Sei sulla pagina 1di 32

1

Aut.ne Tribunale Livorno n° 683 del 02/03/2005 - Spediz. in abb. postale: postatarget creative - CENTRO 1/02524/11.2014 - Posteitaliane
Anno XX - n° 210 Maggio 2020

L’Editoriale
di Enrico Dello Sbarba
enricodellosbarba@virgilio.it
All’ombra del virus
Unità politica di Francesco Butini

mancata Si stanno allentando le regole del nostro


vivere quotidiano nella pandemia da Co-
sa universale, ci ha ricordato l’illusione
di aver creduto di rimanere sani in un

anche nel mezzo vid-19, e anche la politica italiana sembra


riprendere come prima, più di prima, le
mondo malato. Ci sentiamo di estendere
le “malattie” dallo spirito all’economia e

di questa sue abitudini allentando i propri freni ini-


bitori (altrimenti detto “senso di respon-
alla politica.
Ci sono “malattie” strutturali nel nostro

tragedia! sabilità”).
L’obiettivo principale è il Presidente del
Paese, di cui tre diventano gravi in stati
di improvvisa emergenza come quelli che
Consiglio: logorarlo di polemiche fino alle stiamo vivendo. Una è il debito pubbli-
A metà degli anni ’70 del secolo sue dimissioni. Magari non immediata- co, un’altra è la sotto-capitalizzazione
scorso l’Italia stava attraversan- mente, è ancora troppo presto per rischiare delle nostre imprese, la terza è quanto
do uno dei momenti più critici del- di dover governare questa fase di epide- resta dello stato sociale.
la propria storia democratica. Im- mia virale e di crisi economica, ma tra All’ombra del virus ci sono soccorritori
perversava il terrorismo rosso e qualche mese potrebbe essere il momen- non sempre disinteressati. Esistono at-
nero con numerose vittime, spe- to buono, ritenendo che sarà più facile e tori della geo-politica e della geo-econo-
cialmente servitori dello stato, men- meno scomodo andare al suo posto. mia internazionale interessati ad appro-
tre la situazione socioeconomica All’ombra del virus crescono ambizioni e fittare della debolezza e delle difficoltà di
stava deteriorandosi sempre di più necessità, nuovi equilibri e vecchi conti un Paese come l’Italia, sfruttando le
acuendo così i conflitti sociali. da regolare. “malattie” dell’ingente debito pubblico e
La classe politica, i partiti risenti- Papa Francesco, capo spirituale della Chie- segue a pag. 2
vano della gravità della situazio-
ne: le elezioni, svoltesi nel 1973,
non consentivano una maggioran-
za di governo stabile, il centrosi-
nistra era entrato in crisi a causa
La solitudine del coronavirus
Una scena già vista.
dei contrasti sempre più latenti
Dopo quella di Papa
tra la D.C. ed il PSI, per cui si Francesco che cele-
procedeva a tentoni con soluzioni brava la Santa Mes-
governative assolutamente preca- sa di Pasqua in una
rie. La crisi intanto si accentuava piazza San Pietro as-
colpendo tutti i settori produttivi solutamente vuota,
mentre quella la sicurezza si sta- anche il Presidente
va quotidianamente aggravando. della Repubblica
Nel 1974 si svolse il referendum Sergio Mattarella
per l’abolizione della legge sul di- ha celebrato, in com-
pleta solitudine, al-
vorzio che sancì la vittoria dei
l’Altare della Patria
segue a pag. 2 l’anniversario del 25
Aprile.
2

dalla prima pagina porta ad alcune considerazioni sulla gra- della sicurezza nazionale, non più decli-
vissima situazione che sta sconquas- nabile in senso esclusivo sotto il profilo
Unità politica mancata sando dalle fondamenta, l’economia del militare o dell’eversione, ma anche della
nostro paese e quasi tutto il mondo. tenuta del sistema economico-sociale del
anche nel mezzo Era ragionevole pensare e sperare Paese (e del suo sistema sanitario).
di questa tragedia! che, di fronte a simile emergenza, All’ombra del virus il nostro sistema
prevalesse nelle forze politiche, anche bancario si può trovare, similmente al
“no” alla eliminazione di quell’istituto. di opposizione, il senso delle respon- sistema imprenditoriale, più fragile, più
Le elezioni amministrative del 1975 sabilità e della solidarietà. Ed invece appesantito da prevedibili nuovi crediti
fecero registrare una sconfitta della non è stato così. E’ proseguita, da inesigibili, più contendibile dall’esterno.
D.C ed un avanzamento del P.C.I. La parte della destra, l’instancabile e per- E il sistema bancario ha al suo interno
situazione, com’è facilmente compren- versa logica delle accuse, quella delle gran parte del debito pubblico: control-
sibile era giunta, pertanto, al punto del proposte alternative, in molti casi inat- larlo significa controllare il debito dello
non ritorno. tuabili a causa della situazione finan- Stato italiano.
Nelle successive elezioni politiche del ziaria in essere,la continua, ossessiva Ma non basta difenderci.
giugno 1976, vi erano serie possibilità campagna contro la Comunità Euro- Il presidente onorario della Fondazione
che il PCI giungesse primo al traguar- pea nella logica perversa di matrigna Luigi Einaudi, Mario Lupo, sostiene che
do con tutte le conseguenze che ne e non di madre. non usciremo dalla crisi senza l’iniziati-
sarebbero inevitabilmente derivate. Non è accaduto e sicuramente non ac- va imprenditoriale dello Stato. Lo scio-
Proprio, come suol dirsi per il rotto della cadrà nella dissacrante logica di pro- glimento dell’IRI e delle partecipazioni
cuffia, la D.C. si confermò il primo seguire una sterile polemica su tutti o statali lo considera un cupio dissolvi, e
partito, seguita, ad una spanna, dal quasi i provvedimenti assunti dal go- “gli operatori privati ai quali furono ce-
Partito Comunista. verno nel corso di questa sconvolgente dute risultarono in molti casi inadeguati
Allo scopo di evitare al paese un peri- congiuntura. a questo passaggio di testimone e anda-
coloso “default” istituzionale, su ispi- Questo elogio, lo dobbiamo riservare rono in crisi” ( Il Sole 24 Ore, 30 aprile
razione di Aldo Moro e di Luigi Ber- a Forza Italia che, sicuramente a se- 2020). Se lo Stato viene considerato
linguer, fu formato un governo di emer- guito dell'intervento di Berlusconi, ha esclusivamente come un bancomat per
genza nazionale, un monocolore D.C. assicurato, in alcuni delicati passaggi pompare liquidità di emergenza, conti-
con l’astensione del PCI. , un comportamento non ostativo dei nueremo a illuderci di poter vivere sani
L’Italia riuscì, con grave difficoltà, ad parlamentari di Forza Italia. in un mondo malato.
uscire gradualmente da una situazio- Tutto può ancora accadere. Si deve avere la lungimiranza di porre in
ne di grave crisi istituzionale e socio- Mentre ricordiamo con la foto di pri- modo serio, equilibrato, il tema del nuo-
economica. Nel marzo del 1978, ven- ma pagina, il Presidente della Repub- vo ruolo dello Stato nell’economia, fa-
ne formato un nuovo governo mono- blica Sergio Mattarella che, da solo, cendo tesoro degli errori del passato.
colore D.C. ma, questa volta, con il nel silenzio assordante di piazza Ve- E si deve avere la coscienza di ricono-
Partito Comunista dentro la maggio- nezia, ricorda all’Altare della Patria, scere che non possiamo affidarci sem-
ranza: il rapimento di Aldo Moro, l’as- l’anniversario del 25 Aprile quando pre ai tagli alla sanità e alla scuola per
sassinio della Sua scorta,proprio nel l’Italia ritornò ad essere una Nazione risolvere i problemi di bilancio, come
libera e democratica, vogliamo rivol- abbiamo fatto negli ultimi decenni. I nodi
giorno in cui il nuovo governo si pre-
gere un messaggio alla Vergine Maria arrivano sempre al pettine, e spesso
sentava alla Camera dei Deputati per
quando meno te lo aspetti.
ottenere la fiducia, ed infine l’uccisio- affinché nel mese di maggio, a Lei de-
Aveva ragione l’indimenticato ex can-
ne del Presidente della D.C., scombi- dicato, la nostra Italia esca da
celliere tedesco Helmut Kohl quando
narono le carte in tavola. Dopo due un’emergenza così funesta che ha por-
asseriva che ogni generazione ha lo sta-
anni di buon governo quell’esperimen- tato via tanti nostri connazionali a cui
to sociale che può permettersi.
to si interruppe. rivolgiamo un commosso pensiero.
E i cattolici italiani? Ritengono di limi-
Ecco, questo lunga introduzione stori-
tarsi a difendere il diritto di far cantare
ca, scritta anche perché possa spera-
Messa nelle nostre chiese, o ci voglia-
bilmente venire letta dai giovani che All’ombra del virus mo misurare sull’iniziativa imprendito-
non hanno vissuto quella stagione, ci riale dello Stato, sullo stato sociale che
della scalabilità relativamente facile di
banche e imprese per poterne influen- ci possiamo permettere in futuro, sulla
Se le condizioni lo consen- zare le scelte strategiche? Il Comitato difesa da acquirenti ostili delle nostre
tiranno il prossimo nume- parlamentare per la sicurezza della Re- banche?
ro di giugno uscirà rego- pubblica (Copasir) qualche sospetto Coloro che scrissero il Codice di Ca-
larmente anche nella for- sembra proprio averlo. Questo signifi- maldoli nel 1943 si misurarono sul futu-
ma cartacea. ca che non stiamo parlando solo di atti- ro economico-sociale del Paese, e se-
vità di mercato: stiamo trattando il tema gnarono un’intera epoca.
3

IN TEMPI DI CORONAVIRUS

Morire di burocrazia
di Massimo Cappelli

Abbiamo due emergenze. La prima è decreti e ha fornito garanzie al siste-


quella di sconfiggere questo virus che ma bancario perché intervenga per
ha scatenato una pandemia mondiale. concedere prestiti e finanziamenti alle
Il rimedio, ad oggi, è stato quello stori- aziende in crisi.
co, utilizzato nel passato, anche più Tutto risolto? Così non sembra. Agli
remoto: l’isolamento. A questo si è ag- annunci e alle decisioni prese a livello
giunta una frenetica corsa alla ricerca governativo non corrisponde una pari
e sperimentazione di cure per contra- tempestività negli aiuti concreti. I tem-
starne l’evoluzione e di vaccini adatti pi si allungano, i denari non arrivano
a prevenirne la diffusione. Per questi e, per chi è già con l’acqua alla gola,
ultimi, purtroppo, sono necessari tem- portare avanti la propria attività sem-
pi tecnici che, nella migliore delle ipo- bra una impresa impossibile.
tesi, prevedono svariati mesi, mentre Anche a livello politico, in Europa, si La burocrazia purtroppo non la superi
per le cure, lo sforzo e l’ingegno uma- stanno facendo passi avanti nella in- con un colpo di bacchetta. E anche
no hanno portato già ad individuarne dividuazione di strumenti che consen- questa volta sembra stia mostrando
alcune che sembrano avere effetti ef- tano finanziamenti e flessibilità ope- tutto il suo potenziale negativo.
ficaci sulla guarigione. rativa ai Paesi in crisi. Sembrerebbe La non semplificazione di procedure,
Nel frattempo però, come dicevo, la che anche i falchi del rigore dei conti la non eliminazione di Enti inutili, la ri-
soluzione è stata quella antica dell’iso- abbiano capito che siamo in un gran chiesta di documentazione non sem-
lamento o “lock down”, che è divenu- brutto momento, dove o si vince insie- pre strettamente necessaria, la fre-
ta la seconda emergenza. me o si perde tutti . Comunque vedre- quente scarsa presenza negli uffici
Aver fermato il mondo o almeno la mo meglio nel prosieguo degli accordi degli addetti, i tempi lunghi degli iter
parte più produttiva e avanzata di que- in corso. autorizzativi hanno sempre contrasta-
sto, per un mese o due mesi (come per Nel frattempo occorre agire con tem- to la nostra economia e, in questa oc-
l’Italia), ha determinato e sta determi- pestività. Indubbiamente l’Italia è un casione tragica, si possono rivelare
nando conseguenze economiche disa- Paese tra i più industrializzati, ma il letali.
strose. La stima di decrescita per il nostro sistema industriale si basa per Se a questo aggiungiamo che in altri
2020 dei Paesi coinvolti ne sono lo più del 90%, su imprese medie e pic- Paesi concorrenti le imprese possono
specchio più veritiero. Si parla ormai cole. Queste imprese, se sanno rispon- usufruire di finanziamenti a fondo per-
di recessione, mentre per il nostro Pa- dere prontamente e spesso con pro- duto (mentre da noi si pagano interes-
ese il PIL avrà un calo tra l’8% e il dotti innovativi e di nicchia alle esigen- si) in tempi rapidi, il quadro negativo è
9%. ze del mercato, per loro stessa natu- completo.
Se queste sono le fosche previsioni è ra, data la loro dimensione, non pos- Nessun Governo è riuscito a semplifi-
pur vero che si stanno facendo grandi sono resistere più di tanto a periodi di care la burocrazia in Italia. Forse non
sforzi perché ci possa essere una pron- inattività. lo ha nemmeno voluto per le implica-
ta ripresa, in modo da compensare, al- Peggio ancora è la situazione del set- zioni che a breve avrebbe potuto com-
meno in parte, la forte battuta di arre- tore commerciale, dove numerose portare. Ora, in questa grave emer-
sto. imprese corrispondono spesso a sin- genza sanitaria ed economica ne stia-
Il mondo sembra aver capito l’ecce- goli negozi che hanno dovuto abbas- mo amaramente sperimentando le
zionalità del momento. Conseguente- sare le saracinesche. conseguenze. Se ne usciremo fuori ne
mente le banche centrali come la FED Per tutte queste attività un pronto in- dovremo fare tesoro per impostare
negli Stati Uniti e la BCE in Europa tervento di sostegno da parte dello sta- una seria e definitiva riforma della
stanno operando con grandi disponibi- to è necessario, altrimenti rischiamo Amministrazione Pubblica. Una occa-
lità per sostenere e non far collassare un indebolimento dell’economia nazio- sione la abbiamo avuta nel 2016 e la
l’economia occidentale. La Cina sta nale nel suo complesso. abbiamo sprecata, ora non è più per-
facendo altrettanto con i propri mezzi. Il Governo ha emanato una serie di messo sbagliare.
4

Finanziare la ripresa
post-Covid19
di Livio Lazzeri

In questi giorni si fa un gran parlare di


strumenti finanziari e di somme da met-
tere in campo per rilanciare l’econo-
mia dopo lo stop forzato dovuto alla
pandemia da covid-19. Tutti gli stati eu-
ropei si preparano a spendere un sac-
co di soldi per la ripresa. Tra di essi
l’Italia è quella messa peggio perché
col debito che ci ritroviamo già siamo
in difficoltà a farci prestare soldi per
l’ordinaria gestione, figurarsi per la
straordinaria. Tra l’altro, si tratta di ot-
tenere prestiti con scadenza a lungo
termine (almeno 20 anni) e quindi con stretta: bisogna trovare soldi senza ac- il nostro debito.
interessi alti. crescere il debito. Questa deve esse- Gli Eurobond possono essere messi sul
Le previsioni dicono che il debito di re la nostra prima opzione. mercato, dove spunterebbero sicura-
molti stati salirà di un 20-30% del PIL. Ora, tra il MES e gli Eurobond(o mente condizioni molto vantaggiose
Germania e Olanda, che hanno un de- Coronabond, o Recovery Bond, etc.) perché garantiti da tutta l’Europa, ma
bito di circa il 60% del PIL, possono c’è una bella differenza. Il MES è un possono essere anche acquistati in buo-
permetterselo, ma il nostro debito, che istituto che presta soldi agli stati euro- na parte dalla BCE. E’ questo lo sche-
è già al 130%, schizzerebbe almeno al pei. Le condizioni sono ottime, molto ma che adottano anche le altre grandi
150%. Diverrebbe praticamente im- meglio di quelle di mercato, ma è un economie, USA in primis, ma anche
possibile rientrare, visto anche che non prestito e quindi va ad accrescere il UK, etc. In sostanza le banche centra-
ci riusciamo da 20 anni. Senza consi- debito. Con gli Eurobond invece è li stampano moneta per finanziare il
derare che, andando sul mercato, Ger- l’Europa che si indebita. I soldi rac- debito dello stato. La conseguenza ov-
mania e Olanda spunterebbero certa- colti vengono poi spesi direttamente via è che si crea inflazione. Questa è
mente condizioni molto più vantaggio- dall’Europa nei vari paesi europei per la prassi che si è seguita anche nel do-
se delle nostre. Insomma c’è la stessa finanziare progetti che servono a far poguerra.
differenza di quando una disgrazia ca- ripartire l’economia. E’ un po’ come i Ci sono un paio di osservazioni da fare
pita in una famiglia povera piuttosto fondi europei che ci arrivano già oggi al riguardo. La prima è che gli
che in una ricca. e che noi spesso sperperiamo. Non li Eurobond sono in Euro, e quindi l’Eu-
La strada allora è una sola e molto dobbiamo restituire e non accrescono ropa chiede in prestito Euro e restitui-
sce Euro, che la BCE può stampare ad
libitum (il debito sarà quindi sempre e
comunque rimborsato). La seconda è

CONFEDERAZIONE ITALIANA
SINDACATI LAVORATORI
Vieni alla CISL che, anche se la BCE comprasse no-
tevoli quantità di Eurobond, l’inflazione
generata non dovrebbe essere molta,
I nostri servizi: Fiscali, RED, ISEE, visto che da anni, a causa della reces-
sione, è al di sotto dell’1%. C’è da dire
Successioni, Vertenze e cause di lavoro, Colf e Badanti, Permessi anche che l’inflazione colpirebbe tutti
di soggiorno, Pensioni, Infortuni, Affitti, Tutela Consumatori. i paesi dell’Eurozona, e questo non è
Per info degli orari telefona alla UST-CISL Livorno n° 0586-899732 particolarmente gradito ai paesi del
segue a pag. 5
5

da pag. 4
Nord. Inoltre essa è la più ingiusta del-
le tasse, perché colpisce tutti, anche i
più poveri, che solitamente sono esen-
tati dalle tasse. Ma tutto sommato, il
rischio inflazione sembra gestibile.
Da notare che la prassi di finanziare il
debito con l’emissione di nuova mone-
ta non è certo una novità. Nel 2009,
per salvare le banche americane, la
FED ha stampato ben 7000 miliardi di
dollari (quasi la metà del PIL di allo-
ra). Negli anni 80, quando avevamo la
lira, Bankitalia comprava i BTP italiani
che rimanevano invenduti (l’inflazione
però arrivò al 10%).
La seconda opzione è ovviamente quel- to per il «finanziamento diretto o indi- Infatti, come si vede dal grafico (fon-
la di farsi prestare soldi e quindi di ac- retto dei costi sanitari dovuti al Covid- te Prometeia), il debito italiano è dete-
crescere il nostro debito. Qui ovviamen- 19». A queste condizioni, dovendo chie- nuto dal mercato per un ammontare
te non conviene rivolgersi al mercato, dere un prestito, è meglio rivolgersi al pari all’80% del PIL. Il mercato vuol
che ci applicherebbe tassi capestro, ma MES che non al mercato, che vuol vedere remunerato il rischio e ci stran-
alle istituzioni europee (MES, BEI), vedere remunerato il rischio con inte- gola con interessi molto alti, come fa-
dove sicuramente si possono ottenere ressi molto alti. rebbe un usuraio. Basti pensare che,
condizioni più favorevoli. E’ normale C’è una osservazione da fare a que- su un debito di 2.300 miliardi, paghia-
che chi presta soldi pretenda delle ga- sto riguardo. Finora il MES è stato uti- mo interessi per più di 60 miliardi l’an-
ranzie. lizzato da Grecia, Spagna, Irlanda e no!! Una media di quasi il 3%.
Nella fattispecie, se il MES presta soldi, Portogallo. A parte il caso particolare Viceversa gli altri stati hanno un debi-
per giunta a tassi di interesse inferiori a della Grecia, dove la catastrofe sociale to che è detenuto per la maggior parte
quelli di mercato, è normale che chieda fu dovuta alla mancata ristrutturazione da istituzioni europee e quindi vanno
un minimo di controllo sui bilanci. del debito per salvare le banche fran- sul mercato solo per raccogliere som-
Da qui la temuta austerity. Ma queste cesi e tedesche, negli altri paesi non me minori e perciò dipendono di meno
remore non hanno più ragion d’essere c’è stata una intollerabile austerity e dagli investitori. Non solo, riescono
perché, per far fronte alla crisi da tutti sono usciti dalla crisi in breve tem- pure a spuntare ottime condizioni, per-
coronavirus, si è deciso che i prestiti po. L’Italia non ha mai preso soldi dal ché, con il grosso del debito in mano
del MES siano liberi da ogni condizio- MES, ma si è sempre rivolta al mer- all’Europa, è più basso il loro rischio di
ne eccetto quella che il denaro sia usa- cato. default.
6
7

“Business asusual”
o cambio di paradigma?

mentalità. Gli apocalittici esprimo- 4.0). Si pensi ad esempio al com-


di Francescalberto De Bari
no atteggiamenti molto diversi tra mercio elettronico che già da anni
loro: chi denuncia fuoriuscite irre- cresce a doppia cifra, e che con
Quale sarà l’impatto di medio-lun- versibili dalle istituzioni democra- l’emergenza Covid-19 è stato usato
go periodo del Covid-19? Quali tiche in direzione dello stato da molte persone che non l’avevano
mutamenti determinerà, ad esem- d’emergenza permanente, chi ci ancora sperimentato e che presumi-
pio, nelle forme del vivere associa- ritiene condannati ad una decre- bilmente continueranno a ricorrervi
to, nell’organizzazione economica, scita infelice e irreversibile, chi anche nel post-emergenza.
negli equilibri tra le istituzioni, nei vede invece nel Covid-19 un’occa- Si pensi poi a come il Covid-19 ha
rapporti internazionali ed in parti- sione preziosa per ridefinire prio- determinato il ricorso al telelavoro
colare nella costruzione dell’Unio- rità e valori e invoca riforme in gra- e allo smartworking anche in orga-
ne Europea? E cosa attende im- do di coniugare sviluppo e soste- nizzazioni, come la pubblica am-
portanti settori come il turismo, i tra- nibilità. ministrazione, refrattarie al cambia-
sporti aerei, le crociere, la ristora- Naturalmente nessuno ha la palla mento e legate a formule tradizio-
zione o i grandi eventi? di cristallo. Tuttavia è possibile fare nali come la timbratura del cartelli-
Tra coloro che si arrischiamo a fare una riflessione relativa al Covid-19 no. Nella maggior parte dei casi si
previsioniper il post-emergenza, ed all’evoluzione del paradigma tratta di innovazioni che non si era-
troviamo due opposti atteggiamen- tecnologico digitale. Da questo no neanche mai immaginate, men
ti, che potremmo definire quello dei punto di vista infatti il Covid-19 non che meno programmate e prepa-
minimalisti e quello degli apocalit- agisce come fattore di cambia- rate; eppure, con tutti i limiti che
tici. Da un lato c’è chi minimizza mento di un paradigma, ma come senz’altro ci sono, queste modali-
e, pur riconoscendo che la battuta potente acceleratore di fenomeni tà di lavoro sono state introdotte
d’arresto è pesante e senza pre- e tendenze che erano già in atto e nell’emergenza bruciando le tappe
cedenti, afferma che, “non appe- che fanno leva sulla telematica, e dando luogo ad un esperimento
na ci sarà il vaccino”, riprenderà il sulla digitalizzazione, sull’eccezio- d’innovazione a velocità accelera-
“business asusual” e tutti tornere- nale sviluppo delle reti di comuni- ta e su scala larghissima.
mo ai consueti stili di vita. cazione e della capacità di calco- Ciò che era impensabile e impen-
Dall’altro ci sono coloro che vedo- lo. È dunque molto probabile che sato è una realtà, che anche nel
no nel Covid-19 uno shock in gra- il Covid-19 aumenterà la velocità post-emergenza resterà sul tavolo
do di mutare in modo radicale e e l’ampiezza del paradigma che in con la forza non di un’ipotesi di la-
permanente aspetti di fondo del- senso lato viene chiamato “4.0” (in- voro, ma di un fatto e di un’espe-
l’economia, della società e della dustria 4.0, logistica 4.0, lavoro rienza concreta.
8

Breda: queste le linee guida


dei prossimi interventi
Questa l'intervista a Riccardo Breda,
Presidente della Camera di commercio
Maremma Tirreno, che apre la newslet-
ter di maggio "Notizie per le imprese".
Il Presidente interviene a tutto campo
sull'attuale situazione di grave difficol-
tà per le imprese, commenta il ruolo
svolto dalla Camera di commercio e
prefigura le linee guida dei prossimi in-
terventi che la Giunta sta varando.

1 . Dai numerosi e pressoché quoti-


diani contatti con i rappresentanti
delle imprese grossetane e livornesi
in questo periodo, qual è l’impres-
sione che ne ricava? Quali sono le
Riccardo Breda, Presidente della Camera di commercio Maremma Tirreno
esigenze che le imprese reclamano
di più?
Con le associazioni di categoria il con- tenze. Gli uffici sono rimasti piena- più, la Camera di Commercio ha spinto
fronto è continuo e lo è stato fina dal- mente operativi anche da remoto e sul pedale dell’acceleratore nell’innova-
l’inizio della crisi. Il lavoro della Giun- rispondono in tempo reale agli uten- zione: è di pochi giorni fa il lancio del
ta, poi, al cui interno sono rappresenta- ti. Ritiene che in questo frangente il nuovo servizio di riconoscimento in re-
ti tutti i settori economici, è proseguito ruolo rivestito dalla Camera di com- moto per la firma digitale. Quest’ultima
costantemente. Il grido d’allarme è ge- mercio sia stato di pubblica utilità? è infatti un documento per il quale era
neralizzato e conferma la grande diffi- Come potrebbe evolversi in futuro? indispensabile fino ad oggi presentarsi
coltà di tutte le imprese, con alcuni set- personalmente allo sportello. Nel con-
tori maggiormente colpiti, come quelli La Camera di Commercio ha affronta- testo di emergenza si è deciso di supe-
che hanno vissuto la chiusura fin da to al meglio questa situazione grazie rare questo limite proponendo una nuo-
subito e che in base alle disposizioni all’elevato tasso di digitalizzazione, un va modalità di riconoscimento via web-
saranno anche gli ultimi a ripartire. E percorso unico nell’ambito della pub- cam. Una dimostrazione concreta di fles-
poi, il turismo, in questo momento az- blica amministrazione che ormai vede sibilità che tutti gli enti pubblici dovreb-
zerato. Quali sono le esigenze? Princi- il sistema camerale erogare sevizi per bero cercare di emulare.
palmente la liquidità. Come emerso nei la maggior parte digitali. L’emergenza Le imprese si sono rese conto che pos-
due sondaggi che abbiamo promosso ha evidenziato questa natura informa- sono rivolgersi alla CCIAA ora come
tra le imprese, l’accesso al credito e la tica e innovativa, tanto più per la no- prima, ma in digitale, e questo porta
cassa integrazione sono le emergenze stra Camera di Commercio della Ma- verso la semplificazione.
da risolvere subito. remma e del Tirreno che opera abitual- Questa è la strada da imboccare con
mente su due sedi diverse e due terri- sempre maggiore decisione, anche e
2. La Camera di commercio nel- tori diversi, una situazione che ci ha soprattutto per le piccole e piccolissime
l’emergenza sanitaria ha rapida- già abituato a lavorare a distanza. imprese, ma ciò implica che le imprese
mente convertito la sua attività for- I nostri uffici sono sempre stati attivi e stesse si abituino sempre più a modalità
nendo alle imprese una serie di in- in costante contatto, anche in remoto, operative digitali.
formazioni, e alle autorità, come le con autorità e imprese. Vale la pena sot-
Prefetture, un supporto costante in tolineare il grande lavoro effettuato dal- 3. Su quali ipotesi di intervento ca-
termini di professionalità e compe- l’Ente a supporto delle prefetture. In segue a pag. 7
9

da pag. 6 temente valorizzato, questo cambia-


Il nostro territorio ha dato prova di unità mento nelle abitudini del turista possa
merale si sta orientando, insieme alla
grazie all’esperienza dei due tavoli per trasformarsi in un vantaggio permanen-
Giunta, per venire incontro alla dif-
lo sviluppo di Grosseto e Livorno. In te. La crisi sanitaria cambierà abitudini
ficile situazione di tante imprese del
ambedue le esperienze tutti i settori eco- e stili di vita, e sicuramente abbiamo
territorio? E’ già chiara l’entità del-
nomici, inclusi i sindacati, si sono tro- delle opportunità per un rilancio turisti-
lo stanziamento ed il tipo di azioni
vati insieme per lavorare a formule di co che punti sulla qualità.
ritenute più efficaci?
proposta e richiesta comuni, mettendo 6. Lei riveste il ruolo anche di Pre-
L’orientamento è rivolto alla digitalizza-
fine ad una inutile divisione che ci ha sidente delle Camere di commercio
zione. Come dicevo questo è un passo
sempre danneggiato. È fondamentale toscane e, a livello nazionale, è uno
da fare anche per le imprese, soprattut-
che questa esperienza venga mantenu- dei vicepresidenti. Da questo osser-
to le piccole. È il momento di ripensare
ta anche in questa fase difficile, tanto vatorio più ampio che cosa può no-
il business utilizzando gli strumenti in-
più che le problematiche sono sempre tare in merito all’economia regiona-
novativi che finora molti hanno potuto
le stesse, ancora più urgenti. le e nazionale?
ancora ignorare. Anche in questo fran-
Quello che ci aspettiamo è l’intervento La fotografia del primo trimestre na-
gente la Camera di Commercio non la-
infrastrutturale prima di tutto. Abbia- zionale è un saldo negativo nella nati
scerà sole le imprese: la CCIAA andrà
mo due aree di crisi, una complessa ed mortalità delle imprese che non era tale
verso un progetto di assistenza alla di-
una non riconosciuta tale ma con tutte da sette anni, e i numeri a livello regio-
gitalizzazione attraverso un aiuto con-
le caratteristiche del caso, le cui priori- nale e locale rispecchiano questa ten-
creto e articolato rivolto proprio alle pic-
tà sono quelle di sempre, ora divenute denza, dato che ci fa molto preoccupa-
colissime imprese, con voucher per la
un grido disperato. L’investimento pub- re per il futuro.
dotazione informatica e tecnologica ac-
blico in una situazione post - disastro Il pericolo è il perdurare della chiusura
compagnati da formazione specifica per
diventa una necessità assoluta. delle imprese, ed ancora non abbiamo
l’e-commerce e lo smartworking.
un’idea della mortalità delle imprese
È il momento di favorire nel sistema
5. uali sono i principali pericoli per nell’arco dei prossimi 3 anni. Perché è
economico il balzo evolutivo che finora
il nostro territorio e quali invece le bene tener presente che la grande diffi-
ci siamo permessi di rinviare: l’esperien-
possibili prospettive, a suo avviso? coltà sarà nei prossimi anni. Gli inter-
za di questi giorni ci parla di come i pic-
Il pericolo è continuare a non essere venti attesi da parte del governo sono
coli sopravvivano proprio grazie al web,
ascoltati e non vedere attivato l’inve- vitali, e ci auguriamo arrivino nel più
ai social network, alle consegne a do-
stimento pubblico, le prospettive sono breve tempo possibile e siano all’altez-
micilio ordinate via mail o via chat.
nello sviluppo di un turismo di prossi- za delle necessità.
Posso dire che metteremo a disposizio-
mità ma completamente ripensato: il In tutto questo, una cosa è certa: l’im-
ne tutte le risorse che riusciremo a re-
nostro territorio offre estesi spazi na- pegno che ci dobbiamo prendere tutti è
perire, investendo sia per far fronte alla
turali che sono oggettivamente un van- quello di demolire la burocrazia. Que-
crisi che stiamo vivendo ma anche al-
taggio. L’ipotesi è che ci orienteremo sta, come nel caso della digitalizzazio-
l’onda lunga che si estenderà sul 2021.
sempre più su esperienze turistiche al- ne, deve essere la spallata che ci per-
l’aria aperta, puntando sulla qualità della mette di smantellare una sovrastruttura
4. La Camera di commercio, sotto la
vita, in qualche modo sempre più slow. che soffoca da anni il mondo impren-
sua guida, ha lavorato molto per riu-
La vivibilità è una forza del nostro ter- ditoriale e tutto il paese. Deve essere
nire le forze di tutte le componenti
ritorio: costa, arcipelago, area monta- chiaro: la semplificazione non è basta-
istituzionali ed economiche attorno
na offrono grandi bellezze naturali con ta, l’approccio soft non ha dato risulta-
a temi ritenuti prioritari per lo svi-
una bassa densità di abitanti che ben si ti e quindi adesso dobbiamo smantella-
luppo di un’area che abbraccia due
prestano alle esigenze del turismo nel re ciò che è stato, adottando modalità e
province diverse ma che hanno al-
prossimo futuro. Come molte delle tec- punti di vista completamente ribaltati.
cune criticità in comune. Nell’imme-
nologie e delle esperienze adottate nel-
diato “dopo-Covid19” qual è il pano-
l’emergenza, è probabile che, se sapien- A cura di Barbara Fondelli
rama che vede?

Scavi - Demolizioni
Movimento Terra
Edilizia Industriale
Lavori Stradali
Sede legale e amm.va: Via dello Struggino, 5/7/9 - Tel. 0586/429636 - 429331 - Livorno
Sede operativa: Zona Industriale Vallin del Buio - Livorno u e-mail: info@abatesrl.it - www.abatesrl.it
10

La pandemia del coronavirus ha fatto ma è stato anche Presidente (di tutti


emergere questioni rimaste per troppo i cittadini livornesi) del Consiglio Co-
tempo nell'ombra e ora venute alla luce. munale di Livorno. È bene fare teso-
Tra queste i "migranti invisibili" e i "la- ro di quanto questo dottore ha fatto
voratori al nero", messi in crisi dalla nella sua missione di medico. Sem-
impossibilità di spostarsi dovendo adem- pre in ascolto e presente nel suo
piere alla compilazione di autodichiara- ambulatorio e a casa dei suoi assisti-
zione motivata e soggetti a controlli e ti. Una persona schietta, gioviale e
verifiche! Questa crisi deve con urgen- "alla mano". Il vero medico di fami-
za affrontare questi aspetti realizzando glia sempre disponibile (lo ricordia-
un vero censimento delle irregolarità, con mo, pronto al richiamo etico di rispon-
controlli rigorosi e regole certe per cura- dere al telefono ai suoi pazienti! an-
re queste "ombre", che costituiscono un
danno enorme per la nostra economia.
Cinguettare di Luca Lischi
che durante le riunioni politiche!) e
persona dotata di una spiccata atten-
*** zione verso i suoi assistiti. Un bel-
Scopriamo che l'agricoltura è in ginoc- l'esempio per i giovani che intrapren-
chio per mancanza di operai agricoli. La dono questa missione!
chiusura delle frontiere non permetterà chi perde il lavoro o per chi il lavoro ***
di poter contare su centinaia di migliaia non riesce a trovarlo. Questa pande- Nel mese di febbraio ha lasciato questa
di persone provenienti da altri paesi che mia ha messo allo scoperto molte que- vita terrena la pittrice Agata Cosentino
ogni anno assicurano la raccolta di frutta stioni. Con i dati ora disponibili di buo- Nicolosi, in arte "Cosaga". Siciliana di
e verdura. Viene da riflettere sulla ne- ni spesa erogati, reddito di cittadinan- nascita, di Catania, ma trapiantata a Li-
cessità del settore agricolo di dover ri- za, bonus partite Iva e autonomi, red- vorno, città che le ha ispirato tante ope-
volgersi all'estero (con costi anche di dito di emergenza ecc., si realizzi un re.
vitto e alloggio) quando abbiamo una vero censimento che permetta di far La sua è stata una pittura intensa, figu-
marea di soggetti disoccupati, molti dei ripartire il lavoro in modo stabile. Il fu- rativa, dai colori forti e caldi, tipici di
quali, circa un milione, vivono di reddi- turo del paese ci sarà se il lavoro costi- quella luce profonda e particolare che si
to di cittadinanza! Vi sarà in questa si- tuirà il pilastro su cui fondare le azioni assapora sul mare. Lascia tante opere
tuazione di crisi anche un aumento ver- della politica. dalla bellezza inestimabile. Moltissimi ri-
tiginoso di nuovi disoccupati, in parti- *** tratti, capaci di leggere la profondità del-
colare per mancanza di lavoro in molte Mettiamo da subito in atto un "Cantiere l'anima delle persone, anche di ispira-
attività, ad esempio quelle legate al turi- Italia", che realizzi nuove opere strut- zione religiosa, come quelli che si trova-
smo. Ecco uno spiraglio: molti di loro turali e la riqualificazione di strade, ponti, no nelle Chiese di Livorno, tra cui un
potranno trovare un po' di certezze nel scuole, edifici. Le nostre città tornino a grande dipinto di un Cristo risorto, nella
settore agricolo. risplendere di cura e di bellezza. Fac- sua potenza, luminosità e bellezza, cu-
*** ciamo un significativo investimento nel stodito nel Santuario di Montenero.
Con il coronavirus è venuto alla luce il settore ambientale per la messa in sicu- Sempre si è profusa come insegnante
tema delle residenze "fittizie", ovvero di rezza del territorio compiendo azioni di per donare e mettere a servizio la sua
molti "residenti-vacanzieri" che in real- prevenzione. Saranno investimenti che arte.
tà dimorano altrove. La residenza in costeranno, che creeranno indebita- Ricordiamo la sua passione e dedizione
molte località di villeggiatura è princi- mento, (sempre preferibili ai deficit per i suoi allievi durante le mostre an-
palmente utilitaristica. Ma non solo per improduttivi e assistenzialistici). Inve- nuali presso il Museo di Storia Naturale
chi sceglie la residenza per risparmiare stimenti che daranno tanto lavoro e della Provincia di Livorno e presso le
sulle tasse (vedi prima casa con l'Imu), doneranno fiducia e speranza. varie Istituzioni cittadine. Sempre pron-
la residenza è utile anche per i Comuni *** ta a offrire un suo opportuno giudizio e
che hanno così "più popolazione" e I re- Un grazie dal cuore e un abbraccio parole di apprezzamento anche laddove
sidenti portano benefici! Si pensi ad grande da parte di tutti gli amici de serviva il giusto richiamo a "fare me-
esempio all'addizionale Irpef! Il corona- "Il Centro" al dott. Enrico Bianchi. glio". Quando sarà possibile tornare a
virus ha mosso molti Sindaci ad intensi- Medico di famiglia, andato in pen- "realizzare mostre", sarà bene rendere il
ficare i controlli, anche con le verifiche sione a fine aprile, in piena pande- giusto tributo alla pittrice Cosaga con
dei consumi delle utenze, per accertare mia, senza il giusto tributo di una una personale che valorizzi le sue opere.
la presenza dei tanti trasferiti nelle case festa che potesse permettere di ri- Esse potranno essere ancora un arric-
di vacanza. Questa occasione dovrebbe cevere i meritati abbracci dei suoi chimento di sublime bellezza per l'anima
finalmente permettere di fare reali verifi- numerosi pazienti e di una città in- dei tanti che l'hanno conosciuta e ap-
che sulle "residenze di comodo"! tera, che sempre lo ha apprezzato, prezzata e un "nuovo mattino" per chi
*** anche per il suo servizio alla politi- avrà modo di incontrarla e conoscerla
È giusto che ci siano "paracaduti" per ca (oggi è Consigliere Comunale) con i suoi quadri.
11

Giunta Nogarin?
Peggio
del coronavirus!
Il 23 aprile scorso un trafiletto in
prima pagina del Corriere della
Sera, dal titolo “La riscoperta del
Tricolore e la sfida vinta da
Ciampi”, che prosegue poi
al’interno, a firma di Aldo
Cazzullo, recita: “Riconoscia-
molo: fino a non molto tempo
Noi fa, il tricolore era considerato un
Gesù è risorto anche quest'anno, simbolo di parte. Quasi destra.
noi no! Se oggi è considerato un sim-
bolo che ci unisce tutti, dobbia-
La Stampa - 14 Aprile 2020 mo ringraziare un presidente
della Repubblica a cui la sua
città, Livorno, ha rifiutato di inti-
Peggio tolare una semplice rotonda
C'è anche chi sta peggio di noi, stradale”.
per esempio, i 600.000 migranti Insomma, I danni della giunta
prigionieri in Libia. Nogarin sono peggio del
coronavirus: non accennano a
La Stampa - 18 Aprile 2020 sparire!

Con i guanti e mascherine, Questo tenta di rialzarsi


Le rime appoggiati ad un carrello,
quasi tutti su con gli anni,
e di accedere alla testa
incurante dei mugugni
c’è chi tiene anche l’ombrello. della fila che protesta.
di Franco Biancani

Qualcheduno ha le stampelle, Gli vien fatto cerchio intorno,


molti con il mal di vita tutti perdono il controllo,
Scenette ma con diligenza posti
a distanza consentita.
chi spintona, chi pattona,
chi lo prende per il collo.

da Da un’auto parcheggiata
scende un giovane di fretta,
Con un’ombrellata in testa
ed a forza di spintoni

Covid 19 va alla testa della fila,


se ne accorge una vecchietta.
il malcapitato è messo
dalla furia in ginocchioni.

Stamattina, all’otto in punto, “Vai alla fine della fila!” L’uomo si alza incollerito
vado in centro a far la spesa dice e il bastone afferra, sbraitando come un pazzo:
e paziente fo la fila glielo batte sugli stinchi “Se non passo, come l’apro
dei clienti già in attesa. e lo fa cadere a terra. il supermercato, cazzo!”
12

Il piano straordinario del Comune per uscire dalla crisi economica


determinata dal lockdown per il coronavirus

“Riparti Livorno!”
Si chiama"Riparti Livorno" ed è una sostenere quei settori e soggetti mag- di una conferenza stampa - abbiamo
manovra finanziaria straordinaria giormente colpiti e penalizzati dagli pensato a un piano che movimenterà
messa a punto dal Comune di Livor- effetti economici del coronavirus. in totale, nel Bilancio comunale, oltre
no, guidato dal sindaco Luca Salvet- “Per far ripartire Livorno - ha an- 400 milioni di investimenti, che com-
ti, insieme alla Giunta e agli uffici, per nunciato il sindaco Salvetti nel corso prendono i circa 245 milioni per il nuo-
vo ospedale, e circa 145 milioni del
piano triennale opere pubbliche. Am-
monta poi a 8 milioni la cifra movi-
mentata sul Bilancio tra slittamenti e
riduzioni di tributi, tasse, rette”.
Il tutto, ha precisato Salvetti, potrà es-
sere “speso” interamente sulla città,
consentendo ad esempio non solo lo
slittamento di tasse e tributi ma la loro
cancellazione, “se dal Governo arri-
veranno i fondi promessi nell’ambito
dell’auspicato decreto “Cura Comu-
ni”, in quanto non si può prescindere
dal mantenere l’equilibrio di bilancio,
il nostro primo obiettivo. Il Comune
da solo non può rispondere alle au-
mentate esigenze di tutti i cittadini,
commercianti, partite Iva, lavoratori
autonomi ecc che hanno subito danni
economici dal lockdown. Per questo
servono risorse e misure che devono
arrivare da Regione, Governo, Euro-
pa” .

Ecco i punti principali della manovra,


illustrati dal sindaco, affiancato dagli
assessori Ferroni, Raspanti e Garufo.

I MACRO NUMERI
Il piano straordinario da 400 milioni di
euro di investimenti si snoda su questi
punti:
• Rifacimento di via Grande, “per il
quale l’iter - ha assicurato il sindaco,
sarà il più rapido possibile”.
• Nuovo Ospedale: porterà 245 milio-
ni sul tessuto cittadino
• a metà maggio ripartono le gare e
segue a pag. 11
13

da pag. 10 • abolizione tassa di soggiorno dal 1 prese e, in modo molto generoso, an-
maggio fino a fine anno nell’ottica di che i dirigenti comunali);
gli appalti, “e la speranza è che il Go- incentivare il turismo livornese, con • 500.000 E. per contributi agli affitti
verno dia la possibilità di semplifica- una minore entrata sul bilancio di grazie al reimpiego del fondo nazio-
re gli iter burocratici come ad esem- 820.000 E. nale per la morosità incolpevole (ul-
pio ha fatto per il Ponte Morandi, in • abolizione pedaggio bus turistici, teriori risorse potrebbero aggiunger-
modo che arrivino subito soldi sui ter- che vale 390.000 E. si a breve);
ritori, a imprese, lavoratori, famiglie”. • 50.000 E. contributi alle famiglie
• Dal 4 maggio ripartono i cantieri già
programmati per i lavori pubblici, ri- SOCIALE svantaggiate per l’inserimento dei
bambini nei centri estivi (“La prece-
masti bloccati dal lockdown. Per quanto riguarda il settore del so-
dente Amministrazione non aveva
ciale, l’assessore Raspanti ha ricor-
previsto il bando che permette alle fa-
dato che l’impegno del Comune dal-
COMMERCIO l’inizio dell’emergenza è stato stra-
miglie in difficoltà di inserire i figli nei
centri estivi presenti sul territorio- di-
E TURISMO ordinario. Oltre ai buoni spesa su fon-
chiara Raspanti- mentre grazie anche
Per quanto riguarda il settore del tu- di governativi distribuiti in tempi ra-
alla collaborazione con la Fondazio-
rismo e commercio, le principali azio- pidissimi attraverso un vero “percorso
ne Livorno quest’anno abbiamo rico-
ni del Comune riguarderanno: di accompagnamento” delle persone,
stituito il capitolo dedicato. Ovviamen-
• slittamento imposta comunale di pub- sono stati realizzati con risorse co-
te dovremo capire come sarà possi-
blicità dal 31 marzo al 30 giugno, con munali 700 pacchi alimentari, conse-
bile organizzare queste attività in si-
un’entrata che viene sospesa per un gnati dalle associazioni che operano
curezza. Il tema è anche all’attenzio-
totale di 300.000 E. in accordo col Comune. A questo si
ne del Governo”).
• riduzione tosap temporanea e slitta- aggiungono, nella manovra “Riparti
Oltre a questo, il Comune è al lavoro
mento dal 31 marzo al 30 giugno con Livorno”, ulteriori 300 mila euro.
per la riorganizzazione dei servizi ri-
un’entrata temporaneamente sospe- “Fortunatamente - dichiara Raspan-
volti alla disabilità e alla non autosuf-
sa per 500.000 E. ti- nel bilancio previsionale avevamo
ficienza. “Alla luce delle indicazioni
• sospensione canoni patrimoniali per già previsto 142.000 euro per il po-
della Regione Toscana, siamo al la-
immobili pubblici per 500.000 E. tenziamento e in alcuni casi la rico-
voro, insieme alla Asl con cui prose-
“ Le cifre indicate – ha precisato ul- stituzione di alcuni capitoli, come
gue il proficuo confronto avviato, per
teriormente l’assessora al Bilancio Vi- quello dei contributi economici stra-
riattivate gradualmente attività e ser-
ola Ferroni - sono da intendersi come ordinari, degli aiuti per anziani fragi-
vizi rivolti alle persone con disabilità.
somme alle quali il Bilancio momen- li, dei prodotti per la prima infanzia.
Delle loro grandi difficoltà in questo
taneamente rinuncia, a fronte degli Questo ci ha permesso di essere im-
frangente si è parlato troppo poco a
slittamenti dei termini di pagamento. mediatamente operativi nell’emer-
livello nazionale nel corso dell’emer-
Resta inteso che, se il Governo darà genza e di poter assistere persone
genza, occorre trovare modi efficaci
risorse ai Comuni, sarà possibile ri- che altrimenti sarebbero rimaste
di ripartire in sicurezza perché le fa-
durle e rinunciare definitivamente a escluse dai buoni spesa. In attesa dei
miglie sono state lasciate troppo sole
quelle entrate, ad oggi appunto “solo” provvedimenti del Governo sul red-
in questi due mesi, con un carico ec-
sospese”. dito di emergenza e l’ampliamento
cessivo sulle spalle. Abbiamo inten-
Ed ancora: della platea dei beneficiari del reddi-
zione di dare concreti segnali di at-
• il Comune darà la possibilità ( e sen- to di cittadinanza, grazie al nuovo di-
tenzione al tema, riprendendo attività
za chiedere alcuna contribuzione ul- sciplinare approvato e con i maggio-
e progetti sospesi e intervenendo al
teriore) di ampliare il suolo pubblico ri stanziamenti annunciati oggi, po-
più presto sui costi dei servizi domi-
per favorire le attività (bar, ristoranti, tremo continuare a intervenire in ri-
ciliari”.
ecc) che dovranno garantire il distan- sposta ai bisogni più urgenti e realiz-
ziamento sociale mettendo più tavoli zare nuove azioni di sostegno alle fa- A margine della conferenza stampa
e sedie miglie”. è stato fatto il punto su cosa cambie-
• per la rimodulazione delle tariffe per Tra le misure sul sociale, attivate in rà dal 4 maggio, giorno in cui entrerà
gli stalli blu il Bilancio registra una mi- ambito dal Comune nell’ambito del in vigore il DPCM del 26 marzo, e si
nore entrata di 600.000 E. piano “Riparti Livorno” si segnala: potranno riprendere alcune attività
• prevista riduzione tari fino a - stanziamento di 300.000 euro per sospese dal 10 marzo con il Decreto
4.000.000 E. per ridurre la parte va- rispondere ai bisogni urgenti delle per- “Io resto a casa”.
riabile delle attività in lockdown e slit- sone in maggiore difficoltà (120.000 Stiamo passando dalla fase “restia-
tamento prima rata Tari da maggio a euro di risorse comunali svincolate mo a casa” a quella “usciamo ma
settembre integrate con il ricavato del conto cor- manteniamo le distanze e indossiamo
• confermate tariffe Tari 2019 con rente per le donazioni a cui hanno la mascherina”, ha sintetizzato il sin-
conguaglio nel triennio successivo contribuito molti cittadini, tante im- daco.
14

"Livorno deve rientrare nelle nuove Zone Logistiche Semplificate Rafforzate"

Simoncini ringrazia l’on. Romano


Il parlamentare livornese impegna il Governo ad estendere anche alle aree di crisi
complessa le agevolazioni fiscali, tariffarie e amministrative per il dopo Covid-19
L’assessore al Lavoro e allo Sviluppo
Economico Gianfranco Simoncini,
esprime soddisfazione per il fatto che
la Camera dei Deputati, grazie a un
ordine del Giorno al Decreto “Cura
Italia” presentato dall’onorevole An-
drea Romano, abbia impegnato il Go-
verno ad includere anche le Aree di
Crisi Industriale Complessa (come Li-
vorno-Collesalvetti) nelle nuove Zone
Logistiche Semplificate Rafforzate.
Ovvero tra quelle zone dove sia per-
messa l'adozione di regimi fiscali e
tariffari adeguati, per un rilancio eco-
nomico e produttivo nella fase della
ripartenza, successiva alla fase acuta
del’epidemia Covid-19
“Le Aree di Crisi Industriale Comples-
Gianfranco Simoncini Andrea Romano
sa già in condizioni normali richiede-
vano un sostegno in più , ed è tanto più forzate sono il nuovo strumento intro- sentato da Romano – conclude
urgente in un momento come questo”, dotto con la Legge di Bilancio 2020 Simoncini - l’obiettivo sembra più vici-
sottolinea l’assessore Simoncini. che di fatto permette di allargare an- no. Insieme all’onorevole Romano la-
“Ringrazio Andrea Romano per il suo che al Centro e Nord Italia le voreremo perchè il Governo modifichi
impegno, scaturito anche da una mia agevolazioni fiscali, tariffarie e ammi- la legge , consentendo quindi anche a
sollecitazione tesa proprio a scongiu- nistrative già previste per il Sud con le Livorno di poter utilizzare strumenti
rare il rischio che Livorno sia esclusa Zone Economiche Speciali (ZES), ma rafforzati e speciali indispensabili per
dai provvedimenti che prevedano che fino ad oggi poneva criteri e pa- poter ripartire e pensare a un vero svi-
l’adozione di misure straordinarie e letti tali non prevedere le Aree di Crisi luppo economico e produttivo, anche
differenziate a sostegno dello svilup- Industriale Complessa. dopo il pesantissimo stallo dovuto alle
po. “Dopo l’approvazione, da parte della restrizioni per il contenimento del
Le Zone Logistiche Semplificate Raf- Camera, dell’Ordine del Giorno pre- coronavirus”.
15

INTERPORTO VESPUCCI

Anche il bilancio 2019


si chiude con un risultato positivo
Nel corso dell'ulti-
ma riunione del
Consiglio di Ammi-
nistrazione della
Soc. Interporto Ve-
spucci è stata ap-
provata la bozza di
bilancio dell'esercizio 2019che si è
chiuso con un utile effettivo di
55mila euro. Si tratta di un risultato
importante la cui rilevanza è stata
messa in evidenza dal Vicepresi-
dente Angelo Roma (nel riquadro)
che rappresenta l'Autorità Portua-
le.
Roma, in una dichiarazione rilascia-
ta alla stampa locale, ha messo in
giusta evidenza questo risultato sa nascita di questa importante
che, insieme all'aumento del capi- struttura, lo scrivente fu componen-
tale (circa 6,5 milioni di euro) oltre te, insieme all'amico Angelo Roma,
a nuovi investimenti, consentirà, del consiglio di amministrazione: era-
successivamente, l'ingresso nella no i primi anni '90 quando la scelta
compagine sociale anche di Termi- di questo investimento venne am-
nali Italia (Rfi). piamente criticata: si diceva e si scri-
Ci preme sottolineare che sta tro- veva che si trattava dell'ennesima
vando finalmente conferma il ruolo cattedrale nel deserto: Così non è
centrale che l'Interporto assumerà stato e da cui la nostra convinta sod-
nel prossimo futuro. disfazione.
Da parte nostra la soddisfazione an-
che perchè, nella difficile e comples- EDS

Per. Ind. Claudio Cavallini


F Sicurezza
F Tecnologie - Ambiente
F Energia - Lavoro
F Perizie Giurate
F Corsi Formazione F HACCP
S.T.A.E.L. sas
Sede operativa regionale Toscana:
Via Le Spianate 43 - Rosignano M.mo
Tel./fax 0586.759023 - Cell. 334.5265673 -
E-mail: info@studiostael.it
16

AUTORITA’ PORTUALE

Dal Ministero ecco i primi fondi


di Cristina Battaglini ranno destinati i finanziamenti per la pro- zione dei finanziamenti per la costruzio-
gettazione: per Livorno, verranno de- ne” ha spiegato Corsini, che ha sottoli-
stinati finanziamenti per la progettazio- neato come l’attivazione del fondo sia
Il Ministero delle Infrastrutture e dei ne di fattibilità relativa al nuovo ponte soltanto un primo, sia pure importante,
Trasporti ha stabilito il versamento del mobile sul Canale Scolmatore dell’Arno; step: “Adesso è necessario lavorare per
50% dei circa 3 milioni di euro destinati per la trasformazione operativa della semplificare sia le procedure di affida-
al Sistema del Mar Tirreno Settentrio- Calata Orlando e Calata Carrara ai fini mento delle progettazioni che i percorsi
nale che serviranno per il finanziamento della realizzazione della nuova stazione approvativi”. Prima di arrivare all’affi-
dei progetti di opere prioritarie. Queste marittima; alla riorganizzazione della via- damento di un progetto sono necessari
risorse provengono dal fondo per la pro- bilità portuale di cintura (con la separa- anni di esami per consentire ai diversi
gettazione delle infrastrutture e degli zione delle correnti di traffico, la enti coinvolti di esprimere un parere o
insediamenti prioritari per lo sviluppo del razionalizzazione e ottimizzazione del completare procedimenti paralleli. “In
Paese, di cui all’art. 202 del nuovo co- circuito doganale, la costruzione di un vista della ripartenza da questa repentina
dice degli appalti, e sono state ripartite unico varco portuale di tipo autostra- emergenza che ha colpito il sistema im-
dal Ministero delle Infrastrutture e dei dale e l’accesso alla Darsena Europa. prenditoriale ed economico di settore,
Trasporti in base ad una attenta analisi Per Piombino, una parte delle risorse ritengo che non ci si possano più per-
delle proposte degli interventi avanzate verrà riservata ai nuovi banchinamenti mettere complicazioni non indispensa-
dalle Port Authorities. antistanti le vasche di colmata e i relati- bili”.
La dotazione concernente l’Authority del vi piazzali; al completamento delle di- Un'altra importante novità che riguarda
Mar Tirreno Settentrionale segue, per ghe di sopraflutto e sottoflutto; e alla l'AdSP, consiste nella nascita dell'Osser-
importo, quelle assegnate all’Autorità di “Bretella” di collegamento tra Autostrada vatorio Covid-19, una nuova rubrica
Sistema Portuale del Mar Ligure Occi- Tirrenica A12 e lo scali (Lotto n. 2: realizzata dall'AdSP del Mar Tirreno
dentale e quella del Mar Tirreno Centra- Gagno-Porto). Altre risorse verranno Settentrionale: la nuova sezione web
le, promotori entrambi di due importan- infine usate per il progetto del piano del dedicata all'emergenza, con notizie
ti progetti speciali. Ferro nei porti del Sistema. tematiche, disposizioni normative e ana-
Molteplici gli interventi più significativi Il presidente dell’AdSP Stefano Corsini lisi statistiche periodicamente aggiornate
avviati dall’Autorità di Sistema Portuale ha ringraziato la Struttura tecnica di con i traffici portuali e navali dei porti
del Mar Tirreno Settentrionale a cui sa- Missione e la Direzione competente del dell'Alto Tirreno.
Ministero delle infrastrutture e Trasporti
per l’impegno continuo profuso: “Fi-
nalmente si mette in moto il meccani-
smo per il finanziamento della proget-
tazione introdotto con il nuovo codice
appalti del 2016 e l’Autorità ha fatto un
ottimo lavoro di proposta, aggiudican-
dosi una cospicua dote finanziaria” ha
dichiarato. “E’ ormai evidente a tutti che
www.porto.livorno.it la criticità maggiore nel processo di re-
E-mail: info@porto.livorno.it alizzazione delle infrastrutture fa capo
Tel. 0586 249 465 - 249 411
alla fase progettuale, il completamento
Fax 0586 429514
della quale è propedeutico all’assegna-
17

ALCUNE OSSERVAZIONI DA SEMPLICI CITTADINI

Ospedale, il nuovo progetto si parte demolendo proprio il reparto


confortare la scelta, ora è il tempo di
di Fabio Del Nista marciare, di dare seguito ad una realiz- malattie infettive (vedi gli eventi co-
zazione da troppo tempo inutilmente at- ronavirus). Ed anche un ulteriore do-
tesa e la cui definizione proprio perché veroso richiamo, peraltro assente da
La recente presentazione di un nuovo
per la prima volta si parla di risparmio quasi tutti gli interventi “politici”: di
progetto per l’ospedale di Livorno ha
di tempi e di costi ci fa ben sperare. attenzione al parere degli addetti ai la-
riacceso un dibattito che non accenna
Da parte nostra non possiamo che sti- vori, che nel rispettosi silenzio non
neppure stavolta, dopo circa 40 anni di
molare l’amministrazione Salvetti a non si sono sbilanciati in critiche pregiu-
attesa, a puntare deciso verso una solu-
commettre gli errori del passato, pun- diziali, ovviamente fiduciosi di poter
zione del problema.
golando la Regione, anche in conse- lavorare meglio nell’interesse priorita-
La prima unica contestazione da fare,
guenza del forzato prolungamento del- rio della cittadinanza.
peraltro anch’essa ormai superflua, è
l’attuale mandato a definire gli atti in A questa città, che negli ultimi 40 anni
che nessuna precedente amministrazio-
modo che la nuova giunta regionale non ha visto nascere ben tre nuovi centri
ne ha inserito nel proprio PRG un’area
abbia alibi per nuovi ritardi. commerciali e poco altro, alla ammini-
con destinazione specifica “ospedale”,
Una piccola osservazione, da profa- strazione comunale ed al Sindaco Sal-
nemmeno i 5 stelle che ne hanno avuto
ni ci piace però farla rispetto al nuo- vetti la fiducia e l’augurio della concre-
l’ultima possibilità e che ora criticano
vo progetto: rispetto al vecchio non tezza istituzionale.
l’attuale progetto, enfatizzando il valore
del parco (forse mai visitato) il cui stato
di manutenzione, ne ha visto proprio
negli ultimi cinque anni il definitivo de-
grado. Per non parlare delle scuole delle La sensibilità dei F.lli Neri
e di Max Allegri
quali proprio loro avevano proposto la
eliminazione. A ns. modesto avviso con
il nuovo progetto si potrà avere una so-
luzione omogenea dei due elementi: par- La drammatica situazione sociale che sta massacrando le categorie più deboli
co e scuole. trova nella Caritas livornese, condotta con eccezionale professionalità e disponi-
Unica seria osservazione, la cui attua- bilità assoluta da Suor Raffaella Spiezio, di cui ricordiamo con piacere la confe-
zione ci riporterebbe indietro nel tempo renza tenuta anni fa presso la sede de Il Centro, un essenziale punto di riferimen-
e quindi non definibile al momento nei to. Il lungo momento che, stando alle cronache ed in particolare alle previsioni
tempi e nei costi, appare quella formu- degli scenziati, si trascinerà purtroppo nel tempo se non saranno osservate alcu-
lata da Italia Viva, ma come detto, a ne norme restrittive in vigore, trova nella partecipazione di personalità di rilievo,
questo punto sarebbe come parlare di che soccorrono la esaltante missione sociale, un importante punto di riferimento.
ritorno al futuro. Confidiamo tuttavia E' la volta dei Fratelli Neri che, oltre alla donazione in danaro, hanno proceduto
vista la fatiscenza delle vecchie struttu- alla sanificazione degli ambienti dove era necessario questo intervento e anche di
re industriali che la Sovrintendenza non Massimiliano Allegri (ex allenatore della Juve, squadra verso la quale, chi scrive,
nutre fin da ragazzo "un amore stratosferico," e che esprime, ancora una volta, il
sia di ostacolo e che la variante trovi
disappunto nei confronti del management, per il suo ingiusto ed assurdo allontana-
tempi celeri di approvazione pur nella
mento) ha fatto "una bella sorpesa"sul conto corrente della Caritas.
doverosa partecipazione democratica.
Conoscendo la sensibilità della Soc. Fratelli Neri di Max Allegri questo nobile
Cosa diversa è il dubbio circa la funzio- gesto non ci sorprende. Ed anche Il Centro, direttamente, insieme ad un contribu-
nalità tecnico-medicale del cosidetto to personale dei componenti del Consiglio Direttivo, ha fatto altrettanto.
monoblocco, ma per questo ci sono e
ci saranno competenti e specifici ruoli a
18

LA VENEZIA..
UN ALTRO PASSO
di Franco Spugnesi vino ma Livorno si muove. Una dit-
ta di giovani operatori subacquei,
Da quando avevo pubblicato un ar- livornese la Sub-Sea supportati dal-
ticoletto (dicembre) per rilevare il la Labromare (meritano questa ci-
mio felice stupore per come la tazione) lavoreranno gratis alcuni
mostra su Modigliani aveva valo- giorni per il recupero e l’eliminazio-
rizzato la piazza del Luogo Pio, ne, (qualcuno - l’assessore Lenzi -
fino allora un tristissimo parcheg- sogna anche una valorizzazione di
gio al servizio della movida nottur- riciclo simil-artistico dei rifiuti) con
na spesso becera e caciarona, la benedizione, e senza polemiche,
sembra passato non pochi mesi di autorità portuale e Sindaco.
ma anni per come la pandemia ha L’intervento riguarda solo un breve
cambiato le cose ed i comporta- tratto nella zona che va dai Dome-
menti di tutti noi. Non so se la piaz- nicani agli Scali del Vescovato, solo
za ha mantenuto la grazia che ave- un breve tratto ma un dono signifi-
va recentemente acquistato (an- cativo alla città che anche questa
ch’io sono confinato in casa) ma volta fa una scelta d’impegno per
la forzata astensione delle uscite la bellezza e contro il menefreghi-
ha prodotto almeno un effetto po- tanti cittadini: vecchie barche, bi- smo.
sitivo per la Venezia. ciclette, elettrodomestici, pneuma- Intanto godiamoci questo effetto
Le barche grandi e piccole dei for- tici insomma una specie di centro positivo dei provvedimenti straordi-
tunati che hanno recuperato un raccolta rifiuti ingombranti da far in- nari, ed auguriamoci che magari il
posto nelle cantine lungo i fossi vidia all’AAMPS. prossimo inverno si possa inter-
hanno dovuto, presumo con rim- In altri tempi il fatto avrebbe al mas- rompere, senza pandemia, il traffi-
pianto visto il bel tempo in arrivo, simo sollecitato la curiosità di mol- co in un tratto dei fossi per conti-
rinunciare a girate e a battute di ti, qualche bella battuta di spirito nuare quest’opera, stabilizzando il
pesca, permettendo il deposito dei dei più sagaci ma poi basta, tutto cambiamento di mentalità.
sedimenti fangosi che rendono tor- sarebbe rimasto li, sott’acqua, in
ba l’acqua dei nostri Fossi, renden- attesa che l’acqua tornasse di nuo-
dola, forse per la prima volta, qua- vo normalmente sporca ed opaca,
si limpida e trasparente, come mai invece ..sarà quel nuovo spirito di
l’abbiamo vista. livornesità che auspicavo nello
Come un’apparizione, si sono in- scritto di cui accennavo all’inizio,
travisti sul fondo reperti che testi- che ha reso possibile la trasforma-
Corsi di formazione per la sicurezza
moniano non antiche civiltà ma zione della piazza del Luogo Pio
dei lavoratori, patentini per PLE, GRU,
recenti e meno recenti inciviltà di per intenderci, o per intervento di-
CARRELLI ELEVATORI, movimento
terra, trattori portuali, agricoli e
forestali, ponteggi PiMus, lavori in

GIUNTI CARLO ALBERTO S.R.L.


quota e confinati. Attestati Elettricisti
PAV e PES, ecc.

Lavori Edili, Stradali ADDESTRA


Sede operativa regionale Toscana:
Via Le Spianate 45 - Rosignano M.mo
Via delle Travi, 1 - Tel.: 0586 886146 Tel./fax 0586.759023 - Cell. 334.5265673
LIVORNO E-mail: toscana.li@eco-cert.it
19

qui
Diocesi
di Fabio Figara

Festa
della Divina
Misericordia cioè liturgicamente, venerato, e i
sacerdoti parlano ai fedeli del
na è l’ignoranza – ha spiegato il
Vescovo di Livorno Mons. Giusti - i
La domenica successiva alla Pasqua grande mistero della Misericordia discepoli facevano fatica a crede-
ricorre la festa del grande amore divina. Suor Faustina è conside- re su ciò che le donne avevano rac-
di Dio verso il genere umano, quel rata oggi una grande personalità contato sulla Resurrezione di
grande sentimento che tutto per- mistica della Chiesa. Nacque in Gesù.» Ma poi hanno creduto, an-
dona. Polonia il 25 agosto 1905 a Glo- che Tommaso, il più incredulo. È
Nel suo diario, suor Maria Fausti- gowiec, e il 1° agosto 1925 entrò un mistero grande questo amore
na Kowalska appuntò, oltre alle nel convento della Congregazione che arriva a sacrificare tutto per la
varie esperienze di vita, le appari- delle Suore della Beata Vergine salvezza degli altri, a perdonare
zioni e i colloqui fatti con Gesù. In Maria della Misericordia a Varsa- tutto. L’incontro con questo senti-
particolare risalta una richiesta, via, in cui prese il nome di suor mento divino lo abbiamo con la
avuta la prima volta a Plock, nel Faustina: morì in fama di santità il fede, nella preghiera, e soprattutto
1931: “Io desidero che vi sia una 5 ottobre 1938, all’età appena di 33 nell’Eucarestia, nella celebrazione
festa della Misericordia. Voglio che anni, di cui 13 di vita religiosa. Il 18 domenicale, ed è bene ricordare,
l’immagine, che dipingerai con il aprile 1993 Giovanni Paolo II la pro- in tempi di quarantena, che «non
pennello, venga solennemente clamò beata e e santa nel 2000. c’è popolo cristiano senz l’Eucare-
benedetta nella prima domenica «Il vero nemico della fede cristia- stia!».
dopo Pasqua; questa domenica
deve essere la festa della Miseri-
cordia”. Gesù pose più volte alla
suora polacca
questa richiesta, in ben 14 appari-
zioni, indicando con precisione il
giorno della festa nel calendario li-
turgico della Chiesa, la causa e lo
scopo della sua istituzione, il modo
di prepararla e di celebrarla come
pure le grazie ad essa legate.
Dopo un percorso durato anni, la
festa venne poi istituita ufficialmen-
te da Giovanni Paolo II nel 1992 per
tutta la Chiesa cattolica proprio
nella prima domenica dopo Pa-
squa, la cosiddetta “Domenica in
albis”. In questo giorno il quadro
della Misericordia è solennemen-
te benedetto e pubblicamente,
20

Il percorso dell’informatica in na vecchia relazione


Il computer nelle scuole La Scuola
a Livorno già dal 1967 deve tornare
di Mario Lorenzini

ad essere
una priorità
nell’agenda
“I bambini di oggi, i lavoratori di domani si troveranno ad
operare in ambienti in cui chi non ha conoscenza, anche mini-
del Governo
me, di informatica sarà probabilmente assimilato agli attuali
analfabeti”.
La scuola in questo periodo è al centro dell'atten-
Abbiamo ritrovato gli Atti del 1° Convegno LA SCUOLA NELLA zione non solo degli insegnanti che improvvisamen-
PROVINCIA DI LIVORNO 25-26 GENNAIO 1990 e letto la te si sono trovati a modificare il loro programma di
relazione L’INFORMATICA NELLA SCUOLA nel momento in fine anno scolastico ma dal Ministro agli Assessori
cui si fa un gran parlare nella scuola del 2013 con il “registro regionali, a secondo delle esigenze della popolazio-
cartaceo messo da parte, con la aule multimediali, con le lava- ne e del territorio. “La scuola deve tornare a es-
gne digitali e il tablet diffuso”. sere una priorità nell'agenda del Governo” così
La relazione è un documento storico, che volentieri mettiamo a titola TOSCANA OGGI una intervista all'Assesso-
disposizione dei lettori de Il Cenro perché ripercorre tutto il cam- re Cristina Grieco.
mino del computer a Livorno con le prime esperienze di infor- E' possibile che la scuola riparta a settembre?
matica nelle scuole secondarie superiori fin dal 1967 con l’istitu- “Ritengo impensabile che anche il prossimo anno
zione di corsi specialistici per periti informatici e ragionieri pro- scolastico possa svolgersi unicamente in moda-
grammatori nell’ambito dell’istruzione tecnica. lità a distanza. Per questo parlo di Cantiere
Nel successivo decennio furono portati avanti nuovi curriculi e Scuola per prepararci a rientrare a scuola in
formazione docenti e il Ministero nel 1977 fece il punto della sicurezza a settembre, dobbiamo dialogare a di-
situazione demandando ai docenti la possibilità di avanzare pro- versi livelli di governo e con il coinvolgimento
poste in merito. Sulla base di tali proposte nell’istruzione tecnica di tutti gli attori”.
partì il processo di ristrutturazione dei corsi specialistici, revisio- Più chiari di così non potrebbe essere l'impegno che
ne dei programmi, estensione del numero di istituti coinvolti, un
a cominciare dalla Regione si presenta nei prossimi
vasto piano di aggiornamento e corsi regolamentati nel 1977 e
giorni nel corso dei quali si svolgerà la Maturità.
nel 1981 con i cosidetti Progetti Assistiti. Infine, nel 1985, l’In-
Nell'intervista si parla anche della didattica a distanza
formatica entra ufficialmente nei programmi di insegnamento e
dopo cinque anni quasi tutti i docenti di ruolo hanno ricevuto una
attuata nella scuola media e negli istituti secondarie
alfabetizzazione informatica. trovando negli studenti e docenti accordo.
Nella scuola di base elementare e media, si incomincia a sentire il “In questi mesi la scuola ha subito una grande
bisogno di innovarsi sia pure senza alcun appoggio sotto l’aspet- trasformazione e ha dato prova di capacità di
to didattico che economico (leggi acquisto di computer). resistenza. Il grande lavoro del personale diri-
Ricordo che il Distretto scolastico 20 aveva in dotazione un com- gente, docente e delle amministrazioni non do-
puter che fu messo a disposizione degli alunni delle quinte classi vrà andare perso ma dovrà essere consolidato
della scuola D’Azeglio e quei bambini furono felice di usare per in maniera sistematica e mirata. Sono sicura che
la prima volta una tastiera. questa tragedia potra essere un'occasione per
Nel 1990 l’informatica è presente nella scuola elementare (Catta- davvero ripensare la Scuola che deve tornare
neo - Thouar - Collodi - Lambruschini) e in quasi tutte le scuole ad essere una priorità nell' agenda di tutti i li-
medie che usano il sistema operativo 005. velli di governo e nel dibattito nazionale delle
Solo i licei classici risultano non interessati all’informatica. prossime settimane”.
La relazione è completata con il quadro delle istituzioni scolasti-
che della Provincia con il numero dei sistemi operativi utilizzati, Mario Lorenzini
dei docenti impegnati, dei laboratori esistenti.
21

CORONAVIRUS: LA GIUNTA DELINEA UNA MANOVRA A SOSTEGNO DELL’ECONOMIA LOCALE

Rosignano, oltre 2 milioni di euro


Durante la seduta che si è tenuta que-
sta mattina, la Giunta comunale di Ro-
signano Marittimo ha delineato una
manovra di sostegno all’economia lo-
cale da oltre 2 milioni di euro, deci-
dendo di utilizzare in via straordinaria
gli avanzi liberi di amministrazione del
bilancio 2020 a copertura di minori en-
trate correnti e previsione di maggiori
spese di sostegno al territorio.
In particolare, per il 2020 è stato de-
ciso di: eliminare l’imposta di soggior-
no; eliminare l’imposta di pubblicità;
eliminare la Cosap per le attività pro-
duttive; ridurre di almeno il 50% la Tari
per le utenze non domestiche (per le
utenze domestiche deboli è già stato
previsto il fondo di riduzione di
Euro 200 mila, incrementato con l’ul-
tima variazione di bilancio approvata lizzare la quota libera dell’avanzo di trasto della diffusione del covid-19.
dal Consiglio Comunale); stanziare amministrazione per il finanziamento “Pensiamo che sia necessario un in-
ulteriori Euro 150 mila per spese cor- di spese correnti connesse con l’emer- tervento d’urto - ha dichiarato il Sinda-
renti destinate ad imprese e coopera- genza in corso, dovrà essere forma- co Daniele Donati - Per questo, nei li-
tive locali per interventi di sanifica- lizzata con specifici atti e sottoposta miti di quanto concede la salvaguardia
zione, manutenzione del territorio, in- al Consiglio Comunale in sede di ap- degli equilibri di bilancio, intendiamo fare
tegrazione di progetti educativi e cul- provazione del bilancio consuntivo. Si tutto il possibile per dare risposte con-
turali, interventi di sostegno sociale. tratta, tuttavia, di una volontà precisa, cretamente alle esigenze degli opera-
La manovra, attualmente in fase di che l’Amministrazione comunale in- tori economici, in grande difficoltà ed
definizione nelle sue modalità tecni- tende mettere in campo per favorire esposti all’incognita di una stagione
che e di applicazione, anche in attesa la ripresa economica e non gravare balneare che si preannuncia difficile
dell’approvazione definitiva di compe- sulle imprese, fortemente penalizzate sotto vari punti di vista”.
tenza statale circa la possibilità di uti- dalle misure di contenimento e con-
22

L’angolo di Don Ordesio Bellini

1793? Non esageriamo!


Amici, andava fatto rispettare. Quindi era ov- di una rappresentazione teatrale che
per il momento sono ancora vivo visto vio che ci dovesse essere chi lo fa si può anche interrompere (discutibil-
il dibattito che ogni tanto si riaccende rispettare: polizia, carabinieri e quan- mente!) o al pari di qualcuno che ille-
su l’opportunità o meno di far fuori i t’altro. Anche a loro il nostro grazie. galmente vende cipolle su luogo pub-
vecchi o tenerseli e magari coccolarli Dopo la mia esperienza negli anni ‘70 blico e che quindi deve sbaraccare per
un po’. Ringrazio innanzitutto Dio e poi del secolo scorso in Paraguay nel pe- ordine della polizia municipale.
tutti coloro che sono stati, sono e sa- riodo cruciale delle varie dittature del- Credo che un carabiniere con qualche
ranno nel futuro prossimo responsabili l’epoca non poteva però non ritornar- anno di più avrebbe probabilmente at-
della gestione pubblica di questa tra- mi alla mente lo spettro di che cosa teso la fine della Messa perché in qual-
gedia che ha coinvolto tante persone, tutto ciò ha significato e potrebbe an- che modo sarebbe stato in grado di
tante competenze, tanti generosi. Un cora significare per tante persone e capire che una Messa non si interrom-
cristiano ricordo per le tante vittime, in tante parti del mondo vivere di fat- pe per il suo particolare carattere sa-
soprattutto anziani che al pari di me to senza una dimensione importante cro e quindi avrebbe atteso la fine per
volevano vivere serenamente ancora della libertà, la libertà di movimento. procedere secondo la legge.
un po’ godendo dell’affetto dei loro E purtroppo non solo quella!
cari e di quel grande dono che è la vita.
2. Interrompere una Messa. 3 Perdita del senso
1. Un triste ricordo. E’ ovvio e quasi inevitabile che anche
Detto questo vorrei fare una riflessio- nelle nostre circostanze qualche momen- del sacro.
ne su di un punto che mi ha fatto ri- to di esagerazione, di abuso, di stupidità Qui la critica la faccio anzitutto alla
cordare, mutatis mutandis, realtà spe- da parte di chi doveva far rispettare Chiesa, quindi anche a me stesso: non
rimentate, viste, lette e insegnate, os- l’ordine di restare in casa c’è stato. siamo stati capaci di trasmettere il sen-
sia come potrebbe rinascere in qualsi- Nulla di tragico, anzi in alcuni casi so sacro della Messa, ma più in gene-
asi momento un regime forte, non ne- qualcosa di quasi comico, frutto di ine- rale anche il senso sacro della vita, del-
cessariamente una dittatura. Non esa- sperienza, eccesso di zelo e un pizzi- la parola data, dell’amicizia e di tante
geriamo! co di protagonismo. Tanti uomini e altre realtà per le quali uomini e donne
Com’è precaria la nostra libertà. Ba- donne nel mondo, quelli sì, nel passa- in altri tempi si sono anche sacrificati.
sta poco per perderla in parte o tutta to e nel presente, vivono veramente e Non è comunque tutta colpa nostra.
come anche basta poco per riacquistar- tragicamente in uno stato di polizia. Quando un popolo perde il senso del
la, come nel caso del 1989 dove sem- Sono stato particolarmente colpito dal- sacro, di quel limite misterioso quasi
bra che un muro sia crollato per un sem- l’immagine di quel giovane carabinie- istintivo per cui senti che qualcosa è
plice equivoco di comunicazione. re che in piedi nell’abside del tempio molto più grande di te, dei tuoi diritti e
Nel nome del popolo, nel nome della davanti all’altare voleva imporre a quel delle tue logiche, la colpa non è solo
rivoluzione, del partito, della fede, nel prete di interrompere la Messa. Ciò dei “funzionari” del sacro, per quanto
nostro caso del coronavirus e quindi mi ha fatto pensare. mi riguarda i preti, ma di quanti abbia-
della salute, si può “obbligare” un po- Il giovane carabiniere ovviamente ha mo contribuito negli anni, forse nei se-
polo a starsene chiuso in casa in una tutta la mia simpatia perché penso che coli a rendere violabile quella linea in-
specie di coprifuoco permanente. lui in quel momento fosse vittima di valicabile oltrepassando la quale non
A scanso di equivoci ripeto: è una ri- due realtà: da una parte eseguire fe- sai più per che cosa valga la pena vi-
flessione, non una recriminazione. Sono delmente un ordine e dall’altra una vere e morire.
rimasto in casa, si doveva rimanere in mancanza di discernimento e forse una Riassumendo quanto detto conclude-
casa e siamo rimasti in casa. Ne ero buona dose di ignoranza “religiosa”. rei dicendo:
convinto e ne sono tuttora convinto. E Ciò mi ha fatto pensare a tanti giova-
ringrazio chi ci ha “obbligati” a farlo. ni e meno giovani che in circostanze 1. L’azione del giovane carabiniere che
Era un ordine ragionevole e come tale simili valuterebbero una Messa al pari prendo solo come esempio la liquide-
23

rei con gli aggettivi apparentemente fa coincidenza nel nome anche se in vi contro Governo, Papa che smenti-
contradditori ma non troppo: triste e quel caso aveva altri tristi compiti. Lì sce i Vescovi! E’ stato detto di tutto e
comica. Abuso di potere? Ma povero agiva in nome della sacralità della Ri- di più. Non credo che fosse così seria
ragazzo, mi sa che non ha fatto altro voluzione. la questione da non poter essere risol-
che mettere in pratica forse in modo Noi abbiamo il benemerito Comitato ta con intelligenza. Certamente qual-
un po’ maldestro l’insegnamento rice- Tecnico Scientifico dove il rischio è di cosa di strano e di contraddittorio è
vuto: “obbedire agli ordini”. sacralizzare la scienza. Ne abbiamo avvenuto anche riguardo a questo tema.
In uno come me però ha risvegliato esempi tristi in tante parti del mondo. Ma tante altre realtà importanti (vedi
vecchi ricordi. Quando io in Paraguay per esempio il mondo del teatro e della
in quei famosi anni ‘70 facevo una riu- 3. Tutti abbiamo motivi più o meno tra- cultura in genere) hanno subito a torto
nione con dei giovani, io avevo fuori sparenti per rivendicare spazi di liber- o a ragione limiti seri alla propria
della porta un soldatino che sorveglia- tà in questo particolare momento della libertà e alla propria esistenza.
va. E durante la Messa sempre era nostra storia. Tutti pensiamo innanzi- Tutto questo per chi ha memoria stori-
presente qualche spia che il giorno stes- tutto alla grave crisi economica che già ca fa intravedere uno scenario che nei
so riferiva ai militari e alla polizia even- stiamo vivendo e che si aggraverà. secoli è degenerato e può degenerare,
tuali espressioni “sovversive”. Penso anche a tanti altri problemi di soprattutto quando, perso il senso del
Nulla di tutto questo nel caso nostro. natura psicosociale. Restare chiusi in sacro in genere, anche una Messa vie-
Solo un semplice triste ricordo di tem- casa per quasi due mesi non credo sia ne percepita quando va bene come
pi passati. indifferente per l’equilibrio psichico di una rappresentazione teatrale o una
molte persone, soprattutto bimbi e an- sceneggiata o una vendita illegale di
2. Il rischio di sottomettere in qualche ziani. Non tutti abbiamo ville e piscine mercanzia. Nel gergo livornese si di-
modo un popolo può esistere anche in da cui proclamiamo agli altri “devi re- rebbe: “prete, prendi i tu’ ciottoli e
nome della salute. Non ho avuto modo stare in casa”. sbaracca”.
di verificare la notizia ma sembra che Limitare qualunque forma di libertà è
in Cina fosse facile tenere tutti in casa. 4. In particolare di questi tempi vi è, una questione seria e grave sempre,
Se uno usciva, si sparava! almeno fino a questo momento, anche comunque e dappertutto.
C’è sempre un motivo per sottomet- la discussione se riaprire le chiese al E questo oggi può succedere anche
tere qualcuno anche nelle famiglie, culto pubblico. come si suole dire “in buona fede”, anzi
negli uffici, nelle fabbriche, nelle par- Qualcuno ha denunciato una ferita al in nome della scienza che sembra l’uni-
rocchie, nella Chiesa. C’è sempre qual- diritto alla libertà di culto, vedendo in ca cosa sacra ormai rimasta.
cuno che in nome di qualcosa fa capire tutto questo un possibile ennesimo con- Comunque grazie a Dio nulla minima-
con le buone o con le cattive che lì co- flitto tra Chiesa e Stato come ce ne mente paragonabile al fanatico spirito
manda lui. sono stati in passato ma per ragioni giacobino del famigerato Comitato di
Nella rivoluzione francese era famo- estremamente gravi. Salute Pubblica del 1793.
so il Comitato di Salute Pubblica. Buf- Mi sembra una esagerazione! Vesco- NON ESAGERIAMO!

Il carabiniere che cerca di interrompere la messa per il coronavirus.


24

AZIENDA STORICA
Dal 1839 Olivete e Frantoio
in Bibbona (LI)
Vendita diretta
Olio Extravergine di Oliva
e linea cosmetica
a base di polifenoli
www.peccianti.com
Tel. 0586/670087

Acli Labor
SOCIETÀ COOPERATIVA

Edilizia - Pulizie civili e industriali


Giardinaggio
Via del Mondiglio 18, loc. Le Morelline, Tel. 0586.790.751 - Rosignano S.
www.aclilabor.it

O.M.P.
Stampiamo di tutto anche
in limitato numero di copie
a prezzi veramente eccezionali S.r.l.
CHIEDETECI UN PREVENTIVO ROSIGNANO SOLVAY
Via G.Razzaguta 26, int. 13 (zona Collinaia) - Livorno Via G. Rossa 24 Tel. 0586.791174
Fax. 0586.791173
Tel. 0586/1732178 E.mail: omp@omprosignano.it

CA.PA. TER
Via della Repubblica 118
ROSIGNANO SOLVAY
Tel. 0586/794962 - Fax 0586/764026
s.r.l. e-mail: coopgiglio@tin.it
Ca.Pa. Ter è da tempo un autentico punto di riferimento sul territorio
toscano per opere di movimento terra e lavori di edilizia pubblica e privata Dal 1963 operativi in Toscana con autisti e servizi multilingua
di qualunque tipologia, con competenze specifiche nella costruzione e
nella manutenzione di fognature, canali di drenaggio e sistemi di bonifica. Via della Villana 126, Rosignano Solvay-Castiglioncello
Via Don Luigi Sturzo n. 172 - Tel. 0586.984479 - Guasticce (LI) Telefono: 0586 760981

GUIDI Soc. SECOS srl

Costruzioni Edili e Industriali Associazione Nazionale Amministratori


Condominiali e Immobiliari

Via Modigliani, 21 - Rosignano Solvay ANACI Sezione di Livorno


Tel. 0586.760153 - Fax 0586.760414 Via Puini 97 Int. 35 - Livorno

IL GIGLIO
SOCIETÀ COOPERATIVA
Manutenzione di aree verdi
civili e industriali - Arredo urbano
Imballaggio industriale - Trasporti - Facchinaggio - Servizi Via dell’Industria 23 - Rosignano Solvay
Piazza Monte alla Rena, 5 - Rosignano Solvay Tel. 0586/794962 - Fax 0586/764026
Tel. 0586.793288 - Fax 0586.793304 www.ilgiglio.net

Di Gabbia A. & Figlio


COSTRUZIONI - stradali - fognature - acquedotti
SRL

PRODUZIONE - emulsioni bituminose - conglomerati bituminosi - MEZZI PROPRI


Sede Legale Uffici, Impianto: Via dello Struggino 24 - Livorno (loc. Picchianti) Tel. 0586/428121 e-mail: info@digabbia.it
25

IN TEMPO DI CORONAVIRUS

Il pensiero scientifico
sapevole che la cosa sarà possibile nomeno irreversibile, ma è augurabile
di Marcello Battini
a condizione di potersi procurare al- che Tommy, nel crescere, fortifichi que-
tri soldi, oltre quelli posseduti, ma- ste sue capacità.
a) Infanzia gari chiedendo un piccolo prestito al
nonno).
Tommy si avvale di nuovi strumenti
Tommy, un bambino che ha appena ri-
matematici (numeri relativi e calcolo c) Adolescenza
cevuto in regalo dal nonno 50 Euro, si
algebrico) per affrontare i soliti pro-
fa accompagnare al negozio d’articoli
blemi di vita, per descriverli, ma an- In questa fase di vita Tommy incontre-
sportivi per acquistare: un pallone, uno
che per individuare alcuni altri eventi rà alcune altre conoscenze matemati-
skate board, una racchetta da tennis.
alternativi rispetto alla realtà fattuale, che che amplieranno enormemente le
Domanda: “Quanto ha speso comples-
che allargano la sua capacità di com- sue innate capacità analitiche: l’infini-
sivamente e con quanti soldi torna a
prensione fino ad ipotizzare realtà tamente grande e l’infinitamente picco-
casa”? Aiutato dal nonno, avvalendosi
possibili, ma non reali (capacità lo, il concetto di probabilità, la struttu-
delle sue iniziali conoscenze aritmeti-
d’astrazione). ra algebrica. Allora Tommy potrà ac-
che:
Inoltre, Tommy, essendo venuto a con- quistare più consapevolezza del suo
tatto con il “calcolo letterale”, può sapere. Occorrerà solo che incontri,
1) verifica lo scontrino fiscale ricevuto e
comprendere che il problema inizia- nella sua vita, un qualche evento che
vi legge quanto ha pagato (complessi-
le, invece di descriverlo con l’uso di gli consenta di mettere in pratica quanto
vamente, Euro 42);
118 ha appreso.
2) calcola la differenza tra quanto ha
parole, può, più semplicemente e più Qui cominciano i problemi perché il
ricevuto in regalo (50 Euro) e quanto ha
efficacemente descriverlo come se- primo incontro di vita da adulto che è
speso (42 Euro) e ottiene un valore di 8
gue: destinato a fare riguarderà sicuramen-
Euro;
Se: te il sesso. Dovrà comprendere prima
3) verifica che detto valore corrisponde
possibile che la questione sessuale non
a quanto denaro ha nel suo portamo-
a = denaro posseduto; è cosa che si possa affrontare e risol-
nete.
b = denaro speso; vere con gli strumenti matematici. Po-
c = denaro residuo (resto) trebbe giungere persino a convincersi
Tommy che è un bambino intelligente,
che, almeno in certi casi, la matemati-
da questa esperienza trae anche il se-
a – b = c; con a > b ca è inutile, o peggio ancora, danno-
guente insegnamento: “ogni volta che
vel sa.
riceve del denaro, può spenderlo per
a – b = - c; con a < b C’è da sperare che qualcuno (o qual-
acquistare qualche oggetto e può con-
cosa) lo faccia riflettere saggiamente
servare ancora qualcosa se la somma
La semplicità descrittiva di un modello sulla questione perché, in caso con-
dei prezzi degli oggetti acquistati è in-
matematico è cosa ovvia. trario, l’umanità rischia di perdere per
feriore alla somma di denaro ricevuta”.
La potenza descrittiva lo è meno e strada un potenziale scienziato.
Tommy inizia ad avvalersi di alcuni stru-
Tommy la scoprirà gradualmente al-
menti matematici (numeri naturali e
lorché comprenderà che “a”, “b”, “c”,
calcolo aritmetico) per affrontare dei
possono rappresentare non solo de- d) Maturità
problemi di vita e per descrivere alcuni
naro, ma elementi a piacere, in quel-
eventi, ma il PENSIERO SCIENTIFICO La situazione è molto complicata. Di
la determinata relazione tra loro (som-
è un’altra cosa. scienziati, in giro per il mondo, ce ne
ma algebrica).
Questo consentirà a Tommy di non sono davvero pochi.
affaticarsi inutilmente in calcoli ele- Sembra che il fattore sesso tenda a
b) Pre – adolescenza mentari (calcolo della serva direbbe prevalere sul PENSIERO SCIENTIFI-
qualche sciocco snob), ma di pas- CO. In ogni caso, sesso o non sesso,
Tommy, alla scuola media, impara che sare subito a comprendere gli aspet- almeno nel nostro Paese, oltre agli
esistono anche i numeri relativi. Allora ti essenziali dei fatti (fenomeni). scienziati, scarseggiano pure i bambi-
rapportandosi allo stesso problema di A questo punto, saremo ancora di- ni. Forse, da noi, la riabilitazione del
cui sopra, si pone un’altra domanda: stanti dalla “Teoria della relatività”, ma fattore “matematica” potrà contribuire
“Questi numeri relativi, oltre a rendere il PENSIERO SCIENTIFICO comin- a risolvere l’importante problema demo-
la vita scolastica più complicata, a cosa cia a penetrare nella mente di Tom- grafico della denatalità e, con esso,
possono servire? Non è forse possibile my senza che lui ne sia pienamente anche una saggia rivisitazione della que-
effettuare un acquisto d’importo supe- cosciente. Questa sua acquisizione stione sessuale, basata sul primato dei
riore ai soldi posseduti? (Tommy è con- di competenze non è ancora un fe- sentimenti rispetto alle passioni.
26

Covid-19: cosa pensano i giovani


di Ruggero Morelli

Il Covid-19 ha impegnato in
modo pesante tutti i settori della
Le 5 domande
vita politica, dell'economia del
nostro paese. Ma anche degli 1) Il nostro Paese ha affrontato la pandemia Covid-19 in modo
altri stati. adeguato?
Quelli che appartengono alla
Europa hanno avviato una trat- 2) C'erano stati negli anni passati segnali che annunciavano pan-
tativa molto complessa per sta- demie. Perché Cina, Corea, Italia, Uk, Francia e Usa sono state
bilire gli aiuti necessari. colpite come di sorpresa ed hanno tutti parlato di una guerra bi-
Come scrivono in molti niente blica contro un nemico invisibile ed imprevedibile?
sarà più come prima.
Per questo abbiamo rivolto 3) Che cosa determina oggi la difficoltà dei rapporti tra gli stati
qualche domanda ad alcuni ra- che compongono la Ue?
gazzi che più di altri si trove-
ranno a vivere e gestire la so- 4) Secondo una tesi che ho apprezzato, dopo questa fase pesante
cietà dopo la pandemia. troveremo tre priorità da affrontare:
Sono quattro giovanissimi che a) il clima con le conseguenze dimostrate sulla salute del pianeta;
da tempo si interessano della b) il danno da covid-19 alle persone e al sistema sanitario insuffi-
comunità di Livorno ed hanno ciente o impreparato.
avuto esperienze anche al- c) la trasformazione del lavoro che di certo accelererà di molto
l'estero. per le nuove tecnologie che interesseranno tutti i settori; in
particolare, dovremo affrontare il tema del lavoro-le persone

Federica ed i big data.

5) Sala propone una costituente per ripensare-rivedere i rappor-


Parlanti ti tra Governo, Regioni e comuni; qualche economista ci parla di
1) - Secondo me in Italia non è stata ripensare il capitalismo; altri più versati alle nuove tecnologie di
affrontata in modo adeguato l’emer- ripensare la smart city e quindi la gestione dei servizi pubblici.
genza da covid-19. Innanzitutto biso- A voi la parola...
gna sottolineare il ritardo con cui si è
agito: dalla scoperta del primo foco-
laio (21 febbraio) sono passati ben 19 sto è stato l’errore a monte, ma poi ne va ufficiosamente fra le aziende una
giorni prima del celebre decreto “Io sono stati commessi - e ne stiamo com- bozza del decreto che veniva via via
resto a casa” (11 marzo) valido per mettendo- infiniti altri nella gestione modificata in base alle esigenze. Pos-
tutto il territorio nazionale. Come si è della crisi. Parliamo per esempio del- siamo chiamare questa buona organiz-
potuto pensare in uno stato come l’Ita- la riapertura delle fabbriche: è stato zazione? In un primo tempo il non ri-
lia, dove la densità demografica è alta, annunciata dal Premier la chiusura spetto dei decreti implicava una san-
dove le distanze sono molto accorcia- delle attività non necessarie. Cosa si- zione penale, diventata dopo 10 giorni
te, dove le città sono vicine e la popo- gnifica questa espressione? Sappiamo amministrativa perché i tribunali non riu-
lazione è omogeneamente distribuita, che le attività necessarie sono colle- scivano a smaltire la mole. Era forse
di chiudere in un primo momento solo gate ad altre che forniscono loro ma- qualcosa di imprevedibile? Oppure pos-
i comuni infetti? Questa misura ha ral- teriali. A quel punto allora è stato an- siamo parlare della famosa fase due:
lentato il contagio in quei comuni, ma nunciato che nell’elenco delle attività non è serio annunciare che inizierà il 4
non ha impedito la diffusione del virus aperte dovevano rimanere anche le maggio, il 18 maggio o domani; sareb-
negli altri. Si è trattato di una misura filiere al servizio delle attività neces- be serio dichiarare che la fase due ini-
per sanare una ferita già aperta, ma sarie, ma poi si è scoperto che anche zierà quando i casi attivi saranno tot.,
cosa è stato fatto per prevenire che le suddette filiere non sono autonome, oppure l’incremento dei contagiati am-
se ne aprissero altre nel Paese? Que- e allora che fare? Nel frattempo gira- segue a pag. 27
27

da pag. 26 c) La scoperta dello smart working su Nembro, decisione che sarebbe spet-
monterà a tot. La situazione è sempre larga scala sicuramente lascerà trac- tata alla Regione, ma che non è stata
più caotica e, se in un primo momento ce indelebili sul nostro modo di lavo- attuata per motivi ancora sconosciuti.
il caos poteva essere comprensibile rare post-pandemia, ma non credo 2) - Io opererei una distinzione tra Stati
(non giustificabile, visto che non siamo possa sostituire del tutto il nostro anti- Occidentali e Stati Orientali, con que-
stati i primi a incorrere nel covid), oggi co modus operandi. Io sono un’inse- st’ultimi, a prescindere dall’adozione
non è più tollerabile. gnante e in questi mesi ho imparato di regimi democratici o meno, molto
2) - Perché la politica odierna, non solo delle metodologie che altrimenti non più abituati a gestire, attraverso rigidi
quella italiana, guarda a oggi, raramente avrei imparato o avrei imparato in un protocolli sanitari, pandemie (non scor-
a ieri, mai a domani. lasso maggiore di tempo, ma non pos- diamoci l’impatto della SARS giusto
3) - L’Unione Europea ad oggi resta so non constatare il potenziale infini- qualche anno fa in quei luoghi).
un sogno, in cui io credo fermamente, tamente superiore della didattica vis- In Occidente, forse memori della scar-
ma che per il momento non è realtà. à-vis. sa incidenza dell’influenza suina, si è
L’Unione Europea è nata come unio- 5) - L’idea di Sala di ripensare il rap- volutamente sottovalutato il problema,
ne economica e di questo continuiamo porto tra regioni e Stato mi pare otti- talvolta accusando, con improbabili at-
a pagarne la conseguenze. Svevo di- ma: in questa emergenza si è visto più tacchi, la Cina di aver minimizzato la
ceva che è dalla libertà di circolazione che mai quanto sia importante avere portata della pandemia.
di capitali, merci e persone che nasce uno stato centrale capace di coordi- Ma se un Paese decide di sigillare con
la pace, e le sue parole rimangono va- nare le azioni locali in tempi umana- misure draconiane una propria provin-
lide ancora oggi. Ma noi vogliamo la mente ragionevoli. Non voglio spinger- cia, come accaduto a Wuhan, traccian-
pace fra gli stati d’Europa, o vogliamo mi a parlare di capitalismo o di massi- do i suoi abitanti e facendo intervenire
qualcosa in più? mi sistemi. Sarei più che soddisfatta l’esercito, le accuse di inadeguata re-
4) - Dopo questa emergenza ho sicu- se questa emergenza avesse fatto ca- azione alla Cina si rivelano più un espe-
ramente capito tre cose: pire a noi italiani un fatto piccolo, con- diente retorico che realtà, funzionali
a) La principale causa del problema creto e tangibile: il problema della bu- all’esigenza di identificare un presun-
ambientale e climatico siamo noi pri- rocrazia. to untore per alleviare le responsabili-
vati cittadini. Le industrie in questi ulti- tà dei singoli Governi nazionali Occi-
mi anni, giustamente, si sono dovute dentali.
adattare a nuovi regolamenti sempre Per questo, non mi sorprende che i più
più stringenti per lo smaltimento e le
emissioni, ma cosa abbiamo fatto in-
Giulio Profeta feroci attacchi siano giunti proprio da-
gli Stati Uniti, dove Donald Trump, per
vece noi cittadini? Ci siamo forse pri- 1) - Il Covid-19 rappresenta una sfida paura di arrestare l’economia alla vi-
vati dell'auto o dello scooter quando eccezionale e alle sfide eccezionali si gilia delle presidenziali, ha parlato a più
non necessari? Abbiamo abbandonato può rispondere solo con misure ecce- riprese di “virus cinese”.
le bottiglie di plastica? Abbiamo rinun- zionali. Sull’utilizzo di una “terminologia” bel-
ciato al condizionatore nei giorni esti- Da questo punto lica, non eccepisco qualcosa a riguar-
vi? Io mi sono ripromessa che quando di vista, credo do.
ritornerò alla luce del sole, cambierò che il Governo ita- Siamo, effettivamente, in guerra, come
stile di vita, perché ho potuto toccare liano abbia sapu- ci ricordano le tragiche immagini delle
con mano in questi mesi che io, con il to coniugare la bare portate via nella notte dagli auto-
mio solo comportamento, posso fare la tutela della salute mezzi dell’esercito a Bergamo, e il no-
differenza. con le esigenze stro fronte è rappresentato dalle strut-
b) Il sistema sanitario è insufficiente proprie dell’eco- ture sanitarie, in cui l’eroico personale
come è insufficiente quello scolastico. nomia, mettendo affronta, quotidianamente, questa bat-
I due fondamentali pilastri di una de- al centro della taglia.
mocrazia liberale sono fragili e questo, propria azione il 3) - Il vero errore è concepire l’Unio-
pare ovvio dirlo, è a causa dei tagli ope- cittadino, contrariamente a ciò che è ne Europea come un “Super Stato”
rati da tutti i governi e dall’inefficienza avvenuto in molte altre realtà interna- continentale.
dell’apparato pubblico italiano. Come zionali, dove da strampalate tesi sul- Questo è un retaggio di chi è abituato
soluzione alcuni politici chiedono il con- l’immunità di gregge si è passati, fret- a ragionare in un’ottica rigida di sta-
tributo di solidarietà, altri si rifanno alla tolosamente, all’emulazione delle mi- tualità, per cui i vertici degli enti espo-
generosità dei grandi ricchi, ma a nes- sure restrittive italiane. nenziali della collettività non sono al-
suno salta in mente di abolire Quota L’unico neo, a parer mio, è rappre- tro che gli Stati.
100 per finanziare la sanità al collasso. sentato da un lato dalla gestione lom- L’Unione Europea, in realtà, nasce e
Siamo attaccati a certi privilegi, ma non barda delle RSA, dall’altro dall’omes- si sviluppa proprio in un contesto di
ai diritti fondamentali. sa chiusura dei Comuni di Alzano e
28

da pag. 27 che beneficiò del crollo dell’occupa- rinnovata centralità dello Stato.
sofferenza della sovranità così come zione nella Rust Belt a seguito delle Il vero punto debole, semmai, è che
conosciuta nel Novecento. politiche verdi di Obama per conqui- manca ancora un adeguato impianto
L’ordinamento sovranazionale è stare la Presidenza. culturale dietro questa impellente ne-
un’Unione a natura prettamente eco- Sul sistema sanitario, credo ci siano cessità di maggior peso pubblico.
nomica, priva, ad oggi, della solidarie- almeno due punti che saranno ogget- Su questo dovremo lavorarci.
tà tipica degli Stati Nazionali, in specie to di dibattito: i mancati investimenti
quelli europei, formatisi dopo secoli, se sulla sanità, espressione di quel disin-
non più di un millennio, di aspri conflit-
ti.
teresse nei confronti dei diritti sociali
oramai cronico dagli anni Ottanta in Giovanni Sofia
Questa miopia ci induce a deplorare il tutto Occidente, e i rapporti tra Stato 1) - Non lo so, e credo che in realtà
comportamento delle Istituzioni del- e Regioni nelle reciproche competen- nessuno lo sappia in questo momento,
l’Unione che, in realtà, è perfettamen- ze, dato che la sanità rappresenta pro- neanche Conte.
te aderente ai Trattati, che vietano qua- prio la materia più pesante in termini L'impressione è che l'Italia sia stato il
lunque elargizione di denaro priva di di budget e complessità per le entità paese che più ha tutelato la salute a
condizionalità (la stessa direttrice si sub-statali (ricordiamo che l’85%- discapito dell'economia e questo è cer-
coglie in innumerevoli aspetti giuridici, 90% delle spese regionali è destinato tamente motivo di orgoglio. D’altro
dal divieto di aiuti di Stato alla preclu- in questo ambito). canto però, l’Italia è stata costretta, da
sione per la Banca Centrale Europa di Infine, sul lavoro penso che, come hai subito, a misure draconiane perché il
essere creditore di ultima istanza degli avuto modo di accennare, il Covid sarà rapporto posti in terapia intensiva frat-
Stati membri in difficoltà). uno dei fattori che accelererà la rice- to abitanti era talmente basso che il
Il vero quesito da porci, semmai, è se zione di modelli più flessibili, impron- collasso degli ospedali era sicuro, in
uno strumento economico, privo di in- tati al risultato. assenza di queste misure. Di certo,
tegrazione politica, possa reggere di 5) - Come accennato, sicuramente da queste carenze non sono colpa di que-
fronte a quelle esigenze di solidarietà questa situazione emergerà un dibat- sto governo, ma dei tagli voluti negli
per le quali è nato proprio lo Stato na- tito sulla fisionomia dei rapporti tra i ultimi decenni proprio per ridurre quel
zionale. vari centri di potere della nostra Re- debito pubblico ed adeguarsi alle vo-
Ad oggi l’Unione è più un’ideale co- pubblica, soprattutto tra Stato Centrale lontà dei paesi del nord Europa. Gli
smopolita delle classi dirigenti, colte e e Regioni, a causa della delicata si- stessi paesi che, per questo motivo,
benestanti, che delle masse europee, tuazione della competenza sanitaria. ostacolano adesso gli aiuti economici
quest’ultime accettano la situazione in Nono sono, tuttavia, un estimatore di verso di noi. E’ un cortocircuito fatto
quanto funzionale ad una prospettiva frequenti rivoluzioni istituzionali, per cui di sfiducia e pregiudizio sotto il quale
di maggior ricchezza. non credo che incidere in modo netto sta franando l’UE.
Quando questa diminuirà, e ne abbia- nelle relazioni fra i vari organi ammi- Ad ogni modo, l’Italia è stato il primo
mo già avuto un primo assaggio con la nistrativi possa, di per sé, risolvere al- paese occidentale e democratico a im-
crisi dei debiti sovrani del 2011, dimi- cuni problemi atavici, tanto più che, sal- porre la limitazione delle libertà indivi-
nuiranno gli incentivi a rimanere nel- vo il caso Lombardo, mi sembra di dire duali. Abbiamo fatto da apripista agli
l’Unione per le masse. che le Regioni abbiano affrontato ade- altri governi, rendendo loro il compito
E saranno tangibili queste contraddi- guatamente la sfida eccezionale del più facile perché “l’ha già fatto l’Ita-
zioni. Covid. lia” e per questo, gli altri governi, de-
4) - Difficile immaginare quando usci- In altri termini, penso che sicuramen- vono ringraziare quello italiano.
remo concretamente dalla crisi sani- te nascerà una discussione sul tema, La sfida che adesso deve affrontare il
taria, sicuramente, però, i temi deline- ma non penso che sia necessario mo- governo Conte è quella di rendere il
ati saranno avvertiti come quelli più dificare il delicato sistema dei pesi e più possibile omogeneo il danno eco-
attuali. contrappesi presenti nella sanità. nomico e sociale dato dall’epidemia.
Sul clima, si sono spese molte parole Altro discorso è il ripensamento del Contemporaneamente, è necessario
nell’ultimo anno, ma il dibattito non è, sistema capitalista, o, per essere più fare si che il tributo economico sia pre-
poi, stato trasfuso nell’adozione di nuo- espliciti, dei mezzi di produzione, che levato il più possibile dalla BCE e dalle
ve ed ulteriori misure, anzi, se doves- dagli anni Ottanta si è delegato esclu- istituzioni europee, limitando l’introdu-
simo leggere esclusivamente il dato sivamente al settore privato, nell’illu- zione, credo inevitabile, di tasse patri-
politico, coglieremmo come proprio sione ideologica che fosse più efficien- moniali.
l’approvazione di proposte a natura te. Questi due compiti saranno il vero ban-
ecologica in passato abbia favorito La crisi che vivremo, dalle proporzio- co di prova del governo e saranno estre-
l’ascesa di proteste sociali in tutto il ni post-belliche per impatto, come so- mamente difficili.
mondo, dai Gillet Gialli in Francia, ad, stenuto dal Fondo Monetario Interna- 2) - Perché i governi democratici sono
ancor prima, Trump negli Stati Uniti, zionale, imporrà, necessariamente, una segue a pag. 29
29

da pag. 28 na sempre più a quella dell’uomo, riu- e s'impelaghino nei meandri dell'info-
per loro natura espressione di popoli scendo a sostituirlo e spesso a miglio- sfera sono porbabilmente concause del
che preferiscono l’uovo alla gallina, rarlo. “Lavorare meno, lavorare tut- diffondersi di notizie quali la "guerra
curandosi esclusivamente dell’oggi e ti”, lo vorremmo tutti. Fino a quando biblica". Tuttavia gli stati in elenco
pochissimo del domani. Inoltre, venia- non stiamo dalla parte di chi preferi- sono effettivamente sembrati impre-
mo da un epoca in cui eravamo co- sce sfruttare il massimo da poche per- parati al momento dello scoppio del-
stantemente circondati da notizie di sone. Spesso ci scordiamo che l’esi- la pandemia. Su questo punt ci sa-
potenziali pericoli catastrofici, assue- genza sociale del branco nasceva nel- rebbe da comprendere fino a che
fatti da questo sentimento di rischio. l’uomo per una necessità. La civiltà è punto fosse calcolata una "riduzione
Un po’ la storia del bambino che gri- nata e si è sviluppata per il bisogno cpiù o meno programamta" della po-
dava “al lupo”, per capirsi. Per quanto reciproco delle persone di interagire polazione mondiale e quando, effet-
riguarda la Cina, credo sia prematuro ed aiutarsi. Ma in un mondo in cui le tivamente, i governi siano stati inef-
fare qualsiasi considerazione: hanno li- macchine possono sostituire gli esseri ficienti.
mitato in maniera incredibilmente effi- umani, a che serve dividere la fetta 3) - Probabilmente vecchie ruggini,
cace l’epidemia e non sappiamo anco- della torta per otto miliardi di perso- differenze ataviche sociali, civili cul-
ra come sia partita l’infezione… ne? turaali in genere e sopratutto econo-
3) - Niente di diverso ai problemi che 5) - Mai come nel prossimo futuro, miche, sono tra i principali motivi.
c’erano ieri: sfiducia reciproca, pregiu- l’umanesimo si sconterà con la natu- Qualcuno cantava "ma davvero cre-
dizio e la mancanza di un qualsiasi ide- ra umana e la sinistra dovrà ridiscute- devi che avremmo parlato Esperanto?"
alismo politico. Per idealismo, non in- re il dogma del lavoro, come sta già ed in momento di forte tensione come
tendo l’accezione romantica, ma quel- iniziando a fare: lavorare poco e lavo- questo, i nodi vengono al pettine.
la propria di Fichte: creazione del mon- rare tutti continuando a credere nel 4) - Sicuramente il punto "a", già al-
do partendo dalle idee. L’Europa non progresso materiale, oppure far lavo- l'attenzione, attirerà le attenzioni di
vuole, o non può permettersi, di darsi rare le macchine e pochi manutentori scenziati, ricercatori, governi ed
un vero ordine economico sociale, specializzati, al nostro posto, creando esperti del settore in genere. Auspi-
schiacciato dalla geopolitica dove risul- un paradiso terrestre in cui l’uomo può cabilmente, aggiungerei. In mertio al
ta nettamente impotente. La discussio- dedicarsi alle arti, la cultura e lo sva- punto "b" ed ai sistemi sanitari im-
ne è incentrata su dove tirare la co- go? Intanto la sinistra dovrà evitare preparati, sono da fare, nostro mal-
perta e non su come tesserla per far si che la maggioranza delle persone di- grado, important dinstinguo. In Ita-
che basti a tutti. L’UE, è nata come un venti inutile e, quindi, eliminabile. Cosa lia, certamente, devono essere rivi-
sistema di garanzia liberista per delle tanto crudele, quanto, banalmente, ste molte cose, ma già in Germania
economie che si affacciavano fiducio- umana. Troppo umana. le differenze sono evidentemente ri-
se nella sfida della globalizzazione. levanti. Sul punto "c" sono davvero
Persa ai danni di USA, Cina e India. poco preparato, ma le tecnologie già
Adesso i nodi vengono al pettine e
l’equilibrio, diventa sempre più instabi-
Lorenzo Taccini da tempo stavano subentrando nel
tessuto lavorativo quotidiano. Alcu-
le: o si va avanti o si torna indietro. 1) - A mio avviso, date le straordina- ni settori ssono decisamente più
4) - Io credo che si aggiungerà gra- rie circcostanze, avanti di altri, ma òa popolazione è
dualmente un quarto tema che assor- constatando la poco preaprata e formata a riguar-
birà gli altri, nell’occidente: il senso del- condizione media do, almeno in Italia.
l’uomo. E non parlo in termini esisten- del tessuto socia- 5) - Penso che la crisi sanitaria in
zialistici, legati all’individuo, ma proprio le e cittadino, le atto abbia evidenziato l'impellente
in termini sociali. Uno dei film più im- celebri difficoltà necessità di rivedere i rapporti tra
portanti del nuovo millennio, quasi pro- burocratiche, tut- governo, regioni e comuni. In merito
fetico uscito nel 1999, come ad annun- to sommato sì. al capitalismo, se ci fosse stato biso-
ciare il mondo nuovo. In quel film, le Con il "senno del gno, abbiamoa vuto la controprova
macchine, evolute e dotate di una in- poi" si potrebbe di essere un sistema inefficiente, ina-
telligenza superiore a quella umana ca- appuntare un datto ed estremamente classista.
povolgono il loro rapporto con il gene- qualche ritardo negli interventi, ma si- L'augurio è che presto passi l'emer-
re umano: è lui, adesso, al servizio del- curamente la situazione ho colto tutti genza sanitaria, ma non si torni alla
la perfezione delle macchine. Lo svi- impreparati. "normalità", bensì si rivedano, tutti
luppo tecnologico toglie posti di lavoro, 2) - Complottisimi, gusto per un'infor- quanti, le proprità sociali, economi-
ma a differenza delle rivoluzioni indu- mazione ricca di bufale e spesso as- che e culturali dei paesi dell'Occi-
striali, quella informatica temo non cre- surda, coinvolgimento emotivo dei cit- dente e dell'Oriente, Nord e Sud del
erà altrettanti nuovi posti di lavoro. Per- tadini affinché regalino qualche "cli- nostro mondo semrpe più ecumeni-
ché L’intelligenza artificiale si avvici- ck" in più a determinate testate online co e cosmopolita.
30

gambe atrofiche, sottili come stecchi; ma zione, che Hurbinek “diceva una paro-

Da un testo i suoi occhi, persi nel viso triangolare e


smunto, saettavano terribilmente vivi,
pieni di richiesta, di asserzione, della vo-
la”. Quale parola? Non sapeva, una pa-
rola difficile, non ungherese: qualcosa
come “massklo”, “matisklo”.
di lontà di scatenarsi, di rompere la tomba
del mutismo.
Nella notte tendemmo l’orecchio: era
vero, dall’angolo di Hurbinek veniva

Primo Levi La parola che gli mancava, che nessuno


si era curato di insegnargli, il bisogno
della parola, premeva nel suo sguardo
ogni tanto un suono, una parola: non
sempre esattamente la stessa, per verità,
ma era certamente una parola articolata;
con urgenza esplosiva: era uno sguardo o meglio, parole articolate leggermente
Pubblichiamo volentieri questa pagina selvaggio e umano ad un tempo, anzi ma- diverse....... Nei giorni seguenti, tutti lo
ripresa dal libro "La Tregua" di Primo turo e giudice, che nessuno fra noi sa- ascoltammoin silenzio, ansiosi di capire,
Levi inviataci dal dott. Cesare Tonelli re- peva sostenere, tanto era carico di forza e c&#39; erano fra noi parlatori di tutte
sidente a Firenze ma di Montecatini Val e pena. le lingue di Europa: ma la parola di Hur-
di Cecina di cui pubblicheremo, nei pros- Nessuno, salvo Henek: Henek era il mio binek rimase segreta.. ....Hurbinek, che
simi numeri de Il Centro, alcuni suoi gra- vicino di letto, un robusto e florido ra- aveva tre anni e forse era nato in Au-
devoli "raccontini". gazzo ungherese di quindici anni. He- schwitz e non aveva mai visto un albero;
nek passava accanto alla cuccia di Hur- Hurbinek, l’entrata nel mondo degli uo-
.... Hurbinek era un nulla , un figlio della binek metà delle sue giornate ..... mini da cui una potenza bestiale lo ave-
morte, un figlio di Auschwitz. Dimostra- Henek, tranquillo e testardo, sedeva ac- va bandito; Hurbinek , il senza nome, il
va tre anni circa, nessuno sapeva niente canto alla piccola sfinge, immune alla po- cui minuscolo avambraccio era pure sta-
di lui, non sapeva parlare e non aveva un tenza triste che ne emanava. Gli portava to segnato col tatuaggio di Auschwitz;
nome: quel curioso nome, Hurbinek, gli da mangiare , gli rassettava le coperte, Hurbinek morì ai primi giorni del Marzo
era stato assegnato da noi, forse da una lo ripuliva con mani abili, prive di ripu- 1945, libero ma non redento.
delle donne, che aveva interpretato con gnanza e gli parlava naturalmente in un-
quelle sillabe una delle voci inarticolate gherese con voce lenta e paziente. Nulla resta più di lui: egli testimonia
che il piccolo ogni tanto emetteva. Era Dopo una settimana, Henek ci annunciò attraverso queste mie parole.
paralizzato dalle reni in giù, ed aveva le con serietà, ma senza ombra di presun- [Da Primo Levi, La Tregua]
31

Mensile del Circolo Culturale “Il Centro”


Imballaggi industriali - Servizi Aut.ne Tribunale Livorno n° 683 del 2/3/2005

Facchinaggio - Gestione aree verdi Redazione ed Amministrazione:


Via Trieste 7 - 57124 Livorno
Via dell’Industra 1/B - Tel. 0586/767500 - Fax 0586/792299 e.mail: ilcentro.livorno@gmail.com
ROSIGNANO SOLVAY www.circoloilcentro-livorno.it

info@logiros.it - web site: www.logiros.it DIRETTORE RESPONSABILE:


Enrico Dello Sbarba

COMITATO DI REDAZIONE:
Massimo Cappelli,
Sergio Cini,
Valeria Grillo,
Luca Lischi,
Mario Lorenzini,
Mauro Paoletti,
Giovanni Schiano,
Angela Simini,
Franco Spugnesi.

Vendita al dettaglio Hanno collaborato a questo numero:

di carni e salumi Cristina Battaglini, Macello Battini,


Don Ordesio Bellini, Franco Bian-
interamente prodotti cani, Francesco Butini, Massimo
Cappelli, Fabio Figara, Fabio Del Ni-
e lavorati in azienda sta, Livio Lazzeri, Mario Lorenzini,
Ruggero Morelli, Franco Spugnesi.
Loc. Poggio Marchino - Rosignano M.mo
Tel. 0586.799032 Grafica e impaginazione: Editrice “Il Quadrifoglio”
Cell. 338.661.38.16 - 333.824.10.52 sas di Palandri Giulia & c., Livorno - Tel. 05861732178.

è CAF, via Cecconi 40 - Tel. 0586/811809 - Livorno


è Patronato, via degliApostoli 5 - Tel. 800740044 - Livorno
e
Giornale chiuso on line
sport, tempo libero, volontariato il 3/5/2020
assistenza, consulenza, sostegno
Acli Service Srl
Via Cecconi 40 ai lavoratori, ai giovani,
Livorno
ai migranti, alle famiglie
segue a pag. 19

DISTRIBUTORI STRADALI Benzina, Gasolio, Gpl e Metano


.............................................
AREZZO LUCCA Verifiche apparecchi di sollevamento
San Giovanni Valdarno Gallicano GRU, PLE, CARRI PONTE, GRU a
Montevarchi
Terranuova Bracciolini
Antraccoli TORRE, CARRELLI ELEVATORI, SCA-
Altopascio LE AEREE, verifiche apparecchi a
Loro Ciuffena
Ponte alla Ciliegia
Viale SantaMargherita (AR) pressione GENERATORI, AUTOCLA-
............................................. .............................................
PISTOIA VI, PED, TPED, verifica ascensori, ve-
SIENA
Abbadia san Salvatore Panicagliora rifica impianti di terra.
Sovicille .............................................
............................................. LIVORNO ECO Certificazioni Spa
FIRENZE ViaCattaneo (LI) Sede operativa regionale Toscana:
Viale Guidoni (FI) * .............................................
SanPolo (FI) PISA
Via Le Spianate 45 - Rosignano M.mo
Fucecchio Montecatini Val di Cecina Tel./fax 0586.759023 - Cell. 334.5265673
* in ristrutturazione E-mail: toscana.li@eco-cert.it
32