Sei sulla pagina 1di 5

La Vergine Maria, Madre di Dio e Madre nostra - I

Entrare nel mistero con Maria Jean Galot s.j. "Rallegrati"


Ogni volta che preghiamo l' "Ave Maria", vogliamo entrare con Maria nell'immenso mistero dell'opera divina di salvezza. Riprendiamo le parole pronunziate dall'angelo al momento dell'Annunciazione, perch solo l'angelo che ha fatto entrare Maria in questo mistero pu introdurci nello stesso mistero. Vogliamo raccogliere tutta la luce che stata concessa a quella che era stata scelta per diventare madre di Cristo e cooperare in modo singolare alla trasformazione del destino dell'umanit. Abbiamo bisogno di aprirci a questa luce perch il nostro proprio destino possa essere intimamente associato a quello di Maria. "Ave Maria" pu troppo facilmente essere una parola meccanicamente ripetuta. Per evitare questo difetto, dobbiamo continuamente riscoprire il significato delle parole pronunziate dall'angelo secondo il racconto evangelico di Luca: "Rallegrati, piena di grazia". Letteralmente, l'angelo non ha detto: "Ave, Maria", come se fosse un semplice saluto, ma ha invitato Maria a rallegrarsi e le ha attribuito il nome di "colmata di grazia". Si tratta dunque di un invito alla gioia che era legato alla rivelazione di uno stato eccezionale di grazia. vero che la forma verbale "Kaire", adoperata nel linguaggio dell'evangelista, poteva significare, nelle relazioni sociali della gente di lingua greca, un saluto o un "buongiorno", ma conservava sempre il suo valore fondamentale di invito alla gioia. Per questo motivo, il vocabolo fu tradotto in latino come l'espressione di un saluto: "Ave". Questa traduzione non sembra corrispondere alle circostanze delle parole dell'angelo: al momento pi importante di tutta la storia dell'umanit, come immaginare che l'angelo, pienamente consapevole del valore supremo della sua missione, abbia semplicemente detto a Maria: "Buon giorno", come se questo giorno fosse simile agli altri? Un saluto banale non poteva convenire in questa ora decisiva. All'inizio del dialogo che doveva aprire la via alla venuta del Salvatore nel mondo, l'angelo ha dato pieno significato all'invito: "Rallegrati". Mai un "rallegrati" avrebbe potuto avere un valore cos forte. Maria era invitata a rallegrarsi, perch era stata scelta per contribuire all'evento tanto sperato della nascita di un Salvatore che doveva cambiare il volto dell'universo. Diversamente dai Padri latini che interpretavano la parola dell'angelo come un saluto, i Padri greci, pi capaci di cogliere le sfumature della loro lingua, hanno riconosciuto in "Kaire" un invito alla gioia, gioia che avrebbe avuto una importanza essenziale nell'accoglienza del messaggio divino. Il "rallegrati" poneva l'accento sulla disposizione essenziale richiesta da Dio per la cooperazione alla sua opera di salvezza. L'angelo dunque ha invitato Maria ad entrare nel mistero divino con una vera gioia personale.

L'invito alla gioia rivolto alla figlia di Sion

L'invito formulato dall'angelo al momento dell'Annunciazione era stato preceduto da diversi inviti alla gioia messianica, formulati in testi profetici nell'antica alleanza. Gli inviti erano particolarmente rivolti alla "figlia di Sion", cio al popolo giudaico. Un oracolo profetico che esprime questo invito molto bene conosciuto, perch stato citato nei vangeli (Matteo 21,5; Giovanni 12,15) per mostrarne il compimento nell'ingresso di Ges a Gerusalemme, ingresso accompagnato dalle grida di entusiasmo della folla. Nel libro di Zaccaria, il popolo era invitato a una grande gioia per la venuta del re messianico, venuta che comportava un aspetto di umilt, conforme alle intenzioni di un re pacifico: "Esulta grandemente, figlia di Sion, giubila, figlia di Gerusalemme! Ecco, a te viene il tuo re. Egli giusto e vittorioso, umile, cavalca un asino sopra un puledro figlio d'asina. Far sparire i carri da Efraim e i cavalli da Gerusalemme, l'arco di guerra sar spezzato, annunzier la pace alle genti, il suo dominio sar da mare a mare e dal fiume ai confini della terra" (9,9-10). Questo re deve essere accolto con gioia, non solo perch vittorioso, ma soprattutto perch stabilisce un regno universale di pace. Altri profeti collegano l'invito alla gioia con la presenza del Dio Salvatore in mezzo al suo popolo. In Sofonia questo invito anche molto potente: "Gioisci, figlia di Sion, Annunciazione esulta, Israele, e rallegrati con tutto il [Carmelitane di Firenze] cuore, figlia di Gerusalemme! Il Signore ha revocato la tua condanna, ha disperso il tuo nemico. Re d'Israele il Signore in mezzo a te, tu non vedrai pi la sventura... Il Signore tuo Dio in mezzo a te un Salvatore potente". Non solo la presenza del Signore onnipotente una garanzia di felicit, ma nel Signore stesso si trova una gioia che vuole comunicarsi: Il Signore tuo Dio "esulter di gioia per te, ti rinnover con il suo amore, si rallegrer per te con grida di gioia, come nei giorni di festa" (3,14-18). In Gioele, le meraviglie compiute dal Signore sono motivo dell'invito alla gioia: "Non temere, terra, ma rallegrati e gioisci, perch cose grandi ha fatto il Signore" (2,21). Dio promette una grande abbondanza di beni: "Mangerete in abbondanza, a saziet, e loderete il nome del Signore vostro Dio che in mezzo a voi ha fatto meraviglie. Voi riconoscerete che io sono in mezzo ad Israele, e che sono io il Signore vostro Dio..." (2,26-27). L'esortazione alla gioia viene dunque dalle meraviglie compiute, dalle meraviglie promesse e dalla presenza divina che queste meraviglie manifestano. Un altro motivo della chiamata alla gioia viene espresso nel libro di Isaia: una fecondit data dall'alto, che supera ogni sterilit: "Esulta, o sterile che non hai partorito, prorompi in grida di giubilo e di gioia, tu che non hai provato i dolori, perch sono pi numerosi i figli dell'abbandonata che i figli della maritata, dice il Signore" (54,1). Il popolo invitato a rallegrarsi per la fecondit che sar concessa con la ripresa delle relazioni di amore fra Dio e il popolo: "Per un breve istante ti ho abbandonata, ma ti riprender con immenso amore" (54,7).

L'invito a rallegrarsi, rivolto dall'angelo alla Vergine di Nazaret, deve essere capito nella prospettiva degli inviti che il Dio dell'antica alleanza aveva rivolto al suo popolo. I diversi motivi enunciati negli oracoli profetici trovano un compimento nello stato di Maria in dialogo con l'angelo: Maria invitata alla gioia per la venuta del re messianico, per la presenza del Dio Salvatore in mezzo al popolo, per le meraviglie compiute e promesse da Dio in favore di tutti, per una fecondit eccezionale che viene proposta al momento dell'Annunciazione. A questo punto, Maria era esortata a riassumere in uno slancio di gioia tutto ci che era stato annunziato come fonte di gioia nella religione ebraica. In realt, era invitata non solo a riprendere tutti i motivi del passato, ma riceveva una rivelazione che superava di molto tutti gli annunzi anteriori. Lo slancio di gioia che aveva cominciato a manifestarsi nell'antica alleanza per la venuta del regno messianico doveva adesso svilupparsi pienamente nella donna scelta come madre del Salvatore.

Invito di portata universale


Per il fatto che l'invito alla gioia era stato rivolto prima alla figlia di Sion, la parola "rallegrati" appare pi chiaramente nella sua portata universale. Viene personalmente indirizzata a Maria, ma Maria tiene il posto della figlia di Sion e rappresenta dunque il popolo giudaico nel dialogo con l'angelo. Questo valore rappresentativo assume tutto il suo significato nel quadro dell'Annunciazione, che fa conoscere un progetto di alleanza. Nella storia del popolo ebraico non mancano i racconti d'alleanza, alleanza che viene stabilita fra Dio e un uomo che rappresenta il popolo. La pi conosciuta l'alleanza che il Signore conclude con Mos e che viene riportata nel capitolo 24 dell'Esodo. A Mos era stata promessa, per questa alleanza, una unione inseparabile con Dio: "Io sar con te" (Esodo 3,12). L'assicurazione data a Maria con le parole: "Il Signore con te" (Luca 1,28) rivela l'intenzione divina di stabilire una alleanza. L'intenzione sorprendente. Tutte le alleanze precedenti erano state concluse fra Dio e un uomo specialmente scelto. Questa volta, si tratta di una alleanza deliberatamente voluta fra Dio e una donna. Nel passato, solo gli uomini sembravano destinati a rappresentare il popolo dinanzi a Dio. L'Annunciazione apre una nuova prospettiva: per la prima volta, una donna rappresenta il popolo per la conclusione dell'alleanza. E la rappresentanza richiesta dal piano divino per l'alleanza definitiva. Prima, nella storia del popolo, l'uomo appariva cone privilegiato quando era paragonato con la donna, ma con il messaggio dell'angelo Dio sceglie una donna per la sola alleanza reale. Le alleanze anteriori erano soltanto delle figure o prefigurazioni della vera alleanza, che doveva essere stabilita in Cristo. Per la formazione di questa vera alleanza, che implicava la remissione dei peccati e il dono della salvezza, Dio chiedeva il consenso di una donna. Aveva mandato un angelo per esprimere questa richiesta e aspettava una libera; risposta, che avrebbe impegnato Maria in una cooperazione totalmente dedicata al compimento del disegno divino. Senza questo consenso e questa cooperazione, il grande progetto di salvezza per l'umanit non avrebbe potuto diventare realt. Al momento dell'Annunciazione, il destino dell'universo era sospeso alla risposta di una donna, perch Dio non avrebbe voluto salvare l'umanit senza l'adesione di una persona che la rappresentava perfettamente ai suoi occhi. Il "s" di Maria era assolutamente necessario allo stabilimento dell'alleanza, in virt di una Volont sovrana del Padre. La Bibbia ci riferisce altri casi di nascite straordinarie procurate dall'onnipotenza divina, pi particolarmente come meraviglia operata per una donna sterile, ma in questi casi, l'annuncio della nascita non richiede un consenso: la donna si rallegra semplicemente per il favore ottenuto dalla

benevolenza divina. Nel caso dell'Annunciazione, l'angelo non va via prima di avere ottenuto dalle labbra di Maria il consenso richiesto. Lo scopo della visita dell'angelo era quello di suscitare e di raccogliere il consenso. Abbiamo osservato che nella prospettiva tradizionale della religione giudaica Maria teneva il posto della figlia di Sion e a questo titolo rappresentava il popolo eletto, invitato a rallegrarsi per la venuta del re messianico. Il messaggio dell'angelo supera questa prospettiva, perch l'orizzonte della salvezza non pi limitato a un popolo. Questo messaggio che annuncia Ges Salvatore va aldil delle frontiere di Sion e viene affidato a Maria come quella che rappresenta tutti coloro che sono chiamati a ricevere il beneficio dell'opera salvatrice di Cristo. Maria infatti la rappresentante di tutta l'umanit destinata ad aprirsi al disegno di salvezza.

Il compito di rallegrarsi
Chiamata a dare il suo consenso al progetto divino esposto dall'angelo, Maria svolge un ruolo essenziale nel compimento dell'Incarnazione redentrice. Dal momento che la Vergine di Nazaret ha pronunziato le parole: "Avvenga per me come tu hai detto" (Luca 1,38), il Figlio di Dio si fatto uomo. La cooperazione della donna ha avuto dunque un influsso decisivo sul pi grande evento della storia umana. Nel modo di esprimere questo consenso, possiamo notare una sfumatura che aiuta a capire i sentimenti di Maria. La forma verbale tradotta: "Avvenga per me", serve all'espressione di desideri personali. Il significato che Maria non rende soltanto il suo proprio volere conforme al volere Annunciazione divino, ma sviluppa in se stessa dei [L.Seitz, Santuario della Madonna di Loreto] desideri che seguono lo stesso orientamento. Nel profondo del suo cuore, vive in armonia con la volont del Padre. Questa preoccupazione di armonia intima con il disegno divino illustra il volto femminile dell'alleanza. Stabilita con gli uomini, l'alleanza era stata concepita e praticata come patto di azione, con l'accento posto sulla forza nella lotta. L'alleanza di Dio con la donna tende a far prevalere i valori affettivi e a realizzare una unione nell'amore. Mentre l'alleanza di tipo maschile concentra gli sforzi sulla preparazione alla guerra e vuole soprattutto assicurare il trionfo delle armi, l'alleanza con la donna cerca piuttosto di stabilire e organizzare un regime di pace, un regime che favorisca relazioni cordiali e buona intesa. Costatando l'orientamento affettivo dell'alleanza femminile, possiamo capire meglio l'intenzione divina che, attraverso il messaggio dell'Annunciazione, ha rivolto a una donna l'invito alla gioia. I sentimenti della donna destinata a vivere in pienezza l'alleanza dovevano favorire lo sviluppo della gioia della salvezza. Per questo motivo, la prima forma di cooperazione, da parte della donna scelta per la conclusione dell'alleanza perpetua e definitiva, deve essere un movimento del cuore per entrare e far entrare nell'immensit della felicit promessa.

Manifestamente, "Rallegrati" non una esortazione di ordine secondario. la prima parola rivolta dall'angelo a Maria, la prima parola che il Padre fa suonare ai suoi orecchi, nel momento capitale dell'annuncio di salvezza che egli desidera comunicare all'umanit. L'invito alla gioia dunque di primaria importanza. In questo invito appare lo scopo di tutta l'opera di salvezza. Tutto ci che ha voluto il Padre, tutto ci che l'ha spinto a mandare suo Figlio nel mondo era orientato verso la nostra gioia, la nostra felicit. Siccome egli voleva suscitare la pi ampia cooperazione di Maria alla sua opera, desiderava che fosse associata a questa intenzione sovrana e che il primo movimento dell'anima della cooperatrice le facesse condividere il primo movimento dell'amore divino paterno verso gli uomini. Maria doveva essere la prima che avrebbe fatto l'esperienza della gioia preparata dal Padre per i suoi figli. Entrando in questa gioia, Maria sarebbe stata anche la prima a diffonderla. Espressamente, l'invito le era rivolto come alla persona che rappresentava la figlia di Sion e portava in se stessa il destino non solo del popolo eletto ma dell'umanit che beneficiava dell'amore divino salvifico. Aveva dunque come missione di comunicare agli altri la propria felicit, una missione che corrispondeva anche al compito materno che le era attribuito nel disegno di salvezza. Una madre desidera condividere con i figli le sue gioie. L'invito a rallegrarsi rivelava il legame fra la gioia autentica e la grazia. Il legame appariva nell'associazione delle due prime parole "rallegrati" e "colmata di grazia". Nella loro risonanza greca, le due parole vengono intimamente unite in virt di una somiglianza di pronuncia (Kaire kekaritomne). Ma sono soprattutto unite per il fatto che in Maria la gioia sorge dall'abbondanza della grazia. Non fortuita la coincidenza: quella che riceve dall'angelo il compito di rallegrarsi e di far entrare la comunit umana nella gioia quella che stata dotata di una grazia eccezionale. Il suo esempio aiuta a capire come la perfezione di grazia si esprime in una perfezione di gioia e come l'esultazione di gioia manifesta la trasfomazione intima che produce l'azione segreta della grazia dilatando le profondit dell'anima. Dal Cielo, Maria ha ricevuto come primo compito la missione di rallegrarsi: il segno dell'importanza della gioia agli occhi di Dio. Questa importanza stata posta in luce dal primo momento dell'annunzio della buona novella. In seguito sar confermata in tutto l'insegnamento di Ges, non solo nella dottrina delle Beatitudini ma in molte circostanze, pi specialmente nelle parole pronunciate al momento doloroso della Passione. Il racconto dell'Annunciazione ha il grande merito di ricordarci la prima chiamata alla nuova gioia, destinata a orientare tutta la nostra vita. All'indice dei capitoli Parte seconda

Home Page

moscati@gesuiti.it