Sei sulla pagina 1di 16

!"#$% ' ()*#' +' ,'-#. '*+','+).

"'
uos wobte
lst Jos Cooze
1
.
(C. W. l. Pegel, leoomeooloqlo Jello 5pltlto)
)/0 123456/207899098:/6
Slamo a Pegel (1770-1831), uno del plu poLenLl pensaLorl dell'lnLera sLorla della fllosofla occldenLale. L lul,
ln qualche mlsura, ll padre dl Marx.
uo Motx lJeollsto?
Al conLrarlo, un maLerlallsLa. ul Pegel, LuLLavla, ha faLLo proprla la concezlone secondo cul la sLorla e un
superamenLo conLlnuo dl conLraddlzlonl. Avremo occaslone dl parlarne. L ll caso dl agglungere, per, che
Pegel e spesso assoclaLo alla desLra conservaLrlce.
uo Clooo blftoote.
Sl. l nazlsLl, pol, lo presenLeranno come una sorLa dl ldeologo oote-llttetom del nazlonalsoclallsmo.
uoo sttomeotollzzozlooe, come oel coso Jl llcbte, soppooqo.
CerLo: va deLLo, al flne dl evlLare equlvocl, che ll nazlsmo prendera ll poLere un secolo dopo la morLe dl
Pegel e ln un conLesLo sLorlco declsamenLe dlverso. ll suo accosLamenLo al nazlsmo, dunque, e del LuLLo
sLrumenLale.
5ttomeotole, mo poolcbe opplqllo cl sot pote.
osslamo dlre che, ln Lema dl penslero pollLlco, Pegel sl Lrova per cerLl aspeLLl sulla sLessa lunghezza d'onda
dl laLone.
uo oltto ootote cbe, ooo o coso, stoto cooslJetoto Jo poolcbe ctltlco come ooo Jel teotlcl Jel
totolltotlsmo.
ul slcuro era amaLo da alcunl ufflclall nazlsLl.
)/0 38;:7498:/6 <077=072:
Al Jl l Jello sttomeotollzzozlooe polltlco, ptesomo cbe neqel slo poootomeoo oo ootl-llbetole.
non proprlamenLe. Cuando scoppla la 8lvoluzlone francese Pegel, che ha 19 annl, lnnalza lnsleme ad alcunl
compagnl unlverslLarl, nel pressl dl 1ublnga, un albero della llberLa.
uo peccoto Jl qloveot.
no: egll non rlnneghera mal la sua ammlrazlone glovanlle per un evenLo che conslderera sempre come
l'aperLura dl una nuova era sLorlca.
leto Jel Jltlttl Jelloomo e Jel clttoJloo.
Sl: e la prlma volLa, secondo lul, che l'uomo ha LenLaLo dl reallzzare nella sLorla ll regno della raglone, ln
ulLlma anallsl, ll regno della llberLa.
uo tlvolozloootlo, poloJl, neqel.
Lgll non cessera dl esalLare la 8lvoluzlone francese come un evenLo della sLorla unlversale", come non
cessera dl Lessere elogl a napoleone. L LuLLavla dl gran lunga plu favorevole alle rlforme dall'alLo che alla
rlvoluzlone vlolenLa.
Alle tlfotme Jel sovtool lllomlootl Jel 700.
Sl, le rlforme lsplraLe al prlnclplo LouL pour le peuple, rlen par le peuple": rlforme, dunque, dall'alLo, senza
alcun colnvolglmenLo del popolo.
ll oostto, Joopoe, ooo cteJe ol volote toomototqlco Jello vloleozo tlvolozloootlo.
er nulla. Secondo lul solo le rlforme del sovranl lllumlnaLl dal pbllosopbes esprlmono la saggezza della
raglone. non e un caso che dlmosLrl un grande apprezzamenLo per lederlco ll dl russla che, grazle alle
rlforme, e rlusclLo a prevenlre l'esploslone dl rlvolLe.
1
ll vero e ll 1uLLo. La Lraduzlone dl quesLo passo, come dl LuLLl gll alLrl clLaLl ln quesLo dlalogo, e dl vlncenzo Clcero
(collana 8omplanl 1esLl a fronLe).
u, Joopoe, ooo voleozo oeqotlvo ollo tlvolto.
Sl, nelle rlvolLe vede solo anarchla, lrrazlonallLa. Lgll non ha dubbl che la vera rlvoluzlone sl reallzzl LramlLe
le leggl, la razlonallLa delle lsLlLuzlonl, non nelle sommosse: quesLe, anzl, scopplano proprlo quando l
governl non sono rlvoluzlonarl.
lo klvolozlooe ftoocese, pet, bo sopoto coJlflcote lo ptloclpl leqlslotlvl olcool fooJomeotoll volotl tozloooll.
Sl, perche la 8lvoluzlone francese aveva alle spalle l luml della raglone dell'lllumlnlsmo. osslamo dlre che
con Lale rlvoluzlone la raglone e andaLa al poLere.
ooJoto ol potete cootto oo moootco cbe ooo sopevo o ooo volevo ottoote le tlfotme tese o sopptlmete
ptlvlleql e loqlostlzle.
CerLamenLe. ln lrancla e scopplaLa la rlvoluzlone perche Lulgl xvl rlmaneva sosLanzlalmenLe sordo alle
lsLanze razlonall" avanzaLe dal pbllosopbes.
neqel, poloJl, tlcooosce, oocbe se lo cosl estteml, lo foozlooe posltlvo Jello vloleozo tlvolozloootlo.
L vero. ln quesLo e ln slnLonla col machlavelllsmo: ll flne glusLlflca l mezzl. non per nulla soLLollnea non solo
la grandezza dl un conLemporaneo quale napoleone, ma anche dl grandl personaggl sLorlcl come
Alessandro Magno, Clullo Cesare e, ln lnghllLerra, Cromwell.
'7 >3699: <0 >0?036
Clostlflco poloJl oocbe le qoette.
CerLo, se quesLe sono flnallzzaLe a dlffondere nel mondo valorl e lsLlLuzlonl razlonall.
Allo stteqoo Jl cbl oel oostto tempo pooto o espottote lo Jemoctozlo coo lo fotzo.
Pegel sa bene quanLa sofferenza - ln Lermlnl dl morLl e ferlLl - genera una guerra, ma e convlnLo che LuLLo
quesLo sla ll prezzo da pagare se sl vuole far avanzare nel mondo ll regno della raglone (o, ancor prlma,
reallzzare l'unlLa dl una nazlone conLro l parLlcolarlsml locall).
OoloJl oocbe lo motte Jl mlllool Jl loooceotl.
Senza dubblo. Condannare le guerre per ll dolore che provocano, secondo lul, e Llplco del morallsLl che non
sanno guardare al rlsulLaLl": sono quesLl che conferlscono un valore poslLlvo al mezzl". L ln quesLa oLLlca
che Pegel parla dl AsLuzla della 8aglone", della 8aglone cloe che e LanLo asLuLa da uLlllzzare la seLe dl
glorla e dl domlnlo dl alcune personallLa sLorlche (da Alessandro Magno a napoleone) come uno sLrumenLo
per dlffondere nel mondo la razlonallLa. una rovvldenza a fln dl bene: e grazle a Clullo Cesare che sl sono
dlffusl valorl e lsLlLuzlonl romane dl gran lunga plu razlonall del cosLuml del barbarl.
oo neqel cbe ml scoocetto.
L un pensaLore che cerca dl dare un senso" alla sLorla.
5ollo sclo Jl 5. Aqostloo.
Sl, anche per S. AgosLlno la Lragedla vlssuLa dall'lmpero romano con ll sacchegglo dl 8oma del 410 ad opera
del CoLl dl Alarlco, vlsLa alla luce del rlsulLaLl" che cl saranno, assume un valore poslLlvo.
"0 >3698:10 636<82@ <67 A381280/6185:
5. Aqostloo, pet, bo oo pooto Jl vlsto opposto o poello Jl neqel. ll ctlstlooeslmo, secooJo lol, cbe
toppteseoto l volotl pl oltl tlspetto o poelll Jelllmpeto tomooo.
SlcuramenLe, ma e lo sLesso Pegel che esalLa l valorl crlsLlanl: l valorl razlonall espressl dal ulrlLLl dell'uomo
e del clLLadlno" della 8lvoluzlone francese conLro l prlvllegl dl casLa, lnfaLLl, alLro non sono che un'eredlLa
crlsLlana.
Mo ll ctlstlooeslmo ooo tellqlooe, ooo feJe cbe, lo poooto tole, ooo bo levlJeozo Jello toqlooe.
L vero, ma ll messagglo dl Cesu CrlsLo e rlvoluzlonarlo. L ll crlsLlaneslmo che esalLa la dlgnlLa lnflnlLa dl ognl
slngolo uomo: l'lndlvlduo ln quanLo Lale ha un valore lnflnlLo" (Jos loJlvlJoom ols solcbes eloeo
ooeoJllcbeo wett bot). un valore che vlene rafforzaLo dalla leLLura luLerana (penslamo al prlmaLo della
cosclenza) e dallo sLesso kanL che vede nell'uomo, ln ognl slngolo uomo, un flne".
ll llbetollsmo, poloJl, eteJe Jel ctlstlooeslmo.
Sl, quel llberallsmo dl cul sl approprlano alcunl degll esponenLl dl prlmo plano dell'lllumlnlsmo francese e
che conflulsce nella celebre ulchlarazlone del 1789.
5lomo lo pteseozo Jl Jltlttl loJlvlJooll cbe neqel cooslJeto coopolste Jefloltlve.
CerLo. Pegel prende LuLLavla le dlsLanze dall'lmposLazlone dl Locke: secondo lul non sl LraLLa dl dlrlLLl
naLurall" ln quanLo nello sLaLo dl naLura non cl sono dlrlLLl.
letcb loomo - tobo lo fotmolo Jl nobbes - oo lopo pet loltto oomo.
Sl, se sl lnLende lo sLaLo dl naLura lo sLaLo ln cul non c'e ancora una socleLa organlzzaLa, slamo ln presenza
del regno della vlolenza, della sopraffazlone.
uoo stoto Jo col oecessotlo osclte costtoeoJo lo 5toto coo le soe leqql e coo l sool otqool Jl pteveozlooe e
Jl teptesslooe Jel teotl.
SlcuramenLe: e appunLo lo SLaLo che sLablllsce cl che e glusLo" e cl che e lnglusLo", cl che e permesso
fare e cl che lnvece e reaLo.
Noo eslste, Joopoe, oo Jltltto oototole, mo solo oo Jltltto posltlvo.
L cosl: ll dlrlLLo e Lale ln quanLo vlene convenzlonalmenLe sLablllLo dallo SLaLo, proprlo ln slnLonla con
Pobbes.
Mo lo poesto moJo ctollo ll qlosoototollsmo coo cooseqoeoze Jlsosttose. ooo sl po pl qloJlcote loqlosto
ooo leqqe petcb vlolo ll Jltltto oototole.
Senza dubblo. Pegel dl faLLo rovescla la loglca del glusnaLurallsmo secondo cul una legge non e Lale se non
e glusLa, se cloe non e conforme al dlrlLLo naLurale: una legge e glusLa proprlo perche e una legge.
Mo lo poesto moJo qlostlflco oocbe le leqql pl obettootl.
ll prlnclplo hegellano secondo cul cl che e reale e razlonale e cl che e razlonale e reale ( wos vetoooftlq
lst, Jos lst wltkllcb, wos wltkllcb lst, Jos lst vetoooftlq)" sembra confermare la Lua lnLerpreLazlone, ma Pegel
non arrlva a LanLo: secondo lul una legge pu avere del conLenuLl lrrazlonall, ma flnche e legge, deve essere
rlspeLLaLa.
uoo coovlozlooe oocbe Jl 5ploozo.
Sl, ma Pegel soLLollnea ll faLLo che ln qualslasl legge c'e, comunque, plu raglone dl quanLo ve ne sla nel
punLo dl vlsLa soggeLLlvo dl chl assume ll ruolo dl crlLlco della legge.
5ploozo, ol coottotlo, lovlto ll ctltlco o Jotsl Jo fote petcb coovloco qll otqool competeotl o moJlflcote o oJ
oooollote lo leqqe oqqetto Jl ctltlco.
Splnoza e un llberale ed esalLa la llberLa dl penslero, lnclusa la llberLa dl crlLlca. Pegel, lnvece, e
preoccupaLo per l posslblll effeLLl negaLlvl dl Lale llberLa.
"0 >02380 <68 >38;876?8 1>0AA8028 >63 <838228
veJo ooo qtooJe locoeteozo. neqel Jo oo loto esolto l Jltlttl loJlvlJooll soocltl Jollo klvolozlooe ftoocese,
cooslJetooJoll ooo qtooJe eteJlt Jel ctlstlooeslmo, Jolloltto bo pooto Jelle cooseqoeoze.
Pegel non nasconde la sua dlffldenza nel confronLl del llberallsmo lnglese. Cuello che ha dl fronLe - e ll suo
punLo dl vlsLa - e solo un'esploslone dl lndlvlduallLa, dl prlvllegl plccoll o grandl. Lo sLesso parlamenLo
lnglese, secondo lul, alLro non e che la cassa dl rlsonanza dl LanLl lnLeressl dl parLe. L'lnghllLerra - egll non ha
dubbl - non e la paLrla del dlrlLLl, ma del prlvllegl spacclaLl per dlrlLLl (anche ll prlvlleglo del proprleLarl dl
cacclare vla dalle loro Lerre declne dl conLadlnl). Pegel, facendo rlferlmenLo alle leggl lnglesl, arrlva a
parlare dl un mucchlo dl leLame dl dlrlLLl prlvaLl". Lcco perche le leggl lnglesl non hanno nulla della
razlonallLa che caraLLerlzza, ad esemplo, ll Codlce lederlclano del 1794, ll capolavoro glurldlco dl lederlco ll
dl russla.
Pegel non e conLro ll llberallsmo, ma e convlnLo che sl debba andare olLre. Lcco perche smonLa la
concezlone conLraLLuallsLlca dello SLaLo Llplca della Lradlzlone llberale.
letcb stotlcomeote qll 5totl ooo sooo sottl lo seqolto o coottottl socloll.
non e LanLo quesLa la raglone: secondo Pegel e la sLessa ldea dl conLraLLo soclale che va resplnLa perche e
uno sLrumenLo del LuLLo lnadeguaLo a fondare lo SLaLo. Se quesLo, lnfaLLl, avesse come fondamenLo un
conLraLLo, sarebbe ln balla dl una mlrlade dl volonLa lndlvlduall, come ll parlamenLo lnglese e ln balla dl
lnLeressl dl parLe, lnLeressl che varlano Lra l'alLro a seconda delle maggloranze pollLlche e ln balla della
sLessa arLe oraLorla del parlamenLarl. Le leggl dello SLaLo non possono essere ll rlsulLaLo dl una sorLa dl
assalLo alla dlllgenza, ma devono lsplrarsl a prlnclpl razlonall.
uevooo coJete, olloto, Jollolto.
Cla, proprlo perche devono esprlmere l'lnLeresse generale e non la sommaLorla degll lnLeressl parLlcolarl, le
leggl devono essere deLLaLe dalla saggezza.
1otolomo o llotooe, ollo 5toto tetto Jol sopleotl.
l pbllosopbes dell'lllumlnlsmo: sono loro che lllumlnano" con l luml della raglone l sovranl.
"0 78B632@ 0426/28A0
neqel ctltlco qll effettl oeqotlvl Jel llbetollsmo loqlese, mo pol ooo costtolsce oo moJello oltetootlvo.
non e proprlo cosl. Lgll e dell'avvlso che l dlrlLLl lndlvlduall vadano conservaLl", ma nello sLesso Lempo
superaLl".
Mo ooJote oltte ll llbetollsmo oltomeote tlscbloso. ll petlcolo poello Jl sclvolote oel totolltotlsmo.
ll nosLro non lnLende per nulla glungere a Lale approdo. Lgll lnfaLLl rlLlene compaLlblll sla le lsLanze
dell'lndlvlduo che quelle della colleLLlvlLa, sla l dlrlLLl lndlvlduall che l'lnLeresse generale dello SLaLo.
Mo poesto ql lo foozlooe Jello 5toto llbetole.
no: Pegel punLa ad andare olLre lo SLaLo llberale. Secondo lul, conLrarlamenLe a quanLo sosLengono ll
glusnaLurallsmo e ll llberallsmo, l'lndlvlduo non eslsLe prlma dello SLaLo: e ll LuLLo - nel llnguagglo hegellano
- che vlene prlma delle parLl.
lloJlvlJoo, Joopoe, sobotJlooto ollo voloot qeoetole Jello 5toto.
Sl, ln quesLo e perfeLLamenLe ln slnLonla con 8ousseau: e nella conformlLa alla volonLa generale" che
l'lndlvlduo acqulsLa l'auLenLlca llberLa.
lo llbett Jolleqolsmo, Joqll lotetessl Jl potte, Jl col potlo oocbe llcbte.
Senza dubblo. llnche l'lndlvlduo lnsegue l suol lnLeressl egolsLlcl, ll suo uLlle prlvaLo, non rlesce a sollevarsl
al punLo dl vlsLa dell'lnLeresse generale: dl conseguenza non e davvero llbero, ma schlavo.
)/ C01A8/: 833618128B876
Mo Jl poesto posso neqel ottlvo o qlostlflcote poolslosl fotmo Jl totolltotlsmo. lloJlvlJoo, ptoptlo pet ll
volote loflolto cbe lo stesso neqel qll tlcooosce, vleoe sempte ptlmo Jello 5toto.
Sl, ma ll punLo dl vlsLa della LoLallLa prevale su quello della slngola parLe. Pegel, fln da sLudenLe, e
affasclnaLo dalla plls greca, una comunlLa ln cul l'lndlvlduo e sLreLLamenLe fuso con la colleLLlvlLa, ln cul la
sLessa rellglone non e prlvaLa, ma pubbllca.
uo moJello Jl comoolt lo col lloJlvlJoo ooo bo olcoo Jltltto. ll coso 5octote doceL.
La plls greca, e vero, non rlconosce l dlrlLLl lndlvlduall che sono una conqulsLa prlma crlsLlana, pol del
llberallsmo, dell'lllumlnlsmo e, lnflne, dl kanL: la plls rappresenLa l'unlLa dl lndlvlduo" e comunlLa", dl
parLe" e dl LuLLo", menLre l'esploslone del dlrlLLl lndlvlduall sl Lraduce ln una sclsslone" che, secondo
Pegel, va superaLa.
1otoooJo ol moJello Jello polls qteco.
no, non sl LraLLa dl Lornare toot coott lndleLro, ma dl andare avanLl cosLruendo uno SLaLo ln cul l dlrlLLl
lndlvlduall non sono annullaLl, ma salvaguardaLl. L quesLo ll conceLLo hegellano dl Aufhebung" che lndlca
sla l'aLLo del superare" che quello del conservare".
cootlooo o peosote cbe poesto slotesl slo ql opetoto Jollo 5toto llbetole o Jo poello cbe oqql lo 5toto
llbetol-Jemoctotlco.
non e cosl perche nello SLaLo llberale e, ancora dl plu ln quello llberal-democraLlco ll cul poLere vlene dal
basso, le leggl sono ll rlsulLaLo della sommaLorla dl lnLeressl parLlcolarl.
lo celebte voloot Je toos Jl koosseoo.
Sl, volonLe de Lous" che e alLra cosa rlspeLLo alla volonLe generale" dl 8ousseau.
Mo lo Jlstlozlooe solo teotlco. ooo leqqe sempte esptesslooe Jl ooo moqqlotoozo cbe qlooqe o ooo
meJlozlooe Jl lotetessl pottlcolotl Jelle soe compooeotl.
Ma Lu raglonl dal punLo dl vlsLa dello SLaLo llberale e dl uno SLaLo llberal-democraLlco che hanno come
perno ll parlamenLo. Cra un organo come quesLo non pu che essere la cassa dl rlsonanza degll lnLeressl dl
parLe degll eleLLorl. L proprlo quello che Pegel rlfluLa: lo SLaLo, perche sla davvero uno SLaLo e non
sempllcemenLe l'espresslone della socleLa clvlle, deve essere superlore agll lnLeressl dl lndlvldul o dl ceLl
soclall.
Ooesto cl cbe teollzzo lo meJlozlooe polltlco poooJo poesto volo olto.
u volare alLo, ma una medlazlone e pur sempre un compromesso dl lnLeressl o, comunque, dl punLl dl
vlsLa lndlvlduall o corporaLlvl. Lcco perche Pegel e convlnLo che solo un monarca, che non deve rlspondere
a nessuno perche non e sLaLo eleLLo da nessuno, pu rappresenLare l'lnLeresse generale, quella che
8ousseau chlama volonLe generale".
Mo ooo offotto scoototo cbe oo moootco slo lllomlooto. lo stotlo tlcco Jl esempl Jl sovtool tottoltto cbe
soqql e tottoltto cbe ol Jl sopto Jelle pottl.
L vero. Pegel lo sa bene. ll suo modello, lnfaLLl, non e la monarchla assoluLa, ma la monarchla cosLlLuzlonale
con LanLo dl dlsLlnzlone del poLerl: governaLlvo, leglslaLlvo e del sovrano.
Mo olloto tlcoJlomo oello tooto Jlsptezzoto ttoJlzlooe loqlese.
l poLerl sono sl dlsLlnLl, ma l'unlLa dello SLaLo e garanLlLa dal sovrano.
": 1>8382: <8 4/ >:>:7:
Mo poesto vole oocbe pet lo Ctoo 8tetoqoo.
no, Pegel e molLo dlsLanLe dal modello lnglese. ln prlmo luogo perche lo SLaLo, secondo lul, non sl fonda su
una cosLlLuzlone che e ll rlsulLaLo dl un conLraLLo" Lra lndlvldul. Pegel, come abblamo gla vlsLo, rlfluLa la
concezlone conLraLLuallsLlca dello SLaLo Llplca della Lradlzlone llberale, concezlone che appllca ln modo
lndeblLo a cl che e pubbllco caLegorle del dlrlLLo prlvaLo (Lra l'alLro, un conLraLLo prlvaLo pu essere come
pu non essere sLlpulaLo). Lo SLaLo, dl conseguenza, non rlsponde ne a lndlvldul, ne a punLl dl vlsLa
parLlcolarl. ll nosLro e dell'avvlso che lo SLaLo non sla che l'lncarnazlone dello splrlLo dl un popolo.
uo coocetto - ll popolo - pottlcolotmeote sottolloeoto Jo koosseoo e Jo llcbte.
Sl, un conceLLo che dlvenLa un leltmotlv del 8omanLlclsmo. Cgnl popolo ha un suo splrlLo, una sua anlma
faLLa dl Lradlzlonl, dl llngua, dl rellglone, dl lsLlLuzlonl. L qul che Lrovlamo la vera morale" dl un popolo.
Motole oel seoso cbe tlflette l costoml Jl oo popolo.
Sl. L cl che Pegel chlama col nome dl SlLLllchkelL" (eLlclLa), Lermlne che derlva da SlLLe" che slgnlflca
cosLume".
5lomo lootool Jol coocetto kootlooo Jl motole.
L vero: qul non slamo ln presenza dl una morale soggeLLlva" (che Pegel chlama morallLa"), ma
oggeLLlva", una morale che dlvenLa cosLume, Lradlzlone, lsLlLuzlonl e valorl che vengono Lrasmessl alle
generazlonl successlve. La cosLlLuzlone dl uno SLaLo, dunque, non e ll fruLLo dl un conLraLLo" che e
accaduLo sLorlcamenLe ln un deLermlnaLo momenLo sLorlco, ma ll rlsulLaLo della vlLa dl un popolo.
vlto loteso come pottlmoolo spltltoole Jl oo popolo.
L proprlo cosl: ecco perche Pegel parla dl splrlLo" dl un popolo. non slamo ln presenza dl norme asLraLLe
come l'lmperaLlvo caLegorlco dl kanL, ma dl valorl sLorlcamenLe lncarnaLl ln lsLlLuzlonl. L cl che Pegel
deflnlsce SplrlLo oggeLLlvo", SplrlLo cloe che sl e concreLamenLe reallzzaLo.
5pltlto cbe plosmo lo vlto Jeqll loJlvlJol.
Sl, non sono qulndl gll lndlvldul" che danno forma allo SLaLo, ma e lo SLaLo, lncarnazlone dello splrlLo dl un
popolo, che forma gll lndlvldul. Lcco, allora, la cenLrallLa del LuLLo" rlspeLLo alla parLe", del popolo"
rlspeLLo all'lndlvlduo". Slamo davvero agll anLlpodl dl uno SLaLo llberale.
Mo slomo oocbe Jl ftoote o ooo tettomotclo Jl neqel. eqll lo poesto soctollzzo lo sLaLus quo, lo ttoJlzlooe,
qlosto lo slotoolo coo lo spltlto Jello kestootozlooe.
ln slnLonla con lo sLesso llchLe: vedl l suol celebrl ulscorsl alla nazlone Ledesca".
llcbte, pet, lovlto oJ oqlte, o ttosceoJete sempte lo sLaLus quo, lo oltte potole, ptolettoto vetso ll fototo,
meotte neqel ooo fo cbe tlmooete oel solco Jello ttoJlzlooe petcb lo poesto lo spltlto Jl oo popolo.
L lndubblo che LuLLo quesLo possa dare l'lmmaglne dl un ldeologo della 8esLaurazlone. Sl LraLLa, per, dl
un'lmmaglne che fralnLende ll penslero pollLlco complesslvo dl Pegel. CuesLl non rlnnega per nulla - lo
sLlamo rlmarcando da un po' - la Lradlzlone crlsLlano-llberale che esalLa l dlrlLLl lndlvlduall. non rlnnega
qulndl ll grande lasclLo della 8lvoluzlone francese. Lcco perche e fuorvlanLe dlplngerlo come un pensaLore
reazlonarlo. Anche llchLe enfaLlzza la grande Lradlzlone del popolo Ledesco, ma non per quesLo e nosLalglco
dl un passaLo faLLo dl prlvllegl, dl lnglusLlzle e dl gerarchle soclall. Al conLrarlo.
Noo tlesco, pet, o veJete come tlesco neqel o slotetlzzote Joe ospettl cos Jlvetsl.
Pal parlaLo dl slnLesl. L lnfaLLl lo SLaLo hegellano e una grande slnLesl, la plu alLa.
uoo slotesl Jl cbe coso?
ul famlglla" e dl socleLa clvlle". Lo SLaLo (slnLesl) e una sorLa dl rlLorno all'unlLa" della famlglla (Lesl),
conservando LuLLavla l valorl della sclsslone" (l'anLlLesl).
"=61>7:18:/6 <6?78 8/2636118 >38;028
l Jltlttl loJlvlJooll.
Sl, ma non solo. La famlglla - non c'e dubblo - lncarna l'unlLa, addlrlLLura la fuslone, una fuslone che nel
maLrlmonlo fa del due conlugl una vera e proprla unlLa. una unlLa che sl esprlme non solLanLo LramlLe ll
rapporLo sessuale, ma anche e sopraLLuLLo aLLraverso ll senLlmenLo dell'amore, un senLlmenLo che permea
LuLLo, ll rapporLo Lra l conlugl e quello Lra genlLorl e flgll.
Nototolmeote, oello fomlqllo ooo eslstooo tlveoJlcozlool loJlvlJooll.
ulclamo che le eslgenze lndlvlduall sono subordlnaLe a quelle della famlglla: sono l'amore e la flducla che
fanno da collanLe Lra l componenLl.
l flqll, ooo volto ctesclotl, pet, se oe voooo pet loto cooto e lo fomlqllo sl spezzo.
L cosl: l flgll formano a loro volLa alLre famlglle, ognuna delle quall, naLuralmenLe, ha a cuore l proprl
lnLeressl. lnlzla cosl la sclsslone" dell'unlLa che sl esprlme, ln prlma lsLanza, nella sfera economlca.
uoo sfeto lo col oqoooo pooto ol soo otlle. slo cbl ptoJoce slo cbl coosomo, slo cbl veoJe slo cbl compto.
lnfaLLl: e proprlo nel rapporLl economlcl che sl ha la masslma esploslone degll lnLeressl prlvaLl. Cul l'amore
che unlsce non c'e, ma c'e solo cl che dlvlde. C'e per da agglungere che ll lavoro ha un caraLLere soclale e,
dl conseguenza, meLLe Lra loro ln conLaLLo gll lndlvldul. Pegel, pol, fa proprla l'ldea del padre dell'economla
classlca, Adam SmlLh: ognuno, e vero, nella sfera economlca pensa al proprlo LornaconLo, ma ll rlsulLaLo
complesslvo e dl faLLo un uLlle generale.
Mo lo scootto tto lotetessl qeoeto coofllttl, ooo vootoqql teclptocl.
ensa alla dlvlslone del lavoro: ognuno lavora per ll suo lnLeresse, ma dl faLLo ll suo lavoro ha come rlsulLaLo
ll soddlsfaclmenLo del blsognl degll alLrl. La dlvlslone del lavoro, ln alLre parole, dlvlde, franLuma, ma nello
sLesso Lempo crea lnLerdlpendenza.
5tlomo potlooJo Jello soclet clvlle.
Sl, quella che Pegel chlama burgerllche CesellschafL" che rappresenLa l'anLlLesl della famlglla, la sfera cloe
della franLumazlone, della dlsperslone, della conLrapposlzlone dl lnLeressl prlvaLl, ma anche
dell'lnLerdlpendenza che scaLurlsce proprlo dalla dlvlslone del lavoro: nel momenLo ln cul cl sl speclallzza
nel lavoro, ognuno ha blsogno degll alLrl. Ma la socleLa clvlle non sl rlduce a quello che Pegel deflnlsce
slsLema del blsognl", ma colnvolge anche l'ammlnlsLrazlone della glusLlzla e quella che ll nosLro chlama
ollzla" (ollzel), vale a dlre l'lnsleme degll lnLervenLl a favore dl chl, nella loLLa economlca, soccombe.
Mo poesto tleotto oello sfeto Jl competeozo Jello 5toto.
uello SLaLo llberale, ma non dello SLaLo come lo conceplsce Pegel, un'enLlLa che e dl gran lunga superlore
alla SLaLo dl dlrlLLo" della Lradlzlone llberale. l gludlcl rlsolvono le conLroversle Lra lndlvldul facendo
rlferlmenLo alle leggl che esprlmono dl per se l'lnLeresse generale. Sono quesLe leggl, lnfaLLl, che sanclscono
l dlrlLLl unlversall conqulsLaLl dalla 8lvoluzlone francese.
Nellommlolsttozlooe Jello qlostlzlo, poloJl, sl vo oltte qll lotetessl ptlvotl.
Senz'alLro.
nella socleLa clvlle Pegel lnclude anche le corporazlonl".
cbe toppteseotooo, oototolmeote, lotetessl cotpototlvl.
Pegel vede ln essl una valenza poslLlva: le corporazlonl sono assoclazlonl dl mesLlere che, ln quanLo Lall,
esprlmono una medlazlone dl lnLeressl del slngoll componenLl e all'lnLerno delle quall concreLa e la
solldarleLa reclproca nel momenLl dl dlfflcolLa.
Sono le corporazlonl che, lo ooce, rlvelano quella medlazlone Lra parLlcolare" e unlversale" che ha la sua
espresslone plu elevaLa nello SLaLo. Lo SLaLo recupera lo splrlLo unlLarlo della famlglla (e dl faLLo una
famlglla ln grande), e nello sLesso Lempo non rlnnega, ma anzl porLa a un llvello superlore, la plurallLa degll
lnLeressl prlvaLl che emerge nella socleLa clvlle. Lo SLaLo, ln quanLo rlsulLaLo dello splrlLo dl un popolo,
recupera LuLLo e fa dl LanLl lndlvldul una unlLa, un'unlLa che ln qualche mlsura e gla ln parLe preparaLa
dall'ammlnlsLrazlone della glusLlzla e dalle corporazlonl. Lcco perche Pegel soLLollnea con forza ll ruolo
unlflcanLe del monarca.
"0 D;:7:/2@ <8;8/0E AF6 18 50/8C6120 /677: -202:
ul oo moootco Jl tlpo costltozlooole.
Sl, ma nell'oLLlca dl Pegel, ll poLere leglslaLlvo non e toot coott espresso dal parlamenLo conceplLo alla
manlera lnglese, ln quanLo cloe espresslone degll lnLeressl dl LanLl lndlvldul. ll nosLro prevede due Camere
che non esprlmono lndlvldul, ma ceLl soclall, organlsml cloe ln cul la medlazlone Lra lnLeressl lndlvlduall e
un lnLeresse plu generale e gla avvenuLa: una Camera alLa cosLlLulLa dal ceLo del noblll e la Camera bassa
formaLa dal rappresenLanLl delle corporazlonl. 1all Camere, pol, non deLengono toot coott ll poLere
leglslaLlvo, ma sempllcemenLe concorrono" col monarca alla formazlone delle leggl. L c'e dl plu: Pegel
soLLollnea come le classl soclall presenLl nelle due Camere Lendono a far prevalere gll lnLeressl prlvaLl su
quelll generall. Le vede qulndl con una cerLa dlffldenza.
A moqqlot toqlooe, Joopoe, ooo veJe Jl booo occblo lo Jemoctozlo Jl koosseoo.
CerLamenLe. Secondo Pegel ll popolo non sa quello che vuole (Jet olcbt wel wos et wlll), menLre l membrl
del governo conoscono molLo megllo l blsognl del popolo sLesso. Lgll parla della molLlLudlne come una
massa amorfa" (eloe fotmlose Mosse) ll cul aglre e lrrazlonale" (vetoooftlos).
ll moootco, Joopoe, sl ovvole Jl mlolsttl.
lndubblamenLe: ln una monarchla cosLlLuzlonale ll governo e un organo dl prlmo plano.
Mo oocbesso coocotte olle Jeclslool Jel moootco.
Sl, l'ulLlma declslone speLLa a lul: ln deflnlLlva, per, ll ruolo del sovrano sl rlduce a dlre dl sl" ( Jet Io) o dl
meLLere ll punLo sulla l" (Jos lookt oof l).
L ll caso dl preclsare che ll poLere esecuLlvo lnclude ll poLere gludlzlarlo che opera nella sfera della socleLa
clvlle.
Noo slomo, poloJl, ollo ttlpottlzlooe Jel potetl come stoto teotlzzoto Jo Mootespoleo.
L vero. Pegel, ln quesLo, e ln slnLonla con Locke. va soLLollneaLo, pol, che l poLerl dello SLaLo, pur dlsLlnLl,
non sono per nulla dlvlsl come nella Lradlzlone llberale, cosl come va soLLollneaLo che ll flne dello SLaLo non
e la LuLela del dlrlLLl del slngoll clLLadlnl (lncluso ll dlrlLLo dl proprleLa): quesLo e un complLo della socleLa
clvlle.
poole sotebbe, olloto, ll complto Jello 5toto?
Lo SLaLo non ha come scopo quello della slcurezza del clLLadlnl. non e, ln alLre parole, ln funzlone del
clLLadlnl, ma vlceversa. l clLLadlnl, lnfaLLl, sono Lall e sl reallzzano come Lall ln quanLo" componenLl dello
SLaLo.
5tlomo sclvolooJo oocoto oel totolltotlsmo.
L un'lnLerpreLazlone che e sLaLa daLa, LanLo plu che sl ha l'lmpresslone che Pegel faccla dello SLaLo una
sorLa dl ldolo.
come nobbes.
Con Pobbes, come abblamo vlsLo, condlvlde non poche ldee, lnclusa l'ldea dl uno SLaLo forLe. Pegel glunge
a Lal punLo da affermare che lo SLaLo e volonLa dlvlna" ( Jet 5toot lst qottllcbet wllle) e che e ll cammlno
dl ulo nel mondo a far sl che lo SLaLo sla" (es lst Jet Cooq Cottes lo Jet welt Jo Jet 5toot lst).
Mo poesto mosttooso.
L mosLruoso se legglamo lo SLaLo hegellano con l'oLLlca llberale che e un'oLLlca che ha come fulcro l dlrlLLl
del slngoll clLLadlnl. non dlmenLlchlamo che secondo Pegel lo SLaLo e l'espresslone plu alLa dello splrlLo" dl
un popolo e che lncarna non la morallLa asLraLLa dl kanL (Motolltot), ma ll bene concreLo, posslamo dlre lo
splrlLo faLLo. carne, faLLo cloe lsLlLuzlonl, Lradlzlonl. L nello SLaLo che l'lndlvlduo sa che cosa e bene fare,
conosce l suol doverl". L nello SLaLo che sl concreLlzzano l valorl splrlLuall e, qulndl, l dlrlLLl e l doverl. non
slamo ln presenza dl norme kanLlane del LuLLo formall, prlve nel modo plu assoluLo dl conLenuLl: le norme
qul hanno del conLenuLl ben preclsl che sono l'oggeLLo delle leggl, delle Lradlzlonl. Lcco perche Pegel parla
dello SLaLo come l'espresslone plu elevaLa dell'eLlclLa".
"0 A8;6220 <8 G8/63;0
poesto lettote Jl neqel. lo pleoezzo Jel volotl oo lJeole o col teoJete ollloflolto (lo SLreben Jl llcbte),
ooo ooo 5toto cbe eslste, ooo 5toto cbe oqqettlvomeote sempte lmpetfetto.
Pegel prende le dlsLanze dall'ldea dl cosLrulre uno SLaLo cosl come esso dev'essere" (eloeo 5toot, wle et
selo soll). non sl LraLLa dl lnvenLare a Lavollno un modello razlonale dl SLaLo (come ha lnlzlaLo a fare
laLone), ma, al conLrarlo, dl lndlvlduare la razlonallLa che sl e reallzzaLa nello SLaLo eslsLenLe. Lcco che egll
va alla rlcerca dello splrlLo" dl un popolo. uel resLo e quesLo lo sLesso complLo della fllosofla: essa alLro
non e che ll proprlo Lempo colLo ln penslerl" (lbte 2elt lo CeJookeo etfot). Anzl, e necessarlo che ll
proprlo Lempo sla compluLo perche ln esso sl possa vedere lnLeramenLe dlsplegaLa la razlonallLa. non e un
caso che, secondo ll nosLro, la fllosofla e come la clveLLa dl Mlnerva" (Jle ole Jet Mloetvo) che lnlzla ll
suo volo solLanLo sul far del crepuscolo" (beqloot etst mlt Jet elobtecbeoJeo uommetooq lbteo lloq).
pl cbe qlostlflcoto, olloto, llotetptetozlooe Jl neqel come llJeoloqo Jello kestootozlooe.
L'abblamo gla chlarlLo: Pegel non nega la presenza nelle leggl dl aspeLLl lrrazlonall (ad esemplo, l'lsLlLuLo del
magglorascaLo nello SLaLo prusslano) e lnvlLa a dlsLlnguere ln esse cl che e sosLanzlale" da cl che e
sempllcemenLe accldenLale". non fa qulndl dello SLaLo prusslano (dl cul pure e un ammlraLore) ll mlgllore
degll SLaLl posslblll.
una cosa e cerLa: Pegel e lonLano dall'ldea dl llchLe secondo cul ll flne dello SLaLo e quello dl esLlnguersl. Cll
lndlvldul, lnfaLLl, sono davvero llberl" solLanLo nello SLaLo.
5ooo llbetl lo poooto sottomessl ollo 5toto. oo veto e ptoptlo potoJosso.
Secondo Pegel la llberLa esalLaLa dal llberall e asLraLLa" ln quanLo separa" l'lndlvlduo dalla comunlLa:
solLanLo la llberLa nello SLaLo e una llberLa concreLa". Pegel la chlama llberLa sosLanzlale": nella famlglla
l'lndlvlduo ln quanLo Lale non eslsLe, nella socleLa clvlle sl lmpone come Lale e sl conLrappone agll alLrl, ln
parLlcolare nella sfera economlca, nello SLaLo l'lndlvlduo reallzza al masslmo la sua llberLa perche e ln
slnLonla con lo splrlLo" del popolo.
uo po come lo llbett teotlzzoto Jo koosseoo.
Sl. La llberLa sosLanzlale assume una valenza eLlca: l'lndlvlduo nello SLaLo, nella sua adeslone alla volonLe
generale", sl llbera dal suo egolsmo, dal suo aLLaccamenLo all'uLlle personale e corporaLlvo. Lcco perche
slamo ln presenza non dl una suddlLanza, ma dl una llberLa reale.
Mo pol cl ttovlomo Jl ftoote o ooo totole sottomlsslooe JellloJlvlJoo o poello sotto Jl Molocb cbe lo
5toto.
Solo nello SLaLo l'lndlvlduo pu elevarsl all'alLezza dello splrlLo unlversale. ll complLo dello SLaLo, lnfaLLl, e dl
fare la sLorla.
uo neqel ptolettoto oel fototo come llcbte. poesto ooo sotpteso.
)/0 $0?8:/6 012420
Pegel legge la sLorla come la sLorla della 8aglone.
uoo stotlo qolJoto Jo qtooJl cooJottletl.
Sl. Pegel ll chlama uomlnl cosmlco-sLorlcl": sono loro che con le guerre, con le conqulsLe, dlvenLano
lnconsapevoll sLrumenLl dell'AsLuzla della 8aglone.
Ne obblomo ql potloto.
Sl. Lcco perche dobblamo aspeLLare che un'epoca sla chlusa per poLerla gludlcare: e solo alla flne che nol
posslamo cogllerne l rlsulLaLl. MenLre una guerra e ln corso nol Lendlamo a vedere solo le dlsLruzlonl, le
vlLLlme lnnocenLl. e solo alla flne nol rlusclamo a comprendere come, aLLraverso LanLo dolore, sl e
dlsplegaLa la razlonallLa.
vool Jlte lo clvllt.
Sl, norme lsLlLuzlonl plu clvlll, cloe plu razlonall. L quanLo hanno esporLaLo l 8omanl: ll loro dlrlLLo" e
ancora oggl ammlraLo e oggeLLo dl sLudlo nelle unlverslLa. Cosl ll codlce napoleonlco che sl e dlffuso
laddove sono arrlvaLe le armaLe dl napoleone: sl LraLLa, senza dubblo, dl norme dl gran lunga plu razlonall
dl quelle ln vlgore ln precedenza.
Mo pol coJlomo oelllJeo secooJo col eslstooo ootme tozloooll cbe voooo espottote, lo poooto toll e poloJl
lo poooto oolvetsoll, coo lo fotzo.
non sl LraLLa dl cadere"ln una Lrappola: e quesLo che cl rlvela la sLorla come sl e concreLamenLe svlluppaLa.
non eslsLono del gludlcl che rlsolvono conLroversle lnLernazlonall. Le guerre, al dl la delle condanne
morallsLlche, hanno un'lmporLanLe funzlone nella sLorla. Cosl scrlve Pegel: come ll movlmenLo del venLl
preserva ll mare dalla puLredlne cul sarebbe rldoLLo da una bonaccla duraLura, cosl la guerra preserva l
popoll dalla puLredlne cul sarebbero rldoLLl da una pace duraLura o addlrlLLura perpeLua" ( oJet qot elo
ewlqet ltleJe).
uo clolco, poesto neqel.
Lgll sl senLe lonLano dall'uLopla della pace perpeLua" dl kanL. L sl senLe lonLano perche e nella sLorla che
vede ll ruolo declslvo delle guerre per far avanzare lo splrlLo nel mondo. non e un caso che sl passl dal
mondo orlenLale dove llbero e uno" solo (ll monarca) al mondo greco-romano ln cul llberl sono alcunl"
(penslamo, ad esemplo, all'escluslone delle donne e degll schlavl) per glungere al mondo crlsLlano-
germanlco ln cul llberl sono LuLLl".
5ollo cotto, pet.
1uLLl llberl ln quanLo, grazle alla Lradlzlone crlsLlano-llberale che arrlva flno a kanL, la llberLa e rlconoscluLa
ad ognl uomo ln quanLo uomo". Pegel lnslsLe sulla mlsslone culLurale del popolo Ledesco.
Aocbe lol so poslzlool oozlooollstlcbe.
Cosl lo sl e leLLo, come cosl sl e leLLo llchLe. Ambedue, LuLLavla, soLLollneano ll prlmaLo splrlLuale del popolo
Ledesco, prlmaLo che ragglunge la sua masslma manlfesLazlone nell'ldeallsmo.
uoo tesl petlcoloso.
CerLamenLe, ma e un faLLo che la culLura Ledesca del Lempo (lnclusa la fllosofla ldeallsLlca che ne e ln gran
parLe l'lsplraLrlce) sl lmpone con forza ln pressoche LuLLa l'Luropa. una culLura che, secondo Pegel,
rappresenLa un colpo d'ala rlspeLLo a quella llberal-lllumlnlsLlca.
Nello stotlo, poloJl, cl sotebbe oo floe.
Sl. L la coslddeLLa concezlone Leleologlca" dl Pegel (concezlone flnallsLlca"): nella sLorla popoll e lndlvldul
reallzzano, senza saperlo, un dlsegno provvldenzlale.
Ml pote ooo lettoto ctlstlooo lo cblove lolco.
L vero: ln Pegel la provvldenza non e quella crlsLlana, ma la 8aglone che sl dlsplega nella sLorla. Lcco, allora,
dove sl eleva ll slngolo lndlvlduo: ben olLre ll proprlo parLlculare", ben olLre gll sLessl conflnl nazlonall.
L'lndlvlduo collabora a reallzzare la sLorla dello SplrlLo nel mondo.
-4>63056/2: <8 A:/230<<898:/8
Cla, lo SplrlLo". L glunLo ll momenLo dl lnquadrare ll penslero pollLlco dl Pegel all'lnLerno della sua plu
ampla vlslone del mondo o, come la chlamano l Ledeschl, weltooscbooooq.
llJeollsmo.
Sl: proprlo perche la cosa ln se (uloq oo slcb) e conLraddlLLorla, non vl e nulla al dl fuorl del penslero, nulla
al dl fuorl dello splrlLo. Lo splrlLo, qulndl, e LuLLo. ln ulLlma anallsl, LuLLo e razlonale: lo sLesso SLaLo
(abblamo vlsLo), la sLessa sLorla. erflno la sLessa naLura - l'ha soLLollneaLo con forza un alLro grande
ldeallsLa, Schelllng - e permeaLa dl splrlLuallLa.
lo slotoolo coo koot.
Sl, ma Schelllng va olLre kanL: la splrlLuallLa e l'anlma della naLura. ne e l'anlma - e ll conceLLo romanLlco dl
naLura - nel senso che la naLura palplLa dl vlLa, dl energla.
lottlvlt, lofottl, cbe cotottetlzzo lo spltlto.
lnfaLLl. L quesLo ll leltmotlv dl LuLLa la fllosofla moderna: la maLerla e soggeLLa al deLermlnlsmo, e qulndl
passlva, menLre lo splrlLo e llbero e dunque aLLlvo.
uoo Jlstlozlooe cbloto ql lo cotteslo.
CerLo. Lo splrlLo e aLLlvo anche nella concezlone dl Locke: e l'lnLelleLLo che elabora le ldee sempllcl e
cosLrulsce le ldee complesse.
come le stesse lJee Jl sostoozo e Jl coosollt.
Sl. kanL, pol, coglle nello splrlLo un dlnamlsmo ancora magglore: e la menLe che, nel processo conosclLlvo,
organlzza l daLl senslblll, fondando ln Lal modo la sclenza.
llcbte vo oocoto pl lo l. lo spltlto loflolto ottlvlt llbetottlce.
un perenne superamenLo dl llmlLl. Ld Pegel e ln slnLonla con llchLe: anche secondo lul l'aLLlvlLa dello splrlLo
sl esprlme ln un processo dl superamenLo.
lAufhebung Jl col obblomo ql potloto.
Sl. non slamo, per, ln presenza dl llmlLl", ma dl conLraddlzlonl". ll penslero, ln alLre parole, e un processo
dl superamenLo dl conLraddlzlonl.
Ml pote potoJossole. se ooo vl oollo ol Jl footl Jel peosleto e se ll peosleto coloclJe coo lo tozlooollt, lo
coottoJJlzlooe sotebbe ll ptoJotto Jello tozlooollt!
1lenl presenLe che ll penslero, secondo Pegel, sl arLlcola ln funzlonl dlverse: un conLo e l'lnLelleLLo"
(vetstooJ) e un conLo la raglone" (vetoooft).
uoo Jlstlozlooe ql kootlooo.
Sl, ma Pegel ne rovescla ll slgnlflcaLo. Secondo kanL e l'lnLelleLLo che svolge una funzlone poslLlva ln
quanLo, con le sue caLegorle, da fondamenLo alla sclenza, menLre la raglone, con la sua preLesa dl andare
olLre l'orlzzonLe dell'esperlenza, approda a un non-sapere che e la meLaflslca. Secondo Pegel, lnvece, la
funzlone dell'lnLelleLLo e quella dl separare cl che e lnLrlnsecamenLe unlLo (e per quesLo che egll lo chlama
lnLelleLLo asLraLLo", lnLelleLLo cloe che separa"). Sl LraLLa dl una funzlone negaLlva, ma necessarla: se non
cl fosse la separazlone, non cl sarebbe la conLraddlzlone e se non vl fosse la conLraddlzlone, non cl sarebbe
ll moLore del superamenLo.
Mo petcb mol lo sepotozlooe Jovtebbe compottote coottoJJlzlooe?
rovlamo a pensare alla parLe". Se penslamo alla parLe separaLa dal LuLLo, penslamo a una parLe che. non
e una parLe: che parLe sarebbe se non fosse posLa ln relazlone - ln quanLo opposLa - al LuLLo? L quesLa la
conLraddlzlone: se separlamo la parLe dal LuLLo, cl che penslamo come parLe" e non parLe".
Separare, qulndl, slgnlflca conLraddlrsl, cadere ln conLraddlzlone. L quesLa conLraddlzlone la molla che
splnge la raglone" a superarla. La conLraddlzlone, dunque, cosLlLulsce lo sLlmolo necessarlo del progresso.
uoo coottoJJlzlooe loqlco ll motote Jel ptoqtesso? Ml sembto oolJeo compoto pet otlo.
Secondo Pegel la conLraddlzlone loglca e ben lncarnaLa. ensa all'esploslone del dlrlLLl lndlvlduall e delle
llberLa LeorlzzaLe dalla Lradlzlone crlsLlano-llberale, allo sconLro Lra lnLeressl prlvaLl nella sfera economlca.
cl cbe obblomo Jeflolto ll teqoo Jello sclsslooe
AppunLo, ll regno della separazlone", vale a dlre ll prodoLLo dell'lnLelleLLo asLraLLo": e l'lnLelleLLo asLraLLo
che separa l'lndlvlduo dalla comunlLa a cul e lnLrlnsecamenLe legaLo.
Mo totto poesto Jo cooslJetote ooo coopolsto Jello clvllt.
Lo pensa anche Pegel che - come abblamo plu volLe rllevaLo - non ha mal rlnnegaLo le grandl acqulslzlonl
della 8lvoluzlone francese. Ma l'lndlvlduallLa conLrapposLa alla colleLLlvlLa genera solo dannl, dlsgregazlone,
dlsordlne, a parLlre dagll egolsml dl caraLLere economlco. ua qul la necesslLa dl andare olLre le conqulsLe
crlsLlano-llberall, olLre la conLraddlzlone che comporLa la separazlone Lra lndlvlduo e colleLLlvlLa, Lra slngolo
clLLadlno e popolo (volk).
lo oecesslt Jl qlooqete ollo llbett sostoozlole Jl neqel.
Sla chlaro: non sl LraLLa dl glusLlflcare la 8esLaurazlone che sl poneva l'obleLLlvo dl rlporLare l'ordlne dove
c'era ll caos. Sl LraLLa dl aprlre una nuova epoca sLorlca che conservl le conqulsLe oLLenuLe a parLlre da
LuLero, ma nello sLesso Lempo, le elevl a un llvello superlore, al llvello dello splrlLo del popolo. Come vedl,
non slamo ln presenza dl una sempllce conLraddlzlone menLale: qul sLlamo parlando dl processl sLorlcl, dl
processl che durano nel Lempo.
Mo sl ttotto comoopoe, Jl ooo coottoJJlzlooe loqlco. sepotote lloJlvlJoo Jollo comoolt lo stesso cbe
sepotote lo potte Jol totto.
lnfaLLl. Ld e come separare ll mezzo" dal flne".
come oel coso Jello qoetto.
L cosl, secondo Pegel: non sl pu separare ll mezzo" (la guerra) dal flne" (l rlsulLaLl ln Lermlnl dl clvllLa
dlffusa nel mondo).
uoopetozlooe motollstlco cbe neqel cooJoooo.
Cla, un'operazlone dell'lnLelleLLo asLraLLo: ecco perche solo quando sl ha presenLe ll LuLLo" (quando
un'epoca sl e conclusa) e posslblle cogllere la funzlone razlonale della parLe" (la guerra) e la funzlone
razlonale dl quella parLe" che e rappresenLaLa dalle amblzlonl del slngoll uomlnl cosmlco-sLorlcl".
'7 ;63: H 87 #422:
cco poloJl lo foozlooe stesso Jello fllosoflo cbe come lo clvetto cbe splcco ll volo ol ttomooto Jel sole.
lnfaLLl: e solo ll LuLLo che rlvela la razlonallLa. L quanLo soLLollnea Pegel nella leoomeooloqlo Jello 5pltlto: ll
vero e ll LuLLo.
solo ulo, Joopoe, lo vetlt.
Sl: e la sLessa raglone (vetoooft) che cl conduce al punLo dl vlsLa dl ulo, ll punLo dl vlsLa dell'lnLero.
come oello coocezlooe oqostlolooo.
CerLo: e solo dall'alLezza della provvldenza dlvlna che sl possono cogllere l nessl Lra l slngoll evenLl (anche la
sofferenza degll lnnocenLl) e ll loro flne.
Solo la slnLesl" e la verlLa. La slnLesl, per, non e un daLo lmmedlaLo, ma ll rlsulLaLo" dl un processo. La
verlLa, dl conseguenza, non e un punLo dl parLenza, ma dl arrlvo.
lo slotesl, Joopoe, pet essete teollzzoto, bo blsoqoo Jello sclsslooe.
lnfaLLl. L ll processo che Pegel chlama dlaleLLlco": sl parLe dalla Lesl" (ln quesLo caso la famlglla), sl passa
dalla socleLa clvlle" (anLlLesl) per glungere allo SLaLo" (appunLo, la slnLesl).
5l potte clo Jo ooo oolt pet ottlvote o ooo oolt sopetlote.
L cosl: l'unlLa Lra lndlvlduo" e comunlLa" che sl concreLlzza nello SLaLo, come abblamo vlsLo, non e un
sempllce rlLorno all'unlLa orlglnarla della famlglla.
Abblomo sempte o cbe veJete col coocetto Jl Aufhebung. sl sopeto, s, ll pooto Jl vlsto JellloJlvlJoo, mo
oocbe lo sl coosetvo.
L ll caso dl agglungere che ll processo dlaleLLlco non e escluslvo dl Pegel perche e gla presenLe ln 8ousseau:
lo sLaLo dell'armonla orlglnarla, lo sLaLo della decadenza che fa enLrare nella sLorla ll regno dell'egolsmo per
glungere alla democrazla dlreLLa che rappresenLa (penslamo alla voloot qotole) una nuova e superlore
armonla.
un processo Lrladlco, quello dl 8ousseau, che rlcalca l'analogo processo presenLe nella vlslone crlsLlana
della sLorla: l'armonla del paradlso LerresLre (armonla Lra uomlnl e uomlnl e naLura), ll peccaLo che separa
l'uomo da ulo e dalla naLura, e la 8edenzlone dl CrlsLo che rlconcllla l'uomo con ulo.
)/0 8/C678A82@ 12342243076
no lo seosozlooe cbe lo tellqlooe cootlool o svolqete lo soo lofloeozo oocbe lo peosototl Jel totto lolcl.
lnfaLLl. Pegel glunge ad affermare che la rellglone e la verlLa per LuLLl gll uomlnl" ( Jle kellqloo lst Jle
wobtbelt fot olle meoscbeo). non dobblamo pol dlmenLlcare che la LemaLlca rellglosa e sLaLa uno del prlml
amorl dl Pegel. Lo sl coglle nelle sue rlflesslonl glovanlll ln cul e gla chlaro ll suo lnLeresse a rlcomporre le
sclsslonl. Come la sclsslone Lra l'uomo e ulo nella rellglone ebralca.
Nel seoso cbe qll ebtel cootlooooo oJ otteoJete oo Messlo cbe ooo vleoe mol.
Sl, ma anche nel senso che ll ulo del vecchlo 1esLamenLo e un ulo Lerrlblle, un ulo lonLanlsslmo dall'uomo.
ua qul, secondo Pegel, l'lnfellclLa dl fondo del popolo ebralco, un'lnfellclLa che, al conLrarlo, nel
crlsLlaneslmo non c'e.
Nello tellqlooe ctlstlooo, lofottl, ulo sl fotto oomo.
non solo: l'amore, l'oggeLLo del messagglo radlcale dl Cesu CrlsLo, unlsce l'uomo e ulo e gll uomlnl Lra loro.
L un messagglo dl unlone, dl conclllazlone.
Lo sLesso crlsLlaneslmo, per, sublsce a sua volLa una lnvoluzlone.
uoo. sclsslooe.
Sl, da messagglo squlslLamenLe morale, da rellglone ln cul lo splrlLo" ha ll prlmaLo sulla leLLera", ll
crlsLlaneslmo dlvenLa lsLlLuzlone, gerarchla, dogml.
5l scletotlzzo come lebtolsmo.
L cosl. ln esso lo splrlLo sl Lrasforma ln rlgldl preceLLl. ua rellglone soggeLLlva", ln alLre parole, dlvenLa
oggeLLlva", lsLlLuzlonallzzaLa, dogmaLlca.
uoo tellqlooe seozoolmo. uoo tellqlooe cbe Jl fotto moote.
ll nosLro - l'abblamo vlsLo - e affasclnaLo dalla volkstellqloo (rellglone popolare) della plls greca, un Llpo dl
rellglone ln cul soggeLLlvlLa" e oggeLLlvlLa", prlvaLo" e pubbllco" sl fondono ln una unlLa organlca.
)/ +8: AF6 /:/ HI 50 <8;6/20
8lcomporre cl che e separaLo, arrlvare a una slnLesl concreLa": e quesLo ll cavallo dl baLLaglla dl Pegel che
rlLrovlamo ln LuLLe le sue grandl opere, dalla leoomeooloqlo Jello 5pltlto all'oclclopeJlo Jelle scleoze
fllosoflcbe al lloeomeotl Jl fllosoflo Jel Jltltto. L ln Lale loglca che ll nosLro crlLlca llchLe: ln lul vede un
caLLlvo lnflnlLo.
lo SLreben flcbtlooo, lo teoslooe ollloflolto, lloflolto sopetomeoto Jl llmltl.
Cla, una Lenslone che denoLa, come nell'ebralsmo, una sLruLLurale lnfellclLa: un complLo all'lnflnlLo
dell'uomo dl dlvenLare ulo senza mal dlvenLarlo.
lo neqel, lovece, lo 5pltlto Jlveoto ulo.
L proprlo cosl: lo SplrlLo dlvenLa consapevole dl essere l'lnflnlLo, dl essere qulndl ulo.
AccoJe coo llJeollsmo.
Sl, una volLa caduLo ll conceLLo dl cosa ln se" ln quanLo conLraddlLLorlo, ll penslero sa dl essere l'lnLero.
Mo oocbe llcbte bo poesto coosopevolezzo.
Sl, ma llchLe conserva un'opposlzlone Lra lo e non-lo, Lra l'lo come aLLlvlLa e ll non-lo come llmlLe da
superare all'lnflnlLo. ln llchLe, dunque, ll llmlLe e sempllcemenLe sposLaLo all'lnLerno del penslero.
'7 163;: AF6 <8;6/20 >0<3:/6
Mo ll llmlte pteseote oocbe lo neqel. lo coottoJJlzlooe, ftotto Jello sepotozlooe ptoJotto Jolllotelletto
osttotto.
Sl, ma e appunLo la conLraddlzlone che splnge ad andare olLre, a rlcomporre cl che e sLaLo separaLo. L
nella sLorla che sl coglle quesLa dlaleLLlca Lra momenLl domlnaLl dall'lnLelleLLo asLraLLo" e momenLl
domlnaLl dalla raglone". enslamo al rapporLo Lra servo (Jet koecbt) e slgnore (Jet nett) Llplco dell'epoca
anLlca, rapporLo che sl lnsLaura nel momenLo ln cul, nella loLLa Lra lndlvldul, chl con coragglo rlschla la vlLa
dlvenLa slgnore" e chl sl arrende per paura dl perdere la vlLa dlvenLa servo". L ln quesLo rapporLo dl
slgnorla sul servo che ll slgnore dlvenLa auLocosclenLe. Ma pol e ll servo che sl Lrova a vlvere una poLenLe
presa dl consapevolezza: egll e, sl, servo, ma, grazle al lavoro, grazle cloe al suo oggeLLlvarsl" (al suo
reallzzare qualcosa dl oggeLLlvo), prende cosclenza che ll slgnore dlpende da lul e che qulndl ln realLa e ll
slgnore ll suo servo.
c oo tovesclomeoto Jl tooll.
Sl: ll servo dlvenLa padrone e ll padrone servo.
ll poJtooe, pet, tlmooe sempte poJtooe e ttotto sempte ll setvo come oo setvo.
CerLo, ll processo dlaleLLlco che avvlene grazle al lavoro rlmane all'lnLerno della cosclenza.
neqel, Joopoe, volotlzzo molto ll lovoto.
L su quesLa sLrada che Marx glungera a Leorlzzare ll lavoro come la naLura sLessa dell'uomo: e grazle al
lavoro, al processo cloe dl oggeLLlvazlone dl se sLesso, che l'uomo sl reallzza come uomo.
5l teollzzo petcb, oello ttosfotmozlooe Jello oototo, ptoletto le soe copoclt tozloooll.
L cosl. Ld e nella razlonallLa proleLLaLa nell'oggeLLo che coglle se sLesso. ll servo, pol, nel lavoro coglle, lul
servo, la sua llberLa", la sua auLonomla dal slgnore. Sl LraLLa, naLuralmenLe, dl una llberLa puramenLe
lnLerlore. L quella LeorlzzaLa nell'anLlchlLa dallo sLolclsmo: sl pu essere llberl anche ln caLene perche cl
che conLa e l'auLoconLrollo, la llberLa appunLo lnLerlore. Con lo sLolclsmo, dl faLLo, sl nega ll mondo esLerno
e cl sl raccoglle ln quello lnLerlore. una negazlone che e chlarlsslma nello sceLLlclsmo che dlmosLra la
sflducla nella posslblllLa umana dl conoscere la realLa, dl ragglungere qulndl la verlLa.
Mo oocbe lo scettlco vlve oel mooJo e poloJl lo cooslJeto teole.
Sl. Lcco la conLraddlzlone ln cul sl Lrova: da un laLo nega ll mondo (la sua accesslblllLa) sul plano conosclLlvo,
dall'alLro lo uLlllzza sul plano praLlco.
La sclsslone e ancora plu evldenLe nella coslddeLLa cosclenza lnfellce" (ooqlockllcbe 8ewosstselo) che
caraLLerlzza la cosclenza rellglosa.
lotllomo Jl tellqlooe ebtolco.
ul slcuro nell'ebralsmo Lrovlamo la masslma sclsslone Lra la nulllLa dell'uomo e l'onnlpoLenza dl ulo.
lo stesso toppotto cbe c tto ll setvo e ll slqoote.
ln qualche mlsura, sl: l'uomo e LoLalmenLe ln balla dl un Slgnore che e padrone della vlLa e della morLe.
uoo sclsslooe cbe ll ctlstlooeslmo oooollo.
non del LuLLo ln quanLo CrlsLo e vlssuLo lonLano nel Lempo e nello spazlo" per cul e perceplLo dal posLerl
come remoLo e perche, ln quanLo rlsorLo, apparLlene al mondo dell'aldlla.
nel crlsLlaneslmo la sclsslone Locca ll suo aplce nell'asceLlsmo quando l'uomo glunge a umlllare la proprla
carne. La cosclenza lnfellce, LuLLavla, e solo un momenLo (anche se duraLo a lungo) desLlnaLo ad essere
superaLo.
'7 16/1: <6770 12:380
lo fellclt, poloJl, ll Jestloo Jello coscleozo.
Sl, lo SplrlLo sara fellce quando, dopo una serle dl lacerazlonl e rlcomposlzlonl, sapra dl essere ulo.
ulo, Joopoe, ooo eslste Jo sempte, come oello vetslooe tellqloso, mo Jlvleoe tole oel tempo.
lnfaLLl: ulo dlvenLa cosclenLe dl essere ulo solo con l'ldeallsmo hegellano, un ldeallsmo che va olLre quello
dl llchLe e quello dl Schelllng. L'ldeallsmo dl quesL'ulLlmo, secondo Pegel, parla sl dl un ulo come la
1oLallLa, ma Lale 1oLallLa non e conceplLa come ll rlsulLaLo dl un processo sLorlco, ln quanLo oggeLLo
dell'lnLulzlone arLlsLlca. Sl LraLLa dl un ulo che e slnLesl lndlfferenzlaLa dl splrlLo e naLura, dl soggeLLo e
oggeLLo, dl consclo e dl lnconsclo, dl llberLa e necesslLa.
ulo, Joopoe, sotebbe occesslblle ooo ol socetJotl, ooo ol fllosofl, mo solo oqll ottlstl petcb lo stesso otte
cbe lmpllco oo lbtlJo Jl coosopevolezzo e Jl lspltozlooe locoosclo.
Sl. Secondo Pegel, lnvece, l'arLe ha sl un lmporLanLe ruolo conosclLlvo (ne rlparleremo), ma e solo con la
fllosofla che posslamo accedere a ulo. C'e pol un alLro moLlvo che splnge Pegel a Lenersl alla larga da
Schelllng: l'AssoluLo conceplLo da quesLl e una sorLa dl noLLe ln cul LuLLe le vacche sono nere".
vool Jlte cbe lo ulo ooo vl sotebbeto Jlstlozlool lo poooto totto lo esso loJlffeteozloto.
L cosl. ll rlsulLaLo, lnvece, del processo dlaleLLlco dello SplrlLo, essendo la slnLesl flnale, non pu che
conservare" LuLLo (sla Lesl che anLlLesl).
loolt Jeqll oppostl Jl tocllto.
Slamo, pur ln conLesl dlversl, sulla sLessa lunghezza d'onda.
lloteto, Joopoe, cooceplto Jo neqel come lloflolto coocteto, ooo osttotto, lloflolto cbe cootleoe totte
le Jlffeteoze.
non sl LraLLa, LanLo per dare un'ldea, dl una sorLa dl essere parmenldeo.
uo essete tooto loJetetmlooto Jo ooo cooteoete olcooo Jlffeteozo.
1anLo lndeLermlnaLo - soLLollnea Pegel - da colncldere col suo opposLo: ll nulla. ll ulo dl Pegel, lnvece, e sl
Lssere (anche ll penslero ln dlvenlre e"), ma un Lssere concreLo", rlcco cloe dl LuLLe le coslddeLLe
deLermlnazlonl".
ul totte le cose.
LsaLLo.
5lomo Jl ftoote o ooo fotmo Jl pootelsmo.
CerLo: non vl e nulla al dl fuorl del penslero, nulla al dl fuorl dello splrlLo, nulla ln ulLlma anallsl al dl fuorl dl
ulo. Ld e proprlo dall'alLezza del 1uLLo" che sl possono cogllere le parLl" non come separaLe, ma come
parLl appunLo del 1uLLo. Ld e da quesLo punLo dl vlsLa che sl coglle la funzlone poslLlva (qulndl necessarla)
della sclsslone, come e da quesLo punLo dl vlsLa che sl coglle ll senso della sLorla.
ll seoso ptovvlJeozlole Jello stotlo.
Sl, anche ll senso ulLlmo dl quegll evenLl orrendl che sono le guerre. L da quesLa alLezza che sl perceplsce
come LuLLa la sLorla ha come unlco flne ll dlvenLare ulo dl ulo, ll suo prendere cosclenza dl essere l'lnLero.
)/=%>8C0/80 8/ AF80;6 708A0
Ml pote, ll pooto Jl vlsto Jl neqel, ooo pteteso ossotJo. come peosoblle cbe loomo, oo eote flolto, posso
obbtocclote lloflolto e coqllete ll 1otto come lo coqlle ulo?
non e l'lndlvlduo Pegel che prende cosclenza dl essere ulo: ll nosLro non fa alLro che leggere la sLorla che gll
appare come una manlfesLazlone dl ulo, ovvero una Leofanla.
uoo sotto Jl plfoolo lo cblove lolco.
Sl.
Ml pote oo peccoto Jl hybrls. lo pteteso Jl leqqete lo stotlo Jello fllosoflo e lo stesso stotlo come oo
ptocesso cbe cooJoce ollo. loJlozlooe Jl ulo.
L vero, ma per caplre Lale approcclo dobblamo Lenere presenLe che quesLo e ll punLo dl vlsLa dell'ldeallsmo:
se ulo e l'lnflnlLo, l'lnLero, la 1oLallLa, l'orlzzonLe del penslero alLro non e che l'orlzzonLe dl ulo. un
orlzzonLe - l'abblamo deLLo plu volLe - che non e ll fruLLo dl un'lnLulzlone dl un slngolo uomo (vuol un
sacerdoLe, un arLlsLa o un fllosofo), ma ll rlsulLaLo dl un processo sLorlco.
ltesoppooe poloJl koot. Jo pol, Jolloffetmozlooe Jello coso lo s come locooosclblle cbe scotto ll
sopetomeoto tto peosleto e mooJo.
Sl, come presuppone un po' LuLLo ll penslero moderno, a parLlre da CarLeslo, che rlvela una profonda
lacerazlone Lra ll pensare e l'essere, Lra ll pensare e le cose.
uo pooto Jl vlsto pteseote oocbe oellempltlsmo. cl cbe ll peosleto petceplsce ooo sooo le cose, mo le
lJee, vole o Jlte le lmmoqlol, le toppteseotozlool.
una lacerazlone che vlene ulLerlormenLe esasperaLa ln kanL che sosLlene (l'abblamo appena deLLo) non
solo l'eslsLenza della cosa ln se (come conceLLo-llmlLe), ma anche la sua lnconosclblllLa.
uoo locetozlooe cbe vleoe sopetoto JolllJeollsmo, mo pol veJo lootltesl e veJo lo slotesl, mo ooo lo tesl.
LffeLLlvamenLe, come abblamo deLLo e rldeLLo, la slnLesl e un rlLorno alla Lesl, conservando per la sLessa
anLlLesl come superaLa. L la Lesl e, ln ulLlma anallsl, la concezlone parmenldea (e per lo plu la fllosofla
anLlca) secondo cul pensare e pensare l'essere.
lo spltlto, Joopoe, totoo olloototo Jel fllosofote.
vl rlLorna, ma senza l'lngenulLa dl armenlde: e proprlo grazle alla lacerazlone operaLa dalla fllosofla
moderna Lra pensare ed essere che ll penslero prende consapevolezza della conLraddlLLorleLa dl Lale
lacerazlone. La slnLesl, dl conseguenza, reglsLra un noLevole passo ln avanLl della cosclenza rlspeLLo alla Lesl.
Nello slotesl, poloJl, oqol fotmo Jl scettlclsmo vleoe Jebelloto.
lnfaLLl: proprlo perche e conLraddlLLorla la cosa ln se", quello che ll penslero coglle non e l'lmmaglne dl una
cosa sconoscluLa, ma lo sLesso essere, la sLessa. cosa. La slnLesl, cloe, fonda cl che ln un prlmo momenLo
non ha alcun fondamenLo.
Aocoto Jl pl oppote cbloto lo foozlooe posltlvo Jello sclsslooe.
una funzlone essenzlale: senza sclsslone non c'e conLraddlzlone (lo sLlamo rlpeLendo a losa) e senza
conLraddlzlone non vl e superamenLo.
Nello slotesl, poloJl, sooo pteseotl slo lo tesl cbe lootltesl, vlste pet come Jel momeotl cbe veoqooo
sopetotl oello loto sepotozlooe.
8lcordlamocl: la parLe e Lale solo ln relazlone al 1uLLo. ul conseguenza, sl pu cogllere ll senso della parLe
solo all'lnLerno del 1uLLo.
5olo ulo, Joopoe, po lllomloote lo sloqolo potte oello soo telozlooe col 1otto.
nella relazlone con la slnLesl e, ln ulLlma anallsl, con quella slnLesl che e la 1oLallLa, cloe con ulo.
)/0 50/8C612098:/6 <677: 1>8382:
Aocbe lotte, Joopoe, vleoe colto oello soo telozlooe coo lloteto.
Sl, l'arLe, anzl, e gla una manlfesLazlone dello SplrlLo (perflno un sempllce manufaLLo rlvela plu splrlLuallLa
che la sLessa naLura).
Noo , Jl cooseqoeozo, opeto Jl oo sloqolo ottlsto.
ulclamo che ll slngolo arLlsLa e uno sLrumenLo aLLraverso ll quale sl esprlme lo splrlLo dl un popolo.
cl stlomo tlcolleqooJo, poloJl, ol peosleto polltlco Jl neqel.
Sl, a quello che abblamo chlamaLo SplrlLo oggeLLlvo", lo SplrlLo cloe che ha lmpregnaLo dl splrlLuallLa
cosLuml, lsLlLuzlonl, la sLessa arLe. nell'arLe la splrlLuallLa (ll messagglo) prende una forma senslblle. L
l'esLeLlca che, rlfleLLendo sulle opere d'arLe, ne coglle l conLenuLl splrlLuall.
cooteootl spltltooll cbe ooo sempte oqevole Jeclftote.
Pegel vede nella sLorla Lre dlversl llvelll dl arLe, slmbollca, classlca e romanLlca: l'arLe slmbollca ln cul la
forma senslblle prevale sul conLenuLl, l'arLe classlca ln cul forma e conLenuLl sono ln perfeLLo equlllbrlo
(pensa, ad esemplo, alle sLaLue dl lldla) e l'arLe romanLlca ln cul ll conLenuLo splrlLuale e LanLo rlcco che
non rlesce a Lrovare una forma senslblle adeguaLa.
Ool ooo veJo olcooo slotesl. Aozl, semmol poesto sl ttovo oellotte closslco.
L vero. non LuLLe le Lrladl hegellane cl appalono coerenLl. ln quesLo caso lo squlllbrlo Llplco dell'arLe
romanLlca sLa a lndlcare che l'arLe e desLlnaLa a morlre, a dlssolversl per dare spazlo ad alLre forme dl
conoscenza.
'7 A381280/6185: 07 ;6328A6 <6776 3678?8:/8
un'alLra manlfesLazlone dello SplrlLo e la rellglone.
Mo lo tellqlooe sl boso sollo feJe, ooo sollo toqlooe.
Senz'alLro, ma la rellglone e comunque una modallLa dl conoscenza dl ulo che vlene colLo non denLro una
forma senslblle (come nell'arLe), ma nell'lnLerlorlLa dell'uomo.
Nello toppteseotozlooe tellqloso Jl ulo.
Cla, nelle rappresenLazlonl che apparLengono all'lmmaglnarlo dell'uomo. Anche la rellglone, secondo ll
nosLro, reglsLra nella sLorla Lre momenLl: ll momenLo ln cul ulo vlene colLo nella naLura (penslamo al
feLlclsmo), ll momenLo ln cul vlene perceplLo come ersona (qulndl come splrlLuallLa) e ll momenLo ln cul
ulo e colLo come slnLesl dl flnlLo e lnflnlLo, dl splrlLo e naLura.
ll ctlstlooeslmo?
ll crlsLlaneslmo sl Lrova all'aplce del Lerzo momenLo: la flgura dl Cesu CrlsLo, flgllo dl ulo, rappresenLa
proprlo l'unlLa dl flnlLo e lnflnlLo, la sLessa 1rlnlLa alLro non e che un'lmmaglne che esprlme ll processo
Lrladlco dello SplrlLo.
ll llvello pl olto Jello cooosceozo Jl ulo, poloJl, ooo po cbe essete toppteseototo Jollo fllosoflo.
lnfaLLl. Se nell'arLe lo SplrlLo (ulo) sl manlfesLa medlanLe la forma senslblle", se nella rellglone sl esprlme
LramlLe lmmaglnl", nella fllosofla vlene colLa medlanLe l conceLLl". L la sLorla della fllosofla alLro non e che
la sLorla dello SplrlLo che, medlanLe conLlnue sclsslonl e rlcomposlzlonl, dlvenLa consapevole dl essere
l'lnLero.
"=0786/098:/6
Nello stotlo Jello fllosoflo, poloJl, oqol fllosoflo esptlme solo oo momeoto Jello vetlt.
L cosl: non eslsLono fllosofle erronee, o megllo, ognl fllosofla e vera per cl che dlce ed e erraLa per cl che
nega.
letcb solo lloteto lo vetlt.
AppunLo. nella sLorla della fllosofla, lnfaLLl, ognl fllosofla e funzlonale rlspeLLo a quella successlva.
lo stotlo Jello fllosoflo, Joopoe, lo oltlmo ooollsl lo stesso fllosoflo cbe sl svlloppo sopetooJo l momeotl
pteceJeotl.
Sl, e la sLessa fllosofla perche ll soggeLLo e unlco, cloe lo SplrlLo: e esso che man mano supera LuLLe le sue
conLraddlzlonl (fruLLo delle sclsslonl) e prende consapevolezza dl non avere nulla al dl fuorl dl se, ne la
naLura, ne la sLorla, ne un ulo LrascendenLe.
lo fllosoflo, Joopoe, osslmlloto o oo otqoolsmo vlveote lo col oqol potte (oqol sloqolo fllosoflo)
sttettomeote lo telozlooe coo le oltte.
Sl, ln slnLonla del resLo con lo sLesso laLone che vede le ldee non lsolaLe, ma Lra loro ln relazlone.
Ooolcoso pet ooo ml totoo. come sl cooclllo coo tole lmpostozlooe lo tesl beqellooo secooJo col lo fllosoflo
ll ptoptlo tempo colto oel peosletl?
Cgnl fllosofla e organlcamenLe legaLa al suo Lempo, ne e anzl una rlflesslone Lesa a cogllerne la razlonallLa
(e lmpensablle che un fllosofo possa andare olLre ll suo Lempo). Cgnl fllosofla, per, e solo un momenLo dl
un'evoluzlone.
uoevolozlooe cbe bo come motote lo coottoJJlzlooe.
lnfaLLl. Lo SplrlLo, prlma dl rlconoscersl come ulo, ha blsogno dl perdersl, dl dlvenLare alLro da se, dl
cogllersl flnlLo" quando lnvece e lnflnlLo". Ma solo perdendosl, allenandosl", dlvenLando, appunLo, alLro
da se", che lo SplrlLo sl rende conLo della conLraddlLLorleLa dl Lale sclsslone: da qul la consapevolezza dl
essere l'lnflnlLo, cloe ulo.
DJ8?78: <67 14: 265>:E
uo peosotote fotte, poesto neqel, mo Jel totto loottoole.
ul slcuro, per usare le sue parole, clascuno dl nol e flgllo del suo Lempo" ( 5obo seloet 2elt), un Lempo olLre
ll quale nessuno pu salLare". L un faLLo, comunque, che la sua lnfluenza ln Luropa e sLaLa noLevole e ben
al dl la della sua epoca. nel novecenLo abblamo avuLo anche un ldeallsmo LuLLo lLallano con due fllosofl dl
alLa sLaLura quall 8enedeLLo Croce e Clovannl CenLlle.
llJeoloqo, poestoltlmo, Jel fosclsmo.
Sl, e sLaLo lul che ha LeorlzzaLo lo SLaLo eLlco" ln chlave fasclsLa.
uoo 5toto totolltotlo.
L vero, ma un conLo e Clovannl CenLlle che e vlssuLo ln una Lemperle pollLlca compleLamenLe dlversa e un
conLo Pegel. ll fllosofo Ledesco, come abblamo gla anLlclpaLo, ha lsplraLo sla pensaLorl dl desLra che dl
slnlsLra.
Abblomo fotto tlfetlmeoto o Motx.
Anche secondo Marx la sLorla e un processo dl superamenLo dl conLraddlzlonl.
Noo cettomeote Jl cotottete loqlco.
Secondo Marx ll moLore della sLorla e la loLLa dl classe. Anche sulla concezlone del lavoro Pegel ha
lnfluenzaLo Marx: e grazle a quesLo che l'uomo proleLLa ln un oggeLLo la sua personallLa, la sua lnLelllgenza,
la sua fanLasla, reallzzando cosl plenamenLe se sLesso.
Al dl la dell'lnfluenza che ha avuLo, e un daLo dl faLLo che Pegel ha posLo eslgenze ancora aLLuall. L'eslgenza,
ad esemplo, dl una pollLlca che vada olLre gll lnLeressl prlvaLl.
Mo neqel bo occeotooto tolmeote tole lstoozo Jo fote Jello 5toto ooo veto e ptoptlo Jlvlolt o col ll sloqolo
totolmeote sobotJlooto. cl voole, Jl slcoto, ooo meJlozlooe tto le eslqeoze loJlvlJooll o Jl qtoppo e poelle
collettlve, mo poesto ql ll toolo cbe svolqe ooo 5toto llbetol-Jemoctotlco, ooo moJello Jl 5toto cbe neqel
oeqo.
lnfluenzaLo ln quesLo dal modello lnglese. non c'e dubblo che egll fosse ossesslonaLo dall'eslgenza dl
andare olLre gll lnLeressl parLlcolarl dl cul ll parlamenLo lnglese era oggeLLlvamenLe la cassa dl rlsonanza.
lnLeressl parLlcolarl (vedl la rlcerca esasperaLa del proflLLo, l'accumulo dl enorml rlcchezze ln mano a poche
persone) che erano alla base della mlserla della classe del lavoraLorl.
uo neqel otteoto olle eslqeoze Jel ptoletotloto. oooltto sotpteso!
Lgll non solo sLlgmaLlzzava la mlserla, ma anche l'eccesslva parcelllzzazlone del lavoro che rendeva ll lavoro
sLesso oLLuso.
ueoooclovo, mo pol ooo cooceJevo ol popolo olcooo posslblllt Jl loclJete o llvello polltlco.
lnfaLLl, secondo lul ll popolo era una sempllce molLlLudlne che operava ln modo lrrazlonale. Lcco l'ldea che
le leggl dovessero essere pensaLe ed elaboraLe da una colLa e preparaLa burocrazla (mlnlsLrl e alLl
funzlonarl, LuLLl dl nomlna regla), burocrazla ln grado dl conoscere l blsognl della genLe megllo della genLe
sLessa.
uolJeo, poesto, oooctoolstlco.
lorse non del LuLLo: non e un caso che nell'unlone europea, laddove l probleml sono parLlcolarmenLe
complessl, a governare sono dl faLLo l coslddeLLl eurocraLl che non hanno avuLo alcuna lnvesLlLura dal
popolo.
Mo poesto lo motte Jello Jemoctozlo.
La democrazla sl dlsplega masslmamenLe a llvello dl governo dl plccole comunlLa dove l probleml sono
relaLlvamenLe sempllcl. lu lnvece quesLl dlvenLano complessl, dlvenLa fondamenLale selezlonare delle
persone compeLenLl.
Cl, mo tocco ol pottltl, lo oo slstemo Jemoctotlco, cooJlJote toll petsooe.
L vero, ma e anche vero che non e auLomaLlco che l compeLenLl abblano LanLo carlsma da conqulsLare ll
consenso degll eleLLorl. C'e sempre ll rlschlo che a vlncere slano l demagoghl dl Lurno.
5ooo ptobleml ql sollevotl oello Cteclo closslco Jo 5octote e, soptottotto, Jo llotooe. lo polltlco
slcotomeote oootte ooblllsslmo, mo oocbe molto Jlfflclle, tooto pl lo oo teqlme Jemoctotlco.
Cl che conLa e non farsl lncanLare da modelll LoLallzzanLl: vedl lo sLesso modello dl laLone.
Mo oocbe ll moJello etlco Jl neqel. lo polltlco ooo costtozlooe totto omooo, ftotto Jl pozleotl
meJlozlool Jl oometosl pootl Jl vlsto. Noo obblomo blsoqoo Jl scomoJote ulo o lo 5pltlto o lAstozlo Jello
koqlooe. Noo obblomo blsoqoo Jl qoto cbe pteteoJooo Jl etqetsl ol pooto Jl vlsto Jellloteto e Jl leqqete ll
seoso e ll floe Jello stotlo.
Cla. L ll caso dl preclsare, ln concluslone, che nol qul cl slamo soffermaLl con una cerLa amplezza solo sul
penslero pollLlco. L'abblamo faLLo perche non solo sl LraLLa dl una LemaLlca che ln qualche mlsura solleva
probleml ancora aLLuall, ma anche perche e la plu accesslblle.
vool Jlte cbe ll testo ostlco.
Slamo lonLanl dalla prosa dl Locke, dl Pume e dl volLalre. l capolavorl dl Pegel sono opere scrlLLe con un
llnguagglo lper-speclallsLlco, un llnguagglo che dlsorlenLa gll sLessl sLudlosl: vl e chl rlLlene che non cl sla
nessuno capace dl splegare leLLeralmenLe una sola paglna del suol llbrl.
uo oltto tocllto.
un LracllLo all'enneslma poLenza. L per quesLo che non cl slamo addenLraLl nello speclflco del suo
llnguagglo e neppure nella complesslLa delle sue Lrladl loglche.
5lomo lootool Jollo stesso llcbte.
Anche llchLe, e vero, rlcorre a un llnguagglo Lecnlco quando sl rlvolge a degll speclallsLl. nel ulscotsl ollo
oozlooe teJesco, per, non solo e chlaro, ma LrasmeLLe emozlonl, passlonl.
losslool cbe ll fteJJo neqel ooo ttosmette.
Cl che LrasmeLLe e l'lnvlLo a non condannare la sLorla, ma a cercarne le raglonl" e, sopraLLuLLo, la
passlone per la verlLa.
uoo vetlt (lloteto) cbe, tottovlo, ooo occesslblle ol mottoll.