Sei sulla pagina 1di 26

17

I quanta acustici di Gabor nelle tecnologie del suono


e della musica
Agostino Di Scipio*

(Ricevuto il 10 novembre 2015. Versione rivista ricevuta il 2 dicembre 2015)

Sommario
In una serie di contributi scientifici della fine degli anni quaranta del Novecento, Dennis
Gabor sviluppò un quadro concettuale e operativo di analisi del segnale sonoro che,
innestandosi in una tradizione scientifica allora piuttosto recente, apriva orizzonti di ricerca
e applicazione musicale al tempo del tutto inediti. L’articolo segue appunto il formarsi di
tale quadro di riferimenti scientifici e delle relative ripercussioni pratiche – particolarmente
a partire da due contributi di primaria importanza (“Theory of communication” del 1946,
e “Acoustical quanta and the theory of hearing”, del 1947). Dopo alcune osservazioni
preliminari, l’articolo approfondisce alcuni elementi di senso “genealogico” (teoria dei
quanti, indeterminazione di Heisenberg, analisi delle sensazioni di Mach) e contestualizza
poi la ricerca di Gabor rispetto ad interessi scientifici più o meno coevi ad esso e ad esso
coerenti. Seguendo un percorso ibrido tra storia e critica della scienza e delle tecnologie,
l’articolo descrive poi alcune delle sperimentazioni e dei dispositivi tecnologici, tra quelli
più direttamente ricollegabili ai contributi di Gabor, che hanno avuto maggiori ripercussioni
in ambito scientifico e, soprattutto, nell’ambito di nuovi percorsi di teoria della musica e
degli sviluppi storici – certo pionieristici, ma in un certo senso fondativi – delle pratiche
compositive legate alle tecnologie analogiche e digitali del suono.

1 Introduzione
In queste pagine riprendo un testo apparso ormai parecchi anni fa (Di Scipio 1998),
apportandovi necessarie revisioni e aggiornamenti. Ho conservato l’impianto complessivo
della versione iniziale, ma ho riscritto molti passaggi, inserito titoli di sezione e sottosezione,
e aggiornato la bibliografia laddove opportuno. Ho infine aggiunto alcune interpolazioni utili
a rendere più chiara l’esposizione e meno incompleta la trattazione dei temi toccati.

1.1 (S)composizione del suono e dominii di rappresentazione del segnale


Uno degli elementi più caratteristici e trasversalmente condivisi nelle molteplici esperienze
di musica elettroacustica e sperimentale, e nelle moderne tecnologie del suono in generale,
è certamente l’idea di poter ‘comporre il suono’ facendone dimensione autonoma rispetto
alla più usuale dimensione del ‘comporre con i suoni’, alla quale naturalmente si affianca e si
interseca. Nel quadro della cultura musicale contemporanea, questa possibilità ha dischiuso un
enorme potenziale linguistico-musicale e si è tradotta in una grande varietà di prassi estetiche.
* Conservatorio di Musica “A. Casella” – L’Aquila.

DOI: 10.13128/Music_Tec-18434 - Musica/Tecnologia, 10 (2016), ISSN online 1974-0050, pp. 17-42


© 2016 Firenze University Press e Fondazione Ezio Franceschini - http://www.fupress.com/mt
18 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

Ciò è avvenuto mediante la previa riduzione del suono a segnale implicitamente assunta
nella grande maggioranza delle tecnologie disponibili (un ‘riduzionismo’ per nulla ovvio o
aproblematico, benché accettato maggioritariamente nella cultura contemporanea del suono).
Si pone quindi la questione dei modelli di rappresentazione del segnale sulla cui base è
possibile sviluppare operazioni di analisi, sintesi ed elaborazione del suono. Da un certo punto
di vista, le soluzioni tecnologiche praticate nel corso dei decenni possono essere ricondotte
a due prospettive essenziali: da una parte, la possibilità di studiare e progettare lo spettro
del suono, anche nella sua morfologia dinamica (si tratta quindi di operare sulla base di
rappresentazioni del suono nel dominio della frequenza, lasciando implicita o derivata la
determinazione del tempo); dall’altra, la possibilità di studiare e gestire direttamente le curve
di oscillazione, ovvero l’andamento microtemporale del segnale (si tratta allora di operare
nel dominio del tempo, lasciando implicita e derivata la determinazione della frequenza). Nei
concreti modelli operativi costruiti a partire da queste due strade, le diverse possibilità di
relazionarsi alla dimensione temporale implicano diverse conseguenze pratiche e concettuali,
anche a livello di pensiero e di prassi musicale.
Si parla talvolta di ‘microcomposizione’ alludendo alla possibilità di scomporre e ricom-
porre il suono e più estese strutture musicali a partire da particelle di durata finita, a partire
cioè da ‘atomi’ o ‘grani’ sonori. In campo musicale, il primo a muoversi in tale prospettiva è
stato Iannis Xenakis1 , in brani davvero pionieristici realizzati alla fine degli anni cinquanta del
Novecento presso il GRM di Parigi. Il suo tentativo di lavorare con quanta sonori (termine
adoperato dal compositore stesso) inaugurava un’operatività piuttosto differente rispetto alle
prospettive più comuni, nelle quali il suono è concepito come somma di oscillazioni sinusoidali
periodiche o aperiodiche, alla stregua di quanto avveniva per l’acustica classica, ma anche
nei primi esempi di elektronische Musik realizzati alla WDR di Colonia e nella progettazione
di strumenti musicali elettronici inventati nel corso della prima metà del secolo, a partire dal
telharmonium di Thaddeus Cahill (risalente agli ultimi anni del XIX secolo). La differenza
tra una concezione ‘ondulatoria’ e una concezione ‘granulare’ – comunque non esclusiva
della poetica di Xenakis, dato che esempi diversi se ne trovano anche in altre esperienze
pionieristiche di musica elettronica (Di Scipio 1994) – non va certo intesa come una differenza
di natura strettamente tecnica, musicalmente marginale, e riflette in realtà modi diversi di
pensare il suono e dunque modi diversi di predisporsi a comporlo, a farne musica.
Queste circostanze possono essere ricondotte a corrispondenti momenti della storia della
scienza: da una parte abbiamo allora l’acustica classica, che vede nel fenomeno sonoro
una meccanica ondulatoria e che trova nella ‘teoria analitica del calore’ di Jean-Baptiste
Fourier (1822) adeguata rappresentazione matematica, perfettamente funzionale ai successivi
contributi di George Ohm (1843) e di Hermann von Helmoltz (1885), a loro volta decisivi per
lo studio dei fenomeni della percezione uditiva e per la teoria del suono musicale; dall’altra una
visione di tipo ‘atomistico’ o ‘corpuscolare’, la quale – pur potendosi inscrivere in un’antica
tradizione che annovera, a vario titolo, nomi di illustri scienziati del XVII secolo (come
Gassendi e Beekman)2 – trova adeguati mezzi di rappresentazione matematica solo nel corso
del XX secolo, particolarmente nelle ricerche portate avanti negli anni quaranta da Dennis
Gabor (1900-1979). In tempi moderni, questa dualità di prospettive non è posta come una netta
divisione tra scuole di pensiero contrastanti: piuttosto, come osserveremo proprio a partire
1 Cfr. i primi capitoli del suo Musiques Formelles (1963), anche nella traduzione inglese (1992). Si veda anche

Xenakis (1985, pp. 178 e sgg.).


2 Si veda il breve riepilogo storico in Roads (2001a, pp. 50-55).
AGOSTINO DI SCIPIO 19

da Gabor, le due idealizzazioni alternative di segnale (variazione di ampiezza in funzione del


tempo) e di spettro (analisi di Fourier) possono essere ricondotte all’interno di un formalismo
unitario, diventando casi particolari ma diametralmente opposti dentro uno spazio di fenomeni
omogeneo.
In sintonia con altri ricercatori, Gabor muove dalla constatazione dello statuto teorico, e
astratto dal tempo, dell’analisi di Fourier, arrivando infine a proporre, sullo sfondo della fisica
quantistica e della teoria dell’informazione della sua epoca, un quadro concettuale nuovo,
ricco di implicazioni conoscitive e tecnologiche. Cercheremo di darne un profilo complessivo,
mettendo in evidenza vari aspetti tecnici e teorici, e le principali implicazioni musicali. Sarà
importante valutare bene come l’impianto formale del lavoro di Gabor si ponga sin dall’inizio
in connessione diretta con lo studio della percezione uditiva. Già il titolo del suo articolo
scientifico più noto, «Acoustical quanta and the theory of hearing» (Gabor 1947a), indica
la volontà di affrontare simultaneamente due ambiti d’interesse solitamente ardui da trattare
all’interno di una visione unitaria, quello dei fenomeni fisico-acustici e quello della percezione
uditiva, entrambi visti da una certa angolazione scientifica con la sua specifica dimensione
epistemologica. Più in generale, nel contesto della proposta di Gabor, «le due parole teoria
e pratica si incontrano» permettendo, come vedremo, non solo che «matematici, fisici e
ingegneri [possano] comunicare tra loro in vista di sviluppi fruttuosi» (Feichtinger e Strohmer
1998, p. 1), ma anche che compositori e musicisti possano trarne importanti conseguenze
concettuali ed operative nel loro lavoro sul suono.

1.2 Dennis Gabor


Nato a Budapest nel 1900, Denés Gabor studiò nella città natale, iniziò poi a lavorare a
Berlino dove rimase finché nel 1934 (con la definitiva conquista del potere da parte di Hitler)
si trasferì in Gran Bretagna. Morì a Londra nel 1979. Attivo in numerosi campi di ricerca, egli
si occupò di teoria dell’informazione, di microscopia elettronica, di oscillografia, e di molto
altro ancora. Il suo nome è di solito associato allo sviluppo dell’olografia, al quale iniziò a
dedicarsi verso la fine degli anni quaranta (per i suoi studi in questo campo, fu Premio Nobel
per la fisica nel 1971)3 .
Tra il 1944 e il 1945, Gabor è attivo presso i laboratori della British Thomson-Houston, a
Rugby, e prepara una memoria di ricerca molto articolata, apparsa nel 1946 col titolo «Theory
of communication» (Gabor 1946)4 . All’interno di un ampio quadro di riferimenti a studi di
teoria dell’informazione e della comunicazione, Gabor propone un modello di analisi che
procede scomponendo il segnale in quanta di informazione. La proposta viene ripresa in modo
più snello e diretto in «Acoustical quanta and the theory of hearing» (Gabor 1947a), dove
se ne rimarcano le implicazioni per la rappresentazione di segnali sonori (vocali e musicali),
anche in rapporto a certi aspetti particolari del funzionamento dell’apparato uditivo, ma
tralasciando quasi del tutto gli aspetti più tecnologici presenti nel primo articolo5 . Nel seguito,
3 Si veda Gabor (1979). Il primo contributo nella direzione che porterà Gabor ai principi di olografia è in Gabor

(1948a).
4 Questo lungo scritto è diviso in tre parti (“The analysis of information”, “The analysis of hearing” e “Frequency

compression and expansion”), ciascuna avente un proprio apparato di Appendici e di riferimenti bibliografici. Un
riepilogo estremamente ridotto apparve l’anno successivo sulla stessa rivista, con lo stesso titolo (Gabor 1947c).
5 Pur presentandosi come un testo unitario, privo di ripartizioni interne, «Acoustical quanta. . . » è chiaramente

diviso in due parti, grosso modo corrispondenti alle prime due parti di «Theory of communication», di cui può essere
considerato una sorta di versione agile, adeguata alle finalità di comunicazione e divulgazione scientifica della rivista
che ne accoglieva la pubblicazione, Nature.
20 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

ci soffermeremo sui contenuti di questi due contributi, pur tenendo presente alcuni altri scritti
di Gabor su questi temi apparsi negli anni subito successivi, come «New possibilities in speech
transmission» (Gabor 1947b) e Lectures on communication theory (Gabor 1952)6 . Vanno
anche segnalati due articoli pubblicati in Francia, uno dei quali apparso in un volume collettivo
curato dal celebre fisico Louis de Broglie nel contesto del dibattito fisico-matematico sul
dualismo ‘onda-particella’ (Gabor 1951), l’altro apparso su L’Onde électrique, una rivista
destinata a professionisti della radiofonia (Gabor 1948b)7 .

2 Quanta acustici e teoria dell’informazione


2.1 Tempo e frequenza
Gabor (1947a, p. 591) pone una domanda molto diretta: «Che cosa udiamo?». L’interroga-
tivo in realtà presenta una sua intrinseca duplicità semantica. In senso ‘fisicalista’ vuol dire:
cosa desta in noi le sensazioni uditive? In senso ‘fenomenista’ può significare: cosa sono le
sensazioni uditive stesse? Evidentemente i due punti di vista vanno collegati: la rappresentazio-
ne matematica del suono deve tener conto sin dall’inizio dell’esperienza uditiva, dove tempo
e frequenza sono inevitabilmente compresenti e interrelati. All’udito, un suono si presenta
come una configurazione energetica corrispondente a determinate componenti spettrali di data
frequenza e ampiezza, ma anche dotata di un’evoluzione temporale che consiste proprio nel
dinamico mutare dei rapporti di frequenza (e quindi di fase) tra le componenti. L’analisi di
Fourier, «inattaccabile» [beyond reproach] sul piano matematico (Gabor 1946, p. 431), tuttavia
conduce ad una descrizione atemporale in termini di onde esattamente periodiche, cioè di
durata infinita. L’esperienza rivela invece un decorso temporale nel suono, una condizione di
finitezza della durata e di aperiodicità delle oscillazioni. Gabor scrive:
il metodo basato sull’integrale di Fourier considera i fenomeni in un intervallo infinito, sub
specie æternitatis, quanto di più lontano dal punto di vista dell’esperienza di tutti i giorni.
Se il termine ‘frequenza’ viene usato nel senso strettamente matematico che si applica
solo a treni d’onda infiniti, una ‘frequenza mutevole’ [changing frequency] diventa una
contraddizione in termini, perché sarebbe una definizione che riguarda sia il tempo che la
frequenza (ibid., p. 431)8 .

Ma «tempo e frequenza sono complementari, piuttosto che mutualmente esclusivi» (ibid.,


p. 431), e dovrebbero quindi essere espressi in maniera esplicita in una rappresentazione del
segnale che dia conto di entrambi, pur nei rispettivi ruoli «simmetrici» (ibid., p. 429). L’obiet-
tivo di ricerca perseguito è appunto quello di dimostrare l’esistenza di «metodi matematici
adeguati a questo scopo» (ibid., p. 431). Si tratterà di metodi che avranno necessariamente la
«strana caratteristica» (ibid., p. 432) di non poter avere un grado molto elevato di precisione
6 La datazione di questo testo, che riprende i contenuti di interventi fatti al MIT di Boston, talvolta è parsa incerta.

Stando a Léon Brillouin, pioniere della teoria dell’informazione il cui lavoro viene citato da Gabor proprio in questo
testo, la data sarebbe quella del 1951 (Brillouin 1956, pp. 98, 168). Stessa data si trova in un contributo del grande
linguista Roman Jakobson (1966, p. 32). Sembra plausibile che Brillouin e Jakobson si riferissero in realtà all’anno in
cui le lectures furono effettivamente tenute, non alla pubblicazione dei testi corrispondenti.
7 Qualche anno dopo, questa rivista, pubblicata a Parigi dalla Société des Radioélectriciens, ospitò scritti di

Jacques Poullin, primo collaboratore di Pierre Schaeffer al GRM di Parigi (Poullin 1954) e di Abraham Moles,
ricercatore e collaboratore di Schaeffer sin dai primi anni cinquanta (Moles 1953a,b). La circostanza induce ad
ipotizzare che Gabor (1948b) possa essere stato letto nell’ambiente del GRM.
8 Qui e altrove si intenda ‘traduzione mia’.
AGOSTINO DI SCIPIO 21

simultaneamente per la determinazione del tempo e per la determinazione della frequenza –


problematica non a caso affrontata con gli strumenti concettuali della meccanica quantistica e
richiamandosi al ‘principio di indeterminazione’ che Werner Heisenberg aveva identificato
due decenni prima (Heisenberg 1927).
Inoltre, mentre i metodi basati sul modello di Fourier implicano il continuum del tempo
e della frequenza, Gabor considera che la capacità dell’apparato uditivo ha invece limiti di
risoluzione o di ‘discriminazione’ tra valori contigui in entrambe le dimensioni, limiti che sono
accertabili e che non possono essere disattesi. Come vedremo, per identificare le unità minime
di informazione rilevanti per l’orecchio, il suo discorso rinvia a ricerche di psicofisiologia
dell’udito condotte nei decenni precedenti a proposito delle soglie di discriminazione uditiva
(particolarmente quelle relative al tempo).

2.2 Diagramma informazionale e segnali elementari


Gabor costruisce un diagramma informazionale [diagram of information], cioè una griglia
o matrice bidimensionale, discretizzando sia il continuo temporale (asse orizzontale) sia
quello frequenziale (asse verticale). Ciascuna delle celle di tale matrice è assimilabile alla
risposta caratteristica di un risonatore acustico, secondo l’analogia meccanica classica che
vede nell’analisi spettrale la risposta di molteplici risonatori intonati (corrispondenti ad un
banco di filtri). Nel caso della matrice di Gabor, idealmente ciascun risonatore ha larghezza
di banda finita (∆ f ) e risposta nel tempo finita assai breve (∆t). Ogni cella vale allora come
quantum di informazione geometricamente definito da un passo differenziale di frequenza e di
tempo. L’area dovrà essere pari almeno all’unità: ∆ f ∆t > 1. «Questa è l’esatta formulazione
della relazione di indeterminazione» (Gabor 1947a, p. 591; qui p. 10). Inizialmente, in Gabor
(1946), l’area è messa in rapporto all’identità statistica ∆t∆ f ≈ 1. Il senso è che ciascuna
cella, prodotto di un’incertezza quantistica, è centrata su un valor medio di frequenza e su
un valor medio di tempo: al crescere di ∆t dovrà decrescere ∆ f e viceversa, rimanendo
mediamente pari all’unità il loro prodotto9 . Attraverso un’analisi matematica della questione,
Gabor infine stabilisce nella diseguaglianza ∆t∆ f > 1/2 la relazione di incertezza minima
attribuibile ad ogni cella nel diagramma informazionale, che d’altra parte sta «alla radice del
principio fondamentale delle comunicazioni» (ibid., p. 434)10 .
Cosa contiene, in concreto, l’area ∆t∆ f di ciascuna cella del diagramma informazionale?
Essa va pensata come un ‘segnale elementare’ [elementary signal] che possa far sì che «la
diseguaglianza diventi uguaglianza» (Gabor 1947a, p. 591; qui p. 11) e che ∆t∆ f assuma «il
valore più piccolo possibile» (Gabor 1946, p. 435). Gabor dimostra che ciò si può ottenere con
segnali che sono «il prodotto di modulazione di un’oscillazione armonica di qualsiasi frequenza
con un impulso avente la forma di una funzione di probabilità» (ibid., p. 435). In altre parole,
a ciascuna cella del diagramma va associato un segnale costituito da una parte reale di tipo
seno o coseno, e da una parte immaginaria corrispondente ad una curva di tipo gaussiano (la
quale garantisce minima dispersione spettrale, cioè minima deviazione rispetto alla relazione
9 In un passaggio ulteriore (Gabor 1946, p. 442), leggiamo che «G. W. Stewart nel 1931 fu il primo a chiedersi

se i limiti della sensazione uditiva [aural sensation] non seguano una relazione di incertezza, che egli scrisse
come ∆t∆ f = 1. . . ». Possiamo forse considerare l’articolo di Stewart il primo esempio di un avvicinamento a
problematiche di acustica in termini quantistici.
10 Gabor non chiarisce l’osservazione. Va detto che nel suo modo di argomentare riecheggiano ripetutamente i

principi del trasferimento di informazione che erano stati illustrati in contributi fondamentali di Harry Nyquist e di
Ralph Hartley negli anni venti (riportati da Gabor in bibliografia), che poi trovarono proprio tra il 1948 e il 1949 nel
teorema di Shannon e Weaver una formulazione efficace per l’ingegneria dell’informazione (Shannon e Weaver 1949).
22 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

tempo/frequenza)11 . A quel punto, determinando l’ampiezza del segnale elementare, ogni cella
del diagramma informazionale costituisce un quantum del segnale acustico, cioè individua
la quantità di energia dispersa all’interno dell’unità minima di frequenza durante l’unità
minima di durata. Gabor procede a dimostrare matematicamente che qualsiasi segnale può
essere espanso in termini di queste unità elementari, per cui il diagramma informazionale
sarà la rappresentazione del segnale scomposto in quanta acustici trattabili come quanta di
informazione (Gabor 1946, p. 435).
Abbiamo allora un modello di analisi del suono che «parla sia il ‘linguaggio del tempo’
sia il ‘linguaggio della frequenza’. . . » (Gabor 1947a, p. 592; qui p. 12). Come anticipato
sopra, tale modello presenta due casi particolari ed opposti: celle infinitamente estese nella
direzione del tempo equivarranno ad oscillazioni sinusoidali periodiche (analisi di Fourier);
celle infinitamente estese nella direzione della frequenza equivarranno a ‘funzioni delta’, cioè
impulsi di Dirac (durata infinitesima). Insomma spettro (variazioni di ampiezza nel dominio
della frequenza) e segnale (variazione di ampiezza nel dominio del tempo, discretizzato su
campioni così prossimi tra loro da pervenire al continuo) «sono entrambi casi speciali del
modello di Gabor» (Brillouin 1956, p. 99). In questo risultato riverbera un tema importante nel
dibattito scientifico dell’epoca, e fondamentale per tutta la conoscenza contemporanea, quello
della dualità tra particella e onda. Nel modello avanzato da Louis de Broglie una ventina di
anni prima, le particelle di materia che si muovono a velocità identica rivelano, ad una certa
scala di osservazione, le proprietà di un’onda, e possono allora essere ricondotte alle leggi della
meccanica ondulatoria; le stesse particelle, guardate ad un’altra scala di osservazione, possono
essere descritte nei rispettivi moti individuali, il che richiede un passaggio alla meccanica
quantistica.
Il modello teorico di Gabor si presenta come la prima rappresentazione formale (in
senso matematico) nella storia delle teorie corpuscolari del suono. Nella storia dell’acustica
(Lindsay 1966), a partire dall’atomismo greco tramandatoci da Lucrezio, e passando per
il corpuscolarismo seicentesco, si è spesso ritenuto che la concezione corpuscolare abbia
prodotto poco più che semplici intuizioni meccanicistiche. Con Gabor si ha un vero modello
teorico e analitico (che poi risulterà preliminare ad ulteriori modelli dello stesso tipo, ma
più sofisticati). In tal senso, sul piano storico, il suo ruolo appare simile al ruolo svolto dal
modello di Fourier un secolo prima rispetto a precedenti intuizioni circa la natura composita
del moto oscillatorio, cioè rispetto all’idea per cui ogni movimento, quindi anche ogni moto
oscillatorio complesso, è scomponibile in una serie di oscillazioni semplici con frequenze in
rapporto armonico tra loro (intuizione che si trova già nel lavoro di Joseph Saveur, all’inizio
del XVIII secolo, e comprovata sperimentalmente da Daniel Bernoulli e da Eulero intorno alla
metà di quello stesso secolo). Entrambi i contributi danno spessore teorico ad un bagaglio di
intuizioni e di osservazioni empiriche precedenti.

2.3 L’analogia meccanica e l’orecchio


Riprendiamo l’analogia meccanica posta inizialmente in relazione all’area unitaria del
diagramma informazionale. Ciascuna cella, si è detto, può essere pensata come risposta nel
11 In termini più consueti per la prassi musicale elettroacustica, ogni cella corrisponde ad un ‘grano sonoro’: la

parte reale del segnale è la sua ‘forma d’onda’, la parte immaginaria è il suo ‘inviluppo’. In un passaggio successivo
di Gabor (1946), viene valutata la possibilità di utilizzare come parte immaginaria (indicata ora come ‘finestra’ del
segnale reale) forme triangolari o trapezoidali, che viene però scartata perché comporterebbe inutili complicazioni
teorico-matematiche senza portare a «risultati differenti rispetto a finestrature probabilistiche» (ibid., p. 449).
AGOSTINO DI SCIPIO 23

tempo (o «tempo di decadimento», come dice Gabor) di un risonatore tarato ad una certa
frequenza. L’analogia permette di pensare tutta la problematica anche in relazione all’idea che
descrive l’orecchio in termini di un sistema di risonatori.
La questione ha implicazioni importanti naturalmente in rapporto all’individuazione del-
l’area della cella, ∆t∆ f , essendo «praticamente accertato che i risonatori dell’orecchio sono
ampiamente smorzati, con tempi di decadimento dell’ordine di 10 millisecondi o anche meno»
(Gabor 1947a, p. 593; qui p. 14). Più precisamente, per Gabor lo studio delle soglie di discri-
minazione uditiva di tempo e di frequenza mostra che «l’orecchio possiede un’area di soglia di
discriminazione di ordine unitario» (ibid., p. 592; qui p. 12), «almeno nell’ambito di frequenze
sotto i 1000 Hz e per durate comprese tra 20 e 250 millisecondi» (Gabor 1946, p. 444). Pur con
questi importanti limiti, Gabor può allora collegare il suo modello di analisi all’analisi delle
sensazioni uditive, rivelandone il valore empirico. Il diagramma informazionale insomma
agisce da schema concettuale del modello formale, ma allo stesso tempo vale come schema
che lega il modello analitico all’esperienza uditiva.
C’è però un’altra osservazione importante a proposito della metafora meccanica qui ri-
chiamata: i risonatori tradizionalmente usati nell’analisi del suono12 sono tarati su bande
di frequenza fisse, con risposte nel tempo proporzionali, non liberamente determinabili. Le
variazioni di periodicità e ampiezza nel corso della durata di un suono, importanti per la
percezione uditiva, non sono rilevabili con lo stesso grado di precisione da meccanismi del
genere. La consuetudine di pensare l’orecchio come un banco di risonatori rinvia implicita-
mente ad un’orecchio piuttosto astratto (in modo speculare al modello di Fourier, che rinvia ad
uno spettro di frequenza, astraendo dal tempo). In base ad esperimenti attendibili, l’orecchio
sembra invece avere un comportamento più sottile, capace peraltro di cogliere con progres-
siva sottigliezza l’altezza di un suono al crescere della durata. Il che suggerisce che, come
sistema di risonatori, esso evidentemente agisce in modo dinamico. Gabor giunge a postulare
l’esistenza, nel sistema uditivo, di una «seconda curva di risonanza» (ibid., p. 444), di un
«secondo meccanismo nell’orecchio» (Gabor 1947a, p. 593; qui p. 14) di tipo non fisiologico
ma (ipoteticamente) relativo alle fibre nervose dell’orecchio interno, capace di attivarsi durante
lo stimolo uditivo permettendo in qualche modo ai «risonatori dell’orecchio» di assottigliare
progressivamente la banda di frequenza per determinare con crescente precisione la periodicità
dello stimolo sonoro (ciò almeno in un ambito di frequenze medio-basse, sotto i 1000 Hz).
Come suggerisce Gabor, un simile comportamente dell’orecchio è effettivamente in gioco
non tanto nell’ascolto del parlato, quanto nell’ascolto della musica, dove eventi sonori (quasi)
periodici hanno mediamente durata maggiore dei suoni del parlato (Gabor 1946, p. 444).

2.4 Mach, empirismo, interdipendenza dei fenomeni


A monte di queste tematiche di psicofisiologia dell’udito, in Gabor (1947a) c’è un fugace
ma significativo riferimento ad Ernst Mach (1838-1916). Già nel 1865 (a Graz, prima di
stabilirsi a Praga dove diventò una delle massime autorità scientifiche del suo tempo), il grande
fisico austriaco aveva condotto esperimenti di acustica e di ottica, alcuni dei quali centrati sulla
percezione dell’altezza in rapporto alla durata delle oscillazioni e sulle soglie differenziali
di percezione della durata (soglie che gli apparvero proporzionali all’estensione di durata
considerata, ma in termini non esattamente logaritmici, devianti rispetto alla legge di Weber
e Fechner). Tali ricerche si inquadravano in un più vasto interesse che Mach nutriva per il
12 Come quelli descritti nella parte iniziale del trattato di Helmholtz (1863, pp. 66-68).
24 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

«senso del tempo» (Zeitsinn) di cui è capace l’udito umano (Mach 1865b)13 . Pur di passaggio,
Gabor si richiama a Mach in modo esplicito attribuendogli la verifica del fatto che «una breve
oscillazione sinusoidale sarà percepita come un rumore, e solo oltre una certa durata minima
diventa un tono di altezza accertabile» (Gabor 1946, p. 442). La soglia fissata da Mach era di
40 millisecondi. Al di sotto di essa non si avrebbe percezione della durata ma, com’è stato
scritto recentemente, di «punti di tempo» (Pöppel, Bao e Zhou 2011, p. 776). Gabor segnala
comunque che, in studi degli anni trenta, questa soglia risultava anche più bassa, assestandosi
a circa 10 millisecondi almeno nell’ambito di frequenze tra 500 e 1000 Hz. Per intuire il
valore di tali misure, si consideri che al giorno d’oggi le neuroscienze indicano in circa 50
millisecondi il tempo complessivo necessario all’elaborazione cerebrale di ciascuno degli
stimoli uditivi in una sequenza di eventi impulsivi (Chouard 2001, p. 103), il che non a caso
coincide col limite inferiore di udibilità in frequenza.
Nel contesto di una prospettiva di ricerca come quella perseguita da Gabor, il nome di Mach
può avere un significato particolare. Il fisico era stato apertamente polemico nei confronti
dell’atomismo del suo tempo, quale sviluppatosi a partire dalla chimica di vari decenni prima,
cioè dell’inizio del XIX secolo. Nel suo empirismo radicale, egli considerava gli atomi della
scienza moderna come un residuo neokantiano, una sorta di ‘noumeno’ inaccertabile sul
piano dell’esperienza sensibile, la cui idealizzazione poteva essere tollerata solo come male
utile e necessario ad ulteriori avanzamenti scientifici. In tal senso egli ebbe una posizione
‘strumentalista’ nei confronti dell’atomismo (Oldroyd 1989, pp. 233-234)14 . Rievocare il nome
di Ernst Mach, può voler dire insomma evocare una tradizione epistemologica per la quale la
scienza non si limita a dare rappresentazioni formali, ma appunto si sforza di introdurre anche
un legame sensibile tra rappresentazione ed esperienza, interpretando in senso intuitivo ed
empirico le osservazioni e i dati raccolti.
In fondo, un atteggiamento del genere rispecchia lo spirito che condusse, proprio nel
cuore della scienza quantistica, al principio di indeterminazione di Heisenberg, facendo
del punto di vista dell’osservatore una variabile ineliminabile e decisiva delle possibilità di
conoscenza. Ciò apriva quindi al pensiero di una certa relatività o almeno di una certa mutua
relazione nei fenomeni osservati. Lo stesso Mach, ormai anziano, ebbe occasione di indicare
come nelle ricerche condotte da giovane su durata e temporalità delle sensazioni uditive, si
avesse una qualche evidenza di una più generale «interdipendenza dei fenomeni» (Mach 1893,
pp. 541, 544), da cui derivare un modo di fare scienza orientato al «nesso tra il fatto osservato
psicologicamente e il processo fisico (fisiologico) corrispondente» (Mach 1914, p. 59)15 .
13 Nel contesto di questi studi, Mach si interessò anche al «senso dello spazio» (Raumsinn) di cui è capace

l’apparato uditivo (Mach 1886), ed intuì forme di adattamento dinamico nel funzionamento dell’apparato uditivo
(Mach 1865a). Infine, qualche tempo dopo, egli identificò nel labirinto dell’orecchio medio l’organo ‘statocinetico’
che rende partecipe l’orecchio della «sensazione del movimento» (Mach 1875). Una ricostruzione complessiva di
questi esperimenti di Mach si trova in Debru (2003).
14 «Mach accetta la teoria atomistica come un male necessario fino a quando il processo scientifico non riuscirà

a offrire una migliore sistemazione unitaria dei fenomeni naturali» (Sigismondi 2002, p. 11). Questa posizione
critica finì in realtà col fare da stimolo per una generazione di scienzati più giovani, favorendo una trasformazione
dell’atomismo e contribuendo dunque costruttivamente alle teorie quantistiche successive. Stando alla ricostruzione
storica di Paul Feyerabend, alcuni dei primi lavori di Albert Einstein (nei primi anni del XX secolo), riprendono le
obiezioni di Mach allo scopo di sollevarle in maniera produttiva: la fisica che ne emerse introduceva nell’indagine
scientifica un punto di vista che Mach avrebbe reputato consono alla sua idea di ‘scienza naturale’; cfr. il capitolo
intitolato “Mach’s theory of research and its relation to Einstein” in Feyerabend (1987).
15 Per un approfondimento di questi temi nell’opera di Ernst Mach, si vedano Bozzi (1990) e D’Elia (1971). In

D’Elia (1971) leggiamo: «Le ricerche intorno alle sensazioni di moto, a quelle della vista e dell’udito hanno portato
Mach a questa conclusione: il dato immediato è un complesso di qualità sensibili» (p. 78), la cui sintesi va concepita
AGOSTINO DI SCIPIO 25

In questa prospettiva, si dovrà dire allora che il modello di Gabor si astiene dal giudizio
circa l’oggettività delle proprietà che descrive nel fenomeno esaminato. Muovendo dalle
limitazioni della teoria di Fourier (come d’altronde altri importanti scienziati suoi contem-
poranei16 ), Gabor perviene ad una rappresentazione del segnale esplicitamente comprensiva
della determinazione temporale: in questo quadro formale, ogni cambiamento di scala (tem-
porale) di osservazione potenzialmente conduce ad evidenziare proprietà diverse nel segnale
sottoposto ad osservazione, all’interno di uno spazio di soluzioni piuttosto ampio i cui estremi
vanno appunto dall’oscillazione armonica (funzione sinusoidale) alla discontinuità dell’im-
pulso (funzione delta). Certo, in Gabor la nozione di ‘scala temporale di osservazione’ è del
tutto implicita: renderla esplicita toccherà ad alcuni suoi continuatori, tra cui Jean Morlet
(1931-2007), che arriveranno a formulare metodi di analisi in cui la determinazione della fre-
quenza è addirittura sospesa e considerata derivativa. Come accenneremo più avanti, si parlerà
allora di ‘rappresentazioni tempo/scala’, per esempio nell’analisi di segnali mediante wavelet
(Kronland-Martinet e Grossmann 1991; Kronland-Martinet, Guillemain e Ystad 1997).
Probabilmente una certa propensione a stabilire un legame tra modello analitico ed espe-
rienza uditiva spiega anche come mai Gabor utilizzi metafore esplicitamente musicali – quali
«nota» o «trillo», usati in Gabor (1947c) in rapporto ovviamente a fenomeni di modulazione
di frequenza. Peraltro, nel contesto della fisica dei primi anni del XX secolo, non era raro
ricorrere a metafore musicali proprio in rapporto alla centralità del fluire del tempo nel vivo
dell’esperienza sensibile. Mach stesso aveva accompagnato la sua ‘analisi delle sensazioni
uditive’, oltre che con esempi relativi al parlato, con veri e propri esempi musicali17 . Il
padre fondatore della cibernetica, Norbert Wiener, in una conferenza tenuta a Gottinga nel
1925 aveva affermato che «la frequenza di una nota e la sua durata interagiscono in maniera
molto complicata», e che la precisione nella determinazione dell’una va a svantaggio della
precisione nella determinazione dell’altra (Werner Heisenberg era tra gli ascoltatori di quella
conferenza)18 . È da segnalare che il matematico francese Jean Ville (1910-1989) nel 1947
arrivò a delineare una propria forma di analisi quantistica del segnale introducendo come
argomento cruciale i risultati paradossali ai quali porta l’applicazione dell’analisi di Fourier a
interi passaggi musicali (Ville 1948, p. 64). Gabor sapeva che il suo metodo di scomposizione
del segnale era «piuttosto sconveniente» nel senso che i segnali elementari in esso utilizzati in
definitiva sono «funzioni [che] non formano un insieme ortogonale» (Gabor 1947a, p. 592;
qui p. 12). Il punto venne approfondito successivamente da vari ricercatori e gruppi di ricerca,
tuttavia – dopo un primo tentativo a metà degli anni sessanta (Helstrom 1966) – solo negli anni
settanta e ottanta questa non-ortogonalità è stata descritta rigorosamente, insieme ad alternative
adeguate (Balian 1981; Bastiaans 1980; Morlet, Kronland-Martinet e Grossmann 1987). In
particolare, Jean Morlet (inizialmente attivo in ambito geofisico) sostituì i segnali elementari di
Gabor con altri segnali pure tempo-finiti ma di durata inversamente proporzionale alla banda
di frequenza o scala di osservazione, dando così avvio a metodi di rappresentazioni basati su
pacchetti d’onda, o wavelet (Meyer 1993; Young 1993)19 .
come «una attività del sistema nervoso» (p. 50). A tal proposito, vorrei segnalare come questi aspetti del lavoro di
Mach siano stati visti come una forma antesignana di «costruttivismo fenomenologico» (Glasersfeld 1975; Riegler
2012).
16 Come suggerisce Yves Meyer, intorno al 1945 anche personaggi quali Léon Brillouin, Claude Shannon e altri

avevano chiare le limitazioni dei metodi basati sul modello analitico di Fourier (Meyer 2008).
17 Si vedano i capitoli “The sensation of time” e “The sensation of tone” in Mach (1914, pp. 245-261, 262-309).
18 Si veda Wiener (1964, pp. 105-107), la cui redazione iniziale è della metà degli anni cinquanta. E si veda la

ricostruzione data in Conway e Siegelman (2005, pp. 84-86).


19 Nello sviluppo dell’analisi wavelet va segnalato il lavoro portato avanti dal gruppo di lavoro dell’Università

di Marsiglia (Morlet, Kronland-Martinet, Grossmann e altri) anche per i risvolti diretti sull’elaborazione di segnali
26 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

3 Dispositivi
Sarà utile ora segnalare una serie di circostanze tecnologico-musicali all’interno delle quali
il modello teorico dei quanta acustici di Gabor ha avuto ripercussioni più o meno dirette.

3.1 Meyer-Eppler, il visible speech process, e il vocoder


Nell’agosto 1950 si tenne a Darmstadt una serie di incontri dal titolo Die Klangwelt der
elektronischen Musik. Ne furono protagonisti Werner Meyer-Eppler (1913-1960) e Robert
Beyer (1901-1989), che nell’occasione incontrarono il compositore Herbert Eimert (1897-
1972) insieme al quale poco più tardi fondarono lo Studio für Elektronische Musik, alla
stazione radio WDR di Colonia (Beyer 1953)20 . Nel corso degli incontri (seguiti tra gli altri
dall’anziano Edgard Varèse e da un giovanissimo Karlheinz Stockhausen), Meyer-Eppler tenne
un intervento nel quale si soffermò sulla matrice di Gabor (Ungeheuer 1992, p. 104). Fu quasi
certamente la prima volta che il lavoro di Gabor venne esposto a musicisti e musicologi.
Non possiamo accertare quando Meyer-Eppler abbia conosciuto il modello di Gabor.
In ogni caso, in quanto assistente all’Istituto di Fonetica e Scienze della Comunicazione
dell’Università di Bonn, egli aveva certamente accesso a molte delle pubblicazioni dell’epoca
in ambito di teoria dell’informazione, oltre che di fonetica (ambito più specifico della sua
ricerca). Era proprio all’incrocio di teoria dell’informazione e fonetica che gli scritti di Gabor
venivano collocati, in quella fase. In un libro apparso qualche anno dopo, Meyer-Eppler illustra
il diagramma informazionale di Gabor (Meyer-Eppler 1959, pp. 25-27) e cita vari articoli del
collega anglo-ungherese, tra cui «Theory of communication» (p. 14) e «New possibilities in
speech transmission» (pp. 26 e passim). Ma già nel 1955, in un articolo sul primo numero
della rivista Die Rehie (diretta da Eimert e Stockhausen), egli aveva abbozzato un approccio al
suono in termini informazionali, soprattutto al fine di dar conto di aspetti aleatori del suono
che ne fanno un fenomeno essenzialmente aperiodico, quindi relativamente consono ad essere
affrontato nei termini della teoria di Fourier (Meyer-Eppler 1955). Dall’articolo si deduce
anche che Meyer-Eppler conosceva alcuni degli esperimenti di psicofisica citati da Gabor,
e anche la precedente intuizione di Stewart (1931) circa la relazione di incertezza ∆t∆ f
richiamata in Gabor (1946), di cui abbiamo fatto cenno21 .
All’Istituto di Fonetica di Bonn, Meyer-Eppler poteva utilizzare uno strumento di recentissi-
ma disponibilità chiamato visible speech process che permetteva di realizzare rappresentazioni
sonografiche (fu usato anche per preparare il sonogramma apparso nel 1955 in apertura del
primo numero di Die Rehie, illustrante un passaggio del brano elettronico Glockenspiel com-
posto da Eimert due anni prima). Tale dispositivo nasceva dal lavoro condotto a partire dal
1941 da Ralph Potter e altri presso i laboratori Bell Telephone, negli Stati Uniti. Gabor (ibid.,
p. 432) stesso ne fa menzione, citando anche le pubblicazioni in cui Potter ne illustrò i criteri
(Gabor 1947a, p. 594; qui p. 12)22 . Gabor cita anche, e anche più in particolare, un altro
ricercatore dei laboratori Bell Telephone, Homer Dudley, che anni prima aveva progettato il
musicali. Si veda la ricostruzione storico-scientifica in Farge et al. (2012), e si vedano i contributi di Daniel Arfib,
Jean-Claude Risset, Alex Grossman e Richard Kronland-Martinet in De Poli, Piccialli e Roads (1991).
20 Si veda anche la ricostruzione storica in Morawska-Büngeler (1988, pp. 9 e sgg.).
21 Si veda nota 9.
22 Riferendosi a questo tipo di apparecchiature, Gabor parla di «sound spectrograph» (Gabor 1946, p. 432). A

partire da (Gabor 1952), egli sostituisce l’espressione col termine «sonogram», più adatto ad evitare confusioni
altrimenti possibili, e d’altra parte in uso ancora oggi.
AGOSTINO DI SCIPIO 27

vocoder (Dudley 1936, 1939) definito da Gabor una «ingegnosa macchina di analisi e sintesi
della voce parlata» (Gabor 1946, p. 442)23 .
Quel che interessa maggiormente Gabor, in dispositivi del genere, è l’analogia formale con
la sua matrice di quanta di informazione: anche tali dispositivi infatti implicavano una forma di
discretizzazione dei domini di rappresentazione. Riferendosi al vocoder, Gabor in particolare
pone la questione in termini della massima «compressione» d’informazione possibile capace
di preservare l’intellegibilità del parlato (ibid., p. 445). È questa ricerca dell’unità minima
d’informazione che ai suoi occhi rende il vocoder di grande interesse, indipendentemente
dalla qualità del suono che esso poteva generare, che in effetti gli appare piuttosto innaturale e
«machine-made» (Gabor 1952, p. 40), e che Gabor giudica comunque migliorabile aumentando
i canali del processo di analisi e sintesi della macchina di Dudley. La terza parte di Gabor
(1946) è appunto dedicata ad un metodo per «comprimere» ed «espandere» il suono.
Vi torneremo più avanti. Per ora notiamo che, declinata in questo modo, la problematica
posta da Gabor è quella della riduzione dei dati, e naturalmente si inserisce in un quadro assai
generale degli sviluppi delle tecniche di comunicazione; per quel che riguarda i temi che
ci interessano più da vicino, essa viene intesa da Gabor come ‘riduzione dei dati in base a
criteri percettivi’, e come tale riaffiorerà decenni dopo, prima tangenzialmente alla ricerca
sulla sintesi digitale del suono – almeno in una fase in cui, in quel settore, le indicazioni della
psicoacustica sono apparse decisive (Risset e Wessel 1982a) – e poi soprattutto nello sviluppo
di algoritmi di compressione per la trasmissione di segnali audio (e non solo) lungo le reti
telematiche (Brandenburg 1999).

3.2 Sintesi ed elaborazione granulare del suono


Ci stiamo dunque avvicinando agli aspetti di carattere più tecnologico e ingegneristico
del lavoro di Gabor sui quanta acustici. In appendice alla prima parte di Gabor (1946),
viene descritto un dispositivo per la generazione del suono utile a verificare aspetti del
modello teorico proposto. Il dispositivo sfrutta mezzi ottici elettromeccanici, in parte basati su
precedenti studi sulla riverberazione artificiale del suono (Goldmark e Hendricks 1939). Lo
si può pensare come il primo strumento mai ideato per la sintesi granulare del suono (Roads
2001a, p. 302). Va precisato però che, per Gabor (1946, p. 440), non si tratta tanto di un
«metodo praticabile» ma di un momento di verifica sperimentale di certi effetti di modulazione
(sidebands) insiti, in linea di principio, in qualsiasi realizzazione concreta del modello teorico,
e simili comunque a fenomeni già noti in ambito di teoria delle comunicazioni.
Dire che Gabor «aveva preconizzato una sintesi dei suoni» a base granulare (Xenakis in
Restagno 1988, p. 30) rappresenta, da un certo punto di vista, una leggera forzatura. Se non
altro, all’epoca di Gabor il concetto di sintesi del suono non ha un suo statuto definito: da una
parte, appare del tutto implicito nella costruzione di strumenti musicali elettronici; dall’altra,
vale come strumento di verifica della coerenza di un modello teorico – come appunto nel caso
del generatore di suono descritto alla fine della prima parte di Gabor (1946). Come segnala
23 Gabor si trattiene più a lungo sul vocoder di Dudley in Gabor (ibid., pp. 40-41). Per un quadro generale sullo

sviluppo del vocoder e le sue ripercussioni anche musicali, si veda Zavagna (2013).
28 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

Yves Meyer, l’idea di sintesi del suono era stata in qualche modo preavvertita da Jean Ville
(negli stessi anni delle pubblicazioni di Gabor che abbiamo preso in esame) appunto in quanto
momento sperimentale complementare alla descrizione di una qualsiasi forma di analisi del
segnale. Più in particolare, l’insieme degli atomi tempo/frequenza del modello di Gabor

. . . costituisce una collezione di segnali elementari che è fin troppo ampia per fornire una
rappresentazione univoca [e] ciò porta a dover scegliere quella che risponde meglio rispetto
a un certo criterio. Il criterio potrebbe essere quello suggerito da [Jean] Ville: l’analisi o
decomposizione di un segnale in atomi tempo/frequenza dovrà essere messa in relazione
ad una sintesi (Meyer 1993, p. 64).

Al di fuori dei centri di ricerca scientifica e dei laboratori dei costruttori di strumenti
elettronici, l’idea di ‘sintesi del suono’ come formalismo coerente passibile di implementazioni
diverse, a fini musicali o di altro tipo, si delinea solo qualche anno dopo le proposte di
Gabor. Da una parte come schema concettuale che guida l’implementazione di processi
di generazione del suono nel contesto degli sviluppi della musica elettronica analogica e
specialmente informatica. Dall’altra, in campo più strettamente scientifico, come esito di una
sempre maggiore specializzazione, e anche di una scissione sempre più netta tra esigenze
sperimentali e sviluppi teorici.
In tema di implicazioni pratiche, ciò che preoccupa Gabor (1946, pp. 437-438) molto
più della possibilità di una sintesi del suono è la velocità di trasmissione necessaria per
trasportare i quanta di informazione attraverso un canale – tema ovviamente cruciale e decisivo
nell’ambito della teoria delle comunicazioni. Ragionando su questo punto, Gabor perviene
a calcolare valori che, non a caso, implicano una velocità di trasmissione inversamente
proporzionale al doppio della larghezza di banda24 . Date le limitazioni caratteristiche dei
mezzi di comunicazione dell’epoca (ivi comprese le trasmissioni radiofoniche e televisive,
ancora soggette a fattori troppo aleatori), Gabor suggerisce che l’unica alternativa per pervenire
presto a condizioni operative efficienti consiste nel ridurre al minimo l’informazione da
trasmettere, escogitando «metodi di compressione-espansione» del segnale (ibid., p. 438) e
cioè «condensando il contenuto di informazione ad un minimo» (ibid., p. 445).
Il suo obiettivo diventa allora quello di verificare l’utilità del modello teorico al fine
di codificare («condensare») il segnale ad un capo di una catena di trasmissione, per poi
decodificarlo («espanderlo») all’altro capo (ibid., p. 445). A tal fine, Gabor propone il progetto
di un dispositivo che chiama «convertitore di frequenza», per indicare il fatto che esso può
modificare («convertire») la frequenza e allo stesso tempo «non cambiare il ritmo, ovvero
l’articolazione temporale, di segnali sonori del parlato o musicali» (ibid., p. 452). L’idea viene
così riassunta:

il segnale [da elaborare], registrato su un supporto in modo permanente o in modo tempora-


neo, passa accanto ad una finestra fissa, dal contorno opportunamente graduato [inviluppo
di ampiezza] e viene, durante il tempo di esposizione in questa finestra, letto più volte da
rilevatori [pick-ups] che si susseguono a velocità differente dalla velocità di scorrimento
del supporto di registrazione (ibid., p. 453)25 .
24 Ciò andrebbe ricollegato al teorema del campionamento di Shannon, che d’altra parte derivava dal lavoro di

Hartley e Nyquist più volte citato da Gabor.


25 Si noti, in questo passaggio, il termine «finestra» [window], che più tardi sarà integrato al vocabolario dell’ela-

borazione numerica e dell’analisi tempo/frequenza, e che equivale alla durata di esposizione – e quindi all’inviluppo
di ampiezza (o ‘funzione finestra’) – di un certo segmento minimo di segnale.
AGOSTINO DI SCIPIO 29

Per costruire un dispositivo del genere, una volta esclusi supporti facilmente danneggiabili
come «dischi grammofonici e relative puntine di lettura», bisogna considerare le «possibilità
promettenti» (ibid., p. 453) offerte da tecnologie elettromeccaniche messe a punto qualche
anno prima, e ancora ampiamente in corso di perfezionamento nel momento in cui Gabor
scrive. Un primo metodo, o «metodo cinematico», si baserà su un proiettore per pellicole
cinematografiche da 16 mm (dotate di ‘colonna sonora’) opportunamente modificato mediante
un tamburo rotante che provvede a molteplici letture di una medesima ‘finestra’ di esposizione
del segnale impresso sulla pellicola. Una descrizione più approfondita di questo primo metodo
sarà fornita da Gabor insieme alla richiesta di brevetto nel 1944 (Gabor 1949). Un secondo
metodo sfrutta invece i principii della magnetizzazione e può ricorrere cioè alla registrazione
magnetica su cavo (wire recorders) o su nastro (tape recorders).
Sarà proprio modificando il funzionamento di un magnetofono a nastro che l’idea di Gabor
prenderà piede. Si tratta di sostituire il normale blocco di lettura del magnetofono (la ‘testina’
nel cui campo magnetico passa il nastro) con un blocco dotato di una o più testine di lettura e
capace di girare su sé stesso a velocità diversa (superiore o inferiore) rispetto alla velocità di
scorrimento del nastro, e di registrare il segnale rilevato da questo blocco rotante su un secondo
magnetofono. Il segnale risultante presenterà allora un numero proporzionale di quanta di
informazione dal contenuto in frequenza identico a quello dell’originale: lo si potrà allora
riprodurre alla medesima velocità di registrazione, ottenendo un suono di durata diversa (per
esempio più lungo, in proporzione al numero di testine sul blocco di lettura e alla velocità di
rotazione del blocco stesso) senza alterazioni (o almeno senza deformazioni troppo evidenti)
del contenuto in frequenza; oppure lo si potrà riprodurre a velocità diversa dalla velocità di
registrazione, regolata in modo da ottenere un suono di durata identica all’originale ma con
conseguente alterazione del contenuto in frequenza.
Si tratta della prima forma di trattamento del segnale in cui tempo e frequenza siano
modificabili in modo virtualmente indipendente l’uno dall’altro. Pur con tutte le differenze
tecnologiche, si tratta dello stesso processo effettuato, vari decenni dopo, da certi algoritmi
di time-stretching (o di frequency-stretching, se si vuole richiamare l’espressione «frequency
converter» di Gabor) di segnali audio digitali (Arfib 1991; Jones e Parks 1988). Va infine
segnalata l’osservazione di Gabor secondo la quale, in linea di principio, l’operazione del suo
«convertitore di frequenza» andrebbe effettuata non sull’intero spettro del segnale iniziale ma
su «almeno due porzioni dello spettro, diciamo tra 25 e 500 Hz, e tra 500 e 7500 Hz» (Gabor
1946, p. 454). L’osservazione rimase probabilmente senza seguito, tuttavia oggi, nell’ambito
delle tecniche di analisi-sintesi del suono e in quello parallelo della compressione di dati
audio, è normale procedere con metodi di codifica applicati indipendentemente su (molte più
di due) porzioni dello spettro, ottimizzandone il funzionamento in rapporto alle corrispondenti
grandezze di tempo e frequenza.

3.3 Moles, il phonogène, il time-compressor, il tempophon


Nel 1958 Abraham Moles (1920-1992) parla del fenomeno musicale nei termini di una
«atomizzazione dell’oggetto sonoro, proposta dalla teoria dell’informazione, in elementi di
durata percettiva» (Moles 1969, p. 173). È con tale orientamento che qualche anno prima,
ancora molto giovane, egli si era accostato allo studio degli allora nuovissimi mezzi di
produzione musicale elettroacustici per giungere infine a delineare una sua ‘teoria della musica
sperimentale’ (Moles 1961a). Verso la fine degli anni quaranta, Moles aveva iniziato una
30 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

collaborazione importante con Pierre Schaeffer al GRM di Parigi26 . Nei suoi scritti degli anni
successivi, troviamo citati sia i metodi sonografici di Potter sia il lavoro di Meyer-Eppler, oltre
ad altre fonti che ben si sovrappongono ai riferimenti bibliografici di Gabor. Moles non cita
Gabor, pur essendo piuttosto verosimile che ne conoscesse la ricerca, se non attraverso gli
scritti appunto di Meyer-Eppler, almeno a partire dall’articolo dello stesso Gabor (1948b)
apparso in francese su L’Onde électrique, cui abbiamo accennato sopra27 .
L’idea di Moles consiste nel quantizzare i ‘diagrammi di uguale intensità sonora’ di
Fletcher-Munson, cioè le mappe psicoacustiche fondamentali del campo di sensibilità del siste-
ma uditivo umano, per ottenerne dei «quanti di percezione» (Moles 1969, pp. 167-172). L’idea
appare già nei diagrammi pubblicati da Moles in Schaeffer (1952) e può essere assimilata
effettivamente ad una ripresa del diagramma informazionale gaboriano riformulato in termini
psicoacustici. Nei primi mesi del 195028 il tecnico del GRM, Jacques Poullin (1920-2014),
costruisce per Moles e per Schaeffer il phonogène, apparecchiatura che poteva trasformare
il suono registrato su nastro magnetico secondo diverse possibilità, in modi virtualmente
simili a quelli del «convertitore di frequenza» di Gabor, e ottenendo delle «trasposizioni
totali» (Schaeffer 1966, p. 407), in cui spettro e durata sono gestiti indipendentemente. Nel
descriverne le possibilità, Poullin (1954) assimila le ‘trasposizioni di durata’ al ralenti del
cinema. Il dispositivo, che utilizzava un blocco rotante di quattro testine di lettura (Moles
1961a, pp. 71-76) e che già nel 1952 Moles (1969, p. 310) accostò al vocoder, fu brevettato da
Schaeffer e fu oggetto di qualche tentativo di commercializzazione.
Possibilità simili, e per certi versi più direttamente correlate al funzionamento del «con-
vertitore di frequenza» di Gabor, erano quelle del tempophon (o zeitregler), costruito e
commercializzato nel corso della prima metà degli anni cinquanta da Anton Springer, ini-
zialmente illustrato in pubblico nello studio di Hermann Scherchen a Gravesano, in Svizzera
(Springer 1955), e quelle del time-compressor sviluppato da Grant Fairbanks all’Università
di Illinois (Fairbanks, Everitt e Jaeger 1954). Quest’ultimo, ripreso e perfezionato in ambito
statunitense nel corso degli anni sessanta, ebbe una qualche notorietà tra gli esperti e gli
appassionati di registrazione magnetica, e fu ampiamente adoperato nel contesto della ricerca
sulla comprensione del parlato (Foulke 1971)29 .
Il tempophon di Springer andava semplicemente collegato per via puramente meccanica ad
un normale magnetofono, come una protesi, il che ne facilitava l’uso e la diffusione tra tecnici
e musicisti. Non a caso fu presto disponibile allo Studio di Fonologia Musicale della RAI di
Milano. Nel 1956, il fisico e fondatore dello studio milanese, Alfredo Lietti (1919-1998), ne
dava questa succinta illustrazione30 :

Questo dispositivo usato con un magnetofono normale consente di variare la durata del
tempo della registrazione senza alterare l’altezza dei suoni registrati [. . . ]. Il principio di
26 Il capitolo finale in Schaeffer (1952), intitolato “Esquisse d’un solfége concret”, fu scritto in collaborazione con

Moles. Secondo la ricostruzione di Mathien (2007), Moles conobbe Schaeffer nel 1945, dunque ancor prima delle
circostanze che nel 1948 portarono Schaeffer alla ricerca della ‘musica concreta’.
27 Si veda nota 7.
28 Desumiamo questa datazione da Schaeffer (1952, p. 97).
29 Qualche anno più tardi, il lavoro di Fairbanks costituì anche la base di alcuni primi tentativi di compressione

e dilatazione temporale del parlato realizzati mediante computer (Cramer e Talambiras 1971; Huggins 1974). È
significativo inoltre come nel contesto di queste ricerche, e particolarmente in Cramer e Talambiras (1971), venga
richiamato il lavoro di Gabor e di Springer.
30 Prendo la citazione dalla copia personale di un documento interno dello Studio di Fonologia privo di numerazione

di pagina. Il documento nel 1956 venne riprodotto quasi alla lettera in un numero della rivista Elettronica. Più
recentemente è stato ripubblicato in Lietti (1998).
AGOSTINO DI SCIPIO 31

funzionamento dell’apparecchio è il seguente: il nastro viene riprodotto, anziché da una


testina fissa, da un gruppo di quattro testine montate a 90° tra loro su un disco rotante.
Sia Va la velocità di scorrimento del nastro e Vk la velocità tangenziale del [blocco]
porta-testine [. . . ] Si fa in modo che Va + Vk = Vr, dove Vr è la velocità nominale della
registrazione [15 o 30 pollici al secondo]. Su un tempo T la lunghezza l di nastro utilizzata
[per registrare un suono] è l = TVa. Agli effetti della corretta riproduzione [. . . ] senza
l’alterazione delle frequenze è necessario che il nastro sia riprodotto alla velocità relativa
Vr, che corrisponde come si è visto a quella normale.

Pertanto, riproducendo il nastro lungo l alla velocità Vr si ha una durata di riproduzione


diversa dalla durata originale, ovvero di T 0 = 1/Vr = 1/(Va + Vk ) 6= T. In particolare:
Vk = 0 → T 0 = T
Vk > 0 → T 0 < T
Vk > 0 → T 0 > T

Queste relazioni indicano la modifica di durata senza alterazione di frequenza. Ovviamente


è possibile anche ottenere il risultato inverso, cioè modificare la frequenza senza alterare la
durata.
Il tempophon fu utilizzato in produzioni musicali importanti, per esempio a Milano nel
1958, nella realizzazione di materiali sonori utilizzati in Thema (Omaggio a Joyce) di Luciano
Berio (Di Scipio 2000; Zavagna 1992). A Colonia, tra il 1960 e il 1962, Herbert Eimert
ne esplorò le potenzialità nella realizzazione di Epitaph für Aikichi Kuboyama, in modo
peraltro alquanto singolare, ‘frantumando’ e rendendo deliberatamente irriconoscibili i suoni
di una voce preregistrata, e cioè puntando tutto sugli artefatti di modulazione dei processi di
dilatazione in tempo e frequenza – artefatti d’altra parte non trascurabili in condizioni tecniche
men che ideali. In tempi recenti, anche le corrispondenti forme di time-stretching in ambito di
elaborazione numerica di segnali musicali sono state adoperate non solo con finalità per così
dire ‘corrette’ (cioè per modifiche della durata e/o della frequenza prive di artefatti udibili, per
esempio per scopi professionali di sound design), ma spesso anche con finalità più creative
e del tutto arbitrarie, cioè miranti a non mascherare (o anche ad esibire) gli effetti residuali
del processo tecnico, particolarmente evidenti con dilatazioni estreme della durata. Con ciò
ritorniamo, in un certo senso, agli esperimenti di Gabor: i quali, come si è visto, miravano
certo a verificare la coerenza teorica del modello di analisi, ma anche a studiare appunto gli
effetti di modulazione risultanti dall’applicazione pratica del modello teorico.
È vero comunque che, al di là delle particolari finalità perseguite, dispositivi quali il
tempophon e il phonogène possono essere considerate «macchine analitiche», per usare
un’espressione di Moles (1957), cioè dispositivi operanti in base a rigorosi principii di analisi
e rappresentazione tempo/frequenza del segnale. Nel caso in questione, erano proprio quei
principii ad essere del tutto nuovi: le implicazioni pratiche ed artistiche nel potenziale tecnico
che si dischiudeva con strumenti quali il «convertitore di frequenza» di Gabor, inizialmente
non potevano che rimanere ampiamente imprevedibili.
32 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

4 Analogie musicali
4.1 Xenakis, sintesi granulare, «nuvole di suono»
Tra il 1958 e il 1960, Iannis Xenakis (1922-2001) traccia le premesse teoriche ed operative
della composizione di ‘musica stocastica’, ma contestualmente avanza anche una sua ‘ipotesi
granulare’ circa la natura stessa del suono:

Ogni suono è un’integrazione di grani, di particelle sonore elementari, di quanta sonori.


Ciascuno di questi grani elementari ha una tripla natura: durata, frequenza e intensità. Ogni
suono, ogni variazione sonora [. . . ] è un assemblaggio di grani elementari sufficientemente
numerosi e adeguatamente disposti nel tempo (Xenakis 1963, p. 61) e (Xenakis 1992,
p. 43).

L’ipotesi viene avanzata nel quadro dei preparativi che portano il compositore a scrivere
Analogique A et B (per nove archi e nastro magnetico, 1958-1959), e precisamente nel quadro
della lavorazione in studio (al GRM di Parigi) della parte su nastro magnetico, inizialmente
pensata come brano a sé stante, intitolato appunto Analogique B. L’ipotesi granulare di Xenakis
rappresenta

. . . una prima approssimazione delle considerazioni introdotte in teoria dell’informazione


da Gabor. Nella cosiddetta matrice di Gabor, un evento sonoro si risolve in segnali
elementari acustici di durata effettiva molto corta, e di ampiezza suddivisa in quanti, nel
senso della teoria dell’informazione. Questi segnali elementari costituiscono funzioni
sinusoidali aventi un inviluppo ‘a campana’, ovvero di tipo gaussiano, ma possono essere
rappresentati abbastanza bene anche con onde sinusoidali di durata ridotta aventi inviluppo
rettangolare (ibid., p. 373).

Nel 1959, Xenakis dunque intende comporre il suono a partire da «grani sonori del tipo di
Gabor» (Xenakis 1963, p. 122) e (Xenakis 1992, p. 103), creando trame sonore in evoluzione
che egli assimila a «nuvole di suono»31 . Nel 1967, quando quella fase di sperimentazione
appare ormai superata e Xenakis è immerso in progetti molto diversi, egli insiste tuttavia
nel concepire suono e musica «come una nuvola gigantesca di corpuscoli sonori, di granelli
sonori» (Xenakis 1982, p. 30). Il concetto viene ribadito in occasioni successive, almeno fino
all’inizio degli anni novanta, quando Xenakis realizza i suoi due ultimi brani elettroacustici,
interamente computerizzati, Gendy3 (1991) e S.709 (1994): pur con tecniche di generazione
del suono diverse (e tuttavia operanti esclusivamente nel dominio del tempo), essi confermano
che il legame fra procedure stocastiche di composizione e tecnologie di generazione del suono
va ritenuto indissolubile e sistematico nella concezione musicale di Xenakis (Di Scipio 2015).
Dobbiamo aggiungere che Xenakis coglie in Gabor soprattutto la critica del modello di
Fourier, nella sua dimensione atemporale e astratta rispetto alla dinamicità dei fenomeni acu-
stici, inclusi quelli di interesse musicale. Di questa visione problematica rispetto all’acustica
musicale tradizionale (e alle sue ripercussioni sulla teoria musicale), egli farà un tratto ricor-
rente in tutto il suo lavoro successivo, in particolare nel contesto di composizioni realizzate
con mezzi elettroacustici e informatici – si vedano vari spunti in proposito in Xenakis (2003).
Secondo Angelo Orcalli (1993, p. 87), «l’adesione di Xenakis alla concezione atomistica del
suono riflette l’attenzione del compositore verso le tendenze più analitiche della speculazione
31 Riguardo a questa metafora per così dire ‘atmosferica’, e riguardo ad Analogique A et B nel suo insieme, mi

permetto di rinviare a Di Scipio (2003, 2006b).


AGOSTINO DI SCIPIO 33

scientifica [del XX secolo]» e manifesta «un’istanza teoretica che sta a fondamento di tutta la
sua produzione musicale». Si potrà notare, però, che se Gabor giunge «fino ai confini tra teoria
dei segnali e psicoacustica» collegando «le dimensioni logiche del segnale con le capacità
del ricevitore umano» (ibid., pp. 85, 86), ciò risulta particolarmente conforme alla poetica
di Xenakis, col suo tentativo estetico di fondere una certa immediatezza o anche ruvidezza
dell’esperienza sensibile del suono, e una dimensione di astrazione logico-costruttiva.
In alcune occasioni Xenakis ha rifiutato una diretta associazione tra la sua ipotesi granulare
e il modello di Gabor, quasi che l’accostamento potesse in qualche modo sminuire l’originalità
del suo lavoro. Per esempio, nel 1992 egli parla dei quanta sonori come di una ricerca del tutto
personale, «erroneamente attribuita a Gabor» (Xenakis 1992, p. xiii), e dichiara di non essere
stato a conoscenza del modello di Gabor al momento di iniziare la lavorazione di Analogique
B. La sua ipotesi granulare andrebbe invece collegata con studi svolti da Albert Einstein «fra
il 1917 e il 1918» (Xenakis in Restagno 1988, p. 30), nel contesto dei quali sarebbe stato
coniato il termine ‘fonone’ (in parallelo con ‘fotone’, cioè quanto di luce)32 . In ogni caso,
dobbiamo dedurne che soltanto dopo o durante la lavorazione di Analogique B Xenakis venne
a conoscenza della proposta scientifica di Gabor, forse attraverso Meyer-Eppler (1959), e
che la vide come un’autorevole conferma della sua personale ipotesi (Orcalli 1993, p. 81).
Personalmente direi che l’ipotesi di Xenakis possa anche derivare dalle importanti indicazioni
che egli ricavava dalla conoscenza e dallo scambio personale con Abraham Moles (Xenakis
1962)33 .
Sicuramente anche alcuni dei compositori attivi allo studio di musica elettronica di Colonia
furono a conoscenza del modello di Gabor, dato il ruolo decisivo che svolgeva Meyer-Eppler
nello studio. Va segnalata peraltro la circostanza che un brano paradigmatico come Kontakte
di Stockhausen (per pianoforte, percussioni, e nastro magnetico, 1960) – l’opera musicale che
più ha introdotto nell’estetica di Colonia l’uso di tessiture sonore complesse e di processi di
microframmentazione sonora – fu realizzato proprio mentre veniva preparata la pubblicazione
di Meyer-Eppler (1959), dove, come si è detto, compare anche una descrizione della matrice
di Gabor. Ciononostante, accostare la ‘modulazione di impulsi’ e altre soluzioni tecniche
impiegate da Stockhausen al modello analitico di Gabor significa effettivamente suggerire
un’associazione troppo generica e forzosa. In ogni caso, pur nel suo grandissimo rilievo
musicale, Kontakte non aprì ad approfondimenti in tal senso.
In retrospettiva, il processo di costruzione del suono attuato per la realizzazione di Analo-
gique B è stato assimilato ad una forma particolare di ‘sintesi granulare’, a partire da Roads
(1978). Tuttavia, come vedremo subito, esso presentava approssimazioni anche molto im-
portanti rispetto al modello di Gabor. Ciò è del tutto ragionavole, visto che, nell’insieme, il
valore del contributo di Gabor si fonda naturalmente sulla coerenza formale nel render conto
di qualsiasi segnale mediante una costruzione teorica rigorosa, laddove il principio che guida
Xenakis è di ordine sintetico, cioè generativo, non analitico, e vale solo per la sua capacità
di dar luogo a costruzioni sonore di cui soltanto la musicalità del compositore stabilisce la
coerenza. L’ipotesi granulare di Xenakis, pur ‘teorica’34 , va considerata essenzialmente come
32 Xenakis non offre alcuna indicazione bibliografica che chiarisca questo suo riferimento ad Einstein.
33 Tra coloro che operavano nel contesto del GRM nella seconda metà degli anni cinquanta, Moles fu certamente
tra i pochi che ebbero forte sintonia con Xenakis. Anni più tardi, Moles divenne prezioso riferimento anche per
Jean-Claude Risset, che spinse a trasferirsi nel 1964 negli Stati Uniti per approfondire insieme a Max Mathews, presso
i laboratori Bell Telephone, i fondamenti della sintesi numerica del suono (uno snodo importante per l’evoluzione
successiva dell’informatica musicale e della composizione al computer).
34 Si veda l’articolo di Solomos in questo numero di «Musica/Tecnologia».
34 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

procedura operativa, come idea che orienta un procedimento tecnico e creativo di compo-
sizione del suono (o meglio di ‘microcomposizione’ in questo caso), secondo motivazioni
tutt’altro che analitiche (va tenuto presente che, anche per formazione, l’attitudine di Xenakis
fu complessivamente più ingegneristica che scientifica, più pratica che teoretica).
Il procedimento di costruzione del suono attuato per Analogique B fu piuttosto rudimentale
e faticoso, non solo per la relativa praticità dei mezzi elettroacustici allora utilizzabili35 ,
naturalmente, ma in fondo anche per le stesse regole che il compositore volle tematicamente
seguire, di tipo probabilistico, le quali difficilmente si sarebbero potute rivelare utili nel
far emergere, dalla trama discreta di grani, le sonorità fuse e continue che Xenakis invece
sperava di conseguire (Di Scipio 1997). Xenakis approssimò i segnali elementari di Gabor
con onde sinusoidali di circa 40 millisecondi, aventi inviluppo praticamente rettangolare
anziché gaussiano (dettaglio non marginale sia in termini di coerenza analitica sia in termini
di pregnanza dei risultati di sintesi). Un’altra differenza non trascurabile sta nel fatto che,
mentre il modello di Gabor implica una successione ordinata di quanta acustici, ovvero una
disposizione coerente alla sequenzialità temporale del segnale analizzato, Xenakis invece
ordina i suoi granelli sonori conformandosi da una parte alle comprensibili costrizioni pratiche,
e dall’altra ai criteri di distribuzione probabilistici che si era assegnato: la linearità della
successione, che in Gabor è ovvia condizione di coerenza, viene del tutto sospesa e disarticolata
dal compositore.
Con una terminologia affermatasi successivamente, la procedura di Xenakis va considerata
come una forma di sintesi granulare asincrona. Solo una forma di sintesi granulare sincrona
potrebbe, a rigore, essere ricondotta al modello di Gabor. Non a caso, quasi tutte le teniche
granulari di concreto interesse musicale sono state di tipo asincrono, mentre quelle di tipo
sincrono sono state più spesso utilizzate per più specifici interessi di ricerca (Cavaliere e
Piccialli 1997; De Poli e Piccialli 1991) e possono anche riallacciarsi a certe tecniche di
analisi e sintesi della voce, come per esempio nelle procedure di sintesi con funzioni d’onda
formantiche, FOF (Rodet 1984).

4.2 Computer music e oltre


Dopo aver seguito un seminario di Xenakis alla Indiana University, nel 1972, Curtis
Roads per primo si pose il compito di implementare la sintesi granulare al computer (Roads
1978)36 . I suoi esperimenti riprendono quindi certi aspetti della sperimentazione di Xenakis,
ma muovono anche da una maggiore consapevolezza del modello di Gabor. Roads realizza
grani della durata fissa di 40 millisecondi, ma con inviluppi di forma gaussiana, e segue regole
statistiche per la distribuzione di grani nel tempo e nella frequenza (Roads 2001a, p. 302),
ma di più semplice gestione rispetto a quelle di Xenakis. Procedendo con lunghe liste di
istruzioni per il sistema di programmazione M USIC V di Max Mathews, Roads realizza nel
1974 un primo studio musicale della durata di poche decine di secondi, Klang-1. Quel che
Roads coglie in Gabor sin dall’inizio è la mescolanza di «approfondimento teorico [. . . ] e
pratica sperimentale» (Roads 1991, p. 45). Ciò lo porta, differentemente da Xenakis, a valutare
attentamente il «convertitore di frequenza» di Gabor. Allo stesso tempo, tuttavia, Roads
prende spunto dal modello teorico gaboriano per dedurne, ai suoi fini musicali, tutta una
35 Il laborioso procedimento di realizzazione in studio di Analogique B è ricostruito, fin dove possibile, nel

documento inedito (Di Scipio 2006a).


36 Sembra comunque che Xenakis, al tempo di Analogique B, abbia non solo ipotizzato l’utilizzo di sistemi di

calcolo (Xenakis 1963, p. 72), ma anche fatto un concreto ma vano tentativo a quel fine (Leprince-Ringuet 1981).
AGOSTINO DI SCIPIO 35

serie di variazioni circa la struttura degli atomi sonori, optando talvolta per soluzioni che si
risolvono in complesse forme di modulazione di impulsi (Roads 2001b), dunque in sostanza
più prossime all’operatività di Stockhausen in Kontakte, che non a Xenakis in Analogique B.
In ogni caso, nel corso degli anni il suo lavoro ha contribuito come nessun altro a far conoscere
nel mondo della musica sia l’ipotesi granulare di Xenakis sia gli elementi essenziali della
teoria di Gabor. Il momento culminante di quest’opera di divulgazione è stato certamente la
pubblicazione del volume Microsound (Roads 2001a).
Un altro compositore nordamericano, il canadese Barry Truax, a partire dalla metà degli
anni ottanta ha lavorato intensamente con la sintesi e l’elaborazione granulare al computer.
Sua è stata la prima implementazione di sintesi granulare in tempo reale (Truax 1988b), dove
i criteri statistici ripresi da Xenakis e da Roads, riconcettualizzati in termini di ‘maschere
di tendenza’ (orientamenti statistici entro margini controllati), sono sottoposti a possibili
controlli direttamente da terminale. Il primo risultato importante è stato Riverrun (1988), un
esteso brano di soli suoni generati al computer (in parte anche montati e mixati mediante
nastro magnetico quadrifonico), con numerose texture granulari di densità variabile, tra loro
sovrapposte. Si tratta forse dell’unico lavoro musicale in cui Truax abbia usato davvero
la sintesi granulare, dato che tutti i suoi lavori successivi sfruttano piuttosto una varietà di
tecniche di elaborazione granulare del segnale in tempo reale, alle quali spesso il compositore
sottopone registrazioni prese in contesti ambientali diversi (Truax 1988a, 1990).
Dagli anni ottanta in poi, molti altri compositori e ricercatori hanno esplorato forme più o
meno personali di sintesi ed elaborazione granulare, con o senza riferimento a modelli analitici
sottostanti. Tra gli altri, spicca il lavoro del compositore franco-argentino Horacio Vaggione,
i cui lavori acusmatici sono quasi sempre basati su sofisticate tecniche di micro-montaggio
di suoni prodotti da tradizionali strumenti musicali. In Italia, a parte alcuni esiti iniziali che
ho personalmente conseguito con controlli digitali di oscillatori analogici (Punti di tempo,
1987) e con la granulazione di sorgenti sonore strumentali (Plex, 1991, per contrabasso e
supporto quadrifonico), si segnalano le tecniche approntate da Eugenio Giordani nella forma
di complesse modulazioni di ampiezza (Solaria, 1988) e varie forme di elaborazione in tempo
reale indagate da Michelangelo Lupone (Varianti di un grano, 1993).
Nel corso degli anni novanta, innumerevoli sono stati i musicisti che hanno trovato in una
dimensione più generale di ‘granularità’ del suono mezzi ed idee consoni alla propria sensibi-
lità, anche nel contesto di tendenze estetiche descritte come microsound o glitch, accomunate
da un certo ‘residualismo tecnologico’ (Cascone 2000; Di Scipio 2001; Thomson 2004). In ge-
nerale, la quantità di esperienze di microcomposizione, talvolta legate anche ad una recuperata
condizione esecutiva e performativa dell’elettronica, anche di tipo improvvisativo, è ormai
pari solo all’incredibile varietà di metodi analitici praticabili sulla base di rappresentazioni
tempo/frequenza o tempo/scala, e di interesse applicativo ben oltre l’ambito dell’elaborazione
di segnali musicali – si veda la rassegna in Meyer (1993), con esempi presi da settori di
interesse e di studio assai diversi tra loro, dalla sismologia all’elaborazione numerica delle
immagini, e tanti altri.

5 Conclusione
Sotto il profilo tecnico-compositivo, qualsiasi forma di sintesi o di elaborazione granulare
è definita in fondo da scelte di progettazione compiute in rapporto a due momenti distinti e
determinanti: (1) nell’individuare le proprietà del grano e stabilirne i tratti da assoggettare
36 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

a controlli musicalmente significativi; e (2) nell’escogitare adeguate strutture di controllo


– ovvero un front end processor (Roads 1991, p. 152) – per la distribuzione dei grani nel
tempo e per la determinazione dei parametri in ciascun grano. Va sottolineato che è proprio
la struttura dei controlli (più ancora delle proprietà dell’unità sonora minima) a distinguere
una particolare forma di sintesi granulare da un’altra. Il che è di grande importanza teorico-
musicale e compositiva, perché significa che allora il potenziale espressivo prende forma già
nello svolgersi dei processi di sintesi del suono, appunto nel micro-tempo (Di Scipio 1994), a
partire da condizioni percettive, relative alla ‘stratificazione’ o alla ‘densità’ (MacKay 1984),
costitutive di una nuova sintassi. In un certo senso, parlare di sintesi granulare può apparire
riduttivo o inadeguato, se con questo termine si vuole indicare uno specifico metodo di sintesi
tra gli altri. Non a caso sono stati suggeriti termini più generici, come ‘microcomposizione’
(o come ‘micro-time sonic design’ e ‘microsound’) che, pur relativamente diffusi, a loro
modo appaiono rilevanti nella misura in cui rinviano più direttamente ad una condizione
operativa dove ‘comporre il suono’ significa mettere insieme gli elementi minimi della struttura
temporale della materia sonora, facendo emergere articolazione e forma dall’interno del suono,
piuttosto che imporla dall’esterno.
Per Albert Bregman, studioso della percezione uditiva, la distinzione tra quei due momenti
– individuazione delle proprietà delle unità minime e criteri per la loro distribuzione nel
tempo – è di rilievo anche per lo studio della percezione di eventi sonori naturali dal carattere
articolato e texturale (le foglie mosse dal vento, il battere della pioggia, il rotolare di pietre, il
frangersi di masse d’acqua, il frantumarsi di corpi solidi, ecc.) (Bregman 1990, pp. 118-119).
In proposito, Bregman menziona le proposte di Gabor, ma prende spunto soprattutto dalle
modifiche arbitrarie che ne sono state date in contesti di sperimentazione musicale (egli si
riferisce in particolare a Curtis Roads). Ed è notevole che certe ricerche che egli descrive,
vòlte a studiare la percezione uditiva di eventi complessi e articolati – per esempio vetri che
si rompono o certi eventi sonori naturali (Schumacher e Gilden 1993; Warren e Verbrugge
1984) – spingano i ricercatori a seguire una prassi di modellizzazione empirica del suono che
somiglia molto al bricolage elettroacustico-musicale.
Considerando i molteplici sviluppi che abbiamo cercato di seguire, almeno nelle loro
linee principali, dobbiamo concludere che le idee avanzate da Gabor tra il 1946 e il 1947
hanno una grande profondità di implicazioni, mentre allo stesso tempo si ricollegano al portato
culturale e conoscitivo di alcune delle rivoluzioni scientifiche più importanti della storia
moderna e contemporanea, come si è visto nella prima parte del nostro percorso. Gabor
introduce nell’analisi del suono due condizioni di rilievo da un punto di vista epistemologico,
tra loro separabili in un’ottica strettamente riduzionistica: la considerazione della finitezza
temporale a livello delle rappresentazioni fisiche – e ciò evoca anche quella che poi è stata,
in tempi più recenti, una profonda riconsiderazione della temporalità e dell’irreversibilità
nella fisica dei sistemi dinamici lontani dall’equilibrio, nella teoria del caos, etc. (Prigogine
e Stengers 1999) – e un riposizionamento del punto di osservazione sul piano concreto
dell’esperienza. Una proposta simile non poteva non insinuarsi e ripercuotersi sul pensiero
musicale, finendo allora per articolare un intreccio di scienza fondamentale, di tecnologia
e di potenziale espressivo-musicale che si è dipanato nel corso dei decenni. Nel contesto
della teoria musicale contemporanea forse i quanta acustici di Gabor sono ancora una sponda
lontana e poco praticabile per molti: in un certo senso, non potrebbe essere altrimenti, dato che
costituiscono un’eredità impegnativa, e che richiedono un rinnovamento nel modo di pensare il
suono e di farne musica. Abbiamo cercato di evidenziare come da tempo tale eredità sia fertile
e vitale per il pensiero e la prassi della ricerca scientifica e della sperimentazione musicale del
nostro tempo.
AGOSTINO DI SCIPIO 37

Bibliografia
Arfib, Daniel (1991). «Analysis, transformation and resynthesis of musical sounds with the
help of a time-frequency representation». In: Representations of musical signals. A cura di
Giovanni De Poli, Aldo Piccialli e Curtis Roads. Cambridge Mass.: MIT Press, pp. 87–118.
Balian, Roger (1981). «Un principe d’incertitude fort en théorie du signal ou en mécanique
quantique». In: Comptes Rendus de l’Académie des Sciences 292, pp. 1357–1362.
Bastiaans, Martin (1980). «Gabor’s expansion of a signal into Gaussian elementary signals».
In: Proceedings of the IEEE. 68, pp. 538–539.
Beyer, Robert (1953). «Zur Geschichte der elektronischen Musik». In: Melos 10, pp. 278–280.
Bozzi, Paolo (1990). «Mach e i fatti». In: Nuova civiltà delle macchine 8.1, pp. 49–54.
Brandenburg, Karlheinz (1999). «MP3 and AAC explained». In: Proceedings of the AES 17th
International Conference on High-Quality Audio Coding.
Bregman, Albert (1990). Auditory Scene Analysis. Cambridge, Mass.: MIT Press.
Brillouin, Léon (1956). Science and Information Theory. New York: Academic Press.
Cascone, Kim (2000). «The Aesthetics of Failure: Post-Digital Tendencies in Contemporary
Computer Music». In: Computer Music Journal 24.4, pp. 12–18.
Cavaliere, Sergio e Aldo Piccialli (1997). «Granular synthesis of musical signals». In: Musical
signal processing. A cura di Curtis Roads et al. London: Routledge, pp. 155–186.
Chouard, Claude-Henri (2001). L’oreille musicienne. Les chemins de la musique de l’oreille
au cerveau. Paris: Gallimard.
Conway, Flo e Jim Siegelman (2005). L’eroe oscuro dell’informazione. Alla ricerca di Norbert
Wiener, il padre della cibernetica. Torino: Codice Edizioni.
Cramer, Leslie e Robert Talambiras (1971). «The Braided-Speech Method of time compressing
speech». In: Proceedings of the Second Louisville Conference on Rate and/or Frequency-
controlled Speech, 1969. [Ripreso in Transactions of the Institute of Radio Engineers
(Professional Group on Audio-2), pp. 7-12], pp. 206–224.
De Poli, Giovanni e Aldo Piccialli (1991). «Pitch-synchronous granular synthesis». In: Repre-
sentations of musical signals. A cura di Giovanni De Poli, Aldo Piccialli e Curtis Roads.
Cambridge, Mass.: MIT Press, pp. 391–412.
De Poli, Giovanni, Aldo Piccialli e Curtis Roads, cur. (1991). Representations of musical
signals. Cambridge, Mass.: MIT Press.
Debru, Claude (2003). «Ernst Mach et la psychophysiologie du temps». In: Philosophia
Scientiæ 7.2, pp. 59–91. URL: http://archive.numdam.org/ARCHIVE/PHSC/
PHSC_2003__7_2/PHSC_2003__7_2_59_0/PHSC_2003__7_2_59_0.pdf
(visitato il 26/11/2015).
D’Elia, Alfonsina (1971). Ernst Mach. Firenze: La Nuova Italia.
Di Scipio, Agostino (1994). «Micro-time sonic design and the formation of timbre». In:
Contemporary Music Review 10.2, pp. 135–148.
— (1997). «The problem of 2nd-order sonorities in Xenakis’ electroacoustic music». In:
Organised Sound 2/3, pp. 165–178.
— (1998). «Scienza e musica dei quanti acustici: l’eredità di Gabor». In: Il Monocordo 6,
pp. 71–76.
— (2000). «Da un’esperienza in ascolto tra phoné e logos. Testo, suono e musica in Thema
(Omaggio a Joyce) di Berio». In: Il saggiatore musicale 7.2, pp. 325–359.
Di Scipio, Agostino (2001). «Uno scenario post-digitale? Riflessioni ambivalenti sul suono in
Internet». In: Musica/Realtà 65, pp. 121–156.
38 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

— (2003). «Métaphore, formalisation et intuition dans Analogique A et B de Xenakis». In:


Iannis Xenakis, Gérard Grisey. La métaphore lumineuse. A cura di M. Solomos. Paris:
L’Harmattan, pp. 181–192.
— (2006a). «Analysis of Analogique B». Inedito.
— (2006b). «Le nubi di suono ed i loro meccanismi. Uno studio di Analogique A et B».
In: Iannis Xenakis. Musicista scienziato architetto. A cura di Alessandro Melchiorre.
Quaderni di Ricerca IRMus 2. Numero speciale. Milano: Edizioni Scuole Civiche di
Milano, pp. 129–160.
— (2015). «Stochastics and granular sound in Xenakis’ electroacoustic music». In: Procee-
dings of the Conference Iannis Xenakis. La musique électroacoustique - 2012. A cura di
M. Solomos. Paris: L’Harmattan, pp. 277–296.
Dudley, Homer (1936). «Synthesizing Speech». In: Bell Laboratories Record 15, pp. 159–177.
— (1939). «Remaking Speech». In: The Journal of the Acoustical Society of America 11.2,
pp. 169–177.
Fairbanks, G., W. L. Everitt e R. P. Jaeger (1954). «Method for time or frequency compression-
expansion of speech». In: Convention Record of the Institute of Radio Engineers (part
8: Information Theory). [Ripreso in Transactions of the Institute of Radio Engineers
(Professional Group on Audio-2), pp. 7-12], pp. 120–124.
Farge, Marie et al. (2012). «Les ondelettes et le CIRM». In: Gazette des Mathématiciens
131, pp. 47–57. URL: http://wavelets.ens.fr/PUBLICATIONS/ARTICLES/
PDF/319.pdf (visitato il 30/11/2015).
Feichtinger, Hans e Thomas Strohmer (1998). Gabor Analysis and Algorithms. Boston:
Birkhäuser.
Feyerabend, Paul (1987). Farewell to reason. London: Verso.
Foulke, Emerson, cur. (1971). Proceedings of the Second Louisville Conference on Rate and/or
Frequency controlled Speech (October 22-24, 1969). Louisville, Kentucky.
Gabor, Dennis (1946). «Theory of communication». In: Journal of the Institution of Electrical
Engineers 93.26. Part III: Radio and Communication Engineering, pp. 429–457.
— (1947a). «Acoustical quanta and the theory of hearing». In: Nature 159.4044, pp. 591–594.
— (1947b). «New possibilities in speech transmission». In: Journal of the Institution of
Electrical Engineers 94.32, pp. 369–387.
— (1947c). «Theory of communication». In: Journal of the Institution of Electrical Engineers
94.73, p. 58.
— (1948a). «A New Microscopic Principles». In: Nature 161.4098, pp. 777–778.
— (1948b). «Recherches sur quelques problèmes de télécommunication et d’acoustique». In:
L’Onde électrique 257, pp. 433–439.
— (1949). «Improvements in and relating to transmission, recording and reproduction of
sound». British Patent 616,156 (London). January 18, 1949. URL: http://worldwide.
espacenet . com / publicationDetails / biblio ? CC = GB & NR = 616156
(visitato il 05/12/2015).
— (1951). «La théorie des communications et la physique». In: La cybernétique. Théorie
du signal et de l’information. A cura di Louis de Broglie. Paris: Éditions de la Revue
d’Optique, pp. 115–149.
— (1952). Lectures on communication theory. Technical Report 238. Cambridge, Mass.: MIT
Research Laboratory of Electronics.
— (1979). Olografia. In: Enciclopedia del Novecento. Vol. 4. Roma: Istituto Enciclopedico
Italiano Treccani.
AGOSTINO DI SCIPIO 39

Glasersfeld, Ernst von (1975). «Piaget and the Radical Constructivist Epistemology». In:
Epistemology and Education. A cura di C. D. Smock e E. von Glasersfeld. Athens Ga.:
Follow Through Publications, pp. 1–24.
Goldmark, Peter e P. S. Hendricks (1939). «Synthetic Reverberation». In: Proceedings of the
Institute of Radio Engineers. Vol. 27. 12, pp. 747–752.
Heisenberg, Werner (1927). «Über den anschaulichen Inhalt der quantumtheorische Kinematik
und Mechanik». In: Zeitschriften für Physik 43. Trad. it. in (Heisenberg 1991), pp. 172–
198.
— (1991). Indeterminazione e realtà. Napoli.
Helmholtz, Hermann L. F. (1863). Die Lehre von den Tonempfindungen als physiologische
Grundlage für die Theorie der Musik. Braunschweig: Friedrich Vieweg und Sohn. Google
Books: Ve09AAAAcAAJ.
Helstrom, Carl (1966). «An expansion of a signal in Gaussian elementary signals». In: IEEE
Transactions in Information Theory 12, pp. 81–82.
Huggins, A. W. F. (1974). More Temporally Segmented Speech: Is Duration or Speech Con-
tent the Critical Variable in Its Loss of Intelligibility? Quarterly Progress Report 114.
Cambridge, Mass.: MIT Research Laboratory of Electronics, pp. 185–193.
Jakobson, Roman (1963). Essais de linguistique générale. Paris: Minuit.
— (1966). «Linguistica e teoria dell’informazione». In: Saggi di linguistica generale. Ed. or.
in (Jakobson 1963). Milano, pp. 65–76.
Jones, Douglas e Thomas Parks (1988). «Generation and Combination of Grains for Music
Synthesis». In: Computer Music Journal 12.2, pp. 27–34.
Kronland-Martinet, Richard e Alex Grossmann (1991). «Application of time-frequency and
time-scale methods – wavelet transforms – to the analysis, synthesis and transformation
of natural sounds». In: Representations of musical signals. A cura di Giovanni De Poli,
Aldo Piccialli e Curtis Roads. Cambridge, Mass.: MIT Press, pp. 45–85.
Kronland-Martinet, Richard, Philippe Guillemain e Sølvi Ystad (1997). «Modelling of natural
sounds by time-frequency and wavelet representations». In: Organised Sound 2.3, pp. 179–
191.
Leprince-Ringuet, Louis (1981). «Sur Iannis Xenakis». In: Regards sur Iannis Xenakis. A cura
di M. Fleuret. Paris: Stock, pp. 52–54.
Lietti, Alfredo (1956). «Gli impianti tecnici dello Studio di Fonologia Musicale di Radio
Milano». In: Elettronica V.3, pp. 116–121.
— (1998). «Gli impianti tecnici dello Studio di Fonologia Musicale di Radio Milano». In:
Elettronica e comunicazioni 2/3. Ed. or. (Lietti 1956), pp. 71–78. URL: http://www.
crit.rai.it/eletel/Important/Anni1990/1998- 2e3.pdf (visitato il
30/11/2015).
Lindsay, Robert (1966). «The Story of Acoustics». In: Journal of the Acoustical Society of
America 39.4, 629644.
Mach, Ernst (1865a). «Bemerkungen über die Accomodation des Ohres». In: Sitzungsberich-
te der Wiener Akademie der Wissenschaften: Mathematisch-Naturwissenschaftliche 51,
pp. 343–346.
— (1865b). «Untersuchungen über den Zeitsinn des Ohres». In: Sitzungsberichte der Wiener
Akademie der Wissenschaften: Mathematisch-Naturwissenschaftliche 51, pp. 133–150.
— (1875). Grundlinien der Lehre von den Bewegungsempfindungen. Lipsia.
Mach, Ernst (1886). Beitraege zur Analyse der Empfindungen. Jena: Verlag von Gustav Fischer.
URL: http://www.archive.org/details/beitrgezuranaly00machgoog.
40 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

— (1893). Science of Mechanics. A Critical and historical account of its development. London:
Open Court Pub Co.
— (1914). Analysis of Sensations. Ed. or. (Mach 1886). London: Open Court Pub Co.
MacKay, John (1984). «On the Perception of Density and Stratificatoin in Granular Sonic
Textures: An Exploratory Study». In: Interface - Journal of New Music Research 13.4,
pp. 171–186.
Mathien, Michel (2007). «Abraham Moles: affronter scientifiquement la quotidienneté de la
communication humaine». In: Hermès 48, pp. 101–108. URL: http://www.cairn.
info / revue - hermes - la - revue - 2007 - 2 - page - 101 . htm (visitato il
04/12/2015).
Meyer, Yves (1993). Wavelets. Algorithms and applications. Philadelphia: SIAM (Society for
Industrial e Applied Mathematics).
— (2008). Tribute to Jean Morlet. Testo di un intervento presentato alla conferenza «Con-
tinuous Wavelet Transform and Morlet’s wavelet: International conference in honor of
Jean Morlet». URL: http://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download;
jsessionid=EA924BFB86A8499B4231EDF8E37F3EBA?doi=10.1.1.397.
6175&rep=rep1&type=pdf (visitato il 30/11/2015).
Meyer-Eppler, Werner (1955). «Statistische und psychologische Klangprobleme». In: die
Reihe 1, pp. 22–28.
— (1959). Grundlagen und Anwendungen der Informationstheorie. Kommunikation und
Kybernetik in Einzeldarstellungen 1. Berlin: Springer-Verlag.
Moles, Abraham (1953a). «Sur la coloration des bruits blancs en acoustique musicale». In:
L’Onde Électrique, pp. 285–286.
— (1953b). «Théorie de l’information, électronique et cybernétique». In: L’Onde Électrique,
pp. 637–651.
— (1957). «Machines à musique: l’apport des machines électroniques et électroacoustiques à
la nouvelle sensibilité musicale». In: La Revue Musicale 236. Il testo era stato presentato
col titolo Machines à musique: du Phonogène au Vocoder, nel contesto della "Décade de
musique expérimentale", Parigi, 1952, pp. 115–127.
— (1961a). Les Musiques expérimentales. Trad. da D. Charles. Zurigo: Cercle d’art contem-
porain.
— (1961b). Théorie de l’information et perception esthétique. Paris: Flammarion.
— (1969). Teoria dell’informazione e percezione estetica. Ed. or. (Moles 1961b). Roma:
Lerici Editore.
Morawska-Büngeler, Marietta (1988). Schwingende Elektronen: eine Dokumentation über
das Studio für Elektronische Musik des Westdeutschen Rundfunks in Köln. Köln: Tonger
Verlag.
Morlet, Jean, Richard Kronland-Martinet e Alex Grossmann (1987). «Analysis of sound
pattern through wavelet transforms». In: International Journal of Pattern Recognition and
Artificial Intelligence 1.2, pp. 273–301.
Oldroyd, David (1989). Storia della filosofia della scienza. Milano: Il Saggiatore.
Orcalli, Angelo (1993). Fenomenologia della musica sperimentale. Potenza: Sonus Edizioni
Musicali.
Poullin, Jacques (1954). «L’apport des techniques d’enregistrement dans la fabrication de
matières et formes musicales nouvelles. Applications à la musique concrète». In: L’Onde
Électrique 324, pp. 282–291.
AGOSTINO DI SCIPIO 41

Pöppel, Ernst, Yan Bao e Biz Zhou (2011). «Temporal Windows as Logistical Basis for
Cognitive Processing». In: Advances in Psychological Science 19.6, pp. 775–793.
Prigogine, Ilya e Isabelle Stengers (1999). La nuova alleanza. Metamorfosi della scienza.
Torino: Einaudi.
Restagno, Enzo (1988). «Un’autobiografia dellautore raccontata da Enzo Restagno». In:
Xenakis. A cura di Enzo Restagno. Torino: EDT/Musica, pp. 3–70.
Riegler, Alexander (2012). «Constructivism». In: Paradigms in Theory Construction. A cura
di L. L’Abate. Springer, pp. 235–255.
Risset, Jean-Claude e David Wessel (1982a). «Exploration of Timbre by Analysis and Synthe-
sis». In: Psychology of Music. A cura di Diana Deutsch. Riedizione 1999, pp. 113-169.
Trad. it. (Risset e Wessel 1982b). San Diego, California: Academic Press, pp. 25–58.
— (1982b). «Indagine sul timbro mediante analisi e sintesi». In: Bollettino del Laboratorio
di Informatica Musicale della Biennale di Venezia. 2. Ed. or. (Risset e Wessel 1982a).
Venezia: La Biennale, pp. 12–35.
Roads, Curtis (1978). «Automated granular synthesis of sound». In: Computer Music Journal
2.2, pp. 61–62.
— (1991). «Asynchronous granular synthesis». In: Representations of musical signals. A
cura di Giovanni De Poli, Aldo Piccialli e Curtis Roads. Cambridge, Mass.: MIT Press,
pp. 143–185.
— (2001a). Microsound. Cambridge, London: The MIT Press.
— (2001b). «Sound composition with pulsars». In: Journal of the Audio Engineering Society
49.3, pp. 134–147.
Rodet, Xavier (1984). «Time-domain Formant Wave Function Synthesis». In: Computer Music
Journal 8.3, pp. 9–14.
Schaeffer, Pierre (1952). A la recherche d’une musique concrète. Paris: Éditions du Seuil.
— (1966). Traité des objets musicaux. Essai interdisciplines. Paris: Éditions du Seuil.
Schumacher, Mark e David Gilden (1993). «Auditory Perception of Fractal Contours». In:
Journal of Experimental Psychology 19.3, pp. 641–660.
Shannon, Claude e Warren Weaver (1949). The Mathematical Theory of Communication. Trad.
it. (Shannon e Weaver 1971). Urbana-Champaign: University of Illinois.
— (1971). La teoria matematica delle comunicazioni. Milano: Etas Kompass.
Sigismondi, Renato (2002). La teoria della conoscenza di Ernst Mach. Chieti: Tabula Fati
Editore.
Springer, Anton (1955). «Ein akusticher Zeitregler». In: Gravesaner Blätter 1, pp. 32–37.
Stewart, George Walter (1931). «Problems suggested by an uncertainty principle in acoustics».
In: Journal of the Acoustical Society of America 2, pp. 325–329.
Thomson, Phil (2004). «Atoms and errors: towards a history and aesthetics of microsound».
In: Organised Sound 9.2, pp. 207–218.
Truax, Barry (1988a). «Discovering inner complexity: Time-shifting and transposition with a
real-time granulation technique». In: Computer Music Journal 18.2, pp. 38–48.
— (1988b). «Real-time granular synthesis with a digital signal processor». In: Computer
Music Journal 12.2, pp. 14–26.
— (1990). «Composing with Real-Time Granular Sound». In: Perspectives of New Music
28.2, pp. 120–134. JSTOR: 833014.
Ungeheuer, Elena (1992). Wie die elektronische Musik »erfunden« wurde. . . Mainz: Schott.
42 I QUANTA ACUSTICI DI GABOR NELLE TECNOLOGIE DEL SUONO E DELLA MUSICA

Ville, Jean (1948). «Théorie et applications de la notion de signal analytique». In: Ca-
bles et Transmissions 2.1, pp. 61–74. URL: https://archive.org/details/
VilleSigAnalytiqueCablesEtTrans1948Fr (visitato il 30/11/2015).
Warren, William e Robert Verbrugge (1984). «Auditory perception of breaking and bouncing
events. A case in ecological acoustics». In: Journal of Experimental Psychology 10.3,
pp. 704–712.
Wiener, Norbert (1964). I Am a Mathematician: The Later life of a Prodigy. Cambridge, Mass.:
MIT Press.
Xenakis, Iannis (1962). «Stochastic Music». In: Gravesaner Blätter 23-24, pp. 169–184.
— (1963). Musiques formelles. Revue Musicale 253-254. Numero monografico. Paris.
— (1971). Formalized Music. Trad. da C. Butchers, G.H. Hopkins e J. Challifour. Blooming-
ton: University Press.
— (1976). Musique. Architecture. Tournai: Casterman.
— (1982). Musica. Architettura. Ed. or. (Xenakis 1976). Milano: Spirali.
— (1985). «Music composition treks». In: Composers and the computer. A cura di Curtis
Roads. Los Altos CA: Kaufmann, pp. 184–185.
— (1992). Formalized Music. A cura di Sharon Kanach. Versione rivista e ampliata di
(Xenakis 1971). Stuyvesant (New York): Pendragon Press.
— (2003). Universi del suono. Scritti e interventi 1955-1994. A cura di Agostino Di Scipio.
Lucca/Milano: LIM/Le Sfere.
Young, Randy (1993). Wavelet theory and its application. Norwell Mass.: Kluwer Academic.
Zavagna, Paolo (1992). «Thema (Omaggio a Joyce) di Luciano Berio: un’analisi». In: I
quaderni della Civica Scuola di Musica 21-22, pp. 58–64.
— (2013). «La voce senz’anima: origine e storia del Vocoder». In: Musica/Tecnologia 7,
pp. 27–63. URL: http : / / www . fupress . net / index . php / mt / article /
view/13206.