ebbe
un’infezione alla vescica in un momento in cui la sua famiglia, “L’aveva
letteralmente cacciata via4”.

ACCETTA OGNI COSA COME


VERA E REALE
Psicologi clinici e sperimentali hanno dimostrato che il sistema nervoso
dell’uomo non riesce a capire la differenza tra un’esperienza reale e una
puramente immaginaria. I Dottori J.C. Eccles e Sir Charles Sherrington,
grandi conoscitori della fisiologia del cervello, affermano che: “Quando
s’impara qualcosa, viene impostato nel tessuto cerebrale un modello di
neuroni che formano una catena. Questa catena, o modello elettrico, è il
modo con cui il vostro cervello ricorda. Quindi, poiché la mente
subcosciente non può distinguere un’esperienza vera da una immaginaria,
una corretta pratica mentale può cambiare e correggere precedenti modelli
elettrici imperfetti, abitualmente incisi a un basso livello di qualità”.
Questo significa che potete apprendere e migliorare le abilità fisiche e
mentali esercitandovi mentalmente. Il vantaggio di usare l’immaginazione è
che non fate mai il movimento o l’azione sbagliata (il modello neurologico).
La pratica reale, al contrario, non è perfetta e spesso rafforza i modelli
neurologici errati.
Sono stati riportati esperimenti in cui a tre gruppi di principianti è stata
insegnata una nuova abilità con tre metodi diversi. Durante un esperimento,
ai soggetti fu insegnato a lanciare freccette, un’abilità non molto diffusa fra
gli Americani. Un gruppo seguiva le lezioni sull’arte di lanciare le
freccette. Un secondo gruppo lanciava le freccette. Il terzo gruppo si
esercitava soltanto con l’immaginazione. I componenti del terzo gruppo,
stavano seduti su comode poltrone mentre veniva letta una routine di

63
rilassamento, e poi mentalmente si esercitavano in un lancio perfetto di
freccette, che colpivano il centro a ogni tiro. Dopo che ciascuno dei tre
gruppi si fu esercitato per lo stesso periodo di tempo, il gruppo che aveva
usato la pratica mentale riuscì sempre al pari o meglio, degli altri due.
Scienziati russi fecero un esperimento più preciso. Quattro gruppi di
atleti russi furono addestrati facendo uso di rapporti tra pratica fisica e
mentale prestabiliti nel modo seguente:

Dopo un determinato periodo di formazione, il gruppo n. 1 arrivò al 4°°


posto, il gruppo n. 2, al 3°° posto, il gruppo n. 3, al 2°° posto e il gruppo n.

64
4 arrivò al 1 posto.
Ad oggi la visualizzazione è uno standard nella preparazione atletica.
Naturalmente, è necessario anche l’allenamento fisico. Gli atleti si allenano
sia fisicamente sia mentalmente per ottenere il risultato ottimale. Altri
racconti sull’importanza della pratica mentale si possono trovare in The
Ultimate Athlete, di George Leonard. L’uso della visualizzazione non è
limitato allo sport. È usato con successo anche per i colloqui di lavoro,
nelle vendite, nei discorsi pubblici, ecc. Immaginatevi mentre state facendo
un colloquio di lavoro perfetto, immaginate di ottenere il lavoro.
Immaginate di tenere un discorso a mille persone felici e di sentirvi a
vostro agio mentre parlate e immaginate il pubblico in piedi che applaude
al termine del vostro discorso.

IL VOSTRO BIOCOMPUTER MANOVRA


IL ROBOT PIU’ FENOMENALE MAI
CREATO
– IL VOSTRO CORPO
Mentre la mente cosciente può fare soltanto una cosa alla volta, la mente
subcosciente può fare migliaia di miliardi di cose contemporaneamente.
Pensate a cosa ci vorrebbe per costruire un computer che dovesse
controllare un robot che faccia tutte le cose che fa il vostro corpo. Un
computer non riuscirebbe a svolgere nemmeno la minima parte dei compiti
che svolge la vostra mente subcosciente in ogni secondo della vostra vita.
Regola la maggior parte dei processi che avvengono nel corpo ogni
secondo e li influenza tutti in un modo o nell’altro. Alcuni esempi di questi
processi sono: la digestione, la guarigione da malattie, la riparazione di
fratture ossee, il sistema immunitario, il controllo della temperatura, la
frequenza cardiaca, la respirazione, la riproduzione (ma nessun computer
potrà fare un bambino) e il coordinamento muscolare. Oltre a tutto ciò,
comunica con ogni cellula del vostro corpo. Le funzioni degli organi
menzionati sopra sono solo una minima parte del tutto. Tutti i libri scritti
sulla biologia e medicina lo testimoniano.
È importante notare che la mente subcosciente svolge queste migliaia di
miliardi di funzioni senza sforzo. Le svolge facilmente, passivamente e
senza sforzo.

65
SOFTWARE
I programmi software, spesso chiamate “cassette”, nel computer della
vostra mente subcosciente comprendono le vostre abitudini, i concetti,
l’immagine di sé e i riflessi condizionati. Tutti noi reagiamo in base ai
nostri programmi quando qualcuno o qualche stimolo preme i nostri bottoni.
Le abitudini sono un modo per eseguire processi complessi facilmente,
automaticamente e senza pensiero cosciente.
Esse possono essere utili ad esempio per:

Tendere un arco,
Guidare una macchina,
Giocare a golf,
Ecc.

Ci sono anche quelle dannose, come:

Fumare,
Avere maniere rudi,
Mangiare troppo,
Eccessi d’ira,
Impazienza,
Ecc.

La maggior parte di queste abitudini sono state programmate in tenera età


e non ne siete consapevoli.
Quando siete nati, la maggior parte del vostro software esistente si
trovava nel vostro cervello rettile. Siete nati con programmi che
controllavano la frequenza cardiaca, la temperatura corporea, la
respirazione, la capacità di succhiare e le altre funzioni di base necessarie
per mantenervi in vita. Il resto del vostro cervello era in gran parte vuoto.
Quindi, era come un computer nuovo con solo il linguaggio di base che vi
permette di installare tutti quei programmi che rendono utile un personal
computer.
La programmazione iniziale del cervello è stata spiegata in un articolo
che riassume la ricerca attuale e il pensiero degli esperti. Di seguito una
sintesi dell’articolo.
Il cervello di un bambino inizia come un semplice guazzabuglio di
neuroni. Ogni input proveniente dai cinque sensi comincia a formare
programmi. I programmi nella mente subcosciente si evolvono

66
progressivamente. Per esempio, s’impara a rotolare, poi s’impara a
camminare a quattro zampe, a camminare normalmente, a correre, a
sollevare un bicchiere di latte e berlo senza versarlo, ecc. Ognuna di queste
attività già di per sé è un programma enorme. Anche solo stare eretti
richiede un programma complesso.
La criticità nell’installazione di questi programmi è che c’è una “finestra
temporale”. Dopo che la finestra è chiusa, i limiti impostati diventano
difficili da superare. Gli esperti sostengono che circa la metà delle cellule
cerebrali di un bambino di cinque anni muoiono per inutilizzo. Ci sono
numerose e basilari finestre temporali durante lo sviluppo. In particolare, la
matematica e la logica, la vista, il lessico, il linguaggio, le abilità sociali e
le capacità motorie.
La finestra per la matematica e la logica dura dalla nascita ai quattro
anni. Anche l’apprendimento di un concetto semplice come “uno” contro
“molti”, aiuta ad ampliare questo potenziale invisibile di programmazione.
La finestra per la vista va dalla nascita ai due anni. Questo concetto fu
dimostrato nel 1970 quando gli studiosi cucirono un occhio ad alcuni gattini
appena nati. Quando gli occhi cuciti furono aperti dopo solo due settimane,
l’occhio cucito era cieco e la vista non fu mai sviluppata perché i neuroni
designati per la vista erano stati utilizzati per qualcos’altro.
In un altro esperimento, i ricercatori allevarono tre gruppi di gattini. Un
gruppo fu messo in una stanza con sole strisce orizzontali, un gruppo in una
stanza con sole strisce verticali e un altro in una stanza normale. Una volta
tolti da queste stanze, i gattini cresciuti nella stanza a strisce orizzontali
riuscivano a vedere soltanto oggetti orizzontali. Cioè, potevano sbattere in
una gamba del tavolo, ad esempio, perché non lo vedevano. Il gruppo
allevato nella camera a strisce verticali non riusciva a vedere gli oggetti
orizzontali. Non avrebbero sbattuto nella gamba del tavolo, ma sarebbero
andati contro il tavolo se fosse stato abbastanza basso, perché non
vedevano gli oggetti orizzontali. Il terzo gruppo, cresciuto in un ambiente
normale, era normale.
La finestra di sviluppo del vocabolario è a tre anni. Anche se ascolta le
parole un bambino non le capisce ma, ascoltando queste parole nuove, si
formano i tracciati neuronali che ampliano il potenziale dell’apprendimento
successivo.
La finestra per il linguaggio va dalla nascita ai dieci anni. Si noti come i
bambini imparano in fretta una nuova lingua rispetto agli adulti. Inoltre, a
meno che i bambini non imparino la nuova lingua in età molto precoce,
quasi certamente parleranno in quella lingua con un accento per tutta la vita.
Molto probabilmente, la finestra più importante è la finestra emotiva, che

67
va dalla nascita ai soli due anni.
Pensate. Il vostro quoziente emotivo è
più o meno cablato nei primi due anni di
vita. Questo spiega perché alcuni adulti
agiscono in modo infantile in situazioni
emotive. La mente subcosciente è stata
cablata durante la finestra emotiva.

La finestra per lo sviluppo


motorio è a cinque anni. I ricercatori
hanno preso come punto di
riferimento un esperimento in cui la
mano di una scimmia neonata era
stata legata in modo che potesse
usare solo un dito. Quando la finestra
dell’apprendimento si chiuse, la
mano della scimmia fu slegata ma
non imparò mai a usare le altre dita.
Le cellule del cervello destinate alle
dita inutilizzabili erano state utilizzate per qualcos’altro durante la finestra
di sviluppo motorio.
Un esempio attuale di sviluppo motorio è Andre Agassi, che è stato, a
fasi alterne, il tennista numero uno al mondo. Andre è in grado di cambiare
la strategia di gioco grazie ai suoi rapidi riflessi e alla capacità di colpire
la palla in anticipo e in elevazione. Ciò richiede eccezionali riflessi e
coordinazione occhio/mano. Andre è anche considerato il migliore di tutti i
tempi nei servizi di ritorno.
La programmazione di Andre cominciò quando aveva soltanto un paio di
settimane. Suo padre gli faceva dondolare sopra la testa una palla appesa a
una corda e, quando Andre fu abbastanza grande da riuscire a tenere in
mano qualcosa, gli diede una racchetta da far oscillare. Il padre di Andre
pose le basi per la creazione di un grande potenziale di sviluppo motorio
nella sua mente subcosciente. Questo concetto delle finestre di
apprendimento mostra l’importanza di far conoscere ai bambini una varietà

68
di giocattoli, di colori, suoni, conversazioni, luoghi ed esperienze.
Naturalmente, questi limiti di programmazione non sono assoluti, ma
superarli può essere difficile. Una ricerca più recente ha dimostrato che
queste finestre possono durare più a lungo e che il modo in cui i nostri
cervelli sono cablati durante la nostra adolescenza, determinerà i nostri
comportamenti da adulti.
Perciò da adulti, molto probabilmente, abbiamo nella nostra mente
subcosciente numerosi programmi e concetti negativi, che si sono sviluppati
prima del nostro ventesimo compleanno. E molti di essi sono stati
impiantati da altri, cioè dai nostri genitori, dai parenti, da insegnanti,
coetanei, TV, società e forse anche dai videogiochi violenti. Purtroppo,
molti di questi programmi e concetti sono controproducenti. Consideriamo
gli esempi seguenti:

Fumo,
Eccesso di cibo,
Scarsa salute,
Scarsa immagine di sé,
Le ragazze sono scarse in matematica,
Tutti prendono il raffreddore,
“No, non puoi fare questo”, o “Non sarai mai in grado di fare
questo”.

Ricorda. La mente subcosciente prende tutto per vero e alla lettera.


Spesso i genitori in buona fede ma ripetutamente dicono ai loro figli:

“Sarai una cicciona”


“Sei molto sciocco”,
“No, non puoi farlo”
“Sei un bambino cattivo”,
“Sei una ragazza, non puoi essere brava in matematica”.

Alcuni genitori o insegnanti sbadati potrebbero programmare giovani e


malleabili menti subcoscienti con frasi del tipo:

“Sarai sempre un buono a nulla”


“Non avrai mai successo”
“Non impari mai?”
“Sei un bambino (o bambina) cattivo/a”.
“Non ti laureerai mai”

69
Queste affermazioni negative non avranno nessun effetto se dette al
bambino solo poche volte. Ma se sono ripetute, soprattutto in situazioni
emotive, è probabile che siano assorbite dal subconscio. Uno studioso ha
calcolato che a un bambino viene detto “No” 148.000 volte durante i suoi
primi anni di vita. Nessuna meraviglia per i tanti bambini con un potenziale
limitato senza nessuna necessità.

RIFLESSI CONDIZIONATI
A volte reagiamo in
maniera irrazionale e non
sappiamo il perché.
Spesso è dovuto a un
riflesso condizionato di
cui non siamo
consapevoli. Ricordatevi
il classico esperimento
eseguito da Pavlov.
Quando Pavlov mostrava
a un cane affamato del
cibo, il cane cominciava
a salivare. Ogni volta
che Pavlov mostrava il
cibo al cane, suonava
anche un campanello.
Dopo alcune volte, il
cane fu condizionato dal
campanello.
In seguito Pavlov
doveva soltanto suonare
il campanello e il cane cominciava a salivare. Il suono di un campanello e
la salivazione di norma non sono correlati.
Ecco alcuni esempi riguardanti casi di riflessi condizionati:

Una donna adulta detestava gli spinaci. Sotto ipnosi, ricordò


che quando aveva un anno, stava mangiando spinaci sul
seggiolone, quando suonarono il campanello. Il loro pastore
tedesco cominciò ad abbaiare e andando verso la porta urtò
contro il seggiolone. Pensando che la bambina si fosse fatta

70
male, la madre si mise a
piangere e a urlare. Ci fu
il caos, il rumore, una
botta in testa.
L’esperienza fu
emotivamente molto
intensa. Questa
esperienza traumatica
l’aveva condizionata
all’avversione verso il
cibo che stava
mangiando nel momento
in cui si era verificato lo
spiacevole incidente.
Pensate che un incidente
simile potrebbe essere
accaduto a un ex-
presidente cui non
piacciono i broccoli e
non sa perché?
Un altro paziente aveva
paura dell’oceano. Si scoprì che in tenera età era sulla
spiaggia, quando i bagnini portarono lì una persona morsicata
da uno squalo. Quell’orrenda visione gli suscitò una così forte
emozione che lo condizionò alla paura dell’oceano.
Questo esempio è stato riportato in Psychotherapy, Agosto
1974. Un giovane fu sculacciato dopo una discussione tra i suoi
genitori. Le sue emozioni erano associate al suo sforzo per
trattenere il singhiozzo nel petto. Durante le liti successive,
anche senza la sculacciata, il suo petto ricordava l’accaduto.
Le emozioni erano state bloccate a livello del petto e il
giovane cominciò a soffrire di asma.

Ognuno di noi ha migliaia di programmi nella mente subcosciente. La


maggior parte di essi sono utili e anche essenziali, ma molti sono
controproducenti per una vita felice. Nelle lezioni successive imparerete a
superare questi programmi controproducenti.

PROCESSO INDUTTIVO: RICERCA

71
DELL’OBIETTIVO
Il vostro computer subcosciente prende i pensieri dalla mente cosciente e
li elabora in maniera induttiva per giungere a una conclusione. Opera
partendo dallo specifico al generale. La mente subcosciente è un computer
CERCA-OBIETTIVI. La mente subcosciente agirà per raggiungere tutti
gli obiettivi che si è prefissata, sia che l’obiettivo sia stato pensato a lungo,
o sia casuale, o fornito da una fonte esterna.
Ecco perché monitorare ciò che alimenta la mente subcosciente è
importante. Avete mai detto a voi stessi: “Sono uno stupido”? Se ve lo siete
detti molte volte e con emozione, il vostro genio ha risposto dicendo: “Sì,
padrone, posso farti sembrare stupido. Nessun problema. Posso farlo
facilmente e senza sforzo”. Allora, diciamo, stavate facendo un test su un
argomento che conoscevate benissimo, ma durante il test avete avuto un
vuoto di memoria. Potrebbe essere stato semplicemente perché la mente
subcosciente ha obbedito al vostro comando?
Vi siete mai detti di essere degli incapaci? Il vostro genio vi ha risposto
dicendo: “Sì, padrone. Posso farti agire da incapace. È facile e non ci vuole
molta fatica”. Poi, senza motivo, avete sbagliato o mancato una palla facile
e vi siete sentiti in imbarazzo.
Vi siete mai detti di essere timidi e impopolari? Se ve lo siete detti
spesso e con emozione, il vostro genio ha risposto: “Sì padrone, posso farti
diventare timido e impopolare facendoti comportare in modo poco
socievole. Nessun problema. È facile e non richiede sforzo. Non
preoccuparti. Lo farò subito per te”.
Poi, dopo esservi comportati come degli idioti, chiedete a voi stessi,
“Perché ho agito in quel modo?” Bene, ora sapete perché. Lo avevate
chiesto voi; lo avevate programmato voi.
Il Dott. Maxwell Maltz, un chirurgo plastico, ha scritto un classico su
questo tema, PsicoCibernetica. Il Dott. Maltz si accorse che quando
correggeva lineamenti particolarmente brutti, i suoi pazienti si
comportavano in uno dei seguenti due modi. Alcuni modificavano la loro
personalità e diventavano più estroversi e avevano più successo. Alcuni, al
contrario, non avevano cambiamenti. Avevano ancora un complesso
d’inferiorità ed erano destinati al fallimento.
Il Dott. Maltz in seguito scoprì che poteva cambiare l’atteggiamento dei
pazienti che si sentivano inadeguati e orientati al fallimento senza intervento
chirurgico. Arrivò alla conclusione che le azioni, i sentimenti, i
comportamenti e persino le abilità, sono coerenti con l’immagine che

72
ognuno ha di sé. Di conseguenza, se si modifica l’immagine, si modifica
anche la personalità e il comportamento! In altre parole, uno si comporta
secondo il tipo di persona che crede di essere. La chiave per il
cambiamento della personalità non è fisica, ma è l’immagine che si ha di sé.
Il Dott. Maltz continuò dicendo che il cambiamento non è fatto
dall’intelletto, né dall’intelligenza, il cambiamento è determinato
dall’esperienza. Ricordate, per la mente subcosciente l’esperienza reale
vale quanto l’immaginazione. La mente subcosciente non riconosce la
differenza tra la realtà e la non-realtà. Accetta ciò di cui è nutrita. Così
come nel detto: “Sei quello che mangi”; “Sei anche ciò che pensi!” Pensate
all’immagine di voi stessi come se fosse il software del vostro cervello, e
al sistema nervoso come se fosse il vostro hardware. Di conseguenza,
usando il linguaggio del computer, l’output è il vostro corpo e la vostra
personalità.
La mente subcosciente è un computer cerca-obiettivi e cercherà
basandosi su quello di cui la nutrite. Ci sono dozzine di libri su questo
argomento. Un classico è “Sei come Pensi di Essere’’ di James Allen. Non è
molto importante ciò che si è. Più importante, è ciò che si pensa di essere.
Se pensate sempre al successo, la mente subcosciente vi guiderà verso il
successo. Se avete continuamente pensieri d’amore, la mente subcosciente
vi porterà verso relazioni amorevoli.
William James ha detto: “La più grande rivoluzione nella nostra
generazione è la scoperta che gli esseri umani, modificando gli
atteggiamenti delle loro menti, possono modificare gli aspetti esteriori della
loro vita”.

OBIETTIVI
I vostri obiettivi devono essere chiari, altrimenti la mente subcosciente si
confonderà. Se passate da un obiettivo a un altro, il vostro sforzo sarà
inefficace e controproducente. Per mantenere i vostri obiettivi chiari e ben
meditati, dovete scriverli. Tenetevi un registro. Una lista di obiettivi a
breve, medio e lungo termine. I suggerimenti comprendono:

Un lavoro migliore
Immagine di sé stessi
Un posto migliore dove vivere
Una nuova casa
Indipendenza economica

73
Capacità Mentale
Capacità Fisica
Salute

Rivedete e modificate gli obiettivi con regolarità. Vi suggerisco di


rivederli ogni volta che ci pensate, anche se solo per pochi secondi.
Rivedeteli mentre siete in stato alfa. Per l’intero ripasso ci vorranno
soltanto pochi secondi. Non condivideteli con nessuno. È probabile che
avreste un feedback negativo da amici e familiari che, pur se ben
intenzionati, vi ricorderebbero che non potete fare questo, essere quest’altro
oppure ottenere quello. Potreste anche farvi pressione da soli per riuscire,
al fine di non apparire stupidi. Tale pressione ostacolerebbe il vostro
successo.

AMMONIZIONI
Siate sicuri che siano i vostri obiettivi. Obiettivi che possano rendervi
felici, senza rendere infelici altri. Accertatevi che ogni obiettivo secondario
conduca alla meta finale. Il vostro obiettivo finale dovrebbe essere
qualcosa del tipo: serenità, salute e armonia nella vostra vita, la felicità e
l’autorealizzazione. Emerson ha detto: “State attenti a ciò che desiderate
con tutto il vostro cuore (mente subcosciente), perché sicuramente lo
otterrete”. Il vostro primo pensiero riguardante un obiettivo potrebbe essere
quello di fare un sacco di soldi. Facendo un sacco di soldi però, potreste
perdere i vostri amici, la vostra famiglia e la salute. Diventereste ricco ma
infelice e solo. Quindi fare un sacco di soldi potrebbe non essere
l’obiettivo più bello per voi. Pensate ai vostri obiettivi attentamente e con
equilibrio. Tenete sempre un elenco, chiaro e definito cui poter fare
riferimento (in stato alfa).

RIEPILOGO DELLE CARATTERISTICHE


IMPORTANTI DELLA MENTE
SUBCOSCIENTE
1. Non distingue la realtà dall’immaginario.
2. È sempre alla ricerca di obiettivi.
3. Può essere controllata dalla mente cosciente.
4. Comunica per immagini e sentimenti.

74
5. La comunicazione con la mente subcosciente si migliora con
l’emozione.
6. Lo stato alfa apre la porta alla mente subcosciente.
7. Tenete alla larga la mente cosciente:
Non fate nessuno sforzo
Praticate un’accettazione distaccata
Lasciate andare!

ESERCIZIO

IMMAGINE di SÉ
Dividi un pezzo di carta in due colonne verticali. Denomina la colonna
sinistra “Immagine di sé” e la colonna destra “Visualizzazione”. Elenca
nella colonna di sinistra tre caratteristiche che vorresti avere. Lascia dello
spazio tra loro. Nella colonna a destra, fai l’elenco di ciò che faresti se tu
avessi quel tipo di caratteristiche.
Ecco un esempio:

VISUALIZZARE l’IMMAGINE di SÉ
• Carismatico Le persone mi ascoltano
Le persone mi seguono
Parlo a un vasto pubblico
• Eccellente Parlo a un grande gruppo
Intrattenitore Presento un talk show
• Di successo Guido la mia auto di lusso
Sono presidente di un’azienda
Vinco un trofeo
Tenete questo pezzo di carta sul comodino. Prima di addormentarvi,
guardate la lista e visualizzate voi stessi come se aveste già queste
caratteristiche. Immaginatevi mentre state svolgendo quelle attività e siete
quella persona. Non pensateci durante il giorno salvo che siate in stato alfa.
Ora che avete affidato gli obiettivi al vostro genio, egli si adopererà
affinché li possiate realizzare con successo, facilmente e senza sforzo.

75
CONDIZIONAMENTO TETA —
ESERCIZIO
Lo stato teta è associato alla meditazione profonda con improvvise
intuizioni, in cui la soluzione di un problema o uno sforzo creativo è spesso
visualizzato nella sua interezza. In letteratura ci sono molti esempi di
persone che stavano lavorando inutilmente a un problema fino a che
lasciavano perdere (consapevolmente), facevano una passeggiata oppure un
bagno caldo, o s’impegnavano in qualche altra attività rilassante che non li
faceva più pensare a quel problema. Mentre erano rilassati in quello stato
meditativo, la soluzione veniva loro in un lampo. Molti esempi sono
descritti nel libro Higher Creativity, di W. Harman e in altri libri.
Il famoso artista surrealista Salvador Dalì si sedeva su una seggiola per
rilassarsi fino a entrare in stato teta dove riusciva a vedere le immagini
surreali che poi dipingeva.
Dalì teneva un qualche oggetto in mano così che quando raggiungeva lo
stato ispiratore, la sua presa si rilassava e l’oggetto cadeva. Il rumore lo
avrebbe riportato in uno stato nel quale egli poteva ricordare le immagini
visualizzate in stato teta.
Non è necessario che vi diate tutta questa pena per entrare in stato teta.
Potete condizionarvi ad andare in teta quando volete praticando l’esercizio
seguente. Comunque, prima di eseguire questa routine, diventate esperti
nell’andare in alfa usando l’esercizio della Lezione Due.5

ROUTINE TETA “IL GIARDINO


ISPIRATORE”
Mettiti comodo.
Solleva lo sguardo verso l’alto di circa 20 gradi. Guardare in alto è
stancante quindi permetti ai tuoi occhi di chiudersi.
Sei sempre consapevole di quello sto dicendo.
Permetti a te stesso di rilassarti ... permettiti di abbandonare ogni
tensione. Il rilassamento ti fa bene ... perciò lasciati semplicemente
andare ... lasciati semplicemente andare e rilassati. Immagina di essere
un pallone che qualcuno ha gonfiato ancora e ancora, tanto che il
pallone è teso e sembra sul punto di esplodere. C’è una valvola vicino
alla tua mano. Aprila e guarda mentre ti sgonfi lentamente. Giù ... giù ...

76
giù finché non sei completamente sgonfio e completamente rilassato. Il
rilassamento è associato a una sensazione di pesantezza e di calore.
Ora senti che il tuo corpo diventa più pesante ... e senti una piacevole
ondata di calore attraversare il tuo corpo ... ora le tue gambe sono
rilassate ... completamente rilassate ... il busto è rilassato ...
completamente rilassato ... le tue braccia sono rilassate e molli ... senti il
peso del tuo corpo. Ora la testa e il collo sono rilassati ... mantengono
solo il tono muscolare necessario a tenere la testa in una posizione
confortevole. Ora immagina di essere un sacco di cemento. Senti come sei
pesante. Senti il sacco che spinge giù, sempre più giù.
Ora mentalmente conta 3 ... 2 ... 1 ... e mentalmente pronuncia e
visualizza la parola “ALFA”. Ora sei in uno stato mentale sano, naturale,
in uno stato in cui la tua mente subcosciente accetta prontamente i
suggerimenti sani e positivi, suggerimenti che sono solo per il tuo bene e
per il bene supremo dell’umanità.
Ora stai entrando in un naturale stato mentale ancora più profondo.
Conta mentalmente alla rovescia da 5 a 1 e mentre conti alla rovescia
lasciati andare sempre più in profondità in questo stato naturale,
rilassato e salutare ... 5 ... scendendo sempre più profondo ... 4 ... sempre
più rilassato ... permetti alla tua mente di rilassarsi e scivolare sempre
più in profondità nello stato mentale teta ... la mente gode di questo
profondo stato di rilassamento e serenità. Permetti alla tua mente
cosciente di essere solo un osservatore ... 3 ... sempre più lento, più
profondo, più profondo ... 2 ... sentiti in pace e riposato ... 1. Ora sei nello
stato teta. La tua mente è creativa e vede le cose in senso globale. Stai
andando a fare una piacevole passeggiata. Sei su un sentiero piano,
soffice e ricoperto di soffici cortecce d’albero. Il sentiero si snoda in
tornanti e davanti a te vedi una siepe. C’è un’apertura nella siepe e il
sentiero passa attraverso quell’apertura. Mentre passi lentamente
attraverso l’apertura nella siepe, ti trovi davanti al più bel giardino che
tu abbia mai visto, c’è una profusione di fiori, ed è sistemato alla
perfezione, con disegni geometrici molto gradevoli da vedere. Lentamente
ti guardi intorno e osservi il mare di fiori. Alcuni hanno colori vivaci,
alcuni hanno colori tenui ... ma sono tutti belli ... assolutamente
splendidi. Ci sono fiori di tutti i tipi e colori ... rosso, vermiglio scuro ...
rosa delicato. Fiori blu, blu scuro ... blu ceruleo, azzurro e smeraldo.
Altri, gialli vivaci e verdi primavera ... verdi scuro e alcuni di color verde
oliva. Tutti i colori dell’arcobaleno ... tutte le tonalità ... verdi, rossi,
gialli, blu e indaco, arancio e violetti. Alcuni fiori hanno petali grandi...
larghi e piatti come lo scafo di una nave...

77
Alcuni fiori sono piccoli e aggrovigliati... appaiono delicati, ma in
qualche modo tu sai che sono forti. Puoi osservare in dettaglio questi
piccoli fiori... splendidi petali minuti.
Stare in questo giardino è fonte d’ispirazione. Essere qui in questo
giardino ti riempie di stupore... la bellezza è travolgente. Stare qui ti fa
venire il desiderio di creare. Tutti dovrebbero poter godere della vista di
questo giardino. Essere in questo regno di verità e bellezza ti fa venire
l’ispirazione a scrivere una poesia... o una storia... o a dipingere un
quadro... a esprimere in qualche modo le sensazioni del momento... nel
modo che tu ritieni giusto. Forse il tuo modo di esprimerti può essere
aiutare qualcuno... fare una buona azione... fare un favore a qualcuno.
Saprai come esprimere te stesso... felicemente... senza fatica... con gioia.
Ognuno di questi fiori rappresenta qualcosa per te. Alcuni
rappresentano un’idea... o un concetto. Alcuni fiori rappresentano parti
di una storia o parti di un bel quadro. Altri rappresentano parti di un
discorso o di un sermone. Altre rappresentano azioni che si possono
compiere per il bene altrui.
Questi fiori sono infiniti. Più ne raccogli, più ne fioriscono e crescono.
Puoi raccogliere tutti i fiori che desideri. Vai avanti e raccogli dei mazzi
di fiori. Raccogline dei grandi mazzi. Puoi raccogliere tanti mazzi quanti
vuoi. E puoi sempre ritornare qui per raccoglierne altri. Li trovi sempre
qui. In inverno, in primavera, in estate, oppure autunno — questi fiori
crescono tutto l’anno. Essi aspettano che tu li venga a prendere...
vogliono che tu li venga a prendere perché questo è il motivo per cui essi
sono qui … a tuo beneficio... per il tuo bene... per aiutarti a soddisfare le
tue urgenze creative.
Ora con attenzione raccogli i tuoi bouquets sotto le braccia e tienine
alcuni in mano. Puoi anche mettere alcuni fiori fra i capelli se lo
desideri. Tienili delicatamente … poiché sono preziosi … Essi sono i tuoi
desideri tramutati in realtà … in scritti … in storie … in poemi … in
dipinti … in lavori di cucito o ricamo … in atti gentili … in qualunque
cosa tu crei. Perché tu sai creare … sai produrre … stai creando proprio
ora.
Quindi mentre ritorni allo stato di veglia, porta questi bouquets con te.
Sono tuoi per sempre... sono tuoi da usare... da godere per te stesso o da
condividere con gli amici... o da condividere con tutta l’umanità.
Sono tuoi da usare esclusivamente per il tuo bene supremo e per il bene
supremo dell’umanità.
Puoi tornare in questo giardino ogni volta che vuoi. Basta contare
all’indietro da 5 a 1 e visualizzare la parola “TETA”. Ora sei

78
condizionato per tornare quando vuoi. Basta contare da 5 a 1 e
mentalmente visualizzare e mentalmente dire a te stesso, “TETA”. Nella
normale conversazione la parola “teta” non ha alcun significato
particolare. Solo quando hai il desiderio di tornare in “TETA” la parola
ha questo effetto. Man mano che ritorni allo stato teta, diventa più facile
per te farlo. Ogni volta che mentalmente dici la parola “TETA”, entri
velocemente in questo stato. Più volte entri in “TETA”, e più è facile per
te farlo.
Ora, lentamente, comincia a tornare “sveglio”. Quando arrivi a 5, sei
sveglio e riposato e ti senti rinvigorito. 1 ... ispirato e creativo ... 2 ...
rinvigorito ... 3 ... sensazione di felicità ... 4 ... sei completamente sveglio.

1 Self-Hypnotism: The Technique and Its Use in Daily Living


2 Bernie Siegel. Pace, amore e benessere, Frassinelli, 1990
3 Psychic’s Guide to the Other Side;
4 ”Your Child’s Brain,” - Sharon Begley, Newsweek, pp.55, February,1996.
5 Questa routine, in Inglese, può essere acquistata su http://www.thegeniewithin.net/affirmation-cds. Per
informazioni, scrivete a thegeniewithin@roadrunner.com oppure a The Genie Within, 1844 Fuerte Street,
Fallbrook, CA 92028.

79
Lezione Quattro

Le LEGGI della
Mente Subcosciente

80
Lezione Quattro

LE LEGGI DELLA
MENTE
SUBCOSCIENTE
INTRODUZIONE
er ottenere soluzioni matematiche corrette, bisogna rispettare delle

P leggi. Occasionalmente si ottiene un risultato corretto anche senza


rispettarle, ma non accade spesso. La stessa cosa vale per la mente
subcosciente.
Mi piacerebbe
affermare che,
attenendovi alle
leggi della mente
subcosciente
esposte in questa
lezione, avrete
sempre successo,
ma nessuno
potrebbe fare una
simile promessa.
Tuttavia posso
affermare che se
non rispetterete le
leggi esposte qui,
avrete molto
meno successo di
quanto ne avreste
rispettandole. Alcune di esse sono semplici e la loro spiegazione è breve.
Non le infioretterò solo per rendere la sezione più lunga e farla apparire
più importante.

RIPETERE RIPETERE RIPETERE


81
I programmi nuovi che sono stati accettati dalla mente subcosciente
devono essere alimentati. Quando si programma la mente subcosciente, è
necessario ripetere spesso il condizionamento fino a quando non sia
totalmente accettato. Dopo che il programma è stato accettato, va
periodicamente ripetuto per assicurarsi che resti dominante.

EMOZIONE
L’aggiunta di un’emozione a una suggestione la rende più efficace.
L’emozione é il potere nella mente subcosciente. Dovete utilizzarla per
avere successo durante la programmazione.

TEMPO PRESENTE
La mente cosciente vive il tempo così come noi lo conosciamo, cioè
passato, presente e futuro, mentre la mente subcosciente vive solo nel
presente. Nella mente subcosciente, il passato è soltanto una reminescenza
nel presente e il futuro è una previsione nel presente.
L’esempio che segue spiega l’importanza di usare il presente. “Sarò
felice” suggerisce alla mente subcosciente che ora non siete felici, ma
sarete felici nel futuro. Innanzitutto, il futuro non arriva mai. Quindi non
chiedete niente per il futuro. Il futuro è come la carota messa davanti a
qualcuno, come qualcosa che s’insegue ma che non si riesce mai a prendere.
In secondo luogo, l’implicazione “non felice” è l’obiettivo dato alla mente
subcosciente. La mente subcosciente si obbliga quindi a mantenervi infelici.
L’espressione corretta è al presente: “Sono felice”. Ma voi potreste dire
che il vostro cagnolino è morto da poco, che siete stati bocciati a un esame,
avete ricevuto un invito a comparire da parte del fisco, e non siete felici!
Okay, ma se vi volete tirar fuori dalla tristezza, allora è necessario che
diciate e pensiate: “Sono felice - ora”.
“Essere felice ora” sarà l’obiettivo dato alla mente subcosciente.
I neurotrasmettitori viaggiano in entrambe le direzioni, dalla mente al
corpo e dal corpo alla mente. Una volta che la mente subcosciente accetta il
concetto di “essere felice”, quel messaggio, a sua volta, viene inviato alle
cellule nel vostro corpo e quindi il vostro corpo risponde agendo in
maniera felice.
L’uso del presente appare imbarazzante alla mente cosciente, ma è
necessario. Per esempio quando avete programmato la vostra sveglia
mentale, vi siete detti: “Mi sveglio alle sette”, non “Io sarò sveglio alle

82
sette”.

UN SOLO CONCETTO DOMINANTE


La mente subcosciente accetterà un solo concetto come vero in un dato
momento. Più di un concetto (pensiero, abitudine, programma) può essere
contemporaneamente contenuto nella mente subcosciente, ma solo uno sarà
vincolante. Così, quando la vostra mente subcosciente riconosce un
concetto come vero, quel concetto guida e domina le vostre azioni.
La mente subcosciente rinuncerà al concetto dominante soltanto quando
un concetto opposto più forte sarà impresso su di essa. Ciò significa che un
concetto non può essere eliminato, è impresso nella mente subcosciente che
non dimentica. Un
concetto negativo
deve essere
sopraffatto da un
concetto più
forte, positivo. La
buona notizia è
che la fonte del
concetto negativo
non ha bisogno di
essere nota; deve
essere
semplicemente
sopraffatto da un
concetto positivo.
Immaginate di
essere una grande
bilancia. Stendete
entrambe le
braccia
lateralmente e
parallelamente al
suolo.
In ogni mano reggete un piatto di una bilancia a due piatti.
Essendo una bilancia a due piatti, non appena una qualsiasi cosa è messa
su uno dei piatti, esso scende giù fino in fondo.
Questa bilancia pesa ogni idea vincolante che voi avete di voi stessi su

83
di un particolare argomento. La mano destra regge il piatto che contiene i
concetti negativi, e la mano sinistra regge il vassoio che contiene i concetti
positivi riguardo a voi stessi. La bilancia penderà da una parte o dall’altra
secondo il concetto dominante.
Supponiamo che siate cresciuti in una famiglia sana e che i vostri genitori
vi abbiano dato tanto amore e una buona educazione. L’immagine che
sviluppate di voi stessi é equilibrata e fiduciosa nelle vostre capacitá.
Quindi, questi concetti positivi vanno sul piatto sinistro e il lato sinistro
della bilancia va giù e resta giù. Crescete avendo fiducia in voi stessi.
Al contrario, supponiamo che John sia cresciuto in un ambiente familiare
inadeguato. John è stato bombardato da stimoli negativi riguardanti se
stesso. “Tu non sei bravo”. “Non farai mai niente di buono”. “Tu sei un
ragazzo cattivo”. “Non ne fai una giusta”. “Non imparerai mai”. Per venti
anni egli è vissuto in questo ambiente familiare, dove gli venivano
costantemente (RIPETIZIONE) fatte queste affermazioni negative, e molte
volte gli sono state dette anche con rabbia o sarcasmo (EMOZIONE).
Anni dopo, John (mente cosciente) sa di essere intelligente, educato e di
bell’aspetto, ma per qualche sconosciuto motivo ha una bassa autostima
(mente subcosciente). Quando mente cosciente e subcosciente sono in
conflitto, la mente subcosciente vince sempre.
Per trasformare la propria scarsa autostima, John non deve scoprire da
dove deriva la poca stima di sé. Egli deve semplicemente sopraffare il
concetto di bassa autostima, con uno di buon equilibrio e fiducia di sé.
Deve dare a se stesso conferme positive, sane, che costruiscano l’autostima.
Deve “nutrire” il piatto sinistro della bilancia fino a quando, un giorno, la
bilancia si capovolge e voilà! La sua mente subcosciente accetta il concetto
positivo. Ora la fiducia in se stesso è il concetto dominate che guida le
azioni di John.
John è stato esposto per anni ad affermazioni negative. Come può
ribaltare in poco tempo questo atteggiamento negativo, costruito negli anni?
Può accelerare il processo con una programmazione positiva mentre è in
stato alfa, con l’utilizzo dei metodi descritti nelle prossime lezioni.
Il Dott. William Glasser scrisse un libro, Schools Without Failure,
suggerendo che questo concetto dovesse essere utilizzato nelle scuole.
Consigliava di enfatizzare il feedback positivo ed eliminare quello
negativo. Riteneva che non ci sarebbero note disciplinari e voti negativi.
Gli studenti si sarebbero laureati con maggiore autostima e avrebbero
appreso più velocemente, facilmente e piacevolmente. Nonostante i molti
aspetti positivi, questo concetto non venne accolto dal nostro sistema
scolastico.

84
Questa tecnica d’insegnamento pur se non utilizzata con i nostri figli, è
invece usata con gli animali. Gli addestratori ottengono maggior successo
quando ignorano il comportamento negativo degli animali e rafforzano il
comportamento positivo quando c’è. Il Dott. Skinner, un famoso psicologo,
fu un pioniere di questa tecnica.

ASPETTATIVA

INTRODUZIONE
Nella lezione precedente avete appreso che la mente subcosciente è un
computer cerca-obiettivi. Qualunque siano gli obiettivi forniti, la mente
subcosciente cerca di realizzarli. Una sincera aspettativa è un obiettivo dato
alla mente subcosciente, e possiamo formulare la seguente legge: Quando
la mente subcosciente si aspetta qualcosa, fa in modo che quella cosa
accada.
Alcuni esempi:

Ad alcuni volontari, con una siringa rossa, fu iniettata della


tubercolina nel braccio destro. La tubercolina provoca
arrossamento e gonfiore. Di conseguenza, ogni volta il braccio
destro reagì con arrossamento e gonfiore, come da
aspettativa.Contemporaneamente, con una siringa verde, ai
volontari fu iniettata nel braccio sinistro una soluzione salina.
Il braccio sinistro non ebbe nessuna reazione, di nuovo come
da aspettativa. Dopo tre mesi di vaccinazioni, la tubercolina e
la soluzione salina furono invertite nelle siringhe rosse e verdi
senza che i volontari lo sapessero. Quando fu loro iniettata la
soluzione scambiata, il braccio destro reagì con arrossamento e
gonfiore, come da aspettativa dei volontari, mentre il braccio
sinistro non ebbe nessuna reazione. Contrariamente a quanto
sostenuto dalla scienza medica, il corpo reagì secondo
l’aspettativa della mente subcosciente.
Studiando la cultura delle isole Torbiand i sociologi
scoprirono che il sesso prematrimoniale era accettato, ma la
gravidanza prematrimoniale no. Le donne indigene non
utilizzavano metodi anticoncezionali, ma la gravidanza
prematrimoniale era praticamente sconosciuta. La cultura in
loro radicata le condizionava in modo che non si aspettavano

85
assolutamente di restare incinte fino a quando non si
sposavano.
Probabilmente avete conosciuto o sentito parlare di coppie che
non potevano avere figli e nelle quali la moglie rimase incinta
subito dopo l’adozione di un bambino. Si potrebbe sostenere
che avere un figlio abbia sbloccato la convinzione di non poter
avere un figlio proprio.

Lo ribadisco: L’aspettativa è una profezia che si auto avvera. Ora


esamineremo un fenomeno ampiamente documentato che si basa su questa
legge – l’effetto placebo1.

L’EFFETTO PLACEBO
La parola placebo significa: “Io piacerò”. Le aziende farmaceutiche
devono tener conto dell’“effetto placebo” quando testano un nuovo farmaco.
I placebo sono pillole che hanno lo stesso aspetto della medicina che deve
essere testata, ma contengono solo la carica inerte utilizzata per la vera
medicina. Questa sostanza non ha alcun valore medicinale, ma in tutti gli
studi, almeno il trenta per cento dei pazienti riportano di aver avuto risultati
positivi come quelli che hanno usato la medicina vera. L’effetto placebo non
può essere spiegato diversamente se non con il fatto che la fiduciosa
aspettativa del paziente produce lo stesso effetto curativo della vera
medicina.
Quando i pazienti non sanno che viene dato loro un farmaco, l’effetto
placebo scompare. Quando i pazienti sono ignari, non vi è nessuna
aspettativa. Test di questo tipo sono stati eseguiti per dimostrare che
l’effetto placebo è davvero dovuto all’aspettativa e non ad altri fattori.
Il Dott. Sternbach nel 1964 somministrò una pillola senza nessun
principio attivo a un gruppo di volontari. La prima volta che fu data loro la
pillola, al gruppo fu detto che stavano prendendo un farmaco che avrebbe
provocato una forte sensazione di agitazione nel loro stomaco. La volta
successiva, ai volontari fu detto che la pillola avrebbe ridotto l’attività
dello stomaco facendoli sentire pieni e pesanti. La terza volta ai volontari
fu detto che la pillola era un placebo e che serviva da controllo. Anche se il
Dott. Sternbach dette la stessa pillola in tutte e tre le occasioni, due terzi
dell’attività gastrica dei soggetti, reagì secondo le istruzioni che avevano
ricevuto prima di prendere le pillole. Lo stomaco dei soggetti reagì nel
modo in cui i soggetti si aspettavano che reagisse.

86
Gli studi
dimostrano
che la fiducia
del paziente
può essere

drammaticamente influenzata dal modo in cui il farmaco è prescritto. Una


pillola grande è più efficace di una piccola, una pillola colorata è più
efficace di una bianca, una pillola amara è più efficace di una insapore;
un’iniezione è più efficace di una pillola; un farmaco dato da un medico è
più efficace di uno dato da un’infermiera, e un farmaco dato da un medico
in camice bianco è più efficace di quello dato da un medico in abiti civili.
La fiducia del paziente nel farmaco è condizionata dal modo in cui è
somministrato. Il Dott. Benson, in Timeless Medicine, affermò che i
placebo possono essere efficaci fino al 90% rispetto al farmaco vero a
secondo di come sono somministrati. Testando un farmaco per l’ulcera
sanguinante, i medici scoprirono che il farmaco aveva successo al 70%
quando era presentato come un nuovo “potente” farmaco, ma aveva
successo solo al 30% quando era presentato come un farmaco
“sperimentale”.
L’importanza del rapporto medico/paziente è stata riportata in studi
recenti. L’effetto placebo è più forte quando il medico considera i pazienti
come partecipanti attivi, rispetto al rapporto passivo del tipo “fa-come-ti-
dico-io”.
In un esperimento riportato dal Dott. Joan Borysenko, un terzo delle
pazienti donne affette da tumore cui era stato dato un placebo al posto dei
farmaci chemioterapici perse i capelli. L’unica ragione per cui le pazienti
persero i capelli è che si aspettavano di perdere i capelli.
L’effetto placebo è efficace anche in chirurgia. Il Dott. Bruce Moseley,
Jr., praticò la chirurgia artroscopica (intervento chirurgico attraverso
piccole incisioni) su cinque pazienti, mentre altre cinque persone furono

87
sottoposte a un intervento chirurgico finto in cui fece i tagli di accesso senza
eseguire però nessun intervento chirurgico correttivo. Due anni più tardi,
quelli che avevano subito il finto intervento riferirono di avere gli stessi
benefici per quanto riguarda il dolore e la riduzione del gonfiore, di quelli
che avevano subito un vero intervento chirurgico. Quattro delle persone nel
gruppo del placebo, consigliarono l’intervento chirurgico anche agli amici.2
Una dissertazione sull’effetto placebo sarebbe incompleta senza citare il
caso del Sig. Wright, riportato nel 1957. Il Sig. Wright stava morendo di
cancro e il suo medico, Dott. Bruno Klopfer, gli diede soltanto pochi giorni
di vita. Wright scoprì l’esistenza di un nuovo farmaco, Krebiozen, che era
oggetto di uno studio in ospedale e pregò il Dott. Klopfer di darglielo.
Sebbene il Dott. Klopfer sapesse che era troppo tardi per qualunque
farmaco curarlo, acconsentì e di venerdì gli fece un’iniezione.
Quando di lunedì il Dott. Klopfer ritornò, si sarebbe stupito anche solo di
trovarlo ancora vivo. Wright sbalordì il dottore che lo trovò in piedi e
attivo. Il Dott. Klopfer riportò che i tumori del Sig. Wright “si stavano
sciogliendo come burro sulla stufa accesa”. Wright tornò a casa e riprese le
normali attività finché sentì dire che il Krebiozen non era efficace come si
era creduto. Dopo poco Wright era di nuovo in ospedale morente.
Il Dott. Klopfer capì che era stato l’effetto placebo a curare Wright, così
gli disse che il Krebiozen dello studio pubblicato era di una vecchia partita.
Il dottore gli fece una nuova iniezione dicendogli che aveva ricevuto del
Krebiozen fresco. Di nuovo i tumori si sciolsero come burro sulla stufa e
Wright lasciò l’ospedale. Uscì un altro studio asserendo l’inefficacia del
Krebiozen e che la sperimentazione era stata sospesa. Dopo averlo saputo,
Wright rientrò in ospedale e morì in pochi giorni.
Vorrei concludere l’effetto placebo, con una citazione di Norman
Cousins.3 Cousins ha scritto libri e tenuto corsi per laureati basandosi sulla
propria personale esperienza di guarigione da una malattia mortale. Utilizzò
la risata per stimolare il proprio sistema immunitario, l’innato sistema di
guarigione del corpo. “Nel corso degli anni la scienza medica ha
identificato i sistemi primari del corpo — sistema circolatorio, apparato
digerente, sistema endocrino, sistema nervoso autonomo e parasimpatico, e
il sistema immunitario. Ma dobbiamo evidenziare altri due sistemi
essenziali per il buon funzionamento di un essere umano.
La capacità di guarigione e la fiduciosa aspettativa. Le due agiscono
insieme. Attraverso la capacità di guarigione il corpo mobilita tutte le sue
risorse per combattere la malattia. La fiduciosa aspettativa è spesso
l’attivatore della guarigione” (il corsivo è mio).

88
SFORZO INVERSO
Non riuscite a dormire. Più intensamente volete dormire, più rimanete
svegli.
State per vincere un trofeo di golf per la prima volta. C’è solo un’altra
buca. Dite a voi stessi di ignorare l’acqua di fronte a voi. Ma più cercate di
non pensarci, più ci pensate. Vi bloccate e il vostro tiro va nell’acqua.
Questi sono esempi della Legge dello Sforzo Inverso. La legge è sottile
ma fondamentale. Cercherò di spiegarla in due modi leggermente diversi.

PRIMO
Oltre un secolo fa Emile Coué scrisse: “Quando la volontà (mente
cosciente) e l’immaginazione (mente subcosciente) sono in conflitto,
l’immaginazione vince sempre”. Ad esempio, cercate di ricordare il nome
di una donna che viene verso di voi. Sapete il suo nome ma proprio in quel
momento vi sfugge. Siete con un amico al quale dovrete presentare la donna
che vi viene incontro. Avete paura di trovarvi in grave imbarazzo perché
dovreste conoscere il nome della donna.
Cercare di ricordare il suo nome vi fa sentire frustrati e più volete
ricordare il suo nome, più siete frustrati. La paura (mente subcosciente)
dell’imbarazzo prevale sulla volontà (mente cosciente) di ricordare il
nome.
Tuttavia, la donna vi supera scusandosi perché ha fretta e non può
fermarsi. Vi sentite sollevati, vi rilassate (smettete di imporre la vostra
volontà) e il suo nome vi torna in mente.
Emile Coué descrisse il fenomeno in termini matematici per renderlo
chiaro. Disse che il potere dell’immaginazione (mente subcosciente) è
uguale al quadrato del potere della volontà (mente cosciente).

89
Pertanto, più sforzo mettete nella vostra volontà, più il potere della
vostra immaginazione aumenta, e con un tasso crescente. Così, il “non
ricordare” vince. Quanto più consapevolmente si vuole qualcosa, tanto più
aumenterà il potere di opposizione. Il trucco è non volere quello che si
vuole. Il trucco è di lasciare che accada. La mente cosciente deve
consentire alla mente subcosciente di farlo. La mente cosciente deve
rimanere passiva e distaccata.

SECONDO
Ogni volta che volete fare qualcosa, avete paura di fallire. La paura è
un’emozione potente. Se la vostra paura del fallimento è più forte della
vostra volontà di riuscire, vince la paura. La paura del fallimento è
accettata dalla mente subcosciente e supera la determinazione consapevole
ad avere successo.
Considerate la seguente dimostrazione del fattore mentale. Immaginate
una tavola di legno larga dieci centimetri sospesa a dodici centimetri dal
suolo. Continuate e camminate sulla tavola. Facile! Camminate all’indietro
e lateralmente. Facile. Perfetto, ora immaginate che la stessa tavola sia
sospesa tra due grattacieli di trenta piani. Adesso camminate sulla tavola! È

90
più difficile, non è vero? Eppure è la stessa tavola e lo stesso compito. Ma
ora c’è un enorme senso di paura. “E se cado? Mi ammazzo! Guardare giù
fa paura. Chiunque potrebbe scivolare camminando su questo stretto pezzo
di legno”. Non importa quanto volete camminare sulla tavola, la paura è più
forte. Per camminare sulla tavola, avete bisogno di un alto grado di fiducia
nelle vostre capacità — abbastanza da aspettarvi di riuscire.
State giocando a golf e siete nella piazzola di partenza di fronte alla
folla. Volete fare bella figura, ma avete paura di sbagliare a colpire la palla.
Più volete rilassarvi e mandare la palla 250 metri più in basso accanto alla
buca, più diventate tesi e più è probabile che “taglierete” la palla. Tiger
Woods ha così tanta fiducia in se stesso che la paura non gli appartiene. Si
rilassa semplicemente e batte un ottimo colpo.
Per contrastare la legge dello sforzo inverso è necessario avere fiducia,
dissipare la paura e aspettarsi di avere successo. O almeno, dovete avere
un atteggiamento neutrale. Dovete trattenervi dall’usare uno sforzo
consapevole.
Durante un corso avanzato della Silva International, partecipai a una
dimostrazione di rabdomanzia. Tornato a casa lo raccontai a mia moglie che
mi chiese di ripetere la dimostrazione per lei. Ero ancora esaltato dal corso
ed ero fiducioso. Se l’istruttore poteva farlo, potevo farlo anch’io.
Per prima cosa, uscii dalla stanza e mia moglie nascose le chiavi della
mia macchina. Quando rientrai, afferrai uno dei miei fili metallici per
rabdomanzia e lo puntai. Camminai in questa direzione tenendo entrambi i
fili. Quando passai sopra un secchio di cachi giapponesi, i fili
s’incrociarono. Rimossi un paio di cachi e trovai le mie chiavi. Wow!
Restammo entrambi colpiti. Dopo chiesi a mia moglie di immaginare un
muro mentale da qualche parte nella stanza. Iniziai a camminare nella stanza
quando a un certo punto i fili metallici s’incrociarono — esattamente dove
lei aveva immaginato il muro mentale. Ancora una volta, “Wow!”
Pensai che la prossima volta che avessi tenuto una lezione, avrei fatto
questa dimostrazione. Ma mi venne in mente il seguente pensiero: “Se non
ci riuscirò, farò la figura dello stupido e la classe perderà fiducia in me”.
Com’era prevedibile, non riuscii a ripetere la dimostrazione di
rabdomanzia quando tentai la volta successiva. La mia paura di fallire, la
paura di perdere la fiducia dei miei studenti (che è così importante in
questo corso), ebbe la meglio sulla mia volontà di riuscire nella
dimostrazione.

ESPRESSIONE

91
INTRODUZIONE
La Legge dell’Espressione afferma che ogni pensiero causa una
reazione fisica nel corpo. Chiudete gli occhi e immaginate di addentare un
succulento limone. Le vostre labbra si corrugano e cominciate a salivare.
Chiudete gli occhi e immaginate qualcuno che raschia le unghie su una
lavagna. Il suono vi fa venire i brividi lungo la schiena.
Non siete mai stati
sopraffatti dall’emozione
per un libro, o per un
film, che parla di un
amore struggente?
Queste reazioni sono
esempi della Legge
dell’Espressione. La
mente e il corpo sono una
sola cosa, quindi ciò che
influenza l’una influenza
l’altro.
Il professor William
James, un famoso
psicologo, ha dichiarato:
“Il fatto è che non esiste
nessun tipo di coscienza, che sia sensazione, sentimento o idea, che non
tenda direttamente o indirettamente a scaricarsi in un certo effetto motorio.
L’effetto motorio non sempre si manifesta come un tratto esterno del
comportamento. Può essere soltanto un’alterazione della pulsazione
cardiaca o della respirazione, o un mutamento nella circolazione sanguigna,
come ad esempio arrossire o impallidire, o qualcos’altro. Ma in ogni caso,
quando c’è una coscienza è presente in qualche forma e un assunto
fondamentale come nessun altro nella psicologia moderna, è la convinzione
ultima che i processi coscienti di qualsiasi tipo, processi coscienti
semplicemente in quanto tali, devono trasformarsi in azione, manifesta o
nascosta”.
Ogni pensiero o idea provoca una reazione fisica. Se agli stimoli è
permesso di passare dalla mente cosciente alla mente subcosciente — e
sono accettati — l’idea o il pensiero devono essere espressi, verbalmente o
fisicamente. Se è represso coscientemente, allora il pensiero sarà espresso
in forma fisica, per esempio:

92
Preoccupazione = Ulcere
Rabbia = Scariche di adrenalina accompagnate da modifiche
nella circolazione sanguigna, energia, pulsazione, respirazione,
ecc.
Paura = Nervosismo, disturbi gastrici
Cibo = Fame

Più di cento anni fa, un medico fece un esperimento su un uomo al quale


avevano sparato allo stomaco. Il chirurgo gli offrì vitto e alloggio in casa
sua se avesse accettato di lasciare il buco nel suo stomaco aperto per un
periodo, in modo che il chirurgo avrebbe potuto esaminare la condizione
del suo stomaco. Analizzando le secrezioni dello stomaco, il chirurgo
scoprì che tutti gli stati d’animo influenzavano la digestione dell’uomo.
In uno studio condotto a Harvard, il Dott. W.B.Cannon scoprì che
l’amore, coscientemente coltivato, faceva illuminare gli occhi, migliorava
la circolazione, la digestione e l’evacuazione. Mentre, la paura, l’invidia e
l’odio provocavano l’effetto contrario. Questi pensieri negativi riducevano
anche la produzione di globuli rossi.
Il linguaggio degli organi, analizzato nella Lezione Tre, è un altro
esempio di un pensiero ricorrente che viene espresso organicamente. Il
Dott. H.F. Dunbar afferma in Emotion and Body Changes che, “L’emozione
soddisfatta per un tempo prolungato crea effettivamente dei mutamenti nel
tessuto dell’organo o nel sistema dell’organo coinvolto”.
Bailes lo spiegò splendidamente in un libro scritto più di trenta anni fa,
prima che ciò fosse provato scientificamente: “L’uomo pensa con tutto il
suo corpo.
Ogni cellula ha una scintilla di mente. L’uomo non è un corpo che
contiene una mente, egli è una mente che opera attraverso un corpo! Il corpo
è plasmato dalla mente. Ciò che la mente pensa, lo pensa il corpo, ciò che il
corpo pensa, esso diviene”.
Bailes riporta un caso che aveva trattato in cui al suo paziente non
piacevano i suoceri, ma la moglie insisteva per passeggiare fino a casa loro
ogni domenica. Il paziente reprimeva la sua antipatia, e poiché ogni
pensiero represso ha una reazione fisica, si fece venire l’artrite fino al
punto da avere la scusa per restare a casa.
Oggi ci sono molti libri scritti per non specialisti sul rapporto mente-
corpo. Alcuni fra gli autori molto famosi sono Borysenko, Pert, Dossey,
Chopra e Pelletier. I Dottori Pert e Dossey descrivono nei loro libri come
tutte le nostre cellule parlano con la nostra mente subcosciente.
Ricordate il vecchio detto: “Se non sei felice, comportati come se fossi

93
felice e diventerai felice”. Ebbene, la scienza medica ha dimostrato l’antico
assioma. Composizioni organiche simili a quelle utilizzate dal cervello per
pensare si trovano in tutte le cellule. Quindi la comunicazione è
bidirezionale, cioè dal cervello alle cellule, e dalle cellule al cervello. Se
pensi di essere infelice, agisci da infelice. Sei accigliato e agisci in maniera
triste. Ma se agisci in maniera felice quando sei triste, i neurotrasmettitori
dalle cellule del tuo corpo ritornano al cervello e modificano lo stato
d’animo a felice.

Il CICLO NATURALE DELL’ENERGIA

(1) Il tuo corpo immagazzina energia.


(2) La tua mente cosciente ha un pensiero forte.
(3) Tu dai espressione al pensiero.
(4) Il tuo corpo si rilassa per ripristinare l’energia.

94
ENERGIA ESPRESSA
Pensate alla preistoria per esempio. Un uomo delle caverne si sveglia
dopo una notte di sonno ristoratore. (Ha ripristinato la sua energia). Vede
una tigre dai denti a sciabola che indugia fuori della sua grotta.
Immediatamente si preoccupa per la sua vita e quella della sua famiglia.
(Ha un pensiero forte). Ha una scarica di adrenalina. Il suo corpo risponde
con una reazione lotta-o-scappa. Deve difendere la sua famiglia perciò
sceglie di combattere. Dopo aver agitato a lungo la lancia e dopo una
schermaglia, la tigre è scacciata. L’uomo delle caverne ha espresso la sua
idea (scacciare la tigre) con una azione direzionata (scacciando la tigre). La
sera si sente in pace e ripristina la sua energia con una notte di sonno
ristoratore. (Il ciclo ricomincia).
L’energia direzionata è un rilascio ordinato e salutare di energia fisica ed
emotiva. È un qualsiasi atto che sia in armonia con l’idea da cui ha avuto
origine. Gli psicologi raccomandano, quando si è arrabbiati, di esprimere
la propria rabbia in qualche modo. Non in un modo violento bensì
costruttivo. Esprimetela parlandone o scrivendo in merito ad essa o per
esempio facendo una corsa intorno all’isolato. Reprimere la rabbia fa male
alla salute. Quando non si manifesta in qualche modo questa energia
emotiva è soppressa.

ENERGIA SOPPRESSA
Siete in autostrada e vi state recando a un’importante colloquio di lavoro.
Il traffico si ferma. Siete incolonnati in una coda e non c’è in vista nessuna
rampa di uscita. Non vivete più in una grotta, ma avete lo stesso corpo e
sistema di reazione degli uomini delle caverne, vostri antenati. Di fronte a
una situazione di emergenza o situazione inquietante, entra in azione la
reazione “lotta-o-scappa”. Le reni rilasciano adrenalina, aumenta la
frequenza cardiaca e la digestione si ferma, solo per citare alcune delle
reazioni. Eppure tutto quello che potete fare, è restare seduti in macchina e
agitarvi ancora di più pensando che siete in ritardo per il colloquio.
Immaginate che perderete questo fantastico nuovo lavoro. (Ricordate: la
mente subcosciente non conosce la differenza tra ciò che è reale e ciò che è
immaginato).
Questa energia potrebbe essere espressa con un urlo primordiale, ma gli
automobilisti delle auto accanto potrebbero pensare che siate pazzi. Se non
potete liberare l’energia nel momento in cui scatta il meccanismo lotta-o-

95
scappa, cercate di
liberarla non appena
questo è possibile.
Quando tornate a
casa, potreste fare una
passeggiata, prendere a
pugni un sacco, o pulire
la casa. In questo modo
causate pochi o nessun
danno al vostro corpo.
L’energia viene espressa
e voi potete dormire
sonni tranquilli.

ENERGIA
REPRESSA
Quando una situazione
che innesca la risposta lotta-o-scappa accade in continuazione o spesso, e
l’energia non è espressa, l’energia diviene repressa. Ogni pensiero o idea
provocano una reazione fisica. Quindi questa energia repressa sarà espressa
in modo indiretto, ad esempio con tensione e ansia. Tensione e ansia
impediscono il rilassamento dei muscoli interni, ostacolano il sistema
immunitario e interferiscono con un sonno ristoratore. In questo modo, il
Ciclo dell’Energia naturale viene interrotto e si impedisce il sonno
rilassante e rigenerante.

STRESS CRONICO
Il corpo troverà uno sfogo fisico per l’energia repressa, come
irrequietezza, mangiarsi le unghie, picchiettare le dita, masticare chewing
gum, ecc. Se persiste, lo sfogo può diventare ulcera, pressione alta, mal di
testa o peggio.
Woody Allen ha espresso questa legge in un altro modo: “Uno dei miei
problemi è che interiorizzo tutto. Non riesco a esprimere la rabbia; piuttosto
mi faccio venire un tumore”. I sondaggi fatti fra i medici dimostrano che
molti pensano che almeno il 90% dei loro pazienti soffre di stanchezza
cronica.

96
Il Dott. Hans Selye (1907-1982), Professore e Direttore dell’Istituto
Sperimentale di Medicina e Chirurgia dell’Università di Montreal, fu il
primo a utilizzare la parola “stress” riferita al corpo umano. Durante trenta
anni di ricerca, ha scritto 1.600 articoli e trentatre libri, tra cui Lo Stress
della Vita, per non professionisti. Il Dott. Selye ha dimostrato che lo stress
represso logora il corpo fino a portarlo ad ammalarsi. Durante i suoi
esperimenti classici, alcuni animali erano collegati a dei fili in modo che
potessero essere sottoposti a leggere scariche elettriche.
Egli somministrava le scosse in modo sporadico così che gli animali non
sapessero quando sarebbe successo. Anche se le scosse non erano
abbastanza forti da causare danni, l’ansietà di non sapere quando ci
sarebbero state, causava stress. Quando questa condizione si prolungava
abbastanza a lungo, lo stress alterava il loro sistema immunitario e gli
animali diventavano vulnerabili alle malattie.
Una situazione di questo tipo è facilmente riscontrabile anche negli esseri
umani. Dopo che un coniuge muore, se il compagno ne resta afflitto troppo a
lungo, il suo sistema immunitario ne resta compromesso e lui o lei si
ammala e spesso muore.
Altri esempi li abbiamo visti nella Lezione Tre, tra cui quella donna che
dopo un prolungato rancore verso la sorella sviluppò il cancro al seno.
Quest’ultimo esempio sottolinea il motivo per cui è importante perdonare.
Perdonare, non per il beneficio del trasgressore, ma per se stessi. Nutrire
rancore rompe il ciclo naturale e danneggia il sistema immunitario.
Un certo Dott. McDonald, un coroner, scrisse (in un articolo che apparve
sul Los Angeles Times circa trenta anni fa) di aver trovato, quando le
cercava di proposito, delle zone cancerogene guarite su tutti cadaveri che
aveva esaminato. Questo implica che tutti noi abbiamo cellule tumorali nel
nostro corpo, ma il nostro sistema immunitario, quando è sano e in
condizioni di corretto funzionamento, ne previene la crescita. Il più delle
volte, per fortuna, le cellule tumorali si sviluppano solo quando il sistema
immunitario è indebolito.
Una storia presa da un libro di James Herriot dimostra chiaramente
l’effetto del dolore cronico e dello stress. James Herriot era veterinario
nello Yorkshire, in Inghilterra. La PBS ha trasmesso per due anni una serie
chiamata “Tutte le Grandi e Piccole Cose” tratta dai suoi libri.
James Herriot stava facendo visita a un contadino avaro. Herriot notò una
pecora molto sofferente. Con una rapida visita scoprì che aveva
un’infezione all’utero. Il contadino non voleva pagare le cure per la pecora
perché pensava che comunque non sarebbe sopravvissuta.
Herriot si sentiva in dovere di fare qualcosa per la povera bestia perciò

97
disse che le avrebbe somministrato delle vitamine gratuitamente.
Anziché dare vitamine alla pecora, Herriot le diede del Nembutal, o
un’altra sostanza usata dai veterinari per l’eutanasia, abbastanza da
risparmiarle quella miserabile condizione. Alcune settimane più tardi egli
incontrò il contadino in un pub del luogo. Il contadino disse a Herriot,
“Quelle vitamine hanno fatto una magia. La pecora ha dormito per tre giorni
e quando si è svegliata era guarita”.
Herriot pensò molto alla guarigione e concluse che: Ogni animale,
compreso l’uomo, ha la capacità di autocurarsi se gli viene data la
possibilità. Quella povera pecora soffriva così tanto ed era così impaurita
che il suo sistema immunitario e le sue capacità curative erano diminuite,
permettendo così all’infezione di svilupparsi. L’iniezione la fece dormire
per tre giorni. Mentre dormiva non sentiva nessun dolore o paura. Senza il
dolore e la paura, il suo sistema immunitario reagì e la curò in modo
naturale. La tensione cronica e l’ansietà interferiscono con sistema
immunitario di chiunque.
Ecco perché un rilassamento profondo e un sonno profondo sono
importanti. Questo permette al corpo di rigenerarsi e rivitalizzarsi. Stare
otto ore a letto non significa necessariamente dormire bene. Alcune persone
dormono otto ore ma si alzano irritabili e lamentandosi di essere stanchi.
Non fanno un sonno profondo e riposante. Non rilassano in maniera
completa la parte più profonda dei muscoli. Questi muscoli interni si
rilassano attraverso la mente subcosciente. Coloro che raggiungono i livelli
più profondi del sonno hanno bisogno di meno sonno rispetto a quelli che
non si rilassano completamente.

REAZIONE ALLO STRESS


Il Dott. Selye scoprì che la reazione agli stimoli stressanti (lotta-o-
scappa, o come lui la chiamava, la Sindrome Generale di Adattamento) è la
stessa per tutti.
Ma, cosa importante, non reagiscono tutti allo stesso modo a un certo
stimolo stressante.
Prendete gli esempi ipotetici di John e Alice, che fanno un lavoro simile
e lavorano per lo stesso capo. Il capo è arrogante, scontroso, freddo ed
esigente. John non sopporta il capo e si arrabbia dopo ogni scontro. Inoltre,
si arrabbia ogni volta che pensa al suo lavoro. John si lamenta in
continuazione del suo capo e del suo lavoro. Dopo un anno di questo
lavoro, a John viene l’ulcera e la pressione alta.

98
Alice reagisce in maniera diversa. Lei analizza la situazione e conclude
che il suo capo agisce così per paura. Ha paura di perdere il suo lavoro. Ha
anche problemi familiari e probabilmente ha paura di perdere sua moglie, o
forse di doverle pagare gli alimenti. Una volta che Alice ha capito questo,
si rende conto che non è lei il problema. Sapendolo, lei non prende le
critiche e il malumore del capo come qualcosa di personale. Alice continua
ad essere un’impiegata allegra, produttiva e in buona salute.
Ricapitolando nessuna idea può restare segreta nella mente subcosciente.
Le idee si cristallizzano e devono essere espresse direttamente o
indirettamente.

Metodi per Alleviare lo Stress


1. Utilizza la Legge dello Sforzo Inverso. Vai in alfa e ripeti,
“Qualunque cosa stia causando questo stress, agisce ora per
rilassarmi”.
2. Vai in alfa e visualizza una scena rilassante.
3. Usa il metodo della sovrapposizione mentale.
a. Scrivi su un pezzo di carta quello che ti sta stressando
b. Chiudi gli occhi. Vai in alfa. Pensa a una volta che ti sei
sentito pieno di gioia, meravigliosamente sereno e
contento.
c. Proietta questa immagine sul tuo schermo mentale.
Mantienila per circa 30 secondi.
d. Apri gli occhi e leggi quello che hai scritto sul pezzo di
carta.
e. Ripeti i passaggi b e c altre due volte. Adesso quando la
cosa che prima t’irritava si presenterà, proverai quei
sentimenti positivi.
4. Andare in alfa. Se hai avuto una brutta esperienza, ripeti
l’esperienza in modo positivo. Se hai offeso qualcuno
dicendo qualcosa che vorresti non aver detto, rivedi la scena
e dì la cosa giusta diverse volte. Ricorda che la tua mente
subcosciente non conosce la differenza tra le esperienze reali
e quelle immaginarie. Questo esercizio renderà la tua
esperienza positiva anziché negativa”.

P.S. Potresti ancora volerti scusare con chi hai offeso.

99
Nota Fai questi esercizi, mentre stai seduto su una sedia comoda.
Non farli mentre guidi. Guidare un’automobile, mentre sei in stato
alfa è possibile solo se ti programmi per guidare con attenzione e in
modo vigile. Se immagini di essere su un’isola tropicale e guardi le
palme, non potrai essere vigile e guidare stando attento.

RESISTENZA
Una legge della fisica dice che: “Ogni azione ha una reazione uguale e
contraria”. Quindi, resistere significa dare potere alla cosa opposta.
Resistere a qualcosa che è falso ti mette solo sulla difensiva. Per spiegare
ciò basta un semplice esempio:
Qualcuno vi dice che siete pigri e vi accusa di essere incompetenti.
Sapete di non essere pigri né incompetenti. Quando dite: “No, non lo sono!”
vi state opponendo a qualcosa che non esiste. Gli state dando potere e vi
state mettendo sulla difensiva. Ora dovete dimostrare che non siete pigri ed
incompetenti. Ora state lottando contro qualcosa difficile da dimostrare.
Al contrario, quando rispondete con una semplice verità, come ad
esempio: “È vero. Tu pensi che io sia pigro e incompetente e hai il diritto di
pensarlo. Ma per favore dimmi perché lo pensi?”
Ora l’onere della prova è passato all’altra persona, e avete disinnescato
una potenziale discussione violenta. Come può l’altra persona essere
infuriata, o arrabbiarsi, con una risposta del genere?
Concentrate la vostra energia su ciò che è importante e in cui credete.
Non sprecate la vostra energia per cause negative. Non ho studiato Arti
Marziali, ma credo che uno degli assiomi sia quello di non opporre
resistenza. Un Maestro di Arti Marziali non oppone resistenza, al contrario,
utilizza a suo vantaggio l’energia/movimento dell’avversario.
Si dice che a Madre Teresa fu chiesto di prendere parte una marcia
contro la guerra. Ella rispose, “No, non parteciperò alla marcia contro la
guerra ma marcerò se ne avete una per la pace”. E dalla Bibbia, “non
opporti al male, ma vinci il male con il bene”.

ESERCIZIO DI CONDIZIONAMENTO
TENSIONE/RILASSAMENTO
Il Dott. Edmund Jacobson introdusse il concetto di tensione e
rilassamento nel 1938. Ogni serie di muscoli, in modo alternato, viene tesa

100
il più possibile e poi rilassata. Lo scopo è di sentire la differenza tra
tensione e rilassamento profondo, e di insegnare ai tuoi muscoli quello che
vuoi facciano per te. Vuoi che si rilassino completamente.
Una particolarità in questa routine è che viene usata la parola “sonno”.
Sonno non è la parola giusta, ma non c’è nessun’altra parola nella nostra
lingua che si possa usare. In questo caso, l’obiettivo è di perdere coscienza,
ma non addormentarsi, cioè, di non entrare nello stato delta. Tu sarai nello
stato alfa, ma la tua mente cosciente sarà altrove. La tua mente subcosciente
accetterà suggerimenti molto più facilmente perché la tua mente cosciente
non sarà lì a interferire. Alla routine sarà aggiunta anche questa frase: “Per
qualsiasi emergenza io sono sveglio e vigile”.
Questo suggerimento è inutile in realtà perché la tua mente subcosciente ti
sveglierebbe se tu sentissi odore di fumo, il bambino che piange, o altro.
Lo scopo di aggiungerla alla routine è di rimuovere ogni apprensione
dalla tua mente cosciente.4

ROUTINE
“CONTRAZIONE/RILASSAMENTO”
Così chiamata dal Dott. Edmund Jacobson. Potresti aver voglia di
distendere le spalle e il collo per migliorare la circolazione sanguigna
della testa.
Alza gli occhi di circa 20 gradi e fissa un punto. Le palpebre si
affaticano naturalmente. Iniziano a sbattere. Ora lascia che si chiudano.
I tuoi occhi ora sono chiusi.
Fai un respiro lento e profondo. Espira. Durante l’espirazione, senti la
tensione che comincia a fluttuare via e semplicemente permettiti di
rilassarti.
Fai un secondo respiro lento e profondo e, mentre espiri, senti che
l’espirazione porta via la tensione. Rilassati. Fai un terzo respiro, lento e
ancora più profondo. Espira. Immagina la tensione che lascia i tuoi
muscoli. Guardala mentre se ne va. Guardala scomparire. Lasciati
rilassare.
Ora, tendi gli alluci più che puoi. Piega gli alluci più che puoi.
Mantieni quella rigida sensazione di tensione negli alluci, 1 ... 2 ... 3.
Ora, rilassa gli alluci. Rilassali completamente e senti la differenza.
Ora tendi gli alluci, i piedi e i muscoli della parte inferiore delle
gambe. Rendi quei muscoli, molto, molto tesi, ma tieni il resto del corpo

101
rilassato. Mantieni questa sensazione di tensione 1 ... 2 ... 3. Ora rilassa.
Goditi quella sensazione di scarico della tensione.
Ora tendi i muscoli della parte superiore delle gambe come pure i
muscoli degli alluci, dei piedi e della parte bassa delle gambe. Tendi i
muscoli il più possibile. Adesso tendili un po’ di più. Senti la tensione con
il tuo corpo e la tua mente, 1 ... 2 ... 3. Ora rilassa. Senti quei muscoli
rilassarsi e lasciarsi andare, rilassarsi e lasciarsi andare. Ora dì a quei
muscoli di rilassarsi ancora di più. Senti i tuoi muscoli diventare pesanti.
Ora tendi i muscoli dei glutei. Mantieni la tensione, 1 ... 2 ... 3. Ora
rilassa. Sentiti diventare sempre più pesante. Sempre più pesante. Senti il
piacere di un rilassamento profondo. Ti senti invadere da un’ondata di
gioia.
Ora tendi i muscoli della parte bassa della schiena e dell’addome.
Nota come ci si sente ad avere il corpo tutto pervaso dalla tensione. Tendi
i muscoli ancora di più, 1 ... 2 ... 3. Rilassati, sciogliti, lasciati andare,
semplicemente rilassati.
Lascia la tensione scaricarsi da ogni muscolo. Lascia andare tutto il
tuo peso. Permetti al tuo corpo di rilassare i muscoli ancora un po’ di
più. Nota com’é questa sensazione di rilassamento.
Ora tendi i muscoli della parte superiore del busto. Chiudi entrambe le
spalle. Tendi i muscoli del petto e della schiena. Tendi i muscoli ancora
un po’ di più. Senti intensamente quella tensione, 1 ... 2 ... 3, e rilassa.
Espira e senti tutti i muscoli nel petto e nella schiena rilassarsi. Senti
tutti i muscoli rilassarsi, sciogliersi e lasciarsi andare. Senti che tutta la
rigidità e la tensione stanno sparendo. Lascia che quei muscoli si
rilassino un po’ di più. Renditi conto di quanto meravigliosa sia la
sensazione del rilassamento.
Ora tendi le braccia e stringi entrambi i pugni. Senti intensamente la
tensione, 1 ... 2 ... 3. Ora rilassa. Lascia cadere le braccia lungo i fianchi.
Goditi lo scarico della tensione.
Poi, strizza tutti i muscoli del viso. Tendi ogni muscolo del viso che
riesci. Tendi la mascella. Stringi i denti, irrigidisci il cuoio capelluto,
strizza gli occhi. Trattieni 1 ... 2 ... 3, e rilassa. Distendi tutti i muscoli
della fronte, rilassa il cuoio capelluto, rilassa gli occhi, rilassa la bocca,
la lingua e la gola. Rimuovi ogni sforzo e tensione. Rilassa tutti i muscoli
del viso. Percepisci intensamente la differenza.
Ora tendi ogni muscolo del corpo intero. Inizia con gli alluci, sali
lungo le gambe, l’addome e la schiena, il petto e le spalle, le braccia e i
pugni, il collo e il viso. Sii il più teso possibile. Strizza ogni muscolo
dell’intero corpo. Mantieni la tensione, 1 ... 2 ... 3. Ora rilassa. Lasciati

102
andare. Rilassati. Distenditi. Lasciati andare veramente. Senti la
piacevole sensazione di rilassamento che si diffonde in tutto il corpo.
Senti una confortevole, piacevole sensazione di rilassamento. Nota come
ci si sente a essere completamente rilassati.
Ora con l’occhio della mente, fai una scansione mentale del corpo
dalla testa ai piedi. Libera il corpo da ogni tensione residua che potrebbe
esservi rimasta. Ora il tuo corpo è completamente rilassato.
Lascia che questa piacevole sensazione di rilassamento percorra il tuo
corpo dalla testa ai piedi e viceversa. Goditela completamente. Nota
com’è la sensazione di rilassamento completo. Ondate di rilassamento ti
attraversano fluide dalla testa ai piedi e viceversa.
Ascoltare le mie parole non è importante. Lasciati semplicemente
andare ... lasciati andare.
Ora vedi te stesso in piedi in cima a una rampa di scale. Scendono
dolcemente davanti a te. Su ogni gradino c’è dipinto un numero. Il “10” è
dipinto sul gradino più alto e i numeri decrescono man mano che i
gradini scendono. Ora lentamente discendi questi gradini uno alla volta
mentre conti alla rovescia. A ogni numero che conti, sei sempre più
assonnato e intanto ti rilassi sempre più ... sempre più profondamente.
Lasciati trascinare e galleggiando, immergiti in un piacevole, rilassante
riposo. Quando arrivi al gradino numero “1” sei in un sonno profondo,
profondo e naturale. Questi gradini sono facili e sicuri. Ci sono dei
corrimano su entrambi i lati. Ora scendi al gradino numero “9” e mentre
lo fai ti senti più pesante e più assonnato. Ora scendi al gradino numero
“8” e mentre lo fai ti rilassi ancora di più. Ora scendi i gradini numero
“7” e “6”. Ti senti sempre più assonnato. Scendi al gradino “5” e sei
sempre più profondamente addormentato. Noti che sta diventando più
buio e ti senti più pesante ... oh ... così pesante. Le gambe sono molli ...
sono così pesanti. “4”, sempre più profondo ... sempre più buio. Sei
rilassato e comodo e completamente al sicuro. Sei completamente al
sicuro. Scendi al gradino numero “3”. Ti senti calmo e a tuo agio. Stai
andando in completo rilassamento ... completa quiete. “2” ... la mente e il
corpo in stato di quiete ... la tua mente e il tuo corpo insieme lavorano
per farti stare al meglio. “1”, profondamente addormentato ...
profondamente addormentato. Permetti alla tua mente di trasportarti in
paesaggi bellissimi e sicuri. Goditi questa sensazione di completo
rilassamento. La tua mente è ora aperta alle suggestioni ... solo
suggestioni sane e positive che sono per il tuo bene supremo ... solo per il
bene supremo dell’umanità.
Ogni volta che pratichi il rilassamento, è più facile e più veloce. Ogni

103
volta è più facile. Ogni volta che ti rilassi, vai sempre più in profondità.
Ogni volta che vuoi rilassarti e raggiungere questo profondo stato di
sonno, è sufficiente dire a te stesso e vedere la parola “RILASSATI”.
Pensare e visualizzare la parola “RILASSATI” ti permette di rientrare
rapidamente in questo stato mentale. Ogni volta che dici la parola
“RILASSATI” con l’intenzione di entrare in un profondo sonno ipnotico,
lo fai rapidamente, facilmente, in sicurezza e con serenità. Lo fai
facilmente, rapidamente e in sicurezza. Andare in questo profondo stato
mentale ti permette di programmare comportamenti e abitudini sani, che
sono per il tuo bene. Permette alla tua mente cosciente e subcosciente di
lavorare insieme per raggiungere il tuo miglior stato di salute fisica e
mentale. Dire o pensare la parola “rilassati” durante una normale
conversazione non ha alcun effetto su di te. Soltanto quando tu hai
intenzione di entrare in questo profondo stato della mente la parola ha
effetto su di te.
Ora comincia a tornare allo stato di veglia. La tua mente sta tornando
al suo naturale stato di veglia. Stai per contare fino a “10” ed essere
completamente sveglio. Al numero “10” sei completamente sveglio. Puoi
ritornare a questo piacevole stato in qualsiasi momento tu lo desideri.
Ma ora sei sveglio al numero “10”. “1 “... ” 2” ... cominci a svegliarti ...
“3” ... porti con te questa sensazione di gioia e felicità ... “4 “... ” 5 “...
ti senti rinvigorito ... ” 6 “... meravigliosa sensazione... “7” ... sei pieno
di energia ... “8 9 “... ” “... ” 10” ... sei COMPLETAMENTE SVEGLIO!

1 Per ulteriori esempi vedere,”The Mysterious Placebo” in Anatomy of an Illness, di Norman Cousins, e “Mind
Over Medicine”, Psychology Today, Luglio/Agosto, pp.60-67, 2000
2 Vitality Magazine, Mar., 2002.
3 Richard M. Restak. Mente, Dedalo, 2013.
4 Questa routine, in Inglese, può essere acquistata su http://www.thegeniewithin.net/affirmation-cds. Per
informazioni, scrivete a thegeniewithin@roadrunner.com oppure a The Genie Within, 1844 Fuerte Street,
Fallbrook, CA 92028.

104
Lezione Cinque

COMUNICARE
con la
Mente Subcosciente

105
Lezione Cinque

COMUNICARE
CON LA
MENTE SUBCOSCIENTE
INTRODUZIONE
a mancanza o la scarsità di comunicazione fra la mente cosciente e

L la mente subcosciente è la causa di molti dei nostri problemi.


Come già abbiamo visto nella Lezione Due. Quindi, sviluppare e
alimentare la comunicazione tra la mente cosciente e la mente
subcosciente è un imperativo. In questa lezione sono descritte cinque
tecniche per comunicare con la mente subcosciente. Il primo metodo è
particolarmente importante e dovrebbe essere sempre utilizzato. Anche il
secondo metodo è utile e molti lo utilizzano tutti i giorni. Il terzo e il quarto
metodo possono essere molto utili, ma non sono qualcosa che fareste
normalmente tutti i giorni. L’ultimo metodo potrebbe essere il più
importante. Psichiatri, medici di famiglia e altri operatori sanitari lo
utilizzano per scoprire la causa di problemi fisici ed emotivi, per fare i test
per le allergie e determinare la giusta quantità dei dosaggi delle vitamine,
delle erbe medicinali e dei farmaci.
Sviluppare la comunicazione tra la mente cosciente e la mente
subcosciente è un passo fondamentale per far sì che operino in sintonia. Se
non sono in sintonia, la mente subcosciente, piuttosto che la mente
cosciente, probabilmente prevarrà. Si può supporre che il vostro genio non
stia funzionando.

CONVERSAZIONE INTERIORE
Nella nostra mente parliamo con noi stessi costantemente. In effetti,
riuscire a far tacere la mente non è facile. Questo parlare di solito è puro
chiacchiericcio. La mente cosciente sta parlando, ma con chi sta parlando?
Con se stessa o con la mente subcosciente? Potenzialmente con entrambe,
ma io credo che per il 99% del tempo, la mente cosciente parli con la mente

106
cosciente. Di solito è “puro
sproloquio” senza significato.
Ma a volte è necessario
comunicare con la mente
subcosciente ed è quindi
necessario essere specifici.
Supponiamo che io stia per
tenere una lezione, arriva il
momento di iniziare, vado
verso il leggio apro la mia
borsa e, scopro di aver lasciato
a casa i miei appunti. In preda
al panico, potrei dire a me
stesso, “Rilassati, Harry.
Rilassati, e non te la prendere. Conosci l’argomento della lezione.
Semplicemente rilassati e ripassalo a grandi linee nella tua testa. Puoi farlo.
Sarà facile”. Ricordate la Legge dello Sforzo Inverso. Più mi sforzo di
ricordare la lezione a grandi linee, più diventa difficile farlo.
Se voglio rilassarmi e cercare di ricordare, spreco tempo parlando con
Harry. Harry è la mia mente cosciente. La mia banca dati (memoria) è nella
mente subcosciente. Inoltre, spreco tempo chiedendo alla mia mente
cosciente di rilassarsi. Il rilassamento profondo è controllato dalla mente
subcosciente. Ok, quindi dovrei parlare con la mia mente subcosciente.
Quindi dico: “Ehi! Tu! Mente subcosciente. Genio. Mettiti al lavoro.
Rilassa il mio corpo e i miei nervi e fammi fare il ripasso della mia lezione
e fallo subito!”.
Questo modo di chiedere le cose non è gentile. Il vostro obiettivo è di
sviluppare un buon rapporto con la mente subcosciente — il vostro genio.
Volete essere gentile e riconoscente. Volete aprire un dialogo e lavorare
insieme. Qual è la prima cosa necessaria quando parlate a un amico? Il
nome dell’amico! Quando siete cordiali con qualcuno e ci lavorate a stretto
contatto, lo chiamate con il nome di battesimo. Quindi, se volete essere
cordiali con la mente subcosciente, essa ha bisogno di un nome. Il modo per
attribuire un nome alla mente subcosciente è spiegato in un esercizio più
avanti.
Quando desiderate qualcosa dalla mente subcosciente, chiedetela in
maniera gentile ma determinata. Ricordatevi che la mente subcosciente non
ha la vostra stessa maturità emotiva. Diventate amici. Dopo tutto, è parte di
voi ed entrambi dovete lavorare insieme per il vostro bene. Quando
soddisfa le vostre richieste, ringraziatela! Perché non farlo? Quando

107
qualcuno fa qualcosa per voi, e voi non lo ringraziate, potrebbe non essere
più ben disposto a fare di nuovo qualcosa per voi. D’ora in poi avrete un
vero e proprio amico nella mente subcosciente e dovrete trattare
quest’amico con rispetto e amore.
Tornando al mio problema, di aver dimenticato gli appunti per la mia
lezione, la mia conversazione con la mente subcosciente sarebbe stata
qualcosa del genere. “Ehi ragazzo, Ralph (è il nome che la mia mente
subcosciente si è scelta) ho dimenticato i miei appunti. Ascolta, abbiamo
fatto questa lezione dozzine di volte e tu sai che la conosco a memoria. Tu e
io siamo perfettamente rilassati e restiamo rilassati per tutta la lezione (sto
usando il tempo presente). Mi affido a te affinché tu mi suggerisca tutto ciò
che mi serve nella sequenza corretta. Riesco già a vedere la lezione
dispiegarsi così come ho bisogno che sia. Quindi cerchiamo di agire come
avessi qui gli appunti e andiamo avanti con la lezione. Possiamo farlo
insieme e io ti sono molto grato per l’aiuto. Grazie per essere sempre così
utile. Ti voglio bene”.

ATTRIBUIRE UN NOME
AL TUO SUBCONSCIO
Vai in alfa o fai questo esercizio la sera subito prima di addormentarti,
quando la tua mente subcosciente è aperta e ricettiva ai tuoi
suggerimenti.
Dì a te stesso qualcosa del genere: “Mente subcosciente, d’ora in poi,
tu e io siamo una squadra e lavoreremo insieme per il nostro reciproco
bene. Essere in ottime condizioni fisiche e mentali farà bene a entrambi.
D’ora in poi tu e io saremo ottimi amici. D’ora in poi, comunicheremo di
più e quando parlerò con te, ti chiamerò per nome, un nome che ti piace.
Il nome puoi sceglierlo tu. Devi sceglierti un nome per il ... (dai una
scadenza definita o la tua mente subcosciente potrebbe rimandare) ”.
Puoi anche prendere in considerazione quanto segue. Per prima cosa,
il nome non dovrebbe essere uno con forti connotazioni emotive, come il
nome di un membro della famiglia o il nome di un ex-coniuge.
In secondo luogo, devi dire alla tua mente subcosciente di indicarti
questo nome in un modo che tu possa capire. La mente subcosciente è
giocherellona e la tua potrebbe stuzzicarti dandoti solo indizi. Forse
vuole essere chiamata Silvia. Per questo motivo potresti consapevolmente
notare che tutto ciò che vedi è color argento1. Per qualche ragione,

108
potresti iniziare notando le vetture color argento. Quando guardi in uno
specchio, ti potrebbe venire in mente che il retro dello specchio è
argentato. Potresti avere lo stimolo di lucidare l’argenteria.
Probabilmente non ti accorgerai che questi pensieri sono il modo in cui
la tua mente subcosciente vuole farti sapere che ha scelto il nome Silvia.
Normalmente un nome ti verrà in mente in modo naturale.
Probabilmente all’inizio non ci farai caso, ma ti si presenterà
insistentemente. Quello è il nome che la tua mente subcosciente ha scelto.
Se hai qualche dubbio riguardante il nome, potrai fare una verifica
utilizzando il metodo che ora vedremo per parlare alla tua mente
subcosciente.

PENDOLO

DESCRIZIONE
Un pendolo può
essere fatto legando
un qualsiasi piccolo
peso a circa nove
pollici di filo (1” =
2,54 cm.). Il peso
può essere un anello,
una rondella
metallica, o un
piccolo cristallo, per
esempio. Tenete con
delicatezza
l’estremità del filo
tra il pollice e
l’indice. Appoggiate il gomito di fronte a voi su un tavolo. La direzione in
cui il pendolo oscillerà sarà la risposta alla vostra domanda. Ci sono
quattro modi in cui la mente subcosciente può far oscillare il pendolo: in
senso orario, antiorario, da est a ovest, e da nord a sud.

109
Esistono quattro risposte standard: “Sì” “No”, “ Non so” e “Non voglio
rispondere a questa domanda”. L’ultima è per chi scava in profondità nella
propria mente subcosciente. Alcune cose nella mente subcosciente restano
celate per il vostro bene. Non dovete scavare così in profondità nella mente
subcosciente senza una guida professionale. Secondo alcuni, il pendolo
funziona per lo stesso motivo per il quale è valida l’analisi della scrittura.
Sembra che ci sia un canale aperto che permette agli impulsi elettrici di
viaggiare dalla mente subcosciente alle dita durante la scrittura, le stesse
dita usate per tenere il pendolo. I mancini devono fare l’esperimento con
entrambe le mani, destra e sinistra per vedere quale delle due funziona
meglio.
Il pendolo è usato nel modo seguente. Sedetevi e appoggiate il gomito su
un tavolo. Tenete delicatamente l’estremità libera del filo tra il pollice e
l’indice. Il peso dovrebbe essere sospeso più o meno a otto pollici di filo.
Inclinate il gomito facendo in modo che il pendolo possa oscillare
liberamente. Chiedete alla mente subcosciente di scegliere uno dei quattro
segnali per il “Sì”. È meglio se chiudete gli occhi così c’è meno probabilità
che la mente cosciente prevarichi la mente subcosciente. Inoltre, quando
utilizzate il pendolo, è meglio se entrate in stato alfa.
Lo stato alfa apre la porta alla mente subcosciente e mette un freno alla
mente cosciente in modo che non possa interferire. Se, quando aprite gli
occhi, il pendolo non sta oscillando, intimate alla mente subcosciente di
scegliere uno dei quattro segnali per il significato “Sì”, di far oscillare il
pendolo e di farlo con movimenti sempre più ampi. Non ho mai visto
nessuno fallire. Dopo che la mente subcosciente avrà scelto un segnale per
il”Sì”, chiedetele di sceglierne uno per il “No”. Quindi, ripetete la
procedura per il “Non lo so”. La quarta risposta non è necessaria.

110
DOMANDE
Ci sono pochi punti da tener presente quando fate le domande alla mente
subcosciente. La mente subcosciente prende le cose alla lettera perciò
dovete formulare le domande in maniera precisa. Tenete una mente aperta
(mente cosciente). Non pensate a quale potrebbe essere la risposta o quale
vorreste che fosse. Restate neutrali.
Lecron ha riferito che il 90% delle 381 donne incinte che avevano
utilizzato il pendolo per saper il sesso del nascituro (questo avveniva prima
che ci fossero i metodi d’indagine moderni) lo avevano previsto giusto.
Molte delle donne che lo avevano sbagliato, ammisero che avevano un forte
desiderio cosciente per il sesso da loro previsto. La mente cosciente può
prevaricare i risultati. Quindi anziché pensare (mente cosciente) “Spero
proprio che sia una bimba!” quando usate il pendolo dovete rimanere
neutrali e pensare: “Mi chiedo, quale sarà il sesso del mio bambino?”.
Gli appassionati di uccelli usano i pendoli per determinare il sesso dei
pulcini appena nati. Il sesso non può essere determinato visivamente, ma è
necessario un metodo alternativo. Potete verificarlo subito. Se il pendolo è
sopra una femmina, oscillerà in maniera circolare. Se è sopra un maschio,
oscillerà avanti e indietro.
Il pendolo è utile, ad esempio per:

Il controllo delle intuizioni


L’interpretazione dei sogni
Il dosaggio di una vitamina
Le fonti di allergia
La fonte di un’intuizione
Il motivo della procrastinazione
L’origine di una malattia

La seguente lista può essere utile per determinare la causa di una


malattia:

Conflitto
Motivazione
Suggestione
Linguaggio dell’organo
Identificazione (con qualcun altro)
Autopunizione (senso di colpa)
Esperienze passate

111
Necessità di attenzione
Necessità di controllare qualcuno

Le domande che potreste fare alla mente subcosciente, per esempio,


sono:

“Questa malattia è dovuta a un conflitto che ho con qualcuno


oppure che esiste tra la mia mente cosciente e la
subcosciente?”
“C’è un motivo che serve a proteggermi in qualche modo?”
“Questa malattia è dovuta a una suggestione che la mia mente
subcosciente ha accettato come vera?”
“È (il problema) dovuto al linguaggio degli organi?”
“C’è una finalità per questa malattia ?”
“Sono alla ricerca di simpatia e di attenzione?”
“Mi preserva dal fare qualcosa che non voglio fare?”
“Mi preserva dal fare qualcosa che è dannosa per me?”

Prima di andare in pensione, prendevo due raffreddori l’anno. Questi


raffreddori erano abbastanza gravi da costringermi in casa. Da quando sono
andato in pensione otto anni fa, ho avuto soltanto un raffreddore, anche se
ho maggiori opportunità di raffreddarmi grazie ai più frequenti contatti con i
miei nipotini. Mi sono incuriosito per questo cambiamento e ho elaborato
una teoria. Consideravo un peccato non andare a lavorare, anche se c’erano
dei momenti in cui avevo disperatamente bisogno di una pausa. Forse la mia
mente subcosciente mi faceva prendere il raffreddore per giustificare
l’assenza dal lavoro, senza che io mi sentissi in colpa. Ho chiesto alla mia
mente subcosciente se questo fosse vero e mi ha risposto, “Sì”.
Il metodo del pendolo è un modo semplice per parlare con la propria
mente subcosciente. Tuttavia, ci vuole una certa inventiva poiché si deve
lavorare solo con il “sì” e il “no”. Dovete pensare come se fosse un gioco,
un gioco come il vecchio show televisivo, “Venti Domande”.

MOVIMENTO DELLE DITA


Supponete di essere in un ristorante e di fare la vostra ordinazione al
cameriere. Desiderate il maiale con una salsa gustosa, ma recentemente
avete avuto lo stomaco in disordine e non siete sicuri che il maiale vada
bene per il vostro stomaco. Chiedete alla mente subcosciente, se è bene
ordinare un ricco piatto di carne di maiale. Potreste farlo con il vostro

112
pendolo, ma il cameriere, per non parlare degli altri avventori, potrebbe
pensare che siate pazzi. Potreste anche essere così consciamente direzionati
da non ottenere la risposta esatta. Usate il metodo del “movimento delle
dita” e nessuno se ne accorgerà.
Comodamente, mettete la mano dominante sul tavolo di fronte a voi.
Spiegate alla mente subcosciente che c’è un altro metodo per dare una
risposta con “Sì”, “No” e “Non so”. Comandate alla mente subcosciente di
sollevare una delle quattro dita per un “Sì”. La risposta probabilmente non
sarà teatrale, ma una delle vostre dita si solleverà delicatamente dal tavolo.
Comandate alla mente subcosciente di scegliere un altro dito per un “No”, e
un terzo dito per “Non so”.
Ora potete conversare in pubblico con la vostra mente subcosciente senza
che nessuno se ne accorga.

SOGNO INDOTTO

DESCRIZIONE
La mente subcosciente lavora 24 ore al giorno. Poiché di notte è sveglia
e può fare trilioni di cose alla volta, potreste anche affidarle un compito.
Mettetela al lavoro per risolvere un problema o farvi venire una nuova
idea. Per problemi, non intendo problemi personali, perché nessuno vuole
preoccuparsi anche mentre dorme. Intendo problemi costruttivi, del tipo:

Come dipingere il vostro soggiorno


Come abbellire il vostro cortile
(Se siete studenti) come avere più tempo per studiare
(Se siete architetti) come progettare una casa perfetta per il
vostro cliente
(Se siete scrittori) come sviluppare la trama di un vostro libro
Come fare iscrivere più persone al vostro nuovo club
Ecc.

Friedrich A. Kekulé, uno scienziato tedesco, era frustrato da un problema


sul quale lui (la sua mente cosciente) aveva lavorato per anni. Il problema
era come gli atomi di carbonio si combinano nella molecola di benzene.
Nessuna delle sue idee riusciva a soddisfare i criteri scientifici. Mentre
dormiva, quando la sua mente cosciente era stata neutralizzata, sognò dei
serpenti. Questi si comportavano in modo anomalo — inseguivano le loro

113
code, e quando un serpente afferrava la propria coda, iniziava a ruotare. Al
risveglio, Kekulé ricordò il sogno e ciò lo colpì. Visse un’esperienza
“Aha”. Non aveva pensato prima a questa possibilità. Naturalmente, gli
atomi di carbonio nel benzene formano un anello. Lo scienziato vinse il
Nobel per aver definito la struttura della molecola di benzene.
Steve Allen guadagnò la maggior parte dei suoi soldi con una canzone
che aveva sentito in un sogno. Aveva bisogno di una canzone per l’apertura
di un musical, The Bachelor. Consapevolmente, non riusciva a trovare la
canzone giusta. Ricordatevi che la mente subcosciente è un computer cerca-
obiettivi. Affidò alla sua mente subcosciente l’obiettivo, la necessità di
creare una canzone di grande successo con un soggetto particolare, ma la
sua mente cosciente, probabilmente sotto pressione lo stava intralciando.
Una notte sognò la canzone che gli serviva e quando si svegliò, la buttò giù.
La canzone era, “This Could Be the Start of Something Big”.
Per anni, Elias Howe lavorò al perfezionamento delle macchine per
cucire, ma non riusciva a risolvere un complicato problema. Una notte
sognò dei selvaggi che lo inseguivano. Lo presero e lo trascinarono davanti
al loro re. Il re ordinò a Howe di costruire la macchina per cucire entro 24
ore o lo avrebbero ucciso. Howe non riuscì a rispettare la scadenza e
mentre i selvaggi erano sul punto di ucciderlo, notò che le loro lance
avevano nella punta dei fori a forma di occhio. Era la soluzione del
problema a cui stava lavorando da tempo — fare la cruna all’estremità
opposta rispetto a quella dell’ago da cucire tradizionale.
Nel 1700 i fucili sparavano pallottole. Il processo di fusione a mano
delle pallottole era lento e costoso. Perciò l’offerta delle pallottole era
limitata (forse era un bene). James Watt lavorò con la sua mente cosciente
su come si poteva aumentare la produzione di pallottole, ma non riuscì a
trovare idee pratiche. Poi fece un sogno. Stava camminando sotto un
temporale e le gocce di pioggia, quando colpivano il terreno, invece di
schizzare, conservavano la loro forma sferica. Aha! Si svegliò con l’idea
della pioggia di piombo che si solidificava prima che le gocce toccassero il
suolo. Escogitò un modo per creare una pioggia di piombo fuso. Versò il
piombo fuso attraverso un setaccio da un edificio alto. Le gocce di piombo
fuso si solidificarono in aria e caddero al suolo come pallottole, tutte dalle
dimensioni perfette. In una notte, fare pallottole di piombo fu trasformato da
un processo lento e costoso a uno veloce ed economico.
Un articolo, nel numero di Gen/Feb 1996 della rivista Intuition, riportava
interviste a scrittori di fantascienza che ricavavano dai sogni gran parte del
loro materiale. La giornalista aveva avuto in sogno l’idea per l’articolo.
Una delle scrittrici era Sue Grafton, la nota scrittrice di gialli. La Grafton

114
disse: “Arrivo a un punto in molti dei miei libri, quando sono fortemente
presa dalla scrittura (mente cosciente) in cui ho un problema che non riesco
a risolvere. Quando vado a dormire, dico a me stessa che una soluzione
arriverà ... so che quando mi sveglierò, avrò la soluzione. So che quando il
sé analitico lascia finalmente la sua presa su di noi e si toglie di mezzo, il
lato creativo, che spesso affiora nel sonno, sale in primo piano e nella sua
maniera giocosa e stravagante risolve molti problemi creativi”.
“Se sono bloccata o molto confusa o frustrata, la sera tardi bevo il caffè,
sapendo che mi sveglierà nel cuore della notte. Così vado a fare un sonno
profondo e poi, alle 3 del mattino quando il lato sinistro del cervello (il
cervello logico, la mente cosciente) è messo da parte, il lato destro (la sua
mente subcosciente) esce per giocare e mi aiuta ... Scrivo sempre lettere al
cervello destro (ha un rapporto buono e cordiale con la sua mente
subcosciente!) ... E il cervello destro, cui piace ricevere brevi scritti da me,
spesso si fa vivo in uno o due giorni ... Tutto l’umorismo nei miei libri (la
mente subcosciente è giocosa) proviene da Kinsey (la Grafton ha attribuito
un nome alla sua mente subcosciente) ”.
“Per entrare in contatto, devo bloccare l’ego (la mente cosciente). L’Ego
è la parte di me che dice: ’Come sto andando, capo?’ ‘Questo va bene?’ ‘Ti
piace ?’ ‘Pensi che alla critica piacerà?’ Ciò non ha nulla a che fare con la
creatività ... Così ho bisogno di lavorare dall’interno ... E questo significa
non essere imbarazzata, non essere carina, non pensare “quanto sono tosta”.
Non pensare a niente, non dare giudizi su me stessa. Non stare seduta
criticando me stessa, ma restare abbastanza calma da udire la voce che mi
dice quale sia il più opportuno passo successivo”.
“Penso che se dite al vostro inconscio di darvi delle informazioni nei
vostri sogni, questo diverrà un obbligo. È davvero incredibile come
l’inconscio desideri trovare nuovi modi per entrare in contatto con noi. E i
sogni sono un modo perfetto per farlo, perché spesso sembrano così
scorrelati dalle nostre preoccupazioni coscienti”.

METODO
Il metodo per usare i sogni indotti è semplice. Poco prima di
addormentarvi, dite alla mente subcosciente che deve dare risposta alle
vostre domande, o trovare un’idea o una soluzione a un problema, con un
sogno ... in un sogno questa stessa notte... in un sogno che voi possiate
ricordare e interpretare. Tenete carta e penna a portata di mano. Quando vi
sveglierete, il sogno potrebbe essere vivido per cui pensate di essere in

115
grado di ricordarlo più tardi.
Tuttavia, la mente subcosciente svanisce mentre si sveglia la mente
cosciente e anche il sogno potrebbe svanire.
Se non siete certi dell’interpretazione che voi date a un sogno, chiedete
alla mente subcosciente una verifica usando il pendolo.

SCRITTURA AUTOMATICA

DESCRIZIONE
In certi momenti, vi siete ritrovati a scarabocchiare, vale a dire, a
disegnare inconsciamente delle figure mentre parlavate al telefono oppure
in altri momenti di distrazione. La scrittura automatica è la stessa cosa, ma
la mente subcosciente si esprime scrivendo anziché disegnando.
Tutti riescono a scrivere automaticamente, ma le persone si differenziano
in abilità. Alcune persone scrivono al contrario, sotto-sopra, oppure “a
specchio”. La maggioranza scrive in maniera infantile. Ricordate, che è la
mente subcosciente a esprimersi. È immatura, giocherellona e illogica.
Quindi non aspettatevi di vedere la vostra normale (mente cosciente)
calligrafia.
Con la scrittura automatica sono stati scritti racconti, poesie, musiche,
sviluppati disegni, ecc. Ruth Montgomery, un’autrice di successo, sostiene
che i suoi libri siano stati scritti dalla sua mente subcosciente.
Conversazioni con Dio I, II, e III, secondo l’autore, Neal Donald Walsch,
sono stati scritti da Dio. La maggioranza delle persone non crede che Dio
abbia letteralmente scritto quei libri, ma anche se non è stato Dio, la
scrittura è sicuramente avvenuta tramite la sua mente subcosciente.
Un Corso in Miracoli si dice sia stato scritto da Gesù. Potete non
credere che Gesù sia l’autore, ma il contenuto non veniva certo dalla mente
cosciente della persona che ha scritto le parole, Helen Schucman, Docente
di Psicologia Medica all’Istituto di Medicina e Chirurgia della Columbia
University a New York City. La Professoressa Schucman era ebrea, atea e
conservatrice in teoria.
La sua mente cosciente non avrebbe potuto scrivere un libro del genere.
Jane Roberts un giorno stava scrivendo poesie e qualcosa prese il
controllo della sua penna e cominciò a scrivere automaticamente su
argomenti che le erano completamente estranei. Questi scritti si possono
leggere nel libro Le Comunicazioni di Seth.

116
METODO
La scrittura automatica è facile. Queste istruzioni vanno intese come un
canovaccio poiché ognuno può reagire in modo diverso.

1. Utilizzare una penna a punta grossa.


2. Tenerla in maniera verticale, tra pollice e indice, o stretta in un
pugno.
3. Appoggiare leggermente il gomito sul tavolo in modo che sia
libero di muoversi. Per un movimento più libero potreste
appendere l’avambraccio al collo con una fascia.
4. Scrivere su un foglio di carta extra-large.
5. Vi suggerisco di andare in alfa. Questo non sembra necessario
per la maggioranza delle persone, evidentemente, perché
nessuno dei libri che ho letto sull’argomento indicava la
necessità di andare in uno stato alterato della mente. Forse
entravano in uno stato alterato, ma non ne erano consapevoli.
6. Comandate alla mente subcosciente di scrivere.
7. Non guardate la carta. Tenete fuori la mente cosciente.
8. Se la mente subcosciente è lenta a partire, semplicemente
avviate consciamente il movimento della penna.
9. A volte scambiare le mani aiuta.
10. Distraete la mente cosciente. Guardate la TV oppure ascoltate
della musica.

TEST DI RISPOSTA MUSCOLARE


La mente subcosciente comunica con i vostri organi e con ogni cellula del
vostro corpo. Pertanto sa ciò che va bene e ciò che non va bene nel vostro
corpo, sia emotivamente, sia chimicamente, sia fisicamente. A livello
cellulare i problemi sono noti molto prima che si manifestino a livello
fisico. A queste informazioni cellulari si può accedere con il “Muscle
Response Testing” (MRT), chiamato anche “Kinestesiologia” e
“Kinestesiologia Applicata”. Il metodo MRT è un metodo collaudato usato
da terapisti, chiropratici e medici.
Il metodo MRT è basato sul fatto che l’energia positiva rafforza i muscoli
e l’energia negativa li indebolisce, e che la verità è associata all’energia
positiva e la falsità all’energia negativa. Si può fare il test su qualunque
muscolo, ma tradizionalmente si usa il muscolo deltoide. Il soggetto stende

117
un braccio lateralmente e lo tiene parallelo al suolo. Al soggetto viene
chiesto di resistere e chi esegue il test spinge verso il basso con una leggera
pressione sul polso teso usando due o tre dita. La spalla è bloccata e non si
può muovere. Il soggetto o chi esegue il test fa un’affermazione. Quando la
risposta è vera, il muscolo deltoide si rafforza e il braccio non si muove.
Quando la risposta è falsa, il muscolo s’indebolisce notevolmente e il
braccio cede sotto la leggera pressione di chi esegue il test.
Il metodo descritto sopra richiede due persone per eseguire il test. Si
possono fare delle varianti in modo che basti una persona sola. Un metodo è
di intrecciare i cerchi che si formano unendo le punte di pollice e indice di
ogni mano. Fate un’affermazione e poi allontanate le mani. Se
l’affermazione è vera, le vostre dita rimarranno incollate e non potranno
essere staccate. Se l’affermazione è falsa, le dita s’indeboliranno e si
separeranno.
Ci sono alcune sottigliezze di cui tenere conto in questo test quindi è
utile, se possibile, prendere lezioni da un esperto. Tra queste sottigliezze,
secondo alcuni insegnanti, ci sono:

Toglietevi i gioielli, in particolare gli orologi prima di fare il


test.
Durante il test non dovrebbe esserci musica.
L’affermazione deve essere tenuta bene in mente mentre state
facendo il test.
Dopo che voi o il vostro partner avete fatto l’affermazione, uno
di voi deve dire: “Resisti”.
Se siete deboli o vi sentite negativi, le vostre risposte
potrebbero essere influenzate.

Il metodo MRT può essere usato per:

Scoprire se una sostanza è salutare o nociva per voi.


Scoprire il giusto dosaggio di una vitamina, di un’erba o di un
farmaco.
Scoprire se avete carenza di una vitamina o di un minerale.
Determinare lo stato di salute di organi specifici.
Individuare la fonte di una malattia.
Scoprire come la mente subcosciente percepisce un concetto.
Trovare l’origine di una paura o la fonte di un’ansia.

Vi farò qualche esempio e poi potrete fare il test da soli. Prima dovete
fare un’affermazione vera, “Il mio nome è … “ Il test sarà positivo. Poi

118
dite: “Il mio nome è Milford”. Il test sarà negativo, salvo che il vostro nome
sia Milford.
Pensate ad Abraham Lincoln e George Washington. Il test sarà positivo.
Poi pensate ad Adolf Hitler e Josef Stalin. Il test sarà negativo. Se il test
risulta positivo, consultate un terapista.
Tenete una sostanza sana come una capsula di vitamina C sul plesso
solare e poi eseguite l’MRT.
Il test sarà positivo. Ora ripetete il test, ma utilizzate lo zucchero bianco.
Il test sarà negativo.
Pensate alla capsula di vitamina C e dite, “500 milligrammi sono il
dosaggio ottimale per me”. Se il test risulta negativo, utilizzate un altro
valore e ripetete il test fino a quando non trovate il dosaggio di vitamina C
ottimale per voi.
Ripetete il test descritto sopra con tutti i farmaci che state assumendo. Se
pensate che vi piaccia una collega, diciamo che si chiami Sally, ma vi
sentite un po’ a disagio con lei, fate il test dicendo: “Mi piace Sally, penso a
lei come a una cara amica”. Il test probabilmente sarà positivo. Ah! Ma
questa era la verità della mente cosciente. Ora fate il test con la mente
subcosciente. “Mi piace Sally a un livello subcosciente e la mia mente
subcosciente pensa a lei come a un’amica”. Se il test è negativo, sapete
perché avete una sensazione di disagio insieme a Sally.
Il metodo MRT è stato lanciato dal Dott. George Goodheart. Egli scoprì
che la forza o la debolezza dei muscoli era collegata alla condizione degli
organi del corpo. Il Dott. Goodheart chiamò questa tecnica “kinesiologia
applicata”. Nel 1971 circa furono pubblicati tre libri di cui era co-autore,
ma sono fuori stampa.
Alla fine degli anni 70, il Dott. John Diamond, uno psichiatra, affinò la
tecnica e la chiamò “kinesiologia comportamentale”. Egli scoprì che i
muscoli s’indeboliscono o si rafforzano in presenza di stimoli emotivi e
intellettuali sia positivi sia negativi, così come con gli stimoli fisici.
Pubblicò le sue scoperte nei libri Behavioral Kinesiology, nel 1979, e in
Your Body Doesn’t Lie, sempre nel 1979. Il Dott. David R. Hawkins,
anch’egli psichiatra, portò il metodo a livelli molto più alti. Egli ha dato
due grandissimi contributi. Uno, ha verificato la coerenza dei risultati dei
test. Infatti aveva centinaia di soggetti di ogni età, professione e con ogni
tipo di retroterra culturale, cui furono sottoposte le stesse domande, con gli
stessi risultati indipendentemente da tutto. Due, ha ampliato l’ambito dei
test, cosa che non posso descrivere qui, ma vi consiglio vivamente di
leggere i suoi libri, Power vs Force e The Eye of the I. Egli è anche co-
autore di un ottimo libro con il premio Nobel Linus Pauling, Ortomolecular

119
Psychiatry.
Sono stato testimone di uno straordinario esempio della potenza
dell’MRT. Diversi medici specialisti diagnosticarono a un’amica, che
chiameremo Marta, una malattia incurabile alla vescica. Marta era
sofferente, in sovrappeso e prendeva farmaci pesanti. Poiché i medici non
riuscivano curarla e questa malattia sarebbe durata tutta la vita, le avevano
consigliato una terapia di gruppo.
Invece di rassegnarsi e partecipare alla terapia di gruppo, andò a trovare
Valerie Moreton Gersch, la fondatrice di KALOS, un’organizzazione che
insegna l’MRT. Sottoponendola all’MRT, Valerie scoprì che Marta era
allergica ad alcuni alimenti comuni e aveva alcuni squilibri nel suo sistema.
Dopo tre mesi di dieta stretta e con l’uso di alcune erbe, era completamente
guarita, ritornò al suo peso normale e in ottima salute. Valerie ha scritto due
libri sull’MRT, che possono essere acquistati presso KALOS (1-800-775-
2567). Un altro libro informativo su questo argomento è Energy Medicine di
Donna Eden, 1998.

CONDIZIONAMENTO DI “ALLERTA’’
Ci sono momenti in cui essere vigili è essenziale. Può darsi che vi
sentiate pigri o stanchi, ma dovete sostenere un esame o partecipare a
un’importante riunione. Il seguente programma1 vi allena a svegliarvi e
restare svegli in qualsiasi momento e in qualsiasi circostanza. La parola
chiave è “ALLERTA”. Ogni volta che volete diventare attenti e vigili,
contate alla rovescia da 10 a 1 e dite e pensate alla parola “ALLERTA”. La
vostra mente e il vostro corpo ne saranno stimolati e sarete pronti
all’azione.

ROUTINE di “ALLERTA”
Mettiti comodo. Alza gli occhi di circa venti gradi e fissa un punto.
Guardare in alto è faticoso e le palpebre iniziano a stancarsi. Permetti
alle tue palpebre di chiudersi lentamente. I tuoi occhi ora sono chiusi.
Stai cominciando a rilassarti ... ti stai lasciando andare ... lasciando
andare. Tutto lo stress nel tuo corpo svanisce, viene rilasciato. Diventa
consapevole dei tuoi muscoli dalla testa ai piedi. Passa in rassegna il tuo
corpo e rilassa ogni muscolo in cui potrebbe ancora esserci della
tensione. Rilassarsi è cosìììì facile ... lasciati soltanto andare e
semplicemente diventa molle ... privo di consistenza. Mentalmente conta

120
alla rovescia da 5 a 1. 5 ... sei sempre più rilassato. 4 ... tutti i muscoli del
tuo corpo sono completamente rilassati. Immagina una pila di elastici.
Prendine uno e allungalo, lascialo andare e lascialo cadere sul
pavimento. Guarda come perde la tensione e diventa completamente
rilassato ... proprio come sei tu adesso. 3 ... 2 ... ti senti caldo e pesante e
molto rilassato ... 1 ... “RILASSATI”. Ora sei in uno stato di sonno
profondo ... in uno stato mentale sano e naturale ... uno stato salutare ... a
ogni espirazione sei sempre più rilassato.
Sei in uno stato d’animo in cui la tua mente cosciente e la tua mente
subcosciente lavorano insieme e in armonia per il tuo bene supremo. La
tua mente subcosciente e la tua mente cosciente si amano reciprocamente
e lavorano per il tuo benessere fisico e mentale, sempre. Essi comunicano
costantemente fra loro ... lavorano in armonia ... lavorano per la tua
perfetta salute e il tuo benessere mentale. Ognuna di loro fa questo
amorevolmente, con gioia. La tua mente subcosciente prontamente
accetta ordini dalla tua mente cosciente, ordini positivi, sani, costruttivi
e, a patto che siano per il tuo bene supremo e non danneggino nessun
altro, esegue ogni comando prontamente e con amore. Le tue crescenti
facoltà mentali hanno lo scopo di servire meglio te e tutta l’umanità.
Nulla può turbare il tuo stato attuale. Tutto intorno a te aiuta a
mantenere questo profondo stato mentale.
Ora immagina che stai visitando la Diga Boulder sul fiume Colorado.
Sei in piedi nel mezzo della diga, che è lunga più di 1.200 piedi.2 È
imponente. Se guardi in una direzione, vedi il lago Mead, il più grande
lago artificiale al mondo. Se guardi nella direzione opposta, guardi giù
nel fiume Colorado, dove sfocia la diga.
Stai guardando 726 piedi più in basso. Guardare giù fa paura. È alta
più di 44 piani e trattiene un mare virtuale di acqua. Guarda i numerosi e
spessi cavi elettrici che vanno dalla diga a Los Angeles, a Las Vegas, e in
altre città.
Ora stai scendendo nella stanza dove si genera la corrente che è giù
alla base della diga. Entri in un ascensore e noti che la tua mente
subcosciente è l’operatore. Comandi alla tua mente subcosciente di
scendere nella stanza dove viene generata la corrente ai piedi della diga.
Cominci a scendere ... dal primo piano ... giù ... giù ... senti che per
l’accelerazione dell’ascensore il tuo corpo diventa leggero. Senti che stai
scendendo sempre più giù, stai scivolando in un sonno profondo ... un
sonno ristoratore … sempre più profondo. Cerchi di immaginare la
sensazione che avrai nel vedere con i tuoi occhi gli enormi generatori di
corrente. L’ascensore inizia a rallentare, pronto a fermarsi sul fondo

121
della diga. Ti aspetti qualcosa di gigantesco ... qualcosa di meraviglioso
... di utile ... potente. L’ascensore si ferma.
L’ascensore si apre e vedi una grande sala, lunga almeno come due
campi da calcio. Nella stanza sono allineati dieci enormi generatori
elettrici. Ognuno di loro deve misurare 10 piedi di diametro e 10 piedi di
altezza. E ognuno ha spessi cavi di potenza che portano l’energia
elettrica nelle città dove è richiesta. Di fronte a te c’è il pannello di
controllo dei 10 generatori. Ogni generatore ha il suo interruttore, e un
contatore mostra la potenza complessiva dei dieci generatori.
Accendi il generatore numero 1. Senti il rumore dei rotori non appena
la turbina inizia a girare ... sempre più veloce. Vedi l’ago del contatore
salire a 1 su una scala di 10. Un piacevole flusso di calore attraversa il
tuo corpo. A ogni numero crescente l’effetto raddoppia ... incanalando
una quantità crescente di energia in ogni cellula e fibra del tuo corpo.
Resti rilassato, ma pronto all’azione. Ora accendi il generatore 2. Il
rumore dei rotori è ancora più forte mentre i due generatori producono
energia. Accendi il generatore 3 e poi il 4. Ora è possibile sentire
l’intensa vibrazione del pavimento a causa dei quattro generatori che
girano. E vedi l’ago sul contatore che sale a 4. Senti il formicolio
dell’energia, ma rimani rilassato. Accendi il generatore 5. Il rumore
diventa più forte ... accendi i generatori 6 e 7. Il rumore è quasi
insopportabile. Metti le protezioni per le orecchie che sono di fronte a te.
Le protezioni ti aiutano, ma il rumore è ancora forte.
E la vibrazione scuote persino le pareti. A ogni respiro inali forza … e
potere ... e energia ... e vitalità . Ora accendi i generatori 8 ... e 9. Io sono
costretto a urlare perché tu mi possa sentire ... e il tuo corpo ancora
rimane mollemente inerte, ma composto. L’energia sta pulsando
attraverso il tuo corpo. La vibrazione è così forte che hai problemi ad
accendere il numero 10. Accendi il decimo generatore e ora sei a potenza
piena. L’ago del contatore sul 10 si spezza e nel quadrante s’illumina
l’allarme rosso. Ora sei completamente ALLERTA e pronto ad affrontare
qualsiasi situazione. Stai pulsando con dinamica energia.
Puoi sentire l’adrenalina pulsare attraverso il tuo corpo ... puoi sentire
la tremenda energia che formicola in tutto il tuo corpo ... ora sei
pienamente ALLERTA e pronto ad affrontare qualunque compito con
focalizzata attenzione e inesauribile energia. Ti senti meravigliosamente
e potente. Sei pronto ad affrontare qualunque cosa. Hai il completo
controllo di te. Sai che puoi controllare il tuo corpo e le tue azioni. Sei
pronto all’azione.
Pronto ora … al 10 e al segnale della parola “ALLERTA”, apri gli

122
occhi ... 1-2-3-4-5-6-7-8-9-10 — ALLERTA!!! Occhi bene aperti!

1 Argento = Silver in Inglese (ndt)


2 Un piede = 30,48 cm
Questa routine, in Inglese, può essere acquistata su http://www.thegeniewithin.net/affirmation-cds. Per
informazioni, scrivete a thegeniewithin@roadrunner.com oppure a The Genie Within, 1844 Fuerte Street,
Fallbrook, CA 92028.

123
Lezione Sei

METODI di Utilizzo
della Mente Subcosciente,
Parte 1

124
Lezione Sei

REVISIONE DEI PUNTI CHIAVE


ASPETTATIVA
uando la mente subcosciente si aspetta qualcosa, tende a

Q realizzare quella cosa. L’aspettativa è una profezia che si


autoavvera. Quando date un comando alla mente subcosciente, vi
dovete aspettare un risultato. Gli esempi fatti nella Lezione Uno
dimostrano la potenza della mente subcosciente. Avete le capacità. Quindi
aspettatevi dei risultati positivi. Il vostro genio risponderà.
Poiché vi aspettate dei risultati positivi, non siate stupiti quando li
ottenete. Ovviamente, il vostro genio si è fatto avanti! Lo stavate
aspettando! Basta dire “grazie”. La sorpresa dimostrerebbe mancanza di
fiducia. Una grata accettazione dimostra fiducia.

ATTEGGIAMENTO POSITIVO
Mantenete un atteggiamento positivo. Anche se i risultati non accadono
secondo il vostro (mente cosciente) programma, abbiate fede.
Ricordate la Legge dello Sforzo Inverso. Se in voi si annida la paura del
fallimento, la paura (mente subcosciente) avrà il sopravvento sulla vostra
volontà (mente cosciente) di riuscire.

ATTIVATE LA MENTE SUBCOSCIENTE


Usate le emozioni e le immagini per energizzare il vostro genio. Usate
parole che evocano emozioni e immagini. Evitate l’analisi critica e i
confronti.

SCOLLEGATE LA MENTE COSCIENTE


Pensare (mente cosciente) alle vostre affermazioni ostacola il genio. Se
vi soffermerete sulle vostre affermazioni in maniera cosciente (in stato beta)

125
potreste avere dei pensieri di fallimento. Vi potrebbero venire in mente un
centinaio di ragioni sul perché potreste fallire. Praticate un’accettazione
distaccata.

DATE UN COMPITO AL VOSTRO GENIO


Dopo che avete programmato la mente subcosciente, coscientemente
lasciatela andare. Fidatevi del vostro genio. Affidate le vostre affermazioni
al vostro genio e poi dimenticatevi di loro. Quando affidate un compito a un
dipendente fedele e competente, siete certi che lo svolgerà. La micro-
gestione (cosciente) semplicemente impedisce il lavoro. Non micro-gestite
il vostro genio. Dategli fiducia. Non dite al vostro genio come deve
svolgere il proprio lavoro.

USATE LE EMOZIONI
L’emozione è energia. Utilizzate le emozioni nelle vostre affermazioni e
quando comunicate con il vostro genio. Drammatizzate. Provocate
emozione!

I SENSI
Nel dare obiettivi al vostro genio, utilizzate tutti i sensi. Se state
programmando di comprare un’auto nuova, vedete la macchina, annusate la
nuova tappezzeria, udite il clacson, date calci alle gomme, provate la
sensazione di guidare un’auto nuova.

ANDATE IN ALFA
Lo stato alfa è la porta della mente subcosciente. Usatelo. Comandi e
affermazioni saranno accettati cento volte più in fretta.

USATE LA RIPETIZIONE
Nutrite la mente subcosciente con la vostra affermazione fino a quando
essa non dominerà. Fornitegliela periodicamente per consolidarla. Pensate

126
al simbolo della “bilancia”. Alimentate il lato positivo della bilancia fino a
quando peserà più del lato negativo e il lato positivo dominerà.

USATE L’IMMAGINAZIONE
La mente subcosciente non distingue il reale dall’immaginario.
Utilizzatelo a vostro vantaggio. Immaginate di svolgere ogni compito con
abilità e sempre correttamente. Immaginate di parlare con disinvoltura di
fronte a un vasto pubblico. La vostra esposizione è lucida e sicura. Vedete il
rispetto negli occhi del pubblico. Immaginate di avere una conversazione
cordiale e costruttiva con la persona con cui avete avuto un diverbio al
lavoro. Immaginate un risultato diverso. Immaginate di aver venduto un
milione di dollari di beni immobili. Immaginate di essere stati promossi al
lavoro dei vostri sogni.

RIMPIAZZATE UNA CATTIVA ABITUDINE


Non potete cambiare ciò che è radicato nella mente subcosciente. Ma
potete sovrapporre il suo contrario. Alimentate il positivo fino a quando
non sostituirà il negativo.

AGGIORNATE I VOSTRI OBIETTIVI


Aggiornate i vostri obiettivi periodicamente. Il vostro genio è alla
ricerca di qualunque cosa di cui è stato alimentato. Alimentarlo con i vostri
obiettivi vi darà felicità, pace e appagamento.

MONITORATE I VOSTRI PENSIERI


La mente subcosciente è un computer cerca-obiettivi.
Dovrete sempre, sempre alimentarla solo con obiettivi positivi,
costruttivi, sani. Monitorate quello che dite. Sempre! In ogni minuto da
svegli, PENSATE A VOI STESSI SOLO PER COME VOLETE ESSERE.

INTRODUZIONE

127
La maggior parte dei metodi descritti qui sono semplici e richiedono
poca preparazione. Non fatevi fuorviare dal pensiero che siano troppo
facili per essere efficaci, ad esempio, troppo facili per eliminare vecchie
abitudini oppure ottenere successo.
Ricordate: non dovete fare sforzi per utilizzare la mente subcosciente. Lo
sforzo è controproducente. Usare la mente subcosciente deve essere facile e
senza sforzo. Siate contenti che usare il vostro genio sia facile.
Questi metodi potrebbero essere descritti utilizzando centinaia di parole.
Io ho usato poche parole, solamente quelle necessarie per illustrare l’idea.
Come riferimento avete le lezioni precedenti per approfondire i temi e per
aggiungere a questi metodi il vostro tocco personale. Nessuno di loro è
rigidamente fissato. Nessuno deve essere seguito alla lettera. Siate
fantasiosi. Personalizzateli. Usateli. Funzionano!

PUBBLICITA’
Prima di addentrarci nei metodi di utilizzo del vostro genio, è necessario
che sappiate come gli uomini (e le donne) della pubblicità usano i principi
esposti nelle lezioni precedenti per influenzare voi.
La pubblicità è un’industria multi-miliardaria. Soltanto un minuto durante
il Super Bowl costa milioni di dollari. Questi soldi non sono spesi
incautamente. I pubblicitari sanno come influenzarvi.
Ci sono sei modi con cui i pubblicitari possono convincervi a comprare i
loro prodotti:

1. Forza Bruta — È illegale e costerebbe troppo.


2. Droghe — È illegale e poco pratico.
3. Punizione — È illegale e assoldare un esercito per punire la
gente che ha rifiutato di acquistare un prodotto, non sarebbe
economicamente conveniente.
4. Ragione — Vi sfido a nominare un prodotto pubblicizzato in
TV o in una rivista famosa che sia basato sulla ragione. La
ragione è utilizzata solo in campo tecnico. Quando un
ingegnere, per esempio, ha bisogno di un frantumatore
meccanico, guarda un catalogo di frantumatori e sceglie quello
più adatto alle sue esigenze. Non c’è nulla di emotivo nella
scelta. Ma se la pubblicità di uno shampoo, ad esempio, fosse
basato sulla ragione, sarebbe inefficace. Sul mercato ci sono
centinaia di marche e tutti fanno fondamentalmente la stessa

128
cosa.
5. Premi — Questo è un modo per convincere la gente a fare
quello che si desidera. Buoni sconto dati al momento degli
acquisti. Dopo che ne sono stati raccolti a sufficienza, possono
essere cambiati per altra merce. Alcune carte di credito
regalano un miglio per ogni dollaro addebitato e quando si
accumulano 20.000 miglia di credito, si può ottenere un
biglietto aereo gratuito. I premi funzionano ma non
rappresentano il modo più efficace per influenzarvi.
6. Suggestione — I pubblicitari usano la suggestione. La
suggestione è un’idea che si accetta acriticamente e
favorevolmente. Con il risultato di un comportamento
prevedibile. Le suggestioni sono indirizzate alla mente
subcosciente, non alla mente cosciente!

Tutti i principi chiave discussi in precedenza, saranno brevemente rivisti


per dimostrare come i pubblicitari li utilizzano. Una volta capito come i
pubblicitari agiscono, potrete controllare l’influenza che ha su di voi la
pubblicità.

LOGICA
La pubblicità non è logica, perché non è rivolta alla mente cosciente. Le
suggestioni sono dirette alla mente subcosciente. Molti, o la maggior parte,
dei prodotti che acquistate si basano sull’emozione, e l’emozione ha origine
nella mente subcosciente.
Ora capite perché alcuni pubblicitari fanno degli spot tanto stupidi, come
Jolly Green Giants oppure organi interni animati. Stanno impiantando
suggestioni nella mente subcosciente, non in quella cosciente. È logico
fumare le sigarette soltanto perché un cowboy macho lo fa? È logico
indossare una scarpa sportiva perché su di esse c’è il nome di Michael
Jordan? È logico utilizzare un certo deodorante perché è fresco? Avete
guardato uno spot televisivo e vi siete detti, “Ma quanto é stupido?”.
Potrebbe essere stupido per la mente cosciente, ma l’annuncio non è
indirizzato alla mente cosciente.

STATO ALFA
Le suggestioni sono accettate molto, molto, più facilmente mentre siete in

129
alfa. Anni fa, Vance Packard ha dichiarato nel suo libro, Hidden
Persuaders, che i clienti, in particolare gli uomini, camminavano lungo le
corsie dei mercati alimentari in stato alfa. Mentre erano in stato alfa, erano
particolarmente suscettibili ad acquistare d’impulso.
I ricercatori hanno scoperto che chi guarda la TV é in stato alfa. La TV è
un ipnotista molto esperto. Vi porta in stato alfa e vi tiene lì. Dopo una
lunga giornata di lavoro o di scuola, la maggior parte delle persone vuole
soltanto evadere, rilassarsi e spegnere la propria mente (cosciente). Che
cosa fanno? Guardano la TV. Inoltre, spesso si guardano programmi TV
stupidi o emotivi. Per i pubblicitari quello è un momento di grande efficacia
per impiantare suggestioni nella vostra mente subcosciente.
Pensate che gli spot commerciali siano stupidi, li odiate e non badate a
loro. Mentre la mente cosciente può ignorare gli spot, la mente
subcosciente, che è sempre all’erta, non li ignora. La suggestione ha più
probabilità di essere impiantata nella mente subcosciente quando la mente
logica cosciente è annoiata o distratta. La TV è un metodo perfetto per
inculcare una suggestione in milioni di persone che non sospettano nulla.
Per questo è così utile per i commercianti spendere miliardi di dollari per
farlo.

EMOZIONE
Gli spot televisivi fanno prevalere le emozioni sulla logica. Molti spot
usano la paura come motivazione. Considerate l’immagine di un bambino
seduto in un pneumatico, o di una madre che guida durante un forte
temporale con un bambino seduto al suo fianco. Questi pubblicitari
utilizzano il timore di un possibile incidente per spingere la gente ad
acquistare la loro marca di pneumatici. “Le bionde hanno più successo”.
Questo significa inculcare la paura di dover rinunciare a qualcosa se non si
è bionde. Se non comprate il loro prodotto, non potrete avere successo,
essere sicure, avere amici, ecc.
Gli spot pubblicitari sono spesso inseriti nei programmi televisivi
quando c’è un picco emotivo. Poco prima che un testimone a sorpresa sta
per entrare nell’aula di un tribunale, per esempio, il dramma si ferma per
uno spot pubblicitario. Che coincidenza, un consiglio commerciale proprio
quando si è più suggestionabili.

IMMAGINAZIONE

130
Se guidate una macchina sportiva nuova, immaginate di sentirvi più
giovani e fare le cose che i giovani pensano di fare, come far salire a bordo
giovani donne. Questo è un eccellente pensiero se siete giovani e single, ma
di solito l’annuncio è principalmente indirizzato a uomini sposati di mezza
età. Le sigarette, per fortuna, non sono più pubblicizzate in televisione.
Ma ricordate la pubblicità di persone raffinate che fumano. Fumate
credendo che anche voi possiate essere raffinati e avere molti amici. Ora
sono i sigari a essere pubblicizzati in televisione. Un uomo che fuma un
sigaro immagina di essere un uomo arrivato e importante.
Pensate agli annunci di Pepsi-
Cola e Coca-Cola. Vedete gente
giovane, vivace, attiva, energica,
allegra.
Bevete Pepsi e sognate di fare
la “bella” vita. Basta bere Pepsi e
avrete amici belli, attivi, vivaci
come quelli che vedete negli spot
della TV. Sarete sempre in ottima
compagnia e vi sentirete allegri.
E che dire dell’uso
dell’immaginazione negli spot dei
profumi? “C’è un po’ di Eva in
ogni donna”. “Tutti i miei uomini
indossano English Leather, oppure
non indossano niente”.
Un articolo sugli shampoo, in una rivista per consumatori1, inizia con: “I
produttori di shampoo vendono sogni. Usate Herbal-Essence ed entrerete in
un giardino di delizie terrene, dove ogni bolla profuma di erbe misteriose e
di verdi fiori selvatici appena raccolti. Vi sentirete vivi con il pulito di un
torrente di montagna e la lucentezza del sole del mattino nei vostri capelli,
con dei bei pensieri di luoghi lontani nella vostra testa. Provate lo Shampoo
Clairol Herbal-Essence ... i vostri capelli saranno bellissimi”. I
commercianti devono vendere sogni. In quale altro modo potrebbero
convincere i consumatori a scegliere tra la moltitudine di shampoo sul
mercato?

SOSTITUZIONE DEL RIFLESSO


CONDIZIONATO

131
Col pretesto di proporre cure, gli annunci in realtà propongono malattie.
Prima che gli inserzionisti possano promuovere il loro prodotto, voi
dovreste avere qualche sintomo curabile dal loro prodotto.
Gli esempi sono:

“Sta arrivando ... la stagione dell’influenza”. Naturalmente,


questo significa che soffrirete di mal di testa, naso che cola,
ecc.
“Quando l’influenza colpirà quest’anno ... ”. Tutti prenderanno
l’influenza, soprattutto voi!
“La prossima volta che soffrirete di mal di testa ... ” Tutti
soffrono regolarmente di mal di testa.
“ Excedrin Headache n.34 per il mal di testa ... ” Soffrire di
mal di testa è naturale e voi dovete aspettarvi di averlo. È uno
status symbol.

Un’azienda riesce a vendere più aspirine vendendo il mal di testa. Ho


letto che i produttori di aspirina spendono moltissimo in pubblicità. È
difficile vendere l’aspirina, è più facile vendere il mal di testa.
La cosa terribile di tutto questo è l’influenza che ha sui bambini. I
bambini sono ancora più impressionabili dagli spot televisivi rispetto agli
adulti. I bambini crescono per diventare parte della nostra cultura del mal
di testa. Essi sono portati a credere che i mal di testa siano normali, tutti li
hanno ogni volta che sono sottoposti a stress, il mal di testa è inevitabile.
In un certo periodo dell’anno ci viene ricordato che è la stagione delle
allergie ed è meglio stare pronti. È meglio avere alcuni dei farmaci
specifici a portata di mano, perché dobbiamo aspettarci che ne avremo
bisogno. Siamo bombardati da grafici animati di pollini che invadono le
nostre cavità nasali e da personaggi belli e famosi che ci consigliano di
usare un certo farmaco contro l’allergia.

IMMAGINI
La mente subcosciente comunica più con le immagini che con le parole. I
pubblicitari usano le parole per evocare immagini, come nella pubblicità
dello shampoo di prima. Le immagini sono particolarmente efficaci negli
spot televisivi. Per esempio ci sono cartoni animati, immagini della
rimozione di uno stomaco che rappresenta un esagerato bruciore di
stomaco. E spot dove, in un paradiso da cartoni animati, si guida una certa
macchina. In altre parole, guidate questa macchina e sarà come guidare in

132
paradiso.

SIMBOLISMO
Qualche tempo fa, Karl Malden fece molti spot televisivi. Malden
otteneva l’effetto voluto perché la sua immagine era di un rispettato tenente
di polizia, un uomo forte e in una posizione di potere. Indossava sempre un
cappello. Il cappello era un simbolo di autorità. Catherine Deneuve ed
Elizabeth Taylor sono simboli di glamour e sesso. Il gigante Jolly Green è
un simbolo che suggerisce che mangiando certi alimenti si diventa forti, sani
e allegri. I sigari sono simbolo di successo e importanza.
Robert Young, grazie ai suoi ruoli televisivi in Father Knows Best, e
come Marcus Welby, era un simbolo di autorità, integrità, uno che sapeva
tutto. Quindi, se diceva qualcosa, doveva essere vero. Se diceva che si
poteva bere tutto il caffè Sanka che si voleva, doveva essere vero.

RIPETIZIONE
Gli annunci pubblicitari usano la ripetizione fino alla nausea. Forse i
pubblicitari si preoccupano che la mente cosciente si stanchi di vedere
sempre lo stesso annuncio? Niente affatto. Primo, l’annuncio non è rivolto
alla mente cosciente e, secondo, quando vi stancate di vederlo, è più
probabile che lo ignoriate consapevolmente. Quando lo ignorate
consapevolmente, è più probabile che la suggestione sia accettata dalla
mente subcosciente.

REPLAY ISTANTANEO
Alcuni annunci lunghi, diciamo di 30 secondi, raccontano una storia.
Dopo circa una settimana, l’annuncio è condensato in cinque secondi. La
storia è già installata nella mente subcosciente. Tutto ciò che la pubblicità
deve fare è innescarne il ricordo. Al pubblicitario basta mandare soltanto
un annuncio di 5 secondi e l’intero annuncio di 30 secondi viene rivissuto
nella mente subcosciente. Il pubblicitario ha pertanto risparmiato il costo di
25 secondi di trasmissione.

ANNUNCI PUBBLICITARI POLITICI


133
Gli spot politici non sono molto diversi. Ricercate i simboli di
patriottismo. I candidati nell’ultima campagna presidenziale durante i loro
comizi facevano a gara a chi mostrasse il maggior numero di bandiere
americane sullo sfondo. I candidati sono logici? Purtroppo, non molto
spesso. È l’emozione che fa conquistare il maggior numero di voti e non la
logica. I candidati non riescono a mantenere l’attenzione della maggior
parte degli elettori così a lungo da riuscire a presentare un’analisi completa
e logica su un certo argomento. La seguente citazione è stata fatta da un
consulente per una campagna politica durante una tavola rotonda: “Le
persone non si smuovono con parole colte o giudiziose. Le persone si
smuovono emotivamente”.

CONCLUSIONI
Ora ne sapete abbastanza per difendervi e non essere eccessivamente
influenzati dalla pubblicità. Quando la televisione mostra una persona
malata che si soffia il naso, e il presentatore dice: “È l’influenza di stagione
... ” sostituite l’immagine con pensieri e immagini sane.

PREOCCUPAZIONE
La preoccupazione incorpora la maggior parte dei fattori per impiantare
una suggestione nella mente subcosciente. Il problema è che quando si è
preoccupati, nella mente subcosciente s’impianta la cosa che meno si
vorrebbe che accada! La vostra preoccupazione è il vostro pensiero
principale e il vostro pensiero principale diventa l’obiettivo della mente
subcosciente. State programmando la mente subcosciente per ciò che non
volete. E questo pensiero ha carica emotiva ed è ripetitivo! Il pensiero
continua a girare nella vostra mente. E probabilmente, è esagerato. La
maggior parte delle preoccupazioni sono esagerate.
Inoltre, subite stimoli che vi riportano costantemente alla mente la
preoccupazione. Per esempio, diciamo che siete preoccupati di perdere il
lavoro e, di conseguenza la vostra casa, cui siete legati emotivamente. Ogni
volta che pensate alla vostra casa, cioè spesso, il pensiero agisce come uno
stimolo che aumenta l’emozione della preoccupazione. Ricordate che la
mente subcosciente non distingue il reale dall’immaginario. Perciò si
comporta come se fosse successa la cosa peggiore. Se la vostra
preoccupazione continua a persistere la vostra salute ne risentirà.
Se volete il peggio per voi stessi, la preoccupazione è un ottimo modo

134
per programmare la vostra mente. Ma voi volete il meglio, non il peggio.
Qui ci sono un paio di modi semplici per alleviare le preoccupazioni.

SVOLGETE ATTIVITA’ MIRATE


Ricordate il Ciclo di Energia Naturale del Capitolo Quattro. Il ciclo è:
ENERGIA PENSIERO ESPRESSIONE RIPOSO
ENERGIA ecc.
La preoccupazione rompe il ciclo, perché è espressione di un’attività non
direzionata. L’attività non direzionata impedisce un rilassamento completo e
inoltre, di solito, è uno sperco di tempo ed energia. L’energia emotiva ha
bisogno di una valvola di sfogo. Se un pensiero dominante, come una
preoccupazione, non è espresso con un’attività direzionata, è espressa
attraverso il mangiarsi le unghie, l’irrequietezza, ecc. Se il pensiero
persiste, può essere espresso con ulcere, pressione alta, ecc. Quindi,
mantenete il Ciclo Naturale, utilizzando attività direzionate. Invece di
preoccuparvi, provate a fare qualcosa di costruttivo.

BRAINSTORMING DEL PROBLEMA


IMMAGINATO
Definite chiaramente il problema e poi pensate alle varie soluzioni. Non
ne scartate nessuna. Dopo aver preso in considerazione tutte le soluzioni,
scegliete le più sane e le più attuabili. Mettetele in pratica. Lavorate su
queste soluzioni. Per esempio, se siete preoccupati di perdere il lavoro,
aggiornate il vostro curriculum, informatevi in maniera discreta sulle
opportunità di lavoro in altre aziende, prendete in considerazione l’idea
tornare a scuola per ottenere un livello d’istruzione superiore. Usate
l’energia emotiva in maniera direzionata e quando avrete fatto tutto quello
che potevate fare, sappiate soltanto che: Avete fatto tutto quello che
potevate, perciò smettete di preoccuparvi.
Un altro aspetto importante dello svolgere attività direzionate é che vi
danno la sensazione di avere il controllo. Una gran parte del danno prodotto
dalle preoccupazioni è la sensazione d’impotenza. Molti studi nel campo
della salute dimostrano che, i pazienti che hanno un ruolo attivo nel
processo decisionale insieme al loro medico, ottengono risultati migliori
rispetto a quelli che lasciano sia il medico a prendere le decisioni
unilateralmente. Quando un paziente partecipa, ha la sensazione di avere un

135
certo controllo della situazione. Quando un paziente non partecipa
attivamente con il proprio medico, è più probabile che si senta impotente.

“IO SONO”
“Io sono/Io sto” sono frasi potenti. Ciò che dite dopo “Io sono” è
un’affermazione inviata alla mente subcosciente. Usatela con saggezza,
poiché si utilizza decine di volte al giorno. Ogni volta che scambiate un
saluto usate l’espressione “Io sono/Io sto”. Ogni volta che incrociate un
amico o un collega, probabilmente vi chiede, ”Come stai?” Si tratta di un
saluto abituale e amichevole che molte persone usano. Quali sono le tipiche
risposte?

“Sto molto bene”. Uno dei significati di “molto bene” è


qualcosa di alta qualità, ma è un aggettivo abusato e per la
mente subcosciente ha un significato dubbio.
“Sto bene”. Soltanto bene? Non vorreste stare meglio di un
semplice bene?
“Sono stato meglio”. Se siete stati “meglio”, allora state
dicendo alla mente subcosciente che adesso non state molto
bene. Perché lasciare che la mente subcosciente, emotiva e
letterale, interpreti in modo errato queste risposte banali?

Quando qualcuno vi chiede come state, usate questo saluto come scusa
per bombardare la mente subcosciente di affermazioni positive. Rispondete
con “Io sto... ”

“Trascorrendo una splendida giornata”.


“Meravigliosamente”.
“Stupendamente”.

Sarebbe ancora meglio dire: “Io sono ... “.

“Sano”.
“Di successo”.
“Allegro e agiato”.
“Una bella persona”.
“Intelligente ed eloquente”.
“Una persona amabile “.
Ecc.

136
Quando ci chiedono come stiamo, la maggior parte di noi non ha il
coraggio di fare ad alta voce queste affermazioni. È normale. Non dovete
dirlo ad alta voce, basta gridarlo a voi stessi. Usate i saluti come
promemoria per nutrire con affermazioni positive la mente subcosciente.
E anche se non adottate questo suggerimento, non dovete rispondere con
qualcosa che non volete essere. Non volete stare solo “bene”, “abbastanza
bene”, “non c’è male”, o semplicemente “meglio di altri”. Volete il
massimo per voi stessi. Perciò affermatelo! Lo stesso vale per “Io ho ... ” e
“Mi sento ... ”. Ci sono dei momenti in cui potrete soffrire di raffreddore,
ma non rafforzatelo ripetendo, “Ho il raffreddore, il mio naso è chiuso e ho
il mal di testa”.
A volte dovete descrivere i vostri sintomi. Per esempio, quando chiamate
la scuola o l’ufficio per comunicare che siete malati, oppure quando parlate
con il medico. In questi casi fate sempre una prefazione alla vostra
affermazione, che terrete soltanto per voi, dicendovi “Fino a ora ... ”.
Questo dice alla mente subcosciente che è una condizione temporanea, ed è
ora di guarire.

“FUNZIONA!”
Funziona2 è il titolo di un opuscolo di 25 pagine grande 10x15 cm.
L’autore sostiene che avrebbe potuto scrivere 350 pagine di normali
dimensioni sull’argomento, ma che l’essenza può essere facilmente descritta
in solo poche pagine. L’autore sostiene di essere molto noto (indica solo le
sue iniziali, R.H.J.) e che deve molto del suo successo al metodo
“Funziona”. Questo metodo è efficace e facile. Il vostro genio fa tutto il
lavoro.
Il metodo è questo:

FASE 1
Scrivete le cose e a quali condizioni le desiderate su dei bigliettini di tre
pollici per cinque. Scrivete una cosa su ogni bigliettino.
Fate uso dei princìpi che vi sono stati insegnati in questo corso. Siate
precisi. Descrittivi. Se volete denaro, dovete scrivere quanto ne volete. Se
volete una macchina, scrivete la marca, il modello e il colore. Mentre
scrivete tutto questo, immaginate di stare guidando la macchina, annusate
l’odore della tappezzeria ... date un calcio alle gomme ... e così via.

137
Collegate l’emozione alle parole mentre le scrivete. È anche possibile fare
un disegno di ciò che desiderate.
Non siate timidi. Non abbiate timore di volere troppo. Rettificate i vostri
bigliettini, se necessario.
L’autore raccomanda un massimo di tre bigliettini. Poiché la mente
subcosciente può fare migliaia di miliardi di cose alla volta, questo limite
può essere inutile. Usate il numero di bigliettini che volete.

FASE 2
L’autore dice di leggere la lista la mattina presto e la sera tardi.
Probabilmente ha preso tutto questo da Emile Coué. Che l’autore, o Coué,
lo sapessero o no, vi stanno dicendo di leggere i bigliettini mentre siete in
alfa. Poiché sapete come entrare in alfa ogni volta che volete, potete leggere
i bigliettini anche in altri momenti e non soltanto quando vi svegliate o vi
addormentate. Ma non guardateli mentre siete in beta. La mente cosciente
probabilmente sarebbe critica e insorgerebbero dei pensieri negativi.

FASE 3
Tenete i vostri desideri per voi stessi. Condividerli diluisce soltanto il
potere nella mente subcosciente e dà origine alla critica e al dubbio. Inoltre
ciò vi mette delle inutili pressioni per avere successo. Ricordate, la paura
del fallimento probabilmente vincerà sulla volontà di successo.

FASE 4
Non dite al vostro genio come farlo.
Tutto qui. Semplice ma potente.
Una grande società aerospaziale dove ho lavorato, acquistò un costoso
programma per i suoi dipendenti. Il programma era progettato per aiutare i
dipendenti a raggiungere gli obiettivi. Era un buon programma con lezioni,
diapositive, nastri, ecc. Le presentazioni aiutavano ad analizzare e
selezionare gli obiettivi giusti. Ma la linea essenziale era questa:
Una volta stabilito quali sono i vostri obiettivi, scriveteli su bigliettini di
8x13 cm., un obiettivo per bigliettino. Leggete i bigliettini per prima cosa al
mattino e per ultima cosa alla sera. Non condivideteli con nessuno. Non
ditevi come ottenere gli obiettivi. Suona familiare?

138
Un’altra persona deve avere fatto una fortuna vendendo questo metodo.
Circa venticinque anni fa c’erano inserzioni a tutta pagina nelle principali
città del paese. Il titolo era The Lazy Man’s Way to Riches 3. Il suo sistema
era la vendita per corrispondenza. Ma per raggiungere il successo dava le
seguenti istruzioni: Scrivete gli obiettivi che intendete raggiungere su
bigliettini di 8x13 cm., un obiettivo per ciascun bigliettino.
Leggete il biglietto appena vi svegliate la mattina e subito prima di
andare a dormire. Non condivideteli con nessuno. Non dite alla mente
subcosciente come realizzare i vostri obiettivi.
Funziona! Ed è facile!

SUGGESTIONI ILLUSTRATE
Lo scopo di questo metodo è di mostrare ripetutamente immagini di cose
che desiderate alla mente subcosciente. Dopo un breve periodo, la mente
cosciente si annoierà e non vi presterà più attenzione, e questo è un bene.
Ogni volta che vi accadrà di vedere le immagini saranno invece notate dalla
mente subcosciente, e questo è importantissimo. Queste immagini fungono
da icone nel computer della mente subcosciente e quando sono attivate,
fanno scattare la vostra affermazione. Tutto questo avviene a livello
inconscio senza interferenze da parte della mente cosciente.

CARTELLONE ESPOSITORE
Per attuare questo metodo sono necessari: un cartellone, colla e un
mucchio di vecchie riviste. Innanzitutto, selezionate i vostri obiettivi. Poi
sfogliate le vecchie riviste alla ricerca di belle immagini di tutte le cose che
volete, o di cose che vi ricordano quelle che volete. Ad esempio, se volete
una casa nuova, selezionate le immagini di case nuove. Le immagini devono
essere il più vicino possibile alla casa che desiderate. Le immagini migliori
sono quelle colorate, descrittive, emotive e attive.
Se volete pubblicare un libro, cercate immagini di libri, di biblioteche e
un elenco dei libri più venduti. Scrivete il titolo del vostro libro con il
vostro nome come autore nella lista dei best-seller.
Se avete bisogno di una nuova auto, tagliate e incollate le immagini
dell’auto che desiderate sul cartellone. Siate il più preciso possibile. Se
volete una Volvo, utilizzate le immagini della Volvo che desiderate. Un
concessionario Volvo sarebbe una buona fonte d’immagini.

139
Mettete il cartellone in un posto dove soltanto voi potrete vederlo. Non
volete che gli amici vi facciano domande a riguardo. Potrebbero
domandarvi come farete a possedere una Volvo e farvi nascere qualche
dubbio. Ricordate: non dovete pensare a come farlo oppure a come
ottenerlo. Questo è compito del vostro genio.

IL LIBRO DEI SOGNI


Phyllis Diller ha descritto il suo “libro dei sogni” in un’intervista
apparsa su un giornale anni fa. Ha detto, “Tutti dovrebbero possedere un
libro dei sogni. Io ne ho uno ed è una delle ragioni per cui ho tanto
successo”. Il suo libro dei sogni – che non ha mai permesso a nessuno di
vedere – era pieno delle sue speranze e dei suoi sogni, la maggior parte dei
quali si è avverata. “Iniziai anni fa, quando sognavo di diventare una star.
Se c’era qualcosa che volevo, non importava se ridicola o impossibile, la
scrivevo o la disegnavo nel libro”.
Un libro dei sogni ha un vantaggio rispetto a un cartellone, è più facile da
tenere privato. Mentre non è facile nascondere un grande cartellone è facile
tenere nascosto un libro di fotografie ritagliate agli amici, e persino al
proprio coniuge oppure ai genitori. Diller usò soltanto frasi scritte e
disegnò immagini, perché non rendere il vostro libro ancora più
interessante con immagini a colori prese dalle riviste?

Esercizio di Condizionamento - PULIZIA


Gli utenti di personal computer ripuliscono regolarmente i loro hard disk.
Durante il normale funzionamento, i file si frammentano e parti di
programmi indesiderati sono disperse e dimenticate. I file frammentati e
indesiderati interferiscono con il buon funzionamento del computer. Sono
controproducenti. In Windows sono presenti programmi che eliminano le
frammentazioni ed eliminano i programmi potenzialmente dannosi.
Avete bisogno di fare la stessa cosa con l’hard disk della vostra mente
subcosciente. Ci sono programmi installati dall’infanzia che sono dannosi.
Ci sono programmi installati da adulti che sono controproducenti e
influenzano la salute fisica e mentale. Questi programmi comprendono la
gelosia, la vendetta, gli scatti d’ira, i rancori, ecc.
Siete a conoscenza di alcuni di questi programmi. Quelli di cui siete a
conoscenza potete gestirli. Correggere la situazione con attività direzionate.
Per esempio, chiamare la persona con cui siete arrabbiati e risolvere il

140
problema. Se non potete effettivamente parlare direttamente alla persona,
potete farlo nella vostra immaginazione mentre siete in alfa. La mente
subcosciente non conosce la differenza tra realtà e pura immaginazione.
Andate in alfa e risolvete la questione in maniera costruttiva con la persona
interessata.
La maggior parte dei programmi dannosi nella nostra mente subcosciente
è stata acquisita nell’infanzia e noi non ne conosciamo neppure l’esistenza.
Alcuni sono stati acquisiti in età adulta e, a causa delle emozioni ad essi
associate, sono sepolti nella mente subcosciente.
Questi programmi negativi possono compromettere seriamente la nostra
salute fisica ed emotiva. Devono essere cancellati. In realtà, sappiamo che i
programmi non si possono cancellare dalla mente subcosciente, ma possono
essere sostituiti con altri positivi. Questo è lo scopo della seguente
routine.2

ROUTINE di “PULIZIA”
Mettiti comodo. Se sei seduto, appoggia i piedi al pavimento e le mani
comodamente sul tuo grembo. Alza gli occhi di 20 gradi. Quando alzi gli
occhi senti che le palpebre fanno uno sforzo. Le palpebre si stanno
stancando. Le palpebre sono stanche e cominciano a sbattere. Ora vuoi
chiudere gli occhi. Cerchi di tenerli aperti, ma non ci riesci. Più cerchi di
tenerli aperti, più si vogliono chiudere. Permetti alle tue palpebre di
chiudersi. I tuoi occhi sono chiusi.
Immagina di essere un pallone meteorologico a grandezza naturale.
Qualcuno ti ha riempito di aria più del necessario. Senti la tensione e
vuoi rilassarti. In mano hai una valvola di scarico. Aprila e diminuisci la
pressione. Lascia uscire tutta l’aria fino a quando il pallone è sgonfio sul
pavimento. Accertati che non ci sia più tensione. È completamente
rilassato. Tutta la tensione è scomparsa.
Respira lentamente e profondamente. Rilassati. Il rilassamento è la
cosa più semplice che tu possa fare. Basta lasciarsi andare ... lasciarsi
andare. Lascia andare la tua mente verso pensieri piacevoli ... pensieri di
pace ... pensieri felici. Sei perfettamente al sicuro.
Lascia che il tuo corpo si rilassi ... si rilassi completamente ... dalla
testa ai piedi. Cerca residui di tensione nel tuo corpo e poi visualizzali
per farli uscire dal corpo. Vedi queste tracce di tensione che scorrono via
dal tuo corpo e si scaricano in maniera innocua sul pavimento. Sei
rilassato. Ogni muscolo del tuo corpo è rilassato ... molle ... cosìììì

141
rilassato. Ora ti senti pesante. Sempre più pesante. Stai entrando sempre
più in un sano e naturale stato di rilassamento e serenità.
Non devi nemmeno ascoltare la mia voce ... semplicemente rilassati.
Rilassati e lasciati andare. Vedi te stesso come quel pallone sgonfio ...
completamente molle ... completamente rilassato.
Immagina che stai entrando in un ascensore. Si tratta di un ascensore
molto sicuro, ben costruito e ben progettato. Le pareti sono morbide e
l’illuminazione è di un tenue color bluastro. Ti accorgi che c’è un
operatore ... e l’operatore ti sembra familiare. Ti rendi conto che
l’operatore è la tua mente subcosciente. Il tuo operatore sa dove stai
andando. L’operatore chiude la porta e cominci a scendere giù ... giù.
L’operatore ti sta portando verso un sano, profondo stato mentale ... uno
stato in cui la tua mente subcosciente è aperta a suggestioni sane e
positive ... dove si accettano solo suggestioni per il tuo bene supremo.
Man mano che scendi senti il tuo corpo diventare leggero. Stai
scendendo sempre più in giù. Noti che ci sono 10 piani ... e tu hai appena
superato il numero 10. L’ascensore continua a scendere ... sicuro ... senza
scosse. Provi una sensazione di leggerezza del corpo dovuta all’ascensore
che scende. Ora noti che hai superato il piano 9 ... e continui a scendere
... verso il basso. E man mano che scendi, senti che ti addormenti sempre
più profondamente ... ti addormenti sempre più profondamente. La luce
nella cabina diventa sempre più debole. La cabina dell’ascensore diventa
sempre più buia. Ora passi il piano 8 ... ora il piano 7. Ora sei in uno
stato mentale salutare e profondo ... più profondo di quanto tu sia mai
stato prima. È piacevole ... è tranquillo ... è calmo e meraviglioso. I piani
6, 5, e 4. Stai andando in un livello mentale ancora più profondo ...
sempre più in profondità. Passi i piani 3 e 2. Ora sei al piano 1.
Ora sei al livello di sonno più profondo ... sei a un livello in cui puoi
facilmente programmare la tua mente subcosciente con affermazioni
salutari, cordiali e positive. Il tuo subconscio accetta con entusiasmo
tutte le suggestioni positive. La tua mente subcosciente è felice di
soddisfare le richieste della tua mente cosciente. La tua mente
subcosciente lavora amorevolmente con la tua mente cosciente per il tuo
migliore interesse e ottima salute. La tua mente subcosciente accetta con
entusiasmo le affermazioni positive dalla tua mente cosciente.
L’ascensore si ferma e la tua mente subcosciente apre la porta. La
scena che ti si presenta è stupenda, non ci sono parole per descriverla.
È un prato ... e il prato è pieno di migliaia di fiori selvatici... di tutti i
colori ... di tutte le dimensioni. Ci sono animali domestici ... cervi ...
volpi... scoiattoli. Tutti sono gentili e innocui. Non si preoccupano della

142
tua presenza. Tutti voi sembrate far parte della scena ... parte della
natura. Ti senti come se facessi parte del tutto. Sei contento di essere lì.
Scopri che non è necessario un sentiero per camminarvi sopra ... ti
sembra di galleggiare sopra i fiori. Sei senza peso ... sei libero ... sei
estasiato ... sei in paradiso. Ora riposati sotto un albero ombroso e
accetta le seguenti affermazioni come se fossero tue per ora e per sempre
... per il tuo bene ... per un’ottima salute... per il tuo benessere mentale.
Ogni volta che desideri tornare a questo rilassante, sano stato mentale,
conta alla rovescia 3 - 2 - 1 e mentalmente dì e pensa la parola
“RILASSATI”. Ogni volta che desideri tornare in questo profondo stato
d’animo devi semplicemente contare alla rovescia e pensare e dire
mentalmente la parola “RILASSATI”. Ogni volta che lo farai, ritornerai a
questo stato più facilmente e più velocemente ... più velocemente ... e più
facilmente. L’uso della parola “rilassati” in una normale conversazione
non ha alcun effetto su di te. Soltanto quando vuoi andare in questo stato
essa produce questo effetto.
I suoni ordinari servono soltanto ad approfondire il tuo sonno. Per
qualsiasi emergenza sarai immediatamente vigile e consapevole di tutto
ciò che ti circonda.
Ora accetta la seguente affermazione come tua. Lascia che affondi
nella tua mente subcosciente per il tuo bene supremo. Immagina che stai
dicendo a te stesso le seguenti parole.
Io mi accetto come sono. Io sono quello che sono ora grazie alle mie
passate esperienze. Tutte queste esperienze passate sono state importanti
in un modo che per me allora non era evidente. Io accetto il mio passato
... tutto quanto ... come una preziosa esperienza di apprendimento.
Qualsiasi cosa successa nel passato è avvenuta per una ragione e oggi
sono migliore grazie a questo. Sono contento per tutto quello che mi è
successo. Tutte le esperienze che sembravano inutili al momento o
sembravano offensive mi hanno temprato ... mi hanno rafforzato ... mi
hanno reso più compassionevole ... mi hanno reso più comprensivo ... mi
hanno fatto apprezzare di più me stesso e la vita ... mi hanno reso una
persona migliore.
Guardo queste esperienze da un punto di vista positivo. Accetto ogni
esperienza per quello che è stata, un’esperienza di apprendimento.
Immagino uno splendido diamante e mi rendo conto che è bello, prezioso
e raro, perché è stato formato da un’enorme pressione e calore. Ha
sfruttato queste condizioni avverse per diventare qualcosa di bello e di
prezioso.
Questo momento presente è l’unico momento che io posso vivere ... e

143
scelgo di viverlo appieno e con gioia. Oggi sono vivo e mi rallegro. Oggi
amo la vita ... amo me stesso ... amo tutti quelli che entrano in contatto
con me. Vedo la verità e la bellezza in ogni persona che incontro. Mi
soffermo sui loro aspetti positivi. La vita è bella per me. Accetto il mio
bene e ne sono molto grato ... non sono mai stato così grato. E auguro
questo bene anche a tutta l’umanità. L’universo è grande e può
provvedere a tutti.
Oggi mi libero dell’effetto di ogni esperienza negativa e infelice del
passato e di ogni effetto negativo che essa ha avuto su di me. Io voglio
bene a me stesso per quello che sono ed estendo questa sensazione a tutti
gli altri. Auguro a tutti di avere tutto il bene che meritano. Io voglio tutto
il bene che c’è per me e per tutti quanti gli altri. So che tutti noi
condividiamo questo pianeta, e siamo tutti parte della Vita. Io accetto
tutti come accetto me stesso.
Mi comporto e faccio quello che penso sia giusto in ogni momento. A
volte mi può capitare di guardare indietro e pensare che avrei voluto
agire diversamente. Ma è inutile desiderare di aver fatto diversamente. Io
vivo nel PRESENTE. Io mi guardo indietro solo quando questo mi può
aiutare. Ora mi perdono per ogni errore che io abbia mai potuto
commettere, e perdono tutti quelli che in qualche modo mi hanno fatto del
male, perché da ogni esperienza, se la comprendo appieno, mi ritorna
sicuramente qualcosa di buono. Ogni errore che ho fatto mi ha portato a
una maggiore comprensione e a maggiori opportunità. Sono grato per
ogni esperienza del passato. Sono in grado di liberarmi ... mi libero ... mi
libero di ogni resistenza a liberarmi. Ora rilascio completamente ciò che
pensavo fossero errori e mi libero del loro effetto su di me. Mi sento
molto meglio senza l’effetto che essi avevano su di me. Perdono
completamente me stesso. Perdono anche tutti quelli di cui ho pensato
che mi avevano danneggiato. Essi pensavano di fare la cosa giusta in
quel momento. Il loro modo di agire mi ha dato una lezione e mi ha
rafforzato in qualche modo.
Non vedo l’ora che arrivi domani, ma io vivo nel presente. Sono sempre
consapevole di me e di ciò che mi circonda perché io vivo nel presente.
Sono grato per il mio nuovo livello di comprensione. Ora sono in accordo
con la Vita. Io sono rinato. Ora attendo con impazienza di vivere ogni
momento. Sono consapevole di ogni istante ... e apprezzo ogni momento.
Ora vedo me stesso in piedi davanti a una grande finestra. È difficile
vedere il prato, i fiori e gli animali dall’altro lato perché la finestra è
sporca. È coperta da anni di sporcizia ... di pensieri negativi ... ferite ...
cattivi pensieri … insulti ... pensieri di vendetta ... invidie ... ecc.

144
C’é una grande spugna lavavetri con spatola tergicristalli e un lungo
manico. C’è anche un secchio di acqua saponata. Mi vedo mentre
immergo la spugna in acqua e sapone e lavo via tutta la sporcizia e le
incrostazioni dalla finestra. Dopo aver pulito, mi vedo prendere la
spatola e asciugare la finestra. Ora riesco a vedere chiaramente
attraverso la finestra. Il prato è cristallino ... il mondo intero è ormai
chiaro e bello ... il mondo è pulito ... puro ... bello ... pieno d’amore. Amo
la vita e tutti gli esseri viventi. E tutta la vita mi ama. Ora vedo con
chiarezza. Sono libero degli effetti delle passate esperienze negative. La
mia mente subcosciente è priva degli effetti di tutti i programmi
controproducenti. La mia mente subcosciente è libera di soffermarsi
soltanto sulle cose positive ... solo su pensieri sani … solo su pensieri
d’amore ... per vivere ora, nel presente. Mi sento più leggero ... mi sento
pieno di gioia ... mi sento ottimista.
Ora è giunto il momento di tornare allo stato di veglia ... per tornare
alla piena consapevolezza. Torno verso l’ascensore ed entro. L’operatore
chiude la porta e comincio a salire ... 1 ... 2 ... mi sto svegliando ... sto
tornando allo stato di veglia con una visione rinnovata ... con un
atteggiamento del tutto positivo ... con un atteggiamento d’amore verso
me stesso e verso gli altri. Mostro tutto ciò e gli altri lo percepiscono. 3
... mi sento meravigliosamente ... mi sento più leggero ... mi sento come se
mi fossi tolto un peso dalle spalle ... mi sento libero ... mi sento affettuoso
... 4 ... 5 ... 6 ... mi sento rinvigorito ... 7 ... mi sento felice ... 8 ... vedo
chiaramente la bellezza della vita ... mi sento rinnovato ... 9 e 10! Sono
completamente sveglio!

1 Consumer’s Reports, ca. 1975


2 It Works - RHJ - 1926.
3 La via della ricchezza per l’uomo pigro (ndt). Autore Joe Karbo - 1973.

145
Lezione Sette

METODI di Utilizzo
della Mente
Subcosciente, Parte 2

146
Lezione Sette

METODI di UTILIZZO della


MENTE SUBCOSCIENTE, Parte 2
ACCENDERE IL CENTRO DELLA
“GIOIA”
i sentite depressi? Volete sentirvi allegri? Stimolate il vostro

V centro della “Gioia”1.


Cinquanta anni fa, il Dott. Robert Heath, un neurologo e
psichiatra alla Tulane University School of Medicine, stimolò
elettricamente l’area del setto pellucido nel cervello di pazienti gravemente
depressi.
La stimolazione elettrica trasformò immediatamente lo stato d’animo dei
pazienti da gravemente depresso ad allegro.
Il Dott. Heath inserì in quell’area dei cavi che uscivano dalla testa del
paziente e li attaccò a una batteria. Questo permise ai suoi pazienti di
attivare il setto pellucido premendo un bottone. Quindi, quando diventavano
depressi, premevano un bottone, il loro setto pellucido veniva stimolato e
lo stato d’animo passava da depresso ad allegro. Il problema era che i fili
sottili spesso si staccavano o si rompevano. Inoltre, dei fili che partono da
dentro la testa di qualcuno non sono né pratici né belli da vedere. E perciò,
l’alterazione dell’umore con questo sistema non ebbe successo.
Comunque l’idea di stimolare quest’area del cervello è stata ripresa da
molte aziende farmaceutiche. Queste aziende hanno prodotto farmaci per
alterare l’umore dei loro pazienti, ma spesso con effetti collaterali
indesiderabili.
Stimolare il setto pellucido mentalmente, è meglio che usare farmaci e
non ha effetti collaterali. Prima di tutto dovete individuare dove si trova il
vostro setto pellucido. Immaginate una linea orizzontale che entra nella
vostra testa appena sopra la radice del naso. Questo punto è spesso
chiamato il “terzo occhio”. Ora immaginate una linea orizzontale che entra
appena sopra l’orecchio sinistro. La zona del setto pellucido è dove queste
due linee s’intersecano. Il setto pellucido è fibroso e delicato.

147
Stimolate il setto pellucido nel
seguente modo. Rilassatevi e
andate in alfa. Dite alla vostra
mente subcosciente che volete
che vi stimoli il setto pellucido
per farvi sentire felici e allegri.
La mente subcosciente sa dove si
trova. Comportatevi come se lo
stesse facendo e siate fiduciosi
perché state per diventare felici e
allegri. Mentalmente immaginate
l’area fibrosa nel vostro cervello
come un delicato strumento a
corde e suonatelo dolcemente
toccando le corde. È veramente facile. Ecco una traccia per la routine di
condizionamento2.

ROUTINE di CONDIZIONAMENTO
IL CENTRO della GIOIA

ROUTINE della “GIOIA”


Chiudi gli occhi. Permettiti di rilassarti ... rilassati profondamente.
Rilascia tutta la tensione. Focalizza l’attenzione sulla tua testa e
lascia che si rilassi. Ora i muscoli della testa sono rilassati. Focalizza
l’attenzione sulle spalle e sulle braccia. Ora i muscoli delle spalle e delle
braccia sono rilassati. Sposta l’attenzione sul busto. Ora i muscoli della
schiena, del torace, dello stomaco sono rilassati. Focalizzati sui glutei e
sulle gambe. Ora i muscoli dei glutei e delle gambe sono rilassati.
Ora rilassa la mente. Conta ... 3 ... 2 ... 1 ... e immagina di vedere la
parola “ALFA”. Ora sei nel salutare stato di coscienza alfa. La mente
subcosciente è aperta e desiderosa di obbedire alle tue suggestioni
positive e salutari.
Vai ancora più in profondità nello stato alfa. Sto per contare da 10 a 1.
Quando arrivi all’uno, sei nello stato alfa più profondo. 10 ... 9 ... 8 ... 7
... 6 ... 5 ... 4 ... 3 ... 2 ... 1. Sei ora a un livello ancora più profondo.
Ripensa a una volta in cui eri molto felice. Rivivi le tue reazioni. Vedi il
largo sorriso sul tuo volto. Senti te stesso che reagisci alla sensazione di

148
felicità. Senti la tua risata. Senti il calore, il benessere, l’elettrizzante
sensazione che attraversa il tuo corpo. Goditi questa sensazione ...
assaporala ... trattienila.
E ora vuoi stimolare il tuo setto pellucido, il tuo centro della gioia e ti
aspetti di diventare ancora più felice.
Visualizza il tuo cervello e con l’occhio della mente, entra dalla parte
sinistra proprio sopra l’orecchio sinistro. Procedi fino ad arrivare al
centro del tuo cervello, dove si trova il centro della gioia. La tua mente
subcosciente sa dov’è.
Immagina il centro della gioia come una piccola e delicata arpa
angelica. Ora dolcemente ... sempre molto dolcemente... tocca le corde
dell’arpa. E mentre tocchi le sottili corde dell’arpa, sentile vibrare … sei
sempre più felice. Tocca ancora una volta delicatamente le corde e subito
ti senti avvolgere da un caldo abbraccio di felicità.
La felicità inizia nel tuo sistema limbico e invia neurotrasmettitori
attraverso il tuo corpo. Dappertutto. Anche le tue mani si sentono felici ...
gioiose ... i tuoi piedi e le tue gambe si sentono felici. Tutto il tuo corpo
sente gioia e felicità. Assapora questa sensazione e imprimila nella
mente.
Senti un grande sorriso felice sul tuo viso. La sorgente è nel tuo
sistema limbico. Non riesci a fermare il sorriso. Continua a provarci. Più
fortemente ci provi, più grande diventa il tuo sorriso. Va bene così. Vai
avanti e sorridi ... sei felice.
Ogni volta che vuoi sentirti felice e allegro ... ogni volta che vuoi
sentirti positivo e ottimista, semplicemente vai in stato alfa e
delicatamente suona l’arpa del tuo centro della gioia. La tua arpa ama
essere suonata. Basta suonarla soltanto poche volte. È molto efficace. La
tua mente subcosciente ama sentirsi felice e gioiosa. Al tuo corpo piace
sentirsi felice. I sentimenti di felicità stimolano il tuo sistema
immunitario. Sono promotori di buona salute. Alzano il morale e danno
un delizioso senso dell’umorismo. I sentimenti di felicità ti rendono
ancora di più amabile. Ti rendono capace di amare ancora più di quanto
tu non riesca a farlo già ora.
Ricordati del tuo centro della gioia. Il tuo centro della gioia può
invertire qualsiasi umore negativo. Può imparare a essere sempre attivo.
Fa che diventi attivo. Incoraggialo. Lascia che l’arpa del tuo centro della
gioia suoni sempre la melodia della felicità. Permetti al tuo sistema
immunitario di essere attivo e felice, sempre. Fa in modo che il tuo corpo
... interamente ... tutti gli organi ... tutti i muscoli ... tutte le articolazioni
... tutto il tuo sistema nervoso ... il tuo sangue ... tutto te stesso ... ogni

149
cellula del tuo corpo possano sentire ed esprimere felicità. Trasudare
felicità.
Ora torna allo stato di veglia e porta con te tutte queste sensazioni di
felicità. Sono tue ... da tenere con te ... a tuo uso per il tuo bene supremo.
3 ... 2 ... 1 ... completamente sveglio e felice!

PENTOLA SUBCOSCIENTE

Mentre una pentola (a cottura lenta) cuoce i pasti, il cuoco è via a fare
altro. La pentola cucina piano a fuoco lento. La mente subcosciente
“cucina” 24 ore al giorno e può fare trilioni di cose simulta-neamente.
Quindi, perché non permettere al vostro genio di lavorare per voi mentre
fate altro, anche durante il sonno?
Il Rev. Eric Butterworth è un sacerdote di successo a New York City e ha
fama di fare sermoni “improvvisati”. Beh, non sono esattamente
improvvisati. Questo è il modo in cui descrive come prepara i suoi
sermoni.
Un mese prima di fare il sermone, egli scrive il soggetto sulla scheda di
una cartella. Annota tutti i pensieri che ha su un foglio di carta e lo infila
nella cartella. Mette la cartella in un cassetto speciale e poi lo dimentica

150
(consciamente). Un mese dopo, il sermone viene generato dalla sua mente
con poco sforzo cosciente.
Ciò che in realtà fa il Rev. Butterworth è mettere il sermone nella sua
pentola subcosciente. Dà alla sua pentola subcosciente l’obiettivo di
preparare il sermone per lui. Poi, si “dimentica” volontariamente, ma la sua
mente subcosciente raccoglie le idee, le organizza e le memorizza nella sua
cartella mentale.
Supponiamo che il tema del sermone sia “L’Amore”. Durante la settimana
successiva, qualcuno nella sua parrocchia gli racconta una storia basata
sull’amore disinteressato espresso con un atto benevolo. La storia viene
inconsapevolmente archiviata nella sua cartella mentale. Successivamente il
Rev. Butterworth legge una toccante storia sulla fedeltà raccontata da una
coppia di anziani.
Anche questa storia è inconsciamente archiviata nella cartella mentale.
La sua mente subcosciente sta organizzando il discorso in modo che quando
arriva la domenica, il Rev. Butterworth sembra che parli a braccio, ma in
realtà il sermone è stato in incubazione per un mese.
Ho usato con successo questo metodo, quando lavoravo in ambito
aerospaziale. A causa della natura del lavoro aerospaziale, raramente si ha
tempo di scrivere rapporti in anticipo. Eravamo così impegnati ogni giorno
a redigere relazioni urgenti che quelle mensili, trimestrali e semestrali ci
sfuggivano e avevamo poi poco tempo per prepararle.
Ho risolto questo problema assegnando il compito alla mia pentola
mentale. Molto prima della data di scadenza di una certa relazione, facevo
del mio meglio per delineare genericamente il rapporto e buttar giù tutte le
mie idee. Per farlo impiegavo soltanto pochi minuti. Di solito il contenuto
della relazione proposta era disorganizzato. Semplicemente scrivevo tutto
ciò che potevo senza un ordine particolare.
Mentre la mia pentola stava cucinando, i pensieri bollivano nella mia
mente subcosciente. Per esempio, avrei potuto capire che era necessaria
un’altra analisi chimica per verificare una criticità, o che avevo bisogno di
ulteriori informazioni. Poi, quando cominciavo a scrivere il rapporto
all’ultimo minuto, le informazioni erano già disponibili e il canovaccio era
stato già organizzato nella mia mente. Molte volte la relazione era un po’
difficile. Se non l’avessi iniziata nella mia pentola subcosciente, mi ci
sarebbe voluta gran parte della notte precedente per portarla a termine, e la
relazione fatta in maniera frettolosa non sarebbe stata così completa o
coerente.
Ecco un altro esempio di come ho usato la mia pentola subcosciente.
Decisi che volevo integrare il mio reddito. Programmai il mio genio in

151
modo che elaborasse delle idee per dei nuovi prodotti che mia moglie e io
potevamo realizzare e poi vendere. La prima idea giunse inattesa durante
una gita sciistica. Gli sciatori usavano ancora dei pesanti e ingombranti
porta-scarponi di legno per trasportare i loro scarponi da sci.
Quei porta-scarponi erano stati progettati per far restare piatta la vecchia
suola di legno degli scarponi, mentre si asciugavano. Successivamente gli
scarponi furono fatti in plastica e smisero di deformarsi. I porta-scarponi di
legno non servirono più.
Un giorno mentre guardavo un vecchio porta-scarponi, un’idea balenò
nella mia testa. Tutto ciò che serviva erano soltanto due fettucce. Una
fettuccia orizzontale per tenere insieme gli stivali, e una fettuccia verticale
per evitare che scivolassero fuori dalla fascia orizzontale e allo stesso
tempo che fungesse da maniglia per il trasporto. Questo metodo di trasporto
era semplice, economico, resistente e molto più facile da riporre quando
erano inutilizzati. L’idea ebbe successo — troppo successo. Io e mia moglie
ne stavamo vendendo piccole quantità, quando un distributore ne ordinò
10.000 pezzi soltanto per iniziare. Ci rendemmo conto che non avremmo
avuto il tempo di gestire una piccola azienda, che avrebbe richiesto
subappalti, spedizione e contabilità.
Un’altra idea mi venne un giorno mentre stavo facendo la spesa. In quel
periodo andavo a lavorare in bicicletta e usavo uno di quegli specchietti
retrovisori grandi quanto un francobollo, che si attaccavano agli occhiali
oppure al berretto. Il campo visivo ridotto era scomodo e realmente
pericoloso. Bisognava muovere la testa per posizionare lo specchio.
Muovere la testa e concentrarsi su questo piccolo specchio mentre si è in
sella a una bicicletta è rischioso.
Mentre ero in un negozio Pic-N-Save, mi capitò di notare uno specchietto
tascabile, grandangolare e leggero, adatto a una borsetta da signora.
Normalmente non mi sarei soffermato su uno specchio da signora, ma in
quel momento la mia mente subcosciente era stata programmata per cercare
delle idee. L’idea mi venne immediatamente. Comprai una dozzina di
specchi, li portai a casa e progettai uno specchio da bicicletta da mettere al
polso. Riuscivo a vedere la zona dal mio ginocchio al bordo del
marciapiede opposto della strada, senza dover manovrare lo specchio.
Costruii uno specchio da bicicletta perfetto. Dopo circa un mese dovetti
scollegare la mia pentola subcosciente.
Avevo riempito d’idee diverse pagine di un quaderno. Molte idee
avevano del potenziale, ma io semplicemente non avevo tempo o vocazione
per diventare un uomo d’affari part-time.
Bill Lear è l’esempio vivente dei meriti della pentola subcosciente.

152
Aveva appreso questo metodo dal libro The Power of Universal Mind, di
Robert Collier. Il metodo per raggiungere il successo nel libro consisteva in
tre semplici fasi: 1) Dare alla propria mente subcosciente tutte le
informazioni disponibili sul problema, 2) Chiedere alla mente subcosciente
di trovare soluzioni, 3) Semplicemente dimenticarsene. Non pensarci più e
fare qualcos’altro, preferibilmente qualcosa di rilassante. Entro ventuno
giorni, le soluzioni al vostro problema vi verranno in mente.
Usando questo metodo, Bill Lear, che aveva soltanto la terza media,
inventò una bobina di sintonia per autoradio e guadagnò il suo primo
milione di dollari prima di compiere ventuno anni. Lear probabilmente non
sapeva che un professore universitario aveva affermato su una rivista
scientifica che le bobine non potevano essere abbastanza piccole da essere
usate nelle automobili. Usando la sua mente subcosciente andò avanti e
inventò:

Cassette a otto tracce


Altoparlanti dinamici
Pilota automatico
Cerca direzione
Radio ricetrasmettente

In più, ottenne altri 148 brevetti.


Dopo che una grande compagnia aerospaziale aveva detto al governo che
avrebbe assunto un team di esperti di progettazione aeronautica per dieci
anni e 100 milioni di dollari per la progettazione di un piccolo jet per
uomini d’affari, Bill Lear e il suo piccolo staff lo realizzò e certificò in due
anni per dieci milioni di dollari. Le vendite furono di cinquantadue milioni
di dollari nel primo anno.
Anche voi avete un genio in grado di risolvere i problemi per voi.
Utilizzare la pentola subcosciente vi risparmia energia e tempo, e non costa
nulla.

IMMAGINAZIONE GUIDATA
L’immaginazione guidata è potente. Può essere usata da sola o può
essere, e generalmente lo è, integrata con altri metodi di utilizzo del vostro
genio.
L’immaginazione guidata si può usare per quasi tutto, ad esempio, per
avere buoni voti a scuola, guarire il corpo, modificare abitudini e tratti
della personalità, raggiungere obiettivi e migliorare abilità fisiche.

153
L’immaginazione guidata è usata universalmente nello sport. È una
componente standard dell’allenamento in campo olimpionico. Molti atleti
famosi la usavano anche prima che diventasse famosa. I lanciatori di
baseball visualizzano dove vogliono che vada la palla prima di lanciarla da
sopra la pedana; i giocatori di golf visualizzano il loro swing e la traiettoria
della palla prima di ogni swing, e; i giocatori di basket visualizzano che
ogni loro tiro entri frusciando nel canestro e che reazione avranno quando
l’uomo che stanno marcando farà certe mosse.
Gli sciatori di slalom spesso non possono allenarsi sulle piste, perché
produrrebbero solchi, rovinandole. Quindi passano accanto alla pista per
memorizzare il percorso. Poi si siedono e si rilassano, e si vedono mentre
sciano lungo la pista. Provano ogni curva. Se poteste vedere lo sciatore
mentre sogna a occhi aperti, lo vedreste contrarre i muscoli a ogni curva
mentre scia lungo la pista.
Stephen Simonton e Stephanie Matthews-Simonton fecero da apripista
all’uso della visualizzazione per aiutare pazienti affetti da cancro in stadio
avanzato. I Simonton rilassavano i loro pazienti (cioè li portavano in alfa) e
dicevano loro di visualizzare il corpo che combatteva contro il cancro. A
ciascun paziente era richiesto di personalizzare l’approccio. Ad esempio,
una casalinga avrebbe potuto immaginare di entrare nella zona cancerogena
e aspirare le cellule malate con un potentissimo aspirapolvere. Un
aspirapolvere sarebbe stato significativo per lei. Un poliziotto potrebbe
andare nella zona malata e sparare alle cellule tumorali con la sua pistola.
Un militare potrebbe andare con carri armati e lanciafiamme. Il meglio
per voi è quello che sentite più adatto per voi. Ciò che è meglio viene dal
subconscio. Lasciate che la mente subcosciente scelga i vostri strumenti da
palcoscenico visuale.
Uno dei primi pazienti dei Simonton, di sessantasette anni, aveva un
grave cancro alla gola. Passò da 60 a 45 kg. Riusciva a malapena a
deglutire e aveva difficoltà a respirare. Gli fu detto che aveva il 5% di
probabilità di vivere altri cinque anni. I Simonton gli fecero usare
l’immaginazione per una decina di minuti, tre volte al giorno. Fu sottoposto
anche al trattamento radiologico standard. Visualizzava le radiazioni come
milioni di proiettili. Immaginò che le cellule tumorali erano sempre più
deboli e si arrendevano. Immaginò le sue cellule normali sempre più forti e
resistenti alle pallottole. Inoltre visualizzò che i suoi globuli bianchi
proliferavano e superavano le cellule tumorali.

154
Il cancro scomparve in due mesi. Il cancro sarebbe scomparso senza
l’uso dell’immaginazione? Questo non può essere provato, ma chi era
coinvolto nel caso non la pensava così. Incoraggiato dal successo ottenuto
con il cancro, successivamente il paziente curò la sua artrite,
esclusivamente con l’uso dell’immaginazione.
Ci sono parecchi libri sull’immaginazione guidata, ma tendono solo a
complicare le cose.
Il metodo è semplice: andate in stato alfa e visualizzate il risultato
desiderato. E, naturalmente, utilizzate tutte le nozioni di base apprese nelle
prime quattro lezioni, e cioè, emozione, ripetizione, aspettativa di riuscita,
atteggiamento positivo e utilizzate tutti i vostri sensi. E, dopo la sessione di
visualizzazione, ringraziate la mente subcosciente e poi lasciate andare.

155
Non pensateci mentre siete in beta perché la mente cosciente potrebbe
piantare i semi del dubbio.
All’inizio della mia carriera d’ingegnere, mi fu chiesto di giustificare un
originale approccio sperimentale che stavo usando per una parte critica di
un progetto di combustibile nucleare. Il mio problema era doppio. Uno, ero
uscito da scuola solo da pochi anni e avevo avuto l’audacia di rompere con
la tradizione e di utilizzare un nuovo approccio sperimentale. Due, ero
pietrificato all’idea di parlare in pubblico e che avrei dovuto fare la mia
presentazione di fronte a 40 scienziati scettici e competitivi. Preparai il mio
discorso e lo misi in atto in stato alfa. Immaginai un pubblico sorridente che
mi guardava in modo cordiale e comprensivo. Sapevo che capivano il mio
approccio e riuscivano a vederne i vantaggi. Immaginai anche gli applausi
al termine del mio discorso. Quando feci il mio discorso ero fiducioso,
rilassato, ed essendo rilassato, riuscii a pensare in modo lucido. La
presentazione andò bene e il Direttore di Dipartimento scrisse una lettera
per la mia scheda personale, lodandomi per l’eccellente presentazione.
Disse anche che era stata la prima presentazione nel nostro Dipartimento in
cui il pubblico aveva applaudito. Da allora ho parlato in pubblico senza
alcun disagio.
Nella scelta delle immagini fatevi guidare dalla mente subcosciente. Lei
sa meglio di voi che cosa riesce a motivarla. Inoltre, durante le
visualizzazioni utilizzate tutti i sensi per suscitare più emozione possibile.
Se avete difficoltà ad inventare un’immagine adatta potete cercare
fotografie dai colori vividi e intensi nelle riviste. Possiedo una fotografia di
due pagine, presa dalla rivista Life, di un piccolo rimorchiatore che trascina
in porto un’enorme transatlantico.
Questa è l’immagine che io ho della mia mente cosciente che guida la mia
mente subcosciente — io che guido il mio genio. Un’altra è una foto di due
pagine con un sole pomeridiano color rosso brillante. Questo, per me,
rappresenta il potere nella mia mente subcosciente.
Le possibilità di utilizzare l’immaginazione sono infinite. Usatele!

I BAMBINI
I bambini sono molto sensibili alla programmazione. Quindi, usate questo
a loro (e vostro) vantaggio. Nella Lezione Due, avete appreso che un
neonato ha un disco rigido vuoto (la parte mammaliana della mente
subcosciente) che assorbe i nuovi programmi. I genitori devono
costantemente tenerlo a mente. Ai bambini deve essere permessa e

156
incoraggiata la sperimentazione di cose nuove. Dovrebbero essere esposti a
una varietà di colori, attività, suoni, vocabolario e musica. E dovrebbero
essere nutriti con affermazioni positive, capaci di costruire fiducia.
I bambini dovrebbero non solo essere esposti al mondo esterno ma
devono anche essere nutriti verbalmente. Vi è stato insegnato in queste
lezioni a pensare a voi stessi soltanto per come desiderate essere. Questo
stesso ragionamento deve essere applicato ai bambini. Dite ai bambini
solamente ciò che volete che essi diventino. Nutriteli con affermazioni
positive in ogni occasione, e non nutriteli mai con affermazioni negative.
Mai dire cose del tipo: “Non essere così maldestro”, “Non riesci a farlo
bene?” o “Non impari mai, vero?” Queste affermazioni, se ripetute o dette
con forte emozione, diventeranno programmi nella loro mente subcosciente.
Anche i commenti fatti per scherzo, se detti ripetutamente e con emozione,
avranno impatto. Prendete in considerazione commenti come “crescendo
diventerai una ragazza cicciona”, “Sei un bambino molto cattivo”, o “Sei
così sciocchina”.
Due tecniche funzionano bene con i bambini. La prima è quella di
raccontare al bambino storie brevi con molte
affermazioni positive e un buon contenuto morale mentre si
addormentano. La validità dell’apprendimento nel sonno è oggetto di
discussione, io, comunque, registravo storie e mettevo nastri a basso
volume mentre i miei figli si addormentavano e anche dopo che si erano
addormentati.
Inventatevi delle storie: è facile. Le storie inventate sono più personali e
più su misura per il bambino. Un esempio potrebbe essere una storia di una
famiglia felice che pranza insieme affettuosamente. Tutti sono contenti e
hanno l’opportunità di parlare di quello che hanno fatto o delle sensazioni
che hanno vissuto durante il giorno. Tutti hanno buone maniere e parlano
distintamente e chiaramente. I bambini sentono che i genitori li amano, e
questo dà loro una sensazione di fiducia e di equilibrio.
Un’altra storia potrebbe essere che ognuno ha un talento proprio e il
bambino/a lo sta sviluppando, qualunque esso sia. Riuscire a fare qualcosa
meglio della maggioranza delle persone dà al bambino fiducia e orgoglio di
sé. Egli può intuirne il valore e quindi lavorarci in modo più efficiente ed
esercitarsi più a lungo per sviluppare quel talento.
Il secondo metodo è di fare ascoltare al bambino musica che gli piace o
leggergli una storia coinvolgente. La musica o la storia è immessa
nell’orecchio destro e viene neurologica-mente trasferita nella metà sinistra
del cervello. Nel modello lato destro — lato sinistro del cervello, il
sinistro è quello logico e razionale, le caratteristiche della mente cosciente.

157
Mentre la parte logica del cervello è impegnata ad ascoltare la musica o
la storia, a bassa voce leggete affermazioni nell’orecchio sinistro. Queste
affermazioni saranno trasferite al lato destro del cervello. Il lato destro è
associato con i sentimenti e il pensiero globale, le caratteristiche della
mente subcosciente.
Così l’affermazione scavalca la mente critica e va direttamente nella
mente subcosciente, che è acritica.

AFFERMAZIONI A PAROLA SINGOLA


Le parole hanno due significati. Uno è la definizione del dizionario. Le
parole però hanno anche connotazioni a esse associate. Queste connotazioni
trascendono la definizione logica e sono associate a nostri sentimenti
personali. Ad esempio, la definizione di “bandiera” è un pezzo di stoffa che
rappresenta un paese, ecc. Ma quando pensiamo alla parola “bandiera”
molti pensieri, emozioni e immagini affiorano dalla mente subcosciente alla
mente cosciente.
Queste connotazioni e immagini possono essere utilizzate a nostro
vantaggio come affermazioni di una sola parola.

“PROVO”
158
Il significato implicito di “provo” è quello di tentare di fare qualcosa
senza farla. Provate a prendere qualcosa che sia a portata di mano, per
esempio una matita. L’avete presa? Se è così, non avete “provato” a
prenderla. Quando si “prova” a prendere qualcosa vuol dire che non si
riesce a prenderla. Quindi, per la mente subcosciente la parola significa,
“fallimento!”
Ora che conoscete le connotazioni di questa parola, perché mai usarla?
Non usatela! Quando chiedete a Sally se verrà in chiesa alle sei del mattino
ad aiutarvi a mettere le decorazioni per un evento speciale e lei vi dice:
“Proverò a esserci”, non ci sarà. Se lo chiedete a Shirley che vi dice: “Ci
sarò”, potete contare su di lei.
Eliminate questa insidiosa parola dal vostro vocabolario. In primo luogo,
è una sconfitta autoinflitta e, secondo, esiste sempre una parola migliore.
Perché provare a fare qualcosa? Fatela e basta. Perché provare a mettere un
chiodo? Mettetelo. Perché provare a leggere il libro? Leggete il libro.
Perché provare ad entrare al college? Studiate sodo per entrare al college.
Perché provare ad essere una persona migliore? Siate una persona migliore.
Ci sono due eccezioni. Una è la scrittura. La scrittura chiara, facile da
leggere richiede l’uso di parole semplici e brevi e “Provo” ha entrambi i
requisiti. Alcuni sinonimi, “tentare”, “sforzarsi” e “impegnarsi”, non sono
così concisi. Quindi usatela quando scrivete, se necessario, ma non quando
parlate.
Due, un’altra definizione di “provare” è “testare”. Questo uso è legittimo.
Ma considerando tutte le volte che si usa la parola “provare” ogni giorno,
poche volte, se non mai, è utilizzata per indicare “testare”. Quindi, piuttosto
che usare la parola “provare” per questo uso legittimo, utilizzate una parola
migliore e più precisa. Non “provate” un pezzo di torta ma “gustate” un
pezzo di torta. Non “provate” un altro giornale; “leggetene” un altro. Non
“provate” un’altra auto; ma “guidate” un’altra auto.

“CANCELLA”

159
Quando appare uno spot televisivo sulla cura del raffreddore e
l’annunciatore dice: “Quando prenderete il prossimo raffreddore ... ”,
pensate immediatamente alla parola “CANCELLA”. Quando qualcuno vi
dice: “Non hai un bell’aspetto”, visualizzate immediatamente
“CANCELLA”. Immaginatevi al computer. Visualizzate sullo schermo
l’affermazione negativa appena fatta. Evidenziatela e “CANCELLAtela”.
Non volete che queste suggestioni abbiano impatto sulla mente
subcosciente. La parola “CANCELLA” diviene un comando diretto alla
mente subcosciente di ignorare ciò che è stato appena detto o visto.

“ANNULLA”
Usatela come la precedente. Aumentate il potere di questa parola
immaginando una grande insegna al neon con scritto la parola “ANNULLA”
che lampeggia a colori vivaci.

“FATTO”
A tutti capita a volte di dover fare un lavoro che sembra troppo grande.
Vi è mai capitato di arrivare al lavoro e trovare la scrivania sommersa di
documenti che richiedono un’ attenzione urgente? O tornare a casa da scuola
con molti compiti da fare la sera stessa? La maggior parte delle persone fa
delle affermazioni autolesioniste del tipo: “Come riuscirò a fare tutto?”
oppure “Non posso fare tutto questo!”
Al contrario, immaginate la parola “FATTO”. Un’affermazione positiva
raffigura la cosa che si vuole nel presente. La cosa che volete è che il
lavoro sia “FATTO”. Sapete che sarà “FATTO” solo se vi darete da fare e
la fate, piuttosto che autocommiserarvi. Ogni qualvolta pensate di avere
troppo lavoro, semplicemente immaginate la parola “FATTO”. Poi
rafforzate l’affermazione immaginandovi mentre ballate sulla scrivania

160
vuota o vedetevi portare i compiti già svolti ai vostri insegnanti.

“STA PASSANDO”
Emile Coué ebbe molto successo con i pazienti che soffrivano per il
dolore. Faceva dire loro, “STA PASSANDO” dieci volte il più
velocemente che potevano. Abilmente, aveva capito che mentre il paziente
ripeteva il più velocemente possibile questa breve frase, la mente cosciente
doveva pensare a dire la frase, non al suo significato. Così, la suggestione
“STA PASSANDO” andava nella mente subcosciente.

“PASSATO”
Usatelo per ogni malanno, come ad esempio un raffreddore o una
verruca.

“CAMBIO”
Quando siete preoccupati per qualcosa, oppure avete pensieri negativi
per la testa, pensate “CAMBIO”. Pensate “CAMBIO” e poi pensate a
qualcos’altro. Potete pensare a una sola cosa alla volta (consciamente)
quindi potete scegliere a cosa pensare. Modificate il vostro pensiero ed
esercitate la vostra capacità di pensare a qualcosa di positivo. Pensate a
qualcosa di felice, qualcosa che possa trattenere la vostra attenzione, come
ad esempio rivivere una vacanza speciale.

“INTORPIDITO”
Quando vi chiudete il dito nella portiera dell’auto, la reazione è di
pensare e dire “ahi”. “Ahi” significa dolore e il dolore non è quello che
volete. Invece, prendete l’abitudine di reagire con la parola
“INTORPIDITO”.

“NORMALE”
Dopo che vi siete chiusi il dito nella portiera dell’auto, il vostro corpo

161
reagisce con l’invio nella zona di fluidi che provocano gonfiore. Spesso il
gonfiore fa più danni del colpo vero e proprio, perciò utilizzate queste
parole insieme “INTORPIDITO e NORMALE!”

“ASCIUTTO”
Se sentite il naso che sta colando. Pensate ‘‘ASCIUTTO e NORMALE’’.
Associate ‘‘ASCIUTTO’’ a qualcosa di vivido. Ricordate la scena iniziale
del film, Il Paziente Inglese. L’eroe volava basso sopra il vasto deserto del
Sahara. Nessun tipo di vegetazione era visibile da orizzonte a orizzonte,
solo sabbia. Quello é ASCIUTTO.

“AFFERRARE”
Avete bisogno di essere creativi? Pensate “AFFERRARE”. Immaginate
di “AFFERRARE” le idee nell’aria e di inserirle nella vostra testa.

RICAPITOLANDO
Molte altre parole possono essere usate come affermazioni a parola
singola. Esse saranno particolarmente potenti per voi se attribuirete loro
delle connotazioni. Per esempio, volete che la mente cosciente e la mente
subcosciente lavorino insieme. Pensate “INSIEME” e immaginate due
persone che si abbracciano, una squadra di pallavolo di due persone che
dimostrano abilità nel lavoro di squadra, o due boscaioli che lavorano con
quelle vecchie seghe per due persone. Da questo momento in poi, ogni volta
che pensate “INSIEME”, attivate e rafforzate l’affermazione, ricordando
alla mente cosciente e subcosciente di lavorare “INSIEME”.

PARABOLE
Per aggiungere ancora più potere alla vostra affermazione a parola
singola, create una parabola il cui significato sia collegato con la parola
stessa. Le parabole impressionano la mente subcosciente più di quanto
facciano le semplici parole o le immagini statiche. Forniscono saggezza ed
energia a un livello subliminale. Scrittori e narratori da sempre usano le
parabole per il loro potere d’impatto. Una volta che sentite una parabola

162
significativa, non la dimenticate più.
Qui sotto è riportato un esempio di parabola da utilizzare con
l’affermazione a parola singola ‘‘INSIEME’’.
“Un contadino possedeva un centinaio di buoi, ma i buoi non volevano
arare i suoi campi. Non importava quanto forte li frustasse. Un giorno il
contadino scoprì che uno dei buoi sapeva parlare. Il bue gli disse che i buoi
non volevano lavorare per lui perché impartiva loro ordini confusi, li
maltrattava e non li apprezzava per i loro sforzi. Il contadino divenne
saggio e compassionevole. Radunò tutti i buoi nel campo. Spiegò loro che
se avessero lavorato
“INSIEME” a lui, li avrebbe ringraziati profusamente, e avrebbe
condiviso con loro il ricavato, e li avrebbe ospitati in un fienile durante il
lungo e freddo inverno. Aggiunse inoltre, che l’aratura sarebbe stata poco
faticosa, se i buoi avessero seguito le direttive e avessero lavorato
“INSIEME”. Insieme sarebbero stati molto più potenti di quanto non lo
fossero ora, da separati. I buoi accettarono, così l’agricoltore e i buoi
prosperarono”.
D’ora in avanti, pensando la parola “INSIEME”, impressionerete la
mente subcosciente ancora di più. Una parabola composta da voi per la
vostra mente subcosciente avrà più valore di una composta da qualcun
altro.
Ecco un esempio di una parabola per sbarazzarsi del bagaglio in eccesso,
come rancori, invidie, rimpianti, desideri non soddisfatti, decisioni
sbagliate, ecc.
“Un uomo anziano con un volto scarno e tormentato stava attraversando a
piedi un villaggio. Egli attirò molto l’attenzione degli abitanti del villaggio
perché trasportava molti oggetti. Un ragazzino, non sapendo che fosse
indelicato fare domande, fermò l’uomo e gli chiese perché portasse una
stufa di ferro sulla schiena. “Oh, questa” disse l’uomo. “Veramente non mi
servirà dove sto andando ed è molto pesante. La lascerò qui”. L’uomo
camminò ancora un poco, quando una vecchia signora gli chiese se avesse
davvero bisogno dell’arriccia-capelli di ghisa che aveva attaccato alla sua
cintura. “No, non ne ho bisogno. Non sapevo che fosse lì” rispose. E le
dette volentieri il ferro arricciacapelli. Poco dopo, un uomo più giovane gli
si avvicinò e gli chiese se volesse vendere l’incudine di ferro che
teneva in equilibrio sulla testa. “Ero così abituato a portare
quell’incudine che avevo dimenticato fosse lì”, disse il vecchio. “Puoi
tenerla perché sono felice di liberarmene”. Il vecchio attraversò il villaggio
alleggeren-dosi di tutto ciò che era inutile e gli causava soltanto dolore.
Dopo che ebbe attraversato il villaggio, si era liberato di tutti i suoi

163
fardelli. Era enormemente grato a coloro che lo avevano aiutato a capire
che stava trasportando cose che gli avevano reso la vita più gravosa e che
erano malsane. Il suo passo divenne più veloce ed aveva il sorriso più
smagliante degli ultimi anni. Fischiò durante tutto il tragitto del ritorno a
casa, dove visse molti, molti anni, ed ebbe una vita felice, appagante e
sana”.

SOSTITUZIONE
“Pensate sempre a voi stessi per come volete essere”. Molto spesso
pensare positivamente è facile. Ma ci sono momenti in cui ci può essere un
problema o un disturbo al quale si pensa in continuazione. Ricordate che
potete pensare soltanto a una cosa per volta e che la mente cosciente ha il
libero arbitrio. Perciò scegliete quello a cui volete pensare. Ecco alcune
idee da utilizzare quando avete difficoltà a mantenere la mente cosciente
lontana dai pensieri negativi.
In primo luogo, fate tutte le azioni direzionate alle quali riuscite a
pensare. Fate in modo che non si rompa il ciclo naturale: Energia à Idea à
Azione Direzionata à Riposo à Energia à ecc. Fare qualcosa di positivo vi
aiuta in due modi. Bruciate energia in modo costruttivo invece di
reprimerla, inoltre fare qualcosa di positivo vi dà la sensazione di
controllare la situazione.
In secondo luogo, ogni volta che la mente cosciente ritorna al pensiero
negativo, sostituitelo così:

Immaginate un’affermazione “A Parola Singola”.


Visualizzate un simbolo, ad esempio uno Smile.
Immaginate una scena piacevole, possibilmente un luogo dove
avete trascorso un periodo felice.
Ripetetevi una frase positiva, del tipo “sono felice” oppure, se
siete religiosi, “Dio è la mia forza”.
Cantate una canzone allegra.
Inviate amore a qualcuno o a un gruppo specifico.
Pensate a una storia o a una favola pertinente. Inventatevi una
parabola appropriata.
Stimolate il vostro Centro della Gioia.

Non avete scuse per indugiare su un pensiero negativo.

164
SOVRAPPOSIZIONE
La sovrapposizione serve a sostituire un’antipatia, una paura, o una
cattiva abitudine con qualcosa di positivo. Funziona così. Andate in stato
alfa. Visualizzate nella vostra mente la cosa che non vi piace, per esempio,
essere bloccati in un ingorgo di traffico. Ora riducete quella foto alle
dimensioni di un francobollo. Poi immaginate una scena o un’esperienza
piacevole. Collegate una forte emozione alla scena piacevole. Trattenete il
pensiero positivo anche solo per pochi secondi e poi ripetete la sequenza
per tre volte. La prossima volta che sarete bloccati nel traffico, il vostro
sistema neurologico non reagirà negativamente perché assocerà l’evento
alle sensazioni positive.
Una variante è quella di scrivere su un pezzo di carta la cosa che vi dà
fastidio. Chiudete gli occhi, andate in alfa, e poi visualizzate qualcosa di
molto positivo e felice. Quindi aprite gli occhi e guardate ciò che avete
scritto sulla carta. Ripetete per tre volte. Ora, quando la cosa negativa si
presenta, sarà associata a emozioni positive e quindi non vi disturberà e
potrete affrontare la situazione con obiettività.
Questo metodo è utile per frenare una folle attrazione verso qualcosa
come, ad esempio, caramelle al cioccolato.
Chiudete gli occhi, andate in stato alfa e visualizzate un mucchio di
caramelle al cioccolato. Riducete le dimensioni dell’immagine. Ora
visualizzate qualcosa dello stesso colore del cioccolato, ma che è
disgustoso. Sentitene l’orrendo odore. Immaginatene la tremenda,
appiccicosa e disgustosa consistenza. Assaggiatela se avete coraggio. Il
solo pensiero vi fa star male. Vi sentite come se doveste vomitare. Ripetete
tutto tre volte.
Anthony Robbins, il guru del pensiero positivo, descrive l’uso della
sovrapposizione in maniera leggermente diversa. Suggerisce di creare
l’immagine mentale di una scena della cosa che si vuole modificare.
Diciamo che desiderate cambiare l’abitudine di mangiare troppo.
Immaginate voi stessi mentre mangiate voracemente, tanto da sembrare un
maiale. Vedete quanto siete disgustosi mentre divorate grandi bocconi di
cibo. Sentite la sensazione spiacevole che provate dopo aver mangiato
troppo.
Poi, in basso a destra del vostro schermo mentale, inserite uno schermo
molto piccolo. In quel piccolo schermo vedetevi mangiare in modo corretto
e smettere prima di sentirvi sazi. Mangiando in questo modo, vi sentite bene
con voi stessi. Sentite e pensate di stare bene. Vedetevi mangiare

165
correttamente. Vedetevi smettere prima di sentirvi sazi. State bene con voi
stessi perché avete il controllo. Poi, rapidamente ingrandite il piccolo
schermo positivo e fategli sostituire l’immagine di grandi dimensioni del
vostro mangiare ingordo. Mentre fate quest’operazione, dite ad alta voce
“whooooosh”. Ripetete l’operazione tre volte. Robbins sostiene che dire
“whoooosh” sia importante.
Potrebbe essere necessario farlo per qualche giorno per rafforzare
l’abitudine positiva. Assicuratevi di aggiungere forti emozioni positive
all’immagine dell’obiettivo voluto.

RECITAZIONE
La recitazione è un mezzo potente per usare la mente subcosciente. Ho
già citato il documentario sulla PBS TV in cui un professore affermava che
l’ipnotismo era recitazione.
Agire come se ha un enorme valore. Quando si recita ogni cosa è logica.
Potrei chiedervi di credere che la vostra mano sia conficcata
nell’avambraccio. Cosa illogica e incredibile. Sarebbe impossibile forzarsi
a crederlo. Ma se vi chiedessi di agire come se la vostra mano fosse
conficcata nell’avambraccio, potreste farlo facilmente. Per recitare non c’è
bisogno di credere o di avere fede.
Ricordatevi che la mente subcosciente trova il modo di raggiungere gli
obiettivi assegnati. Quindi, se vi sentite tristi, state dando alla mente
subcosciente l’obiettivo di essere tristi. Essere tristi non è salutare e non
dovreste indugiare in questo stato d’animo. Ma dire alla mente subcosciente
che siete felici, può essere poco credibile per voi. Se è poco credibile,
allora avrete un po’ di paura di fallire. Questa paura del fallimento, avrà
probabilmente il sopravvento sulla volontà di essere felici (La legge dello
Sforzo Inverso).
Ma potete agire come se foste felici. Agire come se foste felici realizzerà
due scopi. Uno, darà alla mente subcosciente l’obiettivo di essere felici.
Due, invierà neurotrasmettitori dalle cellule del corpo alle vostre cellule
cerebrali che diranno al cervello che siete felici. Allora il vostro cervello
diventerà felice e, a sua volta, invierà neurotrasmettitori che renderanno
felice il vostro corpo. Il detto, “Agisci come se fossi felice, e sarai felice”
è vero. Gli studi dimostrano che i neurotrasmettitori viaggiano in entrambe
le direzioni. Quando siete felici, la mente subcosciente invia messaggi al
vostro corpo affinché agisca come se fosse felice. All’inverso, quando il
vostro corpo agisce in maniera felice, le cellule del vostro corpo inviano

166
messaggi al vostro cervello per dire che voi siete felici.
Da malati è più facile fingere di stare bene piuttosto che crederlo. Se non
date alla mente subcosciente il pensiero, l’obiettivo di stare bene, al
contrario, avrà l’obiettivo di stare male. Quindi imparate ad AGIRE COME
SE ...

ESERCIZIO di RECITAZIONE » »
« « ROUTINE “AGIRE COME SE…”
Mente Cosciente e Subcosciente
Lavorano INSIEME
Chiudi gli occhi.
Va in alfa ... 3 ... 2 ... 1 ... “ALFA”.
Solleva lo sguardo di circa 20 gradi e immagina un puntino nero.
Immagina il puntino avvicinarsi sempre più e diventare sempre più
grande fino a racchiuderti. Circondato dall’oscurità, pensi di essere in
una camera oscura.
Questo è il tuo tempio ... un luogo dove pensi con armoniosa energia ...
energia con un unico obiettivo ... qui è dove tu puoi sostituire cattive
abitudini e rimuovere emozioni negative.
Ora immagina un palcoscenico in un auditorio.
Tu sei il regista e stai guardando da dove siede il pubblico.
Sul palco, vedi te stesso. Sei un attore.
Poi ti rendi conto che ci sono due te che recitano.
Uno è guidato dalla mente cosciente, l’altro è guidato dalla mente
subcosciente.
Ma non vanno d’accordo.
Non si ascoltano l’un l’altro.
Stanno combattendo ... non stanno affatto lavorando insieme.
La mente cosciente impartisce ordini e la mente subcosciente li ignora.
La mente subcosciente sa di poter fare così tante cose, ma la mente
cosciente è critica e trova da ridire su tutto.
La mente cosciente sa cosa è meglio per il tuo corpo, ma la mente
subcosciente agisce basandosi solo sulle emozioni.
Vedi la tua mente subcosciente mangiare troppo soltanto perché il cibo
ha un buon sapore.
Vedi il tuo corpo agire da malato senza alcun motivo a causa di
emozioni ingannevoli e negative.

167
In qualità di regista hai visto abbastanza, e con fermezza urli: “Stop,
basta!”. E fai le seguenti dichiarazioni:
Ne ho abbastanza ... basta con questo pessimo modo di agire!
D’ora in poi voi due, mente cosciente e mente subcosciente, dovete
lavorare e agire insieme ... come una squadra.
D’ora in poi dovete comunicare costruttivamente e amorevolmente.
Dovete amarvi l’un l’altra... è semplicemente naturale ... appartenete
allo stesso corpo.
D’ora in poi dovete entrambe lavorare amorevolmente per il vostro
bene supremo ... per il bene supremo del corpo ... e anche per il bene di
tutti.
D’ora in poi la mente cosciente comanda ... ma la mente cosciente è un
capo affettuoso ... altruista ... che pensa soltanto al bene supremo della
mente subcosciente e del nostro prezioso corpo.
D’ora in poi, la mente cosciente deve coltivare solo pensieri positivi e
sani durante tutte le ore da svegli.
La mente cosciente parla costantemente alla mente subcosciente e la
guida e le dà obiettivi positivi ben meditati.
La mente subcosciente realizza volentieri gli obiettivi, nel modo più
veloce e più semplice possibile.
La mente subcosciente mantiene il tuo corpo sano e vitale ... Tutte le
vecchie emozioni negative sono ormai dissolte ed eliminate.
Sia la mente cosciente sia la mente subcosciente ora si fondono
nuovamente in un unico corpo.
Ora va verso il tuo corpo ed entra in esso.
Guarda fuori attraverso i tuoi occhi e vedi il palcoscenico intorno a te.
Senti l’affiatamento di una mente cosciente e subcosciente che
lavorano insieme ... e che si amano l’una l’altra.
Senti quanto è migliore il mondo grazie a questo cambiamento.
Vedi te stesso — la tua mente cosciente e subcosciente agire insieme
per il tuo bene supremo.
Agisci come se tu potessi curare qualunque malattia o situazione che ti
si presenti.
Agisci come se i miracoli fossero una cosa comune nella tua vita.
Agisci come se la tua mente cosciente potesse realizzare qualsiasi cosa
con l’aiuto della mente subcosciente ... agisci come se niente fosse troppo
difficile da realizzare ... agisci come se avessi fiducia assoluta ... pura e
risoluta. Agire in questo modo è normale.
Ora immagina una nuvola bianca, candida e affettuosa sopra la tua
testa che rappresenta l’amore, che è armoniosa energia proveniente da

168
un’unica sorgente.
Questa nube scende verso di te e ti copre, e copre tutto intorno a te.
Tu sei tutt’uno con te stesso ... ti senti completo.
Ora tutto ha un bagliore dorato.
Questo bagliore dorato rappresenta l’armonia ... armonia tra la mente
cosciente e la mente subcosciente ... armonia tra te e il mondo esterno ...
tra te e il tuo io interiore.
Senti questo bagliore e comportati come se avessi la certezza assoluta
che quest’armonia farà parte di te d’ora in poi.
Ora torna nella camera oscura.
Vedi che il buio si dissolve e diventa una macchia nera sopra la tua
testa.
Vedi la macchia nera dissolversi e scomparire in lontananza.
1 ... 2 ... ti senti rinvigorito e sei euforico ... 3, sei sveglio. Apri gli
occhi e sorridi.
Agisci come se fossi felice, vibrante ed energico.

1 Pete A. Sanders. Scopri il Tuo Punto B, Mediterranee, 2012


2 Questa routine, in Inglese, può essere acquistata su http://www.thegeniewithin.net/affirmation-cds. Per
informazioni, scrivete a thegeniewithin@roadrunner.com oppure a The Genie Within, 1844 Fuerte Street,
Fallbrook, CA 92028.

169
Lezione Otto

METODI di Utilizzo
della Mente
Subcosciente, Parte 3

170
Lezione Otto

METODI di UTILIZZO della


MENTE SUBCOSCIENTE, Parte 3
IL METODO CLASSICO
rima di descrivere il “Metodo Classico” di condizionamento, devo

P spiegare due ulteriori strumenti della mente subcosciente:


“inneschi” e “playback istantaneo”.

INNESCHI E RISPOSTE CONDIZIONATE


Ivan Petrovic Pavlov vinse il Premio Nobel per il suo famoso
esperimento sui riflessi condizionati. Anche se la maggior parte dei lettori
conosce questo esperimento, è così importante che lo voglio ricordare.
Pavlov mostrava del cibo a un cane affamato. Il cane cominciava a
produrre saliva. Dopo aver mostrato alcune volte il cibo al cane affamato,
suonò un campanello mentre di nuovo mostrava il cibo al cane. Dopo aver
suonato il campanello più volte mentre mostrava il cibo, il cane divenne
“condizionato” dal campanello. Una volta condizionato, in qualsiasi
momento Pavlov suonasse il campanello, il cane produceva saliva anche se
il cibo non c’era.
In altre parole, lo stimolo alla salivazione per la vista del cibo fu
trasferito al suono di un campanello, qualcosa che non ha niente a che fare
con il cibo o con la fame. Non esiste una naturale connessione tra un
campanello e la salivazione.
Supponiamo che una bambina assista a una scena intensa ed emozionante
come la seguente. La madre vede un topo in cucina. Urla, diventa isterica, e
corre tutto intorno alla cucina inseguendo il topo con una scopa e fa cadere
una sedia. Per una bambina questa immagine è intensa e piena di emozione.
Trenta anni dopo, quando vede un topo, il suo riflesso condizionato sarà
innescato e lei urlerà e si agiterà.
Gli “inneschi” sono come le icone sul desktop del PC. Sono scorciatoie
per programmi più lunghi. Un esempio di utilizzo d’innesco è il seguente.

171
Un punto cardine nell’utilizzo della mente subcosciente è quello di andare
in stato alfa. In alfa si giunge passando attraverso un lungo programma di
rilassamento, come quelli illustrati nelle lezioni precedenti. Mentre eravate
rilassati e in alfa, siete stati condizionati con un innesco, ad esempio, la
parola “ALFA”. Dopo aver fatto questi esercizi alcune volte, dovreste
essere già condizionati nei confronti di questa parola. Una volta
condizionati, non è più necessario utilizzare la routine completa per andare
in alfa. È sufficiente utilizzare l’innesco. Fate un respiro profondo, espirate,
visualizzate e dite a voi stessi la parola “ALFA”, e by-passate la routine di
rilassamento. Siete in alfa.
Quante volte sono necessarie per autocondizionarvi? Ogni persona è
diversa. Alcune persone si condizionano dopo solo un paio di volte, mentre
altre richiedono più tempo. Inoltre, il condizionamento dovrebbe essere
rafforzato periodicamente. Anche in questo caso non ci sono regole rigide.
Andate a intuizione o, se necessario, chiedete alla mente subcosciente se il
condizionamento è sufficiente (vedere la Lezione Cinque).
Un altro innesco che è stato incluso negli esercizi di condizionamento, è
quello di toccarsi il pollice e l’indice per rilassarsi. Non vi è alcun motivo
per sentirsi tesi, neanche per un momento. Neppure un atleta d’elite tende
l’intero corpo. Utilizza solo i muscoli necessari per la sua performance.
Ogni tensione aggiuntiva è controproducente. Il vostro pollice e il vostro
indice si toccano naturalmente più volte al giorno. Ogni volta che si
toccano, al vostro corpo viene ricordato di rilassarsi.
Norman Cousins ha scritto un libro in cui descrive come curò se stesso
da una malattia mortale, utilizzando la risata come stimolo del sistema
immunitario. Lasciò l’ospedale e andò in un motel, dove guardava video
divertenti. La risata stimolava il suo sistema immunitario e, ovviamente, gli
impediva di essere depresso. La depressione interferisce con il sistema
immunitario.
Cousins non utilizzò un innesco, ma sarebbe stata una buona idea.
Supponiamo che a ogni video divertente che guardava, avesse diretto lo
sguardo sul simbolo della “faccetta felice” (smile). Dopo essere stato
condizionato allo smile, avrebbe soltanto dovuto immaginare o vedere uno
smile, per stimolare il sistema immunitario. Avrebbe potuto fare a meno di
guardare un video intero. Inoltre, avrebbe potuto appendere immagini di
smile nella sua casa, auto e ufficio. Ogni volta che avesse visto lo smile, il
suo sistema immunitario sarebbe stato stimolato.
Un esperimento simile a questo fu condotto sui topi. A un gruppo di topi
fu iniettata una sostanza chimica che ne stimolava il sistema immunitario e
furono condizionati all’odore di canfora. A un altro gruppo fu iniettata una

172
sostanza chimica che ne
ritardava il sistema immunitario
e furono condizionati anch’essi
all’odore di canfora. Quindi,
entrambi i gruppi furono
condizionati allo stesso innesco,
ma con opposte risposte, una per
stimolare e l’altra per ritardare
il sistema immunitario.
Poi ai topi di entrambi i
gruppi furono iniettate delle
sostanze chimiche che causano il
cancro. Durante la
somministrazione delle sostanze
chimiche cancerogene, furono
anche esposti all’odore di canfora. I topi condizionati a stimolare il sistema
immunitario con l’odore, diventarono resistenti al cancro. I topi
condizionati, dallo stesso odore, a ritardare il sistema immunitario si
ammalarono di cancro.
Un innesco, ad esempio, per la fiducia in se stessi, potrebbe essere una
foto di Teddy Roosevelt. Un altro, quello che uso io, è una foto di un pino
dai coni setolosi. Il mio programma per la buona salute, che richiede
quindici minuti se letto ad alta voce, è condizionato da una foto di un pino
dai coni setolosi. I pini dai coni setolosi hanno un significato speciale per
me. Vivono a lungo e sopravvivono in condizioni estreme (alta quota,
freddo, caldo e siccità). Per me, sono il simbolo della salute e gentilezza.
Gli inneschi sono più efficaci se possiedono per voi un significato emotivo.
Gli inneschi possono essere parole, immagini, colori e azioni; come ad
esempio unire le dita o sbattere le ciglia. Possono essere usati anche suoni e
odori. Io uso anche il colore verde come innesco per il mio programma
della salute. Ogni volta che vedo, o penso al colore verde, tutto il mio
programma della salute viene stimolato. Vedo il colore verde centinaia di
volte al giorno.

PLAYBACK ISTANTANEO
Pare che Einstein abbia detto: “Il tempo è relativo. Un minuto vi
sembrano dieci secondi quando una bella ragazza è seduta sulle vostre
ginocchia, dieci secondi vi sembrano un minuto quando siete seduti su una

173
stufa ardente”. Il tempo è quello che noi percepiamo che sia.
La prima volta che guidate per una strada nuova, essa vi sembra
eccessivamente lunga. Questo perché è una cosa nuova e si è esposti a
migliaia di stimoli inconsueti. La seconda volta che si percorre la stessa
strada, sembra più breve. Gli stessi stimoli provocano un numero minore di
nuove impressioni per riempire il tempo.
Il tempo relativo può essere ancora più eccezionale nella mente
subcosciente. Come illustra un esperimento fatto in una università del
Midwest. Un gruppo di studenti fu ipnotizzato e venne chiesto loro di
immaginare di raccogliere i frutti da un certo numero di alberi. Non ho i
dettagli dell’esperimento, ma credo si trattasse di un pescheto di 100 alberi
e ogni albero aveva dieci pesche.
La prima volta che raccolsero le pesche impiegarono, diciamo, dieci
minuti. L’esperimento fu ripetuto con gli stessi studenti. La seconda volta,
raccolsero i frutti in un minuto. Fu ripetuto per la terza volta. Questa volta
gli studenti raccolsero la stessa quantità di frutta in un secondo.
Lecron fece un esperimento simile. Ipnotizzò una signora e le chiese di
rivedere nella sua mente il film Via col Vento, un film emozionante che
aveva già visto diverse volte. Quando avesse terminato di rivedere il film,
doveva abbassare la mano come segnale che aveva finito. Abbassò la mano
quasi immediatamente. Lecron la svegliò e le disse che quello che lui
voleva era che lei rivedesse l’intero film. Lei disse che l’aveva fatto!
Una volta che un modello neurologico è radicato nel nostro cervello,
come ad esempio il ricordare la raccolta di frutta in un frutteto, oppure un
film emozionante visto più volte, la nostra mente subcosciente può rivivere
in un lampo l’intero modello. Questo è il “playback istantaneo”.
Più avanti in questa lezione, potrete utilizzare questa funzione di
compressione del tempo, o playback istantaneo, a vostro vantaggio.

ANTEFATTO
Credo che il condizionamento classico sia il metodo migliore per
programmi di condizionamento cruciali nella mente subcosciente, come
salute, successo e tratti della personalità. Il condizionamento classico è
facile ma ci vuole un po’ più di tempo rispetto agli altri metodi perché
un’affermazione deve essere preparata. In primo luogo, devono essere
rivisti un paio di punti. I programmi nella mente subcosciente non vengono
cambiati, vengono rimpiazzati. Di due o più concetti, la mente subcosciente
può considerarne vero uno solo. Se la mente subcosciente è stata

174
condizionata a credere che siete timidi, allora avete bisogno di
condizionare la mente subcosciente con un nuovo programma — uno che vi
dia equilibrio e fiducia in voi stessi.
Se la mente subcosciente è stata programmata a credere che prenderete
uno o più raffreddori ogni inverno, che soffrirete di mal di testa in ogni
situazione di stress e che siete predisposti ad ammalarvi, allora avete
bisogno di programmare la mente subcosciente affinché mantenga il
concetto che siete sani, forti, vigorosi e con un sistema immunitario forte
che vi mantiene sani.
Se una persona ha cinquant’anni, la sua mente subcosciente
probabilmente ha cinquant’anni di condizionamento sul concetto che ora
ritiene vero. Per superare questi cinquant’anni di condizionamento in un
breve periodo, è necessario un sistema molto efficace. Il condizionamento
deve essere fatto in stato alfa, deve essere fatto utilizzando una
affermazione onnicomprensiva, e deve essere ripetuto fino a quando esso
non diventi il pensiero dominante nella mente subcosciente.
Ci vorrà più di una volta per condizionare la mente subcosciente con un
nuovo concetto e farlo diventare più forte di quello negativo già esistente.
Ogni persona è diversa, quindi non ci sono regole precise sulle volte che
sono necessarie per condizionare la mente subcosciente al nuovo
programma. Il mio suggerimento è di farlo una o due volte al giorno per una
settimana, poi una volta alla settimana per un mese, poi una volta al mese
per un anno, e poi una, o due volte l’anno.

PRIMO PASSO – SCRIVETE


UN’AFFERMAZIONE
L’affermazione dovrebbe essere così ampia da toccare ogni aspetto del
nuovo concetto che volete inserire nella mente subcosciente. Per esempio,
ho scritto un’affermazione generale riguardante la “salute”, che è descritta
alla fine di questa lezione.
L’affermazione è lunga oltre sette pagine. Stare in buona salute è
importante perciò volete essere certi che sostituirete ogni concetto negativo
nella mente subcosciente con un corrispondente concetto sano e positivo.
Usate l’affermazione di questa lezione come spunto. Adattatela alle
vostre esigenze; togliete alcune cose o aggiungetene altre. Usate immagini
che abbiano significato per voi. Ad esempio, quando affermate le capacità
di filtraggio dei vostri reni, potreste usare una delle seguenti immagini. Se
siete un chimico, potreste immaginare un laboratorio di chimica

175
all’avanguardia con una complessa tecnologia di filtraggio. Se siete una
casalinga, potreste immaginare di filtrare un succo d’arancia al setaccio o
con un panno fino per rimuovere i semi e la polpa.

SCEGLIERE LE PAROLE
Le parole, solitamente, sono strumenti della mente cosciente. Le parole
sono il vostro strumento per creare un’affermazione indirizzata alla mente
subcosciente. Quindi tenete presente che queste parole devono evocare
immagini e sensazioni. Usate le parole per descrivere azioni e dipingere
scene vivide che suscitino forti emozioni.
“Sono in buona salute” va bene, ma è meglio qualcosa di simile a quanto
segue:
“Mi vedo circondato da una luce radiosa, mentre cammino a passo
veloce in un bellissimo parco dove crescono fiori dai brillanti colori.
Mentre lo attraverso, vedo delle viole del pensiero gialle con steli delicati,
e dei robusti narcisi blu. Il mio passo è veloce e mi sento come se stessi
galleggiando. Assaporo la vita. Mi godo la vita appieno. Mi godo la
bellezza della natura. Mi piace la bellezza della natura. Mi sento tutt’uno
con essa. Sento una forza vitale scorrere nel mio corpo come minuscoli
dardi a forma di fulmine. Sono felice. Vedo me stesso con un largo sorriso
mentre cammino, sapendo che sono vivo, vegeto, robusto e vigoroso. La
mia gioia e il mio buon temperamento stimolano il mio sistema immunitario.
Visualizzo le mie cellule parlare fra loro e con la mente subcosciente con
minuscoli telefoni cellulari. Ringrazio le mie cellule perché si tengono in
comunicazione con il sistema immunitario, si mantengono in buona salute e
lavorano per il bene del mio corpo”.
“Immagino che i miei globuli bianchi pattuglino il mio corpo per
combattere i batteri estranei e indesiderati, i virus, e tutto ciò che è lì per
nuocere alla mia salute. Quando vedono un microbo non gradito, lo
attaccano e lo annientano come minuscoli Pac Man, inghiottendo tutti i brutti
ceffi che gli si presentano davanti. Vedo macrofagi che arrivano come
piccoli aspirapolvere per finire la bonifica. Li vedo mantenere il mio
sangue puro e sano. Il mio sistema immunitario ha un gigantesco disco
rigido che riconosce milioni di sostanze estranee, e le mie cellule
immunitarie si liberano di loro non appena entrano nella mia circolazione
sanguigna. Il mio sistema immunitario è magnifico. Lo amo. Lo ringrazio”.
(Potreste animare il vostro sistema immunitario dandogli una forma e una
voce. Inoltre, potreste parlare direttamente con lui.)

176
“Sento il mio cuore pompare il sangue facilmente e senza alcuna fatica in
tutto il mio corpo. Sento che il mio cuore è forte e potente. Vedo i
corpuscoli portare il nutrimento a ogni cellula. Il cuore pompa allegramente
il sangue e porta il nutrimento a ogni cellula del mio corpo. Ora ringrazio il
mio cuore perché mi serve fedelmente. Vedo il mio cuore sorridere. È
contento di pompare il nutrimento a tutte le mie cellule. Le mie arterie e i
miei vasi sanguigni sono ben dilatati ed elastici. Il sangue che trasportano
fornisce a ogni singola cellula e a ogni organo tutto il nutrimento di cui
necessitano per funzionare al massimo. Il mio sangue porta via tutti i rifiuti
per mantenere sane le cellule. Benedico il mio cuore e il sangue che pompa,
.. ,” ecc., ecc.
Ringraziate e benedite tutte le cellule, gli organi, le ossa e tutto il resto
del vostro corpo. Abbellite! Esagerate! Emozionate! Rendetela grandiosa.
Lasciatevi trasportare. Dimenticate ciò che avete imparato a scuola sulla
scrittura. La vostra affermazione non deve essere logica. Non dovete
neppure usare della buona grammatica. Dovrebbe però riuscire a coprire
tutto ciò cui riuscite a pensare e dovrebbe farvi vedere e sentire tutto ciò di
cui state parlando.

SIATE REALISTICI
Siate audaci in ciò che volete realizzare, ma non perdete mai di vista la
realtà perché questo potrebbe provocare scoraggiamento e perdita di
fiducia. Se vi piace giocare a tennis, ma siete un giocatore di serie “B”, e
avete settantadue anni, porsi come obiettivo vincere il campionato di
Wimbledon sarebbe una cosa non realistica. Cercate l’eccellenza, non la
perfezione.
Un’eccezione all’essere “realistico” è la guarigione di una malattia. Io
credo che, per quel che riguarda la salute, tutto sia possibile. Sono state
documentate molte guarigioni spontanee. Queste guarigioni spontanee erano
dovute a un processo mentale, non alla medicina. Uno studio, condotto da
Elmer e Alyce Green, ha dimostrato che la caratteristica comune delle
guarigioni spontanee analizzate era un cambiamento d’atteggiamento. In
ogni caso utilizzate questi metodi, ma non usateli mai in alternativa a un
aiuto professionale. Utilizzateli insieme a un aiuto professionale.

USATE IL TEMPO AL PRESENTE


La mente subcosciente funziona solo al presente. Dicendo: “Starò

177
meglio”. Starete meglio domani, ma il domani non arriva mai. Sarà sempre
a un giorno di distanza.
“Starò meglio”, afferma tacitamente che ora non state bene. Quindi questa
dichiarazione dà alla mente subcosciente l’obiettivo di non stare bene
adesso.
Date alla mente subcosciente l’obiettivo di stare bene. Dite e immaginate
voi stessi come se vi sentiste bene ora, non importa quale sia la vostra
condizione attuale.

SIATE POSITIVI
Molti guru di successo talvolta usano affermazioni negative. Io,
comunque, avrei da obbiettare che le affermazioni negative non dovrebbero
essere usate mai, e vi spiegherò anche il perché.
Visualizzare una cosa negativa è spesso difficile. Immaginate, per
esempio, “Michael Jordan non ha giocato a basket oggi”. Vedere qualcuno
che non fa qualcosa è difficile.
Alcuni psicologi ritengono che la mente subcosciente non capisca i
“non”. Così, quando dite: “Io non ho paura” la mente subcosciente capisce
“Io ho paura”.
D’altra parte, un’altra scuola di pensiero ritiene che qualsiasi aggettivo
davanti a un sostantivo ponga l’accento su quest’ultimo, nella mente
subcosciente. Se ciò è esatto, allora il “non” in “io non ho paura” pone
l’accento su “paura”, nella mente subcosciente.
Una volta che avete detto e visualizzato una parola in associazione con
qualcosa, è difficile dimenticare quella parola. Chiudete gli occhi,
rilassatevi e immaginate che: La porta della stanza in cui vi trovate si apre
ed entra un elefante rosa. L’elefante indossa un ridicolo cappello da party e
suona un corno. L’elefante saltella per la stanza e vi schiaccia un piede. Fa
male! Ora dimenticate l’elefante. Non potete. Se avete immaginato
vividamente quella scena, non potrete dimenticare quel buffo elefante rosa,
amante dei party.
Un re avido offrì una fortuna a chiunque riuscisse a mostrargli come
trasformare la sabbia in oro. Un abile mago usò un trucco per far sembrare
che avesse trasformato la sabbia in oro. E indicò al re un metodo fasullo
per farlo a sua volta. Poi disse al re che non doveva mai, mai pensare alla
parola “abracadabra”, mentre trasformava la sabbia in oro. Naturalmente, il
re non riuscì più a togliersi dalla mente quella parola, ogni volta che
cercava di trasformare la sabbia in oro. In questo modo, non poté incolpare

178
il mago per il proprio fallimento.
Quindi non utilizzate mai un negativo come: “Io non ho paura”, perché
enfatizzate aver paura e inserite “avere paura” nella vostra mente. È
altrettanto facile dire: “Sono equilibrato e fiducioso”. Le motivazioni
appena esposte dovrebbero convincervi a usare affermazioni positive
anziché negative.

SIATE SPECIFICI E LETTERALI


Quando create l’immagine di qualcosa che desiderate, dovete essere
specifici. La visione che evocate nel dire “Mi vedo con una nuova auto” è
debole se paragonata a: “Vedo la mia nuova auto. Si tratta di un Volvo blu
S70 berlina a quattro porte. Sento la pressione sul mio alluce mentre do
calci alle gomme. Mi vedo seduto al volante. I sedili sono in pelle beige.
Sento l’odore del cuoio nuovo. Accendo il CD/ il mangianastri / la radio e
ascolto la musica stereofonica dei Beatles provenire da sei altoparlanti. Mi
vedo mentre guido lungo la Statale 66. Mi meraviglio di quanto la mia auto
viaggi agevolmente. Guardo il paesaggio attraverso il finestrino. Ho appena
superato un fienile rosso ... ” ecc.

PERSONALIZZATELO
Un’affermazione fatta con le vostre parole è meglio di una scritta da
qualcun altro. Le parole e le immagini che descriverete avranno più
connotazioni e significati per voi. Avranno più potere. Plagiate le
affermazioni, ma modificatele e personalizzatele. Mettetele a punto usando i
vostri sentimenti e attitudini.

ATTIVITA’ STRESSANTE
Vedete voi stessi agire ed essere. “Sono pronto a tutte le situazioni. Mi
vedo agire coraggiosamente in caso di emergenza. Sono attento ed entro in
azione. Mi vedo mentre chiamo con calma i Vigili del Fuoco. Ricordo
dov’è l’estintore ed entro in azione per spegnere l’incendio. Do istruzioni a
tutti gli altri per uscire dalla casa. Vedo che quelli intorno a me ammirano la
mia calma, le azioni audaci. Mi sento fiducioso ... “ ecc

179
USATE TUTTI I SENSI
Usate le parole che vi fanno udire, odorare, gustare e toccare. “Vedo lo
sguardo di comprensione sul volto del mio capo, mentre gli chiedo un
aumento. I suoi occhi brillano, mi
sorride e mi dice che sto facendo un lavoro magnifico. Mi sento euforico
quando mi dà un aumento e un bonus. Lo sento congratularsi con me e dire
quanto me lo merito. Posso gustarmi lo champagne e sentire il solletico
delle bollicine sul mio naso mentre io e mia moglie brindiamo al mio
successo”.

SIATE EMOZIONALI
L’emozione è energia. Eccitatevi. “Sono così felice che le lacrime mi
scendono lungo le guance ... io volentieri ... io mi godo ... io con eccitazione
... io sento fortemente ... io sono cooosìì felice”, ecc.

PERMISSIVO CONTRO AUTORITARIO


Un’affermazione positiva è, “Puoi rilassarti”, oppure “Adesso permetto
alle mie braccia di rilassarsi”. Un’affermazione autoritaria è “Rilassati”
oppure “Comando alle mie braccia di rilassarsi ora!”. Entrambe sono
efficaci. Consiglio di esprimersi nel modo permissivo se si ottengono
risultati. Se la mente subcosciente non accondiscende, allora usate
l’affermazione autoritaria. La mente subcosciente deve obbedire, ma voi
desiderate stabilire una mutua, amorevole relazione. Amici e amanti non si
danno comandi l’un l’altro, non ne hanno bisogno. A comune necessità,
condividono una soluzione con reciproco rispetto.
Ho conosciuto una persona che non riusciva a ottenere cooperazione
dalla propria mente subcosciente. Andò in stato alfa e rimproverò la sua
mente subcosciente per la mancanza di cooperazione. Gli disse che era
imperativo che lavorassero insieme per il bene di entrambi. Vivevano nello
stesso corpo ed era nel loro interesse mantenere il corpo in buona salute.
Ed essere emotivamente sano dipendeva dalla loro armonia. Il trambusto
interiore non è sano, causa stress, ed è controproducente. Andò avanti così
per alcuni minuti; fu una vera lavata di capo, a viso aperto. Dichiarò poi
che fu “giù di morale” per qualche giorno ma in seguito, la sua mente
cosciente e subcosciente andarono perfettamente d’accordo.

180
SECONDO PASSO – AGGIUNGETE
UN INNESCO
Aggiungete un “innesco” alla vostra affermazione. Ogni volta che
condizionate la mente subcosciente, agganciateci un innesco. Ho usato il
colore verde come uno degli inneschi per la salute. Verso la fine
dell’affermazione dico: “Ogni volta che vedo o immagino il colore
“VERDE”, questa affermazione è ripetuta mille volte. Ogni volta che vedo
o immagino nella mia mente il colore “VERDE”, questa affermazione è
rinforzata e confermata. Ogni volta che vedo o penso al colore “VERDE”,
questa affermazione è massimizzata, rafforzata ed energizzata”.
Ho scelto il colore verde perché è associato con la vita, con una nuova
crescita e la salute. Ho appeso un foglio di carta verde nel mio bagno. Dopo
un po’ la mia mente cosciente lo ha ignorato, ma la mia mente subcosciente
lo vede molte volte al giorno. Fortunatamente il colore verde è abbondante,
quindi la mia affermazione è energizzata centinaia di volte al giorno.

TERZO PASSO – IMPIANTATE L’


AFFERMAZIONE
Potete inserire la vostra affermazione nella mente subcosciente in due
modi. Uno è andare in stato alfa e leggerla ad alta voce. Vedetela, recitatela
e ascoltatela. Ordinate alla mente subcosciente di accettare la vostra
affermazione e supportarla mentre andate in uno stato alfa più profondo. Poi
andate ancora più nel profondo e preferibilmente abbastanza in profondità
da lasciare andare la coscienza. Quando non siete coscienti, la vostra
pungente mente razionale non può interferire.
L’altro metodo è di registrare la vostra affermazione su nastro. Se non vi
siete condizionati a entrare in un profondo stato alfa in un tempo breve,
inserite una routine di rilassamento all’inizio. Accendete il registratore e
andate in un alfa profondo.
Andate in stato alfa usando la parola “RILASSATI”. La routine alla fine
della Lezione Quattro utilizza la parola “sonno”. Non dormirete, andrete in
alfa profondo e sarete incoscienti. Non c’è una parola in Inglese che
significa “vai nello stato alfa o teta e perdi la coscienza”, così siamo
costretti a usare la parola “sonno”. La mente subcosciente sa quello che
volete grazie alla vostra aspettativa e alla fiducia che andrete in alfa

181
profondo. Entrare in uno stato di sonno è la cosa migliore perché la mente
cosciente non è in grado di interferire con le suggestioni.

QUARTO PASSO - RIPETETE


Come regola empirica, ripetete l’affermazione tutti i giorni per una
settimana, tutte le settimane per un mese, tutti i mesi per un anno, e poi, ogni
anno.

QUINTO PASSO– RAGGRUPPARE LE


AFFERMAZIONI
Se si raggruppano le affermazioni e si usa la tecnica del “playback
istantaneo” si può risparmiare moltissimo tempo. Un modo di raggruppare
potrebbe essere quello di utilizzare un frutto, fiore o colore diverso come
innesco per ogni affermazione. Per esempio, potreste usare:

Una mela per l’affermazione


sulla “Salute”
Una pera per il ”Successo”
Un grappolo d’uva per le
“Relazioni”
Una banana per
“L’Abbondanza”
Una papaia per il ”Cibo” e
una corretta abitudine
alimentare.

Dopo che vi sarete condizionati a


questi inneschi, possono essere attivati
tutti in pochi secondi nella mente subcosciente. Andate in alfa e immaginate
voi stessi che sistemate la frutta in maniera sequenziale in un cestino o
meglio, tirandola fuori da una cornucopia. Ogni volta che siete in alfa basta
prendersi un paio di secondi per rappresentare ogni frutto e avrete ripetuto
tutte le cinque affermazioni in pochi secondi.

AFFERMAZIONE DI

182
CONDIZIONAMENTO
DELLA SALUTE
Questo è un esempio di un’affermazione generica. È intesa a portare la
mente subcosciente in primo piano e saturarla con concetti che affermano un
eccellente stato di salute. Utilizzate questa affermazione come punto di
partenza. Aggiustatela in modo tale che esprima le vostre emozioni e
sentimenti riguardanti la salute. Cambiate, aggiungete, tagliate alcune parti
— fate in modo che vi rappresenti. Potete pensare a più parti e funzioni del
vostro corpo che desiderate fortificare e proteggere. E ricordatevi di
utilizzare frasi che evochino qualcosa che potete visualizzare. Una buona
salute deve essere pensata come qualcosa di naturale e costante.
All’inizio c’è una routine di rilassamento per farvi andare in un profondo
stato alfa. Quando riuscirete ad andare in alfa in pochi secondi usando la
vostra parola d’innesco, potrete rimuovere quella sezione
dall’affermazione. Ora, registratelo, sedetevi comodamente su una poltrona,
chiudete gli occhi, e ascoltate la cassetta1. Oppure, sedetevi comodamente
su una poltrona, andate in alfa, leggetelo ad alta voce, dite a voi stessi che
questa affermazione è impressa nella mente subcosciente a ogni livello e a
ogni età nel momento in cui vi portate in uno stato mentale più profondo.
Quindi utilizzate la parola “RILASSATI” come innesco per entrare in un
stato alfa non cosciente.

ROUTINE DELLA SALUTE


Sto per sperimentare un profondo rilassamento. Siccome rilassarmi mi
fa sentire bene, non vedo l’ora di usare questa routine e sperimentare
profondi stati alfa e teta. Mi piace e desidero provare la sensazione di
appagamento che mi dà. Riesco a vedermi in uno stato di beatitudine e
godimento. Rilassarmi mi fa bene. Mi rimette in forma e mi dà energia.
Mi libera dalla tensione e permette una perfetta circolazione sanguigna,
in ogni parte del mio corpo. Il mio corpo anticipa quella sensazione e
desidera rilassarsi, rilassarsi profondamente, molto profondamente e in
modo naturale. Le mie palpebre si chiudono naturalmente e mentre si
chiudono, sento un’ondata di calore che mi attraversa dalla testa ai
piedi.
Ora sono consapevole del mio respiro. Noto che sta rallentando e
diventando più profondo. Immagino di riuscire a vedere realmente le

183
molecole dell’aria che respiro. Vedo e so che ogni molecola è energia ...
l’energia della vita ... ogni molecola contiene l’energia della forza vitale.
Vedo questa energia sotto forma di piccole scintille. Vedo un campo di
piccole scintille. Queste scintille microscopiche entrano nei miei polmoni
e mi danno energia ... mi ringiovaniscono ... mi riempiono di energia
positiva e di vitalità. Questa energia scoppietta dentro di me. Vedo questa
energia che entra nei miei polmoni ed è trasportata in ogni cellula del
mio corpo. Il mio corpo la accoglie volentieri e la usa con gusto.
Ringrazio la forza vitale perché dà vigore e ringiovanisce il mio corpo.
Quando espiro, vedo le molecole d’aria trasportare l’energia di scarto
... negativa ... tutto quello che non mi serve più. Quando espiro, vedo una
nuvola grigia uscire dal mio corpo. Queste molecole d’aria portano via
con loro la tensione e tutte le preoccupazioni, e mi sento rilassato ... e
divento sempre più contento sia del mio corpo sia della mia vita.
Ora mi visualizzo mentre passeggio sulla riva di un’isola tropicale.
L’acqua è calma. La temperatura è perfetta e c’è una dolce brezza
proveniente dall’oceano. Qualcuno ha scavato nella sabbia un sedile con
uno schienale. Mi siedo dolcemente e sento la sabbia calda e morbida che
culla il mio corpo. Mi sento così bene seduto qui, che mi lascio andare ...
lascio andare tutti i pensieri della mia vita per qualche minuto ... mi
lascio andare e semplicemente vivo questo momento ... mi lascio andare e
sono semplicemente consapevole del momento che sto vivendo e della
bellezza intorno a me.
Tutte le preoccupazioni e i pensieri di domani e di ieri spariscono dalla
mia mente. Io sono qui e questo istante è l’unico tempo della mia mente.
Lascio che i miei occhi guardino le nubi cumuliformi sopra di me. Mi
rendo conto di quanto siano gigantesche. Esse cambiano costantemente
forma. Mi sto divertendo a immaginare ciò che le forme mi ricordano.
Per apprezzare di più questo momento, e andare in uno stato di mente
più profondo, sano e naturale, mi rilasso ancora di più. Ora mi sento due
volte più rilassato rispetto a un minuto fa. Mentre osservo le nuvole,
sento il mio corpo diventare sempre più pesante. Questa è la sensazione
di completo rilassamento. Mi godo la scena davanti a me ... le bianche
ondate di nuvole, con lievi cavalloni, l’orizzonte lontano, e i rilassanti
colori blu e verdi dell’oceano. Noto che il mio respiro è lento e in
sintonia con la spuma delle onde sulla riva.
Ora mi accorgo dei miei piedi e delle mie gambe e li faccio
doppiamente rilassare. Ora trasferisco la mia attenzione sui miei glutei,
fianchi e torso. A ciascuno di loro chiedo in maniera gentile di rilassarsi
di più. Nel fare ciò, sento il mio corpo diventare più pesante, mentre i

184
miei muscoli lasciano andare tutta la tensione, rilassarsi e diventare
molli ... sempre più molli. Ora chiedo alle mie braccia e alle mie mani di
rilassarsi. Sento le mie spalle curvarsi per l’aggiunta del peso delle mie
braccia. Infine, chiedo alla mia testa e alle mie spalle di rilassarsi
completamente. Essi lo fanno. La gola e i muscoli del mio collo sono
rilassati e privi di tensione. La mia lingua si rilassa e la mia voce
interiore si acquieta. Mi sento mooolto bene.
Ora sono desideroso di questa affermazione. Non è necessario che la
mia mente cosciente la ascolti. Questa affermazione, questi concetti
riguardanti la salute precipitano naturalmente nella mia mente
subcosciente — l’intera affermazione — naturalmente e profondamente. I
percorsi neurologici che si creano sono le mie uniche verità. Lo sento con
forza. Riesco a sentire che questa emozione rafforza i percorsi
dell’affermazione nel mio cervello. La mia mente subcosciente accetta
con entusiasmo quest’affermazione come l’unica verità e questa verità
vince tutti gli altri pensieri, concetti e sentimenti riguardanti la salute.
La mia mente subcosciente la accetta perché è per il mio miglior stato di
salute e il mio benessere in generale. Non appena sento contare da 10 a 1,
scivolo giù, sempre più in profondità in un sano e naturale livello teta. 10
... 9 ... 8 ... giù e giù ... sempre più
nel profondo e sempre più giù ... 6 ... 5 ... 4 ... 3. Mi trovo in teta
profondo, e sto andando ancora più in profondità 2 ... 1. Io sono nel mio
livello più profondo. Ora accetto la seguente affermazione con gioia.
La mia mente cosciente si è affievolita e la mente subcosciente sale in
superficie pronta e desiderosa di accettare quest’affermazione. Mi vedo
camminare radioso e con passo spedito in un giardino bellissimo, pieno
di fiori dai colori brillanti. Mentre lo attraverso, vedo viole del pensiero
gialle con steli delicati e robusti narcisi blu. Sono euforico. Sento un
brivido elettrizzante in tutto il corpo per la forza vitale che ho dentro di
me. Sento il benefico e salutare flusso della forza vitale attraversare il
mio corpo e la mia mente. Mi sento tutt’uno con la natura. Sento e vedo
la forza vitale nel mio corpo come un bagliore di vibrante, fremente
energia. Il mio passo è veloce e mi sento come se galleggiassi. Apprezzo
la vita. Amo la vita nella sua totalità. Sono felice. Mi vedo con un grande
sorriso. Cammino sapendo che sono vivo, sto bene, sono vitale ed
energico. Sto camminando con vigore. Vedo me stesso godere dell’essere
attivo. Essere attivo mi fa stare bene, è positivo per me. L’attività mi
mantiene sano e giovane. Io sono il rinnovamento costante, l’eterna
scoperta, l’espressione della vita.
La mia mente subcosciente è ora completamente ricettiva a tutte le

185
suggestioni mente-corpo, che sono utili per costruire una buona salute.
La mia mente subcosciente accetta solo le suggestioni che sono positive e
per il mio bene supremo. Queste suggestioni operano dentro di me giorno
e notte, 24 ore al giorno, per rendermi più forte fisicamente ed
emotivamente ... più sano e più felice. Esse lavorano dentro di me in ogni
momento, sia quando il mio corpo è sveglio sia quando è addormentato.
Ora faccio miei i seguenti suggerimenti. La mia mente subcosciente li
accetta con entusiasmo per il bene supremo e l’ottima salute della mia
mente cosciente e subcosciente.
Ho solo pensieri positivi. Mi perdono per tutto ciò che ho fatto al mio
corpo in passato. Penso al mio corpo soltanto come ora voglio che sia.
Penso al mio corpo soltanto così com’è nella mia mente — completo,
puro, cordiale, vigoroso, attivo, vivace, ricco di energia e con un peso
salutare. Decido di mangiare cibi sani e mangiare soltanto quanto basta
per mantenere un ottimo stato di salute e di energia. Mi vedo mangiare
cibi sani e in piccole quantità. Evito gli zuccheri e la farina bianca. Mi
piace un dolce ogni tanto, ma solo in piccole quantità. Mi vedo rifiutare
una seconda caramella. Controllo facilmente la quantità
di dolci che mangio. Mi rifiuto di continuare a mangiare solo perché il
cibo ha un buon sapore. Controllo la quantità di cibo che mangio. Faccio
una dieta variata ed equilibrata. Mi immagino mentre mangio molta
verdura e mi alzo da tavola dopo aver mangiato il necessario. Smetto di
mangiare molto prima di sentirmi sazio. So che ci vogliono circa dieci
minuti prima di sentirsi sazi, perciò mi alzo da tavola molto tempo prima
di sentirmi sazio. Il mio corpo evita i cibi grassi. Mi sento bene con me
stesso perché ora mangio per mantenere un ottimo stato di salute. Ciò mi
dà un senso di autocontrollo. Mi vedo traboccante di energia. Vedo
quest’energia che vibra e frizza attraverso tutto il corpo.
Non è importante ciò che pensavo in passato. Lascio andare i concetti
sbagliati circa l’alimentazione e la salute e mi libero dei loro effetti su di
me. Ora mi sento e mi vedo sano e raggiante. Ora sento l’energia vitale
pulsare in tutto il mio corpo. In ogni cellula, in ogni ghiandola, in ogni
muscolo, in ogni organo, ora germogliano la vita e il vigore. D’ora in poi
vedo me stesso costantemente sano e felice. Penso a me stesso soltanto in
maniera positiva.
C’è un’intelligenza in me che mi ha creato da due minuscole cellule.
Questa intelligenza sa come formare le ossa, la carne, gli organi e il
cervello con cui penso. Questa intelligenza tuttora vive e funziona in ogni
cellula del mio corpo. Questa intelligenza vuole fortemente che io stia
bene in salute e viva una vita utile e felice. Questa intelligenza è dietro

186
ogni attività nel mio corpo. Ama ciò che fa ed è felice di servirmi.
Funziona ogni secondo, ogni giorno della mia vita. Questa intelligenza
mi offre tutto quello di cui ho bisogno per mantenermi in buona salute.
Dona al mio corpo un sistema immunitario che mi mantiene sano e
combatte tutti i microbi estranei che entrano nel mio corpo. Sa come
fermare l’emorragia in caso di tagli e sa come guarire e far crescere di
nuovo la pelle. Questa intelligenza che permea il mio corpo può produrre
qualsiasi sostanza di cui il mio corpo ha bisogno per essere sano e pieno
di vita. Sa come controllare tutte le funzioni che avvengono nel mio
corpo. Questa intelligenza avvia e controlla miliardi di funzioni che ogni
secondo della mia vita avvengono in tutto il mio corpo. Mi rivolgo a
questa intelligenza interiore affinché mi faccia stare bene e mi mantenga
forte. Permetto a questa conoscenza interiore di lavorare per il mio
benessere fisico e mentale. Ringrazio questa intelligenza interiore che mi
serve così bene. La ringrazio sempre più e le invio amore.
Sono rilassato e calmo. Il mio corpo è a riposo. Il rilassamento
permette al mio sangue di fluire liberamente in tutto il corpo. Vedo e
sento il mio sangue scorrere nel corpo mentre porta sostanze nutritive
fresche a tutte le mie cellule. Lo visualizzo mentre trasporta tutto ciò di
cui le mie cellule hanno bisogno per restare sane. Nella mia mente vedo il
mio sangue che porta a ogni cellula minuscoli frutti e verdure e altri
alimenti salutari. Lo vedo anche portar via le sostanze di rifiuto. Esso
mantiene le mie cellule sane e il mio corpo pulito. Le cellule più vecchie e
stanche si lasciano morire volentieri e lasciano il mio corpo, così che
restino solo le cellule nuove e sane. Ora sono forte, in buona salute e
vigoroso. Mi sento bene. Mi vedo danzare felice. Sento l’amore in ogni
cellula. Visualizzo vividamente minuscoli cuori color rosso acceso, che
rappresentano l’amore, mentre scorrono nelle mie vene e benedicono ogni
cellula. Il mio sangue scorre facilmente persino nella mia più piccola
vena. Ringrazio il mio sangue perché mantiene le mie cellule sane in ogni
parte del mio corpo. Lo ringrazio perché crea migliaia di nuovi globuli
rossi ogni minuto per mantenere questo flusso di sostanze nutritive ed
espellere i prodotti di rifiuto. Visualizzo delle facce felici in ogni cellula
del mio corpo. Le mie cellule sono felici e amate. Con i miei pensieri
invio loro soltanto energia positiva.
Il mio sistema immunitario è magnifico. Riesce a ricordarsi migliaia e
migliaia di microbi indesiderati. Quando ne incontra uno, invia messaggi
alla mia mente subcosciente ed essa invia un esercito di globuli bianchi,
cellule killer di tipo T e B, e tutto il resto del suo arsenale. Queste cellule
distruggono tutte le cellule malate e i microbi. Poi il sistema immunitario

187
invia i macrofagi per fare pulizia. È un sistema miracoloso che funziona
automaticamente e naturalmente, al mio servizio 24 ore al giorno.
Visualizzo questa scena come una zona di guerra — una guerra contro
tutte le cose che non appartengono al mio corpo. La visualizzo come un
videogioco. I bravi ragazzi sbaragliano i cattivi e liberano il mondo.
Vedo dei minuscoli Pac Man scorrere nelle mie vene e nelle mie arterie
per mangiare tutte quelle cellule indesiderate, le cellule malate e i
microbi. Ringrazio il mio sistema immunitario per il lavoro magnifico che
fa 24 ore al giorno, anno dopo anno.
La mia felicità aumenta e permette al mio sistema immunitario di
operare ancora meglio. So che la ricerca medica ha dimostrato che un
buon carattere e l’allegria rafforzano il mio sistema immunitario. Io
quindi mantengo uno stato d’animo allegro e mantengo anche un buon
carattere. Ogni volta che mi sento al massimo della felicità, penso alla
faccia felice di uno Smile. Associo lo Smile con l’allegria. Così ogni volta
che vedo oppure penso a uno Smile il mio sistema immunitario è
rinvigorito, rafforzato ed energizzato. Ogni volta che vedo o visualizzo
uno Smile, il mio sistema immunitario è rinnovato e rinvigorito. Gli Smile
mi mantengono sano e in buona salute.
Ora visualizzo il mio cuore. Si tratta di un muscolo forte, affidabile e
resistente. Pompa continuamente e con forza tutto il giorno, giorno dopo
giorno. Ringrazio il mio cuore perché manda il sangue in ogni cellula del
mio corpo. Lo ringrazio perché batte ritmicamente e con forza. Lo posso
considerare un metronomo che mantiene sempre un ritmo perfetto. Il mio
cuore ama pompare il sangue e lo fa con gioia. Immagino il mio cuore
come se fosse felice e godesse del lavoro che fa. Riesco vividamente a
vedere che ha un sorriso disegnato al centro. Il cuore pompa senza sforzo
e felicemente. Pompa il sangue che purifica e stimola il mio corpo tutto il
giorno e tutta la notte. Lo ringrazio per servirmi così bene.
Tutte le arterie che forniscono il sangue al mio cuore sono rilassate e
libere da ostacoli. L’intelligenza che è in me non permette alle cellule di
raggrumarsi e attaccarsi alle pareti di queste arterie. Queste arterie sono
bene aperte e dilatate. Io le vedo come tubi di plastica. Riesco a vedere il
sangue scorrere attraverso di loro senza sforzo e portare l’ossigeno e le
sostanze nutritive che servono per la sopravvivenza del mio cuore, che a
sua volta ringrazia le arterie.
Ora mi concentro sui miei polmoni. Visualizzo, ascolto e percepisco
vividamente le grandi masse di aria in entrata e in uscita. Vedo l’aria in
entrata come un’energia bianca, vibrante, frizzante. Questa energia è
catturata dal mio sangue e portata in tutto il mio corpo. I miei polmoni

188
immettono costantemente e felicemente questa energia vitale. Riesco a
vedere e a sentire tutto questo. Questa energia freme e mi tonifica. Sento
tutto il mio corpo fremere per l’energia. Mi sento più riposato e vitale a
ogni respiro. Il lento e profondo respiro mi rilassa e mi conforta. Sento un
piacevole benessere. Sento la pace nel mio corpo. Ringrazio i miei
polmoni perché mi danno la vita e l’energia.
I miei bronchi sono completamente liberi e ignorano tutte le sostanze
inquinanti che entrano ed escono con l’aria.
Questi microscopici invasori estranei sono semplicemente ignorati ed è
permesso loro di entrare e uscire. Sono inerti e il mio sistema
immunitario li ignora, perché fanno parte del mio ambiente e per ora
sono innocui.
Ora procedo per dare forza e armonia al mio apparato digerente. Il
mio stomaco è forte, elastico e si ricostruisce costantemente. Il mio
stomaco digerisce il mio cibo con facilità. Mantengo un atteggiamento
felice mentre mangio perché ciò permette al mio stomaco di lavorare in
maniera più efficiente. Aiuto il mio stomaco, mantenendo uno spirito
allegro e vivace. Trasmetto questo atteggiamento vivace e gioioso al mio
stomaco sia mentre mangio, sia dopo mangiato, mentre digerisco il cibo.
Immagino un sofisticato laboratorio con le provette, le bottiglie per la
distillazione, le ampolle e tutte le altre cose utilizzate in un moderno
laboratorio biologico. Il mio apparato digerente produce gli elementi
chimici necessari per digerire il cibo e permettergli di trasferirsi nel mio
sangue, che li porta a ogni cellula del mio corpo. Tutte le mie cellule
ricevono queste sostanze nella forma in cui ne hanno bisogno. Il mio
sistema digerente fa tutto questo senza sforzo e con gioia. Ringrazio e
benedico il mio apparato digerente.
Visualizzo una fornace speciale che brucia vivacemente e brucia dentro
di me. Ora visualizzo questa fornace. Vedo le fiamme. Vedo il rosso,
l’arancione, il giallo nelle fiamme e nei riflessi che danzano sulle pareti e
sul soffitto. Sento il calore. I miei muscoli stanno metabolizzando le
sostanze nutritive. Il cibo è utilizzato per produrre energia. Questa
energia è sempre disponibile. Vedo qualcuno che bada alla fornace. È la
mia mente subcosciente. Noto che indipendentemente dalla quantità di
carburante che viene messa nella fornace, esso viene bruciato, e questo
fa danzare le fiamme sempre più alte e più luminose. Riconosco e associo
la fornace al metabolismo costantemente in funzione nel mio corpo. Il
carburante è il cibo che mangio e le fiamme, le belle fiamme che danzano,
sono l’energia. Il cibo che mangiamo si trasforma in vibrante e dinamica
energia. Nulla viene immagazzinato. So che la mia mente subcosciente

189
controlla ogni cellula, ogni organo, ogni ghiandola nel mio corpo. Essa
controlla e regola il mio metabolismo. Guardo di nuovo nel fuoco e noto
un letto di brace. Mentre di notte dormo queste braci bruciano liberando
il mio corpo da un eccesso di calorie. Il cibo in eccesso viene bruciato.
Le calorie in eccesso vengono bruciate e fuoriescono sotto forma di
calore. La mia mente subcosciente
conserva soltanto ciò che è necessario per un’ottima salute e
benessere. Ringrazio il mio sistema digerente e il mio subconscio perché
controllano questi processi senza fatica e con gioia.
Il mio sistema di eliminazione dei rifiuti lavora in armonia con il mio
apparato digerente. Tutti i prodotti di scarto non necessari sono eliminati
dal mio sangue e smaltiti attraverso il mio intestino. Il mio intestino mi
fornisce le sostanze nutritive e permette al cibo non necessario di essere
eliminato senza sforzo. Ringrazio il mio sistema di eliminazione perché
lavora in armonia con il mio apparato digerente e perché rimuove tutte le
tossine dal mio corpo. Per facilitare lo svolgimento di questa funzione
bevo molta acqua. Mi immagino mentre reggo un contenitore da due litri.
È vuoto perché ho bevuto tutta l’acqua. L’acqua mi fa bene. Mi rifiuto di
bere soda e altre bevande gassate e inutili, al loro posto bevo acqua.
Quando penso o vedo una lattina o una bottiglia di soda, immagino il
simbolo di un cerchio barrato. D’ora in poi preferisco l’acqua. Il mio
corpo è composto per oltre il 70% di acqua. Quest’acqua di cui è formato
il corpo deve essere continuamente sostituita e rinnovata. Quest’acqua è
come una calamita che attrae acqua dolce. Di conseguenza, sento
costantemente il bisogno di bere acqua.
Immagino i mie reni come i filtri più perfetti che siano mai stati creati.
Essi felicemente filtrano le impurità presenti nei liquidi che alimentano
tutto il mio corpo. Visualizzo l’acqua sporca che passa attraverso i mie
reni e ne esce pura e trasparente. I mie reni mantengono i liquidi del mio
corpo puliti e puri. Li ringrazio e invio loro amore sotto forma di una
nuvola bianca, frizzante di energia. La nuvola li circonda e li tonifica e
dà loro vitalità.
Ora voglio ringraziare tutte le mie articolazioni perché mi servono così
bene. Ringrazio l’intelligenza nella mia mente subcosciente che le
lubrifica. Ora lo visualizzo. Mi vedo con una lattina di olio mentre mi
lubrifico le ginocchia e le anche e tutte le altre articolazioni con un
superlubrificante speciale. Ora le mie articolazioni sono agili e
funzionano facilmente. Vedo un cuscinetto tra le ossa, e il lubrificante che
penetra questo cuscinetto. Esso permette alle mie articolazioni di
muoversi liberamente e senza sforzo in maniera semplice e veloce.

190
Ringrazio l’intelligenza nella mia mente subcosciente perché rinnova
continuamente questi cuscinetti e mantiene le mie articolazioni libere di
muoversi senza sforzo e con facilità.
Visualizzo tutti i miei organi che lavorano insieme allegramente e con
amore. Siamo consapevoli che tutti insieme stiamo lavorando per il
nostro corpo, per il nostro bene, per il nostro benessere. Ringrazio la mia
mente subcosciente perché controlla e regolarizza i milioni di processi
che avvengono nel mio corpo ogni momento. Vedo tutti noi che lavoriamo
in armonia come un’orchestra sinfonica. La mia mente subcosciente è il
maestro che dirige la sinfonia. La musica che il mio corpo produce è la
musica più bella che io abbia mai sentito. È suggestiva; è spirituale. Tutti
i musicisti suonano insieme in armonia e al ritmo giusto. Il mio corpo è
un’orchestra sinfonica. Sincronizzate, tutte le parti funzionano
all’unisono e producono una musica melodiosa. Sento la canzone del mio
corpo.
Accetto e imprimo questa affermazione profondamente a tutti i livelli e
in ogni parte della mia mente. Essa è forte e vince tutti gli altri pensieri e
concetti sulla salute. La mia mente subcosciente accetta questi concetti in
ogni fascia di età. Ora immagino di avere un anno. Mi vedo cullato tra le
braccia di mia madre. Guardo me stesso a questa età e mi rendo conto di
quanto sono indifeso e di quanto dipendo dagli altri. Non importa quali
idee e concetti io possa aver appreso, ora mi rendo conto che c’è una
qualche conoscenza innata dentro di me che mi dice che sono un bambino
sano e che sarò sempre sano. Anche se non riesco a capire le parole di
quest’affermazione, in qualche modo ne intuisco il significato ed essa
domina la mia mente.
Ora ho cinque anni. Mi vedo nella mia stanza mentre gioco con un
giocattolo. Il mio io adulto chiede a questo bambino di credere e
accettare questa affermazione, farla propria, e permetterle di dominare
tutti i pensieri sulla salute. Spiego che questa affermazione è per il suo
bene e che è importante per lui accettarla. Tutto il me stesso di cinque
anni sorride e accetta di farlo.
Ora mi vedo a dieci anni. Mi vedo nel cortile di casa mentre gioco da
solo. Vedo me stesso adulto camminare verso questo giovane ragazzo e
chiedergli se posso dirgli qualcosa di importante. Lui sorride e dice:
“Sì”. Gli chiedo di accettare questa affermazione, di farla sua e di
imprimerla nella mente per allontanare tutte le idee errate che può avere
erroneamente accolto. Gli dico che accettare questa affermazione gli
permetterà di giocare tanto e per tutto il tempo che desidera. Gli dico che
questa affermazione gli permetterà di godersi la vita e di giocare tanto

191
divertendosi.
Lui prontamente la accetta e ci crede completamente con tutta la sua
mente.
Ora so che questa affermazione è più forte di tutte le idee negative,
controproducenti e pericolose riguardanti la salute. Essa domina tutti i
miei pensieri riguardanti la salute a tutti i livelli e a tutte le età della mia
mente subcosciente.
Ogni volta che penso o vedo il colore VERDE questa affermazione si
rinnova. Ogni volta che vedo o visualizzo il colore VERDE
quest’affermazione viene ripetuta mille volte, viene rafforzata ed
energizzata. La mia mente subcosciente scorge il colore VERDE
dappertutto. Ogni volta che vede il VERDE quest’affermazione viene
rafforzata e amplificata. Quest’affermazione è ormai parte di me. Domina
la mia mente subcosciente. Riguardo alla salute essa è il concetto
dominante. Ora è il concetto di salute dominante della mia mente
subcosciente. Nella mia mente subcosciente cessa l’effetto di qualsiasi
concetto in contrasto con questo nuovo concetto. Ringrazio e benedico
quei vecchi concetti, ma essi sono obsoleti ormai, sterili e sorpassati.
Non mi sono più utili. Accetto questo nuovo concetto. Accetto interamente
quest’affermazione per la mia migliore salute, sia fisica, sia mentale. La
mia mente subcosciente la accetta completamente e con grande gioia.
Ringrazio la mia mente subconsciente per averla accettata e per
comportarsi in base ad essa. Ottima salute, vitalità vibrante e attività
energica sono ora il mio modo di vivere.
Ora, con un profondo senso di gratitudine che mi riscalda il cuore, con
amore per me stesso e per gli altri, ritorno allo stato di veglia quando
dico “3”. “1” ... mi sento rinvigorito e allegro ... “2” ... mi sento felice e
sano ... “3” ... sono completamente sveglio.

1 Questa routine, in Inglese, può essere acquistata su http://www.thegeniewithin.net/affirmation-cds. Per


informazioni, scrivete a thegeniewithin@roadrunner.com oppure a The Genie Within, 1844 Fuerte Street,
Fallbrook, CA 92028.

192
Epilogo

IL VOSTRO SUPERMARKET

193
Epilogo

IL VOSTRO “SUPERMARKET”
IMMAGINA:
Come tuo insegnante, ti invito a venire con me in un supermercato.
Guardando da fuori puoi vedere che il negozio è enorme. Ti invito a
entrare e ti spiego che il negozio è pieno di materiale per la crescita
personale di ogni tipo. Ci sono cibi speciali per mantenere una salute
sana e robusta. Ci sono libri con istruzioni per ottenere il successo in
ogni fase della tua vita, per tramutare cattive abitudini in abitudini
positive e salutari, per raggiungere la pace con quelli attorno a te e con
il mondo, per diventare più equilibrato e sicuro di te, per diventare agiato
finanziariamente, e altro ancora. Ci sono assistenti per aiutarti. Questo
negozio è pieno di aromi che ti ricordano di essere felice e gioioso. Io ti
spiego che hai il diritto prendere qualunque cosa tu voglia. Ti viene dato
un grande carrello. Vai e prendi tutto quello che hai intenzione di usare.
Riempi il tuo carrello. Se riempi il carrello, un assistente prenderà un
altro carrello per te.
Una volta che i tuoi carrelli sono pieni, vai alle casse, dove ti
ricordano che ogni cosa è già stata pagata.
Proprio quando stai per uscire, hai un ripensamento. Forse tutto ciò è
più un problema che altro. Pensi alla difficoltà di trasferire tutto in
macchina e poi in casa tua. E là ci vorrà un po’ di fatica, anche se non
tanta, per utilizzarlo. Quindi decidi di lasciarlo lì e tornare a casa senza.
Adesso sei a casa e stai seduto in una comoda poltrona, sognando a
occhi aperti. Realizzi che la tua decisione di lasciare lì quel materiale è
stata avventata. L’uso di tutte quelle risorse ti sarebbe stato di aiuto per
realizzare i tuoi sogni. Forse avrebbero funzionato veramente.
Balzi in piedi dalla poltrona e torni di corsa al grande magazzino. Il
tuo carrello è ancora lì, ma invece di tutto quell’ingombrante materiale, e
al posto di tutti gli utili assistenti, c’è solo questo libro. Ora capisci
quanto sia facile mettere al lavoro il tuo genio per la tua migliore salute e
benessere. Afferri questo libro e lo stringi a te come se valesse tutto l’oro
del mondo. Questo manuale è la chiave per la tua più valida risorsa, la
tua mente subcosciente — il TUO GENIO. Usa la sapienza di questo libro

194
e abbi molta cura del tuo genio.

195
Lezione Aggiuntiva

PREGHIERA

196
Lezione Aggiuntiva

PREGHIERA
“Un giorno ... gli scienziati del mondo useranno i loro laboratori per
studiare Dio, la preghiera e le forze spirituali che adesso sono solo
superficialmente scalfite. Quando quel giorno arriverà, il mondo vedrà
più progresso in una sola generazione di quanto non ne abbia visto nelle
ultime quattro”.
— The Spindrift Group

INTRODUZIONE
Credo che la maggior parte della gente vorrebbe credere che la preghiera
funzioni, ma è scettica perché ha l’impressione che funzioni solo raramente.
La preghiera, tuttavia, ha più successo di quanto gli scettici riescano ad
accorgersi. Il Dott. Larry Dossey fece delle ricerche nel campo della
letteratura scientifica e trovò 124 studi sulla preghiera. Il tipo di preghiera
studiato nella letteratura è stata la preghiera a scopo terapeutico o per
migliorare la salute. Oltre la metà dei risultati degli studi hanno dimostrato
che la preghiera ha funzionato — secondo criteri scientifici. Non sarebbe
una cosa straordinaria se tutti i farmaci fossero efficaci per più del
cinquanta per cento, non avessero effetti collaterali e fossero gratuiti ?!
Su alcuni giornali e riviste, come pure in un libro del Dott. Dossey, è
riportato uno studio. L’esperimento è stato condotto dal cardiologo
Randolph Byrd, un Cristiano praticante. Gruppi religiosi di vario tipo
pregarono per dieci mesi per una metà di 393 pazienti con malattie
cardiache.
Le persone che pregavano conoscevano soltanto il nome del paziente, né
i medici, né i pazienti sapevano per quali pazienti si pregasse. Non esiste un
resoconto di come si pregasse. I risultati per i pazienti per cui si pregava
furono:

La necessità di antibiotici fu di cinque volte inferiore.


Lo sviluppo di edema polmonare fu di tre volte inferiore.
Nessuno necessitò dell’intubazione endotracheale, mentre fu
necessaria per dodici dei pazienti del gruppo per cui non si

197
pregava.
La mortalità fu più bassa.

Ciò che non fu specificato nei resoconti scientifici era come pregare. Vi
darò dei suggerimenti su come rendere la vostra preghiera molto più
potente. Questi suggerimenti sono basati sui principi derivati dalle lezioni
precedenti.
Questa lezione è proposta con umiltà. Senza dubbio ci sono molti modi
efficaci per pregare. Il suo successo ha molto a che fare con il rapporto
personale che si ha con Dio, la passione, il credo e le intenzioni. Quindi
non sto dicendo che questo è l’unico modo di pregare, ma penso che
possiate aumentare in maniera significativa l’efficacia delle vostre
preghiere adottando questi suggerimenti.
Nelle lezioni precedenti avete appreso come usare la mente cosciente per
impiantare suggestioni nella mente subcosciente. A sua volta, la mente
subcosciente elabora modi per ottenere i risultati, ad esempio, un lavoro
migliore, una modifica nel comportamento, un miglioramento della salute,
ecc. La stessa logica e metodologia si applica alla preghiera, solo che si
utilizza un livello di mente superiore. Un livello più alto è sia preferibile,
sia necessario, perché un problema (fisico, emotivo o finanziario) non può
essere risolto allo stesso livello in cui è stato generato.
Dio non può essere descritto, qualsiasi descrizione limiterebbe Dio.
Quindi non sto dicendo che questo livello superiore della mente sia Dio:
basta soltanto considerare questo livello superiore della mente come un
aspetto di Dio.
Chiamerò questo livello superiore della mente, Mente Universale.

LA MENTE UNIVERSALE
La Mente Universale si relaziona alla mente cosciente e subcosciente
nella maniera seguente. La mente cosciente e la mente subcosciente possono
essere descritte immaginando un piccolo cerchio con un cerchio più grande
disegnato intorno ad esso. Il cerchio grande contiene undici volte l’area del
cerchio piccolo. Il cerchio piccolo rappresenta la mente cosciente e il
cerchio grande rappresenta la mente subcosciente. La mente cosciente e
subcosciente si trovano dentro di voi. La mente cosciente e la mente
subcosciente non possono conoscere tutto ciò che non hanno visto (o
immaginato), che non è stato insegnato o sperimentato. La Mente
Universale, d’altra parte, esiste dentro e fuori di voi, trascende il tempo e

198
lo spazio, contiene tutta la conoscenza ed è comune a tutti. Pensate alla
Mente Universale come a un’Internet wi-fi, di portata universale. Pensate ad
essa come all’Internet dell’Universo o, in breve, a un’Uninet.
Potete pensare alla Mente Universale come a qualcosa separata da Dio o
come parte di Dio. Per la legge non fa alcuna differenza. La legge funziona
in entrambi i casi e funziona anche se non credete alla Mente Universale.
Pensate a un’analogia con qualcosa di familiare. Non è necessario credere
nella gravità o anche solo saperne qualcosa affinché essa funzioni.
Considerate il breve elenco che segue come prova circostanziale che
supporta il concetto di una Mente Universale:

Il “Remote Viewing”, chiamato anche “telepatia mentale”, è


stata studiata e documentata.1
In un esperimento tipico, un mittente si concentra su un’immagine e un
ricevente è tranquillamente seduto con l’intento di ricevere l’immagine
dal mittente. Il mittente e il destinatario possono essere in luoghi
diametralmente opposti del pianeta e possono essere chiusi in gabbie
di metallo che fermano le onde elettromagnetiche. Il ricevente
percepisce il pensiero e disegna l’immagine del mittente con una
ragionevole approssimazione. Alcune persone sono brave per natura
nella telepatia, ma chiunque può farlo con la pratica e sapendo come. I
punti chiave, a mio parere, sono 1) l’intenzione e 2) essere in stato
alfa. La distanza e tempo non sono rilevanti nel Remote Viewing. La
conclusione è che stiamo operando in un campo continuo di
intelligenza superiore, una Uninet, una Mente Universale.
Edgar Cayce fece diagnosi a migliaia di persone mentre era in
stato di trance (senza dubbio in profondo alfa o teta). Se non
avete mai sentito parlare di Edgar Cayce date un’occhiata in
biblioteca ai vari libri su di lui. C’è una quantità
d’informazioni su di lui anche su Internet. Ci sono 20.000 casi
di diagnosi registrati alla Edgar Cayce Library, Virginia Beach,
in Virginia. La maggior parte delle diagnosi è stata confermata
dai medici. Per i casi non confermati spesso c’erano
circostanze attenuanti, ad esempio, la morte del paziente,
l’impossibilità di consultare un medico, strumenti diagnostici e
conoscenze mediche inadeguati. Edgar Cayce conosceva solo
l’ubicazione del paziente (che poteva essere ovunque nel
mondo) e il nome. Cayce poteva ottenere queste informazioni
soltanto da un campo di intelligenza comune a lui e al paziente,
una Mente Universale.

199
Carloline Myss, un’autrice contemporanea, docente e medico
intuitivo, rivendica il 98% di precisione, confermata dai
medici. Inoltre, molta gente comune ha fatto diagnosi corrette a
dei pazienti.
Anch’io l’ho fatto, come pure molti diplomati del Basic Silva Course
(Silva International, El Paso, TX). Ciò può essere fatto soltanto se si
entra in sintonia con un’intelligenza superiore. La chiave per
sintonizzarsi con la Mente Universale è l’intenzione, essere in un
profondo stato alfa e la pratica.
La rabdomanzia è praticata da secoli, se non da millenni. I
rabdomanti utilizzano strumenti per la rabdomanzia, che spesso
sono un ramo di salice biforcuto o degli appendiabiti piegati. I
rabdomanti di solito cercano sorgenti d’acqua, acquedotti e
gasdotti, ma la rabdomanzia non si limita solo a questi
elementi. La rabdomanzia non può essere eseguita dalla mente
subcosciente. La mente subcosciente non sa dove si trovino
acqua, acquedotti, gasdotti, ecc. Questa conoscenza deve
scaturire da un’intelligenza al di fuori della mente del
rabdomante.
Il pendolo e il test MBR sono stati utilizzati per ottenere
informazioni dalla mente subcosciente (Lezione Cinque).
Questi metodi possono però essere utilizzati anche per
accedere a informazioni nella Mente Universale. Molti casi
sono citati in Power vs Force. Una ricca bibliografia di libri
contenenti ulteriori esempi si può trovare in Il pendolino. Con
gadget, di Lonegren (Appendice A). Sono stati riportati e
accertati molti casi di animali che si erano perduti e che hanno
ritrovato la strada di casa. Un caso confermato riguardava una
famiglia che si trasferì dall’Ohio in Oregon con il loro cane. Il
cane fu perso nell’Indiana. La famiglia rimase nell’Indiana
diversi giorni, ma non riuscì a ritrovare il cane. Si recarono
nella loro nuova casa in Oregon. Due mesi dopo il loro cane si
presentò lì. Il cane non era mai stato in Oregon
precedentemente. Il percorso del cane fu tracciato da un
giornalista. Il giornalista mise degli annunci sui giornali per
trovare testimoni che avessero visto il cane lungo il percorso.
Scoprì che il percorso del cane era stato quasi una linea retta. Il cane
non avrebbe potuto ritrovare la sua famiglia distante più di mille
chilometri basandosi sugli odori, la memoria o forze magnetiche. Il
percorso verso la casa del padrone deve essere stato suggerito da

200
un’intelligenza esterna alla mente del cane, un’intelligenza superiore.
Rupert Sheldrake, un rispettabile scienziato inglese, ha studiato molti
casi del genere e fatto esperimenti scientifici sugli animali. I suoi studi
dimostrano che gli animali domestici con un forte attaccamento ai loro
padroni percepiscono i loro pensieri, anche quando questi non sono in
casa. Come potrebbero farlo questi animali se non esistesse un campo
d’intelligenza comune tanto all’animale che al proprietario? Nei suoi
libri sono citati molti esempi.
Una scoperta consequenziale nella fisica quantistica è il
fenomeno dell’entanglement (correlazione). Einstein lo definì
“azione a distanza che dà i brividi”. In breve, quando due o più
particelle reagiscono tra loro (s’intrecciano) e sono poi
separate, ognuna di loro continua a reagire all’altra, quando
una delle due è sottoposta a una forza. Reagiscono a
prescindere dalla distanza tra di loro e il tempo di risposta è
dieci milioni di volte la velocità della luce. Vale a dire,
reagiscono come se fossero in realtà parti di un unico
sistema.
L’entanglement è basato su una teoria di J.S. Bell ed è stato
verificata in maniera sperimentale numerose volte.2
La preghiera per intercessione si ha quando la persona che
prega e la persona per cui si prega sono separate. La distanza
non influisce sul risultato.
A ben pensarci, la maggior parte delle preghiere rientrano in
questa descrizione.

Chi prega e colui per cui si prega raramente si toccano, anche se sono
nella stessa stanza. Perciò qual è il mezzo che trasporta la preghiera da
persona a persona? Ci deve essere un campo d'intelligenza superiore
comune a entrambe le parti.
Ora avete il concetto di Mente Universale. Voglio evidenziare un motivo
in più per cui le informazioni delle lezioni precedenti valgono anche per la
Mente Universale.

COME SOPRA, COSI’ SOTTO


Una legge è valida sia in direzione verticale sia in quella orizzontale.
Cioè, se una legge è valida a un livello di coscienza, deve essere valida a
tutti i livelli. Una legge è universale. Quindi, se le leggi trattate nelle

201
precedenti otto lezioni sono corrette, devono essere corrette anche a questo
livello superiore di mente. Una legge non potrebbe funzionare in un modo
nella mente cosciente e subcosciente e in un altro modo nella Mente
Universale. Quindi, se le leggi discusse nelle precedenti otto lezioni sono
valide, sono valide anche per la preghiera.
Ci sono quattro concetti chiave riportati dalle lezioni precedenti che sono
fondamentali per rendere più efficaci le vostre preghiere. Essi sono:
1) Pregare in stato Alfa / Teta, 2) Essere assertivi, 3) Essere risoluti e 4)
Rendere la vostra mente subcosciente Piena di Fede.

CHIAVE 1: PREGATE IN STATO ALFA


Pregare in stato alfa (e/o teta) rende le preghiere più efficaci —
centinaia, se non migliaia, di volte più efficaci. Quando pregate in beta le
onde cerebrali sono diffuse e sfocate. L’energia è dispersa. Quando pregate
in alfa, le vostre onde cerebrali sono concentrate e potenti. Pensate alla
differenza tra una lampadina a incandescenza e un raggio laser. La
lampadina a incandescenza emette luce in ogni direzione e disperde gran
parte dell’energia in calore.
Tutta l’energia in un fascio laser viene focalizzata ed è così potente che
può fondere l’acciaio. Tutte le onde in un raggio laser sono in sincronia e la
loro energia viene aumentata in maniera esponenziale. È per questo che i
laser sono così potenti.
C’è anche un altro motivo per pregare in stato alfa. Io credo che la nostra
mente subcosciente abbia un ruolo importante nella preghiera. Quindi, è
necessario essere in alfa per poter accedere alla mente subcosciente.
La mente cosciente fornisce la volontà, mostra l’intenzione e trasforma le
parole in preghiera. La mente subcosciente però fornisce la passione, vale a
dire, l’energia. In qualche modo la mente subcosciente è un collegamento
importante con la Mente Universale. Probabilmente la preghiera è
amplificata dalla mente subcosciente mentre le passa attraverso, per
raggiungere la Mente Universale. Qualunque sia il meccanismo, la mente
subcosciente aumenta la potenza e gioca un ruolo decisivo nel successo
della preghiera. Considerate queste prove circostanziali a supporto della
teoria di cui sopra.

Come già spiegato in precedenza, i cani hanno accesso alla


Mente Universale, ma non hanno una mente cosciente,
perlomeno non una sviluppata come quella degli esseri umani.

202
Quindi la
mente
cosciente non
è cruciale per
accedere alla
Mente
Universale.
L’istruzione
non è un
fattore chiave
nella
preghiera.
Una persona
con un
dottorato non

necessariamente prega
meglio, anche nel caso in
cui il suo titolo fosse
collegato alla religione. Una
persona con un diploma
oppure con incarico
religioso è probabilmente
più brava, ma soltanto per
l’esperienza e la passione.
È degno di nota il fatto che
le pratiche orientali
riguardanti guarigione,
preghiera o meditazione,
insegnano sempre che la
mente colta (cosciente)
deve essere esclusa. Il
successo della preghiera
viene dal cuore (mente
subcosciente), non dall’intelletto (mente cosciente).
Penso che le persone devote e religiose preghino meglio

203
perché, quando pregano, vanno naturalmente in stato alfa.
Questo perché hanno assimilato e sono state addestrate con
procedure che insegnano ad andare automaticamente in alfa.
Tali procedure prevedono: tranquillità, rilassamento,
respirazione rallentata, passione altruistica, emozione, rituali,
meditazione e la ripetizione continua di una preghiera semplice
(rosari, canti e percussioni). Inoltre, hanno intenti
probabilmente più altruistici rispetto alla media delle persone
laiche.
L’emozione nella preghiera è un fattore molto importante, forse
il più importante, ed essa viene dalla mente subcosciente. La
mente cosciente, logica, tende a inibire le emozioni. Dossey
verificò che amore e compassione erano forze potenti nella
preghiera.
Gli scienziati hanno recentemente scoperto che quando le
persone molto religiose pregano o meditano, producono intense
onde cerebrali teta.

Questo studio dimostra che andare in profondo stato teta è anche meglio
che andare nello stato alfa.
In un altro istituto, alcuni scienziati fecero studi su soggetti che hanno
profonde esperienze religiose durante la preghiera o la meditazione.3 Tra
questi c’erano suore e buddisti. Gli scienziati fecero molte osservazioni
sorprendenti quando i soggetti erano all’apice delle loro esperienze
religiose. Nella parte posteriore della mente subcosciente c’è una piccola
zona che calcola costantemente l’orientamento spaziale — il senso di dove
il proprio corpo finisce e comincia il mondo. Durante la preghiera intensa o
la meditazione, questa zona diventa “una tranquilla oasi d’inattività”. Inoltre
in un articolo correlato pubblicato su Psychiatry Research, “... hanno una
completa dissoluzione del sé, un senso di unione, un senso d’infinito non-
spazio”. Questa zona si trova nella mente subcosciente.
In ognuno dei casi descritti sopra, il fattore chiave per una preghiera di
successo è stata la mente subcosciente, non la mente cosciente.

CHIAVE 2: USATE LA PREGHIERA


AFFERMATIVA
Molte preghiere sono un’affermazione di qualcosa desiderato. Una
preghiera può essere fatta, per esempio, per ottenere una guarigione fisica

204
per voi stessi o per qualcun altro, per un lavoro migliore o per portare più
relazioni d’amore nella vostra vita. Quindi, la vostra preghiera affermativa
dovrebbe essere basata sulle stesse regole descritte nella Lezione Otto.
Perdete un minuto e tornate alla Lezione Otto e rivedete la sezione sulle
affermazioni.
Cosa molto importante, la mente subcosciente e la Mente Universale non
operano nella stessa struttura temporale della mente cosciente.
Quindi la vostra preghiera affermativa deve essere fatta al tempo
presente. Dovete parlare, vedere, sentire e agire come se già aveste i
risultati per cui state pregando. Se pregate per una migliore salute, ma
pensate e visualizzate voi stessi come malati, l’essere malato è quello che
la mente subcosciente proietta nella Mente Universale. E la Mente
Universale esaudirà la vostra preghiera — l’essere malati.
Il secondo punto più importante è quello di utilizzare le emozioni.
Secondo alcuni studi della letteratura scientifica, i fattori più importanti
nella preghiera sono esprimere amore e compassione. È interessante notare
come i risultati di alcuni studi dimostrino che, quando pregate per qualcun
altro, la vostra preghiera è efficace per voi, tanto quanto per colui per cui
state pregando, oppure ancora di più.
Quanto detto sopra è la parte fondamentale, ma ciò che segue sono
suggerimenti che potreste trovare utili.
Piuttosto che iniziare immediatamente una preghiera con un’affermazione,
stabilite prima un rapporto con Dio. Proprio come quando parlate con la
mente subcosciente, dovreste essere cordiali e gentili. Iniziate con un
saluto. Questo vi aiuterà ad accrescere la vostra connessione con Dio.
Potete utilizzare questa parte della vostra preghiera anche solo per rendere
omaggio a Dio.
Poi avete bisogno di entrare in sintonia con la Mente Universale.
Sintonizzatevi riconoscendo che la Mente Universale è onnisciente, ha la
risposta alla vostra preghiera ed è a vostra disposizione.
Poi dite la vostra preghiera affermativa.
Dopo di che, come ogni persona educata, dite “Grazie”. Siate
profondamente grati per il risultato, che state già vedendo come fosse
esaudito. Siate grati, non soltanto per questo risultato, ma per tutte le
benedizioni della vostra vita.
Poi lasciate che sia. La Mente Universale sa come farlo meglio di voi.
Usare la mente cosciente è controproducente.

CHIAVE 3: “MENTE UNIFICATA”

205
La mente subcosciente può contenere molti concetti su uno specifico
soggetto, ma considererà soltanto uno di loro come vincolante. E quel
concetto dominerà la mente subcosciente. Questo principio è stato discusso
nella Lezione Quattro. Quindi, quando pregate per qualcosa, è imperativo
che su quella cosa la mente subcosciente abbia la stessa verità della mente
cosciente.
Per esempio, supponiamo che il medico di Frank gli dica che ha un cuore
debole. Immediatamente Frank inizia a pregare, usando il tempo presente, di
avere un cuore forte e sano. La mente cosciente di Frank accetta l’idea di
avere già un cuore forte e sano. Supponiamo però che nella sua mente
subcosciente il concetto dominante sia che il cuore è debole (questo
pensiero dominante nella mente subcosciente potrebbe essere proprio la
causa del cuore debole) .
Il concetto di “cuore debole” potrebbe aver avuto origine da un incidente
come questo: Quando aveva tre anni Frank ha assistito alla morte di un
parente per attacco cardiaco. La situazione aveva una forte carica emotiva.
La mente cosciente di Frank ha dimenticato l’incidente, ma la sua mente
subcosciente no. L’incidente fu traumatico e ha lasciato un’impressione così
forte da essere dominante.
Supponiamo inoltre che la madre di Frank, con la quale lui aveva un forte
legame emotivo, mentre singhiozzava in modo incontrollabile, avesse detto
(o Frank, un bambino di tre anni, abbia pensato che avesse detto) “i cuori
deboli sono tipici della nostra famiglia. Anche il nostro bambino avrà un
cuore debole”. Dal quel momento in poi, la mente subcosciente di Frank ha
accettato l’idea di avere un cuore debole. Anche se Frank non ha alcun
motivo cosciente per credere che il suo cuore sia debole, questo concetto è
dominante nella mente subcosciente. (Quando la mente cosciente e la mente
subcosciente sono in conflitto, la mente subcosciente vince sempre.)
Ora, nelle preghiere di Frank, la mente subcosciente domina la mente
cosciente e le sue preghiere rimangono inascoltate. Le preghiere di Frank
non produrranno nessun effetto a causa di questo conflitto interiore.
Frank deve programmare la mente subcosciente ad accettare l’idea di
avere un cuore forte, vigoroso e sano. Non appena la sua mente cosciente e
subcosciente sono in sincronia e in armonia, entrambe convinte di avere un
cuore forte (che è la pura verità), la sua preghiera affermativa sarà inviata
alla Mente Universale e sarà esaudita.
Quando pregate per qualcosa, condizionate la mente subcosciente (come
spiegato nella Lezione Otto) ad accettare il concetto come vero, così com’è
nella mente cosciente. Dopo di che la mente cosciente e subcosciente
lavoreranno insieme “risolutamente” e in piena sintonia per garantire il

206
successo della vostra preghiera.

CHIAVE 4: RENDETE LA MENTE


SUBCOSCIENTE PIENA DI FEDE
La fede è universalmente considerata un elemento importantissimo per il
successo delle preghiere. L’importanza della fede si trova in tutto il Nuovo
Testamento e, immagino, nel Corano, Torah, ecc. Essa è il fondamento delle
guarigioni e del successo delle preghiere. Quando le vostre preghiere non
funzionano, ciò può essere dovuto alla mancanza di fede. Magari pensate di
avere fede e credete sinceramente nelle dottrine della vostra religione. Però
state parlando della mente cosciente. Quale ritiene sia la verità la vostra
mente subcosciente?
La vostra fede non è completa se è instillata soltanto nella mente
cosciente: la fede deve essere radicata anche nella mente subcosciente.
Salvo che non siate venuti in contatto con nient’altro se non con le dottrine
della vostra religione e con i principi delle precedenti lezioni, dal momento
in cui siete nati (e ci avete creduto e le avete accettate), i concetti della
mente subcosciente probabilmente non coincidono con quelli della mente
cosciente. Questi concetti devono essere in sintonia nella mente cosciente e
nella mente subcosciente per ottenere la piena forza della
preghiera. Avete bisogno di essere risoluti nella vostra fede.
Per superare questa mancanza di fede o fede contraria della mente
subcosciente, è necessario programmarla con le credenze della mente
cosciente. Fino a quando i concetti nella mente cosciente e nella mente
subcosciente non saranno d’accordo, queste credenze in conflitto
potrebbero essere la causa dell’inefficacia delle preghiere.
C’è un’altra ragione per cui la fede è fondamentale. Faccio riferimento
alla Lezione Quattro in cui ho fatto notare che se si hanno dubbi, cioè, una
qualsiasi paura di fallire, è probabile che si fallisca. La paura è nella mente
subcosciente e se essa è più forte della vostra volontà di riuscire, allora
fallirete. Quindi, qualsiasi paura può indebolire la vostra preghiera. Avete
bisogno di una fede abbastanza forte da superare qualsiasi paura del
fallimento.
Questo ci porta a un punto importante. La preghiera funziona ed è capace
di tutto. La preghiera non ha limiti. Tuttavia, se pregate per qualcosa che
sapete (mente cosciente) e percepite (mente subcosciente) come
impossibile, avrete paura di fallire, una paura che potreste non essere in
grado di superare.

207
Per esempio, supponiamo che a Mary sia stata diagnosticata una forma di
cancro mortale. C’è comunque speranza. La remissione spontanea dei
tumori è stata documentata. Elmer e Alyce Green fecero delle ricerche su
oltre 400 casi di remissione spontanea avvenuti anni fa e si sono registrati
molti nuovi casi da allora. Perciò è possibile che Mary possa avere una
remissione spontanea e si svegli il giorno successivo senza alcuna traccia
del tumore.
Se Mary pregasse per guarire entro il giorno dopo, a meno che non sia un
essere sovrumano, avrebbe forti dubbi a riguardo. Nutrirebbe dei timori che
ciò non possa accadere. Questa paura indebolirebbe e probabilmente
vincerebbe la sua preghiera.
Ma potrebbe invece pregare senza riserve per l’inizio della guarigione.
Potrebbe pregare senza riserve affinché il suo sistema immunitario ingrani
una marcia in più per iniziare a uccidere le cellule cancerogene da subito.
Potrebbe pregare senza riserve affinché domani possa essere più forte di
quanto lo sia oggi e che le sue cellule sane si moltiplichino e spazzino via
le cellule cancerogene da subito. Potrebbe pregare per un sacco di cose di
cui abbia completa fiducia. Il mio suggerimento è quello di pregare per
cose che siete fiduciosi di poter ottenere. I miracoli non devono essere
istantanei; va bene anche se ci impiegano un po’ di tempo.
La preghiera funziona. Se per voi non funziona, può darsi che la
mancanza di fiducia nella vostra mente subcosciente stia bloccando la
vostra preghiera. Scrivete una lunga affermazione su ogni aspetto delle
vostre convinzioni, in che cosa volete avere fede e instillate
quell’affermazione nella mente subcosciente in modo che sia l’unica verità
che essa contiene.

CONCLUSIONI
Mettere un migliaio di volte più ooooph nelle vostre preghiere:

Pregate in stato mentale alfa, o, meglio ancora, teta.


Utilizzate la preghiera affermativa. Visualizzate il risultato, non
il problema.
Sentite ed esprimete amore e compassione.
Siate certi di essere risoluti: siate assolutamente certi che la
mente cosciente e la mente subcosciente siano d’accordo.
Programmate la mente subcosciente affinché una forte, fervente
fede coincida con quella della mente cosciente.

208
Siate grati ed esprimete gratitudine per tutte le benedizioni.

1 The Mind Race, di Russel Targ e Keith Harary, e Psychic Discoveries Behind the Iron Curtain, di Shilla
Ostraner e Lyn Shroeder, per citare soltanto due fonti.
2 Aczel, Amir D., Entanglement, Il più grande mistero della Fisica, Cortina Editore, 2005.
3 Boston Globe, Maggio 13, 2001

209
APPENDICE A
BIBLIOGRAFIA E
TESTI CONSIGLIATI

LEZIONI DALLA UNO ALLA OTTO


Achterberg, Jeanne, Imagery in Healing: Shamanism and Modern
Medicine, New Science Library, 1985.
Andersen, U.S., Three Magic Words, Thomas elson & sons, 1954.
Bailes, Frederick, W., Your Mind Can Heal You, Dodd, Mead, 1941.
Bristol, Claude M., The Magic of Believing, A Pocket Book,1969.
Brooks, Harry C., The Practice of Autosuggestion by the Method of
Emile Coué, Dodd, Mead and Co., 1922.
Borysenko, Joan, Ph.D., Minding The Body, Mending The Mind,
Bantam Books, 1988.
Cantor, Alfred J., M.D., Unitrol: The Healing Magic of the Mind,
Parker Publishing Company, Inc., 1965.
Chopra, Deepak, M.D., Corpo senza età, Mente senza tempo, Sperling
& Kupfer, 2005.
Dossey, Larry, M.D., Alla ricerca dell'anima, Sperling & Kupfer,
1997.
Duckworth, John, How To Use Auto-Suggestion Effectively, Wilshire
Book Company, 1966.
Dyer, Wayne W., Inventarsi la vita, TEA, 2001.
Gallwey, W. Timothy, Il gioco interiore del tennis, Ultra, 2013.
Germain, Walter M., Il magico potere della vostra mente, Edizioni
Mediterranee, 1983.
Green, Elmer & Alyce, Beyond Biofeedback, Delta, 1977.
Hawkings, David R., M.D., Ph.D., Power vs. Force, Hay House, inc.,
2002.
Hawkings, David R., M.D., Ph.D., The Eye of the I, Veritas, 2001.
Helmstetter, Shad, Ph.D., What To Say When You Talk To Your Self,
Pocket Books, 1986.
Howard, Vernon, Psychho-Pictography, Parker Publishing Company,
Inc., 1965.

210
King, Serge, Imagineering for Health, A quest Book, 1981.
Lecron, Leslie M., Magic Mind Power, DeVoss & Company, 1969.
Lecron, Leslie M, Self-Hypnotism: The Technique and Its Use in
Daily Living, Prentice-Hall, Inc, 1964.
Lonegren, Sig, Il pendolino. Con gadget, Tecniche Nuove, 1996.
Maltz, Maxwell, M.D., The Magic Power of Self-Image Psychology,
Prentice-Hall, Inc., 1964.
Maltz, Maxwell, M.D., Psicocibernetica, Astrolabio Ubaldini, 1978.
Murphy, Joseph, D.D., D.R.S., Ph.D., L.L., Il potere del subconscio,
Edizioni Mediterranee, 1990.
Murphy, Joseph, D.D., D.R.S., Ph.D., L.L.D., The Amazing Laws of
Cosmic Mind Power, Paperback Library Edition, 1969.
Peale, Norman Vincent, How To Make Positive Imaging Work For
You, Foundation for Christian Living, Pawling, NY, 1982.
Peale, Norman Vincent, Come acquistare fiducia e avere successo,
Bompiani, 2000.
Pelletier, Kenneth R., Mind as Healer: Mind as Slayer, Delta, 1977.
Pert, Candice, Ph.D., Molecole di emozioni, TEA, 2005.
Sanders Jr., Pete A., Scopri il tuo punto B, Edizioni Mediterranee,
2012.
Siegel, Bernie S., M.D., Amore, medicina e miracoli, Sperling &
Kupfer, 1990.
Siegel, Bernie S., M.D., Pace, amore e benessere, Frassinelli, 1990.
Simonton, Carl O., Stephanie Matthews-Simonton,
L. Creighton, Ritorno alla salute, Amrita, 2005.
Sarno, John E., M.D., Sconfiggere il mal di schiena, Vallardi, 2013.
Steadman, Alice, Who’s the Matter With Me? DeVorss Publications,
1966.
Takus, James A., Your Mind Can Drive You Crazy, Psychonetix, Inc.,
Tarzana, CA, 1978.
Williams, John K., The Knack of Using Your Subconscious Mind,
Prentice-Hall, Inc. 1971.

211
APPENDICE B
BIBLIOGRAFIA E
TESTI CONSIGLIATI

LEZIONE AGGIUNTIVA
Anderson, U.S., Three Magic Words, Wilshire Book Company, 1970.
Capra, Fritjof, Il tao della fisica, Gli Adelphi, 1989.
Dossey, Larry, M.D., Il potere curativo della preghiera, Red Edizioni,
2001.
Dossey, Larry, M.D., Prayer Is Good Medicine, HarperCollins
Publishers, 1996.
Dossey, Larry, M.D., Be Careful What You Pray For…You Just Might
Get It, HarperSanFrancisco, 1997.
Dyer, Wayne W., C'è una soluzione spirituale a ogni problema,
Corbaccio, 2002.
Hawkins, David R., M.D., Ph.D., Power Vs. Force, Hay House, Inc.
2002.
Lonegren, Sig, Il pendolino. Con gadget, Tecniche Nuove, 1996.
Sheldrake, Rupert, I poteri straordinari degli animali, Mondadori,
2002.
Silva, Jose, Metodo Silva Mind-Control, Omega, 2001.
Talbot, Michael, Beyond the Quantum, Bantam, 1988.
Zukav, Gary, La danza dei maestri Wu Li, Corbaccio, 2007.

212
Indice
Table of Contents 8
Avvertenze 4
Ringraziamenti 6
Prefazione 9
Prologo 11
Introduzione 14
Struttura del Corso 15
Lezione Uno 19
Il Vostro Genio 20
Lezione Due 39
Differenze fra la Mente Subcosciente e la Mente Cosciente 40
Routine Alfa - “Rilassamento Progressivo” 53
Lezione Tre 58
Il Vostro Super Biocomputer 59
Routine Teta - “Il Giardino Ispiratore” 76
Lezione Quattro 80
Le Leggi della Mente Subcosciente 81
Routine - “Contrazione/Rilassamento” 101
Lezione Cinque 105
Comunicare con la Mente Subcosciente 106
Routine di “Allerta” 120
Lezione Sei 124
Metodi di Utilizzo della Mente Subcosciente, Parte 1 125
Routine di“Pulizia” 141
Lezione Sette 146
Metodi di Utilizzo della Mente Subcosciente, Parte 2 147
Routine della “Gioia” 148
Routine “Agire come se” 167
Lezione Otto 170

213
Metodi di Utilizzo della Mente Subcosciente, Parte 3 171
Routine della Salute 183
Epilogo 193
Il Vostro Supermarket 194
Lezione Aggiuntiva 196
Preghiera 197
Appendice A 210
Appendice B 212

214