Sei sulla pagina 1di 3

m_pi.AOODRFVG.REGISTRO UFFICIALE.U.0004850.

03-06-2020

Ministero dell’Istruzione
Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia – Direzione Generale
34123 TRIESTE - via Santi Martiri, 3 - tel. 040/4194111 – codice IPA NV8DB0 - C.F. 80016740328
e-mail: direzione-friuliveneziagiulia@istruzione.it – PEC: drfr@postacert.istruzione.it; sito web: http://www.scuola.fvg.it/
Il Direttore Generale

(vedasi protocollo in alto) Trieste, 3 giugno 2020

A tutti i Dirigenti a tempo indeterminato delle Pubbliche


i
Amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, del D.L.vo 165/2001 ( *)
non soggetti al vincolo quinquennale di cui all’articolo 35, comma 5
bis, del D.lgs. n. 165/2001

AVVISO PUBBLICO

È indetta una procedura per il conferimento, ai sensi dell’articolo 19, comma 5 bis, del Decreto
Legislativo del 30.03.2001, n. 165 e s.m., a un Dirigente a tempo indeterminato delle
Pubbliche Amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, del D.L.vo 165/2001, dell’incarico dirigenziale
non generale a tempo determinato sul seguente posto dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia
Giulia:
 n. 1 posto di funzioni tecnico ispettive a tempo determinato per le finalità stabilite
dall’art. 1, comma 94, della Legge 13.07.2015, n. 107 (ii**) con sede in via Santi Martiri,
Trieste.
Con D.M. prot. n. 3 del 14.05.2020, registrato alla Corte dei Conti in data 22.05.2020 al n. 1352,
pubblicato sul sito istituzionale del Ministero in data 26.05.2020, è stato ripartito il contingente di n. 59
incarichi dirigenziali a tempo determinato con funzioni tecnico ispettive, conferibili per le finalità stabilite
dall’articolo 1, comma 94, della legge 13.07.2015, n. 107, rifinanziati dall’art. 2, comma 4, del D.L.
126/2019, convertito con Legge 159/2019. Ai sensi del citato D.M., sono stati assegnati all’Ufficio
Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia n. 2 incarichi, da conferire ai sensi dei commi 5bis o 6
dell’art. 19 D.L.vo 165/2001, previo svolgimento di procedura comparativa, per la durata indicata dall’art.
2 del medesimo D.M.. L’incarico avrà durata fino al 31.12.2020, salvo proroga qualora successive
disposizioni normative lo consentano. La presente procedura di selezione è indetta esclusivamente per il
posto di cui all’art. 1, lettera a), del DDG prot. AOODRFVG 4832 del 3.06.2020, adottato in attuazione
dell’art. 13 del D.M. n. 809 dell’8.10.2015.
Il trattamento economico (posizione retributiva D di cui al DCD n. 11 del 6.03.2015) è il seguente:
stipendio tabellare: € 45.260,77; retribuzione di posizione parte fissa: € 12.565,11; retribuzione di
posizione parte variabile: € 804,39, oltre alla retribuzione annuale di risultato (a titolo meramente
indicativo, è stata da ultimo attribuita, nel caso di valutazione massima, quella di € 21.621,00).
La valutazione delle candidature è rimessa a un’apposita Commissione, sulla base dell’esame dei curricula
pervenuti. La selezione sarà svolta tenendo conto dei criteri di cui all’art. 19, comma 1, del D.L.vo
165/2001. In particolare i criteri, deducibili dal curriculum vita (cv) saranno:

 possesso di un’eventuale seconda laurea specialistica (D.M. 509/1999) o magistrale (D.M.


270/2004) o conseguita secondo l’ordinamento antecedente la riforma di cui al D.M. 509/1999
(devono essere indicati nel cv data di conseguimento del titolo e l’ateneo; per i titoli rilasciati da
università dell’UE devono essere autocertificati gli estremi del provvedimento di equiparazione);
 eventuali dottorati di ricerca e/o master universitari di secondo livello (devono essere indicati nel
cv data di conseguimento del titolo e l’ateneo);
 superamento/idoneità conseguiti in esito a concorsi pubblici per l’insegnamento (devono essere
indicati nel cv gli estremi del bando e la data della graduatoria);
 superamento di concorsi pubblici per l’accesso alla dirigenza scolastica (devono essere indicati nel
cv gli estremi del bando e la data della graduatoria);
 eventuale superamento di procedure di selezione indette da INVALSI per esperti nella valutazione
esterna delle scuole (devono essere indicati nel cv gli estremi del bando e la data della
graduatoria);
 eventuale incarico conferito da un USR di componente di Staff/Nuclei regionali di supporto alla
valutazione delle scuole (devono essere indicati nel cv gli estremi dell’incarico);
 eventuale incarico di coordinatore/componente di nuclei di valutazione dei Dirigenti scolastici
(devono essere indicati nel cv l’USR e gli aa.ss. di svolgimento delle funzioni);
 eventuale incarico di coordinatore/componente di nuclei di valutazione esterna delle scuole
(devono essere indicati nel cv gli estremi dell’incarico e gli aa.ss. di svolgimento dell’incarico);
1
Ministero dell’Istruzione
Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia – Direzione Generale
34123 TRIESTE - via Santi Martiri, 3 - tel. 040/4194111 – codice IPA NV8DB0 - C.F. 80016740328
e-mail: direzione-friuliveneziagiulia@istruzione.it – PEC: drfr@postacert.istruzione.it; sito web: http://www.scuola.fvg.it/
Il Direttore Generale

 eventuale incarico di referente regionale per il sistema di valutazione dei Dirigenti scolastici in
collaborazione con il Coordinatore dei Dirigenti tecnici (devono essere indicati nel cv gli estremi
dell’incarico);
 eventuali incarichi di Presidente/Componente di Commissioni giudicatrici di concorsi pubblici
(devono essere indicati nel cv gli estremi dell’incarico);
 eventuali incarichi di Presidente/Componente di Commissioni valutatrici di esami per l’abilitazione
all’insegnamento (devono essere indicati nel cv gli estremi dell’incarico);
 eventuali utilizzazioni presso un USR per lo svolgimento dei compiti connessi con l’attuazione
dell’autonomia scolastica ai sensi della Legge n. 448/1998 (devono essere indicati nel cv l’USR e
gli aa.ss. di utilizzazione);
 eventuali incarichi di giudice onorario o di consulente tecnico d’ufficio presso la sezione dei
minorenni di Tribunali/Corti d’appello (devono essere indicati nel cv gli estremi dell’incarico);
 eventuali incarichi di collaborazione con Dirigenti tecnici nell’espletamento di incarichi ispettivi
(devono essere indicati nel cv gli estremi dell’incarico);
 eventuali incarichi di Referente del “Progetto Vales” o analoghi progetti di sperimentazione della
valutazione delle scuole, anteriori al 2014 (devono essere indicati nel cv gli estremi degli
incarichi);
 svolgimento di incarichi di docenza in corsi di formazione di almeno 6 ore destinati al personale
scolastico (specificando gli estremi dell’incarico, le date, il numero di ore e il titolo del corso);
 reggenze di Uffici o Scuole privi di Dirigente titolare (devono essere indicati nel cv gli estremi
degli incarichi);
 l’ultima valutazione della performance individuale che ha dato luogo al pagamento della
retribuzione di risultato (specificare nel cv la valutazione conseguita e l’anno).

Gli interessati potranno partecipare alla procedura compilando l’allegato modello di DOMANDA
(allegato 1), sottoscrivendolo con firma digitale e trasmettendolo

entro le ore 23,59 del 10 giugno 2020


esclusivamente tramite casella di posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo di
posta elettronica certificata: drfr@postacert.istruzione.it. Ogni candidatura pervenuta con modalità
e termini diversi da quelli sopra indicati, sarà considerata inammissibile.
Alla domanda gli interessati dovranno allegare: 1) il curriculum vitae aggiornato, attestante
l’ultima valutazione che ha dato luogo al pagamento della retribuzione di risultato e il possesso dei titoli
ed esperienze corrispondenti ai criteri di cui sopra, sottoscritto con firma digitale; 2) la fotocopia di un
documento di riconoscimento in corso di validità.
Farà fede la data di spedizione rilevabile dalla PEC. L’USR Friuli Venezia Giulia non assume alcuna
responsabilità per la mancata ricezione delle domande derivante da eventuali disguidi o ritardi imputabili
a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore.
Si rammenta che l’eventuale selezione non costituisce garanzia di conferimento dell’incarico, essendo lo
stesso subordinato all’eventuale risoluzione dell’attuale incarico o al nulla osta dell’Amministrazione di
appartenenza e al buon esito delle procedure di cui al suddetto art. 19, comma 5 bis (aspettativa non
retribuita o collocamento fuori ruolo, comando o analogo provvedimento secondo i rispettivi ordinamenti),
nonché del controllo preventivo da parte della competente Sezione di controllo della Corte dei Conti per il
Friuli Venezia Giulia. L’eventuale nulla osta dovrà essere rilasciato dall’Amministrazione di appartenenza
non oltre dieci giorni dalla comunicazione dell’individuazione per il conferimento dell’incarico.
(allegato 1 : modello di domanda)
IL DIRETTORE GENERALE
Daniela Beltrame
Firmato digitalmente da BELTRAME
DANIELA
C=IT
O=MINISTERO ISTRUZIONE
i
UNIVERSITA' E RICERCA
(*) Art. 1, comma 2, del D.L.vo 165/2001 e s.m.: <<2. Per amministrazioni pubbliche si intendono tutte le amministrazioni dello
Stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende ed amministrazioni dello
Stato ad ordinamento autonomo, le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane e loro consorzi e associazioni, le istituzioni
universitarie, gli Istituti autonomi case popolari, le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni, tutti gli
enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale l'Agenzia

2
Ministero dell’Istruzione
Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia – Direzione Generale
34123 TRIESTE - via Santi Martiri, 3 - tel. 040/4194111 – codice IPA NV8DB0 - C.F. 80016740328
e-mail: direzione-friuliveneziagiulia@istruzione.it – PEC: drfr@postacert.istruzione.it; sito web: http://www.scuola.fvg.it/
Il Direttore Generale

per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN) e le Agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n.
300>>.

ii
(**) Art. 1, c. 94, legge 107/2015: <<Al fine di garantire le indispensabili azioni di supporto alle scuole impegnate per l'attuazione
della presente legge e in relazione all'indifferibile esigenza di assicurare la valutazione dei dirigenti scolastici e la realizzazione del
sistema nazionale di valutazione previsto dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 2013, n. 80, per il
triennio 2016-2018 possono essere attribuiti incarichi temporanei di livello dirigenziale non generale di durata non superiore a tre anni
per le funzioni ispettive. Tali incarichi possono essere conferiti, nell'ambito della dotazione organica dei dirigenti tecnici del Ministero
dell'istruzione, dell'università e della ricerca, ai sensi dell'articolo 19, commi 5-bis e 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e
successive modificazioni, anche in deroga, per il periodo di durata di detti incarichi, alle percentuali ivi previste per i dirigenti di seconda
fascia. (……) Gli incarichi per le funzioni ispettive di cui ai periodi precedenti sono conferiti in base alla procedura pubblica di cui
all'articolo 19, comma 1-bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, mediante valutazione
comparativa dei curricula e previo avviso pubblico, da pubblicare nel sito del Ministero dell'istruzione, che renda conoscibili il numero
dei posti e la loro ripartizione tra amministrazione centrale e uffici scolastici regionali, nonché i criteri di scelta da adottare per la
valutazione comparativa.>>

Informativa sul trattamento dei dati personali (Art. 13 del Regolamento UE 679/2016)

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in qualità di Titolare del trattamento, desidera, con la presente informativa,
fornire agli interessati a partecipare al presente avviso le informazioni circa il trattamento dei dati personali che li riguardano.
Titolare del trattamento dei dati
Titolare del trattamento dei dati è il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca - Dipartimento per il Sistema educativo di
Istruzione e Formazione, viale Trastevere, 76/a, 00153 ROMA. Il Soggetto che esercita le funzioni del Titolare è il Direttore generale
dell’USR per il Friuli Venezia Giulia, pec: drfr@postacert.istruzione.it, al quale gli interessati si potranno rivolgere per esercitare i loro
diritti.
Responsabile della protezione dei dati
Il Responsabile per la protezione dei dati personali del Ministero dell’istruzione è stato individuato con D.M. 282 del 16 aprile 2018 nella
Dott.ssa Antonietta D'Amato - Dirigente presso il Gabinetto del Ministro. Email: rpd@istruzione.it .
Finalità del trattamento e base giuridica
Il trattamento dei dati richiesti nella manifestazione di disponibilità al conferimento dell’incarico è connesso al corretto espletamento
della presente procedura comparativa.
La base giuridica del trattamento dei dati personali è rappresentata dall’esercizio di pubblici poteri di cui è investito il titolare del
trattamento, secondo quanto previsto dall’articolo 6, comma 1, lettera e) del Regolamento (UE) 2016/679. Le norme di legge di
riferimento sono contenute nell’art. 19 “incarichi di funzioni dirigenziali” del Decreto Legislativo 30.03.2001 n. 165 e ss.mm. e ii.,
recante “norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche”.
Obbligo di conferimento dei dati
I dati conferiti dai soggetti partecipanti alla selezione hanno natura obbligatoria per il conseguimento delle finalità di cui sopra; il loro
mancato, parziale o inesatto conferimento comporta l’impossibilità di partecipare e di dare corso alla presente procedura.
Destinatari del trattamento
I dati trattati non costituiranno oggetto di diffusione e potranno essere comunicati o resi accessibili, esclusivamente per le finalità
illustrate, legate allo svolgimento di procedura comparativa nei casi e alle condizioni previste dalla Legge.
Tali dati personali, una volta acquisiti dall’interessato unicamente per il conseguimento delle finalità indicate, possono essere trattati
dalle seguenti categorie di soggetti:
• dipendenti dell’USR FVG e del Ministero dell’istruzione autorizzati al trattamento dei dati personali;
• soggetti a cui la comunicazione dei dati debba essere effettuata in adempimento di un obbligo previsto dalla legge, da un regolamento
o dalla normativa comunitaria.
Trasferimento di dati personali verso paesi terzi o organizzazioni internazionali
I dati trattati non saranno oggetto di trasferimento verso paesi o organizzazioni internazionali.
Periodo di conservazione dei dati personali
Al fine di garantire un trattamento corretto e trasparente i dati sono conservati per un periodo di tempo non superiore a que llo
necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati conformemente a quanto previsto dagli obblighi di
Legge.
Diritti degli interessati
Il Regolamento (UE) 2016/679 attribuisce ai soggetti interessati i seguenti diritti:
a) diritto di accesso (art. 15 del Regolamento (UE) 2016/679), ovvero di ottenere in particolare la conferma dell’esistenza dei dati
personali, l’indicazione dell’origine e delle categorie di dati personali, della finalità e della modalità del loro trattamento, la logica
applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici, gli estremi identificativi del Titolare del trattamento dei
dati personali, del Responsabile del trattamento dei dati personali e dei soggetti o categorie di soggetti ai quali i dati sono stati o
possono essere comunicati, il periodo di conservazione, la rettifica, la cancellazione o la limitazione del trattamento dei dati personali, il
diritto di opporsi al loro trattamento, il diritto di proporre un reclamo all’Autorità garante per la protezione dei dati personali;
b) diritto di rettifica (art. 16 del Regolamento (UE) 2016/679);
c) diritto alla cancellazione (art. 17 del Regolamento (UE) 2016/679);
d) diritto di limitazione di trattamento (art. 18 del Regolamento (UE) 2016/679);
e) diritto alla portabilità dei dati (art. 20 del Regolamento (UE) 2016/679);
f) diritto di opposizione (art. 21 del Regolamento (UE) 2016/679);
g) diritto di non essere sottoposti a una decisione basata unicamente sul trattamento automatizzato, compresa la profilazione, che
produca effetti giuridici che li riguardano o che incida in modo analogo significativamente sulle loro persone (art. 22 del Regolamento
(UE) 2016/679).
Diritto di reclamo
Gli interessati nel caso in cui ritengano che il trattamento dei dati personali a loro riferiti sia compiuto in violazione di quanto previsto
dal Regolamento UE 679/2016 hanno il diritto di proporre reclamo al Garante, come previsto dall'art. 77 del Regolamento UE 679/2016
stesso, o di adire le opportune sedi giudiziarie ai sensi dell’art. 79 del Regolamento UE 679/2016.
Processo decisionale automatizzato. Il Titolare non adotta alcun processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione di cui
all’art. 22, paragrafi 1 e 4 del Regolamento UE n. 679/2016.