Sei sulla pagina 1di 7

!

" $%&&%'()
*)!!+%(,)!!),,-"!)
lcb blo elo ltlestet
Jet wobtbelt
1
.
(!. C. llchLe, lo mlsslooe Jel Jotto)
%. /012341351 674 8195:.;224 276785<4=
Con kanL slamo approdaLl ln LerrlLorlo Ledesco e qul vl rlmarremo a lungo: e ln Cermanla, lnfaLLl, che
nascono nuove ldee, nuovl movlmenLl desLlnaLl a lnfluenzare a lungo l'lnLera Luropa.
A pottlte Jol komootlclsmo.
Sl, un movlmenLo che ha caLLuraLo una mlrlade dl uomlnl dl culLura europel.
uo movlmeoto coltotole cbe Jemollsce ll qtooJe pottlmoolo lJeole Jelllllomlolsmo e Jello klvolozlooe
ftoocese.
non e proprlo cosl. llchLe, ad esemplo, uno del fllosofl ldeallsLl che lsplrano profondamenLe la culLura
romanLlca, non rlnnega per nulla ne le conqulsLe dell'lllumlnlsmo ne la svolLa epocale operaLa dalla
8lvoluzlone del 1789: non e un caso che dopo la pubbllcazlone del suol scrlLLl sulla rlvoluzlone
(kevolotlooscbtlfteo) del 1793 egll venga bollaLo dal conservaLorl come un glacoblno radlcale. vl e
addlrlLLura chl lo paragona a 8obesplerre deflnendolo ll paLrlarca del sanculoLLl Ledeschl" e ln praLlca ll
Leorlco del decaplLaLorl".
CloJlzl esptessl, ptesomo, Jo teozloootl.
lndubblamenLe: e un faLLo, LuLLavla, che llchLe, pur non essendo un glacoblno, sl schlera su poslzlonl
ulLrademocraLlche.
>;923; 4. ?;67..; 23164@4;91.7 64 /6;22;=
Noo vl , poloJl, ooo oetto Jlscootloolt tto komootlclsmo e lllomlolsmo.
no, neppure sul ruolo degll lnLelleLLuall.
uo lotellettoole engage, llcbte, sollo sclo Jel phllosophes ftoocesl?
llchLe sl baLLe con deLermlnazlone conLro ll modello Lradlzlonale dl doLLo", chl cloe fa della culLura un
lmplego del LuLLo prlvaLo. L conLro Lale modello che pronuncla le sue memorablll lezlonl presso l'unlverslLa
dl !ena nel 1794 (lezlonl aperLe a LuLLl) che pol vengono pubbllcaLe col LlLolo Mlsslone del doLLo".
Aocbe llcbte, poloJl, oso ll tetmloe Jotto.
Sl perche ll Lermlne lnLelleLLuale" sl lmporra solo verso la flne dell'CLLocenLo, preclsamenLe ln lrancla al
Lempo dell'affalre ureyfus. ll slgnlflcaLo, per, che llchLe aLLrlbulsce al Lermlne doLLo" e lnequlvocablle: e
l'lnLelleLLuale lmpegnaLo, come l pbllosopbes francesl, nella dlrezlone dl un rlnnovamenLo soclale. ll Lermlne
Ledesco e CelehrLer". Lehrer slgnlflca maesLro" e CelehrLer vuol dlre leLLeralmenLe chl ha appreso". ll
Lermlne dl per se non dlce nulla, ma e ll conLenuLo delle lezlonl che ne lllumlna ll slgnlflcaLo. Secondo llchLe
l'uomo e al mondo per aglre" e per aglre ln socleLa". L'lnLelleLLuale, dunque, e chlamaLo (ecco ll Lermlne
mlsslone", ln Ledesco 8esLlmmung" che conLlene la parola SLlmme", vale a dlre voce", chlamaLa") ad
aglre nella socleLa per Lrasformarla.
5lomo lo slotoolo coo cl cbe Jlt Motx. l fllosofl flooto boooo lotetptetoto ll mooJo, Joto lo pol Jovtoooo
ttosfotmotlo.
SosLanzlalmenLe sl, ma non del LuLLo: llchLe prende le dlsLanze da chl - come l pbllosopbes francesl -
preLende dl rlnnovare radlcalmenLe la socleLa rlnunclando alla rlcerca della verlLa, a una vlslone cloe
complesslva della realLa razlonalmenLe fondaLa.
Ml pote poooto meoo ooomolo poesto oostolqlo Jello metoflslco Jopo lo Jemollzlooe cbe boooo fotto Jl
poesto ooo solo l qtooJl empltlstl loqlesl, mo oocbe lo stesso qlqoote teJesco, koot.
kanL, e vero, demollsce la meLaflslca, per rlmane flno all'ulLlmo un lnnamoraLo della meLaflslca: l'abblamo
vlsLo ln parLlcolare nella sua rlflesslone sulla morale.
1
lo sono un sacerdoLe del vero.
%. 51A1..; 64 B1221C.41 67..1 /.4B732D=
Mo cbe coso c Jo scoptlte oltte lotlzzoote Jel sopete scleotlflco? loomo Jeve pteoJete otto - come
loseqoooo tottl qll empltlstl e lo stesso koot - Jel llmltl Jello cooosceozo omooo. lteteoJete, pol, Jl ooJote
oltte le coloooe Jtcole Jellespetleozo, compotto ll tlscblo Jl coJete oel foootlsmo Jl cbl JlfeoJe o spoJo
ttotto lo soo ptesooto vetlt.
llchLe e LuLL'alLro che un fanaLlco. Lgll alLro non fa che svlluppare un'lnLulzlone dl kanL.
Ooole?
L lo sLesso aglre morale dell'uomo che rlnvla a qualcosa che va olLre l'orlzzonLe sclenLlflco.
lo llbett.
lnfaLLl: se l'uomo non fosse llbero, la morale non avrebbe alcun senso. L la llberLa che dlvenLa ll cavallo dl
baLLaglla dl llchLe: la llberLa ovvero la llberazlone, l'aLLlvlLa llberaLrlce.
uoottlvlt llbetottlce cbe lo koot bo ooo Jlmeoslooe escloslvomeote loJlvlJoole.
La morale kanLlana, e vero, ha a che vedere con la slngola persona: e quesLa che ha una mlsslone lnflnlLa dl
perfezlonamenLo morale e che, dunque, deve combaLLere all'lnflnlLo per llberarsl dalla schlavlLu degll
lsLlnLl, dell'egolsmo e dell'aLLaccamenLo all'uLlle.
uoo motole cooceplto come lotto.
Sl, una loLLa per far prevalere la raglone su cl che e lrrazlonale come gll lmpulsl, ln alLre parole una loLLa
Lra lo splrlLo" e la carne". llchLe, dunque, non rlnnega la morale kanLlana, ma anzl ne esLende ll conceLLo:
l'lnLelleLLuale deve usclre da se sLesso, dalla Lorre d'avorlo del sapere accademlco, per dlvenLare
proLagonlsLa dl una loLLa dl llberazlone soclale.
uoo lotto oecessotlomeote scbletoto, come poello Jel phllosophes lllomlolstl. o flooco Jel botqbesl e Jel
soocolottl cootto lanclen reglme.
ln qualche mlsura sl, ma llchLe e convlnLo che l'obleLLlvo ulLlmo dell'lnLelleLLuale non sla l'emanclpazlone dl
una classe, ma dell'lnLera umanlLa. Se vogllamo usare un'espresslone successlva, quella che usera Pusserl,
posslamo dlre che l'lnLelleLLuale LeorlzzaLo da llchLe e un funzlonarlo dell'umanlLa".
&237B79
Noo ooo pteteso?
ua quesLo punLo dl vlsLa anche gll lllumlnlsLl francesl sl baLLono per l dlrlLLl dell'uomo, dl LuLLl gll uomlnl.
Che conLa, secondo llchLe, e schlerarsl dl volLa ln volLa con quelle classl che sono porLaLrlcl dl dlrlLLl
unlversall, senza mal legarsl organlcamenLe a nessuna dl esse, conservando cloe sempre la llberLa dl crlLlca.
uoo lotto, oppooto, ollloflolto.
L quello che llchLe deflnlsce SLreben" (sforzo), Lermlne che dlvenLera un punLo-cardlne della culLura
romanLlca. Lcco perche ll nosLro polemlzza conLro la cosa ln se" (uloq oo slcb) dl kanL.
letcb poesto toppteseoto ll llmlte losopetoblle.
Sl. non vl sono per llchLe del llmlLl lnsuperablll: ognl sLaLus quo e ll rlsulLaLo dl un'aLLlvlLa dell'uomo e,
come Lale, pu essere rlmosso. Pa svolLo, dunque, un ruolo dl porLaLa umana sLraordlnarla la rlvoluzlone
francese che ha llberaLo gll uomlnl dalle caLene della Llrannla.
coJeoJo, tottovlo, lo ooo ooovo tltooolo. lo tltooolo Jl kobesplette, Jl 5olot-Iost., le ooove coteoe Jello
qblqllottloo.
llchLe, anche se e LuLL'alLro che favorevole a una rlvoluzlone vlolenLa, non la esclude come esLremo
rlmedlo. rende, per, le dlsLanze dalla dlLLaLura glacoblna: ll suo obleLLlvo e l'emanclpazlone - rlpeLo -
dell'umanlLa, non dl una classe soclale. un'emanclpazlone che e LuLLa morale: l'umanlLa sara llbera,
emanclpaLa, quando LuLLl gll uomlnl saranno davvero esserl razlonall e LraLLaLl kanLlanamenLe, proprlo per
quesLo come flnl". ll nosLro e chlaro: ln vlsLa del suol obleLLlvl, l'uomo pu lmplegare a mo' dl mezzl, cose
scevre dl razlonallLa, ma non esserl razlonall" (olcbt obet vetoooftlqe weseo).
uoo llbett oocbe Jol qtettl lotetessl ecooomlcl.
lnfaLLl: llchLe Leorlzza ll prlmaLo della morale sull'economla, ll prlmaLo dell'uomo come flne su qualslasl
uLlle".
llcbte, poloJl, sl ttovo ptoptlo sollo stesso sclo Jl koot.
SoLLo ll profllo morale, sl: ll progresso o e morale o non lo e.
-9 49E4942; 1AA45491384
oocbeqll ctltlco, Joopoe, come koosseoo, Jel ptoqtesso scleotlflco-tecooloqlco tooto esoltoto Jol
phllosophes ftoocesl?
ul 8ousseau apprezza l'afflaLo morale ma, a dlfferenza dl lul, e convlnLo che ll progresso dell'umanlLa non
conslsLa ln un rlLorno a un mlLlco passaLo, ma al conLrarlo, ln un processo che e LuLLo fuLuro. 8ousseau,
secondo ll nosLro, dlplnge l'aurora dell'umanlLa come ll regno dell'uguagllanza, menLre llchLe e dell'avvlso
che lo sLaLo orlglnarlo dell'uomo sla la dlsuguagllanza e che l'uguagllanza sla proprlo la meLa cul Lendere
all'lnflnlLo.
poesto, olloto, ll seoso Jel soo essete olttoJemoctotlco.
Sl, ma dobblamo Lenere sempre presenLe la valenza morale, secondo llchLe, dl Lale uguagllanza: gll uomlnl
devono essere llberaLl da LuLLe le caLene, non solo dal Llrannl esLernl quall l sovranl assoluLl e l padronl, ma
anche da quelll lnLernl, vale a dlre le passlonl. Solo cosl possono dlvenLare uomlnl ln senso pleno, cloe llberl
e razlonall. L quesLo ll senso dell'affermazlone flchLlana secondo cul l'uomo deve essere cl che e. L sl
LraLLa, come abblamo gla deLLo, dl un processo all'lnflnlLo, dl un lnflnlLo avvlclnarsl" ( Aooobetooq los
ooeoJllcbe).
%. 678249; 67..; &212;
uo ptocesso cbe lo 5toto, fteoooJo qll eqolsml e le ptevotlcozlool, po oqevolote.
non vl e dubblo: lo SLaLo svolge una funzlone esLremamenLe uLlle nella mlsura ln cul fa prevalere gll
lnLeressl generall su quelll dl parLe, lmponendo cosl ll prlmaLo della pollLlca" sulla economla", ma
secondo lul ll vlvere nello SLaLo non rlenLra Lra gll obleLLlvl assoluLl dell'uomo" ( Jos lebeo lo 5toote qebott
olcbt ootet Jle obsoloteo 2wecke Jes Meoscbeo) ln quanLo lo SLaLo alLro non e che lo sLrumenLo per
edlflcare una socleLa perfeLLa". llchLe glunge ad affermare che e proprlo obleLLlvo dl ognl governo" (Jet
2weck ollet keqletooq) dl rendere accessorlo ll governo" (Jle keqletooq obetflosslq zo mocbeo): una volLa l
clLLadlnl avranno lnLerlorlzzaLo la legge morale, non avranno plu blsogno dl coerclzlonl esLerne. Solo allora
sl avra la comunlone del sanLl" (CemeloJe Jet nelllqeo).
uoo bello otoplo.
llchLe lo sa bene. Cosl scrlve: non so quanLe mlrladl dl annl oppure dl mlrladl dl mlrladl dl annl dovranno
ancora Lrascorrere".
5l ttotto Jl ooo sotto Jl cosmopolltlsmo, lo slotoolo coo qll lllomlolstl ftoocesl.
Sl, sl LraLLa per dl un cosmopollLlsmo basaLo non sugll lndlvldul", ma sulla comunlLa", un cosmopollLlsmo
comunlLarlo".
Ooesto occeoto sollo comoolt ml pote tlovll ollo coocezlooe mlstlco cbe koosseoo bo Jel popolo.
llchLe lnslsLe, e vero, sulla comunlLa, ma afferma anche che ll perfezlonamenLo morale della comunlLa
rlchlede la compleLa uguagllanza dl LuLLl l suol membrl" (Jet volllqeo Clelcbbelt ollet lbtet MltqlleJet). ll
nosLro vede una perfeLLa osmosl Lra lndlvlduo e comunlLa: ognl slngolo uomo rlceve" dalla comunlLa e
proprlo per quesLo ha l'obbllgo morale dl dare" alla comunlLa sLessa. Cosl scrlve: L'uomo deve, se non
alLro, provare a rlpagare ll deblLo [5cbolJ] che lo lega alla socleLa". L quesLo vale ancora dl plu per
l'lnLelleLLuale: proprlo perche quesLl ha avuLo la posslblllLa dl acqulslre la culLura grazle al lavoro degll alLrl,
non pu preLendere dl Lenere gelosamenLe per se Lale culLura perche se lo facesse, dl faLLo deruberebbe la
comunlLa. llchLe arrlva a dlre, rlchlamando ll vangelo, che l'lnLelleLLuale e ll sale della Lerra".
clo?
Secondo llchLe deve essere ll soggeLLo moralmenLe superlore del suo Lempo" (Jet slttllcb beste Meoscb
seloes 2eltoltets).
-9; 8C:136; 87?037 /;.237=
uo ooovo ottocco ollo flqoto ttoJlzlooole Jel Jotto.
Sl, ma anche un lndlreLLo aLLacco a 8ousseau che, lnvece dl lmpegnarsl ln prlma persona per camblare la
socleLa, sogna sLerllmenLe un rlLorno al passaLo. L'lnLelleLLuale, lnvece, deve guardare conLlnuamenLe
olLre" e guldare l'umanlLa, con la dolce forza della persuaslone, verso ll suo pleno perfezlonamenLo
morale: e, perLanLo, davanLl a nol [vot oos], nell'avvenlre, che sl da quel che 8ousseau, con l'eLlcheLLa dl
sLaLo dl naLura, e Lall poeLl con la formula dell'eLa dell'oro, slLuano precedenLemenLe a nol, nel passaLo".
ua qul ll suo complLo dl denunclare l'ldeologla che glusLlflca lo sLaLus quo, l'ldeologla cloe che consldera ll
presenLe come un daLo lmmodlflcablle, come una sorLa dl desLlno a cul gll uomlnl devono soLLosLare
rassegnaLl e baLLersl, con l'oLLlmlsmo della volonLa, per andare olLre quella che chlama la peccamlnoslLa"
del suo Lempo cosLlLulLa dall'egolsmo, dall'lndlvlduallsmo dall'uLlllLarlsmo.
totto motollt e totto lmpeqoo soclole, poesto llcbte.
Sl, sulla sLessa scla - l'abblamo deLLo plu volLe - dl kanL e del pbllosopbes dell'lllumlnlsmo.
llooto obblomo vlsto sostoozlolmeote lo cootloolt tlspetto olllllomlolsmo ftoocese. uove sotebbe ll volote
oqqlooto Jel komootlclsmo, cl cbe lo cotottetlzzo e oe fo oo movlmeoto coltotole cos occottlvoote pet qll
lotellettooll eotopel?
L'abblamo dl faLLo gla affronLaLo. ensa alla llberLa lnLesa come aLLlvlLa llberaLrlce, un'aLLlvlLa morale che
non ha mal flne: ecco ll conceLLo squlslLamenLe romanLlco dl SLreben" (sforzo), un'aLLlvlLa morale Lesa ad
abbaLLere LuLLo cl che e lrrazlonale, ad umanlzzare" davvero l'uomo e ll mondo. L ll prlmaLo della 8aglon
praLlca" (se vogllamo usare ll llnguagglo kanLlano) sulla sfera LeoreLlca, dell'aglre sul sempllce pensare.
8omanLlco, pol, e ll Lema che llchLe svlluppa nel ulscorsl alla nazlone Ledesca" ( keJeo oo Jle Jeotscbe
Notloo) del 1808.
-91 8231;36491341 3455<7@@1 61 64E796737
ll temo Jel oozlooollsmo teJesco.
non e proprlo cosl. rovlamo a conLesLuallzzarll. Slamo a 8erllno (non plu a !ena), una clLLa che dal 27
oLLobre 1807 e occupaLa dalle Lruppe napoleonlche. L ln quesLa occaslone che llchLe pronuncla ognl
domenlca, dal 13 dlcembre 1807 al 20 marzo 1808, nell'anflLeaLro dell'Accademla delle sclenze, l suol
celebrl dlscorsl.
uo locltomeoto, ptesomo, o combottete qll lovosotl.
lndlreLLamenLe sl, ma l dlscorsl, daLa anche la presenza dl lnformaLorl francesl Lra ll pubbllco numeroso,
vanno olLre gll evenLl conLlngenLl. llchLe sl rlvolge al Ledeschl ln generale (senza cloe alcuna dlsLlnzlone),
ma sopraLLuLLo alla parLe colLa dell'lnLera nazlone".
uo eooeslmo oppello oqll lotellettooll petcb svolqooo coo Jetetmloozlooe, lo oo momeoto Jtommotlco, lo
loto foozlooe.
Sl, slamo sulla sLessa lunghezza d'onda, anche se qul lo scenarlo e compleLamenLe camblaLo: l francesl non
sono plu un punLo ldeale dl rlferlmenLo ln quanLo, dopo avere llberaLo la raglone dall'auLorlLa, hanno dl
faLLo LradlLo la loro mlsslone.
vlolooJo le llbett olttol.
LsaLLamenLe. Lcco perche llchLe lnvlLa l Ledeschl a scoprlre la loro sLraordlnarla rlcchezza, rlcchezza che
devono a LuLLl l cosLl salvare. A parLlre dalla llngua.
uoo lloqoo qottotole, Jlstoote mllle mlqllo Jollo moslcollt Jl lloqoe pooll ll ftoocese, lo spoqoolo, lltollooo,
ll pottoqbese.
L vero, ma sl LraLLa dl una llngua orlglnarla, non derlvaLa come le alLre. Sono le llngue neo-laLlne che hanno
lnLerroLLo ll paLrlmonlo splrlLuale delle generazlonl precedenLl (le llngue sono fondamenLall nella
formazlone del slngoll popoll). La llngua Ledesca, al conLrarlo, non ha sublLo alcuna lnLerruzlone. L rlmasLa
pura. L pura e anche la rellglone crlsLlana: e la 8lforma proLesLanLe, lnfaLLl, che ha rlporLaLo ll crlsLlaneslmo
alle orlglnl, scrosLandolo da LuLLo cl che sl e sedlmenLaLo su dl esso nel secoll.
Ml pote cbe llcbte commetto lo stesso ettote Jl koosseoo. mltlzzote ll possoto.
ln llchLe non vl e alcuna nosLalgla del Lempo che fu: secondo lul l'orlglnarlo" non e una sorLa dl eLa
dell'oro a cul Lornare, ma e ll nosLro splrlLo che cl splnge a cosLrulre ll fuLuro. non dobblamo, ln alLre parole,
aggrapparcl alla nosLra purezza llngulsLlca e rellglosa come a un ldolo, ma al conLrarlo dobblamo prendere
dalla nosLra Lradlzlone lo sLlmolo per andare avanLl. un dlscorso, quesLo, che sl lnLreccla con quello dl
popolo" e dl nazlone".
lo Jlstlozlooe?
Cosl scrlve llchLe: un popolo e ll LuLLo degll uomlnl che sopravvlvono lnsleme ln socleLa, e che sl generano
con conLlnulLa da se sLessl ln senso naLurale e splrlLuale". La nazlone, lnvece, nasce nel momenLo ln cul un
popolo prende cosclenza dl condlvldere la sLessa llngua, la sLessa rellglone, le sLesse Lradlzlonl.
poesto coosopevolezzo cbe llcbte loteoJe tlsveqllote.
Sl, egll lnLende condurre l Ledeschl a prendere cosclenza della loro ldenLlLa, una ldenLlLa da dlfendere
conLro le preLese dl chl, dall'esLerno, vuole esporLare le proprle lsLlLuzlonl sbandleraLe come modelll
razlonall e, dl conseguenza, unlversall.
%. 034?12; 804342:1.7 67..1 91@4;97 2767851
uo po come oqql vl cbl pooto o espottote lo Jemoctozlo coo le otml.
L vero, ma ln quesLo caso, secondo llchLe, l democraLlcl" sono l Ledeschl, menLre gll sLranlerl - l francesl -
sl propongono dl esporLare con gll eserclLl un nuovo modello dl monarchla unlversale.
Mo lo Jemoctozlo teJesco solo oeqll oosplcl Jl llcbte.
ll nosLro lnLende dlre che l Ledeschl hanno nella loro sLorla un modello alLernaLlvo a quello del francesl: ll
modello del llberl comunl, organlsml dl auLogoverno, organlsml qulndl dl caraLLere democraLlco. llchLe fa
un eloglo dl quel ceLl borghesl che sono sLaLl proLagonlsLl dl quesLa lmporLanLe esperlenza pollLlca: e a loro
che va aLLrlbulLo ll merlLo delle conqulsLe plu slgnlflcaLlve del popolo Ledesco che hanno avuLo ll loro
coronamenLo nella 8lforma proLesLanLe.
Mo lo klfotmo, lovece cbe oolte, bo Jlvlso ll popolo teJesco.
L vero, ma sono sLaLl l prlnclpl, con la loro avldlLa, che hanno frammenLaLo la Cermanla e l'hanno
LrasformaLa ln oggeLLo da preda dl poLenze europee.
l Ledeschl non hanno solLanLo una grande rlsorsa nella loro sLorla (l'ordlnamenLo repubbllcano), ma anche
nel Lempo presenLe.
Ooole?
La fllosofla: e ln Cermanla che ormal quesLa sl e lnsedlaLa e, ln segulLo alla svolLa operaLa da kanL, prlma, e
dall'ldeallsmo, dopo, sLa dlvenLando ll punLo dl rlferlmenLo della culLura europea.
llcbte, Joopoe, potlo Jl oo ptlmoto Jello oozlooe teJesco.
Sl, ma sl LraLLa dl una superlorlLa splrlLuale, non mlllLare. ll nazlsmo, e vero, lo sLrumenLallzzera, ma llchLe
non e per nulla un nazlonallsLa oote-llttetom. ll suo appello agll lnLelleLLuall Ledeschl e dl faLLo l'appello al
ceLl colLl dl LuLLa Luropa perche comprendano la drammaLlca emergenza del momenLo: e l'Luropa, ln alLre
parole, che prendendo l'esemplo della nazlone Ledesca, deve rlscoprlre la proprla ldenLlLa splrlLuale e
salvaguardarla conLro l nuovl despoLl.
llcbte, poloJl, moto toJlcolmeote ll soo qloJlzlo sollo klvolozlooe ftoocese.
Sl, perche l Lempl sono camblaLl e la 8lvoluzlone francese ha LradlLo se sLessa. llchLe, Lra l'alLro, ha gla
preso le dlsLanze dal 8eglme del 1errore del glacoblnl.
-9 5;95722; 5;923166422;34;
cl mooco llJeollsmo Jl llcbte.
ll nosLro, non c'e dubblo, e ll prlmo grande ldeallsLa Ledesco.
uo peosotote cbe ooo sl tosseqoo fotollstlcomeote Jl ftoote ollo stotos poo, mo pooto o ttoJotte oello
teolt l sool lJeoll.
Sla la Mlsslone del doLLo" che l ulscorsl alla nazlone Ledesca" esprlmono Lale Lenslone ldeale e morale,
ma LecnlcamenLe per ldeallsmo" sl lnLende qualcosa d'alLro.
uoo sotto Jl tltotoo o llotooe?
ln laLone le ldee" sono del modelll LrascendenLl. nell'ldeallsmo flchLlano, lnvece, non vl e nulla dl
LrascendenLe.
Mo lo 5ttebeo ooo teoslooe ollloflolto, ooo teoslooe poloJl cbe ollotqo sempte Jl pl lotlzzoote.
L vero. er cogllere ll slgnlflcaLo Lecnlco dl ldeallsmo dovremmo Lornare alla cosa ln se" ( uloq oo slcb) dl
kanL.
uo coocetto-llmlte cbe koot lottoJoce pet spleqote lo posslvlt Jelloomo Jl ftoote ol mooJo cbe bo Jl
ftoote.
Sl, ma llchLe, sulla scla dl alLrl dlscepoll crlLlcl dl kanL, rlLlene che la cosa ln se sla un conceLLo
conLraddlLLorlo.
5otebbe ooo pozzlo peosote cbe ool slomo l cteototl Jel mooJo!
CerLamenLe, ma kanL parla della cosa ln se" come dl qualcosa che e lnconosclblle: ora, come sl fa a
sosLenere l'eslsLenza dl qualcosa dl lnconosclblle? nella mlsura ln cul sl afferma la sua eslsLenza, sl afferma
la sua conosclblllLa.
locooosclblle oello soo oototo, mo cbe eslsto ooo po essete messo lo Jobblo.
Ma se la pensl", non e plu ln se", se la conceplscl, non e una realLa esLerna all'orlzzonLe del pensare, ma,
appunLo, conceplLa".
ul poesto posso sl ottlvo oJ offetmote cbe ooo vl oollo ol Jl footl Jel peosleto.
L proprlo quesLo, LecnlcamenLe, cl che sl chlama ldeallsmo".
Mo cos sl totoo ol sollpslsmo Jel coglLo cotteslooo. ooo volto sl potte Jol solo peosleto, ooo pl posslblle
oscltoe.
1uLLo quello che abblamo deLLo flnora dl llchLe lo smenLlsce: ll ruolo soclale dell'lnLelleLLuale non vlene mal
messo ln dlscusslone, come non vlene mal messo ln dlscusslone ll prlnclplo kanLlano secondo cul la morale
e lnLesa come llberazlone progresslva da cl che e lrrazlonale.
lo llbett, oppooto, poole cotottetlstlco Jello spltlto.
Sl, la sLessa naLura dello splrlLo.
lo coottopposlzlooe col Jetetmlolsmo cbe lo scleozo coqlle oello oototo.
CerLo. non va dlmenLlcaLo, LuLLavla, che lo sLesso kanL nella fase flnale del suo penslero, vede nella naLura
un che dl splrlLuale sla perche ln essa sl colgono delle flnallLa, sla perche ln naLura c'e qualcosa (sl veda un
LramonLo) che LrasmeLLe emozlonl perche e ln slnLonla con lo sLesso splrlLo. La verlLa dl cul llchLe sl senLe
un sacerdoLe" e quesLa: ln prlnclplo e lo splrlLo che e essenzlalmenLe llberLa, llberazlone all'lnflnlLo da
llmlLl.
%. 5;?042; 64 64A792137 *4; 1..+49E4942;
poooto obblomo pl volte tlpetoto.
Sl. llchLe rlcorre a un llnguagglo Lecnlclsslmo (lo puro, lo dlvlslblle, non-lo dlvlslblle. ), ma la sua doLLrlna sl
rlduce, ln ulLlma anallsl, a quesLo. Se lnLendlamo per ulo come l'essere senza llmlLl, posslamo dlre che ll
complLo dell'uomo e dlvenLare ulo all'lnflnlLo, un complLo lnesaurlblle. ll nosLro parla dl lo (allas umanlLa)
che ha la mlsslone dl superare all'lnflnlLo ll non-lo (Nlcbt-lcb), cloe l llmlLl.
Mo ll Noo-lo - ml pote Jl coplte - oltto ooo cbe lo coso lo s Jl kootlooo memotlo.
Solo ln qualche mlsura: secondo llchLe e vero che ll conceLLo dl cosa ln se" e conLraddlLLorlo, ma ll slngolo
soggeLLo che pensa non ha per nulla la cosclenza dl creare cl che ha dl fronLe a se, cl che llchLe chlama
anche oggeLLo" (CeqeostooJ = cl che sLa dl fronLe).
qll tlmooe, poloJl, oel solco Jl koot.
Secondo kanL ll penslero non crea gll oggeLLl, ma sempllcemenLe ll ordlna, ll organlzza, conferlsce loro del
nessl.
Mo oeppote secooJo llcbte ll peosleto cteo. qll oqqettl se ll ttovo Jl ftoote o s.
L vero. ll slngolo uomo sl Lrova dl fronLe a qualcosa che non e rlduclblle a se, un oggeLLo" che non e
rlduclblle al soggeLLo", ma un conLo e ll slngolo soggeLLo e un conLo l'lo puro: e quesL'ulLlmo che crea l
non-lo".
5e ll cteo, ll cteo olllosopoto Jel sloqoll oomlol.
CerLamenLe: nol slngoll uomlnl non abblamo alcuna consapevolezza dl creare la naLura. nello sLesso Lempo,
LuLLavla, non posslamo pensare che cl sla una naLura esLerna al penslero, naLura che produca l daLl che
perceplamo perche Lale pensare sarebbe leLLeralmenLe conLraddlLLorlo.
Ooestl Jotl, oqqettl, olloto, sooo sltootl olllotetoo Jel peosleto.
Sl: e quesLo ll passo ln avanLl dl llchLe rlspeLLo a kanL.
A me sembto, lovece, ooo spetlcoloto ovveototo oelllqooto. ll ooJo sempte lo stesso. ool slomo posslvl Jl
ftoote oqll oqqettl. Oto, tole posslvlt pl focllmeote spleqoblle soppooeoJo leslsteozo Jl ooo oototo
estetoo ol peosleto.
non c'e dubblo che la splegazlone reallsLlca" sla la plu sempllce, ma llchLe la bolla come dogmaLlca".
letcb sl boso so oo ptesopposto coottoJJlttotlo.
Sl. rovlamo a rldurre ll penslero sempllcemenLe a cosclenza".
5l ttotto Jl oo oppotlte Jl poolcoso o poolcooo, Jl oo oqqetto o oo soqqetto.
nel llnguagglo flchLlano, dl un non-lo a un lo. Cra, llchLe non sl llmlLa a foLografare la cosclenza, ma va alla
rlcerca delle condlzlonl che la rendono posslblle.
come koot cbe ooJoto ollo tlcetco Jelle cooJlzlool o ptlotl slo Jello cooosceozo seoslblle cbe Jl poello
lotellettoole.
Sl. llchLe, per, sempllflca LuLLo ln quanLo non fa dlsLlnzlone Lra percezlone senslblle e percezlone
lnLelleLLuale: ognl percezlone (sla senslblle che lnLelleLLuale) lmpllca un lo" e un non-lo".
lo coscleozo, oppooto.
CerLo. Cra, quall sono le condlzlonl che rendono posslblle Lale cosclenza conslderaLo che ll conceLLo dl
cosa ln se" e conLraddlLLorlo?
lo poesto ottlco ooo veJo oltto posslblle spleqozlooe. loqqetto cteoto Jol peosleto stesso.
Ld e creaLo nello sLesso penslero.
Mo ll soqqetto Jello coscleozo - lobblomo Jetto pl volte - ooo bo pet oollo lo coosopevolezzo Jl cteote
olcoocb.
Lcco, allora, l'ldea flchLlana dl un lo puro, dl un'aLLlvlLa dello SplrlLo che e anLecedenLe l slngoll soggeLLl che,
qulndl, sl Lrovano dl fronLe degll oggeLLl" dl cul non sl senLono affaLLo creaLorl.
L proprlo dello splrlLo essere aLLlvo. La morale kanLlana non esalLa Lale aLLlvlLa dello splrlLo?
Aocbe cotteslo ovevo sottolloeoto lo llbett poole Jlmeoslooe pecollote Jello spltlto.
L cosl: lo splrlLo, a dlfferenza della maLerla che e soggeLLa al deLermlnlsmo, e llberLa, aLLlvlLa llbera. Come
vedl, kanL non fa che svlluppare un fllone che ha Lradlzlonl lllusLrl.
-91 A;51@4;97 727391
Mo oessooo eto qlooto o veJete oellottlvlt Jello spltlto, ooottlvlt cteottlce.
L vero. L ln quesLo conLesLo che posslamo dlre, alla llchLe, che ln prlnclplo e lo SplrlLo, vale a dlre l'aLLlvlLa
splrlLuale.
loolmo Jello mlsslooe Jelllotellettoole.
Ma anche l'anlma dl ognl slngolo uomo: la mlsslone dl ognl uomo non e pensare, ma aglre.
uo oqlte motole.
Sl: ognuno deve Lendere al proprlo perfezlonamenLo morale e a quello della sLessa umanlLa.
Allomoolzzozlooe Jelloomo.
L all'umanlzzazlone dello sLesso mondo ln cul l'uomo sl Lrova a vlvere. ll complLo dell'uomo e dl lmmeLLere
cl che dura ln eLerno nella sua opera quoLldlana", dl planLare" e dl colLlvare nel Lempo cl che non
passa".
5lomo sempte ollo mlsslooe Jelllotellettoole.
La mlsslone dl ognl uomo e, ln specle, dell'lnLelleLLuale. llchLe parla della sua vocazlone come dl un
grandloso complLo", un complLo LramlLe ll quale egll sl e lmpossessaLo dell'eLerno". Cosl scrlve: lo ho
sLreLLo la mla vocazlone ed essa sl conserva flnche lo ml conservo: essa e eLerna, ed eLerno quanLo lel sono
lo (sle lst ewlq, ooJ lcb blo ewlq, wle sle).
lotte lo teoslooe motole Jl poesto fllosofo.
una Lenslone morale che dovrebbe essere un punLo dl rlferlmenLo anche oggl: ll prlmaLo della morale non
solo sull'economla, ma anche sulla pollLlca.
ll ptlmoto, lo oltte potole, Jelloomo Jo cooceplte sempte come floe e mol come mezzo.
Sara pure un'uLopla, ma un'uLopla a cul dovremmo Lendere all'lnflnlLo: Locca a nol uomlnl lmpegnarcl,
glorno dopo glorno, senza mal rassegnarcl dl fronLe alla durezza del nosLro Lempo, per rendere l'uomo
plenamenLe uomo. Cosl afferma llchLe: L'obleLLlvo ulLlmo dell'uomo e assoggeLLare a se LuLLo quel che e
senza raglone [Alles vetoooflose] e dl slgnoregglarlo ln manlera llbera e ln accordo con la proprla legge. 1ale
obleLLlvo ulLlmo e del LuLLo lrragglunglblle e deve rlmanere Lale per l'eLernlLa [ ewlq ooettelcbbot blelbeo
moss], che ln caso conLrarlo l'uomo smeLLerebbe dl essere un uomo e dlverrebbe una dlvlnlLa".
uo complto - tobo ll tetmloe flcbtlooo - qtooJloso.
Cla. La mla vlLa, e vero, ha la duraLa dl un sofflo ed e LuLL'alLro che rllevanLe, ma devo pensare che e
lnflnlLo ll rlllevo degll eslLl del mlo eslsLere" [oo Jeo wltkooqeo meloes lebeos lleqt ooeoJllcb vlel].
1uLLe le clLazlonl da lo mlsslooe Jel Jotto sono LraLLl da llchLe, Mlsslooe Jel Jotto, a cura dl ulego lusaro,
8omplanl, Mllano 2013.