Sei sulla pagina 1di 133

Ministero della Giustizia

Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi


Direzione generale per i sistemi informativi automatizzati
Sistemi informativi automatizzati per la giustizia civile e processo telematico

PROCESSO CIVILE TELEMATICO

Specifiche di Interfaccia tra


Punto di Accesso e Gestore Centrale

Versione 2.0
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Sommario

1 GENERALITÀ .................................................................................................................................. 9
1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO ........................................................................................................................... 9
1.2 APPLICABILITÀ .......................................................................................................................................... 9
1.3 NOTAZIONI GRAFICHE ............................................................................................................................... 9
2 SCENARIO DEL PROCESSO CIVILE TELEMATICO...................................................................... 11
3 FLUSSO DI ABILITAZIONE E GESTIONE UTENZE......................................................................... 13
3.1 REGISTRAZIONE NUOVE UTENZE AVVOCATI E CTU ................................................................................. 13
3.1.1 Descrizione del flusso abilitativo....................................................................................................... 14
3.1.2 Messaggi scambiati............................................................................................................................ 16
3.2 VARIAZIONE UTENZE ............................................................................................................................... 19
3.2.1 Variazione generata dall’utente (avvocato) ....................................................................................... 20
3.2.2 Variazione generata dal Consiglio dell’Ordine (solo per avvocati)................................................... 21
3.3 CANCELLAZIONE UTENZE ........................................................................................................................ 23
3.3.1 Cancellazione generata dall’utente (avvocato) .................................................................................. 24
4 FLUSSI DOCUMENTALI ................................................................................................................ 26
4.1 IL DEPOSITO DI UN ATTO ......................................................................................................................... 26
4.1.1 Fase di trasmissione dell’atto............................................................................................................. 29
4.1.1.1 Struttura del messaggio di “inoltro atto”....................................................................................... 30
4.1.1.2 Struttura del messaggio di “attestazione temporale”..................................................................... 33
4.1.1.3 Struttura del messaggio di “notifica eccezione”............................................................................ 34
4.1.2 Fase di trasmissione dell’esito dell’atto ............................................................................................. 36
4.1.2.1 Struttura del messaggio di “comunicazione esito”........................................................................ 36
4.2 L’INVIO DI UN BIGLIETTO DI CANCELLERIA .............................................................................................. 39

4.2.1 Il messaggio di “biglietto cancelleria” ............................................................................................... 39


4.3 FLUSSO DI NOTIFICHE TRA DIFENSORI (TRAMITE CPECPT) ..................................................................... 44

4.3.1 Invio delle notifiche avvocato-avvocato ............................................................................................ 46


4.3.2 Attestazioni temporali ricevute a seguito dell’invio di notifiche (Avvocato mittente) ...................... 48
4.3.3 Ricezione notifiche e relative attestazioni temporali (Avvocato destinatario)................................... 49
4.4 FUNZIONE DI RICHIESTA E RICEZIONE DELLA COPIA CONFORME .............................................................. 51
5 CONSULTAZIONI .......................................................................................................................... 52
5.1 CARATTERISTICHE DI POLISWEB ............................................................................................................. 54
5.2 ARCHITETTURA E FLUSSI DI COLLOQUIO TRA PUNTO ACCESSO E POLISWEB .......................................... 55
5.3 INTERFACCE PER IL PUNTO DI ACCESSO .................................................................................................. 60
5.3.1 Richiesta “Attivazione Sessione Utente PolisWeb” .......................................................................... 60

PAGINA 2 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

5.3.2 Risposta PolisWeb alla richiesta di “Attivazione Sessione Utente PolisWeb”................................. 61


5.3.3 Richiesta “Pagine Area Privata Consultazione PolisWeb” ................................................................ 62
5.3.4 Risposta di PolisWeb alla richiesta “Pagine Area Privata Consultazione PolisWeb”. ...................... 63
5.3.5 Richiesta “Chiusura Sessione Utente PolisWeb”............................................................................... 63
5.3.6 Risposta PolisWeb per richiesta “Chiusura Sessione Utente PolisWeb”........................................... 64
5.3.7 Eccezioni............................................................................................................................................ 64
5.4 INTERFACCE PER IL BACK-END DI POLIS WEB ......................................................................................... 65
5.4.1 Esempio Messaggio Richiesta Soap .................................................................................................. 66
5.4.2 Esempio Messaggio Risposta Soap.................................................................................................... 67
6 ACCESSO AI REGISTRI SUL GESTORE CENTRALE ..................................................................... 69
6.1 ACCESSO AL REGINDE PER IL REPERIMENTO DI INDIRIZZI E CERTIFICATI DEGLI AVVOCATI .................... 69
6.2 ACCESSO AL REGISTRO DEGLI UFFICI GIUDIZIARI ................................................................................... 70
7 POSTA CERTIFICATA ................................................................................................................... 71
8 ALLEGATI .................................................................................................................................... 72
8.1 FORMATO DEI DATI .................................................................................................................................. 72
8.2 DTD DEI FILE XML .................................................................................................................................... 73
8.2.1 Attestazione.dtd ................................................................................................................................. 73
8.2.2 Certificazione.dtd............................................................................................................................... 73
8.2.3 Comunicazione.dtd ............................................................................................................................ 73
8.2.4 Eccezione.dtd..................................................................................................................................... 74
8.2.5 EsitoAtto.dtd ...................................................................................................................................... 74
8.2.6 InfoInoltro.dtd.................................................................................................................................... 74
8.2.7 InfoIndirizzamento.dtd....................................................................................................................... 75
8.2.8 ComunicazioneIndirizzi.dtd............................................................................................................... 77
8.2.9 InfoNotifica.dtd.................................................................................................................................. 79
8.3 DESCRIZIONE MESSAGGI DI ESITOATTO .................................................................................................. 80
8.4 ANAGRAFICA DEGLI ERRORI RIPORTATI DAL GESTORE CENTRALE .......................................................... 84
8.5 FORMATI WSDL ..................................................................................................................................... 86
8.5.1 WSDL jpw-backend.wsdl.................................................................................................................. 86
8.5.2 Schema wsdlschema.xsd.................................................................................................................... 89

PAGINA 3 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Indice delle figure

Figura 1 - Scenario del Processo Civile Telematico ................................................................ 11


Figura 2 - Flusso di creazione utenza Avvocato ...................................................................... 15
Figura 3 - Busta RichiestaAggiornamentoUtenze................................................................... 17
Figura 4 - Busta AttestazioneCertificata .................................................................................. 17
Figura 5 - Busta EccezioneCertificata...................................................................................... 17
Figura 6 - Busta ComunicazioneIndirizzi ................................................................................ 18
Figura 7 - Busta AnomaliaIndirizzi.......................................................................................... 18
Figura 8 - Struttura del file ComunicazioneIndirizzi.xml........................................................ 19
Figura 9 - Flusso di variazione utenza - generata dall'utente Avvocato .................................. 20
Figura 10 - Flusso di variazione utenza - generata dal CdO .................................................... 21
Figura 11 - Busta AggiornamentoUtenze................................................................................. 22
Figura 12 - Flusso di cancellazione utenza - generata dall'Avvocato ...................................... 24
Figura 13 - Sequence diagram del deposito atto ...................................................................... 27
Figura 14 - Sequence diagram del deposito atto in caso di attestazione temporale................. 29
Figura 15 - Sequence diagram del deposito atto in caso di notifica di eccezione................... 30
Figura 16 - S/MIME di Inoltro Atto........................................................................................ 30
Figura 17 - Struttura del file InfoInoltro.xml ........................................................................... 31
Figura 18 - Struttura del file Certificazione.xml...................................................................... 32
Figura 19 - MIME di Attestazione temporale .......................................................................... 33
Figura 20 - Struttura del file Attestazione.xml......................................................................... 34
Figura 21 - MIME di Notifica eccezione ................................................................................. 35
Figura 22 - Struttura del file Eccezione.xml ............................................................................ 35
Figura 23 - Sequence diagram del deposito atto – Fase di trasmissione dell’esito dell’atto ... 36
Figura 24 - MIME di Comunicazione esito ............................................................................. 37
Figura 25 - Struttura del file EsitoAtto.xml ............................................................................. 37
Figura 26 - Sequence diagram dell’invio di un biglietto di cancelleria ................................... 39
Figura 27 - S/MIME del Biglietto di Cancelleria..................................................................... 40
Figura 28 – Struttura del file Comunicazione.xml................................................................... 41
Figura 29 - Struttura del file InfoIndirizzamento.xml.............................................................. 42
Figura 30 - Notifiche avvocato-avvocato................................................................................. 45
Figura 31 - Dettaglio delle notifiche avvocato-avvocato......................................................... 46

PAGINA 4 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Figura 32 - S/MIME di InoltroNotificaAvvocato .................................................................... 46


Figura 33 - Struttura del file InfoNotifica.xml......................................................................... 47
Figura 34 - MIME di Attestazione temporale .......................................................................... 48
Figura 35 - Struttura del file Attestazione.xml......................................................................... 48
Figura 36 - S/MIME di AttestazioneConsegnaNotifica........................................................... 49
Figura 37 - Busta di ConsegnaNotifica .................................................................................... 50
Figura 38 - Busta di AttestazioneNotifica................................................................................ 50
Figura 39 - Busta di ConsegnaCopiaConforme ....................................................................... 51
Figura 40 - Sequence diagram Consultazione Web ................................................................. 53
Figura 41 - Architettura per PolisWeb nel Punto di Accesso .................................................. 55
Figura 42 - Sequenza Messaggi PA / FE-PW-PA- Attivazione Sessione................................ 56
Figura 43 - Sequenza Messaggi PA / FE-PW-PA- Consultazione .......................................... 57
Figura 44 - Sequenza Messaggi PA / FE-PW-PA- Chiusura Sessione .................................... 58
Figura 45 - Sequenza Messaggi PA / FE-PW-PA- Eccezione Parametri Errati ...................... 59
Figura 46 - Sequenza Messaggi PA / FE-PW-PA- Eccezione Utente Connesso..................... 59
Figura 47 - Rappresentazione grafica dell’interfaccia WSDL per il back end di PolisWeb.... 65

PAGINA 5 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

STORIA DELLE MODIFICHE APPORTATE

Versione Data Descrizione Modifica


1.0 22/11/2004 Prima emissione
2.0 18/05/2007 Riferimenti: inserito D.M. 15 Dicembre 2005
Inserito capitolo 3 Flusso di abilitazione e gestione utenze
Capitolo 4: inseriti
- 4.3 flusso di Notifica tra difensori
- 4.4 Funzione di richiesta e ricezione della copia conforme
Paragrafo 4.1 il Deposito di un atto: inserito elenco dei messaggi scambiati per il
flusso di deposito atto
Paragrafo 4.1.1.2 Struttura del messaggio di “attestazione temporale”: inserita
specifica del subject della busta
Paragrafo 4.1.1.3 Struttura del messaggio di “notifica eccezione”:
- inserita specifica del subject della busta
- inserito riferimento a paragrafo 8.4 Anagrafica degli errori riportati dal
Gestore Centrale
Paragrafo 4.1.2 Fase di trasmissione dell’esito dell’atto: inserita specifica di
trasmissione da GC a PdA di Esito controlli automatici
Paragrafo 4.1.2.1 Struttura del messaggio di “comunicazione Esito”:
- inseriti possibili valori di CodiceEsito
- inserita specifica del subject delle buste di comunicazione esito
- inserito riferimento a paragrafo 8.3 descrizione dei messaggi di
EsitoAtto
Paragrafo 4.2 L’invio di un biglietto di cancelleria: modificato indirizzo
CPECPT GL
Paragrafo 4.2.1 Il messaggio di “Biglietto cancelleria”:
- modificata Figura 20 S/MIME del Biglietto di Cancelleria
- inserite specifiche della busta
- modificata Figura 21 struttura del file Comunicazione.xml
- inserita Figura 22 Struttura del file InfoIndirizzamento.xml e specifiche
Inserito Capitolo 6 Accesso ai Registri su Gestore Centrale
Paragrafo 8.2 DTD dei file xml:
- aggiornato 8.2.6 InfoInoltro.dtd
- inserito 8.2.7 InfoIndirizzamento.dtd
- inserito 8.2.8 ComunicazioneIndirizzi.dtd
- inserito 8.2.9 InfoNotifica.dtd
Inserito paragrafo 8.3 descrizione dei messaggi di Esito Atto
Inserito paragrafo 8.4 Anagrafica degli errori riportati dal Gestore Centrale

PAGINA 6 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

DEFINIZIONI E ACRONIMI

Nel presente capitolo è riportata la descrizione dei termini, degli acronimi e delle
abbreviazioni usate nel documento.
Acronimo Descrizione
CdO Consiglio dell’Ordine
CPC Codice di Procedura Civile
CPECPT Casella di Posta Certificata Processo Telematico (anche CPEPT)
DSN Delivery Status Notification
DTD Document Type Definition
GC Gestore Centrale
HTTP HyperText Transfer Protocol
HTTPS HyperText Transfer Protocol Secure
MIME Multipurpose Internet Mail Extensions
PCT Processo civile telematico
PdA Punto di Accesso
PIN Personal Identification Number
RD Repository Documentale
ReGIndE Registro Generale degli Indirizzi Elettronici
ReLIndE Registro Locale degli Indirizzi Elettronici
RPC Remote Procedure Call
RUG Rete Unitaria della Giustizia
RUPA Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione
S/MIME Secure Multipurpose Internet Mail Extensions
SIC Sistema Informativo Civile
SICI Sistema Informatico del Contenzioso Civile
SIL Sistema Informativo del Lavoro
SMTP Simple Mail Transfer Protocol
SOAP Simple Object Access Protocol
SPC Servizio Pubblico di Connessione
SSLv3 Secure Sockets Layer version 3
UG Ufficio Giudiziario
UI User Interface
UNEP Ufficio Notifiche e Protesti
W3C World Wide Web Consortium
XML eXtensible Markup Language

PAGINA 7 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

RIFERIMENTI

Progressivo Descrizione
1 Regole Tecnico-Operative per l’Uso di Strumenti Informatici e Telematici nel
Processo Civile e relativi allegati.
2 Posta Elettronica Certificata “Allegato tecnico alle linee guida del servizio di
trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata”
(http://www.ctrupa.it/RETE-RUPA/Posta-Elet).
3 RFC 822 - Standard for the format of ARPA Internet text messages.
(http://www.faqs.org/rfcs/rfc822.html)
4 D.M. 15 Dicembre 2005 - Strutturazione dei modelli DTD (Document Type
Definition) relativa all'uso di strumenti informatici e telematici nel processo
civile. (GU n. 301 del 28-12-2005 - Suppl. Ordinario n.210)

PAGINA 8 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

1 GENERALITÀ

1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO


Obiettivo del presente documento è quello di descrivere struttura, formati e contenuti
informativi delle interfacce tra Punto di Accesso e Gestore Centrale, nell’ambito delle
interazioni attualmente previste dal Processo Civile Telematico.

Non costituiscono oggetto del presente documento le interazioni esterne al contesto sopra
individuato, e cioè tra Soggetti Abilitati Esterni e Punto di Accesso né quelle interne al
Dominio Giustizia (interazioni tra Gestore Centrale e Gestori Locali e tra Gestore Locale e
SICI). Analogamente è fuori dal contesto di analisi del presente documento la parte relativa
alla redazione, firma e cifratura degli atti informatici da inviare agli Uffici Giudiziari.

1.2 APPLICABILITÀ
L’ambito di applicazione del presente documento è quello relativo al Processo Civile
Telematico, (d’ora in avanti Processo Telematico), così come regolamentato dalla attuale
versione delle norme tecnico-operative.

1.3 NOTAZIONI GRAFICHE


Nel presente documento, i DTD sono stati rappresentati graficamente secondo la notazione
“W3C Schema”, come riportato, a titolo di esempio, nella figura seguente:

Ogni “elemento” è rappresentato all’interno di un rettangolo. Rettangoli delimitati da linee


continue indicano elementi obbligatori, mentre rettangoli delimitati da linee tratteggiate,
indicano elementi opzionali (vedi figura seguente):

PAGINA 9 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Un elemento può essere costituito da un elemento a scelta tra quelli indicati a destra del
simbolo

come rappresentato dalla seguente figura:

Un elemento è composto da tutti (se obbligatori) gli elementi presenti a destra del simbolo

come rappresentato dalla seguente figura:

Il simbolo “1..∞” indica una cardinalità del corrispondente elemento compresa fra 1 ed n
(vale a dire che l’elemento è presente una o più volte).
Il simbolo “0..∞” indica una cardinalità del corrispondente elemento compresa fra 0 ed n
(vale a dire che l’elemento non è obbligatorio, ma che, se presente, può esserlo anche più di
una volta).
Gli elementi possono essere dotati di diversi attributi, che, in tale rappresentazione grafica,
non vengono però evidenziati. Per una loro dettagliata descrizione si rimanda alla lettura dei
DTD relativi (presenti in appendice).
Anche altre strutture dati, non direttamente riconducibili a file XML, quali, ad esempio, buste
MIME, S/MIME, file firmati, ecc., sono state riportate secondo la notazione “W3C Schema”.
Tale rappresentazione non deve, quindi, essere considerata come rigorosa, ma è stata
semplicemente adottata per uniformare lo stile grafico di schematizzazione.

PAGINA 10 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

2 SCENARIO DEL PROCESSO CIVILE TELEMATICO

Lo scenario operativo del Processo Civile Telematico (PCT) è rappresentato nella figura che
segue:

Soggetto
abilitato
Soggetto
interno
abilitato

GL
Ufficio
Internet

esterno Giudiziario
Soggetto
PdA Soggetto
abilitato
abilitato interno
esterno
RUPA

GC RUG
Soggetto
abilitato
Internet

esterno Soggetto

Soggetto
PdA GL abilitato
interno
abilitato Ufficio
esterno Giudiziario
Soggetto
abilitato
interno

Figura 1 - Scenario del Processo Civile Telematico

Tale scenario prevede una serie di soggetti abilitati all’utilizzo dei servizi del PCT ripartiti
logicamente tra soggetti esterni al Sistema Informatico Civile (SICI) e soggetti interni. I
soggetti abilitati esterni (al momento limitati ai soli difensori di parte) fruiscono dei servizi
offerti dal PCT per il tramite dei servizi realizzati da una serie di entità tecnico-organizzative:

ƒ i Punti di Accesso Esterni (PdA);


ƒ il Gestore Centrale dell’accesso (GC);
ƒ i Gestori Locali dell’accesso (GL).
I PdA eseguono l’autenticazione dei soggetti abilitati esterni e forniscono loro i servizi di
connessione al SICI. Forniscono inoltre servizi di:

PAGINA 11 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

ƒ trasmissione telematica dei documenti informatici processuali


ƒ accesso e gestione della casella di posta elettronica certificata del Processo Telematico
(CPECPT),
ƒ invio notifiche tra difensori e gestione di quelle ricevute
ƒ richiesta e ricezione di Copia Conforme
ƒ accesso alle funzionalità di consultazione (PolisWeb)

Il GC è il punto unico di interazione tra il SICI ed i PdA. Il GC fornisce i servizi di accesso al


SICI ed i servizi di trasmissione telematica dei documenti informatici processuali verso i GL
e verso i PdA.

Il GL è parte del sistema informatico dell'Ufficio Giudiziario (UG). Il GL fornisce i servizi di


accesso al singolo UG ed i servizi di trasmissione telematica dei documenti informatici
processuali tra UG e GC.

PAGINA 12 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

3 FLUSSO DI ABILITAZIONE E GESTIONE UTENZE

La gestione delle utenze relative ai soggetti abilitati ad operare nel Processo Civile
Telematico è regolamentata dalle Regole tecnico-operative (D.M. 14 ottobre 2004 [1]),
articoli 14, 15 e 16.
Affinché il Gestore Centrale possa effettuare la certificazione dei difensori (come prevista
dall’art. 7, comma 1 del D.M. 14 ottobre 2004), ed anche al fine del popolamento del Registro
Generale degli Indirizzi Elettronici, i consigli dell'ordine degli avvocati e il Consiglio
nazionale forense debbono inviare al Gestore Centrale copia dell'albo, in formato elettronico,
sottoscritta con firma digitale (art. 17, commi 2 e 3).

A tal fine, il rappresentante del Consiglio dell’Ordine degli avvocati (CdO) nonché il
rappresentante del Consiglio Nazionale Forense debbono disporre di un’apposita casella di
posta elettronica certificata del processo telematico (CPECPT); al riguardo si configurano due
casi:
a) la CPECPT è creata sul proprio punto di accesso, qualora il CdO sia titolare del punto di
accesso stesso; in questo caso l’indirizzo della CPECPT va comunicato alla DGSIA
(Ufficio processo telematico) a cura del CdO;
b) la CPECPT è creata sul punto di accesso del Ministero della Giustizia (PdA-MG), qualora
il CdO non sia titolare di alcun PdA o non abbia delegato il CNF; in questo caso il CdO
invia una richiesta alla DGSIA (Ufficio processo telematico), che dovrà riportare il codice
fiscale, il nominativo, il numero di serie del certificato di firma digitale1 del
rappresentante. La DGSIA provvederà a creare l’account sul PdA-MG e a comunicarlo al
CdO richiedente.

Nel seguito vengono descritti i flussi abilitativi di Avvocati e CTU, i flussi di variazione dei
dati e di cancellazione della registrazione invocati dagli utenti stessi.

Tutte le modifiche dei dati nei Registri degli Indirizzi sono visibili agli utenti a partire dal
giorno lavorativo successivo a quello in cui vengono effettuate.

3.1 REGISTRAZIONE NUOVE UTENZE AVVOCATI E CTU


Per la creazione di un utente il Punto di Accesso deve seguire le procedure descritte dalle
Regole tecnico operative, allo scopo di generare la CPECPT del soggetto abilitato e ad
inserire tutti i dati richiesti dalle Regole stesse.

1
Il “Gestore Centrale” verifica che la comunicazione di variazione di status professionale degli Avvocati, non sia “semplicemente” firmata
digitalmente, ma che lo sia esattamente col certificato digitale del Rappresentante/delegato del CdO di competenza

PAGINA 13 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

I dati da registrare sono i seguenti:


a) dati identificativi dell’utente, così come definiti per il Registro Generale degli Indirizzi
Elettronici (ReGIndE): nome e cognome, codice fiscale, data e luogo di nascita, residenza,
certificato digitale relativo alla chiave pubblica da utilizzare per la cifratura, ecc.
b) altri dati utente necessari (ruolo, dati relativi ai difensori, ecc.).

Le Regole Tecniche stabiliscono, agli articoli 14, 16 e 17, un flusso abilitativo che viene di
seguito schematizzato:

1. i soggetti esterni che desiderano registrarsi presso un Punto di Accesso, devono


produrre una richiesta scritta, comunicando i seguenti dati (art. 14):
ƒ nome e cognome;
ƒ luogo e data di nascita;
ƒ codice fiscale;
ƒ residenza;
ƒ domicilio;
ƒ certificato digitale, relativo alla chiave pubblica, per la cifratura;
ƒ consiglio dell’ordine di appartenenza;
inoltre è richiesto un certificato:
ƒ per i difensori, un certificato, rilasciato in data non anteriore a venti giorni, in
cui il consiglio dell'ordine di appartenenza attesta l'iscrizione all'albo, all'albo
speciale, al registro dei praticanti abilitati oppure la qualifica che legittima
all’esercizio della difesa e l'assenza di cause ostative allo svolgimento
dell'attività difensiva;
ƒ per gli esperti e gli ausiliari del giudice, il certificato di iscrizione all'albo dei
consulenti tecnici o copia della nomina da parte del giudice dalla quale risulta
che l'incarico non è esaurito.
2. (art. 14 comma 7) il Punto di Accesso acquisisce tutti i dati necessari all’inserimento
nei registri degli indirizzi elettronici, genera l’indirizzo elettronico e invia i dati
acquisiti al Gestore Centrale dell’accesso e, per i soli avvocati, al consiglio dell’ordine
di appartenenza;
3. (art. 16, comma 4 e 5) avvocati e CTU comunicano, rispettivamente al consiglio
dell’ordine ed alla cancelleria, i propri dati identificativi insieme all’indirizzo
elettronico rilasciato dal PdA ed ai dati identificativi del Punto di Accesso.

3.1.1 Descrizione del flusso abilitativo

Per la realizzazione del flusso abilitativo sopra descritto, tutti i soggetti coinvolti (Punti di
Accesso, Gestore Centrale, Consigli dell’Ordine) devono implementare delle procedure
organizzative e dotarsi di adeguate infrastrutture informatiche che consentano la registrazione
degli utenti.
Viene definita una modalità di scambio dati che si differenzia per avvocati e CTU.

PAGINA 14 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

La figura di seguito riportata schematizza il flusso previsto per la richiesta di abilitazione di


un avvocato.

Rappresentante
Avvocato Punto di Accesso Gestore Centrale Consiglio dell’Ordine

0 - Richiesta registrazione

1 - Richiesta di abilitazione

2 - Attestazione Temporale / Notifica eccezione

3 - Abilitazione Utente
4 - Comunicazione Indirizzi - Anomalie

5 - Abilitazione Utente
6 - Inoltro richiesta di abilitazione

Figura 2 - Flusso di creazione utenza Avvocato

Lo scambio di messaggi tra PdA, GC e CdO avviene per via telematica, e le comunicazioni
sono strutturate in linguaggio XML, secondo il formato definito nel relativo decreto
ministeriale (c.d. decreto DTD [4]).

Di seguito la descrizione del flusso relativo alla creazione di un’utenza, nel caso particolare
degli avvocati:
a. L’avvocato si reca presso il proprio Consiglio dell’Ordine e richiede il certificato di
appartenenza all’albo;
b. L’avvocato consegna al Punto di Accesso prescelto una richiesta scritta di
registrazione, accompagnata dal certificato di appartenenza all’albo e dalla chiave
pubblica del proprio certificato di cifratura;
c. Il Punto di Accesso genera l’indirizzo elettronico dell’avvocato;
d. Il Punto di Accesso verifica che l’avvocato non abbia già un indirizzo elettronico nel
Registro Generale degli Indirizzi, e invia al Gestore Centrale una richiesta di
abilitazione dell’avvocato, in un formato XML che comprende codice fiscale, indirizzo
elettronico, consiglio dell’ordine, codice del PdA, chiave pubblica del certificato di
cifratura e dati anagrafici dell’avvocato;

PAGINA 15 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

e. Il Gestore Centrale effettua i controlli formali sul messaggio ed in caso di esito positivo
invia un’attestazione temporale. In caso di errore nel formato del messaggio viene
inviata una notifica di eccezione ed il flusso viene interrotto;
f. Il Gestore Centrale verifica il merito della richiesta. In caso di esito positivo si
predispone all’aggiornamento del ReGIndE (che sarà operativo il giorno lavorativo
seguente) con i dati del nuovo avvocato e invia al Punto di Accesso un file XML
contenente gli indirizzi abilitati. In caso di esito negativo (ad esempio se l’avvocato è
già presente nel ReGIndE) invia al Punto di Accesso un messaggio contenente
l’anomalia;
g. il Punto di Accesso riceve il file XML e a sua volta aggiorna il Registro Locale degli
Indirizzi e abilita l’avvocato;
h. il Gestore Centrale inoltra i dati degli avvocati di competenza di ciascun Consiglio
dell’Ordine alle relative caselle di posta certificata.

Lo scambio dei dati tra PdA, GC, CdO avviene tramite Posta Elettronica Certificata.
Ogni Consiglio dell’Ordine nonché il Consiglio Nazionale Forense debbono disporre di una
casella di posta elettronica certificata del processo telematico (CPECPT) per scambiare
messaggi con il GC. L’accesso a tale CPECPT è riservato al Presidente del CdO o ad un suo
delegato. Tale CPECPT non deve coincidere con quella eventualmente in possesso del
Presidente del CdO (se avvocato) per la ricezione dei Biglietti di Cancelleria e delle altre
comunicazioni per i difensori.
Il CdO deve essere dotato dei mezzi informatici necessari alla produzione ed alla firma di file
XML. La spedizione di tali file verso la CPECPT del Gestore Centrale viene effettuata con le
funzionalità di gestione della CPECPT fornite dal Punto di Accesso.

3.1.2 Messaggi scambiati

Per la realizzazione del flusso abilitativo sopra descritto vengono scambiati fra Punto di
Accesso, Gestore Centrale e Consiglio dell’Ordine i seguenti messaggi (gli indici sono in
riferimento a Figura 2):

Dal “Punto di Accesso” al “Gestore Centrale”


1. BUSTA: “RichiestaAggiornamentoUtenze”
ALLEGATO: “ComunicazioneIndirizzi.xml”
SUBJECT: “POSTA CERTIFICATA: Comunicazione Indirizzi PdA: <CodPdA>-
aaaa-nnnn”
UTILIZZO: invio comunicazioni di iscrizione

PAGINA 16 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Figura 3 - Busta RichiestaAggiornamentoUtenze

Dal “Gestore Centrale” al “Punto di Accesso”


2.a BUSTA: “AttestazioneCertificata”
ALLEGATO: “Attestazione.xml.p7m”
SUBJECT:
“POSTA CERTIFICATA: Attestazione: <CodPdA>-aaaa-nnnn: GCMsgIdnn”
UTILIZZO: Attestazione Temporale

Figura 4 - Busta AttestazioneCertificata

2.b BUSTA: “EccezioneCertificata”


ALLEGATO: “Eccezione.xml”
SUBJECT:
“POSTA CERTIFICATA: Eccezione: <CodPdA>-aaaa-nnnn: GCMsgIdnn”
UTILIZZO: Notifica di Eccezione (alternativa all’attestazione temporale)

Figura 5 - Busta EccezioneCertificata

4.a BUSTA: “ComunicazioneIndirizzi”


ALLEGATO: “ComunicazioneIndirizzi.xml”
SUBJECT: “POSTA CERTIFICATA: Comunicazione Indirizzi PdA: GCMsgId-nn”
UTILIZZO: Contiene nell’allegato i dati delle comunicazioni di iscrizione che sono
state accettate dal Gestore Centrale

PAGINA 17 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Figura 6 - Busta ComunicazioneIndirizzi

4.b BUSTA: “AnomaliaIndirizzi”


ALLEGATO: “ComunicazioneIndirizzi.xml”
SUBJECT: “POSTA CERTIFICATA: Anomalia PdA: <CodPdA>-aaaa-nnnn:
GCMsgId-nn”
UTILIZZO: contiene nell’allegato gli elementi (comunicazioni di iscrizione) che sono
stati rifiutati dal Gestore Centrale.
Non è alternativa alla busta “ComunicazioneIndirizzi”

Figura 7 - Busta AnomaliaIndirizzi

Dal “Gestore Centrale” ai “Consigli dell’Ordine”


6. BUSTA: “RichiestaAggiornamentoUtenze”
ALLEGATO: “ComunicazioneIndirizzi.xml”
SUBJECT: “POSTA CERTIFICATA: Comunicazione Indirizzi CdO: GCMsgId-nn”
UTILIZZO: Contiene nell’allegato i dati delle comunicazioni di iscrizione che sono
state accettate dal Gestore Centrale
Il formato della busta è riportato in Figura 3

Questo flusso comporta variazioni sul “Registro”, e tratta esclusivamente invio di dati
“anagrafici”, non informazioni relative allo status del difensore.
Possono essere trattati sia “Avvocati” sia “CTU” (per quest’ultima tipologia di utenza sono
previste solo le buste dei punti 1, 2 e 4).
I formati delle buste ed i DTD per la composizione degli XML in esse contenuti, sono
pubblicati nel relativo decreto ministeriale (c.d. decreto DTD [4]).

PAGINA 18 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

In particolare l’elemento “TipoOperazione” dell’allegato XML ComunicazioneIndirizzi


assume il valore “I”.
Di seguito la struttura dell’allegato ComunicazioneIndirizzi:

Figura 8 - Struttura del file ComunicazioneIndirizzi.xml

3.2 VARIAZIONE UTENZE


Per effettuare la variazione dei dati di registrazione di un utente, le procedure da seguire
ricalcano il flusso di inserimento.
Per quanto riguarda gli avvocati, oltre alla modalità di variazione dei dati anagrafici
richiesta dall’utente stesso (avvocato o CTU) è prevista la variazione dello stato

PAGINA 19 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

dell’avvocato, comunicata dal Consiglio dell’Ordine (ad esempio per una sospensione o
per la radiazione) con l’invio di un file XML di variazione dati dell’Albo firmato
digitalmente.

3.2.1 Variazione generata dall’utente (avvocato)

Nel primo caso (modifica dei dati elencati all’art. 14 comma 6 delle Regole Tecniche alle
lettere d), e), f) e g) ) il flusso previsto (nel caso di corretto invio dei messaggi) è il
seguente:

Rappresentante
Avvocato Punto di Accesso Gestore Centrale Consiglio dell’Ordine

0 - Richiesta variazione dati

1 - Richiesta di variazione

2 - Attestazione Temporale

3 – Aggiornamento ReGIndE
4 - Comunicazione Indirizzi - Anomalie

5 – Aggiornamento ReLIndE 6 - Inoltro file XML con dati di variazione

Figura 9 - Flusso di variazione utenza - generata dall'utente Avvocato

Lo scambio di messaggi tra PdA, GC e CdO avviene sempre per via telematica, e le
comunicazioni sono strutturate in linguaggio XML, secondo il formato definito nel relativo
decreto ministeriale (c.d. decreto DTD).
Di seguito una descrizione del flusso:
a. L’avvocato effettua la richiesta di variazione presso il proprio Punto di Accesso;
b. Il Punto di Accesso invia al Gestore Centrale la richiesta di variazione, in un formato
XML che comprende codice fiscale, indirizzo elettronico, consiglio dell’ordine, codice
del PdA, chiave pubblica del certificato di cifratura e dati anagrafici dell’avvocato;
c. Il Gestore Centrale, dopo avere effettuato i controlli formali invia al Punto di Accesso
un’attestazione temporale in caso di esito positivo, una notifica di eccezione altrimenti.
Quindi controlla il merito della richiesta e in caso positivo si predispone
all’aggiornamento del ReGIndE (che sarà operativo il giorno lavorativo seguente) con i

PAGINA 20 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

dati dell’avvocato ed invia un file XML con i dati modificati. In caso di esito negativo
dei controlli il GC invia un messaggio contenente l’anomalia alla CPECPT del Punto
di Accesso;
d. il Punto di Accesso riceve il file XML e a sua volta aggiorna il Registro Locale degli
Indirizzi;
e. il Gestore Centrale inoltra i dati degli avvocati di competenza di ciascun Consiglio
dell’Ordine alle relative caselle di posta certificata.

Nota: Il caso previsto alla lettera g) dell’art. 14 comma 6 delle Regole Tecniche [1] (modifica
del Consiglio dell’Ordine) viene trattato come una richiesta di cancellazione, che deve essere
seguita da una nuova richiesta di registrazione. Allo stesso modo viene gestito anche il
cambio di Punto di Accesso.
Per i messaggi scambiati fra Punto di Accesso, Gestore Centrale e Consiglio dell’Ordine per
la realizzazione del flusso di variazione sopra descritto si faccia riferimento al formato dei
messaggi scambiati per il flusso di abilitazione utenze (3.1.2 Messaggi scambiati).
Nota: L’elemento “TipoOperazione” dell’allegato XML ComunicazioneIndirizzi assume il
valore “M”.

3.2.2 Variazione generata dal Consiglio dell’Ordine (solo per avvocati)

Nel caso di variazione dello stato del difensore generata dal Consiglio dell’Ordine il flusso
previsto (nel caso di corretto invio dei messaggi) è il seguente:

Consiglio Gestore Centrale Punto di Accesso


dell’Ordine

0 – Variazione stato difensore

1 – Creazione XML

2 – invio XML firmato

3 - Attestazione Temporale
4 – Variazione ReGIndE

5 - Comunicazione Indirizzi - Anomalie


6 – invio XML

7 – Aggiornamento ReLIndE

Figura 10 - Flusso di variazione utenza - generata dal CdO

PAGINA 21 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Lo scambio di messaggi tra PdA, GC e CdO avviene sempre per via telematica, e le
comunicazioni sono strutturate in linguaggio XML, secondo i formati definiti nel relativo
decreto ministeriale (c.d. decreto DTD) [4].
Di seguito una descrizione del flusso:
a. Il Consiglio dell’Ordine varia lo stato del difensore e crea il file XML contenente i dati
dell’avvocato e il nuovo stato (attivo, sospeso, radiato, ecc.);
b. il file XML viene firmato dal Presidente del CdO ed inviato alla casella di posta
certificata del Gestore Centrale;
c. Il Gestore Centrale, dopo avere effettuato i controlli formali invia alla CPECPT del
Consiglio dell’Ordine un’attestazione temporale in caso di esito positivo, una notifica
di eccezione altrimenti. Quindi controlla il merito della richiesta e in caso positivo si
predispone all’aggiornamento del ReGIndE (che sarà operativo il giorno lavorativo
seguente) con i dati dell’avvocato ed invia all’Ordine un file XML con i dati
modificati. In caso di esito negativo dei controlli il GC invia un messaggio contenente
l’anomalia alla CPECPT dell’Ordine;
d. Il Gestore Centrale inoltra al Punto di Accesso il file XML ricevuto dal Consiglio
dell’Ordine;
e. Il Punto di Accesso aggiorna il Registro Locale degli Indirizzi.

Per la realizzazione del flusso abilitativo sopra descritto vengono scambiati fra Punto di
Accesso, Gestore Centrale e Consiglio dell’Ordine i seguenti messaggi:

Dal “Consiglio dell’Ordine” al “Gestore Centrale”


2 BUSTA: “AggiornamentoUtenze”
ALLEGATO: “ComunicazioneIndirizzi.xml.p7m”
SUBJECT: “POSTA CERTIFICATA: Comunicazione Indirizzi CdO: <CodPdA>-
aaaa-nnnn”
UTILIZZO: comunicazioni di variazione dati

Figura 11 - Busta AggiornamentoUtenze

Dal “Gestore Centrale” ai “Consigli dell’Ordine”


3.a BUSTA: “AttestazioneCertificata”
ALLEGATO: “Attestazione.xml.p7m”
SUBJECT: “POSTA CERTIFICATA: Attestazione: <CodPdA>-aaaa-nnnn:
GCMsgIdnn”

PAGINA 22 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

UTILIZZO: Attestazione Temporale

3.b BUSTA: “EccezioneCertificata”


ALLEGATO: “Eccezione.xml”
SUBJECT: “POSTA CERTIFICATA: Eccezione: <CodPdA>-aaaa-nnnn: GCMsgId
nn”
UTILIZZO: Notifica di Eccezione (alternativa all’attestazione temporale)

5.a BUSTA: “ComunicazioneIndirizzi”


ALLEGATO: “ComunicazioneIndirizzi.xml”
SUBJECT: “POSTA CERTIFICATA: Comunicazione Indirizzi CdO: GCMsgId-nn”
UTILIZZO: Contiene nell’allegato i dati delle comunicazioni di variazione dati che
sono state accettate dal Gestore Centrale

5.b BUSTA: “AnomaliaIndirizzi”


ALLEGATO: “ComunicazioneIndirizzi.xml”
SUBJECT: “POSTA CERTIFICATA: Anomalia CdO: <CodPdA>-aaaa-nnnn:
GCMsgId-nn”
UTILIZZO: contiene nell’allegato gli elementi (comunicazioni di variazione dati) che
sono stati rifiutati dal Gestore Centrale.
Non è alternativa alla busta “ComunicazioneIndirizzi”

Dal “Gestore Centrale” ai “Punti di Accesso”


6 BUSTA: “AggiornamentoUtenze”
ALLEGATO: “ComunicazioneIndirizzi.xml”
SUBJECT: “POSTA CERTIFICATA: Comunicazione Indirizzi PdA: <CodPdA>-
aaaa-nnnn”
UTILIZZO: comunicazioni di variazione dati

Note: Questo flusso comporta aggiornamento dei “Registri”. NON coinvolge utenze CTU.
L’elemento “TipoOperazione” dell’allegato XML ComunicazioneIndirizzi assume il valore
“V”.

3.3 CANCELLAZIONE UTENZE


La richiesta di cancellazione di un utente viene gestita come un caso particolare di variazione.

PAGINA 23 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Anche in questo caso la richiesta può essere generata direttamente dall’utente.

3.3.1 Cancellazione generata dall’utente (avvocato)

Il flusso previsto nel caso di corretto invio dei messaggi è il seguente:

Rappresentante
Avvocato Punto di Accesso Gestore Centrale Consiglio dell’Ordine

0 - Richiesta cancellazione

1 - Richiesta di cancellazione

2 - Attestazione Temporale

3 - Aggiornamento ReGIndE
4 - Comunicazione Indirizzi - Anomalie

5 - Aggiornamento ReLIndE
6 - Inoltro file XML con richiesta di
cancellazione

Figura 12 - Flusso di cancellazione utenza - generata dall'Avvocato

Lo scambio di messaggi tra PdA, GC e CdO avviene sempre per via telematica, e le
comunicazioni sono strutturate in linguaggio XML, secondo i formati definiti nel relativo
decreto ministeriale (c.d.decreto DTD) [4].
Di seguito una descrizione del flusso:

0. L’avvocato effettua la richiesta di cancellazione presso il proprio Punto di Accesso;


1. Il Punto di Accesso invia al Gestore Centrale la richiesta di cancellazione, nel formato
XML delle richieste di aggiornamento dei dati dei soggetti abilitati;
2. Il Gestore Centrale, dopo avere effettuato i controlli formali, in caso di esito positivo
invia al Punto di Accesso un’attestazione temporale (viene altrimenti generata una
Notifica di Eccezione).
3. Quindi controlla il merito della richiesta e in caso positivo si predispone
all’aggiornamento del Registro Generale degli Indirizzi Elettronici (che sarà operativo
il giorno lavorativo seguente) cancellando (non fisicamente) l’avvocato
4. e invia al Punto di Accesso un file XML con i dati della cancellazione. In caso di esito
negativo dei controlli il GC invia un messaggio contenente l’anomalia alla CPECPT
del Punto di Accesso;

PAGINA 24 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

5. il Punto di Accesso riceve il file XML e a sua volta aggiorna il Registro Locale degli
Indirizzi;
6. il Gestore Centrale inoltra la richiesta di cancellazione a ciascun Consiglio dell’Ordine
coinvolto, alle relative caselle di posta certificata.
Per i messaggi scambiati fra Punto di Accesso, Gestore Centrale e Consiglio dell’Ordine per
la realizzazione del flusso di cancellazione sopra descritto si faccia riferimento al formato dei
messaggi scambiati per il flusso di abilitazione utenze (3.1.2 Messaggi scambiati).
Nota: L’elemento “TipoOperazione” dell’allegato XML ComunicazioneIndirizzi assume il
valore “C”.

PAGINA 25 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

4 FLUSSI DOCUMENTALI

I flussi documentali gestiti nell’ambito del Processo Civile Telematico che transitano
attraverso il Punto di Accesso riguardano:
deposito di atti informatici;
ricezione biglietti di cancelleria;
notifiche tra difensori;
consegna copia.

Nel primo caso il flusso documentale è attivato da un Avvocato che intende depositare un atto
informatico presso un Ufficio Giudiziario. Nel contesto del presente documento ci si limiterà
alla trattazione del processo di imbustamento e di inoltro dell’atto informatico al GC da parte
del PdA. Verranno anche esaminati i messaggi di risposta, di direzione opposta, provenienti
dal GC. Tali messaggi consentono di completare il ciclo logico funzionale del deposito atto,
fornendo, nel contempo, le necessarie garanzie tecnico-legali che l’invio documentale è
andato a buon fine e che l’atto è stato acquisito dall’Ufficio Giudiziario.

Nel caso della ricezione dei biglietti di cancelleria il flusso trae origine dall’azione di un
Cancelliere presso un Ufficio Giudiziario, e consente di notificare ad un Avvocato, per il
tramite della sua CPECPT, il verificarsi di eventi rilevanti relativi ad una causa in cui egli è
difensore di parte. Anche in questo caso è previsto un flusso di direzione opposta, innescato
automaticamente dalla ricevuta di avvenuta consegna prodotta dal sistema di posta certificata
del PdA presso cui la CPECPT è attestata.

La notificazione telematica di documenti informatici tra difensori consiste nell’inoltro del


documento dal Punto di Accesso del mittente alla CPECPT del destinatario.

La funzione di consegna di copia conforme viene attivata tramite una funzionalità di richiesta
di copia messa a disposizione da Polis Web.

Nella funzione di deposito atto l’utilizzo del protocollo SMTP negli scambi tra PdA e GC è
strumentale allo scambio di dati, mentre nei restanti flussi viene fatto uso dei meccanismi
previsti dalla Posta Certificata nella specifica estensione definita dalle “Norme tecnico-
operative del Processo Telematico”. Nel seguito della trattazione si farà ampio riferimento
alla nomenclatura utilizzata da tale standard al quale si rimanda per maggiori approfondimenti
(vedi Riferimenti, documento “Posta Certificata – Allegato Tecnico”).

4.1 IL DEPOSITO DI UN ATTO


Il deposito di un atto consiste nel suo complesso in un flusso attivato da un Avvocato e avente
come destinatario un Ufficio Giudiziario e in un flusso di risposta che segnala l’esito del

PAGINA 26 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

deposito. Come passo intermedio è previsto l’invio da parte del GC di un ulteriore messaggio
di risposta che fornisce l’indicazione dell’ora in cui il deposito si intende effettuato2.
Tali flussi, realizzati per il tramite delle varie entità tecnico-organizzative del PCT, sono
rappresentati nella figura che segue:

Avvocato Punto di Accesso Gestore Centrale Ufficio Giudiziario

Inoltro atto
Controllo formale e
imbustamento atto
Inoltro atto
Controllo formale atto

Attestazione Temporale
Inoltro atto
Verifiche e
controlli
Comunicazione esito automatici
controlli
Comunicazione esito
controlli
Invio esito OK
cancelliere
Invio esito

Figura 13 - Sequence diagram del deposito atto

Le interazioni tra PdA e GC avvengono attraverso lo scambio di messaggi basati su


protocollo SMTP. Il GC riceve tali messaggi all’indirizzo
gestorecentrale@processotelematico.giustizia.it
I messaggi hanno una testata SMTP standard in cui devono essere impostati correttamente
(vedi “Riferimenti”, documento “RFC822”) almeno i parametri “MSG-ID” e “FROM” (da
utilizzare per individuare la provenienza del messaggio quando non è possibile procedere
all’apertura della busta ricevuta).

2
Solamente nel caso in cui vengano superati i controlli formali eseguiti sulla busta ricevuta.

PAGINA 27 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Al PdA viene anche richiesto di implementare il servizio SMTP standard di Delivery Status
Notification (DSN), che assume il valore di ricevuta debole dei messaggi di risposta trasmessi
dal SICI. La ricezione del DSN da parte del GC consente di controllare il corretto
completamento del flusso logico della funzione.
Per la realizzazione del flusso di deposito atto vengono scambiati fra Punto di Accesso e
Gestore Centrale i seguenti messaggi:

Dal “Punto di Accesso” al “Gestore Centrale”


1. BUSTA: “InoltroAtto”
ALLEGATO: “InfoInoltro.xml”
ALLEGATO: “Atto.enc”
ALLEGATO: “Certificazione.xml.p7m” (solo per PdA dei Consigli dell’Ordine)
SUBJECT: “Comunicazione Indirizzi PdA: <CodPdA>-aaaa-nnnn”
UTILIZZO: comunicazioni di variazione dati

Dal “Gestore Centrale” al “Punto di Accesso”


2.a BUSTA: “AttestazioneTemporale”
ALLEGATO: “Attestazione.xml.p7m”
SUBJECT: “Attestazione - biz”
UTILIZZO: Attestazione Temporale

2.b BUSTA: “NotificaEccezione”


ALLEGATO: “Eccezione.xml”
SUBJECT: “Notifica Eccezione - biz”
UTILIZZO: Notifica di Eccezione (alternativa all’attestazione temporale)

3 BUSTA: “ComunicazioneEsitoControlli”
ALLEGATO: “EsitoAtto.xml.p7m”
SUBJECT: “EsitoAttoAuto - biz”
UTILIZZO: Esito controlli automatici

4 BUSTA: “ComunicazioneEsito”
ALLEGATO: “EsitoAtto.xml.p7m”
SUBJECT: “EsitoAtto - biz”
UTILIZZO: Esito cancelleria

PAGINA 28 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

4.1.1 Fase di trasmissione dell’atto

Come anticipato precedentemente, la sequenza dei messaggi scambiati tra PdA e GC nella
fase di trasmissione dell’atto può dare luogo a diverse alternative in funzione dell’esito dei
controlli operati dal GC sulla busta ricevuta. Se tale busta è formalmente corretta il messaggio
trasmesso è di attestazione temporale; altrimenti viene prodotto e spedito un messaggio di
notifica eccezione3 che segnala l’impossibilità di inoltrare l’atto a destinazione.

Nel caso in cui il messaggio di inoltro atto ricevuto dal PdA sia corretto la sequenza e il tipo
di messaggi scambiati è indicata nello schema seguente:

Punto di Accesso Gestore Centrale Gestore Locale

1: Inoltro Atto
2: Deposito Atto

3: Attestazione
Temporale

4: DSN

Figura 14 - Sequence diagram del deposito atto in caso di attestazione temporale

Nel caso in cui il GC riscontri un errore nel messaggio di inoltro dell’atto, oltre a non
procedere al deposito presso il GL, invia al PdA un messaggio di notifica eccezione; sarà cura
dell’utente mittente provvedere ad una nuova trasmissione.

3
L’invio di un messaggio di notifica eccezione richiede comunque il soddisfacimento dei requisiti minimi di identificazione del PdA mittente
cui spedire il messaggio di risposta.

PAGINA 29 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Punto di Accesso Gestore Centrale

1: Inoltro Atto

2: Notifica
Eccezione

3: DSN

Figura 15 - Sequence diagram del deposito atto in caso di notifica di eccezione

Il GC svolge quindi una funzione di garante del processo di inoltro assicurando che gli atti
informatici depositati presso i GL non contengano errori attribuibili alle attività svolte dai
PdA, ma solo eventualmente ascrivibili ad operazioni svolte in locale dall’Avvocato in fase di
formazione dell’atto informatico.
Nel seguito del documento viene descritta la struttura applicativa di ciascun messaggio
generato nella fase di trasmissione dell’atto e in allegato vengono forniti i DTD di ciascuna
struttura XML utilizzata.

4.1.1.1 Struttura del messaggio di “inoltro atto”

La struttura del messaggio SMTP di inoltro atto proveniente da un PdA è illustrata nella
figura che segue:

Figura 16 - S/MIME di Inoltro Atto

Essa è costituita da un S/MIME, cioè da una struttura MIME sottoscritta da parte del PdA con
proprio certificato server, a titolo di verifica della integrità del messaggio.
Pertanto al suo interno è riconoscibile:
ƒ una struttura MIME contenente l’atto informatico e le informazioni di inoltro;

PAGINA 30 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

ƒ l’hash del MIME, cioè la registrazione in formato binario che contiene l’impronta del
documento, firmata secondo le modalità tecniche previste dal D.P.R. 513/97 e dalle
relative regole tecniche (D.P.C.M. 8/02/99).
ƒ il Certificato del PdA, ossia una struttura dati tipo X.509. I dati forniscono informazioni
sul possessore del certificato, il firmatario del certificato, la versione, il numero seriale,
l’algoritmo di firma, il periodo di validità, la corrispondente chiave pubblica e altri dati.

Le parti costituenti la struttura MIME sono appresso descritte.

File InfoInoltro.xml
Il file InfoInoltro.xml contiene le informazioni di servizio per il GC. Tali informazioni
consentono il routing del messaggio e la verifica dei dati di certificazione.
Il file ha la seguente struttura:

Figura 17 - Struttura del file InfoInoltro.xml

ƒ IdMsgPdA.
Riporta l’identificativo univoco del messaggio generato dal PdA. Tali dati sono:

CodicePdA = E’ il codice identificativo del PdA.


Anno = E’ l’anno di generazione del messaggio.
IdMsg = E’ un progressivo numerico univoco nell’ambito dell’anno.
ƒ Mittente.
CodiceFiscale = È il codice fiscale dell’Avvocato che ha originato il messaggio.
L’attributo ruolo indica il ruolo assunto dal mittente (al momento “Avvocato”).
ƒ Destinatario.
CodiceUG = È il codice identificativo dell’UG destinatario.
L’attributo tipo indica il tipo di destinatario (al momento “Ufficio”). Al momento è previsto
un solo destinatario.
ƒ IdMsgMitt.
IdMsgMitt = È l’identificato assegnato dall’Avvocato all’atto informatico.

PAGINA 31 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

File Atto.enc
Il file Atto.enc è l’atto informatico prodotto dall’Avvocato, criptato utilizzando la chiave
pubblica di cifratura dell’UG destinatario.
Il Punto di Accesso non entra nel merito del formato e del contenuto di questo file, che viene
inoltrato verso il Gestore Centrale (e da questi verso il Gestore Locale) senza nessuna
elaborazione.
Il Gestore Locale dell’Ufficio Giudiziario destinatario potrà poi decrittarlo con la propria
chiave privata, per verificarne la validità formale e del contenuto.

File Certificazione.xml.p7m
Il file Certificazione.xml.p7m può mancare nella busta di inoltro atto se il PdA non dispone
delle informazioni atte a certificare l’Avvocato.

Per certificazione del difensore si intende l’attestazione di iscrizione all'albo, all’albo


speciale, al registro dei praticanti abilitati ovvero di possesso della qualifica che legittima
l’esercizio della difesa e l'assenza di cause ostative allo svolgimento dell'attività difensiva.
La certificazione del difensore è svolta dal Punto di Accesso, qualora questo sia gestito da un
consiglio dell'ordine degli avvocati o dal Consiglio nazionale forense. Il Consiglio nazionale
forense compie il servizio di certificazione dei difensori per i propri iscritti o per gli iscritti
dei consigli dell'ordine, su delega di questi ultimi.

Qualora il Punto di Accesso non effettui la certificazione del difensore, vi provvede il Gestore
Centrale, sulla base di copia dell'albo fornita al Ministero della Giustizia e aggiornata dai
consigli dell'ordine degli avvocati e dal Consiglio nazionale forense.

Se presente, tale file è firmato dal PdA (firma server) ed ha la seguente struttura:

Figura 18 - Struttura del file Certificazione.xml

ƒ CodiceFiscale.
CodiceFiscale = È il codice fiscale dell’Avvocato che si certifica (deve coincidere
con InfoInoltro/Mittente/CodiceFiscale).

PAGINA 32 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

ƒ DatiCertificazione.
Riporta i dati risultanti nell’albo elettronico all’atto della certificazione
CodiceOrdine = E’ l’organizzazione (CdO) che ha fornito i dati per la
certificazione dello status dell’Avvocato.
CodiceStatus = E’ il codice dello status professionale dell’Avvocato risultante
all’atto della certificazione (attivo, sospeso, radiato, ecc.).
Data = E’ la data in cui viene eseguita la certificazione.
Ora = E’ l’ora in cui viene eseguita la certificazione.
ƒ EntitaCertificante.
EntitaCertificante = In questo caso è il codice del PdA che ha eseguito la
certificazione.

4.1.1.2 Struttura del messaggio di “attestazione temporale”

Se la busta ricevuta è formalmente corretta, il GC genera e trasmette al PdA da cui ha


ricevuto la richiesta di inoltro dell’atto un messaggio di Attestazione temporale, la cui
struttura è la seguente:

Figura 19 - MIME di Attestazione temporale

Il subject della busta di Attestazione Temporale sarà nel formato:


Attestazione - biz::=?biz?
dove “?biz?” è un identificativo univoco prodotto dal Gestore Centrale.
Il messaggio contiene allegato all’interno della struttura MIME il file Attestazione.xml.p7m
che ha la seguente struttura:

PAGINA 33 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Figura 20 - Struttura del file Attestazione.xml

ƒ IdMsgSMTP.
IdMsgSMTP = In questo caso non è valorizzato (tale elemento è alternativo
rispetto a i due successivi).
ƒ IdMsgMitt.
IdMsgMitt = È l’identificato assegnato dall’Avvocato all’atto informatico
(ricavato da InfoInoltro/IdMsgMitt)
ƒ IdMsgPdA.
È l’identificato del messaggio di inoltro atto generato dal PdA (ricavato da
InfoInoltro/IdMsgPdA)
CodicePdA = E’ il codice identificativo del PdA.
Anno = E’ l’anno di generazione del messaggio.
IdMsg = E’ un progressivo numerico univoco nell’ambito dell’anno.
ƒ DatiAttestazione.
Contiene l’impronta della busta ricevuta (nel formato S/MIME) e la data e ora dell’evento
di attestazione temporale
Impronta = Impronta del file S/MIME ricevuto dal PdA
Data = Data di produzione dell’attestazione temporale
Ora = Ora di produzione dell’attestazione temporale

4.1.1.3 Struttura del messaggio di “notifica eccezione”

Qualora il GC riscontri un errore nella formazione della busta di inoltro atto, oltre a non
eseguire il deposito dell’atto, genera e trasmette al PdA da cui ha ricevuto la richiesta di
inoltro dell’atto un messaggio di Notifica eccezione.

PAGINA 34 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Il messaggio ha la seguente struttura:

Figura 21 - MIME di Notifica eccezione

Il subject della busta di Notifica Eccezione sarà nel formato:


Notifica Eccezione - biz::=?biz?
dove “?biz?” è un identificativo univoco prodotto dal Gestore Centrale.
All’interno della struttura MIME è presente in allegato il file Eccezione.xml che ha la
seguente struttura:

Figura 22 - Struttura del file Eccezione.xml

ƒ IdMsgSMTP.
IdMsgSMTP = È l’identificativo SMTP del messaggio ricevuto (parametro
Message-ID). Tale identificativo potrebbe costituire l’unico
modo di identificare il messaggio, qualora non fosse possibile
eseguirne lo sbustamento.
ƒ IdMsgPdA.
È l’identificato del messaggio di inoltro atto generato dal PdA (ricavato da
InfoInoltro/IdMsgPdA)
CodicePdA = E’ il codice identificativo del PdA.
Anno = E’ l’anno di generazione del messaggio.
IdMsg = E’ un progressivo numerico univo nell’ambito dell’anno.
ƒ DatiEccezione.
CodiceEccezione = È il codice identificativo dell’errore riscontrato.
DescrizioneEccezione = È la descrizione dell’errore riscontrato.

PAGINA 35 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

In 8.4Anagrafica degli errori riportati dal Gestore Centrale vengono riportati i possibili
codici di Eccezione e le relative descrizioni.

4.1.2 Fase di trasmissione dell’esito dell’atto

La sequenza e il tipo di messaggi scambiati in fase di trasmissione dell’esito dell’atto è


indicata nello schema seguente:

Punto di Accesso Gestore Centrale Ufficio Giudiziario

1: esito controlli
automatici
2: Comunicazione esito
controlli
3: DSN

4: esito

5: Comunicazione esito

6: DSN

Figura 23 - Sequence diagram del deposito atto – Fase di trasmissione dell’esito dell’atto

È quindi previsto l’invio al PdA di due tipologie di Comunicazione esito generate dal
Gestore Locale e veicolate dal GC:
ƒ l’invio dell’esito di controlli automatici effettuati sulle buste depositate presso un
Ufficio Giudiziario
ƒ il messaggio di Comunicazione esito generato a seguito di intervento del Cancelliere
Non è previsto un preciso ordine sequenziale di arrivo degli esiti presso la casella di posta
ordinaria del Punto di Accesso.

4.1.2.1 Struttura del messaggio di “comunicazione esito”

Quando il GC riceve un messaggio di esito atto dal GL (esito controlli automatici o esito di
cancelleria), attraverso l’identificativo del messaggio (IdMsgGC) ricava tutte le informazioni
necessarie per generare e recapitare al PdA un messaggio di Comunicazione esito.

Il messaggio ha la seguente struttura:

PAGINA 36 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Figura 24 - MIME di Comunicazione esito

Il messaggio contiene allegato all’interno della struttura MIME il file EsitoAtto.xml.p7m,


firmato dall’UG. Tale file ha la seguente struttura:

Figura 25 - Struttura del file EsitoAtto.xml

ƒ IdMsgMitt.
IdMsgMitt = È l’identificativo assegnato dall’Avvocato all’atto informatico
(ricavato da InfoInoltro/IdMsgMitt)
ƒ IdMsgPdA.
È l’identificativo del messaggio di inoltro atto generato dal PdA (ricavato da
InfoInoltro/IdMsgPdA)
CodicePdA = E’ il codice identificativo del PdA.
Anno = E’ l’anno di generazione del messaggio.
IdMsg = E’ un progressivo numerico univo nell’ambito dell’anno.
ƒ DatiEsito.
Impronta = Contiene l’impronta del file Atto.enc.
NumeroRuolo = Contiene il numero di ruolo assegnato al fascicolo. (Presente
solamente se l’atto depositato era una iscrizione a ruolo).

PAGINA 37 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

CodiceEsito = Contiene il codice dell’esito dell’atto depositato.


I possibili codici di esito sono:
1 Esito positivo generato in automatico dal sistema
2 Esito positivo generato manualmente dal Cancelliere
-1 Esito negativo (si per esito automatico, sia per esito generato dal Cance
DescrizioneEsito = Contiene la descrizione dell’esito dell’atto depositato.
Data = E’ la data in cui è stato generato l’esito.
Ora = E’ l’ora in cui è stato generato l’esito.
Le due tipologie di esito verranno differenziate in base al subject della busta:

ƒ esito dei controlli automatici avrà come subject:

EsitoAttoAuto –
biz::= <DominioGC>\private$\prt_attendi_dsn_generico{<codice>}

ƒ esito atto generato da cancelleria avrà come subject:

EsitoAtto –
biz::= <DominioGC>\private$\prt_attendi_dsn_generico{<codice>}

In 8.3 Descrizione Messaggi di EsitoAtto vengono riportati i messaggi di errore che possono
essere notificati all’Avvocato in Esito Atto generato dai controlli automatici e in esito Atto
generato dal cancelliere.

PAGINA 38 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

4.2 L’INVIO DI UN BIGLIETTO DI CANCELLERIA

La funzione in oggetto prevede l’invio di un messaggio di posta elettronica certificata (il


biglietto di cancelleria) alla CPECPT di un Avvocato, e un flusso di risposta, di direzione
opposta, innescato dalla produzione automatica della ricevuta di avvenuta consegna da parte
del sistema di Posta Elettronica Certificata del Processo Telematico (PECPT) del PdA che
gestisce la CPECPT.
Giova ricordare che nell’ambito dei meccanismi di scambio previsti dalla Posta Certificata del
Processo Telematico il sistema PECPT del PdA deve generare anche una ricevuta di presa in
carico. Tale ricevuta viene prodotta dal server di dominio del sistema PECPT del PdA ed è
destinata al corrispondente server mittente del GC.
Il flusso del biglietto di cancelleria è originato dall’azione di un cancelliere presso un UG e
sfrutta il corrispondente GL per la trasmissione della richiesta al GC (ComunicazioneUG).
Il contenuto del messaggio ricevuto dal GC viene immesso nel circuito di Posta Certificata
del Processo Telematico e trasmesso al destinatario utilizzando come mittente la CPECPT del
GL che ha inoltrato la richiesta (<codiceGL>@giustiziacertpt.it).
Quando la CPECPT mittente riceve la ricevuta di avvenuta consegna il GC attiva un flusso di
elaborazione che genera un messaggio di risposta verso il GL (Ricevuta Comunicazione).
Lo schema seguente illustra la sequenza dei messaggi scambiati:

Gestore locale Gestore Centrale Punto di Accesso

1: ComunicazioneUG
2: Biglietto di
Cancelleria

3: Ricevuta Avvenuta
Consegna
4: Ricevuta
Comunicazione

Figura 26 - Sequence diagram dell’invio di un biglietto di cancelleria

4.2.1 Il messaggio di “biglietto cancelleria”

Ricevuto il messaggio ComunicazioneUG da parte del GL, il servizio SMTP del GC genera
un messaggio di Posta Certificata del Processo Telematico che ha la seguente struttura:

PAGINA 39 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Figura 27 - S/MIME del Biglietto di Cancelleria

Il messaggio riporta come destinatario, la CPECPT dell’Avvocato cui la comunicazione è


destinata, e come mittente la CPECPT del GL dal quale è stata ricevuta la comunicazione.
Per la realizzazione del flusso di consegna del Biglietto di Cancelleria vengono scambiati fra
Punto di Accesso e Gestore Centrale i seguenti messaggi:

Dal “Gestore Centrale” al “Punto di Accesso”


BUSTA: “BigliettodiCancelleria”
ALLEGATO: “InfoIndirizzamento.xml”
ALLEGATO: “AttoUG.enc”
SUBJECT: “POSTA CERTIFICATA: Biglietto di Cancelleria: ?GCMsgID?”
Dove “?GCMsgID?” è l’identificativo univo assegnato dal Gestore Centrale
UTILIZZO: Biglietto di Cancelleria

Gli allegati contenuti all’interno di Postacert.eml sono di seguito descritti.

AttoUG.enc
Il file AttoUG.enc corrisponde alla comunicazione, firmata dall’UG che l’ha generata (firma
server) e contiene il file Comunicazione.xml (firmato) ed eventuali documenti allegati.
Il file Comunicazione.xml ha la seguente struttura:

PAGINA 40 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Figura 28 – Struttura del file Comunicazione.xml

dove:
NumeroRuolo = Numero di iscrizione a ruolo del fascicolo cui si
riferisce il biglietto di cancelleria
Oggetto = Oggetto del biglietto
Contenuto = Testo della comunicazione
CodiceUG = Codice dell’Ufficio Giudiziario mittente
CodiceFiscaleDestinatario = Codice Fiscale dell’Avvocato destinatario
Data = Anno di 4 cifre; mese di 2 cifre; giorno di 2 cifre;
carattere di separazione "-" (ISO 8601 esteso). Es.:
2003-09-16
Ora = Ora di 2 cifre (formato H24); minuti di 2 cifre;
secondi di 2 cifre; carattere di separazione ":". Es.:
13:08:09

InfoIndirizzamento.xml
Il file InfoIndirizzamento.xml contiene tutte le informazioni necessarie al routing del
messaggio, il numero di ruolo e l’oggetto del biglietto di cancelleria.
Ha la seguente struttura:

PAGINA 41 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Figura 29 - Struttura del file InfoIndirizzamento.xml

dove:
TipoFlusso = Il tipo flusso può assumere i seguenti valori:
DAT, per il "Deposito Atto" (quindi per l'esito)
BDC, per il "Biglietto di Cancelleria"
CCC, per la "Consegna Copia"

Versione = Versione del chiamante nella forma M.m.r (ad


esempio: 2.5.1)
IdSorgente = Terna identificativa assegnata dal sistema mittente
Codice = Codice identificativo. Nel caso di persone fisiche e'
il Codice Fiscale.
Anno = L'anno deve essere di quattro cifre "aaaa" , ad
esempio 2005
Progressivo = Il progressivo deve essere numerico , ad esempio
12345
Mittente = Mittente del messaggio
Destinatario = Destinatario del messaggio

PAGINA 42 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

NumeroRuolo = Numero di iscrizione a ruolo


Oggetto = Oggetto del messaggio
Tempo = Data di invio del messaggio
Data = Anno di 4 cifre; mese di 2 cifre; giorno di 2 cifre;
carattere di separazione "-" (ISO 8601 esteso). Es.:
2003-09-16
Ora = Ora di 2 cifre (formato H24); minuti di 2 cifre;
secondi di 2 cifre; carattere di separazione ":". Es.:
13:08:09

PAGINA 43 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

4.3 FLUSSO DI NOTIFICHE TRA DIFENSORI (TRAMITE CPECPT)

La notificazione telematica di documenti informatici tra difensori consiste nell’inoltro del


documento dal Punto di Accesso del mittente alla CPECPT del destinatario. A tale scopo il
Punto di Accesso deve trasmettere il messaggio con il documento da notificare al Gestore
Centrale dell'accesso che, a sua volta, inoltra il messaggio ricevuto al Punto di Accesso di
destinazione.
Di seguito viene descritto il flusso organizzativo, illustrato nel sequence diagram riportato in
Figura 30, previsto per quanto di competenza del Punto di Accesso:

1 l’avvocato prepara in locale la busta contenente la comunicazione. Questa viene firmata


digitalmente e, se necessario, anche cifrata con la chiave pubblica dell’avvocato
destinatario. La busta comprende anche le indicazioni di routing del messaggio in chiaro,
in modo analogo a come avviene per l’inoltro atto, all’interno del file InfoNotifica.xml;
2 l’avvocato si autentica sul proprio PdA e seleziona la funzionalità di invio comunicazione
ad avvocato;
3 il PdA esegue l’upload dei dati, effettua i controlli necessari, completa il file XML
contenente le informazioni di instradamento del messaggio ed invia la busta via SMTP al
GC;
4 se corretta il GC appone l’Attestazione Temporale alla comunicazione, e la indirizza alla
CPECPT dell’avvocato mittente e, insieme al messaggio, alla CPECPT dell’avvocato
destinatario;
5 la CPECT del destinatario, ricevuto il messaggio, invia al Gestore Centrale dell’accesso
la ricevuta di avvenuta consegna;
6 all’atto della ricezione della ricevuta di avvenuta consegna (RAC) da parte del PdA
dell’avvocato destinatario, il GC esegue una nuova attestazione temporale: questa viene
inviata alla CPECPT dell’avvocato destinatario e, insieme alla RAC, inserita in un
messaggio indirizzato alla CPECPT dell’avvocato mittente;
Nota: non è previsto l’invio di una notifica a più di un destinatario o a liste di destinatari.

Per inviare comunicazioni e notifiche ad altri avvocati, ciascun avvocato deve conoscerne il
codice fiscale e, qualora la comunicazione debba essere cifrata, deve avere a disposizione sul
proprio posto di lavoro la chiave pubblica di cifratura del destinatario. Tali informazioni sono
reperibili tramite un servizio di accesso LDAP per l’interrogazione del Registro degli
Indirizzi Elettronici sul Gestore Centrale, come descritto in 6.1 Accesso al REGIndE per il
reperimento di indirizzi e certificati degli avvocati.

Il flusso previsto nel caso di corretto invio dei messaggi è il seguente:

PAGINA 44 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

PdA Avvocato CPECPT Avvocato Gestore Centrale CPECPT Avvocato


mittente
mittente destinatario

Invio messaggio da notificare (M)


Attestazione Temporale
(AT1)

Attestazione Temporale inoltro messaggio


(AT1)

Attestazione Temporale
su RAC(M)

inoltro ricevuta Attestazione Temporale

Figura 30 - Notifiche avvocato-avvocato

Nella figura di seguito riportata, viene descritto in dettaglio il flusso delle notifiche tra
difensori, mettendo in evidenza i messaggi scambiati tra le caselle di posta certificata degli
attori coinvolti, includendo le ricevute di avvenuta consegna (RAC), ma considerando nel
contesto non significative e quindi tralasciando le ricevute di presa in carico e di accettazione.

PAGINA 45 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Figura 31 - Dettaglio delle notifiche avvocato-avvocato

4.3.1 Invio delle notifiche avvocato-avvocato

La funzione consente ad un avvocato di inviare ad un altro avvocato una notifica o una


comunicazione, sotto forma di documento informatico.
La busta predisposta dall’avvocato localmente contiene le informazioni di instradamento
dell’atto (file InfoNotifica.xml) e l’atto informatico cifrato (file Notifica.enc).
Il PdA verificata la correttezza della struttura della busta caricata dall’avvocato crea un
identificativo univoco (a livello PdA) dell’atto informatico da inoltrare (IdMsgPdA)
aggiornando il file InfoNotifica.xml; infine crea e firma la busta da inviare al GC.
La struttura del messaggio SMTP di ConsegnaNotifica che il PdA invia alla CPECPT del
Gestore Centrale è illustrata nella figura che segue:

Figura 32 - S/MIME di InoltroNotificaAvvocato

Il subject del messaggio SMTP sarà nel formato:

PAGINA 46 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

POSTA CERTIFICATA: Notifica: <CodPdA>-aaaa-nnnnnnnnn

File InfoNotifica.xml
Il file InfoNotifica.xml contiene le informazioni di servizio per il GC. Il file ha la seguente
struttura:

Figura 33 - Struttura del file InfoNotifica.xml

ƒ IdMsgPdA
Riporta l’identificativo univoco del messaggio generato dal PdA. Tali dati sono:
CodicePdA = è il codice identificativo del PdA.
Anno = è l’anno di generazione del messaggio.
IdMsg = è un progressivo numerico univoco nell’ambito dell’anno.
ƒ Mittente
CodiceFiscaleMitt = è il codice fiscale dell’Avvocato che ha originato il messaggio.
ƒ Destinatario
CodiceFiscaleDest = è il codice fiscale dell’Avvocato destinatario.
ƒ IdMsgMitt.
IdMsgMitt = è l’identificato assegnato dall’Avvocato al documento
informatico

File Notifica.enc
Il file Notifica.enc è la notifica prodotta dall’Avvocato, cifrato utilizzando la chiave pubblica
di cifratura dell’avvocato destinatario.
Il Punto di Accesso non entra nel merito del formato e del contenuto di questo file, che viene
inviato alla CPECPT del Gestore Centrale e da questi inoltrato alla CPECPT dell’Avvocato
destinatario.

PAGINA 47 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

4.3.2 Attestazioni temporali ricevute a seguito dell’invio di notifiche (Avvocato mittente)

A seguito dell’invio di notifiche tra difensori, il Gestore Centrale emette delle attestazioni
temporali a seguito di due eventi:
ƒ quando riceve una notifica (formalmente corretta) da inoltrare (AT1 in Figura 30);
ƒ quando riceve la ricevuta di avvenuta consegna (RAC) dal Punto di Accesso
dell’avvocato destinatario. (RAC(M)+AT2 in Figura 30)
Entrambe le attestazioni sono inviate alle caselle di posta certificata dell’avvocato mittente e
del destinatario.
Nel caso della ricezione da parte dell’avvocato mittente della seconda attestazione temporale,
questa è accompagnata all’interno della busta dalla Ricevuta di Avvenuta Consegna emessa
dal sistema di Posta Certificata del PdA destinatario della notifica.
Nel caso in cui si sia verificato un errore nell’esecuzione dell’invio della notifica il Gestore
Centrale emette notifiche di eccezione inviate al posto di un messaggio di attestazione
temporale.
La struttura del MIME di Attestazione temporale (AT1) è schematizzata nella figura che
segue:

Figura 34 - MIME di Attestazione temporale

dove la struttura del file Attestazione.xml è la seguente:

Figura 35 - Struttura del file Attestazione.xml

PAGINA 48 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

ƒ IdMsgMitt.
IdMsgMitt = è l’identificativo assegnato dall’Avvocato mittente alla Notifica
(ricavato da InoltroNotifica /IdMsgMitt)
ƒ IdMsgPdA.
È l’identificato del messaggio di inoltro notifica generato dal PdA (ricavato da
InoltroNotifica /IdMsgPdA):
CodicePdA = è il codice identificativo del PdA.
Anno = è l’anno di generazione del messaggio.
IdMsg = è un progressivo numerico univoco nell’ambito dell’anno.
ƒ DatiAttestazione.
Contiene l’impronta della busta ricevuta (nel formato S/MIME) e la data e ora dell’evento
di attestazione temporale:
Impronta = Impronta del file S/MIME ricevuto dal PdA (InoltroNotifica)
Tempo = Data e ora di produzione da parte del GC dell’attestazione
temporale del messaggio di InoltroNotifica
IdMsg = è un progressivo numerico univoco nell’ambito dell’anno.

La struttura del MIME di Attestazione temporale ((RAC(M)+AT2) contenente Attestazione


temporale e Ricevuta di Avvenuta Consegna è schematizzata nella figura che segue:

Figura 36 - S/MIME di AttestazioneConsegnaNotifica

L’allegato Attestazione.xml.p7m ha la stessa struttura di Figura 34.

4.3.3 Ricezione notifiche e relative attestazioni temporali (Avvocato destinatario)

A seguito dell’invio di notifiche tra difensori, il Gestore Centrale emette delle attestazioni
temporali a seguito di due eventi:
ƒ quando riceve una notifica (formalmente corretta) da inoltrare;
ƒ quando riceve la ricevuta di avvenuta consegna (RAC) dal Punto di Accesso
dell’avvocato destinatario.

PAGINA 49 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Entrambe le attestazioni sono inviate alle caselle di posta certificata dell’avvocato mittente e
del destinatario.
La prima attestazione viene inviata all’avvocato destinatario in una busta che contiene anche
il messaggio di notifica stesso (busta di ConsegnaNotifica), il cui Subject sarà nella forma:

POSTA CERTIFICATA: Consegna Notifica: <CodPdA>-aaaa-nnnnnnnnn: GCMsgId-nn

Figura 37 - Busta di ConsegnaNotifica

La seconda attestazione viene inviata all’avvocato destinatario all’interno della busta di


AttestazioneNotifica:

Figura 38 - Busta di AttestazioneNotifica

La struttura del MIME di Attestazione temporale è la stessa della prima attestazione


temporale ricevuta dal mittente, schematizzata in Figura 34; la struttura del file
Attestazione.xml è schematizzata in Figura 35.

PAGINA 50 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

4.4 FUNZIONE DI RICHIESTA E RICEZIONE DELLA COPIA CONFORME


La funzione consente di accedere alla funzionalità di richiesta della copia conforme, messa a
disposizione da Polis Web, e di accedere alla copia dei documenti rilasciati dall’Ufficio
Giudiziario.

Per il momento si può ipotizzare che la funzionalità si componga di due fasi distinte:
1. la prima fase consiste nell’esecuzione di una richiesta sincrona, gestita da PolisWeb,
che la invia all’Ufficio Giudiziario. Viene restituito un esito, che indica se la
richiesta è stata accolta o meno. Per le specifiche della richiesta sincrona si faccia
riferimento al relativo WSDL descritto in decreto DTD [4]

2. la seconda fase avviene in modo asincrono, e consiste nell’invio da parte


dell’Ufficio Giudiziario del documento richiesto (o dei documenti richiesti). L’invio
avviene con un messaggio di posta elettronica certificata attraverso l’invio della
busta ConsegnaCopiaConforme il cui schema è riportato in Figura 39. Il PdA deve
garantire che il documento possa essere scaricato sul client del richiedente, dove il
documento può essere decifrato.

Figura 39 - Busta di ConsegnaCopiaConforme

Nota: il flusso descritto potrà subire delle variazioni nella notazione “Consegna Copia
Conforme” che potrà essere sostituita da “Consegna Copia”.

PAGINA 51 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

5 CONSULTAZIONI

Nell’ambito del Processo Civile Telematico l’attuale sistema PolisWeb fornisce una serie di
servizi informativi riguardanti sia la giurisprudenza che la gestione operativa dei fascicoli e
delle udienze del Contenzioso Civile relative ad ogni singolo Ufficio Giudiziario.

Ogni funzionalità di consultazione realizzata nel sottosistema PolisWeb è di tipo sincrono e


prevede un flusso che si scompone in:

ƒ flusso di richiesta verso l’Ufficio Giudiziario;


ƒ flusso di risposta dall’Ufficio Giudiziario.
Il flusso di consultazione è sempre attivato dall’utente (al momento un Avvocato) che invia la
propria richiesta all’Ufficio Giudiziario transitando per il Gestore Centrale. All’interno
dell’UG il sottosistema Gestore Locale predispone le informazioni ottenute a seguito
dell’interrogazione del SICI e del sottosistema di gestione del fascicolo informatico
(repository documentale) e le inoltra al PolisWeb, per il tramite del GC.

Il Gestore Locale implementa i propri servizi di consultazione attraverso dei Web Service e
PolisWeb interagisce con essi utilizzando il protocollo di trasporto HTTPS e la
serializzazione dei messaggi nel formato XML/SOAP. Le funzionalità fornite da un Web
Service e le relative regole di invocazione vengono descritte in interfacce chiamate WSDL.

Nella figura successiva è rappresentato il diagramma di sequenza relativo alla consultazione


dei procedimenti personali e degli atti tramite l’applicazione Polis Web fornita sul Punto di
accesso.

PAGINA 52 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

PolisWeb:
Avvocato Punto di Accesso Gestore Centrale Ufficio Giudiziario

Richiesta consultazione

Verifica Autenticazione

Conferma Autenticazione
Richiesta info a UG
Inoltro Richiesta info a UG

Risposta info da UG
Inoltro Risposta info da UG
Consultazione
informazioni

Figura 40 - Sequence diagram Consultazione Web

L’interfaccia applicativa permette l’attivazione di PolisWeb, installato presso un Punto di


Accesso, a seguito dell’autenticazione effettuata e delegata al Punto di Accesso stesso.
A seguito dell’autenticazione di un utente da parte del Punto di Accesso, PolisWeb può essere
attivato tramite l’interfaccia applicativa che espone e attraverso la quale riceve i parametri
identificativi dell’utente e della sessione utente.

PAGINA 53 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

5.1 CARATTERISTICHE DI POLISWEB


PolisWeb per il Processo Telematico è costituita da un’applicazione Web basata sul modello
J2EE.
La soluzione architetturale e tecnologica di PolisWeb prevede l’utilizzo di un Web Server
che implementi una strong authentication client tramite certificati digitali e di Jboss come
container per la tecnologia java utilizzata (Jsp, Servlet, Bean).
Per il progetto del Processo Telematico si è adottato Linux come sistema operativo dei sistemi
server, e quindi anche per PolisWeb presso il Punto di Accesso è consigliata l’adozione di
Linux.
PolisWeb integrato e configurato presso il Punto di Accesso, non necessita di un Database. Le
informazioni di configurazione sono definite all’interno di file nel filesystem. Le informazioni
relative agli utenti non sono gestite da PolisWeb ma ricevute, e ritenute valide,
dall’interfaccia per il Punto di Accesso.
Si precisa comunque, date le caratteristiche open-source dei prodotti tecnologici utilizzati per
PolisWeb, che il sistema operativo Microsoft Windows può essere valutato come ambiente
server per il PolisWeb presso il Punto di Accesso.
Tra le caratteristiche di PolisWeb, si ricorda inoltre la sua configurabilità. La configurabilità
di PolisWeb nella Fase 1 del Processo Telematico, permette al Punto di Accesso una minima
personalizzazione dell’Interfaccia Grafica per l’utente. Con la personalizzazione dei loghi,
delle intestazioni, dei colori è possibile, ad esempio, allineare l’interfaccia utente di PolisWeb
con alcune preferenze adottate dal Punto di Accesso.
Nei paragrafi che seguono sono fornite le informazioni relative all’Interfaccia Applicativa tra
Punto di Accesso e PolisWeb, con l’indicazione dei protocolli di comunicazione adottati.
Nella tabella seguente sono riepilogate le caratteristiche tecnologiche di PolisWeb.

CARATTERISTICA DESCRIZIONE
Tipo Applicazione Applicazione Web Java
Sistema Operativo Linux (Windows 2000 Server) SERVER
Java Virtual Machine 1.4.2 SERVER
Web Server Apache. SERVER
Web Container Tomcat. SERVER
Database Non necessario. SERVER
Configurabilità Alcune caratteristiche del Front-End. SERVER
Interfaccia Applicativa Parametri Intestazione Richieste http
Parametri Intestazione Risposte http
Protocollo PA-PW http
Protocollo PW-GC https con mutua autenticazione

PAGINA 54 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Browser supportati Microsoft Internet Explorer, Netscape, CLIENT


Mozilla.
Configurazione Utilizzati Cookie e java script lato client. CLIENT
browser
Tabella 1 - Caratteristiche di PolisWeb per il Punto di Accesso

5.2 ARCHITETTURA E FLUSSI DI COLLOQUIO TRA PUNTO ACCESSO E POLISWEB


PolisWeb presso il Punto di Accesso permette agli utenti del Processo Telematico di accedere
alle informazioni di Back-End presso gli Uffici Giudiziari, per il tramite del Gestore Centrale
(Modalità Internet).

Certificato Digitale
Certificato Digitale

https https https http http https https https

Avvocato
Intranet
Studio Internet Punto di Accesso
Sistema Interdominio
Avvocato Sistema
Punto di Accesso PolisWeb Sistema
Gestore Centrale
- Le richieste utente sono gestite dal web server del Punto di Accesso e inoltrate al Web Server
di PolisWeb.
- Le risposte html di PolisWeb sono inviate all'utente dal Web Server del Punto di Accesso.

Figura 41 - Architettura per PolisWeb nel Punto di Accesso

Si precisa che il precedente schema è stato volutamente rappresentato con un’immagine e non
attraverso un diagramma UML, per dare la percezione schematica della relazione tra il
sistema del Punto di Accesso e PolisWeb. Si precisa che essendo Polis Web multipiattaforma,
l’applicazione potrà essere opzionalmente installata sulla stessa macchina del Punto di
Accesso. Nei paragrafi successivi è riportata la descrizione dei flussi tra PA e PW attraverso
un diagramma di sequenza.
Il Punto di Accesso si interpone tra le richieste dell’utente e PolisWeb. Le richieste effettuate
dall’utente, tramite browser web, sono autenticate dal Punto di Accesso (smart-card). A
seguito dell’autenticazione dell’utente, il Punto di Accesso può attivare PolisWeb tramite
l’interfaccia applicativa esposta.
PolisWeb è installato presso la “Server Farm” del punto di accesso e isolato verso l’esterno
(Internet, Interdominio, altro).

Nel colloquio tra il Punto di Accesso e PolisWeb si evidenziano le seguenti esigenze:


ƒ Attivazione di una sessione utente di PolisWeb.
ƒ Richiesta di Consultazione Informazioni di PolisWeb.
ƒ Chiusura di una sessione utente di PolisWeb.
ƒ Gestione delle eccezioni.
I diagrammi di sequenza, di seguito illustrati, permettono di definire il flusso di colloquio tra
il Punto di Accesso e PolisWeb.

PAGINA 55 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Attivazione Sessione Utente di PolisWeb

Figura 42 - Sequenza Messaggi PA / FE-PW-PA- Attivazione Sessione

Spiegazione:
ƒ A seguito della richiesta di accesso all’area Privata di PolisWeb da parte di un utente
autenticato dal Punto di Accesso, il PdA si interfaccia a PolisWeb chiedendo l’attivazione
di una sessione utente. L’interfaccia applicativa di PolisWeb per l’attivazione della
sessione utente prevede una serie di parametri descritti in dettaglio nel seguito di questa
sezione del documento.
ƒ PolisWeb, a seguito della richiesta di attivazione di una sessione utente effettua il
controllo dei parametri dell’interfaccia di attivazione, forniti dal Punto di Accesso.
L’interfaccia di attivazione e i parametri di interscambio con PolisWeb sono descritti nel
paragrafo 5.3.1 (JPW_COD_FISCALE, JPW_COGNOME, JPW_NOME,
JPW_DT_ULTIMO_ACCESSO, JPW_INFO_PA).
ƒ Superati i controlli dei parametri (in caso contrario è attivata un’eccezione applicativa da
parte di PolisWeb trattata in particolare nell’ultimo diagramma), PolisWeb attiva la
sessione utente in base all’utente identificato dal Codice Fiscale ricevuto come parametro.
L’attivazione della sessione prevede il controllo da parte di PolisWeb che, per il Codice
Fiscale corrente, non risulti già attiva una sessione (eccezione).
ƒ A seguito dell’attivazione della sessione utente, PolisWeb individua la pagina di default
da presentare all’utente a seguito dell’attivazione nell’area privata.
ƒ PolisWeb infine risponde al Punto di Accesso con la pagina html, indicando il Codice
Ritorno 200 per la corretta attivazione della sessione utente e il cookie per le informazioni
identificative della sessione di PolisWeb.

PAGINA 56 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Consultazione Informazioni di PolisWeb

Figura 43 - Sequenza Messaggi PA / FE-PW-PA- Consultazione

Spiegazione:
ƒ Il dialogo tra Punto di Accesso e PolisWeb è basato sullo scambio delle informazioni
previste dall’interfaccia applicativa di PolisWeb per ogni richiesta effettuata dal Punto di
Accesso. Il Punto di Accesso richiede una singola pagina di Consultazione di PolisWeb,
fornendo i parametri dell’interfaccia e il Cookie di sessione ricevuto da PolisWeb dopo
l’attivazione della sessione utente attiva.
ƒ PolisWeb controlla i parametri di interfaccia, che prevedono anche il cookie di sessione
utente. Il cookie deve determinare in PolisWeb una corrispondenza tra una sessione valida
e associata in precedenza al Codice Fiscale, ricevuto nella richiesta corrente (altrimenti
Eccezione).
ƒ PolisWeb determina il contenuto html da fornire al Punto di Accesso, in base alla
funzione richiesta.
ƒ PolisWeb infine risponde al Punto di Accesso con la pagina html, indicando il Codice
Ritorno 200 per la corretta attivazione della sessione utente e il cookie per le informazioni
identificative della sessione di PolisWeb.

PAGINA 57 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Chiusura Sessione Utente di PolisWeb

 
Figura 44 - Sequenza Messaggi PA / FE-PW-PA- Chiusura Sessione

Spiegazione:
ƒ La chiusura della sessione utente in PolisWeb può avvenire attraverso la richiesta diretta
della funzione di logout da parte dell’utente, attraverso l’interfaccia utente di PolisWeb
fornita all’utente dal Punto di Accesso. PolisWeb espone al Punto di Accesso,
un’interfaccia applicativa per richiedere direttamente a PolisWeb la chiusura della
sessione utente. Questa funzionalità può risultare utile nel caso in cui il Punto di Accesso
determini una propria chiusura di sessione con l’utente (timeout).
ƒ PolisWeb a seguito della richiesta di chiusura di una sessione utente, da Parte del Punto di
Accesso, controlla la corrispondenza tra cookie di sessione attivata e il codice fiscale
corrispondente (Eccezione se non corrisponde).
ƒ PolisWeb, a seguito della chiusura di una propria sessione utente (anche nel caso di
richiesta da parte dell’utente), risponde al Punto di Accesso con un contenuto html,
riportando il Codice Ritorno 799 ad indicare l’avvenuta chiusura della sessione utente.

PAGINA 58 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Eccezione PolisWeb in caso di ricezione di parametri errati dal Punto di Accesso

Figura 45 - Sequenza Messaggi PA / FE-PW-PA- Eccezione Parametri Errati

Come descritto nei diagramma di sequenza precedenti, in caso di controlli non validi
PolisWeb determina una Eccezione segnalata al Punto di Accesso attraverso il Codice di
Ritorno. L’elenco dei codici previsti è riportato successivamente, e nel caso dei parametri
errati è impostato a 700.

Eccezione PolisWeb in caso di richiesta di attivazione di una sessione per utente


connesso

Figura 46 - Sequenza Messaggi PA / FE-PW-PA- Eccezione Utente Connesso

PAGINA 59 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Nel caso di richiesta dell’attivazione per un utente che risulta già connesso il codice di ritorno
impostato da PolisWeb per il Punto di Accesso è uguale a 701.

5.3 INTERFACCE PER IL PUNTO DI ACCESSO


Di seguito sono descritte le informazioni di interscambio tra il Punto di Accesso e PolisWeb,
relative a:
ƒ Richiesta attivazione di una sessione utente di PolisWeb da parte del Punto di Accesso.
ƒ Risposta di PolisWeb al Punto di Accesso , alla richiesta di attivazione di una sessione
utente.
ƒ Richiesta a PolisWeb delle pagine del front-end di consultazione dell’area privata, da
parte del Punto di Accesso.
ƒ Risposta di PolisWeb alla richiesta da parte del Punto di Accesso delle pagine del front-
end di consultazione dell’area privata.
ƒ Richiesta di chiusura di una sessione utente di PolisWeb da parte del Punto di Accesso.
ƒ Risposta di PolisWeb al Punto di Accesso, alla richiesta di chiusura di una sessione
utente.
ƒ Risposte di PolisWeb al Punto di Accesso, in caso di Eccezione.

5.3.1 Richiesta “Attivazione Sessione Utente PolisWeb”

Per l’attivazione di una sessione utente di PolisWeb, da parte del Punto di Accesso è fornita
un’interfaccia applicativa che prevede l’utilizzo del protocollo http tra PA e PW.
Il PA (Client) invia la richiesta di login verso il server PolisWeb aggiungendo nella testata
della richiesta client le informazioni dell'utente, individuate a seguito di un’autenticazione
valida con smart-card.
Sono di seguito fornite le modalità di attivazione dell’interfaccia applicativa di PolisWeb e un
esempio del relativo messaggio di richiesta http inviata dal PA a PW.
Richiesta http inviata dal Punto di Accesso a PolisWeb per l’attivazione della sessione
utente: http://hostpwpa/pwprivate?action=Login
 
Esempio di Messaggio di Richiesta  http inviata dal Punto di Accesso a PolisWeb – Attivazione Sessione 
 
POST /pwprivate?action=Login HTTP/1.0 <CR><LF> 
Accept: image/gif, image/x‐xbitmap, image/jpeg, image/pjpeg, application/vnd.ms‐powerpoint, application/vnd.ms‐excel, 
application/msword, */*<CR><LF> 
Accept‐Language: it<CR><LF> 
User‐Agent: Mozilla/4.0 (compatible; MSIE 5.5; Windows NT 5.0) <CR><LF> 
Host: jpolisweb:8081<CR><LF> 
JPW_COD_FISCALE: CPRGRGXXXXXXXXX<CR><LF> 
JPW_COGNOME: YYYYYYYY<CR><LF> 
JPW_NOME: ZZZZZZZZZ<CR><LF> 
JPW_DT_ULTIMO_ACCESSO: GG/MM/YYYY HH24:MI:SS<CR><LF> 
JPW_INFO_PA: XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX<CR><LF> 
<CR><LF> 

PAGINA 60 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Spiegazione:
Il Punto di Accesso fornisce nell’intestazione del messaggio di richiesta http (Header
Http_Request) inviato a PolisWeb i seguenti parametri:
ƒ JPW_COD_FISCALE: rappresenta il Codice Fiscale dell’utente autentificato dal Punto di
Accesso. Questo parametro è obbligatorio. Il Codice Fiscale dell’utente è utilizzato da
PolisWeb per l’attivazione della sessione utente. Per ogni singolo utente è consentita
l’attivazione di una sola sessione contemporanea, e per ogni richiesta di informazione è
verificata la presenza di una sessione attiva valida in PolisWeb.
ƒ JPW_COGNOME: rappresenta il Cognome dell’utente. Permette di visualizzare
sull’Interfaccia Utente di PolisWeb il nominativo dell’utente attivo nella sessione
visualizzata nel browser .
ƒ JPW_NOME: rappresenta il Nome dell’utente. Vedi JPW_COGNOME.
ƒ JPW_DT_ULTIMO_ACCESSO: rappresenta la data di ultimo accesso da parte
dell’utente al sistema di consultazione PolisWeb per il Processo Telematica dal Punto di
Accesso. Permette di visualizzare sull’Interfaccia Utente di PolisWeb la data di ultimo
accesso dell’utente e di poter utilizzare correttamente la consultazione dell’Agenda
relativa agli ultimi eventi.
ƒ JPW_INFO_PA: rappresenta un parametro, utile al Punto di Accesso, per l’interscambio
di informazioni con PolisWeb. Questo parametro non è necessario a PolisWeb, ma è reso
disponibile al Punto di Accesso. Questa informazione è restituita, al Punto di Accesso, nel
messaggio di risposta. Un utilizzo pratico può essere ad esempio ricevere e restituire una
chiave della sessione utente del Punto di Accesso.

5.3.2 Risposta PolisWeb alla richiesta di “Attivazione Sessione Utente PolisWeb”


PolisWeb alla richiesta di attivazione di una nuova sessione utente risponde al client del
Punto di Accesso con un messaggio riportante nella header http i parametri di interfaccia
applicativa e il cookie relativo alla sessione utente attivata in PolisWeb.
 
Esempio di Risposta http resituita da PolisWeb al Punto di Accesso 
 
HTTP/1.1 200 OK 
Content‐Type: text/html; charset=iso‐8859‐1 
Connection: close 
Date: Tue, 21 Oct 2003 16:03:01 GMT 
Server: Apache Tomcat/4.0.3 (HTTP/1.1 Connector) 
Set‐Cookie: JSESSIONID= A889EA5555C7A387F36A7A2892045FFD;Path=/ 
JPW_CODICE_RITORNO: 200<CR><LF> 
JPW_DESCR_SEGNALAZIONE: OK<CR><LF> 
JPW_INFO_PA: XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX<CR><LF> 
<CR><LF> 
 

Spiegazione:
ƒ Set-Cookie: JSESSIONID= A889EA5555C7A387F36A7A2892045FFD;Path=/:
rappresenta l’informazione identificativa della sessione utente di PolisWeb. Questa
informazione deve essere ritornata a PolisWeb nelle successive richieste, per associare
correttamente utente e sessione utente.

PAGINA 61 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

ƒ JPW_CODICE_RITORNO: rappresenta il codice di ritorno previsto da PolisWeb, in base


alla codifica riportata nella tabella …vedi oltre. Nel caso di corretta attivazione della
nuova sessione utente assume il valore “200”. Per quanto riguarda le situazioni in cui
PolisWeb non riesce ad attivare, o determinare, la sessione utente (ad. Es. già collegato)
consultare il trattamento delle risposte “Eccezioni”, analizzate in ultimo.
ƒ JPW_DESCR_SEGNALAZIONE: rappresenta una stringa di descrizione del codice di
ritorno. Nel caso di corretta attivazione della sessione utente assume il valore di “OK”.
ƒ JPW_INFO_PA: è il parametro ricevuto nella richiesta del Punto di Accesso. Questo
parametro è restituito, senza nessun trattamento, in risposta.
Si precisa che la risposta http di PolisWeb contiene oltre ai parametri di interscambio previsti
con il PA, anche l’html della prima pagina consultabile dall’utente a seguito dell’attivazione
della sessione (pagina di default).
Di seguito vengono elencati i Codici di Ritorno individuati ad oggi:
JPW_COD_RITORNO JPW_DESCR_SEGNALAZIONE COMMENTI PDA
200 OK Si
700 Parametro invalido o non presente. Un parametro fondamentale per l'elaborazione non e' Si
presente o è invalido. Esempio mancanza del codice
fiscale o dello username nella richiesta.
701 Utente già connesso. E’ stata trovata un'altra sessione attiva per lo stesso Si
Codice Fiscale.
709 Sessione errata. Le informazioni di sessione non corrispondono ad Si
una sessione valida.
710 Informazioni sessione errata. Le informazioni di sessione non corrispondono con il Si
Codice Fiscale associato.
799 Chiusura sessione. L’utente ha richiesto una chiusura della sessione. Si

Tabella 2 - Codici Ritorno FE-PW-PA

5.3.3 Richiesta “Pagine Area Privata Consultazione PolisWeb”

Il Punto di Accesso successivamente all’attivazione della sessione di PolisWeb, deve inoltrare


tutte le richieste dell’utente a PolisWeb dopo aver aggiunto all’intestazione della richiesta
http (header http request) i parametri definiti dall’interfaccia di attivazione di PolisWeb.
 
Esempio  Messaggio di Richiesta  http inviata dal Punto di Accesso a PolisWeb – Consultazione Informazioni 
 
POST /forms/RicercaFascicoliPersonali;jsessionid=A889EA5555C7A387F36A7A2892045FFD?action=ElencoFascicoliPersonali 
HTTP/1.0<CR><LF> 
Accept: image/gif, image/x‐xbitmap, image/jpeg, image/pjpeg, application/vnd.ms‐powerpoint, application/vnd.ms‐excel, 
application/msword, */*<CR><LF> 
Referer: http://localhost:8081/pwprivate?action=Login<CR><LF> 
Accept‐Language: it<CR><LF> 
Content‐Type: application/x‐www‐form‐urlencoded<CR><LF> 
User‐Agent: Mozilla/4.0 (compatible; MSIE 5.5; Windows NT 5.0) <CR><LF> 
Host: localhost:8081<CR><LF> 
Content‐Length: 33<CR><LF> 
Pragma: no‐cache<CR><LF> 
Cookie: JSESSIONID=A889EA5555C7A387F36A7A2892045FFD<CR><LF> 
JPW_COD_FISCALE: CPRGRGXXXXXXXXX<CR><LF> 
JPW_COGNOME: YYYYYYYY<CR><LF> 
JPW_NOME: ZZZZZZZZZ<CR><LF> 

PAGINA 62 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

JPW_DT_ULTIMO_ACCESSO: GG/MM/YYYY HH24:MI:SS<CR><LF> 

<CR><LF>
Spiegazione:
ƒ Cookie: JSESSIONID=A889EA5555C7A387F36A7A2892045FFD: rappresenta
l’informazione identificativa della sessione utente in PolisWeb, ricevuta in risposta dal PA
dopo la richiesta di attivazione della sessione utente.
ƒ JPW_COD_FISCALE: rappresenta il Codice Fiscale dell’utente. E’ obbligatorio.
PolisWeb controlla l’associazione del Codice Fiscale con la sessione utente identificata
con le informazioni del cookie.
ƒ JPW_COGNOME, JPW_NOME, JPW_DT_ULTIMO_ACCESSO: vedi descrizione
fornita nella richiesta di attivazione della sessione.

5.3.4 Risposta di PolisWeb alla richiesta “Pagine Area Privata Consultazione PolisWeb”.
La risposta fornita da PolisWeb è nello stesso formato della risposta descritta per la richiesta
di attivazione della sessione utente. La risposta differisce nel contenuto l’html della pagina di
consultazione richiesta.

5.3.5 Richiesta “Chiusura Sessione Utente PolisWeb”

Sono di seguito forniti le modalità di attivazione dell’interfaccia applicativa di PolisWeb per


la chiusura di una sessione utente, e un esempio del relativo messaggio di richiesta http
inviata dal PA a PW.
Richiesta http inviata dal Punto di Accesso a PolisWeb per la chiusura della sessione utente:
http://hostpwpa/pwprivate?action=Logout
 
Esempio di Messaggio di Richiesta  http inviata dal Punto di Accesso a PolisWeb – Chiusura  Sessione 
 
POST /pwprivate;jsessionid=A889EA5555C7A387F36A7A2892045FFD?action=Logout HTTP/1.0 <CR><LF> 
Accept: image/gif, image/x‐xbitmap, image/jpeg, image/pjpeg, application/vnd.ms‐powerpoint, application/vnd.ms‐excel, 
application/msword, */*<CR><LF> 
Referer: http://localhost:8081/pwprivate?action=Login<CR><LF> 
Accept‐Language: it<CR><LF> 
Content‐Type: application/x‐www‐form‐urlencoded<CR><LF> 
User‐Agent: Mozilla/4.0 (compatible; MSIE 5.5; Windows NT 5.0) <CR><LF> 
Host: localhost:8081<CR><LF> 
Content‐Length: 33<CR><LF> 
Pragma: no‐cache<CR><LF> 
Cookie: JSESSIONID=A889EA5555C7A387F36A7A2892045FFD<CR><LF> 
JPW_COD_FISCALE: CPRGRGXXXXXXXXX<CR><LF> 
JPW_COGNOME: YYYYYYYY<CR><LF> 
JPW_NOME: ZZZZZZZZZ<CR><LF> 
JPW_DT_ULTIMO_ACCESSO: GG/MM/YYYY HH24:MI:SS<CR><LF> 
<CR><LF> 

Analogamente ai messaggi di richiesta precedenti, per richiedere la chiusura forzata di una


specifica sessione utente, occorre attivare l’azione di Logout indicando le informazioni
relative all’utente (Cookie e Codice Fiscale).

PAGINA 63 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

5.3.6 Risposta PolisWeb per richiesta “Chiusura Sessione Utente PolisWeb”

PolisWeb alla richiesta di chiusura di una sessione utente, dopo aver chiuso la sessione utente,
risponde al client del Punto di Accesso con un messaggio riportante nella header http i
parametri di interfaccia applicativa previsti.
 
Esempio di Risposta http restituita da PolisWeb al Punto di Accesso per Richiesta Chiusura Sessione 
 
HTTP/1.1 200 OK 
Content‐Type: text/html; charset=iso‐8859‐1 
Connection: close 
Date: Tue, 21 Oct 2003 16:03:01 GMT 
Server: Apache Tomcat/4.0.3 (HTTP/1.1 Connector) 
Set‐Cookie: JSESSIONID= A889EA5555C7A387F36A7A2892045FFD;Path=/ 
JPW_CODICE_RITORNO: 799<CR><LF> 
JPW_DESCR_SEGNALAZIONE: OK<CR><LF> 
JPW_INFO_PA: XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX<CR><LF> 
<CR><LF> 

Spiegazione:
ƒ JPW_COD_RITORNO: con il valore di Codice di Ritorno “799” il punto di accesso ha la
conferma della chiusura della sessione e può redirigere l’utente in una funzionalità del
Punto di Accesso.

5.3.7 Eccezioni

Con il concetto di eccezione, relativamente all’interfaccia tra PA e PW, si intendono


situazioni in cui ad una precisa richiesta del Punto di Accesso PolisWeb non può rispondere
come dovuto. Queste eccezioni possono essere dovute sia ad errate impostazione dei
parametri di attivazione del Punto di Accesso che per condizioni di stato di PolisWeb. Le
eccezioni ad oggi individuate sono le seguenti:
ƒ 700 – Parametro invalido o non presente. Un parametro dell’interfaccia di attivazione di
PolisWeb, fondamentale per l’elaborazione della richiesta, non è fornito o è invalido.
ƒ 701 – Utente già connesso. Nell’elaborazione della richiesta di attivazione di una nuova
sessione utente, è trovata un’altra sessione attiva per lo stesso Codice Fiscale.
ƒ 709 – Sessione errata. Le informazioni di sessione fornite a PolisWeb attraverso
l’interfaccia di attivazione, non corrispondono ad una sessione valida.
ƒ 710 – Informazione sessione errata. Le informazioni di sessione fornite a PolisWeb
attraverso l’interfaccia di attivazione, non corrispondono con il Codice Fiscale associato.
 
Esempio di Risposta http restituita da PolisWeb al Punto di Accesso in caso di Eccezione 
 
HTTP/1.1 200 OK 
Content‐Type: text/html; charset=iso‐8859‐1 
Connection: close 
Date: Tue, 21 Oct 2003 16:03:01 GMT 
Server: Apache Tomcat/4.0.3 (HTTP/1.1 Connector) 
Set‐Cookie: JSESSIONID= A889EA5555C7A387F36A7A2892045FFD;Path=/ 
JPW_CODICE_RITORNO: 700<CR><LF> 
JPW_DESCR_SEGNALAZIONE: Parametro invalido o non presente.<CR><LF> 
JPW_INFO_PA: XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX<CR><LF> 
<CR><LF> 

PAGINA 64 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Spiegazione:
ƒ JPW_COD_RITORNO: con il valore di Codice di Ritorno “700” il punto di accesso ha
l’evidenza di una situazione di “Eccezione”. In caso di un’eccezione il Punto di Accesso
può intercettare e condizionare il flusso http. La risposta di PolisWeb contiene comunque
l’html di visualizzazione dell’eccezione riscontrata.

5.4 INTERFACCE PER IL BACK-END DI POLIS WEB


Di seguito vengono descritte le interfacce utilizzate da PolisWeb per il colloquio con il back-
end. La documentazione completa del WSDL (con i servizi ed i tipi di dati) è riportata negli
Allegati al paragrafo 8.5 (jpw-backend-wsdl e jpw-backend-wsdl-type).

Figura 47 - Rappresentazione grafica dell’interfaccia WSDL per il back end di PolisWeb

Operazione: {urn:JPW-BackEnd}execute

Descrizione: esegue l’interrogazione specificata

Parametri:

ƒ name: nome dell’interrogazione, descritta come stringa, presente nel binding SOAP come
elemento del body di richiesta
ƒ valueSet: insieme dei parametri necessari all’interrogazione, descritto da un opportuno
tipo XML, presente nel binding SOAP come elemento del body di richiesta
ƒ orderBy: ordinamenti dell’insieme dei risultati, descritto da un opportuno tipo XML,
presente nel binding SOAP come elemento del body di richiesta
Risultato: Lista di record risultato, codificato da opportuno tipo XML, presente nel binding
SOAP come elemento del body di risposta.

Operazione: {urn:JPW-BackEnd}getRowClassDescriptor

Descrizione: ritorna il descrittore del tipo di record specificato.

Parametri:

ƒ className: tipo di record da descrivere, descritto come stringa, presente nel binding
SOAP come elemento del body di richiesta.
Risultato: descrittore del record specificato, codificato da opportuno tipo XML, presente nel
binding SOAP come elemento del body di risposta.

PAGINA 65 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Operazione: {urn:JPW-BackEnd}getServiceDescriptor

Descrizione: ottiene il descrittore per l’interrogazione specificata.

Parametri:

ƒ serviceName: nome del servizio da descrivere, descritto come stringa, presente nel
binding SOAP come elemento del body di richiesta.
Risultato: descrittore del servizio specificato, codificato da opportuno tipo XML, presente
nel binding SOAP come elemento del body di risposta.

Operazione: {urn:JPW-BackEnd}getServiceNames

Descrizione: ritorna la lista dei nomi dei servizi disponibili

Parametri: nessuno

Risultato: array di stringhe con i nomi delle interrogazioni, codificato da tipo XML, presente
nel binding SOAP come elemento del body di risposta.

5.4.1 Esempio Messaggio Richiesta Soap


Il messaggio di seguito riportato rappresenta un esempio di Messaggio SOAP di richiesta di
un servizio di back-end, preparato da PolisWeb e inviato al Gestore Locale.
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<soap-env:Envelope xmlns:soap-env="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/">
<soap-env:Header/>
<soap-env:Body>
<execute>
<name>RicercaInformazioniFascicoliPerTipo</name>
<valueSet>
<value name="idUtente" type="string">vntlsnxxxxxxxxxx</value>
<value name="idUfficio" type="string">xxxxxxxx</value>
<value name="idSezione" type="string">xx</value>
<value name="numero" type="string"/>
<value name="tipo" type="string">RGN</value>
<value name="anno" type="string">1999</value>
<value name="pageSize" type="integer">5</value>
<value name="pageNo" type="integer">1</value>
</valueSet>
<orderBy>
<entry property="annoruolo" mode="asc"/>
<entry property="numeroruolo" mode="asc"/>
</orderBy>
</execute>
</soap-env:Body>
</soap-env:Envelope>

Nella struttura del messaggio di esempio si evidenziano gli elementi previsti per
l’impostazione:

PAGINA 66 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

ƒ Del servizio richiesto.


ƒ Dei parametri di ricerca.
ƒ Dei parametri di ordinamento.

5.4.2 Esempio Messaggio Risposta Soap


Il messaggio di seguito riportato rappresenta un esempio di Messaggio SOAP di risposta di un
servizio di back-end, ricevuto da PolisWeb e generato dal Gestore Locale.
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<SOAP-ENV:Envelope xmlns:xsi="http://www.w3.org/1999/XMLSchema-instance" SOAP-
ENV:encodingStyle="http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/" xmlns:SOAP-
ENV="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/" xmlns:xsd="http://www.w3.org/1999/XMLSchema">
<SOAP-ENV:Body>
<ns1:executeResponse xmlns:ns1="urn:JPW-BackEnd">
<ns1:rowList available="9" time="2003-10-21 16:00:00">
<ns1:row class="Evento">
<ns1:property name="idfascicolo" type="string"><![CDATA[459]]></ns1:property>
<ns1:property name="codiceufficio" type="string"><![CDATA[00153]]></ns1:property>
<ns1:property name="annoruolo" type="integer"><![CDATA[2002]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroruolo" type="string"><![CDATA[00000165]]></ns1:property>
<ns1:property name="dataudienza" type="date"><![CDATA[09/04/2002
00:00:00.000]]></ns1:property>
<ns1:property name="giudice" type="string"><![CDATA[Bruno Bianchi]]></ns1:property>
<ns1:property name="AttorePrincipale" type="string"><![CDATA[Giuseppe Verdi]]></ns1:property>
<ns1:property name="ConvenutoPrincipale" type="string"><![CDATA[Mario Rossi]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroAttori" type="integer"><![CDATA[2]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroConvenuti" type="integer"><![CDATA[3]]></ns1:property>
</ns1:row>
<ns1:row class="Evento">
<ns1:property name="idfascicolo" type="string"><![CDATA[459]]></ns1:property>
<ns1:property name="codiceufficio" type="string"><![CDATA[00153]]></ns1:property>
<ns1:property name="annoruolo" type="integer"><![CDATA[2002]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroruolo" type="string"><![CDATA[00000165]]></ns1:property>
<ns1:property name="dataudienza" type="date"><![CDATA[09/04/2002
00:00:00.000]]></ns1:property>
<ns1:property name="giudice" type="string"><![CDATA[Bruno Bianchi]]></ns1:property>
<ns1:property name="AttorePrincipale" type="string"><![CDATA[Giuseppe Verdi]]></ns1:property>
<ns1:property name="ConvenutoPrincipale" type="string"><![CDATA[Mario Rossi]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroAttori" type="integer"><![CDATA[2]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroConvenuti" type="integer"><![CDATA[3]]></ns1:property>
</ns1:row>
<ns1:row class="Evento">
<ns1:property name="idfascicolo" type="string"><![CDATA[459]]></ns1:property>
<ns1:property name="codiceufficio" type="string"><![CDATA[00153]]></ns1:property>
<ns1:property name="annoruolo" type="integer"><![CDATA[2002]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroruolo" type="string"><![CDATA[00000165]]></ns1:property>
<ns1:property name="dataudienza" type="date"><![CDATA[09/04/2002
00:00:00.000]]></ns1:property>
<ns1:property name="giudice" type="string"><![CDATA[Bruno Bianchi]]></ns1:property>
<ns1:property name="AttorePrincipale" type="string"><![CDATA[Giuseppe Verdi]]></ns1:property>
<ns1:property name="ConvenutoPrincipale" type="string"><![CDATA[Mario Rossi]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroAttori" type="integer"><![CDATA[2]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroConvenuti" type="integer"><![CDATA[3]]></ns1:property>
</ns1:row>
<ns1:row class="Evento">
<ns1:property name="idfascicolo" type="string"><![CDATA[459]]></ns1:property>
<ns1:property name="codiceufficio" type="string"><![CDATA[00153]]></ns1:property>
<ns1:property name="annoruolo" type="integer"><![CDATA[2002]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroruolo" type="string"><![CDATA[00000165]]></ns1:property>
<ns1:property name="dataudienza" type="date"><![CDATA[09/04/2002
00:00:00.000]]></ns1:property>
<ns1:property name="giudice" type="string"><![CDATA[Bruno Bianchi]]></ns1:property>

PAGINA 67 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

<ns1:property name="AttorePrincipale" type="string"><![CDATA[Giuseppe Verdi]]></ns1:property>


<ns1:property name="ConvenutoPrincipale" type="string"><![CDATA[Mario Rossi]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroAttori" type="integer"><![CDATA[2]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroConvenuti" type="integer"><![CDATA[3]]></ns1:property>
</ns1:row>
<ns1:row class="Evento">
<ns1:property name="idfascicolo" type="string"><![CDATA[459]]></ns1:property>
<ns1:property name="codiceufficio" type="string"><![CDATA[00153]]></ns1:property>
<ns1:property name="annoruolo" type="integer"><![CDATA[2002]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroruolo" type="string"><![CDATA[00000165]]></ns1:property>
<ns1:property name="dataudienza" type="date"><![CDATA[09/04/2002
00:00:00.000]]></ns1:property>
<ns1:property name="giudice" type="string"><![CDATA[Bruno Bianchi]]></ns1:property>
<ns1:property name="AttorePrincipale" type="string"><![CDATA[Giuseppe Verdi]]></ns1:property>
<ns1:property name="ConvenutoPrincipale" type="string"><![CDATA[Mario Rossi]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroAttori" type="integer"><![CDATA[2]]></ns1:property>
<ns1:property name="numeroConvenuti" type="integer"><![CDATA[3]]></ns1:property>
</ns1:row>
</ns1:rowList>
</ns1:executeResponse>
</SOAP-ENV:Body>
</SOAP-ENV:Envelope>

Nella struttura del messaggio di esempio sono in evidenza le informazioni di dettaglio


determinate per ogni risultato elementare individuto dalla ricerca (Riga e Attributi).

PAGINA 68 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

6 ACCESSO AI REGISTRI SUL GESTORE CENTRALE

Il Gestore Centrale mantiene aggiornato il Registro Generale degli Indirizzi Elettronici


(ReGIndE), dove è registrato l'elenco di tutti gli indirizzi elettronici attivati dai Punti di
Accesso. Sul Gestore Centrale viene inoltre mantenuto un registro degli Uffici Giudiziari, in
cui sono registrati i dati di tutti i Tribunali che partecipano al Processo Telematico.
Il Gestore Centrale mette a disposizione un servizio che consente di interrogare i registri
accedendo in modalità LDAP.

6.1 ACCESSO AL REGINDE PER IL REPERIMENTO DI INDIRIZZI E CERTIFICATI


DEGLI AVVOCATI

Per inviare comunicazioni e notifiche ad altri avvocati, ciascun avvocato deve conoscerne il
codice fiscale ed eventualmente la chiave pubblica di cifratura del destinatario.
Il registro generale degli indirizzi elettronici sul Gestore Centrale contiene gli indirizzi e i dati
di tutti gli avvocati e dei CTU; la struttura LDAP di accesso al REGIndE è descritta nel
paragrafo 5.1 del Decreto DTD [4].
Ad ogni indirizzo elettronico di persona fisica sono associate le seguenti informazioni:
a) nome e cognome;
b) luogo e data di nascita;
c) codice fiscale;
d) data, ora e minuti dell'ultima variazione dell'indirizzo elettronico;
e) residenza;
f) domicilio;
g) stato dell’indirizzo: attivo, non attivo;
h) certificato digitale relativo alla chiave pubblica, da utilizzare per la cifratura;
i) data, ora e minuti dell’ultimo aggiornamento del certificato digitale;
j) consiglio dell’ordine o ente di appartenenza;
k) stato del soggetto abilitato: attivo, non attivo;
l) codice del Punto di Accesso di appartenenza;
m) ruolo del soggetto abilitato: avvocato, CTU.
L’indirizzo elettronico di enti collettivi, siano essi non riconosciuti ovvero persone giuridiche,
associa le seguenti informazioni:
a) denominazione sociale;
b) codice fiscale;
c) data ed ora dell'ultima variazione dell'indirizzo elettronico;
d) sede legale;
e) certificato digitale relativo alla chiave pubblica da utilizzare per la cifratura;
f) data ed ora dell’ultimo aggiornamento del certificato digitale;
g) stato dell’indirizzo: attivo, non attivo.

PAGINA 69 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

6.2 ACCESSO AL REGISTRO DEGLI UFFICI GIUDIZIARI


In fase di redazione e preparazione degli atti o dei documenti da inviare verso un Ufficio
Giudiziario, gli avvocati devono avere a propria disposizione sul posto di lavoro il codice
identificativo dell’Ufficio destinatario e, per inviare un atto cifrato, anche la chiave pubblica
di cifratura.
Il Gestore Centrale mantiene un registro degli Uffici Giudiziari, in cui sono registrati i dati di
tutti i Tribunali che partecipano al Processo Telematico e mette a disposizione un servizio di
interrogazione del registro, in modalità LDAP descritta nel paragrafo 5.2 del Decreto DTD
[4].

PAGINA 70 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

7 POSTA CERTIFICATA

Il Punto di Accesso mette a disposizione di ciascun soggetto abilitato iscritto una Casella di
Posta Certificata del Processo Telematico (CPECPT).
La posta certificata viene utilizzata per la trasmissione di documenti informatici dall'ufficio
giudiziario ad un soggetto abilitato esterno. È compito del Gestore Centrale dell’accesso
immettere le comunicazioni inviate dall’UG nel sistema di posta certificata e gestire le
ricevute di avvenuta consegna rilasciate dal PdA.
Per quanto riguarda le funzioni attualmente implementate, la posta certificata viene utilizzata
per l’invio agli Avvocati dei Biglietti di Cancelleria da parte dell’UG, per i flussi di
abilitazione e gestione utenze, per l’invio di notifiche tra difensori e consegna copia. Si
rimanda ai paragrafi 3 e 4 per una descrizione dei flussi.
Le caratteristiche di un sistema di posta elettronica certificata sono riportate nel documento
“Allegato tecnico alle linee guida del servizio di trasmissione di documenti informatici
mediante posta elettronica certificata” (http://www.ctrupa.it/RETE-RUPA/Posta-Elet).
Le caratteristiche specifiche della posta elettronica certificata del Processo Telematico sono
invece descritte nell’allegato “B” alle Regole Tecniche.

PAGINA 71 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

8 ALLEGATI

8.1 FORMATO DEI DATI

Nome campo Tipo dato Lunghezza Formato / Valori ammessi


Anno Char 4
CodiceEccezione Char 5 “E0032”
CodiceEsito Char 5 “S0007”
CodiceFiscale Char 16 “MRORSS70E06H501P”
CodiceFiscaleDestinatario Char 16 “MRORSS70E06H501P”
CodiceGC char 15 “GESTORECENTRALE”
CodicePdA char 15 “PUNTOACCESSO001”
CodiceOrdine char 15 “ORDINE000000001”
CodiceGL char 15 “”
CodiceStatus Char 1 A= attivo, “R”= Radiato, “S”= Sospeso
CodiceUG Varchar 15
Contenuto Varchar illimitata Testo del biglietto di cancelleria
Data Char 10 “2003-09-16”
DescrizioneEccezione Varchar 255 “”
DescrizioneEsito Varchar 255 “”
IdMsg Number 9
IdMsgMitt Varchar 255
IdMsgSMTP Varchar 255
Impronta Bit 160 “”
NumeroRuolo Varchar 13 “12345678/2004”
Oggetto Varchar 255 “”
Ora Char 8 “13:08:09”

PAGINA 72 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

8.2 DTD DEI FILE XML

8.2.1 Attestazione.dtd
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<!ENTITY % dataPubblicazione "2003-09-16">
<!--Attestazione Temporale apposta dal Gestore Centrale.-->
<!ELEMENT Attestazione ((IdMsgSMTP | (IdMsgMitt, IdMsgPdA)), DatiAttestazione)>
<!--IdMsgSMTP verra' utilizzato nel casi di "RicevutaAvvenutaConsegna" (Biglietto di Cancelleria).-->
<!ELEMENT IdMsgSMTP (#PCDATA)>
<!--IdMsgMitt, IdMsgPdA verranno utilizzati in caso di "Deposito Atto".-->
<!ELEMENT IdMsgMitt (#PCDATA)>
<!ELEMENT IdMsgPdA (CodicePdA, Anno, IdMsg)>
<!ELEMENT CodicePdA (#PCDATA)>
<!--Anno di 4 cifre. -->
<!ELEMENT Anno (#PCDATA)>
<!ELEMENT IdMsg (#PCDATA)>
<!--Dati "in chiaro" dell'attestazione temporale.-->
<!ELEMENT DatiAttestazione (Impronta, Tempo)>
<!--L'attestazione temporale al momento viene effettuata sulla busta SMIME.-->
<!ELEMENT Impronta (#PCDATA)>
<!ATTLIST Impronta
algoritmo CDATA #FIXED "SHA-1"
codifica CDATA #FIXED "base64"
tipoImpronta (File | MIME | SMIME) "SMIME"
>
<!ELEMENT Tempo (Data, Ora)>
<!ATTLIST Tempo
zona CDATA #REQUIRED
>
<!--Anno di 4 cifre; mese di 2 cifre; giorno di 2 cifre; carattere di separazione "-" (ISO 8601 esteso). Es.: 2003-09-16-->
<!ELEMENT Data (#PCDATA)>
<!--Ora di 2 cifre (formato H24); minuti di 2 cifre; secondi di 2 cifre; carattere di separazione ":". Es.: 13:08:09-->
<!ELEMENT Ora (#PCDATA)><?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>

8.2.2 Certificazione.dtd
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<!ENTITY % dataPubblicazione "2003-09-16">
<!--Creata dal Punto di Accesso o dal Gestore Centrale.-->
<!ELEMENT Certificazione (CodiceFiscale, DatiCertificazione, EntitaCertificante)>
<!ELEMENT CodiceFiscale (#PCDATA)>
<!ELEMENT DatiCertificazione (CodiceOrdine, CodiceStatus, Tempo)>
<!--Codice dell'Albo Professionale di appartenenza.-->
<!ELEMENT CodiceOrdine (#PCDATA)>
<!ELEMENT CodiceStatus (#PCDATA)>
<!ELEMENT Tempo (Data, Ora)>
<!ATTLIST Tempo
zona CDATA #REQUIRED
>
<!--Anno di 4 cifre; mese di 2 cifre; giorno di 2 cifre; carattere di separazione "-" (ISO 8601 esteso). Es.: 2003-09-16-->
<!ELEMENT Data (#PCDATA)>
<!--Ora di 2 cifre (formato H24); minuti di 2 cifre; secondi di 2 cifre; carattere di separazione ":". Es.: 13:08:09-->
<!ELEMENT Ora (#PCDATA)>
<!--Gestore Centrale o PdA.-->
<!ELEMENT EntitaCertificante (CodicePdA | CodiceGC)>
<!ELEMENT CodicePdA (#PCDATA)>
<!ELEMENT CodiceGC (#PCDATA)><?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>

8.2.3 Comunicazione.dtd
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<!ENTITY % dataPubblicazione "2003-09-16">
<!ELEMENT Comunicazione (NumeroRuolo, Oggetto, Contenuto, CodiceUG, CodiceFiscaleDestinatario)>
<!ELEMENT NumeroRuolo (#PCDATA)>
<!ELEMENT Oggetto (#PCDATA)>

PAGINA 73 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

<!ELEMENT Contenuto (#PCDATA)>


<!ELEMENT CodiceUG (#PCDATA)>
<!ELEMENT CodiceFiscaleDestinatario (#PCDATA)>

8.2.4 Eccezione.dtd
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<!ENTITY % dataPubblicazione "2003-09-16">
<!ELEMENT Eccezione (IdMsgSMTP, IdMsgPdA, DatiEccezione)>
<!ELEMENT IdMsgSMTP (#PCDATA)>
<!ELEMENT IdMsgPdA (CodicePdA, Anno, IdMsg)>
<!ELEMENT CodicePdA (#PCDATA)>
<!--Anno di 4 cifre. -->
<!ELEMENT Anno (#PCDATA)>
<!ELEMENT IdMsg (#PCDATA)>
<!ELEMENT DatiEccezione (CodiceEccezione, DescrizioneEccezione)>
<!ELEMENT CodiceEccezione (#PCDATA)>
<!ELEMENT DescrizioneEccezione (#PCDATA)>

8.2.5 EsitoAtto.dtd
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<!ENTITY % dataPubblicazione "2003-09-16">
<!--Esito dell'Atto fornito dall'Ufficio Giudiziario.-->
<!ELEMENT EsitoAtto (IdMsgMitt, IdMsgPdA, DatiEsito)>
<!ELEMENT IdMsgMitt (#PCDATA)>
<!ELEMENT IdMsgPdA (CodicePdA, Anno, IdMsg)>
<!ELEMENT CodicePdA (#PCDATA)>
<!--Anno di 4 cifre. -->
<!ELEMENT Anno (#PCDATA)>
<!ELEMENT IdMsg (#PCDATA)>
<!ELEMENT DatiEsito (Impronta, MsgEsito, Tempo)>
<!--Impronta dell'Atto informatico.-->
<!ELEMENT Impronta (#PCDATA)>
<!ATTLIST Impronta
algoritmo CDATA #FIXED "SHA-1"
codifica CDATA #FIXED "base64"
tipoImpronta (File | MIME | SMIME) "File"
>
<!ELEMENT MsgEsito (NumeroRuolo?, CodiceEsito, DescrizioneEsito)>
<!ELEMENT NumeroRuolo (#PCDATA)>
<!ELEMENT CodiceEsito (#PCDATA)>
<!ELEMENT DescrizioneEsito (#PCDATA)>
<!ELEMENT Tempo (Data, Ora)>
<!ATTLIST Tempo
zona CDATA #REQUIRED
>
<!ELEMENT Data (#PCDATA)>
<!--Anno di 4 cifre; mese di 2 cifre; giorno di 2 cifre; carattere di separazione "-" (ISO 8601 esteso). Es.: 2003-09-16-->
<!ELEMENT Ora (#PCDATA)>
<!--Ora di 2 cifre (formato H24); minuti di 2 cifre; secondi di 2 cifre; carattere di separazione ":". Es.: 13:08:09-->

8.2.6 InfoInoltro.dtd
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<!ENTITY % dataPubblicazione "2003-09-16">
<!ELEMENT InfoInoltro (IdMsgPdA, Mittente, Destinatario, IdMsgMitt)>
<!ELEMENT IdMsgPdA (CodicePdA, Anno, IdMsg)>
<!ELEMENT CodicePdA (#PCDATA)>
<!ELEMENT Anno (#PCDATA)>
<!ELEMENT IdMsg (#PCDATA)>
<!ELEMENT Mittente (CodiceFiscale)>
<!ATTLIST Mittente
ruolo (Avvocato | CTU | AdS) "Avvocato"
>
<!ELEMENT CodiceFiscale (#PCDATA)>
<!ELEMENT Destinatario (CodiceUG)>

PAGINA 74 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

<!ELEMENT CodiceUG (#PCDATA)>


<!ELEMENT IdMsgMitt (#PCDATA)>

Nota:
ƒ Nei possibili valori dell’attributo “ruolo”dell’elemento “Mittente” è elencato “AdS”
che indica l’utenza Avvocatura dello Stato attualmente prevista solamente sul punto di
Accesso Ministeriale

8.2.7 InfoIndirizzamento.dtd
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<!ENTITY % dataPubblicazione "2005-07-13">
<!--
**************************** InfoIndirizzamento ***************************
* Il file XML contiene tutte le informazioni necessarie al routing.
******************************************************************************
-->
<!ELEMENT InfoIndirizzamento (TipoFlusso, Versione, IdSorgente, Mittente, Destinatario, NumeroRuolo, Oggetto,
Tempo)>
<!--
********************************** TipoFlusso *******************************
* Il tipo flusso può assumere i seguenti valori:
* DAT, per il "Deposito Atto" (quindi per l'esito)
* BDC, per il "Biglietto di Cancelleria"
* CCC, per la "Consegna Copia"
* CRL, per "Integrazione CDP"
******************************************************************************
-->
<!ELEMENT TipoFlusso (#PCDATA)>
<!--
******************************** Versione **********************************
* Versione del chiamante nella forma M.m.r (ad esempio: 2.5.1)
******************************************************************************
-->
<!ELEMENT Versione (#PCDATA)>
<!--
******************************** IdSorgente ********************************
* Terna identificativa assegnata dal sistema mittente.
******************************************************************************
-->
<!ELEMENT IdSorgente (Codice, Anno, Progressivo)>
<!ATTLIST IdSorgente
tipo (PdA | CdO | GL | GC) "PdA"
>
<!--
********************************* Codice ***********************************
* Codice identificativo.
* Nel caso di persone fisiche e' il Codice Fiscale.
******************************************************************************
-->
<!ELEMENT Codice (#PCDATA)>
<!--
************************************* Anno *********************************
* L'anno deve essere di quattro cifre "aaaa" , ad esempio 2005.
******************************************************************************
-->
<!ELEMENT Anno (#PCDATA)>
<!--
******************************** Progressivo ******************************
* Il progressivo deve essere numerico , ad esempio 12345.
******************************************************************************
-->
<!ELEMENT Progressivo (#PCDATA)>
<!--

PAGINA 75 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

*********************************** Mittente ********************************


* Mittente del messaggio.
******************************************************************************
-->
<!ELEMENT Mittente (Codice)>
<!ATTLIST Mittente
tipo (Avvocato | CTU | PdA | CdO | GL | GC | AdS) "Avvocato"
>
<!--
********************************* Destinatario ******************************
* Destinatario del messaggio.
******************************************************************************
-->
<!ELEMENT Destinatario (Codice)>
<!ATTLIST Destinatario
tipo (Avvocato | CTU | PdA | CdO | GL | GC | AdS) "Avvocato"
>
<!--
********************************* NumeroRuolo ****************************
* Numero di iscrizione a ruolo.
******************************************************************************
-->
<!ELEMENT NumeroRuolo (#PCDATA)>
<!--
*********************************** Oggetto ********************************
* Oggetto del messaggio.
******************************************************************************
-->
<!ELEMENT Oggetto (#PCDATA)>
<!--
*********************************** Tempo *********************************
* Data di invio del messaggio.
******************************************************************************
-->
<!ELEMENT Tempo (Data, Ora)>
<!ATTLIST Tempo
zona CDATA #REQUIRED
>
<!-- Anno di 4 cifre; mese di 2 cifre; giorno di 2 cifre; carattere di separazione "-" (ISO 8601 esteso). Es.: 2003-09-16 -->
<!ELEMENT Data (#PCDATA)>
<!-- Ora di 2 cifre (formato H24); minuti di 2 cifre; secondi di 2 cifre; carattere di separazione ":". Es.: 13:08:09 -->
<!ELEMENT Ora (#PCDATA)>

Note:
ƒ Nei possibili valori dell’elemento TipoFlusso è elencato “CRL” indicante il flusso di
“Integrazione CDP” attualmente previsto solamente per il Punto di Accesso
Ministeriale
ƒ Nei valori possibili dell’attributo “tipo” dell’elemento “Mittente” è elencato “AdS”
che indica l’utenza Avvocatura dello Stato attualmente prevista solamente sul punto di
Accesso Ministeriale

PAGINA 76 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

8.2.8 ComunicazioneIndirizzi.dtd
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<!ELEMENT ComunicazioneIndirizzi (SoggettoEsterno+)>
<!--
******************** SoggettoEsterno ******************************************
Flusso di richiesta abilitazione di un soggetto esterno.
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT SoggettoEsterno (TipoOperazione, DatiSoggetto, Anagrafica, Eccezione)>
<!--
******************** TipoOperazione *******************************************
Indica il tipo di operazione richiesta.
Valori ammessi: I=Inserimento, M=Modifica, C=Cancellazione, V=Variazione Stato
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT TipoOperazione (#PCDATA)>
<!--
******************** DatiSoggetto *********************************************
Parte comune dell'XML.
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT DatiSoggetto (CodiceFiscale, CertificatoCifratura, IndirizzoTelematico, CodPdA)>
<!--
******************** CodiceFiscale ********************************************
Identificativo univoco. Codice Fiscale dell'Avvocato, del CTU, dell'Avvocato dell'Avvocatura dello Stato o del Funzionario
dell'Avvocatura dello Stato.
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT CodiceFiscale (#PCDATA)>
<!--
******************** CertificatoCifratura *************************************
Chiave pubblica del certificato di cifratura del soggetto in formato X509.
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT CertificatoCifratura (#PCDATA)>
<!ATTLIST CertificatoCifratura
codifica CDATA #FIXED "base64"
>
<!--
******************************** IndirizzoTelematico ******************************************************************************
E' l'indirizzo della Casella di Posta Elettronica Certificata del Processo Telematico per la ricezione delle Comunicazioni
di Cancelleria e Notifiche dell'Avvocato.
L'indirizzo CPECPT deve essere sintatticamente conforme a quanto previsto dalla specifica pubblica RFC 822.
*****************************************************************************************************************************************
**
-->
<!ELEMENT IndirizzoTelematico (#PCDATA)>
<!--
******************************** CodPdA ***************************************
Punto di Accesso di appartenenza.
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT CodPdA (#PCDATA)>
<!ELEMENT Anagrafica (PersonaFisica | PersonaGiuridica)>
<!ELEMENT PersonaFisica (Cognome, Nome, Residenza, Nascita, Ruolo)>
<!ELEMENT Cognome (#PCDATA)>
<!ELEMENT Nome (#PCDATA)>
<!ELEMENT Residenza (Luogo)>
<!--
******************************** Nascita **************************************
In caso di nascita all'estero l'element Comune contiene il nome dello Stato estero e l'element Provincia non e'
valorizzato.
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT Nascita (Data, Comune, Provincia)>
<!ELEMENT Ruolo (Difensore | CTU | AvvocatoAdS | FunzionarioAdS)>
<!ELEMENT Difensore (CodiceOrdine, StatoDifensore, DomicilioLegale)>

PAGINA 77 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

<!--
******************************** CodiceOrdine *********************************
Codice del Consiglio dell'Ordine di appartenenza del difensore.
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT CodiceOrdine (#PCDATA)>
<!--
******************************** StatoDifensore *******************************
Rappresenta lo status professionale del difensore.
Viene riportato in caso di modifica per verificare l'allineamento del Registro Locale con quello Generale.
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT StatoDifensore (#PCDATA)>
<!ELEMENT DomicilioLegale (Luogo)>
<!--
******************************** CTU ******************************************
Rappresenta la qualifica professionale del CTU.
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT CTU (#PCDATA)>
<!ELEMENT AvvocatoAdS (CodiceAvvocatura)>
<!ELEMENT FunzionarioAdS (CodiceAvvocatura)>
<!--
******************** CodiceAvvocatura *****************************************
Codice dell'Avvocatura dello Stato. Ad es.: "ads0370060094" Avvocatura Distrettuale di Bologna.
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT CodiceAvvocatura (#PCDATA)>
<!ELEMENT PersonaGiuridica (Denominazione, Sede)>
<!ELEMENT Denominazione (#PCDATA)>
<!ELEMENT Sede (Luogo)>
<!ELEMENT Eccezione (CodiceEccezione, DescrizioneEccezione)>
<!ELEMENT CodiceEccezione (#PCDATA)>
<!ELEMENT DescrizioneEccezione (#PCDATA)>
<!ELEMENT Luogo (Indirizzo, CAP, Comune, Provincia)>
<!ELEMENT Indirizzo (#PCDATA)>
<!ELEMENT CAP (#PCDATA)>
<!--
******************************** Data *****************************************
Anno di 4 cifre; mese di 2 cifre; giorno di 2 cifre; carattere di separazione "-" (ISO 8601 esteso, aaaa-mm-gg). Es.: 2003-
09-16
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT Data (#PCDATA)>
<!--
******************************** Comune ***************************************
Comune o nome Stato Estero.
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT Comune (#PCDATA)>
<!--
******************************** Provincia ************************************
Solo per Comuni dell'Italia. Sigla della provincia Italiana o element non valorizzato
Se valorizzato, il valore testuale dell'elemento Provincia deve essere formato da due lettere maiuscole (e.g. "RM" per
Roma, "PA" per Palermo, etc.).
*******************************************************************************
-->
<!ELEMENT Provincia (#PCDATA)>

Nota:
ƒ Nei possibili valori dell’elemento “Ruolo” sono elencati “AvvocatoAdS” e
“FunzionarioAdS” che indicano utenze dell’Avvocatura dello Stato attualmente
previste solo sul punto di Accesso Ministeriale

PAGINA 78 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

8.2.9 InfoNotifica.dtd
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<!ENTITY % dataPubblicazione "2005-07-13">
<!ELEMENT InfoNotifica (IdMsgPdA, Mittente, Destinatario, IdMsgMitt)>
<!ELEMENT IdMsgPdA (CodicePdA, Anno, IdMsg)>
<!ELEMENT CodicePdA (#PCDATA)>
<!ELEMENT Anno (#PCDATA)>
<!ELEMENT IdMsg (#PCDATA)>
<!ELEMENT Mittente (CodiceFiscale)>
<!ATTLIST Mittente
ruolo (Avvocato | CTU | AdS) "Avvocato"
>
<!ELEMENT CodiceFiscale (#PCDATA)>
<!ELEMENT Destinatario (CodiceFiscale)>
<!ATTLIST Destinatario
ruolo (Avvocato | CTU | AdS) "Avvocato"
>
<!ELEMENT IdMsgMitt (#PCDATA)>

Nota:
ƒ Nei possibili valori dell’attributo “ruolo” dell’elemento “Mittente” è elencato “AdS”
che indica l’utenza Avvocatura dello Stato attualmente prevista solamente sul punto di
Accesso Ministeriale

PAGINA 79 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

8.3 DESCRIZIONE MESSAGGI DI ESITOATTO


Nella tabella seguente è riportato l’elenco completo dei messaggi che verranno notificati
all’avvocato in base ad errori riscontrati dai controlli automatici:

Errore riscontrato in Tipologia Messaggio Primo esito per l’avvocato da


concatenare a Messaggio
Analisi Busta
Il Depositante ha lo status della ERROR Depositante Radiato Sospeso sono necessarie verifiche da parte della
certificazione o cancellato cancelleria
impostato a 'R' (radiato) o 'S' (sospeso)
Busta non elaborabile FATAL Errore server busta non sono necessarie verifiche tecniche da
elaborata parte dell'ufficio ricevente
Contenuti (Attestazione.xml o FATAL Impossibile elaborare sono necessarie verifiche tecniche da
Certificazione.xml) impronta parte dell'ufficio ricevente
non elaborabili Hash dell'atto principale
Errore generico e imprevisto alla fine FATAL Errore imprevisto sono necessarie verifiche tecniche da
dei controlli parte dell'ufficio ricevente
Impossibile decifrare la busta FATAL Impossibile decifrare la busta sono necessarie verifiche tecniche da
parte dell'ufficio ricevente

Analisi IndiceBusta
IndiceBusta.xml non presente FATAL Indice busta non trovato necessario effettuare nuovamente il
deposito
IndiceBusta in formato non corretto FATAL Indice busta non corretto necessario effettuare nuovamente il
deposito
Assenza di allegati indicati nell'indice ERROR Assente allegato definito in sono necessarie verifiche da parte della
della busta cancelleria
Indice Busta

Analisi Atto
Non è presente l'atto giudiziario definito FATAL Atto principale mancante necessario effettuare nuovamente il
deposito
in IndiceBusta.
Certificato di firma non valido ERROR Certificato firma non valido sono necessarie verifiche tecniche da
parte dell'ufficio ricevente
Certificato firma scaduto ERROR Certificato firma scaduto necessario effettuare nuovamente il
deposito
Atto non integro rispetto alla firma ERROR Atto non integro rispetto alla necessario effettuare nuovamente il
elettronica deposito
firma elettronica
apposta sullo stesso
Errore inatteso durante la verifica firma FATAL Errore durante la verifica della sono necessarie verifiche tecniche da
firma parte dell'ufficio ricevente
del documento
Non tutti i firmatari sono integri ERROR Firma non integra sono necessarie verifiche tecniche da
parte dell'ufficio ricevente
Il mittente non è tra i firmatari dell'atto ERROR Il mittente non è tra i firmatari sono necessarie verifiche da parte della
dell'atto cancelleria
Documento non valido rispetto al DTD ERROR Documento XML non sono necessarie verifiche tecniche da
conforme rispetto parte dell'ufficio ricevente
al DTD

PAGINA 80 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Impossibilità di elaborare la struttura ERROR Impossibile elaborare la sono necessarie verifiche tecniche da
dell'atto struttura parte dell'ufficio ricevente
(errore nel formato XML) XML dell'atto
Il firmatario dell'atto non è costituito ERROR Firmatario non parte in causa sono necessarie verifiche da parte della
parte in causa cancelleria
(atti in corso di causa)
Numero di ruolo non indicato ERROR Numero di ruolo non indicato sono necessarie verifiche da parte della
cancelleria
Numero di ruolo non esistente nel ERROR Numero di ruolo non valido sono necessarie verifiche da parte della
SICC cancelleria
Il firmatario non è costituito nell'atto ERROR Il firmatario non parte in causa necessario effettuare nuovamente il
introduttivo deposito
Atto depositato fuori termine WARN Termini deposito scaduti in attesa di conferma da parte della
cancelleria: l'atto verrà
comunque accettato
Tag Parte (ParteCostituenda) e relativi ERROR Dati della parte assenti o non sono necessarie verifiche da parte della
indicati cancelleria
tag annidati sono incompleti
Verifica formato dati (valuta, data, ora, ERROR Atteso sono necessarie verifiche da parte della
numeri) [numero,data,ora,valuta] cancelleria
rilevato [valore]
Molteplicità dei tag non valida ERROR Documento XML non valido, sono necessarie verifiche tecniche da
parte dell'ufficio ricevente
assente dato "nome tag"
Data in citazione iscrizione a ruolo non WARN Data udienza di comparizione in attesa di conferma da parte della
possibile errata cancelleria: l'atto
(festivo, fuori termini...) verrà comunque accettato

Analisi Allegati
Assente allegato Procura alle liti WARN Allegato Procura alle liti in attesa di conferma da parte della
assente cancelleria: l'atto
verrà comunque accettato
Assente allegato Iscrizione al ruolo ERROR Allegato Iscrizione a Ruolo sono necessarie verifiche da parte della
assente cancelleria
Allegato non conforme al formato del ERROR Formato di file non ammesso sono necessarie verifiche tecniche da
file parte dell'ufficio ricevente
richiesto dalle regole tecniche
Allegato non conforme al formato del ERROR Allegato non riconosciuto sono necessarie verifiche tecniche da
file parte dell'ufficio ricevente
richiesto dalle regole tecniche
Certificato di firma non valido ERROR Certificato firma non valido sono necessarie verifiche tecniche da
parte dell'ufficio ricevente
Certificato firma scaduto ERROR Certificato firma scaduto necessario effettuare nuovamente il
deposito
Allegato non integro rispetto alla ERROR Allegato non integro rispetto necessario effettuare nuovamente il
deposito
firma elettronica apposta sullo stesso alla firma elettronica
Errore inatteso durante la verifica firma FATAL Errore durante la verifica della sono necessarie verifiche tecniche da
parte dell'ufficio ricevente
firma del documento
Non tutti i firmatari sono integri ERROR Firma non integra sono necessarie verifiche tecniche da
parte dell'ufficio ricevente
Presenza di allegati non indicati ERROR Presenza di allegati non sono necessarie verifiche da parte della
cancelleria
nell'indice della busta definiti in Indice Busta

PAGINA 81 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Nella tabella seguente è riportato l’elenco completo dei messaggi che verranno notificati
all’avvocato dal Cancelliere:

Errore riscontrato in Tipologia Messaggio Secondo esito in caso di rifiuto da


concatenare a Messaggio
Analisi Busta
Il Depositante ha lo status della ERROR Depositante Radiato Sospeso necessario effettuare nuovamente il
certificazione o cancellato deposito
impostato a 'R' (radiato) o 'S' (sospeso)
Busta non elaborabile FATAL Errore server busta non necessario effettuare nuovamente il
elaborata deposito
Contenuti (Attestazione.xml o FATAL Impossibile elaborare necessario effettuare nuovamente il
Certificazione.xml) impronta deposito
non elaborabili Hash dell'atto principale
Errore generico e imprevisto alla fine FATAL Errore imprevisto necessario effettuare nuovamente il
dei controlli deposito
Impossibile decifrare la busta FATAL Impossibile decifrare la busta necessario effettuare nuovamente il
deposito con certificato di cifratura
corretto

Analisi IndiceBusta
IndiceBusta.xml non presente FATAL Indice busta non trovato necessario effettuare nuovamente il
deposito (se non si è già provveduto)
IndiceBusta in formato non corretto FATAL Indice busta non corretto necessario effettuare nuovamente il
deposito (se non si è già provveduto)
Assenza di allegati indicati nell'indice ERROR Assente allegato definito in necessario effettuare nuovamente il
della busta deposito
Indice Busta

Analisi Atto
Non è presente l'atto giudiziario definito FATAL Atto principale mancante necessario effettuare nuovamente il
deposito (se non si è già provveduto)
in IndiceBusta.
Certificato di firma non valido ERROR Certificato firma non valido necessario effettuare nuovamente il
deposito
Certificato firma scaduto ERROR Certificato firma scaduto necessario effettuare nuovamente il
deposito (se non si è già provveduto)
Atto non integro rispetto alla firma ERROR Atto non integro rispetto alla necessario effettuare nuovamente il
elettronica deposito (se non si è già provveduto)
firma elettronica
apposta sullo stesso
Errore inatteso durante la verifica firma FATAL Errore durante la verifica della necessario effettuare nuovamente il
firma deposito
del documento
Non tutti i firmatari sono integri ERROR Firma non integra necessario effettuare nuovamente il
deposito
Il mittente non è tra i firmatari dell'atto ERROR Il mittente non è tra i firmatari necessario effettuare nuovamente il
dell'atto deposito

PAGINA 82 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Documento non valido rispetto al DTD ERROR Documento XML non necessario effettuare nuovamente il
conforme rispetto deposito
al DTD
Impossibilità di elaborare la struttura ERROR Impossibile elaborare la necessario effettuare nuovamente il
dell'atto struttura deposito
(errore nel formato XML) XML dell'atto
Il firmatario dell'atto non è costituito ERROR Firmatario non parte in causa necessario effettuare nuovamente il
parte in causa deposito
(atti in corso di causa)
Numero di ruolo non indicato ERROR Numero di ruolo non indicato necessario effettuare nuovamente il
deposito
Numero di ruolo non esistente nel ERROR Numero di ruolo non valido necessario effettuare nuovamente il
SICC deposito
Il firmatario non è costituito nell'atto ERROR Il firmatario non parte in causa necessario effettuare nuovamente il
introduttivo deposito (se non si è già provveduto)
Atto depositato fuori termine WARN Termini deposito scaduti
Tag Parte (ParteCostituenda) e relativi ERROR Dati della parte assenti o non necessario effettuare nuovamente il
indicati deposito
tag annidati sono incompleti
Verifica formato dati (valuta, data, ora, ERROR Atteso necessario effettuare nuovamente il
numeri) [numero,data,ora,valuta] deposito
rilevato [valore]
Molteplicità dei tag non valida ERROR Documento XML non valido, necessario effettuare nuovamente il
deposito
assente dato "nome tag"
Data in citazione iscrizione a ruolo non WARN Data udienza di comparizione
possibile errata
(festivo, fuori termini...)

Analisi Allegati
Assente allegato Procura alle liti WARN Allegato Procura alle liti
assente
Assente allegato Iscrizione al ruolo ERROR Allegato Iscrizione a Ruolo necessario effettuare nuovamente il
assente deposito
Allegato non conforme al formato del ERROR Formato di file non ammesso necessario effettuare nuovamente il
file deposito
richiesto dalle regole tecniche
Allegato non conforme al formato del ERROR Allegato non riconosciuto necessario effettuare nuovamente il
file deposito
richiesto dalle regole tecniche
Certificato di firma non valido ERROR Certificato firma non valido necessario effettuare nuovamente il
deposito
Certificato firma scaduto ERROR Certificato firma scaduto necessario effettuare nuovamente il
deposito (se non si è già provveduto)
Allegato non integro rispetto alla ERROR Allegato non integro rispetto necessario effettuare nuovamente il
deposito (se non si è già provveduto)
firma elettronica apposta sullo stesso alla firma elettronica
Errore inatteso durante la verifica firma FATAL Errore durante la verifica della necessario effettuare nuovamente il
deposito
firma del documento
Non tutti i firmatari sono integri ERROR Firma non integra necessario effettuare nuovamente il
deposito
Presenza di allegati non indicati ERROR Presenza di allegati non necessario effettuare nuovamente il
deposito
nell'indice della busta definiti in Indice Busta

PAGINA 83 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

8.4 ANAGRAFICA DEGLI ERRORI RIPORTATI DAL GESTORE CENTRALE


La seguente tabella riporta l’anagrafica degli errori che possono essere inseriti dal Gestore
Centrale nei messaggi di notifica eccezione.

Codice Descrizione
E0101 L'element ?? non e' valorizzato
E0102 L'element ?? non ha un formato valido.
E0103 L'element ?? non ha un valore ammesso.
E0104 L'attributo ?? non ha un valore ammesso.
E0200 Il certificato ?? non e' valido o e' scaduto.
E0201 Il Punto di Accesso presente in InfoInoltro non corrisponde con il titolare del
Certificato di firma.
E0202 L'element ?? non e' integro.
E0203 Il file ?? non dovrebbe essere presente.
E0204 L'Utente risulta abilitato su altro PDA.
E0205 Il Punto di Accesso (??) presente in InfoInoltro non corrisponde a quello del
Mittente.
E0300 Il messaggio primario ricevuto non e' integro.
E0301 La struttura di ?? non e' valida.
E0303 Il messaggio primario ricevuto non e' integro. La parte ?? e' mancante.
E0304 Il content-type del messaggio non e' riconosciuto.
E0400 L'identificativo del messaggio ricevuto non e' univoco (IdMsgPdA).
E0401 Il Mittente del messaggio (CF = ??) non e' autorizzato al Processo Telematico.
E0402 Il destinatario del messaggio (InoltroAtto/Destinatario = ??) e' sconosciuto o non e'
consentito.
E0403 L'Avvocato certificato (CF = ??) non e' il Mittente del messaggio
(InoltroAtto/Mittente).
E0405 Il ?? e' sconosciuto.
E0406 Il Destinatario del messaggio (CF = ??) non e' autorizzato al Processo Telematico.
E0500 La certificazione allegata non contiene la firma.
E0501 La certificazione allegata non corrisponde al relativo DTD.
E0502 Il codice fiscale contenuto nella Certificazione non corrisponde con il codice
fiscale di InfoInoltro.

PAGINA 84 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

E0503 La data riportata dalla certificazione non corrisponde con la data odierna.
E0504 Il Punto di Accesso riportato nella certificazione non coincide con quello che ha
inviato il messaggio.
E0505 L'ordine riportato nella certificazione non esiste.
E0506 Lo status dell'Avvocato riportato nella certificazione non e' corretto.
E0600 Informazioni mancanti nella ComunicazioneUG.
E0601 Codice del Gestore Locale sconosciuto.
E0602 Codice Fiscale del destinatario sconosciuto.
E0603 Impossibile recuperare la ComunicazioneUG.
E0604 Identificativo duplicato.
E0605 Struttura ComunicazioneUG errata.
E0606 Messaggio non riconosciuto.
E0607 Il nodo 'esitoAtto' non punta ad alcun allegato.
E0608 Status Difensore non presente.
E0609 Formato Codice Fiscale non valido.
E0700 Errore nella verifica della firma della ComunicazioneIndirizzi.xml.p7m.
E0701 Firmatario della ComunicazioneIndirizzi.xml.p7m non identificato.
E0702 Rilevati errori nella validazione dei dati del Soggetto Esterno.
E0703 La ComunicazioneIndirizzi allegata non corrisponde al relativo DTD.
Il codice “??” è, divolta in volta, sostituito dal valore specifico.

PAGINA 85 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

8.5 FORMATI WSDL

8.5.1 WSDL jpw-backend.wsdl


services bindings porttypes messages
wsConsultazione ServiceConsultazioneBinding ServiziConsultazione executeRequest
executeResponse

getRowClassDescriptorRequest

getRowClassDescriptorResponse

getServiceDescriptorRequest

getServiceDescriptorResponse

getServiceNamesRequest

getServiceNamesResponse

service wsConsultazione
ports ServiziConsultazionePort
binding tns:ServiceConsultazioneBinding
extensibi <soap:address location="http://tubero:8080/wasp/rpcrouter"/>
lity
source <service name="wsConsultazione">
<port name="ServiziConsultazionePort" binding="tns:ServiceConsultazioneBinding">
<soap:address location="http://tubero:8080/wasp/rpcrouter"/>
</port>
</service>

binding ServiceConsultazioneBinding
type tns:ServiziConsultazione

extensibility <soap:binding style="rpc" transport="http://schemas.xmlsoap.org/soap/http"/>

operations Execute
extensibi <soap:operation soapAction="execute"/>
lity
input <soap:body use="literal"/>
output <soap:body use="literal"/>

getRowClassDescriptor
extensibi <soap:operation soapAction="getRowClassDescriptor"/>
lity
input <soap:body use="literal"/>
output <soap:body use="literal"/>

getServiceDescriptor
extensibi <soap:operation soapAction="getServiceDescriptor"/>
lity
input <soap:body use="literal"/>
output <soap:body use="literal"/>

GetServiceNames
extensibi <soap:operation soapAction="getServiceNames"/>

PAGINA 86 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

lity
input <soap:body use="literal"/>
output <soap:body use="literal"/>
used by Service wsConsultazione in Port ServiziConsultazionePort
source <binding name="ServiceConsultazioneBinding" type="tns:ServiziConsultazione">
<soap:binding style="rpc" transport="http://schemas.xmlsoap.org/soap/http"/>
<operation name="execute">
<soap:operation soapAction="execute"/>
<input>
<soap:body use="literal"/>
</input>
<output>
<soap:body use="literal"/>
</output>
</operation>
<operation name="getRowClassDescriptor">
<soap:operation soapAction="getRowClassDescriptor"/>
<input>
<soap:body use="literal"/>
</input>
<output>
<soap:body use="literal"/>
</output>
</operation>
<operation name="getServiceDescriptor">
<soap:operation soapAction="getServiceDescriptor"/>
<input>
<soap:body use="literal"/>
</input>
<output>
<soap:body use="literal"/>
</output>
</operation>
<operation name="getServiceNames">
<soap:operation soapAction="getServiceNames"/>
<input>
<soap:body use="literal"/>
</input>
<output>
<soap:body use="literal"/>
</output>
</operation>
</binding>

porttype ServiziConsultazione
operations execute
input tns:executeRequest
output tns:executeResponse

getRowClassDescriptor
input tns:getRowClassDescriptorRequest
output tns:getRowClassDescriptorResponse

getServiceDescriptor
input tns:getServiceDescriptorRequest
output tns:getServiceDescriptorResponse

getServiceNames
input tns:getServiceNamesRequest
output tns:getServiceNamesResponse

PAGINA 87 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

used by binding ServiceConsultazioneBinding


source <portType name="ServiziConsultazione">
<operation name="execute">
<input message="tns:executeRequest"/>
<output message="tns:executeResponse"/>
</operation>
<operation name="getRowClassDescriptor">
<input message="tns:getRowClassDescriptorRequest"/>
<output message="tns:getRowClassDescriptorResponse"/>
</operation>
<operation name="getServiceDescriptor">
<input message="tns:getServiceDescriptorRequest"/>
<output message="tns:getServiceDescriptorResponse"/>
</operation>
<operation name="getServiceNames">
<input message="tns:getServiceNamesRequest"/>
<output message="tns:getServiceNamesResponse"/>
</operation>
</portType>

message executeRequest
parts name
type xsd:string

valueSet
type tns:valueSetType

orderBy
type tns:orderByType
used by PortType ServiziConsultazione in Operation execute
source <message name="executeRequest">
<part name="name" type="xsd:string"/>
<part name="valueSet" type="tns:valueSetType"/>
<part name="orderBy" type="tns:orderByType"/>
</message>

message executeResponse
parts rowList
type tns:rowListType
used by PortType ServiziConsultazione in Operation execute
source <message name="executeResponse">
<part name="rowList" type="tns:rowListType"/>
</message>

message getRowClassDescriptorRequest
parts name
type xsd:string
used by PortType ServiziConsultazione in Operation getRowClassDescriptor

PAGINA 88 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

source <message name="getRowClassDescriptorRequest">


<part name="name" type="xsd:string"/>
</message>

message getRowClassDescriptorResponse
parts return
type tns:rowClassDescriptorType
used by PortType ServiziConsultazione in Operation getRowClassDescriptor
source <message name="getRowClassDescriptorResponse">
<part name="return" type="tns:rowClassDescriptorType"/>
</message>

message getServiceDescriptorRequest
parts name
type xsd:string
used by PortType ServiziConsultazione in Operation getServiceDescriptor
source <message name="getServiceDescriptorRequest">
<part name="name" type="xsd:string"/>
</message>

message getServiceDescriptorResponse
parts return
type tns:serviceDescriptorType
used by PortType ServiziConsultazione in Operation getServiceDescriptor
source <message name="getServiceDescriptorResponse">
<part name="return" type="tns:serviceDescriptorType"/>
</message>

message getServiceNamesRequest
parts

used by PortType ServiziConsultazione in Operation getServiceNames


source <message name="getServiceNamesRequest"/>

message getServiceNamesResponse
parts return
type tns:stringArrayType
used by PortType ServiziConsultazione in Operation getServiceNames
source <message name="getServiceNamesResponse">
<part name="return" type="tns:stringArrayType"/>
</message>

8.5.2 Schema wsdlschema.xsd


targetNamespace: urn:JPW-BackEnd

PAGINA 89 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

Complex types Simple types


orderByEntryType typeEnum
orderByType

propertyType

rowClassDescriptorType

rowListType

rowType

serviceDescriptorType

srowType

stringArrayType

subRowsType

valueSetType

Elements Groups Complex types Simple types Attr. groups


anyType Array anyURI arrayCoordinate arrayAttributes
anyURI Struct Array base64 arrayMemberAttributes
Array base64Binary commonAttributes

base64Binary boolean

boolean byte

byte date

date dateTime

dateTime decimal

decimal double

double duration

duration ENTITIES

ENTITIES ENTITY

ENTITY float

float gDay

gDay gMonth

gMonth gMonthDay

gMonthDay gYear

gYear gYearMonth

gYearMonth hexBinary

hexBinary ID

ID IDREF

PAGINA 90 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

IDREF IDREFS

IDREFS int

int integer

integer language

language long

long Name

Name NCName

NCName negativeInteger

negativeInteger NMTOKEN

NMTOKEN NMTOKENS

NMTOKENS nonNegativeInteger

nonNegativeInteger nonPositiveInteger

nonPositiveInteger normalizedString

normalizedString NOTATION

NOTATION positiveInteger

positiveInteger QName

QName short

short string

string Struct

Struct time

time token

token unsignedByte

unsignedByte unsignedInt

unsignedInt unsignedLong

unsignedLong unsignedShort

unsignedShort

complexType orderByEntryType
diagram

namespace urn:JPW-BackEnd

used by element orderByType/entry


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
property xsd:string required
mode xsd:string required
source <complexType name="orderByEntryType">
<attribute name="property" type="xsd:string" use="required"/>

PAGINA 91 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

<attribute name="mode" type="xsd:string" use="required"/>


</complexType>

complexType orderByType
diagram

namespace urn:JPW-BackEnd

children entry

source <complexType name="orderByType">


<sequence>
<element name="entry" type="tns:orderByEntryType" maxOccurs="unbounded"/>
</sequence>
</complexType>

element orderByType/entry
diagram

type tns:orderByEntryType

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


property xsd:string required
mode xsd:string required
source <element name="entry" type="tns:orderByEntryType" maxOccurs="unbounded"/>

complexType propertyType
diagram

namespace urn:JPW-BackEnd

type extension of string

used by elements srowType/property valueSetType/value


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
name xsd:string required
type tns:typeEnum string
source <complexType name="propertyType">
<simpleContent>
<extension base="xsd:string">
<attribute name="name" type="xsd:string" use="required"/>
<attribute name="type" type="tns:typeEnum" default="string"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

PAGINA 92 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

complexType rowClassDescriptorType
diagram

namespace urn:JPW-BackEnd

children property classRef

source <complexType name="rowClassDescriptorType">


<sequence>
<element name="property" maxOccurs="unbounded">
<complexType>
<attribute name="name" type="xsd:string" use="required"/>
<attribute name="type" type="tns:typeEnum" default="string"/>
</complexType>
</element>
<element name="classRef">
<complexType>
<attribute name="name" type="xsd:string" use="required"/>
</complexType>
</element>
</sequence>
</complexType>

element rowClassDescriptorType/property
diagram

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


name xsd:string required
type tns:typeEnum string
source <element name="property" maxOccurs="unbounded">
<complexType>
<attribute name="name" type="xsd:string" use="required"/>
<attribute name="type" type="tns:typeEnum" default="string"/>
</complexType>
</element>

element rowClassDescriptorType/classRef
diagram

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


name xsd:string required

PAGINA 93 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

source <element name="classRef">


<complexType>
<attribute name="name" type="xsd:string" use="required"/>
</complexType>
</element>

complexType rowListType
diagram

namespace urn:JPW-BackEnd

children row

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


available xsd:string required
time xsd:string required
source <complexType name="rowListType">
<sequence>
<element name="row" type="tns:rowType" maxOccurs="unbounded"/>
</sequence>
<attribute name="available" type="xsd:string" use="required"/>
<attribute name="time" type="xsd:string" use="required"/>
</complexType>

element rowListType/row
diagram

type tns:rowType

children property subRows

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


class xsd:string required
source <element name="row" type="tns:rowType" maxOccurs="unbounded"/>

PAGINA 94 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

complexType rowType
diagram

namespace urn:JPW-BackEnd

type extension of tns:srowType

children property subRows

used by element rowListType/row


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
class xsd:string required
source <complexType name="rowType">
<complexContent>
<extension base="tns:srowType">
<sequence>
<element name="subRows" type="tns:subRowsType" minOccurs="0" maxOccurs="unbounded"/>
</sequence>
<attribute name="class" type="xsd:string" use="required"/>
</extension>
</complexContent>
</complexType>

element rowType/subRows
diagram

type tns:subRowsType

children row

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


class xsd:string required
source <element name="subRows" type="tns:subRowsType" minOccurs="0" maxOccurs="unbounded"/>

PAGINA 95 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

complexType serviceDescriptorType
diagram

namespace urn:JPW-BackEnd

children params rowClass

source <complexType name="serviceDescriptorType">


<sequence>
<element name="params" maxOccurs="unbounded">
<complexType>
<attribute name="name" type="xsd:string" use="required"/>
<attribute name="type" type="tns:typeEnum" default="string"/>
</complexType>
</element>
<element name="rowClass" maxOccurs="unbounded">
<complexType>
<attribute name="name" type="xsd:string" use="required"/>
</complexType>
</element>
</sequence>
</complexType>

element serviceDescriptorType/params
diagram

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


name xsd:string required
type tns:typeEnum string
source <element name="params" maxOccurs="unbounded">
<complexType>
<attribute name="name" type="xsd:string" use="required"/>
<attribute name="type" type="tns:typeEnum" default="string"/>
</complexType>
</element>

element serviceDescriptorType/rowClass
diagram

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation

PAGINA 96 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

name xsd:string required


source <element name="rowClass" maxOccurs="unbounded">
<complexType>
<attribute name="name" type="xsd:string" use="required"/>
</complexType>
</element>

complexType srowType
diagram

namespace urn:JPW-BackEnd

children property

used by element subRowsType/row


complexType rowType
source <complexType name="srowType">
<sequence>
<element name="property" type="tns:propertyType" maxOccurs="unbounded"/>
</sequence>
</complexType>

element srowType/property
diagram

type tns:propertyType

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


name xsd:string required
type tns:typeEnum string
source <element name="property" type="tns:propertyType" maxOccurs="unbounded"/>

complexType stringArrayType
diagram

namespace urn:JPW-BackEnd

type restriction of soap-enc:Array

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


soap- xs:string
enc:arrayType
tns:offset tns:arrayCoordin
ate
id xs:ID
href xs:anyURI

PAGINA 97 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

source <complexType name="stringArrayType">


<complexContent>
<restriction base="soap-enc:Array">
<attribute ref="soap-enc:arrayType" wsdl:arrayType="xsd:string[]"/>
</restriction>
</complexContent>
</complexType>

complexType subRowsType
diagram

namespace urn:JPW-BackEnd

children row

used by element rowType/subRows


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
class xsd:string required
source <complexType name="subRowsType">
<sequence>
<element name="row" type="tns:srowType" maxOccurs="unbounded"/>
</sequence>
<attribute name="class" type="xsd:string" use="required"/>
</complexType>

element subRowsType/row
diagram

type tns:srowType

children property

source <element name="row" type="tns:srowType" maxOccurs="unbounded"/>

complexType valueSetType
diagram

namespace urn:JPW-BackEnd

children value

source <complexType name="valueSetType">


<sequence>

PAGINA 98 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

<element name="value" type="tns:propertyType" maxOccurs="unbounded"/>


</sequence>
</complexType>

element valueSetType/value
diagram

type tns:propertyType

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


name xsd:string required
type tns:typeEnum string
source <element name="value" type="tns:propertyType" maxOccurs="unbounded"/>

simpleType typeEnum
namespace urn:JPW-BackEnd

type restriction of NMTOKEN

used by attributes propertyType/@type rowClassDescriptorType/property/@type


serviceDescriptorType/params/@type
facets enumeration string
enumeration integer
enumeration date
enumeration binary
enumeration float
enumeration boolean
source <simpleType name="typeEnum">
<restriction base="xsd:NMTOKEN">
<enumeration value="string"/>
<enumeration value="integer"/>
<enumeration value="date"/>
<enumeration value="binary"/>
<enumeration value="float"/>
<enumeration value="boolean"/>
</restriction>
</simpleType>

element soap-enc:anyType
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

source <element name="anyType"/>

PAGINA 99 DI 133
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

element soap-enc:anyURI
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:anyURI

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="anyURI" type="tns:anyURI"/>

element soap-enc:Array
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:Array

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


tns:arrayType xs:string
tns:offset tns:arrayCoordin
ate
id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="Array" type="tns:Array"/>

element soap-enc:base64Binary
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:base64Binary

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="base64Binary" type="tns:base64Binary"/>

element soap-enc:boolean
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

PAGINA 100 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

type soap-enc:boolean

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="boolean" type="tns:boolean"/>

element soap-enc:byte
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:byte

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="byte" type="tns:byte"/>

element soap-enc:date
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:date

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="date" type="tns:date"/>

element soap-enc:dateTime
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:dateTime

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="dateTime" type="tns:dateTime"/>

element soap-enc:decimal
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

PAGINA 101 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

type soap-enc:decimal

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="decimal" type="tns:decimal"/>

element soap-enc:double
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:double

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="double" type="tns:double"/>

element soap-enc:duration
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:duration

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="duration" type="tns:duration"/>

element soap-enc:ENTITIES
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:ENTITIES

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="ENTITIES" type="tns:ENTITIES"/>

element soap-enc:ENTITY
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

PAGINA 102 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

type soap-enc:ENTITY

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="ENTITY" type="tns:ENTITY"/>

element soap-enc:float
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:float

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="float" type="tns:float"/>

element soap-enc:gDay
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:gDay

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="gDay" type="tns:gDay"/>

element soap-enc:gMonth
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:gMonth

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="gMonth" type="tns:gMonth"/>

element soap-enc:gMonthDay
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

PAGINA 103 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

type soap-enc:gMonthDay

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="gMonthDay" type="tns:gMonthDay"/>

element soap-enc:gYear
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:gYear

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="gYear" type="tns:gYear"/>

element soap-enc:gYearMonth
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:gYearMonth

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="gYearMonth" type="tns:gYearMonth"/>

element soap-enc:hexBinary
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:hexBinary

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="hexBinary" type="tns:hexBinary"/>

element soap-enc:ID
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

PAGINA 104 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

type soap-enc:ID

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="ID" type="tns:ID"/>

element soap-enc:IDREF
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:IDREF

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="IDREF" type="tns:IDREF"/>

element soap-enc:IDREFS
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:IDREFS

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="IDREFS" type="tns:IDREFS"/>

element soap-enc:int
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:int

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="int" type="tns:int"/>

element soap-enc:integer
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

PAGINA 105 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

type soap-enc:integer

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="integer" type="tns:integer"/>

element soap-enc:language
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:language

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="language" type="tns:language"/>

element soap-enc:long
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:long

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="long" type="tns:long"/>

element soap-enc:Name
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:Name

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="Name" type="tns:Name"/>

element soap-enc:NCName
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

PAGINA 106 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

type soap-enc:NCName

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="NCName" type="tns:NCName"/>

element soap-enc:negativeInteger
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:negativeInteger

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="negativeInteger" type="tns:negativeInteger"/>

element soap-enc:NMTOKEN
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:NMTOKEN

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="NMTOKEN" type="tns:NMTOKEN"/>

element soap-enc:NMTOKENS
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:NMTOKENS

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="NMTOKENS" type="tns:NMTOKENS"/>

element soap-enc:nonNegativeInteger
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

PAGINA 107 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

type soap-enc:nonNegativeInteger

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="nonNegativeInteger" type="tns:nonNegativeInteger"/>

element soap-enc:nonPositiveInteger
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:nonPositiveInteger

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="nonPositiveInteger" type="tns:nonPositiveInteger"/>

element soap-enc:normalizedString
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:normalizedString

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="normalizedString" type="tns:normalizedString"/>

element soap-enc:NOTATION
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:NOTATION

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="NOTATION" type="tns:NOTATION"/>

element soap-enc:positiveInteger
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

PAGINA 108 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

type soap-enc:positiveInteger

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="positiveInteger" type="tns:positiveInteger"/>

element soap-enc:QName
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:QName

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="QName" type="tns:QName"/>

element soap-enc:short
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:short

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="short" type="tns:short"/>

element soap-enc:string
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:string

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="string" type="tns:string"/>

PAGINA 109 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

element soap-enc:Struct
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:Struct

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="Struct" type="tns:Struct"/>

element soap-enc:time
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:time

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="time" type="tns:time"/>

element soap-enc:token
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:token

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="token" type="tns:token"/>

element soap-enc:unsignedByte
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:unsignedByte

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID

PAGINA 110 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

href xs:anyURI
source <element name="unsignedByte" type="tns:unsignedByte"/>

element soap-enc:unsignedInt
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:unsignedInt

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="unsignedInt" type="tns:unsignedInt"/>

element soap-enc:unsignedLong
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:unsignedLong

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="unsignedLong" type="tns:unsignedLong"/>

element soap-enc:unsignedShort
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type soap-enc:unsignedShort

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <element name="unsignedShort" type="tns:unsignedShort"/>

group soap-enc:Array
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

used by complexType soap-enc:Array


source <group name="Array">
<sequence>

PAGINA 111 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

<any namespace="##any" processContents="lax" minOccurs="0" maxOccurs="unbounded"/>


</sequence>
</group>

group soap-enc:Struct
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

used by complexType soap-enc:Struct


source <group name="Struct">
<sequence>
<any namespace="##any" processContents="lax" minOccurs="0" maxOccurs="unbounded"/>
</sequence>
</group>

complexType soap-enc:anyURI
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of anyURI

used by element soap-enc:anyURI


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="anyURI">
<simpleContent>
<extension base="xs:anyURI">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:Array
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

PAGINA 112 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

used by element soap-enc:Array


complexType stringArrayType
attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
tns:arrayType xs:string
tns:offset tns:arrayCoordin
ate
id xs:ID
href xs:anyURI
annotation documentation
'Array' is a complex type for accessors identified by position

source <complexType name="Array">


<annotation>
<documentation>
'Array' is a complex type for accessors identified by position
</documentation>
</annotation>
<group ref="tns:Array" minOccurs="0"/>
<attributeGroup ref="tns:arrayAttributes"/>
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</complexType>

complexType soap-enc:base64Binary
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of base64Binary

used by element soap-enc:base64Binary


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="base64Binary">
<simpleContent>
<extension base="xs:base64Binary">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:boolean
diagram

PAGINA 113 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of boolean

used by element soap-enc:boolean


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="boolean">
<simpleContent>
<extension base="xs:boolean">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:byte
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of byte

used by element soap-enc:byte


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="byte">
<simpleContent>
<extension base="xs:byte">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:date
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of date

used by element soap-enc:date


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="date">
<simpleContent>

PAGINA 114 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

<extension base="xs:date">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:dateTime
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of dateTime

used by element soap-enc:dateTime


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="dateTime">
<simpleContent>
<extension base="xs:dateTime">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:decimal
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of decimal

used by element soap-enc:decimal


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="decimal">
<simpleContent>
<extension base="xs:decimal">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

PAGINA 115 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

complexType soap-enc:double
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of double

used by element soap-enc:double


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="double">
<simpleContent>
<extension base="xs:double">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:duration
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of duration

used by element soap-enc:duration


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="duration">
<simpleContent>
<extension base="xs:duration">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:ENTITIES
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of ENTITIES

used by element soap-enc:ENTITIES

PAGINA 116 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="ENTITIES">
<simpleContent>
<extension base="xs:ENTITIES">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:ENTITY
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of ENTITY

used by element soap-enc:ENTITY


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="ENTITY">
<simpleContent>
<extension base="xs:ENTITY">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:float
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of float

used by element soap-enc:float


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="float">
<simpleContent>
<extension base="xs:float">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>

PAGINA 117 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:gDay
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of gDay

used by element soap-enc:gDay


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="gDay">
<simpleContent>
<extension base="xs:gDay">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:gMonth
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of gMonth

used by element soap-enc:gMonth


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="gMonth">
<simpleContent>
<extension base="xs:gMonth">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:gMonthDay
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

PAGINA 118 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

type extension of gMonthDay

used by element soap-enc:gMonthDay


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="gMonthDay">
<simpleContent>
<extension base="xs:gMonthDay">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:gYear
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of gYear

used by element soap-enc:gYear


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="gYear">
<simpleContent>
<extension base="xs:gYear">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:gYearMonth
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of gYearMonth

used by element soap-enc:gYearMonth


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="gYearMonth">
<simpleContent>
<extension base="xs:gYearMonth">

PAGINA 119 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:hexBinary
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of hexBinary

used by element soap-enc:hexBinary


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="hexBinary">
<simpleContent>
<extension base="xs:hexBinary">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:ID
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of ID

used by element soap-enc:ID


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="ID">
<simpleContent>
<extension base="xs:ID">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

PAGINA 120 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

complexType soap-enc:IDREF
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of IDREF

used by element soap-enc:IDREF


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="IDREF">
<simpleContent>
<extension base="xs:IDREF">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:IDREFS
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of IDREFS

used by element soap-enc:IDREFS


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="IDREFS">
<simpleContent>
<extension base="xs:IDREFS">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:int
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of int

used by element soap-enc:int

PAGINA 121 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="int">
<simpleContent>
<extension base="xs:int">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:integer
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of integer

used by element soap-enc:integer


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="integer">
<simpleContent>
<extension base="xs:integer">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:language
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of language

used by element soap-enc:language


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="language">
<simpleContent>
<extension base="xs:language">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>

PAGINA 122 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:long
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of long

used by element soap-enc:long


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="long">
<simpleContent>
<extension base="xs:long">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:Name
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of Name

used by element soap-enc:Name


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="Name">
<simpleContent>
<extension base="xs:Name">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:NCName
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

PAGINA 123 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

type extension of NCName

used by element soap-enc:NCName


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="NCName">
<simpleContent>
<extension base="xs:NCName">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:negativeInteger
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of negativeInteger

used by element soap-enc:negativeInteger


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="negativeInteger">
<simpleContent>
<extension base="xs:negativeInteger">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:NMTOKEN
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of NMTOKEN

used by element soap-enc:NMTOKEN


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="NMTOKEN">
<simpleContent>
<extension base="xs:NMTOKEN">

PAGINA 124 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:NMTOKENS
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of NMTOKENS

used by element soap-enc:NMTOKENS


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="NMTOKENS">
<simpleContent>
<extension base="xs:NMTOKENS">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:nonNegativeInteger
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of nonNegativeInteger

used by element soap-enc:nonNegativeInteger


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="nonNegativeInteger">
<simpleContent>
<extension base="xs:nonNegativeInteger">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

PAGINA 125 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

complexType soap-enc:nonPositiveInteger
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of nonPositiveInteger

used by element soap-enc:nonPositiveInteger


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="nonPositiveInteger">
<simpleContent>
<extension base="xs:nonPositiveInteger">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:normalizedString
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of normalizedString

used by element soap-enc:normalizedString


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="normalizedString">
<simpleContent>
<extension base="xs:normalizedString">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:NOTATION
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of QName

used by element soap-enc:NOTATION

PAGINA 126 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="NOTATION">
<simpleContent>
<extension base="xs:QName">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:positiveInteger
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of positiveInteger

used by element soap-enc:positiveInteger


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="positiveInteger">
<simpleContent>
<extension base="xs:positiveInteger">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:QName
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of QName

used by element soap-enc:QName


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="QName">
<simpleContent>
<extension base="xs:QName">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>

PAGINA 127 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:short
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of short

used by element soap-enc:short


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="short">
<simpleContent>
<extension base="xs:short">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:string
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of string

used by element soap-enc:string


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="string">
<simpleContent>
<extension base="xs:string">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:Struct
diagram

PAGINA 128 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

used by element soap-enc:Struct


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="Struct">
<group ref="tns:Struct" minOccurs="0"/>
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</complexType>

complexType soap-enc:time
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of time

used by element soap-enc:time


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="time">
<simpleContent>
<extension base="xs:time">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:token
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of token

used by element soap-enc:token


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="token">
<simpleContent>
<extension base="xs:token">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>

PAGINA 129 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

</complexType>

complexType soap-enc:unsignedByte
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of unsignedByte

used by element soap-enc:unsignedByte


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="unsignedByte">
<simpleContent>
<extension base="xs:unsignedByte">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:unsignedInt
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of unsignedInt

used by element soap-enc:unsignedInt


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="unsignedInt">
<simpleContent>
<extension base="xs:unsignedInt">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:unsignedLong
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of unsignedLong

PAGINA 130 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

used by element soap-enc:unsignedLong


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="unsignedLong">
<simpleContent>
<extension base="xs:unsignedLong">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

complexType soap-enc:unsignedShort
diagram

namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type extension of unsignedShort

used by element soap-enc:unsignedShort


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
source <complexType name="unsignedShort">
<simpleContent>
<extension base="xs:unsignedShort">
<attributeGroup ref="tns:commonAttributes"/>
</extension>
</simpleContent>
</complexType>

simpleType soap-enc:arrayCoordinate
namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type string

source <simpleType name="arrayCoordinate">


<restriction base="xs:string"/>
</simpleType>

simpleType soap-enc:base64
namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

type base64Binary

source <simpleType name="base64">


<restriction base="xs:base64Binary"/>

PAGINA 131 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

</simpleType>

attributeGroup soap-enc:arrayAttributes
namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

used by complexType soap-enc:Array


attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
tns:arrayType xs:string
tns:offset tns:arrayCoordin
ate
source <attributeGroup name="arrayAttributes">
<attribute ref="tns:arrayType"/>
<attribute ref="tns:offset"/>
</attributeGroup>

attributeGroup soap-enc:arrayMemberAttributes
namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

attributes Name Type Use Default Fixed Annotation


tns:position tns:arrayCoordin
ate
source <attributeGroup name="arrayMemberAttributes">
<attribute ref="tns:position"/>
</attributeGroup>

attributeGroup soap-enc:commonAttributes
namespace http://schemas.xmlsoap.org/soap/encoding/

used by complexTypes soap-enc:anyURI soap-enc:Array soap-enc:base64Binary soap-enc:boolean soap-enc:byte


soap-enc:date soap-enc:dateTime soap-enc:decimal soap-enc:double soap-enc:duration
soap-enc:ENTITIES soap-enc:ENTITY soap-enc:float soap-enc:gDay soap-enc:gMonth soap-
enc:gMonthDay soap-enc:gYear soap-enc:gYearMonth soap-enc:hexBinary soap-enc:ID soap-
enc:IDREF soap-enc:IDREFS soap-enc:int soap-enc:integer soap-enc:language soap-enc:long
soap-enc:Name soap-enc:NCName soap-enc:negativeInteger soap-enc:NMTOKEN soap-
enc:NMTOKENS soap-enc:nonNegativeInteger soap-enc:nonPositiveInteger soap-
enc:normalizedString soap-enc:NOTATION soap-enc:positiveInteger soap-enc:QName soap-
enc:short soap-enc:string soap-enc:Struct soap-enc:time soap-enc:token soap-
enc:unsignedByte soap-enc:unsignedInt soap-enc:unsignedLong soap-enc:unsignedShort
attributes Name Type Use Default Fixed Annotation
id xs:ID
href xs:anyURI
annotation documentation
Attributes common to all elements that function as accessors or
represent independent (multi-ref) values. The href attribute is
intended to be used in a manner like CONREF. That is, the element
content should be empty iff the href attribute appears

source <attributeGroup name="commonAttributes">


<annotation>

PAGINA 132 DI 133


MINISTERO DELLA GIUSTIZIA – D.G.S.I.A. Versione 2.0
PROCESSO CIVILE TELEMATICO
SPECIFICHE DI INTERFACCIA TRA PUNTO DI ACCESSO E GESTORE CENTRALE

<documentation>
Attributes common to all elements that function as accessors or
represent independent (multi-ref) values. The href attribute is
intended to be used in a manner like CONREF. That is, the element
content should be empty iff the href attribute appears
</documentation>
</annotation>
<attribute name="id" type="xs:ID"/>
<attribute name="href" type="xs:anyURI"/>
<anyAttribute namespace="##other" processContents="lax"/>
</attributeGroup>

Documento predisposto grazie alla collaborazione del Raggruppamento Temporaneo d’Impresa composto da:

Gruppo Poste Italiane

e da:

PAGINA 133 DI 133