Sei sulla pagina 1di 16

Istituzioni di Economia Politica

Roberto Bonfatti

Il sistema monetario
Introduzione

Un obiettivo chiave della macroeconomia è di capire le fluttuazioni


del PIL di breve periodo.

Prima di occuparci di ciò, dobbiamo però studiare un importante


aspetto delle economie moderne: il fatto che lo scambio avvenga
attraverso l’uso della moneta.

Ragione per cui ciò è importante: come vedremo, la quantità di


moneta in circolazione può influenzare l’andamento dell’economia
nel breve periodo.
Contenuto della lezione

Introduzione.

Che cos’è la moneta, e che funzioni svolge?

L’offerta di moneta.

Le banche centrali e l’offerta di moneta.


Che cos’è la moneta, e che funzioni svolge?

Moneta: forme di ricchezza che vengono regolarmente accettate


dai venditori in cambio di beni e servizi.

Evoluzione della moneta nella storia:


1 Baratto (assenza di moneta).
2 Gold standard.
3 Moneta fiat.
4 Moneta virtuale (e.g. Bitcoin)?

Moneta deve avere valore stabile, quindi passaggio da gold


standard a moneta fiat (o virtuale) possibile quando Stato (o
internet) crea convenzione e promette di mantenere la scarsità.
Che cos’è la moneta, e che funzioni svolge?

Concentriamoci d’ora in poi sulla moneta fiat (d’ora in poi,


semplicemente “moneta”). Come misurare la sua quantità totale
nell’economia?

Sono moneta, in senso stretto,


il circolante (monete e banconote), e i
depositi bancari a vista;
ma altri strumenti finanziari possono anche loro essere considerati
moneta, in senso lato.

La figura illustra lo stock di moneta (definita in modo più o meno


stringente) nella zona Euro.
Che cos’è la moneta, e che funzioni svolge?
Che cos’è la moneta, e che funzioni svolge?

Mezzo di scambio: molto più efficiente del baratto!

Unità di conto.

Riserva di valore: insieme alle riserve non monetarie,


rappresenta la ricchezza.
L’offerta di moneta

Concentriamoci ora su M1 (circolante e altri depositi a vista).


Cosa determina la sua dimensione?

L’ammontare del circolante è determinato dalla banca centrale


che lo produce, ma cosa determina la quantità di depositi a vista?

Ruolo delle banche nella formazione dell’offerta di moneta.


L’offerta di moneta

Banche: prendono a prestito circolante (depositi), e dopo averne


accantonato una parte (riserve) prestano il restante alle imprese
(prestiti).

Nella maggior parte dei paesi, lo Stato fissa l’ammontare minimo


delle riserve. Idea: assicurarsi che le banche siano capaci di
rimborsare i depositi.

Nota bene: una banca non è mai in grado di rimborsare tutti i


depositi! Per questo una corsa agli sportelli può far fallire anche
una banca perfettamente sana.
L’offerta di moneta

Esempio: 100 Euro di circolante, banche tenute ad accantonare a


riserva il 10% dei depositi.

Se tutti i 100 Euro vengano depositati nella Banca 1, questa mette


10 Euro a riserva, e presta 90 Euro.

Se tutti i 90 Euro vengono depositati nella Banca 2, questa mette


9 Euro a riserva, e presta 81 Euro.
L’offerta di moneta

Se tutti gli 81 Euro vengono depositati nella Banca 3, questa


mette 8,10 Euro a riserva, e presta 72,90.

Se continuate a seguire il denaro finché non è tutto accantonato a


riserva, e sommate il valore dei depositi cosı̀ generati
(100+90+81+...) troverete che il valore finale è di 1000 Euro.

100 Euro di circolante affidato al sistema bancario hanno creato


depositi per 1000 Euro!
L’offerta di moneta

Moltiplicatore monetario: si calcola come R1 , dove R è la porzione


di depositi che le banche sono tenute a mettere a riserva.
Nel nostro esempio, il moltiplicatore è 1/0.1 = 10.

Per ogni Euro di circolante che rimane nel settore bancario nella
forma di riserve, il sistema bancario crea R1 Euro di depositi.
Nel nostro esempio, 100 Euro di circolante creano 1000 Euro di depositi.

Quindi l’offerta di una moneta di un’economia è pari al circolare


che rimane in mano al pubblico, più il circolare tenuto a riserva
delle banche moltiplicato per R1 .
Le banche centrali e l’offerta di moneta

L’offerta di moneta è fissata dalla banche centrali. L’azione di


fissare l’offerta di moneta è chiamata politica monetaria.

Due principi dell’economia dicono che:


“I prezzi aumentano quando lo Stato stampa troppa moneta.”;
“Nel breve periodo la società si confronta con un trade-off tra
inflazione e disoccupazione”.

Il potere della banca centrale sta quindi nel poter scegliere un


punto nel trade-off tra inflazione e disoccupazione.
Le banche centrali e l’offerta di moneta
La maggior parte delle banche centrali sono indipendenti dai
governi, ma hanno mandati specificati per legge.
BCE: stabilità dei prezzi (come interpretata dalla BCE stessa).
Banca d’Inghilterra: stabilità dei prezzi (come stabilita dal governo
Inglese).
Federal Reserve: stabilità dei prezzi e massimizzazione dell’occupazione.

Strumenti attraverso cui le banche determinano la domanda di


moneta:
Operazioni di mercato aperto/Quantitative Easing.
Tasso di rifinanziamento sul mercato monetario.
Variazioni delle riserve obbligatorie.

Cose che la banca centrale non controlla:


Percentuale di circolante che è versato in depositi.
Percentuale di depositi che sono accantonati a riserve (quando in eccesso
del limite minimo).
Le banche centrali e l’offerta di moneta

BCE: istituita quando i suoi paesi membri hanno adottato l’Euro


(1 giugno 1998). Insieme alle 19 banche centrali dei paesi dell’area
Euro costituisce l’Eurosistema.

Governata da un Comitato esecutivo (Presidente,


Vice-Presidente, e 4 tecnici) e da un Consiglio direttivo
(Comitato esecutivo + governatori delle banche centrali
nazionali).
Membri del Comitato esecutivo: nominati dai governi per almeno 8 anni.
Governatori della banche centrali nazionali: nominati dai governi per
almeno 5 anni.

Obiettivo: mantenere l’inflazione a un livello inferiore, ma


prossimo al 2% nel medio termine.
Conclusioni

La quantità di moneta in circolazione può influenzare l’andamento


dell’economia nel breve periodo.

Tale quantità, nella sua accezione più ristretta, consiste in monete,


banconote e depositi bancari a vista.

La Banca Centrale controlla la quantità di moneta in autonomia


dal governo, ma secondo un mandato che riceve per legge. Fa ciò
iniettando/ritirando moneta nel/dal sistema finanziario, attraverso
una ricca gamma di strumenti.