Sei sulla pagina 1di 12

Appendice B

Calcolo degli integrali indeniti


Se f una funzione continua nellintervallo X, la totalit delle sue primitive
prende il nome di integrale indenito della funzione f, o del dierenziale
f (x) dx, e si indica con il simbolo:
_
f (x) dx . (B.0.1)
Ogni funzione primitiva dicesi una determinazione dellintegrale indenito.
Si ricorda che se F una primitiva di f, linsieme delle primitive si ottiene
dalla relazione
G(x) = F (x) +c
al variare della costante c. Si scrive perci:
_
f (x) dx = F (x) +c
con c costante arbitraria, detta costante dintegrazione.
Ci occuperemo, in questa appendice della questione dindividuare delle clas-
si di funzioni elementarmente integrabili e del calcolo delle primitive. A
tale scopo risulta utile la seguente tabella di integrali, che chiameremo in-
tegrali indeniti fondamentali, e che costituiscono il punto di partenza
per arontare la questione cui dianzi abbiamo accennato:
_
dx = x +c
_
x

dx =
x
+1
+ 1
+c = 1,
_
1
x
dx = log |x| +c
_
a
x
dx =
a
x
log a
+c,
_
e
x
dx = e
x
+c
_
cos xdx = sin x +c,
_
sin xdx = cos x +c
375
376 Calcolo degli integrali indeniti
_
cosh xdx = sinh x +c,
_
sinh xdx = cosh x +c
_
dx
cos
2
x
= tan x+c,
_
dx
sin
2
x
= cotg x+c,
_
dx
cosh
2
x
= tanh x+c
_
dx

1 x
2
= arcsin x +c = arccos x +c

_
dx
1 +x
2
= arctg x +c = arccotg x +c

_
dx

x
2
+ 1
= settsenh x +c = log

x +
_
x
2
+ 1

+c
_
dx

x
2
1
= settcosh x +c = log

x +
_
x
2
1

+c
_
dx
1 x
2
= setttgh x +c =
1
2
log

1 +x
1 x

+c
Osservazione 126 A proposito dellintegrale di
1

1 x
2
e di
1
1 +x
2
ricordiamo che
arcsin x + arccos x =

2
e arctg x + arccotg x =

2
B.1 Integrazione per decomposizione in somma
Se f
1
, f
2
sono funzioni continue in un intervallo, e se c
1
, c
2
sono costanti, si
ha:
_
[c
1
f
1
(x) +c
2
f
2
(x)] dx = c
1
_
f
1
(x) dx +c
2
_
f
2
(x) dx
Esempio 56 Per il calcolo dellintegrale
_
cos
2
xdx
ci ricordiamo che:
cos 2x = cos
2
x sin
2
x = 2 cos
2
x 1 cos
2
x =
1
2
(1 + cos 2x)
donde:
_
cos
2
xdx =
1
2
_
(1 + cos 2x) dx =
x
2
+
1
4
sin 2x +c
B.2 Integrazione per parti 377
B.2 Integrazione per parti
Se u e v sono funzioni derivabili in un intervallo, con derivate continue, si
ha:
_
u(x) v

(x) dx = u(x) v (x)


_
u

(x) v (x) dx (B.2.1)


Dimostrazione Per rendersi conto di ci, basta osservare che:
D[u(x) v (x)] = u

(x) v (x) +u(x) v

(x)
e quindi, integrando ambo i membri, :
u(x) v (x) =
_
u

(x) v (x) dx +
_
u(x) v

(x) dx
da cui si ricava la (B.2.1).
La formula (B.2.1) esprime la regola dintegrazione per parti; nel-
lintegrale a primo membro i fattori u(x) e v

(x) dx si chiamano, rispettiva-


mente, il fattore nito ed il fattore dierenziale.
La (B.2.1) si pu usare quando si debba calcolare un integrale del tipo:
_
f (x) g (x) dx (B.2.2)
e si conosca una primitiva di uno dei due fattori. Se ad esempio nota una
primitiva G di g, si assume f (x) come fattore nito e g (x) = dG(x) come
fattore dierenziale. Applicando la (B.2.1) si trova allora:
_
f (x) g (x) dx =
_
f (x) dG(x) dx = f (x) G(x)
_
f

(x) G(x) dx
e cos il calcolo dellintegrale (B.2.2) si riconduce al calcolo dellintegrale del
prodotto G(x) f

(x). Il procedimento utile se questultimo integrale o


pi semplice di quello di partenza o se questultimo integrale fondamentale.
Esempio 57 Per calcolare lintegrale:
_
xe
x
dx ,
se si sceglie e
x
dx come fattore dierenziale si ha:
_
xe
x
dx =
_
xde
x
= xe
x

_
e
x
dx = xe
x
e
x
+c = e
x
(x 1) +c
Se invece si sceglie xdx come fattore dierenziale, si trova:
_
xe
x
dx =
_
e
x
d
_
x
2
2
_
=
x
2
2
e
x

1
2
_
x
2
e
x
dx
e, come si vede, si perviene ad un integrale pi complicato di quello di
partenza.
378 Calcolo degli integrali indeniti
Il metodo dintegrazione per parti applicabile anche al calcolo dellintegrale:
_
f (x) dx
scegliendo 1dx come fattore dierenziale. Si trova allora:
_
f (x) dx = xf (x)
_
xf

(x) dx
e naturalmente il procedimento utile se lintegrale di xf

(x) pi semplice
di quello di f (x).
Esempio 58 Si ha:
_
log (x) dx = xlog (x)
_
x
1
x
dx = xlog (x) x +c = x(log (x) 1) +c
B.3 Integrazione per sostituzione
Sia f una funzione continua nellintervallo [a, b] e (t) una funzione continua
assieme alla sua derivata prima in un certo intervallo [, ]. Supponiamo
inoltre che il codominio della (t) sia contenuto in [a, b] in modo che possiamo
considerare la funzione composta f [(t)]. Posto:
_
f (x) dx = F (x) +c (B.3.1)
:
F

(x) = f (x) (B.3.2)


Premesso ci, deriviamo la funzione F [(t)]. Si ha:
DF [(t)] = F

[(t)]

(t) = f [(t)]

(t)
da cui:
F [(t)] =
_
f [(t)]

(t) dt
In base alla (B.3.1) possiamo anche scrivere:
__
f (x) dx
_
x=(t)
=
_
f [(t)]

(t) dt (B.3.3)
Se ora supponiamo che la funzione x = (t) sia dotata di funzione inversa
t = (x), poich [ (x)] = x, ponendo nella (B.3.1) t = (x) si ha:
_
f (x) dx =
__
f [(t)]

(t) dt
_
t=(x)
(B.3.4)
B.3 Integrazione per sostituzione 379
Ora accade sovente che, scegliendo opportunamente la funzione (t), linte-
grazione del dierenziale f [(t)]

(t) dt sia pi facile che non quella del


dierenziale f (x) dx; la formula (B.3.4) pu dunque riuscire, in molti casi,
assai utile e il metodo dintegrazione per sostituzione consiste appunto nella
sua applicazione.
Esempio 59 Si voglia calcolare lintegrale;
_
e
x
dx
Si ha:
_
e
x
dx =
1

_
e
x
d (x) =
1

__
e
t
dt
_
t=x
=
1

e
x
+c
Esempio 60 Si voglia valutare lintegrale:
_
e
sin t
sin t cos tdt .
Si noti che con la sostituzione seguente:
x = sin t dx = cos tdt
si ha:
_
e
sin t
sin t cos tdt =
__
e
x
xdx
_
x=sin t
ossia:
_
e
sin t
sin t cos tdt = e
sin t
(sin t 1) +c
Esempio 61 Si voglia calcolare:
_
_
a
2
x
2
dx, a > 0 .
Notiamo che, in R, tale integrale ha senso se e solo se:
a
2
x
2
0 a x a
sicch possiamo porre:
x = a sin t, con t
_

2
,

2
_
Allora :
_
_
a
2
x
2
dx =
_
_
a
2
a
2
sin
2
t a cos tdt =
_
a
2
cos t
_
1 sin
2
tdt =
= a
2
_
cos
2
tdt = a
2
_
cos 2t + 1
2
dt =
a
2
2
_
1
2
_
cos 2td (2t) +
_
dt
_
=
=
a
2
2
_
1
2
sin (2t) +t
_
+c =
a
2
2
[sin t cos t +t] +c
380 Calcolo degli integrali indeniti
Dalla posizione fatta si ricava:
t = arcsin
x
a
Si noti che:
sin
2
t + cos
2
t = 1 cos t =
_
1 sin
2
t cos
_
arcsin
x
a
_
=
_
1
_
x
a
_
2
In denitiva :
_
_
a
2
x
2
dx =
1
2
_
a
2
+ arcsin
x
a
+
x
a
_
1
x
2
a
2
_
+c
B.4 Formule di ricorrenza
Spesso sincontrano integrali del tipo:
I
n
=
_
(f (x))
n
g (x) dx
con f e g funzioni assegnate, ed n integro maggiore di 1. Si vengono
cos ad ottenere delle formule ricorrenti, i.e. formule che consentono di es-
primere I
n
mediante I
n1
. Lapplicazione ripetuta di tale formula consentir
di esprimere I
n
mediante I
0
e se questultimo integrale elementarmente
calcolabile tale sar anche I
n
.
Esempio 62 Si voglia calcolare lintegrale:
I
n
=
_
x
n
e
x
dx
Integrando per parti si ha facilmente:
I
n
= x
n
e
x
n
_
x
n1
e
x
dx = x
n
e
x
nI
n1
Applicando n volte tale formula il calcolo di I
n
si riconduce al calcolo di
I
0
=
_
e
x
dx = e
x
+c
Cos, ad esempio:
I
3
= x
3
e
x
3I
2
= x
3
e
x
3
_
x
2
e
x
2I
1
_
=
= x
3
e
x
3
_
x
2
e
x
2 (xe
x
I
0
)

= e
x
_
x
3
3x
2
+ 6x 6
_
+c
B.4 Formule di ricorrenza 381
Esempio 63 Si calcoli lintegrale:
I
n
=
_
sin
n
xdx .
Assumendo come fattore dierenziale sin xdx e come fattore nito sin
n1
x,
si ha integrando per parti:
_
sin
n
xdx =
_
sin xsin
n1
xdx =
_
sin
n1
xd (cos x) =
= sin
n1
xcos x + (n 1)
_
cos
2
xsin
n2
xdx = sin
n1
xcos x+
+(n 1)
_
_
1 sin
2
x
_
sin
n2
xdx =
= sin
n1
xcos x + (n 1)
_
sin
n2
xdx (n 1)
_
sin
n
xdx
Di qui si trae facilmente la formula ricorrente:
I
n
=
1
n
sin
n1
xcos x +
n 1
n
I
n2
.
E ovvio che mediante tale formula il calcolo di I
n
si riconduce a quello di:
I
0
=
_
dx = x +c
se n pari, e a quello di:
I
1
=
_
sin xdx = cos x +c
se n dispari.
Esempio 64 Si valuti lintegrale:
I
n
=
_
arcsin
n
xdx .
Integrando per parti, col fattore dierenziale dx, si trova:
I
n
=
_
arcsin
n
xdx = xarcsin
n
x n
_
x

1 x
2
arcsin
n1
xdx
Si osservi, a tal punto, che:
D
_
_
1 x
2
_
=
x

1 x
2

x

1 x
2
dx = d
_
_
1 x
2
_
.
Quindi :
I
n
= xarcsin
n
x +n
_
arcsin
n1
xd
_
_
1 x
2
_
(B.4.1)
382 Calcolo degli integrali indeniti
Integrando per parti questultimo integrale :
_
arcsin
n1
xd
_
_
1 x
2
_
=
_
1 x
2
arcsin
n1
x+
(n 1)
_
arcsin
n2
xdx .
Sostituendo questo risultato in (B.4.1) si ha:
I
n
= xarcsin
n
x +n
_
1 x
2
arcsin
n1
x n(n 1) I
n2
Questultima formula ricorrente condurr al calcolo di:
I
0
=
_
dx = x +c
nel caso in cui n sia pari, e a quello di:
I
1
=
_
arcsin xdx = xarcsin x
_
x

1 x
2
dx = xarcsinx+
+
1
2
_
D
_
1 x
2
_

1 x
2
dx = xarcsinx +
_
1 x
2
+c
nel caso in cui n sia dispari.
B.4.1 Lintegrale della funzione
1
(1 +x
2
)
n
Unaltra formula di riduzione, molto importante, quella che si stabilisce
per il calcolo dellintegrale:
I
n
=
_
dx
(1 +x
2
)
n
(n N, n > 1) , (B.4.2)
Si ha:
I
n
=
_
dx
(1 +x
2
)
n
=
_
1 +x
2
x
2
(1 +x
2
)
n
dx = I
n1

_
x
2
(1 +x
2
)
n
dx.
Per questultimo integrale conviene osservare che:
xdx =
1
2
d
_
x
2
_
sicch :
_
x
2
(1 +x
2
)
n
dx =
_
x
x
(1 +x
2
)
n
dx =
1
2
_
x
d
_
1 +x
2
_
(1 +x
2
)
n
=
=
1
2
_
x
_
1 +x
2
_
n
d
_
1 +x
2
_
=
1
2
_
xd
_
_
1 +x
2
_
n+1
n + 1
_
B.5 Integrali delle funzioni razionali. 383
Integrando per parti :
_
x
2
(1 +x
2
)
n
dx =
1
2
x
_
1 +x
2
_
n+1
n + 1

1
2
1
n + 1
_
_
1 +x
2
_
n+1
dx =
=
x
2 (n 1) (1 +x
2
)
n1
+
1
2 (n 1)
_
dx
(1 +x
2
)
n1
=
=
x
2 (n 1) (1 +x
2
)
n1
+
1
2 (n 1)
I
n1
Quindi :
I
n
= I
n1
+
x
2 (n 1) (1 +x
2
)
n1

1
2 (n 1)
I
n1
ossia:
I
n
=
2n 3
2n 2
I
n1
+
x
2 (n 1) (1 +x
2
)
n1
. (B.4.3)
B.5 Integrali delle funzioni razionali.
Il metodo dintegrazione per decomposizione in somma trova una importante
applicazione nel problema dellintegrazione delle funzioni razionali.
Detti n(x) e D(x) due polinomi a coecienti reali di cui il primo di grado
n e il secondo di grado m consideriamo la funzione razionale:
f (x) =
N (x)
D(x)
Se n m possiamo eseguire la divisione di N (x) per D(x) e, detti Q(x)
e R(x) il quoziente e il resto, si ha:
f (x) =
N (x)
D(x)
= Q(x) +
R(x)
D(x)
da cui:
_
f (x) dx =
_
Q(x) dx +
_
R(x)
D(x)
dx.
Poich sappiamo calcolare lintegrale del polinomio Q(x), il problema del-
lintegrazione della funzione razionale f (x) ricondotto a quello dellinte-
grazione di unaltra funzione razionale nella quale il grado del numeratore
inferiore a quello del denominatore.
E dunque di questultimo problema che dobbiamo preoccuparci.
Cominciamo a considerare il caso particolare in cui R(x) di primo grado e
D(x) di secondo grado, supponiamo cio che riesca:
R(x)
D(x)
=
mx +n
x
2
+px +q
(B.5.1)
384 Calcolo degli integrali indeniti
Il metodo da seguire per calcolare lintegrale di una tale funzione dierisce
a seconda del segno del discriminante del denominatore.
Se 4q p
2
> 0 si scrive:
mx +n
x
2
+px +q
=
m
2
2x +p
x
2
+px +q
+
2n mp
2
1
x
2
+px +q
,
da cui:
_
mx +n
x
2
+px +q
dx =
m
2
_
d log
_
x
2
+px +q
_
+
2n mp
2
_
dx
x
2
+px +q
i.e.:
_
mx +n
x
2
+px +q
dx =
m
2
log
_
x
2
+px +q
_
+
2n mp
_
4q p
2
arctg
2x +p
_
4q p
2
+c
(B.5.2)
Se 4q p
2
< 0 il polinomio a denominatore della nostra funzione ha due
radici reali distinte
1
e
2
, e si ha pertanto:
x
2
+px +q = (x
1
) (x
2
)
Cerchiamo allora di determinare le costanti A
1
e A
2
in modo che riesca:
mx +n
x
2
+px +q
=
A
1
x
1
+
A
2
x
2
Tale formula, riducendo le due frazioni a secondo membro allo stesso denom-
inatore, pu anche scriversi:
mx +n
x
2
+px +q
=
(A
1
+A
2
) x (A
1

2
+A
2

1
)
x
2
+px +q
e anch tale identit sussista, occorre e basta, per il principio di identit
dei polinomi, che riesca:
A
1
+A
2
= m
A
1

2
+A
2

1
= n
ossia:
A
1
=
m
1
+n

1

2
, A
2
=
m
2
+n

1

2
.
Dopo ci si ha, in denitiva:
_
mx +n
x
2
+px +q
dx =
m
1
+n

1

2
log |x
1
|
m
2
+n

1

2
log |x
2
| +c
(B.5.3)
Supponiamo inne che sia 4q p
2
= 0 in tal caso il polinomio
x
2
+px +q = (x )
2
B.5 Integrali delle funzioni razionali. 385
ha una sola radice doppia =
p
2
e si ha quindi:
x
2
+px +q = (x )
2
Cerchiamo allora di determinare le costanti A
1
e A
2
in modo che riesca:
mx +n
x
2
+px +q
=
A
1
x
+
d
dx
B
1
x
Eseguendo la derivazione indicata nel secondo membro di tale formula e
riducendo tale secondo membro allo stesso denominatore, si ha:
mx +n
x
2
+px +q
=
A
1
x A
2
B
1
x
2
+px +q
,
da cui:
m = A
1
, n = (A
1
+B
1
)
e quindi:
A
1
= m , B
1
= (m +n) .
Dopo ci si ha, in denitiva:
_
mx +n
x
2
+px +q
dx = mlog |x |
m +n
x
+c (B.5.4)
Esempio 65 Si voglia calcolare lintegrale:
_
x
4
+x
3
+ 3x
2
4x + 7
x
3
+x
2
+ 3x 5
dx
Si ha intanto:
x
4
+x
3
+ 3x
2
4x + 7
x
3
+x
2
+ 3x 5
= x +
x + 7
x
3
+x
2
+ 3x 5
Si osservi che lequazione:
x
3
+x
2
+ 3x 5 = 0
ha la radice reale x = 1 per cui, mettendo in vista nel primo membro il
fattore (x 1), essa pu anche scriversi:
(x 1)
_
x
2
+ 2x + 5
_
= 0.
Poich lequazione di secondo grado:
x
2
+ 2x + 5 = 0
non ha radici reali, cerchiamo di determinare le costanti A, m, n in modo che
riesca:
x + 7
x
3
+x
2
+ 3x 5
=
A
x 1
+
mx +n
x
2
+ 2x + 5
.
386 Calcolo degli integrali indeniti
Eliminando i denominatori da tale formula si ha:
x + 7 = (A+m) x
2
+ (2A+n m) x + 5An
da cui, eguagliando i coecienti dei termini omologhi del primo e secondo
membro, si ha:
A+m = 0 , 2A+n m = 1 , 5An = 7
Da questo sistema di tre equazioni lineari nelle incognite A, m, n si ricava
facilmente:
A = 1 , m = 1 , n = 2.
Si ha dunque, in denitiva:
x
4
+x
3
+ 3x
2
4x + 7
x
3
+x
2
+ 3x 5
= x +
1
x 1

x + 2
x
2
+ 2x + 5
da cui:
_
x
4
+x
3
+ 3x
2
4x + 7
x
3
+x
2
+ 3x 5
dx =
x
2
2
+ log |x 1|
1
2
log
_
x
2
+ 2x + 5
_
+

1
2
arctg
x + 1
2
+c