Sei sulla pagina 1di 3

CONVEGNO

LA COMUNICAZIONE, LE NUOVE PROFESSIONI: LALTERNATIVA POSSIBILE

CERIMONIA CONCLUSIVA DI CONSEGNA ATTESTATI DEL CORSO

Meeting Planner, En.A.P. Taranto


Contributo di idee del prof. C.Zappulla
Venerd 21 Dicembre 2012 ore 16,30 C/o Centro Velico Taranto, Viale Virgilio

Discorso tenuto a braccio sulla base di questo canovaccio formato da tre punti essenziali

QUALE INFORMAZIONE?
Il nodo della informazione giusta, credibile, autorevole
Il caso Marco Pannella di questi ultimi giorni emblematico: un vecchio leader politico che per una battaglia condivisibile la giustizia giusta, il sovraffollamento delle carceri usa il proprio corpo con il digiuno. Ecco, questo modo nonviolento ha permesso per una volta di bucare lo schermo, di forzare i media nazionali ad affrontare il problema con reportage e inchieste; il caso dellemendamento poi ritirato in extremis alla Legge di stabilit varata dal Parlamento negli ultimi giorni di questa legislatura parlamentare sullapertura di mille nuove sale da gioco in tutta Italia. La battaglia condotta da alcune testate giornalistiche, in primis Avvenire (quotidiano della Conferenza episcopale italiana) dimostra che la stampa quando vuole sa essere autorevole, sa spostare lagenda politica del paese; un organizzatore di eventi deve avere ben presente limportanza della relazione pubblica impostata correttamente con i rappresentanti dei media. I due esempi qui citati servono a spiegare limportanza di fare/pretendere sano giornalismo e perlomeno di essere lettori attenti, critici, che diversificano la propria dieta quotidiana in fatto di notizie; ancora pi pressante il bisogno di formare citizen journalist preparati, coscienziosi, curiosi, per coprire, raccontare le cronache della citt in maniera adeguata. Il caso Taranto e il tradimento di parti importanti della sua stampa locale (giornali e tv) sul caso Ilva dimostrano lurgenza di tale necessit. I ragazzi formati in questo Corso potrebbero ambire seriamente a tentare la strada della carriera giornalistica. Senzaltro sarebbero pi attenti ai problemi deontologici di certi rappresentanti della stampa tarantina.

COME/COSA COMUNICARE
Per diventare dei bravi meeting planner bisogna conoscere a fondo il proprio territorio. E prima ancora amarlo.
Laccezione organizzatore di eventi abbraccia qualsiasi genere di iniziativa: da quelle profit alle pi classiche forme di comunicazione da parte degli enti pubblici per concludere con il Terzo settore, il mondo del volontariato, dalle fondazioni alle cooperative, dalle organizzazioni di volontariato ai comitati di quartiere. Qualunque evento deve partire necessariamente da una attenta fase di studio, di analisi del contesto, di lettura dei bisogni, delle tendenze in corso; aprirsi alla necessit di fare rete, saper costruire un network di professionisti, organizzazioni, tessere relazioni pubbliche corrette con i rappresentanti istituzionali; torna ancora una volta al centro dellattenzione il nodo informazione. Saper indossare gli occhiali dei diritti per vedere con queste lenti nuove cosa/come creare qualcosa di innovativo per il nostro territorio. Con una stella polare sempre alta sul nostro orizzonte: restare umani, essere umani: ossia umili;

molti dei ragazzi di questo Corso hanno espresso il desiderio in questa fase nuova che si apre a fine progetto formativo di diventare addetti stampa come Martina, chi come Giorgia inizia gi a presentare eventi come quello di stasera, c chi come Adriana si iscrive a Scienze della Comunicazione, chi come Paolo ha avuto unofferta di lavoro dalla stessa societ ospite durante la fase di stage, chi come Nunzia continua a collaborare con lente ospite non profit della sua citt, chi come Alessia pensa di essere diventata una lettrice pi curiosa e attenta. Sono tutti segnali importanti per saggiare il successo dellazione intrapresa da questa agenzia formativa; sarebbe interessante tra sei mesi intervistare nuovamente i diciotto corsisti per capire quale e di che natura sar stato il follow up. Quanti avranno fatto tesoro del bagaglio di conoscenze, competenze e abilit acquisite durante il periodo corsuale? Quanti saranno riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro (placement), quali scelte saranno state reindirizzate positivamente a seguito della partecipazione a questo Corso, quali abitudini saranno migliorate in maniera definitiva (empowerment)

E INFINE UN PLANNING PER NATALE


Qualche consiglio utile e un augurio di fine corso
Se quanto esposto fin ora ha una sua validit, diventa proficuo approfittare anche di occasioni come quella del Natale per inventarsi occasioni di lavoro (come comunicatori e/o organizzatori) legate alla ri-scoperta di ci che tipico nostro, di ci che legato al mondo artigianale locale (si pensi ai ceramisti di Grottaglie). Qualche idea natalizia: acquistare prodotti a chilometro zero, prediligere prodotti tipici locali per sostenere concretamente artigiani e produttori nostrani. Lazienda produttrice dellamaro San Marzano Borsci appena stata riaperta. Se proprio si sceglie di regalare liquori, cerchiamo questo ad esempio; aiutare la produzione letteraria come gli autori tarantini che pubblicano libri comunque importanti, introvabili oltre i confini regionali. loperazione culturale gi in atto grazie a Zona Franca condotto dalle Muse Project della prof.ssa L. Maggi ad esempio. Ce n per tutti i gusti: dai romanzi ai fumetti, dalla cronaca (come il caso Ilva) alla poesia. Anche questo potrebbe essere un punto di incontro tra ci che abbiamo appreso

Siamo ospiti di un centro velico... Quale migliore occasione per augurare come amano fare i velisti e gli amanti del mare - per questo Natale e per la felice conclusione del Corso: buon vento!