Sei sulla pagina 1di 42

IL RINASCIMENTO E LA

RIFORMA PROTESTANTE
Il Rinascimento
 XV – XVI secolo “nuova era di
rinascita e di rigenerazione
dell’umanità” (Vasari)
 L’uomo, e non più Dio, al centro
del mondo
 Grande sviluppo delle Arti, della
Letteratura e delle Scienze
 Le corti italiane sono al centro di
questa fioritura artistica e
culturale
Giochino: indovinali
tu…
Raffaell
o

Machiavell
i Michelange
lo

Tasso

Gutenber
g Ariosto
La stampa
 Le scoperte geografiche
avevano accresciuto la
cultura e le conoscenze
umane
 Ma altre scoperte furono
pure importanti per la
diffusione della cultura
 Fra tutte l’invenzione
della stampa di Johann
Gutenberg del 1434
 In 50 anni + di 100 città
europee avevano la loro
stamperia
La Rivoluzione
Scientifica
 La diffusione del sapere portò a un
progresso nelle conoscenze
scientifiche
 Galileo introdusse il metodo
sperimentale, lo stesso adottato oggi
 Ogni affermazione dev’essere
dimostrata in pratica
 Es:La teoria geocentrica di Copernico
viene dimostrata con l’uso del
cannocchiale
Lo sviluppo delle
scienze
 Sulla traccia di Galileo nel 600 si
imposero nuovi scienziati
 Newton con la legge di gravitazione
universale e poi…
 Cartesio, Pascal, Keplero, Leibniz,
Torricelli
 Dopo secoli di oscurantismo la Scienza
spazzava via in pochi decenni
credenze millenarie
Il ruolo della Chiesa
 Per tutto il Medioevo la Chiesa aveva
avuto un ruolo di guida spirituale e di
potenza politica
 Già nella seconda metà del ‘400 il
ruolo spirituale si era ridimensionato
per smania di potere e interessi privati
 Pertanto non le si riconosce + il diritto
di imporre dottrine aprioristiche e
questo facilita la diffusione di nuove
idee ritenute eretiche da Roma
L’opposizione alla
Chiesa
 Da molte parti si chiede alla
Chiesa un ritorno all’antica
spiritualità
 La Chiesa reagisce duramente
– 1415 J.Hus, che chiedeva un ritorno
alla povertà evangelica, va sul rogo
– 1498 Savonarola, che combatteva la
corruzione del vaticano, pure
Viaggi La stampa

Portano nuove idee


La Scienza
e la Chiesa

Galileo Newton

Non le si Crollo del


riconosce ruolo
Cartesio + spirituale
l’autorità della Chiesa
di prima

La Chiesa reagisce con


forza (Hus, Savonarola,
G.Bruno)
 Ma un ruolo ancora + importante
per la libertà del pensiero e per
incrementare la diffusione delle
idee lo dà anche…

La Riforma Protestante
Le cause
 Corruzione della Chiesa di Roma
 Nepotismo
 Vendita delle Indulgenze
 Costi enormi della chiesa di Roma
 Basilica di San Pietro
 Distacco dalle altre chiese
europee
I Papi del periodo
NICCOLO' V, Tommaso Parentucelli, di Sarzana (1447-1455)
CALLISTO III, Alonso de Borja, spagnolo (1455-1458)
PIO II, Enea Silvio Piccolomini, di Siena (1458-1464)
PAOLO II, Pietro Barbo, di Venezia (1464-1471)
SISTO IV, Francesco della Rovere, di Savona (1471-1484)
INNOCENZO VIII, G. B. Cibo, genovese (1484-1492)
ALESSANDRO VI, Rodrigo de Borja, spagnolo (1492-1503)
PIO III, Francesco Todeschini-Piccolomini, di Siena (1503)
GIULIO II, Giuliano della Rovere, di Savona (1503-1513)
LEONE X, Giovanni de' Medici, di Firenze  (1513-1521)
ADRIANO VI, Adriano Florenz di Utrecht, Olanda(1522-1523)
CLEMENTE VII, Giulio de' Medici, di Firenze (1523-1534)
PAOLO III, Alessandro Farnese, romano  (1534-1549)
GIULIO III, Giovan Maria Ciocchi, romano  (1550-1555)
MARCELLO II, Marcello Cervini, di Montepulciano (1555)
PAOLO IV, Gian Pietro Carafa, di Napoli (1555-1559)
PIO IV, Giovan Angelo de' Medici, di Milano (1560-1565)
La vendita delle
Indulgenze
 Era la pratica più scandalosa
 si diceva che Gesù e i santi avevano
creato un grande tesoro di Indulgenze
cui il papa e il clero potevano far
accedere i fedeli, i quali per veder
rimesse le loro pene erano disposti a
pagare ingenti somme
 Si poteva pagare per i vivi, ma anche
per i morti , per abbreviare la
permanenza in Purgatorio
 Naturalmente la Chiesa incassava per
sé tutti i soldi ricavati
“Quando il soldo tintinna nella
cassa, l’anima del defunto in
Paradiso passa”
 Un caso clamoroso avvenne nel 1515
 Alberto Hohenzollern, che aveva già 2
importanti vescovadi aveva chiesto anche il
vescovado + importante di Germania, quello
di Magonza
 Il cumulo di cariche era vietato, ma il papa
Leone X fece capire che se si pagava era
possibile chiudere un occhio
 Alberto si fece prestare la somma richiesta
dai Fugger e col Papa organizzò un bando di
indulgenze in modo da rientrare dal prestito
 Gli introiti delle offerte vennero spartite a
metà: una parte per i Fugger, l'altra al papa
A Wittenberg
 Gli esattori papali arrivarono
anche a Wittenberg
 Qui ad accoglierli c’era un
monaco agostiniano che esortava
i suoi fedeli a non pagare nulla
 Il suo nome era Martin Lutero
Martin Lutero 1483-
1546
 Monaco e
professore a
Wittenberg
 Ideatore del
Protestantesimo
luterano
 Unificatore della
lingua tedesca
moderna con la
traduzione della
Bibbia
Le 95 tesi di
Wittenberg
 Nel 1517 Lutero affisse
sulla porta di una chiesa
a Wittenberg (nella
Turingia) 95 tesi contro
la corruzione nella
chiesa contro il
commercio delle
indulgenze
 Con questo atto spacca
l’unità della Chiesa
romana
 nega al Papa di
Alcune tesi
 43. Si deve insegnare ai cristiani che è meglio dare a un povero
o fare un prestito a un bisognoso che non acquistare indulgenze.

44. Poiché la carità cresce con le opere di carità e fa l'uomo


migliore, mentre con le indulgenze non diventa migliore ma solo
più libero dalla pena.
45. Occorre insegnare ai cristiani che chi vede un bisognoso e
trascurandolo dà per le indulgenze si merita non l'indulgenza del
papa ma l'indignazione di Dio.
46. Si deve insegnare ai cristiani che se non abbondano i beni
superflui, debbono tenere il necessario per la loro casa e non
spenderlo per le indulgenze.
47. Si deve insegnare ai cristiani che l'acquisto delle indulgenze
è libero e non di precetto.
La dottrina luterana
 Da qui parte la nuova dottrina molto
pessimista:
– Dio e uomo sono nettamente distanti
– Per la salvezza conta solo la Fede, dono di Dio
(Giustificazione per fede)
– Le opere buone non servono per la salvezza
– Ne consegue che la gerarchia ecclesiastica non
serve a niente, ogni fedele ha un suo rapporto
intimo con Dio
– Tutti sono sacerdoti di se stessi e interpretano
liberamente le sacre scritture (Libero esame)
La dottrina luterana 2
 Altri punti fondamentali:
– Il sacerdote si trasforma in “pastore”
della propria comunità con cui
condivide lo stile di vita
– I Sacramenti non hanno importanza,
salvo il Battesimo e l’Eucarestia che
sono gli unici citati nel Vangelo
Ricapitolando…
 I 3 cardini del luteranesimo:
Libero esame
Sacerdozio delle Scritture
Giustificazione
universale per fede
dei credenti:
contro
contro lale
salvezza
l’interpretazione
divisionisi ottiene direttamente
ufficiale,
gerarchiche dogmatica,dalla
fra clero grazia
ecanonica,
laici.
della Chiesa. divina e nonpratica:
Conseguenza attraverso
pratica:le opere guidate
fortestruttura dalla
intellettualismo,
Conseguenza fine della
Chiesa. Non ci si salva per i propri meriti. Solo Dio
nascita di molte comunità
tradizionale nell’ambito
della Chiesa, finedelle confessioni
del
può salvare. Di questa salvezza l’uomo non può
protestanti, rifiutocerto
monachesimo,
essere quasi totale
sviluppo
finché nondella
delle tradizione
muore.piccole ecclesiastica
comunità
In attesa di saperlo
cattolica,deve
subordinazione dei sacramenti/riti/culto
religiose...
avere la fede. Conseguenza alla
pratica: forte
Bibbia...
individualismo, rifiuto dei sacramenti, del concetto di
«opere buone», separazione di civile da religioso (di
Stato da Chiesa)...
Conseguenze del
luteranesimo
 Molti principi tedeschi, come l’Elettore di
Sassonia, seguirono Lutero per:
– Non dover più dare soldi al papa
– Ribellarsi all’Imperatore (che era cattolico)
– Invidia della ricchezza della chiesa cattolica tedesca
– Impedire che le ricchezze dei loro sudditi andassero
a Roma
 Quando nel 1521 l’Imperatore Carlo V decise di
far arrestare Lutero per eresia loro lo
impedirono e lo protessero
Nasce il termine
“Protestantesimo”
 1529 Carlo V impone la
cancellazione della Riforma
 I prìncipi luterani uniti
“protestarono” contro questa
decisione
 Da qui si chiamarono protestanti
coloro che aderivano alla riforma
 I contrasti col papa si
trasformarono in una lunga
guerra
La pace di Augusta
 La guerra parve concludersi nel 1555
con la pace di Augusta
 Vi si affermò il principio per cui i
sudditi dei principi tedeschi avrebbero
dovuto adottare il credo dei propri
sovrani
 I quali erano liberi di scegliere la
religione che volevano
 Da ora in poi + fedi possono convivere
nello stesso stato.
Il mondo protestante
 Si espanse molto grazie alla
diffusione della stampa e per
motivi politici
 La Riforma prese anche altre vie
simili come il Calvinismo (rigore
morale) e l’Anglicanesimo (+
simile al cattolicesimo)
 E con Erasmo da Rotterdam che
non credeva nella
predestinazione
Confronto fra
riformatori
Lutero Calvino Erasmo
Libero Arbitrio NO NO SI’

Predestinazione SI’ SI’ NO

NO NO NO
Vendita indulgenze

Rottura con Roma Si’ Si’ NO

Libera SI’ SI’ SI’


interpretazione
Svalutazione delle SI’ NO NO
opere umane

Salvezza solo per SI’ NO NO

fede
Sacramenti BATTESIMO NO SI’
COMUNION
E
I protestanti in Francia
 La forma che si diffuse maggiormente fu il
calvinismo che nel 1561 aveva oltre 2000 chiese
in F. (gli Ugonotti)
 1562 editto di Caterina de'Medici che dava
libertà di culto , ma iniziò (per motivi politici)
una guerra di religione lunga oltre trenta anni
(Massacro di S.Bartolomeo nel 1572: 20.000
uccisi a sangue freddo)
 8 guerre di religione tra i Guisa cattolici e i
Borbone Ugonotti, fino a Enrico IV di Borbone
che divenuto re si converte al cattolicesimo
 nel 1598 fa l'Editto di Nantes: libertà di culto
agli Ugonotti in tutta la Francia, eccetto Parigi.
Diffusione del Protestantesimo
Conseguenze della
Riforma nel mondo
protestante
 Si perde il concetto di autorità
centrale
 Ogni credente stabilisce un patto
diretto con Dio
 La fede diventa un fatto privato e
non dipende da imposizioni
dall’alto
 Nasce il concetto di libertà di
coscienza
 Nasce il concetto di tolleranza
La reazione della
Chiesa
 La reazione
cattolica fu
immediata e si
concretizzò col
Concilio di Trento
(1545-1563) per
riaffermare la
centralità del
Papa
 Nasce la
Controriforma
Il Concilio di Trento
 Dialogo  Rottura
– Ordine dei Teatini – Lotta contro le
che fanno voto di eresie
povertà – Tribunale
– Nomina di dell’Inquisizione
Cardinali del – Eretici i cattolici
rinnovamento che patteggiano
– Il Papa invita i con i protestanti
Luterani in – Indice dei libri
Concilio proibiti
In sintesi il Concilio…

Ristabilì

1.Fece i
Seminari Il Libero arbitrio L’autorità del Papa
2.Vietò il
matrimonio Tutti i sacramenti
dei preti
3.Potenziò Riscrisse il Catechismo
l’Inquisizione Severità
No
4.Fece e
all’interpretazio
l’indice dei censura
ne delle
libri proibiti
Scritture
Conseguenze nel
mondo cattolico
 Importanti soprattutto sull’educazione,
l’Arte e il concetto di autorità
 Si fondò l’ordine dei Gesuiti per
l’educazione e l’evangelizzazione dei
giovani
 Si generò un clima di fanatismo
religioso e di intolleranza
 Caccia alle streghe e guerre di
religione
 65.000 persone condannate a morte
per stregoneria tra il 1560 e il 1660
L’Arte
 Si impose
un’arte
sacra +
semplice,
popolare e
comprensibil
e da tutti,
capace però
di stupire il
popolo:
nasce così il
Fine
Niccolò V
 Fece il grande Giubileo
del 1450
 Più politico che
religioso esortò invano
i principi a soccorrere
Bisanzio
 Favorì la pacificazione
fra gli stati italiani a
Lodi
 Umanista, diede inizio
al mecenatismo papale
Pio II
 Ambizioso, colto,
raffinato e diplomatico
 2 figli illegittimi ma poi
si rivede
 Amante della cultura
più che della dottrina
cattolica
 Fonda Pienza secondo i
nuovi criteri urbanistici
dell’umanesimo
 Tenne rapporti
epistolari con Dracula”
e Maometto II
Leone X
 Figlio di Lorenzo
il Magnifico
 Cardinale a 13
anni
 Famoso per il
tariffario delle
indulgenze
 Apogeo del
Rinascimento
La «Taxa Camarae» di papa Leone X,
uno dei punti più alti della corruzione
umana
Un ecclesiastico che incorresse in peccato carnale, sia con suore,
sia con cugine, nipoti o figliocce, sia, infine, con un'altra qualsiasi
donna, sarà assolto, mediante il pagamento di 67 libbre, 12 soldi.

Se l'ecclesiastico, oltre al peccato di fornicazione chiedesse


d'essere assolto dal peccato contro natura o di bestialità, dovrà
pagare 219 libbre, 15 soldi. Ma se avesse commesso peccato
contro natura con bambini o bestie e non con una donna, pagherà
solamente 131 libbre, 15 soldi.

Il sacerdote che deflorasse una vergine, pagherà 2 libbre, 8 soldi.


La religiosa che ambisse la dignità di abbadessa dopo essersi data
a uno o più uomini simultaneamente o successivamente, all'interno
o fuori del convento, pagherà 131 libbre, 15 soldi.
I sacerdoti che volessero vivere in concubinato con i loro parenti,
pagheranno 76 libbre, 1 soldo.
Per ogni peccato di lussuria commesso da un laico, l'assoluzione
costerà 27 libbre, 1 soldo; per gli incesti si aggiungerà a coscienza
Alessandro VI
 Nipote del papa
Callisto III
 Ebbe almeno una
decina di figli certi e
numerose amanti
 Savonarola lo attacca
come esempio di
corruzione e
malcostume
 Lui lo fa torturare e
bruciare in piazza
 Famoso per il trattato
di Tordesillas
Sisto IV
 Amante delle Arti
e delle Lettere
 Fece costruire la
Cappella Sistina
 Era corrotto e si
impegnò a creare
nuovi principati
da lasciare ai figli
illegittimi