Sei sulla pagina 1di 60
CORSO ALLENATORI UEFA A 2011 Cenni di Traumatologia dell’apparato muscoloscheletrico
CORSO ALLENATORI UEFA A 2011
Cenni di Traumatologia dell’apparato
muscoloscheletrico

Lesioni

Trattamento

Lesioni Trattamento Diagnosi Prevenzione
Lesioni Trattamento Diagnosi Prevenzione
Lesioni Trattamento Diagnosi Prevenzione

Diagnosi

Prevenzione

Lesioni Trattamento Diagnosi Prevenzione
Lesioni Trattamento Diagnosi Prevenzione
Lesioni muscolo-tendinee INFORTUNIO LOCALIZZAZIONE INSORGENZA Acuta Muscolare Tendinea Articolare Cronica

Lesioni muscolo-tendinee

INFORTUNIO
INFORTUNIO

LOCALIZZAZIONE

INSORGENZA

Acuta

Muscolare Tendinea Articolare
Muscolare Tendinea
Articolare

Cronica

Lesioni muscolo-tendinee

INSORGENZA

Evento

occasionale

Lesioni muscolo-tendinee INSORGENZA Evento occasionale ACUTA Fattori predisponenti

ACUTA

Fattori

predisponenti

Lesioni muscolo-tendinee INSORGENZA Evento occasionale ACUTA Fattori predisponenti
Lesioni muscolo-tendinee INSORGENZA Evento occasionale ACUTA Fattori predisponenti

Lesioni muscolo-tendinee

Lesioni muscolo-tendinee Evento occasionale INSORGENZA CRONICA Fattori predisponenti

Evento

occasionale

Lesioni muscolo-tendinee Evento occasionale INSORGENZA CRONICA Fattori predisponenti

INSORGENZA

CRONICA

Fattori

predisponenti

Lesioni muscolo-tendinee Evento occasionale INSORGENZA CRONICA Fattori predisponenti
Fondamentalmente lesioni acute come prima espressione • Elevato rischio recidive per trattamento inadeguato
Fondamentalmente lesioni acute come prima espressione • Elevato rischio recidive per trattamento inadeguato

Fondamentalmente lesioni acute come prima espressione

Elevato rischio recidive per trattamento inadeguato

Fattori di rischio ?

• Prima lesione come evento occasionale • Prima lesione con fattori predisponenti • Recidiva di
• Prima lesione come evento occasionale • Prima lesione con fattori predisponenti • Recidiva di

• Prima lesione come evento occasionale

Prima lesione con fattori predisponenti

• Recidiva di precedenti lesioni

Lesione diretta Lesione indiretta • Contusione • I g r a d o • II
Lesione diretta Lesione indiretta • Contusione • I g r a d o • II
Lesione diretta Lesione indiretta
Lesione diretta
Lesione indiretta

Contusione

I grado

• II grado

• III grado

LESIONE MUSCOLARE DIRETTA :

CONTUSIONE

Lesione acuta determinata dall’impatto di un oggetto

non tagliente sulla superficie corporea Grave

Lieve

rottura piccoli vasi superficiali

ecchimosi

Grave Lieve rottura piccoli vasi superficiali ecchimosi necrosi fibre muscolari emorragia intratissutale ematoma

necrosi fibre muscolari

emorragia intratissutale

vasi superficiali ecchimosi necrosi fibre muscolari emorragia intratissutale ematoma intramuscolare intermuscolare misto

ematoma

vasi superficiali ecchimosi necrosi fibre muscolari emorragia intratissutale ematoma intramuscolare intermuscolare misto

intramuscolare

intermuscolare

misto

LESIONE MUSCOLARE DIRETTA :

CONTUSIONE

Ematoma intramuscolare

limitato dall’epimisio che rimane intatto

dolore di solito importante

Ematoma intermuscolare

intatto dolore di solito importante Ematoma intermuscolare rottura concomitante della fascia muscolare, con diffusione

rottura concomitante della fascia muscolare, con diffusione dell’ematoma negli spazi interfasciali ed interstiziali

il dolore può essere minore

LESIONE MUSCOLARE DIRETTA :

CONTUSIONE

LESIONE MUSCOLARE DIRETTA : CONTUSIONE La sintomatologia varia a seconda dell’entità del trauma Lesione lieve: Lesione

La sintomatologia varia a seconda dell’entità del trauma

Lesione lieve:

Lesione grave:

• modesta sintomatologia dolorosa

• ecchimosi

• tumefazione dolente alla pressione

• miglioramento con attività blanda

dolore intenso

• tumefazione tesa e dolente, estesa intorno all’area di lesione

• piena impotenza funzionale

• possibilità di contrazione solo parziale

Si può avere deposizione di calcio con formazione di calcificazioni e compromissione permanente della funzione muscolare. Immobilizzazione in elongazione.

LESIONE MUSCOLARE INDIRETTA Violenta contrazione muscolare sviluppatasi su un muscolo già allungato Azione di

LESIONE MUSCOLARE INDIRETTA

Violenta contrazione muscolare sviluppatasi su un muscolo già allungato

Azione di allungamento violento di un muscolo in fase di contrazione

sviluppatasi su un muscolo già allungato Azione di allungamento violento di un muscolo in fase di
sviluppatasi su un muscolo già allungato Azione di allungamento violento di un muscolo in fase di

Lesione

LESIONE MUSCOLARE INDIRETTA I grado lesione della struttura muscolare con coinvolgimento di poche fibre irrigidimento

LESIONE MUSCOLARE INDIRETTA

I grado
I grado

lesione della struttura muscolare con coinvolgimento di poche fibre

irrigidimento doloroso con accentuazione del dolore durante l’allungamento muscolare

LESIONE MUSCOLARE INDIRETTA II grado lesione di un numero superiore di fibre muscolari con sanguinamento

LESIONE MUSCOLARE INDIRETTA

II grado
II grado

lesione di un numero superiore di fibre muscolari

con sanguinamento intramuscolare

sensazione di schiocco o colpo secco e comparsa di spasmo muscolare

discreta limitazione funzionale per l’irritazione causata dall’emorragia intramuscolare

LESIONE MUSCOLARE INDIRETTA III grado rottura parziale o totale di un muscolo: soluzione di continuo

LESIONE MUSCOLARE INDIRETTA

III grado
III grado

rottura parziale o totale di un muscolo: soluzione di continuo del tessuto muscolare con ampia diastasi delle fibre

esordio drammatico, con sensazione di colpo dall’esterno, spesso accompagnata da un evidente e talvolta udibile schiocco totale limitazione funzionale, conseguenza del dolore e/o dell’irrigidimento muscolare

emorragia intramuscolare, con formazione di un ematoma locale o a distanza in sede declive

TRATTAMENTO

A
A
TRATTAMENTO A Trattamento acuto: RICE o GREC R = Rest G = Glace Ghiaccio I =

Trattamento acuto: RICE o GREC

R

= Rest

G

= Glace

Ghiaccio

I

= Ice

R = Repos

Riposo

C

= Compression

E = Elevation

Elevazione

E

= Elevation

C

= Compression

Compressione

TRATTAMENTO

B
B
TRATTAMENTO B Riduzione della flogosi • fisioterapia • FANS per via generale • FANS topici Riassorbimento

Riduzione della flogosi

fisioterapia

FANS per via generale

FANS topici

Riassorbimento ematoma

massaggio

ipertermia

ultrasuoni

antiedemigeni

Rilassamento contrattura perilesionale

massaggio

elettroterapia

farmaci

TRATTAMENTO

C
C
TRATTAMENTO C Recupero elasticità • stretching attivo • stretching passivo • contrazione/rilassamento •

Recupero elasticità

stretching attivo

stretching passivo

contrazione/rilassamento stretching dinamico

Recupero forza

Recupero gesto specifico

esercitazioni a bassa intensità

percorsi

simulazione del gesto con elastici

Lesioni muscolari

Lesioni muscolari Fase infiammatoria Fase di riparazione (circa 48 ore dalla lesione) proliferazione cellulare produzione

Fase infiammatoria

Fase di riparazione (circa 48 ore dalla lesione) proliferazione cellulare

produzione di matrice extracellulare, collageno e proteoglicani

Fase di rimodellamento (circa 3°- 14° giorno dalla lesione)

sintesi di collageno

Fase di ordinamento delle fibre

• ACUTE • CRONICHE
• ACUTE • CRONICHE
• ACUTE
ACUTE

CRONICHE

La funzione principale dei tendini è

trasmettere all’osso su cui si inseriscono

la forza creata dal muscolo, rendendo

così possibile il movimento articolare.

Per eseguire tale funzione in maniera

efficace i tendini devono essere in grado

di resistere a tensioni elevate in un

range limitato di allungamento e con una minima deformazione.

in un range limitato di allungamento e con una minima deformazione. Caratteristiche anatomofunzionali del tendine
Tessuto altamente fibroso con apporto ematico scarso che con il passare degli anni si riduce
Tessuto altamente fibroso con apporto ematico scarso che con il passare degli anni si riduce

Tessuto altamente fibroso con apporto ematico scarso che con il passare degli anni si riduce ulteriormente, cosicché si sviluppano alterazioni degenerative che lo rendono più soggetto alle lacerazioni se sottoposto a sforzi ripetitivi

Scarse capacità di adattamento all’allenamento e di riparazione in caso di lesione da sovraccarico

Facilmente perde la capacità di scorrimento per adesione ai tessuti circostanti

Str

ess

Str ess riposo Comportamento meccanico del tendine 2 4 6 8 ** allungamento lineare cedimento rottura

riposo

Str ess riposo Comportamento meccanico del tendine 2 4 6 8 ** allungamento lineare cedimento rottura
Str ess riposo Comportamento meccanico del tendine 2 4 6 8 ** allungamento lineare cedimento rottura

Comportamento meccanico del tendine

Str ess riposo Comportamento meccanico del tendine 2 4 6 8 ** allungamento lineare cedimento rottura
2 4 6 8 ** allungamento lineare cedimento rottura
2
4
6
8
**
allungamento lineare
cedimento
rottura

%

allungamento

• eccessivo carico di lavoro limiti strutturali (biotipo) limiti funzionali (biomeccanici) • fatica muscolare •
• eccessivo carico di lavoro limiti strutturali (biotipo) limiti funzionali (biomeccanici) • fatica muscolare •
• eccessivo carico di lavoro limiti strutturali (biotipo) limiti funzionali (biomeccanici) • fatica muscolare •

eccessivo carico di lavoro

limiti strutturali (biotipo)

limiti funzionali (biomeccanici)

fatica muscolare

scorretta esecuzione del gesto

freddo vasocostrizione terreni

Infiammatoria (delle guaine di rivestimento) • Degenerativa (del tessuto tendineo) •
Infiammatoria (delle guaine di rivestimento) • Degenerativa (del tessuto tendineo) •
Infiammatoria (delle guaine di rivestimento) • Degenerativa (del tessuto tendineo) •

Infiammatoria (delle guaine di rivestimento)

Degenerativa (del tessuto tendineo)

• tenosinoviti e tenovaginiti (infiammazione del solo paratenonio) • tendiniti: acute subacute croniche sintomi
• tenosinoviti e tenovaginiti (infiammazione del solo paratenonio) • tendiniti: acute subacute croniche sintomi

• tenosinoviti e tenovaginiti (infiammazione del solo paratenonio) • tendiniti: acute subacute croniche sintomi

tenosinoviti e tenovaginiti (infiammazione del solo paratenonio)

e tenovaginiti (infiammazione del solo paratenonio) • tendiniti: acute subacute croniche sintomi < 2
• tendiniti:
tendiniti:

acute

subacute

croniche

sintomi < 2 settimane sintomi > 2 settimane

sintomi > 6 settimane

sintomi > 2 settimane sintomi > 6 settimane • tendinosi (degenerazione asintomatica del tendine)

tendinosi

(degenerazione asintomatica

del tendine)

Lesione da sovraccarico
Lesione da sovraccarico
2 settimane sintomi > 6 settimane • tendinosi (degenerazione asintomatica del tendine) Lesione da sovraccarico
LESIONI TENDINEE ACUTE • Contusione • Stiramento • Rottura (su preesistente lesione/degenerazione) Isolata o
LESIONI TENDINEE ACUTE • Contusione • Stiramento • Rottura (su preesistente lesione/degenerazione) Isolata o

LESIONI TENDINEE ACUTE

Contusione

Stiramento

Rottura (su preesistente lesione/degenerazione)

Isolata o associata a lesione muscolare Facile cronicizzazione

LESIONI TENDINEE CRONICHE Per le loro caratteristiche sia anatomiche che funzionali nella maggioranza dei casi
LESIONI TENDINEE CRONICHE Per le loro caratteristiche sia anatomiche che funzionali nella maggioranza dei casi

LESIONI TENDINEE CRONICHE

Per le loro caratteristiche sia anatomiche che funzionali nella maggioranza dei casi le lesioni tendinee sono di tipo cronico

TRATTAMENTO

TRATTAMENTO Trattamento acuto A riduzione della flogosi • riposo • ghiaccio • riduzione della tensione

Trattamento acuto

TRATTAMENTO Trattamento acuto A riduzione della flogosi • riposo • ghiaccio • riduzione della tensione
A
A

riduzione della flogosi

riposo

ghiaccio

riduzione della tensione

TRATTAMENTO

TRATTAMENTO

TRATTAMENTO

B
B
TRATTAMENTO B

TRATTAMENTO

B
B

Trattamento subacuto

TRATTAMENTO B Trattamento subacuto

TRATTAMENTO

B
B

Trattamento subacuto

TRATTAMENTO B Trattamento subacuto

TRATTAMENTO

Trattamento subacuto

B
B
TRATTAMENTO Trattamento subacuto B

TRATTAMENTO

B
B
TRATTAMENTO B T r a t t a m e n t o s u b

Trattamento subacuto

riduzione della flogosiTRATTAMENTO B T r a t t a m e n t o s u b

recupero dell’elasticitàTRATTAMENTO B T r a t t a m e n t o s u b

TRATTAMENTO

B
B
TRATTAMENTO B T r a t t a m e n t o s u b

Trattamento subacuto

riposo

ghiaccio

riduzione della tensione

riduzione della flogosim e n t o s u b a c u t o • riposo •

recupero dell’elasticitàa m e n t o s u b a c u t o • riposo

TRATTAMENTO

B
B
TRATTAMENTO B T r a t t a m e n t o s u b

Trattamento subacuto

riposo

ghiaccio

riduzione della tensione

riduzione della flogosit o • riposo • ghiaccio • riduzione della tensione recupero dell’elasticità • esercizi di flessibilità

recupero dell’elasticità• riduzione della tensione riduzione della flogosi • esercizi di flessibilità • carico eccentrico

esercizi di flessibilità

carico eccentrico progressivo

TRATTAMENTO

B
B
TRATTAMENTO B T r a t t a m e n t o s u b

Trattamento subacuto

B T r a t t a m e n t o s u b a

riposo

ghiaccio

riduzione della tensione

riduzione della flogosit o • riposo • ghiaccio • riduzione della tensione recupero dell’elasticità • esercizi di flessibilità

recupero dell’elasticità• riduzione della tensione riduzione della flogosi • esercizi di flessibilità • carico eccentrico

esercizi di flessibilità

carico eccentrico progressivo

Distorsioni Conservazione dei normali rapporti tra i capi articolari Lussazioni Perdita dei normali rapporti tra
Distorsioni Conservazione dei normali rapporti tra i capi articolari Lussazioni Perdita dei normali rapporti tra

Distorsioni

Conservazione dei normali rapporti tra i capi articolari

Lussazioni

Perdita dei normali rapporti tra i capi articolari

Distorsioni: complicanze • Tumefazione e dolore persistenti • Instabilità cronica • Artrosi precoce •
Distorsioni: complicanze • Tumefazione e dolore persistenti • Instabilità cronica • Artrosi precoce •

Distorsioni: complicanze

Tumefazione e dolore persistenti

Instabilità cronica

Artrosi precoce

Osteocondriti

Fattori di rischio

Mancato rispetto dei tempi biologici di guarigione

Immobilizzazione

prolungata

Lussazioni • • • Lesioni associate Ossee Vascolari Osteocondriti • • Complicanze Instabilità
Lussazioni • • • Lesioni associate Ossee Vascolari Osteocondriti • • Complicanze Instabilità

Lussazioni

Lesioni associate Ossee Vascolari Osteocondriti

Complicanze Instabilità

Lesioni associate

LESIONI DA SOVRACCARICO

LESIONI DA SOVRACCARICO Sollecitazioni che superano anche di poco la capacità di resistenza della struttura, ripetute

Sollecitazioni che superano anche di poco la capacità di resistenza della struttura, ripetute con frequenza tale da non permettere la piena riparazione dei microtraumi prodotti

Fattori predisponenti

intrinseci

estrinseci

LESIONI DA SOVRACCARICO

Fattori predisponenti intrinseci

LESIONI DA SOVRACCARICO Fattori predisponenti intrinseci Malallineamenti • ipersupinazione/pronazione •

Malallineamenti

ipersupinazione/pronazione

piede piatto/cavo

retropiede valgo/varo

ginocchio valgo/varo

rotula alta

Eterometrie arti inferiori Squilibri/debolezze muscolari Instabilità/lassità articolari Sovrappeso

LESIONI DA SOVRACCARICO

Fattori predisponenti estrinseci

LESIONI DA SOVRACCARICO Fattori predisponenti estrinseci • Carico eccessivo •tipo di movimento • velocità di

Carico eccessivo

•tipo di movimento

• velocità di movimento

• numero di ripetizioni

• calzature

• superficie

Errori di allenamento

• Equipaggiamento inadatto

• Regolamenti non adeguati

• Tecnica scarsa

LESIONI DA SOVRACCARICO

TRATTAMENTO

LESIONI DA SOVRACCARICO TRATTAMENTO Il trattamento delle lesioni da sovraccarico deve considerare non solo i sintomi

Il trattamento delle lesioni da sovraccarico deve considerare non solo i sintomi ma anche le cause che vanno adeguatamente corrette

Lesioni muscolari

Lesioni muscolari Fattori predisponenti/concausali Inadeguato/errato riscaldamento Alterato meccanismo cocontrazione

Fattori predisponenti/concausali

Inadeguato/errato

riscaldamento

predisponenti/concausali Inadeguato/errato riscaldamento Alterato meccanismo cocontrazione (deficit propriocettivo)
predisponenti/concausali Inadeguato/errato riscaldamento Alterato meccanismo cocontrazione (deficit propriocettivo)

Alterato meccanismo cocontrazione (deficit propriocettivo)

Squilibrio di forza muscolare

Lesione

propriocettivo) Squilibrio di forza muscolare L esione Fatica locale o generale (deficit energetico) Deficit di
propriocettivo) Squilibrio di forza muscolare L esione Fatica locale o generale (deficit energetico) Deficit di

Fatica locale o generale (deficit energetico)

Deficit di flessibilità ?

Disidratazione Squilibrio salino

Alterata coordinazione neuromuscolare

Patologie da sovraccarico

Patologie da sovraccarico

Lo stretching

Acuto

Lo stretching Acuto Cronico Prevenzione Prestazione
Lo stretching Acuto Cronico Prevenzione Prestazione

Cronico

Lo stretching Acuto Cronico Prevenzione Prestazione

Prevenzione

Prestazione

Lo stretching Acuto Cronico Prevenzione Prestazione

Lo stretching

Riduzione espressione F massima

Aumento ROM

Riduzione incidenza lesioni muscolari

Riduzione incidenza lesioni sovraccarico

Miglioramento prestazione

Acuto
Acuto

Cronico

? ?
?
?
incidenza lesioni muscolari Riduzione incidenza lesioni sovraccarico Miglioramento prestazione Acuto Cronico ? ? Cronico?

Cronico?

Lo stretching

Lo stretching Miglioramento prestazione Cronico? ? Ipertrofia muscolare Aumento ROM Aumentata tolleranza dolore Tipo

Miglioramento prestazione

Cronico?

?
?

Ipertrofia

muscolare

Aumento

ROM

Aumentata tolleranza dolore

Tipo

Distretti

Caratteri

DOMS

Caratteri DOMS Localizzazione lesione: connettivo extramuscolare Causa: microlesioni liberazione sostanze

Localizzazione lesione: connettivo extramuscolare

Causa: microlesioni liberazione sostanze algogene/vasoattive edema/sensibilizzazione nocicettori

DOMS

Evoluzione

Buona: allenante

Scarsa: dolore, perdita forza

Pessima: rabdomiolisi, morte

DOMS E voluzione Buona: allenante Scarsa: dolore, perdita forza Pessima: rabdomiolisi, morte

DOMS

FANS: NO

Stretching: NO

Trattamento

Antiossidanti: ?

DOMS FANS: NO Stretching: NO T rattamento Antiossidanti: ? Allenamento gesto specifico

Allenamento gesto specifico

Grazie
Grazie
Grazie
Grazie
Grazie