Sei sulla pagina 1di 228

This is a reproduction of a library book that was digitized

by Google as part of an ongoing effort to preserve the


information in books and make it universally accessible.

https://books.google.com
Informazioni su questo libro

Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google
nell’ambito del progetto volto a rendere disponibili online i libri di tutto il mondo.
Ha sopravvissuto abbastanza per non essere più protetto dai diritti di copyright e diventare di pubblico dominio. Un libro di pubblico dominio è
un libro che non è mai stato protetto dal copyright o i cui termini legali di copyright sono scaduti. La classificazione di un libro come di pubblico
dominio può variare da paese a paese. I libri di pubblico dominio sono l’anello di congiunzione con il passato, rappresentano un patrimonio storico,
culturale e di conoscenza spesso difficile da scoprire.
Commenti, note e altre annotazioni a margine presenti nel volume originale compariranno in questo file, come testimonianza del lungo viaggio
percorso dal libro, dall’editore originale alla biblioteca, per giungere fino a te.

Linee guide per l’utilizzo

Google è orgoglioso di essere il partner delle biblioteche per digitalizzare i materiali di pubblico dominio e renderli universalmente disponibili.
I libri di pubblico dominio appartengono al pubblico e noi ne siamo solamente i custodi. Tuttavia questo lavoro è oneroso, pertanto, per poter
continuare ad offrire questo servizio abbiamo preso alcune iniziative per impedire l’utilizzo illecito da parte di soggetti commerciali, compresa
l’imposizione di restrizioni sull’invio di query automatizzate.
Inoltre ti chiediamo di:

+ Non fare un uso commerciale di questi file Abbiamo concepito Google Ricerca Libri per l’uso da parte dei singoli utenti privati e ti chiediamo
di utilizzare questi file per uso personale e non a fini commerciali.
+ Non inviare query automatizzate Non inviare a Google query automatizzate di alcun tipo. Se stai effettuando delle ricerche nel campo della
traduzione automatica, del riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) o in altri campi dove necessiti di utilizzare grandi quantità di testo, ti
invitiamo a contattarci. Incoraggiamo l’uso dei materiali di pubblico dominio per questi scopi e potremmo esserti di aiuto.
+ Conserva la filigrana La "filigrana" (watermark) di Google che compare in ciascun file è essenziale per informare gli utenti su questo progetto
e aiutarli a trovare materiali aggiuntivi tramite Google Ricerca Libri. Non rimuoverla.
+ Fanne un uso legale Indipendentemente dall’utilizzo che ne farai, ricordati che è tua responsabilità accertati di farne un uso legale. Non
dare per scontato che, poiché un libro è di pubblico dominio per gli utenti degli Stati Uniti, sia di pubblico dominio anche per gli utenti di
altri paesi. I criteri che stabiliscono se un libro è protetto da copyright variano da Paese a Paese e non possiamo offrire indicazioni se un
determinato uso del libro è consentito. Non dare per scontato che poiché un libro compare in Google Ricerca Libri ciò significhi che può
essere utilizzato in qualsiasi modo e in qualsiasi Paese del mondo. Le sanzioni per le violazioni del copyright possono essere molto severe.

Informazioni su Google Ricerca Libri

La missione di Google è organizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e fruibili. Google Ricerca Libri aiuta
i lettori a scoprire i libri di tutto il mondo e consente ad autori ed editori di raggiungere un pubblico più ampio. Puoi effettuare una ricerca sul Web
nell’intero testo di questo libro da http://books.google.com

:
1
eted

La Richard Gdt Hoare Bart

1825

DELL A

GEOGRAFIA ANTICA

D E L FRI U L I

DALLE E TA' PIU' RIMOTE SINO AI TEMPI DI

COSTANTINO IL GRANDE

M E MORI E

DE L SIGNOR

PAOLO FISTULARIO

NOBILE UDINESE , E SOZIO DELL'ACCADEMIA DI DETT A CITTA ,

OMINES IN FONTE LAVABO

IN UDINE MDCCLXXV.

POBRA DOBROB B B B B PARABOBBBA B A R BA B BA BBBBBBBBBBBBBA


PERII FRATELLI GALLICI ALLA FONTANA .
1

MYSEVM

BRITAN

NICVM

1
ili

AGĽ ILLUSTRISSIMI SIGNORI .

CONTE GIOVAMBA TISTA CAISELLI , CONTE ALESSANDRO


TARTAGNA . CONTE FRANCESCO DE SBRUGLIO . CONTE
VINCENZO DI PERS . BARTOLOMMEO MOROLDI . CONTE
NICCOLO ' DRAGONI . E GIOVAMBATISTA CICOGNA .

DEPUTATI DELLA CITTA DI UDINE .

.
PAOLO FISTULARIO .

On molti anni, ILLUSTRISSIMI SIGNORI

DEPUTATI , ch'io medito , oltre l'opera da

me preſtata in ogni tempo fin dalla prima gio


ventù in ſervigio della mia Patria , con quella fede e con

quel candore , che ſi conviene al grado e al carattere di


Cittadino , di dare alla medeſima , e a tutta la poſterità un

teſtimonio vivo e permanente anche ne' ſecoli avvenire dell'


animo mio , tutto intento entro i limiti delle deboli mie

forze , e de ' miei ſcarli talenti ad illuſtrarla , e a fornirla

di quelle notizie , e di quelle oſſervazioni Storiche, delle quali

per avventura , o poco , o molto ella ſembrar poteſſe in difetto .


a 2 Una
1
iv

Una qualche idea di queſto mio ſentimento ne diedi già

all' aprir della noſtra Accademia , nel Diſcorſo ch'io tenni

ſopra la Storia del Friuli ; e mi ricorda fra le molte coſe


che vinculcai , d'aver ivi accennato anche il punto della

particolar noſtra Geografia . Ne avrò traſandati nondimeno

tanti altri , e maſſime quello dell' antica noſtra Nobiltà ,

perchè párvemi non poter farlo ſenza affettazione . Al qual


difetto mio fupplì poco dopo a dovizia un nobile , ed eru

dito noftro Sozio . Scriſſe altresì eruditaniente in quel tor

no dell'antica noſtra Geografia altro noftro Accademico ,

quanto illuſtre nella Repubblica delle lettere , altrettanto

amico mio . Ma per quanto alto ſia il ſapere , e chiaro il

nome dell ' uno e dell'altro , confeſſo il vero , ch'io non ſep
pi intieramente accomodarmi ; nè credetti affatto di gettar

l'opera nello ſtendere anch'io , come feci , le preſenti Me.


morie .

Io le avea veramente fino a qui condannate a ſtarſene

fepolte fra i miei ſcartabelli , quando le premure di molti

preclari amici , moſſi dal genio de’lunghi miei ſtudj leveri ,

m'hanno gentilmente perſuaſo ed indotto a comunicarle al

pubblico , e a cedere all'iſtanze de'noſtri benemeriti Stam

patori Gallici . Dovendo eſſe pertanto uſcire alla luce , e

femplici e rozze com'elle fono , preſentarſi in faccia al

mondo erudito , non fott'altri auſpizj m'è parſo di dover

farle comparire , che ſotto quelli della ſteſſa mia Patria

vale a dire di voi , che sì ben la reggete , ILLUSTRISSI

MI SIGNORE , e con tanto luſtro la rappreſentate . Quel

1
che vi dedico , è tutta coſa voſtra , e non vi farà niente del

mio , toltine que” difetti , a cui pur troppo va ſoggetta l'u

mana condizione , e che ſotto l'ombra voſtra autorevoliſli ,

ma ha coraggio di eſporre un fedel voſtro Concittadino ,


A V VI
V

A V V ISO

Dell' Autore a chi legge .

In dallora che in Venezia nel 1701. uſci dalle ſtampe di


Modeſto Fenzo il Libro intitolato , De' Nobili , de' Parla
menti , e de' Feudi , nel quale al nobile ed ingegnoſo Au
tore parve di poter proporre alla noſtra Accademia prin
cipj alquanto diverſi da quelli , ch ' io credetti bene di
preſentare alla medeſima nel Diſcorſo da me tenuto sopra la Storia del
Friuli , nella seſſione del dì 10. Maggio 1759. mi parve neceſſario ,
non tanto in mia difeſa , che a Salvazza delle leggi della buona Cria
tica , reſe ormai comuni e ftatutarie fra i Letterati , di temperare con
alquante Note quella per altro lodevole ed erudita Opera , e di munir
la d'una breve e fuccinta Diſſertazion preliminare intorno all'antica no
Atra Geografia , e alle varie genti , ond' ebbero orizine i noſtri maggio
ri , e l'antica Nobiltà noftra ne ricevette i ſuoi primi lineamenti .
Ma appena io l'ebbi poſta in ordine , che tipervenne alle mani altra
Opera di soggetto , quanto chiaro e diſtinto per letteratura , altrettanto
a me caro e pregevole , per la comunione di noſtri ftudj , e per le de
gne qualità che lo adornano , intitolata il Libro primo delle Antichità
Romane dell'Iſtria ; onde dall ' un canto combattuto , e quaſi vinto dai
riguardi di ſtima e d'amicizia , fui per deporre affatto ogn'impreſa ,
e dall' altro ſtimolato dalla naturale affezione , che ognuno nutre per le
coſe della ſua patria , pareami di mancare ai doveri di Cittadino , se
non mi foſſi richiamato di alcuni punti , che in leggendo un tal Libro ,
mi Son ſembrati oſcurar di foverchio le più antiche memorie della me
deſima >
e porre in contingenza l'autorità della piena degli Scrittori
antichi , che con tanto merito e diligenza ce le han conſervate . Vinfe
pertanto l'amor della patria , e mi vidi neceſſitato a diffondermi un po
co più nella materia , divenuta ogzimai contro ogni mia eſpettazione
controverſa , e a diſtendere in tredici piuttoſto lunghi Capitoli , quel che
prima in poche pagine io m'avea prefillo di eſporre
Di tutto queſto ho creduto bene avvertire il corteſe Lettore , per intelli
genza di molte coſe , che nel decorſo dell'Opera andrò ſpargendo, e perchè
dovendo io ſulle premure di molti comunicare al pubblico queſti Capitoli
Separatamente , e prima d aver condotto le ſuddette Note al ſuo compimena

to , non m'imputi a mancanza ; non altro eſſendone in colpa , che l'ubbia


diena
--
vi

dienza al deſiderio altrui è il non poter differir più oltre un qualche


Sazzio , di quel che molti anni Sono io era in debito di pubblicare .
Ciò che però non è per pregiudicare che di poco tempo al prof guimen
to del riman : nte di queſta mia qualunque fiaſi letteraria occupazione ,
che al pubblico offero , e aſſoggetto di buon animo al giudizio de' più
intendenti , e alla correzione di quelli , che neila Storia in principal
luogo eſigono con ragione la ſchiettezza e lealtà delle prove , e l'amor
intenſo di quella Verità , che Polibio , scrittor lontaniſſimo da ogni va
( a ) Polyb. na e volgar ſuperſtizione , non ebbe difficoltà d' app:llare ( a ) dizisins
Lib. x111 . θεον των ανθρώπων : maximam potentiffimamque hominum Deam .
cap. 111 .
Ma ſiccome a ben intendere la ſituazione de' luoghi, e de' popoli noſtri
nazionali , e de ' vicini ancora de' quali avrò io neceſſità di parlare ;
non ſe ne può bene venire a capo , ſenza la ſcorta d'una eſatta e fe
del Carta Geografica , che comprenda il tutto , così ho creduto a pro
poſito di ſcegliere quella della Rezia , della Vindelicia > e del Norico
del celebre Cellario , dove ſta delineata eſattamente anche l`antica no
Atra Provincia ; e di cui quel Geografo accuratiſimo nella deſcrizione
della Pannonia ne fa preciſa menzione , e ne dinota particolarmente il
(b) Cellar. pregio ( b ) . Dalla quale per cazion d'eſempio potremo noi comprendere
Orb . Antiq .
agevolmente i veri confini della nazion Veneta e della Carnica , dell,
Tom. 1. Lib.
11. Cap.VIII. Alpi Noriche , delle Carniche , e delle Giulie : la poſizion diverſa delle
se
Se&t. 1. n. 18. due Noreje , il vero ſito dell'antica Japidia e de monti Albj > e co
pag. 446. che a
Edit. Lipf. pure quello de'moderni Luoghi di Terſatto , Fiume , e Lourana ,
1731 . Spiegazion più chiara de' confini della Japidia , lo è creduto bene inſe
rire a ſuo luogo nella Carta di cellario ; e finalmente la poſizione ana
tica di tant'altre coſe , ch'io quì tralaſcio , e che il ſaggio Lettore
colla ſua diligenza potrà occorrendo di mano in mano riſcontrare .

TAS

!
vii

TA V O L A

De' Capitoli contenuti in queſt' Opera .

PREFAZIONE . pag.
CAPITOLO I. Della Pianura poſta fra il Timavo e il Taglia
mento , e della ſua Geografia antica . 4
САР.. II. Della Via Flaminia . 14
САР. III. Delle rimanenti prove , in forza delle quali ſi vuol
deſerto , e abbandonato il noſtro piano 21
САР. IV. Delle Solitudini . 26
CAP. V. Della terra diſtribuita alla Colonia Aquilejeſe , e della

ſua quantità , e dell'origine, e patria di que coloni. 34


CAP. VI . Del confine antico dell'iſtria col Timavo , e della
mutazion di un tal confine dal Timavo al For
mione , e ſe Plinio , quando avverti un tal cam
biamento , parlalje Civilmente , o Geograficamente . 44
САР. VII. Dell' origine e antico ſtato de' Veneti , e de ' mo
tivi , e del tempo del loro paſſaggio ſotto la
dominazione de' Romani . 62
CAP. VIII. De' popoli Carni, e dell' Alpi Noriche e Carniche, an
tiche loro ſedi , e del vero ſito dell'antica Japidia . 97
САР . IX. De' Carri , e della loro orizine , e fe fotto un tal
nome generalmente s' intendeſfcro anche Tauriſci ,
Norici , Carini , o Caritni ; e dello ſtato , e me
morie antiche Carniche . 109
CAP. X. Delle memorie de' Carni dopo la lor depreſione .. I 29
САР .. XI . Del tempo che i Carni furon tradotti dalle mon
tagne ad abitar nel piano . 139
CAP. XII. Della quantità del terreno aſſegnato ai Carni nel
la pianura . 153
CAP. XIII. Della mutazione della Geografia di Veneti in Carni
nella noſtra pianura , e chi ne folle l'autore : del
tempo in cui la medeſima ricuperò l' antico ſuo
nome ſotto il titolo di Venezia inferiore : e quan
do ľ' Alpi Noriche incominciaſſero anche
ſe ad
appellarſi Carniche . Delle falſe querele inten
tate contro l'autorità di Strabone in tal propoſi
e della vera intelligenza da darſi a quel
Sommo Geografo , e della ſua difeſa . 167

CONCLUSIONE , 191
" Ωσπερ
viii

“ Ώσπερ γαρ ζώον , των όψεων αφαιρεθεισών ,


" αχρειται το όλον και
ούτος εξ ίςορίας αναιρεθείσης της αληθείας και το καταλειπόμενον
α της ανωφελές γίνεται διήγημα : Quemadmodum animal luminibus
ademptis prorſus inutile redditur : ita ſi veritatem ex hiſtoria tola
las quod ſupereſt illius , narratio incommoda eſt da ſupervacanea :

Polyb. Lib. 1. Cap. XIV.

Δύο μην τρόπες φαμεν ναι ψεύδες και ένα μεν τον κατ ' άγνοιαν και
έτερον δε τον κατα προαίρεσιν . και τούτων δεν τους μεν και
άγνοιαν παραπαίεσι της αληθείας διδόναι συγγνώμη: · τοις δε κα
τα προαίρεσιν ακαταλάκτως έχειν : Duplex efe mendacii genus di
cimus : unum , quod ab ignoratione veri proficiſcitur , alterum , quod
a certo animi propoſito mentiendi ; qui igitur per ignorationem a ve
ritate aberrarent 2 his veniam eße dandam : qui voluntate do certo

propoſito , ab iis capitali odio effe diſidendum . Idem Lib. x11 .


Cap. v .

1
‫ܣ܀‬
Ieprientrini

Man
Eburun

Iluu
Μ Α Ν Ι Α Ε M A G N ÀE
1
Eburodunum aithe

Celemana 4.9
Olli
Casurgis Medostanium
Dan
Pemerusiaubi
us FluP
i. A R Ss
m cu lices
ua Da
i a a cL Fe d ntem
HTAVAA
t
Pen Jau
ri A Po Carnunntum
ub
s iu Fl
HASTRA Boiodurum Isi Comogena s u .
Aequinoctium
About
RI TUL Arlape Erinne Vindebona
Ovilia "CElgium
sive Cvilabis hydond VM

sodu17

E
ag 4d Flerum
RIPENSES

M
Tergolye

pe7r

L
I
Ortobriga Jutatio 48

E
die Incur Delerta Arab

S
s
#Ernplatia Scarabanha

iu
Gabromagus
sus low ti
24 Ani

Pl
F

A
R
Boiorum

Oriens
1:17:21
In
Aviscella JABARIAL
AdPontem th
siteCuculli Serie 'OLONIA
nes lu
F . c Mir
Sabatincat
TUM M
Vacon iumEDITNoreiER a RAN muroela Arnbo Flu .
EUM
Raditanum 47

A
E
Flavium Soluense
2 Dravus Flu . Virunum amus I'll
Dr Petovio
e s Norica Dra
Iuvenna vur Fl
u
Alp Car het oluna
er niS
ceavus Fl di pella
Ma

u.
as

m2 Cricia
o

Em
N
irnicum on
N

a
ColoniZulie
a,the Savus sive Sims Flu . Jovenca
N

Neupor tas Neuportes Flu . Tuusula


N
A R HiForlum 46
oli m ISJuli Frigidus The Col Cawu Fl
A

ENER api u
FonsTimavis Lapides ni
Al
S

P
E
ITI

Laurens
ME sa

AQUEJA
SUS

WA ChTergelte ım
at s
rs de
Il

Formio Ilu . Flumen e y


det T
a

ap
na

Tu L
ti
Si

u
a puzt Ile .
c

ri
nu

B
us

ct Ú
s
Il

Lguvani a L R
s

I N
R

yr

IN US Í A
I

a s

RIATICUS HEPola
45

idies
Y

D E L L A

GEOGRAFIA ANTICA

DEL FRIULI .

BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB杂

P R E F A Z I O N E.

A Storia del Friuli non ſenza la ſua gran ragione , fear


paratamente , e a diſtinzione di tutte l'altre materie

è ſtata fin da principio a cuore alla noſtra Accademia .


Deſiderava ella da gran tempo più eſatta Cronologia ,
migliori lumi in Geografia , e quel che è più , l'aju
to d'una più ſoda e ſincera Critica , ſenza della quale reſtano bene
fpello offuſcati , ſe non anche intieramente chiuſi i due begli occhi
della Cronologia , e della Geografia . Comun vizio . fu queſto di mol
ti e molti Scrittori , non già particolare de' noſtri ; per . emendare
i quali han ſudato i migliori , è
più illuminati ingegni del noſtro
altri non voglio- ( a ) Pref.
ſecolo . Non poſſono molti , dice il Muratori ( a ) , altri
no , ed altri ancora non ſanno formare una veridica Storia . Dovrebbe Antich. Eft..

il fine primario di chi prende a ſcriverla , eſſere quello di eſporre la


Verità , grande oggetto della mente umana . Ma non tutti poſſeggono i
mezzi e la chiave per rinvenirla ; e moltiſimi poi hanno anche un oſta
colo grave a trovarla ed eſporla ; perciocchè la mira principale delle
loro Storie altro non è , che la gloria e il credito di qualche Perſona ,
Città , e Famiglia . A queſto mirano , & queſto vanno.con tutti i pic
di , ſembrando lor vero sol quello , che s'accomoda a si dilettevol ideai
Anzi ſe la Verità conoſciuta s' oppone loro in queſto cammino ſanno
ben eglino .coprirla , Sanno torcerla tanto o pure rappreſentarla con si
fatti colori , che ad ogni modo ne ha da riſultar lodė a cbi è lo sco
po de'loro incenſ . Ed ecco oltre i difetti di cognizione , introdotti
nella Storia anche quelli di volontà , che vennero non poco a intor
bidare i fatti più limpidi e finceri , e con favole talvolta enormi e
ridicole , a far guerra nella ſua propria fede alla verità ; mallima
mente quando invaghiti gli Scrittori d'una ben lontana e venerabile ,
antichità , adottarono l'uno a gara dell'altro le origini foreſtiere ,
sdegnando per così dire , la primitiva e naturale ſua nazione ; quaſi
'A che
DELLA GEOGRAFIA

che tutti i paeſi non foſſer compagni , e non vantaſſero tutti una
eguale e medeſima antichità .

Grande ſtrepito negli antichi tempi fece l'origine Trojana ; e ad


eſempio di quella ſi precipitò poſcia comunemente e ſenza ritegno ,
ad affettar l'origine de' popoli più rinomati . Pregiudizio , che ſi dif
fuſe nella ſteſſa Germania ; e avvegnachè quella nazione fi foſſe ſem
pre , e per tutti i ſecoli mantenuta originaria ,> pur nondimeno fid

i
trovato chi faccia venire i Saſſoni dagli antichi Saſoni e da’Saci :
Cimbri dai Cimmeri : i popoli della Miſnia dagli antichi Misj : i
Turingi dai Tirageti : i Cauchi dai Cauconi : i Frisi dalla Frigia ,
e i Sicambri da Troja . Di che quere landoſi fortemente e a gran
( a ) Cluv . ragione un erudito e chiaro Tedeſco , ebbe a dire ( a ) : Commune eſt
Germ . Ant. rerum Scriptoribus vitium , ut primordia gentium , quo antiquiora adpa
Lib . 1. Cap .
III . reant , ridiculis fabularum conftruant argumentis . Quod etiam noftris po
ſteriore fæculo placuit Germanis ut gloriam domi natam > ab hoftibu
tributam da celebratam , ita amittere se ſe non animadverterent .
Di queſti ed altri così fatti vizj , non andando eſente neppur la
Storia Friulana , credette la noſtra Accademia di mancar di troppo 2

1
sè ſteſſa , ſe ad imitazione de ' paeſi più colti , non aveſſe dato mano
anch ' eſſa alla riforma ; e di una tale intenzione rettiflima ſi riputò

anche in debito di farne una ſpezie di pubblicazione a tutti i ſcel


ti ed eruditi Sozj che la compongono .

Ma ficcome le materie di riforma ſogliono per lo più incontrare


le ſue ſpine, e andar ſoggette a molte contrarietà così chi ebbe 1

onore dell'incarico , avendo dovuto dare così di volo alla radice a


certi inganni , e a vari pregiudizi , che s'erano introdotti nell ' Iſto 1
ria noſtra , non fa ben egli decidere , le queſte tali coſe abbiano poi
ſoddisfatto intieramente al genio di tutti . Sa però molto bene di
non aver avuto altro in animo > ſe non l'onore e la gloria di que

ſta Contrada , di cui egli è nativo , e la Verità . Se da queſt'ultima


gli foſſe ſtato permeſſo , avrebbe portato ben volentieri l' eſſere e la
fama del Friuli e di chiunque lo compone a que'gradi , che più

foſſero ſtati di piacere e di aggradimento de' componenti . Ma aven


do egli apparato fin da ' ſuoi primi anni dagli uomini più celebri
(b) Murat. ( b ) , che la vera lode non può venire ſe non dalla verità ; e che il
ivi.
falſo è di così maligna natura , che giunge a far perdere la fede al
vero medeſimo , non ſi è dalla verità ſteſſa , o da quanto egli ha cre
duto verità , nè punto nè poco potuto dipartire . Il perchè , conoſcen
do pur troppo quanto gli uomini anche più cauti ficno ſoggetti ad
abbaglio ſi è avviſato, nel ſuo Diſcorſo d'eccitare gli Accademici .
noftri
ANTICA DEL FRIULI . wi

poſtri particolarmente Friulani a dar di mano agli Archivi , a i fon


damenti ſodi , ed alle Carte originali , per illuſtrare al poflibile i
punti più eſſenziali della noſtra Storia ; e ciò coll' unico oggetto di
peſcare nel fondo ſuo più puro é naturale la Verità a cui egli ,
quando che ſia , prontamente farà ſempre per renderſi .
Lode però al Cielo , che le ſue eſortazioni principiano già con
fommo ſuo contento ad eſſere eſaudite , avendo , non ha molto , pub
blicato colle Stampe un nobile e dotto noſtro Accademico l ' erudita
Opera de Saggi , o ſia de' Nobili , de' Parlamenti , e de' Feudi . Egli
però ſe ne congratula feco lui di vero cuore é con tutta la noſtra

Accademia , e uniſce i ſuoi più caldi voti , perchè molti altri im


prendano ad imitare un così nobile eſempio . Niente di più perfetto
può deſiderare la Storia dell' Eſattezza delle prove , e niente di più
(a) De' Nob .
luminoſo dell' amore della verità ( a ) . Sopra
queſti due cardini ap dé Parlam .
poggia intieramente l'Opera dell ' Autor de Saggi , di modo che non e de' Feudi .
può eſſere ſe non grande l'utilità , che quindi ne dee ſperare la Sto- Saggi , doc.
ria Friulana . pag. 3. Ed .
Ven . .1761
La neceſſità nondimeno d'eſſer breve che ha circoſcritto l'erudi

to Autore fra limiti troppo ſtretti, e l'ordine Geometrico da lui te


nuto fanno sì , che l'opera non poſſa aver tutto il ſuo pregio , s’al
tri innappreſſo non fi accinga più diffuſamente ad illuſtrarla ; tanto
più che tale è in lui la ragionevolezza , e la moderazione d'animo ,
ch ' egli medeſimo ne dà per eſpreſſo e replicatamente un ben fince
ro e generoſo eccitamcnto .
Secondando dunque i ſuoi deſideri, e l'ottima ſua intenzione , ſi è
creduto bene di paſſare alla riſtampa dell ' Opera , coll'apporvi ordi
natamente alcune Note , che vagliano ad illuſtrare di una in una le
materie , che ſi preſentano nelle Propoſizioni , e i fatti e le autorità ,
che ſi adducono nelle Dimoſtrazioni dal dotto Autore . Supplicherò io
ora di perdono il medeſimo , fe nel corſo di dette Note dovrò più
d'una volta dipartirmi dal ſuo ſentimento . Militiamo tutti ſotto una
medeſima inſegna , e tutti fiam colpiti dall'amor del vero ; nè io ſa
rò mai per allontanarmi nè in queſta , nè in qualunque altra diſpu
ta ', dagl'inſegnamenti d'uno de' più onorati e veridici Scrittori della
noftra età , le di cui parole mi ſia qui lecito di riferire ( b ) : Mi ( b ) Murat.
ſon io , dice egli , ingegnato di ſtendere le preſenti memorie con quella svi.
eſattezza , che può convenire al mio talento e con quella onorata fe
deltà , che io ſteſſo eſigo dagli altri . Potrò eſſermi ingannato nel ben
applicare le pruove all ' asſunto mio , e nelle deduzioni e nelle con

shietture ; ? in cio volentieri Sottometto me ſteſſo , e ogni coſa mia


A 2 al
4 D E L L A GEOGRAFIA

al giudizio de' piis intendenti . Ma per conto della Verità , ë della Leo
gittimità degli Strumenti , delle Storie , e d' altri Atti , che io citerò ,
e degli Archivj, che andrò allegando , mi ſi farebbe ingiuria , qualor
si voleſſe in menoma parte mettere in dubbio la mia buona fede
Sospettare alterata per malizia una ſola parola a fin di tirare pel
collo l ' Antichità a dir quello , che mai non fu .
Tali per appunto mº ingegnerò anch'io di ſtendere le preſenti No
te . Ma concioſliecoſachè nell'Opera de Saggi , oltre la materia de
Feudi , e de ' Parlamenti ſi è introdotta anche quella de' Nobili , pun
to , che nel Diſcorſo ch' io feci ſopra la Storia del Friuli , nou
ebbe luogo , ſembrami molto utile prima di paſſare alle Note di
dire alcuna coſa ne ſeguenti Capitoli intorno all'antica noſtra Geo 1
grafia , acciò , fcoperte coll' ajuto della medeſima le vecchie noſtre
ſituazioni , gli antichi noftri Popoli , e le vere e onorate noſtre ori
gini , ſi poſſa poi con fondamento diſcendere a parlare anche dell'an
tica noftra Nobiltà .

BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBR

CAPITOL O P R I M O.

Della Pianura pofta fra il Timavo e il Tagliamento , e della ſua


Geografia antica .

Ateria difficile nè certamente bene ancor deciſa sì è


queſta dell'antica Friulana Geografia . Molte furon le
parti , che compoſero queſto tutto , diverſi i tempi e

le origini , e dubbie eziandio talvolta , e oſcure le cir


M coſtanze
. Si è combattuto , e ſi combatte anche in pre

ſente ch ' io ſcrivo , calda mente ſu queſto punto fra i noſtri Eruditi ,
chi fiſſando una oppinione , chi l'altra , e chi rimanendoſi quieta
mente nell ' incertezza . Io per me non ardirò mai d'alzar ſiſtema

e di vendere per aſſioni infallibili i traſporti più caldi della fanta


fia in una materia , che è tutta di fatto ; e ſo molto bene , per in
( a ) Cell.Orb. fegnamento del dotto Cellario , che l'antica Geografia ( a ) res pri
Ant. inPræf scce au toritatis eſt , non præfentis cognitionis : e che tantum de autto

ritate habemus , quantum a Græcis Latiniſque accepimus , qui res ſuas


copiofius tradiderunt , modice aliorum , al quos armis non penetraverant .
Piano migliore , e più ſicuro in quefla grave e difficil materia
noi non polliamo aſpettarci , che da Strabone , gran Principe de Geoa
grafi
ANTICA DEL FRIULI :

grafi : Parlando egli della Francia diviſa dalla natura in tre parti ,
e diſtribuita da Auguſto in quattro Provincie differenti , ebbe a dire

( a) : Οσα μεν εν φυσικώς διώρισαι , δε λέγειν τον γεωγραφον - Β. Σταδισ.


και όσα εθνικώς , και ότι αν και και μνήμης άξια όσα δ' οι ηγεμό- 169. Ea. -

νες προς τες καιρες πολιτευόμενοι διατάττεσι ποικίλως , αρκεί κάν τι. 1549.
& v rocandic Tigen : Quæcumque igitur ſecundum naturæ partes di
Itinéta funt , Geographum dicere oportet , & quæ ſecundum gentium ha
bitationes > & quidquid mentione dignum eſt . Quacumque vero Prin

cipes Reipublicæ temporibus obfequentes variis modis inſtituunt , ſumma


tim commemoraſſe ſatis eſt . Tre forti di Geografie annovera quì Stra
bone > cioè la naturale , la introdotta dalla traſmigrazion delle gen

ti , e dalle nuove popolazioni , e in terzo luogo quella delle Provin


cie Romane ; ma di queſt' ultima non ne fa gran conto ficcome

quella , che a tutti i momenti era foggetta a cambiarſi ; il perchè


balta , dice egli , al Geografo il farne della medeGma un breve cenno.
Non così però la inteſe queſt' eſimio Scrittore , allorchè la forza
delle Monarchie , e quella de ' Romani particolarmente , oltre alla di
Itribuzion politica delle Provincie , con mano autorevole cambiò real
mente , è ſtabilmente i limiti , e la Geografia de ' pacfi , col far loro
perdere fin gli antichi nomi , e la propria natía favella . Narra egli
dell' Aſia , e ſpezialmente della Minore , dov'ebbe i ſuoi natali , qual
mente gli antichi confini eranſi in parte ſconvolti , e in parte anche

1 perduti ; imperciocchè , dice egli , dopo la preſa di Troja Frigj e Misj


vi comandarono , poſcia i Lidi , indi gli Eoli , e quelli dell' Jonia ,
e dopo queſti i Perſiani , e i Macedoni , e finalmente i Romani
(6) : τελευταίοι δε Ρωμαίοι . εφ' ών ήδη και τας διαλέκτες , και τα ( 5 ) Strab.
ονόματα αποβεβλήκασιν οι πλεισοι γεγονότος ετέρα τινος μερισμα της Lib. XII. pag.
χωρας , και μαλον φροντίσαι δε τα νυν oίεται λέγοντας , τη δέ 54 .
apzacorozia potpiws mpor é mortas : poſtremo vero Romani , ſub quibus
cum jam plurimi la linguas e nomina amiſerint , orta alia quadam
regionum diviſione , hanc plurimum curare debent , ut puto , qui Geo
graphiæ ætate noftra operam dant priſcæ autem partitioni mediocriter
intendere . Ed ecco come il noſtro Geografo diligentiſſimo in queſti
tali caſi , tutto all'oppoſto raccomanda bensì l'una e l'altra Geo
grafia tanto cioè l'antica e naturale , quanto la Romana e moder
na , ma in maniera d'inculcare agli ſtudioſi di queſta nobile facoltà
più ancora la moderna e dominante , della medeſima antica ita già
in difuſo e dimenticanza .

La Geografia dunque nacque alla condizione di tutte le altre coſe


di queſta terra 2 nè in lei è da pretenderſi certa ſtabilità .. Egli è
yero ,
6 DE LLAGE OGRAFIA

vero , che la natura in certo modo additò agli uomini i primi lic
neamenti delle diviſioni de ' popoli ; al che ſervirono molto i Fiumi ,
i Monti , i Laghi , i Mari , i Deſerti . Ma tanti ſono i Monti pare
ticolarmente > e i Fiumi cosi frequenti , che all ' umana ambizione
riuſcì molto facile l ' alterar queſti primi limiti , riſtringendo ora ,
ora ampliando i confini de ' Regni , e delle contrade ; donde nacque
la neceſſità dello ſtudio della Geografia non meno primitiva e natu
rale , che della più baſſa , o ſia legale e introdotta dopo , col regi
ftro ſtorico di tutti i cambiamenti , e di tutte le alterazioni , che di
tempo in tempo , e mallimamente ſotto i Romani andarono fucceden
( a ) Cell.
Orb . Ant. do ( a ) , preſervando in cotal modo ai poſteri la memoria dell'antica
Tom . 1. pag. natural Geografia , ſenza che dalla più baſſa , o vogliam dire moderna,
5 2.205.745 . e dominante reſtaſſe , com'era facile , oppreſía , e mandata in obblivione.
Edit . Lipf.
Quindi è che , ſe gli antichi Scrittori , e particolarmente i Geo
1731 .
grafi , non aveſſero regiſtrato di mano in mano tante traſmigrazioni
di Popoli , tante mutazioni di Governi tanti accorciamenti , tante
dilatazioni di confini , noi fareffimo alla neceſſità di credere , che il
mondo foſſe ſtato ſempre a un modo > e che la Geografia dominante

oggigiorno non ſi ſcoſtaſſe nè poco nè punto da quella , che nacque


nella diſperſion delle genti . Eſſi adunque ſon quelli , che han comu
nicata la luce agli occhi noſtri , e ad eſſi unicamente ſiam debitori
di tutte queſte nobili cognizioni ; di modo che , naſcendovi conteſa
ſopra le medefime non v'ha nel mondo univerſo altro giudice a
cui ricorrere , ſe non ſe ad eſli , o per avventura a qualche Marmo
della più veneranda antichità .
Non dico io già , che un cotal tribunale non vada anch'egli più
d'una volta foggetto a i ſuoi nodi , e alle ſue oſcurità . Ma non per
queſto al primo intoppo vorremo noi tantoſto dar loro di petto , e
riconvenirli di poca ſveltezza , e di confuſione . Un diligente e ſerio
eſame delle loro memorie , un ricorſo fatto a tempo alle facoltà af
ſiſtenti , cioè alla Storia , alla Cronologia , e alla ſana Critica , e un
occhio attento e perfpicace alle tante mutazioni , è diverſità de' tem
de Governi , e delle Geografie ,
pi , e de confini , de' quante di queſte
difficoltà in paſſato non hanno reſo facili e piane , conciliando il dea
coro di que' venerabili Maeſtri colla verità ? Che ſe per colpa loro
giacchè furon uomini anch'eſli , è mai addivenuto che fanfi tutti

un dopo l'altro , e , dirò così , d'accordo in qualche conto confuſi


il che per altro è ben difficile è raro , non c'è più rimedio ; perdue
.
ta abbiamo per quel tal particolare ogni ſperanza , perchè mancaci
intieramente il modo di eſaminarlo .
Quan
ANTICA DEL FRIULI : 7

Quanti finora han poſto mano nella Geografia antica , Cluverio ;


Olſtenio , Adriano Valeſio , Giacopo Palmerio , Ortelio , Cellario > с

tant'altri valentuomini de' vicini tempi , per tacer de’due chiari orna
menti del noſtro Secolo , Delisle > e Martinier > ſi fon tutti attenuti

coſtantemente a queſti principi , e mallime Cluverio , è Cellario , de'


quali può ben giuſtamente affermarſi col Marcheſe Maffei ( a ) , che ( a ) Ver. Ill.
all'antica Geografia fagrificaſſero la lor vita , e che non ſuperficial- Part. 1. Lib.
1. col. 22.
mente , ma coll'ultima rifleſſione gli Scrittori Claflici eſaminaſſero .
Ora venendo noi all'antica noſtra particolar Geografia , è da fa
perſi , che quello che chiamiamo oggidi Friuli di quà del Tagliamen
to fino al Timavo , compoſto da quelle ſteſſe montagne , e da quel

piano medeſimo fino al mare , che lo formano preſentemente , non


era altrimenti popolato da una ſola Gente , ma il piano era abitato
da un Popolo , e le montagne da un altro . Io dico adunque , che
queſto piano fin da’ Secoli più rimoti fu abitato da' Veneti , e fu por
zione dell'antica Venezia appoggiando la propoſizione al chiaro e

comun ſentimento di tutti gli antichi Scrittori , quanti fecero di ciò


menzione , fin verſo l'età d'Auguſto . In conferma di che molto mag
gior peſo avranno delle mie le loro ſteſſe parole , che quì fedelmen
te di mano in mano andrò allegando .
Scilace , Geografo antichiſlimo , e che viſſe da cinquecent'anni in
nanzi l'Era Volgare , trovaſi che prima di tutti nominaſſe i Vene
ti , e il loro confine in queſte parole : Msta de 'Eveto's Hoiva svog

" Ispor : Poſt Denetos eſt gens Iftrorum . Dunque i Veneti in quella ve
neranda età confinavano cogl ' Iſtri . Ma gl' Iſtri in que' tempi ſtelli
come più ſotto fi dimoſtrerà , finivano alla ſiniſtra ſponda del Tima
vo ; dunque i Veneti fi ſtendevano fino alla deſtra , e comprendevano
per conſeguente anche il noſtro piano . Di Scilace abbiamo in Ero
doto , come fu ſpedito a bella prova da Dario Iſtaſpe , che vien cré
duto l'Afuero delle Sacre Carte , a raccogliere ſopra il luogo , e di
preſenza tutte le ſpiaggie dei Mari ( 6 ) . Egli vi andò , e dopo un ( b ) Herodor.
pellegrinaggio di trenta meſi reſoſi alla patria , compoſe , é dedicò a Lib. iv, pag .
quel ſaggio Monarca il celebre ſuo Periplo , che noi diremo Circon- 270. Edit.It.
Steph. 1592 .
navigazione , ove fta regiſtrata anche la preſente memoria de' Veneti .
Grave perciò sì è quì l'autorità di Scilace , e della maggior impor
tanza ; di cui non potrà mai dirſi , che ſcriveſſe confuſamente , e per
erudizione , in tempo che ſcriſſe anzi per fatto , paſſato minutamente
fotto gli occhi ſuoi propri .
Erodoto , che fiorì cinquant'anni all'incirca dopo di Scilace , ci
deſcriye i Traci di una eſtenſion tanto grande , che dopo gl ' Indi ,
ſecon
8 DELLA GEOGRAFIA

ſecondo lui , neſſun altra gente occupava un egual ſpazio di terreno ;


1
e verſo l'Italia gli riputò tanto eſteſi , che , ſul fondamento di re 1
lazioni avute gli fe giungere a confinar co ' Veneti all'Adriatico .
( a ) Id . Lib. ( α ) Κατή κειν δε τετέων πυνθάνομαι τέτες έρες αγχύ Έντων ,
V. pag. 330. türev TV Aspín : Horum fines proxime accedere audio ad Henetos
qui Adriam adcolunt . Ma coteſti Traci confinanti coi Veneti

vedremo coll' autorità di Scimno da Scio , con altro nome ſuo parti
colare ſi chiamavano iſtri ; dunque anche in Erodoto traluce la veri
tà di un tal confine .
Polibio , Scrittore anch'egli antico e che nacque da dugent'anni

prima della ſuddetta Era , e che pel lungo fuo ſoggiorno in Italia ,
( b ) Polyb. pe' viaggi intrapreſi , con cui aſſicurò molto bene quanto ſcriſſe ( 6 ) ,
Lib.111 . Cap.
e per conto della verità non ha eccezione > nella deſcrizion che fa
LVII.LVIII .
LIX. dell'Italia , colloca i Veneti nella ſituazione ſteſſa di Scilace , dicendo

( c )Id . Lib. (c ) : Τα μεν εν πρώτα και περί τας ανατολάς το Πάδε κεί με
11. Cap.xvii.
να Λάοι και Λεβέκιοι , μετα δε' τότες Ισομβρες κατώκησαν , εξης
δε τέτοις Κειομάτοι . Τα δε προς τον Αδρίαν ήδη προσήκοντα γέ
νος άλο πάνυ παλαιον διακατίσχε " προσαγορεύονται δε Ουένετοι :
Ad Padi igitur ortus ſedes poſuerunt Lai , & Lebecii ; poft hos Ina
ſubres ; ac deinceps Cenomani . Quod ſupereſt hinc Spatium ad Adriati
cum Mare , alia gens longe antiquiſſima obtinebat nomine Veneti .
Dopo i Lai , Lebeci , Inſubri , e Cenomani , dice Polibio > che la

reſtante Italia , poſta all'intimo dell ' Adriatico , veniva tutta


feno
occupata da i Veneti . Finiva dunque l'Italia coi Veneti intorno a
queſto ſeno , e i Veneti abbiam veduto poco fa , che terminavano al
Timavo . Dunque anche ſecondo Polibio il noſtro piano , ſituato allo
ſteſſo Fiume , includevaſi nella Venezia .
Scimno da Scio , è già deciſo fra gli Eruditi , che ſia il vero
Autore della Periegefi ſcritta in verſi jambici , falſamente un tempo
( d ) Biblioth . attribuita a Marciano d'Eraclea di Ponto ( d ) . Davide Efchelio l'
Grec. Fabrit.
Tom. 111 . avea pubblicata in fallo ſotto queſto nome in Auguſta l' anno 1600 .
pag . 35 . e Iſacco Voſlio , Lucca Olſtenio , Enrico Dodvello , e Giovanni Hud
ſon , uomini tutti d'eccellente Critica , e d'alto ſapere , han poſcia
ſcoperto l'errore ; di modo che queſt'ultimo non ha dubitato di ri
ſtampare una tal Opera a dirittura ſotto il nome del vero Autore
( e ) Colle&t. Scimno da Scio ( e ) . Fioriva Scimno ſotto Nicomede Re di Biti
Geogr. Vet. nia , circa novant'anni prima dell'Era di Criſto e nella Periegeſi ,

Tom . 11. 0. de' Veneti e del ſuo confine parla così : ' Evetäv & Xoutal Opă rec"Ispos
2:01 . 1703 rozóuevos : Venetis contermini ſunt Thraces , qui iſtri vocantur . Fa
dunque queſto Geografo gl' Iſtri di nazion Tracia , in conformità di
quan
ANTICA DEL FRIULI: 9

quanto Erodoto laſciò ſcritto > e confinanti i Veneti cogl ' Iſtri nel

modo ſteſſo , che poco fa oſſervam mo eſſerſi fatto da Scilace . Ma c'è


ancora di più . Si proteſta Scimno al verſo 112. di ſeguitare prin
cipalmente Eratoſtene nella Geografia , in maniera che queſto paſſo
può riferirſi anche all'autorità de ' tempi antecedenti , cioè all'età di
quell' inſigne Geografo , che viſſe fra Scilace e Polibio nell’Olimpia
de 126. da dugento e ſettant'anni prima della venuta di Criſto .
Correva dunque dopo di Scilace , e prima e dopo di Polibio ſempre
la ſteſſa ſteſſiſlima Geografia .
Tito Livio , ſecondo i conti d ' Euſebio nella Cronaca , nacque tren
tatre anni all'incirca dopo Scimno da Scio . Queſti deſcrivendo i
tèrmini degli antichi Toſcani , cfteſi verſo la Venezia ai tempi di
Tarquinio Priſco , oltre il Po , conchiude così : ( a ) Quæ trans Tadum ( a ) Liv . Lib.
omnia loca , excepto Venetorum ang ulo , qui finum circumcolunt maris v. C. xxxIII ,

usque ad Alpes tenuere . Erano giunti i Toſcani in que ' tempi a co


prir l'Italia oltre Po fino all'Adige ; il reſtante dall'Adige in quà
lungo il mare Adriatico occupavano i Veneti . Strabone nell'aſſegnar
la figura alla noſtra Italia chiaramente fi ſpiega ,
che ( b ) o deupar (Lib)
b . Str pa.g.
v. ab
λέγομεν την αγώνιον γραμμών και αγώνιος δ' εςιν όταν ü 202 .
προς τα αλλα μέρη , ή μή επί πολυ : latus abfque angulo li
neam appellamus . Abſque angulo vero eſt cum partes aut invicem

non verzunt , aut non multum . Imperciò l'accuratiſimo Livio appellò


angolo molto propriamente queſto tratto di terra dall'Adige al Ti
mavo , perchè egli per appunto giunge a far angolo all ' Adriatico ,
partecipando dell'uno e dell'altro lato , che lo rinchiudono e che
formanſi, il deſtro dall'antico Illirico , e il ſiniſtro dall ' Italia ;
motivo di una tal partecipazione con amcndue queſti lati , con equal
proprietà potè foggiungere : qui ſinum circumcolunt maris . Ciò che ( c ) Delle
Livio non avrebbe potuto mai dire , ſc i Veneti abitanti al lato fi- Ant. Rom .
dell' Istria
niſtro di queſto Seno , facendo alto alle ſpondè del Tagliamento , Lib. 1. pag.

come pretendeſi ( c ) , non foſſero giunti a toccare anche il deſtro , 28. 35 .


che termina al Timavo . Così Ceſare della gran Brettagna
diſle ( d) Comm .
Lib . V. Cap .
( d ) : Inſula natura triquetra , cujus unum latus eſt contra Galliam . xuu .
Hujus lateris alter angulus , qui eſt Cantium , quo fere omnes ex Gal- ( e ) Strab .
lia naves appelluntur ; inferior ad meridiem ſpectat . Così Strabone Lib. vi . pag .
della Sicilia ( e ) : Esi d ' ä Eixenóce spízwIOS TW oxalatı : Eſt 256 .
( f) Flor . Lib.
autem Sicilia tribus formata angulis . Così Floro de ' Bruzj ( f ) : Ibi 111.Cap. xx .
circa Brutium angulum cluſi , cum fugam in Siciliam pararent . Cosi ( g ) Solin ,
Solino dell ' Africa ( 8 ) : Verum , ut ad Africam redeamus , ipſa ſ110 Сар. ххх.
pag . 1 15. Ed .
cingitur angulo . Ma perchè potrebbe qualche ſpirito dilicato preten- Lugd. 1538 .
B dere ,
10 D E L L A GEOGRAFIA

dere che il preſente paſſo di Livio , come altresì quello di Polibio

da me riferito di ſopra , non foſſero abbaſtanza chiari , perchè in


amendue nè Timavo , nè Iſtri eſpreſſamente per contine ſi non.inano ,
venga in campo di nuovo lo ftello Livio a illuſtrar Polilio , e fe
medeſimo , e a termitar queſta lite ormai molefta .
Veramente per porre in chiaro ogni coſa , baſtar dovrclybe Ser
(a ) Serv . ad vio in quelle parole ( a ) : Nam Timavus fluvius eft Venetiæ vel
Virg. Eci.
VI11 . V. 6 . Hiſtria . E in quelle altre ( b ) : Timavus autem in Hiſtria eſt , inter
( b ) id . ad Aquilejam & Tergeſtum . E così pure in quelle ( C ) : Nam Japidia
Æneid. Lib. pars eft Venetiæ dicta ab Japidio oppido . Hujus fluvius et Timavus .
1. V. 249.
Dove ognun vedc il fiume Timavo riputarfi ſempre , e con coſtanza ,
( c ) Id . ad
Georg. Lib . appartenente non meno all'Iſtria , che alla Venezia . Ma'ſiccome Servio ,
11. v. 475. ſtando al noſtro aſſunto , è Scrittor troppo baſo , e quel che è peg
gio , aſſai mal trattato nel teſto , e pieno d'alterazioni , e rappezza
menti , riſpetto mallime alla Geografia noi quì ci atterremo all'
autorità fola , e incontraſtabile di Livio , dove regiſtrando all ' anno
di Roma 567. la calata che fecero in numero di dodici mila i
( d ) Liv . Lib. Galli di là dall ! Alpi , dice che ( d ) eodem anno Galli Tranſalpini
xxxix. Cap. tranſgrilli in Venetiam fine populatione aut bello haud procul inde >
XXII .
ubi nunc Aquileja eſt , locum condendo oppido ceperunt Eran dunque
paſſati coſtoro nella Venezia in Venetiam ; e non lungi dal ſito ,

ove fu poſcia Aquileja , haud procul inde , ubi nunc Aquileja eft ; е

fole dodici miglia in diſtanza , ad xII. lapidem , come Plinio rife


( e ) Plin. riſce più preciſamente ( e ) . Può egli mai dirſi più chiaro e più
Lib . 111 ,
ſpedito , che il noſtro piano era compreſo nella Venezia , e che la
Cap. xixe
Venezia in queſti tali tempi terminava al Timavo e non al Ta
ggliamento ? Livio certamente non avea biſogno di tradizioni : era

Veneto d'origine , nato , educato , è mancato a vivi in Padova , il


luſtre Capitale dell'antica Venezia ; e potea ſenza confonderſi , ſaper
molto meglio di noi lo ſtato , e i confini della ſua nazione .
Addurremo ciò non oſtante per dimoſtrare , che una tal Geografia
giunſe ſenza più a toccare anche l'età d'Auguſto , un paſſo di Stra
bone , che fiori parte ſotto quel Principe , e parte lotto Tiberio :

Geografo il più riſpettabile , che ci abbian conſervato i ſecoli , e di


cui Cellario parlando appunto de Geografi antichi , ci laſciò il ſe
( f ) Cell. guente inſigne e ſplendido ritratto (f ) : in illis . Strabo antiſtat ,
Pref. Orb. tamquam princeps cæterorum , qui plura , que ſcripſit , peregrinabundus
Ant . oculis ſubjecerat ; parcus & modelius in cæteris . Egli adunque de'
( 8 ) Strab.
Lib. v . pag. Veneti e degl'Iſtri la diſcorre così ( 8 ) : Métal tó Tíuauov , “ Tao
207. Ισρίων εςι παραλία μέχρι Πόλας , ή πρόσκεται τη Ιταλία με
ταξο
II
ANTICA DEL FRIULI .

ταξυ δε φρέριον Τεργέτε 'Ακυλήιας διέχον β' και π ' ταδίες : Ρoft
Timavum Iſtriorum eſt maritima ora uſque ad Polam , quæ Italiæ adja
cet ; in media oppidum Tergeſte ab Aquileja diſtans cxxc . Stadia . E
poco dopo Τα μεν δη πέραν το Πάδα χωρία , οι τι Ενετοί νόμοι
ται , και οι μέχρι Πόλας Ύπερ των Ενετών Κάρινοι : Ergo
qua trans Padum ſunt Veneti incolunt & Iſtri uſque ad Polam . Supra
Venetos autem fiti ſunt Carni . Ed ecco confermata anche in Strabone ,
e fino all'età di Auguſto la Geografia di Scilace , è il confine de'
Veneti cogl’Iſtri e col Timavo į avvegnadiochè queſto ſia quel ce
lebre paſſo , che vien oppoſto a Strabone , e a cui pretendeſi , che

più di una volta abbia egli a dirittura contraddetto i ma di queſto


ne parleremo altrove .
Ora al comun ſentimento autorevole , e graviſlimo di tanti e tali
Scrittori , io non ſaprei come oppormi, ſenza negar di peſo tutta
la fede umana i imperciocchè l' afferir , dirò così ſulle dita , che pel
corſo di ben cinque ſecoli , tutti queſti grand' uomini intorno a un
cotal punto , o fieno ingannati e confuſi , o che i loro telti alterati
tutti e guaſti ci fieno giunti , forſe che non conclude inolto appreſſo
il mondo erudito į che vorrà piuttoſto impedir la confuſione e gli
abbagli , col ' ben diſtinguere tempi da' tempi negli Scrittori Claſſici ,
e Geografia da Geografia .
Pur nondimeno ci reſta tuttavia un argomento , che ci ſi predica

per il più forte , e il più importante , anzi l'unico per abbattere tut
te queſte autorità , ed è che ( a ) tutto quel terreno , che ora Friuli ( a ) Delle
fi chiama 2 dal Tagliamento al Timavo inondato era da acque e da Ant. Rom .
dell' Iſtr. pag .
torrenti in gran parte , ed il rimanente da paludi occupato e da bo 27. 28 .
Ichi ; cosi che deſerto era ed incolto , senza popolo , e ſenza abitazio
ni , e , quel che reca più gran meraviglia Senza nome Troppo

grande a mio giudizio , può ſembrare coteſta condanna e non toc

cata mai ch ' io ſappia , nemmeno alla Terra incognita , o ai climi ( b ) Plin ,
più orridi e sfortunati . Non v'ha deſerto al mondo , non w'ha foli- lib. 111. Capa
tudine , che non porti ſeco il nome della ſua Provincia , e che ſotto XXIV .
( C ) Strab .
qualche appellazione , o generica , o fpcziale , neceſariamente non Lib 111. pag.
appariſca . Tali appreſſo Plinio ſono i deſerti , appellati de' Boj nella 128. vii.
Pannonia ( 6 ) . Tali appreſſo Strabone quelli della Spagna , de' Geti , 295.296 . XV.
658.661.662 .
dell Arabia , 685. xv 1.726 .
dell'Egitto , dell ' Etiopia , dell' India , della Carmania , dell'' Arabia
della Libia (c) . il noſtro Rufino li minutamente de- 728. xvii .
Tali apreſſo
782 .
ſcritti in Egitto , ſotto i nomi particolari di Scyti , Cellule , Nitria ,
( d ) Ruf.Hift .
Apeliotes , Focs , Pifpiri ( .d ) . Eccl. Lib.xi.
Ma Livio nel paſſo da noi ſopra allegato non dice forſe , che Cap. vill.
B 2 verſo
12 DELL A GEOGR
AFIA

$verſo: i ſiti ove poi fu Aquileja , i dodici mila Galli , ſins populaa
tione aut bello , aveano preſo terra per fabbricarvi una Città ? C'era
dunque che faccheggiare , c'era con chi combattere in queſta noftra
pianura , altrimenti non ſolo ſuperflua , ma inſulſa affatto e diſcon
venevole riuſcir dovrebbe queſt ' eſpreſſion Liviana . Non ſoggiunge
forſe lo Storico , che coſtoro , non eſſendoſi contenuti ſempre con
egual moderazione , allorchè ſi diedero l ' anno 570. al Conſole Clau
( a ) Liv. Lib. dio Marcello ( a ) , plerique arma ex agris rapta habebant : ed agre
XXXIX. Cap. patientibus iis adempta ; quæque alia aut populantes agros rapuerant
LIV .
aut ſecum attulerant ? Armi dunque avean trovato quì in buon nu
mero da mettere a ruba , e campagne e popolazioni da porre a fac

comano . Ciò però nulla oftante ſentiamone le prove . La prima pren


deſi dalle ſeguenti parole de' ſopraddetti Galli , eſponenti al Senato
( b ) Id . ibid .
( b ) , se , superante in Gallia multitudine , inopia coactos agri & ege
ſtate , ad quærendam ſedem Alpes tranſgreſſos , quæ inculta per ſolitu
dines viderent ibi ſine ullius injuria conſediſſe . Oppidum quoque ædi
ficare cæpiſſe : quod indicium eſſet , nec agro nec urbi ulli vim alla

turos veniſſe . E quindi ſi deduce per infallibile ſenz'altri argomenti ,


che tutta queſta contrada dal Tagliameuto al Timavo innondata era
da acque e da torrenti in gran parte : occupata il rimanente da bo
ſchi e da paludi : deſerta tutta ed incolta : ſenza popolo e ſenza
abitazioni . In ſecondo luogo che tale foſſe il Friuli in queſti anti
chi tempi , chiaro diceſi apparire dal non vederſi nominata neſſuna
Città . La prima di tutte , ſoggiungeſi , fu Aquileja ; poi ai tempi di
Ceſare Forojulio ; e vi ſi aggiunge , nel Triumvirato Concordia , bench '
ella per altro giacciaſi di là del Tagliamento . Prima dunque d'
Aquileja , ſeguita a dirſi , quel Territorio ſenza popolazione , era
anche ſenza nome ; il che ſi prova dal non aver ſaputo Livio in

altra forma indicare il ſito preciſo , dove i Galli fabbricarono quel


(c ) Id . ibid: Caſtello , che col dire ( c ) : Haud procul inde , ubi nunc Aquileja eſt :
Cap. XXII.
XLV . oppure : In agro , qui nunc Aquilejenſis eſt . E quì ſi paſſa ſenza più
a conchiudere , che i Romani avendo occupata la Venezia fino al
Tagliamento , credevano , che s' aſpettaſſe ad eſſi il tratto di queſte
Solitudini e deſerti fino alle Alpi e al Timavo .
Ma qual Iſtoria , o monumento mai , nell'acquiſto che fecero i
Romani della Venezia , ci guida a credere che ad eft non meno

che alla medeſima , foſſe impoſto per termine il Tagliamento ? Tutto


l'oppoſto dal conteſto di Livio fi è poco fa oſlervato , cioè che
i Galli tranſgreſſi in venetiam , e in quella Venezia , che porta era
fra il Tagliamento , e il Timavo , e in quell'angolo propriamente
verſo
ANTICA DEL FRIULI. 13

verſo il mare , che formò ab antico il confine dell'Iſtria : haud pro


cul inde ubi nunc Aquileja eft : in vicinanza d ' Aquileja , e del

Timavo non vi trovarono altri oppoſitori che i Romani legittimi


poſſeſori di queſto non già Solitudini aſpre , o deferti , ma campa
gne fertili e buone , s'io mal non intendo quelle voci di ager , eso
110m , con cui lo Storico per lo più ci addita coteſti fiti . Nè dell
antichità e legittimità di un tal poſſeſſo dubitar dovrebbeſi , ſul fon
damento maſlime della Via Militare antichiſſima , detta Flaminia , con
dotta quà probabilmente ſotto il Cenſorato di Cajo Flaminio il vec
l'anno di Roma
chio , e di Lucio Emilio Papo , l'anno 533.. e non già
Roma 533

ſotto il Conſolato di Cajo Flaminio il giovine , e di Marco Emilio


Lepido , l ' anno 566. come , ingannato forſe dalla ſomiglianza de'
nomi , Strabone ci laſciò feritto ( a ) . Chi la conduſſe , non depoſe ( a ) Strab.
mica l'opera al Tagliamento , ma , per atteſtato di Strabone medefi- Lib. v . pag.

mo , ſi dilungò da Bologna fino alle parti d'Aquileja : rexeitir eis 209.


'Ακυλήίαν παρα τας ρίζας των " Αλπεων έγκυκλώμενος τα έλη : 6
inde ufque Aquilejam juxta radices Alpium , paludibus in gyrum cir
cumventis : impreſe , che non ſi tentano ſulla terra altrui .
Nè mi fi dica col Marcheſe Maffei , eſſer guaſto quivi il teſto di
Strabone ( b ) , perchè d' un così grave e peſato Autore non fi può ( b ) Ver. Ill.
Part. 1. Lib.
credere , che ſcrivelle condotta una ſtrada ad Aquileja , quando Aquile
11. col. 36.
ja non c'era ; imperciocchè lo ſteſſo potrebbe dirſi di Giuſtino , o ſia
di Trogo Pompeo , dove riferiſce , che i Colchi , perſeguitando gli
Argonauti , vennero a fermarſi preſſo Aquileja (c) : lo ſteſſo di Si- ( c ) Jufin.
lio Italico , dove nomina Aquileja fra le Città che contribuiron gen- Lib. xxxii.
te in favor de'Romani innanzi la battaglia di Cane ( d ) . Così dir ( d ) Sil. Ital.
ſi potrebbe di Virgilio , quando annovera Nomento , prima che na- ! ib. viii .
ſceſe, fra le Città del partito d'Enea ( e ) : Così di Livio , quando ( e ) Serv .
all'anno di Roma 308. in vece di bellum gerebatis , fece dire alla Æneid. Lib.
Plebe Romana dal Conſole Tito Quinzio (f ) : Quum ſtipendia nobis
!!!, . 712.
( f ) Liv . Lib .
Conſulibus faciebatis : in tempo che gli Stipendi , per confeſſion di ul. Cap.
Livio ſteſlo , non s'introduſero nella Repubblica ſe non l' anno 348. IXVIII.
l' anno 331. nella Cavalleria ( h ) .
ne' Fanti ( 3 ) , e Sedaut Poetæ , ( 8 ) Id . Lib.
conchiude a queſto paſſo eruditamente il Duiaccio , ita & Hiftorici, 2. Cap.11 %.
( h ) Id . Lib.
Sape juxta uſum temp or um ſu or um , non ta nt um ex fua , ſed eu ex ve- v. Cap . VII .
terum perſona ', quos loquentes inducunt , res explicare ſolent . Ma della
Via Flaminia , e della preſente difficoltà ne parleremo più preciſa
mente nel ſeguente Capitolo .

CAPI
14 DELLA GEOGRAFIA

CAPITOLO SECONDO .

Della Via Flaminia .

O ſo , chè l'eruditiflimo Signor Marcheſe Maffei , per


ſalvar Strabone da errore nel paſſo addotto di ſopra
moſtraſi perſuaſo , ch'ei parlaſſe piuttoſto della Via
Militare celebre appreſſo Livio , che il Conſole Emilio
ſopraddetto aprì l'anno 566. da Piacenza a Rimini .
Ma per far quefto , per confeflione ſteſſa di quella inſigne Letterato ,
biſogna prima , dove leggcſi Alpi , intender l’Apennino ; ciò che ri
pugna affatto al coſtume di Strabone , che diſtingue ſempre diligen
( a ) Strab. temente l'Alpi dall’Apennino ( a ) ; indi contro la fede di tutti i

Lib. II. pag. Codici ripor Piacenza, ove leggeſi Aquileja , e roveſciar la colpa ad
120. Lib. IV. doſlo de' Copiſti. Ma queſto ancor non baſta > perchè converrebbe
pag . 193. dan
alibi paflim . per incontrar a pieno l'ordine , con cui dal noſtro Geografo diceli
aperta coteſta Strada , far sì , che le Paludi fra il Piacentino , e il
Parmigiano, foffero in finc e non in principio della medeſima , e che
collº Alpi ſignificanti 1 * Apennino andaſſero paralelle , perchè la Via
camminalle loro in mezzo > il che punto non ſi verifica . Biſogne
rebbe altresì concludere che i Copiatori ſteſſi di puro arbitrio ci

aveſſer ficcato dentro nel teſto , che la Via principiaſſe a Roma , e che
l' altro Conſole Cajo Flaminio di là condotta l'aveſſe fino a Rimi
ni , in tempo che un tal fatto , come coll'autorità di Livio , e di
Verrio Flacco ſi dirà , non è vero . Converrebbe innapprefio incolpar
di nuovo coftoro che aveſſero ſovvertito il vero ordine , con cui

l'Emilia fu iſtituita , facendo eglino dire , ſe così è , a Strabone ,


che il Conſole Emilio la conduſſe da Rimini a Bologna , e di là poi
in Aquileja , o , come ſi vuol corretto il teſto , a Piacenza ; lad

dove Livio , che ne ha falvata la memoria , tutto all'oppoſto chia


( b ) Liv . Lib. ramente riferiſce , che il Conſole ( b ) , pacatis Liguribus , in agrum
XXXIX . C. II. Gallicum exercitum duxit , Viamque ab Placentia , ut Flaminiæ commit
teret , Ariminum perduxit . In ſomma , ftando a queſta oppinione

troppa violenza converrebbe uſare in più d'un conto al teſto di queſt'


infigne Geografo , per ſalvarlo intieramente da errore ; il che non
ſembra poter conciliarſi coi precetti della buona Critica . Che fe
l'errore altrimenti è certo , com io lo credo certiſſimo , ogni ragio
ne dee indurci a confeſſarlo , c ad attenerci all'error più probabile ,
e , ſe la verità il permette 2 , al più degno di ſcuſa , piuttoſto che
paſlaa
A NTICA DEL FRIULI : 15

paffare , contro la fede d Manufcritti , a uſar la forza , e ad alterar


ne il contcfto .
Dell'immortale Opera di Strabone , in quella parte maſlime che

comprende i paeſi da lui veduti e camminati , ebbe a dire il celebre

Gio : Alberto Fabrizio , che ( a ) vere haberi poteft quidam veteris Hi- ( a ) Biblioth.
ſtoria , ac Geographiæ theſaurus , fingulari judicio ac delcétu compoſitus .Grec. Tom.
III. pag. 4.
Il perchè , ch ' ei s'ingannaſſe nel fatto , cioè nell'eſiſtenza , eftenfione,
e antichità di queſta via , non ſarà chi oſi affermarlo , dacchè ſi ſa ,
ch'egli fra gli altri paeſi eſaminò diligentemente anche l'Italia . Che
il Geografo poi aveſſe quì in mente la Flaminia non l ' Emilia ,
baſta riflettere , ch ' egli parla come d'un ſol Magiſtrato , e , quafi an
che difli., d'una ſola Via , dandole un principio , che alla fola Fla
minia fi conviene , e un termine , che all' Emilia in verun modo non
può adattarli , da Roma per la Toſcana e per l'Umbria fino a Ri
mini : indi a Bologna , e di là fino alle parti noſtre d ' Aquileja . Ve

ro è , che il tratto da Rimini in Aquileja egli lo paſſa ſotto il no


me non più di Flaminia , ma d'Emilia , dandone di eſsa il merito
all'altro Conſole Marco Emilio Lepido . Ma quì per appunto ſta tut

to lo sbaglio , nato , per quanto io penſo , dalla ſomiglianza de'no


mi de' Cenfori del 533. e de ' Conſoli del 366. Flaminj ed Emi
lj furono i due Cenſori , e Flaminj ed Emilj iſteſsamente i due
Conſoli ; ma fra i Cenſori il folo Flaminio > e fra i Confo

li l'uno e l' altro furono celebri per apertura di Via Militare .


Flaminio il Cenfore iftituì la celebre Via Flaminia : Flaminio il Con
ſole aprì la Via , che da Bologna va ad Arezzo ( b ) , e il ſuo Col ( b ) Liv. ibi.
dega Emilio , come ho detto , ſtabilì quella , che da Piacenza tende
a Rimini , da lui poſcia appellata Emilia . Il perchè prima di me
ſoſpettò fortemente anche Cellario , che Strabone quì s'imbarazzaſse ,
e uniſse queſti due nomi per puro e mero equivoco , e gli adattaſse
alla ſola Via Flaminia . Valde vereor , dice egli ( c ) , ne Cenſores pro- (c) Cell.Orb .
Ant. Tom .
pe cognomines cum his Strabo Confulibus confuderit .
Grande imbroglio ha dato ſempre, e darà agli Eruditi , la fomi- ' Lib. 1 .
Cup.ix. Sect.
glianza de ' nomi , e a grandi abbagli per tal cagione andarono non v. n . 686 .
di rado ſoggetti gli uomini più celebri , e più avveduti . Famoſo per pag. 749 .
eſempio sì è quello occorſo all'anno 43 3. fra il Conſolato e la Dit
tatura di Lucio Papirio Curſore ( d ) ; e l'altro all'anno 434. fra lo (d) Liv. Lib .
ſteſso Papirio Curſore , e Lucio Papirio Mugillano ( e ) ; come altre- (IXe .) Cap XY;.
Id :ibid
sì quello introdotto all'anno 452. nella Dittatura di Marco Valerio
Maſſimo con Quinto Fabio Maſſimo ( f ) , de quali Livio ne fa dili- ( f ) Id . Lib .
gente commemorazione ; di modo che non è da ſupirſi , che lo ſteſ- x. Cap. 111 .
ſo por
16 DELLA GEOGRAFIA

ſo poſsa eſser ſucceſso anche a Strabone , il quale certamente fu mol


to più facile , che s'ingannafse in Iſtoria , che in Geografia . Tol
tone queſt'errore , che ficcome non fu difficile , così non è de'più col
pevoli , va ottimamente bene il teſto del noſtro Geografo , nè c'è bi
ſogno d'alterarci una fillaba .
Tanto più poi m'induco a penſare così , quanto che la Via Flami
nia , molto prima del Conſolato di Cajo Flaminio il giovine , trova
ſi nominata nelle vecchie memorie ; onde Fabio Maſſimo , il Dittato
( a ) Id. Lib. re , preſso Livio fin dall'anno 536. vedeſi ( a ) : Via Flaminia profe
xx11. Cap. xl . Etvis obviam Conſuli exercituique ; e che Livio ſteſso , come ci fa fe
( b ) Liv . Epit. de il ſuo Abbreviatore ( b ) , e Verrio Flacco ne ' Libri De verborum
Lib . xx. Significatione > come abbiamo nell' Epitome di Feſto ( c ) , ai quali
( C ) Feft. in
voce , Flami aderiſce Caſſiodorio ( d ) , tutti d'accordo ſotto il Conſolato di Lucio
nius Circus . Veturio Filone , e di Cajo Lutazio Catulo all' anno di Roma 533 .
( d ) Caſiod. attribuiſcono la Via Flaminia a Cajo Flaminio il Cenſore > e non
in Cbron.
all ' anno 566. a Cajo Flaminio il Conſole . Delle cui gefta nel Con
( e ) Liv . Lib . folato parlando poſcia Livio diffuſaniente ( e ) , conferma di bel nuo
xxxv111. Cap. vo queſta verità , non annoverando fra eſse nè poco nè punto la Via
XLII . XLIII.
Lib . XXXIX . Flaminia laddove riferiſce molto bene la Via da eſso condotta da
Cap. II . Bologna ad Arezzo , e l'impreſa dell'Emilia aperta da Piacenza a Ri
mini dal Conſolo Emilio fuo Collega . Il folo Strabone adunque eb
be cuore di traſportar l'apertura della Flaminia dall'opera di Flami
nio il Cenſore a quella del Conſole , contro l'unanime e più antica ,
e perciò più grave autorità di Livio , e di Verrio Flacco ; ſegno evi
dente , che ci entrò nell' equivoco de due Flaminj con ambe le mani.
Quindi lo sbaglio di queſt'immortale Geografo và a finir ſempli
cemente nelle figure , che ſi ſegnalarono nell'apertura di queſta Via

antichiſſima , e non mai nel fatto , ò ſia nell'eſiſtenza , ed eſtenſione


della medeſima . Se poi Flaminio il Cenſore l'imprendeſic tutta a di
ſtefo , da Roma fino alle parti d ' Aquileja , egli è un nodo , che non

ſembra del tutto facile a ſcioglicrſi . Si è ſmarrito il Libro xx . di


e con
Livio , dove con preciſone dovca parlarſi della Via Flaminia
più diligenza , che non ſi è fatto nel breviffimo cenno , che ci reſta
nell'Epitome . Nulladimcno ſe ben ſi riflette alla Storia di que' tem

pi , e a quanto in difetto di eſſa ci ſomminiſtrano i Fafti Capito


lini , c i Compendi d' Eutropio , e di Zonara , ciò a me ſembra
aver tutta la veriſimiglianza .
Il magnifico e real coſtume d’aprir lė Vie Militari non è l'ulti
mo de ' pregi ,che diftinſero da tutti gli altri Governi la gran Re
pubblica di Roma . Fu molto antico un cotal iſtituto , e trovaſi no
mina
ANTICA DEL FRIULI : 17

minata la Via Gabina , che conduceva alla Città di Gabi , quindici


miglia lungi da Roma , fin dall' anno 245. cioè l'anno ſubito dopo
diſcacciati i Re , e ſoſtituito in loro vece il Magiſtrato de' Conſoli
( a ) . Così la Latina ( b ) nel 265. la Nomentana ( c ) nel 304. la ( a ) Liv. Lib .
Lavicana ( d ) nel 331. in Livio regiſtrate ſi trovano . Ma io non 11. Cap . xi.

intendo quì di parlar delle Vie di Roma ancor tenera , e principian- (b) Id. ibid .
te , alle quali , per la poca importanza e brevità loro , non fu nep- ( c ) id . Lib.
pur creduto proprio di porre in fronte il nome di chi le conduſſe . II . Cap 111 .
Intenzion mia si è di dire di quelle Vie Militari ſpazioſe e lunghif ( d) Id . Lib.
iv . Cap. XLI,
ſime , intrapreſe ai tempi di Roma adulta , e reſa già vigoroſa , con
magnifica , e più che regia ſpeſa , e a cui reſtò per decoro impreſſo
il nome di que'Cenſori , o di que’ Conſoli , ſotto gli auſpicj de' qua
li furono incamminate . Tali furono la Via Appia , la Valeria , l' Au
relia , tale altresì la Flaminia , di cui parliamo .

Servivano queſte principalmente , come il nome ſteſſo ci addita , a


tradur con agio e con iſpeditczza l'eſercito in difeſa dello Stato ,
ovunque più facca biſogno ; il perchè folcano ſtenderíi ordinariamen
te da Roma ſino agli ultimi confini del ſuo dominio . Così l ' anno
di Roma 441. formando allora Cápua il principal confine dello Sta
to Romano ( e ) fu condotta la Via Appia celebratillima da Roma a ( e ) Liv.Lib .
quella Città , per opera del Cenſore Appio Claudio , ſoprannomato ix.C. XXVII .
il Cicco ( f) . E poichè l'anno 486. i Romani portarono le lor con- ( f ) Id. ibid .

quiſte da Capua a Brindiſi ( 8 ) , fu altresì continuata una tal Via , Cap. xxix.
non ſi fa da chi , da Capua fino a quel celebre Porto ( h ) . Cosi ( g ) Eittrop,
Lib . 11 .
la Valeria , da che il Conſole Curio Dentato , vinti i Sanniti , dila ( h ) Cell.

tato ebbe l'anno 463. fino a i lidi dell'Adriatico il confine di Ro- Orb. Ant.
ma ( i ) , fu condotta da Roma ad Atri , non ſaprei ben dire , ſe Tom . 1. Lib.
Sec .Cap.
l'anno immediate dopo , cioe 11. v n .ix.
dal Conſole Marco Valerio Corvino , l'anno immediate dopo
l'anno 464. in cui quella Città fu condotta Colonia 2 come da Li- 684.pag.748.
vio ſi raccog
rad lie ( k ) o pur ,, ſe , ſoggiogato avendo i Romani fola- (i ) Flor. Lib.
o pur
1. Cap. xv .
mente l'anno 485. tutto il Piceno ( 1 ) , ciò naſcoſſe parecchi anni ( k ) Liv . Ep.
dopo , cioè l'anno 501. ſotto gli auſpici del Cenſore Marco Valcrio lib. xi.
Maſſimo . Nello ſteſſo modo l ' Aurelia quando il Romano Imperio ( 1 ) Flor.Lib.
I. Cap. xix .
non oltrepaſſava ancor la Toſcana , fu condotta l' anno 512. per Liv .'Ep.
quanto crcdeſi , dal Cenſore Cajo Aurelio Cotta , da Roma a Piſa , Lib. xv .
o lia ai confini della Liguria ( m ) . Così credo io , che ſia nato an
( m ) Cell.
che della Flaminia . Orb.Ant. ibi.
Noi ſappiam di certo , che l'anno di Roma 531. i Romani , do- n . 695. pag .
po molti anni di ſanguinoſa e oſtinata gucrra , giunſero a debellare 750 .
tutta la Gallia Ciſalpina , e per quanto, a me fcmbra , e a ſuo tem
po
18 DILLA GEOGRAFIA

po dimoſtreraſli , anche la Venezia dilatando in cotal modo il lor

confine per ogni dove ſino alle Alpi . I Faſti Capitolini ci alſicura
no che il Conſole Claudio Marcello in queſt' incontro non trionfo
folamente de Gallis Inſubribus , mi eziandio d : Germanis ; fegno evi
dente , che nel tumulto Gallico s'era inviſchiata anche queſta Nazio
ne , non mai fino a quella età conoſciuta ne' Fafti di Roma . Che fe

così è , ecco quai motivi , e quali geloſie eccitar poteflcro anche gli
Iſtri , divenuti in mal punto confinanti col formidabil Popolo di Ro
ma , a dichiararſi l'anno ſuſſegucnte 532. per nuovi ſuoi nemi
(a ) Eutrop. ci , e a depredare oftilmente le ſue navi frumentarie ( a ) . Ora a
Lib. 111 . e della
fronte di popoli così feroci , com'erano quelli dell'Iſtria ,
Germania , chi mai dirà , che i Romani non aveſier biſogno grande ,
a ſeconda del loro iſtituto , d'una Via Militare a queſti confini ?
Imperciò gran torto , per mio avviſo , verrebbe a farſi al ſommo fuo
giudizio , e alla magnanima lor condotta , penſando , che la Flami
nia , ape rta da eſſi per appunto l'anno 533. cioè l'anno ſubito do
po la guerra Iſtrica , non ſi foſſe , com'era lor coſtume , tirata fino

a queſt'ultimo confine ; e che , dopo eſſerſi impadroniti di tutta Ita


lia , dallo ſtretto di Sicilia infino all ' Alpi , per difetto dirò così

di forze , convenuto lor foſſe in queſt impreſa di fermarſi a Rimini .


Tutto l'oppoſto ci fanno credere i due Conſoli del medeſimo anno
533. Lucio Veturio Filone , e Caio Lutazio Catulo , i quali avanza
tiſi con poſſente eſercito , non già fino a Rimini , ma fino alle Al
pi , miſero in tal ſoggezione quelle genti Alpine , che molte di ef
fe , a riferto di Zonara , non eſitarono un momento a dichiararſi do
( b) Zon. Lib . cili , e a entrar di buon animo nella lor clientela ( b ) .
vil. Cap.xx. Nondimeno mi ſi potrebbe opporre , ſembrar troppo , che ſotto la

preſidenza di Caio Flaminio , in pochi meſi s'apriſſe una Via da Ro


ma alle parti d ' Aquileja , lunga , per quanto abbiamo dagli antichi
Itinerarj , almeno cinquecento e dodici Miglia Romane . Ma chi fa ,
( C ) Plut. inche ai tempi di Caio Flaminio non era nata ancora la Legge Sem
Gracih . Ap- pronia , e che ſolamente l'anno 630. ella fi promulgò , con cui fi
pian . Civil.
ſtabilì per la prima
Lib. I. Cell. volta di munir le Vie Militari coi ſelciati , col
Orb. Ant . le colonne miliari
e coi ponti ( c ) , al qual uopo certamente non
Tom. 1. Lib . dovca baſtare nè un uomo ſolo , nè forſe ancora una età , comedella
1. Cap. XII. Via Appia oſſervò il Cellario ( d ) , ceſſerà di ſtupire · Ceſſerà pure

( d ) Cell.ibi, di meravigliarſi chiunque fa , quanto foſſe il valore , e la celerità in


Lib. 11. Cap. credibile delle Legioni Romane in queſta qualità d' operazioni . Mol
1x . Sect . v.
n . 684. pag. to meno ſtupirà chi fa il numero grande di coteſte Legioni , ognu
748 . na delle quali importaya talvolta un corpo di dodici mila combat
tenti
4

ANTICA DEL FRIULI . 19

tenti ( a ) , e che fin l'anno di Roma 259. dicci fe ne contavano ( a ) Veget.


( b ) ; e che l'anno 539. innalzate fi veggono al numero di dicidot- de Lib .re111
Mil.
.
to ( c ) ; Donde ne ſurſe quel numero , dirò così , innumerabile di Cap. 1.
Vie Militari , ben lunghe e diſaſtroſe , tanto in Italia che fuori , che ( b ) Liv. Lib .
tuttavia ci conſervano fedelmente gli antichi Itinerarj . 11. Cap.xxx .
( c ) Id. Lib.
Io non negherò però , che la parte più rinomata di queſta celebre xxiv. Cap.xi.
Via , non foſſe la più vicina al centro , cioè quella che ſi ſtendeva
da Roma a Rimini . Ma le vecchie memorie intorno alla reſtante

Via da Rimini in Aquileja , benchè meno frequenti , non è però che


intieramente ci manchino . Tres Via , dice Cicerone , ( d ) ſunt ad ( d ) Cic . This
Mutinam , a ſupero mari Flaminia : ab infero Aurelia : media Callia . lipp. xi 1 .
Cap. 1X .
Vedete come la Flaminia che principiava a Roma verſo il mar di

Toſcana , da Latini appellato Infero , giunta ch'era a Rimini al ma


re Supero , o vogliam dire Adriatico , dallo ſteſſo mare , a Supero ma
ri , cioè da Rimini , di bel nuovo s'incamminava a Modena ? Que
fto baſta per far vedere , non efler vero , che la Via Flaminia termi
nafle a Rimini ; nè altro , per mio avviſo , ſignificar volle anche Sve
tonio , all' anno 726. dicendo , che Auguſto ( e ) , deſumpta fibi Fla- ( e) Sver .
Auguft. Cap .
minia Via Arimino tenus munienda , reliquas triumphalibus Viris ex XXX .
manubiali pecunia ſternendas diſtribuit . Imperciocchè , ſe la Flaminia
terminava a Rimini , ſuperfluo ſarebbe ſtato il dire , Arimino tenus .
Dione ci palefa la vera cauſa dell'acconcio di coteſta Via , dicendo
dello ſteſſo Auguſto , che ( f ) zäs de dal cazuvías autos ,
é'red's- ( f ) Dio Libn
.
πιρ εκτρατούσαν δί αυτής έμελεν , επιμελήθη- : Flaminiam , quod XXII.it. Cap .
ea duéturus erat exercitum , ipfe procuravit . Fin dove poi Auguſto
biſogno aveſſe in quel torno di condur da Roma l'eſercito , facile è
l'apprenderlo da Svetonio medeſimo , all ' anno 728. dove dice di lui,
che ( 8 ) , bello Cantabrico feliciter geſto , reliqua per Legatos admini- ( £ ) Svet:
ftravit , ut tamen quibuſdam Pannonicis atque Germanicis aut interve- Aug. C. XX .
niret , aut non longe abeffet , Ravennam , vel Mediolanum aut Aqui
Lejam uſque ab Urbe progrediens .

Queſte coſe tutte in compleſſo , non può negarſi , che non tenda
no con molta forza a far vedere , che non fino a Rimini , ma mol
to più oltre , e fino in Aquileja probabilmente ſtendevaſi la Flaminia.
Ma S. Girolamo , che da giovine educato fu , per quanto credefi , in
Aquileja , e che per qualche tempo in quella Città vi ſtanziò anche
dopo ( h ) , e ne dovca eſſere per tutti i titoli molto bene informa- (h ) Fontanin.
to , porta un tal fatto aſſolutamente , e ſenza forſe , dalla probabili . Hift. Litt.
Aquil. Lib .
tà alla certezza , laddove , rimproverando il noitro Rufino , perchè ri iv. Cap. I.
cufava di portarſi in perſona da Aquileja a Roma a farle ſue di- n . v. VI ..
B 2 fcol
20 DEL GEO
LA GRA
FIA

ſcolpe , altra Via non riconoſce fra queſte due città , che la Fiami
( a ) Hier. nia , le cui parole mi ſia qui lecito di traſcrivere ( a ) : Idcirco , di
Lib .11. Apolo ce egli , patria dereli& ta , Aquilejæ habitat . Periclitatur Romæ illa pro
contra Ruf.
Cap. 112 batilima files cjus, & hic ſupinus laſſulus , poſt triginta annos per
molliſſimum Flaminia iter , effedo venire non poteſt ; ſicque prætendit
longi itineris laſſitudinem , quaſi triginti annis cucurrerit aut biennio

Aquilejæ ſedens , præteriti itineris labore confeétus fit . Degne d'offer


vazione ſon le parole per molliſſimum Flaminiæ iter , con cui il San
to Dottore , per iſcreditar tanto più il preteſto di Rufino , volle ad
ditar principalmente quella Flaminia , che da Aquileja tendeva a Ri
mini , tutta veramente piana , ee ſituata in terren comodo e dolcc ,
come il fatto lo dimoſtra e lo dichiara dappersè l'attributo datole
di molliſſima : vocabolo uſato in tal ſenſo , ſopra i medeſimi fiti , an
( 6 ) Flor . Lib che da Floro , ove dice ( b ) : Venetia , quo fere tra &tu Italia molliſſi
111. Cap. III ma est ; il che punto non ſi verifica della rimanente Via da Rimini
a Roma , interrotta , come ognun fa , per molto ſpazio , dalle mon
tagne aſpre ed altiſime dell'Apennino , e dalle rupi alpeſtre di Narni .
Quindi vedeſi ben chiaro il perchè Lipfio paſsò francamente a di
( C ) Lips. re ( 6 ) : Quid ? Flaminia via an brevior , quæ Roma Ariminum uſque,
Lib. ill . de
& inde porro Aquilejam ducebat ? e il fondamento col quale l'inſigne
Magnit. Ro
man . Cap. X. Geografo de ' noſtri tempi Guglielmo Delisle nella ſua Tavola dili
gentiſſima dell'Italia Antica , fteſe altresì ſenza eſitanza la Via Fla
minia da Rimini fino in Aquileja , non già pel lungo viaggio di
( d ) sig. de quattrocento e ottanta tre miglia Romane , fuppoſto dal Sigonio е
Ant. Jur. dal Signor Marcheſe Maffei ( d ) , per Bologna , Milano , Breſcia
Ital. Lib. 1 . Verona , & c . deſcrittoci nell'Itinerario d'Antonino ( e ) , ma per la
Cap. xxv .
Tom. v . app. via più corta e ſpedita di miglia 216. o , ſe ſi comprendano le
Col. 373 .
miglia 78. da Rimini a Bologna , di miglia 294. che incontra mira
Ver. Illuft.
bilmente l'eſpreſſion di Strabone , e va a finire ne' paeſi poſti alle radici.
Part. 1. Lib .
II . col. 36. dell' Alpi , e intorno alle paludi dell'intimo ſeno dell' Adriatico , o
( e ) Itir . Ant. ſia dell'Antica Venezia , additataci dallo ſteſſo Itinerario ( f ) ; e che

pag , ! 12. 113. può ſupplirſi coll' Itinerario Geroſolimitano ( 3 ) , da Bologna a Mo


( f) Itin . Ant.
pag. 152. 153 . dena , indi per Vico Sernino , ora Sermene : Vico Variano , ora Vigo :
( g ) Itiner. Monte Anneiano , ora Montagnana , Efte , Padova : Ad Duodecimum
Hierofol. in ora Mirano : Ad Nonum , ora Meſtre Altino 2 Concordia ed A
Append. ad
Prolem . Geo- quileja .
graph. Ed. Pezzi diverſi d'eſſa Vią antichiſſima in queſte noſtre parti fi cre
Amſtel. 1619. don fufliſtere anche oggigiorno nella Strada macſtra aflai bella e
ap . Ifaac.
Elzevir. ſpazioſa , detta il Terraglio che da Meſtre dirittamente ſcorre pel

pag . 40, baſſo Trivigiano ; e nell'altra in Friuli , che poco al di ſopra delle
noſtre
21
ANTICA DEL FRIULI .

noſtre Paludi , pel corſo di circa fedici miglia ; ſenza urtare in al


cun de ' noſtri Villaggi , ſtendeſi verſo Aquileja a cammin dritto , da
Rivolto a Palma , molto comoda 2 е che per eſſere innalzata ad arte

ſopra il piano circonvicino , Stradalta comunemente ſi appella ; e nel


pezzo di Via , che più ſotto alquinte miglia , lungo il Villag
1 per circa
gio di Scodovacca , e a lato del muro appellato Gemino
fei miglia , cammina anch'eſſa a dritta linca da Scodovacca in A
quileja . Ma non più della Via Flaminia е del poſſeſlo antichillimo

de ' Romani ſopra queſta noftra pianura .

色色 色 色 色 色 色 色色 色 色 色 色 色 色 色 色 色 色 色 色色 色 色 色 色 色 色 色 色色 色 色 色色 色 色 色 色 色 书卷

CAPITOLO TERZO .

Delle rimanenti prove , in forza delle quali ſi vuol deſerto


e abbandonato il noſtro piano .

Ofta in eſſere l'antichità della Via Flaminia e con


eſlo lei l' antico e legal poſſeſſo de' Romani ſopra il
noſtro piano , tempo è ormai di paſſare all'eſame de
gli altri argomenti , e di vedere in primo luogo ſe

la pianura medeſima , che ſi predica ſenza nome , fof


fe veramente tale , e perciò condannata a ſtarſi fuori della Geogra
fia ; ciò che farà ben fatto di ſentire dalla bocca ſteſſa di Livio .

Dice egli in uno de' palli addotti , parlando de'Galli , che coſtoro
crano tranfgrciſi in Venetiam , haud procul inde , ubi nunc Aquileja eſt .
Venezia dunque bella e buona era queſta ; e queſto era il ſuo nome
nazionale . Replica poco dopo lo Storico , che i medeſimi ( a ) in ( a ) Liv. Lib .
Italiam tranfgrelli , oppidum in agro , qui nunc Aquilejenſis eſt , ædifi- xxxix. Cap.
cabant . Italia dunque appellavaſi ancora ; e queſto era il nome co- XLV.
mune a tutti gli altri del vaſto e nobile Regno Italico . Dice più

avanti , che il Senato rimproverò coteſti Galli , perchè ( b ) oppidum ( b ) Id.ibid ,


in alieno agro nullius Tiomani Magiſtratus , qui ei Provinciæ præeſſet , Cap. Liv .
permiſſu ædificare conati fint : e poco appreſſo , del Conſole Marcello

( c ) : M. Claudius Conſul Gallis e Provincia exactis , Iſtricum bellum ( c ) Id . ibid.


moliri cæpit . E queſto era il ſuo nome civile , o vogliam dir pro- Cap. Lv.
vinciale ; intendendo quì Livio la Provincia Gallia , o ſia la Gallia
Ciſalpina , in cui era compreſa anche la Venezia .
Quindi ognun può vedere , ſe con ragione fiaſi afferito , che Livio
non ſapca che nome dare al noſtro diſtretto , in tempo ch ' egli ef
preſſa
DELLA GEOGRAFIA

preſſamente lo adorna con tre . Oh , mi fi dirà , ci manca per ap

punto il nome municipale , e particolariſſimo . Mancava queſto , per


tacer di tant'altri , anche a quella porzion di Venezia > che poſta
era fra il Tagliamento e la Livenza ; nè perciò alcuno s'è finora av
viſato di confinarla fra gli anonimi . Sebbene e chi non vede > che

le parole di Livio a queſto paſlo tendono a ſignificarci il particolar


fito , ove fu piantata Aquileja , e non l'univerſal diſtretto ; e che
ficcome di eſſo ci manca il nome così mille altre minute coſe a

noi mancano della veneranda Antichità , che pur molte volte fiam
certi , e molte altre intimamente perſuaſi che furono ? Il nome della
ricca , e vaſta Città d ' Aquileja mercè la Storia di Livio , dura an
cora fra le rovine , e durerà in perpetuo nella memoria degli uomi
ni . Ma chi mi fa dir per queſto il nome de' tanti nobili , ė folti
ſuoi Rioni , che pure ogn ' uomo ragionevole è pienamente perſuaſo ,
che lo aveſſero e che Livio tuttavia non ebbe ozio di nominare ?

Così molto meno è da ſtupirſi , fe parlando egli in genere del no


ſtro piano , in cui diſceſero i Galli , l'appello Venezia ; e accennan
ci
do particolarmente l'angolo , che in un tal piano occuparono ,
tacque il
nome ; poco o nulla importando alla pofterità il ſaperne
di tutti gli angoli , e de' più minuti fiti , e de’ loro nomi , che in
finiti trovanſi in ogni diſtretto i e maſſime di quelli , ove fu poi

Aquileja , deſerti affatto , e paludofi , e di niun conto in que' tali


tempi , e di niuna riputazione.

Ma parliamo alla prova, con cui chiaro diceſi apparire , non aver
avuto queſta pianura , nè popolo , nè abitazioni , dal non vederſi no
minata neſſuna Città prima d' Aquileja ; quafi che non poteſſe dirſi
lo ſteſſo della teſtè mentovata Venezia , fra il Tagliamento e la Li
venza ,, anzi anche di più , conciofliachè molto più tardi. , e fino al .
Triumvirato , durar dovettero ivi con una così fatta regola , le in

nondazioni, i deſerti , e la fpopolazione , perchè prima di un tal ..


tempo ſiam d'accordo , che non nacque Concordia , e prima di Con.
cordia , non vedeſi in quel tratto nominata mai alcuna Città . Potrà
( a ) Plin . dirfi forſe con Plinio , che in queſti tali ſiti ( a ) , interiere Venetis.
Lib. 111. Cap. Atina y Celina . Ma Plinio fteſto riſolve queſt' attacco , col ſoggiun
XIX .
ger ſubito appreffo : Carnis Segeſte e Ocra . Dove fotto il nome di
Carni ben ſi ſa , che in plinio includefi anche il noſtro piano , con
forme alla deſcrizion famofa dell'Italia , che fece Auguſto in undi
ci Regioni , e che Plinio fi propoſe unicamente a ſeguitare nella ſua
( b ) Id. ibid. Geografia ( b ) .
Cap. VI.
Nondimeno però parlando per la verità , il fatto sì è , che s'in
trodufa
ANTICA DEL FRIULI . 23

troduffe prima l'agricoltura , e poi il commerzio : prima la popola


zione , e poi le Città . Io dico coſe note , ma pure mi convien dir
le , e appoggiarle eziandio al teſtimonio nobilifſimo di Varrone .
Fuit tempus , dice egli ( a ) , cum rura colerent homines , neque Urbem ( a ) Varr.de
haberent . Quod tempus fe referas ad illud principium , quo agri coli re Ruſt. Lib.
Ill . Cap. I.
ſunt cæpti atque in caſis « tuzuriis habitabant , nec murus nec porta
22
quid eſſet ſciebant , immani numero annorum Urbanos Agricola pre
2 1

ftant. Queſt' allioma ſolo , veriſſimo ed antichiſſimo , ſerve abbondan


temente a levar la maſchera , e a ſcoprir l'inganno del preſente ar
gomento ; altrimenti ſenza popolo , e ſenza abitazioni dovrebbe dirſi
anche l' Inſubria > felice in tutti i tempi , e popolatiffima dache
Strabone ci aſſicura che nelle età rimote ella non avea Città ( b ) ; ( b ) Strab.
i

ſenza popolo , e ſenza abitazioni l'antica Germania , fe vero è quel libó v. pag. ,
che Tacito , teſtimonio di viſta , di eſla ci laſciò ſcritto ( c ) : Nul- 204.
( c ) Tac. de
las , dice egli , Germanorum Populis urbes habitari , ſatis notum eſt : mor. Germ .

ne pati quidem inter ſe junktas Sedes . Colunt diſcreti , ac diverſi , ut Cap. Xya.
fons , ut campus , ut nemus placuit . Vicos locant , non in noſtrum mo
a
rem , connexis & cohærentibus adificiis : ſuam quiſque domum ſpatio
circumdat ; five adverſus caſus ignis remedium , ſive infcitia ædifican
di . Ne camentorum quidem apud illos aut tegularum uſus . Materia
OL utuntur informi , deya citra Speciem aut dele &tationem . Può
ad omnia
‫ܬܐ‬ darſi mai un paeſe più difagiato di queſto , ſenza Città , ſenza Bore
ghi , ſenza Ville , e , quafi diſli , ſenza Cafe , e ciò nulla oftante

tanto fertile e ricco di Popolo ?


Ma , mi fi replicherà , finalmente coteſti Galli fi eſprimono trop
ri

po chiaro , e dicono preciſamente , che tutto quivi cra Solitudine :


is

tutte terre incolte e abbandonate : quæ inculta per Solitudines viderent ,


al

ibi fine ullius injuria conſediſſe . Al che ſi riſponde, che coteſte eſpreſ
0 fioni de'Galli meritano interpretazione ben diverſa , come a ſuo tem
po ſi farà vedere ; oltrechè infra di eſſe , s'io non isbaglio , non c'è

fillaba nè d'innondazioni , nè di torrenti , nè di boſchi o paludi ; ma


fe anche ci foſſe , ciò nulla conchiude , perciocchè non dall'umido

is ma dalla ficcità la fterilità fuol procedere , onde la natura formò i

deferti , e le Solitudini , come di quelli dell' India diſſe Erodoto ( d ) :


( d ) Herodot.
di

Ινδών γάρ το Trpos


προς την épruin
não ερημία
Trio κω esi ,
εί doce ta'o foipepeor : Indo- lib. III. pag.
rum autem tractus qui auroram Spectat , propter arcnam vaſtus eſt 228.
E di quelli della Libia ( e ) : Iñs Alguns puuos voi avudpos , ( e ) Id Lib.
ngi αθηρος > και άνομβρος , και Eur's eso i gcópio non inueé do ; Iv. pag. 322 .
ési év au'rñ ödës : Libyo deſerta jam plaga eft , fine aqua feriſ
que , fine pluvia ac lignis , omni prorſus humore vacans . E di tal
natura
24 DELL GEOG
A RAFI
A
natura furono anche gli accennati di ſopra come in Strabonė ai
luoghi ſopraccitati ognun può raccogliere . Quanto poi ſia ai Boſchi ,
e ai terreni paluſtri , non fogliono queſti così di frequente confinarſi
dalla natura fra le terre incolte , e fra le Solitudini , eſſendo eglino
per lo più dell'indole di quelli del Lazio , del qual paeſe diſie Stra
( a ) Strab. bone medeſimo , che tutto era fertile ( a ) , zadny odízwy zapécor tão
Lib. v. pag. natë' thd zapznía" , corde én códion moi posipan & Tivce Opstra
' 7
223 .
τρώση , και ταυτα δ και τιλίως αργά , εδ' άχρηςα , αλα ιoμας πα
ρέχει δαψιλάς , ή ύλην , ή καρπούς τινας ελάας , η πέτραίες : pre
ter litoralia pauca , quæ paluſtria ſunt & morboſa , aut ſi qua mon
tana ſunt & petroſa ; quæ tamen ipſa neque omnino inculta ſunt vel

infructuofa , Sed lata pabula præftant , vel materiam


materiam , vel paluſtres ,

montanoſque proventus .
Pur nondimeno , per ſoddisfare al genio di chi penſa così , diremo,
che inquanto alle innondazioni de ' Fiumi, è alle Paludi , Strabone at
( b ) Strab. teſta , eſſer ciò comune a tutta la Venezia ( b ) : ' Arasde mis vi xc
Lib. v. pag.
204. ρα ποταμούς πληθύα και έλισι μάλισα δ' και των Ενετών : Tota ita
que Venetorum regio fluminibus atque paludibus maxime referta eſt : il

che contribuiva , dice il Geografo , non ſolo alla navigazione , e al


com merzio , ma eziandio all'irrigazione , e alla miglior coltura del
la terra . Onde ſu queſto punto , niente di particolare , o di contra
rio può rinfacciarſi al noſtro Diſtretto , ſe non che delle Paludi egli
è forſe il più ſcarſo di tutta la reſtante Venezia , e poco o niente
ſoggetto alle innondazioni de ' Fiumi, che pel breve loro corſo , e pel

troppo declivio della terra , non han nè tempo , nè maniera di ca


gionare ; oltre che è coſa notiflima , che le innondazioni de' Fiumi
non ſon permanenti , e che naſcono ſoltanto o dallo ſcioglimento

delle nevi, o dalle pioggie le più dirotte , colle quali anche finiſco
no . Ciò che oſſervo molto prima di noi Aggeno Urbico trattando

delle innondazioni , o vogliam dire Alluvioni , che per appunto nel


( c ) Agg. la Gallia noſtra Ciſalpina foleano naſcere ( c ) : Hæ quæſtiones maxi
Urb. Com me in Gallia tota moventur , que multis conte & ta fluminibus immodi
ment. in
Front. de cas Alpium nives in mare tranſmittit , & ſubitarum regelationum re
Controv. pentinas inundationes patitur . Il perchè le innondazioni de' Fiumi mai
non ebbero forza di produrre effetti , che baſtino a far cambiar la
faccia della terra .

Quel che fa de Torrenti , queſti lacerano di ſua natura le terre ,

e non innondano i pacfi ; nè tali ſono quì fra noi , che abbian po
tuto mai invadere , e roveſciare , non dico tutta , ma neppur la par

te meno oſſervabile di queſta pianura . Eſſi ſon tutti noti , trattonc il


Liſon
ANTICA DEL FRIULI . 25

Liſonzo , fin da' tempi antichiſſiini , Tagliamento , Torre ; é Nadiſo


ne ; e del Liſonzo ſi ha memoria fin dai tempi di Erodiano , della

Tavola di Peutingero , di Caſſiodorio , e di Giornande . Niente ſi è


mutato nelle noſtre Alpi . Scaturiſcon eglino dai medeſimi fonti di
prima , e ſcaricanſi per le medeſinie bocche in mare , camminando

ſempre a un di preſſo fra gli antichi loro confini . Di altri piccoli


Torrenti io non farò parola , perchè di queſti abbondano tutte le fi
tuazioni ſimili alla noſtra nè ſopra di efli v'è chi forini una si
magnifica idea . Veggaſi la Geografia Generale di Bernardo Varenio ,
uno de' più valenti e celebri Scrittori in cotal genere , e che meritò
l'attenzione e i rifleſſi del ſommo Filoſofo Iſacco Neuton ( a ) : veg- ( a ) Varen .

ganſi le ultime oſſervazioni aggiunte allo ſteſſo da Jacopo Jurin nell' Edit. Neap.
Appendice ( b ) ; e s'imparerà , che alterazioni notabili nella ſuperfi- 1715. Lib. I.
zie della terra , non procedettero mai ſe non dal Mare , e che non prop. II. pag .
ſi è per anco in Fiſica figurato il caſo , che un paeſe intiero di- 123. Cap.
venti Torrente , o che un Torrente riveſta mai la figura , e l ' eſſere xvii . Prop .
II . pag . 205 .
di terra originale , compoſta di que' varj ſtrati , che tutt'oggi co- Prop. v.pag.
munemente fra noi ſi oſſervano , e che furono altrove diligentemente 206.
eſaminati dal celebre Leibnizio > nell'Oper
a fua poſtuma , intitolata (ad
b Var
) App
enend.
.
Proto3&a , o fia De prima facie Telluris ( c ) . ibi , pag. 15 .
Dei Boſchi poi del noſtro piano , io non ho memoria d ' averci ſeq.
trovato cenno nella Storia degli antichi tempi , ſe non fe del Boſco ( c) Edit.
Gotting.1749.
dedicato a Diomede , al porto del Timayo , o , fe aveſle
fi aveſ
ſe fi dire ,, pag. 35. 36.
le aa dire
il che non è affatto inveriſimile che foſſero ſtati in queſta prima 44. 78. 79.
-porzione della Venezia anche i due Boſchi facri uno a Giunone 85 .

Argiva , e l'altro a Diana Etolia , mentovati da Strabone ( d ) . I ( d ) Strab .


Boſchi non ſon terra infeconda , ma bensì una parte neceſſaria per la Lib. v. pag:
206 .
coltivazione , e pei biſogni della vita ; ed è ben veriſimile , che de '

medeſimi non penuriaſle mai la noſtra contrada . Nel reſto i Boſchi


ben grandi , e ſterminati , noti nelle memorie dci ſecoli di mczzo ,
e le tante Selve , delle quali reſtano tuttavia le denominazioni nella
gran parte delle noſtre Ville , io per me certamente gli ho piuttoſto
per effetti deplorabili della deſolazione portata quà da Barbari , che
per veſtigie della Romana grandezza .
Queſto è quanto ho creduto bene di conſiderare tanto in Fiſica ,
che in Iſtoria intorno alla veriſimiglianza e probabilità di un tal

fuppoſto , a cui niun pelo potranno mai aggiungere le parole , qus


inculta per Solitudines viderent , ſe ben ſi badi al vero e proprio
lor ſentimento e ben ſi diſtinguano Solitudini da Solitudini ; ciò che
riſerbiamo a dimoſtrare nel ſeguente Capitolo .
D
CA PIC
26
DELLA GEOGRAFIA

CAPITOLO QUARTO .

Delle Solitudini ,

Eferto , Solitudine , e tratto di terra poco men che


abbandonato dagli uomini , è lo ſteſſo . Diili poco me
no , perchè neppure i Deſerti propriamente tali , e per
ED petui , ſi veggono intieramente abbandonati . Tali cer
tamente non erano quelli della Media , de' quali diſſe
( a ) Diod.
Diodoro Siculo ( a ) : “ Ο δη συνις όιτές τιμές των παρα την έρημον
Sic . Ed. Ha.
nov . 1604 . oixou vtWP : Quod videntes nonnulli ex iis , qui solitudinem incolebant :
Tom . 11. Lib. Così neppure quelli dell' India da noi ſopra deſcritti per bocca di
xix.pag.683. Erodoto , ſeguitando egli a dire de ' medeſimi : Esi de tonla d'Ivec
' I'dwv , moj ox opó wa açíor noi o per autwe loué des citoi oido

ε · οι δε εν τοισι ' λεσι οικεσι ποταμο : Eorum autem complures funt


gentes , atque ea lingua inter ſe diſſons : & eorum alii paſtoritiam vi
tam agunt , alii non : item alii in plaudibus fluminis habitant . Ma ne

anche gli aridiſimi della Libia , eſpoſtici , come ſopra , dallo ſteſſo
Erodoto , dove egli continua a dire , che abitavano Paſtori : Outw
μες μέχρι της Τριτανίδος λίμνης απ’ Αιγύπτε ομάδες εισί Λί
Bues : Ita ab Ægypto ad Tritonidem paludem paſtoritii Libyes ſunt . Co
( b ) Strab . si anche Strabone ci deſcriſſe i Deſerti della Libia ( b ) : " Epruos záp
Lib. xvII .
pag. 783 . εςιν η πολη της μεσογαίας , και της παρωκεαιίτιδος κατοικίαις δε
καταξικτός εςι μικραίς , και σποράσι , και νομαδικαις ταις πλάσαις :
Nam maxima mediterraneæ pars , & regio circa Oceanum deſerta eſt ,
parviſque habitationibus , & Sparſis , & magna ex parte paſtoralibus
( c ) Georg . diſtincta eſt . Così Virgilio diſle de'medeſimi ( c ) :
Lib. 111 .
verf. 339.
Quid tibi paſtores Libyæ , quid paſcua verſu
Proſequar , & raris habitata mapalia teftis ?

Poveri adunque e affatto ſcarſi di popolazione intender voglionfi i De


ſerti , ma non mai abbandonati da tutto 'l genere umano .
Le cagioni poi d'una tale ſcarſezza e di un tal abbando
no non ſono una ſola ma ſono più , come farebbe a dire la
ſterilità la peſtilenza , la troppa abbondanza del terreno la

guerra ; imperciò gran pericolo corre d'ingannarſi chi , al com


parir del vocabolo solitudine s'immagina tantoſto un terreno in
capace di produzione , e condannato dalla natura alla ſterilità .

Soglion quindi i Deſerti diſtinguerſi comunemente in Deſerti pro


pria
ANTICA DEL FRIULI : 27

priamente tali , per lo più perpetui , e cagionati da naturale ſterili


tà , o peſtilenza , e in Deſerti impropri e paſſaggieri , introdotti da
un qualche accidente , o dalla volontà degli uomini , e dai funeſti ef
fetti della guerra . I Deſerti della prima claſſe , non facendo al caſo
x

noſtro , noi laſcieremo , ch'altri gli elamini preſſo il ſopra lodato


Varenio ( a ) ; e ſtringendo il diſcorſo alle Solitudini della ſeconda ( a ) VideVa
?

qualità , ci faremo ſtrada a conſeguire il vero e natural ſentimento ren. Lib . i . '
1. Cap . xl. pug .
delle parole di Livio . Nè quì ci cade in acconcio di parlar delle 79.
th

Solitudini cagionate dall'abbondanza del terreno non eſſendo queſte


proprie , che de paeſi vaſtiſſimi , e ſterminati > come farebbe a dire
ti della Moſcovia , ove non poca terra diceſi per tal cagione , che reſti
c

tuttavia giacente , e non coltivata ; di modo che non ci reſta pro


priamente a parlare fe non di quelle , che dalla guerra , e dalla vo
lontà degli uomini in qualche modo ſon provenute . Varenio ce ne
dà un qualche eſempio de' vicini tempi ; noi ne cercheremo di più
( b ) Liv.Lib .
lontani , importando queſti molto più dei vicini al noſtro aſſunto . 111.Cap. ix.
Io ſo , che Livio , a cagion dell'abſenza de ' Conſoli , chiamò de- ( c ) Id . Lib .
lo ſerta , la Repubblica ( b ) ; e che per certa fuga de' Cittadini , Soli- xxxix. Cap..
XVIII .
tudine diſſe eſſerſi introdotta in Roma ( c ) . Così Cicerone appellò d ) Cic. in
Solitudine del Foro la ſcarſezza degli Oratori ( d ) ; e Strabone pari- Brút. Cap .
LXI11 .
mente cbbe a dire ( e ) : Έρημία μεγάλη εςιν και μεγάλη πόλις :
Magna Civitas magna Solitudo eft . Ma queſte ſon maniere d'eſpri- ( e ) XVI. Strab,
pag .
merſi , e traſporti del vocabolo , per una certa ſomiglianza , a ſigni- 701 .
ficare un altra coſa . Propriamente all'incontro fi usò bensì queſta
voce da Livio ſteſſo , allor che diſſe > che gli Ambafciadori di Per
feo Re di Macedonia ( f ) : tranſgreſi jugum Scordi montis per Illyrici ( f ) liv. Lib.
Solitudines quas de induſtria populando Macedones fecerant Scodram xL111 . Cap .
Labore ingenti tandem peruenerunt . Ed nata dalla XXII. ex Po
ecco una Solitudine
lyb. apud Ur
volontà degli uomini , e per cagion di guerra , deſcrittaci molto be lip. Legat.
ne dalla diligenza di Livio . Solitudine compagna nell ' Illirico ſteſſo , L'xxvi .
proccurata dagli Scordiſci ci narra anche Strabone ( 3 ) ; e deſerti ( 8 ) Strab.
Lib. vii . pag.
campi , epruess orpss , abbiamo anche in Erodiano 1 per timor di
308 .
Maſſimino formati da i noſtri Aquilejeſi , in que' ſiti a un di preſſo , (h ) Herodian.
Lib. VIII .
che coſtituiſcono oggigiorno il Territorio di Monfalcone ( b ) .
Ma niuno al pari di Ceſare ſembra che ci ſomminiſtri una chia- Cap. IX, pag.
be la

ra idea delle Solitudini , là dove de ' popoli dell'antica Svevia riferi- Oxon. 1678 .
-Тce che ( i ) publice maximam putant eſſe laudem , quam latiſſime a ( i ) Cæf. Com
fuis finibus vacare agros : hac re ſignificari , magnum numerum Civi- ment. Lib.
iv . Cap. 111.
tatum ſuam vim ſuſtinere non potuiſſe . E ad altro paſſo ancor più ( k ) Id . Lib .
eſpreſſamente , parlando di tutti i popoli della Germania ( k ) : Civi- vi. Cap.xxil
D 2
28 DELLA GEÓGRAFIA

tatibus maxima laus eſt quam latiſſimas circum se vaſtatis finibus


Solitudines habere Hoc proprium virtutis exiſtimant , expulſos agris
finitimos cedere neque quemquam prope ſe audere conſiſtere . Secondo
Cefare adunque valea lo ſteſſo , quam latiſſime vacare agros , che quam
latiſſimas Solitudines habere ; dal che ognun può comprendere il vero
eſſere , e la natura di queſte Solitudini . si formavan elleno col gua
ſto delle campagne , vaſtatis finibus ; e colla crudel condanna ai

miferi abitanti d ' eſſerne cacciati , e di dover cedere alle proprie te


nute , expulſos agris finitimos cedere : e queſte tali terre non ſi colti
vavano più , come aflicura Pomponio Mela , dicendo de ' medeſimi po
( a ) Mela
poli ( a ) : Bella cum finitimis gerunt , cauſas eorum ex libidine ar
Lib.
III . 111. Cap. ceflunt : neque imperitandi prolatandique qua polſident , ( nam ne illa

quidcm enixe coluint ) Sed ut circa ipſos que jacent vaſta ſint . Baſta
un'occhiata al numero ben grande delle antiche Repubbliche della
Germania , per imprimerſi della frequenza , e della folla di queſte
tali Solitudini , che eſſendo , per atteſtato di Ceſare , quam latiſſimæ ,
non doveano certamente oceupare poca parte di quel vaſtiſſimo Regno.
Nondimeno penſo io , che i Romani nel numero di queſte Solitur
e a chi
dini , e nell'ampiezza , andaſſero innanzi e alla Germania
che ſia , sì per l'antico iſtituto loro , come anco per l'eſtenſione im
menſa del loro dominio . Non s' ha che da riflettere alle Orazioni

Agraric di Cicerone contro Publio Servilio Rullo , per chiarirſi ad


evidenza di queſto fatto , c per comprendere , tanto in Italia che fuo
ri , ſparſo per ogni dove il Romano Imperio d' un numero incredi
bile di queſte Solitudini o vogliam dire Campagne divenute tali
colla proſcrizione , e col bando de'naturali e antichi loro abitatori.
Vero è , che i Romani meno barbaramente la inteſero de' popoli del
la Germania ſu queſto punto , perdonandola almeno alle innocenti

Campagne , e non condannandole a dirittura all'ozio , e alla ſterili


tà , ma provvedendo alle medefime , o colle affittanze e cogli appal
ti , o colla ſpedizione di tante celebri e numeroſe loro Colonie ;ciò
che per altro andava ſempre a finire nella ſcena lagrimevole , e nel

( b ) Ecl. 1x . triſto annunzio agli antichi padroni, mentovato da Virgilio ( 6 ) : Hæc


Derf. 4 .
mea ſunt : veteres migrate coloni .
Nacque un tal coſtume , per così dire , a un parto con Romame
deſima , facendo fede Dionigi d'Alicarnaſſo , che uno de' maggiori
fondamenti della libertà Romana , e della ſua durata , fu l'iſtituto di
(c ) Antiq. Romolo ( c ) , tò penseta xatar ÇÁTTHD vißnfor ta's adócas moné uego

pag . 88. Edit. πολεις . μήτε ανδραποδίζεθαι , μηδε γην αυτων ανιέναι μπλόβοτον ::
Lipf. 1691. unc' nampózos ris, auta's croséNevéti népes tuvi onis zápas , mocht
TONGAN
ANTICA DEL FRIULI. 29

ποιεϊν αποικίας Ρωμαίων τας κρατηθάσας : Quo videlicet puberes in


bello captis Urbibus necari vetuit , aut in captivitatem abduci ; ſicut
nec agros earum relinqui voluit deſertos ; Sed in partem regionis Sorte
B dividendam Colonos Romanos mitti ; atque ita captas Urbes ex hoftibus
0 Colonias Romanorum fieri . si conſervò queſt' impianto nella Repubbli
ca coſtantemente , finchè ſi trattò dell'Italia . Agl’Italiani ſi decima
vano i territori , ma non pativano la proſcrizione , s'imponeva nè
loro il duro giogo della fervitù . De’Cartagineſi all'incontro , e al
tri popoli di conquiſta , pofti fuori del confine Italico , narra Poli
bio , allorchè fi davano sis trio Pour wo É'T IT podru'n : Romanorum ar
bitrio , alla diſcrezion de' Romani , che aſſai più dura era la lor con
dizione , e come doveano cedere in primo luogo tutto intiero il lor
12

territorio , e tutte le Città che in eſſo ſi comprendevano ; e che in


12 noltre dar dovea no ſe ſteſſi , cioè tutti gli uomini e tutte le don
the

ne , che in quello vi ſi trovavano , tutti i fiumi , tutti i porti , e


1, fin le coſe ſacre , e i ſepolcri medeſimi ; di modo che i Romani del
tutto , e i popoli , che in cotal guiſa lor fi davano , di neſſuna coſa
anche minima rimanean padroni , non eccettuata nemmeno la liber
ti

tà , e il civile ſtato delle loro perſone ( a ) . Molto meno amara era ( a ) Polyb.
dunque la forte degl'Italiani de' quali dice anche Appiano al caſo apud Urſin.
della conquiſta , che i Romani per maſſima antica di ſtato , non eran Legat.cxlil.
2d ſoliti di ritenere in pubblico , che porzione delle loro campagne ,
ove poter ſpedire di tempo in tempo , le ſue Colonie , perchè fervif
ſero di freno , e di ſoggezione ai popoli conquiſtati ( b ) . Ai nuovi ( b ). Appian .
Coloni foggiunge , che non diſtribuivanſı fe non le terre ben colti- Civil. Lib . 1 .
ri

vate : tutto ciò che avanzaya di terre incolte e devaſtate reſtava in

pubblico , e pubblicamente fi facea l'offerta a chiunque della nazione


Italica o eziandio della Romana Plebe voleſſe coltivarle ( c ) ; col ( c ) Sig . de
debito di contribuire ogn'anno al pubblico Erario la decima delle ant. Jur.Civ.
Rom . Lib. I.
.
-

biade , la quinta parte degli altri prodotti , e una certa particolar Cap. xvi .

13 gabella ſopra i beſtiami , così groſſi , come minuti . Si aveano pre- Tom . v. Opp .
fiſſo i Romani in cotal modo di render ſempre più frequente e nu- Ed. Mediol.
.

meroſo il popolo Italiano , che per capo di buona politica conſide- col. 183 .
che
savano come lor congiunto e confederato . Ma dice Appiano >
nacque ben tutto l'oppoſto , conciolliachè i ricchi occuparono gran
parte della terra non coltivata , che preteſero pofcia fatta ſua col cor
fo del lungo tempo ; e il reſtante levaron di mano ai poveri , o col
prezzo , o colla violenza ; di modo che in vece di creſcere il popo
lo Italiano , ſi occuparono queſte Campagne da' ſoli Servi lavoratori ,
che nulla contavano nella popolazione ; d' onde forſe il nome di Soli
tudini
1
30 DELLA GEOGRAFIA

tudini principalmente acquiſtarono . Quindi è , come ſi ha dà Cicero


cum erat a Tribuno plebis mentio legis Agrariæ fac
( a ) Cig. Agr. ne , che ( a ) , cum
11. Cap.xxvi. Eta , continuo qui agros publicos , aut qui posſeſiones invidioſas tene
bant , pertimefcebant .
Di coteſte Solitudini non ſe ne ſmarriva così facilmente la trace
cia perchè di tutte nelle Tavole Cenſorie di volta in volta ſi con
ſervava pubblico accurato regiſtro . Perciò Cicerone medefimo dicea
( b ) Agr. I. di Rullo ( b ) : Vindit Italia. poſſeſſiones ex ordine omnes . Sane eſt in
Cap. Ila
eo diligens : nullam enim prætermittit . Perſequitur in Tabulis Cenforiis
totam Siciliam nullum ædificium , nullos agros relinquit . Dal che
s'impara , che nelle Solitudini ccran beniſſimo delle fabbriche . C'eran
anche de' Borghi , e delle contrade , come ſi ſcorge dai capi deſtinati
( c ) Agr. 11. alla vendita nella legge Agraria di Rullo ( c ) : Qui agri , quæ Loca,
Cape xy.
quæ ædificia , aliudve quid . ci entravano iſteſſamente anche le Città ,
come dell' infelice Capua narra lo ſteſſo Oratore , di cui dopo eſſerſi
conſultato molto nella confiſcazione della Campania , ſe doveva o nò
quella Città atterrarſi , come ſeguito era di Cartagine , e di Corinto ,
( d ) Agr. 11. finalmente dice , che fu preſo , che ( d ) , ſi agrum Campanis ademiſ
Cap . xxxii. ſent , magiſtratus , Senatum , publicum ex illa urbe confilium ſu
ſtuliſſent : imaginem nullam reipublicæ reliquiſſent : nihil fore quod
Capuam timeremus In ſeguito di. che ne nacque pubblico decre
to ch'ella ſervir doveſſe come di granajo ai frutti della Campaa
nia , e di ricovero e di allo ai lavoratori pubblici di quelle ter

re ubertofillime : Itaque hoc perfcriptum in veteribus monumentis re


perietis , ut eſſet urbs , quæ res eas , quibus ager Campanus coleretur ,
Suppeditare pollet : ut eſſet locus comportandis , condendiſque fructibus :
ut aratores , cultu agrorum defelli , urbis domiciliis uterentur : idcirco
illa ædificia non eſſe deleta . Nè reſtavan fuori di un tal regiſtro gli
ſteffi Boſchi , come ci aflicurano gli Scrittori de re Agraria ; onde
Scriptura propriamente appellavaſi la pubblica rendita , che dalle Sel
( e ) Sig . ibi. ve , e da ' paſcoli ritraevaſi ( e ) .
Cap. eod. con
Lib . 11. Cap. Ma fe vera nelle Solitudini un qualche fito veramente ſterile , e
IV . Tom . v. incapace di coltivazione , queſto non prendcaſi in nota come dedu

Opp.col . 183. ceſi dal rimprovero , che fa Cicerone a Rullo , che volea vendere la .
220.
famoſa Selva Scanzia ( f ) : Utrum tandem , dice egli , hanc ſilvam in

1 . Io relictis poleſionibus , an in Cenforum paſcuis invenifti ? Dove Adriano


( E. . Agr
Turnebo , reliétis poffeſionibus , interpreta ; locis ſterilibus , quæ quod
locari non poffint , idcirco in Tabulis Cenforiis ſcripta non erant , sed
( g )
Lib. w.vers: negligebantur . Di queſte tali terre abbandonate inteſe anche Virgilio
125 in que' verſi ( 3 ) :
Nama
ANTICA DEL FRIULI : 31

Namque ſub Oebaliæ memini me turribus altis


Corycium vidiſſe ſenem : cui pauca reli &ti
Jugera ruris erant : nec fertilis illa juvencis ,
Nec pecori opportuna Sezes , nec commoda Baccho .

Dove Servio quella voce reli&ti , interpreta anch'egli , Deſerti atque

contempti , ſoggiungendo : Quis enim agrum non ſperneret nulli rei


non vitibus
aptum , non frumentis , vel paſcuis ? Quindi Frontino
non frumentis
vitibus , non
chiaramente diſe ( a ) ; Relikta autem loca ſunt , qua live locorum ini- de ( a ) Front.
Controv.
quitate , ſive arbitrio conditoris reli & ta limites non acceperunt . pag. 173. Ed .
Tutta queſta pubblica , così moltiplice , vaſta e ineſtimabile fa- Baſel. 1528 .
coltà , tutte queſte campagne , tanto in Italia , che fuori affittar fi

foleano per legge dai foli Cenſori ; ciò che però dovea farſi in fac
cia al Popolo di Roma . Il perchè Cicerone eſagera fortemente con
tro la legge di Rullo , che permetteva ai Decemviri , contro il pra
ticato , di vendere lungi da Roma , e ne' loro propri ſiti cotefte Cam
pagne ( b ) : Cenforibus vettigalia locare niſi in conſpectu Populi Roma- ( b ) Agrar .
ni non licet : his vendere vel in ultimis terris licebit ? E poco dopo : 1. Cap. 111.
Hic permittit fua lege Decemviris , ut in quibus commodum ſit tene
bris , aut in qua velint solitudine > bona populi Romani poſſint diven

dere . E nell' Agraria ſeconda ( c ) : Vectigalia locare nuſquam licet , ( c ) Agrar.


niſi in hac Urbe , boc ex loco , hac veftrum frequentia . Venire veſtras II. Cap. XXI.
res proprias , & in perpetuum a vobis alienari , in Paphlagoniæ tene
bris , atque in Cappadocia solitudine licebit ?
Quantunque nondimeno nelle Solitudini , e nelle Italiane partico
larmente , con molta frequenza ſi ſpediſſer Colonie da ' Romani
me coll'autorità d' Appiano , e di Dionigi ſi è veduto , non è però
che ſempre , o con celerità ne feguiſſe l'introduzione ; qualunque di
ciò ne foſſe la cauſa , che per lo più potè eſſere la ragion politica
addotta da Cicerone ( d ) : Eft locus qui Coloniam poftulet : eft qui pla- ( d ) Agrar.
ne recuſet . E per l ' appunto a i tempi di lui moltiſlime Solitudini 11. Cap.xxvi .
ſi trovavano ancora in Italia dove Colonie non s'eran mai per
anco condotte ; ed egli medeſimo , per ſoggezion del Popolo , e di
Pompeo , ne meditava l' anno di Roma 693. la vendita e la diſtri
buzione , e la ſpedizione colà di nuovi Coloni ( e ) : Ego autem magna ( e ) Lib. 1 .
cum Agrariorum gratia confirmabam omnium privatorum poſeſiones : is ad Att. Epift .
XVI , alias
enim eſt nofter exercitus hominum ut tute ſcis , locupletium . Populo
XIX .
autem ♡ Pompejo ( nam id quoque volebam ) Satisfaciebam emption
ne : qua conſtituta diligenter , &
e fentinam Urbis exhauriri , & . Italia
Solitudinem frequentari pofje arbitrabar .
Man
32 DELLA GEOGRAFIA

Mancò a Cicerone il modo , è l'autorità per mandar la coſa ad


effetto ; ma non mancò a Ceſare , il quale l'anno ſubito dopo , cioè
l'anno 694. eſſendo ſtato creato Conſole , per fare anch'egli coſa
( a ) Paterc. grata a Pompco ( a ) , portò la famoſa legge di diſtribuir coteſte So
Lib . 11. Cap. litudini al Popolo di Roma ; di che Dione , che racconta il fatto ,
XLIV.
( b ) Dio Lib .ne adduce anche i motivi in queſte parole ( b ) : Tó té zap añsos
XXXVIII .
των πολιτών υπέρογκον όν ( αρ' όπερ και τα μάλισα εξασίαζον )
Cap. 1 . πρός τι τα έργα και προς γεωργίας τράπετο , και τα πλείσα της

Ιταλίας κρημωμένα αυθις συνωκίζετο ; Civium enim multitudo , que


in immenfum excreverat , ac Sæpius jam ſeditionibus materiam prebue
rat , hoc paéto ad opus faciendum , agriculturam convertebatur : So
litudines autem , quæ tum erant per Italiam plurimæ , iterum frequenta
bantur . Contavaſi allora fra le Solitudini la ſteſſa fertile e ubertoſa
Campania , dove Patercolo e Svetonio amendue riferiſcono che in

queſt' incontro furono ſpediti ben venti mila Cittadini Romani , do


po cento e cinquanta due anni che quella terra fortunatillima era
( c ) Paterc. Itata riſerbata al Fiſco ( c ) .
ibi .
Queſta dunque fu la natura , queſto il ſignificato di queſte tali So
Svet. Cæs.
Сар. хх.. litudini appreſſo i Romani . Eſſe furono Solitudini improprie , Solitu
dini nate all ' occaſion della guerra , nè importavano per ſe ſteſſe al
cuna ſterilità ; anzi ſe ci entrava per avventura niente di ſterile ,
traſcuravaſi , e
niun luogo ſe gli ſolca dare nelle Tavole Conſorie .
Erano campagne ottime e molto ben coltivate , come della mento
( d ) Agrar. vata Campania Cicerone ne fa un ampio atteſtato ( d ) : Unumne di .

11. Cap.xxix. ce egli , fundum pulcherrimum populi Romani , caput veſtræ pecunie ,

pacis ornamentum , ſubſidium belli , fundamentum večtizalium , horreum


legionum , Solatium annone diſperire patiemini ? An obliti eſtis , Itali
co bello , amiſſis cæteris vectigalibus , quantos agri Campani fructibus
exercitus alueritis ? Lo ſteſſo con proporzione è da dirſi di tutte le
altre Solitudini , chiaro ſcorgendoſi non meno dalla Storia di Livio
( e ) Liv.Lib . ( e ) , che dal preſente paſſo di Cicerone , che formavan elleno il mi
XL1v. Lib. glior nerbo delle pubblche entrate .
XLIII . Cap. Interpreti ora diverſamente , chi ha cuor di farlo > queſte noſtre
XVIII .
Solitudini , o , per dir meglio , le parole di Livio ſopraccitate , che
al vivo ce le rappreſentano . Fa dire lo Storico ai popoli Galli :
Qua inculta per Solitudines viderent , ibi ſine ullius injuria conſediſſe :
parole , che ſenza timor d' ingannarmi , io interpreterò ſempre così :
Que' tali ſiti , che per mezzo le ſolitudini oſſervato aveano ſenza col
tivare , ivi ſenza ingiuria d ' alcuno eſſerſi collocati . Lo ſpazio di ter
ra , al dir di coſtoro , che fra le Solitudini videro incolto , e ab
ban
ANTICA DEL FRIULI : 33

bandonato , e che coraggio ebbero di occupare , fu un picciol tratto


non lungi dal ſito , ove poi fu Aquileja . Dunque , dico io , le Solitu
dini , che gli ſtavan d ' intorno , cioè a dire , la reſtante noſtra pianu
ra , ben vaſta e ſpazioſa , per forma delle loro ſtelle parole , era be
niſlimo coltivata ; dunque queſte Solitudini erano Solitudini impro
prie , Solitudini nate per volontà degli uomini , e all occaſion della
guerra , che non importavano di ſua natura alcuna ſterilità ; e in cui
coſtoro ebber poi campo per conſeguente , come abbiam provato , di
bottinare d'aſportar armi , e di dare il guaſto alle campagne ; e
dove due anni dopo , come fra poco ſi dirà , i Romani furono in
grado di diſtribuire a una loro Colonia il numero riguardevole di
cento ottanta otto mila e cento Jugeri di terra fertile , e ben colti
vata . Nondimeno , mi ſi può ripetere , quel ſito a buon conto , che
occuparono , era ſenza dubbio ſpopolato , e ſenza coltivazione . Tale
egli fiaſi ſenza contraddizione . Ma chi fa , che quel terreno non foſ
ſe anche allora , come in preſente , del genere che ci deſcrive Cice
rone ( a ) , propter peſtilentiam vaſtum atque deſertum : e perciò ab- ( a ) Agrar.
bandonato in relictis posleſſionibus ? Noi abbiamo certamente da Vitru- II. Cap. XXVI .
viò , che i Romani dovettero provvedere alla falubrità dell'aria di
Aquileja ; coll ' aprirvi delle Foſſe , che comunicaſſero coll'Adriatico ( 6 ) . ( b ) Vitr.
Lib. 1. Cap.
Queſta , credo io , e parmi di crederlo con fondamento , sì è la IV.
via più facile e piana , abbandonati i Deſerti dell ' Affrica e dell

Arabia , tanto celebri , e tanto rari , di conſeguire il vero e natural


ſentimento delle parole di Livio . Da cui s'impara innappreſo , che
queſta noftra pianura annoveravaſi molto anticamente fra le Solitudini
Italiane . Potrebbe chiederſi a queſto paſſo , in qual guerra coteſta pia
nura abbia a crederſi veramente , che veftiſſe il carattere , e la fi
gura di Solitudine ; al che ſi riſponde , che eſſendo la medeſima in
queſti tali tempi , come fi è dimoſtrato , una porzione dell'antica Ve
nezia , ciò non potè naſcere ſe non al cafo , che la Venezia ſteſſa per
venne tutta in poter de' Romani .
Che ſe così è , come gli argomenti finora addotti ſembra che
non laſcino luogo a dubitare noi veniamo a ſcoprire una verità
fino a quì ſtata in dubbio appreſo tutti gli Eruditi ; ed è , che la ( c ) Sig. de
Venezia , non per volontaria dedizione > come han penſato
molti , Ant. Jur.
Ital. Lib . 1 .
fra i quali il Sigonio , e il Marcheſe Maffci ( c ) , ma per forza d' Cap. xxv .
armi , come molti altri han creduto , paſtaſſe finalmente in dominio Tom . v. opp.
del Popolo di Roma . Ci muove a così credere anche il vedere che col. 372 .
Ver . Illuft.
quaranta un'anno dopo , che a giudizio noftro fu ſoggiogata la Ve
Part. 1. Lib .
nezia , fu da Romani condotta in Aquileja una Colonia Latina ciò 11. col. 31 .
E che
34 DELLA GEOGRAFIA

che non ſolea farſi ſe non nelle Solitudini, cioè a dire nelle campaa
gne di pubblica ragione ; non eſſendo da attenderſi il rifleſſo del dot
to Signor Marcheſe Maffei , che ſi piantaſſe quì Colonia come in ter
rer. acquiſtato da que' dodici milla Galli , che quà diſceſero nel 567 .
e non in terra de' Veneti ; concioſliachè quello di coteſti Galli fu la

trocinio piuttoſto che poſſeſſo , ed eran quivi , per atteſtato di Livio,


le Solitudini molto prima che ci entraſſero i Galli . Ma nuova dif
ficoltà s'inſorge intorno alla ſpedizione di queſta noſtra Colonia
di che in ſeguito ſeparatamente ne parleremo .

杂 杂 杂 孕 孕 孕 孕 孕 孕 孕 孕 孕 孕 孕 孕 套多色 多多 包 多色 孕 孕 孕 孕 孕 孕 孕 孕 孕 孕 孕 参 色 多多多多多多多

CAPITOLO QUINTO .

Della terra diſtribuita alla Colonia Aquilejeſe , e della ſua quantità ;


e dell'origine , e patria di que' Coloni .

Onſignor del Torre , uomo d'alta ſtima e di chiara

memoria , fu d'oppinione , che non compreſi i Boſchi,


le Paludi , gli alvci de'Fiumi , e de Torrenti , oltre le
terre > che non s'aſſegnavano nella diſtribuzione a i
M
nuovi Coloni , conoſciute preſſo gli
Scrittori de re
Agraria , ſotto i nomi di Loca publica , ſubſeciva , reli &ta ed info

luta ,, foſſe diſpenſato alla Colonia Aquilejeſe”, conſiſtente in tre mila


Fanti , quaranta cinque Centurioni , e dugento quaranta Cavalli in
e di
ragion di 5o . Jugeri per ogni Fante , di 100. per Cavallo ,
140. per Centurione , uno ſpazio di terreno fruttifero , aſcendente a
un quadrato di - miglia ſedici Italiane ; di modo che le reſtaſſe aſſe
( a ) De Col. gnata la maſſima parte di queſta pianura ( a ) . Ma l'erudito e di
Forol. Ed. ligente Signor Commendatore Conte Gio : Rinaldo Carli vi ſcoprì
Rom . 1700 .
errore nel conto , e riduſſe la diſtribuzione al ſuo vero eſſere di Ju
pag . 339.
geri 188100. e non di 228000. come per isbaglio a Monſignor del
Torre uſcì dalla penna i formandone indi un quadrato di ſole miglia
quattordici e mezzo ( b ) . Ciò però nulla oftante fu di parere , che
( b ) Delle
Ant. Rom, non ſolamente la maſſima parte , ma tutto il territorio dal Taglia
dell' iftr.
mento al Timavo , ed alle Colline foſſe compreſo in queſta diſtribu
pag . 29.
zione . Se però è lecito a me l ' entrare in queſta diſputa , io dubito
fortemente , che nè l'uno nè l' altro abbiano ben colpito nel ſegno .
Quando Monſignor del Torre nel 1700. pubblicò la ſua Diſſerta
zione de Colonia Forojulienſi , vivca tuttavia nella perſuafione , che il
piede
ANTICA DEL FRIULI . 35

j
piede Romano corriſpondeſſe intieramente al piede noſtro moderno ;
e ſolamente nel 1702. uſcirono le oſſervazioni del celebre Matemati
co Gio: Domenico Caſſini negli Atti della Reale Accademia delle
Scienze di Parigi ( a ) , citate poi da detto Prelato nella Diſſertazione ( a ) Edit.
poſtuma De annis Imperii Elagabali ( b ) ; con cui principiò a ſcoa Amftel.
1702. pag.
prirſi , che le miſure antiche eran più piccole delle moderne ; di mo 20. 105 .
do che , laddove ſeſſanta miglia moderne coſtituiſcono un grado , ſem- (b ) Edit .
bra che ſecondo il Callini , ne voleſſero a ciò fare ſettanta quattro Ven. 1741.
colle miſure pag. 11 .
Romane . Ma il ſommo Geografo Guglielmo de Lisle >
alla mano , e col confronto diligente delle antiche Vie Militari , fe
ce poi vedere il divario con maggior perfezione , e dimoſtrò , che
ſi
ſettantacinque miglia Romane , e feſtanta delle noſtre comprendevan

in un grado , e che cinque miglia Romane corriſpondevano a quat


tro delle noſtre moderne ; in guiſa che il paſſo e il piede Romano
in confronto del moderno per tirar bene i conti , non abbiano a
calcolarſi ſe non come cinque a quattro .
Veggaſi l'aurco ſuo Trattato intitolato : Juſtification des meſures

des anciens en matiere de Geographie , inſerito negli Atti della ſuddetta


Accademia ( c ) , e l'accurata doppia Tavola da lui formata , in cui ( c ) Edit .
vedeſi delineata l'Italia , la Grecia , il Mediterraneo , & c . col calco- Amſtel. 1714.
lo prima uſato , poſto in confronto di quello da lui propoſto ; e Pag. 227.
chiaro ſi ſcorgerà , come ſul metodo uſato , non baſtando per eſem
pio all ' Italia il noſtro continente , biſognava portar dentro in mare
la ſpiaggia ſua di levante , e intaccare ſconciamente verſo l' Affrica ,
e la Grecia , per lungo tratto il Mediterranco ; laddove > col calcolo
del de Lisle , ſi veggono preſervati fedelmente i lidi medeſimi nel ſuo
vero e natural ſito , e difeſi molto bene gli antichi Itinerari , fpelle
volte è per lo più ingiuſtamente querelati dai moderni Gcografi

Nè quì defrauderemo della ſua giuſta lode anche un illuſtre noftro


Italiano , vale a dire il Chiariſſimo Signor Marcheſe Maffei , il qua
le con miſure , e con diſtanze di Città a Città , e di luogo a luo
go , e maſlimamente di quelli , che , dal numero delle miglia Roma
ne )
i nomi di Quinti verbi grazia ottennero , di Settimi , di vigeſi
mi , urtò anch' egli nell'oſſervazione ſteſſa del de Lisle , e ſe ne pro
teſtò d'aver quindi imparato ( d ) , come le miglia Romane eran mi ( d ) Ver. Ill.
nori la quint a parte delle moderne . Part. 1. Lib .
Con queſta proporzionc , dopo ſcoperta dal de Lisle , 'e dagli al- vl. col. 132 .
tri una tal differenza , il mondo erudito ſi è avviſato ſempre di for
mare i calcoli fra il piede Romano e il moderno . Il che dovendo
cſcguirſi anche nellamiſura e diſtribuzion delle terre , fatta ai Colo
E 2 Di
A
A RAFI 1
36 DELL GEOG '

ni Aquilejeſi , ne riſulterà una ſomma molto minore di quello che


non ſi è penſato finora , e che Monſignor del Torre fiſsò in piedi
quadrati moderni 28800. per ogni Jugero , o ſia in pafli parimente
quadrati di cinque piedi l'uno 1152. Imperciocchè eſſendo il Juge
ro , o ſia Campo Roinano uno fpazio compoſto di due Atti , o vo
gliam dire quadrati , ciaſcun lato de ' quali è piedi Romani 120 .
avendoſi a procedere con una tal proporzione , fi dovrà battere dalla
detta ſomma il quinto , cioè 24. ed il reſiduo 96. ſarà la miſura
di detto lato , ridotto in piedi moderni . Si moltiplichi in ſe ſteſſo
queſto lato di picdi 96. e darà di prodotto 9216. che è uno de '
ſuddetti due quadrati , o ſia mezzo Jugero in piedi correnti quadra
ti . Si doppi queſto numero , e ſi avrà l ' intiero Jugero in piedi qua
drati moderni 1843 2. și divida queſta ſomma per 25. e ne riful
teranno pafli quadrati di cinque piedi l'uno 614. piedi 2. vero im
portar d'un Jugero , ridotto in piedi moderni ; di modo che il divario
ben rilevante , da un calcolo all'altro aſcende a pafli Romani 537 .
e piedi tre per ogni Jugero .
Ma perchè nel fare i confronti , altro divario potrebbe incontrar
fi , cioè quello che ſi oſſerva fra il paſlo moderno di cinque piedi ,
e la Pertica , o fia Tavola di ſei piedi pure moderni , con la qua
le , e non col paſſo , fogliono comunemente miſurarſi , e calcolarſi i
noſtri campi ; prima di paſſar più oltre , farà ben fatto levare anche
queſto divario , dividendo non più per 25. i Tuddetti piedi quadrati
18432. ma per 36. il che fatto , ne riſulteranno Pertiche quadrate
3 12. alle quali vien del pari a corriſpondere la miſura del Jugero
Ripigliando ora la diſtribuzione fatta ai Coloni Aquilejeſi di Ju
geri 188100. fi moltiplichino queſti per 512. e ſi avranno Tavole
quadrate 96307200. si divida queſta ſomma per Tavole 840. le
quali formano un Campo al comune calcolo del Friuli ; e riſulteran

no Campi della noſtra miſura : 114651 . quarto 1. Tavole 150. che


ridotti in quadrato , importano , per ogni lato , miglia nove Ita
liane e quarti tre : paſſi ſeſſanta tre , e piedi tre e tre quarti ; in
cui conſiſte lo ſpazio vero e reale del terreno che fu distribuito
ai noſtri Coloni .

Se poi con queſta diſtribuzione veniſſe loro ad aſſegnarſi , o tutta,


ö la maſſima parte della noſtra pianura , non potremo meglio defu
merlo , che dalla Carta Geografica del Friuli , formata d'ordine pub
blico , verſo il fine del ſecolo paſſato , dal diligente noſtro Geome
tra Riccardo Cima , che ſi conſerva deſcritta a mano , e che ſi con
Adera per la più eſatta . Il noſtro piano delineato in detta Carta ,
proce
ANTICA DEL FRIULI 37

procedendo da ſettentrione â mezzo di , può prenderſi da Triceſimo


fino alle ſpiaggie di Marano : e dai due lati di ponente e levante
da Spilimbergo fino a Cividale , e da Madrifio di Varmo fino a Mon

falcone; e ſi troverà per ogni verſo , da un punto all'altro , l ' eſten


fione a un dipreſſo di miglia venticinque . Formato in tal modo un
quadrato di venticinque miglia Italiane per ogni lato , noi trovere
mo , che il ſuo contenuto aſcende a miglia 625. quadrate ; le quali
ne produrranno ſeicento venticinque milioni di paſſi moderni quadra
ti di cinque piedi l'uno ; che ridotti in pertiche di ſei piedi , for
mano la ſomma di quattrocento trenta quattro milioni : ventiſette
mila cento è ſettanta fette pertiche quadrate ; le quali diviſe per
512. formano Jugeri 847710. e per 840. fanno Campi della noſtra
miſura 516700 .
Aggiungaſi il tratto , che da Madriſio in giù forma peniſola fra
il Tagliamento e il Mare , non compreſo nel ſuddetto quadrato
ne riſulterà un altro quadrato di circa miglia cinque per ogni lato ;
il di cui contenuto eſſendo di miglia 25. quadrate , ne produrrà ven

ticinque milioni di paſſi quadrati , che , ridotti in pertiche come


ſopra , ci daranno la ſomma di diciaſette milioni > cento e undici

pertiche quadrate ; le quali diviſe per 512. formano Jugeri 33908 .


e per 840. fanno Campi della noſtra miſuro 20668 .
Uniſcanſı queſte due fomme , e ſi vedrà che la noſtra pianura
dal Tagliamento al Timavo , e dal Mare alle Colline , comprendeva
Jugeri 8819 18. o ſieno Campi della noſtra miſura 537368. Si ſot
traggano le terre diſtribuite agli Aquilejeli , cioè Jugeri 188100. O
ſieno Campi 114651. e avanzeranno Jugeri 693618. o ſieno Cain
pi della noſtra miſura 422717. cioè la maſſima parte della noſtra ( a ) Spor.
pianura ; che è tutto l'oppoſto di quanto , per error di calcolo Tom. III .

cadde in penſiero all’ erudito Monſignor del Torre .. Nè gli alvei de' Miſcell,Var.
Oper. Ven .
noſtri Fiumi e Torrenti , o altri ſiti ſterili ed infecondi ſono tali 1740 .
di gettare a terra un avanzo d'eſtenſion così vaſta , come altrove li ( b ) Deſcr.
dimoſtrerà . Patr. del
Friul. pag .
Ma un altra controverſia , intorno a coteſta noſtra Colonia , chia 99. Ed . Utin .
ma di bel nuovo la noſtra attenzione , per quello che in tal propo- 1604 .
fito ci laſciò ſcritto Giuſeppe Sporeno ( a ) , ſeguitato da Ercole Par- ( c ) Pallad.
tenopeo ( b ) , da Enrico Palladio ( c ) , e ultimamente ancora , il che Hift. Lib. II .
pag. 32. 33 .
par ben troppo , dalla buona fede di un noſtro Accademico ( d ) . (d ) Nuov.
S ' immaginò lo Sporeno , che le Colonie Latine acquiſtaſſero di Raccolt.
Opufc. Tom .
Latine il nome perchè i Coloni in eſſe condotti , foſſero veramente
XII . pag . 396 .
uomini cavati fuori , non da Roma ſolamente , ma da tutto eztandio Ven, 1764 .
il
A
RAFI
38 DE L L A GEOG

il rimanente Lazio , e ſpediti quindi da i Romani a popolar queſte


Colonie così fatte . Ed eſſendo Aquileja una delle Colonie Latine
paſsò egli ſu queſta baſe ad innalzare un vago edifizio , e diedeſi a
credere , che i Coloni Aquilejeſi foſſero una turba di gente , eſtratta

per l' appunto da quaſi tutte le Città del Lazio , e, ſe queſto non
baſta , da molte ancora altre Città della Toſcana , dell'Umbria , del
la Campania , de' Bruzj, e del Sannio ; i quali giunti in Aquileja , .fi
divideſſer poſcia fra loro , c , ſeparatiſi i Cittadini di una città da
quelli dell'altra paſſaſſero quindi dalla grande e principal Colonia
Aquileja , a diramarſi , dirò così , in tante piccole Colonie , quante
ſono a un di preſſo le Terre , e i Villaggi della noſtra Provincia
( a ) Spor . ( a ) . Il che s'ingegnò egli di provare colla ſimilitudine e analogia
ibi lib. 111. de' nomi delle medeſime , con quelli di parecchie antiche Città del
pag. 154.158.
Lib. iv. pag . Lazio , e di altri paeſi . L'idea veramente non potea eſſer condotta
27 S. nè con più grazia , nè con più bizzarria , quando a dirittura non ſi
opponeſſe al fatto , e alla verità .
Maſlima originale del governo di Roma fin da Romolo ſteſſo fi

è provato di ſopra , che fu , Captas Urbes ex hoftibus Colonias Roma


norum fieri , e non già in verun modo Latinorum . Il perchè fin dal
la prima legge Agraria , propoſta l'anno di Roma 267. dal Conſo
e di di
le Spurio Caflio Viſcellino , di divider le terre per metà ,
ſtribuirne dimidium Latinis , dimidium Plebi ſi vide opporſi con ri
ſoluzione l'altro Conſole Proculo Virginio Tricoſto , e a proteſtare ,
paſſurum ſe aſſignari agros , dum ne cui , niſi Civi Romano allignentur
( b ) Liv.Lib. ( b ) . Nè mai più fu propoſto in quella Repubblica di chiamare i
11. Cap. Xll . Latini in parte della diviſion delle terre ; ma il tutto , per teſtimo
( C ) Hygin . nianza di Igino , fu poſcia diſtribuito ( c ) , aut victoribus populi Ro
de limit .
mani civibus , aut emeritis Militibus . Troveraſſi bensì de' Latini , che
giugneſſer dappoi a tale arroganza , di proporre l'anno 413. col
mezzo di Lucio Annio , uno de loro Pretori , in faccia al Senato di
( d ) Liv .Lib.
Roma ( d ) , Conſulem alterum Roma , alterum ex Latio creari oporte
VIII . Cap. V.
re : Senatus partem æquam er utraque gente eſe : unum populum , unam
Rempublicam fieri . Ma ſi troverà altresì che Tito Manlio Torquato ,
Conſole di quel tempo , con indignazione d'animo gli riſpondeſſe ,
che , ſi tanta dementia Patres Conscriptos cepiffet , ut ab Setino homi
( e ) sig. de ne leges acciperent , gladio cin &tum in Senatum venturum ſe eſſe ,
ant. jur. quemcumque in Curia Latinum vidiſſet , ſua manu interempturum .
Iral. Lib . ul .
Quindi è che Carlo Sigonio , uomo di quella vaſta letteratura
Cap. 111 . che ognun ſa fece veder per tempo l'error maſſimo e la falſità
Tom . v . Opp .
Col. 398 . evidente di un tal ſuppoſto ( e ) : Eft mihi , dice egli , deinceps de
jure
ANTICA DEL FRIULI. 39

jure Coloniarum quærendum , cujus ignoratione multos adhuc in maximos ,


turpiſſimos errores video elle prolapſus . Sunt qui noſtra ætate fcri
pſerint , Latinas eſſe , in quas homines ex Latio eflent adſcripti ; alii 2
quæ in Latium eſſent deducta . Quarum opinionum utraque ita vacillat
claudicat , ut nulla poſſit elle infirmior . Quid eſt enim , cur ulla
Sen ten tia dele &temur , quæ aperte Liviana auctoritate redarguatur ? An

Coloniæ Latinæ ſunt , quo Latini adfcripti ſunt ? Immo vero quo Cives
Romani . Anche Monſignor Filippo del Torre ſoprallegato e citato
dal Chiariſſi mo Signor Abate Lorenzo del Torre , ſuo Nipote , nella

erudita Lettera in difeſa dell' immortale fuo Zio ( a ) , a i dì noſtri ( a ) Nuov .


ebbe a dire del Palladio ( b ) : Palladius Lib. 11. cum apud Livium Racc . Opuſc.
legillet Latinam Coloniam Aquilejam deduétam putavit ex Latinis ivi. pag.385.
( b ) De col.
hominibus conſcriptos fuiſſe Colonos . At minus recte . Nam Latinæ Co- Forojul. pag.

lonia dicebantur , non quæ ex Latio , ſed quæ jus Latii , ſeu Latinita- 337.

tis acceperant ; civium vero Romanorum quæ donatæ erant jure Quiri
tium . Laonde cola affatto ſtrana ci ſembra che ai tempi noſtri co

tanto illuminati , tuttavia ſi trovi chi non ſi faccia ſcrupolo di adot


tare un ſimile penſamento ; e ciò tanto più , quanto che il Sigonio
fonda molto bene il ſuo giudizio ſull'autorità graviſſima , e incon
traftabile di Livio , preſſo cui leggiam di fatto all' anno 312. come
i Romani ſpedirono in Ardéa , Città de' Rutuli ) una Colonia Lati

na , a . cagione , che gli Ardeatini per l'inteſtine diſcordie , s'eran ri


dotti in pochi ; in maniera però , dice Livio , che il numero de ' Ru
tuli ſuperaſſe quello de Romani ( c ) : multo majore parte Rutulorum ( c ) Liv . Lib.
Colonorum , quam Romanorum ſcripta . Così all'anno 418. ſi legge al- iv . Cap . xi .
tra Colonia Latina ſpedita in Calvi ( d ) , ut beneficio prævenirent de- ( d ) Id . Lib.
VIII . C.xyi .
fiderium Plebis ; cioè , per prevenire le inquietudini della Romana
Plebe colla ſpedizione in Calvi di duc mila e cinquecento di quel
popolo , in figura di Coloni , ornati del Gius del Lazio .
Baftar dovrebbero queſte due Colonie addotte in eſempio , per co
noſcere , che non le genti del Lazio , ma i Cittadini Romani erano
quelli , che di mano in inano fi deſtinavano a popolar le Colonie
Latine . Ma non provano niente in paragon dell'argomento allegato
dal Sigonio , di ben dodici Colonie Latine in una volta , che da Li
vio altrove per Latine eſpreſſamente ſi dichiarano ( e ) ; e che nella ( e ) Liv .
Lib.
feconda guerra Punica ricuſarono di contribuir gente , e danajo al Po- xxix. Cap.xy.
polo di Roma . Agli Ambaſciadori delle quali i due Conſoli, Quin
to Fabio Maſlimo , e Quinto Fulvio Flacco , andavano dicendo , e in
finuando , che ſe, ne tornaſſero indietro ( f ) , in Colonias ſuas ,
( f ) Id . Lib.
tamquam integra re locuti magis quam aufi tantum nefas cum ſuis xxvir. C. 1X .
con
A
RAFI
40 D E L L A GEOG

confulerent : admonerent non Campanos , neque Tarentinos eos elle , ſed


Romanos : inde oriundos inde in Colonias , atque in agrum bello ca 1

ptum ftirpis augenda cauſa miſſos , quæ liberi parentibus , ça illos Ro


manis debere , ſi ulla pietas , ſi memoria antiquæ patriæ eſſet . A que
ſte eſpreſſioni di Livio ben chiare , e ben importanti , non regge a
neſſun patto l'oppinion fantaſtica dello Sporeno , e ſe ne ſcorge con
tutta evidenza l'inganno , e la falſità della ſuppoſizionė , derivata , di

( a ) Sig. ibi. ce il Sigonio ( a ) , ab ignoratione Latinitatis : dal non ſaperne nulla


col. 399 . nella materia del Gius Latino .
Ma ſe lo Sporeno tanto poco ne feppė nella materia del Gius
Latino , molto meno , ſe pur può dirſi , ne inteſe intorno al general
ſiſtema delle Colonie . Niuna Colonia di qualunque ſorte , nè gran
de , nè piccola , ſotto il dominio della Repubblica di Roma , potea
piantarſi , ſenza l'autorità eſpreſſa d'una qualchelegge Agraria , o
(b ) Sig.ibi'; preſa in Senato , o promulgata per Rogazione del Popolo ( b ) ; e
Cap. 11. col.
382 . per conſeguente gli Aquilejeſi niuna popolazione , o vogliam dire pic
cola Colonia , potean da ſe mandar fuori , oltre i limiti delle terre
Coloniche , nel rimanente territorio . Imperciocchè , ſegnata ch' eraſi
in Roma la legge , mandavaſi la Colonia ; e ne ſeguiva la diſtribu
zion delle terre in quella quantità , che parea fufficiente a i ſogget
( c ) Liv. Lib. ti a tal Ufizio deſtinati . Eodem anno , dice Livio all'anno 560 ( c ) ,
xxxv.Cap.ix, Coloniam Latinam in agrum Thurinum triumviri deduxerunt , Cn. Man

lius Vullo , L. Apuſtius Fullo , Q. Ælius Tubero ; cujus lege deduceba


tur . Tria millia peditum iere , trecenti equites : numerus exiguus pra
copia agri . Dari potuere tricena jugera in pedites , ſexagena in equia
tes . Apuſtio auctore tertia pars agri dempta eft : quo poftea fi vellent
novos Colonos adfcribere poſſent . Vicena jugera pedites , quadragena equi
tes acceperunt . Da un tal racconto ſpicca mirabilmente l'economia
de ' Romani nella diſtribuzion delle terre di pubblica ragione , e il do
minio e poſſeſſo
poffeffo , che reſtava loro aſſolutamente ſopra gli avanzi
cioè a dire ſopra tutto il rimanente territorio Colonico . Quindi è ,
che diligenza tuttavia maggiore ſi trova , che uſarono , acció i Colo
ni non oltrepaſſaſſero i confini delle terre loro aſſegnate . Circondava
( d ) Var. de no , dice Varrone , coll'aratro i Romani la nuova Colonia ( d ) : Tau
L. L. Lib. iv. ro & vacca interiore circumagebant ſulcum , acciocchè il giro della
Città fi riduceſſe a certi limiti . E coll' aratro iſteſſamente cingevano
il territorio , come apprendeſi dalle eſpreſſioni di Cicerone contro Mar
cantonio ( e ) : Caſilinum Coloniam deduxiſti , ut vexillum tolleres
( e) Philipp.
ii . cap. xl. aratrum circumduceres · Cujus quidem vomere Portam Capuæ pene per
ſtrinxifti, ut florentis Colonia territorium minucretur .
Den
*
ANTICA DEL FRIU L 1: 41

Dentro i limiti di un tal territorio ſeguiva la diſtribuzion delle


terre ; il che d'ordinario faceaſi colla parſimonia ſopraddetta , è bene .
fpeſſo in termini molto più riſtretti , a tenor della legge , o ſia co
ſtumanza Agraria antichiſlima di non diſtribuire ſe non due Jugeri
per Colono , come Siculo Flacco ci laſciò ſcritto ( a ) : Vocabulum ( a ) Flac. de
Centuriis ex eo datum eſt , cum antiqui Romani agrum ex hoſte captum Nomin . Agr.
der Limit .
viktori populo per bina Jugera partiti ſunt , centenis hominibus ducen
tena jugera dederunt . Et ex hoc facto Centuria juſte appellata eſt . Quin
di è per eſempio , che veggiamo , che alla Colonia di Vibone , o ſia
Valenza , non ſi diſpenſarono più di quindici Jugeri per Colono

rb ) . Così in quella di Saturnia dieci ( c ) : in quella di Parma ot- ( b ) Liv. Lib.


xxxv.C ap.xl.
to ( d ) : in quelle di Potenza e Peſaro , fei ( e ) : di Modena e
( c ) Id . Lib.
Graviſca , cinque ( f ) ; e finalmente in quella di Satrico , due e mez- xxxIx . Cap.
zo ( 3 ) , ė .di Lavico ; e Terracina , due foli Jugeri ſi diſpenſarono lv .
( d ) Id . ibid .
( h ) . Rariſſimi in conſeguenza fi veggono i caſi , in cui la Repub ( e ) Id . Lib.
blica di Roma più di così allargaſſe la mano nella diſtribuzion del XXXIX . Cap.
le terre ; uno de' quali può giuſtamente dirſi queſto della noſtra Aqui- xliv .
leja , ſpedita l'anno 572. e decretata l'anno 570. cioè nell'anno ftef- ( f) Id. ibid.
Cap . LV . com
fo , in cui condotte furono Modena, e Graviſca , e in cui ſi diſpen- Lib. xl.Cap
.
farono ai Fanti , cinquanta Jugeri : a i Soldati a Cavallo , cento ; e xxIx.
ai Centurioni , cento e quaranta per ciaſcheduno ( i ) . Nè io ſaprei ( 8 ) Id . Lib.
qual altro eſempio aggiungere a queſto ď' Aquileja , ſe non ſe quel- ( h ) id . Lib.
lo di Bologna , condotta Colonia Latina l'anno . 564. e l'altro di iv."Cap .
Lucca , fatta Colonia Romana nel 576. ne ' quali Bologna fu diſtinta , XLVII. Lib .
VIII . Cap.
colla diſpenſa di cinquanta Jugeri per Colono e di ſettanta per XXI
.
ciaſchedun Soldato a Cavallo ( k ) . E Lucca riportò anch'eſſa una ( i ) Liv. Lib .
diſtribuzione generoſiffima , in ragion di cinquanta un Jugero e mez- XL . Cap.
XXXIV .
20 per . Colono ( 1. ) . ( k ) Id . Lib .
Ma in qualunque modo ne ſeguifie una tal diſtribuzione o con XXXVII .
mano parca , o con gencrofa , la verità sì èche i Coloni furono Cap. LVI .
,
ſempre alla condizione , di ſtarſene rinchiuſi e confinati ( 1 ) Id . Lib.
entro i pre
xli . Cap .
ciſi limiti delle terre diſtribuite ; e il rimanente territorio reſtò in xvii.
ogni tempo in podeſtà aſſoluta de ' Romani , quo poſtea , dice Livio , ( m ) Jo: Ro
fi vellent , novos .Colonos adſcribere poſſent . Quindi perchè le Colonie fin. Ant.Rom .
non alteraffero , per così dir di un palmo , i confini delle terre aſſe- xi . Et accu
gnate , nacquero quelle tante leggi Agrarie , delle quali ci reſtano ratius ap. Si
tuttavia i frammenti , e maſſime delle leggi , Peducea Alliena > e gon . Lib. 11 .
Cap. 11. De
Fabia , colle quali comandavaſi la poſizione eſatta e regolare de' ter- Ant
. Jur. It.
mini , e le pene ben peſanti e rigoroſe , contro chi gli alteraſſe . ubi Flavia lex

Limites , dice la legge Fabia ( m ) , Decumanique ut fiant , terminique appellatur ,


non Fabia .
F ftatuan
DELLA GEOGRAFIA

ſtatuantur , curato . Qui fines ftatuerit , fines horum fua afto , dum ne
extra azrum Colonicum , territoriumve fines ducat . Quiqué termini bac lege
Statuti erunt, ne quis eorum quem eijcito , neque loco moveto ſciens dolo
malo . Si quis adverſus ea fecerit , in terminos ſingulos , quos ejecerit ,
loco moverit , Sciens dolo malo , ss. V. M. N. in publicum eorum , quorum
intra fines hic ager erit , dare damnas efto . Più chiaro di così non
può certamente metterſi in eſſere che alle Colonie di qualunque

forte e condizione elle fi foſſero , non reſtava il menomo arbitrio do


alterare i confini de' fondi Colonici , e di portare a lor capriccio la
popolazione oltre i termini del terreno alle medeſime diſtribuito .
( a ) Spor. Venga ora lo Sporeno a perſuaderci ( a ) , Aquilejam Coloniam ex
loc. cit. pag . Latio deductam , oppida & Urbes cum in Latio , tum Etruria , Umbria,
154
Campania , Brutio , & Samnio multas fuiſſe , ac nunc extare , quorum
nomina Vici , & Loca Forijulii habent . Venga difli e ſu queſta

traccia faccia volare a ſuo talento la popolazione de ' ſuppoſti Latini

e altri popoli , non ſolo a Udine e per tutto il piano Friuli ma

ne ' colli ancora , a Segnaco , Tarcento , Nimis , Collalto , Buja , Fla

gogna ; e nelle montagne eziandio più alte della Carnia , interpre


tando allegramente i Villaggi di Amaro , Sudrio , Avaglio , Sezza ,
Voltris , Sauris , Invilino , Ampezzo , Mieli , Enemonzo , per tante di
ramazioni de'Cittadini delle antiche Città di Amelia , Sutri , vel
( b ) Spor. la , Sezza , veletri , Sora , Velia , Dampezia , Imella , e Nomento ( 6 ) ,
ibi.pag . 197. che non troverà negli uomini di ſenno chi gli faccia buoni coteſti
198 .
ſogni . Si è già dimoſtrato poco fa , che ſoli Campi 114651. cioè
la quinta parte , o poco più , del piano Friuli di qua del Taglia
mento , fu diſtribuita ai Coloni Aquilejeſi , oltre i quali confini
non era lecito alla Colonia di ftendere il piede ; e che gli altri quat
tro quinti , o fieno
Campi 422717. per conſeguente erano rimaſti
in aſſoluto e pien dominio de' Romani , quo poſtea ſe vellent novos

Colonos adſcribere poffent . Dal che ben fi comprende , quanto lungi


dal fatto andaſſe , e dalla Storica verità , la fantaſia fervente dello Spo
reno , immaginandoſi innondato dagli Aquilejeli l'intiero piano Friu

li , e quel che è maggior cofa , le montagne ancora ; le quali come


fi dirà , pur non paſſarono in poter de' Romani , ſe non ſeſſanta in
ſettant'anni dopo la fondazione di queſta noſtra Colonia .
Nè mi fi dica , che la Colonia Aquilejeſe , dodici anni dopo la
diſtribuzion delle terre fu accreſciuta di mille e cinquecento Fami
( c ) Liv . Lib. glie ( c ) , e che a queſte forſe potè aſſegnarſi la rimanente noſtra
xliti. Cap . pianura ; imperciocchè non regge un tal ſuppofto , nè Livio che rac
XIX .
conta il fatto , regiſtra in verun modo una tal circoſtanza ; oltre di
che
ANTICA DEL FRIULI : 43

che troppa terra era queſta , perchè sì poca gente andaſſe a coprirla ;
e gli Aquilejeſi chiedean ſoccorſo per mancanza di gente , e non per
difetto di terreno . Si lagnarono , dice Livio , i medeſimi ( a ) , Colo- ( a ) Id. ibid.
niam ſuam novam & infirmam , necdum ſatis munitam , inter infeſtas Cap. 1 .
nationes Iftrorum , & illyriorum eſſe . Troppo baſſo era il loro nume
ro , e dovea forſe diminuirſi alla giornata , tra per le malattie , e per
gli accidenti delle vicendevoli ſcaramuccie 2 e per le diſerzioni , ca
gionate dal tedio di dover ſtarſene dì e notte all’erta contro sì bar
bari , e inquieti confinanti . Il perchè a richieſta loro , poftulantibus
Aquilejenſium legatis , piegar dovette il Senato a foccorrerli con un
sì fatto rinforzo , nel modo ftello , che videſi praticato in altri tem .
pi con Venofa ( b ) , e con Narni ( c ) ; il che per altro trovaſi , (b ) Id. Lib.
XXXI . Сар..
che fu negato alla Città di Coſa ( d ) . Non così ai Piacentini e
XLIX.
Cremoneſi , allora quando ( e ) , iis quærentibus inopiam Colonorum , ( c ) Id . Lib.
aliis belli caſibus , aliis morbo abſumptis , quoſdam tædio accolarum Gal- xxxl1.Cap.11.
lorum reliquiſe Colonias ; decrevit Senatus , uti C. Lælius Conful , sc ( ( d ) Id. ibid.
e ) Id . Lib.
ei videretur , Sex millia familiaru m confcribe ret qua in eas Coloni
, qua in eas Coloni as xxxv11. pag.

dividerentur : & at L. Aurunculejus Prætor Triumviros crearet ad eos XLVI .


Colonos deducendos . Coteſti Coloni nuovamente ſpediti , ſi chiamavano ,
per quello che oſſerva l'eruditiſſimo Monſignor del Torre ( f) , Ada ( f ) De Col.
le &ti , da Adjun & ti ; nè conſeguivano , per quanto abbiamo dalla Sto- Forojul. pag .
ria di Livio , alcuna nuova diſtribuzion di terreno , perch'erano chia- 340.
mati ſemplicemente a ſupplire al numero . , e alla ſcarſezza de ' vecchi
Coloni ; e doveano fottentrare non ſolamente nelle incombenze e ne
peli , ma eziandio nelle rendite , è ne' fondi loro Colonici .
Ed ecco per ogni dove ito da ſe medeſimo in rovina coteſto edi
fizio , malamente innalzato dalla troppa ignoranza dell'univerſal liſte
ma delle Colonie è peggio ancora fondato ſulla caduca e falſa ba

fe , che le Colonie Latine , non da Roma , unica forgente delle Co


lonie , ma da tutte ancora le Città del Lazio uſciſſer fuori .

F 2 CAPI
44 DELL GEOG
A RAFI
A

CAPITOLO SESTO :

! Del confine antico dell'Iſtria col Timavo ; e della mutazion di un tal


confine dal Timavo al Formione ; e se Plinio , quando
avverti un tal cambiamento , parlaſje Civil
mente , a Geograficamente .

Olto ogni dubbio nel Capitolo precedente ſopra le due


difficoltà meſſe a campo intorno alla ſpedizione della
1
Colonia Aquilejeſe dimoſtrato avendo prima diffu
ſamente che dalle età più rimote ſin verſo i tempi
RE
d'Auguſto , la Venezia , mediante il medefimo noftro
territorio , andava a terminare alla ſponda deſtra del Timavo , tem
po ſarebbe di far vedere , come ſi è propoſto , che anche l'Iſtria dall
altro canto ſtendevaſi fino alla ſiniſtra di detto fiume ; quando il fo
prallegato Signor Commendator Carli , coll' autorità di Strabone di
Servio , e particolarmente di Livio , ove tratta della guerra Iſtrica
non ci aveſſe con accuratezza e con piena erudizione prevenuti
( a ) Delle ( a ) . Al che io non ſaprei che aggiungere , ſe non che ciò ſembra
Ant. Rom .
dell' Iſtropog. poter confermarſi coll'autorità di Lucio Ampelio , preſſo di cui vege
29 . gendoſi collocato il Timavo ( b ) , in Illyrico , par che quell 'Autore
( b) L. Am- aveſſe in mente la Geografia più antica , in cui l'Iſtria nell'Illirico
pel. Edit.
ſolea comprenderſi. Oltrechè una tal verità coll'epoche ſteſſe favoloſe
Lugd. Bat.
1655. pag. potrebbe illuſtrarſi ; le quali avvegnachè ſignifichino poco nella Sto
16 .
ria , conchiudono nondimeno , per teſtimonianza di Strabone , aſſailli
( c ) Strab.
mo nella Geografia ( c ) .
Lib. 1. den
alibi paffim . Si ha da Trogo Pompeo , o fia da Giuſtino fuo Abbreviatore
che i Colchi , ſpediti dietro agli Argonauti da Eeta loro Re , giun
ti che furono ſu queſta traccia ai lidi dell'Adriatico , e non aven
( d ) Juſtin . dogli quì trovati ( d ) , ſive metu Regis , five tadio longæ navigatio
Lib . xxxil.
nis juxta Aquilejam confedere , Iſtrique ex vocabulo amnis , quo a ma
Cap. 111.
ri conceſſerant , appellati . Io non entro a decidere della verità ſopra
la venuta di coteſti Colchi , e nè tampoco ſopra il paſſaggio loro ,
dopo sì lunga navigazione , dal mar Nero nel fiume Iſtro . Ma dico
bene , che di quì ſi apprendono manifeftamente le primitive ſedi degl"
Iſtri , e di quì s'impara , ch ' eglino fin dalla ſua prima origine , e
molto innanzi l'aſſedio di Troja , ſi conſideravano comunemente come
confinanti col diſtretto , in cui fu poſcia Aquileja , che è lo ſteſſo che
dire , col Timavo . Conferma mirabilmente una tal leggenda , e per

con
ANTICA DEL FRIULI . 45

conſeguente anche la Geografia , Marziale , facendo giungere gli Ar


gonauti , a cui tennero dietro i Colchi , per l'appunto ſino al fiume
Timavo , e dicendo chiaramente , che Cillaro famoſo deſtriero di Pol
luce , uno di quegli Eroi , a coteſto fiume fi abbeverò :

Et tu Lædeo felix Aquileja Timavo


(a ) Mart.
Hic ubi Septenas Cyllarus haufit aquas ( a ) :
Lib. IV. Epig.
XXV .
An tua multifidum numeravit lana Timavum ,
Quem pius aſtrifero Cyllarus ore bibit (b ) ? ( b ) Id . Lib.
viii . Epig.
Un tal confine anche Virgilio , s ' io non m'inganno , ebbė in ani- (xxvun .
C ) Æneid .
mo in que' celebri verſi ( 0 ) : Lib . 1. verf.
246.
Antenor potuit mediis elapfus Achivis
Illyricos penetrare ſinus , atque intima tutus
Regna Liburnorum , & fontem Superare Timavi .

Noi ſcorgiamo in queſti verfi il viaggio ſteſſo , e la ſoſtanza me


deſima della navigazione di Cleonimo Spartano , Amiraglio de' Greci ,
di cui all'anno di Roma 450. dice Livio , che ( d ) quum lævå im- (d ) Liv .Lib .
portuoſa Italiæ Litora , dextrâ illyrii Liburnique cú iſtri, gentes fer & , x. Cap. 11 .
& magna ex parte latrociniis maritimis infames , terrerent , penitus ad
litora Venetorum pervenit . Tanto Antenore , quanto Cleonimo en
trati che furono nell'Adriatico , atterriti dall' un canto dai lidi diß
cili dell'Italia :: dall'altro dalla fierezza delle genti della ſpiaggia
oppofta , non fi accoſtarono punto nè a i lidi dell'Italia , nè a
quelli dell ' Illirico e della Liburnia ; ma Cleonimo oltrepallati
quelli dell'Iſtria > e Antenore , tutus , vale a dire ben fornito di

valore e di deſtrezza , ſuperate le fonti del Timavo , approdarono e


l'uno e l'altro fortunatamente alle ſpiaggie della Venezia . Fu dun
que lo ſteſſo in Antenore , Timavi fontem ſuperare , che in Cleonimo ,
ſuperar l'Iſtria , e ad litora Venetorum pervenire . Paſſar l' Iſtria , e
paſſare il Timavo : paſſar l'Iſtria , e toccar la Venezia , fu tutt'uno .
Il perchè io non finirò mai di ſtupirmi, che tanto ſiaſi diſputato fra
gli Eruditi ſui verſi , che lo ſteſſo Poeta poco dopo vi aggiunge :

Hic tamen ille urbem Patavi ſedeſque locavit


Teucrorum , & genti nomen dedit . ( e ) Liruti
Dil. de A
Ciò , che avverti diligentemente , molti anni ſono , anche un erudito , quil . Tom.lll.
e chiaro noftro Accademico ( e ) . Miſc.Var Op .
Ven . 1740.
Non feppero alcuni a queſto paſſo , non penetrando forſe i veri pag. 384
con
FIA
A GRA
46 DELL GEO

confini dell'antica Venezia come tirar Padova al Timavo . Altri ,

per conciliar la coſa , s'immaginarono due Timavi ; ed altri ſull'at


tributo di Euganco , e e di Antenoreo ,, che a coteſto fiume più d'una
di Antenoreo
volta da' Poeti fu ſolito darſi , non ebbero difficoltà di trasformare il
Timavo in Brenta . Ma ſe dopo i lidi degl' Illiri , Liburni , ed Iſtri
ſino al Timavo , chiaro fcorgeſi dal conteſto di Livio e di Virgi
lio , che immediate ſuccedevano i Veneti , manifeſto altresì appariſce ,
che Virgilio dicendo : Hic urbem Patavi ſedeſque locavit : non è da
interpretarſi ſtrettamente , e col rigoriſmo , a cui non fogliono in ve
run modo i Poeti foggiacere , cioè : Hic ad Timavum amnem , ma lar
gamente : Hic , cioè , in hac Venetia . E ciò tanto più , quanto che
( a ) Liv. Lib. noi ſappiamo , per atteſtato dello ſteſſo Livio ( a ) , che Antenore non
1. Cap . 1 . approdò altrimenti a queſti primi lidi della Venezia ; ma paſſando

più oltre , andò a sbarcare , per quanto conghiettura il Cluverio , ver


( b ) Cluv. ſo la Fuſina ( b ) .
Ital. Ant .
Quì dunque cioè in queſta Venezia Antenore edificò Padova :
Lib . I. Cap .
XVIII. quì piantò le ſedi de' Teucri : quì diede a i nuovi abitatori il nome
di Veneti . E quanto ſia all' attributo di Euganeo , ſe al Timavo con
veniva quello di Veneto , come abbiamo con tante prove , e partico
larmente coll'autorità incontraſtabile di Livio dimoſtrato , io non
vedo perchè ſe gli poſſa negare anche quello di Euganeo . Avverti

( c) Ver. Ill. già il Marcheſe Maffei ( c ) ch' Euganei e Veneti eran l' iſteſſo , vale
Part. 1. Lib.
a dire , occupavano · la ſteſſa terra . Difcacciati gli Euganei , noto
11. col. 35 .
è , che ai medeſimi fuccedettero i Veneti , abbracciando lo ſteſſo do
minio , é gli ſteſſi ſtelliflimi ſiti . Imperciò non giungo a diſcernere ,
( d ) Delle come un cotal punto in Geografia poſſa pretenderſi ( d ) ignoto a tut
Ant. Rom. ta | Antichità ; ſenza di cui il Cluverio ben di rado trovaſi > che
dell' Ifria . camminaſſe . Livio medeſimo ce ne ſcioglie , per oſſervazion dello
pag . 32 .
( ej liv.Lib. ſteſſo Cluverio , ogni dubbio là dove dice , eſſer cofa nota ( e ) , An
1. Cap. 1 . tenorem cum multitudine Henetum veniſſe in intimum maris Adriatici
Sluv . ibi.
ſinum , Euganeiſque , qui inter mare Alpeſque incolebant , pulſis , Hene
Cap. XII .
tos , Trojanoſque eas tenuiſſe terras . Queſte terre poſte all'intimo feo
no dell' Adriatico , prima Euganee , poſcia Venete > come atteſta lo

Storico , giacciono anche oggidi , com'è notiffimo , fra il mare e l' Al


pi ; e che comprendeſſero anche il noſtro piano ſino al fiume Tima
vo , l'abbiam già provato a diſteſo , e con abbondanza , e che mag
gior coſa è , coll' autorità propria di Livio . Dunque nè a Livio
in verun modo nè per conſeguente all'Antichità fu ignoto 2 che
queſto tratto all'intimo ſeno dell ' Adriatico tutto da capo a piedi ,
e intorno intorno , fu prima Euganeo che Veneto .
Quin
ANTICA DEL FRIULI. 47

Quindi il Timavo da Silio Italico , Marziale", Sidonio Apollinare ,


eruditamente Euganeo fu appellato ( a ) ; e da Lucano , Antenoreo ( b.): ( a) Sil. Ital.
da Claudiano , Frigio ( c ) ; celandofi ſotto queſti epiteti , ora gli Martial. Lib.
antichi abitatori di un tal tratto : ora quelli che agli antichi fuc- x [11.Epig.89.

ceſſero : ora il nome : ora la patria del conduttor de' Veneti , Ante- Sid. Apoll.
nore . Quindi Stazio ebbe cuore di chiamar Livio , benchè nato ed Carm , Ix. v .
educato in Padova ( d ) , Timavi alumnum non perchè il Timavo ( 6 ) Lucan .
aveſſe a crederſi fiume del Padovano o perchè Livio per avventura Lib. VII. v.

traſpiantato fi foſſe in qualche modo in Aquileja , ma ſemplicemente ) Claud.


perchera Veneto di nazione . Coteſti voli ne ' Poeti , purchè s' impren- de 11. Conf.
dano fra i limiti del vero , fogliono comunemente , anzi che biaſı- Honor.
Stat
mo conſeguir lode , perchè rendono più vaga e più brillante la Poeſia . Sild. Lib. iv .
Ma per tornar colà di dove inſenſibilmente s'era deviato il mio Carm . vii.
diſcorſo ,
il confine fra l'Iſtria e la Venezia , o vogliam dire fra 1
Iſtria e l'Italia , che per tanti ſecoli formò il fiume Timavo , pati
finalmente la ſua alterazione . Fu accorciata l ' Iſtria , e accreſciuta l'
Italia ; e il termine fra l'una e l'altra , fu traſportato dal Tima
vo al Formione : fiume appellato perciò da Plinio ( e ) , antiquus aucte ( e ) Plin.
Lib. 111. Cap.
Italia terminus . Con che venne a ſtaccarſi dall'Iſtria , é a unirli XVIII
.
all' Italia , quel tratto fra i detti due fiumi , che forma oggidi

il territorio Trieſtino . Per conto del tempo in cui fu fatta dai


Romani una tal novità , non facendo Plinio , che ne conſerva la me
moria , alcun cenno , ſembra che tolgaſi intieramente al noſtro ſguar
do un cotal punto di cronologia. Nondimeno ſe ben ſi riflette al ti
tolo di antico dato da quell ' Autore , al termine dell' accreſciuta
Italia , convien credere > che ciò accadeſſe molto prima di lui , e

probabilmente l' anno di Roma 576. cioè dugento cinquanta e più


anni prima della morte di Plinio , in cui l ' Iſtria tutta , dal Ti
mavo ſino all ' Arſa ,per teſtimonianza di Livio ( f ) , trium oppi- ( f ) Liv . Lib.
dorum excidio , & morte Regis pacata eſt , omneſque undique populi , xli.Cap. xv.
obſidibus datis , in deditionem venerunt . Venir in dedizione , ſecondo
che penfa il mentovato Signor Commendator Carli , e il darſi

intieramente in poter del Vincitore > è il medeſimo ( 3 ) ; il per- ( 8 ) Delle


che fin dallora foſſe l' Iſtria in Provincia Ant. Rom.
chè fuegli di parere , dell' Iftr.pag.
condotta . E in fatti poco dopo appreſſo lo ſteſſo Livio , col nome 54
di Provincia ella troyaſi appellata , nel Decreto che ſegnato avea il
Senato , al Conſole Claudio Pulcro , in cui fe gli permetteva , che ,

( b ) , quoniam Iſtria Provincia confeita eſſet , fi ei videretur , exerci- ( b ) Liv . ibi.


tum traduceret in Ligures. Cap. xvi .
Appreſſo i Romani , l'eſſer ridotti in forma di Provincia era
una
DELLA GEOGRAFIA

una conſeguenza dell ' eſſerſi dati a diſcrezione ; il che ſecondo Poli
bio , fuor d ' Italia portava una formale , e intiera ſchiavitù , e in
1
Italia ſecondo Appiano , la perdita delle leggi patrie , di porzione
( a ) Sigon . del proprio terreno , e della pubblica libertà ( a) ; laddove il darfi
de Ant, Jure a buoni patti , preſervava ai popoli le proprie leggi , i ſuoi coſtu
Ital. Lib. I.
Cap. XXVI . ini , e le ſue terre ; e importava una ſpezie di clientela o vogliam
Tom . v. opp . dire , di tributaria e dipendente Società ( b ) . L'una e l'altra for
col. 378. ma di dedizione , ſembra toccar Svetonio , dicendo di Ceſare , che
( b ) Id . ibid .
Cap. iv. col. avea ridotto in forma di Provincia tutta la Gallia di quelle Co
307. 308. munanze in fuori , che reſe eranſi docili , e aveano la benemerenza
( c ) Svet. d ' eſſerſi date a tempo in qualità di Sozie (c) : Omnem Galliam ,
Cef.Cap.xxv. præter Socias ac benemeritas Civitates > in provinciæ formam redegit :
Della prima claſſe , ſe così è , fu l' Iſtria , e dovette in queſt' anno
darſi a diſcrezione , abbaſſar la teſta per ſempre , e ſoffrir con raſe
gnazione , di eſſer ridotta in forma di Provincia . Quindi non può
dubitarſi , che i Romani in queſt' incontro , giuſto il lor coſtume

non mandaſſero al Fiſco , o tutto , o almeno parte del territorio con


quiſtato . E certo è altresì , che l'unico pezzo , ch ' indi a ſtaccar fi
vide dall ' Iſtria fu il diſtretto che giace tra il Formione e il Ti

mavo . Dunque , dico io , o tutta l'Iſtria , o queſta ſenza dubbio fu


la terra devoluta al Fiſco in tempo della conquiſta , e queſto il
territorio convertito dai Vincitori in Solitudine cioè a dire , in

fondo di pubblica ragione . Prova di che non può negarſi , che ben
grande non ſia la Colonia antichiſſima di Trieſte colà ſpedita , non
ſi fa quando , dai Romani . Ella fioriva certamente a i tempi di
Ceſare , come vedremo fra poco ; e già oſſervammo , che le Colonie
dai Romani prima di Cefare , e innanzi alla Monarchia , non ſi
ſpedivano ſe non in queſte tali terre di ragion pubblica , e che que
ſte terre non diventavano tali , ſe non al caſo delle conquiſte .
Se poi con queſta novità ſiccome accrebbeſi l' Italia , così in con
ſeguenza veniſe a dilatarſi anche la Venezia , ſembrami coſa affatto
ragionevole ; anzi il Cluverio la pubblicò per certa là dove dice ,
che a i Carni , popoli Alpini , per cavarneli fuor dai monti , fu

( d ) Cluv . dai Romani deſtinato il piano Veneto , ſituato fra il Tagliamento e


Ital. Ant. il Formione ( d ) : pars Veneticæ ore inter Tilavemptum & Formio
Lib . i. Cap. nem amnes attributa fuit . E in fatti quando i Carni furon tradotti
XIX.
dai monti ad abitar nel piano , dee tenerſi per fermo , che andaſſero
a coprire anche il Trieſtino > annoverando Strabone chiaramente fra
( e ) Strab .
Lib. VII . i luoghi Carnici anche Trieſte ( e ) . Che ſe così è , chiaro appari
dag. 304 . ſce , che i Romani diſpoſero in tal incontro di tutto queſto tratto
dal
1

ANTICA DEL FRIU I: 49

dal Tagliamento fino al Formione , come di un ſol paeſe ; e quaſi


di un coſa fteſa : indizio ben grande , che il tutto fin dallora te
neali per Veneto . Oltre di che ben ſi fa , che il Trieſtino , ſubito
che fu tolto all'Iſtria , reſtò in guiſa tale all ' Italia congiunto , e
nella Venezia incorporato , che mai più non ne andò diviſo , e co
mune d’indi in poi colla Venezia ſempre ebbe la ſorte ; andando
non ſolamente unito alla medeſima nelle mutazioni Geografiche , che
in proceſſo di tempo addivennero , ma adottando eziandio con cflo

lei coſtantemente le ſtelle ſteſliſſime appellazioni , e gli ſteſſi nuovi


nomi che al vecchio di Venezia di man in mano ſucceſſero > ora
di Carni , or di Venezia inferiore , ed ora di Forumjulii , o ſia CO

me in volgar lingua tuttavia ſi appella , di Friuli ; nella qual Pro


vincia Trieſte anche oggigiorno continua a calcolarſi .
Egli è ben vero , che Strabone medeſimo ad altro paſſo da noi
ſopra allegato dice : Poft Timavum Iftriorum eſt maritima ora : in
medio oppidum Tergeſte. ab Aquileja diſtans CXXC . ſtadia ; venendo
in certo modo a diſtinguer Trieſte non ſolo dall'Iſtria , ma ezian
dio da Aquileja , e dal paeſe poſto di quà del Timavo , o ſia dalla
Venezia . Non oſtante però , chiamando egli Trieſte nel preſente paſſo ,
zauny napvexnv : Vicum Carnicum , e confermando altrove ( a ) , ' Ispaç ( a ) Strab .
ναι πρώτες της Ιλλυρικής παραλίας συνεχώς τη Ιταλία , και τους Lib. VII.pas.
304
Káp: 015: primos in Illyrici ora maritima esſe iſtros , conterminos Italie

d Carnis : ciò che fedelmente ſi ripete anche dall’Abbreviator di Stra


bone ( b ) : " Oro drzni tñs 'Indepexñs Trapanéces esiv si 'Ispíx , ouie- (b ) Strab.
zais šo a toas se Kapros ugh th ' Iranią : Quod litoris illyrici ini- Epit. Lib .
1249.pas
Yal:
tium Iſtria ſit , Carnis em Italia continua : chiaro ſi vede , che i Car- Edit.
ni in confin dell'Iſtria già ſi ſtendevano in queſti tali tempi fino ai Amft. 1707.
lidi dell'Adriatico , e che dai Carni oggimai , e non più dai Veneti
incominciava a queſto lato la ſpiaggia Italica . Il perchè non reſta
luogo a dubitare , che i Carni non foſser tradotti dai monti ad abi
tare anche un tal diſtretto , e maſlimamente quelli che al di ſopra
di Trieſte , come diremo allorchè de' Carni ſi tratterà avean le fue
fedi nel monte Ocra , ove tende alla ſua eſtremità > o ſia in quelle
Alpi , che vanno a finire alle fonti del Formione .
Vellejo Patercolo nondimeno intorno a queſto vecchio confine di

Italia , inquanto egli tocca la Pannonia , riferendo , che porzione di


quella fiera gente ( c ) petere Italiam decreverat , jun & am ſibi Nau- ( c ) Paterc.
porti & Tergeſtis confinio , ſembra in qualche modo , che ci laſciaſse Lib . 11.C.cx.
indeciſo , ſe Trieſte , da che fu tolto all'Iſtria , e aggiunto all'Italia ,
facefle veramente o no , figura diſperse. Ma ſe Trieſte allora era
G l'ulti
50 DELLA GEOGRAFIA

l'ultima Città d'Italia a queſto lato , e Nauporto , oggidi Lubiana ,


della Pannonia chiaro all'incontro appariſce , che queſti cran no

mi ſemplici di Città di confine , e non di Nazione o di Provincia ;


il che niente viene a combattere l'incorporamento del Trieſtino col
la Venczia ; di cui ne rinforza anzi mirabilmente l'argomento il ve

dere , che nella civil Geografia de' Romani il Tricftino medeſimo ,


ſenza che ſe ne ſcuopra nelle vecchie memorie alcuna formal diltin
zione dalla Venezia , andò anch'egli alla rinfuſa compreſo nella Pro
vincia Gallia , o ſia nella Gallia Ciſalpina > come ci fa fide Irzio
( a ) Bell. raccontando di Ceſare all'anno 702. che ( a ) T. Lali num ad fe evo
Gall. Lib. in Tozatam
cat , Legionemque XII . quæ cum eo fuerat in biberis
vill . Cap.
XXIV. Galliam mittit , ad Colonias Civium Romanorum tuendas ; ne q!od ſimi
le incommodum accideret decurfione Barba: orum , ac Superiore eſtate
Tergeſtinis accidiſſet ; qui repentino latrocinio atque impetu eorum erant
oppreſſi . Troppo ſproviſta di truppe avca Ceſare laſciata l'anno ante
cedente la Gallia Togata , e quelle Colonie di Cittadini Romani
ond'era addivenuto , che Trieſte , una delle medeſime , era fata op
preſsa da ' Barbari ; il perchè in qucit'anno ſpedì colà in rinforzo la
Legione duodccima , ad Colonias Civium Romanorum tuendas .
Coteſti Barbari , fe ben ſi bada alla Cronologia , ragionevolmente
non poiſon eſſere fe non quelli , de' quali , ſotto il nome di Japidi ,
narra Appiano all ' anno 718. vale a dire diciaſſett anni dopo , CO
me nello ſpazio poco meno che di vent'anni , ben due volte fecero
teſta bravamente all'armi di Roma , ſaccheggiando Trieſte > e ſcor

(b ) Appian. rendo fino in Aquileja ( b ) : Ais uir credcanto Propeatas , čtecí


Illyr .
πα αγχε είκοσιν · 'Aκολή,αν δ ' επέδραμον , και Τεργιτον και Ρωμαίων
ŪROLXOY ÉQúreuotev ; Bis a ſe arma Romanorum repulere intra viginti
ferme annorum Spatium : ex Aquilejam uſque excurrerunt , & Tergitum
( c ) Lege ( c ) Romanorum Coloniam deprædati ſunt . Donde ſempre più com
Tergeſtum · prendeſi l'unione > e la comune ſorte del Trieſtino con queſta noſtra

Venezia , o ſia di Trieſte con Aquileja ; oltre di che noi veggiam


quì Trieſte fin dai tempi di Ceſare , chiaramente annoverato fra le
Colonic , e fra le Colonic antiche della Gallia Togata , e quindi al
tresì impariamo , che il nome di Tozata craſı già diffuſo a tutta la
( d ) Bell. Gallia Ciſalpina , ripetendo Irzio altrove lo ſteſſo ( d ) : Quum omnes
Gall. ibi .
regiones Galliæ Togata Caſar percucurriſſet T. Labienum Galliæ Togatæ
Cap . 111 .
præfecit . Ciò che può innoltre confermarſi coll ' eſpreſſione ironica di
Cicerone verſo Marcantonio ( e ) : Remittit aliquantum ég relaxat .
( e ) Philif.
vii . Cap.ix , Galliam , inquit , Tozatam remitto , Comatam poftulo ; e con quella di Verrio
Flacco preſſo Pompco Fulto alla vocc Boicis , ove leggeli ; in Gallia
citra
ANTICA DEL FRIULI.

citra Alpes , quo Togata dicitur , in quibus Sunt Mediolanenfes . Il che


fia detto , perchè ad alcuno non ſembri ſtrano e non ſi quereli di
confuſione , o di sbaglio ( a ) , ſe anche Pomponio Mela poſcia laſcio ( a ) Delle
Ant. Rom .
ſcritto ( b ) : Carni , & a Veneti colunt Tozatam Galliam . Togata fi
dell' Iſtr. pag .
diſſe propriamente anche queſta Gallia , da che adottò anch'eſſa la 64. 65 .
vefte , o ſia la Toga Romana , come atteſta Dione ( c ) : "Oto moj !b.) Mela
Lib . 11. Cap .
qñ 6o.In tñ Papecini on esinn € 2posto dn : Quod jam tum ur
IV.
banum Romanorum veſtitum uſurparet . E a buona ragione Tolommeo ( c ) Dio Lib.
vien perchè
ripreſo dal dotto Cellario , per chè troppo riſtringeſſe a i tem- XLVI. Cap.lv.
pi ſuoi > fra l’Apennino e il Po fino a Ravenna > la Gallia Toga
ta ( d ) . (d ) Cell.
: . Ma con tutti i forti e dimoſtrativi argomenti fino a quì allega- Orb . Ant.
Tom . 1. Lib.
ti , e a fronte della grave autorità di Plinio , che fan vedere aperta- 11." cap. 1x.
mente la ſeparazion reale dall'Iſtria del territorio Trieſtino , e l'ac- Seit. 1. num .
cefſione antica del medeſimo all'Italia e alla Venezia , trovaſi non- 32. pag . 514.
dimeno chi pretenda con un ſemplice volo di nuova idea di atter
rarla , e di dare alle parole , e all'autorità fteſa di Plinio intelligen
za tale , di farlo parlare in miſtero , e in maniera che , quando dif
fe , il Formione eſſer l'antico termine dell'accreſciuta Italia non
parlaſſe Geograficamente , ma ( e ) indicar volesſe l' Italia civile , o ( e ) Delle
ſia il diritto della Cittadinanza Romana ; il che con quanta probabi- Ant. Rom .
dell' Iftr.pag .
lità fi afferiſca , facile farà il dedurlo dalle ſeguenti rificilioni .
61 .
Quattro ſpezie di diritti , ſecondo che offerva l'eruditiſlimo Sigo
nio ( f ) , intorno al civilc ſtato di tutta Italia ebbero i Romani , ( f ) Sig. de

e tutti e quattro uſciti fuori dalla podeſtà loro , e dalle loro leggi ; ant. jur.Civ.
e furono il diritto della cittadinanza Romana il Gius Latino , il Rom . Lib. I.
Cap. 1. de
Gius Italico , e il diritto della Provincia Gallia , o ſia della rimanen- ant. jur. Ital.
te Italia > conoſciuta nella Storia Romana ſotto il nome di Gallia Lib. 1. Cap .

Ciſalpina . Il Gius della Cittadinanza Romana , o vogliam dire l ' ot- IV XX1, XXVI.
timo e perfetto eſſere del Cittadino Romano conſiſteva in tre coſe , Cap. 111.
cioè nel domicilio , nella tribi , o come noi diciamo altrimente , nel Tom.v. Opp .
tribo , e nella facoltà d'occupare i gradi , e gli onori della Repubbli- col. I. 307 .
feqq. 351 .
ca. Il domicilio nondimeno lo avevano anche gl ' Inquilini ſemplici Jeqq. ubi via
della Città di Roma , e il domicilio e il tribo i Libertini ; ma niun de Notas
diritto per queſto di Cittadinanza ebbero gl'Inquilini , nè intieramente 375. feqq.
398. ſeqq. in
buono l'ebbero i Libertini , ai quali in niun tempo reſtò aperto alibi .
l'adito a i gradi , ed agli onori .
Il Gius Latino all'incontro , e il Gius Italico , crano leggi e

condizioni , che non entravan per niente nella polizia interna di Ro


ma , e del ſuo popolo , ma importavano ſolamente una fpezie di
G 2 Socie
52 DELLA GEOGRAFIA

Società con quella Repubblica , dell' Italiche genti , e delle Latine, per
forma della quale , tanto Latini che Italici , Sozj de' Romani comune
mente ſi diſſero : ſempre però in rapporto a una Società diſuguale ,
e dura piuttoſto che no , che clientela più propriamente potrebbe
appellarſi ; concioſliachè i Romani allorchè i Latini vinſero e gl
Italici , nel ſognar la pace dieder loro di tempo in tempo impe
rioſamente la legge , in vece di riceverla , donde nacque il Gius La
tino , e l'Italico , e donde ne' Romani ne derivò particolarmente il
picn diritto d' imporre alle Città Sozie altrettanto numero di truppe
auſiliarie , di quello che importavano le legioni Romane . Quindi
ſembra , che Latini ed Italici foſſer poſti a pari condizione , dato
eſſendo loro di poter militare amendue nel Romano eſercito fra le
truppe auſiliarie , e accordato avendo innoltre i Romani agli uni e
agli altri di poter reggerſi colle proprie leggi .
Nulladimcno i Latini ſuperaron gl ' Italici in queſto , che agl' Ita

lici niun gius di fuffragio fu mai permeſſo nei Comizi di Roma ,


e niun adito reſtò loro per conſeguir la Romana Cittadinanza ; lad
dove i Latini , benchè in neſſuna delle tribù Romane cer to luogo
aver poteſſero , pur nondimeno nella promulgazion delle leggi , e nel
le folennità de' giudizj , fu folito non di rado , che ſi chiamaſſero a
dare il ſuffragio , dal qual diritto per altro doveano aſtenerſi , qua
lunque volta il Conſole , o il Tribuno della Plebe glie l'avelle vie

tato . Ma ottennero i Latini di più degl ' Italici anche una certa non
ſo qual porzione di Romana Cittadinanza , o , per meglio dire
l ' adito , e l'abilità di poter conſeguirne il diritto , conciofliacofachè
qualunque Cittadino di Città Latina , dopo aver ſoſtenuto una volta

nella ſua patria il Magiſtrato , veniva ammeſio liberamente in Roma


a pretendere il diritto di Cittadino , di modo che , benchè le Città
Latine ,
e tutti in compleſſo i Cittadini ſuoi niun diritto aveſſero
originalmente di Cittadinanza Romana , poteano nondimeno molti di
elli col ſuddetto, mezzo conſeguirlo , ſenza che però per queſto ſi
trasfondeſſe neppur per ombra un tal diritto nelle loro Città ; riſtret
to rimanendoli il medeſimo in que' ſoli particolari , che il conſe
guivano .
Inferior finalmente a tutti queſti sì fu il diritto della Provincia
Gallia , imperciocchè dove Latini ed Italici obbedivano a i ſuoi
Magiſtrati , e alle propric leggi , la Provincia Gallia all'incontro
foggetta cra alle leggi , e al Preſide , che da Roma ſe le imponeva
no , nè veruna ſperanza avea , come i Latini , di partecipazione ala

cuna della Romana Cittadinanza . Ma pure anch'eſſa , al par degli


uni
ANTICA DEL FRIULI . 53

uni e degli altri , militar potea nel Romano eſercito fra le truppe
auſiliarie ; ciò che a tutte l' altre Provincie , poſtè fuori del confine
Italico , venia negato .
Tale fu il ſiſtema di coteſti così fatti diritti in Italia durante

la Repubblica , preſſo i Romani , nè per forma de' medeſimi verun


indizio ci reſta , che la Romana Cittadinanza in alcun tempo uſcir
ſe fuori delle porte di Roma . Si oſſerva bensì tutto il contrario
come abbiam detto , cioè , che que' Latini poteano introdurſi in Ro
ma a parteciparnela , quibus per Latium , come ſpiega Plinio divina
mente ( a ) , Civitas Romana patuiſſet . Non è però per queſto , che ( a ) Plin.
confeſar non ſi debba , che il fregio nobiliffimo di una tal Cittadi . Paneg . Tra
nanza , molto per antico e durante ancora la Repubblica , , 71 .
non foſſe jan. pag.
folito , che i Romani lo andaſſero pe' ſuoi fini comunicando anche ai Steph . 1601.
popoli Sozj , atteſtando Livio all' anno 542. ( b ) , jam inde a majori- ( b ) Liv. Lib.
bus traditum morem Romanis colendi Socios , ex quibus alios in Civita XXVI . Cap.
XXIV.
tem atque æquum ſecum jus accepisſent , alios in ea fortuna haberent ,
ut Socii eſſe quam Cives mallent . Ciò che per altro ſi uso di fare
con parca , e peſata mano , come dallo ſcarſo e riſtretto numero de
gli antichi Municipj , o ſia delle Città partecipi della Cittadinanza
Romana , ognun può raccogliere preſſo il Sigonio ( c ) , fino a tan- ( c ) Lib. 11 .
to che i Sozj tutti uniti , in due anni d' aſpra e ſanguinoſa guer- Cap. 1X.
ra > che per ciò Sociale , ed anche Marſica appellofli caya ron fuor
di mano ai Romani coll'armi , e colla
e colla forza ,
forza la comunicazio

ne di tal diritto in generale a tutti i Sozi , Latini , ed Italici ,


un
vale a dire , all'intiera Italia propria ; il che nacque ſucceſſivamente

negli anni di Roma 663. e 664. in vigor della legge Giulia , si


rinomata nella Storia Romana , e mentovata particolarmente da ci

cerone ( d ) , qua lege Civitas eſt sociis & Latinis data .


( d ) Cic. pro
si tentò nondimeno per parte de' Romani di minorare il danno , Balb. Capa
che da profuſion sì grande della propria Cittadinanza naſcer vedeaſi vii.
ſenza riparo , col por limiti alle forze e all'autorità de' novelli Cit
tadini , dando loro la cittadinanza a condizione , che in niuna delle
trentacinque antiche tribù Romane aveſſero a entrarci ( e ) , ma de- ( e ) Appian.
ſcritti fofiero come dice Patercolo , a parte in otto tribi di Civ . Lib. I.

nuovo impianto ( f ) : Ita Civitas Italia data eſt , ut in octo tribus ( f) Paterc .
contribuerentur novi cives , do multitudo ve Lib . II . Cap .
ne potentia eorum don
XX .
terum civium dignitatem frangeret , pluſque poſſent recepti in be
neficium , quam auctores beneficii . Ma il tutto fu indarno , per
ciocchè l' anno ſuſſeguente 665. Publio Sulpizio , Tribuno della

Plebe , per ſuggeſtion di Cajo Mario , precipitò ogni coſa > e

por
54 DE -LLA GEOGRAFIA '

portò la mala legge di ricevere in ogni modo i nuovi Cittadini


( a ) Appian. nelle tribù antiche ( a ) .
ibi . Ecco adunque il tempo , il modo , i motivi , e la via unica e
Paterc. ibi.
vera > onde la Romana Cittadinanza incominciò ad uſcir da Roma ,
Cap. xix..
e paſsò a por piede nelle Città Latine ed Italiche ; donde ne nacque
una ſeconda fpezie di Cittadini Romani , appellati municipi , a diffe
renza de' naturali ed ingenui Cittadini di Roma fra i quali non
paſsò altro divario , ſe non che i municipi aveano bensì al par de
naturali il tribo , e la petizione degli onori , ma mancava loro il do
micilio ; al qual requiſito badando eglino poſcia e traſportando le
fortune loro e il domicilio in Roma , paſſavano dall'eſſere di munici
pi a quello di naturali .
Manifeſto è quindi , che due ſpezie di liberi e ingenui Cittadini
Romani , e non più , ebbe Roma , naturali gli uni , e municipi gli
altri : i primi abitanti in Roma , e i ſecondi ne' Municipj · Quelli
coſtituivan l ' ottima e original ſpezie de' Cittadini Romani : queſti
formavan l'altra meno perfetta , e del tutto nuova e acceſſoria ; alla
quale da principio , come ho detto , poche Città Sozie ci pervennero,
e coll'andar del tempo , mediante la detta legge Giulia , promulgata
per comando del Senato , e del Popolo dal Conſole Lucio Giulio Ce
( b ) Freinsh . fare l'anno 663. ( b ) , riuſcì di arrivarci generalmente al corpo in
Suppl. Liv .
tiero di quelle genti , cioè a dire , a tutta l'Italia propria . Col fa
Lib. LXXIV .
vor della qual legge innoltre e nel medeſimo tempo , ſentimento e
Cap. vill . IX.
di Giuſto Lipfio , che conſeguiſſe la Cittadinanza Romana anche quella
parte d'Italia , ofia Gallia Ciſalpina , che col nome di Ciſpadana
( c ) Lipf. ad folea diſtinguerſi ( c ) .
Tacit. Lib .
Ma che lo ſteſſo fregio in queſta tal congiuntura ſi dilataſſe an
X1 . Cap.xxıll. e
cora alla Gallia Tranſpadana , vale a dire alla rimanente Italia
per conſequente anche al Trieſtino , come quello che in detta Gallia
fin dallora folca noverarſi , neſſuno fino a quì , ch ' io ſappia , s'è la
ſciato per avventura uſcir dalla penna . Anzi il ſuddetto eruditiſſimo

Lipſio , a detto paſſo , ofſervò particolarmente , che i Tranſpadani in


quell'incontro non conſeguirono che il ſolo Gius Latino , ferente
Pompeo Strabone , ſucceſo a Lucio Ccfare nel Conſolato ; e che mal

contenti di un tal diritto , non contenti Latinitate turbas Sape move


runt . Il primo moto in fatti videſi a comparire cinque anni dopo la
ſtella legge Giulia , cioè l' anno 688. in cui gran difputa nacque fra

( d ) Dio Lib. i duc Cenſori , Marco Craſſo , é Quinto Lutazio Catulo , contenden
xxxvii . Cap. do l'uno caldamente , e opponendoſi l'altro , dintorno ai popoli della
ix .
Tranſpadana , come abbiam da Dione (d ) , Tepi Tüv uzep Tòr 'Hp
Savoy
ANTICA DEL FRIU.L I. :SS

daroo cixsitw : de iis qui trons Padum incolunt ; e ciò ſul doverſi
o no diffondere anche ai medeſimi ta'u molete o : jus civitatis il
diritto della Cittadinanza . Tentarono nuovamente i Tranſpadani , a

parer di detto Lipſio ( a ) , la ſteſſa coſa , ſubito dopo la Queſtura (a ) Lipf.ibi.


di Cajo Giulio Ceſare verſo l'anno di Roma 692. Ma ciò non Cap. vii.

fortì loro in effetto , ſe non nella prima Dittatura di Ceſare ſteſſo ;


l ' anno 704. il quale , a riferto di Dione medeſimo ( b ) , toiç ra- ! b ) Dio Lib.
λάτες και τους εντός των "Αλπεων υπερ τον Ηριδα: ον οικεσι , την πο- ΧLΙ. Cap.
XXXVI.
Noteic , är ng ápas aurão , ávé £ wre : Gallis , qui cis Alpes trans
Padum incolebant , quod ſub ſuo imperio fuiſſent , Civitatis jus dedit .
E neppure allora a giudizio d'uomini dotti , ſpuntarono quell '
intiera libertà , ch' era propria de' Cittadini Romani , ma reſtarono

tuttavia ſottopoſti al Prctore a modo di Provincia fino ai tempi del


Triumvirato , come Sigonio raccoglie ( c ) da certa diviſion di ſtato , ( c ) Sig. de
che ſeguì fra Ccfare Ottaviano e Marcantonio , preſſo Appiano in ant. jur.Ital.
quelle parole ( d) : Την το γαρ Κελτικήν την εντός " Αλπεων 11. Τom." .
έδόκει Καίσαρος αξιδντος αυτόνομον αφιέναι , γιωμη το προτέρε Καί- Opp.col . 452.
capos : Nam do Galliam , quæ cis Alpes eſt , videbatur , Cafare po- civ. lib. v.
Galliam
ſtulante , liberam dimittere , ex prioris Cæſaris praſcripto . E meglio
ancora fi dichiara da Dione ſteſſo all ' anno 712. là dove dice della
Gallia Togata , che ſolamente in quel torno eraſi trasferita dalla

ſoggezion del Pretor ſuo particolare all'immediata dipendenza dell'


univerſal Prefettura Italica , vale a dire , del Pretor di Roma ( c ) : ( e ) Dio Lib.

v noci és Tov tñs 'Itænéces de vouós eregézparto : quæ tum jam ad xlviii . Cap.
X11 .
Italiæ præfe &turam relata erat .
Ora ad onta , dirò così di tutte queſte ſode e veridiche notizie
ſtoriche , per qual via o pertugio ci entralſe la Romana Cittadinanza
in queſte parti ad accreſcere , come diceſi l'Italia Civile ottanta
ott'anni prima del Conſolato di Pompeo Strabone e cento e vent'

otto innanzi la prima Dittatura di Ceſare , cioè ll'' anno di Roma


576. tempo , a cui Plinio probabilmente riferiſce come abbiam dia

moſtrato , l'antico termine dell'accreſciuta Italia , la mia corta viſta ,


confeſlo il vero , che non giunge a diſcernelo . Perciocchè , dato an
che quello , che probabilmente non è , nè può eſſere , cioè , che pli
nio ſiaſi quì riferito , non all ' anno 576. e alla conquiſta dell'Iſtria ,
tempo diſcoſto dall'età di Plinio anni dugento e cinquanta cinque ,
e che da lui perciò meritò giuſtamente il titolo di antico > ma al
Conſolato , come par che ſi voglia , di Pompco Strabone che fu

nel 664. e che non precede la natività di Plinio , che di circa cento
& dodici anni , e per conſeguente forma epoca troppo vicina all'età
Pli
AFIA
56 DELLA GEOGR

Pliniana , perchè ben fe gli convenga il nome di antico ; data , dif


fi , anche una tal coſa , ſtrano argomento nondimeno farà ſempre
quello della legge Pompea , che a pro di queſta nuova oppinione
unicamente adduceſi in prova .

Coteſta legge , attribuita a Pompeo Strabone nel ſuo Conſolato , fi


giacè ancora fra non poche tenebre , nè , di Plinio e Pediano in
fuori ch ' io ſappia , v'è chi parli fra gli antichi di legge Pom

( a ) Plin . pea ; e fon queſt' eſſe le parole di Plinio ( a ) : Non ſunt adjecta Cot
Lib. i 11. Cap. tianæ Civitates XII. quæ non fuerunt hoſtiles : item attributæ Munici
XXX,
piis lege Pompeja . E vuol dirli , per ſentimento del sigonio , che
Auguſto , a tenor della legge Pompea , fornì del diritto Municipale ,
( b) sig . dę cioè della Cittadinanza Romana coteſte dodici popolazioni ( b ) . Ma
ant . jur. Ital. il Marcheſe Maffei non ſottoſcrive al Sigonio , e interpreta quell'at
Lib . 111. Cap.
11. Tom . v. tributæ di Plinio nel ſenſo anzi , che dette Comunanze ſtate foſſero

Opp. col.419. attribuite , e alloggettate a ' Municipi , cioè a dire ( c ) , ſtate prive
luft. Ver. . 14
1 . del proprio governo, e poſte sotto la giuriſdizione delle vicine Città ,
Lib. v. col. Ad ogni modo è da aſcoltarſi Aſconio Pediano , Scrittore antico , e
103 . di gran peſo , il quale , ne' Comentarj alla Piſoniana di Cicerone ,
(d ) Afc.Ped . trattando della Città di Piacenza , di un tal fatto la diſcorre così ( d ) ,
Ed. Vener.
Neque illud dici poteſt , ſic eam Coloniam eſſe deductam , quemadmodum poſt
1563.pag.77
plures ætates Cn . Pompejus Strabo , pater Cn. Pompeii Magni , tranſpadanas
Colonias deduxerit . Pompejus enim non novis colonis eas conftituit , ſed
veteribus incolis manentibus jus dedit Latii , ut poſſent habere jus , quod
cæteræ Latinæ Coloniæ ; ideſt , ut , petendi magiſtratus gratia , Civitatem
Romanam adipiſcerentur . Dunque Pompeo a queſte tali Colonie non
accordò ſe non ſemplicemente il Gius Latino , ſimile a quello , che
avean tutte l'altre Colonie Latine , e nominatamente in ciò che rif
guarda il poter giungere , mediante il Magiſtrato Colonico , a conſe
guire un giorno anche la Romani Cittadinanza . Contuttociò chi mi
ſa dire , fe tutte o parte debbano intenderſi quì le Colonie della
Tranſpadana ? Sigonio onoratamente confeſſa di non averci trovato in
dizio o memoria , che di ſole tre , cioè di Verona , Como , e . Lodi
( e) sig.ibi. ( e ) . Or come pretendere , dico io , in tanta oſcurità , di condur
col. 450.
ſenza riſerva un tal diritto fino a Trieſte ?

Ma avvegnachè non ſia chi ſperi dall’Antichità maggiori lumi di


così , pur concediamo , che ſotto il Conſolato , e per opera di Pom
peo Strabone , l'anno di Roma 664. le Colonie della Gallia Tranſpa
dana , tutte , e Trieſte medeſimo conſeguiſſe il Gius Latino , in con
( f ) De Co
lon. Forojul
, formità di quanto laſciò ſcritto anche Monſignor del Torre , cioè ,
nag. 330 , che ( f ) Carnorum populi jus Latii a Pompejo Strabone , civitatem Ro
manam
A NTICA DEL FR I ULI . 57 .

manam beneficio Cæfaris obtinuerint , ne ſegue forſi , che i noſtri po


poli per queſto acquiſtaſſero la Romana Cittadinanza , e che in con
ſeguenza l'Italia Civile in queſte noſtre parti poteſſe dirſi accreſciu
ta ? Tutto l'oppoſto conchiuderà chiunque intende il vero eſſere , е
la natura del Gius Latino . Non ſi nega già , che i Latini , a diffe
renza degl ' Italici , acquiſtar non poteſſero la Romana Cittadinanza ;
ma per l'appunto perchè per legge acquiſtar la potevano , egli è fe
gno certo , e prova evid entiffimma
evidentiffi a , che non l' avevano : per la gran
ragione , che non dafli acquiſto , ſe non di quello che non ſi ha .
Nè un tal acquiſto trasfondeva in verun modo la cittadinanza nelle
Colonie , come abbiamo oſſervato > ma rimanevaſi privatamente in
quelle fole perſone , che il conſeguivano ; il che ben lungi dal recar
ne accreſcimento danno anzi incredibile cagionava alle Colonie La

tine , per l'abbandono frequentiſſimo di tante fue famiglie , che , per


conſeguire un tal fregio , neceſſariamente con tutte le ſue fortune tra

fpiantar doveanſ in Roma .


Altra legge più ampia ancora in favor de Latini , e delle genti
Sozie , abbiamo in Livio all'anno 575. del tenor che ſegue ( a ) : ( a ) Liv. Lib.
Lex Sociis ac nominis Latini , qui ftirpem ex jefe domi relinquerent , xli . Cap. XII .

dabat , ut Cives Romani fierent . In forza di queſta legge , il Cittadi


no di Latina Colonia , non biſognava ſe non che piantaſſe il ſuo do
micilio in Roma , per conſeguire la Romana Cittadinanza ; e perchè
la Colonia donde partivaſi , pregiudizio non patiſſe , o alterazione
rendevaſi neceſſario ancora , ch'egli laſciaſſe in eſſa diſcendenza di fe .
E finquì la coſa andava bene , perchè le Colonie , fe quindi non ri
cevevano accreſcimento , non ſoggiacevano neppure a diminuzione al
cuna . Ma trovato il modo , dice Livio , di deluder la legge ſul pun
to della diſcendenza > quelle meſchine Città fi riduſſero ben preſto
alla deſolazione e furono coſtrette ſpedir a Roma Ambaſciadori

che appreſſo il Senato ſi querelaſſero , cives ſuos Rome cenfos pleroſque


Romam commigraſſe . Quod fi permittatur , perpaucis luſtris futurum , ut
deferta Oppida deſerti agri , nullum militem dare poſſent . Fregellas
quoque millia quatuor familiarum tranfiſſe ab fe , & c. Queſto era il
frutto , queſto il civile accreſcimento , che dal Gius Latino in ſoſtan
za ne derivava all'Italia . Il Cittadino di Colonia Latina ; per effer
Cittadino Romano biſognava in ogni modo , che abbandonaſſe la pa

tria , e il Gius Latino in una parola , non tendeva ad altro , che ad


accreſcer Roma , e a ſpopolar le Colonie . Quindi può conchiuderfi
ſenza pericolo d'ingannarſi , non eſſer vero che il Gius Latino con
giunto andaſle mai col diritto , o ſia col Gius della Cittadinanza
H Roma
FIA
A GRA
58 DELL GEO

Romana ; ma ſolamente colla facoltà , e col titolo in qualche caſo ,


di poterlo conſeguire. Nel qual caſo i Latini ceffivan d'eſſer Latini,
abbandonando le patrie loro trasferendoſi in Rouia ad aſſumere il
carattere dingenui , e naturali ſuoi Cittadini ; di dove certamente non
potcan mai contribuire ad accreſcere , come pretendeſi , l'Italia Civile.
Non fu già così di quelle genti , e di quelle Città , alle quali ve
ramente , e propriamente fu conferito a tutte in compleſſo il Gius
attuale della Cittadinanza Romana , e che ſotto il nome di Municip;
nella Storia antica ci ſi preſentano ; i di cui Cittadini potean fer
marſi egualmente in Roma , che nelle loro patrie , e preſervarſi ciò
non oſtante , e nell' uno e nell'altro modo , il titolo e il diritto di

Cittadini Romani , e gloriarſi a un tempo ſteſſo di due patrie , come


( a ) Cic. de dice Cicerone ( a ) : Omnibus Municipibus duas eſſe cenſeo patrias , unam
Leg. Lib. 11. naturæ , alteram Civitatis : ut ille Cato , cum effet Tufculi natus , in
Cap. 11 .
populi Romani Civitatem ſuſceptus eſt , cum ortu Tuſculanus eſſet , ci
vitate Romanus , babuit alteram loci patriam , alteram juris . E non
ſolamente di due patrie ſe ne pregiavano , ma all'una e all' al

tra ancora ſervivano , ſe facea biſogno , ne' Magiſtrati , come veg


giamo in Milone , il quale era Dittatore in Lanuvio , antico Muni
cipio dond' egli uſciva , nel medeſimo tempo che chiedeva in Roma
( b ) Id . pro il Conſolato ( b ) . Ma ſopra ogni coſa fu ftimabile in eſſi il poter
Milon.Cap.x . lungi da Roma
e ne ' proprj lor Municipi occupare i poſti di quellº
alma Città , e il poter giungere eziandio al grado eccelſo Senatorio ,
ſenza aver mai molte volte neppur veduto Roma come teſtifica s.

( c ) De Ci- Agoſtino ( c ) : Numquid non , dice egli , multi Senatores in aliis


mit. Dei. Cap. terris , qui Romam ne facie quidem norunt ? Se per queſta via de' Mu
XVII.
nicipi , e del Gius della Romana Cittadinanza , uſcito fuori di Ro
ma , e ne’ medeſimi realmente introdotto , e ſparſo per l'Italia , final
mente ci ſi voleſſe dare ad intendere a queſta noftra parte l'Italia ci
vilmente accreſciuta , una buona apparenza pur potrebbe avere un co
sì fatto penſamento ; quando però combinabili foſſero i tempi , e co
municato non ſi foſſe troppo tardi , come ſi è detto un tal diritto

all ' Italia noſtra oltre Po , o ſia alla Gallia Tranſpadana .


Diſli , una buona apparenza , conciofiacofachè fuppoſto ancora , che
il diritto della Cittadinanza Romana in effetto , molto prima di Ce
fare , e fin dal Conſolato di Pompeo Strabone , nelle Colonie tutte
della noſtra Gallia , e in Trieſte medefimo fi foſſe attualmente diffu
fo , non è però ch ' io ci vegga neppur per queſto il motivo ; per
cui debba dirſi l'Italia Civile , mediante un tal diritto accreſciuta .
Italia civile , per quanto io fo , preſſo gli antichi in queſto ſenſo
mai
ANTICA DEL
DEL FRIULI . 59

mai non fi diſſe , ed è eſpreſſione aſtratta de'noſtri tempi , che con


tien più di brio , che di verità . Per Italia Civile ſotto i Romani ,
noi crediamo non doverſi intendere ſe non quella > che in qualche
modo per ragion pura di governo , alterò l'ordine e il ſiſtema dell'
Italia naturale e Geografica , e preſa in queſto ſenſo la troverem

diviſa come ſopra , in Latini , Italici , e Provincia Gallia . Per for


ma della qual diviſione preſſo i Romani fu ſolito che l'Italia di

quà del Rubicone , non più Italia comunemente ſi appellalle , ma Gal


lia Ciſalpina , a differenza della reſtante Italia , che ritenne ſempre
immutabile l'antico nome , e che poſcia fra gli Eruditi col nome di
Italia propria troviamo contraſſegnata .
Chiaro è quindi , che Strabone dee intenderſi con cognizione , e
con riſerva , là dove dice , che ai Romani , dopo aver ricevuto gli

Italiani nel numero de ' ſuoi Cittadini , piacque di conferire e comu


nicare un tal fregio anche ai Galli Ciſalpini , ed ai Veneti , e di chia
mare e queſti e quelli indifferentemente ( a ) nel 'Irunctas ng 'Pa
pairs : Italos pariter ac Romanos . Così Dione iſteſſamente va inteſo ( a ) Strab.
à quel paſſo , ove dice di Padova , antica Capitale
della Venezia Lib.
201 . v . pag.
( 6 ) : ιν Παταεΐω της νυν Ιταλίας , τότε δε έτι Γαλατίας : Pata
vii, quæ nunc Italic urbs eft, eo autem tempore Galliæ fuit: Polibio , ( b ) Dio Lib.
XLI . Cap.
e il rimanente de ' più antichi e ſaggi Scrittori , come avvertì il Maf- LXI .
fei ( c ) , ci deſcriſſero ſempre l'Italia quale or l'abbiamo e però
Italia , e Italia Propria fu in ogni tempo anche la Gallia Ciſalpina, ( c) Ver. Ir.
e la Venezia . Solo ai Romani , per particolar lor polizia , piacque Lib. iv . col.
diſtinguere i popoli di queſte due Regioni dalla reſtante Italia , e te- 80.
nerli amendue lungo tempo ſotto il nome di Gallia Ciſalpina in for
ma di Provincia . Il perchè al caſo quì ſopra riferito da Strabone
• ridonando eglino ai Veneti , ed ai Galli il nome d'Italiani , non fe
cero altro , che reſtituir loro ciò che indarno gli avean prima nega
to , e ritornare al natural ſuo eſſere quell' Italia , che pel tratto di
queſte due Regioni , civilmente , e per ragion fola di governo avca
no accorciata .

Raccorciata adunque , ſe le memorie antiche non c'ingannano , noi


troviam civilmente l'Italia ſotto i Romani , e non accreſciuta ; ed è
un inganno dell'immaginazione il credere , che il diritto della Ro
mana Cittadinanza civilmente la poteſſe accreſcere . Un cotal diritto
potè ben accreſcere civilmente Roma , unico fonte e vero centro
della Romana Cittadinanza , ma non mai l'Italia . Il diritto di Cit

tadinanza , in quelle Città che il conſeguivano , facea perdere ai po


poli la libertà delle proprie leggi , e le neceſſitava a ſtar ſotto a
H 2 quela
60 DELLA GEOGRAFIA

quelle di Roma ; imperciò , al caſo della legge Giulia , come atteſta


Cicerone , gli Eraclieli , e i Napoletani ſi ſcoflero , perchè riputavano
( a ) Cic. pro un tal fregio piuttoſto una perdita , che un acquiſto ( a ) : Magna
Balb . cap.
contentio Heraclienſium en Neapolitanorum fuit , cum magna pars in
V111 .
iis civitatibus juris ſui libertatem Civitati anteferret . Minoravaſi la
ſtima e l'amore delle naturali loro patric ne ' Cittadini de' Municipi ,
e accreſcevaſi quello di Roma , e il tutto andava a finire , e ad im
mergerſi in quella Città . Di un tal traſporto la Filoſofia non potè
difendere neppur Cicerone , che di Arpino , natural ſua patria , in
( b ) Id. de Sic nose
confronto di quella di Roma , la decide così ( b ) : Sic nos eam
Leg. Lib. 11.
Cap . II. patrium ducimus ; ubi nati ; Ġ illam qua excepti ſumus . Sed neceſſe
eft , caritate eam preſtare in qua reipublicæ nomen & univerfa Civi
tatis eft : pro qua mori , & cui nos totos dedere , “ in qua noſtra
omnia ponere , & quafi confecrare debemus · Dulcis autem non multo

fecus eſt ea quæ genuit , quam illa quæ excepit . Itaque ego hanc
meam eſſe patriam prorſus nunquam nezabo , dum illa ſit major ,
bæc in ea contineatur .

Con maggior diſcapito ancora , che non fa Cicerone de ' Munici


pj , parlò Mecenate ad Auguſto , in conſigliando quel Monarca a dif
fondere il diritto di Cittadinanza a tutto il mondo Romano > ful

fondamento , che tutti i cittadini de' nuovi Municipi conſiderati ſi


avrebbono come tanti concittadini di Auguſto , e che d'indi in poi
per vera Città riputata non avrebbono ſe non quella di Roma , non
calcolando più le naturali loro patric , ſe non come tanti borghi, e
(c ) Dio Lib .
tante campagne ( c ) : ώσπερ τινα μίαν την ημετέραν πόλην οικώντες :
111. cap. XIX.
και ταύτον μίν όντως πόλιν , τα δε δη σφετερα , αγρες και κώμας
roliCOITÉS I'll : quaſi unam nobiſcum urbem incolentes , eamque vere
urbem , ſuas autem patrias , pro agris & pagis reputantes . Non aderì
Auguſto a un tal conſiglio ; ma Caracalla finalmente il poſe ad effet
to 2 e fornà del Gius della Romana Cittadinanza tutti i popoli del
( d ) Id. Lib. Romano Imperio ( d ) ; onde Cenſorino , che ſcrivea ſubito dopo Ca
lxxvii . Cap . racalla , non ſeppe al mondo intiero aſſegnar altra patria che Roma
IX.
( e ) Cenfor. ( e ) : Itaque , dice egli, ut ſæcula poſſim percurrere , & hoc noftrum
Cap . xvi. præſens deſignare , omiſſis aureis , argenteiſque , & hoc genus poeticis ,
num. 7. a conditu urbis Romæ , patriæ noſtra communis , exordiar . Ed ecco co
me il Gius della Romana Cittadinanza in vece di accreſcer l'Italia ,
some vorrebbeſi , ne la fpogliò anzi di tutte le ſue leggi , e degli
antichi ſuoi coſtumi, la impoverì di abitanti , e di cittadini , le in
volò in gran parte le più ſplendide ſue fortune , e le più diſtinte ,
e un poco alla volta civilmente la annientò .
Che
ANTICA DEL FRIULI . 61

Che ſe mai il diritto di Cittadinanza , che comunicarono i Romani

ai Municipi , pretender vogliaſi tuttavia , che aveſſe la virtù di accreſcere


l'Italia Civile , creder dovrebbeſi eziandio , che una virtù così fatta
non operaſſe meno in Italia , che fuori , e che uguale accreſcimento
le ne derivaſſe dal comunicarlo ai popoli d'Italia , che alle genti fo
reſtiere . Nulladimeno fino a quì niuno ancora s'è immaginato , che
l'Italia ſi dilataſíc , nè civilmente , nè geograficamente , perchè Ceſa
re ammiſe alla Cittadinanza Romana i popoli di Tarſo ( a ) . Nè ( a ) Dio Lib.
XLVII. Cap.
l'Appoſtolo S. Paolo quando ſi ſchermà da Liſia con un tal titolo , xxvi.
aſferì per queſto d'eſſere Italiano , ma difle ( b ) : Romanus ſum . Così Cellar . Orb .
è da dirſi , per tacer di tant'altri , quando Claudio Imperadore int. Tom.11.
ac-
pag . 216 .
cordò un tal fregio alla Gallia Comata , non badando ai Romani (
, b ) AL.
che a riferto di Tacito , gridavano ad alta voce ( c ) : An parum quod Apoft. Cap .
Veneti & Inſubres Curiam irruperint , niſi cætus alienigenarum velut XVI . num.37.
xxli . 1. 25 .
captivitas inferatur ? Vedete dove andava a finire la Cittadinanza Ro 27 .
mana ? Ella tendeva ſempre al ſuo centro , e andava a terminare in ( c ) Tac.
l'Italia o Annal. Lib .
Curiam , in Senato , in Roma ; e Roma intanto , e non l'Italia o
XI. Cap.xxill.
la Francia , civilmente accreſcevaſi a gran paſli . Così la inteſe anche
Patercolo , uno de ' più eccellenti e fini conoſcitori delle coſe di Ro
ma , là dove uniti al catalogo delle Colonie condotte per comando

del Senato , volendo eſprimere i Municipi , o ſia le Città innalzate


al diritto della Romana Cittadinanza , per la comunione d'un tal
Gius niente accreſciuta sì fognò l'Italia , o il di lei nome , ma all '
oppoſto chiaramente diſle , e ſenza equivoco ( d ) : Civitates propaga- Lib.
( !) Pater.
I. Cap .
tas , au &tumque Romanum nomen communione juris . xy .
Indarno adunque ſi è ricorſo , e ſi ricorrerà ſempre alla legge
Pompea per far parlar Plinio a ſuo modo , tanto nella ſuppoſizione
ch'ella importi il Gius Latino , quanto quello della Cittadinanza Ro
mana ; per le quali due vie civilmente ſi accrebbe ſempre Roma , è
non mai l'Italia , che tutto all'oppoſto per tal cagione infinitamente fi
diminuì . Nè per torcere il Pliniano ſentimento giova punto l'allioma
aggiuntovi , che ( e ) l'Italia Geografica non ſi raccorciò mai , nè ſi allungò. ( e ) Delle
Che l'Italia Geografica e naturale non ſi raccorciaſſe , ella è veramente Ant. Rom .
coſa d'una ben grave e ſomma probabilità ; benchè all'incontro oppi- dell61 . Ifr. pag.
nione ſia di molti Scrittori antichi , che la Sicilia una volta le foſſe
unita , e che poſcia fi feparaſle , come Virgilio ci laſciò ſcritto ( f ) : ( f ) Æneid.
Lib. III. v.
Hæc loca vi quondam , & vaſta convulſa ruina
414
( Tantum avi longinqua valet mutare vetufas )
Diſſiluiſſe ferunt , cum protinus utraque tellus
Una foret .
Ciò
DEL LA GEOGRAFIA

ciò che Servio avvalora coll'autorità di Salluſtio , e può confer :


marſi ancora con quella di Ovidio , di silio Italico , di Pomponio
( a ) Ovid .
Met. Lib. xy. Mela , di Plinio , e di Strabone medeſimo ( a ) , il quale , non la si
V. 290. cilia ſolamente , ma le tré Iſole ancora d'Iſchia , di Procida , e di
Sil. Lib . xiv. Capri , riferiſce per antica tradizione eſſerſi creduto , che all ' Italia
0. 11 .
Mel. Lib . anch'eſſe una volta foſſero unite , e che ficcome la Sicilia da Regio ,
11. Cap. vil. così Iſchia e Procida da Capo Miſeno , e Capri dal promontorio
Plin. Lib.111. della Minerva , fi foſſero poſcia diſtaccate . Ma che poi l'Italia ſotto
Cap. vii .
Strab . Lib.1 . i Romani non ſi allungaſſe , non ſo in qual modo pofſa metterfi in
pag. 56. diſputa , richiamando contro apertamente il fatto , e la verità . Il Trie
ftino , e l' Iſtria prima di queſti tali tempi ognuno fa , che non erano
Italia . Ma da che i Romani portarono il confine Italico dal Timavo
al Formione , indi dal Formione all' Arla , e l'uno e l'altra divennero
Italia con principi tali , e tanto geograficamente , che non iſpoglia
sono mai più l'eſſere d' Italiani , nemmen dopo eſtinto il Romano
Imperio , e paſſata ai Campi Elisj la Romana Cittadinanza . Tanto
è vero che Plinio in ſoſtanza , quando diſſe : Formio amnis , antiquus
ancta Italia terminus : parlò dell'Italia Geografica , e non della Civile .

杂杂杂 杂 杂 杂 杂 杂 杂 杂 杂杂 杂杂 杂 杂杂 杂 杂 杂 杂 杂杂 杂杂杂 杂 杂 杂杂 杂 杂 杂 杂 杂 杂 杂 杂 杂色 色 色 色

CAPITOLO SETTIMO .

Dell'origine , e antico ſtato de Veneti , e de motivi , e del tempo del


lor paſſaggio ſotto la dominazione de' Romani .

A giuſto è ormai prima di chiudere il diſcorſo ſopra


il noſtro piano , e ſopra i Veneti , di trattenerci al
quanto anche intorno alla loro origine , e all'antico
loro ſtato . Celebratifli ma è l'origine de'Veneti , preſa
M
dagli Eneti , popoli della Palagonia , ſotto la condotta
di Antenore Trojano , di che ne è piena 1' Antichità , e ben chiari
fi leggono i teſtimonj in Scimno da Scio , Giuſtino , Ovidio , Silio
Italico , Plinio , é particolarmente in Livio , ed in Virgilio . Non è
però per queſto , che la Storia d' Antenore , e de' ſuoi Eneti , avve
gnachè confermata da un numero così grande di Scrittori , non vada
tuttavia ſoggetta a fortiſſimi dubbj , come'tant'altre fole della guerra
Trojana . Il primo a porla in diſcredito ſembra eſſer Polibio , atte
( b ) Polyb .
Lib . II . Cap. ſtando egli chiaramente , che dintorno a coteſti popoli i Poeti molte
XVII. coſe avean detto , e molto avean favoleggiato ( 6 ) : Slepa wv oi tpam

gcódica
ANTICA DEL FRIULI , 63

γώ διογράφοι πολύν τινα παποί ηνται λόγον , και πολυν διατίθετα


Tipareiav : De quibus multum Tragici Poetæ ſermonem fecerunt , mul
taque fabulantur . Erodoto di una tal origine non ne fa parola ; an
zi chiamando i noftri Veneti ( a ) : 'Ixlup:
'Every's : Enetos , qui Li
( a )Herodor.
b . 1. pag.
ſunt ex Illyriis , manifeftamente par che ad eſli origine Illirica aſſe 90.
gni. Dion Griſoſtomo riferiſce , che ( 6 ) 'Arthuwp ' Evetāv éxpéri- (b) Orat .de
Ilio non capto.
DE , noj ons opísnsgñs nepi' TÒr 'Alpíav: Antenor Henetos , eam optimam
circa Hadriaticum finum regionem fui juris fecit . Che ſe così è , An
tenore non conduſſe altrimenti ſeco gli Eneti , ma gli fottomiſe co
me vecchi abitatori di queſto tratto . Servio conviene e con Erodo
to , e con Dione , confermando agli Eneti l'origine Illirica , e fa
cendoglidi là venire ſotto la condotta non già di Antenore , ma
( C ) Serv. ad
molto prima ſotto quella d'Eneto loro Re (C ) . Ciò che fece pen- Æneid. Lib.
fare al diligentiſlimo Cluverio , che i Veneti innanzi la guerra di I. v. 247.
Troja poteſſero eſſer paſſati dal vicino Illirico ad iſcacciar gli Euga
nei , e ad occupar quel tratto di terra , che Venezia da eſli fu poſcia
denominato ; e che Antenore , giunto che fu da Troja a queſte par
ti , ſe pur mai ci venne , gli ſottometteſſe ( d ) . ( d ) Cluv.
Ant .
Nulladimeno Strabone , Scrittore quanto ogn'altro grave , e fornito Lib. 1. Cap.
d'eccellente critica , dell'origine de' Veneti ce ne porge una differen- xvii.

te idea . Narra egli ,eſaminando il punto degli Eneti della Paflago


nia , che ai tempi ſuoi dicevaſi , che in quella provincia gli Eneti
non ſi trovavan più , e che c'era chi aſſeriva , che Antenore co ' ſuoi
figliuoli , in compagnia di coteſti Eneti trasferito ſi foſſe a ſtabilirſi
all'intimo ſeno dell'Adriatico , e che di quì fecondo queſti tali po

tea crederſi probabilmente , che ne derivaſſe la mancanza degli Eneti


Lib) , Stra
nella Palagonia ( e ) . Nella deſcrizione poi della Troade racconta il (e xit. b
pa. g.
medeſimo , che la guerra Trojana , e il Poema d'Omero grande ecci 522 .
tamento aveano dato alle conghietture de' dilettanti d'Antichità ( f ) ; ( f) Strabo
Lib . XIII .
ma che il tutto era pieno di contraddizioni , maſſimamente intorno
pag . 556 .
alle coſe d'Enea , e d’Antenore ; e che Sofocle , uno forſe di que'
Tragici , di cui Polibio inteſe di parlare , nell'incendio di Troja eb
be a dire , che la caſa d'Antenore fu riſpettata , per aver egli nella
medeſima ricoverato Menelao . Dond' ebbe origine il racconto , che

Antenore co 'ſuoi figli, e cogli Eneti , aveſſer campo di rifuggirſi in


Tracia , e di paſſar di là in que' ſiti dell'Adriatico , che Venezia poſcia ( 3 ) Id . ibid.
fi diſſero ( 8 ) . Ma nella deſcrizion dell'Italia incomincia Strabone a non pag. 580.
eſſer pago intieramente d'una tal leggenda , dicendo , che oltre que
ita degli Eneti della Paflagonia , correva un'altra voce dintorno ai
noftri Veneti , che gli facea d'origine Gallica , e della ftirpe di que '
Vene
64
DE GE
LL OG
A RA
FI
( a ) Id. Lib . Veneti , che all' Occano abitavano inſu le coſte di A
Francia ( a ) . Fi

v. pag. 203. nalmente nella Geografia per appunto della Francia , parlando di co
teſti Veneti ſituati all'Oceano , ſpiega apertamente il fuo giudizio ,
( 5 ) Ιd . Lib. e dice ( 6 ) : Τέτα ; οίμαι τους Ουενετους οικιςας ναι των κατα τον
1V. pag. 187. ' Αδρίαν . και γαρ οι άλλοι πάντες σχεδόν τι οι εν τη Ιταλία Κελ
του μετανόσησαν εκ της υπέρ των " Αλπεων γης: καθάτερ και οι Βοΐοι
και οι Σίνωνες : δια δε την ομωνυμίαν Παφλαγόνας φασίν αυτους:
λέγω δ' ουκ ισχυριζόμενος αρκεί γαρ περι των τοιούτων το οίκος :
Hos ego Venetos exiſtimo Venetorum 'ad Adriaticum ſinum effe au & tores :
quando reliqui etiam fere omnes Galli qui in Italia ſunt , ex tranſalpi
nis eo immigraverunt Regionibus , ut Boii & Senones ; cum alii Pa
phlagonibus id adſcribant propter Henetorum nominis ſimilitudinem . Ne
que cgo id pro certo tamen affirmo , cum in hujuſmodi rebus probabili
conje &tura par ſit eſſe contentum .
Queſta conghiettura di Strabone , piena di giudizio , e di modeſtia ,
non ſoddisfece intieramente al Cluverio , contro cui vi trovò molte
coſe a ridire , ſembrando a lui , che fra gli antichi a Strabone folo
veniſſe in teſta oppinion ſi peregrina , e ſingolare , e che tutti gli
altri , non eccettuato nemmeno Polibio , teneſſero i noſtri Veneti lon
( c ) Cluv .
tani affatto dall'origine Gallica ( c ) . Ma ſenza perdere la menoma
ibi .
parte della ſtima , che ſi conviene a quel grand' uomo, diremo che
un tal ſuppoſto , per quello che riſguarda Polibio , aflolutamente non
regge ; e che tanto è lontano , che Polibio la intendeſſe così , quanto
che ci pare d'aver fondamento di credere , che Strabone non d'al
tronde ricavaſſe queſta ſua conghiettura , che da Polibio medeſimo ,
della cui Storia egli ne fa un alta ſtima , e un uſo frequentiffi mo
nella ſua Geografia . Imperocchè veggendoſi in Polibio , nella deſcri
zion che fa dell'Italia , e nel regiſtro delle genti Galliche , che co
ftituivano la Gallia Ciſalpina , meſchiati e confuſi inſieme con que'

( d ) Polyb. popoli anche i Vencti, e annoverati tutti col ſeguente ordine ( d ) ,


Lib. 11. Cap. Lai , Lebecj. Inſubri , Cenomani , Veneti , Anani , boj , Egoni , e Seno
XVII .
ni ; e tutti indifferentemente del medeſimo modo di viver ſemplice e
rozzo , ſenza ſcienze e ſenz'arti , ſenza Città , e ſenza ſuppellettili ,
a dormir ſull'erba , e a non penſare ad altro che alla guerra , e al
la campagna , ci vuol ben tutto lo sforzo per credere che tutti egual
( e) Cluv.ibi. mente , e per conſeguente anche i Veneti non foſſero d'una medeſima
Cap. xvill . razza . In fatti il nome della Città di Padova , Capitale antica della
( f) Duiac. Venezia , fi giudicò da Cluverio medeſimo eſſer d'origine Celtica
in Not. ad
Lir . Lib. x . ( e ) , e Celtica in conſeguenza anche l'origine della Nazione . Sembro
Cap. 11 . ciò non oſtante troppo ricercata al Dujacio ( f ) , e pare anche a me
una
ANTICA DEL FRIULI. 65

una tal derivazione , ſe dall' Illirico , come da gente Celtica , pretendaſi


con Cluverio di trarne la radice . L'Illirico , a penſamento di Cluverio
ſteſſo , antichiſſimamente trovaſi diſtinto , e ſeparato da tutte le genti
Celtiche in maniera , che dagli Scrittori antichi mai non regiſtraſi
ſotto queſta denominazione , toltone il ſolo Appiano ( a ) , che chia- (a ) Cluv.
ramente nondimeno diſtingue in quel ſuo confuſo e oſcuriflimo paſſo Germ . Ant.
i due figli di Polifemo e Galatea , Celto , ed illirio ( b ) , da cui fa- (b ) Appian.
voleggiaſi , che ne uſciſſero queſte due fra ſe diverſe Nazioni. Imper- in Illgr.
ciò d'altronde che dall'Illirico derivar ne dee il nome Celtico della

Città di Padova , e l'origine antica de ' noſtri popoli Veneti ; onde


Polibio annoverandogli in più luoghi , come vedremo , fra le genti
Celtiche , o vogliam dire Galliche , niuna relazione ebbe mai all'ori
gine Illirica , nè come tale , nè come Celtica : denominazione ita in
que ' contorni , ſe pur mai vi fu , tanto prima dell'età Polibiana
difuſo e in obblivione , e degna ſoltanto di rimanerſene tra le favo
le di Polifemo , e de'Ciclopi ,
Narra dunque Polibio , che eſſendo i Romani l'anno di Roma 521.
per forma della legge di Cajo Flaminio Tribuno della Plebe , paſlati
a divider le terre del Piceno , d'onde fin l' anno 470. avean cacciati

i Galli Senoni , e condotta aveano la Colonia di Sinigaglia ( c ) , ri . ( c ) Polsb.


ſentimento e geloſia così grande cagionò un tal fatto nell' animo del_ ibid . Cap.xix.
le altre genti Galliche , che molti di coſtoro ( d ) : Tomi Tv la- ( d ) Id . ibid .
datav : multi Gallerum populi , temendo anch'eſli una ſimil forte , e Cap. XXI.
maflimamente i Boj , che confinavano coi Romani , fi ferrarono ſtret
tamente in lega ; nella qual lega decide mirabilmente il punto il
vederſi , che fra gli altri popoli , e ſotto il general nome di Galli
vi entrarono , per teſtimonianza dello Storico , anche i Veneti . Im
perciocchè continua egli a dire , che per comun conſiglio di tutta la
lega , due popoli infra di loro i più potenti , cioè gl'Inſubri e i
Boj , ſpediron fubito Ambaſciadori di là dai monti a certi Galli ,
che abitavano fra l’Alpi e il Rodano , e che Geſati ſi diſſero , fol
lecitandogli con promeſſe , e con ricchi doni a entrar nell'alleanza
Gallica contro i Romani ; e che que' Barbari ben toſto ci entrarono
con tanto impegno e intereſſe , che alle tirono' un numero di truppe
sì poderoſe , e di tal valore e attività , che un ſimile non s'era più
veduto uſcire da que' contorni ( € ) ; capo agli ( e ) Polyb.
e che finalmente in
anni otto , da che le terre del Piceno erano ſtate diviſe , cioè l'an
ľ ibi. Cap.xxii.

no di Roma 528. fuperate l’Alpi con eſercito formidabile e ma

gnificamente alleſtito , giunſero i Geſati al Po , dove le Galliche no- ( f ) Id ibid.


ſtre genti gli ſtavano attendendo ( f ) .. Ma. dice Polibio a queſto paf- Cap.xx111.
I ſo ,
66 DELLA GEOGRAFI
A

fo , che la lega Ciſalpina in quel torno eraſi di già diviſa e lace


rata , e che gl'Inſubri e Boj erano bensì tuttavia coſtanti e fermi
nel propofito , ma che per lo contrario i Veneti e i Cenomani , lu
ſingati e ſedotti da una folenne Ambaſceria avean preferito all'u
nione Gallica l'alleanza de'Romani : Tò he's šv 'Iróußpao noi Bosūv
γένος έμμεινε γεννέως εν ταις εξ αρχής επιβολαίς : οι δε Ουενετοι
κα Κει ομά οι , διαπρεσβευσαμένων Ρωμαίων , τέτοις άλoντo συμμα
xriv : Et Inſubres quidem ac Boii in ſuſcepto ſemel conſilio perſiſte
bant : Veneti vero ac Cenomani , accepta a Romanis legatione , horum
Jocietatem præoptarunt . E diverſion tale , al dir dello Storico , cagio
nò alle coſe della lega l’incoſtanza e il ritiro di coteſti due popoli ,
e l'adeſion loro inaſpettata al partito de' Romani , che i Condottieri
delle genti Tranſalpine per ſoggezion de ' medeſimi, laſciar dovettero
lor malgrado parte delle truppe in ſul confin d'Italia , per cuſtodia
e difeſa delle proprie lor contrade .
Da queſti palli niente ambigui , o dubbioſi , ma chiari affatto , ed
évidenti di Polibio , Scrittor lontaniffimo dai vaneggiamenti , e dalle
favole dei Poeti , e immortal promotore della ſcienza Critica , e del
la più ſincera e onorata Storica verità , crederemo noi che ognuno
pofía comprendere il grave ed autorevole ſentimento ſuo dintorno ai
Veneti , e alla vera loro origine , che ſicuramente non fu di farneli
venire , nè dagli Eneti , nè dalla Paflagonia , e nè tampoco dall' Illi
rico > ma bensì dalle nazioni Galliche infra di noi quì venute nelle

età più rimote a ſtanziare . Il che di bel nuovo conferma egli là do


ve in proceſſo di queſta guerra medeſima all' anno 530. riferiſce ,
che eſſendoſi poſtati i Romani alla ſponda di un fiume contro degl*
Inſubri , e veggendoſi inferiori di molto al numero di coſtoro , pen
favano di valerſi delle truppe Galliche aufliarie , che ſiccome con Po
(a) Polyb.ibi. libio abbiamo oſſervato , conſiſtevano ne' foli Veneti e Cenomani ( a ) :
Cap. ΧΧΧΙΙ. Έβούλοντο συγχρησθαι ταις των συμμαχούντων αυτοις Κελτών δι
vclusor : Auxiliaribus Gallorum fociorum copiis uti in animo habebant
Ma conſiderando i Romani , dice Polibio , la natural incoſtanza della
nazion Gallica nel mantenimento de patti , e inſieme il gran perico
lo che correvano , nell'affidar ſe ſteſli , e le coſe ſue in mano a que
fti due popoli , che per vincolo d'origine e di cognazione , troppo
congiunti crano con que' medeſimi , con cui faceaſi la guerra : oud
λογσάμι οι τήν τε Γαλατικην αθεσίαν : και διότι προς ομοφύλος των
προσλαμβανομένων μέλεσι ποιείται τον κίνδυνον : animadvertentes
Gallicam in fæderibus inconſtantiam , ſimulque eorum , quos aſſumerent ,
cognationem cum iis , quibus erat bellandum : conchiuſero in ogni mo
do ,
ANTICA DEL FRIULI : 67 .

do ; che non era da prometterſi della loro fede ; e fattigli paſſare il


fiume, col taglio de' ponti levarono improvviſamente fra elli e il
Romano eſercito ogni comunicazione .
Per ſentimento adunque di Polibio , e per quanto da lui raccoglie
ſi , chiaro. appariſce , che i Veneti egualmente che i Cenomani , an
ticamente , e fin da principio entrarono colla turba degli altri popo
li Gallici a coſtituir la Gallia Ciſalpina , o vogliam dire Italica ,
fabbricati e compoſti della ſteſſa paſta , e ſul medeſimo conio degli
altri ; e che amendue queſti popoli ſotto il nome di Galli , è come
due delle Galliche genti ſegnarono anch'elli . l'anno 52 1. l'alleanza e
unione Gallica contro i Romani ; e che in tutta la lega furon egli
no i primi, e i ſoli due popoli , che intorno all'anno 528. fi la
fciarono dai Romani con luſinghe e con pratiche diftorre dall'unio

ne ; e che l'anno 530. dai Romani medeſimi preſi furono finalmente


in ſoſpetto è in diffidenza , ſul fondamento della naturale Gallica in
coſtanza e per cffere ομόφυλοι vale a dire ejufdem generis , della

medeſima razza degli altri : popoli , che facean la guerra ai Romani .


Ed ecco . d'onde , e da qual fontè chiaro e nobiliffimo potè deri
var Strabone la ſua conghiettura , e l' oppinione ſua ben giuſta è ra
gionevole . Conſtava al medeſimo per autorità di Polibio , eſſer certa
ne’Veneti all'Adriatico l'origine Gallica . Veneti altresì conoſceva egli
fituati all'Oceano, nella Gallia , dove tuttavia ſufliſter ſi credono nella
Città dl Vannes , pofta nella Brettagna inferiore e nel porto antico
di Vindana . Credette imperciò quell’eſimio Geografo molto più vici
no al vero , che i noſtri Veneti , eſſendo d'origine Celtica difcen

deſſero dai Veneti della Gallia , che dai poco meno che favoloſi Ene
ti della Paflagonia , o dall oſcuro e ignoto Eneto Re dell' Illirico
Nè altro a mio credere ha trattenuto l'animo e il ſingolar giudi

zio di Strabone , di non pronunziar. per certa una tal origine , ſe


non l'incertezza e oſcurità del tempo del paſſaggio de' Veneti , dalla
Francia in Italia ; i quali , per atteſtato di Livio ', già ſulliſtevano
all'intimo ſeno dell'Adriatico in confin degli Etruſci , allorchè la
gran folla delle genti Galliche paſsò verſo l'anno 156. della fonda
zion di Roma , ſotto Tarquinio Priſco a ſtabilirſi nell' Italia noſtra .
Circompadana (a) . ( a ) Liv. Iib ..
Quindi è che ſerve incontraſtabile . fenti- v. Cap.
poco , contro il ' chiaro e
XXXIII.
mento di Polibio ne' paſli allegati , il dirſi da Cluverio , che da Po XXXIV .
libio ſteſſo ſi diſtinguono ad evidenza i Veneti dai. Galli. ,, e che fi
appellano in confronto degli altri popoli Gallici , γένος άλο πάνυ
zaradv : populus alius longe antiquiſſimus ; manifeſta ſcorgendoſi qui :
I 2. lai
1
68 DÉL LA GEOGRAFIA

la diſtinzión ſemplice di popolo a popolo > è non di nazione ā na

zione , e la maggiore o minore antichità di un popolo in paragon di


quella dell'altro ; come degli Etruſci per cagion d'eſempio ſuol dir
fi , a diſtinzione di tant'altri popoli Italiani . Nè giova il ripetere >
che Polibio gli diſtingue di bel nuovo in confeſſando , che i Vene

ti ufavano un parlar diverfo dagli altri : γλώττη αλλοία χρώμενοι :


fermone alio utentes ; perciocchè all'incontro lo Storico ce li avea de
fcritti poco prima ne' coſtumi , e nella coltura del corpo , poco o nul
la diſſomiglianti dal rimanente ftuolo de' popoli Gallici : Tois in Jeon
και το κόσμο βραχυ διαφέροντος Κελτών : moribus & culta a Gal
lis non abfimiles . Dove quel Kehtav : a Gallis , dal compleſſo della
Storia di Polibio , non è da porſi in dubbio , non doverſi intendere :
Tô DOIT@ KETT V : à cæteris Gallis . Non è già coſa nuova , che

i popoli d'una ſteſſa Nazione adoperaſſero lingua differente , come deglº


Indiani diſſe Erodoto nel paſſo da noi ſopra allegato in principio del
Capitolo IV. e può vederſi ancora in Strabone , ove parla degli Al
baneſi , oggidì appellati Giorgianiinfra i quali ſi contavano venti
ſei , non già dialetti , o particolari ſpezie di pronunzia , ma lingue
( a ) Strab. affatto fra fe diverſe , e differentiffime ( a ) . Oltre di che nella Fran
Lib.
483 xl . pag. cia ſteſſa , di cui parliamo , o ſia nella Gallia Tranſalpina , donde
uſcirono queſte noſtre genti Galliche , per teſtimonianza di Strabone

medeſimo , gli Aquitani non eran eglino diverſi , e dai Celti , e dai
Belgi , non ſolamente nella fattezza del corpo , ma nel linguaggio
ancora ? e i Celti , e i Belgi , benchè ſimili d'aſpetto , non eran fora
fe fra ci , και πάντες ομογλώττοι > non tutti d' una medeſima lingua
( b ) Id . Lib. ( b ) ? Quanto fia poi all'autorità di Plinio , che diceſi anch'egli di
iv . pag. 168. ftinguere i Veneti dai Galli , c il parlar degli uni da quello degli
( C ) Plin. altri , nella deſcrizione che fa d'una cert' erba in quelle parole ( c ) :
Lib . XXVI .
Halus autem , quam Galli ſic vocant , Veneti Cotoneam : riſpondeſi , che
Cap. VII .
Plinio parlava ſecondo i ſuoi tempi , troppo diſcoſti dall'età di Po
libio , e in cui non ſi contavan più genti Galliche , ſe non in Fran
cia ; nè decide punto intorno al ſiſtema Italico de' tempi Polibiani .
Non dirò niente , che Polibio nel ſuo ſecondo Libro fi dichiara di
non accingerſi per altro a deſcriverci l'Italia , che per additarci il
vero ſito , che i Galli Tranſalpini anticamente ivi occuparono , e i
confini di quella pianura , che da eſſi poſsia Ciſalpina Gallia ſi diſ
fe ; de' quali popoli e del qual paeſe particolarmente nel mede
fimo Libro dovea trattare e che ce lo figurò di forma triangola

re ; il di cui punto verticale ſecondo lui , era dove l'Alpi congiun


gonfi coll ' Apennino al di ſopra di Marſiglia , non molto lungi dal
mar
ANTICA DEL FRIULI . 69

mar di Sardegna ; e il lato ſettentrionale formavaſi dai perpetui gio


ghi dell ' Alpi , principiando dalla punta dell ' Apennino fino all ' ulti
ma eſtremità dell'intimo feno dell ' Adriatico : il meridionale dall ' A
pennino ; e la baſe , dalla ſpiaggia del ſuddetto mare , incomincian
do da Sinigaglia ſino allo ſteſſo intimo ſeno . La qual pianura tutta ,
dice Polibio , che nella ſua circonferenza importar poteva all'incirca
dieci mila Stadj , cioè miglia Romane ci®CL . ( a ) . Non dirò nien- (a ) Polyb.

te , torno a ripetere , benchè in queſta gran pianura , che non com- ibi. Cap.xiv .
prendeva altro che popoli Gallici , e non era che Gallia Ciſalpina
ſicuramente s' includeſſe , giuſto i limiti di Polibio anche la pianu

ra Veneta , perchè in un punto di tanta evidenza ogni ulterior pro


va ſembrami ormai fuperflua .
Quel che dunque abbiamo di certo intorno ai Veneti ſe l'auto

rità graviſſima di Polibio , autenticata dal giudizio del pari autorevo


le del principe de Geografi , merita fede si è ch ' eglino furono af
folutamente d'origine Gallica , e non Paflagonica i della traſmigraz
io
ne de' quali niente può dirſi , ſe non ch'ella in ogni modo dee ſpet
tare a una qualche età molto antica e veneranda ,
qualificandogli
Polibio fra l'altre genti Galliche della Ciſalpina , per antichiſſimi ,
e che oggimai non parlavano più come gli altri Galli , ma uſavano
una lingua differente : cambiamento non difficile a vederſi in que'po
poli , che nell' altrui terreno troppo lungamente vi fermano il piede ,
e vi fi vanno incorporando col tratto de' fecoli , e per così dire im
medeſimando ; come degli Umbri per cagion d'eſempio ſi oſſerva
progenie anch'eſſi d'antichi Galli , a riferto di Marc Aurelio preſſo
Solino , e Servio ( b ) ; i quali purè dimenticaron col tempo la lin- ( b ) Solin.
gua ſua naturale e il cui paſſaggio in Italia , innanzi i tempi di Cap. viii ,
Tarquinio Priſco , riman ſepolto anch'egli infra i fecreti dell'anti- Serv. Æneid .
Lib . xll . .
chità più recondita . 753 .
Coſa certa è pure , che queſta noftra Venezia fin da' ſuoi primor

altri ,,
ad altri
etto ad
dj conſiſteva in un popolo prode , non ſoggetto e vivente

in libertà . Celebre è il fatto de' Veneti ſeguito l'anno di Roma 363.


allora quando i Galli Senoni ſotto la condotta di Brendo , dopo aver
preſa e incendiata Roma , erano giunti a por l'aſledio al Campido
glio , e l'avrebbero eglino facilmente eſpugnato ; ma un invaſione de'
Veneti , dice Polibio , nelle loro terre , gli obbligó a pattuir coi Ro
mani , e a ritirarſi ( c ) : Cerouéve si artionéoMatos , ngj OUEVETWV ( c) Polyb .
εμβαλόντων ας την χώραν αυτών τότε μεν ποικσάμι οι συνθήκας . ibiCap.ΧVΙΙΙ
προς Ρωμαίες , και την πόλιν αποδόντε;, επανήλθον εις την οικείαν :
Sed interveniente caſu , qui domum eos revocabat , quod Veneti ipforum
fines
70 D. EL LA GEOGRAFIA

fines cum infeſto exercitu erant ingreſſi , pace. cum Romanis facta i ure
beque ipſis reddita ad fuas ſedes redierunt , Dal qual ſemplice e ori
ginal racconto di Polibio può ſembrare aver odor dă intreccio anzi
che no tutto quello , che da Livio > con omiſſion troppo grande é 1
troppo notabile di un tal fatto > vi s'introduce in cambio e vi ſ

eſagera di raggiri per richiamar Camillo dal bando del notturno

aſſaito de'Galli , del ſilenzio de Cani ; delle grida e dello ſtrepito del
le Oche Capitoline , del vergognoſo accordo ch'eran per far con Bren
no i Romani , della comparſa improvviſa di Camillo a liberar l'aſſe
dio , e della ſconfitta dal medeſimo data in quel gran punto alle
( a ) Liv. Iib. Galliche genti ( a ) ; in tempo che chiaro appariſce , per teſtimonian
v. Cap. XLVII.. za di queſto grande Autore , il vero e principal motivo dello ſcio
ſega
glimento di un tal aſſedio ., nato non già per ſoccorſo , o per valor
di Camillo , ma unicamente per opera , e per fatto memorabile de
gli antichi noftri Veneti . Nè meno chiara fu la vittoria navale de" .
medeſimi , riportata l'anno di Roma 450. ſotto il Conſolato di Lu
cio Genucio , e di Sergio Cornelio Lentulo , contro la flotta de'Gre
ci , e di Cleonimo Spartano loro Amiraglio ; per cui fi fecero le
gran feſte in Padova e durava ſino ai tempi di Livio l'uſo di ce

lebrarne ogn'anno folennemente la memoria in mezzo alla Brenta ,


( b . ) Id . Lib . con un finto navale combattimento ( b ) .
X. Cap. 11 . Ma più memorabile d'ogn'altra coſa facilmente può crederſi la lo
pramientovata lega che i Veneti in compagnia de' Cenomani nel
528. ſegnarono coi Romani , poſpoſta e abbandonata la propria unioa
ne Gallica ; per forma della quale coteſti due popoli. ſi fabbricarono
come vedremo , da ſe medeſimi. la lor . depreffione , concorrendo ſcon
figliatamente con un corpo di venti mila combattenti in favor de;
( C ) Polyb. Romani ( c ) all ' intiero disfacimento non ſolo de' Geſati , ma ezian
ibi.Cap.xxi V. dio degli ſteſli popoli Gallici della Ciſalpina , naturali e antichi ſuoi
congiunti , e confederati . Narra Polibio , che all'annunzio che i Ge
fati con poderoſo eſercito: ayean paſlato l'Alpi, tal terrore ſi ſparſe
per tutta Roma e tai maneggi uſar dovettero i Romani , e tali.
infinuazioni , che l'Italia di là da Rimini , o fia l'Italia propria ,
sbigottita non ſi credette più di dover combattere come auſiliaria , e
pel folo Romano Imperio , ma per ſe medeſima , e per comun fale.
( d :) Id. ibid., vezza di tutti i ſuoi ( d ) ; ciò che conferma. Eutropio , dicendo iſter
Cap. XX111 .
( e) Euiropa ſamente , che in queſt' incontro ( e ) pro Romanis tota Italia conſenſit ..
Lib . 111 . Al comun timore , e all'univerſal conſenſo di tutta Italia 2 ſecondo
che riferiſce Polibio corriſpoſe in poco tempo a tal ſegno , e in

numero così ſorprendente l' union delle truppe , che i Romani al.
grand
ANTICA DEL FRIULI : 21

grand'uopo non contavano meno , in fra le genti proprie , e le auſi


liarie , di ſettecento mila uomini atti all' armi per l'Infanteria €

ſettanta per la Cavalleria .


Tale nondimeno fu all'incontro l' impeto é il valor delle Galli.
che genti , che attraverſando e ſcorrendo per la Toſcana , era
no giunte ſenza oſtacolo alla volta di Chiuſi > a tre giornate fole
da Roma ; quando avvertiti , che un eſercito di Sabini e di Etruſci ,
in numero di cinquanta mila dava loro alla coda , voltaron faccia ,
e benchè vicino foſſe il tramontar del ſole , fecero teſta bravamente ;
e diſpoſto col beneficio della notte un nobile ſtratagemma , sloggiarono ,
e fi poftarono a Fiefole , dove condotti ad arte il dì ſeguente gli
Italiani , dopo una calda e ſanguinoſa zuffa ,
colla ſuperiorità dell'
animo e delle forze gli ſconfiſſero , è gli obbligarono vergognoſamen
te a darſi alle gambe , cagionando loro una perdita di ſei mila de’
ſuoi ( a ) . ( a) Polyb.
All infaufta novella volò il Conſole Emilio da Rimini in ſoccorſo ibi . Cap.xxv.
del battuto eſercito , ch ' eraſi rifuggito ſopra di un colle . Ma i
Galli , e i Gefati particolarmente che avean già preſo affetto alle
ricche ſpoglie , e al bottino incredibile ch'eraſi fatto non ſi ſenti

ron voglia d' avventurarlo , e ſulle perſuaſioni d' Aneroeſte , un de' due
Regoli delle genti Tranſalpine, preſero il partito di ritornarſene ben
carichi di preda al fuo paeſe; e sloggiando a tutta notte , s'innol

trarono lungo il mar di Toſcana , inſeguiti da Emilio lentamente


( b ) . Allora fu che la fortuna fin da ſuoi principi avvezza a pro- ( b ) Id . ibid .
teggere , e ſecondar l'aſcendente de' Romani , fi dichiarò per loro ; Cap. xxvi .
imperciocchè nacque nello ſteſſo tempo , che l' altro Conſole Cajo
Atilio , eſſendo dalla Sardegna sbarcato a Piſa col ſuo eſercito , per
la via medeſima che venivano i Galli , incamminavaſi anch'egli alla
volta di Roma ; donde addivenne che a Telamone incontratoſi feco
loro , reftaron eglino in mezzo a due eſerciti , combattuti dai due

Conſoli , cioè da Atilio alla fronte , e da Emilio alla ſchiena ( c ) : (C ) Id .ibid .


Spettacolo ben raro e mirabile , dice Polibio , che fu queſto di ve- Cap. xxv11 .
der tre eſerciti impegnati inſieme in queſta gran battaglia , e malli
mamente quello de' popoli Gallici , che con animo intrepido , e pre
ſenza indicibile di ſpirito , fu ben toſto riordinato , e diſpoſto ſenza
indugio in figura bifronte ; non potendoſi, dice lo Storico ben di

ſcernere qual foſſe maggiore , o il pericolo di trovarſi fra due nimi


sci eſerciti , o il vantaggio che ne riſulta , dal dover combattere ne

ceſſariamente fino all'ultimo , ſangue ( d ) . In fatti il confitto inco- ( d ) Id. ibid.


minciò malamente per i Romani, colla morte di Cajo Atilio , la cui Cap. xxix.
teſta
72 DELLA GEOGR Á FIA

teſta ſpiccata dal buſto , fu recata come in trionfo ai due Re , Cono


golitano e Anerocíte ; e gran prodezze innapreſſo allicura Polibio ,

che furon fatte per parte de'Galli e maſſimamente degl ' Inſubri ,
Boj , e Tauriſci . E ſe la barbara riſoluzione de'Geſati di voler com
battere ignudi nelle prime file : la picciolezza degli Scudi Gallici ,
che mal coprivano il corpo , e il diſcapito delle loro fciable , che

non ferivano ſe non di taglio , non gli aveſſer poſti in total diſor
dine , diverſamente forſe potca decider la forte di quella gran gior
nata , che recò loro l'ultimo cccidio , e alla nazion Gallica tutta , e
in cui perirono di quelle genti quaranta mila ſul campo , e dieci

mila rimaſer prigioni , fra i quali Congolitano ; ridotto eſſendoſi Ane


rocite con pochi de ' ſuoi a ſalvarſi colla fuga , e a dare in ultimo a
( a ) Id . ibid. ſe medeſimo , e ai ſuoi dimeſtici miſeramete la morte ( a ) .
Cap. xxx . Una vittoria così piena e ſegnalata , ſiccome poſe in iſcompiglio e
XXXI .
avvilimento la Nazion Gallica , così ne'Romani riſvegliò penſieri i
più vaſti , e i più fatali in pregiudizio della medeſima ; conciolliaco
ſachè infieriti , e pregni d'animo e alterczza > ſtabiliron toſto infra

di loro , eſſer giunto oggimai il tempo , di poter cacciar via dall'


( b ) Id. ibid. Italia, o ſia dalla Gallia Ciſalpina tutte le Galliche genti ( b ) : du
νήσασθαι τες Κιλτους εκ των τόπον των περί τον Πάδον ολοχί
pöç exBancov : poſle Gallos e Circumpadanis Jedibus a Je penitus ex
pelli . Dove ſotto il nome di ſedi , come anche di paeſe , o Pianura
Circompadana che in Polibio debba ſempre intenderſi l'intiera Gal
lia Ciſalpina , può faperſi agevolmente da chiunque lo eſamina con
diligenza ; non appellando mai quell' Autore cotetta Gallia ſe non ,
( c ) Id. ibid . o col gencral nome di Gallia , Canaria ( c ) , e di ranatic media :
Cap . XXI .
( d ) Id . Lib. Gallica planities ( d ) , ovveramente col particolare di Tepi Tór Iládov
111. Cap. χώρα: Circumpadana regio ( e ) , di περί τον Πάδον τόποι : Circum
LXXXVII .
padana ſedes ( f ) , e di nepi tör látor tidía : Circumpadana plani
( e ) Id . Lib .
ties ( 3 ) . E una ſola volta , s'io non m'inganno , trovaſi ch ' ei l'ab
11. Cap. XVII
( f) ld.ibid, bia diviſa in Subalpina , e Circompadana , là dove dice di Annibale ,
Cap. xxxi. che badando a farſi amica coteſta Gallia , ne avea già ſcoperta mol
( 8) Id . ibid . to bene la ſua bontà ( b ) : Eaçãs zap d'Entéxet ngh Two apetin ta's
Cap. xxxv.
in Lib . III. υπό τας " Αλπας , και τον Πάδον ποταμούν χώρας : Νam & ferti
Cap . xxxix. litatem Subalpina Circumpadanæque regionis , magna diligentia explora ,
xlviii . L1v. verat . Il che ſia quì detto anticipatamente per quel più , che fra
IXI.
( h ) Id. Lib . poco avremo a riflettere ſopra una tal verità , e perchè intanto ap
111. Cap. pariſca nel ſuo vero aſpetto l'idea vaſta de' Romani , che dopo una
XXXIV. tal vittoria , non tendeva niente manco , che alla conquiſta di tutta

la Gallia Ciſalpina , non eſcluſi nemmeno i Veneti e i Cenomani


avve
ANTICA DEL FRIULI . 73

avvegnadiochè ſe gli aveſſero nel maggior biſogno , come abbiam dia


moſtrato , tirati feco in lega .
Polibio ſteſſo ci porge argomento , e prova immediata d'una tal
maffima e di tai macchinamenti all'anno ſuſſeguente 529. narran
do come venuti fuori i due Confoli , Quinto Fulvio Flacco , e Ti

to Manlio Torquato con terribile eſercito a dar principio alla ſcena,


inveſtirono furioſamente i Boj ,e gli fottomifero in un tratto ; с
avrebber fatto molto di più , ſe le pioggie dirotte , e in ſeguito il
contagio ancora , non aveſſero fraftornati i lor progreſli ; ſenza che
nè Veneti , nè Cenomani , per quello che raccoglieſi dallo Storico
ne aveſſero parte alcuna come alleati ( a ) . ( a ) Id . Lib .
Così fu anche nel 1 30. inſul principio della campagna ; percioc- II. Cap. XXXI .
chè i nuovi Conſoli , Publio Furio Filone , e Cajo Flaminio , proccu

ratoſi celle buone il paſſaggio pel diſtretto degli Anamuri , come

piace al Gronovio , giuſto l ' interpretazion del Perotto ( b ) , degli Grono


( 1) Jac,
ad Poo
Anani , non lungi da Piacenza , e non da Marſiglia , ſecondo che 1gb. Lib. ll .

corregge il dotto Cluverio ( c ) , paſarono nel paeſe degl' Inſubri , Cap. XXXII.
là dove l'Adda va a metter nel Po ; ſenza che neppur queſta volta Ital. ( c) Clur.
Ant.
ammeſli foſſero nelle loro truppe nè poco nè punto , nè Veneti , nè Lib. 1. Cap.
. .
Cenomani , non ſi fa bene ſe perchè queſti due popoli ricredeſſero xxVIT,
d'intervenirci , o pure , comº è più veriſimile , perchè i Romani con
artifizio traſcuraſſero di richiamarneli . Che ſe così è , n'ebbero i
Romani ben toſto a pentirſi , imperocchè tanto al paſſar del fiume 3
che allo ſchierar delle truppe , furono dagl'Inſubri con tal valore > с
sì malamente accolti e battuti , che mancò loro il coraggio di più
reſiſtere > e fi riduſlero a patti a uſcirſene da quei confini ; donde per

molti giorni dice Polibio , che andarono vagabondi ( d ) : Ilepien- ( d ) Polyb.


ibi .
JÓrtes adeirs nưépas : per multos dies vazati .
A qual parte piegaſſero in queſto loro infortunio i Romani , Po
dibio non lo regiſtra , ma dal ritorno che di là ne fecero , non reſta
dubbio , ch'eglino ſi rivolſero alle parti Subalpine della Gallia Cir
compadana , e che attraverſati i Cenomani , entrarono nel Veroneſe ,
e nella Venezia ; donde dopo eſſer iti vagando per parecchi dì , ri
tornando , e ripaſſando il Chiefio , fiume che ſcende dalla Val Sabia ,
e va a ſcaricarſi nell'Olio 2 e che per oſſervazione dell'accuratiſlimo
Signor Marcheſe Maffei al preſente paſſo Polibiano , ſerviva di confi
ne tra il Veroneſe e i Cenomani ( e ) , rientrarono nel diſtretto de' ( e ) Ver. Ill.
medeſimi , e cavate lor di mano come ſuoi collegati le truppe auſi- Part, 1. Lib.
liarie , piombarono di bel nuovo nell'Inſubria , dando alla medeſima .col. 14;
( f ) Polyb.
per ogni dove il guaſto ( f) Audjóvtiç tóp Kadr10v Totapón , id- ibi,
K 9cv
74 DELLA GEOGR
AFIA

θον εις την των Κενoμάνων χώραν , και προσλαβόντες τέτες όντας
συμμάχος , ενέβαλον πάλιν από των κατα τας 'Αλπεις τόπων ως
τα των Ισόμβρων πεδία , και την τε γήν εδίαν, και τας κατοικίας αυτών
Een épJov : Tranſmiſſo flumine clufio in ditionem Cenomanorum venerunt.
Quibus aſſumptis , quod ſocii eſſent Romani populi , e Subalpinis locis
in planitiem Infubrum cum infefto exercitu iterum venerunt exuſe
runtque agros , & pazos eorum devaſtarunt .

Ora dico io , l'eſſer iti vagando i Romani per molti giorni dall',
Infubria fin oltre i Cenomani e il Chieſio , ſiccome mette in chia
ro , ch'elli paſſarono nella Venezia , così l'aver eglino nel ritorno
chieſte ai Cenomani le truppe auſiliarie , ci ſvela mirabilmente l'i
dea del viaggio alle parti Subalpine , che fu certamente di rinforzar
come meglio poteaſi il lor battuto eſercito coll' union delle truppe
non men de' Veneti > che de' Cenomani , che a bello ſtudio ſembra

che prima ſe le aveſſer tenute lontane . Quindi è che Polibio , allor


chè i Romani al grand' uopo meditavano per appunto di valerſene ,
non diſſe già , che volean valerſi di quelle de' Cenomani in partico
lare ,
ma generalmente ſi eſpreſſe dell'univerſal corpo delle truppe
Galliche alleate ; ταις των συμμαχούντων αυτούς Κελτών δυνάμεσι :
Auxiliaribus Gallorum Sociorum copiis ; che conſiſtevano > come ſi è
detto , in queſti ſoli due popoli ; di modo che quantunque Polibio
delle truppe Venete eſpreſſamente non faccia cenno , argomenti ſicuri
mi pajon queſti , di poter dir ſenza ingannarſi , che i Romani uni
rono in queſt' incontro e le truppe Venete , e le Cenomane .
Ma queſte truppe Galliche auſiliarie finalmente non ſervirono a

nulla , perciocchè i Romani , benchè di molto inferiori di numero a


fronte d'un poderoſo eſercito di cinquanta mila combattenti , con cui
gl'Inſubri intrepidamente ſe gli eran fatti incontro > incominciarono

in quel gran punto a penſar daddovero alle coſe fue , e a dubitare


. come ſopra accennammo , in cambio a'alleati d' averſi tirati addoſſo

in queſti due popoli tanti nemici , per la comunion dell'origine , e


per la naturale loro inſtabilità , e molto più forſe ancora per la ma
la fede , in cui giuſtamente temer potcano d'eſſer entrati appo di
loro , nella terribil maſſima preſa in Roma , di cacciar via dall ' Ita
lia ſenza riſerva la nazion Gallica tutta . Nè ci volle di più , per
chè i Romani imprendeſſero ſenza indugio a disbrigarſene , e con un
finto comando fattigli paſſar ſopra ponti il profundo Fiume che avea
no alla ſchiena , col taglio de ' medeſimi a porſi in ſicuro di qualun
( a ) Polyb . que lor tradimento , come dice Polibio ( a ) : arxadeSófétor Tá zpo's
ibi .
i'n chrys : Reddentes tutos fefe ab omnibus qua per illos tentari poterant .
Ed
ANTICA DEL FRIULI . 75

Ed ecco , s'io non m'inganno , la cagion manifeſta de'diſguſti : ecco


i principj di nimiftà e di rottura fra i Veneti e i Cenomani , e la
Romana Repubblica .
Intanto i due Conſoli , Furio e Flaminio , e il loro prode eſerci
to , benchè colti in ſituazione affatto incomoda e ſvantaggioſa , infra
'l fiume , e l'oſte formidabile degl'Inſubri , e a cui ſperanza non re
ſtava di ſalute , fuorchè nel proprio valore , e comecchè di forze an
cora inferiori foſſer di aſſai , fi cimentarono nondimeno animoſamen
te , e fortì loro ſenz'altri ajuti , di riportare una delle più ſegnala
te , e celebri vittorie , che mai fi udiſſero , col finale disfacimento , e
colla morte ſul campo della maggior parte delle Galliche truppe .
Fatto sì memorabile e deciſivo , che ſcoraggi l'intiera Gallica nazio
ne e che probabilmente andò unito alla triſta ſcena di aver per
ſpettatori i Veneti e i Cenomani , dolenti , e ſcorbacchiati alla parte
oppoſta del fiume ( a ) . ( a ) Id . ibid .
Grande cofternazione dovette ſpargere una tal rotta in tutti i po- Cap. xxxiif .
poli della Ciſalpina , che non potean certamente mirar con occhio
d'indifferenza in cotal guiſa la depreſſione delle ſue Repubbliche ad
una ad una ; onde il ſeguente anno 531. afflitto già da tanti infor
tunj , e da tante ſtragi delle campagne antecedenti , riſolſe di chie
der pace il corpo Gallico intiero ( b ) : dianpo leur apévov Two KeN- ( b ) Polyb.
ibi ' Cap .
Iwo uzep Gipuurs : Legatos de pace mittentibus Gallis : e di placare i
XXXIV .
Romani ad ogni coſto : não 7osńo EW UT10 Xv6 livor : Quafcumque con
ditiones accipere polliciti . Ma i nuovi Conſoli , Marco Claudio Mar
cello , e Gneo Cornelio Scipione , vaghi ſoltanto della gloria e del
trionfo , fecero tanto , e tanto diſſero , che il Senato a qualunque pat
to glie la negò . Se una ripulſa così aſſoluta , e per la nazion Gal
lica così piena d'obbrobrio , avelle forza o no di riunir gli animi
di quelle genti per la comune difeſa , laſcio ch ' altri ſeriamente il

conſideri , ſenza eſcludere nemmeno i Veneti e i Cenomani , che più


freſca di tutti ne avean la memoria del mal trattamento e della

mala fede de' Romani . Quel che abbiam di certo da Polibio sì è

che l'intiera Gallia Ciſalpina in tali anguſtie non ſi riputò più fuf
ficiente a reſiſtere a nemici si prepotenti e riſoluti . Nè veggendo
dice lo Storico , altra ſperanza che quella di rivolgerſi di bel nuovo
ai popoli di là dall' Alpi , fi appigliò al partito di condurre a fti
pendio con ogni ſollecitudine quanti mai fu poſſibile di que' Barbari ,
che vi accorſero prontamente in numero di trenta mila .
Queſti erano Galli , e della razza ſteſſa de' primi , abitanti fra 1"
Alpi e il Rodano ſe fi aſcoltà Polibio ; a cui ſembrano aderire
I 2 Eu
76 DELLA G E O G R A FIA

Eutropio , è Valerio Maſſimo , che diſtinguono amendue Virdomaro lor


condottiero col nome di Re de' Galli ( a ) ; avvegnachè ciò poſſa ſpiegarſı
( a ) Eutr. in modo , che coteſto Campione debba intenderſi Re de' Galli , cioè ca
Lib . ill .
pitano di tutte le truppe Galliche , sì Ciſalpine che Tranſalpine , allora
Val. Man .
Lib ., 11. Cap. belligeranti, e mallime degl'Inſubri , come abbiamo nell' Epitome di
II. Livio , dove appellafi ( 6 ) Inſubrium Gallorum dux ; e in Lucio Floro,
( b ) Liv. preſſo cui parlandofi principalmente de' medefimi Inſubri , chiaramen
Epit Lib. xx . te diceſi ( c ) Rex eorum Viridomarus . Donde potè nafcere , che Plu
( c ) Flor. tarco diſtingueſſe in coſtui tutte due queſte figure , appellandolo nella
Lib.11.Cap.lv. Vita di Romolo in genere Re de' Galli , e in quella di Marcello para
ticolarmente Re de Gelati . Nulladimeno quel che abbiamo in Pro
perzio dintorno a ciò , diverſifica intieramente ſopra una tal origine ,
facendo egli , tutto all'oppoſto degli altri , coteſte genti Tranſalpine,
e Virdomaro medeſimo di generazion Tedeſca Tranſrenana , e non
Franceſe , in que'famoſi verſi del trionfo di Marcello (d) .
( d ) Prop .
Lib. iv. Eleg. Claudius a Rheno trajectos arcuit hoftes ,
X. V. 39.
Belgica quum waſti parma relata ducis
virdomari : genus hic Rheno jactabat ab ipso ,
Nobilis e teftis fundere gefa rotis .

Nulladimeno Belgica parma appellandofi in queſti verſi la targa di


Virdomaro , recata poſcia da Marcello fra l'altre fpoglie in dono a
Giove Feretrio , e traſpirandofi quindi , che la patria del medeſimo
era nel Belgio , porzione dell'antica Gallia , ſembra poter conciliarſi
ſe non in tutto , almeno in qualche parte la coſa ; imperciocchè gli
abitanti del Belgio , in quanto alle ſedi che occupavano , non v ' ha
dubbio , ch'erano popoli della Gallia , ma per quello che riſguarda
l'eſfere , e la proſapia , non può negarſi all'incontro > che non foſſe
ro della diſcendenza di que' Germani , celebri preſſo Ceſare , e Tacito
( e ) , de' quali ſi accerta , che paſſarono anticamente di quà del Re
(e) Tac. Mor . no , ad occupat buona parte del Belgio , teftificando mallimamente
Germ. Cap.II. Ceſare di aver egli apparato dalla bocca ſteſſa de' Galli ( f ) : plerofque
( f ) Bell. Gall. Belgas eſe ortos a Germanis , Rhenumque antiquitus tranſdu £ tos ibi con
Lib . 11. Cap. ſediße , Gallofque , qui ea loca incolerent expuliſſe ; aggiungendo anco
iv. Lib. vi.
ra , che parecchi di que' popoli Belgici conſervavano anche ai ſuoi
Cap. xxxII.
giorni l'antico e original nome di Germani . Denominazione , che fi
no a noi pur ſulliſte in quel tratto , ſotto il nome di Germania Cif
renang .

più naturale e ragionevole può ſembrar forſe queſta interpretazion


de
ANTICA DEL FRIULI . 77

de' verſi di Properzio , è più conforme al general compleſſo della Storia


di tant'altre , che tolte dal Paſſerazio leggonli preſſo il Chiariſs. Vol
pio ( a ) con alterar di ſoverchio le antiche lezioni , cambiando nel (a ) Propert.
primo verſo quelle parole a Rheno in Eridano > nel ſecondo la voce Ed . Pat.

Belgica in Bellica e trasformando di bel nuovo nel terzo quella di


1754. Tom ,
11. pag.1203 .
Rheno in Brenno ; in tempo che , fe peſcheremo addentro nelle anti- feqq.
che memorie , non c'era d'uopo di fimili ſtiracchiature , per eſclu
dere ſenza motivo la nazion Germanica dalla preſente impreſa , e che
i Marmi Capitolini autorevoliffimi nel trionfo di Marcello , regiſtran
do per appunto dopo degl'Inſubri fra le genti debellate i Germani
confrontano mirabilmente coll ' intelligenza da noi data alle parole di
Properzio , e tal peſo le aggiungono , che l'accuratiſſimo Freinſemio
credette di dover rinunziar piuttoſto all'autorità di Polibio , che ci
dà coſtoro per Gallici , e per Gelati , che a quella di Properzio , c
de' Faſti , che ce li aſſicurano per Germani , e per Belgici ( 6 ) . Do- ( b ) Freinsh.
ve non laſcierò di aggiungere , che non ſembra poi gran fatto veri- Lib.
Suppl.
xxLiv . .
Cap
ſimile ciò che intorno a Virdomaro penſa quell ' erudito Scrittore » Lv.
ſul fondamento delle parole Properziane: a Rheno trajeétos hoſtes : cioè
che coteſto Regolo non ſi ſerviſſe in queſt'impreſa delle truppe Bel
giche fue naturali , e cifrenane , ma le cavaſſe dalla Germania pro
pria , e Tranſrenana , dove non è credibile , ch'egli aveſſe neppur do
minio ; imperciocchè ſiccome quelle altre parole del Poeta : genus hic
Rheno ja &tabat ab ipfo , vanno a battere chiaramente il punto della
genealogia di Virdomaro , così credo io che le ſopraddette voglianſi
intendere anch'effe dell'origine , e del paſſaggio antico di quelle gen
ti , e non del fatto di allora .
Comunque nondimeno abbiali a capire il paſſaggio di quà dal Re
no di coteſte truppe Germane , la verità sì è , ch' elleno al gran bi
ſogno non fecero migliorar punto la faccia delle coſe , imperciocchè
i Romani Conſoli molto per tempo uſciti fuori coll' eſercito , poſer
l'aſſedio ad Acerra , Città degl' Inſubri fra l'Alpi e il Po , é tale
ſtudio e precauzione vi uſarono , che reſtò levata a nemici ogni co
municazione colla Città . Laonde gl'Inſubri per liberarnela , riſolſero
di far paſſare il Po , ſecondo che atteſta Plutarco Virdomaro me

deſimo con parte delle ſue truppe ( c ) : il quale entrato in un cer- ( c ) Plut.
to diſtretto , che a giudizio di Giacopo Gronovio , fu quel degli Marcell.
Anani ( d ) , paſsò colle medefime ad inveſtir Chiaſteggio ; ciò che (d ) Jac.
neceſſitò Marcello ad accorrervi con un diſtaccamento di Cavalli e Gron . ad 10
Fanti . Alla comparſa del Conſole dice Polibio , che coſtoro fi leva - lyb . Lib . 11.
Cap. XXXIV .
rono dall'aſſedio , e ſe gli fecero incontro con intrepidezza , e ben
chè
A
78 DELLA GEOGRAFI

chè affaliti da principio impetuoſamente dalla Cavalleria , fecero non


dimeno gran teſta . Ma venendo fatto a Marcello di ſtender morto a
terra in ſingolar tenzone Virdomaro , ebbe in ſeguito così mal con
cie coteſte truppe Germaniche , per la prima volta che oſarono affac
ciarſi all'Italia , che inveſtite per ogni dove , e per fianco , e alla
ſchiena , e roveſciate dalla Cavalleria , molte di eſſe gettateſi nel fiu
me dallo ſpavento , vi ſi affogarono , e il rimanente in molto mag
( a ) Polyb. gior numero reſto ſagrificato ſul campo per man de' nemici ( a ) .
ali
Allora fu , che neppure alle Genti Galliche che trovavanſi in
Acerra , potè più reggere il coraggio , perciocchè al triſto annunzio ,
abbandonata la Città e laſciatala come trovavaſı, ben provviſta di mu
nizione da bocca in balía de' Romani , ſi rifuggirono a Milano in .
ſeguiti dall'altro Conſole Cornelio Scipione ; il quale in veggendo
coſtoro dalla paura a ſtarſene colà rintanati , credette ſenza pericolo
di poter ritornare ad Acerra . Ma accortiſi i Galli della partenza del
Conſole , all'improvviſo ripreſero animo , e diedero addoſſo alla Ro
mana retroguardia sì malamente di farne ftragge , e di neceſſitarla
alla fuga , fino a tanto che Scipione richiamata la vanguardia , e
poſtala a piè fermo, riaccele un aſpro e fiero combattimento dove

i Galli , incoraggiti dal buon ſucceſſo di prima , incominciarono bra


vamente a menar le mani , ma in proceſo della battaglia rotti e sba
ragliati , voltar dovettero a precipizio le ſpalle , e andarſi a ricove
rare nelle vicine Alpi , inſeguiti e cacciati continuamente dal Conſo
le ; donde vittorioſo , ſaccheggiando il paeſe , fe ne ritornò a Mila
no , e preſelo a forza d'armi . Dopo una tal rovina dice Polibio >
che i capi degl'Inſubri perſero ogni loro ſperanza , e condotti dalla
neceſlità riſolſero finalmente di dar ſe ſtefli , e ogni coſa loro alla

(B ) Polyb. diſcrezione, e in poter del popolo di Roma ( 6 ) : IIévtx ta' xe3


iki Cap.xxxv. auto's ététpefcev tois Platos: Se se , reſque ſuas omnes in Romano
rum poteftate pofuerunt .
E quì lo Storico fa punto , e quì dice , che con queſta rotta ter
ribile , non co ' foli Inſubri > ma coll ' intiera Gallica nazione la
guerra ebbe fine e con eſlo lei la fama , e il dominio di quelle
gcnti in Italia : Ο μεν έν προς τις Κελτες πόλεμος τοιούτον έσχε
Tò téroç : Hunc exitum id bellum habuit , quod cum Gallis geftum eſt.
Guerra , dice egli , per ľanimo de ' combattenti , la più ardita e per
tinace , e pel numero delle truppe , de' fatti d'armi , e delle ucciſio
ni , la più memorabile di quante mai fino a quel tempo ne conta
vano i regiſtri . Ma nè anche i Romani celebrarono un trionfo com
più magnificenza , e con maggior pompa di queſto . Trionfo il Con
fole
ANTICA DEL FRIULI . 79

fole Marcello con ſolennità rare e inuſitate ; e fu il terzo dopo Ro


molo , e l'ultimo fra i Romani , che offriſſe a Giove Feretrio le fpo .
glie opime dell'interferto nemico Re . Della ricca preda ſe ne fe par
te con abbondanza infolita a Gerone Siracuſano > e a tutte le genti
Sozie > e magnifica tazza di cento libbre d'oro fu inviata in gratu
lazione al famoſo tempio di Delfo ( a ) . Gran regiſtro imperciò ſi è ( a ) Plar.
fatto appreſſo tutti gli Scrittori di un tal
trionfo , e bella diſtintamen- Marcell.
Diod . Lib.
te e coſpicua sì è la memoria , che di lui ci reſta ne Faſti Capito- xxv. Ecl. 14.
lini , ove leggeli ( b ) : Liv . Lib.
xxiv.Cap.xxi.
M. CLAVDIVS . M. F. M. N. MARCELIVS . AN . DXXXI . Virg. Æneid .
COS. DE . GALLEIS . INSV BRIBVS . ET. GERMAN , Lib.v 1.v.856.
Servius ibi .
K. MART . ISQVE . SPOLIA . OPIMA, RETVLIT. Front. Strat.
DVCE . HOSTIVM . VIR DVMARO . AD. CLASTIDIVM . Lib . iv. Cap.
INTERFECTO . v. exempl. 4.
( b ) Grut.
Può ſembrar però ſtrana coſa , che in non fi faccia pag. ccxcvilo
coteſto Trionfo
Ed. Ami.
menzione più che de' Galli Inſubri , in tempo che fi fa , che la rot 1707 .
ta data a Chiaſteggio da Claudio Marcello , e l'eſpugnazion di Mi
lano eſeguita fortunatamente da Scipione , portarono in conſeguenza
l'immediata ſuggezione di tutta la Gallia Ciſalpina . Ma chi ben
conſidera , che gl'Inſubri fra le genti Galliche erano i più potenti ,
e i principali direttori e capi di tutta la lega ceſſerà di ſtupire
La Città di Milano , dice Plutarco nella Vita di Marcello , che dalle
genti Galliche veniva conſiderata per la comune loro Metropoli : Mr
τρόπολιν μεν αυτήν οι τήδε Κελτοι νομίζεσιν : Metropolim quidem
ipſam Galli appellitant. E che per ſoſtenerla faccano tutti gli sforzi :
δεν ευθύμως μαχόμενοι αντιπολιόρκαν τον Κορνήλιον : Pro qua fire
nue præliantes , obſidione Cornelium circumvenerant . E che la ſua ca
duta portò la gran conſeguenza di dover cedere a tutte le ſue Cit
tà , e di dover dar ſe ſteſſi e ogni coſa loro in diſcrezion de Ro

mani : Τας δε άλλας πόλεις αυτοί παραδιδόασιν οι Κελτοι , και τα


καθ ' εαυτες επιτρεπεσαν πάντα Ρωμαίοις : Τκηc ipfimet Galli cete
ras quoque dedunt urbes ac Seſe reſque ſuas omnes Romanorum arbi

trio ſubijciunt . Colla preſa adunque di Milano , per autorità di Po


libio e di Plutarco , reſtò ſottomeſſa tutta la Gallia Ciſalpina ; nel
qual conto non vengono i Boj , come quelli che due anni prima
erano già ſtati aſſoggettati , ma bensì cogl'Inſubri apparenti nomi
natamente nel Trionfo , i Veneti ancora , e i Cenomani , che non
per anco erano ſtati oppreſſi , e che formavano gli altri due popoli
più conſiderabili della Gallica unione .
De'
80 DELLA GEOGRAFIA

De' Cenomani ne abbiam prova certa dal fatto , oltre le autorità


allegate , imperciocchè quattr'anni dopo > cioè nel 535. impariamo
da Polibio , che nel loro diſtretto fu condotta la Colonia di Cremo
na : ſegno evidente , ch' eglino a quel tempo eran già ſtati ſottopo
ſti . Nè la dilazion di quattr'anni , o il dirſi da Tacito , che cote
( a ) Tac.Hift . Ita Colonia eraſi fabbricata (a) , ingruente in Italiam Hannibale
Lib. 111. Cap. propugnaculum adverſus Gallos trans Padum & fi qua alia vis per
XXXIV.
Alpes rueret , può farci ſoſpettare col Marcheſe Maffei , dopo la pre
ſa di Milano un qualch'altro tumulto Gallico , a cui riferire la de
preſſion de’ Cenomani ; concioffiachè le Colonie , come
altrove abbiam
dimoſtrato , non fabbricarſi dai Romani con tanta fretta , ol
ſolean
tre che Polibio dice chiaramente , che una tal idea non era già na
ta nel 535. ma che i Romani le avean poſto mano per innanzi , e
che in queſt'anno ſolamente , per paurà d' Annibale s'affrettavano di
( b ) Polyb. darle compimento ( ) : " Έσπευσαν επί τέλος αγαγαν τα κατά τας
Lib. II. Cap. αποικίας : οι δη πρότερον ήσαν ας Γαλατίαν αποτέλεαν προκεχα
XL ,
pooyérou : Negotium , quod antea de Coloniis in Galliam deducendis ſu
fceperant , ad umbilicum perducere properabant Se avean dunque po
fto mano per innanzi alla ſpedizion delle Colonie , ne ſegue altresì ,
che la maſlima di condurle non potè prenderſi , che in total vici
nanza della depreſlion degl ' Inſubri ; onde vie più ne reſta in chia
ro , che cogl ' Inſubri furon vinti e deprelli anche i Cenomani.
Non poſſiamo finir di comprendere , come al mentovato Chiariſs.
( c ) Ver. Ill. Signor Marcheſe uſcito ſia dalla penna , averfi ( c ) in Polibio , che
Part. 1. Lib. debellati gl' Inſubri , poco tempo dopo furono anche diſcacciati i Galli
11. col. 29 .
da tutte le pianure d'intorno al Po , eccettuati ſolamente alcuni luoghi
poſti alle radici dell' Alpi ; e impararſi da queſto , che tentarono ben
toſto i vinti di ſcuoter limpoſto giogo , e che tumultuarono in lor
favore con gli altri popoli Gallici anche i Cenomani , quali come pos
seſſori di bella pianura , e adjacente al Po , non ha dubbio eller dei
compreſi quivi dall' Iſtorico ſotto il general nome di Galli , e degli ſcac
eiati , e soggiogati allor dai Romani . Ma ſenza che ne reſti offeſa
la minima particella di quella ſtima in cui l'abbiamo meritamen
te , ſembra a noi che queſto ſia un prendere i teoremi nobiliſſimi ,
che terminato il racconto ſparger foglionfi da Polibio di quando in
quando , per tanti pezzi di Storia . Dopo quattr'anni di fanguinofif
fima guerra fra i Romani , e le genti Galliche della Circompadana ,
dice quell'immortale Storico , ſenza laſciar luogo a interpretazione ,
ch'ella ebbe. fine coll'oppreſſion degl'Inſubri > e che l ' eſpugnazion
di Milano fu l' ultimo atto di quella tragica ſcena. Quindi paſſa ſe
condo
ANTICA DEL FRIULI : 81

condo il ſuo coſtume a riflettere il gran peſo , e la ſomma importanza


di una tal guerra , e inſieme il modo barbaro e folle , ευκαταφρόνι
TO " di farla de' popoli Gallici , che in tutte le loro azioni folean
laſciarfi condurre dalla furia piuttoſto , e dall ' impeto > che dal con

ſiglio . A cagion delle quali coſe > ſoggiunge Polibio , conſiderando


noi , che in poco tempo furon eglino intieramente ſcacciati dalla pia
nura Circompadana , toltine pochi ſiti a piè dell ' Alpi ( a ) Ilepi úr ( a ) Polyb .
ημ ις συνδεωρήσα, τες μετ ' ολίγον χρόνον αυτες εκ των π
7 spi' tov II.- Lib. 11. Capi
το πεδίων εξωσθέντα:. πλην ολίγων τόπων των υπ' αι τας τας " Αλ- ΧΧΧV .

THS xapé'w : Quas ob caufas cum meditaremur , eos brevi tempore e


Circumpadana planitie univerfa fuiſſe expulſos , præter pauca loca , quæ
ipſis ſubjacent Alpibus : abbiam creduto bene , ſegue a dire , di non
o mettere , nè come da principio ci entrarono in coteſta pianura , nè
con quai fatti pofcia vi ſi mantennero , nè come finalmente dalla me
deſima furon cacciati fuori ..

A queſto paſſo di Polibio , piacque veramente al vecchio Caſaubo


no d'interpretar le quì addotte parole un po' differentemente da noi ,
nel modo che ſegue : Nos izitur , gnari non multo poft fuiſſe eos ex
Circumpadana planitie univerſa expulſos , paucis locis exceptis , quæ ipſis
ſubjacent Alpibus . Ed ecco per quanto è da crederſi, donde il Maf
fei fi laſciò traſportare dopo la depreſſion degl' Inſubri a immagi
narſi una nuova briga de' popoli Gallici , cioè dalle parole latine :
non multo poft , ſoſtituite dal Traduttore alle greche : με 7' ολίγον
xpó "ov . Ma nè quell'Interprete benemeritiſſimo di Polibio potè qui
riferire quel non multo poft a un qualche nuovo tumulto , in tempo
che non riſguarda ſe non la brevità della durata della guerra Galli
ca , tolta dai ſuoi principj : nè le ſuddette parole greche in rigor
di lingua , nel preſente caſo importano altro , che intra modicum tem
poris fpatium , o interpretando letteralmente : in modico tempore : ov
vero brevi tempore ; come alle parole , feita apus dépas , al Cap .
VI11 . di S. Matteo , ſpiegate comunemente post tres dies con ſin

gol ar giu diz io oſſ erv ò dov erſ i int erp ret are : ter tia die , col autorità
l'
di Teofraſto , e di Demoſt ene , il Chiari fli mo P. Carmeli ( b ) . Il (b ) Diſſert.
Filolog . Ed .
che Polibio medeſimo poco dopo , applicando l'eſempio del precipi- Rom . 1768 .
zio delle coſe Galliche ai doveri dello Storico , ſpiega chiariſlimamen- pag. 42. Seqq.
te dicendo , eſſer ufizio proprio e naturale degli Scrittori il traman
dare alla poſterità diligentemente coteſti ſcherzi della fortuna , affin

chè fi conoſca dalle età venture , non doverſi paventare delle improv
wiſe , e temerarie innondazioni de' Barbari , ponendo mente , ch'ella è
poi faccenda di poco tempo , e di ſomma facilità : « sonozcap voor ésia
L και λίαν
DELLA GEOGRAFIA

nel Nádo eu pJapT0% : quod modici temporis negotium eft , Summægne


facilitatis il diſcacciarneli , qualunque volta ſe gli reſiſta con valore ,
e con fortezza d'animo .

Patente è dunque lo sbaglio di queſt' eſimio Letterato , originato


lall' intelligenza , non certamente del tutto conſiderata della traduzion
del Caſaubono che lo conduſſe innappreſſo a prendere le pianure d ?

intorno al Po di Polibio : ta tepi' tòp Ile for ridía , per una non fo
quale appendice della dizion Gallica , quaſi che tutta in compleſſo Ja
Gallia Ciſalpina non conſiſteſſe nelle vaſte pianure , poſte di quà e di
là dal Po , o ſia nella pianura Circompadana : e che Polibio con que
Ni tali vocaboli non uſaſſe ſempre d'eſprimere , come di ſopra ab
biam comprovato , l'intera Gallia Ciſalpina . Manifeſto è imperciò
meno dal fatto , che dall'eſame diligente di tutte le memorie
che i Cenomani all'eſpugnazion di Milano , e non in altro tempo ,
furono anch'eſli del corpo dei vinti aſſieme cogl ' Inſubri , e per cons
ſeguente dei compreſi , benchè non eſpreſli , nel trionfo di Marcello .
Ora tutto quello , che finquì ſi è detto , e ſi è dimoſtrato , riſpet
to ai Cenomani , chi mai potrà vietare con fondamento , che non ſi
dica , e non ſi creda anche de' Veneti , confinanti e amici indiviſibili

de' Cenomani , e compagni ſuoi perpetui in tutte le loro avventure !


Abbiamo bensì pe' Cenomani il fatto della Colonia di Cremona , che
intorno alla lor depreſlione ci toglie ogni fcrupolo ; ma fatto niente
meno importante ' , e deciſivo pe ' Veneti si è quello di vederli fin dai
primordj dell'ubbidienza loro verſo i Romani , che per l'appunto in
queſti tali tempi tralucono , non già fregiati del Gius Latino , o dellº
Italico , come coſtumò di farſi colle genti Sozie , e accettate a buo
ni patti , ma compreſi alla rinfuſa colla rimanente turba degl' In ,
ſubri , Boj , Cenomani , e altre genti Celtiche nella Gallia Ciſalpi
na , e ridotti con ello loro in forma di Provincia , ch'era lo fta

to più dimello , e proprio ſolo delle genti conquiſtate a forza di


armi .

Si sforzò già il ſoprallodato Signor Marcheſe Maffei di raddolcir


queſta piaga della Venezia col dire , che Cicerone 2 ed altri appella
rono qualche volta anche le genti di Provincia col nome di Sozie
( a) Ver. III. ( a ) . Ma queſte eſpreſſioni abbondanti e vantaggioſe degli Scrittori ,
ivi. col. 31. ſiam ficuri che non fecer mai cambiar condizione alle Romane Pro
sega. wincie . si ſtudiò il medeſimo di addurre altre prove in fuo favore ,

come farebbe a dire il non vederſi il nome de ' Veneti ne Fafti trion
fali . Ma ſi è veduto poc'anzi lo ſteſſo de Cenomani nel trionfo di
Marcello ſenza che la lor depreſione abbia per queſto a rivocarfi
in

1
ANTICA DEL FRIULI . 83

in dubbio : Polibio , replica egli , l' Epitome di Livio , Lucio Floro ,


di guerra Veneta non fan motto . Ma per lo contrario tutti e tre que
fti Scrittori fan motto molto bene della guerra Gallica , che fu quella
1
che in fine ſtraſcinò feco col rimanente della nazione anche i Vene
ti e i Cenomani . I Veneti , ripete il medeſimo , eran perpetui ami

ci e collegati de' Romani , nè i Romani foleano portar l'armi in que


ſecoli contra chi che fia , fe non provocati . Ma di queſta amicizia
perpetua e colleganza fra Veneti e Romani non ne rimarrà punto

perſuafo , chiunque colla ſcorta Polibiana leggerà il prefente noſtro


Capitolo . Dimoſtrazione in fine certiſſima , conchiude il Maffei , ne fa
L'ofervare , come Colonia non fu condotta allora , nè per cento trent'an
ni appreſo di quà dal chiefio : dal che appariſce , che non fu acqui
ftata la Venezia per forza darmi . Ma una tal dimoſtrazione non fer
virà poi per la Campania , dove a riferto di Patercolo , la Colonia
di Capua non fu condotta ſe non che più tardi , e non prima di
cento cinquanta due anni , da che per forza d'armi ſeguita n'era la
( a ) Paterc .
foggezione ( a ) .
Lib . 11.Cap.
La verità nondimeno si è , che di quà dal Chieſio molto prima XLIV,
de'cento trent'anni fu fabbricata agli ultimi confini della Venezia
la Colonia noſtra d'Aquileja , la cui ſpedizione ſeguì nel 572. della
fondazion di Roma , quaranta un anno ſolamente dopo che la Gallia
Ciſalpina , c in conſeguenza anche la Venezia reſtò foggiogata . Nè
giova il repetere , Aquileja eſſere ſtata nel terreno di que' Galli con
dotta , che quà erano ſceſi nel 167. per fabbricarvi una Città , fciol

to eſſendofi quanto baſta in fin del quarto Capitolo queſtº attacco .


Gioverà per mio avviſo molto più il cercare , perchè tanto differita
fiali l'introduzione di coteſta Colonia > al che ſembra poter fupplirſi

col dire , che Colonia allora non fu condotta neppur negl' Inſubri .
Ma per comprenderne i veri motivi , convien paſſar più oltre , ed
oſſervare a quai diſturbi e a quali moleſtie foggetti andaffero i Ro
mani > per aver condotta in quell'incontro troppo ſollecitamen
te Piacenza ne' Boj , e Cremona ne' Cenomani . A una tal novità dice

Livio , che i Boj immediate fi ribellarono ( b ) , non tam ob veteres ( 6 ) Liv. Lib .
in populum Romanum iras , quam quod nuper circa Padum Placentiam , xxi.Cap.xxv.
Cremonamque Colonias in agrum Gallicum deductas ægre patiebantur . E

ftuzzicarono per atteſtato di Polibio , gl' Infubri a far lo fteſo : fi

dichiararon del partito d' Annibale ; e per via de” loro melli , pieni
d'animo , e di luſinga della proſſima ſua venuta , piombarono tumul
tuariamente ſul terreno aſſegnato alle due Colonie , e fecero sì che i
Friumviri , che attualmente dividevano le terre , e i Coloni tutti at
L terris
84 DELL À GEOGRAFI
A

territi fi diedero alle gambe , e ſi ritirarono a Modena . Poſer l'af


fedio a quella Città , e in tale ſtato trovò Annibale le coſe , quan
( a ) Polyb. do giunſe in Italia ( a ) . Nè quì ceſsò il furore di queſte genti ir
Lib. 111. Cap. ritate , ma durante la guerra Punica , flagellarono malamente con in
XL . XLI .
curſioni e ſaccheggi quelle due Città ; di che l' anno 547 . ebbero

( b ) Liv. Lib , eſe a dolerſene fortemente appreſſo il Senato ( b ) . Terminata la


xxviii . Cap. guerra Punica , più furibondi che mai , Inſubri , Boj, e Cenomani ,
XI .
\' anno 553. abbruciaron Piacenza > e inveſtirono Cremona ( c ) .
( c ) Id . Lib.
xxxi. Cap. X. Durò più a lungo ancora una tale inquietudine , e brutta accoglien
za fecer gl ' Inſubri l'anno 555. all'ingreſſo ne' ſuoi confini di Bebio
Tanfilo Pretor della Gallia , ſorpreſo dai medefimi con perdita di
( d ) Id. Lib . mille feicento de' ſuoi ( d ) . Inſubri , Cenomani , ed anche Bojs veg
xxx [ [ .C.vlt . gonli pure in armi nel 556. per la cui nuova oppreſſione fi celebra
( e ) Id. ibid. rono ſolennemente in Roma fupplicazioni di quattro giorni ( e ) ;
Cap. xxix ,
feqq. uſa. e ſolenne trionfo quindi ne fu celebrato dai due Conſoli Cajo Core
XXXI . nelio Cetego , e Quinto Minucio Rufo ( f ) . Inſubri , e Boj ſempre
( f) Id. Lib. più infelloniti tornarono in campo nel 559. e tal fu la pertinacia
XXX111.Cap
XXIII . . loro , che la vittoria reſtò un pezzo dubbiofa , nè fi dichiarò pel Con

fole Sempronio Longo , fe non col fagrifizio di cinque mila Roma


( g ) Id. Lib. ni , e undici mila Galli ( 8 ) . Boj di bel nuovo nel s60 . gli ulti
XXXIV Cap. mi di tutti , e i più oſtinati , veggonfi a far ofte a fronte del Con
XLVI . feq.
ſołe di queſt'anno , Lucio Cornelio Merula , e a laſciar diſperata
mente ſul campo quattordicimila de' ſuoi , compenſati nulladimeno
( h ) Id . Lib. in parte dalla morte di cinque e più mila Romani ( h ) . Finalmen
xxxv. Cap v. te nel 562. toccò a Scipione Naſica nel fuo Conſolato la gloria di
fterminar coſtoro , e colla ſtrage memorabile di vent' otto mila Boj
ſul campo di battaglia , oltre i prigioni , a quietare una volta per
( i ) Id. Lib. ſempre queſta gente caparbia e diſperata ( i ) . Narra Livio a queſto
xxxvi. Cap. paſſo , che Scipione ( k ) , obfidibus a Bojorum gente acceptis , agri

(k ) Id .ibid. parte fere dimidia eos mulētavit : quo ſi vellet , populus Romanus coloa
Cap. xxxix . nias mittere poſjet . Preſero in fatti l'anno appreſo i Romani di man
(1) Id. Lib. darne due ( 1 ) ; ma l'anno 564. ſe ne conduſſe poſcia una ſola in
XXXVII . Cap.
XLVIN Bologna ( m ) , trentatrè anni da che ſeguì l'acquiſto della Ciſalpina,
( m ) Id.ibid . e ventinove dopo la ſpedizion di Piacenza ,, e di Cremona .
Cap. LVII .
Ed ecco quai ſudori , e quanto ſangue ebbero a ſpargere i Ro
mani , per aver nel terreno antico delle genti Galliche fatalmente
introdotte in difpetto loro le ſuddette due Colonie . Ecco quali sfor

zi , e quanto tempo ci volle , per poter paſſar fenza oſtacoli, e quaſi


per patto efpreſo , a ſpedire una ſeconda Colonia ne'Boj . Laone
de niuna meraviglia è da farſi , ſe nell' Inſubria, intanto , e nella
Venes
ÄN TICA DEL FRIULI. 85

Venezia , Colonia alcuna non ſi conduſſe . Troppa briga gli avean re


cato le due Colonie ne' Boj , e ne ' Cenomani , perchè tentaſſer lo
ſteſſo anche ne' Veneti , e negl' Inſubri . S'era il tumulto a gran fa
tica potuto fedare in capo ai ventiſett'anni , da che le Colonie furon
condotte ; nè ai Romani diede l'animo di penſar più a Colonie in
quefte noſtre parti , ſe non l'ottavo anno da che fu ceſſata una così
fatta moleſtia , e il feſto dopo che in Bologna nuova Colonia eraſi
introdotta . E fu allora , che le contigue ſedi de ' Barbari del ſetten
trione l'anno 570. gli neceſſitarono a piantar loro in faccia Aquile
ja , agli ultimi confini della Gallia Ciſalpina ,
nelle Solitudini noſtre
della Venezia ( a ) . Ma neppure a un tal tempo riuſcì ai Romani di ( a ) Liv. lib.
poterlo far quietamente , concioſſiachè guerra quindi ne nacque , e il xxxIx. Cap .
LV.
Pretor d'efſa Gallia , Quinto Fabio Buteone trattener dovette l'eſerci
to preſſo di fe ( b ) , quia bellum cum Iftris eſſet , prohibentibus colo- ( b ) Id. Lib.
niam Aquilejeam deduci . Il che perciò non potè eſeguirſi , ſe non da XL.Cap.xxvi.
Ha due anni , cioè nel 572. ( C ) . Ecco adunque le cauſe , per quan- (C ) Id. ibid .
to può dedurſi fondatamente dalle vecchie memorie , ecco i veri mo- Cap. XxxIV .

tivi , per cui nella Venezia non ſi mandò Colonia prima di queſti
tali tempi .

Così la Venezia antica , dopo eſſerſi retta per tanti ſecoli da ſe ,


e colla più pura e indipendente libertà , l' anno di Roma 531. e non
nel 533. che al computo Varroniano viene a ſtare il 534. come con
ghietturò il Marcheſe Maffei ( d ) , venne a perderla , oppreſſa , e ſtra- ( d ) Ver. Ill.
fcinata aſſieme col rimanente delle genti Galliche della Ciſalpina , Part. 1, Lib.
il . col. 35 .
dall ' armi Romane . Paſſarono i Romani nel ſeguente anno 532. a
debellare anche l'Iſtria ; il che conferma ſempre più , che l'anno an

tecedente i Veneti erano ſtati ſoggiogati. L'Iſtria era ſituata di là


dai Veneti , nè i Romani poteano giungervi ſenza sfilar le truppe per
la Venezia . Avvertì il mentovato Signor Marcheſe una tal coſa pri
ma di noi , ma gli reſtò fcrupolo , che la ſpedizione feguita eſſer
poteſſe per mare ( e ) , ſul fondamento delle parole d' Eutropio i ove ( e ) Ver. III.
dice ( f ) : M. Minutio P. Cornelio Coff. Hiſtris bellum illatum eſt , ivi. col. 31 .

quia latrocinati naves Romanorum fuerant , quæ frumenta exhibebant , lib. ant.
perd omitique ſunt omnes . Ma Eutropio dice bensì , che un ladronec
cio delle navi Romane frumentarie praticato in corſo dagl ' Iſtriani ,
fu la cagione che portaſſer loro la guerra in caſa , e gli dom aſſero ;

ma non ifpiega punto , ſe una tale eſpedizione ſeguiſſe per mare , o


pur per terra .
Quei che ne parlano oltre Eutropio fono , l' Epitome di Livio ,
Zonara , e Paolo Oroſio . L'Abbreviator di Livio fe la paffa in due
paro
DELLA GEOGRAFIA

( a)Liv . Ep. parole ( a ) : Iſtri ſubacti ſunt . Non così Zonara , che pure un po ' me
Lib. xx .
glio una tal guerra ci regiſtra ( b ) : Eitt TÓTALOS Ti Kopríncess
( b )Zonar .
Lib .VIII . και Μαριος Μενέκιος επ ' "Ιερες εσράτευσαν , και πολα των εκρά -
Сар. хх . των τα μεν πολέμω , τα δε ομολογίαις υπέταξαν : Deinde P. Cor
nelius co M. Minutius ad iftros duxerunt exercitum , da multas illius
loci gentes partim vi , partim deditione ſubegerunt . Il dirſi , che que
ſti- due Conſoli poſer l'eſercito in marcia verſo l'Iſtria : 7 ' ' Ispyç.
Espériurav : ad Iſtros duxerunt exercitum , par che fi adatti al condur
l'eſercito per terra , e non a tradurlo per mare . Preſto i reci

spat.dépens vuol dire Dur eſercitus : General d'armata : sorápxns


Dux Claſſis: Capitan della flotta , Amiraglio . Nè le truppe di traf
porto prima dello sbarco , dir ſi poſſono propriamente poſte in mar

:
cia ; nel qual caſo dovea dirſi dea opOpévesy : transfretare > ovve

ramente 70F & FEW Tór sprror : traijcere exercitum , piuttoſto che spazio
TÉVELY : exercitum in expeditionem educere : por 1' eſercito alla marcia s
di modo che l'eſpreſſion di Zonara può fervir mirabilmente a to
glicre l'accennato ſcrupolo . Abbiamo innoltre dal medeſimo che ai
queſta ſpedizione intervennero i Conſoli tutti due > di che fa fede

anche Oroſio , aggiungendo , che la vittoria coſtò loro di gran fan


( 5 ) Orof: gue ( c ) ; il perchè , come oſſerva il dotto Freinſemio non ſe ne
Lib. iv.Cap.celebrò neppure il trionfo ( d ) . Donde impariamo , che la guerra
xit .
( d ) Freinsh. fu dell'ultima importanza , aſſicurando Vegezio , di che ne abbiamo
Suppl. Liv. un ampio teſtimonio anche in Polibio , che nei caſi ordinarj non ifpe
Lib.xx. Cap. divafi che un ſolo Capitano , o Conſole , con due legioni corriſpon
LVI.
denti al numero di ventiquattro mila combattenti ; ma ſe l'apparato
de' nimici cra grande e formidabile , ſe ne ſpedivano due con quat
( e ) Veg. de tro legioni ( e ) : Quod fi infinita multitudo ex gentibus ferociſſimis
Re Milit. rebellaſſet , tunc nimia neceſſitate cogente , duo Duces , & dua mitte
Lib . III .
bantur exercitus , cum hoc præcepto ; provideant , nequid. Refpublica
Cap. 1 .
T'olyb.Lib.iit. detrimenti capiat.
Cap . LXXII. Non è adunque da maravigliarſi, ſe dopo tante vittorie e tanti trofei ;
CVIll.
è dopo ſottomeſſa tutta l'Italia e domata l'Iſtria , i Romani l'anno fe
guente , che fu il 5 33. della fondazion di Roma , fpiegarono le lor
bandiere vittorioſe , e con alla teſta i due Conſoli , Lucio Veturio ,
( f ) Zonar. e Cajo Lutazio marciarono coll' efercito come in trionfo fino alla
ibi .
Sig. de Alpi , fenza far guerra a neſſuno , come ſegue a dire Zonara ( f ) : 1órios
ant. jure δε Ουετέριος , κα Γάϊος Λετάτος ήλθον μέχρι των " Αλπεων , άνεν δε
Provinc. Lib .
láxns zwile's wresa carto : L. vero Veturius , & C. Eutatius ufque ad
I. Cap. VII.
Tom . v .Opp. Alpes progreffi , citra pugnam fibi multos adjunxerunt . Grande dovette
col. 497 eſſere la maeſtà di queſti due Confoli , con cui marciarono lungo
tutta
ANTICA DEL FRIULI : 87

tutta l'Italia da Roma fino alle Alpi , riſcuotendo per ogni dove
omaggi e riſpetto , e ſenza oſtacoli , perchè camminavan fempre
ſul fuo , E le genti ſteſſe contigue all'Italia , in vece di uſar loro
oftilità , molte fi fecero a gara per ottenerne la grazia , e partecipar
della loro amicizia . Donde forſe potrebbe dipendere ciò che all'anno
640. narra Appiano dei Norici con noi confinanti , cioè che fra elli
ei Romani amicizia correva , e oſpitalità ( a ) . ( a ) Appian.
Ma ſiamo oramai giunti a quel tempo , che la fortuna , tanto fi- Urkn. apud
nora amica e parziale de' Romani , incominciò a ftancarſi alquanto , suppl.Liv.
imperciocchè appena ebber eglino l'anno appreſſo , che fu il 534. Lib . LxxII.
colla ſolita felicità foggiogato anche r Illirico , e trionfato folenne- Cap. XXII .
mente di Demetrio Fario ( b ) , che l'anno ſuſſeguente 535. piombò ( b ) Polyb .
loro addoſſo la ſeconda guerra Punica , e fi vider eſli Annibale in Lib. 111. Cap .
caſa propria a contendergli a petto a petto quel Regno Italico , che XIX .
con tante fatiche e difpendj terminato aveano poco prima di ſotto
mettere ( c ) . Oſſervammo di ſopra coll'autorità di Polibio , che que- ( c) Id . ibid.
sto gran Capitano era atteſo ardentemente , e come fuol dirſi , a brac- Cap. XXXIII.

cia aperte da tutta la Gallia Ciſalpina , e mallime da ’ Boj e dagli


Inſubri , che a cagion delle due Colonie , Piacenza e Cremona , eranſi
di già levati dall'ubbidienza de' Romani . Ora abbiamo dal medeſi
mo , che appena giunto Annibale in Italia , e nel paeſe degl ' Inſu
bri , debelló i Taurini , che agl' Infubri in quel tempo faceano guer
ra ( d ) . E trovò il rimanente de popoli Gallici di queſta gran pia- ( d ) Id . ibid.
nura tuttavia coſtanti e diſpoſtiſſimi a unirſi ſeco lui : irreſoluti non- Cap. LVI. LX.
dimeno , e
e pieni di paura , a cagion delle truppe Romane , che in
buona parte ,
deluſi gli artifizj de'Galli , s'eran già di molto avan
zate , e aveano obbligati eziandio colla forza alcuni d'elli a prender
l'armi in loro ſervizio .

Non era già che i Romani non aveſſero preſentito a tempo queſta
moſſa d'Annibale , e non aveſſero creduto bene di prevenirlo , collo fpe

dirgli incontro da Roma Publio Cornelio Scipione , un de’ due Con


ſoli di queſt'anno 5:35 . pel mar di Toſcana , e di Genova , il qua

le in cinque giorni paſsò da Piſa a Marliglia , e alle vicine bocche


del Rodano ; dove sbarcato egli fi trincerò . Ma in tempo che appe
na potea credere , che Annibale aveſſe paſſato i Pirenei , trovò ch' ei
già meditava, il paſſaggio . del Rodano : ( e ) . Ciò che il Conſole a re ) Id . ibid .
tutte le vie tentò impedire , ma indarno i imperciocchè Amibale , Cap. xli.
guadagnati i Galli di quelle contrade , tanto fece , e tanto fi adope
rò , che in capo a cinque giorni traduſſe parte dell'eſercito oltre il
fiume , e obbligó quelli di Marſiglia , è altri popoli Gallici aderenti
ai
88 DEL LA GEOGRAFIA

( a ) Id . ibid. ai Romani , a darſi alle gambe ( a ) . Ottenuto ch'egli ebbe a un


Cap. XLIII. tempo ſteſſo , e il paſſaggio del fiume , e la vittoria , non tardò un
momento a tradurre anche il rimanente dell'eſercito , e ſpedì il giore
no appreſo un diſtaccamento di cinquecento cavalli Numidi alle boc
che del Rodano , per iſcoprir paeſe dove , e quante foſſero , e coſa
meditaſſero le truppe Romane. E quì fu , che s'imbattè Annibale
nell'ambaſceria di Magilo , uno de' Principi de' Popoli della Gallia
Ciſalpina, o ſia de ' Boj , vale a dire de' Bologneſi, ad eſibirſegli per
guida per la via di terra , e delle Alpi , fino ai confini d'Italia , con
( b ) Id. ibid. folenne impegno di preſtare al medeſimo ogni poflibile ajuto ( b ) .
Cap. XLIV. Dalle quali coſe indotto Annibale cambiò penſiero , e ne fece di ciò
Liv. Lib.xxl.all'eſercito una forte parlata i terminata la quale , ecco di ritorno
Cap. xxix.
la Cavalleria Numidica a riferire , qualmente incontrata non lun
gi dal campo nemico la Cavalleria Romana , dopo un fanguinoſo
conflitto , avea dovuto ſoccombere . Per la qual coſa Scipione , nulla
più deſiderando che di venire alle mani , eraſi moſſo con tutto l'eſer
( C ) Polyb. cito lungo il fiume ( c ) Ma Annibale , che s' avea prefillo in animo
ibid. C. XIV . tutt'altro , che di venire a cimento coi Romani prima d'entrare in

Italia , e che quanto più ſcoſtavaſi dal mare , tanto più credea sfug
( d ) Liv . ibi.gire un tal pericolo ( d ) , poſti alla retroguardia gli Elefanti e la
Cap. xxxi .
Cavalleria , alla ſiniſtra del Rodano ſi poſe in piena marcia coll' ar
mata verſo oriente ; e paſſando pel Lioneſe , e per le montagne della
Savoja , e de' Valdeſi , e ſuperati i gioghi più alti dell' Alpi Peni
ne , o ſia il nionte di S. Bernardo , ove naſce quel Fiume reale , co
(e) Polyb. ibi. me chiaramente ſcrive Polibio ( e ) , calò in Italia . Per la qual coſa
Cap . xlvii.
( 1 ) Cluver . Cluverio non può perdonarla a Livio ( f ) , e forſe a buona ragione ,
Ital. Ant.L.1. perchè in queſto ſi diſcoſti affatto da Polibio , e faccia capitare An
Cap. xxxiii. nibale , non già per l ' Alpi Penine , e pel nionte di S. Bernardo , ma
con viaggio diverſiſſimo pel Monſenì , o ſia per l'Alpi Cozzie a To
rino ; in tempo mallime che Livio , non meno ne ' fatti d'Annibale e
della ſeconda guerra Punica , che in tutte l'altre coſe Romane , non
fa altro che traſcrivere appuntino , e tradur quaſi verbo a verbo la
Storia di Polibio . E ciò tanto più , quanto che Polibio , intorno al
paſlaggio d'Annibale per l ' Alpi , avviſa particolarmente , aver egli
ciò appreſo da chi viveva in quel tempo , e d'eſſerſi eziandio chia
rito ſopra il luogo della verità del fatto , aſſicurando ogni coſa nel
modo che figue ( g ) : “Ημείς δε περί τέταν ευθαρσώς αποφαινόμεθα ,
δα το περί των πράξεων παρ ' αύτων και οργκέιαι των παρατιτυχόταν
( g ) Polyb .
ivid . Capit. τους καιροίς , τες δε τόπος κατο ττεκνα , τη δια των "Αλπεων
XLVIIL . αυτος κεχρήσθαι πορεία και γιασέως ένεκα κα θίας : Nos autem
de
ANTICA DEL FRIULI . 89

de hifce rebus eo majore fiducia ſcribimus , quia ab illis homini


bus eas didicimus qui temporibus illis vivebant : & quod loca
ipſa luftravimus , qui viſendi ſtudio ac veritatis nofcenda Alpes
adiimus .

Ma torniamo a Scipione , il quale tre giorni dopo che Annibale era


partito per l'Alpi , giunſe a quel campo , e trovatolo abbandonato , tut
tocchè non poteſſe darſi pace , come quel gran Capitano aveſíc avuto
cuore di cambiare idea , e d'imprendere un viaggio sì diſaſtroſo fra
le rupi , e fra i pericoli , e in mezzo a tanti Barbari , della cui fe
de non potea prometterſi , certificato nondimeno della verità del fat
to , tornò indietro alla volta di Marſiglia ( a ) . Dove imbarcò di bel (a ) Polyb.
nuovo la milizia , ne ſpedì il miglior nerbo con Gneo Scipione fuo ibi.Cap.xlix ,
fratello contro Aſdrubale nella Spagna , ed egli col rimanente veleg
giando per l'Italia , approdò a Genova ſecondo Livio , ma ſecondo Po .
libio a Piſa ; donde ſperava di prevenire il nemico , e di giungere
anticipatamente al paſſo dell’Alpi ( b ) . Sollecitò in fatti Scipione tal- ( b ) Liv.ibi ,
mente la marcia , che non ebbe Annibale come ſopra , eſpugnato Cap. ibi..
XXXII
Polyb.

appena Torino , che Scipione da Piſa era ormai giunto a paſſare il Cap. lvi.
Po coll'eſercito in quelle vicinanze ( c ) ; di che fortemente ſe ne ſtupì ( c ) Polyb .

Annibale , per averlo pochi giorni prima laſciato indietro al paſſo del ibi. Cap.lx.
Rodano . Nè minore fu lo ſtupore del Conſole nel vedere Annibale LX1 .
fano e ſalvo , in quindici giorni di viaggio difficiliſſimo , non ſolo
aver ſuperato l'Alpi coll'eſercito , ma aver già dato mano alle im
preſe militari , ed agli aſſedj. Per la qual coſa cercando amendue
queſti prodi guerrieri l'occaſione d' incontrarſi , fi videro a fronte al
fiume Teſino ( d ) ; dove acceſoſi un forte combattimento , finì colla ( d ) Id . ibid.
poggio de' Romani ( e ) . E Scipione ſteſſo avendo rilevato una feri- Cap. LXII .
LXlV .
ta , penſar dovette alla ritirata , a ripaſſare il Po , e a fortificarſi a ( e ) Id . ibid .
Piacenza ( 8 ) ; a cui tenne dietro Annibale , paſſando anch'egli il Cap. 1xv.
fiume , e poſtandofi a ſei miglia dal campo di Scipione . Da queſta ( f) Id . ibid.
prima vittoria dice Polibio , eſſer nato , che tutta la Gallia noſtra Cap. LXVI.

Tranfpadana , ove fegui un tal fatto : Πάντες οι παρακείμενοι Κελτοι


omnes circumjacentium regionum Galli , non indugiarono un momento
per via d ' Ambaſciadori , ſecondo che fin da principio ſi avcan pre
fillo , a unirſi con Annibale , e a preſtargli ogni poffibile ajuto .
Quindi fu , ' che que'pochi medeſimi , che sforzatamente , ſiccome diſ
fi , militavano fra le truppe Romane , animati dalla fuperiorità dell'
armi Puniche , ſi ammutinarono , e verſo la quarta vigilia della not
te affalirono improvviſamente i Romani , che gli ſtavan d'appreſſo :
molti ne ucciſefo : ne feriron non pochii e reciſe le teſte de’morti ,
/ M palla
IA
AF
L A GR
90 DEL GE
O

paſſarono al campo d' Annibale in numero di due mila Fanti , ē


( a ) Id . ibid . poco meno di dugento Cavalli ( a ) ..
Cap. LXVII. Non crederei d'ingannarmi , ſe , col fondamento delle accennate

parole di Polibio , intendo io tutta la Gallia Tranſpadana , in cui ſi


contavano anche Veneti e Cenomani ; imperciocchè la rotta de' Ro
mani al Teſino accadde , ſecondo che teſtifica Livio , nell' Inſubria
( h ) Liv . ibi. ( b ) . Dove , gettato un ponte a quel fiume , paſsò Scipione ad in
Cap. xLv. contrare Annibale , cinque miglia diſcoito del borgo Tumuli , che
molto ragionevolmente s' interpreta del Dujacio pel moderno Dimoli ,
( C ) Dujac. tra Novara , e Pavia nello ſtato di Milano ( c ) , vale a dire nel
ad hunc Liv: centro e nel cuore della Gallia Tranſpadana ; di modo che l'eſpreſ
Loc .
fione generalifima di Polibio : πάντες οι παρακείμενοι Κελτοι : omnes
adjacentes Galli , o come con maggior circolo di parole interpreta il
Caſaubono : omnes circumjacentium regionum Galli , non può cadere
che ſul rimanente della Tranſpadana , diviſa e ſeparata dalla Gallia
Ciſpadana dal real corſo del Po , e adjacente tutta , e confinante per
ogni verſo coll' Inſubria . Non così all'incontro ſembra poter dirſi del
la Ciſpadana mentre ſebbene in aggiunta a quelli che deſertarono
dal campo Romano , ſi preſentaſſero ad Annibale anche i Boj , prin
cipal Gente della Ciſpadana , ratificando al medeſimo a viva voce la
ſua coſtanza , nulladimeno Polibio continua a dire > che Scipione for
praffatto dal tradimento delle truppe Galliche e dalla ſtrage da eſſe
fatta al campo Romano , vedendo ormai patente l'alienazione degli
animi di buona parte anche della Ciſpadana , pensò per innanzi a
camminar più cauto ; e sloggiando di notte tempo dal campo di.
Piacenza , s'incamminò verſo il fiume Trebbia , e i vicini colli , fi
dandoſi molto più di que' ſiti. , e delle genti Sozic che gli abitavano
( d ) Polyb. ( d ) . Teſtimonio ben chiaro , che in queſta Gallia pur tuttavia re
ibi.eod. Cap. ſtavano anche a Roma i ſuoi partigiani ..
LXVII . dice lo Storico
Se ne avvide Annibale di queſta marcia e tan
toſto tènne lor dietro . Ma occupati troppo i Namidi a incendiare il
campo nemico ' ,, ebbero tempo i Romani di paſſar felicemente la Treb
bia , benchè danneggiati alquanto nella retroguardia al paſſo del fiume .
Valicata la Trebbia , fi poſtò Scipione a que primi.colli ,, ed ivi fortificolli,
attendendo intanto dalla Sicilia colle ſue legioni l'altro Conſole Tiberio
Sempronio Longo , e curandoſi diligentemente della ferita . Paſsò il
fiume anche Annibale , accampandoſi a cinque miglia da Scipione ,, afa
fiftito largamente di tutto il biſognevole dalla nazion Gallica , pronta og
(e ) Id. ibid. gimai . ad aver parte in ogni ſua impreſa , e in tutti i ſuoi pericoli (e ) .
Capa LXVIII. Era Chiaſteggio nella Ciſpadana , fra Tortona e Piacenza , tutta

via
ANTICA DEL FRIULI: 91

vla fedele ai Romani , ché Annibale , nel mentre che Tiberio ; capi
tato dalla Sicilia , eraſi già unito al campo di Scipione , preſe per
tradimento d'un certo Brundufino . Dove gli venne anche fatto di ſco
prire , che le genti Galliche > ſituate tra il Po e la Trebbia , ſeg
gendo , come ſuol dirſi , ſu due ſcanni , aveano bensì dall'un canto
ma dall'altro ſe l’intendevano a man
ſeco lui contratto amicizia , ma
falva anche coi Romani ( a ) . Per la qual coſa avendo egli ſpedito ( a ) Id. ibid .
due mila Fanti , e la Cavalleria Gallica e Numidica a ſcorrere e de- Cap. LXIX .
predare i loro confini , coſtoro ebbero ricorſo ai Romani contro An
nibale . Tiberio allora , che nulla più deſiderava , che di venir ſeco
e buona parte
alle mani , fpedì ſubito mille Arcieri di Fanteria
della Cavalleria , che ripaſſata la Trebbia gli affalirono , e gli obbli
garono a rinculare addietro ne' loro alloggiamenti . Ma avvertiti i
Cartagineſi dell'accaduto > con nuovi rinforzi conſtrinſero i Romani
all'incontro a voltar le ſpalle , e a fuga alle loro
raccoglierſi per
e la
tende . Il perchè Tiberio ſpedì di del nuovo gli Arcieri tutti ,
Cavalleria ; onde i Cartagineſi ceſſero di ricapo , e ſi ritirarono al
loro campo . Annibale intanto , che non vedeaſi in punto per un ge
neral fatto d'armi , nè credea bene a tutti i momenti , e ſenza ma
tura premeditazione avventurare ogni coſa , trovò ſpediente per allo
ra il far voltar teſta a fuggitivi , ' sforzandoli a far fronte agl'inimi
ci : proibendo nondimeno loro il combattere , o l'inſeguirli , e chia
mandoli poſcia , per via de' miniſtri e de’trombetti , opportunamente
a raccolta . Allora fu , che i Romani, dopo qualche breve indugio ,
ſe ne tornarono indietro con perdita di pochi de' ſuoi , e con molto
maggior danno e ucciſione de' Cartagineſi.
Baſtò queſto piccol vantaggio a Tiberio , perchè inſuperbito e cal
do azzardaſſe la ſua fortuna ( b ) ; e con tutto che Scipione la fen ( b ) Id . ibid .
tiſſe altrimenti , andaſſe incontro precipitoſamente alla memoranda rot- Cap. LXX .
ta , che ricevette poſcia alla " Trebbia , e che poſe l'armi di Roma
in tale diſcredito che ci volle ben molto tempo , e molto ſangue
a riſarcirlo . Narra Polibio dopo una tale ſconfitta aver piegato al

partito de Cartagineſi tutti quanti i popoli Gallici ( c ) : KalTous ( c ) Id .ibid.


πάντας απιν ενευκέ να προς την εκείνων φιλίαν : Gallos κmiuerfos ad Cap . LΧΧν .
illorum partes accellife . Avea detto poco prima , che alla rotta di
Scipione al Teſino s'erano uniti ad Annibale tutti i popoli della
Tranſpadana . Non può quì intendere adunque , ſe non di quelle po
che genti Galliche della Ciſpadana , che prima di queſta rotta alla
Trebbia , ſecondo che offervammo , mancavano ancora al partito d'

Annibale . Per la qual coſa non poſſiamo aſcoltar Livio ſenza ſtupo
M 2 rea
92 DE L L A GEOGRAFIA

re , là dove , innanzi queſta gran battaglia , annovera tuttavia i Ce


nomani , popoli della Tranſpadana , fra le truppe Romane ; e vi ag
giunge eziandio , che fra le genti Galliche , queſta unicamente perſe
( a ) Liv. Lib. verava ancora in fede ( a ) . : Auxilia præterea Cenomanorum : ea ſola in
xxi , Cap. Lv. fide manſerat Gallica gens .
Ma ammirazione ancor maggiore potrà cagionare silio Italico ,
che pur conta preſſo gli uomini dotti più per Iſtorico che per
Poeta , il quale più di Livio allontanandoſi da Polibio , ci deſcrive
dall'altro canto i Veneti nella Tranſpadana medeſima fermi e co

ftanti nell'ubbidienza de' Romani , non ſolamente fino al fatto d' Ar


mi alla Trebbia , ò alla ſtrepitoſa rotta di Flaminio del ſeguente
anno 536. al lago Traſimeno in Toſcana , ma fino alla gran gior
nata di Canne nella Puglia , che ſeguì la campagna appreſſo nel
537. col disfacimento del Romano eſercito ; facendoneli ſervire nel

medeſimo in qualità di truppe auſiliarie , aſſieme coll'altre genti so


zie ſotto il comando di Bruto , in quel cclebre e rinomato ver
( b ) Sil. Ital. fo ( b ) .
Lib . vill . Necnon cum Venetis Aquileja perfurit armis .

Al qual verſo di Silio ſembra aggiungere altrove Livio medeſimo


non poca autorità , dicendo anch ' egli , che dopo la battaglia di Can
ne ſolamente , oltre un groſſo numero di genti Sozie , paſſarono da
( c ) Liv.Lib. quel de ' Romani al partito d'Annibale ( c ) Ciſalpini omnes Galli .
xx11.Cap.lxi. Ciò che non potrebbe intenderſi ſe non de' Veneti , o Cenomani , o
altre genti meno oſſervabili della Gallica nazione ; dichiarati eſſendo
ſi , anche ſecondo Livio , molto prima della battaglia di Canne del
partito Punico gli altri due popoli principali della Ciſalpina , Ioſu
bri e Boj
Combini intanto chi può silio Italico , e il preſente paſſo di Li
vio , con quel che di ſopra abbiamo addotto intorno ai Cenomani ,
ov'egli dice chiaramente , che al tempo della rotta alla Trebbia >
ea fola in fide manſerat Gallica gens . Mentre noi parliamo a riflette
re , che dopo coteſta rotta alla Trebbia , non folamente preſſo Poli
bio , ma neppur preſlo Livio veggonſi più Galli , ſe non nel campo
d ' Annibale ; e che Annibale ſtello , dopo una tal vittoria , potè quie

tamente , e ſenza alcun ſoſpetto , porſi a quartieri d'inverno nella


Gallia medeſima come in paeſe d'amici , ficcome eſpreſſamente ab
biamo dallo ſteſſo Polibio ( d ) , Scrittore accuratiſſimo , e gran par
( d ) Polyb.
ibi. C.LxxvII .' tigiano della verità , e quel che è maggior cofa , vivente ai tempi
d' Annibale , non contando cgli meno di ventiquattr'anni nel 570 .
della
A N T I CA DE L F R I U LI. 93

della fondazión di Roma ( a ) , in cui morì quel gran Capitanò ( 6 ) :( a ) Biblioth .


Il perchè intorno a un tal punto crediamo doverſeli a diſtinzione Gréc. Tom .
preſſo il mondo erudito una pieniſſima fede . Verificandoſi mallime di Hipag 757
allora ' innanzi anche in Livio la gran confidenza , è la ſtretta lega xxxix. Cap.
d'Annibale con queſta ' Gallia ; il quale , obbligato dalla penuria e LVII.
dalla fame avanti la battaglia di Canne , non altrove dicefi che me
ditaſſe la fuga , come in ſicuro aſilo , che nella Gallia medeſima
( c ) : De fuga in Galliam dicitur meditaſſe. Dove non è da crederſi ( c ) Liv. Lib .
che meditaſſe la fuga , ſe fi aveſſe laſciato indietro in quella Pro- xxl1.C.XLIIl.
vincia , e Veneti , e Cenomani in podeſtà de'Romani .
Tuttavolta ſe queſte tali memorie di Livio , e di silio , a fronte
dell'autorità graviſſima di Polibio poſſano aver luogo , io non voglio
decidere . Dico bene , che il ſuddetto verſo di silio viene a porger
ci fra gli antichi un primo regiſtro , e una prima memoria della
ſuggezion de ' Veneti verſo i Romani , come avvertì accuratamente il
Sig . Marcheſe Maffei ( d ) . Dico innoltre , che ſe dee ſtarſi a si- ( d ) Ver. Ill.
lio , niun popolo della Gallia Ciſalpina differì più de’Veneti a di- Part. 1. Lib .
11. col. 31 .
chiararſi contro i Romani ; il che finalmente rifolſero anch'effi di

fare . E ſe pure è da ſupporſi contro Polibio , che nol faceſſero pri


aflieme cogli altri popoli della Tranſpadana nel 535. lo fecero
certamente nel 537. dopo la ſconfitta di Canne , dopo la quale an
che ſecondo Livio , oltre i popoli Sozj , qui ad eam diem firmi ſte
terant , paſarono da quel de' Romani al partito d' Annibale Ciſalpini
omnies Galli .

Levataſi pertanto in queſti tali tempi la Ciſalpina dalla ſuggezion


de ' Romani , mancò ai medeſimi per molti anni appreſſo l'ubbidienza
di cotcfta Gallia . Avcano eſſi , con tutta la reſiſtenza di queſta bella
Provincia , poco prima della battaglia di Camė , ſtudiato di preſer

varne in ogni modo il dominio , cal crear ne' comizi di queſt'anno


per la prima volta un Pretor provinciale della Gallia , nel qual po
fto aveano collocato Lucio Poftumio Albino ( e ) : Additi duo Præto- ( e ) Liv . ibi.
res , M. Claudius Marcellus in Siciliam , L. Poftumius Albinus in Gal- Cap. xxxv .

liam . Ma pochi giorni dopo quella gran giornata , affacciatoſi Poſtu


-mio con due legioni , fornite di venticinque mila combattenti per
entrar nella Gallia , sì brutta accoglienza ebbe , e talmente fu preſo ( f ) Polyb. 1
Lib. 111. Cap.
in mezzo da' Boj nella Selva Litana alle radici dell ' Apennino , fra CXIX.
il Bologneſe , Modeneſe , e i confini di Piſtoia , che con tutti i Liv. Lib.
ſuoi ne rimaſe oppreſſo , e fteſo morto a terra , in tempo che ne xxill. Cap.
XXIV.
Comizj era ſtato creato Conſole ( f ) . Tanta confuſione cagionò in Dujac. ad
Roma un così fatto annunzio , che non ſi devenne nel 538. neppu- hunc Liv . loc.
re a
94 DELLA GEOGRAFIA

( a ) Liv. ibi. re a crear Pretore della Gallia : Itaque Galliam , dice Livio ( a)
Cap. xxv . quamquam ftimulabat juſta ira , omitti co anno placuit .

Reſtavano per altro in queſta Gallia le due Colonie di Piacenza è


Cremona che colla ſua coſtanza mantennero ſempre viva in queſte
( b ) Id Lib .
yuxuli. cis: parti la fazione di Roma ( b ) . Quindi è che nel 539. fi ripigliò
la ſerie di que' Pretori , e ne fu creato Sempronio Tuditano , ma
con tal riſerva e cautela , che non ſi titolò neppure Pretor della
Gallia , nè fi diſſe a lui ſortita una tal Provincia , ma la Provincia
( c ) Id. Lib.
di Rimini ( c ) : Prætori Sempronio Provincia Ariminum ; ch' era l'
XXIV. C.XLIV
ultima Città dell'Umbria in confin della Gallia Ciſalpina . Fu pro
rogata a Sempronio una tal Pretura d'anno in anno , fino al 342 .
( d ) Id. Lib. ( d ) , ſenza faperſene quel che nella Gallia intanto ei fi faceſſe . si
xxv. Cap. 111. fa ſolo che nella guerra Annibalica nel 540. egli eſpugnò Aterno
Lib . xxvi.C.1. ne' Marrucini ,
ne' Marrucini , oggidi Peſcara nell ' Abruzzo inferiore ( e ) . Così è
( e ) Id . Lib.
xxiv.C.XLVII. da dirſi di Lucio Veturio Filone , che a lui ſucceſſe nel 143. e vi
( f ) Id . Lib. durò fino all' anno 545. ( f ) .
XXVII . Cap.
VII . X. XXII , Ma nel 546. grandi motivi ſopravvennero a Roma , perchè ſopra
queſta Gallia più ſerj che mai diveniſſero i ſuoi penſieri . Eraſi pe
netrata la moſſa d'Aſdrubale per l'Italia in ſoccorſo d'Annibale ſuo
fratello > correndo voce , ch'ei foſſe proſlimo a calar dall ' Alpi in

queſta Provincia . si diede mano pertanto ai più forti ſpedienti , e


.. ibid . ſi deſtinò la Gallia a Marco Livio , un de' due Conſoli ( 8 ) , adver
( g ) Id
Cap. xxxv . ſus Aſdrubalem , quem jam Alpibus appropinquaſſe fama erat . Si paſsò
ciò non oftante ne ' comizj a creare in sì grave pericolo anche il
Pretore , che fu Lucio Porcio Licinio , il quale partì ſollecitamente
( h ) Id . ibido a quella volta ( b ) . Stimolava intanto le riſoluzioni anche del Con

Cap . xxxvi. fole il ſaperſi , che la Toſcana ad eſempio della Ciſalpina inclinava
molto alla ſollevazione ; e ciò che lo metteva in neceflità d' opporſi

( i ) Id. ibid. ad Aſdrubale ſenza ritardo ( i ) : Aſdrubali occurrendum ele defcen


Cap xxxvIII. denti ab Alpibus ; ne Gallos Ciſalpinos , neve Etruriam ere &tam in
Spem rerum novarum ſolicitaret . Ma più ancora accreſceano il tumul
to di Roma le lettere di Porcio Licinio , che ormai dalla Gallia av
( k ) Id. ibid. viſava ( k ) , Aſdrubalem moviſſe ex hibernis , & jam Alpes tranfre :
Cap. xxxix . ſe cum invalido exercitu , quoad tutum putaret , progreffurum , In fatti
Afdrubale calò dall' Alpi con tanta celerità , che prevenne ogni coſa ,
e paſsò liberamente per la noſtra Gallia , che lo acclamava , a por
l'aſſedio a Piacenza . Dura impreſa per lui fu queſta , e di non ve
nirne sì facilmente a capo ; onde levatoſi dall'aſſedio ſcriſſe ad Anni
( 1 ) Id . ibide bale , benchè inutilmente , che gli veniſſe incontro nell ' Umbria . In
Cap. xL111. tercette gli furono le lettere ( 1 ) , ed egli in mal punto paſsò dalla
Cifal
ANTICA DEL FRIULI.. 95

Ciſalpina nell' Umbria ad accamparſi al Metro , tra Sinigaglia e Fa :


no ( a ) . Dove incontrato da Marco Livio , e dall'altro Conſole ( a) Id. ibid.
Cap. XLVII.
Claudio Nerone , che in piena marcia , fin da Bruzj e da Lucani ,
era giunta in ſoccorſo , ebbe una tale ſconfitta che combattendo
o

intrepidamente , e da gran Capitano , reſtò ſagrificato ſul campo ,


con dieci mila , ſecondo Polibio ( b ) , o ſecondo Livio , che troppo ( b ) Polyb.
Lib . xi . C.III.
quì forſe empie la bocca ( c ) , con cinquanta fei mila de' ſuoi .
22 ( c ) Liv . ibi.
Con queſta memorabile rotta finirono le ſperanze de Cartagineſi Cap: XLIX .
in queſte parti e qui Annibale raccogliendo le ſue forze all'eſtre
mo angolo de'Bruzj , e di Metaponto ebbe a dire ( d ) , agnoſcere Se ( d ) Id . ibid .
.:.
Se fortunam Carthaginis . Dove per quattr'anni appreſſo ſchermendoſi Cap. 11 .
tuttavia , e tentando indarno di far riſorgere il grido dell'armi Pu
niche > richiamato da ſuoi nel 550. dopo ſedici anni di terribile

guerra , abbandonò finalmente l'Italia ( e ) . Colle ſperanze de'Carta- ( e ) Id. Lib.


gineſi finirono in conſeguenza anche quelle della Gallia Ciſalpina , xxx. Cap. XX .
eſpoſta malamente come fautrice d ' Annibale all ' indignazione de' Ro
911 mani . Dove nel 547. fu ſpedito coll'eſercito Quinto Mamilio a far
ne la vendetta ( f ) : Juffuſque populari azros Gallorum , qui ad Pænos ( f ) Id .Lib.
ſub adventum Aſdrubalis defecerant . Quindi ſotto il governo di Spu- XXV 111.C.X.
rio Lugrezio , a cui nel ſeguente anno 548. toccata era la Gallia

id (3 ) : Ariminum ( ita Galliam appellabant .) sp . Lucretio obvenit , ( g ) Id . ibid .


Magone , altro fratello d'Annibale , veleggiato avendo dalla Minori- Cap.xxxvIII.
ca al porto di Genova con quattordici mila combattenti ſecondo
Es

che il Pretore Lugrezio avvisò in Senato non ebbe cuore di tentar


l' acceſſo alla Ciſalpina , abbenchè il ſuo eſercito fi aumentaſſe alla
giornata di genti Galliche ( b ) : Ad famam nominis ejus Gallis un- ( h ) Id . ibid .
di que confluentibus . Prevedeva quell'eſperto Cartagineſe l’union delle. Cap. XLVI .
truppe della Toſcana , comandate da Marco Livio , con quelle di
Spurio Lugrezio nella Gallia ; il perchè deſtreggiando fuori di que?
confini , chiamò fra Albenga e Genova un congreſſo di Liguri e
to Galli , eſponendo loro ( i ) , miſſum se ad eos vindicandos in liberta- ( i ) Id . Lib .
tem , e aggiungendovi la neceſſità che avea de' loro ſoccorſi . A cui xxix . Cap . v.

riſpoſero i Ciſalpini , che per volontà elli non erano per mancargli.
Sed cum una caftra Romana intra fines , altera in finitima Etruria
Itt
prope in conſpectu habeant ; ſe ciò fi pubblicafle , diceano eſſi : ſ
palam fiat auxiliis adjutum ab se ſe Pænum , extemplo infeſtos utrinque
07
co exercitus in agrum fuum incurſuros . Laonde che non fperafle Magone
dalla Gallia fe non quegli ajuti , ch ' ella potea darli naſcoſtamente :
Ea ab Gallis defideraret quibus occulte adjuvari poſſet . Dalle quali
parole di coteſti popoli chiaro appariſce , che due anni prima che
‫ܐܐ‬

Annis
AFIA
96 DE L L A GEOGR

Annibalè uſciſſe d'Italia , cioè l' anno di Roma 548. eraſi ormai ri
dotta da' Romani alla primiera ubbidienza l'intiera Gallia Ciſalpina.
Ed ecco a quai tempi la Romana Repubblica ſi perpetuò il pof
feſſo di queſta vaſta e nobil Provincia , reſo ne' ſuoi principj flut
tuante ed incertiſlimo, anzi interrotto per più anni , durante in Ita
lia la riputazione dell'armi d' Annibale . Da queſt'ora innanzi la
Ciſalpina non alzò più la teſta , ſe non con qualche particolar tu
multo , e con quelle ſedizioni che accennammo di ſopra ; le quali
furono bensì moleſte alla Repubblica , ma non ne turbarono in verun
modo il poſſeſſo , come abbiamo dal lungo catalogo de'Pretori , che
poſcia mandò Roma continuamente a governarla , ſino ai tempi del
Proconſolato di Giulio Ceſare , che ne chiuſe la ferie .
Alla condizione degli altri popoli della Ciſalpina fu in ogni temo

po anche la Venezia , toltone le ſedizioni che nacquero , ſiccome dif


ſi, dopo la guerra d’Annibale . Nelle quali trovanſi bensì intereſſati ,
ora Inſubri , ora Boj , e talvolta anche Cenomani , ma non mai la
Venezia . Diſtintaſi pertanto in cotal modo , dopo la ſeconda guerra
Punica dall'altre Galliche genti , l'antica e generoſa nazion Veneta ,
continuò dappoi con fede pura , e con integrità , pel corſo poco me
ao che di ſette ſecoli nella divozion de' Romani . E fu anche coll'

andar degli anni accreſciuta e onorata del gius Latino , e della Ro


ܺ‫ܠܐ ܘܬ݁ܝ‬ mana Cittadinanza . E in proceſſo di tempo giunſe ad eſſere l'occhio
deſtro , e la delizia de' Ceſari pel frequente e lungo ſoggiorno , che
piacque loro di fare in Aquileja , novella ſua Capitale . Sino a tan
to che i Barbari verſo la metà del secolo V. dell'Era Criſtiana le
portarono in ſeno la deſolazione , e colla diſtruzione mai più udita .
delle più nobili e ricche fue Città , l'obbligarono un poco alla volta
a cercar afilo lungi da terra , nelle paluſtri vicine Iſole dell' Adriatic
co . Dove ricoverato il nome , e l'antica Veneta libertà , fi conſerva
anche al dì d'oggi , e più che mai riſplende nell' inclita e immortal.
( a ) Chron. Repubblica di Venezia ( a ) : Populi autem ejusdem Provinciæ , dice
Ven. vetuftif). l' Anonimo Autore della Cronaca Veneta antichillima , penitus recu
Ed. Ven .
1761. pag . 4• Santes Langobardorum ditioni ſubeſje , proximas Inſulas petierunt , ficque
Venetiæ nomen , de qua exierant , eisdem Infulis indiderunt ..

CAPI
ANTICA DEL FRIUL. I. 97

CAPITOLO OTTAVO .

De popoli Carni , e dell' Alpi Noriche e Carniche , 'antiche loro sedi ,


e del vero fito dell'antica Japidia .

I è parlato ne' precedenti Capitoli , è forſe anche con


abbondanza , del noſtro piano e della nazion Veneta ,
che anticamente n'era l'abitatrice . Ci chiama ora il
noftro aſſunto a dire anche delle montagne , eé de ' po

poli Carni , che fin da ſecoli più lontani ebber quivi


anch'eſti le ſue ſedi . Le noſtre Alpi poſte al di ſopra del ſuddetto
piano , appellate dagli antichi Noriche in parte , e in parte Carniche ,
principiano altiſſime dall'Alpi Retiche ,
e dalle fonti del Dravo , e
della Piave , indi a grado a grado continuamente abbaſſandoſi , van
no le più baſſe , chiamate il monte Ocra , a terminare alle fonti del
e finiſcono
Formione , e del Nauporto , oggidi Rifano e Lubiana , ov
l'Alpi , e principiano i chiamati anticamente Albj , che di
monti
nuovo s'innalzano , ſotto i quali incominciava l'antica Japidia . Co
te , e
teſte Alpi in buona parte coprirono i Carni antichiſſimamen
coll ' andar del tempo le occuparono tutte ; ciò che raccoglieſi minu
tamente notato da Strabone nella ſua Geografia .
Che i Carni abitaſſero a certi tempi l'Alpi più alte , ſituate al
confin delle fonti del Dravo e della Piave , s' impara dalle ſeguenti

fue parole ( a ) : “Υπέρκειται δε των Καρνών το' Απέννινον όρος , λί- ( a) Strab.
Lib. IV . pag .
μνην έχον εξισαν ς. τον Ισαρου ποταμον : δς παραλαβων " Αταγιν
198.
άλον ποταμόν , εις τον 'Αδρίαν εκβάλα : Supra Carnos Apenninus
mons eſt : is lacum habet exeuntem in Saram , qui alium fluvium A
tagin recipiens , in Adriam effluit . Il fiume Atagi , modernamente

appellato Aiſaco , fcorre appunto alle ſuddette parti , al di ſopra de’


moderni noſtri Carni , e interpreta chiaramente l'intenzion di Stra
bone. Al qual paſſo nondimeno è da avvertire , che dove leggeſi Tó
'A Tévrinov opos : Apenninus mons , dee fcriverfi το "Αλπιον όρος : Al
fius mons , ovvero “' "ARTIS TÖ opos : Alpis mons , ful fondamento
dell'Abbreviator di Strabone , che così ſcrive , e così appella queſta
( b ) Cluv .
porzion di montagne : correzione avvertita anche dal dotto Ital. Ant.Lio.
prima
Cluverio ( b ) . Servirà queſto ancora , perchè altri non confonda allie- 1. Cap. XIX .
me i due monti Alpio , ed Albio ( 0 ) , eſſendo elli , ſe l’Alpio ſi ( C ) Delle
prenda come ſi conviene , partitamente . , e non in genere , due mon Ant. Rom.
delt Iftr. pag .
tagne fra loro affatto differenti , e ſeparate . L'Alpio è queſto di cui 36.
N para
IA
L A G RAF
98 DEL GEO

parliamo , che ſtendevaſi dall' Alpi Retiche ſino all'Ocra : di là dall'


Ocra innalzavaſı il monte Albio , come ſi apprende dal ſuddetto Ab

( a ) Strab. breviatore ( a ) : “ Ότι υπo το έκτο κλίμα κάται και " Αλπις το όρος ,
. Epit. Ed . και προς ανατολας σχεδόν επ ' ευθείας διήκει η ορανο αυτό ραχις
ηθ.
Lib. pag. έως Αίμε όρες , τα ας τον Εύξεινον λήγοντος ·
vii1797. ωνόμαςαι δε καθ '
125 2 . έκαςον έθνος έτως: " Αλπις , "Όκρα , Καρέαγκα , 'Aλβις , Βέβια :
Quod ſub ſexto climate Alpis mons jacet , eam ad ortum juxta re &tam
fere lineam dorfum ejus montanum porrigitur , uſque ad montem Emum ,
qui in pont um Euxinum definit . Nomina autem habet juxta unamquam
que gentem hæc : Alpis , Ocra , Caruanca , Albis , Bebia .
Occupavano i Carni anche l ' Alpi più baſſe , poſte alle fonti del
Formione 2 e del Nauporto » come può giuſtificarſi co ſeguenti due
( 6 ) Strab. paffi del Geografo ( 6 ) : Η δ' " Όκρα ταπεινότατον μέρος των 'Αλπεων

Lib. ιν. pag . εσι , καθ ' δ συνάπτεσι τοίς Κάρνους και και δι ' και τα έκ τής ' Ακ :

199. λήκας φορτία κομίζεσιν αρμαμάξαις ας το καλέμειον Πάμπoρτον


( c ) Lege ( c ) , σαδίων οδών και πολύ πλειόνων ή υ : Ocra autem pars eft Al
Ναύπορτον : pium humillima , qua ad Carnos accedunt e per quam ab Aquileja
Nauportum , curribus portantur merces ad locum , cui nomen Nauportum , iter fta
cum Cafaub.
( d ) Strab. diorum non ultra CCCC. A queſto aggiungafi l'altro paſſo ( d ) ; ' 0
Lib. VΙΙ.pag. μείως δε και εκ Τεργέσης και μης Καρνικής υπέρθεσις εσί , δια της
303 . "Όκρας ας ελος Λέγεον καλούμενον : Similiter trajeξtus Ocra εft a
Tergeſta vico Carnico ad lacum Lugeum . E chiaramente fi compren
derà il vero ſito del monte Ocra , e ſcorgeraſti molto ad evidenza
ch'egli era ſituato fra Aquileja e Lubiana i per dove facean tragitto
i Trieſtini al Lago Lugeo in Carniola oggidì appellato Lago di
Circhiniz . Vero è nondimeno che Strabone in quelle parole , Ocra
pars eſt Alpium humillima , qua ad Carnos accedunt , ſembra eſclude

re i Carni dal monte Ocra , o ſia dalle Alpi del Trieſtino e dar

principio alle loro fedi ſolamente di quà delle medeſime . Ma Lapida


antica di Trieſte in Grutero ci fa fapere , che ai tempi d'Antonino
Pio i Carni occupavan benifli mo anche queſte montagne , e che fu
rono aſſoggettati alla Repubblica di Trieſte da quell’Augufto , per i
( e) Grut.pag. loro demeriti ( e ) : Adtributi Reipublicæ noftræ prout qui meruiffent
ccccLxxxvIII talia . E argomenti ſopra di ciò addurremo a ſuo tempo , che porta
1. Ver . Ill.
Part. 1. Lib. no a molto maggiore antichità .
y. Col. 102. Le noſtre Alpi finivano dove incominciavano i Monti Albi , come

( f ) Strab. raccoglieſi da queſt'altro paſſo dello ſteſlo Scrittore ( f) : Kü góp


Lib. ΙV. pag. Γυν επί το εν τοις Iαπόσιν , όρος υψηλών συνάπτον πως τη άκρα
193 . και τις "Αλπισιν "Αλβ.ον λέγεσθαι , ώς αν δεύρο των Αλπεων εκ
Terapérwy : Namque hoc tempore in Japodes , mons excelſus horum ul
tima
ANTICA DEL FRIULI : 99

tima attingens á Alpes ipſas ; Albius appellari cæpit , perinde ac


eouſque Alpes extendantur .
Cotefte Alpi fi ſtendevano dalla Rezia fino agli Japidi , e il mon
te Ocra ne formava la porzion più baſſa di tutte Σ andando a finire
là dove alzavanſi di nuovo i monti chiamati Albj , come ſi prova
coll ' autorita mcdefima ( a ) : Η δ "Όκρα ταπ ανότατον μέρος των "Αλ- ( a ) Id . Lib.
πεων επί των διατeινασών από της Ριτικής μέχρι Iαπόξων : εντευθεν νιί. pag. 304 .
εξαίρεται τα όρη πάλιν εν τοις Iαπόσι , και καλετα ' Aλβια : Et
autem Ocra pars Alpium a Rætis ad J apodes , porre &tarum humillima ;
hinc apud Japodes rurfum ſe attollunt montes 2 eu vocantur Albii .
!
Il monte Albio era il termine dell' Alpi , e la vera ed unica fede
degli Japidi , come abbiamo dallo ſteſſo Geografo ( b ): " Icfup Tue gap ( b ) Id . ibid .
οι Ιάποδες επί τω Αλβίω όρα τελευταίο των ' Αλπεων ότι , υψη
λό σφόδρα τη μεν επί τους Παννονίες και τον "Ιερον καθήκοντες 2
τη δ' επί τον 'Αρίαν , αρ. μανισι μιν , ειπιποιημένοι δε υπό του
1.
Σεβάτα ( Κάταρος ) τελως . Siti funt Japodes fub Albio monte , qui
finis eſt Alpium , admodum alto : ac partim ad Pannoniam & Iftrum
habitantes , partim ad Adriam : bellicosa gens , Sed ab Auguſto Cæfare
Ο. prorſus defatigata . Dove come debba intenderſi Strabone in dicendo
και che gli Japidi abitavano , parte verſo la Pannonia e il Danubio e
.
parte verſo l' Adriatico , lo dichiara egli ſteſlo , ripetendo altrove la .
medefima cofa ( c ) : Οι μεν ουν αποδες πρότερον και ευανδρουιτες , ( c) 14 Lit.
12 , και τους όρος εφ' εκάτερον την δίκησιν έχοντες , και τοις ληςηρίοις V. pag. 199.
επικρατούντες , εκπεπόνηνται τελέως υπο τα Σεβάσο Κίσαρος κατα
πολεμηθέντες : Japodes igitur virorum forentes robore antea , & utro
que ex montis latere domicilia habentes , cum late latrociniis invaleſce
rent , ab Auguſto tandem Cæfare fummo cum labore debellati ſunt . Di
quà e di là , dice Strabone , di queſta gran montagna , appellata Al
bio , gli Japidi abitavan terra , ed avean dall' un canto la Pannonia
e il Danubio , e dall'altro l'Iſtria , e l' Adriatico , lungo i quai con
fini ſtendevanſi in mezzo , dalle fonti del Formione , e del Nauporto ,
fin verſo la moderna Città di Fiume .
Ma in conferma di ciò non ci fia diſcaro l' udire anche Dione ,
il quale deſcrivendo queſta medeſima guerra , ancor più preciſi ci dà
i confini di una tal gente , dicendo di Auguſto come in perſona
intervenir volle a quella dura imprefa ( d ) : Αυτός επί τες Ιάποδας ( 4 ) Dio Lib.

έτράτευσε , και τες μίν εντός των όρων ου πάνυ πόρρω της θαλάσ- κειX. C.χκαν .
σης οικούντας , απονώτερον προσηγάγετο , τους δε επί τε των άκρων ,
και ας τα επι θάτερα αυτών , ουκ αταλαιπώρως εχερώσατο : Japodes
ipſe bello petiit : quorum eos , qui citra montes hand procul a mari
N 3 babie
Η

1

100 DE L L A G E ÖG R A FIA

habitabant ; non omnino difficulter ſubegit ; qui vero montes ultra


eos incolebant , eos non fine maximo labore perdomuit : Della qual de
( a ) Cell.
fcrizione pienamente pago il Cellario ebbe a dire ( a ) : Plana de
Orb. Ant.
Tom . I. pag . fcriptio , ex qua patet , & in montibus Albiës cis eos ac ultra la
487. te habitaſse , propinquos etiam mari , non autem contiguos .
Vicina dunque al mare alla volta di Fiume , e di Terſatto , e
altre città Liburniche , era la Japidia , ma non confinante . Al che
però non reſta , che Strabone medeſimo non vi frapponga una ſomma
difficoltà , regiſtrando , per quanto ſembra, tutto il contrario, e di
( b ) Strab. cendo ( b ) : ' Eęūs ļo ésid ó 'lamodixos tapén 18 zidiwo sadimo :
Lib. VΙΙ. pag. μετα δε τον των Ιαπόδων , ο Λιβερνικός παράπλε ;: Debine Japodum ora
304
ſtadiorum mille præternavigatur . Poft maritimam oram Japodum , eft.
ora Liburnorum . Nulladimeno tutti i migliori e più accreditati Geo
grafi antepongono in queſto l'autorità di Dione , come quegli , che
per la Prefettura da lui ſoſtenuta nella Pannonia , e nella Dalmazia ,
fu teftimonio di veduta , e piena cognizione ebbe del vero ſito , e
( C ) Dio ibid. dei confini della Japidia ( c ) . Nè in altro modo potrebbono conci
Cap . XXXVI. liarfi queſti due si gravi , è sì peſati Autori , che col dire , che
Strabone ſpiaggia Japidica appellò queſta , non perch' ella foſſe pore
zion della Japidia , ma perchè in diſtanza pochiſſima dal mare le
ſtava dirimpetto la nazion degli Japidi , per lo ſpazio di mille ſtadj .
Japidi in fatti non ebber mai nome alcuno in mare , laddove i Li
burni furono in ogni tempo celebratiſlimi ; e dovean coprire lungo l '
Adriatico anche queſta anguſta ſpiaggia a piè della Japidia , e del
monte Albio . Queſto monte adunque era quello , che facea il confi
ne della Japidia verſo il mare ; e credefi eſſer quell' iſteſſo , che og
gidi fi appella Morlacca , a riferto di un dotto ſoggetto , e verſato
molto nella Topografia antica della Liburnia , in lettera al Senator
Veneto Bernardo Nani , parte della quale pubblicò il Chiariſs. P. de
( d) Differt. Rubeis , e di cui poche parole mi ſia qui lecito di ripetere ( d ) :
Var. Erud.
Ven . 1762 . La Terra , o ſia porto di Lourana , dice egli , è luogo , mercantile , e
pag . 354 ſiace alle pendici di un monte . Il Monte poi che, Sovraſta a Lourana ,
non è'monte particolare , ma una continuazione di quel monte iſteſſo che
giugne fino a Fiume ; e che dagli antichi , come vogliono alcuni era

chiamato Albio , oggidi Morlacca . Finchè dunque continuava l' Albio,


o ſia Morlacca , continuava anche la Japidia : ciò che avanzava dalle
pendici del monte fino al mare , era Liburnia .
Ma ritorniamo alle noſtre Alpi , delle quali non ci reſta a pro

vare, fe non ch'elleno parte Noriche ſi diſſero , e parte Carniche >


riſervando ad altro Capitolo il darne conto del tempo , che le No.
riche
ANTICA DEL FRIULI . TOR

riche ſteſſe per popolazione divennero Carniche . Il che intanto coll


autorità di Strabone 'proveremo aſſai bene , là dove dopo aver parla
to alla diſteſa , e con diligenza della Rezia , della Vindelicia , e del
la vaſta provincia del Norico , ſituata di là dall ' Alpi , immediate
foggiunge ( a ) : Μετα δε τούτους οι εγγυς ήδη του Αδριατικού Lib .)Ι . ραπ,
μυχού , και των κατα Ακυλήίαν τόπων οικέσι Νωρικών τέ τινες και 198.
Kép :01 : Poft hos vicini jam Adriatici ſinus intimo , & locis ad Aqui
lejam habitant , & Noricorum quidam , em Carni . Di quà della pro
vincia Norica : Mitä TOÚTY ; : poſt hos , e più da vicino all'intimo
feno dell' Adriatico >, e al territorio d'Aquileja dice Strabone , che

abitavano non ſo che altri Norici , ed i Carni , additando in cotal


modo chiaramente le noſtre Alpi , che fra la provincia Norica , e 1
che ne
Aquilejeſe alzavanfi , e le due genti , Noriche , e Carniche
formavano la popolazione . Il che può maggiormente illuſtrarſi colle
ſeguenti parole di Plinio ( b ) : Amnes clari e navigabiles in Danu- ( b ) Plin .
Lib . 111. cap .
m
biu fluu nt , Drav us ex Nori cis viol enti or , Savu s ex Alpi bus i
Carn XXIV.
cis placidior . Anche oggidi veggiamo il Dravo a naſcere dalle no
ftre Alpi ' le più alte e ſublimi, dirimpetto alle fonti della Piave : e
queſte erano l' Alpi Noriche ; e il Savo ifteſamente in faccia a quel
le del Nadiſone : e queſte erano l' Alpi Carniche ; ſtabilito avendo

queſti confini fra l'Alpi Noriche e le Carniche anche il giudizioſo


Cluverio ( c ) . Quindi Floro anch'egli Noriche appella coteſte Alpi, ( c ) Cluv.
ove narra , che Cimbri, Teutoni , e Tigurini per le tre Chiuſe d ' Ital. Ant.
Lib. 1. cap .
Italia tentarono d'introdurfi , e che battuti i Cimbri da Cajo Mario XXXI I.
di là da quelle di Torino , e ſconfitti dal medeſimo i Teutoni , ch'
erano entrati per quelle di Trento ) ſe ne fuggì tantoſto anche la

truppa de' Tigurini , ch'era appoſtata a queſte noſtre Chiuſe ( d ) : Quæ (d) Flor. Lib .
Noricos infederat Alpium tumulos . Così anche Giornande delle mede- 111.Cap. II .

fime Alpi , come d'Alpi Noriche fece menzione ( e ) .


Queſte Alpi
( e ) Jornand .
tutte camminavano al di ſopra della pianura de' Veneti ; come delle de Regnor .
Carniche particolarmente atteſta l'incomparabil noſtro Geografo ( f ) : fucceſso
Tzep di Twv 'Ever ão Káp ucı : Supe r Vene tos aute m ſiti ſunt Carn i . E ( f ) Strab .
Lib. V. pag .
comprendono ai noſtri giorni porzione del Cadorre , tutta la Carnia , 330 .
e i due Canali del Ferro , e della Relia : tutta la Schiavonia Veneta ,
e parte dell'Auſtriaca .
Io ſo che il P. Arduino diſturba queſti confini , e al paſſo di Pli
nio : Carnorum hæc regio , junčtaque Japidum : amnis Timavus , &c. ( 8 ) Hard .
che leggefi al Cap. xvin1 . del Libro 111. della ſua Storia Natura- Tom . 1 .
le , vi applica la ſeguente Nota ( 8 ) : Qua Carnis , inquit , conjungi- pagi ?
tkr regio , Japidum eft : a Timavo incipit . E fo anche che fu ſegui- Paris. 1741.
tato
102 DELLA GEOGRAFIA

tato ſenz'altro eſame , dall ' erudito Signor Marcheſe Maffei , é da'ala
( a ) Ver. III. tri uomini dotti ( a ) e mi ricorda d'averci anch'io una volta in ve
Part. 1. Lib . vedutamente aderito ( 6 ) . Avvertì con preciſione una tal difficoltà
VI.COM: 113; l'accurato P. de Rubeis in quelle parole ( c ) : Regioni Carnorum jun
Sop: la stor. git Plinius J apidum regionem : & hanc incipere a Timavo adnotant
delFriul. Ed. viri docti . Sed attamen Strabo Lib . vii . Tergeſte vocat Carnorum vi
Utin . 1759 .
Nota 5 . cum : qua de re diligentius perquirant alii , ac certiora doceant . In fat
(c ) Diſs. ti par ben impoſſibile , che chi tiene che l'Iſtria anticamente con
Diſs
Var. Erud. finaſſe col Timavo , fiume di breviſſimo , e quafi diſi , niun corſo
pag . 174 .
poſſa poi acquietarſi , che a quella ſponda medeſima confinar poteſſero
anche gli fapidi. Noi abbiamo già eſpoſto colla bocca di Strabone ,
a che . ſito confinavano i Carni cogli Japidi , cioè alle fonti del For
mione , mediante i due monti Albio , ed Ocra . E queſto è il con
fine qui voluto anche da Plinio , e così vengono inteſi comunemente
amendue queſti Geografi , e particolarmente dai due riſtoratori della
Geografia antica , Cluverio , e Cellario , l'ultimo de'quali ſcriſſe do
d ) Cluv. It. po aver letta l'Opera dell' Arduino ( d ) .
Ant. Lib . I.
Il P. Arduino per quel che s'attiene alla correzione , e reſtitu
Cap. xix.
Cellar. Orb . zione del teſto di Plinio , fu uomo fuor di dubbio de' più eccellenti ,
Ant. Tom . 1. e per eſtenſion d'ingegno è di dottrina forſe ſenza pari ; a cui per
Lió. 11. Cap. ciò per comun ſentimento , e a giudizio del celebre Gio : Alberto
2x.
. 121fedt. 1. Fabrizio ( e ) , plurimum semper e debent littere & debebunt . Ma
. 141
pag . 555 dove poi fi tratta de’ valent' uomini , che prima di lui hanno poſto
562. mano in quella grand ' opera , merita benè , che gli fian tenuti gli
( e ) Biblioth. occhi addoſſo . Equidem , foggiunge il detto Fabrizio , quis non optet

Lib. 11. Cap. de Salmaſio , aliorumque lucubrationibus , eum non tam infolenter , eo
xlii .
indigne pronunciale , cum paſſim ex illis profecerit , etiam ubi eorum
nomina filentio involvit ? Anche Ermolao Barbaro prima dell' Ardui
no avea proccurato di rappezzar Plinio , e d'illuſtrarlo talvolta , ali
qua paullo pluribus verbis explicando , com'egli ſteſſo ſe ne proteſta
( 1 ) Inter Po- ( f ) ; e non di rado ancora , facendone la ſcelta delle varie lezioni ,
litian. Opp. effendo , dice egli, quædam ex confeſſo falſa , quædam ad ele &tionem lia
1536. Tom . bera. Nella qual impreſa però non usò libertà capriccioſa , aſſicuran
I. pag. 459. do egli , d’averlo fatto ſempre entro i limiti della ragione , e dell'
Epift . ad
Alex.vi.S.P. autorità : Pallim vero Auctores poſuimus , pauciſimis exceptis , in qui 1
bus tamen
non aleam aut libidinem , fed rationem aliquam ſequuti
fumus .

Due lezioni adunque dell'allegato paſſo di Plinio poſſono oſſervar


fi. La prima incontraſi in due delle Edizioni più antiche , cioè in
quella di Parma del 1476. preſſo Stefano Corallo Lioneſe , e in
quel
ANTICA DEL FRIUL I. 103

quella di Venezia del 1472. preſſo Niccolò Jenſon , dedicata al Pontefice


Paolo II. da Giovanni Andrea , Veſcovo d ' Aleria in Corſica , adopera
te già con tant'altre dall' Arduino medeſimo nelle ſue correzioni ,
ove leggeſ : Carnorum hæc regio , jun &taque regioni Japidum : amnis
Timavus , c . L'altra ſta inſerita in quaſi tutte le più recenti , co
me in quella di Lione del 1553. preſſo Giovanni Frellonio , e par
ticolarmente in quella che diede fuori Paolo Manuzio in Venezia nel
1558. uſata anche queſta dall' Arduino , del tenor che ſegue : Carno
rum hæc regio , junétaque Japidum : amnis Timavus , &c . Queſť ul
tima , benchè mancante della parola regioni , e reſa oſcura per tal
difetto , e biſognofa di comento , fu ciò non oftante ſcelta come fo
pra dall ' Arduino . L'altra più chiara , e che non ammette alcuna
chioſa , fu preferita dal Barbaro , come vedeſi nel Plinio ſtampato in
Venezia colle ſue correzioni nel 1497. preſſo Bernardino Benalio ,
Non ſi luſingò già il Barbaro per queſto , di non dover urtare in
contraddittori , come ſe n ' eſpreſſe in lettera al Veſcovo di Segna
( a ) : Caſtigatio Pliniana , quando ita vis , imo jubes , urges ,
increpi- ( a ) Ibid.
pag . 432 .
tas , exibit quocumque alite . Mirum di &tu , quantum doctis viris im Epift . ad
probari hæc noſtra cupiam , ut mihi , quod aliis pluribus quoque eve- Phosphorum
niat , non fuiſſe iſthæc errata , sed parum intelleéta , quæ mihi errata Sig . Epifc .
videantur . Ma egli non credette mai , che l ' Arduino giugncfſe ad
uſare queſto medeſime ſue parole , e le ſpendeſſe come ſue proprie
in di lui diſcredito , che quì giova produrre , tratte dalla Prefazione
dell’Arduino alle correzioni di Plinio ; onde veggaſi quanto egli ap
prezzaſſe queſt 'uomo eruditiffimo , e le fue Pliniane oſervazioni . At
venia non æque dignus , dice egli del Barbaro , cum negle &tis veterum
Exemplarium veſtigiis , & priſcarum ante se Editionum , ſecurus , plum
rima pro arbitrio , crudite magis quam caute ac vere , mutavit , vel
plane peſſundedit : cum plurima ex iis quæ caſtigavit , non errata illa
fint , fed parum intelleéta . Tantum nihilominus auctoritati Barbari Sub
Secuta atas ., eruditionique tribuit , ut conje &turas illius , ceu totidem
zupias do Eas in contextum inferuerit , unde eliminandæ a nobis variis
argumentis fuere . Tale fu il ſentimento dell ' Arduino dintorno al
Barbaro .

Ma tutto all'oppoſto noi troviamo , che l'età ſuſſeguente pur troppo


deviò dal Barbaro nella correzione del preſente paíſo , e con eſto lei l'Ar
duino , che potè meritarſi quel rimprovero fteſio , ch'egli rinfaccia al
Barbaro , nello ſcegliere fra le ſuddette due lezioni , così di capric
cio , e ſenza addurne il perchè , piuttoſto la pubblicata nelle edizioni
più recenti , che l'impreſa nelle più antiche , e quel che è peggio ,
la
104 DELLA GEOGRAFIA

la più incerta ; e più ſoggetta ad equivoco , che la più ragionevole


e la più ſicura . Perciocchè leggendo giuſto l' edizion Veneta , e Lio
neſe : Carnorum hæc regio , jun &taque Japidum , niun debito abbiamo
di ſtare alla chioſa dell' Arduino , ma ſiamo in piena libertà d' inter
pretare egualmente junčtaque regioni che jun &taque regio ; laddove l'edi
zion di Parma fpiegando chiaramente : jun &taque regioni , giuſtifica
mirabilmente la ſcelta , e il buon giudizio del Barbaro , nè laſcia
luogo ad equivoco , o a pretendere coll'Arduino , che il Timavo ,
Pucino , e Trieſte , che da Plinio immediatamente regiſtranſi , appar
tengano agli : Japidi , contro il comun ſentimento di tutti gli antichi
e moderni Geografi .
Nulladimeno baſtar dovette forſe all' Arduino , che queſta tal lezione
foſſe approvata dal Barbaro , per non durar fatica a dargli contro ,
e per non farſi ſcrupolo a dar di petto alle migliori antiche memo .
rie , e a ſtraſcinar gli Japidi nel Trieſtino , e farli principiare dal
fiume Timavo . Ma non dice forſe Appiano nel paſſo da noi altrove
allegato , che gli Japidi ben due volte , nello ſpazio di circa vent'
anni , avean riſpinto i Romani , e fatto delle ſcorrerie fino in Aqui
leja , e ſaccheggiato Trieſte Colonia Romana ? Queſto ſolo baſtar do
vrebbe , per convincer di falſa una tale oppinione , chiaro ſcorgen
doſi da coteſto racconto , che altro eran gli Japidi , altro i Trieſti
( a ) Strab. ni . Strabone , che viaggiò l'Italia , e ſcorſe i ſuoi lidi ( a ) , collo
Lib. v. pag. co gli Japidi , come abbiam dimoſtrato , fuor d'Italia , e non gl' in
215
dirizzò verſo l' Adriatico per le baſſe rupi del Trieſtino di qua dall'
Iſtria , ma giù per l’ Albio molto alto e ſublime di là dall 'Arſa ;
nè lungo i lidi di un tal mare riconobbe mai altri popoli dalle boc
che del Po fino a Pola , che Veneti ed Iſtri , quando parlò ſecondo
la .Geografia antica , e quando s'attenne alla Geografia dominante , e
introdotta ai ſuoi giorni , non vi aggiunſe che i Carni . Mela e To
lommeo non ſecondan per niente una così fatta idea . Dione , te
ftimonio di preſenza , ' e informatiſſimo di queſti ſiti , non conobbe
altra Japidia , che quella , che abbiamo eſpoſto di ſopra . Paſſa dun
que in profondo ſilenzio queſta novella - Japidia tutta l'Antichità .
Ma eſce in campo Servio , Scrittore , e Gramatico di grido del
ſecolo iv. unico foſtegno di queſt oppinione Arduiniana , a dire che
il Timavo ' era fiume della Japidia , in quel ſuo comento alle parole
di Virgilio : & Japidis ' arva Timavi . La cui ſpiegazione , benchè
ella ſola a fronte di tutti gli altri , e più gravi , e più antichi Scrit
( 6 )
Geog. Lib.lll. tori, niun peſo aver poſla , nondimeno ci tornerà bene il ſentirla
7. 475 . tal quale , ed è queſt'eſta : ( 6.) : ' Ideſt Venetiam ; nam Japidia pars est,
Vene
ANTICA DEL FRIULI. 103

Denetiæ diéta ab Japidio oppido : Salluſtius : Primam modo Japidiam


ingreſſus . Hujus fluvius eft Timavus . Se ' un tal comento di Servio fia
teſto di fare autorità , l' Arduino non era sì corto di viſta , di non
faperlo difcernere . Confonder l'Illirico coll' Italia : la Venezia colla Ja
pidia' : porre a campo una Città di nome Japidio , ſconoſciuta all ' in

tiero mondo erudito , antico ' e moderno , egli è un garbuglio , che


mal ſi accorda colla verità . Ma quel che è più , queſta interpreta
zione di Servio contraddice direttamente a Servio medeſimo , il quale
altrove fece ſempre un tal fiume , o tutto Iſtriano , o niezzo Iſtriano ,
( a ) Id . Eck,
e mezzo Veneto , dicendo del Timavo ad altro paſſo chiararnente (a ) : v111. v. 6 .

Nam Timavus fluvius eſt Denetiæ , vel Hiſtriæ : E così altrove ( b ):(b ) Id . Æ
Timavus autem in Hiſtria eſt , inter Aquilejam ( Tergeſtum . Il che fa , neid. Lib . 1 .
ch' io m'induca a credere , che queſta ſia una di quelle giunte , che V. 249.
avvertì il Maſvicio eſſerſi fatte a Servio in materia di Geografia dagli
ignoranti copiſi , e rappezzatori delle ſue chioſe ( c ) . Non era già ( C ) Maſu.
Servio uno Scrittore di baſſa lega , ma bensì un valente è dotto În- Ed.Pref., Virg.
Ven .
terprete di Virgilio , e allorchè il Poeta diſſe ( d ) : Sidonia Dido , 1736.
ſeppe darne la ſpiegazione con mano maeſtra , eſponendo ( e ) : Dido ( d )., Virg.
Tyria fuit , non Sidonia , ſed di & ta eft a loci vicinitate . Così altrove Æneid. Lib .
1 v. 450.
detto avendo Virgilio ( f ) : Ornatus Argive Helenæ : interpretò altre- (e) Serv. ibi.
sì francamente : A vicinitate dixit Argive , cum Spartana fuerit . v. 239 .
Così purè avrebb’egli potuto , è ſaputo eſporre , e interpretar del ( f) Id. ibida
v . 654
Timavo , il quale , appartenendo la ſua ſiniſtra ſponda al Trieſtino ,
territorio che confinava con la Japidia , poeticamente , e con brio
Japide da Virgilio potè appellarſi: indicando un tal attributo non più
l'eſenza , ma la vicinanza .
Penſier più bizzarro nondimanco ha riſvegliato in taluno queſta
chioſa di Servio , e per ſoſtenere a tutte le vie , ' che la Japidia ſton
devafi fino al Timavo , ſe gli è fatto fin dire , che al fiume Tima
vo era una prima Japidia ( 5 ) . Rendevaſi in fatti neceſſario un quals ( 5 ) Delle
che comento , per evitare in certo modo l'obbiezion grande della Ant. Rom .
Japidia , deſcrittaci fra confini affatto diverſi da tutti gli altri Scrit- dell' Ifr.p.69.
tori . Ma non ſi è avvertito , che le parole : Primam modo Japidiam
ingreſſus , fono regiſtrate fra le Serviane interpretazioni al nome е
all' autorità di Salluſtio , e non a quella di Servio ; d'onde poi furon
preſe , e traſportate -nella Raccolta de’ : frammenti di quell'inſigne Sto
rico ( h ) ; nè l' età Salluſtiana era in tempo di conoſcere la diviſion (h ) Sallu
Ed. Pat .
delle Provincie in prima , e ſeconda . Salluſtio mancò a vivi : l'anno 1732. Pag
.
di Roma 719. é ſolamente nel ſecolo 111 : della Naſcita di Criſto , 170 .
credeſi che Diocleziano promoveſſe una tal novità . Quindi in Vopi
O ſco ,
106 ::DELLA GEOGRAFIA

ſco , e in Capitolino ſi ſenton nel numero del più nominate per la

( a ) Vopis. prima volta le Rezie ( a ) ; nè prima dell' anno 426. dell' Era Cri
i ros . Cap.ftiana , in cui ſcriſſe l’Anonimo Autore della Notizia delle Dignità
XVI .
Capito l.Pert. dell ' Imperio , s' incontra in alcun regiſtro prima , e ſeconda Rezia ;
Cap. 11 . ciò che dopo vedeli uſato anche da Paolo Diacono , e da altri ( b ) .
( b ) Diac , de Penſate ora con qual fondamento
poſſa pretenderſi diviſa in prima e
Geft. Lang.
Lib. 11. Cap.ſeconda la Japidia ai tempi di Salluſtio , la quale neppur dopo intro
XVI. dotta da Diocleziano la diviſione , trovaſi che in memoria alcuna s'ap
pellaſſe con tal diſtinzione ; nè i ſuddetti Scrittori de' buoni tempi ,
o altri dopo , riconobbero in veruna età mai più d'una Japidia . Quin
di è che il frammento Salluſtiano inſerito fra le chiore di Servio fa

cendo cntrare in primam Japidiam una certa non ſi fa qual figura ,


non può interpretarſi ſe non che voleſſe dire , in primas Japidiæ par
tes , nel modo ſteſſo che tutti interpretano Terenzio , quando diſſe :
( ? ) Donat. In prima fabula ; e Donato particolarmente , che così lo ſpiega ( c ) :
ad Prol. In prima fabula , hoc eſt in prima parte ; ut dicimus : in primis di
Terent. A
ph . v. 9.gitis . Non enim aut ſecunda , aut tertia fabula eſt .
Ed ecco ſvanita , e andata in fumo queſta prima Japidia , e ceſſato
il motivo d'andare in traccia con tanto ſtudio , qual delle due
ſuppoſte Japidie ſoggiogaſſe Auguſto , e quale Sempronio Tuditano
( d ) Delle ( d ) , La Japidia fu ſempre una ſola , e Auguſto l' anno 718. la

Ant. Rom . fottomiſe tutta , per autorità di Dione, tanto cioè la fituata ne' mon
dell' Iſtr. ivi,
ti Albj , che la ſparſa citra & ultra , di quà e di là di quelle gran
montagne , e per conſeguente ſoggiogò anche quella , che circa un
fecolo prima avea debellata Tuditano . Così anche l' Iſtria , benchè
depreſſa l'anno 532. convenne ciò non oſtante ſottometterla di bel
nuovo nel 576. La Japidia , torno a dire , fu ſempre una ſola , e
per andar dall'Italia a ritrovar le ſue ſedi , biſognava per inſegna
mento di Strabone andar giù per l ' Alpi fino alle più baſſe , e fin
dove finiſcono , indi urtar in un Monte molto alto e ſublime , ufuner
ozódpc , prima di toccar la Japidia . Ciò che ſi verifica molto bene ai
( e ) 10: Buo monti Albj , e alle fonti del Formione , e non a quelle del Timavo ,
no ad Cluv.
Intr. Geogr. c allc ſuc ſterili e baſſe rupi , come fe ne aſſicurò perſonalmente l'in
Lib. II . Cap. fatigabil Cluverio . Quindi è , che al Formione , e non al Timavo
XXXV. pag. reſta anche oggidì impreſſa in certo modo la memoria degli antichi
344. Ed .
Amt. 1729. monti Albi , onde ſcaturiſce , appellandoſi egli , a riferto dell'erudito
( f, Virg.Ecl. Bunone , in lingua Tedeſca Alben ( e ) . Quando Virgilio diſſe di Au
V [ 1 . V. 6, guſto , allorchè quel Principe ſi mofſc coll ' efercito alla volta della Ja
Delle Ant.
Roin . dell' pidia ( f ) : Tu mihi ſeu magni ſuperas jam Saxa Timavi , & c. quar
itti, ivi, to a me , credo che volcſſc fignificare con quel Saxa Timavi le mon
tagne
1

AN TICA DEL FRIULI. 107

o fia del Carſo , che princi


tagne fterili e pietroſe del Trieſtino ,
piano al Timavo , e ſuperare , penſo che voglia dire andar di là .
Che è lo ſteſſo , giuſto i confini da Strabone aſſegnatici , che uſcir
dal Trieftino , è paffar nella Japidia .
Io m'avrei piuttoſto afpettato , che a Plinio medeſimo ſi ricorrer
fc in favor dell ' Arduino , e della fua oppinionc , a quel paſſo , do
ve annovera tutti i popoli d'Italia ( a ) , principiando dai
Salentini, ( a ) Plin.
Lib. 111. Cap .
Pediculi , &c . e terminando negli Etruſci , Carni , Japidi > VI .
Vineti ,
iſtri , e Liburni ; avvegnachè ognun veda eſſer guaſto un cal teſto ,
ovveramente Plinio ſenza ſcuſa , per aver introdotto in Italia , con
tro il ſentimento di tutti i Geografi, non folamente gli Japidi , ma
anche i Liburni . Ma non mi ſarei mai immaginato , che a pro di
tal oppinione ſi metteſſe a campo , che Lucio Floro per farci ſapere
la ſituazione degli Japidi , gli abbia naſcoſti e maſcherati ſotto il no
( b ) Delle
me di Norici ( b ) . Sombrami un ſogno in vedere avventurata una
Ant. Rom .
tal propoſizione , in tempo che Floro , dopo aver detto ( c ) : Nori- dell ifr. pag.
cis animos dabant Alpes , atque nives , parla in queſt' iſteſſo Capito- 70.
lo degli Japidi ſeparatamente , e ſotto il nome non già di Norici , cum ( c ) Flor.
Salmas.
ma d'Illirici riferiſce la guerra , che fece loro Auguſto ancor Trium- caftig . Lib .
viro , e come in quell incontro lo ſteſſo , quum lubricus pons multi- iv. Cap. xii .
tudine fuccidiffet , Saucius manibus ac cruribus , Speciofior Sanguine , e
ipfo periculo auguftior , terza hoftium percecidit . Gente miſta d'Illiri
ci e di Galli erano gli Japidi , a riferto di Strabone ( d ) ; e fra gl* ( d ) Strab .
Illirici aſſolutamente gli conta Appiano ; e perciò qui Floro ſotto un Lib. iv, pag.
199. Lib . vii.
iano , e Dione , che coteſt
eftaa guerra
tal nome ce gli addita .. Ma App che cot
pag. 303 .
più diffufa mente deſcriſſero , col nome proprio e particolare di Japi
di ſempre gli appellarono .

Ma oltre a tutto queſto , non impariamo noi forfe da Floro me


defimo , di quai popoli inteſe quando diſſe Norici ? fpiegandofi egli
ſteffo ſubito dopo col dire che Augufto omnes illius cardinis popu
los , Brennos , Senones , atque Vindelicos per privignum fuum Claudium
Drufum perpacavit . Qui voi cercate indarno gli Japili . Tratta Lu
cio Floro della famoſa ribellione de ' popoli Alpini , uniti alle genti
Tranſalpine della Rezia , della Vindelicia , e del Norico nata l'an
no di Roma 73 8. Molti Scrittori han fatto menzione di quefto ce
lebre fatto , Livio nell'Epitome , Patercolo , Strabone Pedone Albi .
Dovano Orazio , Svetonio , Dione ; ma nefluno di effi fra i popoli
intereſati annoverò mai la Japidia , e tutto il mondo illuminato fa ,
che gli Japidi non vi entrarono in quel tumulto . Il famoſo Trofeo

a fia Lapida eretta in quellº incontro al vittorioſo Auguſto nel con


0 2. tado
10 & DELLA GEOGRAFIA

tado di Nizza , conſervataci da Plinio ;. ne fa un lungo catalogo di


(3 ) Plin . coſtoro , e neppur in queſta gli. Japidi vi compariſcono (a) . Non
Lib. 111. Cap. veggendoſi adunque efli mentovati nè in queſta Lapida , nè preſſo
Scrittore alcuno , non eccettuato nemmen Floro medeſimo - refta fuor

di dubbio , che le ſue parole non patiſcono in verun modo una sì


contemporaneo , e
ſtrana interpretazione . A Strabone ſolo , Scrittor
che con più diligenza degli altri regiſtrò i nomi di que' popoli ,
ſiam debitori d'una notizia , che nè in detta Lapida , nè in alcun

altro . Scrittore fi ritrova ; . ed è , che non gli Japidi , ma i noſtri.


Carni furono degl' intereſſati in quell' ardita e pericoloſa impreſa »
ſopra di che ne parleremo a : ſuo tempo .
Baftar doveano , veramente per non impegnarſi a tanto > le parole
Itelle di Floro , Noricis animos dabant Alpes , da che noi ſappiamo , pers
atteſtato di Strabone , che la Japidia non era altrimenti nell' Alpi
monti. Albj
ma principiava da i monti. Albi , dove l' Alpi finivano . E quando
Appiano deſcriſſe gli Japidi , ora , Tépæv " Alt6w , trans Alpes : ora ,
εντός " Αλπεων > cis Alpes , oſſervò già il . Cluverio , che potè ben .
quell' Autore qualificar per Alpi anche le montagne , poſte fuori delu
confine Italico , ma non mai contro il fatto , e contro l'autorità ſua.
propria , e quella di tutti gli altri . , far paſſar gli Japidi in Italia .
( b ) Cluv . ( b ) . Avea Strabone molto prima d’Appiano , eſaminando l’ Alpi Li
Ital . Ant . guftiche , oſſervato il diverſo uſo delle due voci Alpius. , e Albius ,

Lib.. 1. Cap. alſicurando , che


XIX la più antica era quella d'Albio : Tá Anzia xda
lcio Jul a pótefov " Alßia : Alpia dicebantur olim Albia ; e ſoggiun-
gendo , che ai ſuoi tempi. il nome d' Albio eraſi riſtretto ai foli mone
ti della Japidia ; e che a differenza de ' medefimi. le montagne Italiche
( c ) Strab . ſotto il nome d' Alpi incominciato aveano a comparire ( c ) . Il per-
Lib. Iv . pag . chè potrebbe aggiungerſi a giuſtificazion di sì grave e proprio Scrit
193 •
tore , qual è Appiano , che eſſendo tanto ſimili e vicine e proce
denti da un principio ftello le due voci Alpes , e Albius , non è
punto fuor di ragione il ſoſpettare , che i copiſti le abbiano preſe ,
ſenza gran fatica, l ' una per l'altra di modo che la vera lezione
in vece di περαν " Αλπεων , trans Alpes debba ſtare πέραν 'Αλ
Biwr , trans Albios : e in luogo di evro's " Altem , cis Alpes , deb .
ba leggerſi , évtos Anßicor , cis Albios : riveſtendo così queſta gran
Montagna anche in Appiano del vero ſuo nome , col quale tante vol
te incontraſi coſtantemente , e in Strabone e nell' Epitome appella
ta . Ma non più di una tal quiſtione , mentre noi paſſiamo a parla-
re . de ' Carni ..

CA
ANT I C A DEL FRIULI.
109

CAPITOLO NONO .

De' Carni , e della boro origine , e ſe ſotto un tal nome generalmente


s'intendeſſero anche T'auriſci , Norici , Carini , o Caritni ;
e dello ſtato , e memorie antiche . Carniche .

Carni 2 quando e donde veniſſero a coprir le noſtre

Alpi , e a piantare infra di noi le ſue ſedi , molti in


paſſato , e in molte maniere han deciſo , le oppi
nioni dei quali non importa diſtintamente di quì ri
ferire . Quello , in che tutti convengono , si è , che i
Carni furono d'origine Celtica ſul fondamento auto
revoliſſimo del Frammento di Faſti Trionfali , diſotterrato in Roma

l'anno 1563. a piè del Monte Eſquilino , o lia Monte di S. Maria


Maggiore , in cui leggeſi ( a ) : ( a ) Grur.
Infor. Ed.
Amft. -1707.
M. AEMILIVS . M. F. M. N. SCAVRVS . COS .
pag. CCXCVIII.
DE . GALLEIS . KARNEIS.

Coteſto Scauro fu Conſole l'anno di Roma 638. in compagnia di


Marco Cecilio Metello , tre anni dopo il Conſolato di Quinto Mar
zio Re ; nè io ſo donde Cluverio , uomo per altro erudito ſenza

pari , e diligentiſſimo , abbia ritratto , che Quinto Marzio Re trion


faſſe de' Carni , ed Emilio Scauro de' Liguri ( b ) . Egli cita queſti ( b ) Cluv.
medeſimi Fafti ; ma offervati da me in Grutero Lib . Ant.
contengono tutto Ital. 1. Capa

Poppoſto , cioè , che Quinto Marzio Re , nel ſuo Proconſolato , trion- XIX.

fô , DE . LIGVR IBVS. STOENEIS . e due anni dopo , Emilio Scauro


Conſole , DE . GALLEIS. Karneis . Non mi ſono appagato , nè di
Grutero , nè di altri , che han pubblicati coteſti Faſti , ma dubitan
do ſempre , che poteſſe eſſerci corſo un qualche sbaglio , ho fatto ri
cercare in Roma , donde vengo aſſicurato da perſona diligente ,' e ben
fornita di cognizione , che l’Iſcrizion Gruteriana confronta intiera
mente col Marmo , che ſi conſerva in Campidoglio , toltone il pre
nome d ' Emilio Scauro che in Grutero è Quinto e nella Lapida

Marco . Ma farà queſto uno di quegli errori di ſtampa , a cui va


pur troppo ſoggetta la per altro magnifica Edizione d'Amſterdam , a
differenza di quella ſeguita in Eidelberga nel 1603. come fu avver- ( C ) Memi.
tito nelle Memorie Letterarie di Trevoux convien Litter. Tre..
( C ).. Il perchè
volt . anno .
concludere , che anche agli uomini più diligenti e più avveduti , al.
1709. Julio.
le volte caſcan: giù dalla penna degli errori, involontarj , e che . Mar
pag . 1262.
co
ITO DELLA GEOGRAFIA

co Emilio Scauro veramente , e non Quinto Marzio Re ", fu quello ;


che trionfo de ' noſtri Carni ..
D'origine Gallica dunque furono i Carni , ciò che dimoſtra chi
eglino molto anticamente vennero z popolare i noſtri monti . Tali
abbiam provato di ſopra anche i Veneti ; ma in veggendo i Carni
delle noſtre Alpi , negli antichi tempi , alieni dalla loro amicizia , e
calcolati ſempre per popoli affatto diverſi e differenti dai . Veneti , che
abitavano il piano , non poſſiamo indurci così facilmente a credere ,
per quello che riſguarda il tempo , che comune ſoſpettar ſi poſſa la
loro origine . Comune piuttoſto la dobbiamo argomentare coi Galli
della Pannonia con ello loro confinanti , coi quali , come vedremo , i.
Carni ebbero ab antico confederazione ſtretta , ed. amiſtà . Cinque
paſſaggi di popoli Galli in Italia annovera Cluverio , noti nelle mca
1
( a ) Cluv. morie de' vecchi tempi , e queſti tutti antichiffimi ( a ) . Il primo ,
It al. Ant . e il più ſtrepitoſo di tutti , nacque ai tempi di Tarquinio Priſco

Lib. I. Cap . di cui fra poco ſi dirà . Il ſecondo avvenne per iſtigazione di que
XXXIII.
fti ſteſſi primi popoli Gallici , l'anno di Roma 454. eſſendo Conſo
li , Marco Fulvio Peto e Tito Manlio Torquato , allora che mi

nacciando i Galli Tranſalpini di mover loro . guerra , ſcelſero piutto-


to , al dir di Polibio , di romperla coi Romani , e di perſuader co
ſtoro con ricchi doni , e col forte argomento del natural impegno
per la ſua Nazione , a calar in Italia in loro ajuto i ciò che anche
ſegui , e fattane ſopra le terre de'Romani una buona preda . , ſe ne
tornarono gli uni e gli altri , ſani , e falvi , e ben , carichi di ſpo
( b)Polyb.Lib..glie ai loro paeſi ( b ) . Grande irritamento fu queſto fra Romani e
1. Cap . xix.
popoli Gallici , nè per diciaſett'anni continui cellarono infra di loro .
i combattimenti , e le ſtragi ; ciò che nondimeno andò a finir fem
pre colla rovina de'Galli , e mallime de' Senoni, e de' Boj , onde ver
( C ) Id. ibid . fo il 471. convedne loro chieder pace ( c ) , é mantenerla fcrupo
Cap. xx..
( d ) Id . ibid . lofamente per quarantacinque anni ( d ) . Quindi è , che il terzo par
Cap . XXI. faggio non fegui prima dell' apno $ 17 .. fotto il Conſolato di Cajo
Licipio Varo , e di Publio Cornelio Lentulo Caudino , in cui dimen
tica la gioventù della Ciſalpina di quanto avea ſofferto in paſſato >
e mancati que' vecchi , che fe lo poteano ricordare , vaga foltanto di
novità , chiamò di bel nuovo į Tranfalpini in unione , per mover

guerra ai Romani . Ma ficcome la cofa in principio era paſſata fra


i Caporioni , fénza intelligenza alcuna col popolo , così , giunti che
furono i Tranſalpini a Rimini , la Plebe de' Boj , che gli avea poca
fede , fi follevò contro di loro > e de Capi. fuoi medefimi : ucciſe i

due Re proprj , Ate , e Galato , e appiccataſi fra i due partiti una crus
del
A NTICA DEL FRIU L I. III

del zuffa in ordine di battaglia , ſi trucidarono miſeramente l'un I


altro ( a ) . Del quarto e quinto paſſaggio , ſeguiti gli anni 328. e ( a ) Id . ibid.
531. ſotto la condotta , il primo di Congolitano , e Aneroeſte , e il
ſecondo di Virdomaro , avendo noi di ſopra abbondantemente trat
tato , ſuperfluo rendeſi il farne quì parole .
Ora in queſti quattro ultimi paſſaggi , o eſſendo i Galli Tranſal
pini rimaſti disfatti , o non avendovi in Italia fermato il piede , non
è del noſtro aſſunto il trattenerviſi ; reſtando a noi ſoltanto da ver
fare d'intorno al primo , cioè ſopra quello , che nacque ai tempi di
Tarquinio Priſco . Narra dunque Livio , che intorno a queſti tempi ,
Ambigato Re de Celti , exonerare pregravante turba regnum cupiens ,
rifolſe di mandarne fuori un buon numero , in quas Dii dediſſent au
guriis Sedes , e ciò ſotto la condotta de' due ſuoi nipoti , Belloveſo , e
Sigoveſo , permettendo, che queſti due Fratelli quantum ipfi vellent numerum
hominum excirent ; e ſoggiungendo che a Sigoveſo toccarono in forte ,
Sortibus dati Hercinii Saltus , e a Belloveſo l'Italia ; e che Belloveſo

con un immenſo ſtuolo di Biturigi, Arverni , Senoni , Edui , Ambarri ,


Carnuti , e Aulerci , de' quali particolarmente ne fece leva , quod eis
ex populis abundabat , per l' Alpi di Torino calò in Italia ( b . ) . Seguc ( b ) Lio . Lib.
Livio a dire , che altra mano di Galli Cenomani , ſpalleggiati da v.Cap.xxxIv.

Bellovefo , ſotto la condotta di Elitovio , per la ſteſſa via calò giù


dall'Alpi : e così poſcia i Salluvj ;indi per l'Alpi Penine i Lingo
ni , e i Boj , i quali , coperto avendo già la nazion Gallıca tutto
quel che giace tra il Po e l' Alpi di Torino , paſſaron di là dal fiu
me colle zattere , e cacciatine gli Umbri , e gli Etruſci , occuparo
no quel terreno ancora , che ftendeſi tra il Po e l ' Apennino fino a
Ravenna ; e che ultimamente altra turba di Senoni vi accorſe anch'

effa , e s’impoſſeſsò di quel paeſe , ch' è ſituato tra i due fiumi ,


Utente , oggidì appellato Monrone , e Jefi ( c ) . Finquì Livio , ben- ( c ) Id .ibid .
chè alquanto diverfamente da Trogo Pompeo , che gli fa piombati Cap. xxxv.
tutti in una volta .

Ma egli intanto ci laſcia all'oſcuro del preciſo tempo in cui

quefta furia di genti Celtiche venne ad innondar l'Italia , baſtandogli


d' aver detto , ai tempi di Tarquinio Priſco . Tarquinio , per confef
ſione dello ſteſſo Livio ( d ) , regnò lungamente , e pel corſo d'anni (d ) Id . Lib .
1. Cap. XL .
trentaotto , dall' anno di Roma 137. ſino al 175. nè ſi fa in qual
anno accadeſſe una tal novità . Nulladimeno offervandofi in Livio
medeſimo che nella marcia di Belloveſo per l'Italia avendo egli

urtato ne' Focefi , popoli anch'elli che andavan cercando ſedi preſtò
loro ajuto contro i popoli Salj , che gl ' impedivano di piantar Mar
figlia ,
LI2 DELLA GEOGRAFI A

figlia , par che ſi poſſa dire , che ciò ſia nato verſo la metà del Rice
gno di Tarquinio Priſco , che fu l'anno di Roma 156. perciocchè
Solino aſſicura , che i Foceſi piantaron Marſiglia nell' Olimpiade 45
( a ) Solin . ( a ) , e Tarquinio avea incominciato a regnare l'anno di Roma 137.
Cap. vir. che è il ſecondo dell' Olimpiade 41 .

Tutte nondimeno queſte coſe , e il racconto di Livio tutto quan


to , non fa niente al caſo noſtro , ſtabilito avendo coteſte genti Gal
liche le ſue ſedi troppo lungi da noi ; e dall'altro canto Livio me
deſimo , dopo aver raccontato che a Sigoveſo era toccata in forte la
Selva Ercinia , tronca il diſcorſo , e intieramente ci abbandona . Non
le co
così Trogo Pompeo , che nella ſua Storia ebbe cuore più per
ſe della Grecia che per quelle d'Italia , il quale appreſlo Giuſtino
nell'Epitome narra anch'egli un tal fatto e accennate appena le
coſe d'Italia e di Belloveſo , paſſa a diffonderſi in quelle di Sigo

rb ) Iuſtin. velo e della Pannonia ( 6 ) . Non ci ſia grave o nojoſo il ſentir le


Lib . XXIV
medeſime ſue parole , perchè da eſſe dipende la dichiarazione e illu
Cap. 16 .
ſtrazione del punto , che ci ſiamo propoſti . Namque Galli , dice egli ,
abundanti multitudine , cum non caperent terre , quæ genuerant ,

(c ) Quid fit trecenta millia hominum ad ſedes novas quærendas , velut ( c ) Ver Sacrum
Ver Sacrum , miſerunt . Ex his portio in Italia conſedit , quæ d Urbem Romam ca
vide Feft. in
hac voce.com pitam incendit , ego portie Illyricos ſenus , ducibus avibus ( nam auzu
Dionyf. Ha randi ſtudio Galli præ cæteris callent ) per ſtrages Barbarorum penetra
licarn. Lib. vit , & in Pannonia confedit : gens afpera , audax , bellicoſa , quæ pri
1 ; Cap, XVI. ma poſt Herculem , cui ea res virtutis admirationem , immortalita
ver facrum tis fidem dedit , Alpium invicta juga , frigore intračtabilia loca
legebatur tranſcendit : ibi domitis Pannoniis per multos annos cum finitimis va
olim , velut ria bella geſerunt .
peregrina
Lim . Mancano in Giuſtino i nomi de' due Capitani , Belloveſo e si
goveſo : nel reſto il tutto confronta colla Storia di Livio , e c'è di
più la quantità di queſte genti , o ſia il numero di trecento mila .
Nell'indirizzo del viaggio delle truppe Galliche , che ſeguitarono si
goveſo , convengono inſieme i due Storici , e l'uno ſpiega l'altro .
Livio dice , che Sigoveſo dovca rivolgerſi alla Selva Ercinia , e Giu
ſtino , fatta paſſar l' Alpi quefta porzion di truppe , tranſcendit Al
pium invicta juga, dice che , ibi domitis Pannoniis, fi fermò : in Pan
nonia consedit . La
Pannonia andava a finire alla deſtra ſponda del
Danubio , alla cui ſiniſtra camminava per lungo spazio la Selva Er

C& fo cinia . Queſta Selva , dice Ceſare ( d ) , incomincia ab Helvetiorum


( 9 )Gall.
Bell.
Lib , yi . Cap. & Nemetum & Rauracorum finibus , rectaque fluminis Danubii regione
XXV . pertinet ad fines Dacorun Anartium . Ecco adunque verificato per boc
са
ÀNTIC À DEL FRIUĽ I. I13

ca dell' uno è dell'altro Storico , che queſte genti s'incamminarono


verſo la Selva Ercinia , e che ſi fermarono , come raccoglicſ da Giu
ftino , in vicinanza di lei , e occuparono la Pannonia . Dove , getta
te per molti anni le radici , ſoggiunge lo Storico , che alii Græciam ,
alii Macedoniam , omnia ferro proterentes , petivere ; e che tal terrore,
ſparſero in que ' paeſi del nome Gallico , ut etiam Reges non laceſſiti
pacem ingenti pecunia mercarentur .
Ma coteſti Galli , per quello che deduceſi dall' Iſtoria , non iſtette
ro ſolamente in ſul confine di queſta Selva , ma ſecondochè toccata
era la forte a Sigoveſo , fi avanzarono ancora ne' ſuoi contorni , e gli
occuparono . Oltre Livio e Giuſtino , anche Ceſare fa menzione di

antico paſſaggio de'popoli Gallici, e dice , eſſerſi dato un tempo che


i Galli ſuperarono in valore i Germani , e che per la troppa abbon
danza del popolo , e per difetto di terreno , coll' armi alla mano in
troduſſer colonie oltre il Reno , e che i Tettofagi , o come vuole il

Cluverio ( a ) , i Boj ( b ) , ea quæ fertiliſſima funt Germania loca , ( a ) Cluv.


circum Hercyniam Silvam occuparunt , atque ibi confederunt . E Taci- Germ . Ant.
to , allegando queſt' iſteſſo teſtimonio di Ceſare , parla anch'egli di.Lib.
XXX . 111. Capa
antica traſmigrazione de'Galli , e dice di certi Elvezj , e de'Boj». ( b ) Ces.
nella forma che ſegue ( c ) : Igitur inter Hercyniam filvam ,
Rhenum- Bell. Gall.
Lib . VI . Cap.
que & Mænum amnes Helvetii : ulteriora Boii., Gallica utraque gens , XXIV.
tenuere . Manet adhuc Bojemi nomen , ſignificatque Loci veterem memoriam , ( c) Tac.Mor .
quamvis mutatis cultoribus . Uniformandoſi adunque intieramente tutti e Germ . . Cap .
XXVIII
quattro queſtiAutori Claſſici nella cagione di queſta moſſa Gallica ,
nell'antichità del tempo , e nell'indirizzo medeſimo della marcia
verſo la Selva Ercinia , ci danno chiaramente a divedere , che tutti

inteſero d'una medeſima ſpedizione ; e che i Galli di Cefare e di


Tacito , non furono diverfi da quelli di Livio e di Giuſtino ; e che
tutti uſcirono in una volta , ſotto la condotta di Sigoveſo , così quel
li che paſſarono ne' contorni di coteſta Selva , come gli altri , che non
lungi dalla medeſina ſi fermarono nella Pannonia .
si ha dai migliori , e più accreditati Geografi , che la Pannonia
( d) Cluvi
ftendevaſi anche a queſte noſtre parti , e confinava con quelle Alpi, într. Geog.
che Carniche poſsia fi diſſerò ( d ) . Se queſte foſſero l' Alpi che at- Lib.iv.Cap.ro
traverſarono i Galli , ſotto le inſegne di Sigoveſo , per occupar la Cell. Orb.
Pannonia , io non oſo afferirlo . Dico bene , che l'Alpi dai medeſi- Ant. Tom . I.

mi ſuperate , di neſſun altra montagna poſſono interpretarfi , fuorchè vin1 . Se t. i.


di quelle d'Italia , dicendoſi di efli , che furono i primi dopo Erco- num . 17. 18 .
le a ſuperarle z nè di Ercole a predica come d'impreſa eroica , che pag: 445..Lib
( e) Liv Lego.
attraverſafic altri monti , che l' Alpi Italiche ( e ) ; nè la Pannonia v.Cap.xxxiv .
CON
114 DELLA GEOGRAFI
A

confinò mai con altre Alpi , che colle noſtre . Nondimeno può far
fpezie quel dirſi da Giuſtino , che queſta mano di genti Galliche
Illyricos ſenus per ſtrages Barbarorum penetravit , ſembrando in certa
maniera , che queſte genti pei ſeni di mare approdaſſero primi ai li .
di dell' rllirico , e di li colla fpada alla mano alla Pannonia ſi fac
ceffero ſtrada . Ma ſinus bene ſpeſſo ſignifica anche i paeſi marittimi ,
colle ſpiaggie tortuoſe , e piene di feni , come fü l'antico Illirico ,
in cui ſi compreſe anche la Pannonia ; e noi fappiam di certo , per
quello che fi raccoglie dal racconto d'amendue gli Storici , che co
teſta innondazione di genti Celtiche , non fu marittima ma feguì
( a ) Liv. Lib. tutta per terra , afficurando Livio altrove , che coteſti Galli ( a ) exa
XXXVI11. Cap. domo , per afperrimam illyrici oram has
XVIII. torres inopia agrorum profecti
terras ceperunt , e Giuftino ifteffamente , che per l ' Alpi , e non per
mare , entrarono nella Pannonia .

Che fe così è , forte indizio , e grave argomento è queſto , che in

quell' incontro le noſtre Alpi fi occupaffero dai popoli Carni . Egli è


fatto di verità , che Sigoveſo e le genti Galliche innondarono ale

lora tutta la Pannonia fino al confine dell'Alpi Carniche , dove fio


rirono per lungo tempo , e celebre nelle coſe della Macedonia , della

Grecia , e dell ' Aſia ancora fu il loro nome , nè per riſpetto a noi ,
e a queſte noſtre Alpi , fi riconoſcono nella storia altri Galli Tran
falpini , che queſti. Di cotefta razza eſſer dovettero i Galli , che Strabone
( bi ) Strab. appella ( b ) , Kentu's Ty's epi fór 'Adpiær: Gallos circa Adriaticum :
Bibi vii pag. incolentes . E di cui racconta come ſi preſentarono amichevolmente
292.
ad Aleſſandro Magno nella guerra Tracia , e come fedendo con ellos
lui a convito , interrogati da quel fuperbo Monarca , qual coſa pae
ventaſſero al mondo più di ogn'altra , mentre aſpettavafi che diceſſe
ro , il Re Aleſſandro , riſpoſero intrepidamente , di nulla più temere
fe non che il Cielo non precipitaſſe loro addoſſo . Di quà uſcirono i
dodici mila Galli , che invafero il diſtretto , ove poi fu Aquileja ::

di quà forſe anche gli altri tre mila , che diſcefi in Italia l'anno
( c ) Liv. Lib. 574. chiedean terreno al Senato di Roma ( c ) . A queſta diſcenden
*L . Cap.Lili za comandava Cincibilo Re de' Galli Tranſalpini , alleato de' noftri
Carni , di cui fra poco ſi parlerà . Si è già oſſervato colla prova
certa de' Faſti Trionfali , che i Carni eran d'origine Gallica , e che
per teſtimonianza di Livio , fra i popoli che in queſtº incontro fioce
(d ) C & f.Bell. carono dalla Francia , erano anche i Carnuti , gente che al tempo di
Gall. Lib.vii. Ceſare tuttavia, contava molto in quel Regno ( d ) , e coſtituiſce
Cap:. J I. . anche oggidi la nobil Provincia di Chartres . Quindi incominciarono
VII..
Cap . XXXL. nella Pannonia se nel ſuo vicinato ,, a udirli i nomi di Carni , con
sinni
ANTICA DEL FRIULI . 115

rini , Caritni , e di Carnunto . Il perchè il penfare , che non d'altronde,


nè in altri tempi , paſſaſſero i Carni a occupar le noſtre Alpi , è
tanto vicino al vero , che in certo modo ſupera la conghiettura .
Ma ciò baſti aver detto intorno all'origine de' Carni, e al tempo

del loro paſſaggio in queſte noſtre montagne . Giova ora il vedere ,


fin dove arrivaſſero gli antichi loro confini , e l'eſaminare , ſe come
alcuni han creduto , Carni fi appellaſſero generalmente anche i popoli
Tauriſci , o come s'interpreta , della Tauriſa , o Tarvila , e altri del
la Carintia , e Carniola , e Carni eziandio quelli della vaſta Provina
cia del Norico ; nel che io dubito , che troppo onore voglia farſi al
la noſtra Nazione . I Carni furon ſempre popoli Italiani, e Tauri
fci , Norici , Carini , Caritni , non furon mai propriamente , e in ſe
e della
Ateli , nomi di popoli d'Italia , ma di genti dell'Illirico
Pannonia . Norici , Tauriſci , Carini , o Caritni , vai vedrete fra
gl Illirici in Appiano , e Taurifci nella Pannonia , e altrove preſſo
altri Scrittori . I Carni ſi annoverarono ſempre fra le genti Alpine :

gli altri popoli fra le Tranſalpine . Io non mi oppongo già , che


diſcendenza de' Galli , e della razza di Sigoveſo ragionevolmente non

foffero al pari de'Carni anche queſte tali popolazioni ; anzi credo


anch'io , che Carni , Carini , Caritni, e Carnunto , tutti foſſero popo
1 li diſcendenti dai Carnuti uſciti fuori dalla Francia colle altre genti
Celtiche , di cui Livio ne fa il regiſtro . Ma dico bene , che nelle
pecchie memorie , che finora fono giunte alla mia notizia , ſi è.da
gli Autori parlato ſempre di quefti popoli, come di genti diverſe
e diſtinte affatto in fra di loro , così di nome , come di Governo ,
e di Geografia ; e qualora fi è detto , Carni , tantoſto ſi ſono inteſi

gli abitatori delle noſtre Alpi , Carini , o Caritni non cran lo ſteſſo
che Carni ; e oſſervò già il P. de Rubeis , che ſotto queſti nomi co
munemente ſi crede , che fi celaffero i popoli della Carintia , e della
Carniola ( a ) . Carnunto , tanto da Patercolo , che da Plinio ( b ) , che ( a ) Di ].Voro
ſon de' primi che ne faccian menzione , quanto dagli altri , non è Erud. pag .
mai ſtata conſiderata Città de'Carni , ma della Pannonia , verſo gli 171.
ultimi confini del Norico . ( b ) Paterra
Lib . II. Cap.
Pure il confondere queſti popoli tutti inſieme , e lo ſpacciarli per cix .
la ſteſfa .cofa , benchè affatto fra le diverſi, tanto Geograficamente , Plin . Lib. 1v .
che in via di Governo , merita la ſua ſcuſa , e contiene in qualche Cap. XII .
modo , la verità ; conciofliache tutti finalmente è veriſimile , e per la
loro ſituazione , e per l ' uniformità del nome , che foſſero d'una ſteſ
ſa ftirpe , e diſcendeſſero dalla medeſima ſchiatta de' Carnuti . Ma che
fi voglia travedere , o far travedere , e prendere in cambio Norici , ç
P 2 Tau
116 DELLA GEOGRAFIA

Tauriſci , e chi fa quant'altre genti , per Carni , egli è un punto


da non paſſarſi ſenza maggiori prove . Erano forſe Belloveſo e si

goveſo uſciti fuori dalla Francia coi foli Carnuti , perchè tutti i po
poli Gallici , che in tal incontro ſi ſparſero , eziandio di nome dif
ferente e lontaniſlimo , aveſſero a crederfi per forza fuoi difcenden
ti ? Perchè mai non poterono i Norici , è i Tauriſci derivare dai

Biturigi , o dagli Arverni , dagli Edui , o dagli Ambarri , o da tant'


altre ſtirpi diffuſe allora per la Pannonia , e per l'Italia ? Perchè no
dai Tettofagi, popoli della Gallia Narboneſe ? Di cui siam ficuri ,
per atteſtato di Giuſtino , che fra l'altre genti Galliche furon di
( a ) Juſtin. quelli , che paſſarono nella Pannonia ( a ) . Strabone dice che i Tau

lib. xxxii. riſci erano del corpo e della razza de' Norici ( 6 ) : Tŵr de Naporan cire
( ) Strab. Koi o Taupiono : Noricorum ſunt etiam Tauriſci. E de Norici parla
Lib. iv. pag. con tal diſtinzione , che impoſſibil fi rende a confonderli coi Carni .
198. Nell' accennata ribellione del 738. dopo aver Strabone annoverati i
Reti , i Vindelici , e i Norici , ſoggiunge , che innoltre s' eran folle
ivati anche i Carni , e certi Norici , che più da vicino al ſeno Adria
tico , e verſo Aquileja abitavang . Vedete quì come ben ſi diſtinguo
no i Carni , non ſolamente dalla provincia ſpazioſa del Norico , po
ſta di là dall’Alpi , ma da quel ramo ancora di Norici , i quali
ſuperata la fommità dell' Alpi , s'erano introdotti in confin de' Carni
ad abitar quelle montagne , che da elli Alpi Noriche furon poſcia
appellate ? Il Norico tutto , conſiderato generalmente , giungeva bensì
( c ) Id . Lib. alla ſommità dell’Alpi , ma non le ſuperava ( C ) : ' Patch di najNa
ται. pag . 283. ρικοί μέχρι των 'Αλποίων υπερβολων ανίχεσι , και προς την Ιτα
λίαν περινέυεσιν , οι μεν Ινσέβρoις συνάπτοντες , οι δε Κίρνοις , και
τους περί την 'Ακυλήκαν χωρίοις : Rheti & Norici ufque ad alpium
ſunema aſſurgunt , & verſus Italiam verzunt , alii Inſubres , alii Car
nos , & quæ funt circa Aquilejam loca attingentes . Dove di bel nuo
vo ecco la diſtinzion chiariffima fra Norici , e Carni , e tanto più
deciſiva , quanto che i Norici fi contano dal Geografo fuor d'Italia ,
e i Carni nel numero de ' popoli Italiani.
E pure a fronte di tutte queſte autorità , ben peſate , e ben gra

( d ) Delle vi , ſi ſoſtiene , e ſi predica , che ( d ) deveſi conchiudere , che tanto i

Ant. Rom . Norici , che i Tauriſci , ed altre ſimili Genti foſſero generalmente chiamate
' Ifr.pag . Carni. Si è fondata queſta oppinione ſopra un paſſo di Strabone , alle
dell
37
gato di ſopra anche da noi , il quale dice : Supra Carnos Alpius
mons eſt . Ma queſto a me ſembra, che ſpieghi tutto l'oppoſto , cioè
che al Monte Alpio , é non Albio , come per isbaglio .qui fi fcrive ,
finiſſe intieramente il nome Carnico . Vi fi aggiunge il teſto di Pli
nio
ANTICA DEL FRIULI. 117

nio ( a ) : A terg'o Carnorum eg Japidum , qua fe fert magnus Iſteri ( a) Plin . Lib.
Retis junguntur Norici . E quì pure i Carni fi veggono confinati 111.Cap.XXIV.
nelle fue montagne ; giuſto i termini poco fa ſtabiliti da Strabone .
Se ne replica un altro dello ſteſſo Plinio , da noi pärimente addotto
di ſopra : Amnes clari e navigabiles in Danubium fluunt , Dravus ex
Noricis violentior , Savus ex Alpibus Carnicis placidior . E quì ſi fa
il gran caſo , e fi dice : 1 Carni del Savo erano adunque da queſt' al
tra parte della Carniola all oriente di Tarvila , e per conſeguenza de
veſi conchiudere che tanto į Norici , & c.
Ma queſto è un far dire a Plinio quel che più va a grado . Che
i Carni abitaſſero al Savo e nella Carniola , Plinio non lo diſſe mai .
Quel che oggi diciam Carniola , fu poſto di là dall' Alpi , e fuori
del confine Italico > e ai tempi di Plinio era Pannonia : per dove

ſcorre il Savo , andando a mettere nel Danubio ; nè Plinio quì ſi fo


gna in verun modo di collocare i Carni al Savo nella Pannonia , o
nella Carniola , ma dice puramente , e ſemplicemente , che le fonti
del Savo fono nell' Alpi Carniche . Nell'Italia poſe Plinio i Carni ,
e non nella Pannonia ( 6 ) .: e il Savo nella Pannonia , e non ne' Carni (b ) Plin.ibid.
( c ) . Le genti Tranſalpine , abbian già veduto coll'autorità di Strabone, Cap. xvlll.
( c ) Id . ibid .
come innalzavanſi fino alla ſommità dell'.Alpi, in confin de Carni e Cap. xxv.
degl'Inſubri . Quindi Alpi Carniche fi.differo queſte dalle fonti del
Savo in giù , non perchè i Carni, gente Italiana , ne occupaſſero il
dorſo , ma perchè abitavano alla fronte , che è la migliore e più

nobil parte di eſſe . Con queſta ſcorta io interpreterò ſempre Plinio,


Scrittor inſigne , c.che può dichiarar ſe ſteſso dicendo altrove de'

Reti , e degli Euganei ( d ) : Rhæti & Vindelici omnes in multas ci- ( d ) Id . ibid.
vitates diviſi . Verſo deinde in Italiam pectore Alpium , Latini juris Cap. xx.
Euganco gentes . Ex iis Triumplini , dein Camuni , complureſque fimi
les.. La ſchiena dell' Alpi , dice Plinio era de ' Reti Tranſalpini : il
-

petto degli Euganci , popoli Italiani . Con queſta ſcorta , dico > in

terpreterò , ſempre Plinio , e il fuddetto ſiło paſſo , chiaro per altro per
ſe ſteſso , perchè colla medeſima i migliori moderni Geografi hanno
imparato a ſtendere i confini dell'. Italia Antica , e de’ vecchi ſuoi po
poli , fino alla ſommità dell' Alpi , e non più . Non ſi può dire
eſclama un inſigne Letterato ( € ) , quanta confuſione e quanti errori ( e ) Ver. III.
abbia nell erudizione introdotti il fondarſi talvolta in paſſo unico d ' un Part.
111. co1,
l. Lib.
-

Autor Solo , ſenza conſiderare il compleſſo delle cose , e ſenzd riſzuar


do al general riſcontro delle più ſicure notizie .
C'eran degli altri > oltre Plinio , che potean dar mano a mettere
in ſicuro un cotal punto , e i limiti preciſi delle noſtre Alpi, e della
nazion
118 DELLA GEOGRAFI
A

nazion Carnica . Di Strabone è ſuperfluo il ripeterlo , da che l'abbia


mo con tanti ſuoi palli abbondantemente dimoſtrato . C'era anche Pa
( a ) Paterc . tercolo , là dove dice di Maroboduo Re della Boemia , che ( a ) nec
Lib. II. Cop. ſecuram incrementi ſui patiebatur effe Italiam : quippe cum a ſummis
CIX .
Alpium jugis , quæ finem Italia terminant initium ejus finium haud
multo plus cc . millibus paſſuum abelſet . Alla ſommità dell'Alpi no
ſtre , a ſummis Alpium jugis terminava anche ſecondo Patercolo
a queſta noftra parte l' Italia . Ma nè anche Livio è di quegli Storici,
che ſian fuori del mondo . Narra egli , come Cincibilo Re de' Gal
li , ſpedito avendo a Roma un ſuo fratello e altri Ambaſciadori , per
mezzo loro fe ne dolfe fortemente col Senato che il Conſole Cajo

Callio faccheggiate aveſſe le terre dei popoli Alpini ſuoi collegati


( b ) Liv.Lib. ( b ) : Alpinorum populorum agros Sociorum fuorum depopulatum C. Caſſium
XLIII. Co vll . eſſe. Chi foſſero queſti popoli Alpini , lo dichiara immediate dicen
do , che in que' momenti ſopraggiunſero anche gli Ambaſciadori di
queſte genti a far le ſue doglianze ; ed erano Carni , Iſtri , e Japidi ,
Quale , e donde foſſe il Regno di queſto Re alleato de' popoli Alpi
ni , ce lo dimoſtra altresì lo Storico , continuando a dire , che piac
que al Senato , commoſſo dalle giudte querele del Re e di quelle
genti , di farne ſcuſa folennemente per via d'Ambaſciadori : Nec re
Sponderi tantum iis gentibus, ſed legatos mitti , duos ad Regulum trans
Alpes , tres circa eos populos placuit , qui indicarent quæ Patrum elet
ſententia . É partiron toſto per l'Imbaſciata : Legati cum Gallis mifa
trans Alpes C. Lælius , M. Æmilius Lepidus : ad cæteros populos , c.
Sicinius , P. Cornelius Blafio , T. Memmius . Gli Ambafciadori ſpedi
ti ai tre popoli fi formarono nell ' Alpi : circa eos populos : gl ' inviati
al Re , di là dall'Alpi ſi ſpedirono : trans Alpes . Non ſi può par
lar più chiaro , per far vedere , che i Carni non avean che far nien
te di là dall' Alpi , dove , per atteſtato di Livio , i medeſimi non
avean parte , ma comandava Cincibilo Re de' Galli , loro alleato ; e
i ſuoi ſudditi erano gente Gallica , e non Carnica ; e Carini pro
babilmente , o Caritni , Tauriſci , Norici, e altre ſimili nazioni Cel
tiche compor dovettero il ſuo Stato . Il che baſti aver detto , per
conchiudere con ogni fondamento , e con verità , che Norici , Tauri
fci , Carni , Carini , Caritni , e altri popoli antichi ſituati a queſte
parti , tutti furon d'origine Gallica , e non Carnica , e ſotto il no
me generale di Galli , e non di Carni ſi compreſero .
Tali dunque eſſendo le antiche fedi de'Carni , circoſcritte preciſa
mente > é ferrate entro i confini delle noſtre Alpi , dalle fonti del

Sayo e del Nadilone , fino a quelle del Formione e del Nauporto ,


la
ANTICA DEL FRIULI , 119

la materia ſteſſa par che ci chiami ad eſaminar lo ſtato , e le mee


morie antiche de' medefimi. Ma per quanto antichi foſſero i Carni
in queſte noſtre montagne , non corriſpondono , per dire il vero , le
memorie alla loro antichità ; fia ciò perchè coine genti Alpine , ben
fituate , e feroci piuttoſto che no , foſſero riſpettate dai vicini , e nien
te di memorabile opraſſero in quel tempo : o ſia per la ragion gran
de , che Livio ci laſciò ſcritta , che non abbiamo neppur le notizie
di tanti altri popoli anche più celebri , e coſpicui ( a ) , quum ve- ( a ) Liv.Lib.
tuftate nimia obſcuras , veluti quæ magno ex intervallo loci vix cer VI . Cap. I.
nuntur : tum quod er rare per cadem tempora litere fuere , io non
oſo decidere . Egli è intanto fuor di dubbio , che i Carni furon gen
te valida , e di gran cuore , e che feppero fra queſti monti mante
nerſi intatta la libertà , del ſecondo Secolo di Roma fino all' incam
minamento del ſettimo , per poco meno di cinquecent anni . Strabone
gli annovera fra i nemici antichi del nome Romano ( b ) ; il che ( b ) Strab.
tanto è vero , quanto che nonavreſſimo neppur le poche memorie , Lib. v. pag .
207.
che di loro ci reſtano , fe i Romani come tali non gli aveſſero con
fiderati , e non ne aveſſero tramandato il regiſtro alla poſterità . Fin
chè Roma non intrapreſe la fondazion d'Aquileja , niun nome ebbe
ro negli Annali i popoli Carni , perchè la Storia Romana niun mo
tivo ebbe di farne menzione ; ma da che ella fu fabbricata , fi vide

roben toſto a comparire in ifcena . Il gran motivo , per cui fu


ftabilita una tal fondazione , ce lo addita lo ſteſſo Geografo ( C ) :( c ) Id . ibich
'Ακυλήια , δ ήπερ μάλιςα το μυχό πλησιάζει και κτίσμα μίν εςι pag. 206 .
των Ρωμαίων , επιταχισθεν τοίς υπερκειμένοις βαρβάροις : Aquileja ,
quæ finus hujus intimo receffui maxime appropinquat , opus Romanorum
eft , munitum adverſus fupra illam babitantes Barbaros . I primi fra i
Barbari , che abitavano al di ſopra d'Aquileja , erano certamente i
noftri Carni , e al loro fianco fuccedevan gli Japidi , e gli abitatori
delle montagne dell' Iſtria . Queſti fenza dubbio furono i Barbari
preſi di mira dai Romani nella fondazion d' Aquileja : non potendo
cader ſoſpetto ſopra i Norici, fra i quali e i Romani, come altro
ve s'è detto , amicizia correva , e oſpitalità ; e l'Illirico di là da
gli Japidi ed Iſtri non era in iſtato di dar ſoggezione , ſenza offen
dere i confini di queſte due riſolute e brave Nazioni.
L'Iſtria fituata al mare , era abitata da gente un po' più colta ; e
meglio forſe informata del ſiſtema delle coſe d'allora , ſiccome quella
che provato avea molto prima il genio , e la poſſanza de ' Romani .
Quindi è , che vide ben da lungi queſta brutta vigilia , e fece 'ogni(d )Liv . Lib.
skorzo , perchè Aquileja non ſi conducelle ( d ) . Ma il tutto le tornò xl. Cap xxvi .
in
120 DELLA GEOGRAFIA

in rovina ; perciocchè rimaſta ſola a fronte d’una Repubblica sì preo


potente , non la finì fenza il ſagrifizio ineſtimabile della ſua libertà ,

Un gran che mi pare , che i popoli delle montagne , Carni , Japidi


ed ' Iſtri, ſi ſteſſero tutti nel comun periglio , colle mani , come ſuol
dirſi , alla cintola ; e pur la coſa andò così . La Colonia Aquilejeſe ,
( a ) Id. ibid . alla barba degl ' Iſtriani fu condotta l'anno 572. (a ) ; e allo ſdegno
Cap. XXXIV . de ' vincitori reſtò fagrificata irreparabilmente nel 576. tutta l'Iſtria.
( b ) id . Lib . marittima ( b ) . Non ci volle di più , perchè i Romani un poco alla
X £ 1 . Cap.Xy. volta fi andaſſer levando la maſchera . Sci anni dopo , cioè l' anno di

Roma $ 82 . coteſti popoli tutti e tre incominciarono a ſentirne gli


effetti , e avvegnachè la detta nuova Colonia ſcarſa ancor foſſe di
abitatori , nè ben fornita d'opere e di. munizioni , dovettero nondie
meno i medeſimi ſtar ſotto , e tollerare una fierillima ſcorreria , che
fece ne' loro contorni il Conſole Cajo Caſſio Longino , mettendo il:
tutto a ſaccomanno , e ftraſcinando ſeco in iſchiavitù molte migliaja
di uomini .

Di un tal ſacco l'anno ſuffeguente gran doglianze ne fecero il.


( c) Id: Lib. Re Cincibilo , c que' popoli ſuoi confederati , cfponendo ( c ) , che
XLII . Cap.
VII . Cajo Caſſio , dopo d'aver ottenute da effi . le guide , colla: finta di vo
ler paſſar in Macedonia , alla metà del cammino craſı ritornato indice
tro , e paſſando oſtilmente pe' ſuoi confini , gli avea riempiti d'in

cendj , e di rapine . A tali rimoſtranze ſembrò piegarſi il Senato x


promettendo loro di udirgli in confronto del Conſole , e di proccu
rarne la ſoddisfazione : cercò di addolcire i loro animi con eſpreſſioni
ottime , e con parole : fpedì Legazione ſtraordinaria agli uni e agli
altri ; e gli carico di regali magnifici , ex binis millibus æris , e pare
ticolarmente de' deftinati pel Re e per ſuo fratello conſiſtenti in

due Collane d'oro di peſo di cinque libbre l'una , cinque Vali do


argento ) di peſo iſteſſamente di cinque libbre , due Deſtrieri ben
bardati , co’ ſuoi Palafrenicri , e colle ſue arme , e ſopravveſti milita
ri , è un fornimento d’abiti a tutti della comitiva > tanto liberi che

fervi ; accordando innoltre a quegli Ambafciadori di poter provvedea


re a ſuo genio , e condur fuori. d'Italia liberamente dieci Deſtrieri .
Apparenza , nè più bella , nè più conforme alle loro ſperanze non
poteano mai aſpettarſi coteſti popoli ; ma non ſi parlò mai più nè
dell'ingiuria del Conſole , nè del riſarcimento de' danni , nè della rea
ftituzione di un numero così enorme di ſchiavi, anzi l'anno dopo ,

che fu il 584. ne ſeguì tutto il contrario , vale a dire , che i Ro


mani in vece di dar mano onoratamente a quanto avean promello ,
paſſarono in faccia a queſte genti a. rinforzare la nuova Città de
Aquis
ANTICA DEL FRIULI : 1 21

Aquileja , e a ſpedirle da Roma nuovi Coloni , al numero di mille


e cinquecento famiglie ( a ) . Se in queſta occaſione la fortificaſſero ( a ) Id . ibid .
ancora , non dice niente lo Storico , il che nondimeno ſembra aver Cap . XIX.

tutta la probabilità . L'Epitome di Livio , Giulio Obſequente , i Fa


Iti Capitolini, e ſulla fede · loro il diligentiſſimo Freinſemio ci fa
ſapere , che tre anni dopo che fu rinforzata Aquileja , cioè l'anno
587. eſſendo toccata a Cajo Sulpizio Gallo la Liguria , e a Marco
Claudio Marcello i Galli Alpini , amendue queſti Conſoli trionfaron
de’ popoli , che loro eran toccati in ſorte ( b ) . Oppinione è di dot- ( b ).Freinsk.
tiſſimi uomini , a riferto del Chiariſs. P. de Rubeis , che il trionfo Suppl. Liv.
Lib. XLVI .
di Marcello comprendeſſe particolarmente i popoli Carni ( c ) . Che Cap. V.
fe ciò ſi verifica , ecco dove andarono a finire le promeſſe apparenti , (C) Dif.Var.
Erud, pag.
e inſidioſe de ' Romani . Nulladimeno , che che ſi foſſe di un tal trionfo ,
172 .
i Carni dovettero bensì reſtar ſoccombenti , ma non ſoggiogati , ap

partenendo ad altri tempi il vero trionfo di queſto popolo feroce , e


accoſtumato all'originale ſua libertà .
A pari infortunio andaron ſottopoſti in proceſſo di tempo anche
gli Japidi , ed Iſtri , avendo noi dall' Epitome ſuddetta , che l'anno
625. ( d ) C. Sempronius Conful contra Japydas primo rem male gelit : (d ) Liv . Epå .
Cap. LIX .
mox victoria cladem acceptam emendavit : virtute D. Junii Bruti ,
ejus qui Luſitaniam ſubegerat . E così anche ne' Faſti .

C. SEMPRONIVS . C. F. C. N. TV DITANVS .
COS. DE . IAPV DIBVS. KAI.. OCT. A. DCXXV .

E così pure in Appiano nella feſta guerra Illirica , ove dice : J6


podes citra Alpes incolentes Sempronius Tuditanus cognomine , & Ti
berius Pandufus, pugna Super.runt , viſumque eft illos ambobus paruif
ſe . Ma gl'Iſtri ancora domò Tuditano in queſt' incontro , come lega ( e') Plin .
geſi in Plinio ( 1.) : Tuditanus , qui domuit Iſtros , in ftatua ſua ibi Lib. 111 ,
inſcripſit :: Ab Aquileja ad Titium flumen ſtadia . ú . L'Iſtria marit- Cap. XIX.
tima nel 576. eraſi già ſottomeſſa e unita al dominio di Roma
.nè vi mancavano che i ſuoi montanari , amici antichi , e confederati
degli Japidi ; onde non vi reſta nemmen dubbio , che Plinio a queſto
paſſo d'altri ſiti dell ' Iſtria , nè può , nè dee interpretarſi..
Nulladimeno eſſendo quì quell ' Autore tutto veramente mal concio
e sfigurato > v'è chi s'immagina di poter ſenza ſcrupolo ular vio- ( f ) Delle
Ant. Rom .
lenza al teſto , e di farlo parlar degli Japidi in vece degľ iſtri , ro dell' Iftr. pag.
veſcia ndolo , e rattoppandolo a modo ſuo , come ſegue ( f ) : Tudita- 51. 52.
e nus
I 22 DELLA GEOGRAFIA

nus ) qui domuit Japides , in ſtatua ſua ibi inſcripſit : Ab Arſia ad


Titium flumen Stadia . M. M. Ma ſiami permeſſo il dire che non

ha fondamento , e che manca affatto di prove una tal correzione , c


che fra queſti fteſli confini dell' Arſa , e del Tizio , fi collocò dagli
antichi la Liburnia , e non la Japidia . Strabone medeſimo , che è l'
unico che diſtenda fino al mare una tal nazione , non aſſegna che
mille Stadj alla Tapidia , e il reſto della ſpiaggia fino alle bocche
del Tizio alla Liburnia ; e Dion Callio , Scrittor più grave in que

ſto , e più autorevole di Strabone, allontana intieramente la Japidia


dai lidi dell'Adriatico . Niun luogo dunque è da darſi a correzion
sì rovinoſa e inutile del teſto , tanto più che per renderla verifimile ,
un qualche eſimio Codice doveva addurſi , o almeno un qualche Eſem
plare ſtampato per antico , che portaſſe in fronte una tal lezione , il
che pure non ſi è fatto . Il P. Arduino , che con venti Codici ma
nuſcritti alla mano , e altrettante Edizioni ſtampate ne ' migliori
tempi , eſaminò Plinio da capo a piedi , certamente non ve la tro
vò ; laonde ben lontano dal cambiar quell' iſtros in Japydes , laſciò
Plinio nel ſuo poſſeſſo di averci conſervata una così bella memoria
e non vi poſe il minimo dubbio , che la vittoria , e il trionfo di
Tuditano , non comprendeſſero l'uno , e l'altro popolo , applicando a
( a ) Hard. coteſto ſuo paſſo la ſeguente Nota ( a ) : Rem geſtam habes in Livia
pag. 175 . na Epitome Lib . Lix . & in Appiano in ſexto bello Illyrico . Fragmen
Tom . 1. Ed.
tum quoque Faſtorum Triumphalium : c . SEMPRONIVS . & c . Così il Frein
Plin. Parif.
3741 , ſemio , a cui non dovettero certamente mancar nè Apografi , nè Eſem
plari a ſtampa del maggior eredito , nella celebre Biblioteca della Re
gina di Svezia , non ebbe niente in contrario , e prima dell' Ardui
no riputò anch'egli , che la vittoria di Tuditano abbracciaſſe non
( b ) Freinsh. meno gl' Iſtri, che gli Japidi ( b ) .
Suppl. Liv .
Lib. LIX. Ma l'acquiſto della Japidia citra Alpes : di quà da monti Albj ,
Cap. LXXXIII. come dice Appiano , e delle montagne dell'Iſtria , fatto da Tuditano ,
non fu coſa intieramente ſtabile , e permanente , avendo noi d'altron
de , e dalla piena degli Scrittori antichi che toccò ad Auguſto la

gloria l'anno 718. di ſoggiogar di bel nuovo l'intiera Japidia , tan


to cioè la poſta entro i monti Albj , che la ſituata di quà e di là
de medefimi ; e non mancano argomenti , che vi metteſſe mano in
quell'incontro anche nelle montagne dell'Iſtria . Naria Dione che

Auguſto nel 724. celebrando il trionfo di coteſte genti , non trionfo


ſolamente de' Pannonj, Dalmati , e Japidi > ma eziandio de' lor vici

( C ) Dio Lib. ni , e confinanti ( c ) : Εώς τασε δε τη μεν πρώτη ημέρα τα τι


11. Cap. ΧΧΙ. των Παννονίων , και τα των Δαλματών, της τε Ιαπυδία;,και των
про
ANTICA DEL FRIULI . 123

apozowo opior : Prima die Cæfar triumphum egit de Pannoniis , Dal


matis , Japydis , finitimiſque eorum . La Japidia , toltine i Carni , con
finava unicamente colla Liburnia , e colle montagne dell'Iſtria . De'
Carni ci aflicura il quieto paſſaggio , che fece Auguſto pe' loro con
fini, allorchè pel Trieſtino , e per le rupi ſterili del Timavo portò
l'armi contro gli Japidi, che non ci entrarono in quel tumulto . Dione
adunque per confinanti non potè intendere ſe non gli altri due popo
li . De' Liburni non ci reſta alcun dubbio , annoverandogli chiaramen
te lo Storico fra i popoli ribelli di quel tempo ( a ) ; e de' monta- ( a ) Id. Lib .
nari dell'Iſtria iſteſſamente , confinanti per lunghiſſimo tratto , e con- xlix . Cap.
federati antichi della Japidia , rendeſi la coſa affatto veriſimile , ful XXXIV.
fondamento del preſente ſuo paſſo , benchè per eſpreſſo nel trionfo
non ſe ne faccia menzione ; il che ſi oſſerva anche nel trionfo di
Tuditano .
L'Iſcrizione nondimeno alla ſtatua di Tuditano ne' termini che

fi legge negli Eſemplari di Plinio , non può negarſi , che non diſtur
bi infinitamente quanto abbiam detto intorno al ſuo trionfo , e che
non iſconcerti eziandio , per quanto può , molti fatti Storici da noi
fopra allegati , ſulla fede maſlimamente di Livio , di modo che ſe il
teſto per isfortuna ha mai patito , non è ragionevolmente da ſoſpet
tarſi che lo poſſa aver fatto , ſe non in queſta parte . L'Arduino .al
le parole , ibi infcripfit , fe ne liberò ſpeditamente col dire : Subin
tellige regionis quam domuit latitudinem infcripfiffe : Stadiorum mille
ab Aquileja ad Titium amnem , qui Liburniæ finis . Ma non poſe men
te , che l'Iſtria litorale era ſtata quaranta nov ' anni prima del Con
folato di Tuditano ſoggiogata ; il perchè queſta porzion di lidi da
Aquileja all'Arſa non potea ſpettare in verun modo al ſuo trion
fo , e così neppure gli altri dall'Arſa al Tizio , appartenendo queſti
alla Liburnia e non alla Japidia . Per ſcioglierſi dunque da tante
la
difficoltà , che dovrà dirſi ? In Plinio , dice il Marcheſe Maffei
Geografia d'Italia , in que' luoghi che appariſce mal trattata , non ſia
chi ſperi di riſarcir del tutto , se qualche eſimio Codice non dà fuori
( b ) . All'Arduino non mancavano nè talenti , nè coraggio , •ma ( b ) Ver ,I.
con tutte queite diffico ltà > che certa mente non avrà paſſat e ad occhi Part.1,Lib.
vi . Col. 112.
chiuſi , non fi fentì nondimeno contro la fede di tutti i codici d'al
terarne il conteſto , dubitando in un Opera che dovea immortalare

il ſuo nome , di non tirarſi addoſſo l ' acerbo rimprovero , da lui ( c ) Hard
medeſimo rapportato nella Prefazione ( c ) , e ſcagliato dallo Scalige- Plin . Pref:
ro contro la facilità del Dalecampio di por la mano nei teſti ( d ) : scal, in sce
Dalecampius , vir alioqui bene doetus Plinium emendandum & excu- ligerian.
e 2 den
124 DELLA GEOGRA
FIA

dandum ſuscepit : sed qui est audacia omnia invertet corrumpet :


quia , quod multi Solent , ſi hoc illud've non arridet , ſtatim immutat
ac Sæpe in deterius . Se ne avvide anche il giovine Caſaubono della
troppa ſua licenza nel corregger Polibio , e onoratamente ne fece pub
blica confeffione , laſciandone come per ricordo alla poſterità la me
( a ) Meric. moria ( a ) : Ut meo exemplo caverent alii , ne dum corrigere se pu
Caſaub. tant , corrumpant ; aut certe vim faciant , & in alieno opere jus exer
Pref. Polyb.
Tom . III . ceant minim legitimum .
pras 694. Conchiuderemo intanto dal fin quì detto che coteſti popoli , preſi
d . LipA
di mira da tanto tempo dai Romani , tutti e tre vicini e confinan-
1767
ti , è ſtretti infra di loro in antica alleanza ed amiſtà , Carni , Ja-.
pidi , e popoli Alpini dell' Iſtria , fino a un certo ſegno ebbero for
te , o poco diverſa , o intieramente compagna . Si trionfo di tutti in
più volte , e neſſun d'eſſi in ſoſtanza reſtò ſoggiogato . Ma l' eſſere
d ' Italiani , e la troppa vicinanza della Città d'Aquileja , già rinfore
zata di molto , e che dovea renderſi ogni dì più grande , e più ro
buſta , non laſciò , che i noſtri Carni continuaſſero a mantenerſi ſem
pre del pari ; imperciocchè molto prima degli altri furon eglino co
ftretti a cedere alla ſuperiorità dell'armi Romane : si fon già cſa
minati i Fafti Trionfali , e col teſtimonio loro graviſſimo fi è ſtabi
lito l'anno preciſo della lor depreſlione , che fu il 638. della fonda
zion di Roma ſotto il Conſolato e gli auſpizj di Marco Emilio

Scauro . Il motivo particolare , per cui ſoggiacquero i Carni a una.


tal diſgrazia , nella ſcarſezza delle memorie non è da ſperarſi , quan
· do i Libri di Livio perduti non ſi diſotterrino ovveramente quelli
di Diodoro Siculo , d’Appiano , e di . Dione . Non ſi fallerà nondi
meno a credere che ciò procedeſſe , e dalla naturale avverſione de”

Carni al nome Romano , e molto più dalla maſlima preſa nel gabi
netto di Roma di deprimerli , la quale poſta che ſiaſi una volta a
campo , in mano ai più potenti non mancano mai preteſti .
si aveano i Romani un poco alla volta reſe ubbidienti fin da
( B ) Liv.Lib. gran tempo l’Alpi Liguſtiche ( 6 ) , e l'anno 610. erano giunti a

xxxix. Cap. fuperare anche quelle de Salafli , mettendoſi in poſſeſſo a quella parte
11. Lib. xl . delle Chiuſe del Piemonte , tanto importanti per la ſicurezza d'Italia
Cap. XXXVIII.
XLI. LIII . @c ) . Porte d'Italia niente meno importanti e geloſe erano queſte

(c) Liv . Epit. delle noſtre Alpi . Ed ecco uno de' motivi , il più vero forſe , e il
Lib. IIII . più forte , per cui da'Romani s'intrapreſe l'oppreſſione della Nazion
Strab . Lib .
Carnica . Coſtumarono i Carri , nemici vecchi del nome Romano ,
14. pag. 196 .
feq. di tenerſi ſtretti in alleanza colle genti Galliche oltre l ' Alpi ; e tan
to più dovette creſcere in quella Repubblica il diſguſto , e la gelom
42.5
ANTICA DEL FRIULI . 129

. fia , di vedere in man di coſtoro il modo di far paſſare di quà dall


Alpi a fuo talento le genti ſtraniere . Intanto , o foſſe queſta la ca
gione , o il naturale appetito di chi regna , di ſempre più ingran
dire il proprio Stato , entrarono i Romani in queſt' anno in poſterio
delle noſtre Alpi , e poterono gloriarſi colla depreſſione de'Carni , d '

cfler giunti a queſto lato a debellar tutta l' Italia .

BUBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBA

CA P I T O L O DE CI M O.

be Delle memorie de carni dopo la lor depreſſione .

Ichiarate ne' Capitoli precedenti le ſedi , l'origine , e lo


ftato antico de' Carni , e il tempo ancora , in cui paſ
ſarono in podeftà de' Romani , richiederebbe il buon
ordine , che ſi parlaſſe ora di quel che nacque , dopo
una mutazion così grande del loro ſtato . Ma ſcarſezza
molta , è mancanza quaſi di memorie s'incontra, per lo ſpazio intiero d'un
fecolo ,
in cui de' Carni non ſi parla più . Si ſa folamente , che due
anni dopo che furon depreſſi , cioè l' anno di Roma 640. Gneo Papirio
Carbone fu il primo della ſua Repubblica , che fi valeſſe dell'oppor
tunità di un tal poſto , e alle Chiuſe delle noſtre Alpi faceſſe fronte
a una innondazione di Cimbri , gente barbara , e fino a quel tempo
ſconoſciuta negli Annali di Roma . Gli Scrittori Latini , Livio nell'
Epitome , Patercolo , Tacito , e Giulio Obſequente , dicono , che Car
bone ebbe la peggio ( a ) : fra i Greci Strabone ſcrive , che com- ( a ) Liv. Ep.
battè inutilmente . A me non è riuſcito d ' aver per le mani le Le- Lib. lxui.
gazioni d' Appiano , date fuori da Fulvio Orſino . Da queſte il Frein- Paterc. Lib.
11. Cap . x11.
ſemio par che ricavi , che Carbone rimaneſle battuto , e che un tur- Tac. Mor .
3 bine con dirotta pioggia impediſſe il ſuo disfacimento ( b ) . Ma Gor. Cap.
is il Marcheſe Maffei ſpiega tutto all'oppoſto , cioè , che Carbone bat- XXXVII.
( b ) Freinsh .
tè i Cimbri , e che non ne fece eſterminio , per cagion per appun- Suppl. Liv.
to del temporale , da cui reſtarono ſeparati i combattenti , e talmen- Lib . LXIII.
te per le ſelve diſperſi i Romani , che appena fi riunirono dopo Cap . xxvii.

j tre giorni ; ritiratiſi intanto i nemici per la via della Gallia fc ) . (c ) Ver. Ill.
Il teſto d'Appiano è quel folo , che potrà decidere di sì grande , e Párt. 1. Lib .
in che conven 111. col. 51 .
ſingolar diverſità d ' interpretazione . Quello intanto ,
gono il Freinſemio , e il Maffei sì è , che Appiano fa ſeguir la

battaglia di là dai paſli ſtretti delle noſtre Alpi , opponendoſi in que


Ito
126 DELLA GEOGRAFIA

fto a Strabone , che la fa ſeguir di quà : Ma a favor di queſt* ulti


mo fta Giulio Obfequentc , Scrittor di non poco peſo , e che quan
( a ) Jul.Obf. to ſcriſſe , ricavò in buona parte dalla Storia di Livio , dicendo ( a ) :
in Prodig . Cimbri Teutonique Alpes tranſgreſſi , fædam ſtragem Romanorun , focio

rumque fecerunt .
Egli è ben vero , che il paſo di Strabone , a leggerlo come ſta
farebbe l'effetto , che la pugna di Carbone contro i Cimbri , ande
rebbe molto di là dall’Alpi. Ma Cluverio , che ſopra il luogo eſa
minò le diſtanze , e le parole del Geografo , vide per tempo eſſervi
dentro un grand errore , ingens mendum e conſommo giudizio e
( b ) Cluv . maeſtria paſsò a correggerne il teſto ( b ) ; il quale , per maggior

If. Ant. Lib. chiarezza , è ben che pongaſi dinanzi agli occhi ( 0 ) : " E & w $ 651
1. Cap. ΧΙΧ. των Ενετικών όρων και Ακυλήια" διορίζονται δε ποταμώ ρέστι από

16. ν. pag. των 'Αλπίων όρων , ανάπλιν έχοντι και σ' σαδίων επί τοις χιλίοις
206 .
ας Νωρή ειαν πόλιν περί ών Γναίος ο Κάρβων συμβαλον Κιμβρίοις ,
öder om pažev : Sita eſt Aquileja extra Venetorum fines . Qui dirimun
tur a fluvio ab Alpibus delabente , adverfam habente navigationem per
ſtadia cc . ſupra Mille ad Norejam urbem , apud quam Cn. Carbo ina
ni conatu cum Cimbris conflixit . Mille e dugento ſtadj all' insù di

ce Strabone , che queſto fiume di confine tra la Venezia , e l ' Aqui


lejeſe potea navigarſi , vale a dire cento e cinquanta miglia Romane,
che ne importano cento e venti delle noſtre . Che un tal fiume deb
ba intenderſi il Tagliamento , convengono tutti i Geografi.. Ma navi
gazione di cento e venti miglia moderné dal mare in fu , tanto è
lontano che al Tagliamento ſi convenga , che , dalle ſue fonti fino al
mare , egli non eccede il corſo di miglia ottanta quattro Italiane ; e
che neppure un tal corſo è tutto navigabile , non principiando a ſof
frir baſtimenti ſe non a Socchieve , villa diſtante ſedici miglia dalle
fue fonti ; e che finalmente una tal navigazione ſino a Venzone non
è tutta ſua , ma dividefi e ſi diſtribuiſce in parecchi altri canali

di modo che la principale , e vera ſua navigazione ſi uniſce , e in


comincia ſolo a Venzone , Terra diſcoſta dal porto del Tagliamento

cinquanta miglia d'Italia , che formano miglia Romane feflanta due ,


e mezzo . Quindi è che Cluverio , col teſtimonio graviflimo di un
tal fatto , eredette neceſſario , in vece di quelle parole: used osadicure
Åti tois ziddons : per ftadia . cc . fupra mille : di dover riporre in
Strabone: Ø safíwv: per ftadia D. che formano per appunto le mi

glia Romane feſſanta due e mezzo , che s* interpongono fra Venzone ,


e il mare .

Nulladimeno una tal correzione , tanto ben fondata e ragionevole ;


e per
ANTICA DEL FRIULI . 127

e per comun ſentimento degli Eruditi , ormai paſſata in giudicato ,


preſo taluno ſembra aver poco applaufo , quaſi che poſſa tuttavia ſo
ſtenerſi la lezion divolgata de' mille e dugento ſtadj, e ſuperflua ren
dafi la correzion Cluveriana , che gli modera in cinquecento . E qui

fi dà mano a un nuovo penſamento , ſtraſcinando , contro la direzion


fua propria e naturale , il corſo del Tagliamento ſu per l'acqua del
la Fella , e pel canal del Ferro di là dall' Alpi fino alla Treviſa ,
per cercare in que' contorni la Città di Noreja , mentovata da Stra
bone ( a ) . Ma ciò può temerſi che fiafi fatto , ſenza ben diſcernere , ( a ) Delle
non meno le diſtanze della navigazione delle noſtre acque , she il Ant, Rom
dell' iftr .
ſentimento delle parole del Geografo . Baſta il conoſcere che fra
pag. 21.
il porto del Tagliamento e le ſue fonti , maggiori ſono le diſtanze
di quelle che paſſano fra il porto medeſimo e la Treviſa , per non
impegnarſi a queſta nuova ſcoperta in Geografia , Fra il porto del
Tagliamento e le ſue fonti vi li frappongono miglia ottantaquattro
d'Italia , e miglia d'Italia Ottantadue ſolamente paſſano fra il detto
porto e la Treviſa ; il che ſerve abbondantemente a dimoſtrare la

debolezza di un tal ſuppoſto , e l' inutilità del ripiego , per ſalvare


in Strabone i mille e dugento ſtadj.

Due Noreje le memorie antiche ci additano . L'una è quefta , di


cui fi tratta > e che Strabone collocò , non già ne' Tauriſci , . comc

invano ſi predica , contro l'intenzione , e le parole ſteſſe de Geogra


fo ( b ) , ma alle ſponde di un fiume , non di là dall’Alpi, ma (b ) ivi,pag.
ſcendente giù dalle medeſime , ab Alpibus delabente , cinquecento ſta- 20.
dj in diſtanza del mare , giuſto la correzion di Cluverio , vale a di
re in que'ſiti propriamente , dove eſiſte la moderna Terra di Venzo
ne . Plinio , e nou Strabone , è quello che la dichiara Città de ' Tau
riſci , ed egli purc ce la deſcrive entro l' Alpi , e la regiſtra mani
feſtamente aſſieme coi Veneti , e ci Carni , nella Region Decima de
Italia ( c ) : In boc fitu interiere per oram Iramine , Pellaon , Palſa- ( c ) Plir.
tium : ex Venetis Atina & Calina : Carnis Segeſte & Ocra : Tauriſcis Lib. 111. Cap
Noreja . Tauriſci e Norici , per autorità di Strabone , eran la ſtella XIX .
gente ; il che ſi confeſſa anche da Plinio ( d ) : Juxtaque Carnos quon- (d ) Id . ibid .
dam Tauriſci appellati , nunc Norici i di modo che queſta Noreja , Cap. XX
e coteſti Tauriſci di Plinio non poſſono in verun modo interpretarſi
ſe non que' Norici Alpini , che in confin de Carni , coll'autorità me
defima di Strabone , abbiam di ſopra deſcritti . L'altra Noreja ſta
regiſtrata nella Tavola Teodoſiana , o ſia di Peutingero , di là dall'
Alpi , e in mezzo al Norico mediterraneo , fra i due fiumi, Dravo ,
e Muro .
Ora
1 28 DELLA GEOGRAF I A

Ora queſta oppinione così fatta non ſerve , nè per l' una , nè per
1 altra di queſte due Noreje . Non per la prima , perchè tende a
portarla di là dall' Alpi , e fuori del confine Italico , contro il teſti
monio di tutti gli antichi ; e ſe anche gli antichi in queſto non ſe
le attraverſaſſero , ſe le oppongono le miſure ſteſſe de' mille e du
gento ſtadj, divolgate in Strabone , che qui vorrebbero ſoſtenerſi ;
imperciocchè come ſi potrà mai ſalvare un così fatto numero di ſta
di , torcendo la navigazione del Tagliamento per l'acqua della Fella
ſino alla Traviſa , ſe dal porto di detto fiume fino a quella Terra .
non ſono più di ſtadi ottocento e venti , o ſieno miglia Romane
cento e due e mezzo , che fanno d'Italia miglia ottantadue ? Aggiun
gaſi , che il fiume Fella non naſce altrimenti alla Traviſa , ma a
Camporoſſo , luogo ſituato quattro miglia Italiane di quà dalla Tra
viſa , dal che ne creſce il divario , non contandoſi dal porto del Ta
gliamento fino a Camporoſſo più di ſtadj ſettecento ottanta , cioè
miglia Rornane novanta fette e mezzo , e Italiane ſettant' otto . Ri
flettaſi ancora , che la Fella non rendeſi
in verun modo navigabile ,
ſe non a Malburghetto , Terra diſcoſta dalla Ponteba , e dal confine
Italico cinque fole miglia d'Italia , e che dal porto del Tagliamento
fino a quella Terra non ſi frappongono ſe non ſtadj ſettecento e
cinquanta , o vogliam dire miglia Romane novanta tre e tre quar
ti , e Italiane ſettanta cinque . Se ne faccia quindi un giuſto calcolo ,
e non potrà certamente negarſi, che ſtando ai mille e dugento ftadi
di navigazione , indiritti a queſta via , non ne riſulti la ſconcia
conſeguenza di dover cercare queſta prima Noreja quattrocento e cin
quanta ftadi, o fieno miglia Romane cinquanta ſei e.un quarto ,
Italiane quarantacinque , più in là di quel che importa l'intenzion
manifeſta del Geografo , e la vera e real navigazione di queſte ac

1 que . Molto meno poi ſervirà un cotal ripiego per la ſeconda Nore
ja , poſta in mezzo al Norico mediterraneo , perciocchè ci vuol al
tro , che i mille e dugento ftadi, pubblicati in Strabone , per tirarſi
in mezzo a quella vaſta provincia , e al terreno che giace fra i due
fiumi , Dravo , e Muro .

Confonde innappreſſo l'oppinione ſteſſa con troppa indifferenza la


navigazione del Tagliamento , fiume che naſce nell ' Alpi eccelſe della
Carnia , con quella del fiume Fella , che a tutt'altra via verſo le
vante , e per fianco a quelle del Tagliamento ha le ſue fonti, otto
miglia di là dall ' Alpi , fenza dare il minimo aſcolto alle parole del
Geografo , che chiaramente ſi eſprimono di un ſol fiume , e non di
due , e queſto , fiume Alpino , e non Tranſalpino : 7207cele com péo
τι απο
ANTICA DEL FRIULI : 129

TÒ Tmv 'Adziwe opao : flumine ab Alpinis jugis delabente :


1
Naſce la Fella a Camporoſſo nella Carintia , ſettanta otto miglia
d'Italia lungi dal porto del Tagliamento , e per tre miglia dalle ſue
fonti ella non ſerve nè poco nè punto alla navigazione , fino alla
Terra di Malburghetto , dove ſolamente principia a foffrir baſtimen
ប ti , ricevendo il modo di corredarli , non dalle fue fonti , ma d'al
tronde , cioè dall'acqua appellata Gaila , nella Zeglia piccola i per cui
fi naviga con Zattere , alleſtite con lunghi e ben grofli Larici , ed
Abeti , ed altri legni , per anco non lavorati, pel corſo a un di
preſſo di venti miglia , da Chezza fino a Faiſtriz , villaggi di quella
contrada . Ba Faiftriz fino alla Fella non v'è comunicazione alcuna
per acqua , e per tradurre a qualunque patto coteſte merci alla vol
ta d'Italia , convien ridurſi alla neceſità di disfar le Zattere , e di
TE traſportarle in pezzi a forza di Cavalli , e con grande ftento , per
l'alta montagna denominata Cocca , da Faiftriz fino a Malburghet
dove di bel nuovo ricongiunte e poſte in acqua , formano il
principio di queſta tal navigazione . E la Fella incamminandoſi da
Rice Malburghetto all' Italia , dopo cinque miglia di viaggio , non lungi
dalla Ponteba li riduce a ponetrar l’Alpi ; è diſcendendo per le me
deſime ſino a Dogna , villaggio ſituato a quattro miglia dalla Pon
teba , forma ivi il canale , appellato del Ferro , e il depoſite d'una
quantità conſiderabile de’mentovati legni , che coll'ajuto di quelle
acque in gran parte ſi lavorano , e fi ſegano per lo lungo , e ri
dotti in Alli , e in Tavole d'ogni miſura , ſervono nuovamente a
formar le Zattere , con cui diſcendeſi da Dogna ai palli ſtretti della
noſtra Chiuſa ., una delle tre porte celebri d'Italia , noverate da Lu
cio Floro . Quindi fi naviga pel canal del Ferro , o ſia per la Fella
fin verſo il villaggio di Amaro , un miglio e mezzo ſopra Venzo
ne ; dove la medeſima , dopo il corſo di quattordici miglia e mez
zo da Dogna in poi , va a perderſi in Tagliamento , afleme con
tutti i ſuoi baſtimenti , e le fue acque .

Il Tagliamento all'oppoſto , ottanta quattro miglia lungi dal ſuo


porto , fcaturiſce in Italia , verſo i confini della Carnia , e del Ca
dorre , nella montagna appellata Maura , cinque miglia all'incirca più
in ſu della villa di Forni di ſopra , e precipitando giù per l’Alpi
pel corſo di ſedici miglia ſino a Socchieve , ivi incomincia a farſi
navigabile , e forma il canale , dal nome di un tal villaggio appel
lato di Socchieve , dicidotto miglia in diſtanza di Venzone ; e ap
proftimandoſi a quella Terra , va ricevendo i tributi , ora del fiume
Deano , che forma il canal di Gorto , ora quelli della Bute , che fa
R quel
130 DELLA GEOGRAFIA

quello di S. Pietro , ed or quei della Fella , che coſtituiſce il canal

del Ferro . Tutti coteſti fiumi auſiliari , prima di mettere in Taglia


mento , conſervano i loro nomi , e la ſua particolar navigazione , e
dopo intieramente la perdono , di modo che a Venzone non c'è più
Bute , non c'è Deano , o Fella , ma il tutto è Tagliamento .
Queſta è l'origine, queſto il corſo e la navigazione del Taglia
mento fino a Venzone , il quale procedendo dalla Carnia , e non dal
la Ponteba , o dalla Carintia , niun tributo porta , nè alla Fella , nè
agli altri fiumi , ma per lo contrario lo riceve da loro , è gli aſſor .
be tutti ; e da Venzone in giù , ricco dell'acque proprie e delle al
trui , porge ai mercatanti noſtri una navigazione aſſai più comoda ,
e meno diſaſtroſa ; baſtando quattro , ed anche due remiganti , per
condur le Zatte placidamente ovunque è il ſuo deſtino ; laddove ſo
pra Venzone , la particolar navigazione di ciaſcheduno di cotefti fiu
mi è tutta piena di pericoli , e di diſaſtri , e diſpendio molto , e
molta gente abbiſogna prima di poter tirar le merci fino a quel
poſto ; e maſſimamente in tempo d'inverno , ſtagione in cui non
poſſono avventurarſi in quelle acque ſe non baſtimenti piccoliffimi , i
quali giunti a Venzone , ſi rattoppano inſieme , e di molti ſe ne for
ma un ſolo ,

Tutte coteſte coſe in compleſſo a meraviglia dimoſtrano la ragio


nevolezza , e il giudizio incomparabile della correzion Cluveriana .
La vera , e la più comoda , e dirò anche , l'unica navigazione del
Tagliamento , noi veggiamo dal fatto , che principia a Venzone . Da
Venzone in fu ella non è più del Tagliamento , ma diviſa in tan
te parti , quanti ſono gli accennati fiumi , fa che il Tagliamento
non entri che per un ſol ramo a comporla . Ma unitaſi a Venzone ,
ella diventa tutta ſua , donde ſcorrendo orgoglioſo per cinquecento
ſtadj ſino al mare , divideva , dice Strabone , l'antica Venezia dal
territorio Aquilejeſe .

Ma parmi a queſto paſſo di ſentirmi a rimbrottare , è a dar cons


tro quel ch'io ſteſſo oppongo agli altri , cioè che dovrà condannarſi
anche Cluverio per troppo facile e licenzioſo , perciocchè neppur

egli appoggia queſta fua correzione a verun Codice M. S. o Eſem


plare a ſtampa di vecchia ed autorevole data . Al che ſi riſponde ,
che negli Scrittori gravi , e di quel peſo che fu Strabone , quando
chiaro appariſca , e reſiſta il fatto al regiſtro , la buona Critica in
ſegna , eſſer molto più credibile l ' errore ne copiatori ignoranti , che
negli Autori dell'Opera . Strabone medeſimo , diligentiſlimo inveſtiga
tor del vero , e delle yere diſtanze , verrebbe altrove in cotal modo
a fog ;
1
ANTICA DEL FRIULI . 131

ä ſoggiaceré a un altro error miſlimo , e indegno della ſua diligen


za , di ben dugento miglia , nella lunghezza della Via Valeria in
Sicilia , fra Meſſina è Lilibeo , oggidi Capo Boeo' , ſe gli Eſemplari
di quel Geografo doveſſero attenderfi, i quali tutti contengono tren
tacinque miglia ſole di diſtanza ( a ) : éxe Mero'ng eis Anubavior ( a ) Strab.
GO
Ovahepią odem t'é' : A Mefana Lilybæum via Valeria xxxv. Ma Cel- Lib. VI. pag.
257 .
lario , uomo nella Critica pien di ritenutezza e di gravità , pronun
1
ziò ciò non oſtante ſenza eſitanza , e ſenza ſcrupolo , l'errore eſe
re de copiſti , e non di Strabone ( b ) : Numerus pravatus pofcit : ' ( b ) Orb,
Ant. Lib lice
præmitti , ut fiant ccXXXV.
Cap. XII.
Le figure d’Abbaco , o vogliam dir note Aritmetiche preſſo i Gre- Se & . 119.
ci , eran ſoggette a que' falli , e a quegli equivoci , che fono a' gior
ni noftri le figure , e cifre Arabiche , perchè ſegnavanfi comunemen
te anch'eſſe con pochi , e troppo minuti ſimboli , cioè colle lettere
minuſcole del loro Alfabeto , con quell'intreccio e con quella va
** riazione che ognun può vedere preſſo il Gretſero ( c ) . Quindi è (c ) Jac.
Gretſ. Inft.
che gli Scrittori Claſſici sfuggirono una tal forma di regiſtro , co
Ling. Greco
me troppo eſpoſta a vizio , e a depravazione , diftendendo i loro nu- Lib . 111.Cap .
meri , e le diſtanze eſpreſſamente con tutte le ſue lettere , e co ' vo- XXXIlI..
cifre , e figure d'Abbaco , come può
collee cifre
caboli numerali , e non coll
vederſi in Erodoto , Polibio , Diodoro Siculo , Appiano , Dion Callio
ed altri Scrittori celebri della Grecia . Sembra nondimeno', che ſianſi
introdotte coteſte cifre in qualche numero , particolarmente ne' Com
) pendi , non ſaprei ben dire , ſe dai copiſi , oppure dai medeſimi Ab
breviatori , come in parecchi può riſcontrarſi preſſo Fozio , ed altri
(d ) . Ma peggio forſe n'è avvenuto dalla material mano de copia- ( ! ) De bac
tori , ſe talvolta la troppa fretta gli ha indotti a convertire i voca- licentia vide
boli numerali. degli Scrittori in cifre d'Abbaco : diſgrazia , che par Schottum in
1 tóccata diſtintamente > e con più frequenza al noſtro Geografo . Ci Scholio ad
Cod.ccxxxix .
luſinghiamo di poter dir con fondamento , che al par degli altri ſten- Photii Edit.
deſſe anch'egli nella ſua Geografia i numeri , e le diſtanze co ' voca- Genev. 1612.
boli , e non colle cifre . Chiunque per poco vorrà affacciarſi a quel- col. 991.com
Urfin . Eclog.
la grand'Opera , non durerà fatica a entrare nel mio ſentimento >
Xxxv . Legat.
non ritrovando in nove de' diciaffette Libri , che la compongono , pag. 605.
neppure un eſempio , s'io non m'inganno , di cifre Aritmetiche , ma 884.Tom . 11.

il tutto diligentemente ſpiegato co' vocaboli, e aſſicurate alla poſteri- Lips. 1763.
tà , per queſta via più ſoda , e meno eſpoſta a vizio , le diſtanze , Te ) Strab.
Lib. I. II. VII .
che frequentiffime in effi appariſcono ( e ) . J, VIII . IX . com
Lo ſteſſo a un dipreſſo è da dirſi di cinque altri . ſuoi Libri ne"
XI11 . uſq .
quali benchè un qualche eſempio li trovi di cifre d'Abbaco , che for- XyII.
R 2 fe

1
DEL Ľ A GEOGRĀFI Ä

ſe non eccede il numero di dodici , nondimeno nel ſuo intiero può


affermarſi , che per mezzo de' vocaboli i numeri e le diſtanze tut
( a ) Id . Lib. te fi fpieghino ( a ) .. Stravagante coſa è l'oſſervare , che frammiſchia
II . VII. X.
Xl.. XII. ti in queſti ſi trovino alcuni eſempi eziandio , ne' quali fi fegnano i
numeri , e le diſtanze , non colle ſole cifre d' Abbaco , ma parte col
le cifre , é parte colle parole; ciò che rende , a mio giudizio , fem
pre più ſoſpetta la lezione , e manifeſto l ' arbitrio de'copiatori . Eſem
pj però di queſta fatta in Strabone non ſi trovano ſe non di rado ,
nè mi ricorda d'averne offervato che un ſolo nel Libro . X. e due
nell'xi . benchè fin circa a dicidotto ſe ne .contin poi negli altri tre
Libri , di cui ci rimane a far parola .
Reſtano adunque i foli Libri Quarto , Quintò , é Seſto , ne' quali
veramente ſembra , che fi sfogaſſe un poco più l'impazienza de' co
ciò
piſti , e l'indiſcreto lor coſtume d ' abbreviare in poche cifre ,
che il Geografo più diffuſamentė avea regiſtrato colle parole . Dovet
te forſe la Geografia d'Italia , é della Gallia Tranſalpina , compreſa
in coteſti tre Libri , intereſſare più degli altri , e chiamar l'opera
loro con più frequenza . a moltiplicarne gli Apografi . Qualunque non
dimeno fiaſi la cauſa , che induſſegli a uſar del loro arbitrio piutto
ſto in queſti tre Libri , che negli altri quattordici , il fatto sì è ,
che intanto noi troviamo , contro il ſolito , eſpreſſi nel Quarto Li
bro i numeri , e le diſtanze , colle figure e cifre Aritmetiche , tren-.
tatrè volte , e quattro altre , parte co vocaboli , è parte colle cifre --
Così nel Quinto , quarantatrè eſempj incontriamo della prima manie
ra , e quattro della ſeconda e nel Seſto cinquanta fei della prima ,
e dieci della ſeconda > quando un qualche eſempio di più non foſſe
sfuggito alla noſtra diligenza ; donde me viene , che qualunque diſtan
za da luogo a luogo , e qualunque tratto di navigazione , che in

Strabone trovaſi ſegnato co'ſimboli e colle cifre d' Abbaco , dee fup

porſi , ed è novità introdotta nel teſto da copiatori , e per conſeguen


te dinota arbitrio , é fa di rappezzamento , e non è punto da atten
derſi fe non incontra col fatto . Ciò che induſſe Cluverio , e Cella
rio a ſtabilir le ſuddette correzioni, e Cluverio particolarmente , che:

riſcontrando ſotto gli occhi ſuoi propri il regiſtro col fatto , trovò
dal fatto al regiſtro il divario enorme di più del doppio ; per la
qual coſa non ſi fenti in verun modo di accufar di . negligenza ,
d'ignoranza , il più ediligente e illuminato Geografo dell'antichità , ma
tutto all'oppoſto , colle vere diſtanze alla mano reſegli giuſtizia , e
reſtituì il teſto all'originale , e antica ſua lezione .
Ma tutti coteſti argomenti ſi ſarebbono in fine addotti e raunati.
indars
ANTICA DEL FRIULI . 133

indarno ; fe intorno al preſente paſſo di Strabone doveſſe aver luogo


quel che ſcriſſe l'eruditiflimo Freinſemio , cioè che ( a ) Taurifcorum ( a ) Freinsh .
antiquitus Noreja fuit , ubi nunc Goritia Carinthiorum eft, quod navi- Suppl. Liv.

gatio ad Aquilejam ſecundo Natiſone , & diftantia locorum oftendit . Cap. XXVII .
Si attribuì da taluno una oppinion così fatta molto a torto al Con
te Coronini , e all'amor foverchio per la ſua patria , dicendo ( b ) : ( b ) Delle
Il signor Conte Coronini con la ſcorta del Padre Froeling , troppa vio- Ant. Rom.
lenza fa ad un tal paſſo correggendo il numero , e facendo Salsare all dell' Iftr.pag.
21 .
oppoſta parte il fiume ſuddetto per fare che divenga il Liſonzo , e co
si in Gorizia ritrovar l'antica Noreja . Ella è manifeſtamente del
Freinſemio , e non del Padre Froeling , o del signor Conte Coronini
coteſta oppinione , alla quale eglino tutto a roveſcio fortemente anzi
fr oppongono , e colle ſteſſe di lui parole al Cap. xxiv . del Libro
medeſimo de' ſuoi Supplementi Liviani , lo convincono di sbaglio ( c ) ( c ) Tentam
Verum ex ipfa , dicon eglino , quam vir diligentiſſimus veterum aucto- Geneal. Cap:.
ritate comprobatam , perhibet , hujus prælii hiſtoria , manifeſtum eft , Ed. Vien.
Norejam hanc Strabonis nequaquam circa Goritiam fed trans Alpes i uffr. 1758
Satis magno intervallo collocandam eſſe . Avea il Conte Coronini po
co prima ſpiegato quanto baſta il ſuo ſentimento , per non eſſer pre
fo in fallo per interprete troppo violento delle parole di Strabone
e per Scrittor troppo parziale di Gorizia , antica e nobile ſua pa
tria , col dire : Ex ipfo Strabone perſpicue deducam , ſat procul a Go
ritia Norejam Strabonis abfuiſſe . Del Freinſemio , replico , e non del
Conte Coronini , è coteſta oppinione , la di cui diligenza non giun
ſe a diſtinguer bene il divario che paſſa fra il Nadiſone , fiume così

appellato poco prima da Strabone e il fiume anonimo , di cui poi


favella immediatamente il Geografo nel preſente paſſo . Il primo > o
fa il Nadiſone , bagnava propriamente la Città d' Aquileja , alla qua
le i navigli , ſecondo che il medeſimo atteſta , dal lido falivano fu
( d ) : 'Arandcrue de ónador nará Tór ( d ) Strab.
per l'alveo di coteſto fiume
Natioava rotación éti a6585 Eunorta sadiss ; Ad cam flumine Lib . x . pag .
206 .
alverſo onerariis navigatur navibus per Natiſonem fluvium , plurimum
ſexaginta ftadiis . Così anche Mela diſſe del Nadiſone ( e ) : Natiſo ( c ) Mela
non longe a mari ditem attingit Aquilejam . E così Plinio ( f ) : Na- lib. II. Capa
IV .
tiſo cum Turro præfluentes Aquitejam Coloniam . Il che conferma anche ( f) Plin .

Giornande , dicendo di un tal fiume , come ſcorreva all' oriente, fot- Lib. 11. Cap.
to le mura di quella Città ab oriente muros Natiſſa xv ;
( 3 ) : Cujus
(g ) Jorn . de
amnis fluens , a monte Picis elambit . Reb. Get.
Molti però non fan comprendere , come da tutti queſti Autori Cap. xl.l.
diafi. il nome di Nadilane pel corſo di più ſecoli a coteſto fiume,
--

in .
134 DELLA GEOGRAFIA

in tempo che non può eſſere ſe non quello , che all'orienté d' Aqui
leja per l' appunto ſcorre anche al di d'oggi , e che Liſonzo. fi de
nomina , e non Nadiſone . Ma oſſervò già il non mai abbaſtanza lo
dato Monſignor del Torre , che quel fiume, che preſſo Caffiodorio ,
( a ) Caſiod. e Giornande (a ) ſcuopreſi vicino ad Aquileja , ſotto il nome di. .
D'ar. Lib . 1. Sontium , non ſi trova prima con tal denominazione in neſſuno degli
Epift. XVIII.
Jorn , ibi antichi Geografi, quod illum , dice egli. ( b ) , cum Nitiſone confu
Cap. LVII. derint . Del qual errore ne aſſegna anche la cauſa , ſoggiugnendo ciò
( b) De ann. effer nato , perchè il Nadifone in Sontium una cum . Turro defluit ,
Imper. Ela
quod veterum errori caufam dedit . Nulladimeno potrebbon forſe anche
gab. Cap.xlv.
pag. 142 . crederli eſenti da un tal errore gli antichi Geografi , ſe ai loro
tempi , nell'union che formali quattro miglia all' incirca al di ſopra
d ' Aquileja delle acque del Turro , è del . Nadiſone con quelle del
del Turro
Liſonzo , e nella lor confuſione il comun conſenſo dallora aveſſe co
fpirato a far perdere il nome piuttoſto al Lifonzo , che al Nadi
fone;. il che , a parer mio , non è punto inveriſimile , atteſa maf
ſime l' uniformità del vocabolo di Nadirone con cui per più fea '
coli , da Strabone in poi fino a Caffiodorio un cotal fiume trovaſi

dalla piena degli Scrittori tutti coſtantemente dinominato .


Comunque nondimeno ella . fiafi queſta coſa , la verità sì è , che
il fiume che ſotto la denominazion di. Nadifone incentraſi preſſo

Strabone , era fiume di comunicazione colla Città d' Aquileja , e non


di confine col ſuo diſtretto : a differenza dell'altro fiume anonimo
che poco dopo da lui ci ſi deſcrive nel celebre paſſo , che preſente
mente eſaminiamo , importando quivi l'eſpreſſion del Gcografo , co
( c ) Delle
me oſſervò accuratamente l'erudito Signor Conte Carli. ( c ) , fiume
Ant. Rom ..
dell' Iftr. ivi. vicino al. Territorio , e non alla Città d' Aquileja , e che non baa
gnava altrimenti. la. Città > ma formava diviſione e ſpartimento fra:

l' Aquilejeſe e la Venezia : Sita eſt Aquileja extra Venetorum fines


qui dirimuntur a fluvio ab Alpibus delabente per ftadia. CC. Supra
mille ad Norejam urbem . Se il Freinſemio badato aveſſe a queſta
chiara e real diſtinzione dei due fiumi , non ſarebbe certamente in
corſo nell'equivoco di condur gli Eruditi , a cercar la vecchia Nore
jż ſu per l'acque del Liſonzo , altramente anche detto dagli antichi.
Nadiſone , che diſcendendo a . monte Picis , vale a dire dalle monta
gne di Plezzo , ſcorreva , e ſcorre anche al dì d'oggi in vicinanza
d ' Aquileja ; in tempo che Strabone , tutto all'oppoſto , vuol ch'ella
fi cerchi alle fponde di un fiume , che col territorio confinava , e
non colla Città . Si trovò ben confuſo e intrigato anche il dotto
Cluverio con queſti due fiumi, prima di eſaminar ful fatto la veria
ANTICA DEL FRIULI . 133

ti delle coſe ( a ) : Putavi aliquando , dice egli del fiume anonimo (a ) Cluv.
di Strabone , eundem effe , quem Natiſonem ante vocat . Verum deinde Ital. Ant.
Lib . i . Cap .
diſpexi , ab oriente præterfluxiſſe Natiſonem Aquilejam : quapropter alius XIX.
perquirendus erat amnis , qui ab occidente fluat . Nè altri fiumi incon
trando quell' uomo diligentiſlimo ſino al Tagliamento , all' occidente
d' Aquileja , ſtabili , ſeguitato poſcia dalla piena de' moderni Geogra
fi , che il fiume anonimo di Strabone , per cui poteva aſcenderſi , o
navigarſi ſino alla Città di Noreja , altro per appunto non poteva
eſſere , che il Tagliamento .
Non dovrebbe ora rimaner quiſtione dintorno a queſto fiume ano
nimo ,
è all'interpretazion del paſo di Strabone in tal propoſito ,
dopo tanti e si pefati eſami , e il pieno e univerſal conſenſo della
miglior letteratura . Pur nondimeno tuttavia non ha molto , che s'è
udito in queſta noftra Adunanza a rivocarſi il tutto in dubbio , full
intelligenza di quelle parole del preſente teſto : arán80 & 20: TI ad
verſam navigationem habente . Se ciò poi laſi fatto con cognizione ,
non dico già della Storia e dell'antica Geografia , di che ne abbia
mo finquà trattato a ſufficienza ma della lingua ancora , in cui

ſcriſſe Strabone , lo vedremo innappreſſo , con che daremo fine al


preſente Capitolo ,
si è creduto adunque , che il Geografo còn queſta eſpreſlione vo

leſſe additarci propriamente il ſeſto e il modo della navigazione , B

..
intendeſſe di ſignificare un fiume navigabile all'in ſu , o contr ' acqua ,
come fuol dirli , ' e a roveſcio , colla felicità ſteſſa , che ſuol farſi in
mare col favor del vento ; e ſopra un tal fondamento ſi è preteſo
decidere contro la comune , che il fiume anonimo , accennato da
Strabone > non poſſa mai eſſere il Tagliamento , fiume di tanta ra

pidità che non può in verun modo ſoffrire una così fatta naviga
zione ; e che piuttoſto ciò .debba intenderſi del Liſonzo , quaſi che
.

il Liſonzo non ſia un torrente egualmente alpeſtro e rapido del Ta


gliamento .
Ma prima d'eſporre al pubblico un giudizio così fatto , miglior
conſiglio pur ſembra a me che ſarebbe ſtato il riflettere in primo
luogo , che i fiumi , più e meno , ſoffron tutti mal volentieri la
navigazione contr’acqua , e che i remi poco o nulla ſervono in eſli
a ſoſtenere anche le più piccole barchette , ſecondo che il Poeta dir
fe di quel barcajuolo ( b ) , ( b ) Virg.
Georg. Lib.1.
qui adverfo vix flumine lembum V. 201 .
Remigiis fubigit , ſi bracchia forte remiſit ,
Atque illum in præceps prono rapit Alveus amni .
Quinc
136 DE L LA GEOGRAFIA ,

Quindi fu , che in tutti i fiumi , anche dove rallentano il corſo ,


e camminano più placidi , fu creduto neceſſario d'introdur l'uſo del
le Alzaje ,
tirate un tempo , per quanto oſſervaſi , dagli uomini ,
come fu ſolito di praticarſi pel Tevere , a riferto di Marziale , da
( a ) Martial, cui perciò coſtoro ſi appellarono ( a ) Helciarii . Coſtume , che in

Lib.iv. Epig . particolar maniera ebbe luogo ne' fiumi noſtri dell'Iſtria e della Ve
LXIV.
nezia , come ne reſta un ben eſpreſſo e nobile teſtimonio in Callio

( b ) Caſſiod. dorio , ſcrivendo egli ai Tribuni di queſte ſpiaggie chiaramente ( b ) .


Var. Lib. xli.
Nam cum ventis Savientibus mare fuerit claufum , via vobis panditur.
Epift. xxiv .
per ameniſſima fluviorum . Carina veftræ flatus afperos non pavefcunt :
Tračte funibus ambulant , quæ ftare rudentibus confueverunt ; do condi
tione mutata pedibus juvant homines naves ſuas : vectrices fine labore
trahunt i en pre favore velorum utuntur paffu profperiore nantarum ..
Non è però per queſto , che con più di ragione non s'introduceſle
(c ) Strab. ab antico di ſoſtituir le beſtie a un tal ufizio ( c ) : puuducitul di
Lib. v. pag. rjóvw : navigatur mulis fune trabentibus naves : come della Foſſa
225 .
delle Paludi Pontine diffe il noſtro Geografo . Uſanza che poſcia pre
ſe il maggior piede , e che più comunemente fi pratica anche ai gior
ni noftri .
Se a una tal navigazione , certamente ftentata è laborioſiffima , e
comune più e meno a tutti i fiumi , quando ſi fa a ritroſo , fi foſſe
poſto mente , ſi ſarebbon facilmente rinvenute anche nel Tagliamento
le ſue barche , che navigano tutto giorno dalle ſue foci fin verſo 1;
Alpi , non meno all'ingiù che all'insù , e l'uſo medeſimo delle al
zaje a piedi , o vogliam dire tirate dagli uomini , col di cui mezzo
ſi conducon le barche a ſegno di poter imprendere a ſeconda felice
mente il tragitto del fume ; nè ſi ſarebbon poſti a campo queſti co
sì fatti comenti alle parole , adverſam navigationem habente , che al
noſtro fiume ſi applicano da Strabone . Oltrechè il Tagliamento , ben
chè tardi, più per tempo però di tutti i noſtri fiumi che dall' Alpi
diſcendono , rallenta il corſo , e placido ſcorre alle parti della Tiſa
na , quindici miglia a un dipreſo in diſtanza dal mare ; fin dove
dall'Adriatico continuamente e con maggior agio fi naviga colle
barche .

Ma pure s'io debbo dir liberamente quel che fento , non è queſto
id ſentimento delle parole del Geografo . Uſarono i Greci di adope
rar la voce aviais , e il verbo e mathéw , per lo più in fignificato
di ſemplice navigazione , è ben di rado ſi trova , che ſi prendano que
fi due vocaboli , nel ſenſo proprio e naturale , di navigazione a ri
troſo . Lo ſteſſo ſi oſſerva anche nelle altre eſpreſlioni , di cow alów
di
ANTICA DEL FRIULI . 137

di ahé svævriw ovo pulları , e ſimili , che tutte importano il più


delle volte ſotto il nome di navigazione il corſo , o ſia il viag
gio che ſi fa pel fiumc, o per meglio dire , la ſua lunghezza , che
comunemente dai Greci fuol deſcrivera e calcolarfi a ritroſo > e non
a feconda de' fiumi ; il perchè d'ordinario vi ſi aggiunge ſempre an
che il numero degli ſtadi. Troppo lunge farei , ſe voleffi qui addurre
i teſti degli Scrittori , che in gran copia confermano queita verità ,
come per cagion d' eſempio quelli di Strabone medelimo > in propo
ſito dei fiumi Tigri ed Eufrate ( a ) , del fiume Beti ( b) , del Ro- (a ) Strab.
dano e della Sonna ( c ) , dell'Arno e del Serchio ( d ) , del fiume Lib. xvi.pag.
Tira ( e ) , del Nadiſone ( f ) e della Brenta ( 3 ) ; e così quelli d ( b ) Id . Lib.
Arriano intorno al Boriſtene ( b ) , e di Agatarchide del Nilo ( i ) , ill. pag . 133.
e di tant'altri , che ognun da ſe potrà meglio cſaminare . Ma non ( c ) Id . Lib.

poſſo fare a meno di non allegare il ſeguente di Polibio , là dove di- i pae; 177;
ce del Po ( k ) : 'Αναπλείται δ εκ θαλάττης κατα το σόμα το καλό- . pag. 2 .
μενον Ολα α χεδόν επί ταχιλίες σαδίας: Surfum navigatur a mari , ( e) Id . Lib.
per oſtium quod Olanen vocant , ftadii ferme duobus millibus . Percioc- VI . pag. 297,
( f ) Id . Lib.
chè Plinio , che da Polibio probabilmente appreſe queſte medeſime V. pag. 206 .
diſtanze , non crcdette in buon latino di poterlc dichiarare , colle pa- ( g Id.ibid .
role ſecche e materiali de’noftri interpreti Polibiani : ſurſum naviya- pag. 205.
( h ) Arrian.
tur ; ma attcnendoſi alla ſoſtanza del ſentimento di Polibio , ci laſciò in Perip.
ſcritto dello ſteſſo fiume , come correva voce , che compreſi i rigiri , (1) Agatarch .
Lib . v. Cap .
c le obbliquità del corſo , abbracciar poteva dall’Alpi ſino al mare ,
XXXII. apud
una navigazione di due mila ſtadj ( 1) : In Alpes atque oram maris Phot. Cód .
facere proditur ftadia duo millia circuitu . CCL . pag .
Quindi non è da meravigliarſi , ſe Strabonc applicò la navigazio- 1359.Ed. Ge
nev. 1612 .
ne a ritroſo , o ſia il verbo a'venner , fino alle Zattere ( m ) che
( k ) Polyb.
pur ſembrano deſtinate a diſcendere , e non ad aſcendere per gli al- Lib. 11. Cap .
vei de' fiumi ; e ſe Polibio colla navigazione a ritroſo , { vaitív xvt.
( 1 ) Plin .
Ja péccati , giunſe a ſignificare il viaggio ſteſſo di terra , che
Lib . 112. Cap.
alle ſponde del Rodano fece Annone con parte dell'eſercito d' xvi.
Annibale e a dire di quelle truppe ( n ) : Oitorno d' :101 Thu 770- ( m ) Strab.
ρεί αν εναντίοι το ρέυματι παρά διακοσία σαξία , ib. XV1. pag
τον ποταμόν επί
727.
fitxü.Sc. natiusrav : Hi adverfo flumine euntes propter ipfum amnem , ( n ) Polyb .
Lib. 111.Cap .
ſtadia fere ducenta , ibi ſubfederunt . Donde ſempre più impariamo , XLII .
che l'eſpreſſioni Greche , corriſpondenti alla navigazione a ritroſo
bene ſpeſſo ſi uſarono non ſuo proprio e natural ſignificato , ma
nel
translativamente in quello d'indicar le diſtanze maggiori , o mino
ri , de’ viaggi e delle navigazioni . Quindi è pur , che Dion Caſſio ,
non usò mai il verbo cvetnew , nel ſentimento naturale di navigare
S A ri.
IA
A R AF
138 LL OG
DE GE

a ritroſo , ma in quello unicamente di ritornar per mare , o vogliam


( a ) Dio Lib. dir rinavigare per la medeſima via , dall'Inghilterra in Francia (a) ,
XXXIX. Cap. da Brindiſi in Grecia ( h ) , e da Corfù nella Moréa ( c ) .
Lili, Lib. lx.
Avea fatto un qualche colpo molti anni ſono anche nell'animo
Cap. xix .
(b ) Id. Lib . illuminato di Monſignor Fontanini queſt'eſpreſſion di Strabone intor
XLI. Cap. xv. no al noſtro Tagliamento il quale nondimeno non osò precipitare
Lib . XLVIII .
il ſuo giudizio , ma credette di dover rimetter la deciſione al cele
Cop. xlvi.
( c ) Id . Lib. bre signor Ab. Anton -Maria Salvini , che al par d'ogn'altro in quel
L. Cap. IX. tempo peſcava a fondo nella Greca letteratura ; col cui ſentimento au

torevoliſſimo paſſeremo a chiudere e confermare , quanto ſinora in


tal propoſito abbiam dimoſtrato ( d ) : Benchè il fiume, dice egli in
( d ) Letter.
Fortanin . Ed. riſpoſta al Fontanini, non ſia navigabile , o con fatica , pure évén los
Ven . 1762. io interpreterei non per navigazione a ritroſo , ma per ſemplice naviga
pag . 357.
rione e andata in giù e in ſu : itum & reditum ; cioè il corso del
fiume . Con che quell'inſigne Letterato viene a corriſpondere piena
mente all'autorità di Polibio che per appunto usò anch' egli fran

camente un tal vocabolo per ſemplice navigazione , là dove laſciò


ſcritto , che Cajo Lutazio Catulo uno de' Conſoli dell'anno 511 .
ſtette alquanto in forſi , ſe dovea o no uſcir colla Flotta dall'Iſola
Eguſa , verſo l'altra appellata Jera , contro Annone nel mar di Sici
lia , in veggendo difficile , dice Polibio , la navigazione : Cusgepū ter
a'ran lov , a cagion del vento contrario e del mar borraſcoro , che

( e ) Polyb . ora ſprofondavaſı , or gonfiavaſi di foverchio ( e ) . E viene a un tempo


Lib. 1. Cap. ſteſſo il Salvini chiaramente a ſottintendere nell'eſpreſſion del Geo
LX
grafo , anche la principale e più util navigazione di queſto noftro
fiume , che è quella che ſi fa a ſeconda colle Zattere , da' Latini ap
pellate Rates , e da' Greci Ezedice ; col cui mezzo noi comunichia
mo all' Italia quantità ben grande di legname , e altri prodotti e
manifatture della nazione . Navigazion molto ſemplice e antica , e
che fu ſempre in ſommo pregio , e ſervì lungo tempo , per teſtimo
(f )Plin .Lib. nianza di Plinio ( f ) , al commerzio , prima che dall'induſtria de

vii. Cap. Lvi. gli uomini s'introduceſſe l'uſo delle barche . Ma giuſto è ormai di
ritornare a i Carni , donde forſe più del dovere ci ſiamo dilungati ;
il che per ora facendo punto , ſarà ben differire al ſeguente Capitolo .

CAPI
ANTICA DEL FRIULI . 139
.

CAPITOLO UNDECIMO .

Del tempo che i Carni furon tradotti dalle montagne


ad abitar nel piano .

Opo l'impreſa di Papirio Carbone , di cui s'è parla


to nel Capitolo precedente , ſilenzio grande e profondo
intorno alle noſtre montagne si incontra nella Storia
-

per lungo tratto di tempo . Quel che ſi dice da Ceſa


re de' popoli Boj ( a ) , qui trans Rhenum incoluerant , ( a ) ces. Bel.
ego in agrum Noricum tranſierant , Norejamque oppugnarant , dagli uo - Gal. lib. 1.
mini dotti non ſi applica alla noſtra Noreja , ma piuttoſto a quella Cap. v.
del Norico mediterraneo ( b ) . Nel rimanente niuna memoria , ch ' io ( b ) Cellar .
fappia , de ' Carni e delle noſtre Alpi ci
conſerva l'Antichità , lin Orb. Ant.
Lib. 11. Cap .
verſo l' età d'Auguſto . Ma intorno a queſti tempi la Geografia an vil. pag. 434
.
tica , tanto de' Veneti che de* Carni , apertamente incomincia a pren- Cap. 1x. pag.
dere nuova forma : ſegno evidente , che anche nella Storia dovea già 565 .
eſſerſi introdotta una qualche novità . Strabone , che come altrove of
fervammo , pur ci calcola la Venezia eſteſa ſino al Timavo , al di

ſopra della quale ſituati erano i Carni , viene ora ad accorciarnela ,


nel paſſo poco fa allegato , di tutto quel paeſe , che a pie dell’Alpi
Carniche fra il Timavo li ftende e il Tagliamento , dicendo chia
ramente che Aquileja non era più nella Venezia , ma computavaſi
fuori : EW Twv Eritixar par : extra Venetiæ fines : e che il Tagliamen
to ſerviva di confine all'uno e all'altro territorio . Nè cangianza fo
la in Geografia abbiamo in Strabone , ma traluce eziandio nel me
deſimo gran novità nella Storia ne due palli già di ſopra eſamina
ti , ove trattammo della mutazion del confine dell'Iſtria dal Tima

vo al Formione , chiamando egli in un d'eſſi Trieſte sauno Kapussiv;


Vicum Carnicum : e nell'altro gl'Iſtriani marittimi , ouvegeis 'Ita
hía noi Toſs Kápuois : conterminos Italia e Carnis . Ciò che ſi ripe
te letteralmente anche dall' Abbreviator di Strabone , appellandoſi an
che da lui l' Iſtria litorale , OUVEZ "'s sta tois Te Kaprois non tự
’Italia : Carnis eg Italia continua .
Che ſe Trieſte al tempo di Strabone era già luogo Carnico , cioè
ſituato nel paeſe de* Carni , e ſe l' Iſtria litorale , o fieno gl ' Iſtri ma
rittimi confinavano alle fpiaggie dell' Adriatico , non più colla Vene
zia , ma coi Carni , chi mai potrà porre in diſputa , che le genti
Carniche in quella età non foſſero già ſucceſe alle Venete a coprir
S 2 coteli
140 DELLA GEOGRAFIA

coteſi lidi ? Mi ſi potrebbe ben dire , che dai tefi addotti di Stra
bone fembra non eſſere abbaſtanza chiaro , che i Carni occupaſſero
la ſpiaggia Veneta dalla punta dell'Iſtria fino al Tagliamento , ri
ducendo , per quanto oſſervaſi , il Geografo orni coſa al femplice
Trieſtino ove incominciava l'Italia . Ma il dirſi dal medeſimo ad

altro paſſo , che Aquileja non era più nella Venezia , e che fra l'
una e l'altra craſi afegnato per termine il Tagliamento , non dichia
ra egli forſe abbondantemente , che la novità de' Carni non s'era
già fermata a Trieſte , ma diffuſa eraſi ſecondo Strabone a i lidi
tutti della Venezia ſino alle fponde di quel fiume ? Teſtimoni di un
tal fatto maggiori d'ogni eccezione ci fi preſentano , Mela e Pli
nio , Scrittori viciniſſimi all'età di Auguſto e di Strabone e infor

matiſſimi in conſeguenza delle coſe d ' allora , i quali più chiaramente


ancora regiſtrano queſta gran novità . Dai Carni , dice Mcla che prin
cipiava la liſta delle genti marittime, ſituate alla ſiniſtra parte di
(a ) Mela Lib. Italia , o vogliam dire al mare Adriatico ( a ) : Siniſtra parte Carni
11. Cap. iv. e Deneti colunt Togatam Galliam : tum Italici populi Picentes , Frente
tani , Dauni , Apuli , Calabri , Salentini. E plinio dopo averci anno
verati i fiumi , Tagliamento maggiore e minore , Varmo , Alfa , Tor
re e Nadiſone , e la Colonia noſtra Aquilejeſe , ſoggiunge toſto ,
( b ) Plin. Lib . che queſto era il paeſe de' Carni ( b ) : Carnorum hæc regio . Aggiun
211.Cap XV111 . gati ai medefimi anche Claudio Tolommeo , che fiorì non molto dopo
di Plinio , e che laſciò ſcritto anch'egli , che apparteneva ai Carni.
quel tratto di mare , in cui ſcaricavanſi il Tagliamento , e il Nadi
( C ) Prol. fone ( c ) : Καρ ών ομοίως , εν τη επιςροφή τα “Αδρία κόλπα, ο μυ
Lib . II. Cap. χός τε κόλπα , εν ω επί Τιλασέμπτο ποταμς εκβολα , Νατίσωνος
1. pag ; 70.
Elzev Talpå éu Bonce : Carnorum fimiliter , poſt inflexioncm Hadriatici fi
Ed. .
Lugd. Bat. nus , intimus receſſus, in quo funt Tilavempti fluminis oſtia , Natiſonis
1618 .
amnis fauces . Ed ecco dalla piena di tutti i Geografi , ſenza che
però ci diſvelino il come , o la cauſa , improvviſamente collocati i
Carni nel noſtro piano .
Se una tal mancanza , che non offende nulla il loro iſtituto , baſta
per negare in faccia a Scrittori così gravi il fatto , e per gettare a
( d ) Delle coſa tanto chiara ,
Ant. Rom . terra ogni loro autorità , coll' aſerire ( d ) , fer
dell' Iſtr. pag . che nulla più , ch'eglino tutti ſienſi confuſi in tal propoſito , io non
35 . entro a decidere . Dirò ſolamente , che Cluverio e Cellario , che non

eran punto ſiſtematici, ma giudicavan delle coſe candidamente , e per


la pura verità , non ſi ſentirono di profferir ſentenza sì diſdicevole
al coro intiero de ' padri dell'antica Geografia ; ma appoggiati alla
graviflima loro uniforme teſtimonianza , e ſecondo le più caute e av.
vedua
A NTICA DEL FRIULI . 141

vedlutè leggi della fede umana , tenendo il fatto per certiilimo , paf
farono a cercar del modo in che la coſa ebbe effetto , e conchiu

fero , che ciò non potè naſcere ſe non coll'eſſere ſtati i Carni tra
dotti dai Romani giù dai monti ad abitar nel piano ( a ) . Sopra di ( a) Cellar.
che Cluverio a diſtinzione merita d ' eſſere udito : Toſtquam Carni , Lib. u . Cap .
dice egli ( b ) , alpina gens partem Ventiæ occup.grunt ; vel a Roma- ix. pag. 555 .
nis bello vilti , pars eorum ex montanis locis in plana dedućti fuerunt : ( b ) Cluv.
Ital. Ant.
2 terminus inter Carnos atque Venetos factus eſt Tilavemptus amnis . E Lib . 1. Cap .
più preciſamente altrove ( c ) : Sub radicibus Alpium nunquam Carni xv11.pag.132.
incoluere , antequam eis a Romanis ( neque enim per vim atque arma ( c ) Cluv.
ibi Cap. XIX .
híc eripere quidquam ipſi Carni potuere ) pars Veneticæ oræ inter Tila
pag . 170.
vemptum & Formionem . amnes attributa fuit . Ma pur nè anche Clu
verio , o Cellario , dicon niente del quando , o per qual motivo , e
2 per opera di chi accadeſſe una tal mutazione ; nè alcun altro finora
ſi è dato il penſiero d'inveſtigare .
Jo non poſſo ciò non oſtante fare a meno di non ſentir con dif
guſto , intorno alla preſente difficoltà , a decidere addoſſo a queſti
due grand' uomini, e à dirc , che ( d ) non ſarà queſta la prima vol- Ant.
(d ). Delle
Rom .
P ta , che Scrittori Claſici per poca riflesſione di chi ſuperficialmente gli dell' Iſtr. ivi
legge , conducano fuori di via . Eglino con idea picnillima , e non
leggiera o fuperficiale degli Scrittori Claſſici , che avean per le ma
ni , e con cognizione non ordinaria della Storia Romana ſtabilia

rono , come vedremo , queſta importante e grave lor conghiettura ; e


ne reſti la deciſione al giudizio de' più intendenti , ſe lo ſteſſo ſiaſi
fatto e con cgual fondamento di Livio , e di quel ſuo paſſo , che

di ſopra abbiam diſaminato , ove fa menzione delle noſtre Solitudini ,


e che tirò anche troppo fuor di ſtrada , e fece credere queſto noſtro
piano un deſerto di tanta deſolazione e ſterilità , quanta non fu mai ,
nè in quelli della Libia , nè dell' Arabia , nè in verun altra folitu
dine ſopra la terra , di modo che al naſcere d' Aquileja ſolamente
nel piano medeſimo incominciaſſe il mondo . Dal qual principio cer
tamente non vero , è nato poi l'impegno , ad onta delle antiche te
ftimonianze , di tener fuori , c Veneti , e Carni dal noſtro piano , e di
negar la fede ſenza ritegno a tutti gli Scrittori eziandio più autore

1 voli e venerandi , qualor non ſi accomodano a una così fatta idea .


Ma vegniamo alla föſtanza della propoſta difficoltà . Perchè i Car
ni foſſer cavati fuori dai monti , ed obbligati ad abitar nel piano ,
un qualche gran motivo , dice Cluverio , dovette eſſer di mezzo , e
qualche nuovo tumulto dovette inſorgere , che gli conduſle a cosi
mal partito . Noi già oſſervammo , che nè di Carni , nè de' loro fata
tie
142 DELLA Ġ E ÖGRAFIA

ti , da che i medeſimi furon ſoggiogati da Emilio Scauro , non v'è


menzione alcuna nella storia ſin verſo l'età di Auguſto . Si è provato
ancora abbondantemente coll'autorità di Livio e di Strabone , che

fino all'età ſteſſa il noſtro piano non conoſceva Carni , ma conti


nuava tuttavia a comprenderſi nella Venezia . Chiaro è dunque , che
dalla depreſſion loro fin verſo i tempi d'Auguſto non potè nafcere
in verun modo una tal novità . Ma neppur dopo l'età di lui ella
potè naſcere , poichè in Strabone medeſimo , Scrittor contemporanco
di quel Monarca , ſe ne ſcorge come di coſa nata manifeſtamente la
memoria . Dunque , dico io , noi ſiamo alla certezza , che ciò non po
tè fuccedere fe non fe ai tempi di Auguſto .
In contrario nondimeno potrebbe addurſi , ch'entro lo ſteſſo ſpa
zio di tempo , Lucio Licinio Craſſo l' anno 658. domò non ſo qua
( a ) Cic . de li delle noſtre Alpi , per quello che Cicerone riferiſce di lui (a ) :
Invent. Lib. I. Licinius Craffus. Cos . quofdam in citeriore Gallia nullo illuſtri , ne
11. Cap . que certo. duce , neque eo nomine , neque numero præditos , qui hoſtes
XXXVII.
populi Romani effe dicerentur ; quod excurſionibus , & latrociniis infe
ſtam provinciam redderent , conſectatus eft , & confecit . Il che altrove
( 6 ) Orat, in da Cicerone medeſirno ſi atteſta eſter feguito nell' Alpi ( 6 ) : L. Cral
Piſon . Cap. fus homo sapientiſſimus noftræ civitatis , Spiculis prope ſcrutatus eſt •
XXVI .
Alpes : ut ubi hoftis non erat , ibi triumphi caufam aliquam quæreret .
Ma di quali Alpi quì ſi tratti ci è totalmente ignoto ; oltrechè la
vittoria fu ridicola e di niun conto , e perciò Quinto Mucio Scevo
la fuo collega ne impedì il trionfo , non riputando degna di tanto
( c ) Cic. ibi. onore una sì debole e meſchina impreſa ( c ) .
Freinsh. Supo
pl. Liv. Lib . Guerre Alpine da quel tempo innanzi ſino alla morte di Giulio
Cefare noi non ne fcorgiamo ; fe non che all'anno 691. crede il
LXX. Cap.
XXI / 1 . ex A. Sigonio ( d ) , che Quinto Metello Celere , Pretor della Gallia , por
fcon. in Pia talle l'armi addoſo a quelle genti , ſul fondamento delle ſeguenti
ra ) Sig. de parole , che leggonfi in una ſua lettera ( e ) : Itaque in lučtu er,
Ant. Jur. Squalore fum , qui provinciæ , qui exercitui præfum , qui bellum gero .
Ital. Lib .1.Dalle quali eſpreſſioni confeſſo il vero , di non ſaper come dedurre
Cap.v .. Tom. che Metello recaffe moleſtia , o portaſſe guerra alcuna nelle Alpi . De
V. Opp. col.
469. cimo Bruto sì , che ſi vantò chiaramente l' anno 709. cioè l'anno
( e) Cic, F«- fteſſa della morte di Ceſare , d'aver fatto. guerra colle genti Alpi
mil. Lib . V.
Epift. 1 . giane , e d'aver preſe e devaſtate molte ſue Caſtella ( f ) : Progreſſus
( f ) Ibid . fum ad Inalpinos cum exercitu . Cum omnium bellicofifſimis bellum gef
Lib.xi. Epift. ſz : multa Caſtella cepi , multa vaſtavi : non fine caufa literas ad see
natum miſi . Ma queſtº impreſa , o che fu anch'eſſa di minor conto
di quello che fi predica da Bruto , o che reſtò offuſcata , e mandata
in
ANTICA DEL FRIULI : 145

in obblivione dalle vicende , e dagli accidenti ſtrepitoſi , che toccaro


no allo ſteſſo in quell'anno medeſimo , e nell'aſſedio di Modena , e
dopo e che miſeramente , e in breve tempo terminarono colla ſua
morte 3 ſenza che anche quì ſi parla dell' Alpi in generale , nè alcu
na cofa de Carni fe ne può dedurre in iſpezielta .
Ne' tempi poi , in cui prevalſe il nome e l'autorità d' Ottaviano
Ceſare , guerre nell' Alpi fe ne contan diverſe , e fra le altre ne ab

biamo , come narra Dione ( a ) , una fittizia , ed eſagerata , e regi- (a ) Dio Lib .
Itrata eziandio ne' Faſti Capitolini , per cui Lucio Antonio , Conſole XLV111.C.IV.

dell'anno 712. abuſando del favore di Fulvia , moglie di Marc' An


tonio ſuo fratello , Alpi , dove
e ſuocera d'Ottaviano , trionfo dell' Al
dice lo Storico , che non sera mai nemmeno innoltrato col coman
do . Ma vero altrettanto sì fu il tumulto de' Salaſli , genti di monta
gna , che confinavano con l' Alpi Cozzie , i quali ribellatiſi l'anno
718. durante ancora il Triumvirato , furono nel 719. da Valerio
Meſſala depreſli ( b ) : e di bel nuovo avendo eglino ſcoſſo il giogo ( b ) Id. Lib .
XLIX . Cap.
ſotto l' imperio d'Auguſto , novellamente ancora piegar dovettero il XXXIV .
collo nel 728. ſotto il peſo dell'armi di Terenzio Varrone ( c ) . xxxvUT.
Così i Camuni e i Vennoni ribellarono anch'eſti nel 737. e furono ( C ) Id. Lib .
da Publio Silio iſteſamente poſti a dovere ( d ) . Ma queſti tali mo- li [l, C; XXV.
vimenti delle genti Alpine , che di tratto in tratto andarono ſucce- liv. Cap. xx.
dendo , a noi non ſervono , fe non in quanto furono come tanti pre
ludj della follevazion generale dell' Alpi , che nacque l'anno ſuſſee
guente 738. e in cui fra gli altri popoli mirabil coſa è , che nel
ſuno finora abbia poſto mente , che ci entrarono anche i Carni .
Grande indizio di ciò ſe ne potea ritrarre dal Marmo ſteſſo innal
zato ad Auguſto al termine di coteſta guerra , in cui leggeſi ( e ) :( e ) Plin.
Quod ejus ductu aufpiciiſque gentes Alpina omnes , quæ a mari ſupero Lib . u .
ad inferum pertinebant , ſub imperium populi Romani ſunt redaéta . Nel- Cap. xx . ·

le genti Alpine tutte , ſituate , come eſprime coteſta Lapida , fra il


-

mar di Toſcana e l'Adriatico , non v'ha nemmen dubbio , che ge


neralmente compreſi non vi foſſero anche i Carni . E una tal verità
potea pure confermarſi a mio credere , col teſtimonio d'Appiano ,
là dove ſulla fede dei Comentari ſteſſi ďAuguſto , riferiſce che il
medeſimo dopo di aver debellati gl'Illiri, e i Pannoni ( f ) , reli- ( f ) Appiar .
quas omnes , quæ ſummitates Alpium incolunt , barbaras bellicaſ que na- Illyr.
tiones per vim ſubdidit , quæ finitimæ Italiam furtim prædantur ., Con
ciolliacoſachè ognun fa , che i Carni erano anch'elli una di quelle
barbare e bellicoſe nazioni , che abitavano alla ſommità dell ' Alpi .
Ma Strabone , Scrittor di quel tempo , e che ſoli trentatrè anni do
po
144
DELL GEOG
A RAFI
A
po un tal tumulto , in età più che feſſagenaria ſcriveva la ſua Geo
grafia , toglie ogni briga di procedere per via di conghietture ſu
queſto punto ; imperocchè dopo aver teſſuto con più diligenza degli
altri il catalogo , e la ſituazione di cotefti popoli , Reti , Vindelici ;
e Norici , e la diviſion loro in Leponzi , Camuni , Brenci , Tenavi ,
altrimente appellati Breuni e Genauni , Rucanzj , Cotuanzj , Licatti
Clautinazj , Vennoni, Eſtioni , Briganzj , ſoggiunge , che più vicini
ancora all'Adriatico , e ad Aquileja erano certi Norici , ed i Carni ,
Napixõv T ! Ties no Kápuoi . Alle impudentiſfime e frequenti in
curſioni de' quai popoli tutti , dice egli , che i due fratelli Drufo

e Tiberio , aveano poſto freno entro il breve periodo d'una ſtate , e


ch'eran già trentatre anni , dacchè coſtoro pagavano legalmente , e
( a ) Strab . con quiete i tributi ( a ) : Πά τας δ έπαυσε των αναίοην καταδρο

Ειδ . ΙV . pag. μών Τιβέριος και ο αδελφός αυτα Δράσο; 9 : ρία μια , ώς' ήδη τρί
TOV και τριακοτόν έτος εσίν , εξ ε καθ' ήσυχίαν όντες απευτακτεσι
To's cópos : Horum omnium impudentiſſimis ec crebris incurſionibus finem
impoſuit Tiberius , & frater ejus Druſus unica æftate : & jam annus
agitur tertius Supra trigeſimum , ex quo quieſcentes tributum legitime
perſolvunt . Non è dunque probabil coſa , ma è fatto certiſſimo , per
teſtimonianza di queſt' efimio e contemporanco Scrittore , che i Car
ni ci entrarono anch'elli cogli altri popoli in queſta gran ribellione.
Ed ecco da un cotal fatto , come la Storia Romana già incomin
cia a dare non poco peſo e riſalto al buon giudizio e alla ragione
volezza della conghiettura di Cluverio e Cellario . La ſteſſa deſcrizio
ne , che quì ſi fa dell'indole e de'coſtumi de'popoli Alpini d'allo
ra , e della lor ſituazione , quand' anche il Geografo non ci aveſſe la
ſciatı menzione alcuna de ' Carni , ſembra in certo modo che ce gli
moſtri a dito . In tutte l’Alpi , dice Strabone a queſto paſlo , vi ſon
dai luoghi di colline per ogni dove , molto facili a coltivarſi , e delle
valli ben ſituat? . La maggior parte però , malſime verſo la ſommità ,
dove Sogliono abitar ladroni , Sono incolte ed infruttuoſe a cagione
dell'inerzia di coſtoro , e dell' aſprezza della terra . Sogliono pertanto
-

elli , per la ſcarſızza del vitto e delle altre coſe , perdonarla agli abi
tatori del piano , per aver chi ſomminiſtri loro il biſognevole ; retribuen
do all ' incontro porivne , zittæv , docce , xupov , péro, Tupos : reſi
na , pece , fiaccole di legno , cera , miele , e formaggio , abbondando egli
no di sì fatti prodotti . Finquì Strabone , il quale dell'ultima ficrez
za > e dall'inerzia in fuori, pur che ci dipinga al naturale i mo

derni abitatori noftri della Carnia , e della Schiavonia . E quì non


laſcicrcmo d'avvertire , che in forza d'un tal racconto ſembra poter

dirſi ,
ANTICA DEL FRIULI . 143

dirſi, che le genti Alpinė in que' tempi occupaſſero non ſolo l' Al
pi , o ſieno le montagne alpeſtri e ſelvagge , ma i colli ancora , o
tutti , o in buona parte , che alle radici di eſſe intorno intorno s'
innalzano .

Ma ritorniamo alla ſollevazione dell’Alpi , e alla magnanima im


preſa d'Auguſto di ſedare , per mezzo de' ſuoi figliaſtri Druſo e Ti
berio , nel breve periodo d' una campagna , un così vaſto e pericolo
ſo tumulto . Molti Scrittori , come altrove ſi diſle , ne han fatto il
regiſtro di una tal guerra , alcuni de' quali , come l' Epitome di Li
vio e Svetonio ce ne laſciano appena un breviſſimo cenno ; è il
1
Marmo ſteſſo , o ſia Trofeo d'Auguſto , non contien più che la liſta
1
della maggior parte de'nomi delle genti debellate . Tuttavia Paterco
lo , Scrittor vicinillimo a quella età , ſi diffonde un po ' più degli al
tri dicendo dei due fratelli , che ra ). uterque diviſis partibus , Rha- ( a) Paterc.
Lib. II . Cap.
1
tos Vindelicos que aggreſſi , multis urbium & caftellorum oppugnationibus , хсү .
1 necnon dire &tâ quoque acie fideliter functi , gentes locis tutißimas ,
iaditu difficillimas , numero frequentes , feritate truces , majore cum pe
riculo quam damno Romani exercitus , plurimo cum earum Sanguine
perdomuerunt . E Orazio , che fioriva in quel tempo , celebrando per
una tal impreſa l'armi d'Auguſto , e il valor di Druſo e di Tibe
1 rio , ci conſerva anch 'egli le ſeguenti particolarità .

Videre Rhæti bella ſub Alpibus


Druſum gerentem , & Vindelici ( b ) . (b ) Horar.
Lib.y.Od.iy.
Vindelici didicere nuper

Quid marte poljes ; milite nam tuo


Druſus Genaunos , implacidum genus ,
Breunosque veloces , do arces
Alpibus impoſitas tremendis ,
1 Dejecit acer plus vice ſimplici .
Major Neronum mox grave prælium
Commiſit , immaneſque Rhetos

1 Aufpiciis pepulit ſecundis ( c ) . ( c ) Id . ibid .


Od . xiv.
1
Da queſti verſi noi impariamo , che Druſo aſſalì la è la
Rezia
1 Vindelicia , e che battè i Breuni , e i Genauni più di una volta , at
terrando molte Caſtella de' nemici , poſte alla ſommità dell’Alpi : c
che Tiberio , major Neronum , ſpedito da Auguſto in ſoccorſo del
1 fratello , attaccò immantinente una gran battaglia , e diede agli ſpa .
T ven
146 DELLA GEOGRAFIA

yentevoli Reti fortunatamente la rotta . Ma tante altre belle notizie


degli accidenti nati in quella guerra , che pur fi hanno dal fatto ,
noi le andiamo cercando indarno . Auguſta ne Vindelici , ſiam ſicuri
che in queſt' incontro fu condotta Colonia e così Drufomazo nella
Rezia Tranſalpina , ora Memmingen nella Svevia . Bella memoria an
cora del nome di Druſo nella Rezia Alpina verſo i Carni ci fi con
( a ) Tabul. ferva dalla Tavola di Peutingero nel Ponte ivi denominato ( a ) :
Peuting. Seg.
ment. I / 1 . Ponte Druſi , ſopra il fiume Atazi , preſentemente appellato Aiſaco ,
in que' ſiti a un dipreſſo , ſecondo che penſa il diligentiffimo Cluve
( b ) Cluv.
Ital. Ant. rio ( b ) , ove eſiſte al dì d'oggi il luogo denominato Caſtel Drud ,
Lib. I. Cap. alla ſiniſtra ſponda di detto fiume , fra Breſſanone e Bolzano . E me
XVI .
moria altresì recondita di Drufo par che ſi ſcuopra anche ne' Carni ,
nel Caſtello antichiſſimo poſto alle falde del monte di Rutars il

quale negli antichi cataloghi delle noſtre Caſtella coſtantemente ap


(c ) Monum . pellafi ora ( c ) Druſum , ſive Thruſſium Caftrum : ora ( d ) Drufum
Rub, in Ap- Caftrum , nunc Trus dicium ; e nelle vecchic Carte leggeſi ora . ( f )
pend. n. viii.
pag . 19. Caſtrum de Trulſio , ed ora ( e ) Caſtrum Trus : appellato perciò vol
( d ) Cod. M. garmente anche oggidà fra le rovine , Caſtel Trus . Queſti tali regi
S. inter mea îtri mancano tutti nelle memorie Iſtoriche dell ' Antichità , e quel che
Apographa .
le Carta importa più , manca eziandio l'anima , dirò così , della Storia , cioè
D. D. de Zuc- il trattamento > col quale ai vinti fu data la legge dai vincitori .
cula 4. exeun- Queſte notizie , e tante altre che ſi ſon perdute interamente , forſe
t:Majo.1289.
( 1) Monum . che non mancherebbono , ſe ſi foſſe conſervato il Libro centeſimo tren
Rub col.803 . tefimo feſto della Storia di Livio , o almeno l'Ecatontetia d'Appia
Cart . 19 .
Mart . 1299 . no , o ſia la Storia de' primi cento anni ſotto i Cefari , ove dovea
trattarſi pienamente ed exprofeſo di una tal guerra .
Dion Caflio nondimanco fcmbra in qualche modo fupplire alla per
dita e al difetto degli altri , e avvegnachè al ſolito fi diffonda po
( g ) Dio co , come abbiamo dalla bocca ſua propria (3 ) , ne' fatti accaduti
Lib . LXXII .
innanzi a lui , ciò non oſtante però non è sì compendiofo , che non
Cap. XVIII.
ci laſci almeno il modo , con cui furon trattate queſte genti al fin
della guerra . Egli è vero , che al primo aſpetto Dione ſembra par
lare della ſola Rezia , ma ſapendo noi d'altronde , e per autorità di
tanti più antichi Scrittori , e maſlime de contemporanei , che un tal

tumulto compreſe oltre i Reti , tutti que'gran popoli , che coll ' au
torità di Strabone , e del Trofeo d'Auguſto abbiam di ſopra indica
ti , chiaro ſcorgeſi , che ſotto il nome di Reti egli abbracciò tutto ,
e che la forte , che in fin della guerra , per atteſtato di lui , toccò
alla Rezia , fu comune ancora a tutti gli altri popoli intereſſati in
quella dura impreſa .
Narra
ANTICA DEL FRIULI . 147

Narra dunquc il medeſimo , che Auguſto in principio della cam


pagna ſpedì Druſo contro di coſtoro , il quale all ' Alpi di Trento
avendogli ſconfitti con ammirabile celerità , per una tal vittoria ot
tenne in età aſſai freſca la dignità di Pretore . Ma perchè queſte
genti sbaragliate in Italia > erano ite a piombare ſopra la Gallia ,
ſoggiunge , che Ceſare fu in neceſſità di ſpedir contro alle medeſi
me anche Tiberio , e che uniti inſieme i due fratelli coi loro Luo
gotenenti , inveſtirono da più parti il paeſe nemico , uſando Tiberio
particolarmente il benefīzio della navigazione per un certo Lago , che
il Marcheſe Maffei ſoſpettò eſſer quello di Garda ( a ) ; onde atterri- ( a ) Ver. Ill.
Part. 1. Lib.
ti e diſperſi con frequenti incomode e nojole ſcaramucce i più va v . col . 103 .
lidi e coraggioſi della lega non fu difficile ai Romani il ſuperare
anche i più deboli , e ſottometterli . Nulladimeno perchè quelle gen
ti erano molto ricche e folte di popolo , e potea col tempo temerfi
giuſtamente una qualche nuova ribellione , ſoggiunge lo Storico , che
i due giovanivittorioſi , ( b ) ró ze xpérisov , vg Tó Tilescu ar's in- (b ) Dio Lib.
LIV.Cap.xxir .
κίας αυτών εξήγαγον , καταλιπόντες τοσέτες και όσοι την μον χώρων
oικεν έκα:οι , νεοχμώσαι δε τι αδύνατοι ήσαν : maximam eorum
validiſſimam juventutis partem inde abduxerunt , iis reli &tis , qui & in
colendæ regioni ſufficerent , & ad rebellandum non ſatis virium habe
rent . Al che ſembra che aveſſe particolare avvertenza anche Pedone
( c ) Ped.
Albinovano in que'verſi , ove dice di Druſo ( C ) :
Albin , Con .
fol. ad Li
ille modo eripui t latebr oſas hoftib us Alpes , viam . v. 15 .

Et titulum belli dux , duce fratre tulit .

Levar di mano l'Alpi ai nemici , eripere Alpes, è coſa a mio pare


re , che non può verificarſi , ſenza che i nemici ſi levino anch'effi
e caccinſi dall' Alpi .

Queſto fu l'eſito , queſto il fine membrando della ſollevazion ge


nerale delle genti noſtre Alpine , e de' popoli della Rezia di là dall'
Alpi , della Vindelicia , e del Norico , ſuoi collegati . Erano bensì fe
roci coteſte genti , al dir di Patercolo , ben ſituate e terribili per

numero , ma molto più formidabile certamente era la Romana poten


za ; il perchè , ſoggiunge quell' accurato Scrittore , majore cum peri
culo quam damno Romani exercitus , plurimo cum earum Sanguine per
domitæ ſunt · Ma per appunto perchè queſta moltitudine troppo folta
di Barbari , annidata ne' dirupi , e fra montagne inacceſlibili non

laſciava ſenza il ſuo pericolo neppur la grande e immortal Repubblica


di Roma , non baſtò ad Auguſto , dice Dione , d'averli ſoggiogati ,
T 2 ma
148 DELLA GEOGRAFIA

ma diede loro alla radice , e impoverì di gente affaiſlimo quelle con


trade , col tirar fuori dalle medeſime il miglior nerbo , e la maſſi
ma parte della più valida e più fiorita gioventù .
Ora dico io , fe in queſta gran ſollevazione dell'Alpi , per atte
ftato di Strabone c'intervennero anche i Carni , chi non vede in
conleguenza , per autorità di Dione , che al fin della guerra entrar
dovettero anch'elli cogli altri popoli nel comun trattamento d'eſſer tirati
fuori dalle ſue montagne ? Il che dimoftra ſempre più , quanto vada
creſcendo coll'eſame de' fatti e della Storia , e vie più raſſodandoſi il
credito e la riputazione della conghiettura Cluveriana . Nè qui ter
mina l'appoggio di una tal conghiettura , nè con queſte prove di
fatto ſi contenta Cluverio di dire , che all'arbitrio e alla diſcrezion
de' Romani i Carni furon cavati fuori dalle ſue montagne ; ma an

dando più oltre , e ſupplendo con fummo giudizio e perſpicacia al


filenzio di Dione , dichiara eziandio la ſorte loro , da che furon pro
ſcritti , e vi aggiunge , come condotti furon nel piano a occupar
porzione della Venezia , ſul fondamento grave ed autorevole degli an
tichi Geografi , o contemporanei o vicini a quella età , Strabone ,

Mela , Plinio , e Tolommeo , che tutti d'accordo regiſtrano i Carni


come già diſceſi è collocati ai loro tempi nella pianura , di abitato
ri ch ' erano poco prima delle ſole montagne .
Stravagante imperciò può ſembrare anzi che no la preteſa di chi
a fronte di fatti così evidenti , e di autorità così uniformi e vene
( a ) Delle rande, continuaſle a dire , che ( a ) nel teſto degli accennati Geografi
Ant . Rom.
errore ſia corſo ; oppur da eſſi un qualche equivoco preſo . Niun errore
del! Ifr. pag. od equivoco è da pretenderſi ne'noftri Geografi , in tempo che in

contran eglino mirabilmente col fatto e colla Storia , la quale molto


bene in oltre , e perfettamente corriſponde al ſiſtema delle coſe de'
Romani , e al coſtume loro antichiſſimo di aſtringere le genti de
bellate a cambiar ſedi , ed in iſpezieltà d'obbligar bene ſpeſſo i po
poli ribelli e contumaci delle montagne a diſcendere , e a trasferirſi
dalle medefimc ad abitar nel piano . Non è già queſto de' Carni il
( b ) Liv .
Epit. Lib. xv. primo eſempio , che ci porga in tal propofito l'Antichità . Trovaſi
Flor. Lib. molto per antico , è forſe fin dall ' anno 485. della fondazion di Ro
1. Cap. XIX . ma , ſotto il Conſolato di Publio Sempronio Sofo , e d'Appio Clau
Eutr. Lib .111. dio Rufo , in cui fu vinto il Piceno ( b ) , e trecento e ſeſſanta mila
( C ) Plin .
Lib . III .
di quelle genti, ſecondo che narra Plinio ( c ) , caddero in podeſtà
Сар . х 11 . de' vincitori , che i Romani cavaron ſuori dai Picenti un certo nu
( d ) Strab.
Lib v. pag. mero di coſtoro e gli obbligarono , a riferto di Strabone ( d ) , a
242. trasferirſi in quella parte di Campania , a cui poſcia diedero il no
me a
ANTICA DEL FRIULI . 149

me , e Picentini fi diſſero . Così leggeſi in Diodoro Siculo all'anno


613 che Quinto Servilio Cepione , per isbaglio ivi appellato Sci
pione , dopo aver fatto con inſidia per mezzo de' ſuoi dimeſtici tru
cidar Viriato , Capitano de' Portogheſi , e aver battuto Tautamo ſuc
cellor di Viriato nel comando , con tutti i ſuoi aderenti , o come >
ſcrive Appiano Aleſſandrino , Tantalo , e dopo una capitolazione ſe
gnata a modo ſuo , e lo ſpoglio di tutte le loro terre , diede non
dimeno ai medeſimi nella Spagna , e terra e Città da potervi ſuſliſte
re ( a ) " Edwe zapam noi Tómv ris natoinnow : illis agrum & urbem ( a) Diod .
dedit ad habitandum . Di che Appiano vi aggiunge anche il perchè , Lib . XXXIII .
dicendo di Cepione ( b ) : 'O de őada te aure's apílero & TANTX , Cod. ccxliv.
moj gris idaxiv inxviiv , ivæ un' \nsé colevée d'Aopías: Tum cæpio e (b ) Appian.
arma omnia ipſis ademit > c terra ſatis ampla donavit , ne deinceps Hiſpax .
1

pro anguſtia conſiliique inopia , præda ac rapto vivere cogerentur . E


due anni dopo , per oſſervazione dell' eruditiſſimo Freinſemio ( c ) , ( c ) Freinsh.
̄‫ܘ‬

Decimo Giunio Bruto ripigliò queſto medeſimo affare , e nel ſito af- Suppl. Liv.
Lib.lv.Cap.v.
ſegnato da Cepione edificò Valenza e diedela a que ' popoli allieme
4

col ſuo territorio come abbiamo da Livio nell'Epitome ( d ) : Ju ( d) Liv. Epit.


Liv. LV.
nius Brutus Conſul in Hiſpania , iis , qui ſub Viriato militaverant ,
agros oppidumque dedit , quod Valentia vocatum eft .
Ma per vero dire , molto più frequenti in tal propoſito ci ſi pre
ſentano gli eſempi nelle montagne , che non ſi veggano nella pianu
ra ; e lo ſpirito di ſedizione par che allignaſſe più di ſpeſſo ne'mon
tanari , che negli abitatori del piano , e chiamafle la provvidenza de ’
Romani più ſovente ad applicarvi un tal riparo ; come per eſempio
all'anno 566. vedeſi uſato co' Briniati , popoli contumaci delle mon
tagne della Liguria , dal Conſole Emilio Lepido , il quale per atte
ſtato di Livio , tutti li ſoggiogò ( e ) : omnes ſubegit , & de monti- (e ) Liv . Lib.
xxxIx.Cap.11.
bus in campos multitudinem deduxit . Nello ſteſſo modo l'anno 574 .
, il ( f) Id . Lib .
altra turba di Liguri reſtò oppreſſa da Quinto Fulvio Flacco ,
quale a detto dello ſteſſo Livio ( f ) , deditos in campeſtres agros de- XL.Cap.L111 .
duxit præfidiaque montibus impofuit . Così de' Garuli , Lapicini , ed ( 8) Id . Lib.
Ercati , e di bel nuovo de'Briniati all'anno 578. pensò il Sigonio , xx { 1. xxıll.

al ſeguente frammento Liviano ( $ ) : deduxit . Cis Apenninum Garu- ( h ) Sig. de


li , & Lapicini , & Hercates , trans Apenninum Briniates fuerant ; la- Ital.
Ant. Jur.
Lib. 1 .
ſciandoci del medeſimo quel dotto interprete la ſeguente dichiarazio Cap . XXIII.
ne ( h ) : Quibus verbis hos omnes Ligurum populos viſtos ex montibus
Tom. v .Opp .
in campos deductos. Lepido , ut alios ante ab aliis Conſulibus col: 363.
, ſignifi-
anza ( i ) Dio Lib.
di Dio
cari exiſtimo . Anche Ceſare l'anno 693. per teſtimonianza di Dio
XXXVII . Cap.
ne ( i ) , ebbe in animo di tirar giù dal monte Erminio nel Por- LIL.
togal
190 DEL LA GEO
GRA
FIA
togallo que’montanari . E il noſtro Auguſto medeſimo in perſona I'
anno 728. ſecondo che riferiſce Lucio Floro nella ribellione de ' Can
( a ) Flor.Lib. tabri ( a ) , ipfe præſens , hos deduxit montibus : hos obfidibus adſtrin
Iv . Cap. XII. xit : hos ſub corona jure belli vendidit . E in quella iſteſſamente de'
( b ) Flor. ibi. popoli dell ' Aſturia ( b ) , fiduciam montium timens , in quos ſe reci
piebant, Caſtra ſua , ſed quæ in plano eſſent , habitare , & incolere juf
ſit . E Marco Agrippa ſei anni dopo , cioè l' anno 734. nella ſecon
da ribellione di coſtoro , uſando tuttavia maggior rigore , al dir di
Dione , gli ucciſe quaſi tutti quei ch'eran buoni per la milizia , e gli
altri ſpogliò dell' armi , e trasportolli dai ſiti erti e malagevoli nella
( c) Dio Lib . pianura ( c ) : Tós teen Tņ vidoxíce roleuíss Trávtas odizo dré
1 IV. Cap . ΧΙ . φθαρε και τες λοιπούς τά τε όπλα αφείλετο , και ες τα πεδία εκ
Twv opereiñv rate 3132040 : Qui eſſent militari ætate , omnes prope de
levit , reliquos armis exuit , & ex montanis locis in campeſtres tran
ſtulit .
Della foſtanza nondimeno e delle cirimonie particolari , ch ' eran

folite praticarſi nel tradur coteſte genti , e de'veri motivi d'obbli


garle a un tal ſagrifizio , niun eſempio a mio giudizio può ſervir
più di quello , che l'accuratezza di Livio ci porge intorno ai Ligu
(d ) Liv Lib. ri Apuani , che l ' anno 571. s'erano ribellati ( d ) . Narra egli per
XL . Cap. I.
tanto , all'anno 573. che i medeſimi , colti all'improvviſo dai Roma
ni per tal motivo , dovettero darſi in numero di dodici mila ; e che
i Conſoli ſolamente dopo aver conferito col Senato , oſarono de

( e ) Id .ibid. cretare il gran paſo di trasferirli dal monte al piano ( e ) : Eos


Cap. XXXVIII .
conſulto prius per literas, Senatu , deducere ex montibus in agros cam
peſtres procul ab domo , ne reditus Spes effet , Cornelius Babius ſta
tuerunt : nullum alium ante finem rati fore Liguſtini belli . Ed ecco i
motivi forti e graviſſimi di ſnidar nazioni di queſta fatta dai naſcon
digli , e dagli aſili inacceſſibili delle montagne . Quindi ſeguita Livio
a dire : Ager publicus populi Romani erat in Samnitibus , qui Taura
finorum fuerat . In eum cum traducere Ligures Apuanos vellent , edixe
runt liberis conjugi
ab Anido montibus deſcendere cum
Ligures
bufque : omnia fecum portarent . E queſti erano i ſiti , ne' qua
ſua
li coteſte genti ſi traducevano > cioè i terreni di pubblica ragio
ne : Ager publicus populi Romani : queſte le folennità , queſti gli
editti , e le condizioni picne di moderazione con cui s'intimaya

a i popoli di uſcire dai naturali ſuoi confini . Ciò non oftan


te però ai Liguri , per quel che dice lo Storico > queſti tali pato

ti poco andarono a genio : Ligures Sape per legatos deprecati , ne


penates , ſedem in qua geniti ellent , ſepulcra majorum , cogerentur
relin
ANTICA DEL FRIULI .
IS1

relinquere , arima , obſides pollicebantur ". Poſteaquam nihil impetrabant ,


-

neque vires ad bellandum erant , edi& to paruerunt . Dal che ben ſi com
prende la qualità della condanna , acerba certamente per elli e dolo
roſa, e la natural reſiſtenza loro fino agli eſtremi , per non ſoggia
cere all'eſilio , e all'abbandono perpetuo di que'monti , ov'erano na
ti . Conchiude finalmente Livio , e dice : Traducti ſunt publico ſum
ptu ad quadraginta millia liberorum capitum cum fæminis pueriſque .
Argenti data centum eu quinquaginta millia ſeſtertiúm , unde in novas

edes compararent quæ opus eflent · Agro dividendo dandoque , iidem


qui traduxerant , Cornelius & Bæbius præpoſiti .
Non ſi può veramente finir d'ammirare la magnanimità non fo
lo e ſplendidezza de' Romani , ma eziandio il ſiſtema politico e
la loro condotta , nel preſervare ad ogni patto il fondo ineſtimabile
delle vite degli uomini a lor ſoggetti , e nel trattare i contumaci e
ribelli ſteſſi nell ' atto proprio di deprimerli , con tanta attenzione ,
e con tanto intereſſe
con quanto appena furon ſoliti riſguardare i
fuoi medefimi Cittadini . Tradotti furono i Liguri Apuani in numero

di quaranta mila a ſpeſe del pubblico erario , e fu loro ſommini


.

ftrato parimenti dal pubblico il modo di provvedere alle nuove abi


tazioni , fino alla ſomma di cento e cinquanta mila Seſterzj ; e fu
ron creati i ſoggetti a diſtribuir loro il terreno , nel modo ſteſſo or
revoliſſimo , che coſtumavaſi colle Colonie . Furon , difli tradotti gli

Apuani , ed obbligati a occupar quel tratto di terra nel Sannio


fia negl' Irpini verſo Benevento , a cui diedero anche il nome , e di
cui Frontino ci laſciò ſcritta la ſeguente memoria ( a ) : Ager Ligu- (a ) Frontin .
---

ris Vivianus , Cornelianus , muro du & tus Triumvirali lege . E ſulli- de'Colon.
ſtevano tuttavia in que ' ſiti ai tempi di Plinio , ſotto il nome di Li

gures Corneliani & Babiani , com'egli ſteſſo ne fa fede ( 6 ) ; così ap- ( b ) Plin.
Lib . III . Cap.
pellati in memoria dei due Conſoli , che gli depreſſero , e che deſti
XI .
nati furono al traſporto delle genti , e alla diſtribuzion delle terre .
D'altri fotte mila Liguri Apuani fa memoria Livio in queſt'anno

fteſo , regiſtrando , come Marco Fulvio Nobiliore gli aſſalì da piſa ,


e dopo averli ſuperati , e avuti nelle mani , gli miſe ſulle navi , e
pel mar di Toſcana gli mandò a Napoli ; di dove , dice lo Storico ,
che anche queſti furono ( c ) in Samnium tradufti , agerque is inter ( c ) Liv.Lib .
populares datus eſt . XL . Cap. XLI .
Ora s'io torno a dire , che Cluverio e Cellario nella lor ' con
ghiettura , lungi dalla taccia d'aver letti gli Scrittori Claſſici ſuper
ficialmente e con poca rifleſſione , diedero anzi una delle maggiori
prove del ſuo giudizio finiflimo , e della dovizia loro nelle cognizio
ni
152 DELLA GEOGRAFIA

ni più recondite della Storia , mi luſingo di non dir troppo . Il vez


dere i Carni per autorità di Strabone , compreſi nella mentovata fol
levazion generale dell'Alpi : il dichiararſi da Dione il fine e la for
te di coſtoro , d'eſſer cacciati fuori dalle ſue montagne , toltine que’
ſoli , qui & incolendø regioni ſufficerent , & ad rebellandum non fa
tis virium haberent : l' oſſervare i Carni ſino a queſta ribellione cir
coſcritti ſempre entro gli antichi limiti delle ſue Alpi : il vederli.
per appunto a un tal frangente da tutti i Geografi , sì vicini che
contemporanei , improvviſamente collocati in mezzo al piano ; e il
ſiſtema particolare de' Romani , in caſo di ribellione e gli eſempi
di tanti altri popoli , forzati a cambiar ſedi , e a calar giù dalle
montagne nella pianura , dichiarano mirabilmente il fatto , e forma

no dimoſtrazione a queſta nobile conghiettura . E ſe la Storia di Li


vio , in cui trattavaſi di queſti tempi , non ſi foſſe perduta , non fa
reſſimo forſe al caſo di cercare indarno una deſcrizione al vivo del

la ſcena tragica de' Carni , o del pari , o anche più diligente di


quella de' Liguri Apuani , trattandoſi di coſe accadute ai giorni ſuoi,
e d'un imprefa effettuata felicemente ſotto gli auſpizj dº Auguſto , di
cui Livio era intimo e gran familiare : Quindi avreflimo il numero
delle genti trasferite , la reſiſtenza loro in quella amara giornata , il
trattamento lor fatto dalla mano de' vincitori , e tante altre partico
larità ; nè farcíſimo alla neceſſità di mendicare altronde fino i fiti ,

in cui que' popoli reſtarono collocati . In ogni modo però le memo


ric che reſtano , tutte tendono , e tutte combinano a far credere , ane
zi s’io di troppo non mi luſingo , a dimoſtrare evidentemente , eſſer
queſto il momento che i Carni fi ampliarono , e che il fiore della
gioventù Carnica fu levato dalle montagne , e tradotto da Tiberio e
da Druſo ad abitar nel piano . Richiedevaſi che coteſto piano foſſe di
ragion pubblica del popolo di Roma , perchè i due prodi fratelli ne
li potcſfero quìtradurre ; ed egli per appunto era tale > come ab
biam provato diffuſamente , dove trattamino delle Solitudini Romane.
Rimane ora a flabilirſi la quantità del terreno aſſegnato in queſt' in
contro ai Carni nella pianura ; di che in altro Capitolo ne dire
mo ſeparatamente .

CKPI
1

ANTICA DEL FRIULI . 2531

CAPITOLO DUODECIM 0 .
i
Della quantità del terreno aſegnato ai Carni nella pianura :

Olto poco ſpazio , od anche niuno di terreno furono


in grado i Romani d'aſſegnare ai Carni , ſe dee aver
the
luogo il penſamento di chi ſoſtiene , che agli Aquile
jefi diſtribuito fi foſſe - fin da principio 20 tutto , o
M
la maſſima parte del noſtro piano , non compreſi pe
rò , come diceſi gli alvei de ' fiumi e de ' torrenti , i boſchi e le
I
paludi , e quelle terre che dagli Scrittori de re Agraria fogliono
computarſi ſotto i nomi di ſubſecive , extraclufæ , reli &ta , ed infolutæ
( a ); e non compreſa ancora quella porzion di terra , che ſuole . oc- ( a ) De 'Co
cuparſi dalle pubbliche ſtrade ( b ) . Ma'a queſto ſi è già in parte lon . Forojul.

riſpoſto altrove , e colle miſure alla mano ſi è fatto vedere , che page: 33.9 ;
agli Aquilejeli non fu diſtribuita terra all'incirca , ſe non ſe per la Ant. Rom.

quinta parte del noſtro piano , o fia per campi 114651. reſtando dell' Iſtr . pag .
gli altri quattro quinti , che aſcendono a campi 422717. in piena 29 .
hy diſpoſizion de' Romani , dove occorrendo , far potevano a lor bene
placito nuova ſpedizione di coloni . Non rimane dunque innappreſſo
a dimoſtrarſi 2 ſe non che le ſuddette terre , che ſi vogliono eccet

tuate , non tutte poi erano ſterili ed infeconde , nè lor conviene in


conſeguenza l' eſcluſione dalle diſtribuzioni coloniche ; e che le ſterili
ſteffe ed infeconde non furon tali di gettare a terra l'avanzo , troppo

grande , e troppo vafto , dei quattro quinti del noſtro piano . Prima
nondimeno di paſſar più oltre , non può tacerſi ſenza diſſimulazione
il divario , che dagli eſperimenti ultimamente fatti di pubblico or
dine e dalle Carte in tal. incontro ftabilite da ' pubblici Geometri ,

e Ingegneri diligentiffimi , riſulta ſopra queſto noſtro piano', ' confi


ſtence in campi 6075 .. di meno di quello che, importa la Carta

Geografica di Riccardo Cima , da noi recata altrove per fondamen


to . Il qual divario avvegnachè non decida punto della ſomma im
menſamente maggiore di un tal avanzo , pur ciò non oſtante fa ch'
cgli rimanga in campi 416642 .
Divenendo ora alla diſamina de'fatti e della verità delle coſe , in
comincieremo dalle Vie , le quali benchè per comodo del commerzio
e de ' viandanti ,condannate reſtino comunemente all'ozio e alla ſte
rilità pur nondimeno noi troviamo effor inganno manifeſto di chi
penſa , che non entraſſero nel corpo delle terre , che ſolea dai Ro
V mani
154 DELLA GEOGRAFIA

mani diſtribuirſi alle colonie . Baſta intendere nella materia Agraria


coſa foſſero i Limiti , per non durar fatica a comprendere una tal
verità , I Limiti , propriamente parlando , erano que' fegni , che di
( a ) Serv .ad
notavano i confini delle campagne . Limes , dice Servio ( a ) , eſt agri
Virg. Ecl. 1 .
v . 14 terminus . Ma Pompeo Feſto doppio ſignificato aſſegna a coteſta vo
( b ) Felt. in ce , e dice ( b ) : Limites in agris nunc termini : nunc viæ tranſver
voce Limites.
So. I Limiti adunque erano bensì que' termini di pietra , che al
dir di Siculo Flacco , ſi piantavano in ſulle linee di diviſione 7 per
( C ) Sic. Flac. indicar le miſure , e i confini inalterabili delle terre diſtribuite ( c ) ;
de condit. ma ſignificavano ancora le Vie , o ſia la ſervitù delle medeſime , che
gror . fra i campi ſi laſciavano per uſo e comodo dell'agricoltura , e della

interno commerzio de' popoli . Di queſti Limiti , e di queſte Vie


( d ) Sero. inteſe di parlare anche Servio a quell' altro paſo , ove dice ( d ) :
Geurg. Lib.
Limites alii minores crant in obliquum diſcreti , qui lineares appella
1. V. 126 .
bantur , & agros per centurias , five per jugera diviſos coercebant . Ed
erano in larghezza , al dir d’Ageno Urbico , di cinque o ſei piedi
( e ) Agg .
l'uno ( e ) : De fine lex Manilia quinque aut ſex pedum latitudinem
Urb. in Fron
tin . de Con- prafcribit , quoniam hanc latitudincm vel iter ad culturas accedens

trovers. occupat , vel circumačtus aratri, quod ufucapi non poteft . Frequentiffime
erano coteſte Vic , o vogliam dire Limiti minori e lincari , a riferto
( 1) Hygin. d' Igino ( f ) , e ogni cinque Centuric , vale a dire ogni mille Ju
de Limit.con- geri ſe ne contavano fei . Di queſti il primo che diſegnavaſi ,
ftit. chiamavaſi Attuario e gli altri cinque Subruncivi , così appellati ,

quod ibi ' terra runcetur , & a vepribus ſentibuſque purgetur , ut


iter facientibus expedita tranſitio fit . L'Attuario Limite dice il
fuddetto Autore è quello , qui primus actus eſt : ab eo quintus
quiſque , quem ſi numeres cum primo , erit ſextus ,, quoniam quin
que centuria fox limites claudunt . E intanto erano differenti gli At
tuari dai Subruncivi , inquanto gli Attuarj coſtituivano Via pubbli
ca ) e dovcano fervire a tutto il popolo , e i Subruncivi erano tan
te Vie conſortive deſtinate ad uſo de ' ſoli confinanti ; il perchè

gli Attuari erano larghi il doppio de Subruncivi . A & tuarii autem ,


dice lo ſteſſo Igino , extra maximos Decumanum & Cardinem lati
tudinem habent pedum xu . Per quos iter populo debetur , ficut per
viam publicam . Ita enim cautum eſt lege Sempronia , & Cornelia ,
& Julia .
Da tutto ciò noi comprendiamo , che ogni cinque Centurie , cioè
ogni mille Jugeri , o ſieno campi 609. e due quarti Tay. 20. della noſtra
miſura , dovea tirarſi un Limite , chiamato Attuario , e cinque Subrun
civi , non ſolo per indicare i confini , e aſſicurar le miſure delle
terrc
ANTICA DEL FRIULI. 155

terre diſtribuite , ma ad uſo ancora , e colla ſervitù lungo l' Attua


rio d’una Via pubblica , larga dodici piedi , e lungo gli altri cin
que , di cinque Vie confortive , larghe all'incirca picdi fei . Ma que
ſto ancor non baſtava , perciocchè coteſti al dir di Servio , finalmen
-

te erano i Limiti e le Vie minori , che obbliquamente ſcorrevano per


le terre coloniche e reſtavano tuttavia i Limiti maggiori , da Igi

no chiamati maſlimi, e che Decumano e Cardine ſi appellavano , de


quali dice Servio al citato loco : Cum agri colonis dividerentur , folja
ducebatur ab oriente in occidentem , qua Cardo nuncupabatur ; & alia
a ſeptentrione in meridiem , qui Decumanus limes vocabatur . Queſti
erano i Limiti , e le Vie più ſpazioſe di tutte le altre , nelle quali
.

capivano , e fi davan luogo agiatamente due carri , andanti e vegnen


ti ; e doveano comprendere in larghezza per lo meno dicidotto pie
di 2
per quanto abbiamo da Plinio , dove tratta delle Vigne ( a ) . ( a ) Plin .
Oportet , dice egli , vineas limitari Decumano XVIII. pedum latitudinis , Lib. xvil .
ad contrarios vehiculorum tranfitus . Aut ſi major modus ſit , totidem Cap. XXII .
-pedum Cardine , quot Decumano limitari .
Impariamo innoltre , che i Limiti , benchè camminaſſero ſopra fon
di colonici , e ſopra terre di ragion privata , e Vie pubbliche per

conſeguente in niun modo appellar fi poteſſero , tutti nondimeno per


legge colonica erano deſtinati a una così fatta fervitù 2 e ſervir do

veano di tranſito , e di commerzio al


al popolo , come ſe Vie pubbli
che propriamente di ſua natura ſtate foſſero '. Anzi perchè non di ra
do , al dir di Frontino , i Limiti coſtretti erano a paſſar per luoghi

molto afpri , e poſti fuor di mano , per dove il viaggio non potca
praticarſı , il proflimo poſſeſſor delle terre in tal caſo, ſe il Limite

verbigrazia cámminava per foreſta allo ſteſſo appartenente , era ſotto


poſto alla ſervitù della ſtrada nelle proprie terre ( b ) : Omnes enim (b ) Frontin .
timites , dice egli , ſecundum legem colonicam itineri publico ſervire de Contra
vers.
debent . Sed multi exigente ratione per devia a confragoſa eunt , qua
iter fieri non poteſt , em ſunt in uſu azrorum eorum locorum , ubi pro
wimus poſſeſſor , cujus forte ſilva limitem detinet , tranſitum inverecun
de denegat , cum itineri limitem , aut locum limiti debeat . Quindi non
è da ſtupirſi , ſe le Vie pubbliche ſtelle e iſtituite in terren pub
blico , adottarono anch'eſſe in proceſſo di tempo , benchè impropria

mente , l'appellazione e il nome di Limiti ; come per cagion d' eſem


pio Niſo preſſo Virgilio diſſe ad Eurialo (c ) : ( c ) Æneid .
Lib . 1X. V.
Hac iter eſt .
321 , 323.
Hæc ego vaſta dabo , & lato te limite ducam .
E cosi Livio > parlando della ſtrada poſta fuori della gran Porta d?
V 2, Atene ,
136 DELLA GEOGRAFIA

( a ) Liv . Lib. Atene , appellata Dipilo , diſſe anch'egli ( a ) : Intra eam extraque late
xxxI.
XXIY. Cap. Sunt via ; & extra limes mille ferme paſſus in Academic gymnaſium
ferens . Eo limite Athenienſes Attali præſidio , & cohorte Dioxippi ſi
gna extulerunt .

Eſpoſto in cotal modo , é dichiarato colle autorità ſuddette il pun


to de' Limiti , e delle Vie maggiori e minori , folite preſcriverſi dai
Romani ne' terreni aſſegnati alle Colonie > tanto riſpetto al numero
che alla qualità loro , facil coſa farà quindi il comprendere quali
e quante foſſero anche quelle della Colonia Aquilejefe . E ſe le rego
le e i calcoli , laſciatici dalla piena degli Scrittori , deon ſervici di
ſcorta , noi troviamo , che i Limiti , o fieno Vie minori aſcendevano
al numero di 11 28. nello ſpazio di Jugeri 188100. di terreno aſie
gnato a quella Colonia . Nel qual numero di Limiti e di Vie , cen
to e ottant'otto erano i Limiti Attuari , o fieno Vie pubbliche , lar
ghe dodici piedi , e novecento quaranta i Subruncivi , o Vie confor
tive, larghe ſei piedi l'una . E i Limiti maggiori, Decumano e Car
dine , in larghezza per lo meno di piedi dicidotto , ſi ſtendevano da
un capo all ' altro del terreno Colonico conſiſtente > come abbiam

provato in altro Capitolo in un quadrato di miglia nove in dieci


d'Italia per ogni lato , cioè il Cardine da ponente a levante e il
Decumano da mezzodì a ſettentrione .
Se dunque coteſte Vie in sì gran numcro , e così ben ripartite ;
formavano per ogni dove abbondantemente , come ognuno può farne
il conto , il biſogno e il comodo di un tal territorio ; e ſe non
eran elleno altrimenti Vic fondate in terren pubblico , ma ſemplici
fervitù infiffc e inerenti al fondo Colonico con qual fondamento è
con qual idea preſumeraſſi mai dal compleſſo di un tal terreno di
ca'var fuori Vie pubbliche , come non compreſe nell'aſſegnazione , ſe
non ſe forſe pel deſiderio d'ingrandir lo ſpazio della terra diſtribui
ta , e di minorare ad ogni coſto l'avanzo del rimanente pubblico
territorio ? Potrebbe nondimeno pretenderli , che quì paſſaſſero delle
Vie Regie e Militari ; ma di queſte tutti ſanno che in ogni pro
vincia , o non erano , o erano molto rare , come chiaramente può

deſumerſi dagli antichi Itinerari ; e maſſimamente in relazione ai tem


pi , che Aquileja fu condotta Colonia , verſo i quali non abbiam no
tizia che paſſaſſe per queſte parti altra Via Regia e Militare che

la Flaminia , di cui al più potrebbe crederſi , che attraverſaſſe , oʻtut


to , o in parte il terreno diſtribuito alla noſtra Colonia .
Ma pure anche delle Vie Militari io non ſo ben decidere ſe

paſſando per qualche fondo aſſegnato poſcia alle Colonie , li compu


talle
ANTICA DEL FRIULI. 157

taſſero anch'eſſe , o no , nella diſtribuzion delle terre ; mettendone ſo


pra di ciò non poco penſiero quelle eſpreſſioni d'Igino là dove dice ,
trattando de Limiti Attuarj ( a ) : Quidam
his latiores ſunt x11 . ( a ) Hygini
ex
ibi .
pedibus , ut hi , qui ſunt per Viam publicam Militarem ačti . Habent
enim latitudinem Via publicæ . Queſte tali parole ci danno chiaramen
te a divedere , che i Limiti Colonici , dovendo incontrar talvolta la
direzione ſteſſa e il fondo d' una qualche Via Militare , non eran già
coſtretti a reſtar di quà , o paſſar di là della medeſima Via , laſcian
dola intatta , e nel ſuo eſere di Via Militare , o interpoſta , o con
finante ; ma a dirittura la occupavano , e ſe il Liinite era Attua

rio , ſopra di eſſa ſtendevano le miſure Coloniche fino allo ſpazio


in larghezza di dodici piedi . Ma perchè la Via Militare era più
larga dell ' Attuario > così Igino , conſiderando il Limite Attuario e
quel di più che importava la Via Militare per una coſa ſteſſa , ci
deſcriſſe un tal Limite più ſpazioſo degli altri , e più largo della
miſura folita di dodici piedi quel tanto che più larga era dell'At
tuario la Via Militare . Il che ci mette nella neceſſità di credere
che le Vie Militari per quel tal tratto , ſpogliaſſcro in certo modo
l' eſſere di Militari ; e veſtiſſer quello di Limiti e di Vie Coloniche,
i quando non voglia dirſi contro l'autorità d'Igino ,
d'Igino che il Limite
condotto ſopra la Via Militare non aſſumeſc in verun conto l' eſſere
di Colonico e che le leggi Coloniche in queſt' incontro patiſſero

alterazione in guiſa tale , che i poſleffori dell' Attuario introdotto


nella Via Militare veniſero a conſeguir diritto ſopra minor numero
di Jugeri degli altri Coloni . Sopra di che ne reſti la deciſione al
giudizio de' più pratici , e de' più intendenti di noi .
Intanto noi crediamo di poter conchiudere per le ragioni e per
le autorità di ſopra allegate , che le terre Coloniche comprendevano

in ſe medeſime tutte le Vie maggiori e minori , e che le Vie per


conſeguente , nei calcoli delle terre diſtribuite , non eran fondo di
verſo dal Colonico nè alteravano , o ingrandivano in conto alcuno
le miſure e il compleſſo delle terre medeſime ; il che baſti aver det

to dintorno al punto delle Vie .


Vegniamo ora all'eſame delle altre terre , che innappreſſo come
inutili vorrebbonſi eſcludere , indicateci degli Autori ſotto i nomi di
ſubſecive , extraclufæ , e reli &ta , od infolutæ . E incominciando dalle
;
1 ſubſecive , ed eſtracluſe , diremo che queſte , abbenchè non aſſegnate ,
eran nondimeno della claſſe delle fertili e buone a differenza delle

infolute , o relitte che all' oppoſto per ſterili veramente ed infccon


de dagli Scrittori ci vengono contraſſegnate . Subjecivum eſt , dice
1
Fron
158 DELLA GEOGRAFIA

( a ) Frontin , Frontino ( a ) , quod a ſubſecante linea nomen accepit ſubſecivum


de qualit . Subſecivorum genera ſunt duo : unum , quod in extremis aſſignatorum fi
Agrore
nium centuria expleri non potuit : aliud genus Subſecivorum , quod in
mediis aſſignationibus , dm integris centuriis intervenit . Queſte parole
di Frontino , Scrittor de più accreditati nella materia Agraria , ba

ſtano per aſſicurarci , che le terre appellate ſubſecive ſi comprende


vano nel corpo delle terre limitate e diſtribuite ; ed erano que' fondi,
che verſo gli ultimi confini del terreno che dovea diſtribuirſi , non
arrivavano a formare una centuria , e que'ritagli ancora e que' fram
menti , che nel corpo ſteſſo , e fra una centuria e l'altra , dalle linee
diviſorie neceffariamente ſi tagliavan fuori , rimanendoſi gli uni e gli
altri per tal cagione indiviſi , e non aſſegnati, in diſpoſizione aſſoluta
della Repubblica . Di queſte terre adunque , o vogliam dir frammenti,
che a niuno fi aſſegnavano , non può negarſi , che poſitivamente e con
verità non ingrandiſſero le miſure , e lo ſpazio delle terre diſtribuite.
Ma elleno ciò non oſtante erano tutte fertili e buone , ed eſclute dall
aſſegnazione puramente dal caſo e non dalla ſterilità ; e avvegnachè
compreſe foſſero realmente , cd inſerite entro lo ſpazio del terreno
Colonico , reſtavano nondimeno nella claſſe , e nel catalogo delle ter
re da diſtribuirſi , e alla condizione ſteſſa delle terre eſtracluſe che
fuor de limiti del terreno aſſegnato avanzar ſoleano in tutte le diſtri
buzioni . Quindi è che trovaſi coll' andar del tempo , che le terre
ſubfecive ſi diſtribuirono anch'eſſe , come ci aſſicura . Aggeno. Urbico ,
diccndo di Veſpaſiano , e Domiziano , qualmente ne diſpoſero , come
( b ) Agg : di terre ottime ( b ) : Nam alia Subſeciva Veſpaſianus vendidit : alia
Urb.in Fron
fin . de qua autem quæ remanſerunt Domitianus donavit atque conceſſit . Il che di
lit. „ Agror. Domiziano conferma anche Svetonio ( c ) : Subſeciva , quæ diviſis
( c ) Svet. per Viteranos agris carptim Superfuerant , veteribus poffefforibus , ut
Domit. Cap . ufucapta conceſſit .
IX..
Ma il forte degli avanzi conſiſteva veramente in quelle terre , che :
fi chiamarono eſtracluſe , di cui Monſignor del Torre al più volte
citato loco , par ben coſa ſtrana che in rapporto al noſtro piano
non ne faceſſe caſo , e delle quali baſta ſaperne il nome , per com

( d ) Frontin. prenderne la ſituazione . Extracluſa loca ſunt , dice Frontino ( d ) ,


ibi.
quæ ultra limites , & ultra finitimam lineam erunt . Le terre eſtraclu
ſe eran fituate fuor de limiti delle Coloniche , o non lungi , o . vici
ne alle medefime , e compreſe nel territorio ſteſſo di quella tal Co
lonia . Il che più chiaro ancora appariſce dalle ſeguenti parole di
( e ) Id . ibid. quell' Autore ( e ) : El ager fimilis ſubſecivorum conditioni extraclufus,
qui ſi. Reipublicæ populi Romani , aut ipſius Coloniæ , cujus fine cire
cum
ANTICA DE L F R I ULI: 159

cumdatur , live peregrina Urbi , aut locis facris , aut religioſis ; atque
ad populum Romanum pertinentibus datus non eft , jure ſubſecivorum
3 in ejus , qui aſſignare potuerit , remanet poteſtate . La campagna eſtra
cluſa , dice egli , fi aſſomiglia inquanto alla condizione alle terre ſub
ſecive ; e s'ella non è ſtata conſegnata , nè al popolo di Roma , nè
alla Colonia , entro i cui confini è collocata , nè ad altra Città fore
ſtiera , nè a luoghi ſacri e religiofi appartenenti al popolo di Roma,

colla legge medeſima delle terre ſubfecive rimane in diſpoſizion di

quello , che la poteva diſtribuire . Era dunque la Campagna eſtraclu


ſa tutto quel corpo di terra fertile e buona , che , fatta la diſtribu
zione ai nuovi Coloni , avanzava fuor de limiti delle terre diſtribui
te infra i confini del territorio Colonico 2 e alla condizione mede

fima delle terre ſubſecive , di poterla diſtribuire a chiunque più tor

nava in conto alla Repubblica . Che poi una tal campagna impor
taffe non di rado una eſtenſion molto grande di terreno evidente

prova abbiamo , ſenza ricorrere altrove , nel medeſimo noſtro piano ,


dove a fronte dell'aſſegnamento generoſo di cento e quattordici mila
campi , fatto ai Coloni Aquilejeſi , avanzarono ciò non oſtante circı
quattro quinti del territorio , la maggior parte certamente in tanta
terra eſtracluſa : a poco potendo aſcendere in confronto di un tal
avanzo , e riſpetto a ſomma così eccedente la ſubfeciva : nè giun
gendo le terre fterili ed infeconde , non dico già ad eguagliare , ſic
come alcuni han creduto , ma neppure a minorare ,
che d'una por

zione aſſai piccola l'avanzo medeſimo


come fra росо ſi dimoſtrerà .

Laonde non è da ſtupirſi, ſe la terra eſtracluſa potè ſervire in par


te ai grandi impegni , e alle vaſte idce dº Auguſto , di cui laſciò

ſcritto Aggeno Urbico , che fu de ' primi a por mano a miſurarla


e a farne di eſla a ſuo talento la diſtribuzione ( a ) . Fu diſtribuita ( a ) Agr
‫را‬ adunque la terra cſtracluſa a ſuo tempo come terra fertile anch'eſſa , Urb. ibi.
C d'ottima qualità al pari della ſubſeciva ; e ſe infra l'una e l' al

tra qualità di terreno vero è , che nella fondazion d'Aquileja avanza


1 rono i quattro quintí del noſtro piano , laſcierò ch'altri conſideri di .
qual peſo eſſer poſſa l’oppinion di coloro , che ſi credettero , che tut

to il fertile e tutto il buono foſſe diſtribuito agli Aquilejeſi..


Oſſerva nondimeno il ſoprallodato Monſignor del Torre doverſi di
filcare da detto avanzo que' ſiti ancora , che ſotto la denominazione

16 di loca publica ci fan fapere gli Scrittori de re Agraria , ai quali


li aggiungeremo noi di buon animo anche i luoghi ſacri e religioſi ,
ſenza che quindi ragionevolmente temer ſi poſſa alcun .notabile diva
rio . Oltre le immenſe campagne di ragion pubblica , delle quali ſi

! è già
160 DELLA GEOGRAFIA

è già parlato altrove diffuſamente Roma antica ci ſomminiſtra il

Campo Marzo , la Villa pubblica , i pubblici Bagni , e ſimili , che


ſotto il nome di loca publica potrebbono intenderſi . Aggeno Urbico
non ne fa menzione , che in genere , e non ci fa capire ſe non che
(a ) Id . in occupavano poca terra ( a ) , e per quel che ſe ne può conghiettura
Frontin. de
re , non d'altronde cavata fuori , che dal corpo delle qui ſopra de
Controvers.
ſcritte , così che il tutto , ſe parliamo de' luoghi pubblici , par che
îi riſtringa a minima coſa , in paragone di un avanzo di quattrocen
to e più mila campi . Se il diſcorſo poi ſi rivolge ai luoghi ſacri e
religioſi, conſiſtevano queſti ne' Tempj , ne' Boſchi ſacri , e ne' Sepol
cri ; e avvegnachè dal citato teſto di Frontino , ſembri che il terren
pubblico , o ſieno le terre eſtracluſe , ſerviſſero o ſervir poteſſero a
un cotal ufo , pur nondimeno fi ſa de ' Sepolcri per teſtimonianza di
( b ) Lib . xi. tutte le leggi Romane ( b ) , che per antico iſtituto ſtabiliyanfi in

Tit. vir.vill. mezzo ai fondi privati . Così de' Tempj ancora , e de Boſchi facri
Digeſt. De
Relig. dos atteſta lo ſteſſo Urbico , come non eran porzione di fondo pubblico ,
fumpt. fun. ma obblazioni ſemplici e volontarie di terreno tolto dal compleſſo

I de Mort. delle private poſſeſſioni ( c ) : Si enim , dice egli de' Temps, loca ſa
infer .
Inſt. Tit . De cra ædificabantur , quam maxime apud antiquos in confinio conſtitueban
Rer. Divif. tur , ubi trium vel quatuor poſſeſſionum terminatio conveniret : « unus
Lib. 11. 8.9. quiſque poffeffor donabat certum modum Sacro illi ex agro ſuo , o quan
Tit . I.
( c ) Agg. tum donaſſet Scripto faciebat , ut per diem Solemnitatis eorum privato
Urb . ibi . rum agri nullam moleſtiam inculcantis populi ſuſtinerent . Sed eo ſi quid
ſpatioſius cedebatur , Sacerdotibus Templi illius proficiebat . Lo ſteſſo
ſignifica il medeſimo Autore anche de'Boſchi , aflicurando di averneli
anche queſti oſſervati con frequenza in trifinio , & quadrifinio , cioè ,
come i Tempj , in mezzo di tre , oppur di quattro poſſeſſioni.
Soddisfatto nel miglior modo anche al punto de' luoghi pubblici , e
a quello inſieme de' luoghi ſacri e religioſi non ci rimane ora a
parlare ſe non delle terre appellate • relicta , ed infolutæ , le quali
comecchè ſian due voci fra ſe diſtinte affatto e diverſe non COIII
prendono nondimeno che un ſolo ſignificato , ſecondo che abbiamo da
Aggeno Urbico , e tanto l'una quanto l'altra vaglion lo ſteſſo che

( d ) Agg . terra ſterile e infeconda ( d ) : Dicuntur ego ea reli & ta loca , dice quellº
Urb. ibi . Autore parlando di terre occupate da ' fiumi , da innondazioni , e da

torrenti , quæ vis aquæ obtinuit : hæc loca & infoluta vocantur . Con
tuttociò Frontino par che traſporti il vocabolo di reli &to a ſignificare
( e ) Frontin. anche le terre fertili non per anco diſtribuite ( e ) : Relikta autem
de controv . loca ſunt , quæ ſive iniquitate locorum , live, arbitrio conditoris relicta
limites non acceperunt . In ogni modo però non eſſendo noi quì per
trat
ANTICA DEL FRIULI . 161

trattare ſe non di terre ſterili , ci atterremo al primo ſignificato ;


dichiarato già eſſendoſi quanto baſta il ſecondo , ſotto i nomi di rer
rė eſtracluſe , e ſubſecive . Importerà dunque molto il tapere quali
foſſero , e in che conſiſtefiero queſte terre ſterili , che relitte fi diſ
fero , ed infolute ; alla qual ricerca corriſpondono a meraviglia le
ſeguenti parole d' Aggeno Urbico( a ) : Hæc autem , dice egli , ſunt ( a ) Agg.
loca que inſoluta dicuntur , quæ aut in Saxoſis ſterilibus lo- Urb in Fron
tin. de Limia
cis funt > aut in paludibus ubi nulla potuit exerceri cultu
ra : quia dum non eſſet quod excoli potuiſſet , nullis neceffe fuit Li
mitum regulis obligari . A due clalli riduce queſt' Autor diligente
ne’ territori Colonici , ſotto il nome d'inſolute , le terre riputate ſte
rili e infeconde > cioè a que ' fondi di puro ſallo > е a quelle palu

di , ove la coltivazione in niun modo poteva aver luogo . Abbiam det


to fondi di puro Salto , così interpretando i luoghi Safoſi, e incapaci ,
come diconſi , ďogni coltura ; il che non ſi verifica ſe non in quc
fti tali fondi è nelle montagne tutte coperte di nudo e ſterile ma
cigno , nè ſi può in verun modo intendere d'altro fondo ſaſſofo , da'

Latini appellato glarea , e in volgar lingua ghiara , o ſia delle tcr


re ghiaroſe , che oltre gl' infiniti minuti falli , in ſe comprendon
ſempre anche la parte terrea o in poca , o in molta quantità , е

ricevono bene ſpeſſo dalla mano degli agricoltori una coltivazio


ne ottima , ed utiliſſima ; nė infra di eſſe trovaſi fondo , per ma
1

gro che ſia , tanto {terile , e tanto ingrato , che non poſſa dall'indu
ſtria degli uomini ridurſi a una qualche fertilità Quod folum , di
cea Cicerone di queſte tali terre ( b ) , tam exile & macrum eſt , quod ( b ) Cic . A
aratro perſtringi kon poſſit ? aut quod eſt tam afperum Saxetum , in quo grar. II . Cap .
agricolarum cultus non elaboret ? Per paludi poi , nelle quali niuna col- XXV.
tivazione può aver luogo , non poſſiamo intendere ſe non quelle , che
infeconde rendonli , putride , e peftilenti dalla ſoverchia acqua , che
le allaga , nè per la lor ſituazione v'è modo alcuno di ſcaricarle ; e
quelle ancora , dove l'acqua marina giunge a penetrare , e co' ſuoi
ſali troppo forti e copioſi , a introdurvi la ſterilità . Ecco adunquc
quali erano , e in che conſiſtevano , ſecondo che inſegna Aggeno Ur
bico , le terre riputate comunemente ſterili e incapaci di coltivazio
ne . Si riſtringevan elleno fosto il nome di relitte , negli alvei de'
fiumi e de' torrenti o altre innondazioni permanenti , ſe ve n'era
no , e ſotto quello d ' infolute nei fondi di puro ſaflo , e nelle palu
di , o falſe , o peſtilenti . Tutto il reſto ne' territori Colonici ſi ri
putava fertile e buono e vi ontrava ſenza oftacolo nelle miſure

Agrarie , e nella diſtribuzion delle terre .


X Non
162 R A F I A
DELLA GEOG

Non poſſiamo pertanto non ſentir con ammirazione a proporſi ,


quaſi terre inutili e diſperate , poſte affatto in dimenticanza al caſo
delle miſure e delle diſtribuzioni , non ſolo le paludi tutte in gene
rale , ma tutto ancora il prezioſo fondo de’boſchi , eziandio più fol
ti e ben ſituati . Delle paludi abbiam veduto , come non eran
tutte
fertili e buone ; ma de' boſchi non è così , che tutti fi ſtimaron fem
pre fondi ottimi > e di rara utilità ; e piaceſſe a Dio , che non ſi
foſicro ſvelti nelle età vicine , c fradičati miſeramente , e ſenza pro

poſito nella noſtra pianura , tanti boſchi , e tante ſelve utiliſſime


che non ſareſſimo al caſo di provar ſenza rimedio la penuria di
prodotto cotanto neceſario pei biſogni della vita . Furono in ſom
mo pregio in tutti i popoli , e particolarmente preſo i Romani ,
( a ) Georg. boſchi forniti d' alberi fruttiferi , de' quali diſſe Virgilio ( a ) :
Lib . II . v.
4 : 9.
Nec minus interea fætu nemus omne graveſcit ,
Sanguineiſque inculta rubent aviaria baccis .

Ma d'egual riputazione , e forſe anche maggiore , furon le ſelve ,


folte all'incontro ed occupate da legni fterili , e non feraci delle

( b ) ibid . v . quali cantò il medeſimo pouta ( 6 ) :


440
ipſe Caucaſio ſteriles in vertice ſilve
Quas animoſi Euri aſſidue frang untque feruntque,
Dant alios aliæ fætus : dant utile lignum
Navigiis pinos , domibus cedrumque cupreffosque .
Hinc radios trivere rotis , hinc tympana plauſtris
Agricola , & pandis ratibus poſuere carinas ,

Ai quali verſi molto opportunamente applicò Servio quel ſuo co


mento : Steriles autem ait filvas ', comparatione pomiferarum arborum .
Non è imperciò da ſtupirſi , ſe i Romani , colpiti intimamente
dai gran vantaggi , e dall ' evidente utilità de'boſchi , n'ebbero parti
colar cura , e ſe , come oſſervammo della famoſa Selva Scanzia e al
tri boſchi ſparſi per le Romane Solitudini , ne conſervarono una buo
na copia in pubblico , che cuſtodivaſi tuttavia con molta attenzione
ai tempi degli Auguſti Valentiniano , Valente , e Graziano , come ſi
ha da una loro legge promulgata l'anno 372. con cui fu levata la
( c ) Cod. facoltà a tutti quei della Corte ( c ) , Curialihus omnibus conducendo
neod . Lib .
rum Reipublicæ prædiorum & Saltuum . Donde altresì impariamo, che
X. Tit. 11 .
túnta cra la copia de' pubblici boſchi , che molti ſe ne potcan dare
in
ANTICA DEL FRIULI . 163

in appalto , oltre l' immenſa ſomma che doveva occorrere a quella


gran Monarchia pei pubblici biſogni degli Arſenali , degli attrecci
militari , delle fabbriche pubbliche , e di mill ' altre particolari deſti
nazioni , come per cagion d'eſempio era quella de' boſchi deſtinati
ai pubblici bagni , de quibus , dide Aggeno Urbico
lignorum ( a ) Agg.
( a ) ,
Urb. in Frone
copia in lavacra publica miniſtranda caduntur .
tin . de con
Se adunque i boſchi eran terreni fertili , e ſommamente utili e trov.
neceſſarj , tanto pei pubblici, che pei privati biſogni , non ſarebb'egli
un grande aſſurdo ſolamente il penſare , che dc ' medeſimi non ne
partecipaſſero anche le Colonie nella diſtribuzion delle terre ? Ma ab
biam già veduto coll'autorità di Frontino , che i boſchi ci entravan
beniſſimo nelle diſtribuzioni Coloniche , e che quel Colono , cujus

forte ſilva limitem detinet , per la cui ſelva per avventura paſſava il
limite ,era tenuto negli altri ſuoi fondi alla fervitù della ſtrada . E
ſappiamo ancora per teſtimonianza d'Aggeno Urbico , che alle Colo
nie ſi diſtribuivano occorrendo fin quelle felve , che ſituate erano ne'
monti più ſterili ed alpeſtri ( b ) : Nam , dice egli , ubi mons fuit ( b) Id. ibid .
proximus aſper , seu ſterilis , ſuper quo fundi conſtitui nequiverint :
filva tamen , cum effent glandiferæ , ne earum fructus perirent , diviſo
monte particulatim date ſunt proprietates quædam fundis in locis planis
& uberibus conftitutis , qui parvis finibus ſtringebantur . Vedete con
quanta economia procedevano i Romani nella materia de ’ boſchi , e
coinc non avean cuore di laſciar perire ſenza abbadarci neppur le
ghiande ? Se dunque generalmente tale era la natura de boſchi , e
tale la ſtima e l'uſo , che di lor ne fecero i Romani , con qual
fondamento mai può pretenderſi, che quelli del noſtro piano , tutti
certamente ſituati in fondi ottimi ed acceſlibili , non entraſſero in
conto , come parti utili e neceſlarie , colla reſtante pianura ?
Quel che ſi è detto de' boſchi, con egual ragione diremo anche
delle paludi , quando non ſian di quelle , ubi nulla potuit exerceri
cultura vale a dire , che non ſiano , o falſe , o peſtilenti e inpon

date a ſegno , che impoflibile rendaſi ogni riparo . Tali certamente


non eran quelle di Probo Imperadore , del quale narra Vopiſco , che
le ſeccò in gran parte ( c ) : Paludes plerafque ficcavit , atque in his ( c ) Vopiſe.
.
Sigetes agroſque conſtituit . Nè tali dobbiam credere le paludi , delle in Prob .
quali tratta la legge di Teodoſio e Valentiniano , e che la diligenza
de' proprietari avea ridotte a coltura ( d ) : Similiter , dicono quegli ( d ) Novell.
Auguſti , nec ea quidem , quæ paludibus antea , vel pafcuis videbantur Theodos.
aſcripta , fi fumptibus ac laboribus poffefforum nunc ad frugum fertili- T'if. IX .

tatem translata ſint , vel vendi , vel peti , vel quaſi fertilia ſeparatim
X 2 cenſe
164 DELLA GEOGRA
FIA

cenferi ; vel functiones exigi concedimus . Ne tali finalmente quelle ,


che allieme con altre terre fi diſtribuiron di fatto a que'Soldati , di
cui parla altra legge de' medeſimi Imperadori , inſerita nel Codice
(a ) leg. fin . Giuſtinianco ( a ) : Agros limitaneos cum paludibus , omnique jure , quos
Cod . de fund .
ex priſca diſpoſitione limitanei milites ab omni munere vacuos ipſi cu
limior .
rare pro ſuo compendio , atque arare, conſueverant , da ſi in preſenti com
luntur , ab his firmiter , ac fine ullo concuſſionis gravamine volumus de

tineri . Si ſeccavano adunque , ſi riſanavano , ſe facea biſogno , e cam


biavanſi in tanta buona e fertile campagna , e ſi aſſegnavano ezian
dio , ſenza turbamento alcuno delle leggi Agrarie , nello ſtato ed ef
fer ſuo naturale queſte tali paludi nella diſtribuzion delle terre . Nè
io crederò d'ingannarmi, ſe dirò che le paludi ſteſſe vicine ad Aqui
leja , che pure oggidi fi contano per peftilenti , entraſſero coll'altre
terre nell'aſſegnazione fatta a que' Coloni . La total loro vicinanza ,
l'ampio e regio Canale dell'Anfora tuttavia eſiſtente , che le attra
perſa tutte , e che fu eſcavato a dritta linea da quella Città ſino al
ſuo celebre porto : le moltiplici foſſe , per atteſtato di Vitruvio ivi
aperte a benefizio della Città ſteſſa , oltre le reliquie di fabbriche ,
i cementi , i marmi , le lapide , e tant' altri pezzi d'antichità vene
randa , che ſi fon diſotterrati , e tuttogiorno ſi diſotterrano verſo le

medeſime , ſono argomenti ben forti , e ben grandi , di non negarne


di eſſe il poſſeſſo agli Aquilejeſi. Saranno elleno ſtate peftilenti anche
allora , come in preſente ; ma le ſuddette foſſe Vitruviane , per teſti
monianza di quell'eſimio Scrittore , le reſer buone e falubri ; ciò che
nel momento ch ' io ſcrivo , per comando dell ' Auguſta Caſa d'Au
ftria , veggiamo dopo tanti ſecoli a tentarfi. un'altra volta .
Imperciò gran torto ſi vuol fare , non alle paludi ſolo d' Aquileja ,
ma all'altre tutte ancora , ſituate in queſto noſtro piano , meno pu
tride certamente , e inen morboſe , col dichiararle terreni inutili ,
terreni di ſua natura ſterili , infecondi , e di neſſun uſo . Io non in- .
tendo già di provare , ch ' elleno come tali faceffero il miracolo di
produr frutti , che ſerviſſero al vitto e al ſoſtentamento immediato
degli uomini , come delle paludi poſte a mezzodì dell'Egitto laſciò
ſcritto Agatarchide , pretendendo, che producefſer canne paluſtri , e
( b ), Aga- virgulti teneri di tal ſapore e nutrimento , che gli abitanti delle me
tarch . De
Mar. Rubr. deſime comunemente di un tal cibo fi nutricaſſero ( 6 ) ; oppure co
Lib . v. Cap . me degl'Ittiofagi nell'Etiopia diſſe il medeſimo Autore , narrando di
XII. ap . Phot. coſtoro , che dalle radici delle canne , cavate fuori dalle vicine palu
Cod. ccl . di facefler pane ,
ſaporitamente ſe lo mangiaſſero ( c ) , Ma dico
( c ) Id . ibid,
Cap. XXII . bene , che biſogna eſſere affatto foreſtieri , per non comprendere l'uti
lità
ANTICA DEL FRIULI : 165
33

lità immenſa che ne deriva dalle noſtre paludi , tanto per quel che ſia
la copia de' paſcoli , e il mantenimento degli animali , che pel raccolto
abbondantiſſimo dell' erbe paluſtri , tanto utili e neceſſarie per uſo delle
qa ſtalle , e pel buon impaſto de' concimi . E ſe di quando in quando
dall'induſtria degli uomini fi van le medeſime diſeccando , e ſcarican
do dalle acque , con grande ufura fogliono riſarcire i diſpendi e le
fatiche degli agricoltori , producendo in compenſo frutti d'ogni ge
21
nere , e raccolti abertofi a diſmiſura : tanta è la fertilità del fondo ,
in cui ſon ſituate . Nè reſiſte punto la lor ſituazione , tutta piana , e
dolcemente inclinata verſo la fpiaggia , a queſta qualità di operazioni ;
di che , ſenza ricorrere al troppo antico degli Aquilejeli , non ci man
cano eſempj moderni , e de' vicini tempi , e de' noftri , tutti di fom
mo utile , e della miglior riuſcita . Che ſe ficcome poſſon eſſe difen
derſi coll' induſtria dall'acqua ſtagnante , così foſſe il modo di ripa
rarle anche dalla marina , non avrebbe nelle medeſime il minimo
luogo la ſterilità . Ma il mare è troppo grande avverſario , perchè
forza umana giunga a refifterli con profitto . Non vi ſon nè argini,
nè ripari , s'egli s'altera e s'innalza , come accade di quando in
quando , che vagliano a trattenerlo . Laonde nella parte più baſſa ,
dov'egli s'inſinua frequentemente , non è da porſi in dubbio , che le
paludi non diventin falſe , e dell'indole deſcrittaci da Aggeno Urbi
co , ove niuna coltivazione può praticarſi . Nulladimeno , ſe ful pie
no di queſti tali fondi fi formin bene i calcoli , la faccenda viene a
riftringerſi in molto poco .

Queſte noſtre paludi tutte ſituate fra il Tagliamento e Monfalco


ne , colla ſcorta delle miſure ultimamente fatte da' méntovati pubbli
ci Ingegneri , fi è trovato che non eccedono i venticinque mila cam
pi noſtri comuni : picciol corpo in confronto della reſtante ampia
pianura . Che ſe così è , poco dallo ſteſſo , o nulla , in paragon del
la medeſima , potrà difalcarſi in conto di terreno fterile , e ſoggetto
all'acqua ſalſa , come chiunque è pratico di queſte noſtre ſpiagge ,
potrà dal fatto giudicare . E ſe noi ne caveremo fuori un quinto ,
forſe che farà quel più , che ragionevolmente può calcolarſi . Nondi
1
,

meno trattandoſi di materia , che ancor non è deciſa colla miſura ,

fia meglio abbondare , e ingannarſi piuttoſto nel più , che nel meno ,
e farne la fottrazione di una quarta parte , che in venticinque mi

la , ſono campi 6250. i quali nel genere delle paludi , vengono co


me fterili ed inutili in cotal modo a menarſi buoni , e a diminuir
l'avanzo da noi più volte allegato , é a ridurlo in campi 410392 .
Ma coteſto avanzo finalmente va tuttavia ſottopoſto a un altra die
minu
166 DELLA GEOGRAFIA

minuzione ' , la maggiore di tutte , per quanto credeſi , che è quella


che conſiſte negli alvei de ' fiumi e de' torrenti , fondi anche queſti di
ſua natura ozioſi , e incapaci di coltivazione ; delle quali incomode
e mal nate pofleffioni, ſembra veramente non poter metterſi in dub
bio , che il Friuli oltre modo non ne abbondi . L'eruditiſſimo Mon
ſignor del Torre , giudicando dal triſto e terribile loro aſpetto , ne
( a ) De Co.
lon. Forojul. fece anch'egli il gran calo , appellando queſte noſtre acque ( a),
pag. 339. fumina & torrentes , qui in latiſſimos alveos his regionibus expandun
tur . Ciò non oſtante però maggiore ſembrami l' apparenza dell'orri

do loro ceffo , che ſorprende, e inganna l'occhio de' paſſeggieri, di


quel che in fatto non trovaſi la ſoſtanza della lor vaſtità . Alcuni di

elli , ſe ſi prendono dalle loro fonti , non occupano certamente poco


ſpazio di terreno , non mai però tale , che meriti il confronto trop
po vaſto e ſproporzionato dei quattro quinti del noſtro piano . Ma
perchè in preſente noi non trattiamo , che della fola pianura , e del
quadrato , che la medeſima forma , entro i confini da noi ſtabiliti ,
non ci daremo nemmeno altra cura , che d'illuſtrare ſeparamente un
tal punto , e d'indagare quanta terra occupino tra i confini medeſimi
coteſte noſtre acque ; non comprendendo però nel calcolo , come non ſi
è fatto neppur nel quadrato , ſe non la metà dell'alveo del Taglia
mento , mentre l'altra metà ſi dee a quella parte del moderno Friu
li , che giacc tra detto fiume e la Livenza .
Prefi dunque in eſame i noſtri fiumi e torrenti fra i mentovati
limiti , e colla guida medeſima delle miſure diligentiſſime formate
da ſopraddetti Ingegneri , noi troviamo , che lo ſpazio occupato al
dì d'oggi dai loro alvei non comprende all'incirca più di campi
8850. Si è detto , al dì d'oggi , perchè l'eftenzion de ’ torrenti )
da che ne ſeguì ne ' vicini tempi il taglio , e la rovina de’ boſchi >
fi calcola comunemente , che fiaſi reſa molto maggiore di quel che

non fu negli antichi ſecoli . Ma pur laſciando da parte anche un


tal rifleſſo , benchè molto giuſto , ſupponiamo , che ai tempi che
Aquileja fu condotta Colonia > noftri fiumi e torrenti occupaſero
veramente a pieno il medeſimo ſpazio d'oggidì , nulladimeno facen
done di eſſo la ſottrazione dall'avanzo di campi 410392. poco fa
calcolato > ne reſterà ſempre la ſomma in campi 401542. di terra
buona e fruttifera , che nella diſtribuzione fatta alla Colonia Aquile
jeſe avanzò l'anno di Roma 572. in qualità di terra , Subſeciva
ed eftracluſa , e non aſſegnata , oltre le terre , che relitte appella

vanſi, ed inſolute , cioè campi 6250. di paludi fterili e falſe , e cam


pi 8890. di fonđi occupati dagli alvei de' fiumi e de' torrenti .
Ed
ANTICA DEL FRIULI : 167

Ed ecco , ſecondo che altrove ci ſiamo eſibiti , provato ad eviden


za e colle miſure alla mano , quanto poco ſpazio importaflero negli
antichi tempi , e importino tuttavia le terre fterili e infeconde del
noſtro piano , e poſto chiaramente in effere , che al caſo della ſpedi
zione della Colonia Aquilejeſe , avanzarono in detto piano , oltre le
fuddette fterili terre , e quanto di fruttifero fu diſtribuito a que
hy ‫ܕ‬

Coloni , poco meno di quattro quinti di terreno pubblico , fertile e


buono nella ſomma fuddetta di campi 401542. dove Drufo e Ti
berio ebber poi modo di tradur dai monti tanto numero di gioven
tù Carnica quanto a un dipreſſo baſtato avrebbe ai Romani per
quattro Colonie Aquilejeſi, trattate colla ſteſſa diſtribuzion generoſa ,
con cui fu diftinta quella Colonia , e di cui , di Lucca e Bologna in
fuori , la ſimile non s'incontra in tutta la Storia Romana . Con che
crediamo , per quanto può dedurſi dalla Storia antica , c dall'eſame
diligente delle vecchie memorie giuſtificata abbaſtanza la quantità
.
del terreno aſſegnato ai Carni nella pianura .

老老 免 杂 杂 杂 杂 杂 杂 杂杂 杂 杂 杂 杂 杂杂 杂 杂 杂杂 杂 杂 杂 杂 杂 杂杂 杂 杂 杂杂 杂 杂杂 杂 杂 杂 杂 杂 杂 杂 杂

CAPITOLO DECIMO TER Z O.

Della mutazione della Geografia di Veneti in Carni nella noſtra pianu


ra ) e chi ne fosse l'autore : del tempo in cui la medeſima ricuperò

ľantico ſuo nome ſotto il titolo di Venezia inferiore ; e quando ľ


Alpi Noriche incominciaſſero anch'eſſe ad appellarſi Carniche . Delle
falſe querele intentate contro l'autorità di Strabone in tal propoſi
21 to ; e della vera intelligenza da darſi a quel Sommo Geografo , e
della ſua difeſa .

He Ceſare Auguſto , ſotto gli auſpizi di cui Druſo e


Tiberio con tal preſtezza , e con tanta riputazione con
ſumarono la guerra Alpina contro quelle genti , e con
67

tro i popoli della Rezia e della Vindelicia lor confc


derati , annoveraſſe una tal impreſa fra le più grandi
ee menorabili cofe fue , abbondante teſtimonio ne fono , la famoſa

Iſcrizione , e l'inſigne Trofeo innalzatogli per tal motivo nel Conta


do di Nizza , la Colonia condotta ne' Vindelici , e dal ſuo nome
immortale appellata Auguſta , e l'altra iſtituita ne' Reti , e decorata
in memoria del valoroſo Druſo col nome di Drufomago . Ma ch'egli
ancora ſe ne compiaceſic particolarmente in queſt' incontro della de
preſlio
168 , DEI LA GEOGRAFIA

preſſione de' . Carni , ſembrami col maggior fondamento , e con tutta


la : ragionevolezza di poterlo aſerire , conciofliacofachè , ſebbene a
fronte delle due Colonie d ' Aquileja e Trieſte , prima d' allora già
eondotte in queſta noſtra Provincia , inutile riputaſſe quel Principe ,
e ſuperfluo il teſtificarlo , come fatto avea nella Rezia e nella Vin
delicia - coll ' impianto di una qualche nuova Città , pur nondimeno
ei trovò inodo di comprovarlo con una via la più nobile , e la più
decoroſa per ·la nazion Carnica , che mai poſſa dirſi ; imperocchè ,
tirata giù che fu dai monti per opera ſua una Colonia si numeroſa
di genti Carniche a popolare il noſtro piano , per nobilitare un tal
fatto e perpetuarlo nella memoria degli uomini , egli fu il primo
nella novella ſua Geografia' d'Italia , o ſia nella celebre diviſione del
la medeſima in undici Regioni , come offervaſi in Plinio , a ſeparar
con mano autorevole dalla rimanente antica Venezia la pianura me
deſima , e col nome proprio e particolare di Carni a regiſtrarla géo
graficamente nella Region Decima , includendo la ſteſſa Aquileja e
Trieſte , benchè Colonie antiche l’una e l'altra di Cittadini Romani , nel
territorio Carnico . Ciò che diede motivo a Strabone d'appellar fran
camente e ſenza riſerva Trieſte luogo Carnico , e di calcolare Aquile
ja come Città ſituata fuori della Venezia ; il che ſi adottò pofcia da
tutti gli altri Geografi antichi , da Strabone in poi fino a Tolommeo .
Quindi potrà apprenderſi con quanta ragione fienſi fatti i comenti
addoſſo a Strabone , come ſe quell’immortale Geografo , quando ap
pello Trieſte luogo Carnico , per puro e mero ozio fe l'aveſſe laſcia
to uſcir dalla penna , e condotto aveſie fuori di via tutti coloro , che
ſopra un tal punto all' autorità ſua , ſenza alcun dubbio graviſſima ,
ſi appoggiarono ( a ) . Auguſto , e non Strabone fu quello che do
( a ) Delle
Int. Rom. po aver coperto la mallima parte del noſtro piano di genti Carni
dell' Iſtr. che , ebbe anche la våghezza di perpetuarne la memoria , cambiando
pag . 35
con mano forte e ſovrana queſta noftra Geografia , abolendo dal Ta
gliamento in quà l'antico nome di Veneti , e ſoſtituendovi dal Ta
gliamento al Formione quello de' popoli Carni , che per fatto ſuo
quì ſi traduſſero e formarono d’indi in poi la maſſima parte della

noſtra popolazione . Da Auguſto appreſero Strabone e Mela queſta


novella Geografia , e di Plinio è il merito d'avercela conſervata in
tiera nella ſua Geografia d' Italia , dove ſi dichiara di non voler far
altro che un eſatta copia della medeſima , e di voler ſeguitar fedel
mente il metodo e l'autorità di lui ( b ) : Qua in re , dice egli , pre
( 1 ) Plin .
Lib.iii.Cap.v. fari neceſſarium eft , auctorem nos Divum Auguftum ſecuturos , deſcrip
tionemque ab eo factam Italiæ totius in Regiones xi . Non ſono adun
que
ANTICA DEL FRI U L I. 16.9

que le undici Regioni di Plinio , che un eſtratto , e una fedel copia


11
di quelle d'Auguſto ; e ſe nella Region Decima preſſo Plinio noi
troviamo i Carni ſituati nel noſtro piano , ed eſteſi chiaramente dal
le bocche del Tagliamento fino a quelle del Formione ( a ) , la novi- ( a ) Id . ibid.
Cap . XVIII.
tà certamente , nè da Plinio , nè da Strabone , o da Mela dipende ,
ma dalla Deſcrizione autorevoliflima d' Auguſto , da cui non ſolamente
Plinio , ma Mela ancora e Strabone la preſero .
Il Chiariſs. P. de Rubeis fu d'oppinione , che queſto noſtro pia
no >
benchè attribuito da Auguſto nella ſua Deſcrizion dell'Italia
particolarmente ai Carni , conſervaſſe nondimeno anche il general no
me di Veneti ( 6 ) . Ma a me fa paura l'univerſal conſenſo di
tutti ( b ) Diſſert.
Var. Erud.
i Geografi di quel tempo , che ſtanno contro , e regiſtrano i Carni , e
il noſtro piano , con piena e total ſeparazione dai Veneti . Sembra pada173. .
167
174
dallo ſteſſo fondarſi un tal parere ſopra l'antica lezione di Plinio ,

introdotta da Ermolao Barbaro , dove ſta ſcritto ( c ) : Sequitur deci- ( c ) Plin.


ma Regio Italie Hadriatico mari appoſita Venetia : cujus fluvius Silis , Barbecues

Óc. Col qual modo di dire verrebbe a farſi l'effetto , che l ' intiera Ven . 1497.
Region Decima > in cui fon deſcritti anche i Carni , foſſe general
mente compoſta dalla ſola Venezia . Ma poichè una sì fatta propofi
zione non regge alle prove , trovandoſi nella Region Decima di Pli
nio incluſi , oltre i Veneti, e i Carni , anche gl' Iſtri , che ſenza al

IL cun dubbio non furono mai compreſi nella Venezia , così credette il
Cellario ( d ) , e crediamo anche noi, doverſi quì aſcoltare l' Ardui- ( d ) Orb .
no il quale colla teſtimonianza di tutti gli Eſemplari ſcritti a ma- Ant. TomCa . I.
Lib . 11. p.
re
no , e delle Edizioni di Plinio uſcite fuori prima del Barbaro , Ix , Sect . v.
ftituì il teſto alla ſua vera lezione , e avvertì doverſi ſcrivere ( e ) : n . 680. pa
Sequitur decima Regio Italiæ , Adriatico mari appoſita : cujus Vene- 747.
tia , fluvius Silis , &c . di modo che la Venezia non debba altri- ( e ) Hard .
in Plin .
menti intenderſi l'intiero , ma una ſola parte componente allieme coi Ed. Parif.
Carni , e cogl' Iſtri la Region Decima . 1741 , Nota
Egli è vero però , come oſſervò lo ſteſſo Cellario ( f ) , che la 26. pag. 174 .
Deſcrizion Geografica d'Italia fatta da Auguſto , in ſoſtanza riuſcì più LXXV111. pag.
operoſa che utile , non avendo i poſteri , avvezzi a deſcriver l'Ita- 186 .
lia per popoli e per genti , potuto accoſtumarſi a ritener l'ordine ( f) Cellar.
ibi n. 687 .
delle undici Regioni . Ma pure ella ebbe forza di bandire in perpe
tuo la denominazion di Gallia dall'Italia Circompadana , e di reſti
tuirle il ſuo vero e antico nome d'Italia , e di preſervare ſtabilien
te al noſtro piano il nome e la Geografia di Carni , per lo meno
fino all'età di Tolommeo .; benchè ſolamente fino a quella d'Adriano
alcuni penſano , che ciò poſſa foftenerſi , il quale regnò dall' anno
Y 117
170 DELLA GEOGRAFIA

117. dell' Era volgare fino al 138. e di cui difíe Aurelio Vittore ;
( a ) Aur. che ( a ) Officia publica & palatina , necnon militiæ , in eam formam
Vidt. Epir. ſtatuit , quæ paucis per Conſtantinum immutatis hodie perfeverat . Sul
in Hadr.
fondamento delle quali parole , oppinion fu del Panvinio , a cui ten
( b ) Tom .Ir. ne dietro Emmanuel da Scheltrate ( b ) , che la nuova forma data
Antiquitatis agli Ufizi da Adriano foſſe poco o nulla differente da quella > che
Eccleſiæ .
ſtabilì poſcia Coſtantino , in maniera che fin da quel tempo le Pro
Diſſert. IV,
vincie incominciaffero fra le altre coſe a dividerſi in due , e
Cap. 1. n. 6.
la Rezia per cagion d ' eſempio , che la Venezia , il Norico , la Da
cia , l' Epiro , e altre Provincie principiaſſero ad appellarſi nel nume
ro del più , e per conſeguente , che abolito il nome di Carni , live
deſſe fin dallora reſtituito al noſtro piano quello di Veneti , non già
aſſolutamente come prima , ma ſotto il nome di Venezia baſſa , oin
feriore', come replicatamente nella Notizia dell' Imperio fi legge . In
provincia Venetia Inferiore Prafectus Claſſis Venetum Aquilejæ . Procu
( * ) al. Gy. rator Cynecii ( * ) Aquilejenſis Venetia Inferioris ; e queſto a differen
necæi . za della rimanente > che alta Venezia o Superiore da indi innanzi
anch'eſſa dovette appellarſi .

Nulladimeno non veggendoſi , come altrove abbiamo oſſervato , fre


quente uſo di nominar nel numero del più le provincie prima di
Capitolino e di Vopiſco , Scrittori dei tempi di Diocleziano e Co
ftantino ſembra quindi che non poca eccezione patir poſſa l'oppi

nion del Panvinio ; il perchè il Marcheſe Maffei ſoftenne all'incon


tro , e forſe con ragione , che un tal ſiſtema non debbaſi ad Adria
( c ) Ver. Ill. no , ma a Coſtantino attribuire ( c ) , e che la diviſion delle Provin
Part. 1, Lib. cie in prima e ſeconda al più polía appartenere a Diocleziano , fot
VI1.col.153.
$ 299. to di cui , ſecondo che atteſta Lattanzio > o chiunque ſiaſi l' Autore
( d De Mort. del Libro delle Morti de' Perſecutori ( d ) , Provincia quoque in fru
Perſecut. ſta conciſe , multi Præſides & plura Officia ſingulis regionibus , ac pe
Cap . VII .
ne jam civitatibus data . Quindi è che incliniamo a credere che
Aurclio Vittore , paragonando la regolazion d' Adriano , ed eguaglian
dola a un dipreſſo a quella di Coſtantino , intendeſſe di dire in rap
porto all'Italia , non già delle minute differenze , e della diviſion
della medeſima in diciaſſette Provincie , ſtabilita tanto dopo da Co
ſtantino , ma bensì della ſoſtanza di un tal ſiſtema , e di quel che
andò a ferire principalmente , e nel ſuo più delicato la polizia , e
la libertà ſteſſa Italica ; cioè a dire della creazion de quattro Confo
lari fatta da Adriano , col deſtinarli , ſecondo che riferiſce Sparziano,

( e ) Spart. Giudici in tutta Italia ( e ) : Quatuor Conſulares per omnem Italiam Ju


Hadr. dices conftituit .
Non
A NTICA DEL FRIUL I. 171

Non può negarſi , che una tal deſtinazione non ſia quella , che die
de il grave colpo alla libertà d'Italia , e non ne formi una prima
epoca , per averla Adriano tutta intiera aſſoggettata al giudizio di
quattro Confolari , o fieno Preſidi , e ridotta del pari colle altre gen
ti in forma di Provincia . Coteſta piaga aperta in ſeno all'Italia non
fi rimarginò mai più , e fu tenuta viva anche ſotto i fucceffori di
Adriano , che dieder luogo a un tal Magiſtrato , ora ſotto il nome
di Giuridici , ed or di Correttori . Ma i turbamenti grandi , celebri
-

nell' Iſtoria , che nacquero nell’Imperio da Comodo in poi , non per


miſero ad eſli di dar quel ſeíto autorevole e riſoluto al ſiſtema di
Adriano , che diede poi Coſtantino ; e potè egli più degli altri , do
po ſuperati tutti gli emoli , e ridotta ſenza oſtacoli in teſta ſua tut
ta quella vaſta Monarchia , badarci feriamente . Quindi Aurelio Vito
1

tore ben diſſe , che fotto di lui perſeverava ancora il ſiſtema d'A
driano , paucis immutatis ; perciocchè i cambiamenti , e le matazio
ni ſi fermaron tutte alla ſuperficie , e non andarono a battere fe
non fe il nome , e il numero de' Preſidi ; e all'incontro il piano ef
ſenziale delle Preſidenze Italiche , e la condizion di Provincia perſe
verarono ; e laddove Adriano a quattro Confolari , Coſtantino a due
Vicarj aſſoggettò l'Italia dividendola non più in quattro Preſiden
ze , ma in due Dioceſi , l'una delle quali intitolo di Roma , e l'al
tra d'Italia . L'eſſer , o il non eſſer ſoggetta a Preſivi, fu quel che
deciſe dello ſtato d'Italia nè l'andar ſottopoſta più a due che a
quattro , importò per eſſa differenza notabile , o diverſità di condi
zione . La minuta diviſion medefima in diciaſſette Provincie che vi

aggiunſe Coſtantino , dieci delle quali aſſegnò al Vicario di Roma ,


e fette a quel d ' Italia , non alterò lo ſtato Italico , fe non dal più
al meno , perchè da Adriano il gran colpo eraſi già fatto . E que
ſta , a mio giudizio , sì è l'intelligenza , queſto il vero ſenſo delle
ſopraccitate parole d'Aurelio Vittore , ſenza forzarle intempeſtiva
.

mente a ſignificar la diviſion delle Provincie in prima e feconda , e


la diſtribuzion dell' Italia in diciaſſette Provincie : regolamenti , che
con probabilità molto maggiore adattar ſi poſſono , e forſe anche ſi
debbono. ai tempi di Diocleziano , e Coſtantino .
Un tal ſiſtema però di governo , che avea per baſe i due Vicari ,
benchè alla regolazion d’Adriano non fia da riferirſi, pur nondimeno Theod.
(a ) cod.
Lib .
ſembrar potrebbe più antico di quella di Coſtantino , trovandoſi pri- vl. Leg. 1v .
ma della medeſima nominato il Vicario d'Italia in una ſua legge , Tit. De Prio:
diretta nel ſecondo Conſolato di Criſpo e Coſtantino Ceſari , cioè cor . qui in
l' anno di Criſto 321. a Giulio Vicario d'Italia ( a ) , in tempo che milit.
Y 2 la rée
'172 DELLA GEOGRAFIA

la regolazion di Coſtantino non credeſi promulgata ſe non circa l'an


( a ) Differt. no 328. ( a ) , fe pur anche ella non dee riferirſi all ' anno 331 .
Vár . Erud. cioè all'anno immediate dopo che fu celebrata la Dedicazione della
pag. 161 .
nuova Città di Coſtantinopoli, al qual anno ſe ne fa menzione ne
( b ) Annal. gli Annali d'Italia ( b ) . Ma coteſta legge , é un cotal Vicario può
Ital. Tom . II.Þen far pruova , che Coſtantino ſe ne valeſſe del ſuo ſiſtema , e lo
pag. 312 .
mandaſſe alla pratica parecchi anni prima di farne legalmente , e con
ſolennità la pubblicazione , ma non giunge in verun modo a far cre
dere , che i Vicari d'Italia , e una così fatta civil diſpoſizione pri
ma di Coſtantino fi accoftumafle .
E fino a quì ful punto della regolazion d' Adriano , e dell'intel
ligenza del paſſo d'Aurelio Vittore , abbiam creduto bene d'unifor

marci intieramente al ſentimento del Chiariſs . Signor Marcheſe Maf


fei , ma non ſappiamo poi come aderire al medeſimo , dove all'op
poſto ſi è dato a credere , contro il parere del Cardinal Noris , che
Adriano dividendo l'Italia in quattro , ed aſſegnando ad ogni quarta

parte un Conſolare , che la reggeſſe , niente , o poco innovaſſe intor


no all'Italica libertà . Antonino Pio fu uno di queſti quattro Con
ſolari , a riferto di Capitolino , che chiaramente ſcrive del medeſi
( c ) Capitol. mo come ( c ) ab Hadriano inter quatuor Conſulares , quibus Italia
Anton. Pio.committebatur , electus eſt ad eam partem regendam , in qua plurimum
poffidebat . Queſto , a parer mio , sì è un ſottopor l'Italia ai Preſidi,
e un ridurla in forma di Provincia con tal chiarezza , che niuna in
terpretazione che diaſi in contrario > e niun argomento negativo
che adducaſi , di mancanza di lapide e di memorie , potrà mai di
ſtruggere l' autorità poſitiva di Sparziano , e di Capitolino , che i
quattro Conſolari di Adriano , non per Giudici al Civile , o di mi
nor grado ce li rappreſentano , ma per Rettori aſſoluti , e ſenza al
cuna riſerva , quibus Italia committebatur , o ſia per Preſidi ad regen
dam Italiam .

Oppone quel chiaro Scrittore coll' autorità d' Appiano , che l'or
dine de' Conſolari non fu ſtabile provvedimento , e che dopo Adria
no li tralaſciò . Sopra di che convien riflettere , che Antonino Pio
ſuo ſucceſſore , ſecondo che atteſta Capitolino , fatto che fu Impera
dore , laſciò ognuno col ſuo , e tutti in poſſeſſo di quegli Ufizi', che
( a ) Capitol. amminiſtravano , ſenza dar loro ſucceſſore ( d ) : Fa &tus Imperator nul
ibi.
li eorum quos Hadrianus provexerat , Succeßorem dedit. Ogni ragion
vuole adunque , ch' egli non abbia dato ſucceſſore neppure ai Conſo
lari , e che un tal Ufizio duraſle anche ſotto di lui nelle perſone ,
che Adriano avea promoſſe a quel poſto . Morto Antonino Pio , cer
ta
ANTICA DEL FRIULI . 173

ta coſa è , che finì la denominazione de ' Confolari , ma non per


- queſto finì l'Ufizio , nè in altra maniera è da interpretarſi Appiano ,
che viveva dopo i Conſolari , e in tempo de' Giuridici ; perciocchè
Marc' Aurelio , che l' anno di Criſto 161. ad Antonino ſucceſſe , ten
ne falda la maſſima , e a imitazion d'Adriano provvide anch'egli all'
Italia colla creazion de Giuridici ( a ) : datis Juridicis Italiæ confu- ( a ) Id. M.
luit , ad id exemplum , quo Hadrianus Conſulares viros reddere jura Aurel.
præceperat . Nè giova il dire , che queſti Giuridici eran perſone di
minor riguardo de ' Confolari, e che aveano limitata giuriſdizione ,
per forma d'un argomento , a mio credere ſottile piuttoſto che no ,
tratto da unica Lapida , e da un certo Giuridico , che non ſi fa don
de , o qual fi foſſe (b ) . Capitolino aſſicura , che i Giuridici di ( b ) Grilt.
Marc Aurelio furono iſtituiti Preſidi in tutta Italia , ad id exemplum , pag . MX .
13 •
ful modello ſteſſo , che Adriano avea creato i Conſolari , e per con
ſeguente con pari figura , e colla medeſima autorità , di modo che
non è da confonderli con Ufizj , e con Giuridici di minor conto ,
fe ve ne furono .

Continua nondimeno quell ' illuſtre Letterató a batter la figura di


coteſti Giuridici , e dice , che come Ufizio di niun momento furono
verſo l'anno 217. aboliti fotto Macrino perchè volean prenderſi

maggior autorità della conferita loro da Marc' Aurelio . Ma il paſſo di

Dione , che adduceſi per' fondamento , contiene ben tutt'altro , e fece


già vedere il Chiariſs. Profeſſore Amburgheſe Erman Samuello Rei
maro contro il Caſaubono , il Reineſio , e il Gutero , nella fplen
dida e correttiſſima Edizion di Dione , che diede fuori , doverſi in
tendere affatto diverſamente ; e laddove , que' dotti uomini prefero

quelle parole; discucoóuoc ép xúc avto : Juridici aboleverunt , ſenza la


-

dovuta relazione alle precedenti : το τε διαδοσθαί τινα : morem di

ftribuendi quædam , e le fpiegarono in ſenſo medio : Juridici eſſe de


fierunt , dimoſtrò egli doverſi prender tutto all'oppoſto nel ſuo natu
rale attivo ſignificato di queſto verbo , nelopae , perchè il paflo
poſſa aver ſentimento , e ſpiegarſi come ſopra : Juridici aboleverunt .
nel modo che ſegue ( c ) : Kai patce TðTO Tó Ti dadoo.faé Tirol ( c ) Reim .
εν ταϊς των σρατηγέντων πανω θέαις , πλην των τη φλώρα τελε- η Dion.Lib .
οι την Ιταλίαν διοικώντες επαύσαντο , υπερ τα χαιΙ . Ελ.
μένων και δικαιονό μοι
--

veuso deima iš Mufus dind' Corteç : At poftea morem illum diſtribuen- Hamb. 1752 .
di quædam in ludis iftis majoribus , quos Prætores curant , exceptis qua pag. 1329 .
Flore fiunt , Juridici Italiam adminiſtrantes abcleverunt , præter ftatuta
A Marco jus dicentes .
Non furono dunque ſotto Macrino aboliti i Giuridici ammini
ſtran
174 DELLA GEOGRAFIA

ſtranti l'Italia , ma tutto all'oppoſto abolirono efli , eccedendo l'au


: torità di Magiſtrati Italici lor conferita da Marco Aurelio , e alzan
do tribunale nella Città di Roma , il coſtume di diſtribuir certe co
ſe al popolo ne ' giuochi maſſimi de' Pretori : ſegno evidente , che il
lor Magiſtrato era non ſolo in tutto il ſuo vigore , ma era giunto
eziandio all'autorità ſoverchia , e alla prepotenza , nè ſi ſa quando
coſaſſe di eſſere . Si fa bensì , che cinquanta tre anni dopo , cioè
verſo l'anno di Roma 270. in cui ſalì al trono Aureliano , in vece
de' Giuridici veggonfi i Correttori a comparire , ceſſando in cotal gui
fa il nome di Giuridici, ma non l'Ufizio . Il . Marcheſe Maffei , che
non vorrebbe a neſſun patto udir Preſidi in Italia prima di Coſtan
tino , e che ſcartò i Conſolari d'Adriano come Ufizio di poca du
rata , e i Giuridici di Marc' Aurelio qual Magiſtrato di baſſa lega ,
non ſi ſentì poi di negare ai Correttori una vera e autorevole Pre
ſidenza , ma fi riduſſe , non ſaprei con qual fondamento , a negar lo
ro l'ordinario Magiſtrato . L'unico , ch'egli adduce , sì è quello ,
che i Correttori , che ſi veggono nelle Lapide e negli Scrittori pri
ma di Coſtantino , di neſſuna delle diciaſſette Provincie èran Preſidi,
ma ſopra tutta Italia , o ſopra una gran parte di efla era caduta
l'iſpezion loro .
Ma ciò può ben confermare , che l'Italia innanzi a Coſtantino
non era ancor diviſa e ſquarciata in diciaſſette Provincie , ma niente
affatto mette in eſſere , perchè la medeſima in quel torno abbia a
crederſi non ſoggetta agli ordinari Preſidi , e perchè i Correttori
dell' età ſuperiore a quel Monarca per Magiſtrati puramente acciden
tali e ſtraordinari abbiano a conſiderarſi . Per Ufizio ſtraordinario
non ſi è già oſato dall’iſteſſo Maffei di pretendere quello de'Conſo
lari d'Adriano ; e pur eglino non eran più di quattro . Qual nu

mero foſſe preſcritto ai Giuridici e Correttori dell'Italia , le poche


memorie che reſtano di queſti tempi , non ne fan parola ; ma è da

tenerſi per certo , che una tal incombenza non fu mai appoggiata a
un ſolo . De'Giuridici , l'eſpreſlion di Capitolino ſoprallegata non ci
la ſcia nemmen dubbio : e de' Correttori, non è da farſi caſo , perchè
Diocleziano e Maſlimiano per cagion d'eſempio , a un certo Numi
( a ) Lib. vii. dio ſcriſſero aſſolutamente ( a ) : Numidio Correctori Italia ; imperoc
Tit . XXXV .
chè anche Trebellio Pollione nella Vita di Tetrico , diſſe di Aure
Leg. 3. Cod .
Quibus non liano che avea fatto coſtui Correctorem totius Italia , in tempo che
obiicit Loc. dal medeſimo ſuo conteſto fi ricava , che ciò dee intenderfi ſolamen
te di parte , come ſi dirà ; ed è ben da dolerſi , che di niun al
tra diſtribuzion di territorio fra Conſolari , o . Giuridici , e Cor
retto
ANTICA DEL FRIULI. 175

rettori di queſti tempi , faci rimaſto un così chiaro e nobile re


giſtro .
Nella ſcarſezza e rarità delle notizie , che ſi oſſerva fra i tempi
si d' Aureliano e Coſtantino , non è tanto poco il numero de' Correttori
Italici , perciocchè in ſoli anni trentaſei , che ſi frappongono fra l'u- .
no e l'altro Governo , parecchi ſe ne traſpirano , per confeffione
dello ſteſſo Maffei , come ſarebbe a dire Tetrico , Poſtumio Tiziano
Elio Dionigi , Onorato , Numidio , Voluſiano , e nella Venezia Giu
liano , e forſe anche Anolino ; il che baſtar dovrebbe per far vede
re , eſſer troppo un tal numero , perchè ſi credano Ufizj ſtraordina
rj , che non ſi ſpediſcono ſe non di rado , E pure ſi vorrebbe in
così breve ſpazio di tempo , che tutti queſti , oltre tant' altri , de'
quali ſe n'è ſmarrita forſe la traccia , ficonſideraſſero per Magiſtra
ti accidentali , e che di efli non ſe ne faceſſe conto , ſe non come
Ufizj inſoliti e ſtraordinarj, ſpediti non a reggere , ma a correggere
ſemplicemente gli abuſi dell'Italia , deducendo ciò maffimamente dall'in
telligenza , che diedero gli Scrittori de' buoni tempi alle voci di cor
reggere , e di correttore 2 che per emendare , e per emendatore le
preſero
Ma fino a tanto che viverà l'eſpreſlione d'Aurelio Vittore , là do
ve dice , che Aureliano ( a ) Tetricum , qui Imperator ab exercitu in ( a ) Vid. in
Galliis effectus fuerat , Cerrectorem Lucaniæ provexit , afpergens homi- Aurelian .
nem eleganti joco , ſublimius habendum regere aliquam Italiæ partem ,
LA
quam trans Alpes regnare , non mi perſuaderò mai , che i Corretto
tempo che per Ret
ri di queſti tempi foſſero ſemplici Emendatori , in
NA
tori , e Correggenti , e dirò così , Conrettori , e Preſidi ordinari , le
memorie antiche ce li preſentano . Fra le due figure d' Aureliano e
Tetrico paſsò queſta differenza che Aureliano come Imperadore in
Italia regnava , e Tetrico come Correttore , una parte ne reggeva , e
non emendava , per forma del medeſimo paradoſſo , che,
correggeva , o
come fuol
l'aſtuto Imperadore fi laſciò uſcir di bocca , indorando
dirſi , la pillola a Tetrico , già fuo competitore al trono , cioè , che
più ſublime poſto era il reggere alcuna parte d'Italia , che il regna
re di là dall' Alpi . Anche Trebellio Pollione , come ho detto , ſcriſ
( 5 ) Treb.
ſe di Tetrico , che Aureliano lo fece Correttore di tutta Italia ( b ) : Poll. in Terr .
Correctorem totius Italiæ , ideft Campania , Samnii , Lucania , Brutio- Senior.
rum , Apulia , Calabria , Hetruriæ , atque Umbria , Piceni > do Flami

niæ , omniſque annonaria regionis . Dal che chiaro ſcorgeſi, che il ti


tolo di Correttor d'Italia , ed eziandio di tutta Italia , non importa
va il governo di tutte ; ma di parte folamente delle regioni Itali
che ;
076 DELLA GEOGRAFIA

che ; è oſſervabil coſa è il veder tanto prima adombrata in certo mo


do l'idea della Dioceſi di Roma , ſtabilita poſcia nell'univerſal Gifte
ma di Coſtantino ! Ecco adunque ciò che furono i Correttori innanzi
a Coſtantino ; eſli furono veri Preſidi , e Rettori ordinarj , e non Cor
rettori , o ſemplici Emendatori , ſpediti ſtraordinariamente ; e tali fi
conſervarono anche dopo di lui , incontrandoſi non di rado nelle età
più baſlie fra i Preſidi della Venezia , e nel medeſimo poſto a vicen
da ora i Correttori ed ora i Confolari , il che è credibile , come
( a ) Ver. Ill. pur ſi confeſſa dallo ſteſſo Maffei ( a ) , dipendeſe affai dalle condizio
ivi Lib. viii. ni del soggetto , che andava in governo ·
Fol. 177. .
Nella Lettera del Romano Senato ſcritta alla Città di Cartagine
che ci conſervò Vopiſco nella Vita di Floriano , fratello di Tacito ,
i quali ad Aureliano amendue ſucceſſero nel 275. C 276. ſi fa gran
de allegrezza , perchè nell'elezione di Tacito ritornato era in mano

a quell'alto Confeſſo il diritto di crear gli Auguſti , e perchè omnis


provocatio Præfe &ti Urbis erit , quæ a Proconſulibus , & ab aliis ordi
nariis Judicibus emerſerit . In quo quidem etiam veſtram in antiquum
Statum rediiſſe credimus dignitatem . Così in altra ſcritta a Treve
ri fi dà notizia qualmente creandi Principes judicium ad Sena

tum rediit , fimul etiam Præfe &turæ Urbana appellatio univerſa decreta
eſt . Dello ſteſſo tenore dice Vopiſco che fu ſcritto Antiochenſibus ,

Aquilejenfibus , Mediolanenſibus , Alexandrinis , Theſſalonicenſibus , Corin


thiis , & Athenienſibus. Imperciò non ſo come poſſa rivocarſi in dub
bio , che in Italia fin d'allora , cioè trent'anni prima di Coſtantino
i Tribunali , che noi chiamiamo di prima iſtanza , non ſi trovaſſe
ro , e che non ſolo in Cartagine , in Treveri , in Antiochia , Alef
ſandria , Teſſalonica , Corinto , ed Atene , ma in Milano ancora > ed

in Aquileja , cioè a dire in Italia , non vi foſſero Proconſoli ; o altri


Giudici ordinarį , dalle ſentenze de' quali ſi dà conto non ſenza il ſuo
motivo a tutte queſte Città che ripigliato eraſi l'antico ufo d'in
terpor l’appellazione innanzi al Prefetto Urbano ,
E pure il Marcheſe Maffei non ceſſa d'inſiſtere e di dire , che
tanto è lontano , che l'Italia prima di Coſtantino e fin dai tempi
( bj Ver . III. d' Adriano paſſaſſe allo ſtato , e alla condizion di Provincia ( b ) , che
ivi Lib . Var Sparziano nella Vita di lui replicatamente diſtingue l'Italia dalle Pro
col. 155
vincie , narrando in un luogo , che Adriano aurum coronarium Italiæ
remiſit , in Provinciis minuit ; e nell'altro , che quell ' Auguſto nell'
abolire i debiti , che tanti aveano col Fiſco una regola tenne in
Urbe atque Italia , e un altra in Provinciis ; e aggiungendo in con
ferma l'autorità di Capitolino nella Vita d'Antonino Pio , dove dice
anch
ANTICA DEL FRIULI . 177

anch'egli ; che quell ' Imperadorė aurum coronarium , quod adoptio


nis fue cauſa oblatum fuerat , Italicis totum , medium Provincialibus
reddidit . Al che aggiungeremo noi candidamente un nuovo atteſtato
di Capitolino medeſimo nella vita di Maſſimo e Balbino , dove nell '
Epiſtola gratulatoria a que' due Auguſti , ſcritta da Claudio Giuliano
Conſole foſtituto dell'anno 238. leggonſi fra le altre le ſeguenti pa
role : Gratulatus Italia , quam cum maxima ab hoftibus vaſtatione de
fendiftis : gratulatus Provinciis ', quod inexplebili avaritia Tirannorum
laceratas ad ſpem Salutis reduxiſtis . Ma tutte queſte autorità , fe ben
fi conſiderano , che effetto mai fanno , ſe non quello di far vedere
che l'Italia anche dopo aſſoggettata ai Preſidi , continuò nondimeno
---

a calcolarſi di un grado aſſai più nobile ed elevato delle altre Pro


wincie , e come fede e centro dell'Imperio a riportar dagli Auguſti
meritamente la ſua diſtinzione ? Sparziano e Capitolino , che uſarono
c

fra l'Italia e le Provincie una tal differenza , non ſon forfe que'
medeſimi, che all'incontro aſſicurano , che l'Italia tutta fu da Adria
no aſſoggettata ai quattro Conſolari ? Il perchè non è da farſi alcun
fondamento , fe Lattanzio , Scrittor de' tempi di Coſtantino , diſſe an
ch'egli di Maſlimiano collega di Diocleziano , che tenea l' Italia ſe
de dell'Imperio ( a ) : ipfam Imperii Sedem tenebat Italiam ; e che ( a ) De Mort.

ricchiſſime Provincie gli eran ſoggette : Subjacebantque opulentiſſima Perfec


VIII . . Cap.
Provincie .

Quel che fi dice di un certo Bulla capo de'Ladroni , il quale fot


to Settimio Severo , verſo gli anni di Criſto 204. e 205. poſe alla
volta di Brindiſi ſeicent' uomini full' armi, e depredò per due anni
continui malamente l'Italia , in faccia a tante milizie e allo ſteſſo
Imperadore ; per lo che Severo ſtaccar dovette in fin della ſcena da
Roma ſteſſa un Tribuno della ſua guardia con gran numero di Ca
19 valleria , e con ordine eſpreſo di prenderlo vivo , il che con aſtuzia
e con ſtratagemma al Tribuno venne anche fatto fortunatamente di
porre ad effetto ; quel che ſi dice , replico , che ſe ci foſſero ſtati Pre
fidi, il reprimer coſtui di eſſi era ufizio e cura , non corriſponde a
quanto Dione innapreſo narra di Bulla , e come a fronte di molti
3. ige

che lo perſeguitavano , era di tanta ſveltezza ſagacità ,


che ( b ) (b ) Dio Lib .
LXXYI.Cap.x .
ότι έωράτο δρώμενος , είτε ευρίσκετο ευρισκόμενος , έτε κατελάμβανε
to enconópevoz : viſus licet non videbatur , non inveniebatur inventus ,
f,-
7F
1

deprehenfus non capiebatur . Imperciò non baſtò diligenza nè di Pre


ſidi , nè di altri per attrapparlo ; e Severo medeſimo con un ordine
de ' più rifoluti , devce i tractadvisas : gravia quædam minitans ,
appoggiar dovette a un Tribuno della ſua guardia , cioè a dire ad
Z uno
A
FI
LA G RA
178 DEL G EO

uno de ' più confidenti un negozio di tanta moleſtia . Nè che a Pré


ſidi foſſe ſtato raccomandato prima un tal affare può metterſi in dub
bio , perciocchè per addietro eſſendo ſtati preſi, e carcerati , e prof
fimi anche ad eſſer eſpoſti alle fiere due di que' maſnadieri , Bulla ,
al dir dello Storico , per liberarli ſi trasfigurò in maniera di dare
ad intendere al Carceriere , ch'egli era il Preſide di quella contra
da : πλασάμενος ως της πατρίδος άρχων : (imulans fe εfe regionis
Præfidems e con un tale ſtratagemma glie li cavò di mano , ciò che
a lui non ſarebbe certamente riuſcito , ſe in Italia , come pretende
fi, Preſidi per anco non vi foſſero ſtati , e fe in quella tal Provin
cia , ov'eran quc ' Ladroni , la figura , e l'autorità di un Preſide >

piena d'alto diritto , e ben fornita d'ergaſtoli , e di ſoldati , è di


ſatelliti , attualmente non vi ſi foſſe ritrovata .
Il ſoggiunger poi , che l ' avere il Senato l' anno 238. come atte
(a ) Capitol ſta Capitolino , eletti venti Conſolari ( a ) , ut divideret his Italicas
Senior. regiones contra Maximinum pro Gordianis tuendas , baſti a far ( b )
( b ) Ver. Ill . chiaramente conoſcere , come in tutta Italia Preſide non era alcuno , a
ivi.col. 156. me ſembra aſſerirſi ſenza il menomo fondamento ; imperciocchè cote
ſto Magiſtrato di venti ſenza gran fatica ognun può conoſcere , che
fu ſtraordinario , e ſemplicemente militare , e deſtinato per quel tal
incontro ad tuendas Italicas regiones , e non ad regendas ; il che Ca
pitolino , nella Vita di Gordiano il giovine , dichiara ancora meglio
col dire , che il Senato un tal numero di ſoggetti non a guardar l'

Italia particolarmente , ma l'univerſal Repubblica , avea ſcelto : ad


( c ) Liv .Lib. Rempublicam tuendam delegerat . Laonde queſta clezion così fatta può
Salluft.Catil. raſſomigliarſi piuttoſto a un di quegli ſtraordinarj Magiſtrati , che ne'
Cap.xxx . caſi eſtremi della Repubblica veggonfi a vicenda nella Storia Romana
Veget. de re affidati dal Senato , ora ai due Conſoli , ora a un ſolo ( c ) , e talos
Mil. Lib. 111 .
ra ai Conſoli , Tribuni della Plebe , e Proconſoli inſieme ( d ) , e tal
Cap. 1 .
( d ) C & fi volta ancora al Magiſtrato dell'Interregno , ai Tribuni , e a un Vi
Bell. Gall. ceconfolo ( e ) , colla clauſola : Viderent ne quid Reſpublica detrimen

Lib . 1. Cap. ti caperet . L'autorità de'quali era sì grande e ſterminata > che du
v. VII.
Cic. pro Deiot. rante il loro Ufizio tutti gli altri Magiſtrati tanto in Roma che
don Famil.Lib. fuori , benchè tuttavia fufliſteſſero , perdevano in certo modo la loro
xvi . Ep . x.
attività , e la Repubblica tutta era talmente pofta nelle ſue mani
( e )
ped. in Cic . che dal lor Tribunale non davaſı appellazione nemmeno in Roma
Milonian . come oſſerva l'eruditiffimo Dujacio ( f ) : Senatusconſulto in hanc for
! f). Jo. Dou- mam fačto , Conſulibus tota Reſpublica committebatur > ita ut ab iis
jacius in
Nos. cd Liv. provocatio non eſſet , etiam intra Urbem . Niente dunque queſti tali
loc. cit. Magiſtrati pregiudicavano all ' eficre delle ſolite Magiſtrature , tanto
Urba
ANTICA DEL FRIULI : 179

Urbane ; che Provinciali , nè può dirſi per tal motivo , che gli Sta
ti , dove s'innoltravano , fofſer mancanti dell'ordinarie Preſidenze .
si va nondimeno per ultimo predicando , che ( a ) nell' iſteſsa ve- ( a ) Ver. III.
nuta di Coſtantino , il quale preſe Suſa a forza d'armi , fu accolto in ivi .
Milano , attraversò con eſercito tutta l'Italia Circompadana , e venne
ad aſſediar Verona , non era poſſibile , che rimaneſſero ignoti affatto , ed
innominati i Preſidi dell' Abpi Cozie , della Liguria , della Venezia .
Ma chiunque fa , che della venuta in Italia di Coſtantino il Grande
i regiſtri Storici ſono affatto mancanti , e che non ci reſta altra me
moria di Scrittori contemporanei , che quella dei due Panegirici la
fciatici , l'uno da Nazario e l'altro da Scrittore Anonimo > dai
che non
quali a gran fatica ſi fon potute riunire le poche notizie
iſtoricamente , ma in via ſemplice dimoftrativa > e con mano molto
parca , per quello che riſguarda la Storia , d'un ingreſſo così ftrepi
toſo ci fon pervenute , non ne farà gran caſo del ſilenzio iſtorico , e
di queſti così fatti argomenti negativi . Anzi eſaminando diligente
mente l' Anonimo Panegiriſta , che l'anno 313. cioè l'anno ſubito
1 dopo l'ingreſſo di Coſtantino , alla preſenza del medeſimo recitò l'O
razion ſua in Treveri , troverà ch'egli , benchè non eſca fuor del
proprio iſtituto , e di niun Preſide in Italia faccia menzione , pur

nondimeno cafcar ſi laſcia dalla penna la condizion di Provincia dell '


Italia Tranſpadana innanzi a queſti tali tempi , là dove dice , che
fuperato da Coſtantino il Piemonte , e fattone l'ingreſſo come in trion
fo nella Città di Milano , non Tranſpadana Provincia videbatur rece
pta , fed Roma .

Egualmente adunque a noi ſembra , per le ragioni finquì allega


te , che s'ingannaſſe il Chiariſs. Signor Marcheſe Maffei dall' un can
--

to , nell'opinare contro il Panvinio , che ſotto Adriano l'Italia non


veniſſe fuſtanzialmente a perdere la ſua libertà , e non incominciaſſe
fin dallora a ſoggiacere agli ordinarj ſuoi Preſidi , di quel che cre
diamo dall'altro , che lo ſteſſo Panvinio , e dietro a lui lo Scheltra
te , e qualch' altro elimio Scrittore del noſtro ſecolo ( b ) , andaſſero Giann.
(6 ) Pierr.
Stor .
errati nel confondere , contro quel che penſa fondatamente il Maffei , Nap. Lib . 1 .
una regolazione con l'altra , e nell'attribuire ad Adriano l'univerſal Cap. v . Lib .

fiſtema dell'Imperio , che introduſe poi Coſtantino , e particolarmen- 11. Cap. 1 .


te quello dell' Italia , e la diviſion minuta della medefima in diciar

ſette Provincie ; ftante maſſimamente che di queſte tali coſe , innanzi


a Coſtantino , alto ſilenzio s'incontra , nè ricordanza alcuna o monu
mento ritrovaſi in tutta l'Antichità fino ai tempi dell ' Autore della
Notizia dell' Imperio , che ſcriſſe circa l ' anno di Criſto 426. Con
1

che
2 3.
180 DELLA GEOGRAFIA

che confermaſi ſempre più , che tanto la diviſione in due della Ve


nezia , quanto quella di tant'altre Provincie dell'Imperio a i tempi
di Coſtantino abbia a differirſi , e che in conſeguenza la Geografia
noſtra e denominazione di Carni non ſiaſi cambiata in Veneti prima
di queſti tali tempi .
Ma pur nondimeno mi ſi può tuttavia replicare , che la diviſione
delle Provincie in due introdotta da Diocleziano , e adottata poi
folennemente da Coſtantino , non fu altrimenti in ſuperiore e inferio
re , ma in prima e ſeconda , noto eſſendo a tutti , che la diſtinzione
in ſuperiore e inferiore fu molto più antica , e ſapendoſi molto be
( a ) Tacit. ne , che fin dai tempi d' Auguko la Germania Ciſrenana ( a ) e l'
Lio. 11!,Cap. Illirico ( b ) : da quelli d’Adriano é di Svetonio la Meſia ( c ) : e
Cap. IxxIII. così la Pannonia fin dall'età di Tolommeo ( d ) , e la gran Bretta
Dio Lib . lin . gna di Settimio Severo ( e ) , in ſuperiore e inferiore ſi diſcuopron
Cap. x11.
diviſe ; il perchè la Venezia veggendoſi anch'eſſa diſtinta in fuperio
( b ) Infcr.
Grut. pag . re e inferiore , e non in prima e ſeconda , queſta diviſion così fatta
cccxcvi.n. 1. ſembra piuttoſto ad età più rimota , e non a quella di Coſtantino
( c ) Stet.
Vitel.Cap.xv . appartenere Al che ſi riſponde , che il coſtume di ſeparar le Pro
Infer. Grut. vincie in fuperiore e inferiore , ſuperando di aſſai non ſolo l ' età di
p . ccccxciu . Coſtantino , ma quella ancora d'Adriano , niente può concludere nel
n. 1 .
la preſente controverſia , nè può fare altra prova , ſe non che , oltre
( d ) Prol.
la nuova diviſion delle Provincie in prima e feconda , qualche luogo
!

Geogr. Lib.
11. Cap. xv , ebbe nella regolazion di Coſtantino anche l'uſo antico di dividerle
XVI.
in ſuperiore e inferiore ; e il trovarſi per appunto diviſe in tal mo
( e) Herodian.
Lib. III. Cap. do la Germania di quà dal Reno , l'Illirico , la Meſia , la Panno
VII . nia e la gran Brettagna fin dai tempi ſopraccitati , e la Venezia
ſolamente dopo la diſpoſizion di Coſtantino , forma argomento ben
grande , che la diviſione della Venezia in due , all'età di Coſtantino ,

e non a quella d'Adriano debba attribuirſi . Comunque nondimeno ciò


ſiaſi , quel che abbiam di poſitivo sì è , che il nome e la Geografia
Carnica introdotta da Auguſto nel noſtro piano , può con certezza

aſſerirſi , che non fu abolita prima dei tempi d'Adriano , e durò


forſe ancora fino a quelli di Coſtantino .
Egli è dunque tempo mal impiegato l'andarſi a perdere ne ' vaſti
campi dell'immaginazione , e il predicar contro il fatto , e contro
( f ) Delle il conſenſo , e l'autorità di tutto il mondo , che ( f ) eretta Aqui
Ant. Rom.
leja in Colonia > ed afcritto per suo Territorio tutto il piano dal Ta
dell' Iſtr. pag .
35 . gliam ento al Timavo 8 alle Colline , non ſi ſa che Carni l'abbiano
occupato mai nè che sopra il Territorio Aquilejeſe ſi ſiano poſtati .
Gran yoglia ha d'ingannarſi chi non cura diſtinguere il Territorio
d'una
ANTICA 181
À DEL FRIU L I.

d ' una Colonia dai fondi Colonici ad eſſa diſtribuiti . Noi ſiamo in

timamente perſuaſi , che il Territorio ſegnato allorchè Aquileja fu


eretta in Colonia foſſe tale qual ſi pretende ; ma dall'altro canto

fiam ficuri , che agli Aquilejefi non fu diſtribuito , nè conſegnato in


proprietà , ſe non che un quinto o poco più di un tal Territorio ,
e che gli altri quattro quinti reſtarono in pien dominio de' Roma
.

ni , quo poſtea fi vellent , novos Colonos adfcribere poffent , giuſto la


più volte allegata regola Liviana . Il che ſi verificò per appunto fot
1 to Auguſto , che viintroduſſe i Carni , che gli occuparono , e in un
‫܀‬

tal Territorio vi ſi poſtarono . Inutile ancora è l' eſagerare , che gli


Aquilejeſi Coloni de ' Romani , donati del Gius Latino non potevano mai
‫ܫܘ‬

trasformarſi in Carni , e che chi queſto diceſje , di Romana Storia ſa


rebbe molto digiuno ; perciocchè aſſai più digiuno a me ſembra chi
non è giunto , o non ſi è curato di giungere a ſapere , che Aquile
ja fu , come furono d' ordinario tutte l'altre Colonie Romane no

mé Colonico e Municipale , e non di Gente , o di Nazione , e che la


Colonia Aquilejeſe fin da principio fu condotta nella Venezia , e nel
la Venezia ſempre vi ſi mantenne , fino a tanto che Auguſto tirò
giù dai monti i Carni ad occupar tutto il piano Veneto di quà del
Tagliamento , toltine i foli fondi Colonici degli Aquilejeſi ; e che
ſul fondamento di queſta gran novità ſtabilì poi nella ſua celebre
Deſcrizion dell'Italia , che coteſto piano non più Veneto fi diceſſe',
ina Carnico . Tutta la novità adunque andò a finire fra il nome non
già di Aquilejefi , ma fra quello di Veneti e di Carni , di modo
che gli Aquilejeſi e la loro Colonia , per tal motivo niun cambia
mento patirono , e niuna trasformazione , ma reſtarono quegli Aqui
lejeſi ftelli di prima ; e il Territorio ſolamente , in cui tradotti fu
rono riſentì la mutazione , e cambiò il nome antichiſſimo di Vi
1
ESHTE

neti in quello di Carni .


Particolar rifleſſione nondimeno merita quì l'oſſervare che i po

poli Carni , condotti giù dai monti per opera d'Auguſto , non co
prirono ſolamente il piano Veneto fra il Tagliamento e il Timavo
ma ſi fteſero ancora a tutto il Trieſtino dalle foci del Timayo fino
a quelle del Formione occupando in tal guiſa tutto il terreno fut
topoſto all'Alpi , che tra il Formione e il Tagliamento s'innalzano ,
come di ſopra coll'autorità di Plinio abbiam dimoſtrato . Il che può
fervire d'indizio manifeſto , contro quel che Strabone par che inten
deſſe nel pallo altrove da noi poſto in diſamina , che Carni erano
anche i popoli dell' Alpi poſte ſopra Trieſte , e che l ' Alpi Carniche
comprendevano fin dallora anche il Monte Ocra , o ſia quella porzio
ne
เย็น DELLA GEOGRAFIA

ne d' Alpi , che ſovraſtava al Trieſtino , è che divide Trieſte anche


oggigiorno dalla Carniola ; e che tanto l' Alpi del piano Veneto
quanto quelle del Trieſtino fomminiſtrarono di mano in mano le
genti Carniche , che lungo le medeſime tirate giù ſi veggono in quell'
incontro nel terreno ſottopoſto . E d'una tal conghiettura tanto più
ce ne facciamo argomento , quanto che l' Antichità ci palefa Città
Carnica ben vetuſta , non altrove ragionevolmente poſta che al Mon
te Ocra , perchè fornita del medeſimo nome , e di cui Plinio chiara
mente atteſta che apparteneva ai Carni , e ch'ai ſuoi tempi era già
(a ) Plin . Lib. diſtrutta ( a ) : Periere Venetis Atina , Celina : Carnis Segeſte ,
III. Cap. xix. Ocra . Quindi non .fia meraviglia , fe circa un ſecolo dopo l ' età ſude
detta , e i tempi Auguſtei , noi veggiamo ſotto Antonino Pio tutta
via ſuſſiſtere i Carni nell'Alpi del Trieſtino , come col fondamento
d'antica Lapida Gruteriana all'ottavo Capitolo ſi è fatto vedere .
Ma un punto ancora dell'antica Geografia di queſte noſtre mon
tagne ſembra che reſti a dichiararſi , ed è quello di ſapere > qual
fortuna correſſero nella de preſſion generale delle Alpi gli abitanti
dell ' Alpi Noriche , o ſia quel ramo di Norici , che Strabone aſſicura ,
d'un tal tumulto occupavano
nell'occaſione d'un
che ai tempi ſuoi , ee nell'occaſione
ancora in confin de'Carni alla fronte dell'Alpi , e verſo Aquileja
quella porzion di montagne , che ſtendeſi dalle fonti della Piave

del Dravo , a quello del Savo e del Nadifone . Strabone certamente


che aflicura un tal fatto che ſcriveva in quel torno , in quelle

ſteſle montagne , o ſia ſotto il monte Alpio , poco dopo non ci met
te più Norici , ma i Carni in vece loro ci fa comparire , come può
raccoglierſi da quanto fu eſpoſto , ove trattammo di coteſte Alpi .
Dal che potrebbe forſe dedurſi ſenza offendere la verità , che ai tem
pi di Strabone , è nella general depreſſione delle ġenti Alpine ſi cam
biaſſe anche queſta fecna e che coteſta Colonia di genti Noriche
forzata foffe a levarſi inticramente dai noſtri monti > e a ritornarfe
ne probabilmente colà di dove anticamente ſe n'era uſcita , cioè

nel Norico di là dall' Alpis e che Auguſto , che ful nome di Carni
Gcrcava fama , fuppliſſe anche alla popolazione dell'Alpi Noriche con
tanta gente Carnica ,, qu anta ,, co
quanta me dice
come dice Di one ,
Dione incolendæ regio
ni Sufficeret , & ad rebellandum non ſatis virium haberet .
da que
che da
Comunque però ſiaſi un tal fatto , egli è coſa certa , che
fti tempi in poi nell'Alpi Noriche i Norici non fi udirono più , e
che i Carni in vece loro , o tempo o tardi vi s'introduſſero > e vi

fi mantennero poi ſempre , conſervandoſi anche al dì d'oggi nell ' Al


pi Noriche fra il Tagliamento e la Fella l'antica Nazione , è il vec
chio
ANTICA DEL FRIULI : 183

chio nome di Carni : Non giunſero l' Alpi Carniche ; fteſe · antica
mente , come ſi diſſe dalle fonti del Nadifone e del Savo a quelle

del Formione e del Nauporto , a conſeguir tanto , benchè con più di


ragione il doveſſero ; perciocchè uſciti fuori nel ſecol quinto di Cri
ſto dalla Sarmazia i barbari e feroci Venedi o come poſcia ſi dif
ſero gli slavi , a innondar nella Germania il paeſe de' Vandali ( a ) , ( a ) Marti
e nel ſecolo ſuſſeguente a por picde nella Moſcovia , Lituania , Polo- nier ad Cluv.
Intr. Geogr.
2

nia , Ruſſia minore , Podolia , Caſſubia , Moldavia , Valacchia Bul


Lib . ill . C.VI.
Luſazia , e finalmente
‫ܐ‬ garia , Servia , Ungheria , Boemia , Moravia ,
nell ' Illirico ancora , e nella Dalmazia e Pannonia ( b ) , mettendo ( b ) Cluv .

tutto in iſcompiglio e in deſolazione , e occupando un immenſo ſpa- Germ . Ani .


zio di terra dal Tanai e dal Volga in quà ſino ai lidi noſtri dell' Lib . 111.Cap.
Adriatico ( c ) , giunſero ad invadere anche l ' Alpi Carniche , e cac- (c ) Reiskius
16 ciatine i Carni , antichi e naturali abitatori di coteſti monti , vi ſi ad Cluv.Intr.
poftarono , e colla ſua lingua Slavica , e co’barbari ſuoi coſtumi fi Geogr. Lib.
iv. Cap. 111.
, conſervano tuttavia dopo tanti ſecoli fino all'età noſtra cambiato

avendo l'antico nome d' Alpi Carniche , in quello di Schiavonia .


E quì dovrebbe aver fine queſto Capitolo , e inſieme ancora la
preſente Geografica eſercitazione > ſe le querele , che da taluno veg
gonſi poſte a campo contro l'autorità di Strabone , e contro alcuni
ſuoi paſſi da noi recati per fondamento nel decorſo della preſente
Opera , non ci obbligaſſero a paſſar più oltre , e dintorno ai medeli
mi , e alla difeſa di queſto ſommo e incomparabil Geografo , a trat
tenerci ancora un poco . Dicemmo già · nel primo Capitolo , che fra

I le molte autorità allegate , concorreva anche quella di Strabone a far


conoſcere , che il noſtro piano era Veneto , e coſtituiva una porzio
ne dell'antica Venezia . Nell'undecimo all'incontro ofſervammo per
teſtimonianza del medeſimo , che lo ſteſſo piano conſideravaſi fuori
i
della Venezia ; ciò che ſerve ſecondo alcuni , a pregiudicar molto al
credito e al decoro di sì grave Scrittore , e a convincerlo d'incoſtanza
e contraddicimento . E pure tutto all'oppoſto è da conchiuderſi CO
1
me a ſuo tempo ſe n'è già data una qualche riprova , conciſliacoſa
I
chè il Geografo lungi dal contraddirſi , e dall'eſſer diverſo da ſe me
deſimo , ne laſciò anzi un chiaro e poſſente argomento della ſua di
si
ligenza , e della ſua eſattezza , col tramandare in cotal modo ai po
ſteri il regiſtro dell'una e l'altra Geografia di coteſto piano tanto
cioè dell'antica , o ſia Veneta , che della moderna e dominante a i

ſuoi giorni , o vogliam dire Carnica . Si ſon già addotti que' palli ,
dove Strabone fa Veneto il noſtro piano , e quelli ancora , dove lo
fa Carnico nè quì perderemo inutilmente il tempo a ripeterli ; e

aggiun
&