Sei sulla pagina 1di 280

Ministero della Giustizia

DIPARTIMENTO DELL’ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI


DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI

“Reingegnerizzazione ed evoluzione
degli applicativi del settore civile della
Giustizia finalizzata al Processo
Telematico”

Manuale Utente del Magistrato

Versione 9.0

Protocollo n° D12-0407
-------------
5 Settembre 2012

Documento predisposto dal R.T.I. composto da:


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 2
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

SOMMARIO
STORIA DELLE MODIFICHE APPORTATE ............................................................................................. 18

DEFINIZIONI E ACRONIMI ................................................................................................................... 19

RIFERIMENTI ........................................................................................................................................ 22

1 PREMESSA .................................................................................................................................... 25

1.1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO.................................................................................................. 25

1.2 DESTINATARI DEL DOCUMENTO ............................................................................................ 25

1.3 PREREQUISITI PER LA COMPRENSIONE ................................................................................. 25

1.4 LA VIDEOSCRITTURA .............................................................................................................. 25

1.5 LA SCRITTURA E LE SUE FASI ................................................................................................. 27

1.6 LA SCRITTURA ELETTRONICA ................................................................................................ 32

2 CONTENUTO DEL MANUALE ....................................................................................................... 34

3 INTRODUZIONE ............................................................................................................................ 35

3.1 COS’È LA CONSOLLE? ............................................................................................................ 35

3.2 MODALITÀ DI ACCESSO .......................................................................................................... 35

3.2.1 ACCESSO COME MAGISTRATO ............................................................................................... 36

3.2.2 PRIMO ACCESSO PER IL MAGISTRATO.................................................................................. 37

3.2.3 ACCESSO COME ASSISTENTE ................................................................................................. 38

3.2.4 PRIMO ACCESSO PER L’ASSISTENTE ..................................................................................... 39

3.3 PRESENTAZIONE DEL SISTEMA .............................................................................................. 41

3.3.1 MODALITÀ DI LAVORO CONNESSA/DISCONNESSA ................................................................ 47

4 SCRIVANIA ................................................................................................................................... 49

4.1 DEFINIZIONE ........................................................................................................................... 49

4.2 REQUISITI ................................................................................................................................ 49

4.2.1 CARTELLE DI ATTIVITÀ.......................................................................................................... 50

4.2.2 CARTELLE DI STUDIO ............................................................................................................. 51


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 3
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

4.2.3 CARTELLE DOCUMENTI ......................................................................................................... 52

4.2.4 CARTELLE PERSONALI ........................................................................................................... 52

4.2.4 REQUISITI GENERICI PER LA SINGOLA CARTELLA ............................................................... 53

4.2.5 RAGGRUPPAMENTI E FILTRI APPLICATI AI FASCICOLI ........................................................ 54

4.2.6 VISIBILITÀ DELLE CARTELLE E DEI FASCICOLI .................................................................... 55

4.3 ESEMPI DI REQUISITI SPECIFICI DELLE CARTELLE .............................................................. 56

4.3.1 CARTELLE DI ATTIVITÀ .......................................................................................................... 56

4.3.1.1 CAUSE IN DECISIONE .......................................................................................................... 56

4.3.1.2 CAUSE IN RISERVA ............................................................................................................. 57

4.3.1.3 CAUSE DI NUOVA ASSEGNAZIONE ...................................................................................... 58

4.3.1.4 UDIENZA COLLEGIALE ....................................................................................................... 59

4.3.2 CARTELLE DI STUDIO ............................................................................................................. 60

4.3.2.1 IN EVIDENZA........................................................................................................................ 60

4.3.2.2 LEADING CASE .................................................................................................................... 60

4.3.2.3 IN VISIONE ........................................................................................................................... 60

4.3.3 CARTELLE DI DOCUMENTI ..................................................................................................... 61

4.3.3.1 DA DEPOSITARE .................................................................................................................. 61

4.3.3.2 ATTESA CANCELLERIA ...................................................................................................... 62

4.3.3.3 IN CONTROFIRMA ............................................................................................................... 62

4.3.3.4 CONTROFIRMATI ................................................................................................................ 63

4.3.3.5 CONTROFIRMA NEGATA ..................................................................................................... 63

4.3.3.6 CODA DEPOSITO .................................................................................................................. 64

5 APPUNTI ....................................................................................................................................... 65

6 AGENDA........................................................................................................................................ 66

6.1 INTRODUZIONE ........................................................................................................................ 66

6.2 AGGIUNGI APPUNTAMENTO ................................................................................................... 67

6.2.1 FISSAZIONE DELLE DATE DI UDIENZA ................................................................................... 69


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 4
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

7 AGENDA (CONSOLLE II GRADO)................................................................................................. 72

8 RUOLO .......................................................................................................................................... 73

8.1.1 FUNZIONE “UDIENZE”: “PANNELLO UDIENZE” E “DIFFERIMENTO UDIENZA” .................. 77

8.2 FUNZIONALITÀ BASE ............................................................................................................... 78

8.2.1 AGGIORNAMENTO DEI FASCICOLI ......................................................................................... 78

8.2.2 RICERCA FASCICOLI ............................................................................................................... 82

8.2.3 AGGIORNA STATO DEPOSITI E CONTROFIRMA...................................................................... 84

8.2.4 AGGIORNA AGENDA E RUOLO UDIENZA (CONSOLLE II GRADO).......................................... 84

8.2.1 LA CODA DI FIRMA E LA FIRMA MASSIVA DEGLI ATTI .......................................................... 85

8.2.2 DEPOSITO BUSTE IN CODA ...................................................................................................... 88

8.2.3 ANALISI DEL RUOLO ............................................................................................................... 90

8.2.3.1 STAMPA RUOLO .................................................................................................................. 91

8.2.3.2 SCRIVI PROVVEDIMENTO ................................................................................................... 91

8.2.3.3 ANALISI DI DETTAGLIO DI UN FASCICOLO ........................................................................ 91

8.2.3.3.1 COPERTINA CON SUB-PROCEDIMENTO ......................................................................... 99

8.2.3.3.2 DATI LAVORAZIONE ..................................................................................................... 100

8.2.3.3.3 STORICO ........................................................................................................................ 103

8.2.3.3.4 EVENTI PROCEDURA .................................................................................................... 104

8.2.3.3.5 EVENTI DELLE DELEGHE ............................................................................................. 104

8.2.3.3.6 MOSTRA/NASCONDI ANNOTAZIONI ............................................................................ 105

8.2.3.3.7 AGGIORNA I DATI DEL FASCICOLO E DEI DOCUMENTI............................................... 105

8.2.3.3.8 AGGIORNA I DOCUMENTI PRESENTI NEL FASCICOLO ................................................ 106

8.2.3.3.9 SCRIVI PROVVEDIMENTO ............................................................................................ 107

8.2.3.3.10 APRI DOCUMENTO IN LAVORAZIONE .......................................................................... 107

8.2.3.3.11 AGGIORNA LA VISUALIZZAZIONE................................................................................ 108

8.2.3.3.12 ARCHIVIA ...................................................................................................................... 108

8.2.3.3.13 ELIMINA DOCUMENTO (IN LOCALE) ........................................................................... 108


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 5
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.2.3.3.14 ELIMINA DOCUMENTO REMOTO ................................................................................. 108

8.2.3.3.15 MOSTRA VERSIONI DOCUMENTO ................................................................................ 108

8.2.3.3.16 DEPOSITO DI UN PROVVEDIMENTO IN SCRITTURA ..................................................... 109

8.2.3.3.17 DEPOSITO DEI PROVVEDIMENTI IN SCRITTURA DEI FASCICOLI SELEZIONATI ........ 109

8.2.3.3.18 INSERIMENTO FILE LIBERO ........................................................................................ 110

8.2.3.4 SCRITTURA E DEPOSITO DI UN PROVVEDIMENTO ........................................................... 112

8.2.3.4.1 SCRIVI PROVVEDIMENTO ............................................................................................ 112

8.2.3.4.2 AMBIENTE DI REDAZIONE ............................................................................................ 115

8.2.3.4.2.1 PUNTI DI MOTIVAZIONE .............................................................................................. 119

8.2.3.4.2.2 INSERIMENTO EVENTI DELLA PROCEDURA ............................................................... 121

8.2.3.4.2.3 INSERIMENTO RIFERIMENTO NORMATIVO AD UN CODICE ...................................... 122

8.2.3.4.2.4 INSERIMENTO RIFERIMENTO NORMATIVO AD UNA LEGGE...................................... 124

8.2.3.4.2.5 INSERIMENTO RIFERIMENTO GIURISPRUDENZIALE................................................... 126

8.2.3.4.2.6 INSERIMENTO DEL CALENDARIO DELLE UDIENZE ..................................................... 129

8.2.3.4.2.7 SALVATAGGIO .............................................................................................................. 130

8.2.3.4.2.8 SALVA E DEPOSITA ....................................................................................................... 130

8.2.3.4.3 COMUNICAZIONI DI CANCELLERIA E NOTIFICHE ...................................................... 136

8.2.3.4.4 APERTURA CONTESTUALE DI PIÙ PROVVEDIMENTI ................................................... 137

8.2.3.4.5 CONTROFIRMA DI UN PROVVEDIMENTO DI TIPO COLLEGIALE. ................................ 137

8.2.3.4.5.1 INVIO IN CONTROFIRMA DI UN PROVVEDIMENTO COLLEGIALE ............................... 138

8.2.3.4.5.2 CONTROFIRMA DI UN PROVVEDIMENTO ..................................................................... 143

8.2.3.4.6 CONTROFIRMA DI UN ATTO DEL DELEGATO. ............................................................. 150

8.2.4 ANNOTAZIONI........................................................................................................................ 157

8.2.5 EVENTI DI PROCEDURA ......................................................................................................... 159

8.3 FUNZIONALITÀ DI BASE SPECIFICHE DEI REGISTRI FALLIMENTARE E ESECUZIONI ....... 159

8.3.1 LOTTI E BENI ......................................................................................................................... 160

8.3.2 LIBRETTI................................................................................................................................ 162


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 6
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.3.3 CAUSE OSTATIVE .................................................................................................................. 162

8.3.3.1 INSERIMENTO DI UNA CAUSA OSTATIVA ......................................................................... 163

8.3.3.2 MODIFICA DI UNA CAUSA OSTATIVA ............................................................................... 164

8.3.3.3 CANCELLAZIONE DI UNA CAUSA OSTATIVA .................................................................... 164

8.4 FUNZIONALITÀ DI BASE SPECIFICHE DEL REGISTRO ESECUZIONI .................................... 165

8.4.1 CARTELLA DELEGATI ........................................................................................................... 165

8.4.2 EVENTI DELLE DELEGHE...................................................................................................... 165

8.5 FUNZIONALITÀ AVANZATE ................................................................................................... 166

8.5.1 AGGIORNAMENTO DEI FASCICOLI ....................................................................................... 166

8.5.2 RISULTATI DELLE RICERCHE E PROPRIETÀ DELLA GRIGLIA ............................................. 167

8.5.3 ANALISI DI DETTAGLIO DI UN FASCICOLO........................................................................... 172

8.5.3.1 MOSTRA/NASCONDI ALBERO E SCHEDA SI DETTAGLIO DEL FASCICOLO ...................... 172

8.5.3.2 INSERISCI/MODIFICA ANNOTAZIONI ............................................................................... 174

8.5.3.3 MOSTRA/NASCONDI ANNOTAZIONI.................................................................................. 175

8.5.3.4 CIFRATURA DEL CONTENUTO DEL FASCICOLO .............................................................. 176

8.5.3.5 MOSTRA LO STATO DI CONDIVISIONE DEL FASCICOLO.................................................. 177

8.5.3.6 MOSTRA GLI ASSISTENTI DEL FASCICOLO ...................................................................... 178

8.5.3.7 IMPOSTA LO STATO DI PRESA IN VISIONE PER UN FASCICOLO....................................... 179

8.5.3.8 APRI CON WORD ............................................................................................................... 180

8.5.3.9 NAVIGAZIONE DOCUMENTO ATTRAVERSO LINK ............................................................ 182

8.6 FUNZIONALITÀ AVANZATE SPECIFICHE DEI REGISTRI FALLIMENTARE E ESECUZIONI .. 184

8.6.1 PROGETTO DISTRIBUZIONE ................................................................................................. 184

8.6.2 STATO PASSIVO ..................................................................................................................... 186

9 RUOLO DI UDIENZA ................................................................................................................... 188

9.1 LE FUNZIONALITÀ ................................................................................................................ 189

9.1.1 CONTENUTO FASCICOLO ...................................................................................................... 189

9.1.2 STAMPA/EXPORT GRIGLIA ................................................................................................... 190


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 7
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

9.1.3 ANNOTAZIONI ON/OFF ......................................................................................................... 190

9.1.4 SCRIVI PROVVEDIMENTO...................................................................................................... 190

9.1.5 MOSTRA APPUNTAMENTI ..................................................................................................... 190

9.2 INSERIMENTO DI ANNOTAZIONI ........................................................................................... 190

IL MAGISTRATO PUÒ INSERIRE, MODIFICARE O RIMUOVERE TRAMITE IL PULSANTE DESTRO DEL


MOUSE ANNOTAZIONI PERSONALI NELLA GIORNATA DI RIFERIMENTO. ........................................ 190

10 RUOLO DI UDIENZA (CONSOLLE II GRADO) ............................................................................ 191

10.1 LE FUNZIONALITÀ ................................................................................................................ 192

10.1.1 CONTENUTO FASCICOLO .................................................................................................. 192

10.1.2 STAMPA GRIGLIA .............................................................................................................. 193

10.1.3 SCRIVI PROVVEDIMENTO ................................................................................................. 193

10.1.4 ANNOTAZIONI ON/OFF ..................................................................................................... 193

11 RICERCHE .................................................................................................................................. 193

11.1 RUOLO GIUDICE .................................................................................................................... 193

11.1.1 RICERCA RUOLI ................................................................................................................ 193

11.1.1 RICERCA DOCUMENTI ...................................................................................................... 194

11.1 REGISTRI DI CANCELLERIA .................................................................................................. 195

11.1.1 RICERCA FASCICOLI ......................................................................................................... 195

11.1.2 RICERCA BENI ................................................................................................................... 196

11.1.3 RICERCA CTU................................................................................................................... 197

11.1.4 RICERCA DELEGATI ......................................................................................................... 200

11.1.5 RICERCA MINUTE ............................................................................................................. 200

12 STRUMENTI ................................................................................................................................ 201

12.1 AMMINISTRAZIONE UTENTE ................................................................................................ 202

12.1.1 PROFILO UTENTE ............................................................................................................. 202

12.1.2 FILTRI APPLICATIVI ......................................................................................................... 204

12.1.3 AUTOMATISMI .................................................................................................................. 205


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 8
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

12.1.4 PREFERENZE ..................................................................................................................... 207

12.1.5 REGISTRI ATTIVI ............................................................................................................... 208

12.1.6 APPUNTI FASCICOLO ........................................................................................................ 209

12.1.7 CAMBIO CODICE FISCALE ............................................................................................... 211

12.2 CREAZIONE E GESTIONE DEGLI ASSISTENTI ....................................................................... 212

12.3 GESTIONE PROFILI ............................................................................................................... 214

12.4 GESTIONE CARTELLE ........................................................................................................... 217

12.5 IMPORT/EXPORT CARTELLE PERSONALI ............................................................................ 219

12.6 GESTIONE TABELLE DI BASE ............................................................................................... 222

12.7 AGGIORNA UFFICI E CERTIFICATI ....................................................................................... 223

12.8 BACKUP ................................................................................................................................. 223

13 COLLEGAMENTI ........................................................................................................................ 224

13.1 COME CREARE E ORGANIZZARE UN COLLEGAMENTO ....................................................... 224

13.2 FUNZIONALITÀ AVANZATE.................................................................................................... 227

14 RICERCHE GIURISPRUDENZIALI ............................................................................................... 228

14.1 RICERCA STRUTTURATA ....................................................................................................... 229

14.2 RICERCA PER TESTO LIBERO................................................................................................ 230

14.2.1 SINTASSI PER LA RICERCA TESTUALE ............................................................................. 230

14.3 ALTRI PARAMETRI ................................................................................................................ 230

14.4 RISULTATI DELLA RICERCA ................................................................................................. 230

15 FUNZIONI INFORMATIVE PER IL MAGISTRATO (FIM) ........................................................... 231

15.1 MODALITÀ DI ACCESSO ........................................................................................................ 232

15.2 SCELTA DEL RUOLO.............................................................................................................. 232

15.3 SELEZIONE DI UN REPORT .................................................................................................... 234

15.4 IMPOSTAZIONE DEI FILTRI................................................................................................... 237

15.5 VISUALIZZAZIONE DELL’ANTEPRIMA DI UN REPORT ........................................................ 240

15.6 APPLICAZIONI DI ANALISI .................................................................................................... 243


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 9
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

15.7 MATRICE DEGLI ACCESSI..................................................................................................... 267

INDICE ANALITICO ............................................................................................................................. 274

16 APPENDICE A ......................................................................................................................... 276

16.1 SCRIVANIA ............................................................................................................................. 276

16.2 RUOLO CONTENZIOSO CIVILE .............................................................................................. 276

16.3 RUOLO ESECUZIONI FORZATE.............................................................................................. 277

16.4 RUOLO FALLIMENTARE ........................................................................................................ 278

16.5 RUOLO DEL DIRITTO DEL LAVORO ...................................................................................... 278

16.6 RUOLO PREFALLIMENTARE ................................................................................................. 279

16.7 RUOLO CONTENZIOSO PER CORTE D’APPELLO.................................................................. 280

16.8 RUOLO DIRITTO DEL LAVORO PER CORTE D’APPELLO ..................................................... 280
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 10
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

INDICE DELLE FIGURE


Figura 1 – Esempio di minuta (1) ............................................................................................. 28

Figura 2 – Esempio di minuta (2) ............................................................................................. 29

Figura 3 – Esempio di minuta (3) ............................................................................................. 30

Figura 4 - Schermata Login ..................................................................................................... 36

Figura 5 - Richiesta del PIN ..................................................................................................... 36

Figura 6 - Registrazione nuovo utente (magistrato) ................................................................. 37

Figura 7 – Login Assistente ...................................................................................................... 39

Figura 8 - Registrazione nuovo utente (assistente)................................................................... 40

Figura 9 - Schermata Principale ............................................................................................... 41

Figura 10- Menù Scrivania ....................................................................................................... 50

Figura 11- Dettaglio Inserisci in cartella .................................................................................. 51

Figura 12 - Dettagli Scrivania .................................................................................................. 53

Figura 13 - Configurazione griglia ........................................................................................... 55

Figura 14 - Opzioni di visualizzazione per le Cause in decisione............................................ 57

Figura 15 - Finestra Appunti .................................................................................................... 65

Figura 16 - Agenda ................................................................................................................... 67


Figura 17 - Aggiungi Appuntamento ....................................................................................... 68

Figura 18 - Aggiungi Udienza .................................................................................................. 70

Figura 19 - Aggiungi Fascicoli ................................................................................................. 71

Figura 20 – Agenda (II grado) .................................................................................................. 73

Figura 21 - Menu selezione ruolo in base al registro ............................................................... 74

Figura 22 - Ruolo Fallimentare ................................................................................................ 76

Figura 23 – Pannello “Udienze” ............................................................................................... 77

Figura 24 – Differimento Udienza ........................................................................................... 78

Figura 25 - Pulsante per l’estrazione dei fascicoli.................................................................... 79


Figura 26 - Estrazione Fascicoli ............................................................................................... 80
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 11
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 27 - Applicazione dei filtri per la ricerca/estrazione dei fascicoli ................................ 82

Figura 28 - Pulsante di Ricerca fascicoli .................................................................................. 83

Figura 29 - Schermata di Ricerca dei Fascicoli ........................................................................ 83

Figura 30 - Pulsante di Aggiorna stato depositi e controfirma ................................................. 84

Figura 31 - Pulsante di Aggiorna agenda e ruolo udienza ........................................................ 85

Figura 32 – Funzione per l’inserimento in coda di firma ......................................................... 85

Figura 33 - Pulsante per l’accesso ai provvedimenti in coda di firma ..................................... 86

Figura 34 – Provvedimenti in coda di firma............................................................................. 86

Figura 35 – Anteprima dei provvedimenti in coda di firma ..................................................... 88

Figura 36 - Pulsante per il deposito di buste in coda................................................................ 88


Figura 37 – Deposito buste in coda .......................................................................................... 89

Figura 38 - Schermata di una griglia del Ruolo ....................................................................... 90

Figura 39 - Dettaglio di un fascicolo ........................................................................................ 92

Figura 40 - Copertina di parte .................................................................................................. 93

Figura 41 - Dettaglio di un atto depositato ............................................................................... 94

Figura 42 - Atti del delegato e del custode ............................................................................... 95

Figura 43 - Dettaglio di un provvedimento in scrittura ............................................................ 96

Figura 44 - Copertina fascicolo con sub-procedimenti ............................................................ 99

Figura 45 - Dettaglio sub-procedimenti ................................................................................. 100

Figura 46 - Dati Lavorazione ................................................................................................. 101

Figura 47 - Modifica Appunti da griglia ................................................................................ 102

Figura 48 - Storico fascicolo .................................................................................................. 103

Figura 49 - Eventi Procedura.................................................................................................. 104

Figura 50 - Deleghe nel contenuto del fascicolo .................................................................... 105

Figura 51 - Estrai Documenti ................................................................................................. 106

Figura 52 - Provvedimenti in scrittura ................................................................................... 107

Figura 53 - Mostra versione documento................................................................................. 109


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 12
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 54 - Selezione e deposito documenti in lavorazione ................................................... 110

Figura 55 - Menu inserisci file ............................................................................................... 111

Figura 56 - Selezione del file libero ....................................................................................... 111

Figura 57 - File libero associato ............................................................................................. 112

Figura 58 - Selezione fascicolo .............................................................................................. 112

Figura 59 - Selezione modello................................................................................................ 113

Figura 60 - Selezione dell’organo giudicante monocratico .................................................... 114

Figura 61 - Selezione dell’organo giudicante collegiale ........................................................ 115

Figura 62 - Ambiente di Redazione ....................................................................................... 116

Figura 63 – Strumenti Redattore ............................................................................................ 117


Figura 64 – Barra degli strumenti ........................................................................................... 117

Figura 65 – Apertura menù a tendina per selezione funzioni Redattore ................................ 118

Figura 66 - Inserimento dei PDM ........................................................................................... 120

Figura 67 - Inserimento eventi della procedura ..................................................................... 122

Figura 68- Riferimento normativo ad un Codice ................................................................... 123

Figura 69- Fonte Riferimento ................................................................................................. 124

Figura 70- Sottonumerazione ................................................................................................. 124

Figura 71 - Riferimento Normativo ad una legge .................................................................. 125

Figura 72 -Fonte Riferimento ................................................................................................. 126

Figura 73 - Riferimenti Giurisprudenziali (Sentenza) ............................................................ 127

Figura 74 - Elenco degli Uffici ............................................................................................... 128

Figura 75 – Tipo Documento ................................................................................................. 128

Figura 76 – Relazione Interpretativa ...................................................................................... 129

Figura 77 – Inserimento calendario del processo ................................................................... 129

Figura 78 - Salvataggio copia del documento ........................................................................ 130

Figura 79 – procedura di creazione della busta ...................................................................... 131

Figura 80 - Riepilogo riferimenti normativi ........................................................................... 132


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 13
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 81 - Eventi secondari da suggerire .............................................................................. 133

Figura 82 - Visualizzazione P.Q.M ....................................................................................... 134

Figura 83 - Confronto tra il file con i dati profilo e il documento in pdf ............................... 135

Figura 84 – Modalità di attivazione visualizzazione stato notifica ........................................ 136

Figura 85 - Stato notifica per ogni destinatario ...................................................................... 137

Figura 86 – Contenuto del fascicolo:provvedimenti in scrittura. ........................................... 138

Figura 87 – Procedura di creazione della busta:Invio in controfirma. ................................... 139

Figura 88 - Stato Controfirma: “In attesa di controfirma” ..................................................... 139

Figura 89- Stato Controfirma: “Controfirmato” ..................................................................... 141

Figura 90 - Visualizzazione note del Presidente .................................................................... 141


Figura 91 – Consolle del magistrato:Controfirma. ................................................................. 143

Figura 92 - Controfirma, pannello ricerca .............................................................................. 144

Figura 93 – Wizard di controfirma. ........................................................................................ 145

Figura 94 – Controfirma di un provvedimento. ..................................................................... 146

Figura 95 – Controfirma avvenuta con successo. ................................................................... 147

Figura 96 – Rigetto di un documento in controfirma. ............................................................ 148

Figura 97- Testo del provvedimento ...................................................................................... 149

Figura 98 - Quotare il testo del provvedimento ..................................................................... 150

Figura 99 - Controfirma degli atti del delegato ...................................................................... 151

Figura 100 - Controfirma, pannello ricerca ............................................................................ 152

Figura 101 – Wizard di controfirma dei delegati. .................................................................. 153

Figura 102 – Controfirma di un provvedimento. ................................................................... 154

Figura 103 – Controfirma avvenuta con successo. ................................................................. 155

Figura 104 – Rigetto di un documento in controfirma. .......................................................... 156

Figura 105 - Esito del rigetto .................................................................................................. 157

Figura 106 - Annotazioni ....................................................................................................... 158

Figura 107 - Eventi di procedura ............................................................................................ 159


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 14
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 108 - Tab per Fallimentare ed Esecuzioni .................................................................. 159

Figura 109 - Lotti e Beni ........................................................................................................ 160

Figura 110 – Beni di un lotto.................................................................................................. 161

Figura 111 - Dettaglio Lotto ................................................................................................... 161

Figura 112 - Dettaglio Bene ................................................................................................... 161

Figura 113 – Libretti............................................................................................................... 162

Figura 114 - Pannello Cause Ostative .................................................................................... 162

Figura 115 - Pannello di inserimento dati della Causa Ostativa ............................................ 163

Figura 116 - Causa Ostativa, selezione controparte ............................................................... 163

Figura 117 - Causa Ostativa, modifica ................................................................................... 164


Figura 118 - Causa Ostativa, cancellazione ........................................................................... 164

Figura 119 - Cartella fascicoli delegati con allarme per “non aggiornamento” ..................... 165

Figura 120 - Eventi delle Deleghe .......................................................................................... 166

Figura 121 - Raggruppamento ................................................................................................ 167

Figura 122 - Selezione del risultato di interesse..................................................................... 168

Figura 123 - Modifica filtri (1) ............................................................................................... 169

Figura 124 - Modifica filtri (2) ............................................................................................... 170

Figura 125 - Modifica filtri (3) ............................................................................................... 171

Figura 126 - Configurazione griglia ....................................................................................... 172

Figura 127 - Dettagli delle funzionalità del Contenuto fascicolo........................................... 173

Figura 128 - Nascondi albero ................................................................................................. 173

Figura 129 - Mostra albero ..................................................................................................... 174

Figura 130 - Inserimento/modifica di un’annotazione ........................................................... 175

Figura 131 - Annotazioni Documenti ..................................................................................... 176

Figura 132 - Richiesta cifratura .............................................................................................. 177

Figura 133 - Condivisone Fascicolo ....................................................................................... 178

Figura 134 – Assistenti Fascicolo .......................................................................................... 179


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 15
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 135 - Selezione di un atto depositato .......................................................................... 180

Figura 136 - Finestra MS Word ............................................................................................. 181

Figura 137 - Visualizzazione delle modifiche apportate ........................................................ 182

Figura 138 - Deposito con link ad altri documenti ................................................................. 183

Figura 139 - Collegamenti ipertestuali non presenti .............................................................. 184

Figura 140 - Accedere al Progetto di Distribuzione ............................................................... 185

Figura 141 - Finestra del Progetto di Distribuzione ............................................................... 186

Figura 142 - Accedere alla funzione Stato Passivo ................................................................ 187

Figura 143 - Finestra Stato Passivo ........................................................................................ 188

Figura 144 - Ruolo di Udienza ............................................................................................... 189


Figura 145 – Annotazioni nel calendario del ruolo di udienza .............................................. 191

Figura 146 - Ruolo di Udienza ............................................................................................... 192

Figura 147 - Ricerca ruolo...................................................................................................... 194

Figura 148 - Ricerca documenti ............................................................................................. 195

Figura 149 - Ricerca fascicoli................................................................................................. 196

Figura 150 - Ricerca beni ....................................................................................................... 197

Figura 151 - Ricerca CTU ...................................................................................................... 198

Figura 152 - Dettagli CTU ..................................................................................................... 199

Figura 153 - Incarichi CTU .................................................................................................... 199

Figura 154 - Ricerca delegati ................................................................................................. 200

Figura 155 - Ricerca minute ................................................................................................... 201

Figura 156 - Menu strumenti .................................................................................................. 202

Figura 157 - Profilo Utente .................................................................................................... 203

Figura 158 - Filtri Applicativi ................................................................................................ 204

Figura 159 - Automatismi ...................................................................................................... 206

Figura 160 - Preferenze .......................................................................................................... 208

Figura 161 - Gestione Registri attivi ...................................................................................... 209


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 16
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 162 - Appunti fascicolo ............................................................................................... 210

Figura 163 - Tab per il cambio del Codice Fiscale ................................................................ 212

Figura 164 – Gestione assistenti ............................................................................................. 213

Figura 165 – Gestione assistente ............................................................................................ 214

Figura 166 - Funzioni per profilo ........................................................................................... 214

Figura 167 - Creazione nuovo profilo .................................................................................... 215

Figura 168 - Creazione nuovo profilo .................................................................................... 216

Figura 169 - Import/export profilo utente .............................................................................. 217

Figura 170 - Gestione Cartelle ............................................................................................... 218

Figura 171 - Creazione di una cartella personale senza filtri ................................................. 219
Figura 172 - Export cartelle personali con filtro .................................................................... 220

Figura 173 - Import cartelle personali con filtro .................................................................... 221

Figura 174 - Esporta filtro corrente ........................................................................................ 222

Figura 175 - Tabelle di base ................................................................................................... 222

Figura 176 - Aggiorna uffici e certificati................................................................................ 223

Figura 177 - Schermata dei Collegamenti .............................................................................. 224

Figura 178 - Nuovo Collegamento ......................................................................................... 225

Figura 179 - Visualizzazione dei Collegamenti ..................................................................... 226

Figura 180 - Inserimento Nuova Cartella ............................................................................... 227

Figura 181 - Ricerche giurisprudenziali ................................................................................. 229

Figura 182 - Ricerca giurisprudenziale strutturata ................................................................. 230

Figura 183 - Ricerca giurisprudenziale per testo libero ......................................................... 230

Figura 184 - Campi degli atti ricercati ................................................................................... 231

Figura 185 – Maschera di scelta del Ruolo per l’accesso alle Statistiche ............................. 233

Figura 186 – Maschera per la scelta del Report da visualizzare ............................................ 236

Figura 187 - Messaggio di errore in caso di mancata selezione di un Report ........................ 237

Figura 188 - Maschera di selezione dei filtri per la visualizzazione di un report .................. 238
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 17
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 189 - Maschera di Anteprima di un Report................................................................ 241

Figura 190 - Scelta delle Impostazioni di Stampa .................................................................. 243


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 18
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

STORIA DELLE MODIFICHE APPORTATE

Versione Data Descrizione Modifica


Documento
1.0 02/03/2005 Prima emissione
1.1 14/03/2005 Seconda emissione. Recepisce le osservazioni
dell’Amministrazione emerse in sede di verifica di
accettazione della Versione Intermedia.
2.0 18/07/2005 Documento relativo alla fase 2.0
2.1 18/04/2006 Documento relativo alla versione 2.1.x del software
2.2 22/08/2006 Documento relativo alla versione 2.2.x del software

3.0 12/06/2007 Documento relativo alla versione 3.0 del software

4.0 10/06/2008 Documento relativo alla versione java 4.0 del software

4.1 18/11/2008 Documento revisionato, aggiunti: paragrafo 7.2.1,


capitolo 11 (FIM)
4.2 05/02/2009 Modificata l’immagine di anteprima del report
contenuta nel paragrafo 11.5 e la relativa descrizione
5.0 26/03/2009 Documento relativo alla versione java 5.0 del software

5.1 20/04/2009 Documento relativo alla versione java 5.1 del software

5.2 07/09/2009 Documento relativo alla versione java 5.2 del software

5.3 20/10/2009 Documento relativo alla versione java 5.2.3 del


software
5.4 23/07/2010 Documento relativo alla versione java 5.4.0 del
software
7.0 28/02/2012 Documento relativo alla versione java 6.0.00 del
software
7.1 19/03/2012 Modificata interfaccia grafica dello stato delle notifiche

7.2 30/03/2012 Modificato capitolo 7

8.0 29/06/2012 Documento relativo alla versione java 7.0.00 del


software
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 19
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

9.0 05/09/2012 Adeguamento del manuale all’introduzione della


consolle dell’assistente del giudice

DEFINIZIONI E ACRONIMI

Nel presente capitolo è riportata la descrizione dei termini, degli acronimi e delle
abbreviazioni usate nell’ambito del Processo Civile Telematico.

Acronimo Descrizione

AG Archivio Giurisprudenziale

CC Sigla abbreviata di riferimento alle informazioni del SICC

CdO Consiglio dell’Ordine

CPEPT Casella di Posta Elettronica Processo Telematico

CPC Codice di Procedura Civile

CPCPT Casella di Posta Certificata Processo Telematico

CSS Cascading Style Sheet

CTU Consulente Tecnico d’Ufficio

DL Sigla abbreviata di riferimento alle informazioni del SIL

DTD Document Type Definition

DSN Delivery Status Notification

GC Gestore Centrale

GL Gestore Locale

GRA Gruppo Referente Amministrazione

HTML Hyper Text Markup Language


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 20
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

HTTP HyperText Transfer Protocol

HTTPS HyperText Transfer Protocol Secure

MIME Multipurpose Internet Mail Extensions

PCT Processo Civile Telematico

PDF Portable Document Format

PdA Punto di Accesso

PIN Personal Identification Number

PST Portale dei Servizi Telematici

ReGIndE Registro Generale degli Indirizzi Elettronici

ReLIndE Registro Locale degli Indirizzi Elettronici

RPC Remote Procedure Call

RTI Raggruppamento Temporaneo di Imprese

RUG Rete Unitaria della Giustizia

RUPA Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione

S/MIME Secure Multipurpose Internet Mail Extensions

SGR Sistemi di Gestione dei Registri

SICID Sistema Informativo Civile Distrettuale

SIECIC Sistema Informativo Esecuzioni Civili Individuali e Concorsuali

SMTP Simple Mail Transfer Protocol

SOAP Simple Object Access Protocol

SPC Servizio Pubblico di Connessione

SSLv3 Secure Sockets Layer version 3

UG Ufficio Giudiziario

UNEP Ufficio Notifiche e Protesti

W3C World Wide Web Consortium

WAI Web Accessibility Initiative


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 21
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

XHTML Xml Hyper Text Markup Language

XML eXtensible Markup Language


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 22
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

RIFERIMENTI

Progressivo Descrizione
1 Manuale Amministrazione, Installazione e Configurazione
Redattore Atti ver. 2.1 del 18/04/2006
2 Manuale di Gestione, Amministrazione, Installazione e Configurazione
dell’Ufficio Giudiziario ver. 2.1 del 18/04/2006
3 Manuale di Gestione, Amministrazione, Installazione e Configurazione
dell’Ufficio Giudiziario ver. 2.1 del 18/04/2006

GLOSSARIO

Archiviazione dei documenti: processo di memorizzazione dei documenti all’interno del


Repository Documentale.
Busta: file con struttura di tipo MIME che contiene due files: il primo con le informazioni di
instradamento ed un secondo file di tipo MIME, cifrato con la chiave pubblica dell’UG
destinatario, contenente a sua volta, l’indice della busta, l’atto firmato digitalmente e gli
eventuali allegati (opzionalmente firmati).
Certificato Digitale: Documento elettronico rilasciato da un certificatore, che attesta
l'appartenenza di una specifica chiave pubblica ad un soggetto identificato. Il certificato
contiene alcune caratteristiche anagrafiche e non dell'utilizzatore e la descrizione degli usi che
lo stesso soggetto può fare del certificato. Ogni certificato ha una scadenza definita dal
certificatore.

Consultazione di documenti: processo di visualizzazione dei documenti che può essere


possibile in seguito ad una richiesta rivolta al Repository Documentale al fine di identificare,
recuperare il documento ed inviarlo al sistema che ne ha fatto richiesta.

Contenuto del documento: rappresentazione dal file fisico del documento in formato
elettronico, nei diversi formati previsti.

Criteri di visibilità: regole secondo le quali un utente o una categoria di utenti sono abilitati
alla visualizzazione di un fascicolo.

Deposito documenti: processo di invio di un documento, firmato digitalmente, all’Ufficio


Giudiziario.
Documento: il "documento" è definito come la rappresentazione di atti, fatti e dati su un
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 23
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

supporto intelligibile direttamente o attraverso un processo di elaborazione elettronica. Il


documento è costituito da oggetti, quali testo, immagini, disegni, dati strutturati, programmi
e codici operativi, filmati ed altro che, in base alla loro disposizione sul supporto, ne
determinano la forma e, attraverso le relazioni che fra essi sussistono, la struttura. (art 1a
Delib. AIPA n.42/2001)

All’interno del PCT è rappresentato da qualsiasi entità che abbia rilevanza all’interno del
Procedimento Giudiziario. Esso può essere un Atto, una Comunicazione di Cancelleria, un
Allegato.

Documento analogico: documento formato utilizzando una grandezza fisica che assume
valori continui, come le tracce su carta (esempio: documenti cartacei), come le immagini su
film (esempio: pellicole mediche, microfiche, microfilm), come le magnetizzazioni su nastro
(esempio: cassette e nastri magnetici audio e video). Si distingue in documento originale e
copia; (art 1b Delib. AIPA n.42/2001)

Documento digitale: testi, immagini, dati strutturati, disegni, programmi, filmati formati
tramite una grandezza fisica che assume valori binari, ottenuti attraverso un processo di
elaborazione elettronica, di cui sia identificabile l’origine (art 1d Delib. AIPA n.42/2001)

Fascicolo Informatico: formazione informatica del fascicolo d'ufficio, contenente gli atti del
processo come documenti informatici ovvero le copie informatiche dei medesimi atti.

Nell’ambito del Repository Documentale il Fascicolo Elettronico è l’unità archivistica


all’interno della quale sono raccolti tutti i Documenti prodotti nel corso di un Procedimento
Giudiziario; un Fascicolo Elettronico, pertanto, corrisponde ad un fascicolo fisico cartaceo.
HTML (HyperText Markup Language): Linguaggio caratterizzato da un insieme di tag e
regole per la composizione di documenti ipertestuali visualizzabili attraverso l’ausilio di un
browser web.
HTTP (HyperText Transfer Protocol) : Protocollo di livello applicativo, basato su TCP/IP,
e utilizzato per la trasmissione di ipertesto e dati di diversa natura tra un server e un browser.
MIME (Multipurpose Internet Mail Extensions): E’ un formato standard per la creazione
di messaggi di posta elettronica o pagine di ipertesto. E’ stato creato con l’intento di rendere
possibile la trasmissione di suoni, immagini o file binari congiuntamente a file di testo.

Oggetti documentali: convenzione utilizzata nel presente documento per individuare


l’insieme complessivo delle entità di carattere documentale che vengono trattate nel PCT; gli
oggetti documentali si differenziano tra loro sulla base della tipologia; sono da considerarsi
oggetti documentali tutte le differenti tipologie di documenti trattati (ufficiali e non), tutte le
differenti tipologie di raccoglitori (Fascicoli, Folder) e le strutture di catalogazione (classi del
Titolario di Classificazione).
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 24
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

PDF: è un formato di file basato su un linguaggio di descrizione di pagina sviluppato da


Adobe Systems per rappresentare documenti in modo indipendente dall'hardware e dal
software utilizzati per generarli o per visualizzarli.

Profilo del documento: insieme di dati che identificano in maniera univoca il documento,
che lo descrivono e raccolgono le informazioni che vengono a determinarsi nel corso della
sua elaborazione; fanno parte del profilo, ad esempio, il Numero Identificativo del
documento, il tipo di documento, eventuali riferimenti temporali, cambi di stato, ecc. Tale
insieme di dati pertanto è dinamico rispetto alla natura dell’oggetto documentale trattato.

Repository Documentale: gestore centralizzato del patrimonio documentale. Rappresenta


l’unità di archiviazione univoca e centrale a livello di Ufficio Giudiziario dei documenti
prodotti o ricevuti dall’Ufficio stesso.

SICID: applicativo di cancelleria per la gestione del registro dei procedimenti di Contenzioso
Civile, Diritto del Lavoro e Volontaria Giurisdizione.

SIECIC: applicativo di cancelleria per la gestione del registro dei procedimenti relativi alle
Esecuzioni Individuali e Concorsuali.

Tipologia documento: descrizione che identifica la caratterizzazione del documento


all’interno del Repository. Sono presenti diverse tipologie, tra cui Documenti Primari, che
vengono distinti dai propri allegati, che saranno invece denominati Documenti Secondari. In
particolare i Documenti Primari sono rappresentati dagli Atti che dovranno essere prodotti
nel corso del Procedimento Giudiziario.

Web browser: è la tipologia di software che permette la "navigazione" in Internet. I due


browser più diffusi attualmente sono Internet Explorer e Netscape Navigator, prodotti
rispettivamente dalla Microsoft e dalla Netscape Corporation. Funzione essenziale di questi
prodotti è quella di consentire la visualizzazione di pagine di ipertesto con contenuti
multimediali (immagini, suoni, immagini animate, ecc.). Per ipertesto si intende un testo
contenente dei riferimenti attivi (link o hyperlink) ad altri testi. Tali riferimenti sono
generalmente individuabili all'interno dei testi grazie alla colorazione e sottolineatura blu;
oppure sono rappresentati da immagini, che al passaggio del mouse, trasformano la "freccia"
in una "manina". Facendo clic su di un hyperlink, il browser visualizza la pagina oggetto del
riferimento, consentendo al lettore di "navigare" da una pagina all'altra in modo semplice.
Questa tecnologia può essere applicata anche nell'ambito di una rete locale, ovvero isolata da
Internet, Intranet.

Wizard: sequenza dinamica di finestre che guidano e aiutano l’utente all’inserimento di dati
secondo regole ed automatismi prestabiliti.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 25
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

1 PREMESSA

Parzialmente tratta da “Polis - Manuale Utente”, a cura del Dott.


Pasquale Liccardo e del Dott. Carlo Maria Verardi (Magistrati in
Bologna)

“L’intelligenza connettiva è la pratica di moltiplicazione


delle intelligenze le une in rapporto alle altre all’interno
del tempo reale di un’esperienza”

Derrick De Kerckhove.

1.1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO

Obiettivo del presente documento è mostrare in dettaglio le funzioni offerte dall’interfaccia


grafica dell’applicazione Consolle del Magistrato attraverso l’ausilio di figure esplicative e
note di dettaglio.

1.2 DESTINATARI DEL DOCUMENTO

Il documento è indirizzato ai magistrati che utilizzano l’applicazione Consolle del Magistrato


nella loro attività quotidiana di consultazione dei fascicoli e scrittura dei provvedimenti.

1.3 PREREQUISITI PER LA COMPRENSIONE

Non esistono prerequisiti da segnalare per la lettura del documento; laddove necessario fare
riferimento al glossario per una spiegazione dei termini tecnici utilizzati.

1.4 LA VIDEOSCRITTURA

Il sistema Polis, ieri, e la Consolle del Magistrato, oggi, costituiscono il primo tentativo di
sviluppare un software per la scrittura degli atti e provvedimenti del Magistrato, capace di
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 26
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

ausiliarne la fase di decisione attraverso una generale strutturazione informativa della


relazione Magistrato-Ufficio.

Non è questa la sede per un’analisi approfondita di un processo esteso e spesso contraddittorio
quale quello sotteso all’adozione di programmi di office automation, per lo più incentrati sui
sistemi di scrittura elettronica: in via di prima analisi, si può dire come l’informatica
individuale crei e sedimenti all’interno degli Uffici giudiziari, una cultura dell’Ufficio
estremamente autoreferenziale, in cui ad es. la relazione Magistrato Avvocato -
organizzazione giudiziaria non rimanda ad un forte processo di revisione e gestione delle
informazioni da processo ma semmai alla sola cogestione di una fase quale quella difensionale
e decisionale, per lo più irrelate e avulse dal contesto. L’attività difensiva delle parti e la
decisione vengono vissuti dagli attori sociali come genere letterario, incapaci di essere
ricondotti ad una dimensione informativa complessiva quale quella sottesa al processo1 .
In particolare, all’interno degli Uffici giudiziari, l'innovazione tecnologica viene normalmente
vissuta come ausilio alla scrittura delle sentenze, come word processing, per alleviare l'unico
momento che il giudice sente proprio, il momento della decisione: nel momento della
solitudine onnipotente (così Borré) il giudice fa un uso della informatica che non coinvolge
l'Ufficio, di cui l'Ufficio non è in alcun modo partecipe. Qui si consuma in tutta la sua
ampiezza, il carattere paradossale di quest’esperienza: l'informatica non è vissuta dai
potenziali "agenti dell’innovazione "come fulcro su cui far leva per un processo di generale
riorganizzazione degli Uffici, ma piuttosto crea ed alimenta il suo opposto, ovvero la
consapevolezza di una distanza culturale sempre maggiore tra il proprio ruolo, comunque
recettivo allo stimolo dell’innovazione tecnologica, e l'organizzazione, che ripropone
un’immagine di sé‚ burocratica ed inefficiente. La distanza tra Magistrato e Ufficio, del resto,
veniva consacrata dalla strutturazione complessiva del Sistema Informativo del processo
civile realizzato negli anni 80 in vari tribunali d’Italia, che assumeva come sua unica finalità
l’automazione delle cancellerie, delle attività routinarie degli Uffici: l’office automation
progettata e realizzata lambisce la funzione decisoria, ne consacra il suo isolamento con la
semplicistica devoluzione a campo di intervento di Word processing.

Il consuntivo, per molti versi fallimentare di quella esperienza, denuncia la mancanza di una
dimensione progettuale complessiva del sistema informativo, che inserisca la scrittura, da
qualunque degli attori sociali del processo realizzata, nel campo delle tecnologie intellettuali

1
Si veda per tutti Monaci S, La motivazione delle sentenze civili, in atti delle settimane di studi del C.S.M.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 27
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

a cui appartiene, attraverso un riposizionamento della relazione Magistrato-Ufficio: il sistema


Polis e la Consolle del Magistrato non costituiscono soltanto un sistema di WP assistito ma
vogliono porsi come prima progettazione dei processi di lavoro legati alla scrittura della
sentenza: la ingegnerizzazione della fase come ingegnerizzazione complessiva del processo
produttivo e come riorganizzazione delle risorse umane che allo stesso presiedono.

1.5 LA SCRITTURA E LE SUE FASI

“La scrittura è un processo per fasi”2 .

La scrittura della sentenza è una scrittura che conosce pause, interruzioni, revisioni, riscritture,
in cui l’attività di stesura è normalmente interrotta dalla ricerca di precedenti, dalla
consultazione di dottrina, da momenti di discussione.

Non si è mai operato uno studio sulla genetica testuale della sentenza, di quel moltiplicarsi
spesso affannoso di avantesti che i più anziani di noi conoscono sulle minute dell’Avvocato,
nelle annotazioni a margine del precedente fotocopiato, nella prima minuta che si predispone
come promemoria per la relazione in Camera di Consiglio .

La scrittura del testo del provvedimento, qualunque sia l’organo decidente, costituisce un
segmento della produzione giudiziaria normalmente rimesso al singolo Magistrato3 .

Il processo di produzione conosceva due fasi essenziali, rigidamente sequenziali:

(a) La stesura della minuta: rimessa al Magistrato, sia nelle parti più strettamente
motivazionali che nelle parti che riproducono eventi processuali o atti delle parti del processo.
Le tecniche di redazione adottate sono tra le più varie: il processo di genesi testuale è un
processo non sempre lineare che muove dall’elaborazione di uno schema, giunge alla prima
stesura, conosce fasi revisione e riscrittura variamente realizzate. Postille, rimandi, tecniche di
cut up (tagliare a pezzi pagine di testo per poi rimetterli insieme in combinazioni di

2
G. Rohman “Pre-writing: The stage of discovery in the writing process” in Scavetta, Le metamorfosi della scrittura, Firenze pag. 43, nota 7

3
“ L’insieme dei processi genetici che portano dal primo foglio bianco di una minuta al testo stampato finale, può essere descritto come il

progressivo prendere forma di un oggetto che si costituisce, in rapporto allo scrittore, per distacco ed esteriorizzazione crescente. O anche

come cammino che collega due oggetti, percettivamante così diversi tra loro : la pagine come brutta copia, ancora vicina alla nebulosa

mentale dell’attore e la pagina stampata, che rappresenta la massima distanza tra l’autore e il suo testo”. Così Scavetta, op cit. pag. 82 .
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 28
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

montaggio) risultano piuttosto diffuse e comuni: l’esigenza sottesa è quella di superare la


regola prima della scrittura a inchiostro, ovvero la sua immutabilità .

Figura 1 – Esempio di minuta (1)


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 29
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 2 – Esempio di minuta (2)


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 30
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 3 – Esempio di minuta (3)

(b) La dattiloscrittura della minuta: costituisce una fase prettamente meccanica,


scarsamente implementata da routine operative, solo recentemente alleggerita
dall’introduzione di WP. Va rilevato che in molti Uffici, la cronica mancanza di personale ha
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 31
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

imposto forme di irrituale dattiloscrittura della sentenza (affidata, ad es. a personale del
consiglio dell’ordine degli avvocati) ovvero di deposito della sentenza nella minuta redatta dal
Magistrato, che si era fatto carico di redigere comunque una minuta intelligibile.

La fase decisionale registra complessivamente una insufficienza di organizzazione del flusso


produttivo:

(a) per l’assenza di ogni fase di ausilio alla scrittura e alla decisione del Magistrato. La
completa estraneità del S.I. del processo civile manifesta il limite progettuale più evidente e
grave, in quanto il flusso di informazioni governato nel processo non rifluisce nella decisione
come fase ultima e significativa della sua progettazione .

(b) per la mancanza di una organizzazione interna che supporti la fase di passaggio dal
testo elaborato al testo dattiloscritto e pubblicato.
(c) per l’impossibilità di ricercare il precedente come dimensione conoscitiva interna
all’Ufficio e alla giurisdizione, se non attraverso la continuità assicurata dalla dimensione
collettiva del decidere ovvero la esternalizzazione dei provvedimenti ad opera della editoria
giuridica.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 32
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

1.6 LA SCRITTURA ELETTRONICA

Il testo elettronico, la sua esistenza sullo schermo costruiscono una relazione profondamente
diversa con la scrittura, più immediata e diretta.

La consapevolezza della eterna mutabilità del testo produce una scrittura più immediata,
irriflessiva in cui processo di elaborazione e processo di scrittura si fondono, proprio perché
liberata da una condizione cartacea che rendeva laborioso e mortificante ogni attività di
limatura e revisione.

Il testo elettronico, nella sua pulizia formale, nasconde ogni iniziale impurità del pensiero
scritto, ogni sua imperfezione argomentativa: non è più possibile risalire al primo testo, alla
prima scrittura, se non archiviata in un altro documento.
Scrittura e revisione, per lungo tempo fasi accuratamente distinte nel lavoro di stesura del
provvedimento, procedono di pari passo, diventano una modalità di scrittura.

L’ausilio alla scrittura fornito dai correttori sintattici, ortografici e stilistici priva la revisione
dei suoi compiti minuti: la revisione ha senso solo come revisione del pensiero scritto, come
ripensamento.

La facilità della scrittura elettronica si arricchisce delle fasi di copia, di spostamento dei
blocchi che aprono la scrittura a momenti di complessiva interazione con altri testi e altre
scritture che vanno adeguatamente considerati.

In primo luogo, l’editoria giuridica, sempre più propensa all’uso del supporto informatico, ha
da tempo affiancato al repertorio cartaceo il repertorio informatico, con ricerche full-text4 : ciò
consente l’accesso immediato e diretto all’informazione, senza peraltro la mediazione
concettuale data dall’insieme delle voci e sottovoci proprie del Repertorio. Le possibilità di un
richiamo “irrelato” o potenzialmente “irrelato” costituiscono un rischio costante delle nuove
tecnologie informatiche .

In secondo luogo, la facilità della scrittura elettronica introduce una generale dimensione del
richiamo al precedente edito, diminuendo la considerazione del fatto e/o dei fatti oggetto di
giudizio: in ciò si può cogliere non solo il riflesso di un atteggiamento culturale già

4
Si veda Pascuzzi G, Il diritto tra tomi e Bit: generi letterari e ipertesti., Padova 1997, pag. 64 e ss.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 33
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

ampiamente analizzato5, quanto anche la condizione del fatto all’interno del sistema
informativo ad oggi assicurato al processo. Il fatto rimanda normalmente alla scrittura
manuale dei verbali di udienza, sconta la dimensione minore di una scrittura manuale e con
essa, la difficoltà della sua trascrizione, di una lettura chiara e consequenziale, ma soprattutto
il peso di una sua estesa riscrittura nella sentenza.

Gli atti difensionali e i provvedimenti decisori diventano così facile palestra di erudizione
dottrinale senza alcun richiamo alla dimensione complessiva del fatto e/o dei fatti dedotti in
giudizio e dell’attività asseverativa condotta nel corso del processo.

5
Scriveva Merryman, nel 1968 come “ il più alto ruolo della dottrina, in confronto a quello della giurisprudenza , conduce naturalmente

quest’ultima ad emularla. La forma e lo stile delle sentenze italiane imita pedissequamente gli scritti dottrinali. La strada aperta al giovane

giudice per andare avanti, è scrivere sentenze che dimostrino la sua abilità a muoversi facilmente nell’ambiente dottrinale. Nella stesura e

nella pubblicazione delle sentenze, predominano la astrattezza e il concettualismo della dottrina. …………..Il rilievo più che al fatto, è dato

alla produzione di una chiara massima e questa astratta e concettuale statuizione separata dall’effettivo contesto dal quale è sorta, può essere

la sola parte della sentenza che viene pubblicata”.

Taruffo M., La motivazione della sentenza civile, Padova 1975, pag 168 . La motivazione in quanto rigidamente strutturata secondo una

combinazione di passaggi logici cogenti, appare piuttosto come un modo per imporre la decisione, rafforzandone l’autorità formale e

sostanziale, in quanto tende a dimostrarla più che a giustificarla, mettendone in evidenza i caratteri di necessità razionale. In sostanza, la

motivazione così concepita tende a dimostrare che la decisione è l’unica soluzione possibile della controversia”.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 34
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

2 CONTENUTO DEL MANUALE

I contenuti del presente documento sono strutturati nel seguente modo:

 Il capitolo 1 riporta un estratto del manuale utente di Polis relativo, in particolare, al


valore della videoscrittura nel processo di redazione dei documenti giuridici.

 Il capitolo 2 mostra i contenuti del presente manuale.

 Il capitolo 3 introduce l’utente all’accesso ed al primo utilizzo della Consolle del


Magistrato.

 Il capitolo 4 descrive le funzionalità e le cartelle della Scrivania.

 Il capitolo 6 descrive le funzionalità per la gestione dell’Agenda

 Il capitolo 7 descrive le funzionalità per l’analisi del Ruolo e per la scrittura dei
provvedimenti, suddivise tra funzionalità di base e funzionalità avanzate.

 Il capitolo 8 descrive le funzionalità della sezione Ruolo di Udienza.

 Il capitolo 9 descrive gli strumenti forniti per personalizzare la presentazione delle


cartelle della Scrivania, i dati di profilo dell’utente e la gestione dei modelli.

 Il capitolo 10 descrive le funzionalità per la gestione dei collegamenti ipertestuali.

 Il capitolo 11 descrive le funzionalità legate alle ricerche giurisprudenziali.

 Il capitolo 12 descrive le funzionalità legate alle funzioni informative per il


Magistrato(FIM).

 Il capitolo 13 contiene l’appendice A.

Nella stesura del manuale sono state adottate le seguenti simbologie:

simboleggia una nota

simboleggia una sezione ad alta criticità


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 35
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

3 INTRODUZIONE

3.1 COS’È LA CONSOLLE?

E’ un programma che utilizza una base dati locale implementata in Apache derby, e che
attinge ai dati dei registri di cancelleria custoditi ed aggiornati dai programmi SICID e
SIECIC6 trasferendoli, attraverso un’operazione denominata “estrazione”, dentro il personal
computer di ogni magistrato (e, in prospettiva, in quello del presidente di sezione per tutti i
ruoli della sezione da lui diretta). L’accesso al programma richiede l’uso di una carta
personale dotata di microchip e protetta da una codice di identificazione personale (smart
card).

3.2 MODALITÀ DI ACCESSO

Per avviare la Consolle del Magistrato premere il pulsante Start di Microsoft Windows e
selezionare Programmi, quindi “Consolle Java”.

In alternativa, fare clic sulla corrispondente icona del desktop.

All’avvio si presenta la schermata di Login per l’accesso alla consolle specificando il ruolo
con cui si vuole utilizzare la consolle, ossia “Magistrato” oppure “Assistente” come indicato
in Figura 4.

6
La disponibilità di uno o entrambi i sistemi e dei relativi dati dipende dal tipo di installazione effettuata lato server.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 36
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 4 - Schermata Login

3.2.1 Accesso come Magistrato

L’accesso all’applicativo per il Magistrato è consentito previa autenticazione con Smart


Card.

L’accesso tramite Smart Card richiede, obbligatoriamente, l’inserimento della stessa nel
lettore; una volta inserita correttamente la Smart Card, l’operazione di Login può essere
confermata con il tasto Accedi (come da Figura 4 - Schermata Login).

Dopo aver avviato l’applicativo viene richiesto il PIN della smart card, (un esempio appare
nella Figura 5 - Richiesta del PIN):

Figura 5 - Richiesta del PIN

Successivamente all’inserimento del PIN premere OK.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 37
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

3.2.2 Primo Accesso per il Magistrato

La prima volta che si accede all’applicativo occorre selezionare “Accedi come: Magistrato”
premere il pulsante Crea Nuovo Utente e viene mostrata la maschera di registrazione
dell’utente in cui inserire i dati di input richiesti:

Figura 6 - Registrazione nuovo utente (magistrato)

La lista a discesa denominata “Profilo d’uso” permette l’attribuzione del profilo all’utente che
si sta inserendo, il quale può essere configurato come:

Base

Medio

Avanzato

Avanzato con statistiche


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 38
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

L’utente Avanzato è l’utente che ha la possibilità di operare su tutte le funzionalità previste


nell’applicativo, l’utente Medio potrà invece operare su tutte le funzioni ad eccezione dei
Collegamenti, mentre l’utente Base non sarà abilitato, oltre che ai Collegamenti, anche alla
funzionalità Scrivania.

Selezionando come ufficio una “Corte di Appello” il sistema si profila per l’utilizzo del
giudice di Corte di Appello, assegnando il profilo “Appello”.

Una volta valorizzati tutti i campi presenti nella schermata premere il pulsante Salva.

Per modificare i dati di profilo inseriti, consultare il paragrafo 12.1.1 “Profilo Utente”.

Il tasto aziona la funzione “Aggiorna Uffici e Certificati” (vedi anche §12.7), che
consente l’aggiornamento della lista degli uffici e dei relativi certificati, in caso di variazione
della lista degli uffici abilitati al PCT o della ri-emissione dei certificati degli uffici già
attivati.

Nella sezione “URL” è possibile definire l’indirizzo per il collegamento al Gestore Locale e
scegliere la tipologia di smart card utilizzata dall’utente per il collegamento tramite PST.

Premendo il pulsante Salva verrà richiesto il PIN dell’accesso alla smartcard per convalidare i
dati inseriti. Superata la convalida dei dati questi vengono registrati ed associati all’utenza
creata.

La registrazione della nuova utenza richiede, come obbligatorio, l’inserimento della


Smart Card nel lettore.

Ripetere l’operazione per registrare altri eventuali utenti.

3.2.3 Accesso come Assistente

L’accesso all’applicativo per l’assistente è consentito previa autorizzazione di uno o più


magistrati ad operare nella consolle.

Selezionando l’accesso come “Assistente” nella Figura 4 e successivamente “Accedi” verrà


proposta la finestra di “Login Assistente” come da Figura 7 consentendo all’assistente di
scegliere tra 2 diverse modalità di accesso ossia “Smartcard” e “Username e password”.

L’utilizzo della modalità di accesso con smarcard richiederà la smarcard correttamente


inserita nel lettore e la digitazione del PIN di accesso carta.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 39
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

L’utilizzo della modalità di accesso con username e password richiederà l’inserimento degli
stessi nella finestra.

Figura 7 – Login Assistente

3.2.4 Primo accesso per l’Assistente

La prima volta che si accede all’applicativo occorre selezionare “Accedi come: Assistente”
premere il pulsante Crea Nuovo Utente e viene mostrata la maschera di registrazione
dell’utente in cui inserire i dati di input richiesti:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 40
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 8 - Registrazione nuovo utente (assistente)

Una volta valorizzati tutti i campi presenti nella schermata premere il pulsante Salva.

Per modificare i dati di profilo inseriti, consultare il paragrafo 12.1.1 “Profilo Utente”.

Il tasto aziona la funzione “Aggiorna Uffici e Certificati” (vedi anche §12.7), che
consente l’aggiornamento della lista degli uffici e dei relativi certificati, in caso di variazione
della lista degli uffici abilitati al PCT o della ri-emissione dei certificati degli uffici già
attivati.

Nella sezione “URL” è possibile definire l’indirizzo per il collegamento al Gestore Locale e
scegliere la tipologia di smart card utilizzata dall’utente per il collegamento tramite PST.

Premendo il pulsante Salva verrà richiesta una finestra di verifica della presenza
dell’autorizzazione ad usare la consolle da parte di almeno un magistrato. La verifica potrà
essere fatta tramite smartcard oppure tramite l’inserimento di utente e password. Superata la
convalida dei dati questi vengono registrati ed associati all’utenza creata.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 41
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Nel caso di verifica della registrazione della nuova utenza tramite smartcard, richiede,
come obbligatorio, l’inserimento della Smart Card nel lettore.

Nel caso di utilizzo di “PST internet per l’accesso” l’autenticazione disponibile sarà
esclusivamente con smartcard.

3.3 PRESENTAZIONE DEL SISTEMA

Dopo aver compiuto l’operazione di accesso al sistema, la finestra che appare all’utente è la
seguente:

A E

Figura 9 - Schermata Principale


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 42
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Nella parte inferiore a sinistra della finestra (contrassegnata con la lettera A) è possibile
selezionare le principali funzionalità fornite dall’applicativo.

Nella seguente tabella è riportato l’elenco :

Icona Funzione Descrizione

Scrivania Permette di accedere ad un


insieme di fascicoli con
caratteristiche comuni e
specifiche.

Agenda Permette la gestione delle udienze


e degli appuntamenti privati.

Permette la gestione del Ruolo


relativo al registro indicato, a
Ruolo
titolo di esempio è stato riportato
il tasto per l’attivazione del Ruolo
relativo al registro Contenzioso
Civile (Ciascun registro ha un
pulsante ad esso dedicato).

Ruolo Permette la gestione del Ruolo


relativo al registro indicato, a
titolo di esempio è stato riportato
il tasto per l’attivazione del Ruolo
relativo al registro Diritto del
Lavoro (Ciascun registro ha un
pulsante ad esso dedicato).

Ruolo Permette la gestione del Ruolo


relativo al registro indicato, a
titolo di esempio è stato riportato
il tasto per l’attivazione del Ruolo
relativo al registro Fallimentare
(Ciascun registro ha un pulsante
ad esso dedicato).
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 43
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Ruolo Permette la gestione del Ruolo


relativo al registro indicato, a
titolo di esempio è stato riportato
il tasto per l’attivazione del Ruolo
relativo al registro
Prefallimentare (Ciascun registro
ha un pulsante ad esso dedicato).

Ruolo Permette la gestione del Ruolo


relativo al registro indicato, a
titolo di esempio è stato riportato
il tasto per l’attivazione del Ruolo
relativo al registro Esecuzioni
(Ciascun registro ha un pulsante
ad esso dedicato).

Permette di prendere visione di


tutti i fascicoli appartenenti ai
Ruolo di Udienza
diversi registri con una prossima
udienza fissata. L’utente ha la
possibilità di filtrare i fascicoli
stabilendo un intervallo
temporale di interesse per le date
di prossima udienza.

Permette di creare e
personalizzare i modelli di
Modellatore
scrittura dei provvedimenti del
Giudice

Permette di effettuare e
memorizzare collegamenti
Collegamenti
ipertestuali.

Permette di controfirmare o
rigettare provvedimenti ricevuti
Controfirma
per la controfirma.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 44
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Permette di controfirmare o
rigettare i documenti ricevuti per
Deleghe
delega.

Tabella 1 – Descrizione delle funzionalità principali della Consolle Magistrato

Nella parte centrale della finestra (contrassegnata con la lettera B) compare una griglia
contenente i fascicoli di competenza del Magistrato, se si accede alle funzioni Ruolo, Ruolo di
Udienza e Scrivania. Si noti che l’elenco dei fascicoli varia in base al criterio di ricerca
impostato nella parte superiore (contrassegnata con la lettera C).

Nella parte in alto a sinistra della finestra (contrassegnata con la lettera C) vi è l’elenco delle
principali cartelle di raggruppamento dei fascicoli scelti in base alla funzionalità selezionata
nella parte inferiore a sinistra .

Nella parte centrale della finestra, sopra la griglia (contrassegnata con la lettera D) è possibile
visualizzare la barra contenente gli strumenti di lavoro del Magistrato.

Nella barra dei menù dell’applicativo, posta in alto a sinistra della schermata (contrassegnata
con la lettera F), vi è l’elenco delle altre funzionalità fornite dall’applicativo.

Di seguito è riportato l’elenco:

Menù Sotto Funzioni Descrizione Tasti di combinazione


rapida

Scrivania Permette di accedere MAIUSC+CTRL+S


ad un organizzazione
sistematica dei
fascicoli.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 45
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Ruolo Contenzioso Permette la gestione MAIUSC+CTRL+R


Civile del Ruolo
relativamente al
registro Contenzioso
Civile

Ruolo Diritto del Permette la gestione MAIUSC+CTRL+L


Lavoro del Ruolo
relativamente al
registro Diritto del
Lavoro

Ruolo Fallimentare Permette la gestione MAIUSC+CTRL+M


del Ruolo
relativamente al
registro Fallimentare

Ruolo Prefallimentare Permette la gestione MAIUSC+CTRL+N


del Ruolo
relativamente al
registro
Prefallimentare

Ruolo Esecuzioni Permette la gestione MAIUSC+CTRL+O


del Ruolo
relativamente al
registro Esecuzioni

Agenda Permette la gestione MAIUSC+CTRL+A


di Appuntamenti e di
Udienze del
Magistrato

Uscita Permette l’uscita MAIUSC+CTRL+U


dall’applicativo.

Estrai Fascicoli Permette MAIUSC+CTRL+E


l’aggiornamento del
Ruolo
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 46
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Ricerca Fascicoli Permette la ricerca di MAIUSC+CTRL+C


uno o più fascicoli

Ufficio Giudiziario Permette la MAIUSC+CTRL+F


connessione
all’ufficio giudiziario

Internet PST Permette la MAIUSC+CTRL+P


connessione
all’ufficio giudiziario
tramite portale dei
servizi telematici

Proprietà Permette la
visualizzazione e la
_____
modifica del
nominativo dell’utente
connesso.

Importa Modelli Permette di importare _____


nell’applicazione dei
modelli di
provvedimenti
personalizzati.

Info Versione Permette di _____


visualizzare la
versione corrente
dell’applicazione.

Amministrazione Permette la gestione


Utente del profilo utente, dei
_____
filtri applicativi,
automatismi e tipi di
Registro attivi.

Gestione Profili Permette la gestione _____


dei profili utente.

Gestione delle Viste Permette la gestione _____


delle viste
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 47
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Gestione Cartelle Permette la gestione _____


Scrivania delle cartelle personali

Aggiorna uffici e Aggiorna gli uffici e i _____


Certificati certificati

Backup Effettua un backup _____

Diagnostica di Verifica dei _____


sistema componenti installati.

Gestione Tabelle di Permette _____


Base l’aggiornamento dei
Giudici, Uffici e
Sistemi di calcolo

Tabella 2 –Funzionalità barra dei Menù

La prima volta che si accede all’applicativo la griglia centrale è vuota.

3.3.1 Modalità di lavoro connessa/disconnessa

La Consolle del Magistrato prevede due modalità di funzionamento distinte che vengono
indicate come connessa e disconnessa.

Per modalità connessa si intende una modalità di utilizzo della Consolle in presenza di una
connessione diretta con l’Ufficio Giudiziario e tutti i suoi sistemi. La modalità connessa
prevede l’accesso attraverso la rete interna dell’Ufficio Giudiziario (Intranet) o mediante un
collegamento Internet passando attraverso il PST.

Per modalità disconnessa si intende, invece, una modalità di utilizzo “fuori Ufficio” cioè
senza connessione con l’Ufficio Giudiziario e con la sola possibilità di utilizzo dei dati locali7.

7
Per dati locali si intendono tutti i fascicoli, atti, documenti, ecc. precedentemente scaricati mediante accesso in modalità connessa della

Consolle del Magistrato.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 48
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Per l’utilizzo delle funzioni in modalità connessa attraverso PST è sempre necessaria la
presenza della smart card dell’utente da utilizzare nell’autenticazione con il PST stesso.

Le funzioni in modalità connessa sono impostate di default per un accesso all’interno


dell’Ufficio Giudiziario (rete Intranet). Per utilizzare, invece, la rete Internet, è necessario
selezionare il menù “Connessione” e quindi “Internet (PST)”.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 49
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

4 SCRIVANIA

4.1 DEFINIZIONE

Per “Scrivania” si intende una sezione della Consolle del Magistrato finalizzata ad ottimizzare
le funzionalità dell’applicativo, fornendo un maggior supporto, dal punto di vista gestionale,
al lavoro del Magistrato.

In termini di funzionalità la Scrivania permette di organizzare il carico di lavoro filtrando il


ruolo del Magistrato e scomponendolo in Cartelle. A ciascuna cartella è associato un filtro che
definisce le caratteristiche che un fascicolo deve rispettare per essere visualizzato nella
cartella. Una cartella è quindi definibile come un raggruppamento logico di fascicoli o meglio
di riferimenti ai fascicoli che la cartella permette di selezionare tra tutti quelli che
compongono il ruolo del magistrato.

Le cartelle possono essere di due tipologie:

Predefinite, predisposte per default dall’applicazione. In esse confluiscono


automaticamente i fascicoli, man mano aggiornati, in base alle regole del filtro
associato a ciascuna cartella e indipendentemente dal registro di appartenenza. Le
cartelle di questo tipo non possono essere eliminate dall’utente.

Personali, create dall’utente. In esse vanno a confluire tutti quei fascicoli che
corrispondono al filtro applicato dalla cartella e definito dall’utente. Le cartelle di
questo tipo possono essere create ed eliminate; l’eliminazione di una cartella non
comporta in nessun modo l’eliminazione dei fascicoli visualizzabili selezionando la
cartella, ma solo l’eliminazione del raggruppamento logico da essa rappresentato.

Selezionata una cartella l’applicazione permetterà di visualizzare nella griglia, visibile nella
parte destra della finestra, tutti i fascicoli che abbiano le caratteristiche specificate dal filtro
associato alla cartella scelta.

4.2 REQUISITI

La Scrivania è una delle funzionalità selezionabili del menù in stile Outlook 2003
dell’applicazione. Selezionata tale voce nella parte sinistra dell’applicazione sarà visibile un
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 50
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

menu come quello mostrato nella Figura 10- Menù Scrivania, dove:

1. Le cartelle sono raggruppate in aree.

2. La cartella selezionata è evidenziata da una riga evidenziata.

3. Le cartelle sono caratterizzate dall’icona se alimentate automaticamente dal


sistema, e dall’icona se alimentate manualmente dall’utente.

Le aree in cui sono suddivise le cartelle della Scrivania del Magistrato sono cinque aree:
Cartelle di attività, Cartelle di Studio, Cartelle Personali, Attività da altro ruolo, Personali
da altro ruolo. Nei successivi paragrafi verrà fornita la descrizione di ciascuna area

Figura 10- Menù Scrivania

4.2.1 Cartelle di Attività

Le Cartelle di Attività rappresentano un contenitore logico “predefinito”, non modificabile


dall’utente, in cui sono raggruppati automaticamente tutti quei fascicoli che siano
caratterizzati da attributi in linea con i vincoli imposti dai filtri associati, per default, dal
sistema alle singole cartelle.

Le cartelle di attività sono:

Cause in decisione.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 51
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Cause in riserva.

Cause di nuova assegnazione .

Udienze Collegiali.

4.2.2 Cartelle di Studio

La funzionalità Cartelle di Studio consente di raggruppare, in alcuni casi a totale discrezione


dell’utente, tutti quei fascicoli che presentino una certa importanza per il Magistrato.

La suddivisione dei contenitori viene visualizzata come segue:

In evidenza

Leading case

In visione

L’inserimento dei fascicoli all’interno delle Cartelle “In evidenza” e “Leading case” avviene
in modalità manuale (come avviene per le Cartelle Personali, per le quali si veda il paragrafo
successivo), attraverso la funzione specifica “Inserisci in cartella” (vedi Figura 11- Dettaglio
Inserisci in cartella) presente nel menù contestuale attivabile con il tasto destro del mouse
dopo avere selezionato un fascicolo da una delle cartelle di Attività (della funzione Scrivania
o della funzione Ruolo).

L’inserimento manuale di un fascicolo in una cartella non comporta lo spostamento del


fascicolo dalla cartella di origine alla cartella di destinazione, ma solamente la creazione di un
riferimento logico nel raggruppamento rappresentato dalla cartella di destinazione; al termine
dell’inserimento il fascicolo sarà visibile sia nella cartella di origine che in quella di
destinazione.

Figura 11- Dettaglio Inserisci in cartella


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 52
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

L’inserimento dei fascicoli all’interno della Cartelle “In visione” avviene automaticamente ad
opera del sistema. I fascicoli mostrati dalla cartella saranno quelli che sono concessi in visione
all’utente ma che non sono di sua proprietà (fascicoli di cui il giudice non è assegnatario ma
per i quali ha diritto di lettura sul contenuto).

4.2.3 Cartelle Documenti

Le Cartelle Documenti rappresentano un contenitore logico “predefinito”, non modificabile


dall’utente, in cui sono raggruppati automaticamente tutti quei fascicoli che in relazione dello
stato del documento ad essi associati .

Le cartelle di documenti sono:

In lavorazione

Attesa cancelleria

In controfirma

Controfirmati

Controfirma negata

Coda deposito

4.2.4 Cartelle Personali

Le Cartelle Personali si distinguono in associate a filtro e non associate a filtro; le prime sono
ad alimentazione automatica, le seconde ad alimentazione manuale.

Le cartelle associate a filtro possono essere create dall’utente in completa autonomia, a partire
dalle cartelle della Scrivania; per fare questo è sufficiente impostare un filtro per la griglia di
una delle Cartelle di Attività, e quindi creare la Cartella Personale sulla base del filtro
impostato (i fascicoli rimarranno comunque visibili nella griglia di origine nella quale sono
stati filtrati).

Le cartelle non associate a filtro vengono create utilizzando la funzione di Gestione delle
Cartelle (per i dettagli si rimanda al par. 12.4) e possono essere alimentate manualmente a
partire dalle griglie delle cartelle della Scrivania e del Ruolo. E’ possibile annullare
manualmente l’associazione del fascicolo alle cartelle. Per inserire manualmente un fascicolo
in tali cartelle l’utente dovrà:
selezionare un fascicolo nelle griglie della Scrivania
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 53
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

attivare il menu contestuale “Inserisci in cartella” (menu attivabile da tasto destro del
mouse)
specificare la cartella desiderata dal menu di secondo livello che propone tutte le
cartelle utente.

4.2.4 Requisiti generici per la singola cartella

Selezionata una cartella, sulla destra la maschera appare così strutturata:

Figura 12 - Dettagli Scrivania

Nel riquadro A è contenuta la Toolbar delle operazioni possibili:

apertura del contenuto di un fascicolo

stampa Pdf

stampa del ruolo

export in excel del ruolo

annotazioni On/Off

scrittura di un provvedimento
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 54
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

dettagli On/Off

crea cartella

Nel quadro B sono presenti i dettagli della cartella selezionata dall’utente, con una
spiegazione di massima delle caratteristiche presenti in essa. Per alcune cartelle in questa
sezione potranno comparire ulteriori condizioni di selezione per i fascicoli visibili in cartella.

Nel riquadro C è riportata la griglia contenente i fascicoli. Le colonne di cui si compone


ciascuna griglia sono specifiche per la cartella selezionata; talvolta, nei casi in cui il numero di
colonne ecceda il numero massime di colonne visualizzabili nello schermo (il numero dipende
dalla risoluzione grafica scelta dall’utente), le colonne nascoste possono essere rese visibili
con l’ausilio della barra di scorrimento.

4.2.5 Raggruppamenti e Filtri applicati ai fascicoli

E’ possibile ordinare, raggruppare e filtrare per colonna; in caso raggruppamento, per ogni
gruppo viene visualizzato il conteggio parziale (come mostrato nella lett. C della Figura 12 -
Dettagli Scrivania). Il conteggio totale dei fascicoli è visualizzato appena sotto la griglia.

Se si desidera modificare un filtro già impostato, l’utente potrà utilizzare l’icona


presente in basso a destra della schermata e personalizzare ulteriormente la
ricerca.

L’applicativo fornisce anche la possibilità di personalizzare la visualizzazione del griglia


attraverso il pulsante che, posto in alto alla destra della stessa, permette di visualizzare la
schermata (vedi Figura 13 - Configurazione griglia) in cui l’utente potrà:

impostare le colonne che intende visualizzare e quelle che desidera nascondere;

abilitare funzionalità avanzate di configurazione;

impostare opzioni grafiche.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 55
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 13 - Configurazione griglia

Infine nel riquadro D sono presenti i tab contenenti l’ Annotazione e gli Eventi della
Procedura del fascicolo selezionato nella griglia. (vedi, per una descrizione dettagliata,
rispettivamente i paragrafi 0 e 8.2.5).

4.2.6 Visibilità delle cartelle e dei fascicoli

Le “Cartelle di attività” non sono cancellabili. Sono riempite automaticamente rispettando le


regole descritte di seguito. L’utente può decidere di scegliere alcune opzioni in ordine alla
tempistica di inserimento e di eliminazione del fascicolo dalla cartella.

Le “Cartelle di Studio” non sono cancellabili. Inoltre:

La cartella “In visione” è automatica. Contiene quei fascicoli che altri magistrati hanno
concesso in visibilità al magistrato utente della consolle.

Nelle cartelle “Leading case” e “In evidenza” l’inserimento delle cause è libero ed
anche la loro eliminazione. Le cartelle non possono essere cancellate.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 56
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Le “Cartelle Personali” possono essere create ed eliminate a piacimento dall’utente. La loro


alimentazione può essere automatica o manuale.

4.3 ESEMPI DI REQUISITI SPECIFICI DELLE CARTELLE

In tutte le cartelle presenti nei raggruppamenti Cartelle di Attività, Cartelle di Studio e


Documenti, sono presenti le colonne Anno, Ruolo. Per le altre colonne visualizzate nella
griglia di competenza delle singole cartelle si rimanda alla descrizione dettagliata che segue.

4.3.1 Cartelle di attività

4.3.1.1 Cause in decisione

Questa cartella contiene tutti i fascicoli nei quali risultano scaduti i termini di deposito delle
comparse conclusionali e delle note di replica assegnati dal giudice.

Le intestazioni delle colonne e i campi calcolati sono:

Subprocedimento

Attore

Convenuto
Udienza di precisazioni: data udienza.

Scadenza memorie: i termini concessi per deposito di memorie e repliche.

Scadenza deposito: data di assegnazione + termini.

Giorni di ritardo: scadenza per il giudice + 30.

Collegiale: indica se la causa è collegiale.

Classificazione: campo il cui valore può essere modificato dall’utente.

Telematico: indica se si tratta di un fascicolo di natura telematica.

Ruolo: ruolo di appartenenza della causa.

Oggetto: oggetto della causa.

Appunti: campo il cui valore può essere modificato dall’utente.


Le Opzioni consentite, (vedi Figura 14 - Opzioni di visualizzazione per le Cause in decisione)
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 57
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

sono:
1. Visualizzare nella Cartella i fascicoli dopo l’udienza di precisazione delle conclusioni;
2. Visualizzare nella Cartella i fascicoli dopo la scadenza del deposito delle comparse
conclusionali;
3. Visualizzare nella Cartella i fascicoli dopo la scadenza del deposito delle note di
replica;

Figura 14 - Opzioni di visualizzazione per le Cause in decisione

4.3.1.2 Cause in Riserva

Questa cartella contiene le cause nelle quali lo stato del fascicolo è “riservato”.
Le intestazioni delle colonne sono le seguenti:
Subprocedimento
Attore
Convenuto
Udienza di riserva: campo data ultima udienza.
Scadenza deposito: data ultima udienza + 30.
Giorni di Ritardo: numero di giorni dopo la scadenza deposito.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 58
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Ruolo: ruolo di appartenenza della causa.


Oggetto: oggetto della causa.
Prossima attività: descrizione della prossima attività.
Classificazione: campo il cui valore può essere modificato dall’utente.
Data deposito: data deposito dell’ultimo provvedimento.
Peso: campo il cui valore può essere modificato dall’utente.
Telematico: indica se si tratta di un fascicolo di natura telematica.
Appunti: campo il cui valore può essere modificato dall’utente.

4.3.1.3 Cause di nuova assegnazione

Contiene le Cause assegnate al giudice nelle quali non sia stata ancora tenuta la prima udienza
(nella tabella storico la data ultima udienza è vuota); la cartella contiene fascicoli afferenti a
registri diversi.

Il campo Stato può assumere a titolo di esempio i valori “Assegnato a giudice” o ” Udienza di
prima comparizione/trattazione (ART. 183/350 CPC)”, e il campo “Dataprossimaudienza” è
maggiore della data corrente oppure è vuoto.

I fascicoli non saranno più presenti nella griglia se esiste una data di ultima udienza, cioè è
stata tenuta udienza per quella causa.

Vanno esclusi dalle cause di nuova assegnazione i Ricorsi per decreto ingiuntivo che hanno il
loro percorso preferenziale (vedi il par. 4.3.1).

Le condizioni di default consentono una vista delle cause di nuova assegnazione in tempo
anticipato rispetto all’udienza di prima trattazione; dipendente dall’intervallo fra iscrizione
della causa a ruolo e prima udienza.

Intestazioni delle colonne:

Subprocedimento

Attore

Convenuto
Assegnazione: data di assegnazione della causa.

Data Prossima Udienza: data della prima futura udienza.


Ruolo: ruolo di appartenenza della causa.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 59
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Oggetto: oggetto della causa.

Prossima attività: descrizione della prossima attività.

Telematico: indica se si tratta di un fascicolo di natura telematica.

Stato: stato in cui si trova il fascicolo.

Appunti: campo il cui valore può essere modificato dall’utente.

4.3.1.4 Udienza collegiale

La cartella contiene i fascicoli che debbono essere decisi in Udienza Collegiale.

Le intestazioni delle colonne sono:

Attore

Convenuto
Data UltimaUdienza: data ultima udienza.

Telematico: indica se si tratta di un fascicolo di natura telematica.

Classificazione: campo il cui valore può essere modificato dall’utente.

Data prossima udienza: data della prossima udienza.

Appunti: campo il cui valore può essere modificato dall’utente.

Peso: campo il cui valore può essere modificato dall’utente.

Ultimo aggiornamento: data di ultimo aggiornamento del fascicolo.

Evento ultima udienza: evento associato all’ultima udienza tenuta.

Ultimo evento: ultimo evento del fascicolo.

Visto: flag modificabile dall’utente nel contenuto del fascicolo.

Ruolo: ruolo di appartenenza della causa.

Materia: materia della causa.

Oggetto: oggetto della causa.

Stato fascicolo: stato in cui si trova il fascicolo.

La cartella Udienze collegiali riguarda solamente le cause che debbono essere trattate avanti al
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 60
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Collegio e per le quali è stata appunto fissata una udienza delle parti avanti al collegio. Si
tratta di una attività istruttoria e non decisoria.

4.3.2 Cartelle di Studio

4.3.2.1 In evidenza

Un procedimento (presente in una qualsiasi griglia) può essere inserito manualmente


all’interno della cartella “In evidenza” attraverso la funzione specifica “Inserisci in cartella”
attivabile dal menù a scomparsa (vedi Figura 11- Dettaglio Inserisci in cartella): il
procedimento rimane visibile anche nella cartella di appartenenza.

E’ possibile annullare manualmente l’associazione del fascicolo alla cartella attraverso


l’apposita funzione “Rimuovi dalla cartella”.

4.3.2.2 Leading case

Un procedimento (presente in una qualsiasi griglia) può essere inserito manualmente


all’interno della cartella “Leading case” attraverso la funzione specifica “Inserisci in
cartella” attivabile dal menù a scomparsa (vedi Figura 11- Dettaglio Inserisci in cartella): il
procedimento rimane visibile anche nella cartella di appartenenza.

E’ possibile annullare manualmente l’associazione del fascicolo attraverso l’apposita funzione


“Rimuovi dalla cartella”.

4.3.2.3 In visione

Questa cartella contiene i fascicoli che altri utenti della Consolle del Magistrato hanno reso
disponibili in visualizzazione.

Le intestazioni delle colonne sono:

Subprocedimento

Attore

Convenuto
Prossima attività: descrizione della prossima attività.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 61
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Data UltimaUdienza: data ultima udienza.

Evento ultima udienza: evento associato all’ultima udienza tenuta.

Stato fascicolo: stato in cui si trova il fascicolo.

Ruolo: ruolo di appartenenza della causa.

Materia: materia della causa.

Oggetto: oggetto della causa.

Visto: flag modificabile dall’utente nel contenuto del fascicolo.

Ultimo aggiornamento: data di ultimo aggiornamento del fascicolo.

Ultimo evento: ultimo evento del fascicolo.

Telematico: indica se si tratta di un fascicolo di natura telematica.


Classificazione: campo il cui valore può essere modificato dall’utente.

Appunti: campo il cui valore può essere modificato dall’utente.

Peso: campo il cui valore può essere modificato dall’utente.

4.3.3 Cartelle di Documenti

4.3.3.1 Da depositare

La cartella contiene i fascicoli che hanno atti che il giudice deve ancora depositare.

Le intestazioni delle colonne sono:

Attore

Convenuto
Data UltimaUdienza: data ultima udienza.

Nome: nome del documento da depositare.

Depositato: stato del deposito.

Stato busta: stato della busta.

Stato controfirma: stato della controfirma.

Note Controfirma: eventuali note del Presidente del collegio.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 62
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

4.3.3.2 Attesa Cancelleria

La cartella contiene i fascicoli che hanno atti che il giudice ha depositato e che la cancelleria
deve ancora procedere alla loro accettazione.

Le intestazioni delle colonne sono:

Attore

Convenuto
Data UltimaUdienza: data ultima udienza.

Nome: nome del documento da depositare.

Depositato: stato del deposito.

Stato busta: stato della busta.

Stato controfirma: stato della controfirma.

Note Controfirma: eventuali note del Presidente del collegio.

4.3.3.3 In Controfirma

La cartella contiene i fascicoli che hanno atti inviati al Presidente del collegio per la
controfirma e non sono ancora ritornati al giudice relatore.

Le intestazioni delle colonne sono:

Attore

Convenuto
Data UltimaUdienza: data ultima udienza.

Nome: nome del documento da depositare.

Depositato: stato del deposito.

Stato busta: stato della busta.

Stato controfirma: stato della controfirma.

Note Controfirma: eventuali note del Presidente del collegio.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 63
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

4.3.3.4 Controfirmati

La cartella contiene i fascicoli che hanno atti inviati al Presidente del collegio e che sono stati
inviati al giudice relatore controfirmati.

Le intestazioni delle colonne sono:

Attore

Convenuto
Data UltimaUdienza: data ultima udienza.

Nome: nome del documento da depositare.

Depositato: stato del deposito.

Stato busta: stato della busta.

Stato controfirma: stato della controfirma.

Note Controfirma: eventuali note del Presidente del collegio.

4.3.3.5 Controfirma negata

La cartella contiene i fascicoli che hanno atti inviati al Presidente del collegio e che non sono
stati controfirmati.

Le intestazioni delle colonne sono:

Attore

Convenuto
Data UltimaUdienza: data ultima udienza.

Nome: nome del documento da depositare.

Depositato: stato del deposito.

Stato busta: stato della busta.

Stato controfirma: stato della controfirma.

Note Controfirma: eventuali note del Presidente del collegio.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 64
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

4.3.3.6 Coda deposito

La cartella contiene i provvedimenti del giudice messi nella coda di deposito attraverso la
funzione “Deposita successivamente” disponibile al momento della funzione “Deposita”. Le
intestazioni delle colonne sono:

Anno Ruolo

Numero Ruolo

Sub-procedimento
Nome provvedimento: nome del documento da depositare.

Inserimento in coda: la data di inserimento nella coda di deposito.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 65
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

5 APPUNTI

Il magistrato ha la possibilità di scrivere, leggere, modificare e cancellare appunti a carattere


generale non legati quindi ad un particolare fascicolo. Questa funzionalità può essere attivata
cliccando sulla voce “Appunti” del menu “Visualizza”.

La schermata visualizzata è la seguente:

Figura 15 - Finestra Appunti

Questa sezione ha una funzionalità prevalentemente di Promemoria. L’utente può utilizzare


questo spazio come una sorta di elenco di cose da fare. Gli appunti scritti vengono salvati
automaticamente su un file .rtf al cambio di contesto (passando ad esempio al Ruolo o alla
Scrivania) o alla chiusura dell’applicativo. Questo file è presente solamente in locale (non è
salvato su server).

Le funzionalità utilizzabili sono le stesse usate all’interno delle Annotazioni:

salvare gli appunti ;


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 66
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

stampare gli appunti ;

selezionare una delle funzionalità di Taglia, Copia e Incolla ;

annullare/ripetere l’ultima operazione eseguita ;

effettuare la singola ricerca di una parola oppure la ricerca e la sostituzione ;

scegliere il tipo di carattere ;

inserire elenchi puntati ;

scegliere lo stile ;

scegliere la formattazione ;

scegliere il colore carattere e sfondo ;

6 AGENDA

6.1 INTRODUZIONE

L’Agenda del Magistrato è una vera e propria agenda che sostituisce quella cartacea ed è
finalizzata alla gestione degli Appuntamenti e delle Udienze.
L'interfaccia utente (Figura 16 - Agenda) è orientata in modo da rendere semplice e veloce la
visualizzazione delle attività.

È possibile scegliere tra 4 diverse modalità di visualizzazione: giorno corrente Oggi,


Giornaliera, Settimanale e Mensile cliccando sulla relativa icona nella barra dei pulsanti (vedi
lettera C della Figura 16 - Agenda).

Tramite un calendario bimestrale (vedi lettera B della Figura 16) è possibile selezionare un
intervallo a piacere di giorni da visualizzare.

E’ inoltre possibile inserire, modificare ed eliminare Appuntamenti ed Udienze e aggiornare


l'Agenda con le Udienze inserite nel Sistema dei Registri. Tali informazioni sono visualizzate
nella parte centrale della finestra (vedi lettera A della Figura 16).

Le udienze visibili in agenda sono tutte quelle associate ai fascicoli assegnati al magistrato e
presenti nella base dati locale, indipendentemente dal registro di appartenenza di ciascun
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 67
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

fascicolo.

Tutte le funzionalità dell’agenda saranno spiegate in dettaglio nei paragrafi seguenti.

Figura 16 - Agenda

6.2 AGGIUNGI APPUNTAMENTO

Per inserire un Appuntamento è necessario selezionare un giorno dell'agenda (e, nel caso di
visualizzazione giornaliera, un orario) e scegliere dal menù a scomparsa (attivabile con il tasto
destro del mouse) la voce “Aggiungi”.

La finestra che appare è la seguente :


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 68
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 17 - Aggiungi Appuntamento

Un Appuntamento ha una data e ora di Inizio, una data e ora di Fine, una descrizione, delle
eventuali annotazioni, ed uno stato, che può assumere due valori: Proposto o Confermato.
Una volta premuto il tasto “Ok” l’appuntamento inserito è visualizzato sulla finestra
principale ed occupa una collocazione sul calendario in corrispondenza delle date e orari
inseriti.(vedi Figura 16)

Un appuntamento può essere anche spostato tramite trascinamento su un diverso giorno e/o
orario. Nella visualizzazione Giornaliera, che permette di visualizzare anche le ore della
giornata, un appuntamento può essere ridimensionato, abbreviandolo o allungandolo a
piacere.

Per modificare o rimuovere un Appuntamento, trasformarlo in attività giornaliera o in


udienza, occorre selezionare l'elemento d'interesse e scegliere dal menù a scomparsa
(attivabile con il tasto destro del mouse) la voce di interesse per l’utente come illustrato di
seguito:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 69
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

6.2.1 FISSAZIONE DELLE DATE DI UDIENZA

Per inserire un’udienza il Magistrato deve compiere gli stessi passi effettuati per l’inserimento
dell’appuntamento. La differenza risiede nel fatto che una volta selezionata la checkbox
“Udienza” verrà visualizzata una diversa schermata in cui inserire la tipologia di Gruppo e
Tipo di udienza (vedi Figura 18– Aggiungi udienza); il Magistrato deve scegliere una tra le
seguenti tre categorie di udienza:

 Prima comparizione

 Precisazione conclusioni

 Altro tipo di udienza


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 70
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 18 - Aggiungi Udienza

Dall’esame della Figura 18 emerge che anche un’Udienza ha una data e ora di Inizio ed una
data e ora di Fine; in questo caso, tuttavia, la Data ed Ora di fine non è scelta direttamente dal
Magistrato, ma è calcolata sommando i tempi impostati nel panello di Amministrazione
Utente, Durate predefinite per tipo di udienza. Un’udienza ha inoltre una tipologia, delle
annotazioni, uno o più Fascicoli associati.

Per poter associare un fascicolo ad una Udienza bisogna premere il tasto “Aggiungi”. La
maschera che appare è la seguente:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 71
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 19 - Aggiungi Fascicoli

Al suo interno sono mostrati i fascicoli che possono essere associati all’udienza in questione.
Per compiere tale operazione occorre selezionare con il mouse i fascicoli desiderati e premere
il tasto Ok.

Una volta concluso l’inserimento di tutti i dati nella maschera di Figura 18 - Aggiungi
Udienza, premere il tasto Ok. L’Udienza sarà graficamente visualizzata nella finestra
principale. Un’udienza inserita manualmente dal Magistrato seguendo la procedura descritta si
troverà nello stato Proposta.

Ogni volta che un fascicolo viene scaricato per la prima volta o aggiornato l’applicazione
sincronizza i dati relativi alle udienze del fascicolo con quelli registrati dal sistema di gestione
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 72
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

del registro di appartenenza del fascicolo da aggiornare. Per ogni udienza individuata dal
sistema di gestione del registro viene creata dalla applicazione una udienza caratterizzata dallo
stato Confermata. Le udienze confermate si distinguono da quelle proposte per la presenza di
un contorno di colore rosso.

Un’udienza nello stato Confermata non può essere spostata, ridimensionata o cancellata.
Inoltre, non è possibile modificare la tipologia dell'udienza né dissociare un fascicolo
confermato. Al contrario per un’Udienza in stato Proposta è sempre possibile effettuare le
operazioni di cancellazione e modifica.

Attraverso il pulsante “Mostra calendari separati”, presente in alto a sinistra della


schermata Agenda, è possibile impostare una migliore visualizzazione grafica degli
Appuntamenti e delle Udienze del Magistrato; in questa modalità gli eventuali appuntamenti
e udienze con date di inizio e fine completamente o parzialmente sovrapposte saranno visibili
affiancati.

7 AGENDA (CONSOLLE II GRADO)

L’Agenda del Magistrato è una vera e propria agenda che sostituisce quella cartacea ed è
finalizzata alla gestione delle Udienze.

L'interfaccia utente (Figura 20) è orientata in modo da rendere semplice e veloce la


visualizzazione delle attività.

È possibile scegliere tra 2 diverse modalità di visualizzazione: Mensile e Annuale cliccando


sulla relativa icona nella barra dei pulsanti (vedi Figura 20).
In agenda saranno evidenziate in giallo tutte le udienze da tenere nella sezione del Magistrato
nei giorni in cui sono fissate le udienze camerali nel sistema di cancelleria (indipendentemente
dal magistrato che deve tenere l’udienza).

Mentre le udienze che dovrà tenere il Magistrato saranno visualizzate con un bollino Rosso
se:

- la causa è del rito “ORDINARIO VECCHIO RITO” e lo stato sia “Attesa esito
udienza di discussione collegiale”;

- la causa è del rito “LAVORO” e lo stato sia “Attesa esito discussione”;


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 73
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

- la causa è del rito “RITO CAMERALE CORTE D'APPELLO” e lo stato sia


“Attesa esito udienza camerale”;

- il magistrato sia relatore e l'udienza sia quella successiva, per ciascun


procedimento, alla scadenza dei termini per la replica alla conclusionale;

con un bollino Giallo se:

- il magistrato sia designato come presidente e l'udienza sia quella successiva, per
ciascun procedimento, alla scadenza dei termini per la replica alla conclusionale;

altrimenti per tutte le altre udienze non sarà visualizzato nessuno bollino.

Per aggiornare le udienze dell’agenda è stata aggiunta la funzionalità “AGGIORNA” che


avviare la procedura di aggiornamento dell’udienze e riportare così anche la data dell’ultimo
aggiornamento.

Figura 20 – Agenda (II grado)

8 RUOLO

La funzione consente di prendere visione dei fascicoli che compongono il ruolo di cui il
magistrato è assegnatario. La Consolle permette di avere una visione del ruolo suddivisa per
registro.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 74
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 21 - Menu selezione ruolo in base al registro

Sul lato sinistro dell’applicazione, nel riquadro evidenziato dalla lettera A della Figura 9 -
Schermata Principale e del quale viene mostrato un dettaglio nella sovrastante “Figura 21 -
Menu selezione ruolo in base al registro”, sarà visibile un tasto di attivazione della funzione
Ruolo per ciascun registro (il tasto relativo ad un registro è visibile solo il registro è stato
scelto come attivo dall’utente, per ulteriori dettagli si veda paragrafo 12.1.5 “Registri attivi”).

Di seguito è riportato l’elenco delle principali funzionalità offerte di cui si compone la


funzione “Ruolo” e che, indipendentemente dal registro scelto, sono visibili nella toolbar
posta nella parte superiore della finestra:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 75
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Icona Funzione Descrizione


Permette di esaminare il
dettaglio di uno o più
Contenuto fascicolo fascicoli selezionati.

Permette di stampare i dati


dei fascicoli presenti nella
Stampa Ruolo griglia.

Permette di stampare i dati


dei fascicoli presenti nella
Stampa PDF
griglia su file in formato
PDF.
Esporta la griglia dei
fascicoli in un documento
Export Excel Microsoft Excel

Permette di visualizzare o
nascondere la schermata
Annotazioni On/Off relativa alle
annotazioni/eventi
procedura.
Permette di avviare la
Scrivi redazione di un documento.
provvedimento

Permette di creare una


Crea cartella
cartella personale.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 76
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Permette di nascondere i
Dettagli On/Off dettagli della cartella
selezionata

Tabella 3- Funzionalità di ciscun Ruolo

Si specifica che alcune tra le funzioni sopra elencate, tra cui Contenuto Fascicolo,
Stampa Ruolo, Esporta in Excel, Annotazioni On/Off e Dettagli On/Off sono comuni anche
alla sezione Scrivania.

Se si seleziona ad esempio il tasto “Ruolo Fallimentare” sarà possibile visualizzare tutti i


fascicoli che compongono il ruolo del magistrato e che afferiscono al registro Fallimentare
come evidenziato in Figura 22 - Ruolo Fallimentare.

Figura 22 - Ruolo Fallimentare


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 77
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.1.1 Funzione “Udienze”: “Pannello udienze” e “Differimento


udienza”

In ossequio alle modifiche introdotte dalla legge 18-06-2009 n. 69 e, più specificatamente,


con l’introduzione del “calendario del processo”, di cui all’art. 81 disp. att. c.p.c., si sono rese
necessarie due implementazioni quali:

1. un pannello “Udienze” per la visualizzazione dell’elenco completo delle udienze, per


l’appunto, prenotate, fissate e tenute nel fascicolo selezionato, ciascuna tipologia delle
quali viene evidenziata con differenti colorazioni (cfr. Figura 23). Si fa presente che il
medesimo tab e relativo pannello è presente anche nel menù di dettaglio del fascicolo
(“Contenuto Fascicolo”).

Figura 23 – Pannello “Udienze”

2. la funzione “Differimento udienza” che fornisce un iter rapido di differimento di una


udienza. Si apre infatti un wizard per la redazione e il deposito del provvedimento de
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 78
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

quo; nella prima finestra verrà visualizzata come data etichettata “prossima udienza” la
prima utile del processo (prefissata nel calendario) (cfr. Figura 24).

Si precisa che la funzione in parola è fruibile solo se nei modelli è presente il


provvedimento di “differimento udienza”: se così non fosse è necessario procedere
prima alla creazione di detto modello.

Figura 24 – Differimento Udienza

8.2 FUNZIONALITÀ BASE

Verranno descritte in seguito le funzionalità di base del Ruolo. Le funzionalità descritte sono
da intendersi indipendenti dalla scelta fatta dall’utente per quanto riguarda i registri attivi.

8.2.1 Aggiornamento dei fascicoli

La prima volta che si accede alla Consolle le griglie del Ruolo risulteranno vuote per tutti i
registri; per poter visualizzare i procedimenti di competenza del Magistrato è necessario
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 79
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

effettuare l’ Estrazione dei Fascicoli.

La funzionalità di Estrazione Fascicoli consente di allineare i dati dei fascicoli memorizzati


localmente sulla postazione del Magistrato con quelli presenti nell’archivio dei sistemi dei
Registri e del Repository documentale.

L’aggiornamento è consentito solo in modalità connessa ed è attivabile mediante la selezione


della funzione Fascicoli della barra dei Menù dell’applicazione, cliccando sul pulsante
“Estrai Fascicoli” (vedi Figura 25) oppure all’interno del Contenuto Fascicolo per un singolo
procedimento (v. par. 8.2.3.3).

Figura 25 - Pulsante per l’estrazione dei fascicoli

Se questa funzione è stata attivata dal Menù Fascicoli, la maschera presentata dal sistema sarà
la seguente :
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 80
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 26 - Estrazione Fascicoli

Ciascun fascicolo sarà preceduto da una sigla identificativa del registro di appartenenza:

CC, per i fascicoli del Contenzioso Civile

LAV, per i fascicoli del Diritto del Lavoro

FA, per i fascicoli del Fallimentare

PF, per i fascicoli del Prefallimentare

EF, per i fascicoli delle Esecuzioni

Per poter completare l’operazione di estrazione, occorre selezionare i procedimenti di


interesse dalla lista Fascicoli Disponibili (vedi Figura 26 - Estrazione Fascicoli) e, attraverso
l’ausilio delle doppie frecce, inserirli all’interno della lista Fascicoli Selezionati.
In alternativa all’operazione sopra descritta l’utente può effettuare la selezione dei fascicoli
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 81
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

tramite l’ausilio delle funzionalità presenti nella barra degli strumenti della schermata; nella
fattispecie con la funzione “Seleziona Fascicolo Proprietario” l’applicativo visualizzerà in
automatico, all’interno della lista Fascicoli Selezionati, i soli procedimenti di competenza del
Magistrato; nel caso in cui venga selezionata l’icona “Seleziona Fascicoli Visibilità” il
sistema, in automatico, visualizzerà i soli procedimenti di cui l’utente ha visibilità, mentre per
poter scaricare le sole nuove assegnazioni occorrerà selezionare la funzione “Seleziona
Nuovi” e automaticamente verrà popolata la lista Fascicoli Selezionati.

Infine se si vuole estrarre insieme ai fascicoli d’interesse anche i documenti ad essi associati,
occorrerà selezionare l’icona “Estrazione Documenti”.

L’ aggiornamento dei fascicoli può essere coadiuvato dall’abilitazione di filtri (vedi Figura 27
- Applicazione dei filtri per la ricerca/estrazione dei fascicoli), presenti in un menù contestuale
attivabile dall’icona , dove l’utente ha la possibilità di personalizzare ulteriormente la
propria ricerca impostando i criteri desiderati (a titolo esemplificativo attivando un filtro per
lettere maiuscole e minuscole e/o con caratteri particolari ) e visualizzando in questo modo,
tra i fascicoli disponibili, solo quelli con il criterio specificato (o più criteri).

A titolo di esempio, se si considera che i fascicoli vengono tutti contraddistinti da una sigla
iniziale8 che identifica il registro di appartenenza, nel caso in cui si fosse interessati ad estrarre
i soli fascicoli del contenzioso Civile, sarebbe possibile filtrarli digitando “CC” nel box di
testo accanto all’icona .

8
Le sigle sono: CC = Contenzioso Civile; DL = Diritto del Lavoro; FL = Fallimentare; PF = Prefallimentare; EF = Esecuzioni Forzate.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 82
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 27 - Applicazione dei filtri per la ricerca/estrazione dei fascicoli

Per attivare l’operazione di estrazione premere l’icona Estrai, per terminare l’estrazione
premere l’icona Interrompi, per annullare l’operazione premere il pulsante Chiudi.

Il Magistrato può impostare un automatismo (vedi paragrafo 12.1.3) grazie al quale viene
avvisato della presenza nel SGR di aggiornamenti per i fascicoli del proprio ruolo.

La funzione di Estrazione fascicoli è una sezione comune a tutta l’applicazione in


quanto sotto funzione della barra dei Menù, per tanto attivabile in qualsiasi maschera della
Consolle visualizzata dall’utente.

8.2.2 Ricerca Fascicoli

La funzione “Ricerca Fascicoli”, disponibile nella barra dei Menù dell’applicazione,


selezionando la voce Fascicoli (vedi Figura 28 - Pulsante di Ricerca fascicoli), permette di
eseguire una ricerca mirata dei procedimenti da aggiornare.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 83
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 28 - Pulsante di Ricerca fascicoli

L’utente può impostare dei parametri come:

Numero Ruolo

Anno Ruolo

Tali parametri alla pressione del pulsante verranno elaborati dal sistema in
modo da proporre all’utente solo l’ insieme dei fascicoli che li soddisfa (vedi Figura 29 -
Schermata di Ricerca dei Fascicoli).

Figura 29 - Schermata di Ricerca dei Fascicoli


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 84
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Una volta effettuata la ricerca è possibile selezionare i soli fascicoli che si intende aggiornare
secondo la modalità descritta nel paragrafo “Aggiornamento dei fascicoli”.

La funzione di Ricerca fascicoli è una sezione comune a tutta l’applicazione in quanto


sotto funzione della barra dei Menù, per tanto attivabile in qualsiasi maschera della Consolle
visualizzata dall’utente.

8.2.3 Aggiorna stato depositi e controfirma

La funzione “Aggiorna stato deposito e controfirma”, disponibile nella barra dei Menù
dell’applicazione, selezionando la voce Fascicoli (vedi Figura 30 - Pulsante di Aggiorna stato
depositi e controfirma), permette di eseguire l’aggiornamento degli stati dei depositi effettuati
e dei provvedimenti inviati in controfirma.

Figura 30 - Pulsante di Aggiorna stato depositi e controfirma

8.2.4 Aggiorna agenda e ruolo udienza (Consolle II grado)

La funzione “Aggiorna agenda e ruolo udienza”, disponibile nella barra dei Menù
dell’applicazione, selezionando la voce Fascicoli (vedi Figura 31 - Pulsante di Aggiorna
agenda e ruolo udienza), permette di eseguire l’aggiornamento delle informazioni contenute
dell’agenda e del ruolo udienza del magistrato.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 85
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 31 - Pulsante di Aggiorna agenda e ruolo udienza

8.2.1 La coda di firma e la firma massiva degli atti

Consolle consente anche di accantonare i documenti affinché vengano firmati, in via massiva,
successivamente.

In fase di redazione del provvedimento infatti oltre alle normali funzioni di videoscrittura tra
le funzioni di gestione telematica del provvedimento vi è anche l'apposita funzione
“Accantona per la firma” come indicato nella figura seguente:

Figura 32 – Funzione per l’inserimento in coda di firma

Premendo il relativo pulsante il documento viene accantonato al fine di essere firmato


successivamente.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 86
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Per procedere all'apposizione della firma massiva sui documenti accantonati per la firma sarà
sufficiente attivare la funzione “Firma documenti in coda” dal menù “Depositi” come indicato
nella figura seguente:

Figura 33 - Pulsante per l’accesso ai provvedimenti in coda di firma

Il sistema consentirà dunque di gestire i documenti accantonati attraverso l'apposita finestra

Figura 34 – Provvedimenti in coda di firma


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 87
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Ciascun provvedimento in coda sarà preceduto da una sigla identificativa del registro di
appartenenza:

CC, per i fascicoli del Contenzioso Civile

LAV, per i fascicoli del Diritto del Lavoro

FA, per i fascicoli del Fallimentare

PF, per i fascicoli del Prefallimentare

EF, per i fascicoli delle Esecuzioni

dal numero del procedimento, dal nome del provvedimento, le parti principali e la data di
accantonamento per la firma.

Dallo stato connessione possiamo subito intuire se la connessione con l’ufficio selezionato è
attiva e quindi la possibilità di effettuare i depositi in cancelleria. In caso affermativo come in
figura possiamo selezionare le buste che si intendono depositare in due modalità:

tramite la funzione “Tutti” l’applicativo visualizzerà in automatico, all’interno della lista


Provvedimenti Selezionati, tutti i provvedimenti in coda presenti nella consolle del
Magistrato altrimenti occorre selezionare i depositi di interesse dalla lista Provvedimenti da
firmare (Vedi Figura 34) e attraverso l’ausilio delle doppie frecce, inserirli all’interno della
lista Provvedimenti Selezionati.
Per attivare l’operazione di deposito delle buste premere il pulsante Firma e Deposita, per
annullare l’operazione premere il pulsante Chiudi, mentre per rimuovere dalla coda di firma i
provvedimenti selezionati premere il pulsante Elimina.

Ove sia spuntata l'apposita opzione “Visualizza anteprima provvedimenti” il sistema aprirà
uno ad uno i documenti da sottoscrivere consentendo, per ciascuno di firmare o annullare la
firma attraverso gli appositi comandi evidenziati nella figura seguente:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 88
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 35 – Anteprima dei provvedimenti in coda di firma

8.2.2 Deposito buste in coda

La funzionalità di Deposito buste in coda consente la visualizzazione di tutte le buste


memorizzate localmente sulla postazione del Magistrato e la possibilità di effettuare il
deposito in cancelleria.

Il deposito delle buste in coda è consentito solo in modalità connessa ed è attivabile mediante
la selezione della funzione Fascicoli della barra dei Menù dell’applicazione, cliccando sul
pulsante “Deposito buste in coda” (vedi Figura 36 - Pulsante per il deposito di buste in
coda).

Figura 36 - Pulsante per il deposito di buste in coda

La maschera presentata dal sistema sarà la seguente :


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 89
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 37 – Deposito buste in coda

Ciascuna busta in coda sarà preceduto da una sigla identificativa del registro di appartenenza:

CC, per i fascicoli del Contenzioso Civile

LAV, per i fascicoli del Diritto del Lavoro

FA, per i fascicoli del Fallimentare

PF, per i fascicoli del Prefallimentare

EF, per i fascicoli delle Esecuzioni

dal numero del procedimento, dal nome del provvedimento e la data di creazione della busta.

Dallo stato connessione possiamo subito intuire se la connessione con l’ufficio selezionato è
attiva e quindi la possibilità di effettuare i depositi in cancelleria. In caso affermativo come in
figura possiamo selezionare le buste che si intendono depositare in due modalità:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 90
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

tramite la funzione “Tutti” l’applicativo visualizzerà in automatico, all’interno della lista


Depositi Selezionati, tutti i depositi in coda presenti nella consolle del Magistrato altrimenti
occorre selezionare i depositi di interesse dalla lista Depositi Disponibili (Vedi Figura 37 –
Deposito buste in coda) e attraverso l’ausilio delle doppie frecce, inserirli all’interno della
lista Depositi Selezionati.

Per attivare l’operazione di deposito delle buste premere il pulsante Deposita, per annullare
l’operazione premere il pulsante Chiudi.

8.2.3 Analisi del ruolo

Verranno analizzate le funzioni riguardanti particolarmente il Ruolo.

Figura 38 - Schermata di una griglia del Ruolo


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 91
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.2.3.1 Stampa ruolo

Cliccando sul pulsante Stampe/Export della barra dei pulsanti si ottiene la stampa di tutti i
fascicoli presenti nella griglia oppure solamente i fascicoli selezionati (nel caso di multi-
selezione), contenente i relativi dettagli. La funzione propone le seguenti stampe o funzioni di
esportazione:

stampa ruolo; esegue la stampa del ruolo del giudice con anteprima del report. Con
Ctrl+Shift è possibile selezionare i fascicoli di cui si intende avere la stampa.

stampa ruolo pdf: esegue la stampa del ruolo in formato pdf. Con Ctrl+Shift è
possibile selezionare i fascicoli di cui si intende avere la stampa.

stampa della griglia; esegue la stampa della griglia visualizzata; con selezione colonne
è possibile personalizzare la stampa della griglia includendo o escludendo le colonne;

esporta in PDF; esporta il contenuto della griglia in formato PDF;

esporta in excel; esporta il contenuto della griglia in formato excel; con selezione
colonne è possibile personalizzare il foglio excel includendo o escludendo le colonne
della griglia

8.2.3.2 Scrivi Provvedimento

Cliccando sull’icona Scrivi Provvedimento della barra degli strumenti (vedi Figura 38 -
Schermata di una griglia del Ruolo) viene aperta la maschera di selezione di un modello di
documento. Per questa funzionalità si rimanda al par. 8.2.3.4.

8.2.3.3 Analisi di dettaglio di un fascicolo

Per esaminare con maggiore attenzione il dettaglio di uno o più fascicoli è possibile
selezionarli nella griglia di visualizzazione e premere l’icona Contenuto fascicolo (vedi
Figura 38 - Schermata di una griglia del Ruolo):

La selezione multipla di più fascicoli si effettua mediante la selezione del primo fascicolo con
il mouse e l’utilizzo successivo dei tasti Shift e Ctrl, secondo le modalità usuali nelle
applicazioni MS Windows.

La visualizzazione del contenuto dei fascicoli è presente nella maschera seguente:


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 92
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 39 - Dettaglio di un fascicolo

Per esaminare il contenuto di tutti i fascicoli selezionati è possibile utilizzare i pulsanti di

scorrimento avanti/indietro rappresentati dalle icone nella barra degli strumenti (vedi
lettera A della Figura 39 - Dettaglio di un fascicolo).

La finestra è organizzata in modo molto simile all' "Esplora Risorse" di Windows, mostra
infatti un albero organizzato per parti, il quale contiene gli Atti depositati (compresi i
Provvedimenti del Giudice) (vedi lettera B della Figura 39 - Dettaglio di un fascicolo). In base
all’elemento selezionato verrà presentato un contenuto informativo diverso (vedi lettera C
della Figura 39 - Dettaglio di un fascicolo).

Infatti:

 se nella sezione B è selezionato l'elemento fascicolo (vedi Figura 39), nella sezione
C compare la copertina del fascicolo;

 se nella sezione B è selezionato l’elemento Attore o Convenuto, (vedi Figura 39)


nella sezione C compare la copertina di parte contenente, laddove ve ne siano, il
dettaglio degli atti depositati dalla parte (vedi la Figura 40 - Copertina di parte).
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 93
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 40 - Copertina di parte

 se nella sezione B è selezionato un atto depositato dalla parte, (vedi Figura 39 -


Dettaglio di un fascicolo) nella sezione C compare il testo dell’atto e l’elenco degli
allegati qualora essi siano stati inseriti durante la redazione dell’atto da parte
dell’Avvocato (vedi la Figura 41 - Dettaglio di un atto depositato):
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 94
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 41 - Dettaglio di un atto depositato

Gli atti ufficiali del fascicolo sono visibili solo se è stata eseguita l’operazione di
aggiornamento dei documenti del fascicolo, altrimenti compare il messaggio “Atto non
presente nell’archivio Locale”.

Selezionando un atto depositato dal giudice il comportamento è identico al caso di un


atto di parte.

Se l’atto del giudice non è stato depositato mediante la Consolle del Magistrato, ma
acquisito tramite la postazione di acquisizione documentale, ci si troverà di fronte ad un caso
di deposito cartaceo; quindi, il Provvedimento avrà un allegato (situazione altrimenti non
prevista) contenente il documento “scansionato” mentre sull’atto “principale” ci sarà
un’informativa che avverte l’utente del fatto che l’atto proviene da acquisizione cartacea.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 95
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

 se il fascicolo esaminato appartiene al registro delle Esecuzioni Forzate, la sezione


B apparirà come in Figura 42.

 se nella sezione B è selezionato un atto depositato dal delegato (ovvero uno


degli atti che compare nel nodo “Atti del Delegato”), nella sezione C
compare il testo dell’atto e l’elenco degli allegati qualora essi siano stati
inseriti durante la redazione dell’atto da parte del Delegato. Fra gli atti del
delegato appariranno anche gli atti che il delegato stesso ha inviato in
controfirma al giudice (vedi §8.2.3.4.6).

 se nella sezione B è selezionato un atto depositato dal custode (ovvero uno


degli atti che compare nel nodo “Atti del Custode”), nella sezione C
compare il testo dell’atto e l’elenco degli allegati qualora essi siano stati
inseriti durante la redazione dell’atto da parte del Custode.

Figura 42 - Atti del delegato e del custode

 se nella sezione B è selezionato “Provvedimenti in scrittura”, nella sezione C sono


mostrati i documenti del Magistrato in fase di redazione e, nella parte inferiore, il
testo del documento selezionato in formato HTML (vedi la Figura 43 - Dettaglio di
un provvedimento in scrittura):
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 96
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 43 - Dettaglio di un provvedimento in scrittura

Le funzionalità presenti nella maschera di contenuto del fascicolo sono le seguenti:


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 97
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Icona Funzione Descrizione


Permette di visualizzare le
Mostra/Nascondi annotazioni
annotazioni

Aggiorna i dati del Permette di aggiornare tutti i


fascicolo e dei dati del fascicolo e i
documenti documenti ad esso associati.

Aggiorna i Permette di aggiornare i


documenti presenti documenti del fascicolo.
nel fascicolo

Mostra lo stato di Permette di gestire lo stato


condivisione di visione di un fascicolo
del
fascicolo con altri con altri giudici
giudici

Mostra lo stato diPermette di gestire lo stato


condivisione del di condivisione di un
fascicolo con gli fascicolo con gli assistenti
assistenti

Cifra/decifra ilPermette di cifrare/decifrare


contenuto di un i documenti di un fascicolo
fascicolo

Imposta lo stato di Permette di impostare la


preso in visione per presa in visione del
un fascicolo fascicolo

Permette di aggiornare
Aggiorna la
l’elenco dei provvedimenti
visualizzazione
in lavorazione
Permette di avviare la
Scrivi
redazione di un nuovo
provvedimento
documento
Permette di attivare l’iter di
Deposita documento
firma e deposito dei
in lavorazione dei
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 98
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

fascicoli selezionati documenti in lavorazione

Permette di aprire il
Apri documento in documento in lavorazione
lavorazione (attivo solo per i documenti
in lavorazione)
Permette di salvare sul
Archivia Repository Documentale il
documento
Permette di eliminare il
Elimina documento documento dalla base dati
locale

Elimina Permette di eliminare il


provvedimento provvedimento dal
remoto Repository Documentale

Mostra le versioni Permette di gestire le


del documento versioni del documento

Invia Permette di inviare in


provvedimento in cancelleria un
pubblicazione provvedimento validato

Deposita Permette di depositare i


provvedimenti in provvedimenti in scrittura di
scrittura dei più fascicoli selezionati
fascicoli selezionati

Invia Permette la controfirma di


provvedimento in un provvedimento da parte
controfirma di un altro magistrato

Tabella 4 - Funzionalità presenti nella sezione Contenuto Fascicolo

Nella sezione contrassegnata con la lettera D (Figura 39 - Dettaglio di un fascicolo) viene


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 99
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

riportata un’ulteriore barra degli strumenti per accedere alla scheda di dettaglio del fascicolo
visualizzato (vedi paragrafo seguente).

8.2.3.3.1 Copertina con sub-procedimento

Nella sezione dedicata, i sub-procedimenti vengono indicati attraverso: la data di creazione e


la descrizione di storico relativa all’evento di creazione degli stessi, come rappresentato in
figura seguente:

Figura 44 - Copertina fascicolo con sub-procedimenti

A lato dell’indicazione dei sub-procedimenti è presente la funzione “Dettagli sub


procedimenti” che ricerca nei registri di cancelleria i sub-procedimenti del fascicolo
selezionato.. I dettagli riportati per ogni sub procedimento sono:
codice sezione
numero ruolo
oggetto
stato
rito
parte principale
controparte principale
data prossima udienza
giudice

La seguente figura rappresenta un fascicolo con 3 sub-procedimenti aperti:


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 100
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 45 - Dettaglio sub-procedimenti

8.2.3.3.2 Dati Lavorazione

Cliccando sull’icona la schermata che viene visualizzata è la seguente:


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 101
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 46 - Dati Lavorazione

In questa sezione è possibile modificare i dati relativi a Peso del Fascicolo, Appunti e
Riclassificazione.
Il Peso può essere impostato con valori compresi fra 1 e 10. Tale valore viene utilizzato per
definire quale peso si vuole considerare per la trattazione della causa in udienza. Nell’agenda,
visualizzando i dati relativi ad un’udienza impostata per una certa data, oltre ad avere la
visualizzazione dei fascicoli che la compongono, è possibile anche avere il dato relativo alla
somma dei singoli pesi assegnati ai fascicoli di quella data udienza.

Il valore relativo al peso impostato viene salvato registrandolo anche sui server
dell’Ufficio Giudiziario; in questo modo è possibile recuperare tale informazione da altre
macchine connesse allo stesso server, utilizzando lo stesso utente.

Gli Appunti del fascicolo possono contenere delle informazioni brevi che l’utente può
visualizzare/modificare sia in questo contesto che nella griglia di visualizzazione del ruolo,
all’interno della relativa colonna Appunti. E’ utilizzabile sia per brevi annotazioni strutturate
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 102
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

dalla lista a discesa sulle voci (definite nella maschera “Appunti Fascicolo” del menù
“Amministrazione Utente ” vedi 12.1.6), che per inserire delle brevi frasi direttamente nella
casella di testo associata. Gli Appunti del fascicolo possono essere modificati anche
direttamente dalla griglia dei fascicoli cliccando sul simbolo visibile nel campo della
colonna Appunti, e selezionando una delle voci mostrate nella listbox a discesa che verrà
mostrata a video (vedi Figura 47 - Modifica Appunti da griglia).

Figura 47 - Modifica Appunti da griglia

L’informazione sul contenuto degli Appunti viene salvato registrandolo anche sui server
dell’Ufficio Giudiziario; in questo modo è possibile recuperare tale informazione da altre
macchine connesse allo stesso server, utilizzando lo stesso utente.

Nella riclassificazione può essere modificata la descrizione che, nel momento di estrazione dei
fascicoli, viene visualizzata come riferimento al fascicolo.

Il valore relativo alla riclassificazione viene salvato registrandolo anche sui server
dell’Ufficio Giudiziario; in questo modo è possibile recuperare tale informazione da altre
macchine connesse allo stesso server, utilizzando lo stesso utente.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 103
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.2.3.3.3 Storico

Cliccando sull’icona la schermata visualizzerà tutti gli eventi scaricati sul fascicolo,
a seguito di aggiornamento dei SGR da parte delle cancellerie (vedi Figura 48 - Storico
fascicolo):

Figura 48 - Storico fascicolo

Per gli eventi della lista dello storico, che sono stati registrati a seguito del deposito di un
particolare atto, è possibile visualizzare, nella parte inferiore della finestra, l’anteprima
dell’atto che ha prodotto l’evento.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 104
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.2.3.3.4 Eventi Procedura

Cliccando sull’icona la schermata visualizzerà tutti gli eventi dello storico


relativi al fascicolo, a seguito di aggiornamento dei SGR da parte delle cancellerie, ma
suddividendoli in eventi di cancelleria ed eventi di udienza con le relative date.

Figura 49 - Eventi Procedura

La funzione Eventi Procedura è presente in altre schermate della Consolle che


comportino la visualizzazione di una delle griglie del ruolo e del tab Annotazioni.

8.2.3.3.5 Eventi delle Deleghe

Per i fascicoli del registro delle Esecuzioni Forzate, la voce nel “contenuto del
fascicolo” è un filtro che permette al Magistrato di visualizzare cronologicamente gli eventi
dello storico legati esclusivamente al delegato.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 105
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 50 - Deleghe nel contenuto del fascicolo

Gli eventi delle deleghe appaiono anche fra gli eventi della procedura evidenziati con il
colore giallo.

8.2.3.3.6 Mostra/Nascondi Annotazioni

Cliccando sull’icona della barra degli strumenti (vedi lettera A della Figura 39 -
Dettaglio di un fascicolo), è possibile abilitare o meno la visualizzazione delle Annotazioni
relative al fascicolo che si sta consultando, al centro della schermata. Tale funzionalità verrà
descritta in seguito al paragrafo 8.2.3.4.6.

8.2.3.3.7 Aggiorna i dati del fascicolo e dei documenti

Cliccando sull’icona della barra degli strumenti (vedi lettera A della Figura 39 -
Dettaglio di un fascicolo), è possibile aggiornare i dati del fascicolo e dei documenti ad essi
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 106
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

associati (se si lavora in modalità connessa). Tale funzionalità è stata già descritta nel par.
8.2.1.

8.2.3.3.8 Aggiorna i documenti presenti nel fascicolo

Cliccando sull’icona della barra degli strumenti (vedi lettera A della Figura 39 -
Dettaglio di un fascicolo) è possibile aggiornare i documenti presenti nel fascicolo (se si
lavora in modalità connessa). Tale funzionalità è stata già descritta nel par. 8.2.1.

La maschera presentata dal sistema sarà la seguente :

Figura 51 - Estrai Documenti

Dopo aver selezionato i documenti da estrarre, spuntandoli dall’albero presente nel riquadro
centrale della schermata, cliccare sull’icona Estrai Documenti. Per annullare l’operazione
premere il pulsante Interrompi.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 107
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.2.3.3.9 Scrivi Provvedimento

Cliccando sull’icona si avvia la redazione di un nuovo documento. Tale funzionalità


sarà esaminata in dettaglio nel par. 8.2.3.4.

8.2.3.3.10 Apri documento in lavorazione

Selezionare nella maschera di “Contenuto Fascicolo” la voce “Provvedimenti in scrittura”


presente nell’albero di sinistra (vedi lettera A Figura 52):

Figura 52 - Provvedimenti in scrittura

I provvedimenti in scrittura sono tutti i provvedimenti, relativi al fascicolo di interesse, che


sono stati precedentemente creati mediante la funzionalità di scrittura di un Provvedimento
(par. 8.2.3.4) e non sono ancora stati depositati presso l’Ufficio Giudiziario e, pertanto, sono
considerati in lavorazione (vedi lettera B Figura 52 - Provvedimenti in scrittura).

Nella lista che mostra l’elenco dei provvedimenti in scrittura è possibile selezionarne uno e
aprire l’ambiente di redazione, per modificare il testo del documento, cliccando sull’icona

all’interno della barra degli strumenti.


Maggiori dettagli sull’utilizzo dell’ambiente di redazione saranno dati nel par. 8.2.3.4.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 108
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.2.3.3.11 Aggiorna la visualizzazione

Cliccando sull’icona della barra degli strumenti (vedi la Figura 52) è possibile aggiornare
lo stato del deposito di tutti i provvedimenti per i quali sia già stata effettuata l’operazione di
deposito; inoltre nell’ambito dei provvedimenti collegiali, il medesimo pulsante serve ad
aggiornare lo stato di quei provvedimenti inviati in controfirma(paragrafo 7.1.3.4.3.1).

8.2.3.3.12 Archivia

Cliccando sull’icona della barra degli strumenti (vedi la Figura 52) il documento in
lavorazione viene salvato nel Repository Documentale.

8.2.3.3.13 Elimina Documento (in locale)

Per eliminare un documento in lavorazione dalla base dati locale cliccare il pulsante nella
barra degli strumenti (vedi la Figura 52), se si elimina un documento archiviato la copia
presente nel Repository Documentale non verrà cancellata.

8.2.3.3.14 Elimina Documento remoto

Per eliminare un documento in lavorazione dal Repository Documentale premere il pulsante

della barra degli strumenti (vedi la Figura 52), questo pulsante si abilita solo nel caso di
documenti archiviati.

8.2.3.3.15 Mostra versioni documento

Il pulsante della barra degli strumenti (vedi la Figura 52) è attivo solo nel caso si
selezioni un documento presente nel Repository Documentale, permettendo la gestione delle
versioni del documento selezionato.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 109
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 53 - Mostra versione documento

8.2.3.3.16 Deposito di un provvedimento in scrittura

Il pulsante della barra degli strumenti (vedi la Figura 52) permette di attivare l’iter di
firma del provvedimento in scrittura relativo al fascicolo selezionato al momento dell’apertura
della maschera del contenuto fascicolo.

Premendo questo pulsante si attiverà il wizard per la creazione della busta da inviare in
cancelleria come illustrato di seguito.

8.2.3.3.17 Deposito dei provvedimenti in scrittura dei fascicoli selezionati

Quando si seleziona il pulsante della barra degli strumenti (vedi la Figura 52) viene
visualizzata una maschera contenente tutti i provvedimenti in scrittura relativi ai fascicoli di
cui è stata richiesta la visualizzazione del Contenuto Fascicolo.

La maschera che si attiva è la seguente:


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 110
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 54 - Selezione e deposito documenti in lavorazione

Selezionando i documenti che si desidera depositare e premendo il tasto Deposita si attiverà


ciclicamente per ogni documento selezionato la procedura di deposito che prevede, come
descritto con maggiore dettaglio nel par 8.2.3.4.2.8, i seguenti passi:

1. la visualizzazione dei dati di riepilogo di ciascun deposito

2. la presa visione dell’anteprima del documento da depositare

3. la firma con smart card.

4. il deposito del documento firmato sul server dell’ufficio.

Al termine di ciascun ciclo l’utente verrà avvisato del numero di documenti depositati rispetto
al numero totale di quelli selezionati.

8.2.3.3.18 Inserimento File Libero

La funzione consente di associare ad un fascicolo la copia di un file selezionato dal file system
dell’utente. Una volta associato il file risulterà consultabile ogni qualvolta si accederà al
dettaglio del fascicolo.

Per accedere alla funzione è necessario selezionare uno dei nodi presenti nel panello
individuato con la lettera B nella Figura 39 - Dettaglio di un fascicolo, premere il pulsante
destro del mouse per aprire il menu contestuale mostrato nella Figura 55, quindi selezionare
“Inserisci file”.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 111
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 55 - Menu inserisci file

A questo punto selezionare il file libero da associare al fascicolo utilizzando il tasto


“Seleziona file” come mostrato dalla Figura 56, fornire una descrizione, associare al file un
tipo e premere OK. Il file verrà copiato nel database locale dell’applicazione.

Figura 56 - Selezione del file libero

Una volta associato al fascicolo il file sarà visibile come nodo figlio del nodo selezionato in
precedenza come mostrato nella figura sottostante:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 112
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 57 - File libero associato

8.2.3.4 Scrittura e deposito di un provvedimento

8.2.3.4.1 Scrivi Provvedimento

Si consideri la seguente maschera della Consolle:

Figura 58 - Selezione fascicolo


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 113
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Cliccando il pulsante Scrivi Provvedimento (parte evidenziata Figura 58 - Selezione


fascicolo) viene aperta la seguente maschera:

Figura 59 - Selezione modello

Al suo interno vengono visualizzati i modelli per la redazione dei Provvedimenti, in


precedenza creati dal Magistrato, all’interno dell’applicazione, attraverso il Modellatore9.

9
Il Modellatore è uno strumento complementare alla Consolle del Magistrato che permette di creare, gestire e
organizzare l’attività quotidiana di redazione degli atti da parte dei Giudici.

Per una completa analisi di questa funzionalità di redazione dei provvedimenti si rimanda ad un’attenta lettura
del relativo “Manuale Utente del Modellatore”.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 114
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Si ha la possibilità di scegliere tra due diversi raggruppamenti: Preferiti e Tutti; nel primo
caso verrà visualizzata una lista di modelli classificati dall’utente, al momento della loro
creazione con il Modellatore, come Preferiti; nell’altro invece verranno mostrati tutti i
modelli, anche quelli che l’utente non ha classificato come Preferiti.

Per modello si intende la trasposizione in elettronico di un modello di provvedimento cartaceo


personalizzabile dall’utente, e nel quale in automatico, nella fase di redazione, verranno
inseriti dal sistema i dati del fascicolo per il quale si scrive il provvedimento.

Per aprire l’ambiente di redazione, selezionare un modello di documento e premere il pulsante


Ok.

Prima di visualizzare l’ambiente, se trattasi di sentenza, compare una maschera che permette
di selezionare la composizione del collegio. In caso di organo giudicante monocratico, la sua
composizione sarà costituita dal solo magistrato che redige il provvedimento (vedi la Figura
60 - Selezione dell’organo giudicante monocratico),

Figura 60 - Selezione dell’organo giudicante monocratico

mentre in caso di organo collegiale (vedi la Figura 61 - Selezione dell’organo giudicante


collegiale) l’utente può selezionare il Magistrato che partecipa all’organo; attraverso l’icona
si inserisce il Magistrato componente il collegio, mentre con l’icona viene rimosso.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 115
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 61 - Selezione dell’organo giudicante collegiale

Per terminare l’operazione premere Ok.

8.2.3.4.2 Ambiente di redazione

Lo strumento di Redazione permette la redazione e il deposito dei provvedimenti emessi dal


Magistrato. L'ambiente di redazione è realizzato all'interno di MS Word. Può essere attivato
dalla Consolle del Magistrato mediante le funzionalità di creazione di un nuovo documento o
di apertura di un documento in lavorazione, previa redazione da parte dell’utente dei modelli
tramite la funzione Modellatore.

La Figura 62 seguente mostra l’ambiente appena introdotto.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 116
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 62 - Ambiente di Redazione

Il documento che viene generato attinge direttamente ai dati del fascicolo presenti nel
database, come si può vedere, senza che si renda necessario un intervento manuale di
inserimento (Figura 62). Per le sezioni che risultino già parzialmente compilate si ha
comunque la possibilità di fare modifiche o cancellazioni intervenendo come su un qualunque
documento Word.

Tuttavia l’ambiente di redazione degli atti dispone di una barra degli strumenti che consente
l'attivazione di diverse funzionalità e che si apre mediante pressione del tasto “Strumenti” e
successiva selezione del menù “Mostra Strumenti Redattore” (cfr., sub, Figura 63)
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 117
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 63 – Strumenti Redattore

Come anticipato, si apre così la barra degli strumenti e, di default, il sistema propone il primo
degli elementi di cui quest’ultima è composta, ovvero “Riepilogo dati”.

Figura 64 – Barra degli strumenti

Mediante l’apertura del menù a tendina appaiono le ulteriori voci della barra degli strumenti
(cfr. Figura 65)
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 118
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 65 – Apertura menù a tendina per selezione funzioni Redattore

La tabella, che segue, illustra l'associazione tra la singola funzionalità presente in detto menù:
Permette la visualizzazione
di tutti i dati riassuntivi del
Riepilogo dati Riepilogo dati
fascicolo e del tipo di
Modello selezionato
Permette di inserire i Punti
Punti di
Punti di Motivazione di Motivazione relativi al
Motivazione
tipo di atto.

Eventi della Permette di inserire degli


Eventi della Procedura
Procedura eventi dello storico.

Permette di inserire un
Codice Riferimento codice riferimento normativo ad un
Codice.
Permette di inserire un
Legge Riferimento legge riferimento normativo ad
una Legge.
Permette di inserire un
Riferimento
Giurisprudenziale riferimento
giurisprudenziale
giurisprudenziale.

Calendario del Permette di inserire le date


Calendario del processo
processo del calendario del processo.

Tabella 5 - Funzionalità presenti nell’ambiente Redazione Atti


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 119
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.2.3.4.2.1 Punti di Motivazione

La voce PDM, presente menù a tendina di cui alla Figura 65, apre la maschera per la selezione
e l’inserimento dei Punti di Motivazione: la presente maschera si suddivide in due sezioni.

La prima “Punti di Motivazione relativi al tipo di atto” contiene i PDM relativi all’atto che si
sta redigendo, in precedenza creati dall’utente all’interno dell’applicazione attraverso il
Modellatore10.

La seconda “Altri Punti di Motivazione” contiene PDM relativi ad altri tipi di atti e comunque
disponibili anche per il documento de quo.

La maschera visualizzata è la seguente:

10
I PDM vengono creati all’interno del Modellatore (vedi nota 7), attraverso un wizard per l’inserimento dei dati
necessari. Per una completa analisi di questa funzionalità si rimanda ad un’attenta lettura del relativo “Manuale
Utente del Modellatore” .
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 120
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 66 - Inserimento dei PDM

Selezionando i PDM di interesse per l’utente, sia all’interno della sezione denominata “Punti
di Motivazione relativi al tipo di atto” sia all’interno della sottostante sezione denominata
“Altri punti di Motivazione”, e premendo il pulsante “Inserisci” gli stessi verranno inseriti e
processati nel testo del documento.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 121
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Il tasto consente l’aggiornamento di tutti i PDM fruibili dalla Consolle


senza dover peraltro chiudere la finestra di redazione.

8.2.3.4.2.2 Inserimento Eventi della procedura

La voce Eventi della Procedura presente menù a tendina di cui alla Figura 65, permette di
visualizzare all’utente una lista di eventi legati al fascicolo, distinti in eventi di udienza ed
eventi di cancelleria. L’utente cliccando sul pulsante “Inserisci selezionati” inserisce
all’interno del documento solo gli eventi selezionati; in alternativa può essere effettuata una
selezione di tutti gli eventi visualizzati, mediante il relativo pulsante “Inserisci tutti” (vedi
Figura 67 - Inserimento eventi della procedura):
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 122
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 67 - Inserimento eventi della procedura

8.2.3.4.2.3 Inserimento Riferimento Normativo ad un Codice

Attraverso la voce Codice, presente menù a tendina di cui alla Figura 65, dattore l’utente può
inserire un riferimento normativo all’interno del documento. Per inserire tale riferimento
l’utente deve inserire i dati ad esso relativi nella seguente maschera:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 123
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 68- Riferimento normativo ad un Codice

Inserendo le informazioni e premendo il pulsante “Inserisci” verranno mostrati i dati inseriti


nel testo del documento.

Il menù a tendina “Fonte di riferimento” permette la selezione della fonte cui attingere il
riferimento (cfr. Figura 69)
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 124
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 69- Fonte Riferimento

Il menù a tendina “Sottonumerazione” permette l’ulteriore selezione della sottonumerazione


dell’articolo, per l’appunto. (cfr.Figura 70)

Figura 70- Sottonumerazione

8.2.3.4.2.4 Inserimento Riferimento Normativo ad una Legge

Selezionando la voce Legge, presente menù a tendina di cui alla Figura 65, sarà mostrata la
maschera seguente:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 125
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 71 - Riferimento Normativo ad una legge

Il menù a tendina “Fonte di riferimento” permette la selezione della legge cui attingere il
riferimento (cfr. Figura 69)
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 126
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 72 -Fonte Riferimento

Con le stesse modalità si provveda all’inserimento della data della legge e gli ulteriori
elementi
Inserendo le informazioni e premendo il pulsante “Inserisci” verranno mostrati i dati inseriti
nel testo del documento.

8.2.3.4.2.5 Inserimento riferimento giurisprudenziale

La voce Giurisprudenziale, presente menù a tendina di cui alla Figura 65, apre la maschera
per l’inserimento dei dati di Riferimento Giurisprudenziale come raffigurato di seguito:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 127
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 73 - Riferimenti Giurisprudenziali (Sentenza)

Per la compilazione della casella di testo relativa all’Ufficio Giudiziario, premere il pulsante
posto accanto alla casella stessa. La maschera presentata è la seguente :
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 128
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 74 - Elenco degli Uffici

Selezionare l’Ufficio desiderato e cliccare su OK.

Di seguito, selezionare la voce occorrente (il provvedimento de quo) nel menù a discesa “Tipo
Documento” (cfr. Figura 75).

Figura 75 – Tipo Documento

Inserire quindi la data nel relativo campo mediante il calendario attivabile dal pulsante
collocato a destra del campo “Data”.

Selezionare la “Relazione Interpretativa” dal relativo menù a tendina come da Figura 76, che
segue.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 129
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 76 – Relazione Interpretativa

Dopo aver inserito la “posizione” mediante compilazione manuale del campo a ciò preposto

premere il tasto per procedere all’inserimento del riferimento giurisprudenziale


de quo.

8.2.3.4.2.6 Inserimento del calendario delle udienze

Durante la redazione del provvedimento il magistrato potrà inserire il calendario delle udienze
da tenere nel corso del procedimento tramite apposita funzione presente nel menù “Strumenti”

Figura 77 – Inserimento calendario del processo

Ove la gestione del calendario venga elaborata dai sistemi di cancelleria le udienze del
calendario diventeranno visibili anche nella funzione di Ruolo di Udienza
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 130
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.2.3.4.2.7 Salvataggio

Questa funzionalità permette all’utente di salvare una copia del documento corrente,
come file .doc (MS Word document), mantenendolo aperto. Utilizzando
l’utente potrà scegliere il nome e il formato del documento di copia, e la cartella in cui salvare
la copia (vedi Figura 78).

Figura 78 - Salvataggio copia del documento

8.2.3.4.2.8 Salva e deposita

L’icona , presente all’interno del Redattore consente di avviare la procedura


di deposito di un Provvedimento.
Il provvedimento da depositare viene salvato in Word e viene creata una sua copia in PDF in
maniera automatica, infatti il documento che verrà depositato sarà proprio la sua copia.
A seguito del salvataggio del documento, sarà presentata all'utente una successione di
schermate (wizard) per la creazione della busta, tuttavia detto wizard è eludibile se non si
necessita di ulteriori verifiche e/ o inserimenti delle specifiche voci previste. La finestra che si
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 131
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

apre di default è già impostata per l’immediata apposizione della firma digitale (come si veda
in Figura 79).

Figura 79 – procedura di creazione della busta

Nel riquadro posto a sinistra di ogni finestra del wizard è contenuta la descrizione della
sequenza dei passi che devono essere compiuti per il completamento dell'operazione. Il passo
corrente è sempre evidenziato in blu.

 "Informazioni relative al fascicolo”: comprendono l’Ufficio Giudiziario di


destinazione, il numero del ruolo, l’anno del ruolo, il subprocedimento L’utente
non può modificare tali dati perché propri del provvedimento.

 “Riepilogo riferimenti”: viene visualizzata una maschera contenente i riferimenti


normativi e giurisprudenziali trovati dal motore di ricerca utilizzato dal repository
in cui il documento è stato archiviato. Per effettuare questa ricerca il documento da
depositare deve essere stato archiviato; il Magistrato avrà la possibilità di
modificare, rimuovere o aggiungere occorrenze di riferimenti, oltre che completare
tali informazioni attraverso i relativi pulsanti.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 132
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 80 - Riepilogo riferimenti normativi

 “Eventi secondari da suggerire”: permette la selezione di eventi secondari che il


Magistrato vuole suggerire; la selezione degli eventi è possibile attraverso
l’inserimento del flag nella relativa casella, come mostrato nella maschera che
segue:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 133
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 81 - Eventi secondari da suggerire

 “P.Q.M” (Per Questi Motivi) presente nel procedimento. Il testo del P.Q.M può
essere modificato e ampliato (vedi Figura 82).
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 134
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 82 - Visualizzazione P.Q.M

 “Firma digitale”: Dopo aver premuto il pulsante Avanti viene rivisualizzata una
maschera iniziale che consente, per l’appunto, la firma del documento (previo
inserimento del PIN della smart card). Il documento da depositare viene
impacchettato insieme ad un file di servizio DatiAtto.xml, che contiene in modo
strutturato, dati di profilo del procedimento (numero ruolo, anno ruolo,
subprocedimento, P.Q.M., riferimenti normativi e giurisprudenziali, ecc.), che
saranno utilizzati dai sistemi di registro della cancelleria. Accanto al nome del

documento da firmare è presente il pulsante che consente di


aprire in visualizzazione il documento stesso a confronto con i dati di profilo
presenti nel file di servizio (vedi la Figura 83 - Confronto tra il file con i dati
profilo e il documento in pdf). L’anteprima del documento viene mostrata
automaticamente dal sistema al momento della firma se non è già stata attivata
manualmente dall’utente, questo per garantire che l’utente prenda sempre visione
di ciò che sta firmando.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 135
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 83 - Confronto tra il file con i dati profilo e il documento in pdf

Per provvedimenti di tipo “Sentenza”, “Ordinanza” o “Verbale” sarà possibile


richiedere l’inserimento dell’atto nell’archivio giurisprudenziale tramite l’apposita
spunta su “Inserisci nell’archivio giurisprudenziale”. La richiesta di inserimento di
tale atto avverrà in modo integro ossia senza l’epurazione dei dati sensibili.

Dopo aver premuto il pulsante Firma e inserito il PIN corretto della smart card, ha
luogo la procedura di firma e cifratura dell'atto. Per terminare l’operazione di
creazione della busta e depositarla presso l'Ufficio Giudiziario premere il pulsante
. L’utente viene avvisato con un messaggio di avvenuto deposito.

Il tasto “Deposita Successivamente”, permette di inserire il provvedimento firmato


dentro la coda di deposito. Attraverso la funzione “Coda deposito” disponibile nella
cartella “Scrivania” o attraverso la funzione “Deposita buste in coda” dal menù
Fascicoli, verrà eseguito il deposito presso la cancelleria di riferimento.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 136
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.2.3.4.3 Comunicazioni di cancelleria e Notifiche

E’ possibile visualizzare lo stato di consegna della comunicazione/notifica di un


provvedimento depositato dal giudice, da parte della cancelleria, indicando lo stato della
notifica per ogni destinatario. Lo stato può valere: “Consegnato” o “Non Consegnato”.

La figura seguente dimostra come attivare la richiesta di visualizzazione stato notifica.

Figura 84 – Modalità di attivazione visualizzazione stato notifica

La figura seguente presenta lo stato della consegna delle notifiche per il provvedimento
selezionato con i dettagli dei singoli destinatari:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 137
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 85 - Stato notifica per ogni destinatario

8.2.3.4.4 Apertura contestuale di più provvedimenti

E’ possibile gestire contestualmente più provvedimenti, ovvero redigerli e modificarli


lasciando aperti più ambienti di redazione per ciascuno di essi.

8.2.3.4.5 Controfirma di un provvedimento di tipo collegiale.

La funzione di Controfirma di un provvedimento di tipo collegiale permette di gestire


l’apposizione della doppia firma digitale su di un provvedimento.
Essa si divide in due flussi distinti a secondo della funzione che deve svolgere il magistrato
utilizzatore della consolle. Nel caso il magistrato svolga la mansione di Relatore del Collegio,
dovrà inviare il provvedimento ad un altro magistrato, di norma il Presidente del Collegio, per
l’apposizione della seconda firma. Mentre, nel caso sia Presidente del Collegio, il magistrato
firmerà o rigetterà i provvedimenti ricevuti.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 138
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.2.3.4.5.1 Invio in controfirma di un provvedimento collegiale

Figura 86 – Contenuto del fascicolo:provvedimenti in scrittura.

L’invio di un provvedimento in controfirma è possibile, previa selezione di un provvedimento

collegiale, dalla maschera del contenuto del fascicolo attraverso il pulsante oppure
direttamente dall’ambiente di redazione tramite il pulsante .

In entrambi i casi verrà avviata la procedura di creazione della busta e invio in controfirma
che permetterà al relatore di allegare eventuali note e di scegliere, all’interno di una lista, il
magistrato controfirmatario a cui verrà inviato il provvedimento.

La consolle propone come magistrato deputato alla controfirma quel magistrato che è
stato definito come “Presidente del collegio” o “Principale” durante la redazione del
provvedimento.

L’invio in controfirma di un provvedimento è consentito solo nel caso in cui, in fase di


redazione (Figura 61),sia stato definito un organo giudicante di tipo Collegiale. In caso
contrario il pulsante nell’ambiente di redazione non sarà visibile,
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 139
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

mentre il pulsante nel contenuto del fascicolo mostrerà un messaggio di avviso.

Figura 87 – Procedura di creazione della busta:Invio in controfirma.

Una volta immessi i dati, il click sul bottone aprirà


l’anteprima del documento, se non precedentemente visionato, e successivamente permetterà
al magistrato relatore di poter apporre sul provvedimento la prima firma digitale. Dopo la

procedura di firma, sarà necessario premere il pulsante per


memorizzare il provvedimento nell’aerea di controfirma.

Se la maschera di selezione del controfirmatario (vedi Figura 87) non proponesse


alcun giudice, o la lista non fosse aggiornata, si provveda all’aggiornamento del database
locale dei giudici come descritto nel paragrafo 12.6.

Una volta che il provvedimento è stato inviato in controfirma, lo stato indicato nella colonna
“Stato controfirma” della tabella dei provvedimenti cambia, assumendo il valore “In attesa di
controfirma”.

Figura 88 - Stato Controfirma: “In attesa di controfirma”


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 140
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Quando un provvedimento si trova nello stato “Inviato in Controfirma” non è possibile


modificarne il contenuto, né eliminarlo, né depositarlo.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 141
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

A questo punto si deve attendere che il magistrato controfirmatario firmi o rigetti il

provvedimento pendente. Il pulsante permette di aggiornare lo stato dei documenti in


controfirma per verificare se il controfirmatario ha provveduto alla firma o al rigetto. Se il
provvedimento inviato è stato controfirmato lo stato della controfirma nella tabella dei
provvedimenti assumerà il valore “Controfirmato”.

Figura 89- Stato Controfirma: “Controfirmato”

Quando il provvedimento si trova nello stato “Controfirmato” non può essere modificato ed è
pronto per il deposito telematico.

Nel caso in cui il magistrato destinatario abbia rigettato il provvedimento lo stato della
controfirma assumerà il valore “Rigettato” e sarà possibile la visualizzazione delle note
inserite dal Presidente nel momento del rigetto (Vedi Figura 90).

Figura 90 - Visualizzazione note del Presidente

E’ comunque possibile rimuovere la controfirma, o comunque ripristinare lo stato di un


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 142
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

provvedimento, selezionandolo e cliccando con il pulsante sinistro del mouse sulla voce
“Rimuovi Controfirma”. Tale azione, di tipo irreversibile, riporterà il documento allo stato
iniziale, prima dell’invio in controfirma, consentendo.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 143
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.2.3.4.5.2 Controfirma di un provvedimento

La funzione di controfirma di un provvedimento collegiale è accessibile dal pulsante

nella finestra principale della consolle. In tale funzionalità, il


magistrato può controllare quali provvedimenti sono stati sottoposti alla sua attenzione per
essere controfirmati. Il magistrato può quindi scegliere se controfirmare o rigettare ogni
singolo provvedimento.

Si consideri la seguente maschera:

Figura 91 – Consolle del magistrato:Controfirma.

Nella parte in alto a sinistra (contrassegnata dalla lettera A) è possibile impostare dei filtri di
ricerca per raggruppare i provvedimenti presenti nella tabella (visibile nel riquadro C).
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 144
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 92 - Controfirma, pannello ricerca

In particolare è possibile visualizzare tutti (vedi sezione A1 di Figura 92) i provvedimenti


ricevuti per la controfirma oppure, impostando un filtro per stato (vedi sezione A2 di Figura
92), visualizzare:

I provvedimenti in qualsiasi stato

I provvedimenti in attesa di controfirma

I provvedimenti controfirmati

I provvedimenti rigettati

Inoltre, impostando le date (vedi sezione A3 di Figura 92) , è possibile definire un intervallo
di tempo nel quale ricercare i provvedimenti secondo la data di invio in controfirma.

Selezionando un provvedimento dalla lista è possibile, con il pulsante (vedi sezione


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 145
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

B di Figura 91), visualizzarne il contenuto, mentre, con il pulsante (vedi sezione B


di Figura 91), salvarlo in locale.

Nella parte inferiore della maschera (vedi sezione D di Figura 91) verranno visualizzati i
dettagli della controfirma per il provvedimento selezionato.

Per apporre la controfirma o rigettare il provvedimento è necessario cliccare sul il pulsante

: si aprirà la maschera del Wizard di controfirma con il contenuto del


provvedimento.

Figura 93 – Wizard di controfirma.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 146
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Per controfirmare un provvedimento premere il pulsante , che effettua l’apertura della


maschera riportata in Figura 94.

Figura 94 – Controfirma di un provvedimento.

Il magistrato potrà inserire eventuali note nel relativo campo. La pressione del pulsante “OK”
avvierà la procedura di firma del documento. Nel caso in cui nel sistema di Cancelleria è stato
inserito correttamente il collegio e quindi il Presidente ha visibilità del fascicolo, sarà
possibile depositare il provvedimento direttamente dal Presidente confermando l’operazione
cliccando sul bottone “Deposita ora” o depositare successivamente cliccando la funzionalità
“Deposita successivamente”. Al termine della procedura si ritornerà alla prima pagina del
wizard e il documento controfirmato riporterà sul margine sinistro entrambe le firme e in
basso il messaggio relativo all’esito dell’operazione.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 147
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 95 – Controfirma avvenuta con successo.

Per rigettare un provvedimento ricevuto in controfirma premere il pulsante , che


provocherà l’apertura maschera di Figura 96.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 148
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 96 – Rigetto di un documento in controfirma.

In questa fase sarà possibile quotare il testo del provvedimento con proprie annotazioni che
saranno poi visualizzate dal Magistrato Relatore. Alla pressione del pulsante “Quota il testo
del provvedimento” sarà visualizzato il testo del provvedimento all’interno della maschera
centrale come mostrato nella Figura 97
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 149
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 97- Testo del provvedimento

Per quotare il testo del provvedimento sono possibili due modalità, la prima come evidenziato
nel punto 1, è l’inserimento manuale di annotazioni da parte del Presidente che saranno
visualizzate in rosso mentre l’altra modalità visualizzata nel punto 2 è mediante l’utilizzo
della funzionalità “BARRATO”. In questo caso si ha la necessita di selezionare una parte del
testo del provvedimento (le tre righe in rosso del punto 2), e cliccare successivamente sulla
funzionalità “BARRATO” cosi da ottenere il risultato come In Figura 98. Mentre si vuole
invertire l’operazione effettuata nel punto 2, utilizzare la funzionalità “NON BARRATO”
evidenziando il testo precedentemente selezionato e cliccare sul pulsante “NON BARRATO”
in questo modo il testo tornerà nella sua forma originale.

Una volta terminato l’inserimento delle note è possibile confermare il ritorno al relatore
mediante la funzione di “CONFERMA RITORNO AL RELATORE”.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 150
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 98 - Quotare il testo del provvedimento

8.2.3.4.6 Controfirma di un atto del delegato.

Nell’ambito delle Esecuzioni Forzate, l’art. 591 bis cpc, identifica le possibili tipologie di
“delega” anche in considerazione delle diverse prassi in essere attualmente nei vari Tribunali,
e quindi individua un elenco di atti tipici per i quali prevedere il deposito in formato PDF,
che implementano il sistema con le informazioni principali sia per consentire il controllo da
parte del Giudice dell’Esecuzione, che per fornire aggiornamenti sullo stato del fascicolo.

TIPOLOGIE DI ATTI DEL DELEGATO DA CONTROFIRMARE:

1) Minuta decreto di trasferimento

2) Proposta progetto di distribuzione


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 151
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Si è reso necessario un meccanismo di firma e deposito da parte del giudice che recepisce la
“Minuta del decreto di trasferimento” depositata dal delegato e la “Proposta progetto di
distribuzione”11. La finalità di tale nuovo evento dovrà per l’appunto essere quella di allertare
il g.e. su tale proposta (bozza) da controllare in vista dell’udienza di approvazione del riparto.

Figura 99 - Controfirma degli atti del delegato

Nella parte in alto a sinistra (contrassegnata dalla lettera A) è possibile impostare dei filtri di
ricerca per raggruppare i provvedimenti presenti nella tabella (visibile nel riquadro C).

11
da aggiungersi e tener distinto da quello già presente – “Deposito progetto di distribuzione” - che in ogni caso già contempla il deposito

del riparto da parte di giudice o avvocato o contabile o delegato.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 152
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 100 - Controfirma, pannello ricerca

In particolare è possibile visualizzare tutti (vedi sezione A1 di Figura 100) i provvedimenti


ricevuti per la controfirma oppure, impostando un filtro per stato (vedi sezione A2 di Figura
100), visualizzare:

I provvedimenti in qualsiasi stato

I provvedimenti in attesa di controfirma

I provvedimenti controfirmati

I provvedimenti rigettati

Inoltre, impostando le date (vedi sezione A3 Figura 100) , è possibile definire un intervallo di
tempo nel quale ricercare i provvedimenti secondo la data di invio in controfirma.

Selezionando un provvedimento dalla lista è possibile, con il pulsante (vedi sezione


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 153
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

B di Figura 99), visualizzarne il contenuto, mentre, con il pulsante (vedi sezione B


di Figura 99), salvarlo in locale.

Nella parte inferiore della maschera (vedi sezione D di Figura 99) verranno visualizzati i
dettagli della controfirma per il provvedimento selezionato.

Per apporre la controfirma o rigettare il provvedimento è necessario cliccare sul il pulsante

: si aprirà la maschera del Wizard di controfirma con il contenuto del


provvedimento.

Figura 101 – Wizard di controfirma dei delegati.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 154
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Per controfirmare un provvedimento premere il pulsante , che effettua l’apertura della


maschera riportata in Figura 102.

Figura 102 – Controfirma di un provvedimento.

Il magistrato potrà selezionare il certificato con cui controfirmare il provvedimento ed inserire


eventuali note nel relativo campo. La pressione del pulsante “OK” avvierà la procedura di
firma del documento, al termine della quale si ritornerà alla prima pagina del wizard. Il
documento controfirmato riporterà sul margine sinistro entrambe le firme e in basso il
messaggio relativo all’esito dell’operazione.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 155
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 103 – Controfirma avvenuta con successo.

Per rigettare un provvedimento ricevuto in controfirma premere il pulsante , che


provocherà l’apertura maschera di Figura 104.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 156
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 104 – Rigetto di un documento in controfirma.

Anche in questa fase sarà possibile allegare delle note. Alla pressione del pulsante “OK” il
provvedimento sarà rigettato e verrà mostrato l’esito dell’operazione (vedi Figura 105).
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 157
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 105 - Esito del rigetto

8.2.4 Annotazioni

Nella schermata di visualizzazione del Ruolo, della Scrivania e dell’Ruolo di Udienza in


basso è presente un editor di testo che permette di inserire delle annotazioni (vedi lett. A
Figura 106 - Annotazioni). Questo strumento permette cliccando sulle relative icone di :

stampare gli appunti ;

selezionare una delle funzionalità di Taglia, Copia e Incolla ;

annullare/ripetere l’ultima operazione eseguita ;

effettuare la singola ricerca di una parola oppure la ricerca e la sostituzione ;


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 158
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

scegliere il tipo di carattere ;

inserire elenchi puntati ;

scegliere lo stile ;

scegliere la formattazione ;

scegliere il colore carattere e sfondo ;

salvare in locale le annotazioni inserite premendo ;

salvare sul repository le annotazioni inserite ;

Visualizzare tutte le versioni precedenti delle annotazione .

L’annotazione sarà comunque salvata sul Repository Documentale alla chiusura della
Consolle.

Figura 106 - Annotazioni


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 159
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Cliccando sull’icona presente nella barra degli strumenti della schermata (vedi
lett B Figura 106 - Annotazioni) è possibile nascondere o visualizzare la sezione relativa alle
annotazioni.

8.2.5 Eventi di procedura

Oltre alla redazione delle annotazioni il Magistrato ha la possibilità di visualizzare l’elenco


degli eventi dello storico relativamente al fascicolo selezionato. Questi eventi sono suddivisi
in eventi di cancelleria e eventi di udienza con le relative date

Figura 107 - Eventi di procedura

La diversa colorazione delle righe è relativa alla tipologia dell’evento.

8.3 FUNZIONALITÀ DI BASE SPECIFICHE DEI REGISTRI FALLIMENTARE E


ESECUZIONI

Per i registri Fallimentare e Esecuzioni, la funzione ruolo mette a disposizione nella parte
sottostante la griglia oltre alla funzioni “Annotazione” e “Eventi della Procedura” descritte
sopra anche altre funzioni specifiche di questi registri (vedi Figura 108):
Lotti e Beni

Libretti

Causa Ostative

Figura 108 - Tab per Fallimentare ed Esecuzioni


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 160
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Nei paragrafi successivi verranno definite con maggiore dettaglio ciascuna delle funzioni
prima elencate.

8.3.1 Lotti e Beni

La funzione consente di prendere visione dei beni e dei lotti associati ad un fascicolo. Per ogni
bene e per ogni lotto vengono fornite informazioni di dettaglio in precedenza scaricate dal
sistema di gestione dei registri.

Figura 109 - Lotti e Beni

Nella Figura 109 sono state evidenziate quattro aree distinte della funzioni Lotti e Beni:

L’area contraddistinta dal numero 1 permette di elencare tutti i lotti di un fascicolo, ciascun
lotto della lista può essere evidenziato selezionandolo con il mouse. L’area 2: permette di
visualizzare tutti i beni presenti nel lotto selezionato nell’area 1 come mostrato dalla Figura
110.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 161
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 110 – Beni di un lotto

Nell’area 3 viene visualizzato il dettaglio del lotto selezionato nell’area 1 (vedi Figura 111).

Figura 111 - Dettaglio Lotto

Nell’ultima area rimante, l’area 4, viene mostrato il dettaglio del bene selezionato nella
sovrastante area 2 (vedi Figura 112).

Figura 112 - Dettaglio Bene

L’elenco dei lotti e dei beni viene aggiornato automaticamente ad ogni aggiornamento del
fascicolo.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 162
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.3.2 Libretti

La funzione elenca tutti i libretti bancari di un fascicolo mostrandoli in una lista selezionabile
con il mouse. Per ogni libretto selezionato viene mostrato nella parte destra del pannello
dedicato alla funzione i dettagli di quel libretto.

Figura 113 – Libretti

L’elenco dei libretti viene aggiornato automaticamente ad ogni aggiornamento del fascicolo.

8.3.3 Cause Ostative

La funzione delle Cause Ostative permette al magistrato di inserire, modificare e cancellare


nel suo database locale le eventuali cause ostative delle quali vuole tenere traccia durante lo
svolgimento del procedimento.

Tutte le cause ostative vengono come righe di una tabella composta dalle seguenti colonne:

Data: data di riferimento per la causa ostativa.

Descrizione: contiene una descrizione della causa in format testo semplice.

Controparte: contiene il nome della controparte di riferimento per la causa ostativa.


Valore causa: valore di riferimento per la causa ostativa.

Figura 114 - Pannello Cause Ostative


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 163
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.3.3.1 Inserimento di una causa ostativa

Per inserire una nuova causa selezionare il tasto “Inserisci”, quindi inserire i dati richiesti
dalla maschera viene mostrata a video (vedi Figura 115).

Figura 115 - Pannello di inserimento dati della Causa Ostativa

Il campo che specifica la controparte può essere popolato selezionando uno tra i creditori del
fascicoli dalla lista a discesa visualizzabile selezionando il simbolo come mostrato in
Figura 116.

Figura 116 - Causa Ostativa, selezione controparte


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 164
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.3.3.2 Modifica di una causa ostativa

Per modificare una causa ostativa selezionare la causa dalla lista e premere il tasto
“Modifica”. In alternativa è possibile selezionare la causa, premere il tasto destro del mouse e
quindi la voce “Modifica” dal menu contestuale.

Figura 117 - Causa Ostativa, modifica

Una volta selezionata l’opzione di modifica viene mostrato nuovamente il pannello di


inserimento della Causa Ostativa (Figura 115), questa volta però con i campi già compilati a
partire dai dati della Causa da modificare.

8.3.3.3 Cancellazione di una causa ostativa

Per eliminare una causa ostativa selezionare la causa dalla lista e premere il tasto “Cancella”.
In alternativa è possibile selezionare la causa, premere il tasto destro del mouse e quindi la
voce “Cancella” dal menu contestuale.

Figura 118 - Causa Ostativa, cancellazione


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 165
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

8.4 FUNZIONALITÀ DI BASE SPECIFICHE DEL REGISTRO ESECUZIONI

8.4.1 Cartella delegati

La cartella “Delegati” elenca i fascicoli nel contesto dei quali è stato nominato un delegato.
Verrà evidenziato attraverso una cromatura rossa i fascicolo che non sono stati aggiornati per
un periodo di tempo configurabile (default 180).

Figura 119 - Cartella fascicoli delegati con allarme per “non aggiornamento”

8.4.2 Eventi delle Deleghe

La voce sul “Ruolo Esecuzioni” è un filtro che permette al Magistrato di


visualizzare cronologicamente gli eventi della procedura legati esclusivamente all’attività del
delegato.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 166
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 120 - Eventi delle Deleghe

Gli eventi delle deleghe appaiono anche fra gli eventi della procedura
evidenziati con il colore giallo.

8.5 FUNZIONALITÀ AVANZATE

8.5.1 Aggiornamento dei fascicoli

La funzionalità avanzata consente di allineare i dati dei fascicoli memorizzati localmente sulla
postazione del Magistrato con quelli presenti nell’archivio dei sistemi dei Registri e del
Repository documentale, tramite l’accesso Intranet all’Ufficio Giudiziario.

Per abilitare l’aggiornamento dei fascicoli da casa (modalità connessa in rete Internet) è
necessario controllare la correttezza del valore inserito nella voce URL Collegamento Punto
D’Accesso ed effettuare la seguente operazione:

verificare che il valore sia: https://www.processotelematico.giustizia.it/pda/PDAProxy

Dopo aver apportato le eventuali modifiche alla configurazione (vedi paragrafo 12.1), l’utente
potrà operare secondo le medesime modalità della funzione base di aggiornamento dei
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 167
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

fascicoli.

8.5.2 Risultati delle ricerche e proprietà della griglia

La schermata del Ruolo (vedi la Figura 122 - Selezione del risultato di interesse),
indipendentemente dal registro selezionato, presenta una griglia con i dati di profilo di ciascun
fascicolo. L’utente può personalizzare la modalità di visualizzazione attraverso le funzionalità
native della griglia stessa, ad esempio può decidere quali campi utilizzare e quali nascondere.

È anche possibile ordinare, raggruppare e filtrare per colonna:

si supponga, ad esempio, di voler raggruppare i fascicoli sulla base di uno o più criteri (per
esempio "Stato fascicolo"); occorre inserire nella combo Raggruppamenti il criterio di
selezione desiderato (vedi lettera A Figura 121 - Raggruppamento) e la griglia del ruolo
prenderà il seguente aspetto:

Figura 121 - Raggruppamento

I pulsanti presenti nella griglia (vedi lettera B Figura 121) consentono, se premuti, di
visualizzare i dati dei fascicoli accomunati dallo stesso "Stato fascicolo".

Possono essere eseguiti più raggruppamenti in una stessa schermata.

Inoltre, per ciascuna colonna (che sia oggetto o meno di un raggruppamento), è possibile
impostare dei filtri usufruendo delle voci presenti nella lista a discesa (vedi lettera A figura
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 168
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

seguente); supponendo di voler effettuare un filtro per anno di iscrizione a ruolo del fascicolo
(a titolo esemplificativo i soli fascicoli del 2006), la schermata visualizzata sarà la seguente:

Figura 122 - Selezione del risultato di interesse

In alcune colonne è possibile avvalersi dell’ausilio del Calendario (vedi lettera B Figura 122 -
Selezione del risultato di interesse) per l’inserimento del filtro Data.

Per ripristinare la visualizzazione della griglia iniziale è sufficiente premere sulla X che
compare in basso a sinistra nella griglia (vedi lettera C Figura 122 - Selezione del risultato di
interesse).

Se si desidera modificare un filtro impostato l’utente potrà utilizzare l’icona


presente in basso a destra della schermata (vedi lettera D Figura 122 -
Selezione del risultato di interesse) e personalizzare ulteriormente la ricerca come segue:

all’interno della schermata visualizzata (vedi Figura 123 - Modifica filtri (1)), l’utente potrà
scegliere di modificare un filtro applicato, selezionando la voce AND oppure OR:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 169
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 123 - Modifica filtri (1)

AND e OR sono operatori logici che permettono di indicare due o più condizioni:
l'operatore AND indica che tutte le condizioni devono essere vere, mentre OR indica che ne
basta una vera.

Una volta selezionata la voce come in figura, cliccando sul pulsante la maschera presentata
dal sistema sarà la seguente:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 170
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 124 - Modifica filtri (2)

Nella combo visualizzata l’utente potrà: selezionare la voce Aggiungi gruppo e il sistema in
automatico aprirà un altro filtro aggiuntivo, oppure la voce Aggiungi condizione e verrà
visualizzato, cliccando sopra con il mouse, la lista contenente tutti i filtri che possono essere
impostati nella griglia del ruolo, in modifica di quelli già presenti.(vedi Figura 125):
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 171
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 125 - Modifica filtri (3)

Per terminare l’operazione premere OK, per tornare all’impostazione originaria della griglia
premere Annulla.

L’applicativo fornisce anche la possibilità di personalizzare la visualizzazione del ruolo


attraverso il pulsante posto in alto alla destra della griglia, alla pressione del quale viene
visualizzata una schermata (vedi Figura 126) in cui l’utente potrà:

impostare le colonne che intende visualizzare e quelle che desidera nascondere;

abilitare funzionalità avanzate di configurazione;

impostare funzionalità grafiche.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 172
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 126 - Configurazione griglia

Infine, per ciascuna colonna è possibile impostare un ordinamento crescente o decrescente


cliccando il tasto sinistro del mouse sul titolo della colonna stessa. La presenza di tale
ordinamento è evidenziata dalla presenza di una freccia che compare accanto al titolo della
colonna e indica il verso dell’ordinamento.

8.5.3 Analisi di dettaglio di un fascicolo

8.5.3.1 Mostra/nascondi albero e scheda si dettaglio del fascicolo

Considerare la maschera di “Contenuto Fascicolo”, selezionando le frecce mostrate nella


figura di cui sotto, è possibile visualizzare per intero o nascondere la schermata di contenuto
del fascicolo o l’albero delle parti.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 173
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 127 - Dettagli delle funzionalità del Contenuto fascicolo

Infatti, premendo tale pulsante, la finestra assumerà il seguente aspetto:

Figura 128 - Nascondi albero

Oppure mostrerà la schermata per intero dell’albero delle parti come segue:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 174
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 129 - Mostra albero

8.5.3.2 Inserisci/Modifica annotazioni

Per inserire e/o modificare un’annotazione, sia nelle schermate principali del Ruolo, della
Scrivania e dell’ Ruolo di Udienza sia all’interno del contenuto fascicolo, è sufficiente andare
all’interno della relativa sezione Annotazioni e inserire i dati desiderati (come mostrato nella
Figura 130 - Inserimento/modifica di un’annotazione):
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 175
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 130 - Inserimento/modifica di un’annotazione

Premendo l’icona , evidenziata in figura, l’annotazione viene salvata in locale e


memorizzata nel Repository Documentale alla chiusura della Consolle.

Premendo l’icona , evidenziata in figura, l’annotazione verrà salvata


immediatamente nel Repository Documentale.

Premendo l’icona , evidenziata in figura, è possibile visualizzare tutte le precedenti


versioni dell’annotazione archiviate.

8.5.3.3 Mostra/nascondi annotazioni

La visualizzazione delle annotazioni inserite si ottiene premendo il pulsante presente


nella barra degli strumenti, all’interno del contenuto fascicolo. In tal caso, la maschera assume
il seguente aspetto:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 176
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 131 - Annotazioni Documenti

Selezionando il radiobutton Fascicolo (vedi la lettera A della Figura 131 - Annotazioni


Documenti), il Magistrato può scrivere l’annotazione riguardante il fascicolo nel riquadro
rosso segnato dalla lettera C (vedi la Figura 131). Invece attraverso l’icona Annotazioni
precedenti (vedi la lettera B della Figura 131) il Magistrato ha la possibilità di visualizzare le
annotazioni dei giudici che sono stati in precedenza proprietari del fascicolo.

8.5.3.4 Cifratura del contenuto del fascicolo

Per evitare che i documenti che risiedono sulla postazione di lavoro del Magistrato possano
essere esaminati da terze parti non autorizzate, è resa disponibile una funzionalità di cifratura.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 177
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Tale funzionalità viene attivata premendo il pulsante presente nella barra degli

strumenti del contenuto fascicolo, il quale assumerà l’aspetto per segnalare l’attivazione
della cifratura.

Dopo aver eseguito l’operazione non sarà più possibile la visualizzazione dei documenti
associati al fascicolo quindi, per poterne nuovamente esaminare il contenuto occorre decifrare
lo stesso premendo il medesimo pulsante.

Le operazioni di cifratura e decifratura sui fascicoli sono riportate anche nella maschera
principale in cui compare una colonna recante la dicitura Cifrato e il relativo stato: qualora
siano state eseguite operazioni di cifratura su di un determinato fascicolo l’utente visualizzerà
la voce SI all’interno del record.

Qualora un fascicolo sia stato decifrato durante la lavorazione e non sia stato più cifrato, nel
momento in cui si chiude l’applicativo, viene presentata all’utente la seguente maschera in cui
si chiede di cifrare il fascicolo decifrato:

Figura 132 - Richiesta cifratura

8.5.3.5 Mostra lo stato di condivisione del fascicolo

La pressione del pulsante presente nella barra degli strumenti permette di gestire la
condivisione del fascicolo in particolare i criteri di accesso per ogni singolo utente.

La maschera che si attiva è la seguente :


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 178
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 133 - Condivisone Fascicolo

Per ogni utente della lista si può scegliere se dare o meno l’abilitazione in lettura del fascicolo,
selezionando o deselezionando con il tasto sinistro del mouse la casella di spunta che
identifica l’utente.

Con la pressione del tasto Chiudi i criteri di condivisione vengono automaticamente


aggiornati.

8.5.3.6 Mostra gli assistenti del fascicolo

La pressione del pulsante presente nella barra degli strumenti permette di gestire la
condivisione del fascicolo con gli assistenti su singolo fascicolo.

La maschera che si attiva è la seguente :


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 179
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 134 – Assistenti Fascicolo

Per ogni assistente della lista si può scegliere se dare o meno l’abilitazione alla condivisione
del fascicolo, selezionando o deselezionando con il tasto sinistro del mouse la casella di
spunta che identifica l’assistente.

In questa funzione, per gli assistenti a cui è stato condiviso tutto il ruolo, sarà possibile solo
visualizzarne lo stato senza la possibilità di modifica.

Per l’inserimento o la modifica dell’elenco degli assistenti si veda la funzione descritta nel
par. 12.2.

Con la pressione del tasto “OK” i criteri di condivisione vengono automaticamente aggiornati.

L’attivazione di tale funzione è disponibile anche dalla griglia del ruolo selezionando il
pulsante contenuto nella colonna “Assistenti”.

8.5.3.7 Imposta lo stato di presa in visione per un fascicolo

Il sistema offre la possibilità di impostare per un fascicolo lo stato di lavorazione come preso
in visione.

Tale funzionalità viene attivata premendo il pulsante presente nella barra degli strumenti,
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 180
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

il quale prenderà l’aspetto per segnalare l’attivazione della funzione.

Una volta chiuso il dettaglio del fascicolo, nel campo della colonna “Visto” della griglia nella
finestra principale il valore visualizzato e’ SI all’interno del relativo record.

Se si desidera riportare lo stato su “Non preso in visione”, visualizzare nuovamente il

dettaglio del fascicolo, e premere il pulsante .

8.5.3.8 Apri con Word

Il pulsante è attivo solo qualora sia stato selezionato un atto ufficiale del Magistrato;
tale pulsante è impiegato per creare una copia dell’atto depositato in formato Word ed,
eventualmente, inserire commenti, evidenziazioni, ecc. utili durante il lavoro di stesura dei
Provvedimenti del Magistrato.

Si consideri la maschera seguente:

Figura 135 - Selezione di un atto depositato


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 181
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Supponendo di premere il pulsante in oggetto nella precedente maschera, viene aperta una
finestra di MS Word in cui è possibile, per esempio, evidenziare e/o modificare alcune parti di
testo:

Figura 136 - Finestra MS Word

Dopo aver salvato le eventuali modifiche apportate, selezionando l’icona Documento


Modificato (vedi Figura 135), la maschera presenterà il seguente aspetto:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 182
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 137 - Visualizzazione delle modifiche apportate

Dopo aver effettuato le modifiche, nella maschera di contenuto del fascicolo comparirà
sempre il documento originale e quello modificato.

8.5.3.9 Navigazione documento attraverso link

I link a documenti inseriti dagli attori esterni del processo tra atti e relativi documenti sono
navigabili. Ossia, nel caso siano presenti nell’atto principale depositato da attori esterni
collegamenti (intesi come link ipertestuali tra documenti) ad altri documenti dello stesso
deposito, è possibile al giudice navigare tra essi, similmente a quanto accade in un documento
ipertestuale.

Nella figura seguente si evidenzia un atto con link ipertestuali verso file allegati presenti nello
stesso deposito:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 183
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 138 - Deposito con link ad altri documenti

Viene visualizzata l’anomalia qualora un atto contenga un collegamento ipertestuale verso un


documento non presente tra gli allegati al deposito, così come mostrato nella seguente figura:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 184
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 139 - Collegamenti ipertestuali non presenti

8.6 FUNZIONALITÀ AVANZATE SPECIFICHE DEI REGISTRI FALLIMENTARE E


ESECUZIONI

Nel presente paragrafo saranno descritte le funzionalità di carattere avanzato che sono
specifiche del Ruolo relativamente ai soli registri Fallimentare ed Esecuzioni

8.6.1 Progetto Distribuzione

La funzione del Progetto di Distribuzione è esclusiva del Ruolo per i registri Fallimentare ed
Esecuzioni; condizione necessaria per accedere alla funzione è che l’applicazione si trovi
nella modalità connessa (vedi paragrafo 3.3.1).

Per accedere alla funzione premere nel menu (lettera A di Figura 9) il tasto “Ruolo
Fallimentare” o “Ruolo Esecuzioni”, quindi selezionare un fascicolo dalla griglia di una delle
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 185
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

cartelle del gruppo “Attività” o del gruppo “Personali”, infine premere il tasto destro del
mouse e scegliere la voce “Progetto Distribuzione” (vedi Figura 140).

Figura 140 - Accedere al Progetto di Distribuzione

Una volta attivata la funzione il sistema cercherà di contattare il server dell’ufficio giudiziario
per ottenere la copia aggiornata del Progetto di Distribuzione, qualora non vi riesca
l’applicazione avvisa l’utente dell’impossibilità di accedere alla funzione per assenza di
collegamento o, nel caso sia già presente una copia locale del progetto, consente la
visualizzazione della copia locale (l’utente viene informato che i dati del progetto potrebbero
non essere aggiornati).

Una volta ottenute le informazioni del Progetto di Distribuzione il sistema prima provvede a
salvarne una copia in locale (sovrascrivendo l’eventuale copia salvata in precedenza), poi apre
una nuova finestra in cui vengono mostrare le informazioni appena ricevute (vedi Figura 141).
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 186
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 141 - Finestra del Progetto di Distribuzione

Nella finestra del Progetto di Distribuzione è possibile modificare tutti i campi relativi agli
importi previsti dal progetto (campi evidenziati in rosso nella Figura 141). Tutte le modifiche
apportate al progetto vengono salvate nella copia locale.

Se si decide di procedere direttamente con il deposito del provvedimento di approvazione del


Progetto di Distribuzione premere il tasto altrimenti il tasto .

8.6.2 Stato Passivo

La funzione dello Stato Passivo è esclusiva del Ruolo per il registro Fallimentare; condizione
necessaria per accedere alla funzione è che l’applicazione si trovi nella modalità connessa
(vedi paragrafo 3.3.1).

Per accedere alla funzione premere nel menu (lettera A di Figura 9) il tasto “Ruolo
Fallimentare”, quindi selezionare un fascicolo dalla griglia di una delle cartelle del gruppo
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 187
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

“Attività” o del gruppo “Personali”, infine premere il tasto destro del mouse e scegliere la
voce “Stato Passivo” (vedi Figura 142 - Accedere alla funzione Stato Passivo).

Figura 142 - Accedere alla funzione Stato Passivo

Una volta attivata la funzione il sistema cercherà di contattare il server dell’ufficio giudiziario
per ottenere la copia aggiornata dello stato passivo, qualora non vi riesca l’utente verrà
avvisato dell’impossibilità di accedere alla funzione per assenza di collegamento.

Una volta ottenute le informazioni dello stato passivo il sistema prima provvede a salvarne
una copia in locale, poi apre una nuova finestra in cui vengono mostrare le informazioni
appena ricevute (vedi Figura 143).
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 188
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 143 - Finestra Stato Passivo

Se decide di procedere con il deposito di un provvedimento di ammissione o rigetto di una


delle domande dello stato passivo, selezionare dalla tabella la domanda per la quale si intende
provvedere, quindi il tasto in caso di ammissione, o il tasto
in caso di ammissione parziale o il tasto in caso di rigetto.

9 RUOLO DI UDIENZA

La Consolle del Magistrato permette, cliccando sull’icona della


schermata principale (vedi Figura 9), di accedere sezione Ruolo di Udienza.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 189
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 144 - Ruolo di Udienza

La griglia del Ruolo di Udienza mostra tutti i fascicoli che abbiano una data di prossima
udienza fissata in modo tale da costituire uno strumento di immediata comprensione per
l’utente dei procedimenti per i quali deve tenere un udienza. L’insieme dei fascicoli presenti
in griglia può essere filtrato selezionando con l’uso mouse un intervallo di giorni dal
calendario visibile sulla sinistra della finestra.

9.1 LE FUNZIONALITÀ

L’utente può effettuare varie operazioni su ogni fascicolo presente nella griglia del Ruolo di
Udienza attraverso i tasti visibili nella toolbar (vedi Figura 144 - Ruolo di Udienza).

9.1.1 Contenuto fascicolo

Il Magistrato può visualizzare il Contenuto del Fascicolo (o di più fascicoli se utilizza la

selezione multipla) premendo il pulsante . Per le funzionalità possibili si


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 190
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

rimanda al par. 8.5.3.

9.1.2 Stampa/Export griglia

L’utente cliccando sull’icona crea un report contenete tutti i fascicoli presenti


nella griglia visualizzata. Per maggiori dettagli si rimanda al par. 8.2.3.1.

9.1.3 Annotazioni On/Off

Quando l’icona viene cliccata e risulta , nella schermata non


viene visualizzata la sezione contenente le Annotazioni e gli Eventi della Procedura.

9.1.4 Scrivi provvedimento

L’utente cliccando sull’icona può accedere alla redazione di un


provvedimento per fascicolo selezionato nella griglia sottostante.

9.1.5 Mostra appuntamenti

L’utente cliccando sull’icona permette di visualizzare una finestra visibile


“in primo piano” con gli appuntamenti relativi alle date selezionate per la ricerca delle
udienze.

9.2 INSERIMENTO DI ANNOTAZIONI

Il magistrato può inserire, modificare o rimuovere tramite il pulsante destro del mouse
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 191
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

annotazioni personali nella giornata di riferimento.

Figura 145 – Annotazioni nel calendario del ruolo di udienza

10 RUOLO DI UDIENZA (CONSOLLE II GRADO)

La Consolle del Magistrato permette, cliccando sull’icona della


schermata principale (vedi Figura 9), di accedere sezione Ruolo di Udienza.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 192
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 146 - Ruolo di Udienza

La griglia del Ruolo di Udienza mostra tutti i dati delle udienze in modo tale da costituire uno
strumento di immediata comprensione per l’utente dei procedimenti per i quali deve tenere un
udienza. L’insieme dei fascicoli presenti in griglia può essere filtrato selezionando con l’uso
mouse un intervallo di giorni dal calendario visibile sulla sinistra della finestra.

10.1 LE FUNZIONALITÀ

L’utente può effettuare varie operazioni su ogni udienza presente nella griglia del Ruolo di
Udienza attraverso i tasti visibili nella toolbar (vedi Figura 146).

10.1.1 Contenuto fascicolo

Il Magistrato può visualizzare il Contenuto del Fascicolo (o di più fascicoli se utilizza la

selezione multipla) premendo il pulsante . Per le funzionalità possibili si


rimanda al par. 8.5.3.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 193
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

10.1.2 Stampa griglia

L’utente cliccando sull’icona crea un report contenete tutte le udienze presenti


nella griglia visualizzata. Per maggiori dettagli si rimanda al par. 8.2.3.1.

10.1.3 Scrivi Provvedimento

Cliccando sull’icona Scrivi Provvedimento viene verificata la presenza del fascicolo nel
database locale, nel caso non fosse presente sarà richiesto di effettuarne lo scarico e
successivamente viene aperta la maschera di selezione di un modello di documento. Per
questa funzionalità si rimanda al par. 8.2.3.4.

10.1.4 Annotazioni On/Off

Quando l’icona viene cliccata e risulta , nella schermata non


viene visualizzata la sezione contenente le Annotazioni e gli Eventi della Procedura.

11 RICERCHE

11.1 RUOLO GIUDICE

11.1.1 Ricerca ruoli

È la funzionalità che esegue la ricerca trasversale su tutto il ruolo del magistrato attraverso il
criterio di ricerca che permetta di filtrare (sulla base di: ruolo, numero di ruolo, anno, sub,
denominazione delle parte, tipologia parte, avvocato e oggetto) il cui risultato rappresenta il
contenuto di tutte le cartelle presenti in consolle (sia cartelle di sistema che personali); nella
figura seguente si evidenziano i parametri di ricerca e i risultati:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 194
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 147 - Ricerca ruolo

11.1.1 Ricerca Documenti

È la ricerca di tipo fulltext su tutto il ruolo del giudice, sugli appunti inseriti in consolle e sui
provvedimenti scritti con consolle. Questa funzionalità è disponibile attraverso il "desktop
search engine" (indicizzazione) Microsoft denominato Windows Desktop Search o Windows
Search. Nel caso in cui il servizio di indicizzazione non sia attivo o non installato la ricerca
non sarà disponibile.

Nella figura seguente si presenta il risultato di una ricerca di tipo fulltext:


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 195
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 148 - Ricerca documenti

11.1 REGISTRI DI CANCELLERIA

Sono le ricerche che interrogano direttamente i registri di cancelleria, e quindi, per il loro
utilizzo, è vincolante la connessione della consolle alla rete Giustizia.

Esse si distinguono in:


Ricerca Fascicoli
Ricerca Beni
Ricerca CTU
Ricerca Delegati

11.1.1 Ricerca fascicoli

Tutti i registri sono consultabili per la ricerca; infatti l’elenco della “menù a tendina” della
voce “Registro”, propone tutti i registri della cancelleria, indipendentemente dal ruolo
rivestito dal magistrato che sta utilizzando la consolle. Una volta selezionato il registro in
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 196
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

consultazione, è possibile specializzare la ricerca attraverso ulteriori filtri, così come


rappresentato in figura.

Figura 149 - Ricerca fascicoli

Il tasto “Esporta” permette di esportare il contenuto della griglia in formato excel.

11.1.2 Ricerca beni

La ricerca è disponibile per i registri Fallimentare ed Esecuzioni forzate. È possibile


specializzare la ricerca attraverso ulteriori filtri, così come indicato in figura.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 197
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 150 - Ricerca beni

Il tasto “Esporta” permette di esportare il contenuto della griglia in formato excel.

11.1.3 Ricerca CTU

È possibile selezionare tra tutti i registri della cancelleria, indipendentemente dal ruolo
rivestito dal magistrato che sta utilizzando la consolle i consulenti tecnici di ufficio. Una volta
selezionato il registro in consultazione dall’apposita tendina, è possibile specializzare la
ricerca attraverso ulteriori filtri, così come rappresentato in figura.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 198
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 151 - Ricerca CTU

I tasti funzionali disponibili sono:


“Dettagli”: dettaglia la specializzazione del professionista selezionato (ordini, titoli,
materie) e i dati anagrafici, così come indicato in figura
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 199
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 152 - Dettagli CTU

“Lista incarichi”: visualizza l’elenco dei fascicoli nei quali risulta ancora attivo
l’incarico assegnato al professionista selezionato. Per i fascicoli assegnati al giudice
della consolle, sarà possibile accedere al fascicolo locale attraverso il tasto funzione
“Apri Contenuto Fascicolo” .

Figura 153 - Incarichi CTU

“Esporta” permette di salvare il contenuto della griglia in formato excel.


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 200
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

11.1.4 Ricerca Delegati

La ricerca è disponibile per il registro delle Esecuzioni ed elenca i delegati censiti in


anagrafica; è possibile specializzare la ricerca attraverso ulteriori filtri, così come
rappresentato in figura:

Figura 154 - Ricerca delegati

I tasti funzionali sono:


“Lista incarichi”: visualizza l’elenco dei fascicoli nei quali risulta ancora attivo
l’incarico di delega assegnato al professionista selezionato. Per i fascicoli assegnati al
giudice della consolle, sarà possibile accedere al fascicolo locale attraverso il tasto
funzione “Apri Contenuto Fascicolo”
“Esporta” permette di salvare il contenuto della griglia in formato excel.

11.1.5 Ricerca Minute

La ricerca è disponibile per tutti i registri ed elenca le minute per gli atti in controfirma; è
possibile specializzare la ricerca attraverso ulteriori filtri, così come rappresentato in figura:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 201
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 155 - Ricerca minute

I tasti funzionali sono:


“Mostra note”: visualizza eventuali note inserite dal Giudice.
“Esporta” permette di salvare il contenuto della griglia in formato excel.

12 STRUMENTI

Mediante il menu “Strumenti”, come mostrato nella Figura 156, è possibile attivare le seguenti
funzionalità del sistema :

 Amministrazione utente

 Gestione Assistenti

 Gestione profili

 Gestione delle viste

 Gestore cartelle

 Import/Export cartelle personali


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 202
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

 Gestione tabelle di base

 Aggiorna Uffici e Certificati

 Backup

 Diagnostica sistema

Figura 156 - Menu strumenti

12.1 AMMINISTRAZIONE UTENTE

Selezionando dal menu Strumenti la voce “Amministrazione Utente”, si ha la possibilità di

gestire le seguenti funzionalità: “Profilo Utente”, “Filtri Applicativi”, “Automatismi”,


“Preferenze”, “Registri Attivi”, “Appunti fascicolo” e “Cambio Codice Fiscale”.

12.1.1 Profilo Utente

La funzione “Profilo Utente” consente di modificare il profilo dell’utente.

La maschera presenta il seguente aspetto:


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 203
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 157 - Profilo Utente

Nella sezione denominata “Anagrafica” è possibile modificare i dati anagrafici dell’utente e il


profilo d’uso dell’applicativo (Avanzato, Medio, Base o altri eventuali nuovi profili creati
dall’utente).

Nella sezione denominata “Impostazione Collegamenti” è possibile selezionare l’Ufficio


Giudiziario di riferimento e gli URL di collegamento al Gestore Locale al Punto d’Accesso e
alla pagina web delle statistiche di sezione. Premendo il pulsante test il sistema verifica la
correttezza degli indirizzi impostati nelle rispettive caselle di testo.

Nella sezione denominata “Server proxy” è possibile impostare le informazioni necessarie per
l’uso di proxy qualora l’accesso alla rete lo richieda.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 204
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

12.1.2 Filtri Applicativi

Nella scheda relativa ai “Filtri Applicativi”, è possibile impostare una serie di condizioni per
lo stato del fascicolo che definiranno quali procedimenti visualizzare nelle diverse griglie del
Ruolo. Attraverso questo strumento il Magistrato, può decidere di non vedere nel proprio
ruolo quei fascicoli che si trovano in uno stato cosiddetto “definito”. La funzione permette di
stabilire in modo separato per ogni registro attivo (vedi 12.1.5) quali siano gli stati “definiti”
del fascicolo. A ciascun registro attivo è dedicato un tab etichettato con il nome del registro
corrispondente.

La maschera presenta il seguente aspetto:

Figura 158 - Filtri Applicativi


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 205
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

La prima delle due liste elenca gli stati per i quali il magistrato considera un dato fascicolo
come pendente e quindi visibile nell’insieme di fascicoli mostrati nella griglia ruolo per il
registro selezionato. La seconda lista mostra gli stati per i quali un fascicolo viene considerato
definito e quindi non visibile tra i fascicoli del ruolo.

E possibile, attraverso i pulsanti posti al centro delle due liste, spostare uno o più stati da un
elenco all’altro impostando così quali fascicoli mostrare o meno nella griglia del ruolo.

Selezionando o deselezionando la casella di spunta posta nella parte inferiore della maschera
si attiva o meno la funzionalità di filtro. In particolare selezionando la casella verranno
ignorate le impostazioni presenti nelle liste e saranno mostrati nel griglie del registro
selezionato tutti i fascicoli indipendentemente dallo stato in cui si trovano.

Con il pulsante Applica saranno registrate le modifiche apportate alle suddette impostazioni.

12.1.3 Automatismi

Al fine di rendere più flessibile il calcolo degli orari e delle durate delle udienze fissate
nell’agenda del Magistrato, il pannello “durate predefinite per i tipi di udienza” all’interno del
menù Automatismi (lett. B Figura 159 - Automatismi) permette di impostare la durata media
in relazione alla tipologia di udienza. Premendo il pulsante applica i tempi verranno impostati
nel sistema e considerati in fase di calcolo.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 206
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 159 - Automatismi

All’interno della stessa maschera (lett. A Figura 159 - Automatismi) può essere impostata
l’attivazione o meno del controllo della presenza di fascicoli da aggiornare. Può essere
impostato l’intervallo di tempo che intercorre fra le richieste. Di default i controlli saranno
attivati ad un intervallo di 60 minuti. Durante l’utilizzo della Consolle del Magistrato, se a
fronte di una richiesta, fosse riscontrata la presenza di fascicoli da aggiornare, l’applicativo
fornirà un messaggio di avviso con il numero di fascicoli da aggiornare. Tale controllo è
eseguito nei tempi definiti dall’utente nella maschera di impostazione (es. ogni due ore, ogni 4
ore, ogni 6 ore), qualora la funzione sia stata attivata.

Selezionando la casella descritta come “Verifica disponibilità aggiornamenti” si attiva o meno


il controllo della disponibilità di aggiornamenti dai SGR (SICID e/o SIECIC) sui fascicoli
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 207
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

assegnati al Magistrato. Una volta apportate le modifiche è necessario premere il pulsante


Applica.

Modificando il valore impostato accanto alla scritta “Frequenza di verifica” è possibile


modificare l’intervallo temporale che intercorre fra un controllo e l’altro. Una volta apportate
le modifiche è necessario premere il pulsante Applica.

12.1.4 Preferenze

Nella scheda relativa alle “Preferenze” è possibile indicare alcune preferenze nell’uso della
consolle.

All’interno della maschera (lett. A Figura 160) è possibile scegliere il tipo di formato per la
visualizzazione delle date. Una volta apportate le modifiche è necessario premere il pulsante
Applica.

All’interno della stessa maschera (lett. B Figura 160) “Annotazioni” è possibile decidere se si
desidera visualizzare o meno (in maniera predefinita) il campo annotazioni sulla griglia del
ruolo. Una volta apportate le modifiche è necessario premere il pulsante Applica.

All’interno della stessa maschera (lett. C Figura 160) “Richiesta pubblicazione predefinita” è
possibile decidere se si desidera per quali atti proporre l’archiviazione nella funzione di
deposito dell’atto descritto al paragrafo 8.2.3.4.2.8. Una volta apportate le modifiche è
necessario premere il pulsante Applica.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 208
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 160 - Preferenze

12.1.5 Registri attivi

Nel menù Registri attivi della sezione Amministrazione Utente è possibile selezionare,
attraverso la check box corrispondente, i Registri che il Magistrato intende visualizzare
all’interno dell’applicazione, come mostrato nella figura seguente:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 209
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 161 - Gestione Registri attivi

Premendo il pulsante Applica i dati e le impostazioni inseriti verranno aggiornati.

12.1.6 Appunti Fascicolo

In questa sezione del menù Strumenti è possibile impostare dei contenuti standard da inserire
negli appunti dei fascicoli.

Si consideri la seguente maschera:


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 210
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 162 - Appunti fascicolo

Per poter inserire l’appunto di interesse è necessario cliccare sul pulsante ; verrà
proposta una maschera in cui l’utente potrà digitare il Nuovo Appunto e, dando l’OK,
visualizzarlo nella schermata come mostrato in Figura 162.

Ad ogni riga inserita corrisponde una occorrenza di Appunto che può essere associata ad un
fascicolo direttamente nelle griglie del Ruolo (vedi Figura 15 - Finestra Appunti) o nel
Contenuto del fascicolo, e più precisamente in Dati lavorazione (vedi paragrafo 8.2.3.3.2).

Nella maschera di Appunti Fascicolo è sempre possibile Modificare e/o Rimuovere i dati
inseriti attraverso l’ausilio dei relativi pulsanti.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 211
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

12.1.7 Cambio Codice Fiscale

Attraverso il tab denominato Cambio Codice Fiscale è possibile gestire quei casi,
probabilmente sporadici, in cui, per qualche motivo, il Magistrato abbia la necessità di
cambiare il codice fiscale con il quale si autentica presso la Consolle. L’operazione
ovviamente ha come obbiettivo la possibilità che il Magistrato continui, pur autenticandosi
con credenziali diverse, a lavorare sugli stessi dati che fino a quel momento nel corso del suo
lavoro erano stati collezionati. Non deve essere confusa però con il semplice cambio di smart
card (rinnovo smart card) o con la creazione di un nuovo utente, in virtù dello scenario di
seguito descritto.

Dopo essersi procurato una nuova smart card contenente il suo nuovo codice fiscale e avendo
avuto cura di conservare la vecchia smart card, l’utente sarà in grado di effettuare la procedura
di cambio del codice fiscale. L’operazione, effettuabile dopo aver avviato la Consolle
autenticandosi tramite la vecchia smart card, richiede l’inserimento manuale del nuovo codice
fiscale nell’apposito campo testuale e la lettura della nuova smart card, che il Magistrato avrà
cura di sostituire alla vecchia nell’apposito lettore. Un avviso presente nel pannello principale,
invita l’utente ad effettuare un backup preventivo della sua base dati locale, in quanto la
procedura in oggetto comporta delle modifiche alla stessa. La durata dell’operazione dipende
dalle dimensioni della base dati del Magistrato, quindi maggiore è il numero dei fascicoli sui
quali il Magistrato lavora attraverso la Consolle, maggiore è il tempo richiesto dalla procedura
per giungere al termine. E’ importante sottolineare che alla fine della procedura, la Consolle,
previa notifica tramite una finestra informativa, procederà automaticamente alla sua chiusura.
Al successivo riavvio il Magistrato potrà autenticarsi soltanto tramite la nuova Smart Card,
ritrovando dati e configurazioni identiche allo stato della Consolle prima dell’esecuzione della
procedura, nuovo codice fiscale a parte.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 212
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 163 - Tab per il cambio del Codice Fiscale

12.2 CREAZIONE E GESTIONE DEGLI ASSISTENTI

Il magistrato può creare utenze per gli assistenti tramite l'apposita funzione presente nel menù
strumenti.

All'attivazione della relativa funzione presente nel menù strumenti consente l'inserimento, la
modifica e l'eliminazione degli assistenti.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 213
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 164 – Gestione assistenti

tramite la funzione "aggiungi" è possibile associare al magistrato operatore un assistente


tramite inserimento dei relativi dati.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 214
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 165 – Gestione assistente

Il sistema, inseriti i dati dell'assistente, consente di condividere la visibilità dei fascicoli


tramite selezione per materia.

Selezionando l'apposita funzione è possibile, da questa schermata, abilitare la possibilità, per


l'assistente, di visualizzare gli appunti del fascicolo.

12.3 GESTIONE PROFILI

Attivando la voce “Gestione Profili” dal menu Strumenti, si ha la possibilità di definire


l’insieme delle funzionalità del sistema che costituiscono ciascun profilo d’uso tra quelli
selezionabili nel tab “Profilo Utente ” visto in precedenza.

Nella Figura 166 e’ riportata la maschera che viene visualizzata :

Figura 166 - Funzioni per profilo


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 215
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

La maschera presentata all’utente contiene la lista a discesa dei Profili Utente (vedi lettera A
della Figura 166) ed una lista delle funzionalità del sistema:

 Base

 Medio

 Avanzato

Per ciascun profilo selezionato accanto ad ogni funzione troviamo una casella che ne indica
l’attivazione, se è valorizzata con un segno di spunta, allora la funzione è attiva e sarà quindi
visibile all’utente qualora scelga come profilo d’uso quello corrente, se non lo è l’utente non
potrà accedere alla funzione in esame.
La gestione dei profili consente di crearne e personalizzarne di nuovi; ciò è possibile
utilizzando il pulsante Nuovo all’interno della maschera di Gestione del profilo utente.

Figura 167 - Creazione nuovo profilo


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 216
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 168 - Creazione nuovo profilo

L’utente potrà nominare il profilo creato e associargli una visualizzazione personalizzata (ad
esempio scegliendo di non visualizzare nell’applicazione alcune cartelle della Scrivania)
selezionando o deselezionando la checkbox corrispondente alla cartella/funzione che si
desidera abilitare o disabilitare (vedi Figura 168 - Creazione nuovo profilo).

Alcune funzionalità della Consolle (tra cui Appunti, Ruolo, Contenuto fascicolo e
$$ufficio_giudiziario$$ $$avvocato_parte_attrice$$ $$domicilio_controparte$$
$$collegio_giudice$$ $$cf_terzo_chiamato$$ ) sono considerati strumenti di “Default”
dell’applicazione, per tanto non personalizzabili dall’utente al momento della creazione di
un nuovo profilo.

Il pulsante Import/Export consente di importare da file xml un profilo precedentemente


salvato o di esportare il profilo selezionato in un file XML.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 217
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 169 - Import/export profilo utente

Premendo il pulsante Salva e Esci tutte le nuove impostazioni vengono aggiornate.

12.4 GESTIONE CARTELLE

Gli utenti, attivando la voce “Gestione cartelle” dal menu Strumenti, hanno la possibilità di
effettuare la personalizzazioni sulle cartelle mostrate nella Scrivania e nel Ruolo (distinto per
ciascun registro attivo) attraverso la funzione di Crea Cartella Personale.

A differenza della personalizzazione effettuata dal Ruolo, in cui l’associazione di un Filtro è


condizione necessaria alla creazione della cartella, in questa sezione l’utente può creare
cartelle personali senza vincoli alcuni.

Si consideri la seguente maschera:


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 218
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 170 - Gestione Cartelle

Avendo cura di selezionare, all’interno della schermata, la cartella Personali (vedi lett. A
della Figura 170 - Gestione Cartelle), l’icona presente nella toolbar
diviene attiva (vedi lett B della Figura 170 - Gestione Cartelle); l’utente in questo modo può
creare una nuova cartella, associandogli un nome ed una descrizione attraverso la seguente
maschera:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 219
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 171 - Creazione di una cartella personale senza filtri

Premendo il pulsante OK la nuova cartella sarà inserita nell’albero delle cartelle della
Scrivania o del Ruolo (per il registro selezionato) sotto “Personali”.

L’utente, selezionando una delle sue cartelle personali, è abilitato ad eseguire una di queste
operazioni: .

Il pulsante Elimina permette di eliminare la cartella selezionata, il pulsante Modifica


permette di cambiare il nome e la descrizione in precedenza assegnati.

12.5 IMPORT/EXPORT CARTELLE PERSONALI

I filtri impostati dal magistrato nelle griglie di visualizzazione dei ruoli (Contenzioso Civile,
Diritto del Lavoro, Fallimentare, Prefallimentare ed Esecuzioni Forzate) e memorizzati sotto
forma di "Cartella personale associata a filtro" potranno essere esportati in un file XML; il
salvataggio del file viene proposto nella directory di default (documenti) che potrà essere
modificata dall’utente sfogliando tra le risorse del sistema proposta dalla finestra di selezione
file.

La figura seguente riporta l’esempio della funzione di esportazione delle cartelle personali
create dell’utente:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 220
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 172 - Export cartelle personali con filtro

I filtri possono essere importati. L’import permette di selezionare, dopo la scelta del file xml,
le cartelle singolarmente per l’effettiva importazione all’interno della consolle.

La prima volta che il magistrato eseguirà l’operazione di import il sistema propone il percorso
di default di lettura file (documenti) con la possibilità di modificarlo; successivamente il
sistema proporrà l’ultimo percorso utilizzato.

La figura seguente, invece, rappresenta la funzione di importazione dopo la selezione del file
xml:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 221
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 173 - Import cartelle personali con filtro

Viene previsto, nella “barra pulsanti”, il tasto “Esporta Filtro” che salva in un file XML il
filtro usato correntemente al momento dell’invocazione della funzione.

Di seguito la figura per attivazione della funzionalità:


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 222
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 174 - Esporta filtro corrente

12.6 GESTIONE TABELLE DI BASE

La funzione “Tabelle di base” consente l’aggiornamento delle tabelle locali relative alle
seguenti informazioni:

 Giudici : Insieme dei giudici presenti nell’anagrafica dell’ufficio;

Figura 175 - Tabelle di base


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 223
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Selezionando la casella posta accanto alla denominazione della tabella o del gruppo di tabelle
e premendo il pulsante Aggiorna è possibile effettuare l’aggiornamento desiderato.

12.7 AGGIORNA UFFICI E CERTIFICATI

La funzione “Aggiorna Uffici e Certificati” consente l’aggiornamento della lista degli uffici e
dei relativi certificati, in caso di variazione della lista degli uffici abilitati al PCT o della ri-
emissione dei certificati degli uffici già attivati.

La funzione può essere attivata dal menù “Strumenti” cliccando sulla voce “Aggiorna Uffici e
Certificati” .

Figura 176 - Aggiorna uffici e certificati

12.8 BACKUP

La funzione di “Backup” presente nel menù menu Strumenti indica un'importante operazione
tesa a duplicare, su differenti supporti di memoria, le informazioni presenti sulla propria
postazione di lavoro.

Quest’attività, per tanto, costituisce un supporto fondamentale al lavoro del Magistrato: in


caso di guasti o manomissioni, il backup consente infatti di recuperare i dati dell'utente o degli
utenti che utilizzano la postazione.

Una volta selezionata la funzione viene creato in automatico un File.zip che l’utente potrà

salvare all’interno del proprio PC.

L’operazione di Backup, essendo un salvataggio dei dati, comporta la chiusura


dell’applicazione. Per tanto l’utente verrà avvisato con un messaggio di conferma chiusura.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 224
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

13 COLLEGAMENTI

13.1 COME CREARE E ORGANIZZARE UN COLLEGAMENTO

Il menù presente nella toollbar della Consolle del Magistrato


consente la visualizzazione di una sezione dell’applicativo dove poter inserire dei
collegamenti ipertestuali ( vedi Figura 177).

I collegamenti ipertestuali (o LINK) sono delle parti di testo che hanno un collegamento attivo
ad un altro punto della rete, permettendo di accedere ad una RISORSA web. L'esempio più
classico è l'apertura di una pagina web.

Figura 177 - Schermata dei Collegamenti


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 225
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Per poter creare un collegamento è necessario cliccare sull’icona Nuovo Collegamento (vedi
lettera A di Figura 177 - Schermata dei Collegamenti); il sistema in automatico visualizzerà
un schermata dove il Magistrato potrà inserire il Nome, la URL e la Descrizione del
collegamento che si desidera impostare (vedi Figura 178 - Nuovo Collegamento):

Figura 178 - Nuovo Collegamento

Il sistema memorizzerà il link all’interno della cartella Segnalibri che di default compare nella
schermata (vedi Figura 179 - Visualizzazione dei Collegamenti):
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 226
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 179 - Visualizzazione dei Collegamenti

In alternativa l’inserimento di un Link può essere effettuato attraverso la funzione


presente al di sotto della barra degli strumenti (vedi lettera A Figura 177 -
Schermata dei Collegamenti); in questo caso sarà sufficiente digitare nella relativa combo il
link che si desidera impostare e, successivamente, premendo il pulsante il
collegamento verrà immediatamente aggiunto e visualizzato nella schermata sottostante.

E’inoltre possibile creare e personalizzare le cartelle in cui poter inserire e raggruppare i


propri collegamenti attraverso il pulsante Nuova Cartella, all’interno della barra degli
strumenti (vedi lettera A Figura 177 - Schermata dei Collegamenti). Inserendo il Nominativo e
la Descrizione la stessa verrà salvata come sotto cartella dei Segnalibri (vedi Figura 180);
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 227
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 180 - Inserimento Nuova Cartella

13.2 FUNZIONALITÀ AVANZATE

All’interno della barra degli strumenti della sezione Collegamenti (vedi Figura 177) sono
disponibili ulteriori funzionalità di supporto all’utente per la gestione dei Link, come elencato
nella tabella di seguito riportata:

FUNZIONE DESCRIZIONE

Permette di effettuare il
collegamento al link
selezionato nell’applicazione.

Permette di inserire il nuovo


nominativo del link
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 228
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

selezionato nell’applicazione.

Permette di modificare i dati


inseriti per un link già
registrato nell’applicazione.

Permette di eliminare il link


creato nell’applicazione.

Permette di importare dei


link all’interno
dell’applicazione.

Permette di esportare dei link


presenti nell’applicazione e
salvarli all’esterno.

14 RICERCHE GIURISPRUDENZIALI

Le ricerche giurisprudenziali permettono al magistrato di ricercare, nell’ambito del distretto,


gli atti processuali resi pubblici mediante la funzione di pubblicazione come evento di
cancelleria. La ricerca viene eseguita sui provvedimenti pubblicati dell’intero distretto,
compresa la Corte d’Appello.
Le ricerche sono mirate esclusivamente a quelle tipologie di provvedimenti per i quali sia
permessa la pubblicazione quali:

1) Ordinanze

2) Decreti

3) Dispositivi

4) Sentenze
La ricerca del provvedimento può essere “strutturata” oppure una “ricerca per testo libero”.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 229
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 181 - Ricerche giurisprudenziali

14.1 RICERCA STRUTTURATA

La ricerca strutturata consta di una serie di campi dove digitare il dato conosciuto per la
ricerca.

I campi disponibili sono:

a. Numero ruolo

b. Anno ruolo

c. Grado

d. Sezione

e. Data del deposito dal/al

f. Giudice
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 230
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 182 - Ricerca giurisprudenziale strutturata

14.2 RICERCA PER TESTO LIBERO

La ricerca per testo libero permette al magistrato di ricercare un atto mediante una porzione di
testo in esso contenuta.

Figura 183 - Ricerca giurisprudenziale per testo libero

14.2.1 Sintassi per la ricerca testuale

Il campo di ricerca per testo libero accetta una sintassi composta da operatori logici e caratteri
speciali. Gli elementi specificabili sono i seguenti:

14.3 ALTRI PARAMETRI

Corrispondentemente al campo “Tipologia Documenti del Magistrato” vi è una casella


che se viene spuntata permette, al
magistrato, di ricercare anche quei provvedimenti che sono stati scansionati dal cartaceo ed
inseriti nel fascicolo informatizzato12.

14.4 RISULTATI DELLA RICERCA

La griglia sottostante , una volta immessi i criteri di ricerca prescelti e premuto il pulsante
“Ricerca”, si popola con gli atti corrispondenti a tutti i parametri immessi13.

12
Tale scansione viene eseguita tramite l’apposita funzione di “Acquisizione digitale degli atti” nei sistemi di gestione dei registri

informatizzati (SICID/SIECIC).

13
I parametri di ricerca si intendono combinati con operatore logico AND. Valorizzando un nuovo parametro la ricerca si raffina.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 231
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

La griglia mostra una serie di dati sugli atti ricercati, in particolare si trovano:

1. Tipo documento: uno dei tipi indicati nel presente capitolo.

2. Anno e numero ruolo: dati del fascicolo nell’ambito del quale l’atto è stato depositato.

3. Attore: nome e cognome (o denominazione) dell’attore principale.

4. Convenuto: nome e cognome (o denominazione) del convenuto principale.

5. Data deposito: data di deposito dell’atto.

6. Giudice: il magistrato che ha redatto l’atto.

Figura 184 - Campi degli atti ricercati

Dopo aver selezionato l’atto da voler visualizzare, cliccando due volte sulla riga
corrispondente è possibile aprire il documento prescelto.

15 FUNZIONI INFORMATIVE PER IL MAGISTRATO (FIM)

Il sottosistema “Funzioni Informative per il Magistrato” (FIM) ha lo scopo di fornire una


visione completa sullo stato delle attività del magistrato, consentendo l’accesso ai dati di
sintesi dei procedimenti a ciascun utente secondo i propri criteri di visibilità. È prevista infatti
la gestione di dati di sintesi differenziati per tipologia di utente, in modo da riportare a diversi
livelli di analiticità ed aggregazione situazioni sintetiche per:

Magistrato

Presidente di Sezione

Presidente del Tribunale

Le Funzioni Informative per il Magistrato (FIM) hanno lo scopo di assistere i magistrati, ed


eventualmente i loro collaboratori, nel monitoraggio dell’andamento del proprio ruolo e, più
in generale, nel caso dei Presidenti dell’U.G. o di Sezione, nel monitoraggio dell’attività
dell’intero UG e delle sezioni che lo compongono.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 232
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

15.1 MODALITÀ DI ACCESSO

La naturale collocazione delle statistiche gestionali è quella di essere fruibili tramite l’accesso
diretto agli strumenti per la visualizzazione integrati nella stazione di lavoro del Magistrato,
nota come Consolle del Magistrato, che è stata quindi arricchita di una nuova sezione
denominata “Statistiche”. Sotto questa sezione è stata inserita una voce di menù denominata
“Genera Report”, che permette di accedere al wizard per la generazione guidata dei report.

Accedendo a tale funzionalità il magistrato ha la possibilità di consultare e monitorare


l’andamento dell’attività di sua competenza all’interno dell’Ufficio Giudiziario usufruendo di
report predefiniti messi a disposizione del sistema.

15.2 SCELTA DEL RUOLO

Il ruolo dell’utente genera delle restrizioni sui report consultabili, sui filtri necessari per
l’elaborazione dei report e, conseguentemente, anche sui dati di sintesi visibili all’interno
degli stessi.

Quando un utente entra nella sezione Statistiche della Consolle del Magistrato si troverà
davanti ad un wizard in cui dovrà impostare una serie di filtri necessari per l’aggiornamento
dei dati.

Tramite questo wizard sarà possibile filtrare i dati in modo che il report scelto visualizzi solo
le righe soddisfacenti il ruolo impostato.

La prima scelta che l’utente dovrà effettuare sarà il Ruolo (Figura 185) :
Magistrato

Presidente di Sezione

Presidente del Tribunale

Per verificare quali ruoli può assumere l’utente connesso, verrà effettuata un’interrogazione in
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 233
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

tempo reale nella base dati delle statistiche, in modo trasparente all’utente.

In base dei ruoli disponibili per l’utente connesso verrò visualizzata la seguente maschera:

Figura 185 – Maschera di scelta del Ruolo per l’accesso alle Statistiche

Se l’utente è un Magistrato non potrà effettuare questa scelta in quando già appartenente al
gruppo che ha maggiori limitazioni. Infatti un Magistrato può visualizzare solamente i dati di
propria competenza. Quindi questa prima opzione risulterà già selezionata e non modificabile.

Se l’utente è un Presidente di Sezione, potrà scegliere se visualizzare i report come Magistrato


oppure come Presidente di Sezione. Naturalmente non potrà scegliere il ruolo di Presidente di
Tribunale.

Se sceglierà il ruolo di Magistrato vedrà esclusivamente i dati di propria competenza, così


come se fosse un semplice Magistrato.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 234
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Se invece sceglierà di assumere il ruolo di Presidente di Sezione per la visualizzazione dei


report, potrà vedere i dati relativi a tutti i magistrati della Sezione in cui è Presidente.

Questa opzione da la possibilità di distinguere le statistiche relative a quelle sezioni in cui


l’utente non assume il ruolo di Presidente ma solo di Magistrato.

Se ad esempio un utente è magistrato nella Sezione 01 e Presidente nella Sezione 02, per
visualizzare le proprie statistiche personali relative alla Sezione 01 dovrà scegliere come ruolo
Magistrato. Se invece è interessato alle statistiche relative alla Sezione 02, in cui è Presidente,
allora dovrà scegliere di visualizzare il report assumendo il ruolo di Presidente di Sezione. In
questo modo vedrà i dati di tutta la Sezione 02. Naturalmente, nel caso in cui l’utente sia
anche magistrato in questa sezione, vedrà anche i propri dati. Ma non potrà vedere i dati della
Sezione 01, in cui non ha ruolo di Presidente ma di Magistrato.

Il medesimo criterio viene infine applicato nel caso in cui l’utente sia Presidente di Tribunale.
Potrà scegliere uno qualisiasi dei tre ruoli disponibili. Per i primi due valgono le regole
sopradescritte, mentre nel caso in cui scelga di visualizzare le statistiche come Presidente di
Tribunale potrà vedere i dati di tutto l’ufficio. Questa distinzione è utile soprattutto per
visualizzare un sottoinsieme di dati ben definito.

15.3 SELEZIONE DI UN REPORT

Alcuni dei report realizzati sono richiamabili solo dai Presidenti di Sezione o di Tribunale.

La scelta del Ruolo avrà quindi effetto anche sulla lista di report disponibili.

Se un utente avrà, nella maschera precedente, scelto il Ruolo di Magistrato, potrà qui vedere
elencati solo i report visibili ai Magistrati.

Dopo aver scelto il ruolo, all’utente verrà presentata una seconda maschera in cui potrà
scegliere quale report visualizzare (Figura 186). La maschera presenterà la lista dei report
organizzata secondo una gerarchia ad albero e raggruppata per Aree Tematiche.

Le Aree Tematiche sviluppate sono le seguenti:

Analisi degli Incarichi

Analisi dei Sopravvenuti


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 235
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Analisi dei Tempi di Cancelleria

Analisi delle Definizioni

Analisi delle Pendenze

Analisi delle Udienze

Analisi Economica

Area dei Confronti

Tempistica del Magistrato

Tempistica del Procedimento

Nel paragrafo 15.6 viene riportata una tabella (Tabella 6) che elenca i report disponibili
riportando per ciascuno le principali informazioni, quali ad esempio una breve descrizione, la
lista dei parametri d’ingresso obbligatori e la frequenza d’accesso.

Nel paragrafo 15.7 viene descritta la Matrice degli Accessi (Tabella 7) che mostra, per ciascun
report, quali gruppi di utenti possono accedervi. Se un utente avrà, nella maschera precedente,
scelto il Ruolo di Magistrato, potrà qui vedere elencati solo i report visibili ai Magistrati.

Sulla base della scelta effettuate nella maschera precedente, verrà visualizzata la seguente
maschera, dalla quale l’utente potrà scegliere il report da visualizzare.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 236
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 186 – Maschera per la scelta del Report da visualizzare

In questa maschera l’utente potrà scegliere quale report visualizzare. Per scegliere un report
sarà sufficiente selezionarlo e premere il pulsante “Avanti”.

Nel caso in cui l’utente prema il pulsante “Avanti” senza aver selezionato un Report verrà
visualizzato un apposito messaggio di errore (Figura 187).
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 237
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 187 - Messaggio di errore in caso di mancata selezione di un Report

15.4 IMPOSTAZIONE DEI FILTRI

Dopo aver scelto il report da visualizzare all’utente verrà presentata l’ultima maschera del
wizard, che presenterà una serie di campi per l’impostazione dei filtri necessari all’esecuzione
del report (Figura 188).

I report realizzati sono di tipo statico e l’utente deve impostare alcuni parametri d’ingresso per
lanciare il report di interesse. I dati visualizzati nei report sono quindi filtrati in base alle
condizioni scelte.

Tutti i filtri richiesti sono presentati sotto forma di elenchi in modo che gli utenti possano
selezionare il valore del parametro richiesto senza doverlo immettere manualmente.

Inoltre gli elenchi di valori utilizzati sono di tipo dinamico e vengono aggiornati dalla base
dati ad ogni richiesta dell’utente.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 238
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 188 - Maschera di selezione dei filtri per la visualizzazione di un report

Il primo filtro da impostare sarà L’Origine dei Dati, dove l’utente dovrà scegliere il sistema
sorgente dal quale provengono i dati desiderati. Potrà quindi scegliere se visualizzare le
statistiche relative al Contenzioso Civile e Volontaria Giurisdizione oppure quelli relativi alla
Diritto del Lavoro.

Il secondo filtro da impostare sarà il Periodo di Competenza al quale devono fare riferimento i
dati visualizzati.

La granularità minima dei dati a livello temporale è mensile, e a seconda dei casi il periodo di
competenza può essere aggregato a livello trimestrale, semestrale ed annuale.

A seconda del report richiesto in questa sezione potrà essere presente solamente la scelta
dell’anno oppure, più frequentemente, la scelta dell’anno e successivamente, a cascata, quella
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 239
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

del Semestre, Trimestre o Mese.

Un altro parametro obbligatorio per i report è la scelta dell’Ufficio.

Dopo aver scelto l’Ufficio l’utente potrà decidere se specificare ulteriolmente la ricerca
scegliendo anche una Sezione ed eventualmente anche un Giudice.

Nel caso in cui non venga effettuata la scelta della Sezione e/o del Giudice si intenderà come
se l’utente avesse scelto “Tutte le Sezioni” e/o “Tutti i Giudici”.

La possibilità di scegliere o meno una sezione ed un giudice, nonché l’insieme di valori tra i
quali sarà possibile effettuare queste scelte, dovranno essere regolamentare sulla base del
ruolo assunto dall’utente, come di seguito evidenziato.

Nel caso in cui l’utente abbia scelto il ruolo di Magistrato, in questa maschera potrà scegliere

L’Ufficio, dalla lista degli Uffici in cui è Magistrato. Il campo Ufficio è obbligatorio e
preimpostato con l’Ufficio utilizzato dall’utente nella consolle. Naturalmente, nel caso
in cui l’utente sia magistrato in un solo Ufficio, il campo sarà preimpostato con
quell’Ufficio e la lista non conterrà altri valori.

La Sezione, dalla lista delle Sezioni dell’Ufficio selezionato. Il campo Sezione è


facoltativo ed inizialmente non valorizzato. Se l’utente non sceglierà la Sezione potrà
visualizzare tutti i dati di propria competenza di tutte le Sezioni in cui ha assegnazioni
dell’Ufficio selezionato. Questa lista sarà ricaricata ogni qualvolta l’utente modifichi
la selezione dell’Ufficio.

Il Giudice sarà preimpostato con il nome dell’utente e non modificabile.

Nel caso in cui l’utente abbia scelto il ruolo di Presidente di Sezione in questa maschera potrà
scegliere

L’Ufficio, dalla lista degli Uffici relativi alle Sezioni di cui è Presidente. Il campo
Ufficio è obbligatorio e preimpostato al primo valore della lista. Nel caso in cui
l’utente sia presidente di una o più Sezioni appartenenti però ad un solo Ufficio, il
campo sarà preimpostato con quell’Ufficio.

La Sezione, dalla lista delle Sezioni in cui è Presidente tra quelle dell’Ufficio
selezionato. Il campo Sezione è facoltativo ed inizialmente non valorizzato. Se l’utente
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 240
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

non sceglierà la Sezione potrà visualizzare tutti i dati relativi alle Sezioni in cui è
Presidente tra quelle dell’Ufficio selezionato. Questa lista sarà ricaricata ogni
qualvolta l’utente modifichi la selezione dell’Ufficio.

Il Giudice, dalla lista dei Giudici appartenenti alla Sezione scelta. Se l’utente non
avesse scelto una Sezione allora la lista dei Giudici conterrà tutti i Giudici dell’Ufficio
selezionato. Questa lista sarà ricaricata ogni qualvolta l’utente modifichi la selezione
dell’Ufficio o della Sezione.

Nel caso in cui l’utente abbia scelto il ruolo di Presidente di Tribunale in questa maschera
potrà scegliere:

L’Ufficio, dalla lista degli Uffici di cui è Presidente. Il campo Ufficio è obbligatorio e
preimpostato al primo valore della lista. Nel caso in cui l’utente sia Presidente in un
solo Ufficio il campo sarà preimpostato con quell’Ufficio.

La Sezione, dalla lista delle Sezioni dell’Ufficio selezionato. Questo campo è


facoltativo ed inizialmente non valorizzato. Questa lista sarà ricaricata ogni qualvolta
l’utente modifichi la selezione dell’Ufficio.

Il Giudice, dalla lista dei Giudici della Sezione Scelta. Se non avesse scelto una
Sezione allora la lista dei Giudici conterrà tutti i Giudici dell’Ufficio selezionato.
Questo campo sarà inizialmente vuoto ed è facoltativo. Questa lista sarà ricaricata ogni
qualvolta l’utente modifichi la selezione dell’Ufficio o della Sezione.

15.5 VISUALIZZAZIONE DELL’ANTEPRIMA DI UN REPORT

Dopo aver impostato i parametri d’ingresso l’utente potrà avviare l’elaborazione del report
premendo sul pulsante “Fine” (Figura 188).

Quando l’elaborazione del report sarà completata verrà visualizzata una maschera di
Anteprima (Figura 189), dalla quale sarà possibile avviare la stampa dela report.

I report per le statistiche gestionali seguono tutti la medesima linea grafica, con una
rappresentazione tabellare dei dati, raggruppati per diverse dimensioni di analisi.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 241
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 189 - Maschera di Anteprima di un Report

Nell’intestazione del report vengono visualizzate le informazioni relative a:

Data di osservazione dei dati, cioè la data in cui il sistema statistico si è posto per
osservare i dati. Tipicamente questa data è l’ultimo giorno del mese in esame, e per
aggregazioni temporali maggiori (es. semestre) è l’ultimo giorno dell’ultimo mese del
periodo in esame. Fanno eccezione i casi in cui si stia visualizzando un periodo
temporale per il quale non siano ancora disponibili i dati completi, come nel caso di
caricamenti effettuati a metà mese. In questi casi la data di osservazione corrisponderà
alla data di aggiornamento dei dati;

Data di estrazione dei dati, cioè la data dell’ultimo caricamento dei dati che si stanno
visualizzando;

Versione del database sorgente da cui sono stati caricati i dati, che in base alla scelta
dell’utente può essere Contenzioso Civile e Volontaria Giurisdizione oppure Diritto
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 242
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

del Lavoro. Tale informazione perde di significato nel caso di report con confronti
temporali su periodi diversi e quindi in questo caso non viene visualizzata;

Nome dell’Ufficio;

Periodo temporale di competenza dei dati, che può essere riferito, a seconda del report
visualizzato, ad un intervallo mensile, trimestrale, semestrale od annuale (es. 05/2007).

Nel corpo principale del report sono stati strutturati utilizzando una visualizzazione dei dati
tabellare a campi incrociati, raggruppando ed aggregando le informazioni di riepilogo per le
varie dimensioni di analisi.

Nel piè di pagina viene visualizzata la data di stampa ed il numero di pagine di cui è composto
il report.

La maschera dell’anteprima di stampa presenta nella parte in alto una serie di pulsanti che
permettono di navigare tra le pagine del documento, di impostare lo zoom e di avviare la
stampa del report.

Il pulsante avvia la stampa del report. Viene avviato il driver della stampante in uso sul
sistema client, il quale visualizza una maschera che permette le funzionalità standard di
stampa (nome della stampante, scelta delle pagine da stampare, numero di copie, ecc…)

I pulsanti permettono di regolare il formato della pagina visualizzata in


base a tre diversi formati predefiniti oppure impostando a mano la percentuale di zoom
desiderata.

I controlli permettono di navigare nelle diverse pagine del report,


permettendo di visualizzare la prima pagina, l’ultima, andare avanti e indietro, oppure di
specificare un particolare numero di pagina da visualizzare.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 243
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Figura 190 - Scelta delle Impostazioni di Stampa

15.6 APPLICAZIONI DI ANALISI

La tabella seguente presenta la lista dei report per le statistiche gestionali.

Le colonne di tale tabella indicano l’area tematica di appartenenza del report, il codice, il
nome, la descrizione, le dimensioni di analisi, i parametri d’ingresso obbligatori richiesti per
il caricamento dei dati e la frequenza di accesso.

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 244
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO

ANALISI AE001 Contributo Vengono mostrati il numero di trimestre, Origine, Ufficio, trimestrale

ECONOMICA unificato fascicoli iscritti in un determinato ufficio, rito, Anno e

versato nel trimestre nell'Ufficio, dell’importo materia, Trimestre

trimestre per del contributo unificato versato, esenzione dal

l'ufficio per del numero dei fascicoli integrati contributo

rito ed e dell’integrazione del contributo unificato

materia unificato, raggruppati per ufficio,

rito e materia e distinguendo tra

fascicoli esenti dal pagamento del

contributo unificato e non.


Vengono mostrati il numero dei
fascicoli pendenti in un
ANALISI DELLE AP001 Analisi dei determinato mese nell'Ufficio mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile
raggruppati per grado, rito e
PENDENZE fascicoli grado, rito, Anno e Mese
materia distinguendo tra fascicoli
portanti e sub-procedimenti.
pendenti al materia,
Nel caso in cui i dati si riferiscano
mese per fascicolo
ad un mese antecedente alla
l'ufficio per data di aggiornamento dei dati portante
come pendenti si intendono i
rito e materia fascicoli pendenti all'ultimo giorno
del mese.
Nel caso in cui i dati si riferiscano
al mese di aggiornamento dei dati
come pendenti si intendono i
fascicoli pendenti alla data di
aggiornamento.

Vengono mostrati il numero dei


fascicoli pendenti in un
AP002 Analisi dei determinato mese per grado, mese,ufficio, Origine, Ufficio, mensile
sezione e tipologia di giudice,
fascicoli grado, Anno e Mese
distinguendo tra fascicoli portanti
e sub-procedimenti.
pendenti al sezione, tipo
Nel caso in cui i dati si riferiscano
mese per giudice,
ad un mese antecedente alla
sezione e per data di aggiornamento dei dati fascicolo
come pendenti si intendono i
tipologia di fascicoli pendenti all'ultimo giorno portante
del mese.
giudice Nel caso in cui i dati si riferiscano
al mese di aggiornamento dei dati
come pendenti si intendono i
fascicoli pendenti alla data di
aggiornamento.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 245
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Vengono mostrati il numero dei
fascicoli pendenti in un
AP003 Analisi dei determinato mese per grado, mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale
giudice, rito e materia,
fascicoli grado, giudice, Anno e Mese
distinguendo tra fascicoli portanti
e sub-procedimenti.
pendenti per rito, materia,
Nel caso in cui i dati si riferiscano
giudice, rito e fascicolo
ad un mese antecedente alla
materia al data di aggiornamento dei dati portante
come pendenti si intendono i
mese fascicoli pendenti all'ultimo giorno
del mese.
Nel caso in cui i dati si riferiscano
al mese di aggiornamento dei dati
come pendenti si intendono i
fascicoli pendenti alla data di
aggiornamento.

Vengono mostrati il numero dei


fascicoli pendenti in un
AP004 Analisi dei determinato mese per grado, mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale
giudice, rito e oggetto
fascicoli grado, giudice, Anno e Mese
distinguendo tra fascicoli portanti
e sub-procedimenti.
pendenti per rito, oggetto,
Nel caso in cui i dati si riferiscano
giudice, rito e fascicolo
ad un mese antecedente alla
oggetto al data di aggiornamento dei dati portante
come pendenti si intendono i
mese fascicoli pendenti all'ultimo giorno
del mese.
Nel caso in cui i dati si riferiscano
al mese di aggiornamento dei dati
come pendenti si intendono i
fascicoli pendenti alla data di
aggiornamento.

Vengono mostrati il numero dei


fascicoli pendenti in un
AP005 Analisi dei determinato mese suddivisi per mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale
fascicoli portanti e sub-
fascicoli fascicolo Anno e Mese
procedimenti, grado, giudice, rito
e materia e distinti per fasi del
pendenti per portante,
procedimento.
fase del grado, giudice,
Nel caso in cui i dati si riferiscano
procediment ad un mese antecedente alla rito, materia,
data di aggiornamento dei dati
o per giudice, come pendenti si intendono i fase del
fascicoli pendenti all'ultimo giorno
rito e materia del mese. processo
Nel caso in cui i dati si riferiscano
al mese di aggiornamento dei dati
come pendenti si intendono i
fascicoli pendenti alla data di
aggiornamento.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 246
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Vengono mostrati il numero dei
fascicoli pendenti in un
AP006 Analisi dei determinato mese per grado, mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile
sezione e tipologia giudice
fascicoli grado, Anno e Mese
suddivisi per fasi del
procedimento e distinti per
pendenti per sezione, tipo
fascicoli portanti e sub-
procedimenti.
fase del giudice, fase

procediment Nel caso in cui i dati si riferiscano del processo,


ad un mese antecedente alla
o per sezione data di aggiornamento dei dati fascicolo
come pendenti si intendono i
e tipologia fascicoli pendenti all'ultimo giorno portante
del mese.
giudice Nel caso in cui i dati si riferiscano
al mese di aggiornamento dei dati
come pendenti si intendono i
fascicoli pendenti alla data di
aggiornamento.

Vengono mostrati il numero dei


fascicoli pendenti in un
AP007 Analisi dei determinato mese per grado, mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile
giudice, anno di iscrizione del
fascicoli grado, giudice, Anno e Mese
fascicolo, rito e materia e distinti
per fascicoli portanti e sub-
pendenti per anno di
procedimenti.
anno di iscrizione, rito,

iscrizione, Nel caso in cui i dati si riferiscano materia,


ad un mese antecedente alla
rito e materia data di aggiornamento dei dati fascicolo
come pendenti si intendono i
per giudice fascicoli pendenti all'ultimo giorno portante
del mese.
nel mese Nel caso in cui i dati si riferiscano
al mese di aggiornamento dei dati
come pendenti si intendono i
fascicoli pendenti alla data di
aggiornamento.

Vengono mostrati il numero dei


fascicoli pendenti in un
AP007b Analisi dei determinato mese, raggruppati mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile
per rito e materia e distinti tra
fascicoli rito, materia, Anno e Mese
fascicoli portanti e sub-
procedimenti.
pendenti al fascicolo

mese per rito portante


Nel caso in cui i dati si riferiscano
e materia ad un mese antecedente alla
data di aggiornamento dei dati
come pendenti si intendono i
fascicoli pendenti all'ultimo giorno
del mese.
Nel caso in cui i dati si riferiscano
al mese di aggiornamento dei dati
come pendenti si intendono i
fascicoli pendenti alla data di
aggiornamento.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 247
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Viene mostrato il numero dei
fascicoli definiti nel trimestre
ANALISI DELLE AD001 Analisi dei nell'ufficio suddivisi per fascicoli trimestre, Origine, Ufficio, trimestrale
portanti e sub-procedimenti,
DEFINIZIONI fascicoli ufficio, Anno e
grado, rito e materia,
distinguendo per tipologia di
definiti nel fascicolo Trimestre
definizione ed esito.
trimestre portante,
Vengono considerati
nell'ufficio procedimenti definiti tutti i grado, rito,
procedimenti con eventi di tipo:
per rito, Sentenza (Pubblicazione materia,
Sentenza - data pubblicazione,
materia, Lettura del dispositivo, sentenza tipologia di
a verbale - data decisione ...),
tipologia di Estinzione (data evento di definizione,
estinzione), Altre modalità
definizione (trasmissione ad altro ufficio esito
giudiziario, non luogo a
ed esito provvedere, ...),
Ordinanza/Decreto (Ordinanza di
convalida di sfratto, decreto
ordinanza di accoglimento totale,
....), Riunione, Definito per
conciliazione, Definito per 186
quater. Nei casi di Sospensione,
Interruzione e Cancellazione i
provvedimenti vengono
considerati definiti solo nel caso
in cui non abbiano poi avuto un
evento di riassunzione nel
periodo che si sta osservando.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 248
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Viene mostrato il numero dei
fascicoli definiti nel trimestre
AD002 Analisi dei suddivisi per fascicoli portanti e trimestre, Origine, Ufficio, trimestrale
sub-procedimenti, grado,
fascicoli ufficio, Anno e
sezione, rito e materia,
distinguendo per tipologia di
definiti nel fascicolo Trimestre
definizione ed esito.
trimestre per portante,
Vengono considerati
sezione, per procedimenti definiti tutti i grado,
procedimenti con eventi di tipo:
rito, materia, Sentenza (Pubblicazione sezione, rito,
Sentenza - data pubblicazione,
tipologia di Lettura del dispositivo, sentenza materia,
a verbale - data decisione ...) ,
definizione Estinzione (data evento di tipologia di
estinzione), Altre modalità
ed esito (trasmissione ad altro ufficio definizione,
giudiziario, non luogo a
provvedere, ...), esito
Ordinanza/Decreto (Ordinanza di
convalida di sfratto, decreto
ordinanza di accoglimento totale,
....), Riunione, Definito per
conciliazione , Definito per 186
quater.
Nei casi di Sospensione,
Interruzione e Cancellazione i
provvedimenti vengono
considerati definiti solo nel caso
in cui non abbiano poi avuto un
evento di riassunzione nel
periodo che si sta osservando.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 249
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Viene mostrato il numero dei
fascicoli definiti nel mese
AD003 Analisi dei suddivisi per fascicoli portanti e mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale
sub-procedimenti, grado,
fascicoli fascicolo Anno e Mese
sezione, giudice, rito e materia,
distinguendo per tipologia di
definiti nel portante,
definizione ed esito.
mese per grado,
Vengono considerati
giudice, per procedimenti definiti tutti i sezione,
procedimenti con eventi di tipo:
rito, materia, Sentenza (Pubblicazione giudice, rito,
Sentenza - data pubblicazione,
tipologia di Lettura del dispositivo, sentenza materia,
a verbale - data decisione ...),
definizione Estinzione (data evento di tipologia di
estinzione), Altre modalità
ed esito (trasmissione ad altro ufficio definizione,
giudiziario, non luogo a
provvedere, ...), esito
Ordinanza/Decreto (Ordinanza di
convalida di sfratto, decreto
ordinanza di accoglimento totale,
....), Riunione, Definito per
conciliazione, Definito per 186
quater, Nei casi di Sospensione,
Interruzione e Cancellazione i
provvedimenti vengono
considerati definiti solo nel caso
in cui non abbiano poi avuto un
evento di riassunzione nel
periodo che si sta osservando.

Viene mostrato il numero dei


fascicoli definiti nel mese
AD004 Analisi dei suddivisi per fascicoli portanti e mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale
sub-procedimenti, grado,
fascicoli fascicolo Anno e Mese
sezione, giudice, rito e oggetto,
distinguendo per tipologia di
definiti nel portante,
definizione ed esito.
mese per grado,
Vengono considerati
giudice, per procedimenti definiti tutti i sezione,
procedimenti con eventi di tipo:
rito, oggetto Sentenza (Pubblicazione giudice, rito,
Sentenza - data pubblicazione,
tipologia di Lettura del dispositivo, sentenza oggetto,
a verbale - data decisione ...),
definizione Estinzione (data evento di tipologia di
estinzione).Altre modalità
ed esito (trasmissione ad altro ufficio definizione,
giudiziario, non luogo a
provvedere,...).Ordinanza/Decret esito
o (Ordinanza di convalida di
sfratto, decreto ordinanza di
accoglimento
totale,....).Riunione.Definito per
conciliazione Definito per 186
quaterNei casi di Sospensione,
Interruzione e Cancellazione i
provvedimenti vengono
considerati definiti solo nel caso
in cui non abbiano poi avuto un
evento di riassunzione nel
periodo che si sta osservando.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 250
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Vengono mostrati i valori medi
delle durate dei procedimenti
TEMPISTICA TP003 Durata media definiti nel mese raggruppati per mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile
ufficio, sezione, giudice, rito,
DEL dei sezione, Anno e Mese
materia ed oggetto e suddivisi
per tipologia di definizione.
PROCEDIMENT procedimenti giudice, rito,

O (DURATA La durata del procedimento


definiti nel materia,
viene calcolata come:
COMPLESSIVA) mese per la data di definizione del oggetto,
procedimento –
giudice la data di iscrizione – tipologia di
gg di sospensione
La data di definizione del definizione
procedimento varia con il tipo di
definizione. (es: per Sentenza =
data di pubblicazione; per
Sentenze a Verbale = data
decisione ).
Nel caso di procedimenti che
abbiano oggetto amministrazioni
di sostegno, viene considerata
come data di iscrizione la data di
apertura amministrazione.Nel
caso di procedimenti che abbiano
oggetti di diritto societario, viene
considerata come data di
iscrizione la data di deposito
istanza.

Vengono mostrati i valori medi


TP003a Durata media delle durate dei procedimenti anno, ufficio, Origine, Ufficio annuale
definiti nell’anno raggruppati
dei sezione, e Anno
per ufficio, sezione, giudice,
rito, materia ed oggetto e
procedimenti giudice, rito,
suddivisi per tipologia di
definizione.
definiti materia,

nell'anno per La durata del procedimento oggetto,


viene calcolata come:
giudice la data di definizione del tipologia di
procedimento –
la data di iscrizione – definizione
gg di sospensione
La data di definizione del
procedimento varia con il tipo
di definizione.
(es: per Sentenza = data di
pubblicazione; per Sentenze a
Verbale = data decisione ).
Nel caso di procedimenti che
abbiano oggetto
amministrazioni
di sostegno, viene considerata
come data di iscrizione la data
di apertura amministrazione.
Nel caso di procedimenti che
abbiano oggetti di diritto
societario, viene considerata
come data di iscrizione la data di
deposito istanza.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 251
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO

Vengono mostrati i valori medi


TP003s Durata media delle durate dei procedimenti semestre, Origine, Ufficio, semestrale
definiti nel semestre raggruppati
dei ufficio, Anno e
per ufficio, sezione, giudice, rito,
materia ed oggetto e suddivisi
procedimenti sezione, Semestre
per tipologia di definizione.
definiti nel giudice, rito,
La durata del procedimento
semestre per viene calcolata come: materia,
la data di definizione del
giudice procedimento – oggetto,
la data di iscrizione –
gg di sospensione tipologia di
La data di definizione del
procedimento varia con il tipo di definizione
definizione.
(es: per Sentenza = data di
pubblicazione; per Sentenze a
Verbale = data decisione ).
Nel caso di procedimenti che
abbiano oggetto amministrazioni
di sostegno, viene considerata
come data di iscrizione la data di
apertura amministrazione.
Nel caso di procedimenti che
abbiano oggetti di diritto
societario, viene considerata
come data di iscrizione la data di
deposito istanza.

TEMPISTICA TM001 Analisi dei Viene mostrato, per intervalli dei semestre, Origine, Ufficio, semestrale

DEL depositi delle tempi di deposito, il numero delle ufficio, Anno e

MAGISTRATO ordinanze riserve sciolte nel semestre intervalli tempi Semestre

riservate nel nell'ufficio di deposito

semestre per

ufficio

TM002 Analisi dei Viene mostrato, per intervalli dei trimestre, Origine, Ufficio, Trimestre

depositi delle tempi di deposito, il numero delle ufficio, Anno e

ordinanze riserve sciolte nel trimestre sezione, tipo Trimestre

riservate nel raggruppato per sezione e giudice,

trimestre per tipologia di giudice intervalli tempi

sezione e di deposito

tipologia di

giudice
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 252
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO

TM003 Analisi dei Viene mostrato, per intervalli dei mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile

depositi delle tempi di deposito, il numero delle sezione, Anno e Mese

ordinanze riserve sciolte nel mese giudice, rito,

riservate nel raggruppato per ufficio, sezione, materia,

mese per giudice, rito, materia ed oggetto oggetto,

giudice intervalli tempi

di deposito

TM003t Analisi dei Viene mostrato, per intervalli dei trimestre, Origine, Ufficio, trimestrale

depositi delle tempi di deposito, il numero delle ufficio, Anno e

ordinanze riserve sciolte nel trimestre sezione, Trimestre

riservate nel raggruppato per ufficio, sezione, giudice, rito,

trimestre per giudice, rito, materia ed oggetto materia,

giudice oggetto,

intervalli tempi

di deposito

TM003s Analisi dei Viene mostrato, per intervalli dei semestre, Origine, Ufficio, semestrale

depositi delle tempi di deposito, il numero delle ufficio, Anno e

ordinanze riserve sciolte nel semestre sezione, Semestre

riservate nel raggruppato per ufficio, sezione, giudice, rito,

semestre per giudice, rito, materia ed oggetto materia,

giudice oggetto,

intervalli tempi

di deposito

TM003a Analisi dei Viene mostrato, per intervalli dei anno, sezione, Origine Ufficio annuale

depositi delle tempi di deposito, il numero delle giudice, rito, e Anno

ordinanze riserve sciolte nell'anno materia,

riservate raggruppato per ufficio, sezione, oggetto,

nell'anno per giudice, rito, materia ed oggetto intervalli tempi

giudice di deposito
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 253
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO

TM004 Analisi dei Viene mostrato, per intervalli dei mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile

depositi delle tempi di deposito, il numero delle sezione, Anno e Mese

ordinanze riserve sciolte nel mese giudice, stato

riservate nel raggruppate per sezione, giudice del fascicolo

mese per e stato del fascicolo prima della prima della

giudice e per riserva. riserva,

stato del intervalli tempi

fascicolo di deposito

prima della

riserva
Viene mostrato il numero delle
sentenze depositate, pubblicate,
TM006 Analisi delle inviate al registro, ritornate dal semestre, Origine, Ufficio, semestrale
registro, impugnate nel semestre
sentenze ufficio, tipo Anno e
raggruppate per ufficio, tipo
sentenza e collegialità del
depositate, sentenza, Semestre
provvedimento e, nel caso delle
sentenze depositate, distinte per
pubblicate, collegialità del
intervallo di deposito sentenza.
inviate al provvedimento
Il numero di giorni tra la decisione
registro, e il deposito sono dati da: , intervallo
data di deposito - la maggiore tra
ritornate, la data di rimessione, la data di deposito
scadenza repliche , la data di
impugnate scadenze conclusionali e la data sentenza
decisione.
dal registro I giorni dal deposito alla
pubblicazione vengono calcolati
nel semestre come la differenza tra le due
date.
per ufficio I giorni dalla pubblicazione
all'invio al repertorio vengono
calcolati come la differenza tra le
due date.
I giorni dall'invio al repertorio al
ritorno vengono calcolati come la
differenza tra le due date.I giorni
dalla pubblicazione
all'impugnazione vengono
calcolati come la differenza tra le
due date.Nel caso di sentenze a
verbale la data di decisione è
considerata anche come data di
deposito e come data di
pubblicazione nel caso in cui
mancasse.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 254
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Viene mostrato il numero delle
sentenze depositate, pubblicate,
TM007 Analisi delle inviate al registro, ritornate dal trimestre, Origine, Ufficio, trimestrale
registro, impugnate nel trimestre
sentenze ufficio, Anno e
raggruppate per ufficio, sezione,
tipo giudice, tipo sentenza e
depositate, sezione, tipo Trimestre
collegialità del provvedimento e,
nel caso delle sentenze
pubblicate, giudice, tipo
depositate, distinte per intervallo
inviate al deposito sentenza. sentenza,

registro, Il numero di giorni tra la decisione collegialità del


e il deposito sono dati da:
ritornate dal data di deposito - la maggiore tra provvedimento
la data di rimessione, la data di
registro, scadenza repliche , la data di , intervallo
scadenze conclusionali e la data
impugnate decisione. deposito
I giorni dal deposito alla
nel trimestre pubblicazione vengono calcolati sentenza
come la differenza tra le due
per sezione e date.
I giorni dalla pubblicazione
tipologia di all'invio al repertorio vengono
calcolati come la differenza tra le
giudice due date.
I giorni dall'invio al repertorio al
ritorno vengono calcolati come la
differenza tra le due date.
I giorni dalla pubblicazione
all'impugnazione vengono
calcolati come la differenza tra le
due date.
Nel caso di sentenze a verbale la
data di decisione è considerata
anche come data di deposito e
come data di pubblicazione nel
caso in cui mancasse.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 255
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Viene mostrato il numero delle
sentenze depositate, pubblicate,
TM008 Analisi delle inviate al registro, ritornate dal mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile
registro, impugnate nel mese
sentenze sezione, Anno e Mese
raggruppate per ufficio, sezione,
giudice, rito, materia, oggetto,
depositate, giudice, rito,
tipo sentenza, collegialità del
provvedimento e, nel caso delle
pubblicate, materia,
sentenze depositate, distinte per
inviate al intervallo deposito sentenza. oggetto, tipo

registro, Il numero di giorni tra la decisione sentenza,


e il deposito sono dati da:
ritornate dal data di deposito - la maggiore tra collegialità del
la data di rimessione, la data di
registro, scadenza repliche , la data di provvedimento
scadenze conclusionali e la data
impugnate decisione. , intervallo
I giorni dal deposito alla
nel mese per pubblicazione vengono calcolati deposito
come la differenza tra le due
giudice date. sentenza
I giorni dalla pubblicazione
all'invio al repertorio vengono
calcolati come la differenza tra le
due date.
I giorni dall'invio al repertorio al
ritorno vengono calcolati come la
differenza tra le due date.I giorni
dalla pubblicazione
all'impugnazione vengono
calcolati come la differenza tra le
due date.Nel caso di sentenze a
verbale la data di decisione è
considerata anche come data di
deposito e come data di
pubblicazione nel caso in cui
mancasse.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 256
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Viene mostrato il numero delle
sentenze depositate, pubblicate,
TM008t Analisi delle inviate al registro, ritornate dal trimestre, Origine, Ufficio, trimestrale
registro, impugnate nel trimestre
sentenze ufficio, Anno e
raggruppate per ufficio, sezione,
giudice, rito, materia, oggetto,
depositate, sezione, Trimestre
tipo sentenza, collegialità del
provvedimento e, nel caso delle
pubblicate, giudice, rito,
sentenze depositate, distinte per
inviate al intervallo deposito sentenza. materia,

registro, Il numero di giorni tra la decisione oggetto, tipo


e il deposito sono dati da:
ritornate dal data di deposito - la maggiore tra sentenza,
la data di rimessione, la data di
registro, scadenza repliche , la data di collegialità del
scadenze conclusionali e la data
impugnate decisione. provvedimento
I giorni dal deposito alla
nel trimestre pubblicazione vengono calcolati , intervallo
come la differenza tra le due
per giudice date. deposito
I giorni dalla pubblicazione
all'invio al repertorio vengono sentenza
calcolati come la differenza tra le
due date.
I giorni dall'invio al repertorio al
ritorno vengono calcolati come la
differenza tra le due date.I giorni
dalla pubblicazione
all'impugnazione vengono
calcolati come la differenza tra le
due date.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 257
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Viene mostrato il numero delle
sentenze depositate, pubblicate,
TM008s Analisi delle inviate al registro, ritornate dal semestre, Origine, Ufficio, semestrale
registro, impugnate nel semestre
sentenze ufficio, Anno e
raggruppate per ufficio, sezione,
giudice, rito, materia, oggetto,
depositate, sezione, Semestre
tipo sentenza, collegialità del
provvedimento e, nel caso delle
pubblicate, giudice, rito,
sentenze depositate, distinte per
inviate al intervallo deposito sentenza. materia,

registro, Il numero di giorni tra la decisione oggetto, tipo


e il deposito sono dati da:
ritornate dal data di deposito - la maggiore tra sentenza,
la data di rimessione, la data di
registro, scadenza repliche , la data di collegialità del
scadenze conclusionali e la data
impugnate decisione. provvedimento
I giorni dal deposito alla
nel semestre pubblicazione vengono calcolati , intervallo
come la differenza tra le due
per giudice date. deposito
I giorni dalla pubblicazione
all'invio al repertorio vengono sentenza
calcolati come la differenza tra le
due date.
I giorni dall'invio al repertorio al
ritorno vengono calcolati come la
differenza tra le due date.I giorni
dalla pubblicazione
all'impugnazione vengono
calcolati come la differenza tra le
due date.Nel caso di sentenze a
verbale la data di decisione è
considerata anche come data di
deposito e come data di
pubblicazione nel caso in cui
mancasse.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 258
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Viene mostrato il numero delle
sentenze depositate, pubblicate,
TM008a Analisi delle inviate al registro, ritornate dal anno, ufficio, Origine, Ufficio annuale
registro, impugnate nell'anno
sentenze sezione, e Anno
raggruppate per ufficio, sezione,
giudice, rito, materia, oggetto,
depositate, giudice, rito,
tipo sentenza, collegialità del
provvedimento e, nel caso delle
pubblicate, materia,
sentenze depositate, distinte per
inviate al intervallo deposito sentenza. oggetto, tipo

registro, Il numero di giorni tra la decisione sentenza,


e il deposito sono dati da:
ritornate dal data di deposito - la maggiore tra collegialità del
la data di rimessione, la data di
registro, scadenza repliche , la data di provvedimento
scadenze conclusionali e la data
impugnate decisione. , intervallo
I giorni dal deposito alla
nell'anno per pubblicazione vengono calcolati deposito
come la differenza tra le due
giudice date. sentenza
I giorni dalla pubblicazione
all'invio al repertorio vengono
calcolati come la differenza tra le
due date.
I giorni dall'invio al repertorio al
ritorno vengono calcolati come la
differenza tra le due date.I giorni
dalla pubblicazione
all'impugnazione vengono
calcolati come la differenza tra le
due date.Nel caso di sentenze a
verbale la data di decisione è
considerata anche come data di
deposito e come data di
pubblicazione nel caso in cui
mancasse.

TM010 Elenco delle Viene presentato l'elenco delle mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale

ordinanze ordinanze riservate ancora da sezione, Anno e Mese

riservate da depositare i cui termini per il giudice,

depositare deposito sono superiori ai 40 oggetto, stato

oltre 40gg giorni e gli effettivi giorni di riserva

per giudice riserva, raggruppate per sezione,

giudice ed oggetto
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 259
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO

TM011 Analisi dello Viene presentato il numero delle mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile

stato delle ordinanze riservate al mese grado, giudice, Anno e Mese

ordinanze raggruppate per grado, giudice ed oggetto, stato

riservate al oggetto e suddivise per stato. riserva

mese per Vengono inoltre presentati i valori

giudice medi dei giorni di riserva per le

ordinanze riservate con stato

“sciolta”

TM012 Elenco delle Viene presentato l'elenco delle mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale

sentenze da sentenze ancora da depositare i sezione, Anno e Mese

depositare cui termini per il deposito sono giudice,

oltre 120gg superiori ai 120 giorni e gli oggetto, stato

per giudice effettivi giorni di ritardo, sentenza,

raggruppati per sezione, giudice sentenza

ed oggetto

TM013 Elenco delle Viene presentato l'elenco delle mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale

sentenze da sentenze ancora da pubblicare e sezione, Anno e Mese

pubblicare gli effettivi giorni di ritardo, giudice,

per giudice raggruppati per sezione, giudice, oggetto, tipo

oggetto e tipo sentenza sentenza, stato

sentenza,

sentenza
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 260
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Viene presentato il numero delle
sentenze al mese raggruppate
TM014 Analisi delle per sezione, giudice, oggetto e mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile
suddivise tra sentenze
sentenze al sezione, Anno e Mese
Depositate, Pubblicate, Inviate al
Registro, Ritornate dal Registro
mese per giudice,
ed Impugnate. Vengono inoltre
presentati i valori medi dei giorni
giudice oggetto, tipo
dalla decisione al deposito, dal
deposito alla pubblicazione, dalla evento
pubblicazione all'invio al registro,
dall'invio al ritorno dal registro per sentenza
le sentenze con stato pubblicate,
inviate al registro, ritornate dal
registro.

Il numero di giorni tra la decisione


e il deposito sono dati da:
data di deposito - la maggiore tra
la data di rimessione, la data di
scadenza repliche , la data di
scadenze conclusionali e la data
decisione.
I giorni dal deposito alla
pubblicazione vengono calcolati
come la differenza tra le due
date.I giorni dalla pubblicazione
all'invio al repertorio vengono
calcolati come la differenza tra le
due date.I giorni dall'invio al
repertorio al ritorno vengono
calcolati come la differenza tra le
due date.I giorni dalla
pubblicazione all'impugnazione
vengono calcolati come la
differenza tra le due date.Nel
caso di sentenze a verbale la
data di decisione è considerata
anche come data di deposito e
come data di pubblicazione nel
caso in cui mancasse.

ANALISI DEI AS001 Analisi dei Viene presentato il numero dei anno, ufficio, Origine, Ufficio semestrale

SOPRAVVENUTI fascicoli fascicoli iscritti o che hanno avuto grado, rito, e Anno

sopravvenuti un mutamento di rito o un evento materia ed

nell'anno per di riassunzione nell'anno per oggetto,

ufficio, rito e ufficio, materia,rito ed oggetto fascicolo

materia ed distinguendo tra fascicoli portanti portante

oggetto e sub, primo e secondo grado


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 261
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO

AS002 Analisi dei Viene presentato il numero dei trimestre, Origine, Ufficio, trimestrale

fascicoli fascicoli iscritti o che hanno avuto ufficio, grado, Anno e

sopravvenuti un mutamento di rito o un evento rito, materia, Trimestre

nel trimestre di riassunzione nel trimestre per oggetto,

per rito e rito, materia ed oggetto fascicolo

materia ed distinguendo tra fascicoli portanti portante

oggetto e sub, primo e secondo grado

AS003 Analisi dei Viene presentato il numero dei mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale

fascicoli fascicoli iscritti o che hanno avuto grado, rito, Anno e Mese

sopravvenuti un mutamento di rito o un evento materia,

nel mese per di riassunzione nel mese per rito, oggetto,

rito, materia materia ed oggetto distinguendo fascicolo

ed oggetto. tra fascicoli portanti e sub, primo portante

e secondo grado

AS004 Analisi dei Viene presentato il numero dei mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale

fascicoli fascicoli iscritti o che hanno avuto grado, rito, Anno e Mese

sopravvenuti un mutamento di rito o un evento oggetto,

nel mese per di riassunzione nel mese per rito fascicolo

rito e oggetto ed oggetto distinguendo tra portante

fascicoli portanti e sub, primo e

secondo grado

AS010 Analisi delle Viene mostrato il numero dei trimestre, Origine, Ufficio, trimestrale

iscrizioni nel fascicoli iscritti nel trimestre per ufficio, ufficio Anno e

trimestre per ufficio di provenienza, rito e di provenienza, Trimestre

ufficio di materia ed oggetto rito, materia,

provenienza, oggetto

rito e materia

ed oggetto
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 262
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO

AS001b Analisi dei Viene presentato il numero dei anno, ufficio, Origine, Ufficio semestrale

fascicoli fascicoli assegnati o che hanno grado, rito, e Anno

assegnati avuto un mutamento di rito o un materia ed

nell'anno per evento di riassunzione nell'anno oggetto,

ufficio, rito e per ufficio, materia,rito ed oggetto fascicolo

materia ed distinguendo tra fascicoli portanti portante

oggetto e sub, primo e secondo grado

AS002b Analisi dei Viene presentato il numero dei trimestre, Origine, Ufficio, trimestrale

fascicoli fascicoli assegnati o che hanno ufficio, grado, Anno e

assegnati nel avuto un mutamento di rito o un sezione, tipo Trimestre

trimestre per evento di riassunzione nel giudice, rito,

sezione e trimestre per rito, materia ed materia,

tipo giudice oggetto distinguendo tra fascicoli oggetto,

per rito e portanti e sub, primo e secondo fascicolo

materia ed grado portante

oggetto.

AS003b Analisi dei Viene presentato il numero dei mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale

fascicoli fascicoli assegnati o che hanno grado, Anno e Mese

assegnati nel avuto un mutamento di rito o un sezione, tipo

mese per evento di riassunzione nel mese giudice, rito,

sezione e per sezione, tipo giudice, rito, materia,

tipo giudice materia ed oggetto distinguendo oggetto,

per rito, tra fascicoli portanti e sub, primo fascicolo

materia ed e secondo grado portante

oggetto.

AS004b Analisi dei Viene presentato il numero dei mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale

fascicoli fascicoli assegnati o che hanno grado, giudice, Anno e Mese

assegnati nel avuto un mutamento di rito o un rito, oggetto,

mese per evento di riassunzione nel mese fascicolo

giudice, per per giudice, rito e oggetto portante

rito e oggetto distinguendo tra fascicoli portanti

e sub, primo e secondo grado


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 263
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO

AS009b Analisi delle Viene mostrato il numero dei trimestre, Origine, Ufficio, trimestrale

assegnazioni fascicoli assegnati nel trimestre ufficio, ufficio Anno e

nel trimestre per ufficio di provenienza, rito, di provenienza, Trimestre

per ufficio di materia ed oggetto rito, materia,

provenienza, oggetto

rito e materia

ed oggetto

AS010b Analisi delle Viene mostrato il numero dei trimestre, Origine, Ufficio, trimestrale

assegnazioni fascicoli assegnati nel trimestre ufficio, ufficio Anno e

per Ufficio di per ufficio di provenienza, per di provenienza, Trimestre

provenienza sezione, rito e materia ed sezione, rito,

nel trimestre oggetto materia,

e sezione oggetto

ANALISI DEI TC002 Analisi Viene mostrato il ritardo medio mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile

TEMPI DI dell'attività di della registrazione evento per sezione, Anno e Mese

CANCELLERIA cancelleria sezione, giudice, tipo di evento giudice, tipo

per mese, evento

per sezione e

per giudice

ANALISI DEGLI IN001 Analisi degli Viene mostrato il numero degli anno, ufficio, Origine, Ufficio semestrale

INCARICHI incarichi incarichi assegnati, il numero giudice, e Anno

nell'anno per degli incarichi liquidati ed il tipologia

ufficio compenso liquidato nell'anno per incaricato,

ufficio, incaricato, tipologia incaricato

incaricato e giudice

IN002 Analisi degli Viene mostrato il numero degli trimestre, Origine, Ufficio, trimestre

incarichi nel incarichi assegnati, il numero ufficio, Anno e

trimestre per degli incarichi liquidati ed il sezione, tipo Trimestre

sezione compenso liquidato nel trimestre giudice,

per incaricato, tipologia tipologia

incaricato, sezione e tipo giudice incaricato,

incaricato
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 264
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO

IN003 Analisi degli Viene mostrato il numero degli mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile

incarichi nel incarichi assegnati, il numero sezione, Anno e Mese

mese per degli incarichi liquidati ed il giudice,

giudice compenso liquidato nel mese, tipologia

raggruppati per sezione, giudice, incaricato,

tipologia incaricato ed incaricato incaricato

ANALISI DELLE AU002 Analisi delle Viene mostrato il numero delle mese, ufficio, Origine, Ufficio, mensile

UDIENZE giornate di giornate di udienza, il numero dei sezione, Anno e Mese

udienza nel fascicoli trattati e la media di giudice

mese per fascicoli trattati per giornata,

giudice raggruppati per sezione e giudice

AU003 Analisi delle Viene mostrato il numero delle mese, ufficio, Origine, Ufficio, settimanale

udienze nel udienze tenute nel mese per sezione, Anno e Mese

mese per sezione, giudice, rito, materia , giudice, rito,

giudice in oggetto e tipo di udienza, materia,

base al ruolo distinguendo per collegialità e per oggetto, tipo di

per rito e ruolo del giudice nello udienza,

materia ed svolgimento dell'udienza collegialità,

oggetto ruolo giudice


Viene mostrato il numero di
fascicoli pendenti, raggruppati per
AREA DEI AP010 Confronto sezione, tipologia di giudice, anno, ufficio, Origine, Ufficio trimestrale
giudice, rito e materia, per ogni
CONFRONTI dell' sezione, tipo e Anno
mese dell'anno.
andamento giudice,
Nel caso in cui i dati si riferiscano
ad un mese antecedente alla
dei fascicoli giudice, rito,
data di aggiornamento dei dati
pendenti nei come pendenti si intendono i materia
fascicoli pendenti all'ultimo giorno
vari mesi di del mese.
Nel caso in cui i dati si riferiscano
un al mese di aggiornamento dei dati
come pendenti si intendono i
determinato fascicoli pendenti alla data di
aggiornamento.
anno per

sezione, tipo

giudice,

giudice, rito

e materia
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 265
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO
Viene mostrato, per ognuno degli
ultimi 5 anni, il numero dei
AD006 Confronto fascicoli definiti nell'ufficio anno, ufficio, Origine, Ufficio semestrale
raggruppati per tipologia di
dell' tipologia di e Anno
definizione, tipologia di giudice,
per rito e materia.
andamento definizione,
Vengono considerati
dei fascicoli tipologia di
procedimenti definiti tutti i
definiti negli procedimenti con eventi di tipo giudice, rito,
:Sentenza (Pubblicazione
ultimi 5 anni Sentenza - data pubblicazione, materia
Lettura del dispositivo, sentenza
nell'ufficio a verbale - data decisione
...)Estinzione (data evento di
per tipologia estinzione)Altre modalità
(trasmissione ad altro ufficio
di giudice, giudiziario, non luogo a
provvedere, ...).
per rito, Ordinanza/Decreto (Ordinanza di
convalida di sfratto, decreto
materia e ordinanza di accoglimento totale,
....). Riunione Definito per
tipologia di conciliazione . Definito per 186
quater. Nei casi di Sospensione,
definizione. Interruzione e Cancellazione i
provvedimenti vengono
considerati definiti solo nel caso
in cui non abbiano poi avuto un
evento di riassunzione nel
periodo che si sta osservando.

AS006 Confronto Viene mostrato per ogni anno il anno, ufficio, Origine, Ufficio semestrale

dell' numero dei fascicoli iscritti o che rito, materia e Anno

andamento hanno avuto un mutamento di rito

dei fascicoli o un evento di riassunzione

sopravvenuti nell'ufficio raggruppati per rito,

negli ultimi 5 materia

anni

nell'ufficio

per rito,

materia
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 266
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

DIMENSIONI PARAMETRI FREQUENZA


AREA TEMATICA NOME TITOLO DESCRIZIONE
DI ANALISI OBBLIGATORI DI ACCESSO

AS006b Confronto Viene mostrato per ogni anno il anno, ufficio, Origine, Ufficio semestrale

dell' numero dei fascicoli assegnati o rito, materia e Anno

andamento che hanno avuto un mutamento

dei fascicoli di rito o un evento di riassunzione

assegnati nell'ufficio raggruppati per rito,

negli ultimi 5 materia

anni

nell'ufficio

per rito,

materia

Tabella 6 - Elenco dei Report FIM


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 267
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

15.7 MATRICE DEGLI ACCESSI

La seguente tabella riporta l’elenco dei report mostrando quali ruoli possono accedervi.

I report sono suddivisi per Area Tematica. Per ciascun report è indicato il codice, il nome e
nelle ultime tre colonne è indicata una “x” nel caso in cui il report sia accessibile
rispettivamente dai Presidenti di Ufficio, da Presidenti di Sezione e dai Magistrati.

AREA TEMATICA NOME TITOLO PRESIDENTE PRESIDENTE MAGISTRATO

UFFICIO SEZIONE

ANALISI ECONOMICA AE001 Contributo unificato versato nel x

trimestre per l'ufficio per rito ed

materia

ANALISI DELLE AP001 Analisi dei fascicoli pendenti al x

mese per l'ufficio per rito e materia


PENDENZE

AP002 Analisi dei fascicoli pendenti al x x

mese per sezione e per tipologia di

giudice

AP003 Analisi dei fascicoli pendenti per x x X

giudice, rito e materia al mese

AP004 Analisi dei fascicoli pendenti per x x X

giudice, rito e oggetto al mese

AP005 Analisi dei fascicoli pendenti per x x X

fase del procedimento per giudice,

rito e materia

AP006 Analisi dei fascicoli pendenti per x x

fase del procedimento per sezione

e tipologia giudice
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 268
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

AREA TEMATICA NOME TITOLO PRESIDENTE PRESIDENTE MAGISTRATO

UFFICIO SEZIONE

AP007 Analisi dei fascicoli pendenti per x x x

anno di iscrizione, rito e materia per

giudice nel mese

AP007b Analisi dei fascicoli pendenti al x x x

mese per rito e materia

ANALISI DELLE AD001 Analisi dei fascicoli definiti nel x

trimestre nell'ufficio per rito,


DEFINIZIONI
materia, tipologia di definizione ed

esito

AD002 Analisi dei fascicoli definiti nel x x

trimestre per sezione, per rito,

materia, tipologia di definizione ed

esito

AD003 Analisi dei fascicoli definiti nel x x x

mese per giudice, per rito, materia,

tipologia di definizione ed esito

AD004 Analisi dei fascicoli definiti nel x x x

mese per giudice, per rito, oggetto

tipologia di definizione ed esito

TEMPISTICA TP003 Durata media dei procedimenti x x x

definiti nel mese per giudice


DEL PROCEDIMENTO

(DURATA

COMPLESSIVA)

TP003a Durata media dei procedimenti x x x

definiti nell'anno per giudice


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 269
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

AREA TEMATICA NOME TITOLO PRESIDENTE PRESIDENTE MAGISTRATO

UFFICIO SEZIONE

TP003s Durata media dei procedimenti x x x

definiti nel semestre per giudice

TEMPISTICA TM001 Analisi dei depositi delle ordinanze x

riservate nel semestre per ufficio


DEL MAGISTRATO

TM002 Analisi dei depositi delle ordinanze x x

riservate nel trimestre per sezione

e tipologia di giudice

TM003 Analisi dei depositi delle ordinanze x x x

riservate nel mese per giudice

TM003t Analisi dei depositi delle ordinanze x x

riservate nel trimestre per giudice

TM003s Analisi dei depositi delle ordinanze x x

riservate nel semestre per giudice

TM003a Analisi dei depositi delle ordinanze x x

riservate nell'anno per giudice

TM004 Analisi dei depositi delle ordinanze x x x

riservate nel mese per giudice e

per stato del fascicolo prima della

riserva

TM006 Analisi delle sentenze depositate, x

pubblicate, inviate al registro,

ritornate dal registro, impugnate nel

semestre per ufficio


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 270
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

AREA TEMATICA NOME TITOLO PRESIDENTE PRESIDENTE MAGISTRATO

UFFICIO SEZIONE

TM007 Analisi delle sentenze depositate, x x

pubblicate, inviate al registro,

ritornate dal registro, impugnate nel

trimestre per sezione e tipologia di

giudice

TM008 Analisi delle sentenze depositate, x x x

pubblicate, inviate al registro,

ritornate dal registro, impugnate nel

mese per giudice

TM008t Analisi delle sentenze depositate, x x x

pubblicate, inviate al registro,

ritornate dal registro, impugnate nel

trimestre per giudice

TM008s Analisi delle sentenze depositate, x x x

pubblicate, inviate al registro,

ritornate dal registro, impugnate nel

semestre per giudice

TM008a Analisi delle sentenze depositate, x x x

pubblicate, inviate al registro,

ritornate dal registro, impugnate

nell'anno per giudice

TM010 Elenco delle ordinanze riservate da x x x

depositare oltre 40gg per giudice

TM011 Analisi dello stato delle ordinanze x x x

riservate al mese per giudice


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 271
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

AREA TEMATICA NOME TITOLO PRESIDENTE PRESIDENTE MAGISTRATO

UFFICIO SEZIONE

TM012 Elenco delle sentenze da x x x

depositare oltre 120gg per giudice

TM013 Elenco delle sentenze da x x x

pubblicare per giudice

TM014 Analisi delle sentenze al mese per x x x

giudice

ANALISI AS001 Analisi dei fascicoli sopravvenuti x

nell'anno per ufficio, rito e materia


DEI SOPRAVVENUTI
ed oggetto.

AS002 Analisi dei fascicoli sopravvenuti x

nel trimestre per rito e materia ed

oggetto.

AS003 Analisi dei fascicoli sopravvenuti x

nel mese per rito, materia ed

oggetto.

AS004 Analisi dei fascicoli sopravvenuti x

nel mese per rito e oggetto.

AS010 Analisi delle iscrizioni nel trimestre x

per ufficio di provenienza, rito e

materia ed oggetto.

AS001b Analisi dei fascicoli assegnati x

nell'anno per ufficio, rito e materia

ed oggetto
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 272
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

AREA TEMATICA NOME TITOLO PRESIDENTE PRESIDENTE MAGISTRATO

UFFICIO SEZIONE

AS002b Analisi dei fascicoli assegnati nel x x

trimestre per sezione e tipo giudice

per rito e materia ed oggetto.

AS003b Analisi dei fascicoli assegnati nel x x x

mese per sezione e tipo giudice per

rito, materia ed oggetto.

AS004b Analisi dei fascicoli assegnati nel x x x

mese per giudice, per rito e

oggetto.

AS009b Analisi delle assegnazioni nel x

trimestre per ufficio di provenienza,

rito e materia ed oggetto.

AS010b Analisi delle assegnazioni per x x

Ufficio di provenienza nel trimestre

e sezione.

ANALISI DEI TEMPI TC002 Analisi dell'attività di cancelleria per x x x

mese, per sezione e per giudice


DI CANCELLERIA

ANALISI IN001 Analisi degli incarichi nell'anno per x

ufficio
DEGLI INCARICHI

IN002 Analisi degli incarichi nel trimestre x x

per sezione

IN003 Analisi degli incarichi nel mese per x x x

giudice

ANALISI AU002 Analisi delle giornate di udienza nel x x

mese per giudice


DELLE UDIENZE
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 273
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

AREA TEMATICA NOME TITOLO PRESIDENTE PRESIDENTE MAGISTRATO

UFFICIO SEZIONE

AU003 Analisi delle udienze nel mese per x x x

giudice in base al ruolo per rito e

materia ed oggetto

AREA AP010 Confronto dell'andamento dei x x x

fascicoli pendenti nei vari mesi di


DEI CONFRONTI
un determinato anno per sezione,

tipo giudice, giudice, rito e materia

AD006 Confronto dell'andamento dei x

fascicoli sopravvenuti negli ultimi 5

anni nell'ufficio per rito, materia

AS006 Confronto dell'andamento dei x

fascicoli sopravvenuti negli ultimi 5

anni nell'ufficio per rito, materia

AS006b Confronto dell'andamento dei x

fascicoli assegnati negli ultimi 5

anni nell'ufficio per rito, materia

Tabella 7 - Matrice degli Accessi ai Report FIM


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 274
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Indice analitico

aggiornamento ......................................................................................................................................................................... 93

Analisi del ruolo ....................................................................................................................................................................... 89

annotazione .................................................................................................................................................................... 173; 174

anteprima ................................................................................................................................................................................ 102

Appuntamento .................................................................................................................................................................... 66; 67

Apri con Word ....................................................................................................................................................................... 179

Archivia ........................................................................................................................................................................... 97; 107

atti ufficiali ............................................................................................................................................................................... 93

Attore........................................................................................................................................................................................ 91

busta ................................................................................................................................................................................. 21; 129

Cifratura ................................................................................................................................................................................. 175

condivisione ........................................................................................................................................................... 176; 177; 178

connessa ................................................................................................................................................. 46; 47; 78; 87; 105; 165

Contenuto fascicolo .......................................................................................................................................................... 74; 90

Contenuto Fascicolo ................................................................................................................................................. 78; 106; 171

conversione ............................................................................................................................................................................ 129

copertina .................................................................................................................................................................................. 91

decifratura .............................................................................................................................................................................. 176

deposito ...................................................................................................................................... 30; 93; 102; 111; 114; 129; 134

disconnessa............................................................................................................................................................................... 46
Estrai Documenti .................................................................................................................................................................. 105

estrazione ................................................................................................................................................................................. 81

evento ..................................................................................................................................................................................... 102

Firma ...................................................................................................................................................................................... 134

Folder ....................................................................................................................................................................................... 22

Gestore Locale ................................................................................................................................................................. 19; 202

griglia ............................................................................................................................................. 43; 46; 74; 90; 166; 167; 179

Modelli .................................................................................................................................................................................. 201

modello .................................................................................................................................................................... 90; 113; 192

PIN ..................................................................................................................................................................... 20; 35; 133; 134

Preferiti ................................................................................................................................................................................. 113

Profili ............................................................................................................................................................................. 213; 216

Profilo d’uso ............................................................................................................................................................................ 36


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 275
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Profilo Utente................................................................................................................................................................. 201; 203

proprietà ................................................................................................................................................................................. 166

Provvedimenti in scrittura ........................................................................................................................................ 94; 106; 107

pubblicazione .................................................................................................................................................................... 32; 97

Punto D’Accesso .................................................................................................................................................................... 165

raggruppamento ..................................................................................................................................................................... 166

redazione ................................................................................................................... 26; 33; 74; 92; 94; 96; 106; 113; 114; 115

repository documentale .................................................................................................................................................... 97; 107

ricerca ................................................................................................................................................................................. 26; 43

Ruolo ................................................................................................................................................................ 33; 41; 42; 72; 73

Scrivi Provvedimento ............................................................................................................................................. 106; 111; 112

smartcard ...................................................................................................................................................... 35; 37; 47; 133; 134

Stampa...................................................................................................................................................................................... 90

Stampa ruolo ............................................................................................................................................................................ 90

storico ..................................................................................................................................................................................... 102

Titolario................................................................................................................................................................................... 22

verbali ...................................................................................................................................................................................... 32

versioni ............................................................................................................................................................................. 97; 107

visibilità.................................................................................................................................................................................... 21

Viste ....................................................................................................................................................................................... 201

wizard ..................................................................................................................................................................................... 129


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 276
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

16 APPENDICE A

16.1 SCRIVANIA

Nome cartella Descrizione


La cartella elenca i fascicoli delle cause in decisione. La cartella
contiene tutti i fascicoli che rappresentano cause in decisione dai
Cause in decisione
ruoli che le prevedono e che allo stesso tempo sono in uno degli
stati "non definiti", se questi sono stati specificati.
La cartella elenca i fascicoli delle cause in riserva. La cartella
contiene tutti i fascicoli la cui descrizione dello stato e' costituita
Cause in riserva
dalla dicitura "riservato" e che allo stesso si trovi in uno degli stati
"non definiti", se questi sono stati specificati.
La cartella elenca i fascicoli delle cause di nuova assegnazione. La
cartella contiene quei fascicoli che verifichino allo stesso tempo le
seguenti condizioni: non siano dei decreti ingiuntivi, non sia
Cause di nuova specificata la data di prossima udienza oppure questa sia
assegnazione posteriore a quella attuale, la "descrizione stato" sia "assegnato a"
oppure "ART. 183", la "data ultima udienza" non sia specificata, lo
stato appartenga al gruppo degli stati "non definiti", se tale gruppo
e' stato specificato.
Cartella delle udienze collegiali. La cartella contiene tutti quei
fascicoli per cui e' stato definito un collegio oppure il cui oggetto e'
contenuto nella seguente lista: 111001, 111011, 111021, 111401,
016001, 016011, 111002, 111012, 111022, 111101, 111102,
111103, 111201, 111211, 111212, 111301, 111999, 112102,
112103, 112202, 101001, 171001, 171002, 171311, 171321,
170001, 170009, 170021, 170031, 170999, 172001, 172012,
Udienza collegiale
172021, 172031, 172999, 173001, 173012, 173021, 173031,
173999, 110001, 110002, 146232, 146239, 146331, 151110,
151111, 151112, 151120, 151130, 151999, 152110, 152112,
152999, 153110, 153112, 153120, 153121, 153122, 153123,
153999, 154112, 154120, 154121, 154122, 154123, 154999,
120001, 171201. Se sono stati specificati gli stati "non definiti" i
suddetti fascicoli ne fanno parte.
La cartella elenca i fascicoli delle cause che il magistrato ha deciso
In evidenza
di inserirvi.
La cartella elenca i fascicoli delle cause che il magistrato ha deciso
Leading case
di inserirvi.
La cartella contiene quei fascicoli che non appartengono all'utente,
In visione
ma che gli sono stati concessi soltanto in visione.

16.2 RUOLO CONTENZIOSO CIVILE

Nome cartella Descrizione


Tutto il ruolo Tutto il ruolo del contenzioso civile.
La cartella contiene i fascicoli afferenti al registro del Contenzioso
Civile che sono ricorsi per decreto ingiuntivo pervenuti e non definiti
Decreti Ingiuntivi
ed i ricorsi per i quali il magistrato ha chiesto l’integrazione della
documentazione.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 277
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

La cartella contiene i fascicoli afferenti al registro del Contenzioso


Civile che sono "PROCEDIMENTI SPECIALI SOMMARI" e che non
Ricorsi di urgenza
sono "Decreti Ingiuntivi". Se gli stati "non definiti" sono specificati,
gli stati di tali fascicoli ne devono far parte.
La cartella contiene i fascicoli afferenti al registro del Contenzioso
Civile che sono ricorsi per decreto ingiuntivo pervenuti e definiti ed i
Decreti Ingiuntivi (archivio)
ricorsi per i quali il magistrato ha chiesto l’integrazione della
documentazione.
La cartella contiene i fascicoli afferenti al registro del Contenzioso
Civile che siano definiti con sentenza e che non siano decreti
Definiti con sentenza
ingiuntivi. Se gli stati "definiti" sono stati specificati, gli stati di tali
fascicoli ne devono far parte.
La cartella elenca i fascicoli definiti, ma non "definiti con sentenza",
Definiti in altro modo e che non sono decreti ingiuntivi. Se gli stati "definiti" sono stati
specificati, gli stati di tali fascicoli ne devono far parte.
La cartella contiene i fascicoli afferenti al registro del Contenzioso
Ex assegnati
Civile e che sono "ex assegnati".
La cartella elenca gli atti digitali presenti nei fascicoli afferenti al
Atti digitali (nei fascicoli)
registro del Contenzioso Civile.

16.3 RUOLO ESECUZIONI FORZATE

Nome cartella Descrizione


Tutto il ruolo La cartella elenca tutti i fascicoli del ruolo esecuzioni
La cartella elenca i fascicoli afferenti al registro delle Esecuzioni
Immobiliari che sono di nuova assegnazione. Se gli stati "non
Nuova assegnazione
definiti" sono stati specificati, gli stati di tali fascicoli ne devono far
parte.
La cartella elenca i fascicoli afferenti al registro delle Esecuzioni
Immobiliari che sono delle procedure esecutive che hanno come
Esecuzioni Immobiliari oggetto immobili pignorati. Se gli stati "non definiti" sono stati
specificati, gli stati di tali fascicoli ne devono far parte.
La cartella elenca i fascicoli afferenti al registro delle Esecuzioni
Immobiliari che sono delle procedure esecutive che hanno come
Esecuzioni Mobiliari
oggetto beni mobili o crediti del debitore. Se gli stati "non definiti"
sono stati specificati, gli stati di tali fascicoli ne devono far parte.
La cartella elenca gli atti digitali presenti nei fascicoli afferenti al
Atti digitali (nei fascicoli)
registro delle Esecuzioni Immobiliari.
La cartella elenca gli atti (sia digitali che cartacei) afferenti al
registro delle Esecuzioni Immobiliari che sono pervenuti su
Ricorsi ed istanze da
procedimenti in carico rispetto ai quali il magistrato deve
evadere
provvedere. Se gli stati "non definiti" sono stati specificati, gli stati di
tali fascicoli ne devono far parte.
La cartella elenca i fascicoli afferenti al registro delle Esecuzioni
Immobiliari che sono dei procedimenti sospesi dal magistrato. I
Esecuzioni Sospese procedimenti rimangono nella cartella limitatamente al periodo di
sospensione. Se gli stati "non definiti" sono stati specificati, gli stati
di tali fascicoli ne devono far parte.
La cartella elenca i fascicoli afferenti al registro delle Esecuzioni
Immobiliari in cui vi sia un incarico di delega di qualsivoglia natura
Delegati (delega dell’intero fascicolo, di tutte le attività di vendita, di singoli
lotti, o anche di una o più attività di cui all’art 591 bis cpc); la
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 278
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Nome cartella Descrizione


presente cartella contiene altresì ogni informazione relativa al
delegato (data di nomina, allarme inattività ecc.)

La cartella elenca i fascicoli afferenti al registro delle Esecuzioni


Immobiliari che sono dei procedimenti per i quali il magistrato ha
Definite
emesso il provvedimento di estinzione. Se gli stati "definiti" sono
stati specificati, gli stati di tali fascicoli ne devono far parte.
La cartella elenca i fascicoli ex-assegnati afferenti al registro delle
Ex-assegnati Esecuzioni Immobiliari.

16.4 RUOLO FALLIMENTARE

Nome cartella Descrizione


La cartella elenca tutti i procedimenti del ruolo fallimentare non
Tutto il ruolo
definiti.
La cartella elenca le procedure fallimentari (ovvero i procedimenti
Fallimenti appartenenti al rito del Vecchio Fallimentare o del Nuovo
Fallimentare) non definite.
La cartella elenca le procedure, non definite, inserite nell'ambito
Liquidazioni Coatte
del rito delle Liquidazioni Coatte Amministrative.
La cartella elenca le procedure, non definite, che rientrano nei riti
Amministrazioni
Amministrazione Straordinaria Grandi Imprese e Amministrazione
Straordinarie
Straordinaria (Legge Marzano).
La cartella elenca le procedure, non definite, che rientrano nei riti
Concordati Preventivi
Concordato Preventivo e Nuovo Concordato Preventivo.
La cartella elenca gli atti digitali presenti nei fascicoli del ruolo
Atti digitali (nei fascicoli)
fallimentare (sia definiti che non definiti).
Fallimenti Chiusi La cartella elenca i procedimenti definiti del ruolo fallimentare.
Ex-assegnati La cartella elenca i fascicoli ex-assegnati del ruolo fallimentare

16.5 RUOLO DEL DIRITTO DEL LAVORO

Nome cartella Descrizione


La cartella elenca tutti i procedimenti del diritto del lavoro (fatta
Tutto il ruolo
esclusione dei decreti ingiuntivi) non definiti.
La cartella elenca i ricorsi per decreto ingiuntivo del diritto del
Decreti Ingiuntivi
lavoro non definiti.
La cartella elenca i tutti i fascicoli (esclusi i decreti ingiuntivi) del
diritto del lavoro per i quali deve essere ancora emanato il
Dispositivi da motivare provvedimento di motivazione (ovvero in attesa della pubblicazione
del provvedimento o della pubblicazione della sentenza a seguito
della lettura del dispositivo in udienza).
La cartella elenca i fascicoli del diritto del lavoro (esclusi i decreti
Cause in riserva
ingiuntivi) non definiti che fanno parte delle cause in riserva.
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 279
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

La cartella elenca i fascicoli di nuova assegnazione (esclusi i


decreti ingiuntivi) e che non siano definiti nel diritto del lavoro. Si
definisce "di nuova assegnazione" quel fascicolo per il quale non
sia stata tenuta nessuna udienza ma che sia nello stato di
Nuova assegnazione
"Assegnato a giudice", "Attesa assegnazione sezione", "Rimesso
al presidente del tribunale" o "Rimesso al presidente della sezione"
ed in più per il quale non sia stata fissata nessuna udienza o che la
data di prossima udienza fissata risulti nel futuro.
La cartella elenca tutti i fascicoli non definiti (esclusi i decreti
Ricorsi di urgenza
ingiuntivi) che siano ricorsi di urgenza.
La cartella elenca i fascicoli riguardanti i procedimenti collegiali non
Cause collegiali
definiti del diritto del lavoro.
La cartella elenca gli atti digitali presenti nei fascicoli afferenti al
Atti digitali (nei fascicoli)
registro del Diritto del Lavoro.
La cartella elenca i ricorsi per decreto ingiuntivo del diritto del
Decreti Ingiuntivi (archivio)
lavoro definiti.
La cartella elenca i fascicoli del diritto del lavoro definiti con
Definiti con sentenza
sentenza.
La cartella elenca i fascicoli del diritto del lavoro definiti né con
Definiti in altro modo
decreto né con sentenza.
Ex assegnati La cartella elenca i procedimenti definiti del diritto del lavoro.

16.6 RUOLO PREFALLIMENTARE

Nome cartella Descrizione

La cartella elenca tutti i procedimenti del ruolo prefallimentare non


Tutto il ruolo
definiti.
La cartella elenca i fascicoli di nuova assegnazione e non definiti
del ruolo prefallimentare. In questo caso, si definisce "di nuova
Nuova assegnazione assegnazione" quel fascicolo che sia nello stato "Assegnato a
giudice" e per il quale non sia stato emesso alcun provvedimento
fuori udienza.
La cartella elenca i fascicoli del ruolo prefallimentare in corso di
Prefallimentare
causa (ovvero né definiti né di nuova assegnazione).
La cartella elenca gli atti digitali presenti nei fascicoli del ruolo
Atti digitali
prefallimentare (sia definiti che non definiti).
La cartella elenca i fascicoli del ruolo prefallimentare definiti con
Definiti con sentenza
dichiarazione di fallimento, di insolvenza o di incompetenza.
La cartella elenca i fascicoli del ruolo prefallimentare definiti con
Definiti con decreto
decreto di rigetto.
La cartella elenca i fascicoli del ruolo prefallimentare definiti in
nessuna delle modalità precedentemente descritte, ovvero
Definiti in altro modo
annullati, riuniti, improcedibili, inammissibili, irricevibili o per i quali
sia stato dato il "non luogo a provvedere".
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Pag. 280
REINGEGNERIZZAZIONE ED EVOLUZIONE DEGLI APPLICATIVI DEL SETTORE CIVILE DELLA
GIUSTIZIA FINALIZZATA AL PROCESSO TELEMATICO
MANUALE DELLA CONSOLLE DEL MAGISTRATO

Nome cartella Descrizione

Ex-assegnati La cartella elenca i fascicoli ex-assegnati del ruolo prefallimentare.

16.7 RUOLO CONTENZIOSO PER CORTE D’APPELLO

Nome cartella Descrizione

La cartella elenca tutti i procedimenti del ruolo contenzioso non


Tutto il ruolo
definiti.
La cartella elenca i fascicoli del rito Camerale
Rito camerale
Rito lavoro La cartella elenca i fascicoli del rito Lavoro
La cartella elenca i tutti i fascicoli (esclusi i decreti ingiuntivi) del
diritto del lavoro per i quali deve essere ancora emanato il
Sentenze con dispositivo
provvedimento di motivazione (ovvero in attesa della pubblicazione
letto in udienza da motivare
del provvedimento o della pubblicazione della sentenza a seguito
della lettura del dispositivo in udienza).
La cartella elenca i fascicoli che risultano sospesi per effetto art.
Ex art. 373 c.p.c
373 cpc.
Ex art. 351 c.pc. Elenca i sub-procedimenti di sospensiva ex art. 351 cpc
Elenca i sub-procedimenti di correzion errore materiale della
Procedimento 288 cpc
sentenza
Rimessi in istruttoria La cartella elenca i fascicoli rimessi in istruttoria
Sub-procedimenti Elenca tutti i sub-procedimenti

16.8 RUOLO DIRITTO DEL LAVORO PER CORTE D’APPELLO

Nome cartella Descrizione

Tutto il ruolo La cartella elenca tutti i procedimenti del ruolo lavoro non definiti.
La cartella elenca i tutti i fascicoli (esclusi i decreti ingiuntivi) del
diritto del lavoro per i quali deve essere ancora emanato il
Sentenze con dispositivo
provvedimento di motivazione (ovvero in attesa della pubblicazione
letto in udienza da motivare
del provvedimento o della pubblicazione della sentenza a seguito
della lettura del dispositivo in udienza).
La cartella elenca i fascicoli del diritto del lavoro (esclusi i decreti
Cause in riserva
ingiuntivi) non definiti che fanno parte delle cause in riserva.