Sei sulla pagina 1di 11

www.cantoeprego.

it

Canti di Roma

Venerd 3 Giugno 2011


id_2012_cant v01.02 rom
Indice

3501.11 Barcarolo romano ............................ 1


3501.12 Barcarolo romano ............................ 2
3507.11 La Romanina ................................. 3
3507.21 La Romanina ................................. 4
3027.11 La societ dei magnaccioni .................. 5
3503.11 Le Mantellate ............................... 6
3504.11 Nann ....................................... 7
3505.11 Pupo biondo ................................. 8
3501.11
Barcarolo romano pag. 1

- Maestoso - T: Pio Pizzicaria - M: Romolo Balzani - [ag. 10/12/10]


3501.12
Barcarolo romano - 12 pag. 2

- [ag. 10/12/10]

Quanta pena 'stasera


c' sur ume che otta cos:
Disgraziato che lotta e che spera,
tutti ar monno dovemo sor...
ma si un'anima cerca la pace
p trovalla sortanto che qui...

Er barcarolo va contro corente


e, quanno canta, l'eco s'arisente!
Dice: si vero che tu dai la pace
ume aatato, nun me la neg.

II

Pi d'un mese passato


che una sera je dissi: - Nin,
Quest'amore oramai tramontato
Lei rspose: - Lo vedo da me ...
Sospir, poi me disse: - Addio, amore.
Io per, nun me scordo de te ...

Je corsi appresso ma... nu' l'arivai


la cerco ancora e nun la trovo mai...
Si vero, o ume, che tu dai la pace
me so' pentito, fammela trov...

III

Propio incontro ar battello


vedo un'ombra, sull'acqua: vi in qua,
s'arigira che c' un mulinello
poi va sotto e arissomma pi in l...
voga... presto... 'na donna aogata...
poveraccia... pensava... chi s?

La luna da lass fa capoccella...


rischiara er viso de Ninetta bella...
Me chiese pace e io je l'ho negata...
Fiume bojaccia, je l'hai data tu...

. . . . Povero amore
. . . . nun ce sei pi
Me vojo sperde' gi solo pe' ume,
cos chi t'ama more assieme a te.
3507.11
La Romanina pag. 3

- valzer - T: R. Micheli - M: E. Di Lazzaro - 1937 - [ag. 10/12/10]


3507.21
La Romanina - 21 pag. 4

- T: R. Micheli - M: E. Di Lazzaro - 1937 - [ag. 12/12/10]

La Romanina cantando,
vien dal Gianicolo in ore,
ti d un'occhiata passando,
ti mette il fuoco nel cuore.

E tutta Roma s'incanta


ed ognuno le canta dicendo cos:

Lasciatela passare
la bella Romanina
che tutti f incantare
intanto che cammina.

Ti fa provare la scossa
con gli occhi d'assassina,
la bella Romanina
lasciatela passar.

Quando la gente straniera


vede la bella romana
sente sbocciar primavera
sente che il cuore si sana.

E insieme agli altri s'incanta,


e in coro le canta
dicendo cos:
Lasciatela passare
la bella Romanina
che tutti f incantare
intanto che cammina.

Ti fa provare la scossa
con gli occhi d'assassina,
la bella Romanina
lasciatela passar.
3027.11
La societ dei magnaccioni pag. 5

- [ag. 09/12/10]

Fatece largo che passamo noi


i giovanotti de sta Roma bella.
Semo ragazzi fatti cor pennello
e le ragazze famo innamor.
E le ragazze famo innamor.

Ma che ce frega, ma che ce importa


si l'oste ar vino c' messo l'acqua
e noi je dimo e noi je famo
ciai messo l'acqua e nun te pagamo.

Ma per noi semo quelli


che je risponnemo in coro:
mejo er vino de li Castelli
che questa zozza societ.
3503.11
Le Mantellate pag. 6

- Giorgio Strehler e Fiorenzo Carpi - 1959 - per Ornella Vanoni - (cantata anche da Lando Fiorini,
Gabriella Ferri) - [ag. 09/12/10]

Le Mantellate so' delle suore


A Roma so' sortanto celle scure
na campana sona a tutte l'ore
Ma Cristo nun ce sta drent'a 'ste mura
Ma che parlate a fa'
Ma che parlate a fa'
Qui drento ce sta solo infamit.

Carcere femminile channo scritto


Sulla facciata de n convento vecchio
Sacco de paja ar posto de sto letto
Mezza pagnotta e l'acqua drento ar secchio.
Le Mantellate ...
'Nell'amor'abbi fede' c'hanno detto
Domenica mattina alla funzione
Tre mesi che me svejo e che t'aspetto
Cent'anni che s' chiuso 'sto portone.
Le Mantellate ...
3504.11
Nann pag. 7

- . - [ag. 09/12/10]

Guarda che sole ch' sortito, Nann


che profumo de rose, de garofali e pans,
com' tutto 'n paradiso, li Castelli so' cos.
Guarda Frascati ch' tutto un soriso,
'na delizia, 'n'amore, 'na bellezza da incant.

Lo vedi, ecco Marino,


la sagra c' dell'uva,
fontane che danno vino,
quant'abbondanza c';
appresso vi Genzano
co'r pittoresco Arbano;
su viette a divert,
Nann, Nann.
L c' l'Ariccia, pi gi c' Castello
ch' davvero 'n gioiello co' quer lago da incant;
e de fragole 'n profumo solo a Nemi poi sent:
sotto quer lago un mistero ce sta,
de Tibberio le navi so' l'antica civirt.

So mejo de lo sciampagna
li vini de 'ste vigne
ce fanno la cuccagna
dar tempo de No;
li prati a tutto spiano
so' frutte vign'e grano:
s'annamo a mette l,
Nann, Nann.

E' sera, e gi le stelle


ce fanno 'n manto d'oro,
e le velletranelle se mettono a cant
se sente 'no stornello
risponne un ritornello:
che coro, vi' a sent,
Nann, Nann,
che coro, vi' a sent,
Nann, Nann.
3505.11
Pupo biondo pag. 8

- T: Mario Fagiolo - M: Fortunato Lay - 1927 - [ag. 09/12/10]

conta prima: 8
conta dopo: 10