Sei sulla pagina 1di 27

Fine

Induttori e induttanza
Un induttore o induttanza è un dispositivo elettronico che
immagazzina energia sottoforma di campo magnetico così
come il condensatore immagazzina energia sotto forma di
campo elettrico.
Il flusso concatenato con l’induttore è direttamente
proporzionale alla corrente che lo attraversa e la costante di
proporzionalità L è detta induttanza
()
r
Φ B = Li

Il simbolo circuitale è

m2
L’induttanza si misura in Henry 1 henry = 1 T ⋅
A Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Calcolo dell’Induttanza di un
induttore
Considero un’induttanza di lunghezza l e densità di spire n.
Il flusso concatenato sarà
r
() (
r r
Φ B = (nl ) B ⋅ A )
Essendo il campo magnetico interno
B = µ 0in

Si avrà

()
r
1
(
424 3
)
Φ B = (nl )(µ 0inA) = µ 0in 2lA = µ 0 n 2lA i
L

L = µ 0 n 2lA Andrea Zucchini


Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Calcolo dell’Induttanza di un
solenoide
Per un solenoide si definisce l’induttanza per unità di lunghezza e
quindi
L
= µ0 n 2 A
l

Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Autoinduzione
• Quando in un induttore varia la corrente i
che lo attraversa, questa variazione genera
una f.e.m. indotta che si oppone alla
variazione stessa
()
r
dΦ B di
VL = − = −L
dt dt
Questa f.e.m. è detta forza elettromotrice autoindotta
A-la corrente aumenta e la f.e.m. autoindotta si
contrappone all’aumento
B-la corrente diminuisce e la f.e.m. autoindotta
Andrea Zucchini

sostiene la corrente in diminuzione Liceo Scientifico E. Fermi


Bologna
Fine

Effetto selettivo dell’induttore su


segnali alternati
dΦ (B )
r
di
V =− L = −L
dt dt
La f.e.m. autoindotta è proporzionale alla derivata della corrente e
quindi alla velocità di variazione della corrente.
Segnali alternati ad alta frequenza fanno più “fatica” ad attraversare
l’induttore rispetto a segnali a bassa frequenza.
L’energia immagazzinata nell’induttore è espressa dall’equazione

1 2
E = Li
2
Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Effetto selettivo delle capacità su


segnali alternati
t
VC (t ) = ∫ idt
1
i (t ) = C
dVC
dt C0

La f.e.m. dipende dall’integrale della corrente.


Segnali alternati ad alta frequenza fanno meno “fatica” ad
attraversare la capacità rispetto a segnali ad alta frequenza.
L’energia immagazzinata nella capacità è espressa dall’equazione

1 1 2
E = CV =
2
Q
2 2C
Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Correnti alternate

Quando un generatore di f.e.m. produce in un circuito una


d.d.p. variabile nel tempo
V = V0 sin (ωt )
la corrente creata non sarà costante ma varabile anch’essa
nel tempo; parleremo allora correnti alternate.
I = I 0 sin (ωt − φ )

Analizziamo i vari casi di circuiti ad una maglia


contenenti un solo elemento circuitale oltre al generatore.
Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito resistivo
In un circuito resistivo, applicando la legge di Kirchhoff ,
vR = VR sin (ωt ) = Ri
avremo da cui
sin (ωt )
v R VR
iR = =
R R
la corrente nel circuito è quindi con la stessa fase del generatore.

i = I R sin (ωt − φ )

Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito capacitivo
In un circuito capacitivo, applicando la legge di
Kirchhoff, avremo
vC = VC sin (ωt )

e dovremo considerare anche la relazione


q
vC =
C
da cui risulta
q = CVC sin (ωt )

che derivata ci fornisce la corrente del circuito


iC = ωCVC cos(ωt )

Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito capacitivo
Confrontando questa relazione con quella
precedentemente trovata per i circuiti resistivi, ovvero
ispirandosi alla legge di Ohm, avremo
Arriva dopo al

iC = ωCVC cos(ωt ) = cos(ωt )


VC massimo la d.d.p.

XC
avendo posto
1
XC =
ωC
la corrente nel circuito è quindi sfasata rispetto a
π
quella erogata dal generatore, in particolare anticipa di
e la quantità X C , equivalente nel circuito alla 2
resistenza, è detta reattanza capacitiva.

⎛ π⎞ VC ⎛ π⎞
cos(α ) = sin ⎜ α + ⎟ iC = sin ⎜ ωt + ⎟
⎝ 2⎠ XC ⎝ 2⎠ Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito capacitivo
Segnali a differente frequenza incontrano quindi
una differente reattanza capacitiva ovvero
subiscono una differente attenuazione
10

1
XC =
4

ωC 2

0.5 1 1.5 2

La reattanza capacitiva cala al crescere della frequenza e


quindi i segnali di frequenza superiore potranno “passare” sul
condensatore generando una caduta di potenziale inferiore
Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito induttivo
In un circuito induttivo, applicando la legge di
Kirchhoff, avremo

vL = VL sin (ωt )
e dovremo considerare anche la relazione che vL = L di
fornisce la tensione ai capi di una induttanza percorsa dt
da corrente variabile nel tempo.
Risulta quindi
L = VL sin (ωt )
di
dt
che integrata ci fornisce la corrente del circuito

∫ di = ∫ L sin (ωt )dt


VL

Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito induttivo
Si avrà
cos(ωt )
VL
iL = −
ωL

Confrontando questa relazione con quelle


Arriva dopo al
precedentemente trovate per i circuiti resistivi e massimo la
corrente
capacitivi, ovvero ispirandosi alla legge di Ohm, avremo
⎛ π⎞
cos(ωt ) = − L cos(ωt ) = L sin ⎜ ωt − ⎟
VL V V
iL = −
ωL XL XL ⎝ 2⎠
avendo posto
e ⎛ π⎞
X L = ωL − cos(α ) = sin ⎜ α − ⎟
⎝ 2⎠
la corrente nel circuito è quindi sfasata rispetto a quella
erogata dal generatore, in particolare ritarda di π e la
2
quantità X L , equivalente nel circuito alla resistenza, è
detta reattanza induttiva.
Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito RL
Per un circuito RL in carica avrò
di di
Ri = V0 − L Ri + L = V0
dt dt

Per un circuito RL in scarica avrò

di di
Ri = − L Ri + L = 0
dt dt

Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito RL
I circuiti RL vengono risolti con le stesse procedure
utilizzate per i circuiti RC.
Per un circuito RL in scarica avrò
i t
di di R di R
Ri + L = 0
dt i
= − dt
L
∫i i = − L ∫0 dt
0

⎛i⎞ R −
t
L
i (t ) = e
⎜ ⎟
ln⎜ ⎟ = − t V0 τL τL =
⎝ i0 ⎠ L R R

t t t
di i0 − Ri0 − −
τL τL τL
VL = − L = L e =L e = Ri0 e
dt τL L
Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito RL
Per la carica avrò un risultato simile al
circuito RC
⎛ −
t

i (t ) = i0 1 − e
di L ⎜ τL ⎟
Ri + L = V0 τL =
dt R ⎜ ⎟
⎝ ⎠

Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Corrente nel circuito

Carica Scarica

⎛ −
t
⎞ t
i (t ) =
V0 ⎜ ⎟ −
i (t ) = e
1− e τL V0 τL
R ⎜⎝ ⎟
⎠ R

1 1

0.8 0.8

0.6 0.6

0.4 0.4

0.2 0.2

1 2 3 4 5 6 1 2 3 4 5 6

Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Numeri complessi
x2 +1 = 0

L’equazione non ha soluzioni nel campo reale


anche se formalmente non pare difficile
ipotizzare che esistano e siano
x1, 2 = ± − 1
Infatti
(± )2
−1 +1 = 0

Definisco l’unità immaginaria


i = −1 i 2 = −1 Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Numeri complessi
Rappresentazione algebrica
z = x + iy

Rappresentazione cartesiana

z = r (cos θ + sin θ )

r = x2 + y2

y
θ = arctg
x

Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Impedenza
Consideriamo un circuito alimentato da una
f.e.m. alternata V = V0 sin (ωt + φ )

Esiste una grandezza “vettoriale” che tiene


conto della dipendenza dagli elementi
circuitali e dalla frequenza dei segnali
r ⎛ 1 ⎞ r ⎛ 1 ⎞
2
Z = R + i ⎜ ωL − ⎟ Z = R + ⎜ ωL −
2

⎝ ωC ⎠ ⎝ ωC ⎠

L’impedenza è un numero complesso

Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito RLC-Formalismo complesso

Per risolvere il circuito RLC tenendo conto degli sfasamenti dovuti ai


differenti elementi circuitali si ricorre al formalismo complesso
r r iω t r r iωt
i (t ) = i0 e Ri + L + ∫ idt = V (t )
di 1
V (t ) = V0 e
dt C

r
2
d i di i dV r r i r
L 2 +R + = − ω L i + i ωR i + = i ωV
2

dt dt C dt C
Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito RLC-Formalismo complesso

r
r r i r
− ω L i + i ωR i + = i ωV
2

C
Dividendo per iω avrò
r⎡ ⎛ 1 ⎞⎤ r
i ⎢ R + i⎜ ωL − ⎟⎥ = V
⎣144 ⎝424ω4 C ⎠⎦
4
3
r
Z

Che scriveremo infine come una nuova rr r


forma della legge di OHM generalizzata iZ =V
Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Induttivo
X L > XC

Capacitivo
X L < XC

Resistivo X L = XC

Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Frequenza di risonanza
1
ωL − =0 X L = XC
ωC
1
ω=
LC

Il circuito RLC presenta un comportamento


resistivo: tensione e corrente sono in fase

Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito LC
Il circuito LC è costituito da una maglia contenente un
condensatore e un induttore.
Per risolvere quantitativamente il circuito si deve considerare
la conservazione dell’energia:

1 2 1 2
E = Li + Q
2 2C
Da cui si ha, derivando
di 1 dQ
Li + Q =0
dt C dt
d 2Q ⎛ 1 ⎞
+⎜ ⎟Q = 0
⎝ LC ⎠
2
dt Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito LC
Posto
1
ω = 2

LC
La soluzione sarà della forma
Q = Q0 sin (ωt + φ )
E per la corrente avrò
= Q0ω cos (ωt + φ )
dQ
i=
dt

L’energia oscilla tra condensatore e induttore modificando il


suo immagazzinamento ma non la sua quantità
Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna
Fine

Circuito
LC

Circuito
LC

Circuito
LC Andrea Zucchini
Liceo Scientifico E. Fermi
Bologna