Sei sulla pagina 1di 40

Aut.ne Tribunale Livorno n° 683 del 02/03/2005 - Spediz. in abb. postale: postatarget creative - CENTRO 1/02524/11.

2014 - Posteitaliane
Anno XIX - n° 200 Giugno 2019

L’Editoriale
di Enrico Dello Sbarba
L’Europa
enricodellosbarba@virgilio.it
che tiene duro
Buona di Francesco Butini

ripresa Sei mesi fa, i due vice presidenti del


consiglio del governo italiano annuncia-
dichiarò uno. «L’Europa dei banchieri,
quella fondata sull’immigrazione di

per il vano l’imminente fine dell’Europa come


l’abbiamo conosciuta fino ad ora. «Tra
sei mesi ci sono le elezioni europee e
massa e sulla precarietà, continua a mi-
nacciare e insultare gli italiani e il loro
governo? Tranquilli, fra sei mesi ver-
centro come c’è stato un terremoto politico in
Italia il 4 marzo, ci sarà un terremoto
ranno licenziati da 500 milioni di eletto-
ri» ribadì l’altro.

sinistra politico alle elezioni europee di maggio» segue a pag. 2

Il responso elettorale di queste ul-


time elezioni europee e ammini-
ELETTI SINDACI DI LIVORNO E ROSIGNANO
strative si presta ad una duplice let-
tura. Da un lato “la destra” (ormai
possiamo tranquillamente elimina-
Complimenti a Salvetti e Donati
re il sostantivo “centro”) in quanto
Forza Italia, che lo rappresentava,
sta rapidamente scomparendo stri-
tolata dal “duo sovranista e/o polu-
lista”, Lega e Fratelli d’Italia, ha
confermato, specialmente alle eu-
ropee, il suo momento magico che
non sappiamo però quanto potrà
segue a pag. 2

er no
all’int
Enrico Dello Sbarba e Fabio Del Nista con Luca Salvetti nella sede de Il
Centro durante la campagna elettorale del candidato a sindaco di Livorno.
Enrico Dello Sbarba

(Enrico Dello Sbarba) - Personalmente e da tutti gli amici de Il Centro le congratu-


Il primo numero de Il Centro datato Maggio 2001
lazioni più vive a Luca Salvetti, neo sindaco di Livorno, per la schiacciante vittoria che
200 numeri molti “vuoti”presenti nella realtà livornese ma anche per
proseguire un’esperienza che stava raccogliendo cre-
riporta la nostra città sulla via di una civica e normale dialettica democratica. Un
scenti consensi e positive valutazioni.

un ‘grande’ traguardo Il Centro, in edizione da qualche mese più elegante grazie


alle scelte del caro amico Bruno Damari della Editrice Il
Quadrifoglio, è divenuto una costante realtà non solo a
Livorno e Rosignano, località nelle quali viene larga-
abbraccio forte forte, tanti cari auguri ed a presto da noi in via Trieste nella sede de Il
Centro che con grande entusiasmo ha sostenuto la tua battaglia. Complimenti anche a
Allorché festeggiammo il 100° numero de Il Centro par- mente diffusa l’edizione cartacea, oltre a quella via in-
lammo e scrivemmo di “piccolo traguardo” mettendo, ternet.
pudicamente, tra parentesi l’aggettivo “grande”. Gli elogi e gli attestati di stima che continuiamo a riceve-
Con questo numero, il “200°”, possiamo tranquillamente re da parte dei nostri lettori rappresentano una puntuale
affermare di aver raggiunto veramente un “grande tra- testimonianza della validità e della credibilità del perio-
guardo”.
Certamente, quando abbiamo deciso di continuare que-
sta “avventura” lo abbiamo fatto anche per riempire i
dico.
Il nostro primo vivissimo ringraziamento dobbiamo e
vogliamo rivolgerlo ai preziosi ed indispensabili inser-
Daniele Donati, neo sindaco di Rosignano, pure sostenuto da questa Associazione.
2 politica

dalla prima pagina muni, ha aperto prospettive un po’ più governo non è una maggioranza politi-
rosee per il risveglio e la ripresa del cen- ca, ma solo numerica e “contrattuale”.
Buona ripresa tro-sinistra. E dunque contano di più i rapporti di
per il centro-sinistra Ed è proprio questo importante recu- forza tra i due partiti contraenti il “con-
pero che apre le porte alla speranza tratto” piuttosto che la solidità eletto-
durare; dall’altra il centro-sinistra che per bloccare, impedire e sconfiggere rale della maggioranza nel suo comples-
sta dando confortanti segni di ripresa. l’emergente pericolo rappresentato so, come se entrambi fossero in qual-
Resta l’emergenza dell’attuale gover- dall’attuale governo. che modo destinati a un futuro che non
no gialloverde che sembra voler “so- li vedrà insieme. Ecco perché il voto
europeo contiene un potenziale scon-
pravvivere” malgrado l’emergere di una
crisi finanziaria, sociale ed economica,
L’Europa volgente per il governo: ribaltando com-
dalle prospettive sempre più inquietanti che tiene duro pletamente il rapporto di forza, si po-
e, sulla cui sopravvivenza, si stanno trebbe incoraggiare una prospettiva
addensando nubi sempre più nere. È sempre azzardato prevedere i com- piuttosto di un’altra.
Non sappiamo quale potrà essere la “re- portamenti dei propri elettori, figurar- In Europa l’immaginata ondata euro-
sistenza” dei 5 Stelle, la cui débâcle sia si declamare profezie dal sapore mil- scettica non c’è stata. Sulla base delle
nell’europeee che nelle amministrative, lenaristico basandosi sulla certezza as- elaborazioni del portale web
ha assunto dimensioni sempre più am- soluta dei comportamenti degli eletto- politico.com, nel parlamento europeo
pie, destinati a svolgere il ruolo “secon- ri degli altri paesi. eletto nel 2014 vi sedevano 213 parla-
dario e supino” analogo a quello della Alla fine, né in Italia né in Europa è mentari euroscettici e in quello eletto
pattuglia di Angelino Alfano durante la andata così. O per meglio dire, il ter- nel 2019 ce ne sono 235. Sono appena
passata legislatura. Un ruolo, cioè, mal- remoto politico che avrebbe dovuto 22 parlamentari in più su 751: altro che
sconvolgere il governo delle istitu- ondata! E l’aumento è tutto concen-
grado le declamazioni di Di Maio, sem-
zioni europee, rischia invece di trato in Italia: in molti paesi europei i
pre più secondarie di fronte all’arrogan-
sconvolgere il governo italiano. Tan- parlamentari euroscettici sono addirit-
za del “Capitano”.
to da indurre il presidente del consi- tura diminuiti: in Austria, in Danimar-
Il centro-sinistra, invece, dopo i discreti
glio a convocare una conferenza ca, in Grecia, in Irlanda, in Lituania, in
risultati alle europee, ha ottenuto signi-
stampa il 3 giugno per concludere: Olanda, in Slovenia, in Svezia. Sono
ficative affermazioni nei ballottaggi di
«Se non ci fosse una chiara assun- addirittura diminuiti in Ungheria e nel
domenica 9 giugno. Il recupero di Li-
zione di responsabilità come da me Regno Unito, a un passo dalla Brexit.
vorno, con il nostro caro amico Luca
richiesto, e attenzione, se i compor- Questo significa che si sono redistri-
Salvetti, dopo il disastro dell’esperien-
tamenti non fossero coerenti e con- buiti i rapporti di forza tra i grandi par-
za grillina di Filippo Nogarin, la confer-
seguenti, molto semplicemente con titi europei, ma non si sono erose le
ma di Firenze, Prato e di tanti altri co-
la trasparenza e con la lealtà della mia basi del consenso europeista. È vero
azione e nel rispetto delle procedure che sono calati i Popolari europei, ma
costituzionali, rimetterò il mio man- al tempo stesso sono cresciuti i Libe-
dato nelle mani del Presidente della ral-democratici europei. Calano i So-
Repubblica». cialisti europei, ma crescono i Verdi
Ma cosa è successo in Italia e in Eu- europei.
Mensile del Circolo Culturale “Il Centro” ropa alle elezioni europee del 26 mag- Il paradosso è che, almeno in Italia, non
Aut.ne Tribunale Livorno n° 683 del 2/3/2005 gio? si sia fatta una valutazione che sorge
La consegna del titolo socia In Italia i rapporti di forza elettorale lampante da questi dati. Abbagliati dal-
Redazione ed Amministrazione: tra i due partiti di governo si sono in-
onoraria a Giovanna Alari
Via Trieste 7 - 57124 Livorno
l’idea di una impetuosa avanzata degli
e.mail: ilcentro.livorno@gmail.com vertiti. Alle elezioni politiche del mar- euroscettici che non c’è stata, non si
www.circoloilcentro-livorno.it zo 2018 i voti per il Movimento Cin- vede come si sia comunque consolida-
DIRETTORE RESPONSABILE:
que Stelle erano quasi il doppio dei voti ta in cinque anni una base di “resisten-
Enrico Dello Sbarba per la Lega, alle elezioni europee del za” anti-europeista con cui dobbiamo
maggio 2019 i voti dei Cinque Stelle fare i conti. Insomma, l’euroscettici-
COMITATO DI REDAZIONE: sono la metà dei voti della Lega. Un smo non cresce ma si conferma, non
Massimo Cappelli,
Laura Conforti Benvenuti, terremoto. In appena un anno. vince ma non è effimero. Un 30% del-
Sergio Cini, Valeria Grillo, Ma il paradosso è che nessun espo- l’elettorato europeo rimane deluso di
Luca Lischi, Mario Lorenzini, nente del governo italiano abbia fatto
Mauro Paoletti, Angela Simini,
questa Europa.
Marisa Speranza, Franco Spugnesi. notare come la maggioranza parlamen- Esaurita la paura della disgregazione
tare sia rimasta comunque maggioran- delle istituzioni europee, per gli euro-
Grafica e impaginazione: Editrice “Il Quadrifoglio” za anche nel voto popolare, con una
sas di Palandri Giulia & c., Livorno - Tel. 05861732178.
peisti come noi rimane la sfida politica
Stampa: Tipografia Sagittario - Bibione (VE) percentuale più o meno uguale a quel- di erodere questo zoccolo duro di eu-
Giornale chiuso in tipografia il 10/6/2019
la di un anno fa. Il che dimostra una roscettici che si è comunque confer-
cosa semplicissima: la maggioranza di mato il 26 maggio scorso.
politica 3

Palla lunga e pedalare,


per favore di Nicola Graziani

Cattolici Adulti, crocifissi baciati, grandi delle politiche e delle europee da una l’anno, un’associazione che si chiama
rivendicazioni e niente risultati. “Zero parte, e delle amministrative dall’al- “Politica Insieme”. Vuole essere il fo-
tituli”, diceva Mourinho sbarcando tra, è proprio questa: quando si tratta rum (secondo la definizione del cardi-
alì’Inter, tanti anni fa, per ricordare che delle amministrazioni comunali la gente nal Bassetti) in cui ci si ritrova, dopo
molti soldi spesi e prosopopee senza tende sempre più a sfuggire dagli sche- anni di indotta diaspora, per riscoprire
costrutto non portano a risultati. Per mi – vuoti – dei partiti attualmente in che le cose che ci uniscono sono più
ottenerne esiste solo un modo: allenar- auge. Il numero delle affermazioni di quelle che ci dividono. E pensare ad
si, faticare, studiare le tecniche e gli delle liste civiche, negli ultimi cinque azioni comuni, ad iniziare magari dalla
avversari, e soprattutto buttare la palla anni, è letteralmente raddoppiato. Il difesa di un Terzo Settore messo in
in rete. Fu così che arrivò il Triplete, Pd, spesso, si è appoggiato in modo sofferenza da legislazioni sbagliate o
onore e gloria a tutt’oggi di quel club. determinante alle liste civiche in più di inattuate. Non un partito, ma un luogo
Il fatto è – lo si ammetta – che le ulti- un’occasione. Altrettanto spesso liste di convergenza di sentimenti e deside-
me elezioni (intendendo le politiche, le civiche sono state determinanti nello ri, impegno e riflessione. Azione e
europee, le amministrative) hanno ria- stabilire l’esito finale del voto, come a meditazione, per ritrovare il gusto del
perto il dibattito sull’inconsistenza del- Firenze. C’è un mondo, insomma, che bene comune.
la presenza dei cattolici in politica. Non vuole rimettersi in moto, ed al quale Insomma, palla lunga e pedalare, altri-
poteva essere altrimenti, a meno che sarà necessario prima o poi dare una menti la Champions non la vinci con il
non si prendano per un successo per- risposta. Per essere precisi una dop- top player venuto da fuori. Nemmeno
centuali che vanno dall’1,46 allo 0,42 pia risposta: al desiderio di unità da se l’Inter compra Ronaldo, o la Juven-
percento. Si guardi la realtà: la politica parte dei cattolici, ed a quello di buon tus uno che non solo è Ronaldo, ma è
della dispersione, magari nel nome della governo da parte di tutta la società anche Cristiano. Le etichette, in politi-
presunzione di essere il sale della poli- civile. ca, contano poco. Come i crocifissi
tica altrui, non ha funzionato. Annota Non a caso è nata, nei primi mesi del- baciati e le giaculatorie sbiascicate.
Stefano Zamagni: con il 3 percento in
un partito non conti un bel nulla. Fac-
ciamocene una ragione e ripartiamo.
Eppure ora più che mai di una presen-
za organizzata e pensante ce ne sa-
rebbe bisogno. Non per noi, ma per
tutti: il bene comune non lo si costrui-
sce nel solipsismo, ma mettendo insie-
me le persone grazie ad un richiamo ai
valori autentici della Costituzione.
Di certo c’è molto meno bisogno della
convegnistica fine a se stessa. La po-
litica è unità di azione e ragionamento,
e quando vi è una sovrabbondanza del-
l’una rispetto all’altro, e viceversa, le
cose non funzionano. E di parole a fiu-
mi sui cattolici e la politica ne abbiamo
sentito financo troppe.
Del resto se c’è una piccola, piccolis-
sima differenza tra gli insegnamenti Cardinale Gualtiero Bassetti, presidente Cei.
4 politica

Quali responsabilità si devono assumere


i progressisti o moderati, cattolici o laici
di Marco Taradash

Nei giorni in cui Salvini e Di Maio con-


tinuavano a scambiarsi colpì post elet-
torali, tanto che agli ingenui sembrava
dovessero mettere fine alla loro intesa,
Putin e Xi Jingpin preparavano il loro
incontro a San Pietroburgo. Nelle ore
in cui i leader della Russia fascista della
Cina comunista stringevano più forte la
loro alleanza, Salvini e Di Maio chiude-
vano invece la fase del contrasto e ria-
privano quella del contratto. Coinciden-
za? Salvini è da sempre legato a Putin,
almeno da quando sorprendendo tutti si
alleò con Marine Le Pen per avviare la
riconversione della Lega da partito del
Nord a partito nazionale.
È passato un paio di anni da quando ha Luigi Di Maio e Matteo Salvini al Parlamento con il premier Giuseppe Conte.
sottoscritto nero su bianco un'intesa
con il leader russo e il suo partito Rus- no esercitato una continua pressione sul getto di liquidare la democrazia rappre-
sia Unita impegnandosi a una collabo- deficit nella con assoluta indifferenza sentativa e di sostituirla con quella fin-
razione di governo sulla politica econo- rispetto alla crescita del debito pubbli- zione chiamata democrazia diretta: sono
mica e internazionale. Di Maio non era co. Le principali "riforme" economiche in avanzato stato di discussione in Par-
rimasto indietro: il Movimento di Casa- dei due partner di maggioranza sono lamento infatti le "riforme" costituzio-
leggio aveva combinato un accordo con state il reddito di cittadinanza per il M5S nali per il taglio del numero dei Parla-
Putin attraverso Alessandro Di Battista. e Quota 100 per la Lega. Due provve- mentari e per l'introduzione del referen-
Mano a mano che il rapporto di Salvini dimenti che soltanto gli economisti di dum propositivi.
con Putin si consolidava Il M5S ha de- maggioranza ritengono possano favo- Con un Parlamento mutilato, ridotto a
ciso di sparigliare e, d'intesa del resto rire la crescita del Pil e dell'occupazio- 400 deputati e 200 senatori, da un lato
con una parte della Lega che comun- ne. sarà preclusa la presenta dei partiti mi-
que fa riferimento diretto a Salvini, ha Tutto il resto del mondo economico e nori, per l'automatico rialzo della soglia
firmato, o meglio ha fatto firmare a scientifico ha messo in guardia sul risul- di sbarramento, sarà agevolato il con-
Conte il memorandum politico sulla co- tato: queste leggi hanno l'effetto di au- trollo degli eletti da parte delle oligarchie
siddetta Via della Seta, che nessun altro mentare il debito pubblico e di rendere di partito, e al tempo stesso verdrà dram-
fra i più avanzati paesi occidentali ha lo Stato più esposto alla speculazione fi- maticamente indebolito il rapporto fra gli
sottoscritto. nanziaria, come Salvini e Di Maio chia- elettori e i loro rappresentanti, visto che,
È incredibile come la stampa italiana mano i legittimi interessi dei fondi pen- per eleggere un deputato, serviranno ol-
abbia nel suo complesso sottovalutato sione e degli altri strumenti finanziari che tre 150.000 voti e per un senatore oltre
le relazioni internazionali di Lega e Cin- continuano a fornire quei prestiti che 300.000.
que stelle, interpretando i contrasti du- sono necessari alla pubblica amministra- Il rapporto fra cittadino ed eletto andrà
rante la campagna elettorale come anti- zione per pagare i suoi dipendenti e per a farsi benedire, senza neppure il biso-
camera della crisi di governo. mantenere in piedi lo stato sociale. gno di introdurre il vincolo di mandato,
Eppure Salvini e Di Maio non hanno mai Al tempo stesso, sin dal primo giorno del voluto sia dal M5S che dai partiti della
negato la loro comune intenzione di sot- governo gialloverde, Salvini e Di Maio destra. Quanto ai referendum propositi-
trarsi ai patti europei attraverso la mes- hanno concordemente contribuito a mi- vi, voluti dal Movimento 5 Stelle e fatti
sa in discussione dei cosiddetti vincoli nare le fondamenta dello Stato di dirit- propri dalla Lega, non ci sarà alcun limi-
del trattato di Maastricht. to. Il M5S ha perseguito con determi- te: potranno essere tenuti su qualsiasi
È davanti agli occhi di tutti come abbia- nazione e senza tentennamenti il pro- segue a pag. 5
politica 5

da pag. 4

tema, dalla legge penale alla politica eco-


nomica fino ai trattati internazionali. Si
chiamano referendum ma si pronuncia-
no plebisciti. Sul versante della giustizia
il ministro Bonafede si è impegnato a
fondo nella distruzione del sistema pe-
nale liberale, introducendo, in parallelo
coi decreti "sicurezza" della Lega, mec-
canismi di liquidazione delle garanzie in-
dividuali nel processo e della cultura giu-
ridica costituzionale sul carcere.
Sul versante leghista il ministro dell'in-
terno Salvini, che ha ereditato da Grillo
la capacità carismatica di mobilitare le
folle, sta concentrando su di sé un'enor- Nicola Zingaretti, segretario del Partito Democratico.
me quantità di potere che esercita nel imprese più deboli, mentre la flat tax, segreteria di Renzi, che col presente della
modo più spregiudicato. solo genericamente abbozzata, avrà l'ef- involuzione autoritaria italiana.
Salvini sta operando una "controrivolu- fetto di abbassare le entrate dello Stato È evidente a tutti che il Pd non riuscirà
zione culturale" in vario modo: opera sia senza alcuna garanzia di maggiori en- mai da solo a sconfiggere il governo at-
sul linguaggio, sempre più violento e de- trate, comunque rinviate a un incerto tuale oppure, se mai le sue speranze di
magogico, per influenzare il "sentire co- futuro. una caduta del governo Conte si avve-
mune"; viola le leggi sull'accoglienza dei La vicenda dei miniBOT, voluti da Lega rassero, la coalizione di destra-centro ca-
migranti e dei rifugiati e, peggio ancora, e 5Stelle, testimonia una volta di più la peggiata da Salvini. Il Pd è oggi abba-
ne rivendica la violazione in nome delle loro intesa sulla strategia di uscita dal- gliato da un miraggio: quello di una fu-
emergenze nazionali e della sovranità l'euro o, nell'immediato, di allontana- turibile alleanza col M5S, o almeno con
popolare; mina il potere legittimo della mento dai partner europei. È una stra- la sua parte "migliore" (Fico?). Come se
magistratura e dei tribunali, attraverso tegia, quella della disgregazione del- il governo avesse davvero intenzione di
leggi come quella sulla legittima difesa l'Unione europea che oltre a coincidere restituire il potere che ha con scientifica
che dovrebbe essere svincolata da qual- con quella cinese e russa apparenta determinazione predato. Basti pensare al
siasi controllo della magistratura, oppu- Salvini e Di Maio ai faccendieri legati controllo della Rai attraverso il presidente
re con liste di proscrizione dei giudici all'amministrazione statunitense come Foa e i direttori dei telegiornali e delle
che non si attengono alle sue dirittive Steve Bannon, già spin doctor di un reti, alla nomina di Paolo Savona alla pre-
politiche. presidente come Trump che vuole sidenza di un'Autorità cruciale come la
Fa insomma una operazione molto spre- un'Europa disunita e più facilmente con- Consob, a quella di Tridico all'Inps, per
giudicata: al governo della legge, il "rule trollabile attraverso patti bilaterali, e fra citare soltanto le più visibili.
of law", lo stato di diritto sostituisce il tutti in primo luogo con la Gran Breta- Tutto è perduto dunque? No, se la veri-
"governo degli uomini", in particolare gna in uscita dall'UE e con l'Italia che tà dei fatti riuscirà a riaffacciarsi alla co-
dell'uomo Salvini. E' l'altra faccia della l'Unione cerca di sabotare. scienza degli italiani e se questo consen-
liquidazione della democrazia e della li- L'opposizione sembra per ora non com- tirà la nascita e la crescita anche di uno
bertà in nome della "democrazia illibera- prendere nè l'involuzione dello Stato di schieramento politico liberale e demo-
le" praticata da Putin e teorizzata da Or- diritto verso la democrazia illiberale, un cratico che si ponga a centro dello scon-
ban. eufemismo che copre il neofascimo tro con l'autoritarismo del governo e il
Istituzioni, diritto, economia, l'offensi- mezzo rosso e mezzo nero del governo velleitarismo dell'opposizione.
va è concentrica. In questi ultimi giorni "gialloverde" né il quadro geopolitico. È un lavoro difficile, che richiede una
l'economia è tornata in primo piano. Il Pd, attualmente il solo partito di op- forte determinazione. È questo tuttavia
Salvini ha affidato ai suoi esperti econo- posizione in Parlamento (Fi e FdI limi- l'impegno che da qui alle elezioni politi-
mici l'incarico di rilanciare in modo di- tandosi ad attendere con una certa im- che, che a mio giudizio non sono affatto
retto o indiretto la prospettiva dell'usci- pazienza di essere assorbiti nel proget- imminenti, devono assumersi tutti colo-
ta dall'euro, mentre con Di Maio sostie- to salviniano) si limita a una testimo- ro che, progressisti o moderati, cattolici
ne "riforme" che vanno nella direzione nianza politica più apparente che sostan- o laici (se ha ancora senso questa di-
di indebolire ulteriormente la finanza ziale. Pretende di essere l'unica opposi- stinzione legata essenzialmente alle divi-
pubblica e i meccanismi di mercato: il zione possibile, cerca di consolidare la sioni del dopoguerra), credono davvero
salario minimo voluto dai grillini (ma sua egemonia sul versante di sinistra ai valori dell'appartenza europea e occi-
anche dal Pd) non farà altro che accre- con Zingaretti e su quello di centrosini- dentale e alla funzione di crescita e giu-
scere il tasso di illegalita del sistema eco- stra con Calenda ma sembra gareggia- stizia che solo le istituzioni libere posso-
nomico, spingendo nel sommerso le re più con il proprio passato, legato alla no garantire.
Economia

Verifiche apparecchi di sollevamento


GRU, PLE, CARRI PONTE, GRU a

Vieni alla CISL


TORRE, CARRELLI ELEVATORI, SCA-
LE AEREE, verifiche apparecchi a
pressione GENERATORI, AUTOCLA-
VI, PED, TPED, verifica ascensori, ve- I nostri servizi: Fiscali, RED, ISEE,
CONFEDERAZIONE ITALIANA
SINDACATI LAVORATORI
rifica impianti di terra.
Successioni, Vertenze e cause di lavoro, Colf e Badanti, Permessi
ECO Cer tif icazioni Spa
tificazioni di soggiorno, Pensioni, Infortuni, Affitti, Tutela Consumatori.
Sede operativa regionale Toscana:
Via Le Spianate 45 - Rosignano M.mo Per info degli orari telefona alla UST-CISL Livorno n° 0586-899732
Tel./fax 0586.759023 - Cell. 334.5265673

Ristorante Aragosta
E-mail: toscana.li@eco-cert.it
CHIUSO IL MARTEDÌ

specialità Cacciucco alla Livornese - Frutti di Mare - Pesce fresco - Crostacei


ACCURATA SELEZIONE DI VINI TOSCANI E NAZIONALI
Terrazza estiva - Sala climatizzata - Servizio Catering e Banqueting
Livorno - Piazza dell'Arsenale 6 (Porto Mediceo) - Tel. 0586.89.53.95 - Cell. 349.860.75.25

è CAF, via Cecconi 40 - Tel. 0586/811809 - Livorno


è Patronato, via degli Apostoli 5 - Tel. 800740044 - Livorno
e

sport, tempo libero, volontariato


Acli Service Srl assistenza, consulenza, sostegno
Via Cecconi 40
Livorno
ai lavoratori, ai giovani,
ai migranti, alle famiglie
DISTRIBUTORI STRADALI Benzina, Gasolio, Gpl e Metano
.............................................
AREZZO LUCCA
San GiovanniValdarno Gallicano
Montevarchi Antraccoli
Terranuova Bracciolini
Altopascio
Loro Ciuffena
Viale Santa Margherita (AR) Ponte alla Ciliegia
............................................. .............................................
SIENA PISTOIA
Abbadia san Salvatore Panicagliora
Sovicille .............................................
............................................. LIVORNO
FIRENZE Via Cattaneo (LI)
il mensile di Livorno Viale Guidoni (FI) *
San Polo (FI)
.............................................
PISA
completamente gratuito Fucecchio
* in ristrutturazione
Montecatini Val di Cecina

Scavi - Demolizioni
Movimento Terra
Edilizia Industriale
Lavori Stradali
Sede legale e amm.va: Via dello Struggino, 5/7/9 - Tel. 0586/429636 - 429331 - Livorno
Sede operativa: Zona Industriale Vallin del Buio - Livorno ◆ e-mail: info@abatesrl.it - www.abatesrl.it
speciale Politica
200 numeri

speciale 200 numeri 7

Enrico Dello Sbarba

Il primo numero de Il Centro datato Maggio 2001

molti “vuoti”presenti nella realtà livornese ma anche per

200 numeri proseguire un’esperienza che stava raccogliendo cre-


scenti consensi e positive valutazioni.
Il Centro, in edizione da qualche mese più elegante grazie

un ‘grande’ traguardo alle scelte del caro amico Bruno Damari della Editrice Il
Quadrifoglio, è divenuto una costante realtà non solo a
Livorno e Rosignano, località nelle quali viene larga-
mente diffusa l’edizione cartacea, oltre a quella via in-
Allorché festeggiammo il 100° numero de Il Centro ternet.
parlammo e scrivemmo di “piccolo traguardo” metten- Gli elogi e gli attestati di stima che continuiamo a ricevere
do, pudicamente, tra parentesi l’aggettivo “grande”. da parte dei nostri lettori rappresentano una puntuale te-
Con questo numero, il “200°”, possiamo tranquillamente stimonianza della validità e della credibilità del periodico.
affermare di aver raggiunto veramente un “grande tra- Il nostro primo vivissimo ringraziamento dobbiamo e
guardo”. vogliamo rivolgerlo ai preziosi ed indispensabili inser-
Certamente, quando abbiamo deciso di continuare que- zionisti che hanno, fino ad oggi, consentito e permesso
sta “avventura” lo abbiamo fatto anche per riempire i che questa realtà prendesse forza e sostanza fino a di-
8 speciale 200 numeri

venire un appuntamento fisso dei lettori che puntual- così priva di valori e senza serie e concrete prospettive:
mente ogni mese lo trovano in edicola e sempre in for- una politica che stiamo drammaticamente vivendo “alla
ma gratuita. giornata”, priva completamente del senso delle respon-
Una vicenda, una nobile storia, la nostra, che ci ripro- sabilità e di quello della ragionevolezza.
mettiamo di continuare fino a che gli amici inserzionisti, Ma non vogliamo proseguire nella mesta elencazione
e la nostra età avanzata (hainoi), consentiranno. dei malesseri morali, sociali e politici che l’Italia sta at-
Ed è attraverso Il Centro che giovani e meno giovani traversando, speriamo nel buon Dio che protegga que-
hanno potuto ottenere l’iscrizione all’Albo dei Pubbli- sto nostro paese la cui inclinazione verso il “baratro” si
cisti: un traguardo, anche questo, che ci riempie di or- sta facendo sempre più pericolosa.
goglio. E’ giusto pensare e sperare che la classe politica che ci
Nell’editoriale del 100° accennavamo alle vicende po- governa faccia prevalere il buon senso e che abbia fine
litiche che Il Centro dal 2003 e, sotto altro titolo, negli questa esasperata ricerca del voto legata solo al lancio
anni precedenti, aveva attentamente seguito. Auspica- di traguardi trionfalisti, di progetti velleitari e non persegui-
vamo che quel “centro” che si stava perdendo, riuscis- bili a fronte della fragilità strutturale del nostro paese.
se a “risorgere” dalle ceneri nelle quali era finito per Uno slogan elettorale della Democrazia Cristiana del
l’insipienza della classe dirigente politica di quei tempi. 1979, che ebbe largo successo, fu quello di “Pro-
Purtroppo questo progetto che doveva far leva sul buon gresso senza avventure”: sarebbe utile ed opportu-
senso, sulla moderazione, sull’equilibrio responsabile no che questa “sbrindellata maggioranza” che oggi
delle scelte nella gestione difficile e complessa del no- guida il paese lo facesse “proprio” ed abbandonasse
stro paese, non è riemerso dalle nebbie nelle quali si l’incosciente leggerezza con la quale oggi governa.
era confuso il panorama partitico in Italia. Noi de Il Centro, sia come circolo culturale che attra-
E, cari amici lettori, la realtà di oggi ci offre ancora un verso il periodico, abbiamo continuato a combattere “la
quadro denso di nubi e incertezze le cui conseguenze nostra buona battaglia” e forti di questa convinzione, la
negative stiamo subendo e vivendo con crescente pre- continueremo fino a che il buon Dio ce lo permetterà.
occupazione.
Non sappiamo proprio dove ci porterà questa politica Enrico Dello Sbarba

200 numeri
dal Maggio 2001 ad oggi
dal Maggio 2001 ad oggi
una costante realtà diffusa
sul territorio di Livorno, Rosignano
e in larga parte della Toscana
speciale 200 numeri 9

Il contributo,
gli interventi,
gli auguri
delle autorità,
dei politici,
dei giornalisti
e di tanti,
tantissimi amici
(in ordine alfabetico) I numeri 1, 100 e 200 de Il Centro.

nire per questo felice traguardo, il cui


unico responsabile e garante deve
essere identificato proprio in Enrico.
Fin dall’inizio infatti mi hanno colpito
il suo entusiasmo, la sua affidabilità e
la sua energia instancabile nel pro-
muovere sia il periodico, che il grup-
po culturale, che ad esso si affianca
con dibattiti, incontri aperti, campa-
gne relative alla storia, alla politica,
all’economia di Livorno e dintorni.
E sono proprio il suo amore disinte-
Eleonora Agostinelli ressato per questa città, la sua di- Gianni Anselmi
neo consigliere comunale PD sponibilità, la sua curiosità che gli già sindaco di Piombino
hanno permesso di arrivare, un pas- consigliere regionale PD
Mi definirei “l’ultima arrivata” nel so alla volta, a questo importante ri-
gruppo di coloro che oggi manifesta- sultato. Per quella che può apparire una si-
no i propri rallegramenti e auguri ri- Ringraziandolo quindi per il suo im- gnificativa coincidenza mi trovo a scri-
spetto ai duecento numeri del perio- pegno nei confronti di Livorno e dei vere queste parole per celebrare il
dico “Il Centro”. E’ infatti da pochis- suoi cittadini, posso solo augurargli di 200º numero del “Centro” nelle ore
simo che, tramite un comune amico, poter festeggiare tutti insieme anche in cui migliaia di cittadini della pro-
ho conosciuto Enrico Dello Sbarba il 250° numero…. vincia livornese, come altri milioni in
che mi ha cortesemente aperto le Toscana e nel Paese, scelgono nelle
porte del suo centro per farmi cono- urne il futuro dei propri comuni e del-
scere, in occasione del mio affacciar- l’Europa. Due dimensioni nella realtà
mi sulla scena politica della città. assai meno distanti da quanto spesso
Sono quindi onorata che sia stato sono percepite, data la rilevanza del-
chiesto anche a me, accanto a per- le politiche europee nel supporto alle
sonaggi molto più titolati, di interve- scelte strategiche dei territori in ma-
10 speciale 200 numeri

teria di infrastrutture ed innalzamento circolo ad alcune delle quali ingiustizie quotidiane, operare per mi-
competitivo, educazione e formazio- ho avuto il privilegio di essere invitato. gliorare l’esistente. Non per spirito ri-
ne professionale, innovazione nella “Il Centro” tiene alta la cifra del di- belle, ma per curiosità scientifica.
manifattura, nell’agricoltura, nei ser- battito in una città, Livorno, che è un Amo affrontare l’ignoto. In altre pa-
vizi. Nulla ormai può sfuggire, della simbolo nella storia della forza crea- role: rispetto le affermazioni di chi è
dimensione locale, ad un approccio trice della politica. In un territorio, autorevole, ma preferisco vivere se-
strategico e a una visione connessi con quello costiero, che è stato motore di condo lo spirito galileiano. In que-
lo spazio sovranazionale, che a diffe- benessere ed emancipazione ma che sto modo, prima di tanti altri, negli
renza di quanto sostenuto da alcune oggi ha un gran bisogno di ripensarsi anni ’70, sono arrivato a concepire
narrazioni deboli oggi à la page è intorno ai paradigmi della contempo- l’ipotesi, risultata poi giusta, che il
l’orizzonte necessario dell’immaginar- raneità. Nella produzione e nella con- nostro Paese si stava inoltrando in
si nel futuro. Non esiste un’idea dello vivenza, nella sostenibilità e nella ri- una fase storica declinante.
sviluppo economico ed umano che generazione delle opportunità. Il la- Queste le cause di fondo del decli-
possa esaurirsi nella nobile dimensio- voro generoso, competente e appas- no: a) la mancanza diffusa di uno spi-
ne municipale e anche la più rilevante sionato di Enrico Dello Sbarba e dei rito manageriale; b) un insufficiente
progettualità locale va iscritta nella fun- suoi collaboratori ci aiuta e ci stimola, capitale umano; c) l’assenza di ade-
zione che un comune svolge in un ter- in fondo, ad assolvere alla missione che guati investimenti in infrastrutture, in
ritorio più ampio che con esso condi- la storia ci ha assegnato: contribuire de- ricerca, sviluppo, innovazione.
vide tratti e opportunità di fondo, e cisivamente alle sorti dell’Italia e non Tutto ciò potrà condurre, se la no-
nella collocazione che quel territorio solo. A sentirsene parte e a non stra classe politica non vorrà assu-
ha nella regione di appartenenza e nel rinunciare all’altezza di questa sfida. E mersi le responsabilità storiche del
Paese. Ciò richiede un pensiero e una di questo credo si debba essere grati. caso, ad una diffusa riduzione del
cultura all’altezza delle complessità di benessere complessivo del Paese,
questo tempo, dalle quali non ci è dato alla sua maggiore subordinazione al-
fuggire ripiegando in una concezione l’influenza di potenze straniere, ad
celebrativa e asfittica dell’identità vis- una non improbabile formale frattura
suta come clausura autoreferenziale. dell’unità nazionale (quella sostanziale
Le specificità e i vantaggi competitivi è già in atto). Il tutto accompagnato
di cui siamo portatori valgono se spesi da una profonda crisi morale com-
verso il mondo, che è il teatro inevita- plessiva, caratterizzata dal venir meno
bile di un cimento che nel Novecento della fiducia tra i membri della co-
aveva beneficiato di connotati dome- munità e tra costoro e le istituzioni.
stici e non insidiati. Una forte e nitida L’inizio di questo triste processo di
coscienza di sé è il paradigma per disgregazione del tessuto nazionale
misurarsi con l’incontro, le differen- del nostro Paese risale a molto tem-
ze, la competizione con gli altri e l’ac- po fa. Quando si rifiuta, per como-
coglienza nelle regole. dità e/o convenienza (oltre, talvolta,
Per questo servono idee forti nei ter- Marcello Battini per limiti personali che non voglia-
ritori e un’Europa in grado di gover- economista mo riconoscere), d’allontanarsi da
nare i fenomeni complessi e inediti del qualsiasi pensiero unico, di qualun-
nostro tempo. Senza questi ingredienti In occasione della ricorrenza del que provenienza, è impossibile poi
di fondo ad indebolirsi sarà l’idea di 200° numero della rivista “Il Cen- riconoscere i variegati aspetti che
società libera e aperta che ha ingag- tro”, su cortese invito dall’amico contraddistinguono ogni questione
giato i sogni e l’impegno di genera- Enrico, mi è cosa grata, dopo es- sociale e che, probabilmente, oltre
zioni di progressisti. sermi felicitato con lui per il suo la- ad evidenziarne la complessità, po-
È a queste riflessioni, mai mortificate voro e per i risultati conseguiti, di trebbero consentire d’individuarne
nei rivoli della banalità ma condotte scrivere questa breve nota. anche le possibili soluzioni alternati-
con analisi di rango e spessore ade- C’è chi è più propenso ad accetta- ve, in luogo dell’unica aprioristica-
guato, che “Il Centro” ha contribuito re, nonostante le accertate iniquità, mente accettata che, forse farà co-
in questi anni, con le sue pubblicazioni quello esistente come il migliore dei modo a qualcuno, ma non è detto
che già da sindaco ricevevo e seguivo mondi possibile. Io preferisco, al con- che sia la migliore per l’oggi ed il
e con le interessanti riunioni presso il trario, partendo dall’osservazione delle domani della collettività.
speciale 200 numeri 11

Ecco, nel corso della mia vita, ri- specie di più o meno esplicita con- tura" ad affermarsi come voce indi-
tengo d’avere commesso molti er- dizione. Le poche e forse anche in- pendente nel panorama politico e cul-
rori, ma ho la presunzione d’avere significanti idee che scrivo le scrivo turale della città labronica.
evitato quello sopra descritto che da UOMO LIBERO. E questo va a Infatti questa pubblicazione, fin dal-
invece è comune a molti altri, i quali onore e gloria dei responsabili. l'inizio, ha focalizzato la sua attenzione
oltretutto (e questa è la cosa più Sento di far parte di un gruppo di sulle trasformazioni politiche e sociali
grave) stentano a riconoscerlo amici che ha ancora il gusto irresi- del Paese, con particolare riguardo per
come tale. stibile di PENSARE e di offrire a le vicende legate alla realtà economi-
chi lo desidera il frutto a volte anche ca del territorio in generale , ed in par-
faticoso del PENSARE. ticolare alla portualità di Livorno.
Servizio prezioso per la nostra gen- E tutto questo finora è stato possibile
te, popolo a cui apparteniamo e la grazie all'entusiasmo sempre dimostra-
cui capacità di riflettere da uomini to dall' amico Enrico, che in questi 19
liberi ci è cara come la nostra. anni non si é mai sottratto all' impe-
Questo è la Rivista IL CENTRO, e gno di tenere acceso nei livornesi l'in-
questa è la forza cha la sostiene nel teresse per gli avvenimenti salienti del-
tempo oltre alla tenacia degli amici la politica nazionale , in nome soprat-
che hanno come caratteristica uma- tutto del rispetto per i valori di demo-
na e culturale quella di continuare a crazia, di antifascismo, di legalità.
sperare in un mondo migliore, in E per concludere, ricordo con sim-
un’Italia migliore e in una città mi- patia Enrico che una volta al mese si
gliore. presentava in Comune, per distribui-
Don Ordesio Bellini Omaggio dunque e ringraziamento re ai consiglieri comunali la sua pub-
già parroco a quanti sfidando il futuro e anche i blicazione, ma il sindaco e la Giunta
Chiesa Sette Santi - Livorno tempi ci hanno creduto e vedono uscente preclusero l' ingresso...
oggi uscire il 200° numero della loro Con l'augurio per tutti noi che tale con-
Ultimo o uno degli ultimi in ordine creatura. GRAZIE! suetudine possa essere ripresa a bre-
cronologico ospitati in questa rivista vissimo!
IL CENTRO devo innanzitutto rin- Grazie Direttore, da parte di un amico.
graziare per l’invito a scrivere qual-
cosa. Ringrazio soprattutto perché
arrivati a una tarda età posso anco-
ra esprimere le mie tante inquietudi-
ni e conseguenti riflessioni. E’ un
modo generoso che mi è stato of-
ferto per sentirmi ancora in qualche
modo vivo e libero.
In quei pochi articoli da me scritti in-
fatti, eccetto forse il primo (ma si
comprende) non mi sono mai posto
la domanda se quello che scrivevo
era in linea con qualche logica poli-
Enrico Bianchi
tica o culturale propria della rivista e medico di famiglia Massimo Bianchi
dei suoi responsabili. Scrivo LIBE- e già presidente già vice sindaco e assessore
RAMENTE e SERENAMENTE, e Consiglio Comunale di Livorno al Comune di Livorno
di questo sono ulteriormente grato.
E’ evidente che la stima e l’amicizia Duecento. Un bel traguardo. Tanti Il Circolo “Il Centro” costituisce da
che mi lega a molti dei responsabili infatti sono i numeri finora usciti de alcuni anni uno dei rari luoghi di in-
e fondatori della rivista garantisce "Il centro", il periodico che, nell'am- contro e di discussione, quasi un so-
una comune visione condivisa, ma bito dell' omonimo circolo culturale, pravvissuto in una stagione asfittica,
non avrei mai accettato l’invito a scri- nasce per volontà di Enrico Dello dove ciascuno dei soggetti politici
vere se questo avesse significato una Sbarba, che ha portato la sua "crea- parla per se e al più alla pancia dei
12 speciale 200 numeri

rispettivi fans. La mia generazione, realizzare il duecentesimo numero del- proclamato “cambiamento” intriso
quella che ha attraversata la secon- la rivista, Il Centro, nata in contro- di rabbia, di miopia, di egoismo e
da parte del secolo scorso aveva una tendenza con il corso degli eventi e di falsità.
consuetudine con le tavole rotonde,i con le elucubrazioni politologiche che Il Centro non ha dunque terminato il
dibattiti a più voci, un pluralismo di schematizzavano la struttura politica suo compito ricostruttivo e il mio au-
cui si è persa traccia. Quel mondo e partitica dell’Italia in “Destra e Si- gurio è che il Periodico continui a
aiutava la crescita di una classe diri- nistra”. svolgere, come scrive il suo diretto-
gente politica e amministrativa, oggi Il Centro “ce l’ha fatta” ed è riuscito re, il caro amico Enrico Dello Sbar-
quasi scomparsa sull'onda dell’anti- nell’intento di difendere una cultura ba, la sua “nobile storia”, stimolando
politica innestata dalla criminalizza- essenziale per una buona politica che anche una ripresa di coscienza politi-
zione dei Partiti, che spesso aveva- è appunto quella dell’equilibrio e della ca del mondo cattolico, nella consa-
no anche una ritualità negativa, ma misura, esattamente il contrario del- pevolezza che senza questo fonda-
creavano nelle sezioni, nei consessi l’immobilismo. Richiede, infatti, una mentale contributo la politica italiana
elettivi tanti cittadini che in diversa continua calibratura delle scelte e delle è destinata sempre più a impoverirsi,
misura si occupavano della cosa pub- prospettive. perdendo l’ancoraggio a decisivi va-
blica. La Rivista ha saputo, peraltro, man- lori cristiani che vanno vissuti con
A quel mondo è stata sostituita l’im- tenersi fedele alla grande tradizione apertura mentale e generosità e non
permeabilità verso le altrui idee, nel- storica del popolarismo democristia- volgarmente e strumentalmente ma-
la granitica convinzione di essere gli no, con i suoi numeri e con i conve- nipolati.
esclusivi depositari della verità. Oggi gni organizzati in questi lunghi anni. Nella speranza che nel ventennale del-
una progressiva verticalizzazione ha Il compito storico-culturale, assolto la Rivista la cultura del “centro” ab-
ridotto gli spazi della partecipazione da Il Centro è stato, inoltre, parti- bia ripreso vigore nella prassi politica
del cittadino e sminuito il ruolo dei colarmente prezioso, poiché si trat- dell’Italia, invio al Direttore, ai colla-
consessi elettivi. tava di mantenere viva la memoria boratori, con il mio rinnovato augu-
Dunque “Il Centro” e l’omonimo pe- di una tradizione politica di altissi- rio, l’invito a non desistere dal fare
riodico sono rimasti un’oasi di libertà,in mo profilo come quella toscana, che “cosa buona e giusta” oltre la due-
cui il pluralismo delle idee ha ancora si- ha avuto illustri protagonisti, da centesima volta.
gnificato. Poiché all’orizzonte non mi Gronchi a Fanfani, a La Pira, a Bar-
appare l’alba di una nuova stagione mi tolomei, a Merli, a Pistelli, a Gra-
auguro che il Circolo possa continua- ziani, a Butini, a Speranza, e l’elen-
re a lungo, consentendoci così di ri- co potrebbe continuare a lungo, fino
trovarci periodicamente. Ad Enrico e alle sciagurate scissioni del biennio
ai dirigenti un ringraziamento e un saluto. 1994-1995 e poi alla insensata co-
struzione di improbabili contenitori
politici senza storia.
È appunto questo il ruolo delle testi-
monianze che sembrano appartate,
ma che invece giocano un ruolo im-
portante nel mantenere viva la me-
moria, diffondendo messaggi positivi
che prima o poi penetrano nella co- Pinella Bombaci
scienza collettiva, liberandola dai ve- coordinatrice Europea
leni che la intossicano. F.I.D.A.P.A.
Mi pare indubbio che Il Centro Business and Professional Women
abbia saputo svolgere questo ruolo
anche in un tempo di vento con- Rispondo volentieri all’invito rivolto-
Gerardo Bianco trario, contrastando ogni deriva mi da Enrico Dello Sbarba, Direttore
già ministro Pubblica Istruzione reazionaria o populista. Questa del Periodico Il Centro, di esprimere
e segretario del PPI funzione è quantomai preziosa per una qualche parola di apprezzamen-
riprendere il filo di Arianna di to, all’inglese un endorsement, in oc-
Non era semplice raggiungere il tra- un’autentica rinascita dell’Italia casione della celebrazione del 200°
guardo di quasi venti anni di vita e di che non è certo quella dell’attuale numero del Periodico.
speciale 200 numeri 13

Arriva puntualmente nelle nostre case scena di un vecchio film cinemato- Ma sempre conservando libertà e co-
in forma cartacea o più velocemente grafico nella quale il passaggio della erenza. Perché vivere vuol dire rico-
online il Giornalino di Enrico, come guerra aveva distrutto la chiesa di un struire ciò che si è perduto.
noi affettuosamente lo definiamo e lo villaggio. Sono stato molto contento di poter
leggiamo volentieri perché non solo I cittadini erano avviliti davanti alle scrivere ogni mese per Il Centro, una
parla degli avvenimenti e delle realtà rovine della loro parrocchia: la chie- volta che mio padre non ha potuto
della nostra città di Livorno ma non sa era il simbolo del villaggio, il luogo continuare la sua collaborazione, tor-
manca mai di riflettere e di farci riflet- di ritrovo, il senso della sicurezza co- nato infine alla casa di Dio. Ne sono
tere sui temi della nostra Italia, dalla mune. E ora tutto sembrava irrime- stato contento perché continuavo una
politica all’economia, alla cultura; ri- diabilmente distrutto, non solo sul pia- storia iniziata da mio padre, perché
flessioni sui valori, quelli veri, quelli no materiale, ma anche se non so- continuavo a coltivare l'amicizia di
essenziali, quelli che danno a una so- prattutto sul piano spirituale. Il par- Enrico Dello Sbarba, e perché ho ri-
cietà, a una civiltà, a un Paese dignità roco volle allora consolare la popo- trovato un comune sentire verso la
e autorevolezza, valori che prescin- lazione rassicurando tutti che non do- cosa pubblica.
dono dagli orientamenti di partito, vevano smarrire le loro coscienze, non Questi appuntamenti sono occasioni
valori nei quali sicuramente ci rico- dovevano perdersi d'animo, perché di ricordi e propositi di azione.
nosciamo. la chiesa sarebbe stata ricostruita. I ricordi sono molti, e il proposito è
E poi, quasi sempre, c’è l’angolo de- Perché vivere vuol dire ricostruire ciò sempre lo stesso: continuare a far vi-
dicato ai Circoli, ai Club, alle Asso- che si è perduto. vere e a far leggere Il Centro. Perché
ciazioni, vero motore di azioni positi- Qual’è il significato di 200 numeri del le nostre speranze di oggi siano la vita
ve nel territorio, tratto di unione tra i Centro dell’amico Enrico Dello di domani. Raccontata ancora su que-
cittadini e le Istituzioni; ciò, nella mi- Sbarba? ste pagine, con libertà e con coeren-
sura in cui queste associazioni favori- La vita di una rivista è fatta dai suoi za.
scono la diffusione di una cultura de- pubblicisti e dai suoi lettori, dai suoi
mocratica, dei valori della solidarietà sostenitori e dai suoi amici. La rivista
sociale, la consapevolezza della gran- vive in ciascuno di loro, e attraverso
de forza del volontariato e, più in ge- ciascuno di loro diffonde il proprio
nerale, di quello che oggi viene defi- slancio presso il pubblico di riferi-
nito il capitale sociale. mento.
Grazie per questa attenzione, caro Ma la rivista è soprattutto passione.
Direttore: a Te e a tutti i tuoi collabo- Passione civile per la propria città,
ratori…. Avanti tutta, a vele spiegate per il proprio territorio, per il pro-
!!!! prio Paese. Una passione che si chia-
ma politica.
Di questa passione erano animati Del-
lo Sbarba e i suoi amici quando ini-
ziarono questa avventura, e da que-
sta passione continuano ad essere
mossi ancora oggi che orgogliosa-
Massimo Cappelli
mente pubblicano il duecentesimo ex dirigente Eni
numero della rivista. e direttore generale
E se le rovine della politica possono dell’Ass. Sind. Unione Petrolif.
legittimamente avvilire i cittadini,
come i parrocchiani del film davanti La mia collaborazione al periodi-
alle macerie della loro chiesa, si può co IL CENTRO data ormai da più
dire senza timore di smentita che con di dieci anni. E’ infatti dal 2008 che
Francesco Butini Il Centro si è cercato di vivere il tem- ogni mese mi cimento nella scrittu-
politologo po che ci è stato assegnato, mante- ra di un articolo per il giornale di
nendo una coerenza di altri tempi. Si Enrico. Mi piace chiamarlo così
Mio padre, nelle circostanze più com- è vissuto il tempo della politica scri- perché in effetti Enrico Dello Sbar-
plesse o contrassegnate dalla delusio- vendo e analizzando, raccontando e ba, oltre che Direttore Responsa-
ne di una sconfitta, mi ricordava la (qualche volta) anche polemizzando. bile de IL CENTRO, ne è il fon-
14 speciale 200 numeri

datore e, ancor oggi, l’instancabile cere.


animatore. Molto spesso “Il Centro” ha ospi-
Poiché è mia regola cercare di tato miei pezzi, soprattutto su Mon-
svolgere in maniera quanto più tecatini, sulle sue Frazioni e su ar-
professionale tutto ciò che ho avu- gomenti in generale del Comune di
to modo di fare nella vita, mi è cui mi onoro di essere Sindaco.
sembrato opportuno, interessante Questo mi ha permesso di divenire
ed anche piacevole seguire a suo Giornalista Pubblicista, e sono ve-
tempo uno specifico corso tenuto ramente onorato di aver ottenuto
dall’Ordine dei Giornalisti a Firen- l’iscrizione all’Ordine dei Giornali-
ze e, grazie anche agli articoli sti collaborando con questa impor-
scritti per IL CENTRO, consegui- tante testata.
re il riconoscimento di giornalista Auguri quindi al giornale “Il Cen-
pubblicista. IL CENTRO me ne ha Sandro Cerri tro”, alla sua redazione ad ai suoi
dato l’opportunità e per questo lo sindaco di Montecatini collaboratori, ed auguri all’amico
ringrazio. Val di Cecina Enrico Dello Sbarba, unitamente ai
A dire il vero questo periodico, complimenti per questo grande ri-
nella sua quasi ventennale storia, L’importante traguardo dei 200 sultato raggiunto.
ha permesso il conseguimento del numeri, raggiunto da “Il Centro”, E naturalmente, ancora tanti e tanti
riconoscimento di giornalista pub- merita senz’altro una breve rifles- numeri de “Il Centro” da leggere!
blicista a più di quindici collabora- sione su come questo mensile sia
tori, e si è giustamente guadagna- divenuto un punto di riferimento im-
to un suo spazio, una sua visibilità portante per molti soggetti a vario
nella stampa della costa livorne- titolo interessati e appassionati della
se. lettura di questo giornale.
Ricerca della verità, indipendenza “Il Centro”, in questo primi 18 anni
del giudizio, rispetto della colletti- di vita, ha saputo dare una buona
vità e poi sempre informarsi ed informazione, libera, mai strillata,
essere informati per poter consape- mai faziosa, sempre rispettosa ma
volmente informare, sono caratteri- allo stesso tempo completa e sti-
stiche che ritroviamo, a mio avviso, molante per il lettore. E questo na-
negli scritti del nostro giornale. turalmente grazie alla redazione, ai
Oltre ad articoli riguardanti fatti di collaboratori e soprattutto grazie
Livorno e della costa, cerchiamo allo storico direttore, l’amico En-
sempre, nelle riunioni del comitato rico Dello Sbarba, originario di Sergio Cini
di redazione, di inserire articoli di Montecatini Val di Cecina, ed an- componente
divulgazione economica e cultura- cora molto legato al suo paese na- redazione de Il Centro
le. I principi che cerchiamo di os- tio.
servare sono sempre quelli ispirati Tra i giornali che leggo abitualmen- La profonda e duratura amicizia con
alla verità del commento, alla per- te, non può mai mancare l’appun- Enrico Dello Sbarba, non può non
tinenza con il pubblico interesse, tamento con “Il Centro”, la cui let- esimermi dal fatto di parlare un “gran
adottando un linguaggio appropria- tura è sempre piacevole, grazie non bene” del suo Centro, il giornale che
to, mai sopra le righe, cosa impor- solo alla qualità dell’informazione, cura con tanta passione e energia da
tante, in specie oggi che siamo sem- ma anche alla veste grafica, recen- quasi un ventennio.
pre più abituati ad ascoltare con- temente rinnovata e molto apprez- Talvolta rimango anche stupito nel
tumelie e offese gratuite, anche pur- zabile per il lettore. vederlo correre come un... ragazzino
troppo sulla stampa scritta. E’ una lettura per me piacevole di affinché tutto proceda per il meglio
Auguro pertanto al nostro giornale un mensile che è presente fin dalla durante l’intera fase di preparazione
e a tutti noi che ci scriviamo di fe- sua nascita sulla scrivania del Sin- e stampa del giornale.
steggiare anche il traguardo del daco di Montecatini. Lo hanno let- Enrico ti meriti davvero un bel 10 e
300° numero. to i miei due predecessori e conti- lode per il traguardo dei 200 nume-
Ce lo meritiamo! nuo a farlo anch’io, con molto pia- ri.
speciale 200 numeri 15

Centro” è stato ed è una voce libera dici anni fa), raccontando tre
e autorevole, un esempio da soste- “storiette”, come lui le definiva,
nere, una bandiera da non ammaina- una delle quali ritengo esemplare
re. per aiutarci a meglio comprende-
Il 200° numero è uno straordinario re quanto quotidianamente ci as-
risultato, ma da considerare una tap- sale dai mezzi di comunicazione.
pa per una grande e feconda ripar- La seconda “storietta” narrata
tenza. dal prof. Perniola riguardava in-
fatti la performance di un ipoteti-
co capo partito. Questi fece
un’affermazione pubblica provo-
catoria e aggressiva nei confronti
Hubert Corsi di un gruppo socio-professiona-
già parlamentare DC le, cosa che suscitò in molti scan-
dalo e indignazione. Dopo poche
In questi giorni si sono moltiplicate le ore ritornò sull’argomento ritrat-
riflessioni di politologi e commenta- tando parzialmente la propria di-
tori sulla necessità di un “centro poli- chiarazione. Il giorno dopo so-
tico”, il centro che non c’è. Già, rie- stenne che la frase incriminata era
merge proprio quel desiderio di cen- scherzosa e del tutto priva di in-
tro sopravvissuto a sistemi elettorali tenzioni offensive. In serata affer-
che, pur di seppellirlo, applicavano mò che essa conteneva in ogni
premi di maggioranza spropositati con Sergio Costalli caso una parte di verità. Il terzo
il risultato di ottenere governi la cui già presidente giorno disse che era stato inter-
fiducia parlamentare non corrispon- Camera Commercio di Livorno pretato male. Nel pomeriggio ag-
deva ai numeri del consenso popo- giunse infine che era stato soltan-
lare. E dunque sempre più lontani dal Duecento numeri di una rivista to portavoce di un’opinione mol-
popolo. mensile sono veramente tanti per to diffusa, che non condivideva.
Di qui una situazione, ormai conse- una realtà locale che ha avuto, ne- Tuttavia fu per tre giorni alla ri-
gnata al passato, di formule quali cen- gli anni, un’evoluzione più sussul- balta dei mass media.
trosinistra senza o con trattino, cen- toria che ondulatoria avendo per- A ben vedere la ritrattazione, da
trodestra a trazione forzista o leghi- duto per strada qualsiasi connes- fattore di debolezza, si trasforma-
sta, vocazione maggioritaria e altro sione con il suo illustre passato. va in prova di forza e sostituiva
dove la politica si è smarrita per ap- Tutto si sta smaterializzando, dal- la politica e l’informazione con
prodare nel labirinto dell'attuale go- la comunicazione ai legami affet- l’informazione spettacolo. Tra
verno del cambiamento che evoca tivi, pertanto onore al merito alla l’altro, nel suo rivolgersi diretta-
“vaffa” e sovranismo ricchi di pro- redazione e al direttore della no- mente al pubblico, la questione
grammi vocianti a prospettiva gior- stra rivista per averne garantito, assumeva anche una parvenza as-
naliera. migliorandola, la presenza carta- sai democratica.
In questo quadro mi pare bello e con- cea mensile in edicola. Infatti di tutte le mistificazioni oggi
fortante ricordare “Il Centro” che c’è, “Il Centro” rappresenta un pun- insite nel dominio incontrastato
il periodico e il Circolo culturale che to di riferimento e un ancoraggio della comunicazione globale la più
Enrico Dello Sbarba, politico di raz- sicuro per la cultura e per la po- grande è stata proprio quella di
za, lucido commentatore, infaticabile litica livornese; festeggiamone presentarsi sotto le insegne del
direttore, insieme ai suoi collabora- quindi il duecentesimo numero progressismo democratico men-
tori è riuscito a tenere in piedi, con- continuando ad apportare il no- tre costituisce, in gran parte, la
trocorrente, per questi lunghissimi stro modestissimo contributo al- configurazione compiuta del-
anni. Coltivando con vigore e pas- l’opera sua. l’oscurantismo populistico.
sione idee ricostruttive, mantenendo Il professor Mario Perniola ini- Come del resto abbiamo avuto
l’ordito culturale della migliore tradi- ziava un suo piccolo saggio sulla modo di verificare quotidianamen-
zione democristiana, dibattendo effi- comunicazione, pubblicato da Ei- te anche in queste ultime settima-
cacemente i problemi del territorio “Il naudi nel 2004 (sì, proprio quin- ne, più del solito.
16 speciale 200 numeri

essere perfetto. E allora, oltre all’amicizia sincera e


Poi, c’era la seconda fase, quella del- profonda che ci lega dentro e fuori la
la stampa e della consegna del gior- tipografia ormai da decenni, tanti, tan-
nale. Generalmente, occorrono 7-10 tissimi complimenti ad Enrico (estesi
giorni ma già al terzo la solita telefo- a tutti i suoi validi collaboratori) per il
nata “a che punto siamo?”. Guai doppio centenario del suo Centro,
se ritardavi di un solo giorno. Ti sta- che sento un po’ anche mio, se è vero
va sempre con il fiato addosso. Solo che ad ogni uscita, o quasi, lo festeg-
alla consegna dei giornali, potevi ti- giamo al bar o al ristorante (non im-
rare un sospiro di sollievo e godere porta poi se il sottoscritto passa qua-
dell’idea di esserti sbarazzato per un si sempre alla cassa, una su dieci,
mesetto della sua... vulcanica presen- quando va bene...), tra battute e sfot-
za. Augurandoti, però, che nel suo tò, specie se nell’argomento si inseri-
Bruno Damari editoriale, che scorreva subito atten- scono le vicende della Juventus per
pubblicista - editore tamente (come se non l’avesse letto la quale ha sempre avuto un amore
e riletto più volte...), non ci fosse stata sviscerato, spesso incontrollabile. E’
Oltre che passione, ne ha avuta tanta una virgola fuori posto, perché altri- l’unico aspetto della sua persona dove
di pazienza Enrico Dello Sbarba a menti la colpa sarebbe ricaduta sul si comporta più da tifoso che da
portare avanti i 200 numeri del suo sottoscritto, accompagnata da qual- uomo equilibrato. Un difettuccio che
Centro, quasi venti anni di fila a cor- che inevitabile rimbrotto! Insomma, possiamo passargli tranquillamente.
rere e rincorrere i ‘pezzi’ che non ar- becco e bastonato. Ad majora!
rivavano in redazione, a trovare il ti- Fin qui il “colore” che ha contraddi-
tolo adatto all’argomento, a distri- stinto le nostre ‘battaglie’ dall’inizio
buirli in maniera logica, sbuffando alla fine del giornale. Ma, è anche
spesso perché costretto a modificare vero che, come dice il proverbio,
più volte il menabò per via di quello l’amore non è bello se non è litigarel-
che arrivava, immancabilmente, all’ul- lo, c’è sempre stata profonda stima
timo momento, a tempo scaduto, cui e affetto tra me ed Enrico, “mastro
però non poteva rinunciare o riman- furia” per il resto della tipografia, per-
dare al prossimo numero. sona onesta, battagliera,‘giovanile’ ed
Ma di pazienza ne ha avuta tanta an- energica, a dispetto della sua età, ba-
che il sottoscritto che, in qualità di gra- sata sui principi e valori dello scudo
fico, impaginatore e stampatore, i 200 crociato e non certo un voltagabba-
numeri li ha sempre vissuti tutti al suo na, al giorno d’oggi “merce rara” in
fianco, contraddistinti da continue di- campo politico dove se ne vedono Francescalberto De Bari
scussioni e perfino litigate. Durante la di tutti i colori. pubblicista
stesura del giornale, non c’era verso, Mi è piaciuto il modo di portare avan-
dovevi essere a sua completa dispo- ti il suo Centro sempre con coeren- Il Centro raggiunge la boa del due-
sizione, abbandonare quindi tutti gli za, passione e onestà intellettuale, con centesimo numero.
altri lavori di tipografia e... levartelo puntiglio e con una accesa verve cri- Duecento numeri in 18 anni di attività
dai corbelli prima possibile. tica, talvolta severa ma sempre co- continuativa de Il Centro sono dav-
Lo scontro maggiore riguardava sem- struttiva. Mi è piaciuto anche il fatto vero un record, tanto più sorprenden-
pre il suo editoriale. Che modificava che, agli inizi del 2018, sia riuscito, te perché questo periodico livornese
regolarmente. “Questa è l’ultima con enorme sacrificio e abnegazio- è un mensile saldamente cartaceo (per
versione” mi scriveva per mail, dopo ne, a dare al suo “foglio” una nuova quanto ora diffuso anche on line), che
averne ricevute due, tre e anche quat- veste grafica, carta patinata tutta a mette insieme cronache locali e na-
tro in precedenza. Ma non era finita, colori, che lo ha reso esteticamente zionali, che si finanzia integralmente
perché spesso c’era l’“ultimissima”, più ‘appetibile’: ciò ha rappresenta- con inserzioni, senza contributi pub-
che a sua volta correggeva pure in fase to un segnale importante nonostante blici, e tratta i temi più vari ma, so-
di bozza del giornale, a testimonianza l’inarrestabile crisi che sta investen- prattutto, l’attualità politica: insomma
della sua pignoleria, del suo modo di do tutto il mondo della carta stam- una testata che si pone “in direzione
fare che tutto doveva filare liscio ed pata. ostinata e contraria” rispetto a tenden-
speciale 200 numeri 17

ze odierne apparentemente irresisti- mune” – che è la cifra della lezione di glia di capire, passione per il bene co-
bili. Va poi detto che il terreno labro- La Pira, Sindaco di Firenze e tessi- mune: non deve temere il confronto
nico su cui Il Centro lavora non è cer- tore di relazioni su scala globale. con forme nuove, stili e linguaggi di-
to facile o ricettivo, ed anzi il panora- Ora, Il Centro prova a “spiegare versi.
ma editoriale e culturale cittadino non bene le cose” ed anche in questo è Per partecipare in modo incisivo al
vive una fase di effervescenza e vita- controcorrente rispetto all’informa- dibattito pubblico, anche solo a livel-
lità. zione destrutturata e disintermediata lo locale, vale a dire per “concorrere
Ricordo bene quando celebrammo il che ci assale dal web. Il Centro, nel con metodo democratico a determi-
centesimo numero nel 2010; il nostro suo piccolo, vuole contribuire a ri- nare la politica nazionale” (art. 49
Enrico Dello Sbarba diceva a tutti: “Di definire ruolo e statuto del giornali- Cost.) bisogna resistere all’insofferen-
sicuro a duecento non s’arriva!”. In- smo ai tempi dell’Internet: metterci la za crescente verso il ragionamento, il
vece Il Centro c’è! firma, assumersi la responsabilità, confronto, la politica e soprattutto,
Qual è il segreto? Non so. Certo, la verificare le notizie, proporre analisi. ancora e sempre, bisogna fare lo sfor-
passione del Direttore e l’attenzione Rispetto a quasi 10 anni fa, quando zo di “esaminare ogni cosa, tenere ciò
degli sponsor; ma anche la vivacità festeggiammo i primi cento numeri, che è buono”.
del Circolo culturale che propone ogni la situazione politica ed i suoi prota-
mese incontri, conferenze, iniziative gonisti sono radicalmente mutati; le
che aggregano attorno al periodico pagine de Il Centro propugnavano,
tante persone. Un piccolo miracolo con la verve da polemista propria di
della volontà. Enrico, il superamento del “bipolari-
Fin dalla fondazione Il Centro non è smo forzato” del sistema politico in
organico ad alcun partito o movimen- direzione della ri-costituzione di un
to, ma esprime con nettezza opinioni centro plurale aggregatore, di un
sull’attualità politica ed un orientamen- “partito della nazione” (formula che
to di fondo certo non neutrale, che fa molti hanno assai impropriamente
riferimento esplicito all’eredità popo- cercato di intestarsi).
lare e democristiana. Questa prospettiva, più che contrad-
Ci sono alcuni temi che rendono ri- detta, è superata dagli eventi: non il
conoscibile Il Centro: l’attenzione al- consolidamento del “bipolarismo mu-
l’attualità politica del Paese e alle tor- scolare”, ma una completa trasfor- Giovanni Di Capua
nate elettorali che tra comuni, regio- mazione del quadro, con forze poli- politologo
ni, europee, referendum, politiche de- tiche nuove, inintelligibili con i canoni
terminano una campagna elettorale usati, e partiti che hanno mutato ra- Duecento numeri di un mensile sono
continua. dicalmente il loro DNA. Allora que- un traguardo di cui è lecito menar van-
Poi la presenza della dimensione lo- sta è la sfida per i prossimi cento nu- to giacché, anche soltanto la quantità
cale dei problemi – a Livorno, a Ro- meri de Il Centro: interpretare que- d’impegno profuso nell’idearlo e
signano e su tutta la Costa Toscana sta complessità, con le preziose chiavi compilarlo è segno di tenacia e di
martoriata da una crisi di cui non si di lettura offerte dalle culture politi- amore per una creatura che, a ben
intravedono segni concreti d’uscita - che tradizionali, ma aperti a cogliere guardare, quando fu concepita aveva
unita ad un’apertura a quel che acce- tendenze e ragioni fuori da schemati- un Dna complicato, essendo partita
de nel mondo, come nell’editoriale sul smi e riflessi condizionati. Su questa in sordina, non per destare clamore
Venezuela del marzo scorso, o nei base, che è culturale e politica al tem- ma, piuttosto, un tentativo di riflessio-
commenti al nuovo corso aperto ne- po stesso, Il Centro potrà fare, come ne sul gran sconquasso causato dalla
gli U.S.A. dall’inaspettata elezione di ha sempre fatto, proposte costrutti- implosione della gloriosa Democrazia
Trump. Si intravede qui, per così dire, ve, non distruttive o tese a esacerba- cristiana.
un duplice portato “democristiano”: re la faziosità, le opposte tifoserie, Diciamo la verità. Non la caduta in sé
innanzitutto, l’attenzione alla dimen- quel “guelfo-ghibellinismo” italico de- di quello che era stato, per oltre un
sione internazionale, alla politica este- nunciato già da De Gasperi che, nel quarantennio, la chiave di volta del si-
ra come elemento non accessorio, mutare delle circostanze, sembra l’at- stema politico nazionale, ma il modo
ma costitutivo dell’orientamento po- teggiamento prevalente nella storia con cui la magistratura militante era
litico. Poi il metodo dialettico - dalle politica del Paese. ricorsa a delegittimarlo e sostanzial-
“piccole patrie” al mondo “casa co- Il Centro ha bagaglio culturale, vo- mente creato le condizioni d’un rin-
18 speciale 200 numeri

volgimento generale, non era sembrato te una generazione politica secondo Che un mensile free press abbia su-
democratico a quei non pochi quadri la scienza politologica, a svolgere la perato abbondantemente la maggio-
periferici della balena bianca di esse- politica democratica, complessa, da re età, in un’epoca i cui la carta stam-
re cancellati dalla Storia del Paese con conquistarsi giorno per giorno. Pur pata è considerata un mezzo di infor-
la violenza e la perfidia, tipiche di chi conoscendo tale limite oggettivo, col- mazione in via di estinzione, è un suc-
ha poche idee ma risolute, anche se laboratori e lettori di «Il Centro» non cesso più che lusinghiero. Il merito è
faziose e intolleranti. disarmarono e non impugnarono la della passione e dell’impegno del suo
Ma «Il Centro» non nacque, e non realtà negativa; portarono avanti le instancabile direttore, Enrico Dello
proseguì nel segno della nostalgia e loro riflessioni, non sempre coinci- Sbarba, e dei suoi preziosi e compe-
tanto meno del rancore. Cercò di an- denti l’un l’altra, ma generose. Si era tenti collaboratori. Se il giornale è
dare avanti alla meno peggio per ten- involontariamente crollati in un mon- l’immagine esterna del circolo cultu-
tare, lentamente, anche disorganica- do - quello della cosiddetta «società rale “Il Centro”, il Circolo, nella sua
mente, le antiche vestigia politiche de- liquida» -, in cui la politica del Paese minuscola sede, sempre gremita di
mocratiche, che l’ondata manipulista continuò a declinare progressivamen- ascoltatori, svolge una intensa attività
aveva oltraggiato inesorabilmente. A te: sino ad essere cancellata e sosti- politica con incontri, dibattiti, serrati
processi avviati e conclusi, si accertò tuita da velleitarismi senz’anima e in- confronti di alto contenuto socio-cul-
che i mariuoli erano molto, parecchio solidali. turali con ospiti illustri. E non solo…
meno degli indagati; e che, a guada- «Il Centro», ammettiamolo, non si Spesso l’importanza, il livello delle
gnarne era stato l’assenza della cultu- propose mai con una proposta poli- iniziative e il valore dei conferenzieri
ra garantista che, invece, la Dc non tica propria; non sempre propese porta la sua voce, fuori dall’angusta
aveva mai abbandonato, ma vissuto verso politiche coerenti; ma si limitò sede, per aprirsi all’intera città. Que-
senza ansie. a valutare le formazioni politiche che sta sua presenza attiva nella vita cit-
Solo che i venti impetuosi del morali- si avvicendavano nella politica nazio- tadina merita apprezzamento e un
smo elevato a quoziente centrale del- nale per le loro insufficienze culturali, augurio di lunga vita.
la politica avevano disvelto tanta par- ma senza farsene coinvolgere. Pre-
te delle radici democratiche che lo ferì una funzione propedeutica, civi-
scudocrociato aveva seminato. E al- le, sana, costruttiva. Non trascuran-
cuni ex democristiani, cancellati do mai, va riconosciuto, di salvare
sprovvedutamente dalla violenza di dalla demonizzazione gli ideali demo-
una magistratura ingiusta e dall’oppor- cristiani, sempre più rimpianti nella
tunismo di tanti beneficiari della sua società del Terzo Millennio.
cultura fondante, ritennero di non ar-
rendersi, pur nella consapevolezza di
non possedere più il valore della per-
suasione.
L’implosione di questi eredi del parti-
to plurale degasperiano, non si spri-
gionò in rivoluzionarismi di provincia, Fabio Figara
municipalisti, impropositivi; e si con- pubblicista
centrò piuttosto sui valori distrutti o
modificati dal giustizialismo militante Una ricorrenza importante per una
e insidioso ponendosi a riflettere: sia rivista unica nel panorama livornese
sulle ragioni generali del loro rapido (e non solo), magistralmente gestita
declino; sia sulle eventuali possibilità da Enrico Dello Sbarba e dai suoi
di risanare il tessuto democratico del numerosi e fidati collaboratori, esperti
Paese, lacerato da un’ondata di pres- Marcello Faralli e profondi conoscitori di temi di at-
sapochismo e di ambizioni di incom- scrittore tualità e di politica, locale e naziona-
petenti. le. L’uscita del periodico è senza dub-
Solo che un giornaletto poteva esse- Caro Enrico è con piacere che rispon- bio un appuntamento atteso, ogni
re un rifugio alle proprie coscienze in- do al tuo invito e dedico due parole mese, per conoscere, capire e con-
dividuali di quanti concorsero, in du- davvero sincere, al ventesimo anniver- frontarsi sulla complessa realtà terri-
ecento numeri del periodico marcan- sario di vita del “Il centro”.” toriale in cui viviamo: ormai da anni,
speciale 200 numeri 19

anzi, da ben 200 numeri, sempre fe- senza del periodico anche in questo
dele alla sua “vocazione”, Il Centro importante centro commerciale della
non finisce mai di stupire per la ric- provincia.
chezza culturale offerta, con il pregio Se si guarda al logo del mensile vie-
di caratterizzarsi come spunto di ri- ne in mente il centro di un bersaglio e
flessione e prodotto editoriale capa- un obiettivo da raggiungere, che mi
ce di rinnovarsi continuamente. piace immaginare dentro una lunga
Un caro augurio al Direttore e a tutti tradizione culturale da Aristotele alla
coloro che partecipano, e hanno par- Scolastica.
tecipato, al raggiungimento di questo Nell’Etica Nicomachea il pensatore
meritato traguardo. greco dà fondamento teorico alla re-
gola morale del ‘giusto mezzo’ cioè
alla ricerca dell’equilibrio tra gli ec- Alessandro Franchi
cessi dei due estremi. I Romani espri-
già sindaco di Rosignano M.mo
mevano il concetto con le parole “in
medio stat virtus” di facile tradu-
zione o “est modus in rebus” Duecento numeri sono un traguardo
espressione di Orazio che significa importante per un giornale, tanto più
“c’è una misura nelle cose”. Nel per un periodico locale come “Il Cen-
Medioevo questo pensiero si trova tro”. In tempi di crisi dell’editoria e
in San Tommaso che è certamente il dell’evoluzione digitale di molte testa-
maggior pensatore cattolico; poiché te, è sempre rassicurante ricevere ogni
il filosofo collega la politica alla mo- mese articoli con notizie e approfon-
rale pur distinguendola, il concetto si dimenti dal territorio, in città come nei
ritrova anche in questa sfera con la centri di provincia.
preferenza data ad una costituzione Cronaca, politica, manifestazioni e
Giuseppe Franceschi mista in cui una particolare divisione spunti per l‘attualità sono sempre af-
ex preside Licei di Cecina dei poteri impedisce allo Stato di di- frontati con grande competenza, cor-
ventare assoluto assorbendo in sé la rettezza e passione.
Il periodico del Circolo Culturale è persona umana che lo trascende. Merito di Enrico Dello Sbarba e di un
arrivato al duecentesimo numero: una Mi sono un po’ dilungato nel traccia- gruppo di collaboratori appassionati
bella soddisfazione per il suo Diret- re le linee essenziali di questa tradi- come lui alle vicende della politica,
tore e per tutti noi. zione culturale, perché il periodico animati dal desiderio di contribuire al
Nasce quasi 20 anni fa prevalente- fondato dall’amico Dello Sbarba, dibattito locale e civile.
mente come rivista d’informazione come ho già scritto, mette in primo La presenza per quasi due decenni de
politica che, messa in primo piano, oc- piano la politica e certamente un gran- “Il Centro” sul nostro territorio è un
cupa sempre la parte maggiore, ma è de merito che gli deve essere rico- traguardo importante per loro, cui va
presentata fuori dallo scontro della nosciuto è quello – mi sia consentito il nostro riconoscimento come ammi-
competizione diretta, soprattutto dirlo -di aver tenuto viva a lungo e in nistrazione comunale e il mio perso-
come riflessione di carattere cultura- tempi, a dir poco, difficili la luminosa nale ringraziamento.
le. tradizione moderata del Centro. In dieci anni da sindaco di Rosignano
La cultura infatti è la nota più eviden- Non sono stato un assiduo lettore del e di presidente della Provincia dal
te del periodico, che può estendersi mensile e da poco ho cominciato a 2014 al 2018 ho avuto modo tante
dal politico al socio-economico di li- scrivere qualche pezzo, ma si fa pre- volte di apprezzare la preparazione di
vello nazionale e provinciale con rife- sto a capire quanta ricchezza di dati Enrico, la sua presenza nelle vicende
rimento anche alle attività pastorali e contiene, frammenti di una intensa vita e nei momenti cruciali di sviluppo del
a quelle delle associazioni nei vari set- che gli gira intorno. territorio, le tante iniziative promosse
tori delle realtà locali di Livorno, Ro- e le sue posizioni nette, che hanno
signano e Piombino. Manca forse un contribuito ad animare il dibattito po-
po’ Cecina, ma credo che in futuro, litico e culturale.
istituendovi almeno un punto di divul- Vorrei infatti sottolineare come que-
gazione, si potrà potenziare la pre- sto lavoro tenace e faticoso, che ha
20 speciale 200 numeri

sempre assicurato l’uscita del giorna- ratori, un sincero ringraziamento e i Il suo è un contributo che reputo es-
le, sia anche una conquista per tutti i migliori auguri. senziale perché scevro da interessi
cittadini di questo territorio, che han- personali e soprattutto attento a tut-
no potuto beneficiare di un’informa- to ciò che si muove nelle nostre co-
zione accurata e corretta, partecipan- munità.
do alla vita civile. La presenza di una Il garbo, lo stile ed al tempo stesso
libera informazione e del pluralismo la franchezza e l’onestà intellettuale
favoriscono infatti la formazione del- rendono poi quella de “Il Centro”,
l’opinione pubblica e del pensiero cri- grazie ad Enrico ed alla sua reda-
tico, e sono quindi indici di democra- zione, un'esperienza unica e vera-
zia e di responsabilità nelle scelte del- mente preziosa. Sfogliando queste
la collettività. pagine si possono, infatti, trovare
A Enrico e alla redazione de “Il Cen- importanti spunti utili “leggere” i fat-
tro” auguriamo di accompagnarci an- ti internazionali e nazionali intrec-
cora per molti anni, e di festeggiare ciandoli, con appropriatezza e luci-
insieme altri importanti centenari. dità, alle dinamiche dei nostri terri-
tori.
Francesco Gazzetti Tutto questo unito ad un’attività di
consigliere regionale PD incontri e confronti che rappresen-
ta, anch'essa, un unicum nel pano-
Quando l’amico Dello Sbarba mi ha rama livornese e regionale.
chiesto un saluto per festeggiare Ecco perché sono davvero felice per
l'importantissimo traguardo dei questo importantissimo traguardo
200 numeri de “Il Centro” mi è raggiunto da “Il Centro” e sono or-
subito venuta in mente una frase. goglioso di poter portare anche il
Parole che avevo letto in un luogo mio saluto in questa occasione così
unico al Mondo, incise nel legno speciale.
di un vero e proprio simbolo “Non chi comincia ma quel che
del’'Italia e dell’italianità e, per di persevera” dicevamo. E questo è
più, intrise di salmastro del nostro anche il mio auspicio ed il mio spro-
Claudio Frontera mare. Il luogo è il ponte dell'Ame- ne che faccio sia da giornalista che,
gia Presidente Provincia Livorno rigo Vespucci, la frase è “Non chi attualmente, da consigliere regiona-
comincia ma quel che perseve- le. Una perseveranza che Enrico ha
“Il Centro” ha svolto e svolge una fun- ra”. Ecco, per me, è proprio que- nel suo DNA e che per tutti noi rap-
zione importante nel dibattito pubbli- sta la forza della pubblicazione che presenta un insostituibile compagno
co a livello locale, su temi culturali, state stringendo tra le mani o di cui di viaggio.
politici, sociali, caratterizzandosi per state sfogliando la versione web: A “Il Centro” va dunque tutto il mio
apertura, pluralismo, volontà e capa- la perseveranza. apprezzamento e le mie felicitazioni
cità di dialogo tra opinioni e visioni Iniziare a pubblicare, infatti, è diffi- per il traguardo raggiunto mentre ad
diverse, comunque appartenenti al- cile ma non impossibile. Arrivare a Enrico vanno anche la mia gratitu-
l’arco democratico. 200 numeri è invece un traguardo dine e riconoscenza. Da lui ho sem-
Di questi tempi una tale presenza è straordinario che in pochi possono pre ricevuto attenzione e stima e
particolarmente importante e lodevole: raggiungere e vantare. Il merito è di questo ben prima che iniziasse la mia
il bisogno di spazio per un confronto una persona sola, Enrico Dello esperienza politico amministrativa.
di opinioni libero e rispettoso aumen- Sbarba. Un amico personale ed un Sentimenti che ricambio e che, an-
ta, infatti, di fronte alla crescente fa- uomo a cui la Politica, quella con la che in questa occasione, voglio evi-
ziosità, alla dilagante aggressività, alla p maiuscola, deve molto. denziare con orgoglio perché sono
pericolosa circolazione di notizie fal- In un mondo nel quale la velocità ha alla base di un’amicizia che per me
se. lasciato spazio alla riflessione Enri- è davvero importante e preziosa.
A Enrico dello Sbarba, che ha ani- co, con “Il Centro”, ci offre spazi di Un abbraccio dunque ad Enrico e
mato e anima “Il Centro”, giunto al approfondimento ed occasioni per viva “Il Centro” per altri 100, 200,
numero 200, e a tutti ii suoi collabo- capire e decifrare fatti e dinamiche. 1000 numeri.
speciale 200 numeri 21

ne, per una città aperta al futuro e i suoi pregi apprezzati dalla gente
alla sua rinascita. Sono convinto che che lo ha votato. Non si può pensa-
festeggeremo senz'altro anche il 300° re che vi sia un modo ottimale per
numero! fare il Sindaco o il Consigliere Re-
gionale non rispettando il fatto che
l’amministratore pubblico svolge il
suo servizio con le sue priorità con
il suo personale modo di fare legato
alle esperienze di vita.
Enrico Dello Sbarba, che ora non
ricordo dove ho incontrato per la
prima volta, non appartiene a que-
ste categorie di persone.
Gianni Giovangiacomo Sono rimasto legato a lui anche lon-
ex collaboratore Centri Studi tano dagli incarichi istituzionali, per-
A.De Gasperi alla Camilluccia - Roma ché l’ho sempre sentito come una
persona che ti rispetta pienamente,
In questo mese di Giugno la rivista ti stima nei tuoi pregi e difetti, ti
“Il Centro” è arrivata al suo duecen- Olivo Ghilarducci ascolta per capire se c’è una occa-
tesimo numero! E’ un risultato signi- già sindaco di Capannori sione per essere di aiuto per agevo-
ficativo che premia lettori e collabo- e capogruppo PPI Cons. Reg. larti nel tuo impegno pubblico e pos-
ratori, ma premia soprattutto il suo sibilmente ti è amico anche nel tuo
Direttore, Enrico Dello Sbarba, che Nella attività di pubblico amministra- privato. Il suo sguardo sempre ca-
in questi anni si è dedicato, con spiri- tore, ai vari livelli (Comune, Provin- rico di attese positive e di entusia-
to di sacrificio e grande determina- cia, Regione) ho incontrato tante per- smo è fondamentalmente quello di
zione, alla sua realizzazione con i suoi sone che posso includere in diverse una persona ottimista che esige
articoli, con la ricerca di collabora- categorie. l’onestà che crede al grande valore
tori anche di livello nazionale, e cosa Spesso queste hanno chiesto nel mio del pubblico servizio. E’ di certo
non facile, di sponsor. servizio pubblico di risolvere alcuni convinto che alla fine delle cose la
Ma chiediamoci: cosa tiene in vita una problemi attinenti alla realtà che am- coerenza intransigente con i dettami
rivista per un periodo così lungo? ministravo e il più delle volte proble- della propria coscienza paga sem-
Certamente l'apprezzamento dei let- mi personali che si pensa possono es- pre umanamente, anche se questa
tori per un periodico che sa coniuga- sere agevolati da chi copre in deter- può non pagare politicamente.
re la politica con la cultura e la città minato incarico politico. Certo Enrico anche da giovane è
con la sua provincia. A volte sono venuti ad incontrarmi sempre stato un “vecchio” conser-
Le problematiche di Livorno, il suo persone che mi hanno chiesto, data vatore non nel senso dell’età ma nel
porto e le attività portuali, la “fame di la loro professionalità, di essere indi- senso dei principi.
lavoro” (per dirla con una espressio- cati in un consiglio di amministrazio- I conservatori di ora sono sempre
ne tanto cara al già direttore de “Il ne, nella direzione di un ente a nomi- un po’ fascisti, irrispettosi della li-
Tirreno” Luigi Vicinanza e al capo- na politica. Più alta è la realtà che bertà altrui, delle naturali diversità. Vo-
cronaca Alessandro Guarducci) sono amministri più appetibili sono le pos- gliono omologare tutto e tutti alle loro
due aspetti che il periodico ha sem- sibili designazioni, più ampio è il po- idee e esigenze che spesso corrispon-
pre portato in evidenza ai suoi letto- tere collegato a queste. dono ai loro personali interessi.
ri. Ho esperienza poi di una categoria A Capannori si direbbe che Enrico
E non dobbiamo sottacere che le di persone che vengono a trovarti e “non trenna”, cioè non si smuove dai
molte critiche portate alle decisioni darti consigli su come devi operare suoi principi di serietà e onestà, le mode
dell’ultima Amministrazione Comu- nella gestione politica e amministra- e gli obbiettivi delle cosiddette moder-
nale sono state sempre ben centrate. tiva. Questa è la categoria di per- nità proprio non lo interessano.
E ora? Sempre “Avanti!”, come di- sone più “buffa”. Non si rendono Senza dubbio a lui fa piacere sen-
ceva il Vescovo Ablondi, dobbiamo conto che un amministratore è una tirsi dire che soprattutto lui rimane
perciò continuare le nostre battaglie persona con il suo modo di fare, a un “democristiano”, anche se da
per la democrazia e la partecipazio- volte con i sui difetti, ma anche con tempo quel partito politicamente è
22 speciale 200 numeri speciale 200 numeri

tramontato. E’ convinto, che il livello pensiero e il nostro affetto, nella feli-


politico, la serietà, la capacità dei ce occasione del 200° numero del
“vecchi” democristiani ( De Gaspe- mensile, che tanto ha contribuito alla
ri, Moro, Fanfani, La Pira e, per- crescita culturale della nostra città. I
ché no, Andreotti) in quei tempi dif- nostri articoli dedicati al cinema, del
ficili che hanno fatto il nostro pae- passato e del presente, le iniziative
se, è irraggiungibile. Enrico rimane destinate ai giovani e alla cittadinan-
democristiano, così come si porta za hanno sempre trovato casa tra pa-
un vecchio distintivo all’occhiello gine fitte di spunti di riflessione, dalla
della giacca nei momenti importanti cultura alla politica, dal mondo della
nelle cerimonie e nei giorni di festa. scuola a quello dell’arte e dell’eco-
Ebbene ha fondato il circolo il “lI nomia. Nicola Graziani
Centro” e ancora ne organizza la Consapevoli dei bisogni immateriali giornalista Ag. Italia
vita perché in fondo al suo cuore in di una città che deve ritrovare la pro-
questo è ancora viva la tradizione pria anima, e solo così potrà riacqui- Si dice la testimonianza sia steri-
democristiana che sente ancora non stare vitalità anche dal punto di vista le, perché altrimenti sarebbe po-
superata dalla storia. Certo questa delle risorse materiali, siamo lieti di litica. Mi permetto di dissentire:
cambia tutto ma non può cambiare essere, qui, a festeggiare con te, En- la testimonianza è politica, solo
l’entusiasmo, la spinta a fare del rico, e con i tuoi preziosi collabora- che lo è nella sua prima parte:
bene, a “servire” nelle istituzioni. In tori, una tappa importante del vostro quella che ancora si deve misu-
questo Enrico Dello Sbarba è felice impegno e della vostra passione. Che rare – e non è cosa da poco –
dentro di sè di essere un conserva- sono anche le nostre. con la soluzione pratica dei pro-
tore. E’ indubbio che apprezza le blemi. Capita anche nel giornali-
novità dei processi storici ma è fer- smo: scrivere è il primo atto del-
mo sui principi, la coerenza, l’one- l’agire.
stà nel fare politica, il rigore ma an- Il problema, semmai, è che
che la capacità e il livello culturale. l’azione trova nell’organizzazione
Queste sono tutte le cose che, non e nella presenza i suoi presuppo-
solo nei democristiani, nel dopo- sti, e questo spiega come mai “Il
guerra hanno definito lo sviluppo del Centro” sia stato, in tutti questi
nostro Paese e della nostra Demo- anni, un cuore pulsante in una città
crazia. – diciamolo – un tantino sonnac-
chiosa come può esserlo talvolta
Livorno. Ma chi ha chiaro in men-
te un altro esempio di costanza e
forza identitaria (quella vera) in
Filippo Giusti qualsiasi altro angolo della Tosca-
segretario provinciale Cisl na alzi la mano e ce lo comunichi.
Siamo sicuri che non saranno in
È con grande piacere che assisto al- tannti.
l’uscita del 200° numero de Il Cen- Quest’ultima cosa ci fa piacere
tro, una pubblicazione sempre pun- per chi da anni lavora a “Il Cen-
tuale ed attenta alle vicende nazionali tro”, ma ci fa anche un filo di tri-
e a quelle del nostro territorio. Un stezza. Sarebbe molto più bello se
caro saluto e il mio ringraziamento agli di mensili come questi ve ne fos-
Massimo Ghirlanda amici del circolo culturale, che han- sero a decine, in tutti i paesi ed i
no saputo tener vivi l’elaborazione e paesini e non solo nelle città.
membro direttivo Centro Studi
il dibattito sulle principali questioni L’Italia è tradizionalmente il luo-
Commedia all’italiana
della nostra città. go dei municipi, e se questi non
Ad Enrico e alla redazione del Cen- hanno chi dà loro l’anima poi va
tro, che in questi anni, ha ospitato i a finire che ci pensano i social e
nostri articoli di cinema, va il nostro le televisioni, con le conseguenze
speciale 200 numeri 23

anche politiche che tutto conosco- sione e determinazione del diretto-


no. Che qualcuno ci aiuti. re Enrico Dello Sbarba, che ha, in
In attesa che maturino gli eventi, questi lunghi anni, favorito il con-
intanto facciamo a “Il Centro” i fronto e il dialogo culturale sempre
complimenti ed anche una piccola in un’ottica di “libera informazio-
dichiarazione. ne”.
Non d’amore, figuriamoci, ma di A “Il Centro” sono in particolare
sincera affezione sì, e siccome sia- grata per l'attenzione che da sem-
mo in tema di Amarcord non pos- pre ha dato al mondo della Scuola
siamo che lasciarci andare ad un offrendo spazio e dando voce an-
ricordo. che agli studenti. Ho apprezzato an-
Ci conoscemmo, con la redazio- che l’attenzione che ha avuto nei
ne de “Il Centro”, ormai una de- Vincenzo Greco miei confronti per avermi voluta
cina di anni fa, complice un politi- architetto ospite alle conferenze mensili sui
co galantuomo chiamato Gerardo temi a me cari della Scuola, della
Bianco. Da allora mi è riuscito di Duecento candeline che hanno avuto Formazione e del Lavoro.
scrivere - il patron Enrico Dello la forza di illuminare di cultura la sce- Sono fiera della presenza di questa
Sbarba mi corregga, ma ne sono na livornese. realtà culturale nella nostra città.
abbastanza sicuro – quasi tutti i Festeggiamo insieme la nostra RIVI- Le mie felicitazioni per questo im-
numeri. STA e ringraziamo di cuore tutto lo portante traguardo!
Devo dire che l’ho fatto con au- staff redazionale magistralmente or-
tentica soddisfazione, perché se chestrato da Enrico Dello Sbarba
c’è una cosa che piace a chi fa il che ha sempre accolto ed ospitato
mio mestiere questa è poter final- con slancio i nostri scritti offrendoci
mente, una volta almeno ogni tren- la possibilità di esprimere il nostro
ta giorni, togliersi il gusto di pen- pensiero e di porlo al servizio della
sare un po’ prima di mettersi alla collettività.
tastiera. Mica come accade con
quegli articolini fatti in serie che si
leggono e si scrivono tutti i giorni
e che, più che altro, sembrano tan-
te saponette: piccole, profumati-
ne ed insipide. Soprattutto: sgu-
scianti e scivolose.
Ecco allora cos’è stato, per me ma
non solo, questo mensile in tutti Giorgio Kutufà
questi anni: uno dei pochi luoghi già presidente
di riflessione politica in una Peni- della Provincia di Livorno
sola dove la cronaca di palazzo
(vuota e chiassosa) la fa da pa- La rivista il Centro ha raggiunto il
drone. E dove la politica vera ha ragguardevole traguardo dei 200
ancora spazio. numeri. Un vero exploit consideran-
Non è voce che dice “dè” nel de- Cristina Grieco do le difficoltà di tutta la stampa in
serto, “Il Centro”. Se un giorno assessora Istruzione questi anni, soprattutto, di quella che
dovesse rinascere qualcosa di se- non può contare su gruppi finanzia-
Formazione e Lavoro
rio, in questa Toscana un po’ as- ri od industriali alle spalle. Gran
al Consiglio Regionale
sopita e in questa Italia che sog- parte del merito è, ovviamente, del-
giace all’ultimo imbonitore di tur- l'infaticabile Enrico Dello Sbarba
no, si sappia fin da ora che buona Complimenti vivissimi al periodico che non ne è solo il direttore re-
parte del merito è anche di chi, per “Il Centro”, che raggiunge il tra- sponsabile, ma l'animatore insosti-
200 numeri, lo ha voluto fortemen- guardo dei 200 numeri e si avvia tuibile con una passione veramente
te. al ventennale. Un plauso alla pas- straordinaria e che è riuscito, nel
24 speciale 200 numeri

corso di tutti questi lunghissimi anni, ticato in una città incapace di ren-
a circondarsi di un gruppo di vali- dere il giusto onore ai suoi figli. Lo
dissimi collaboratori e ottenere pre- ricordiamo per le sue pungenti dis-
stigiosi contributi da personaggi che sertazioni sui temi economici e por-
hanno inciso nella nostra storia re- tuali. Ci mancano le sue profonde
cente. riflessioni, la sua spiccata capaci-
Fa piacere constatare che esiste una tà di analisi, anche avveniristica, il
così ampia passione civica, una vo- suo pensiero diretto e profondo,
glia di confrontarsi, da parte di tan- la sua compagnia sempre affabile
ti, in maniera documentata, su tutti i e anche goliardica come si addice
principali problemi politici e non a un livornese di scoglio.
solo, dell'Italia e del nostro territo- Oggi siamo in una fase storica
rio. complessa e critica pervasa da
La sua presenza in edicola ed in re- Luca Lischi pressapochismo, da conflittualità e
tei in così tanti anni è, per me, un responsabile segreteria da sfiducia (quasi la metà degli
vero miracolo ed ho già individuato ass.to Istruzione, Formazione elettori diserta le urne!). Lui ne
il principale artefice. e Lavoro al Consiglio Reg.le avrebbe comunque parlato a suo
Del Giornale ne ho sempre apprez- modo facendo emergere “luci e
zato l'obiettività della linea editoria- Una voce che ha raggiunto duecen- ombre”, ma siamo certi che ne
le e quell'aspetto, da me profonda- to numeri. Un risultato grandioso avrebbe fatto prevalere le luci
mente condiviso, di voler difendere che premia l’impegno, la passione mettendo al centro le potenzialità
i valori ed i principi della nostra Co- e la perspicacia del direttore Enri- di un territorio straordinario per le
stituzione. Una voce libera e spes- co Dello Sbarba, creatore e anima sue bellezze e per la sua vocazio-
so fuori dal coro. vitale del mensile “Il Centro”. ne legata al mare.
Il Centro ha svolto, inoltre, una me- Siamo in un periodo in cui la carta Anche noi, nonostante tutto, per-
ritoria azione di memoria storica di stampata non ha più l'appettibilità severiamo nell’intravedere luci che
momenti fondamentali delle nostre di un tempo. I lettori sono sempre siano un faro per intraprendere la
istituzioni quando leaders veramen- meno e dirottati verso il web. Ma giusta rotta di un rinascimento della
te autorevoli le guidavano. anche i giornali on line non se la città e di una intera provincia. Ter-
Ma l'azione del Centro non si è li- passano bene nonostante la loro ritori che meritano molto di più di
mitata ad una, sia pur pregevole, massiccia presenza sui social. quanto hanno espresso fin ora.
operazione "nostalgica" ma ha guar- Il Centro rappresenta una picco-
dato, sempre, al futuro, indicando lissima voce che ha sempre valo-
proposte e soluzioni per i problemi rizzato il confronto dialogico mo-
della nostra società. derato e costruttivo e ha il suo si-
Un'opera veramente meritoria che gnificativo e affezionato bacino di
mi auguro possa continuare per al- lettori.
tre centinaia di numeri e il cui meri- Fin dalla sua nascita ha offerto spa-
to va ascritto, come ho già detto, zio e ospitalità a molti giovani che
ad Enrico Dello Sbarba. si sono formati scrivendo sul pe-
riodico fino ad arrivare ad essere
“giornalisti pubblicisti”. Una espe-
rienza che li ha arricchiti professio-
nalmente e ha permesso loro di ac-
crescere le loro competenze nel la-
voro. Mario Lorenzini
Molti i nomi autorevoli che vi han- scrittore
no scritto. Tra questi, vogliamo ri-
cordare, in occasione di questo Nella mia ormai lunga vita la DC è
anniversario importante, il profes- stata presente fin da quando nel
sor Massimo Paoli scomparso nel 1960-65 fui Consigliere nel Comune
dicembre 2011 e purtroppo dimen- di San Vincenzo e ricordo benissimo
speciale 200 numeri 25

la firma dell'on.Togni sulla mia tesse- guirlo con una certa competenza. E solo) per la quale si dannava per-
ra. Una presenza attiva in un Comu- da allora ogni mese IL CENTRO ha ché, e scuoteva il capo, non era
ne che stava per nascere sotto pubblicato i miei articoli che spesso più quella di una volta.
l'aspetto turistico. Insieme all'avv. hanno dato luogo a discussioni. Nei sei anni in cui ho diretto il “Tir-
Gabba presidente dell'Ente Provin- Oggi, raggiunto il 200 numero, vo- reno”, di incontri così con Enrico
ciale del Turismo concordammo la glio citare alcuni titoli che sono stati Dello Sbarba ne avrò avuti centi-
denominazione RIVIERA ETRU- al centro di tali discussioni: “La Scuo- naia. Senza dimenticare tavole ro-
SCA al posto di Costa Etrusca. Dopo la, oggi”, “C’era una volta la Giorna- tonde, discussioni, dibattiti e le sue
San Vincenzo Livorno. ta Europea della Scuola”, “La Scuo- immancabili lettere al giornale, il
Fui uno dei presenti alla riunione di la di Mario Lorenzini”. modo scelto per marcare quasi
una delle correnti DC più progressi- Grazie Enrico. quotidianamente la sua presenza
ste ma preferii le ACLI che allora in- tenace di democristiano minorita-
cominciavano a essere presenti nel rio in terra rossa e in un mondo in
mondo del lavoro. Ero un segretario frenetica evoluzione. Un po’ poli-
della scuola e avevo tutta la possibili- tico, un po’ giornalista, un po’ po-
tà di conoscere i problemi che allora lemista. Comunque armato di una
la scuola aveva specialmente quella grande passione politica, e forte di
dell'obbligo ovvero la Scuola Media una memoria storica mai solo no-
mentre in città erano in via esaurimen- stalgica.
to gli Avviamenti professionali. Ecco, se dovessi riassumere in po-
L’Istituzione degli Organi Collegiali che parole la sua “mission impos-
della Scuola dal Consiglio di Istituto al sible” sottolinerei proprio questo:
Consiglio Distrettuale al Consiglio Pro- lo sforzo costante di illuminare la
vinciale mi videro presente sia come vicende del presente attingendo
consigliere che come Presidente. La agli insegnamenti e ai valori di
Presidenza del Distretto di Livorno è un’altra epoca, quella della Dc to-
stata una scuola di formazione e di co- Bruno Manfellotto scana di Amintore Fanfani e di Ivo
noscenza eccezionale. La difesa della già direttore de Il Tirreno Butini, il Maestro. E naturalmente
Scuola nel piccolo centro mi videro pre- e dell’Espresso di un altro cavallo di razza, Giulio
sente e sempre vincente con grande Andreotti, al quale Dello Sbarba
soddisfazione da parte dell’utenza. Piombava puntuale nel tardo po- si è sempre sentito altrettanto vi-
Mentre la DC a Livorno si era tra- meriggio attraversando il corrido- cino, se non altro per la comune
sformata in Partito Popolare Italiano io come un furetto, quasi di corsa, manìa per pizzini, corrispondenza,
(anno 1997) il segretario dr. Lorenzo sempre trafelato. Con un pacco di diari, archivi (se ne trova affettuo-
Mannelli mi affidò la responsabilità del giornali sotto il braccio e qualche sa testimonianza nel libro autobio-
settore scuola che mi permise di an- foglio sparso nella mano, si dirige- grafico “La mia Dc”).
dare spesso a ROMA alla sede cen- va verso lo stanzone della Crona- Legata a questo, l’indefettibile co-
trale della DC partecipando a incontri ca dove depositava sui tavoli co- erenza, l’esaltazione caparbia del
e conoscendo Onorevoli e Ministri. municati, documenti e spifferava mitico “centro” del sistema (che ha
Quando la DC terminò la sua pre- qualche retroscena. dato nome a questa rivista che oggi
senza attiva un giorno in piazza Gran- Solo sulla strada del ritorno si fer- celebra diciott’anni e i suoi primi
de incontrai l’amico Dello Sbarba che mava nella mia stanza dopo aver duecento numeri con una nuova
mi chiese di collaborare a IL CEN- indugiato un po’ sulla soglia, ap- veste grafica: auguri!), sogno po-
TRO, che ogni mese veniva pubbli- pena qualche minuto, come per litico prima cancellato dall’ubria-
cato, era la testimonianza di una linea non disturbare, quanto gli bastava catura maggioritaria, poi evapora-
politica che non doveva cessare di esi- per annunciare un convegno, to in questo nuovo tempo propor-
stere in una città piena di problemi e un’iniziativa, una denuncia. Per zionale segnato da protagonisti
la Scuola aveva bisogno di essere al consegnarmi l’ultimo numero della dall’estremismo caciarone, più
centro delle attenzioni cittadine. sua rivista (che mi arriva ancora propensi ai contratti che alle alle-
All’amico ello Sbarba dissi subito di oggi, puntuale come una cambiale, anze.
si perché ero rimasto senza un com- nel mio ufficio di Roma). O per una Le stagioni cambiano, Enrico no.
pito e quello della Scuola era da se- battuta sulla politica locale (e non E noi per questo lo festeggiamo.
26 speciale 200 numeri

bera, imponendo la scorciatoia di nosce anche molto meglio di me. E


crescenti sostegni (e ricatti) di sog- non solo per ragioni anagrafiche. Ma
getti esterni. I quali ultimi, ovvia- anche e soprattutto per un percor-
mente, nulla fanno senza averne in so personale che lo ha portato a vi-
cambio vantaggi. Da scambiare e vere, non solo da osservatore, le re-
condividere con la politica del po- sponsabilità pubbliche di una città
tere per dilatarne gli effetti. A dan- che non poteva rinascere se non at-
no - e qui entra in gioco la rifles- traverso il rispetto delle differenze
sione sul secondo punto - del dirit- ideali nella condivisione degli obiet-
to del cittadino a un’informazione tivi. Una cosina che, fuor di retori-
in grado di salvare almeno la faccia ca, dovrebbe chiamarsi ancora
dell’indipendenza. Strumento es- bene comune.
senziale per partecipare in forma Mi capita, non sempre ma neanche
Giuseppe Mascambruno consapevole alla quotidiana affer- di rado, di non essere d’accordo
già direttore de La Nazione mazione di una comunità libera e con quel che scrive Enrico, o le al-
responsabile. Ovvero democratica. tre firme che contribuiscono alla bril-
Celebrare il numero 200 di un gior- Appartengo a una generazione, lante esistenza di questo prezioso
nale, in particolare di un giornale di quella nata a metà degli anni Cin- periodico livornese.
carta, di questi tempi, sollecita due quanta del secolo scorso, che ha Ma so di essere in buona compa-
riflessioni fondamentali per il nostro avuto il privilegio di frequentare uo- gnia, con Enrico, tutti i suoi colla-
convivere civile: mini e donne, in famiglia, a scuola, boratori, i lettori nella immutabile
1) la sempre più faticosa capacità nel lavoro, nati e cresciuti negli anni convinzione che proprio in questa
di informare i cittadini attraverso più duri e terribili della storia di que- diversità sta la ricchezza di tutti. E
strumenti che non siano il degrado sto nostro Paese. Gli anni della la forza democratica di una comu-
della forma e della sostanza, della guerra, della sopravvivenza che era nità.
parola e delle idee, del rispetto nel- già una fortuna, della povertà ma- Cin cin.
le differenze, ingredienti che ormai teriale. Spesso anche culturale, ma
dominano la zuppa/zuffa/fuffa quo- mai ridotta a ignoranza di valori, di
tidiana dei talk show televisivi e, so- principi, di fede. Che fosse, que-
prattutto, dei social network; st’ultima, religiosa o ideale, quindi
2) La passione politica, il desiderio politica. O entrambe le cose insie-
di sentirsi parte, con i propri valori, me.
con le proprie idee e con l’ascolto, Nell’affacciarmi a questa professio-
l’attenzione a quelle altrui, di un di- ne, ho avuto, qui a Livorno, la for-
segno comune che ancora si chiama tuna di incontrare un maestro, non
democrazia. solo di giornalismo, come Bruno
Ecco, da qui voglio partire per for- Castagnoli.
mulare i miei più affettuosi e sinceri Quello che oggi faticheremmo a rin-
auguri al «Centro» dell’amico e col- tracciare con la definizione di ga-
lega Enrico Dello Sbarba per un tra- lantuomo nel vocabolario immise-
guardo che oggi è molto meno scon- rito del cialtronismo dominante.
tato di un passato, neanche poi così Castagnoli era un uomo di straor-
Beppe Matulli
remoto. L’agonia della stampa scrit- dinario rigore, non accettava ap- ex sottosegretario DC
ta sta minando alle fondamenta la prossimazioni, facilonerie e, tanto alla Pubblica Istruzione
capacità degli editori - già larga- meno, rinunce al rispetto fondamen-
mente compromessi in proprio per i tale nei confronti del lettore. Un li- Era forse inevitabile che l’esplosio-
conflitti d’interessi che nessun go- bretto essenziale di «istruzioni per ne del Web avesse giustiziato la
verno ha mai voluto affrontare se- l’uso» della libertà riconquistata ma “rete di allora”, (che oggi appare
riamente - di garantire almeno un minacciata, nei miei anni Settanta, pateticamente casereccia, appog-
briciolo di residua autonomia a fron- dal terrorismo. giata com’era alla “Poste Italiane”),
te di una crisi, ormai ultradecenna- Una libertà da condividere con gli che diffondeva in tutto il paese i pe-
le. Che produce conti in caduta li- altri, che Enrico Dello Sbarba co- riodici, dei diversi orientamenti, dei
speciale 200 numeri 27

partiti e nei partiti: Soprattutto nel- e nei lettori, la passione politica che è evoluto.
la DC, ove prosperò anche dopo spinge alla analisi della realtà, al ra- Un giornale dai spiccati contenuti di
il tentativo, addirittura di De Ga- gionamento sulle prospettive, al politica sociale e civica volti a cele-
speri, di sostituire “la Discussione” tentativo di contribuire a costruire brare i valori di una società democra-
a tutti gli organi delle correnti inter- una visione, cose estranee alla po- tica, dando voce a quanti anche di di-
ne che oggi vivono dimenticate ne- litica, di oggi, delle invettive, degli versa fede lo hanno richiesto.
gli archivi storici di chi conserva le slogan, della fedeltà al leader mo- Il periodico di Dello Sbarba trasmet-
memorie del tempo andato. mentaneamente sugli altari. te al lettore la sua passione nella trat-
Ma ripensarle quelle testate, tutte, Una esperienza singolare che non tazione dei problemi sociali e istitu-
da destra a sinistra (già!, allora esi- poteva che nascere a Livorno un zionali del nostro paese tracciando
steva, ed era anche in grande con- autentico “porto di mare”, che idee e proposte, con l’ausilio di va-
siderazione, questa distinzione oggi come tale respira l’aria che viene lenti collaboratori, per una democra-
quanto meno considerata “obsole- da lontano, e che è spinto a pensa- zia sempre più rispondente alle neces-
ta”) significa rivivere un dibattito re oltre l’orizzonte fisico ed anche sità del paese.
politico, forse qualche volta inge- oltre quello politico. Al Direttore del “ Centro” e al suo
nuo, ma sempre intriso di una pas- Ci sono tutte le motivazione per for- giornale vita lunga.
sione politica da cui non si poteva mulare gli auguri migliori per, alme-
prescindere. Era l’età dell’oro? Si- no, i prossimi duecento numeri
curamente no! Ma l’esistenza del
dibattito e per di più scritto ( e sul-
la carta!) costringeva anche i fur-
betti a tentare un ragionamento
politico, altrimenti ne subivano le
conseguenze, gli slogan allora po-
tevano riassumerla, ma non sosti-
tuire una tesi politica.
Per combattere la nostalgia occor-
re affidarsi alla ragione e conside-
rare che la drastica (e per certi
aspetti drammatica) sostituzione
del mezzo di comunicazione supe-
rerà questa fase di trapasso e le tesi Ruggero Morelli
politiche torneranno a confrontarsi
avvvocato,
anche con i nuovi mezzi telematici. Paolo Mirenda già assessore alla cultura
Ma per crederci occorre una fede
nella ragione che non ha nulla da
libero docente di semeiotica del Comune di Livorno
invidiare ai più ingenui, infantili e
medica c/o Università di Pisa,
primitivi fideismi. già membro del Consiglio Da alcuni anni il mensile cartaceo di
Fra le riviste di un tempo, accanto Superiore di Sanità Livorno, Il Centro, mi accompagna si-
a quelle specializzate, è sopravvis- lenzioso e carico di sguardi sulla at-
suta anche quella livornese di Enri- Sono lieto di balbettare qualche pa- tualità politica nazionale e locale.
co Dello Sbarba: “Il Centro” che è rola per la lieta ricorrenza del perio- La costanza della presenza sui nostri
arrivato regolarmente a celebrare la dico “ Il Centro” abilmente diretto tavoli di lavoro con gli annunci degli
sua duecentesima uscita, e merita dall’amico Enrico. incontri con i responsabili della eco-
sicuramente i complimenti e gli au- Che dire! nomia regionale e cittadina, con i com-
guri più consapevoli, ma che indu- Non è scontato che un periodico lo- ponenti delle istituzioni pubbliche e
ce anche a qualche considerazione cale viva e riscuota sempre maggiore delle associazioni di categoria, è indi-
sul significato di quella sopravviven- successo. ce di una determinazione a non lascia-
za. Maturato, credo all’inizio, dalla cul- re nulla di intentato per rendere par-
I duecento numeri de “Il Centro” tura di una appassionata militanza po- tecipi delle vicende della comunità.
dimostrano che Enrico Dello Sbar- litica del Direttore in un settore della Un servizio agli altri ed alla partecipa-
ba si è ostinato ad alimentare, in sé D.C. moderato nella sua compagine, zione che soltanto chi ha vissuto tem-
28 speciale 200 numeri

pi bui può rendere perchè si manten- svolto contribuendo a portare con la Grazie a “Il Centro” ho potuto iscri-
gano le conquiste recenti della libertà rivista il Centro un grande contributo vermi all’Ordine dei Giornalisti Pub-
di opinine, di voto di contestazione. culturale, politico, e di informazione blicisti.
E cade a pallino una citazione che un istituzionale. Che dire... Grazie e lunga vita a que-
giovanissimo candidato ha fatto pro- Tutto questo grazie alla sensibilità sto realtà importante di Livorno!
prio ieri: “colui che fa politica deve e alla grande attenzione dei processi
essere un Ministro. Ministro è la stessa che interessano la vita politica,
parola di minestra, perciò è uno che l’economia, la cultura della nostra
deve servire nel senso letterale del ter- provincia.
mine. Fare politica significa mettere a Non pochi amici, mi hanno riferito
disposizione le proprie capacità - pic- di apprezzare la rivista, per come
cole o tante che siano - per realizzare in modo serio e attento affronta i
qualcosa che si ritiene utile ai propri temi di interesse delle nostre comu-
cittadini”. nità
Così hanno operato Enrico Dello Congratulazioni, per il risultato e l'ot-
Sbarba e molti suoi collaboratori, co- timo lavoro svolto, auspico che la ri-
stanti, attenti, a servizio dell'informa- vista continui ad ottenere grandi ri- Piero Pizzi
zione e delle idee critiche nuove. Eti- sultati anche in futuro.
già consigliere regionale D.C.
ca della informazione scrive Luciano Tanti auguri.
Floridi. Più prosaico ricordo le ‘goc- Un bel traguardo quello raggiunto da
ce che scavano la pietra’, come si suol “ Il Centro” , interessante pubblica-
dire. zione voluta da un gruppo di amici li-
vornesi guidato dal caro amico Enri-
co Dello Sbarba. Complimenti a tutti
loro.
Leggo sempre con interesse il gior-
nale i cui contenuti non sono mai ba-
nali .
Colpisce in primo luogo la capacità
di analizzare con grande apertura tutte
le opinioni , con chiarezza ma con gar-
bo e rispetto e di promuovere even-
ti tutti interessanti.
Oggi c’è bisogno di “voci” di infor-
Matteo Pieracci mazione corretta e sapiente che sap-
pubblicista pia guardare al futuro.
Aggiungo che non siamo più abituati
Esprimere quello che è stato per me ad opinioni corrette e rispettose delle
Paolo Pacini “Il Centro” e racchiudere ciò in po- idee altrui . Mi si consenta di rim-
già sindaco di Cecina che parole non è semplice. piangere i tempi nei quali come se-
Ricordo con piacere la presentazio- gno di maturità i nostri maestri in po-
Fa sempre piacere scrivere un saluto ne del libro del Dott. Borghini litica ci insegnavano ad ascoltare le
a un direttore di una rivista per il pre- “Caro amici miei”, in cui svolsi il ruo- ragioni degli altri . Magari per criti-
stigioso risultato della duecentesima lo di relatore, le mostre itineranti carle e combatterle ma con rispetto .
uscita. dedicate al compianto Alcide De Non era di moda neppure la ricerca
Rivista molto apprezzata per il ruolo Gasperi, ma anche l’opportunità di del consenso attraverso slogans ad
di comunicazione e di informazione aver conosciuto persone di inesti- effetto, battute triviali, aggressioni degli
per il nostro territorio. mabile valore come il nostro Presi- avversari politici come accade oggi .
Desidero congratularmi personalmen- dente Enrico Dello Sbarba, Luca Li- Neppure era consentito promettere
te con l’amico Enrico Dello Sbarba e schi, Francescalberto De Bari, Sil- cose impossibili per guadagnare voti
suoi stretti collaboratori, per la pro- via Menicagli e tante altre persone nella campagne elettorali.
fessionalità e per il lavoro che hanno splendide. La politica era confronto fra opzioni
speciale 200 numeri 29

di governo diverse ed anche scontro molto forte e che risente dell’identità


fra modelli di società alternativi, ma forte di una città che, da sempre, è al
mai mancava il rispetto degli avver- centro della politica italiana e che
sari. spesso, anche recentemente, ha an-
Appartengo ad una generazione che ticipato cambiamenti politici e nuove
ha conosciuto persone che si sono tendenze della società.
battute per la nascita ed il consoli- Lo fa in quel modo schietto e forte, tipi-
damento della democrazia, spesso co di Livorno e dei livornesi,senza es-
perseguitate durante il fascismo , e sere mai provinciale ma con una gran-
che hanno assicurato all’Italia de- de apertura mentale e di prospettiva.
cenni di libertà e di crescita econo- C’è la vecchia cultura dei partiti di un
mica e sociale come mai nella storia tempo che si mischia a quella innova-
italiana. Stefano Polli tiva dei nuovi schieramenti politici, la
Uomini e donne che con la loro cul- vice direttore ag. Ansa cura della tradizione e della storia e il
tura, i loro valori e la loro militanza coraggio di avere una visione su un
davano garanzia in Italia e all’estero Il giornalismo e l’informazione attra- mondo che cambia molto velocemen-
di solidità sia personale sia politica. versano un momento di grande diffi- te dal punto di vista politico, econo-
Per questo non sopporto la siste- coltà, a voler essere ottimisti un peri- mico e sociale.
matica denigrazione di quelle perso- odo di transizione tra il vecchio mon- E poi, come detto, c’è la qualità del-
ne e di tali eventi storici declamata do, che tutti conosciamo, e il nuovo, la scrittura, la verifica certosina delle
con supponenza da alcuni leaders di sul quale le idee non sono molto chia- notizie, l’attenzione alle piccole cose
oggi . Indizio di una sconcertante re. Il futuro di questo antico e nobile che è propria del buon giornalismo.
ignoranza della storia e di indifferen- mestiere è avvolto in una nebbia piut- Leggere gli articoli del Centro fa sen-
za verso i valori fondanti della nostra tosto fitta. tirsi a casa e nel Centro ci sono molti
democrazia. E allora dobbiamo accogliere con cari amici che ringrazio e ai quali chie-
Mi auguro che si ritrovi la bussola ed gioia e riconoscenza lo storico com- do perdono perché non mi faccio sen-
il buon senso che sembrano scom- pleanno del ‘Centro’ e rendere me- tire abbastanza.
parsi con l’affievolirsi dello spirito di rito a chi continua a lavorare con l’an- Tutto questo è ancora più vero so-
tolleranza e di generosità verso gli al- tica capacità dell’artigiano per con- prattutto per chi, come me , è cre-
tri, il milite ignoto di questi anni spa- sentire, auspicabilmente ancora per sciuto in un paesino sulla costa livor-
valdi . molto tempo, la pubblicazione di un nese per poi trasferirsi lontano, sen-
In alcune località delle nostre cam- giornale di rara qualità e profondità. tendo sempre, di quella costa e di quel
pagne ancor oggi, dopo il tramonto, Perché il punto è proprio questo. mare, di quella parlata forte e allegra,
nel ricordo di antiche tradizioni, è pos- Assediati dalla ‘velocità’ dell’infor- una grande nostalgia.
sibile ascoltare il suono di una cam- mazione di oggi, dalla bellissima tec-
pana ,la “smarrita”, che serviva ad nologia che ci permette di essere
orientare i viandanti che avevano ‘connessi’ e informati in tempo reale
smarrito la strada . Proviamo anche durante tutta la giornata – e anche la
oggi a suonare “la smarrita” per la notte – non siamo pienamente con-
politica . Chissà !! sapevoli di quanto sia importante
Mi piace “Il Centro “ anche perchè poter avere la possibilità di prender-
promuove il dibattito ,sempre cor- ci un po’ di tempo, leggere e riflette-
retto ed approfondito, sulle tematiche re attraverso articoli che siano un po’
locali, segno di amore verso la città più lunghi dei sempre più corti articoli
ed il territorio . Le voci che leggiamo di oggi e che contengano analisi e
ci sono anche di aiuto a capire La qualche chiave di lettura stimolante.
complessità dei problemi sul tappeto Tutto questo avviene nel Centro. C’è
in un momento molto difficile della una visione aperta sull’Italia, sull’Eu- Mario Rencricca
nostra storia . ropa e sul mondo con una forte vo- dirigente nazionale APVE
Duecento numeri sono tanti ma vo- lontà di provare a capire e provare a
glio considerarli solo una prima tap- spiegare Caro Enrico, ...e sono 200!!! Bravo,
pa di un lungo cammino. E’ un giornale che ha una identità bravo, bravo!
30 speciale 200 numeri

Pur essendo romano e abitante a Grazie anche all’organizzazione di in-


Roma, seguo sempre con molto inte- contri, di tavole rotonde, di conve-
resse il Periodico “Il Centro” che non gni, di dibattiti attraverso il Centro
si ferma soltanto a commentare, pro- Culturale, Il Centro si è saputo gua-
porre e scrivere sui problemi di Li- dagnare un ruolo fondamentale e ri-
vorno, ma spazia anche su argomenti conosciuto nella vita della nostra co-
della vita nazionale. munità sociale, contribuendo alla cre-
StarVi vicino significa per me com- scita culturale di tutti noi cittadini.
prendere meglio la città dove vive una
delle venti Sezioni dell’APVE - As-
sociazione Pionieri Veterani Eni di cui
ho un incarico direzionale a livello na-
zionale. Carla Roncaglia
Congratulazioni, auguri e buon pro- presidente Istoreco
seguimento al servizio della Comuni-
tà. Stiamo vivendo un tempo in cui tutto
sembra essere diventato meteora e
come non mai l’apertura del biblico
Ecclesiaste “ Vanità delle vanità tutto
è vanità e un inseguire il vento....” sem-
bra la lettura più appropriata anche
di questi nostri anni disorientati, im-
pauriti, senza più né radici né orizzonti.
Angelo Roma Perciò quando cade un anniversario
già presidente Toremar importante, che riguarda qualcosa o
qualcuno che fa parte del paesaggio
Il Centro festeggia il suo 200° nume- storico, culturale,civile, democratico
ro, un traguardo di tutto rispetto. a cui ostinatamente siamo legati, ci
Il Vostro periodico culturale è riusci- sentiamo confortati dal constatare che
to lentamente a diffondersi nella no- ci sono esperienze, persone che sfi-
stra città, ed oggi è apprezzato da
Alberto Ricci molti.
dano il vento e resistono a presidiare
le loro idee, così abbiamo voglia di
presidente Confindustria Si è talmente radicato, che, se non si condividere con loro la soddisfazio-
Livorno Massa Carrara è stati invitati a presenziare ad uno ne, l’orgoglio, le speranze di chi di
La rivista “Il Centro” si è confrontata, dei Vostri incontri, viene da chiedersi quell’anniversario è protagonista. In
numero dopo numero, con la mute- “come mai?”. questo caso ancora di più perchè si
vole realtà della politica, dell’econo- Auguri! tratta di un giornale ( non un “giorna-
mia e della società di Livorno e lo ha lone” come direbbe qualcuno dei ven-
sempre fatto in una chiave coerente ditori di vento che va per la maggio-
con la storia della nostra città, mai ce- re...), ma un periodico sobrio, sem-
lebrativa ma sempre critica e interpre- plice, attento agli umori della comu-
tativa. nità locale ma anche agli sfondi più
Inevitabilmente il numero 200 de Il complessi del Paese e del mondo,
Centro comporta uno sguardo intro- accogliente e pacato nelle sue argo-
verso e retrospettivo che costringe a mentazioni, mai fazioso, sempre di-
riflettere sulla nostra storia. Abbiamo gnitoso nella sua artigianalità ,che da
a disposizione centinaia e centinaia di 19 anni esce con ammirabile puntua-
articoli e riflessioni che evidenziano i lità ed ha raggiunto il traguardo del
pregi e i difetti del nostro vivere. duecentesimo numero.
Ringrazio il Direttore Enrico della Credo che questo risultato straordi-
Sbarba per la serietà e l’entusiasmo nario conseguito dal “ Il Centro” sia
che lo hanno sempre contraddistinto. dovuto anzitutto alla passione e al-
speciale 200 numeri 31

l’equilibrio del suo infaticabile diret- tenze industriali del mondo, oltre a tutti e due - pur su sponde un po’ di-
tore e di tutti i collaboratori che negli fare commenti e proposte sulle real- verse - siamo riusciti a mantenere il
anni gli sono stati vicino, ma anche, tà del momento. nostro impegno sociale e politico ba-
nell’avvicendarsi degli scenari politici In quell’epoca ero ancora Sindaco sato sul rispetto ed il dialogo con l’av-
che hanno segnato quest’ultimo ven- del nostro paese, tra l’altro primo Sin- versario ed a continuare ad operare
tennio, alla capacità di interpretare ed daco democristiano del Comune con- per cercare il bene delle nostre rispet-
attualizzare ogni volta il messaggio quistato per primo in Toscana dai tive comunità.
impegnativo, implicito nel suo nome, socialisti nel 1895, quando c’era an- Oggi il mondo è completamente cam-
diventando anche una associazione cora la miniera di rame e da poco vi biato ed è divenuto molto difficile par-
presente e attiva nella vita della no- era stata costituita la Società “Mon- lare di politica in maniera seria e co-
stra comunità. tecatini” ed escluso il ventennio fa- struttiva in una società in continua evo-
Mi sento perciò di ringraziarli per scista, era sempre stato amministra- luzione in cui hanno preso il soprav-
questa fedeltà alla propria identità, to dai partiti di sinistra che, nell’Alta vento modalità “becere” alle quali non
per il loro essere stimolatori intelligenti Val di Cecina, dal dopoguerra ave- eravamo certo abituati, che ritengo
di confronto democratico, sul piano vano il dominio assoluto nella zona. molto peggiori degli anni difficili del
politico e culturale, ed auspico che “Il Lo sono stato per tre mandati dal dopoguerra dove con la solidarietà e
Centro” resti una voce “forte e libe- 1990 al 2004, poi sono stato “rotta- la fiducia nelle istituzioni riuscimmo a
ra” ancora per molti anni. Con since- mato” con la nuova Legge per l’ele- superare momenti davvero dramma-
ra amicizia. zione dei Sindaci. tici.
Mi sembra di ricordare che la nostra Ora si rigetta tutto, persino quanto ha
conoscenza deve essere avvenuta significato l’Unione dell’Europa, nata
nell’estate del 1941, io ero arrivato nel 1950, guarda caso, per volere e
a Montecatini alla fine del 1940, quan- l’impegno di tre democristiani: Ade-
do mio babbo ritornò a Montecatini nauer, De Gasperi e Schuman, che ha
quale titolare nella gestione dell’Uffi- consentito a questo continente, per la
cio Postale dove, in anni passati, era prima volta nella sua storia, di trascor-
stato anche il Tuo. Per anni hai tra- rere oltre settanta anni di pace. Pur-
scorso in questo paese le vacanze troppo oggi è arrivata l’epoca della
estive ospite di Tua zia Rita Zannotti prepotenza e del capitalismo selvag-
nella sua casa in Via San Michele. gio con i Trump, i Putin, gli Xi Jinping
Nello scriverTi in occasione della pub- e da noi quella di Salvini e soci.
blicazione del 200° numero, di cui mi In questi vent’anni non Ti ho mai ac-
debbo complimentare vivamente, contentato quando mi chiedevi di scri-
Renzo Rossi chiedo scusa ai Tuoi collaboratori, ma vere un mio pensiero su “Il Centro”,
già sindaco “Il Centro” l’ho sempre identificato prima mi giustificavo con gli impegni
Montecatini Val di Cecina con la Tua persona, perché ne sei sta- per il Comune e poi, purtroppo, i fatti
to l’anima vitale. Con l’andare del della vita me lo hanno impedito, ma in
Caro Enrico, sembra ieri quando ve- tempo sei riuscito a spaziare, oltre che questa occasione che considero ec-
nendo a Montecatini Val di Cecina tuo sulla situazione politica, purtroppo cezionale ci sono riuscito. Con quan-
paese d’origine, come spesso eri so- sempre precipitata più in basso, sulle to ho scritto ho inteso evidenziare l’im-
lito fare, in un lontano giorno di venti problematiche e le attività della zona pegno che avete profuso per tenere
anni fa mi portaste il primo numero livornese-pisana e non ti sei nemme- in vita sia la stampa de’ “Il Centro”,
de’ “Il Centro” spiegandomi le finali- no dimenticato di pubblicare notizie sia le attività di confronto e dialogo
tà di questa pubblicazione mensile di su Montecatini. con il “Circolo Culturale” reso parti-
fronte al vuoto politico e ideale veri- Caro Enrico, ho parlato poco del colarmente attivo con incontri e con-
ficatosi dopo tangentopoli. Sono giornale, ma per lo più dei ricordi che ferenze sui problemi politici, econo-
quindi trascorsi due decenni nel cor- ho di noi da quando eravamo ragazzi mici e sociali della società in cui ci ri-
so dei quali sei riuscito a tenere vivi e poi, seppur lontani, ci siamo ritro- troviamo a vivere.
ricordi di idee, persone e fatti che ri- vati ad avere la stessa fede politica. Termino queste mie modeste righe con
sollevarono l’Italia dal baratro in cui Dal 1994 tutto è cambiato politica- un grazie a Te, caro Enrico, ed insie-
era caduta dopo l’ultima grande guer- mente e quelli che erano i nostri ide- me a Te ringrazio gli amici e collabo-
ra portandola tra le prime otto po- ali sono stati ridotti a “brandelli”, ma ratori di questo viaggio politico-cul-
32 speciale 200 numeri

turale con cui negli anni avete contri- vato ai Club cittadini con i quali col-
buito a tenere viva questa voce a di- labora nell’organizzazione di eventi di
fesa dei valori civili e morali su cui si cultura e di valenza sociale.
basa la nostra Costituzione e conclu- “ Ti ospito volentieri nelle mie pa-
do con il ricordo di quanto ebbe a gine” questo è il garbo con cui Enri-
dire, in un momento difficile della vita co mi propose di scrivere per il suo
nazionale, Aldo Moro: “Questo Pae- giornale, un modo affabile, che diffi-
se non si salverà, la stagione dei diritti cilmente si riscontra … non solo nel-
e delle libertà si rivelerà effimera, se in la vita, ma soprattutto nel mondo del
Italia non nascerà un altro senso del giornalismo. La collaborazione col
dovere”. Centro è stata per me una grande
Un abbraccio affettuoso. opportunità di incontri con studiosi e
personaggi come lo storico Franco
Angela Simini Cardini, i giornalisti Stefano Polli, Giu-
presidente Fidapa Livorno seppe Mascambruno, Luigi Vicinan-
za, Mario Lancisi, il costituzionalista
“Il Centro”, mensile diretto da Enri- Emanuele Rossi …. l’elenco è lungo
co Dello Sbarba che ne è anche il e molto nutrito. Importanti i convegni
fondatore, con l’edizione odierna toc- sulla grande figura di Don Lorenzo
ca la straordinaria quota di 200 Milani, su Amedeo Modigliani con
uscite! Buon compleanno dunque, la presenza del critico Carlo Pepi,
con le candeline e con le bollicine! sull’Acquedotto Leopoldino, questi
Meritate e conquistate in vent’anni due ultimi presentati in collaborazio-
di attività ! ne con la Fidapa, per non parlare
Ossia in venti anni della vita di un delle presentazioni di libri a Livorno,
giornalista come Enrico Dello Sbar- a Castiglioncello, a Rosignano...E c’è
Giulia Russo ba, che ne ha fatto la sua bandiera, anche la pagina riservata al Teatro
laureata con la cura particolare che ha riser- Goldoni, degli spettacoli ai quali Del-
vato al giornale, all’omonima Asso- lo Sbarba assiste personalmente, sen-
A Dicembre 2018 ho conseguito gli
ciazione Culturale “Il Centro” che lo za trascurare altre sale, agli artisti.
ultimi esami di Comunicazione Gior-
sottende, alla sua diffusione con la Gli sono particolarmente grata per il
nalistica presso la Facoltà di Scienze
quale entra in contatto con la città e lavoro che mi ha consentito di fare,
della Comunicazione dell’Ateneo di
ne sonda l’umore. La tenuta per venti per le esperienze che ho maturato, per
Pisa. La mia preparazione in materia
anni di un giornale, che si stampa in l’organizzazione di eventi in collabo-
era per lo più teorica.
gradevole veste grafica e che si di- razione con la Fidapa BPW e per lo
Il Centro, mi ha accolta, e formata.
stribuisce gratuitamente, parla da sola spazio che ha riservato sul Centro a
In breve tempo, mi è stata affidata la
della sua valenza, della fiducia che gli questa Associazione di cui faccio par-
sezione dedicata al turismo di Livor-
sponsor gli prestano e della stima dei te.
no, e successivamente, mi ha avviata
lettori. E dunque “ Forza Enrico e Avanti
all’arte dell’intervista. In occasione del
Dello Sbarba ha una fede politica, Tutta !”
duecentesimo anniversario, un caldo
vissuta con serenità e nobiltà d’ani-
ringraziamento va al Centro, ed in
mo, aperto all’incontro e al dialogo,
particolar modo al Direttore Enrico
saggiamente capace di intervistare
Dello Sbarba, per aver creduto nelle
chiunque senza faziosità. Il Centro è
mie capacità, ed avermi permesso di
un mensile completo, con l’ apertura
crescere professionalmente.
all’ Europa, alla politica italiana, ai
fatti del momento, alla vita della cit-
tà, del porto, della scuola e dei pro-
tagonisti degli eventi dei quali leggia-
mo le interviste. E non mancano la
pagina dell’ironia, della cultura (e si
intende alta cultura), lo spazio riser-
speciale 200 numeri 33

partito del Papa e dei vescovi, ma tro” per rendersi conto dei progressi
di cattolici convinti e liberi, che in- ottenuti in ambedue le direzioni. Il pe-
tendono servire la presenza cristia- riodico del Circolo culturale omoni-
na anche nella difficile realtà politi- mo è diventato “più bello”, con una
ca. Saluti. veste editoriale di tutto rispetto. Che
invita a sfogliarlo, per soffermarci su
quanto, all’interno, accende la curio-
sità: non solo politica stimolante, ma
anche rubriche di approfondimento e
cultura. Il mestiere di scrivere, con la
passione ha molto a che vedere : met-
+ Gastone Simoni tersi a tavolino, e dimenticare tutto il
già vescovo di Prato resto, è un atto di puro piacere, che si
rinnova quando entri in sintonia con
Caro Enrico, arrivo fuori tempo mas- un lettore. Al “Centro”, nel duecente-
simo a inviarti questo semplicissimo simo numero della sua “nobile” storia
biglietto per l'anniversario del tuo pe- , l’augurio di una sua felice diffusione
riodico “Il Centro”. Un biglietto che che possa toccare la mente e il cuore
forse non potrai neppure pubblicare Marisa Speranza di altri numerosi lettori.
nel numero speciale, ma che almeno pubblicista
potrai conservare nel tuo archivio.
Sì, considera anche me sebbene ri- L’invito di Enrico Dello Sbarba a rin-
tardatario tra quanti hanno parteci- verdire il ricordo di tanti anni di mia
pato a questa giusta memoria di un presenza in questo giornale, mi ha
foglio valoroso com’è il tuo. svegliato da un recente letargo che
Ma sai, Enrico, qual è il motivo for- ha private motivazioni. Perché “il
se maggiore del mio ritardo? Mi per- Centro” ha contato (e conta) molto
metto di scriverlo perché sia più fa- per me.
cile per te e gli amici perdonare la
mia inadempienza. Te lo posso assi- E’ stato il mio appuntamento mensile
curare: una delle ragioni del mio ri- con una platea di lettori di ogni età.
tardo è stato il fatto che spesso, an- Un finestra aperta sui fatti e misfatti
che negli ultimi tempi, da quando mi che hanno scosso la vita livornese,
chiedesti un contributo scritto, sono ma con lo sguardo rivolto all’Italia
stato impegnato molti giorni a segui- intera. La molla della curiosità mi ha
re non da politico ma da pastore un spinto in tante direzioni, come osser- Franco Spugnesi
notevole gruppo di persone che, gra- vatrice attenta che vuole capire. Un già rappresentante sindacale
zie a Dio, sta crescendo, che sono bisogno, questo, che il giornale con- dei bancari Cisl
all’opera per far risorgere in Italia un tinua a testimoniare. Che esista an-
partito di chiara ispirazione cristia- cora “il Centro” mi sembra una pro- Mentre redigo queste righe la politica
na. So bene che anche tu sei un ope- va di coraggio e passione editoriale: livornese si trova in una “terra di mez-
raio di questa impresa che sembra del suo Direttore e dei numerosi col- zo”, con il ballottaggio a candidati sin-
impossibile. E' bene che quanti ver- laboratori. Credo sia rimasto l’unico daco tra Luca Salvetti per il centro
ranno a sapere di questa avventura mensile esistente in città, ancora ca- sinistra e Andrea Romiti per il centro
in cui anche un vescovo è impegna- pace di dare una scossa invitando alla destra, che ci darà una definizione
to ne saranno contenti. Tanto ti vo- discussione e al confronto. Dare vita della prossima Amministrazione co-
levo dire. a un giornale, e mantenerlo in buona munale.
Auguri per “Il Centro”. Preghiamo salute, non è cosa da poco: richiede Questo mese è anche un mese spe-
lo Spirito Santo che ci aiuti in un impegno costante e faticoso. Bi- ciale per Il Centro, il nostro periodi-
un’opera che intende essere coeren- sogna crederci ed essere ostinati nella co raggiunge a giugno il numero 200,
te con l’inevitabile compito politico ricerca del meglio. Che è sostanza ma cioè più di 18 anni di ininterrotte pub-
dei fedeli laici. Se verrà, non sarà un anche forma. Basta sfogliare “il Cen- blicazioni, di attenzione ai temi sociali
34 speciale 200 numeri

del territorio sempre nel rispetto di Promuovere un confronto sano e ci- viata. Da un lato, c’è da capirlo. Il Cen-
tutte le opinioni e le posizioni ragio- vile sulle cose da fare, svelenire po- tro (non solo la rivista ma anche il circo-
nevoli. lemiche spesso montate ad arte, re- lo) è un luogo di discussione aperto, mo-
Allora ci sentiamo particolarmente stituire ai cittadini la possibilità e la derato, democratico. In questo, proprio
gratificati e caldamente ringraziamo voglia di interessarsi con responsa- all’opposto del mondo a cinque stelle.
l’amico Luca Salvetti, che abbiamo bilità alla vita della città, questo ab- Però se a causa della scelta dell’ex
sostenuto ed incoraggiato durante tut- biamo cercato di fare in tanti anni. Sindaco per un breve periodo il Cen-
ta la campagna elettorale, per come Speriamo di continuare per molti anni tro ha perso il Comune, anche il Co-
si è comportato nel corso degli in- ancora. mune ha perso il Centro. Infatti, to-
contri con le altre forze politiche in gliendo i circoli dei partiti o movimenti
vista del ballottaggio. Luca si è ri- politici che per definizione sono por-
cordato cioè che esiste il “centro”, tatori di istanze proprie, a Livorno i
chiaramente non riferendosi al no- luoghi di discussione politica aperta e
stro giornale ma del centro come senza preconcetti non sono molti e la
area politica (che unisce moderazio- particolarità de “Il Centro” è riassun-
ne e progresso, innovazione e ragio- ta dal suo nome.
nevolezza) quel “centro” che con Il centro è il punto da cui è più facile
facilità sinistra e destra associano alle osservare tutta l’area politica. E’ il
denominazioni elettorali (con il trat- punto dove non si è condizionati da
tino quando va bene) per poi dimen- visioni ideologiche che imbrigliano il
ticarsene completamente nei loro ragionamento guidandolo in solchi
comportamenti. tracciati da altri e che in genere por-
Luca invece, di fronte alle richieste tano a schiantarsi da qualche parte.
delle forze collocate alla sinistra del Graziano Toncelli E’ anche un punto di equidistanza,
Partito democratico ne ha tenuto di già vice sindaco di Livorno cosa che consente di provare a capi-
conto, ha tenuto di conto dei voti ri- re punti di vista diversi.
cevuti da quest’area, ha respinto di Si narra che l’ex Sindaco pentastella- In una città che ha la caratteristica di
apparentamento con Buongiorno Li- to di Livorno avesse chiesto esplicita- essere spesso dogmatica, il Centro è
vorno, proponendo invece, con vero mente di non rendere disponibili co- una forza tranquilla che si muove in
spirito civico, un chiaro accordo non pie de “Il Centro” all’interno del Co- direzione ostinata e contraria per dare
sulle ideologie ma sulle cose da fare. mune, cosa che fino a quel momento un punto di vista diverso.
Vedremo come andrà a finire. era avvenuta senza problemi, eviden- Dopo tutto, quando entriamo in una stan-
Ma è chiaro che anche Il Centro è temente temendo che la macchina co- za dove si trova in genere la lampadi-
servito con i suoi 18 anni di lavoro a munale (sia politica che tecnica) ne na? Al centro. E quindi, Tanti Auguri
qualcosa! potesse essere pericolosamente tra- al Centro e... 200 di questi giorni!

una costante realtà diffusa


sul territorio di Livorno, Rosignano
e in larga parte della Toscana
politica
Cultura

Per. Ind. Claudio Cavallini Imballaggi industriali - Servizi


✦ Sicurezza Facchinaggio - Gestione aree verdi
✦ Tecnologie - Ambiente
✦ Energia - Lavoro Via dell’Industra 1/B - Tel. 0586/767500 - Fax 0586/792299
✦ Perizie Giurate ROSIGNANO SOLVAY
✦ Corsi Formazione ✦ HACCP info@logiros.it - web site: www.logiros.it
S .T.A.E.L. sas
.T.A.E.L.
Sede operativa regionale Toscana:
Via Le Spianate 43 - Rosignano M.mo
Tel./fax 0586.759023 - Cell. 334.5265673 -
E-mail: info@studiostael.it

Vendita al dettaglio
di carni e salumi
interamente prodotti
e lavorati in azienda
Loc. Poggio Marchino - Rosignano M.mo
Tel. 0586.799032
Cell. 338.661.38.16 - 333.824.10.52
Per iEconomia
tuoi lavori
tipografici
Corsi di formazione per la sicurezza
dei lavoratori, patentini per PLE, GRU,
CARRELLI ELEVATORI, movimento
terra, trattori portuali, agricoli e
forestali, ponteggi PiMus, lavori in
quota e confinati. Attestati Elettricisti
PAV e PES, ecc.

ADDESTRA Via G.Razzaguta 26, int. 13


Sede operativa regionale Toscana: LIVORNO
Tel. 0586/1732178
Via Le Spianate 45 - Rosignano M.mo
Tel./fax 0586.759023 - Cell. 334.5265673
E-mail: toscana.li@eco-cert.it

info@portolivorno2000.it

www.porto.livorno.it
politica 37

Partito di Centro
che guarda a sinistra
di Giuseppe Franceschi

Nell’occasione del duecentesimo nu-


mero de “Il Centro”, fondato dall’ami-
co Dello Sbarba, mi è gradito fare al-
cune considerazioni su quello che in
politica non è certamente un punto
geometrico, ma un luogo che in Italia
e in Europa è stato durante il ’900
confluenza di forze democratiche ca-
paci di generare e guidare lo sviluppo.
Non mi soffermo sull’idea del Centro
di Sturzo, l’ho fatto in un precedente
numero; merita invece un approfondi-
mento la definizione degasperiana che
ho scelto come titolo, scritta da An-
dreotti, ma dettata da De Gasperi, in
un articolo sul Popolo nel ’46 e ripre-
sa più volte dallo Statista trentino stes-
so. Alcide De Gasperi durante un comizio.
L’espressione significa che la DC non
avrebbe mai fatto alleanze con la de- ni nel ’60 accettò l’appoggio esterno sinistra massimalista e leninista, ma
stra postfascista, neppure in elezioni del M.S.I., dopo i disordini cadde il dopo i governi per così dire ciellenisti,
amministrative con alta valenza politi- governo e Fanfani con Moro incomin- soltanto con le forze moderate di de-
ca, come accadde nel ’52 a Roma ciò a preparare il centro-sinistra. Non stra (P.L.I.) e di sinistra (repubblicani
(operazione Sturzo); quando Tambro- significa certamente alleanza con la e socialdemocratici).
Andreotti in un’intervista spiega che
De Gasperi prese spunto dai limiti del
Zentrum tedesco, che schiacciato tra
nazionalsocialisti e socialdemocratici
non riuscì a sbarrare la strada ad Hit-
ler; lo statista trentino con un rimpasto
favorì la presenza nel suo quarto go-
verno dei socialdemocratici di Saragat
dopo la scissione di palazzo Barberini.
Il significato profondo dell’espressio-
ne era quello della ricerca del nuovo
verso la realizzazione della democra-
zia compiuta, perché gli interessi degli
Italiani di tutte le categorie sociali po-
tessero essere rappresentati appieno.
Era una strategia precisa da persegui-
re attraverso la politica delle alleanze
alla quale De Gasperi rimase sempre
fedele anche dopo il successo del ’48,
nonostante il dissenso dei dossettiani e
del Vaticano; in una conversazione con
Don Luigi Sturzo segue a pag. 38
AZIENDA STORICA
Dal 1839 Olivete e Frantoio
in Bibbona (LI)
Vendita diretta
Olio Extravergine di Oliva
e linea cosmetica
a base di polifenoli
www.peccianti.com
Tel. 0586/670087

Acli LaborSOCIETÀ COOPERATIVA

Edilizia - Pulizie civili e industriali


Via Risiera San Saba 19 - Castiglioncello (LI) Giardinaggio
Tel. 0586.764080 - Cell. 347.7683628 Via del Mondiglio 18, loc. Le Morelline, Tel. 0586.790.751 - Rosignano S.
www.aclilabor.it

Stampiamo di di tutto
tutto anche
anche

O.M.P.
Stampiamo
in limitato
in limitato numero
numero di di copie
copie
a prezzi veramente eccezionali
a prezzi veramente eccezionali S.r.l.

CHIEDETECI UN
CHIEDETECI UN PREVENTIVO
PREVENTIVO ROSIGNANO SOLVAY
Via G.Razzaguta 26, int. 13 (zona
(zonaCollinaia)
Collinaia)- Livorno Via G. Rossa 24 Tel. 0586.791174

Tel. 0586/1732178
Fax. 0586.791173
E.mail: omp@omprosignano.it

Via della Repubblica 118

CA.PA. TER s.r.l.


ROSIGNANO SOLVAY
Tel. 0586/794962 - Fax 0586/764026
e-mail: coopgiglio@tin.it
Ca.Pa. Ter è da tempo un autentico punto di riferimento sul territorio
toscano per opere di movimento terra e lavori di edilizia pubblica e privata Dal 1963 operativi in Toscana con autisti e servizi multilingua
di qualunque tipologia, con competenze specifiche nella costruzione e
nella manutenzione di fognature, canali di drenaggio e sistemi di bonifica. Via della Villana 126, Rosignano Solvay-Castiglioncello
Via Don Luigi Sturzo n. 172 - Tel. 0586.984479 - Guasticce (LI) Telefono: 0586 760981

GUIDI Soc. SECOS srl

Costruzioni Edili e Industriali Associazione Nazionale Amministratori


Condominiali e Immobiliari

Via Modigliani, 21 - Rosignano Solvay ANACI Sezione di Livorno


Tel. 0586.760153 - Fax 0586.760414 Via Puini 97 Int. 35 - Livorno

IL GIGLIO S.C.R.L.

Erogazione del servizio


di manutenzione di aree verdi
Imballaggio industriale - Trasporti - Facchinaggio - Servizi Via della Repubblica 118 - Rosignano S.
Piazza Monte alla Rena, 5 - Rosignano Solvay Tel. 0586/794962 - Fax 0586/764026
Tel. 0586.793288 - Fax 0586.793304 e-mail: coopgiglio@tin.it

Di Gabbia A. & Figlio


COSTRUZIONI - stradali - fognature - acquedotti
SRL

PRODUZIONE - emulsioni bituminose - conglomerati bituminosi - MEZZI PROPRI


Sede Legale Uffici, Impianto: Via dello Struggino 24 - Livorno (loc. Picchianti) Tel. 0586/428121 e-mail: info@digabbia.it
politica 39

da pag. 37 tecnocratico, che per sua stessa natu-


un gruppo di amici a Castel Gandol- ra tende a divenire assoluto, sottomet-
fo De Gasperi spiegò l’importanza te a sé la politica e trasforma il capita-
della presenza nel governo dei parti- lismo in una macchina che produce la
ti laici, considerato il ruolo che la ricchezza di pochi e la povertà di tutti
cultura laica aveva avuto nella sto- gli altri con serie conseguenze sull’am-
ria d’Italia. biente e sulla vivibilità del globo.
Questa linea rimase l’asse principa- Nessuno può illudersi di risolvere que-
le della politica italiana anche nelle sti problemi senza l’Europa di concer-
altre fasi della prima Repubblica: to con le grandi potenze: America, Rus-
centro-sinistra, solidarietà nazionale sia, Cina.
(finita tragicamente con l’assassinio Il prof. Botturi, titolare di filosofia mo-
di Moro), governi del preambolo, rale all’Università Cattolica di Mila-
pentapartito, fino alla caduta del muro no affronta il problema delle defor-
di Berlino. mazioni della tecnologia nel mondo
In seguito sono state introdotte leggi contemporaneo in una conferenza,
elettorali d’impianto prevalentemente pubblicata su una rivista periodica
maggioritario, che hanno concorso alla Giulio Andreotti (Vita Nostra), con il titolo “Abitare la
dissoluzione del Centro favorendo la tecnica: ideazione e desiderio”. L’in-
nascita di due grandi coalizioni diso- sovranista e i Cinque-Stelle, caratte- signe filosofo conclude l’intervento
mogenee a discapito della stabilità dei rizzati da un populismo che oscilla con- con queste parole: “Forse, allora il se-
governi, senza approdare peraltro né tinuamente su tutto l’asse dello schie- guente potrebbe essere lo schema ide-
al presidenzialismo né al premierato. ramento, mentre il vecchio Centro, ale delle giuste relazioni, in cui il desi-
Il quadro poi è diventato tripolare con sempre più esiguo, è rimasto diviso tra derio (antropologico) [di creare ric-
il successo alle elezioni politiche del destra e sinistra. chezza] regolato dalla ragion pratica
2013 dei Cinque – Stelle, che con il In questa nuova situazione, che si po- (morale) motiva e governa l’efficien-
mito della democrazia diretta hanno trebbe evolvere assumendo la fisio- za tecnica e il potere dispositivo che
raccolto voti di un elettorato eteroge- nomia di bipolarismo degli opposti vi si connette…” e riporta un diagram-
neo. estremismi, il prevalente proporziona- ma dal quale si evince che il potere
Dopo la vittoria del “no” al referen- lismo delle leggi elettorali offre al della tecnica deve essere sottomesso
dum istituzionale è stata varata una Centro la nuova opportunità di torna- alla morale.
nuova legge elettorale prevalentemen- re ad essere il luogo di confluenza di Si capisce allora il ruolo che nel nuovo
te proporzionale. Chi ha pensato di af- forze europeiste contro il sovranismo- Centro (fin dai tempi antichi luogo di
frontare le elezioni politiche con la lo- populismo. Penso senza dubbio che moderazione) può giuocare la presen-
gica della cosiddetta seconda Repub- soltanto il rafforzamento del Centro za di un partito o movimento d’ispira-
blica si è trovato come risultato un qua- possa rilanciare l’ U.E e favorire sia zione cristiana, promuovendo, come è
dro abbastanza desolante. La mancan- in Europa sia in Italia la nascita di un già avvenuto nella storia d’Italia,
za di una maggioranza parlamentare bipolarismo più moderato. Natural- un’equa redistribuzione del reddito sen-
ha condotto alla formazione di un go- mente i problemi da risolvere oggi za incidere negativamente sull’efficien-
verno giallo-verde, composto da una sono mutati e si legano alla comples- za produttiva necessaria in un quadro
forza di destra come la nuova Lega sità della globalizzazione: un potere di economia di mercato.
200 numeri
dal Maggio 2001 ad oggi
una costante realtà
diffusa sul territorio
di Livorno, Rosignano
e in larga parte della Toscana