Sei sulla pagina 1di 24

Chiesaviva

MENSILE DI FORMAZIONE E CULTURA


DIRETTORE responsabile: sac. dott. Luigi Villa «LA VERITÀ VI FARÀ LIBERI»
ANNO XXXIV - N° 360
APRILE 2004

Spedizione in abb. post. - Comma 20/C - art. 2 - Legge 662/96 - Filiale di Brescia
Expedition en abbon. postal - Comma 20/C - art. 2 - Legge 662/96 - Filiale di Brescia
Direzione - Redazione - Amministrazione: (Jo. 8, 32) Abbonamento annuo:
Operaie di Maria Immacolata e Editrice Civiltà ordinario Euro 35, sostenitore Euro 65 una copia Euro 3, arretrata Euro 3,5
Via G. Galilei, 121 (inviare francobolli). Per l’estero Euro 65 + sovrattassa postale
25123 Brescia - Tel. e fax (030) 3700003 Le richieste devono essere inviate a: Operaie di Maria Immacolata e Editrice Civiltà
Autor. Trib. Brescia n. 58/1990 - 16-11-1990 25123 Brescia, Via G. Galilei, 121 - C.C.P. n. 11193257
Fotocomposizione in proprio - Stampa: Com & Print (BS) I manoscritti, anche se non pubblicati, non vengono restituiti
contiene I. R. Ogni Autore scrive sotto la sua personale responsabilità

Santa 2004
Guardiamo
a quel “sepolcro vuoto”
dal quale è scaturita
la vita!

Gesù Cristo è risorto. È il fatto irrefragabile e tal che gli altri non sono il centesmo» (Par.
insopprimibile più solidamente provato dalla 24).
Storia. Ora il miracolo continua e non cesserà che al
La Resurrezione è il ponte gettato sull’abisso chiudersi della Storia umana. «Gesù Cristo, ie-
della morte per ricongiungere le due sponde ri e oggi. Egli è anche nei secoli»! (Ebr. 13,8).
della vita. I Giudei mostrarono di averlo com- In questa Pasqua di sangue, le implorazioni
preso quando chiesero a Pilato le guardie del dei due discepoli di Emmaus escono anche
sepolcro: «Quel seduttore ha detto: “dopo dalle nostre anime: «Mane nobiscum, Domi-
tre giorni resusciterò” (Mt. 37, 63)». ne, quonian adversperascit», (Rimani con
La Liturgia pasquale, ora, alza il grido di vitto- noi, Signore, perché si fa sera!).
ria: «Lux vitae mortuus regnat vivus!». Rimani con noi. TU sei la Via! TU sei la Lu-
Non esisterebbe la Chiesa senza il fatto della ce! TU sei la Verità! TU sei l’Amore! TU sei
resurrezione. «Si Christus non resurrexit, la Vita!
inanis est fides nostra” (1 Cor. 14-44). E Ripeti, o Cristo, anche oggi, il grido di amore
Dante cantò: «Se il mondo si rivolse al cri- e di vittoria: «IO SONO LA RESURREZIONE
stianesimo... senza miracoli, quest’uno è E LA VITA!».

2 “Chiesa Viva” *** Aprile 2004


DAL FALSO ECUMENISMO
A UNA FALSA CHIESA?
della Prof.ssa Maria Pia Mancini

P overa, povera Chiesa, vittima


immolata a satana dagli stessi
che dovrebbero dare la vita per
difenderla!
Assistiamo angosciati allo scempio
tono operatori di pace, dimenticando
che Cristo, Supremo Ambasciatore
di Pace presso l’umanità, ha avuto
una sola diplomazia: la Verità.
A quanti mi accuseranno di remare
che se ne fa, temerariamente e nell’in- contro il Papa e di essere fuori della
differenza generale. Chiesa, a mia volta chiedo se, nel
Francamente, non se ne può più di profondo della loro coscienza, essi si
certo potere ecclesiale, dispotico e trovino d’accordo con la nuova linea
devastante che, senza alcun riguardo pastorale, ben evidenziata dalle scel-
per le anime, le traghetta sulle sponde lerate affermazioni proferite in più oc-
dell’apostasia giustificata e quasi ca- casioni.
nonizzata, pretendendo oltretutto si- Da più parti si tenta di distruggere
lenzio, accettazione e obbedienza. l’unità della Chiesa con attacchi sub-
I discorsi e le pastorali varie eviden- doli proprio al Vicario di Cristo, attra-
ziano ormai il livello d’iniquità raggiun- verso trame di dissenso e di contesta-
to dalla teologia imperante. zione. Egli non è più ascoltato, soprat-
Se riteniamo di essere nel giusto per- tutto quando si pronuncia ufficialmen-
ché tacciamo, limitandoci alla preghie- te in ordine alla Fede e alla liturgia.
ra e lasciando che i sacrilegi allignino Gli errori vengono così insegnati e dif-
sempre più, quasi che a Dio siano ve- fusi, mentre con estrema facilità sono
ramente gradite le preghiere degli negate o stravolte le verità fondamen-
ignavi, perché ogni battezzato è chia- tali della Fede che il Magistero auten-
mato alla testimonianza? Se sono tico della Chiesa ha sempre insegnato
scusabili i fedeli semplici, non altret- e salvato dalle deviazioni ereticali. Le
tanto lo sono i cattolici, i sacerdoti, i troppe, “aggiornate” interpretazioni
teologi, i Vescovi e i Cardinali adden- della Rivelazione portano molti cre-
tro alle problematiche di Fede, per il denti a scegliere consapevolmente il
loro quietismo opportunista. Troppi peccato, nell’ingannevole certezza
abomìni sono perpetrati, senza che Simbolismo della massoneria in cui la sètta è rappre- che esso non è più un male, ma un
alcuno levi una voce di protesta in sentata come sintesi di tutte le religioni, all’insegna valore e un bene.
difesa dei diritti di Dio! dell’ebraismo esoterico. A causa di questo nuovo corso eccle-
Certi uomini, che presumono di esse- siale, sono sostenuti e premiati coloro
re di Chiesa, si sono lasciati assorbi- che vilipendono e irridono il Papa con
re, fino all’esaurimento, dalle questioni la loro disobbedienza, mentre sono di-
umane e sociali, e pur mancando di fede e ricchezza interiore, leggiati, perseguitati ed emarginati coloro che lottano strenua-
sono tuttavia convinti di essere pilastri portanti, senza i quali tut- mente in difesa della Tradizione.
to crolla. È in loro il rifiuto totale di riformarsi e di impegnarsi per Si cerca l’unità con i nemici storici del cattolicesimo, determinati
la Chiesa secondo i princìpi evangelici originari. Imbevuti di ra- a non recedere dalle loro posizioni nonostante la falsa acquie-
zionalismo, accecati dalla superbia, cercano solo il compromes- scenza mostrata, mentre si calpestano i diritti spirituali dei pro-
so e la diplomazia, emuli dei politici, dimenticando che il com- pri figli!
promesso non è di Dio ne dei Suoi Santi. A dimostrazione di quanto si va operando, nella infelice pro-
Così operando, essi si sono resi responsabili dell’anarchia do- spettiva di un rinnovamento globale della Chiesa Cattolica in un
minante, nonché degli inquinamenti dottrinali e morali alla base futuro molto vicino, trascrivo i passi più salienti di un discorso
del disfacimento del Cattolicesimo. tenuto dal sedicente teologo José Maria Vigil, membro della
È colpa molto grave, per alcuni Cardinali, Vescovi e Sacerdoti, Commissione teologica latino americana EATWOT - Associa-
l’essersi lasciati influenzare dal modernismo, peraltro fatto pro- zione Ecumenica dei Teologi del Terzo Mondo che, in occasio-
prio anche approvandolo e benedicendolo! ne della settimana per l’unità dei cristiani (18-25 gennaio), ha
Proprio loro, chiamati ad un’azione contraria, scelti per arrestare inteso apportare il suo “illuminato” contributo al Cardinale Ka-
il male e contrastare le forze demolitrici della Chiesa, perché fari sper che sta preparando un “vademecum dell’ecumenismo”,
di luce nel mondo, hanno permesso alle tenebre infernali di so- che serva da guida alle parrocchie ed alle diocesi per le attività
praffarli. Con il loro sterile dialogare, con gli arbitrari aggiusta- inter-confessionali.
menti della Divina Parola, con la loro inter-culturazione, si sen- Nel suo intervento, José Maria Vigil ha indicato quelli che, a

“Chiesa Viva” *** Aprile 2004 3


suo parere, dovrebbero essere i “princìpi minimi” da seguire proselitismo deve essere abbandonato. La missione è
per detto “vademecum”, (tradotto dallo spagnolo dalla rivista legittima solo se si va ad annunciare quanto ad ascol-
“Adista” che lo ha pubblicato sul numero del 7 febbraio 2004 tare, ad apprendere come a condividere.
con l’indicazione: Doc - 1473): 10. Un’etica sincera della libertà, che rinunciasse ai
metodi coercitivi ereditati (conquiste, inquisizione,
1. Non parlare mai più della “vera religione”. Tutte Stati confessionali, colonialismo, mancanza di libertà
lo sono. Da tempo, ormai, i fenomenologi della reli- religiosa...) e ad altri ancora praticati (battesimo dei
gione considerano obsoleta la distinzione tra religioni bambini) ridurrebbe i cristiani ad una grandezza quan-
rivelate e naturali. I migliori teologi le considerano titativa più vera.
tutte “rivelate”.
***
2. Non considerare la religione cristiana in posses-
so della piena verità: ha dei limiti dei quali deve ren- A questo punto, abolito l’autentico spirito missionario; elimi-
dersi coscienti, punti ciechi che deve cercare di com- nato “l’enclave del fondamentalismo cristiano”: Nicea,
pensare e una configurazione istituzionale universal- quindi il Credo; assassinate S. Messa ed Eucaristia; tolta la
mente riconosciuta come obsoleta che va de-idolatra- “coercizione” del Battesimo; invalidate le Scritture, perché
ta e relativizzata. “riflessioni di alcune comunità primitive, considerate indebita-
3. È imperativo abbandonare l’inclusivismo e accet- mente Parola di Dio”, ricostruito il Santuario di Fatima, per
tare il pluralismo delle vie di salvezza. Così, come farne centro d’accoglienza di “ammucchiate” religiose, cosa
fu possibile superare l’esclusivismo (“fuori della resta del cattolicesimo che possa disturbare ed offendere i lon-
Chiesa non c’è salvezza”), che il cristianesimo ha tani? Hanno ben ragione di predicare che l’inferno è vuoto: tutti
professato per oltre mille e cinquecento anni, è possi- i diavoli sono sulla terra e non pochi con vesti religiose!
bile abbandonare la sua nuova versione: l’inclusivi- Nel discorso di José M. Vigil è dipinta, con tratto magistrale, la
smo attualmente ufficiale (“fuori di Cristo non c’è futura Chiesa che intendono costruire. L’opera sarà comple-
salvezza”). L’istituzione ecclesiastica è prigioniera tata con l’eliminazione del Tabernacolo, col matrimonio dei
delle proprie affermazioni preti (non dico Sacerdoti, perché il
dogmatiche e non potrà cam- termine ha ben altro valore!) e con il
biare fino a quando non l’at- sacerdozio femminile. Che fine
traverserà una nuova rivolu- farà, poi, la Passione di Cristo che
zione teorica. Solo una posi- urta terribilmente la suscettibilità di
zione decisa da cristiani luci- chi ancora Lo rifiuta?
di e liberati renderà un servi- Gesù è scomodo per i tanti apostati
zio reale all’attualizzazione filo-massonici; deve essere elimina-
del cristianesimo. to dalla coscienza collettiva! Guai a
chi segue l’uomo, rinnegando Dio!
4. È urgente abbandonare il “Vade retro, tu non fai i discorsi del
mito che Dio ha voluto Padre mio...”! Risultano di sorpren-
un’unica religione e tutte le dente attualità le parole di Pio XII:
altre sono errori umani. «Verrà un giorno in cui il mondo
5. Non esiste “il” popolo elet- civilizzato rinnegherà il suo Dio, in
to. Non lo fu il popolo ebreo, cui la Chiesa dubiterà come Pietro
né lo sono i cristiani. Tutti i ha dubitato. Sarà tentata di crede-
popoli primitivi si sono creduti re che l’uomo è diventato Dio, che
“gli” eletti. Ma Dio non è in- Suo Figlio non è che un simbolo,
giusto e sceglie tutti. una filosofia come tante altre e
nella Chiesa i cristiani cercheran-
6. Gli atteggiamenti ecumeni- no invano la lampada rossa dove
ci, dialoganti, aperti, tolle- Dio li aspetta, come la peccatrice
ranti, ottimisti... di Gesù, che gridò davanti al sepolcro vuo-
continuano ad essere il mi- to: dove L’hanno messo?».
glior modello che il cristia- «E così, il periodo post-conciliare
nesimo possa offrire e pos- è sembrato corrispondere ben po-
sa adottare in riferimento co alle speranze di Giovanni XXIII
all’ecumenismo e al dialo- che si riprometteva una novella
go interreligioso. Pentecoste» (Card. Ratzinger in
7. È necessario riconsiderare “Rapporto sulla fede” di V. Messori).
il dogma cristologico di Ni- Nel giardino della nuova evangeliz-
cea-Calcedonia, che funge zazione, coltivato ad arte dai mesta-
da “enclave del fondamen- tori del “Sacrosanctum Conci-
talismo” all’interno del cri- lium”, sono maturati, infatti, i frutti
stianesimo. Non bisogna limitarsi a reinterpretarlo, della scristianizzazione, tossici e mortali, somministrati lenta-
lasciando intatta la sua affermazione di base, ma af- mente ad opera di falsi profeti, come, solo per citarne alcuni:
frontare anche la radice: come è sorto, da dove vie- Kiko Argüello (tutti vediamo i danni da lui prodotti) e lo zelante
ne, con quale autorità, con quale validità di significa- demagogo Padre Emanuele Testa che, attraverso “Radio Ma-
to? ria”, nella trasmissione del 1° febbraio 2004, in risposta alla do-
manda di una signora che chiedeva: «Come viene perdonato
8. Non si può far consistere l’essenza del cristiane- il peccato di apostasia che è molto grave», rispondeva:
simo nella canonizzazione delle riflessioni di al- «L’apostasia significa passare da una Chiesa all’altra; significa
cune comunità primitive, considerate indebitamente passare dalla Chiesa al musulmanesimo o a questa e quest’al-
come parola di Dio, già chiusa e irreformabile. Que- tro. Ma la Chiesa non è soltanto quella del Battesimo, la Chiesa
sto sminuisce Dio, Gesù e il cristianesimo. Bisogna è molto più vasta: la Chiesa è tutto il mondo, è tutta l’Umanità.
accettare, definitivamente, che nessuno è in “situa- Perciò, con l’apostasia non faccio niente, cioè accetto di essere,
zione gravemente deficitaria di salvezza” a moti- invece, della Chiesa sacramentale, invece della Chiesa del Bat-
vo della religione o della Chiesa nella quale è na- tesimo, nella grande Chiesa; perciò, anche quello che si dice
to. Non possiamo credere in un Dio ingiusto. apostata non è una ribellione alla Chiesa; è passare da una
9. Il tempo delle missioni classiche è tramontato. Il Chiesa, che potremmo dire del Battistero, ad una Chiesa più

4 “Chiesa Viva” *** Aprile 2004


grande, che comprende non soltanto i cattolici, non soltanto i in ciascuna di esse sarebbe una parte della Verità. Lo spirito
cristiani, non soltanto gli orientali, ma tutta l’umanità. Questo è “New Age” “adombra” il clero moderno che parla solo di pa-
lo scopo della Chiesa. E quando dice che la donna è la Chiesa, ce e di diritti umani, calpestando duemila anni di martirio, di
non significa che è soltanto cattolica, che è soltanto cristiana, santità, di patristica;
ma che è quello che il Papa dice: “Gli uomini dell’amore di
Dio”. Tutti gli uomini, prima si diceva, della buona volontà. An- – la “Chiesa è Vita”, perché dona la Grazia, attraverso i set-
che quello è buono, ma gli uomini beati, gloria a Dio nell’alto te Sacramenti e perché solo Essa può generare l’Eucaristia
dei cieli e agli uomini dell’amore di Dio...». che è Cristo, realmente presente con il Suo corpo glorioso e la
Il discorso è trascritto nel modo in cui è stato esposto ed è regi- Sua divinità. Certa Gerarchia, purtroppo, in ossequio ai principi
strato su nastro. ebraico-protestanti, sta cercando di ridurre la pietà verso il SS.
Come si può constatare, sono parole sacrileghe ed eretiche Sacramento (Tabernacoli emarginati, comunione nelle mani,
che, alla pari di quelle di José M. Vigil, intendono giustifi- Messe celebrate con le spalle al Santissimo, laddove, per un
care coloro che consapevolmente rifiutano Cristo (la buona caso fortuito, Cristo è deposto ancora nell’altare centrale) mini-
volontà non è più necessaria); annullano il valore dei Sacra- mizzandone il valore sacrificale e, in stretta obbedienza a Kiko
menti e contrastano i Comandi di Cristo, Capo e Fondatore e Lutero, valorizzandone l’aspetto della “Cena”, nega la Reale
della Chiesa cattolica. Dov’è la “primavera della Chiesa” e qua- Presenza del Salvatore;
le spirito guida gli “illuministi” di oggi che strumentalizzano addi-
rittura il nome di Maria, Madre dell’Eucaristia e della Chiesa? – la “Chiesa è Via”, perché è la sola che conduce al Padre
Dopo aver distrutto il Cristo storico, la bestia, con due corna, per mezzo del Figlio, nello Spirito Santo. Il Signore ci aveva
simile ad un agnello, cerca di annientare il Cristo mistico: la predetto questo tempo; dobbiamo essere forti nella Fede e co-
Chiesa, istituita col sacrificio sublime del Redentore. raggiosi nella testimonianza, mentre innalziamo lo sguardo a
Checché ne dicano gli apostati, la Chiesa è una sola: quella Maria, che schiaccerà la testa al serpente e, alla fine, il Suo
Santa, Cattolica, Apostolica, Romana; una, e guidata da Cuore Immacolato trionferà!
Pietro.
Lottiamo alacremente contro il tentativo di ridurre il ruolo di Cri-
– La “Chiesa è Verità”, perché ad essa sola Gesù ha affidato sto nell’economia della salvezza, e perché, finalmente, i guar-
la custodia integrale del deposito della Fede. Poteri diabolici diani si sveglino in difesa del “Depositum Fidei”, avverso ai
cercano di distruggere questa realtà con il falso ecumenismo massoni-giacobini che vogliono privare la Chiesa Cattolica del
che porta all’accettazione di tutte le religioni e credenze, perché suo diritto di “cittadinanza”.

Preghiera per conservare la vera Fede


Professo davanti a Voi la mia Fede, Padre e Signore del Cielo e della terra, mio Creatore e Reden-
tore, mia forza e mia salvezza, che fin dai miei più teneri anni non avete cessato di nutrirmi col sa-
cro pane della vostra Parola e di confortare il mio cuore. Affinché non vagassi errando con le pecore
traviate che sono senza Pastore, Voi mi raccoglieste nel seno della vostra Chiesa; raccolto, mi educa-
ste; educato, mi conservaste insegnandomi, con la voce, di quei pastori nei quali volete essere ascoltato
e ubbidito, come di persona, dai vostri fedeli. Confesso a viva voce per la mia salvezza tutto quello che i catto-
lici hanno sempre a buon diritto creduto nel loro cuore.
Ho in abominio Lutero, detesto Calvino, maledico tutti gli eretici; non voglio avere nulla in comune con lo-
ro, perché non parlano né sentono rettamente, né posseggono l’unica regola della vera Fede, propostaci
dall’unica, santa, cattolica, apostolica e romana Chiesa. Mi unisco, invece, nella comunione, abbraccio la Fede,
seguo la religione e approvo la dottrina di quelli che ascoltano e seguono Cristo, non soltanto quando insegna nella
parola scritta, ma anche quando giudica nei Concilii ecumenici e definisce nella Cattedra di Pietro, testificandola con
l’autorità dei Padri.
Mi professo, inoltre, figlio di quella Chiesa romana che gli empii bestemmiatori disprezzano, perseguitano e abominano
come se fosse anti-cristiana; non mi allontano in nessun punto dalla sua autorità, né rifiuto di dare la vita e versare il
sangue in sua difesa, e credo che i meriti di Cristo possano essere di salvezza per me o per altri solo nell’unità di que-
sta stessa Chiesa.
Professo con franchezza, assieme a san Girolamo, di essere unito con chi è unito alla Cattedra di Pietro e protesto,
con sant’Ambrogio, di seguire in ogni cosa quella Chiesa romana che riconosco riverentemente, con san Cipriano,
come radice e madre della Chiesa universale. Mi affido a questa Fede e dottrina che da fanciullo ho imparata, da giova-
ne ho confermata, da adulto ho insegnata e che finora, col mio debole potere, ho difesa.
A far questa professione non mi spinge altro motivo che la gloria e l’onore di Dio, la coscienza della verità, l’autorità del-
le Sacre Scritture canoniche, il sentimento e il consenso dei Padri della Chiesa, la testimonianza della Fede che debbo
dare ai miei fratelli e, infine, l’eterna salvezza che aspetto in Cielo e la beatitudine promessa ai veri fedeli.
Se accadrà che a causa di questa mia professione io sia disprezzato, maltrattato, perseguitato, lo considererò come
una straordinaria grazia e favore, perché vorrà dire che Voi, mio Dio, mi date occasione di soffrire per la giustizia e per-
ché non volete che mi siano benevoli quelle persone che, come aperti nemici della Chiesa e della verità cattolica, non
possono essere vostri amici. Tuttavia, perdonate loro, Signore, poiché, o perché istigati dal demonio e accecati dal luc-
cichìo di una falsa dottrina, non sanno quello che fanno, o non vogliono saperlo.
Concedetemi comunque questa grazia, che in vita e in morte io renda sempre un autorevole testimonianza della since-
rità e fedeltà che debbo a Voi, alla Chiesa e alla verità, che non mi allontani mai dal vostro santo amore e che io sia in
comunione con quelli che vi temono e che custodiscono i vostri precetti nella santa romana Chiesa, al cui giudizio con
animo pronto e rispettoso sottometto me stesso e tutte le mie opere. Tutti i santi che, o trionfanti nel Cielo o militanti in
terra, sono indissolubilmente uniti col vincolo della pace nella Chiesa cattolica, esaltino la vostra immensa bontà e pre-
ghino per me. Voi siete il princìpio e il fine di tutti i miei beni: a Voi sia in tutto e per lutto lode, onore e gloria sempiterna!

(S. Pietro Canisio, S. J.)

“Chiesa Viva” *** Aprile 2004 5


L’assassinio della
del dott. Carlo Alberto Agnoli

3
§ 3 RAZZISMO E XENOFOBIA: tici esotici, sì da manifestare la propria
LA FINE DELLA LIBERTÀ DI OPI- estraneità anche solo a colpo d’occhio.
NIONE (ART. 21 COST.) Né può sorprendere il fatto che quel
senso di diffidenza, e anche di timore,
Di tutte le fattispecie criminose (“cola- verso lo sconosciuto, in cui consiste la
brodo”) contemplate dalla proposta di cosiddetta “xenofobia”, aumenti ulte-
mandato, una merita particolare atten- riormente quando non si tratta soltanto
zione, la diciassettesima, collocata, di alcuni estranei, ma di vere e proprie
forse volutamente, a metà circa del- comunità, con usi, costumi e linguag-
l’elenco, con scopi mimetici: razzismo gio profondamente diversi, che pure, a
e xenofobia. Anzitutto, si ribadisce loro volta, si chiudono a riccio in un at-
che un modo così vago di “legifera- teggiamento che, reciprocamente, può
re” è nuovo, è assolutamente con- definirsi “xenofobo” nei confronti del-
trario alla tradizione penalistica eu- la popolazione autoctona.
ropea. Ecco perché, va ripetuto, una Quando, di fronte a massicce immis-
così sconvolgente novità non può sioni di stranieri su un dato territorio, la
essere casuale. cosidetta “xenofobia” si generalizza
Nel caso di specie, invero, si accosta- ed eventualmente si organizza, essa
no, quasi fossero sinonimi, due parole si esprime in associazioni o partiti
di significato assai diverso, col palese che propugnano il mantenimento e
scopo di attirare con la prima l’atten- la salvaguardia delle tradizioni e dei
zione di chi legge su una ideologia cer- valori locali. Ne sono radicate e ben
tamente deprecabile, quale è il razzi- note espressioni in Italia la “Südti-
smo, per far poi ricadere surrettizia- roler Volkspartei” e “l’Union Valdo-
mente la stessa condanna su condotte taine”, ma anche il “Partito Autono-
e atteggiamenti, qualificati “xenofo- mista Trentino”, il “separatismo si-
bi”, che col razzismo nulla hanno a ciliano e quello sardo”, la “Lega
che vedere. Nord”, a livello più esteso, e più in ge-
In ogni caso, anche il termine “razzi- nerale tutti quei movimenti che per
smo” si presta ad indefinite strumen- vocazione sono protesi alla difesa
talizzazioni, atteso che l’accezione me- dell’identità locale e/o nazionale, re-
diatica di questo vocabolo non ha ligiosa, etnica, culturale, ecc..
spesso nulla a che vedere con il vero Quale che sia il giudizio che ciascu-
razzismo. no può esprimere su questi atteg-
Ebbene, anche il “legislatore” europei- Gesù processato da Caifa. giamenti e gruppi, non si può nega-
sta ha una concezione distorta (media- re che criminalizzarne i sostenitori
tica, appunto, non etimologica né se- costituisca un atto ben più che anti-
ria) del razzismo, come dimostra l’ab- democratico: dispotico e totalitario.
binamento di tale vocabolo con quello di Il non essere apatride e cosmopolita,
xenofobia. La “xenofobia” (letteralmente tri di non grandi dimensioni, di chi prova sradicato da ogni tradizione o affetto,
significa solo: “paura dello straniero”) - un senso di diffidenza verso lo straniero, appare agli occhi del “legislatore” eu-
termine peggiorativo escogitato per scre- e cioè verso la persona estranea alla pro- ropeista come un delitto imperdonabi-
ditare atteggiamenti che nulla hanno di pria comunità e, quindi, sconosciuta, an- le, meritevole delle pene più severe.
perverso o delittuoso - non poggia su al- che se, in ipotesi, della stessa lingua e Così perversamente concepita l’Unio-
cuna premessa di natura biologica e nep- della stessa cultura. Tale diffidenza, ov- ne Europea appare come galera degli
pure sottintende alcun senso di superio- viamente, tende a salire quando l’estra- individui, tomba dei popoli, suicidio
rità, ma esprime solo la reazione istintiva, neo parli una lingua incomprensibile. dell’Europa.
specialmente in società agricole e in cen- Tanto più, poi, se presenti caratteri soma- E non si tratta solo di ipotesi: le istitu-

6 “Chiesa Viva” *** Aprile 2004


zioni europeiste (il Consiglio d’Europa, cui proponeva l’affitto di una camera del
in questo caso) iniziano ad allungarsi proprio appartamentino. Volendosi caute-
verso i paesi membri dell’U.E., ad anti- lare chiese che il “locatario (fosse) cri-
cipare cautamente le future azioni re- stiano francese”. La malcapitata fu con-
pressive; si lancia “l’allarme Lega… dannata, attesa la gravità non eccessiva -
razzista e xenofoba”, e si osserva più in bontà dei giudici - del reato compiuto, ad
generale con preoccupazione che in Italia una ammenda di 1000 franchi19. I presup-
la xenofobia si manifesta, fra l’altro, in posti, dunque, ci sono, si tratta solo di va-
“pregiudizi sociali (e) atti di discrimi- lutarne la portata su scala continentale.
nazione…”. Il Consiglio d’Europa stigma- Del resto la nuova Europa si stava già
tizza la “propaganda razzista e xenofoba preparando da lontano al mandato di ar-
da parte di esponenti di certi partiti politici resto. L’“Osservatorio Europeo dei Fe-
italiani, che presenta gli immigrati extra- nomeni di Razzismo e Xenofobia”, con
comunitari come responsabili del de- sede in Vienna, Rahlgasse 3, “Sito Web
grado delle condizioni di sicurezza, http://www.eumc.at”, cerca da anni, or-
della disoccupazione, e li dipinge come mai, “agenti temporanei” per “assicurare i
una minaccia per la difesa dell’identità contatti con le tavole rotonde nazionali, i
nazionale”17. Notare, qui si usa termino- centri di documentazione e di ricerca, i
logia da processo penale (l’accusa di raz- centri nazionali di lotta alla discriminazio-
zismo e xenofobia è infatti accusa di rea- ne, nonché con i governi degli Stati
to) non con riguardo, ad es., ad atti membri, e coordinarne le attività;
di violenza, ma a genericissime dirigere e coordinare le attività del-
“discriminazioni”, a “pregiudizi”, la rete RAXEN (scil. “razzismo e
all’attività di difesa dell’“identità xenofobia”, N.d.A.); passare in ras-
nazionale”. Affermare che le patrie segna le ricerche in atto altrove e
galere sono piene di extracomuni- identificarne le lacune; concepire e
tari (questo è un mero dato statisti- gestire una banca dati di ricerca
co) e di conseguenza, temere il fe- sul razzismo e la discriminazione
nomeno di un’immigrazione incon- e sugli episodi ad essi collegati”20.
trollata, integra gli estremi del razzi- Dunque, quando la nuova normati-
smo e della xenofobia. Come sot- va entrerà in vigore saranno già
trarsi ad una conclusione tanto pronte lunghe liste di reprobi da to-
impressionante quanto incredi- gliere di mezzo, apprestate in anni
bilmente vera: vi sono partiti po- di lavoro da un’articolata rete di
litici che nella loro interezza so- controllo e di delazione che sta se-
no votati da delinquenti, diretti e lezionandoci a nostra insaputa: chi
composti da persone che com- discrimina (ma ci avete mai pen-
mettono reati di gravità tale da ri- sato davvero a cosa significa eti-
chiedere un mandato di arresto mologicamente discriminare?)
europeo. L’Europa, in tutte le faccia attenzione!
sue diverse ramificazioni istitu- Anche sotto questo aspetto, l’in-
zionali, crea le liste di proscri- gresso della Turchia nella U.E. e
zione e al contempo appronta i il suo probabile ritorno all’isla-
mezzi per reprimere i reprobi, mismo puro, aprono vaste pro-
per stanarli, per deportarli e spettive di ulteriore criminalizza-
stroncare la loro criminosa atti- zione. Apprendiamo per esempio,
vità, lontano dagli occhi e dal infatti, da un quaderno di “liMes”,
controllo dell’opinione pubblica che per la potente organizzazione
del paese di provenienza. Fuori islamica “Milli Görus”, con sede
dall’acqua, si sa, neppure il pe- in Germania, coloro che operano
sce più formidabile ha speranza per l’integrazione degli islamici im-
di scampo. migrati in Europa si rendono colpe-
Domani, se e quando dovesse voli di “discriminazione etnica” e
essere d’intralcio, toccherà all’S.V.P., Si pensi al caso del proprietario di un “razzismo”21, delitti in cui incorrono sicu-
colpevole di alimentare tensioni raz- appartamento che si rifiuti di darlo in ramente e a fortiori coloro che segnalano
ziali: non sembra, infatti, sia necessa- locazione a un soggetto proveniente i pericoli dell’immigrazione islamica o
ria un’interpretazione estensiva per di- da un altro Paese dell’Unione Europea. censurano i costumi di quei popoli, con ri-
chiarare xenofoba l’S.V.P., attribuen- Ebbene, costui avrà buon gioco a de- ferimento, in particolare, alla poligamia,
dole attività discriminatorie. nunciarlo presso un giudice del pro- alle mutilazioni sessuali delle donne, alle
E così via18. prio Paese, propenso a porgere le “burqe” e allo schiavismo.
Simili reati politici - sostanzialmente di orecchie alle doglianze di un conna-
opinione - finalizzati a reprimere chi inten- zionale, magari addirittura suo parente Il reato di razzismo e xenofobia, però,
da fattivamente difendere le proprie tradi- od amico, per aver tenuto un compor- in cui quasi certamente, più volte, nel-
zioni, esistono già un po’ in tutta Europa: tamento ispirato se non a razzismo, la loro vita sono incorsi tutti gli appar-
in Italia, si evidenzia la famigerata legge quanto meno a xenofobia. tenenti al genere umano, non appaga
Mancino (L. 25 giugno 1993 nr. 205). Eb- Ipotesi fantasiosa, eccessiva? No, in la smania carceraria del “legislatore”
bene, i risultati a cui conduce una simile Francia Madame Andrée Delard, in catti- europeista. Le parole “razzismo e xe-
legislazione estesa a livello europeo, so- ve condizioni economiche e madre di un nofobia”, intese nella accezione latissima,
no letteralmente impressionanti. ragazzo minorato, fece un’inserzione in falsa e caricaturale, dei media, sono al

17“La Repubblica”, 23.4.2002. sponga di idonei agganci all’estero può mette- 20 Cfr. la rubrica “Professioni e Carriere” del
18Una volta instaurato un clima di sospetti e re in moto la macchina della repressione. numero del 7 ottobre 1999 del quotidiano “La
poste le basi per la criminalizzazione di chiun- 19 Yann Moncomble, “Les professionels de Repubblica”.
que, basta poco per innescare un processo. l’antiracisme ” chez Yann Moncomble, Paris 21 “liMes”, “Le spade dell’Islam”, 26. no-
Un solo avversario, uno di numero, che di- 1987, pag. 96. vembre 2001, pag. 154.

“Chiesa Viva” *** Aprile 2004 7


sommo dei pensieri - e non solo - repres- Ciò significa che l’accezione europei- te, senza accorgersene, trascinato dal-
sivi delle caste egemoni in U.E.. Ciò risul- sta della locuzione “discriminazione la marea.
ta evidente dal fatto che il 28 novembre per motivi di razzismo e xenofobia” (e, Nella presente circostanza, l’invito è
2001, e cioè il giorno prima che il Parla- dunque, anche per ragioni di convinci- proprio quello a ragionare, ad opporsi,
mento Europeo esprimesse il suo parere menti) consente di criminalizzare tutti: a reagire a quella tendenza qualunqui-
sulla prima proposta relativa al manda- tutti pensano, tutti avversano e discri- sta che se inevitabilmente tenta tutti,
to di arresto, la Commissione europea minano per ragioni ideali, politiche o nessuno escluso, non altrettanto ine-
(sempre lei!) avanzava un’ulteriore “pro- religiose. vitabilmente riesce a sopraffare chi
posta di decisione quadro del Consiglio E qui sta il punto. sappia e voglia reagire.
dell’Unione Europea”: questa volta - guar- È noto a chiunque abbia una qualche for-
da caso - proprio sulla lotta contro il “raz- mazione di carattere giuridico, filosofico, Il risultato finale del mandato europeo
zismo e la xenofobia”. La disamina di è, infatti, quello di una gabbia, coperta,
quel progetto di legge allargherebbe di in ogni suo centimetro quadrato, di
troppo la nostra trattazione. Ci limitiamo, ferro e di uncini, perché il prigioniero
pertanto, a dire che al suo articolo 3, 1° non ne possa uscire, non tenti neppu-
comma, lettera a), esso stabilisce che per re di farlo: se ti deportano, quasi certa-
“razzismo e xenofobia” si intende “il con- mente, per ciò stesso, non hai molte
vincimento che la razza, il colore, la di- speranze di cavartela; le 32 previste
scendenza, la religione o i convinci- ipotesi di reato sono un “colabrodo”,
menti, l’origine nazionale o l’origine etni- radicalmente in contrasto con i princì-
ca, siano fattori determinanti per nutrire pi di tassatività e di legalità non solo
avversione nei confronti di singoli indivi- della Costituzione italiana, ma anche
dui o di gruppi”. di ogni civiltà che voglia definirsi tale;
Il termine “razzismo”, abbinato a quel- sono suscettibili di svariate ed im-
lo “xenofobia”, quasi fossero sinonimi pressionanti applicazioni.
o costituissero un’endiadi, assume co- Se hai mezzi per difenderti all’estero,
sì proporzioni illimitate, oserei dire co- te li sequestrano; se per evitare i rigori
smiche, perché, nell’ottica europeista, di legge, provi a muoverti con ogni
esso comprende non solo “la razza e il cautela, è in agguato una figura di rea-
colore”, ma anche “l’origine naziona- to che tu neppure immaginavi potesse
le” e quella “etnica” e, quel che più im- esistere, nascosta fra le pieghe di un
porta, la religione e gli altri “convinci- ordinamento penale di cui non cono-
menti”. Ci troviamo di fronte ad una tanto sci letteralmente nulla: 25 codici pe-
fraudolenta quanto rozza, per non dire nali diversi, e, un domani, molti di più,
grottesca manipolazione del significato alcuni dei quali sono espressione di
delle parole, quasi vi fosse un qualche civiltà quale quella turca o quella, an-
rapporto fra le dottrine razziste e l’“avver- cora malata, di molti paesi dell’Est, da
sione” per i “convincimenti” politici, filoso- poco usciti dal tunnel della dittatura
fici o religiosi, magari del proprio figlio- comunista… e ai codici aggiungi mil-
lo, forse un tempo condivisi dalla stessa le ignote leggi penali speciali, formula-
persona che oggi li ripudia e li combatte. te in numerosissime lingue di cui non
Dato allora che tutti discriminano per capisci nulla, interpretate da cento
motivi razzisti e/o xenofobi, in base a giurisprudenze diverse: una serie di
quali criteri si potrà dire che la tale di- trabocchetti che si moltiplicano in mi-
scriminazione su base razziale e/o xe- sura esponenziale in un crescendo
nofoba va punita in quanto espressio- mostruoso ed incontrollabile. La pro-
ne di una distinzione (discriminazione) spettiva, si è detto, è quella di una
ingiusta? Un criterio ragionevole po- Vittime dei Gulag. Il termine “Gulag”, nel si- estensione totale di ogni diritto penale
trebbe essere quello per cui il reato stema dei lager in URSS, significa “ammini- nazionale a tutti i Paesi dell’U.E.; gli
comune compiuto per motivi discrimi- strazione generale dei campi di lavoro cor- stessi Paesi membri diverranno sem-
natori è considerato più grave (cd. cir- rezionale” e indicava un processo di rieduca- pre più numerosi.
costanza aggravante). zione dei dissidenti. Se poi, per circostanze più miracolose
Al contrario, qui si fissa un criterio che fortuite, esci indenne da un simile
molto, molto più largo: ogni discrimi- assedio, non temere, l’U.E. vigila amo-
nazione in sé e per sé (ogni distinzio- rosamente sulla tua condotta e pro-
ne, dunque) basata sulla religione o storico, che la base di ogni totalitarismo mette che verranno previste nuove fat-
sulla razza, sull’etnìa e persino sui moderno risiede proprio nella criminaliz- tispecie criminose: 32 ipotesi-crimino-
convincimenti, è reato. Pensare diven- zazione, se possibile, di tutti i sudditi: se se-“colabrodo”, in fondo, sono ancora
ta così reato! tutti sono in difetto, tutti sono condannabi- poche…
Infatti, poiché cogliere il discrimen, la li. Se tutti sono condannabili, ogni op- Da ultimo, non farti illusioni: esiste an-
differenza, coincide con l’atto del pen- positore potrà essere schiacciato in che il “Super-reato”, quello che ogni
sare, se non si vogliono fare ragionamen- qualsiasi momento. uomo, che possa portare il nome di
ti privi di ogni senso della realtà delle co- L’uomo qualunque, vivendo una pagi- uomo, ha certamente commesso innu-
se, si deve ammettere che l’individuazio- na buia della storia, o non la compren- merevoli volte, in vita sua: il crimine di
ne in linea teorica del discrimen stesso de, o la minimizza, ci scherza, si sente razzismo e xenofobia, che ricompren-
induce, anche in linea pratica, a compor- comunque al sicuro; o ancora, capen- de la discriminazione per ragioni di
tamenti differenziati e cioè a discrimina- dola, non ha il coraggio di reagire. In convincimenti: questo è il reato di
zioni: ad es., tutto il sistema di tutela delle fondo anche chi visse il comunismo pensiero, lo Psicocrimine, come lo
minoranze etniche e linguistiche è basato ed il nazionalsocialismo, spesso non chiama Orwell in: “1984”.
su forme di discriminazione; anche l’as- intuì ciò che stava avvenendo: viven- Ce n’è per tutti: per ogni categoria so-
sunzione presso i partiti e le organizza- do la storia dall’interno, il diffuso difet- ciale, per ogni religione o partito: il Su-
zioni di tendenza è basata su discrimina- to di miopia che inevitabilmente afflig- per-reato verrà applicato ai pensatori,
zioni; tutti, nei rapporti interpersonali, per ge un po’ tutti (è necessario e dovero- ai politici, ai capi religiosi, agli ideologi
concludere con un ultimo esempio, effet- so uno sforzo per guardare le cose scomodi; il reato di terrorismo servirà
tuano delle scelte: la scelta è l’elezione di con un certo distacco) impedisce di per deportare i capi-popolo riottosi,
uno ed il rigetto dell’altro, è una discrimi- vedere dove portano certi princìpi. In quelli che magari si oppongono, anche
nazione… questi casi, chi scivola lo fa lentamen- con energia, alle guerre dichiarate

8 “Chiesa Viva” *** Aprile 2004


contro i Paesi-canaglia, così renden- normativa sul mandato di arresto eu- profondo disprezzo per l’uomo, i suoi
dosi complici di collusione con i terro- ropeo sarà un tritacarne generale in diritti e la sua dignità, da imporre un
risti che governano quegli stessi cui finiranno, prima o poi, anche molti serio necessario ripensamento sull’in-
Paesi22; per chi operi nell’industria e di coloro che appoggiano questo mon- tera architettura dell’U.E. Essa, infatti,
nel commercio la proposta di mandato strum europeista. Analogo paragone deve essere uno spazio di libertà e
contempla genericissimi reati valutari, può farsi con l’art. 58 del codice pena- giustizia vera e non derisoria; con de-
ambientali, le frodi (di che tipo?)… e le sovietico del 1926 - anch’esso di lar- cisioni e riforme caute, rispettose e in-
così via. ghissima portata, come ricorda Solge- trodotte alla luce del sole e non decise
nitsin in “Arcipelago Gulag” - articolo in oscuri conciliaboli di tecnocrati
Si può ragionevolmente prevedere in cui furono macinati senza numero mossi da delirio di onnipotenza.
che, come la legge dei sospetti della anche coloro che lo avevano voluto ed Alla luce di un panorama così inquie-
Francia rivoluzionaria - grazie alla sua impiegato. tante, è impossibile non chiedersi chi,
larghissima portata criminalizzatrice - fu il È innegabile, in conclusione, che enor- come persona - i componenti di quale
tritacarne in cui caddero gli stessi ri- mità come quelle proposte, rivelano lobby, intesi come singoli individui -
voluzionari e gli appartenenti a quelle nel “legislatore” europeista una men- abbia pianificato una simile mostruo-
logge che avevano propiziato la Rivo- talità così inauditamente dispotica e sità.
luzione, così anche la ben più larga perversamente liberticida ed un così (continua)

“Arcipelago Gulag” in URSS

22 All’inizio degli anni Ottanta - ricorda il fran- (CNS) - dalla solita Commissione europea. semente diretta, almeno in qualche misura,
cese Paye nel citato articolo (v. nota n. 3), cri- Tale proposta, invero, al suo articolo 3 indivi- a “sovvertire le strutture politiche”, ovvero
ticando la genericità delle fattispecie crimino- dua come azioni “terroristiche” una serie di quelle “economiche e sociali” del paese,
se qui esaminate - M. Thatcher, primo mini- condotte che nel giudizio comune, anche dei un’ammaccatura a un’automobile della po-
stro britannico, tentò vanamente di appli- giuristi, col terrorismo nulla o ben poco hanno lizia, un graffio a un agente o un controma-
care la legge antiterrorismo allo sciopero che vedere. In particolare il furto, le lesioni nifestante, diviene automaticamente reato
dei minatori. Oggi, il legislatore europeista personali, la diffusione di sostanze contami- terroristico passibile di estradizione. Nel
non ha i problemi della Thatcher: ha previ- nanti atte ad arrecare danno oltreché alle per- valutare questa proposta e l’estensione che il
sto il reato di “terrorismo” senza ulteriormente sone, anche soltanto ai beni, agli animali e concetto di “terrorismo” è destinato ad ac-
definirlo; ciò, grazie alla competenza giurisdi- all’ambiente, il danneggiamento di infrastruttu- quisire nell’ambito della Comunità Europea, è
zionale continentale, consentirà spazi incredi- re pubbliche, mezzi di trasporto pubblico, luo- infine importante sottolineare che le previsioni
bili di criminalizzazione. Con una diecina di ghi e beni pubblici; gli intralci alle forniture di di “reati terroristici” elencate all’articolo 3
magistrati a disposizione qua e là, avendo i acqua o energia, gli attentati mediante mano- sono soltanto dei “minimi” (pag. 103 cit. doc.
mezzi, si potrà fare di tutto: vince, almeno missione dei sistemi di informazione (evidente parlam.), onde evidente è il suggerimento ai
al momento, chi colpisce per primo. Questi il riferimento alle incursioni telematiche degli singoli Stati di ampliarne la gamma. Esse so-
scenari che a prima vista potrebbero sembra- “hackers”). A coronamento dell’elenco viene no talmente “minime” che è espressamente
re il frutto di un pessimismo esagerato, emer- definito crimine terroristico anche la semplice previsto un ampliamento di tale minimo da
gono invece ad es. dalla “proposta di deci- “minaccia di commettere uno dei reati” parte della stessa Unione Europea, che si ri-
sione quadro” del Consiglio dell’Unione Eu- elencati in detto articolo. serva di intervenire anche per quanto concer-
ropea relativa appunto alla lotta contro il terro- In una manifestazione di piazza a carattere ne tanto la misura quanto la specie delle san-
rismo che è stata presentata a Bruxelles il 19 antigovernativo (si pensi ai famosi “giroton- zioni (ibidem).
settembre 2001 - COM (2001) 521 2001/0217 di”) o comunque sindacale, e quindi pale-

“Chiesa Viva” *** Aprile 2004 9


La Moneta di chi è?
In attesa di saperlo,
va concessa la moratoria
sui debiti
del Prof. Giacinto Auriti
Segretario Generale del Sindacato Antiusura SAUS

S
u iniziativa del Sindacato An- “funerale della Giustizia”, nella no-
tiusura, SAUS, alle ore 9,30 di stra qualità di rappresentanti del Sin-
Domenica 1 febbraio, ha avu- dacato Antiusura SAUS, e con
to luogo in Roma (Cinema Tiziano, l’adesione del Sindacato Antiusura
Via Guido Rent, 2) un Convegno con SNARP, chiediamo ai magistrati l’ap-
lo scopo di promuovere la costituzio- plicazione delle leggi vigenti contro
ne di un organo collegiale interpartiti- l’abominevole dilagare della grande
co finalizzato alla Proprietà popola- usura, causa della malattia sociale
re della moneta. Il dibattito del Con- del suicidio da insolvenza, che non
vegno si svilupperà sugli argomenti ha precedenti nella storia.
così proposti dal Prof. Auriti: «Nell’attesa che si accerti di chi sia la
«Non è più tollerabile che, nel co- proprietà della moneta all’atto
siddetto Stato di diritto, si ignori di dell’emissione, chiediamo che i ma-
chi sia la proprietà della moneta gistrati concedano, con provvedi-
all’atto dell’emissione. La Banca mento d’urgenza, la moratoria dei
centrale poteva esserne considerata debiti bancari e fiscali. Infatti, la
proprietaria quando la moneta era ti- puntualità del pagamenti è oggi im-
tolo di credito rappresentativo della possibile, perché la Banca centrale,
riserva. La banca poteva infatti affer- prestando il dovuto all’atto dell’emis-
mare di essere proprietaria della mo- sione, carica il costo del denaro del
neta in quanto proprietaria della riser- 200% oltre gli interessi. Se i magi-
va. Abolita la convertibilità ed addirit- strati non terranno conto di questa
tura la stessa riserva dal 15 agosto nostra segnalazione potranno parte-
1971 (con la fine degli accordi di cipare, anche con le toghe rosse, al
Il Prof. Giacinto Auriti.
Bretton Woods) la banca centrale funerale del suicidi da insolvenza».
agisce illegalmente come se fosse Al Convegno, oltre al Prof. Giacinto
ancora proprietaria. Il compenso at- Auriti, hanno partecipato: gli avvo-
tualmente dovuto alla banca va com- to di cittadinanza, proprietà del cati Italo Colaneri e Antonio Pimpi-
misurato, infatti, a quello dovuto ad portatore, in attuazione del 2° com- ni del Direttivo SAUS, il Prof. Ezio
una tipografia, mentre essa si appro- ma dell’art. 42 della Costituzione che Sciarra dell’Università D’Annunzio di
pria illecitamente della differenza tra sancisce “l’accesso alla proprietà Chieti, il Prof. Francesco Petrino,
costo tipografico e valore nominale, per tutti”. Docente di Diritto bancario e Presi-
perché emette moneta prestandola e «Constatato che nessuna norma dice dente del Centro Studi Giuridici
prestare è prerogativa del proprieta- di chi sia la proprietà della moneta SNARP.
rio. all’atto dell’emissione, non si può dire È seguito un libero dibattito. Hanno
«Poiché crea il valore della moneta chi è creditore e chi debitore nella fa- assicurato la partecipazione il Sinda-
non chi la emette, ma chi l’accetta, la se della circolazione, perché manca, co DS di Guardiagrele, Ing. Franco
moneta va riconosciuta, all’atto all’origine, la certezza del diritto. Caramanico, i leaders di partiti: Ro-
dell’emissione, di proprietà della col- «Poiché, come è noto, i magistrati berto Fiore, Luca Romagnoli e
lettività nazionale ed attribuita, pro hanno indossato toghe nere per ma- Adriano Tilgher, l’Ing. Pier Luigi
quota ad ogni cittadino, come reddi- nifestare la loro partecipazione al Brivio ed altre personalità.
10 “Chiesa Viva” *** Aprile 2004
OCCHI SULLA POLITICA
UN RICORDO DI SANGUE E DI DOLORE, LA DOTTRINA SOCIALE CATTOLICA
LEGATO ALLA BANDIERA TRICOLORE!
(da: La Dottrina sociale cattolica:
Azeglio Ciampi, “francomuratore”, sfida per il terzo millennio - Rimini)
Da Modena, stamane, ha suggerito
Di regalare a tutti un Tricolore,
Da: “RERUM NOVARUM” (15. Maggio 1891)
Ed i presenti tutti hanno applaudito.
Lettera Enciclica di S.S. Leone XIII sulla questione sociale
Il suo discorso, pieno di fervore,
Ossìa d’amor di Patria, ribadito
In questa circostanza, con calore, 2. Condizioni di lavoro
Mentr’io, ascoltando, son rabbrividito,
Pensando a quanti poveri italiani Quanto alla tutela dei beni temporali ed esteriori, prima di
Han dato il proprio sangue alla Bandiera tutto, è dovere sottrarre il povero operaio all’inumanità di
Sulle trincèe del Carso e gli altipiani, avidi speculatori che, per guadagno, abusano senza alcuna
discrezione delle persone come fossero cose. Non è giusto
Contro il “nemico”! All’infinita schiera né umano esigere dall’uomo tanto lavoro da farne inebetire
Di martiri, che ignorano gli “arcani”, la mente per troppa fatica e da fiaccarne il corpo. Come la
Un saluto, un ricordo e una preghiera!
sua natura, così l’attività dell’uomo è limitata e circoscritta
Prof. Arturo Sardini entro confini ben stabiliti, oltre i quali non può andare.
L’esercizio e l’uso affina, a condizione però che di quando in
Chiosa quando venga sospeso, per dar luogo al riposo. Non deve
dunque il lavoro prolungarsi più di quanto lo comportino le
I popoli son sempre trascinati
forze. Il determinare la quantità del riposo dipende dalla
Ad immolarsi, dietro una Bandiera,
qualità del lavoro, dalle circostanze di tempo e di luogo, dal-
Spesso dalla politica ingannati,
Oscura, mercenaria e menzognera! la stessa complessione e sanità degli operai.
Ad esempio, il lavoro dei minatori che estraggono dalla terra
pietra, ferro, rame e altre materie nascoste nel sottosuolo,
essendo più grave e nocivo alla salute, va compensato con
POPOLO BUE una durata più breve. Si deve avere ancora riguardo alle
stagioni, perché, non di rado, un lavoro facilmente sopporta-
bile in una stagione è, in un altra, o del tutto insopportabile
“Popolo bue! Cornuto e bastonato”,
Non vedi ancora come t’ha ridotto o tale che si sopporta con difficoltà.
Il potere politico corrotto, Infine, un lavoro proporzionato all’uomo alto e robusto, non
Da sinedriti e Logge manovrato? è ragionevole che s’imponga a una donna o ad un fanciullo.
Anzi, quanto ai fanciulli, si badi a non ammetterli nelle offici-
Popolo bue, cresciuto ed allevato ne prima che l’età ne abbia sufficientemente sviluppate le
A scopo mercantile, ininterrotto, forze fisiche, intellettuali e morali.
Muggisci, almeno, a dir che ti sei “rotto” Le forze, che nella puerizia sbocciano simili all’erba in fiore,
D’esser tosato, munto e macellato!
un movimento precoce le sciupa, e allora si rende impossi-
I grandi allevatori, tuoi padroni, bile la stessa educazione dei fanciulli. Così, certe specie di
Ti “ingrassano” con la democrazìa: lavoro non si addicono alle donne, fatte da natura per i lavo-
Demo-pluto-giudaica-ipocrisìa, ri domestici, i quali grandemente proteggono l’onestà del
sesso debole, e hanno naturale corrispondenza con l’edu-
In stretta sintonìa coi frammassoni,
Bene infiltrati nelle Istituzioni, cazione dei figli e il benessere della casa.
Per conto della “perfida genìa”! In generale, si tenga questa regola: che la somma del ripo-
so necessario all’operaio deve essere proporzionale alla
Prof. Arturo Sardini somma delle forze consumate nel lavoro, perché le forze
consumate con l’uso debbono venire riparate col riposo.
Chiosa In ogni convenzione stipulata tra padroni e operai vi è sem-
Popolo bue, cornuto e bastonato, pre la condizione, o espressa o sottintesa, dell’uno e dell’al-
Scuotiti, scalcia e incorna, o finirai, tro riposo; un patto contrario sarebbe immorale, non essen-
Nelle mani dei crudi macellai, do lecito a nessuno chiedere o permettere la violazione dei
Che prima t’hanno munto e poi tosato! doveri che lo stringono a Dio e a sè stesso.
La “Parmalat” non c’entra - bene inteso -
Chiarisco, per non essere frainteso! (continua)

“Chiesa Viva” *** Aprile 2004 11


Meno scientifico dei motivatori profes-
sionali, più caldo di un telefono amico

Documenta-Facta e considerato più alla mano, il parroco


in azienda sembra essere divenuto
un’àncora di salvezza per tante impre-
se disposte a dare un sostegno mora-
le ai propri dipendenti molto più pro-
pensi a parlare e ad aprirsi con un uo-
mo di Chiesa che con un consulente.
La richiesta di cappellani, da parte
delle società, non hanno mancato di
dare vita ad un nuovo filone imprendi-
toriale: quello che noleggia un sacer-
dote, curato da aziende come
“Marketplace Ministries” e “Corpo-
“GAY PERVERTITI”: CARDINALE come queste dichiarazioni siano frutto rate Chaplanins of America”.
SCONVOLGE MEZZA EUROPA di posizioni personali di Joos il quale, Per l’invio di un parroco in fabbrica -
quindi, non parla a nome di tutto l’epi- così riporta il settimanale Busines-
«Sono disposto a scrivere col mio scopato, visto che “dipende diretta- sweek - vengono chiesti tra i 250 e
stesso sangue che di tutti coloro mente dal Papa”. 100.000 dollari al mese a seconda dei
che si definiscono lesbiche o gay, (Libero 28. 01. 04) lavoratori impiegati. Il giro di affari,
al massimo il 5 o il 10% sono effet- manco a dirlo, risulta in progresso di
tivamente tali; tutto il resto sono anno in anno. Il settore è in enorme
solo “pervertiti sessuali”». PSICOLOGI, ADDIO! ascesa: un’altra impresa del ramo, la
Il cardinale belga Gustaaf Joos ave- TORNA IL CAPPELLANO “Raleigh Corporate Chaplains”, ha
va rilasciato, qualche giorno fa, que- deciso di portare a 10 (da 50) il nume-
ste dichiarazioni al settimanale P-Ma- Lo psicologo aziendale, una delle fi- ro dei cappellani da spedire sui posti
gazine, così pesantemente “politica- gure professionali più in voga negli di lavoro, mentre “Marketplace Mini-
mente scorrette” che tutto un mondo anni ottanta e Novanta, ha fatto il suo stries” può contare già sui 244 clienti,
si è sollevato per protestare. Quel tempo. Per aiutare i dipendenti afflitti tra cui la società avicola “Pilgrim’s Pri-
mondo cosiddetto laico, le sinistre, le da problemi emotivi, preoccupati per il de”, che ha lasciato nelle sue casse,
associazioni dei diritti civili, esponenti lavoro o per difficoltà in famiglia, de- lo scorso anno, un milione di dollari.
del Parlamento Europeo, le associa- pressi, le società statunitensi rispolve- D’altronde, il 66% dei lavoratori ameri-
zioni di gay e lesbiche, naturalmente, rano il caro vecchio cappellano. cani ha reso noto di gradire in azienda
intellettuali, e via dicendo. In Belgio, un appoggio morale, ricco di spiritua-
ma non solo, in Francia, in Italia, in lità, per affrontare i propri problemi
mezza Europa. Basta leggere qualche personali, mentre l’80% ha dichiarato
altra frase, pronunciata dall’alto Prela- di preferire figure con gli stessi valori
to belga, per capire che cosa possano di riferimento come quelli religiosi.
avere provato, quelli che storcono il (Giornale di Brescia 31. 01. 04)
naso davanti ad affermazioni tanto
poco “in tendenza”.
«Vi chiedo di scrivere - ha detto BALLO E FIORI CONTRO SBALLO
Joos, nominato da papa Giovanni E FUMO: APRE LA PRIMA DISCO-
Paolo II e amico personale del Ponte- TECA FRANCESCANA
fice - non m’importa se verranno
tutti a protestare alla mia porta. Non Gli alcolici, le droghe e lo “sballo” ce-
la aprirò». Ancora: «I veri omoses- dono il passo a bevande analcoliche.
suali non vanno in strada in abiti È quanto avviene nella “Discoteca
coloratissimi. Quelle sono persone Francescana”, una struttura realizza-
che hanno un problema serio e de- ta da Padre Fedele Bisceglia
vono conviverci. E se fanno un er- nell’Oasi di accoglienza di Cosenza.
rore saranno perdonate. Dobbiamo L’Oasi, proprio nel centro della città
aiutare queste persone e non giudi- calabrese, è una megastruttura che
carle. La Chiesa (...) respinge l’omo- comprende un dormitorio per senza-
sessualità, non l’omosessuale». tetto, un mini-hospital, un poliambula-
Rincara la dose parlando dell’ex resi- torio, una casa per ragazze madri e
dente degli USA, Bill Clinton, come giovani abbandonati, l’immancabile
di un “maniaco sessuale” che ha ot- chiesetta e, appunto, una sala da bal-
tenuto l’impunità grazie ai giudici di lo sui generis che spara musica “te-
manica larga. chno” e “rap” spaccatimpani, ma
Descrive così l’uso dei preservativi: senza alcolici e fumo. La discoteca,
«Un preservativo è pericoloso per- che può accogliere complessivamente
ché permette relazioni sessuali co- duecento persone, ha due piste da
me quelle che hanno i cani per la ballo ed altri arredi che consentono
strada». l’intrattenimento tra i ragazzi.
Ed ecco che le Monde “sbatte il mo- «Spero - dice Padre Fedele, un cap-
stro in prima pagina” e parla del ca- puccino che divide la sua vita tra l’Afri-
so, sostenendo che i più indulgenti, ca (dove fa il medico missionario) e la
dinanzi a queste affermazioni, parlano Calabria - che questa discoteca di-
di problemi di senilità. venti un modello anche per gli altri
Viene citata una dichiarazione arrivata locali da ballo nel resto d’Italia!!
dall’episcopato belga che sottolinea (Libero 10. 02. 04)

12 “Chiesa Viva” *** Aprile 2004


“Chiesa Viva” *** Aprile 2004 13
LE AVVENTURE
DI UN INFILTRATO
di A. Z.

1
U n certo numero di teologi ri-
tardatari rimane ancora sog-
giogato dalle sirene neomo-
derniste, non rendendosi conto che
il modernismo è un fenomeno
L’autenticità storica della vicenda ci
è stata confermata da testimonianze
attendibili.
Qui, attingiamo il quadro della stra-
tegia eversiva dalla sintesi che ne
abilmente suscitato e gestito da ha fatto il prof. Emanuele Mor sul
forze interessate a distruggere la mensile “Medjugorje-Genova”
Chiesa dall’interno. n.34.
In “Medjugorje” nn. 50 e 51 abbia-
mo informato sulla dipendenza del
movimento Pax e delle organizza- GLI ANTEFATTI
zioni ad esso collegate (I.DOC, e
iniziative affini) dalla polizia comu- L’autore del manoscritto, a cui l’in-
nista russa. Altri collegamenti fin fermiera dà il nome di Michael, era
dalle origini del movimento mo- stato raccolto piangente sul ciglio di
dernista (Roca, ecc.) furono di una strada della Polonia da una gio-
ispirazione massonica. Si tratta- vane coppia di coniugi polacchi ed
va, quindi, di infiltrati che introdu- educato nei migliori collegi cattolici.
cevano nel cuore stesso della Michael racconta: «Avevo allora tre
Chiesa il cavallo di Troia del dis- anni. Eravamo nel 1920, e ciò mi
solvimento e della contestazione permette di dire che io nacqui nel
del Magistero. 1917, ma dove e da chi?»
Un nuovo caso di infiltrazione è ve- La mamma adottiva non voleva che
nuto alla luce con la scoperta di un il bene spirituale del figlio. Il padre,
documento curioso. medico, non lasciava occasione per
manifestargli tutto il suo affetto. Era
Siamo a Parigi nel 1967. Un uomo un ragazzo di indiscussa avvenenza
viene ricoverato morente per un in- e di intelligenza superiore al norma-
cidente automobilistico. Un’infer- le, orgogliosissimo. Un grande
miera gli è accanto, e rimane im- shock lo sconvolse quando a 14 an-
pressionata dal suo sguardo. L’uo- ni, in partenza con i genitori per visi-
mo non riesce a parlare, ed ella gli tare Roma e Parigi, li sentì casual-
fa cenno di chiudere le palpebre in mente parlare di lui per la questione
risposta positiva alle sue domande. del passaporto. Allora scoprì di es-
Ma l’infelice muore senza dare sere un trovatello.
cenno di risposta. Il suo orgoglio rimase ferito al punto
Nella sua tasca rimane un mano- tale che si riempì di odio contro di lo-
scritto. L’infermiera non si trattiene dallo Solo una decina di anni dopo, l’infermiera ro e contro Dio, e con l’aiuto di un amico,
sfogliarlo e viene attratta alla lettura. Il si decide a darlo alle stampe, in lingua che aveva uno zio a Mosca, fuggì da ca-
racconto la interessa: è la storia di un uo- francese, sotto il titolo “E.S. 1025, ou les sa e rimase per ben sei anni presso que-
mo che descrive la sua vicenda di agente memoires d’un antiapôtre” a cura di sto dirigente del Servizio segreto russo,
segreto del KGB, infiltrato come sacerdo- Marie Carrè.1 che lo convinse nel più fermo ateismo e
te nella Chiesa Cattolica con la sigla ES lo invitò a entrare nel KGB, per infiltrarsi
1025 = Elève Séminariste, ossia 1025° La trama avventurosa che si snoda sul nella Chiesa Cattolica al fine di distrug-
della serie dei seminaristi infiltrati nel- sottofondo delle indicazioni eversive ren- gerla.
la Chiesa per sovvertirla dal di dentro. de la lettura particolarmente avvincente. Per questo doveva fingere la massima di-

1 Cfr. Marie Carrè, Ed. Diffusion de la Pensée Française, Chirè en Montreuil, 86190 Vouillé.

14 “Chiesa Viva” *** Aprile 2004


ligenza e pietà, dichiarando di avere la Fulcri di forza per la disintegrazione della non son loro che devono convertirsi al
vocazione al sacerdozio. È quello che fe- Fede di massa furono la spinta verso un cattolicesimo ma è la Chiesa di Roma
ce rientrando presso i suoi genitori adotti- vago ecumenismo onnicomprensivo, che deve rivolgersi verso di loro. Ciò era
vi e presentandosi al sacerdote che diri- motivato dalla carità verso i fratelli se- molto importante perché, a quell’epoca,
geva il collegio dove aveva studiato. Poi, parati e le religioni non cristiane. erano moltissime le conversioni dei prote-
venne inviato per un controllo da parte di L’istanza sociale che già aveva ispira- stanti verso la Chiesa Cattolica.
un uomo consacrato che, avendo da Dio to a Roca lo slogan «il Cristianesimo
il dono del discernimento, si accorse della puro non è altro che il socialismo»2, la – Sarà bene sostituire al termine “Chiesa
finzione. negazione del soprannaturale, la ridu- Cattolica” il termine sfumato di “Chiesa
Michael ne informò “Io zio” e chiese ciò zione della Bibbia a pura elaborazione Universale”, come preferiscono i prote-
che doveva fare. L’ordine fu di eliminarlo. culturale per arrivare, poi, all’annienta- stanti (ricordiamo, qui, come il mondiali-
Dopo un dialogo straziante con il sacer- mento del Magistero, del culto eucari- smo massonico mira a un sincretismo re-
dote, Michael lo uccide con le sue mani, stico, dei sacramenti, della mariologia, ligioso universale).
impiegando un metodo segreto imparato della morale cristiana.
al KGB, tale da non lasciar segno e far ri- – È ovvio che occorre smantellare il ba-
tenere la morte avvenuta per infarto. luardo della rigidezza cattolica, ossia
Superato l’ostacolo, Michael diventò se- L’INSINUAZIONE ECUMENISTA l’idea che il Papa sia infallibile e che il
minarista e andò a Roma, dove rimase Magistero sia l’interprete esclusivo del
sei anni, comportandosi con tale intelli- Per dissolvere la Fede, Michael partiva Vangelo. I pretesti per demolire il Papa
genza, perfezione e finta pietà da risulta- da questa insinuazione: si deve arrivare a vanno utilizzati con zelo e carità convin-
re il primo del corso e da essere ascoltato una Chiesa al di là delle divisioni esisten- centi.
dai suoi stessi insegnanti per le sue idee ti: non è forse l’aspirazione di Cristo stes-
innovative e originali. so che pregava: «Tutti siano uno come – All’idea della grandezza di Dio biso-
Il dattiloscritto si ferma alla sua ordinazio- tu, Padre, in me e io in te»? gnerà sostituire l’idea della grandezza
ne al sacerdozio, quindi intorno al dell’uomo. È l’uomo il centro e il cul-
1946. mine della “Chiesa Universale”, nella
Del successivo ventennio fino all’inci- quale tutte le buone volontà si fonde-
dente automobilistico e alla sua morte, ranno in modo visibile sostituendo
malauguratamente non si sa nulla, ma l’idea del Dio invisibile dei cristiani. La
la perfidia e l’odio contro Dio e la Reli- Fede si sarebbe dissolta blandendo
gione cattolica, totalmente celati sotto l’orgoglio dell’uomo.
un’apparente ortodossia, con astuzia
veramente diabolica, fanno ben com- – Sempre sotto l’insegna della carità,
prendere quale immenso male abbia bisognerà favorire gli scambi intercon-
fatto alla Chiesa questo infelice. fessionali con le religioni non cristia-
Stupisce dolorosamente il fatto che tut- ne, valorizzando il Corano e i testi
to il suo programma di errori e distru- orientali, mettendo in evidenza come,
zioni si è purtroppo avverato. Quanti presso ebrei, musulmani, induisti, co-
dei 1025 infiltrati, perfetti atei, sono munisti, ci siano grandi virtù al cui con-
diventati preti, vescovi, falsi teologi fronto i cristiani dovranno vergognarsi
e insegnanti nei seminari? di ritenersi più santi degli altri.
Riportiamo alcune delle questioni più
salienti trattate da Michael nel suo ma- – Alle parole di Cristo «Le porte
noscritto. dell’inferno non prevarranno», oc-
correrà sostituire il «prevarranno» con
«non potranno niente»: essendo eli-
LA STRATEGIA EVERSIVA minata l’idea dell’indistruttibilità della
Chiesa, sulla quale i cattolici fondano
La strategia eversiva adottata da Mi- tanta sicurezza, prenderanno via libera
chael aveva precedenti nel moderni- i dialoghi su base biblica.
smo ottocentesco, di influsso prote-
stante. Si può dire, semplicemente, – La parola «Chiesa» sarà sostituita
che il modernismo già dal tempo di Ro- dal concetto di «Assemblea» con i fra-
ca, di Renan, di Bonaiuti, prendeva le telli del mondo intero. Dapprima, si
mosse dall’interpretazione biblica libe- farà leva sulla carità cristiana, poi,
rale per sfociare nella negazione della all’idea della carità cristiana bisognerà
divinità di Cristo e nella piena secola- sostituire quella di una sana filantro-
rizzazione atea. Non solo Dio veniva pia.
estromesso dalle vicende umane, co- Per questo:
me teorizzarono gli illuministi, ma era – Nella Chiesa del futuro avremo preti
rimpiazzato dal “culto dell’uomo”. Il – i cattolici in particolare devono prendere dispensatori della sana dottrina socia-
punto di arrivo del neomodernismo è coscienza dello scandalo che rappresen- le, senza alcun riferimento a Dio (già ai
l’umanesimo ateo. ta la divisione tra cattolici, ortodossi e suoi tempi, Roca aveva proclamato: «I
I teorici del modernismo erano già da le trecento sètte protestanti. Bisogna col- preti diventeranno guide delle unioni
tempo in quest’area gnostica; ora, occor- tivare in essi il rimorso, perché la colpa sindacali, ecc.: l’umanità si spretizza
reva smantellare la Fede nelle masse, e degli scismi e delle eresie si deve all’in- affinché il prete si umanizzi, e i due si
le guide del comunismo moscovita che transigenza cattolica. Si deve riparare ad cristianizzino nel vero senso del Van-
dirigevano Michael gli fornivano, uno die- ogni costo, con molta umiltà, salvando gelo, che è socialismo puro»). Nel
tro l’altro, gli slogans del dissolvimento solo il Credo. 1938, Michael lanciava la profezia: «Ve-
della Fede. Occorreva presentare ai cre- L’amore fraterno per i protestanti, per far drete i preti sposati e la Messa in lin-
denti motivazioni persuasive, apparente- cancellare quattro secoli di disprezzo, fi- gua volgare».
mente innocue, fondate sulla stessa pro- nirà per distruggere il Cristianesimo. Per
fessione della fede. questo occorrerà inculcare il concetto che (continua)

2 Cfr. Orio Nardi, “Il vitello d’oro”, Ed. Med-jugorje, p. 186 ss.

“Chiesa Viva” *** Aprile 2004 15


“THE PASSION OF THE CHRIST”
– La Passione di Gesù –
di Mel Gibson
di Mark Alessio

(Dal bisettimanale americano: “The Remnant” 15 Febbraio 2004 - www.RemnantNewspaper.com)


– Traduzione del dott. Franco Adessa –

1
I l film di Mel Gibson “La
Passione del Cristo” ha
monopolizzato le testate
giornalistiche americane da circa
un anno e ancor oggi non passa
affatto nulla di anti-semitico o
di anti-ebraico nel film di Mel
Gibson”.
Abraham Foxman, direttore
nazionale della Anti-Defama-
giorno che non sia menzionato tion League (ADL) dell’alta
dai mass media. Nel periodo che massoneria ebraica dei B’nai
ha preceduto la “prima visione” B’rith, commentando i calorosi
del Mercoledì delle Ceneri, commenti provenienti da Roma,
però, la foga che ha alimentato ha detto: «Spero che i loro giu-
le “controversie” su questo dizi siano corretti... Io spero che
nuovo film sembra essersi cal- (il film) non contenga ciò che ci
mata. D’altra parte, cosa poteva preoccupa: la colpevolezza de-
essere detto ancora dopo tutto gli ebrei».
quanto è già stato detto? Il 17 dicembre, la cosiddetta
Considerate le forze al lavoro in “controversia sulla Passione
queste “controversie”, sia quelle del Cristo” ha avuto un altra
venute allo scoperto che quelle svolta interessante quando -
nascoste, non ci si può sorpren- Peggy Nooman, articolista de
dere che le settimane precedenti “the Wall Street Journal”, ha
la “prima visione” abbiano visto rivelato che il Papa Giovanni
una serie di articoli interessanti. Paolo II aveva davvero assistito
alla proiezione del film “La pas-
Un’immagine tratta dal film: Il volto sfigurato di Gesù. sione del Cristo”, e aveva sin-
“È COME È STATO” tetizzato la sua reazione in quat-
tro parole: «È come è stato»!
L’8 dicembre 2003, lo “Zenit News” ri- Tutti hanno lodato il film, specialmente il Steve McEveety, co-produttore del film,
portava che «diversi personaggi vati- Padre domenicano Agostino Di Noia, era andato a Roma in aereo per mostrare
cani di alto rango hanno assistito, la Sottosegretario della Congregazione il film agli interessati, dove diede un
scorsa fine settimana, a Roma, ad una per la Dottrina della Fede. P. Noia ha DVD della “Passione” a Mons. Stani-
rappresentazione privata del film di apprezzato sia la “splendida cinemato- slaw Dziwisz, il segretario personale e
Mel Gibson “La Passione del Cristo” e grafia e la brillante e coerente recita- grande amico del Santo Padre. Il Papa e
ne sono usciti impressionati». Questi zione” nel film, come pure la “profonda il suo segretario videro il film di notte
personaggi includevano membri della Se- comprensione spirituale del significa- nell’appartamento del Pontefice. In un
greteria di Stato Vaticana, del Consiglio to teologico della passione e morte di successivo incontro con il Sig. McEveety
per le Comunicazioni Sociali e della Con- Cristo”, di Mel Gibson. e Jan Michelini, suo assistente, Mons.
gregazione per la Dottrina della Fede. P. Noia ha inoltre osservato: «non vi è Dziwisz fornì le reazioni del Pontefice.

Nota della Direzione di “Chiesa viva”. “Mushi h”, cioè “Messia”, ossia “unto” con glio che tu chiamerai “Gesù”, poichè salverà
Il nome “Gesù”, dall’ebraico è una forma ab- oli fragranti a particolari dignità, specie il il suo popolo dai peccati commessi» (Mt. 1:
breviata di “Giosuè”, derivante da “Yavèh” e “Messia” atteso dagli Ebrei, Gesù il Cristo, 21). «Ecco, tu concepirai nel tuo seno e darai
dall’ebraico “ehahva” (= salvare), quindi: Dio come è detto nel Vangelo (1, 16; 16, 16; 23, alla luce un figliolo a cui porrai il nome di
salva; Dio Salvatore. Il nome “Cristo”, dal 10; 24, 5; 24, 25; 26, 63; 27, 17; 21, 22, ecc.). “Gesù”. Questi sarà grande e sarà chiamato
greco “Christòs” è aggettivo verbale e vuole Da notare, quindi, che il nome del “Dio Sal- Figlio dell’Altissimo...» (Lc. 1: 31-33). «Nato
dire “spalmabile” ma, in ambiente giudaico e vatore” è “Gesù”, come appunto leggiamo “Gesù” a Betlemme di Giuda, al tempo del re
poi cristiano, equivale al termne aramaico nei Vangeli. Ad esempio: «Darà alla luce un fi- Erode...» (Mt. 2: 1), ecc. ecc..

16 “Chiesa Viva” *** Aprile 2004


Peggy Nooman ha scritto: il quale esitava a credere che il Papa «Il problema - egli dice - non è affatto il
«In seguito, Mons. Dziwisz raccontò al avesse persino visto il film, adesso ab- film di Mel Gibson, ma il futuro della fi-
Sig. McEveety la reazione del Pontefice. bandonava tutta la sua reticenza: «Sono ducia sulle relazioni Ebraico-Cattoli-
Il Papa ha trovato molto potente e lo ha contento - disse Foxman (citato nel che», e ancora: «la minaccia di disfare
approvato. McEveety era deliziato. “The New York Times” del 20 gennaio cinque decenni di progressi nelle rela-
Mons. Dziwisz ha aggiunto che il Papa 2004) - che il Vaticano affermi che il zioni Ebraico-Cattoliche».
gli disse, mentre il film stava terminando, Papa non ha approvato il film». Affermazioni davvero portentose!
quattro parole che Egli desiderava tra- Perché questa inversione di rotta è “so- Può qualcuno che abbia seriamente os-
smettere: “È come è stato”! Il Santo Pa- spetta”? servato il pontificato di Papa Giovanni
dre ha detto che il film racconta la storia Quando la notizia dell’approvazione pa- Paolo II e il lavoro ecumenico dell’appa-
come è veramente accaduta». pale del film fu resa pubblica per la prima rato vaticano, negli ultimi vent’anni, pen-
In un comunicato stampa sulle “Relazioni volta, certe voci ecumeniche immediata- sare, per un solo momento, che i nostri
tra il Vaticano e gli Ebrei”, del 17 dicem- mente avevano predetto il crollo delle “pastori” potranno permettere che qual-
bre, la Anti-Defamation League (ADL) “Relazioni Ebraico-Cattoliche”! Eric cosa possa fermare la marcia inesorabile
ha risposto a malincuore alla notizia degli Greenberg, scrivendo sul “The Jewish delle “Relazioni Ebraico-Cristiane”?
apprezzamenti del Papa, dicendo: «In ef- Week” del 26 dicembre 2003, notava: Senza dubbio, il Professor Cook è in
fetti, le reazioni (del Papa) al film sono «Per qualche esperto di relazioni interre- malafede.
state positive, come è stato riportato; ligiose, il fallimento dei vertici della Chie- Forse che queste fosche previsioni di ro-
quindi, noi rispettiamo la sua posizio- sa di considerare l’avviso dei loro studiosi vina ecumenica hanno aiutato Mons.
ne». Forse, adesso - avrà pensato qual- come pure degli esperti ebrei circa il peri- Dziwisz a cambiare atteggiamento?
cuno - Gibson può sentirsi soddisfatto nel colo potenziale di questo film sulla “Pas- Qualcosa deve essere successo, perché
presentare il suo film e noi ce lo potremo sione del Cristo”, ha infranto una fiducia la marcia indietro del Vaticano sulle os-
gustare in pace senza tutti quei costanti che raggiunge il cuore delle relazioni in- servazioni del Papa sul film è un colabro-
attacchi e le proteste di gruppi egoistici e terreligiose». Greenberg aggiunge an- do che fa troppa acqua per poter rimane-
attivisti che ci hanno stomacato. che alcune tetre e catastrofiche citazioni, re a galla.
Questo, però, non è avvenuto! provenienti dalla cricca terrorizzata degli Peggy Noonan, scrivendo su “The Wall
Il 16 gennaio 2004, dalle tiepide ceneri esperti interreligiosi: Street Journal” del 22 gennaio 2004,
della “controversia” sulla “Passione solleva alcune questioni interessanti
del Cristo” sono divampate le fiam- sul tema. Dopo aver inviato una e-
me quando il “Catholic New Servi- mail al dott. Joaquin Navarro-Val-
ce” ha riportato che «due personag- ls, capo dell’Ufficio Stampa del
gi informati del Vaticano, molto vicini Vaticano, chiedendo ulteriori com-
al Papa, mentre confermavano i det- menti sulle osservazioni del Papa, si
tagli sul fatto che il Papa aveva è sentita rispondere dallo Stesso
guardato il film, negavano ferma- Navarro-Valls: «Per ora, non ho al-
mente che il Papa avesse espres- cun commento da fare sulla que-
so un giudizio sul film». Per au- stione. Se in futuro ci saranno no-
mentare la confusione, il direttore vità, gliele farò pervenire».
della stampa vaticana, Joaquin Na- A questo punto, Noonan scrive:
varro-Valls, si rifiutava di fare com- «Quando sono emersi dubbi sulle ci-
menti e di dare spiegazioni. tazioni del Papa, il Sig. McEveety
Allora, il 19 di gennaio, il “Catholic spedì una e-mail al dott. Navarro-
News Service” scrisse che Mons. Valls chiedendo il suo aiuto. Egli ri-
Dziwisz, il quale aveva visto il film spose con una e-mail, consigliando
col Papa, aveva annunciato che, in il Sig. McEveety di non preoccu-
effetti, il Santo Padre non aveva mai parsi di usare la frase “È come è
pronunciato una parola sul film: stato”, e di ripetere queste parole
«Io ho detto chiaramente ai Sigg. “ancora e ancora e ancora”! Il Sig.
McEveety e Michelini che il Santo McEveety mi ha inviato una copia di
Padre non ha fatto alcuna dichiara- questa e-mail di risposta».
zione - disse Mons. Dziwisz. - Ho Secondo Noonan, Rod Dreher del
detto che il Santo Padre aveva visto “Dallas Morning News” ha contat-
il film, in privato, nel suo apparta- tato il dott. Navarro-Valls il 21 gen-
mento, ma non aveva fatto alcuna naio 2003 per confermare l’esistenza
dichiarazione in merito. Egli non dà di questa e-mail di risposta. Navarro-
giudizi su questo tipo di arte; Egli Valls ha risposto: «Le e-mails non
lascia questo compito ad altri, erano autentiche». Cosa significa
agli esperti». questo? Stava suggerendo, forse,
Non ci voleva che questo! Una scena del film: Simeone aiuta Gesù a portare la Croce. che la e-mail inviata a Steve McE-
D’improvviso, certe anime credulone veety era un’invenzione? Se così
e maliziose accusavano Mel Gib- fosse, come si fa a spiegare l’osser-
son e Steve McEveety di inventarsi vazione di Peggy Noonan che dice:
i commenti del Papa. Frank Rich «L’indirizzo di ritorno sulla e-mail in-
del “The New York Times” (18 gennaio «È giunta l’ora di ammettere - avverte viata al Sig. Rod Dreher era proprio la
20049), il quale aveva precedentemente Michael Signer, professore del Pensiero stessa di quella che appariva sulla e-mail
chiamato Gibson un “aizzatore” contro Ebraico all’Università di Notre Dame - che avevo ricevuto dal Sig. McEveety.
gli Ebrei, adesso sfogava la sua bile pa- che le relazioni Ebraico-Cattoliche, ne- Facendo ulteriori controlli sulla e-mail in-
ragonando Gibson ad uno di quei “vendi- gli Stati Uniti, hanno raggiunto un viatami dal dott. Navarro-Valls il 17 di-
tori ambulanti” che maneggiano la pietà punto di minimo assoluto in termini di cembre, risultò che era stata spedita at-
più santa come un club per il proprio pro- energia che entrambe le parti dedica- traverso il server delle e-mail del Vatica-
fitto». no in quest’area». no, e l’indirizzo IP è quello di un compu-
Questa inversione di rotta di Mons. Michael Cook, uno studioso anti-Gibson ter vaticano».
Dziwisz certamente ha fornito una “via e professore di Studi Giudeo-Cristiani al Peggy Noonan aveva originariamente
d’uscita” per quelli che ritenevano che il “College Hebrew Union” di Cincinnati, contattato Navarro-Valls, dopo che le ci-
vero pensiero papale di approvazione al crede che «alla psiche ebraica non è tazioni del Papa erano state rese pubbli-
film di Gibson fosse solo un semplice tanto il film che preoccupa, ma è la che. Ella disse che Navarro-Valls “le inviò
anatema. Abraham Foxman della ADL, sensazione di essere abbandonati». una e-mail di risposta, dicendo che egli

“Chiesa Viva” *** Aprile 2004 17


non era al corrente di ulteriori commen- quelli che si oppongono al film di Mel sero utilizzate come una sua promozio-
ti”. La parola “ulteriori” è significativa. Gibson. ne, oppure dietro tutto questo non vi è
Qualcuno era in malafede? Ma chi? Se Abbiamo visto il futuro delle “Relazioni stato un ricatto ecumenico?
qualcuno si fosse inventato una citazio- Ebraico-Cattoliche” essere usato come Dopo tutto, è molto strano che Mons.
ne, tra l’altro attribuita alla persona più fa- una minaccia velata nei confronti della Dziwisz affermi che il Papa “non dà giu-
mosa al mondo, e poi si aspettasse di Gerarchia cattolica. Certamente, in que- dizi su questo tipo di arte; Egli lascia
farla franca, non poteva essere che un ste “relazioni”, dottrina e verità (ammesso questo compito ad altri, agli esperti”.
perfetto imbecille. Persino il Rev. John che vi figurino!) devono sempre prendere Il fatto è che il Santo Padre dà e dovreb-
Pawliowski, capo del Consiglio Naziona- il secondo posto per rappacificare quelli be dare tali giudizi. Il 24 gennaio 2004,
le dei Centri per le Relazioni Ebraico-Cri- che rigettano Gesù Cristo e disprezzano Giovanni Paolo II aveva fatto un’affer-
stiane, aveva confermato che il Papa la Sua Chiesa, accusandola di ogni male mazione nell’anticipazione della “Giorna-
aveva visto il film e che aveva “fatto il alla luce del sole. La cosa peggiore che ta della Comunicazione Mondiale” in-
breve e positivo commento sul film”, possa capitare agli uomini di Chiesa del detta dalla Chiesa. Il Papa aveva detto
come riportato da Eric Greenberg nel nostro periodo post-conciliare è la possi- che «tutti i tipi di comunicazione han-
suo articolo sul “The Jewish Week”. bilità di un qualsiasi ostacolo nelle no una dimensione morale... La gente
L’ultimo atto di questa commedia sulle ci- “Relazioni Ebraico-Cattoliche” (e ciò è cresce o diminuisce, nella sua statura
tazioni del Papa è questo: sì, il Santo Pa- strano, perché questo dialogo, in primo morale, a seconda dalle parole che essi
dre ha visto il film ed ha realmente fatto il luogo, non potrà mai sperimentare un ve- dicono, dalle parole che trasmettono, co-
favorevole commento, ma questo com- ro “progresso”, a meno che si predichi me pure dai messaggi che essi scelgono
mento non doveva essere usato in pub- “Cristo crocifisso” al popolo ebreo. di ascoltare».
blico Quindi, la strana e rapida inversione Sicuramente, un film fatto in onore delle
di rotta di Mons. Dziwisz sarebbe inter- sofferenze del Redentore della razza
pretata non come una negazione dei umana, potrà aiutare la gente a crescere
commenti papali, ma come un modo per nella propria “statura morale”? Se una
tenere il Papa al di fuori di questa contro- persona vedesse questo film e ne fosse
versia, escludendolo dal ruolo di un qual- sinceramente commossa, perché non do-
cuno che avrebbe “promosso” un qual- vrebbe parlarne? Perché il Papa di tutte
siasi film. le genti non dovrebbe, quindi, lodare tale
Questa versione è stata sanzionata da sforzo, essendo Egli preoccupato degli
Ray Flynn, ex Ambasciatore americano effetti dannosi degli attuali mass media?
del Vaticano: «Evidentemente, ciò è ve- Il 26 gennaio 2004, la “Associated
ramente stato affermato da Giovanni Press” aveva riportato che il Papa Gio-
Paolo II. Ma Egli non intende affermarlo vanni Paolo II «aveva presieduto la do-
in pubblico e non può permettere a nes- menica ad una performance di danzatori
sun altro di farlo» (News max.com, 27 “break-dancing”, i quali facevano salti,
gennaio 2004). pirolette, e volteggiavano i loro corpi al
La dichiarazione ufficiale di Jan Micheli- ritmo di bongo. Il Pontefice ha commen-
ni al “National Catholic Reporter” del tato: «il talento artistico è un dono di
21 gennaio 2004 sembra confermare Dio» e, rivolgendosi ai danzatori: «Per
questa versione: questo duro e creativo lavoro, Io vi be-
«Io confermo ciò che ho già detto: il Papa nedico col mio cuore»!
ha visto “La Passione del Cristo” di Pertanto, secondo il segretario personale
Mel Gibson ed ha apprezzato il film per- del Papa, il Santo Padre “non dà giudi-
ché rappresenta una fedele trascrizione zi sull’arte cinematografica; Egli lascia
del Vangelo. Egli ha visto il film insie- questo compito ad altri, agli esperti”. Il
me al suo segretario Stanislaw Dziwi- Vicario di Cristo è forse un esperto di
sz, nel suo appartamento, in una rap- “break-dancing”? Il Papa, in effetti, ha
presentazione privata. Per questa ra- pubblicamente lodato il “duro e creativo
gione non vi è mai stata e non ci poteva lavoro” dei danzatori.
essere un comunicato ufficiale o una di- Penso che Rod Dreher del “Dallas Mor-
chiarazione pubblica su questo film. Di ning News” colpisca nel segno quando,
fronte ad una critica speciosa, il segreta- parlando a Bill O’Reilly sul “The O’Reil-
rio del Santo Padre non poteva che ne- ly Factor” del 23 gennaio 2004, dice de-
gare. È sconvolgente vedere come le in- cisamente:
terpretazioni semantiche di poche parole, Una scena del film: Maria con Maria Maddale- «Ebbene, Bill, è un oltraggio. Questo ti
na. Maria Morgenstern, l’attrice romena che
pronunciate in una conversazione priva- recita nel ruolo di Maria, è ebrea e i suoi geni- mostra la depravazione con la quale i ne-
ta, tra il segretario del Papa, il produtto- tori sono dei sopravvissuti dell’Olocausto. mici di Mel Gibson e di questo film stiano
re Steve McEveety e il sottoscritto, siano Ella afferma categoricamente: non vi è ombra reagendo al film con la questione vatica-
state usate in modo scorretto dai giornali- di anti-semitismo nel film e in Mel Gibson! na del commento del Papa, affermando
sti. Questo è tutto quello che devo dire su che Egli non ha mai pronunciato queste
questo argomento». parole e usando questo per impiccare
Il problema che emerge con questa ver- Quindi, come si potrebbe avere un qual- Mel Gibson. Ed io temo che lo stesso
sione dei fatti - e cioè che il Vaticano sia siasi “ostacolo”?). Vaticano, tramite la sua doppiezza, e
“imbarazzato” dall’uso pubblico delle pa- Il prof. Michael Cook, sopra citato, si è attraverso il suo modo di dire e di
role del Papa - rimane la e-mail inviata spinto al punto di minacciare che “nella smentire, essi stessi hanno gettato Mel
dal dott. Navarro-Valls a Steven McE- loro sensazione di abbandono, gli Gibson nella fossa dei leoni».
veety, nella quale Navarro-Valls lo consi- Ebrei potrebbero veramente abbando- Ciò che rattrista è che l’intero e ridicolo
glia di usare la frase “È come è stato”, e nare l’iniziativa della comprensione episodio poteva essere evitato dagli
di ripeterla “ancora e ancora e ancora”! Ebraico-Cattolica” e correre nelle brac- speakers del Vaticano, semplicemente
Comunque, sebbene la storia dell’“imba- cia dei Protestanti Evangelici! usando la precauzione delle parole di
razzo” abbia messo il Vaticano in una lu- Un risultato di tutto questo inutile intrigo, Nostro Signore: «Sia il tuo parlare sì sì,
ce migliore, nessuno sembra essere trop- è quello che il Vaticano ha dimostrato un no no; e tutto il resto, e oltre questo,
po preoccupato. comportamento assurdo. Dopo tutto, era viene dal diavolo». Ma questa ammoni-
Alla fine dei conti, l’approvazione papale poi così difficile rivolgersi direttamente al zione avrebbe esposto in pieno la follìa
del film è irrilevante. Comunque, la saga Pontefice? L’inversione di rotta di Mons. del dialogo interreligioso e del falso ecu-
di questa citazione ha permesso alcune Dziwisz era dovuta davvero all’imbaraz- menismo!
introspezioni interessanti nel campo di zo che le citazioni del Papa sul film fos- (continua)

18 “Chiesa Viva” *** Aprile 2004


Gli Ebrei tradiscono
i loro più fedeli amici
da: “Complotto contro la Chiesa” di Maurice Pinay, cap. VIII. La prima edizione è del 1962 - Roma -

Avendo letto il libro pubblicato in Roma nel 1962: COMPLOTTO CONTRO LA CHIESA, che venne distribuito tra tutti i Padri
Conciliari, non trovando in esso niente che si opponga alla Fede ed alle buone abitudini, non ho inconveniente nel concedere
L’IMPRIMATUR CANONICO che mi è stato richiesto per l’edizione spagnola che si sta pubblicando nel Messico.
18 aprile del 1968. + Juan Navarrete Arcivescovo di Hermosillo.

traduzione del prof. Arturo Sardini

1
di demolire le mura di molte città, con le
In questo capitolo, ci si può fare loro poderose fortificazioni, che avrebbe-
un’idea di come, mille e duecento ro ostacolato enormemente l’invasione
anni or sono, l’imperialismo giudai- musulmana, mentre gli ebrei, tradendo il
co e le sue quinte colonne operas- loro leale amico Vitiza, stavano favoren-
sero dentro la Chiesa, per distrug- dola nell’Africa del nord allo scopo di an-
gere lo Stato cristiano di Spagna, e nientare definitivamente lo Stato Cristia-
senza alcun dubbio siamo sicuri no e, se possibile, tutta la cristianità euro-
che l’esperienza di altri tredici se- pea.
coli ha permesso all’imperialismo L’Arcivescovo Rodrigo Tolentano ed il
ebraico ed alle sue quinte colonne Vescovo Luca de Tuy, nelle loro crona-
di perfezionare ulteriormente i suoi che già citate, narrano come il Governo
metodi per raggiungere sempre lo di Vitiza comandò di atterrare le mura
stesso scopo: la distruzione della delle città, distruggere le fortificazioni e
Chiesa cattolica e degli Stati cri- convertire le armi in aratri. (p.124).
stiani. Il celebre storico spagnolo del secolo
scorso, Marcellino Menendez y Pelayo,
riferendo il tradimento degli ebrei, dice:
«La popolazione indigena avrebbe po-
tuto resistere al manipolo di arabi che
Agli inizi del secolo VIII, l’Impero cristiano attraversò lo Stretto, ma Vitiza l’aveva
dei Visigoti era retto dal Re Vitiza il qua- disarmata, le torri erano atterrate e le
le, dopo aver realizzato una politica di ri- lance convertite in aratri». (p.125).
conciliazione coi giudei, facendo liberare Mentre l’Impero Visigoto disarmava, sotto
dalla schiavitù i cristiani cripto-giudei del l’influenza dei consiglieri ebrei, amici di
regno, e richiamando perfino dall’esilio i Vitiza, e distruggeva le sue difese, annul-
pubblici giudei, permise agli uni e agli al- lando la sua potenza bellica, gli ebrei aiu-
tri di praticare liberamente il giudaismo, e tavano i musulmani a realizzare l’invasio-
li elevò alle più alte cariche, offrendo loro ne e la distruzione del Cristiano Impero,
la sua assoluta fiducia, in un clima di ri- Musicante moro seduto. per la qualcosa facevano nel nord-Africa
conciliazione cristiano-giudaica e di Particolare di un pannello d’avorio. grandi preparativi.
fratellanza tra i popoli. Nel Paese che volevano rovinare, gli
israeliti inculcavano il pacifismo, men-
tre inculcavano il bellicismo in quelli

V itiza, caduto nelle mani degli


ebrei ed attorniato da consiglieri
israeliti, arrivò al colmo della de-
menza in una politica che possiamo defi-
nire suicida. Secondo alcuni, con il pre-
altri per poter reprimere più facilmente gli
oppositori della sua assurda politica, che
ogni giorno crescevano di numero e for-
che utilizzavano come strumento per
la sua rovina: tattica giudaica classi-
ca, usata attraverso i secoli, in diversi
Stati, che attualmente praticano con il
perfezionamento loro permesso dalla
testo dell’amore per la pace, secondo za, ordinò di convertire le armi in aratri e esperienza di molti secoli.1

1 È curioso notare che gli ebrei, attualmente, no nelle diverse chiese cristiane, con la stam- tica e negli altri Stati soggetti alla dittatura so-
direttamente o per mezzo delle organizzazioni pa, radio e televisione che essi controllano, cialista totalitaria inculcano nel popolo il
massoniche, teosofiche, dei partiti socialisti, etc., predicano il pacifismo ed il disarmo bellicismo.
comunisti, e con infiltrazioni segrete, che han- nel mondo libero, mentre, nell’Unione Sovie- Inoltre, mentre alla fine della Seconda Guerra

“Chiesa Viva” *** Aprile 2004 19


Nell’anno 709, lo scontento della nobiltà spagnoli-romani, per aver abolito gli odia- gli gli occhi, lasciandolo cieco e prigionie-
e del popolo contro Vitiza aveva assunto ti privilegi gotici (che tenevano assogget- ro. C’era, quindi, da prevedere che niente
proporzioni tali che la situazione era or- tata la razza ispano-latina, conquistata di buono potesse accadere a Vitiza, ca-
mai insostenibile, e fu allora che il giudai- dai Goti). dendo nelle mani di Teodofredo, marti-
smo ci offrì un’ulteriore lezione della sua Rodrigo, ritiratosi a vita domestica, indu- rizzato nella forma esposta.
alta politica, usando un sistema che, do- giava a cingere la corona, offertagli dal Questo fu il modo col quale il giudaismo
po dodici secoli, ha perfezionato in forma cospiratore, ma, infine, cedendo, occupò internazionale ricambiò i grandi benefici
efficacissima: quando considerano per- il trono ricompensando subito Eudon con ricevuti da Vitiza; egli, infatti, non solo
sa la causa che sostengono, infiltrano la nomina di Conte dei Notai, cioè “Mi- aveva fatto liberare dalla schiavitù i cri-
elementi nel campo avverso, prima nistro di Stato e uomo di fiducia di tut- stiani cripto-giudei del regno, ma aveva
che sopravvenga il crollo, perché, se il ti i segreti reali”. (p.126). richiamato perfino dall’esilio i pubblici giu-
trionfo dell’altro è inevitabile, gli ebrei Con il trionfo della congiura, il voto della dei, permettendo agli uni e agli altri di
possano lottare per rimanere sempre maggioranza dei magnati visigoti, già praticare liberamente il giudaismo; li ele-
a galla e, possibilmente, alla testa del scontenti di Vitiza, legalizzò il regno di vò, poi, alle più alte posizioni, offrendo
nuovo regime. loro la sua assoluta fiducia, in un
In questo modo, trionfi una parte o l’al- clima di riconciliazione cristiano-
tra, essi rimangono sempre a domina- giudaica e di fratellanza tra i popoli.
re la situazione. Praticano, con scienti- La storia ci offre, con frequenza,
fica maestrìa, il princìpio secondo il esempi tragici di questo tipo, che, pur-
quale, per indovinare una carta, bi- troppo, la necessaria brevità di
sogna puntare su tutte, allo stesso quest’opera ci impedisce di includere
tempo. e di trattare.
Questo è stato uno dei grandi segreti Per il giudeo imperialista, l’amicizia del
del trionfo progressivo dell’imperiali- cristiano o gentile e la fratellanza cri-
smo giudaico, attraverso i secoli, che stiano-giudaica non sono altro che un
ha loro permesso di arrivare al domi- semplice strumento per ottenere van-
nio universale; perciò, tutti i dirigenti taggi che facilitano il disegno del giu-
religiosi e politici dell’umanità devono daismo, teso all’annientamento dei
prendere in seria considerazione que- suoi nemici ed alla conquista degli altri
sta classica manovra dell’alta politica popoli, mediante la distruzione delle
giudaica, prevenendo l’inganno ed evi- sue difese interne; infine, gli ebrei fini-
tando la trappola. scono per tradire, anche nelle forme
Vedendo, praticamente, perduta la più crudeli, gli ingenui che si abbando-
causa del loro protettore e leale amico nano nelle loro braccia o che, inco-
Vitiza, gli ebrei non ebbero scrupoli nel scientemente, fanno il loro gioco.
tradirlo, al fine di poter tempestiva- Povero chi si lascia ingannare dalle
mente raggiungere posizioni decisive ostentazioni di amicizia o dall’abile di-
nel campo avversario, posizioni che plomazia degli ebrei imperialisti! La
permisero loro di dominarlo, una volta storia è piena di tragiche sorprese da
ottenuta la vittoria. parte di coloro che, ingenuamente,
Il seguente dato, che dobbiamo alla di- credettero a tali amicizie, lasciandosi
ligente ricerca del dotto storico Ric- ingannare da tanta sperimentata diplo-
cardo C. Albanés, è molto eloquente: mazia!
«Questa degenerazione e dispotismo È facile comprendere l’influenza deci-
provocarono un profondo scontento, Pagina di un Corano antico. siva che deve aver avuto Eudon, Mi-
per cui, fin dal principio dell’anno 710, Sura XXVII (La formica) versetti 36-39. nistro di Stato del Re Rodrigo, su
la dinastia di Vitiza era condannata. Il quest’uomo, che non voleva nemmeno
celebre Eudon, giudeo, la cui razza diventare Re, e che solo acconsentì
egli nascondeva, si mise alla testa ad esserlo dietro le ripetute insistenze
del partito spagnolo o romano, (minac- Rodrigo. Dall’altra parte, a motivo della dell’ebreo, in quanto l’artefice di una nuo-
ciato dalla reintroduzione della fatidica sua deposizione, Vitiza morì: per alcuni va situazione politica ha, sulla stessa,
legge sulle razze, abrogata da Recesvin- di morte naturale, per altri crudelmente un’influenza decisiva, almeno per qual-
to) e, mediante un’abile e rapida cospira- martirizzato da Rodrigo, che gli fece ca- che tempo; né vi sono indizi che il debole
zione, catturò Vitiza. Costituitisi in giunta vare gli occhi. Quest’ultima versione è Rodrigo, abbandonatosi ai vizi ed alla
(o Senato romano), gli insorti pensarono verosimile, se si prende in considerazio- lussuria, abbia, in qualche modo, mai
di nominare Re Rodrigo, nipote del Gran ne il fatto che Vitiza, anni prima, aveva tentato di liberarsi dal controllo del suo
Recesvinto, a cui tanto dovevano gli assassinato il padre di Rodrigo, cavando- Ministro di Stato.

Mondiale disarmarono gli Stati Uniti e l’In- dall’orda giudaico-bolscevica, che li ri- dove già l’hanno imposta, e che stanno
ghilterra, in modo pericolosissimo, sono an- durrà in schiavitù, come accadde dodici se- usando per schiavizzare il mondo libero, lun-
dati affidando al comunismo posizioni vitali, coli or sono all’Impero Cristiano Visigoto. È gi dal convertire le armi in aratri, hanno
distruggendo, nello stesso tempo, le difese curioso osservare che, persino nei minimi det- creato il più gigantesco e distruttore com-
fondamentali di quelle grandi potenze, ar- tagli, gli ebrei continuano a praticare sempre plesso industriale bellico di tutti i tempi!
mando, fino ai denti, l’URSS e gli altri Pae- le stesse tattiche contro il Cristianesimo. Così, dunque, da un lato, i popoli dell’uma-
si comunisti, con un gigantesco riarmo belli- Abbiamo dovuto vedere negli Stati Uniti, affis- nità libera vengono addormentati e narcotiz-
co, tratto, praditoriamente, da quei due Paesi, so in più luoghi, il testo del passo biblico, rela- zati con le prediche pacifiste, la corruzione e
ad opera degli ebrei delle quinte colonne, che tivamente «alle armi che si convertiranno le discordie, promosse dalla quinta colonna
hanno controllato i Governi di Washington e in aratri», ideale altissimo, a patto che tutte le ebrea infiltrata; dall’altro, oltre la cortina di
di Londra, includendo i segreti atomici e i parti contendenti lo realizzino e lo pratichino ferro, si prepara una potenza nucleare
proiettili cohete. Nella sostanza, le tattiche allo stesso modo. che, schiacciante e senza opposzione,
sono le stesse di quelle di mille e duecen- Gli ebrei, invece, lo utilizzano, oggi, come potrà trionfare e soggiogare gli Stati
to anni or sono! hanno fatto mille e duecento anni or sono, dell’Europa occidentale, grazie alle quinte
Se i popoli degli Stati Uniti, dell’Inghilterra e di per indurre al pacifismo e al disarmo i po- colonne giudaiche, le quali faciliteranno il
altre Nazioni del mondo libero non aprono gli poli che vogliono distruggere, vale a dire trionfo del Comunismo, agendo nell’ora deci-
occhi in tempo, riducendo all’impotenza la a tutti i popoli del mondo che ancora sono li- siva, così come fecero, al momento opportu-
quinta colonna ebraica infiltrata, presto, ve- beri dalla loro dittatura totalitaria e comu- no, tredici secoli fa, nella distruzione dello
dranno i loro Paesi distrutti e dominati nista, dal momento che negli Stati socialisti, Stato cristiano dei Visigoti.

20 “Chiesa Viva” *** Aprile 2004


D’altra parte, la politica seguita da Rodri- lascerà. Iniziamo la fuga al momento chierici, sia i capi secolari, o laici, che di-
go è di per sé tanto suicida, che chiara- della lotta e quel miserabile sarà scon- fendono la Santa Chiesa o la propria Pa-
mente si rivela ispirata da quelli che ave- fitto». (p.128). tria, minacciate dall’imperialismo giudaico
vano pianificato la sua rovina e, con es- I dodicimila musulmani, mandati da Tarik, e dalle sue rivoluzioni massoniche, o co-
sa, quella della cristianità, nel moribondo si scontrarono, il giorno dopo, con i cen- muniste, nello stesso modo col quale
Impero Gotico. La benefica influenza che tomila cristiani comandati da Rodrigo, l’Arcivescovo Oppas attaccò, allora, alle
poteva avere Pelayo, Capo della Guar- l’Arcivescovo Oppas ed i due figli di spalle, l’esercito di Rodrigo, difensore
dia Reale, non si fece sentire, essendo Vitiza. La battaglia si svolgeva, com’era della cristianità, in quei tempi decisivi.
evidente che altri furono a guidare la poli- naturale, in modo favorevole ai visigoti, Che Cristo, Nostro Signore, aiuti la Santa
tica del debole Monarca, che lasciò il co- quando l’Arcivescovo traditore ed i due fi- Chiesa e l’umanità, contro i tradimenti
mando di una parte del suo esercito gli di Vitiza, scelto il momento giusto, lun- degli Oppas del secolo XX°!
all’Arcivescovo Oppas, personaggio gi dal fuggire e lasciar solo Rodrigo, pas- L’Enciclopedia Spagnola “Espasa Cal-
che non solo era lontano parente di Viti- sarono con i loro eserciti dalla parte pe” narra il tradimento dell’Arcivescovo
za, ma, addirittura, era stato suo braccio degli islamici, facendo a pezzi il resto Oppas, sulla base di cronache cristiane,
destro, nella direzione della disastrosa della truppa rimasta fedele al Re Rodrigo nel modo seguente: «Tarik, rinforzate le
politica ecclesiastica del Monarca. Inol- - come narra il cronista arabo Almakkari. truppe con cinquemila berberi, inviati die-
tre, nel preciso momento in cui i musul- (p. 129). tro richiesta di Muza, nell’insieme venti-
mani si preparavano ad invadere l’Impero In questa battaglia decisiva, perse la vita cinquemila uomini, contro quarantamila,
dal sud, con l’aiuto dei giudei, il Re Ro- Rodrigo, come sostiene la maggior parte accetta la battaglia. Questa durò due
drigo veniva spinto a marciare verso il degli storici. Tuttavia, resta impresso il ri- giorni, arridendo prima ai visigoti, grazie
nord, con i suoi eserciti, per conquista- cordo, in diverse regioni della Spagna, alla cavalleria, di cui mancavano i berbe-
re la Guascogna, che i Goti non aveva- del tradimento dell’Arcivescovo Don Op- ri. Allora, ebbe luogo il tradimento di
no mai potuto dominare. pas il quale, come degno successore di Sisberto e di Oppas, che passarono al
Lo storico Riccardo C. Albanés, dopo Giuda Iscariota, tradì Cristo e la Sua nemico, e quantunque il centro dell’eser-
aver segnalato che Tarik-ben-Ziyad, in Santa Chiesa, collaborando in modo de- cito, guidato dal Re, combattesse con va-
quei giorni, riuscì ad avanzare, a capo di cisivo, con i suoi nemici, per la distruzio- lore, venne sconfitto (19 e 20 giugno del
quattromila saraceni, fino al nord dell’at- ne della cristianità, in quello che, un tem- 711)». (p. 130).
tuale Marocco, dice: «Fu allora, quando il po, era stato lo splendido Impero dei visi- Sul tradimento dell’Arcivescovo Oppas,
traditore Conte don Julian, Governato- goti. che fece perdere un vasto impero alla cri-
re di Ceuta ed uno dei congiurati, conse- Grande amico degli ebrei, come il suo stianità, lo storico gesuita del secolo XVI,
gnò a Tarik quella importantissima Juan de Mariana, racconta come
chiave dello stretto di Gibilterra, detto Prelato assistette, prima, i figli
spingendolo, poi, ad entrare in di Vitiza nei preparativi della oscura
Ispagna, offrendosi come guida. cospirazione, poi, con riferimento al
Nella Corte di Toledo non si dava ruolo avuto da Oppas nella batta-
importanza a tali successi, giudicati glia decisiva, dice: «La vittoria fu in-
tentativi facilmente dominabili da certa per gran parte del giorno. So-
Teodomiro, Duca de La Betica, lo i mori davano qualche segno di
spingendo, al contrario, Rodrigo a stanchezza, sembrando voler riti-
spostarsi, con il suo esercito, verso rarsi e volgere le spalle, quando,
il nord della Spagna, per realizzare con incredibile malizia, nascon-
la conquista della Guascogna, co- dendo il tradimento fino ad allo-
sa che non era riuscita ai più gran- ra, l’Arcivescovo Oppas, nel mo-
di monarchi goti. mento più duro dello scontro, se-
Per decidere tale mobilitazione si condo la segretezza del piano,
ribellò Pamplona, mossa dagli intri- con una buona manovra dei
ghi della potente ed antica “giu- suoi, passò al nemico. Si unì a
deeria” di detta città. Nel frattem- Don Julian, che aveva seco un
po, Tarik, a capo dei suoi berberi, gran numero di goti e, di traverso,
passò lo stretto e piegò la resisten- per il fianco più debole, investì i no-
za del leale Teodomiro, questo ag- stri. Sbigottiti per tale tradimento e
guerrito generale che, allora, scris- stanchi di combattere non riusciro-
se la celebre lettera, nella quale, no a sostenere quel nuovo attacco
amaramente, chiedeva aiuto a Ro- e, senza difficoltà, furono battuti e
drigo, il quale si trovava in Guasco- messi in fuga». (p. 131).
gna». (p.127). È naturale che ci siano differenze
Stando già i figli di Vitiza ed il tra- sulle cifre dei due eserciti, riportate
ditore Arcivescovo Oppas in se- da storici cristiani e musulmani, ma
greto rapporto con ebrei e musul- è evidente, comunque, la superio-
mani, Rodrigo commise l’errore rità numerica dell’esercito cristiano,
mortale di affidare loro il comando rispetto al saraceno e che solo il
di una importante parte dell’eserci- tradimento dell’Arcivescovo e la
to, che avrebbe dovuto scatenare congiura, principalmente diretta
la battaglia decisiva contro i musulmani parente Vitiza, egli ebbe a tradire nel mo- dalla quinta colonna giudaica, resero
invasori. La vigilia della battaglia, che gli do più tragico la sua Patria e la sua Chie- possibile il fatto che un Impero tanto va-
spagnoli chiamano di Guadalete, i figli di sa, in combutta con gli ebrei che, per di- sto, abbia potuto essere conquistato tan-
Vitiza ebbero un incontro con i nobili goti struggere il Cristianesimo, ora, utilizzava- to rapidamente da un piccolo esercito. Il
e giudei congiurati. no la poderosa forza del nascente Islam, Re Rodrigo aveva ragione a non attribui-
A questo proposito, la cronaca araba nar- allo stesso modo con cui, in altri tempi, re tanta importanza all’invasione islami-
ra che dicessero: «Questo malnato, ri- avevano usato l’onnipotenza militare del- ca, considerato il piccolo contingente de-
ferendosi a Rodrigo, si è impadronito la Roma pagana. gli eserciti invasori, ma gli sfuggiva il
del nostro regno, senza essere della Disgraziatamente, ai nostri giorni, tradimento che si stava preparando
nostra stirpe reale, piuttosto uno dei nell’alto Clero, vi sono molti imitatori nel segreto, come pure il terribile po-
nostri inferiori; quella gente che viene dell’Arcivescovo Oppas; Clero che, tere della quinta colonna giudaica che,
dall’Africa non pretende stabilirsi nel nell’occulto intreccio con il giudaismo, fa- come appresso dimostreremo, ebbe un
nostro Paese; quel che cerca è solo cilitano il trionfo del Comunismo e della ruolo decisivo in questa lotta.
bottino; fatto questo se ne andrà e ci Massoneria, minando, alle spalle, sia i (continua)

“Chiesa Viva” *** Aprile 2004 21


Conoscere la Massoneria
del dott. Franco Adessa

Adam Weishaupt fondatore, nel 1776, dell’Ordine degli Illuminati di Baviera.

Mettiamo a confronto il codice degli 8 con il significato dei rituali degli ultimi 8
gradi dell’Ordine degli Illuminati di Ba- gradi del Rito Scozzese Antico ed Ac-
viera (traendolo dall’opera dell’Abate ge- cettato (tratti dall’opera del gesuita e arci-
suita Agostino Barruel, “Memorie per la vescovo Leone Meurin, “La framassoneria,
storia del giacobinismo”, scritta nel 1802), sinagoga di satana”, Siena 1895).

Rito Scozzese Antico ed Accettato

«Per Codice degli Illuminati intendo l‘unione dei princìpi, Meurin ci offre la sintesi del Codice del R.S.A.A. con la cita-
delle leggi e del governo che la sètta si è fatta per la sua lot- zione dei Superiori Incogniti: «Né la Legge, né la Proprietà,
ta contro ogni Religione e ogni Società civile (v. III, p.33)». né la Religione possono imporsi all’uomo; ma di questi tre
La natura satanica degli Illuminati, Barruel la sottolinea nemici infami è la Religione che deve essere il pensiero
sempre citando i documenti del fondatore Weishaupt: costante dei tuoi assalti, perché uccidendo la Religione
«Egli non variò mai sul termine fisso delle sue trame: non noi avremo nelle nostre mani e la Legge e la Proprietà
più Religione, non più Società, non più Leggi civili, e, così, avremo rigenerato la Società (pp. 264).
non più Proprietà» (p. 35). «Al 25° grado, Satana sostituisce Cristo sulla Croce, appro-
«Per ristabilire l’uomo nei suoi primitivi diritti di libertà e di priandosi dell’immagine del serpente che ha guarito gli
eguaglianza, bisogna cominciare col distruggere ogni Ebrei nel deserto (p. 348). Il culto del Dio-Serpente costi-
Religione, ogni Società civile e finire con l’abolizione tuisce l’essenza di questo grado e rappresenta la morte
d’ogni Proprietà». del massone, causata dalla malizia del Dio dei cristiani, e la
«Sì, i Prìncipi e le Nazioni spariranno sulla terra e verrà sua resurrezione ad opera di Lucifero, rinascendo come
il tempo in cui gli uomini non avranno altro libro che un “nuovo Lucifero” (p. 349). Dal 26° grado, inizia la terza
quello della Natura. Questa rivoluzione sarà l’opera delle fase della “grande Opera” della Massoneria: la distruzione
Società segrete e questo è uno dei nostri grandi misteri» (v. dell’Autorità Cattolica e l’incorporazione del massone al
III, pp. 37-39). “corpo mistico” di Lucifero (p. 349).

1° grado: “Novizio o Neofita” 26° grado: Il “Principe di Grazia” o “Scozzese Trinitario”


«Dopo essere stato individuato dal suo reclutatore dell’Or- «L’incorporazione all’esercito degli spiriti demoniaci produ-
dine, il Neofita viene istruito sul silenzio e sul segreto da te- ce, per così dire, un nuovo Spirito che, per sua natura, de-
nere. Successivamente, gli viene dato un nuovo nome, gli ve poter entrare nelle regioni dove abitano i suoi confratelli.
viene insegnata l’arte di dissimulare, di mascherarsi e quel- Al massone vengono attaccate alle spalle due ali: egli rap-
la di osservare e studiare gli uomini. presenta dunque uno Spirito. Con gli occhi bendati si slan-
Mentre il Neofita è occupato in queste attività, egli stesso cia e cade sopra una coperta: il “primo cielo”. Lo si fa pas-
viene continuamente osservato dal suo reclutatore il quale sare, poi, nel “secondo cielo” e, dopo essere stato sospe-
deve assicurarsi di potergli strappare la cieca ed assoluta so in aria, lo si fa entrare nel “terzo cielo” alla presenza
sottomissione alla sètta. del Principe delle Tenebre, del Dio-Fuoco che deve ve-
Ecco come Weishaupt intende questa sottomissione: «la dere “tale qual è”, “faccia a faccia”.
nostra Società esige dai suoi membri il sacrificio della Gli si mostra “la Verità che esce dal pozzo”. Quella “Verità”
loro libertà (...) in favore degli ordini dati dai Superiori». è rappresentata da una Sorella massona in “costume tradi-
Tale è l’obbedienza degli Illuminati e non si troverà in tutto il zionale”, “tale qual è”. Essa è la “Dea della Ragione”. Allora,
Codice una sola eccezione! il massone viene lasciato solo con la “Verità”, dopo avergli
Dopo il giuramento di cieca obbedienza e di rinuncia alla dato una Freccia, simbolo immondo del dio Cupidine.
propria libertà e coscienza, il Neofita accetta di perdere Al massone viene insegnato che egli si è librato nelle tre re-
l’onore e la vita stessa se mancherà al suo giuramento. gioni dell’Intelligenza, della Coscienza e della Ragione,
In questo giuramento, il Neofita riconosce il diritto della che corrispondono ai bisogni politici, sociali e materiali
sètta di decretare la morte di chiunque piacerà o di- dell’Umanità.
spiacerà ai suoi Superiori» (v. III pp. 67-87). L’essenza di questo grado è la nascita di un “nuovo Luci-
Strano inizio per un nuovo membro di una sètta che ha co- fero” il quale, dopo aver superato le prime due fasi di ac-
me fine quello di “restituire i primitivi diritti dell’uomo al- quisizione della Virtù e della Morale massonica, viene am-
la libertà”, ma è un inizio ineccepibile se si tratta di far na- messo alla fase dell’Autorità massonica, incorporandolo
scere un nuovo Lucifero, al quale deve essere cancellata nella schiera dei membri della corte luciferiana (p. 352-353).
la “libera volontà” di scegliere il Bene, per poterlo incor- Al “culto del Fallo” (dio Cupdine) e al “culto dell’Uomo”
porare nella schiera dei membri della corte di Lucifero. (“Dea della Ragione”) segue il “culto di Lucifero”.

22 “Chiesa Viva” *** Aprile 2004


In Libreria
Lettere «Guardati dall’uomo che
ha letto un solo libro».
(S. Tommaso d’Aquino)

alla Direzione
SEGNALIAMO:

Molto rev.do Padre Villa, Le sono vicino con la preghiera e la sti- L’INCREDIBILE MENZOGNA
dopo tante lettere di incoraggia- ma! di Thierry Meyssan
mento, ricevo anche da Lei una lettera di (Un Vescovo)
chiusura (“per sempre”) come segno di Osservatore attento dell’attualità in-
disperazione. *** ternazionale, Thierry Meyssan è
Eppure Lei sa che “non prevalebunt!”. stato attratto dalle anomalie delle pri-
Continui! Non solo io, molti altri “cre- Gentili Operaie di Maria Immacolata, me fotografie dell’antentato contro il
denti” hanno trovato consolazione nel- ringrazio sentitamente per le let- Pentagono, poi dalla confusione e
le Sue visioni chiare della situazione tere periodiche di Don Luigi Villa, piene di
“attuale” che può solo significare vivifi- unzione e di carità che ci fanno riflettere e dalle contraddizioni della versione uf-
care certissime speranze! incoraggiano a migliorarci spiritualmente. ficiale, anche per quanto riguarda il
Spero di poter leggere altre Sue visioni Ringrazio anche per la magnifica, intre- World Trade Center.
che non possono corrispondere a situa- pida “Chiesa viva” nella quale si de- Ha allora condotto un’inchiesta che
zioni “umane”. nunziano abusi, errori per la nostra Fe- l’ha trascinato di sorpresa in sorpre-
“Christus vincit, auxiliante Immaculata de, per amore della verità, con argo- sa, una più stupefacente e terrifican-
Virgine Maria!!!”. mentazioni storiche chiare e controlla- te dell’altra.
Suo in X° bili. Ringrazio anche Don Villa per i L’incredibile menzogna è che
(Un Cardinale) suoi articoli attualissimi, colti e traboc- “nessun aereo è caduto sul Penta-
canti di amore, anche denunzianti la gono”!
*** Chiesa attuale per le sue spericolate Questo libro si fonda esclusivamen-
aperture. (...). te su documenti della Casa Bianca
Monsignore carissimo, Accludo uno scritto di mio figlio, addolora- e del Dipartimento della Difesa,
ho ricevuto la sua “ultima lette- to e colpito per i due ultimi “mea culpa” così come sulle dichiarazioni dei di-
ra” e mi dispiace che interrompiate. di cui uno perfino contro le Crociate! Vor- rigenti civili e militari alla stampa in-
Certo, il contenuto di questa lettera mi remmo che provaste la nostra pena per ternazionale.
ha sempre arrecato amarezza e quasi questi reiterati “mea culpa” volti al pas- Tutte le informazioni che riporta so-
angoscia nel considerare il declino sato che, bene o male, noi abbiamo vis- no referenziate e, dunque, verificabi-
morale e la confusione di idee che ser- suto, illuminati e guidati da santi Vescovi li dal lettore.
peggia in mezzo a noi. La più paurosa, e religiosi Parroci.
nell’ordine pratico, io credo sia il non im- Abbiamo educato i nostri figli con l’inimi-
pegno dell’acquisto del dominio di sè, at- tabile e unico vero Catechismo del Santo Per richieste:
traverso un serio cammino ascetico per Papa Pio X; abbiamo onorati i nostri Santi
renderci capaci di vivere l’amore Carità, pregandoli di aiutarci, con preghiere, nel- Editions Carnot 2002
virtù teologale. le vie del bene, anche con il mistico, reli- Via Ajaccio 20,
(...). Per ciò che riguarda il mondo d’oggi, gioso Latino! 00198 Roma
Maritain, ne “Il contadino de la Garon- Prego per questa vostra grande Missione
ne” (Ed. Morcelliana, p. 15), già nel 1965 e perché buone e attente Signorine pos- www.fandango.it
descrive una situazione gravissima di sano, numerose, rispondere all’invitante libri@fandango.it
fronte alla quale - egli dice - il moderni- appello.
smo, nel tempo di Pio X, era un “mode- Saluto con affetto e deferenza.
sto raffreddore da fieno”. (A. L. Ved. M. - Bologna)

RAGAZZE e SIGNORINE
in cerca vocazionale, se desiderate diventare Religiose-Missionarie”
– sia in terra di missione, sia restando in Italia –
per opere apostoliche, con la preghiera e il sacrificio, potete mettervi in contatto, scrivendo o telefonando a:

“ISTITUTO RELIGIOSO MISSIONARIO”


Via Galileo Galilei, 121 - 25123 Brescia
Tel. e Fax: 030 3700003

“Chiesa Viva” *** Aprile 2004 23


Conoscere entrato il 25 luglio 1924). Nato in Breta-
gna il 5 luglio 1886, era divenuto sacer-
dote il 25 luglio 1926. È stato fucilato il
il Comunismo 15 agosto 1928, sull’isola di Hainan.
Morvan Evremond
Sacerdote, Picpus. Ucciso dai giappo-
nesi il 26. 8. 1941, sull’isola di Hainan.
Fidelis
Laico catechista, sposato. Ucciso il 26
agosto 1941, sull’isola di Hainan.
Correntin Bernard
Sacerdote, Picpus. Francese. Ucciso
da truppe irregolari cinesi il 13 o il 14
settembre 1941.
(continua)

contro Dio - contro l’uomo APRILE 2004

SOMMARIO N. 360

Martiirii in Ciina Santa Pasqua 2004


di Giancarlo Politi 2 Guardiamo a quel sepolcro vuoto
dal quale è scaturita la vita!
MARTIRI IN PROVINCIA DI GUIZHOU E DI HAINAN di L. V.

3 Dal falso ecumenismo


a una falsa Chiesa? (1)
della prof.ssa Maria Pia Mancini
Giusepe Zhang Dapeng (1754-1815)
6 L’assassinio della persona!
Originario di Duyun, nella provincia di Mandato di arresto europeo (3)
Guizhou, Dapeng, a 40 anni, diventa del dott. C. A. Agnoli
socio di un certo Wang, commerciante 10 La moneta di chi è?
di seta, il cui figlio si era recato a Pechi- In attesa di saperlo, va concessa
no per gli studi ed aveva conosciuto il la moratoria sui debiti
cristianesimo e si era fatto battezzare. del Prof. G. Auriti
Dapeng legge il catechismo ed altri libri
cristiani portati da Pechino; desidera ri- 11 Occhi sulla politica
cevere il battesimo, ma incontra un’infi-
nità di ostacoli in famiglia. 12 Documenta-Facta
Allora, con alcuni amici, decide di ac- 14 Le avventure di un infiltrato (1)
quistare una casa isolata dove i cristia- di A. Z.
ni possano radunarsi indisturbati e rice-
vere, quando possibile, le visite di un 16 “The Passion of The Christ” (1)
prete. Nel 1801, viene battezzato col di Mark Alessio
nome di Giuseppe. Da quel momento, (da: “The Remnant” 15 febbrio 2004)
annuncia il Vangelo con maggiore ar-
dore e molti sono attratti dalla sua pa- 19 Gli Ebrei tradiscono i loro più
rola e vengono battezzati; tra di essi, la fedeli amici (1)
moglie e i figli. da: “Complotto contro la Chiesa”
di Maurice Pinay, cap. VIII.
Quando nella zona si riaccende la per- Traduzione del Prof. A. Sardini
secuzione, Giuseppe riesce a fuggire,
ma una dozzina di cristiani vengono ar- 22 Conoscere la Massoneria
restati insieme al figlio Antonio di 18
anni, che morirà l’anno dopo. Dapeng 23 Lettere alla Direzione
ritorna a Guizhou per guidare e confor- In Libreria
tare i fedeli, visitandoli casa per casa,
ma viene tradito da un parente per la 24 Conoscere il Comunismo
taglia che pendeva sulla sua testa.
Dapeng compare davanti a quattro tri- Provincia Apostolica di Haikou SCHEMI DI PREDICAZIONE
bunali; gli viene proposto di apostatare Il 15 aprile 1929, il territorio dell’isola ven- di p. Alessandro Scurani s.j.
in cambio della libertà ma, insensibile ne staccato dal Vicariato Apostolico di
alle preghiere dei familiari, non cede e Beihai e costituito in Prefettura Apostoli- Epistole e Vangeli
preferisce farsi condannare all’impic- Anno C
ca, affidata ai Missionari francesi di Pic-
cagione. Il 12 marzo 1815, piangendo pus (Csscc). (Dalla IV Domenica di Pasqua
di gioia, si reca al supplizio: i giustizieri alla Festa di Pentecoste)
gli passano una corda al collo e l’ap- Nogue Alessandro
pendono ad un traliccio a forma di “T”. Sacerdote, Picpus francesi (Csscc: vi era

24 “Chiesa Viva” *** Aprile 2004