Sei sulla pagina 1di 1

Compilare la Nota Integrativa (NI)

La Nota Integrativa ha il compito di riportare dati sintetici aggiuntivi rispetto a quelli contenuti nei documenti
quantitativo-contabili. Altre due funzione della NI sono informare sui principi di contabilizzazione ed illustrare
le ragioni dell'applicazione dei criteri di valutazione. La Nota Integrativa deve indicare i criteri applicati nella
stima delle voci di bilancio, nelle rettifiche di valore (ammortamenti, svalutazioni e rivalutazioni) e nelle
conversioni dei valori espressi in moneta estera. Successivamente vengono riportati le caratteristiche delle
partecipazioni, gli oneri finanziari ricapitalizzati ed i movimenti delle immobilizzazioni. Per quelle immateriali
e materiali bisogna specificare il costo, le azioni precedenti, le operazioni dell'esercizio (acquisizioni,
spostamenti di voci ed alienazioni) e le operazioni rettificative dell'esercizio. Dopodiché la NI deve contenere
l'analisi della composizione di speciali immobilizzazioni immateriali: costi di impianto ed ampliamento, costi di
ricerca&sviluppo e costi di pubblicità. Ulteriori informazioni riguardano ad esempio la variazione dei fondi di
SP in relazione ad impieghi e accantonamenti d'esercizio, i dettagli su crediti e debiti, i possibili effetti
significativi delle variazioni dei cambi successive alla chiusura dell'esercizio. Per scoprire i restanti contenuti
della Nota Integrativa, basterà consultare l'articolo 2427 del codice civile.
79

Stilare il Rendiconto finanziario


Il Rendiconto finanziario costituisce il prospetto fondamentale di natura contabile attraverso cui la società ha la
possibilità di fornire informazioni ai destinatari esterni riguardo la propria situazione finanziaria. Tale
documento evidenzia come l'azienda ha procurato le risorse finanziarie necessarie per svolgere l'attività ed
impiegato le risorse finanziarie acquisite. Il Rendiconto finanziario dimostra le correlazioni esistenti fra la
politica di finanziamento e quella degli investimenti seguite dall'impresa nel periodo amministrativo esaminato.
La costruzione richiede la disponibilità dei dati riguardanti due SP consecutivi, il CE che li collega ed ulteriori
informazioni di ordine finanziario. Gli SP andranno riclassificati secondo la liquidità-esigibilità degli impieghi
e delle fonti. A questo punto si evidenzieranno i flussi positivi (passività) ed i flussi negativi (attività). Il
prospetto di Rendiconto finanziario adottato potrà risultare a sezioni contrapposte, in forma scalare oppure a
sezioni divise accostate.

SITUAZIONE CONTABILE: prospetto che con riferimento a una certa data,


indica il totale dei movimenti registrati nei conti, oppure le eccedenze dare e avere
Esse possono essere scomposte:
per soli totali: di ogni conto evidenziano il totale dei movimenti in dare e in avere
per sole eccedenze: indicano per ogni conto non spento la differenza tra il totale
dare e il totale avere
per totali ed eccedenze: riportano entrambe le indicazioni, e prende il nome di
bilancio di verifica.
Rispetto alla forma le situazioni contabili possono essere:
a sezioni accostate: i conti sono indicati in una sola colonna
a sezioni divise: forma adottata per le situazioni per sole eccedenze (sx conti
eccedenze dare e dx avere)
scopi per i quali è utile redigere una situazione contabile
controllo formale delle rilevazioni
conoscenza degli andamenti della gestione
confronto tra dati programmati e dati rilevati