Sei sulla pagina 1di 24

Presentazione del Sito Internet

Benvenuti ai Musei Vaticani


Sono Francesco Buranelli, Direttore dei Musei Vaticani, e sono molto
lieto di darvi il benvenuto nel nostro Sito Internet. Spero possa costituire
un utile strumento di conoscenza e di accesso alla complessa realtà di
queste collezioni d’arte che hanno ormai cinque secoli di vita e che sono
meta ogni anno di oltre tre milioni di visitatori.

Si tratta di una delle più note e famose istituzioni culturali della Santa
Sede, conosciuta ovunque per i capolavori che i Pontefici Romani hanno
nel tempo commissionato, raccolto e preservato. Oltre all’immenso
patrimonio di opere d’arte mobili, sculture e dipinti, esposte nelle
gallerie, il circuito di visita dei Musei Vaticani include anche alcuni dei
luoghi più significativi ed artisticamente rilevanti del Palazzo Apostolico
Vaticano, quali la Cappella Niccolina con le pitture del Beato Angelico,
l’Appartamento Borgia decorato dal Pinturicchio, le Stanze dipinte
da Raffaello e, naturalmente, la Cappella Sistina con gli affreschi dei
maggiori maestri umbro-toscani del Quattrocento e di Michelangelo.

Il Santo Padre ci ha affidato la grandissima responsabilità di custodire,


conservare, studiare e valorizzare questo inestimabile patrimonio di
cultura e di arte, promuovendone la conoscenza e mettendolo a
disposizione di un pubblico molto diversificato proveniente da tutto il
mondo. Oltre trecento persone – tra funzionari, impiegati, restauratori
e custodi – si dedicano ogni giorno, con grande professionalità e
disponibilità, ad assolvere a questo difficile compito.

Il linguaggio universale dell’arte, capace di parlare a persone di culture,


lingue e religioni diverse, costituisce uno dei principali mezzi di
arricchimento interiore e di comunicazione reciproca. Come ebbe a dire
il Santo Padre il 7 febbraio del 2000, in occasione dell’inaugurazione del
nuovo ingresso dei Musei Vaticani per il Grande Giubileo, la funzione
di questa istituzione, “una delle più significative porte della Santa Sede
aperte sul mondo”, resta quella, altissima, di “esprimere la rinnovata
volontà della Chiesa di dialogare con l’umanità nel segno dell’arte e della
cultura, ponendo a disposizione di tutti il patrimonio affidatole dalla
storia”.

Francesco Buranelli
Direttore
Presentazione del Sito Internet
Bienvenues aux Musées Vaticans
En ma qualité de Directeur des Musées du Vatican je suis très heureux
de vous souhaiter la bienvenue à notre site Web. J’espère qu’il puisse
vous aider à mieux connaître la complexe réalité de nos collections d’art,
qui ont déjà cinq siècles de vie et sont visitées chaque année par plus de
trois millions de personnes.

Il s’agit en effet d’une des plus célèbres institutions culturelles du Saint


Siège, connue au monde entier grâce à ses chefs-d’œuvre, que les Pontifes
Romains ont commissionnés, collectionnés et conservés pendant les
siècles. Outre l’immense patrimoine d’objets d’art - sculptures et
peintures - qui sont exposées dans les galeries, le circuit de visite
des Musées du Vatican comprend aussi quelques sites parmis les plus
significatifs et artistiquement importants du Palais Apostolique du
Vatican, comme la Chapelle Nicoline avec les peintures du Beato
Angelico, l’ Appartement Borgia , décoré par Pinturicchio, les Chambres
peintes par Raphaël et, naturellement, la Chapelle Sixtine avec les
fresques du Michel-Ange et des principaux maîtres ombriens et toscans
du Quattrocento.

Le Saint Père nous a chargé de la tâche très importante de garder,


étudier et valoriser cet inestimable patrimoine de culture et d’art, en
promouvant sa connaissance et en le mettant à disposition d’un public
très diversifié venant du monde entier. Plus de trois cent personnes
– fonctionnaires, employés, restaurateurs et gardiens – se consacrent
chaque jour à cette tâche difficile avec conscience professionnelle et
disponibilité.

Le langage universel de l’art, capable de s’adresser à des personnes


de cultures, langues et religions différentes, favorise l’enrichissement
intérieur et la communication. Comme le Saint Père a affirmé le 7
de février de l’an 2000, à l’occasion de l’inauguration de la nouvelle
entrée aux Musées du Vatican pour le Grand Jubilée, la fonction de
cette institution, «une des portes les plus significatives du Saint Siège
ouvertes sur le monde», reste celle, très élevée, d’ «exprimer la volonté
renouvelée de l’Église de dialoguer avec l’humanité sous l’égide de l’art
et de la culture, en mettant à disposition de tous le patrimoine qui lui a
été confié par l’histoire».

Francesco Buranelli
Directeur
Presentazione del Sito Internet
Welcome to the Vatican Museums
As Director of the Vatican Museums I am very happy to welcome you
to our Web site. I hope that this new site may be a useful instrument of
knowledge and give access to the complex reality of our five hundred-
year old art collections which are visited by more than three million
people a year.

The Vatican Museums are one of the most famous and renowned
cultural institutions of the Holy See. They are known everywhere because
of the masterpieces which the Roman Pontiffs have commissioned,
collected and preserved during the ages. Together with the immense
heritage of movable works of art, sculptures and paintings, which are
displayed in the galleries, the itineraries of the Vatican Museums include
the most important and artistically significant rooms of the Vatican
Apostolic Palace, such as the “Cappella Niccolina” with paintings
by Beato Angelico, the “Appartamento Borgia” with decorations by
Pinturicchio, the “Stanze” painted by Raphael and, of course, the Sistine
Chapel with frescoes by Michelangelo as well as the most important
15th century masters from Umbria and Tuscany.

The Holy Father has entrusted us with the great task of keeping,
conserving, studying and promoting this invaluable artistic and cultural
heritage by making it known and placing it at the disposal of a varied
public from all over the world. More than three hundred people –
among functionaries, employees, restorers and museum attendants –
are dedicating themselves each day to this difficult task with great
professional competence and helpfulness.

The universal language of art, which can speak to persons of different


cultures, languages and religions, is one of the principal instruments
of interior enrichment and of communication. As the Holy Father
stated on February the 7th, 2000 - during the Great Jubilee - while
inaugurating the new entrance to the Vatican Museums, the function
of this institution, “one of the most important doors of the Holy See
open on the world”, remains that of “expressing the renewed will of the
Church to seek dialogue with humanity in the sign of art and culture,
putting at the disposal of everybody the heritage with which history
entrusted her”.

Francesco Buranelli
Director
Presentazione del Sito Internet
Bienvenidos a los Museos Vaticanos
En calidad de Director de los Museos Vaticanos os doy la bienvenida
a nuestro sitio Internet. Espero que os pueda servir como un útil
instrumento para conocernos mejor y poder entrar en la compleja
realidad de nuestras colecciones de arte, que ya tienen cinco siglos de
vida y que son la meta cada año de màs de tres millones de visitantes.

Se trata de una de las más importantes y famosas instituciones culturales


de la Santa Sede, conocida en todo el mundo por sus obras maestras que
los Pontífices romanos han encargado, coleccionado y conservado en el
tiempo. Además del inmenso patrimonio de obras de arte movibles, es
decir las esculturas y las pinturas expuestas en las galerías, el circuito de
visita de los Museos Vaticanos incluye también lugares más significativos
y artísticamente relevantes del Palacio Apostólico Vaticano, como la
Capilla Niccolina, con pinturas del Beato Angelico, el Apartamento
Borgia, decorado por el Pinturicchio, las habitaciones pintadas por
Raffaello y naturalmente, la Capilla Sixtina con los frescos de Miguel
Angel y de los mayores maestros umbro-toscanos del Cuatrocientos.

El Santo Padre nos ha confiado la gran responsabilidad de proteger,


conservar, estudiar y valorizar este inestimable patrimonio de cultura
y de arte, promoviendo su conocimiento y poniéndolo a disposición
de todo el publico en general. Más de trescientas personas - entre
funcionarios, empleados, restauradores y vigilantes - se dedican cada día
con profesionalidad y disponibilidad a esta difícil tarea.

El lenguaje universal del arte, capaz de hablar a personas de diferentes


culturas, idiomas y religiones, constituye un de los medios principales
de enriquecimiento interior y de comunicación. El 7 de febrero del
año 2000 durante la celebración del Gran Jubileo, en ocasión de la
inauguración del nuevo ingreso a los Museos Vaticanos, el Santo Padre
afirmó que la función de esta institución, “una de las puertas las màs
significativas de la Santa Sede abierta sobre el mundo”, queda aquella
elevada de “expresar la renovada voluntad de la Iglesia de dialogar con la
humanidad en el signo del arte y de la cultura, poniendo a disposición
de todos el patrimonio que le fue confiado por la historia”.

Francesco Buranelli
Director
Presentazione del Sito Internet
Willkommen in den Vatikanischen Museen
Als Direktor der Vatikanischen Museen möchte ich Sie auf unserer Web
Seite herzlich willkommen heißen. Ich hoffe, daß wir Ihnen damit helfen
können, die vielschichtige Welt unserer Kunstsammlungen kennen zu
lernen. Diese Sammlungen bestehen bereits seit fünf Jahrhunderten
und sind jedes Jahr Ziel von mehr als drei Millionen Besuchern.

Die Kunstsammlungen in den Vatikanischen Museen gehören zu den


berühmtesten kulturellen Einrichtungen des Heiligen Stuhles. Weltweit
sind sie wegen der Meisterwerke bekannt, die von den römischen
Päpsten durch die Jahrhunderte im Auftrag gegeben, gesammelt und
bewahrt wurden. Der Rundgang führt den Besucher der Vatikanischen
Museen nicht nur zu unzähligen Skulpturen und Gemälden, sondern
auch zu einigen der bedeutendsten und künstlerisch bemerkenswerten
Räumen des Apostolischen Palastes, wie die Kappelle von Nikolaus des
V. mit Malereien von Beato Angelico, das „Appartamento Borgia” mit
Malereien von Pinturicchio, die von Raffael ausgemalten „Stanzen”
und, natürlich, die Sixtinische Kappelle mit Fresken von Michelangelo
sowie von den größten Meistern des 15. Jahrhunderts aus Umbrien und
Toskana.

Der Heilige Vater hat uns die Aufgabe anvertraut, dieses unschätzbare
Kunst- und Kulturgut zu schützen, zu bewahren, zu untersuchen
und aufzuwerten, auch dadurch, daß wir es den Besuchern aus der
ganzen Welt zur Verfügung stellen. Mehr als dreihundert Mitarbeiter
- darunter leitende Beamte, Angestellte, Restauratoren und Wärter -
widmen sich dieser schwierigen Aufgabe mit großer Professionalität und
Hilfsbereitschaft.

Die Sprache der Kunst ist universell: Sie kann Menschen verschiedenster
Kulturen, Sprachen und Religionen ansprechen, ist für jeden innerlich
bereichernd und fördert den Austausch. Wie der Heilige Vater am 7.
Februar 2000 aus Anlaß der Eröffnung des neuen Museeneingangs
im Heiligen Jahr unterstrich, haben die Vatikanischen Museen, „eine
der bedeutendsten Türe des Heiligen Stuhles zur Welt”, weiterhin die
wichtige Aufgabe, „den erneuerten Willen der Kirche auszudrücken,
mit der Menschheit einen Dialog im Zeichen der Kunst und der Kultur
aufzubauen, indem sie das ihr von der Geschichte anvertraute Erbe allen
zur Verfügung stellt.”

Francesco Buranelli
Direktor
Presentazione del Sito Internet
Progetto Artistico
La particolare attenzione da sempre riservata dalla Chiesa ai mezzi di
comunicazione sociale per poter al meglio espletare la propria missione
universale non poteva non considerare il nuovo rivoluzionario sistema
rappresentato da Internet. Infatti le sue eccezionali potenzialità di
annullare le barriere spazio-temporali fanno di questo strumento un
mezzo straordinario di evangelizzazione.

Riconoscendo, quindi, le molteplici capacità di Internet, la Santa Sede


ha creato già da diversi anni un suo Sito istituzionale in continuo
sviluppo ed espansione. Tale Sito non poteva non prevedere l’apertura di
una pagina dei Musei Vaticani, data la rinomanza mondiale che questi
ricoprono.

L’esigenza di rispondere alla sempre più pressante richiesta dei visitatori


di conoscere le ricchezze delle collezioni vaticane e di essere facilitati
nella visita museale ha portato i Musei Vaticani in questi ultimi anni
da un lato a rinnovare e aggiornare l’esposizione di alcuni settori e
a costruire un nuovo ingresso, dall’altro a elaborare nuovi metodi per
portare la conoscenza delle proprie raccolte al di fuori dei suoi confini.

In quest’ultimo contesto si colloca la realizzazione del Sito dei Musei


Vaticani che in questa occasione si presenta e che sarà da questo momento
accessibile in rete. Esso consentirà di mettere a disposizione dell’utente
l’inestimabile patrimonio artistico che questi Musei da secoli conservano
e tutelano, definito dall’UNESCO “patrimonio dell’umanità”. Internet,
infatti, permettendo una diffusione delle informazioni praticamente
illimitata, è un mezzo insostituibile sia per chi debba compiere delle
ricerche sia per chi voglia semplicemente “passeggiare e curiosare” nelle
sale del museo.

Per la sua realizzazione ci si è serviti delle più moderne tecnologie


del settore, che hanno permesso di ottenere uno strumento di facile
consultazione ma, al tempo stesso, scientificamente e didatticamente
valido, che può essere posto sullo stesso piano di quelli elaborati dalle
altre grandi istituzioni museali.

Per raggiungere i risultati, che qui presentiamo, ci si è avvalsi del


supporto tecnico della società Edizioni All Media S.r.l. e della esperienza
dell’Ufficio Internet della Santa Sede.
Per l’ideazione e l’elaborazione della parte scientifica sono stati coinvolti
i responsabili dei vari settori della Direzione dei Musei che sono
presentati in rete in questa prima fase di immissione dei dati. Sono
state redatte 215 schede complete per le opere selezionate corredate
da 120 immagini ad alta risoluzione (da zoomare) e 95 immagini
a media risoluzione. Una peculiare prerogativa del Sito è di poter
essere più facilmente consultabile in quanto l’apparato dei testi è stato
integralmente tradotto nelle lingue italiano, francese, inglese, spagnolo
e tedesco.

Il Sito si apre fornendo all’utente tutte le informazioni utili per preparare


la visita ai Musei Vaticani, come orari di
apertura, tariffe di ammissione, trasporti, servizi
(visite guidate, attività didattiche, audioguide,
eventi speciali, pubblicazioni scientifiche e
divulgative) e le attività patrocinate dai Patrons
of the Arts in the Vatican Museums.

La scelta dei settori museali è stata guidata dal


criterio di privilegiare quelli che costituiscono
un polo di attrazione per il grande pubblico
come la Cappella Sistina, le Stanze di Raffaello
e la Pinacoteca oppure di presentare quelle
sezioni recentemente rinnovate e arricchite
nell’esposizione come il Museo Gregoriano La Home Page del Sito dei Musei
Egizio e il Museo Gregoriano Etrusco. Il Sito si completa al momento con Vaticani svolge una funzione
di accoglienza, presemtazione ed
una visione delle opere appartenenti al Museo Missionario Etnologico, orientamento per gli utenti
temporaneamente inaccessibile al pubblico in quanto interessato da
importanti lavori di ristrutturazione e di restauro.

La complessità dei contenuti iconografici dei cicli pittorici della


Cappella Sistina e delle Stanze di Raffaello hanno richiesto un particolare
impegno per potere fornire una esauriente descrizione storico artistica
che fosse al tempo stesso didatticamente valida. Si è ricorso per questo a
sofisticate elaborazioni grafiche, anche tridimensionali, che permettono
con immediatezza di passare da una pagina all’altra attraverso un
considerevole numero di link di collegamento. Un aspetto che si è
voluto privilegiare in questo senso è la possibilità di un immediato
rimando ai testi biblici che costituiscono la fonte d’ispirazione per gli
episodi raffigurati in affresco.
L’approccio alla Pinacoteca parte da una veduta generale e dall’elenco
dei dipinti di maggior rilievo presenti in
ciascuna delle diciotto sale per scendere nel
particolare di schede approfondite delle opere
più significative, corredate di immagini nelle
quali si può zoomare fino ad esplorarne
reconditi dettagli.

Come per la Pinacoteca nel Sito sono illustrati


sistematicamente anche gli altri settori museali,
con la possibilità sia di conoscere la lista
delle principali opere esposte in ciascuna sala,
sia di visualizzare le più importanti ad un
livello di maggiore approfondimento. Il Museo Selezioni delle opere Online:
Gregoriano Etrusco, fondato da papa Gregorio XVI nel 1837, raccoglie l’utente può scegliere uno dei tre
prevalentemente il frutto delle straordinarie scoperte che a partire percorsi di differente lunghezza
(10, 20 o 30 capolavori) che
dal 1828 interessarono i siti delle più importanti città dell’Etruria offrono una panoramica delle
meridionale (oggi Lazio settentrionale), allora comprese nello Stato principali opere esposte sul Sito
Pontificio. Attraverso le 22 sale del museo è oggi possibile ripercorrere
la storia del popolo etrusco tra il IX e il I secolo a.C., illustrata da
ceramiche, bronzi, argenti ed ori.

Il Museo Gregoriano Egizio, voluto dallo stesso papa Gregorio XVI e


realizzato nel 1839 dal Padre Luigi Ungarelli, uno dei primi seguaci
di Champollion, espone un ricco repertorio di opere d’arte e materiali
archeologici risalenti all’Egitto faraonico e greco-romano; a questo
materiale si affiancano importanti testimonianze delle antiche civiltà
della Mesopotamia e della Siria-Palestina.

Il Museo Missionario Etnologico, fondato da Pio XI nel 1927 raccoglie


opere di carattere religioso e cerimoniale provenienti dall’Asia, Oceania,
Africa, America.
Presentazione del Sito Internet
Progetto Tecnico
La creazione del Sito web dei Musei Vaticani è stata realizzata dalla
Direzione dei Musei Vaticani con la collaborazione tecnica della Società
Edizioni All Media S.r.l. di Roma nell’ambito delle attività dell’Ufficio
Internet della Santa Sede (A.P.S.A.).
Il Sito è stato elaborato attuando un metodo di navigazione e
visualizzazione di immagini ad alta definizione e visite virtuali i cui
contenuti fossero protetti, accompagnato da una modalità di navigazione
intuitiva su vari livelli di approfondimento in più lingue.
Il gruppo di lavoro si è avvalso dell’esperienza consolidata dall’Ufficio
Internet per il supporto fornito dal 1995 al Sito ufficiale della Santa
Sede che, oltre alla missione istituzionale, è attivamente coinvolto nel
superamento del fenomeno di “digital divide”, cioè il divario tecnologico
- in termini di infrastrutture informatiche e di telecomunicazioni -
esistente tra il mondo industriale e gli altri Paesi, nel caso specifico
facendo riferimento all’accesso ad Internet.
Il Sito web della Santa Sede negli ultimi 18 mesi ha registrato oltre
650 milioni di hits, con punte mensili di oltre 60 milioni, provenienti
mediamente da più di 1 milione di singoli utenti ogni mese connessi da
tutti i continenti.
Per quanto riguarda i Musei Vaticani, nel 1998 è stato approvato un Cappella Sistina:
primo prototipo sviluppato esclusivamente in HTML, che ha costituito le linguette consentono di
il quadro per lo sviluppo successivo, seguito da un secondo nel 1999 che evidenziare una delle quattro
sezioni principali della volta
illustrava i concetti tecnici necessari all’implementazione. (Vele, Pennacchi, Sibille-Profetri
In seguito a successive ricerche su ulteriori prototipi si è scelto di e Storie Centrali) mantendendo
mantenere la massima compatibilità con i browser più diffusi ed i sistemi il resto dell’affresco sullo sfondo,
in grigio, come riferimento
operativi disponibili sul mercato dal 1995 ad
oggi, tenendo presente l’ampia platea di utenti
che si sarebbero connessi quotidianamente al
Sito della Santa Sede (www.vatican.va).
L’interfaccia grafica è stata studiata
appositamente per offrire una funzione di
supporto visivo alle immagini delle opere
presentate nel Sito, vere protagoniste
dell’esperienza di visita degli utenti. Per questo
motivo le scelte grafiche sono state orientate
verso un minimalismo teso a valorizzare il più
possibile i capolavori dei maestri del passato
esposti sul Sito Internet.
La barra del menu consente di accedere alle
principali sezioni del Sito da ogni pagina,
allo stesso tempo la barra di navigazione
visualizza la posizione dell’utente all’interno
del Sito funzionando come un utile strumento
di orientamento. Ogni sala è corredata da una
mappa che ne indica la posizione all’interno
del Museo e presenta l’elenco delle opere di
cui è disponibile la scheda dettagliata, è inoltre
possibile richiamare la Visita Virtuale della sala
stessa. Sebbene gli elementi grafici funzionali
alla navigazione siano stati standardizzati per Stanze di Raffaello:
l’intero Sito, con lo scopo di semplificare l’apprendimento dei sistemi la visualizzazione 3D delle
di passaggio da una sala all’altra e da una sezione all’altra, sono state stanze mediante una vista
assonometrica consente di capire
studiate soluzioni specifiche per ognuno dei Settori quando la situazione su quale parete della stanza si
lo ha richiesto. Sia la Cappella Sistina che le Stanze di Raffaello hanno collocano gli affreschi
richiesto soluzioni di visualizzazione specifiche per fornire un’immagine
completa dell’architettura delle sale oltre che del loro contenuto.

Tecnologia

Parallelamente all’utilizzo dei linguaggi HTML e CSS nella realizzazione


delle pagine web standard, per la visualizzazione delle immagini ad alta
risoluzione si è scelta una soluzione leggera con applet Java, preferita
all’utilizzo di pesanti plug-in. Grazie all’adozione di un formato grafico
unico per il trattamento delle immagini ad alta risoluzione, adatto
sia alle immagini bidimensionali che alle visite virtuali, denominato
“FlashPIX” (consorzio DIG Digital Imaging Group, attualmente I3A
International Imaging Industry Association) e allo standard denominato
IIP (Internet Imaging Protocol) che permette l’integrazione naturale
con il mondo Internet, sono state poste le premesse per la creazione La qualità dei files FlashPIX
varia in funzione dell’utilizzo.
di una solida piattaforma di serving per contenuti grafici ad alta Il documento originario
risoluzione. L’appartenenza all’associazione che riunisce le maggiori (alla base della piramide) viene
società impegnate nell’industria del software e hardware conferma l’alta scalato secondo l’output cui è
destinato: alta risoluzione per la
qualità e fruibilità di questo standard innovativo. stampa, bassa per il web

Il formato FlashPIX (non proprietario, quindi non sottoposto a royalties),


meglio definibile come “contenitore”, incorpora multi-risoluzioni basato
su una struttura reticolare composta da 8x8 blocchi, permettendo
di memorizzare varie risoluzioni necessarie per impieghi diversi, che
potranno spaziare da Internet fino alla riproduzione tipografica. Ciascun
piano che definisce una risoluzione è diviso in 64 blocchi (in gergo “tiles”
- piastrelle). Ogni blocco contiene pixels in un’ampia varietà di modalità
(non compressi, compressi con un algoritmo tipo JPEG, frattali a colori
o monocromatico). Gli “oggetti” FlashPIX sono memorizzati in un unico
file e sono rappresentati da piccoli sotto-files organizzati gerarchicamente
in una struttura piramidale a varie risoluzioni in piani paralleli. Tale
“base” contiene l’immagine alla massima risoluzione, decrescente man
mano che si sale verso il vertice della piramide. Le informazioni grafiche
sono contenute in uno spazio colore. Definendo le caratteristiche di
colore e la modalità di gestione dei profili colore, FlashPIX fornisce
una palette omogenea di colori senza degrado della qualità a qualsiasi
risoluzione.
Lo standard IIP è stato sviluppato proprio sfruttando al massimo
FlashPIX, consentendo così una connessione via TCP/IP senza
complicazioni di alcun tipo.

Per l’implementazione della piattaforma Zoom Server, la società Edizioni


All Media S.r.l. di Roma si è avvalsa della collaborazione della società
canadese iseemedia di Toronto, che ha risposto alle richieste progettuali
iniziali con eccellenti risultati, in termini di stabilità e velocità.

Congiuntamente con l’Ufficio Internet della Santa Sede, nella persona


del dott. Pasquini e del suo staff, è stata studiata una soluzione per
l’integrazione del Sito dei Musei Vaticani con l’architettura esistente,
basata su server HP. E’ stata così scelta la piattaforma Linux che risponde
ai principali criteri di stabilità, sicurezza, facile manutenzione e bassi
costi operativi.

La Scuola di Atene (Raffaello):


Organizzazione dei lavori dall’immagine complessiva fino
al dettaglio pittorico sfruttando
Nel corso dello sviluppo del progetto, che ha richiesto oltre 15.000 la tecnologia FlashPIX
ore tra attività di ricerca e redazione del materiale storico-artistico da
parte degli specialisti dei Musei Vaticani, traduzioni, riprese speciali,
acquisizione digitale delle immagini, ricerche nell’Archivio Fotografico e
analisi delle soluzioni più idonee per ciascun Settore dei Musei Vaticani,
seguita dall’implementazione in pagine web dei contenuti, la società
Edizioni All Media S.r.l. di Roma ha scelto di eseguire gran parte dei
lavori all’interno dei Musei Vaticani in un ambiente internazionale di
specialisti.
Sviluppi attuali e futuri

Le peculiarità della soluzione tecnica (“leggerezza” in termini di Kb


di ogni pagina web e possibilità di visualizzare le pagine con qualsiasi
dispositivo mobile) consentono una facile migrazione del Sito dei Musei
Vaticani su piattaforme mobili, sia palmari che di telefonia cellulare (2.5G
e 3G). Viene presentato un prototipo, ormai in fase di ultimazione, di
una guida per visite multimediali implementato su palmare con il sistema
operativo Pocket PC 2002 in connessione WiFi 802.11b, oltre ad una
applicazione per telefono cellulare GSM/GPRS di generazione 2.5G.
In questo modo sarà possibile accedere alle opere più importanti e alle
informazioni utili che riguardano i Musei Vaticani, presto consultabili in HP iPAQ 5450:
visulizzazione del Giudizio
molte aree servite da hot spots pubblici gestiti da diversi operatori. Universale di Michelangelo
tramite un dispositivo palmare
Altre applicazioni derivate dal Progetto tecnico: wireless WiFi

· Creazione di pagine specifiche per fini di archiviazione/conservazione


digitale, studio e catalogazione,

· Creazione di attività di e-commerce per la distribuzione controllata di


immagini coperte da copyright da parte dei Musei Vaticani,

· Attività di e-commerce con il catalogo di merchandising.

Informazioni e servizi
Ringraziamenti direttamente sui telefoni cellulari
di nuova generazione

Per le presentazioni durante la Conferenza Stampa si ringrazia Hewlett


Packard Italiana S.r.l. per il supporto hardware e software, che a sua
volta si e’ avvalsa di un importante partner quale Datamax S.p.A.

Edizioni All Media S.r.l.


Via Giuseppe Lazzati, 185
00166 - Roma
tel. 06-66.18.21.87
fax 06-66.90.026
www.allmedia.it
Presentazione del Sito Internet
Caratteristiche generali
Alcuni numeri

· Numero totale di pagine convenzionali di testo: oltre 3200


· Lingue: 5 (italiano, francese, inglese, spagnolo e tedesco)
· Numero totale di pagine HTML: 2950
· Numero file HTML per singola lingua: 590
· totale elementi grafici immagini: circa 800
· totale immagini ad alta risoluzione: 165
· immagini zoom 2D: 120
· immagini panoramiche 3D: 45
· Numero di link totali nel Sito: circa 50.000

Sezioni principali del Sito

· Musei Vaticani Online


· Visite Virtuali
· Selezioni delle opere
· Informazioni Utili
· Help

Criteri di navigazione

· Navigazione libera (possibilità di scegliere una qualsiasi sala, opera,


visita virtuale, ecc.)
· Navigazione assistita (percorso guidato tra le sale e le visite virtuali di
ogni singolo Settore)
· Navigazione guidata/introduttiva (primo approccio ai Musei Vaticani
attraverso la selezione delle opere, sintesi del contenuto del Sito con link
alle sale per approfondire gli argomenti desiderati)

Gruppo di lavoro

· persone coinvolte: 11 per le attività principali, 24 per il supporto


· ore di lavoro: circa 15.000
Presentazione del Sito Internet
Credits
Musei Vaticani

Supervisione e coordinamento generale


Francesco BURANELLI - Direttore
Elaborazione materiale storico-artistico
Anna Maria de STROBEL - Arte Bizantina Medioevale e Moderna
Maurizio SANNIBALE - Antichità Etrusco-Italiche
Lorenzo NIGRO - Antichità Orientali
Ester CONSOLE - Raccolta Etnologica
Riproduzioni fotografiche e riprese
Guido CORNINI - Archivio Fotografico
Redazione generale e collegamento
Maria SERLUPI CRESCENZI - Ufficio Attività Didattiche e Visite Speciali

Ufficio Internet della Santa Sede

Implementazione e supporto tecnico


Stefano PASQUINI

Sistemi Informativi del Governatorato

Prototipo:
Marco LUCANI

Edizioni All Media S.r.l. - Roma

Progettazione generale
Adrian GHEORGHIU
Progettazione grafica
Lorenzo CIGLIONI
Impaginazione HTML
Edizioni All Media S.r.l. - Roma
Elaborazioni specializzate (programmazione, riprese VR, ecc.)
Edizioni All Media S.r.l. - Roma
Presentazione del Sito Internet
Immagini

La Home Page dei Musei Vaticani Online

Le sei sezioni dei Musei Vaticani visitabili Online


Presentazione del Sito Internet
Immagini

Le Visite Virtuali delle sei sezioni implementate e i tre percossi guidati tra le principali opere esposte online

Selezione delle venti opere principali


Presentazione del Sito Internet
Immagini

Veduta d’insieme della Cappella Sistina

Cappella Sistina: volta affrescata di Michelangelo


Presentazione del Sito Internet
Immagini

Cappella Sistina: Giudizio Universale affrescato da Michelangelo

Cappella Sistina: dettaglio del Giudizio Universale


Presentazione del Sito Internet
Immagini

Stanze di Raffaello: visualizzazione assonometrica delle stanze per una corretta collocazione spaziale

Stanze di Raffaello: La Scuola di Atene


Presentazione del Sito Internet
Immagini

Pinacoteca: pagina principale

Pinacoteca: Deposizione dalla Croce del Caravaggio


Presentazione del Sito Internet
Immagini

Museo Gregoriano Egizio: pagina principale

Museo Gregoriano Egizio: la sala III


Presentazione del Sito Internet
Immagini

Museo Gregoriano Etrusco: pagina principale

Museo Gregoriano Etrusco: dettaglio della Fibula


Presentazione del Sito Internet
Immagini

Museo Missionario Etnologico: pagina principale

Museo Missionario Etnologico: scheda di un’opera Azteca


Presentazione del Sito Internet
Immagini

Visite Virtuali: la Cappella Sistina

Visite Virtuali: la Sala di Costantino all’interno delle Stanze di Raffaello