Sei sulla pagina 1di 88

Poste Italiane S.p.A. - Sped. in a.p. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Verona

y(7HB5J1*LQRKKR( +.!"!.!?![

ANNO 151. NUMERO 173. www.larena.it VENERDÌ 24 GIUGNO 2016 ¤ 1,30
ANNO 151. NUMERO 173. www.larena.it VENERDÌ 24 GIUGNO 2016 ¤ 1,30
ANNO 151. NUMERO 173. www.larena.it VENERDÌ 24 GIUGNO 2016 ¤ 1,30
ANNO 151. NUMERO 173. www.larena.it VENERDÌ 24 GIUGNO 2016 ¤ 1,30
ANNO 151. NUMERO 173. www.larena.it VENERDÌ 24 GIUGNO 2016 ¤ 1,30
ANNO 151. NUMERO 173. www.larena.it VENERDÌ 24 GIUGNO 2016 ¤ 1,30

ANNO 151. NUMERO 173. www.larena.it

VENERDÌ 24 GIUGNO 2016 ¤ 1,30

MICROBIOLOGIAETRAPIANTI

Dna,vitaoltrelamorte Attivoquattrogiorni > PAG 58

MICROBIOLOGIAETRAPIANTI Dna,vitaoltrelamorte Attivoquattrogiorni • > PAG 58

PRIMAONDATADICALDO

L’estate«esplode» solofinoadomenica > PAG27

PRIMAONDATADICALDO L’estate«esplode» solofinoadomenica • > PAG27
L’estate«esplode» solofinoadomenica • > PAG27 WWW.OGGI.IT WWW.OGGI N°27 - 29/6/2016 € 2,00 IL
L’estate«esplode» solofinoadomenica • > PAG27 WWW.OGGI.IT WWW.OGGI N°27 - 29/6/2016 € 2,00 IL
L’estate«esplode» solofinoadomenica • > PAG27 WWW.OGGI.IT WWW.OGGI N°27 - 29/6/2016 € 2,00 IL
WWW.OGGI.IT WWW.OGGI N°27 - 29/6/2016 € 2,00 IL NEWSMAGAZINE DELLE FAMIGLIE ITALIANE OGGI + L’Arena
WWW.OGGI.IT
WWW.OGGI
N°27 - 29/6/2016
2,00
IL NEWSMAGAZINE
DELLE FAMIGLIE ITALIANE
OGGI + L’Arena
1,80
IN QUESTO
NUMERO
ELEZIONI
PROVA
DOPO IL TRIONFO
COSTUME
DEI
GRILLINI
I
CONSIGLI
E
IL KO DI RENZI
DEL
NOSTRO
AZZURRI
NUOVO
GIORNALE:
I
CALCIATORI CI
«SANO &
FANNO SOGNARE.
LEGGERO»
E
LE FIDANZATE
OSCAR TV
È
LA GABANELLI
LA
REGINA DELLA
TELEVISIONE
LINO BANFI
«LA
MIA AMICIZIA
CON
PAPA
RATZINGER»
ZANZARE
COME
CREARE
UNA
«BARRIERA
INVISIBILE»
KATE, RESTA
CON NOI!
GLI INGLESI VOTANO PER USCIRE DALL’EUROPA O RIMANERVI.
MA COME LA PENSA LA FAMIGLIA REALE? DAVVERO WILLIAM
E SUA MOGLIE SONO PRONTI A DIVENTARE EXTRACOMUNITARI?
PERICOLO
OGGI +
BREXIT
L’ARENA
SOLO € 1.80

BREXITEFUTURO DELL’EUROPA.Alleurne sottola pioggia46 milionidi britannici.Nessun exit-poll.Borse: vigilia diottimismo

Londranell’Ue,l’Inghilterrahascelto

Isondaggidall’iniziohannodatoil«remain»al52%.Masirestasulfilo:risultatifinaliall’alba.Attesadeileader

Leincognite

perilpremier

di LUCA TENTONI

C om’era prevedibile, l’esito del voto amministrativo ha lasciato tracce profonde nel Pd. Le polemiche di ieri danno l’immagine di ciò che potrebbe accadere se al referendum

costituzionale di ottobre vincessero i «no». Se la convergenza fra elettori del M5S e quelli di centrodestra spingesse Renzi a dimettersi, cosa resterebbe del Pd? E se saltassero gli equilibri nel Pd, unico partito strutturato rimasto in circolazione, quali sarebbero le ricadute complessive? Per ora si è solo a livello di ipotesi, perché il voto sulla riforma costituzionale è lontano ma gli scricchiolii nel partito e nella maggioranza, si cominciano ad avvertire. Ieri i centristi hanno fatto passare, in Senato, un emendamento sul quale il governo aveva dato parere contrario: un vero e proprio avvertimento al premier. Dopo le amministrative, infatti, si è capito che il Pd, da solo, non ha più le capacità espansive delle europee 2014 (quelle del 40,8% dei voti) e che per vincere Renzi ha bisogno di alleati, sia nel partito (la minoranza), sia fuori (i centristi). Il prezzo da pagare, probabilmente, sarà la modifica alla legge elettorale. Il presidente del Consiglio cercherà di resistere ma nel partito il malumore si sta estendendo oltre i confini della minoranza. La polemica fra Madia e Orfini con la prima che chiede le dimissioni del secondo è solo una delle tante pratiche in sospeso. Questo «momento di riflessione» rischia di indebolire la leadership di Renzi in un momento decisivo non solo per le sorti del suo partito, ma per la tenuta stessa del sistema politico. La richiesta di una gestione più collegiale è l’anticamera di un ridimensionamento del potere renziano e, in prospettiva, di una drammatica resa dei conti. Il problema, è che in quel caso non si potrebbe tornare indietro (la vecchia guardia è stata «rottamata»): se non avesse più Renzi, che lo ha plasmato a sua immagine, gli scenari nel Pd sarebbero tutti da interpretare.

100% Made in Italy
100% Made in Italy

100% Made in Italy

ITALIADOPOILVOTO

SgambettoaRenzi

daglialleatidicentro

eilgovernovasotto

Confindustria:siamo

perilsìalreferendum

>

PAG2

Dentro o fuori dall’Europa? La Gran Bretagna ha fatto la sua scelta. Chiuse le urne, dove è sta- ta registrata una affluenza mol- to alta, l’arrivo del verdetto era previsto per questa mattina all’alba. I sondaggi a ieri sera, in assenza degli exit poll, davano in vantaggio il «sì» all’Europa con il 52%. Anche i mercati ieri hanno scommesso sul «re-

main». Nel giorno in cui la

Gran Bretagna decideva il suo futuro le Borse del Vecchio Con- tinente hanno brindato con 190 miliardi di guadagni e i mercati hanno mostrato ottimismo, con la sterlina ai massimi da ini- zio anno. E se le banche centrali hanno assicurato di essere pron- te ad intervenire, Standard & Poor’s minacciava di togliere la tripla A alla Gran Bretagna in caso di uscita dall’Ue. > PAG3

Bretagna in caso di uscita dall’Ue. • > PAG3 Londra,alcuni manifestanti inpiazza conlebandiere afavore

Londra,alcuni

manifestanti

inpiazza

conlebandiere

afavore

dell’Europa:

il referendum

sullaBrexit

svoltoieri

hadiviso

glielettori

britannici

CITTÀ CHE CAMBIA. Generazioni di veronesi lavorarono nella fabbrica

CAMBIA. Generazioni di veronesi lavorarono nella fabbrica Tiberghien, arrivano le ruspe addioaunsimbolodiVerona

Tiberghien, arrivano le ruspe addioaunsimbolodiVerona

RICONVERSIONE.Ruspe inazione aSanMichele per demolirei capannoniinterni dell’exLanificio Tiberghien, industrianellaquale nell’arcodi un secolohanno lavoratogenerazionidiveronesi. L’obiettivo,dettato dal Comune

aiproprietari,è quellodi mettere insicurezza lazonaed evitare chediventi metadi personesenza fissadimora. Il complessoindustriale,dismessoda noveanni, èdi proprietà diuna societàche hapronto un progetto di

riconversioneche si fondasulla costruzione diun supermercato Esselunga.

> GIARDINIe PURGATO PAG14 e15

LA «PRIMA». Commissario, polemiche e ora si parte

Arena,dopoilcaos

laliricacercal’acuto

Stagione lirica, dopo le polemi- che, il braccio di ferro e il com- missariamento della Fondazio- ne, la parola passa alla musica. La 94a edizione dell’Opera Fe- stival all’Arena di Verona si apre stasera con uno dei titoli

all’Arena di Verona si apre stasera con uno dei titoli RAPINE Bancaesalaslot, colpiaVillafranca eaColognola

RAPINE

Bancaesalaslot,

colpiaVillafranca

eaColognola

>

PAG33

PROCESSO

Una«truffa»

sullecarrozzine

peridisabili

>

PAG28

più amati dal pubblico: Car- men, di Georges Bizet 2016. Carmen, è seconda per numero di recite in Arena solo ad Aida. È stata rappresentata 237 volte all’interno di 24 festival in 13 di- versi allestimenti. > PAG12 e13

in 13 di- versi allestimenti. • > PAG12 e13 DIFFAMAZIONE Report,Tosi rinviatoagiudizio

DIFFAMAZIONE

DIFFAMAZIONE Report,Tosi rinviatoagiudizio «Verròassolto» • > TREVISANI PAG17

Report,Tosi

rinviatoagiudizio

«Verròassolto»

> TREVISANI PAG17

STALKING.Veronese perseguitata.Sua madrefu ammazzata

«Temochemiuccida»

L’exmaritoèunincubo

«È un inferno, temo per la mia vita». Una donna veronese di 45 anni, con una figlia, raccon-

ta lo stalking subìto dall’ex mari- to. L’uomo ha installato un pro- gramma nel cellulare per poter- la seguire e le arrivano centina- ia di sms e telefonate: «Ho fatto denuncia. Sono pedinata». Un incubo per questa donna, la cui madre fu uccisa dal compa-

gno.

> VACCARI PAG19

madre fu uccisa dal compa- gno. • > VACCARI PAG19 Scarperosse: simbolodimanifestazionianti-violenza

Scarperosse: simbolodimanifestazionianti-violenza

PAG19 Scarperosse: simbolodimanifestazionianti-violenza FEMMINICIDI Maestratrucidata aPastrengo, fiaccolata

FEMMINICIDI

Maestratrucidata

aPastrengo,

fiaccolata

perAlessandra

>

PAG45

ILCASOFORTUNA

Accusadiomicidio

perlamamma

dell’altrobambino

>

PAG6

A MAGAZZINO VASTO ASSORTIMENTO DI RICAMBI FILTRI E COMPONENTISTICA VARIA Progettazione e realizzazione di impianti
A MAGAZZINO VASTO ASSORTIMENTO
DI RICAMBI FILTRI E COMPONENTISTICA VARIA
Progettazione e realizzazione
di impianti di aspirazione
per il trattamento dell’aria,
con l’applicazione
di
nuove tecnologie per
il
recupero energetico
Sanguinetto - Via Portogallo, 26 - Tel. 0442.365552
IA188333IA188333

2

L'ARENA

Venerdì 24 Giugno 2016

ITALIA&MONDO

Telefono 045.9600.111 Fax 045.9600.942 | E-mail: interni.esteri@larena.it

Raggisièinsediata

Giuntail7luglio

Da ieri il Campidoglio è a Cinque

Stelle.VirginiaRaggi,neoelettasin-

dacodiRoma,sièinsediataaPalaz-

zo Senatorio. Con qualche lacrima versata affacciandosi dal balcone

LESPINEDI RENZI.Oggiladirezione discutesuirisultati elettorali.Pressingpercambiare l’Italicum,il premier resiste

PartelaresadeicontinelPd

GovernosconfittoalSenato

SgambettoallamaggioranzadapartediApediAla

MadiachiedeledimissionidiOrfini:stopdiGuerini

Speranza:osicambiaonientefiduciasutemisociali

ROMA

Un clima così, in era renzia-

na, non si era mai visto. Ma- rianna Madia, ministro, chie-

de

le dimissioni del presiden-

te

del partito Matteo Orfini

da commissario del Pd a Ro-

ma e il vicesegretario Loren-

zo Guerini deve intervenire a

difenderlo. Roberto Speran-

za,dalla minoranza Pd, avver-

te che se non si inverte la rot-

ta, in Parlamento i bersania-

ni su misure sociali si riserva-

no di non votare la fiducia. «Parole gravi, che negano

l’essere partito», replica sem- pre Guerini. E tanto per aumentare la tensione complessiva il gover-

no

ieri è stato battuto al Sena-

to

su un disegno di legge sul

terrorismo con i centristi di Ap e Ala che hanno votato controla maggioranzae insie-

me a Forza Italia su un emen- damento su cui il governo aveva dato parere negativo. Un voto visto come una sorta

di avvertimento al premier.

Ma aumenta anche il pres- sing per cambiare la legge elettorale. E più in generale, alla vigilia della direzione

convocata per l’analisi del vo- to, tutte le anime Pd tornano a far sentire la loro voce per chiedere, con accenti diversi, un cambio di passo. Matteo Renzi assicura chi l’ha senti- to, non farà sconti. Ma avver-

te anche, che il cambio di pas-

sonon può essere una «rispol- verata di vecchi caminetti».

C’è l’intenzione di rafforza-

re la segreteria, magari con

un innesto di esponenti loca- li. Ma non si deciderà oggi in direzione, come prima rispo- sta alla sconfitta di Roma e Torino. Oggi, spiegano fonti vicine al premier, il discorso sarà rivolto sui temi del gover- no e del Paese. A partire da un rilancio su questioni co- me le periferie e la povertà.

Statali.Il ministroconvoca isindacati

Pensioni,ipotesianticipo

perilpubblicoimpiego

Sulfrontedellaprevidenza il governoaprealla possibilitàdi utilizzarel’anticipo pensionistico(Ape)anche per i

Sulfrontedellaprevidenza il governoaprealla possibilitàdi utilizzarel’anticipo pensionistico(Ape)anche per i

lavoratoripubblici eperquelli autonomi.Dellapropostaallo

studiodell’esecutivo sulla possibilitàper chi èameno di treannidalla pensionedi vecchiaiadianticiparela messa ariposograzie adunasorta di prestitodarestituire in20 anni, nonsiè parlatoapertamente

nelcorso delconfronto tra

Ilministro MariannaMadia

Governoesindacatima il ministrodelLavoro,Giuliano Polettihamandatosegnali di aperturaaltermine diun confrontocon le sigle sindacali chevaavanti. Il segretariodella Cgil,SusannaCamusso, ha ribaditoche, suitemi sul tavolo,

appuntamento«agiorni» perun confrontosul contrattodegli stataliatteso dasette anni.Come dataindicativasi parlava diinizio luglioma si voglionoaccelerare i tempi.Non sarà solol’occasione periniziare adiscutere dirinnovi, haprecisatola ministra,ma anche peraffrontare il temapiù generale delle«regole»chevigono nel pubblicoimpiego. Insommaun appuntamentoa360 gradi. «Sarebbequasidafare un brindisi»,hacommentato a caldoil segretariogeneraledellaCgil, SusannaCamusso, masubito mettele mani avanti:«La bottiglia lastappiamoquando siamo davantial tavolo».Dicerto per la leaderdellaCisl, Annamaria Furlan,«era ora». Il sindacatotra i promotoridelricorsoalla Consulta,Confsal Unsa,ricorda comesia passato«unanno precisodall’udienza»chedichiarò illegittimocontinuare a tenere fermele bustepaga.Tuttavia i nodidasciogliereci sono.C’èda capirecomeriattivare la contrattazione.E sul puntoMadia dàle primeindicazioni. «Invertire il paradigmasulleretribuzioni, per

dailavoratori precocialle ricongiunzionionerose, «siamo lontanidal dire checi sono rispostee soluzioni»eha attaccatoilgoverno: «Non siamol’ufficiomutui ma ci occupiamodiprevidenza». Polettihasottolineatoche «posizioniconvergentie divergentisono nellanaturadel confronto»,confermando l’intenzionediprevedere sgravi

fiscaliper le fascepiù deboli comei lavoratoricheperdono il lavoroa pochiannidalla pensioneinmodo daridurrela

ratadel prestitodarestituire. Il dialogoprosegue. Il numero unodellaUil,Carmelo Barbagallo,hadetto cheil 28si parleràdei pensionati eil30 delmercatodel lavoro. Confrontotra governoe sindacatici saràa breve anche sulfronte dellapubblica

amministrazione.Il ministro MariannaMadia hadato

cuinon sidàdi piùa chi hadipiù maa chi hadimeno».

cuinon sidàdi piùa chi hadipiù maa chi hadimeno». Renziieriin conferenza stampaa PalazzoChigi RobertoSperanza

Renziieriin conferenza stampaa PalazzoChigi

chi hadimeno». Renziieriin conferenza stampaa PalazzoChigi RobertoSperanza Sul tavolo della direzione ci sono però

RobertoSperanza

Sul tavolo della direzione ci

sono però anche temi più po- litici, come la legge elettora- le. Cambiare l’Italicum non è

un

tema all’ordine del giorno

e

Renzi non ha cambiato

idea e non vuole aprire il di- battito sulle modifiche. Quanto al referendum, Ren- zi potrebbe invitare alla mobi- litazione, spostando il focus dalle sue dimissioni all’ele- mento del cambiamento.

GOVERNO BATTUTO. In que-

sto clima ieri il governo è sta-

to battuto: complice il voto di

Ala con l’opposizione, la spac- catura di Ap e alcune assenze

nel Pd, l’esecutivo va sotto. «Nessun messaggio politi- co», si affrettano a spiegare centristi e verdiniani. Ma l’episodio è lo specchio inne- gabile delle forti tensioni in

Ap e delle fibrillazioni di Ala

in un contesto dove nei con-

fronti del premier Matteo

Renzi sale il pressing degli al- leati centrista per una modifi- ca dell’Italicum. L’emenda- mento di Forza Italia che au- menta le pene per atti di ter- rorismo nucleare viene quin-

di

approvato con 102 sì, 92

no

e 4 astenuti. Quindici su

31 i senatori Ap assenti men-

tre in 9 votano contro il gover-

no. E contro il governo vota anche Ala. «Una scelta basa-

ta su aspetti tecnici» sottoli-

nea Ciro Falanga replicando all’azzurro Renato Brunetta

che parla di «primo pizzino

di Verdini».

Diverse le dinamiche in Ap.

Si fa via via più larga la spac-

catura tra chi, stanco di quel-

lo che viene percepito come

«ruolo residuale», vorrebbe

uscire dal governo (in direzio- ne centrodestra) ben prima del referendum e chi invece assicura lealtà a Renzi fino ad ottobre. La settimana prossima una riunione dei se-

natori con Alfano farà il pun-

to e il rischio di una resa dei

conti è altissimo.

DOMENICA uomo • donna • bambino APERTO www.maglificiocoster.it INTIMO E CASUAL TEMPO LIBERO - FITNESS
DOMENICA
uomo • donna • bambino
APERTO
www.maglificiocoster.it
INTIMO E CASUAL
TEMPO LIBERO - FITNESS
CONTINUANO
LE OCCASIONI
VIA S. GIUSEPPE ARTIGIANO, 3
Costermano - Tel. 045.6200336
spaccio@maglificiocoster.it
VIENI
TI ASPETTIAMO!
ORARIO: 9.30-12.30 / 15.00-19.00

ILLEADERDI FI

PerBerlusconi

comincia

lariabilitazione

MILANO

Silvio Berlusconi comincerà

in

questi giorni la riabilitazio-

ne

alla quale deve sottoporsi,

dopo l’intervento chirurgico del 14 giugno per la sostitu- zione della valvola aortica. Probabile che il leader di For-

za

Italia segua il programma

di

esercizi al San Raffaele,

l’ospedale dove è stato opera- to. Durata prevista quindici giorni, quindi potrà lasciare l’ospedale entro la metà di lu- glio, salvo complicanze.

con vista Fori Imperiali. «La giunta la annuncerò il 7 luglio» taglia cor- toil neosindaco. Trale sue priorità la riorganizzazione della giungla partecipate, in particolare Ama e

Atac e municipalizzate di rifiuti e trasporti. E sul dibattito «sinda- co-sindaca» cita l’Accademia della Crusca e taglia corto: «Chiamate- miVirginia».

IMPRESEEPOLITICA.Decisione all’unanimità

Confindustria

prontaadiresì

alreferendum

Boccia:«Sceltasuicontenuti,

nonèunappoggioanessuno»

ROMA

Confindustria sosterrà il refe- rendum costituzionale, «una scelta a favore della governa- bilità, della competitività e

del valore della responsabili-

tà». E il neo presidente Boc-

cia ci tiene a sottolineare: «È

una questione di argomenti e

di

contenuti, che non riguar-

da

l’appoggio a nessuno, ma

una visione del Paese». Il Consiglio Generale di via

dell’Astronomia ieri ha deci-

so la linea all’unanimità e la scelta segna due passaggi

strategici per il nuovo leader degli industriali, Vincenzo Boccia. È una scelta che trac-

cia la strada del rapporto in-

dustriali-governo marcando nettamente i confini: equidi- stanza dagli schieramenti po-

litici ma non dalla politica in

cui si vuole invece avere un

ruolo incisivo, con l’obiettivo

di puntare sui fattori di svi-

luppo dove l’interesse delle imprese coincide in pieno con l’interesse del Paese. Il secondo passaggio è tutto

interno all’associazione, ed è nell’impostazione del meto-

do

di lavoro per la presidenza

di

Confindustria dei prossi-

mi

quattro anni. Il sostegno

al

referendum era più che

prevedibile (il pressing per le riforme è «nel dna» degli in- dustriali, è stato sottolineato più volte) ma formalmente arriva solo ora per due moti-

vi: evitare qualsiasi interfe-

renza con il voto per le ammi- nistrative e dare quanto più

spazio possibile al confronto

e alla condivisione interna

«Lariforma

costituzionale

guardaagli

interessigenerali

delPaese

evasostenuta»

guardaagli interessigenerali delPaese evasostenuta» VincenzoBoccia prima di assumere una posi- zione sulle

VincenzoBoccia

prima di assumere una posi- zione sulle partite decisive per il sistema economico. Il sì al referendum arriva quindi dopo una proposta del consiglio di presidenza condivisa all’unanimità dal consiglio generale degli indu-

striali. Spiega una nota: «La riforma costituzionale guar- da all’interesse generale del Paese nel medio-lungo perio- do e va sostenuta, quindi, a prescindere dalla situazione politico-elettorale del mo-

mento. È senz’altro migliora-

bile, ma è condizione indi-

spensabile per realizzare

quelle riforme economiche necessarie al rilancio della crescita». Quattro i punti che motiva- no il sì delle imprese: «Il su- peramento del bicamerali- smo, che significa più stabili- tà e governabilità. I governi potranno assumere decisioni nell’interesse generale, senza

guardare al consenso di bre- vissimo periodo; il migliora- mento della qualità dell’atti- vità legislativa; la semplifica- zione e la modernizzazione

dei rapporti tra i diversi livel-

li

di governo; l’introduzione

di

misure di efficientamento

della finanza pubblica, che si- gnifica soprattutto maggiore

controllo sulla spesa degli en-

ti regionali e locali».

sulla spesa degli en- ti regionali e locali». • ESTRAZIONI Combinazionevincente Concorso n. 75 di giovedì
sulla spesa degli en- ti regionali e locali». • ESTRAZIONI Combinazionevincente Concorso n. 75 di giovedì

ESTRAZIONI

Combinazionevincente Concorso n. 75 di giovedì 23/06/2016

66 87
66
87
1 57
1
57

NUMERO

JOLLY

NUMERO

SUPERSTAR

17 18 25 43 MONTEPREMI 101.581.315,70 € Punti6 (0) - Jackpot 99.400.000 Punti 5+1 (0)
17
18
25
43
MONTEPREMI
101.581.315,70
Punti6
(0)
-
Jackpot
99.400.000
Punti 5+1
(0)
-
Punti5
(5)
32.758,59
Punti4
(559)
297,23
Punti3
(20.081)
24,97
Punti2
(299.757)
5,20
5stella
(0)
-
4stella
(2)
29.723,00
3stella
(90)
2.497,00
2stella
(1.360)
100,00
1stella
(9.432)
10,00
0stella
(19.562)
5,00
IL10E
12
17
20
23
25
27
30
35
36
56
57
59
65
68
69
75
77
81
86
90
27 30 35 36 56 57 59 65 68 69 75 77 81 86 90 NUMEROORO

NUMEROORO 17

ESTRAZIONI

BARI

17

81

90

68

70

CAGLIARI

65

56

25

17

88

FIRENZE

69

12

35

66

24

GENOVA

17

59

55

28

50

MILANO

57

27

65

15

8

NAPOLI

20

12

36

50

55

PALERMO

30

68

87

71

42

ROMA

36

86

29

23

47

TORINO

35

23

80

73

89

VENEZIA

75

77

10

72

82

NAZIONALE

44

87

36

50

15

MARTORANA LE MIGLIORI OCCASIONI DELL’USATO / AZIENDALE SUL SITO: www.automartorana.com

MARTORANA

LE MIGLIORI OCCASIONI DELL’USATO / AZIENDALE SUL SITO:

www.automartorana.com

L'ARENA

Venerdì 24 Giugno 2016

Primo Piano 3

ILREFERENDUM.Giornata divoto,con affluenzaaimassimi:alle urnel’83% dei46 milioni degli aventidiritto. Irisultatifinali previstiall’alba

Europa,lasceltadegliinglesi

Urnechiuse.Iprimisondaggi:no-Brexittrail52%eil54%.Farage:

«Sembrachesianoinvantaggio».Cameronringraziaisuoielettori

LONDRA

La lunga marcia è finita. Il Regno Unito ieri ha deciso:

dentro o fuori nel referen- dum sulla Brexit destinato a segnare uno spartiacque nel rapporto fra l’isola e il conti- nente. Difficile decifrare i se- gni delle stelle in una Londra inondata da piogge torrenzia- li, ma i mercati e le prime in- dicazioni di voto di ieri sera indicavano un vantaggio per i sostenitori di «Remain». E anche i primi «opinion poll» diffusi subito dopo la chiusura delle urne davano il «Remain» tra il 52% e il 54% contro il 46%48% dei fautori della Brexit. Dati subito com- mentati dal leader degli euro- scettici, Nigel Farage che si è mostrato pessimista sulla possibilità di una vittoria del no. «Sembra che Remain sia in vantaggio», ha commenta- to. Immediato anche il rim- balzo della sterlina schizzata alla chiusura dei seggi sopra 1,50 contro dollaro. E a far ca- pire come l’ottimismo si stes- se diffondendo è arrivato an- che un tweet del premier Ca- meron: «Ringrazio chi ha vo-

tato per mantenere la Gran Bretagna più forte in Euro- pa». Altro dato significativo

la forte affluenza al voto che

ha superato l’ 83%, 15 punti

in più rispetto alle elezioni po- litiche del 2015. Per Cameron, l’uomo che con questo referendum ha vo- luto azzardare, ieri è stato il giorno più lungo: in gioco la sua storia, il suo onore e qual- che altro anno a Downing Street. Per gli euroscettici del suo partito, guidati dall’ex sindaco di Londra Boris Johnson, e per il tribuno po- pulista dell’Ukip, Farage, è in- vece una partita politica che forse potrebbe avere qualche tempo supplementare. Ma a dare una delusione a Farage ieri è arrivata anche la presa

di distanza di Beppe Grillo

ieri è arrivata anche la presa di distanza di Beppe Grillo che ha abbandonato le sedu-

che ha abbandonato le sedu- zioni antieuropeiste e ha pro-

NigelFarage fotografatodavanti alseggioelettorale

clamato: «L’Europa si cam-

di

Standard and Poor’s pron-

me

luci dell’alba, il sospiro di

bia restandoci dentro».

ta

ad annunciare di voler to-

sollievo di Cameron, dei pa-

Ieri hanno provveduto le Borse a dare le loro indicazio-

gliere la tripla A a Londra, in caso di Brexit.

lazzi di Bruxelles e di tutti co- loro che, dalla Casa Bianca al-

ni durante la giornata,

I risultati ufficiali saranno

la

City, temono la Brexit co-

sull’onda di exit poll privati

diffusi dalla Manchester To-

me un salto nel buio, come

che molte grandi aziende ave-

wer Hall per «l’ora di colazio-

l’inizio della fine del disegno

vano commissionato da setti-

ne» di oggi dalla presidente

di

un’Europa unita, potrà es-

mane. E in questo clima è ar-

della Commissione elettora-

sere pieno.

rivato pure l’ammonimento

le

del Regno. Solo con le pri-

Quel sospiro di sollievo che

del Regno. Solo con le pri- Quel sospiro di sollievo che Ilprimo ministro David Cameronconla moglie

Ilprimo ministro David Cameronconla moglie Samantha

Grillosismarca:

«L’Europasi

cambiarestando»

MaUkipsidice

prontoarilanciare

labattaglia

Lasterlinavola

aimassimitrainata

dallevocipositive

Standard&Poor’s

minacciaditogliere

latriplaA

il primo ministro britannico ha invocato sino all’ultimo tweet, rivolto ai connazionali subito dopo aver votato di buon ora con la moglie Sa- mantha, per garantire «un fu- turo più brillante ai figli e ai nipoti in una Gran Bretagna

più prospera, più forte, più si- cura». Del resto anche chi puntava sulla Brexit è rima- sto aggrappato al sogno di un «Independence Day» evo- cando l’immagine di un re- gno che, per dirla con la reto- rica di Boris Johnson, «ri- prenda il controllo dei suoi confini, dei suoi commerci, della sua democrazia». Un conflitto di visioni nutri-

to

d’interessi, di colpi bassi e

di

argomenti di pancia (spe-

cie sul dossier dell’immigra- zione) in una campagna refe- rendaria che ha spaccato il

Paese, ha diviso i 46,5 milio-

ni di aventi diritto al voto e

scatenato nel Partito Conser- vatore del premier e nel go- verno una «guerra civile» in-

testina a cui forse neppure la sentenza referendaria mette-

rà la parola fine.

Ma è stato anche uno scon- tro d’ideali e di scommesse politiche, al di là degli aspetti più velenosi di una stagione segnata negli ultimi giorni persino da «un omicidio poli- tico», il primo di un deputato britannico dai tempi dell’Ira, nel 1990: quello della parla- mentare laburista Jo Cox, pa- ladina dei migranti e dell’integrazione europea, uc- cisa da un estremista di de- stra esattamente a una setti- mana dal voto.

ILFUTURO.Junker mobilitale istituzioni.Padoan:«In ognicasonon sipotrà far fintadinulla»

L’Uesipreparaanuoviscenari

Remain,ottimismodeimercati

Ieri le Borse europee hanno

guadagnato190miliardi

Stabilioroebenirifugio

IncalolospreadBtp-Bund

BRUXELLES

Bruxelles trattiene il fiato nel- la notte in attesa dei primi ri- sultati sul referendum che può cambiare la storia dell’Europa. E che comun- que vada spingerà la Ue ver- so un cambiamento, per quanto difficile potrà essere. Il primo problema sarà quel- lo di gestire i mercati, e le ban- che centrali sono pronte a di- spiegare liquidità. In una giornata di caldo tropicale, ie- ri la capitale dell’Ue ha cerca-

to di mantenere il suo «aplomb» e continuare a la-

perà, con il presidente del Consiglio Donald Tusk e il

«In ogni caso non potremo dire riprendiamo come se

vorare. Il presidente della

premier olandese Mark Rut-

nulla fosse. La frattura già c’è

Commissione, Jean Claude

te

detentore della presidenza

stata e in modo molto netto.

Juncker, ha mantenuto in

Ue di turno, alla riunione

Le

conseguenze saranno di-

agenda i suoi appuntamenti intervallati da continui con-

nell’ufficio di Juncker per la prima risposta istituzionale.

verse a seconda ma non sarà più lo stesso sentiero».

tatti telefonici con Matteo

Ma è per lunedì che è convo-

Ma il Ppe, frena. La priorità

Renzi, Angela Merkel e gli al-

cata la riunione straordina-

in

caso di Brexit sarà quella

tri

leader europei.

ria che metterà a punto la po-

di

frenare l’effetto domino,

Dietro le quinte, nei palazzi

delle istituzioni ci si prepara però al «day after». L’annun-

cio del risultato ufficiale è pre-

visto attorno alle 8 di stama- ne. Alla stessa ora nel Parla- mento europeo si riunirà la Conferenza dei presidenti. Attorno alle 9,30 il presiden-

te Martin Schulz esporrà la

posizione dell’unica istituzio-

ne elettiva della costruzione

europea. E alle 10,30 parteci-

sizione alla vigilia del vertice

di martedì e mercoledì. Nella

coalizione europeista che al

Parlamento europeo sostie-

ne l’esecutivo Juncker, i libe-

rali sono i più determinati a chiedere una riforma della Ue. Ma anche i socialisti so- no convinti che «non si potrà

fare finta di niente, anche se vince il sì». Ieri il ministro dell’Economia italiano Pier- Carlo Padoan ha chiarito:

che può scattare a partire da

Olanda, Francia e Finlandia. Ma con la Spagna senza go-

verno, con l’Italia alle prese con un referendum costitu- zionale e con le elezioni in Germania e Francia nel 2017

un vero processo di riforma

non potrà essere avviato pri- ma di un anno. Ieri comunque i mercati hanno dato l’impressione di scommettere sulla perma-

Il testo si intende salvo errori ed omissioni di stampa

Corso Milano, 92/B - Verona - tel. 045 8195141 - fax 045 8101283 - veronacivile@gmail.com - www.veronacivile.com

C / veronacivile

In convenzione con l’Universita di Padova per il tirocinio, la formazione e l’orientamento

Verona Civile Quando non sai cosa fare o dove andare per risolvere il tuo problema,
Verona Civile
Quando non sai cosa fare o dove andare per risolvere il tuo problema, vieni da Verona Civile - Associazione no-Profit,
i nostri professionisti volontari ti possono aiutare

Finalmente puoi recuperare i tuoi soldi dalle banche

Hai mutui arischio per ratearretrate? Puoi ottenere il risarcimento vizi occulti. La legge ti riconosce
Hai
mutui arischio
per ratearretrate?
Puoi ottenere il
risarcimento vizi occulti. La
legge ti riconosce i vizi occulti
immobiliari con
risarcimentodel
20/30%del valore
dell’immobile
Hai
troppi debiti?
Con la
procedura di
esdebitazione
puoi chiudere
i conti
con i
creditori
Hai fatto finanziamenti? Puoi richiedere una preanalisi dell’usura e anatocismo.
Hai
fatto
finanziamenti?
Puoi richiedere una
preanalisi dell’usura
e anatocismo.

per legge le banche devono rimborsare i tassi e le operazioni illegali

. S O - . I S T T . I R D I I
.
S
O
-
.
I
S
T
T
.
I
R
D
I
I
D
R
I
.
T
S
T
La soddisfazione
di vedere
I
.
almeno una volta
la banca pagare
-
O
.
S
S
.
O
-
.
I
T
S
T
.
I
R
D
I
I
D
R
I
.
T
S
T
I
.
-
O
S
.
Hai Cessione del 1/5°? Puoi fare una verifica nel 70% dei casi scopri che hai
Hai
Cessione
del 1/5°?
Puoi fare una verifica
nel 70% dei casi
scopri che hai
diritto al
rimborso

TUTELA

TUTELA

TUTELA

TUTELA

TUTELA

TUTELA

TUTELA

INDEBITATI

MALASANITA’

POVERI

EQUITALIA

ANZIANI

ESPROPRI

BANCHE

POVERI EQUITALIA ANZIANI ESPROPRI BANCHE Unseggioperla votazionenel West Yorkshire nenza britannica

Unseggioperla votazionenel West Yorkshire

nenza britannica nella Ue, inanellando una serie di so- stenuti rialzi.

LE BORSE SCOMMETTONO. In

particolare le Borse europee hanno messo a segno oltre 190 miliardi di guadagni e i mercati valutari hanno mo- strato ottimismo, con la ster-

Socialistieliberali

chiedono

leriforme,ilPpe

rinviaepuntaa

frenareilpossibile

«effettodomino»

lina ai massimi da inizio an-

no. E se le banche centrali as- sicurano di essere pronte ad intervenire, le Borse non han-

no

mostrato incertezze: dopo

un

avvio cauto, i listini hanno

iniziato a correre fino a chiu- dere in deciso rialzo, con l’indice Stoxx600 che ha mes-

so a segno un +2%, pari a 192

miliardidi euro di capitalizza- zione guadagnati in una sedu-

ta. Milano ha registrato il rial-

zo maggiore (+3,7%), seguita

da Madrid, Parigi e Franco- forte (intorno al 2%), più cau-

ta Londra (+1,2%). Nessun ti-

more per la Brexit nemmeno per le Borse asiatiche e Wall Street. Sui mercati valutari la

sterlina si è rafforzata sul dol- laro segnando il maggior rial-

zo dell’anno a 1,4947, e l’euro è salito fino a 1,14. Lo spread Btp/Bund è cala-

to fino a 130 punti base (dai

137 del giorno precedente). Sul fronte delle materie pri- me il petrolio è salito oltre i 49 dollari al barile, mentre l’oro è calato lievemente a quota 1.266 dollari.

UNA TERRAZZA SULLE TORRICELLE Carne alla brace - Pizza gourmet - Lounge Bar In collaborazione
UNA TERRAZZA SULLE TORRICELLE
Carne alla brace - Pizza gourmet - Lounge Bar
In collaborazione con Ristorante Pizzeria S. Matteo Church,
Ristorante la Canonica, Victory Day and Night Cafè
Church, Ristorante la Canonica, Victory Day and Night Cafè VERONA - Viale dei Colli, 43 -

VERONA - Viale dei Colli, 43 - Info: 3474015130

Aperto tutti i giorni

4 Italia-Mondo

L'ARENA

Venerdì 24 Giugno 2016

PADOVA. Esponente di centrodestra, sarebbe l’ideatore di un metodo collaudato di corruzione

TangentialleTerme,arrestato

ilsindacoappenarieletto

IncarcereLucaClaudio primocittadinodiAbano Conluialtri quattro, svelato

zione ad Abano. Stando alla procura di Padova sarebbe stato ideatore e gestore di un metodo di corruzione che, se non accettato, escludeva le imprese dalla manutenzione del verde, dal rifacimento dei

marciapiedi, da ogni opera decisa dal municipio. Con

il«sistema»10%suappalti

PADOVA

 

Vigeva un «sistema» collau- dato di mazzette al 10%, tal-

Claudio, l’unico per cui il gip ha disposto la custodia caute-

volta fino al 20%, sugli appal-

lare

in cella, sono finiti ai do-

ti

pubblici nei comuni terma-

miciliari anche l’ex sindaco

li

di Abano e Montegrotto.

di

Montegrotto, Massimo

Una «regola» per la quale ie-

Bordin (dimessosi nel 2015

ri

è finito in carcere il sindaco

perché indagato nella stessa inchiesta), e tre imprendito- ri: Massimo Trevisan, ritenu-

Luca Claudio, esponente del centrodestra, fresco di riele-

to un prestanome di Claudio,

a capo delle società in cui sa-

rebbero transitate le tangen- ti «camuffate» da consulen- ze, Luciano Pistorello, attivo nella manutenzione e nei rifa- cimenti stradali, e Saverio Guerrato, impegnato nel set- tore dell’edilizia pubblica. A capo di un gruppo di civi- che di centrodestra svincola- te dai partiti, Claudio, 45 an- ni, ex An, ex La Destra, aveva

festeggiato quattro giorni pri- ma dell’arresto la vittoria al ballottaggio (su Monica Laz- zaretto, centrosinistra) con il 52,3% dei voti. «Io sono inno-

cente», era lo slogan che ave-

va fatto stampare nei manife-

sti elettorali della primavera 2016. Perché da oltre un an- no era già indagato nell’inchiesta della guardia

di Finanza sulle presunte tan-

genti nella manutenzione del verde a Montegrotto. Un sin- daco recordman Luca Clau- dio, con quattro rielezioni consecutive, due a Monte- grotto e due ad Abano, che già nell’aspetto, capelli neri

fluenti, sorriso smagliante, fi- sico sportivo, non ha mai fat-

to nulla per passare inosser-

vato. Il «Re delle terme» era

L’ALLARME. Unuomoarmatofa irruzione all’internodi un centro commerciale.Tutti insalvo

TerroreinGermania,

entraesparaalcinema

Uccisodopounblitzdelletestedicuoio,esclusalamatriceterrorista

Barricatocon50persone,25restanoferiteperigaslacrimogeni

BERLINO

Momenti di terrore a Viern- heim, in Assia. Un uomo ma-

scherato è entrato ieri in un cinema, ha esploso dei colpi

in aria con un’arma probabil-

mente falsa e si è barricato nella sala insieme ad alcuni ostaggi. L’identità dell’uomo,

tra i 18 e i 25 anni, che è stato ucciso dagli agenti delle forze speciali arrivati in elicottero

da

Francoforte, non è stata re-

sa

nota dalla polizia. Le inda-

gini sono andate avanti tutto

il giorno, tuttavia, le autorità

tedesche hanno subito cate- goricamente escluso la matri-

ce terroristica: si sarebbe trat- tato solo di un uomo isolato e squilibrato, è stato spiegato ai media poco tempo dopo che il blitz nel cinema si era concluso. Fortunatamente, nessuno è rimasto ferito.

UOMO MASCHERATO. Inizial-

mente i media tedeschi aveva-

no riferito che di feriti ce ne sarebbero stati tra venticin- que e cinquanta: probabil- mente tutti gli spettatori che

si trovavano all’interno del

multisala (ieri si proiettava per la prima volta «The neon demon» con Keanu Reeves)

e che sono rimasti in qualche

modo intossicati dai gas lacri- mogeni lanciati dalla polizia durante l’irruzione termina-

ta con l’uccisione dello spara-

tore.

L’uomo, mascherato e con

in mano un fucile (non si sa

ancora se si trattasse di un’arma vera o di un fucile a salve) è entrato prima delle 15 nel cinema Kinoplis di Viernheim, un multisala all’interno di un centro com- merciale della tranquilla cit- tadina a sud di Darmstadt. Indossava una cartucciera a tracolla e avrebbe sparato i

Indossava una cartucciera a tracolla e avrebbe sparato i Lapolizia tedescaieri,al terminedell’intervento nel cinema

Lapolizia tedescaieri,al terminedell’intervento nel cinema diViernheim

terminedell’intervento nel cinema diViernheim Leteste di cuoiohannoutilizzato lacrimogeni primi colpi in

Leteste di cuoiohannoutilizzato lacrimogeni

primi colpi in aria. Gli spetta-

tori del cinema sono scappati

all’esterno gridando, e l’uomo armato si sarebbe trincerato dentro. Nel frat- tempo è immediatamente scattato il dispositivo di sicu- rezza, e sono intervenute le forze speciali giunte in elicot- tero. Le teste di cuoio hanno fatto irruzione e hanno ucci- so l’uomo, facendo uscire ille-

si tutti quelli che si trovavano

nel locale pubblico, a cui la polizia ha impedito a tutti di avvicinarsi. L’assalitore del cinema di Vernheim era un uomo «di- sturbato», è quanto ha dichia- rato il ministro dell’Interno del land dell’Assia, Peter Beu- th, citato dalla testata locale Mannheimer Morgen. I me- dia tedeschi avevano riferito

che molte persone erano ri- maste ferite, ma la polizia ha precisato che l’uomo armato aveva preso ostaggi nel cine-

ma prima che la polizia lo uc- cidesse e che nessun altro è rimasto ferito. Secondo quan-

to riportato dal tabloid Bild,

sono almeno 25 le persone ri- maste ferite per aver inalato gas lacrimogeni.

«NON È TERRORISMO». Fonti

della sicurezza tedesca, han-

no fatto sapere che l’assalito- re del cinema ha probabil- mente agito da solo e non per motivi terroristici. Sarebbe dunque esclusa la matrice ji- hadista che in un primo mo- mento si era ipotizzata, alla

luce anche degli attentati che

si sono verificati negli ultimi

mesi a Parigi e a Bruxelles da parte della cellula legata ai miliziana dell’Isis. La televi- sione tedesca ha mostrato le immagini di poliziotti pesan- temente armati, con indosso caschi e giubbotti antiproiet- tile, pronti al blitz che ha por- tato alla liberazione degli ostaggi.

blitz che ha por- tato alla liberazione degli ostaggi. • Ilsindaco (di spalle)durante l’arresto diierimattina

Ilsindaco (di spalle)durante l’arresto diierimattina

salito all’onore delle crona- che nel 2007 quando, sulla poltrona di Montegrotto, an- nunciò che avrebbe invitato i suoi concittadini ad emigra- re, scrivendolo nei tabelloni luminosi, perché il comune non poteva difendere la loro

sicurezza. Due anni dopo ave- va emesso un’ordinanza an-

Passati al setaccio dallaGuardia diFinanzaappalti perunvalore

di18milioni,

dal2008al2015

ti-burqa, e sempre nel 2009

si era rifiutato di unire in ma-

trimonio un cittadino molda-

vo e una sua connazionale

perché l’uomo era «un immi- grato clandestino». Nel 2011 aveva spostato il

mirino su Napoli, chiedendo

che la giustizia riconoscesse

a Montegrotto i danni

d’immagine a causa

dell’emergenza rifiuti in Cam- pania, che spaventava i turi- sti. Perse la causa, e fu con- dannato a pagare le spese le-

gali per 25mila euro. Questo

tuttavia non gli ha impedito

di imporsi come il sindaco

più votato.

Secondo la Guardia di Fi- nanza e i pm, però, ci sarebbe

stato parecchio di illecito nel-

la sua gestione. Gli investiga-

tori hanno passato al setac-

cio appalti per un valore com-

plessivo di 18 milioni, tra il 2008 e il 2015.

VICENZA

TRAPANI.Tre indizi

TRENTO.Lasentenza

Conflittoafuoco

Carabiniere

Docentegay

inuncampo

ucciso,analisi

discriminata

nomadi:

incastrano

Condannata

unmorto

unbracciante

lascuola

TRENTO
TRENTO

TRENTO

Condannato l’istituto parita-

rio

Sacro Cuore di Trento per

avere discriminato una do- cente per il proprio orienta- mento sessuale. Il giudice del lavoro del Tribunale di Rove-

reto lo ha accertato per i fatti

partire dal 16 luglio 2014, quando durante un colloquio

a

con

la madre superiora, presi-

de

della scuola, «le era stato

Indaganoicarabinieri

Ifunerali di Mirarchi

chiesto di smentire voci per

 

le

quali avrebbe intrattenuto

VICENZA

TRAPANI

una

convivenza sentimentale

con

altra donna».

   

L’insegnante si era rifiutata

 

Un morto e un ferito in condi- zioni gravissime. È questo il primo bilancio di una spara- toria tra nomadi, verificatasi ieri pomeriggio nell’Alto Vi- centino tra i comuni di Thie- ne e Zanè, in una zona agrico- la in cui sono accampati di- versi camper di nomadi. In quell’area gli inquirenti han- no trovato a terra dei bossoli. La caccia all’uomo è subito scattata. Secondo quanto appreso, i carabinieri stanno dando la caccia al furgone dal quale so- no stati scaricati i due uomi- ni, uno ormai cadavere,

A

tre settimane dall’omicidio

di

accettare l’ingerenza e

del maresciallo dei carabinie-

l’allora responsabile dell’isti-

ri

Silvio Mirarchi, ucciso il 31

tuto le consigliò di «risolvere

maggio scorso nelle campa- gne di Marsala, i militari

il

problema». La professores-

sa,

con contratti a termine, ri-

dell’Arma del comando pro- vinciale di Trapani hanno da-

spose con indignazione e non venne riassunta, «perdendo

to

nome e volto al presunto

il

diritto a ottenere la conver-

assassino: Nicolò Girgenti,

sione del proprio contratto in

45 anni, marsalese, braccian-

un

rapporto a tempo indeter-

te

agricolo incensurato. Il fer-

minato» sottolinea l’avvoca-

mato è l’ex proprietario del

to che ha seguito il caso, Ale- xander Schuster. L’Istituto Sacro cuore è stato così con-

terreno coltivato a cannabis. Alle indagini della procura

di

Marsala hanno collabora-

dannatoa risarcire 25mila eu-

to

i militari del Ros e gli spe-

ro

alla docente per danni pa-

cialisti dello Squadrone eli-

trimoniali e non patrimonia-

portato cacciatori di Calabria

li

e 1.500 euro a ciascuna del-

l’altro gravemente ferito, da- vanti all’ingresso del pronto soccorso dell’ospedale vicen- tino di Santorso, per poi ri- partire a grande velocità. Le ricerche sono avvenute an- che con l’ausilio di un elicotte- ro, al fine di individuare non solo il furgone ma anche un camper e due macchine di co- lore scuro intestate ad altret- tanti nomadi, che potrebbe- ro essere fuggite dopo la spa- ratoria. Alla base del grave fatto di

il Ris di Messina. Tre gli in- dizi a carico dell’indagato, che oggi sarà sottoposto all’interrogatorio davanti al

e

gip: la prova dello stub, i tabu- lati del suo cellulare e un moz- zicone di sigaretta rinvenuto

le

organizzazioni ricorrenti,

Cgil del Trentino e Associa- zione radicale Certi diritti. «Una sentenza importante, una parola definitiva su una storia che deve riaprire un di- battito politico» secondo Ga-

a

poco distanza dal luogo del

briele Piazzoni, segretario na-

delitto. In particolare la pro-

zionale di Arcigay. «Il diritto

va

dello stub ha evidenziato,

alla

libertà di religione non si-

oltre alla presenza di polvere da sparo sulla pelle del pre- sunto omicida, anche residui

gnifica ’diritto’ a discrimina- re», ha affermato il segreta-

rio

dell’Unione degli atei e de-

di

nichel, la stessa sostanza

gli

agnostici razionalisti, Ste-

chimica rinvenuta in uno dei

fano Incani. Fabrizio Bocchi-

sangue potrebbe esserci un regolamento di conti tra ban- de rivali, con protagonisti più persone. Al momento non è stato reso noto il nome dell’uomo deceduto, ma gli investigatori hanno già indi- viduato i componenti delle due famiglie rivali di noma- di. Alcuni di loro avrebbero precedenti penali.

bossoli. L’esame dei tabulati

no,

senatore di Sinistra Italia-

ha

inficiato l’alibi. «Ero a let-

na-Altra Europa con Tsipras,

to

che dormivo», aveva detto

ha

parlato di «sentenza stori-

Girgenti. I Ris hanno appura-

ca,

la prima in Italia, che dice

to

che, in concomitanza con

con

forza che una scuola, an-

l’omicidio, il suo telefonino

che

privata, anche confessio-

era attivo e che dall’apparec- chio sono partite chiamate agganciando celle di un pon-

nale, tanto più se finanziata con soldi pubblici, non può discriminare insegnanti sul-

te

compatibile con il luogo

la

base dell’orientamento ses-

del delitto.

suale: un segno di civiltà».

Società Athesis S.p.a. Redazioni: Corso Porta Nuova, 67 -Verona Tel.045.960.0111 Abbonamenti:Numero Verde800.013.764
Società Athesis S.p.a.
Redazioni: Corso Porta Nuova, 67 -Verona
Tel.045.960.0111
Abbonamenti:Numero Verde800.013.764
Fax 045.960.0936
Responsabiledeltrattamentodeidati
(D. Lgs 196/03) è il Direttore Responsabile
Stampato presso il Centro Stampa di
Società Editrice Arena - Via Torricelli, 14
Caselle di Sommacampagna (Verona)
ISSNdigitale/smartphone:2499-0892
Amministrazione, diffusione, tipografia:
Presidente
GIAN LUCA RANA
Tel.045.960.0111(10 linee)
ConcessionariapubblicitàPubliAdigeS.r.l.
Verona, Corso Porta Nuova, 67
Tel. 045.9600.200
Sportelloferiale: 9-13/15-19.00;festivo: 15.00-19.30
solo necrologie Tel. 045.9600.200- Fax 045.9600.211
ISSNsitoweb:2499-6033
IL GIORNALE DI VERONA
Fax 045.960.0120
DirettoreResponsabile
Pubblicità nazionale:
A. Manzoni & C. S.p.A.
Consigliere Delegato
C.C. PT N. 17481375 intestato a L’Arena
Bonifico Bancario a favore di Soc. Athesis S.p.A.
IBAN: IT 06 Q 05034 11702 000000009518
Certificato n. 8136
del 06/04/2016
MAURIZIOCATTANEO
Via Nervesa, 21 - 20139 Milano - Tel. 02.57494802
La tiratura di giovedì 23 giugno
è stata di 38.350 copie
ALESSANDRO ZELGER
www.manzoniadvertising.it
Reg. Tribunale C.P. di Verona n. 7 del 10.08.48

L'ARENA

Venerdì 24 Giugno 2016

5

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Sabato 25 e Domenica 26 giugno un week end intero da passare nei
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
Sabato 25 e Domenica 26 giugno
un week end intero da passare nei
parchi tematici Movieland e Caneva.
ComplessivamenteComplessivamente 2828 oreore inin cuicui esibiesibi-
zioni di dj e artisti di fama mondiale si
uniscono ad attrazioni spettacolari rie-
vocando california e florida nell’unico
festival che in Italia unisce tutti i target
di età. Un vero e proprio “LUNA PARK
della MUSICA”.
Radio Edit, è il claim del sabato, dove
verranno toccati tutti i generi nazional
popolari.
DalleDalle 10.0010.00 allealle 04.0004.00 deldel mattinomattino
pubblico di ogni target si potra’ divide-
re a piacimento tra attivita’, spettacoli,
montagne russe e 4 stage musicali
dove artitisti del calibri
di REDFOO ( LMFAO, PARTY ROCK
ANTHEM ), GABRI PONTE, GIGI
D’AGOSTINO, JUICY M, ANDREA
DAMANTE, CRISTIAN MARCHI,
FLORIAN PICASSO e l’evento itine-
rante MAMACITA vero e proprio tor-
mentone HIP HOP e REGGAETTON
guidato da MAX BRIGANTE e
ANDREA PELLIZZARI, con il suppor-
Prezzi.
27€ 1 giorno, 39€ 2
giorni. Ticket
acquistabili online
susu wwwww.rndpromo-
tion.com, sul sito
to di RADIO 105 mediapartner
www.movielandmusi-
dell’intero festival. Tra gli altri, CUBIK
by METEMPISCOSI e WONDER-
LAND 90.
cfestival.com, o diret-
tamente alle casse
dei parchi.
Independent, è lo slogan della dome-
nica. Dalle 10 alle 02, il dayevent de-
dicate alle sonorità TECHNO, TE-
CH-HOUSE e DEEP HOUSE.
Djs del calibro di ILARIO ALICANTE,
SAM PAGANINI, DAVIDE SQUILLA-
CE, MATTHIAS TANZMANN,
HECTOR COUTO, CUARTERO,
LUCA BALLERINI, PAOLO MARTINI
C\O Canevaworld
Movieland Park
Località Fossalta, 58
Lazise - Verona
& PAUL C si divideranno nei due
stage principali.
VNCBRG COLLECTIVE + LORENZO
CHIABOTTI, AQUARIO CREW,
WAKE, HYPE riempiranno gli altri
stage, mentre la reatà QLOOM IN DA
WOOD rappresenterrà l’after party
all’interno del teatro dell’illusionista.
Food & Bevarage
perper tuttetutte lele esigenze.esigenze.
16
street food restaurat,
12
american bar, 1 bar premium e 10
store dedicati a dolci, frutta e gadget.

6 Italia

NAPOLI.Svolta aCaivano sulla mortedel bambinoditre anni, deceduto nell’aprile del2013

CasoFortuna:«Antonio

uccisodallamadre»

AccusatadiomicidiovolontariolaexdiCaputo

Leiaipm:«Tuttefalsità,sitrattadiunincidente»

Adinchiodarlaunaudioconleparoledellacognata

NAPOLI

Svolta annunciata nelle inda- gini sulla morte di Antonio

Giglio, il bimbo di 3 anni de- ceduto il 27 aprile 2013 al Parco Verde di Caivano (Na- poli) dopo essere precipitato

da una finestra dell’apparta-

mento della nonna materna. Dopo settimane di confer-

me e smentite si è appreso ie-

ri che la Procura di Napoli

sta procedendo per omicidio

volontario nei confronti della madre del bimbo, Marianna Fabozzi, ex compagna di Rai- mondoCaputo, l’uomo in car-

cere con l’accusa di avere vio- lentatoe ucciso la piccola For- tuna Loffredo, il 24 giugno

del 2014.

La conferma della nuova iscrizione nel registro degli

indagati, risalente agli inizi

di maggio, si è avuta con

l’interrogatorio che la donna

ha reso mercoledì scorso nel

carcere di Benevento dove è detenuta perché accusata di concorso nelle presunte vio- lenze sessuali subite dalla tre figlie minorenni, fatti conte- stati allo stesso Caputo a cui ieri l’autorità giudiziaria ha notificato un avviso di chiusu-

l’autorità giudiziaria ha notificato un avviso di chiusu- IlParco Verde aCaivano, teatrodellamortedellapiccola Fortuna

IlParco Verde aCaivano, teatrodellamortedellapiccola Fortuna

ra indagini. Davanti ai pm la

donna ha ripercorso i terribi-

li attimi in cui il figlio, era il 27 aprile 2013, si sarebbe sporto, a suo dire, dalla fine- stra per guardare un elicotte-

ro che passava, per poi preci- pitare nel vuoto.

«Le accuse contro di me so-

no false, Antonio è morto per

un incidente che ancora oggi non riesco a spiegarmi», si è

difesa l’ex compagna di Capu-

to, fino a pochi giorni fa inda-

gata per la morte del figlio

ma per il reato, meno grave,

di omicidio colposo, per non

ma per il reato, meno grave, di omicidio colposo, per non AntonellaCaputo aver dunque vigilato adegua-

AntonellaCaputo

aver dunque vigilato adegua- tamente sul piccolo ed evita- to la tragedia. Ad accusarla in particolare le dichiarazio- ni rese dalla sorella di Capu- to, Antonella, presente al mo- mento del fatto, confluite in una file audio nel quale la donna, parlando con degli amici, rivela di essere sicura che a uccidere il bimbo, per ritorsione contro l’ex marito, è stata la madre. «Ha ucciso lei Antonio, l’ex marito la ricattava», ha rac- contato la donna, «non vole- va farle vedere la creatura, e allora lei ha detto o con me o con nessuno». Accuse gravi che la teste aveva già fornito ai carabinieri subito dopo la caduta mortale di Antonio, ma allora, in assenza di altri riscontri, non fu ritenuta at- tendibile. «Cosa è cambiato rispetto ad allora non lo so», ha risposto Salvatore Di Mez- za,legale della mamma di An- tonio, «anche perché di ri- scontri tecnici non ne sono stati fatti. La Procura avrà in mano altri elementi che però non ci ha mostrato». La donna indagata per l’omicidio del figlio avrebbe fornito dei particolari sulla vi- cenda, oggetto di segreto istruttorio, senza però accusa- re nessuno, e confermando che in casa al momento del fatto c’erano lei, il figlio Anto- nio, la madre Angela Angeli- no e appunto Antonella Ca- puto.

L'ARENA

Venerdì 24 Giugno 2016

GIALLODI BENEVENTO.Potrebbe aver subito inpassato altre violenze

Interrogatiigenitori

dellapiccolaMaria

Verifichesull’alibidell’indagato

Ascoltatiicompagnidiscuola

BENEVENTO

Per gli investigatori che inda- gano sulla morte di Maria, la bimba romena di 9 anni, che ha subito violenza sessuale e poi è stata uccisa nella serata

di domenica scorsa, a San Sal-

vatore Telesino, nel Sannio, è stata ieri una giornata di in- tenso lavoro. Punto per pun- to si è cercato di trovare ri- scontri nella ricostruzione dei fatti forniti nel lungo in- terrogatorio, avvenuto la

scorsa notte, da Daniel, il gio- vane di 21 anni, romeno e re- sidente nello stesso comune, indagato con l’accusa di vio- lenza sessuale e omicidio. Daniel ha risposto alle do- mande poste dal sostituto Maria Scanarcio e dal procu- ratore di Benevento, Giovan-

ni Conzo. In attesa che giun-

gano gli esiti degli esami me- dico-legali, i carabinieri del comando provinciale, coordi- nati dal colonnello Pasquale Vasaturo, stanno ricostruen- do quanto avvenuto nel po- meriggio di domenica, da quando la piccola Maria è an- data in auto con Daniel verso Telese e poi è tornata con lui dinanzi alla chiesa di San Sal- vatore Telesino, dove si stava- no tenendo i festeggiamenti per Sant’Anselmo. Cosa sia successo è quello che vuole ac-

Sant’Anselmo. Cosa sia successo è quello che vuole ac- Daniellasciala caserma Ilventunenne romenosotto

Daniellasciala caserma

Ilventunenne

romenosotto

torchio:sicercano

riscontrinella

suaricostruzione

deifatti

certare anche il difensore di parte civile, l’avvocato Gio- vanni d’Occhio, legale del pa- dre e della madre di Maria. «C’è da stabilire cosa sia ac- caduto dalle 20 alle 21», ha detto l’avvocato, per il quale a commettere l’atroce delitto potrebbero essere state più persone. Sulle indagini c’è il più stretto riserbo. Trapela

però che gli investigatori, ol- tre alla pista che vede indaga- to il giovane romeno, non tra- scurano altre ipotesi. Ieri mattina hanno ascoltato alcu- ni compagni di classe di Ma- ria e continuato a passare al setaccio i libri e il diario della piccola per trovare qualche spunto utile alle indagini. C’è il terribile sospetto che la bambina abbia potuto subire violenza anche in passato. Ma questo lo dirà l’esito dell’esame legale che potrà datare con precisione le even- tuali lesioni. Maria era in Italia da soli due anni. Una bimba solare, sempre molto serena: così è stata descritta dai suoi genito- ri nel lungo interrogatorio, andato avanti mercoledì per oltre 14 ore e terminato nel cuore della notte. Intanto, l’intera comunità di San Sal- vatore Telesino si è stretta in- torno ai genitori della picco- la. Ieri nella loro abitazione, nel cuore del centro storico, è stato un continuo via vai di persone. Ma in paese sono in tanti a credere che Daniel, operaio senza un’occupazio- ne fissa, non possa essere il responsabile e qualcuno invi- ta anche a valutare la pista di qualche orco di passaggio. I 400 romeni che vivono a San Salvatore Telesino si sono be- ne integrati, così come gli al- tristranieri. Insomma la mor- te di Maria appare sempre più un giallo. Ed è stato il pa- dre della piccola a lanciare un appello: «Chi sa parli».

Sì viaggiare Tante nuove proposte per un meritato relax
Sì viaggiare
Tante nuove proposte
per un meritato relax
Crociera in barca a vela isole greche ioniche attraversando la costa croata Mare Maiorca Mare
Crociera in
barca a vela
isole greche
ioniche
attraversando
la costa croata
Mare
Maiorca
Mare Italia
Italia
Montesilvano
Otranto
Partenza da Chioggia
il 01 agosto,
ritorno con volo da
Lefkada il 11 agosto
Trattamento
mezza pensione con
bevande
Partenza
dal 15 al 30
luglio
volo da Verona
8 giorni/7notti
Barcelo
Cala Vinas
all inclusive
Partenza
3 luglio
da Verona
8 giorni/7 notti
Serena Majestic
pensione
completa
Totale
€ 990.00
a persona
VOLO E TASSE
INCLUSE!
Partenza
03 luglio
volo da Verona
8 giorni/7notti
Futura Style
Baia dei Turchi
mezza pensione
da € 845
a persona
da € 629
a persona
da € 609
a persona
Prenota da noi le tue vacanze SENZA GLUTINE nei migliori hotel garantiti a tariffe speciali
VERONA - Via Luigia Poloni, 3
Tel. 045 80 16 086 - www.orodelmare.com
orodelmarevela
Via F. Rosa Morando, 40 Verona Tel. 045534564 www.viaggiecultura.it AROUND MAIORCA Partenza del 19/06 da

Via F. Rosa Morando, 40 Verona Tel. 045534564 www.viaggiecultura.it

AROUND MAIORCA

Partenza del 19/06 da Verona

3 notti PALMA BAY RESORT

+

4 notti BH MALLORA Trattamento ALL INCLUSIVE

Da € 499 a persona

MALLORA Trattamento ALL INCLUSIVE Da € 499 a persona CROCIERA MSC FANTASIA UL T IME DUE
MALLORA Trattamento ALL INCLUSIVE Da € 499 a persona CROCIERA MSC FANTASIA UL T IME DUE

CROCIERA MSC FANTASIA ULTIME DUE CABINE

GENOVA, CANNES, PALMA DI MAIORCA, BARCELLONA, AJACCIO, NAPOLI, LA SPEZIA

Dal 19 al 26 giugno 2016 8 giorni / 7 notti in Pensione Completa INCLUSE BEVANDE AI PASTI

PARTENZA DA GENOVA SISTEMAZIONE IN CABINA CON BALCONE FANTASITCA ESPERIENZA

CHIAMA IN AGENZIA E SCOPRI LA NOSTRA

*** OFFERTA SPECIALE ***

di Dall’Aio Sergio & C.
di Dall’Aio Sergio & C.
di Dall’Aio Sergio & C. PER INFORMAZIONI: Tel. 045.695.4021 Cell. 335 7051812 335 5728218 dallaioviaggi@tiscali.it

PER INFORMAZIONI:

Tel. 045.695.4021 Cell. 335 7051812 335 5728218 dallaioviaggi@tiscali.it www.dallaioviaggi.it Salizzole (Verona) - Via Isolana, 576

PULLMAN DEL MARE

SOTTOMARINA LIDO

dal 19 giugno al 31 agosto 2016

TUTTI I GIORNI (Feriale e Festivo)

LIDO DEGLI ESTENSI-LIDO DI SPINA

dal 25 giugno al 28 agosto 2016 - CORSE: SABATO - DOMENICA e 15 AGOSTO

PARTENZE GARANTITE ANCHE IN CASO DI MALTEMPO

dal 25 giugno al 28 agosto 2016 - CORSE: SABATO - DOMENICA e 15 AGOSTO PARTENZE
NEGRAR
NEGRAR

L’agenzia che viaggia con te!

www.amaterraviaggi.com

GITE IN BUS partenze da Verona e Negrar

11 Settembre 2016 RAVENNA: LA CITTÀ DEI MOSAICI

Passeggiando tra i patrimoni UNESCO

€ 50

MANTOVA BY NIGHT Sabato 16 Luglio 2016

Gita serale con visita guidata ed aperitivo con Ricetta di Epoca Romana al Museo Francesco Gonzaga, passeggiata in centro

Partenze da Negrar e Verona

€ 45

9 Ottobre 2016 CASTEL THUN E LA VAL DI NON POMARIA: LA FESTA DELLA MELA 48

E LA VAL DI NON POMARIA: LA FESTA DELLA MELA € 4 8 INFO E PRENOTAZIONI:

INFO E PRENOTAZIONI:

Agenzia Viaggi SiTravel Via Mazzini, 10/B - NEGRAR (Vr) Tel. 045/6862757

IA13461

IA13461 s.r.l. s DEL DOPOLAVORO FERROVIARIO DI VERONA VIA XX SETTEMBRE, 17 - VERONA TEL. 045.596.733

s.r.l.s

DEL DOPOLAVORO FERROVIARIO DI VERONA

VIA XX SETTEMBRE, 17 - VERONA TEL. 045.596.733 - FAX 045.590.473

VILLAGGIOTURISTICOELEA HERMITAGE HOTEL CLUB**** HOTELCLUBPELLEGRINOPALACE**** Marina di Ascea (SA) Silvi Marina (TE)
VILLAGGIOTURISTICOELEA
HERMITAGE HOTEL CLUB****
HOTELCLUBPELLEGRINOPALACE****
Marina di Ascea (SA)
Silvi Marina (TE)
Vieste -dal 03 al 15 luglio 2016
dal 10 al 17 luglio
dal 17 al 07 agosto
€. 380,00 settimanali
03 - 10 settembre 2016
€. 445,00 settimanali
Quota:
Quota: €. 1.080,00
”Offerte Speciali 14 giorni”
€. 590,00
dal 28 agosto all’11 settembre €. 565,00
con pullman da Verona
dal 04 al 18 settembre
€. 485,00
ULTIMISSIMI POSTI DISPONIBILI
con pullman da Verona
Quote per persona in pensione completa,
bevande comprese e servizio spiaggia
L'ARENA 7 Venerdì 24 Giugno 2016 ECONOMIA&FINANZA Bovolone-Peschiera Centro Com. Galvan Bovolone-Peschiera
L'ARENA
7
Venerdì 24 Giugno 2016
ECONOMIA&FINANZA
Bovolone-Peschiera
Centro Com. Galvan
Bovolone-Peschiera
Centro Com. Galvan
Telefono 045.9600.111 Fax 045.9600.837 | E-mail: economia@larena.it
Bovolone - Peschiera 349 725 7341
Centro Com. Galvan 045 958 1115

ENERGIA.Ilgovernolanciail pianodi incentivi (esclusialfotovoltaico) coni top manager

Rinnovabili:9miliardi

esinergieEni-Enel

Isoldisonostanziatisu20anni

(400milioniall’anno)distribuiti

traeolico,idrico,geotermico,

biomasse,rifiutiesolaretermico

traeolico,idrico,geotermico, biomasse,rifiutiesolaretermico L’addi Enel Francesco StaraceieriaPalazzo Chigi sione

L’addi Enel Francesco StaraceieriaPalazzo Chigi

sione dell’ultima assemblea, che consiste nello sfrutta- mento dei terreni relativi a impianti dismessi, bonificati ma non utilizzabili per altri scopi, che verranno messi a reddito con il fotovoltaico.

L’investimento previsto è tra 700 milioni e 1 miliardo e si partirà nel 2017. Compagna

di viaggio di quest’avventura

potrebbe essere l’Enel, che di

rinnovabili in Italia ne sa più

di tutti: il colosso petrolifero

sta infatti parlando con quel-

lo elettrico «e con chi altro è

disponibile per fare una joint

Iproduttori

COLLABORAZIONE. AssoRinnovabili,la principaleassociazione deiproduttori, dell’industriae dei servizi perleenergierinnovabili,

esprimesoddisfazione per ilvialiberadel governo al decretopergli incentivial

settore.«Dopotanti mesi diattesa -spiega il

presidente dell’associazione, AgostinoReRebaudengo - sitrattadi una buona notizia.Cogliamo con

favorelasvoltagreen annunciatadal Premier Renzie dalMinistro Calenda,e a talproposito rinnoviamolanostra piena disponibilitàa collaborare conilMinistero dello SviluppoEconomicosui tantidossier inagenda».

ROMA

Nove miliardi sul piatto delle rinnovabili non fotovoltai- che e una possibile collabora- zione nel campo «green» tra i due campioni energetici na- zionali, Eni ed Enel. È la

«strategia verde» dell’Italia il- lustrata dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in- sieme ai ministri dello Svilup- po economico, Carlo Calen- da, dell’Ambiente Gian Luca Galletti, e agli amministrato-

ri delegati di Eni, Enel e Ter-

na, società per le quali il go- verno non punta né al cam- biamento dei vertici e nem- meno a una discesa nel capi- tale. L’appuntamento, prima convocato nella cornice «ver- de» di Villa Pamphili ma poi trasferito a Palazzo Chigi a causa della pioggia, è stato prima di tutto l’occasione per

la firma del decreto rinnova-

prattutto eolica e idrica. Il mi- nistro ha tenuto a sottolinea- re la valenza industriale del provvedimento, in particola- re per il termodinamico di cui, ha osservato, «abbiamo

la tecnologia, ma non un po-

sto dove sia stata implemen-

tata in Italia». Tra l’altro, ha aggiunto Galletti, «somman- do gli investimenti annuncia-

ti sulle rinnovabili per i pros-

simi dieci anni, superiamo i dieci miliardi». Critica è però Greenpeace, che parla di «piccolo passo in

avanti», ma si chiede «che fi- ne ha fatto l’obiettivo del 50% di energia pulita entro fine legislatura?». «Le miglio- ri tecnologie e competenze sulle rinnovabili - ha rivendi- cato il premier - stanno nelle

aziende italiane. Il pianto e la lamentazione tradizionale per cui non siamo in forma e in prima linea sulle rinnova-

bili deve finire. Perché nume-

bili, una norma che il settore

ri

e innovazioni ci permetto-

venture su questi terreni», ha

aspettava da tempo. I miliar-

no di dire che siamo all’avan-

annunciato Descalzi.

di

stanziati (una rimodulazio-

guardia».

Positivo il riscontro da par-

ne degli incentivi che già gra-

ve

sull’arco di 20 anni: si trat-

La presenza dei principali

te

dell’ad dell’Enel Francesco

vano sulle bollette) sono no-

manager pubblici è stata vo- luta per raccontare in cosa

Starace, che però ha parlato più che altro, almeno per il

teo Del Fante si è già messa al

ta,

ha spiegato Calenda, di cir-

consiste «il lavoro di squa-

momento, di «collaborazio-

ca

400 milioni all’anno distri-

dra» che l’Italia «intende fa-

ne». Terna, in ogni caso, co-

buiti tra eolico, idrico, geoter- mico, biomasse, rifiuti, sola- re termodinamico e rifaci- menti per il mantenimento

re sulle rinnovabili partendo dalle aziende». E così l’ad dell’Eni Claudio Descalzi ha raccontato il piano sul foto-

me ha annunciato l’ad Mat-

lavoro per monitorare i siti dell’Eni e collegarli alla rete

in

efficienza della potenza, so-

voltaico annunciato in occa-

di

trasmissione nazionale.

ALIMENTARE. Sono i marchi più influenti insieme a Google, Amazon, Fb

ParmigianoeNutella

topbrandpergliitaliani

vo), Youtube (decimo). Fidu- cia e affidabilità, coinvolgi- mento, impegno sociale, in- novazione e presenza, sono gli ingredienti chiave per es- sere un brand influente. A se- conda del settore merceologi- co cambiano gli equilibri: la responsabilità sociale, per esempio, pesa per il 20% nell’energia mentre è solo all’1% nelle Telco e al 7% nei Media, settori in cui prevale il livello di coinvolgimento. «Essere un fenomeno d’avanguardia» è al 38% nel digital & social, ma solo al 21% nelle telecomunicazio- ni. Gli intervistati sono stati

MILANO

Parmigiano Reggiano e Nu-

tella si infilano tra social net- work e tecnologia nella classi- fica dei brand più influenti nella vita degli italiani guida-

ta da Google, Amazon e Face-

book. È quanto rivela l’indagi- ne Ipsos, «The Most Influen- tial Brands», condotta a livel-

lo globale per comprendere

l’impatto delle marche sul no- stro quotidiano. «Ogni gior- no ciascuno di noi interagi-

sce con le marche per soddi- sfare le proprie esigenze»,

spiega il Ceo di Ipsos Italia, Jennifer Hubber, aggiungen- do che si tratta di marche che «sono in grado di influenzare

in modo profondo i nostri sti-

li di vita e i nostri comporta-

menti». Dall’indagine spicca

il primato dei brand legati a

tecnologia, social media e connettività, ma non passa-

no di moda i prodotti più tra- dizionali legati alla tavola e al- la convivialità. Nutella, al quinto posto, viene percepito

come marchio «all’avanguar- dia e affidabile», pervasivo in termini di pubblicità e capil- larità distributiva, mentre il parmigiano Reggiano (no- no) si distingue per «respon-

sabilità sociale». Google e

Amazon si distinguono per innovazione e capacità di

aver modificato le abitudini

degli utenti; il punto di forza

di

Facebook è l’elevato livello

invitati ad esprimere la loro

di

coinvolgimento. Nella top

percezione nei confronti di

ten ci sono anche Samsung (quarto), Microsoft (sesto), Ebay (settimo), Apple (otta-

un panel di 100 brand selezio- nati in base a quote di merca- to.

Brevi

CREDITO MPS VENDE PORTAFOGLIO

NPLDA290MILIONI

AIPOLACCHIKRUK

Mps vende un portafoglio

di Npl (Non performing

loans) di circa 290 milioni

di euro. Lo annuncia una

nota della banca, in cui si precisa che prosegue la ces-

sione di crediti in sofferen-

za in linea con il piano in-

dustriale 2015-2018. A rile- varlo è stato il gruppo po- lacco Kruk, specializzato nel mercato dei crediti in sofferenza, attivo prevalen- temente nell’Est Europa.

DIESELGATE NEGLISTATIUNITIFINO A7.000DOLLARI ADOGNI PROPRIETARIODI VW

Volkswagen pagherà fino 7.000 dollari a ognuno dei proprietari di auto diesel

negli Stati Uniti e finanzie-

rà un programma contro

l’inquinamento nell’ambi-

to del piano da 10 miliardi

di dollari per risolvere lo

scandalo del diesel. Lo ri- porta l’agenzia Bloomberg secondo la quale Volkswa- gen non è in grado di ripa- rare tutte le auto coinvolte nello scandalo.

BANCAGENERALI FANCELPRESIDENTE, INCDA AZZURRA CALTAGIRONE

Il Cda di Banca Generali ha nominato presidente Giancarlo Fancel, cfo di

Generali Italia e presiden-

te di Genagricola. Ha poi

nominato in consiglio d’amministrazione per cooptazione la vice presi- dente della Caltagirone spa Azzurra Caltagirone e Cristina Rustignoli, diret- tore centrale di Banca Ge- nerali. Lo annuncia una nota.

BANCHE. IlpresidenteVita lo haribadito

Unicredit,sistringe

sullasceltadell’ad

«Tempirapidi»

Trainumerosicandidatispunta

ancheInnocenzi:«Nocomment»

MILANO

Unicredit cerca la svolta per la scelta dell’ad. L’ultima pa- rola spetta ai soci che sembra- no ancora non essere arrivati ad una posizione comune. Mentre il presidente Giusep- pe Vita assicura che sulla ri- cerca si è «accelerato». Si guarda ai comitati interni (in primis il nomine) program- mati per giovedì prossimo (il 30 giugno) in vista del cda già convocato lunedì 11 lu- glio. Ed è da registrare, dopo la sollecitazione del ministro

dell’Economia Pier Carlo Pa- doan, anche quella del Gover- natore di Banca d’Italia. L’obiettivo resta lo stesso e cioè arrivare a definire una short-list. Tra i papabili resta- no Flavio Valeri (Deutsche Bank), Giampiero Maioli (Credit Agricole), Victor Mas- siah (Ubi) ma anche Fabrizio Viola (Mps), Gaetano Micci- chè (Banca Imi) e l’ex Jean Pierre Mustier. C’è poi chi in- serisce Andrea Orcel che non è tra gli interessati così come Marco Morelli e Alberto Na- ge. Mentre ribadisce la pro-

pria distanza l’ad di Unipol, Carlo Cimbri. Rumors di stampa indicano anche Fa- bio Innocenzi (oggi in Ubs Italia) che ieri a Verona a margine della presentazione del suo libro «Sabbie mobi- li», si è trincerato dietro un «no comment». Mentre tra gli interni scala posizioni Car- lo Vivaldi.

Relazione

Viscodifende

l’operato

diBankitalia

Bankitaliahaagito eagisce nellalegalità«minutoper minuto»el’impossibilitàdi rivelarei contenuti delle ispezionitrasmessialla magistraturaèun obbligodi legge:sesi vuole cambiaresi deverivederelanorma. Ignazio Viscotornaa difendere l’operatodellabancacentrale italiana,ricordandoal contempola collegialità delle decisionierivendicando come conl’intervento sulle4banche sisia salvatala stabilità finanziaria.Adessosi sperache inuovi acquirenti,dicedavanti alleCommissioni riunite di CameraeSenatoper illustrare larelazione sullagestione e sulleattivitàdel2015, possano ancheipotizzareunindennizzo peri risparmiatori. Inaltri casi nonsiè agitonellostesso modo,osservaVisco, perché nelfrattempoèstato creato Atlanteper intervenire sulle bancheVenete,adesempio. L’utilizzodel Fondo interbancario,bocciatoa suo tempodall’Europa per salvaguardareBanca Etruria, BancaMarche, cariChieti e CariFerrara,èstata una sconfittadelPaese.

tempodall’Europa per salvaguardareBanca Etruria, BancaMarche, cariChieti e CariFerrara,èstata una sconfittadelPaese.

8

L'ARENA

Venerdì 24 Giugno 2016

8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016
8 L'ARENA Venerdì 24 Giugno 2016

L'ARENA

Venerdì 24 Giugno 2016

MANIFATTURIERO. Dati Istatnel primo trimestre 2016elaborati da Confartigianato. Frenano leesportazioni ExtraUe

Exportveroneseincalodel2%

macresceconl’Inghilterra

IlRegnoUnitoèilterzomercato

delsistemaVerona(620milioni

nel2015):èilsecondoacquirente

divino.Pesal’incognitaBrexit

Valeria Zanetti

Meno 2% per l’export verone- se nel primo trimestre 2016.

Il valore delle merci scaligere

vendute, secondo Istat, sui mercati esteri da gennaio a fi- ne marzo è stato di 2,1 miliar- di: 1,4 miliardi - stabili rispet- to allo stesso periodo 2015 - nei Paesi dell’Ue a 28, il resto fuori continente (-5,5%). In Veneto le esportazioni hanno toccato i 13 miliardi e mezzo (8,1 miliardi nell’Ue a 28) in aumento del +0,2% ed in controtendenza rispetto al- la frenata nazionale (-0,3%) con solo nove regioni in cam- po positivo. Al dato hanno contribuito le variazioni per- centuali precedute dal segno più di Belluno (+4,7%), Pado- va (+4,5%), Treviso (+0,5%), ma soprattutto lo sprint di Venezia (+10,6%). Il dato peggiore è di Vicenza (-4,1). Tra i generi che hanno trova- to sbocco oltreconfine, mac- chinari ed apparecchiature (19%), prodotti del manifat- turiero (10,1%), articoli in pelle (9,8%), in crescita. In flessione, invece, prodotti del-

la metallurgia (-25,6%) e arti- coli di abbigliamento

(-5,2%).

Se sono i mercati tradiziona-

li a mantenere stabili gli

scambi è sufficiente consolar- si con la tenuta su piazza eu- ropea? Non tutte le destina- zioni assicurano gli stessi ri- sultati. Cresce la domanda in Polonia (+6,4%), Spagna (+6,3%) Francia (+5,6%) e Paese Bassi (+5,3%); arretra in Belgio (-3,5%), Austria (-3,3%) e soprattutto Germa- nia (-0,8%). Secondo il presidente di Confartigianato Verona, An- drea Bissoli anche gli sbocchi Ue offrono una stabilità effi- mera. «In queste ore faccia-

mo i conti con l’esito del refe- rendum per la cosiddetta Bre-

xit e con il timore delle riper-

cussioni che potrebbero de- terminarsi per l’uscita dell’Inghilterra dall’Unione europea». Solo un mese fa i timori per il muro al Brenne- ro. Il Regno Unito assorbe il 5,4% dell'export italiano. Ed è il terzo mercato di sbocco per la provincia. Le vendite nel 2015 hanno raggiunto un valore di 619 milioni, corri-

nel 2015 hanno raggiunto un valore di 619 milioni, corri- spondenti al 17,9% del totale delle
nel 2015 hanno raggiunto un valore di 619 milioni, corri- spondenti al 17,9% del totale delle

spondenti al 17,9% del totale delle vendite estere venete. «Nei primi tre mesi 2016 sia- mo già a 153 milioni, corri- spondenti al 19,2% del totale regionale», osserva Bissoli. I dati della Camera di Com- mercio locale segnalano un

Facciamo iconticon ilreferendum sull’uscitadellaUk dall’Europa

ANDREABISSOLI

PRES.CONFARTIGIANATOVERONA

incremento del +10,7% del valore da gennaio a fine mar-

zo. In testa i vini, l’anno scor-

so per 120 milioni: il Regno

Unito è il secondo acquirente

di bottiglie made in Verona.

Seguono macchine di impie- gogenerale e prodotti alimen-

tari. Il marmo lavorato in pro- vincia e destinato all’Uk gene- ra un valore di 26 milioni. Il Paese è il terzo cliente per questa manifattura. Se la Gran Bretagna diven- tasse extraeuropea, le conse- guenze si farebbero sentire anche sul turismo. Lo scorso anno, nel Veronese, hanno trascorso un periodo di va- canza 2,7 milioni di stranieri, per 11,7 milioni di presenze. Dall’Uk sono arrivati 156.564 turisti per 823.881 presenze. Si tratta di una

clientela che non bada a spe- se e destina alle vacanze 123 euro al giorno.

CONVEGNO. Confronto ieri tra esperienze di imprenditori veronesi e non

Passaggioinazienda:

strategiciimanager

ElaBorsa?BaulieBolla:«Nonèfondamentale»

Davide Pyriochos

L'Italia come noto è il paese delle aziende familiari: il 65% è gestito dalle famiglie fondatrici, e addirittura il 23% è in mano al proprieta- rio ultra settantenne. Questa

caratteristica, che per un ver- so spiega la straordinaria energia e tenacia di molte im- prese, rende problematico il passaggio generazionale. Ap- pena il 30% delle aziende so- pravvive al fondatore, solo il 13% raggiunge la terza gene- razione e lì ci si scontra con un muro perché alla quarta arriva uno striminzito 4%. Per approfondire l'argomen- to e proporre le soluzioni più lineari (ingresso di manager

e quotazione in Borsa), alcu-

ni importanti studi di consu- lenza (Orienta, Belluzzo, KT&P, Deloitte) in partner- ship con Borsa Italiana, han- no organizzato ieri sella sede della Confindustria scaligera la tappa veronese di un tour nazionale di incontri denomi- nato «Generazioni di valo- re». Alla ricca tavola rotonda erano presenti molti indu- striali, non solo veronesi, e se tutti si sono mostrati concor- disull'importanza d'introdur- re in azienda manager capa- ci, perché «la famiglia dev'es-

azienda manager capa- ci, perché «la famiglia dev'es- MicheleBauli sere luogo e scrigno di valori per

MicheleBauli

sere luogo e scrigno di valori per l'impresa» ha spiegato il patròn di Masi, Sandro Bo- scaini, «non luogo di conflit-

ti», diverse sono state le vedu-

te sull'opportunità costituita

dalla Borsa. Il past president di Confin-

dustria Verona e patròn di Vi- vigas, Andrea Bolla, ritiene infatti che «la Borsa sia un'opportunità, se finalizza-

ta a sviluppare un piano che

possa essere agevolato dalla quotazione stessa, ma non è

un valore a tutti i costi». «La

mia azienda» ha spiegato «è pronta per quotarsi se lo vo-

lesse e personalmente ne sa-

rei anche orgoglioso, tuttavia

nel breve periodo non ho in-

tenzione di farlo». Molteplici

le ragioni: «In questo mo-

mento abbiamo una buona li- quidità e scarso interesse a

mento abbiamo una buona li- quidità e scarso interesse a AndreaBolla SandroBoscaini raccogliere capitale, ma un

AndreaBolla

una buona li- quidità e scarso interesse a AndreaBolla SandroBoscaini raccogliere capitale, ma un aspetto per

SandroBoscaini

raccogliere capitale, ma un aspetto per me significativo è che con la quotazione dovrei rinunciare alla segretezza sul- le strategie future, che per me è preziosa. Inoltre» ag- giunge «in passato mi è capi-

tato d'incontrare investitori finanziari che mi chiedevano più garanzie delle banche,

tanto da spingermi a doman-

dare loro dove fosse finito il concetto di capitale di ri- schio». Simile l'atteggiamento mo- strato dal vicepresidente di Confindustria, Michele Bau-

li: «Due anni fa anche noi ab-

biamo compiuto il percorso

Elite di Borsa Italiana» spie-

ga il vicepresidente del grup-

po dolciario, «tuttavia per il momento abbiamo adottato una strategia diversa, che non contempla la quotazio- ne». A seguito di importanti acquisizioni come Motta, Ale- magna e Bistefani, ma anche introducendo in Bauli le li- nee per i croissant, «siamo riusciti a far pesare per il 30% sul nostro fatturato i prodotti da ricorrenza, che generano un certo cardiopal- ma perché ti costringono a la- vorare un anno per poi vende-

re tutta le merce in tre setti-

mane». Ora la sfida è l'ex- port, «perché con il 10% di esportazioni siamo la vergo- gna del Nordest», tuttavia re- stando lontano da piazza Af- fari. Masi d'altra parte ha visto nella Borsa un'opportunità. «Noi pensiamo che gradual- mente la vita della famiglia vada distinta da quella dell'impresa» ha spiegato Bo- scaini «e la quotazione che abbiamo raggiunto un anno fa garantisce il massimo dell'indipendenza, perché consente la liquidabilità». «Se domani» spiega Mister Amarone «un familiare deci- derà di seguire un percorso diverso potrà vendere il suo pacchetto, cosa che finora co- munque non abbiamo fatto perché la famiglia controlla il 74% dell'azienda quotata».

Brevi

BANCHE FITCHALZA ADOBANK (EXUCCMB-UNICREDIT) ILRATING SUIMUTUI

L’agenzia Fitch ha assegna-

to a doBank (società posse- duta da fondi gestiti da Fortress Investment Group e con sede legale a Verona) il rating di «Spe- cial Servicer» a Rss1- sui mutui residenziali e Css1- sui mutui commerciali, promuovendola dal prece- dente Rating Watch Nega- tive (Rwn). Questo passag- gio è dovuto a una comple- ta revisione della società (già Uccmb) da parte di Fitch, a seguito dell’acqui- sizione del Servicer da par- te di Fortress Investment Group Llc da UniCredit.

CONFARTIGIANATO OGGIULTIMO SEMINARIO SULLERINNOVABILI:

ILFOTOVOLTAICO

Confartigianato Impianti Verona oggi concluderà il primo ciclo di incontri de- dicati a ciascuna delle quat- tro fonti rinnovabili. Dopo biomassa, solare termico e pompe di calore oggi tocca al fotovoltaico: l’appunta- mento è dalle 13 alle 19 nel- la Sala «Erminio Lucchi» del Palazzetto «Alberto Masprone» di Piazzale Olimpia 3, a Verona. La partecipazione è gratuita,

tramite iscrizione obbliga- toria con modulo on line presente su www.confarti- gianato.verona.it. Serve ad assolvere l’obbligo di ag- giornamento.

Economia 9

DIVIETI. Misura controi souvenir cianfrusaglia

Mercediqualità

neicentristorici

«Bastapaccottiglia»

ConfcommercioVenetoapplaude

allanormaapprovatadalGoverno

Basta negozietti con souve- nir cianfrusaglia nei centri storici delle città d’arte.

Il consiglio dei ministri ha

approvato la cosiddetta nor- ma «anti paccottiglia», che

fa parte di un più ampio de-

creto legislativo. Le organiz- zazioni di categoria del com- mercio veneto applaudono all’iniziativa. Da molto tempo, insieme al-

la Regione e ai Comuni, Conf-

commercio e Confesercenti Veneto hanno avviato proget-

bani i viaggiatori cercano

l’autenticità e l’originalità, il legame delle imprese con il territorio, qualcosa di diver-

so da raccontare e da portare

a casa».

Ora il provvedimento deve proseguire il suo iter in Parla- mento. Servirà almeno un an- no, sperando che non venga snaturato dalle Commissio- ni.

«Quando il decreto sarà ap- provato, i sindaci potranno tutelare le attività tradiziona-

ti di riqualificazione dei cen-

li, tra le quali i negozi storici,

tri

comunità con servizi indi-

urbani per restituirli alle

arginando l’invasione delle botteghe di souvenir anoni-

spensabili alla cittadinanza.

mi

che mortificano l’immagi-

Recente l’accordo con l’Anci,

ne

delle città», prosegue Za-

sottoscritto a livello naziona-

non. E ha sottolineato: «Dob-

le

e declinato territorialmen-

biamo conquistare il turista

te

dalle sedi provinciali, per

con le tipicità da portare a ca-

valorizzare il commercio ne-

sa e, in un secondo tempo, da

gli abitati.

acquistare via e-commerce».

«Finalmente un provvedi- mento a vantaggio dei resi-

Presentando il provvedi- mento il ministro dei Beni

denti e dei turisti», commen-

Culturali Dario Franceschini

ta

Confcommercio Veneto a

ha

sottolineato che «i Comu-

proposito della norma. «Si

alla globalizzazione e alle libe-

ni,

d’intesa con le Regioni, po-

tratta di uno strumento per elevare la qualità dell’offer- ta», dichiara il presidente di Confcommercio Veneto Mas- simo Zanon, «che riconosce come alcuni fenomeni legati

ralizzazioni abbiano snatura-

tranno individuare zone di valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico in cui vietare o subordinare ad autorizzazione l’esercizio di attività commerciali non compatibili con la valorizza- zione del patrimonio cultura-

to le nostre città. Nei borghi

storici e nei nostri centri ur-

le». VA.ZA.

© RIPRODUZIONERISERVATA

AZIENDE

AMILANO

APosteID

StatiGenerali

ilpremio

dellasiderurgia

«Crescita

all’insegna

digitale»

dell’innovazione

E’

stata assegnata a PosteID

«Credo che una delle caratte-

il

premio «Crescita Digita-

ristiche che rendono gli “Sta- ti Generali” così importanti

le», promosso da Accenture

e

Sole 24 Ore. PosteID è

sia

la capacità di raccogliere

l’identità digitale di Poste Ita- Pubblico di Identità Digitale (Spid), che consente di acce- dere con le stesse credenziali

attorno allo stesso tavolo tut-

ti gli attori della filiera e ren- dere evidente la reale dimen- sione del comparto siderurgi-

tutti i servizi online della pubblica amministrazione.

a

co». A sostenerlo è il presi- dente di Federacciai Antonio Gozzi, leader del gruppo Du- ferco, parlando dell’appunta- mento in programma oggi, organizzato dal portale della siderurgia Siderweb, presie- duto da Emanuele Morandi. «Due temi che in questo con- fronto ritengo cruciali», pro-

In

provincia di Verona il ser-

vizio è disponibile in 54 uffici postali. Il Premio «Crescita Digitale» è assegnato alle aziende di tutti i settori che contribuiscono in maniera si- gnificativa allo sviluppo digi-

tale del nostro Paese. Il servi-

zio

PosteID era tra i candida-

segue Gozzi, «sono sostenibi-

ti

della categoria «Fostering

lità e innovazione». I lavori, alle Officine del Volo a Mila- no, entreranno nel vivo alle

Enablers», riservata ai mi-

gliori progetti per lo sviluppo

di

competenze digitali.

10 con l’introduzione di Ema- nuele Morandi. A seguire l’analisi sulla «Situazione ma- croeconomica» a cura di Gianfranco Tosini. Alle 11 è

Sul sito web del premio

(www.crescitadigitale.ilso-

le24ore.com) è disponibile

video che illustra le carat- teristiche principali di Po-

un

in

programma la tavola ro-

steID in termini di semplici-

tonda «Geografia dell’accia- io», moderata da Stefano Fer- rari (direttore di Siderweb)

con gli interventi di Antonio Tajani (vicepresidente vica-

tà,

sicurezza e rapidità di ac-

cesso ai servizi online di Po- ste Italiane e a quelli della Pubblica Amministrazione,

le differenti modalità di atti- vazione del servizio, sul web

e

rio

del Parlamento Ue), Mas-

similiano Salini (europarla-

e

tramite l’identificazione ne-

mentare, Commissione Indu-

gli

Uffici Postali abilitati. Il si-

stria), Antonio Gozzi, Tom- maso Sandrini (presidente

stema di identità digitale Po-

steID, lanciato lo scorso mar-

Assofermet). Seguiranno al-

zo,

si inserisce nella strategia

tri

momenti di confronto con

di

innovazione dell’azienda

esperti e esponenti politici, anche su innovazione e digi- tale.

che ha l’obiettivo di portare tutti all’economia digitale.

10 Economia

L'ARENA

Venerdì 24 Giugno 2016

GRANDEDISTRIBUZIONE. Roadshow della catena di elettronica in tutti i 110 negozi italiani in occasione dei suoi 25 anni

MediaWorldcresceeinvesteaVerona

I vertici dell’azienda tedesca hannoannunciatol’apertura entrofineannodiunnuovo storeaBussolengo

Camilla Ferro

Per festeggiare i 25 anni di at- tività, i vertici di Media World stanno viaggiando su e giù per l’Italia su un pulmi- no Volkswagen del 1972 di- retti in ognuno dei 110 mega-

store per incontrare i dipen- denti che hanno fatto la sto- ria dell’azienda e ringraziarli per averne reso possibile il successo. Il roadshow preve- de oltre 10mila km in quattro mesi e terminerà il 21 ottobre a Bergamo, giorno e luogo in cui nel 1991 partì l’avventura della prima catena di elettro- nica di consumo in Europa. Ieri pomeriggio la tappa è stata a San Giovanni Lupato- to, nel negozio all’interno del centro commerciale Verona

Uno: a stringere le mani ai la- voratori è arrivato il Coo Ma- rio de Pilla, uno dei membri del board di Mediamarket spa, controllata italiana della capogruppo tedesca Media- markt Saturn Holding Gm- bH (bilancio 2015 chiuso in crescita del +2,3% con ricavi per 2,3 miliardi). La trasferta veronese è stata occasione per annunciare l’apertura entro fine anno di un nuovo megastore al cen- tro commerciale Auchan di

anno di un nuovo megastore al cen- tro commerciale Auchan di MarioDe Pilla(abito scuro)e dipendenti MediaWorldaVerona

MarioDe Pilla(abito scuro)e dipendenti MediaWorldaVerona Uno

Bussolengo, in contempora- nea a Palermo, Brindisi, Fog- gia e Merano. «Investiamo sulla provincia veronese», ha spiegato il Coo De Pilla, «in risposta alla domanda del mercato locale, che continua a crescere. E lo facciamo se- guendo i diktat imposti dal consumatore moderno che è sempre più digitalizzato, in- formato e indirizzato all’onli- ne». Lo store Media World a Bussolengo non sarà infatti il tradizionale punto vendita dove il cliente trova i prodotti suddivisi per settori con ven- ditori dedicati ma «rappre- senterà il nuovo format distri- butivo su cui l’azienda sta

spingendo», sottolinea De Pilla, «caratterizzato da una intensificazione della digita- lizzazione e del servizio al cliente attraverso il tablet. Un retail concepito per forni- re shopping a 360° in versio- ne omnicanale: non ci sarà una infrastruttura più impor- tante delle altre ma tutte co- stituiscono la rete in cui il cliente acquista, integrando il punto vendita fisico con il canale online». Obiettivo chairo: ampliare l’offerta. Per rendere: se oggi in catalo- go a S. Giovanni Lupatoto ci sono circa 10mila referenze, il nuovo Media World di Bus- solengo ne avrà 250mila.

BorsaMercidiMantova

LISTINO PREZZI DEL 23/6/2016

SUINI

(a peso vivo)

(Prezzi del 23/06/2016) Suini da allevamento: (quotazioni al kg.) Kg 7 al capo 39,500; 15 Kg 3,820; 25 Kg 2,830; 30 Kg 2,530; 40 Kg 2,260; 50 Kg 2,020; 65 Kg 1,690; 80 Kg 1,570; 100 Kg 1,470; Andamento del mercato: buono per i magroni - stazionario il resto del listino. Suini da allevamento: (quotazioni al capo) Kg 7 al capo 39,500; 15 al capo 57,300; 25 al capo 70,750; 30 al capo 75,900; 40 al capo 90,400; 50 al capo 101,000; 65 al capo 109,850; 80 al capo 125,600; 100 al capo 147,000; Andamento del mercato: buono per i magroni - stazionario il resto del listino. Suini da macello: oltre 130 a 145 Kg n.q.; oltre 145 a 160 Kg n.q.; oltre 160 a 180 Kg n.q.; oltre 180 Kg n.q.; Andamento del mercato: n.q. Scrofe da macello: 1 a qualità Kg n.q.; 2 a qualità Kg n.q.; Andamento del mercato: n.q. (indicativo).

LATTIERO - CASEARI

(Prezzi del 23/06/2016) Formaggio Grana Padano - i prezzi massimi si riferiscono alle contrattazioni di formaggio "scelto 01", forme intere, franco caseificio o magazzino di stagionatura, pagamento da 30 a 60 gg. (ove non altrimenti

indicato). Stagionatura di 10 mesi e oltre Kg 6,200 - 6,300; Stagionatura di 14 mesi e oltre Kg 7,000 - 7,100;

Stagionatura di 20 mesi e oltre Kg 7,500

- 7,600.

Grana: (con bollo provvisorio di origine del Grana Padano) - Stagionatura tra i 60 e i 90 giorni fuori sale Kg 5,100 - 5,250; Andamento del mercato: stazionario. Formaggio Parmigiano Reggiano - i prezzi massimi si riferiscono alle contrattazioni di formaggio "scelto 01", forme intere, franco caseificio o

magazzino di stagionatura, pagamento da 30 a 60 gg. (ove non altrimenti indicato). Stagionatura di 12 mesi e oltre Kg 8,250 - 8,400; Stagionatura di 18 mesi e oltre Kg 8,950 - 9,050;

Stagionatura di 24 mesi e oltre Kg 9,500

- 9,650; Andamento del mercato:

stazionario. Burro: Zangolato di creme fresche per la burrificazione * Kg 1,550; Burro mantovano pastorizzato * Kg 1,750; Burro mantovano fresco classificazione CEE Kg 2,750; Andamento del mercato:

buono. Siero: Siero di latte raffreddato per uso industriale Ton. 6,000 - 6,500; Siero di latte per uso zootecnico Ton. 4,250 - 4,750; Andamento del mercato:

stazionario.

CEREALI E PRODOTTI AFFINI E DERIVATI

(Prezzi del 23/06/2016) Frumento tenero: Panificabile Sup.(c.e.1%max.p.s.non inf. a Kg.80/hl;u.max.14%;prot.13% min.w min.250) Ton. n.q. - n.q.; Superfino (c.e. 1% max. p.s. non inf. a Kg 78/hl; u. max. 14%; prot. 12% min.) Ton. n.q. - n.q.; Fino (c.e. 1% max. p.s. non inf. a Kg 78/hl; u.

max. 14%; prot. 11% min.) Ton. n.q. - n.q.; Buono mercantile (p.s. non inf. a Kg

76/hl; c.e. 1% max. u. max. 14%) Ton. n.q.

- n.q.; Mercantile (p.s. non inf. a Kg 74/hl;

c.e. 3% max. u. max. 14%) Ton. n.q. - n.q.; Mercantile (p.s. inf. a Kg 73/hl; u. max. 14%) Ton. n.q. - n.q.; Andamento del mercato: n.q. Frumento duro: Fino (c.e.1% max.p.s. min.80;u. max.13%;prot.13% min.b. max.20%;v. max.6%) Ton. n.q. - n.q.; Buono

merc.(c.e.1%

max.p.s.min.78;u.max.13%;prot.12%

min.b.max.30%;v.max.6%) Ton. n.q. - n.q.; Mercantile (c.e.1% max.p.s. min.75;u. max.13%;prot.11% min.b. max.40%;v. max.6%) Ton. n.q. - n.q.; Altri usi (u. max. 13%) Ton. n.q. - n.q.; Andamento del mercato: n.q. Granoturco: Granoturco nazionale-alimentare-u.max 14%-conforme ai Reg.UE 1881/2006;1126/2007;165/2010 Ton. n.q. - n.q.; Granoturco nazionale-zoot.-aflat. B1 inf. a 0,005 ppm (5ppb)-DON inf. a 4 ppm (4.000 ppb)-u.max 14% Ton. 202,000 - 204,000; Granoturco nazionale, a f. farinosa, ibridi e similari (u. max. 14%) Ton. 197,000 - 199,000; Granoturco naz.le, a f. farinosa, ibridi e similari, da fuori provincia, f. arrivo (u. max. 14%)

Ton. 204,000 - 206,000; Granoturco estero, f. arrivo (camion ribaltabile) - comunitario Ton. 205,000 - 207,000; Granoturco estero, f. arrivo (camion ribaltabile) non comunitario Ton. 210,000 - 212,000; Granella verde, umidità al 25% uso foraggero Ton. n.q. -

n.q.; trinciati di mais 1° raccolto Ton. n.q. - n.q.; Andamento del mercato: calmo. Semi oleosi: Semi di soia nazionali (umidità 13% - Impurità 2% max) Ton. 390,000 - 393,000; Semi di soia esteri (franco arrivo) Ton. n.q. - n.q.; Semi di soia esteri geneticamente modificati (franco partenza porto) Ton. 390,000 - 395,000; Andamento del mercato: calmo. Cereali minori: Orzo nostrano in natura: p.s. min. 55 sino a 60 (u. max. 14%) Ton. 140,000

- 145,000; Orzo nostrano in natura: p.s.

oltre 60 sino a 63 (u. max. 14%) Ton. 147,000 - 152,000; Orzo nostrano in natura: p.s. oltre 63 sino a 65 (u. max. 14%) Ton. 154,000 - 158,000; Orzo nostrano in natura: p.s. oltre 65 sino a 70 (u. max. 14%) Ton. 160,000 - 165,000; Orzo estero p.s. 63/64 (franco destino del compratore) Ton. 164,000 - 169,000; Orzo estero p.s. oltre 66 (franco destino del compratore) Ton. 168,000 - 173,000; Andamento del mercato: prima quotazione per il nazionale - calmo per l'estero. Farina di

estrazione di soia tostata:

(rinfusa-franco arrivo-autotreno completo) di produzione nazionale - convenzionale - 44% di prot. Ton. 433,000 - 435,000; di produzione nazionale derivante da o.g.m. 44% di prot. Ton. 414,000 - 415,000; Decorticata - di produzione nazionale

derivante da OGM, 47% di prot. Ton.

423,000 - 425,000; di produzione estera

- convenzionale - 44% di prot. Ton. n.q. - n.q.; di produzione estera derivante da o.g.m. 44% di prot. Ton. 415,000 - 417,000; Decorticata - di produzione estera derivante da OGM, 47% di prot. Ton. 423,000 - 425,000; Andamento del mercato: calmo. Sottoprodotti della macinazione del frumento: Crusca in sacchi (consegna con motrice) Ton. 158,000 - 161,000; Crusca in sacchi (per autotreno completo di provenienza da altre province) Ton. 153,000 - 155,000; Crusca alla rinfusa (consegna con

motrice) Ton. 128,000 - 131,000; Crusca

alla rinfusa (per autotreno completo di provenienza da altre province) Ton. 118,000 - 120,000; Tritello in sacchi (consegna con motrice) Ton. 163,000 - 166,000; Tritello alla rinfusa (consegna con motrice) Ton. 137,000 - 140,000; Farinaccio in sacchi (prot. min. 15%; amido min. 34%; ceneri max. 5%) Ton. 175,000 - 178,000; Farinaccio alla rinfusa (prot. min. 15%; amido min. 34%; ceneri max. 5%) Ton. 154,000 - 157,000; Andamento del mercato: calmo.

FORAGGI E PAGLIA

(Prezzi del 23/06/2016)

Foraggio secco: Maggengo di 1° taglio

2016 - in campo Ton. n.q. - n.q.;

Maggengo di 1° taglio 2016 - in cascina

Ton. n.q. - n.q.; Fieno di 2° taglio 2016 - in campo Ton. n.q. - n.q.; Fieno di 2° taglio

2016 - in cascina Ton. n.q. - n.q.; Fieno di

3° taglio 2016 - in campo Ton. n.q. - n.q.; Fieno di 3° taglio 2016 - in cascina Ton. n.q. - n.q.; Fieno di 4° taglio 2016 - in campo Ton. n.q. - n.q.; Fieno di 4° taglio

2016 - in cascina Ton. n.q. - n.q.; Erba

medica fienata di 1° taglio 2016 - in campo Ton. n.q. - n.q.; Erba medica fienata di 1° taglio 2016 - in cascina Ton. n.q. - n.q.; Erba medica fienata di 2° taglio e successivi 2016 - in campo Ton. n.q. - n.q.; Erba medica fienata di 2° taglio e successivi 2016 - in cascina Ton. n.q. - n.q.; Andamento del mercato: Non quotato. Paglia di frumento pressata:

da mietitrebbia in campo (Rotoballe) Ton. n.q. - n.q.; da mietitrebbia in cascina (Rotoballe) Ton. n.q. - n.q.; Andamento del mercato: Non quotato. Foraggi e paglia provenienti da fuori provincia (pagamento a 60 gg.): Erba medica 2° taglio 2015 Ton. n.q. - n.q.; Erba medica 3° taglio e successivi 2015 Ton. n.q. - n.q.; Paglia di frumento 2015 (Rotoballe) Ton. n.q. - n.q.; Paglia di frumento 2016 (Balloni quadrati) Ton. n.q. - n.q.; Fieno 1° taglio 2016 Ton. 95,000 - 110,000; Andamento del mercato: Stazionario.

RISONE, RISO E SOTTOP.

(Prezzi del 23/06/2016) Risone: Vialone nano (resa 50 - 56) Ton. 400,000 - 470,000; Carnaroli (resa 55 -

61) Ton. 680,000 - 730,000; Arborio (resa 52 - 57) Ton. 680,000 - 730,000; Andamento del mercato: pressochè stazionario (prezzi indicativi). Riso:

Vialone nano Ton. 1.210,000 - 1.300,000; Carnaroli Ton. 1.565,000 - 1.615,000; Arborio Ton. 1.540,000 - 1.590,000; Andamento del mercato:

pressochè stazionario (prezzi indicativi). Sottoprodotti della lavorazione del riso: Corpetto Ton. 290,000 - 295,000; Mezzagrana Ton. 255,000 - 285,000; Granaverde Ton. 180,000 - 205,000; Farinaccio Ton. n.q. - n.q.; Pula Ton. 97,000 - 98,000; Pula vergine Ton. 119,000 - 120,000; Andamento del mercato: stazionario.

PIOPPI

(Prezzi di Giugno 2016) In piedi: da pioppeto Ton. 45,000 - 80,000; da ripa Ton. 18,000 - 30,000;

Andamento del mercato: Stazionario (prezzi indicativi). Tronchi di pioppi (su autocarro in partenza): da trancia diam. minimo 21 cm Ton. 70,000 - 116,000; da sega per imballo Ton. n.q. - n.q.; da sega

per tavolame Ton. n.q. - n.q.; da cartiera

diam. da 12 a 21 cm Ton. 28,000 -

32,000; da macinatura diam. da 5 a 12

cm (ramaglia) Ton. 17,000 - 22,000; da

macinatura diam. da 5 a 16 cm (misto) Ton. 17,000 - 22,000; Cippato per produzione di energia Ton. 26,000 - 31,000; Andamento del mercato:

Stazionario (prezzi indicativi). Pioppelle:

certificate di 2 anni diam. cm 12 - 14,5 cad. n.q. - n.q.; certificate di 2 anni diam.

cm 14,5 - 17 cad. n.q. - n.q.; certificate di

2 anni diam. oltre 17 cm cad. n.q. - n.q.; certificate di 1 anno R3 F1 cad. n.q. - n.q.;

certificate di 1 anno R1 F1 cad. n.q. - n.q.;

Andamento del mercato: n.q.

BOVINI

(a peso morto)

(Prezzi del 23/06/2016) Vacche da macello corrispondenti alla classificazione CEE di cui al D. Lgs 286/94 e succ. modifiche:; Razze da carne (R2 - R3 - U2 - U3) oltre 340 Kg

2,180 - 2,280; Pezzate nere o altre razze (O2 - O3) da 300 a 350 Kg 2,030 - 2,130; Pezzate nere o altre razze (O2 - O3) da

351 Kg e oltre Kg 2,180 - 2,280; Pezzate

nere o altre razze (P3) da 270 a 300 Kg

1,760 - 1,860; Pezzate nere o altre razze (P3) da 301 Kg e oltre Kg 1,910 - 2,010; Pezzate nere o altre razze (P2) da 240 a

270 Kg 1,680 - 1,780; Pezzate nere o

altre razze (P2) da 271 Kg e oltre Kg 1,730 - 1,830; Pezzate nere o altre razze (P1) fino a 210 Kg 1,280 - 1,430; Pezzate nere o altre razze (P1) da 211 a

240 Kg 1,430 - 1,530; Pezzate nere o

altre razze (P1) da 241 Kg e oltre Kg 1,530 - 1,630; Andamento del mercato:

stazionario. Vitelloni da macello corrispondenti alla classificazione CEE di cui al D. Lgs 286/94 e succ.

modifiche:; Limousine (U2 - U3 - E2 - E3)

da 350 a 380 Kg 4,380 - 4,530;

Limousine (U2 - U3 - E2 - E3) da 381 a

400 Kg 4,000 - 4,100; Limousine (U2 -

U3 - E2 - E3) da 401 Kg e oltre Kg 3,800 -

3,900; Charolaise o incr. francesi (U2 -

U3 - E2 - E3) da 380 a 420 Kg 3,830 -

3,910; Charolaise o incr. francesi (U2 -

U3 - E2 - E3) da 421 a 450 Kg 3,810 -

3,900; Charolaise o incr. francesi (U2 -

U3 - E2 - E3) da 451 Kg e oltre Kg 3,720 -

3,800; Incr. Fr. o Irland. o Aubrac o Saler

(R2 - R3 - U2 - U3) da 360 a 420 Kg

3,690 - 3,820; Incr. Fr. o Irland. o Aubrac o Saler (R2 - R3 - U2 - U3) da 421 a 450

Kg 3,690 - 3,820; Incr. Fr. o Irland. o

Aubrac o Saler (R2 - R3 - U2 - U3) da 451

Kg e oltre Kg 3,600 - 3,750; Incroci

Nazionali pie blue belga (U2 - U3) da 320

Kg e oltre Kg 3,700 - 3,860; Polacchi o

Pezz. Rossi o Incr. Naz. (R2 - R3) da 280 a

320 Kg 3,370 - 3,460; Polacchi o Pezz.

Rossi o Incr. Naz. (R2 - R3) da 321 a 350

Kg 3,270 - 3,370; Polacchi o Pezz. Rossi

o Incr. Naz. (R2 - R3) da 351 Kg e oltre Kg 3,170 - 3,280; Polacchi o B.N. Nazionali (O2 - O3) da 270 a 340 Kg 2,850 - 3,020; Polacchi o B.N. Nazionali (P2 - P3) da

250 a 300 Kg 2,630 - 2,800; Andamento

del mercato: adeguamento prezzi. Scottone da macello corrispondenti alla classificazione CEE di cui al D. Lgs 286/94 e succ. modifiche:; Limousine (U2 - U3 - E2 - E3) da 230 a 270 Kg 4,840 - 4,940; Limousine (U2 - U3 - E2 - E3) da 271 a 300 Kg 4,580 - 4,680;

Limousine (U2 - U3 - E2 - E3) da 301 Kg e oltre Kg 4,510 - 4,570; Charolaise o incr. francesi (U2 - U3 - E2 - E3) da 260 a 300

Kg 4,360 - 4,460; Charolaise o incr.

francesi (U2 - U3 - E2 - E3) da 301 a 340

Kg 4,320 - 4,420; Charolaise o incr. francesi (U2 - U3 - E2 - E3) da 341 Kg e

oltre Kg 4,300 - 4,400; Incr. Naz. o Irland.

o Pezz. Rossa (R2 - R3 - U2 - U3) da 240

a 280 Kg 3,960 - 4,110; Incr. Naz. o

Irland. o Pezz. Rossa (R2 - R3 - U2 - U3)

da 281 a 320 Kg 3,940 - 4,090; Incr. Naz.

o Irland. o Pezz. Rossa (R2 - R3 - U2 - U3) da 321 Kg e oltre Kg 3,970 - 4,070; B.N. Naz. o Incr. Naz. (O2 - O3) da 260 a 300 Kg 2,540 - 2,740; B.N. Naz. o Incr. Naz. (P2 - P3) da 240 a 270 Kg 2,270 - 2,470; Andamento del mercato: adeguamento prezzi.

BOVINI

(a peso vivo)

Vacche da macello corrispondenti alla classificazione CEE di cui al D. Lgs 286/94 e succ. modifiche:; Vacche di 1 a qualità *(O2 - O3 - R2 - R3) Kg 0,860 - 0,960; Vacche di 2 a qualità *(P2 - P3) Kg 0,630 - 0,730; Vacche di 3 a qualità *(P1) Kg 0,460 - 0,560; Andamento del mercato: stazionario. Vitelloni da macello corrispondenti alla classificazione CEE di cui al D. Lgs 286/94 e succ. modifiche:; Vitelloni incroci naz. con tori pie blue belga *(U2 - U3 - R2 - R3) Kg 2,110 - 2,230; Vitelloni incroci naz. con tori da carne (limousine,

charolaise e piemontese)*(O2 - O3 - R2 - R3) Kg 1,810 - 1,910; Vitelloni limousine *(U2 - U3 - E2 - E3) Kg 2,530 - 2,680; Vitelloni charolaise *(U2 - U3 - E2 - E3) Kg 2,290 - 2,380; Vitelloni incroci francesi *(R2 - R3 - U2 - U3 - E2) Kg 2,180 - 2,300; Vitelloni simmenthal bavaresi *(R2 - R3) Kg 2,030 - 2,090;

Vitelloni polacchi *(O2 - O3 - R2 - R3) Kg 1,760 - 1,880; Vitelloni pezzati neri nazionali *(P2 - P3 - O2 - O3) Kg 1,510 - 1,610; Tori pezzati neri da monta *(P2 - P3 - O2 - O3) Kg 1,000 - 1,200; Andamento del mercato: adeguamento prezzi. Scottone da macello corrispondenti alla classificazione CEE di cui al D. Lgs 286/94 e succ. modifiche:; Scottone pezzate nere nazionali *(P1 - P2 - P3 - O2 - O3) Kg 1,110 - 1,280; Scottone incroci naz. con

tori pie blue belga *(R2 - R3 - U2 - U3) Kg 2,070 - 2,220; Scottone incroci naz. con tori da carne (limousine, charolaise e piemontese) *(O2 - O3 - R2 - R3) Kg 1,950 - 2,130; Scottone limousine *(U2 - U3 - E2 - E3) Kg 2,680 - 2,890; Scottone charolaise *(U2 - U3 - E2 - E3) Kg 2,410 - 2,540; Andamento del mercato:

adeguamento prezzi. Vitelli da carne bianca da 230 a 260 Kg.: Pezzati neri/rossi esteri Kg 2,830 - 3,060; Pezzati neri nazionali Kg 2,370 - 2,470; Incroci nazionali Kg 3,480 - 3,730; Andamento del mercato: stazionario. Da allevamento da latte, capi iscritti al libro genealogico: Manzette pezzate nere da ingravidare al capo 490,000 - 500,000; Manze pezzate nere gravide da

3 a 7 mesi al capo 850,000 - 1.000,000; Manze pezzate nere gravide oltre i 7

mesi al capo 980,000 - 1.180,000; Vacche da latte pezzate nere primipare

al capo 1.280,000 - 1.480,000; Vacche

da latte pezzate nere secondipare al

capo 1.080,000 - 1.280,000; Vacche da

latte pezzate nere di terzo parto e oltre

al capo 630,000 - 830,000; Andamento

del mercato: stazionario. Da

allevamento da latte, capi non iscritti al

libro genealogico: Manzette pezzate nere da ingravidare al capo 290,000 - 360,000; Manze pezzate nere gravide da

3 a 7 mesi al capo 530,000 - 640,000;

Manze pezzate nere gravide oltre i 7

mesi al capo 720,000 - 840,000; Vacche da latte pezzate nere primipare al capo

1.030,000 - 1.230,000; Vacche da latte pezzate nere secondipare al capo

830,000 - 1.030,000; Vacche da latte pezzate nere di terzo parto e oltre al capo 480,000 - 680,000; Andamento del mercato: stazionario. Vitelli svezzati:

Incroci Francesi da carne da 160 a 180

Kg - maschi al capo n.q. - n.q.; Simmenthal

- Austriaci da 180 a 200 Kg - maschi al

capo n.q. - n.q.; Incroci Pie Blue Belga da

180 a 200 Kg - maschi al capo n.q. - n.q.;

Incroci bianchi/rossi dei paesi dell'Est da

270 a 330 Kg - maschi al capo n.q. - n.q.;

Andamento del mercato: n.q. Vitelli da

ristallo: (franco arrivo) Limousine - da

240 a 280 Kg - maschi Kg 3,420 - 3,500;

Limousine - da 281 a 320 Kg - maschi Kg

3,270 - 3,340; Limousine - da 321 a 360

Kg - maschi Kg 2,960 - 3,040; Limousine

- da 361 a 400 Kg - maschi Kg 2,810 -

2,890; Charolaise - Incroci Charolaise x Aubrac - da 290 a 330 Kg - maschi Kg

3,120 - 3,190; Charolaise - Incroci Charolaise x Aubrac - da 331 a 380 Kg -

maschi Kg 2,890 - 2,960; Charolaise - Incroci Charolaise x Aubrac - da 381 a

430 Kg - maschi Kg 2,730 - 2,810;

Charolaise - Incroci Charolaise x Aubrac -

da 431 a 470 Kg - maschi Kg 2,510 -

2,580; Charolaise - Incroci Charolaise x Aubrac - da 471 a 500 Kg - maschi Kg

2,430 - 2,510; Incroci Charolaise x Saler

o Aubrac - da 330 a 380 Kg - maschi Kg

2,960 - 3,040; Incroci Charolaise x Saler

o Aubrac - da 381 a 420 Kg - maschi Kg

2,890 - 2,960; Incroci Charolaise x Saler

o Aubrac - da 421 a 460 Kg - maschi Kg

2,810 - 2,890; Incroci Charolaise x Saler

o Aubrac - da 461 a 500 Kg - maschi Kg