Sei sulla pagina 1di 11

1

LICEO SCIENTIFICO STATALE “G. MARCONI” –FOLIGNO–


Via Isolabella n°1 – 06034 Foligno (PG)
Tel 0742-340616 Fax 0742-340160
e-mail: pgps02000n@istruzione.it/
http://www.scientificofoligno.it/

PIANO DI LAVORO DISCIPLINARE A.S. 2013/2014


DOCENTE: CALCAGNO MICHELE      MATERIA: FILOSOFIA E STORIA     
CLASSI: 4 BSA, 4 ES, 5 A BIL, 5 C BIL (filosofia)
CLASSE Situazione iniziale
4 BSA - Tutta la classe dimostra un accettabile possesso delle competenze necessarie, si
pone in luce un piccolo gruppo dotato di capacità più affinate. E' rilevabile una soddisfacente
acquisizione del metodo di lavoro, è a volte disordinato e dispersivo l'atteggiamento della
classe, cosa che richiederà un'attenzione particolare al potenziamento della capacità di
svolgere ordinatamente il lavoro in classe, buoni sono l'affiatamento e la disponibilità alla
collaborazione reciproca., anche se a volte tendente a facile distrazione e rumorosità.
4 ES - Livello di partenza della classe su livelli pienamente soddisfacenti sia nelle abilità di
base che nel possesso dei fondamentali contenuti d isciplinari pregressi, con un significativo
gruppo di allievi dotato di una più affinata maturazione delle capacità critiche, clima della
classe sereno e collaborativo.

5 A BILINGUE – Anche in questa classe il livello di partenza si colloca su livelli pienamente


soddisfacenti sia nelle abilità di base che nel possesso dei fondamentali contenuti disciplinari
pregressi, è una classe numerosa, cosa che impone un più intenso dialogo didattico, vi è un
gruppo abbastanza consistente di allievi si è dimostrato sin dall'inizio molto coinvolto nelle
due discipline e capace di efficaci spunti di riflessione critica, clima della classe sereno e
collaborativo.

5 C BILINGUE – Classe che acquisisco solo quest'anno, evidenzia un ivello di partenza su


livelli pienamente soddisfacenti sia nelle abilità di base che nel possesso dei fondamentali
contenuti disciplinari pregressi, tendenza ad uno studio attivo per la parte più consistente della
classe, un gruppo abbastanza ampio di allievi si è dimostrato sin dall'inizio molto coinvolto
nella discussione filosofica e capace di efficaci spunti di riflessione critica, clima della classe
sereno e collaborativo.
La situazione richiede revisione dei criteri concordati a livello di gruppo disciplinare?
Non richiede revisione

CLASSE Obiettivi Disciplinari


4BSA, Si recepiscono le indicazioni emerse nel lavoro all'interno del dipartimento di filosofia e storia,
4ES,
articolando gli obiettivi e modulandone i progressivi gradi di raggiungimento, secondo una
5Abil,
5C scansione che va da una acquisizione elementare già raggiunta nella classe terza, ad una
Bilingue
piena acquisizione nell'ultimo anno di corso. Tali obiettivi vengono così rielaborati: Alla fine
(filosofia)
dell’anno scolastico gli alunni dovranno conoscere il pensiero degli autori principali e le più
importanti correnti filosofiche o le caratteristiche salienti del segmento storico trattato, con
particolare attenzione alla dimensione scientifica, estetica, etica ed antropologica. Dovranno

MOD P 08 I Pag. 1 di 11 REV. 3


2
CLASSE Obiettivi Disciplinari
inoltre saper individuare le tematiche ed i problemi nodali in un orizzonte critico comparativo.

CLASSE Obiettivi trasversali cognitivi e comportamentali (concordati in sede di programmazione del


consiglio di classe)
Tali obiettivi vanno intesi come percorso graduale ed unitario sviluppato nei tre anni in un
omogeneo quadro educativo-didattico.
FILOSOFIA:
- Formare soggetti consapevoli della propria identità, autonomia e libertà, nello stesso
tempo una significativa apertura al confronto, al rispetto e al dialogo
- Acquisire l'abitudine a problematizzare idee e conoscenze sia sul piano teorico che
su quello storico
- Sviluppare la capacità di esercitare la riflessione critica sulle diverse forme del
sapere, sulle loro condizioni di possibilità e sul loro significato
- Acquisire una soddisfacente padronanza del discorso attraverso l'uso di strategie
argomentative e procedure logiche
Maturare la capacità di pensare per modelli diversi in relazione alla flessibilità del
pensiero richiesta dalle recenti trasformazioni scientifico-tecnologiche e all'interno
della attuale complessità sociale
-

OBIETTIVI DIDATTICI (o di apprendimento)

Conoscenze:
- Acquisizione degli elementi essenziali e dei contenuti minimi relativi al pensiero
filosofico occidentale, ai suoi nomi più rappresentativi, nella sua fase antica.
- Acquisizione essenziale dello statuto epistemologico della disciplina.

Competenze e abilità:
- conoscere e sapere usare in modo corretto la lingua italiana (lessico, grammatica e
sintassi)
- conoscere e sapere usare in modo pertinente la terminologia specifica
- conoscere i mutamenti di significato di uno stesso termine nei diversi filosofi presi in
esame
- conoscere le tematiche e le problematiche trattate dai filosofi oggetto del percorso di
studio, capacità di periodizzazione dei problemi teorici e degli autori trattati.
- Sviluppo della capacità di concettualizzazione, argomentazione razionale,
problematizzazione,sapere compiere operazioni di analisi, sintesi ed organizzazione
logica dei contenuti
- saper confrontare, contestualizzandole, le diverse risposte fornite da diversi filosofi agli

MOD P 08 I Pag. 2 di 11 REV. 3


3
stessi problemi
 Capacità di decodifica e interpretazione, con la guida dell’insegnante, di brevi testi
filosofici.

STORIA:
 Conoscenza dei principali eventi, meccanismi e tendenze per la ricostruzione della
complessità del fatto storico attraverso l’individuazione di interconnessioni.
 Sviluppare la consapevolezza della diversa natura delle fonti storiche utilizzate
nell’elaborazione della disciplina.
 Consolidamento dell’attitudine a problematizzare e a fare riferimenti a tempi e spazi di
natura diversa.
 Scoperta della dimensione e della prospettiva storica del presente.
 Acquisizione della consapevolezza dell’importanza dell’intervento nel presente come fase
connessa alla capacità di riflessione sul passato.
 Formazione e maturazione della personalità attraverso lo sviluppo progressivo della
capacità di rielaborare in modo personale e critico quanto appreso.
 Formazione e maturazione di un’autentica cultura dei valori civili in special modo per
quanto attiene alle diversità religiose, razziali, sociali ed ideologiche.
 Educazione alla legalità attraverso lo studio della nostra Costituzione ma anche attraverso
l’esplorazione teorica dei temi oggetto di studio

CLASSE Competenze cognitive e comportamentali (concordati in sede di programmazione del


consiglio di classe)
4 BSA - Si rinvia al verbale del consiglio di classe del 7/10/2013.
4 ES - Si rinvia al verbale del consiglio di classe del 8/10/2013.
4 A BILINGUE - Si rinvia al verbale del consiglio di classe del 8/10/2013
5 C BILINGUE - Si rinvia al verbale del consiglio di classe del 8/10/2013

Metodi, spazi e strumenti dell’azione didattica


CLASSE Metodi
I docenti di Filosofia del Liceo scientifico “Marconi” hanno concordato in sede dipartimentale di
svolgere un’attività didattica che, pur rispettosa del principio della libertà d’insegnamento, sia
orientata ad offrire agli alunni di tutte le sezioni una preparazione omogenea ed a richiedere un
impegno similare; per questo saranno adottati criteri metodologici e valutativi comuni.

Gli argomenti sono presentati obiettivamente e con rigorosità, affrontati sempre in maniera
problematica cercando di suscitare una riflessione ed attualizzazione dei medesimi riportandoli
alle esperienze del mondo di oggi.

- Per quanto attiene alle tipologie di insegnamento - apprendimento, le lezioni si


svolgeranno in un clima di reciproca fiducia fondato anche sul riconoscimento e
l’accettazione, da parte degli alunni, dell’asimmetria della relazione educativa.
 - Le lezioni comporteranno la ripresa di argomenti già svolti nonché l’anticipazione di

MOD P 08 I Pag. 3 di 11 REV. 3


4
quelli da svolgere (così che i concetti possano richiamarsi e chiarirsi a vicenda)
stabilendone di volta in volta la priorità; verranno forniti quando opportuno schemi di
riferimento in base ai quali impostare ed esaminare le problematiche affrontate e si
procederà all’osservazione dell’effetto di ritorno, attraverso la richiesta agli alunni di
concettualizzare i contenuti salienti affrontati con la formulazione di definizioni e la
costruzione di mappe concettuali, ma anche attraverso l’elaborazione di metafore e/o di
saggi brevi.
 Il lavoro si articolerà secondo criteri e modalità di svolgimento differenziate: verranno
organizzate lezioni frontali introduttive alle quali si alterneranno ambiti di confronto
partecipato connessi a possibili spunti d'interesse manifestabili durante le attività svolte.
Saranno utili anche esercizi di comprensione analisi-sintesi e discussioni guidate. Le
classi inoltre, ove si renderà possibile, parteciperanno a progetti e a conferenze/dibattito.
Ciò secondo la prassi della didattica attiva, che comporterà in determinati momenti
l'esperienza nel lavoro in classe del “laboratorio di storia”. Il suo funzionamento, quando
verrà attivato, sarà il seguente:
 1) Una breve lezione frontale introduttiva e schematica darà l'orientamento iniziale per lo
svolgimento del lavoro. In seguito verrà articolato in gruppi lo studio del capitolo, in modo
tale d sollecitare nei discenti la disposizione al lavoro collaborativo, secondo una
metodologia comune di analisi del testo e dei documenti.
 2) Potranno essere utilizzati oltre al manuale in adozione altri libri di testo o esperienze di
ricerca su Internet (queste, eventualmente, da attivare sopratutto nell'approfondimento
casa)
 3) si ricercheranno raccordi multidisciplinari con altre materie all'interno delle aree
umanistica e scientifica.
 4) Lettura a casa di materiali aggiuntivi di approfondimento su cui gli alunni
(individualmente o a gruppi) prepareranno delle relazioni orali da presentare in classe, che
saranno oggetto di valutazione.

Spazi
Aula Aula informatica
Territorio (visita guidata) Laboratorio linguistico
Biblioteca Laboratorio scientifico
Palestra

Strumenti di lavoro

Quando sarà possibile si ricorrerà, oltre che all’uso del manuale, alla lettura di articoli tratti da riviste
specializzate e ad altre forme di lezione interattiva come ad es. la proiezione di slides, la visione di film e
documentari attinenti alla programmazione o sussidi didattici alternativi, utili allo sviluppo della
consapevolezza del dibattito storiografico (altri manuali, antologie, riviste specialistiche, saggi e classici
opportunamente selezionati dall’insegnante, articoli di giornale).

Tipologie di verifica 1

MOD P 08 I Pag. 4 di 11 REV. 3


5
Verifiche formative e sommative sia in forma orale che scritta (che potrà essere di tipo diverso: risposte brevi
in forma aperta, elaborazioni saggistiche di un tema o problema, risposte a scelta multipla), lavori di ricerca.
Gli alunni della 4BSA in situazione di DSA godranno di specifiche agevolazioni nella progrmmazione delle
verifiche, armonizzandole con il complessivo carico di lavoro di tutte le materie.

Criteri di valutazione intermedia e finale2


Si recepiscono interamente i criteri definiti nella riunione di dipartimento e si adotta la griglia di valutazione
concordata.
     
Modalità di recupero
attività di recupero individualizzata derivante dall’analisi della prove formative svolte in itinere
attività di recupero individualizzata derivante dall’analisi della prova scritta consistente in ripasso mirato
di parti del programma;
svolgimento di esercizi consolidamento
svolgimento di esercizi di recupero sia in classe che a casa
correzione degli esercizi svolti
verifica di recupero
Altro :      

PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ3

CLASSE 4 BSA – FILOSOFIA

SCANSIONE TEMPORALE DEI MACROARGOMENTI

TEMATICHE E TEMPI DI SVOLGIMENTO (ponderati sul numero di ore settimanali di


cattedra)

MODULO 1 ( settembre– ottobre)


Caratteri fondamentali del pensiero cristiano e suoi nuclei problematici
S. Agostino e il pensiero patristico: fede e ragione, uomo e Dio
S.Tommaso e la scolastica: fede e ragione, metafisica e teologia

MODULO 2 (novembre)
CULTURA E FILOSOFIA ALLE ORIGINI DELLA MODERNITA'
 Caratteri fondamentali del pensiero rinascimentale
 Confronto tra due approcci alternativi al problema della natura: il naturalismo Giordano Bruno e
la nascita del metodo scientifico in Galileo Galilei

MODULO 3 (novembre –dicembre)


LA FONDAZIONE DELLA FILOSOFIA MODERNA: CARTESIO
il problema del metodo in Cartesio; dal dubbio al cogito; l’esistenza di Dio; il dualismo; la morale
provvisoria.

MODULO 4 (gennaio – febbraio)

1
Se necessario, distinguere per classe
2
indicare i criteri concordati in sede di dipartimento o allegare griglie di valutazione coerenti.
3
Inserire una tabella per classe
MOD P 08 I Pag. 5 di 11 REV. 3
6
TEORIE POLITICHE SULL’ORIGINE DELLO STATO MODERNO
Diritto naturale e origini dello stato: l’assolutismo hobbesiano e il costituzionalismo lockiano

MODULO 5 (febbraio – marzo)


L' EMPIRISMO INGLESE E LO SVILUPPO DELLA GNOSEOLOGIA MODERNA
Locke e Hume

MODULO 6 (aprile - maggio)


LA FILOSOFIA DELL’ILLUMINISMO
Caratteri generali dell’Illuminismo in Francia. La critica politica, sociale, religiosa e culturale dei
Philosophes e la concezione del sapere nell’Enciclopedia.
Il pensiero di Rousseau.

MODULO 7 (maggio – giugno)


Introduzione al criticismo kantiano: La critica della ragion pura e la “rivoluzione copernicana”

PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ4

CLASSE 4 BSA – STORIA

SCANSIONE TEMPORALE DEI MACROARGOMENTI

- Trimestre
Il quadro complessivo della crisi del Seicento e della problematica maturazione della modernità:
aspetti economici, sociali e politici; la guerra dei Trent'anni, Le Rivoluzioni inglesi e l'assolutismo di
Luigi XIV in Francia (settembre-ottobre).
 Sviluppo del quadro politico in Europa e in Italia all'inizio del '700; l'espansione coloniale dell'Europa
(ottobre-novembre).
 Il Settecento: la civiltà illuministica e il dispotismo illuminato (novembre-dicembre).
La rivoluzione industriale (dicembre)

 Pentamestre
 La rivoluzione americana e la rivoluzione francese (febbraio).
 L'età napoleonica e la Restaurazione (marzo-aprile).
 Moti e rivoluzioni liberali, i prodromi del Risorgimento italiano (aprile-maggio).
 Verso l'unificazione italiana: iniziative politico-militari e dibattito ideologico (maggio-giugno).

CITTADINANZA E COSTITUZIONE (nel corso dell'intero anno)


 L'idea di nazione e la sua maturazione storico-politica
 La democrazia nelle sue radici storiche e costituzionali

4
Inserire una tabella per classe
MOD P 08 I Pag. 6 di 11 REV. 3
7

PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ5

CLASSE 4 ES –FILOSOFIA

SCANSIONE TEMPORALE DEI MACROARGOMENTI

TEMATICHE E TEMPI DI SVOLGIMENTO

MODULO 1 ( settembre– ottobre)


Caratteri fondamentali del pensiero cristiano e suoi nuclei problematici
S. Agostino e il pensiero patristico: fede e ragione, uomo e Dio
S.Tommaso e la scolastica: fede e ragione, metafisica e teologia

MODULO 2 (novembre)
CULTURA E FILOSOFIA ALLE ORIGINI DELLA MODERNITA'
 Caratteri fondamentali del pensiero rinascimentale
 Confronto tra due approcci alternativi al problema della natura: il naturalismo Giordano Bruno e
la nascita del metodo scientifico in Galileo Galilei

MODULO 3 (novembre –dicembre)


LA FONDAZIONE DELLA FILOSOFIA MODERNA: CARTESIO
il problema del metodo in Cartesio; dal dubbio al cogito; l’esistenza di Dio; il dualismo; la morale
provvisoria.
Una prospettiva diversa: la critica del razionalismo cartesiano nel pensiero di Pascal.

MODULO 4 (gennaio – febbraio)


TEORIE POLITICHE SULL’ORIGINE DELLO STATO MODERNO
Diritto naturale e origini dello stato: l’assolutismo hobbesiano e il costituzionalismo lockiano

MODULO 5 (febbraio – marzo)


L' EMPIRISMO INGLESE E LO SVILUPPO DELLA GNOSEOLOGIA MODERNA
Locke
Berkeley
Hume.

MODULO 6 (aprile - maggio)


LA FILOSOFIA DELL’ILLUMINISMO
Caratteri generali dell’Illuminismo in Francia. La critica politica, sociale, religiosa e culturale dei
Philosophes e la concezione del sapere nell’Enciclopedia.
Il pensiero di Rousseau.
la “scienza nova” di Vico come linea di sviluppo alternativa all'Illuminismo

MODULO 7 (maggio – giugno)


Introduzione al criticismo kantiano: La critica della ragion pura e la “rivoluzione copernicana”

5
Inserire una tabella per classe
MOD P 08 I Pag. 7 di 11 REV. 3
8

PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ6

CLASSE 4 ES – STORIA

SCANSIONE TEMPORALE DEI MACROARGOMENTI

- Trimestre
Il quadro complessivo della crisi del Seicento e della problematica maturazione della modernità:
aspetti economici, sociali e politici; Le Rivoluzioni inglesi e l'assolutismo di Luigi XIV in Francia
(settembre-ottobre).
 Sviluppo del quadro politico in Europa e in Italia all'inizio del '700; l'espansione coloniale dell'Europa
(ottobre-novembre).
 Il Settecento: la civiltà illuministica e il dispotismo illuminato (novembre-dicembre).
La rivoluzione industriale (dicembre)

 Pentamestre
 La rivoluzione americana e la rivoluzione francese (febbraio).
 L'età napoleonica e la Restaurazione (marzo-aprile).
 Moti e rivoluzioni liberali, i prodromi del Risorgimento italiano (aprile-maggio).
 Verso l'unificazione italiana: iniziative politico-militari e dibattito ideologico (maggio-giugno).

CITTADINANZA E COSTITUZIONE (nel corso dell'intero anno)


 L'idea di nazione e la sua maturazione storico-politica
 La democrazia nelle sue radici storiche e costituzionali

PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ7

CLASSE 5 A BILINGUE – FILOSOFIA

SCANSIONE TEMPORALE DEI MACROARGOMENTI

- - Trimestre
- L'eredità del criticismo kantiano: il dibattito sulla filosofia kantiana tra i contemporanei ed il
problema della cosa in sè( settembre)
 Il Romanticismo: contesto storico e aspetti fondamentali (settembre)
 L'idealismo tedesco: caratteri generali (settembre)
 - Hegel: caratteri e concetti fondamentali della filosofia hegeliana, la Fenomenologia dello spirito, il
6
Inserire una tabella per classe
7
Inserire una tabella per classe
MOD P 08 I Pag. 8 di 11 REV. 3
9
 sistema (sintesi dell'impianto complessivo), la concezione dello stato e della storia, le forme dello
 spirito assoluto (arte, religione e filosofia) (ottobre)

- Schopenauer (novembre)
- Marx e il marxismo (novembre-dicembre)

-Pentamestre
- Kierkegaard ( gennaio)
- Il positivismo (febbraio)
- Nietzsche (febbraio-marzo)
- Freud e la psicoanalisi (marzo)
 Il problema della scienza tra '800 e '900, con attenzione alle voci critiche (Bergson) (marzo-aprile).
 La scuola di Francoforte ebla teoria critica della società (aprile)
- L'esistenzialismo (aprile-maggio).
 Percorsi e problemi della filosofia nella seconda metà del '900 (maggio-giugno).

Il percorso potrà essere modificato ed adattato a seconda degli interessi emersi nella classe e delle esigenze
coinvolte nella preparazione dei percorsi di esame.

PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ8

CLASSE 5 A BILINGUE – STORIA

SCANSIONE TEMPORALE DEI MACROARGOMENTI

- Trimestre
L'Italia postunitaria fino al 1900, la nascita dell'impero tedesco (cenni) (settembre-ottobre).
Imperialismo e colonialismo (ottobre).
Le caratteristiche della società novecentesca: masse e potere (ottobrre)
L'età giolittiana (ottobre)
la Prima Guerra Mondiale (ottobre-novembre).
La rivoluzione russa e la nascita dell'Unione Sovietica (novembre-dicembre)

Pentamestre
La crisi del '29 ed i problemi dell'economia capitalista (gennaio)
La crisi della democrazia: fascismi e totalitarismi in Europa (gennaio-febbraio).
La Seconda Guerra Mondiale; l'Olocausto (marzo-aprile).
L'Italia repubblicana (aprile-maggio).
L'età della guerra fredda: focolai di conflitto e progetti di distensione (maggio-giugno).
Nodi problematici ed aspetti esemplificativi della storia italiana, europea e mondiale dal 1956 al 1973

8
Inserire una tabella per classe
MOD P 08 I Pag. 9 di 11 REV. 3
1

CITTADINANZA E COSTITUZIONE (nel corso dell'intero anno)


- Origini storiche della costituzione italiana e sue ispirazioni ideologiche

- - Centralismo e decentramento: dallo Statuto albertino alla Costituzione repubblicana

- Le riforme costituzionali: il Titolo V, articolo 138, Disposizioni transitorie e finali

- Gli organismi internazionali e le loro strutture

Il percorso potrà essere modificato ed adattato a seconda degli interessi emersi nella classe e delle

esigenze coinvolte nella preparazione dei percorsi di esame.

PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ9

CLASSE 5 C BILINGUE –FILOSOFIA

SCANSIONE TEMPORALE DEI MACROARGOMENTI


SCANSIONE TEMPORALE DEI MACROARGOMENTI

- - Trimestre
- L'eredità del criticismo kantiano: il dibattito sulla filosofia kantiana tra i contemporanei ed il
problema della cosa in sè( settembre)
 Il Romanticismo: contesto storico e aspetti fondamentali (settembre)
 L'idealismo tedesco: caratteri generali (settembre)
 - Hegel: caratteri e concetti fondamentali della filosofia hegeliana, la Fenomenologia dello spirito, il
 sistema (sintesi dell'impianto complessivo), la concezione dello stato e della storia, le forme dello
 spirito assoluto (arte, religione e filosofia) (ottobre)

- Schopenauer (novembre)
- Marx e il marxismo (novembre-dicembre)

-Pentamestre
- Kierkegaard ( gennaio)
- Il positivismo (febbraio)
- Nietzsche (febbraio-marzo)
- Freud e la psicoanalisi (marzo)
 Il problema della scienza tra '800 e '900, con attenzione alle voci critiche (Bergson) (marzo-aprile).
 La scuola di Francoforte ebla teoria critica della società (aprile)
9
Inserire una tabella per classe
MOD P 08 I Pag. 10 di 11 REV. 3
11
- L'esistenzialismo (aprile-maggio).
 Percorsi e problemi della filosofia nella seconda metà del '900 (maggio-giugno).

Il percorso potrà essere modificato ed adattato a seconda degli interessi emersi nella classe e delle esigenze
coinvolte nella preparazione dei percorsi di esame.

FOLIGNO, 06/11/2013   FIRMA

_____________________________

prof: Calcagno Michele

MOD P 08 I Pag. 11 di 11 REV. 3