Sei sulla pagina 1di 31

MINI – IDRO

I DOCUMENTI A CORREDO DELLA DOMANDA DI CONCESSIONE DELLA DERIVAZIONE


INDICE

1. Descrizione generale del sito................................................................................................... 1


1.1 Cartografia....................................................................................................................... 1
1.1.1 Relazione Geologica ................................................................................................... 1
1.2 Salto disponibile e salto utile ........................................................................................... 2
1.2.1 Salto Disponibile o Lordo (HG)..................................................................................... 2
1.2.2 Salto Utile (HN). ........................................................................................................... 2
1.3 Stima della portata disponibile. ....................................................................................... 4
1.3.1 Stima della portata da dati Idrometrici ......................................................................... 4
1.3.2 Stima della portata con metodi Idrologici..................................................................... 4
1.3.3 Stima della portata dalle curve di durata regionalizzate .............................................. 5
1.3.4 Il Deflusso Minimo Vitale [DMV] .................................................................................. 6
1.3.5 Portata di Piena [QF] ................................................................................................... 7
1.4 Calcolo della Potenza e della Producibilità dell’impianto................................................. 7
2. Descrizione tecnica del progetto........................................................................................... 10
2.1 Sbarramento.................................................................................................................. 10
2.1.1 Traversa .................................................................................................................... 10
2.1.2 Minimo Deflusso Vitale [DMV] ................................................................................... 12
2.1.3 I Passaggi per la fauna ittica. .................................................................................... 12
2.1.4 Stramazzo , canale di scarico e vasca di dissipazione.............................................. 13
2.2 Opere di derivazione ..................................................................................................... 14
2.2.1 Opera di presa........................................................................................................... 14
2.2.2 Canali e condotte....................................................................................................... 15
2.2.3 Condotta Forzata....................................................................................................... 15
2.2.4 Opera di restituzione ................................................................................................. 15
2.3 Centrale......................................................................................................................... 16
2.3.1 Valvola....................................................................................................................... 16
2.3.2 Turbina e Regolatore................................................................................................. 16
2.3.3 Generatore e Moltiplicatore di giri (se necessario) .................................................... 17
2.3.4 Sistemi di protezione e Impianti DC di Emergenza. .................................................. 17
2.3.5 Trasformatori ............................................................................................................. 18
3. Analisi economica e finanziaria............................................................................................. 18
3.1 Investimento e costi....................................................................................................... 18
3.1.1 Investimento Iniziale .................................................................................................. 18
3.1.2 Costi di Operazione e Manutenzione dell’impianto ................................................... 19
3.2 Benefici conseguenti alla produzione di energia ........................................................... 19
3.2.1 Tariffe ........................................................................................................................ 19
3.2.2 Incentivi ..................................................................................................................... 19
3.3 Analisi del flusso di cassa previsto ................................................................................ 20
3.4 Metodi di valutazione economica .................................................................................. 20
3.4.1 Costo del denaro (valore attuale) .............................................................................. 20
3.4.2 Tempo di pareggio..................................................................................................... 21
3.4.3 Ritorno dell’ Investimento .......................................................................................... 21
3.4.4 Valore Attuale Netto (VAN)........................................................................................ 21
3.4.5 Rapporto Beneficio – Costo [BCR]. ........................................................................... 22
3.4.6 tasso di rendimento interno METODO [TRI].............................................................. 22
4. Studio di impatto ambientale. ................................................................................................ 22
4.1 Descrizione ambientale generale del sito...................................................................... 23
4.2 Identificazione degl’Impatti ............................................................................................ 23
DIIAR. Priscila Escobar Rojo ii
Marco Mancini
4.2.1 Impatti durante la costruzione ................................................................................... 23
4.2.2 Impatti durante il funzionamento ............................................................................... 24
4.2.3 Impatto della Linea di elettrica................................................................................... 24
4.3 Mitigazione Impatto ambientale..................................................................................... 24
5. Connessione alla rete. ............................................................................................................ 25
6. Immobili Terreni informazioni................................................................................................ 25
7. Documenti di supporto........................................................................................................... 25
7.1 Cronogramma di costruzione ........................................................................................ 25
7.2 Informazione sui richiedenti........................................................................................... 26
8. Mappe, disegni e relazioni...................................................................................................... 26
8.1.1 Corografia.................................................................................................................. 26
8.1.2 Carta Topografica della situazione di fatto e di progetto ........................................... 26
8.1.3 Mappa catastale ........................................................................................................ 26
8.1.4 Planimetrie e disegni ingegneristici e di dettaglio...................................................... 27
8.2 RELAZIONI: .................................................................................................................. 27
8.2.1 Relazione Generale................................................................................................... 27
8.2.2 Relazione Idrologico- Idraulica .................................................................................. 27
8.2.3 Relazione Geotecnica ............................................................................................... 27
8.2.4 Relazione Ambientale................................................................................................ 27
8.2.5 analisi economica e finanziaria.................................................................................. 27
9. Riferimenti: .............................................................................................................................. 27

DIIAR. Priscila Escobar Rojo iii


Marco Mancini
MINI-IDRO

I DOCUMENTI A CORREDO DELLA DOMANDA DI CONCESSIONE DELLA


DERIVAZIONE

In tutti i paesi dell'Unione europea la realizzazione di mini centrali idroelettriche necessita


di un permesso da parte delle autorità per l’utilizzo dell'acqua. La procedura per l'acquisizione di
questa autorizzazione varia da un Paese all'altro, ma in generale le domande devono essere
corredate della documentazione tecnica che dia all’autorità competente l’informazione necessaria
per il rilascio della concessione.
Il presente documento, in forma di linea-guida, vorrebbe fornire alle autorità responsabili
della concessione dell’uso dell’acqua una panoramica dell’informazione di carattere tecnico
necessaria per la valutazione di un progetto mini-idroelettrico tipico. Inoltre, vorrebbe dare loro un
aiuto nell’analisi tecnica della richiesta di concessione e facilitare la decisione fra diverse
domande per lo sfruttamento dello stesso sito.
Ogni domanda di concessione dovrà essere corredata della documentazione tecnico-
economica che fornisca in maniera esauriente tutte le informazioni in merito al progetto. In
particolare, i documenti che dimostrino la fattibilità tecnica ed economica del progetto e lo studio
del suo impatto ambientale.
Di seguito sono brevemente discusse le varie voci che devono essere studiate e descritte
in un progetto di un impianto mini-idroelettrico.

1. Descrizione generale del sito


Questo voce dovrà contenere la descrizione delle caratteristiche del sito dal punto di vista
topografico e geomorfologico. Inoltre, dovrà includere la stima della disponibilità della risorsa
idrica e il suo potenziale di generazione, nonché una descrizione dettagliata del progetto. Sarà
conveniente segnalare qui il tipo di schema proposto (centrale ad acqua fluente, centrale a piede
diga, centrale integrata a un dispositivo di derivazione, canale o condotta in pressione, per
esempio di un acquedotto) e le principali caratteristiche di ognuno dei componenti. Dovranno
essere segnalati anche ogni tipo di vincolo specifico del sito e/o la sensibilità ambientale.

1.1 Cartografia
La domanda dovrà includere una mappa corografica in scala 1:5000 - 1:25000 in cui tutte
le opere previste dallo schema (opera di presa, derivazione, condotta forzata, centrale
idroelettrica, opera di restituzione) siano chiaramente localizzate indicando anche le coordinate
geografiche di ogni elemento.

1.1.1 RELAZIONE GEOLOGICA


Un impianto idroelettrico, anche di piccola taglia, necessita di uno studio geologico onde
evitare conseguenze indesiderate durante l’operazione, a causa per esempio, di infiltrazioni
sotto la traversa, cedimento degli argini del canale o di altri problemi di stabilità geologica.
Lo studio dell’assetto geologico dovrà dimostrare la stabilità del terreno di fondazione
del fabbricato della centrale e dello sbarramento e del suo serbatoio (se presente nello
schema). In quest’analisi si dovranno considerare le variazioni del livello dell'acqua nel
serbatoio.
Particolare attenzione si dovrà prestare alla progettazione del canale e un minimo di
studio geomorfologico del terreno dovrà essere fatto per assicurare la stabilità di questa
struttura lungo l'intero percorso, soprattutto negli schemi di alta montagna in cui spesso la
stabilità del terreno superficiale è fortemente influenzato dalle caratteristiche geomorfologiche
come la presenza di frane o la caduta di massi.
A questo livello del progetto lo studio geologico può essere fatto mediante l’uso di mappe
foto-geologiche in scale 1:10 000 ~ 1:5 000, che permettano al geologo di identificare i tipi di
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 1
Marco Mancini
roccia, di determinare le strutture geologiche e di individuare potenziali instabilità dei pendii. In
ogni caso, è sempre auspicabile la presentazione di fotografie del sito interessato realizzate
dopo un sopralluogo da parte del geologo.
I risultati possono essere forniti come mappe geomorfologiche alle stesse scale di cui
sopra, in cui dovranno essere indicate tutte le formazioni geologiche che interessano le
strutture idrauliche.

1.2 Salto disponibile e salto utile


L’esistenza di un dislivello fra le sezioni di monte e valle degli organi generatori è
indispensabile per lo sfruttamento idroelettrico, infatti, il potenziale idroelettrico di un sito è
funzione lineare di questo dislivello. Tale dislivello è noto come “salto” e in ambito idroelettrico si
identificano due tipi di salto: Salto disponibile [HG] e Salto utile la [HN].

1.2.1 SALTO DISPONIBILE O LORDO [HG].


Il salto disponibile [HG] è definito come il dislivello, misurato in metri, fra il pelo libero
dell’acqua a monte dell’opera di sbarramento e il pelo libero dell’acqua all’opera di restituzione.
In relazione al salto disponibile lo schema progettuale e il successivo impianto sarà classificato
a salto "basso", dove HG è inferiore a 10 m, “medio”, se HG si trova nell’intervallo 10m - 100m,
e “alto”, quando HG è maggiore di 100m. Fatta eccezione per gli schemi a salto molto basso, a
questo livello di progetto è possibile considerare il salto disponibile costante.
Negli schemi con salto disponibile alto, esso può essere misurato direttamente sulla
cartografia. Negli schemi con salto basso, invece, solitamente è necessario misurare il salto
direttamente in sito. Queste misure dovranno realizzarsi per diversi valori di portata utilizzando
tecniche di rilevamento topografico. Il livello di precisione dipenderà dal valore del salto. Valori
più piccoli di salto disponibile richiedono precisione maggiore.

1.2.2 SALTO UTILE [HN].


Il salto utile [HN] è definito come il dislivello dei peli liberi a monte e a valle dei
meccanismi motori, è il valore di salto in base al quale sono stabiliti i canoni di concessione. Il
salto utile disponibile a causa delle perdite di carico sviluppate lungo le opere di derivazione e
restituzione.

1.2.3 SALTO UTILE NETTO [HNN].


Il salto utile netto [HNN] corrisponde al carico alla turbina, sarà sempre inferiore al salto
utile a causa delle perdite di carico sviluppate nella condotta forzata che convoglia l’acqua
verso la turbina. Il salto utile netto si utilizza nel calcolo della potenza di targa dei gruppi
turbina – generatore, ovvero della potenza installata del impianto [PT].

Le perdite che devono essere considerati nella stima del salto utile e del salto utile netto
sono di due tipi:

• Perdite distribuite [hf]: Sono le perdite che si sviluppano lungo la derivazione, lungo il
canale di restituzione e lungo la condotta forzata (se presente nello schema) principalmente a
causa della scabrezza delle pareti di questi dispositivi. Queste perdite possono essere
calcolate mediante una delle formule empiriche note come, per esempio, la formula di
Manning:

V2
hf = L 4
1.
K 2R 3

dove hf [m] rappresenta il totale della perdita di carico distribuita; L [m] è la lunghezza del
percorso della corrente dalla presa fino alla restituzione; K [m1/3/s] è il coefficiente di scabrezza

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 2


Marco Mancini
di Strickler, questo coefficiente dipende dal tipo di materiale del tubo o canale; R [m] è il raggio
idraulico dato dal rapporto A/P con A m2 area della sezione bagnata e P [m] perimetro bagnato

1/3
Materiale Strickler K [m /s]
Acciaio saldato 70 - 90
Polietilene (PE) 100 - 110
PVC 100 - 110
Cemento - amianto 90 - 100
Acciaio 60 - 70
Ghisa 70 - 75
Legno (tubi nuovi) 75 - 80
Cemento (casseri in acciaio lisci) 65 - 70
Canali scavati in terra puliti 40 - 50
Canali in ciottoli 25 - 30
Canali in ghiaia 30 - 35

Le perdite distribuite in tubi di diametro di dimensioni superiori a 5 cm e con velocità


della corrente fino a 3 m/s, possono essere calcolate anche con la formula di Hazen-Williams:

1.85
L ⎛V ⎞
hf = 6.87 ⎜C ⎟ 2.
D1.165 ⎝ ⎠

dove hf [m] rappresenta il totale della perdita di carico distribuita, L [m] è la lunghezza del tubo,
C [m1/3/s] è il coefficiente di Hazen-Williams che dipende dal materiale del tubo e D [m] è il
diametro del tubo.

Materiale del tubo C di Hazen Williams


Acciaio non rivestito (tubi nuovi) 150
Acciaio saldato 110
Cemento amianto 140
Plastico 135 - 140
Ghisa (tubi nuovi) 130
Ghisa (tubi vecchi) 90 -105
Legno (tubi nuovi) 120
Cemento (casseri in acciaio lisci) 140

• Perdite localizzate [∆h]: Oltre alle perdite distribuite l’acqua che fluisce attraverso un
sistema di tubi e canali, sviluppa perdite di carico a causa della presenza di cambiamenti
geometrici nel canale o tubo, in particolare nelle sezioni d’imbocco e di sbocco, nelle sezioni
dove sono presenti griglie, cambi di direzione, gomiti, giunti, valvole e contrazioni o
ampliamenti improvvisi. Queste perdite dipendono dalla velocità della corrente e di solito si
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 3
Marco Mancini
esprimono come il prodotto di un coefficiente sperimentale δ moltiplicato per l’energia cinetica
della corrente:
V2
Δh = δ 3.
2g
dove Δh [m] rappresenta la perdita localizzata di carico, V [m/s] è la velocità della
corrente, g [m/s2] è l’accelerazione di gravità e δ è un coefficiente sperimentale, fornito
generalmente dal produttore del dispositivo o tabulato nei manuali.

Il salto utile [HN] e il salto utile netto [HNN] si ottengono sottraendo al salto disponibile
la somma di tutte queste perdite.

1.3 Stima della portata disponibile


Un sito può essere considerato adatto per la produzione di energia idroelettrica, solo se vi è
un'adeguata disponibilità della risorsa idrica. Per stimare la reale disponibilità d’acqua è
necessario conoscere la variazione della portata lungo un periodo significativo, per esempio per
tutto l'anno. La stima della disponibilità idrica richiede perciò la raccolta dei dati idrologici
disponibili seguita di una analisi idrologica completa.
Nel migliore dei casi il corso d’acqua interessato è dotato di stazioni di misura, dove i dati di
portata sono stati registrati regolarmente per più anni. Purtroppo, la maggior parte dei corsi
d'acqua adatti per lo sviluppo d’impianti mini-idroelettrici non sono dotati di stazioni di misura, di
conseguenza le osservazioni di portata per un lungo periodo non sono disponibili e l’utilizzo di un
metodo idrologico si rende necessario per stimare la disponibilità idrica.
Lo studio idrologico per la stima della disponibilità idrica dovrà da ultimo produrre la
cosiddetta Curva di durata delle portate o FDC, che è il miglior modo di esprimere la variazione di
portata in una sezione del fiume nel corso dell'anno al fine del suo utilizzo a scopo idroelettrico.
Lo studio idrologico dovrà includere oltre alla definizione della disponibilità d’acqua a scopo
idroelettrico, la definizione dei valori di picco e della frequenza delle piene che potrebbero
transitare dalla sezione di presa al fine del dimensionamento delle opere di protezione dalle
inondazioni e dei dispositivi di controllo del sistema. Inoltre, in questa voce dovrà essere definito
anche il valore del Deflusso minimo vitale DMV da rilasciare permanentemente in alveo per scopi
ambientali o estetici.

1.3.1 STIMA DELLA PORTATA DA DATI IDROMETRICI


In presenza di stazioni di misura, la stima dei volumi d’acqua disponibili per produzione
idroelettrica dovrà essere fatta mediante l’analisi delle serie storiche dei dati idrometrici. La
validità di questo tipo di analisi richiede l’esistenza di almeno 10 anni di misurazioni,
preferibilmente raccolte negli anni più recenti. Tutti i dati utilizzati per stimare i valori di portata
del corso d’acqua devono provenire da annali idrologici pubblicati da enti certificati, per
esempio l’ARPA, oppure da una riconosciuta organizzazione meteorologica mondiale.
Normalmente la posizione della stazione di misura non coincide con la posizione
dell’opera di presa dell’ impianto mini-idro proposto. In questi casi è ancora possibile far uso
dei dati raccolti in altre sezioni dello stesso fiume o di un altro corso d’acqua simile nelle
vicinanze, a patto che si tenga debitamente conto dell’effettiva posizione dell’opera di presa in
relazione alla stazione di misura (latitudine e altitudine). Quindi, sarà possibile ricostruire le
serie temporali per la sezione d’interesse, mediante l’utilizzo di un metodo di estrapolazione
(che dovrà essere chiaramente specificato), che metta in relazione entrambi i siti sulla base
delle principali caratteristiche idrologiche dei due bacini (area, permeabilità, piovosità,
pendenza).

1.3.2 STIMA DELLA PORTATA CON METODI IDROLOGICI


Se non sono disponibili dati idrometrici, la stima della disponibilità idrica potrà essere
condotta mediante l’uso di metodi idrologici, che si basano sull’analisi a lungo termine dei dati
di precipitazioni, evapotraspirazione e portata in bacini idrografici simili.
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 4
Marco Mancini
Dal momento che i metodi idrologici sono rivolti a rappresentare il comportamento
idrologico utilizzando informazione idrologica proveniente da altri siti, per compensare la
mancanza di dati in corrispondenza del sito d’esame, il loro utilizzo rende necessario che
nell’intorno di quest’ultimo le proprietà di interesse (clima, topografia, uso e tipo di suolo e
vegetazione) siano omogenee con quelle degli altri siti. Di conseguenza, la stima delle portate
ottenuta mediante l’uso di questi metodi è attendibile a patto che la scala temporale e la zona
in studio siano compatibili con quelle rappresentate dai parametri del modello. Sarà quindi
necessario includere nello studio idrologico una accurata descrizione del metodo e della sua
applicabilità.
L'uso di questi metodi consente di trarre le prime conclusioni circa la disponibilità della
risorsa idrica nella sezione di presa in assenza di osservazioni dirette. Una volta che il progetto
sia giudicato fattibile dal punto di vista tecnico, si raccomanda di eseguire qualche misurazioni
della portata in sito per verificare, almeno, il valore di portata media annua.

1.3.3 STIMA DELLA PORTATA DALLE CURVE DI DURATA REGIONALIZZATE


In generale i dati di portata di un fiume vengono dati come un idrogramma che mostra
semplicemente la variazione giornaliera della portata in un anno di calendario. Da questo
idrogramma la curva di durata [FDC] può essere ottenuta organizzando i dati giornalieri in
ordine decrescente invece che in ordine cronologico.
Le curve di durata dei corsi d'acqua naturali di una singola regione omogenea sono
spesso molto simili, ma la curva di durata in una sezione rispetto ad un’altra dello stesso corso
d’acqua può essere influenzata dalle condizioni del suolo, dalla copertura vegetale e, in misura
minore, dalla forma del bacino imbrifero. La presenza di bacini artificiali, prelievi o scarichi nel
fiume possono modificare in maniera importante la curva di durata. Tuttavia, se la curva di
durata in una sezione del fiume è nota, è considerato valido dal punto di vista idrologico,
ottenere la curva di durata in un’altra sezione per estrapolazione, semplicemente utilizzando il
rapporto delle aree dei rispettivi bacini.
In base a questo principio sono stati sviluppati metodi e formule regionalizzate per la
stima della curva di durata, ottenute come il risultato dell’analisi statistica dei dati disponibili in
fiumi vicini di caratteristiche topografiche simili in un clima simile. Questi metodi, che è
possibile trovare in letteratura, sono un valido strumento per valutare la disponibilità idrica in
siti privi di stazioni di misura.
Ancora una volta, l’utilizzo di questo metodo è valido, a patto che si tenga conto delle
caratteristiche specifiche del corso d’acqua, del campo di applicazione del metodo e del grado
di affidabilità dello stesso.
Se è previsto che l’impianto mini-idroelettrico proposto operi unicamente durante
determinati periodi dell'anno, la curve di durata dovrà considerare solo tali periodi di tempo, sarà
quindi necessario realizzare l’estrazione dei dati di portata per il periodo d’interesse di ogni anno
e trattare tali dati come l'intera popolazione.
In sintesi, la curva di durata FDC è lo strumento idoneo per la determinazione della
disponibilità idrica del sito, in essa, sarà indicato nelle ascisse, la percentuale del tempo che in un
certo periodo (di solito un anno) la portata Q, in ordinata, sarà uguagliata o superata.
L’integrale della curva di durata rappresenta il volume idrico totale deflusso attraverso la
sezione di presa nel periodo considerato

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 5


Marco Mancini
ESEMPIO DI CURVA DELLE DURATE [FDC]

200
180
160
140
Portata (m3/s)

120
100
80
60
40
20 Volume totale

0
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100
Numero di giorni in un anno in percento (%)
Il volume totale disponibile a scopo idroelettrico sarà dato dal volume totale depurato dal
deflusso minimo vitale.
ESEMPIO DI CALCOLO DEL VOLUME TOTALE DISPONIBILE DALLA FDC
200
180
160

140
Portata (m3/s)

120

100
80
60

40 Volume totale disponibile


20
DMV
0
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100
Giorni in un anno (%)

1.3.4 IL DEFLUSSO MINIMO VITALE [DMV]


Il deflusso minimo vitale è definito come il valore di portata minimo che deve essere
garantito in un corso d’acqua soggetto a derivazioni, al fine di tutelare gli ecosistemi fluviali e,
in particolare, la vita acquatica. Non c'è un criterio unico per definire il deflusso minimo vitale.
Diversi metodi sono stati sviluppati in diversi Paesi e alcuni di questi sono stati introdotti in
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 6
Marco Mancini
regolamenti in materia di protezione delle acque sia nazionali, sia regionali, sia locali. Pertanto,
il DMV di ogni progetto dovrà soddisfare la normativa in vigore, specifica della regione dove si
trova il sito dell’impianto mini-idroelettrico proposto.

1.3.5 PORTATA DI PIENA [QF]


La stima della portata di piena, corrispondente alla portata al colmo dell’onda di piena
con tempo di ritorno dato è necessaria per il dimensionamento delle opere di sfioro e di
protezione di tutte le opere che costituiscono l’impianto. Infatti, si raccomanda che la capacità
di sfioro dello stramazzo di troppo pieno sia superiore alla portata di picco dell’onda di piena
con un periodo di ritorno fra 100 e 500 anni.
Il tempo di ritorno specifico della piena di progetto normalmente è indicato nella
normativa in materia di difesa del suolo e difesa dalle catastrofi idrogeologiche. In generale
questo tipo di normativa distingue tra strutture ad alto, medio e basso rischio e assegna il
periodo di ritorno e da indicazioni sulle ipotesi da considerare nel calcolo dell’idrogramma
dell’onda di piena, in funzione del tipo di struttura. Le opere che costituiscono un impianto
mini-idro sono di importanza minore e in caso di crollo, non comporterebbero conseguenze
drammatiche per la vita delle persone. Infatti, gli impianti idroelettrici di piccola taglia possono
essere considerati come strutture a basso-medio rischio, per le quali, per esempio, la
normativa della Regione Lombardia raccomanda di scartare gli effetti di laminazione del
serbatoio e di adottare un tempo di ritorno di 100 anni.
Ci sono fondamentalmente due modi per calcolare la portata al colmo: attraverso l'analisi
statistica delle serie storiche di dati idrometrici o mediante la modellazione idrologica del
bacino idrografico.
L’analisi statistica viene normalmente utilizzata nella progettazione degli impianti mini-
idro. Se i dati disponibili non sono sufficienti, è ancora possibile ottenere la portata di piena di
progetto mediante uno dei tanti modelli idrologici a scala di bacino. Questi modelli consentono
il calcolo della portata di progetto di un bacino idrografico tenendo conto della piovosità media
giornaliera, dell’evapotraspirazione potenziale, della composizione del suolo, della pendenza
media del bacino, dell'area del bacino, della lunghezza dell’asta in studio, del disgelo e del suo
contributo alla formazione della piena e di altri parametri.
Sia che si utilizzi l’uno o l'altro dei metodi menzionati, la relazione idrologica dovrà
includere una breve descrizione del metodo utilizzato, mettendo in evidenza le ipotesi di base
considerate e i parametri assunti per il calcolo della portata di piena.

1.4 Calcolo della Potenza e della Producibilità dell’impianto


Il calcolo della potenza dell’impianto e della produzione media annuale di energia del
sistema proposto, dovrà essere ottenuta considerando l’effettivo volume d’acqua passata
attraverso la turbina in un anno. Nel calcolo del volume utile sarà quindi necessario tenere conto
del deflusso minimo vitale e del valore minimo di portata tecnicamente turbinabile; questo valore
dipende dal tipo di turbina come illustrato di seguito:

Tipo di Turbina Qmin (% di Qmax)


Francis 28 - 50
Semi Kaplan 20 - 30
Kaplan 10 -15

Il valore della portata massima derivabile [QD], necessaria per la scelta della turbina,
corrisponde alla portata di una durata specifica nella FDC. Questa durata dovrà essere

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 7


Marco Mancini
identificata attraverso una procedura di ottimizzazione al fine di garantire le migliori prestazioni
delle turbine lungo l'anno, con la maggiore produzione media annua di energia.
Il valore della portata massima derivabile può essere ottenuto anche analizzando il
comportamento di due coefficienti: il coefficiente di utilizzazione dell’impianto [CF] e il coefficiente
di utilizzazione del corso d’acqua [Cs]. Il coefficiente di utilizzazione dell’impianto [CF] indica il
livello di funzionamento del macchinario idraulico rispetto alla potenza installata e può essere
ottenuto mediante la seguente formula:

energia prodotta in un anno E [kWh]


CF = 4.
potenza installata PT [kW] × 8760

Il coefficiente di utilizzazione del corso d’acqua indica invece il grado di utilizzo della risorsa
idrica rispetto alla disponibilità; si ottiene con la seguente espressione:
volume utile
CS = 5.
volume totale disponibile

Quando il coefficiente di utilizzazione dell’impianto assume un valore vicino a 1, di solito il


coefficiente di utilizzazione del corso d’acqua assume valori molto piccoli; ciò significa che le
turbine lavorano a livelli di efficienza alti lungo tutto il periodo mentre la risorsa idrica è poco
sfruttata. Al contrario, quando il coefficiente di utilizzazione del corso d’acqua assume valori circa
1, il coefficiente di utilizzazione dell’impianto tende a zero; ciò indica uno sfruttamento ottimale
della risorsa idrica a fronte di un sotto utilizzo della capacità installata. Il processo di
ottimizzazione di solito conduce alla migliore combinazione dei due coefficienti.

Il volume utile d’acqua a scopo idroelettrico si otterrà per integrazione della parte di FDC
delimitata dalla portata massima derivabile, il deflusso minimo vitale e la portata minima
turbinabile.

ESEMPIO DI CALCOLO DEL VOLUME UTILE DALLA FDC

200

180

160

140
Portata (m /s)

120
3

100

80 Portata massima
60
QD
40 volume utile Portata minima turbinabile

20
DMV
0
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100

Giorni in un anno (%)

Il valore di portata [QM], da indicare nella domanda di concessione, chiamata anche portata
di concessione, si ottiene dal volume utile annuo, come segue:
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 8
Marco Mancini
volume utile [m3 ]
QM ⎡ ms ⎤ =
3
6.
⎣ ⎦ 1 anno [s]

Nella domanda di concessione dovrà essere chiaramente indicato anche il valore della
potenza di concessione o nominale [PC] ottenuta considerando la portata di concessione [QM] e il
salto utile [HN] e assumendo un valore unitario di rendimento:
γ × QM × HN
PC ⎡⎣kW ⎦⎤ = 7.
1000

con γ ≈ 9.810 N/m3 peso specifico dell'acqua.

Come detto prima, se l’impianto è classificato a salto alto o medio, il suo valore può essere
considerato costante lungo l’anno. Negli impianti a basso salto, invece, il salto disponibile di solito
è fortemente influenzato dal valore di portata che transita nel fiume. Conseguentemente, nel
calcolo della potenza nominale e della produzione di energia, sarà necessario prendere in
considerazione questa dipendenza, come mostrato nel grafico.

ESEMPIO DI VARIAZIONE DEL SALTO CON LA PORTATA NEL FIUME


2500 5.0

2000 4.0
HN
Potenza (kW)

Salto (m)
1500 3.0

PC

1000 2.0

500 Potenza 1.0


Salto utile

0 0.0
0 10 20 30 40 Q M 50 60 70 80 90 100
Portata (m3 /s)

La potenza massima [PT] o potenza installata dell’impianto corrisponde alla potenza di targa
del macchinario idraulico, cioè delle turbine. Questa sarà ottenuta considerando la portata
massima derivabile [QD] e il salto utile netto [HNN] come segue:
γ × QD × HNN × η
PT ⎡⎣kW ⎤⎦ = 8.
1000

dove η rappresenta il rendimento globale del gruppo generatore.


η = ηT × ηG × ηg × ηt 9.

ηT = rendimento della turbina


ηG = rendimento del generatore
ηg = rendimento del moltiplicatore di giri
ηt = rendimento del trasformatore
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 9
Marco Mancini
La produzione media annua di energia [E] sarà data dalla potenza realmente sviluppata nel
periodo, ottenuta con la seguente espressione:

volume utile × g × HNN × η


E [kWh] = 10.
3600

dove g è l'accelerazione di gravità ed HNN è il salto utile.

Nella progettazione di impianti idroelettrici di piccola taglia risulta utile il calcolo


dell'energia base (Firm Energy), definita come la potenza che con una probabilità di almeno 90-
95%, può essere immessa in rete da un impianto specifico per un certo periodo (solitamente un
anno). Normalmente gli schemi ad acqua fluente sono caratterizzati da valori ridotti di energia
base, mentre le centrali idroelettriche con serbatoio di regolazione sono caratterizzati da elevati
valori di questo parametro. L'energia base è un parametro che può rivestire gran importanza nella
valutazione economica del progetto quando la produzione globale di energia è modesta.

2. Descrizione tecnica del progetto

2.1 Sbarramento
2.1.1 TRAVERSA
Nelle realizzazioni di mini-impianti idroelettrici ad acqua fluente, lo sbarramento del corso
d’acqua ha come unico scopo quello di convogliare la corrente nel sistema di adduzione che
porta l’acqua alla centrale elettrica, anche se la presenza dello sbarramento può, in alcuni
casi, aumentare il valore del salto disponibile e creare una certa capacità di accumulo.
La traversa può essere posizionata perpendicolarmente, obliqua o parallela all'asse
fluviale. Tuttavia, è una buona pratica orientare la soglia della traversa, se rettilinea,
perpendicolarmente all'asta del fiume. Se i livelli idrici a valle della traversa sono piccoli, cioè la
soglia della traversa funziona come uno stramazzo libero, questa struttura può essere usata
per il controllo delle portate giacché definisce la relazione tra il livello dell'acqua a monte e lo
portata sfiorata, come mostrato nella curva di portata della figura.

ESEMPIO DI CURVA DELLA PORTATA SULLA SOGLIA DELLA TRAVERSA

20

16
Hmax
livello sulla soglia h

H12
0

8
Hmin
4

0
0 DMV 1QD 2 QF 3 4
Portata Q

A questo livello del progetto non è necessario valutare la stabilità strutturale dello
sbarramento o diga, mentre è indispensabile studiare nel dettaglio il funzionamento idraulico,
in particolare:
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 10
Marco Mancini
• La curva di portata sulla soglia. Sul grafico di questa curva dovranno essere
chiaramente indicate la portata di piena, la portata massima derivabile e il DMV, e i loro
rispettivi livelli del pelo libero sulla soglia.
• La lunghezza del profilo di rigurgito ed i suoi effetti a monte della soglia. Al fine di
meglio valutare l'impatto a monte e gli eventuali danni dovuti al cambiamento di regime del
corso d'acqua imposto dalla traversa, il calcolo del profilo del pelo libero dovrà estendersi a
monte della traversa fino alla prima sezione libera dell’effetto di rigurgito.
• Il profilo del pelo libero a valle dello sbarramento. Negli schemi ad acqua fluente
normalmente non sono previste strutture apposite per lo sfioro e scarico dei volumi d’acqua
durante il passaggio dell’onda di piena, questa, quindi, transita sulla traversa e può produrre
effetti negativi a valle di essa. Sarà quindi necessario calcolare il profilo del pelo libero a valle
della traversa per la portata di piena in maniera tale che sia possibile stimare eventuali
fenomeni di erosione al piede della traversa o anche in sezioni più a valle di questa.
Per il calcolo dei profili idrici è necessario conoscere le caratteristiche geometriche e di
scabrezza del corso d’acqua in studio. Sarà quindi necessario, già in fase di domanda di
concessione, presentare la geometria e la posizione delle sezioni trasversali utilizzate nel
calcolo, le quali dovranno essere il risultato di rilevamenti topografici recenti.

ESEMPIO DI PROFILO DEL PELO LIBERO


EXAMPLE Q = Design discharge
Olona INTERMEZZO_2 Olona INTERMEZZO Olona MONTE
306
Legend

Water surface
304 Ground

Left bank

302 Right bank

300
Stage (m)

298

296

294
SE Z. 1 1b GEOMETRA S...

SE Z. 2 0 MAZZUCCHE LL I

SE Z. 1 9 MAZZUCCHE LL I

SE Z. 1 8 MAZZUCCHE LL I

SE Z. 1 6 MAZZUCCHE LL I

SE Z. 1 5 MAZZUCCHE LL I

SE Z. 1 3 MAZZUCCHE LL I

SE Z. 1 2 MAZZUCCHE LL I
SE Z. 1 3b G. S TA MPA ...

SE Z. 1 0b G. S TA MPA
SE Z. 9 b G. S TA MPA
SE Z. 1 4b G. S T...

292
SE Z. 1 6b ...

OL ONA 1 4
OL ONA 1 2
OL ONA 1 1

OL ONA 0 8

OL ONA 0 7
OL ONA 0 6
OL ONA 0 5
OL ONA 0 4
OL ONA 0 3
OL ONA 0 2

OL ONA 0 1
BRIDGE

BRIDGE

290
0 200 400 600 800 1000 1200 1400
Distance (m)

Non ci sono prescrizioni circa gli strumenti di calcolo dei profili idrici. In ogni caso, è
auspicabile includere una breve descrizione del modello utilizzato che dimostri la validità e
affidabilità dei risultati, segnalando in particolare gli aspetti che riguardano la modellazione
delle sezioni interessate dalla presenza di strutture di attraversamento come i ponti.
Come mostrato nell’esempio in figura, nei grafici dei profili del pelo libero dovranno
essere chiaramente indicati il livello raggiunto dall’acqua in ogni sezione, la quota delle sponde
destra e sinistra in ogni sezione e la posizione delle principali strutture di attraversamento e dei
livelli idrici in esse.
I calcoli dei profili del pelo libero dovranno essere eseguiti considerando condizioni di
moto permanente per almeno due valori di portata: la portata massima derivabile e la portata
di piena.

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 11


Marco Mancini
2.1.2 MINIMO DEFLUSSO VITALE [DMV]
Lo schema dell’opera di presa deve garantire la riconsegna completa della corrente nel
fiume quando la portata è inferiore o uguale al deflusso minimo vitale. Ciò significa che il
progetto deve contenere un dispositivo speciale posto sullo sbarramento stesso o in un altro
luogo, che sia in grado di aggirare l’opera di presa e derivazione e di restituire
immediatamente a valle della traversa i volumi d’acqua nel fiume. Tale dispositivo dovrà
funzionare automaticamente, senza la necessità dell’intervento umano. Una buona pratica, in
questo contesto, è quello di posizionare la quota dell’opera di presa sopra il livello richiesto dal
dispositivo di passaggio del DMV.

ESEMPIO DI CURVA DELLE PORTATE DEL DMV

302.00

301.50
livello (m s.l.m.)

301.00

Livello dell’opera di presa

300.50

Curva delle portatae derivate


Curva delle portate nel dipositivo di rilascio
del DMV
300.00
0 1 2DMV
3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15
3
portata (m /s)

2.1.3 I PASSAGGI PER LA FAUNA ITTICA.


I progetti degl’impianti mini-idro in corsi d’acqua in cui è presente una popolazione ittica,
di specie migratorie o no, sono soggetti a requisiti particolari. Infatti, le strutture che
costituiscono l’opera di presa dovranno garantire il libero passaggio della fauna sia da valle a
monte, sia da monte a valle dello sbarramento e dovranno inoltre impedire l’ingresso dei pesci
nella turbina. Sarà quindi necessario predisporre un apposito canale che aggiri l’opera di
presa.
Il dimensionamento di questo dispositivo richiede uno studio preliminare sulle
caratteristiche biodinamiche di ogni specie ittica presente nel tratto di fiume interessato.
Per consentire ai pesci il superamento della traversa da valle a monte, di solito viene
realizzato un dispositivo speciale chiamato 'scala per i pesci'. Questa scala normalmente
consiste in una serie di vasche in cascata, con l'acqua che tracima da quella superiore a quella
inferiore in modo che il pesce possa saltare da una vasca all'altra. Risulta evidente che questo
tipo di struttura è idoneo solo se la popolazione ittica è in grado di saltare; in caso contrario
sarà necessario prevedere un altro tipo di passaggio, per esempio un tombino, di solito
collocato lungo una delle sponde o un canale laterale esterno all’alveo.
Il dimensionamento idraulico di tali dispositivi dovrà tenere conto delle caratteristiche
biodinamiche della popolazione ittica, in particolare:
• Le dimensioni del corpo dei pesci nelle diverse fasi di crescita, lunghezza [fH] e
larghezza [fL]
• Il campo di temperatura dell’acqua adatta alla vita dei pesci.
• Le diverse velocità di nuoto e il tempo di esaurimento (in modalità sostenuta,
prolungata, critica e scatto)
• Il profilo del tirante nel canale (per la verifica con le piccole portate)
• La soglia di velocità della corrente (per la verifica con grandi portate)
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 12
Marco Mancini
• La massima velocità di salto Vf (per le specie capaci di saltare)

Come esempio della dipendenza della geometria delle strutture per il passaggio della
fauna ittica dalle caratteristiche biodinamiche dei pesci, si veda in figura il dimensionamento
delle vasche di una scala per i pesci, le quali dovranno soddisfare la seguente espressione:
Vf 2
HL = 11.
2g
dove Vf è la massima velocità di salto caratteristica di ogni specie ittica atta a saltare, g è
l'accelerazione di gravità ed HL e l’altezza del salto.

DIMENSIONI DI UNA VASCA DI UNA SCALA PER I PESCI

Spesso il dispositivo di passaggio previsto per la fauna ittica è usato anche per il rilascio
del DMV. Dal momento che non sempre il valore del DMV verificherà i valori limiti del tirante
nel canale necessario per le specie ittiche interessate, si renderà necessario introdurre uno
schermo o qualsiasi altro elemento come deterrente per i pesci quando la portata sia minore
del valore critico.

2.1.4 STRAMAZZO , CANALE DI SCARICO E VASCA DI DISSIPAZIONE


Lo stramazzo è la struttura idonea a fare transitare in modo efficace e in sicurezza le
portate al colmo dell’onda di piena con periodo di ritorno assegnato. Lo schema più frequente
nei piccoli impianti idroelettrici è del tipo ad acqua fluente, dove la struttura di sbarramento,
ovvero la traversa, controlla la portata e definisce la relazione tra il livello dell'acqua a monte e
la portata sfiorata. In effetti, la funzione principale della traversa è di permettere la derivazione
della sola portata di concessione, mentre i volumi eccedenti vengono restituiti in alveo
attraverso la traversa stessa. Per questo motivo, in questo tipo di schema la traversa copre le
funzioni dello stramazzo delle portate al colmo.
A parità di lunghezza della soglia della traversa la portata sfiorata dipende dalla forma
del profilo della soglia come mostrato in figura. Al fine di evitare sottopressioni sul paramento a
valle della traversa, che possono portare a fenomeni di cavitazione molto dannosi, è
necessario che la geometria del profilo della soglia sia verificato per la portata al colmo
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 13
Marco Mancini
dell’onda di piena di progetto. Il profilo Creager (Ogee) è idraulicamente la soluzione migliore,
ma è molto costoso e negli impianti di piccole dimensioni è raramente adottato.
Quando i livelli del pelo libero a valle della traversa risultano pari o superiori al livello
della soglia, questo dispositivo diventa progressivamente sommerso e la sua capacità di sfioro
diminuisce di conseguenza. Inoltre, in presenza di pile di ponti o altri ostacoli, il valore della
portata sfiorata dipenderà anche dalla forma e le dimensioni di essi. Tutti questi aspetti che
influenzano il corretto funzionamento dello stramazzo richiedono uno studio specifico che non
è necessario a questo livello del progetto.

CARATTERISTICHE DI DIVERSI TIPI DI STRAMMAZZO

La corrente sullo stramazzo è di solito veloce, caratterizzata da alti valori di velocità e


forte turbolenza che può produrre erosione al piede della struttura, soprattutto se il letto del
fiume non è resistente all'erosione. Per evitare danni a valle della diga, il profilo idraulico del
fiume dovrà essere verificato e, se necessario, una soluzione strutturale come l’introduzione di
una vasca di dissipazione dovrà essere adottata.

2.2 Opere di derivazione


2.2.1 OPERA DI PRESA
Il buon funzionamento dell’opera di presa dovrebbe assicurare la derivazione dell’acqua,
solo fino al valore della portata massima derivabile indicata nella concessione, nel canale di
derivazione o nella condotta forzata, con il minimo valore di perdite di carico. Inoltre, il disegno
dell’opera di presa dovrebbe considerare la possibilità di gestire i detriti e il trasporto dei
sedimenti e includere i dispositivi necessari per evitare l’ingresso dei pesci.
Per soddisfare queste condizioni, l’opera di presa dovrà includere delle griglie le cui
sbarre siano in grado di evitare l’ingresso dei pesci ed anche di una buona percentuale del
trasporto solido.
La pulizia delle griglie è una voce che è necessario considerare a questo livello del
progetto. La pulizia manuale è possibile solo per gli impianti molto piccoli, di conseguenza, in
ogni progetto già in fase di concessione, dovrà essere previsto un dispositivo automatico per
rastrellare e pulire le griglie dai detriti intrappolati.

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 14


Marco Mancini
2.2.2 CANALI E CONDOTTE
Negl’impianti mini-idroelettrici il dispositivo di derivazione è normalmente un canale
artificiale di sezione regolare con una pendenza molto lieve. La corrente in esso è lenta, con
perdite distribuite molto piccole. La portata convogliata da un canale è funzione della
geometria della sezione trasversale, della sua pendenza e della scabrezza delle pareti. La
conducibilità di questo tipo di dispositivo può essere ottenuta mediante l'equazione di Manning:
2
Q = AKR 3 so 12.

dove Q [m3 / s] è il valore di portata convogliata, A [m2] area bagnata, K [m1/3/s] è il coefficiente
di scabrezza di Strickler che dipende dal materiale delle pareti del canale, R [m] è il raggio
idraulico, dato dal rapporto A/P, con P [m] perimetro bagnato, ed S0 [-] è l'inclinazione del letto
del fiume. La scelta del coefficiente di Strickler deve essere fatta facendo particolare
attenzione alle caratteristiche specifiche dell’alveo.
L’altezza di progetto delle sponde dovrà considerare un franco sufficiente onde evitare
esondazioni dal canale. In caso necessario, si dovrà anche prevedere la costruzione di uno
stramazzo laterale in una posizione di sicurezza.

2.2.3 CONDOTTA FORZATA


Le condotte forzate sono normalmente utilizzate solo per convogliare l'acqua in centrale.
In sistemi mini-idro la condotta forzata può essere di plastica o di metallo. Il diametro sarà
scelto attraverso un compromesso fra il costo del materiale della condotta e l’energia perduta
a causa delle perdite di carico distribuite. Indicativamente è una buona pratica che la velocità
della corrente nelle condotte forzate metalliche non superi i 5-7 m/s e non sia inferiore a 0,5
m/s. Negli schemi con salti alti lo spessore [e] della parete della condotta forzata può essere
ottenuto con le seguenti espressioni:
pD
e=
2 σf
13.
D
e≥
100

dove e [m] è lo spessore della parete del tubo, p [Pa] è la massima pressione idrostatica, σf
[Pa] è la resistenza ammissibile di trazione del materiale del tubo e D [m] è il diametro del
tubo.
Negli schemi con basso salto la condotta forzata sarà soggetta a pressioni basse, talché
non è necessario calcolare lo spessore della parete in quanto prevale sempre la seconda
condizione.

2.2.4 OPERA DI RESTITUZIONE


L’opera di restituzione normalmente consiste in un breve canale attraverso il quale si
rilascia la portata nel fiume dopo il passaggio attraverso la turbina. Il canale di restituzione
dovrà osservare le stesse caratteristiche idrauliche indicate per il canale di derivazione. Al fine
di evitare fenomeni erosivi nel letto del canale di restituzione, che potrebbero compromettere il
funzionamento della turbina, sarà necessario verificare i valori di velocità della corrente,
specialmente in sistemi con turbine ad azione come le Pelton. Nel caso sia necessario, si
dovrà prevedere la protezione del canale fra la centrale e il fiume mediante rivestimento in
cemento armato.
Nei sistemi con salti bassi il livello alla restituzione determina il salto utile e influenza il
funzionamento della turbina, soprattutto nel caso di turbine a reazione. Il valore del salto utile
può avere un’influenza decisiva anche sulla valutazione economica, quindi, le caratteristiche
del canale di restituzione dovranno garantire che il livello di sommergenza della turbina non si
modifichi in presenza di valori alti di portata.

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 15


Marco Mancini
2.3 Centrale
In piccole centrali idroelettriche la casa delle macchine è l'edificio costruito
semplicemente per proteggere le apparecchiature elettromeccaniche (turbo-generatore) dalle
intemperie. Le dimensioni della centrale sono funzione del numero, tipo e potenza dei gruppi
turbo-generatori, della geomorfologia specifica del sito e dello schema generale dell’impianto.

2.3.1 VALVOLA
Nella progettazione di mini-impianti idroelettrici è prassi normale introdurre una valvola o
paratoia automatica tra la turbina e il sistema di derivazione, per consentire la disconnessione
della turbina dal sistema idraulico in tempi brevi. Per ridurre il colpo d’ariete prodotto da questo
dispositivo, sarà necessario predisporre un canale o tubo che aggiri la turbina.

2.3.2 TURBINA E REGOLATORE


La scelta della turbina dipende dalle caratteristiche del sito, in particolare dal salto utile e
dalla portata massima derivabile. Oltre a questi due parametri, determinano il tipo di turbina
anche il numero di giri (scelto) del generatore e l’eventuale necessità della turbina di operare
in condizioni di portata ridotta. Il campo di applicazione salto-portata-potenza di diversi tipi di
turbine è mostrato in figura.

CAMPO DI FUNZIONAMENTO DI MINI TURBINE IDRAULICHE

Un aspetto importante da considerare quando si sceglie una turbina è la variazione del


suo rendimento in funzione della portata. In effetti, il calcolo della produzione media annua di
energia dovrà tener conto della variazione del rendimento della turbina quando questa opera
con valori di portata ridotta. Nella figura sttostante si mostra la variazione tipica del rendimento
di diversi tipi di turbina rispetto al rapporto (Q/QD), ovvero quando si opera con valori di portata
Q minori della portata di progetto QD. L’andamento delle curve nel grafico mostra come negli
impianti a basso salto è spesso conveniente adottare una turbina Kaplan, molto costosa,
anziché una bulbo, di solito più economica, perché la prima mantiene un valore alto di
rendimento in tutto il campo delle portate.

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 16


Marco Mancini
RENDIMENTO DELLE TURBINE IN FUNZIONE DEL VALORE DI PORTATA

Il funzionamento delle turbine normalmente è attuato da dispositivi di controllo chiamati


genericamente regolatori. Difatti ogni turbina è progettata per un singolo punto di
funzionamento dato dal prodotto fra il valore del salto utile netto e la portata massima
derivabile; ogni altro valore di questi parametri richiede l'apertura o la chiusura dei dispositivi di
controllo per mantenere costante sia la resa di potenza, sia il livello del pelo libero a monte
della turbina, sia la portata turbinata. La grandezza che determina la regolazione dipende dal
tipo di connessione alla rete. Per esempio, nei mini-impianti idroelettrici collegati a una rete
isolata, il parametro che deve essere regolato è il numero di giri della turbina, dato che
determina la frequenza dell’energia elettrica prodotta.

2.3.3 GENERATORE E MOLTIPLICATORE DI GIRI (SE NECESSARIO)


I generatori o alternatori accoppiati alle turbine idrauliche normalmente sono di due tipi:
• Generatori sincroni: sono dispositivi auto-eccitati forniti con un sistema
magnetico di eccitazione permanente. I generatori sincroni operano con una velocità di
rotazione costante indipendente dal carico, ma legata alla frequenza della rete.
• Generatori asincroni: sono semplici motori a induzione senza possibilità di
regolazione della tensione. Questi generatori operano prelevando energia reattiva dalla rete
per magnetizzare il circuito, assumono una velocità di rotazione direttamente proporzionale
alla frequenza del sistema. Sono normalmente utilizzati in modalità stand-alone, in impianti
molto piccoli come soluzione a buon mercato, quando la qualità dell’energia elettrica prodotta
non è molto importante.

Nei piccoli impianti è raccomandabile l’installazione di generatori solo di tipo standard sia
accoppiati direttamente alla turbina sia attraverso un moltiplicatore di giri, per questo motivo
nella scelta della turbina si dovrà tenere conto delle caratteristiche dell’alternatore.

2.3.4 SISTEMI DI PROTEZIONE E IMPIANTI DC DI EMERGENZA


La potenza assorbita dalla centrale in mini-impianti idroelettrici in generale è dell’ordine
del 1% - 3% della potenza installata. Dato che gli impianti idroelettrici di piccola taglia
normalmente non sono presidiati e sono gestiti attraverso un sistema di controllo automatico,
sarà necessario prevedere l’utilizzo di fonti alternative di energia a ingresso automatico per
assicurare il funzionamento continuo dell’impianto. Si consiglia che gli impianti controllati a
distanza siano dotati di gruppi alimentati con pile di 24 V DC al fine di consentire la continuità
del servizio e della comunicazione con l’impianto anche in casi di guasto alla rete.

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 17


Marco Mancini
Nei progetti mini-idro è necessario includere sistemi di misurazione automatica almeno
per le portate nella sezione di presa e di restituzione.
2.3.5 TRASFORMATORI
Il progetto dovrà considerare gli accessori necessari per il collegamento dell’impianto alla
rete. In particolare, sarà da prevedere la presenza di un interruttore che separi l’impianto dalla
rete in caso di guasto nella centrale elettrica. Inoltre si dovrà considerare, almeno dal punto di
vista economico, il trasformatore necessario per il collegamento della centrale alla rete. In
zone ad alta sensibilità ambientale e paesaggistica, questi accessori dovranno essere
introdotti all’interno del fabbricato della centrale.
Le tensioni standard di produzione di 400 V o 690 V consente l’uso di trasformatori
standard per il collegamento alla rete e l’utilizzo dell’energia generata per alimentare l'impianto
stesso. A questo livello del progetto non è necessaria altra informazione.

3. Analisi economica e finanziaria


La domanda di concessione dovrà includere gli studi relativi all’analisi economica e
finanziaria del progetto in cui dovranno essere chiaramente indicati, l’importo totale
dell’investimento, i costi di gestione, le imposte, le tasse, le assicurazioni e tutti gli altri costi
insieme con i benefici conseguenti alla vendita dell’energia prodotta e le eventuali sovvenzioni
governative. Questo studio dovrà dimostrare la fattibilità economica del progetto mediante uno o
più indici di valutazione economica in uso. Inoltre dovrà essere presentata una previsione del
flusso di cassa per l’intera vita utile del progetto.

3.1 Investimento e costi.


A questo livello del progetto non è necessaria l’elaborazione di un computo metrico
dettagliato, tuttavia, il costo degli elementi più importanti (traversa, canale di derivazione,
condotta forzata, centrale elettrica, gruppo turbo-generatore) dovrà essere calcolato con una
certa precisione al fine di ottenere un valore affidabile dell'investimento totale necessario alla
costruzione dell’impianto.

3.1.1 INVESTIMENTO INIZIALE


In progetti mini-idro l’importo totale dell’investimento può essere suddiviso in quattro voci
:
• Macchinario: dovrebbe includere la turbina, le cinghie di trasmissione o il moltiplicatore di
giri, il generatore e la valvola di regolazione della portata in ingresso. A parità di potenza, le
macchine che operano con grandi salti sono più piccole rispetto a quelle che operano con salti
bassi e sono anche caratterizzate da elevate velocità di rotazione, quindi, possono essere
collegate direttamente al generatore senza moltiplicatore di giri. Ne deriva che i costi dei gruppi
elettromeccanici in schemi con salti alti risultano in generale inferiori a quelli con bassi salti.
• Opere civili: dovranno includere tutti i dispositivi necessari a convogliare l’acqua nella
turbina; l’edificio della centrale; i basamenti e la sede del macchinario e il canale di restituzione.
Il costo delle opere civili è molto influenzato dalle caratteristiche specifiche del sito, ma in prima
approssimazione, si può osservare che nei progetti con salti alti l’onere più importante riguarda
la condotta forzata mentre negli schemi a basso salto sono l’opera di presa e il canale di
derivazione ad avere un peso maggiore sul totale.
• Opere elettriche: sotto questa voce si dovrà tenere conto del sistema di controllo, del
cablaggio all'interno della centrale e della linea di collegamento alla rete, del trasformatore, se
richiesto, e del costo di connessione alla rete. Tali costi dipendono principalmente dal valore di
potenza installata, mentre il costo di connessione alla rete è fissato dalla società di distribuzione
locale dell'energia elettrica.
• Costi esterni: in questa voce saranno inclusi l'insieme di servizi di ingegneria per la
progettazione, costruzione e gestione dell'impianto, oltre i costi per l'ottenimento delle licenze,
permessi urbanistici, ecc.

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 18


Marco Mancini
Qui di seguito sono riportati alcuni valori di riferimento dei costi medi di progetti mini-idro
in Europa, aggiornati al 2009.

COSTI DI ISTALLAZIONE DI PICCOLE CENTRALI 100 KW-500 KW (€ X 1000)


CONCETTO Basso salto Alto salto

Gruppo elettromeccanico 70 - 140 35 - 70


Opere Civili 35 - 115 35 - 95
Opere elettriche (senza conessione alla rete) 18 - 35 18 - 35
Varie 12 - 35 12 - 35
Totale: 135 - 325 100 - 230

In generale, il costo per kilowatt installato di nuovi impianti mini-idro aumenta al diminuire
del valore della potenza installata, a causa di economie di scala e del fatto che in ogni sistema
sono sempre presenti costi fissi che non cambiano molto con le dimensioni dell’impianto.

3.1.2 COSTI DI GESTIONE E MANUTENZIONE DELL’IMPIANTO


Le nuove realizzazioni di progetti mini-idroelettrici, normalmente prevedono l'introduzione
di moderni sistemi automatizzati che richiedono poca manutenzione. Tuttavia, in fase di
domanda, i costi di manutenzione annuale dovranno essere considerati in misura non
superiore al 1-1,5% del totale dell'investimento. Questa somma dovrà tenere conto dei costi
dovuti alla sostituzione dei seguenti dispositivi (che si ipotizza sia necessaria almeno una volta
ogni 10 anni):
• le guarnizioni e i cuscinetti della macchina,
• la turbina stessa e/o il generatore,
• le valvole, paratoie e accessori.

Per quanto riguarda i costi di gestione annuale, questi dovranno includere tutti i
pagamenti del personale, i leasing, le assicurazioni, le imposte e i cannoni annui di
concessione.
Perché l’impianto dia un reddito accettabile, il costo di esercizio annuo complessivo non
dovrebbe superare il 5% dell’investimento totale.

3.2 Benefici conseguenti alla produzione di energia


Il beneficio principale di un impianto mini-idro deriva dalla vendita di energia elettrica. A
questi benefici dovranno aggiungersi quelli derivati dai certificati verdi ed eventualmente da
altri incentivi.
3.2.1 TARIFFE
La tariffa è il prezzo unitario dell’energia elettrica [€ / MW] pagato al produttore da parte
del distributore o gestore della rete. La tariffa dell’energia elettrica non è un’entità fissa, ma
varia continuamente, è influenzata dai mercati elettrici, varia da un Paese all'altro ed è
fortemente influenzata anche dalla politica nazionale. Nel calcolo dei benefici sarà quindi
importante tenere in considerazione tutte queste implicazioni.
A meno che non si sia raggiunto un accordo per una tariffa specifica, nell’analisi
economica che dovrà accompagnare la domanda di concessione la tariffa adottata dovrà
essere circa il prezzo medio annuo pagato ai produttori di energia da fonte rinnovabile nell’
ultimo anno.

3.2.2 INCENTIVI
L’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili può essere utilizzata per ottenere i
certificati verdi, certificati che tutte le imprese elettriche emettono al fine di dimostrare che
sono conformi agli obiettivi internazionali per le energie rinnovabili. Questi certificati hanno un

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 19


Marco Mancini
valore di mercato che varia nel tempo, a seconda dei risultati conseguiti dall’aziende elettriche
in relazione ai loro obiettivi.
Nella Comunità europea oggi, per promuovere lo sviluppo delle energie rinnovabili sono
presenti, oltre ai certificati verdi, una serie di incentivi supplementari specifici di ogni Paese. Ad
esempio, in molti Paesi il governo ha ridotto l'IVA dovuta al 5% ai produttori locali, se privati, e
se gli utenti dell’energia prodotta sono di tipo domestico oppure organizzazioni senza fini di
lucro.
Vi sono anche una vasta gamma di meccanismi di finanziamento a livello regionale che
sovvenzionano i piccoli sviluppi di energia rinnovabile.

3.3 Analisi del flusso di cassa previsto


Il flusso di cassa è essenzialmente il movimento di denaro da e verso un'azienda. La
previsione del flusso di cassa in fase di domanda di concessione, è uno strumento che modella il
modo in cui si muove il denaro nel progetto e serve a dimostrare se le vendite e il conseguente
reddito presunto riescono a coprire i costi di gestione e di manutenzione e se il progetto sarà
sufficientemente redditizio da giustificare l’investimento iniziale.
La previsione del flusso di cassa deve essere effettuata su un foglio di lavoro, per l'intera
vita del progetto, indicando chiaramente i flussi finanziari in entrata e in uscita.

ESEMPIO DI ANALISI DEL FLUSSO DI CASSA PREVISTO

3.4 Metodi di valutazione economica


3.4.1 COSTO DEL DENARO (VALORE ATTUALE)
In ogni analisi economica ci sono sempre due variabili: tempo e denaro. Il principio alla
base del concetto del valore temporale del denaro è che un euro oggi vale più di un euro di

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 20


Marco Mancini
domani, vale a dire, che i soldi pagati o ricevuti in un dato momento hanno un valore diverso
se pagati o ricevuti in un altro momento. Per confrontare gli investimenti attuali e futuri è quindi
necessario esprimere i flussi di cassa in valore attuale, cioè, ottenere il valore attuale di ogni
singolo flusso di cassa futuro.
Il termine "valore attuale" indica il valore corrente di un importo futuro di denaro. Per
determinare il valore attuale si utilizza la seguente formula
⎡ 1 ⎤
Co = ⎢ ⎥ Cn 14.
⎢ (1 + r )n ⎥
⎣ ⎦
dove Co è il valore attuale del l'importo futuro (all’anno n) Cn scontato secondo un determinato
tasso di interesse, chiamato anche tasso di sconto r, mantenuto costante n numero di anni.
Mediante il concetto di valore attuale, gli investitori sono in grado di calcolare il valore
attuale del futuro prezzo di vendita di un impianto mini-idro. Se l'investimento è interessante da
un punto di vista economico, gli investimenti di oggi dovranno avere un valore molto più
elevato in futuro.

3.4.2 TEMPO DI PAREGGIO


Il tempo di pareggio indica il numero di anni richiesto perché il capitale investito sia
compensato con i benefici conseguiti. Questo indice valuta la bontà di un progetto
d’investimento mediante la lunghezza del periodo di pareggio. Il periodo di pareggio è
espresso in anni e si ottiene :
investmento iniziale
Tempo di pareggio = 15.
benefici netti

Più piccolo è il tempo di pareggio, più redditizio può considerarsi il progetto. Questo
metodo è semplice da usare, ma è utile solo se la liquidità è un problema, dal momento che
non dà nessuna indicazione esplicita circa il "valore del denaro nel tempo".

3.4.3 RITORNO DELL’ INVESTIMENTO [ROI]


Il periodo di ritorno dell’investimento [ROI] è un metodo di valutazione economica che
confronta i benefici netti di un progetto, rispetto al suo costo totale di investimento.
Beneficio netto annuo
ROI = 16.
Investimento totale
Nei casi in cui il beneficio netto annuo è ottenuto sottraendo alla somma di tutte le
entrate (vendita dell'elettricità, certificati, ecc) i costi annuali di gestione, il ROI fornisce una
rapida stima dei profitti netti del progetto. Può servire come base per confrontare progetti
diversi.
Per tener conto del valore del denaro nel tempo, quando si utilizza il metodo del ROI per
valutare un progetto, sarà meglio considerare il flusso di cassa piuttosto che i benefici netti.

3.4.4 VALORE ATTUALE NETTO [VAN]


È il metodo più comune per valutare un progetto di investimento. Con il metodo del
valore attuale netto, il valore attuale di tutti i flussi finanziari in entrata sono confrontati con
l'investimento iniziale [C0 = I]. Il Valore Attuale Netto [VAN] determina se il progetto è un
investimento accettabile. Secondo questo metodo, un progetto è fattibile dal punto di vista
economico, solo se il VAN è positivo (VAN> 0).
La formula per il calcolo VAN, nell'ipotesi che i flussi di cassa si verifichino a intervalli
uguali e che il primo flusso di cassa (negativo e rappresentato dal'investimento iniziale I) si
verifichi alla fine del periodo di costruzione (j = 0) è:
n (B j − C j )
VAN = ∑ 17.
(1 + r )
j
j =0

dove: (Bj - Cj) rappresenta il flusso di cassa netto alla fine di ciascun periodo j.
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 21
Marco Mancini
r è il tasso di sconto periodico (se j = 3 mesi, r = ¼ del tasso annuo di sconto).
n è il numero totale di periodi j della vita utile vita del progetto.

Il VAN dell'investimento, dato dalla differenza fra entrate e uscite, entrambi attualizzati a
un tasso di interesse fisso, esprime il valore in cui si tradurrà un investimento in termini
monetari di oggi.

3.4.5 RAPPORTO BENEFICIO – COSTO [BCR].


Il rapporto beneficio-costo è un indice che esprime, in forma semplice, il ritorno
finanziario complessivo per ogni euro investito nel progetto. Il metodo confronta il valore
attuale dei benefici complessivi e l'investimento complessivo, lungo la vita utile del progetto,
come segue:
n Bj

j =0 (1 + i ) j
BCR = 18.
n Cj

j =0 (1 + i ) j

dove il numeratore rappresenta il valore attuale delle entrate totali e il denominatore il valore
attuale delle uscite. I progetti con un rapporto BCR inferiore a 1 dovranno essere scartati.

3.4.6 TASSO DI RENDIMENTO INTERNO [TRI]


Il tasso interno di rendimento è il tasso di sconto che rende il valore attuale di tutti i flussi
di cassa netti, al termine della vita utile del progetto, pari a zero. Un valore alto del tasso
interno di rendimento è indice di un investimento vantaggioso. Il TRI può essere utilizzato per
confrontare soluzioni diverse per lo stesso sito; nell’ipotesi che tutti gli altri indici economici
siano uguali nei vari progetti, il progetto con il TRI maggiore sarà senz’altro il migliore dal
punto di vista economico.
Una volta che il tasso è noto, può essere confrontato anche con il costo del danaro.
Infatti, un TRI inferiore al costo del denaro chiesto in prestito per finanziare il progetto,
evidenzia chiaramente che il progetto non rappresenta un buon investimento.
Il TRI si determina mediante approssimazioni successive.

4. Studio di impatto ambientale

Anche se l'energia idroelettrica è considerata "energia pulita" perché non produce anidride
carbonica o sostanze inquinanti, l’ubicazione degli impianti in aree sensibili potrebbe produrre
effetti locali che non sono sempre trascurabili. Questi impatti normalmente sono proporzionali alla
potenza installata, ne consegue che gli effetti negativi sull’ambiente degl’impianti mini-idro sono,
in generale, abbastanza piccoli. Tuttavia, nella maggior parte dei Paesi della Comunità europea
una valutazione dell'impatto ambientale (VIA) è richiesta al fine di ottenere la concessione d’uso
dell’acqua (Direttiva 2000/60/CE Water Framework Directive).
Lo studio ambientale pertanto, dovrà essere un’analisi, scientifica e tecnica, che faccia un
inventario della situazione attuale e preveda le conseguenze negative per l'ambiente a carico
della realizzazione del progetto e dell’operazione dell’impianto. Questo studio dovrà riguardare la
fauna e la flora, il paesaggio, il suolo, l'acqua, l'aria, il clima, l'ambiente naturale e gli equilibri
biologici, la tutela dei beni e del patrimonio culturale, la vita dei cittadini (rumore, vibrazioni, odori,
fulmini), l'igiene, la sicurezza e la salute pubblica.
Recentemente, al fine di velocizzare le pratiche di concessione dell’ acqua per la
produzione di energia elettrica con impianti mini-idroelettrici , le autorità di molti Paesi europei
non richiedono la VIA completa per gli impianti con una potenza installata inferiore a 3 MW. In
ogni caso, ciascuna domanda di concessione dovrà comprendere uno studio che includa una
descrizione accurata dal punto di vista ambientale del sito e le indicazioni su tutti gli oneri e gli
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 22
Marco Mancini
impatti a livello locale che il progetto potrebbe produrre. Inoltre, vi dovranno essere chiaramente
indicate le strategie e le misure di mitigazione previste.

4.1 Descrizione ambientale generale del sito


Al fine di potere individuare l'impatto ambientale complessivo del sistema proposto, sarà
necessario eseguire un sopralluogo accurato del sito seguito dalla descrizione dettagliata del tipo
e dello stato della vegetazione e delle diverse specie di uccelli, mammiferi e, naturalmente, della
popolazione acquatica. Inoltre, si dovranno indicare i dati di qualità dell'aria e dell'acqua e
descrivere il livello di presenza umana e di ogni sua attività che potrebbe essere disturbata dalla
realizzazione e/o operazione dell’impianto mini-idro. Si dovranno includere fotografie della zona.

4.2 Identificazione degl’Impatti


I diversi impatti ambientali dei sistemi mini-idroelettrici dipendono in maniera importante
dalla posizione e dalla tecnologia specifica dell’impianto. Uno schema in alta montagna isolato,
con una lunga derivazione e situato in una zona estremamente sensibile, può generare un
impatto molto maggiore di uno schema a basso salto nella pianura antropizzata.
All'interno della Comunità europea alcuni gruppi di esperti che eseguono valutazioni di
impatto ambientale hanno elaborato una descrizione esaustiva dei possibili impatti ambientali
dovuti agli impianti idroelettrici. Questi studi sono disponibili in letteratura (vedi le tabelle sotto) e
suggeriscono di distinguere gli impatti fra temporanei (ovvero, quelli che con buona probabilità si
presenteranno solo durante il periodo di costruzione) e permanenti (dovuti al funzionamento
dell’impianto lungo tutta la sua vita utile).

4.2.1 IMPATTI DURANTE LA COSTRUZIONE


Lo studio ambientale dovrà analizzare solo le voci delle seguenti tabelle che interessano
lo specifico progetto.

EVENTI DURANTE LA PERSONE O COSE


IMPATTI LIVELLO
COSTRUZIONE DANNEGGIATE
Rilievi Geologici Fauna Rumore Basso
Modificazioni del
Deforestazione Foreste Medio
habitat
Nuove opportunità,
Allargamento delle strade Pubblico in generale Modificazioni del Medio
habitat
Movimenti di terra Geologia del sito Stabilità dei pendii Basso
Alterazione delle
Scavo di gallerie Idro-geologia del sito Basso
correnti sotterranee
Riporto di materiale riempire Geologia del sito Stabilità dei pendii Basso
Ecosistema acquatico, Alterazione del regime
Costruzione di argini Medio
idro-morfologia del sito fluviale
Accumuli di terra Geologia del sito y Stabilità dei pendii Basso
Spostamento temporale di
Alterazione della
strade, persone, linee Pubblico in generale Trascurabile
qualità di vita
elettriche, ecc.
Invasione
Costruzione di strade e Fauna, Pubblico in
paesaggistica, disturbi Basso
capannoni. generale
alla fauna
Cambiamenti al corso Modificazioni del
Ecosistema acquatico Medio
d’acqua habitat
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 23
Marco Mancini
EVENTI DURANTE LA PERSONE O COSE
IMPATTI LIVELLO
COSTRUZIONE DANNEGGIATE
Deviazione temporanea dei Modificazioni del
Ecosistema acquatico Alto
fiumi habitat
Uso di scavatori, camion, Fauna, Pubblico in
Rumore Alto
elicotteri, macchine, ecc generale
Fauna, Pubblico in
Presenza umana Rumore Basso
generale

4.2.2 IMPATTI DURANTE IL FUNZIONAMENTO


EVENTI IN DURANTE IL PERSONE O COSE
IMPATTI LIVELLO
FUNZIONAMENTO DANNEGGIATE
Pubblico in Riduzione
Energia rinnovabile Alto
generale dell’inquinamento
Ecosistema Modificazioni del
Sbarramento Alto
acquatico habitat
Ecosistema Modificazioni del
Opere permanenti in alveo Alto
acquatico habitat
Ecosistema Modificazioni del
Opera di presa e derivazione High
acquatico habitat
Invasione
Condotta forzata Fauna Medio
paesaggistica
Pubblico in Invasione
Linea elettrica Basso
generale, Fauna paesaggistica
Ecosistema Modificazioni del
Ripraps acquatico, Pubblico habitat, Invasione Basso
in generale paesaggistica
Ecosistema Modificazioni del
Innalzamento sponde acquatico, Pubblico habitat, Invasione Basso
in generale paesaggistica
Modificazioni del
Cambiamento del regime fluviale Pesci Alto
habitat
Modificazioni del
Idem Flora Medio
habitat
Pubblico in Modificazione nelle
Idem
generale attività di ricreazione
Rumore del gruppo Pubblico in Alterazione della
Basso
elettromeccanico generale qualità di vita
Ecosistema
Miglioramento della
Scavi in alveo acquatico Pubblico Alto
qualità dell’acqua
in generale

4.2.3 IMPATTO DELLA LINEA DI ELETTRICA


Le linee di trasmissione aeree con le relativi torri possono avere un impatto negativo sul
paesaggio. Questi impatti possono essere mitigati adattando la linea al paesaggio e in casi
estremi si raccomanda di sotterrarla.

4.3 Mitigazione degli Impatti ambientali


Se possibile, l'entità degli impatti ambientali individuati dovranno essere confrontati con i
livelli di soglia stabiliti nella normativa in vigore. A tal fine, la Comunità europea negli ultimi anni

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 24


Marco Mancini
ha pubblicato diversi regolamenti che indicano l'intervallo di tolleranza di diversi aspetti ambientali
come l'inquinamento dell'aria e dell'acqua, il livello di rumore, ecc.
Per ridurre l'impatto ambientale si possono adottar diverse misure di attenuazione. La scelta
del tipo di misura da adottare segue in generale criteri soggettivi o ragioni economiche. Qualsiasi
misura di mitigazione o strategia ambientale può essere accettata, a patto che raggiunga
l'obiettivo.
Alcuni tipi di misure per la mitigazione dell’impatto ambientale possono essere concordate
direttamente con le autorità che rilasceranno la concessione.
Tutte le strategie di mitigazione incorporate nel progetto rappresentano un costo che
dovrà rappresentare una piccola percentuale del totale degli investimenti.

5. Connessione alla rete


Escludendo i sistemi isolati, gli impianti idroelettrici non possono essere utilizzati senza una
connessione alla rete.
Normalmente la connessione alla rete viene concordata direttamente con il distributore
locale di energia elettrica e non comporta vincoli alla concessione d’uso dell’acqua. Tuttavia, a
questo livello di progetto vale la pena di considerare questo elemento, poiché le specifiche
condizioni per il collegamento alla rete possono cambiare la fattibilità di uno schema.
Particolare attenzione deve essere prestata alla capacità di connessione della rete. Una
connessione ad una rete satura è molto più costosa rispetto a una connessione a una rete libera.
Infatti nel primo caso la rete dovrà essere rafforzata per accettare ulteriori connessioni e l’onere
normalmente viene imputato al nuovo impianto. Infine, per avere una stima del costo di
connessione sarà necessario sapere che tipo di tensione è prevista (alta o bassa) e la distanza
da coprire con la linea.

6. Immobili Terreni
La domanda di concessione per scopo idroelettrico dovrà includere informazione sufficiente
circa la proprietà dei terreni interessati dallo schema proposto.
Normalmente l’investitore di impianti mini-idro non è il proprietario di tutto o di parte dei
terreni interessati dal progetto; per questo motivo, sarà necessario che tra il proprietario e
l’investitore si stipuli un contratto di locazione che stabilisca il diritto d’uso del terreno delle zone
interessate e che definisca anche le responsabilità del locatario.
Qualora non si raggiunga un accordo, le autorità possono sollecitare il proprietario in nome
dell’interesse pubblico. Nessun progetto può procedere senza che il diritto d’uso e passaggio sui
terreni interessati sia garantito durante le fasi di costruzione e di gestione dell’impianto.
A seconda dello stato giuridico della terra, un’autorizzazione ad occupare il terreno dovrà
essere richiesta ogni volta che un ambiente naturale o una zona sensibile sarà danneggiata a
seguito della costruzione e/o del funzionamento dell’impianto.
L’affitto e i canoni per l’uso del suolo dovranno essere considerati nella valutazione
economica.

7. Documenti di supporto

7.1 Cronogramma di costruzione

Al fine di permettere alle autorità una migliore pianificazione del territorio e delle risorse a
livello nazionale o regionale, la domanda di concessione dovrà includere un cronogramma di
costruzione dove siano indicati chiaramente la successione e la durata di ogni fase della
costruzione.

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 25


Marco Mancini
ESEMPIO DI CRONOGRAMMA DI COSTRUZIONE

FASE DI LAVORO MESI


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
Installazione cantiere
Scavi e riempimenti
Opere civili canali di
carico e di restituzione,
vasca di calma,
traversa, soglia
sfiorante, fabbricaro
centrale e misuratore di
portata
Paratoie, panconature
e automazioni
Installazione macchine
allacciamento rete
elettrica

Impianti ed automatismi
Prove e regolazioni
Finiture, ripristini e
opere di mitigazione
ambientale

7.2 Informazione sui richiedenti

È auspicabile che le domande di concessione siano corredate delle informazioni riguardanti


la posizione giuridica e finanziaria dei richiedenti; in particolare:
• Denominazione legale e nomi del consiglio di amministrazione, (se il
richiedente è una società)
• Indirizzo
• Nazionalità
• Organigramma,
• Recenti dichiarazioni finanziarie, compresi i bilanci e le dichiarazioni di
reddito degli ultimi anni.
• Business plan che comprenda un periodo lungo.

8. Mappe, disegni e relazioni.

La domanda di concessione dovrà essere corredata come minimo, delle seguenti mappe,
disegni e relazioni. Le relazioni tecniche dovranno contenere grafici, disegni e fotografie auto-
esplicative.

8.1.1 COROGRAFIA
Con l’indicazione a livello regionale del bacino e della posizione dello sbarramento.
Dovranno essere indicate tutte le principali opere
In scala 1:10000 -1:50000

8.1.2 CARTA TOPOGRAFICA DELLA SITUAZIONE DI FATTO E DI PROGETTO


Dovrà includere i contorni del territorio interessato dal progetto e di tutti gli edifici,
strutture, strade, opere fognarie e acquedottistiche, e altre caratteristiche fisiche del sito. Per i
progetti di piccole dimensioni, queste informazioni possono essere visualizzate nella
corografia.
In scala 1:2000 - 1:10000

8.1.3 MAPPA CATASTALE


.
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 26
Marco Mancini
Con indicazione precisa dei confini di proprietà, i limiti di costruzione, la posizione esatta
e le altezze delle nuove strutture finite.
In scala 1:2000 - 1:10000.

8.1.4 PLANIMETRIE E DISEGNI INGEGNERISTICI E DI DETTAGLIO.


Planimetrie e sezioni dettagliate con indicazioni delle dimensioni delle strutture principali:
traversa, sfioratore, opera di presa, centrale elettrica, canale di derivazione, restituzione, ecc.
In scala <1:5000.

8.2 RELAZIONI:

8.2.1 RELAZIONE GENERALE

8.2.2 RELAZIONE IDROLOGICO- IDRAULICA

8.2.3 RELAZIONE GEOTECNICA

8.2.4 RELAZIONE AMBIENTALE

8.2.5 ANALISI ECONOMICA E FINANZIARIA

9. Riferimenti:
1. European Small Hydropower Association - ESHA “Guide on How to Develop a Small
Hydropower Plant” 2004
2. The British Hydropower Association - BHA “A Guide to UK Mini-Hydro Developments”.
2006
3. Centre for Rural Technology, Nepal (CRT/N) - Sustainable Energy Solutions in South Asia
INFORSE “Manual on Micro Hydro Development” Tripureshower, Kathmandu, 2005
4. Altener Community Programme - Integrated Plan for Renewable Energies – IPRE. “Studio
di fattibilità per la Riabilitazione delle Centrali Minihydro”. 2001.
5. Ing. Marco Pigni Working paper of the TIS Innovation Park. “Gli incentivi alle fonti
rinnovabili: i certificati verdi e le novità introdotte dalla Finanziaria 2008” Bolzano, 13
giugno 2008
6. ENEA “Libro Bianco per la valorizzazione energetica delle Fonti Rinnovabili”. Roma, 1999
7. Gestore Mercato Elettrico GME “Testo Integrato della Disciplina del Mercato Elettrico”.
Roma, 2008
8. F.H. White, "Fluid Mechanics", MacGraw-Hill Inc. USA
9. H. Chaudry. Applied Hydraulic Transients, Van Nostrand Reinhold Co. 1979
10. , V.T. Chow, Open Channel Hydraulics, McGraw-Hill Book Co., New York 1959
11. S. Khennas A. Barnett. Department for International Development. “Best Practices for
Sustainable Development of Micro Hydro Power in Developing Countries”. U.K., 2000
12. U.S. Department of Energy. “Water Energy Resources of the United States with Emphasis
on Low Head/Low Power Resources Energy Efficiency and Renewable Energy Wind and
Hydropower Technologies. Idaho National Engineering and Environmental Laboratory,
2004
13. Regione Lombardia. “Disponibilità ed Ottimizzazione nell’uso della Risorsa Idrica-
Parametri per lo sfruttamento Idroelettrico” Quaderni Regionali di Ricerca, 33, 1999
14. H.C. Huang and C.E. Hita, “Hydraulic Engineering Systems”, Prentice Hall Inc.,
Englewood Cliffs, New Jersey 1987.
15. T. Jacob, "Machines hydrauliques et équipements électro-mécaniques", EPFL 2002
16. J. Fonkenell, “How to select your low head turbine”, Hidroenergia 1991.
17. European Commission - "Externalities of Energy - Volume 6 Wind and Hydro" EUR 16525
EN
18. U.S Department of Agriculture. “National Inventory and Assessment Procedure for
Identifying Barriers to Acquatic Passage at Road-Stream Crossings”. FishXing Version 3.0
Beta, 2006
DIIAR. Priscila Escobar Rojo 27
Marco Mancini
19. “Renewable Energy and Liberalisation in Electricity Markets” REALISE-Forum. Final
conference. Proceedings Berlin, November 2-3, 2006

DIIAR. Priscila Escobar Rojo 28


Marco Mancini