Sei sulla pagina 1di 49

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO

Dante Alighieri
Loc. San Felicissimo
06025 NOCERA UMBRA (PG)
Tel. 0742/818847 818860 Fax 0742/818701
e-mail: pgic82800p@istruzione.it
pec: pgic82800p@pec.istruzione.it
C.F. 83004080541
SITO: www.scuolenoceraumbra.it

LINEE GUIDA

CRITERI DI VERIFICA

VALUTAZIONE

1
INDICE

Capitolo Argomento

1 Criteri generali. pag.3

2 Carichi di lavoro e tipologie prove

 Scuola primaria.. pag.6

 Scuola secondaria di primo grado. pag.8

 Scuola secondaria di secondo grado.. pag.8

3 Valutazione bisogni educativi speciali (stranieri H DSA). pag.9

4 Descrittori per la valutazione di processo e di prodotto

 Scuola primaria pag. 10

 Scuola secondaria di primo grado. pag. 12

 Scuola secondaria di secondo grado.. pag. 12

5 Valutazione IRC o attivit alternative pag. 14

6 Criteri attribuzione voto di condotta

 Scuola primaria pag.15

 Scuola secondaria di primo grado. pag. 16

 Scuola secondaria di secondo grado pag. 16

7 Criteri scrutinio pag. 19

pag. 21
8 Validit anno scolastico

9 Valutazione e attribuzione crediti 3 - 4 - 5 IPSIA LICEO...... pag. 23

10 Istruttoria esami di stato Primo Grado pag. 25

11 Istruttoria esami di stato Secondo Grado .. pag. 49

12 Qualifica pag. 49

13 Alternanza pag. 49

2
LINEE GUIDA CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE

CAP. 1 CRITERI GENERALI

FINALIT Dal POF


la valutazione una forma di intelligenza pedagogica (Bruner) e come tale
un atto educativo rivolto prettamente al soggetto, uno strumento per orientare
e formare il soggetto

La valutazione un processo che accompagna lo studente per lintero


percorso formativo, perseguendo lobiettivo di contribuire a migliorare la
qualit degli apprendimenti.
I processi valutativi, correlati agli obiettivi indicati nel piano dellofferta
formativa della singola istituzione scolastica, mirano a sviluppare nello
studente una sempre maggiore responsabilizzazione rispetto ai traguardi
prefissati e a garantire la qualit del percorso formativo in coerenza con gli
obiettivi specifici previsti per ciascun anno dellindirizzo seguito (art.1,OM
92/2007)

Per promuovere la valutazione come strumento di orientamento e


riorientamento lIstituto Omnicomprensivo riconosce valore pedagogico e
didattico alle verifiche e alla conseguenti valutazioni.
OBIETTIVI E un processo che si esercita su tutte le componenti e le attivit del processo
formativo. La valutazione comporta lunificazione di tutti i dati raccolti.
Si articola in tre momenti: iniziale formativo sommativo.
COSA VALUTIAMO:
lapprendimento, cio il raggiungimento degli obiettivi cognitivi e meta
cognitivi, con particolare attenzione al processo e non solo al prodotto;
quindi il miglioramento rispetto alla situazione di partenza
aspetti del comportamento, cio il raggiungimento di obiettivi relazionali:
livello di rispetto delle persone, delle norme e regole condivise e
dellambiente scolastico, latteggiamento dello studente.

La valutazione degli aspetti del comportamento tiene in considerazione,


oltre alle eventuali precise e motivate osservazioni presentate dai singoli
docenti, i seguenti indicatori: interesse e partecipazione, impegno, socialit e
comportamento, frequenza.
L impegno si intende riferito alla:
disponibilit ad impegnarsi con una quantit di lavoro adeguata, ivi compresa
lattivit di Alternanza capacit di organizzare il proprio lavoro , con
riferimento anche ai compiti a casa, con continuit, puntualit e precisione
La partecipazione si intende riferita al complesso degli atteggiamenti dello
studente nel lavoro comune durante le lezioni, nelle attivit di laboratorio,
durante gli stage e, in particolare per:
lattenzione dimostrata la capacit di concentrazione mantenuta nel
perseguire un dato obiettivo l interesse verso il dialogo educativo,
dimostrato attraverso interventi, domande.
La socialit e il comportamento intesi come: rispetto dellambiente
scolastico rispetto delle norme comportamentali rispetto delle persone
rispetto delle consegne rispetto dei ruoli
La frequenza intesa come grado di presenza alle lezioni.
FUNZIONI 1) Diagnostica e orientativa
Valutazione come confronto tra risultati ottenuti e risultati attesi, tenendo
conto della situazione di partenza. Analisi dei prerequisiti. Attenzione per le
situazioni personali (bisogni, interessi, background socio-culturale,
3
provenienza, disabilit, ecc) - Individuazione degli obiettivi didattici minimi
richiesti.
2) Formativa e sommativa.
Valutazione come impulso al massimo sviluppo della personalit;
Valutazione come confronto tra risultati ottenuti e risultati attesi, tenendo
conto della situazione di partenza;
CONDIZIONI Affinch la valutazione dellapprendimento risulti efficace, trasparente e
IRRINUNCIABILI tempestiva (comma 2 art.1 DPR 122/09), il Collegio Docenti si impegna a
garantire alcune condizioni:
 informare preventivamente gli studenti della tipologia della prova che
dovranno sostenere e del significato di tale prova;
 avere la collaborazione, la consapevolezza e la disponibilit degli studenti;
 stabilire sempre con esattezza quali obiettivi si intendono porre a verifica;
 evitare indicatori della valutazione che presentino ambiguit: + - , uso della
matita;
 usare le prove, dopo la correzione, come strumento di crescita;
 accettare lidea che anche la correzione e la valutazione possano essere
oggetto di discussione;
 esplicitare i criteri di correzione relativi alle prove di verifica;
 esplicitare subito la valutazione assegnata ai colloqui orali;
 consegnare le prove corrette e valutate in tempo utile perch la valutazione
sia funzionale allapprendimento: max. entro 15 gg. Dalla somministrazione
e comunque prima delle valutazioni intermedie (scrutinio pagellino);
 assegnare le prove in maniera calibrata ed equilibrata (evitare pi prove
nella stessa giornata);
 predisporre prove equipollenti per i soggetti diversamente abili o
DSA(anche in concertazione con linsegnante di sostegno);
 che ci sia corrispondenza tra quanto dichiarato e quanto realizzato (PDP);
 utilizzare le griglie di valutazione;

LE VERIFICHE

FUNZIONI DELLE Le verifiche sono una rilevazione il pi possibile oggettiva e


VERIFICHE quantitativamente misurabile delle conoscenze e delle abilit acquisite
dallalunno
Le verifiche sono strumenti:
con cui lallievo prende consapevolezza delle conoscenze, delle abilit e
delle competenze acquisite, ma anche delle eventuali difficolt in ordine
al percorso acquisito;
con cui il docente identifica gli esiti del suo insegnamento, in vista di una
continua messa a punto delle metodologie didattiche e degli obiettivi.
PREDISPOSIZIONE Le prove vengono predisposte tenendo conto degli obiettivi minimi (soglia di
PROVE DI irrinunciabilit) delle discipline e della mappa cognitiva della classe al fine di
VERIFICA garantire a tutti pari opportunit formative e di apprendimento.
Per gli alunni disabili le prove vengono predisposte in collaborazione con il
docente di sostegno.
COMUNICAZIONI La scuola garantisce la comunicazione del rendimento e del comportamento
SCUOLA tramite:
FAMIGLIA informativa scritta
a) comunicazione di medio termine verbali ( colloqui n 2 alla presenza di
tutti docenti della classe)o tramite pagellino ( n2)
b) pagelle o schede nel 1 e 2 quadrimestre
c) comunicazioni del coordinatore e della presidenza scritta per chiamata
diretta in situazioni di particolare attenzione
ATTRIBUZIONE Ogni docente porta al Consiglio una proposta di voto in base a:
VOTO rendimento dello studente e alle prove sostenute.
In presenza di una votazione con decimale 0,5 il docente in piena autonomia
tenendo conto dellimpegno, dei progressi e della partecipazione, decider
se proporre il voto per eccesso o per difetto.

4
TIPOLOGIE DI La scuola prevede varie tipologie di intervento:
INTERVENTO: in itinere
RECUPERO durante le attivit di laboratorio
SOSTEGNO negli stage e tirocini
nel periodo degli stage e tirocini dividendo la classe in gruppi
riorganizzazione dellorario curriculare secondo il bisogno
recupero a gruppi durante lorario curriculare
lavoro domestico individualizzato
pausa didattica
ripresa didattica (al rientro dalle vacanze invernali)
Inoltre, previa copertura economica, si organizzano:
corsi di recupero nel primo e nel secondo quadrimestre. Nel primo
quadrimestre a verifica intermedia; nel secondo quadrimestre dopo la
valutazione intermedia. Di norma si attivano massimo due corsi, su
parere del C.d.C., verificata la parte finanziaria
attivit propedeutiche: esami

5
CAP.2 CARICHI DI LAVORO E TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE

SCUOLA PRIMARIA

VERIFICHE
Organizzare unadeguata distribuzione delle prove nel corso dellanno: minimo 3 verifiche
scritte per disciplina e per classe a quadrimestre, 2 verifiche orali e/o pratiche per ogni materia
a quadrimestre per ogni alunno, naturalmente curando la coerenza della tipologia e del livello
delle prove con la relativa sezione di lavoro effettivamente svolta in classe.
Scrivere sempre, il pi anticipatamente possibile, nel registro di classe, le verifiche scritte
programmate, considerando che per ogni classe prevista una sola prova scritta al giorno.
Essendoci possibilit di accavallamento, va data la precedenza, per la decisione del giorno, alle
discipline che hanno meno ore in classe e per le quali, perci, risulterebbe pi complicato un
cambiamento di data.
Come previsto dal patto di corresponsabilit, gli esiti delle verifiche vanno comunicati agli
alunni e anche ai genitori, che firmeranno gli esiti scritti sul diario per P.V.
Si pu permettere agli alunni pi grandi e soprattutto nei momenti di maggiore concentrazione
delle prove, di organizzare le proprie verifiche orali proponendosi come volontari.

COMPITI E LAVORO ASSEGNATO PER CASA


Nei giorni di rientro non si assegnano compiti di studio;
Lo studio individuale deve comunque partire da lezioni di spiegazione e approfondimento gi
svolte dallinsegnante durante lorario scolastico;
Le esercitazioni individuali a carico degli studenti non possono essere sovrabbondanti ed
eccessivamente impegnative;
I docenti cureranno il compito in relazione alle capacit individuali dello studente;
Rispettare i tempi di riposo degli studenti in relazione alle festivit;
Scrivere sempre i compiti assegnati sul registro di classe, in modo che tutti gli insegnanti
possano rendersi conto delleffettivo carico di lavoro in ogni giorno di attivit didattica.

DAL PATTO DI CORRESPONSABILITA EDUCATIVA :

I DOCENTI SI IMPEGNANO A: Garantire, nellassegnazione dei compiti a casa, un carico equilibrato:


nei giorni di rientro non si assegnano compiti di studi; lo studio individuale deve comunque partire da
lezioni di spiegazione e approfondimento gi svolte dallinsegnante durante lorario scolastico; le
esercitazioni individuali a carico degli studenti non possono essere sovrabbondanti ed eccessivamente
impegnative; i docenti cureranno il compito in relazione alle capacit individuali dello studente;
Rispettare i tempi di riposo degli studenti in relazione alle festivit; per primo e secondo grado: i
docenti avranno comunque cura di segnare il lavoro domestico sul registro di classe; Per primo e
secondo grado: i docenti avranno cura di indicare quando fissare i compiti in classe e nel indicare i
tempi di riconsegna delle valutazioni. I docenti verificheranno il regolare svolgimento dei compiti,
effettuando eventuali richiami secondo le modalit previste dal Regolamento dIstituto.

INDICAZIONI IN MERITO AL CARICO DI LAVORO

La valutazione degli alunni, intesa sia come verifica del prodotto, sia come valutazione dei processi
cognitivi, il risultato di opportune prove di controllo/verifica effettuate in ogni disciplina ed
strettamente collegata alla programmazione educativa e didattica. Lespressione dei giudizi avverr
secondo livelli atti a definire il percorso dellallievo in vista del raggiungimento degli obiettivi
prefissati. La valutazione in quanto verifica dei risultati raggiunti fornisce,inoltre una indispensabile
informazione di ritorno sul processo educativo e sulle procedure didattiche utilizzate. La verifica e la
valutazione sono utili per modificare la sequenza, la progressione, la presentazione dei contenuti, nei
riguardi degli alunni.

VERIFICA E VALUTAZIONE DEL PRODOTTO


6
Interna ( prove iniziali - verifiche in itinere - prove finali del processo)
Esterna ( prove INVALSI)

SCHEDA DI VALUTAZIONE
Gli strumenti di verifica sono rappresentati da:

1. questionari
2. prove soggettive/oggettive
3. prove pratiche con domande a risposta aperta
con domande a risposta vero/falso
con domande a risposta multipla
completamento di testi con parole
completamento di testi senza aiuto

4. test oggettivi
5. colloqui con gli alunni (interrogazioni)
6. orali con interrogazioni: libere, a domanda

I risultati delle verifiche periodiche sono utilizzati ai fini della valutazione quadrimestrale per gli
opportuni adeguamenti, oltre che per eventuali interventi di recupero e di potenziamento. La
valutazione finale o globale tiene conto della situazione di partenza, delle reali capacit dellalunno,
dellimpegno dimostrato e dellefficacia dellazione formativa. La valutazione del processo formativo
risponde alla finalit di far conoscere:

allalunno, in ogni momento, la sua posizione nei confronti degli obiettivi prefissati;

ai docenti lefficacia delle strategie adottate per eventualmente adeguare le metodologie di


insegnamento;

alla famiglia per certificare i livelli conseguiti in funzione di abilit/capacit, conoscenze,


comportamenti.

I docenti ritengono di dover limitare luso dei voti da 1 a 3 in quanto corrispondenti a descrittori molto
negativi che di solito non vengono rilevati presso i nostri alunni e che possono, tra laltro, ingenerare
demotivazione, sconforto e frustrazione.

VALUTAZIONE E VERIFICA DSA

Verifiche programmate e concordate con lalunno\a;


Verifiche orali a compensazione di quelle scritte (soprattutto per la lingua straniera);
Valutazioni pi attente alle conoscenze e alle competenze di analisi, sintesi e collegamento
piuttosto che alla correttezza formale;
Strumenti e mediatori didattici nelle prove sia scritte sia orali (mappe concettuali, mappe
cognitive, calcolatrice, tavola pitagorica);
Prove informatizzate;
Tempi pi lunghi per lesecuzione delle prove;
Pianificazione prove di valutazione formativa

7
SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO

VERIFICHE

PROVE SOMMATIVE GIORNALIERE, SETTIMANALI, QUADRIMESTRALI

Massimo numero prove sommative giornaliere


Scritte 1* 2 3 4 5
Orali 1 2* 3 4 5
Pratiche 1 2* 3 4 5
Massimo numero prove sommative settimanali
Scritte 1 2 3 4 5*
Orali 1 2 3 4 5*
Pratiche 1 2 3 4 5*
Minimo numero prove sommative quadrimestrali
Scritte 1 2 3* 4 5
Orali 1 2* 3 4 5
Pratiche 1 2* 3 4 5

COMPITI E LAVORO ASSEGNATO PER CASA

Nei giorni di rientro non si assegnano compiti di studio;


Lo studio individuale deve comunque partire da lezioni di spiegazione e approfondimento gi
svolte dallinsegnante durante lorario scolastico;
Le esercitazioni individuali a carico degli studenti non possono essere sovrabbondanti ed
eccessivamente impegnative;
I docenti cureranno il compito in relazione alle capacit individuali dello studente;
Rispettare i tempi di riposo degli studenti in relazione alle festivit;
Per primo e secondo grado: i docenti avranno comunque cura di segnare il lavoro domestico sul
registro di classe;
Per primo e secondo grado: i docenti avranno cura di indicare su registro di classe la data dei
compiti in classe e la data di riconsegna delle valutazioni degli stessi.
I docenti avranno cura di confrontarsi per distribuire in maniera omogenea i carichi di lavoro,
fermo restando lobiettivo educativo della scuola di favorire negli studenti la capacit di pianificare
e organizzare il proprio lavoro personale.

8
CAP. 3 VALUTAZIONE BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (stranieri, H, DSA)

PER GLI Predisposizione del Piano personalizzato e stesura relazione finale.


ALUNNI
CON DSA Le modalit di valutazione tengono conto dei progressi, ma anche delle
conquiste e delle difficolt in tutte le discipline dove le DSA si manifestano.
Le prove di verifiche sono strutturate tenendo conto dei processi pi che dei
prodotti e sono predisposte con esercizi e domande che richiedono soluzioni
compensative

Strategie compensative
tabella delle misure, tabelle delle formule,
calcolatrice,
registratore,
cartine geografiche e storiche, tabelle della memoria di ogni tipo
computers con programmi di videoscrittura con correttore ortografico e sintesi
vocale, commisurati al singolo caso
cassette registrate
dizionari di lingua straniera computerizzati, tabelle, traduttori
richiesta alle case editrici di produrre testi anche ridotti e contenenti audio-
cassette o cd-rom.
Strumenti dispensativi:
lettura a voce alta, scrittura veloce sotto dettatura, lettura di consegne, uso del
vocabolario, studio mnemonico delle tabelline;
dispensa dallo studio delle lingue straniere in forma scritta a causa delle difficolt
rappresentate dalla differenza tra scrittura e pronuncia;
tempi pi lunghi per prove scritte e per lo studio, mediante una adeguata
organizzazione degli spazi ed un flessibile raccordo tra gli insegnanti;
organizzazione di interrogazioni programmate;
assegnazione di compiti a casa in misura ridotta;
possibilit d'uso di testi ridotti non per contenuto, ma per quantit di pagine.
Valutazione commisurata alla prestazione : valutare il processo pi che il prodotto
Piano personalizzato e Relazione Finale interventi in presenza di DSA
PER ALUNNI Progettazione del PEI: Percorso orientato al conseguimento del titolo di
DISABILI studio
Percorso non orientato al conseguimento del titolo di studio
Progettazione della didattica individualizzata:
- adattamento del curricolo: obiettivi minimi, semplificati, alternativi, aggiuntivi,
utilizzo delle TIC;
- adattamento delle strategie di insegnamento: aggiunta di aiuti (input), nelle
risposte (output) dellalunno/a:
- eterocromia dei tempi di apprendimento dentro la classe: lavori di gruppo
- individualizzazione; in laboratori; alternanza scuola-lavoro e Terza Area
- adattamento dei contesti in cui avviene lapprendimento: dove, quando, con chi.
Uso di griglie di valutazione commisurate alle prestazioni
PER GLI Le modalit di valutazione tengono conto dei tempi e delle modalit di ingresso
ALUNNI dellalunno , lalfabetizzazione della lingua2 la partecipazione dei progressi ma
STRANIERI anche delle difficolt derivanti dalle difficolt linguistiche.
indicazioni espresse dal MIUR (CM 24/2006) orientate ad una valutazione pi
comprensiva e diluita
in un arco di tempo pi lungo, per rispettare i tempi di
apprendimento/acquisizione della lingua italiana : la Lingua per comunicare pu
essere appresa in un arco di tempo che pu oscillare da un mese a un anno, in
relazione allet, alla lingua di origine, allutilizzo in ambiente extrascolastico. Per
apprendere la lingua dello studio, invece, possono essere necessari alcuni anni,
considerato che si tratta di competenze specifiche
Uso di griglie di valutazione commisurate alle prestazioni e allingresso degli
alunni stranieri

9
CAP. 4 DESCRITTORI PER LA VALUTAZIONE DEL PROCESSO E DEL
PRODOTTO

SCUOLA PRIMARIA

VALUTAZIONE DI PROCESSO

valutazione di processo, utilizza le lettere al posto dei numeri come indicatori del livello,
considerando 4 livelli :
o I = insufficiente
o S = sufficiente
o B = buono
o E = eccellente

DESCRITTORI INDICATORI
Situazione di partenza I S B E
Interesse e partecipazione I S B E
autonomia I S B E
Ordine e organicit nel metodo di lavoro I S B E
LEGENDA:

I = insufficiente S= sufficiente B = buono


E = eccellente

La legenda va scritta nelle programmazioni disciplinari, ed utilizzata nel registro


La valutazione di processo pu incidere sulla valutazione finale delle varie discipline,
aumentando o diminuendo fino a 2 punti la valutazione del prodotto.

VALUTAZIONE DI PRODOTTO

voto descrittori

CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE

1,2,3 inesistenti inesistenti inesistenti

Non in grado di applicare Comprende in modo


I contenuti non sono procedure, di effettuare analisi frammentario testi, dati e
appresi o sono appresi
4 e sintesi; informazioni
in modo confuso e Ha difficolt di riconoscimento Non sa applicare
frammentario
di propriet e classificazione; conoscenze e abilit in
Espone in modo confuso contesti semplici
Applica procedure ed effettua Comprende in modo
I contenuti non sono analisi e sintesi in modo limitato e impreciso testi,
appresi in modo impreciso dati e informazioni
5 Ha difficolt di riconoscimento Commette errori
limitato e
disorganizzato di propriet e classificazione sistematici nellapplicare
Anche se guidato, non espone conoscenze e abilit in
con chiarezza contesti semplici
Applica procedure ed effettua
analisi e sintesi in modo Comprende solo in parte
I contenuti non sono
parziale e solo in compiti noti. e superficialmente testi,
appresi in modo
6 Guidato, riesce a riconoscere dati e informazioni
superficiale, parziale
propriet ed a classificare. Se guidato, applica
e/o meccanico
Necessita di guida conoscenze e abilit in
nellesposizione contesti semplici

10
Applica procedure ed effettua
I contenuti sono Comprende in modo
analisi e sintesi in modo
appresi in modo globale testi, dati e
consapevole.
globale, nelle linee informazioni
7 Riconosce propriet e regolarit
essenziali e con Se applicare conoscenze
e applica criteri di
approfondimento solo e abilit in vari contesti in
classificazione
di alcuni argomenti modo complessivamente
Espone in modo semplice, ma
corretto
chiaro
Applica procedure ed effettua
analisi e sintesi in modo
Comprende a vari livelli
I contenuti sono consapevole, corretto e con
testi, dati e informazioni
appresi in modo assoluta autonomia.
Se applicare conoscenze
ordinato, sicuro con Riconosce con sicurezza e
8 e abilit in vari contesti in
adeguata integrazione precisione propriet e
modo corretto
alle conoscenze regolarit, che applica nelle
Sa orientarsi nella
preesistenti classificazioni
soluzione di problemi
Sa esprimere valutazioni
complessi
personali ed espone in modo
preciso e ordinato
Applica procedure ed effettua
Comprende in modo
analisi e sintesi con piena
completo e approfondito
sicurezza e autonomia.
I contenuti sono testi, dati e informazioni
Riconosce propriet e
appresi in modo Applica conoscenze e
9 regolarit, che applica
completo, sicuro e abilit in vari contesti in
autonomamente nelle
autonomo modo corretto e sicuro
classificazioni
Sa orientarsi nella
Sa esprimere valutazioni
soluzione di problemi
personali ed espone in modo
complessi
chiaro, preciso e sicuro
Applica procedure con piena
sicurezza ed effettua analisi e
Comprende in modo
I contenuti sono sintesi corrette, approfondite e
completo e approfondito
appresi in modo originali.
testi, dati e informazioni
completo, sicuro e Sa utilizzare propriet e
Applica conoscenze e
10 organico, riuscendo regolarit per creare idonei
abilit in vari contesti
autonomamente ad criteri di classificazione
sicurezza e padronanza
integrare conoscenze Esprime valutazioni personali
Sa orientarsi nella
preesistenti pertinenti e supportate da
soluzione di problemi
argomentazioni efficaci
complessi
Espone in modo chiaro, preciso
e sicuro

Per gli studenti diversamente abili e/o non italofoni si applicano gli stessi criteri di valutazione
compensati dalle disposizioni normative attualmente vigenti

11
SCUOLA SECONDARIA DI I E II GRADO

VALUTAZIONE DI PROCESSO

la valutazione di processo, utilizza lettere al posto dei numeri come indicatori del livello,
considerando 4 livelli:
o I = insufficiente
o S = Sufficiente
o B = buono
o E = eccellente
I descrittori vanno scritti nella parte inferiore del registro, dopo gli obiettivi disciplinari, e
sottoposti mensilmente a verifiche e relativa registrazione degli esiti
Riproporre nel pagellino i descrittori reali, che potrebbero essere comuni a tutti gli ordini di
scuola
valutazione di processo:

DESCRITTORI INDICATORI
Puntualit nellesecuzione dei compiti S
I B E
assegnati
Interesse e partecipazione I S B E
Ordine e organicit nel metodo di lavoro I S B E
LEGENDA:

I = insufficiente S = Sufficiente B = buono E = eccellente

La legenda va scritta nelle programmazioni disciplinari, ed utilizzata nel registro


La valutazione di processo pu incidere sulla valutazione finale delle varie discipline,
aumentando o diminuendo fino a 2 punti la valutazione del prodotto.

VALUTAZIONE DI PRODOTTO

voto descrittori
CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE
1,2,3 Inesistenti inesistenti inesistenti
Non in grado di applicare
procedure, di effettuare Comprende in modo
I contenuti non sono
analisi e sintesi frammentario testi, dati e
appresi o sono appresi
4 Ha difficolt di informazioni
in modo confuso e
riconoscimento di propriet Non sa applicare conoscenze
frammentario
e classificazione e abilit in contesti semplici
Espone in modo confuso
Applica procedure ed
effettua analisi e sintesi in Comprende in modo limitato
I contenuti non sono modo impreciso e impreciso testi, dati e
appresi o lo sono in Ha difficolt di informazioni
5
modo limitato e riconoscimento di propriet Commette errori sistematici
disorganizzato e classificazione nellapplicare conoscenze e
Anche se guidato, non abilit in contesti semplici
espone con chiarezza
Applica procedure ed
effettua analisi e sintesi in Comprende solo in parte e
I contenuti sono modo essenziale e solo in superficialmente testi, dati e
appresi in modo compiti noti. Guidato, informazioni
6
superficiale, parziale riesce a riconoscere Se guidato, applica
e/o meccanico propriet ed a classificare. conoscenze e abilit in
Necessita di guida contesti semplici
nellesposizione
I contenuti sono Applica procedure ed Comprende in modo globale
7 appresi in modo effettua analisi e sintesi in testi, dati e informazioni
globale, nelle linee modo consapevole. Sa applicare conoscenze e

12
essenziali e con Riconosce propriet e abilit in vari contesti in
approfondimento solo regolarit e applica criteri modo complessivamente
di alcuni argomenti di classificazione corretto
Espone in modo semplice,
ma chiaro
Applica procedure ed
effettua analisi e sintesi in
Comprende a vari livelli testi,
modo consapevole,
I contenuti sono dati e informazioni
corretto.
appresi in modo Sa applicare conoscenze e
Riconosce con sicurezza e
ordinato, sicuro con abilit in vari contesti in
8 precisione propriet e
adeguata integrazione modo corretto
regolarit, che applica nelle
alle conoscenze Sa applicare conoscenze e
classificazioni
preesistenti abilit in vari contesti in
Sa esprimere valutazioni
modo corretto
personali ed espone in
modo preciso e ordinato
Applica procedure ed
effettua analisi e sintesi Comprende in modo completo
con piena sicurezza e e approfondito testi, dati e
autonomia. informazioni
I contenuti sono Riconosce propriet e Applica conoscenze e abilit
appresi in modo regolarit, che applica in vari contesti in modo
9
completo, sicuro e autonomamente nelle corretto e sicuro
autonomo classificazioni Sa orientarsi nella soluzione
Sa esprimere valutazioni di problemi complessi
personali ed espone in utilizzando conoscenze e
modo chiaro, preciso e abilit interdisciplinari
sicuro
Applica procedure con
piena sicurezza ed effettua Comprende in modo completo
analisi e sintesi corrette, e approfondito testi, dati e
I contenuti sono approfondite e originali. informazioni
appresi in modo Sa utilizzare propriet e Applica conoscenze e abilit
completo, sicuro e regolarit per creare idonei in vari contesti con sicurezza
10 organico, riuscendo criteri di classificazione e padronanza
autonomamente ad Esprime valutazioni Sa orientarsi nella soluzione
integrare conoscenze personali pertinenti e di problemi complessi
preesistenti supportate da utilizzando originalit,
argomentazioni efficaci conoscenze e abilit
Espone in modo chiaro, interdisciplinari
preciso e sicuro

Per gli studenti diversamente abili e/o non italofoni si applicano gli stessi criteri di valutazione
compensati dalle disposizioni normative attualmente vigenti

13
CAP. 5 VALUTAZIONE IRC O ATTIVITA ALTERNATIVE

Valutazione LIRC e le attivit alternative, esclusa la tipologia D, concorrono allattribuzione


IRC o del credito scolastico secondo la tabella riportata.
attivit la valutazione avverr secondo la normativa vigente.
alternative Concorrono nella valutazione degli alunni come di seguito:
Infanzia, Primaria, 1 grado cl. 1- 2= giudizio sintetico sommativo
1 grado cl. 3= conversione del giudizio in voto decimale che concorre alla
media di ammissione agli esami secondo la tabella (cap. istruttoria esami
primo grado)
2 grado cl. 1 - 2 = giudizio sintetico sommativo
2 grado cl. 3 - 4 - 5= concorre nellattribuzione del credito formativo (p.1
complessivo) x 0,20

14
CAP. 6 CRITERI E ATTRIBUZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA

SCUOLA PRIMARIA

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

GIUDIZIO SINTETICO
NON
OTTIMO DISTINTO BUONO DISCRETO SUFFICIENTE
SUFFICIENTE

Competenze Competenze Competenze Competenze Competenze Competenze


pienamente raggiunte acquisite a acquisite a acquisite a non ancora
acquisite
raggiunte livello buono livello discreto livello
essenziale
Valutazione Valutazione Valutazione
Valutazione
piena nelle soddisfacente soddisfacent Valutazione Valutazione
piena nelle
competenze nelle e nelle soddisfa non
competenze
competenze competenze cente nella sufficiente
1-2-3-4-5-6- competenza
1-2 nelle
7 1-2 1-2
competenze
e piena in 1
e piena in e piena in
almeno tre 1-2
almeno due almeno una ed almeno
delle altre
delle altre delle altre sufficiente
competenze
competenze competenze nelle altre

COMPETENZE COMPORTAMENTALI

1. CONVIVENZA CIVILE Rispetto delle persone, degli ambienti, delle strutture

2. RISPETTO DELLE REGOLE Rispetto delle regole convenute e del Regolamento Scolastico

Partecipazione attiva alla vita della classe e alle attivit


3. PARTECIPAZIONE
scolastiche

4. RESPONSABILIT Assunzione dei propri doveri scolastici ed extrascolastici

5.IMPEGNO Costanza nellimpegno

6.INTERESSE Disponibilit ad apprendere

7.RELAZIONALIT Relazioni positive (collaborazione/disponibilit)

15
SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO

(IN OSSERVANZA DEL DECRETO LEGGE 1 SETTEMBRE 2008, n. 137)

Il comportamento degli studenti, valutato dal Consiglio di Classe, concorrer alla valutazione
complessiva dello studente e, a differenza di quanto accadeva finora, determiner, se insufficiente, la
non ammissione allanno successivo di corso o agli esami di stato. Il voto di condotta viene attribuito
dallintero Consiglio di Classe riunito per gli scrutini in base ai seguenti INDICATORI e alla seguente

GRIGLIA DI VALUTAZIONE.

INDICATORI

rispetto del regolamento dIstituto;

comportamento responsabile:

a) nellutilizzo delle strutture e del materiale della scuola,

b) nella collaborazione con docenti, personale scolastico e compagni,

c) durante viaggi e visite di istruzione,

frequenza e puntualit;

partecipazione alle lezioni;

impegno e costanza nel lavoro scolastico in classe/ a casa;

profitto generale.

Sono considerate valutazioni positive della condotta i voti dal sei al dieci.

Il sei segnala per una presenza in classe poco costruttiva o per passivit o per eccessiva esuberanza.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA DEGLI STUDENTI

COMMA 1

Sar attribuito il VOTO 10 allo studente che soddisfer tutte le seguenti condizioni:

a) scrupoloso rispetto del regolamento scolastico;

b) comportamento maturo per responsabilit e collaborazione;

c) frequenza alle lezioni assidua (la somma derivante dal numero di assenze + ritardi + uscite
anticipate, non supera quanto previsto dal regolamento distituto);

d) vivo interesse e partecipazione attiva alle lezioni;

e) regolare e serio svolgimento delle consegne scolastiche;

f) ruolo propositivo allinterno della classe;

g) media dei voti di profitto non inferiore ad otto.

16
COMMA 2

Sar attribuito il VOTO 9 allo studente che soddisfer almeno 5 delle seguenti condizioni:

a) scrupoloso rispetto del regolamento scolastico;

b) comportamento irreprensibile per responsabilit e collaborazione;

c) frequenza alle lezioni assidua (la somma derivante dal numero di assenze + ritardi + uscite
anticipate, non supera quanto previsto dal regolamento distituto);

d) costante interesse e partecipazione attiva alle lezioni;

e) regolare e serio svolgimento delle consegne scolastiche;

f) ruolo propositivo allinterno della classe;

g) media dei voti di profitto superiore a sette.

COMMA 3

Sar attribuito il VOTO 8 allo studente che soddisfer 4 su 6 delle seguenti condizioni:

a) rispetto del regolamento scolastico;

b) comportamento buono per responsabilit e collaborazione;

c) frequenza alle lezioni normale (la somma derivante dal numero di assenze + ritardi + uscite
anticipate, non supera quanto previsto dal regolamento distituto);

d) buon interesse e partecipazione attiva alle lezioni;

e) proficuo svolgimento, nel complesso, delle consegne scolastiche;

f) media dei voti di profitto pari o superiore a sei.

COMMA 4

Sar attribuito il VOTO 7 allo studente che soddisfer 5 su 6 delle seguenti condizioni:

a) rispetto del regolamento scolastico;

b) comportamento accettabile per responsabilit e collaborazione;

c) frequenza alle lezioni normale (la somma derivante dal numero di assenze + ritardi + uscite
anticipate, non supera quanto previsto dal regolamento distituto);

d) discreto interesse e partecipazione alle lezioni;

e) sufficiente svolgimento delle consegne scolastiche;

f) assenza di carenze gravi nei voti di profitto (le carenze lievi non impediscono la valutazione di 7 in
condotta).

Sar attribuito il VOTO 7 allo studente che avr il giudizio sospeso in una o pi discipline.

COMMA 5

Sar attribuito il VOTO 6 allo studente che soddisfer anche solo quattro delle seguenti
condizioni:

a) comportamento incostante per responsabilit e collaborazione, con notifica alle famiglie;

b) disturbo del regolare svolgimento delle lezioni tale da comportare nota in condotta sul registro di
classe, in un numero inferiore a tre;
17
c) frequenza alle lezioni irregolare (la somma derivante dal numero di assenze + ritardi + uscite
anticipate, non supera quanto previsto dal regolamento distituto);

d) mediocre interesse e partecipazione passiva alle lezioni;

e) discontinuo svolgimento delle consegne scolastiche.

Le valutazioni inferiori al sei sono considerate valutazioni negative.

Le ragioni dellassegnazione delle valutazioni negative sono oggetto di annotazione nel verbale del
consiglio di classe.

COMMA 6

Sar attribuito il VOTO 5 allo studente che soddisfer le seguenti condizioni:

La condizione di incontenibile comportamento accentuatamente grave di uno studente testimoniata


dal concorrere, nella stessa persona, di situazioni negative qui individuate:

a) grave inosservanza del regolamento scolastico tale da comportare notifica alle famiglie e sanzione
disciplinare con sospensione di 15 giorni;

b) disturbo del regolare svolgimento delle lezioni tale da comportare pi sanzioni di sospensione;

c) quando dopo lallontanamento lalunno abbia mostrato di non aver cambiato in meglio il suo
comportamento;

d) sempre che il Consiglio di Classe, pur in presenza delle tre suddette condizioni non decida comunque
di attribuire 6 (ferma restando lautonomia della funzione docente anche in materia della valutazione
del comportamento).

Cfr. D.M. n. 5 del 16 gennaio 2009.

COMMA 7

Sar attribuito il VOTO 4, 3, 2, 1 allo studente:

che si trova in situazione peggiorativa rispetto al comma 6.

18
CAP. 7 CRITERI SCRUTINIO
CRITERI SCRUTINIO
PREMESSA Premesso che in ottemperanza alla disposizione di cui alla O.M. N 98
del 18 ottobre 2012 per la scuola secondaria di secondo grado anche la
valutazione per lo scrutinio intermedio delle classi 1,2,3, sar
espresso con voto unico, si individuano i seguenti criteri:
1.Ogni deliberazione di scrutinio, sia positiva sia negativa, sia di sospensione di
giudizio (in presenza di debiti), deve avere finalit educative e formative
2.la valutazione deve avvenire tenendo conto della crescita e dello sviluppo
umano, culturale e civile dellalunno;
3.ogni docente si assume la diretta e piena responsabilit delle informazioni
che offre al Consiglio;
4.nessun componente del Consiglio di Classe pu assumere il diritto di valutare
da solo per tutti.
FINALIT Secondo quanto previsto dall O.M. 92 del 5-XI-2007
1. La valutazione un processo che accompagna lo studente per lintero
percorso formativo, perseguendo lobiettivo di contribuire a migliorare la
qualit degli apprendimenti.
2. I processi valutativi, correlati agli obiettivi indicati nel piano dellofferta
formativa, mirano a sviluppare nello studente una sempre maggiore
responsabilizzazione rispetto ai traguardi prefissati e a garantire la qualit
del percorso formativo in coerenza con gli obiettivi specifici previsti per
ciascun anno dellindirizzo seguito
CRITERI A partire da una visione globale dellalunno
GENERALI Appurata la validit dellanno scolastico ( frequenza valutazioni)
Il Collegio docenti delibera i seguenti criteri al fine di garantire lomogeneit e
la correttezza della valutazione:
Il Consiglio di Classe sulla base
 degli obiettivi didattici,educativi e formativi e dei criteri di valutazione
 di quanto richiamato dalle normative vigenti
 degli obiettivi minimi di conoscenze,competenze e abilit definiti per singole
discipline
 di una visione olistica della persona
valuta di ogni singolo alunno
 i risultati oggettivi, espressi attraverso i giudizi e le proposte di voto dei
singoli docenti, conseguiti nelle singole discipline considerate tutte di pari
dignit in ordine alla valenza formativa, seppur con particolare attenzione
alle materie caratterizzanti il corso di studio
 la partecipazione e limpegno nelle attivit e progetti promossi dalla scuola
 le capacit personali e latteggiamento scolastico mostrato nel corso
dellanno scolastico e di quelli precedenti
 la globalit delle competenze e delle conoscenze acquisite
 la partecipazione e i risultati conseguiti nei corsi di recupero
attua
le necessarie analisi allinterno della classe tra alunni che presentino analogia
di situazioni, onde evitare, a parit di elementi di valutazione, disparit di
trattamento
delibera
in modo strettamente individuale, singolarmente per ciascun alunno, la
promozione, lammissione esami di qualifica e di Stato non promozione, non
ammissione esami di qualifica e di Stato, sospensione di giudizio per le classi
della secondaria di secondo grado;
fornisce
 in caso di presenza di sospensione del giudizio, linformativa necessaria per
il recupero delle lacune riscontrate, tramite una scheda informativa come
da normativa vigente.
 in caso di esito negativo, tutte le informazioni e le valutazioni prodotte, se
richieste dallinteressato
 In sede di scrutinio finale assegna collegialmente il voto di profitto e di
condotta

19
PROPOSTA Il docente della disciplina propone il voto in base ad un giudizio motivato
DI VOTO desunto dagli esiti di un congruo numero di prove effettuate durante il II
quadrimestre e sulla base di una valutazione complessiva dellimpegno, della
partecipazione, degli stage, delle attivit extrascolastiche che abbiano rilievo
didattico.
VALENZA I debiti del 1^ quadrimestre contribuiranno in maniera significativa alla
EDUCATIVA DEL valutazione dello studente:
DEBITO DEL 1^ a) se saldati saranno elementi qualitativi per il singolo docente e per il
QUAD. Consiglio di Classe. Per le classi terze, quarte e quinte della scuola
secondaria di secondo grado concorreranno allattribuzione del
punteggio complessivo del curriculum (es. sar il voto positivo riportato
nella verifica, come saldo del debito, ad essere sommato agli altri voti)
b) non saldati saranno un ulteriore elemento non positivo che pu
determinare la non ammissione alla classe successiva o, per la scuola
secondaria di secondo grado la sospensione dei giudizio.
GIUDIZIO FINALE Lanno scolastico si conclude a livello valutativo con un giudizio sintetico o voto
finale espresso allunanimit o a maggioranza dai C.d.C. o team docenti,
differenziato per ciascun ordine grado di scuola e con la compilazione dei
documenti di valutazione cos come predisposto dal >MIUR per le scuole dei
vari ordine e gradi.
VALUTAZIONE Il voto di comportamento secondo la griglia sopra riportata viene proposto dal
COMPORTAMENTO Coordinatore di Classe.
Ove lattribuzione del punteggio rilever margini di flessibilit, il Consiglio di
Classe si esprimer in perfetta autonomia e decisionalit tenendo conto della
visione olistica dellalunno e del suo rapporto nel contesto classe.

20
CAP. 8 VALIDITA ANNO SCOLASTICO

VALIDIT ANNO Secondo la normativa vigente, Regolamento valutazione DPR 122/09, a


SCOLASTICO decorrere dallanno scolastico 2010/2011, salvo casi eccezionali,
introdotto lobbligo di frequenza nel limite minimo dei del monte ore
annuo, con deroghe eccezionali e debitamente documentate.
Il Commissario Straordinario e il Collegio Docenti indicano le seguenti
deroghe debitamente documentate a condizione, comunque, che tali
assenze non pregiudichino la valutazione degli alunni interessati:
a. Motivi di salute;
b. Terapie e/o cure programmate;
c. Donazioni di sangue;
d. Gravi situazioni familiari;
e. Attivit lavorativa con contratto di assunzione;
f. Partecipazione ad attivit sportive e agonistiche organizzate da
federazioni riconosciute dal CONI;
g. Adesioni a confessioni religiose per le quali esistono specifiche intese
(CM n.20/2011)
Le suddette motivazioni vanno tempestivamente dichiarate e certificate.
Diversamente non verranno prese in considerazione come deroghe.
Le assenze dalle lezioni derivante da allontanamento disciplinare
adeguatamente motivato si sommano al monte ore delle assenze e pertanto
non sono soggette a deroghe.
ALTERNANZA LAlternanza Scuola Lavoro essendo parte integrante del curriculum
SCUOLA LAVORO scolastico delle scuole secondarie di secondo grado concorre alla
preparazione complessiva e formativa dello studente e allattribuzione del
credito secondo le tabelle previste dal ministero e dai pesi stabiliti dai
consigli di classe.
NON PROMOZIONE Per gli studenti non ammessi alla classe successiva il consiglio di classe:
formula un giudizio globale che sintetizza i motivi della non ammissione alla
classe successiva e che pu contenere anche lindicazione allo studente
dellopportunit di cambiare lindirizzo di studi (per la scuola secondaria di
secondo grado). In caso di non promozione negli scrutini finali tali giudizi
saranno integrati con gli esiti delle verifiche finali.
Nel prospetto dei voti dello scrutinio finale che verr affisso allalbo
dellistituto si indicher semplicemente Non ammesso (solo per la scuola
secondaria di primo e secondo grado).
Le famiglie il cui figlio/a non stato/a promosso/a alla classe successiva
saranno contattate telefonicamente entro la mattinata del giorno della
pubblicazione ufficiale degli esiti dello scrutinio, che pertanto saranno esposti
allalbo solo successivamente alla comunicazione; possono accedere a tutti
gli atti riguardanti la non ammissione del/la proprio/a figlio/a (secondo la
normativa)
ALUNNI CON Agli alunni per i quali sospeso il giudizio nello scrutinio finale sar
GIUDIZI SOSPESO comunicato per iscritto, secondo le richieste della normativa vigente :
SECONDARIA DI a) Il voto proposto dal docente nella disciplina insufficiente e il relativo
SECONDO GRADO giudizio
b) i contenuti riferiti alle lacune degli obiettivi irrinunciabili della disciplina
definiti in sede di dipartimenti che saranno oggetto di accertamento
formale del superamento della sospensione;
c) le modalit di recupero delle carenze segnalate: studio individuale/ corsi
di recupero estivi obbligatori
d) la facolt della famiglia, previa comunicazione alla scuola di optare per
unattivit di recupero in forma privata
e) le modalit e i tempi delle verifiche da effettuare prima dellinizio delle
lezioni del nuovo anno scolastico
Linformativa verr consegnata personalmente ai genitori dai docenti della
scuola in servizio e non impegnati negli esami di Stato; dove possibile
saranno gli stessi docenti del consiglio. La data di consegna verr
segnalata nei tabelloni degli scrutini.
ALUNNI AMMESSI Per gli alunni ammessi alla classe successiva si possono verificare due
21
ALLANNO situazioni:
SUCCESSIVO 1) alunni ammessi pienamente per i quali non necessario alcun intervento
2) alunni ammessi che necessitano di indicazioni di studio durante le
vacanze estive (consolidamento delle conoscenze acquisite e delle
competenze dimostrate)
CERTIFICAZIONE Alla fine del triennio della scuola dellinfanzia, alla fine della quinta della
COMPETENZE scuola primaria, del triennio della scuola secondaria di primo grado del
biennio della scuola secondaria di secondo grado il team docenti o il CdC
tenuto a redigere la certificazione dei traguardi per la scuola dellinfanzia e
delle competenze per tutti gli altri ordini e gradi scuola.
Per gli alunni con giudizi sospeso del secondo grado tale certificazione viene
redatta nello scrutinio di fine agosto.
Quando un alunno si trasferisce, la certificazione di competenza andr
redatta alla fine dellanno scolastico dalla scuola accogliente.
ALUNNI Quando gli studenti richiedono in tempi utili il passaggio ad altro indirizzo
PROVENIENTI DA (studenti interni)o provenienti da altri istituti (studenti esterni) saranno
ALTRI INDIRIZZI accolti nelle rispettive scuole secondo le apposite procedure riferite alle
ISTITUTI norme per i passaggi e trasferimenti.
SCOLASTICI
CORSI DI RECUPERO La ripartizione temporale , previo accertamento della copertura finanziaria,
ESTIVI verr individuata nei mesi di giugno,luglio e agosto
Impegni del docente curricolare che non effettua il corso.
Il docente secondo la normativa vigente tenuto a raccordarsi con il
docente del corso indicandogli tutti gli elementi necessari affinch il corso
sia proficuo per lalunno.
Indicazioni per il docente titolare del corso
Il docente del corso avr cura di redigere lapposito registro di tener conto
delle carenze degli studenti per un percorso finalizzato allassolvimento del
debito.
VERIFICHE FINALI E Le prove di verifica finale si svolgeranno secondo la seguente procedura:
INTEGRAZIONE somministrazione prove Scritte Orali Pratiche secondo quanto richiesto dal
DELLO SCRUTINIO piano di studi e per la verifica degli obiettivi e delle conoscenze irrinunciabili.
FINALE Prevedere una prova suppletiva come stabilito dalla normativa.
Periodo di espletamento delle prove. Fermo restando la normativa
vigente: fine agosto di ogni anno salvo altra disposizione del ministero.
Preparazione delle prove: il testo delle prove , compresa la suppletiva)
supportato da relativi elementi di adeguatezza (in caso di quesiti e/o
problemi) e griglia per valutazione e correzione, concordato e predisposto,
dovr essere depositato entro giugno e conservato nella cassaforte
dellistituto.
Scrutinio
Successivamente al completamento delle verifiche, i consigli di classe
saranno convocati improrogabilmente entro la data dinizio delle lezioni per
lintegrazione dello scrutinio finale, con la stessa composizione dello
scrutinio finale o con sostituzione appurata formalmente la indisponibilit.
Il consiglio di classe, alla luce delle verifiche effettuate , delibera la
integrazione dello scrutinio finale, espresso sulla base di una valutazione
complessiva dello studente, che, in caso di esito positivo, comporta
lammissione dello stesso alla frequenza della classe successiva. In tale
caso, risolvendo la sospensione di giudizi, vengono pubblicati allalbo
dellistituto i voti riportati in tutte le discipline con la indicazione ammesso.
In caso di esito negativo del giudizio finale, sulla base di una valutazione
complessiva dello studente, il relativo risultato viene pubblicato allalbo
dellistituto con la sola indicazione non ammesso. Nei confronti degli
studenti per i quali sia stata espressa una valutazione positiva in sede di
integrazione dello scrutinio finale al termine del terzultimo e penultimo
anno di corso, il consiglio di classe procede altres allattribuzione del
punteggio di credito
scolastico.
PRIVATISTI Per i privatisti che si presentano allesame di stato o di qualifica ci si attiene
alla normativa vigente

22
CAP. 9 CREDITO SCOLASTICO SECONDO GRADO
Attribuzione del credito scolastico: per credito scolastico si intende il punteggio che il consiglio di
classe attribuisce a ciascun studente in base agli esiti dello scrutinio di ciascuna classe del triennio.
Tale punteggio concorre per un massimo di 25 punti a costituire il punteggio finale dellesame di stato.
Per gli alunni delle classi III IV V DM 99/2009

Media dei voti Credito scolastico (Punti)


I anno II anno 1 III anno
M=6 3-4 3-4 4-5
6<M7 4-5 4-5 5-6
7<M8 5-6 5-6 6-
8<M9 6-7 6-7 7-8
9< M 10 7-8 7-8 8-9

Canditati esterni DM 99/2009: tabella B tabella C


Media dei voti Credito scolastico Credito scolastico
Esami idoneit Esami preliminari
M=6 3-4 3-4
6<M7 4-5 4-5
7<M8 5-6 5-6
8<M9 6-7 6-7
9< M 10 7-8 7-8

Il Consiglio di Classe in sede di scrutinio pu attribuire il punteggio massimo della banda di


oscillazione se lo studente rientra in uno o pi indicatori di seguito riportati.

Classe III MAT a.s. 2012/2013


Crediti scolastici

crediti formativi
valutazione

voto qualifica espresso in decimi

IRC o att. Alternativa = 0,20


voto di qualifica espresso in
prova umanistica (max 4)

prova tecnica (max 6)

Qualifica max 0,60


voto ammissione

alternanza = 0,1

formativi = 0,10
qualificato con

totale credito
voto di fascia
centesimi

Nome
N Cognome
1 0,00 0,00
2 0,00 0,00
3 0,00 0,00
4 0,00 0,00
5 0,00 0,00
6 0,00 0,00
7 0,00 0,00
8 0,00 0,00
9 0,00 0,00
10 0,00 0,00

23
media dei credito qualifica punteggio
voti scolastico 60 - 70 0,3
6 punti 3-4 71 - 80 0,4
6,1-7 punti 4-5 81 - 90 0,5
7,1-8 punti 5-6 91 - 100 0,6
8,1-9 punti 6-7
9,1-10 punti 7-8

CLASSI 3 - 4 - 5 LICEO E 4 5 IPSIA

crediti esterni
Discipline

assiduit max 0,30

formativi = 0,20
alternanza 0,30
religione =0,20

totale credito

totale credito
voto di fascia
media voti

credito III
condotta

Nome e
N Cognome
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

credito credito
scolastic scolastic
media o II o III
dei voti anno anno
punti 3- punti 4-
M=6 4 5
6< punti 4- punti 5-
M<=7 5 6
7 < M punti 5- punti 6-
<= 8 6 7
8< M<= punti 6- punti 7-
9 7 8
9< punti 7- punti 8-
M<=10 8 9
24
CAP.9 ISTRUTTORIA ESAMI DI STATO

PRIMO GRADO

ESAME DI STATO CONCLUSIVO


DEL PRIMO CICLO DISTRUZION
PRESENTAZIONE DELLISTRUTTORIA DESAME

ANNO SCOLASTICO 2012/2013

I consigli delle classi IIIe della Scuola Secondaria di 1 grado di Nocera e Valtopina ritengono
opportuno supportare la presentazione degli alunni allEsame di Licenza con un dossier esaustivo in
cui, oltre alla valutazione delle competenze in uscita dal primo ciclo di istruzione (allegato 1 e
allegato 1bis), sono presenti il giudizio di ammissione agli esami (allegato 2) e i criteri di
valutazione di processo e di prodotto unitamente al consiglio orientativo (allegato 3). Di
seguito sono inseriti i criteri per la preparazione delle prove scritte e le griglie di correzione
(allegato 4), i criteri per le prove orali e relativa griglia di valutazione (allegato 5) unitamente
alle schede di valutazione alunni DSA e alunni non italofoni. Infine si allega il giudizio sintetico
globale desame (allegato 6) e linformativa per studenti e famiglie da consegnare prima
dellinizio delle prove.

25
I DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE:

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

26
Allegato 1
NOCERA UMBRA 2012/2013

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO D. ALIGHIERI DI NOCERA U.


Lalunno ..... nato a .... il .
frequentante la classe 3 sez. della Scuola secondaria di 1 grado di ..
E IN GRADO DI

VALUT. IN
AREA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE LIVELLI DI
DECIMI
ESERCIZIO
E C A
Comprendere il Conoscere:
messaggio contenuto in principali strutture
un testo orale grammaticali della
lingua italiana
Esporre in modo chiaro,
logico e coerente elementi di base
esperienze vissute o testi delle funzioni della
ascoltati lingua italiana

Riconoscere differenti lessico


L fondamentale per la
registri comunicativi di un
I gestione di semplici
testo orale
N comunicazioni orali
G in contesti formali e
Affrontare molteplici
U informali
situazioni comunicative
I
scambiando informazioni
S Padroneggiare elementi di
e idee per esprimere
T gli strumenti differenziazione del
anche il proprio punto di
I espressivi ed discorso descrittivo
vista
C argomentativi
O indispensabili la propria identit
Padroneggiare gli schemi
per gestire corporea e i propri
motori e posturali E C A
E linterazione limiti
adattandoli alle variabili
S comunicativa
spazio-temporali gli elementi tecnici
P verbale e non in
R vari contesti delle principali
Sperimentare i corretti discipline sportive e
E
valori dello sport e la il loro valore socio-
S
rinuncia a qualunque educativo
S
forma di violenza,
I
attraverso il le principali norme
V
riconoscimento e di sicurezza e di
A
lesercizio di tali valori in igiene per un
contesti diversificati corretto stile di vita

Rispettare le regole e
collaborare con gli altri
integrandosi nel gruppo e
assumendo responsabilit
nei confronti delle proprie
azioni

27
Assumere atteggiamenti
idonei a favorire la
sicurezza e la salute
propria e quella degli altri
Ascoltare, comprendere, Conoscere:
selezionare e rielaborare strutture essenziali
informazioni di vario tipo dei testi narrativi,
espositivi,
Riconoscere ed applicare argomentativi
strutture della lingua
italiana principali connettivi
logici
Leggere, comprendere e
variet lessicali in
ricavare informazioni
rapporto ad ambiti
implicite ed esplicite da
e contesti diversi
testi di vario tipo
Leggere, tecniche di lettura
comprendere ed Padroneggiare strutture analitica, sintetica
interpretare della lingua presenti nei ed espressiva E C A
testi scritti di testi
vario tipo principali generi
Applicare strategie letterali, con
diverse di lettura particolare
riferimento alla
Individuare natura, tradizione italiana
funzione e principali scopi
contesto storico di
comunicativi ed
riferimento di alcuni
espressivi di un testo
autori e opere

Cogliere i caratteri
specifici di un testo
letterario

Ricercare, acquisire e Conoscere:


selezionare informazioni elementi strutturali
generali e specifiche in di un testo scritto
funzione della produzione coerente e coeso
di testi scritti di vario tipo
modalit e tecniche
Produrre testi di Prendere appunti e delle diverse forme
vario tipo in redigere sintesi e di produzione
relazione ai relazioni scritta: riassunto, E C A
differenti scopi lettera, relazioni,
comunicativi Rielaborare in forma ecc
chiara le informazioni
fasi della
Produrre testi corretti e produzione scritta:
coerenti adeguati alle pianificazione,
diverse situazioni stesura e revisione
comunicative
Utilizzare una Comprendere i punti Conoscere:
lingua straniera principali di messaggi e lessico di base su E C A
per i principali annunci semplici e chiari argomenti di vita

28
scopi su argomenti di interesse quotidiana, sociale
comunicativi ed personale, quotidiano, e professionale
operativi sociale o professionale
uso del dizionario
Ricercare informazioni bilingue
allinterno di testi di
breve estensione di regole grammaticali
interesse personale, fondamentali
quotidiano, sociale o
corretta pronuncia
professionale
di un repertorio di
Descrivere in maniera parole e frasi
semplice esperienze ed memorizzate di uso
eventi relativi allambito comune
personale e sociale
semplici modalit di
Utilizzare in modo scrittura: messaggi
adeguato le strutture brevi, lettera
grammaticali informale

Riflettere sui propri cultura e civilt dei


atteggiamenti in rapporto paesi di cui si studia
allaltro in contesti la lingua
multiculturali

Interagire Utilizzare le abilit Conoscere:


oralmente in comunicative secondo il aspetti morfo-
lingua inglese a Sillabus dellEsame sintattici, fonologici
livello A.2 del europeo Trinity GESE e grammaticali
Quadro Comune Grade 4 secondo il Sillabus
di Riferimento dellEsame europeo
Europeo Trinity GESE Grade
4
Riconoscere e apprezzare Conoscere:
opere darte elementi
fondamentali per la
Rispettare i beni culturali lettura/ascolto di
e ambientali a partire dal unopera darte
Utilizzare gli
proprio territorio
strumenti
principali forme di
fondamentali
Eseguire ed interpretare espressione
per una
brani strumentali artistica
fruizione E C A
consapevole del elementi
Comprendere eventi e
patrimonio fondamentali del
opere musicali
artistico e linguaggio musicale
riconoscendone i
musicale
significati in relazione al
principali
contesto storico-musicale
composizioni di vari
autori appartenenti
a diversi periodi
storici
Conoscere:
Utilizzare e
principali
produrre testi E C A
componenti
multimediali
strutturali ed
29
espressivi di un
prodotto audiovisivo
semplici applicazioni
per lelaborazione
audio e video

Saper gestire esperienze Conoscere:


motorie e sportive i principi
fondamentali delle
Possedere le abilit dei norme igieniche e di
principali giochi e sport prevenzione per la
sicurezza e la salute
Utilizzare
Interiorizzare i valori del
linguaggi E C A
fair play e attivare le regole dei
corporei
relazioni positive principali giochi e
rispettando le diversit sport

Saper utilizzare gli aspetti


comunicativi del
movimento
Applicare il significato Conoscere:
logico-operativo di gli insiemi numerici
numero N, Z, Q, R,
rappresentazioni,
Confrontare ed ordinare operazioni

Utilizzare le diverse sistemi di


notazioni e saperle numerazione
convertire una nellaltra
espressioni
M Comprendere il algebriche
A significato di potenza,
principali propriet
Utilizzare le calcolare potenze e
T tecniche e le applicarne le propriet
delle operazioni
E procedure del
equazioni di 1
M calcolo Risolvere espressioni nei
grado ad una
aritmetico ed diversi insiemi numerici, E C A
A incognita
algebrico, rappresentare la
T rappresentan- soluzione di un problema
dole anche sotto con una espressione e
I forma grafica calcolarne il valore anche
C utilizzando la calcolatrice
A
Tradurre brevi istruzioni
in sequenze simboliche,
risolvere sequenze di
operazioni e problemi
sostituendo alle variabili
letterali i valori numerici

Comprendere il
significato logico-
operativo di rapporto e

30
grandezza derivata,
impostare uguaglianze di
rapporti per risolvere
problemi di
proporzionalit e
percentuale, risolvere
semplici problemi diretti e
inversi

Risolvere equazioni di 1
grado e verificare la
correttezza dei
procedimenti utilizzati
Riconoscere enti Conoscere:
geometrici, figure, luoghi gli enti
geometrici e descriverli fondamentali della
con linguaggio naturale geometria

Individuare le propriet il piano euclideo:


essenziali delle figure e relazioni fra rette,
riconoscerle in situazioni congruenza di
concrete figure, poligoni e
loro propriet
Disegnare figure
geometriche con semplici
circonferenza e
Confrontare e tecniche grafiche e
cerchio
analizzare figure operative
geometriche,
Applicare le principali misura di
individuando E C A
formule relative alla retta grandezze,
varianti,
e alle figure geometriche grandezze
invarianti e
nel Piano Cartesiano incommensurabili,
relazioni
Risolvere problemi di tipo perimetro e area di
geometrico, ripercorrerne poligoni, teoremi di
le procedure risolutive Pitagora e di Euclide

Comprendere i principali il metodo delle


passaggi logici di una coordinate: il Piano
dimostrazione Cartesiano

trasformazioni
geometriche
elementari e loro
invarianti

31
Progettare un percorso Conoscere:
risolutivo strutturato in le fasi risolutive di
tappe un problema e le E C A
loro
Formalizzare il percorso rappresentazioni
Individuare
di soluzione di un con diagrammi
strategie
problema attraverso
appropriate per
modelli algebrici e grafici principali
la soluzione di
rappresentazioni di
problemi
Verificare i risultati un oggetto
conseguiti sia matematico
empiricamente, sia
mediante argomentazioni tecniche risolutive
di un problema con
Tradurre dal linguaggio lutilizzo di frazioni,
naturale al linguaggio proporzioni,
matematico e viceversa percentuali, formule
geometriche,
equazioni di 1
grado
Raccogliere, organizzare Conoscere:
e rappresentare un significato di analisi
insieme di dati e organizzazione di
dati numerici
Analizzare dati e Rappresentare classi di
interpretarli, dati mediante istogrammi il Piano Cartesiano
sviluppando e diagrammi a torta e il concetto di
deduzioni e funzione
ragionamenti Leggere ed interpretare
funzioni di
sugli stessi, tabelle e grafici in termini
proporzionalit
anche con di corrispondenze fra gli
diretta e inversa e
lausilio di elementi di due insiemi
relativi grafici
rappresenta -
zioni grafiche, Riconoscere una incertezza di una E C A
usando relazione tra variabili, in misura e concetto di
consapevolment termini di proporzionalit errore e di
e gli strumenti diretta o inversa e approssimazione
di calcolo e le formalizzarla attraverso
potenzialit una funzione matematica
offerte da
applicazioni notazione scientifica
Rappresentare sul Piano
specifiche di tipo per i numeri reali
Cartesiano il grafico di
informatico una funzione

Valutare lordine di
grandezza di un risultato

Osservare, Raccogliere dati Conoscere:


descrivere ed attraverso losservazione concetto di misura e
analizzare diretta dei fenomeni sua
fenomeni naturali o degli oggetti approssimazione E C A
appartenenti artificiali o la
alla realt consultazione di testi, principali strumenti
naturale e manuali o media e tecniche di
32
artificiale; misurazione
riconoscere Organizzare e sequenza delle
nelle loro varie rappresentare i dati operazioni da
S forme i concetti raccolti effettuare
C di sistema e di
complessit Individuare, con la guida fondamentali
I
del docente, una possibile meccanismi di
E interpretazione dei dati in classificazione
N base a semplici modelli
T utilizzo dei principali
Presentare i dati di una programmi software
I analisi
F schemi, tabelle e
I Utilizzare classificazioni, grafici
generalizzazioni e/o semplici schemi per
C
schemi logici per presentare
O riconoscere il modello di correlazioni fra le
riferimento variabili di un
fenomeno
T
Riconoscere e definire i appartenente
E principali aspetti di un allambito scientifico
C Ecosistema caratteristico del
percorso formativo
N
Essere consapevoli del
O ruolo che i processi concetto di
L tecnologici giocano nella Ecosistema
O modifica dellambiente impatto ambientale
considerato come sistema e sviluppo
G ecosostenibile
I
C Interpretare un Conoscere:
fenomeno naturale o un concetto di sviluppo
A
sistema artificiale dal sostenibile
punto di vista energetico
distinguendo le varie concetto di energia,
Analizzare trasformazioni di energia trasformazione e
qualitativament in rapporto alle leggi che produzione
e e quantitativa le governano
mente fenomeni strutture concettuali
legati alle Avere la consapevolezza di base del sapere E C A
trasformazioni dei possibili impatti tecnologico
di energia a sullambiente naturale dei
operazioni
partire modi di produzione e di
specifiche di base di
dallesperienza utilizzo dellenergia
alcuni dei
nellambito quotidiano
programmi
Riconoscere il ruolo della applicativi pi
tecnologia nella vita comuni
quotidiana
Saper collocare Riconoscere le dimensioni Conoscere:
S
gli eventi storici del tempo e dello spazio le periodizzazioni
T nello spazio e attraverso losservazione fondamentali della E C A

O nel tempo di eventi storici e di aree storia mondiale

33
R geografiche i principali fenomeni
storici e le
I Collocare i pi rilevanti coordinate spazio-
C eventi storici affrontati tempo che li
secondo le coordinate determinano
O spazio-tempo
i principali fenomeni
Identificare gli elementi sociali ed economici
S maggiormente che caratterizzano il
O significativi per mondo
confrontare aree e periodi contemporaneo,
C diversi anche in relazione
I alle diverse culture
Comprendere il
A cambiamento in relazione i principali eventi
L agli usi, alle abitudini, al che consentono di
vivere quotidiano nel comprendere la
E confronto con la propria realt nazionale ed
esperienza personale europea

Leggere, anche in i principali sviluppi


modalit multimediale, le storici che hanno
differenti fonti letterarie, coinvolto il proprio
documentarie, territorio
cartografiche,
ricavandone informazioni le diverse tipologie
su eventi storici di di fonti
diverse epoche e
differenti aree le principali tappe
geografiche dello sviluppo
dellinnovazione
Individuare i principali tecnico.scientifica e
mezzi e strumenti che della loro
hanno caratterizzato conseguente
linnovazione tecnico- innovazione
scientifica nel corso della tecnologica
storia
Comprendere le Conoscere:
caratteristiche Costituzione italiana
Comprendere il fondamentali dei principi
e delle regole della Organi dello stato e
sistema di
Costituzione italiana loro funzioni
regole sociali
principali
fondate sul
Identificare i diversi
reciproco Principali
modelli istituzionali e di
riconoscimento problematiche
organizzazione sociale e
dei diritti relative E C A
le principali relazioni tra
garantiti dalla allintegrazione e
persona- famiglia-Stato
Costituzione con alla tutela dei diritti
particolare umani e alla
riferimento alle promozione delle
persone e pari opportunit
allambiente Organi e funzioni di
Regione, Provincia e
Comune

34
COMPETENZE-CHIAVE DI CITTADINANZA

A partire dalle IMPARARE AD organizzando il proprio apprendimento,


conoscenze e IMPARARE individualizzando, scegliendo ed utilizzando
dalle abilit fonti gi conosciute e varie modalit di
assunte nel informazione (formale, non formale e E C A
percorso di informale), anche in funzione dei tempi
studi e dai disponibili, delle proprie strategie e del
saperi formali proprio metodo di studio e di lavoro
ed informali PROGETTARE realizzando progetti con modalit guidata
che hanno riguardanti lo sviluppo delle proprie attivit
E C A
connotato la di studio e di lavoro finalizzati al proprio
crescita orientamento
formativa COMUNICARE comprendere messaggi di vario genere
dellalunno (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico) e
studente e di complessit diversa, trasmessi utilizzando
hanno differenti linguaggi (verbale, matematico, E C A
indirizzato i scientifico, simbolico, ecc) e conoscenze
suoi disciplinari, mediante diversi supporti
comportamenti (cartacei, informatici e multimediali).
in ordine alla COLLABORARE E interagendo in gruppo, comprendendo i
responsabilit PARTECIPARE diversi punti di vista, avendo coscienza delle
personale e proprie e delle altrui capacit, cominciando a
alla relazione e gestire la conflittualit, contribuendo
E C A
umana e allapprendimento comune ed alla
sociale realizzazione delle attivit collettive, nel
riconoscimento dei diritti fondamentali degli
altri
AGIRE IN MODO inserendosi in modo attivo e consapevole
AUTONOMO E nella realt quotidiana, facendo valere al suo
RESPONSABILE interno i propri diritti e riconoscendo al E C A
contempo quelli altrui, i limiti, le regole, le
responsabilit
RISOLVERE affrontando situazioni problematiche,
PROBLEMI costruendo e verificando ipotesi,
raccogliendo e valutando i dati, proponendo
E C A
soluzioni, utilizzando, secondo il tipo di
problema, contenuti e metodi delle diverse
discipline
INDIVIDUARE individuando, rappresentando ed elaborando
COLLEGAMENTI E argomentazioni coerenti, collegamenti e
RELAZIONI relazioni fra fenomeni, eventi e concetti
diversi, anche appartenenti a diversi ambiti E C A
disciplinari e lontani nello spazio e nel tempo,
individuando analogie e differenze, cause ed
effetti e la loro natura probabilistica
ACQUISIRE ED acquisendo linformazione utilizzando diversi
INTERPRETARE strumenti comunicativi, valutandone lutilit, E C A
LINFORMAZIONE distinguendo fatti ed opinioni
LIVELLI DI ESERCIZIO
E = ESSENZIALE C = CONSOLIDATO A = AVANZATO
La competenza esercitata a partire da La competenza esercitata a partire da
La competenza esercitata a partire da
conoscenze sufficientemente apprese conoscenze rielaborate ed
conoscenze stabilmente apprese ed
ed abilit assunte con modalit non approfondite ed abilit assunte con
abilit assunte con modalit autonoma
sempre autonoma modalit autonoma e personalizzata
VALUTAZIONE IN DECIMI
E: 6 C: 7 - 8 A: 9 - 10
35
Allegato 1 bis

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO
D. Alighieri
Tel. 0742/818847 818860
06025 NOCERA UMBRA (PG)

CLASSIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER ALUNNI NON ITALOFONI (Quadro Europeo delle Lingue)

Lalunno ....... nato a ... il ...


frequentante la classe 3a sez. .. della Scuola secondaria di 1 grado di
E IN GRADO DI
A1 A2 B1
Riconoscere Riuscire a capire Riuscire a capire gli
parole che espressioni e parole di elementi principali in un
sono familiari ed uso molto frequente discorso chiaro in lingua
espressioni molto relative a ci che ci standard su argomenti
semplici riferite a riguarda direttamente familiari, che si
s (per esempio affrontano
stessi, alla informazioni di base frequentemente al
propria sulla propria persona e lavoro, a scuola, nel
famiglia e al sulla propria famiglia, gli tempo libero ecc.
ASCOLTO
proprio acquisti, Riuscire a capire
ambiente, purch lambiente circostante e lessenziale di
le il argomenti di attualit o
persone parlino lavoro). Riuscire ad temi di nostro interesse
lentamente e afferrare lessenziale di personale o
COMPREN
chiaramente. messaggi e annunci professionale, purch il
SIONE
brevi, semplici e chiari. discorso sia
relativamente lento e
chiaro
LETTURA Riuscire a capire i Riuscire a leggere testi Riuscire a capire testi
nomi e molto brevi e semplici e scritti di uso corrente
le parole che a trovare legati alla sfera
sono informazioni specifiche e quotidiana o al lavoro.
familiari e frasi prevedibili in materiale Riuscire a
molto di uso quotidiano, quale capire la descrizione di
semplici, per pubblicit, programmi, avvenimenti, di
esempio menu e orari. sentimenti e di desideri
quelle di annunci, Riuscire a capire lettere contenuta in lettere
cartelloni, personali semplici e personali.
cataloghi. brevi.
PARLAT INTERA Riuscire a Riuscire a comunicare Riuscire ad affrontare
O ZIONE interagire in affrontando compiti molte delle situazioni
ORALE modo semplice semplici e di routine che che si possono
se richiedano solo uno presentare viaggiando in
linterlocutore scambio semplice e una zona
disposto diretto di informazioni dove si parla la lingua
a ripetere o a su (italiana).
riformulare pi argomenti e attivit Riuscire a partecipare,
lentamente certe consuete. senza essersi preparati,
cose e Riuscire a partecipare a a conversazioni su
aiuta a formulare brevi conversazioni, argomenti familiari, di
ci che anche se di solito non si interesse
si cerca di dire. capisce personale o riguardanti
Riuscire abbastanza per riuscire la vita quotidiana (per
a porre domande a esempio la famiglia, gli

36
semplici e a sostenere la hobby, il lavoro, i viaggi
rispondere conversazione e i fatti dattualit).
su argomenti
molto
familiari o che
riguardano
bisogni
immediati.
PARLAT PRODU Riuscire a usare Riuscire ad usare una Riuscire a descrivere,
O ZIONE espressioni e serie di collegando
ORALE frasi espressioni e frasi per semplici espressioni,
semplici per descrivere con parole esperienze e
descrivere il semplici avvenimenti, i propri
luogo dove si la propria famiglia ed sogni, le
abita e la altre proprie speranze e le
gente che si persone, le proprie proprie
conosce condizioni ambizioni. Riuscire a
di vita, la carriera motivare e
scolastica e spiegare breve mente
il proprio lavoro attuale opinioni e
o il progetti. Riuscire a
pi recente. narrare una
storia e la trama di un
libro o di
un film e a descrivere le
proprie
impressioni.
SCRITT PRODU Riuscire a Riuscire a prendere Riuscire a scrivere testi
O ZIONE scrivere una semplici semplici e
SCRIT breve e semplice appunti e a scrivere coerenti su argomenti
TA cartolina, per brevi noti o di
esempio messaggi su argomenti interesse. Riuscire a
per mandare i riguardanti bisogni scrivere
saluti immediati. lettere personali
dalle vacanze. Riuscire a scrivere una esponendo
Riuscire a lettera esperienze e impressioni
compilare moduli personale molto
con semplice, per
dati personali esempio per ringraziare
scrivendo qualcuno.
per esempio il
proprio
nome, la
nazionalit e
lindirizzo sulla
scheda di
registrazione di
un
albergo.
A1 A2 B1

Ascolto

Lettura

Interazione orale

Produzione orale

Produzione scritta

Crocettare in base allallegato 1 bis

37
Allegato 2

GIUDIZIO DI AMMISSIONE ALLESAME

ALUNNO/A .

CLASSE 3 SEZ. . TEMPO PROLUNGATO TEMPO NORMALE

Lalunno/a ha tenuto un comportamento (1..


Nelle attivit scolastiche ha evidenziato interesse (..,
impegno (3) ... ed un metodo di lavoro (4

Rispetto ai livelli iniziali, levoluzione del processo di apprendimento stata (...


quindi, a conclusione del triennio, (6) .. gli obiettivi programmati,
come risulta dai risultati espressi nella scheda per singola disciplina, rivelando una maturazione della
personalit (7).... e una preparazione culturale (8)

Pertanto, tenuto conto:


della rilevazione di processo e di prodotto, di cui ai criteri in allegato 3, stabiliti nel POF
della valutazione dellinsegnamento della Religione cattolica o dellattivit alternativa declinata
come in allegato 3
della valutazione del percorso triennale che, se positivo, aggiunge fino a 2 punti alla valutazione di
ammissione, come da legenda voci di completamento al punto 5
della partecipazione alle attivit di approfondimento in lingua inglese propedeutiche al
superamento dellesame di certificazione europea livello A2 Trinity, che in base allimpegno
dimostrato, aggiunge fino ad un punto alla valutazione di ammissione, come da legenda voci di
completamento al punto 10
si esprime giudizio di (9) . agli Esami con la
seguente
valutazione in decimi

(1) legenda voci di (3) - serio e responsabile (6) - ha raggiunto


- costante - non ha raggiunto
completamento- corretto e - discontinuo
responsabile - scarso
- aperto e socievole (7) - completa
- modesto - sicura
- disinvolto ed equilibrato - superficiale
- vivace - adeguata allet
- vivace, ma controllato - in via di positivo sviluppo
- tranquillo ed educato (4) - ordinato e produttivo - non adeguata allet
- corretto - personale
- riservato e sensibile - efficace (8) - ampia e sicura
- spigliato - poco efficace - ottima
- disponibile - produttivo - eccellente
- irrequieto, ma sensibile ai richiami - poco produttivo - buona
- molesto ed insofferente alla disciplina - poco organizzato - discreta
- poco socievole - ancora confuso - mediocre
- poco corretto - incompleta
Non sempre corretto (5) - rilevante - lacunosa
- apprezzabile e consistente 2 p. - carente
(2) - notevole in tutte le discipline - insufficiente
- costante
- settoriale - adeguata alle possibilit 1,5 p. . (9) - ammissione
- incostante - lenta, ma progressiva1 p. - non ammissione
- superficiale
- poco motivato - modesta (10)- rilevante e costante1 p.
- lenta e faticosa 0,5 p - modesto o discontinuo, ma
progressivo0,5 p
- molto difficoltosa 0 p.
- irrilevante

38
Allegato 3
CRITERI DI RILEVAZIONE DI PROCESSO E DI PRODOTTO
Valutazione di processo:
DESCRITTORI INDICATORI
Progressi rispetto alla situazione di
0 1 2 3
partenza
Puntualit nellesecuzione dei compiti
0 1 2 3
assegnati
Impegno 0 1 2 3
Metodo e cura degli strumenti di lavoro 0 1 2 3
LEGENDA:
0 = inesistente
1 = scarso
2 = buono
3 = eccellente
Gli indicatori possono incidere nella valutazione finale con i seguenti esiti:
Gli indicatori 0 e 1 possono diminuire fino a un voto la valutazione di prodotto
Gli indicatori 2 e 3 possono aumentare fino a 2 voti la valutazione di prodotto
Valutazione di prodotto:
le prove di verifica saranno valutate utilizzando la seguente scala docimologica ed i relativi
descrittori:
VOTO DESCRITTORI
1,2,3 Preparazione inesistente
4 Carenze gravi
5 Carenze diffuse, ma lievi
Possesso delle conoscenze essenziali della maggior parte dei contenuti, espresso in modo
6
semplice, ma abbastanza corretto
7 Possesso delle conoscenze essenziali di tutti i contenuti, espresse in modo appropriato
8 Preparazione abbastanza ampia e articolata
9 Preparazione approfondita e linguaggio preciso
Preparazione molto approfondita, linguaggio ricco, preciso ed argomentativo; forte
10
creativit

TABELLA DI DECLINAZIONE DELLA VALUTAZIONE DELLINSEGNAMENTO DI RELIGIONE


CATTOLICA O DI ATTIVITA ALTERNATIVA

GIUDIZIO SINTETICO VOTO IN DECIMI


 Non sufficiente  Da 0 a 5
 Sufficiente  6
 Discreto  7
 Buono  8
 Distinto  9
 Ottimo  10

CONSIGLIO ORIENTATIVO
Alunno/a ............... classe 3a Sez. A.S. 2011/2012
In relazione a quanto proposto nelle varie discipline nel corso del triennio e a quello che lalunno ha
evidenziato in merito al metodo di lavoro, all interesse, allimpegno e alle attitudini personali
Si conferma il giudizio orientativo consegnato ai genitori nel mese di Febbraio

IL CONSIGLIO DI CLASSE
39
VALUTAZIONE ALUNNO DSA
AMBITO SCIENTIFICO
Indicatori Peso Livelli di prestazione Valutazio
ne
Approfondita e completa 5
Completa e abbastanza approfondita . 4
Conoscenza dei 5 Completa ma non approfondita 3*
contenuti Superficiale e non approfondita 2
Lacunosa e inadeguata 1
Nulla o nessuna 0
Autonoma, precisa e coerente 3
Coerente ma non sempre autonoma 2,5
Coerente ma con imprecisioni 2*
Applicazione 3
Imprecisa e non coerente 1
delle regole
Del tutto scorretta 0,5
Nessuna 0
Completa del tutto corretta 2
Competenza
Abbastanza completa e corretta 1,25
linguistica e
uso del 2 Essenziale e abbastanza corretta 1*
linguaggio Frammentaria e con errori 0,5
specifico Frammentaria e con gravi errori 0,25
Poco comprensibili 0
area della sufficienza
peso : importanza dellindicatore

AMBITO UMANISTICO
Indicatori Peso Livelli di prestazione Valutazio
ne
Padroneggia gli argomenti trattati 5
Comprende gli argomenti affrontati ed individua gli 4
elementi fondamentali
Aderenza
5 Conosce parzialmente gli argomenti trattati 3*
alla traccia
Conosce in maniera frammentaria o superficiale gli
2
argomenti trattati
Non conosce gli argomenti trattati 0
Argomenta e rielabora in modo logico 3
Argomenta e rielabora in maniera sufficientemente 2,5
Articolazione e coerente
coerenza 3 Argomenta e rielabora in maniera
2*
argomentativa parzialmente coerente
Argomenta e rielabora in modo incoerente 1
Argomenta e manca di una completa rielaborazione 0
E corretto 2
Correttezza e uso Presenta alcune propriet sintattiche 1,5
2 Presenta errori diffusi 1*
della lingua
Presenta errori gravi e molto diffusi 0,5
Presenta errori molto gravi e molteplici 0

40
VALUTAZIONE ALUNNO NON ITALOFONO

Abilit Livelli di prestazione Valutazione

0 1 2 3 4
Comprende semplici consegne e domande a risposta
Comprensione chiusa
orale Comprende semplici frasi e domande
Comprende un breve intervento orale se articolato
lentamente
Comprende e segue semplici frasi ed indicazioni
relative a contesti a lui familiari
Comprende i punti principali di un discorso chiaro su
argomenti noti in campo scolastico ed extrascolastico
Comprende ed estrae informazioni essenziali da un
breve intervento orale su fatti quotidiani
Comprende e segue agevolmente conversazioni e
monologhi nella maggior parte dei contesti
comunicativi
Ricezione

Comprende i punti chiave di argomenti relativi alla


lingua dello studio
Comprende alcuni termini settoriali dei linguaggi
specifici delle discipline
Sa distinguere le lettere dellalfabeto singolarmente ma
non legge parole complete
Comprende semplici enunciati scritti
Comprende testi molto brevi e semplici con un lessico
di uso frequente
Comprende sufficientemente testi relativi ai suoi
Comprensione interessi
scritta Comprende in modo soddisfacente testi in lingua
corrente relativi ad interessi personali, opinioni, stati
danimo
Legge e comprende in maniera globale testi relativi a
discipline scolastiche
Legge e comprende in maniera abbastanza analitica
testi di studio
Si esprime utilizzando codici extralinguistici
Produce espressioni incomplete ma sufficientemente
comprensibili
Sa gestire frasi semplici su persone e luoghi
Sa fare semplici descrizioni
Produzione

Sa fornire in maniera abbastanza scorrevole una


descrizione semplice di soggetti vari ed esperienze
Produzione
Sa raccontare una semplice storia
orale
E in grado di esprimersi in modo esaustivo nella
maggior parte dei contesti comunicativi, descrivendo
esperienze, avvenimenti e progetti ed esprimendo stati
danimo ed opinioni
E in grado di riferire concetti principali relativi a testi
disciplinari orali e scritti di media difficolt

41
E in grado di riferire testi di studio argomentando e
utilizzando alcuni termini settoriali

Sa copiare quello che scrivono gli altri in stampato e/o


in corsivo
Sa scrivere sotto dettatura parole o brevi frasi
Produce autonomamente semplici frasi contenenti
Produzione informazioni personali e descrizioni minime seppur con
scritta alcuni errori ortografici e morfosintattici
Sa scrivere brevi testi in forma paratattica su
argomenti familiari con qualche errore ortografico
Produce testi di tipo descrittivo e narrativo con frasi
subordinate generalmente corretti; esprime stati
danimo e opinioni motivandole in modo sintetico
E in grado di riferire per iscritto i nuclei informativi di
testi disciplinari orali e scritti di media difficolt
E in grado di interagire in attivit elementari e di
routine che richiedono scambi di informazioni su
argomenti personali, purch la comunicazione sia
facilitata dallinterlocutore
Sa interagire con facilit nelle situazioni strutturate e in
Interazione

Parlato brevi conversazioni, purch linterlocutore collabori se


necessario
Sa gestire una conversazione in modo fluido ed
autonomo condotta in un ambito a lui o lei familiare
Scritto Sa scrivere brevi messaggi e compilare semplici moduli
Sa scrivere brevi e semplici appunti che trasmettono
informazioni pertinenti a contesti noti
E in grado di prendere appunti, scrivere lettere
personali, argomentare richieste e/o opinioni.

Osservazioni:_______________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
________________

Legenda valutazione: 0= nessuna prestazione riguardo agli indicatori sopra elencati

1= prestazione linguistica non ancora sufficiente

2= prestazione sufficiente

3= prestazione buona ed adeguata

4= prestazione ottima ed approfondita

42
Allegato 4
CRITERI PER LA PREPARAZIONE DELLE PROVE SCRITTE E GRIGLIE DI CORREZIONE

Le prove saranno approntate in base alle Indicazioni Ministeriali, alle UF sviluppate nel corso dellanno
scolastico nelle varie discipline e concordate tra i docenti affinch presentino le medesime difficolt e,
ove possibile, saranno le stesse per tutte le sezioni.

VALUTAZIONI
PROVA SCRITTA DI ITALIANO
Criteri:
 Aderenza alla traccia
 Organicit dei contenuti
 Originalit del taglio adottato e/o delle riflessioni proposte
 Correttezza formale e propriet lessicale
Griglia di correzione

Criteri 10 9 8 7 6 5
adeguata,
Aderenza alla completa e con
approfondit completa adeguata qualche essenziale limitata
traccia
a imprecisio
ne
Contenuto
Contenuto Contenuto
organico,
organico, articolato Contenuto
Organicit dei document Contenut Contenuto
documentat con non
ato o ben poco
contenuti oe qualche sempre
o articolato organico
articolato imprecisio articolato
Articolato
nelle parti ne
nelle parti
Originalit del Proposta
taglio adottato buona e Proposte Taglio
ottima Riflessioni
Ottima in parte con poco senza
e/o delle proposta talvolta
proposta personali intervento evidenti
riflessioni personalizz originali
z- personale riflessioni
proposte ata
zata
Correttezza Adeguata
formale e Quasi con
Inadeguat
Completa sempre Adeguata qualche Essenziale
propriet a
completa imprecisio
lessicale ne

43
PROVA SCRITTA DI LINGUA STRANIERA (INGLESE E FRANCESE)
Criteri: LETTERA e DIALOGO GUIDATO
 Comprensione e aderenza alla traccia/domande
 Correttezza morfo-sintattica e lessicale
 Coerenza, ricchezza, intento comunicativo ed elementi espressivi del testo
Griglia di correzione:

Criteri 10 9 8 7 6 5
Buona
Traccia
Comprensi Comprensi aderenza
compresa e
one e one totale alla traccia, Testo che
sviluppata Traccia non
aderenza della testo sviluppa Traccia
in modo sviluppata
traccia e sviluppato adeguatam sviluppata
alla completo, nei suoi
testo nella ente i punti solo in
traccia/ con punti
sviluppato maggioran salienti parte
alle leccezione essenziali
in ogni suo za dei della traccia
domande di qualche
punto punti
dettaglio
richiesti
Testo con
Testo con
Testo numerosi
Testo numerosi
Testo Testo sostanzial errori
Correttezza abbastanza errori
accurato e accurato e mente formali,
morfo- corretto, formali e
corretto in corretto, corretto , che non ne
sintattica e con alcuni non
ogni sua con pochi con alcuni comprome
lessicale errori sempre
parte errori errori ttono la
formali comprensib
formali comprensi
ile
bilit
Testo
Coerenza, coeso in Testo Testo
ricchezza, ogni sua coerente e sufficiente Testo
Testo
intento parte, ricco Testo ben mente scarno,
essenziale,
comunicati ed coeso e sviluppato, articolato, non
talvolta
vo ed articolato, ricco/espre con buoni con alcuni coerente,
frammenta
elementi con ssivo esiti spunti confusionar
rio
espressivi elementi di comunicati comunicativ io
del testo espressivit vi i

Criteri: QUESTIONARIO
 -Comprensione scritta
a) individuare lidea generale e comprendere la domanda
b) ricercare informazioni specifiche
 - Produzione scritta
a) rielaborazione delle informazioni richieste
b) correttezza grammaticale, ortografica e lessicale
c) uso delle funzioni e strutture
Griglia di correzione:
Criteri 10 9 8 7 6 5
Lalunno Lalunno
Lalunno
comprende Lalunno comprende
Lalunno comprende Lalunno
il brano in
Comprensi comprende il brano in comprende comprende il brano in
modo
il brano in il brano in il brano in modo
one scritta completo modo
modo modo modo parziale/inc
ed
esauriente. soddisface adeguato accettabile erto e
appropriato nte
. limitato
La La La La La La
Produzione
produzione produzione produzione produzione produzione produzione
scritta
articolata precisa chiara e adeguata

44
e ampia Le corretta Le essenziale inadeguata
Le strutture Le strutture Le /limitata
strutture usate sono strutture usate sono strutture Le
usate sono quasi usate sono abbastanza usate sono strutture
corrette sempre abbastanza corrette solo in usate sono
corrette corrette parte inadeguate
corrette

PROVA SCRITTA DI MATEMATICA


Criteri:
 Conoscenza degli argomenti
 Capacit di individuazione e soluzione di situazioni problematiche
 Comprensione ed uso del linguaggio specifico, anche grafico
Griglia di correzione:

Criteri 10 9 8 7 6 5
Abbastanz
a
Conoscenz Limitata,
Abbastanz completa, Essenziale
Completa e piuttosto
a degli Completa a ma con e a volte
approfondita generica e
argomenti completa qualche imprecisa
lacunosa
imprecisio
ne
Comprend Comprend
Comprend e le e le
Fatica a
Comprende e le richieste, richieste
Comprende comprend
in modo richieste, affronta in modo
in modo ere le
completo la affronta le generico;
Capacit di completo le richieste,
richiesta; con situazioni affronta le
individuazi richieste; non sa
affronta le sicurezza proposte situazioni
one e affronta le affrontare
situazioni le in modo proposte
soluzione situazioni le
proposte in situazioni abbastanz con
di proposte situazioni
modo proposte, a efficace qualche
situazioni razionalment proposte
efficace, applica in e applica difficolt
problemati e, applicando ed molto
applicando modo le ed a
che in maniera impreciso
correttamen abbastanz procedure volte
appropriata nellapplic
te le a corretto con impreciso
le procedure are le
procedure le qualche nellapplic
procedure
procedure imprecisio are le
ne procedure
Si esprime
in modo
Si esprime
Si esprime in Si esprime abbastanz
Si esprime Si esprime in modo
modo chiaro in modo a corretto,
in modo in modo poco
ed efficace, generalme ma con
chiaro ed abbastanz comprensi
Comprensi usando un nte una
efficace, a chiaro, bile e
one ed uso lessico ricco corretto, modalit
usando un usando impreciso,
del e usando il semplice e
lessico termini usando un
linguaggio appropriato. linguaggio a volte
appropriato. appropriati lessico
specifico, Utilizza con specifico imprecisa
Utilizza con . generico o
anche sicurezza e non nelluso
precisione il Utilizza il scorretto
grafico precisione il sempre in degli
linguaggio linguaggio nelluso
linguaggio modo elementi
simbolico e simbolico del
simbolico e appropriat essenziali
grafico. e grafico. linguaggio
grafico. o. del
specifico.
linguaggio
specifico
PROVA NAZIONALE: secondo le indicazioni ministeriali

45
Allegato5
CRITERI PROVE ORALI E GRIGLIA DI VALUTAZIONE
Il Consigli di Classe intende proporre una modalit di svolgimento del colloquio di esame che consenta
allalunno di dimostrare le capacit acquisite. A tal fine concorde nel creare un clima che non generi
ansia o smarrimento nell allievo, che abituato ad essere esaminato da un solo insegnante per volta.
Si lascer che lalunno esponga gli argomenti oggetto di colloquio, evitando di interromperlo
frequentemente e consentendogli di far emergere la sua capacit di porre in relazione le conoscenze
acquisite nei vari ambiti disciplinari.
Nel caso di risposte poco precise, si interverr con domande indirette, valorizzando quanto di positivo
gi espresso e indirizzando il candidato verso una formulazione pi esatta del concetto.
Indicatori Valutazione Punteggio

10 Complete ed approfondite

Conoscenze 9 Complete e precise

Qualit e quantit dei dati e delle 8 Adeguate


informazioni
7 Adeguate con qualche carenza

6 Essenziali

5 Limitate e superficiali
Competenza linguistica
10-9 Esposizione fluida, consapevole, efficace
Propriet di linguaggio 8-7 Esposizione chiara e corretta
6 Esposizione semplice, ma
Chiarezza e fluidit nellesposizione generalmente corretta
5 Esposizione poco chiara e non sempre
corretta
Competenze logico
argomentative 10-9 Impostazione autonoma e coerente,
Comprensione collegamenti
efficaci e significativi
Applicazione
8-7 Impostazione autonoma ed organica
Organicit 6 Impostazione coerente ma guidata
5 Trattazione disorganica ed incoerente
Coerenza

Collegamenti
Capacit di affrontare la prova 10-9 Sicurezza e controllo emotivo
8-7 Sicurezza ed accettabile controllo
emotivo
6 Leggera insicurezza
5 Incertezza emotiva non controllata

In fase di valutazione finale, per ogni alunno si terr in considerazione il livello di preparazione
raggiunto nelle singole discipline, la situazione di partenza e i progressi compiuti da ciascuno in modo
tale che la valutazione sia il pi possibile individualizzata.

PUNTEGGIO FINALE PROVA ORALE ..

46
Allegato 6
ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO D. Alighieri
Tel.0742/818847- 818860
06025 NOCERA UMBRA (PG)
C.F. 83004080541 E mail: pgic82800p@istruzione.it

GIUDIZIO SINTETICO GLOBALE


ALUNNO .. CLASSE 3 SEZIONE
Il/La candidato/a ha affrontato le prove desame con:
emotivit
titubanza
qualche incertezza
serenit
sicurezza
seriet
Ed ha esposto le conoscenze in modo:
chiaro
corretto
sciolto
esauriente e articolato
impacciato
frammentario
Ha rivelato:
sufficienti
discrete
soddisfacenti
buone
ottime
capacit di collegamento e di rielaborazione tra i temi trattati, mostrando:
adeguate
modeste
evidenti
capacit di analisi e sintesi.
Ha saputo esprimere giudizi motivati con:
logicit
qualche incertezza
sicurezza
spirito critico ed in forma autonoma

Ha confermato:
nel complesso
in parte
completamente
liter scolastico compiuto nel triennio.
Il livello globale di maturazione :
ben avviato
adeguato allet
armonicamente strutturato

Nelle prove effettuate ha riportato una valutazione di


Pertanto lalunno , a conclusione del triennio della Scuola Secondaria di 1 grado, viene licenziato con il
giudizio sintetico di:
ottimo
distinto
buono
sufficiente

Si conferma Non si conferma


Il giudizio orientativo precedentemente consegnato

Nocera U. li . Il Presidente della Commissione desame ..


47
Allegato 7
ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO NOCERA UMBRA
Scuola Secondaria di Primo Grado
ANNO SCOLASTICO 2012/13

INFORMATIVA PER STUDENTI E FAMIGLIE SULL


ESAME DI STATO

 GIUDIZIO DI AMMISSIONE allesame:


Classi terzeesso
IPSIAterr conto
e LICEO delle valutazioni nelle singole
MANCA
discipline e delle attivit didattiche realizzate, della valutazione sul comportamento e
CRITERI AMMISSI
anche delle valutazioni espresse nel corso dellanno sul livello globale di
maturazione, con riguardo anche alle capacit e attitudini dimostrate.
 Le PROVE SCRITTE, da svolgersi in giorni diversi e per durate orarie diversamente
definite, sono 5: Italiano ( giugno), Matematica ( giugno), Inglese ( giugno),
Francese ( giugno) ed una PROVA NAZIONALE, che si svolger su tutto il territorio
nazionale il 18 giugno per la durata complessiva di due ore (fatto salvo successive
disposizioni ministeriali).
 La prova divisa in due sezioni: la prima riguarda la Matematica ed strutturata
con quesiti sulle seguente aree: numeri, geometria, relazioni e funzioni, misure, dati
e previsioni. La seconda sezione della prova riguarda lItaliano e verte sulla
comprensione di una lettura seguita da quesiti e sulla riflessione linguistica con una
serie di domande di tipo grammaticale.
 Gli studenti affronteranno un COLLOQUIO PLURIDISCIPLINARE dopo le prove scritte, il
quale sar condotto collegialmente alla presenza dellintera sottocommissione
esaminatrice. Il colloquio volto a consentire la valutazione della maturazione
globale dellalunno e si articoler attorno ad approfondimenti delle singole discipline
di studio e altri elementi derivanti dalle esperienze realizzate, a partire dagli
argomenti proposti dal candidato. I colloqui avranno inizio giugno per la sez.C,
per la sez.A, per la sez. B e per la sez. D.
 La VALUTAZIONE FINALE verr emessa con voto unico risultante dalla media tra i voti di:
ammissione, prove scritte (comprensivo della prova nazionale) e colloquio
pluridisciplinare.
 La CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE (prevista ai sensi della circ.28 del 15 marzo 2007)
insieme alla scheda di valutazione e al diploma di licenza, costituisce la
documentazione rilasciata alla fine del primo ciclo distruzione. La certificazione
registra, con riferimento allintero triennio, le competenze acquisite. La certificazione
assume, inoltre, una funzione di orientamento e sostegno al processo formativo
dellalunno.

Ad integrazione delle griglie di valutazione di processo e di prodotto e riguardo agli esami conclusivi del
primo ciclo di istruzione, il Collegio Docenti Articolato ha deliberato il seguente criterio di
attribuzione della lode: La lode nella valutazione finale degli esami verr attribuita agli alunni che
abbiano riportato nelle prove scritte e orali un punteggio totale di almeno 9,70 e una valutazione di
ammissione agli esami di 10/10

48
Istruttoria esami di Stato scuola secondaria di secondo grado

Le istruzioni e le modalit organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami di Stato conclusivi
dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado nelle scuole statali sono regolate dalla
Ordinanza Ministeriale che annualmente viene emanata dal MIUR

Linee generali per lattribuzione della qualifica professionale Regionale a.s. 2012_2013

Per lanno scolastico 2012_2013 lammissione alle prove di qualifica e il conseguente esame per gli
studenti ammessi saranno regolati dallordinanza n90 del 2001.

Nellambito dello scrutinio di ammissione il curriculo avr un peso di 60/100 e le prove strutturate per
ogni singola disciplina di 40/100.

Esame di qualifica:

Lesame di qualifica si svolge secondo la sopracitata ordinanza. Il voto di ammissione espresso in


centesimi, la prova umanistica (max + - 4 punti) la prova tecnico scientifica (max + - 6 punti)
concorrono allattribuzione del voto finale espresso in centesimi.

Il voto di qualifica concorre allattribuzione del credito scolastico come da tabella allegata.

49